Sei sulla pagina 1di 144

A

S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
ANTONINO SOMMARIVA
FONDAMENTI DI TEORIA DEI CIRCUITI
ESERCIZI E PROBLEMI
Bozza: 24 settembre 2011
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Copyright c 2011 ASommariva .
Questa raccolta di esercizi e problemi costituisce materiale di supporto esclusivo del corso di Fondamenti di teoria dei circuiti,
AA 2011-2012, svolto presso lUniversit` a degli Studi di Brescia. La riproduzione o la copia in qualsiasi forma (cartacea,
elettronica, . . . ) di questo materiale deve essere autorizzata in forma scritta dallautore.
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Indice
I ESERCIZI 1
1 Modello di Kirchho 3
1.1 Topologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.2 Legge delle tensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.3 Legge delle correnti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.4 Potenza e lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2 Componenti elementari 5
2.1 Componenti adinamici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.2 Componenti dinamici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.3 Doppi bipoli dotati di rappresentazione canonica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
3 Componenti composti e componenti equivalenti 9
3.1 Componenti composti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
3.1.1 Doppi bipoli composti notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
3.2 Equivalenti di bipoli composti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
3.3 Equivalenza tra sorgenti di Th evenin e di Norton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3.4 Teoremi di Th evenin e Norton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
4 Analisi in DC 13
4.1 Componenti in DC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.2 Metodo nodale in DC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.2.1 Metodo nodale canonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.3 Metodo anulare in DC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.3.1 Metodo anulare canonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.4 Funzioni di rete in DC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.4.1 Partitori di tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.4.2 Partitori di corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.4.3 Funzioni di rete e parametri dei doppi bipoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.5 Adattamento in DC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
5 Analisi in AC Parte I 15
5.1 Fasori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
5.1.1 Fasore da sinusoide . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
5.1.2 Sinusoide da fasore cartesiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
5.1.3 Sinusoide da fasore polare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
5.1.4 Metodo fasoriale per EDO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
5.2 Componenti in AC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
5.3 Equivalenze in AC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
5.3.1 Equivalente di bipoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
5.3.2 Teoremi di Th evenin e di Norton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
5.4 Metodo nodale in AC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
5.4.1 Metodo nodale canonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
5.4.2 Metodo nodale modicato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
5.5 Metodo anulare in AC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
5.5.1 Metodo anulare modicato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
5.6 Funzioni di rete in AC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
5.6.1 Partitori di tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
5.6.2 Partitori di corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
ii INDICE
6 Analisi in AC Parte II 23
6.1 Potenza in AC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
6.1.1 Valor medio e valore ecace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
6.1.2 Potenze varie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
6.1.3 Adattamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
6.2 Energia in AC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
6.3 Fattori di qualit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
6.4 Filtri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
6.4.1 Filtri di tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
6.4.2 Filtri di corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
6.5 Regime multifrequenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
6.5.1 Risposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
6.5.2 Potenza media . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
7 Circuiti dinamici del I e del II ordine 29
7.1 Circuiti del I ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
7.1.1 EDO del I ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
7.1.2 Circuiti RC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
7.1.3 Circuiti RL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
7.2 Circuiti del II ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
7.2.1 EDO del II ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
7.2.2 Circuito RLC parallelo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
7.2.3 Circuito LC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
7.2.4 Circuito RLC serie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
8 Soluzioni 35
8.1 Soluzioni del Capitolo 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
8.2 Soluzioni del Capitolo 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
8.3 Soluzioni del Capitolo 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
8.4 Soluzioni del Capitolo 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
8.5 Soluzioni del Capitolo 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
8.6 Soluzioni del Capitolo 6 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
8.7 Soluzioni del Capitolo 7 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
II PROBLEMI 47
9 Prima serie 49
10 Seconda serie 91
11 Soluzioni del Capitolo 9 97
12 Soluzioni del Capitolo 10 133
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Parte I
ESERCIZI
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 1
Modello di Kirchho
1.1 Topologia
R 1.1.1 Marcare i nodi e determinarne il numero.

