Sei sulla pagina 1di 56

MANUALE USO E MANUTENZIONE

ESCAVATRICI A RUOTA
T300 - T450 - T600 - T450-S - T600-S


SIMEX s.r.l.
Via Newton,31
40017 – San Giovanni in Persiceto (BO) Italy
Tel +39.051.6810609 fax +39.051.6810628
www.simex.it - simex@simex.it

È vietata la riproduzione o la traduzione di qualsiasi parte di Cod. SXNM156C18 (Italiano)


questo manuale senza consenso scritto del proprietario. Le
 informazioni e le illustrazioni contenute in questo manuale Tipo …………………(C.A.T.)
sono indicative. SIMEX S.r.l. si riserva il diritto di modificare la
macchina senza preavviso. Matricola n° ……………………..
SOMMARIO
1. Livello di potenza sonoro misurato ...................................................................................................... 3
2. Dichiarazione di conformità ................................................................................................................... 4
3. Simbologia ............................................................................................................................................... 5
4. Adesivi di sicurezza e pericolo .............................................................................................................. 6
5. Precauzioni d’uso generali .................................................................................................................... 9
6. Caratteristiche tecniche ....................................................................................................................... 10
6.1 Descrizione della macchina ................................................................................................................ 10
6.2 Dimensioni d’ingombro ........................................................................................................................ 11
6.3 Dati tecnici e prestazioni ..................................................................................................................... 12
6.4 Parti principali della macchina ............................................................................................................. 13
6.5 Condizioni ambientali .......................................................................................................................... 15
6.6 Usi consentiti ....................................................................................................................................... 15
6.7. Rischi residui ....................................................................................................................................... 15
7 Consegna e scarico .............................................................................................................................. 16
8 Movimentazione, trasporto e sollevamento ....................................................................................... 17
9 Uso ......................................................................................................................................................... 18
9.1 Controlli preliminari.............................................................................................................................. 18
9.2 Posizionamento dei piedi d’appoggio ................................................................................................. 18
9.3 Modalità di salita e discesa dell’operatore dalla macchina motrice .................................................... 19
9.4 Accoppiamento “macchina – macchina motrice” ............................................................................... 20
9.5 Collegamento idraulico “ macchina con impianto idraulico a 3 linee – macchina motrice”................. 22
9.6 Collegamento idraulico “ macchina con impianto idraulico a 5 linee – macchina motrice”................. 23
9.7 Scollegamento idraulico “ macchina con impianto idraulico a 3 o a 5 linee – macchina motrice” ...... 24
9.8 Scollegamento “attrezzatura – macchina motrice”.............................................................................. 25
9.9 Messa in opera per macchine standard (a 3 o 5 linee idrauliche) ...................................................... 26
9.10 Funzionamento del traslatore.............................................................................................................. 27
9.11 Regolazione profondità di scavo ......................................................................................................... 28
9.12 Condizioni generali di lavoro ............................................................................................................... 30
9.13 Arresto normale della macchina .......................................................................................................... 32
9.14 Arresto in condizioni di emergenza ..................................................................................................... 32
9.15 Parcheggio .......................................................................................................................................... 32
10 Manutenzione ........................................................................................................................................... 33
10.1 Controllo ruota dentata ........................................................................................................................ 34
10.2 Controllo integrità utensili (denti) ......................................................................................................... 35
10.3 Controllo integrità settori dentati ......................................................................................................... 37
10.4 Sostituzione dei settori dentati ............................................................................................................ 37
10.5 Sostituzione utensili (denti) ................................................................................................................. 38
10.6 Pulizia della macchina ......................................................................................................................... 38
10.7 Controllo integrità struttura .................................................................................................................. 38
10.8 Controllo serraggio bulloneria ............................................................................................................. 38
10.9 Controllo usura slitte d’appoggio ......................................................................................................... 39
10.10 Lubrificazione supporto ruota .............................................................................................................. 39
10.11 Controllo delle tubazioni flessibili ........................................................................................................ 40
10.12 Controllo coperchio di sicurezza linea di drenaggio ............................................................................ 40
11 Indicazioni per il deposito ...................................................................................................................... 41
12 Rimessa in servizio ................................................................................................................................. 41
13 Ricambi ed accessori .............................................................................................................................. 41
14 Smaltimento ............................................................................................................................................. 41
15 Inconvenienti e rimedi ............................................................................................................................. 42
16 Optional .................................................................................................................................................... 44
16.1 Ruote / settori dentati .......................................................................................................................... 44
16.2 Bandelle maggiorate ........................................................................................................................... 44
16.3 Kit chiusura uscita materiale ............................................................................................................... 44
16.4 Dispositivo svuotamento scavo (Raschiatore) .................................................................................... 45
17 Tabelle .................................................................................................................................................... 47
17.1 Coppie massime di serraggio viti ........................................................................................................ 47
17.2 Coppia di serraggio raccordi ............................................................................................................... 47
17.3 Coppia di serraggio tubi flessibili ......................................................................................................... 47
18 Garanzia .................................................................................................................................................... 48
19 Schemi circuiti di comando .................................................................................................................... 49

2
Gentile cliente,
nel ringraziarLa per aver scelto un prodotto “SIMEX s.r.l.” abbiamo il piacere di consegnarLe il presente
manuale al fine di consentirLe un uso ottimale del nostro prodotto per una miglior riuscita del suo lavoro.

All'interno del presente manuale l’utilizzatore troverà tutte le informazioni necessarie per un corretto impiego
della macchina, la cui denominazione commerciale è specificata in copertina. Si prega di seguire
attentamente le indicazioni in esso contenute e di conservarlo con cura in luogo adatto e accessibile. Il
manuale deve essere conservato, per future consultazioni, fino alla rottamazione della macchina. Se la
macchina viene ceduta, il cedente ha l’obbligo di consegnare il manuale al nuovo proprietario.
Le informazioni trattate nel manuale, sono ordinate in capitoli, secondo un ordine sequenziale degli
argomenti. Le informazioni originali, sono fornite dal costruttore in lingua italiana. Per soddisfare gli
adempimenti legislativi e commerciali, le informazioni originali sono tradotte nelle altre lingue ufficiali.

Il contenuto di questo manuale può essere modificato senza preavviso, nè ulteriori obblighi, al
fine di includere variazioni e miglioramenti alle unità già inviate.
Si precisa che per ragioni di visibilità e chiarezza alcune figure possono essere rappresentate con
l’attrezzatura non nella corretta configurazione di utilizzo.

E' vietata la riproduzione o la traduzione di qualsiasi parte di questo libretto senza autorizzazione scritta da
parte del costruttore.

“Istruzioni Originali”

1. Livello di potenza sonoro misurato


Di seguito sono indicati i valori di Potenza sonora rilevati (LwA) secondo la EN ISO 3744, per le diverse
versioni dell’escavatrice a ruota:

ESCAVATRICE A RUOTA T300 LwA 86 dB +/- 3 dB

ESCAVATRICE A RUOTA T450 - T450-S LwA 86 dB +/- 3 dB

ESCAVATRICE A RUOTA T600 - T600-S Lwa 87 dB +/- 3 dB

3
2. Dichiarazione di conformità
La dichiarazione di conformità compilata e firmata dal Legale Rappresentante della SIMEX s.r.l. , è allegata al
presente manuale. Di seguito è riportato un fac-simile della dichiarazione di conformità.

4
3. Simbologia
Riportiamo nel seguito una breve legenda con l’indicazione della simbologia impiegata nel presente libretto
(per i simboli ritenuti maggiormente significativi).

ATTENZIONE PERICOLO: richiama l’attenzione a situazioni o problemi che possono


pregiudicare la sicurezza di persone per infortuni o rischio di morte.

 IMPORTANTE: richiama l’attenzione a situazioni e problemi connessi con l’efficienza della


macchina che non pregiudicano la sicurezza delle persone.

“OPERATORE”: Si intende il personale adeguatamente formato ed autorizzato ad installare,


fare funzionare, regolare, pulire e trasportare la macchina.

“MANUTENTORE”: Si intende la, o le persone, formate ed autorizzate ad intervenire sulla


macchina per effettuare interventi di manutenzione ordinaria e sostituzioni
di alcuni componenti.

“MACCHINA”: Si intende l’attrezzatura intercambiabile descritta al capitolo 6.1.

“MACCHINA MOTRICE”: Si intende il mezzo su cui va installata l’attrezzatura intercambiabile. Nel


manuale verrà anche usata la dicitura abbreviata “m. m.”.

“LATO DESTRO E SINISTRO”: Si intendono i lati dell’attrezzatura, determinati dal posto di guida della
macchina motrice.

5
4. Adesivi di sicurezza e pericolo

Posizione della targhetta e degli adesivi di sicurezza e pericolo sulla macchina.

6
Rispettare le avvertenze richiamate dalle targhe e dalle decalcomanie. L'inosservanza può
causare morte o danni gravi alla persona. Accertarsi che le targhe e le decalcomanie siano
sempre presenti e leggibili. In caso contrario applicarle o sostituirle, richiedendole al costruttore.

7
LEGENDA ADESIVI:

1- Presente su entrambi i lati della macchina:


Attenzione:
MANTENERE UNA DISTANZA MINIMA DI 10 m DALLA MACCHINA
Cod. 75572

2- Attenzione:
LEGGERE ATTENTAMENTE IL MANUALE PRIMA DI UTILIZZARE LA MACCHINA.
Cod.20944

3- Attenzione:
LEGGERE ATTENTAMENTE IL MANUALE ED ESTRARRE LA CHIAVE DAL QUADRO, PRIMA DI FARE
MANUTENZIONE O RIPARAZIONI
Cod.20943

4- Obbligo:
E’ D’OBBLIGO UTILIZZARE IDONEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI
Cod. 75104

5- Attenzione:
ADESIVO PERICOLO SCHIACCIAMENTO ;NON ACCEDERE NELL’AREA DI PERICOLO
Cod.20937

6- Attenzione:
TAMBURO FRESANTE IN ROTAZIONE
Cod. 74796

7- Attenzione:
E’ VIETATO INTERVENIRE SULLA MACCHINA, PRIMA DI AVER ARRESTATO LA ROTAZIONE DEL
TAMBURO.
Cod.20942

8- N° 3 adesivi:
PUNTO DI AGGANCIO PER IL SOLLEVAMENTO
Cod. 20941

8
5. Precauzioni d’uso generali

 All’operatore è affidata in prima persona la sicurezza di funzionamento della macchina.

