Sei sulla pagina 1di 53

Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

INDICE

1.  PREMESSA....................................................................................................................................................... 3 

2.  DESCRIZIONE DELLE OPERE ................................................................................................................... 3 

2.1.  IMPIANTI .................................................................................................................................................... 3 


2.1.1.  Sistemi di trasformazione BT/MT ........................................................................................................ 3 
2.1.2.  Cavidotti ............................................................................................................................................... 4 
2.1.3.  Stazione di consegna utente .................................................................................................................. 9 
2.1.4.  Impianti di terra ................................................................................................................................. 11 
2.1.5.  Unità di controllo remoto ................................................................................................................... 12 
2.1.6.  Sistema supervisione e controllo ........................................................................................................ 12 
2.1.7.  Apparecchiature BT............................................................................................................................ 12 
2.1.8.  Pannello di distribuzione CA e CC ..................................................................................................... 13 
2.1.9.  Batteria ermetica di accumulatori al piombo ..................................................................................... 14 
2.1.10.  UPS .................................................................................................................................................... 14 
2.1.11.  Illuminazione esterna alla stazione.................................................................................................... 14 
2.1.12.  Caratteristiche strutturali e di posa in opera della stazione ............................................................. 15 
2.2.  STRUTTURE .............................................................................................................................................. 16 
2.2.1.  Materiali impiegati e resistenze di calcolo ......................................................................................... 19 
2.2.2.  Terreno di fondazione......................................................................................................................... 21 
2.2.3.  Analisi dei carichi............................................................................................................................... 21 
2.2.4.  Valutazione dell’azione sismica ......................................................................................................... 22 
2.2.5.  Verifiche di regolarità ........................................................................................................................ 22 
2.2.6.  Classe di duttilità ................................................................................................................................ 24 
2.2.7.  Spettri di Progetto per S.L.U. e S.L.D. ............................................................................................... 24 
2.2.8.  Metodo di Analisi ............................................................................................................................... 26 
2.2.9.  Combinazione delle componenti dell’azione sismica ......................................................................... 28 
2.2.10.  Eccentricità accidentali ..................................................................................................................... 29 
2.2.11.  Azioni sulla struttura ......................................................................................................................... 29 
2.2.12.  Modello di calcolo ............................................................................................................................. 35 
2.2.13.  Progetto e verifica degli elementi strutturali ..................................................................................... 38 
2.3.  TORRE .................................................................................................................................................... 40 
2.3.1.  Verifiche strutturali ............................................................................................................................ 40 
2.3.2.  Verifiche di stabilità ........................................................................................................................... 42 
2.3.3.  Verifica di fatica ................................................................................................................................. 44 
2.3.4.  Verifiche di fatica per oscillazioni trasversali .................................................................................... 44 
2.3.5.  Verifiche delle giunzioni flangiate e delle bullonature ....................................................................... 48 

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 1 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

2.3.6.  Verifiche strutturali virola di fondazione ........................................................................................... 48 


2.4.  FONDAZIONI ........................................................................................................................................ 49 
2.4.1.  Considerazioni generali ..................................................................................................................... 49 
2.4.2.  Analisi dei carichi............................................................................................................................... 49 
2.4.3.  Verifiche strutturali ............................................................................................................................ 51 

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 2 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

1. PREMESSA

La presente relazione ha lo scopo di esporre i calcoli preliminari relativi agli impianti ed alle
strutture ritenute necessarie per la costruzione dell’impianto di produzione di energia elettrica da
fonte eolica situato nel comune di Palagianello (TA), costituito da 18 aerogeneratori di Potenza
unitaria pari a 2000 kW, per una potenza complessiva di 36 MW. L’energia prodotta verrà
immessa nella Rete di Trasmissione Nazionale, secondo le indicazioni fornite nella Soluzione
Tecnica Minima Generale, rilasciata da TERNA.

2. DESCRIZIONE DELLE OPERE

2.1. Impianti

Gli impianti elettrici sono costituiti da:

• linee interrate in MT a30 kV: convogliano la produzione elettrica degli aerogeneratori


verso la Stazione di Trasformazione e Consegna;

• Stazione di consegna utente.

In particolare, le opere impiantistiche riguarderanno

• Sistema di trasformazione MT/BT interna ad ogni aerogeneratore;

• Collegamenti elettrici in MT tra i singoli aerogeneratori ed il cavidotto principale;

• Cavidotti, intesi come reti elettriche ed informatiche interne;

• Stazione di consegna utente;

• Rete di messa a terra.

2.1.1. Sistemi di trasformazione BT/MT

Internamente ad ogni aerogeneratore è prevista un’area di trasformazione elettrica BT/MT in cui


trovano collocazione immediatamente a monte del generatore sincrono, il trasformatore 30/0,69 kV,
2.050 kW, 50 HZ opportunamente protetto, che porta la tensione da 690 Volts a 30 kV.
Successivamente alla trasformazione MT/BT, i cavi di media tensione unitamente ai cavi data

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 3 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

vengono connessi, attraverso il passaggio dalla fondazione, al sistema di distribuzione in Media


Tensione della Wind – farm. La struttura è articolata ed equipaggiata in modo tale da realizzare la
distribuzione seguente:

• quadro BT ;

• cella trafo + trasformatore;

• cella partenza trafo con sezionatore e fusibile;

• accessori tipici di cabina.

2.1.2. Cavidotti

Il progetto dei cavidotti consiste sia nella computazione delle quantità di materiale scavato e di
riempimento necessari per il posizionamento delle terne, nonché nella più delicata scelta progettuale del
percorso più idoneo e del tipo di sezione del conduttore da installare, al fine di contenere le cadute di
tensione (massimo 2%) e le perdite nel conduttore, entro limiti stabiliti.
In base al numero di terne si evidenziano diverse tipologie di sezioni di scavo distinte per posa in asse di
strada bianca, in carreggiata di strada asfaltata e per numero di terne previste.
Le sezioni sono previste di una profondità di scavo pari a 120 cm e con larghezze b crescenti col numero
di terne di cavi, per maggiori approfondimenti si rimanda all’elaborato “Sezioni e attraversamenti tipo”.
Quando la posa dei cavidotti risulta in banchina o in carreggiata su strade asfaltate è stato previsto
il rifacimento della sola zona interessata. Nei soli tratti di strade provinciali, è previsto dopo tre mesi
dalla posa, la stesura della tappetino d’usura per metà carreggiata.

DATI ELETTRICI CAVIDOTTO

La rete di media tensione sarà composta da un circuito con posa completamente interrata.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 4 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Sezione Portata Sezione Portata


[mm2] [mm2]
[A] [A]
95 257 70 214

150 328 95 257

240 433 120 293

00 490 150 328

400 563 185 372


500 643 240 433
630 735 300 490

Tabella 1: Caratteristiche elettriche Tabella 2: Caratteristiche elettriche


cavo unipolare MT cavo tripolareMT

La rete a 30 kV sarà realizzata di cavi unipolari con conduttori del tipo a corda rotonda
compatta in alluminio, schermata e a elica visibile ARG7H1RNRX 18/30 KV per i collegamenti
all’interno del layout e cavi tripolari con conduttore a corda rotonda compatta in alluminio
schermato ARG7H1RNR 18/30 KV per i collegamenti tra i sottogruppi e la stazione di
trasformazioni e consegna.