R 1.1.2 Marcare i nodi e determinarne il numero.

R 1.1.3 Marcare i nodi e determinarne il numero.

R 1.1.4 Marcare i nodi e determinarne il numero.

1.2 Legge delle tensioni
R 1.2.1 Applicare la legge di Kirchho delle tensioni alla
maglia indicata usando le variabili di base segnate.
3
1 2
5
4 6

R 1.2.2 Applicare la legge di Kirchho delle tensioni alle
maglie indicate usando le variabili di base segnate.
1 2 3
3
1
6
4
2
7
5

R 1.2.3 Applicare la legge di Kirchho delle tensioni agli
anelli indicati usando le variabili di base segnate.
a
b
c
1
2
3
3
4
2
5
1

R 1.2.4 Applicare la legge di Kirchho delle tensioni agli
anelli indicati usando le variabili di base segnate.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
4 Modello di Kirchho
1
2
3
3
4
2
2
1
1
a
b
c
a
b
c

1.3 Legge delle correnti
R 1.3.1 Applicare la legge di Kirchho delle correnti al nodo
indicato usando le variabili di base segnate.
1 2
3
4

R 1.3.2 Applicare la legge di Kirchho delle correnti ai nodi
indicati usando le variabili di base segnate.
1
2 3
3
1
6
4
2
5
7

R 1.3.3 Applicare la legge di Kirchho delle correnti ai nodi
indicati usando le variabili di base segnate.
a
b
c
3
2
3
1
2
1

1.4 Potenza e lavoro
R 1.4.1 Applicare il teorema di conservazione della potenza.
2 3
4 5 6
1
p
a
1
, p
a
2
, p
e
3
, p
e
4
, p
a
5
, p
e
6
.
R 1.4.2 Determinare la potenza erogata dal componente K
4
nelle condizioni indicate.
1
2
3
4
t = 2 s, p
a
1
(2) = 2 W, p
e
2
(2) = 1 W, p
a
3
(2) = 3 W.
R 1.4.3 Applicare il teorema di conservazione della potenza
usando le variabili di base segnate.
4 3
1
6
2
7
5

R 1.4.4 Applicare il teorema di conservazione della potenza
usando le variabili di base segnate.
3
1 2
4 5

R 1.4.5 Applicare il teorema di conservazione della potenza
usando le variabili di base segnate.
a
b
c
3
2
1

Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 2
Componenti elementari
2.1 Componenti adinamici
R 2.1.1 Determinare (se esistono) i segnali associati ai segnali elencati per un resistore classico con R = 2 .
i
R
(t) 0 u(t) u
c
(t) 1/(t + 1) sin2t cos 3t A
v
R
(t) 2 2/ sin2t 2 e
3t
2 cos 2t u(t) V
R 2.1.2 Indicare se i segnali di corrente elencati siano ammessi da un corto circuito.
i
CC
(t) 0 1 u(t) t t
2
cos 3t ln2t cos
2
2t e
3t
cos 3t cos 2t u(t) A
s`
no
R 2.1.3 Indicare se i segnali di tensione elencati siano ammessi da un circuito aperto.
v
CA
(t) 0 1 u(t) u
c
(t) t 1/ ln2t cos
2
2t e
3t
cos 3t cos 2t u(t) V
s`
no
R 2.1.4 Indicare se i segnali di corrente elencati siano ammessi da una sorgente ideale di tensione con v
s
(t) = sin2t V.
i
E
(t) 0 1 u(t) t 1/t ln2t sin
2
2t e
3t
cos 3t cos 2t u(t) A
s`
no
R 2.1.5 Indicare se i segnali di tensione elencati siano ammessi da una sorgente ideale di corrente con i
s
(t) = u(t) A.
v
J
(t) 0 1 1 u(t) u(t) u(t 1) u
c
(t) r(t) r(t) r(t 1) e
3t
tan2t arctan2t V
s`
no
R 2.1.6 Indicare se i segnali di tensione elencati siano ammessi da un interruttore in apertura allistante t = 0.
v
Sa
(t) 0 1 1 u(t) u(t + 1) u(t) u(t 1) r(t) sint + cos t e
t
u(t) e
t
V
s`
no
R 2.1.7 Indicare se i segnali di corrente elencati siano ammessi da un interruttore in apertura allistante t = 0.
i
Sa
(t) 0 1 1 1 u(t) u(t + 1) u(t) u(t + 1) t r(t) sint e
t
e
t
u(t) e
t
A
s`
no
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
6 Componenti elementari
R 2.1.8 Indicare se i segnali di tensione elencati siano ammessi da un diodo ideale.
v
D
(t) 0 1 1 u(t) u(t) u(t + 1) u(t 1) r(t) sint sint 1 e
t
V
s`
no
R 2.1.9 Determinare (se esistono) i segnali associati ai segnali elencati per un trasformatore con N

