Sei sulla pagina 1di 31

DISEÑO DE PLANTAS DE

PROCESOS QUIMICOS

LUIS MONCADA ALBITRES MSc.


NATIONAL UNIVERSITY DI TRUJILLO

TRUJILLO - PERU
Distillazione i

Indice

Presentazione
Indice
Ho.
CAPITOLO 1 1

INTRODUZIONE 1
1.1 DESTILATION 1
1.2 PROCESSO DESTILATIONCONTINUO 2
1.3 OPERAZIONI DI DISTILLAZIONECOMPLESSE 4
1.4 OPERAZIONI DI SEPARAZIONECORRELATE 4

CAPITOLO 2 5

DATI TERMODINAMICI 5

2. Dati LIQUID BALANCE – VAPOR (ELV) 5


1
2.1.1 K-Valori e Volatilità relativa 5
2.1.2 Sistemi ideali e non ideali 7
2.1.3 Effetto della temperatura, della pressione e della composizione sui 9
valori
K e volatilità Volatilidad
Effetto della temperatura e della pressione 9
Effetto della composizione 10
2.1.4 Diagrammi di fase fase 12
Diagrammi di composizione della temperatura (T-x) 12
LUIS MONCADA ALBITRES
Distillazione ii
2.1.5 Calcoli dei punti bolla e dei punti di rugiada 13

LUIS MONCADA ALBITRES


2.1.6 Azeotropos 14
2.2 NOMENCLATURA 15
2.2. Testi in spagnolo 15
1
2.2. Testi greci 15
2
2.2. Pedici 15
3
2.2. Esponente 15
4

CAPITOLO 3 16

CONCETTI CHIAVE SOVRAFRAMISSION 16

3. LERORICA STAGES 17
1
3.1.1 Riunioni ideali e non ideali 17
Efficienza scenica etapa 19
3.1.2Sorbizione o esaurimento ("Stripping"), Rettificazione e 19
Frazionamento
3.1.3 Bilanci di materia ed energia 21
Fasi multiple 23
3. DIAGRAMAS x – y 23
2
3.2.1 Diagramma McCabe-Thiele: Fondamenti 24
3.2.2 Flussomolare costante e altre ipotesi Flusso molare costante e 26
altre ipotesi
Flusso molare constante costante 26
Altre ipotesi 27
3.2.3 Diagrammi McCabe-Thiele: Equazioni di linea 28
Curva di bilanciamento 28
Linea diagonale di 45o 28
Linea di bilancio dei componenti (operativa) 28
Righe saldo componente in sospeso (operazione) 28
Intersezione delle linee di saldi dei componenti 28
(operativo) con la diagonale.
Intersezione di due linee di saldi componenti 29
(operativo)
Intersezione dellalinea q con la diagonale di 45o. 29
Pendenza linea-q 30
Riepilogo 30
3.2.4.Costruzione di diagrammi McCabe -Thiele 30
3.2.5 Fase ottimale di potenza e cambiamento 34
Variazione (instabilità) 35
3.2.6 Rapporto di reflusso minimo de 36
3.2.7 Desorption minima 38
3.2.8 Riflusso totale e numero minimo di fasi 39
3.2.9 Considerazioni sull'efficienza scenica 39
Distillazione iii

