Sei sulla pagina 1di 57

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Istituto Italiano della Saldatura di Genova


Guida pratica per lapplicazione della norma
UNI EN ISO 3834
anche ai fini dellottenimento della
certificazione finale

Vengono presi in esame, con esempi


tecnico-operativi, i requisiti per lapplicazione
corretta della norma e le azioni correttive che
lazienda deve attivare per lottenimento della
certificazione.

Silvano DAgosta
Istituto Italiano della Saldatura
ENTE MORALE

1/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Il processo di fabbricazione mediante saldatura non va inteso


come la semplice esecuzione dei giunti saldati, ma come tutto
quel complesso di attivit ed operazioni che portano alla
realizzazione del manufatto.
Inizia con la corretta progettazione, passa attraverso
lapprovvigionamento dei materiali, la preparazione (taglia, piega,
fora, cianfrinatura), lefficienza delle attrezzature impiegate, la
competenza delle risorse umane, la saldatura propriamente detta
fino ad arrivare alle ispezioni finali.
Ciascuna di queste fasi pu avere influenza sulla qualit finale
del prodotto e merita pertanto la dovuta attenzione e il
necessario livello di controllo
Istituto Italiano della Saldatura
ENTE MORALE

2/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

3/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

4/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Riesame dei requisiti e riesame tecnico

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

5/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Riesame dei requisiti e riesame tecnico

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

6/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

5 - Riesame dei requisiti e riesame tecnico

E necessario riesaminare:
Requisiti Contrattuali

Requisiti Tecnici

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

7/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Riesame dei requisiti e riesame tecnico

8/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

9/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

10/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

6 - Subfornitura
Nel caso dello svolgimento di attivit in subfornitura (saldatura,
ispezioni, controlli non distruttivi, trattamenti post-saldatura)

11/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

7 - Personale di saldatura
Il costruttore deve disporre di personale sufficiente e
competente per la pianificazione, la fabbricazione e la
supervisione della produzione di saldatura in conformit ai
requisiti prescritti.
Saldatori

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

12/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

7 - Personale di saldatura
Personale di coordinamento delle attivit di saldatura
Il costruttore deve disporre di idoneo personale di
coordinamento delle attivit di saldatura in conformit alla UNI
EN ISO 14731, in modo che al personale di saldatura vengano
fornite le necessarie specifiche di procedura di saldatura o
istruzioni di lavoro e che il lavoro possa essere eseguito e
controllato correttamente.

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

13/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

7 - Personale di coordinamento della saldatura (DM 14/01/08)

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

14/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

8 - Personale addetto a prove, ispezione e collaudi


Personale addetto ai controlli non distruttivi (UNI EN 473):
Stabilisce tre livelli di qualificazione:
Livello1: operatore di Prove Non Distruttive autorizzato ad operare in base ad
istruzioni scritte o sotto la supervisione di personale di livello2 o livello 3.
Livello 2: ha competenza necessaria ad eseguire prove non distruttive in
conformit a procedure stabilite o riconosciute.
Livello 3: la competenza necessaria ad eseguire e dirigere attivit PND per la
quale certificata

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

15/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

9 - Attrezzature
Il costruttore deve disporre di attrezzature idonee alla
movimentazione, stoccaggio, lavorazione, saldatura, esecuzione di
trattamenti termici per i prodotti che realizza.
Deve essere disponibile una lista delle attrezzature
Un elemento chiave la manutenzione
Deve essere pertanto disponibile un piano piano documentato
di manutenzione (obbligatorio per la ISO 3834-2)
Luso di attrezzature nuove o modificate previsto solo dopo
prova di funzionamento, che deve essere registrata, ed
eventualmente condotta in base a normative appropriate.
Istituto Italiano della Saldatura
ENTE MORALE

16/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Attrezzature

FREQUENZA
MANUTENZIONE

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

17/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Attrezzature

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

18/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

19/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

20/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

21/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

10 Saldatura ed attivit connesse


Il costruttore deve eseguire una adeguata pianificazione della
produzione

specificazione della sequenza di fabbricazione della


costruzione, identificazione dei singoli processi richiesti per la
realizzazione della costruzione;
riferimenti alle appropriate specifiche di procedura per la
saldatura ed i procedimenti connessi;
sequenza di esecuzione delle saldature, se si applica;
ordine e durata dei singoli processi
specificazione delle ispezioni e dei controlli, incluso l'eventuale
intervento di un organismo ispettivo indipendente;
condizioni ambientali, per esempio protezione da vento e
pioggia;
identificazione dei pezzi per lotti, per gruppi o per parti, a
seconda dei casi.
Istituto Italiano della Saldatura
ENTE MORALE

22/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

10 Saldatura ed attivit connesse

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

23/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

10 Saldatura ed attivit connesse


Le procedure di saldatura devono essere opportunamente qualificate.

Devono essere disponibili sul posto di lavoro le WPS o le istruzioni di lavoro


Istituto Italiano della Saldatura
ENTE MORALE

24/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

10 Saldatura ed attivit connesse

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

25/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

10 Saldatura ed attivit connesse

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

26/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

11 - Materiali dapporto per la saldatura


Devono essere previste procedure per la limmagazzinamento, la movimentazione e
la gestione dei materiali, in modo tale che non subiscano danneggiamenti.

27/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

11 - Materiali dapporto per la saldatura


Devono essere previste procedure per la limmagazzinamento, la movimentazione e
la gestione dei materiali, in modo tale che non subiscano danneggiamenti.

28/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

11 - Materiali dapporto per la saldatura


Devono essere previste procedure per la limmagazzinamento, la movimentazione e
la gestione dei materiali, in modo tale che non subiscano danneggiamenti.