/N

= 10.
v

T
(t) 0 30 e
2t
50 cos 2t u(t) 40 cos 2t V
i

T
(t) 0 2 e
2t
2 (1 e
2t
) u
c
(t) A
v

T
(t) 2 5 u(t) 2 (1 e
2t
) u
c
(t) V
i

T
(t) 30 10 u(t) 30 cos 2t 50 cos 2t u(t) A
R 2.1.10 Determinare (se esistono) i segnali associati ai segnali elencati per una sorgente di tensione controllata in tensione
con = 2.
v
S
(t) 0 2 u(t) sin
2
2t 1/t cos 3t V
i
S
(t) 1 u(t) A
v
E
(t) 2 e
3t
2 u(t) 2 cos 2t u(t) 3 cos 3t V
i
E
(t) 0 2 sin3t cos 4t 4 sin2t 2 A
R 2.1.11* Determinare (se esistono) i segnali associati ai segnali elencati per una sorgente di tensione controllata in tensione
con = 2.
v
S
(t) 0 3 e
2t
5 cos 2t u(t) (1 e
2t
) u
c
(t) 4 cos 2t V
i
S
(t) 1 0 1 0 A
v
E
(t) 2 10 u(t) 2(1 e
2t
) u
c
(t) V
i
E
(t) 0 e
2t
10 u(t) (1 e
2t
) u
c
(t) 0 10 cos 3t u(t) A
R 2.1.12 Determinare (se esistono) i segnali associati ai segnali elencati per una sorgente di tensione controllata in corrente
con = 2 .
v
S
(t) 0 1 2 sin2t V
i
S
(t) 1 1 (1 e
2t
) u
c
(t) 0 e
2t
3 u(t) A
v
E
(t) 0 4 cos 2t u(t) V
i
E
(t) 1 e
2t
10 u(t) (1 e
2t
) u
c
(t) 0 cos 2t 5 cos 2t u(t) A
R 2.1.13 Determinare (se esistono) i segnali associati ai segnali elencati per una sorgente di corrente controllata in corrente
con = 2.
v
S
(t) 0 0 2 sin2t 0 V
i
S
(t) 1 (1 e
2t
) u
c
(t) sin2t e
2t
3 + u(t) A
v
E
(t) 1 sin2t + sin3t sin2t (1 + e
2t
) u(t) 4 cos 3t u(t) 3 + u(t) u
c
(t) V
i
E
(t) 2 e
2t
0 A
R 2.1.14 Determinare (se esistono) i segnali associati ai segnali elencati per una sorgente di corrente controllata in tensione
con = 2 S.
v
S
(t) 0 e
2t
+e
2t
(1 + e
2t
) u(t) 2 sin2t 0 V
i
S
(t) 0 0 1 0 0 A
v
E
(t) 1 sin2t + sin3t sin2t 0 4 cos 3t u
c
(t) 3 + u(t) u
c
(t) V
i
E
(t) 2 u(t) 2(e
2t
+e
2t
) 2 sin2t e
2t
A
R 2.1.15 Determinare (se esistono) i segnali associati ai segnali elencati per un amplicatore operazionale.
v
+AO
(t) 0 u(t) u
c
(t) sint e
t
lnt V
v
AO
(t) u(t) u(t 1) r(t) e
t
tant V
v
oAO
(t) 0 1 e
t
u(t) u(t 1) sint u(t) 1 tant t V
i
+AO
(t) 1 I
i
AO
(t) 1 I
i
oAO
(t) 0 cos t r(t) u(t) e
t
r(t) r(t 1) e
t
tant cos t I
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
2.2 Componenti dinamici 7
2.2 Componenti dinamici
R 2.2.1 Determinare (se esistono) i segnali di tensione associati ai segnali di corrente elencati per un induttore con L = 2 H.
i
L
(t) 1 u(t) t r(t) e
2t
(1 e
2t
) u
c
(t) cos 2t cos 2t u(t) A
v
L
(t) V
R 2.2.2 Determinare lenergia di un induttore con L = 2 H e i
L
(5) = 2 A.
R 2.2.3 Determinare (se esistono) i segnali di tensione associati ai segnali di corrente elencati per un condensatore con C =
1
2
F
e v
C
(0) = 1 V.
i
C
(t) 0 1 u(t) e
2t
(1 e
2t
) u
c
(t) cos 2t cos 2t u(t) A
v
C
(t) V
R 2.2.4 Determinare lenergia di un condensatore con C = 2 F e v
C
(5) = 4 V.
R 2.2.5* Determinare lespressione dellenergia di un induttore e di un condensatore.
R 2.2.6 Determinare (se esistono) i segnali associati ai segnali elencati per un paio di induttori accoppiati con L
1
= 2 H,
L
2
= 3 H, M = 1 H.
v
1M
(t) V
i
1M
(t) 0 5 u(t) e
2t
(1 e
2t
) u
c
(t) sin2t 3 cos 2t u(t) A
v
2M
(t) V
i
2M
(t) 0 2 2 e
3t
2(1 e
2t
) u
c
(t) cos 3t 2 sin3t u
c
(t) A
R 2.2.7 Determinare lenergia di un paio di induttori accoppiati con L
1
= 2 H, L
2
= 4 H, M = 1 H, i
1M
(1) = 2 A, i
2M
(1) = 1 A.
2.3 Doppi bipoli dotati di rappresentazione canonica
R 2.3.1 Completare le matrici di doppio bipolo indicate in ipotesi di reciprocit` a.
R =

