Sei sulla pagina 1di 67

USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

INDICE

1 OBIETTIVO DEL DOCUMENTO E AMBITO DI APPLICAZIONE ............................................................... 3

2 GESTIONE VERSIONI DEL DOCUMENTO ................................................................................................. 4

3 UNITÀ RESPONSABILE DEL DOCUMENTO.............................................................................................. 5

4 RIFERIMENTI ................................................................................................................................................ 6

4.1 Riferimenti generali ........................................................................................................................... 6

4.2 Riferimenti legislativi......................................................................................................................... 6

4.3 Riferimenti normativi ......................................................................................................................... 7

4.4 Documentazione aziendale ............................................................................................................... 7

5 ACRONIMI ..................................................................................................................................................... 9

6 ASPETTI GENERALI .................................................................................................................................. 11

6.1 Individuazione del sito ed autorizzazioni ...................................................................................... 11


6.1.1 Individuazione del sito .................................................................................................................. 11
6.1.2 Autorizzazioni ............................................................................................................................... 12
7 PRESCRIZIONI TECNICHE ED IMPIANTISTICHE .................................................................................... 14

7.1 Descrizione sintetica dei possibili schemi di impianto ............................................................... 14

7.2 Schemi elettrici ................................................................................................................................ 15

7.3 Layout dell’impianto ........................................................................................................................ 15

7.4 Distanze di sicurezza....................................................................................................................... 17


7.4.1 Distanze di sicurezza per la prevenzione incendi ........................................................................ 18
7.4.2 Distanze di sicurezza da parti attive ............................................................................................. 19
7.5 Rete di terra ...................................................................................................................................... 26
7.5.1 Scelta del sistema di gestione del neutro MT............................................................................... 27
7.5.2 Metodo di connessione del sistema di messa a terra del neutro ................................................. 27
7.6 Opere civili ....................................................................................................................................... 28
7.6.1 Dati di progetto ............................................................................................................................. 28
7.6.2 Requisiti minimi dei materiali ........................................................................................................ 28
7.6.3 Raccomandazioni per la messa in opera del calcestruzzo armato .............................................. 29
7.6.4 Piazzale ........................................................................................................................................ 29
7.6.5 Recinzioni, cancello e serrature ................................................................................................... 35
7.6.6 Mitigazione del rischio sismico ..................................................................................................... 37
7.7 Impianti accessori ........................................................................................................................... 38
7.7.1 Canalizzazione per il raccordo in FO della sala apparati ............................................................. 38
7.7.2 Impianto di illuminazione .............................................................................................................. 38

1
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.7.3 Impianti di smaltimento ................................................................................................................. 43


7.7.4 Impianto di protezione della Cabina Primaria contro atti dolosi ................................................... 44
7.8 Box ausiliario ................................................................................................................................... 48

7.9 Aspetti ambientali ............................................................................................................................ 49


7.9.1 Impatto acustico ........................................................................................................................... 49
7.9.2 Inquinamento luminoso ................................................................................................................ 52
7.9.3 Gestione terre da scavo ............................................................................................................... 52
7.10 Cartelli monitori e Targhe identificative ........................................................................................ 52

7.11 Dispositivi per la manutenzione in sicurezza ............................................................................... 55


7.11.1 Schede di collaudo della Cabina Primaria.................................................................................... 56
7.12 Sicurezza Antincendio .................................................................................................................... 56

8 PRINCIPALI COMPONENTI ....................................................................................................................... 58

8.1 Sezione AT ....................................................................................................................................... 58


8.1.1 Aspetti generali ............................................................................................................................. 58
8.1.2 Moduli ibridi................................................................................................................................... 60
8.1.3 Connessioni AT ............................................................................................................................ 60
8.2 Sezione trasformatore AT/MT ......................................................................................................... 61
8.2.1 Trasformatori ................................................................................................................................ 61
8.2.2 Protezione da sovratensioni ......................................................................................................... 61
8.2.3 Muro tagliafiamma ........................................................................................................................ 61
8.2.4 Castelletto per connessione MT del trasformatore AT/MT ........................................................... 61
8.2.5 Sistema per la misura degli scambi di energia con Terna ........................................................... 61
8.2.6 Smaltimento acqua di dilavamento del trasformatore .................................................................. 61
8.3 Sezione MT ....................................................................................................................................... 62
8.3.1 Quadro MT in container ................................................................................................................ 62
8.3.2 Collegamenti BT ........................................................................................................................... 64
8.3.3 Connessioni in fibra ottica tra protezioni, TPT e apparecchiature AT, MT ................................... 64
8.3.4 Rifasamento.................................................................................................................................. 65
8.3.5 Trasformatore Servizi Ausiliari...................................................................................................... 65
9 ARCHIVIO DELLA DOCUMENTAZIONE PRODOTTA PER LA COSTRUZIONE ED ESERCIZIO DEGLI
IMPIANTI PRIMARI ..................................................................................................................................... 66

10 ALLEGATI ................................................................................................................................................... 67

IL RESPONSABILE DELL’UNITÀ
ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Andrea CAREGARI

2
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

1 OBIETTIVO DEL DOCUMENTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

Il presente documento definisce le prescrizioni tecniche adottate dalla società e-distribuzione per le Cabine
Primarie (cabine di trasformazione AT/MT di seguito denominate più brevemente CP).
Gli indirizzi forniti nel presente documento sono applicabili ai nuovi impianti standard all’aperto ed ai rifacimenti
significativi di CP esistenti, aventi le seguenti caratteristiche:

Sezione AT tensione di esercizio 132 kV o 150 kV


portata nominale 800 A
corrente di corto circuito trifase 31,5 kA
Trasformatori AT/MT 2 trasformatori (ad un avvolgimento secondario)
taglia fino a 40 MVA
Sezione MT tensione di esercizio 15 kV e 20 KV. Altre tensioni quali 10 kV, 23 kV e 30 kV
potrebbero essere utilizzate, anche se non unificate per nuove linee MT, poiché
presenti sulla rete esistente

Per impianti con altre caratteristiche, ad esempio con trasformatori di taglia 63MVA, sezione MT in edificio
oppure con strutture interrate o promiscue (cabine in edifici con altre attività contigue), il documento può
comunque essere usato come riferimento, per quanto applicabile.
La valutazione di richieste per la realizzazione di CP al di fuori degli standard aziendali riportati nel presente
documento (ad es. la realizzazione di una CP con portata nominale della sezione AT di 1250 A) dovrà avvenire
coinvolgendo l’Unità O&M/Esercizio e Manutenzione Rete di sede centrale, insieme all’avvio della procedura di
riconoscimento economico così come stabilito nella Convenzione di Esercizio del 31/03/2009 con Terna.
Il presente documento trova applicazione in e-distribuzione.

3
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

2 GESTIONE VERSIONI DEL DOCUMENTO

Versione Data Descrizione della revisione

01 /05/2019 Prima emissione del documento.

4
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

3 UNITÀ RESPONSABILE DEL DOCUMENTO

Responsabile per l’elaborazione del documento:


 e-distribuzione SpA: Esercizio e Manutenzione
Responsabile per l’autorizzazione del documento:
 e-distribuzione SpA: Salute, Sicurezza e Ambiente
 e-distribuzione SpA: Qualità
 e-distribuzione SpA: Sviluppo Rete
 e-distribuzione SpA: Tecnologie di Rete
 e-distribuzione SpA: Progetto Fibra Ottica

5
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

4 RIFERIMENTI

Vengono di seguito riportati i principali riferimenti a disposizioni di legge, regolamenti, documenti aziendali e
normative tecniche inerenti gli impianti di trasformazione elettrica. Le attività ad essi collegate sono subordinate
alla concessione di specifica autorizzazione da parte delle competenti Autorità amministrative. Inoltre, si dovrà
fare riferimento anche ad eventuali leggi e regolamenti regionali/locali vigenti qui non elencate.

4.1 Riferimenti generali


 Codice Etico Enel
 Piano di Tolleranza Zero alla Corruzione (TZC)
 Modello di Organizzazione e Gestione ex D.Lgs 231/2001
 Norma ISO 9001:2015 - Sistemi di gestione per la qualità – Requisiti
 Codice di trasmissione, dispacciamento, sviluppo e sicurezza della rete (anche detto “Codice di Rete”) e
relativi Allegati ex articolo 1, comma 4 del D.P.C.M. 11 maggio 2004 di TERNA
 Convenzione di Esercizio del 31/03/2009 Enel Distribuzione - Terna

4.2 Riferimenti legislativi


 Allegato 1 Reg. UE 305/2011 “Condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da
costruzione” Dir. europea 2005/32/CE nota come “Ecodesign”
 D.M. del 27 Settembre 2017 MATTM e smi (valido per illuminazione pubblica può comunque essere
consultato come riferimento tecnico)
 Dir. 89/106/CEE (e seguenti) per marcatura CE bulloni e accessori
 Dir. 2012/27/UE relativa all´efficienza energetica, che modifica le Direttive 2009/125/CE (relativa
all’istituzione di un quadro per l’elaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile dei prodotti
connessi all’energia, Dir. ErP) e 2010/30/UE (concernente l’indicazione del consumo di energia e di altre
risorse dei prodotti connessi all’energia, mediante l’etichettatura ed informazioni uniformi relative ai prodotti)
 D.Lgs 102/2014 Attuazione della Direttiva sull´efficienza energetica, che modifica le Direttive 2009/125/CE
(Ecodesign) e 2010/30/UE
 D.Lgs 15/2011 “Attuazione della Direttiva 2009/125/CE relativa all´istituzione di un quadro per l´elaborazione
di specifiche per progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all´energia”
 D.Lgs 81/08 “Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro” e smi
 D.Lgs 3 Aprile 2006, n.152 “Norme in materia ambientale” e s.m.i.
 DLgs 16 Giugno 2017 n.106 “Adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE)
n. 305/2011, che fissa condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti d costruzione e che
abroga la Direttiva 89/106/CEE”
 D.M. 7 Agosto 2012 “Disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze…”
 D.M. 15 Luglio 2014 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione,
l'installazione e l'esercizio delle macchine elettriche fisse con presenza di liquidi isolanti combustibili in
quantità superiore ad 1 m³”
 D.P.C.M. 14 Novembre 1997 “Determinazione dei valori limite delle sorgenti sonore”
 D.P.C.M. 8 Luglio 2003 “Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità
per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati
a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz.
 D.P.R. 13 Giugno 2017, n.120 “Regolamento recante la disciplina semplificata della gestione delle terre e
rocce da scavo (…)”
 D.P.R. 1 Agosto 2011 n.151 “Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi
alla prevenzione degli incendi, a norma dell’articolo 49, comma 4-quarter del D.L. 31 maggio 2010, n. 78
convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122” e s.m.i. D.P.R. 6 Giugno 2001 n.380 “Testo
Unico per l'Edilizia” e s.m.i.

6
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

 D.P.R. 462/2001 “Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e


dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e
di impianti elettrici pericolosi”
 D.M. 17 Gennaio 2018 Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) 2018 e circolari esplicative
 Linea Guida per l’applicazione del § 5.1.3 dell’Allegato al DM 29.05.08 - Distanza di prima approssimazione
(DPA) da linee e cabine elettriche
 Provvedimento generale 08/04/2010 del Garante della Privacy: per la Videosorveglianza
 R.D. del 11 Dicembre 1933 n. 1775 recante il “Testo Unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti
elettrici” e s.m.i.
 Regolamento (CE) n. 245/2009 integrato da Regolamento (CE) n. 347/2010
 Regolamento UE n. 679/2016 (in seguito “GDPR”) e D.Lgs. 30 Giugno 2003 n.196 come modificato dal D.
Lgs. n. 101/2018: "Codice Privacy".

4.3 Riferimenti normativi


 CEI 11-17 “Impianti di produzione, trasmissione e distribuzione pubblica di energia elettrica - Linee in cavo”
 CEI 11-27 “Lavori sugli impianti elettrici”
 CEI 11-61 “Guida all’inserimento ambientale delle linee aeree esterne e delle stazioni elettriche”
 CEI 12-13 “Apparati elettronici” e raccomandazioni CCIR: per gli impianti di videosorveglianza
 CEI 64.8: per la posa in opera dei cavi e loro interconnessioni
 CEI 79-2 “Norme particolari per le apparecchiature”
 CEI 79-3 “Norme particolari per gli impianti”: per gli impianti antintrusione e antieffrazione
 CEI EN 50110, “Esercizio degli impianti elettrici”
 CEI EN 50522 “Messa a terra degli impianti elettrici a tensione superiore a 1 kV in c.a.”: 2011-07
 CEI EN 61936-1 “Impianti elettrici con tensione superiore a 1 kV in c.a. – Parte 1: Prescrizioni comuni”: 2014-
09
 Eurocodice 2 Progettazione delle strutture in calcestruzzo
 Eurocodice 3 Progettazione delle strutture in acciaio
 Eurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica
 IEEE Std 979: Guide for Substation Fire Protection
 UNI 11104 Calcestruzzo - Istruzioni complementari
 UNI 11630 “Luce e illuminazione - Criteri per la stesura del progetto illuminotecnico”
 UNI EN 206-1 “Calcestruzzo – Specificazione, prestazione, produzione e conformità”
 UNI EN 858 “Impianti di separazione per liquidi leggeri (per esempio benzina e petrolio)”
 UNI 10819 "Luce ed illuminazione – Impianti di illuminazione esterna – Requisiti per la limitazione della
dispersione verso l’alto del flusso luminoso”
 UNI EN 12464-2 Illuminazione dei luoghi di lavoro in esterno

4.4 Documentazione aziendale


 Capitolato tecnico per lavori in appalto delle cabine primarie di e-distribuzione
 CPCM01 Realizzazione di Cabine Primarie chiavi in mano – Specifica Tecnica Generale
 CPCM02 Prove e verifiche per l’attivazione di Cabine Primarie realizzate “chiavi in mano” - Specifica Tecnica
di collaudo
 Criteri di connessione alla R.T.N. delle Cabine Primarie realizzate con moduli prefabbricati compatti di tipo
ibrido
 Criteri di Sviluppo della Rete di Distribuzione
 Criterios de planificatiòn / Criteri di pianificazione DPCR - 0091 – 2011/ DK 1700
 DK4280 Corrente di guasto a terra nelle reti AT
 DK4281 Impianti di terra degli impianti primari

7
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

 DK4440 Criteri per il coordinamento degli isolamenti nelle reti MT di distribuzione


 DK4441 Guida al coordinamento degli isolamenti nelle reti MT di distribuzione
 DK4451 Criteri di protezione della rete MT di Distribuzione
 Elenco Compensi Convenzionale lavori in appalto delle cabine primarie
 Elenco Compensi Convenzionale per l’appalto dei lavori relativo alla smartizzazione degli impianti primari
 G1CP_TERRE Linee guida per la costruzione di Cabine Primarie Standard realizzate “chiavi in mano” –
Impianto di Terra
 GE.01 La scelta dello stato del neutro delle reti MT e le modalità di connessione a terra del centro stella MT
tramite impedenza/resistenza
 Guida per le Connessioni alla rete elettrica di e-distribuzione
 Handbook Fibra Ottica “Linee Guida e metodi di lavoro per la posa e gestione della fibra ottica con priorità
di utilizzo delle infrastrutture elettriche di e-distribuzione”
 Istruzione Operativa n. 79 Gestione degli strumenti di misura in e-distribuzione S.p.A
 Istruzione Operativa n. 116 Gestione Autorizzazioni e Cespiti in e-distribuzione S.p.A
 Istruzione Operativa n. 125 Gestione degli aspetti ambientali relativi al rumore
 Istruzione Operativa n. 1298 Gestione delle adduzioni e degli scarichi idrici
 Istruzione Operativa n. 2064 Conformità legislativa degli impianti di e-distribuzione – rischio incendio DPR
151/11
 Nota Interna Progetto Fibra Ottica -Indicazioni per la predisposizione della connessione in fibra ottica in
cabina primaria e in cabina secondaria
 Linea Guida per l’applicazione del par. 5.1.3 dell’Allegato al DM 29.5.08 - Distanza di prima approssimazione
(DPA) da linee e cabine elettriche
 LR 0061: Cabine primarie – Impianti di potenza 132 – 150 kV Sezione R – Impianto di messa a terra
 Policy n° 28 HV and MV network development technical criteria
 Policy n° 49 Global Infrastructure and Networks HV-MV Substation Design Technical Criteria
 Prescrizioni integrative per la Prevenzione del Rischio Elettrico (PRE)
 Procedura Organizzativa 522 “Autorizzazione ed acquisizione di beni immobili”
 Procedura P 07.00 Gestione delle Emergenze in edifici, impianti e cantieri
 Regolamento tecnico ed economico di accesso all’Infrastruttura elettrica di e-distribuzione
 Sicurezza delle infrastrutture del gruppo Enel-Linee Guida-Divisione Infrastrutture e Reti”
 Security Italy - Security Strategy, Design & Solution_SEZIONE 13_Linea Guida Sicurezza Infrastrutture -
Stardard minimi di Sicurezza - Impianti Primari e-distribuzione
 “Definizione standard di riferimento componentistica e impianti di antintrusione e videosorveglianza negli
impianti primari”
 Specifica Tecnica I&N-O&M-19-2-ITA “Predisposizione di siti per il posizionamento di apparati TLC attivi e
relativa alimentazione elettrica”
 Specifica Tecnica di collaudo Prove e verifiche per l’attivazione di Cabine Primarie realizzate “chiavi in mano
 Specifiche Tecniche Unificate richiamate nel testo ed elencate in allegato A

