Sei sulla pagina 1di 3

PAESE :Italia DIFFUSIONE :(400000)

PAGINE :16 AUTORE :Fabrizio Tomada


SUPERFICIE :25 %
PERIODICITÀ :Quotidiano

4 agosto 2019

Spadolini
A 25 anni dalla scomparsa di Gio- storiacontemporanea di questa bollito e Afeltra, sì rispettoso di prima- che Spadolini scoprì
vanni Spadolini pubblichiamo un nostraItalia. Spadolini macon fare pocoa poco. Si trattava di libri.
ricordo di Fabrizio Tomada, che Un impegno quello della meneghino molto pratico, era Ad ogni punto dellacasa dove
per anni fu suo consigliere e colla-
Antologia, centro di promozione
boratore.
di cultura. Volumi, materiale di
Fabrizio Tomada archivio, documenti storici,
corrispondenze, testimonianze,
comunque materiale legato alla
icorrono oggi i 25 anni dalla

R scomparsa di Giovanni
Spadolini. Professore, raccolta di libri, che ha visto
Spadolini. Professore, Spadolini perseguire questa sua
senatore, direttore. Una volontà in tutti gli anni di vita.
figura che ci riporta indietro Una “mania” che lo accompagnò
negli anni della prima in ogni suo girare. Curioso,
Repubblica (?) «Macché», attento, preciso nella richiesta sì
avrebbe detto il Professore, il del volume ma sopratutto della
quale ricordava che «si potrà edizioniche rappresenta il
parlare di prima Repubblica o valore del libro. Come quando si
seconda o terza o altro solo se fermava a Milano in una piccola
anche in Italia verrà cambiata la bottega di libri antichi in via
Costituzione». E portava Gesù per cercare l’edizione della
d’esempio quanto era avvenuto raccolta degli scritti di Montale,
in Francia che era arrivata alla quegli “Ossi di seppia” la cui
Quinta Repubblica dopo primaedizione era stata
l’approvazione della settima pubblicata da Gobetti.
Costituzione ancora in vigore. O a Venezia, lungo le calli, per
Tornando al ricordo del cercare la rara edizione
Presidente, la Fondazione Fiorentina delle Commedie di
Spadolini - Nuova Antologia Carlo Goldoni stampata nel 1753.
presenterà un volume di una Per me che ho passato circa
raccolta di immagini: “Giovanni vent’anni, dal 1980, al fianco di
Spadolini. Frammenti di una vita Spadolini nel corso dei suoi
pubblica”. Si terrà il tutto al Pian incarichi istituzionali alla Difesa
dei Giullari dove ha sede la eal Senato, per me non fu facile
dimora di Giovanni Spadolini, il stargli dietro in questo cercare e
Tondo dei Cipressi, la casa dove ricercare. Ogni occasione di
la famiglia trascorreva l’estate tempo liberoera dedicato a
all’ombra della chiesina di Santa cercare i libri. «Resteranno
Margherita a Montici. custoditi alla Fondazione per
Quella casa sul poggio essere consultati e saranno
trasformata negli anni in “Casa sempre tanti». Questo pensava
dei libri” destinata a raccogliere Spadolini sinché una sera si
tutti i libri del Professore. Oggi imbatté in uno straordinario ed
più di 100 mila volumi sono autorevole concorrente: Carlo
raccoltifra il Tondo dei Cipressi Bo.
e l’ex Scuderia Nunes Vais un Era tradizione che il giovedì il
piccolo angolo di cultura Rettore dell’Universitàdi Urbino
ritagliato poco lontano da quella (Bo fu ininterrottamente rettore
Arcetri non lontano dall’ultima di quella Università per 53 anni)
residenza che fu di Galileo invitasse a pranzo a casa sua a
Galilei. Ed è quindi nelle ex Milano una ristretta cerchia di
scuderie Nunes Vais che oggi è amici per fargli gustare il suo
raccolta la maggiore quantità di bollito preceduto da una
libri di proprietà della minestra di patate. Pietanze che
Fondazione Spadolini - Nuova

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia DIFFUSIONE :(400000)
PAGINE :16 AUTORE :Fabrizio Tomada
SUPERFICIE :25 %
PERIODICITÀ :Quotidiano