 Leggere attentamente questo manuale prima di procedere alle operazioni di installazione,


avviamento, impiego, manutenzione o eseguire altri interventi sulla macchina.

  Il presente manuale ha lo scopo di portare a conoscenza dell'operatore, con figure e testi, le


prescrizioni fondamentali ed i criteri da seguire nell'uso e nella manutenzione della macchina.

Per operare in sicurezza occorre:

 Controllare che la macchina non abbia subito danni durante la fase di trasporto e, nel caso,
avvertire immediatamente la casa costruttrice o il rappresentante di zona.

 Consentire l’uso della macchina solo a personale adulto autorizzato e con un’adeguata
preparazione professionale.

 Accertarsi che la macchina motrice su cui verrà collegata la macchina, abbia i dispositivi di
sicurezza denominati “uomo a bordo” e che siano perfettamente funzionanti.

 Mantenere la distanza di sicurezza per le persone non addette al lavoro, quando la


macchina è in funzione (almeno 10 metri di distanza). Delimitare l’area di lavoro.
Quest’ultima operazione è da ritenersi a carico dell’operatore o del capocantiere.

 Cessare l’attività in caso di intrusione di persone e/o animali nell’area di lavoro.

 Pulire periodicamente la macchina, eliminando materiali estranei che potrebbero


danneggiarne il funzionamento o provocare lesioni all’operatore.

 Assicurarsi, prima di utilizzare la macchina, che tutti i dispositivi di sicurezza siano collocati
correttamente al loro posto e siano in buono stato; qualora si verificassero guasti oppure
danneggiamenti alle protezioni, sostituirle immediatamente.

 Assicurarsi di aver collegato esattamente i tubi ed i raccordi.

 Effettuare lavori di manutenzione solo dopo aver letto il manuale di istruzione ed aver tolto
la chiave di accensione della macchina motrice.

 Eventuali riparazioni devono essere effettuate esclusivamente da personale qualificato con


l’utilizzo di pezzi di ricambio originali. In caso contrario l’utilizzatore può essere sottoposto a
grave pericolo.

 Operazioni di verifica ai tubi ed ai raccordi, vanno eseguite con idonei dispositivi di


protezione (occhiali, guanti e abbigliamento protettivo per contatto con la pelle).

 Non lasciare incustodita la macchina installata alla m. m. , nell’ambiente di lavoro.

 Non indossare indumenti che possano impigliarsi in organi in movimento come abiti non
idonei, sciarpe, camici ecc. Si consiglia invece di usare capi approvati ai fini antinfortunistici,
ad esempio: elmetti, scarpe antiscivolo, cuffie antirombo, occhiali di sicurezza, guanti
protettivi. Consultare il datore di lavoro circa le prescrizioni di sicurezza vigenti ed i
dispositivi antinfortunistici necessari.
 Evitare di indossare anelli, braccialetti, collane, orologi, sciarpe.
 In caso di capelli lunghi, tenerli raccolti.

9
6. Caratteristiche tecniche
6.1 Descrizione della macchina

L’ Escavatrice a ruota, denominata in seguito “Macchina”, serve per scavare trincee a profondità variabili su
superfici piane in asfalto, calcestruzzo, ghiaia, ecc.. Si applica alla maggior parte delle minipale, ed è ideale
per eseguire trincee per la posa di impianti, cavi, ecc..
Le slitte laterali d’appoggio permettono di avere la macchina sempre parallela al suolo, garantendo la
massima stabilità. Mantengono inoltre costante in ogni condizione la profondità di lavorazione impostata.
Quest’ultima può essere impostata idraulicamente dalla macchina motrice, tramite un cilindro idraulico (ad
eccezione del T300 che scava a profondità fissa di 30 cm). Nelle versioni standard l’uscita del materiale
asportato avviene da entrambi i lati della macchina.
L’escavatrice va tenuta con slitte ben aderenti al suolo. Per maggior sicurezza è consigliabile sollevare di
pochi centimetri le ruote anteriori dello Skid Street Loader da terra.

Qualora fosse necessario lavorare fino al filo esterno della macchina motrice, un traslatore azionato da un
cilindro idraulico, permette di traslare la macchina dalla posizione centrale verso il lato destro.

Principio di funzionamento:

Lo scavo avviene abbinando il moto di rotazione della ruota dentata, azionata dal motore idraulico a cui è
calettata, e in contemporaneità il moto di traslazione della macchina motrice sulla quale la macchina è
installata.
Il motore idraulico è in presa diretta con la ruota dentata, la quale ruotando nel verso indicato dalla freccia in
figura, asporta e frantuma il materiale da lavorare (asfalto, cemento e similari). L’asportazione avviene per
mezzo dei denti, in “metallo duro”, posizionati sulla ruota stessa.
La potenza idraulica è trasmessa dalla macchina motrice alla macchina per mezzo di tubi flessibili.

A = Mantenimento aderenza al terreno


B = Verso di rotazione tamburo fresa
C = Avanzamento di lavoro

10
6.2 Dimensioni d’ingombro

A B C D E
T300 1540 1230 1700 300 30-50-80
T450 1900 1650 1740 450 50-80-100-130-160-200
440 50-80-100
T450-S 1900 1650 1740
450 130-160-200
T600 2130 1930 1740 600 80-100-130-160-200
590 80-100
T600-S 2130 1930 1740
600 130-160-200

11
6.3 Dati tecnici e prestazioni

Modelli
Unita di
Caratteristiche tecniche
misura T450 T600
T300
T450-S T600-S

Pressione di funzionamento bar 300÷160 300÷160 300÷160

Portata olio l/min 60÷140 80÷160 90÷160

N° giri ruota dentata giri/min 105÷250 55÷110 55÷95

kW 35 48 48
Potenza max idraulica
applicabile cv 48 65 65

Massa (*) kg 650 950 1300

(*) Configurazione macchina standard senza optional, con attacco universale.

In caso di configurazioni con optional, il valore corretto della massa, sarà quello
IMPORTANTE indicato nella targhetta CE (diverso da quello indicato in tabella).

Esempio di calcolo delle potenze idrauliche applicate:

Q (l / min) x P (bar)
= A (cv) / 1.36 = A (kW)
450

Legenda:
Q= Portata P= Pressione A= Potenza

Nota: La portata e la pressione, riportate nella precedente formula, devono essere misurate in perfetta
contemporaneità, con uno strumento di precisione da personale esperto.

Una esatta descrizione del "Modello" e del "Numero di matricola", faciliterà risposte rapide ed efficaci da parte
del ns. Servizio d'Assistenza.
Riferite sempre il modello della macchina e il numero di matricola ogni volta che contattate il Servizio di
Assistenza. I dati anagrafici sono riportati nella targhetta di identificazione (capitolo 4).

12
6.4 Parti principali della macchina

1. Ruota dentata,
2. Telaio esterno;
3. Motore idraulico;
4. Telaio portante;
5. Guide di traslazione;
6. Piedi d’appoggio;
7. Cilindro idraulico traslazione laterale;
8. Traslatore;
9. Coperchio d’accesso cinematismo dispositivo svuotamento scavo (raschiatore);
10. Cilindro regolazione profondità di lavoro;
11. Bocca di uscita materiale asportato;
12. Valvola idraulica V3 per macchine a 3 linee;
13. Valvola idraulica 8 vie per macchine a 5 linee;
14. Chiavi estrazione utensili;
15. Bandella laterale destra;
16. Bandella laterale sinistra.

13
14
6.5 Condizioni ambientali
In condizioni di temperature inferiori ai -10°C, prima di azionare la macchina, verificare che la macchina
motrice abbia portato a temperatura il circuito oleodinamico.
Gli ambienti di utilizzo devono essere conformi alle normative vigenti in materia di igiene e sicurezza del
lavoro.

 Non avvicinarsi alla macchina con fiamme libere o altro.


 Non utilizzare la macchina in locali dove sussistono rischi di esplosione e incendio. Questa
macchina non è costruita per operare in ambiente esplosivo (Direttiva ATEX).

6.6 Usi consentiti

La macchina è destinata ad essere montata su una macchina motrice per effettuare scavi a freddo di materiali
duri e compatti quali asfalto, cemento e similari.

L’uso della macchina è consentito solo se montata su una macchina motrice dichiarata conforme alla direttiva
98/37/CE e/o 2006/42/CE e alla legislazione vigente e che sia idonea alle caratteristiche tecniche della
macchina da installare, indicate nel paragrafo 6.3.

Qualsiasi uso diverso da quello espressamente indicato, è da considerare uso improprio e quindi non
ammesso.

In caso di uso in tunnel o in ore notturne o in condizioni di scarsa visibilità provvedere ad illuminare l’area di
lavoro (almeno 200 lux) mediante l’impianto della m.m. o con illuminazione esterna fissa o mobile.

SIMEX S.r.l. è sollevata da ogni responsabilità per qualsiasi uso improprio della macchina e per qualsivoglia
modifica o variazione apportata su di essa.

 E’ assolutamente vietato traslare la macchina lateralmente quando la ruota è in


lavorazione.
 E’ assolutamente vietato l’utilizzo della macchina per usi diversi da quelli indicati nel
presente manuale di installazione uso e manutenzione.
 E’ vietato stazionare, transitare e lavorare su solai, e su qualunque struttura non
portante.
 Non lavorare in condizioni ambientali avverse (esempio in presenza di fulmini, ecc.).
 E’ vietato eseguire lavori di scavo arcuato (in curva) con raggio inferiore ai 100 m.

6.7. Rischi residui

Durante l’uso della macchina si possono verificare i seguenti rischi:


- elettrocuzione per contatto con linee elettriche interrate;
- incendio ed esplosioni per contatto con tubazioni di gas interrate;
- rischio d’esplosione causato da ordigni interrati nelle aree che in passato possono essere state
oggetto di azioni belliche.

