Sei sulla pagina 1di 125

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI SONDRIO

Mallero Energia
Via Cesura n. 8
23100 SONDRIO
C.F.: 00851770149
PRIMA EMISSIONE
AGGIORNAMENTO
SCALA N. TAVOLA
U
T
I
L
I
Z
Z
A
Z
I
O
N
E

D
I

F
O
N
T
E

E
N
E
R
G
E
T
I
C
A

R
I
N
N
O
V
A
B
I
L
E
I
M
P
I
A
N
T
O

I
D
R
O
E
L
E
T
T
R
I
C
O
d
e
l

"
M
A
L
L
E
R
O
"
-
-
-
-
-
-
-
-
-

P
I
C
C
O
L
A

D
E
R
I
V
A
Z
I
O
N
E

-
-
-
-
-
-
-
-
CONCESSIONE ALLA SOCIETA' MALLERO ENERGIA DI
PICCOLA DERIVAZIONE D'ACQUA DAL TORRENTE
MALLERO IN TERRITORIO DEL COMUNE DI
CHIESA IN VALMALENCO (SO), PER USO IDROELETTRICO
Determina A.U. n. 630 del 12 aprile 2010 della Provincia di Sondrio
VARIANTE
OPERA DI PUBBLICA UTILIT
LEGGI 29 maggio 1982 n308 e 09 gennaio 1991 n9 e 10
Norme per il contenimento dei consumi energetici, lo sviluppo delle fonti rinnovabili
di energia e l'esercizio di centrali elettriche
DECRETO LEGISLATIVO 29 dicembre 2003 n387
Attuazione della Direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell'energia elettrica
prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricit
LEGGE 01 giugno 2002, n120 in vigore dal 16 febbraio 2005
Ratifica ed esecuzione del Protocollo di Kyoto alla Convenzione Quadro delle Nazioni
Unite sui cambiamenti climatici, fatto a Kyoto l'11 dicembre 1997
TITOLO TAVOLA:
IMPIANTI IDROELETTRICI
COMMITTENTE:
CONSULENZA GEOLOGICA:
STUDIO DI GEOLOGIA APPLICATA
Dott. Geologo Maurizio Azzola
Agosto 2013
RELAZIONI SPECIALISTICHE
Relazione tecnica-idraulica
STUDIO DI
INGEGNERIA
SALVETTI-GRANEROLI
Lungo Mallero Cadorna n.49
23100 Sondrio (SO)
Tel.: 0342/211625
Fax.: 0342/519070
info@studiosalvettigraneroli.com
www.studiosalvetti.com
PROGETTAZIONE:
---
A.01
PROVINCIA DI SONDRIO
N. TAVOLA
CONCESSIONE ALLA SOCIETA' MALLERO ENERGIA DI
PICCOLA DERIVAZIONE D'ACQUA DAL TORRENTE
MALLERO IN TERRITORIO DEL COMUNE DI
CHIESA IN VALMALENCO (SO), PER USO IDROELETTRICO
Determina A.U. n. 630 del 12 aprile 2010 della Provincia di Sondrio
VARIANTE
OPERA DI PUBBLICA UTILIT
LEGGI 29 maggio 1982 n308 e 09 gennaio 1991 n9 e 10
Norme per il contenimento dei consumi energetici, lo sviluppo delle fonti rinnovabili
di energia e l'esercizio di centrali elettriche
DECRETO LEGISLATIVO 29 dicembre 2003 n387
Attuazione della Direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell'energia elettrica
prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricit
LEGGE 01 giugno 2002, n120 in vigore dal 16 febbraio 2005
Ratifica ed esecuzione del Protocollo di Kyoto alla Convenzione Quadro delle Nazioni
Unite sui cambiamenti climatici, fatto a Kyoto l'11 dicembre 1997
Agosto 2013
ISTANZA DI VARIANTE ALLA AUTORIZZAZIONE
UNICA ALLA COSTRUZIONE ED ESERCIZIO
DELL'IMPIANTO IDROELETTRICO SUL TORRENTE
MALLERO IN TERRITORIO DEL COMUNE DI CHIESA
IN VALMALENCO ai sensi del D.Lgs. 387/2003
rilasciata con provvedimento unico della Provincia di
Sondrio n. 630 in data 12 aprile 2010
--

Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 1/88
INDICE GENERALE
1. PREMESSA ..................................................... 5
1.1 PROSPETTO DATI TECNICI .................................................................................................................... 7
2. DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO ... 9
2.1 INQUADRAMENTO GENERALE ............................................................................................................ 9
2.2 OPERA DI PRESA ................................................................................................................................ 11
2.2.1 TRAVERSA IN ALVEO ................................................................................................................. 12
2.2.2 SCALA DI RIMONTA DEI PESCI & RILASCIO DMV ...................................................................... 13
2.2.3 CANALE SGHIAIATORE ESTERNO .............................................................................................. 14
2.2.4 BOCCA DI PRESA E CANALE DERIVATORE ................................................................................. 15
2.2.5 VASCA SGHIAIATRICE INTERNA ................................................................................................ 18
2.2.6 VASCA DISSABBIATRICE INTERNA ............................................................................................ 19
2.2.7 VASCA DI CARICO ..................................................................................................................... 19
2.2.8 CANALE DI GRONDA E CUNICOLO DI SCARICO ......................................................................... 21
2.2.9 GALLERIA DI SERVIZIO PER LACCESSO ALLIMPIANTO ............................................................. 22
2.2.10 OPERE ACCESSORIE E SISTEMAZIONI ESTERNE ................................................................... 24
2.2.11 LIMITAZIONE DELLA PORTATA DERIVATA ............................................................................. 25
2.3 GALLERIA .......................................................................................................................................... 27
2.3.1 SEZIONI TIPO DELLA GALLERIA ................................................................................................ 28
2.3.2 SCAVO DELLA GALLERIA CON TBM .......................................................................................... 30
2.3.3 DATI TECNICI FRESA TBM ......................................................................................................... 32
2.4 CONDOTTA FORZATA ......................................................................................................................... 35
2.4.1 CONDOTTA FORZATA IN GALLERIA DN 900 mm ....................................................................... 35
2.4.2 CONDOTTA FORZATA INTERRATA DN 900 mm ......................................................................... 37
2.4.3 SISTEMA DI MISURAZIONE DELLE PORTATE E ORGANI DI SICUREZZA ..................................... 39
2.4.4 RESTITUZIONE DEI DATI ........................................................................................................... 41
2.5 STRADA DI ACCESSO ALLA CENTRALE DI PRODUZIONE. .................................................................... 43
2.6 CENTRALE DI PRODUZIONE. .............................................................................................................. 46
2.6.1 DOTAZIONE ELETTROMECCANICA ........................................................................................... 49
2.7 CANALE DI RESTITUZIONE ................................................................................................................. 50
2.8 LINEA ELETTRICA ............................................................................................................................... 51
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 2/88
3. PRINCIPALI DIFFERENZE RISPETTO AL
PROGETTO AUTORIZZATO ............................... 53
3.1 OPERA DI PRESA .................................................................................................................................... 53
3.1 GALLERIA & CONDOTTA FORZATA .............................................................................................................. 53
3.1 EDIFICIO CENTRALE & STRADA DI ACCESSO .................................................................................................. 54
4. DETERMINAZIONE DEI VOLUMI DI SCAVO .. 55
4.1 OPERA DI PRESA ................................................................................................................................ 55
4.2 GALLERIA .......................................................................................................................................... 58
4.3 CONDOTTA FORZATA ......................................................................................................................... 59
4.4 EDIFICIO CENTRALE E STRADA DI ACCESSO ALLA CENTRALE ............................................................. 60
5. ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE ............... 63
5.1 CANTIERE OPERA DI PRESA LOC. SAN GIUSEPPE - ............................................................................... 63
5.2 CANTIERE GALLERIA LOC. PRIMOLO - ................................................................................................. 64
5.3 CANTIERE CONDOTTA FORZATA INTERRATA LOC. CASTELLACCIO/PRIMOLO - ........................................ 65
5.4 CANTIERE CENTRALE DI PRODUZIONE E PISTA DI ACCESSO LOC. CASTELLACCIO - ............................... 66
6. PROGRAMMA LAVORI .................................. 68
6.1 ORGANIZZAZIONE E TEMPISTICHE .................................................................................................... 68
6.1 ALLEGATO A: CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI ............................................................................... 68
7. PREVENTIVO SOMMARIO DI SPESA ............. 69
8. VERIFICHE DI COMPATIBILIT IDRAULICA 71
8.1 VERIFICA IN CORRISPONDENZA DELLOPERA DI PRESA ..................................................................... 71
8.1.1 STATO DI FATTO ........................................................................................................................ 74
8.1.2 CONFIGURAZIONE DI PROGETTO ............................................................................................. 77
8.1.3 CONSIDERAZIONI ..................................................................................................................... 80
8.1.4 VERIFICA CON BRIGLIE INTERRITE............................................................................................ 80
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 3/88
8.2 VERIFICA DEL LIVELLO DI PIENA IN CORRISPONDENZA DELLO SCARICO DELLA CENTRALE ............... 84
9. ALLEGATO A: CRONOPROGRAMMA LAVORI . 87
10. ALLEGATO B: PREVENTIVO DI
CONNESSIONE/ STGM E SUA ACCETTAZIONE .. 88

























Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 4/88






























Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 5/88
1. PREMESSA
Il presente lavoro ha come scopo lillustrazione del progetto in variante
relativo alla costruzione di un nuovo impianto idroelettrico di piccola derivazione
sul torrente Mallero lungo il tratto di asta fluviale che dalla localit San
Giuseppe, a quota 1350 m s.l.m. circa, raggiunge la Loc. Castellaccio, a quota
1024 m s.l.m. circa, in Comune di Chiesa in Valmalenco.

Lallegato progetto, viene presentato ai sensi e per gli effetti dellart.12 del
D.Lgs. 387/2003, Attuazione della Direttiva 2001/77/UE relativa alla promo-
zione dellenergia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato
interno dellelettricit e della Legge 01.06.2002 n.120 in vigore dal 16 febbraio
2005 Ratifica ed esecuzione del Protocollo di Kyoto alla Convenzione Quadro
delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.
Le motivazioni che hanno portato alla revisione complessiva del progetto
riguardano i seguenti aspetti:

1 diversa modalit di esecuzione della galleria, che verr realizzata mediante
lutilizzo di T.B.M., tale soluzione risulta preferibile soprattutto per il fatto che
garantisce maggiore sicurezza del personale impiegato. Tutte le altre
motivazioni risultano meglio descritte al capitolo 2.3
2 maggiore sicurezza idraulica dellimpianto, eliminando il potenziale fattore
di rischio indotto dalla ubicazione della vasca di carico. La nuova soluzione
prevede lo spostamento della vasca di carico in prossimit del punto di
captazione eliminando di fatto il canale di adduzione a pelo libero suscettibile di
potenziale perdite ed infiltrazioni.
3 riduzione degli impatti paesaggistici dellopera, derivanti dalleliminazione
della strada di accesso alla vasca di carico/imbocco galleria, con conseguente
riduzione degli aspetti cantieristici derivanti dalla nuova localizzazione
dellimbocco che andr ad insistere su una zona gi rimaneggiata che ad opere
concluse verr completamente sistemata.
4 riduzione degli impatti cantieristici e paesaggistici in opera di presa derivanti
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 6/88
dalleliminazione della strada daccesso e dellarea di cantiere situata in sponda
destra idraulica.
Il progetto in variante include inoltre le opere riguardanti la realizzazione della
strada di accesso alla centrale. Lo studio del tracciato stato condotto in accordo
con la Nuova Serpentino S.p.a. e con il Comune di Chiesa in Valmalenco. Il
progetto finale non si discosta di molto da quello indicato nel P.G.T. adottato dal
Comune di Chiesa in Valmalenco.
Per quanto riguarda i volumi di scavo, questultimi non si discostano di
molto rispetto alla soluzione precedenti, se non per quelli riguardanti la
realizzazione della nuova strada di accesso alledificio centrale. In dettaglio si
rimanda al capitolo 3 nel quale verranno quantificati in dettaglio i volumi di
scavo. Lo smaltimento del volume in eccesso verr attuato nelle modalit
previste ed approvate nel progetto precedentemente autorizzato.












Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 7/88
1.1 PROSPETTO DATI TECNICI
Riassumendo, il progetto in variante dellimpianto idroelettrico pu essere
cos sommariamente delineato:
Derivazione delle acque con traversa di presa e bocca laterale sommersa alla
quota di m 1354,30 s.l.m. Lopera si sviluppa quasi totalmente in sponda destra
del torrente. Le vasche di regolazione e carico, in destra orografica, risultano
completamente realizzate in galleria. I valori di portata massima e media
derivabile sono i seguenti:
- Portata massima derivabile: 1,300 l/s;
- Portata media derivabile: 923 l/s;

Convogliamento delle acque derivate alledificio centrale, con condotta forzata
DN 900 mm per una lunghezza pari a 3011,35 m. La condotta sar posata in
parte galleria e in parte interrata esternamente. Lintero tracciato della condotta
si sviluppa in sponda orografica destra.

Produzione di energia elettrica pulita da fonte rinnovabile (kW 2.960
nominali) in un edificio da realizzarsi in localit Castellaccio alla quota di m.
1028 s.l.m., mediante lutilizzo un gruppo turbina/generatore pelton ad asse
verticale.
- Turbina tipo Pelton
- Potenza nominale media: 2.960 kW;

Restituzione delle acque turbinate mediante canale interrato in cemento
armato direttamente nel torrente Mallero.
- Restituzione: 1.024 m s.l.m.;

La quota di restituzione viene modificata abbassandola di circa 4 m, al fine di
consentire un migliore sfruttamento della risorsa idrica.

Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 8/88
Consegna dellenergia elettrica, in MT 15 kV, alla rete di distribuzione
nazionale in corrispondenza della nuova cabina primaria Enel installata in
prossimit della centrale
Alla luce degli elementi sopra esposti i nuovi dati caratteristici dellimpianto sono
i seguenti:

DATI PRINCIPALI IMPIANTO
Torrente derivato Mallero
Portata media derivata 923 l/s
Portata massima derivata 1300 l/s
D.M.V. 363 l/s
Quota pelo libero vasca di
carico
1.354,00 m s.l.m.
Quota pelo libero fossa turbine 1.026,84 m s.l.m.
Salto nominale 327,16 m
Salto statico 324,60 m
Lunghezza condotta forzata 3011,25 ml
Diametro condotta forzata 900 mm
Potenza nominale dellimpianto 2.960 kW










Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 9/88
2. DESCRIZIONE DELLE OPERE IN PROGETTO
2.1 INQUADRAMENTO GENERALE
Limpianto idroelettrico prevede lo sfruttamento delle acque del torrente
Mallero, tramite la captazione delle stesso ad una quota di circa 1354 m s.l.m.
in localit San Giuseppe; la restituzione prevista a quota 1024 m s.l.m, in
localit Castellaccio, nel Comune di Chiesa in Valmalenco.
La derivazione avviene grazie alla costruzione di una traversa in alveo
immediatamente a monte della briglia esistente situata in Loc. San Giuseppe
allaltezza della Chiesetta.
Dalla traversa, in destra idraulica, diparte il manufatto adibito a vasca di carico
e decantazione, al termine del quale ha inizio la condotta forzata posata in
galleria sino alla Loc. Primolo. La nuova posizione dellimbocco di Valle della
Galleria situato a quota 1281,00 m circa, appena al di sotto del sentiero
Comunale che dalla Loc. Primolo raggiunge la Loc. San Giuseppe.
Da qui, e secondo la linea di massima pendenza, la tubazione raggiunge la loc.
Castellaccio ove prevista la realizzazione delledificio adibito a Centrale.
Nella figura seguente viene riportata lortofoto dellarea interessata
dallimpianto, con evidenziate le posizioni delle principali opere in progetto.

OPERA COOORDINATA Y CORDINATA X
OPERA DI PRESA 5.127.360 1.464.222
IMBOCCO GALLERIA 5.125.420 1.564.923
EDIFICIO CENTRALE 5.125.300 1.565.650
PUNTO DI CONNESSIONE 5.125.331 1.565.485






Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 10/88

Figura 1 - Ortofoto dellimpianto in progetto
Dalla centrale di produzione parte la linea elettrica di consegna della corrente
alla rete nazionale. Il collegamento con lelettrodotto nazionale in MT avviene
immediatamente a monte della centrale stessa, in prossimit dellimbocco della
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 11/88
strada di accesso alla centrale, dove verr realizzata una cabina per il
sezionamento della linea. Con limmissione di questo surplus energetico si rende
necessario il potenziamento di parte della linea stessa, in particolare del tratto
tra la cabina Enel in localit Vassalini (in zona piscina), e la cabina in localit
Curlo. Il tutto meglio rappresentato e descritto nelle tavole progettuali
G.01.02.03.04.05
2.2 OPERA DI PRESA
Lopera di presa non subir grosse modifiche rispetto al progetto approvato, le
modifiche principali riguardano:
- la traversa in alveo, soprattutto alla luce di un diverso stato dei luoghi per
quanto riguarda la quota del fondo alveo;
- la parte realizzata in galleria dellopera di presa, con diversa disposizione
interna, principalmente dovuta alla necessit di gestire le portate derivate
e dalla necessit di smontate la testa rotante della TBM.

Figura 2: Vista dellarea dove sorger lopera di presa
La nuova opera di presa si sviluppa anchessa in destra orografica ed costituita,
in successione, da:
- Traversa in alveo con coronamento a quota 1354,30 m.s.l.m.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 12/88
- Scala di rimonta per pesci in sinistra idraulica
- Canale sghiaiatore esterno in destra di larghezza pari a 3,5 m.
- Bocca di presa laterale dotata internamente di griglia e sgrigliatore;
- Vasca sghiaiatrice;
- Vasca dissabbiatrice affiancata da sfioratore;
- Vasca di carico, anchessa dotata di sfioratore;
- Canale di gronda e Galleria di scarico;
- Cunicolo di accesso allopera di presa.
2.2.1 TRAVERSA IN ALVEO
La traversa ubicata a monte della briglia esistente, ad una distanza di
circa 43 m, e verr realizzata in pietra e cls, del tipo a soglia fissa tracimabile,
con ciglio posto a quota 1.354,30 m s.l.m., altezza pari a circa 5,30 m rispetto
al fondo dellalveo e con uno sviluppo trasversale di circa 29,30 m. La quota del
ciglio risulta invariata rispetto alla precedente e coincide con quella stabilita dal
Disciplinare di Concessione.

Figura 3 - Sezione longitudinale della traversa di presa
La struttura della soglia in calcestruzzo armato. Il paramento di valle, con
pendenza h/b=0,7 realizzato con muratura in massi intasati con calcestruzzo.
E prevista la realizzazione di una controbriglia a circa 4,70 m dal paramento di
valle. Per consentire un sghiaiamento adeguato il progetto prevede
labbassamento della briglia esistente situata pi a valle, di circa 2 m, dagli
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 13/88
attuali 1351,886 m s.l.m. a 1349,886 m s.l.m. Tale abbassamento consentir
una miglior deflusso delle portate a valle della traversa, le quali verrebbero
invece disturbate dalla presenza dello sbarramento.
2.2.2 SCALA DI RIMONTA DEI PESCI & RILASCIO DMV
Il rilascio del DMV verr sempre garantito dalla realizzazione della scala di
rimonta dei pesci con relativa paratoia a ventola di regolazione.
La scala, realizzata in sinistra orografica del torrente Mallero, manterr le stesse
caratteristiche di quella approvata in sede di rilascio della A.U., ad esclusione
del canale di captazione in alveo e della paratoia di regolazione che verranno
sostituiti da una paratoia a ventola posta allimbocco della scala di rimonta. La
paratoia, con lausilio di un misuratore di livello, regoler automaticamente il
suo angolo di apertura, al fine di mantenere i battente prefissato per il rilascio
del DMV.
Qui di seguito viene riportato il calcolo del battente dacqua dello stramazzo
sulla paratoia a ventola utilizzando la legge di efflusso delle bocche a stramazzo.
cm 24,4
9,81 2 L
Q
h l/s 363 DMV
3
2
=
|
|
.
|

\
|

=
dove: Q= portata da rilasciare
= coefficiente defflusso = 0,4
L= larghezza della paratoia a ventola = 1,7 m
h= altezza battente

La scala di risalita del tipo pool-and-weir fish ladder a bacini successivi ed
costituita da 10 vasche ricavate mediante setti in C.A., ciascuno avente
dimensioni nette pari a 1,70 m (B) x 2,95 m (L), per una pendenza complessiva
di circa il 15,2 %.
Il deflusso fra una vasca e la successiva avviene sia tramite stramazzo dotato di
gaveta laterale rettangolare di sezione 0,45 m di larghezza per 0,2 m di altezza,
sia attraverso un orifizio posto sul fondo di sezione quadrata 0,3 x 0,3 m. Il
dislivello fra una soglia e la successiva pari a 0,5 m.
La scala dimensionata per consentire il passaggio di una portata di 0,363 m
3
/s,
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 14/88
pari al valore del Deflusso Minimo Vitale rilasciato dalla paratoia a ventola in
corrispondenza dellimbocco della scala.
Con questa soluzione laltezza da superare viene suddivisa in una serie di piccoli
salti che alimentano altrettanti bacini tra loro comunicanti per mezzo di
stramazzi e bocche a battente: tali aperture, attraverso le quali fluisce lacqua,
ne regolano il livello in ciascuno dei bacini. Lacqua pu pertanto scorrere in
superficie: il ruolo dei bacini e quello di dissipare, in modo conveniente, lenergia
associata al flusso dacqua che transita sulla scala, oltre a fornire utili zone di
riposo necessarie alla fauna ittica.
Tale struttura permette di svolgere la duplice funzione sia di rilascio della portata
di DMV sia di risalita dellittiofauna.

Figura 4 - Sezione della scala di risalita per ittiofauna
2.2.3 CANALE SGHIAIATORE ESTERNO
Il nuovo canale sghiaiatore posto a ridosso della griglia di presa laterale,
presenta una e larghezza pari a 3,50 m ed chiuso allestremo di valle da una
paratoia a settore che permetter di smaltire il materiale solido trasportato dalla
corrente e accumulato a monte della traversa tramite al sua apertura periodica.