4 agosto 2019

cucinava personalmente. Quella intellettuale, insigne storico,


mattina, era autunno inoltrato, scrittore, giornalista, politico
all’ora di pranzo si presentò a via sottile ed appassionato. Ma
Missori, il residence dove anche teneramente fanciullesco.
abitava Spadolini, Gaetano Cen’era per tutti, così che le
Afeltra. Già direttore del Giorno, oretrascorsero in fretta: il
collaboratore del Corriere e conversare vivace,
amico di vecchia data di accompagnatoda un gustare
Spadolini ma anche molto amico intenso che dava soddisfazione
di Carlo Bo. al padrone di casa. Ma ciò che
Il Rettore aveva piacere di fare dette più soddisfazione al
assaggiare al Presidente il suo Rettore fu la sorpresa -
anticipata da Afeltra qualche ora
venuto a prenderlo in modo da
non fare tardi. Mentre lo invitava c’era posto si trovava una pila di
ad affrettarsi - Bo voleva la libri ordinata e ben posizionata;
puntualità - per non arrivare in in cucina, in salotto,n
ritardo e nel mentre saliva in nell’ingresso della grande casa
auto Afeltra gli disse: «Si va a che aveva nel centro di Milano,
mangiare da Carlo, ma non c’è persino nel bagno. I libri si può
soloquello, là troverai una dire arredavanola casa. Ecco la
sorpresa». Spadolini si incuriosì sorpresa anticipata da
così tanto (Afeltra lo aveva fatto Gaetanino che aveva preso
di proposito) che non vedeva forma e che non aveva lasciato
l’ora di arrivare a casa Bo. indifferente Spadolini, il quale
Il gran bollito arrivò sulla dopo essersi informatodi quanti
tavola imbandita accompagnato volumi fossero («circa
da ogni tipo di salsa particolare e quarantamila» disse Bo) con una
dall’olio della Liguria. Tutto punta di ammirazione e non
pensato e fatto dalle mani del senza rammarico per un
Rettore che gongolava. Vedere numerocosì alto di volumi che
due personaggi così lui a quel tempo non aveva
monumentali - Afeltra non era ancora raccolto, gli fece i
certo da meno - confrontarsi complimenti ma accettò la sfida.
sulla situazione politica, sul Da quel pranzo in poi prese
mondo dell’Accademia, su come come riferimento il fondo di
stava andando l’Università Carlo Bo per fare il confronto con
italiana, sul mondo del il numero di libri che aveva lui al
giornalismo, sulla cultura, Pian dei Giullari, e che doveva
mentre si gustavano cibi e raccogliere per superarela
pietanze fatte in casa sembrava biblioteca del Rettore. Ecco il
di stare ad una riunione di cercare,ecco il perché rovistare
redazione. Tre personaggi di in ogni possibile libreria di
grande spessore intellettuale. volumi antichi e rari. Certo non
Carlo Bo forte nella personalità, fu quello il principale motivo
convincente nell’esporre i suoi della “missione” che si era
concetti, rassicurante. Come sa imposto. Ma quello, quello vero
essere chi è a contatto con i che ripeteva sempre fino agli
giovani. E Bo lo era certamente. ultimi giorni di quell’agosto del
Gaetano Afeltra semplice di 1994, era il desiderio di lasciare
fronte ai due monumenti della alle giovani generazioni un
cultura, ma nello stesso tempo luogo dove poter studiare la
ironico e scanzonato come sa storia d’Italia avendo a
essere chi da ragazzo del disposizione ogni possibile
meridione parte alla conquista documento, ogni libro che
di Milano e vince, si afferma. E affrontasse i temi della storia
poi Giovanni Spadolini contemporanea. Una biblioteca

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia DIFFUSIONE :(400000)
PAGINE :16 AUTORE :Fabrizio Tomada
SUPERFICIE :25 %
PERIODICITÀ :Quotidiano

4 agosto 2019

popolata da giovani che studiano


le carte e i libri raccolti nel corso
di una vita.
Ed è così che si esprimeva:
«Vorrei che “dopo”la mia casa
diventi la “casa dei libri”, dove
tutto dovrà restare così com’è in
cimaal poggio di cipressi
antichi. La collezione, i libri,
l’emeroteca al servizio dei
giovani, di quei giovani ai quali
consegnare il futuro di un
grande Paese: l’Italia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tutti i diritti riservati