10 5
6

, H =

10 5
6

Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi


(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
8 Componenti elementari
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 3
Componenti composti e componenti
equivalenti
3.1 Componenti composti
R 3.1.1 Determinare la potenza entrante del bipolo
composto.
-
1
2
3 4
p
a
1
= 4 W, p
a
2
= 6 W, p
a
3
= 9 W, p
a
4
= 2 W.
R 3.1.2 Determinare la potenza entrante del bipolo com-
posto usando le variabili di base dei componenti interni
segnate.
1
2
a
b
c

R 3.1.3 Determinare la potenza entrante del bipolo com-
posto usando le variabili di base dei componenti interni
segnate.

1
2
a
b
c

3.1.1 Doppi bipoli composti notevoli
R 3.1.4 Disegnare gli schemi circuitali delle sorgenti
resistive bidimensionali di Th evenin e di Th eNort.
3.2 Equivalenti di bipoli composti
R 3.2.1* Determinare la resistenza del resistore equivalente
(in forma di frazione continua).
1 3
2 4

R
1
, R
2
, R
3
, R
4
.
R 3.2.2 Determinare la resistenza del resistore equivalente.
1 3
2 4

R
1
= 3 , R
2
= 4 , R
3
= 2 , R
4
= 2 .
R 3.2.3* Determinare linduttanza (in forma di frazione con-
tinua) e le condizioni di coerenza e collimazione a t = 0
dellinduttore equivalente.
1
2
3