Figura 5 - Sezione trasversale del canale sghiaiatore
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 15/88
Tale aumento di sezione, anche alla luce dellesperienza maturata nella
gestione di impianti simili, garantir un adeguato sghiaiamento durante i periodi
di piena senza ricorrere allausilio di mezzi dopera.
La paratoia a settore ha anche limportante compito di diminuire la portata
convogliata verso lopera di presa nel corso degli eventi di piena pi intensi.
2.2.4 BOCCA DI PRESA E CANALE DERIVATORE
La derivazione della portata da convogliare allinterno dellimpianto
idroelettrico avviene sempre tramite una bocca di presa, dotata di griglie di
captazione poste in destra idraulica a monte della soglia dello sbarramento, di
dimensioni pari a 4,25 x 3,20 m. Sulla bocca di presa prevista linstallazione
di barre verticali in acciaio di sezione rettangolare, con larghezza pari a 6 cm,
spessore di 3 cm e luce netta fra le barre di 50 cm, per evitare che il materiale
pi grossolano possa colpire o danneggiare le due griglie e i relativi sgrigliatori
posti subito a tergo della bocca di presa.
La nuova griglia, dotata di sgrigliatore automatico, ha lo scopo di impedire
lingresso nella presa di corpi grossolani, traspostati dalla corrente del torrente
che pregiudicherebbero il corretto e sicuro funzionamento delle paratoie
derivatrici.

Figura 6 - Sezione longitudinale della bocca di presa
Il sistema di pulizia risulta essere necessario a causa dell'elevato trasporto solido
di fogliame, materiale minuto ed arbusti o rifiuti di media pezzatura da parte del
torrente Mallero, che potrebbero causare indesiderati periodi di fermo impianto
e perdite di carico non trascurabili.
La griglia costituita da barre in acciaio zincato a caldo o acciaio inossidabile,
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 16/88
inclinate rispetto alla verticale di 25 in modo da facilitare le operazioni di
sgrigliatura. La luce netta fra le barre risulta essere pari a 3 cm. Le singole barre
hanno sezione rettangolare, con larghezza pari a 6 cm e spessore di 2 cm. La
griglia sar poi dotata di opportune barre trasversali di rinforzo e di un telaio
esterno rigido per conferire maggiore stabilit alla struttura.
Lo sgrigliatore sar automatico del tipo rotante, adatto alle dimensioni ed alle
caratteristiche della griglia, sulla quale operante.
L'azionamento della macchina di tipo elettromeccanico mediante gruppo
motoriduttore e relativi alberi di trazione e tensione. Le ruote di comando,
montate sull'albero di trazione, e quelle di rinvio sommerse, sono realizzate in
acciaio speciale opportunamente trattato. I pettini rotanti sono montati sulle
catene laterali di trascinamento del tipo a rulli realizzate in acciaio zincato o
inossidabile, adatte per servizio continuo in condizioni gravose. Il gruppo di
pulizia dei pettini costituito da dispositivo espulsore basculante e relativo
raschiatore. Le catene laterali di trascinamento scorrono in sede propria su
elemento di guida sagomato in materiale antifrizione. La semplicit costruttiva
della macchina, unitamente al dimensionamento e alla qualit dei materiali
impiegati, garantisce una notevole affidabilit.
La macchina composta dalle seguenti parti principali:
- intelaiatura in profilati di acciaio imbullonati alla griglia;
- albero di comando in tre elementi tubolari flangiati;
- supporti dell'albero di comando completi di cuscinetti di rotolamento a
sfere oscillanti, in camera di grasso. Il tutto montato su piastra scorrevole
con tenditore per la registrazione delle catene;
- ruote dentate di trascinamento in acciaio speciale, opportunamente
trattato inchiavettate all'albero di comando;
- ruote di rinvio sommerse in acciaio speciale opportunamente trattato
montate su bronzine autolubrificate;
- semiassi in acciaio inox montati su supporti imbullonati al telaio della
macchina;
- catene di trascinamento in acciaio zincato opportunamente trattato,
tipologia a rulli adatte per servizio continuativo in condizioni
particolarmente gravose.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 17/88
Le catene di trascinamento degli elementi raschianti scorrono in sede
propria in un elemento di guida sagomato.
Tali guide sono realizzate in materiale fuso antifrizione opportunamente
profilato e sono fissate mediante viti in acciaio inossidabile nelle sedi di
alloggiamento.
- elementi raschianti in profilato di acciaio con riporto nella parte strisciante
sulla griglia di profilato piatto in materiale plastico speciale registrabile ed
intercambiabile.
- bulloneria in acciaio inox AISI 304.
- motoriduttore elettrico adeguatamente dimensionato per il comando della
macchina, completo di cofanatura di protezione.
- quadro elettrico di comando con tipologia PLC, in cassa stagna IP55, per
installazione a parete.
I dati caratteristici risultano:
- larghezza griglia: 4700 mm;
- altezza di scarico (rispetto alla soletta) 1850 mm;
- sviluppo macchina ca. 6650 mm;
- motoriduttore 3 KW 220/380 V - 50 Hz.

Figura 7 - Esempio di sgrigliatore rotante
Il materiale estratto attraverso lo sgrigliatore verr scaricato su un nastro
trasportatore che provveder a convogliarlo verso i cassonetti posizionati sulla
soletta di copertura del canale derivatore.
Allimbocco del canale di derivazione verranno installate 2 paratoie piane a
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 18/88
strisciamento, poste in serie, ciascuna di dimensioni 400 x 215 cm, denominate
PA105, PA106. Tali organi consentiranno di escludere la derivazione
dellimpianto in condizioni di piena straordinaria o in situazioni di manutenzioni
programmate.
2.2.5 VASCA SGHIAIATRICE INTERNA
La portata derivata verr convogliata allinterno della vasca sghiaiatrice
per il trattenimento del materiale solido pi grossolano non intercettato dalla
griglia di presa. Tale opera stata rivista al fine di consentire la gestione della
portata derivata e la regolazione del livello idrico di gestione dellimpianto.
Tale manufatto presenta una larghezza di 4,00 ml, una pendenza longitudinale
del 3 % e una lunghezza di circa 42 ml, misurati dalla paratoia derivatrice
(PA106) sino alla soglia di intercettazione del materiale trasportato dalla
corrente.

Figura 8 - Vasca sghiaiatrice interna

Lopera permette lespulsione, tramite lapertura della paratoia di scarico di
fondo P104 (dim. 1,00 x 1,00 m), del materiale depositato al suo interno. Tale
paratoia posizionata sulla parete di sinistra e comunica con il canale di gronda.
Laltezza media del battente dacqua allinterno della vasca sghiaiatrice di circa
2,10 m, per unaltezza minima di 1,50 ml e unaltezza massima di 2,70 ml.
Alla quota di regolazione, pari a 1354 m s.l.m. il volume di acqua nella vasca
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 19/88
sghiaiatrice di circa 360 m
3

2.2.6 VASCA DISSABBIATRICE INTERNA
La vasca dissabbiatrice, posta in serie alla vasca sghiaiatrice sopra
descritta, presenta anchessa una larghezza costante di 4 ml; la pendenza
longitudinale pari al 2,5 % e la lunghezza complessiva pari 25 ml. Lo scopo
del manufatto quello di far depositare il materiale pi fine trasportato dalla
corrente ed espellerlo, tramite lapertura della paratoia di scarico di fondo P103,
(dim. 1,00 x 1,00 m), nelladiacente canale di gronda.

Figura 9 - Vasca dissabbiatrice
In parete sinistra della vasca, saranno ricavati delle soglie sfioranti laterali poste
alla quota 1.354,10 m s.l.m. e di lunghezza totale a 10,00 ml, soglie che
permetteranno lo smaltimento delle portate transitanti nellimpianto eccedenti
il valore massimo consentito.
Le acque sfiorate vengono convogliate prima allinterno del sottostante canale
di gronda parallelo al manufatto dissabbiatore e successivamente scaricate
allinterno del torrente Mallero attraverso una galleria di scarico. Alla quota di
regolazione, il volume di acqua contenuto nella vasca dissabbiatrice pari a
circa 300 m
3
.
2.2.7 VASCA DI CARICO
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 20/88
La vasca di carico, di sezione rettangolare con larghezza pari a 4 ml,
caratterizzata da una pendenza di fondo del primo tratto pari al 14 % fino alla
e una pendenza del 0 % in corrispondenza della paratoia di scarico di fondo e
elle paratoia testa condotta.
Il manufatto presenta un opportuno ribassamento del fondo fino alla quota di
1349,10 m s.l.m., al fine di garantire il necessario battente idrico sullimbocco
della condotta forzata.
Nella vasca prevista la posa di una paratoia P102 (dim. 1,00 x 1,00 m) per lo
scarico di fondo e di una paratoia testa condotta P101 (dim. 1,40 x 1,40 m) per
il sezionamento della tubazione.

Figura 10 - Vasca di carico
Altra paratoia presente nella vasca di carico quella di sezionamento della
condotta forzata avente dimensioni pari 1,40 m x 1,40 m.
Questultima paratoia, del tipo a sganciamento automatico, avr anche funzione
di sicurezza, infatti, qualora i misuratori di portata installati a monte ed a valle
della condotta rilevassero valori differenti di portata od una sovravelocit della
stessa la paratoia di sezionamento condotta si chiuderebbe immediatamente
interrompendo il flusso nella tubazione.
Anche la vasca di carico sar dotata di soglie sfiorante laterali poste a quota
1.354,10 m s.l.m. e di lunghezza totale pari a 8,50 m, che permette lo
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 21/88
smaltimento delle portate transitanti nellimpianto eccedenti quella massima di
concessione.
Le acque sfiorate vengono convogliate prima allinterno del canale di gronda
parallelo alla vasca di carico e successivamente scaricate allinterno del torrente
Mallero attraverso la galleria di scarico. Il volume complessivo della vasca di
carico pari a circa 262 m
3
.
Nella parte superiore delle tre vasche descritte inoltre prevista la realizzazione
di una passerella pedonale, di larghezza pari a 1,60 m, protetta con parapetti
metallici in acciaio zincato a caldo, e accessibile dalla galleria di servizio, tramite
una porta a tenuta stagna a sua volta raggiungibile attraverso una scala in
carpenteria metallica. Tale passaggio permetter di ispezionare, in sicurezza
idraulica, lopera di presa durante il regolare esercizio dellimpianto o in caso di
interventi di manutenzione sugli organismi delle paratoie.
2.2.8 CANALE DI GRONDA E CUNICOLO DI SCARICO
La soglia di sfioro, realizzata nella vasca dissabbiatrice e di carico costituita da
una parete in c.a. di spessore pari a 50 cm, opportunamente sagomata per
facilitare lo scarico delle acque verso il canale di gronda. Il canale a sezione
pseudo rettangolare di larghezza utile pari a circa 2,25 m e pendenza del fondo
variabile tra il 2,5 % del primo tratto e il 14 % del secondo tratto, convoglier
le acque sfioranti o di scarico verso il cunicolo di scarico sul torrente Mallero.
Il cunicolo di lunghezza pari a 40 ml, avr una pendenza del 8,2 % e sezione a
calotta circolare avente base di 3,8 m e altezza di 3,8 m. In corrispondenza dello
scarico delle acque nel torrente Mallero prevista la realizzazione di idonee
protezioni spondali mediante scogliera in massi ciclopici.
In condizioni dimpianto fermo e completamente vuoto sar possibile accedere
al fondo del canale di gronda e della galleria di scarico per le operazioni
dispezione e/o manutenzione con idonei mezzi dopera attraverso la completa
apertura della Paratoia P108 (Dim. 2,00 x 2,50 m).
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 22/88

Figura 11 Sezione cunicolo di scarico
Una rampa con pendenza pari al 16% consentir di raggiungere con mezzi
dopera la zona sopra le paratoie derivatrici per eventuali manutenzioni al locale
pompe e quadri delle paratoie, o smaltimento del materiale proveniente dallo
sgrigliatore.
Allinterno di questa zona, che si trova in sicurezza da un punto di vista idraulico,
verranno posizionate le centraline oleodinamiche necessarie alla
movimentazione delle paratoie.
2.2.9 GALLERIA DI SERVIZIO PER LACCESSO ALLIMPIANTO
Larea dintervento interessata dallintera opera di presa accessibile
mediante una pista arginale carrabile esistente, posta in sinistra idraulica del
torrente Mallero, che parte dalla loc. Val Rosera. Al fine di garantire lesecuzione
delle opere in progetto in assoluta sicurezza idraulica si prevede di realizzare
una galleria di accesso allinterno del versante roccioso posto in destra idraulica.
Lattraversamento del torrente Mallero, per raggiungere tale cunicolo, avverr
tramite un nuovo ponte in ferro e cls posto 75 m a valle dellesistente briglia e
realizzato in assoluta sicurezza idraulica nei confronti delle piene del torrente
stesso come dimostrato da approfonditi studi in merito e riportati nel capitolo 6.
La quota dellestradosso dellimpalcato pari a 1.345,90 m s.l.m, mentre la luce
libera risulta essere pari a 28,00 m.
Nella figura seguente rappresentata la sezione trasversale del ponte.
I collegamenti longitudinali dellimpalcato sono realizzati mediante profilati tipo
HEB 1000 in acciaio S 355 (Fe510); per ricoprire la distanza esistenze fra le
spalle in calcestruzzo armato, tali travi vengono unite tramite opportuna
bullonatura; in particolare per ogni singolo collegamento si utilizzeranno tre travi
HEB 1000, una centrale di 12 metri e le altre laterali di 8,80 m, per un totale di
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 23/88
4 collegamenti longitudinali. I collegamenti trasversali sono invece realizzati
mediante profilati HEA 300. Limpalcato in acciaio dotato di opportuni
controventi sia orizzontali che verticali dal diametro di 20 mm.
La soletta di copertura prevede la posa di una lastra predalles di 5 cm sopra la
quale viene realizzata una soletta piena con spessore di 25 cm.
Il ponte dotato di opportune barriere stradali H28P-02 tipo Margaritelli,
allesterno delle quali verranno posizionati dei listoni in legno per un miglior
inserimento ambientale dellopera. La larghezza della struttura risulta essere
pari a 4 m.

Figura 12 - Sezione trasversa del ponte di nuova costruzione
La galleria, caratterizzata da una lunghezza complessiva di circa 50,00 ml per
una larghezza utile di 6,00 m e una pendenza longitudinale del 4,8 %, consentir
di raggiungere il camerone di imbocco alle gallerie di servizio della condotta
forzata e dellopera di presa.
La funzione di tale galleria, oltre ad accesso finale per manutenzioni e ispezioni,
quella di consentire lingresso alle opere in piena sicurezza durante
lesecuzione dei lavori. Infatti prevista la realizzazione dellintera opera di
presa a partire da valle. Linnesto sul torrente costituente la bocca di presa
verr realizzato come ultima opera, al fine di consentire alle maestranze di
lavorare allinterno della galleria in assoluta sicurezza.
Altro fattore importante che ha determinato le dimensioni del cunicolo di accesso
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 24/88
la necessit di smontare e allontanare la testa fresante della TBM a galleria
terminata.
In fase costruttiva le pareti saranno opportunamente stabilizzate con
rivestimento provvisorio (spritz beton rete elettrosaldata ed eventuali
centinature metalliche) e successivamente completate con rivestimento
definitivo in c.a..
Nella parte iniziale in detrito prevista la realizzazione di infilaggi in micropali
fino al raggiungimento dellammasso roccioso.
Per quanto riguarda questi ultimi due aspetti si precisa che la scelta di modificare
leggermente la posizione planimetria ed soprattutto la quota dellimpalcato del
ponte stata dettata da esigenze di verifiche idrauliche solevate anche
dallautorit competente in sede istruttoria.

Figura 13: Vista dellimbocco della galleria di servizio e del ponte sul Mallero
2.2.10 OPERE ACCESSORIE E SISTEMAZIONI ESTERNE
Nella zona ove sorger lopera di presa sono previsti degli interventi di
sistemazione arginale, in modo da garantire la completa sicurezza idraulica
dellarea; in particolare, in corrispondenza della traversa di presa, in sinistra
idraulica prevista la costruzione di un nuovo muro arginale in massi ciclopici
del tutto simile a quello esistente.
Una nuova scogliera dargine verr realizzata nel tratto dalveo compreso fra la
controbriglia esistente a valle della traversa di presa e il ponte di nuova
realizzazione per il raggiungimento della galleria di accesso allopera di presa;
delle scogliere sono previste anche sul lato destro e consentiranno di mettere in
sicurezza le nuove spalle del ponte.
Alla fine dei lavori si provveder alla risistemazione e rettifica della pista arginale
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 25/88
esistente.
A lavori ultimati verranno eseguiti anche interventi di ripristino dei luoghi che
saranno limitate alle sole aree di cantiere indispensabili.
Saranno praticamente assenti opere di mitigazione in quanto la quasi totalit
dellopera di presa si svilupper in galleria. Dalla visione degli inserimenti
fotografici si pu notare come le opere finali visibili sono perfettamente integrate
allo stato dei luoghi prevedendo lutilizzo di materiali recuperati in loco. Lintera
opera di presa realizzata allinterno di una serie di briglie che presentano
altezze dello sbarramento abbondantemente al di sopra di quanto previsto per
la traversa in progetto.
2.2.11 LIMITAZIONE DELLA PORTATA DERIVATA
Allart. 1 del disciplinare di concessione contenente agli obblighi e le
condizioni cui dovr soddisfare la concessione di derivazione stabilito che la
quantit massima di acqua derivabile potr variare sino ad un massimo uguale
e non superiore a moduli max 13,00 (l/s 1300).
Per quanto riguarda la limitazione della portata derivata dellimpianto,
allinterno dellopera di presa, tra la vasca dissabbiatrice e la vasca di carico,
previsto linserimento di un muro divisorio, dotato nella parte superiore di una
lama fissa in acciaio. Un dispositivo cos concepito si comporta come un vero e
proprio misuratore di portata, stabilendo un legame univoco fra battente
idraulico sopra di esso e portata transitante; in particolare il ciglio superiore
della lama dovr essere posizionato ad una quota tale da provocare, al
passaggio di una portata superiore a quella massima pari a 1,3 m
3
/s, un
rigurgito che attivi lo sfioratore laterale presente allinterno dellopera di presa.
Lequazione che governa il comportamento dello stramazzo, detta anche legge
di efflusso data da:
h g h L Q = 2
max



da cui si ricava che laltezza della lama dacqua sopra lo stramazzo pari a:
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 26/88
cm 30,3
9,81 2 L
Q
h
3
2
=
|
|
.
|

\
|

=

dove: Qmax= portata massima derivabile = 1,3 m
3
/s
= coefficiente defflusso in parete sottile = 0,44
L = larghezza dello stramazzo = 4,00 m
g = accelerazione di gravit = 9,81 m/s
2

h = lama dacqua sopra lo stramazzo = 30,3 cm

Figura 14: Particolare del dispositivo per la limitazione della portata









Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 27/88
2.3 GALLERIA
Lopera pi importante dellimpianto e quella che presenta la maggiori
difficolt esecutive sicuramente la galleria nella quale verr alloggiata la
condotta forzata.
Come gi anticipato nelle premesse, il presente progetto, prevede lutilizzo
della galleria non pi come canale di adduzione dalla vasca di carico, ma bens
come opera realizzata con il solo scopo di contenere la condotta forzata nelle
modalit che vengono meglio descritte nello specifico capitolo.
La nuova galleria avr una lunghezza complessiva di circa 2150 m, ed un
dislivello di 70 m.
Lesecuzione prevista partendo da valle con lausilio della fresa, brevemente
chiamata anche TBM (Tunnel Boring Machine). Il nuovo punto dimbocco
situato a circa 1281,00 m s.l.m., in prossimit dellarea di bonifica esistente. Il
nuovo punto dimbocco costituito da un area gi rimaneggiata e presenta una
morfologia tale da consentire, con poche lavorazioni, lapprontamento della
fresa.
Dallimbocco di valle, la galleria si sviluppa lungo un tratto con curvatura molto
ampia, avente raggio pari a 1,5 km. Tale valore risulta essere compatibile con i
raggi minimi necessari alla TBM per funzionare in modo corretto e ottimale. La
lunghezza di questa porzione di galleria di circa 1493,00 m. La restante parte,
di 657,00 m, presenta uno andamento rettilineo, fino al raggiungimento
dellopera di presa.
Una volta che la TBM avr raggiunto lopera di presa, si provveder alla
rimozione della testa fresante; in questo modo la TBM potr essere riportata
allimbocco della galleria facendole percorrere in senso inverso tutto lo scavo
effettuato in precedenza.
I dati caratteristici della nuova galleria realizzata con TBM sono i seguenti:

1. Quota imbocco Galleria = 1.281 m s.l.m.;
2. Lunghezza totale galleria = c.a. 2150,00 m;
3. Diametro della sezione di scavo = 3,90 m;
4. Area di scavo della sezione = 11.94 m
2
;
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 28/88
5. Dislivello = c.a. 70 m;
6. Pendenza galleria=3,19 %.
Il materiale derivante dallo scavo della galleria verr utilizzato per ricolmare
alcune camere di coltivazione della miniera in esercizio di Brusada-Ponticelli
ubicata in Comune di Lanzada, di propriet di uno dei soci del concessionario.
Allimbocco di valle delle galleria prevista la realizzazione di un portale di
ingresso per laccesso.

Figura 15: Sezione dellimbocco di valle della galleria
2.3.1 SEZIONI TIPO DELLA GALLERIA
Dalle informazioni geologiche a disposizione la galleria attraversa materiale
roccioso; in particolare:
- dalla sezione 132 alla 110 vi presenza di serpentiniti antigoritiche;
- dalla sezione 110 alla 44 si registra la presenza di gabbri.
A seconda delle caratteristiche geologiche presenti si sono ipotizzate tre diverse
sezioni tipo di scavo.
Nello scavo in roccia compatta, che dovrebbe essere per circa 80/90% del tratto,
non sono previsti rivestimenti di alcun tipo. La roccia infatti presenta delle
caratteristiche geomeccaniche tali da non comportare nessun tipo di rinforzo
della sezione.
Potrebbero esserci situazioni locali di roccia degradata e pertanto sono
ipotizzabili due tipi di interventi a seconda del livello di degrado della roccia.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 29/88
Nei tratti in cui si avr roccia mediamente degradata prevista la posa di
pannello tipo liner-plate, ed il completamento con spritz beton rinforzato con
maglia elettrosaldata per uno spessore totale del rivestimento pari a 13-15 cm.
In caso di roccia degradata sar realizzata la centinatura mediante profilati IPE
100, posa di rete elettrosaldata e spritz beton per uno spessore totale del
rivestimento pari a 17-20 cm.