8
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

5 ACRONIMI

Acronimi Descrizione
AI Sistema di protezione antintrusione
Area Area Territoriale Rete
cls Calcestruzzo
CP Cabina Primaria (cabina di trasformazione AT/MT)
CPI Certificato di Prevenzione Incendi
CS Cabina Secondaria (cabina di trasformazione MT/BT)
DPA Distanza di prima approssimazione
FO Fibra Ottica
GDPR General Data Protection Regulation (Regolamento Europeo n. 2016/679)
GE Gruppo Elettrogeno
MS Unità Manutenzione Specialistica di Esercizio Rete
NTC Norme Tecniche per le Costruzioni
ONAN Olio Naturale, Aria Naturale (Raffreddamento del TR per circolazione naturale dell’olio e
dell’aria)
PCN Punto di Consegna Neutro (punto di terminazione della rete di accesso in FO)
PEI Piano di Emergenza Interno
POP Point of Presence (nodo primario della rete di telecomunicazioni in FO con apparati di
trasmissione e ricezione di segnali ottici)
PRE Prevenzione del Rischio Elettrico
PRFV Plastica Rinforzata con Fibre di Vetro
RTN Rete di Trasmissione Nazionale
SSA Unità Salute, Sicurezza e Ambiente
SVR/PL Unità Progettazione e Lavori di Sviluppo Rete
SVR/ API Unità Autorizzazioni e Patrimonio Industriale di Sviluppo Rete
TFN Trasformatore Formatore di Neutro
TR Trasformatore
TS Unità Telecontrollo e Sistemi di Esercizio Rete
TSA Trasformatore Servizi Ausiliari
TSM Technical Specification Management
TSO Transmission System Operator
TZC Tolleranza Zero alla Corruzione
VV.F Vigili del Fuoco

9
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Acronimi Descrizione
SA Servizi Ausiliari
SCR Security Control Room
VDS Videosorveglianza

10
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

6 ASPETTI GENERALI

Le CP di e-distribuzione sono impianti elettrici dove il sistema di trasmissione AT si interfaccia col sistema di
distribuzione MT, in cui sono presenti linee AT, linee MT, trasformatori e relativi sistemi di protezione e controllo.
L’inserimento di una nuova CP è previsto nell’ambito dei Piani di Sviluppo della rete sulla base di modelli di
ottimizzazione economica considerando gli incrementi di carico/produzione previsti e gli obiettivi di qualità del
servizio imposti dall’Autorità.
Se l’impianto non prevede trasformazione AT/MT e comprende solo apparecchiature AT è definito punto di
consegna o connessione verso un Cliente/Produttore. Se l’impianto non prevede trasformazione AT/MT e
comprende solo apparecchiature MT è definito Centro Satellite.
Le CP di e-distribuzione devono essere realizzate in conformità alla norma CEI EN 61936-1 (Impianti elettrici
con tensione superiore a 1 kV in c.a. – Parte 1: Prescrizioni comuni), incrementando però in favore di sicurezza,
i valori delle distanze di sicurezza rispetto a quanto riportato nella norma (paragrafo 7.4 “Distanze di sicurezza”).
In linea generale si evidenzia che le leggi regionali potrebbero comportare l’esigenza di ricorrere a soluzioni
costruttive diverse da quelle indicate nella presente Specifica Tecnica.
L’elenco delle principali specifiche tecniche richiamate nel presente documento è riportato nell’ allegato A.
Per i criteri di scelta dello schema di connessione alla rete (su stazioni AT o su linee AT esistenti), dello schema
di impianto (semplificato, completo o monostallo), delle soluzioni costruttive e della taglia dei trasformatori si
faccia riferimento ai “Criteri di Sviluppo della Rete di Distribuzione”.
I prezzi convenzionali di opere, lavori e interventi relativi agli appalti di costruzione di CP sono riportati nel
documento “Elenco Compensi Convenzionale lavori in appalto delle cabine primarie”.
Per la lavorazioni in fibra ottica (FO) (es. collegamento di alcuni componenti della CP quali Pannelli Protezioni)
al momento non esistono voci specifiche nel suddetto Elenco Compensi. Si può fare riferimento all’ “Elenco
compensi convenzionale per l’appalto dei lavori relativo alla smartizzazione degli impianti primari”.
Informazioni relative ai costi totali di riferimento per la realizzazione di una nuova CP standard sono riportate
nel documento “Global Infrastructure and Networks HV-MV Substation Design Technical Criteria”.

6.1 Individuazione del sito ed autorizzazioni


La definizione del sito in cui realizzare la CP deve tener conto della conformità urbanistica, dei regolamenti
edilizi, della presenza di eventuali vincoli che potrebbero condizionare o impedire l’edificabilità e della
compatibilità del manufatto con la normativa relativa ai campi elettromagnetici e normative ambientali in genere.
Prima della presentazione della richiesta di autorizzazione alla costruzione ed esercizio del nuovo impianto
dovrà essere preferibilmente stipulato un preliminare di compravendita, condizionato all’acquisizione del titolo
autorizzativo per la costruzione ed esercizio dell’impianto. Detto preliminare non contemplerà anticipi sul
corrispettivo né caparre confirmatorie in capo ad e-distribuzione per la costruzione ed esercizio dell’impianto.
Per le indicazioni specifiche si rimanda alla Istruzione Operativa n. 116 ”Gestione Autorizzazioni e Cespiti in e-
distribuzione”.

6.1.1 Individuazione del sito


L’ambito geografico in cui costruire la CP viene definito dall’Unità Pianificazione di Rete di Sviluppo Rete di
Area.
L’ubicazione precisa deriva dall’analisi di una serie di parametri: baricentro del carico alimentato, prescrizioni
normative/urbanistiche, valutazioni impiantistiche e di ottimizzazione del tracciato, valutazioni ambientali, natura
del terreno in termini di migliore portanza e conducibilità, minor rischio sismico e idro-geologico ed infine, dalla
disponibilità di immobili idonei su cui acquisire un titolo valido (proprietà piena o proprietà superficiaria illimitata).
11
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

La crescente sensibilità verso i valori ambientali impone accuratezza nella scelta del sito, considerando anche
che una CP può determinare, nei confronti dell’ambiente immediatamente circostante, oltre all’occupazione
fisica di spazi, un impatto visivo apprezzabile.
Nell’individuazione del posizionamento della CP si deve quindi:
 assicurarsi la disponibilità di transito per la realizzazione dei raccordi MT tra il costruendo impianto e la rete
MT
 contenere il più possibile il taglio delle piante anche nella scelta del percorso degli elettrodotti aerei
 contenere al massimo i movimenti di terra necessari
 curare al meglio gli aspetti di mitigazione dell’impianto (ad esempio interessando nelle regioni
collinari/montuose i punti più nascosti della zona in modo che la presenza della CP risulti meno evidente nel
paesaggio), tenendo conto dei mascheramenti naturali già presenti, dell’utilizzo presente e futuro del territorio
 evitare, ove possibile, la fascia costiera per limitare il fenomeno della corrosione da cloruri marini
 evitare, per quanto possibile (es. CP in ambito portuale/area demaniale), occupazioni di terreno con titolo
diverso dalla proprietà piena o proprietà superficiaria illimitata
 prediligere zone in prossimità di linee AT esistenti
 prediligere zone a basso rischio idrogeologico. Se ciò non fosse possibile dovranno essere adottate
particolari soluzioni progettuali quali ad esempio: specifico dimensionamento del sistema di allontanamento
delle acque meteoriche/fluviali, eventuali strutture aggiuntive per rialzare i componenti a rischio allagamento,
idonee fondazioni etc.
 prediligere zone con disponibilità di connettività in fibra ottica
 prediligere zone con possibilità di allacci alla pubblica fognatura e all’acquedotto
 valutare la disponibilità di raccordo stradale che permetta il trasporto delle apparecchiature considerando
che il massimo ingombro è quello del trasformatore il cui convoglio può arrivare a 23 m di lunghezza con un
peso di 90 t
 valutare nelle collocazioni anche i costi di collegamento dell’impianto alla rete viaria esistente (strade di
collegamento interessanti altri fondi, opere di attraversamento quali ponticelli/ponti per l’accesso all’impianto,
opere di sostegno alla viabilità quali muri di sostegno, consolidamento di scarpate et simili)
 verificare che l’area possa contenere tutte le apparecchiature e, condizione ancora più vincolante, che l’area
sia idonea alla realizzazione dell’impianto di terra. A tal fine, ed a parità di altri fattori più importanti
precedentemente elencati, dovrà essere valutata anche la resistività del terreno
Il terreno per la costruzione di una CP standard deve tenere conto dello spazio necessario per le
apparecchiature, per l’impianto di terra (par 7.5), per la fascia di rispetto esterna alla recinzione (par 7.6.5), e
per il rispetto dei limiti di inquinamento acustico (vedi par. 7.9.1) ed elettromagnetico (DCPM del 08/07/2003) al
confine di proprietà.

6.1.2 Autorizzazioni
A puro titolo indicativo si elencano in Tabella 6.1.1 gli elementi essenziali da prendere in considerazione per
l’acquisizione, per le autorizzazioni, per il collaudo e per gli adempimenti antisismici delle CP.

12
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Processo Documenti
Istruzione Operativa n.116 ”Gestione Autorizzazioni e Cespiti in e-
Acquisizione di terreno
distribuzione” e PO 522 “Autorizzazione ed acquisizione di beni immobili”
SCIA/DIA oppure (più raramente) Permesso a Costruire
Tipo di titolo autorizzativo civile Con allegata relazione inquinamento elettromagnetico, impatto acustico e,
dove richiesto, inquinamento luminoso
Tipo di titolo autorizzativo Autorizzazione alla costruzione e all’esercizio rilasciata in base a:
elettrico R.D. 1775 11/12/1933 Titolo III oppure Normativa Regionale
Adempimenti Legge 1086/71
(deposito calcoli e collaudo In accordo alle Norme Tecniche vigenti
strutture)
Agibilità Da richiedere al Comune dopo la fine lavori
Antincendio Adempimenti in accordo a DPR 151 e DM 15/07/14
Autorizzazione allo scarico da richiedere all’Agenzia Regionale di
Smaltimento acque
competenza in accordo a Normative nazionali (TU Ambiente) e locali
Autorizzazione per lo svolgimento delle attività di bonifica in accordo alla
“Direttiva Tecnica bonifica bellica sistematica terrestre” (GEN-BST-001)
Bonifica bellica sistematica redatta dal Ministero della Difesa-Segretariato generale della difesa e
terrestre (eventuale) direzione nazionale armamenti-Direzione dei lavori e del demanio che
disciplina l’iter amministrativo e prescrive le linee generali di condotta ed in
accordo al D.Lgs. 81/08 e smi
Tabella 6.1.1 - Elementi essenziali da considerare per le autorizzazioni

13
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7 PRESCRIZIONI TECNICHE ED IMPIANTISTICHE

7.1 Descrizione sintetica dei possibili schemi di impianto


I vari tipi di schema di impianto attualmente previsti per l’inserimento delle CP nella rete AT sono riportati nel
documento “Criteri di sviluppo della rete di Distribuzione” e nella Policy 49.
Nel presente documento si farà riferimento alla CP Standard che utilizza lo schema completo in
configurazione ad H, equipaggiata con le seguenti apparecchiature:
 due moduli ibridi GSH002 (tipo Y2) con funzione di stallo linea AT e stallo trasformatore;
 due trasformatori con potenza unitaria compresa tra 25 e 40 MVA ONAN;
 sezione MT idonea alla taglia del trasformatore 1;
 sistema di messa a terra del neutro (Petersen) relativo alle due semi-sbarre con il collegamento delle bobine
sulla sbarra MT tramite TFN (Trasformatore Formatore di Neutro);
 TR di alimentazione dei servizi ausiliari della CP alloggiato all’interno di una cabina prefabbricata MT/BT del
tipo Microbox Plus DG10200;
 qualora necessari, uno o due box contenenti il sistema di rifasamento MT2;
 box ausiliario3 (eventuale).
Particolari esigenze di esercizio non soddisfatte dal presente schema potranno essere valutate in accordo con
O&M di Sede.

1
La soluzione standard prevede l’utilizzo di container DY770 e DY780 allestiti con quadro del tipo “Compatto”,
la cui sezione MT prevede corrente nominale di 1600 A e corrente di corto circuito di 16 kA, per valori di
corrente superiori dovrà essere effettuata richiesta a O&M/PCS per l’individuazione della soluzione di progetto
e della soluzione costruttiva più idonee.
2
In tal caso uno o due scomparti di linea MT all’interno del container DY770/2 dovranno essere usati per la
funzione rifasamento
3
Utilizzabile ad esempio per i gruppi di misura
14
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Lo schema unifilare ed il layout tipici di sezione AT e MT standard sono riportati di seguito.

Figura 7.1– Schema unifilare e layout di sezione AT di CP standard

7.2 Schemi elettrici


Gli schemi elettrici di riferimento sono suddivisi in due parti:
 schemi elettrici costruttivi del container MT DY770/2 per i quali si rimanda al documento di unificazione
DV1059 contenente indicazioni realizzative e documentazione unificata di riferimento;
 schemi elettrici di connessione alle apparecchiature esterne (modulo ibrido, trasformatori AT/MT, sistema di
trattamento del neutro e altri componenti) per i quali si rimanda alla tabella DQ0001 (riportata in allegato E)
contenente i riferimenti alle tabelle unificate serie DQ, DW e DV con tutte le possibili soluzione realizzative
previste da unificazione e-distribuzione.

7.3 Layout dell’impianto


Il progetto delle sistemazioni delle apparecchiature dell’impianto deve tener conto delle caratteristiche peculiari
del sito disponibile per la costruzione della CP (vedi paragrafo 6.1.1).
Il disegno di sistemazione generale d’impianto standard è riportato nell’allegato B della presente Specifica
Tecnica.
Le distanze fra le apparecchiature sono state progettate secondo le norme di riferimento e non possono essere
ridotte in nessun caso.

L’interasse dei trasformatori deve essere dimensionato, per quanto possibile, in modo da garantire il rispetto
delle distanze di sicurezza, evitando la costruzione del muro parafiamma e agevolando lo svolgimento delle
attività di manutenzione. Il riferimento sulle distanze di sicurezza da adottare si trova al par. 7.4.

15
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

La distanza tra due ibridi Y2 deve essere tale da garantire la possibilità di intervenire su uno di essi mantenendo
in servizio l’altro (ad es. utilizzo di un autogrù per la sostituzione di un polo). Inoltre la distanza del collegamento
fra uscita del modulo ibrido (GSH002) e TR deve consentire la sostituzione di un trasformatore mantenendo in
servizio la sbarra AT, lavorando fuori dalla “zona prossima”.
Il sostegno tripolare che sostiene gli isolatori AT (LS6096) consente di rimuovere e ripristinare in sicurezza il
collegamento in corda verso il trasformatore.
La definizione della sistemazione delle apparecchiature e dei componenti all’interno della CP deve tener conto
dei seguenti aspetti:
 considerare i punti di connessione alla rete di trasmissione nazionale
 prevedere, per quanto possibile, che la strada di accesso arrivi lateralmente nella zona container e
trasformatori con linee AT dalla parte opposta ai trasformatori
 posizionare le apparecchiature della CP rispetto al lotto considerando, laddove possibile, l’eventuale futuro
ampliamento della CP (terzo montante linea, un terzo trasformatore AT/MT e/o un secondo container,
l’incremento linee MT ecc.)
 posizionare possibilmente il container con il reparto MT di fronte ai TR, in alternativa, se ciò non è possibile,
potrà essere posizionato anche di lato.
 posizione tubazioni portacavi per il box ausiliario, per l’impianto di videosorveglianza, per il sistema per la
misura degli scambi di energia con Terna e per tutte le indicazioni specifiche descritte nella presente
Specifica Tecnica
 avere una pendenza massima di accesso all’area del 10% (nel rispetto delle normative antincendio)
 considerare, per l’accesso dei mezzi di soccorso in cabina, che oltre ai requisiti imposti dalla necessità di far
transitare il trasporto speciale del TR di potenza, la normativa antincendio impone: un raggio di curvatura
minimo delle strade pari a 13 m, altezza libera minima di 4 m, larghezza minima 3,5 m e portata minima della
strada 8+12 t con distanza fra i 2 assi di 4 m;
 ottimizzare il posizionamento delle apparecchiature cercando di occupare in modo razionale il terreno a
disposizione
 prevedere un’area delimitata predisposta per Gruppo Elettrogeno (GE) da utilizzare in caso di emergenza
per alimentazione Servizi Ausiliari (SA). Il GE sarà posizionato in prossimità della cabina prefabbricata
Microbox Plus DG10200 che contiene il TR degli SA come indicato nella EM 1116 – Installazione di gruppi
elettrogeni mobili su rete BT
 se in terreno piano, valutare la possibilità di recuperare terreno proveniente dagli scavi per realizzare
terrapieni di mascheramento
Altri opportuni accorgimenti dal punto di vista della sicurezza antincendio sono illustrati nel successivo paragrafo
7.12.
In base alla superficie disponibile si posizionano nel layout le varie apparecchiature tenendo presente che i TR
AT/MT e la sezione AT formano un unico complesso che non deve essere modificato.
Davanti ai trasformatori deve esserci un piazzale di larghezza sufficiente alla movimentazione degli stessi ed al
posizionamento di una eventuale gru (indicativamente si ritiene sufficiente una grandezza di 15 m).
Tutti gli altri apparati accessori come la cabina prefabbricata che ospita il TR MT/BT (trasformatore SA), banchi
di rifasamento, impianto di messa a terra del neutro (isola Petersen) vanno posizionati possibilmente nei dintorni
del container in ogni caso devono essere posizionati in spazi serviti da strada d’accesso ed all’interno della
maglia di terra.

16
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

L’isola Petersen4 è costituita da complessi di varie apparecchiature quali bobine mobili, fisse, resistori e
sezionatori elettricamente interconnesse tra di loro e collegate tramite TFN sulla relativa semi-sbarra. E’
opportuno prevedere già in fase di prima realizzazione dell’Isola di Petersen soluzioni impiantistiche che, almeno
per quanto concerne le opere civili, tengano a buon conto l’eventuale sviluppo prevedibile della corrente di
guasto d’impianto.
Definito il layout generale si devono produrre la planimetria apparecchiature, la planimetria fondazioni ed opere
edili, la planimetria rete di terra e la planimetria cartelli.
Tutti gli elaborati delle planimetrie devono essere prodotti usando un unico file di Autocad e quindi un’unica
scala e visualizzati mediante l’attivazione/disattivazione dei vari Livelli (Layers).
La planimetria apparecchiature dovrà riportare le viste laterale e frontale della sezione AT con le indicazioni per
eseguire il collegamento elettrico fra i vari apparati e i materiali da utilizzare.