Per persone che sostano in vicinanza alla macchina durante il lavoro, si possono creare:
- rischi derivanti da urti, impigliamento e cesoiamento causati dal contatto accidentale con la ruota
dentata;
- rischio di schiacciamento tra la macchina e la macchina motrice;
- rischio d’eiezione di detriti (sassi, oggetti contundenti, ecc.);
- rischio di caduta materiale (lavori su dislivelli o piani a diverse altezze).

15
7 Consegna e scarico
La macchina, viene normalmente trasportata e consegnata posta su di un bancale, ben fissata, in posizione
stabile e debitamente foderata con cellophane. Il tipo di imballo però, può variare in funzione del mezzo di
trasporto prescelto e alla destinazione. Per spedizioni via aerea, la macchina viene imballata all’interno di
un’idonea cassa di legno. Tutto il materiale spedito viene controllato prima della consegna al cliente.

Al ricevimento controllare la macchina per verificare eventuali danni (rotture o ammaccature


rilevanti) dovuti alla fase di trasporto. Nel caso in cui ciò fosse accaduto, è necessario farlo
immediatamente presente alla ditta trasportatrice ed apporre nella, bolla di consegna, la clausola
“Accetto con riserva”.
In presenza di danni, contestate il fatto alla ditta trasportatrice, mediante un rapporto scritto entro 8

 giorni dal ricevimento della macchina.


Nel caso in cui, al momento della consegna, si rilevassero danni di notevole importanza, causati
nella fase di trasporto, insieme ad eventuali parti mancanti che si dovessero riscontrare, bisognerà
comunicarli tempestivamente alla ditta SIMEX s.r.l..
E’ necessario inoltre, controllare il materiale pervenuto, con quanto riportato nell’elenco dettagliato
della spedizione.

Lo scarico dell’imballo deve essere eseguito con la massima cura tramite un’attrezzatura
di sollevamento di idonea portata (es: carrello elevatore a forche o altro mezzo adeguato).
Successivamente, depositare il tutto su un piano stabile e orizzontale.

Le operazioni di movimentazione dei carichi devono essere eseguite nel rispetto delle
normative vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Non disperdere l’imballo nell’ambiente, ma attenersi alle normative vigenti nel paese di utilizzo.

16
8 Movimentazione, trasporto e sollevamento

In mancanza di una specifica estensione dell’omologazione stradale della macchina


motrice, è obbligatorio smontare la macchina dalla macchina motrice, prima di effettuare
spostamenti su strade aperte al traffico.
All’interno del cantiere possono essere effettuati solo piccoli spostamenti con la macchina
montata sulla macchina motrice, a bassissima velocità di traslazione, con macchina vicina
a terra e con bracci della macchina motrice più raccolti possibile, tenendosi ad una
distanza di sicurezza da persone e cose.
E’ obbligatorio smontare la macchina dalla macchina motrice, prima di salire con la
motrice su rampe di carico.
Durante la movimentazione, la macchina non deve essere azionata.

Movimentazione per brevi tratti (all’interno dell’ambiente di lavoro):


A- Utilizzare la macchina motrice, lasciando agganciata la macchina.
B- Fissare la macchina su di un pallet, e movimentarla con l’ausilio di carrello elevatore o di transpallet.

Movimentazione per lunghi tratti:


 Fissare la macchina su di un pallet, e movimentarla con l’ausilio di carrello elevatore o di transpallet, per
caricarla sul mezzo di trasporto (camion, treno, ecc.).

Sollevamento da un piano all’altro (ad es. per caricarla su di un camion):


 Utilizzare una gru di sollevamento o carrello elevatore di portata idonea rispetto alla massa indicata nella
targhetta CE. Collegare le funi o le catene nei quattro punti indicati dagli appositi adesivi (vedere cap. 4).
Per il sollevamento usare ganci recanti marcatura CE (vedi figura sotto).

Verificare la compatibilità della portata delle funi, delle catene ed in genere, di ogni mezzo di
sollevamento e di trasporto utilizzato, con la massa della macchina indicata nella targhetta CE.
Tenere la macchina vicino a terra (altezza di sicurezza 0,5 m) durante gli spostamenti con la
stessa agganciata alla macchina operatrice.
La traslazione è consentita solamente su suolo pianeggiante o lievemente sconnesso, senza che
venga compromessa la stabilità.
Verificare le idonee condizioni del pallet su cui verrà stoccata.

17
9 Uso

E’ a carico dell’installatore la verifica delle idonee caratteristiche tecniche della


macchina motrice, in relazione al modello di macchina applicato (vedere Par. 6.3).

La macchina deve essere installata solo su macchine motrici dichiarate conformi


alla Direttiva 98/37/CE e/o alla Direttiva 2006/42/CE (Es: dotate di dispositivo "uomo
presente", per l’inibizione dell'azionamento dei comandi in assenza dell’operatore
dal posto di guida, ecc.).

9.1 Controlli preliminari

Prima di procedere al collegamento della macchina, eseguire i seguenti controlli sulla macchina motrice:

A. verificare il corretto funzionamento dei dispositivi di sicurezza presenti;

B. verificare sulla macchina e sulla macchina motrice, dove presenti, lo stato degli innesti rapidi
e di tutti gli altri componenti interessati all’accoppiamento con la macchina motrice;

9.2 Posizionamento dei piedi d’appoggio

Nel momento in cui si deve sistemare la macchina in posizione di riposo, separandola dalla macchina motrice
(vedi fig. 1 par. 9.4), è necessario abbassare i piedi d’appoggio. Di seguito sono indicate le operazioni da
eseguire per ogni singolo piede:

1- Sfilare le due copiglie di fermo.

2- Estrarre completamente il perno dalla


sede, in modo da far scendere il piede.

3- Reinserire il perno nel nuovo foro per


bloccare il piede in posizione abbassata.

4- Infilare nuovamente le due copiglie di


fermo per evitare la fuoriuscita del perno.

Per il sollevamento dei piedi dovranno essere effettuate le operazioni indicate nei
punti sopra, con la sola differenza che al punto 2 si dovrà sollevare completamente il
piede, anziché abbassarlo.

18
9.3 Modalità di salita e discesa dell’operatore dalla macchina motrice
(per escavatori a ruota applicati su Skid Loader con accesso al posto guida dal lato anteriore
della m. m.)

SALITA (a destra della macchina)

Fig. 1 Fig. 2 Fig. 3

A= appoggiare piede sx al gradino inferiore dell’escavatrice a ruota (fig. 1);

B= facendo forza sul piede sx, salire con il piede dx sul gradino superiore dell’escavatrice a ruota (fig. 2);

C= facendo forza sul piede dx, salire con il piede sx sul gradino antiscivolo della macchina motrice (fig. 3).

Per la DISCESA, eseguire al contrario le operazioni descritte nelle figure 1, 2 e 3.

Nel caso il gradino inferiore sia installato dalla parte sinistra della macchina, la salita
e la discesa dovranno essere effettuate come indicato nei punti sopra, ma con
successione dei movimenti dei piedi invertiti.

Per la salita e la discesa dalla macchina motrice, utilizzare sempre i gradini antiscivolo.
Per nessun motivo si deve scendere o salire dalla parte frontale della macchina.
Evitare di avere le scarpe sporche di fango o altro materiale che possa far scivolare
l’operatore.

19
9.4 Accoppiamento “macchina – macchina motrice”

La macchina deve essere installata al braccio della macchina motrice al posto della benna, tramite diverse
tipologie d’attacchi. E’ necessario quindi attenersi, oltre alle indicazioni generiche sotto riportate, alle
procedure indicate nel manuale della macchina motrice (capitolo specifico per l’applicazione attrezzature).

Esempio di operazioni da eseguire per una tipologia d’attacco standard:

1- Sistemare l’escavatrice a ruota a terra in posizione


di riposo, con i piedi d’appoggio su suolo piano e
compatto, lontana da fossati, depositi di combustibili o
altro, da cabine elettriche (fig. 1 a fianco).

2- Con la macchina motrice, avvicinarsi lentamente


abbassando il braccio pala, in modo da posizionare la
piastra d’attacco (rif. “A” in fig. 2 a fianco) al di sotto
del labbro superiore dell’attacco, presente sulla
macchina.
Avanzare fino ad appoggiarsi contro il labbro, come in
figura 2 a fianco.

3- Azionare i movimenti idraulici della m. m. in modo


da richiamare verso di se la piastra d’attacco (rif. “A”
in fig. 2) fino a farla appoggiare completamente alla
zona d’aggancio della macchina, come indicato in fig.
3 a fianco.

20
3- Scendere dalla macchina motrice (vedi par. 9.3),
dopo averla spenta ed aver tolto le chiavi
d’avviamento, e spingere le due leve (figure 4 e 5 a
fianco), per innestare i perni di bloccaggio attacco
rapido. Controllare che le leve siano bloccate in
posizione di ritegno e che i perni siano ben inseriti
nelle asole dell’attacco della macchina.

4- Sollevare i due piedi d’appoggio fissandoli con gli


appositi perni (fig. 6).
Per le istruzioni di posizionamento dei piedi vedere il
paragrafo 9.2.

Sollevare la macchina da terra solamente dopo aver completato le


operazioni sopra descritte.

21
9.5 Collegamento idraulico “ macchina con impianto idraulico a 3 linee – macchina motrice”

Per il collegamento delle tubazioni procedere nel seguente modo:


1- scaricare la pressione dell’impianto (vedere manuale m. m.);
2- collegare i tubi flessibili tramite gli innesti ad attacco rapido (vedere parte specifica nel par. 9.6), inserire
tassativamente per primo il tubo di drenaggio (rif. “1” fig. 3);
3- collegare il cavo elettrico macchina (rif. “2” fig. 4) al cavo braccio macchina motrice (rif. “3” fig. 4);
4- Verificare eventuali perdite d’olio:
a) salire sulla macchina motrice ed avviare il motore;
b) sulla m.m. azionare il comando attrezzature ausiliarie high flow, per alimentare il motore idraulico;
c) spegnere il motore, togliere le chiavi d’avviamento, scendere dalla macchina motrice e verificare
l’eventuale presenza di segni di perdite in prossimità dei raccordi tubazioni flessibili.