3.3COFIN CHIAVE DISTILLATIONCEPTS41


Componenti
3.3.1 Tasti e non chiavi41 no

CAPITOLO 443

BREVI METODI DI PROGETTAZIONE E OTTIMIZZAZIONE DI


43
Colonne
4.1 DESIGN PROCESS E SEPARAZIONE DISEGNO LAVORO Y43
Ottimizzazione
4.1.1Specifica di separazione: requisiti e opzioni 43
Specificare la quantità di prodotto 44
Specifiche composición di composizione 44
Specifica delle proprietà fisiche 45
Specifica del carico di calore (o flussi interni) 45
Prodotti laterali 45
Aggiunta o rimozione di calore 45
4.1.2Pressione della colonna statale la columna 46
Aumento della pressione delle colonne 46
Impostazione della pressione 46
4.1.3 Rapporto reflujo de di reflusso ottimale 47
Quando il rapporto di reflusso aumenta 47
4.1.4 Processo di progettazione Proceso 48
4. METODI DI PROGETTAZIONE PER I SISTEMI BINARI 49
2
4.2.1 Metodo McCabe-Thiele 49
4.2.2 Basse de concentrazioni di prodotti 49
4.2.3 Equazione Fumatori La 54
4. DISTILLAZIONE DI PIÙ COMPONENTI: CONSIDERAZIONI 58
3
Generale
4. DISTILLAZIONE DI PIÙ COMPONENTI: METODI BREVI 59
4
PER FASI E REQUISITI DI REFLUSSO
4.4.1 Sistemi pseudo-binari Sistemas 59
4.4.2 Numero minimo di fasi 63
Modifica Winn 65
4.4.3 Riflusso minimo 67
Metodo Underwood 67
Metodo grafico Underwood 68
Altri metodi brevi 68
4.4.4 Ridisposizione minima per sistemi contenenti chiavi no non distribuite 68
4.4.5 Relazioni tra tappe e reflusso 71
Correlazione gilliland 71
Equazioni numeriche di Gilliland 72
Distillazione iv
Correlazione Erbar – Maddox 73
4.4.6Individuazione la della posizione della fase 74
Equazione di Fenske 74
Equazione Kirkbride 75
4.4.7 Distribuzione di componenti non chiave 76
Recupero distillato el 76
Recupero distillato el 77
4.4.8 Metodo Convergencia Convergence 79
4.4.9 Analisi delle colonne esistenti: metodo Smith Brinkley 80
4.4.1 L'equazione di Jafarey, Douglas Design and Control e McAvoy 84
0
Estensione alle separazioni multicomponente 85

4.5 NOMENCLATURA 88
4.5.1 Testi in spagnolo 88
4.5.2 Testi greci 88
4.5.3 Pedice 89

CAPITOLO 5 90

CALCOLI RIGOROSi DI DESTILATION 90

5. Basi 90
1
5.1.1 Gradi di libertà e variabili progettuali 90
Definizioni 90
Analisi degli elementi elementos 91
Analisi delle unità 93
5.1.2 columna Dimensioni delle colonne e delle fasi 97
de Modello di colonna 97
Valutazione dei metodi di progettazione 99
5. METODO LEWIS E MATHESON 99
2
5. METODO THIELE E GEDDES 105
3
5. METODI DI RILASSAMENTO 113
4
5. METODI DI ALGEBRA LINEARE 113
5
5. METODO TRIDIAGONAL MATRIX 114
6
Strategia generale di risoluzione matematica 116

CAPITOLO 6 117
DISTILLATIONS SEMPLICI 117

6.1 DESTILATION BATCH 117 (“BATCH”)


6.1.1 Distillazione semplice 120
6.1. Distillazione batch con rettifica 126
2
Rapporto di reflusso costante de 126
Rapporto di reflusso variabile de 132
6.1. Tempo e requisiti di vaporizzazione (bollitore) 138
3
Motivo del costante reflusso 138
Rapporto di reflusso variabile de 138
6.1. Equilibrio distillazione equilibrio "flash" 142
4
Team 142
Curva di bilanciamento 143
Design 143
6.1. Distillazione della rete a vapore 147
5

CAPITOLO 7 151

PROGETTAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA PIASTRA 151

7. CONTATTI FINITI FASE 151


1
7. UNITÀ DISH CON CAPS BUBBLING, PLATES PERFORATEd 152
2 E PLATES VALVE
7. EFFICIENZA DELLA LAMIERA 154
3
7.3.1 Domanda di efficienza plato 155
Sistemi multicomponenti múltiple componentes 155
7.3.2 de Correlazione di O'Connell 156
7.3.3 Van Winkle Correlazione 158
7.3.4 la Metodo AIChE 159
7.3.5 Trascinamento 162
7. DIMENSIONI APPROSSIMATIVE COLONNA 163
4
7.4.1 Spaziatura de platos dei piatti 163
7.4.2 la Diametro de colonna 163
7.4.3 Altezza 164
7. CONTATTI DI DISH 164
5
Piatti perforati 165
de Tappi frizzanti 166
Piastre valvola (piastre con coperchio galleggiante) 166
Modelli di flusso di liquidi 167
Casco e piatti 167
7.5.1 Selezione del tipo di piatto 167
Costo 167
Capacità 168
Gamma operación di funzionamento 168
Efficienza 168
Caduta di pressione presión 168
Riepilogo 168
7.5. Costruzione del piatto 168
2
Costruzione sezionale 168
Set di piatti 169
Downspouts 169
Correnti laterali e punti di alimentazione 170
Progettazione strutturale 170

7.6 DISEGNO HYDRAULIC DELLA 171


PIASTRA 171
Gamma operación di
funzionamento
7.6.1 Procedimiento de diseño del plato 172
7.6.2 Áreas del plato 173
7.6.3 Diametro 173