Figura 16 - Sezione tipo della galleria in roccia compatta

Figura 17 - Sezione tipo della galleria in rocce mediamente degradate
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 30/88

Figura 18 - Sezione tipo della galleria in rocce degradate
2.3.2 SCAVO DELLA GALLERIA CON TBM
Con il nome Tunnel Boring Machine (TBM) si identifica una macchina che
permette la meccanizzazione completa dello scavo delle gallerie; in italiano
anche chiamata fresa o talpa. Labbattimento meccanico presenta il vantaggio,
rispetto allo scavo per mezzo di esplosivi, di ridurre notevolmente la
sconnessione dellammasso roccioso alla periferia dello scavo, con conseguente
riduzione del volume di terre interessate dalla decompressione e quindi dei
carichi finali gravanti sul rivestimento, prolungando inoltre sensibilmente il
tempo di auto assestamento. Altro vantaggio quello che consente di eseguire
lo scavo con una sezione completamente circolare e pertanto favorevole da un
punto di vista strutturale.
Tale soluzione, a fronte di un maggior costo delle opere, ha indubbi vantaggi
ambientali, oltre che in termini di sicurezza per le maestranze:

I vantaggi si possono riassumere come segue:
1. minore inquinamento acustico dovuto allo scavo senza impiego di
esplosivi soprattutto nelle ore notturne;
2. con riferimento alla vicinanza del cosiddetto Sasso del cane, lo scavo
con fresa offre maggiori garanzie di stabilit del versante, in ogni caso
molto lontano dal tracciato di scavo;
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 31/88
3. minore rischio di inquinamento ambientale;
4. riduzione dei tempi di costruzione grazie alla elevata velocit di scavo e
formazione del rivestimento garantita dal sistema TBM che permette di
eliminare i lunghi tempi morti legati allo scavo in tradizionale: ovvero i
continui cambi di fase lavorativa per poter fare uscire il mezzo impegnato
al fronte e far entrare il mezzo per la fase successiva (jumbo, pala,
escavatore, pompa spritz, autobetoniera, etc.);
5. il gi evidenziato minor disturbo nellammasso: la geometria della sezione
di scavo pi favorevole dal punto di vista statico rispetto a quella con
piedritti verticali e platea piana;
6. le lavorazioni, rispetto allo scavo in tradizionale, seppure sempre in un
ambiente confinato, sono pi semplici e meno logoranti (ambiente di
lavoro pi confortevole);
7. maggiore sicurezza del personale impiegato, eliminazione dei fumi dovuti
alle volate e dei fumi di scarico dei mezzi;
8. migliore ventilazione dei cantieri in sotterraneo;
9. a parit di sezione minima, leliminazione totale del sovrascavo che con
la tecnologia TBM riduce il quantitativo di smarino.

Lattrezzatura proposta per lesecuzione della galleria una TBM aperta, di
elevata potenza adatta per lo scavo in rocce dure. Lo scavo avviene a mezzo
della rotazione della testa e dellazione di speciali utensili di taglio del tipo a
disco rotante con taglienti di acciaio ad alta resistenza che disgregano la roccia
grazie alla spinta di avanzamento ed alla contemporanea rotazione della testa.
La spinta sulla testa fornita grazie all azione di contrasto laterale esercitata
da grippers agenti contro le pareti rocciose. Dietro il corpo della macchina
vengono posti in opera sistematicamente degli elementi trasversali sui quali
vengono alloggiati i binari per supportare il transito del treno di servizio a
seguito della T.B.M e i convogli per il trasporto allesterno dello smarino e
lapprovvigionamento dei materiali.
Lutilizzo della T.B.M. permette di meccanizzare tutte le operazioni di scavo e
rivestimento. Lo smarino avviene con sistema ferroviario in quanto la macchina
in grado di caricare un treno contenente tutto il materiale proveniente dallo
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 32/88
scavo di 1,20 m di galleria; anche leventuale rivestimento eseguito con
sistemi industrializzati che garantiscono una buona produzione e qualit
dellopera. Infatti tutti i materiali vengono trasportati allinterno tramite idonei
treni di servizio e posti in opera con attrezzature appositamente studiate
(erettore centine, pompa cls con braccio robotizzato, etc,). La scelta di questo
tipo di macchina legata alle caratteristiche dellammasso lapideo, con qualit
della roccia di previsione generalmente buona e discreta e con alcuni
attraversamenti di zone di roccia a maggiore fratturazione.
2.3.3 DATI TECNICI FRESA TBM
La testa fresante, cos come la potenza installata per la sua movimentazione,
adeguatamente dimensionata rispetto alle caratteristiche dellammasso roccioso
rilevate in progetto in termini di durezza dei materiali e stato di fratturazione.
Infatti:
- realizzata con carpenterie di elevato spessore e qualit dacciaio per
sopportare gli elevati carichi imposti; sulla parte frontale sono disposti gli
alloggiamenti degli utensili di taglio con possibilit di cambio dallinterno
della testa al fine di garantire la sicurezza dei lavoratori;
la forma della testa arrotondata stata studiata per ottenere la massima
stabilit del profilo in ogni condizione di scavo; inoltre la disposizione degli
utensili consente una adeguata frantumazione del materiale che si
introduce successivamente nelle bocche di carico;
- limpiego degli inverter attraverso cui sono alimentati i motori idraulici
elettrici per lazionamento della testa fresante consente la regolazione
continua della velocit di rotazione; il supporto del cuscinetto-testa
realizzato con carpenterie di elevato spessore e costituisce la struttura
pi importante della fresa; su di esso sono ricavati gli alloggiamenti del
sistema di rotazione composto da corona, pignoni e motori.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 33/88

Figura 19 - particolare degli utensili di taglio posizionati sulla testa della TBM

Con la rotazione, il materiale di risulta dello scavo viene raccolto con le pale di
carico e convogliato nella zona retrostante la testa attraverso le bocche di carico;
quindi viene raccolto nella tramoggia per poi essere trasferito verso la zona di
caricamento dei vagoni.
Il sistema di avanzamento composto da una serie di pistoni che hanno una
corsa di mm 1500 posizionati in modo da evitare o facilitare il controllo del rollio
(rotazione assiale) della TBM; tali pistoni si contrastano contro le pareti della
galleria gi scavata a mezzo dei grippers laterali.
Il sistema per lerezione ed il montaggio degli elementi di rivestimento (erettore)
costituito da un braccio meccanico ad azionamento idraulico che ne consente
la movimentazione attraverso la rotazione rispetto allasse della galleria e la
traslazione longitudinale e radiale; i pannelli di rivestimento vengono
movimentati dal punto di scarico fino al punto di posa con un sistema di
sollevamento.
Nella foto successiva riportata una fresa TBM analoga a quella che potr essere
utilizzata per lo scavo della galleria.

Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 34/88

Figura 20 - Esempio di fresa TBM.
Le caratteristiche principali della fresa che verr utilizzata sono riportate di
seguito:




Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 35/88
2.4 CONDOTTA FORZATA
Dalla vasca di carico ha inizio la condotta forzata DN 900 mm, che si
sviluppa per una lunghezza totale di 3.011,35 m. La quota dellasse della
condotta in corrispondenza dellimbocco di 1.350,75 m s.l.m., mentre la quota
dellasse in corrispondenza dellarrivo in centrale di 1.029,60 m s.l.m, per un
dislivello geometrico di 321,15 m.
Alla luce delle modifica progettuale che prevede la posa di un tratto di
circa 2185 ml di condotta forzata in sostituzione del tratto di galleria di
adduzione/vasca di carico previsto nel progetto approvato, si deciso di
adottare un DN 900 mm per la condotta forzata in sostituzione del DN 800 mm
previsto nel progetto approvato. Tale scelta dettata dal fatto che laumento
considerevole della lunghezza della condotta forzata (935 ml progetto approvato
3011,35 ml progetto in variante), implica un considerevole aumento delle
perdite di carico. A tal proposito la scelta di adottare un DN 900 mm per la
condotta forzata va a compensare laumento delle perdite di carico.

Sulla base delle caratteristiche geometriche/strutturali e soprattutto sulla
modalit di posa della stessa, la condotta pu essere suddivisa in due tratti ben
distinti:
- Primo tratto, che si sviluppa interamente allinterno della galleria e del
camerone daccesso in opera di presa, per una lunghezza complessiva di
circa 2185 m.
- Secondo tratto, a valle della galleria in cui la condotta prevista quasi
completamente interrata per una lunghezza di 826,36 m.
2.4.1 CONDOTTA FORZATA IN GALLERIA DN 900 mm
Il primo tratto della condotta forzata previsto completamente allinterno
della galleria e del camerone daccesso allopera di presa. La galleria ha un
diametro massimo di 3,90 m (nelle zone con roccia compatta), variabile fino a
3,56 m nelle zone con roccia degradata a causa del maggior rivestimento interno
e una lunghezza complessiva di circa 2150 m.
Prima dellinizio della posa della condotta verr realizzata la platea di base
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 36/88
e verr predisposta la canalina metallica che dovr alloggiare la fibra ottica ed
il cavo di alimentazione in BT.
Allinterno di essa viene posata la condotta forzata avente diametro di 900 mm
e spessore di 10 mm.
La posa della condotta prevista su supporti in acciaio collegati a un collare di
irrigidimento composto da due piatti accoppiati dello spessore di 1 cm il tutto
meglio rappresentato nella figura seguente.
Le tubazioni arriveranno in cantiere gi dotate di tale sistema di appoggio oltre
che ricoperte internamente ed esternamente di pitture epossidiche.
Avranno una lunghezza complessiva di 10 m e la testa del tubo verr lavorata
adeguatamente per consentirne una saldatura testa a testa a completa
penetrazione. La saldatura verr eseguita esternamente alla tubazione della
tubazione.
La posa della tubazione prevista partendo dallalto, accedendo da valle della
galleria. Il trasporto avverr con appositi carrelli che verranno studiati per
facilitare lo scarico allinterno della galleria.
Una volta posati i primi due tubi la squadra di saldatori provveder ad eseguire
una saldatura di serraggio. Tale operazione verr ripetuta per circa 200 volte
fino al completamento della posa.

Figura 21: Modalit di posa della condotta forzata in galleria

In contemporanea altre due squadre di saldatori eseguiranno lintera saldatura
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 37/88
della tubazione.
Per quanto riguarda le verifiche strutturali della condotta si rimanda agli specifici
elaborati A.02.
2.4.2 CONDOTTA FORZATA INTERRATA DN 900 mm
Dalla sez. 31 (imbocco galleria), sino alla centrale di produzione la
tubazione verr posata completamente interrata, per uno sviluppo totale di
826,36 m.
Il primo tratto di condotta interrata, dalluscita della galleria fino alla sezione 20
per una lunghezza di circa 326,83 m, si sviluppa lungo la linea di massima
pendenza e presenta uno spessore di tra i 10 e 12 mm.
Il secondo tratto interrato, dalla sezione 20 fino allarrivo in centrale per una
lunghezza di circa 499,53 m, percorre un tratto fortemente antropizzato ed
caratterizzato da pendenze molto variabili, in questo tratto previsto lutilizzo
di spessori variabili che vanno dal 12 mm nella parte alta, ai 14 mm in vicinanza
delledificio centrale. La condotta interrata interseca in due punti la pista di
cantiere esistente che porta allimbocco della galleria, e in un punto la strada
Comunale per San Giuseppe. Lungo lintero sviluppo della condotta sono
posizionati 9 vertici verticali e 9 vertici orizzontali.
A fianco della condotta interrata prevista la posa di un tubo in acciaio avente
diametro pari a 300 mm, per il convogliamento delle eventuali acque di
infiltrazione provenienti dalla galleria. Tale tubazione parte dallapposito
pozzetto situato in corrispondenza dellimbocco della galleria, posizionato alla
fine del canale in cls per lo smaltimento delle acque e termina nel canale di
scarico della centrale di produzione.
Nei tratti su terreno naturale a bassa - media pendenza, in particolare dove la
posa effettuata su depostiti detritici, prevista la posa della condotta forzata
realizzando uno scavo di sbancamento con larghezza al fondo di circa 1,20 cm
e profondit minima di circa 2,00 m, per tutta la lunghezza della condotta
previsto inoltre la stesura di uno strato di posa in sabbia e ghiaietto e la
realizzazione di uno strato di copertura in ghiaia, il resto dello scavo verr
rinterrato con il materiale di risulta.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 38/88

Figura 22 - Sezione tipo posa condotta forzata su terreno a media-bassa pendenza

Fra la sezione 20 e 14, la condotta intercetta il substrato roccioso; in questi
tratti la posa avviene su uno strato di sabbia e ghiaietto ed previsto il rinfranco
con calcestruzzo.

Figura 23 - Sezione tipo posa condotta forzata in roccia
In corrispondenza della centrale, fra la sezione 10 e 6, la condotta forzata passa
al di sotto della nuova strada di accesso alledificio di produzione. La sezione
tipo, prevede la posa su uno strato di sabbia e ghiaietto e ricopertura con il
materiale proveniente dagli scavi.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 39/88

Figura 24: Sezione tipo posa condotta lungo nuova strada di accesso alledificio della centrale

Grande attenzione verr posta alle operazioni di ripristino ambientale
mediante sistemazione delle piste provvisorie interessate dai lavori ed
inerbimento delle aree boschive e prative interessate dagli scavi.
Come rilevabile dalla relazione di calcolo allegata si prevista la realizzazione
di diversi blocchi di ancoraggio da posizionarsi nei punti di cambio di pendenza
o di direzione della tubazione. A lavori e ripristino ambientale ultimati, la
condotta forzata, risulter totalmente interrata e quindi invisibile
2.4.3 SISTEMA DI MISURAZIONE DELLE PORTATE E ORGANI DI
SICUREZZA
Allimbocco della condotta forzata, in corrispondenza della vasca di carico,
previsto il posizionamento della paratoia di testa condotta (P101) di dimen-
sioni 1,40 x 1,40 m, per il sezionamento della condotta. Questultima paratoia,
del tipo a sganciamento automatico, avr anche funzione di sicurezza, infatti,
qualora i misuratori di portata installati a monte e a valle della condotta rilevas-
sero valori differenti di portata od una sovra velocit della stessa la paratoia di
sezionamento condotta si chiuderebbe immediatamente interrompendo il flusso
nella tubazione.
E prevista infatti linstallazione di strumenti per la misurazione delle portate di
tipo digitale muniti di sonda ad ultrasuoni.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 40/88
Tale sistema, interamente digitale, viene impiegato nella misura dei valori di
velocit, portata istantanea e portata integrata di fluidi nei canali e tubazioni.
Le sonde funzionano alternativamente come emettitore e come ricevitore di un
impulso ad ultrasuoni mentre l'oscillatore piezo-ceramico della sonda, eccitato
da un impulso di tensione generato dal convertitore di misura, emette un
impulso ad ultrasuoni che propagandosi nel fluido viene ricevuto dalla sonda
opposta e nuovamente convertito in un segnale elettrico.
Il convertitore calcola la velocit del fluido dalla misura della differenza del
tempo di transito dell'impulso
che alternativamente viene
trasmesso fra le sonde in
direzione favorevole o contraria
alla direzione del moto del
fluido.
Le coppie di trasduttori saranno
montate allinterno della
condotta forzata, due coppie
verranno posizionate in
prossimit della vasca di carico
(minimo 10 diametri
dallimbocco) e due coppie verranno posizionate in corrispondenza delledificio
centrale, nellapposito locale per la misura delle portate.

Avendo installato i misuratori di velocit su due sezioni distinte (monte e valle)
possibile verificare eventuali anomalie allinterno della condotta, come rotture
che causano forti variazioni di velocit; in queste situazioni il sistema di controllo
provvede alla chiusura tempestiva della paratoia di testa condotta.
Nel tratto iniziale infine prevista linstallazione di un aeroforo al fine di
scongiurare la formazione di pericolose depressioni in condotta a seguito della
chiusura della paratoia di testa condotta.
Vista la notevole lunghezza della forzata, e di conseguenza gli enormi volumi di
acqua in gioco, si optato per linserimento di una ulteriore valvola di
sezionamento della condotta in corrispondenza dellimbocco della galleria. Tale
Figura 25: Schema misuratore di portata
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 41/88
valvola avr anchessa funzioni di sicurezza nel caso si verificassero perdite
allinterno della condotta forzata.
A fianco della condotta forzata prevista la posa di un doppio cavidotto
allinterno dei quali vengono posizionati un cavo B.T. e una fibra ottica per la
trasmissione dei dati.
Per rilevare le portate rilasciate dalla paratoia a ventola preposta al
deflusso del DMV in corrispondenza della traversa di presa prevista
linstallazione di un misuratore di livello, ad esempio funzionante tramite un
sensore di pressione o a ultrasuoni, in grado di convertire il segnale rilevato in
termini di livello idrico.
Tale misura sar poi convertita a sua volta in un valore di portata attraverso
limpiego di una relazione funzionale detta scala di deflusso o scala delle portate.
Anche allinterno delle vasche di carico, dissabbiattrici e sghiaiatrici
verranno installati idonei misuratori di livello al fine di consentire la regolazione
dellimpianto in tempi brevi.
Altra apparecchiatura adottata quella che riguarda il controllo del livello della
ghiaia allinterno delle vasche, che regoler lapertura in automatico delle
paratoie di fondo delle vasche per consentirne lallontanamento.
2.4.4 RESTITUZIONE DEI DATI
I dati rilevati di portata turbinata, del D.M.V. rilasciato, cos come quelli
relativi alla produzione di energia elettrica verranno resi disponibili alla pubblica
amministrazione mediante linstallazione di appositi display posizionati
allesterno delledificio centrale e allesterno degli edifici delle opere di presa.
I display saranno analoghi a quelli gi utilizzati in altri impianti progettati e
riportati nella figura sottostante.
Il sistema necessita di pochissimi interventi di manutenzione, infatti dalle
esperienze maturate su impianti simili non mai stato necessario, ad oggi,
eseguire interventi di riparazione/sostituzione.

Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 42/88

Figura 26: Esempi di display esterni per la restituzione dei dati





















Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 43/88
2.5 STRADA DI ACCESSO ALLA CENTRALE DI
PRODUZIONE.
La centrale di produzione, come gi previsto in sede approvazione del
progetto, sar raggiungibile grazie alla realizzazione di una nuova strada di
accesso che si innesta sullesistente strada comunale per San Giuseppe, e
giunge fino al piazzale del depuratore acque.
Lo studio del tracciato stato condotto in accordo con la Nuova
Serpentino S.p.a. e con il Comune di Chiesa in Valmalenco. Il progetto finale
non si discosta di molto da quello indicato nel P.G.T. in vigore del Comune di
Chiesa in Valmalenco.

Figura 27 Estratto Disciplina aree P.G.T. Evidenziata in grigio la strada in progetto
La lunghezza totale della strada di circa 496,92 m, con una pendenza massima
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 44/88
del 14,26 % nel tratto in prossimit della centrale, una pendenza minima del
2,79 % e una pendenza media del 9,22 %. Lungo tutto lo sviluppo sono presenti
9 curve planimetriche con raggi di curvatura sufficienti al transito di mezzi
dopera importanti e necessari alla realizzazione dellopera ma soprattutto al
trasporto delle apparecchiature elettromeccaniche (turbine/generatori e
trasformatori).
La larghezza della carreggiata di 6 m; la carreggiata stradale la cui
pavimentazione sar realizzata con stesura di ghiaia e sabbia proveniente dalla
frantumazione del materiale di risulta degli scavi avr un piano con baulatura
con pendenza del 2/3 %. Il tutto verr completato con la stesura finale del
manto stradale composto da uno strato di tout venant di spessore 8-10 cm e
tappetino dusura di spessore 3 cm.
Lungo lo sviluppo della strada si costruiranno sia di muri si controripa a semi
gravit a sostegno delle scarpate sopra strada, sia muri di sostegno a semi
gravit in massi ciclopici.
E prevista la posa finale di idonee protezioni stradali e guard-rail lungo tutta la
carreggiata, costituiti da una barriera in legno e acciaio.
Una canaletta alla francese, con larghezza pari a 65 cm permetter lo
smaltimento delle acque meteoriche.

Figura 28 - Strada di accesso alla centrale: sezione tipo con muri di sostegno

Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 45/88

Figura 29 - Strada di accesso alla centrale: sezione tipo con muri di controripa


Figura 30 - Vista panoramica della centrale di produzione e della pista di accesso





Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 46/88
2.6 CENTRALE DI PRODUZIONE.
Le dimensioni e le caratteristiche delledificio centrale in variante sono simili a
quelle delledificio approvato in sede di A.U.
La centrale di produzione ubicata in sponda destra del torrente Mallero,
allinterno dellarea della Nuova Serpentino dItalia in localit Castellaccio, in
comune di Chiesa in Valmalenco. Ledificio previsto gran parte interrato,
ricoperto a verde nella parte superiore; i diversi locali sono sfalsati plano-
altimetricamente per ottimizzare gli spazi e ridurre gli ingombri. Lestensione
planimetrica risulta essere di circa 305 m
2
.
Le aree pi significative allinterno della centrale risultano essere:

- piano di scarico / ingresso (posto a quota 1040 m s.l.m.);
- sala quadri (posta a quota 1035,5 m s.l.m.);
- locale comandi (1035,5 m s.l.m.)
- locale trasformatori (posto a quota 1040,35 m s.l.m.);
- sala macchine (1028 m s.l.m.).


Figura 31 - Pianta ingresso e sala macchine in centrale


Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 47/88
Ledificio, di cui stato particolarmente curato laspetto architettonico,
strutturato in 2 volumi principali cos organizzati:
- sulla parte nord est, con uno sviluppo perfettamente rettangolare verr
ricavato un volume di altezza pari a 21,70 m, di cui 10,90 m altezza
massima fuori terra, dove sar ospitato il gruppo elettromeccanico di
produzione. Tale spazio denominato sala macchine; la dimensione in
pianta pari a circa 11,00 ml x 15,70 ml;
- in adiacenza al volume di cui sopra, ad una quota di imposta superiore,
verr realizzato lo spazio destinato allingresso, alla baia di scarico, alla
sala quadri ed alla zona trasformatori con dimensioni di circa 11,00 m x
10,30 m, altezza di 13,90 m, di cui massima fuori terra di 9,80 ml.

