Sei sulla pagina 1di 18

1

Università degli Studi di Brescia


Facoltà di Medicina e Chirurgia
Dipartimento di Medicina Sperimentale ed Applicata

In collaborazione con U.M.A.B.


(Unione Medici Agopuntori Bresciani)

Agopuntura e Tecniche correlate


Corso annuale teorico-pratico di perfezionamento

La Cefalea (Tόu tòng 头 痛)


in Medicina Tradizionale Cinese
Inquadramento diagnostico-terapeutico

Materiale didattico fornito da:


Dr. Roberto Favalli (UMAB - Unione Medici Agopuntori Bresciani)
2

La Cefalea (Tόu tòng 头 痛) in Medicina Tradizionale Cinese

Anatomia Energetica
La testa rappresenta il “Palazzo dello Yang”, la zona più elevata del nostro corpo, a diretto
contatto con il “Cielo”. I tre meridiani Yang della mano si riuniscono con i tre meridiani
Yang del piede alla testa a livello superficiale, “all’esterno”, dando origine ai livelli
energetici Yang, Tai Yang, Shao Yang e Yang Ming. Il Livello Energetico Yang può essere
considerato come un unico, lungo meridiano che scorre dalla mano al piede,
ininterrottamente, riconoscendo nella testa il suo fulcro. Questo concetto riveste grande
importanza nella selezione e la combinazione dei punti distali per terapia della cefalea.

Testa

Mano Piede

Tra i meridiani principali Yin solo il Fegato ed il Cuore raggiungono la testa “all’interno”
grazie ai loro percorsi interni. Tutti gli altri meridiani Yin raggiungono indirettamente la
testa attraverso l’anastomosi tra i loro meridiani distinti e i meridiani distinti Yang dei
visceri accoppiati.

Eziopatogenesi
Nella genesi della cefalea possono intervenire molteplici fattori, riconducibili, come sempre,
ai tre elementi: Cielo (ambiente), Uomo (costituzione, mondo emozionale e abitudini di
vita) e Terra (alimenti).
• Fattori genetici e costituzionali:
Genitori anziani o ammalati: Cefalea cronica, comparsa già in età infantile o
adolescenziale, per Deficit di Rene o Fegato.
Shock in gestazione: Deficit di Xue di Cuore.
• Lavoro eccessivo: Deficit del Qi, Deficit di Yin di Rene con possibile secondaria fuga
dello Yang di Fegato.
• Attività sessuale eccessiva, gravidanze numerose e ravvicinate: Deficit del Jing di
Rene, con successivo deficit di Yin o di Yang del Rene; Liberazione dello Yang di
Fegato.
• Alimentazione:
Insufficiente: Cefalea localizzata al vertice, cronica, da Deficit di Qi e Sangue.
Eccessiva: Cefalea frontale, da ostruzione del Qi di Stomaco e indebolimento della
Milza.
Cibi riscaldanti (spezie, carne rossa, alcolici): Cefalea temporo-parietale o al vertice
da Fuoco di Fegato, Cefalea frontale da Calore dello stomaco.
Latte, latticini, dolciumi, cibi grassi: Cefalea frontale con senso di pesantezza da
Catarri-Umidità.
Mangiare velocemente o sul lavoro: Cefalea acuta frontale da ostruzione dello
Stomaco per Ristagno di cibo.
3

Mangiare ad orari irregolari: Cefalea sorda frontale da Deficit dello Yin di Stomaco.
Eccessivo consumo di caffè, tabacco, cioccolato: Cefalea cronica.
• Traumi: Cefalea cronica da Stasi di Sangue, oppure manifestazione nella sede del
trauma di una cefalea da Liberazione dello Yang di Fegato, anche a distanza di molti
anni dal trauma stesso.
• Fattori cosmici:
Vento-freddo: Cefalea acuta, in sede variabile secondo i meridiani colpiti, con
rigidità muscolare cervicale, migliorata dall’applicazione del calore localmente.
Vento-calore: Cefalea acuta, in sede variabile secondo i meridiani colpiti, avvertita
in profondità, con senso di distensione.
Vento-umidità: Cefalea acuta o cronica, in sede variabile secondo i meridiani
colpiti, con senso di pesantezza e confusione.
• Stress emozionale:
Frustrazioni, collera repressa, insoddifazioni: Cefalea acuta o cronica da Stasi del Qi
di Fegato che determina fuga dello Yang di Fegato o risalita del Fuoco di Fegato o
Vento del Fegato.
Collera: liberazione dello Yang del Fegato o Fuoco del Fegato.
Preoccupazioni: Cefalea sorda, frontale o al vertice, da deficit del Qi.
Paure: Deficit di Rene con possibile secondaria fuga dello Yang di Fegato.
Attività mentale eccessiva: Studio, lavoro intellettuale, uso di computer: Cefalee da
deficit di Qi e Sangue; da deficit di Yin con successiva liberazione dello Yang del
Fegato; da Stasi di Qi.

Localizzazione
La localizzazione precisa della zona interessata dalla cefalea ha molta importanza poiché
permette sia una diagnosi eziologica di massima (da confermare con i tre momenti classici
della visita: anamnesi, lingua e polso), che l’individuazione dei meridiani e dei livelli
energetici interessati. Ciò suggerisce la scelta della combinazione dei punti locali e a
distanza, specialmente per il trattamento “sintomatico” della “cima”-biao e l’eliminazione
del “fattore patogeno”.
• Al vertice: Livello Energetico Jue Yin (LR/PC)
Meridiano del Fegato:
Liberazione dello Yang del Fegato,
Deficit del Sangue di Fegato,
Accumulo di Freddo nel Meridiano del Fegato
Deficit di Qi o Sangue che non raggiungono la testa.
Deficit di Sangue del Cuore.
Punti principali: 20 GV, punti Extra Sishencong

Zona temporo-parietale:
Livello Energetico Shao Yang (G.B./T.E.)
Cefalea da Liberazione dello Yang del Fegato;
Risalita del Fuoco di Fegato;
Vento del Fegato.
Punti principali: 5 GB, 8 GB, 20 GB
4