Calcoli nel sistema inglese 175


7.6.4 Modello di flusso del liquido 181
7.6.5 Trascinare 182
7.6.6 Punto di inondazione 183
7.6.7 del Altezza di overflow della discarica (cresta liquida) ) 184
liquido
7.6.8 Dimensioni delle discariche del 184
Altezza delle discariche 184
Discarica d'ingresso 184
Lunghezza di vertedero discarica 184
7.6.9 Area perforata 185
7.6.1 Dimensioni delle perforazioni, dei tappi e delle valvole 186
0
de Tappi frizzanti 186
Piatti perforati 186
Piastre valvolari válvula 186
Spessore dei piatti platos 186
7.6.1 Distanza tra i fori 186
1
7.6.1 Gradiente idraulico 187
2
7.6.1 Striscia liquida de 187
3
7.6.1 Caduta della pressione del piatto 187
4
Caduta sulla piastra asciutta 189
Colonna residua 189
Caduta totale 189
Metodi brevi per stimare il calo di pressione 189
7.6.1 Design de bajante bajante 190
5
Altezza schiuma 191
Tempo di soggiorno durante la discesa 191
CAPITOLO 8 202

CONTATTI CONTINUI202

8.1 COLONNE COMPRESSE 202 EMPACADAS


8.1.1Selezione tra lastre o imballaggi 202
8.1.4Procedura di progettazione delle colonne compresse 204
8. TIPI DI IMBALLAGGIO 204
2
8.2.1 los Obiettivi di imballaggio 204
Obiettivi per massimizzare l'efficienza 204
Obiettivi per massimizzare la capacità 205
Altri obiettivi 205
8.2.2Tipi di imballaggi casuali 205
8.2.3Materiale los di imballaggio (imballaggio casuale) 206
8.2.4Evoluzione degli imballaggi strutturati 206
8.2.5 Dimensioni dell'imballaggio Tamaño 207
8. ALTEZZA DEL LETTO IMBALLATO 209
3
8.3.1 Distillazione 209
8.3.2 Assorbimento 209
8.3.3 Colonne diseparazione (distillazione e assorbimento) 210
8.3.4Stima dell'altezza di un'unità di trasferimento 213
8.3.5 Metodo Cornell 214
8.3.6 Metodo Wave 217
8.3.7 Nomogrammi 218
8. DIAMETRO COLONNA (CAPACITÀ) 218
4
8. ALL'INTERNO DELLA COLONNA 225
5
Staffe empaque di imballaggio 225
de Distributori di liquidi 226
Ridistributori liquidi liquido 226
Installazione empaque dell'imballaggio 226
liquido Ritenuta liquida 226
8. VELOCITÀ DI WETTING 227
6
8. COLONNA AUXILIARIES 227
7
Distillazione 1

Capitolo

1
Introduzione

I processi di separazione svolgono una serie di ruoli nell'industria: industria: la


rimozione delle impurità dalle materie prime, la purificazione dei los prodotti dei
sottoprodotti e la rimozione dei contaminanti dagli effluenti liquidi e gassosi. Tutti questi
processi richiedono tra il 40 e il 70 per cento del capitale e dei costi operativi di un'ampia
gamma di industrie.
I processi di separazione hanno un impatto significativo sul consumo di energia, sui
costi di produzione e sui profitti.
Le tecnologie di separazione includono distillazione, estrazione, adsorbimento,
cristallizzazione e tecnologie basate su membrana. Di questi, la la distillazione è
chiaramente dominante, per le sue applicazioni maggiori rispetto alle altre articolazioni.
Infatti, più del 95 per cento dell'energia consumata dai processi di separazione nelle
industrie di processo chimico è dovuta alla distillazione. industrias de procesos químicos se
deben a la

1.1. Distillazione

La distillazione separa i componenti di una miscela liquida in base alle differenze nei
loro punti di ebollizione. È il processo di base per l'industria chimica di processo, con
40.000 colonne in funzione negli Stati Uniti, la gestione del 90-95% di tutte le separazioni
per il recupero e la purificazione del prodotto. Il capitale investito nei soli los sistemi di
distillazione negli Stati Uniti è di almeno 8 miliardi di dollari.
Mentre altri processi di separazione come l'estrazione e la l'adsorbimento utilizzano
una serie di agenti di separazione, la la distillazione utilizza l'energia come agente di
separazione: il calore. La distillazione è una separazione limitata in equilibrio. Il
bilanciamento del vapore liquido (ELV) è il tipo di equilibrio coinvolto nelle las colonne
di distillazione, e la pressione del vapore è la differenza di proprietà primaria che
costituisce la base per la la separazione. In genere, la la distillazione può essere progettata
utilizzando solo proprietà fisiche e dati ELV; il ridimensionamento è spesso molto
affidabile.