Figura 32 sezione edificio centrale
I materiali predominati che caratterizzano i prospetti delledificio saranno il
rivestimento in pietrame, lintonacatura con tinteggiatura RAL 1015 e alcuni
elementi di copertura in rame. La struttura portante delledificio sar realizzata
con muri in calcestruzzo armato con struttura orizzontale in lastre alveolari
prefabbricate del tipo RAP.
Le pareti del locale trasformatore sar in cemento armato e comunicher
direttamente sullesterno attraverso una griglia in carpenteria metallica di
dimensioni 4,00 x 3,00 m.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 48/88
Come rilevabile dai disegni allegati, la sala macchine sul lato nord, est e ovest,
risulter completamente interrata. Solamente parte della parete a sud risulter
fuori terra.
Le n. 3 vetrate della sala macchine, di dimensioni pari a 1,20 m x 3,10 m,
saranno fisse, in profilato dalluminio con doppio vetro insonorizzato e con
elementi decorativi in serpentino.
Le porte ed il portone per lingresso dei mezzi alla baia di scarico (dimensioni
4,00 m x 4,00 m) saranno rivestiti in legno. La copertura delledificio come tutte
le opere di lattoneria saranno realizzate in rame.
Allinterno delledificio verr installato un carroponte con portata pari a 20
tonnellate per movimentare le opere elettromeccaniche presenti in centrale.


Figura 33 - Vista esterna della centrale di produzione
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 49/88

Figura 34 - Vista interna della centrale di produzione
2.6.1 DOTAZIONE ELETTROMECCANICA
Nella sala macchine verr installato un gruppo Pelton ad asse verticale;
Il gruppo dimensionati per turbinare la portata massima stabilita da
disciplinare di concessione e pari a 1300 l/s.
La scelta di installare un unico gruppo turbina e generatore, dovuta al fatto
che la portata media e massima turbinabili risultano notevolmente inferiori alla
portata media naturale del torrente Mallero, determinando cos una curva di
durata delle portate derivate costante a relativamente omogenea, anche nel
periodo invernali.
Le caratteristiche principali del gruppo turbina e generatore sono le seguenti:

GRUPPO TURBINA GENERATORE
Portata massima turbinabile: 1300 l/s
Potenza nominale: 3700 kW
Salto utile netto con Q max: 312,3 m
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 50/88
Velocit di rotazione: 1000/750 rpm

In questa fase di progettazione non sono reperibili altri dati caratteristici delle
opere elettromeccaniche, in quanto la scelta del tipo di turbina, generato e
trasformatore utilizzati nellimpianto non stata ancora effettuata. La scelta del
tipo di opere elettromeccaniche da installare influenzata da pi fattori quali: il
prezzo, la disponibilit, i rendimenti, la qualit e etc.) al momento dellofferta.

Il trasformatore saranno del tipo ad olio e sar posato prevedendone un lato a
contatto con lesterno. Verranno dotati di vasca di raccolta collegata ad un
serbatoio interrato per la raccolta dei olii.
Il generatore sar a raffreddamento a liquido e pertanto allinterno della centrale
verranno creati i necessari collegamenti al sistema di raffreddamento del glicole
che verr alloggiato sulla base del canale di scarico.
La movimentazione delle valvole e degli iniettori delle spine avverr con sistemi
oleodinamici.
La centrale equipaggiata per un funzionamento del tutto automatizzato, senza
la necessit di personale a presidio a tempo pieno. Sia le manovre di avvio che
quelle di arresto potranno essere eseguite in automatico tramite la gestione a
distanza. Lesercizio sar controllato da un sistema di sicurezza atto ad evitare
possibili malfunzionamenti in qualsiasi parte dellimpianto.
2.7 CANALE DI RESTITUZIONE
La turbina scaricher lacqua in uscita dalla girante in un canale di
restituzione a sezione rettangolare in calcestruzzo armato di larghezza 1,00 m,
altezza 1,3 m, lunghezza di circa 28,4 m e pendenza longitudinale del 4,6 %,
che consente il convogliamento delle acque turbinate direttamente nellalveo del
torrente Mallero, in completa sicurezza idraulica, ad una quota di 1024,00 m
s.l.m. Laccesso al canale di restituzione possibile direttamente dalla sala
macchine mediante la rimozioni di speciali botole dotate di scale alla marinara
per lingresso in sicurezza alle fosse.
Sul fondo del canale di restituzione prevista la posa di un sistema di
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 51/88
scambiatori che consentiranno il raffreddamento dei generatori mediante un
sistema di tubazioni in acciaio INOX. Una lamella sul fondo permetter di
mantenere sempre immersi gli scambiatori.

Figura 35 - Sezione longitudinale del canale di scarico
Nel tratto finale dello scarico verr realizzato un opportuno pozzetto
sifone in modo da smorzare le velocit dellacqua in uscita e soprattutto ridurre
al minimo i rumori provenienti dallinterno della centrale idroelettrica; inoltre,
dopo il pozzetto sifone, verr posizionata anche una griglia anti-uomo.
Laccesso al canale consentito anche dallesterno della centrale
mediante una botola situata in corrispondenza del pozzetto/sifone; la botola
dotata di scala alla marinara per consentire in sicurezza laccesso da parte delle
maestranze per ispezioni periodiche programmate.

2.8 LINEA ELETTRICA
La connessione dellimpianto idroelettrico avverr nelle immediate vicinanze
della centrale. La soluzione proposta da enel prevede la realizzazione di una
nuova cabina in prossimit dellinnesto della nuova strada di accesso alla
centrale. La nuova linea verr pertanto verr posata al di sotto della sede
stradale nelle modalit descritte negli appositi elaborati progettuali. Da precisare
che nellambito dei lavori di connessione previsto anche ladeguamento di un
tratto di linea esistente interrato distante dalla centrale e meglio rappresentato
negli allegati progettuali.

Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 52/88

Figura 36 Inserimento fotografico nuova Cabina Enel















Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 53/88
3. PRINCIPALI DIFFERENZE RISPETTO AL
PROGETTO AUTORIZZATO
Di seguito vengono evidenziate le principali differenze tra la nuova soluzione e
la soluzione autorizzata con determinazione della Provincia di Sondrio n. 630 del
12 aprile 2010.

3.1 Opera di presa
Le principali differenze riguardano la parte interna dellopera che sono state
adeguate a contenere le vasche di decantazione e di carico necessarie alla
gestione in sicurezza dellimpianto. La diversa modalit di esecuzione della
galleria ha implicato la realizzazione un diverso accesso di monte, tale da
consentire lo smontaggio della testa rotante della TBM. La nuova soluzione evita
la realizzazione della pista daccesso allimbocco prevista nel progetto originario.
Pertanto la nuova soluzione risulta migliorativa soprattutto dal punto di vista
ambientale. Per quanto riguarda le opere in alveo, le uniche differenze
riguardano la quota di imposta del ponte e labbassamento della briglia esistente
a valle della traversa in progetto. Tali elementi hanno permesso di superare le
perplessit espresse dallautorit idraulica in fase istruttoria.
3.1 Galleria & condotta forzata
Le differenze principali, oltre ad una diversa tecnica di scavo, riguardano
principalmente la sua funzione. Nel progetto approvato tale opera aveva la
finalit di costituire una adduzione a pelo libero alla vasca di carico. Nella nuova
soluzione la galleria avr lo scopo di contenere la condotta forzata DN 900 mm,
necessaria al convogliamento in pressione dellacqua direttamente dalla vasca
di carico. Altra differenza di rilevo lenorme beneficio paesaggistico
conseguente alla non realizzazione della strada di approntamento alla galleria e
larea di cantiere necessaria per lapprontamento della TBM. Infatti la nuova
soluzione prevede la realizzazione dellimbocco di valle allinterno di unarea
rimaneggiata situata ad una quota inferiore anche rispetto al sentiero Primolo-
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 54/88
San Giuseppe.
La differente ubicazione dellimbocco di valle della galleria permette inoltre di
ridurre notevolmente il tratto di condotta forzata esterna di circa 110 ml, con
una conseguente riduzione della superficie di trasformazione.
3.1 Edificio centrale & strada di accesso
La nuova soluzione ha previsto una revisione delledificio centrale, anche a
seguito della realizzazione della strada di accesso alledificio, progettata in
accordo con la Nuova Serpentino dItalia S.p.a. ed il comune di Chiesa in V.co.
Tale strada infatti rientra le previsione urbanistiche del comune.
Da un punto di vista dimensionale la nuova soluzione prevede una notevole
riduzione del sedime delledificio nellordine del 30 %. Un altro elemento che ha
determinato una revisione del progetto e riconducibile ad una diversa soluzione
di connessione alla rete enel di distribuzione.

















Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 55/88
4. DETERMINAZIONE DEI VOLUMI DI SCAVO
Il presente capitolo intende rappresentare quelli che sono i reali volumi di
scavo previsti per la realizzazione dellintera opera ed affrontarne le tematiche
relative allo stoccaggio temporaneo. Per quanto riguarda le modalit di
allontanamento e la destinazione finale del materiale, si conferma quanto
previsto nel progetto approvato. Di seguito vengono analizzati i differenti aspetti
relativamente ai quattro cantieri principali previsti per la realizzazione dellOpera
di Presa, Galleria, Condotta Forzata ed Edificio Centrale con relativa strada di
accesso ed evidenziate le differenze rispetto al progetto autorizzato.
La differenza in eccesso, di materiale da allontanare, quantificata in circa
13.340 mc, quasi tutti derivanti dalla realizzazione della strada di accesso alla
centrale. Tali volumi non erano stati computati nel progetto precedente ma sono
evidentemente necessari per la realizzazione della nuova strada di accesso.
4.1 OPERA DI PRESA
Per quanto riguarda la realizzazione dellintera opera di presa, comprese le
relative opere accessorie, prevista la movimentazione di circa 11.710 m
3
di
materiali costituiti prevalentemente da smarino. Lescavazione in galleria verr
effettuata con tecniche tradizionali e prevede lesecuzione degli scavi nel
seguente ordine:
- come primissima opera verr realizzato
lattraversamento sul torrente Mallero
costituito da un ponte in acciaio e cls che
consentir di raggiungere in sicurezza la
sponda destra del torrente e approntare
lesecuzione del cunicolo daccesso
allopera di presa. Tale cunicolo, della
sezione di 20 m
2
e lunghezza di circa 56
m, consentir di raggiungere il punto di
arrivo della TBM.
- In prossimit di tale zona prevista la
Figura 37 - Sezione di scavo cunicolo di accesso
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 56/88
realizzazione di una camerone adatto allo smontaggio della testa della
fresa; tale camerone ha una sezione di 128,00 m
2
e presenta una
lunghezza complessiva di circa 28 m, come rappresentato nella figura
seguente:

Figura 38 - Sezione di scavo della camera per lo smontaggio della testa della fresa

- Da questo punto, proseguendo in
direzione nord, si escaver il
condotto che consentir di
alloggiare lintera opera costituente
le vasche di carico, dissabbiatrice e
sghiaiatrice, sino a raggiungere
lalveo del torrente Mallero. La
sezione di scavo risulta essere di
circa 44 m
2
per una lunghezza
complessiva di circa 94 m.

- In corrispondenza della bocca di presa la sezione aumenta ad un valore
di circa 78 m
2
, per una lunghezza di circa 9 m. Per lo scarico delle vasche
si provveder, invece, alla realizzazione del canale di scarico dellopera di
presa, che presenta una sezione di scavo di circa 16 m
2
e una lunghezza
Figura 39 - Sezione di scavo zona vasche
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 57/88
di 40 m.



Il Volume di scavo complessivo di:

OPERA DI PRESA
VOLUME DI SCAVO
[m
3
]
VOLUME DA
MOVIMENTARE
[m
3
]
Bocca di presa (78 m
2
x 9 m) 702 807
Galleria per vasche (44 m
2
x 94 m) 4.136 4.756
Camerone (128 m
2
x 28 m) 3.584 4.122
Accesso mezzi in presa (20 m
2
x 56 m) 1.120 1.288
Canale di scarico (16 m
2
x 40 m) 640 736
TOTALE PRESA 10.182 11.710
Tabella 1 - Volumi di scavo in corrispondenza dellopera di presa
Nella tabella, i volumi da movimentare sono stati valutati partendo dai volumi
di scavo e considerando un adeguato rigonfiamento.
Il volume totale di scavo da movimentare verr risistemato come segue:
- sistemazioni esterne forfettarie = 1000 m
3
;
- rialzo della strada esistente in sinistra idraulica in corrispondenza
dellimbocco del nuovo ponte = 360 m
3
;
Figura 40 - Sezione di scavo bocca di presa e canale di scarico
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 58/88
- rocce e trovanti da utilizzare per la realizzazione dei manufatti quali muri,
traversa e scogliere = 500 m
3
.
Il materiale in esubero, pari a circa 9.850 m
3
, verr utilizzato, cos come previsto
anche dal progetto approvato, a colmata della cava Brusada-Ponticelli.

4.2 GALLERIA
Per valutare il volume di scavo della galleria si considerato il diametro pari a
3,90 m e un rigonfiamento pari al 15 %.

GALLERIA
VOLUME DI SCAVO
[m
3
]
VOLUME DA
MOVIMENTARE
[m
3
]
TOTALE GALLERIA
(11,94 m
2
x 2150,00)
25.671 29.520
Tabella 2 - Volumi di scavo provenienti dalla galleria
Come gi evidenziato, lo scavo
meccanizzato della galleria consente
di eliminare totalmente il sovra scavo
e ridurre di conseguenza il
quantitativo complessivo di smarino.
Limitato risulta essere anche il
rigonfiamento stesso del materiale
derivante dallutilizzo della TBM.
Il materiale proveniente dallo scavo
della galleria sar completamente
stoccato provvisoriamente in
prossimit dellimbocco di valle della galleria stessa, come indicato nel relativo
layout di cantiere. Parte del materiale verr frantumato ad una pezzatura
sufficientemente piccola ed utilizzato come primo riempimento della condotta
forzata dalla sezione 1 alla sezione 31. La rimanente parte verr stoccata come
colmata della miniera Brusada Ponticelli. Le modalit di allontanamento
rimangono quelle previste nel progetto autorizzato.
Nella figura sottostante evidenziata la zona di imbocco della galleria
Figura 41: Sezione di scavo galleria
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 59/88


Figura 42 Zona di imbocco galleria
4.3 CONDOTTA FORZATA
Il volume da smaltire proveniente dallo scavo della condotta forzata
valutato considerando le dimensioni effettive della tubazione, che nella parte
interrata presenta un diametro pari a 0,9 m e superficie di 0,64 m
2
.

CONDOTTA INTERRATA
Lunghezza 826 m
VOLUME DI
SCAVO
[m
3
]
VOLUME DA
MOVIMENTARE
[m
3
]
TOTALE 530 610
Tabella 3 - Volumi di scavo provenienti dallinterro della condotta forzata

In linea generale il materiale proveniente dallo scavo della condotta
forzata rimane in loco, per la sistemazione ambientale ed i riempimenti.
Ipotizzando una larghezza complessiva della fascia interessata ai lavori di circa
8 m, la sistemazione in loco del materiale prevede un innalzamento del terreno
di circa 25-30 cm.
Leventuale materiale in eccesso e non idoneo verr allontanato e trasportato
nelle modalit previste.


Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 60/88
4.4 EDIFICIO CENTRALE E STRADA DI ACCESSO ALLA
CENTRALE
Per quanto concerne la realizzazione della centrale il volume di scavo risulta:

CENTRALE
VOLUME DI SCAVO
[m
3
]
VOLUME DA
MOVIMENTARE
[m
3
]
TOTALE 10.330 11.880
Tabella 4 - Volumi provenienti dallo scavo della centrale
Tale volume costituito quasi totalmente da roccia, e quindi riutilizzabile
per la costruzione dei muri di sostegno della strada di accesso allopera, e dove
necessario per la realizzazione delle opere in pietra nellambito del progetto in
studio.
E opportuno rimarcare come, in sede esecutiva, valutate le
caratteristiche dellammasso scavato, non da escludere lutilizzo di tale
materiale da parte delle numerose aziende locali operanti nel settore estrattivo
per eseguirne una lavorazione e commercializzarne il prodotto finito.
Per la sistemazioni esterne ed i rinterri previsto lutilizzo di circa 4.500 m
3
,
mentre per la realizzazione dei muri di sostegno della strada di accesso
previsto luso di circa 1.500 m
3
di materiale; ipotizzando inoltre che una
percentuale compresa fra il 30 35 % del materiale scavato sia buono (ipotesi
avvalorata dalle indagini geologiche effettuate), e quindi utilizzabile per altre
opere civili tramite il prelievo da parte di terzi (circa 1.000 m
3
), risulta un volume
in eccesso pari a circa 4.880 m
3
.

I volumi in gioco per la strada di accesso sono:

STRADA DI ACCESSO
ALLA CENTRALE
VOLUME DI SCAVO
[m
3
]
VOLUME DA
MOVIMENTARE
[m
3
]
TOTALE 19.000 21.850
Tabella 5 - Volumi di scavo per la realizzazione della pista di accesso alla centrale
I rinterri per rilevati e scogliere sono pari a circa 4.000 m
3
; si ottiene
dunque un volume in esubero di circa 17.850 m
3
.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 61/88
Nella tabella 8 sono riassunti i volumi da movimentare e i volumi di rinterro, con
indicate le rimanenze da smaltire in miniera.


OPERA
VOLUME DI
SCAVO [m
3
]
VOLUME DA
MOVIMEN-
TARE [m
3
]
RINTERRI E RIUTILIZZI
[m
3
]
RIMANENZA
[m
3
]
PRESA 10.182 11.710
Sistemazioni
esterne
forfettarie
1.000
9.850
Rialzo pista in sx
idraulica
360
Muri, traverse e
scogliere
500
Totale 1.860

GALLERIA 25.671 29.520 29.520

CONDOTTA FOR-
ZATA
INTERRATA
530* 610
Sistemazioni
in loco
610 0

EDIFICIO
CENTRALE
10.330 11.880
Sistemazioni
esterne e rinterri
4.500
4.880 Muri di sostegno 1.500
Altri utilizzi 1.000
Totale 7.000

STRADA DI
ACCESSO ALLA
CENTRALE
19.000 21.850
rinterri e sco-
gliere
4.000 17.850
RIMAMENZA TOTALE 62.100
Tabella 6 - Tabella riassuntiva dei volumi in gioco
*Tale valore comprende il solo volume occupato dalla condotta forzata







Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 62/88

PROGETTO IN
VARIANTE
PROGETTO
AUTORIZZATO
DIFFERENZA
OPERA DI PRESA 9.850 4.500 5.350
GALLERIA 29.520 31.500 -1.980
CONDOTTA
FORZATA
INTERRATA
0 4.285 -4.285
EDIFICIO CENTRALE 4.880 8.475 -3.595
STRADA DI
ACCESSO ALLA
CENTRALE
17.850 NON PREVISTA IN PROGETTO 17.850
62.100 48.760 13.340
Tabella 7 - Tabella di raffronto volumi di scavo

Come gi evidenziato nelle premesse la differenza di volume tra le due soluzioni
progettuali da imputare alla prevista strada di accesso alledificio centrale. Tale
opera infatti non era stata inserita, se pur necessaria, nel progetto approvato.
Il volumi rimanenti verranno allontanati dallarea di cantiere e trasportati, come
ampiamente descritto, alla Miniera Ponticelli di Lanzada.














Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 63/88
5. ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE
Nel presente capitolo vengono analizzate le problematiche relative alla
cantierizzazione dellopera e quelli che sono gli schemi cantieristici adottati per
la realizzazione dellintera opera in progetto.
Limpianto gode nel suo complesso di una ottima accessibilit, i lavori verranno
organizzati in quattro distinti cantieri principali meglio rappresentate nelle tavole
progettuali B.06, B.07, B.08:
- Area di cantiere 1: opera di presa;
- Area di cantiere 2: galleria;
- Area di cantiere 3: condotta forzata;
- Area di cantiere 4: centrale di produzione e pista di accesso;
Per quanto riguarda la linea elettrica M.T., precisiamo che la parte in prossimit
della centrale idroelettrica e quella relativa alla costruzione della nuova cabina
verranno gestite allinterno del cantiere relativo alla centrale di produzione. Nulla
previsto in tale capitolo per quanto riguarda il cantiere relativo al
potenziamento della linea enel esistente, i quali lavori verranno gestiti
direttamente da enel.

5.1 CANTIERE OPERA DI PRESA Loc. San Giuseppe -
Per quanto riguarda lopera di presa, l'accesso con mezzi meccanici all'area
interessata dalla realizzazione del manufatto garantito dall'esistente pista
camionabile presente in sinistra idraulica del torrente Mallero, e utilizzata per
raggiungere le zone di cava/discarica poste a quote superiori.
Il progetto prevede inoltre la costruzione di un ponte metallico posto a valle
dell'esistente briglia di collegamento tra l'esistente pista di accesso in sinistra
idraulica ed il fronte di lavorazione previsto all'interno del versante roccioso in
destra idraulica. In tal modo sar possibile garantire l'accesso ed il transito dei
mezzi meccanici al fronte di scavo per la realizzazione della camera per lo
smontaggio della testa della fresa e lopera di presa (vasca di carico, canale
dissabbiatore e canale sghiaiatore), rendendo pertanto il cantiere del tutto
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 64/88
indipendente dal regime idraulico di deflusso delle acque del torrente Mallero e,
quindi, in sicurezza idraulica.
Ad impianto ultimato ed in fase di esercizio l'accessibilit all'opera di presa per
le operazioni di ordinaria manutenzione sar garantita attraverso lo stesso ponte
metallico.
A ridosso delle aree verranno posizionate le baracche di cantiere e le
attrezzature per lesecuzione delle lavorazioni:
- installazione di baracche di cantiere dotate di servizi igienici e uffici;
- installazione dellofficina di cantiere;
- deposito di materiale e mezzi di cantiere;
- stoccaggio del materiale proveniente dagli scavi dellopera di presa in
attesa della definitiva allocazione del materiale.

