Sei sulla pagina 1di 31

IL PROCESSO EDILIZIO

IL PROCESSO EDILIZIO RELATIVO A UNA OPERA DI ARCHITETTURA


INSIEME DI FASI E ATTIVIT IDEATIVE, OPERATIVE, ORGANIZZATIVE E
GESTIONALI CONNESSE DA RELAZIONI LOGICHE E SUCCESSIONI TEMPORALI
CHE FANNO CAPO A ATTORI DIVERSI FRA LORO.*

* Claudio Comani, Il processo edilizio

IL PROCESSO EDILIZIO

Gli obiettivi generali del processo edilizio sono connessi con la realizzazione e
gestione di una opera civile o di architettura che garantisca:

a.

la qualit complessiva della realizzazione

b.

la realizzazione in tempi definiti e ottimizzati

c.

lottimizzazione delluso delle risorse impegnate, interne e esterne alla


organizzazione degli attori principali.

d.

leconomia della produzione e della gestione in relazione alle

previsioni e

alle condizioni di mercato..*

* Claudio Comani, Il processo edilizio

IL PROCESSO EDILIZIO
IL PROCESSO EDILIZIO UNA SEQUENZA ORGANIZZATA DI FASI OPERATIVE

CHE PARTENDO DALLINDIVIDUAZIONE DELLE ESIGENZE DUTENZA

GIUNGE AL LORO SODDISFACIMENTO IN TERMINI EDILIZI (norma UNI 7867)

A. PROGRAMMAZIONE (fase strategica)


B. PROGETTAZIONE

C. REALIZZAZIONE
D. GESTIONE

(fase ideativa)

(fase esecutiva)

(fase duso manutenzione e controllo)

E. DISMISSIONE

(fase di riuso / riciclaggio)

Gli attori del processo edilizio

COMMITTENTE
PROJECT MANAGER
PROGETTISTA
DIRETTORE DEI LAVORI
COLLAUDATORE
IMPRESA
PRODUTTORI DI MATERIALI E
COMPONENTI

CIASCUNA FASE DEL PROCESSO EDILIZIO SI REALIZZA ATTRAVERSO UNA SERIE ARTICOLATA DI SOTTOFASI

IL PROCESSO EDILIZIO

A.1 RILEVAMENTO DELLE SIGENZE


A.

PROGRAMMAZIONE

A.2 SCELTA DELLOBIETTIVO

A.3 STUDIO DI FATTIBILITA (SdF)

A.4 DEFINIZIONE DELLINTERVENTO EDILIZIO

STRUMENTO OPERATIVO DI NATURA INTERDISCIPLINARE CHE PRECEDE LA


FASE PROGETTUALE

INDIVIDUA LE SOLUZIONI OTTIMALI RISPETTO AI BISOGNI DA SODDISFARE

DEFINISCE I RIFERIMENTI E I VINCOLI CUI DEVONO UNIFORMARSI LE


PROPOSTE PROGETTUALI

IL PROCESSO EDILIZIO
B.1 METAPROGETTO (fase conoscitiva)
B.

PROGETTAZIONE

B.2 PROGETTO PRELIMINARE


B.3 PROGETTO DEFINITIVO

B.4 PROGETTO ESECUTIVO

rif. LEGGE QUADRO SUI LAVORI PUBBLICI L. 109/1994 (L. MERLONI)


COSTITUISCE IL FULCRO PRINCIPALE DI QUELLA CHE SI DEFINISCE COME

NORMATIVA PROCEDURALE ESTERNA


CUI LE SINGOLE AMMINISTRAZIONI DEVONO UNIFORMARSI QUANDO APPALTANO OPERE
EDILIZIE

IL PROCESSO EDILIZIO
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

La progettazione
si articola secondo tre livelli di successivi approfondimenti tecnici, in

preliminare definitiva esecutiva


in modo di assicurare:
a) la qualit dell'opera e la rispondenza alle finalit relative;
b) la conformit alle norme ambientali e urbanistiche;
c) il soddisfacimento dei requisiti essenziali, definiti dal quadro normativo
nazionale e comunitario.

IL PROCESSO EDILIZIO
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Il progetto preliminare
Definisce
le caratteristiche qualitative e funzionali dei lavori,
il quadro delle esigenze da soddisfare e delle specifiche prestazioni da
fornire
Consiste di
relazione illustrativa delle ragioni della scelta della soluzione prospettata
in base alla valutazione delle eventuali soluzioni possibili, con riferimento
a:
o profili ambientali
o utilizzo dei materiali provenienti dalle attivit di riuso e riciclaggio
o fattibilit amministrativa e tecnica
o costi, da determinare in relazione ai benefici previsti
schemi grafici, per l'individuazione dei caratteri dimensionali,
volumetrici, tipologici, funzionali e tecnologici dei lavori da realizzare.
Il progetto preliminare dovr inoltre consentire lavvio della procedura espropriativa.

IL PROCESSO EDILIZIO
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Il progetto preliminare stabilisce i profili e le caratteristiche pi significative degli elaborati dei

successivi livelli di progettazione, in funzione delle dimensioni economiche e della tipologia e


categoria dellintervento, ed composto, salva diversa determinazione del responsabile del
procedimento, dai seguenti elaborati:
a) relazione illustrativa;
b) relazione tecnica;
c) studio di prefattibilit ambientale;
d) indagini geologiche, idrogeologiche e archeologiche preliminari;
e) planimetria generale e schemi grafici;
f) prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza;
g) calcolo sommario della spesa.

IL PROCESSO EDILIZIO
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

1 - Qualora il progetto debba essere posto a base di gara di un appalto concorso o di una
concessione di lavori pubblici:
a) Devono essere effettuate, sulle aree interessate dallintervento, le indagini necessarie
quali quelle geologiche, geotecniche, idrologiche, idrauliche e sismiche e sono redatti le

relative relazioni e grafici;

b) Deve essere redatto un capitolato speciale prestazionale.


2 - Qualora il progetto preliminare posto a base di gara per laffidamento di una concessione
di lavori pubblici, deve essere altres predisposto un piano economico e finanziario di
massima.

IL PROCESSO EDILIZIO
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Il progetto definitivo
Individua compiutamente
i lavori da realizzare, nel rispetto delle esigenze, dei criteri, dei vincoli, degli
indirizzi e delle indicazioni stabiliti nel progetto preliminare
contiene tutti gli elementi necessari ai fini del rilascio delle prescritte autorizzazioni
ed approvazioni.

Consiste in
relazione descrittiva dei criteri utilizzati per le scelte progettuali, nonch delle
caratteristiche dei materiali prescelti e dell'inserimento delle opere sul territorio;
studio di impatto ambientale ove previsto;
disegni generali descrittivi delle principali caratteristiche delle opere, delle
superfici e dei volumi, compresi quelli per l'individuazione del tipo di fondazione;
studi ed indagini preliminari occorrenti nei calcoli delle strutture e degli impianti;
disciplinare descrittivo degli elementi tecnici ed economici previsti in progetto
computo metrico estimativo.
Gli studi e le indagini occorrenti, quali quelli di tipo geognostico, ideologico e sismico, i
rilievi ed i sondaggi, sono condotti fino ad un livello tale da consentire i calcoli
preliminari delle strutture e degli impianti e lo sviluppo del computo metrico estimativo.

IL PROCESSO EDILIZIO
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Il progetto esecutivo
determina in ogni dettaglio i lavori da realizzare ed il relativo costo previsto
deve consentire che ogni elemento sia identificabile in forma, tipologia, qualit,
dimensione e prezzo.

E costituito da
Relazioni e calcoli esecutivi delle strutture e degli impianti
Elaborati grafici nelle scale adeguate, compresi gli eventuali particolari
costruttivi,
Capitolato speciale di appalto, prestazionale o descrittivo,
Computo metrico-estimativo e dall'elenco dei prezzi unitari.

E redatto sulla base


degli studi e delle indagini compiuti nelle fasi precedenti
degli eventuali ulteriori studi ed indagini, di dettaglio o di verifica delle ipotesi
progettuali, che risultino necessari e sulla base di rilievi planoaltimetrici, di
misurazioni e picchettazioni, di rilievi della rete dei servizi del sottosuolo.
Il progetto esecutivo deve essere altres corredato da apposito piano di
manutenzione dell'opera.

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Relazione tecnica - stralcio

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Planimetria dellintervento Stato di fatto

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Estratto dal Piano Regolatore Generale (PRG)

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Estratto dalla Mappa Catastale

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Planimetria dellintervento Progetto

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Planimetria dati di tracciamento

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Planimetria demolizioni

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Planimetria rete dei sottoservizi

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Particolari costruttivi

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Capitolato speciale dappalto


Norme tecniche - stralcio

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Elenco prezzi
stralcio

Elenco prezzi unitari

IL PROCESSO EDILIZIO
- Il progetto esecutivo
Un esempio: Lavori di sistemazione urbana di una via del Comune di Trento
LEGGE QUADRO DEI LAVORI PUBBLICI 109/94 (LEGGE MERLONI)

Computo metrico estimativo


stralcio

IL PROCESSO EDILIZIO

C.1 SELEZIONE DELLA FORMA AFFIDAMENTO LAVORI


C.2 SELEZIONE DEI PARTECIPANTI E GARA
C.3 STIPULA DEL CONTRATTO
C.

REALIZZAZIONE

C.4 NOMINA DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO


C.5 NOMINA DIRETTORE DEI LAVORI E COLLAUDATORE
C.6 GESTIONE E CONTROLLO DELLE FASI ESECUTIVE
C.7 COLLAUDO E ACCETTAZIONE DELLOPERA

rif. Legge quadro sui lavori pubblici L. 109/1994 (L. Merloni)

IL PROCESSO EDILIZIO

D.

GESTIONE

D1 GESTIONE CORRENTE
D2 ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI TECNICI
D3 MANUTENZIONE ORDINARIA
D4 MANUTENZIONE STRAORDINARIA
D5 RECUPERO / RIUSO

E.

DISMISSIONE

D6 DEMOLIZIONE / RICICLO DI MATERIALI E COMPONENTI

rif. Legge quadro sui lavori pubblici L. 109/1994 (L. Merloni)

rif. Analisi del ciclo di vita (LCA) Life Cycle Assessment

IL PROCESSO EDILIZIO

Il Life Cycle Assessment consiste in una serie sistematica di procedure per la


valutazione degli input e degli output di materia ed energia e i relativi impatti ambientali
derivanti dal funzionamento di un sistema di produzione
durante tutto il ciclo di vita
Estrazione e
lavorazione della
materia prima
Riciclo e smaltimento
come rifiuto alla fine
della vita utile

Produzione

Uso, riuso e
manutenzione del
prodotto

Packaging

Marketing

dallapprovvigionamento delle
risorse alla discarica finale

from cradle to grave

IL PROCESSO EDILIZIO

D1 GESTIONE CORRENTE
D.

GESTIONE

attivit finalizzata a mantenere lopera in condizioni ottimali di


fruibilit in relazione alluso
D2 ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI TECNICI

attivit di esercizio degli impianti in base alle istruzioni contenute


nei piani di gestione e secondo il calendario stabilito dal
programma di gestione.
rif. Legge quadro sui lavori pubblici L. 109/1994 (L. Merloni)

La legge sui lavori pubblici 109/94 allart. 16 e il Regolamento di attuazione della legge, allart.
40, prescrivono che il progetto esecutivo deve essere corredato di un piano di manutenzione
costituto da:
a. Manuale duso
b. Manuale di manutenzione
c. Programma di manutenzione

IL PROCESSO EDILIZIO

D3 MANUTENZIONE ORDINARIA (*)


D.

GESTIONE

attivit che sono necessarie per mantenere nel tempo il livello


prestazionale degli elementi tecnici in base alle istruzioni
contenute nei piani di manutenzione e secondo le modalit
temporali stabilite dal programma di gestione.
rif. art. 31 della L. 457/78 Norme per ledilizia residenziale

(*) Il Decreto Leg.vo n. 378/2001 Disposizioni legislative in materia


di edilizia rifacendosi allart. 31 della legge 457/78 Norme per
ledilizia residenziale definisce i tipi dintervento relativi al recupero
del patrimonio edilizio in base al tipo e complessit delle opere

eseguite:

manutenzione ordinaria - opere su finiture e impianti)


manutenzione straordinaria
- opere che non comportano alterazione dei volumi e delle superfici
delle unit immobiliari e senza cambio duso
interventi di restauro e risanamento conservativo
interventi di ristrutturazione edilizia

interventi di nuova costruzione

IL PROCESSO EDILIZIO

D4 MANUTENZIONE STRAORDINARIA
D.

GESTIONE

comprende le attivit che sono necessarie per ripristinare nel


tempo il livello prestazionale degli elementi tecnici in base alle
istruzioni contenute nei piani di manutenzione e secondo le
modalit temporali stabilite dal programma di gestione.

rif. art. 31 della L. 457/78 Norme per ledilizia residenziale

IL PROCESSO EDILIZIO

D5 RECUPERO / RIUSO EDILIZIO


D.

GESTIONE

comprende le attivit di sostituzione parziale dellopera in


relazione al degrado funzionale irreversibile degli elementi
costruttivi e/o a un cambio di destinazione duso

rif. art. 31 della L. 457/78 Norme per ledilizia residenziale

IL PROCESSO EDILIZIO

D6 DEMOLIZIONE D.

GESTIONE

E.

DISMISSIONE

attivit conseguente alla constatazione del degrado irreversibile


dellintera opera.

RICICLO DI MATERIALI E COMPONENTI

rif. Analisi del ciclo di vita (LCA) Life Cycle Assessment