Alcune cose importanti da ricordare sulla distillazione:


MSc. Luis Moncada Albitres
 La distillazione è un PROCESSO DI SEPARAZIONe COLUMN-TYPE.
Indipendentemente dalle sostanze separate, i principi di progettazione di base per la
la distillazione sono sempre simili.
 L'ipotesi che le fasi in una colonna di distillazione siano in pareggio consente il
calcolo delle concentrazioni e delle temperature senza una conoscenza dettagliata
dei modelli di flusso e di calore e dei tassi di trasferimento di massa. Questa ipotesi è
un'ulteriore semplificazione. mayor.
 Un bollitore di tipo caldaia e un condensatore parziale sono ciascuno una fase di
bilanciamento.
 In generale, se non sono coinvolte correnti azeotropiche o laterali, n prodotti possono
essere separati con colonne n-1. columnas.
 È necessario che le composizioni di vapore e composizioni liquide siano diverse
dalle las condizioni di equilibrio che si prevede di utilizzare (cioè nessun azeotropo),
d'altra parte nessuna separazione si verificherà oltre la condizione azeotropica.
 La distillazione è diversa la dall'evaporazione perché entrambi i componenti di
distillazione sono notevolmente volatili. En Nell'evaporazione, di solito solo un
componente viene vaporizzato.
 I prodotti devono essere termicamente stabili al di sopra della gamma di temperatura
di esercizio.
 Non devono essere presenti componenti corrosivi.
 Nessun componente che reagisca estoricamente (cioè genera calore) dovrebbe
essere presente. Queste reazioni possono "correre" ("runawey") e formare
condizioni esplosive. Estas pueden formar explosivas . reacciones
condiciones " desbocarse
 La distillazione è diversa dall'assorbimento perché la absorción se aprovecha
l'assorbimento sfrutta le differenze di solubilità (assorbimento fisico) o reazioni
specifiche (assorbimento chimico).

I principali tipi di distillazione sono:


- Distillazione continua (per frazione))
- Distillazione estrattiva
- Distillazione azeotropica
- Distillazione lotes batch ("batch")
- Distillazione a bilanciere equilibrio ("flash")
- Distillazione dinamica.

1.2. PROCESSO DESTILATION CONTINUO

I processi di separazione raggiungono i loro obiettivi creando due o più zone che
coesistono e presentano differenze di temperatura, pressione, composizione o fase. Ogni
specie molecolare della miscela da separare reagirà in modo unico agli ambienti presenti in
quelle aree. Di conseguenza, man mano che il sistema si muove verso l'equilibrio, ogni
specie stabilirà una concentrazione diversa in ogni zona con conseguente separazione tra la
specie. Le caratteristiche e i flussi di un processo di distillazione convenzionale sono
illustrati in Fig. 1.1.
In una colonna di distillazione, le fasi di vapore e liquido scorrono controcorrenti
all'interno di una zona di trasferimento di massa. La colonna è dotata di lastre o imballaggi
per massimizzare il contatto tra le due fasi. Per migliorare l'operazione, qualcosa
della corrente di arresto viene restituito come reflusso liquido (L0). Il rapporto di reflusso
(R) è definito come il motivo L0 al prodotto dello stop (D).

QC

Condensatore

Lo D
Numero di stadi di equilibrio, N

Colonna
Nutrire DISTILLAZIONE
F CON PIASTRE O
RIEMPIO

QS

REHERVIDOR

Nmin

Di Rapporto di
Rmin

reflusso,R

Figura. 1.1 Colonna Distillazione

Rx L0/D (1.1)

dove R il rapporto di reflusso dimensionale (o rapporto) di R


L0 - quantità di liquido restituito come riflusso nella colonna, massa/ora
D - quantità di prodotto del culo, massa/ora

Il vantaggio della distillazione è la sua semplicità, il basso capitale d'investimento e il


basso rischio potenziale. Infatti, la distillazione è il processo di scelta per separare i
componenti termicamente stabili ai loro punti di ebollizione e avere una volatilità relativa
di 1,5 o più.
Sul negativo lato negativo la distillazione ha una bassa efficienza termodinamica. La
distillazione può essere poco attraente quando si verificano azeotropici, o quando basse
concentrazioni di componenti ad alta ebollizione che sono presenti in grandi volumi
d'acqua devono essere separati. no
In molte applicazioni la distillazione è più vantaggiosa di altri processi di separazione
grazie al suo semplice diagramma di flusso e ai bassi costi di capitale, in particolare per le
grandi capacità. Ad esempio,il costo del capitale delle colonne con platos
perforato è aumentato dalla capacità secondo la regola dei "sei decimi", mentre per i
processi alternativi come quelli a base di membrane viene aumentato in modo più lineare
con la capacità.