• Zona temporale:
Livello Energetico Shao Yang (G.B./T.E.)
Cefalea da Liberazione dello Yang del Fegato
Risalita del Fuoco di Fegato
Vento del Fegato
spesso monolaterale, pulsante.
Punti principali: punto extra Taiyang, 5 GB, 20 GB

• Zona occipitale:
Livello Energetico Tai Yang (BL/S.I.)
Cefalea cronica: Deficit Rene
Cefalea acuta, con rigidità cervicale:
attacco di Vento-Freddo
Punti principali: 10 BL. 19 GV

• Zona frontale:
Livello Energetico Yang Ming (ST/L.I.)
Dolore sordo: Deficit dello Stomaco
Dolore acuto: Calore allo Stomaco
Con pesantezza: Umidità
Pesantezza e vertigini: Catarri-Umidità
Punti principali: 23 GV, 14 GB, 8 ST, 13 GB

• Zona retrooftalmica:
Dolore sordo: Deficit di Sangue del Fegato
Dolore acuto e intenso: Fuga dello Yang del Fegato
Con pesantezza: Catarri-Umidità
Punti principali:
2BL, punto extra Yuyao, punto extra Yintang

Globale:
Cefalea cronica, dolore sordo e senso di testa vuota:
Deficit del Jing del Rene
Cefalea acuta, dolore intenso:
attacco Vento-Freddo o VentoCalore
Punti principali: 2BL, 23 GV, 5 GB, 20 GB, 16 GV, 20 GV

• Monolaterale, emicranica:
Livello Energetico Shao Yang (G.B./T.E.)
Liberazione dello Yang del Fegato
Risalita del Fuoco di Fegato;
Punti principali: a seconda della zona
interessata, 20 GB.
5

Tipo di dolore
L’analisi delle caratteristiche del dolore permette di indirizzare la diagnosi in senso
eziologico e di selezionare i punti di comando in accordo con la sindrome energetica di
base. Questo consente di impostare la terapia della “radice”-Ben.
• Cronico e Sordo: Cefalea da Deficit
Deficit di Qi e Sangue
Deficit di Sangue del Fegato
Deficit di Rene (di Jing, di Yin, di Yang)
• Acuto e intenso: Cefalea da Eccesso
Liberazione di Yang del Fegato
Risalita del Fuoco di Fegato
Vento del Fegato
Catarri-Umidità
Stasi di Sangue
Calore allo Stomaco
Cefalea da causa esterna
• Improvviso: Cefalea da attacco esterno
• Graduale: Cefalea a genesi interna
• Con senso di pesantezza: Catarri-Umidità (se prevalgono i Catarri sono presenti anche
le vertigini)
• Con senso di distensione (pulsante, senso di testa che scoppia, gonfiore):
Liberazione di Yang del Fegato
Risalita del Fuoco di Fegato
• Con rigidità:
Acuta: Attacco da Vento-Freddo
Cronica: Liberazione di Yang del Fegato
• Senso di “Strappamento”: Vento del Fegato
• Lancinante, a fitte, intenso e fisso in un punto: Stasi di Sangue
• Senso di testa vuota: Deficit di Rene Yin o Yang

Relazione con il miglioramento e il peggioramento


E’ un criterio non sempre attendibile, ma permette di orientare maggiormente l’ipotesi
diagnostica. A parte alcuni aspetti, quali la relazione con il mestruo e con i fattori
emozionali, va considerato solo un elemento secondario.
• Momento della giornata:
peggiora al mattino: Deficit di Qi
peggiora nel tardo pomeriggio e la sera: Deficit del Sangue
peggiora la notte: Deficit del Sangue, Deficit dello Yin di Rene con Fuga dello
Yang di Fegato
• Attività e riposo:
peggiora con l’attività: Deficit Qi e Sangue
migliora con leggero esercizio: Catarri, o Fuga dello Yang di Fegato
migliora con il riposo, in posizione sdraiata: Deficit di Qi e Sangue.
peggiora in posizione sdraiata: Fuga dello Yang del Fegato; Catarri-umidità
• Fattori climatici:
peggiora con il clima caldo: Fuga dello Yang del Fegato; Risalita del Fuoco di Fegato
6

peggiora con il clima freddo: Deficit dello Yang


peggiora con il clima umido: Catarri-Umidità
migliora con applicazione locale di calore: Deficit dello Yang, deficit di Qi e Sangue,
cefalea da Vento-Freddo
migliora con applicazione locale di freddo: Fuga dello Yang di Fegato, risalita del
Fuoco di Fegato.
• Fattori emozionali:
peggiora con gli scatti di collera: Fuga dello Yang di Fegato, risalita del Fuoco di
Fegato.
peggiora con il rilassamento (week-end): Fuga dello Yang di Fegato da Stasi del Qi
peggiora dopo una forte emozione: Fuga dello Yang di Fegato
frustrazione, risentimento, collera repressa: Stasi del Qi del Fegato
• Attività sessuale:
cefalea cronica che peggiora dopo rapporto sessuale: Deficit del Rene
migliora dopo rapporto sessuale (rara): Fuoco di Fegato
• Alimenti:
peggiora dopo mangiato: Ritenzione di cibo; Calore allo Stomaco; Catarri-Umidità
migliora con assunzione di cibo: Deficit di Qi e Sangue
peggiora mangiando cibi di sapore aspro: Fuga dello Yang del Fegato.
• Postura:
migliora in posizione sdraiata: Cefalea da Deficit
peggiora in posizione sdraiata, migliora sedendosi: Cefalea da Eccesso.
• Mestruo:
cefalea premestruale: Fuga dello Yang di Fegato.
cefalea intermestruale: Risalita del Fuoco del Fegato; Stasi di Sangue.
cefalea post-mestruale: Deficit del Sangue.
• Pressione sulla zona dolente:
migliora con la pressione (il paz. appoggia la parte dolente sul cuscino): cefalea da
Deficit
peggiora con la pressione (il paz. non appoggia la parte dolente sul cuscino): cefalea
da Eccesso.
Migliora fugacemente con forte pressione, legandosi la testa: Fuga dello Yang del
Fegato, Risalita del Fuoco del Fegato.