29/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

11 - Materiali dapporto per la saldatura

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

30/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

11 - Materiali dapporto per la saldatura

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

31/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

11 - Materiali dapporto per la saldatura

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

32/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

12 - Materiali di base
L'immagazzinamento deve essere fatto in modo che i materiali base non
subiscano danneggiamenti e/o contaminazioni.

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

33/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

12 - Materiali di base

L'identificazione deve essere mantenuta durante l'immagazzinamento.


Istituto Italiano della Saldatura
ENTE MORALE

34/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

13 - Trattamento termico dopo saldatura

Il costruttore responsabile delle specifiche e della esecuzione di qualsiasi


trattamento termico dopo saldatura.

35/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

14 - Ispezioni e controlli

Le ispezioni ed i controlli devono essere effettuati nelle


fasi appropriate del processo di fabbricazione, cosi come
indicato dal PFC, in modo da assicurare la conformit ai
requisiti del contratto.
Si distinguono:
Ispezioni e controlli prima della saldatura (controllo
indiretto)
Ispezioni e controlli durante la saldatura (controllo in corso
dopera)
Ispezioni e controlli dopo la saldatura (controllo diretto)

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

36/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Ispezioni e prove prima della saldatura (controllo indiretto)

37/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Ispezioni e prove durante della saldatura (controllo in corso dopera)

38/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Ispezioni e prove durante della saldatura (controllo in corso dopera)

39/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

40/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

41/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Non Conformit ed azioni correttive


ISTRUZIONE DI RIPARAZIONE DEI GIUNTI
SALDATI
Il CS collabora con il cliente e/o lente di
controllo e definisce le modalit di riparazione
come di seguito elencato:
-se il difetto talmente superficiale che la sua
asportazione non fa scendere lo spessore del
giunto o il profilo del cordone di saldatura al di
sotto di quello consentito, non sono necessarie
particolari autorizzazioni.
-se il difetto si sviluppa in profondit, la solcatura
eseguita con mola o altro mezzo idoneo allo
scopo, deve essere eseguita estendedola di
almeno 50 mm da entrambi i lati del difetto
rilevato. Prima di procedere al ripristino del
giunto, si verifica che il difetto sia stato
completamente asportato (mediante controllo/i
non distruttivo/i appropriato/i).
Per ripristinare il giunto si utilizza la specifica
tecnica/WPS/modalit concordata con il cliente,
impiegata nella prima esecuzione del giunto. Nel
caso in cui debba essere impiegato un
procedimento diverso da quello con il quale
stato realizzato il giunto sar utilizzata una WPS
idonea e qualificata/approvata e, se previsto,
concordata con il cliente.

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

42/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Non Conformit ed azioni correttive

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

43/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

16 - Calibrazione e validazione dei sistemi di misurazione,


ispezione prova (obbligatoria per ISO 3834-2)
Tutte le attrezzature usate per valutare la qualit delle costruzioni
saldate (ispezione, misurazioni e controlli) devono essere
adeguatamente controllate e devono essere calibrate o validate a
intervalli definiti.

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

44/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Calibrazione e validazione dei sistemi di misurazione, ispezione


prova (obbligatoria per ISO 3834-2)

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

45/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

17 - Identificazione e rintracciabilit

L'identificazione e la rintracciabilit devono essere mantenute attraverso tutto


il processo di fabbricazione

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

46/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Riepilogo dei documenti richiesti dallIIS per la certificazione


-

Descrizione dellorganizzazione, capacit produttive e campo dapplicazione, struttura


organizzativa, responsabilit e nomine delle funzioni (incluso i CS);
Gestione dei documenti di saldatura;
Registrazioni della qualit;
Riesame dei requisiti contrattuali e tecnici;
Subfornitura;
Certificati saldatori/operatori;
Certificati operatori PnD;
Lista attrezzature;
Piano di manutenzione attrezzature;
Registrazioni delle manutenzioni;
Piano di produzione;
WPS e/o Istruzioni di saldatura;
Rapporti di qualificazione delle procedure di saldatura;
Gestione dei materiali dapporto;
Gestione dei materiali di base;
Trattamento termico dopo saldatura;
Ispezioni e controlli;
Non conformit e azioni correttive;
Taratura;
Identificazione e rintracciabilit;
Istituto Italiano della Saldatura
ENTE MORALE

47/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

48/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Attivit non richieste dalla norma UNI EN ISO 3834-4

Piano di manutenzione e relative registrazioni;


Piano di produzione;
Rapporti di qualificazione delle procedure di saldatura;
Gestione dei materiali di base;
Trattamento termico dopo saldatura;
Taratura;
Identificazione e rintracciabilit;

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

49/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Sistemi di accreditamento

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

50/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Lo scherma di certificazione EWF

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

51/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Lo scherma di certificazione EWF


La federazione Europea della saldatura, ha
definito un sistema di certificazione che
comprende:
Qualit, in accordo a ISO 3834
Ambiente, con riferimento ai criteri della ISO
14001 (opzionale)
Sicurezza, Con riferimento ai criteri della BSI
8800 (opzionale)

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

52/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

La norma UNI EN ISO 3834 - certificato EWF

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

53/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

La norma UNI EN ISO 3834 - certificato IIW

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

54/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

La certificazione

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

55/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

Istituto Italiano della Saldatura


ENTE MORALE

56/58

Guida pratica per lapplicazione della norma UNI EN ISO 3834

FINE
Grazie per lattenzione

P.I. Silvano DAgosta IIS CERT s.r.l.


57/58

Interessi correlati