1.3. OPERAZIONI DI DISTILLAZIONE COMPLESSE

Tutte le operazioni di separazione richiedono un alimentatore sotto forma di calore o


lavoro. Nel funzionamento di distillazione la convenzionale, come quello mostrato in la
Fig. 1.1, l'energia necessaria per la separazione delle specie viene aggiunta sotto forma di
calore al collettore, nella parte inferiore della la colonna, dove la temperatura è massima.
Quindi il calore viene rimosso nel condensatore, nella parte superiore della la colonna,
dove la temperatura è minima. Questo spesso si traduce in un elevato fabbisogno di
alimentazione elettrica e in un bassissimo fabbisogno termodinamico totale, che era di
scarsa importanza (tranne che per los i processi criogenici e ad alta temperatura) quando i
costi energetici erano bassi.
Con l'aumento dei costi energetici, le complesse operazioni di distillazione sono in
fase di revisione, queste operazioni hanno una maggiore efficienza termodinamica e
requisiti di alimentazione più bassi. In alcuni casi tutta o parte dell'energia viene fornita
come lavoro.
Le operazioni di distillazione complesse possono utilizzare colonne semplici o due o
più colonne unite termicamente.
Quando c'è una grande differenza di temperatura tra le estremità della la colonna,
possono essere installati interriscaldamento, che forniscono calore o inter-condensatori che
rimuovono il calore. Questi scambiatori di calore intermedi possono essere accoppiati con
una pompa di calore, che prende energia dal condensatore e utilizza il lavoro dell'albero
per sollevarlo ad una temperatura abbastanza alta da trasferire al riscaldatore.

1.4. OPERAZIONI DI SEPARAZIONE CORRELATE

Le operazioni di distillazione semplici e complesse hanno due cose in comune.


1) Le sezioni di rettifica (arricchimento) e di esaurimento las (desorption) sono
fornite in modo da ottenere la separazione tra i due componenti vicini alla volatilità.
2) La separazione viene effettuata esclusivamente mediante l'aggiunta e lo
smaltimento di energia e non da un agente di separazione di massa (MSA), come
in un'estrazione liquido-liquido liquido
Capitolo

2
DATI TERMODINAMICI

I dati termodinamici affidabili sono essenziali per l'accuratezza della progettazione o


dell'analisi delle colonne di distillazione. I difetti nelle apparecchiature per operare a livelli
specificati sono spesso attribuiti, almeno in parte, all'errore nei dati ELV.

2.1. LIQUID BALANCE DATA – VAPOR (ELV)

La distillazione è probabilmente il più importante processo di separazione e


purificazione utilizzato nell'industria chimica, e sono necessari dati affidabili (ELV) per
stimare il numero di fasi teoriche necessarie per una determinata operazione.
È difficile, per non dire impossibile, rivedere l'argomento di ELV in una piccola quantità
dello spazio. È anche difficile discutere le implicazioni di sin conocer algo de las
distillazione dell'ELV sulla progettazione.

2.1.1. K-Valori e Volatilità relativa

Fracción molar del componente i en la fase vapor


(2.1)
yi Ki = = Fracción molar del componente i en la fase liquida
xi

Il valore K è una misura della tendenza del componente i a vaporizzare.


Se il valore K è alto, il componente tende a concentrarsi sul vapore; se è basso, tende
a concentrarsi sul liquido. Se il valore K K è l'unità, il componente sarà anche diviso tra il
vapore e il liquido.
Il valore K è una funzione di temperatura, pressione e composizione. Nel
bilanciamento, se sono impostate due di queste tre variabili, viene impostata la terza
variabile. Quindi il valore K può essere considerato come una funzione di pressione e
composizione, o temperatura e composizione (o temperatura e pressione)

La volatilità relativa dei componenti i, j è definita come:


K K-valore del componente i
ij =(2.2)
Componente J Valore K j K

Convenzionalmente, la volatilità relativa è definita come il rapporto tra i valori K della


componente più volatile e la meno volatile,quindi lo la volatilità relativa sarà sempre
maggiore o uguale all'unità
La distillazione è una tecnica di separazione dei componenti in base alla loro
volatilità relativa, che è una misura di la facilità di separazione ed è data dalla ragione tra la
tendenza a vaporizzare due componenti. Se la volatilità relativa è elevata, un componente
ha una tendenza molto più elevata a vaporizzare (è più volatile) rispetto all'altro, e sarà
facile separarli l'uno dall'altro vaporizzando uno (distillazione). D'altra parte, quando la
tendenza alla vaporizzazione dei componenti è simile, la volatilità relativa si avvicinerà
all'unità e sarà difficile separare i componenti per distillazione. Se la volatilità relativa è la
unitaria, ogni componente è volatile come l'altro e non può essere separato da distillazione
Per un sistema binario, e2 s (1 – e1) , x2 = (1 – x1), además de las Ec. (2.1) y
(2.2) si dispone di:

12 =
mila
K1 y1 (1  x1 (2.3)
) =
K 2 x1 (1  y1
)
e1a (2.4)
1,2 x1
 x 1 x (. . .
.. . . . . . . . . . .
.............
.............
.............
.............
.............
.............
.............
.............
.............
.............
.............
.............
.............
.............
............

(2.4) esprime la como una frazione molare della componente più


volatile (CMV) in vapore in funzione de della frazione molare del CMV in el
volatilità liquida e relativa. la volatilidad . Questa relazione è tracciata in la Fig. 2.1
Il fico. 2.1a è un grafico chiamato diagramma x – y. Gli assi x e y mostrano la
concentrazione di CMV rispettivamente nel liquido e nel vapore. La diagonale di 45 gradi
rappresenta i punti in cui le las composizioni di vapore e liquido sono le stesse. La curva di
la Fig. 2.1a è un rapporto di equilibrio. Il fico. 2.1a mostra come il cmV si concentra nel
vapore. Una miscela liquida contenente una frazione molare x1 cmV (xx1 x 0,45 in Fig.
Fig. 2.1a) è in equilibrio con un vapore contenente una frazione molare e1 CMV (ey1 x
0,71 nella Fico 2.1a) se questo vapore viene raccolto e condensato si ottiene una miscela in
la cui la frazione molare del CMV è stata arricchita da 0,45 a 0,71
Il fico. 2.1b illustra l'effetto della volatilità relativa sulla la tendenza CMV a
concentrarsi sul vapore. Quando la volatilità è elevata, l'arricchimento è grande. Ad
esempio, quando la volatilità relativa è 10, una miscela liquida contenente una frazione
molare di 0,45 CMV è in equilibrio con vapore contenente una frazione molare di 0,88
CMV; questo dovrebbe richiedere solo poche fasi per convertire la miscela liquida in
componenti puri. Al contrario, quando la volatilità relativa è molto bassa, ad esempio 1,1,
una miscela liquida contenente una frazione molare di 0,45 CMV è in equilibrio con
vapore contenente una frazione molare di 0,47 CMV. In queste condizioni, un gran
numero di fasi sono necessari per separare la miscela nei los componenti puri.
=10
=5

=2

=1,5

=1.1

=1,0

Figura. 2.1 Concetto di volatilità relativa. a) concentrazione del CMV componente più
volatile in vapore. b) effetto della volatilità relativa sulla concentrazione di cmV
nel vapore

2.1.2. Temi ideali e non ideali ideales

Un sistema ideale è quello in cui il vapore obbedisce alla legge del gas ideale e il
liquido obbedisce alla legge di Raoult.
Un mix ideale di gas obbedisce alla legge di Dalton:

pi' eiP (2.5)


Una soluzione ideale obbedisce a La Legge di Raoult, che afferma che la pressione
parziale di un componente nella soluzione è uguale al prodotto della sua frazione molare e
alla pressione di vapore della componente pura, quindi:
1
pi = xi DH (2.6)
o

Dall'Ecs. (2.5) e (2.6), e la definizione di valori K,si ottiene

e p/
Ki ' i i i (2.7)
xi P

Per i sistemi non la ideali, la fuoriuscita del componente i in vapore e liquido svolge
lo stesso ruolo della pressione parziale del componente nel vapore e della pressione di
vapore del componente nel rol que liquido. La perdita può essere considerata come una
pressione termodinamica. In equilibrio, la fuoriuscita di vapore è uguale alla perdita del
liquido

fi Al  f Li (2.8)

La perdita di vapore può essere definita come una pressione parziale corretta, data
dall'equazione
V
 Py )V (2.9)
(Py ) 
Iii.