5.2 CANTIERE GALLERIA Loc. Primolo -
Lo scavo della galleria sar completamente meccanizzato, tramite lausilio
di tecnologia TBM.
I mezzi meccanici utilizzati sono:
- Fresa di scavo, dotata di testa rotante con alloggiati gli utensili di scavo;
- Vagoni per trasporto dello smarino nellarea di cantiere di imbocco;
Lo scavo della galleria avverr partendo da valle; una volta che la TBM avr
raggiunto lopera di presa, si provveder alla rimozione della testa fresante; in
questo modo la talpa potr essere riportata allimbocco della galleria, facendole
percorrere in senso inverso lo scavo effettuato in precedenza.
A ridosso dellimbocco prevista la delimitazione dellarea evidenziata in blu
nella figura sottostante nella quale verranno ricavati i necessari spazzi che
dovranno contenere:
- Larea per linstallazione di baracche di cantiere dotate di servizi igienici e
uffici;
- Larea per linstallazione dellofficina di cantiere;
- Larea per il deposito di materiale e mezzi di cantiere;
- Larea per lo stoccaggio del materiale proveniente dagli scavi in attesa
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 65/88
della definitiva allocazione del materiale.

E da rimarcare come la soluzione progettuale proposta delimiti larea di cantiere
al di sotto del sentiero di collegamento tra la loc. Primolo e la Loc. San Giuseppe.
Tutta larea di cantiere si sviluppa allinterno di una zona che gi attualmente
occupata e transitata con mezzi dopera.
E prevista pertanto la delimitazione in corrispondenza dellattuale imbocco della
pista esistente mediante la posa di un opportuno cancello metallico che impedir
laccesso a qualsiasi mezzo non autorizzato

Figura 43 - Vista dellarea di cantiere in corrispondenza dellimbocco della galleria
5.3 CANTIERE CONDOTTA FORZATA INTERRATA Loc.
Castellaccio/Primolo -
Lo scavo della condotta forzata avverr tramite lausilio di escavatore. In
corrispondenza della strada comunale per San Giuseppe verr perimetrata un
area per il deposito temporaneo delle tubazioni costituenti la condotta forzata,
come indicato nella figura seguente, in rosso indicato il tracciato seguito dalla
condotta forzata:
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 66/88

Figura 44 Vista tracciato condotta forzata e area di deposito temporaneo
La realizzazione della condotta prevista dal basso verso lalto e verr eseguita
per tratti di circa 100-150 m. Il tratto successivo verr cominciato non prima di
aver terminato il tratto precedente.
Larea di cantiere verr di volta in volta delimitata impedendone laccesso
impedendone laccesso alle persone non autorizzate.
Come evidenziato nella tavola allegata B.07 il cantiere gode di ottima
accessibilit anche accedendovi direttamente da aree non trafficate.
5.4 CANTIERE CENTRALE DI PRODUZIONE E PISTA DI
ACCESSO Loc. Castellaccio -
Indicativamente larea di cantiere in corrispondenza della centrale di
produzione quella indicata nella figura sottostante. Allinterno della zona
verranno allestite le baracche di cantiere e la baracca uffici, nonch il deposito
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 67/88
di materiali e mezzi di cantiere.

Figura 45: Vista dellarea di cantiere in corrispondenza della centrale di produzione e della pista di accesso.
Allinterno di tale area verranno delimitati i seguenti spazi utili:

- Area per linstallazione di baracche di cantiere dotate di servizi igienici e
uffici;
- Larea per linstallazione dellofficina di cantiere;
- Larea per il deposito di materiale e mezzi di cantiere;
- Larea per lo stoccaggio del materiale proveniente dagli scavi dellopera
di presa in attesa della definitiva allocazione del materiale.
- Aree per linstallazione delle gru a torre.







Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 68/88
6. PROGRAMMA LAVORI
6.1 ORGANIZZAZIONE E TEMPISTICHE
Il completamento dellimpianto previsto in 17 mesi; lintera opera
suddivisa in 4 cantieri principali e ben distinti che si riassumono come segue:

- opera di presa e opere accessorie
- centrale di produzione;
- galleria;
- condotta forzata;

Per consentire il termine entro la data prevista necessario che i vari cantieri si
sovrappongano da un punto di vista temporale.
Una volta ottenuta lautorizzazione unica lorganizzazione del cantiere prevede
linizio in tempi brevi dei lavori di realizzazione della galleria.
Di seguito viene allegato il Cronoprogramma dettagliato dei lavori che dimostra
come la conclusione di tutte le lavorazioni possa essere stabilito in 17 mesi.
6.1 ALLEGATO A: CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI
Vedasi Allegato A










Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 69/88
7. PREVENTIVO SOMMARIO DI SPESA
Il costo complessivo delle opere costituenti limpianto idroelettrico in oggetto,
pu essere cos sommariamente riassunto:
LAVORI EDILI:
OPERA DI PRESA
Realizzazione sul torrente Mallero dei manufatti relativi allopera di di presa,
comprendenti la realizzazione di una traversa di presa sul torrente Mallero in
massi ciclopici e cls, la realizzazione della manufatto di captazione in cls
armato provvisto di griglia verticale, la realizzazione della scala di rimonta per
il rilascio del DMV, la realizzazione delle vasche di decantazione e carico, , la
realizzazione del ponte sul torrente Mallero, il trasporto del calcestruzzo, del
ferro e di tutti i materiali necessari alla realizzazione delle opere, i rivestimenti
esterni delle opere, gli interventi di ripristino ambientale e le opere di
regimazione dell'alveo durante l'esecuzione dei lavori.

1.200.000,00
GALLERIA DI DERIVAZIONE
Realizzazione di galleria di derivazione in sponda destra del torrente Mallero,
per una lunghezza totale di 2150 ml e un diametro di 3,9 ml, realizzati con
TBM.
Compreso inoltre, la realizzazione della galleria a servizio dellopera di presa,
la realizzazione del cunicolo di accesso e la realizzazione del cunicolo di scarico.
Nel prezzo compreso, il trasporto del calcestruzzo, del ferro e di tutti i
materiali necessari alla realizzazione delle opere, il trasporto dello smarino alla
miniera Ponticelli Brusada, (ventilazione, depurazione acque, eventuali
chiodature di consolidamento, oneri per falso portale d'imbocco).


10.000.000,00
CONDOTTA FORZATA
Eseguita con 3011,35 ml di tubazioni in acciaio del diametro 900 mm. Le
tubazioni avranno estremit atte allaccoppiamento congiunto a bicchiere.
Comprese nel prezzo le opere di scavo, rinterri e ripristini ambientali con
semine e piantumazioni arboree, le opere in calcestruzzo quali: setti di
sostegno condotta, blocchi di ancoraggio, attraversamento stradali , pozzetti
per la misurazione della portata, la fornitura e posa di pezzi speciali, quali:
curve tronchetti e misuratore di portata condotta e manifold

4.000.000,00
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 70/88
EDIFICIO CENTRALE & STRADA DACCESSO
Realizzato con muri in calcestruzzo armato e solai in parte in c.a. ed in parte
con lastre alveolari prefabbricate del tipo RAP, ledificio sar parzialmente
incassato nel versante orografico destro della valle.
Compresi:
Il canale di scarico in C.A., il rivestimento in pietrame locale delle pareti a vista
delledificio seminterrato, i serramenti in profilato di ferro ed alluminio
anodizzato, le pavimentazioni in grs, le impermeabilizzazioni delle murature,
le varie sistemazioni ambientali con semine e piantumazioni, la realizzazione
dei vani per cabine Enel e contatori di misurazione UTIF e la realizzazione della
pista d'accesso all'edificio centrale (come da convenzione con il Comune di
Chiesa in V.vo)
2.000.000,00
APPARATI ELETTROMECCANICI
Fornitura e installazione di tutte le opere elettromeccaniche necessarie al
corretto funzionamento dell'impianto: n. 1 gruppi turbina generatore tipo
Pelton, n. 1 trasformatori, quadri elettrici, apparecchiatura per automazione
e opere elettromeccaniche varie (paratoie testa condotta, paratoie scarico di
fondo, saracinesche) per la vasca di carico il canale dissabbiatore e la traversa
di presa
1.500.000,00
PROGETTAZIONE
Progettazione, direzione lavori, coordinamento sicurezza etc..

300.000,00
LINEA ELETTRICA
Realizzazione linea elettrica M.T. di collegamento alla rete nazionale,
compreso realizzazione cabina dio consegna e potenziamento altra linea.

100.000,00
VARIE E MISCELLANEE

50.000,00
TOTALE PARZIALE

19.150.000,00
IVA (21 % sul parziale)

4.021.500,00
TOTALE
23.171.500,00
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 71/88
8. VERIFICHE DI COMPATIBILIT IDRAULICA
8.1 VERIFICA IN CORRISPONDENZA DELLOPERA DI PRESA
In questo capitolo vengono descritti i calcoli idraulici ed i risultati ottenuti per la
modellazione idraulica di stato di fatto e progetto, in corrispondenza dellopera
di presa dellimpianto idroelettrico sul torrente Mallero, per un tempo di ritorno
di 200 anni.
I calcoli per determinare i profili idraulici di moto permanente in condizioni di
piena sono stati condotti utilizzando il software HEC-RAS, elaborato dallUS
Army Corps of Engineers.
Il modello idraulico per la simulazione dei tiranti idrici stato realizzato a partire
da un rilievo topografico di dettaglio in corrispondenza della zona ove verr
ubicata lopera di presa.
Sono state prese in considerazione due configurazioni di riferimento: una
rappresentante lo stato di fatto del torrente, con la sola presenza della briglia e
della controbriglia esistenti, in assenza dellopera di presa; laltra, denominata
configurazione di progetto, nella quale sono state inserite le opere di
sbarramento e di presa in progetto, il ponte di attraversamento che sorger
circa 80 metri a valle della briglia esistente, tenendo anche conto sia del
ribassamento della stessa, sia della nuova sagomatura dellalveo determinata
dalla realizzazione di una nuova scogliera dargine. Nelle figure 46 e 47 sono
riportate le planimetrie di rilievo e di progetto in corrispondenza dellopera di
presa.
Il valore della portata di piena di progetto utilizzata nelle simulazioni :
- Q200 = portata massima corrispondente a Tr = 200 anni = 250 m
3
/s;
Tale valore stato desunto da studi idrologici realizzati sul tratto di fiume
interessato dallopera di presa.
Le simulazioni sono state condotte sia per lo stato di fatto, sia per lo stato di
progetto, dopo aver inserito nel modello lopportuna geometria del tratto in
esame. Per il calcolo delle perdite di carico distribuite stato assunto,
cautelativamente e a favore di sicurezza, un valore di perdita di carico di
Manning pari a 0,06 s/m
1/3
, corrispondente a un coefficiente di Strikler di 16,67
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 72/88
m
1/3/
s. Le condizioni al contorno di monte e di valle sono state imposte pari
allaltezza di stato critico.

Figura 46 Estratto planimetria di rilevo Opera di presa
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 73/88

Figura 47 Estratto planimetria di progetto Opera di presa


Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 74/88
8.1.1 STATO DI FATTO
Il modello descritto nel paragrafo precedente stato utilizzato per effettuare le
simulazioni idrauliche per la portata di riferimento, ricavando cos il profilo di
moto permanente relativamente allo stato di fatto.
Nella tabelle 3 e nella figura 26 sono riportati i valori delle grandezze idrauliche
pi significative calcolati e i profili longitudinali del pelo libero con lindicazione
dei livelli di piena con tempo di ritorno di 200 anni in corrispondenza delle sezioni
rilevate.

SEZIONE
QUOTA
FONDO
ALVEO
LIVELLO
IDRICO
BATTENTE
IDRICO
VELOCIT
MEDIA
NUMERO DI
FROUDE
[m s.m.] [m s.m.] [m] [m/s] [-]
1 1354.37 1357.87 3.5 4.78 1.01
2 1353.77 1355.57 1.8 7.35 1.95
3 1352.99 1354.82 1.83 6.56 1.79
4 1351.19 1354.89 3.7 2.58 0.5
5 1349.65 1354.94 5.29 1.98 0.32
6 1347.56 1354.99 7.43 1.45 0.22
7 1346.71 1355.02 8.31 1.07 0.14
8 1345.57 1355.03 9.46 0.85 0.1
9 1345.5 1355.03 9.53 0.75 0.08
Briglia 1351.87 1355.03 3.16
10 1343.87 1346.41 2.54 4.2 1
11 1343.16 1345.06 1.9 5.82 1.57
12 1342.85 1344.79 1.94 5.02 1.27
Controbriglia 1342.85 1345.06 2.21
13 1340.75 1343.13 2.38 3.99 0.86
14 1339.7 1342.93 3.23 3.98 0.78
15 1339.1 1342.4 3.3 4.6 1
16 1338.62 1341.23 2.61 5.86 1.35
17 1337.92 1340.2 2.28 6.38 1.59
18 1337.31 1340.07 2.76 5.22 1.23
19 1336.92 1340.04 3.12 4.56 0.98
20 1336.81 1339.49 2.68 4.92 1.21
21 1336.76 1339.04 2.28 4.98 1.17
22 1336.72 1338.8 2.08 4.52 1.1
23 1336.63 1338.67 2.04 4.1 0.99
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 75/88
24 1336.42 1337.93 1.51 4.77 1.32
25 1336.03 1338.15 2.12 3.04 0.72
26 1335.92 1338.03 2.11 2.94 0.68
27 1335.54 1337.9 2.36 2.93 0.65
28 1335.49 1337.71 2.22 3.07 0.7
29 1335.31 1337.13 1.82 4.02 1
Tabella 7 - Profilo di stato di fatto per Q200 = 250 m
3
/s.




Figura 48 - Vista 3D del profilo di moto permanente in condizioni di piena


29
28.5*
28
27
26
25
24
22.5*
21.5*
21
20
19.5*
19
18
17
16.5*
16
15
14
13.5*
12.5*
11.5*
10.5*
9.5*
8.5*
7.5*
6.5*
5.5*
4.5*
3.5*
2.5*
1.5*
Presa stato di fatto
Legend
WS Tr 200
Ground
Bank Sta
Ground
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 76/88

Figura 49 - Profili di stato di fatto per la portata di piena duecentennale.
0
5
0
1
0
0
1
5
0
2
0
0
2
5
0
3
0
0
1
3
3
5
1
3
4
0
1
3
4
5
1
3
5
0
1
3
5
5
1
3
6
0
P
r
e
s
a

s
t
a
t
o

d
i

f
a
t
t
o



D
i
s
t
a
n
z
e

(
m
)
Q u o t e ( m )
L
e
g
e
n
d
W
S


T
r

2
0
0
C
r
i
t


T
r

2
0
0
G
r
o
u
n
d
2 8 . . .
2 7 . . .
2 6
2 5
2 4
2 3
2 2
2 1
2 0
1 9
1 8
1 7
1 6
1 5
1 4
1 3
1 2
1 1
1 0
9
8
7
6
5
4
3
2
1
M
a
l
l
e
r
o

P
r
e
s
a
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 77/88
8.1.2 CONFIGURAZIONE DI PROGETTO
Per lo studio della configurazione di progetto, al modello dello stato di fatto sono
state aggiunte le opportune modifiche geometriche per valutare il disturbo al
deflusso da parte delle opere in progetto. Nel modello sono stati inseriti:
- la geometria dellopera di sbarramento;
- la nuova geometria della briglia esistente, che verr abbassata;
- la geometria del ponte di attraversamento, completo di spalle;
- le nuove sezioni dalveo in corrispondenza delle zone dove verr realizzata
la scogliera dalveo.
Nella tabella 4 e nella figura 28 sono riportati i valori delle grandezze idrauliche
calcolate e i profili longitudinali del pelo libero con lindicazione dei livelli di piena
con tempo di ritorno di 200 anni in corrispondenza delle sezioni rilevate.

SEZIONE
QUOTA FONDO
ALVEO
LIVELLO
IDRICO
BATTENTE
IDRICO
VELOCIT
MEDIA
NUMERO
DI
FROUDE
[m s.m.] [m s.m.] [m] [m/s] [-]
1 1354.37 1357.86 3.49 4.78 1.01
2 1353.77 1355.57 1.8 7.35 1.95
3 1352.99 1354.82 1.83 6.56 1.79
4 1351.19 1356.49 5.3 1.61 0.26
5 1349.65 1356.50 6.85 1.39 0.2
Traversa di presa 1354.3 1356.50 2.2
7 1346.71 1352.83 6.12 1.67 0.26
8 1345.57 1352.86 7.29 1.2 0.17
9 1345.5 1352.87 7.37 1 0.13
Briglia 1349.87 1352.87 2.97
10 1343.87 1346.41 2.54 4.2 1
11 1343.16 1345.06 1.9 5.83 1.57
12 1342.85 1344.79 1.94 5.02 1.27
Controbriglia 1342.9 1345.06 2.16
13 1340.29 1342.60 2.31 4.39 1
14 1339.7 1341.49 1.79 5.63 1.38
15 1339.1 1341.38 2.28 4.73 1.03
16 1338.76 1340.95 2.19 4.88 1.08
17 1337.92 1339.54 1.62 6.28 1.61
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 78/88
Monte Ponte 1337.6 1340.54 2.94 3.22 0.62
Ponte 1337.6 1340.50 2.90
Valle Ponte 1337.6 1340.45 2.85 3.32 0.65
18 1337.51 1340.48 2.97 3.1 0.59
19 1337.27 1340.52 3.25 2.55 0.47
20 1336.81 1339.72 2.91 4.32 1
21 1336.76 1339.03 2.27 4.98 1.17
22 1336.72 1338.82 2.1 4.47 1.08
23 1336.63 1338.67 2.04 4.1 0.99
24 1336.42 1337.93 1.51 4.77 1.32
25 1336.03 1338.15 2.12 3.04 0.72
26 1335.92 1338.03 2.11 2.94 0.68
27 1335.54 1337.90 2.36 2.93 0.65
28 1335.49 1337.71 2.22 3.07 0.7
29 1335.31 1337.13 1.82 4.02 1
Tabella 8: Profilo di progetto per Q200 = 250 m
3
/s.


Figura 50 - Vista 3D del profilo di moto permanente in condizioni di piena
29
28.5*
28
27
26
25
23
22
21.5*
21
20
19.5*
19
18
17
16.5*
16
15
14
13
12.1
11.5*
10.5*
9.5*
9
8
7
6
5
4
3
2
Presa stato di progetto
Legend
WS PF 1
Ground
Bank Sta
Ground
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 79/88

Figura 51 - Profili di progetto per la portata di piena duecentennale.
0
5
0
1
0
0
1
5
0
2
0
0
2
5
0
3
0
0
1
3
3
5
1
3
4
0
1
3
4
5
1
3
5
0
1
3
5
5
1
3
6
0
D
i
s
t
a
n
z
e

(
m
)
Q u o t e ( m )
L
e
g
e
n
d
W
S


P
F

1
C
r
i
t


P
F

1
G
r
o
u
n
d
2 8 . . .
2 7 . . .
2 6
2 5
2 4
2 3
2 2
2 1
2 0
1 9 *
1 8 *
p o n t e p e r . . .
1 7 *
1 6 *
1 5 *
1 4 *
1 3 *
1 2
1 1
1 0
9
8
7
5
4
3
2
1
M
a
l
l
e
r
o

P
r
e
s
a
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 80/88
8.1.3 CONSIDERAZIONI
Il ponte di nuova costruzione, per laccesso allopera di presa, che avr una luce
netta di 28 m e quota dimpalcato allintradosso di 1344.60 m s.l.m., non
produce rigurgiti, come possibile notare dalla figura 29:


Figura 52 - Profilo in corrispondenza del ponte al passaggio di Q200.

Il tirante idrico in corrispondenza della sezione del ponte di 2,90 m; a quota
1340,5 m s.l.m. Ne consegue un franco idraulico di 4,1 m.
Maggiori dettagli costruttivi in merito al ponte sono riportati nella relazione
tecnica illustrativa A.01 e nelle tavole C.11 e C.12 Ponte di accesso allopera di
presa.
8.1.4 VERIFICA CON BRIGLIE INTERRITE
E stata condotta unulteriore verifica considerando la situazione di progetto con
le briglie completamente interrite, situazione che si potrebbe creare in condizioni
di piena a causa del notevole trasporto solido da parte della corrente idrica.
Nella tabella 5 e nella figura 30 sono riportati i valori delle grandezze idrauliche
pi significative e i profili longitudinali del pelo libero con lindicazione dei livelli
di piena raggiunti al passaggio della portata con tempo di ritorno di 200 anni.
20 30 40 50 60 70
1335
1340
1345
1350
1355
1360
1365
Presa stato di progetto
Ponte per l'accesso in galleria
Station (m)
Q
u
o
t
e

(
m
)
Legend
WS PF 1
Crit PF 1
Ground
Bank Sta
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 81/88

SEZIONE
QUOTA FONDO
ALVEO
LIVELLO
IDRICO
BATTENTE
IDRICO
VELOCIT
MEDIA
NUMERO DI
FROUDE
[m s.m.] [m s.m.] [m] [m/s] [-]
1 1354.37 1357.86 3.49 4.78 1.01
2 1354.3 1356.16 1.86 6.66 1.75
3 1354.29 1356.87 2.58 3.03 0.66
4 1354.29 1356.83 2.54 2.7 0.56
5 1354.29 1356.16 1.87 4.06 1
Traversa di presa 1354.3 1356.16 1.86
7 1349.87 1352.73 2.86 2.6 0.51
8 1349.87 1352.67 2.8 2.53 0.5
9 1349.87 1352.66 2.79 2.2 0.44
Briglia 1349.87 1352.66 2.79
10 1343.87 1346.41 2.54 4.2 1
11 1343.16 1345.06 1.9 5.82 1.57
12 1342.85 1344.79 1.94 5.02 1.27
Controbriglia 1342.85 1345.06 2.21
13 1340.29 1342.6 2.31 4.39 1
14 1339.7 1341.49 1.79 5.63 1.38
15 1339.1 1341.38 2.28 4.73 1.03
16 1338.76 1340.95 2.19 4.88 1.08
17 1337.92 1339.54 1.62 6.28 1.61
Monte Ponte 1337.6 1340.54 2.94 3.22 0.62
Ponte 1337.6 1340.5 2.9
Valle Ponte 1337.6 1340.45 2.85 3.32 0.65
18 1337.51 1340.48 2.97 3.1 0.59
19 1337.27 1340.52 3.25 2.55 0.47
20 1336.81 1339.72 2.91 4.32 1
21 1336.76 1339.03 2.27 4.98 1.17
22 1336.72 1338.82 2.1 4.47 1.08
23 1336.63 1338.67 2.04 4.1 0.99
24 1336.42 1337.93 1.51 4.77 1.32
25 1336.03 1338.15 2.12 3.04 0.72
26 1335.92 1338.03 2.11 2.94 0.68
27 1335.54 1337.9 2.36 2.93 0.65
28 1335.49 1337.71 2.22 3.07 0.7
29 1335.31 1337.13 1.82 4.02 1
Tabella 9 - Profilo di progetto per Q200 = 250 m
3
/s.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 82/88

Figura 53 - Profili di progetto per la portata di piena duecentennale, con briglie interrite.
0
5
0
1
0
0
1
5
0
2
0
0
2
5
0
3
0
0
1
3
3
5
1
3
4
0
1
3
4
5
1
3
5
0
1
3
5
5
1
3
6
0
P
r
e
s
a

b
r
i
g
l
i
e

i
n
t
e
r
r
i
t
e



D
i
s
t
a
n
z
e

(
m
)
Q u o t e ( m )
L
e
g
e
n
d
W
S


P
F

1
C
r
i
t


P
F

1
G
r
o
u
n
d
2 8 . . .
2 7 . . .
2 6
2 5
2 4
2 3
2 2
2 1
2 0
1 9 *
1 8 *
p o n t e p e . . .
1 7 *
1 6 *
1 5 *
1 4 *
1 3 *
1 2
1 1
1 0
9
8
7
5
4
3
2
1
M
a
l
l
e
r
o

P
r
e
s
a
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 83/88
I livelli in corrispondenza del ponte, anche considerando le briglie interrite, non
cambiano rispetto a quelli valutati in precedenza, nella configurazione di
progetto.





























Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 84/88
8.2 VERIFICA DEL LIVELLO DI PIENA IN CORRISPONDENZA
DELLO SCARICO DELLA CENTRALE
Nel capitolo seguente sono riportate le verifiche idrauliche, effettuate mediante
un modello a moto permanente monodimensionale tramite lausilio del software
HEC-RAS, in corrispondenza della centrale; scopo dello studio accertare che il
canale di scarico non venga rigurgitato dal torrente in condizioni di piena con
tempo di ritorno pari a 200 anni.

Figura 54 Planimetria di progetto Edificio Centrale
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 85/88
Anche in questo caso il modello idraulico per la simulazione dei tiranti idrici
stato realizzato a partire da un rilievo topografico di dettaglio in corrispondenza
della zona ove sorger la centrale; in particolare sono state ricostruite 11
sezioni, che ricoprono un tratto di circa 120 m, con la prima sezione posta circa
90 m a monte del canale di scarico.
La quota di sbocco del canale di scarico posta a 1024 m s.l.m.. La quota di
fondo in corrispondenza di tale punto risulta essere di circa 1119,16 m s.l.m..
Il valore della portata di piena di progetto utilizzata nelle simulazioni :
- Q200 = portata massima corrispondente a Tr = 200 anni, in corrispondenza
della centrale = 280 m
3
/s.
Per il calcolo delle perdite di carico distribuite stato assunto, cautelativamente
e a favore di sicurezza, un valore di perdita di carico di Manning pari a 0,06
s/m
1/3
, corrispondente a un coefficiente di Strikler di 16,67 m
1/3/
s. Le condizioni
al contorno di monte e di valle sono state imposte pari allaltezza di stato critico.

SEZIONE
QUOTA FONDO
ALVEO
LIVELLO
IDRICO
BATTENTE
IDRICO
VELOCIT
MEDIA
NUMERO DI
FROUDE
[m s.m.] [m s.m.] [m] [m/s] [-]
1 1025.64 1029.07 3.43 5.6 1.01
2 1024.03 1026.71 2.68 7.94 1.56
3 1023.61 1025.83 2.22 7.81 1.78
4 1022.72 1025.35 2.63 7.11 1.58
5 1021.86 1023.86 2 7.47 2.07
6 1021.09 1024.14 3.05 5.34 1.16
7 1020.62 1023.17 2.55 6.1 1.47
8 1020.13 1022.8 2.67 5.48 1.26
scarico 1019.16 1022.34 3.18 5.25 1.14
10 1018.18 1020.49 2.31 6.86 1.64
11 1015.88 1019.2 3.32 7.09 1.53
Tabella 10 - Profilo in corrispondenza dello scarico della centrale per Q200 = 280 m
3
/s.
Il livello idrico nella sezione in corrispondenza dello sbocco del canale di
1022,34 m s.l.m., quasi 1,70 m al di sotto della quota di sbocco del canale di
scarico.
Dunque anche il canale di scarico risulta in sicurezza idraulica al passaggio della
portata di piena duecentennale.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 86/88

Figura 55 - Profili in corrispondenza della centrale, per la portata di piena duecentennale.


0
2
0
4
0
6
0
8
0
1
0
0
1
2
0
1
0
1
4
1
0
1
6
1
0
1
8
1
0
2
0
1
0
2
2
1
0
2
4
1
0
2
6
1
0
2
8
1
0
3
0
s
c
a
r
i
c
o

c
e
n
t
r
a
l
e



M
a
i
n

C
h
a
n
n
e
l

D
i
s
t
a
n
c
e

(
m
)
E l e v a t i o n ( m )
L
e
g
e
n
d
C
r
i
t


T
r

2
0
0
W
S


T
r

2
0
0
G
r
o
u
n
d
1 0
9 S c a r i c o c e n t r a l e
8
7
6
5
4
3
2
1
m
a
l
l
e
r
o

s
c
a
r
i
c
o
Canale di scarico:
quota 1024 m s.l.m.
Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 87/88
9. ALLEGATO A: CRONOPROGRAMMA LAVORI






























TIPO OPERA
0 OPERE COMPATIBILI CON PROGETTO DI GRANDE DERIVAZIONE
Mese
15 6 7
Mese Mese Mese Mese
CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI IMPIANTO IDROELETTICO MALLERO
Mese Mese Mese SET. 2013 OTT. 2013 NOV. 2013 Mese Mese Mese
11 4 5
Mese
-3 -2 -1 1 2 12
Mese Mese
13
Mese Mese
14
Mese
16 3 8 9 10
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
Mese
17
0.a Scavi e movimento terra
0.c Opere in pietra e scogliere
0.d Opere varie in alveo
1 PRESA
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
1.a Allestimento cantiere
1.c Ponte + Accessi
1.d Scavo galleria in roccia (metodo tradizionale)
1.e Abbassamento briglia esistente e traversa in alveo. abbassamento briglia esistente
1.f Opere in c.a. - - Platee, muri e Vasche
1.g Opere ettromeccaniche posa paratoia sghiaiatrice
1.h Finiture
2 CENTRALE
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
2.a Allestimento cantiere
2.b Scavi e movimento terra
2.c Fondazioni, canale di scarico e opere in c.a.
2.d Opere in pietra
2.e Opere elettromeccaniche
2.f Sistemazioni esterne e Finiture
3 STRADA DI ACCESSO ALLA CENTRALE
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
3.a Allestimento cantiere
3.b Scavi e movimento terra
3.c Opere in c.a. - Fondazioni e cordoli -
3.d Opere in muratura
3.e Sistemazioni esterne e Finiture
4 GALLERIA
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
4.a Allestimento cantiere
4.b Approntamento e collaudo TBM
4.c Avanzamento TBM
4.d Smontaggio testa e recupero TBM
4.e Realizzazione di platea e allestimento linea elettrica
4.f Portale di ingresso e sistemazioni finali
5 CONDOTTA FORZATA INTERRATA
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
5.a Allestimento cantiere e opere accessorie
5.b Esecuzione scavo e piste di accesso
5.c Posa tubazione e saldatura
5.d Blocchi di ancoraggio e reinterri
5.e Sistemazioni Ambientali
6 CONDOTTA FORZATA IN GALLERIA
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
6.a Allestimento cantiere e opere accessorie
6.b Trasporto e alloggiamento tubazione
6.c Esecuzione saldatura
7 LINEA ELETTRICA
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
7.a Allestimento cantiere
7.b Scavo + posa cavidotto nuova linea
7.c Realizzazione cabina Elettrica
7.d Allacciamento nuova linea a rete Enel
7.e Scavo + posa cavidotto linea da potenziare
7.f Posa cavidotto acciaio su ponte
7.g Allacciamento linea potenziata
8 PROVE / COLLAUDI
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E
S
O
S
P
E
N
S
IO
N
E

Relazione tecnica - idraulica

Salvetti_Graneroli
studio di ingegneria engineers associated

pag. 88/88
10. ALLEGATO B: PREVENTIVO DI
CONNESSIONE/ STGM E SUA ACCETTAZIONE











GRUPPO ENEL - DIVISIONE INFRASTRUTTURE E RETI
Distribuzione Territoriale Rete Lombardia






1/16
Enel Distribuzione SpA Societ con unico socio - Sede legale 00198 Roma, via Ombrone 2 - Registro Imprese di Roma, C.F. e P.I. 05779711000 - R.E.A.
922436 - Capitale Sociale Euro 2.600.000.000,00 i.v. - Direzione e coordinamento di Enel SpA


DIS/MAT/NO/DTR-LOM/VEM-BIL
RACCOMANDATA AR

SPETT.LE
STUDIO DI INGEGNERIA SALVETTI-
GRANEROLI
LUNGOFIUME MALLERO CADORNA 49 -
SONDRIO
23100 SONDRIO SO

Codice di rintracciabilit: T0530598
Oggetto: Preventivo di connessione alla rete MT di Enel Distribuzione in regime di
Cessione per limpianto di produzione da fonte Idraulica per una potenza in
immissione richiesta di 4200 kW sito in LOCALITA' CASTELLACCIO SNC - Chiesa
in Valmalenco


Con riferimento alla Sua richiesta di connessione del 26/09/2012 si trasmette, ai sensi della
Delibera dell'Autorit per l'Energia Elettrica ed il Gas n. 99/08, allegato A - Testo Integrato
delle Connessioni Attive (TICA) e successive modifiche ed integrazioni, comprese quelle
introdotte dalla deliberazione n. 328/2012/R/EEL, di seguito denominata TICA, il preventivo
di connessione, elaborato secondo le seguenti condizioni:
Potenza in immissione richiesta (art. 1.1,dd del TICA) 4200 kW;
Potenza nominale dellimpianto di produzione 4200 kW;
Potenza ai fini della connessione (art. 1.1,z del TICA) 4200 kW.
1. DATI IDENTIFICATIVI DI IMPIANTO
I seguenti dati sono relativi al punto di connessione dell'impianto in oggetto alla rete MT con
tensione nominale 15000 V ed identificato con il codice di rintracciabilit della richiesta
T0530598.

indirizzo: LOCALITA' CASTELLACCIO SNC - Chiesa in Valmalenco
comune: Chiesa in Valmalenco 23023 (SO)
codice POD: IT001E177164461(Art. 37, c.1 Delibera 111/06)
codice presa: 1411504724632
codice fornitura: 177164461
Cliente: MALLERO ENERGIA SRL
DTR: Lombardia
Zona: Sondrio I
d
.
1
3
9
8
3
1
8
2


Enel-DIS-26/11/2012-2093841


2/16
2. COSTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA CONNESSIONE E MODALITA DI
PAGAMENTO
Limporto da corrispondere per la richiesta di connessione in immissione, nel caso in cui
limpianto per la connessione venga realizzato da Enel Distribuzione, come da soluzione tecnica
minima individuata, pari a 198.343,20 IVA compresa, come meglio specificato nel seguito:

- valore 163.920,00 determinato come minimo tra:
A = 35 4200 + 90 2 4200 0,27+100 351.220,00
B = 4 4200 + 7,5 2 4200 2,24+6000 163.920,00

cui andr aggiunta l IVA pari a 34.423,20 .
Pertanto il corrispettivo per la connessione pari a 198.343,20 , IVA compresa.
Con laccettazione del preventivo dovr corrispondere limporto di 59.502,96 IVA compresa
(pari al 30% dellimporto totale sopraddetto).
Limporto a saldo, pari a 138.840,24 (70% dellimporto totale iva compresa), dovr essere
corrisposto contestualmente alla comunicazione di completamento delle opere strettamente
necessarie alla realizzazione fisica della connessione, previste nella Specifica Tecnica allegata
al presente preventivo.
Nel caso in cui si avvalga della facolt di realizzare in proprio limpianto di rete per la
connessione, il pagamento della quota a saldo, pari al 70% del corrispettivo, non dovr invece
essere effettuato. Inoltre Le facciamo presente che la quota, pari al 30%, da versare
allaccettazione del preventivo, Le sar restituita, maggiorata degli interessi legali,
successivamente allesito positivo del collaudo dellimpianto di rete per la connessione da Lei
realizzato e comunque non prima della stipulazione dellatto notarile di cessione dellimpianto
di rete stesso.
Gli importi suddetti potranno essere corrisposti mediante:
bonifico bancario IT61 W030 6909 4200 0080 2075 875 riportando come dicitura:
Corrispettivo pratica n T0530598;
Qualora Lei intenda avvalersi della facolt di realizzare in proprio le opere di rete
(impianto di rete e interventi sulla rete esistente), Le comunichiamo che i costi medi della
soluzione tecnica individuata sono pari a:
72.350,00 +IVA come di seguito specificato:
o costi impianto di rete di nuova costruzione: 16.350,00 +IVA
o costi interventi sulla rete esistente necessari alla connessione, da Lei eseguibili:
51.000,00 +IVA
o costi interventi sulla rete necessari alla connessione eseguibili soltanto da Enel
Distribuzione per esigenze di sicurezza e salvaguardia della continuit del
servizio elettrico: 5.000,00 +IVA
Le opere necessarie per la connessione (impianto di rete e interventi sulla rete esistente) che
potranno essere da Lei realizzate in quanto non si rilevano incompatibilit con le esigenze di
sicurezza e di salvaguardia della continuit del servizio elettrico sono di seguito specificate nel
paragrafo Soluzione Tecnica.
Pertanto qualora si avvalga della facolt di realizzare in proprio limpianto di rete per la
connessione, di seguito sono specificati gli importi che Lei deve ad Enel Distribuzione o che
Enel Distribuzione deve versare a Lei con la stipulazione dellatto di cessione delle opere


3/16
realizzate, a seconda di quanto indicher allaccettazione del presente preventivo. Gli importi
citati sono stati calcolati tenendo conto di quanto previsto dagli artt. 12 e 16.6 del TICA.
Realizzazione a cura del produttore dellimpianto di rete di nuova costruzione. Gli
interventi su rete esistente saranno realizzati a cura Enel Distribuzione.
IMPORTO DOVUTO AD ENEL DISTRIBUZIONE: 147.570,00 + IVA
Realizzazione a cura del produttore dellimpianto di rete di nuova costruzione e degli
interventi su rete esistente, ad eccezione di quelli che per motivi di sicurezza e/o
salvaguardia del sistema elettrico sono a cura Enel Distribuzione.
IMPORTO DOVUTO AD ENEL DISTRIBUZIONE: 96.570,00 + IVA
Per la realizzazione degli impianti dovr sottoscrivere il contratto per la realizzazione
dellimpianto di rete per la connessione come da fac-simile pubblicato sul portale di Enel
Distribuzione e sottoporci il relativo progetto esecutivo per lacquisizione del parere di
rispondenza ai requisiti tecnici.
Gli impianti di rete per la connessione, una volta completati, dovranno essere resi disponibili
ad Enel Distribuzione per il collaudo e la conseguente accettazione.
Per il collaudo tenuto a corrispondere ad Enel Distribuzione, dopo la sottoscrizione del
contratto di realizzazione dellimpianto di rete per la connessione e contestualmente alla
presentazione ad Enel Distribuzione del relativo progetto esecutivo, i relativi oneri.
Di seguito si riportano gli oneri di collaudo che Lei dovr versare, come verr stabilito nel
contratto di realizzazione dellimpianto di rete per la connessione, a seconda dellopzione da
Lei indicata con laccettazione del presente preventivo:
- collaudo relativo allimpianto di rete di nuova costruzione: 5.596,00 +IVA
- collaudo degli interventi sulla rete esistente: 9.532,00 +IVA
Tale importo potr subire maggiorazioni qualora il collaudo eseguito non si concluda
favorevolmente e siano quindi necessarie ulteriori attivit di collaudo per accertare
l'eliminazione dei vizi e difformit riscontrate.
Le specifichiamo altres che limpianto di rete da Lei realizzato dovr essere oggetto di
cessione mediante sottoscrizione di specifico atto notarile.
Le evidenziamo che, dopo il collaudo positivo dellimpianto di rete da Lei realizzato e la
redazione del verbale di consegna dello stesso ai fini della successiva messa in servizio, Enel
Distribuzione sar immessa nel possesso gratuito dellimpianto. Pertanto, sino a quando non si
proceder alla stipulazione dellatto di cessione per limpianto di rete, i costi per la
manutenzione realizzato dello stesso e per leliminazione degli eventuali vizi e difetti dello
stesso sono a Suo esclusivo carico.
3. TIPOLOGIA DI LAVORO PER ESECUZIONE DELLA CONNESSIONE
Il lavoro necessario per eseguire la connessione di tipo Complesso (art. 10.1 TICA).
Qualora Lei non intenda avvalersi della facolt di realizzare in proprio limpianto di rete per la
connessione (art.16 Allegato A del TICA) il tempo massimo previsto per l'esecuzione dei lavori
a cura Enel Distribuzione di 90 giorni lavorativi, al netto di eventuali sospensive previste dal
TICA (quali ad esempio appuntamenti per sopralluogo in data diversa da quella prevista da
Enel Distribuzione, atti autorizzativi, ecc.).
Per il caso in cui realizzi in proprio la parte di impianto di rete di nuova costruzione, Le
evidenziamo che il tempo massimo previsto per l'esecuzione degli interventi sulla rete
esistente, necessari per lattivazione della connessione richiesta ed indicati al par.Soluzione
tecnica realizzati da Enel Distribuzione, di 90 giorni lavorativi, al netto di eventuali
sospensive previste dal TICA (quali ad esempio appuntamenti per sopralluogo in data diversa
da quella prevista da Enel Distribuzione, atti autorizzativi, ecc.). In relazione ai suddetti tempi


4/16
di realizzazione degli interventi, Le comunichiamo che gli stessi inizieranno a decorrere dal
ricevimento della Sua comunicazione di completamento delle opere strettamente necessarie
alla realizzazione fisica della connessione riportate nella specifica tecnica, sempre che sia stata
da Lei realizzata la parte di impianto di rete di nuova costruzione che ci consentir di eseguire
gli interventi di nostra competenza.
Enel Distribuzione non risponde di eventuali danni per ritardi nellesecuzione dei lavori di
competenza per cause non imputabili alla stessa.
Si ricorda che lesecuzione delle opere di nostra competenza subordinata al ricevimento della
Sua comunicazione di realizzazione a sua cura e spese delle opere strettamente necessarie
alla realizzazione fisica della connessione comunicate mediante la specifica tecnica allegata al
presente preventivo e, qualora non abbia esercitato la facolt di realizzare in proprio limpianto
di rete, al pagamento della restante quota del corrispettivo di connessione.
4. SOLUZIONE TECNICA
Le evidenziamo che laccettazione del preventivo comporta la prenotazione della capacit di
rete relativamente alla potenza di immissione indicata nel presente preventivo, con le modalit
e tempistiche previste dallart. 33 del TICA come modificato dalla deliberazione
328/2012/R/EEL.

Il Suo impianto sar allacciato alla rete di Enel Distribuzione tramite realizzazione di una nuova
cabina di consegna collegata in entra-esce su linea MT esistente "CHIESA", uscente dalla
cabina primaria AT/MT "LANZADA".
Tale soluzione prevede la realizzazione dei seguenti impianti, per i quali ha facolt di
realizzazione in proprio:
- Linea in cavo sotterraneo Al 185 mm2 su strada asfaltata con riempimenti in inerte naturale e ripristini,
doppia terna nel medesimo scavo (esclusi costi delle servit): 20 m
- Due giunti di inserimento in rete per soluzione di connessione cabina di consegna con entra-esci in cavo
interrato. (Costo per singola terna)
- Allestimento cabina di consegna entra-esce (escluso manufatto cabina)
- Fornitura ed installazione Unit Periferica e modulo GSM in cabina di consegna
- Fornitura ed installazione Unit Periferica e modulo GSM in cabina di consegna
Tale soluzione prevede i seguenti interventi sulla rete esistente:
- Linea in cavo sotterraneo Al 185 mm2 su strada asfaltata con riempimenti in inerte naturale e ripristini
(esclusi costi delle servit): 680 m
- Nuovo dispositivo di sezionamento in cabina secondaria esistente
- Nuovo dispositivo di sezionamento in cabina secondaria esistente
Per ragioni di sicurezza, qualora intenda avvalersi della facolt di realizzare in proprio
limpianto per la connessione, potr realizzare i seguenti interventi sulla rete esistente:
- Linea in cavo sotterraneo Al 185 mm2 su strada asfaltata con riempimenti in inerte naturale e ripristini
(esclusi costi delle servit): 680 m
I restanti interventi sulla rete esistente saranno quindi realizzati da Enel Distribuzione.
In merito agli interventi sulla rete esistente che possono essere da Lei realizzati, precisiamo,
per il caso decida di esercitare la facolt di cui allart. 16.1 del TICA, che non Suo obbligo
eseguirli, quindi potr decidere di farli realizzare da Enel Distribuzione.
I parametri di rete (corrente di guasto a terra e tempo di eliminazione del guasto nel punto di
connessione, valori di regolazione delle protezioni, ecc.) le verranno comunicati a seguito
dellaccettazione del presente preventivo.
In allegato viene trasmessa una planimetria riportante il tracciato di massima, il punto dove
sar realizzata la cabina di consegna e il punto di innesto dellimpianto di rete per la
connessione alla rete esistente.