L
1
H, L
2
H, L
3
H.
R 3.2.4 Determinare linduttanza dellinduttore equivalen-
te.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
10 Componenti composti e componenti equivalenti
1 3
2 4
L
1
= 8 H, L
2
= 4 H L
3
= 2 H, L
4
= 2 H.
R 3.2.5* Determinare la capacit` a (in forma di frazione conti-
nua) e le condizioni di coerenza e collimazione a t = 0 del
condensatore equivalente.
1
2 3

C
1
F, C
2
F, C
3
F.
R 3.2.6 Determinare la capacit` a del condensatore equiva-
lente.
2
1 3
4
C
1
= 10 F, C
2
= 4 F, C
3
= 2 F, C
4
= 2 F.
R 3.2.7* Determinare la resistenza del resistore equivalente.

R, N

/N

.
R 3.2.8 Determinare la resistenza del resistore equivalente.

R = 2 , N

/N

= 10.
R 3.2.9 Determinare il segnale della sorgente equivalente.

N

/N

= 10, V
s
= 5 V.
R 3.2.10 Determinare il segnale della sorgente equivalente.

N

/N

= 10, I
s
= 50 A.
3.3 Equivalenza tra sorgenti di
Th evenin e di Norton
R 3.3.1* Determinare i parametri della sorgente resistiva di
Th evenin equivalente alla sorgente resistiva di Norton.
G
N
S, i
N
A.
R 3.3.2 Determinare i parametri della sorgente resistiva di
Th evenin equivalente alla sorgente resistiva di Norton.

G
N
= 2 S, I
N
= 2 A.
R 3.3.3* Determinare (se esiste) il segnale della sorgente in-
duttiva di Th evenin equivalente alla sorgente induttiva di
Norton.

L
N
= L
T
= 2 H, i
L
N
(0) = i
L
T
(0) = 0 A.
i
N
(t) A v
T
(t) V
0
1
u(t)
t
r(t)
cos 2t
sin2t
sin2t u
c
(t)
e
3t
1 e
3t
R 3.3.4 Determinare (se esistono) i parametri della sorgente
induttiva di Th evenin equivalente alla sorgente induttiva di
Norton.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
3.4 Teoremi di Th evenin e Norton 11

L
N
= L
T
= 2 H, i
L
N
(0) = 1 A.
i
N
(t) A v
T
(t) V i
L
T
(0) A
0
1
u(t)
t
r(t)
e
3t
1 e
3t
cos 2t
cos 2t u(t)
sin2t u
c
(t)
R 3.3.5* Determinare (se esiste) il segnale della sorgente in-
duttiva di Norton equivalente alla sorgente induttiva di
Th evenin.

L
T
= L
N
= 2 H, i
L
T
(0) = 1 A, i
L
N
(0) = 2 A.
v
T
(t) V i
N
(t) A
0
2
2 u(t)
4t
4 r(t)
6 e
3t
4 sin2t
4 cos 2t u(t)
3.4 Teoremi di Th evenin e Norton
R 3.4.1 Determinare i parametri della sorgente di Th evenin
equivalente.

2
1 3

R
1
= 8 , R
2
= 4 , R
3
= 4 , V
s
= 4 V, I
s
= 3 A.
R 3.4.2 Determinare i parametri della sorgente resistiva di
Th evenin equivalente.
1
2
3
4

R
1
, R
2
, R
3
, R
4
, v
s
V.
R 3.4.3 Determinare i parametri della sorgente resistiva di
Th evenin equivalente.
1
1
2
2
3
4

R
1
, R
2
, R
3
, R
4
, v
s
1
V, v
s
2
V.
R 3.4.4 Determinare i parametri della sorgente resistiva di
Th evenin equivalente.

R, , v
s
V.
R 3.4.5 Determinare i parametri della sorgente resistiva di
Norton equivalente.
1
2
R
1
, R
2
, v
s
V, i
s
A.
R 3.4.6* Determinare i parametri della sorgente resistiva di
Norton equivalente.
1
2
R
1
= 2 , R
2
= 3 , V
s
= 5 V, I
s
= 5 A.
R 3.4.7 Determinare i parametri della sorgente resistiva di
Norton equivalente.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
12 Componenti composti e componenti equivalenti
1 2

G
1
S, G
2
S, , v
s
V.
Repliche numeriche
S 3.4.1 Determinare i parametri della sorgente di Th evenin
equivalente.