Analogamente, la fuoriuscita del liquido può essere definita come una pressione di
vapore corretta,
L
  
L
(f)
 (xP 0 ) (2.10)
iii ii i

H Presso. Coefficiente di perdita di vapore. Spiega l'effetto della non-idealità del vapore
o
sulla fugacità del vapore. Di solito è stimato da un'equazione di stato e si basa sulla
temperatura, la pressione e la frazione molare del sistema.
H Cperdite efficienti di liquido. Spiega l'effetto della non-idealità del vapore sulla
L

o
perdita del liquido. Questo coefficiente è stimato in modo simile al coefficiente di
perdita di vapore, ma si basa sulla temperatura del sistema e
pressione di vapore del componente puro.
- Fattore di correzione Poyting. Spiega l'effetto della pressione sulla fugace
Liquido.  L es evaluado a la presión de vapor del componente puro,  es
Come H H
utilizzato per correggere
o la differenza tra la pressione di vapore del componente puro
o

e la pressione della miscela. Questo effetto è piccolo e può essere disprezzato a basse
pressioni, ma è importante alle alte pressioni.
Ii - Coefficiente di attività liquida. Corregge le perdite los di liquido per gli effetti
compositivi. Questo valore dipende da quanto simili sono i componenti. Per due
componenti simili, come una miscela di i-butane e n-butane, il coefficiente di attività
liquida è vicino all'unità. unidad. es cercano a Se i componenti sono diversi, il
coefficiente di attività si discosta dall'unità. unidad.

Combinazione dell'Ecs. (2.1), (2.8), (2.9) e (2.10) hai:


0
e PLP
KHo. = i  Ho.  (2.11)
i X •ii
V
i H P
o

2.1.3. Effetto di temperatura, pressione e composizione sui valori –K e Volatility


Volatilidad

de (2.11) è semplificato omettendo il fattore di correzione Poyting, el factor de , el che è


di solito piccolo a basse pressioni. Combinando la Ec. (2.11) con la definición de
volatilità relativa, Ec. (2.2) si dispone
di:

ij = Ki
= r r P
0
(2.12)
r
Dove Kj

0
P 0 x iP (2,13)
r
PJ
i
r = (2.14)
J
LV
r =L'o
i j (2.15)
iV L j
vis

Il valore più importante nelle equazioni per ivalori K e la volatilità relativa è il
termine della pressione di vapore.

Effetto della temperatura edella pressione. La pressione di vapore aumenta con la


temperatura. Per questo motivo, il valore K per ogni componente viene aumentato
linearmente con la temperatura.
Figura. 2.2 Effetto della pressione e della temperatura sui valori K
In generale per i membri di una serie omologata, la pressione di vapore del
componente meno volatile aumenta più velocemente con la temperatura rispetto alla
pressione
Vapore essos s Componenti Più Volatile. Questo Causa che DR cosa 0 Pollici Le (2.13) diminuzione a
0
man mano che aumenta Le Temperatura. Così si raggiunge un punto Critico Quando DR
avvicinare la l'unità. Applicando Ec. (2.12), la volatilità relativa diminuisce con l'aumentare
della temperatura, fino a quando la temperatura si avvicina all'unità quando viene raggiunto
il punto critico.
Per i componenti che non sono membri di una serie di omologa, l'opposto di quanto
sopra può verificarsi su un intervallo di temperatura, tuttavia se la temperatura è aumentata
al di sopra di questa gamma apparirà il punto critico della miscela.
L'effetto della temperatura (o della pressione) sulla volatilità relativa è illustrato in la
Fig. 2.2. Questo diagramma mostra chiaramente una riduzione della la volatilità volatilidad
relativa a medida que relativa con la mezcla se l'aumentare della pressione e mostra che
la volatilità relativa della miscela si avvicina aproxima a all'unità unidad a quando viene
raggiunto lo pseudo punto critico della miscela. mezcla.

Effetto della composizione. L'effetto principale della la composizione sui los valori
K e sulla volatilità relativa è il risultato dell'effetto della composizione sul
coefficiente di attività liquida. La composizione

ha anche un effetto sulcoefficiente di flottabilità l'ultimo effetto è di solito piccolo a basse


pressioni.