Fig. 4

Le due figure sono a titolo di esempio di collegamento


dei tubi flessibili (fig. 3) e del connettore elettrico (fig.4)
alla macchina motrice.

Fig. 3

Il collegamento è eseguito mediante tubazioni idrauliche flessibili; evitare pericolosi intrecci


dei tubi, assicurandosi che non possano subire schiacciamenti o tensioni durante i
movimenti di lavoro.
Rischio residuo di ustione: l’olio idraulico, le tubazioni e i raccordi possono raggiungere
temperature molto elevate con o senza la macchina applicata. Utilizzare idonei dispositivi di
protezione individuale.
L’operazione deve essere eseguita da una sola persona (operatore).

 NB: Quando vengono collegati i tubi alla macchina motrice deve essere collegata per prima la
linea di drenaggio.

 Nel caso di innesti rapidi a vite, accertarsi accuratamente che siano stati avvitati in modo corretto e
completo. Se possibile, consigliamo attacchi rapidi a faccia piana con ghiera di sicurezza.

22
9.6 Collegamento idraulico “ macchina con impianto idraulico a 5 linee – macchina motrice”

Per il collegamento delle tubazioni procedere nel seguente modo:


1- scaricare la pressione dell’impianto (vedere manuale m. m.);
2- collegare i tre tubi flessibili del motore (rif. “1” fig. 5a) tramite gli innesti ad attacco rapido (vedere parte
successiva), inserendo tassativamente per primo il tubo di drenaggio;
3- collegare i due tubi della valvola a 8 vie (rif. “2” fig. 5a) tramite gli innesti ad attacco rapido (vedere parte
successiva);
4- collegare il cavo elettrico macchina (rif. “3” fig. 5b) al cavo braccio macchina motrice (rif. “4” fig. 5b);
5- Verificare eventuali perdite d’olio:
a) salire sulla macchina motrice ed avviare il motore;
b) azionare il comando attrezzature ausiliarie high flow per alimentare il motore idraulico;
c) sulla m.m. azionare il comando attrezzature ausiliare standard per comandare i martinetti di traslazione
e profondità;
d) spegnere il motore, togliere le chiavi d’avviamento, scendere dalla macchina motrice e verificare
l’eventuale presenza di segni di perdite in prossimità dei raccordi tubazioni flessibili.

La figura è a titolo di esempio di collegamento dei tubi


flessibili alla macchina motrice.

Il collegamento è eseguito mediante tubazioni idrauliche flessibili; evitare pericolosi intrecci


dei tubi, assicurandosi che non possano subire schiacciamenti o tensioni durante i
movimenti di lavoro.
Rischio residuo di ustione: l’olio idraulico, le tubazioni e i raccordi possono raggiungere
temperature molto elevate con o senza la macchina applicata. Utilizzare idonei dispositivi di
protezione individuale.
L’operazione deve essere eseguita da una sola persona (operatore).

 NB: Quando vengono collegati i tubi alla macchina motrice deve essere collegata per prima la
linea di drenaggio.

 Nel caso di innesti rapidi a vite, accertarsi accuratamente che siano stati avvitati in modo corretto e
completo. Se possibile, consigliamo attacchi rapidi a faccia piana con ghiera di sicurezza.

23
Per il collegamento degli innesti ad attacco rapido a faccia piana, procedere nel seguente modo (rif. In
fig. 6):

A- Innestare l'attacco maschio Rif.”7” nell'attacco femmina Rif.”8” fino allo scatto automatico della ghiera
Rif.”9”;

B- Ruotare la ghiera Rif.”9” in modo che la tacca Rif.”10” non coincida con la sferetta Rif.”11”. eliminando così
la possibilità di uno scollegamento indesiderato.

In figura sono raffigurati attacchi rapidi a faccia piana con


ghiera di sicurezza a scatto.

Pulire accuratamente tutti gli innesti rapidi, sia della


macchina che della macchina motrice, prima di
eseguire il collegamento degli stessi.
Se per qualsiasi motivo e' rimasta pressione nelle
tubazioni della macchina motrice, non sarà possibile
inserire l'innesto rapido maschio nell'attacco rapido
femmina. Seguire le istruzioni del costruttore della
macchina motrice per fare defluire la pressione.
Fig. 6

9.7 Scollegamento idraulico “ macchina con impianto idraulico a 3 o a 5 linee – macchina motrice”

Prima di lasciare la postazione operatore sulla macchina motrice, assicurarsi di aver


appoggiato su suolo pianeggiante la macchina, aver disinserito le chiavi d’avviamento dal
cruscotto ed aver stabilizzato la macchina motrice.
Rischio residuo di ustione: L’olio idraulico e le tubazioni possono raggiungere temperature
molto elevate con o senza la macchina applicata. Utilizzare idonei dispositivi di protezione
individuali.

IMPORTANTE:
 Scollegare sempre per ultima la linea di drenaggio.

Per lo scollegamento dei tubi flessibili, procedere come segue:


1- arrestare il motore;
2- scaricare la pressione dall’impianto;
3- scendere dalla macchina e scollegare i giunti ad attacco rapido (vedere specifica parte successiva);
4- scollegare il CAVO ELETTRICO (rif. “2” par. 9.5 e rif. “3” par 9.6).

Per lo scollegamento degli innesti ad attacco rapido a faccia piana, procedere nel seguente modo (per i
riferimenti indicati, vedere fig. 6 al par. 9.6):

- Ruotare la ghiera Rif.”9” in modo che la tacca Rif.”10” coincida con la sferetta Rif.”11” e successivamente
spingerla verso la sfera ottenendo il disinnesto del giunto.

24
9.8 Scollegamento “attrezzatura – macchina motrice”

IMPORTANTE:
 Accertarsi che sia già stato effettuato lo SCOLLEGAMENTO IDRAULICO e lo
SCOLLEGAMENTO CAVO ELETTRICO (paragrafo 9.7).

Operazioni da eseguire per una tipologia d’attacco standard (far riferimento alle figure par. 9.4):

 Regolare la ruota fresante alla massima profondità di scavo (indicatore di profondità posizionato su
450 per il mod. T450, 600 per il mod. T600) su suolo piano e compatto lontana da fossati, depositi di
combustibili, da cabine elettriche o altre fonti di pericolo, abbassare completamente il braccio della
macchina motrice richiamando la piastra d'attacco. L'attrezzatura in questo modo viene a trovarsi in
prossimità del suolo.
 Lasciare la postazione di guida dopo aver arrestato il motore diesel, tolto la chiave di avviamento e
stabilizzato la macchina motrice ( es. : con freno di stazionamento, piedi stabilizzatori, cunei, ecc.).
 Abbassare i PIEDI D’APPOGGIO (seguire procedura descritta nel par. 9.2).;
 Tirare le due leve (figure 4-5 par. 9.4) per ritrarre i perni di bloccaggio.
 Ritornare sulla macchina motrice, avviare il motore e agire sui comandi degli azionamenti idraulici
della m. m. come per ribaltare in avanti la macchina, e contemporaneamente abbassare il braccio
pala fino a che la piastra d’attacco m. m. si disinnesta dai labbri. Procedere lentamente in
retromarcia, per liberare la macchina motrice dalla macchina.

25
9.9 Messa in opera per macchine standard (a 3 o 5 linee idrauliche)

Prima di ogni messa in opera della macchina procedere ai seguenti controlli:


- verificare l’assenza di perdite del circuito idraulico;
- verificare il corretto collegamento meccanico ed elettrico;
- verificare ed eventualmente eliminare il materiale estraneo.

a- Macchine a 5 linee idrauliche

L’attivazione della macchina (moto rotatorio della ruota dentata), può avvenire solamente per mezzo dei
comandi della macchina motrice. Accendere il motore della macchina motrice e attendere alcuni istanti con il
motore acceso e l’impianto idraulico inserito, affinché l’olio arrivi alla temperatura ottimale e le eventuali bolle
d’aria presenti nell’impianto idraulico vengano espulse.

b- Macchine a 3 linee idrauliche

L’attivazione della macchina (moto rotatorio della ruota dentata), può avvenire solamente per mezzo dei
comandi della macchina motrice. Eseguire le operazioni di seguito indicate:
1- accendere il motore della macchina motrice e attendere
alcuni istanti con il motore acceso affinché l’olio arrivi alla
temperatura ottimale e le eventuali bolle d’aria presenti
nell’impianto idraulico vengano espulse;
2- agire sul comando ausiliario High Flow della macchina
motrice per dare olio in mandata;
3- sulla centralina elettrica, attivare l’interruttore portandolo
nella posizione ON (rif. “1” in figura), con conseguente
accensione del led rosso (rif. “2” in figura) e attivazione del
tamburo.

- L’operazione deve essere effettuata da un solo operatore. Accertarsi che non vi siano persone nel
raggio d’azione della macchina operatrice o ad almeno dieci metri di distanza. Delimitare l’area di
lavoro.
- L’operatore non deve operare in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di farmaci che riducano le
capacità fisiche e psichiche. Non deve abbandonare mai la macchina, senza che sia stata arrestata
in sicurezza e senza togliere le chiavi di avviamento.
- Qualora si debbano eseguire scavi in prossimità di insediamenti che in passato possano essere
stati oggetto di azioni belliche (stazioni ferroviarie, ponti, caserme, depositi, ecc.), occorre eseguire
una bonifica preventiva, per rilevare l’eventuale presenza di ordigni bellici interrati inesplosi.
- Operare sempre ad una distanza di sicurezza da scavi aperti e/o in prossimità di scarpate e cigli.
- Prima di iniziare il lavoro, accertarsi che non vi siano servizi interrati che interferiscano con l’attività
di scavo (gas, acqua, luce, ecc.).
- Durante le fasi di lavoro prestare particolare attenzione a possibili perdite d’olio.
- Verificare che non siano presenti ostacoli od intralci sulla superficie di lavoro.
- Al termine del lavoro, arrestare il moto della macchina prima di allontanarla dalla superficie di
lavoro. Mai lasciare in rotazione la macchina durante lo spostamento della macchina motrice.