Le caratteristiche elettriche di portata dei cavi sono riportate nelle seguenti tabelle (posa
interrata a 1,2 m di profondità, temperatura del terreno di 30° C e resistività termica del terreno di 1
°K m/W):

PROFONDITÀ DI POSA

I cavi verranno posati in una trincea scavata a sezione obbligata come sopra riportato. Ciò detto,
mantenendo valide le ipotesi di temperatura e resistività del terreno, i valori di portata indicati nel
precedente paragrafo vanno moltiplicati a dei coefficienti di correzione che tengono conto di:

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 5 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

• profondità di posa di progetto,

Profondità di posa (m) 1.2 1 0.8 0.6 0.4


Fattore di correzione 1 1.02 1.04 1.06 1.09
Tabella 3: fattori di correzione per profondità di posa

• raggruppamento dei cavi,

Numero di cavi per Distanza tra i cavi (cm)


ogni strato
0 12.5 25 50

4 0.60 0.70 0.75 0.80

Tabella 4: fattori di correzione per raggruppamento di cavi interrati su stesso piano

Dove necessario si dovrà provvedere alla posa indiretta dei cavi in tubi, condotti o cave. Per i
condotti e i cunicoli, essendo manufatti edili resistenti non è richiesta una profondità minima di posa
né una protezione meccanica supplementare.

RISULTATI DEL DIMENSIONAMENTO DEI CAVI

Per il parco in esame si sono considerati quattro sottogruppi di aerogeneratori, composti da 5


(SOTTOGRUPPI 1 e 2) e quattro (SOTTOGRUPPO 3 e 4) macchine. All’interno di ciascun gruppo
le macchine sono collegate elettricamente in parallelo in modo da mantenere la tensione al valore di
30 kV. Il primo gruppo è composto dagli aerogeneratori n° A01-A02-A05-A06-A07, il secondo
gruppo è composto dagli aerogeneratori n° A03-A04-A08-A09-A10, il terzo gruppo è composto
dagli aerogeneratori n° A11-A12-A13-A14 e il quarto sottogruppo è composto dagli aerogeneratori
n°A15-A16-A17-A18.

Tutti i cavi sono con conduttore a corda rotonda compatta in alluminio, schermato e a elica
visibile.

Per ciascuna sezione di cavo utilizzata, si è calcolato il campo magnetico generato,


________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 6 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

considerando il massimo valore di corrente in esso circolante.

Per il collegamento dai sottogruppi alla cabina di consegna, invece, sono necessarie
rispettivamente due terne di cavi unipolari, rispettivamente, di sezione pari a 240 mmq 2x(3x1x240)
per il trasporto dell’energia per il primo e terzo gruppo, due terne di cavi unipolari di sezione pari a
300 mmq 2x(3x1x300) per il secondo gruppo e due terne di cavi unipolari di sezione pari a 400 mmq
2x(3x1x400). La dimensione della sezione e il numero di terne dipendono fortemente dalla necessità
di limitare la perdita di potenza, fissata al 2%, nel trasporto dell’energia sulla lunga distanza.

I cavi unipolari sono in alluminio a corda rotonda compatta, con tipo di isolatore ad alto
modulo elastico e schermati sotto guaina di polietilene e disposti a trifoglio alla profondità di 1,2 m.

Il campo elettrico risulta ridotto in maniera significativa per l’effetto combinato dovuto alla
speciale guaina schermante del cavo ed alla presenza del terreno che presenta una conducibilità
elevata.

La riduzione così operata del campo elettrico consente agli individui di avvicinarsi
maggiormente ai conduttori stessi, i quali come già detto sono di solito interrati a pochi metri di
profondità.

Poiché il campo elettrico risulta ampiamente entro i limiti di legge, sia nel caso della potenza
effettiva calcolata sia nel caso di potenza nominale, non verrà considerato nei grafici che seguono.

Per il calcolo del campo magnetico si considerano i seguenti dati:

La disposizione dei cavi in opera è rettilinea e i cavi unipolari saranno sistemati nella configurazione
a trifoglio;

La corrente nominale I1 = I4 = 256.60 A e I2 = I3 = 320.75 A.

La tensione nominale V = 30 Kv.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 7 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

COESISTENZA TRA CAVI DI ENERGIA E CAVI TLC INTERRATI

Incroci tra cavi

Verranno osservate le seguenti prescrizioni:


• il cavo di energia sarà, di regola, situato inferiormente al cavo di TLC;
• la distanza tra i due cavi non dovrà essere inferiore a 30 cm;
• il cavo posto superiormente verrà protetto, per una lunghezza non inferiore ad 1 m, con uno dei
dispositivi descritti al paragrafo denominato “Dispositivi di Protezione”. Detti dispositivi saranno
disposti simmetricamente rispetto all’altro cavo.

Ove, per giustificate esigenze tecniche, non possa essere rispettata la distanza minima della linea
precedente, si applicheranno su entrambi i cavi la protezione suddetta.

Quando almeno uno dei due cavi sia posto dentro appositi manufatti (tubazioni, cunicoli ecc.)
che proteggono il cavo stesso e ne rendono possibile la posa e la successiva manutenzione senza la
necessità di effettuare scavi, non sarà necessario osservare le prescrizioni sopraelencate.

Parallelismi tra cavi


a) Nei percorsi paralleli, i cavi di energia ed i cavi di telecomunicazione saranno, di regola,
posati alla maggiore possibile distanza tra loro. Nel caso di posa lungo la stessa strada essi
saranno possibilmente posti ai lati opposti di questa.
Ove per giustificate esigenze tecniche il criterio di cui sopra non possa essere seguito, si
potrà, salvo il rispetto delle condizioni di cui al successivo comma b), posare i cavi vicini fra
loro purché sia mantenuta, fra essi, una distanza minima, in proiezione su di un piano
orizzontale, non inferiore a 30 cm.
Qualora detta distanza non possa essere rispettata, si dovrà applicare sul cavo posato alla
minore profondità, oppure su entrambi i cavi quando la differenza di quota fra essi sarà
minore di 15 cm, uno dei dispositivi di protezione descritti nel paragrafo successivo.
Salvo il rispetto delle condizioni di cui al comma b), le prescrizioni di cui sopra non si
applicheranno quando almeno uno dei due cavi sia posato, per tutta la tratta interessata, in
________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 8 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

appositi manufatti (tubazioni, cunicoli ecc.) che proteggano il cavo stesso e ne rendono possibile
la posa e la successiva manutenzione senza la necessità di effettuare scavi. Sempre salvo il
rispetto delle condizioni di cui al comma b), le prescrizioni di cui sopra non si applicheranno
quando i due cavi siano posati nello stesso manufatto; per tali situazioni di impianto si
prenderanno tutte le possibili precauzioni, ai fini di evitare che i cavi di energia e di
telecomunicazione vengano a diretto contatto fra loro, anche quando le loro guaine siano
elettricamente connesse.
In particolare:
nel caso di gallerie, la posa dei cavi di telecomunicazione e di energia verrà fatta su mensole
distinte, chiaramente individuabili; nel caso di cunicoli o di condotti, la posa dei cavi di energia e
di quelli di telecomunicazione verrà fatta in sedi o in fori distinti.
b) Nei riguardi dei fenomeni induttivi, dovuti ad eventuali guasti sui cavi di energia, le
caratteristiche del parallelismo (distanza tra i cavi, lunghezza del parallelismo) soddisferanno
quanto prescritto dalle Norme CEI 103-6. Nei riguardi di altri fenomeni di interferenza tra cavi di
energia e cavi di telecomunicazione, saranno rispettate le direttive del Comitato Consultivo
Internazionale Telegrafico e Telefonico (CCITT).