Riassunto
Vento-freddo: intensa, occipitale, con rigidità
Vento-calore: intensa, globale, senso di distensione
Vento-umidità: con pesantezza, come se la testa fosse fasciata
Yang del Fegato, Fuoco del Fegato: pulsante, senso di distensione o di testa che scoppia
Vento del Fegato: dolore a strappamento
Stasi di Sangue: dolore fisso, lancinante, trafittivo, come un chiodo
Catarri: pesantezza, vertigini
Umidità: pesantezza
Deficit di Qi e Sangue: dolore sordo
Deficit di Rene: globale, senso di testa vuota
7

CLASSIFICAZIONE
Le cefalee possono essere classificate secondo diversi criteri che enfatizzano, di volta in
volta, alcuni dei loro aspetti. In realtà, il vero elemento determinante è l’inquadramento
secondo il criterio differenziale Vuoto/Pieno (o Deficit/Eccesso).

1° criterio (esterno/interno)

• CEFALEE ESOGENE (da pienezza, da attacco esterno)


da attacco di Vento-Freddo
da attacco di Vento-Calore
da attacco di Vento-Umidità

• CEFALEE ENDOGENE
Stasi del Qi del Fegato
Liberazione o fuga dello Yang del Fegato
Risalita del Fuoco del Fegato
Vento del Fegato
Accumulo di Catarri-Umidità
• da eccesso Stasi del Sangue-Xue
Ristagno di Cibo
Calore allo Stomaco
Freddo che ristagna nel Meridiano del Fegato

Deficit del Qi
• da deficit Deficit del Sangue-Xue
Deficit dello Yin del Rene
Deficit dello Yang del Rene
Deficit del Jing di Rene

2° criterio (eccesso/deficit)
CEFALEE da ECCESSO
• Esogene, da attacco esterno
• Endogene, da disarmonia interna
CEFALEE da DEFICIT
• Endogene da disarmonia interna

Nella pratica quotidiana si utilizza soprattutto un criterio “clinico” che, escludendo per la
loro scarsa importanza le cefalee esogene, classifica le cefalee endogene sulla base della
maggior frequenza clinica.
3° criterio (clinico)
CEFALEA Endogena
• da Liberazione o Fuga dello Yang del Fegato (e tutte le sue cause)
• da Accumulo di Catarri-Umidità
• da Deficit (di Qi, di Sangue, di Yin o di Yang del Rene)
8

Saranno descritte sistematicamente, seppur in forma sintetica, tutte le forme di cefalea


considerate in Medicina Cinese.

Prima di proseguire, è opportuno illustrare quali sono i punti di agopuntura più importanti
nella terapia di questa forma patologica

Gli Agopunti principali per il trattamento della cefalea


LR.3-Taichong-Grande assalto-Punto Shu (Terra) e Yuan (riceve un vaso Luo trasversale
da GB.37)
Sede: all'incrocio dei due primi metatarsi.
Azioni: seda lo Yang del Fegato, disperde e seda il Vento interno, mobilizza il Qi di Fegato,
ne tratta le stasi ed i Qi ni (da risalita e da Qi che ristagna in senso "orizzontale" nello
Stomaco), mobilizza il Sangue (azione in gran parte mediata dalla mobilizzazione del Qi),
seda gli spasmi, seda lo Shen, purifica il calore di Fegato al capo ed agli occhi, drena
Umidità-Calore dal Fegato, antalgico
Indicazioni: cefalea, vertigini, ipertensione, epilessia, convulsioni, spasmi, depressione,
sensazione di frustrazione, tensione trattenuta e repressa, irritabilità, insonnia, arrossamento
oculare, congestione e dolore oculare, glaucoma, epatiti, ittero, mastiti, dismenorrea,
irregolarità mestruale, disuria, ritenzione ed incontinenza urinaria, enuresi, caldane e
sudorazioni del climaterio, sudorazioni post partum correlate a Fuoco del Fegato, dolori
costali, nevralgie intercostali, dolore agli ipocondri, distensione addominale, dolori pelvici
irradiati a livello lombare, gonalgia, podalgia, paralisi flaccida dell'arto inferiore, dolori
urenti localizzati alle estremità.
Note: questo punto è utilizzato negli eccessi del Fegato poiché ne tratta la Stasi, l'Umidità ed
il Calore, la Liberazione dello Yang, il Vento interno. Rispetto a LR.2 possiede un’azione
meno spiccata sul Fuoco di Fegato, ma in compenso tratta in modo più efficace lo Yang del
Fegato e possiede un’azione propria contro gli spasmi. Come zona dirige maggiormente la
propria azione a livello del capo-occhi ed a livello addominale-epigastrico; il punto LR.2
possiede un’azione a livello di capo e genitali.
LR.2-Xingjian-Cammino nel mezzo-Punto Ying o Rong (Fuoco)
Sede: nello spazio interdigitale del I e del II dito del piede.
Azioni: purifica il Fuoco di Fegato, seda lo Yang del Fegato riconducendolo in basso,
disperde e seda il Vento interno, rinfresca il Sangue, mobilizza il Qi di Fegato e ne tratta la
Stasi, armonizza Stomaco e Fegato e ne tratta il Qi controcorrente (Qi Ni), purifica il calore
al Jiao inferiore, purifica il Calore del Polmone
Indicazioni: cefalea, vertigini, ipertensione, acufeni, epilessia, convulsioni, arrossamento
oculare, congestione e dolore oculare, glaucoma, insonnia, dolori costali, nevralgie
intercostali, dolore agli ipocondri, distensione addominale, tosse da calore del Fegato che
controinibisce il Polmone, nausea, vomito, eruttazioni, rigurgiti, singhiozzo, dismenorrea,
irregolarità mestruale, amenorrea, menometrorragia, leucorrea, orchite, dolore ai genitali,
ernie e dolori erniari, disuria, stranguria, ritenzione urinaria, lombalgia, gonalgia da
interessamento del meridiano Fegato
Note: questo punto è utilizzato negli eccessi del Fegato poiché ne tratta la Stasi, il Fuoco, la
Liberazione dello Yang, il Vento interno.
LR.8-Ququan-Sorgente della curva-Punto He (Acqua)
Sede: in corrispondenza alla prominenza muscolare della "zampa d'oca" alla estremità
interna della piega di flessione del ginocchio.
9