7.4 Distanze di sicurezza


Si prescrive di realizzare i nuovi impianti integrando la norma CEI EN 61936-1 Ed. 20145 di riferimento con le
seguenti prescrizioni aggiuntive:
 Distanza di Prima Approssimazione (DPA), in applicazione del § 5.1.3 dell’Allegato al DM 29.05.08 sulla
protezione dell’esposizione ai campi elettrici e magnetici a bassa frequenza 8÷50 Hz (14 m da centro sbarre
AT e 7 m da centro sbarre MT). Documenti aziendali correlati: “Linea Guida per l’applicazione del par. 5.1.3
dell’Allegato al DM 29.5.08 - Distanza di prima approssimazione (DPA) da linee e cabine elettriche” e “IO
2.15.62”; nell’ Allegato C è riportato un modello di “Relazione sulle emissioni elettromagnetiche” ai sensi
della Legge 22 Febbraio 2001 n. 36 e DM 29.05.2008;
 Distanza di sicurezza interna per la prevenzione incendi (Decreto del Presidente della Repubblica 151/2011
disciplinato dal Decreto del Ministero dell’Interno del 15/07/2014 “Regola Tecnica”, allegato I, Titolo II): valore
minimo stabilito dalla norma delle distanze misurate orizzontalmente tra i rispettivi perimetri in pianta di vari
elementi pericolosi di un’attività (macchine elettriche fisse nel caso di CP), o tra macchine elettriche fisse e
pareti non combustibili di fabbricati pertinenti. Il valore è pari a 5 metri per TR con volume olio compreso tra
2000 e 20.000 litri, mentre è pari a 10 m per TR con volume d’olio compreso tra 20.000 e 45.000 litri;
 Distanza di sicurezza esterna per la prevenzione incendi (Decreto del Presidente della Repubblica 151/2011
disciplinato dal Decreto del Ministero dell’Interno del 15/07/2014 “Regola Tecnica”, allegato I, Titolo II), valore
minimo stabilito dalla norma delle distanze misurate orizzontalmente tra il perimetro in pianta di ciascun
elemento pericoloso di un attività (macchina elettrica fissa nel caso di CP) e il perimetro del più vicino
fabbricato esterno all'attività stessa (incluso eventuale fabbricato MT/BT) o di altre opere pubbliche o private
oppure rispetto ai confini di aree edificabili verso le quali tali distanze devono essere osservate. Il valore è
pari a 10 metri per volume olio compreso tra 2.000 e 20.000 litri, per volumi d’olio compresi tra 20.000 e
45.000 litri il valore è pari a 20 metri;
 Distanza di protezione per la prevenzione incendi (Decreto del Presidente della Repubblica 151/2011
disciplinato dal Decreto del Ministero dell’Interno del 15/7/2014 “Regola Tecnica”, allegato I, Titolo II), valore
minimo stabilito dalla norma delle distanze misurate orizzontalmente tra il perimetro in pianta di ciascun

4
Ciascun complesso di apparecchiature si configura come unica isola Petersen che, in base al numero delle
sezioni MT, può essere costituita da doppie o singole installazioni, (una per ogni sbarra MT di CP), ogni
installazione mantiene un funzionamento elettrico indipendente per ogni semi-sbarra tramite il TFN.
5
L’attuale norma prevede distanze inferiori rispetto alla precedente CEI 11-1 Ed. IX (norma ora abrogata): le
prescrizioni maggiormente restrittive fornite nel seguito mantengono i valori della 11-1, laddove in favore di
sicurezza.
17
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

elemento pericoloso di un’attività (macchina elettrica fissa nel caso di CP) e la recinzione (ove prescritta)
ovvero il confine dell'area su cui sorge l'attività stessa. Il valore è pari a 3 metri per volume olio compreso tra
2.000 e 20.000 litri, per volumi d’olio oltre 20.000 litri il valore è pari a 5 metri;
 Distanze di sicurezza da parti attive, distanza elettrica tra le apparecchiature e le fasi, distanza di sicurezza
minima dalla superficie calpestabile al punto più basso in tensione (importante per evitare rischi di incidenti
elettrici), etc. (i valori da utilizzare, superiori rispetto a quanto riportato nell’attuale Normativa, in favore di
sicurezza, sono indicati nel seguito del presente paragrafo).

7.4.1 Distanze di sicurezza per la prevenzione incendi


Nella Figura 7.4-1 è riportato una schema esemplificativo delle distanze di sicurezza per la prevenzione incendi.

Terreno agricolo

Strada

Terreno edificabile

Figura 7.4-1 Schema esemplificativo delle distanze di sicurezza per la prevenzione incendi
La parete divisoria, resistente al fuoco, di prestazioni non inferiori ad EI60, necessaria ad esempio se non
vengono rispettate le distanze sopra indicate, deve avere un’altezza almeno uguale a quella della macchina
elettrica più alta (compreso serbatoio di espansione) ed essere lunga almeno quanto il maggiore dei lati
prospicienti le due macchine (DM 15/07/2014, Allegato I, Titolo II).
Per quanto riguarda la sicurezza antincendio la quantità di liquido isolante è spesso indicata dal costruttore della
macchina in kilogrammi; per conoscerne il volume bisogna dividere la massa (kg) per la densità, la massa (kg)
dell’unità di volume (mc) riferita alle condizioni standard [15°C e 101,325 kPa, DM 15/07/2014, Allegato I, Titolo
I, Capo I, punto 1, lettera o)], considerata 0,90 kg/mc come riferimento nella presente.
E’ bene ricordare che per l’applicazione del DPR 151/11 e del DM 15/07/2014, più quantitativi di liquido
combustibile non si sommano se sono rispettate le distanze di sicurezza riportate nella c.d. Regola Tecnica (DM
15/07/2014) oppure sono separate da una parete divisoria delle caratteristiche sopra indicate (vedi paragrafo
7.12 “Sicurezza antincendio”).

18
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Si ricorda che per il Complesso Petersen le macchine da considerare, perché contengono sempre liquidi
combustibili in quantità superiore a 1.000 l, sono:
 le bobine mobili;
 le bobine fisse, solo in caso di produzione SEA.

7.4.2 Distanze di sicurezza da parti attive


Per mantenere all’interno delle CP il livello di sicurezza consolidato negli anni, si prescrive il rispetto delle
distanze di sicurezza nel seguito riportate, maggiormente cautelative rispetto a quanto previsto dalla vigente
norma CEI EN 61936. Per quanto non espressamente indicato, compresi eventuali casi particolari non trattati
nel seguito, si farà riferimento alla Normativa vigente6.
Si richiamano nel seguito le principali definizioni:
 Altezza minima: La minima distanza verticale ammissibile tra superfici accessibili e parti attive prive di
protezione contro i contatti diretti o altre parti che possono raggiungere tensioni pericolose.
 Distanza di guardia (dg): Minima distanza fra un elemento attivo e la superficie che delimita la zona di guardia
attorno a tale elemento.
 Distanza d’isolamento: distanza tra due parti conduttrici lungo il più breve percorso possibile tra le stesse.
 Distanza di isolamento dalla barriera: minima distanza ammissibile (in aria) tra una barriera e le parti attive
o quelle parti che possono raggiungere potenziali pericolosi.
 Distanza di vincolo7 (dv): Minima distanza che deve esistere fra un elemento attivo e la superficie accessibile
all’operatore sulla quale questi deve stare almeno con entrambi i piedi perché l’operatore stesso e gli oggetti
mobili ad esso collegati, in assenza di limitazioni materiali, non entrino nella zona di guardia. La distanza di
vincolo può essere verticale (dvv) od orizzontale (dvo).
 Minima distanza di isolamento: minima distanza ammissibile in aria tra parti attive o tra parti attive e terra.
 Parte attiva: conduttore o parte conduttrice in tensione nel servizio ordinario, compreso il conduttore di
neutro, ma escluso, per convenzione, il conduttore PEN o PEM o PEL.
 Zona di guardia: Spazio attorno ad un elemento di impianto in tensione entro il quale non è ammessa la
presenza di persone o di oggetti mobili estranei all’impianto che siano collegati o accessibili a persone (ad
es.: scale, attrezzi, veicoli, materiali vari)
La disposizione dei componenti negli impianti deve garantire le distanze di isolamento minime fase-fase e fase-
terra e salvaguardare gli spazi necessari allo svolgimento in sicurezza delle attività in cabina.
L’impianto deve essere progettato in modo da impedire l’accesso alle zone di guardia, tenendo conto della
necessità di accesso per l’esercizio e la manutenzione.

6
Si dovrà sempre utilizzare il valore maggiormente cautelativo tra quanto prescritto nel presente documento ed
eventuali futuri aggiornamenti normativi.
7
Le distanze di vincolo sono relative al solo dimensionamento degli impianti (per le distanze relative ai lavori
su, con ed in prossimità degli impianti elettrici si deve far riferimento alle Norme CEI EN 50110)
19
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.4.2.1 Minime distanze di isolamento delle parti attive


Le minime distanze in aria sono indicate in Tabella 7.4.1 8 (i valori nella seconda colonna sono le distanze
minime in aria sulle quali si basano le distanze di sicurezza).

Distanze minime tra fase e


Tensione nominale
terra e tra fase e fase
del sistema
Impianti all’esterno
(Valore efficace) kV
mm
10(*) 150
15 160
20 220
30(*) 320
132 1300
150 1500
220 2100

(*)
Queste tensioni nominali del sistema non
dovrebbero essere utilizzate. Si consiglia di non
utilizzarle per la costruzione di nuovi impianti

Tabella 7.4.1 - Distanze minime di isolamento in aria


Rispetto a quanto indicato nella Tabella 7.4.1 il valore minimo della distanza deve essere mantenuto:
 almeno al 50% se i conduttori sbandano per effetto del corto circuito,
 almeno al 75% se i conduttori sbandano sotto l’influenza del vento.

8
Le distanze valgono per altitudini fino a 1000 m s.l.m., per impianti situati ad altitudini superiori le distanze
minime di isolamento devono essere indicate nella tabella devono essere aumentate dell’1,4% per ogni 100
m oltre 1000 m s.l.m
20
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.4.2.2 Distanze minime di protezione tra le parti attive e la superficie interna di ogni barriera

Figura 7.4-2 - Distanze di vincolo e di guardia da parti attive

Distanza di Distanza di vincolo Distanza di vincolo


Tensione Nominale Tensione Massima
guardia verticale orizzontale
Sistema (kV) Componente (kV)
dg (mm) dvv (mm) dvo (mm)

10(*) 12 150 3100 2000


15 17,51 200 3150 2000
20 24 280 3200 2000
30(*) 36 400 3300 2000
132 145 1520 3770 2770
150 170 1670 3920 2920
220 245 2300 4550 3550

(*)
Queste tensioni nominali del sistema non dovrebbero essere utilizzate. Si consiglia di non utilizzarle
per la costruzione di nuovi impianti

Tabella 7.4.2 - Distanze di vincolo

21
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.4.2.3 Altezza minima delle parti attive sopra le superfici o le piattaforme dove è permesso l’accesso
pedonale
L’altezza minima delle parti attive sopra le superfici o le piattaforme dove è permesso l’accesso pedonale vedere
Figura 7.4-3, deve essere come segue:
 per le parti attive, si deve mantenere, senza mezzi di protezione, un’altezza minima H = dg + 2250 mm, con
un minimo di 3000 mm (vedi tabella 7.4.1 distanza dalle parti attive). L’altezza H si riferisce alla freccia
massima del conduttore;
 la parte inferiore di ogni elemento isolante, ad es. il bordo superiore della base metallica di un isolatore, non
deve essere minore di 2250 mm dalle superfici accessibili, a meno che non siano state adottate misure
idonee per impedirne il contatto.
I valori suddetti devono essere aumentati per tener conto, ove necessario, della possibile riduzione delle
distanze di sicurezza a causa della caduta di neve sulle superfici accessibili.

Figura 7.4-3 Illustrazione della zona di guardia dg, della distanza di vincolo verticale dvv e della distanza
di vincolo orizzontale dvo (distanza in mm)
Le distanze indicate nelle Figura 7.4-3 devono essere utilizzate ai fini del dimensionamento dell’impianto
La recinzione della CP 9(fermo restando quanto riportato al par 7.6.5) dovrà comunque avere almeno le seguenti
distanze minime dalle parti attive in conformità alla Figura 7.4-4:
E = dg + 1500 mm.

9
Si ricorda che è buona regola mantenere una distanza minima fra il confine dell’impianto di terra e la recinzione
della CP maggiore di 5 metri
22
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Figura 7.4-4 Minima distanza della recinzione esterna dalle parti attive
Dove:
H>= del maggiore tra (dg+2250) e (3000)
H’= altezza minima delle parti in tensione sopra la superficie accessibile
dg = distanza di guardia

se l’altezza delle parti attive è inferiore ad H è necessaria la protezione per mezzo di barriere od ostacoli

se l’altezza indicata è minore di 2250 è necessaria la protezione per mezzo di barriere od ostacoli

23
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.4.2.4 Distanze dagli edifici


Dove i conduttori nudi sovrappassano costruzioni situate internamente ad impianti all’aperto, si devono
mantenere dal tetto le seguenti distanze dal punto di massima freccia (Tabella 7.4.1):
 le distanze già specificate al punto “Altezza minima sopra l’area di accesso per le parti attive sovrastanti le
superfici accessibili”, dove il tetto è accessibile quando i conduttori sono attivi;
 dg + 500 mm dove il tetto non può essere raggiungibile quando i conduttori sono attivi;
 O2 (distanza minima tra le parti attive e la superficie interna di ogni ostacolo) in direzione laterale dai bordi
del tetto, se questo è accessibile quando i conduttori sono attivi.

Figura 7.4-5 Prossimità ad edifici (in aree elettriche chiuse) _Parete esterna con finestre non schermate
(distanze in mm)

Figura 7.4-6 Prossimità ad edifici (in aree elettriche chiuse) _Parete esterna con finestre schermate
(distanze in mm)

24
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Figura 7.4-7 Prossimità ad edifici (in aree elettriche chiuse) _Parete esterna senza finestre (distanze in
mm)

7.4.2.5 Percorsi carrabili


I percorsi carrabili, la loro capacità di carico, l’altezza e la larghezza devono essere adeguati ai movimenti delle
unità di trasporto previste.
E’ consentito il passaggio di unità di trasporto (veicoli o altri componenti elettrici mobili) al di sotto od in prossimità
di parti attive (senza protezioni) se sono rispettate le seguenti condizioni (vedere Figura 7.4-8):
 il veicolo, con portiere aperte, ed il suo carico, non invadono la zona di guardia: distanza minima di protezione
per i veicoli, T = dg (con T min. 500 mm), dg= distanza di guardia;
 è rispettata l’altezza minima H dalle parti attive sopra le aree accessibili;
 la larghezza del percorso carrabile deve essere almeno pari alla larghezza del veicolo aumentata di 700
 mm.
 zona a distanza di vincolo

Figura 7.4-8 Minime distanze di avvicinamento per veicoli

25
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.5 Rete di terra


Il progetto e la verifica dell’impianto di terra devono essere effettuati, in accordo alla Norma di riferimento CEI
EN 50522 ed alle specifiche aziendali DK4280 e DK4281.
Altri documenti di riferimento sono l’“Istruzione di lavoro per la sicurezza EM1310 - Verifica impianti di terra in
CP” e tutta la documentazione richiamata all’interno della DK4281. Per le distanze di sicurezza si devono
utilizzare le prescrizioni riportate al paragrafo 7.4.
Il progetto deve essere eseguito per consentire la completa dispersione della corrente di guasto AT dall’impianto
di terra locale senza utilizzare nel calcolo anche il contributo degli eventuali schermi dei cavi e funi di guardia; il
dispersore è costituito da una rete a maglia quadrata interrata posta ad una profondità variabile da 50 cm a 100
cm a cui in caso di necessità possono essere aggiunti dispersori ausiliari quali picchetti di profondità o un'altra
maglia a diversa altezza. Il contributo di dispersori ausiliari come le funi di guardia delle linee AT e/o gli schermi
dei cavi connessi all’impianto di terra della CP, pur contribuendo a drenare la corrente di guasto a terra, non
andrebbe cautelativamente considerato nel calcolo della ZE per il dimensionamento dell’Impianto di terra in fase
di progetto.
In corrispondenza della partenza dei dispersori profondi saranno realizzati appositi pozzetti di ispezione.
Per il dimensionamento della rete di terra si utilizza il valore standard di corrente di guasto monofase a terra
minimo indicato nel Codice di rete di Terna, Allegato A8 (alla data del presente documento è pari a 20 kA) previa
verifica con Terna a cura di Area/ESR (su richiesta Area/SVR) per determinare preventivamente valori di
corrente attuali o previsionali maggiori rispetto allo standard; per il tempo di durata del guasto fare riferimento a
quanto comunicato da TERNA in riferimento al coordinamento dei sistemi di protezione degli stalli AT
direttamente affacciati alla CP in realizzazione.
Le apparecchiature con masse collegate all’impianto di terra della CP devono essere collocate completamente
all’interno del perimetro della maglia di terra a non meno di due metri dal confine esterno della maglia stessa.
I collegamenti delle apparecchiature alla rete di terra dovranno essere effettuati nel rispetto di quanto prescritto
dalla Norma CEI EN 50522 tenendo anche conto del fatto che le nuove CP saranno dotate di impianto di
protezione contro atti dolosi (vedi successivo paragrafo 7.7.4). Per tali collegamenti si deve fare riferimento alle
specifiche aziendali (serie LR).
Poiché il tracciato della recinzione ed il progetto della maglia di terra seguono criteri diversi e potrebbero
entrambi subire modifiche nel corso del progetto e della vita dell’impianto si ritiene che un isolamento elettrico
della recinzione metallica assicuri una maggiore sicurezza poiché evita, in qualsiasi condizione, il rischio di
trasferimento di potenziali pericolosi. Pertanto, salvo diverse decisioni del progettista motivate da specifiche
circostanze del sito e accettate da e-distribuzione, la recinzione metallica ed il cancello saranno isolati
elettricamente dalla rete di terra di cabina.
Per ridurre i rischi di trasferimento di potenziale, si suggerisce di realizzare la recinzione in parti elettricamente
separate, armature del calcestruzzo incluse.
In conformità con la DK4281, devono essere previsti i collegamenti dei conduttori di terra e delle masse con il
dispersore dell’impianto di terra, fuori terra. Le connessioni di terra delle funi di guardia come anche, laddove
presenti, le connessioni a terra degli schermi MT o ancora le messe a terra di apparecchiature d’impianto sia in
locali che all’aperto, sono tutti punti di raggiungibilità della maglia di terra per eseguire ispezioni, prove
strumentali di verifica continuità o ancora di rilevazione della tensione totale di terra. I criteri di ispezionabilità

26
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

degli impianti di terra, previsti dalla Norma CEI 50522 e CEI EN 61936, si considerano in tal modo rispettati in
fase di costruzione10.