- Ogni qualvolta la fresa è stata ferma per alcuni minuti, o è stata scollegata, avviarla in modo lento
 con il motore diesel al minimo regime; poi accelerare in modo lento e progressivo.

IMPORTANTE:
 La macchina montata, compie i movimenti imposti dalla macchina motrice.

26
9.10 Funzionamento del traslatore

Per le macchine a 3 linee idrauliche:

1. disattivare l’interruttore d’avviamento della ruota dentata (rif. “C” in


figura), portandolo nella posizione OFF e controllando che il led rosso
sia spento (rif. “D” in figura);
2. tenere la macchina appena sollevata dal terreno;
3. ruotare il pomello B posizionandolo sul simbolo del traslatore, come
in figura a fianco,
4. dare olio in mandata tramite i comandi della macchina motrice;
5. agire sull’interruttore rif. “A” per azionare il traslatore. Se il movimento
è lento, accelerare maggiormente il motore.

Per le macchine a 5 linee idrauliche:


Il martinetto che comanda il traslatore viene attivato tramite l’azione combinata dell’interruttore rif. “C” posto
sul quadro di figura e il comando della macchina motrice (secondo ausiliario, non high flow):

- tenere premuto nel verso indicato dalla freccia di figura l’interruttore C, e


contemporaneamente azionare il comando sulla macchina motrice
(secondo ausiliario, non high flow) per aprire o chiudere il martinetto.

E’ assolutamente vietato muovere la m.m. con la macchina sollevata da terra e la ruota


dentata in movimento.
E’ assolutamente vietato traslare la macchina lateralmente, quando la ruota dentata è in
lavorazione.

27
9.11 Regolazione profondità di scavo

Ad eccezione del modello T 300, che ha una profondità di scavo fissa di 30 cm, sugli altri modelli la
regolazione idraulica della profondità di scavo avviene tramite il martinetto rif. “A” indicato in fig. 1.

Per le macchine a 3 linee idrauliche:


Il martinetto (rif. “A”) che determina la profondità, viene azionato tramite i comandi del quadro di figura 3:
1- assicurarsi che la profondità di scavo sia al minimo;
2- posizionare il selettore C sul simbolo della regolazione della profondità (come in fig. 3)
3- muovere a dx o a sx l’interruttore D per sollevare/abbassare il telaio esterno e regolare la profondità di
scavo (se il movimento è lento accelerare leggermente il motore). La scala indicata dalla freccia in figura 1,
permette di impostare in modo preciso la profondità di scavo desiderata.
Regolare la profondità muovendo a scatti l’interruttore D (a step).

28
Per le macchine a 5 linee idrauliche:

Nella posizione centrale di riposo (fig. 4), l’interruttore rif. “E”


è già impostato sulla regolazione profondità di scavo. Per
azionare Il martinetto rif. “A” pagina precedente, che
determina la profondità di scavo, è sufficiente quindi agire sul
secondo ausiliario (non High flow).
La scala indicata dalla freccia in figura 1 pag. precedente,
permette di impostare in modo preciso la profondità di scavo
desiderata.

fig. 4

E’ assolutamente vietato muovere la m.m. con la macchina sollevata da terra e con la ruota
dentata in movimento.

IMPORTANTE:
 Per essere sicuri che le slitte siano perfettamente appoggiate al suolo, tenere le ruote anteriori
della motrice leggermente sollevate.

IMPORTANTE:
 Incrementare la profondità di scavo di piccoli avanzamenti, per evitare che la ruota dentata si
blocchi.

29
9.12 Condizioni generali di lavoro

A- Regolare al minimo la profondità di scavo, come indicato


nel par. 9.11 (dove presente far rientrare completamente il
raschiatore, par. 16.4);
B- Portare la macchina (escavatrice a ruota) sulla linea di
lavoro. Cercare per quanto possibile, di mantenere la
macchina al centro del traslatore per avere un miglior
bilanciamento di tutta la struttura, ed abbassare la macchina
fino a pochi centimetri dal suolo;
C- Inclinare la macchina leggermente in avanti facendola
appoggiare anteriormente sul terreno, sollevando le ruote
anteriori della m.m. (fig. 1);
D- Avviare lentamente la rotazione della macchina con il
motore della macchina motrice al minimo, quindi accelerare
progressivamente sino al raggiungimento del massimo regime
(fig. 2);
E- Agendo sui comandi dell’inclinazione benna della macchina
motrice, abbassare l’escavatrice fino a far penetrare la ruota
nel terreno, portando successivamente le slitte aderenti al
suolo (fig. 3);
F- Regolare la profondità di scavo verificandolo sull’apposito
indicatore (fig. 4) e come indicato al par. 9.11;
G- Avanzare dapprima lentamente poi aumentare in modo
costante fino a raggiungere una velocità di lavoro conveniente
ma tale da non provocare il bloccaggio della rotazione della
ruota dentata;
H- Dopo un avanzamento della macchina di circa 30 cm, dove
presente abbassare il raschiatore (vedi par. 16.4).

NOTA:
PER I COMANDI DI UTILIZZO DELLA MACCHINA, FARE
RIFERIMENTO AL MANUALE DELLA MACCHINA
MOTRICE.

30
E’ obbligatorio durante la lavorazione utilizzare la mascherina di protezione (per le vie
respiratorie).

Se la macchina si blocca:
 1- arretrare leggermente, così che la ruota dentata riprenda a ruotare;
2- riprendere il lavoro avanzando più lentamente di quanto avveniva in precedenza.

Se la ruota si blocca a causa di corpi estranei:

1- tenendo il braccio della m.m. tutto abbassato, richiamare verso di se la piastra d’attacco
e appoggiare al suolo la macchina sul suo musetto anteriore (come in fig. A.);

 2- Scendere dalla macchina motrice dopo aver arrestato il motore diesel, azionato il freno
o altri dispositivi di stazionamento (dove sono presenti) e rimosso la chiave
d’accensione;
3- Con gli appositi dispositivi di protezione individuali, intervenire sulla ruota (rif. “1” fig. B)
per cercare di rimuovere ed eliminare la causa del bloccaggio (fig. B ).

A B

31
9.13 Arresto normale della macchina

Per l’arresto in condizioni normali, si può agire in due modi:


1- sui comandi della macchina motrice, decelerando al minimo il motore diesel e interrompendo il flusso
dell’olio idraulico;
2- disattivando l’interruttore avviamento ruota dentata posto sulla centralina (presente sulle macchine a
3 linee idrauliche), portandolo in posizione OFF.
In questi due modi, si ha l’arresto completo ed immediato.

9.14 Arresto in condizioni di emergenza

Per l’arresto in condizioni di emergenza, è necessario agire sui dispositivi presenti sulla macchina motrice:
- fungo di arresto di emergenza (dove è presente);
- sollevamento dell’operatore dal sedile di guida (dove è presente un microinterruttore di emergenza);
- sollevamento del bracciolo dell’operatore (dove è presente un microinterruttore di emergenza);
- spegnere il motore diesel mediante l’apposita chiave di avviamento e arresto.

 Per informazioni più precise sulle modalità di arresto consultare il manuale di istruzioni
della macchina operatrice.

9.15 Parcheggio

Regolare la ruota fresante alla massima profondità di scavo (indicatore di profondità posizionato su 450 per il
mod. T450, 600 per il mod. T600).

Abbassare la macchina al suolo, arrestare il motore diesel della macchina motrice, azionare il freno o altri
dispositivi di stazionamento (dove sono presenti) e rimuovere la chiave d’accensione.

Ogni volta che si termina un ciclo lavorativo, assicurarsi che la macchina sia appoggiata al
suolo, in posizione di riposo.

Sostare in luogo idoneo, dove non sussistano rischi di danneggiamento della macchina.
Nel caso ci si allontani dalla macchina, è obbligatorio togliere le chiavi dalla m.m. ed è
necessario garantire che nessun altra persona non autorizzata possa salire a bordo ed
utilizzarla.

32
10 Manutenzione

1. Tutti gli interventi di manutenzione, di ispezione e di pulizia della macchina dovranno


essere eseguiti con la stessa separata dalla macchina motrice (vedi par. 9.7 e par. 9.8) e
posizionata a terra (vedi nella tabella degli intervalli di manutenzione la persona incaricata);
2. Le operazioni di manutenzione devono essere eseguite in luogo idoneo secondo le
normative vigenti in materia di sicurezza;
3. Prima di procedere alla manutenzione pulire accuratamente la macchina (vedi paragrafo
10.4);
4. Durante tutte le fasi di manutenzione occorre utilizzare idonei dispositivi di protezione
individuali.

Tabella Manutenzione periodica

Intervallo di
Operazione Modalità Incaricato
manutenzione

 CONTROLLO INTEGRITA’ UTENSILI Par.10.2


OGNI 1 ORA OPERATORE
 CONTROLLO INTEGRITA’ RUOTA DENTATA Par.10.1

 CONTROLLO INTEGRITÀ SETTORI DENTATI Par.10.3


OGNI 8 ORE OPERATORE
 SOSTITUZIONE DEI SETTORI DENTATI Par.10.4

 PULIZIA DELLA MACCHINA Par.10.6

OGNI 50 ORE  INGRASSAGGIO SUPPORTO RUOTA Par.10.10 OPERATORE

 CONTROLLO TUBAZIONI FLESSIBILI Par.10.11

 CONTROLLO INTEGRITA’ STRUTTURA Par.10.7


OGNI 100 ORE OPERATORE
 CONTROLLO SERRAGGIO BULLONERIA Par.10.8

OGNI 200 ORE  CONTROLLO USURA SLITTE D’APPOGGIO Par.10.9 OPERATORE

 Nell’eseguire le manutenzioni, in caso di dubbi, per ordinare parti di ricambio e per lavori di
manutenzione complessi, contattare il vostro rivenditore autorizzato.