Azioni: drena il calore umidità dal Fegato, drena il calore umidità al Jiao inferiore, mobilizza
il Qi di Fegato, nutre il Sangue del Fegato, rilassa muscoli e tendini, seda lo Shen,
regolarizza la Vescica
Indicazioni: cefalea, vertigini, dismenorrea, dolore distensivo del post partum, dolore
erniario, leucorrea, prurito genitale, dolore a livello genitale, prostatite, impotenza,
spermatorrea, prolasso uterino, depressione, irritabilità, agitazione, disturbi della vista,
emeralopia, ambliopia, ritenzione urinaria, gonalgia, dolore alla parte mediale della coscia.
Note: questo punto possiede una spiccata azione nel drenare Umidità-Calore ed Umidità-
Freddo dal Jiao inferiore: è clinicamente utilizzato con grande frequenza nelle disurie e
leucorree.
Come punto Acqua usato secondo la tecnica di tonificazione nutre lo Yin ed in particolare il
Sangue del Fegato e per questo possiede azione sui disturbi visivi.
GB.43-Xiaxi-Fossato laterale-Punto Ying o Rong (Acqua).
Sede: nello spazio interdigitale fra IV e V dito del piede.
Azioni: seda lo Yang del Fegato e disperde lo Yang in alto, purifica il Calore a Fegato e
Vescicola Biliare, drena il Calore-Umidità, migliora l'udito.
Indicazioni: vertigini e cefalea specie a localizzazione temporale correlate a salita dello
Yang di Fegato, parotite, otite, acufeni, tinnito, ipoacusia, sordità, malattie febbrili,
ipocondralgia, gonalgia, dolore al dorso del piede, spasmo alle dita del piede.
TE.5-Waiguan-Barriera esterna-Punto Luo, punto chiave del meridiano curioso Yangwei.
Sede: 2 distanze al di sopra della piega posteriore del polso, fra il radio e l'ulna.
Azioni: disperde il Vento-Calore: diaforetico, disperde le sei energie patogene esterne e
libera il Biao, disostruisce il meridiano e riattiva i collaterali, abbassa e seda lo Yang di
Fegato, apporta beneficio all'orecchio e migliora l'udito
Indicazioni: acufeni, tinnito, otalgie sia da aggressione da vento esterno sia da disarmonia
ed eccesso di Fegato, cefalea temporale da liberazione dello Yang di Fegato, Sindromi Bi
interessanti l'arto superiore specie nel tratto prossimale con dolore alla spalla ed alla nuca,
dolori al polso, dolore delle dita con difficoltà alla prensione, dolore della mano, difficoltà
motoria del gomito e del braccio, anche quale esito di paresi, coxalgia, malattie febbrili da
aggressione del Vento-Calore, sindrome del Taiyang, dello Shaoyang, sindrome dello strato
difensivo Wei Qi, parotite, odontalgia.
SP.6-Sanyinjiao-Incrocio dei tre Yin
Sede: a 3 distanze dal malleolo interno, in un incavo, sul bordo posteriore della tibia; dal
bordo inferiore della rotula al malleolo interno ci sono 15 distanze, perciò si trova ad un
quinto di questa distanza.
Azioni: tratta il Sangue (con particolare riferimento a Milza, Fegato e Rene), nutre e tonifica
il Sangue, mobilizza il Sangue e ne tratta le stasi, rinfresca il Sangue, armonizza Qi e
Sangue, promuove la discesa del Sangue, regolarizza l'utero, la zona pelvica e il mestruo,
tonifica la Milza e ne tratta le patologie, metabolizza l'Umidità, tonifica il Rene, promuove
la libera circolazione del Qi del Fegato, ne sostiene e mobilizza il Qi, drena il Calore
Umidità dal Jiao inferiore, purifica il Calore nei tre Yin del piede, seda lo Shen, è punto
recuperatore dell'energia Yang, disperde il Vento, disostruisce i meridiani, antalgico.
Indicazioni: cefalea, distensione addominale, borborigmi, anoressia, diarrea da deficit di
Milza, dismenorrea, amenorrea, oligomenorrea, perdite ematiche uterine, menometrorragia,
irregolarità mestruale, mestruo anticipato, fibroma uterino, masse addominali, sterilità, parto
laborioso, parto distocico, ritenzione placentare, ritenzioni di lochi, lochiazioni dolorose o
10

prolungate, prolasso uterino, leucorrea, impotenza, spermatorrea, ernia scrotale ed


inguinale, orticaria, eczema, dermatiti da secchezza.
GB.20-Fengchi-Stagno del vento-Punto di riunione con i curiosi Yangwei e Yangqiao;
punto Vento: disperde il Vento esterno ed il Vento interno, il Vento-Calore ed il Vento-
Freddo.
Sede: nella depressione tra i muscoli trapezio e sternocleidomastoideo, a livello del
puntoGV.16 Fengfu
Azioni: calma il Fegato e ne seda lo Yang, purifica il Calore, rischiara il cervello, rischiara
la vista, migliora l'udito.
Indicazioni: cefalea, vertigini, affezioni oculari: vista offuscata, congiuntivite, irite,
cataratta, atrofia del nervo ottico, glaucoma, tinniti, acufeni, ipoacusia da Yang del Fegato al
capo, ipertensione, ictus, emiplegia, difficoltà alla deglutizione conseguente ad ictus,
diminuzione della memoria, difficoltà di concentrazione, insonnia, cervicalgia, tumefazioni
e gonfiori cervicali.
GV.20-Baihui-Cento riunioni-Punto di riunione dei meridiani Yang, Punto Mare del
midollo
Sede: alla sommita' della testa, all'inserzione della linea mediana e della linea che unisce la
sommita' delle due orecchie; in corrispondenza di una fossetta che, qualche volta, é
lievemente posteriore alla localizzazione precedente.
Azioni: Disperde e seda il vento interno, rischiara e purifica la mente, nutre il cervello, seda
lo Shen, sostiene la funzione di ascesa della Milza e favorisce la salita dello Yang e del Qi
alla testa, tonifica lo Yang, apre gli orifizi: punto di rianimazione
Indicazioni: Vertigine, cefalea, epilessia, ipertensione, ictus, emiplegia perdita di coscienza,
coma, prolassi, emorroidi, diarrea, insonnia, ansia, isteria, depressione, amnesia, ostruzione
nasale.
Note: in dispersione disperde il vento; in tonificazione e moxibustione tonifica lo Yang,
favorisce la salita dello Yang e del Qi per attivazione delle funzioni di ascesa della Milza e
tratta pertanto i prolassi d'organo.