7.5.1 Scelta del sistema di gestione del neutro MT


I criteri di scelta e le soluzioni previste per la messa a terra del neutro in funzione del valore della corrente di
guasto monofase a terra e del n° di sbarre sono indicate negli appositi documenti di esercizio di e-distribuzione
( GE.01 e Criteri di sviluppo della Rete di Distribuzione).

7.5.2 Metodo di connessione del sistema di messa a terra del neutro


Per le nuove CP standard il sistema TFN è la soluzione da utilizzare per il collegamento del sistema di messa
a terra del neutro11.
Il TFN, non interessando nel circuito di potenza il Trasformatore AT/MT di CP, elimina gli effetti sulla tensione
omopolare MT dei transitori di esercizio, ne impedisce eventuali disalimentazioni in caso di interventi sul
complesso Petersen e con più sezioni MT garantisce l’elasticità di esercizio del neutro di sbarra.
Riassumiamo nella tabella seguente i vantaggi e gli svantaggi della soluzione per la connessione del sistema di
messa a terra del neutro MT di CP, tramite TFN rispetto alla diretta.

Soluzione Vantaggi Svantaggi

 Minore errore nella ricerca dell’accordo.


 Minore possibilità di guasto per numero ridotto di  Occorre la disponibilità di 2
IMS (0-2). scomparti sul quadro MT.
Collegamento
tramite  Sistema di inserzione e disinserzione più  Vasche più larghe e costi
Trasformatore affidabile perché gestita da due interruttori TFN. leggermente più alti per
Formatore di utilizzo di nuove
Neutro (TFN).  Maggiore elasticità d’esercizio nel caso di apparecchiature (2TFN e
gestione di più sbarre MT. due scomparti MT).
 Nessun impatto sull’esercizio dei TR AT/MT

Tabella 7.5.1 Confronto sistema di messa a terra del neutro MT in CP tramite TFN rispetto alla messa a
terra diretta del centro stella

10
E’ bene tener presente al momento della realizzazione quanto previsto dalla norma CEI EN 50522: “La
costruzione dell’impianto di terra deve essere eseguita in modo da poterne verificare le condizioni
periodicamente mediante ispezione. Si devono considerare mezzi appropriati quali scavi in punti scelti ed
esami a vista”.
11
Il collegamento diretto delle Bobine sul centro-stella del trasformatore AT/MT è da utilizzare solo nel caso di
impianti esistenti –non argomento delle presente Specifica Tecnica- i cui quadri MT non ammettono in nessun
caso l’inserimento dei nuovi scomparti TFN.
27
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.6 Opere civili


Per opere civili della CP si intendono tutte quelle lavorazioni riguardanti i movimenti terra, scavi e i ripristini, le
fondazioni, il sostegno AT portale (“palo gatto”12), carpenterie varie, pozzetti e tubazioni, strade, piazzali,
recinzioni, impianti elettrici/idrici a servizio del container/edificio e l’impianto di illuminazione esterna
(approfondito nel successivo paragrafo 7.7)
Le normative di riferimento sono riportate nel capitolo 4 “Riferimenti”.
Le opere civili di CP sono state notevolmente ridotte grazie alla unificazione della soluzione con quadri MT in
container (DY770) che ha permesso, oltre ad evidenti vantaggi di spazio, la realizzazione di fondazioni e in
genere lavori civili di minore entità con conseguente risparmio nei tempi e costi e minore esposizione a rischi
intrinseci delle lavorazioni.
Tutte le opere civili devono essere progettate per resistere ad un sisma con un’accelerazione (ag) orizzontale
convenzionale massima di 0,5 g (13). Questo valore include l’amplificazione dovuta al coefficiente S che tiene
conto della categoria di sottosuolo e delle condizioni topografiche del sito.

7.6.1 Dati di progetto


Tipo di costruzione = 2 (NTC, tab. 2.4.I – Costruzioni con livelli di prestazioni ordinari)
Vita nominale (VN) = 50 anni (NTC, tab. 2.4.I – numero di anni nel quale la struttura, purché soggetta alla
manutenzione ordinaria, possa essere utilizzata per lo scopo al quale è destinata)
Classe d’uso = IV con riferimento alle conseguenze di una interruzione di operatività o di un eventuale collasso
(NTC, paragrafo 2.4.2)

7.6.2 Requisiti minimi dei materiali

7.6.2.1 Requisiti minimi del calcestruzzo strutturale


 Conformità alla Norma Europea UNI-EN 206-1
 Classe di resistenza C25/30
 Classe di esposizione ambientale XC2
 Diametro massimo degli aggregati 20 mm
 Classe di contenuto in cloruri Cl 0.40
 Classe di slump S3
 Minima sovrapposizione ferri “40 Ø”
 Minima sovrapposizione rete “300 mm”
 Copriferro minimo 30 mm
Qualora necessario per la specificità dell’opera, il Progettista potrà richiedere il rispetto di valori limite diversi o
di ulteriori parametri quali ad esempio: Classi speciali di cemento, Classi speciali di aggregati, Resistenza alla
penetrazione d’acqua, inserimento di fibre in acciaio o sintetiche nel conglomerato per aumentarne la resistenza
alla fessurazione, etc.

12
La struttura del sostegno portale (“palo gatto”) deve essere conforme alla Norma CEI di riferimento per le
linee elettriche aeree (CEI EN 50341) e non alle NTC.
13
Fermo restando il rispetto degli obblighi di legge nei criteri antisismici di costruzione, qualora più cautelativi
(in particolare nelle aree classificate “a rischio sismico alto”)
28
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.6.2.2 Requisiti minimi per acciaio per armatura


Le barre di armatura dovranno essere del tipo B450C ad aderenza migliorata uniformemente distribuita
sull’intera lunghezza.
La rete elettrosaldata dovrà essere del tipo B450C saldata ad aderenza migliorata uniformemente distribuita
sull’intera lunghezza.

7.6.2.3 Requisiti minimi per carpenterie metalliche (profilati, piatti angolati, lamiere, etc.)
Acciaio tipo S275JO.
I metalli esposti devono essere zincati a caldo secondo UNI EN ISO 1461

7.6.2.4 Requisiti minimi per tirafondi, bulloni, dadi e rosette


Materiale ACCIAIO INOX A4
Classe minima di resistenza dei bulloni “8.8 ad alta resistenza” (secondo UNI EN ISO 898-1)
Specifica tecnica di riferimento LS10011 “Bulloni di acciaio, zincati, per sostegni e strutture a traliccio in genere.
Tipo normale” (specifica da aggiornare nei riferimenti ma valida per i principali contenuti).

7.6.2.5 Saldature in officina


Minimo 2^ classe.

7.6.3 Raccomandazioni per la messa in opera del calcestruzzo armato


Le superfici a contatto con il calcestruzzo fresco non dovranno avere una temperatura inferiore a 0°C finché
questo avrà superato la resistenza a compressione di 5MPa. I lavori di preparazione ai getti dovranno essere
completati, ispezionati e documentati come richiesto dalla classe di esecuzione prescritta.
Per quanto riguarda i controlli di produzione in stabilimento, la documentazione di accompagnamento delle
forniture, le prove di qualificazione, i prelievi ed i controlli di accettazione si rimanda alla normativa vigente
(NTC2018).

7.6.4 Piazzale

7.6.4.1 Riempimenti e fondazione stradale


Tutti i materiali da riporto e riempimento devono essere adatti allo scopo cui sono destinati e devono rispondere
ai requisiti di accettazione. Possono essere utilizzati anche materiali reperiti tra quelli provenienti da scavi o
demolizioni, se idonei.
Per tutte le terre impiegate devono essere effettuate prove necessarie secondo le norme ASTM e secondo il
Capitolato Tecnico per determinarne i requisiti fisici e meccanici. I riempimenti saranno di norma realizzati con
materiale arido (calcareo o basaltico) proveniente da cava, posato a strati orizzontali regolari di spessore non
superiore a 50 cm, da compattare con rullo da 12 tonnellate fino al raggiungimento della percentuale di
costipamento migliore (ad esempio: rapporto tra la densità secca in situ, come definita dalle specifiche del CNR,
e la densità massima ottenibile dalla prova di costipamento AASTHO modificata risulta non inferiore al 90%).
Il materiale costituente gli strati deve presentarsi, dopo la compattazione, uniformemente miscelato (non deve
cioè presentare segregazione dei suoi componenti).

29
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Il riempimento degli scavi con canalizzazioni per cavi sarà eseguito con tutte le cautele necessarie per non
danneggiare i cavi e/o i tubi, dopo la posa in opera delle protezioni meccaniche dei cavi o della maturazione dei
rinfianchi in calcestruzzo (cls) ove previsti.
Nell’esecuzione delle opere al di sopra delle fondazioni e dei riempimenti si deve tener conto del successivo
assestamento delle terre al fine di assicurare la rispondenza delle dimensioni finali a quelle di progetto.
Gli ultimi 35 – 40 cm dei riempimenti costituiranno la fondazione dei piazzali e potranno essere realizzati con le
seguenti modalità, illustrate nello schema seguente:
 25 – 30 cm di pietrame calcareo oppure in tout – venant;
 9 – 10 cm di strato di collegamento in pietrisco rullato oppure in tout- venant bitumato.

Figura 7.6-1– Pavimentazione

30
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.6.4.2 Canalizzazioni di servizio per cavi elettrici MT


Le canalizzazioni per cavi elettrici MT saranno realizzate con polifore costituite da tubi in PE corrugati in PE a
doppia parete DN 160, aventi le caratteristiche indicate nella tavola seguente

Figura7.6-2– Protezioni meccaniche

31
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

La polifora singola è da n. 6 oppure da n. 12 tubi DN 160, rappresentati nella sezione tipo di seguito riportata;
la polifora sarà protetta da un bauletto in calcestruzzo armato con rete elettrosaldata superiore.

Figura 7.6-3– Sezione polifora singola


Per i collegamenti tra ciascun TR e container sarà utilizzata n. 1 polifora singola da 12 tubi DN 160 idonea anche
in previsione di eventuali ampliamenti futuri; per le uscite stradali dalla CP potranno essere utilizzate n. 1 oppure
2 polifore singole da 12 tubi ciascuna, per complessivi 12 oppure 24 tubi corrugati DN 160.
Lungo il tracciato delle polifore, nei vertici a 90° sarà realizzato un pozzetto angolare in c.a. per ciascuna polifora.
I pozzetti angolari saranno muniti di copertura carrabile in grigliato keller oppure in profilati d’acciaio,
dimensionata per sostenere carichi veicolari pesanti.

7.6.4.3 Canalizzazioni di servizio per cavi elettrici BT


Come per le canalizzazioni MT, i cavidotti BT in CP saranno realizzati con tubazioni in PE corrugato a doppia
parete, a diametro crescente a partire dalle apparecchiature AT fino al container.
In prossimità delle apparecchiature, i diametri delle tubazioni saranno in genere non inferiori a DN 60, mentre
in prossimità del container i diametri saranno pari a DN 160 e 200.
Le polifore BT, generalmente costituite da 4 o 6 tubi, saranno anch’esse protette da bauletto in cls.
I pozzetti BT saranno compatibili con le dimensioni della polifora, con dimensioni da 50x50 cm fino a 90x90 cm;
i pozzetti di norma saranno costituiti da elementi prefabbricati in cls, con diverso grado di carrabilità e rinforzati
con rinfianco in cls, eventualmente rinforzato con rete elettrosaldata.
Le coperture prefabbricate dei pozzetti saranno preferibilmente utilizzati i seguenti materiali:
 Ghisa per pozzetti ubicati in zona carrabile;
 C.A.V., PRFV oppure lamiera d’acciaio per pozzetti ubicati in zona pedonale o interessati da carichi veicolari
leggeri (le piazzole apparecchiature AT).

7.6.4.4 Impianti di raccolta e smaltimento acque piovane


Come descritto nel successivo paragrafo 7.7.3 le acque meteoriche di piazzale, la cui qualità non è pregiudicata
dall'azione antropica, devono preferibilmente essere inviate tramite pendenze a dispersione su terreno drenante
esterno o interno alla CP senza sistemi di raccolta o convogliamento.
32
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Laddove questo non sia possibile le acque meteoriche devono essere convogliate e smaltite come di seguito
descritto.
 L’impianto di raccolta delle acque piovane deve essere costituito da una rete di tubazioni in PVC pesante,
che collegano pozzetti disposti nei vertici e comunque ad interasse di circa 20 m tra loro.
 Le tubazioni di diametro crescente da DN 150, 200 fino a 300 mm, sono dimensionate in base alle portate
ed alle pendenze dei tubi, generalmente non inferiori al 0,4%.
 Ai pozzetti di dimensione 40x40 cm, 50x50 cm e 60x60 cm si collegano le caditoie 40 x 40 cm di raccolta
delle acque dei piazzali e dei pluviali del container.
 I collegamenti tra caditoie e pozzetti devono essere realizzati con tubazioni in PVC serie pesante DN 100 e
150 mm.
 Le coperture dei pozzetti vanno realizzate con le stesse caratteristiche di quelle dei pozzetti per cavi; le
griglie delle caditoie sono in ghisa.
Il recapito delle acque piovane così convogliate è costituito dalla rete fognaria pubblica, se esistente, oppure
dal più vicino impluvio, canale o fosso naturale (verificando di volta in volta che le normative locali lo permettano).

7.6.4.5 Pavimentazioni

7.6.4.5.1 Pavimentazioni in asfalto


Le aree carrabili dei piazzali saranno pavimentate con conglomerato bituminoso, costituito da 3 cm di tappetino
superiore di usura e 7 cm di strato inferiore di collegamento (binder).
Per la composizione della fondazione e dello strato di collegamento, si veda il paragrafo 7.6.4.1.
Il tappeto di usura in conglomerato bituminoso sarà composto con idonei inerti e con bitume a caldo (di norma
con dosatura uguale o maggiore del 5,5% in peso), disteso previo attacco allo strato sottostante con kg. 0,500
di emulsione bituminosa a caldo al 55% per ogni m², mediante vibrofinitrice, rullato e ricoperto di polvere di
marmo o di roccia asfaltica, compresa cilindratura, da realizzarsi possibilmente in tutte le direzioni e
sistemazione dei bordi. Le ondulazioni o irregolarità misurate con asta di 4 m devono essere contenute in 6 mm.
Gli strati di conglomerato bituminoso devono garantire un’elevata resistenza all’usura superficiale, una
sufficiente ruvidezza, una elevata compattezza e impermeabilità totale.
Gli asfalti non possono essere eseguiti in caso di bagnato o temperature inferiori a 5°C. Per temperature tra i 5
e 10°C devono essere convenientemente elevate le temperature dei conglomerati.
Durante la preparazione il bitume impiegato nella miscela deve essere scaldato alla giusta temperatura onde
consentire l’uniforme distribuzione in tutto l’impasto (con temperatura alla quale il bitume mantenga una viscosità
di 75 ÷ 150). Il bitume non deve mai essere immagazzinato ad una temperatura superiore a 175° C e non deve
essere scaldato oltre tale temperatura nel corso delle operazioni cui è sottoposto nell’impianto.
Al termine delle operazioni, si deve eseguire la rullatura e la finitura. Eventuali operazioni a mano possono
essere effettuate solo per la formazione di marciapiedi asfaltati.
Altri elementi previsti nel progetto sono:
 elementi di delimitazione (cigli, in materiali lapidei o in conglomerati prefabbricati etc.) sempre dotati di spigoli
a vista arrotondati;
 elementi di raccolta e smaltimento acque (caditoie, griglie, chiusini etc.);
 pozzetti per servizi vari con relative coperture.
Particolare attenzione deve essere posta nell’esecuzione di lavori stradali intorno ai suddetti elementi.

33
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Possibili schemi di posa in opera sono i seguenti:

Figura 7.6-4– possibili schemi di posa in opera delle pavimentazioni

7.6.4.5.2 Pavimentazioni in calcestruzzo


Le piazzole non carrabili delle apparecchiature (es. stalli AT) ed i marciapiedi saranno pavimentati con massetto
di cemento di spessore minimo 10 cm, armato con rete elettrosaldata diametro 8 mm lato 20 cm, gettato su
sottofondo in pietrame calcareo o tout-venant di spessore 10 cm.
La pavimentazione in cemento sarà suddivisa in riquadri di dimensione 2x2 m.
In alternativa potranno essere utilizzate marmette in ghiaietto spaccato.

34
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.6.5 Recinzioni, cancello e serrature


La recinzione di CP segue un tracciato non necessariamente coincidente con il perimetro del lotto di terreno su
cui insiste l’impianto. In particolare il lotto acquisito 14potrebbe essere abbondante rispetto all’area richiesta per
l’impianto. Si potrebbero dunque venire a creare delle aree non recintate di proprietà aziendale e pertanto tali
aree, anche se limitate alla fascia di rispetto dalla recinzione, dovranno consentire la manutenzione della stessa
e l’ispezione della CP dall’esterno senza transito in proprietà di terzi (larghezza 2-4 metri). Nel caso in cui restino
fuori recinzione non delle fasce di rispetto ma interi lotti di terreno in vista di futuri ampliamenti e/o altre
destinazioni (es. depositi) si procederà, senza ostacolare gli accessi alla CP previsti, con una recinzione del
lotto di tipo leggero o semplice filo, curando poi la manutenzione e sorveglianza dello stesso con particolare
riferimento allo sfalcio d’erba, deposito abusivo di rifiuti, installazione non autorizzata di cose, persone ed animali
da parte di terzi.
Il perimetro esterno dovrà essere protetto mediante una recinzione di adeguata resistenza meccanica, realizzata
con materiali durevoli, antisfondamento, non scalabili e di altezza tale da scoraggiare un eventuale tentativo di
scavalcamento.
La soluzione unificata per la recinzione di CP è composta da muro di cinta in calcestruzzo armato largo almeno
0,30 m e alto almeno 0,70 m fuori terra e da un grigliato sovrastante elettrofuso con zincatura a caldo a norme
UNI 5744/66, e maglia di dimensioni massime pari a 50x50 mm, per un’altezza totale pari a 2,70 m (sia per la
recinzione che per cancello) e grado IP minimo 1X.
Il requisito di altezza minima15 pari a 2,70 m è prescritto dal documento “Sicurezza delle Infrastrutture del Gruppo
Enel - Linee Guida - Divisione Infrastrutture e Reti”.
Il grigliato permette di guardare all’interno dell’impianto, opportunità utile soprattutto sul lato della recinzione che
si affaccia sulla strada.
Sulla sommità della recinzione potranno essere inseriti offendicoli proporzionali alla minaccia da valutare
insieme all’Unità Security territoriale nel rispetto delle norme sulla safety e le Leggi e Regolamenti vigenti.