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

I dispositivi di protezione citati nei paragrafi precedenti saranno costituiti da involucri (cassette
o tubi) preferibilmente in acciaio zincato a caldo (Norma CEI 7-6) od inossidabile, con pareti di
spessore non inferiore a 2 mm.
Saranno ammessi involucri protettivi differenti da quelli sopra descritti purché presentino
adeguata resistenza meccanica e siano, quando il materiale di cui sono costituiti lo renda necessario,
protetti contro la corrosione

2.1.3. Stazione di consegna utente

La Stazione di consegna utente è necessaria ad immettere l‘energia prodotta dagli aerogeneratori


nella rete elettrica.
Il sistema elettrico sarà costituito da uno stallo tipo “trasformatore”.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 9 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

La norma CEI 11-1 definisce le distanze minime che bisogna rispettare dai punti in tensione. Si
adotteranno distanze sempre superiori a quelle specificate nella suddetta norma, in particolare:

Distanza fase-terra: 3,3 m


Distanza fase-fase: 2,2 m
Distanza fase-suolo: 4,5 m

Sezione 30 kV

Il sistema è costituito da elementi necessari a connettere la rete di media tensione del parco eolico al
secondario dei trasformatori di potenza e ad alimentare i Servizi Ausiliari (ss.aa).
All’interno dell’edificio di comando verranno installati due quadri elettrici di MT che saranno
composti dalle seguenti apparecchiature:

• Una cella con interruttore automatico e sezionatore di linea e di terra con funzioni di
protezione del trasformatore di potenza;

• Tre celle con interruttore automatico e sezionatore di linea e di terra con funzioni di
protezione della rete a 30 kV del Parco Eolico;

• Una cella misure di tensione protetto da fusibile e sezionatore di linea e di messa a terra, e
una cella alimentazione trasformatore dei servizi ausiliari di stazione protetto da fusibile e
con sezionatore di linea e di messa a terra.

All’interno dell’edificio saranno installati inoltre gli apparati di misura, comando, controllo e
protezione necessari per la corretta funzionalità dell’impianto.
Come dati di progetto si adottano i seguenti valori:
Tensione nominale: 30 kV
Tensione massima: 36 kV
Livello di isolamento
• Tensione a impulso atmosferico 170 kV
• Tensione a frequenza industriale 70 kV
• Corrente nominale del trasformatore: 900 A

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 10 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

• Corrente nominale di cortocircuito: 31,5 kA


• Tempo di estinzione del guasto: 0,5 s

CEI 11-1 Fissata in questo progetto

Distanza minima fase-terra in aria 0,32 m (Tab. 4-1) 0,5 m

Distanza minima fase-fase in aria 0,32 m (Tab. 4-1) 0,5 m

Altitudine minima fase-suolo 3,2 m (Tab. 6-1) 3,6 m

Tensioni di esercizio (distanze minime)


TABELLA – Verifica distanze minime (Vn = 30 kV, V 1,2/50 μs = 170 kV)

Nel sistema a 30 kV all’interno della sottostazione si utilizzano cavi isolati e segregati in


apposite prefabbricate, collaudate e certificate dal Costruttore secondo procedure a norma di legge
per il livello di isolamento indicato.

2.1.4. Impianti di terra

Ciascun aerogeneratore con la relativa cabina di trasformazione, la rete di trasporto e la cabina di


consegna sono provvisti di un impianto di messa a terra.
In particolare, tutti i cavi equipotenziali dei componenti della turbina eolica, conduttori
elettrici, sono muniti di sistema di messa a terra. Questo ultimo è parte fondamentale del sistema
antifulmine.

I locali cliente, consegna e misura della cabina di consegna, saranno dotati di un unico
impianto di terra rispondente alla Norma CEI 11-1 “Impianti elettrici con tensione superiore a 1kV in
corrente alternata” ed alla Guida CEI 11-37 “Guida per l’esecuzione di degli impianti di terra di
stabilimenti industriali di I, II, e III categoria”.
________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 11 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

2.1.5. Unità di controllo remoto

IL sistema di controllo viene realizzato attraverso un concentratore che riceverà. attraverso


F/O i segnali dagli apparati di protezione e dal campo eolico.

Tali segnali vengono opportunamente convertiti ed inviati ad un PC Desktop tramite


protocollo IEC870-5- 101.

L’unità invierà, inoltre, i segnali al gestore di rete tramite protocollo IEC870-5-104.

Sarà inoltre incluso un modulo GPS per la sincronizzazione.

2.1.6. Sistema supervisione e controllo

Questo sistema sarà completo di PC Desktop, monitor e stampante, da installare nella


stazione di controllo.

Attraverso il sistema di interfaccia operatore, dal PC Desktop sarà possibile controllare,


visualizzare lo stato e manovrare tutti gli apparati connessi al sistema di controllo.

In particolare sarà possibile accedere alle seguenti funzionalità:

- Menù principale

- Visione del diagramma unifilare di stazione

- Indicazione dei servizi ausiliari

- Controllo dei processi e supervisione

- Lista allarmi

- Lista eventi

2.1.7. Apparecchiature BT

Sistema di distribuzione CA/CC

Il sistema di distribuzione sarà così composto:

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 12 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

- Raddrizzatore/Caricabatteria;

- Pannello di distribuzione CA e CC

- Batterie ermetiche di accumulatori al piombo con capacità di 70 Ah riferita a 20 ore.

- Sistema UPS per alimentazione PC

Raddrizzatore/Caricabatterie

Il sistema sarà composto da:

- N° 1 raddrizzatore a doppio ramo

- N° 1 batteria di accumulatori

Il raddrizzatore/caricabatterie fornirà l’alimentazione con tensione stabilizzata alle utenze 110


VCC e provvederà contemporaneamente a mantenere in carica le batterie.

Esso avrà le seguenti caratteristiche principali:

- Tensione nominale: 380 V

- Frequenza: 50 Hz

- Tensione mantenimento batteria: 122,6 V

- Tensione ramo servizi: 110 Vcc ±1%

- Corrente ramo servizi: 30 A

- Corrente ramo batterie 10 A

Il raddrizzatore sarà inserito in un robusto armadio metallico di dimensioni 600x600x2050.

2.1.8. Pannello di distribuzione CA e CC

Sarà composto da:

- interruttori automatici miniaturizzati tripolari da 10 ¸ 25 A per asservire prese F.M.

- alimentazione motori interruttore e sezionatore AT

- illuminazione sala quadri

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 13 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

- illuminazione esterna

- riserve

- dieci interruttori automatici miniaturizzati (MCB) bipolari da 10 ¸ 25 A per asservire

- alimentazione prese luce

- alimentazione scaldiglie lato A.T.

- alimentazione ausiliari quadro protezione e controllo

- riserve.

2.1.9. Batteria ermetica di accumulatori al piombo

Le batterie saranno di tipo ermetico composte da 9 elementi, con capacità di 75 Ah (riferiti al


regime di scarica in 20 ore) e di 60 Ah. Saranno montate in un armadio aventi le stesse caratteristiche
dell’armadio raddrizzatore.

2.1.10. UPS

Verrà fornito un sistema UPS per l’alimentazione del PC, del monitor e della RTU. Con le
seguenti caratteristiche:

- Tensione di ingresso: 110 Vcc

- Tensione d’uscita: 210 Vca

- Potenza di picco: 1500 W

- Corrente erogata: 4A

- Tensione d’uscita a 25% carico: 231 V

- Tensione d’uscita a 100% carico: 220 V

2.1.11. Illuminazione esterna alla stazione

L'impianto di illuminazione esterno sarà realizzato con corpi illuminanti opportunamente


distanziati dalle parti in tensione ed in posizione tale da non ostacolare la circolazione dei mezzi.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 14 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

I proiettori saranno del tipo con corpo di alluminio, a tenuta stagna, grado di protezione IP65,
con lampade al sodio alta pressione non inferiori a 400 W e verranno montati su pali in vetroresina di
altezza adeguata, aventi alla base una casetta di derivazione.