Le operazioni di movimentazione dei carichi devono essere eseguite nel rispetto delle
normative vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

33
10.1 Controllo ruota dentata

La ruota dentata (vedi par. 6.4 rif. “1”) rappresenta il cuore della macchina. Per il lavoro che svolge è un
organo facilmente danneggiabile.
Verificare visivamente la ruota dentata, successivamente ad urti con parti solide quali: botole, ostacoli in ferro,
ecc..

Evitare tassativamente di lavorare con denti danneggiati e/o mancanti.

NOTA: LA RUOTA DENTATA, AL PARI DEGLI UTENSILI, E’ CONSIDERATO UN ORGANO SOGGETTO


AD USURA E QUINDI NON PASSABILE IN GARANZIA.

Prima di lasciare la postazione operatore sulla macchina motrice, assicurarsi che l’area
sia pianeggiante, di aver stabilizzato la macchina motrice, di aver abbassato a terra la
macchina ed aver disinserito le chiavi d’avviamento dal cruscotto.

Per effettuare l’ispezione della ruota dentata, appoggiare a terra la macchina come descritto al punto 1
dopo aver regolato al minimo la profondità di scavo ed eseguire le operazioni sotto indicate:

1- tenendo il braccio della m.m. tutto abbassato,


richiamare verso di se la piastra d’attacco e
appoggiare al suolo la macchina sul suo musetto
anteriore (fig. 1);

fig. 1

2- Far presa sugli utensili per far girare la ruota


dentata rif. “1” (nel senso di lavoro), ed ispezionarlo
(fig. 2);

fig. 2

LA SOSTITUZIONE DELLA RUOTA DENTATA DEVE ESSERE ESEGUITA PRESSO UN


CENTRO ASSISTENZA SIMEX.

34
10.2 Controllo integrità utensili (denti)

Prima di lasciare la postazione operatore sulla macchina motrice, assicurarsi che l’area
sia pianeggiante, di aver stabilizzato la macchina motrice, di aver abbassato a terra la
macchina (come descritto nel punto 1 pag. precedente), ed aver disinserito le chiavi
d’avviamento dal cruscotto.

Ogni dente è soggetto ad una continua usura dovuta al contatto con il materiale fresato. Quanto più il dente è
usurato, tanto minore è la sua capacità di penetrazione.
Inoltre con l'aumentare dell'usura dei denti diminuisce anche la velocità di avanzamento. Ciò significa che,
usando denti molto usurati, diminuisce la produttività della macchina in modo sensibile.
Provvedendo tempestivamente alla sostituzione dei denti, si possono sfruttare appieno le potenzialità della
macchina.
Un controllo dei segni d'usura conviene sempre, poiché solo in caso di usura ottimale il dente da' buoni
risultati di fresatura durante tutta la sua vita utile.

USURA DEI DENTI

A: Caratteristiche di un dente usurato in


maniera ottimale
La parte restante della punta in carburo presenta
una forma simmetrica,
Il corpo del dente ha una forma conica uniforme,
Il corpo presenta materiale sufficiente a sostenere
il nucleo in carburo.
Dente usurato, da sostituire.

B: Dente che ha lavorato in materiale morbido


Se un dente opera in un materiale troppo
morbido, il materiale del corpo si usura più
rapidamente della punta, che finirà per staccarsi.
Inoltre la forma alterata del dente aumenta l'usura
del portadente.
Dente usurato, da sostituire.

C: Dente che non ha ruotato correttamente


I denti soggetti ad un'usura non omogenea hanno
un consumo troppo veloce. Una tale usura è
solitamente dovuta alla mancata rotazione del
dente nel relativo portadente. La causa può
essere dovuta ad un portadente usurato oppure
alla presenza di piccole particelle di materiale
fresato tra il gambo del dente e la sede in cui è
inserito. Nel caso pulire la sede e lubrificare con
gasolio.
Dente usurato, da sostituire.
NOTA: il dente raffigurato è del tipo standard. Concetti analoghi a quelli sopra esposti possono essere
espressi per tutti i tipi di denti.

35
Procedura di controllo:
1- verifica visiva dello stato di usura;
2- verifica della rotazione del dente nella propria sede, come illustrato in fig. 1 sotto riportata.

A seguito del controllo effettuato, sostituire eventuali utensili rotti o eccessivamente usurati (come
descritto nel par. 10.3) o pulire, come spiegato successivamente, le sedi dei denti completamente
bloccati.

Pulizia del dente:


1- smontare il dente che non ruota (vedi par. 10.3);
2- pulire il gambo del dente e la sede;
3- lubrificare con gasolio;
4- rimontare il dente nella sua sede.
Nel caso in cui il dente abbia un minimo di rotazione, la lubrificazione con gasolio può essere fatta senza
smontare il dente dalla sua sede.

Per migliorare la rotazione del dente nella propria sede e quindi la durata dello stesso si consiglia di
 bagnare con gasolio tramite un pennello la parte posteriore del dente al termine della giornata di
lavoro assicurandosi che il gasolio penetri tra dente e sede.

fig. 1

 NON FARE GIRARE A VUOTO LA FRESA CON DENTI NUOVI O APPENA LUBRIFICATI,
PERCHÉ POTREBBERO USCIRE DALLA LORO SEDE PER FORZA CENTRIFUGA.

 EVITARE ASSOLUTAMENTE DI LAVORARE CON DENTI MOLTO USURATI E/O BLOCCATI,


PER EVITARE DANNEGGIAMENTI AI PORTADENTI.

36
10.3 Controllo integrità settori dentati
Controllare visivamente l’integrità dei porta denti e se necessario sostituire i settori dentati.

10.4 Sostituzione dei settori dentati


1. Posizionare la macchina come per il controllo della ruota fresante.
2. Allentare e asportare i dadi (1) (n° 8), le rosette e le viti di fissaggio del settore (1); rimuovere il settore
dentato. Rimuovere i settori da sostituire (2).
3. Montare i nuovi settori dentati e fissarli con viti, rosette e dadi (1).

Sgrassare le viti e i dadi prima di applicare Loctite 243 blu; serrare i dadi alla coppia di
350 Nm.

37
10.5 Sostituzione utensili (denti)

Fase di smontaggio:

I denti sono tenuti nel


portadente mediante una
molla di ritegno.
Posizionare una delle
chiavi speciali (Rif. "2")
date in dotazione con la
macchina, come indicato
in figura. Con l’ausilio di
un martello, battere sulla
chiave ed estrarre il dente
(Rif. "1").

Nota: la chiave a puntone, generalmente più facile da usare, non può essere usata dove la parte posteriore
del portadente non è accessibile. La chiave a forcella può essere usata sempre, purchè non sia usurata la
battuta del dente in cui impegnarla.

Fase di montaggio:

Prima di procedere al montaggio degli utensili


nuovi, pulire e lubrificarne la sede con gasolio.
Successivamente inserire manualmente l'utensile
con piccoli colpi di martello in rame sulla punta,
come in figura, fino alla completa entrata del
gambo del dente nel portadente.

10.6 Pulizia della macchina

Utilizzare detergenti neutri autorizzati dalla legislazione vigente. Pulire la macchina con un getto d’acqua in
pressione.

10.7 Controllo integrità struttura

Lavare accuratamente la macchina prima del controllo. Ispezionare visivamente l’integrità della struttura
portante e in particolare le saldature. Se si notano indebolimenti, piccole fessurazioni, è necessario rivolgersi
al rivenditore autorizzato, per un controllo approfondito.

10.8 Controllo serraggio bulloneria

Verificare il serraggio di tutta la bulloneria e nel caso ci siano parti allentate, occorre avvitarle. Per le coppie di
serraggio vedi tabella al capitolo N° 17.

38
10.9 Controllo usura slitte d’appoggio

Verificare visivamente lo stato d’usura delle due slitte d’appoggio, indicate in figura sotto. Nel caso siano da
sostituire, rivolgersi al rivenditore da cui è stata acquistata la macchina. Per il controllo, posizionare la
macchina come descritto nel punto 1 par. 10.1.

10.10 Lubrificazione supporto ruota

All’interno del telaio esterno


(vedi fig. a fianco), utilizzare
l’ingrassatore sotto indicato per
lubrificare con grasso il
supporto ruota.

 Non fare fuoriuscire grasso in eccesso, catturerebbe polvere.

39
10.11 Controllo delle tubazioni flessibili

Controllare la graffatura dei raccordi sui tubi e lo stato dei tubi flessibili. Se un tubo presenta perdite, segni di
invecchiamento, rotture, rigonfiamenti, abrasioni, ecc. deve essere sostituito.

Avvertenze per la sostituzione di un tubo:

1. Pulire la zona di intervento, per evitare che entri dello sporco nel circuito idraulico;
2. La sostituzione deve essere eseguita da un manutentore, che dovrà utilizzare i dispositivi
antinfortunistici necessari;
3. Il nuovo tubo dovrà avere le stesse caratteristiche e dimensioni del tubo precedente.

ATTENZIONE: il nuovo tubo deve essere costruito per resistere alla pressione indicata nella targhetta CE.

Per le coppie di serraggio vedi tabella al capitolo 17.

10.12 Controllo coperchio di sicurezza linea di drenaggio

Per evitare danni al motore, dovuti ad un’eventuale eccessiva contropressione sulla linea di drenaggio, sul
motore è stato installato un coperchio di sicurezza che permette di scaricare la pressione in eccesso. In
particolare, quando si ha un valore di pressione nella linea di drenaggio superiore ad 1 bar, il coperchio si
deforma, facendo uscire olio e scaricando così la pressione in eccesso.

IMPORTANTE:
 Pulire bene il coperchio e le zona circostante facendo attenzione che non entri dello sporco.

Procedere all’ispezione del coperchio (rif. “A” in


figura a fianco).
In caso di rigonfiamento e conseguente perdita
d’olio, sostituire il coperchio e l’o-ring e controllare
la pressione sulla linea di drenaggio che deve
risultare inferiore ad 1 bar (continuo ed istantaneo).

E’ assolutamente vietato montare coperchi di


spessore diverso dall’originale.

40
11 Indicazioni per il deposito

Se si prevede di non utilizzare la macchina per un periodo lungo, la si deve stoccare in un ambiente che la
protegga da agenti atmosferici e possibili urti.
Posizionare la macchina su di un pallets, in posizione stabile, ed eseguire le seguenti operazioni:
- lavarla accuratamente;
- controllare ed eliminare eventuali perdite d’olio;
- controllare e sostituire le parti danneggiate;
- bagnare gli utensili con prodotti antiossidanti o con gasolio (assicurarsi che penetri tra dente e
portadente);
- proteggere la macchina dalla polvere con un telo;
- delimitare la zona dove è posta la macchina per impedire che persone possano accidentalmente
urtare spigoli o parti taglienti e contundenti.

12 Rimessa in servizio

Prima di rimettere in servizio la macchina dopo un lungo periodo di inattività, effettuare i seguenti controlli:
- ingrassare tutte le parti soggette a lubrificazione;
- controllare ed eventualmente eliminare eventuali perdite di olio;
- controllare l’integrità delle tubazioni flessibili e del cavo elettrico.
- controllare eventuali parti mal fissate, logore o mancanti;
- controllo serraggio bulloneria.

13 Ricambi ed accessori
Rivolgersi ad un rivenditore autorizzato SIMEX s.r.l..

14 Smaltimento

In caso di smaltimento della macchina o di parti di essa (oli, tubi flessibili, materiali plastici,
ecc.) attenersi alle normative vigenti nel paese in cui si esegue questa operazione.

41
15 Inconvenienti e rimedi
Lo scopo del presente paragrafo è quello di poter fornire all’utilizzatore soluzioni ai problemi
(malfunzionamenti) che più frequentemente si possono presentare. Non effettuare interventi di manutenzione
o riparazione che alterino la sicurezza della macchina.

I rimedi contrassegnati dalla lettera R richiedono l'intervento del rivenditore autorizzato. I rimedi
contrassegnati dalla lettera P richiedono l'intervento di Personale Qualificato. I rimedi
contrassegnati dalla lettera O possono essere messi in pratica dall’ operatore.

ANOMALIA PROBABILE CAUSA RIMEDIO

PUNTE DEI DENTI USURATE O ROTTE SOSTITUIRE GLI UTENSILI E PULIRE LE SEDI O

ASSICURARSI DI AVER EFFETTUATO


FRESATURA LENTA
CORRETTAMENTE TUTTI I COLLEGAMENTI
BASSE
NECESSARI PER IL FUNZIONAMENTO DELLA
PRESTAZIONI INSUFFICENTE FLUSSO E/O PRESSIONE
IDRAULICA
MACCHINA. R
RIVOLGERSI AL SERVIZIO ASSISTENZA DELLA
MACCHINA MOTRICE DA CUI DIPENDONO IL
FLUSSO E LA PRESSIONE IDRAULICA.

CONTROLLARE LE COPPIE DI SERRAGGIO DELLE


VITI E BULLONI ALLENTATI O MANCANTI VITI O DEI BULLONI (RUOTA , MOTORE IDRAULICO ,
ECC.). RIMPIAZZARE LE VITI MANCANTI.
P
VIBRAZIONI

UTENSILI DANNEGGIATI O MANCANTI SOSTITUIRE GLI UTENSILI E PULIRE LE SEDI O


MOTORE IDRAULICO
FRESA RUMOROSO PROBLEMI INTERNI AL MOTORE RIVOLGERSI AD OFFICINA AUTORIZZATA SIMEX R
O BLOCCATO

FLUSSO IDRAULICO E/O PRESSIONE CONTROLLARE L'IMPIANTO IDRAULICO DELLA


IDRAULICA MANCANTE MACCHINA MOTRICE

LA RUOTA DENTATA
P
NON GIRA ATTACCHI RAPIDI NON INSERITI INNESTARE CORRETTAMENTE GLI ATTACCHI
CORRETTAMENTE RAPIDI

ALTRI PROBLEMI IDRAULICI O ELETTRICI RIVOLGERSI AD OFFICINA AUTORIZZATA SIMEX R


CAVO ELETTRICO SCOLLEGATO COLLEGARE IL CAVO ELETTRICO O
IL TRASLATORE
NON SI AZIONA
ATTACCHI RAPIDI NON INSERITI INNESTARE CORRETTAMENTE GLI ATTACCHI
CORRETTAMENTE RAPIDI O
L’ESCAVATRICE
RUOTA ERRATO ACCOPPIAMENTO FRA
LENTAMENTE O MACCHINA E MACCHINA MOTRICE
RIVOLGERSI AD OFFICINA AUTORIZZATA SIMEX R
VELOCEMENTE

42
ANOMALIA PROBABILE CAUSA RIMEDIO

RACCORDI LENTI SERRARE I RACCORDI LENTI O


TUBAZIONI DANNEGGIATE SOSTITUIRE LE TUBAZIONI
PERDITE OLIO P
ESTERNE INNESTI DANNEGGIATI SOSTITUIRE INNESTI

PERDITA DAI PARAOLI DEL MOTORE


IDRAULICO
RIVOLGERSI AD OFFICINA AUTORIZZATA SIMEX R

COLLEGARE SEMPRE IL DRENAGGIO


INSTALLAZIONE
DIRETTAMENTE AL SERBATOIO DELLA MACCHINA
ERRATA O MANCANTE
MOTRICE E RIVOLGERSI AD OFFICINA
DELLA LINEA DI
AUTORIZZATA SIMEX PER SOSTITUIRE COPERCHIO R
DRENAGGIO SULLA
E O-RING E PER CONTROLLO CONTROPRESSIONE
MACCHINA MOTRICE
(DEVE ESSERE < 1 BAR.)

ELEVATA
CONTROPRES-
SOSTITUIRE IL TUBO E RIVOLGERSI AD OFFICINA
SIONE SULLA TUBAZIONE LINEA DI
AUTORIZZATA SIMEX PER SOSTITUIRE COPERCHIO
LINEA DI DRENAGGIO
E O-RING E PER CONTROLLO CONTROPRESSIONE
DRENAGGIO DANNEGGIATA
(DEVE ESSERE < 1 BAR.)

P
SOSTITUIRE INNESTO E RIVOLGERSI AD OFFICINA
INNESTO LINEA DI
RIGONFIAMENTO AUTORIZZATA SIMEX PER SOSTITUIRE COPERCHIO
DRENAGGIO
COPERCHIO DI E O-RING E PER CONTROLLO CONTROPRESSIONE
DANNEGGIATO
SICUREZZA (DEVE ESSERE < 1 BAR.)

AVVIARE L’ESCAVATORE CON MOTORE DIESEL AL


MINIMO ; DOPO ALCUNI SECONDI ACCELERARE IN
PARTENZA BRUSCA DELL’ESCAVATRICE MODO LENTO E PROGRESSIVO FINO AL REGIME DI
CON MOTORE DIESEL (DELLA MACCHINA
MOTRICE) AL MASSIMO REGIME
LAVORO. RIVOLGERSI AD OFFICINA AUTORIZZATA
SIMEX PER SOSTITUIRE COPERCHIO E O-RING E
O
PER CONTROLLO CONTROPRESSIONE (DEVE
ESSERE < 1 BAR.)

RIVOLGERSI AD OFFICINA AUTORIZZATA SIMEX


ECCESSIVA CONTROPRESSIONE NELLA
PER SOSTITUIRE COPERCHIO E O-RING E PER
LINEA DI DRENAGGIO DELLA MACCHINA
MOTRICE
CONTROLLO CONTROPRESSIONE (DEVE ESSERE < R
1 BAR.)

43
16 Optional

Il montaggio degli accessori, le regolazioni e la sostituzione di componenti costituenti l’accessorio,


deve avvenire con la motrice arrestata, freno di stazionamento azionato e chiave di accensione
rimossa.

Ricorrere all’uso di attrezzature di movimentazione e sollevamento idonee per evitare i rischi


d’infortunio derivanti dalla movimentazione manuale dei carichi.

16.1 Ruote / settori dentati

A richiesta sono disponibili ruote / settori dentati di diversa larghezza.

Versione T300 T450 - T450-S T600 - T600-S


50
80
80
Larghezze ruote 30 100
100
dentate 50 130
130
(mm) 80 160
160
200
200

16.2 Bandelle maggiorate

Sono disponibili bandelle maggiorate per il lato destro o sinistro, che permettono di distribuire più
esternamente il materiale asportato dallo scavo. Per la versione T 600 la bandella dx maggiorata è di serie.

16.3 Kit chiusura uscita materiale

Quando c’è l’esigenza di far uscire il materiale asportato da un solo lato della macchina, è disponibile un kit
che permette la chiusura di una delle due bocche d’uscita (in figura sotto un esempio di chiusura laterale
sinistra). In questo caso è necessario anche sostituire il vomere interno, per far si che il materiale asportato
venga direzionato verso la bocca rimasta aperta.

44
16.4 Dispositivo svuotamento scavo (Raschiatore)

A richiesta si può avere il dispositivo svuotamento scavo che ha il compito di mantenere pulito lo scavo,
facendo si che la quasi totalità del materiale asportato esca dalla bocca anteriore dell’escavatrice.
Il movimento del raschiatore rif. “1” è ottenuto per mezzo di un martinetto idraulico rif. “2” collegato tramite un
cavo d’acciaio.
Chiudendo il martinetto rif. “2”, il raschiatore rif. “1” viene sollevato. Aprendo il martinetto rif. “2”, il raschiatore
scende per effetto del proprio peso.

Per le macchine a 3 linee idrauliche:


Il martinetto (rif. “2”), viene azionato tramite i comandi del quadro di
fig. 1:
1- posizionare il selettore rif. “A” sul simbolo della regolazione del
raschiatore (come in fig. 1);
2- dare olio in mandata tramite i comandi della macchina motrice;
3- muovere a dx o a sx l’interruttore rif. “B” per aprire o chiudere il
martinetto (rif. “2”), facendo rientrare o uscire il raschiatore
(rif.”1”).

E’ assolutamente vietato movimentare il raschiatore con


la macchina sollevata da terra e la ruota dentata in
movimento.
E’ ammessa la movimentazione del raschiatore con la
ruota dentata in movimento, solamente quando
quest’ultima è in lavorazione all’interno dello scavo.
fig. 1

Per le macchine a 5 linee idrauliche:


Il martinetto (rif. “2”) viene attivato tramite l’azione combinata del
comando posto sul quadro di figura 3 e il comando della macchina
motrice (secondo ausiliario, non high flow):

- tenere premuto nel verso indicato dalla freccia di fig. 3 l’interruttore


B, e contemporaneamente azionare il comando sulla macchina
motrice per aprire o chiudere il martinetto (rif. “2”).

fig.3

fig. 2

 Abbassare il raschiatore solo dopo un avanzamento della macchina di circa 30 cm.

45
Regolazione dispositivo svuotamento di scavo

Quando il raschiatore è in posizione abbassata deve trovarsi a 4 o 5 mm al di sopra del fondo dello scavo con
l’escavatrice in posizione orizzontale. Nel caso si rendesse necessario effettuarne il posizionamento, occorre
allentare il controdado rif.”3” e agire sul registro rif. “4” per portarlo in posizione, quindi bloccare il controdado
rif. “3”.

Coperchio d’ispezione del


martinetto rif. “2” salita/siscesa
raschiatore.

Il cilindro idraulico rif. “2” preposto al sollevamento del raschiatore rif. “1”, non provvede
all’abbassamento forzato dello stesso, ma solo a liberarlo. La relativa discesa potrebbe non
essere immediata, ma avvenire in fase successiva. PER QUESTO MOTIVO E’ NECESSARIO
TENERE LONTANO LE MANI O ALTRO DALLA ZONA DI DISCESA DEL RASCHIATORE,
PERCHE’ POTREBBE SCENDERE ALL’IMPROVVISO.

46
17 Tabelle

17.1 Coppie massime di serraggio viti

CLASSE
DELLA VITE DIAMETRO DELLA VITE - COPPIA (Nm) – COEFFICENTE DI ATTRITO 0.10

ISO DIN M4 M5 M6 M8 M10 M12 M14 M16 M18 M20 M22 M24 M27 M30
8.8 8G 2.4 4.9 8 20 40 69 110 170 235 330 446 570 840 1150
10.9 10K 3.3 7 12 28 56 98 155 240 330 465 620 800 1200 1600
12.9 12K 4 8 14 34 67 116 185 285 395 560 750 960 1400 1950

Consigli di montaggio
- Le viti debbono essere lubrificate con olio motore;
- Nel caso di fissaggio con due o più viti, il serraggio dovrà essere progressivo e alternato fino ad
ottenere la coppia prescritta;
- Qualora si renda necessario l’impiego di rondelle piane, dovranno essere di acciaio con la resistenza
minima di 80 Kg/mmq.

17.2 Coppia di serraggio raccordi

RACCORDI RACCORDI
DIAMETRO DIAMETRO COPPIA
‘’GAS’’ COPPIA (Nm) ‘’W’’ (inch) (Nm)
9/16’’ 30
1/4’’ 35 3/4” 50
3/8’’ 70 7/8’’ 70
1/2’’ 100 1’’ 1/16 100
3/4’’ 190 1’’ 3/16 130
1’’ 300 1’’ 5/16 145
1’’1/4 330 1’’ 5/8 190
1’’1/2 400 1’’ 7/8 240

17.3 Coppia di serraggio tubi flessibili

CON RACCORDI ORFS CON RACCORDI JIC 37° CON RACCORDI GAS
DIAMETRO DIAMETRO DIAMETRO COPPIA
COPPIA (Nm) COPPIA (Nm)
‘’W’’ (inch) ‘’W’’ (inch) ‘’GAS’’ (Nm)
9/16’’ 25 9/16’’ 30 1/4’’ 15
11/16’’ 40 3/4” 50 3/8’’ 28
13/16’’ 55 7/8’’ 70 1/2’’ 60
1’’ 86 1’’ 1/16 100 5/8’’ 70
1’’ 3/16 125 1’’ 3/16 130 3/4’’ 110
1’’ 7/16 165 1’’ 5/16 145 1’’ 140
1’’ 11/16 200 1’’ 5/8 190 1’’1/4 190
2’’ 245 1’’ 7/8 240 1’’1/2 245

47
18 Garanzia

Il periodo di garanzia avrà inizio a seguito dell’avvenuta ricezione in SIMEX s.r.l. ,


della scheda di collaudo (allegata al manuale) compilata dall’installatore, entro 15
giorni dalla consegna del prodotto.

La SIMEX garantisce ai suoi rivenditori organizzati, i quali riversano la garanzia all’acquirente (primo
possessore), che ogni attrezzatura SIMEX sarà esente da difetti di fabbricazione (di materiale di montaggio)
per dodici mesi dal momento della spedizione al primo acquirente.
Durante il periodo di garanzia il rivenditore autorizzato SIMEX o altra officina autorizzata SIMEX, riparerà o
sostituirà, in base a quanto autorizzato esclusivamente dalla SIMEX, le parti riscontrate avariate per difetto di
origine. L’obbligo della SIMEX sarà limitato:
- alla fornitura delle parti da sostituire senza addebito del relativo costo;
- alla mano d’opera per la sostituzione e/o riparazione in conformità ai tempari SIMEX.
La SIMEX può avvalersi della facoltà di riconoscere o NON riconoscere la richiesta di garanzia dopo l’esame
della parte avariata o di quanto altro ritenga opportuno esaminare, anche se preventiva concessione di
“garanzia” era stata accordata.
Esclusione della garanzia
La SIMEX NON riconoscerà:
- costi di trasporto, sia per le parti nuove spedite, sia per le parti ipotizzate difettose di cui richiede il
ritorno per controlli;
- costi di mano d’opera diversi da quelli dei tempari, costi per il montaggio e lo smontaggio
dell’attrezzatura SIMEX della macchina motrice;
- costi d’intervento fuori dall’officina: viaggi, trasferta, Km, ecc.;
- costi per “fermo macchina” e penali per lavori non effettuati a causa di avarie di qualsiasi tipo e
conseguenti perdite di profitto, costi per macchine sostitutive, danni commerciali, ecc.;
- danni causati dall’uso delle attrezzature SIMEX in stato di difetto apparente o insorgente.
Il proprietario delle attrezzature SIMEX dovrà dare comunicazione scritta al rivenditore SIMEX di sua
competenza del difetto al suo comparire ed accettare i tempi ragionevolmente necessari per il trasporto, la
riparazione o la sostituzione delle parti difettose.
La garanzia sulle attrezzature SIMEX decade prima dei 12 mesi previsti, qualora:
- siano state effettuate modifiche, manomissioni, alterazioni di qualsiasi genere;
- non sia stata effettuata la regolare manutenzione, totale o parziale;
- sia intervenuta una cattiva conduzione;
- l’attrezzatura venga applicata su macchine motrici diverse da quelle previste al momento della
consegna;
- l’attrezzatura venga utilizzata in modo diverso da quello indicato nel manuale di Uso e Manutenzione
e/o per usi diversi da quelli previsti;
- siano state effettuate riparazioni o sostituzioni di parti usurate con ricambi non originali SIMEX;
- siano intervenuti incidenti per cause esterne, abusi, cadute, sollecitazioni anormale a tubi flessibili,
cavi, ecc.;
- si riscontri il mancato rispetto delle condizioni di pagamento.
Dalla garanzia sono comunque escluse le parti soggette ad usure (denti, tamburi, ruote, slitte, turbine, parti di
sfregamento, ecc…) ed i componenti elettrici (solenoidi, cavi, interruttori, elettropompa, ecc.).
La SIMEX non è responsabile per danni ed incidenti a persone o cose causate dai possessori delle
attrezzature SIMEX.
La SIMEX esclude qualsiasi forma di garanzia non esplicitamente espressa. Nessun agente, rivenditore,
rappresentante, è autorizzato a garantire in nome della SIMEX eccetto quanto specificato in precedenza.
Per ogni richiesta di garanzia fare sempre riferimento a:
- modello
- numero di matricola
- data di acquisto
- nome rivenditore
- nome possessore

48
19 Schemi circuiti di comando

SCHEMI IDRAULICI T450 – T600:

Versione 3 linee idrauliche

R P T

A2 B2 A1 B1 A3 B3

SV2 SV1 SV3

D1 D

RV1

EP1

T1 SF1 T

CV1 CV2
ORF
M
P1

Legenda:

AUX = Ausiliario alto flusso


M= Motore
T= Traslazione idraulica
P= Profondità idraulica
R= Raschiatore

49
Versione 5 linee idrauliche

AUX1
D T P

R
AUX2 E
F

A C
A
B D
B
G
H
P

T
M

Legenda:
AUX1= Ausiliario alto flusso
AUX2= Ausiliario servizi
M= Motore
T= Traslazione idraulica
P= Profondità idraulica
R= Raschiatore

50
SCHEMI IDRAULICI T300:

Versione 3 linee idrauliche

R T

A2 B2 A3 B3

SV2 SV3

D1 D

RV1

EP1

T1 SF1 T

CV1 CV2
ORF
M
P1

Legenda:

AUX = Ausiliario alto flusso


M= Motore
T= Traslazione idraulica
R= Raschiatore

51
Versione 5 linee idrauliche

AUX1 AUX2
D T P

T
A
B

R
M

Legenda:
AUX1= Ausiliario alto flusso
AUX2= Ausiliario servizi
M= Motore
T= Traslazione idraulica
R= Raschiatore

52
SCHEMA ELETTRICO PER VERSIONE 3 LINEE IDRAULICHE

Legenda:
I1 = Flottante
I2 = Attivazione tamburo
I3 = Attivazione martinetto
I4 = Acqua

SCHEMA ELETTRICO PER VERSIONE 5 LINEE IDRAULICHE

53
NOTE:

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

54
NOTE:

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

_______________________________________________________________________________________

55
IMPORTATORE

56