14
Sono da evitare, per quanto possibile, occupazioni di terreno con titolo diverso dalla proprietà piena o proprietà
superficiaria illimitata
15
In presenza di situazioni particolari come una elevata pendenza del terreno, l’altezza della recinzione potrà
essere opportunamente incrementata per evitare che sfruttando il dislivello vi siano parti facilmente
scavalcabili
35
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Il grigliato sarà fissato tramite bulloni antisvitamento con “dado a strappo”, come illustrato nel paragrafo 7.7.4
“Impianto di protezione della CP contro atti dolosi”.

Figura 7.6-5– Esempi di recinzione standard per CP


La recinzione sarà inoltre interrotta elettricamente almeno ogni 8 metri con inserti isolanti (ad es. isolatori in
teflon). L’interruzione dovrà essere realizzata anche nelle armature del muretto di base (come esposto anche
nel paragrafo 7.5 “Rete di terra”). E’ buona regola mantenere una distanza minima fra il confine dell’impianto di
terra e la recinzione della CP maggiore di 5 metri.
Il grigliato metallico risulta più economico di altre soluzioni (quali grigliati in PRFV16 ad esempio) ma richiede
accortezza nell’isolamento dei montanti dalle armature del muretto, isolamento da ottenere con opportuni
accorgimenti quali ad. es. getto di 2° fase in tubo PVC annegato nel getto. Anche le armature del muretto
saranno opportunamente isolate tramite massetto e idoneo copriferro.
I materiali per i pannelli e le piantane devono essere in acciaio S235JR (UNI 10025/95) e protetti da zincatura
a caldo secondo la Norma Europea EN ISO 1461/99.
I bulloni di assemblaggio e di sicurezza, nonché le relative rondelle devono essere in acciaio inox AISI 304.
Come soluzione alternativa, solo nel caso non fosse possibile o conveniente utilizzare il grigliato metallico, e
dovendo comunque assicurare il grado IP 1X17 previsto dalle norme, si può ricorrere ad un grigliato in
vetroresina. Lo stesso grigliato può essere usato in questo caso anche sul cancello.
Questa soluzione, più costosa di quella standard, evita a monte la problematica dell’isolamento.
Il cancello deve essere di adeguata robustezza e di altezza non inferiore (o comunque prossima) a quella della
recinzione perimetrale.
Per il cancello ad apertura verso l’interno l’impatto della soluzione su eventuali tensioni di passo/potenziali
trasferiti deve essere verificato.

16
Vetroresina: soluzione non unificata
17
CEI EN 61936-1 Impianti elettrici con tensione superiore a un kV in c.a. “grado di protezione IP1X= involucro
protetto contro corpi solidi di dimensioni superiori a 50mm e contro l’accesso con il dorso della mano”.
36
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Per quanto riguarda le serrature si prevede l’utilizzo di cilindri di tipo europeo con chiavi ad ammaestramento
programmato, in modo da creare delle gerarchie di accesso predefinite. Il badge aziendale è utilizzato
esclusivamente per disinserire gli allarmi. Il lettore di badge sarà posizionato in un’apposita cassetta da inserire
all’interno della recinzione, in prossimità del cancello.

7.6.6 Mitigazione del rischio sismico


Al fine di mitigare gli impatti degli eventi sismici sulle nuove CP, indipendentemente dall’area individuata per la
realizzazione, devono essere realizzati i seguenti provvedimenti:
 Realizzare i collegamenti e calate AT in corda di alluminio (ad esclusione delle sbarre longitudinali realizzate
in tubo rigido)
 Realizzare i collegamenti AT e MT al TR con corda/calza di rame
 Fissare a pavimento i TR tramite collegamento rigido oppure tramite dispositivi di confinamento18
 Fissare a parete i supporti delle batterie e dell’antenna satellitare
 Fissare a pavimento i telai dei pannelli di protezione
 Fissare a pavimento il complesso Petersen (bobine, resistori, quadro MT IMS DY904), i trasformatori SA e il
container quadri MT con sistemi ancoranti (es. cunei / tenditore+prolunga) . (*)

Sezione B-B Sbarra AT

Figura 7.6-6– Sbarre AT longitudinali

18
Attualmente in corso la sperimentazione di isolatori sismici nelle aree a maggior rischio
37
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Figura 7.6-7 - collegamenti al TR con calza di rame

7.7 Impianti accessori

7.7.1 Canalizzazione per il raccordo in FO della sala apparati

E’ necessario prevedere delle canalizzazioni per la rilegatura in fibra ottica esterna dall’Operatore di
telecomunicazioni e/o da TERNA e per la telefonia.
Altresì va prevista la canalizzazione interna tra gli apparati ovvero tra i due pali “gatto” e tra uno di questi e la
sala quadri di CP e tra un pozzetto in area cancello di CP e la sala quadri della CP.
La canalizzazione deve essere realizzata con diametro indicativamente pari a 100 mm e tipicamente in materiale
plastico, al suo interno va posato il microtubo di protezione 10 x 14 (fender) per ospitare la fibra ottica.
Il riferimento per la realizzazione di questo impianto è il documento “Nota Interna Progetto Fibra Ottica
Indicazioni per la predisposizione della connessione in fibra ottica in cabina primaria e in cabina secondaria”.

7.7.2 Impianto di illuminazione

7.7.2.1 Progetto dell’impianto di illuminazione


Le normative di riferimento sono riportate nel capitolo 4 “Riferimenti”.

38
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

L’impianto di illuminazione della sezione MT in container (interno ed esterno) dovrà seguire la specifica tecnica
DY770. La norma di riferimento per impianti interni è la UNI EN 12464-1. Nel caso specifico di locali MT di
cabine primarie la norma non prevede una categoria dedicata con i relativi requisiti illuminotecnici minimi.
L’ambiente interno dei locali MT della CP è analogo ai locali interni di “centrali elettriche”, per le quali la norma
prescrive un valore di illuminamento medio minimo di 200 lux.
Il progetto dell’’illuminazione delle aree esterne deve prevedere le seguenti condizioni:
 illuminazione ordinaria serale a comando crepuscolare;
 illuminazione straordinaria in condizioni di lavoro notturno a gestione manuale;
 illuminazione straordinaria su allarme del sistema di protezione contro atti dolosi.
Si prescrive l’utilizzo di lampade a tecnologia LED (in alcuni contesti anche obbligatorie per legge).
Nel caso specifico di CP, la norma UNI EN 12464-2 non prevede una categoria dedicata con relativi requisiti
illuminotecnici minimi. L’ambiente esterno della CP è assimilabile alle “stazioni di commutazione di centrali
elettriche”, per le quali la norma prescrive un valore di illuminamento medio minimo (in configurazione di lavoro
“tutto acceso”) di 50 lux e uniformità orizzontale pari a 0,40. Per quanto riguarda l’illuminamento minimo notturno
il valore di riferimento è 20 lux.
L’impianto sarà dotato di un sistema di gestione da remoto, che consentirà il monitoraggio e la regolazione
puntuale dei singoli apparecchi garantendo le seguenti funzioni base (definite nel dettaglio dal progetto
dell’impianto di protezione, per ulteriori dettagli si veda il paragrafo 7.7.4):
 verifica dell’avvenuta accensione delle lampade;
 riduzione del flusso (dimming) a orario predefinito con comando 0/10;
 comando di aumento del flusso (da x al 100%) a seguito di ingresso di personale autorizzato;
 comando di aumento del flusso (da x al 100%) a seguito di allarme rilevato dall’impianto di sicurezza locale;
 possibilità di regolazione del flusso luminoso da comando locale a mezzo di pulsantiera fornita unitamente
all’unità di controllo centrale.
L’impianto di illuminazione esterno è comandato dal quadro SA.
Di seguito alcuni requisiti minimi per le lampade a tecnologia led da utilizzare per le aree esterne di CP:

7.7.2.2 Requisiti generali


 flusso regolabile: i proiettori con questi requisiti garantiscono un illuminamento generale più omogeneo,
poiché consentono l’attenuazione del flusso (ad esempio portandoli tutti al 20-30%) invece del completo
spegnimento di alcuni proiettori, consentendo, in caso di intervento notturno o di allarme, di comandarne
l’accensione alla massima potenza
 possibilità di regolazione dell’inclinazione
 possibilità di gestione locale e remota
 garanzia di luce uniforme e priva di zone d'ombra (Illuminamento medio19 <= 0,4)
 nessuna dispersione del flusso luminoso sopra l’orizzonte in accordo alle recenti norme contro
l’inquinamento luminoso (vedi paragrafo 7.9.2)

7.7.2.3 Corpo
 Resistenza agli urti ≥ IK08, come da IEC 62262

19
Lumen medio =Lumen max/Lumen min

39
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

 Classe isolamento II
 Grado IP ≥ 66, come da CEI EN 60529
 Tensione nominale 220V

7.7.2.4 Diffusore
 Antiabbagliamento
 Antipolvere
 Temperatura di esercizio: -30°C / +40°C

7.7.2.5 Caratteristiche illuminotecniche


 Flusso luminoso ~11.000 lm (per illuminare le aree oggetto di ordinaria interventi di manutenzione)
 Temperatura di colore 4000°K
 Ottica asimmetrica A60
 Indice di resa cromatica 70

7.7.2.6 Marcature
 CE
 IMQ

7.7.2.7 Sostegni
L’impianto di illuminazione è realizzato utilizzando pali alti ribaltabili oppure pali bassi.
In entrambe i casi è assicurata la possibilità di effettuare manutenzione da terra con maggiore sicurezza per
l’operatore e riducendo i tempi dell’attività.
I sostegni saranno realizzati in lamiera di acciaio zincata a caldo oppure in vetroresina (da valutare laddove la
palina si trovasse all’esterno dell’area della maglia dell’impianto di terra o in altri casi particolari).

7.7.2.7.1 Sostegni ribaltabili


I pali ribaltabili dovranno essere a movimentazione manuale bilanciata con cerniera di rotazione, semiguscio
con funzione di contrappeso, fune e puleggia di rinvio (vedi Figura 7.7-3). La rotazione deve avvenire per gravità
ed essere bilanciata tra il peso dei proiettori da un lato e quello del semiguscio dall’altro. L’operatore si deve
limitare al controllo accompagnando la movimentazione tramite fune. I pesi massimi e minimi in cima, per cui il
palo è idoneo, devono essere riportati direttamente sul palo mediante una targhetta a caratteri incisi e punzonati.
In condizioni normali, cioè con il palo in posizione verticale, la parte mobile è rigidamente bloccata alla parte
fissa, garantendo la sicurezza della struttura nelle condizioni di carico a cui è sottoposta. La mensola di supporto
del corpo illuminante sarà in acciaio zincato a caldo.
Questa tipologia di palo permette qualsiasi intervento di manutenzione sui proiettori direttamente da terra senza
lavorare in quota, con riduzione dei tempi di intervento e senza la necessità della messa fuori servizio di parti di
impianto.

40
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Il sostegno dovrà prevedere l’opportuno vano per il collegamento dei conduttori provenienti dai proiettori con i
cavi di alimentazione provenienti dal quadro SA completo di morsetti per il collegamento elettrico ad una altezza
massima di 1.5m dal suolo.

Figura 7.7-1 Vista frontale proiettori su palo

41
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Figura 7.67-2 Schema del meccanismo di rotazione del palo

Figura 7.7-3 Pali ribaltabili in posizione di manutenzione (lampade a quota strada) e di esercizio (lampade
a circa 9 metri di altezza)

42
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

L’utilizzo di pali ribaltabili (per le normali fasi di installazione/manutenzione), consente di posizionare i pali a
ridosso delle strade di accesso e quindi il più vicino possibile al piazzale AT.
Per l’utilizzo di questa tipologia di pali occorre sempre verificare che non esistano ostacoli, presenti o futuri,
all’interno del percorso di rotazione.

7.7.2.7.2 Sostegni bassi


Un’alternativa ai pali ribaltabili sono le paline basse. Un esempio è mostrato in Figura 7.7-4.

Figura 7.7-4 Sostegni bassi per illuminazione esterna in CP

7.7.3 Impianti di smaltimento


Le acque da smaltire in CP sono quelle meteoriche dei piazzali carrabili e quelle meteoriche provenienti da
fossa TR e bobine di Petersen. La gestione delle acque è disciplinata dalla normativa vigente (D.Lgs. n.152 del
3 aprile 2006 e s.m.i. “Norme in materia ambientale”) e dall’ Istruzione Operativa n. 1298 “Gestione delle
adduzioni e degli scarichi idrici”.
Le normative locali sull’argomento sono varie e in continua evoluzione pertanto potrebbero comportare
l’esigenza di ricorrere a soluzioni costruttive diverse da quelle indicate nella presente Specifica Tecnica. Il
progettista valuterà caso per caso l’eventuale necessità di rispondere a requisiti più restrittivi.

7.7.3.1 Sistemi di allontanamento delle acque meteoriche di dilavamento dei piazzali carrabili
Le acque meteoriche di piazzale, la cui qualità non è stata pregiudicata dall'azione antropica, non devono essere
trattate (ad eccezione dei luoghi nei quali questi casi sono disciplinati da apposite Delibere Regionali) pertanto
43
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

il progetto dovrà preferibilmente prevedere delle pendenze che le inviino a dispersione su terreno drenante
interno o esterno all’area di CP senza convogliarle in canalette, pozzetti etc. che rappresentano un sistema
aggiuntivo e non necessario di gestione/accumulo/scarico delle acque.
Nel caso ciò non sia possibile si dovrà prevedere una raccolta e invio in fognatura se esistente, oppure su corpo
idrico oppure a dispersione su terreno drenante. Ulteriori dettagli costruttivi sul sistema di raccolta sono descritti
al punto 7.6.4.4 “Impianti di raccolta e smaltimento acque piovane”.

7.7.3.2 Sistemi di allontanamento delle acque di dilavamento potenzialmente inquinate provenienti da


fosse raccolta olio del trasformatore e dell’isola Petersen
Le acque meteoriche accumulate nelle vasche sotto TR e Isola Petersen sono acque con potenziale presenza
di olio isolante dielettrico ed, in quanto tali, non possono essere scaricate per dispersione sul suolo o nel
sottosuolo (subirrigazione).
La soluzione da adottare è lo svuotamento con autospurgo della vasca di raccolta, in attesa di soluzioni
alternative standardizzate per lo scarico autorizzato delle acque. Dal punto di vista esecutivo è da preferire la
soluzione con vasca subito sotto trasformatore (e non esterna) poiché il sistema di collettamento, normalmente,
non viene manutenuto e potrebbe degradarsi; la vasca dovrà essere equipaggiata di un sistema di controllo del
livello di riempimento tramite galleggiante elettronico regolato in modo tale da inviare al COR un segnale di
allarme al superamento del livello che garantisce la non fuoriuscita dell’olio dalla vasca in caso di svuotamento
dell’intero volume d’olio del TR.
Lo smaltimento dell’acqua proveniente dall’Isola Petersen, laddove la distanza tra le due aree non sia eccessiva,
va convogliata nella vasca del trasformatore.
Le vasche devono essere impermeabilizzate attraverso guaine o pitturazioni idonee con garanzia di tenuta di
almeno 20 anni. Inoltre, per assicurare una tenuta più duratura e scongiurare il pericolo di possibili rilasci nel
terreno, si dovrà utilizzare un calcestruzzo a bassa permeabilità.
In generale l’intera rete di fognatura deve essere progettata ed eseguita in modo da garantire la tenuta. La
tenuta tra tubazione e pozzetto deve essere eseguita mediante l’impiego di barriera anti infiltrazione tipo
“wallstop”. Nelle pareti o nella soletta di fondo dei pozzetti prefabbricati la barriera anti infiltrazione deve essere
applicata mediante la formazione di un foro di almeno 50mm più largo del diametro esterno della flangia e
successivamente sigillato con malta espandente, secondo le prescrizioni della ditta fornitrice; per i pozzetti
gettati in opera la barriera anti infiltrazione deve essere posta in opera prima del getto del pozzetto stesso.
Per le tubazioni di collegamento tra vasche si utilizzerà il gres.

7.7.4 Impianto di protezione della Cabina Primaria contro atti dolosi


L’impianto di protezione della CP contro atti dolosi dovrà essere realizzato in accordo alle prescrizioni aziendali
ed ai riferimenti normativi indicati nella sezione dedicata del capitolo 4
Dovranno essere rispettati i seguenti criteri di progetto:
 assicurare l’efficacia dei sistemi di security, riducendo i falsi allarmi;
 contenere i costi di realizzazione e le opere necessarie;
 limitare i tempi di realizzazione degli impianti.
In generale è importante ricordare che la sicurezza totale dell’impianto è data dall’insieme di sicurezza attiva e
sicurezza passiva (anche detta “by design”). Pertanto, dovranno essere sempre adottati sistemi passivi di
sicurezza da adottare in CP. Inoltre dovranno essere previste le opere per la realizzazione di un impianto di
sicurezza attiva (es. posa di canalizzazioni e/o di predisposizioni meccaniche per la posa di sensori).

44
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

I dispositivi di sicurezza attiva dovranno proteggere le aree maggiormente a rischio poste all’esterno: stalli AT,
trasformatori AT/MT, isola Petersen. Analoga protezione dovrà essere prevista per i locali MT e BT e/o container
MT.
Le scelte progettuali dovranno essere approvate dall’Unità Security territoriale. Per la scelta dei dispositivi e
delle apparecchiature del sistema di sicurezza da impiegare è necessario fare riferimento al documento
“Definizione standard di riferimento componentistica e impianti di antintrusione e videosorveglianza negli
impianti primari” in corso di emissione e/o rivolgersi all’unità O&M – Esercizio e Manutenzione Rete.