CEFALE ESOGENE
1. Vento-Freddo:
Cefalea acuta, intensa, sul territorio Tai Yang, con rigidità dei muscoli cervicali, avversione
al freddo, miglioramento con applicazione di calore localmente, sintomi influenzali.
Principio terapeutico: liberare l’esterno, espellere il Vento, disperdere il Freddo, rimuovere
il blocco della circolazione nei meridiani.
Agopuntura: punti locali: punti del Tai Yang interessati, punti Ashi, 10 BL, 20 GB. 16 GV,
20 GV
Punti distali: 3 SI, BL 62, BL 60, 7 LU
Farmacologia:
Preparazioni pronte: Chuan Xiong Wan.

2. Vento-Calore:
Cefalea acuta, intensa, globale, con senso di distensione, febbre, miglioramento con
applicazione di fresco localmente, sintomi influenzali.
Principio terapeutico: liberare l’esterno, espellere il Vento, purificare il Calore, rimuovere il
blocco della circolazione nei meridiani.
Agopuntura: punti locali: punti Ashi, 20 GB, 14 GV, 16 GV, 20 GV, 5GB
11

punti distali: 4 LI, 11 LI


Farmacologia:
Preparazioni pronte: Yin Qiao Pills

3. Vento-Umidità:
Cefalea acuta, intensa, globale, con pesantezza, come se la testa fosse fasciata, con senso di
distensione, confusione, sintomi influenzali.
Principio terapeutico: liberare l’esterno, espellere il Vento, dissolvere l’Umidità, rimuovere
il blocco della circolazione nei meridiani.
Agopuntura: punti locali: punti Ashi, 8 ST, 23 GV
punti distali: 7 LU, 6 LI, 6 SP

CEFALEE ENDOGENE

Cefalee da Eccesso
1. Stasi del Qi di Fegato
Cefalea frontale o temporale, non pulsante, spesso emicranica e alternante, associata a
nausea, eruttazioni, distensione addominale, dolore ipocondriaco, tensione emotiva,
irritabilità.
Lingua: normale, opaca. Polso: teso a fil di ferro-xian
Principio terapeutico: sedare il Fegato, lo Shen e il dolore, mobilizzare il Qi e le Stasi.
Agopuntura: punti locali: punti in corrispondenza della zona dolente (vedi localizzazione),
24 GV, punto extra Taiyang, punto extra Yintang
punti distali: 3 LR, 34 GB, 4 LI, 6 SP, 14 LR
Analisi: 3 LR regolarizza il Fegato e rimuove la Stasi, 34 GB elimina la Stasi del Qi del
Fegato, 4 LI rimuove la Stasi e calma lo Shen, 6 SP stimola la funzione del Fegato ed il
libero fluire del Qi del Fegato, 14 LR elimina la Stasi del Qi del Fegato.
Farmacologia:
Preparazioni pronte: Xiao Yao Wan, Chai Hu Wan, Shu Gan Wan
Nota: Preferire Xiao Yao San quando prevalgono i sintomi psichici , soprattutto in donne, e
qualora coesistano alterazioni del ciclo mestruale, in quanto tonifica il Sangue del Fegato;
Chai Hu Shu Gan Tang, invece, quando prevalgono i sintomi da Stasi a livello somatico.
Shu Gan Wan è indicato quando i sintomi da ristagno dell’energia del Fegato sono
localizzati a livello gastrico e intestinale.

2. Liberazione o Fuga dello Yang del Fegato


Cefalea intensa, distensiva, pulsante, localizzata alle tempie, al vertice, agli occhi, con
scotomi e fotofobia, diffusione lungo il percorso di G.B., associata a nausea, vomito e talora
diarrea, vertigini, ansia, insonnia. Si può presentare in alcuni pazienti durante il fine
settimana.
E’ la cefalea di più frequente osservazione clinica. E’ molto importante riuscire ad
individuare la disarmonia che ne è all’origine per impostare correttamente la terapia più
efficace.
La radice della Fuga dello Yang del Fegato è riconducibile ad una delle seguenti cause:
Stasi del Qi del Fegato
Deficit del Sangue del Fegato
12

Deficit dello Yin del Fegato


Deficit dello Yin del Fegato e del Rene
Deficit dello Yang del Rene che induce un deficit dello Yin del Fegato e del Rene

Lingua: rossa ai bordi Polso: teso-xian (questo è valido in linea generale, in quanto
polso e lingua saranno espressione anche della patologia di base).

• Se vi è Stasi del Qi del Fegato la lingua sarà di colore normale con bordi leggermente
arrossati ed il polso teso.
• Se vi è Deficit del Sangue la lingua sarà pallida ed il polso teso e fine.
• Se vi è Deficit dello Yin la lingua sarà rosso-spento con aree disepitelizzate ed il polso
fine, vuoto, galleggiante e leggermente rapido (se vi è calore-vuoto).
• Se vi è Fuoco di Fegato la lingua sarà rossa, con patina piuttosto secca di colore giallo o
marrone ed il polso teso e rapido.