Il valore medio di illuminamento sarà di 20 lux. Sarà inoltre previsto l’utilizzo di un


interruttore crepuscolare per l’accensione/spegnimento automatico dei corpi illuminanti.

2.1.12. Caratteristiche strutturali e di posa in opera della stazione

Conduttori, morse e collegamenti AT

I collegamenti fra le apparecchiature di potenza saranno realizzati in tubo di alluminio di


diametro 40/30.

Le morse saranno in materiale monometallico in lega di alluminio a profilo antieffluvio con


serraggio a bulloni in acciaio inox.

Strutture metalliche

Le strutture metalliche previste sono di tipo tubolare dimensionati in accordo al DPR 1062
del 21/06/1968

La zincatura a fuoco verrà eseguita nel rispetto delle indicazioni della norma CEI 7-6 fasc.
239.

Qualora durante il montaggio la zincatura fosse asportata o graffiata si provvederà al


ripristino della stessa mediante l’applicazione di vernici zincanti a freddo.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 15 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

2.2. Strutture

Nella presente relazione di calcolo sono stati analizzati due edifici potenzialmente presenti
all’interno della stazione di controllo indicati, rispettivamente, come “Chiosco periferico” ed
“Edificio di comando e controllo”.

Il chiosco periferico si sviluppa per un piano fuori terra; la distribuzione planimetrica prevede
al piano terra tre locali tecnici ed un servizio igienico. L’edificio non è cantinato ed ha un tetto
piano.

Vengono riportate di seguito due viste assonometriche contrapposte, allo scopo di consentire
una migliore comprensione della struttura oggetto della presente relazione:

Vista Anteriore Chiosco Periferico

La direzione di visualizzazione (bisettrice del cono ottico), relativamente al sistema di


riferimento globale 0,X,Y, Z, ha versore (1;1;-1)

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 16 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Vista Posteriore

La direzione di visualizzazione (bisettrice del cono ottico), relativamente al sistema di


riferimento globale 0,X,Y, Z, ha versore (-1;-1;-1)

L’edifico di comando e controllo si sviluppa anch’esso per un piano fuori terra; la


distribuzione planimetrica prevede al piano terra sette locali tecnici ed un servizio igienico. Anche in
questo caso l’edificio non è cantinato ed ha un tetto piano.

Vengono riportate di seguito due viste assonometriche contrapposte.

Vista Anteriore Edificio di comando e controllo

La direzione di visualizzazione (bisettrice del cono ottico), relativamente al sistema di


riferimento globale 0,X,Y, Z, ha versore (1;1;-1)

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 17 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Vista Posteriore Edificio di comando e controllo

La direzione di visualizzazione (bisettrice del cono ottico), relativamente al sistema di


riferimento globale 0,X,Y, Z, ha versore (-1;-1;-1)

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 18 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

2.2.1. Materiali impiegati e resistenze di calcolo

Per la realizzazione dell’opera in oggetto saranno impiegati i seguenti materiali:

Calcestruzzo tipo Rck250 (Resistenza caratteristica Rck = 25.0 N/mm2) armato con barre di
acciaio ad aderenza migliorata tipo Acciaio FeB44k (Resistenza caratteristica Fyk = 440.0 N/mm2);

Per ciascuna classe di calcestruzzo impiegata sono riportati i valori di:

Resistenza di calcolo a trazione (fctd)

Resistenza a rottura per flessione (fcfm)

Resistenza tangenziale di calcolo (τRd)

Modulo elastico normale (E)

Modulo elastico tangenziale (G)

Coefficiente di sicurezza allo Stato Limite Ultimo del materiale (γc)

Coefficiente parziale di modello (γrd)

Resistenza cubica caratteristica del materiale (Rck)

Coefficiente di Omogeneizzazione

Peso Specifico

Coefficiente di dilatazione termica

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 19 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

(a) (b)

Diagrammi di calcolo tensione/deformazione parabola-rettangolo del conglomerato


cementizio:(a) alta resistenza, (b) molto bassa, bassa e media resistenza.

La deformazione massima εc max è assunta pari a 0.0035.

Per l’acciaio sono riportati i valori di:

Tensione caratteristica di snervamento trazione (fyk)

Modulo elastico normale (E)

Modulo elastico tangenziale (G)

Coefficiente di sicurezza allo Stato Limite Ultimo del materiale (γf)

Peso Specifico

Coefficiente di dilatazione termica

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 20 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

fyk
di calcolo
fyk / γ f

E
-0,0035 εfyd
εfyd 0,01 εf

f yk /γ f
f yk

La resistenza di calcolo è data da fyk / γf. Il coefficiente di sicurezza γf si assume pari a


1.15. La deformazione massima  εs max è assunta pari a 0.01.

Tutti i materiali impiegati dovranno essere comunque verificati con opportune prove
di laboratorio secondo le prescrizioni della vigente Normativa.

2.2.2. Terreno di fondazione

Le indagini effettuate, mirate alla valutazione della velocità delle onde di taglio
(VS30) e/o del numero di colpi dello Standard Penetration Test (NSPT), permettono di classificare il
profilo stratigrafico, ai fini della determinazione dell’azione sismica, di categoria C [Depositi di
sabbie e ghiaie mediamente addensate, o di argille di media consistenza, con spessori variabili da
diverse decine fino a centinaia di metri, caratterizzati da valori di Vs30 compresi tra 180 e 360 m/s
(15<NSPT<30, 70<cu<250kPa)].

2.2.3. Analisi dei carichi

Un’accurata valutazione dei carichi è un requisito imprescindibile di una corretta


progettazione, in particolare per le costruzioni realizzate in zona sismica.

Essa, infatti, è fondamentale ai fini della determinazione delle forze sismiche, in quanto
incide sulla valutazione delle masse e dei periodi propri della struttura dai quali dipendono i valori

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 21 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

delle accelerazioni (ordinate degli spettri di progetto).

2.2.4. Valutazione dell’azione sismica

La zona sismica in cui sorge l’edificio è la zona 3 caratterizzata da una accelerazione


orizzontale massima ag = 0,15g.

2.2.5. Verifiche di regolarità

Sia per la scelta del metodo di calcolo, sia per la valutazione del fattore di struttura
adottato, deve essere effettuato il controllo della regolarità della struttura.

La tabella seguente riepiloga, per la struttura in esame, le condizioni di regolarità in pianta ed


in altezza soddisfatte.

REGOLARITÀ DELLA STRUTTURA IN PIANTA

La configurazione in pianta è compatta e approssimativamente SI


simmetrica rispetto a due direzioni ortogonali, in relazione alla
distribuzione di masse e rigidezze

Il rapporto tra i lati di un rettangolo in cui l’edificio risulta SI


inscritto è inferiore a 4

Almeno una dimensione di eventuali rientri o sporgenze non SI


supera il 25 % della dimensione totale dell’edificio nella corrispondente
direzione

I solai possono essere considerati infinitamente rigidi nel loro SI


piano rispetto agli elementi verticali e sufficientemente resistenti

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 22 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

REGOLARITÀ DELLA STRUTTURA IN ALTEZZA

Tutti i sistemi resistenti verticali dell’edificio (quali telai e pareti) SI


si estendono per tutta l’altezza dell’edificio

Massa e rigidezza rimangono costanti o variano gradualmente, SI


senza bruschi cambiamenti, dalla base alla cima dell’edificio (le
variazioni di massa da un piano all’altro non superano il 25 %, la
rigidezza non si abbassa da un piano al sovrastante più del 30% e non
aumenta più del 10%); ai fini della rigidezza si possono considerare
regolari in altezza strutture dotate di pareti o nuclei in c.a. di sezione
costante sull’altezza o di telai controventati in acciaio, ai quali sia affidato
almeno il 50% dell’azione sismica alla base

