Sei sulla pagina 1di 1

RIASSUNTO CUORE

Il libro cuore di Edmondo de Amicis è uno dei più apprezzati e letti dai ragazzi delle medie, perché narra la storia di Enrico, un ragazzino di 10 anni
che va a scuola e racconta nel suo diario un intero anno scolastico vissuto da lui.

Enrico appartiene ad una famiglia di media estrazione sociale e vive a Torino con la sua famiglia: la storia è ambientata nell’800.

Ama appuntare con attenzione tutti i dettagli dei suoi compagni e dei suoi professori, ricavandone un significato sempre molto forte. Ognuno di
questi ha una vita differente dall’altro, ne derivano diversi tipi di lavoro, abbigliamento e le abitudini quotidiane.

Ci sono vari protagonisti principali amici di Enrico, tra cui Derossi, un ragazzo molto astuto e intelligente, bravo a scuola e sveglio, poi c’è il Garrone,
un ragazzone sincero e buono, altruista e simpaticissimo, ed infine Franti, arrogante e molto cattivo per essere della sua età.

Le storie di questo libro sono raggruppate in mesi, ed ogni messe contiene una storia con molti significati: come atti di gentilezza, sincerità,
coraggio, rispetto per il prossimo e amore. Queste storie sono anche delle sfide di vita non semplici, come la rabbia, la paura, l’invidia e la tristezza.

In ogni mese, da ottobre a luglio, c’è anche un così detto racconto mensile, che racconta una storia sempre significativa ed emozionante.

Ottobre: Il piccolo patriota padovano, racconta la storia di questo patriota che ama ed è fiero della sua nazione e rifiuta il denaro datogli da chi
sparla della sua amata Italia.

Novembre: La piccola vedetta lombarda racconta la storia di un drappello di cavalleggeri piemontesi che marciavano verso una terra nemica.
Durante questo tragitto incontrarono un ragazzino di 12 anni senza la famiglia, al quale l’ufficiale chiese di salire con lui sull’albero per vedere se
all’orizzonte ci fossero gli austriaci. Salendo sull’albero il ragazzino fu trafitto dal fuoco nemico e mori. Lo coprirono con la bandiera tricolore e
chiunque passava di lì salutava e portava rispetto al piccolo corpo avvolto.

Dicembre: Il piccolo scrivano fiorentino narra la storia di Giulio, un ragazzo di 12 anni appartenente ad una famiglia molto grande e nobile. Il
ragazzino volle aiutare il padre che faceva due lavori, uno il giorno e l’altro la notte, ma essendo molto anziano si lamentava spesso che la sua vista
non era più quella di prima. Giulio quindi decise di aiutarlo la notte di nascosto mentre tutti dormivano. Il ragazzino però, lavorando tutta notte, a
scuola dormiva sui banchi e così il padre lo rimproverò diverse volte. Una notte il padre lo senti scrivere e allora capi tutto, gli chiese perdono e i due
si abbracciarono.

Gennaio: Il tamburino sardo parla di un reggimento di soldati italiani in guerra contro gli austriaci che, messi alle strette, si rifugiarono in una
casetta. Gli austriaci continuarono ad avanzare ed il comandante italiano ordinò a un tamburino quattordicenne di calarsi dal tetto sul retro così che
non lo avrebbero visto. Continuò a correre nonostante fosse caduto tantissime volte e infatti iniziò a zoppicare. Si sedette a riposare ormai convinto
di non farcela più e di avere gli austriaci attaccati ai piedi, ma per fortuna arrivarono i soccorsi a salvare gli italiani. Tamburino dovrà amputarsi la
gamba dopo tutti quegli sforzi.

Febbraio: L’infermiere di tata narra la storia di Ciccillo, un ragazzo napoletano che andò alla ricerca del padre, emigrato in Francia per lavoro
rassicurando la famiglia che sarebbe tornato. MA così non fù. Allora Ciccillo si mise in cerca del padre. Arrivato in ospedale gli venne fatto vedere un
uomo in fin di vita e lo accudì fino a quando non incontra il vero padre che è appena stato dimesso.

Marzo: Sangue romagnolo è una storia che ha come protagonista Ferruccio che, rientrato tardi a casa perché è stato fuori con gli amici fino a tardi,
discute con la nonna. Durante questa discussione, entrano in casa due banditi che hanno intenzione di uccidere la nonna, ma Ferruccio fa da scudo
e muore. La nonna svenne e quando riprese coscienza capi che suo nipote gli aveva salvato la vita. In fin di morte, lo perdona.

Aprile: Valor civile parla di un sindaco che consegna la medaglia al valore civile ad un ragazzo che salva un coetaneo nelle ridenti acqua del po'.

Maggio: Dagli Appennini alle Ande. La mamma di Marco lavorava a Buenos Aires in Argentina, mentre Marco vive a Genova. Egli partì per andare a
trovarla. Una volta arrivato però, la mamma si ammalò ma era terrorizzata all’idea di operarsi. Ma appena vide il figlio prese coraggio, e decise di
farlo, tanta era l’importanza di vivere con Marco.

Giugno: Naufragio. A Liverpool una nave a vapore salpò e venne investita da una micidiale tempesta. A bordo c’erano due ragazzi che avevano
stretto amicizia durante il viaggio. La tempesta provocò il naufragio del bastimento e poterono scamparla solo quelli che salivano sulla scialuppa di
salvataggio. L’ultimo posto era per il ragazzo, ma lui gentilmente lo offrì alla sua amica, che lo vide affondare con la nave salutandolo da lontano.