Principio terapeutico: sedare il Fegato e sottomettere lo Yang ribelle, come trattamento


della cima (eliminazione del fattore patogeno); rimuovere la Stasi, nutrire lo Yin o il Sangue
a secondo della disarmonia di base.
Agopuntura: punti locali: 20 GB, 5 GB, 8 GB, 13 GB, 14 GB, 21 GB, 2 BL, 1 GB, 23 TE,
punto extra Taiyang, punto extra Yuyao
punti distali: 3 LR, , 43 GB, 5 TE, 8 LR, 6 SP, 3 KI, 6 PC, 7 LU
Analisi: i punti locali vanno selezionati in base alla zona colpita.
20 GB sottomette lo Yang ed il Vento del Fegato, specifico per le cefalee; 3 LR seda il
Fegato e ne sottomette lo Yang; 43 GB elimina il fattore patogeno da “pieno” alla testa,
sottomette lo Yang ribelle, rimuove le ostruzioni nel meridiano di Vescica Biliare alla testa
(punto Ying); 5 TE tratta la fuga dello Yang del Fegato, disostruisce il livello energetico
Shao Yang; 8 LR nutre il Sangue e lo Yin del Fegato; 6 SP regolarizza il Fegato e nutre il
Sangue; 3 KI tonifica lo Yin del Rene; 6 PC armonizza il Fegato, calma lo Shen; 7 LU,
punto speciale per le cefalee.
Farmacologia:
Preparazioni pronte da “I tre tesori”di G. Maciocia:
1) Bend Bamboo, quando i sintomi della fuga dello Yang prevalgono sulla radice di deficit
del Sangue (abbassa molto lo Yang, nutre poco il Sangue); la lingua deve essere pallida o
con bordi leggermente arrossati, sottile.
2) Brighten the Eyes, se il deficit di Sangue prevale sulla fuga dello Yang (nutre molto,
abbassa poco); la lingua deve essere pallida specialmente ai bordi, sottile.
3) Clear Yang, quando la Fuga dello Yang del Fegato è associata a Flegma-Umidità con
eventuale deficit del Sangue o dello Yang del Rene; la lingua deve essere gonfia e rossa ai
lati con induito bianco-viscoso. Il dosaggio di tutti i profotti è di 2-3 compresse per 2-3
volte al dì. A questi rimedi principali si possono associare formule per trattare le altre
condizioni di base. Ad esempio, Bend Bamboo si può associare a Strengthen the Root se
coesiste deficit dello Yang del Rene, a Nourish the Root se vi è deficit dello Yin del Rene, a
Precious Sea o Brigthen the Eyes se il deficit di Sangue è molto marcato. Clear Yang si può
abbinare a Limpid Sea se la presenza del Flegma è predominante, oppure a Bend Bamboo se
la risalita dello Yang è l’elemento principale, a Streghten the Root se coesiste deficit dello
Yang del Rene, oppure a Soothe the Centre se vi è presenza di deficit della Milza.
13

3. Risalita del Fuoco del Fegato:


Cefalea distensiva, intensa, pulsante, talora associata a sensazione di calore, con nausea,
vomito, occhi rossi, bocca amara, sete, irritabilità, vertigini, acufeni, oliguria, stipsi.
Lingua: rossa ai bordi. Polso: teso a fil di ferro-xian e rapido-shuo
Principio terapeutico: sedare il Fegato e purificare il Fuoco.
Agopuntura: punti locali: 20 GB, 5 GB, 8 GB, 13 GB, 14 GB, 21 GB, 2 BL, 1 GB, 23 TE,
punto extra Taiyang, punto extra Yuyao
punti distali: 2 LR, 43 GB, 44 GB, 38 GB, 6 SP, 5 TE, 11 LI
Analisi: 2 LR elimina il Calore e purifica il Fuoco (punto Ying), 44 GB, 43 GB, 38 GB
eliminano il Calore dalla Vescica Biliare e trattano il livello Shao Yang; 6 SP nutre lo Yin e
lo protegge dal Fuoco, 5 TE libera il livello Shao Yang; 11 LI purifica il Calore; 20 GB
sottomette il Fuoco del Fegato.
Farmacologia:
Preparazioni pronte: Long Dan Xie Gan Tang;

4. Vento del Fegato:


Sintomatologia e localizzazione sovrapponibili alla cefalea da Fuga dello Yang del Fegato e
da Risalita del Fuoco del Fegato cui si associa il sintomo caratteristico delle vertigini. Il
Vento del Fegato spesso origina dalla Stasi di Qi del Fegato, dal Fuoco del Fegato, o dal
Deficit di Sangue del Fegato, situazione delle quali il polso e la lingua saranno espressione.
Principio terapeutico: sedare il Fegato ed eliminare il Vento.
Agopuntura: punti locali:20 GB, 16 GV, 20 GV, punti in corrispondenza della zona dolente
(vedi localizzazione).
punti distali: 3 LR, 6 SP, 5 TE, 3 SI, 62 BL
Analisi: 3LR sottomette il Vento del Fegato; 6 SP seda il Vento nutrendo lo Yin e il Sangue;
20 GB sottomette il Vento interno ed esterno, 16 GV e 20 GV sottomettono il Vento interno
e trattano la cefalea, 3 SI e 62 BL sottomettono il Vento interno che agita il Du Mai.
Farmacologia:
Preparazioni pronte: Tian Ma Gou Teng Yin

5. Accumulo di Catarri-Umidità
Cefalea associata a sensazione di testa ovattata e pesante, difficoltà alla concentrazione,
vertigini, nausea, anoressia, vista offuscata, talora diarrea o feci molli.
Lingua: induito spesso e grasso. Polso: scivoloso
Principio terapeutico: dissolvere i Catarri, drenare l'Umidità, favorire la salita dello Yang
puro, attivare lo Stomaco e la Milza.
Agopuntura: punti locali: 8 ST, 23 GV, 24 GV, 20 GV, punto extra Yintang
punti distali: 3 SP, 9 SP, 36 ST, 40 ST, 4 LI, 7 LU, 12 CV, 20 BL, 21 BL
Analisi: 3 SP elimina l’Umidità in generale e alla testa in particolare in quanto punto distale
del meridiano, 9 SP dissolve l’Umidità, 36 ST tonifica Stomaco e Milza ed elimina
l’Umidità, 40 ST dissolve i Catarri, 4 LI elimina il fattore patogeno alla testa, 7 LU, punto
speciale per la cefalea, stimola la risalita dello Yang puro alla testa, 12 CV, 20 BL e 21 BL
tonificano Stomaco e Milza e dissolvono l’Umidità.
Farmacologia:
Preparazioni pronte: Er Chen Wan oppure Ban Xia Hou Po Wan aggiungendo Chuan
Xiong Wan.
14

