Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLVIII n. 8 (47.741) Città del Vaticano venerdì 12 gennaio 2018
.

Per la prima volta l’esercito del Myanmar ammette l’uccisione di esponenti della minoranza Per ridurre le tensioni

D imenticati Onu e Mosca approvano


il disgelo intercoreano
i bambini rohingya
NAYPYIDAW, 11. Più di 60.000 bam- Hlaing, ha riferito che le violenze
bini rohingya vivono completamente sono avvenute il 2 settembre nel vil-
dimenticati nello stato del Rakhine, laggio di Inn Din, nello stato del
in Myanmar. Lo denuncia l’Unicef, Rakhine. «Alcuni abitanti del villag-
il Fondo delle Nazioni Unite per gio e membri delle forze di sicurezza
l’infanzia. Gli occhi del mondo sono hanno confessato di avere ucciso
tutti puntati sulle oltre 655.000 per- dieci terroristi bengalesi», si legge
sone che, da agosto, hanno attraver- nel post, dove compare il termine
sato il confine con il Bangladesh per «bengalese» utilizzato dalle autorità
sfuggire alle violenze dei militari go- del Myanmar per indicare la mino-
vernativi del Myanmar. Tuttavia, al- ranza etnica musulmana. In Myan-
meno 60.000 bambini sono ancora mar i rohingya non sono infatti con-
bloccati e dimenticati in squallidi siderati connazionali, bensì cittadini
campi profughi nel Rakhine. E ulte- del Bangladesh (arrivati durante il
riori 200.000 persone della minoran- periodo coloniale britannico), con
za etnica musulmana vivono in vil- cui condividono la fede musulmana
laggi in cui la libertà di movimento e il ceppo linguistico.
e l’accesso ai servizi di base sono Con questa prima ammissione
sempre più limitati. dell’esercito, è arrivata anche la pri-
Le preesistenti restrizioni al movi- ma conferma dell’esistenza di una
mento delle persone dentro e fuori i fosse comune di rohingya nel Rakhi-
campi sono state rafforzate dopo lo ne. Le dieci vittime sono state fer- Visitatore al confine tra le due Coree (Ap)
scoppio delle violenze, rendendo an- mate dai militari — che nei mesi
cora più complicato per gli operatori scorsi sono stati accusati senza mezzi
umanitari portare aiuti ai bambini e termini da Stati Uniti e dalle Nazio- NEW YORK, 11. Il Consiglio di si- scostarsi dalle sanzioni contro
rendendo se possibile ancora peg- ni Unite di «pulizia etnica» — e poi curezza dell’Onu ha accolto oggi Pyongyang per i suoi programmi
giori le già difficili condizioni di vita «uccise al cimitero», ha aggiunto il con soddisfazione l’avvio di un missilistici e nucleari, in quanto —
di migliaia di profughi. post del generale. Nella versione dei dialogo intercoreano, esprimendo prosegue la nota — «la Corea del
I campi nel Rakhine versano in militari, le uccisioni sono state una l’auspicio che possa portare alla Nord e tutti gli altri stati devono
condizioni disastrose. Alcuni sono rappresaglia dei militari e di buddi- applicare in modo completo e rigo-
denuclearizzazione della penisola.
sotto il livello del mare, senza quasi sti locali dopo che gruppi ribelli roso tutte le risoluzioni pertinenti
Con favore è stata anche accolta
nessuna copertura boschiva e con fo- rohingya avevano ucciso dei buddisti del Consiglio di sicurezza».
la volontà di Pyongyang di parteci-
gne a cielo aperto. Spesso le abita- in un villaggio vicino. «L’incidente è Anche la Russia ha accolto posi-
Madre e bambino rohingya in un campo profughi in Bangladesh (Reuters) avvenuto perché i residenti buddisti pare ai Giochi olimpici invernali di
zioni sono costruite sui rifiuti, dove i febbraio a Pyeongchang (in Corea tivamente il disgelo tra Seoul e
bambini camminano scalzi, con il ri- erano stati minacciati e provocati dai Pyongyang. «La speranza è che il
terroristi», conclude il comunicato del Sud), come pure la riapertura
schio di contrarre malattie letali. della linea telefonica militare inter- dialogo aiuterà la de-escalation del-
Non ci sono nemmeno sentieri ade- nel Rakhine settentrionale, conserva Intanto oggi, per la prima volta, militare.
coreana. «Sono canali di dialogo le tensioni nella penisola coreana,
guati, in modo da non dovere cam- ancora le cicatrici delle recenti vio- l’esercito del Myanmar ha ammesso Finora, l’esercito del Myanmar nonché la stabilità nella regione»,
lenze dei militari. Vaste aree sono il suo coinvolgimento nell’uccisione, aveva sempre negato qualsiasi viola- importanti per evitare le incom-
minare in mezzo ai rifiuti. Il respon- precisa un comunicato del ministe-
state rase al suolo da bulldozer, lo scorso settembre, di dieci rohin- zione, sostenendo di non avere mai prensioni e ridurre le tensioni», si
sabile di un campo — come denun- ro degli esteri di Mosca.
gran parte dei negozi sono chiusi, gya. ucciso alcun rohingya. A dicembre, legge in una nota del palazzo di
cia l’Unicef — aveva registrato la Ieri sera il presidente degli Stati
morte di almeno quattro bambini poche persone sono in giro per stra- Con un post su Facebook, l’uffi- le organizzazioni umanitarie hanno Vetro di New York.
Uniti, Donald Trump, ha telefona-
nel solo mese di dicembre. da, pochissime donne e ancora me- cio del capo delle forze armate di stimato in almeno 6700 le vittime Nonostante lo sviluppo positivo, to all’omologo sudcoreano, Moon
Prima di agosto, l’Unicef stava no bambini. Naypyidaw, generale Min Aung rohingya negli ultimi quattro mesi. i Quindici non intendono, però, Jae-in, ribadendo la disponibilità
curando 4800 bambini che soffriva- di Washington al dialogo con la
no di malnutrizione acuta grave: ma Corea del Nord «al momento ap-
ora questi minori non stanno più ri- propriato e nelle giuste circostan-
cevendo questi trattamenti salvavita. ze». Lo hanno reso noto fonti della
Tutti i centri per il trattamento tera- Dopo un attacco portato a termine dai guerriglieri colombiani al termine del cessate il fuoco Casa Bianca.
peutico ambulatoriale sono stati All’indomani della svolta interco-
chiusi, in quanto depredati, distrutti reana maturata nell’incontro nel
o perché lo staff non può accedervi.
Nessuno dei cinque centri di assi-
Sospesi i colloqui tra Bogotá ed Eln villaggio di confine di Panmunjom,
Trump e Moon hanno ribadito la
stenza sanitaria di base che l’Unicef loro «solida alleanza», concordan-
stava supportando è operativo e in do, nella seconda telefonata in me-
nessun posto viene distribuita suffi- BO GOTÁ, 11. Il governo della Colombia ha so- appartenenti al Fronte José Daniel Suarez, una Il presidente Santos ha sottolineato ieri di es- no di una settimana, di tenere
ciente acqua pulita o cibo. La situa- speso i colloqui di pace con i guerriglieri delle unità militari che fanno capo all’Esercito di sere sempre disposto «a prorogare il cessate il strette consultazioni sulla direzione
zione è al limite del collasso. In dell’Esercito di liberazione nazionale (Eln), che liberazione nazionale, ha fatto saltare in aria fuoco con l’Eln», aggiungendo che «inspiegabil- che i colloqui tra Seoul e Pyon-
particolare la città di Maungdaw, dovevano riprendere ieri in Ecuador. Lo ha an- l’oleodotto che collega il giacimento petrolifero mente loro hanno rifiutato di farlo, e ora hanno gyang potranno prendere.
nunciato il presidente colombiano José Manuel di Caño Limón, in Arauca, con la città di Cove- ripreso gli attacchi terroristici». Il mio impegno
Santos, spiegando di aver chiesto al capo dei ne- ñas, sulla costa caraibica della Colombia, a oltre a favore della pace «resta indeclinabile, ma alla
goziatori Gustavo Bell di tornare in patria «per 750 chilometri di distanza. pace si arriva con fatti concreti, non solo con
valutare il futuro del processo». parole» ha scritto Santos su Twitter, sottolinean-
Gli attacchi si sono verificati al termine della
La battuta d’arresto nel negoziato, che sem- do di avere ordinato alle forze armate di «ri-
Di fronte alle nuove sfide brava avviarsi verso una conferma della tregua, tregua scaduta alla mezzanotte del 9 gennaio. spondere con decisione a questa aggressione Il viaggio del Papa in Cile e Perú
si è verificata dopo che le autorità del diparti- Pochi giorni prima il ministro degli esteri dell’Eln». L’Eln, che conta circa 1500 combat-
Verso una cittadinanza mento nord orientale di Arauca hanno accusato dell’Ecuador, María Fernanda Espinosa, aveva tenti sul territorio nazionale, è l’ultimo gruppo D ifficile
gruppi di guerriglieri riconducibili all’Eln di dichiarato che governo ed Eln avevano dimo- guerrigliero attivo in America latina dopo che le
ecologica aver perpetrato attacchi esplosivi contro degli strato «la volontà politica» di estendere il cessa- Forze armate rivoluzionarie della Colombia
ma appassionante
oleodotti e di aver ferito due soldati con una te il fuoco in occasione della quinta sessione dei (Farc) hanno firmato un accordo di pace con il
FREDY PARRA A PAGINA 5 granata. Secondo le prime ricostruzioni, uomini negoziati di pace previsti a Quito. governo colombiano nel novembre 2016. PAGINA 8

Washington potrebbe rientrare nell’accordo di Parigi sul clima


NOSTRE INFORMAZIONI
Trump ci ripensa
Ieri, mercoledì 10, il Santo Pa- Nunzio Apostolico in Colom- Il Santo Padre ha nominato
dre ha ricevuto in udienza Sua bia; Membri della Congregazione
WASHINGTON, 11. Gli Stati Uniti po- senso che vogliono acqua pulita, aria bale. La decisione è stata fortemente Eccellenza Monsignor Santiago delle Cause dei Santi gli Eccel-
trebbero rientrare nell’accordo di Pa- pulita ma anche un business che può contestata. Così come hanno suscita-
— Marek Solczyński, Arcive-
Olivera, Ordinario Militare per scovo titolare di Cesarea di lentissimi Monsignori Vincenzo
rigi. Donald Trump torna sul nodo competere» ha spiegato il presidente. to polemiche e critiche i provvedi-
del clima e non esclude un clamoro-
l’Argentina. Mauritania, Nunzio Apostolico Paglia, Arcivescovo-Vescovo
Trump ha annunciato lo scorso menti approvati di recente dall’am-
so dietrofront su una delle decisioni giugno l’uscita dallo storico accordo ministrazione di Washington in ma- in Tanzania. emerito di Terni-Narni-Amelia,
più contestate della sua presidenza. del 2015 contro il riscaldamento glo- teria. Il Santo Padre ha ricevuto Presidente della Pontificia Ac-
«Onestamente è un accordo con il cademia per la Vita, e Demetrio
questa mattina in udienza Sua Il Santo Padre ha ricevuto
quale non ho alcun problema; ho un Fernández González, Vescovo
problema con l’accordo che hanno Eccellenza Monsignor Luis questa mattina in udienza il Pa-
firmato perché hanno fatto un catti- Francisco Ladaria Ferrer, Prefet- store Jens-Martin Kruse, della di Córdoba (Spagna).
vo accordo» ha dichiarato ieri il capo to della Congregazione per la Comunità Evangelica Luterana
della Casa Bianca. Gli Stati Uniti Dottrina della Fede. di Roma, con la Famiglia.
«sono molto forti sull’ambiente. La
nostra Epa [Environmental Protec- Il Santo Padre ha nominato
tion Agency] e i nostri commissari Il Santo Padre ha ricevuto Il Santo Padre ha ricevuto Membro del Pontificio
dell’Epa sono molto competenti, nel questa mattina in udienza il Si- questa mattina in udienza Consiglio per la Promozione
gnor Gilbert F. Houngbo, Pre- l’Eminentissimo Cardinale Sta- dell’Unità dei Cristiani l’Eccel-
sidente del Fondo Internaziona- nisław Ryłko, Arciprete della
y(7HA3J1*QSSKKM( +{!"!#!=!$!

lentissimo Monsignore Luis


le per lo Sviluppo Agricolo Basilica Papale di Santa Maria Francisco Ladaria Ferrer,
(IFAD). Maggiore. Arcivescovo titolare di Tibica,
Persi in Bolivia migliaia di ettari Prefetto della Congregazione
Il Santo Padre ha ricevuto Il Santo Padre ha ricevuto per la Dottrina della Fede,
In pericolo la foresta questa mattina in udienza le finora Consultore del medesimo
questa mattina in udienza Sua
amazzonica Loro Eccellenze i Monsignori: Eccellenza il Signor Jonghyu Pontificio Consiglio per la
— Ettore Balestrero, Arcive- Jeong, Ambasciatore di Corea, Promozione dell’Unità dei Cri-
PAGINA 3 Il logo della Cop21 nella quale fu siglato l’accordo sul clima scovo titolare di Vittoriana, in visita di congedo. stiani.
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 12 gennaio 2018

Manifesto elettorale raffigurante


il presidente Kabila a Kinshasa (Reuters)

Forte richiamo alla coesione su immigrazione ed economia dal vertice Med-7 a Roma

Per l’Europa la sfida del rinnovamento


ROMA, 11. La gestione dei flussi mi- Tsipras. «Il 2018 è l’anno della fine
gratori sarà una sfida fondamentale della crisi, che si chiude dove era
per l’Ue nei prossimi anni e non iniziata, nel sud Europa», ha detto,
può pesare solo sui paesi del Sud chiedendo «misure per far sì che es-
Europa: è quanto si legge nel docu- sa non si ripeta». Secondo il capo
mento finale del vertice del cosiddet- del governo greco, «non si deve più
to Med-7, dei leader di Italia, Fran- parlare la lingua della crisi, ma quel-
cia, Spagna, Portogallo, Grecia, Ci- la della democrazia e della solidarie-
pro e Malta, avvenuto ieri a Villa tà», perché «in Europa non manca-
Madama a Roma. no le norme, ma ci vuole più con- Dopo le marce antigovernative del 31 dicembre
I paesi in questione si dicono vergenza economica e sociale».
«particolarmente preoccupati e col-
piti», dal momento che sono «in
prima linea sui confini dell’Ue». E il
Di passi in avanti ha parlato il
presidente francese Emmanuel Ma-
cron, a conclusione del vertice:
Inchiesta
messaggio ribadito ancora una volta
è che hanno un «ruolo fondamenta-
le nella protezione dei confini» ma
«Questa riunione ci ha permesso
progressi concreti su sfide migrato-
rie, unione monetaria e rilancio
sulle violenze a Kinshasa
che «il peso di questo compito deve dell’Europa attraverso la consulta-
essere riconosciuto e condiviso». zione dei cittadini», ha scritto in un KINSHASA, 11. A un anno dalla fir- In particolare, nel presentare una
La questione dei flussi migratori è tweet. È stata accolta, infatti, la sua ma dell’accordo politico del 31 di- relazione di fronte al Consiglio di
stata centrale nel dibattito, ma anche proposta di «consultazioni popolari cembre 2016 teso a mettere fine alle sicurezza, Lacroix ha condannato
parallela a un discorso più ampio in tutta Europa dalla prossima pri- violenze, la Repubblica Democrati- la violenta repressione delle forze
sulla sfida al rinnovamento per l’Ue mavera per sentire i cittadini sul fu- ca del Congo versa ancora in una nazionali di sicurezza nel corso
stessa. Il presidente del Consiglio turo dell’Ue». E dunque così si leg- difficile crisi. Il segretario generale delle manifestazioni del 31 dicem-
dei ministri, Paolo Gentiloni, ha af- ge nel documento finale del vertice, aggiunto a capo del dipartimento bre a Kinshasa e in altre città, invi-
fermato che «la domanda di Europa in cui si dà via libera anche a liste delle operazioni di pace dell’O nu, tando le autorità nazionali ad auto-
a livello globale e il momento positi- transnazionali per le elezioni del Jean-Pierre Lacroix, si è detto allar- rizzare al più presto un’inchiesta
vo per tutte le economie europee Parlamento europeo, convinti che mato e ha definito la situazione nel per portare di fronte alla giustizia i
fanno sì che questo sia il momento questo possa «rafforzare la dimen- paese africano «tuttora estrema- presunti responsabili di violazioni
giusto per fare uno sforzo per una I leader del Med-7 a conclusione del vertice a Roma (Ansa) sione democratica dell’Unione». mente fragile». di diritti dell’uomo. «Vista la posta
maggiore coesione europea». Genti- in gioco, è necessario che tutti gli
loni ha sottolineato che il Med-7 attori della classe politica congole-
non vuole ampliare le divisioni inter- se rinuncino ad ogni atto suscetti-
ne, ma al contrario gettare le basi bile di generare situazioni di vio-
per «ridurre le differenze tra nord e lenza» ha spiegato Lacroix, preci-
sud Europa, tra est e ovest». Ha poi
Summit di quindici paesi dell’Unione africana sando che uno degli obiettivi cen-
precisato: «Se dovessi sintetizzare lo trali deve essere l’organizzazione
spirito che ci accomuna è che siamo
paesi decisamente europeisti e que- L’Africa che scommette sui suoi migranti del calendario elettorale, anche
perché in caso di rifiuto di un
compromesso la crisi politica peg-
sto vertice non si caratterizza per se-
pararsi dal resto d’Europa ma per giorerebbe ancora.
discutere, ragionare, fare proposte a RABAT, 11. Una «agenda africana nenti principali dell’agenda africana politica migratoria non può basarsi tale umano, che in Africa è giovane Dal canto suo, il rappresentante
beneficio dell’Ue perché crediamo sulle migrazioni» per scommettere sulla migrazione». unicamente sugli imperativi della e promettente» e dunque bisogna congolese all’Onu, Ignace Gata
nel futuro dell’Ue». Il momento per sull’integrazione dei migranti nel Si auspica una migrazione intra- sicurezza». Ha ribadito anche che unire tutti gli sforzi per incorag- Mavita, ha qualificato «anomale»
farlo «è questo: la congiuntura eco- continente nero. È l’obiettivo di africana più regolamentata. Mama- «la lotta contro la migrazione irre- giarlo a lavorare per il continente e le manifestazioni all’origine di
nomica consente investimenti sul quindici ministri degli esteri di pae- di Touré, ministro degli esteri e golare richiede il coinvolgimento di partecipare attivamente al suo svi- eventi come quelli che il paese ha
futuro». si dell’Unione africana (Au) che si presidente della Guinea, e membro tutti gli attori, per attuare una stra- luppo. vissuto il 31 dicembre, promosse
A parlare di ripresa economica è sono incontrati questa settimana a del Consiglio esecutivo dell’Ua, ha tegia praticabile e assicurare un fu- La questione della migrazione è dal Comitato laico di coordina-
stato il primo ministro greco Alexis Rabat, in Marocco. L’incontro, che dichiarato: «Dobbiamo mettere una turo migliore ai giovani africani». stata uno dei temi principali dell’ul- mento, ribadendo che questo comi-
ha riunito rappresentanti di diverse migrazione regolare al servizio del- Per il ministro degli affari esteri timo vertice tra l’Unione africana e tato è sostenuto da una «frangia di
subregioni del continente, fa parte lo sviluppo socio-economico del sudafricano, Maite Nkoana-Masha- l’Unione europea, svoltosi ad Abid- popolazione che rifiuta il compro-
del mandato alla guida dell’organi- continente», sottolineando che «la bane, «la migliore risorsa è il capi- jan alla fine di novembre. messo».
smo panafricano affidato a re
Mohammed VI a marzo scorso ed è
Theresa May teso a sviluppare una «visione co-
mune» sull’immigrazione, un tema
esclude un nuovo cruciale per il nostro tempo.
I risultati di questa «riflessione In Tunisia
referendum collettiva» saranno presentati al
prossimo summit dell’Unione afri- terza notte
sulla Brexit cana, previsto per la fine di gennaio
ad Addis Abeba, ha detto il capo di scontri
della diplomazia marocchina Nas-
LONDRA, 11. Il premier britannico, ser Bourita all’apertura dei lavori.
Theresa May, ha escluso oggi cate- Nel continente nero, la migrazio- TUNISI, 11. Terza notte consecutiva
goricamente la possibilità di indire ne è prevalentemente intra-africana: in Tunisia di disordini e scontri tra
un secondo referendum sulla Brexit. l’80 per cento dei migranti prove- giovani scesi in piazza per manife-
«Sarebbe un tradimento agli eletto- nienti da paesi africani, infatti, sce- stare contro il carovita e la margi-
glie una destinazione continentale, nalizzazione, e le forze dell’ordine.
ri» ha dichiarato il primo ministro,
con solo il 12 per cento che arriva Il portavoce del ministero
in risposta alla proposta evocata
in Europa. Il Sudafrica è la princi- dell’interno, Khalifa Chibani, ha ri-
dall’ eurodeputato Nigel Farage di pale destinazione del continente
una seconda consultazione popolare. ferito oggi di 328 persone arrestate,
con 3,1 milioni di migranti africani, 21 agenti di polizia feriti e dieci au-
Per la leader Tory un nuovo referen- seguita dalla Costa d’Avorio (2,1
dum avrebbe conseguenze negative toveicoli delle forze dell’ordine
milioni) e dalla Nigeria (1,9 milio- danneggiati. Tuttavia, ha precisato,
sui negoziati con Bruxelles. ni). Dunque, il ministro marocchi-
Intanto, si discute sempre di più la notte appena trascorsa è stata
no ha affermato che «l’integrazione
dell’ipotesi che si arrivi a una «Bre- caratterizzata da una certa diminu-
dei migranti e la condivisione delle
xit no deal», cioè a un distacco del zione dell’intensità dei disordini ri-
responsabilità per la gestione delle
Regno Unito dall’Ue senza un ac- spetto alle notti precedenti. Le ac-
frontiere, l’integrazione e il reinseri-
cordo vero e proprio. Ma intanto la mento saranno alcune delle compo- Giovani africani in un centro per migranti in Libia (Reuters) cuse nei confronti dei giovani arre-
stati sono di furto, devastazione e
Gran Bretagna guarda in particolare
saccheggio di beni pubblici.
alla Germania per l’importanza degli
Gruppi di violenti hanno incen-
scambi commerciali tra Londra e
diato nella notte il distretto della
Berlino.
sicurezza a Thala e tentato di sac-
L’Ue sta sistematicamente avver-
tendo le imprese britanniche di pre- Campagna elettorale Juncker a Sofia per l’avvio cheggiare un centro commerciale a
Ezzahra. Anche a Tunisi, Tebour-
pararsi all’ipotesi del «no deal», il
mancato accordo nei negoziati sulla a rischio in Ungheria della presidenza bulgara dell’Ue ba, Hammam Lif, Beja, El Agba,
Siliana, Kasserine e Sousse si sono
Brexit. È quanto rivela il «Financial registrati scontri, sassaiole, blocchi
Times», citando missive inviate dai stradali e pneumatici bruciati.
funzionari di Bruxelles alle società BUDAPEST, 11. È a rischio la cam- giorni. E non c’è possibilità di ri- SOFIA, 11. Il presidente della Com- Previsto un pranzo di lavoro con
pagna elettorale, e la stessa parte- corso davanti alla giustizia. I media locali parlano anche di
di 15 settori tra novembre e dicembre missione europea, Jean-Claude i membri del collegio dei Commis-
cipazione dei partiti di opposizio- I verdi e il partito democratico numerosi presunti terroristi arresta-
scorsi, per mettere in luce le pro- Juncker, e il presidente del Consi- sari dell’Unione europea e la squa-
ne, alle prossime elezioni di aprile di Ferenc Gyurcsány non intendo- ti tra i facinorosi e di operazioni a
spettive in caso di una cosiddetta glio dell’Ue, Donald Tusk, sono dra di governo bulgara. Tusk, se-
in Ungheria, dopo che la Corte no pagare, ma sono sotto grande Kairouan e Kasserine e tra Kasseri-
«hard Brexit». Fra i settori interessa- oggi a Sofia per la cerimonia di condo quanto riporta l’agenda del ne e Sidi Bouzid. Secondo altre
dei conti, controllata dal governo pressione. Secondo la corte, Job- apertura della presidenza semestra- Consiglio, verrà invece ricevuto do-
ti c’è quello farmaceutico, quello fonti, tra gli arrestati ci sono anche
di Viktor Orbán, ha avviato proce- bik avrebbe pagato sotto prezzo le mani dal premier Borisov.
dell’aviazione, fino ai produttori di le bulgara dell’Unione europea. una trentina di estremisti jihadisti.
dimenti a loro carico, per presunte pubblicità con le affissioni giganti
acque minerali. Secondo quanto annunciato a Le priorità principali della presi- Il premier tunisino, Youssef
irregolarità finanziarie. in strada, mentre gli altri partiti
I documenti mettono in guardia La formazione di destra Jobbik sono accusati di aver ricevuto fi- Bruxelles, il programma di Juncker denza bulgara dell’Ue includono Chahed, ha detto ieri che le violen-
sul fatto che le società rischiano di è stata colpita da una multa salata nanziamenti irregolari e locali in prevede incontri con il capo dello relazioni estere, sicurezza e difesa, ze di questi giorni sarebbero dirette
perdere le loro licenze e sulla neces- a dicembre, mentre altri partiti mi- affitto sotto prezzo. Una multa stato bulgaro, Rumen Radev, con il migrazione e giustizia; un’Europa da «reti criminali di corrotti e con-
sità di creare delle sedi nei paesi re- nori (verdi, centristi, democratici) potrebbe intaccare il patrimonio primo ministro, Bojko Borisov, e inclusiva e sostenibile, vicina ai cit- trabbandieri che agiscono nell’inte-
stanti nell’Unione per poter conti- hanno ricevuto in questa settimana dei partiti, indispensabile a coprire con il presidente dell’assemblea na- tadini; e un’Europa competitiva, resse di alcune parti politiche dalle
nuare a operare. multe che vanno pagate entro 15 le spese della campagna elettorale. zionale, Tsveta Karayancheva. innovativa e digitale. quali sarebbero istigate».

L’OSSERVATORE ROMANO GIOVANNI MARIA VIAN Servizio vaticano: vaticano@ossrom.va Segreteria di redazione Tariffe di abbonamento Concessionaria di pubblicità Aziende promotrici della diffusione
direttore responsabile telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198
Servizio internazionale: internazionale@ossrom.va fax 06 698 83675 Europa: € 410; $ 605 Il Sole 24 Ore S.p.A.
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Giuseppe Fiorentino segreteria@ossrom.va Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 System Comunicazione Pubblicitaria
Servizio culturale: cultura@ossrom.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740
Unicuique suum Non praevalebunt vicedirettore Intesa San Paolo
Sede legale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: religione@ossrom.va Tipografia Vaticana Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): Via Monte Rosa 91, 20149 Milano
Città del Vaticano Editrice L’Osservatore Romano telefono 06 698 99480, 06 698 99483 Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
caporedattore telefono 02 30221/3003
fax 06 69885164, 06 698 82818, fax 02 30223214 Società Cattolica di Assicurazione
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998 don Sergio Pellini S.D.B. info@ossrom.va diffusione@ossrom.va
www.osservatoreromano.va segretario di redazione photo@ossrom.va www.photo.va direttore generale Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Credito Valtellinese
venerdì 12 gennaio 2018 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Il ministro degli esteri iraniano


Zarif (Reuters)

Persi in Bolivia più di 46.000 ettari tra il 2000 e il 2014

In pericolo la foresta amazzonica


BO GOTÁ, 11. La foresta amazzonica Per la botanica e biologa Mónica vistata dall’Efe, la scienziata ricorda nis, che è anche il posto dove vivo-
della Bolivia ha subito, a partire dal Moraes, ricercatrice all’Universidad che «questa situazione è semplice- no quattro etnie indigene da secoli,
2000, «allarmanti livelli di defore- Mayor de San Andrés a La Paz, è mente incredibile perché il parco ospita specie di piante che non esi-
stazione». A denunciarlo è uno stu- stata una sorpresa scoprire che uno non è solo una delle principali aree stono da nessun’altra parte del
dio redatto da un gruppo di scien- dei parchi nazionali più famosi del- verdi della Bolivia, ma anche una mondo, così come animali tipici
ziati di diversi paesi. Il documento, la Bolivia potesse avere livelli così delle regioni con la più grande bio- della foresta amazzonica, quale il
pubblicato l’8 gennaio sulla rivista allarmanti di deforestazione. Inter- diversità al mondo». In effetti, Tip- giaguaro o il cervo delle paludi.
«Current Biology» e condotto da
ricercatori dell’Università di Helsin-
ki e dell’Università boliviana di San
Per rafforzare l’intesa sul nucleare Andrés, si concentra sul Territorio
indigeno e sul parco nazionale Isi-
boro Sécure (la riserva Tipnis).
Teheran chiede il sostegno Questa zona dell’Amazzonia boli-
viana ha perso più di 46.000 ettari
di foresta tra il 2000 e il 2014.
di Bruxelles Inoltre, gli scienziati hanno con-
cluso nella loro relazione che una
controversa legge approvata dal
BRUXELLES, 11. «Servirebbero passi ma del confronto è stato il rispetto parlamento boliviano nell’agosto
concreti invece di rilasciare semplice- dell’accordo sul nucleare. del 2017 probabilmente aumenterà
mente dichiarazioni alla stampa». Il viaggio di Zarif s’inquadra in un la deforestazione nella regione. La
Con queste parole il ministro degli clima generale di tensione. Di recen- norma annulla infatti la condizione
esteri iraniano, Mohammad Javad te il presidente statunitense, Donald di «intangibilità» che impediva di
Zarif, si è rivolto ieri all’Unione eu- Trump, ha ribadito la sua volontà di danneggiare il parco nazionale Tip-
ropea chiedendo di fare di più per non certificare l’accordo con Teheran, nis. La nuova legge consentirà inol-
sostenere l’accordo sul nucleare. Pa- che ha definito «una delle peggiori e tre i lavori per la costruzione di una
role, quelle di Zarif, che arrivano alla più sbilanciate intese che gli Stati strada di oltre 300 chilometri in
Uniti abbiano mai sottoscritto». questa area naturale. Alberi abbattuti nella foresta amazzonica
vigilia di un’importante serie di in-
contri che il capo della diplomazia
iraniana terrà con i rappresentanti
europei a Bruxelles. Sono infatti in
agenda per oggi colloqui con l’Alto
rappresentante Ue per la politica Nel conflitto siriano Particolarmente esposti gli Stati Uniti e l’Europa centrale
estera e di sicurezza comune, Federi-
ca Mogherini, e con i ministri degli
esteri di Francia, Germania e della
Gran Bretagna.
Centosessanta civili uccisi Il riscaldamento globale
Bruxelles ha già fatto sapere che
il colloquio tra Zarif e Mogherini
non verterà sulle recenti proteste in
in due settimane aumenta i rischi di alluvioni
Iran che hanno causato 23 vittime e
centinaia di arresti. L’incontro ri- DAMASCO, 11. In Siria si registrano Intanto, in questi giorni a Homs, Homs, Talal Barazi, per discutere BERLINO, 11. Incidendo su quantità cessità di adattamento a queste
guarderà esclusivamente «la messa ancora morti e fughe in massa di città che come altre cerca di rico- di come mettere in atto i program- e frequenza delle precipitazioni, il nuove condizioni sarà maggiore ne-
in opera del piano di azione con- civili. Nell’area di Ghouta orienta- struire il proprio futuro dopo anni mi di assistenza elaborati dall’O nu. riscaldamento globale aumenterà i gli Stati Uniti, in alcune zone del
giunto» per dare attuazione all’ac- le, a est di Damasco, nelle ultime di ferite profonde, è arrivato il re- C’è poi la preoccupazione rischi di inondazioni e alluvioni subcontinente indiano e in ampie
cordo sul nucleare firmato nel luglio due settimane hanno perso la vita sponsabile per gli Affari umanitari dell’Onu per i profughi siriani in provocate da fiumi in tutto il mon- regioni africane, in quasi tutta l’In-
del 2015, ha spiegato una portavoce almeno 160 civili, mentre i combat- delle Nazioni Unite, Mark Lo- Libano: oltre la metà di loro vive do, anche nei paesi sviluppati con donesia e in gran parte dell’Europa
della Commissione. «Continuiamo timenti e i raid aerei sulle zone in wcock, che è alla sua prima missio- in condizioni di estrema povertà e buone infrastrutture. centrale.
a sostenere questo accordo e la sua mano ai ribelli nella Siria nordoc- ne in Siria da quando, nel settem- dipende da aiuti internazionali, in Secondo uno studio del Potsdam Più della metà degli Stati Uniti,
messa in opera» ha sottolineato. cidentale hanno provocato in un bre scorso, ha assunto l’incarico. un contesto incerto per i finanzia- institute for climate impact research sottolinea la ricerca, deve «almeno
L’intesa — siglata da Teheran e dai mese 100.000 sfollati. Si tratta di Ieri ha incontrato il governatore di menti del 2018. — Panel connesso all’Onu — la ne- raddoppiare i livelli di protezione
paesi del cosiddetto 5 più 1, cioè i dati forniti dall’Ufficio di coordi- nei prossimi vent’anni per evitare
membri permanenti del Consiglio di namento degli Affari umanitari un drammatico aumento di rischio
sicurezza dell’Onu (Regno Unito, delle Nazioni Unite (Ocha) in di inondazioni da fiumi». A dirlo è
Francia, Stati Uniti, Russia e Cina) Siria. Sven Willner, uno degli autori della
più la Germania — prevede il ritiro L’esercito governativo è impe- ricerca. Tra le misure necessarie i ri-
delle sanzioni internazionali in cam- Il presidente esclude un accordo sull’immigrazione che non includa la barriera col Messico
gnato in un’offensiva contro le for- cercatori citano «il rafforzamento
bio di precise garanzie da parte di ze ribelli che restano asserragliate degli argini, la migliore gestione dei
Teheran in materia di sicurezza, co-
me ad esempio l’interruzione
dell’arricchimento dell’uranio in due
nella periferia orientale della capi-
tale. Ma nello stesso tempo è parti- Trump insiste sul muro bacini fluviali, un innalzamento de-
gli standard di costruzione e la de-
to l’attacco nelle zone di Idlib e di localizzazione degli insediamenti
dei principali siti nucleari iraniani Hama, nel nord ovest del paese. urbani».
(Natanz, Fordow), con conseguente Secondo le fonti governative, at- WASHINGTON, 11. «Non firmerò priorità numero uno», ha aggiunto «vergognosa» la sentenza del giu- Senza azioni di questo tipo il nu-
riduzione delle attività di ricerca e tualmente la provincia di Idlib è in alcun accordo sull’immigrazione il capo della Casa Bianca, venti- dice federale che ha bloccato la mero di persone colpite dai peggio-
sviluppo. mano a gruppi legati ad Al Qaeda, senza il muro». Lo ha detto il pre- lando comunque la possibilità di decisione di Trump di mettere fine ri eventi alluvionali potrebbero au-
Ieri Zarif ha incontrato a Mosca il mentre intorno alla città di Hama sidente degli Stati Uniti, Donald un’intesa sul tema con il partito al programma che consente di vi- mentare fino a dieci volte negli Sta-
ministro degli esteri russo, Sergey resta alta la presenza di truppe di Trump rispondendo a una doman- democratico. vere nel paese ai cosiddetti drea- ti Uniti e fino a sette volte in Ger-
Lavrov. Anche in questo caso, il te- ribelli. da durante la conferenza stampa Le dichiarazioni giungono in un mers. «Noi consideriamo questa mania.
congiunta con la premier norvege- periodo nel quale la politica decisione oltraggiosa, specialmente
se, Erna Solberg. «Abbiamo biso- sull’immigrazione negli Stati Uniti alla luce del successo della riunio-
gno del muro con il Messico per è al centro del dibattito politico. ne bipartisan con membri di Ca-
la sicurezza, e la sicurezza è la Ieri l’amministrazione ha definito mera e Senato che si è tenuta lo
stesso giorno alla Casa Bianca»,
Assassinato in Venezuela ha dichiarato la portavoce di
Trump, Sarah Sanders. Il vertice
Partono i lavori
un deputato dell’Assemblea costituente rientrava nel tentativo di Trump di
ottenere il sostegno e fondi per la
per la Silicon Valley
costruzione del muro.
La tensione si è alzata ulterior-
cilena
CARACAS, 11. Un deputato dell’As- sto è stata particolarmente contestata mente nelle ultime ore quando è
semblea costituente venezuelana, sia all’interno del paese sia dalla co- stato lanciato un blitz degli agenti
composta da membri del partito di munità internazionale. La gran parte SANTIAGO DEL CILE, 11. Il presiden-
anti-immigrazione in circa 100 su-
governo, è stato ucciso a colpi d’arma dei paesi latinoamericani non ricono- te del Cile Michelle Bachelet ha
permercati del paese. Il bilancio è
da fuoco da ignoti, secondo quanto scono la legittimità di questo organi- inaugurato ieri i lavori per dare vita
di ventuno persone arrestate per-
riportano le autorità e la stampa lo- smo. ché sospettate di risiedere illegal- alla nuova “Silicon Valley” del Sud
cale. «Condanniamo il vile assassinio Nel paese, la situazione rimane mente negli Stati Uniti. I fermati America, un grande progetto im-
di Tomás Lucena, e le nostre condo- molto tesa: nei giorni scorsi un di- rischiano l’espulsione, mentre ai prenditoriale che vedrà la luce nel
glianze vanno ai suoi genitori, ai suoi ciannovenne è morto e almeno altre loro datori di lavoro potrebbero Parco Laguna Caren a Pudahuel. Il
figli e ai suoi amici» ha scritto su tre persone sono rimaste ferite duran- essere contestate accuse penali o progetto prevede la creazione, in
Twitter il presidente dell’Assemblea te il saccheggio di un camion che tra- inflitte multe per le assunzioni ir- questo parco, di una piattaforma
Delcy Rodríguez. La stampa locale sportava alimenti nello stato di Por- regolari. La polizia ha allargato nella quale scienze naturali e socia-
riferisce che Lucena si trovava nella tuguesa, a ovest di Caracas. Secondo un’indagine cominciata quattro li, tecnologia e arte interagiscano
sua autovettura quando un uomo in anni fa in un caso contro un nego- per cercare soluzioni ai problemi
informazioni della Guardia nazionale,
motocicletta si è avvicinato e gli ha zio in franchising a Long Island, del mondo contemporaneo. L’ini-
diffuse dalla stampa locale, una folla
sparato ripetutamente. New York. L’azione sembra aprire ziativa ha ricevuto un investimento
ha preso d’assalto un camion che tra-
Rodríguez, molto vicina al presi- un nuovo fronte nel giro di vite di circa 20 miliardi di pesos. Bache-
sportava undici tonnellate di farina
dente Nicolás Maduro, ha assicurato contro l’immigrazione illegale, che let ha affermato che «una cultura
sull’autostrada José Antonio Páez, innovativa richiede la partecipazio-
che i responsabili dell’omicidio, avve- ha già portato a un aumento del
nuto nella città di Valera, nello stato all’ingresso del quartiere Juan Pablo ne della società nel suo complesso»
II, alla periferia di Guanare, la capita-
40 per cento negli arresti. «L’ope-
occidentale di Trujillo, «saranno pu- razione è la prima di molte e l’av- e che «la responsabilità non è solo
niti». La presidente non ha però for- le dello stato. dello stato o di alcune grandi
visaglia di quello che capiterà» ai
nito dettagli sulle circostanze del cri- Il ragazzo, raggiunto da colpi di aziende: anche istituzioni come
datori di lavoro, ha commentato
mine. «Niente può fermare l’Assem- arma da fuoco, si chiamava José Al- Derek Benner, un dirigente della l’università del Cile sono chiamate
blea costituente e la sua difesa del berto Valero Materán, ed è arrivato polizia per l’immigrazione. a guidare e a coordinare gli sforzi
Venezuela», ha aggiunto ventilando senza vita all’ospedale. La Guardia La Us Chamber of commerce, tra diversi attori». Per questo, ha
la possibilità di un movente politico nazionale è giunta sul luogo del sac- che rappresenta le maggiori azien- concluso, «è necessaria un’alleanza
dietro il delitto. cheggio quando l’episodio si era giù de statunitensi, ha però sottolinea- così che le eccezioni diventino la
L’Assemblea costituente venezuela- concluso e ha arrestato un adulto e to che qualsiasi iniziativa che mi- norma, e le piccole e medie imprese
na è stata eletta il 30 luglio su richie- due adolescenti. Altri saccheggi sono nacci lo status legale di un milione collaborino con i centri accademici,
sta del presidente Maduro e ha esau- stati segnalati nelle ultime ventiquat- di immigrati mette in pericolo le industrie con gli scienziati. Tutto
torato l’Assemblea nazionale, il parla- tro ore a Ciudad Guayana, nello sta- l’economia. «Non possiamo raffor- per fare in modo che lo stato forni-
mento venezuelano dove l’opposizio- to di Bolívar, e a Trujillo, capitale zare la crescita se non ampliamo la sca le condizioni necessarie per il
ne detiene la maggioranza. Per que- dell’omonimo stato. La barriera al confine tra Messico e Stati Uniti nostra forza lavoro». successo dei progetti».
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 12 gennaio 2018

Statua di Atlante
(I secolo prima dell’era cristiana o età antonina)
foto di Luigi Spina

Le sculture Farnese del Museo archeologico nazionale di Napoli fotografate da Luigi Spina

Materia
e antimateria
riori, di una interiorità a tratti mistica e giunsero a Napoli via mare, sotto la su- ne, da Andrea Calì, Angelo Maria Bru-
iniziatica, scaturite dall’esperienza con- pervisione del pittore di corte di Ferdi- nelli e altri scultori attivi nella capitale
turbante del Bello assoluto. Brevi testi nando, Jakob Philipp Hackert. borbonica.
corredano le immagini del volume: non La collezione fu oggetto nel passato di Una storia affascinante, quella della
certo didascalie, ma piuttosto appunti di grandi interventi restaurativi: si trattò, se- collezione Farnese, tante volte già narra-
un vissuto al tempo stesso reale e oniri- condo il concetto di restauro del tempo, ta, continuamente riletta e decifrata, ma
co, recuperati da un diario intimo e tal- di rilavorazioni e di integrazioni
volta lirico, scanditi in otto giornate, sim- di parti mancanti. Nel XVI seco-
boliche del lungo succedersi dei giorni. lo furono impegnati gli scultori
Ancora una volta, dunque, le sculture Guglielmo della Porta e poi il Lo sguardo del fotografo accoglie
Farnese stimolano le generazioni che le suo allievo Giovanni Battista quasi religiosamente le opere su fondi
hanno via via nel tempo ammirate e con dei Bianchi: solo il restauro del
cui si sono misurate a elaborarle e a co- Toro richiese circa trent’anni per grigi lasciando libera la luce
glierne l’essenza profonda e più autenti- venire a capo dell’articolata ico- di esplorare le loro forme senza crudezze
ca, per restituirla ai contemporanei: in nografia e realizzare le infinite
passato lo scultore-restauratore Gugliel- integrazioni necessarie. Singola-
E senza indulgere a un estetismo sterile
mo della Porta, oggi l’artista della foto- re fu poi la vicenda delle gambe
grafia Luigi Spina. dell’Ercole: in un primo mo-
Negli anni 1545-1546, in cui vennero mento rifatte da della Porta, ri-
aperti gli scavi “all’Antoniana”, come al trovate le originali, furono sostituite solo che — col suo smisurato potenziale esteti-
tempo erano chiamate le Terme di Cara- nel XVIII secolo, quando lo scultore Carlo co — continua ancora a dare agli studiosi
calla, emerse il nucleo più celebre della Albacini preparò le opere per la partenza di archeologia e di collezionismo, agli
collezione: i due Ercoli — quello detto per Napoli. storici dell’arte e degli avvenimenti, ma
appunto Farnese al Mann, e la sua repli- Il viaggio causò altri danni ai reperti, anche ad artisti come Luigi Spina, infini-
ca, oggi alla Reggia di Caserta —, il che furono restaurati, giunti a destinazio- ta materia di indagine e di ispirazione.
gruppo del Toro, una delle più grandi
sculture dell’antichità giunte fino a noi,
donde la definizione di «montagna di
marmo», varie sculture colossali, insieme
a tante altre opere e preziosi arredi mar-
morei. Gli eccezionali reperti andarono
ben presto a connotare l’architettura del
Palazzo Farnese, facendone la sede di
rappresentanza — identitaria e dinastica
— di una famiglia che tanto ha contribui-
to alla storia del papato. Molto attivi nel-
la formazione della collezione furono i
cardinali nipoti di Paolo III, i fratelli
Alessandro e Ottavio. Soprattutto il pri-
mo, detto il “gran cardinale”, si impegnò,
forte della sua accurata formazione uma-
nistica, nell’allargamento della collezione,
con l’acquisto di quella della famiglia
Del Bufalo.
Così, grazie a successivi lasciti e acqui-
sti, la collezione assunse dimensioni
grandiose, concentrandosi per lo più a
Roma, a Palazzo Farnese, e, in misura
minore, nelle altre residenze romane della
di RAFFAELLA GIULIANI no, 2017, pagine 160, euro 59) prodotto casata, nonché a Parma, capitale del du-
dalla collaborazione tra il Mann e l’edi- cato farnesiano.
einterpretare l’immagine an- trice 5Continents, specializzata da tempo

R
Non si limitava alla scultura antica, ma
tica e trasmettere l’essenza in raffinati volumi d’arte; lo splendido comprendeva anche quadri, glittica, nu-
del bello alla sensibilità con- volume è stato presentato presso il mu- mismatica, libri e incisioni. Quando l’ul-
temporanea: questa la sfida seo napoletano il 17 novembre scorso. tima erede dei Farnese, Elisabetta, sposò
del fotografo Luigi Spina, Con l’occasione, è stata esposta una sele- Filippo V di Spagna, la collezione passò
che si è misurato con una delle vette più zione significativa delle immagini del li- ai Borbone: il loro figlio, Carlo III, venu-
eccelse dell’arte classica, le sculture della bro ed è stato proiettato un breve docu- to a Napoli, avviò il trasferimento delle
collezione Farnese, conservate al Museo video sul backstage della campagna foto- collezioni parmensi, ma fu solo il figlio
archeologico nazionale di Napoli grafica, realizzato dal regista Romano di Carlo, Ferdinando IV, nel 1786, ad av-
(Mann). Le sculture Farnese rappresenta- Montesarchio, utilizzando riprese fatte viare il trasloco delle collezioni romane a
no una pietra miliare nella formazione dallo stesso Spina nel corso dell’intera Napoli, nonostante i vincoli imposti dal
dell’immagine dell’antico nelle generazio- battuta. Pontefice fondatore, le resistenze della
ni moderne, a partire dal XVI secolo, In Diario mitico Spina, libero da esi- curia papale e le proteste dei contempo-
quando la collezione si formò — princi- genze esterne e contingenti, rivela da ve- ranei, fra cui lo stesso Goethe. Probabil-
palmente per ritrovamenti da scavi ar- ro artista visivo la sua relazione intima e mente la ferita arrecata a Roma dal tra-
cheologici romani — per volere di Ales- personale con le sculture Farnese. Acco- sferimento della collezione contribuì, an-
sandro Farnese, eletto Papa nel 1534 col gliendo quasi religiosamente le opere su ni dopo, a favorire, con l’editto del cardi-
nome di Paolo III. fondi grigi, lasciando libera la luce di nale camerlengo, Bartolomeo Pacca
Luigi Spina ha vissuto l’esperienza esplorare le loro forme senza crudezze, (1820), un ulteriore inasprimento della le-
unica di trovarsi a fotografare per un de- ma senza neppure indulgere all’estetismo gislazione pontificia in materia di tutela
cennio le sculture della collezione (esat- sterile, l’artista esprime attraverso imma- delle antichità e delle opere d’arte.
tamente, come precisa Spina, per 3285 gini mitiche senza tempo, fatte — come L’arrivo delle sculture Farnese nella ca-
giorni e 300 sculture). L’occasione si è dice Spina — di «materia e antimateria», pitale borbonica fu impresa memorabile Afrodite accovacciata ed Eros, copia da Doidalsas di Bitinia (240-230 prima dell’era cristiana)
offerta con il riallestimento museale della le profonde e archetipiche risonanze inte- dal punto di vista logistico: le opere foto di Luigi Spina
collezione, avviato nel 2002 sotto la gui-
da sapiente di Carlo Gasparri, studioso
della raccolta, e poi di Valeria Sampaolo,
conservatore capo delle collezioni del
Mann. Supporto fondamentale per Spina
è stata quella che lui definisce la «mac-
china-museo», ossia quelle maestranze,
per lo più napoletane, esperte e silenzio-
La complessità della Chiesa nel Medioevo
se che gli hanno consentito di allestire le
Uno dei maggiori pregi del libro studiosi uno strumento utile a orientarsi nelle lungo la strada delle piste di ricerca
La Chiesa nel Medioevo dal VII al XIII secolo vicende che riguardano l’espansione del suggerite. Nel libro di don Manfredi
Una storia affascinante tante volte già narrata di Angelo Manfredi (Todi, Tau editrice, 2017, cristianesimo nel continente europeo fino alle l’attenzione alle istituzioni e
pagine 408, euro 25) è già annunciato e soglie dell’età moderna. Accuratamente all’interpretazione degli avvenimenti va di
continuamente riletta e decifrata descritto dal sottotitolo: Lineamenti e problemi. aggiornato grazie al sistematico lavoro pari passo con una visione il più possibile
ma che continua ancora a dare agli studiosi Si tratta infatti di un’opera “di servizio” in dell’autore, il libro affronta tutti i temi globale (che, ad esempio, tiene conto delle
di archeologia e agli storici dell’arte senso positivo e letterale, un manuale che ha classici della storia altomedievale: dall’età chiese orientali) e non dimentica di
lo scopo di “servire” chi lo leggerà, tardo-antica all’impero carolingio, portando il analizzare anche le forme della vita cristiana
infinita materia di indagine e ispirazione un volume che vuole fare il punto sulla lettore ad approfondire gli aspetti più popolare e i percorsi della pastorale.
situazione attuale della ricerca storica caratteristici dei secoli meno conosciuti del L’autore ha scelto di stabilire come inizio
indicando questioni ancora aperte, schemi medioevo, attraversati da problemi e del cosiddetto medioevo il settimo secolo,
sue riprese, movimentando senza rischi interpretativi non più adeguati alla luce dinamiche sociali in qualche caso perché per molti motivi può essere
oltre 180 statue. Un’esperienza troppo in- delle nuove scoperte e nuove possibili, sorprendentemente simili a quelli della nostra considerato un punto di svolta; basti pensare
tensa, troppo unica, per non lasciare die- fruttuose piste di indagine. epoca (come la convivenza tra etnie e al sorgere dell’islam, o ai coevi sviluppi
tro di sé dei mutamenti indelebili. Il tutto, senza facili sensazionalismi e titoli a religioni diverse, o la progressiva dell’impero bizantino.
Da questa esperienza irripetibile, che effetto, ma con la semplicità e la pacatezza strutturazione di poteri “federali” e Il volume si conclude con l’analisi dei
aveva già generato l’imponente apparato che solo una solida padronanza della materia sovranazionali), coniugando rigore scientifico decenni che vanno dal secondo concilio di
iconografico dei tre volumi dell’editio può dare. Il volume ripercorre con agilità e semplicità espositiva. Un volume davvero Lione fino alla fine del pontificato di
princeps della collezione, curata da Ga- (ma senza minimizzare la complessità delle utile per chiunque voglia avvicinarsi allo Bonifacio VIII, quando già si delineano
sparri, nasce l’opera Diario mitico – Cro- questioni affrontate) sette secoli di storia per studio di questo periodo storico e, magari, profonde mutazioni nel ruolo istituzionale
nache visive sulla Collezione Farnese (Mila- offrire sia agli studenti universitari sia agli continuare nella direzione indicata dall’autore della Chiesa.
venerdì 12 gennaio 2018 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

Henri Julien-Félix Rousseau


«Foresta Vergine con tigri e cacciatori» (1907)

Verso una cittadinanza


ecologica
Di fronte alle nuove sfide in Cile

di FREDY PARRA* re connessi con le altre creature (cfr. n.


200), nuove abitudini, nuovi stili di vita
ra progressi e difficoltà, il Ci- e modelli educativi (cfr. n. 209), sobrietà

T le affronta la crisi ecologica


che colpisce il pianeta e che
si osserva in diversi ambiti
della realtà del paese. Vivia-
mo indubbiamente un rapporto proble-
matico con l’ambiente. L’inquinamento
atmosferico continua a essere elevato nel-
e semplicità nel modo di assumere la vita
personale, comunitaria e società (cfr. nn.
206-215), solidarietà globale, giustizia in-
tra-generazionale e intergenerazionale
(cfr. nn. 159-160).
Si tratta quindi di avanzare verso una
“cittadinanza ecologica” con la conse- Il rischio della banalizzazione
le aree urbane e industriali; per quanto guente normativa legale ai diversi livelli
riguarda le risorse idriche, si registrano della società. Il Papa si domanda: «Che
scarsità di acqua e inquinamento special- tipo di mondo desideriamo trasmettere a Sulla autentica recezione della «Laudato si’»
mente nella zona centro-settentrionale coloro che verranno dopo di noi?» (n.
del paese. Si rileva anche un’evidente 160). Con la nuova consapevolezza etica
perdita di biodiversità soprattutto con la suscitata dall’attuale crisi ecologica si è
diminuzione delle risorse ittiche; di fatto quindi aperto al nostro comportamento dall’enciclica sull’ecologia integrale, infatti, è segna una chiara missione: «Si attende an-
il settantadue per cento delle specie ma- etico un nuovo e complesso ambito: la di GIUSEPPE BUFFON
innanzitutto di natura antropologica: «Non cora lo sviluppo di una nuova sintesi che
rine sono state dichiarate dal governo in solidarietà e la giustizia intergenerazio- a recezione della Laudato si’ corre ci sarà una nuova relazione con la natura superi le false dialettiche degli ultimi secoli.

L
stato di sovrasfruttamento. nali sono diventate una chiave interpre- un grosso rischio, dal quale non senza un essere umano nuovo. Non c’è eco- Lo stesso cristianesimo, mantenendosi fedele
Si registrano inoltre perdite di terreno tativa della nostra comprensione attuale può ritenersi esente nemmeno la logia senza un’adeguata antropologia» (n. alla sua identità e al tesoro della verità che
dovute all’erosione e all’incremento dei dei concetti di equità, giustizia e respon- stessa compagine ecclesiale. È un 116). Il servizio alla casa comune, per i cri- ha ricevuto da Gesù Cristo, sempre si ripen-
processi di desertificazione. Per quanto sabilità sociale. rischio che incombe pure sull’ac- stiani, è addirittura una questione di fede, sa e si riesprime nel dialogo con le nuove si-
concerne il cambiamento climatico, si ri- Come mai prima nella storia umana, come affermava già anni or sono Giovanni tuazioni storiche, lasciando sbocciare così la
cademia qualora, schierata con i poteri forti
leva un aumento di emissioni di gas a ef- oggi s’impone l’urgente necessità di agire sua perenne novità».
dell’economia e della finanza, opti per una Paolo II: «I cristiani, in particolare, avverto-
fetto serra. Nel 2016 il Cile è entrato a sulla base del principio di responsabilità, È lo stesso Papa Francesco a denunciare
scientificità legittimata esclusivamente no che i loro compiti all’interno del creato, i
far parte della lista dei dieci paesi più al fine di arrestare il processo di degrado un vuoto di pensiero, di creatività, ritenuta
dall’efficienza tecnologica. Si tratterebbe loro doveri nei confronti della natura e del
colpiti dal cambiamento climatico nel della Terra, provocato dall’azione uma- esito della ricerca: «Il problema è che non
quindi di un rischio che grava soprattutto Creatore sono parte della loro fede» (Mes-
mondo. Certo, sono stati compiuti anche na, che minaccia la vita attuale e futura
sul mondo dell’industria, per la quale spesso saggio per la giornata della pace, 1990). disponiamo ancora di una cultura necessaria
progressi importanti, come la firma da dell’umanità. È evidente che la crisi eco-
la sensibilità verso il tema della disoccupa- Papa Francesco postula, infatti, la creazio- per affrontare questa crisi» (n. 66). Anzi,
parte del Cile dell’Accordo di Parigi per logica è complessa e abbraccia le diverse
zione è già sufficiente a soddisfare i canoni ne di un nuovo umanesimo, senza il quale egli chiama in causa la stessa riflessione ec-
il cambiamento climatico, che prevede la espressioni e dimensioni della realtà so-
della giustizia sociale. Il rischio è quello non ci può essere né estetica, né etica, né clesiale, cui urge la revisione radicale di una
ciale e culturale: tutto è
della banalizzazione. morale: «Non basta conciliare in una via di antropologia cristiana distorta, basata su
connesso, dice il Papa
Nella migliore delle ipotesi, infatti, la mezzo, la cura per la natura e le rendita fi- un’esegesi eccessivamente incentrata sul mo-
(cfr. n. 16). Se non consi-
questione ambientale rischia di essere rele- nanziaria, o la conservazione dell’ambiente dello del dominio, e come tale messa sotto
deriamo che effettiva-
gata all’ambito dell’etica e confinata nel set- con il progresso. Su questo tema le vie di accusa dai teorici del pensiero ecologico, il
mente tutto è connesso,
tore del volontariato. Spesso, anzi, essa vie- mezzo sono solo un piccolo ritardo del disa- primo dei quali è lo stesso Lyn Wite: «Una
difficilmente potremo ca-
pire appieno quanto ac- ne ritenuta solamente un’istanza di ordine stro. Semplicemente si tratta di ridefinire il presentazione inadeguata dell’antropologia
cade e misurare il degra- progresso» (n. 172). Sen- cristiana ha finito per promuovere una con-
do ambientale, sociale e za una nuova antropolo- cezione errata della relazione dell’essere
spirituale che subiamo e gia, perciò, la cura della umano con il mondo. Molte volte è stato
in cui viviamo. La propo- casa comune continuerà trasmesso un sogno prometeico di dominio
sta di un’ecologia inte- Per una rete internazionale a essere relegata al ran- sul mondo che ha provocato l’impressione
che la cura della natura sia cosa da deboli»
grale fatta dalla Laudato go di volontariato, ap-
si’ (cfr. n. 137), significa Si intitola «L’ecologia intesa in senso integrale: un approccio pannaggio di sognatori (n. 115).
giustamente considerare e poeti, infatuati da una Si attende allora dall’accademia non sol-
interdisciplinare per passare dalla competizione alla
la complessità sistematica remota utopia. Sono gli tanto la promozione di questa o quella eco-
condivisione» il seminario internazionale che si apre il 12 logia: l’ecologia giuridica piuttosto che quel-
di quanto avviene e al gennaio alla Pontificia università Antonianum di Roma. Nel stessi propugnatori del
tempo stesso integrare paradigma economico- la sociale, quella urbana piuttosto che quella
corso dei due giorni di lavoro verrà anche presentato il rurale, bensì di produrre una cultura ecolo-
tutti gli approcci al pro- tecnocratico a mettere in
blema che comporta una progetto «Verso una rete internazionale per l’ecologia gica, un nuovo paradigma dell’uomo e della
atto una campagna di
crisi per definizione so- integrale». Il docente di Storia della Chiesa moderna e società, della politica, una nuova antropolo-
squalifica al riguardo,
cio-ambientale, socio- contemporanea nell’ateneo pontificio, che introdurrà i lavori, gia: «L’umanità postmoderna non ha trova-
salvo poi a relegare gli
economica e politica, ha scritto per L’Osservatore Romano una presentazione dei to una nuova comprensione di sé stessa che
irriducibili nella prigio-
quotidiana, culturale, e temi che verranno affrontati e discussi durante il convegno. possa orientarla, e questa mancanza di iden-
ne dorata delle varie
anche spirituale e di vi- tità si vive con angoscia. Abbiamo troppi
green economy: «L’allean-
sione del mondo. mezzi per scarsi e rachitici fini» (n. 180).
za tra economia e tecno- Per perseguire un tale alto, non meno che
Proprio per questo, logia» mentre si limita
per affrontare la sfida irrinunciabile, obiettivo non è sufficiente
estetico, incoraggiata da illazioni di strava- ad «alcuni proclami superficiali, azioni fi- perciò l’istituzione di un’ulteriore agenzia
ecologica è indispensabi-
ganti sognatori. Il cantico stesso di France- lantropiche isolate», taccia «qualunque ten- interna ai recinti confessionali, educativa o
le il dialogo tra le diverse
sco, suo vessillo ed emblema, non è altro tativo delle organizzazioni sociali di modifi- formativa che sia, ma è necessario offrire
istanze della società de-
che linguaggio poetico, evasione retorica, care le cose (…) come un disturbo provoca- una zona franca, adeguata al dialogo dei
mocratica: tra la politica
lontana dai problemi concreti, quelli imposti to da sognatori romantici» (n. 67). Senza
e l’economia, tra il mon- differenti, lo spazio per una condivisione in-
dall’economia, dalla demografia, dalla disoc- una nuova antropologia, che renda ragione
do privato e quello pub- terdisciplinare, per una fraternità scientifica,
cupazione. Sono ancora la maggioranza, in- dell’evanescenza e della fatuità dell’attuale
Veduta delle montagne cilene blico, tra imprenditori e che sola può garantire la revisione del siste-
fatti, gli specialisti persuasi che l’investimen- sistema economico, finanziario, politico e
lavoratori, il dialogo in- ma economico esclusivista e autoreferenzia-
to nell’innovazione tecnologica, posta a ser- sociale, dunque, non si potrà ottenere alcun
tra-ecclesiale e tra le tra- le, che sola può garantire la necessaria inte-
vizio della massimizzazione dei profitti, sia cambiamento effettivo e duraturo: «Il prin-
dizioni religiose e filoso- gralità del pensiero ecologico. «È indispen-
molto più efficace, ad esempio, di una poli- cipio della massimizzazione del profitto, che
riduzione di almeno un trenta per cento fiche esistenti nella nostra cultura, tra sabile un dialogo tra le stesse scienze, dato
tica sulla raccolta diversificata dei rifiuti, co- tende ad isolarsi da qualsiasi altra considera-
delle emissioni di co2 entro l’anno 2030. credenti e non credenti, il dialogo con e che ognuna è solita chiudersi nei limiti del
me pure di un’agenda sugli investimenti in zione, è una distorsione concettuale
Molto positiva è stata anche la notizia tra i diversi movimenti ecologisti, il dia- proprio linguaggio, e la specializzazione
energie rinnovabili. dell’economia» (n. 173).
della creazione, nell’agosto del 2016, del logo con le scienze naturali e sociali. tende a diventare isolamento e assolutizza-
Questo rischio affonda le radici in quella Non basta allora una estetica, non basta
parco marino Nazca-Desventuradas, il Tutto ciò invita quindi a immaginare e zione del proprio sapere. Questo impedisce
più grande del Pacifico meridionale. Il schizofrenia, evidenziata da Papa Francesco una morale, non basta una pedagogia ecolo-
delineare un nuovo modello di sviluppo di affrontare in modo adeguato i problemi
che significa che ora il Cile dispone di nel discorso rivolto alla Pontificia Accade- gica, fino a quando non verranno chiariti i
che, oltre a ridurre il ritmo di produzio- dell’ambiente» (n. 178).
un dodici per cento di superficie marina mia delle scienze sociali, che contrappone il limiti dell’antropologia, soggiacente all’at-
ne e di consumo, abbia un minore im- mondo dell’efficienza, della produttività, del tuale sistema economico, morale, etico e for-
protetta. Con la nuova legge per il rici- patto ambientale, e stimolare una creati-
clo si spera che almeno un trenta per profitto e della finanza a quello della solida- mativo: «È necessaria un’ecologia economi-
vità e un’innovazione intelligenti, capaci rietà, dell’assistenza e del volontariato socia- ca, capace di indurre a considerare la realtà
cento dei rifiuti solidi venga riciclato. di dar luogo a un’alleanza tra progresso
In ogni caso, occorre compiere ulterio- le. Ai sostenitori del profitto, del resto, lo in maniera più ampia (...). Diventa attuale
e rispetto dell’ambiente (cfr. nn. 191-192). “scarto”, la povertà, appaiono strutture con- la necessità impellente dell’umanesi-
ri passi avanti per incrementare l’uso di Si tratta, in definitiva, di cambiare il mo-
energie rinnovabili, con normative più naturali al vivere sociale, semplici controin- mo, che fa appello ai diversi saperi,
dello di sviluppo globale e di ridefinire il dicazioni, cui si rimedia con l’apporto assi- anche quello economico, per una
severe per controllare l’industria ittica; concetto stesso di progresso: «uno svi-
gestire meglio la biodiversità, creando stenziale dei volontari, mentre il progresso visione più integrale» (n. 134). Il
luppo tecnologico ed economico che non può continuare a tener dritta la barra sul compito vero dell’accademia universi-
organismi specializzati e istituendo una lascia un mondo migliore e una qualità
normativa al riguardo; facilitare l’accesso versante della produttività. Nell’attuale crisi taria, dunque, non
di vita integralmente superiore, non può culturale, sociale, economica, non basta più esclusa quella pontifi-
alla giustizia ambientale; migliorare la considerarsi progresso» (n. 194).
regolamentazione e la fiscalizzazione di infatti il volontariato e ancora meno l’elemo- cia, non può che esse-
Infine, l’ecologia integrale non si può sina: forse, non è più sufficiente nemmeno re innanzitutto il ser-
progetti minerari e riformare il Codice separare dalla nozione di bene comune
delle acque. la sola salvaguardia del bene comune. Oc- vizio alla verità, l’im-
(cfr. n. 158), e questo è a sua volta inse- corre una rivoluzione antropologica, che pegno nella ricerca,
La visita di Papa Francesco è un’op-
parabile dall’opzione per i più poveri parli il linguaggio della fraternità. E a que- l’approfondimento
portunità unica per riascoltare il suo
(ibidem) e i diseredati di questo nostro sto proposito, il Papa della Laudato sì fa an- della riflessione, senza
messaggio sulla cura del creato, della no-
mondo. Non dimentichiamo che «non ci cora riferimento a Francesco d’Assisi, l’in- la quale ogni azione
stra Terra, la casa comune, lanciato nella
sono due crisi separate, una ambientale e ventore del vivere fraterno, quello del Canti- formativa risulta su-
sua enciclica Laudato si’, pubblicata nel
2015. Lì insegna che «la capacità dell’es- un’altra sociale, bensì una sola e com- co di frate sole, che fa da incipit all’enciclica perficiale, inefficace e
sere umano di trasformare la realtà deve plessa crisi socio-ambientale» (n. 139). A sulla casa comune. quindi inutile. Essa
svilupparsi sulla base della prima origi- subire maggiormente la crisi ecologica È vero: per la stessa Laudato si’ la que- può risultare addirittu-
naria donazione delle cose da parte di sono i più poveri ed emarginati nelle di- stione ambientale non può interessare sola- ra nociva perché ri-
Dio» (n. 5). È pertanto necessaria una verse latitudini del pianeta. Di conse- mente il piano estetico, patrimonio di poeti schia di produrre un
relazione con la natura sulla base di vi- guenza, spiega il Papa, «un vero approc- e utopisti, e non può bastare neppure quello abbassamento della
sioni e di atteggiamenti nuovi fondati cio ecologico diventa sempre un approc- etico, promosso dai militanti del terzo setto- posta in gioco,
sull’umiltà: gratitudine dinanzi alla vita e cio sociale, che deve integrare la giustizia re. Essa, infatti, non funge solo da esorta- un’edulcorazione della
alla natura ricevuta (cfr. n. 220), rispetto nelle discussioni sull’ambiente, per ascol- zione per la costituzione di un sistema mo- missione scientifica,
per tutti gli esseri viventi e riconoscimen- tare tanto il grido della terra quanto il rale a garanzia di nuovi comportamenti, una banalizzazione dei
to del valore proprio che hanno di fronte grido dei poveri» (n. 49). nuovi stili di vita. L’obiettivo principale del- compiti propri dell’ac-
a Dio (cfr. n. 69), responsabilità ecologi- la Laudato si’ non si esaurisce nell’istanza cademia del sapere,
ca nell’amorevole consapevolezza di esse- * Pontificia Universidad Católica de Chile del compito formativo; la questione posta cui papa Francesco as- Michela Bufalini, «La casa sotto la quercia» (2016)
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 12 gennaio 2018

Preoccupazione del cardinale nigeriano Onaiyekan

Chiese e moschee
nel mirino dei terroristi
KINSHASA, 11. I patti non sono
stati rispettati «perché non solo ABUJA, 11. Profonda preoccupa- ché arrivano e li uccidono. E il
non si sono svolte le elezioni pre- zione è stata espressa nei giorni governo sostiene di non sapere
sidenziali entro il 2017 ma i pri- scorsi dall’arcivescovo di Abuja, cosa fare».
gionieri politici sono ancora in cardinale John Olorunfemi Intanto, soddisfazione è stata
carcere e ai media dell’opposizio- Onaiyekan, in merito al clima espressa da suor Mary Agatha
ne viene impedito di svolgere il di tensione nel quale è sprofon- Osarenkhoe, superiora generale
loro lavoro»: lo ha detto l’arcive- data la Nigeria nelle ultime set- delle suore del Cuore eucaristi-
scovo di Kinshasa, cardinale Lau- timane. Sotto attacco dei ribelli co di Gesù, annunciando la li-
rent Monsengwo Pasinya, duran- L’arcivescovo di Kinshasa auspica il ripristino della legalità vi sono sia la comunità cristia- berazione delle tre consorelle e
te una messa celebrata nei giorni na sia quella musulmana. Nel delle tre aspiranti suore rapite
scorsi nella cattedrale di Notre-
Dame du Congo per commemo-
rare i martiri dell’indipendenza
Non c’è futuro mirino del gruppo jihadista di
Boko Haram ci sono moschee e
chiese. «Siamo tutti sotto attac-
il 13 novembre scorso nello sta-
to di Edo, nel sud della Nige-
ria. Al riguardo il cardinale
della Repubblica Democratica
del Congo. Nell’occasione, l’arci-
diocesi ha anche celebrato l’anni-
senza il rispetto degli accordi co — ha ricordato il porporato
— cristiani, musulmani, gente
di altre religioni e di altre tri-
Onaiyekan aveva lanciato un
appello nel quale si chiedeva ai
sequestratori il rilascio imme-
versario dei sacerdoti ordinati il 4 bù. Tutti soffriamo a causa del- diato. All’appello per la loro li-
gennaio 1993. Si è trattata quindi cratica del Congo è stata l’occa- Kinshasa, sono state centotrenta- dannato «la violazione della li- la scarsa sicurezza». berazione si era unito anche
di una doppia celebrazione, nella L’ultimo kamikaze si è fatto Papa Francesco, all’Angelus di
sione per la Chiesa di Kinshasa quattro le parrocchie accerchiate bertà di culto garantita in ogni
quale, alle felicitazioni per l’anni- esplodere la settimana scorsa in
per ricordare, in particolare, i fe- e isolate dalla polizia; due le stato democratico, la profanazio- domenica 17 dicembre: «Mi
versario di sacerdozio, si sono una moschea di Gamboru, nel-
deli cattolici che hanno perso la chiese dove è stato impedito l’ac- ne di alcune chiese e l’aggressio- unisco di cuore all’appello dei
unite le condoglianze per le vitti- lo stato di Borno, causando al-
vita il 31 dicembre scorso. Duran- cesso ai fedeli e la celebrazione ne fisica dei fedeli tra cui diversi vescovi della Nigeria — aveva
me della brutale repressione della meno quattordici morti. A Ca-
te l’omelia, il cardinale ha ricor- della messa domenicale; cinque chierichetti e sacerdoti». Oltre al- detto il Santo Padre — per la li-
marcia del 31 dicembre scorso, podanno altre sedici persone
promossa dai laici cattolici per dato «il coraggio dei nostri com- quelle dove la messa è stata inter- le violenze contro i fedeli, le ucci- berazione delle sei suore del
erano state uccise durante una
chiedere la piena applicazione de- patrioti che hanno sacrificato le rotta dalle forze di sicurezza; di- sioni e il lancio di lacrimogeni Cuore eucaristico di Cristo, ra-
celebrazione liturgica. «Provo
gli «Accordi di San Silvestro», loro vite per il loro paese, al ciotto quelle che hanno visto il all’interno di alcune chiese, il car- pite circa un mese fa dal loro
una grande pena. Abbiamo
firmati il 31 dicembre 2016 con la prezzo del loro sangue. Pensiamo loro recinto interno invaso da mi- dinale Laurent Monsengwo Pasi- convento a Iguoriakhi. Prego
sperato — ha sottolineato l’arci-
mediazione della Conferenza epi- anche alle morti del 31 dicem- litari e poliziotti; altre dieci par- nya ha denunciato il furto di de- con insistenza per loro e per
vescovo di Abuja all’agenzia
scopale. bre». Alla vigilia di Capodanno, rocchie sono state colpite dal lan- naro e di cellulari da parte di mi- tutte le altre persone che si tro-
Sir — che il governo fosse in
Riferendosi a quegli accordi, il infatti, si sono verificati incidenti cio di gas lacrimogeni nel loro litari e poliziotti nei confronti dei grado di darci la possibilità di vano in questa dolorosa condi-
porporato ha lanciato un appello a seguito della brutale repressione cortile interno. Le persone uccise fedeli e «il tiro di pallottole mor- un paese in pace, ma sono pas- zione: possano, in occasione
affinché venga ripristinata la lega- della marcia promossa dall’orga- dai proiettili finora accertate in tali contro cristiani con in mano sati tre anni e siamo dove sia- del Natale, ritornare finalmente
lità nel paese e si avvii un proces- nizzazione del laicato cattolico modo ufficiale sono otto di cui bibbie, rosari, crocifissi e statuette mo. La grande maggioranza alle loro case».
so di pace che consenta alle gio- (Comité laïc de coordination) per una nella chiesa di Saint Domini- della Vergine Maria». dei nigeriani sono già delusi. Le suore del Cuore eucaristi-
vani generazioni di aspirare a un chiedere al presidente della Re- que, due nella parrocchia della Nel frattempo la data delle ele- Tutti questi attacchi terroristici co di Gesù rapite (non hanno
futuro migliore. «Le vittime del pubblica, Joseph Kabila, una di- Sainte Famille e altre due in zioni presidenziali è stata fissata contro chiese e moschee, le ra- riportato apparenti segni di
31 dicembre sono morte perché ci chiarazione con la quale si impe- quella di Saint Alphonse. Tra le al 23 dicembre prossimo. Molti, pine a mano armata, i rapimen- violenza) fanno parte di una re-
hanno ricordato che pacta sunt gnava a non ricandidarsi in con- centoventi persone arrestate vi so- però, temono che l’attuale capo ti, le violenze dimostrano che te globale di religiose che tra
servanda», ha affermato tra l’altro formità alla Costituzione e nel ri- no sei sacerdoti e un seminarista. dello stato intenda approfittare abbiamo un governo non stabi- l’altro si batte contro il traffico
Monsengwo Pasinya. spetto degli «Accordi di San Sil- Al riguardo, l’episcopato congole- della situazione caotica per modi- le e non in grado di garantire di esseri umani, soprattutto
Come accennato, la commemo- vestro» del 2016. se ha espresso profonda amarezza ficare la Costituzione e ottenere la sicurezza». donne, e la loro riduzione in
razione dei martiri dell’indipen- Secondo il bilancio reso noto per gli «atti ignobili» commessi così un terzo mandato o per cer- Secondo Onaiyekan, «la si- schiavitù.
denza della Repubblica Demo- dalla nunziatura apostolica a dagli agenti dello stato e ha con- care di posporre le elezioni. tuazione è seria. Nel frattempo
si cerca di sopravvivere, di stare
attenti». Il cardinale tiene a ri-
badire che «anche quando le
chiese vengono attaccate non si
può interpretare come un attac-

Per combattere la mortalità infantile co di musulmani contro cristia-


ni. Qui si tratta solo di fanatici,
di criminali. C’è un’area gene-
Iniziative di una ong cattolica in Myanmar ralizzata di disordini. Al nord
— spiega il porporato — si parla
di Boko Haram, ma ci sono
NAYPYIDAW, 11. «Portare il Van- progetto della St. Bryce Missions In termini di mortalità mater- per questo paese aiutando a gruppi criminali ovunque. Ci
gelo fino agli estremi confini del- «è mandato da Dio», tanto forte na, le principali cause di morte cambiare la vita dei bambini vul- sono quelli che rapiscono le
la terra»: con questo spirito l’ong risulta il bisogno di intervento in includono emorragie postpartum, nerabili e delle madri a rischio. persone a scopo di estorsione.
di ispirazione cattolica St. Bryce questo settore. travaglio prolungato, infezioni, La nostra opera è guidata dallo Ci sono gruppi che si armano
Missions opera in una delle aree Grazie alla collaborazione del tutte complicazioni che si posso- Spirito santo che ci ha spinto in per rivendicazioni etniche e tri-
di conflitto del Myanmar, quella gesuita Giresh Santiago, la ong no prevenire con l’accesso ad as- questa terra. Quello che abbiamo bali. Poi — aggiunge — c’è il
dello stato di Kachin. L’area, a St. Bryce Missions ha avviato un sistenza sanitaria di qualità. constatato — ha concluso — è caso dei pastori fulani che at-
maggioranza cristiana, registra programma pilota a Myitkyina «Siamo convinti — ha dichia- l’amore della gente e la grande taccano gli agricoltori. I conta-
uno dei più alti tassi di mortalità basato su un modello che ha im- rato Mitchell all’agenzia Fides — fede della comunità cattolica lo- dini non possono lavorare tran-
infantile e materna. In un impe- plementato in India e in Costa di fare qualcosa di straordinario cale». quillamente i propri campi per-
gno di promozione umana, l’or- Rica, puntando ad assistere don-
ganizzazione non governativa, ne in attesa di un figlio e madri
fondata dal laico cattolico ameri- con gravidanza a rischio.
cano Greg Mitchell, lavora da di- I tassi di mortalità materna e
versi anni per ridurre la mortalità infantile in Myanmar rimangono Le autorità indiane limitano gli ingressi al mausoleo sacro musulmano
infantile e materna promuovendo tra i più alti del sud-est asiatico.
programmi di salute e alloggi per Su circa 916.000 nati nel paese,
donne in attesa di un figlio. 18.800 muoiono subito, mentre Meno visitatori
L’operato dell’organizzazione è altri 8500 nei primi giorni di vita.
sostenuto dall’arcivescovo di Yan- Secondo il censimento del 2014, per salvaguardare il Taj Mahal
gon, cardinale Charles Maung nel paese il tasso di mortalità in-
Bo, e dal vescovo di Myitkyina, fantile è di 62 decessi ogni 1000
(capoluogo dello stato di Ka- nati e il tasso di mortalità infanti- AGRA, 11. La moschea all’interno il 1632 e il 1654, che è già in co- da lui guidato ha deciso di eli-
chin), monsignor Francis Daw le sotto i cinque anni di 72 deces- lo rende luogo di culto dei pelle- stante manutenzione per impedi- minare il monumento dalle gui-
Tang. Secondo i cristiani locali il si ogni 1000 nati. grini musulmani e santifica l’in- re l’ingiallimento dei marmi do- de turistiche statali. In seguito,
tero complesso, ma il sito, consi- vuto all’inquinamento, al calpe- date le critiche, Adityanath è tor-
derato capolavoro dell’arte isla- stamento e a vari agenti corrosi- nato sui suoi passi e ha dichiara-
mica in India, è conosciuto uni- vi. «Abbiamo il compito di ga- to: «Il Taj Mahal è la gemma
versalmente, dal 1983 è patrimo- rantire la sicurezza del monu- dell’India e un dono per il mon-
nio dell’Unesco e dal 2007 fa mento e dei visitatori. La gestio- do intero. È parte integrante del-
parte delle cosiddette sette mera- ne della folla sta diventando la la nostra cultura e il governo è
viglie del mondo. Il Taj Mahal, nostra più grande sfida», ha di- impegnato nella sua conservazio-
il celebre mausoleo che sorge ad chiarato ad AsiaNews un funzio- ne».
Agra, in Uttar Pradesh, ha biso- nario dell’Archaeological Survey Il mausoleo venne costruito
gno di essere protetto dall’usura of India. utilizzando materiali provenienti
del tempo e per questo le autori- Come detto, le restrizioni agli da ogni parte dell’India e
tà indiane hanno deciso di limi- ingressi non saranno per ora ap- dell’Asia. In particolare il marmo
tare a quarantamila il numero di plicate ai turisti stranieri, che pa- bianco venne portato da Makra-
ingressi giornalieri. Il provvedi- gano un biglietto di 1000 rupie na (nel Rajasthan), il diaspro dal
mento per ora riguarda solo i vi- (13 euro), a differenza degli in- Punjab, la giada e il cristallo
sitatori locali, mentre per gli diani per i quali il costo è di 40 dalla Cina. I turchesi erano ori-
stranieri, che pagano un biglietto rupie (0,50 centesimi di euro). ginari del Tibet e i lapislazzuli
più costoso, non ci saranno re- Le autorità prevedono che in ca- dell’Afghanistan, mentre gli zaf-
strizioni. so di superamento della soglia firi provenivano dallo Sri Lanka
Dedicato dall’imperatore mo- fissata per i cittadini nazionali, e la corniola dall’Arabia. In tutto
ghul Shah Jahan alla memoria l’ingresso sarà comunque con- ventotto diversi tipi di pietre
della moglie Mumtaz Mahal, il sentito loro, ma con una mag- preziose e semi-preziose vennero
Taj Mahal (il cui significato let- giorazione di prezzo. incastonati nel marmo bianco
terale è “palazzo della corona”) Di recente il Taj Mahal è tor- per un costo totale di circa 32
nel 2016 è stato visitato da circa nato alla ribalta della cronaca milioni di rupie. La moschea è
sei milioni e mezzo di turisti. Gli per alcune contestate decisioni di rivolta verso la Mecca, come in-
esperti sostengono che le impo- Yogi Adityanath, monaco indù e dicato dal mihrāb, qui attorniato
nenti folle aggravano il deperi- chief minister dell’Uttar Pradesh. da citazioni dalla sura 91 del Co-
mento dell’edificio, costruito fra A ottobre il governo nazionalista rano.
venerdì 12 gennaio 2018 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Barcellona vista
dal Turó de la Rovira

Il cardinale Joseph William Tobin sulla necessità di una maggiore presenza femminile nella Chiesa

Sfida al clericalismo
NEWARK, 11. La Chiesa che fa a sulla leadership delle donne nella condo Tobin, è come se Papa strada da percorrere, afferma,
meno delle donne è una Chiesa Chiesa cattolica, svoltasi a Ferdi- Francesco stesse dicendo a cia- perché «non riesco a immaginare
povera, un organismo menomato, nand, nello stato dell’Indiana. scuno dei suoi confratelli: «Devi una diocesi nella pienezza della
come una persona che si trascina Rispondendo alle sollecitazioni assicurarti che i doni delle donne sua missione ecclesiale senza che
con le mani legate alla schiena. È di Kimberly F. Baker, il cardinale si riflettano nella Chiesa locale abbia la voce delle donne rappre-
l’efficace immagine che il cardi- Tobin richiama infatti l’importan- che ti è stata affidata». Un com- sentata nelle sue decisioni». In
nale Joseph William Tobin usa za ma anche l’incompletezza del pito decisivo che evidentemente questo senso, il cardinale Tobin
per sottolineare l’urgenza di un cammino compiuto dalla donna necessita ancora di una maggiore ricorre a un’immagine presa a
maggiore coinvolgimento della nella Chiesa negli ultimi decenni. consapevolezza. «Ogni presule — prestito da Benedetto XVI che la
presenza e del contributo femmi- Riconosce soprattutto lo straordi- ricorda l’arcivescovo di Newark — riferiva in particolare alla vita re-
nile nella vita così come nei pro- nario impulso fornito da Papa prima di essere ordinato compie ligiosa. Il Pontefice tedesco, ri-
cessi decisionali della comunità Francesco a tutto l’organismo ec- la professione di fede e si dichia- corda il porporato, «diceva che
ecclesiale. Da poco più di un an- clesiale. Quando infatti il Ponte- ra in unione con l’insegnamento una diocesi o una Chiesa partico-
no alla guida dell’arcidiocesi di fice parla della necessità di una della Chiesa, ma riconosce anche lare che non ha religiosi è impo-
Newark il porporato redentorista presenza femminile più incisiva la propria responsabilità nel di- verita. Ciò non significa che non
ha affrontato la questione in nella vita della Chiesa, avverte il scernere i doni che sono dati alla può funzionare, ma funziona con
un’intervista rilasciata ad «Ameri- porporato, «penso che non stia Chiesa locale. Penso che sia an- una o entrambe le braccia legate
ca», la rivista dei gesuiti statuni- semplicemente pensando alla lea- che a quel livello che il Santo Pa- alla schiena. Ora, naturalmente,
tensi, nella quale approfondisce i dership a livello della Chiesa uni- dre spera in una nuova visione e si potrebbe dire anche che con Lettera domenicale dell’arcivescovo di Barcellona
concetti espressi la scorsa estate versale, ma sta anche parlando in un nuovo orizzonte». quell’esempio stava parlando del-
Francesco, tuttavia, non è certo le donne, perché le donne rap-
in occasione di una conferenza con i suoi fratelli vescovi». Se-
il primo Pontefice che ha parlato
dell’importanza dei doni delle
presentano l’80 per cento della
vita religiosa». E «analogamente»
Concordia
donne. Tobin lo riconosce e sug-
gerisce un’analogia: «Come i pa-
pi prima di lui, porta il titolo di
il concetto si può tranquillamente
applicare alla vita di ogni Chiesa
locale, per quanto riguarda le
obiettivo prioritario
Servus servorum Dei. Lo sta viven- donne.
do in modo molto visibile, attra- Certamente, non nasconde To-
di JUAN JOSÉ OMELLA se parti della Spagna. Quelli
verso la semplicità della vita, at- bin, cambiare una certa mentalità
che, utilizzando il titolo di un
traverso il disprezzo di ogni non è cosa facile. E una diffusa
Nella precedente lettera ho libro dello scrittore Paco Can-
pompa e circostanza, la preferen- «mancanza di rispetto» verso le del, venivano chiamati los
menzionato tre obiettivi per
za per le persone che normal- donne è qualcosa che purtroppo l’anno appena iniziato: il nuo- otros catalanes, gli altri catala-
mente non avrebbero accesso al si sperimenta da tempo. In tal vo piano pastorale diocesano, ni. Carrera, che prima di di-
Papa. La mia speranza è che non senso, avverte, «sono sempre più la celebrazione dell’ottavo ventare vescovo era stato par-
si accontenti di una sorta di ideo- consapevole di come le donne centenario della creazione roco in chiese di quartieri pe-
logia, perché, come dice nel- abbiano avuto molte ragioni per dell’Ordine della Mercede a riferici, diceva sempre che i
l’Evangelii gaudium, la realtà è abbandonare la Chiesa». Del re- Barcellona e il lavoro per la giovani sacerdoti inviati alle
molto più importante delle idee». sto, aggiunge, «guardando ai pace e la concordia. In questa nuove parrocchie erette dal
Di qui scaturisce la necessità di Vangeli, Gesù non accusa le per- vorrei offrirvi alcune riflessio- vescovo Gregorio Modrego,
alcune scelte concrete come per sone di opprimere apertamente i ni sull’ultimo obiettivo: la in aree a forte immigrazione,
esempio l’istituzione della Com- poveri. Ciò che a essi rimprovera concordia e la coesione socia- avevano reso alla nostra socie-
missione di studio sul diaconato è di non accorgersi di loro. E le nella nostra terra. È un tà un grande servizio, che
delle donne che, avverte il cardi- penso che ciò sia vero anche per obiettivo che riguarda la aveva favorito l’integrazione
nale, ha rappresentato e rappre- le donne, che spesso, in particola- Chiesa, ma che va anche ol- in Catalogna degli “altri cata-
senta «un segnale di speranza» re al di fuori del Nord America, tre, poiché è una sfida per lani”. E lo avevano fatto con
soprattutto per l’autorevolezza e costituiscono i veri poveri. Il pri- tutta la società catalana. È, ogni tipo di iniziativa, a quei
la credibilità dei suoi membri. mo peccato è non vederle». come si dice oggi, una sfida e tempi senza alcun appoggio
Oppure la pubblicazione della Si tratta allora, sull’esempio di un obiettivo trasversale. ufficiale.
Ratio fundamentalis institutionis Papa Francesco, di «sfidare il cle- Come punto di riferimento In uno dei suoi articoli set-
sacerdotalis che valorizza il ruolo ricalismo», che «non è semplice- storico nel nostro paese, pren- timanali su «Catalunya cri-
delle donne nella formazione sa- mente una mentalità potenzial- do il pensiero che in molti stiana», nella sezione Ahora
cerdotale. mente misogina, ma è una menta- suoi articoli ha espresso Joan mismo, il vescovo Joan Carrera
Nel concreto della vita diocesa- lità chiusa. È una mentalità chiu- Carrera Planas, che è stato ve- nel 1997 scriveva: «Ma giunse
na Tobin cita poi uno studio con- sa che crede in certi privilegi e scovo ausiliare di Barcellona. un altro tempo in cui l’arrivo
dotto dal Center for Applied Re- diritti». L’auspicio è dunque che Un sacerdote e un presule in Catalogna di un’infinità di
search in the Apostolate che indi- le donne nella Chiesa possano molto radicato in Catalogna uomini e di donne da tutta la
vidua tre possibili ruoli chiave al esprimersi in libertà. Continuino e, al tempo stesso, molto vici- Spagna rese presente l’uso
femminile all’interno delle curie: cioè «a dire la verità e a dire la no agli immigranti che, negli della lingua castigliana nella
cancelliere, sovrintendente delle verità al potere quando ce ne sarà anni Sessanta e Settanta, sono pastorale e nella liturgia di
Kelly Simpson, «Women of courage 10» (2013) scuole, direttore finanziario. Una bisogno». venuti qui a lavorare da diver- molte chiese. Nacquero par-
rocchie nuove nei quartieri
operai che sorgevano attorno
a Barcellona e a molte città e
grandi paesi […] Un buon
numero di sacerdoti vi si de-
Non solo per obbedire dicò anima e corpo. Attorno a
quelle parrocchie, per molti
anni unica presenza attiva
Donne paradigma del laicato della società catalana nelle
aree a maggiore immigrazio-
ne, sorsero scuole, cooperative
di LUCETTA SCARAFFIA Davanti al mio stupore, loro mi fronto, e quindi di pensiero, a cettare un rapporto così disegua- per finire: le giovani non hanno edilizie, gruppi culturali e
hanno ricordato che anch’esse favore di decisioni già prese. le, senza la possibilità di cercare alcuna intenzione di svolgere persino sindacali, e fu istituita
Quando si parla di collaborazio- sono laiche. In un simile contesto, non c’è vie diverse. In molti ambienti collaborazioni così poco apprez- la prima rete di assistenza so-
ne con i laici, nella vita della Le donne, quindi, in ogni ruo- da stupirsi che siano quasi solo cattolici si ha la sensazione che zate, di lavorare per una comu- ciale di quartiere, grazie al-
Chiesa, si parla soprattutto di lo di collaborazione con l’istitu- le donne — ma ancora per poco, siano già contente di essere state nità che non sembra interessata l’organizzazione di Caritas»
donne. Sono le donne infatti, in zione ecclesiastica sono laiche, e perché non si vede un ricambio promosse da domestiche a inse- ad ascoltarle, ma solo a utilizzar- (cfr. Ara mateix, Barcellona,
grandissima maggioranza, a svol- proprio per questo rappresenta- delle volontarie attuali — ad ac- gnanti, ma questa condizione sta le come esecutrici obbedienti. 2010, pp. 872-873).
gere mansioni di aiuto e assisten- no il cuore del problema. Dicia- Non è un caso che stiano dimi- Adesso le circostanze socia-
za al clero, dai lavori domestici mo cioè che è il rapporto con lo- nuendo così drammaticamente le li sono diverse. Vari osservato-
al catechismo. E per di più è so- ro a definire — tranne poche ec- vocazioni religiose femminili, in ri attenti della nostra realtà
cezioni — il rapporto fra clero e particolare quelle di vita attiva. attuale sono preoccupati per
laici. Che sia proprio da questo Come faranno i sacerdoti sen- le possibili conseguenze nega-
che dipende la debolezza della za queste preziose aiutanti? È tive che i fatti politici recenti
loro presenza nella comunità cat- una domanda che ci si deve por- possono rappresentare per la
Vita Pastorale tolica? È questo un problema
che non è sbagliato porsi: solo
re, prima che la situazione preci-
piti. Anche perché, in una comu-
coesione sociale della nostra
società. Siamo quindi tutti
affrontando la questione della nità parrocchiale, la voce delle chiamati a compiere uno sfor-
La voce delle donne può dare un collaborazione con le donne, in- donne può portare un contributo zo per tessere la concordia e
contributo essenziale su famiglia, fatti, si può uscire dal modello essenziale per riscaldare le rela- la fiducia reciproca in una so-
sessualità e giovani, scrive sull’ultimo paternalistico, e quasi sempre zioni umane, per far capire al cietà in cui c’è una grande
numero di «Vita Pastorale» la storica soffocante, ancora prevalente clero cosa succede all’esterno di pluralità culturale, politica e
Lucetta Scaraffia, consulente editoriale nella Chiesa. un mondo che, tendenzialmente, anche religiosa.
dell’Osservatore Romano del quale dirige I laici sono ben visti, infatti, è autoreferenziale, per immagi- Lavorare per la coesione
il mensile «donne chiesa mondo». Dalla se si occupano di volontariato, nare nuove iniziative e per riflet- sociale è responsabilità di tut-
rivista, di recente rinnovata e diretta da magari anche di amministrazio- tere su tematiche come quelle ti. La Chiesa vorrebbe acco-
don Antonio Sciortino, pubblichiamo per ne, ma molto meno se intendono della famiglia, della sessualità, gliere questa sfida nel lavoro
intero l’articolo. intervenire in ambiti considerati dei giovani. concreto e quotidiano delle
“alti”: come la trasmissione della Ascoltando le omelie, si ha la parrocchie, delle scuole e del-
fede o la preparazione di omelie, certezza che i sacerdoti ignorino le istituzioni cristiane. È bene
l’organizzazione di incontri non i libri, molti e molto interessanti, che condividiamo tutte le sfi-
lo come laiche che le donne si soltanto culturali, ma anche ap- scritti da donne negli ultimi an- de proprie del vivere in comu-
rapportano all’istituzione eccle- profondimenti di tipo spirituale, ni: in gran parte libri di esegesi nione, a partire dalla diversità
siastica. Non ci avevo mai pensa- discussioni su temi teologici che con spunti nuovi, che contribui- dei punti di vista, come una
to, ma quando, alla fine del Si- non siano controllati dal clero. E scono a rendere vivo il commen- grande famiglia in cui tutti si
nodo sulla famiglia, mi sono av- questo anche su argomenti che to dei Vangeli. Le laiche — che amano e si rispettano, nono-
vicinata per prendere posto nella richiedono l’aiuto di esperti laici, rappresentano il nucleo centrale stante le opinioni e le prove-
foto ricordo con il Papa — i laici come quelli di bioetica. In gene- dei laici — esistono non solo per nienze diverse. Che Dio ci
al Sinodo — ho visto accanto a re, si tende a spegnere ogni pos- obbedire. Ed è bene rendersene aiuti in questo compito tanto
me le poche religiose invitate. sibilità di discussione e di con- Georges Braque, «Tête de femme» (1909) conto. bello e appassionante.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO venerdì 12 gennaio 2018

Valerie Catoire
«Papa Francesco»

«Sarà un viaggio non semplice,


ma davvero appassionante», nel
quale, tra gli altri, si affronteranno
temi significativi come il ruolo Il segretario di Stato sul viaggio del Papa in Cile e Perú
«delle popolazioni indigene all’in-

D ifficile
terno delle società» e la piaga
«della corruzione che impedisce lo
sviluppo». A pochi giorni dalla
partenza di Papa Francesco alla

ma appassionante
volta del Cile e del Perú, il cardi-
nale Pietro Parolin sintetizza così
la visita del Pontefice a due Chiese
locali «particolarmente vivaci» e
chiamate «ad affrontare numerose
sfide di fronte alla realtà del mon- agosto a Dublino, sarà utile pro- anche quello che emerge nella ri- niare il Vangelo, per evangelizzare
do di oggi». In un’intervista pub- prio in questa prospettiva. Si tratta sposta a una domanda sul futuro
blicata on line su Vatican News la il mondo di oggi».
in fondo, aggiunge il porporato, di del processo di riforma della Cu- Il Pontefice sarà in Cile dal 15 al
mattina dell’11 gennaio, al microfo- comprendere che «l’Amoris laetitia, ria. A tale riguardo, più che soffer- 18 gennaio e poi in Perú da giove-
no di Alessandro Gisotti, il segre- oltre a essere un abbraccio che la marsi sui cambiamenti strutturali o dì 18 a domenica 21: «Il Papa —
tario di Stato parla non solo Chiesa fa alla famiglia e alle sue
sull’imminente viaggio apostolico, sulla promulgazione di nuove leg- dice in proposito il porporato — va
problematiche nel mondo di oggi, gi, normative o nomine, il segreta- da pastore della Chiesa universale
ma anche delle prospettive di un per aiutare davvero a incarnare il
2018 che vedrà continuare il pro- rio di Stato tiene a sottolineare «lo per incontrare delle Chiese locali».
Vangelo», è nello stesso tempo spirito profondo che deve animare
cesso di riforma della Curia e che, Due interi paesi attendono France-
«anche una richiesta di aiuto alle
con gli appuntamenti sinodali e ogni riforma della Curia», che è sco che, sottolinea il segretario di
famiglie perché collaborino e con-
l’incontro mondiale di Dublino, ai giovani non solo cosa essa può ma»: si tratta di comprendere ap- poi «la dimensione fondamentale Stato, ha «nel cuore» le sfide alle
tribuiscano alla crescita della Chie-
sarà un anno all’insegna di giovani fare per loro, ma anche «cosa loro pieno «lo spirito nuovo», l’«ap- sa». della vita cristiana, cioè quella del- quali essi sono chiamati. Non a ca-
e famiglia. possono fare per la Chiesa, quale proccio nuovo» scaturito dalla ce- Giungere all’incarnazione del la conversione». Occorre, ha ag- so, conclude, egli ha anche convo-
Sarà, afferma il cardinale, «un contributo possono dare al Vange- lebrazione degli ultimi due sinodi Vangelo nella vita quotidiana e giunto, «far sì che la Curia — sem- cato, per il 2019, un sinodo
anno caratterizzato proprio da una lo, alla diffusione del Vangelo og- e dalla pubblicazione dell’Amoris all’evangelizzazione per testimo- pre più e sempre meglio, togliendo sull’Amazzonia, e torna continua-
speciale concentrazione dell’atten- gi». La Chiesa, cioè, vuole inaugu- laetitia. Certo — spiega il segretario nianza è, di fatto, il filo condutto- anche quelle ombre che possono mente «con parole anche molto
zione della Chiesa a tutti i suoi li- re che accompagna le riflessioni ostacolare questo impegno e que- marcate» su temi caldi come quel-
rare un nuovo dialogo: capire i di Stato, sollecitato riguardo al di-
velli sui giovani, quindi sulle loro del cardinale Parolin. È l’obbietti- sta missione — possa diventare lo della corruzione, ostacolo fon-
giovani, aiutarli, ma soprattutto battito suscitato nel mondo cattoli-
attese, sulle loro aspirazioni, sulle vo predominante nel ragionamento davvero un aiuto al Papa per an- damentale per «il superamento
sfide che devono affrontare e an- renderli protagonisti. E, conclude, co proprio dall’esortazione aposto-
«credo che a questo invito sapran- lica — «ogni cambiamento com- fatto sui giovani, sulle famiglie, ma nunciare il Vangelo, per testimo- della povertà e della miseria».
che sulle speranze che portano con
sé, come sulle debolezze e sulle no rispondere con la loro generosi- porta sempre delle difficoltà»; ma
paure». Una Chiesa alla ricerca di tà e anche con il loro entusiasmo». queste «vanno messe in conto e
«una nuova relazione», che eviti Il tema dei giovani porta con sé, vanno affrontate con impegno, per
«ogni paternalismo» e che piutto- quasi conseguentemente, quello trovare delle risposte che diventino
sto solleciti «responsabilità». E della famiglia. Ambito nel quale, momenti di ulteriore crescita, di
che, dice il cardinale Parolin para- sottolinea il porporato, Papa Fran- ulteriore approfondimento». E la
frasando una nota espressione di cesco sta ugualmente tentando di celebrazione della giornata mon-
John Fitzgerald Kennedy, chieda portare avanti «un nuovo paradig- diale della famiglia, il prossimo

In un’intervista al cardinale Farrell bilanci e prospettive del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita

Cantiere in fermento
di NICOLA GORI una nuova mentalità di lavoro, di collabo- della famiglia di Nazareth, le catechesi in-
razione e di servizio. Questa nuova men- tendono mostrare l’attualità profetica del
Un “cantiere” appena aperto ma già in talità comporta anzitutto il ragionare in Vangelo della famiglia. Da uno sguardo
fermento, pronto ad accogliere le sfide termini di un solo dicastero, di un unico concreto alle famiglie di oggi (la prima),
sempre nuove che la società impone e a nuovo “corpo”, composto sì di vari orga- all’attualità della parola di Dio nel quoti-
testimoniare i valori del Vangelo e il magi- ni, ma che vive, si muove e agisce come diano familiare (la seconda) per giungere
stero della Chiesa su tematiche di grande un tutto. Nel molto lavoro ordinario e al sogno che Dio ha per ogni famiglia Giovani in pellegrinaggio con la croce della gmg verso la cattedrale di Arecibo a Porto Rico
attualità per la vita ecclesiale e sociale. È quotidiano — visite ad limina degli episco- (terza), anche dove vi sono fragilità e de-
questo il Dicastero per i laici, la famiglia e pati, rapporto con movimenti e associazio- bolezze (quarta); la famiglia è il vero ge-
la vita, istituito dal Papa il 15 agosto 2016 ni laicali e di pastorale familiare — risalta neratore di una cultura nuova, quella della nuti, la varietà dei soggetti coinvolti e gli suo termine naturale», in base ai bisogni e
e guidato dal cardinale prefetto Kevin particolarmente il compito di coordinare e vita (quinta), della speranza (sesta) e della obiettivi da raggiungere. Si tratta, per dir- alle peculiarità della persona nelle diverse
Joseph Farrell, che in questa intervista organizzare due grandi eventi: la giornata gioia (settima). la con una parola riassuntiva, di contribui- fasi evolutive. Questo richiama anche il
all’Osservatore Romano fa il punto delle mondiale della gioventù e l’incontro mon- re fattivamente alla nuova evangelizzazio- rapporto con le organizzazioni e associa-
attività dell’organismo e indica le prospet- diale delle famiglie. Come procede invece l’organizzazione della ne. Con parole cariche di significato, lo zioni che aiutano la donna e la famiglia
tive di lavoro del nuovo anno. gmg 2019 a Panamá? dice la lettera apostolica Sedula Mater con ad «accogliere e custodire il dono della vi-
Partiamo da quest’ultimo. Quali sono le atte- la quale Papa Francesco ha istituito il di- ta e a prevenire il ricorso all’aborto», co-
Può tracciare un primo bilancio dell’attività se per il prossimo raduno in programma ad Fin dall’inizio, il cammino verso Pana- castero: «Noi stessi ci adoperiamo pronta- me pure il sostegno a iniziative per l’aiuto
del dicastero? agosto in Irlanda? má si è caratterizzato come un pellegri- mente a disporre ogni cosa perché le ric- alle donne che hanno abortito. Guida irri-
naggio mariano, secondo le indicazioni chezze di Cristo Gesù si riversino appro- nunciabile e sicura sono la dottrina morale
Un anno è un tempo breve per una Le attese sono tante, non solo per l’in- dello stesso Papa Francesco: «Mi sta a priatamente e con profusione tra i fedeli». cattolica e il magistero della Chiesa, af-
realtà complessa e articolata come quella contro in sé ma anche per la sfida di pro- cuore che voi giovani possiate camminare Per “riversare” il Vangelo, la comunicazio- fiancati e sostenuti dagli studi sui grandi
del nuovo dicastero, che raccoglie le com- porre «il Vangelo della famiglia: gioia per non solo facendo memoria del passato, ma ne è strutturalmente necessaria e strategica temi di biomedicina e diritto relativi alla
petenze e le funzioni finora appartenute ai il mondo», tema scelto da Papa Francesco avendo anche coraggio nel presente e spe- perché è sempre a servizio dei contenuti, vita umana; un’attenzione particolare è
Pontifici Consigli per i laici e per la fami- sullo sfondo dell’esortazione apostolica ranza per il futuro». Sono gli atteggia- facendo parte dello stesso processo di co- dovuta anche alle ideologie che vanno svi-
glia, praticamente quasi l’intero popolo di postsinodale Amoris laetitia. Nella lettera menti della giovane donna di Nazareth. struzione del messaggio e non come una luppandosi legate alla vita e al genere
Dio! La sfida è formidabile perché i com- che mi ha indirizzato, il Pontefice si chie- Nelle tappe verso il grande incontro dei sua semplice appendice. umano. Questo spettro amplissimo di temi
piti sono «la promozione della vita e deva: «La famiglia continua ad essere giovani, fondamentale sarà anche quella
dell’apostolato dei fedeli laici, la cura pa- buona notizia per il mondo di oggi?». E e competenze è in comune con altri orga-
del Sinodo dei vescovi, il prossimo otto- Anche voi siete in qualche modo coinvolti nel- nismi della Santa Sede — congregazioni e
storale della famiglia e della sua missione, subito aggiungeva: «Io sono certo di sì! E bre, sul tema «I giovani, la fede e il di- la riforma della comunicazione voluta da
secondo il disegno di Dio e per la tutela e questo “sì” è saldamente fondato sul dise- accademie — anche se la nostra prospetti-
scernimento vocazionale»: un sinodo spe- Papa Francesco? va specifica è prettamente pastorale e si-
ciale nel tema ma anche nella metodologia tuata nell’ambito della famiglia. Compe-
di consultazione diretta dei giovani. È È sotto gli occhi di ognuno come la ri-
forma voluta e inaugurata dal Papa abbia tenza, su questi temi, ha Gabriella Gambi-
chiaro, nelle intenzioni e nei gesti, che il no, sottosegretario della sezione vita. Ri-
riguardato, in modo visibile, concreto e
Pontefice ha tracciato un percorso di guardo alle forme di collaborazione con la
lungimirante, il nuovo sistema comunicati-
grande sintonia tra il sinodo e la gmg di Pontificia Accademia per la vita, secondo
vo della Santa Sede; una riforma alla ri-
Panamá. Più concretamente ci sono stati e il dettato dello statuto che la indica come
cerca di «criteri e modalità nuovi per co-
seguiranno incontri fra il dicastero e il co- «connessa con questo dicastero, il quale si
municare il Vangelo della misericordia a
mitato organizzatore locale. avvale della sua competenza», oltre alla
tutte le genti, nel cuore delle diverse cul-
ture, attraverso i media che il nuovo con- rappresentanza del nostro delegato monsi-
Che giornata sarà quella di Panamá? gnor Carlos Simón Vasquez in seno al
testo culturale digitale mette a disposizio-
Quella che si vivrà sarà certamente una ne», come ha detto Francesco ai parteci- consiglio direttivo dell’Accademia, andran-
gmg molto mariana e molto centroameri- panti alla plenaria della Segreteria per la no concordate alcune linee specifiche di
cana, secondo l’immagine adoperata dal comunicazione. Nel nostro ambito voglia- ricerca e di raccordo.
nostro segretario, padre Alexandre. Più mo muoverci nella stessa linea, pur nella
nel concreto si lavora alla pianificazione semplicità dei mezzi e delle risorse. Sono La nomina delle due donne sottosegretario si
dei principali eventi della giornata, a rea- consapevole che la comunicazione non si inserisce nell’impegno per la valorizzazione
lizzare un fondo di solidarietà, all’alloggio improvvisa e che necessita di preparazio- del ruolo della donna nella Chiesa. Che spa-
dei partecipanti, alle catechesi preparato- ne, accompagnamento e verifica; ma sono zio hanno le donne nell’attività del dicastero?
rie, alla composizione della “sacca del pel- anche fiducioso perché vogliamo inserirci È già lo statuto del dicastero a dire che
Incontro in dicastero in occasione della visita «ad limina» dei vescovi ungheresi legrino” e al vasto tema della comunica- nel grande flusso comunicativo già in atto i tre sottosegretari sono laici; attualmente
zione. Da mesi, prosegue il pellegrinaggio in ogni ambito della realtà ecclesiale, sia manca ancora quello per la sezione fami-
dei simboli della gmg; dopo il Messico, la quella centrale che periferica. Proprio l’in- glia. Lo statuto dice ancora che tra i mem-
il sostegno della vita umana», come recita gno di Dio. L’amore di Dio è il suo “sì” a croce dei giovani è stata a Cuba, a Santo teresse diffuso per le realtà particolari co- bri del dicastero ci sono «fedeli laici, uo-
lo statuto. Più che di bilancio, dunque, si tutta la creazione e al cuore di essa, che è Domingo, ad Haiti; è appena arrivata a stituisce un’occasione privilegiata per co- mini e donne, celibi e coniugati, impegna-
può parlare di cantiere appena aperto, an- l’uomo». All’evento di Dublino è legata Porto Rico e presto raggiungerà tutto il struire e consolidare relazioni con le diver-
che nel senso materiale, giacché devono ti nei diversi campi di attività e provenien-
l’attesa di ammirare la bellezza dell’amore Centro America. E dopo quello di Roma se conferenze episcopali e le altre realtà
essere ancora eseguiti i lavori di adegua- ti dalle diverse parti del mondo, così che
familiare concreto, fatto di gesti quotidia- nell’aprile dello scorso anno — circa 270 associative coinvolte.
mento e ristrutturazione degli ambienti rispecchino il carattere universale della
ni, dell’abitudine a dire «permesso, grazie, partecipanti, provenienti da 103 paesi e 44
per poter avere tutto il personale e gli uf- Chiesa». Per questo il dicastero è un luo-
scusa» e dell’attenzione alla fragilità di movimenti e comunità — sono in via di Il terzo ambito del lavoro del dicastero è la
fici nello stesso piano. Il 1° settembre scor- go privilegiato ed emblematico della Chie-
ognuno. Nutriamo la speranza viva della perfezionamento gli aspetti pastorali e lo- vita. Su quali iniziative state lavorando e
so ha preso servizio effettivo il segretario, sa cattolica dove donne e uomini collabo-
presenza del Papa alle giornate conclusive. gistici del secondo incontro internazionale quali sono le forme di collaborazione con la
padre Alexandre Awi Mello; il 7 novembre rano insieme per il bene di tutta la comu-
di preparazione alla gmg, che si terrà dal Pontificia Accademia per la vita? nità ecclesiale e nel quale la differenza fra
il Papa ha nominato Linda Ghisoni sotto- Come ci si sta preparando all’incontro? 7 al 9 giugno prossimi a Panamá.
segretario per la sezione laici e Gabriella Basterebbero alcuni richiami all’attualità i generi non è solo occasione di collabora-
Gambino sottosegretario per la sezione vi- La preparazione di questo appuntamen- per comprendere come il tema della tutela zione, ma anche di effettiva corresponsabi-
to è importante in tutte le diocesi e nelle Avete lanciato di recente il video Goodnews e
ta. Su tutto, però, la notizia più significa- e del sostegno alla vita umana siano essen- lità. Attualmente il personale, tra superio-
una newsletter in diverse lingue. Qual è l’im-
tiva è stata la visita di Papa Francesco, il parrocchie, tanto quanto la celebrazione ziali per le competenze esplicite del nostro ri, officiali e personale tecnico, è equa-
portanza della comunicazione nella strategia
30 ottobre scorso. Salutando e ringrazian- finale in Irlanda. A breve saranno rese no- dicastero, chiamato a sostenere e coordi- mente diviso tra uomini e donne; tra que-
del dicastero?
do il Pontefice, in questa occasione, ho te le sette catechesi internazionali di pre- nare le iniziative in favore della procrea- ste, oltre alle due sottosegretarie, anche
fatto presente come la grande sfida che parazione, una per ogni mese. Intreccian- La natura, la storia e le prospettive del zione responsabile e per «la tutela della Marta Rodriguez responsabile della sezio-
stiamo affrontando è quella di entrare in do il testo di Amoris laetitia e la vicenda dicastero mostrano la ricchezza dei conte- vita umana dal suo concepimento fino al ne donna del nostro dicastero.