2
1 3

R
1
= 1 , R
2
= 3 , R
3
= 4 , V
s
= 8 V, I
s
= 4 A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 4
Analisi in DC
4.1 Componenti in DC
R 4.1.1 Disegnare il circuito limite a frequenza nulla.
1
2
3 4

4.2 Metodo nodale in DC
4.2.1 Metodo nodale canonico
R 4.2.1* Applicare il metodo nodale matriciale.
1 2
3
2
1
3
1 2 5 6
4

G
1
S, G
2
S, G
3
S, G
4
S, G
5
S, G
6
S, I
s
1
A, I
s
2
A.
R 4.2.2 Applicare il metodo nodale matriciale.
1 2
3 4
2
1
5 3
6 7 1 2

G
1
= 1 S, G
2
= 2 S, G
3
= 2 S, G
4
= 2 S, G
5
= 5 S,
G
6
= 6 S, G
7
= 7 S, I
s
1
= 1 A, I
s
2
= 3 A.
4.3 Metodo anulare in DC
4.3.1 Metodo anulare canonico
R 4.3.1* Applicare il metodo anulare matriciale.
1
3 4
2
1 2
3
1
2
R
1
, R
2
, R
3
, R
4
, V
s
1
V, V
s
2
V.
R 4.3.2 Applicare il metodo anulare matriciale.
1
3 4
2
1 2
3
5 1
2

R
1
= 1 , R
2
= 2 , R
3
= 3 , R
4
= 2 , R
5
= 2 ,
V
s
1
= 2 V, V
s
2
= 1 V.
4.4 Funzioni di rete in DC
4.4.1 Partitori di tensione
R 4.4.1* Determinare la funzione di rete.
1
+
-
i o 2

R
1
, R
2
.
R 4.4.2 Determinare la funzione di rete.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
14 Analisi in DC

1
+
-
i o 2

R
1
= 5 , R
2
= 10 .
4.4.2 Partitori di corrente
R 4.4.3* Determinare la funzione di rete.


1 2
o
i

G
1
S, G
2
S.
R 4.4.4 Determinare la funzione di rete.


1 2
o
i

G
1
= 2 S, G
2
= 3 S.
4.4.3 Funzioni di rete e parametri dei
doppi bipoli
R 4.4.5 Disegnare lo schema circuitale di un doppio bipolo
resistivo lineare dotato di rappresentazione omogenea 1 ed
esprimere i parametri r
11
e r
12
in termini di funzioni di rete.
R 4.4.6 Disegnare lo schema circuitale di un doppio bipo-
lo resistivo lineare dotato di rappresentazione ibrida 1 ed
esprimere i parametri h
21
e h
22
in termini di funzioni di rete.
4.5 Adattamento in DC
R 4.5.1 Determinare la potenza assorbita dal carico e la
resistenza di adattamento.

V
T
= 6 V, R
T
= 5 .
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 5
Analisi in AC Parte I
5.1 Fasori
5.1.1 Fasore da sinusoide
R 5.1.1* Determinare il fasore associato alla sinusoide
s(t) = Acos t + Bsint in forma cartesiana e in forma
coseno-polare (A < 0, B 0, rad/s).
R 5.1.2 Determinare il fasore associato alla sinusoide s(t) =
4 cos t +3 sint in forma cartesiana e in forma coseno-polare.
R 5.1.3 Determinare il fasore associato alla sinusoide s(t) =
3 cos 2t+4 sin2t informa cartesiana e informa coseno-polare.
5.1.2 Sinusoide da fasore cartesiano
R 5.1.4* Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
A+j Binforma cartesiana e informa coseno-polare (A > 0, B).
R 5.1.5* Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
A + j B in forma cartesiana e in forma coseno-polare (A <
0, B 0).
R 5.1.6 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
6 + j 8 in forma cartesiana e in forma coseno-polare.
R 5.1.7 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
2 + j 2 in forma cartesiana e in forma coseno-polare.
R 5.1.8 Determinare la sinusoide s associata al fasore