5/16
Evidenziamo inoltre che, qualora la soluzione tecnica di connessione alla rete del Suo impianto
di produzione dovesse risultare, in tutto o in parte, comune ad altri impianti di produzione,
indispensabile mettere in atto il coordinamento tra i vari richiedenti interessati. Sar nostra
cura trasmettere ogni informazione necessaria ai fini di tale coordinamento, che potr
auspicabilmente riguardare la fase autorizzativa mentre dovr necessariamente attuarsi per la
fase realizzativa.
Per quanto riguarda la fase autorizzativa, in mancanza del suddetto coordinamento, La
informiamo che, dopo lapprovazione del progetto dellimpianto di rete da Lei eventualmente
predisposto per la gestione in proprio delliter autorizzativo, procederemo ad inviare tale
progetto, limitatamente alla porzione che dovesse risultare comune, anche agli altri richiedenti
interessati che abbiano scelto di seguire in proprio liter autorizzativo, affinch gli stessi ne
tengano conto. Pertanto con laccettazione del presente preventivo, Lei autorizza la consegna e
la divulgazione a terzi del suddetto progetto.
Per quanto riguarda poi la fase realizzativa e qualora non sia stato ancora sottoscritto il
contratto di cui allart. 16.2 del TICA, i richiedenti che hanno in comune limpianto di rete per
la connessione, o almeno una sua parte, secondo quanto previsto nellart. 16.7 TICA, sono
tenuti ad accordarsi individuando, entro 60 giorni lavorativi dalla comunicazione di ottenimento
dellautorizzazione alla costruzione ed esercizio dellimpianto di rete, un referente che costituir
lunico riferimento per Enel Distribuzione per la costruzione dellimpianto di rete comune. Tale
referente dovr sottoscrivere, unitamente a tutti gli altri richiedenti interessati, un contratto
per la realizzazione di tale opera in cui vengono regolate le tempistiche, i corrispettivi e le
responsabilit della realizzazione. Nel caso in cui le clausole contrattuali non siano rispettate,
Enel Distribuzione prevede la possibilit di rivalersi nei confronti del referente e di sciogliere il
contratto, riassumendo la responsabilit della realizzazione dellimpianto di rete per la
connessione.
In caso di mancato accordo, la parte condivisa dellimpianto di rete per la connessione verr
realizzata da Enel Distribuzione.
Per la realizzazione in proprio delle parti non comuni dellimpianto di rete per la connessione,
prevista la sottoscrizione del contratto per lesecuzione delle opere menzionato nel presente
preventivo.
Vi segnaliamo l esigenza di limitare il contributo al corto circuito fino a un massimo
di 700 A
5. TUTELA DEGLI ELETTRODOTTI
Le facciamo presente che la localizzazione dei nuovi impianti di produzione, quali ad es.
pannelli fotovoltaici, e delle relative opere accessorie, non deve comportare alcun problema
nella gestione ordinaria e straordinaria degli impianti elettrici esistenti nonch del realizzando
impianto di rete. In particolare non dovranno essere occupate le fasce necessarie alla suddetta
gestione, la cui estensione per tipologia di impianto riportata nella tabella Larghezza delle
fasce da asservire in presenza di campate di lunghezza ricorrente allegata.
Il rispetto della sopracitata prescrizione costituisce condizione indispensabile, tenuto anche
conto delle facolt previste a favore del Gestore della Rete dallart. 121 del T.U. delle
disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici n 1775/33, per lesecuzione delle attivit
di ispezione, di manutenzione ordinaria e straordinaria delle linee finalizzata a garantire la
continuit del servizio di distribuzione di energia elettrica o ad eliminare eventuali situazioni di
pericolo, mediante anche limpiego di specifici mezzi dopera.
Eventuali Sue esigenze di spostamento dei nostri elettrodotti dovranno essere formalizzate per
la successiva emissione del preventivo ad hoc, che conterr anche la quantificazione dei relativi
oneri economici.


6/16
6. ITER AUTORIZZATIVO
La gestione delliter autorizzativo finalizzata allottenimento dellautorizzazione alla
costruzione ed esercizio delle opere di rete, compresi gli eventuali interventi di adeguamento
e/o sviluppo della rete di distribuzione e/o della Rete di Trasmissione Nazionale (RTN) indicati
nella soluzione tecnica, necessari alla connessione, nonch lacquisizione di tutti gli altri
provvedimenti amministrativi richiesti dalla legge ai fini della cantierabilit delle suddette
opere e delle eventuali servit di elettrodotto e/o cabina.
Tale gestione comporta quindi lesecuzione di tutti gli adempimenti richiesti dalla normativa
statale, regionale e/o dai regolamenti locali sia per il rilascio dei suddetti provvedimenti/atti
amministrativi, sia per lottenimento, in maniera consensuale o mediante procedura coattiva,
delle servit di elettrodotto o cabina sulle propriet interessate dalle opere di rete per la
connessione.
Per quanto concerne l'impianto di rete per la connessione e gli interventi riguardanti la rete di
distribuzione il rilascio dellautorizzazione per la costruzione ed esercizio presuppone
lottenimento dei pareri/nullaosta favorevoli di tutti gli Enti/P.A. competenti, come da
indicazioni contenute nel RD n. 1775/33 e nelle Leggi di seguito evidenziate:
-Legge Regionale 52/1982 e successive modificazioni ed integrazioni

Nel caso di interventi sulla RTN, per liter autorizzativo relativo a tali interventi si dovr tener
conto di quanto riportato nella soluzione tecnica inviata da Terna ed allegata al presente
preventivo.
Se il tracciato dell'impianto di rete di distribuzione interessa aree private, necessaria la
costituzione delle relative servit di elettrodotto, la cui consistenza dovr essere conforme alla
tabella allegata al presente preventivo. Tale servit, in caso di acquisizione consensuale, dovr
essere costituita secondo il testo fac-simile da richiedere ad Enel Distribuzione, altrimenti
dovr essere ottenuta in via coattiva nel rispetto delle indicazioni del DPR n. 327/01 e della
relativa legislazione regionale. Per quanto riguarda gli interventi sulla RTN dovr richiedere a
Terna lampiezza delle fasce di rispetto dei loro impianti in modo da tenerne conto nellambito
della progettazione autorizzativa degli stessi.
Qualora la localizzazione dellimpianto interessi aree pubbliche o interferisca con opere
infrastrutturali e viarie, dovr essere acquisito il relativo provvedimento per loccupazione
dellarea, nel rispetto delle convenzioni Enel Distribuzione/Enti eventualmente esistenti. Sar a
Sua cura verificare con Enel Distribuzione lesistenza di tali accordi.
Per quanto concerne lobbligo di informativa da parte del gestore di rete di cui agli artt. 7.3-e;
9.2; 9.4; 9.9 del TICA, si segnala che nella redazione delle istanze di autorizzazione alla
costruzione e allesercizio dellimpianto di rete per la connessione si dovr tener conto:
della normativa di settore sopra richiamata;
della normativa disciplinante gli specifici vincoli (beni ambientali, ZPS, beni archeologici
ecc..) eventualmente presenti nelle aree interessate dalla localizzazione del tracciato
per l'impianto di rete;
delle specifiche disposizioni di dettaglio emanate da ogni singolo Ente competente alla
gestione dei vincoli;
delle convenzioni Enel Distribuzione/Enti interessati.
Si segnala altres che nella progettazione finalizzata alla definizione del tracciato definitivo degli
impianti elettrici necessario tenere conto della normativa applicabile in materia di tutela
dallesposizione ai campi elettromagnetici.
In particolare si richiamano:
la legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed
elettromagnetici n 36 del 22/02/2001;


7/16
la disciplina di cui allart. 4 del D.P.C.M. 8 luglio 2003 (fissazione dei limiti di
esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualit per i campi
elettromagnetici generati dagli elettrodotti) concernente la fissazione dei limiti
dellobiettivo di qualit e lelencazione dei luoghi soggetti a tutela;
le prescrizioni di cui al Decreto del Ministero dellAmbiente del 29 maggio 2008
concernente lapprovazione della metodologia di calcolo delle fasce di rispetto per
elettrodotti;
il documento Enel Distribuzione Linee Guida per lapplicazione del DM 29.05.08 -
Distanza di Prima Approssimazione (DPA) da linee e cabine elettriche pubblicata sul
sito internet di Enel Distribuzione all'indirizzo:
http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_regole_tecniche/
Nellistanza di autorizzazione alla costruzione e allesercizio dellopere di rete necessarie alla
connessione si dovr:
esplicitare la richiesta di dichiarazione di Pubblica Utilit delle suddette opere,
propedeutica allavvio delleventuale procedimento di asservimento coattivo o di
espropriazione;
richiedere lapposizione del vincolo preordinato allesproprio nel caso di opere elettriche
inamovibili;
precisare che le opere di rete necessarie alla connessione, se realizzate dal produttore,
saranno cedute al gestore competente prima della messa in esercizio.
Facciamo presente che i tempi di esecuzione dellimpianto di rete per la connessione e degli
eventuali interventi sulla rete esistente sono calcolati al netto dei tempi occorrenti per
lacquisizione di tutti gli atti autorizzativi necessari per la cantierabilit dellopera, ivi comprese
le eventuali servit di elettrodotto.
Il D. Lgs. n. 387/03 stabilisce che, nellambito del procedimento unico previsto dallart. 12,
commi dal 3 al 4bis, devono essere autorizzate, oltre che limpianto di produzione, tutte le
opere connesse e le infrastrutture indispensabili. Tra le opere connesse rientrano sia le opere
di connessione alla rete di distribuzione che quelle alla rete di trasmissione nazionale (RTN),
come stabilito dallart. 1 octies della L. n.129/2010.
Qualora per la realizzazione dellimpianto di produzione trovi applicazione la Procedura
Abilitativa Semplificata (di seguito PAS) di cui allart. 6 Dleg.vo n.28/2011, si evidenzia che
condizione preliminare per lavvio di tale procedura che il richiedente abbia acquisito la
disponibilit non solo dei terreni per la costruzione dellimpianto di produzione ma anche di
quelli necessari per la realizzazione delle opere di connessione alla rete elettrica indicate dal
gestore di rete nella soluzione tecnica. La disponibilit delle aree sopraddette deve consentire
la realizzazione e lesercizio delle suddette opere.
Alla richiesta di PAS devono essere allegate le autorizzazioni, i nullaosta, o atti di assenso
comunque denominati, ottenuti preventivamente e concernenti anche le opere di connessione
sopraddette.
Si sottolinea che listanza di autorizzazione unica di cui allart.12 Dlgs n. 387/03 ovvero la
richiesta di PAS di cui allart. 6 del Dlgs 28/2011, dovranno necessariamente contenere la
precisazione che, a costruzione avvenuta, le opere di rete per la connessione saranno
ricomprese negli impianti del gestore di rete e saranno quindi utilizzate per lespletamento del
servizio pubblico di distribuzione/trasmissione. Conseguentemente il titolare dellautorizzazione
allesercizio di tali opere non potr che essere Enel Distribuzione e, limitatamente alle opere
RTN, Terna.
Inoltre, sempre nellambito del procedimento autorizzativo o della PAS, dovr essere fatto
presente che, relativamente alle opere di rete per la connessione, non dovr essere inserito,


8/16
per il caso di dismissione dellimpianto di produzione, lobbligo di rimozione delle stesse e di
ripristino dei luoghi.
Con loccasione rendiamo noto che le ulteriori informazioni che potranno essere utilizzate per la
progettazione ai fini autorizzativi dellimpianto di rete di distribuzione per la connessione
potranno essere acquisite attraverso la consultazione del sito:
http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_regole_tecniche/
e del documento Guida per le connessioni alla rete di Enel Distribuzione sez. G e J.
Tenuto conto di quanto previsto dal TICA, in relazione al procedimento autorizzativo per la
costruzione ed esercizio delle opere di rete per la connessione, potr chiedere, allatto di
accettazione del presente preventivo, la predisposizione della documentazione autorizzativa. In
tal caso dovr versare limporto di 6.000,00 + IVA a titolo di corrispettivo per la copertura
dei costi sostenuti per tale predisposizione. Tale importo comprensivo del corrispettivo
relativo alla predisposizione del piano particellare delle servit.
Qualora limpianto di produzione ricada nellattivit ad edilizia libera (art. 4 comma 2 lett. c,
D.Lgs. n. 28/2011) potr chiedere ad Enel Distribuzione la gestione dellintero iter autorizzativo
relativo allimpianto di rete per la connessione. Per la gestione di tale iter dovr corrispondere
con laccettazione del presente preventivo limporto di 9.000,00 + IVA; tale importo
comprensivo del corrispettivo per predisposizione piano particellare e del corrispettivo relativo
alla costituzione delle servit di elettrodotto.
Nel caso in cui Lei scelga di predisporre in proprio la documentazione progettuale da allegare
allistanza autorizzativa relativa alle opere di rete per la connessione, tale documentazione
dovr essere sottoposta ad Enel Distribuzione per il rilascio del benestare tecnico di
competenza di cui allart. 9 del TICA. La documentazione progettuale relativa agli eventuali
interventi sulla RTN sar da noi sottoposta alla validazione ed approvazione di Terna SpA.
Qualora prima del rilascio del benestare tecnico sopraddetto, dovessero pervenirci altre
richieste di connessione a fronte delle quali dovesse risultare necessaria la realizzazione di
impianti di rete comuni, ci riserviamo di convocare tutti i soggetti interessati per raggiungere,
ove possibile, un accordo in ordine alla localizzazione dei suddetti impianti.
In ogni caso, una volta rilasciato il benestare tecnico ad una soluzione progettuale,
tutti i progetti autorizzativi relativi alla connessione degli impianti di produzione interessati, in
tutto o in parte, dalla medesima soluzione tecnica, dovranno essere adeguati in modo da
garantire la compatibilit degli stessi al progetto approvato. Sar quindi cura di Enel
Distribuzione, una volta rilasciato il suddetto benestare tecnico, inviare informativa a tutti i
produttori interessati dalla medesima soluzione.
Evidenziamo poi che, con la consegna della documentazione progettuale relativa allimpianto di
rete per la connessione per il benestare tecnico sopraddetto, Enel Distribuzione viene
autorizzata, con laccettazione del presente preventivo, a riprodurre e divulgare tale progetto
per le proprie attivit di connessione e sviluppo della rete, nonch a trasmetterlo a tutti i
produttori interessati dalla medesima soluzione di connessione.
Le facciamo presente che dovr presentare, nel rispetto dei termini indicati nellart. 9 del TICA,
la richiesta di avvio del procedimento autorizzativo di cui al suddetto articolo. I suddetti termini
decorrono dalla data di accettazione del presente preventivo e sono sospesi per il tempo
necessario allacquisizione della validazione della documentazione progettuale delle opere per
la connessione da portare in autorizzazione. Contestualmente dovr inviarci unidonea
informativa per attestare il rispetto di quanto sopra riportato. A tal fine potr utilizzare il fac-
simile pubblicato sul sito:
http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_connessione/delibera125/



9/16
Inoltre Lei tenuto ad aggiornare Enel Distribuzione, con cadenza almeno semestrale, sugli
avanzamenti del procedimento autorizzativo di cui allart. 9 del TICA ed informarla
tempestivamente dellottenimento o meno delle autorizzazioni, allegando, nel caso di
ottenimento delle suddette autorizzazioni, lavvenuta registrazione dellanagrafica impianto
allinterno di GAUD, rilasciata da Terna ai sensi dellart. 36 del TICA.
Il riferimento Enel Distribuzione ai fini della convocazione nellambito del Procedimento Unico di
cui allart.12 del decreto legislativo n. 387/03 :
Enel Distribuzione S.p.A. - Distribuzione Territoriale Rete Lombardia - Unit Sviluppo Rete -
Casella Postale 17010 - via Pindaro 29, 20128 Milano

La scelta tra le possibili opzioni riconosciute relativamente alliter autorizzativo di cui allart. 9
del TICA dovr essere indicata allatto di accettazione del presente preventivo.
Gli eventuali pagamenti dovranno essere effettuati contestualmente allaccettazione del
preventivo.
7. MISURA DELLENERGIA IMMESSA E PRELEVATA DALLA RETE
Linstallazione e manutenzione degli apparecchi di misura dellenergia sul punto di
connessione, secondo quanto da Lei indicato nella richiesta di connessione, verr effettuata da
Enel Distribuzione, secondo le condizioni generali previste nel contratto del servizio di misura
allegato, che riportano anche i corrispettivi e le modalit di fatturazione.
La raccolta, validazione e registrazione delle letture a carico di Enel Distribuzione, che
provveder ad addebitare i relativi oneri secondo quanto previsto dalle vigenti norme in
materia.
8. INDENNIZZI
Qualora il presente preventivo venisse messo a sua disposizione oltre i tempi previsti dal
TICA, sar corrisposto un indennizzo automatico di importo pari a quanto previsto dallart.
14.1.
Qualora il preventivo eventualmente rielaborato in base a prescrizioni delle autorit competenti
per il rilascio delle autorizzazioni venisse messo a sua disposizione oltre 30 giorni lavorativi
dalla data di ottenimento delle autorizzazioni, sar corrisposto un indennizzo automatico di
importo pari a quanto previsto dallart. 14.1.
Qualora la connessione venga realizzata oltre i tempi previsti dal TICA, sar corrisposto un
indennizzo automatico di importo pari a quanto previsto dallart. 14.2.
Gli indennizzi relativi a ritardo nella presentazione di eventuali richieste di autorizzazione in
capo ad Enel Distribuzione o ritardo nella messa a disposizione delle informazioni necessarie
alla predisposizione della documentazione da presentare nellambito del procedimento
autorizzativo saranno regolati secondo quanto disposto dallart. 14.3.
Saranno poi corrisposti gli altri indennizzi previsti dallart. 14.3. del TICA.
Qualora gli indennizzi automatici dovuti Le venissero corrisposti in ritardo, si applicano le
maggiorazioni previste al comma 40.5 del TICA.
9. ATTRIBUZIONI PATRIMONIALI

1. Il terreno su cui insiste limpianto di consegna ed i fabbricati da Lei realizzati rimarranno
di Sua propriet.
2. Il terreno ed i locali destinati al complesso di misura ed il locale di consegna saranno
gratuitamente messi a disposizione di Enel Distribuzione, finch la connessione alla rete
elettrica dei Suoi impianti di utenza e/o produzione rester in essere.


10/16
3. Per lutilizzo del terreno o dei locali destinati al complesso di misura o allalloggiamento
della cabina elettrica MT/BT dovr essere stipulata con la nostra societ specifica
servit di elettrodotto e/o di cabina elettrica. La parte impiantistica MT e BT del locale di
consegna (apparecchiature, carpenteria, conduttori, ecc.) sar di propriet esclusiva di
Enel Distribuzione.
4. Nel caso in cui debba essere realizzata una cabina primaria, dovr essere trasferita ad
Enel Distribuzione la propriet dellintera area su cui insiste la cabina in questione .
In relazione a quanto previsto ai precedenti punti, qualora il terreno o i locali in argomento non
siano di Sua propriet, si impegna ad acquisire prima dellattivazione della connessione il
consenso della propriet alla stipulazione degli atti necessari a regolare, secondo i criteri sopra
indicati, lutilizzazione dei beni da parte della nostra societ.
Gli spazi ulteriori rispetto a quelli strettamente necessari alla realizzazione dellimpianto di rete
per la connessione, eventualmente indicati nella specifica tecnica allegata e correlabili ad
esigenze di successivi sviluppi del Suo impianto elettrico, saranno messi gratuitamente a ns.
disposizione.
10. VALIDITA DEL PREVENTIVO
Il periodo di validit del presente preventivo, tenuto conto di quanto previsto dallart. 7.2 del
TICA, di 45 giorni lavorativi a decorrere dalla data di ricevimento dello stesso.
11. ACCETTAZIONE DEL PREVENTIVO
Qualora sia Sua intenzione accettare il presente preventivo necessario inviare al seguente
indirizzo: https://produttori-eneldistribuzione.enel.it/portaleproduttori, accedendo alla Sua
area riservata, ed utilizzando il servizio apposito:
Il modulo di accettazione, contenente altres laccettazione delle condizioni generali del
contratto di connessione e delle condizioni generali del servizio di misura, compilato e
firmato.
Documentazione attestante il pagamento del corrispettivo per la connessione come
precedentemente indicato.
Eventuale istanza di curare tutti gli adempimenti connessi alle procedure autorizzative
per limpianto di connessione, ovvero
la richiesta ad Enel Distribuzione di curare il procedimento autorizzativo compresa la
predisposizione della documentazione necessaria, allegando la ricevuta del pagamento
del corrispettivo come indicato precedentemente, ovvero
la richiesta ad Enel Distribuzione di predisporre esclusivamente la documentazione
necessaria per liter autorizzativo allegando la ricevuta del pagamento del corrispettivo
come indicato in precedenza.
Qualora desideri avvalersi della facolt prevista al comma 16.1 del TICA (realizzazione in
proprio dellimpianto per la connessione) necessario che lo indichi allaccettazione del
presente preventivo.
La informiamo inoltre che, ai sensi e per gli effetti dellinformativa prevista dallart.16.2 lettera
b del TICA, il link:
http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_regole_tecniche/.
contiene tutti gli elementi necessari alla realizzazione della connessione secondo i nostri
standard realizzativi.
Inoltre, sia in sede progettuale che in sede realizzativa dellimpianto per la connessione, Lei
dovr far riferimento al documento Guida per le connessioni alla rete di Enel Distribuzione, in
particolare alle Sezioni:


11/16
G Standard tecnici realizzativi degli impianti di rete per la connessione AT e MT
J Impianti di connessione realizzati a cura del Produttore Progettazione, esecuzione e
collaudi.
12. CONDIZIONI PER LA REALIZZAZIONE OPERE PER LA CONNESSIONE
Per consentirci di avviare la realizzazione delle opere di connessione di ns. competenza
necessario che, dopo lottenimento delle eventuali autorizzazioni previste nel presente
preventivo, Lei ci invii allindirizzo sopraindicato:
comunicazione di completamento delle opere strettamente necessarie ai fini della
realizzazione della connessione, indicate nella gi citata Specifica Tecnica
documentazione attestante il pagamento della restante quota (70%) del corrispettivo
per la connessione se non intende realizzare in proprio limpianto di rete per la
connessione
Qualora abbia esercitato la facolt prevista allarticolo 16 del TICA (realizzazione in proprio
dellimpianto di rete per la connessione),per poter dare corso alla realizzazione dellimpianto di
rete, necessario che Lei provveda:
a sottoscrivere il contratto per lesecuzione in proprio delle opere, come da fac-simile
pubblicato sul portale di Enel Distribuzione, contenente le tempistiche, i corrispettivi, le
responsabilit inerenti tale realizzazione, ivi comprese quelle conseguenti a vizi e difetti
dello stesso, e le indicazioni in merito alla polizza bancaria fideiussoria a prima richiesta
da presentare ad Enel Distribuzione al momento della stipulazione dellatto di cessione
dellimpianto di rete realizzato;
ad inviare il progetto esecutivo delle opere da realizzare a Sua cura per il rilascio del ns.
parere di rispondenza agli standard tecnici.
13. TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI NEI LUOGHI DI
LAVORO
Richiamiamo la Sua attenzione sulle disposizioni del D.Lgs. n. 81 del 09 aprile 2008
Attuazione dellarticolo 1 della legge 03 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute
e della sicurezza nei luoghi di lavoro che regolamentano la materia della tutela della salute e
della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro, ed in particolare sugli artt. n. 83 e 117, che
vietano lesecuzione di lavori in prossimit di linee elettriche o impianti elettrici con parti attive
non protette a meno che non vengano adottate idonee precauzioni.
14. CONDIZIONI PER LATTIVAZIONE DELLIMPIANTO
Una volta terminati i lavori di realizzazione della connessione, lattivazione dellimpianto
subordinata al ricevimento della seguente documentazione:
Dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet attestante il completamento dei lavori di
realizzazione dellimpianto di produzione nelle tempistiche previste dal provvedimento
autorizzativo
Nel caso di pratiche non gestite tramite procedura online, comunicazione di un recapito
di posta elettronica certificata (PEC) o fax per consentire ad Enel Distribuzione linvio
della comunicazione di disponibilit allattivazione secondo modalit che consentano
limmediato ricevimento, come disposto dal TICA
Versamento del corrispettivo per la remunerazione delle attivit di certificazione di fine
lavori eseguite dai gestori di rete ai sensi della Delibera ARG/elt n.149/11 ed invio della
certificazione attestante il pagamento dellimporto in questione (documentazione
richiesta solo per i soggetti titolari di un impianto di produzione iscritto al
registro di cui allart. 8 del decreto interministeriale 5 maggio 2011)