7.7.4.1 Sicurezza passiva


Gli elementi principali che concorrono alla sicurezza passiva dell’impianto primario sono:
 Recinzione: rappresenta un importante elemento di sicurezza passiva, i dettagli esecutivi quali eventuale
presenza di offendicoli (vedi Figura 7.7-5) opportunamente inclinati verso l’esterno di CP per impedirne
l’accesso, bulloni anti svitamento per grigliati, altezza minima 2,70 metri, etc. sono riportati al paragrafo 7.6.5
“Recinzioni, cancello e serrature”;
 Varchi perimetrali: sia carrai che pedonali dovranno essere chiusi con cancelli metallici ad apertura manuale,
di adeguata robustezza e, se possibile, di altezza non inferiore o comunque prossima a quella della
recinzione perimetrale. Le serrature di tutti i cancelli facenti parte del perimetro esterno, dovranno essere
dotate di cilindri europei unificati con chiavi ad ammaestramento programmato.
 Container: la sua robustezza è demandata al progetto unificato del container MT che dovrà prevedere una
robustezza idonea ad evitarne l’effrazione e analoghi requisiti per le finestre munite di grate, la porta, la
serratura a 3 punti di chiusura ed il cilindro europeo con chiave a duplicazione controllata;
 Appropriata segnaletica dissuasiva e informativa (es. per VDS).

Figura 7.7-5 Esempio di recinzione con offendicoli (foto indicativa non riferita a CP)

7.7.4.2 Sicurezza attiva


Elementi principali che concorrono alla sicurezza attiva dell’impianto primario sono:
 Sistema di protezione antintrusione (AI)
 Videosorveglianza (VDS)

45
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

 Illuminazione calibrata (es. lampade che si accendono o che aumentano il flusso luminoso all’attivarsi di uno
o più allarmi).
Il sistema di videosorveglianza prevede la disattivazione della videoregistrazione nel momento in cui il personale
autorizzato inserisce il badge all’ingresso della CP e pertanto non avviene alcun trattamento di dati personali.
I sistemi di antintrusione e videosorveglianza saranno differenziati per esterno ed interno e dovranno essere
entrambi collegati ad una centrale che permetterà l’invio degli allarmi e dei flussi video verso la Security Control
Room (SCR) di Enel di Roma, che ne curerà la gestione.
Le informazioni in questione verranno inoltrate anche ai Centri Operativi che svolgeranno eventuale supporto al
personale della SCR nelle fasi di gestione degli allarmi e degli impianti AI e VDS in servizio.
La connessione dovrà permettere alla SCR di:
 ricevere tutti i segnali dei sistemi AI e VDS e gestirli secondo le procedure operative definite da Enel;
 monitorare il corretto funzionamento dei sensori di campo, permettendo l’attivazione dei servizi di
manutenzione per la risoluzione di guasti e malfunzionamenti;
 ricevere su richiesta o su evento i flussi video e, se necessario, effettuare l’estrazione, da remoto, delle
immagini, in conformità alle leggi vigenti.
Le canalizzazioni per gli impianti di protezione dovranno essere dedicate esclusivamente a questo sistema
evitando infrastrutture promiscue con altri impianti.

7.7.4.3 Architettura funzionale


Si riportano di seguito le principali funzionalità che il sistema di sicurezza deve assicurare:
 funzionamento in modalità continuativa nelle 24 ore;
 interfaccia per la gestione centralizzata e supervisione al fine di garantire protezione e controllo degli asset
aziendali;
 videoregistrazione di tutti i segnali video disponibili provenienti da ciascuna telecamera su allarme oppure
“on demand”;
 possibilità di visionare da remoto le immagini registrate;
 possibilità di estrapolare da remoto immagini a partire dalle registrazioni;
Per quanto esposto il sistema dovrà:
 permettere agli operatori la supervisione delle aree, su allarme oppure “on demand”;
 essere collegato secondo i protocolli operativi e gestionali;
 non presentare o limitare al massimo le problematiche dovute a “falsi allarmi” o mancati allarmi;
 essere interfacciato con altre tecnologie presenti;
 avere elevate caratteristiche di scalabilità tali da permettere tutte le implementazioni previste dagli standard
Europei;
 essere esente e protetto da problematiche EMCEMS per quanto attiene i campi elettromagnetici radiati e
condotti così come la suscettibilità radiata e condotta, generata negli impianti primari di alta e media tensione.
Il sistema antintrusione deve, in linea generale, funzionare secondo le disposizioni impartite dall’Unità Security
territoriale e fornire informazioni sullo stato dei sensori installati. Limitatamente ad alcuni ambiti locali, il sistema
antintrusione deve operare procedure automatiche come:
 provvedere localmente ad attivare dispositivi ottico-acustici, disinserendo autonomamente il dispositivo
acustico;
 provvedere localmente al riconoscimento mediante lettore di badge del personale abilitato ad eseguire
l’attivazione/disattivazione del sistema;
 consentire, attraverso ritardo, l’attivazione/disattivazione del sistema da parte del personale abilitato (la
regolazione del ritardo per l’allarme dovrà essere programmabile);

46
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

 tenere un archivio storico degli eventi e trasmetterne il contenuto su richiesta.


Di seguito in Figura 7.7-6 si riporta a titolo di esempio lo stralcio planimetrico riportante il posizionamento delle
principali apparecchiature (telecamere e sensori) all’interno del container quadri MT.

Figura 7.7-6 Esempio di planimetria con disposizione sensori – container quadri MT


Il lettore di badge, posto all’interno dell’area di CP, fuori del container, ha la funzione di attivare/disattivare la
centrale antintrusione e la videoregistrazione/live durante le attività del personale e-distribuzione e terzi
autorizzati.

7.7.4.4 Principali componenti del Sistema


Il sistema di protezione consta delle seguenti apparecchiature che potranno essere previste tutte o in parte in
base alle valutazioni fatte in sede di progetto da predisporre insieme all’Unità Security territoriale:
 Lettore di badge
 Segnalatori ottico acustici
 Rilevatori ad infrarossi passivi per interno
 Sistema scanner laser
 Rilevatori a tripla tecnologia da esterno
 Rilevatori a contatto magnetico

47
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

 Barriere ad infrarossi attivi


 Sistema protezione perimetrale con cavo
 Telecamera bullet per esterno/interno e telecamere termiche
 Rivelatore ottico/termico
 Gestione accessi e attivazione/disattivazione sistema
Per i suddetti componenti fare riferimento al documento “Definizione standard di riferimento componentistica e
impianti di antintrusione e videosorveglianza negli impianti primari” in corso di emissione e/o rivolgersi all’unità
O&M – Esercizio e Manutenzione Rete.
Ogni impianto protetto da videosorveglianza (AI e VDS), in relazione alle vigenti norme introdotte dal
Regolamento Europeo n. 2016/679 (“GDPR”) sarà dotato di almeno 3 “cartelli Privacy” (vedere fac simile di
seguito) per segnalare in modo adeguato la presenza di videosorveglianza.
In ogni sito protetto, in prossimità del lettore badge dovrà essere apposto un cartello che segnala la presenza
del sistema di videosorveglianza; sul medesimo verranno riportate alcune istruzioni operative (es. n° telefonico
del Security Control Room per richiedere assistenza).
I cartelli dovranno essere posizionati in modo da essere chiaramente leggibili dall’esterno delle CP.

Figura 7.7-7 Fac-simile di cartello privacy

7.8 Box ausiliario


L’utilizzo in CP di un Box prefabbricato, che eventualmente comprenda dei servizi igienici è da considerarsi
opzionale e va valutato caso per caso anche in base al contesto di inserimento della CP.
In ogni caso la realizzazione dei servizi igienici deve essere attentamente valutata, considerando la conseguente
necessità di tener conto del rischio biologico derivante dalla loro presenza (legionella) e di provvedere
puntualmente alle necessarie attività di controllo periodico.
Per quanto riguarda il sistema di scarico, nel caso in cui si opti per la realizzazione dei servizi igienici, occorre
sempre verificare le prescrizioni degli enti per la Protezione Ambientale di competenza. Ove possibile, è da
preferire l’allaccio alla fognatura. Solo dove questo non è possibile si possono prendere in considerazione altre
possibilità (scarico su corpo idrico, fossa biologica, etc.). Per l’adduzione idrica è raccomandato l’allaccio
all’acquedotto. Solo dove questo non è possibile il box potrà essere alimentato mediante un serbatoio di

48
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

accumulo. In tal caso particolare attenzione dovrà essere dedicata al rischio di proliferazione batterica
aumentato dalle condizioni di stagnazione dell’acqua.

7.9 Aspetti ambientali


Per impianti di smaltimento si rimanda al paragrafo 7.7.3.

7.9.1 Impatto acustico


Il progetto di una nuova CP deve comprendere anche una Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico
Ambientale. Essa rappresenta un documento necessario per ottenere l’Autorizzazione alla costruzione (vedi
paragrafo 6.1 “Autorizzazioni”).
Le principali sorgenti di rumore da prendere in considerazione in tale previsione, sono:
 i trasformatori AT/MT;
 gli aerotermi per il condizionamento dell’ambiente quadri MT.
Il progetto parte dallo studio del Piano di Classificazione Acustica del Comune che definisce la categoria
acustica di appartenenza dell’area in esame in funzione della destinazione d’uso della zona (es. aree
prevalentemente residenziali, aree di tipo misto, aree prevalentemente industriali, etc.). Qualora il comune non
abbia ancora approvato il Piano di Classificazione Acustica (o ne sia totalmente sprovvisto), è necessario
acquisire l’Inquadramento Urbanistico dell’area d’interesse (P.R.G. o strumento analogo). In entrambi i casi,
l’area da prendere in considerazione deve includere non solo la CP, ma anche la zona circostante, sino ai primi
ricettori / ambienti abitativi.
In relazione alle classi acustiche di appartenenza, il D.P.C.M. del 14.11.1997 indica i parametri seguenti:
 Valori Limite di Emissione, ovvero il valore massimo di rumore che può essere emesso da una sorgente
sonora, misurato in prossimità della sorgente. Il D.P.C.M. prescrive inoltre che: “I rilevamenti e le verifiche
sono effettuati in corrispondenza degli spazi utilizzati da persone e comunità”.
 Valori Limite Assoluti di Immissione, definiti come il valore massimo di rumore che può essere immesso da
una o più sorgenti sonore nell’ambiente esterno, misurato in prossimità dei ricettori.
 Valori Limite Differenziali di Immissione, indicati anche come “criterio differenziale”. Tali limiti si applicano
agli ambienti abitativi situati in zone non esclusivamente industriali, e per le attività e comportamenti connessi
con esigenze produttive, commerciali e professionali. Tali valori sono riferiti all’interno degli ambienti abitativi,
e valgono + 5 dB in periodo diurno e + 3 dB in periodo notturno, indipendentemente dalla presenza della
classificazione acustica comunale. L’applicazione del criterio differenziale è subordinata al superamento di
soglie di applicabilità, stabilite dallo stesso D.P.C.M. e relative ai periodi diurno e notturno e alle due
condizioni di finestre aperte o chiuse.
I valori limite sono espressi per il periodo (tempo di riferimento) diurno (ore 06÷22) e notturno (ore 22÷06).
Le modalità di realizzazione dei rilievi sono dettagliate dal D.M.A. 16/03/1998 “Tecniche di rilevamento e di
misurazione dell'inquinamento acustico”.
Al fine di quantificare il clima acustico esistente nella zona in esame prima della realizzazione della CP (detto
anche “rumore residuo”) saranno eseguite una serie di misure del livello sonoro con strumento dotato di
certificato di taratura rilasciato da un centro ACCREDIA, con data di emissione non antecedente ai due anni
rispetto all’utilizzo. Anche in questo caso, il testo di riferimento per le caratteristiche della strumentazione e per
l’esecuzione delle misure è il D.M.A. 16/03/1998.
La Relazione Tecnica di Previsione di Impatto Acustico Ambientale dovrà dunque individuare e descrivere le
principali sorgenti di rumore, localizzare in pianta tali sorgenti ed i ricettori sensibili (esistenti o prevedibili) e
attestare che, durante la fase di costruzione e successivamente, durante l’esercizio dell’impianto, le emissioni

49
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

acustiche saranno al di sotto dei limiti previsti dalla normativa per la zona in esame. La CP è soggetta anche al
rispetto dei limiti assoluti e differenziali di immissione presso i ricettori circostanti.
Poiché tali limiti sono entrambi funzione del livello di rumore residuo, generalmente non noto nella fase di
definizione preliminare delle caratteristiche dell’impianto, sono state sviluppate alcune indicazioni sui criteri di
inserimento dell’impianto primario basate sul rispetto del limite di emissione, il quale dipende solo dalla
rumorosità prodotta dai macchinari installati. Accanto a tale valutazione si esprime una indicazione, basata su
criteri conservativi che prescindono dalla conoscenza del rumore residuo, circa il rispetto del criterio
differenziale.
La Tabella7.9.1 fornisce, per alcuni scenari, le distanze minime da garantire tra i trasformatori ed i potenziali
ricettori più vicini, per conseguire il rispetto del limite di emissione in funzione della classificazione acustica
assegnata a questi ultimi, e del criterio differenziale. Nella composizione degli scenari lo studio ha considerato
come variabile la taglia dei trasformatori installati; si riporta in tabella l’installazione di una coppia di TR da 16,
25 o 40 MVA, mentre per la taglia 63 MVA si può far riferimento all’All. D.
La tabella riguarda il caso più critico, ossia quello in cui il suolo circostante la CP abbia caratteristiche acustiche
riflettenti e quindi favorisca la propagazione del rumore. Tale caso fornisce le maggiori distanze e quindi una
valutazione più cautelativa per e-distribuzione. Le valutazioni sono formulate solo in relazione al tempo di
riferimento notturno, che ha i limiti più stringenti rispetto al tempo di riferimento diurno.
I valori indicati sono stati calcolati assumendo le ipotesi, in generale piuttosto cautelative, illustrate nella
“Simulazione del livello di immissione specifico nell’ambiente circostante per nuove Cabine Primarie in
configurazione standard” (Rapporto CESI n° B9000300 del 23/01/2019) riportata in allegato D.

Distanza minima dei trasformatori dalla facciata di ricettori / ambienti


abitativi [m]

Limite di emissione (classe di appartenenza del ricettore)


Criterio
Classe Classe Classe Classe differenziale
Trasformatori Classe I Classe II
III IV V VI
n°2 da 16 MVA 40 m 25 m 10 m 20 m
< 10 m
n°2 da 25 MVA 50 m 30 m 15 m < 10 m < 10 m 25 m
n°2 da 40 MVA 80 m 40 m 25 m 15 m 35 m

Nota: le valutazioni sono espresse considerando il livello di potenza sonora prescritto in specifica, corretto
con le formule (5) e (7) della IEC 60076-10:2016, ulteriormente maggiorato per tenere conto delle
variazioni della tensione di rete.

Tabella 7.9.1 - Distanze minime da ricettori – Tempo di Riferimento notturno

Per l’utilizzo della tabella, data la classe di appartenenza del ricettore (corrispondente alla classe di destinazione
d’uso del territorio) e la taglia delle macchine impiegate nella CP, occorre individuare la distanza che garantisca
il rispetto del limite di emissione e quella per il rispetto del criterio differenziale e selezionare la maggiore delle
due. Il criterio differenziale non si applica a ricettori in classe VI.

50
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Classi di destinazione d'uso del Tempi di riferimento


territorio Diurno (06.00-22.00) Notturno (22.00-06.00)
I aree particolarmente protette 45 35
II aree prevalentemente residenziali 50 40
III aree di tipo misto 55 45
IV aree di intensa attività umana 60 50
V aree prevalentemente industriali 65 55
VI aree esclusivamente industriali 65 65
Tabella 7.9.2 - Valori limite di emissione - Leq in dB(A)

Il layout di CP, a parità di altri requisiti prioritari, dovrà tener conto del livello acustico esistente e della posizione
dei ricettori esterni esistenti o possibili.
Una considerazione a parte merita la classe I, in quanto potrebbe essere assegnata a zone di particolare tutela
ove non necessariamente vi siano ricettori (ad esempio parchi pubblici o aree destinate al riposo ed allo svago,
aree di pregio naturalistico). In questo caso, la distanza minima dei trasformatori deve essere intesa dal margine
della classe I e non rispetto a fabbricati.
L’analisi della tabella mostra che per le classi più elevate (IV, V e VI) le distanze minime da eventuali ricettori
sono molto ridotte, tali da essere probabilmente ricomprese nel perimetro della CP; tuttavia, limitatamente alle
classi IV e V, occorre considerare anche la distanza per il rispetto del criterio differenziale che, in questi casi,
può superare i 50 m, a seconda della taglia dei trasformatori, diventando quindi la condizione più stringente.
Anche per la classe III le distanze minime raggiungono i 40 m dai trasformatori solo per la configurazione di CP
con una coppia di TR da 63 MVA, a fronte di una distanza di 55 m relativamente al differenziale.
Per le classi inferiori (classe I, classe II) le distanze si incrementano ed il rispetto del limite di emissione impone
una condizione più stringente del rispetto del criterio differenziale. La configurazione più critica, si ha per la
classe I, assegnata a case di cura e riposo, ospedali, parchi pubblici e scuole; in questo caso, la minima distanza
da ambienti abitativi o assimilabili o dal margine della classe si attesterebbe a 140 m circa nel caso più critico.
Va però ricordato che per le scuole, in generale, è applicabile il solo limite diurno, essendo la struttura non fruita
in quello notturno.
Ovviamente, le distanze indicate sono da intendersi come minime e potrebbero essere incrementate dal
progettista nel senso di una maggiore cautela, specie in ambienti a carattere prevalentemente residenziale, ove
la quiete rappresenta un requisito qualificante, soprattutto qualora non vi siano altre sorgenti sonore di rilievo
nell’intorno.
Altro aspetto che occorre ricordare nell’utilizzo della tabella è che, oltre alle informazioni cartografiche relative
agli edifici residenziali già realizzati rispetto ai quali definire il posizionamento della nuova CP, è opportuno
acquisire gli elementi essenziali dello sviluppo della pianificazione urbanistica comunale per l’area di interesse,
al fine di ravvisare eventuali nuove realizzazioni in progetto, che potrebbero comportare, nel futuro, un
avvicinamento di comparti residenziali alla nuova CP.
Ulteriori indicazioni sono riportate nell’ Istruzione Operativa n. 125/2017 “Gestione degli aspetti ambientali
relativi al rumore” che riporta in allegato un fac-simile di "Relazione di valutazione di impatto acustico
ambientale”.