6. Stasi del Sangue:


Cefalea cronica, intensa, fissa, come un chiodo che trafigge, spesso post-traumatica,
associata a dismenorrea con flusso di sangue scuro abitato da coaguli, dolore addominale e
ipocondriaco.
Lingua: violacea o rosso scura, talora presenza di chiazze echimmotiche sul corpo.
Polso: teso-xian e rugoso.
Principio terapeutico: mobilizzare il Sangue, sedare il dolore.
Agopuntura: punti locali: punti dolenti Ashi, anche in sanguinamento o elettrostimolazione,
punto extra Taiyang, punti extra Sishencong, 18 TE, 2BL.
punti distali: 3 LR, 6 SP, 10 SP, 4 LI, 11 LI, 17 BL, 18 BL
Analisi: sono importantissimi i punto dolenti locali!
3 LR promuove la circolazione del Sangue e tratta la cefalea, 6 SP e 10 SP muovono il
Sangue, 4 LI sblocca la circolazione del Sangue alla testa, 11 LI rinfresca e fa circolare il
Sangue, 17 BL è il punto ad azione speciale sul Sangue, 18 BL promuove la circolazione del
Sangue del Fegato.
Farmacologia:
Preparazioni pronte: Tao Hong Pills

7. Ritenzione del cibo:


Cefalea frontale, intensa, tipicamente a seguito di abusi alimentari; si associano distensione
e pienezza epigastrica, rigurgiti acidi e di cibo, eruttazioni.
Lingua: induito giallo, spesso, colloso. Polso: pieno, scivoloso
Principio terapeutico: dissolvere la stasi del cibo, promuovere la discesa del Qi dello
Stomaco e la digestione.
Agopuntura: punti locali: 8 ST, 23 GV, 14 GB, punto extra Yintang, punto extra Yuyao.
punti distali: 4 SP, 45 ST, 44 ST, 40 ST, 36 ST, 34 ST, 21 ST, 4 LI, 6 PC, 13
CV, 12 CV, 10 CV
Farmacologia:
Preparazioni pronte: Bao He Wan.

8. Calore allo Stomaco:


Cefalea generalmente frontale, associata a gastralgia, sete di bevande fresche, stipsi con
feci secche. In presenza di una sindrome Yang Ming, comparsa anche di febbre ed
iperidrosi.
Lingua: con patina gialla e asciutta. Polso: ampio e rapido.
Principio terapeutico: purificare il Calore allo Stomaco e regolarizzarne il Qi.
Agopuntura: punti locali: 8 ST, 23 GV, 14 GB, punto extra Yintang, punto extra Yuyao.
punti distali: 44 ST, 34 ST, 4 LI

9. Accumulo di Freddo nel Meridiano del Fegato:


Forma rara di cefalea, intensa, localizzata al vertice (Jue Yin), associata a sensazione di
freddo, vomito, erniazioni.
Lingua: patina bianca ai lati o diffusa. Polso: teso-jin.
Principio terapeutico: riscaldare il meridiano del Fegato, espellere il Freddo, regolarizzare il
Qi.
Agopuntura: punti locali: 20 GV, punti extra Sishencong
punti distali: 3 LR, in moxa
15

Cefalee da Deficit
1. Deficit del Qi
Cefalea sorda, aggravata dagli sforzi e migliorata dal riposo, più intensa al mattino, astenia,
dispnea da sforzo, feci molli; palpitazioni se coesiste Deficit del Qi di Cuore.
Lingua: pallida, gonfia ed improntata. Polso: vuoto.
Principio terapeutico: tonificare il Qi, favorirne l'ascesa.
Agopuntura: punti locali: punti in corrispondenza della zona dolente (vedi localizzazione),
20 GV, 7 BL, anche in moxa
punti distali: 3 SP, 6 SP, 36 ST, 6 CV, 4 LI, 20 BL
Analisi: 3 SP, 6 SP, 36 ST tonificano il Qi; 6 CV tonifica e fa salire il Qi; 4 LI, in
combinazione con 36 ST, tonifica e fa salire il Qi; 20 BL tonifica il Qi di Milza e lo fa
salire, 20 GV, in moxa, fa salire il Qi.
Farmacologia:
Preparazioni pronte: Bu Zhong Yi Qi Wan oppure Gui Pi Wan. Si può utilizzare anche
Huang Qi, estractum Astragali, bustine o fialoidi per os.

2. Deficit del Sangue


Cefalea al vertice che peggiora al pomeriggio-sera ed al termine del mestruo e migliora
coricandosi. Coesistono difficoltà alla concentrazione, perdita di memoria, palpitazioni,
colorito pallido, insonnia.
Lingua: pallida e sottile. Polso: vuoto e fine
Principio terapeutico: nutrire il Sangue, tonificare e far salire il Qi.
Agopuntura: punti locali: punti in corrispondenza della zona dolente, 20 GV.
punti distali: 3 SP, 6 SP, 36 ST, 8 LR, 4 CV, 20 BL, 18 BL, 17 BL, 15 BL
Analisi: 20 GV fa salire il Qi; 3 SP, 6 SP, 36 ST, 20 BL nutrono il Sangue e tonificano il Qi,
8 LR tonifica il Sangue del Fegato, 4 CV tonifica il Sangue, 18 BL nutre il Sangue del
Fegato, 17 BL è punto ad azione speciale sul Sangue, 15 BL nutre il Sangue del Cuore per
sostenere l’azione dell’organo di portare il Sangue alla testa.
Farmacologia:
Preparazioni classiche in decotto:
Preparazioni pronte: Ba Zhen Wan oppure Gui Pi Wan. Si può utilizzare anche Huang Qi,
estractum Astragali, bustine o fialoidi per os.