12/16
Esplicita richiesta di attivazione della fornitura di energia elettrica in prelievo, da inviare
a cura del venditore di energia elettrica da Lei scelto, secondo le consuete modalit di
scambio di comunicazioni con Enel Distribuzione (in assenza di tale documentazione e
nel caso in cui la fornitura in prelievo sia destinata unicamente allalimentazione dei
servizi ausiliari dellimpianto di produzione, vale quanto specificato allarticolo 10.11 art.
b del TICA)



Regolamento di Esercizio, che Le sar messo a disposizione da Enel Distribuzione, da
Lei compilato e sottoscritto, da allegare al Portale Produttori, utilizzando lapposito
servizio, e da inviare in originale allindirizzo:
Enel Distribuzione S.p.A. - Distribuzione Territoriale Rete Lombardia - Unit Esercizio
Rete - Casella Postale 17010 - via Pindaro 29, 20128 Milano
oppure, solo se firmato con firma digitale, tramite posta elettronica certificata (PEC)
allindirizzo PEC:
produttori-eneldistribuzione@pec.enel.it
secondo le modalit di utilizzo della PEC descritte al link:
http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_connessione/dove_inviare/
Documentazione di cui alla Sezione I, par. I.2.4 e I.2.5 della Guida per le connessioni
alle reti elettriche di Enel Distribuzione
Accettazione delle Condizioni generali di contratto di connessione e, se il servizio di
misura stato richiesto ad Enel Distribuzione, delle Condizioni generali per il contratto
di misura, allegate al presente preventivo, sottoscritte da parte del richiedente
Comunicazione di completamento dei lavori strettamente necessari per lattivazione
dellimpianto di produzione previsti nella Guida per le connessioni alla rete di Enel
Distribuzione

Attestazione rilasciata da Terna riportante labilitazione in GAUD
(http://www.terna.it/default/Home/SISTEMA_ELETTRICO/gaudi.aspx) delle informazioni
relative allimpianto di produzione, secondo quanto previsto dalla Delibera ARG/elt n.
124/10
Nel caso di impianti registrati in GAUD successivamente al 30 aprile 2012,
comunicazione ad Enel Distribuzione, da parte di Terna, di Abilitazione ai fini
dellAttivazione e dellEsercizio delle Unit di Produzione su GAUD.
Nel caso di impianti registrati in GAUD fino al 30 aprile 2012, ai fini dellattivazione
comunque necessario che Enel Distribuzione validi i dati presenti nella copia
cartacea dellattestazione di avvenuta registrazione in GAUD, che Lei dovr
provvedere ad inviarci


Le ricordiamo inoltre che, successivamente allattivazione della connessione, dovr comunicare
ad Enel Distribuzione il codice ditta attribuito nella licenza fiscale di esercizio rilasciata
dall'Agenzia delle Dogane territorialmente competente.
Per tutto liter della pratica di connessione dovr fare riferimento all Unit Connessione
Produttori cell 3296523303, e-mail: vett_bil_lom@enel.com
Con loccasione comunichiamo di seguito il link del nostro sito internet sul quale potr trovare
informazioni utili ad ogni Sua esigenza:
http://www.enel.it/it-IT-static/reti/enel_distribuzione/produttori/autoproduttori/.
15. OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DEL RICHIEDENTE
Riteniamo opportuno farLe presente che, dopo laccettazione del preventivo e per evitare la
decadenza dello stesso, dovr inviarci, come previsto dallart. 31 del TICA, linformativa sullo


13/16
stato delliter autorizzativo ovvero sullavvio dei lavori di realizzazione dellimpianto di
produzione precisando, per il caso di ritardo nellavvio, se questo sia dovuto alla mancata
conclusione dei procedimenti autorizzativi o a cause di forza maggiore ovvero ad altre cause a
Lei non imputabili. Tale informativa dovr pervenirci entro la tempistica indicata nel TICA
mediante dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet il cui facsimile disponibile sul sito:
http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_connessione/delibera125/
Le rammentiamo, inoltre, che dovr esserci inviata, pena la decadenza del preventivo, una
dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet attestante lavvio delliter autorizzativo, nelle
tempistiche previste dagli artt. 9.3, 9.5 e 9.8 del TICA. Con riferimento a quanto disposto agli
art. 9.3 e 9.5 del TICA, come modificati dalla deliberazione n. 328, la dichiarazione di avvio del
procedimento autorizzativo da inviare al gestore di rete deve contenere il tipo di iter
auttorizzativo seguito, nonch gli estremi ed i recapiti del responsabile del procedimento
autorizzativo. Il facsimile di dichiarazione sostitutiva disponibile sul sito:
http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_connessione/delibera125/
Le comunichiamo altres che, in base allart. 10.6 del TICA, se il suo impianto di produzione
non venisse realizzato entro le tempistiche previste dallautorizzazione alla costruzione, incluse
eventuali proroghe concesse dallente autorizzante, il preventivo verr a decadere. E quindi
necessario che, al termine dei lavori di costruzione dellimpianto di produzione, ci trasmetta
una dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante il rispetto della tempistica sopraddetta.
Il facsimile di dichiarazione sostitutiva disponibile sul sito:
http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_connessione/delibera125/
Le evidenziamo inoltre che, come previsto dallart. 10.5 del TICA, Suo onere provvedere ad
inviarci un crono-programma relativo alla realizzazione dellimpianto di produzione ed al
relativo aggiornamento, dandocene comunicazione con cadenza almeno trimestrale.
Le ricordiamo che, come previsto dallart. 36 del TICA, a seguito dellottenimento delle
autorizzazioni per la costruzione ed esercizio dellimpianto di produzione, dovr registrare il
medesimo impianto allinterno di GAUD, accedendo al link:
http://www.terna.it/default/Home/SISTEMA_ELETTRICO/gaudi.aspx
Per maggiori informazioni sul processo di registrazione dellimpianto in GAUD e sui successivi
obblighi a Suo carico, necessari ai fini dellAbilitazione ai fini dellAttivazione e dellEsercizio
delle Unit di Produzione su GAUD, previsti dal TICA, pu consultare i manuali pubblicati sul
sito internet di Terna, e la Guida per le connessioni alla rete di Enel Distribuzione.
Ci infine gradita loccasione di invitarLa a registrarsi presso il nostro sito internet al link:
http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/produttori_stato_domanda/
al fine di poter usufruire dei nostri servizi gratuiti di verifica dello stato delliter di connessione
relativo alla Sua richiesta.
16. ALTRE INFORMAZIONI
La informiamo che, come stabilito dallart. 33.2 del TICA, la soluzione tecnica minima generale
(STMG) indicata nel preventivo rimane valida per 210 gg lavorativi dalla data di accettazione
del presente preventivo. Il periodo di validit della STMG comporta la prenotazione
temporanea della capacit di rete relativamente alla potenza di immissione indicata nel
presente preventivo. Nel caso in cui il procedimento per lautorizzazione alla costruzione e
allesercizio dellimpianto di produzione non si concluda nella tempistica sopradetta ovvero
entro i medesimi termini non sia stato completato con esito positivo il procedimento di
Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), qualora previsto, la STMG indicata nel preventivo


14/16
assume valore indicativo. Nel caso, invece, entro la tempistica sopraddetta si concluda
positivamente il procedimento per lautorizzazione alla costruzione e allesercizio dellimpianto
di produzione ovvero il procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), qualora
previsto, la STMG e la prenotazione della capacit di rete relativamente alla potenza di
immissione indicata nel presente preventivo diventano definitive.
E previsto, dallart. 33.5 del TICA, che il responsabile del procedimento VIA richieda, se
sussistono le condizioni per la conclusione con esito positivo della VIA, al gestore di rete di
verificare il persistere delle condizioni di fattibilit e realizzabilit della STMG. Qualora il
gestore, entro 20 gg lavorativi dal ricevimento della suddetta richiesta, al netto del tempo
necessario per leventuale coordinamento con altri gestori) risponda positivamente, la STMG e
la prenotazione della capacit di rete relativamente alla potenza di immissione indicata nel
presente preventivo diventano definitive.
Lart 33.6 del TICA prevede, per il caso in cui limpianto di produzione non sia assoggettato a
VIA, che il responsabile del procedimento autorizzativo unico o il richiedente possano chiedere
al gestore di rete una verifica della persistenza delle condizioni di fattibilit e realizzabilit
della STMG. Qualora il gestore, entro 20 gg lavorativi dal ricevimento della richiesta di verifica,
al netto del tempo necessario per leventuale coordinamento con altri gestori,risponda
positivamente, la STMG e la prenotazione della capacit di rete relativamente alla potenza di
immissione indicata nel presente preventivo diventano definitive.
Qualora la verifica richiesta al gestore di rete, ai sensi dellart. 33.5 e dellart.33.6 del TICA, sia
negativa, il gestore di rete, nei 45 gg lavorativi successivi alla comunicazione di esito negativo
della suddetta verifica, al netto del tempo necessario per leventuale coordinamento con altri
gestori, elabora una nuova STMG comunicandola al responsabile del procedimento (VIA o
autorizzativo) ed al richiedente; con tale STMG viene prenotata, in via transitoria, la capacit
sulla rete relativamente alla potenza di immissione indicata la STMG. Se la nuova STMG non
viene accettata, entro 30 gg solari dalla data di ricevimento della stessa, il preventivo decade.
Qualora invece la nuova STMG venga accettata nei termini previsti, verr prenotata in via
definitiva la potenza di immissione indicata nella STMG.
La informiamo che, qualora dovessero pervenirci, anche successivamente allaccettazione del
presente preventivo, altre richieste di connessione insistenti nellarea oggetto del Suo
intervento e la soluzione tecnica a Lei trasmessa dovesse diventare comune, anche soltanto in
parte, a tali richieste di connessione, valuteremo lopportunit di aggiornare le condizioni del
presente preventivo con particolare riguardo a quelle relative alla gestione delliter
autorizzativo dellimpianto di rete per la connessione ed alla realizzazione dellimpianto
medesimo.
Qualora durante lesercizio dellimpianto di produzione, Enel Distribuzione dovesse rilevare
sistematiche immissioni di energia elettrica eccedenti la potenza in immissione richiesta, Enel
Distribuzione, ove tecnicamente possibile, modificher il valore della potenza in immissione
richiesta e ricalcoler il corrispettivo per la connessione sulla base della regolazione vigente al
momento del ricalcolo. Enel Distribuzione applicher in tal caso al richiedente il triplo della
differenza tra il corrispettivo per la connessione ricalcolato e il corrispettivo per la connessione
determinato nel preventivo, provvedendo a modificare di conseguenza il contratto di
connessione, come stabilito nellarticolo 10.15 del TICA. Si considera come sistematico il
superamento della potenza in immissione richiesta in almeno due distinti mesi nellanno solare.











15/16
17. DOCUMENTAZIONE ALLEGATA
In allegato al presente preventivo si trasmettono:
Condizioni generali del contratto di connessione
Condizioni generali per il contratto di misura
Modulo per la richiesta di attivazione della fornitura di energia elettrica in prelievo
Planimetria riportante il tracciato di massima dellimpianto di rete per la connessione
Tabella riferimenti normativi iter autorizzativi
Tabella Larghezza delle fasce da asservire in presenza di campate di lunghezza ricorrente



Con i migliori saluti.




PIER LUIGI TASSINARI
IL RESPONSABILE

Il presente documento sottoscritto con firma digitale ai sensi
dell'art. 21 del d.lgs. 82/2005. La riproduzione dello stesso su
supporto analogico effettuata da Enel Servizi e costituisce una
copia integra e fedele delloriginale informatico, disponibile a
richiesta presso l'Unit emittente.



LC\ld




16/16
Larghezza delle fasce da asservire in presenza
di campate di lunghezza ricorrente
1


Tipo di
linea
Natura
conduttore
Sezione o
diametro
Palificazio
ne
Armamento
Lunghezza
campata
ricorrente (1)
Larghezza
fascia
(2)
BT Cavo
interrato
qualsiasi 3 m
MT
cavo aereo qualsiasi Qualsiasi qualsiasi qualsiasi 4 m
Cavo
interrato
qualsiasi 4 m
rame nudo 25/35 mm2 Qualsiasi qualsiasi 160 m 11 m
rame nudo
70 mm2

Qualsiasi qualsiasi 160 m 13 m
Al- Acc.
Lega di Al
Qualsiasi Qualsiasi qualsiasi 160 m 13 m
Qualsiasi Qualsiasi Qualsiasi qualsiasi 250 m 19 m





AT fino a
150 kV

All-Acc
= 22,8
mm
tralicci
semplice
terna
sospeso 400 m 27 m
tralicci
doppia
terna
sospeso 400 m 28 m
All-Acc
= 31,5
mm
tralicci
semplice
terna
sospeso 350 m 29 m
tralicci
doppia
terna
sospeso 350 m 30 m
Cavo
interrato
qualsiasi 5 m

1
Di norma si adottano le larghezze delle fasce di rispetto riportate nella tabella seguente.
Eventuali maggiori larghezze sono consentite per tener conto di soluzioni impiantistiche
specifiche o di normative applicabili.
(1)
Per campate di lunghezze superiori la larghezza Ha delle fasce da asservire va calcolata con riferimento alle
posizioni impraticabili di cui allart. 2.1.06 lettera h) del D.M. 21.03.1988 n. 449.
(2)
La larghezza della fascia pu essere aumentata qualora si presentino circostanze che lo consiglino.




da inviare a cura del venditore di energia elettrica
Spett.le Enel Distribuzione S.p.A

Oggetto: Richiesta di attivazione della fornitura di energia elettrica in prelievo.
Codice univoco Pratica: T0530598
La sottoscritta societ __________________________________________ in qualit di
Esercente MMT
Esercente salvaguardia
Esercente la Vendita sul Mercato Libero
Con la presente comunica di aver stipulato un contratto di fornitura di energia elettrica con il
cliente
codice fiscale
partita IVA recapito telefonico n. ,
codice POD
Npresa
/

tensione di alimentazione (Volt) , potenza disponibile (kW) ,
Indirizzo Punto di prelievo
sito nel Comune di , provincia (sigla)
RICHIEDE
lattivazione della fornitura in prelievo a decorrere dalla data di attivazione della connessione
alla rete di Enel Distribuzione dellimpianto di produzione correlato al POD sopracitato,
sempre sul medesimo punto di connessione.
Data ________________ Timbro e firma
nuova cs 55554
Mallero Energia
D
T
R
-

L
O
M


E
L
E
N
C
O

P
A
R
E
R
I

P
E
R

A
U
T
O
R
I
Z
Z
A
Z
I
O
N
I

I
M
P
I
A
N
T
I

M
T

P
a
r
e
r
e

d
a

a
c
q
u
i
s
i
r
e

R
i
f
e
r
i
m
e
n
t
o

N
o
r
m
a
t
i
v
o
A
m
m
i
n
i
s
t
r
a
z
i
o
n
e
,


E
n
t
e

o

s
o
g
g
e
t
t
o

c
o
m
p
e
t
e
n
t
e
C
o
m
u
n
e

L
R

5
2
/
1
9
8
2

a
r
t
.
7
A
m
m
i
n
i
s
t
r
a
z
i
o
n
e

C
o
m
u
n
a
l
e
N
u
l
l
a

o
s
t
a

a
l
l
a

c
o
s
t
r
u
z
i
o
n
e

e
d

e
s
e
r
c
i
z
i
o

p
r
o
v
v
i
s
o
r
i
o
D
.
L
g
s
.

1
.
8
.
2
0
0
3

n
.

2
5
9

(
a
r
t
t
.

9
5
-
9
8
)

M
i
n
i
s
t
e
r
o

d
e
l
l
e

S
v
i
l
u
p
p
o

E
c
o
n
o
m
i
c
o

C
o
m
u
n
i
c
a
z
i
o
n
i

-
I
s
p
e
t
t
o
r
a
t
o

T
e
r
r
i
t
o
r
i
a
l
e

M
i
l
a
n
o
N
u
l
l
a

o
s
t
a

I
d
r
o
c
a
r
b
u
r
i
C
i
r
c
.

a
p
p
l
i
c
a
t
i
v
a

L
R

5
2
/
8
2
M
i
n
.

S
v
i
l

E
c
o
n
o
m
i
c
o

-

U
f
f
i
c
i
o

N
a
z
i
o
n
a
l
e

M
i
n
e
r
a
r
i
o

I
d
r
o
c
a
r
b
u
r
i

-
B
o
l
o
g
n
a
V
i
n
c
o
l
o

i
d
r
o
g
e
o
l
o
g
i
c
o
R
.
D
.

3
2
6
7
/
1
9
2
3

A
m
m
i
n
i
s
t
r
a
z
i
o
n
e

C
o
m
u
n
a
l
e
A
u
t
.

P
a
e
s
a
g
g
i
s
t
i
c
a

L
R

1
2
/
0
5

e

s
.
m
.
D
.
L
g
s
.

2
2
.
1
.
2
0
0
4

n
.
4
2

C
o
d
i
c
e

b
e
n
i

c
u
l
t
u
r
a
l
i

e

p
a
e
s
a
g
g
i
o
A
m
m
i
n
i
s
t
r
a
z
i
o
n
e

C
o
m
u
n
a
l
e
/

P
r
o
v
i
n
c
i
a
l
e
(
V
>
1
5
k
V
)

/

C
o
m
u
n
i
t


M
o
n
t
a
n
a
/

E
n
t
e

P
a
r
c
o
C
o
n
c
e
s
s
i
o
n
e

a
l
l
a

m
a
n
o
m
i
s
s
i
o
n
e

e
d

o
c
c
u
p
a
z
i
o
n
e

C
o
n
c
e
s
s
i
o
n
e

c
o
m
u
n
a
l
e
D

.

L
g
s

2
9
5
/
9
2

e

s
.
m
.

D
-
L
g
s

5
0
7
/
9
3
A
m
m
i
n
i
s
t
r
a
z
i
o
n
e

C
o
m
u
n
a
l
e
S
e
r
v
i
t

s
e
r
v
i
t


i
n
d
u
s
t
r
i
a
l
e

(

c
a
b
i
n
a
)

e

d
i

e
l
e
t
t
r
o
d
o
t
t
o
C
.
c
i
v
i
l
e

a
r
t
.
1
0
5
6
;

T
U

3
2
7
/
0
1

(

c
o
a
t
t
i
v
o
)
p
r
o
p
r
i
e
t
a
r
i

a
r
e
e

i
n
t
e
r
e
s
s
a
t
e
S
o
c
i
e
t


d
i
s
t
r
i
b
u
z
i
o
n
e

m
e
t
a
n
o
,

e
l
e
t
t
r
i
c
h
e
,

a
c
q
u
a

p
o
t
a
b
i
l
e
,

f
o
g
n
a
t
u
r
e
,
t
e
l
e
c
o
m
,

e
c
c
.
I
n
t
e
r
f
e
r
e
n
z
a

c
o
n

a
l
t
r
i

g
e
s
t
o
r
i

s
e
r
v
i
z
i

r
e
t
e
A
u
t
o
r
i
z
z
a
z
i
o
n
e

p
r
o
v
i
n
c
i
a
l
e

a
l
l
a

c
o
s
t
r
u
z
i
o
n
e

e

a
l
l
'
e
s
e
r
c
i
z
i
o

e
x

L
R

5
2
/
8
2
L
R

5
2
/
8
2

A
R
T
.
1
2
C
o
o
r
d
i
n
a
m
e
n
t
i
Studio Salvetti&Graneroli -Luca B-
Da: Per conto di: four.sviluppo@pec.enel.it [posta-certificata@legalmail.it]
Inviato: marted 29 gennaio 2013 16:16
A: info@studiosalvettigraneroli.com
Cc: info@studiosalvettigraneroli.com
Oggetto: POSTA CERTIFICATA: pratica T0530598: invio documentazione
Firmato da: Sono stati rilevati problemi per la firma. Fare clic sul pulsante della firma per visualizzare i
dettagli.
Allegati: daticert.xml; pratica T0530598: invio documentazione
Pagina 1 di 1
29/01/2013
Messaggio di posta certificata
Il giorno 29/01/2013 alle ore 15:58:22 (+0100) il messaggio "pratica T0530598: invio
documentazione" stato inviato da "four.sviluppo@pec.enel.it" indirizzato a:
info@studiosalvettigraneroli.com
Il messaggio originale incluso in allegato.
Identificativo messaggio:
600230963.1631547957.1359471502010vliaspec03@legalmail.it
L'allegato daticert.xml contiene informazioni di servizio sulla trasmissione
Legalmail certified email message
On 2013-01-29 at 15:58:22 (+0100) the message "pratica T0530598: invio documentazione" was sent by
"four.sviluppo@pec.enel.it" and addressed to:
info@studiosalvettigraneroli.com
The original message is attached with the name postacert.eml or pratica T0530598: invio
documentazione.
Message ID: 600230963.1631547957.1359471502010vliaspec03@legalmail.it
The daticert.xml attachment contains service information on the transmission