51
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

7.9.2 Inquinamento luminoso


Per quanto riguarda una CP il rischio di inquinamento luminoso è dato esclusivamente dalle torri faro per
l’illuminazione notturna dell’area di impianto.
I criteri di progetto dell’impianto di illuminazione sono riportati al paragrafo 7.7.2.1 della presente Prescrizione
Tecnica.
Alla data attuale la prevenzione dell'inquinamento luminoso non è regolamentata da una legge nazionale. Le
singole Regioni hanno tuttavia promulgato testi normativi in materia mentre la norma UNI 10819 disciplina la
materia laddove non esista alcuna specifica più restrittiva. Pertanto il contesto normativo locale è di volta in volta
da verificare essendo ad oggi ancora in fase di sviluppo in molte aree.
La norma UNI 10819 prescrive i requisiti degli impianti di illuminazione esterna, per la limitazione della
dispersione verso l’alto del flusso luminoso proveniente da sorgenti di luce artificiale. Pertanto è richiesto che il
fascio luminoso dei proiettori di CP in nessun caso sia direzionati oltre la linea dell’orizzonte.

7.9.3 Gestione terre da scavo


Attualmente la materia è normata dal D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. e dal DPR 120/2017. Il contesto normativo locale
è di volta in volta da verificare essendo ad oggi ancora in fase di sviluppo in molte aree.
Normalmente la realizzazione di una nuova CP si configura come un cantiere di piccole dimensioni secondo la
definizione del DPR n.120/2017 (cantiere in cui sono prodotte terre e rocce da scavo in quantità non superiori
a seimila metri cubi).
In linea generale le terre da scavo dovranno essere riutilizzate (ad esempio per formare terrapieni di
mascheramento) o smaltite secondo un Piano di gestione delle terre da scavo da redigere in fase di progetto. Il
piano potrà prevedere delle analisi preliminari sui terreni e/o una caratterizzazione in cumulo durante le fasi di
scavo.

7.10 Cartelli monitori e Targhe identificative


In opportuni punti dell’impianto devono essere previste segnalazioni per la sicurezza, ad esempio avvertimenti
di pericolo, istruzioni e note informative.
La cartellonistica dovrà essere conforme alla normativa vigente integrata con segnaletica conforme al titolo V
del D.Lgs. 81/08.
Tutte i cartelli e le targhe devono essere chiari, leggibili e durevoli.
Le specifiche tecniche di riferimento per la segnaletica di sicurezza e salute sul luogo di lavoro sono:
 EA 8000 “Elenco delle Specifiche Tecniche Unificate della segnaletica di sicurezza e/o di salute sul luogo di
lavoro della Divisione Infrastrutture e Reti di Enel;
 EA 8001 “Specifica Tecnica Unificata di costruzione e verifica_ Segnaletica di sicurezza e/o di salute sul
luogo di lavoro.
Di seguito sono riportati elenchi di targhe e cartelli che devono sempre essere previste.
Ulteriori segnalazioni, previste dalla normativa vigente (Allegato XXV al D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 ed eventuale
legislazione “locale”) o comunque ritenuti utili all’identificazione e segnalazione dei rischi e/o delle diverse parti
dell’impianto potranno essere previste dal progettista al fine di evitare errori operativi e incidenti.

52
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Descrizione Codifica Collocazione


unificazione
VIETATO USARE FIAMME LIBERE E FUMARE EA 8011 Sul cancello
VIETATO SPEGNERE CON ACQUA EA 8012 Sul cancello, lungo la recinzione lato ext.
almeno ogni 20 m
DIVIETO DI ACCESSO ALLE PERSONE NON EA 8015 Sul cancello
AUTORIZZATE
VIETATO ACCEDERE OLTRE LA BARRIERA EA 8016 Sulla porta di dei box condensatori
PRIMA CHE SIA STATA TOLTA TENSIONE
TENSIONE ELETTRICA PERICOLOSA EA 8023 Sul cancello, lungo la recinzione lato ext.
almeno ogni 20 m, su pali gatto, sui
sostegni tripolari, su box condensatori,
sugli scomparti MT e sullo scomparto
batterie ermetiche
ATTENDERE 10 MINUTI PRIMA DI METTERE A EA 8049 Sugli scomparti MT del rifasamento
TERRA (l’attuale specifica è da correggere poiché
riporta 5 min. mentre la DY571 dei condensatori
prescrive tempo di scarica minore di 10 min.)
DIREZIONE DA SEGUIRE (verso attrezzatura EA 8059 Nei punti previsti nel progetto per la
antincendio) certificazione antincendi
UBICAZIONE ESTINTORE EA 8060 Sopra ogni estintore
TRITTICO PER CABINE SECONDARIE EA 8028 Sulle porte di ingresso del container e sul
cancello
SOCCORSI D’URGENZA EA 8065 Nel container di fronte all’ingresso
principale
NON EFFETTUARE MANOVRE - LAVORI IN EA 8018 Nel container di fianco alla rastrelliera
CORSO porta leve didi manovre
CASCO DI PROTEZIONE OBBLIGATORIO EA 8042 Sul cancello
PERICOLO ESPLOSIONE EA 8109 Sulla porta di accesso del locale batterie
VIETATO BERE – ACQUA NON POTABILE EA 8123 Sulla porta di accesso del locale servizi
igienici qualora presenti e qualora non sia
allacciata alla rete idrica pubblica
CARTELLI PREVISTI DA NORMATIVA VDS EA 8124 Sul cancello, più eventuali altre posizioni
da indicare nel progetto
TARGA DI AVVERTIMENTO DELLA PRESENZA EA 8125 Posizioni da indicare nel progetto e nel
DI BATTERIE DI ACCUMULO DI ENERGIA PEI
ELETTRICA (Regola tecnica 15/07/14)
Tabella 7.10.1 Elenco cartelli

53
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Testo (le tensioni indicate sono


Codice Descrizione Collocazione
quelle standard)
T1 Identificazione cabina e-distribuzione S.p.A. ATR …. Sul cancello
seguito da nome, codice AUI, data
di messa in servizio della CP e
numero telefonico di emergenza
(indicato nel PEI)
T2 Identificazione fasi 4 o 8 o 12 Sui TVC, sui cavi MT dei TR in
corrispondenza dei cavalletti
MT del TR, sulla sbarra AT,
sull’ibrido
T3 Bassa tensione 230-400 V Tensione 220-380 V Sul telaio interruttori BT dei
SA
T4 Media tensione 20000 V Tensione 20000 Sui cavalletti MT dei TR e sui
semiquadri MT
T5 Media tensione 15000 V Tensione 15000 V Sui cavalletti MT dei TR e sui
semiquadri MT
T6 Identificazione stalli MT Nome e numero della linea MT o Sugli scomparti MT
dello stallo (Congiuntore Ro V, TR
R o V, TV R o V, SA), rifasamento
R o V, TFN R o V, disponibile)
T7 Identificazione linea AT Nome e numero della linea AT Su un montante dei sostegni
(indicare se possibile anche l’altro portale (“pali gatto”)
estremo/i della linea AT)
T8 Identificazione TR AT/MT TR ROSSO o TR VERDE Sui TR AT/MT
T9 Identificazione moduli TR ROSSO o TR VERDE seguito Sui moduli ibridi
ibridi dal nome della corrispondente
linea AT
T10 Identificazione Bobine di Bobina mobile Rossa o Verde + Sulle Bobine di Petersen
Petersen mobile “tensione del sistema”
T11 Identificazione Bobine di Bobina fissa Rossa o Verde + Sulle Bobine di Petersen
Petersen fissa “tensione del sistema”
T12 Identificazione TFN TFN rosso o verde 20000 V+ Sui TFN
“tensione del sistema”
T13 Identificazione Rifasamento Rosso o Verde Sui box dei rifasamenti
Rifasamenti
T14 Identificazione Resistore Resistore Rosso o Verde+ Su eventuali Resistori
“tensione del sistema”
T15 Identificazione DY770 Il testo riporterà almeno: All’esterno dei container nei
(targa inclusa nella costruttore del container e della pressi della porta principale
fornitura del container) sezione MT, numero di matricola, all’altezza di circa 1,6 m
anno di costruzione, peso del solo
container in assetto di trasporto,
peso totale installato

54
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Testo (le tensioni indicate sono


Codice Descrizione Collocazione
quelle standard)
T16 Identificazione servizi WC Sulla porta dei servizi igienici
igienici (se presenti)
T17 Identificazione Batterie Segnalare la presenza di Sullo sportello dell’armadio
accumulatori di tensione al piombo batterie
di tipo ermetico (da considerarsi
sempre in tensione, come
specificato da PEI)
T18 Identificazione Cabina Cabina MT/BT per servizi ausiliari Sulla porta della Cabina
prefabbricata MT/BT e gruppi di misura MT/BT
DG10200
LS196(*) Targa con numero di N° picchetto Su sostegni AT, interruttori,
picchetto sezionatori TVC, TA AT
LS197 (*) Targa con numero linea N° terna linea AT Su sostegni AT, interruttori,
AT sezionatori TVC, TA AT
LS10098(*) Posizionamento targhe - -
per linee a doppia terna
LS10099(*) Posizionamento targhe - -
per linee a semplice terna

(*) Le specifiche di “vecchia unificazione” seppur valide nei principali contenuti riportano delle inesattezze
formali da correggere (es. “ENEL” in luogo di “e-distribuzione” oppure “ENEL” in luogo dell’odierna
“Terna”).

Tabella 7.10.2 Elenco targhe

7.11 Dispositivi per la manutenzione in sicurezza


Tutti i possibili interventi di manutenzione che verosimilmente si renderanno necessari durante l’intera vita della
CP dovranno essere previsti, già in fase di progetto, riportandoli nel Fascicolo dell’opera emesso dal
coordinatore della progettazione, secondo quanto previsto dal DLgs 81/08 e s.m.i.. Si dovrà ipotizzare che tali
interventi vengano eseguiti, per quanto possibile con l’impianto in servizio, prevendendo dei dispositivi e delle
predisposizioni che agevolino e rendano sicure tali attività.
I principali interventi in CP da prendere in considerazione sono:
 Intervento in sicurezza su una semi-sbarra AT mantenendo l’altra in servizio (vedi sostituzione interruttore
AT di linea o TR, sezionatori AT, etc.)
 Sostituzione di un TR AT/MT con l’altro in servizio
 Interventi di manutenzione/sostituzione sull’impianto di illuminazione est/int, sistema di
videosorveglianza, etc., sempre con l’impianto in servizio
 Utilizzo di autogru o cestello per i quali prevedere appositi spazi e distanze
 Inserimento GE in situazione di emergenza
 Salita e lavoro in sicurezza sui TR AT/MT
Per quanto riguarda quest’ultima attività si segnala che alla data attuale è in corso di unificazione un sistema di
accesso in quota su trasformatori AT/MT mediante linea vita temporanea (per maggiori dettagli si rimanda alla
specifica EA0594) da applicare sulla macchina senza particolari predisposizioni o interventi sul TR. Questo
sistema consiste in un insieme di dispositivi che consentono ai lavoratori di salire, lavorare e scendere in

55
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

sicurezza da un qualsiasi trasformatore AT/MT. Un grande vantaggio è che non necessita di onerose
verifiche/collaudi puntuali sui TR.

7.11.1 Schede di collaudo della Cabina Primaria


Il documento di riferimento per quanto applicabile per le schede di verifica dei principali componenti della CP è
la specifica tecnica Prove e verifiche per l’attivazione di Cabine Primarie realizzate “chiavi in mano”:

7.12 Sicurezza Antincendio


La trasformazione AT/MT è inclusa nell'elenco delle attività soggette ai controlli dei Vigili del Fuoco (VV.F.) in
quanto eseguita in impianti con presenza di ”macchine elettriche fisse con presenza di liquidi isolanti combustibili
in quantitativi superiori a 1 m3 (attività n. 48/B del DPR 151/2011)”.
I documenti di riferimento sono riportati nella sezione dedicata del paragrafo 4.2 “Riferimenti legislativi20” e del
paragrafo 4.4 “Documentazione Aziendale”.
Almeno 90 gg prima dell’inizio previsto dei lavori, il PL dovrà richiedere un parere di conformità antincendio
(istanza valutazione progetto, a firma del Responsabile di Zona) al locale Comando Provinciale dei Vigili del
Fuoco.
La presentazione del progetto di prevenzione incendi (redatto da professionista antincendio iscritto all’ Albo Min.
Interni ex L.818/84) avverrà con le modalità descritte dal DM 7 Agosto 2012 e nel rispetto dei criteri esposti nella
specifica Regola Tecnica approvata con DM del 15 Luglio 2014 in particolare il Titolo II che riguarda le nuove
realizzazioni.
Prima dell’avvio del nuovo impianto, il Responsabile (Capo Zona) con il supporto del PL e del professionista
incaricato, dovrà presentare, al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, la SCIA (modello PIN 2) corredata di
tutta la documentazione di conformità prevista per singoli casi specifici e sottoscritta secondo competenze21.
I principali componenti interessati ai fini dell’applicazione del DPR 151 sono i trasformatori AT/MT e le bobine
di Petersen con volume d’olio superiore a 1000 l.
Per quanto riguarda i TR AT/MT della CP standard si deve garantire il rispetto delle distanze di sicurezza (vedi
paragrafo 7.4) per evitare la costruzione del muro parafiamma fra i trasformatori ed agevolare le manutenzioni
permettendo l’uso di veicoli anche nella strada centrale previa valutazione degli ingombri e dei titoli autorizzativi
posseduti.
Qualora non fosse possibile rispettare la suddetta distanza si dovrà prevedere un idoneo muro parafiamma
certificato REI 60 tra i trasformatori.
Muri parafiamma aggiuntivi, ad esempio tra TR e corsia carrabile per zona AT, potranno essere valutati allo
scopo di aumentare la sicurezza delle operazioni durante lo scenario di incendio. Naturalmente dovrà essere
attentamente accertato che queste barriere non causino intralcio per le attività di esercizio e manutenzione
dell’impianto.
Si ricorda la prescrizione indicata nel D.Lgs. 106 circa i cavi CPR.
Per quanto riguarda le isole Petersen dal punto di vista della normativa antincendio e delle norme CEI-EN
61936, ogni installazione per semi-sbarra può essere costituita da 1 o più macchine elettriche a seconda se il

20
In particolare si ricorda il D.Lgs 106 per l’utilizzo dei cavi CPR e le classi di reazione al fuoco
Istruzione Operativa Conformità legislativa degli impianti di e-distribuzione – rischio incendio DPR 151/11 in
21

corso di emissione al momento della stesura finale del presente documento

56
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

quantitativo d’olio contenuto in ogni singola apparecchiatura superi o meno i 1.000 litri e a seconda delle
reciproche distanze e della presenza di eventuali setti EI60. Di conseguenza occorre rispettate le previste
distanze di sicurezza interne, esterne e di protezione. Per non ricadere nelle attività soggette al DPR151 allegato
I (attività 48 1B) le macchine elettriche con volumi d’olio singolarmente inferiori a 1000 l devono essere
posizionate a reciproca distanza di almeno 3 metri o separate da muri parafiamma non inferiore a EI 60.
Resta inteso che nelle apparecchiature dove il quantitativo d’olio (Vf) supera 1.000 litri occorre rispettare le
distanze di sicurezza interne, esterne e di protezione indicate dalla c.d. Regola Tecnica (DM del 15/07/2014) o
laddove non possibile interposizione di opportuni muri parafiamma di resistenza al fuoco non inferiore a EI 60.

Figura 7.12-1– Esempi Attività soggette al DPR 151/2011

Fermo restando quanto previsto dalla Regola Tecnica per l’accesso all’area e la prescrizione della CEI EN
61936-1 di garantire che gli accessi al reparto e i percorsi di fuga, di soccorso e le uscite di emergenza
rimangano comunque utilizzabili anche in caso di incendio;
Il progetto di CP dovrà soddisfare dove possibile anche i seguenti punti:
 fare in modo che in prossimità dell’ingresso si trovino aree senza rischio incendio;
 individuare idoneo percorso segnalato da seguire per operare all’interno del reparto anche nello scenario di
incendio al TR (da parte dei VV.F., comunque sempre accompagnati da personale e-distribuzione come
meglio specificato nel documento PEI “Piano di Emergenza Interno” sulla gestione delle emergenze quali
incendio, terremoto ed eventi atmosferici estremi in Cabina);
 prevedere adeguata distanza o protezione per sezionare e mettere a terra le linee AT, al fine di consentire
l’intervento in sicurezza dei VV.F.
In generale nelle Cabine Primarie il piano di emergenza dovrà tenere conto e “fare strada” all’intervento delle
squadre dei VV.F. più che guidare l’evacuazione. Ulteriori dettagli sono demandati al PEI (Piano di Emergenza
Interna) redatto per ogni CP.