3. Deficit dello Yin del Rene


Cefalea a difficile localizzazione, caratterizzata da senso di testa vuota e peggiorata a
seguito di rapporti sessuali; si associano vertigini, acufeni, amnesia, calore ai cinque incavi,
febbricola serotina, sudorazioni notturne, oliguria, lieve stipsi .
Lingua: rossa e disepitelizzata. Polso: vuoto, fine, superficiale
Principio terapeutico: tonificare lo Yin del Rene, nutrire il Jing.
Agopuntura: punti locali: punti in corrispondenza della zona dolente (vedi localizzazione),
20 GV, 19 GB, 10 BL, 7 BL, 17 GV
punti distali: 3 KI, 6 KI, 6 SP, 60 BL, 4 CV, 23 BL
Farmacologia:
Preparazioni classiche in decotto: 1) o pillola di dei sei sapori con Rehmannia: tonifica lo
Yin del Rene e del Fegato.
Preparazioni pronte: Liu Wei Di Huang Wan
16

4. Deficit dello Yang del Rene


Cefalea come sopra, associata a freddolosità, astenia lombare e alle ginocchia, poliuria,
incontinenza, polluzione notturna, leucorrea.
Lingua: pallida. Polso: profondo, debole
Principio terapeutico: tonificare lo Yang del Rene, nutrire il Jing.
Agopuntura: punti locali: punti in corrispondenza della zona dolente (vedi localizzazione),
20 GV, 19 GB, 10 BL, 7 BL, 17 GV
punti distali: 3 KI, 7 KI, 6 SP, 60 BL, 4 CV, 23 BL
Farmacologia:
Preparazioni pronte: Strenghten the Root

Bibliografia

1. Maciocia G., La Clinica in Medicina Cinese, Casa Editrice Ambrosiana,


Milano,1995.

2. Maciocia G., I fondamenti della Medicina Tradizionale Cinese, Casa Editrice


Ambrosiana, Milano,1996.

3. Auteroche B., Navailh P., La diagnosi in Medicina Cinese, Edi-Ermes, Milano 1986

4. Di Concetto G., Sotte L., Pippa L., Muccioli M., Trattato di Agopuntura e di
Medicina Cinese, UTET, Torino, 1992.

5. Di Concetto G., Terapia Clinica in agopuntura e medicina cinese, Quaderni di


Medicina Naturale Vol.I - Rivista Italiana di Medicina Tradizionale Cinese,
n°51,maggio-giugno 1993.

6. Atti del 4° Congresso Nazionale Umab (Uninone Medici Agopuntori Bresciani):


“Cefalea, un rompicapo senza confini: medicina accademica, agopuntura,
riflessoterapia”- Giugno 1997

7. Maciocia G., I tre tesori. Il tesoro delle donne, The Peony Press-East West Herbs
Italia srl, Roma 1995

Archivi informatici:
1. sito Umab: www1.popolis.it/umab/
17

CEFALEA: caso clinico


L.A. anni 34, maschio - Prima visita: 03 Agosto 2000
Motivo della visita:
Emicrania da 8 anni, comparsa in seguito a incidente stradale con colpo di frusta.

Anamnesi personale:
Vive in famiglia con i genitori ed una sorella. Lavora come geometra in uno studio tecnico.
Non ha un affetto stabile.
Il lavoro lo soddisfa, in casa vi sono tensioni, specie con la madre che è molto possessiva
ed invadente. Il loro rapporto è insoddisfacente: la madre, presente alla visita, lo
rimprovera di non “parlare”, lui minimizza e cerca di evitare i contrasti.

Anamnesi patologica remota:


Fin da ragazzo ha sofferto di cefalea temporale (Shao Yang), bilaterale, pulsante,
spesso il fine settimana.
Alcune volte lombalgia, non significativa.

Anamnesi patologica prossima:


Emicrania dx: occipitale, in zona ben delimitata, area di un centimetro, ben localizzabile,
indicata con un dito, non irradiata, va in profondita' come un "chiodo", inizia
bruscamente, non preceduta da aura, alcune volte nausea.
Forse peggiora con la pressione esterna, appoggiando la testa, spontaneamente tenta di
massaggiare la testa o muovere il collo.
Frequenza: 1 volta settimana, ma anche 2-3 episodi in un giorno.
Usa supposta Imigran 25 mg; insensibile alla compressa da 50 mg.
L'emicrania puo' comparire senza nessun collegamento esterno, forse peggiora con
esposizione al vento o umidita', non con l’alimentazione; non fuma.

Polso: Xian-teso a corda , specie a dx


Lingua: rossa, spot rossi

Diagnosi:

Principio Terapeutico:

Terapia:
18

Sviluppo del caso


9^seduta (18/10/2000): avverte solo "tensione" sull'area solita, mai cefalea.

13^ seduta (06/12/2000): molti episodi di emicrania che interessa una zona piu' ampia,
sempre a dx, il dolore e' piu' superficiale, non piu' trafittivo. l'intensita' del dolore e i suoi
caratteri sono variabili.
Non assume piu' imigram , ma aulin.

15^ seduta (12/01/2001): il dolore compare gia' al mattino, ma passa sdraiandosi, non
assume piu' farmaci.
Il dolore non e' piu' avvertito nella zona tipica, e’ piu' in profondita’ e piu'diffuso,
spesso il fine settimana, diverso da prima: temporale, poi parietale fino a 20 GB (Shao
yang), solo a dx, profondo, meno localizzato.
Se appoggia la testa sul cuscino con la parte dolente puo' comparire la cefalea.
Avverte ancora "tensione".

Polso: Xian-teso a corda specie a dx


Lingua: rossa, specie alla punta e ai bordi, nettamente ridotti gli spot.

Diagnosi:

Principio Terapeutico:

Terapia: