Sei sulla pagina 1di 65

IGISEvo

Manuale Utente

IGISEvo

Manuale Utente

Pag.1 di 65
20/03/2014

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.2 di 65
20/03/2014

Indice
1
2

Scopo del documento ........................................................................................... 3


Requisiti e configurazione per lattivazione della piattaforma ................................ 4
2.1 Impostazioni del browser ................................................................................ 4
2.1.1
Caricamento Pagine .............................................................................. 5
2.1.2
Esclusione Proxy ................................................................................... 6
2.1.3
Script abilitati e Posizionamento Finestre ............................................... 8
2.1.4
Stampa .............................................................................................. 10
3 Utilizzo del Sistema ........................................................................................... 11
3.1 Avvio della procedura................................................................................... 11
3.2 Gestione delle ricerche alfanumeriche .......................................................... 12
3.2.1
Generalit........................................................................................... 12
3.2.2
La casella di ricerca e linserimento dei parametri ................................ 13
3.2.3
Contestualizzazioni............................................................................. 19
3.2.4
Funzioni associate alla casella di ricerca .............................................. 21
3.2.5
La finestra dei risultati......................................................................... 22
3.2.6
Le finestre di dettaglio ........................................................................ 28
3.2.7
La visualizzazione in mappa del risultato ............................................. 36
3.2.8
Download strato informativo ............................................................... 37
3.2.9
Stampa elenco risultati ....................................................................... 38
3.2.10 Stampa dettaglio ................................................................................ 39
3.2.11 Esporta dettaglio ................................................................................ 41
3.3 Gestione della finestra cartografica .............................................................. 42
3.3.1
Generalit della finestra e descrizione della toolbar.............................. 42
3.3.2
Messaggistica..................................................................................... 44
3.3.1
Posizione del cursore sulla mappa....................................................... 44
3.3.2
Scale bar ............................................................................................ 45
3.3.3
Navigazione allinterno della mappa .................................................... 45
3.3.4
Livello di tile corrente .......................................................................... 48
3.3.5
Funzione Vista Panoramica ............................................................... 49
3.3.6
Funzione Mini-map ........................................................................... 50
3.3.7
Funzione Scheda oggetto .................................................................. 51
3.3.8
Funzione Legenda ............................................................................. 53
3.3.9
Funzione Misure ............................................................................... 57
3.3.10 Funzione Localizza per coordinate..................................................... 62
3.3.11 Funzione Stampa mappa .................................................................. 64

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.3 di 65
20/03/2014

1 Scopo del documento


Il presente documento ha lo scopo di fornire indicazioni sulla piattaforma modulare
IGISEvo che permette, per le fonti dati alle quali ha accesso, la ricerca, la consultazione,
linterrogazione e la visualizzazione dei risultati.
In particolare in questa guida si far riferimento alle seguenti fonti dati:

Dati catastali

Banche dati presenti nel Catalogo dei Dati Ambientali e Territoriali IRDAT fvg

PRG Comunali pubblicati allinterno della convenzione SIAL

Numerazione civica regionale.

Le diverse fonti di dati vengono integrate attraverso opportuni moduli espandibili,


mentre uninterfaccia utente molto compatta ne permette lottimizzazione della
usabilit.
IGISEvo basato sul paradigma del motore di ricerca e consente di eseguire le
interrogazioni tra le banche dati in modo dinamico e continuo. Lintegrazione tra i
contenuti agevola la consultazione e garantisce una risposta accurata ed esaustiva alle
esigenze di conoscenza ed analisi del territorio.
IGISEvo integra inoltre la gestione della componente cartografica, favorisce lapproccio
a vari livelli cartografici, dalle mappe open source di Bing e Open Street Map, a quelle
fornite dallAmministrazione Regionale (CTRN, ortofoto..) e consente la visualizzazione
geolocalizzata dei risultati di ricerca.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.4 di 65
20/03/2014

2 Requisiti e configurazione per lattivazione della piattaforma


Le postazioni di lavoro richiedono il collegamento funzionante alla rete Internet e
devono essere dotate dei seguenti requisiti minimi:
Sistema operativo Microsoft Windows (consigliato Vista/Windows 7) oppure
Mac OSx;
Plugin Microsoft SilverLight installato. Il plug-in scaricabile automaticamente al
primo avvio se l'utente dispone dei privilegi sufficienti.
Le impostazione da effettuare al browser utilizzato vengono dettagliate al paragrafo
successivo.

2.1 Impostazioni del browser


Verificare i requisiti del browser selezionando la freccia
Requisiti

a destra della dicitura

Per disattivare il blocco dei popup selezionare la voce Disattiva Blocco popup come nella
figura seguente:

Per verificare gli altri requisiti selezionare dal browser Internet Explorer il Menu
Strumenti e dallelenco che si presenta la voce Opzioni Internet

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.5 di 65
20/03/2014

2.1.1 Caricamento Pagine


Per impostare il requisito Caricamento Pagine procedere nel modo seguente:
Dalla pagina Opzioni Internet con etichetta
nella sezione Cronologia esplorazioni selezionare

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.6 di 65
20/03/2014

Attivare, se non gi attiva, la voce


Quindi selezionare OK

2.1.2 Esclusione Proxy


Per accedere a servizigis.regione.fvg.it attraverso la RUPAR (rete regionale) senza
passare per il server proxy, seguire le istruzioni seguenti:
Dalla pagina Opzioni Internet selezionare letichetta

IGISEvo
Manuale Utente

Selezionare

Selezionare

Pag.7 di 65
20/03/2014

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.8 di 65
20/03/2014

Scrivere nel riquadro Eccezioni servizigis.regione.fvg.it


Se vi gi scritto qualcosa scrivere in coda e far precedere lindirizzo dal punto e virgola
(;)
; servizigis.regione.fvg.it
Confermare con il tasto OK su tutte le pagine e ritornare sulla pagina Opzioni Internet

2.1.3 Script abilitati e Posizionamento Finestre


Per impostare i requisiti Script abilitati e Posizionamento Finestre procedere nel modo
seguente:
dalla pagina Opzioni Internet Selezionare letichetta

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.9 di 65
20/03/2014

scegliere
Scorrere la pagina Impostazioni protezione e attivare, se non sono gi attive, le voci
Esecuzione Script attivo ed Esecuzione script delle applet Java

Continuare a scorrere la pagina e attivare, se non gi attiva, la voce:


Consenti finestre aperte da script senza limitazioni di dimensione o posizione

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.10 di 65
20/03/2014

selezionare OK.

2.1.4 Stampa
Per impostare il requisito Stampa procedere nel modo seguente:
dalla pagina Opzioni Internet Selezionare letichetta
e scorrere la pagina fino in fondo.

Attivare, se non gi attiva, lultima voce Stampa colori e immagini di sfondo.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.11 di 65
20/03/2014

3 Utilizzo del Sistema


3.1 Avvio della procedura
Lattivazione del Sistema viene fatta dal relativo link della console oppure direttamente
dal browser mediante la digitazione dellindirizzo.
La pagina che compare (fig.3.1) espone brevemente le caratteristiche del prodotto.

Fig.3.1 Pagina di accesso alla piattaforma

Selezionando il comando Avanti viene attivato IGISEvo con la visualizzazione della


mappa di avvio (fig. 3.2).
I layer che compaiono sono configurabili in fase di predisposizione del progetto
dallamministratore di sistema.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.12 di 65
20/03/2014

Fig.3.2 Caricamento cartografie di configurazione e visualizzazione casella di ricerca

In alto sono disponibili le funzionalit relative alla ricerca e la casella su cui possibile
digitare la stringa di ricerca.
Sul lato destro visibile la barra dei comandi per la gestione della mappa e delle
stampe.
A sinistra sono accessibili i controlli di navigazione, mentre in basso vengono indicate le
coordinate relative alla posizione del mouse e la scala della mappa.
Avvicinando il mouse al nome dellapplicazione, sulla cornice in alto, appare un tooltip
con il numero della versione.

3.2 Gestione delle ricerche alfanumeriche


3.2.1 Generalit
Il progetto intranet relativo ad IRDAT fvg attualmente consente la ricerca di:
Dati censuari del catasto, tra cui:
o

Unit immobiliari del Catasto Fabbricati

Particelle del Catasto Terreni

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.13 di 65
20/03/2014

Intestati

Variazioni di titolarit

Banche dati presenti nel Catalogo dei Dati Ambientali e Territoriali IRDAT
fvg
PRG Comunali pubblicati allinterno
amministrazione regionale ed EELL

della

convenzione

SIAL

fra

Numeri civici georiferiti presenti nel database regionale.


I dati risultanti fanno riferimento allintero territorio Regionale e possono essere filtrati
per categoria. Il dettaglio delle loro caratteristiche varia a seconda della tipologia di
ricerca.

3.2.2 La casella di ricerca e linserimento dei parametri


Allavvio della procedura nella parte alta della finestra compare la casella di ricerca
(evidenziata in fig. 3.3)

Fig.3.3 Evidenza della casella di ricerca

Posizionando il mouse sul campo preposto, il cursore diventa |

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.14 di 65
20/03/2014

Allinterno della casella pu essere liberamente digitato il testo da ricercare.


Nella seguente tabella vengono specificati i parametri da inserire a seconda della
tipologia di ricerca voluta. Nellultima colonna compaiono le parole chiave che possono
essere riportate davanti al testo per limitare la ricerca e favorire lelaborazione (nel caso
di Ricerca Generica).
Ricerca

Parametri

Esempio

Comune, Sez.
Arba, A, 1
Censuaria
(qualora assente
lasciare vuoto),
Pordenone,,2
num. Foglio

Parole
chiave
Foglio

Foglio

Singolo foglio
Comune,
Comune
Censuario
Gorizia, Piuma, 10
(qualora assente
lasciare vuoto),
num. Foglio

Foglio

Tutti i fogli di
un Comune

Comune

Gorizia

Foglio

Tutti i fogli di
una sezione\
comune
censuario

Comune, Sez.
Censuaria
Comune,
Comune
Censuario

Arba,A

Foglio

Trieste, Barcola

Foglio

Singola
sezione

Comune,
Sezione o
Comune
censuario

Foglio di
mappa
catastale

Sezione
censuaria

Unit
immobiliari

Arba, A
Trieste, Barcola

Sezione \
Sez.
Sezione \
Sez.

Tutte le sezioni
del Comune
Comune
Amministrativo

Gorizia

Sezione \
Sez.

Fabbricati
legati a
particella,

Gorizia, contado, 2,
.143

Fabbricato

Comune, Sez. o
Comune
Censuario

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.15 di 65
20/03/2014

persone e
titolarit

(qualora assente
lasciare vuoto), roveredo in
Foglio, mappale piano,,10,354

Gorizia,B, 12, .59/1

Intestato

Codice Particella

L424A001301348
00010000

Comune, Sez. o
Comune
Censuario, ,
mappale

Trieste,V,,1348/1

Fabbricato

Fabbricato

Fabbricato

Singolo
subalterno,
persone e
titolarit

Comune, Sez. o
Comune
Censuario
roveredo in
(qualora assente
piano,,10,354,1
lasciare vuoto),
Foglio, particella,
subalterno

fabbricati
legati alla
particella da
una certa data

Comune, Sez. o
Comune
Censuario
roveredo in
(qualora assente
piano,,10,354,,13/1 Fabbricato
lasciare vuoto),
0/2011
Foglio, particella,
subalterno
(facoltativo),data

Persona, note
di voltura,
unit
immobiliari

Fabbricato

Cognome Nome
(se cognome
composto
riportarlo tra )

Rossi Mario

Codice Fiscale

MRAMRA13A01L05
Persona
7Q

Persona

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.16 di 65
20/03/2014

Persona, note
di voltura,
unit
immobiliari
relative ad un
dato Comune

Cognome Nome
Codice Fiscale

Rossi Mario
MRAMRA13A01L05 Persona
7Q

Comune, codice
fiscale

Tarvisio,
MRAMRA13A01L05 Persona
7Q

Comune,
Cognome Nome

Tarvisio, Rossi Mario

Comune, Nome
Societ,
societ
particelle, note
di voltura,
Comune, codice
unit
fiscale societ
immobiliari
codice fiscale
Societ,
particelle, note societ
di voltura,
unit
Nome societ
immobiliari

Trieste, Friulia
Trieste,
00051580322

00051580322

Friulia

pordenone,,2,444

Particella

Persona

Particella

Comune, Sez. o
Singola
Comune
particella,
Arba, A, 4, 476
Particella
Censuario
intestato,
(qualora assente
titolarit, unit
lasciare vuoto),
immobialiari
Foglio, mappale
Trieste,Trieste,12,97
Particella
1

IGISEvo
Manuale Utente

Localit

Pag.17 di 65
20/03/2014

Comune, Sez. o
Comune
Censuario, ,
mappale

Trieste,Trieste,,971

Particella

Codice Particella

H609_001000354
00000000

Particella

Comune e
Comune
Censuario

Nome Comune

Ronchi dei Legionari

Comune

Provincia

Nome Provincia

Trieste

Provincia

Altra
Toponimo
toponomastica

Comina

Piano
Regolatore
Generale

PRGC

Codroipo

PRG

Catalogo
IRDAT

Dataset
completo \
singoli
elementi
Testo da
contenuti nelle
ricercare
banche dati e
corrispondenti
al nome
ricercato

Cavallo

Catalogo

Civici di un
Comune
suddivisi per
strada

Nome Comune

Rive D'Arcano

Civici

Civici di una
strada

Comune, via

rive d'arcano, via


Castello D'Arcano

Civici

Numerazione
Civica

Nome Comune

IGISEvo
Manuale Utente

Atto

Pag.18 di 65
20/03/2014

pordenone, corso
garibaldi

Civici

pordenone, via
roveredo n.20

Civici

Singolo Civico

Comune, via n.

titolarit,
persona, unit
immobiliare

Comune,
numero nota,
TRIESTE,009002,0
progressivo nota
01,2008
(facoltativo),
anno nota

Atto

La ricerca non distingue tra lettere maiuscole e minuscole nel testo.


Mano a mano che si digitano i caratteri compare un help di supporto per la sintassi da
utilizzare (fig. 3.4).

Fig.3.4 Supporto alla sintassi da utilizzare per la ricerca

Per ogni parola inserita vengono individuati tutti i termini che contengono quella
sequenza di lettere. Per es. eseguendo la ricerca Villa il sistema ritorna anche
Villaggio, Villalta ecc.
Se si riportano termini di ricerca multipli, cio costituiti da pi parole separate con spazi,
IGISEvo li considera uniti mediante loperatore logico OR (dopo aver filtrato eventuali
parole chiave e analizzato la sintassi dei parametri). Il risultato, perci, pu riguardare

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.19 di 65
20/03/2014

uno qualsiasi dei termini indicati. Se per es. si riporta nella casella la dicitura Villa
Santina, il sistema individua tutti i dati che contengono il termine Villa, il termine
Santina o ambedue.
Se si vuole considerare il testo come ununica unit necessario racchiudere le parole
tra virgolette. Per es. digitando Villa Santina si ottengono solo risultati che soddisfano
sia Villa che Santina. In questo caso viene ricercato solo il testo specificato tra
virgolette senza estensione a termini analoghi (come villaggio).
Nelleseguire la ricerca di un intestato il cui cognome (o nome della societ) composto
da pi parole (per es. De Martin) necessario riportarlo tra virgolette ( De Martin
Andrea).
Dopo aver inserito il testo nellapposita casella, si avvia la ricerca schiacciando il
pulsante INVIO o licona

Lavanzare dellelaborazione visibile tramite il simbolo


casella di testo e svanisce allapparire dei risultati.

che compare in fondo alla

3.2.3 Contestualizzazioni
Per aumentare le prestazioni della ricerca e restringere i risultati ad un determinato
contesto, sono disponibili alcune funzionalit che agiscono da filtro sullindagine. Tali
funzionalit possono essere attivate nella cornice nera in alto, accanto al nome del
programma(evidenziate in figura 3.5)

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.20 di 65
20/03/2014

Fig.3.5 Evidenza delle contestualizzazioni

Selezionando le singole voci possibile limitare la ricerca allambito pi confacente.


Le contestualizzazioni previste sono:

Ricerca generica: attiva di default ed estende la ricerca a tutti gli ambiti


disponibili (se non vengono specificate parole chiave nel testo). Per esempio
digitando Cave lapplicazione restituisce sia i dataset presenti sul Catalogo
IRDAT-FVG sia le persone con quel cognome, le societ, le particelle associate
ecc.

Catasto: consente di individuare le informazioni relative a:


o

Unit immobiliari del Catasto Fabbricati

Particelle del Catasto Terreni

Intestati

Variazioni di titolarit

Fogli di mappa

Sezioni censuarie

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.21 di 65
20/03/2014

Catalogo IRDAT: esegue unindagine allinterno del Catalogo IRDAT restituendo


tutti i servizi, i dataset e i singoli oggetti che rispondono al testo ricercato

Stradario: fornisce i civici georeferenziati in forma singola o raggruppati in base


alla toponomastica

Piani Regolatori: restituisce il PRGC del Comune richiesto

3.2.4 Funzioni associate alla casella di ricerca


Accanto alla casella di ricerca (fig. 3.6) compaiono una serie di funzioni che consentono
di:

Interrompere la ricerca in corso


Aggiungere il testo da ricercare tra i Preferiti o avviare lelaborazione di un
testo Preferito
Ritornare alla ricerca precedente o attivare la successiva

Fig.3.6 Funzioni associate alla ricerca

Avvicinando il mouse a ciascun pulsante compare un tooltip esplicativo del comando

3.2.4.1 Interrompi la ricerca


Il pulsante
interrompe la ricerca in corso e restituisce i risultati riscontrati fino a
quel momento.

3.2.4.2 Preferiti
I Preferiti di IGISEvo raccolgono i parametri di ricerca pi utili. Qualsiasi testo inserito
nella casella pu essere salvato facendo click sul comando
Aggiungi.

e poi sul pulsante

Nel pannello aperto dalla funzione (fig. 3.7) compare lelenco delle stringhe
memorizzate. Accanto ad ogni nome il simbolo
permette di rimuovere il testo dalla
lista. Per ricercare uno dei parametri salvati come Preferiti, sufficiente selezionare il
comando

e fare clic sulla corrispondente riga dellelenco.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.22 di 65
20/03/2014

Fig.3.7 Pannello di gestione dei Preferiti

Se il testo memorizzato tra i Preferiti supera la larghezza del pannello viene riportato su
pi righe, mentre se la lista contiene troppi elementi per poterli visualizzare assieme,
compare una barra di scorrimento.
Prima di aggiungere una stringa il sistema verifica che non sia gi registrata, in modo da
evitare inutili duplicazioni.

3.2.4.1 Freccia Avanti e Freccia Indietro


I due pulsanti con le frecce permettono di muoversi avanti e indietro tra le ricerche
effettuate senza dover nuovamente riscrivere il testo.
Premendo la freccia indietro

(che punta verso sinistra) viene rielaborata la ricerca

precedente; con la freccia avanti

compare lindagine successiva.

Se non ci sono ricerche verso cui avanzare i pulsanti sono inattivi e compaiono di colore
grigio.
Appena selezionata la freccia, nella casella compare il testo ricercato
precedentemente\successivamente a quello attuale e, in automatico, si avvia
lindagine.

3.2.5 La finestra dei risultati

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.23 di 65
20/03/2014

Una volta terminata la ricerca, IGISEvo apre una finestra in cui elenca tutti i risultati
ottenuti (Fig. 3.8).

Fig.3.8 Finestra di visualizzazione dei risultati

Uno scroll verticale permette, se necessario, di scorrere la lista.


A sinistra, in alto compare il numero complessivo dei risultati, mentre, nella parte
sottostante sono riportati:
A destra i singoli risultati, esplicitati da un titolo in grassetto e una breve
descrizione
A sinistra le categorie omogenee in cui possono essere raggruppati i risultati e il
numero di voci che competono a ognuna di esse.
Se la finestra non viene chiusa, durante lelaborazione delle varie ricerche diventa
bianca e vuota in attesa dei nuovi risultati.

3.2.5.1 Ridimensionamento e chiusura


Il pulsante
chiude la visualizzazione dei risultati e la
ridurre o espandere la finestra.

a sinistra consente di

Avvicinando il mouse al bordo destro della lista compare una fascia blu (fig. 3.9) che
permette di ridimensionare in larghezza la finestra dei risultati. Loperazione

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.24 di 65
20/03/2014

permessa entro certi limiti per non precludere la visualizzazione della mappa (o del
dettaglio) o, viceversa, la lettura del testo.
Qualora sia attiva la visualizzazione di un dettaglio (par. 3.2.6) il pulsante
risultati chiude entrambe le finestre.

della lista

Fig.3.9 Visualizzazione fascia per il ridimensionamento orizzontale della finestra

3.2.5.2 Filtraggio dei risultati


Accanto allelenco dei risultati compaiono una serie di filtri che raggruppano in categorie
omogenee gli esiti della ricerca
favorendo la consultazione e ottimizzando
lidentificazione di informazioni mirate.
I filtri disponibili dipendono dalla tipologia di risultati ottenuti. Si hanno per es.:

Particella catastale: comprende lelenco dei risultati che riguardano le particelle


catastali

Persona: raggruppa la lista delle persone fisiche ottenute dalla ricerca

Societ: riunisce i risultati inerenti persone giuridiche

Posizione BingMaps: raccoglie le risposte di BingMaps alla ricerca eseguita.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.25 di 65
20/03/2014

Titolarit: filtra gli atti relativi a variazioni di titolarit

Unit immobiliare urbana: raggruppa i risultati relativi ai fabbricati

Strato informativo: restituisce risultati relativi a dataset territoriali contenuti in


IRDATfvg

Servizio: comprende le informazioni sui servizi geografici che IRDATfvg associa


alla ricerca eseguita.

Oggetto territoriale: restituisce i singoli oggetti territoriali contenuti nei dataset di


IRDATfvg e rispondenti alla ricerca effettuata.

Comune: fornisce i risultati relativi a Comuni Amministrativi

Comune Censuario catastale: riunisce le informazioni sui Comuni Censuari

Sezione catastale: restituisce le sezioni catastali

Foglio catastale: include i risultati relativi a fogli di mappa catastale

Civici per strada: raggruppa i civici relativi a ogni strada

Indirizzo: include i singoli numeri civici

Piano Regolatore Generale: restituisce i risultati inerenti i PRGC

Ogni filtro riporta tra parentesi il numero di risultati che lo riguardano.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.26 di 65
20/03/2014

Fig.3.10 Attivazione filtraggio risultati

Per applicare un filtro sufficiente un click del mouse sulla voce scelta. Una fascetta blu
evidenzia il criterio di selezione attivo e la finestra mostra solo i risultati che rispettano la
condizione profilata.
I filtri possono essere utilizzati in modo combinato (fig. 3.10) cliccando pi voci. I
risultati relativi a ciascun criterio vengono via via aggiunti nella finestra.
La disattivazione del filtro avviene selezionando nuovamente la voce. Automaticamente
il sistema non visualizza pi i risultati corrispondenti.
Se tutti i filtri sono deselezionati la finestra mostra lelenco completo degli esiti della
ricerca.

3.2.5.3 Elenco dei risultati


I risultati ottenuti dalla ricerca compaiono nella parte centrale della finestra. Ognuno di
essi caratterizzato da:

Titolo: riportato in grassetto, fornisce unindicazione sul contenuto del risultato e


varia a seconda della classe di appartenenza. Per es. un foglio catastale viene
contraddistinto dal nome del Comune, la Sezione censuaria e il numero della
mappa.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.27 di 65
20/03/2014

Snippet: breve descrizione del risultato che comprende poche righe di testo e
varia a seconda della tipologia di contenuto. Compare sotto il titolo, in colore
grigio e consente allutente di individuare rapidamente i risultati pi confacenti
alla sua indagine. Avvicinando il cursore del mouse al testo compare un tooltip
che lo sviluppa o lo ratifica (Fig. 3.11).

Soltanto le risposte di BingMaps compaiono in grigio senza titolo.


Scorrendo la lista dei risultati con il mouse, le voci vengono evidenziate con una sottile
cornice azzurra (Fig.3.11).

Fig.3.11 Evidenza del risultato e tooltip esplicativo

Cliccando su un risultato si apre un men contestuale (fig. 3.12) che permette di


Attivare la visualizzazione in mappa delle geometrie georiferite (par. 3.2.7)
Aprire una finestra con il dettaglio dellinformazione (par. 3.2.6)

Fig.3.12 Men contestuale di un risultato relativo a una particella catastale

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.28 di 65
20/03/2014

3.2.5.4 Raffinamento della ricerca


Accanto ai singoli risultati possibile notare il simbolo
che permette di raffinare la
ricerca con una query specifica sull elemento selezionato.
Il comando viene attivato cliccando licona. Nella casella di ricerca compaiono i dati della
voce designata e il sistema avvia la nuova indagine.
Il raffinamento previsto per le seguenti categorie di contenuti:
Particella catastale
Persona
Societ
Titolarit
Unit immobiliare urbana
Comune
Comune censuario catastale
Sezione catastale.

3.2.6 Le finestre di dettaglio


IGISEvo fornisce delle informazioni di dettaglio che caratterizzano i dati relativi ai diversi
risultati di ricerca.
Tali informazioni sono visualizzabili eseguendo un click su un risultato e selezionando la
voce di dettaglio dal men contestuale che appare (fig. 3.13).

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.29 di 65
20/03/2014

Fig.3.13 Selezione del dettaglio dal men contestuale

Il comando apre una finestra che elenca tutti i dati disponibili sullelemento selezionato.
Le informazioni sono raggruppate in settori (Dati caratteristici, Elementi identificativi,
Data inizio situazione)
La tipologia di dettaglio e il suo contenuto variano a seconda della categoria di risultato
(vedi tabella).
Categoria

DETTAGLIO

Particella
catastale
Persona
Societ
Posizione
BingMaps
Titolarit
Unit
immobiliare
urbana

Dettaglio della particella


Dettaglio dati cartografici
Dettaglio dell'intestato
Dettaglio dell'intestato

Strato
informativo

Dettaglio metadato (IRDATfvg)


+ download strato informativo

Servizio

Dettaglio metadato (IRDATfvg)

NO
Dettaglio della titolarit
Dettaglio dell'unit immobiliare
Dettaglio dati cartografici

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.30 di 65
20/03/2014

Oggetto
territoriale
Comune
Comune
Censuario
catastale

Dettaglio metadato (IRDATfvg)


+ download strato informativo
Dettaglio dati cartografici
Dettaglio dati cartografici
Dettaglio dati cartografici

Sezione catastale Dettaglio dati cartografici


Foglio catastale
Civici per strada
Indirizzo
Piano Regolatore
Generale

Dettaglio dati cartografici


Dettaglio dati cartografici
Dettaglio dati cartografici
NO

3.2.6.1 Ridimensionamento e chiusura

possibile chiudere il dettaglio cliccando il pulsante

in alto a destra.

Avvicinando il mouse al bordo sinistro della finestra compare una fascia blu (fig. 3.12)
che consente il ridimensionamento in larghezza. Loperazione permessa entro certi
limiti per non precludere la visualizzazione dei risultati o la lettura del testo.
Allavvio di una nuova ricerca la finestra di dettaglio scompare automaticamente.

3.2.6.2 Dettaglio particella


Il dettaglio visibile attraverso lomonima voce del men relativo ad una particella
catastale. La finestra mostra le informazioni che discriminano lelemento
raggruppandole per settore:
Elementi identificativi: sezione, foglio, numero e subalterno
Dati caratteristici: Classe, edif., qualit, ettari, are, centiare, mq
Dati relativi al reddito: reddito dominicale, reddito agrario, annotazioni
Data inizio situazione: valido dal, tipo nota, reg. il

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.31 di 65
20/03/2014

Data fine situazione: valido dal, tipo nota, reg. il

Fig.3.14 Dettaglio particella

3.2.6.3 Dettaglio intestato


Il Dettaglio Intestato (fig.3.15) permette di ottenere informazioni relative a persone
fisiche e giuridiche. Pu essere visualizzato attraverso risultati di tipo Persona e
Societ e, per ciascun intestato restituisce:
Denominazione completa
Codice fiscale
Luogo e data di nascita
Sesso

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.32 di 65
20/03/2014

Fig.3.15 Dettaglio intestato

3.2.6.4 Dettaglio titolarit


Il dettaglio (fig. 3.16) caratterizza i risultati relativi a variazioni di titolarit e riporta:
Dati caratteristici: Cognome/Ragione sociale, Nome, Codice fiscale, Comune,
Sezione, Foglio, Numero, Subalterno, Titolo, Quota di possesso
Data inizio situazione: valido dal, tipo nota, reg. il
Data fine situazione: valido dal, tipo nota, reg. il
Le informazioni comprendono tutti gli intestati e i beni immobili legati allatto indagato.

Fig.3.16 Dettaglio titolarit

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.33 di 65
20/03/2014

3.2.6.5 Dettaglio dellunit immobiliare


Il dettaglio (fig. 3.17) consente di accedere ai dati di ununit immobiliare urbana
fornendo:
Elementi identificativi: sezione, foglio, numero, subalterno, capofila
Dati caratteristici: cona, categoria, classe, rendita, consistenza, lotto, edificio,
scala, piano, interno, indirizzo, annotazioni
Data inizio situazione: valido dal, tipo nota, reg. il
Data fine situazione: valido dal, tipo nota, reg. il

Fig.3.17 Dettaglio unit immobiliare

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.34 di 65
20/03/2014

3.2.6.6 Dettaglio metadato (IRDATfvg)


Il dettaglio viene fornito per risultati di tipo Strato informativo, Servizio, Oggetto
territoriale e riporta le informazioni contenute nei metadati del Catalogo Dati
Ambientali e Territoriali.
Per ciascun dataset o servizio di IRDAT fvg vengono visualizzati i dati che ne identificano
il contenuto, il significato, il contesto di produzione, lo stato di aggiornamento ecc.
Nella finestra di dettaglio sono presenti i link per effettuare lo scarico dei dataset nei vari
formati ed eventuali URL di siti web e dei servizi.

Fig.3.18 Dettaglio metadato (IRDATfvg)

3.2.6.7 Dettaglio dati cartografici

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.35 di 65
20/03/2014

Il dettaglio (fig. 3.19) fornisce le caratteristiche degli elementi cartografici relativi a:


Particelle catastali
Unit immobiliari
Oggetti territoriali
Comuni
Comuni censuari catastali
Sezioni catastali
Fogli catastali
Indirizzi
Le informazioni variano con la categoria di risultati. Per es il dettaglio di una particella
catastale fornisce:
Codice Comune
Comune
Comune censuario
Sezione
Foglio
Numero
Denominatore
Particella
Superficie (mq)
Codice

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.36 di 65
20/03/2014

Fig.3.19 Dettaglio Dati Cartografici di Foglio Catastale

3.2.7 La visualizzazione in mappa del risultato


I risultati di una ricerca cui corrispondono delle geometrie georiferite possono essere
visualizzati nella finestra cartografica.
La funzione disponibile per le seguenti categorie di risultati:
Particella catastale
Posizione BingMaps
Unit immobiliare
Strato informativo
Oggetto territoriale
Comune
Comune Censuario catastale
Sezione catastale
Foglio catastale

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.37 di 65
20/03/2014

Civici per strada


Indirizzo
Piano regolatore
Il comando si attiva selezionando la voce Visualizza in mappa (Fig.3.20) dal men del
risultato.

Fig.3.20 Visualizza in mappa

Le geometrie vengono evidenziate nella finestra cartografica, aggiunte alle voci di


legenda e localizzate tramite un opportuno zoom che le inquadra.

3.2.8 Download strato informativo


IGISEvo permette di scaricare i dataset censiti nel catalogo IRDAT sia attraverso il
Dettaglio metadato (par. 3.2.6.6) che lapposita voce del men contestuale relativo al
risultato (fig.3.21).
Questultima modalit consente di aprire una finestra in cui sono elencati i link per il
download delle banche dati in tutti i formati e i sistemi di riferimento disponibili.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.38 di 65
20/03/2014

Fig.3.21 Download strato informativo

3.2.9 Stampa elenco risultati


Lelenco dei risultati di una ricerca pu essere stampato selezionando il pulsante
posto sulla barra dei comandi, a destra della finestra cartografica.
La funzione apre in anteprima un PDF (fig. 3.22) che pu essere salvato o stampato.
Il file presenta, per ogni risultato:
La tipologia di entit evidenziata in grigio
Il titolo
La descrizione.
Ciascun PDF riporta le voci presenti nella lista dei risultati al momento della stampa. Se,
per es., stato eseguito un filtro per categoria, lanteprima comprende soltanto i
risultati filtrati.
Lapertura della stampa pu variare a seconda delle impostazioni specifiche del
browser. In alcuni casi il file aperto nel browser stesso, in altri controllato dal
programma di lettura dei PDF.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.39 di 65
20/03/2014

Fig.3.22 Stampa elenco risultati

3.2.10

Stampa dettaglio

IGISEvo permette di stampare i contenuti delle schede di dettaglio attraverso il pulsante


presente nella cornice del programma, a destra della mappa. Il bottone compare
non appena viene aperta una finestra di dettaglio dalla lista dei risultati e scompare alla
sua chiusura.
Una volta attivata, la funzione visualizza in anteprima un PDF che pu essere salvato o
stampato. Lapertura della stampa pu variare a seconda delle impostazioni specifiche
del browser. In alcuni casi il file aperto nel browser stesso, in altri controllato dal
programma di lettura dei PDF.
I contenuti e la struttura della stampa variano a seconda della tipologia di dettaglio.
Nella seguente tabella sono descritte le diverse categorie

IGISEvo
Manuale Utente

CATEGORIA
STAMPA

Stampa
Intestato

Stampa
Particella

Pag.40 di 65
20/03/2014

DESCRIZIONE
Oltre agli estremi
anagrafici\sociali e fiscali
dellintestato (codice fiscale, luogo
e data di nascita,sesso), la stampa
riporta le caratteristiche delle
particelle e delle unit immobiliari
in carico e i riferimenti alle
variazioni e mutazioni che le
hanno generate
E' attivabile dopo aver visualizzato
il Dettaglio della particella. La
struttura della stampa riprende
quella di una visura catastale e
riporta i Dati identificativi della
particella, i Dati di classamento, le
Eventuali annotazioni, la Data di
inizio e fine situazione e gli
Intestati associati

Stampa
Titolarit

Stampa Unit
Immobiliare

Stampa Dati
Irdat

E' attivabile dopo aver visualizzato


il Dettaglio dellunit immobiliare.
La struttura della stampa riprende
quella di una visura catastale e
riporta i Dati identificativi
dellimmobile, i Dati di
classamento, lIndirizzo, il Lotto,
edificio, scala, piano, interno, la
Data di inizio e fine situazione e gli
Intestati associati
Riporta nella stampa la stessa
struttura e contenuto (a
esclusione dei formati di
distribuzione dei dataset) di
Dettaglio metadato (IRDATfvg).
La funzione disponibile per
risultati di tipo Strato informativo,
Servizio e Oggetto territoriale

GRAFICA

IGISEvo
Manuale Utente

Stampa Dati
Cartografici

Pag.41 di 65
20/03/2014

Nel PDF sono riscontrabili le


informazioni del Dettaglio dati
Cartografici di Particella
catastale, Unit immobiliare,
Comune, Comune censuario
catastale, Sezione catastale,
Foglio catastale e Indirizzo.
In grigio vengono evidenziate: la
tipologia di entit e le
caratteristiche principali
delloggetto. Per es. nel caso di
una particella compaiono il
Comune di appartenenza, la
sezione censuaria, il foglio e il
numero di mappale

Il tipo di stampa viene indicato da un tooltip che appare avvicinando il mouse al


pulsante.

3.2.11

Esporta dettaglio

Quando viene visualizzata la finestra relativa a:


Dettaglio dellintestato
Dettaglio dellunit immobiliare
Dettaglio della particella.

nella barra a destra della finestra cartografica compare licona


esportare le informazioni in formato Excel.

che consente di

La funzione crea e apre un file xls contenente gli stessi dati riportati nella stampa PDF
(par. 3.2.10). In particolare si hanno:

Esporta intestato: contiene gli estremi anagrafici\sociali e fiscali dellintestato e le


caratteristiche degli immobili in carico

Esporta unit immobiliare: riporta i dati identificativi dellunit immobiliare e degli


intestati associati

Esporta particella: specifica le informazioni che caratterizzano la particella e gli


intestati associati.

IGISEvo
Manuale Utente

Ogni dato contenuto in una cella del foglio di lavoro.

3.3 Gestione della finestra cartografica


3.3.1 Generalit della finestra e descrizione della toolbar
La finestra cartografica stata ideata allo scopo di:
Favorire la lettura del territorio
Interrogare elementi cartografici
Localizzare risultati di ricerca.
Diverse sono le componenti di cui dispone.
Nella mappa sono presenti:
La scale bar che rappresenta graficamente la scala della vista
Lindicazione del tile della finestra
I tool di gestione dello zoom e della navigazione allinterno delle viste
Ai piedi della finestra la barra di stato fornisce:
Le segnalazioni allutente
La posizione assunta dal cursore del mouse

Pag.42 di 65
20/03/2014

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.43 di 65
20/03/2014

Tool di
navigazione

Toolbar dei
comandi

Scale bar

Messaggistica

Posizione
del mouse
Fig.3.23 Disposizione delle funzionalit sulla finestra cartografica

La gestione della mappa affidata ad una serie di strumenti raccolti nella toolbar a
destra, sulla cornice del programma (come evidenziato in fig. 3.23). Le funzionalit si
attivano e si disattivano cliccando sui vari simboli.
Mentre un comando in esecuzione, il pulsante assume un colore di sfondo bianco.
A parte la Mini-map non consentito il funzionamento di pi tool in contemporanea.
Avvicinando il mouse alle icone appare un tooltip esplicativo che comunica il significato
della funzione (fig. 3.24)

.
Fig.3.24 Tooltip che appare avvicinando il mouse alla funzione

I comandi della toolbar permettono di :


Attivare la vista panoramica sul territorio
Visualizzare la mini-map
Richiedere la scheda oggetto delle entit presenti in mappa
Gestire i layer attraverso la legenda
Effettuare misurazioni di lunghezze e aree

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.44 di 65
20/03/2014

Eseguire una localizzazione per coordinate


Avviare le stampe e le esportazioni

3.3.2 Messaggistica
Nella barra di stato in basso a sinistra unapposita casella di messaggi permette di
interagire con lutente visualizzando informazioni o suggerimenti operativi sulla
funzione attiva
I livelli di notifica sono distinti per grado di severit:

Info: notifiche informative segnalate con icona grigia (fig. 3.25).

Fig.3.25 Esempio di messaggistica informativa

Warning: messaggi di attenzione indicati con un punto esclamativo su sfondo


giallo (fig. 3.26).

Fig.3.26 Messaggistica di warning

Error: segnalazione di errore accompagnata da simbolo rosso (fig. 3.27).

Fig.3.27 Messaggistica di errore

3.3.1 Posizione del cursore sulla mappa


Nella barra di stato, sul bordo inferiore della finestra cartografica, compaiono le
coordinate relative alla posizione corrente del cursore sulla mappa. I valori si aggiornano
dinamicamente ad ogni spostamento del mouse.
Azionando la freccetta
accanto al primo valore numerico si apre un pannello che
permette di scegliere il formato delle coordinate. Ad ogni selezione i valori vengono
convertiti e aggiornati. I formati di visualizzazione previsti sono:

Decimal: impostazione predefinita, visualizza le coordinate geografiche in gradi


sessadecimali

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.45 di 65
20/03/2014

DDMMSS: esprime latitudine e longitudine in gradi, minuti e secondi

UTM: coordinate piane UTM (Est, Nord, fuso)

Fig.3.28 Gestione formati di visualizzazione delle coordinate

3.3.2 Scale bar


Nellangolo in basso a destra della mappa, attiva la barra che descrive graficamente la
scala di rappresentazione corrente. costituita da una barretta colorata sormontata
dallindicazione della distanza rappresentata. Linformazione viene aggiornata dopo
ogni operazione di zoom o localizzazione.

Fig.3.29 Scale bar

3.3.3 Navigazione allinterno della mappa


Il sistema permette in qualsiasi momento di spostarsi allinterno della mappa e
aumentare o diminuire il dettaglio della vista. La finestra di visualizzazione si aggiorna
anche durante lelaborazione di un criterio di ricerca.
IGISEvo utilizza la tecnologia Deep Zoom che garantisce la massima fluidit sulla
mappa sfruttando meccanismi di dissolvenza nel passaggio tra un livello e laltro.
Per la navigazione possibile utilizzare:
Mouse
Navigation tool
Fit All da barra dei comandi

3.3.3.1 Navigazione tramite mouse

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.46 di 65
20/03/2014

Lo zoom attivabile semplicemente utilizzando lo scroll del mouse. Si posiziona il


cursore nellarea di mappa interessata e ruotando la rotellina si effettuano velocemente
ingrandimenti o riduzioni della vista.
La traslazione allinterno della mappa si ottiene tenendo premuto il tasto sinistro del
mouse e spostandosi nella direzione voluta.

3.3.3.2 Navigation tools


IGISEvo mette a disposizione alcuni comandi per la navigazione allinterno della mappa.
Sono disposti nella parte in alto a sinistra della finestra cartografica e permettono di
variare la visualizzazione del disegno con funzioni di Zoom e Pan. Avvicinando il cursore
alle icone appare un tooltip esplicativo.

Fig.3.30 Evidenza dei navigation tools

I comandi vengono descritti nella seguente tabella

IGISEvo
Manuale Utente

COMANDO
Zoom Indietro

Zoom Avanti

Pan

Slider bar

Pag.47 di 65
20/03/2014

DESCRIZIONE
Cliccando il pulsante la vista si rimpicciolisce di un livello di
tile mantenendo fisso il centro dellinquadratura. La
riduzione dello zoom visibile sia nel valore di tile posto
sopra il comando che nella slider bar laterale
Cliccando il pulsante la vista si ingrandisce di un livello di
tile mantenendo fisso il centro dellinquadratura.
Laumento dello zoom visibile sia nel valore di tile posto
sopra il comando che nella slider bar laterale
Cliccando sulle frecce direzionali viene eseguita una
traslazione del centro dellinquadratura. Il livello di zoom
viene mantenuto costante
La barra graduata permette di variare il livello di zoom
agendo con il mouse sullo slider evidenziato in grossetto.
Uno spostamento verso lalto corrisponde ad un aumento
della vista, verso il basso determina uno Zoom indietro. La
barra compare avvicinando il mouse ai Navigation Tools.

ICONA

3.3.3.3 Funzione Fit all


La funzione si attiva selezionando il comando

nella toolbar.

Fit all riporta la schermata alla vista iniziale, il cui centro e livello di zoom sono
configurabili in sede di progetto (fig. 3.31).
Al termine dello zoom, risultano visibili le cartografie e i dati selezionati in legenda e
attivi a quella scala.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.48 di 65
20/03/2014

Fig.3.31 Funzione Fit all

3.3.4 Livello di tile corrente


Tra i pulsanti di Zomm, IGISEvo evidenzia il livello di tile della vista corrente. I valori
vanno da 1 a 20. Il numero massimo e quello di default che appare allapertura della
finestra cartografica sono configurabili dallAmministratore di Sistema.
Il livello si aggiorna dopo ogni operazione di zoom e di localizzazione. Il valore che
contiene lintera Regione 9.

Fig.3.32 Evidenziazione del livello di tile corrente

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.49 di 65
20/03/2014

3.3.5 Funzione Vista Panoramica


IGISEvo mette a disposizione una speciale funzione di Bing Maps che visualizza
immagini aeree catturate a bassa quota. La peculiarit di queste immagini di essere
scattate in obliquo a 45 in modo da fornire una particolare percezione della profondit
e un estremo dettaglio nei particolari.
Le immagini sono normalmente disponibili per i capoluoghi di provincia e le loro
caratteristiche sono apprezzabili soprattutto nelle zone urbane dove si possono
visualizzare con minuzia vie, immobili ed oggetti.

Per avviare la funzione si seleziona il pulsante Vista Panoramica


posizionato
nella toolbar a destra. Il comando attiva una nuova modalit di visualizzazione
dellinterfaccia (fig. 3.33) rappresentando soltanto le viste oblique.

Fig.3.33 Vista Panoramica attiva

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.50 di 65
20/03/2014

La visione disponibile da tutte e quattro le direzioni cardinali e la rotazione viene


gestita attraverso due pulsanti:
ICONA DESCRIZIONE
Ruota la visione in senso
anti-orario
Ruota la visione in senso
orario
La navigazione allinterno delle viste favorita dai navigation tools (par. 3.3.3.2).
Per ritornare allinterfaccia precedente sufficiente selezionare il comando

3.3.6 Funzione Mini-map


Il comando Mini-map permette di inquadrare, a livello regionale o sub-regionale, la
zona rappresentata nella mappa principale. Favorisce la lettura delle viste e
linterpretazione del territorio, seguendo gli spostamenti allinterno della piattaforma
cartografica
azionabile tramite licona
ed apre una finestra di dimensioni fisse in basso a
sinistra (fig. 3.34). Allinterno di questa finestra un pallino rosso indica la posizione
centrale della videata principale. Sullo sfondo viene riportata la cartografia di Microsoft
Bing Maps Road .
possibile scegliere tra due modalit di visualizzazione della Mini-map :
Di default la vista inquadra lintero territorio regionale e compare il check sulla
voce Regione Friuli Venezia Giulia. La cartografia di sfondo rimane fissa mentre
il pallino rosso si sposta ad ogni traslazione della mappa principale.
Togliendo il check dalla voce Regione Friuli Venezia Giulia compare la stessa
vista della schermata principale ma con un livello di tile inferiore di 4 unit. La
mini-map sincronizzata con la finestra cartografica di IGISEvo, perci si adatta
a qualsiasi variazione di scala o di localizzazione della mappa principale

Per nascondere la finestra di Mini-map sufficiente selezionare nuovamente il simbolo


della funzione.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.51 di 65
20/03/2014

Fig.3.34 Attivazione del comando Mini-map

3.3.7 Funzione Scheda oggetto


La funzione di Scheda Oggetto viene attivata selezionando licona
. Mentre il
comando in esecuzione il simbolo assume un colore di sfondo bianco e ogni click del
mouse sulla mappa viene interpretato da IGISEvo come una richiesta di interrogazione.
Lapplicazione evidenzia il punto selezionato con una figura che riproduce licona della
funzione ed apre una finestra che visualizza tutti i dati interrogabili e rappresentati in
mappa nellintorno del click (fig.3.35).
Se i risultati superano il limite di altezza della scheda, compare una barra di scorrimento
verticale.
La finestra ridimensionabile a piacere.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.52 di 65
20/03/2014

Fig.3.35 Attivazione del comando Scheda oggetto

Accanto ad ogni voce della scheda compaiono due icone, una per espandere il
contenuto e una per stampare il singolo dettaglio
ICONA

DESCRIZIONE
Selezionando licona, la freccia si rivolge verso lalto, lelemento
della lista si espande e compaiono gli attributi delloggetto. La
quantit e il tipo di informazioni variano a seconda della classe di
oggetti. IGISEvo supporta anche link multimediali come valori di
attributo. Ogni link apre una nuova finestra che ne visualizza il
contenuto.
Visualizza in anteprima un PDF che pu essere salvato o
stampato. Lapertura della stampa pu variare a seconda delle
impostazioni specifiche del browser. Nel PDF sono riportati la
tipologia di entit , un eventuale titolo delloggetto e i dati di
dettaglio dellelemento selezionato.

Prima di effettuare una nuova interrogazione necessario chiudere la scheda oggetto


attraverso il pulsante X.
Il comando Scheda oggetto rimane attivo finch non viene premuta nuovamente
licona o si seleziona un altro comando come:
Livelli
Misure

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.53 di 65
20/03/2014

Localizza per coordinate


Stampa mappa.

3.3.8 Funzione Legenda


La funzione Legenda permette la gestione dei layer e delle cartografie rappresentate
in mappa. Premendo licona
della toolbar a destra, appare un pannello (fig. 3.36)
in cui sono elencati gli strati visualizzabili e\o visualizzati.

Fig.3.36 Attivazione del comando Legenda

Le voci presentano una struttura ad albero (fig. 3.37) che ottimizza la visualizzazione
consentendo di espandere o comprime le categorie attraverso la freccia a sinistra del
nome.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.54 di 65
20/03/2014

Fig.3.37 Struttura ad albero del livello

I livelli sono contenuti in due macro-raggruppamenti.


Sfondi cartografici
Gli sfondi cartografici sono relativi ad una lista di cartografie messe a disposizione da
dei soggetti esterni allEnte e reperibili tramite un indirizzo web. Le immagini non sono
direttamente gestibili o personalizzabili dallEnte ma comunque sono di supporto ad una
migliore lettura del territorio.
Lelenco configurabile a cura dellAmministratore del sistema in base alle necessit
dellEnte fruitore e ai servizi disponibili sulla rete internet. Attualmente vengono
utilizzate le piattaforme Microsoft Bing Maps e OpenStreetMap.
In particolare:

Bing Maps (mappa stradale): mostra immagini vettoriali di strade, edifici e aree
geografiche

Bing Maps (vista aerea con toponimi): carica immagini satellitari evidenziando le
strade e i principali toponimi

Bing Maps (vista aerea): attiva le immagini satellitari del territorio visualizzato

Open Street Map:


OpenStreetMap

visualizza

le

mappe

rese

disponibili

dal

progetto

I dati di Bing Maps sono resi disponibili grazie alla licenza sottoscritta con Microsoft. Le
mappe OpenStreetMap invece sono liberamente disponibili.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.55 di 65
20/03/2014

Gli Sfondi cartografici possono essere selezionati solo uno alla volta. Il sistema
rappresenta in mappa lo sfondo attivato e aggiorna limmagine in base ad eventuali
variazioni di zoom o spostamenti della finestra di visualizzazione. Il dato viene caricato
ad una priorit pi bassa rispetto ad eventuali Strati informativi presenti in mappa. Per
esempio se sulla vista attiva lortofotocarta regionale questa copre sempre lo sfondo
cartografico selezionato.
Limpostazione di default per la categoria Sfondi cartografici viene configurato a cura
dellAmministratore del sistema. Se si vuole valorizzare la visualizzazione dei dati
presenti in altre sezioni della Legenda pu essere scelta lopzione Nessuna
Cartografia.
Strati informativi
In questa categoria rientrano gli strati cartografici messi a disposizione
dallAmministrazione Regionale e\o dallEnte per il quale configurato il progetto.
I livelli di base generalmente comprendono i principali sfondi utilizzati in ambito
regionale e possono per esempio prevedere:
cartografie vettoriali come la Carta Regionale Numerica in scala 1: 25.000
(CRN) e la Carta Tecnica Regionale Numerica in scala 1:5.000 (CTRN)
cartografie raster come le ortofoto (disponibili in diverse edizioni, da Blom CGR
1998 ad Agea 2011)
cartografia catastale che comprende: edifici, acque, strade, particelle e fogli di
mappa dellarchivio cartografico catastale
banche dati geografiche presenti nel catalogo IRDATfvg
la numerazione civica georiferita regionale.
Agli Strati Informativi vengono aggiunti anche i risultati delle ricerche localizzate in
mappa.
Per attivare o disattivare un livello sufficiente agire sul segno di spunta accanto al
nome.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.56 di 65
20/03/2014

Livello non
visualizzabile alla
scala corrente

Localizza, elimina,
info e opacit

Livello attivo

Intervallo visibilit

Fig.3.38 elementi della legenda

Lultima voce selezionata ha priorit di visualizzazione e appare in mappa sopra le altre.


In ogni caso le geometrie di tipo vettoriale vengono sovrapposte alle immagini raster.
La possibilit di veder rappresentati in mappa i diversi Strati informativi legata al
livello di zoom della finestra. Il sistema indica in neretto i layer visualizzabili per la vista
corrente e in grigio quelli non attivi (per es. Particelle Catastali in fig. 3.38).
Avvicinando il mouse alla voce di legenda compare un tooltip che indica il catalogo di
appartenenza e lintervallo di zoom in cui il livello visibile sulla mappa.
A seconda della tipologia di dato e dei parametri configurati a livello di sistema,
possibile vedere, accanto a ogni livello, uno o pi simboli tra quelli di seguito illustrati.

ICONA

NOME

DESCRIZIONE

IGISEvo
Manuale Utente

Localizza
Elimina
Info

Opacit

Pag.57 di 65
20/03/2014

Selezionando licona il dato viene localizzato sulla mappa ed


inquadrato col livello di zoom maggiormente idoneo
La funzione toglie la voce dalla legenda ed elimina la visualizzazione
in mappa dello strato informativo
Cliccando sul simbolo si apre una finestra per visualizzare il
dettaglio associato al livello
Permette di variare lopacit del layer in mappa. Pi un livello
trasparente, meno visibile e consente di vedere maggiormente i
dettagli degli strati sottostanti. Selezionando il simbolo di Opacit
compare un pannello che permette di personalizzare il grado di
trasparenza muovendo il cursore su una slider bar. I valori possono
essere regolati da un minimo di 30% a un massimo di 100%. Di
default il sistema mostra i dati al grado pi alto di visibilit e
posiziona il cursore sul 100%.
Per variare la trasparenza sufficiente tenere premuto il tasto
sinistro del mouse sul cursore ed eseguire uno scorrimento fino
allintensit interessata. Effettuando un click sulla barra, il cursore
si posiziona sullestremo pi prossimo.
Il pannello di regolazione scompare allontanando il mouse.
La funzione risulta disponibile solo per gli strati attivi in mappa (con
check sulla casella) e visualizzabili al tile corrente (colore neretto
della voce)

Le icone compaiono a destra della voce, posizionando il mouse presso il nome del layer.
Avvicinandosi a ogni simbolo appare un tooltip esplicativo.

3.3.9 Funzione Misure


IGISEvo permette il calcolo di distanze, aree e perimetri attraverso lediting di spezzate
e poligoni. Le geometrie di cui si ottiene la misura non sono elementi esistenti in mappa
ma vanno inserite dallutente e sono visualizzate in modo temporaneo.
I valori di lunghezza e area vengono modificati in modo interattivo ad ogni movimento
del cursore fino al termine delleditazione.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.58 di 65
20/03/2014

Fig.3.39 Apertura pannello per esecuzione di misure

Selezionando, nella toolbar, il simbolo


, si apre un pannello che permette
lattivazione delle diverse funzioni. Avvicinando il mouse ad ogni icona compare un
tooltip che ne illustra il significato.
Il pannello viene nascosto riselezionando licona.

3.3.9.1

Misura di lunghezze

La prima funzione messa a disposizione sul pannello delle Misure permette il calcolo di
lunghezze.
Il comando si attiva con click sullicona in alto a sinistra del pannello (evidenziata in fig.
3.40). Finch la funzione attiva il simbolo assume uno sfondo bianco

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.59 di 65
20/03/2014

Fig.3.40 Attivazione comando per la misura di lunghezze

Una volta effettuata la selezione si editano sulla mappa i vertici della spezzata di cui si
vuole la misura.
Dopo ogni click, il punto selezionato viene evidenziato con un anello giallo e un
segmento verde lo collega al cursore del mouse. Sul pannello compare la misura
complessiva di lunghezza data dalla somma dei tratti editati e la distanza attuale
dellultimo vertice dal cursore (fig. 3.41). Lunit di misura cambia in base alle
dimensioni della geometria.
Ogni segmento della spezzata rappresentato con una linea verde e il suo punto medio
viene indicato da un cerchietto blu.
I vertici e i punti medi possono essere spostati durante la fase di editing tenendo
premuto il tasto sinistro del mouse sul simbolo e spostandosi nella direzione voluta.
Non appena viene selezionato, un punto medio diviene vertice di spezzata.
Con un semplice click sui simboli gialli si elimina il vertice e la geometria si adatta di
conseguenza. Durante il disegno dei punti possibile eseguire zoom e spostamenti della
vista.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.60 di 65
20/03/2014

Fig.3.41 Realizzazione di una misura di lunghezza

Per terminare lediting sufficiente fare doppio click sullultimo punto oppure
selezionare il primo vertice della spezzata. In questultimo caso la configurazione
rappresenta un poligono e la misura indica il suo perimetro.
Chiusa la fase di editazione, sul pannello rimane la lunghezza complessiva dei tratti
disegnati e sulla mappa si vede la geometria senza indicazione dei vertici.
Per eseguire unaltra misura si seleziona nuovamente unicona del pannello.
Automaticamente scompare la lunghezza precedente e la finestra cartografica si
ripulisce dalla geometria disegnata.
In qualsiasi istante possibile terminare il comando selezionando il simbolo

3.3.9.1

Misura di area e perimetro

Selezionando licona
possibile ottenere area e perimetro dei poligoni disegnati in
mappa dallutente. Le modalit sono analoghe a quelle della funzione Lunghezze. Non
appena attivato il comando, possibile editare sulla finestra cartografica i vertici del
poligono da misurare (fig. 3.42). Il sistema evidenzia:
I punti selezionati con anelli gialli (quello iniziale di dimensioni maggiori)

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.61 di 65
20/03/2014

I segmenti tra i vertici con linee verdi


I punti medi dei tratti con un cerchietto blu
Il collegamento dellultimo vertice al cursore con un segmento verde
La superficie che si viene a coprire con la geometria editata in un colore blu e una
leggera trasparenza

Fig.3.42 Realizzazione di una misura di area

I vertici e i punti medi possono essere spostati durante la fase di editing tenendo
premuto il tasto sinistro del mouse sul simbolo e spostandosi nella direzione voluta.
Non appena viene selezionato, un punto medio diviene vertice del poligono.
Con un semplice click sui simboli gialli si elimina il vertice e la geometria si adatta di
conseguenza.
Durante il disegno dei punti possibile eseguire zoom e spostamenti della vista.
Sul pannello, ad ogni movimento del cursore si aggiornano i valori di superficie e
perimetro. Lunit di misura si adatta alle dimensioni delloggetto disegnato.
Per terminare lediting sufficiente fare doppio click sullultimo punto oppure
selezionare il primo vertice del poligono.

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.62 di 65
20/03/2014

Chiusa la fase di editazione (fig. 3.43), sul pannello possibile leggere i valori finali di
superficie e perimetro mentre sulla mappa visibile la geometria senza indicazione dei
vertici

Fig.3.43 Termine fase di editing in una misura di area

Per eseguire unaltra misura si seleziona nuovamente unicona del pannello.


Automaticamente scompare la superficie precedente e la finestra cartografica si
ripulisce dalla geometria disegnata.
In qualsiasi istante possibile terminare il comando selezionando il simbolo

3.3.10

Funzione Localizza per coordinate

La funzione di localizzazione permette di modificare la vista corrente incentrandola su


un punto di coordinate note.
La nuova posizione deve essere definita tramite lapposito pannello che compare
selezionando licona

Le coordinate si riportano in apposite caselle di testo.


Le modalit di inserimento possono essere:

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.63 di 65
20/03/2014

Decimal: consente di specificare il nuovo centro della mappa in coordinate


geografiche (latitudine e longitudine in gradi sessadecimali). Il valore impostato
di default 0.

UTM: richiede, oltre allindicazione delle coordinate piane UTM, il fuso di


appartenenza e lemisfero (per la Regione FVG zona:33 e emisfero N) .

Dopo aver modificato i valori con le nuove coordinate si avvia la localizzazione


premendo il pulsante Localizza. La vista della finestra cartografica si sposter nella
nuova posizione senza modificare il livello di zoom.
Una volta digitata una coppia di coordinate, cambiando modalit le stesse vengono
convertite e visualizzate in forma diversa.

Fig.3.44 Localizzazione - modalit Decimal

IGISEvo
Manuale Utente

3.3.11

Pag.64 di 65
20/03/2014

Funzione Stampa mappa

La funzione relativa allicona


consente una stampa in scala della mappa,
eventualmente corredata da una legenda dei dati. Allavvio del comando appare un
pannello (fig. 3.45) che richiede:

la selezione del formato di stampa allinterno di un elenco di modelli predefiniti. E


uninformazione obbligatoria che determina il formato del foglio di stampa e la
presenza o meno della legenda.

il titolo e il sottotitolo che sono informazioni opzionali eventualmente introdotte


come testo libero

la scala di stampa. Il valore di default quello della vista attuale. Se si cancella


questo valore e non si inserisce uno nuovo, larea da stampare viene calcolata
sulla base della finestra corrente, Se si specifica una scala diversa da quella
impostata, larea di stampa determinata mantenendo il centro sulla finestra
attiva e considerando larea definita dalle dimensioni dellarea di stampa prevista
nel formato scelto e dalla scala indicata.

Fig.3.45 Attivazione del comando Stampa mappa

IGISEvo
Manuale Utente

Pag.65 di 65
20/03/2014

Premendo il pulsante Stampa si apre una finestra che presenta loutput formato pdf
(fig. 3.46). In stampa vengono visualizzati solamente gli Strati Informativi e la funzione
non consente la stampa delle cartografie esterne. In funzione del modello di stampa
scelto nellintestazione in alto, assieme a titolo e sottotitolo pu essere riportata
unimmagine del territorio regionale con lindividuazione della zona stampata. In basso
compaiono la scala e le coordinate-mappa degli estremi rappresentati. Leventuale
legenda riporta tutti i layer attivi sulla finestra cartografica al momento della stampa.
Il file PDF pu essere stampato o salvato. La scala di rappresentazione viene rispettata
solo se le impostazioni di stampa non prevedono riduzioni o adattamenti alla pagina.

Fig.3.46 Esempio di stampa della mappa