57
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

8 PRINCIPALI COMPONENTI

L’elenco dei componenti unificati e delle relative specifiche tecniche in vigore è riportato in allegato A.
Per la creazione, modifica, archiviazione e gestione dei documenti di unificazione (vigenti e abrogati) deve
essere utilizzato l’applicativo TSM (Technical Specification Management) consultabile al seguente link:
https://e-mlm.my.salesforce.com/
Si richiama di seguito un breve estratto delle premesse dei volumi “blu” emessi negli anni ’70-‘80 dall’Ente
Nazionale per l’Energia Elettrica riguardanti le CP che chiarisce la codifica delle tabelle di unificazione:
Tutta la materia è organizzata in tabelle e divisa in sezioni. Ogni tabella di unificazione è individuata da una sigla
costituita da 2 lettere e da un numero composto da una o più cifre: la prima lettera è l’indice di emittente e
contraddistingue le unità o gli organi dell'Enel che emettono le tabelle (ad esempio le tabelle emesse dal CNSP
hanno indice di emittente L, le tabelle emesse dalla Direzione della Distribuzione hanno indice di emittente D,
…). La seconda lettera è l’indice di sezione e contraddistingue le particolari sezioni in cui gli organi emittenti
hanno inteso suddividere la materia unificata; il numero è un numero di ordine relativo ad ogni sezione.
La raccolta è divisa nelle seguenti sezioni:
Z Prescrizioni di Rete
Y Apparecchiature
D Disposizione elettromeccanica
U Utilizzazione meccanica e geometrica del sostegno-portale. Utilizzazione geometrica del collegamento
sezionabile tra linea di utente e linea di alimentazione
T Trasformatori trifasi AT/MT
S Sostegni
C Conduttori
M Morsetteria
J Isolatori
G Opere civili
R Impianti di messa a terra
Q Quadri
W Schemi funzionali
V Apparecchiature di protezione e controllo
K Criteri di Esercizio e di Alimentazione

8.1 Sezione AT

8.1.1 Aspetti generali


Lo schema di connessione alla RTN, le modalità di accesso e la relativa regolamentazione tecnica sono
individuate dal Gestore della stessa (cfr. “Codice di Rete” di Terna SpA e relativi Allegati). Le modalità più
comunemente utilizzate sono descritte nel documento “Criteri di sviluppo della rete di distribuzione”.
Gli isolatori AT esterni, laddove siano presenti le relative specifiche tecniche unificate, dovranno essere tutti in
materiale composito, in modo da migliorare l’affidabilità e la sicurezza dell’impianto e diminuire le necessarie
operazioni di manutenzione periodica.

58
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Di seguito la tabella riepilogativa del montaggi elettromeccanici 132/150 kV. Le quantità indicate si riferiscono
all’impianto senza bobina di sbarramento per onde convogliate.

TABELLA RIEPILOGATIVA MONTAGGI ELETTROMECCANICI 132/150kV


TIPO SIGLA DESCRIZIONE QUANTITÀ
DY44-DY46 TV CAPACITIVI 132/150 kV CON SOSTEGNO DY43 6
DY58-DY59 SCARICATORE AD OSSICO METALLICO SENZA
6
GSCH005 SPINT. 132/150 kV CON SOSTEGNO DY43
DISPOSITIVI DI ACCOPPIAMENTO PER SISTEMI DI
ED012 COMUNICAZIONE OCV OPERANTI SU LINEE -
ELETTRICHE ALTA TENSIONE
APPARECCHIATURE
MODULO PREFABBRICATO IBRIDO A TRE STALLI
GSH002 2
CON DUE INTERRUTTORI
GST002 TRASFORMATORE AT/MT 2
DT1096 BOBINA DI PETERSEN 2
DY770/2 CONTAINER APPARECCHIATURE MT 1

LS6096/2 SOSTEGNO TRIPOLARE A " T " (H=3950) 2


LS6096/3 SOSTEGNO TRIPOLARE A " T " (H=5850) 4
SOSTEGNO PORTALE A TIRO PIENO (“PALO
CARPENTERIA LS5301/3 2
GATTO” h=15 TESTA DIRITTA)
DY43 SOSTEGNO PER APPARECCHIATURE UNIPOLARI 6
LS SOSTEGNO PORTA TERMINALI TR AT/MT 2

DQ1909 ARMADIO TV MISURE SU RTN 2


ARMADI ARMADIO SMISTAMENTO CAVI TRASFORMATORE
DQ1910 2
AT/MT

CONDUTTORI IN LC5 CONDUTTORE IN CORDA DI ALLUMINO ∅36 -


TUBO
LC1050 CONDUTTORE IN TUBO DI ALLUMINIO ∅100 -

LJ1002/DJ100 ISOLATORE PORTANTE IN


ISOLATORI 20
3 PORCELLANA/COMPOSITO (h= 1500 mm)

LM1013 MORSETTO A " T " CORDA PASSANTE 12


MORSETTERIA LM1017 MORSETTO PORTANTE PER CORDA AL ∅ 36 6
LM1020 MORSETTO DIRITTO A COMPRESSIONE 24

59
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

TABELLA RIEPILOGATIVA MONTAGGI ELETTROMECCANICI 132/150kV


TIPO SIGLA DESCRIZIONE QUANTITÀ
MORSETTO DIRITTO PER CORDA AL ∅ 36 -
LM1025 6
PIASTRA 4 FORI
MORSETTO PORTANTE PER GIUNZIONE CON
LM1035 3
CERNIERA
MORSETTO COLLEGAMENTO TUBO AL ∅ 100
LM1037 6
PASSANTE - PIASTRA 4 FORI
MORSETTO PORTANTE PER GIUNZIONE
LM1041 9
SCORREVOLE CON CERNIERA
LM1086 MORSETTO A " T " TUBO PASSANTE 6
LM1088 CONTRAPPESO PER TUBO DI AL ∅ 100 6
DISPOSITIVO ANTIVIBRANTE PER TUBO ∅100
LC111 6
(LM991+LM992)
EA0482/1 PUNTO FISSO DI MESSA A TERRA SFERICO 12
PUNTO FISSO DI MESSA A TERRA PER TUBO Al
EA0482/2 6
∅100

ARMAMENTO PER AMARRO DOPPIO CON


LM1163/1164 6
SPINTEROMETRO
ARMAMENTO
SOSTEGNO PORTALE ARMAMENTO PER RICHIAMO CALATA CON
LM1176 4
(ANCHE DETTO “PALO CONTRAPESI
GATTO”)
ARMAMENTO PER SUPPORTO CONDUTTORE AL ∅
LM1183 2
36

Nota 1 Le quantità sopra descritte si riferiscono a impianto senza bobina di sbarramento per onde convogliate.
Nota 2 Le quantità devono essere pertanto verificate con il corretto assetto di tali apparecchiature

Tabella 8.1.1 Montaggi Elettromeccanici 132/150 kV

8.1.2 Moduli ibridi


La sezione AT è costituita da moduli ibridi tipo Y2 (vedi specifica GSH002).

8.1.3 Connessioni AT
Per i collegamenti AT viene usato tubo in alluminio diametro 100/90 mm per le sbarre principali poste a quota
7500 mm. Per gli altri collegamenti viene usata la corda in alluminio da 36 mm e tubo in alluminio da 40 mm. La
preferenza è per la corda per motivi di resistenza alle azioni sismiche (vedi paragrafo 7.6.6 “Mitigazione del
rischio sismico”), maggiore durabilità e maggiore portata oltre che per facilitare gli interventi di manutenzione.
La modalità di collegamento tra morsetteria e conduttore sarà quella a compressione.

60
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

8.2 Sezione trasformatore AT/MT

8.2.1 Trasformatori
I trasformatori AT/MT tipo ONAN (specifica di riferimento GST002 + Amendment GST002 – 2017) sono posati
su vasche in cls armato (maggiori dettagli per le fondazioni sono riportati al paragrafo 7.6 “Opere civili”).
I criteri per la scelta della taglia dei trasformatori, in relazione alla dinamica del carico, sono illustrati nel
documento “Criteri di sviluppo delle rete di distribuzione”.

8.2.2 Protezione da sovratensioni


Nella DK 4440 “Criteri per il coordinamento degli isolamenti nelle reti MT di distribuzione” e nella DK 4441 “Guida
al coordinamento degli isolamenti nelle reti MT di distribuzione” sono riportati i criteri per l’utilizzo delle
apparecchiature di protezione contro le sovratensioni.
Le specifiche unificate degli scaricatori AT sono le seguenti GSCH005, DY43, DY58, DY59, DY2051, DY2052.
Inoltre, nella realizzazione di nuovi impianti, è prevista l’installazione di dispositivi di protezione contro le
sovratensioni, costituiti da scaricatori ad ossido di zinco (DY557) nelle uscite MT aeree dalle CP: i dispositivi
devono essere inseriti sul lato MT del trasformatore AT/MT di CP e sul passaggio aereo – cavo di ogni linea
aerea in uscita dalla CP.
I criteri di scelta e posizionamento degli scaricatori sono riportati nel documento “Criteri di Sviluppo della Rete
di Distribuzione”.

8.2.3 Muro tagliafiamma


La soluzione standard prevede di mantenere una distanza tra gli stalli trasformatore tale da evitare la necessità
di prevede una parete divisoria tagliafiamma, come meglio chiarito nei paragrafi 7.3 “Layout dell’impianto” e
7.12 “Sicurezza Antincendio”.
Il muro parafiamma, qualora necessario, può essere realizzato in calcestruzzo gettato in opera o prefabbricato
(es. paratie modulari prefabbricate).
Le soluzioni prefabbricate sono in generale da preferire in quanto riducono i tempi di realizzazione in cantiere
in favore di quelli in stabilimento caratterizzati da qualità più controllata e lavorazioni intrinsecamente più sicure.

8.2.4 Castelletto per connessione MT del trasformatore AT/MT


Il documento unificato di riferimento è la specifica LS (Allegato F della presente prescrizione tecnica). .

8.2.5 Sistema per la misura degli scambi di energia con Terna


La tipologia e le caratteristiche del sistema per la misura degli scambi di energia con il Gestore della RTN sono
disciplinati dal “Codice di Rete” in particolare nel Capitolo 5 Servizio di Misura e Appendice B “Caratteristiche
tecniche delle apparecchiature di misura”.
Le specifiche tecniche di riferimento sono DY38 “Trasformatori di corrente per misure di energia in MT in cabina
primaria”, DY48 “Trasformatori di tensione per misure di energia in MT in cabina primaria” e DD501 “Sistema
per la misura di energia in cabina primaria (Specifica di costruzione)”.

8.2.6 Smaltimento acqua di dilavamento del trasformatore


Per quanto riguarda lo smaltimento dell’acqua di dilavamento del trasformatore vedere il paragrafo 7.7.3

61
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

8.3 Sezione MT

8.3.1 Quadro MT in container


La soluzione standard prevede l’utilizzo di container DY770 “Sezione MT in container per cabina primaria” e
DY780 per la versione ridotta allestiti con quadro del tipo “Compatto”. La sezione MT del DY770 e del DY780
prevede corrente nominale di 1600 A e corrente di corto circuito di 16 kA.
Per tutti i valori di corrente nominale e di corrente di corto circuito superiori a quelli su indicati dovrà essere
effettuata richiesta a O&M/Progettazione Costruzione e Standardizzazione per l’individuazione della soluzione
di progetto e della soluzione costruttiva più idonee.
Al fine di ridurre il rischio di danneggiamenti dovuti ad atti dolosi, particolare attenzione dovrà essere posta:
 alla robustezza della struttura: da valutare, anche in base alle caratteristiche del luogo di installazione,
eventuale aggiunta di grate metalliche o rinforzi;
 alle porte che dovranno rispettare le indicazioni ed i requisiti del documento DS 918 (ad esempio avere
requisito antieffrazione almeno pari a RC3 in accordo a Normativa EN 1627). Il suddetto documento, anche
se espressamente rivolto alle porte delle CS, può essere applicato anche per i serramenti del container (a
meno di dettagli specifici quali ad esempio quelli dimensionali);
 alle serrature.
Ulteriori indicazioni nel paragrafo 7.7.4 “Impianto di protezione della Cabina Primaria contro atti dolosi”.
Nel layout del container dovrà essere indicata la posizione del kit antiacido per batterie (vedi paragrafo 8.3.1.1).

62
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

Di seguito sono riportate planimetria e vista del container MT standard. Il layout è da considerarsi indicativo e
pertanto potrà subire variazioni legate a necessità specifiche di progetto.

Figura 8.3-1– Planimetria e vista DY770 standard

8.3.1.1 Servizi Ausiliari a 110 Vcc e 24 Vcc


All’interno del container sono posizionati:
- la stazione di alimentazione dei servizi ausiliari a 100 Vcc e a 24 Vcc (“Stazione di energia DV7078)
- l’armadio batterie
La stazione di energia è un raddrizzatore che integra al suo interno la diagnostica batterie e che ricava la
tensione ausiliaria di 24 Vcc per l’alimentazione del sistema di telecontrollo direttamente dal raddrizzatore 110
Vcc attraverso il convertitore 110 Vcc/24 Vcc; svolge anche la funzione di carica di mantenimento delle batterie
24 Vcc, necessaria per alimentazione di emergenza del telecontrollo.
63
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

L’armadio batterie contiene gli accumulatori al piombo di tipo ermetico (DY 816).
Le batterie devono essere corredate di kit assorbenti/neutralizzanti per acido di accumulatori secondo quanto
descritto nella specifica tecnica MA02 e richiesto dal DM Ambiente 24 gennaio 2011, n. 20.
Le batterie devono essere sempre segnalati e muniti di segnaletica di avvertimento come previsto dalla Regola
Tecnica di prevenzione incendi - DM 15 luglio 2014.

8.3.2 Collegamenti BT
Nella Nota Cavi, che sarà redatta in fase progettuale ed aggiornata durante l’intero corso della costruzione fino
al collaudo degli impianti, saranno inserite tutte le informazioni relative ai collegamenti BT dai SA da realizzare.
Le informazioni minime sono le seguenti:
 Numero cavo
 Tipo Cavo
 Funzione
 Riferimento cablaggio (N° disegno e N° foglio)
 Percorso (telaio/morsettiera di partenza e telaio/morsettiera di arrivo)
 Lunghezza
 Note (es. schermatura, etc.)
Qualora la CP dovesse ospitare un POP (Point of Presence: nodo primario della rete di telecomunicazioni in
fibra ottica con apparati di trasmissione e ricezione di segnali ottici) o un PCN (Punto di Consegna Neutro, punto
di terminazione della rete di accesso in Fibra Ottica) l’alimentazione di queste apparecchiature di proprietà di
un operatore TLC non dovrà mai essere derivata dai SA di CP ma da una CS limitrofa. I documenti di riferimento
in caso di presenza di POP/PCN in un sito locato all’interno della CP o in prossimità di questa sono i seguenti:
“Regolamento tecnico ed economico di accesso all'Infrastruttura elettrica di e-distribuzione”, “Handbook Fibra
Ottica_ Linee Guida e metodi di lavoro per la posa e gestione della fibra ottica con priorità di utilizzo delle
infrastrutture elettriche di e-distribuzione” e “Specifica Tecnica -I&N-O&M-19-2-ITA n. 00xx Predisposizione di
siti per il posizionamento di apparati TLC attivi e relativa alimentazione elettrica ”.

8.3.3 Connessioni in fibra ottica tra protezioni, TPT e apparecchiature AT, MT


Le protezioni A3 di nuova generazione previste nella specifica DV7203 necessitano per il loro funzionamento
anche di connessioni in fibra ottica e dovranno essere previste pertanto le seguenti tipologia di connessione:
 connessione in fibra ottica tra il dispositivo di protezione e lo switch di cabina;
 connessione in fibra ottica tra lo switch di CP e il TPT2020;
 connessione in fibra ottica tra il dispositivo di protezione e l’apparecchiatura MT o AT (interruttore,
trasformatore, Variatore Sotto Carico, TFN) controllata.
Tali cavi, anche se di tipologia diversa dai collegamenti bt, dovranno essere inseriti nella Nota Cavi di cui al
capitolo 8.3.2 con le seguenti informazioni minime:
 numero cavo
 tipo Cavo
 funzione
 riferimento cablaggio (N° disegno e N° foglio)
 percorso (telaio/morsettiera di partenza e telaio/morsettiera di arrivo)
 lunghezza
 tipo di Connettore (LC, SC, ST)
Per il tipo di connessione fare riferimento a quanto previsto dalle Tabelle di Unificazione Schemi Elettrici

64
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

8.3.4 Rifasamento
Laddove richiesto, per il modulo rifasamento si può fare riferimento alla specifica tecnica unificata DY571.
Il modulo dovrà essere posizionato nelle vicinanze del complesso Petersen possibilmente ad una certa distanza
del bordo della maglia di terra e sarà adeguatamente protetto da contatti accidentali.

8.3.5 Trasformatore Servizi Ausiliari


La specifica tecnica di riferimento per l'approvvigionamento del Trasformatore Servizi Ausiliari di CP è la
GST001 che annulla e sostituisce le precedenti specifiche DT791, DT796, DT801, DT803 (non più valide).
In coda alla GST001 è riportata in formato tabellare la “Common List”, che riporta tutti i tipi di trasformatori
MT/BT unificati e le loro principali caratteristiche.
Nelle colonne “MV bushing type (…)” e “LV bushing type (…)” sono indicate le tipologie di isolatori passanti MT
e BT del trasformatore.
Il trasformatore Servizi Ausiliari sarà posizionato al di fuori del container MT e alloggiato all’interno di una cabina
prefabbricata MT/BT del tipo Microbox Plus DG10200 (che prevede l’utilizzo di un trasformatore con taglia di
potenza massima 250 kVA) da stallo dedicato.
Nella stessa cabina saranno posizionati i gruppi di misura finalizzati allo scambio di energia con la RTN (vedi
paragrafo 8.2.5).

65
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

9 ARCHIVIO DELLA DOCUMENTAZIONE PRODOTTA PER LA COSTRUZIONE ED


ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PRIMARI

Tutta la documentazione prodotta ed acquisita per la realizzazione e l’esercizio dell’impianto di CP dovrà essere
consegnata ad SVR/API che ne curerà la smaterializzazione e l’archiviazione conformemente agli altri
documenti autorizzativi e patrimoniali.

66
USO INTERNO

Specifica Tecnica CNS-I&N-O&M-19-01-ITA


Versione n. 1 del 12/06/2019

Oggetto: Cabina Primaria Standard

Ambito di Applicazione: e-distribuzione SpA

10 ALLEGATI

A. Elenco delle principali specifiche tecniche applicabili alla CP standard


B. Layout generale di Cabina Primaria Standard in schema completo (“Layout generale di CP Standard in
schema completo.dwg”)
C. Modello di “Relazione sulle emissioni elettromagnetiche” ai sensi della Legge 22 Febbraio 2001 n. 36
E DM 29.05.2008
D. Simulazione del livello di immissione specifico nell’ambiente circostante per nuove Cabine Primarie in
configurazione standard, con trasformatori di taglia 16, 25, 40 e 63 MVA (Rapporto CESI n° B9000300
del 23/01/2019)
E. DQ001_Elenco Tabelle di Unificazione Schemi Elettrici
F. Specifica Tecnica LS Ed. 1 Cabine Primarie sostegno porta terminali trasformatore AT/MT

67