(a) La

(b) Per quanto mi lifa,

Figura. 2.3 Effetto della composizione sui coefficienti di attività liquida. a) per i sistemi
con deviazione positiva n-propanol acqua a 1 atm; b) per i sistemi con deviazione
acetone-cloroforma negativa a 1 atm.
I coefficienti di attività sono classificati in base alla natura della loro deviazione
dalla Legge di Raoult. Questo dipende dal calore mezcla di miscelazione dei componenti.
Se è necessario aggiungere calore alla miscela per ottenere la soluzione "il
componente preferisce
prima solo” della soluzione, la deviazione situle (Fig. 2.3a). Le deviazioni positive danno
coefficienti più grandi dell'unità e valori K maggiori di grandes que quelli previsti dalla
legge di Raoult. ley Se il calore è derivato dalla soluzione, si applica l'opposto (Fig2.3b);
le deviazioni sono negative e i valori K sono inferiori a quelli ottenuti dalla Legge di
Raoult.
L'entità delle las deviazioni della legge di raoult è aumentata dalla differenza nella
natura naturaleza de dei componenti. Da qui lo il sistema n-propanol e acqua (Fig. 2.3a) e
il sistema acetone-cloroformio (Fig. 2.3b) mostrano che i 13 maggiori sono i coefficienti di
attività. D'altra parte, il più alto coefficiente di attività in una miscela di i-butane e n-butane
los che sono simili tra loro, è inferiore a 1,1 (a circa 100 psia).

(a) La

(b) Per quanto mi lifa,


Figura. 2.4 Motivi dei coefficienti di attività (a) nel sistema con deviazione positiva
n-propanol-acqua; b) nel sistema con deviazione negativa, cloroformio di
acetone.

I Fichi. 2.4a e 2.4b mostrano gli effetti della composizione sul motivo dei coefficienti
di attività. Secondo Ec. 2.12, questo rapporto rappresenta l'effetto principale della
composizione sulla volatilità relativa. Quando un sistema mostra una deviazione
la volatilità relativa diminuisce con l'aumentare della concentrazione di CMV. L'opposto
vale per i sistemi con deviazione negativa
A bassa pressione,può essere preso come 1 e omettendo il fattore di correzione del
poyting, l'Ecs. (2.11) e (2.12) possono essere scritti:

K
(in vi, 0
P y (2.16)
i i
ii i
P xi
Ki 0
ijij s P s P (2,17)
rr
KJ
:
La validità di queste equazioni nella progettazione di colonne che operano su alcune
barre di pressione dipenderà dalla natura dei componenti nella miscela e dalla difficoltà di
separazione. Nella fase di vapore, vapor, le deviazioni dall'Ideal Gas Act possono essere
valutate determinando il fattore di desviaciones de comprimibilità. La difficoltà di
separazione dipenderà dalla la vicinanza dei los valori K dei los componenti. L'Ecs.
(2.16) e (2.17) sono adatti per la progettazione di separazioni relativamente facili, per dire
meno di 50 fasi, ma non devono essere utilizzati per separazioni difficili. A pressioni
moderate, circa 20 bar, le deviazioni dalle leggi di miscelazione ideali nella la fase gassosa
sono trascurabili e las le deviazioni dalla legge del gas ideale possono essere dedotte
inserendo il secondo coefficiente viriale Bi:
P
0
 V  B P  P 0 
ii
Ki
yi = = m,iii (2.18)
exp 
Pi x i P s RT

dove Vm,i s volume molare (in stato liquido) del componente i


Bi - secondo coefficiente viriale nell'equazione viriale di stato, per il componente
i

Bi P
y Zi = 1 + (2.19)
Rt

2.1.4. Diagrammi di fase fase

I diagrammi di fase vengono utilizzati per descrivere i sistemi binari tracciando due
delle tre variabili (composizione, temperatura e pressione) su un valore costante dell'altra.
Il più popolare di questi grafici sono i diagrammi T-x e x-y. diagramas Il diagramma x-y è
stato chiaramente descritto nella la Sezione 2.1, Fig. 2.1.

Diagrammi di composizione della temperatura (T-x) (Fig. 2.5). La curva ABC


mostra il rapporto composizione-temperatura per il liquido saturo. A temperatura T1 e
composizione liquida x1, il punto Bè la condizione a cui il liquido è pronto per iniziare la a
bollire. Il punto B è definito come punto a bolla
Quando il liquido inizia a bollire alla temperatura T1 (punto B), il primo vapore
formato ha una composizione e1 ed è quindi al suo punto di rugiada. A questo punto, il
vapore è ricco di un componente luminoso. All'aumentare della temperatura, il componente
più pesante evapora. La quantità di vapore formata se aumenta, ma il