Il rapporto tra resistenza effettiva e resistenza richiesta dal calcolo SI


nelle strutture intelaiate progettate in Classe di Duttilità Bassa non è
significativamente diverso per piani diversi (il rapporto fra la resistenza
effettiva e quella richiesta calcolata ad un generico piano non deve
differire più del 20% dall’analogo rapporto determinato per un altro
piano); può fare eccezione l’ultimo piano di strutture intelaiate di almeno
tre piani

Eventuali restringimenti della sezione orizzontale dell’edificio SI


avvengono in modo graduale da un piano al successivo, rispettando i
seguenti limiti: ad ogni piano il rientro non supera il 30% della
dimensione corrispondente al primo piano, né il 20% della dimensione
corrispondente al piano immediatamente sottostante. Fa eccezione
l’ultimo piano di edifici di almeno quattro piani per il quale non sono
previste limitazioni di restringimento

La rigidezza è calcolata come rapporto fra il taglio complessivamente agente al piano


e δ, spostamento relativo di piano (Il taglio di piano è la sommatoria delle azioni orizzontali agenti
al di sopra del piano considerato).
________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 23 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

La struttura è pertanto:

REGOLARE in pianta

REGOLARE in altezza

2.2.6. Classe di duttilità

La classe di duttilità è rappresentativa della capacità dell’edificio in cemento armato di


dissipare energia in campo anelastico per azioni cicliche ripetute.

Le deformazioni anelastiche devono essere distribuite nel maggior numero di elementi


duttili, in particolare le travi, salvaguardando in tal modo i pilastri e soprattutto i nodi travi pilastro
che sono gli elementi più fragili.

L’ Ordinanza 3274 definisce due classi di duttilità:

CD”A” (Alta) - sotto l’azione sismica di progetto la struttura si trasforma in un meccanismo


dissipativo ad elevata capacità;

CD”B” (Bassa) - tutti gli elementi strutturali devono possedere una soglia minima di duttilità.

La struttura in esame è stata progettata in classe di duttilità BASSA.

2.2.7. Spettri di Progetto per S.L.U. e S.L.D.

In base alle indagini geognostiche effettuate si è classificato il suolo di fondazione di


categoria C, cui corrispondono i seguenti valori per i parametri necessari alla costruzione degli
spettri di risposta orizzontale e verticale:

Spettro
B C D

Orizzontale
,25 ,15 ,50 ,00

Verticale
,00 ,05 ,15 ,00

Per la definizione degli spettri di risposta, oltre all’accelerazione ag al suolo


________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 24 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

(dipendente dalla classificazione sismica del Comune) occorre determinare il Fattore di Struttura q.

Il Fattore di struttura q è un fattore riduttivo delle forze elastiche introdotto per tenere
conto delle capacità dissipative della struttura che dipende dal sistema costruttivo adottato, dalla
Classe di Duttilità e dalla regolarità in altezza.

L'edificio è stato progettato per appartenere alla Classe 1

Per la struttura in esame sono stati determinati i seguenti valori:

Stato Limite Ultimo

Fattore di Struttura q per sisma orizzontale in direzione X: 3,47

Fattore di Struttura q per sisma orizzontale in direzione Y: 3,47

Fattore di Struttura q per sisma verticale: 1,50

Stato Limite di Danno

Fattore di riduzione dello spettro elastico per sisma orizzontale e verticale: 2,50

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 25 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

SPETTRI di RISPOSTA di ACCELERAZIONE


10

6
m/s²

0
0 1 2 3 4
s
S LU in X S LU in Y S LD in orizzontale
E LA S TIC O in orizzontale S LU in v erticale S LD in v erticale
E LA S TIC O in v erticale

2.2.8. Metodo di Analisi

Il calcolo delle azioni sismiche è stato eseguito in analisi dinamica modale,


considerando il comportamento della struttura in regime elastico lineare.

Il numero di modi di vibrazione considerato (50) ha consentito, nelle varie condizioni, di


mobilitare le seguenti percentuali delle masse della struttura:

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 26 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Stato Limite Direzione Sisma %

Ultimo X
0,7

Ultimo Y
1,6

Ultimo Z
00,0

di Danno X
0,7

di Danno Y
1,6

di Danno Z
00,0

Per valutare la risposta massima complessiva di un generica caratteristica E,


conseguente alla sovrapposizione dei modi, si è utilizzata una tecnica di combinazione probabilistica
definita CQC (Complete Quadratic Combination - Combinazione Quadratica Completa):

E= ∑ρ
i , j =1, n
ij ⋅ Ei ⋅ E j

con:
3
8ξ 2 ⋅ (1 + β ij ) ⋅ β ij2 ωi
ρ ij = β ij =
(1 − β )
2 2
ij
2
(
+ 4ξ ⋅ β ij ⋅ 1 + β 2
ij ) ωj

dove:

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 27 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

n è il numero di modi di vibrazione considerati

ζ è il coefficiente di smorzamento viscoso equivalente espresso in percentuale;

βij è il rapporto tra le frequenze di ciascuna coppia i-j di modi di vibrazione.

Le sollecitazioni derivanti da tali azioni sono state composte poi con quelle derivanti da
carichi verticali, orizzontali non sismici secondo le varie combinazioni di carico probabilistiche.

Il calcolo è stato effettuato mediante un programma agli elementi finiti le cui caratteristiche
verranno descritte nel seguito.

Il calcolo degli effetti dell’azione sismica è stato eseguito con riferimento alla struttura
spaziale, tenendo cioè conto degli elementi interagenti fra loro secondo l’effettiva realizzazione
escludendo i tamponamenti. Non ci sono approssimazioni su tetti inclinati, piani sfalsati o scale,
solette, pareti irrigidenti e nuclei.

Si è tenuto conto delle deformabilità assiali, taglianti e flessionali degli elementi


monodimensionali; pareti, setti, solette sono stati correttamente schematizzati tramite elementi finiti
a tre/quattro nodi con comportamento sia a piastra che a lastra.

Sono stati considerati sei gradi di libertà per nodo; in ogni nodo della struttura sono
state applicate le forze sismiche derivanti dalle masse circostanti.

Le sollecitazioni derivanti da tali forze sono state poi combinate con quelle derivanti
dagli altri carichi come prima specificato.

2.2.9. Combinazione delle componenti dell’azione sismica

Il sisma viene convenzionalmente considerato come agente separatamente in due


direzioni tra loro ortogonali prefissate; per tenere conto che nella realtà il moto del terreno durante
l’evento sismico ha direzione casuale e in accordo con le prescrizioni normative, per ottenere
l’effetto complessivo del sisma, a partire dagli effetti delle direzioni calcolati separatamente, si è
provveduto a sommare i massimi ottenuti in una direzione con il 30% dei massimi ottenuti per
l’azione applicata nell’altra direzione. L'azione sismica verticale è stata considerata in presenza di
elementi pressoché orizzontali con luce superiore a 20 m, di elementi principali precompressi o di

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 28 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

elementi a mensola.

2.2.10. Eccentricità accidentali

Per valutare le eccentricità accidentali, previste in aggiunta all’eccentricità effettiva


sono state considerate condizioni di carico aggiuntive ottenute applicando l’azione sismica nelle
posizioni del centro di massa di ogni piano ottenute traslando gli stessi, in ogni direzione
considerata, di una distanza pari a +/- 5% della dimensione massima del piano in direzione
perpendicolare all’azione sismica.

2.2.11. Azioni sulla struttura

I calcoli e le verifiche sono condotti con il metodo semiprobabilistico degli stati


limite secondo le indicazioni del D.M. 14 settembre 2005.

I carichi agenti sui solai, derivanti dall’analisi dei carichi, vengono ripartiti sulle membrature
(travi, pilastri, pareti, solette, platee, ecc.).

I carichi dovuti ai tamponamenti, sia sulle travi di fondazione che su quelle di piano,
sono schematizzati come carichi lineari agenti esclusivamente sulle aste.

Su tutti gli elementi strutturali è inoltre possibile applicare direttamente ulteriori azioni
concentrate e/o distribuite (variabili con legge lineare ed agenti lungo tutta l’asta o su tratti limitati
di essa).

Le azioni introdotte direttamente sono combinate con le altre (carichi permanenti,


accidentali e sisma) mediante le combinazioni di carico di seguito descritte; da esse si ottengono i
valori probabilistici da impiegare successivamente nelle verifiche.

STATO LIMITE ULTIMO

Le azioni sulla costruzione sono state cumulate in modo da determinare condizioni di carico
tali da risultare più sfavorevoli ai fini delle singole verifiche, tenendo conto della probabilità ridotta
di intervento simultaneo di tutte le azioni con i rispettivi valori più sfavorevoli, come consentito dalle
norme vigenti.
________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 29 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Per gli stati limite ultimi sono state adottate le combinazioni del tipo:

Fd = ∑ (γ Gj ⋅ γ EGj ⋅ GKi ) + γ Q1 ⋅ γ EQ1 ⋅ Qk1 + ∑ (Ψ0i ⋅ γ Qi ⋅ γ EQi ⋅ Qki ) + ∑ (γ Ph ⋅ γ EPh ⋅ Pkh )


m n l

j =1 i=2 h =1

dove:

Gkj rappresenta il valore caratteristico della j-esima azione permanente

Pkh rappresenta il valore caratteristico della h-esima deformazione impressa

Qkl rappresenta il valore caratteristico dell’azione variabile di base di ogni combinazione.

Qki rappresenta il valore caratteristico della i-esima azione variabile

γg, γq γp coefficienti parziali come definiti nella tabella 5.1-V del DM 14 settembre
2005;

gE rappresentano i coefficienti di modello delle azioni come definiti nella tabella 5.1-VI del
DM 14 settembre 2005;

Ψ0i sono i coefficienti di combinazione per tenere conto della ridotta probabilità di
concomitanza delle azioni variabili con i rispettivi valori caratteristici.

Le 14 combinazioni risultanti sono state costruite a partire dalle sollecitazioni caratteristiche


calcolate per ogni condizione di carico elementare: ciascuna condizione di carico accidentale, a
rotazione, è stata considerata sollecitazione di base (Q1k nella formula precedente).

In zona sismica, oltre alle sollecitazioni derivanti dalle generiche condizioni di carico
statiche, devono essere considerate anche le sollecitazioni derivanti dal sisma.L’azione sismica è
stata combinata con le altre azioni secondo la seguente relazione:

γ E ⋅ E + γ G ⋅ G K + γ P ⋅ PK + ∑ψ
i 2i
⋅ γ Q ⋅ Q Ki

dove:

E azione sismica per lo stato limite e per la classe di importanza in esame;

Gk
il valore caratteristico delle azioni permanenti;

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 30 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

PK
il valore caratteristico delle azioni da precompressione;

ψ 2i Qi
coefficiente di combinazione delle azioni variabili .

Qki Qi
valore caratteristico dell’azione variabile ;

γ E ,γ G ,γ P,γ Q
coefficienti parziali pari ad 1;

Gli effetti dell’azione sismica sono valutati tenendo conto delle masse associate ai seguenti
carichi gravitazionali:

G K + ∑i (ψ 2i ⋅ Q Ki )

ψ2i
I valori dei coefficienti sono riportati nella seguente tabella:

Destinazione d'uso Ψ2,i

Abitazioni, Uffici, Scale 0,30

Uffici aperti al pubblico, Scuole, Negozi, Autorimesse 0,60

Tetti e Coperture 0,20

Magazzini, Archivi 0,80

Le massime sollecitazioni sul terreno sono state calcolate con riferimento alle istruzioni
contenute al punto 7.2.5.2. ed applicando ai parametri meccanici (coesione, angolo d’attrito) i
coefficienti parziali di riduzione riportati in tabella 7.2.I

Si è quindi provveduto a progettare le armature di ogni elemento strutturale per ciascuno


dei valori ottenuti secondo le modalità precedentemente illustrate.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 31 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

STATO LIMITE DI DANNO

L’azione sismica, ottenuta dallo spettro di progetto per lo Stato Limite di Danno, è
stata combinata con le altre azioni mediante una relazione del tutto analoga alla precedente:

γ E ⋅ E + γ G ⋅ G K + γ P ⋅ PK + ∑ψ
i 2i
⋅ γ Q ⋅ Q Ki

dove:

E azione sismica per lo stato limite e per la classe di importanza in esame;

Gk
il valore caratteristico delle azioni permanenti;

PK
il valore caratteristico delle azioni da precompressione;

ψ 2i Qi
coefficiente di combinazione delle azioni variabili .

Qki Qi
valore caratteristico dell’azione variabile ;

γ E ,γ G ,γ P,γ Q
coefficienti parziali pari ad 1;

Gli effetti dell’azione sismica sono valutati tenendo conto delle masse associate ai seguenti
carichi gravitazionali:

G K + ∑i (ψ 2i ⋅ Q Ki )

ψ2i
I valori dei coefficienti sono riportati nella seguente tabella

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 32 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Destinazione d'uso Ψ2,i

Abitazioni, Uffici, Scale 0,30

Uffici aperti al pubblico, Scuole, Negozi, Autorimesse 0,60

Tetti e Coperture 0,20

Magazzini, Archivi 0,80

STATI LIMITE DI ESERCIZIO

Allo Stato Limite di Esercizio le sollecitazioni con cui sono state semiprogettate le aste in
c.a. sono state ricavate applicando le formule riportate nel D.M. 14 settembre 2005 - Norme tecniche
per le costruzioni - al punto 5.1.2.2.2. Per le verifiche agli stati limite di esercizio, a seconda dei
casi, si fa riferimento alle seguenti combinazioni di carico:

Fd = ∑ (γ Gj ⋅ γ EGj ⋅ GKi ) + ψ 11 ⋅ γ Q1 ⋅ γ EQ1 ⋅ Qk1 + ∑ (ψ 2i ⋅ γ Qi ⋅ γ EQi ⋅ Qki ) + ∑ (γ Ph ⋅ γ EPh ⋅ Pk


m n l
combinazione
j =1 i=2 h =1
frequente

Fd = ∑ (γ Gj ⋅ γ EGj ⋅ GKi ) + ψ 21 ⋅ γ Q1 ⋅ γ EQ1 ⋅ Qk1 + ∑ (ψ 2i ⋅ γ Qi ⋅ γ EQi ⋅ Qki ) + ∑ (γ Ph


m n l
combinazione
j =1 i=2 h =1
quasi
permanente

dove:

Gkj valore caratteristico della j-esima azione permanente

Pkh valore caratteristico della h-esima deformazione impressa

Qkl valore caratteristico dell’azione variabile di base di ogni combinazione

Qki valore caratteristico della i-esima azione variabile

γg, γq γp coefficienti parziali come definiti nella tabella 5.1-V del DM 14 settembre 2005 e nel seguito
riportata;
________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 33 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

γE coefficienti di modello delle azioni come definiti nella tabella 5.1-VI del DM 14 settembre
2005 e nel seguito riportata;

Ψ1i coefficiente atto a definire i valori delle azioni ammissibili ai frattili di ordine 0,95 delle
distribuzioni dei valori istantanei;

Ψ2i coefficiente atto a definire i valori quasi permanenti delle azioni ammissibili ai valori medi
delle distribuzioni dei valori istantanei.

sfavorevoli favorevoli
alla sicurezza alla sicurezza
γGj 1,0 0,9
γQi 1,0 0
γPh 1,0 0,9

γEGj 1
definiti dalla norme relative alle diverse
γEQi
azioni variabili
γEPh 1

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 34 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Ai coefficienti Ψ1i, Ψ2i sono attribuiti i seguenti valori:

Azione Ψ 1i Ψ 2i
Carichi variabili nei fabbricati per
0,5 0,3
abitazione ed uffici
Negozi, uffici aperti al pubblico
0,7 0,6
ed autorimesse
Magazzini, depositi 0,9 0,8
Vento 0,2 0
Neve 0,3 0,1
Altre Azioni 1,0 1,0

In maniera analoga a quanto illustrato nel caso dello SLU le combinazioni risultanti sono
state costruite a partire dalle sollecitazioni caratteristiche calcolate per ogni condizione di carico; a
Q1k
turno ogni condizione di carico accidentale è stata considerata sollecitazione di base ( nella
formula (1)), con ciò dando origine a tanti valori combinati. Per ognuna delle combinazioni ottenute,
in funzione dell’elemento (trave, pilastro etc...) sono state effettuate le verifiche allo SLE (tensioni,
deformazioni e fessurazione).

2.2.12. Modello di calcolo

I modelli delle strutture sono stati creati automaticamente da un codice di calcolo,


individuando i vari elementi strutturali e fornendo le loro caratteristiche geometriche e meccaniche.

Qui di seguito è fornita una rappresentazione grafica dettagliata della discretizzazione


operata con evidenziazione dei nodi e degli elementi.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 35 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Vista Anteriore chiosco periferico

Vista Posteriore chiosco periferico

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 36 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Vista Anteriore edificio di comando e controllo

Vista Posteriore edificio di comando e controllo

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 37 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Dalle illustrazioni precedenti si evince come le aste, sia travi che pilastri, siano schematizzate
con un tratto flessibile centrale e da due tratti (braccetti) rigidi alle estremità. I nodi vengono
posizionati sull’asse verticale dei pilastri, in corrispondenza dell’estradosso della trave più alta che
in esso si collega. Tramite i braccetti i tratti flessibili sono quindi collegati ad esso.

In questa maniera il nodo risulta perfettamente aderente alla realtà poiché vengono
presi in conto tutti gli eventuali disassamenti degli elementi con gli effetti che si possono
determinare, quali momenti flettenti/torcenti aggiuntivi.

Le sollecitazioni vengono determinate, com’è corretto, solo per il tratto flessibile. Sui
tratti rigidi, infatti, essendo (teoricamente) nulle le deformazioni le sollecitazioni risultano
indeterminate.

2.2.13. Progetto e verifica degli elementi strutturali

La verifica degli elementi allo SLU è avvenuta col seguente procedimento:

si sono costruite le combinazioni di carichi, ottenendo un insieme di sollecitazioni;

si sono combinate tali sollecitazioni con quelle dovute all'azione del sisma (nel caso più semplice si
hanno altre quattro combinazioni, nel caso più complesso una serie di altri valori).

per sollecitazioni semplici (flessione retta, taglio, etc.) sono stati individuati i valori minimo e
massimo con cui progettare o verificare l’elemento considerato; per sollecitazioni composte
(pressoflessione retta/deviata) vengono eseguite le verifiche per tutte le possibili combinazioni e
solo a seguito di ciò si individua quella che ha originato il minimo coefficiente di sicurezza.

Per quanto concerne il progetto degli elementi in c.a. illustriamo in dettaglio il procedimento
seguito per i pilastri, che sono sollecitati sempre in regime di pressoflessione deviata, e per le travi
per le quali non è possibile semiprogettare a pressoflessione retta:

per tutte le terne Mx, My, N, individuate secondo la modalità precedentemente illustrata, si calcola il
coefficiente di sicurezza con un procedimento iterativo in base all'armatura adottata;

se per almeno una di queste terne esso è inferiore all'unità, si incrementa l’armatura variando il
diametro delle barre utilizzate e/o il numero delle stesse in maniera iterativa fino a quando il

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 38 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

coefficiente di sicurezza risulta maggiore o al più uguale all’unità per tutte le terne considerate.

Una volta semiprogettate le armature allo SLU, si è proceduto alla verifica delle sezioni allo
Stato Limite di Esercizio con le sollecitazioni derivanti dalle combinazioni rare, frequenti e quasi
permanenti; se necessario, le armature vengono integrate per far rientrare le tensioni entro i massimi
valori previsti.

Successivamente si proceduto alle verifiche alla deformazione, quando richiesto, ed alla


fessurazione che, come è noto, sono tese ad assicurare la durabilità dell’opera nel tempo.

Le verifiche effettuate risultano essere soddisfatte.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 39 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

2.3. TORRE

2.3.1. Verifiche strutturali

Per la torre sono state condotte le seguenti verifiche strutturali:


1. Verifiche di resistenza alle varie sezioni della torre;
2. Verifica di instabilità elastica per le lamiere compresse;
3. Verifica a fatica per la variazione dell’intensità del vento;
4. Verifica a fatica per le oscillazioni trasversali della torre dovute ai distacchi dei vortici.
5. Verifica delle giunzioni bullonate.

L’effettiva configurazione da installare all’atto della posa in opera costituita da virola di


fondazione, torre metallica, navicella e rotore, fornita da ditta specializzata nel settore, dovrà
essere certificata per sollecitazioni indotte dai carichi esterni di valore minore o uguale a quelle
considerate nella presente relazione di calcolo.

Combinazione delle azioni


Combinazione Condizione di carico Fattori di sicurezza
Carichi permanenti 1.10
1
Difetti di costruzione 1.10
Azione del Vento di V=25.00 m/s 1.35
Carichi permanenti 1.10
2
Difetti di costruzione 1.10
Azione del Vento di V=52.50 m/s 1.10
Carichi permanenti 1.10
3
Difetti di costruzione 1.10
Azione del Vento di V=70.00 m/s 1.35

Combinazione di carico 1 (permanenti,azione del vento 1. 3, difetto costruttivo con la teoria del 2^
ordine)

Parametri :

Inclinazione di progetto torre 5 mm/m

Inclinazione dovuta alla fondazione 3 mm/m

Direzione del vento 164.89°

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 40 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Combinazione di carico 2 (permanenti, azione del vento 7.1, difetto costruttivo con la teoria del
2°ordine)

Parametri :

Inclinazione di progetto torre 5 mm/m

Inclinazione dovuta alla fondazione 3 mm/m

Direzione del vento 97.08°

Combinazione di carico 3 (permanenti, azione del vento 6.1, difetto costruttivo con la teoria del 2°
ordine)

Parametri

Inclinazione di progetto torre 5 mm/m

Inclinazione dovuta alla fondazione 3 mm/m

Direzione del vento 158.51°

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 41 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Significato dei simboli nelle verifiche di resistenza:

2.3.2. Verifiche di stabilità

La verifica di stabilità è stata condotta secondo le metodologie di cui al capitolo 6 “Lastre tronco
coniche con pareti a spessore costante” della Norma DIN 18800-4. La combinazione di carico utilizzata
per la verifica è quella che massimizza il momento flettente alla base della torre, ovvero quella che
prevede l’azione del vento di tipo 7.1 prevista dalla norma IEC 61400-1. I risultati della verifica sono
riportati nelle seguenti tabelle. I parametri usati nella verifica sono stati chiamati secondo quanto
riportato nella norma DIN 18800-4. In particolare i coefficienti Cx e gammaM sono stati ottenuti con le

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 42 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

seguenti formule:

Ai fini della verifica, perseguendo le raccomandazioni della norma DIN 18800-4, si è supposta
divisa la torre in 4 parti, 3 corrispondenti alle parti della torre aventi lunghezza rispettivamente pari a
24.448 m, 19.185m e 9.610 m, quarta corrispondente alla virola di fondazione di lunghezza pari a 0.30
ml (parte non bloccata dal colletto di cls). L’effettiva configurazione del complesso virola di
fondazione, torre metallica, navicella e rotore a tre pale, oggetto della presente relazione di
calcolo sarà certificata dalla ditta fornitrice e costruttrice.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 43 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

2.3.3. Verifica di fatica

Le verifiche di fatica sono state condotte secondo l’Eurocodice 3. Sono stati utilizzati carichi
equivalenti forniti e certificati nel documento n. 711 25-1 del 23/03/2001 a cura della
GERMANISCHER LLOYD — Hamburg Germany e calcolati secondo la norma IEC 61400 (1). In
particolare sono stati considerati agenti in sommità della torre, nella direzione del vento, una forza Fx e
una coppia di momento My . Per il calcolo dei momenti flettenti lungo la torre è stato considerato un
coefficiente di correlazione che tiene conto delle sollecitazioni in fase dovute a Fx e My .

2.3.4. Verifiche di fatica per oscillazioni trasversali

Le oscillazioni trasversali sono quelle causate dal distacco dei vortici dalla superficie cilindrica
della torre. La verifica in questione è stata condotta in base alla seguente ipotesi:
Torre completa di rotore e navicella . In questa situazione è stato calcolato lo stato tensionale ciclico da
sottoporre a verifica di fatica.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 44 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 45 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 46 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 47 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

2.3.5. Verifiche delle giunzioni flangiate e delle bullonature

Di seguito si allegano le verifiche condotte per le giunzioni flangiate della torre condotte per la
combinazione di carico 7.1 della norma CEI ENV 61400-1 (1), per la quale si verificano le massime
sollecitazioni flettenti.

2.3.6. Verifiche strutturali virola di fondazione

Sono state effettuate le seguenti verifiche :

- Verifiche di resistenza dei connettori;


- Verifica di resistenza dei ferri a Z;
- Verifica di resistenza dei ferri a stella;
- Verifica della pressione di contatto nel calcestruzzo nella zona compressa della virola;
- Verifica della pressione di contatto nel calcestruzzo nella zona tesa della virola;

Le verifiche hanno dato esito positivo e sono state condotte nell’intento di dare le prescrizioni
minime per il dimensionamento della sottostruttura calcolata per la condizione che massimizza l’azione
flettente alla base della torre, ovvero la combinazione 7.1 della CEI ENV 61400-1.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 48 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

2.4. FONDAZIONI

2.4.1. Considerazioni generali

Il calcolo è stato eseguito per una struttura di fondazione per una torre metallica dell'altezza di
100 ml al mozzo posta a sostegno di un aereogeneratore di classe IIA (CEI ENV 61400-1 Sistemi di
generazione a turbina eolica - parte I).

Le sollecitazioni sono state ottenute con modelli ad elementi finiti che hanno tenuto conto della
geometria del manufatto, della distribuzione delle masse e dell'interazione tra terreno di fondazione e
struttura.

I materiali utilizzati per la fondazione hanno le seguenti caratteristiche:

- calcestruzzo Rck = 30 N/mmq (fcd = 16.6 N/mmq)


- acciaio per armatura : FeB44K (fd = 374 N/mmq)

Ai fini della verifica sono state prese in considerazione le seguenti azioni di progetto :

- Peso proprio e carichi permanenti;


- Azione del vento con le ipotesi di funzionamento di cui al CEI IEC 61400-1;
o Macchina in produzione di potenza (punto 1.3 - Elenco delle ipotesi di carico);
o Parcheggio e guasto (punto 7.1 - Elenco delle ipotesi di carico);
o Macchina ferma o funzionamento a vuoto (punto 6.1 - Elenco delle ipotesi di carico).
- Imperfezioni costruttive

Non esistendo possibilità di accumulo della neve sulla navicella e sulle pale i relativi carichi
sono stati trascurati.

2.4.2. Analisi dei carichi

Carichi permanenti

I carichi permanenti considerati sono quelli dovuti al peso delle macchine installate sia sulla
torre e sia all'interno della stessa, forniti dalla ditta costruttrice.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 49 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

Carichi accidentali

Come precedentemente affermato, nell’analisi dei carichi non si è tenuto conto del carico neve.

Per le verifiche locali sono stati valutati i seguenti sovraccarichi:

- passerelle interne 495 kN

- scale interne 540 kN

Per l’analisi del vento sono stati considerati i seguenti parametri per la zona in esame

Vref = 27 m/s

Poiché in base alla norma CEI ENV 61400-1 - Sistemi di generazione a turbina eolica – la zona
oggetto dell’interevento è stata classificata di classe IIA, sono state considerate le velocità del vento,
calcolate alla quota del mozzo delle pale, fornite dalla casa costruttrice dell’aerogeneratore in
ottemperanza alla norma suddetta per la torre in esame.

Sono stati valutati, inoltre, i carichi applicati lungo la torre con la massima pressione dinamica
del vento all’altezza del mozzo, per le tre ipotesi di funzionamento.

V2
q=
1,6

Al fine di completare il quadro delle sollecitazioni sono state altresì considerate le imperfezioni
costruttive nelle seguente misura:

- 5.00 mm/m di pendenza della torre;

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 50 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

- 3.00 mm/m di pendenza per l’interfaccia di fondazione

I suddetti valori sono stati entrambi considerati come effetti del 1° e del 2° ordine.

2.4.3. Verifiche strutturali

Come previsto dall’allegato C della norma CEI ENV 61400-1, per l’analisi sismica, sono stati
valutati i carichi dovuti all’azione sismica.

La procedura ha incluso i seguenti passi:

- Valutazione e stima delle condizioni del sito e del suolo richieste dalla norma locale.
- Utilizzo dello spettro di risposta di progetto normalizzato e del coefficiente di zona a rischio
sismico per stabilire l’accelerazione alla prima frequenza propria di vibrazione flessionale della
torre assumendo uno smorzamento dell’1% dello smorzamento critico.
- Calcolo del carico per un sistema soggetto all’accelerazione di cui sopra, in cui la massa totale
del rotore e della navicella e il 50% della massa della torre sia concentrata sulla testa della torre.
- Aggiunta del risultato dei carichi caratteristici calcolati per un arresto di emergenza alla velocità
del vento nominale.
- Confronto del risultato con i carichi di progetto

E’ stato verificato che la torre riesce a sopportare il carico combinato che ne risulta,
considerando la combinazione nella peggiore condizione che prevede la torre con carico ridotto e le
sollecitazioni di taglio e momento sommate in valore assoluto.

Le verifiche strutturali relative alla torre e agli ancoraggi alla fondazione sono esplicitate nel
paragrafo precedente.

Per la fondazione in esame sono state effettuate le seguenti verifiche:

- Verifica al ribaltamento.
- Verifica delle portanza del terreno.

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 51 di 52
Comune di Palagianello (TA) - Impianto eolico “Titola” – Enel Green Power S.p.a.

Relazione Tecnica Specialistica - Calcoli preliminari delle strutture e degli impianti

- Verifica di resistenza della fondazione in cemento armato con il calcolo delle sollecitazioni
flettenti e taglianti.

Le verifiche effettuate risultano soddisfatte.

Il Tecnico

Ing. Leonardo Sblendido

________________________________________________________________________________________________
Sblendido Ing. Leonardo Corso Luigi Fera n. 79 87100 Cosenza – tel. 0984/483429, fax 0984/506986 Pagina 52 di 52