S =
6 j 8 ( = 3 rad/s) in forma cartesiana e in forma
coseno-polare.
R 5.1.9 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
3 j 4 in forma cartesiana e in forma coseno-polare.
5.1.3 Sinusoide da fasore polare
R 5.1.10* Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
Me
j
in forma cartesiana e in forma coseno-polare (M > 0,
rad/s).
R 5.1.11* Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
Me
j
in forma cartesiana e in forma coseno-polare (M < 0,
rad/s).
R 5.1.12 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
10 e
j 30

in forma cartesiana e in forma coseno-polare.


R 5.1.13 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
10 e
j 120

in forma cartesiana e in forma coseno-polare.


R 5.1.14 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
10 e
j 120

in forma cartesiana e in forma coseno-polare.


R 5.1.15 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
10 e
j 60

in forma cartesiana e in forma coseno-polare.


5.1.4 Metodo fasoriale per EDO
R 5.1.16 Determinare la soluzione sinusoidale dellEDO:
(D
3
+ D
2
+ D+ 1)x = 15 cos 2t + 15 sin2t.
R 5.1.17 Determinare la soluzione sinusoidale dellEDO:
(D
4
+ D
3
+ 4D
2
+ 3D+ 1)x = 2 cos 2t + 2 sin2t.
Repliche numeriche
S 5.1.1 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
5 + j 12 in forma cartesiana e in forma coseno-polare.
S 5.1.2 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
5 + j 12 in forma cartesiana e in forma coseno-polare.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
16 Analisi in AC Parte I
S 5.1.3 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
6 j 8 in forma cartesiana e in forma coseno-polare.
S 5.1.4 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
1 j 2 in forma cartesiana e in forma coseno-polare.
S 5.1.5 Determinare la sinusoide associata al fasore

S =
1 j in forma cartesiana e in forma coseno-polare.
S 5.1.6 Determinare la sinusoide associata al fasore

S = 1j
in forma cartesiana e in forma coseno-polare.
5.2 Componenti in AC
R 5.2.1* Determinare limpedenza di un induttore e
lammettenza di un condensatore.
R 5.2.2 Determinare lammettenza di un induttore con L =
2 H a pulsazione = 3 rad/s.
R 5.2.3 Determinare limpedenza di un condensatore con
C = 4 F a pulsazione = 2 rad/s.
R 5.2.4* Determinare le componenti cartesiane di impedenza
di un bipolo avente ammettenza Y = G + j BS.
R 5.2.5* Determinare le componenti cartesiane di ammet-
tenza di un bipolo avente impedenza Z = R + j X.
R 5.2.6 Determinare lammettenza in forma cartesiana di un
bipolo di impedenza Z = 1 + j .
R 5.2.7 Determinare limpedenza in forma cartesiana di un
bipolo avente ammettenza Y = 2 j S.
R 5.2.8 Determinare limpedenza in forma polare di un
bipolo avente ammettenza Y = 2 e
j

4
S.
R 5.2.9 Determinare lammettenza in forma polare di un
bipolo avente impedenza Z = 2 e
j

3
.
R 5.2.10 Disegnare il circuito limite a frequenza innita.
1
2
3 4

Repliche numeriche
S 5.2.1 Determinare lammettenza in forma cartesiana di un
bipolo di impedenza Z = 1 j .
5.3 Equivalenze in AC
5.3.1 Equivalente di bipoli
R 5.3.1* Determinare limpedenza del bipolo equivalente in
forma di frazione continua.

1 3
2 4
Z
1
, Y
2
S, Z
3
, Y
4
S.
R 5.3.2 Determinare limpedenza del bipolo equivalente.
1 3
2 4
Z
1
= 2 + j , Z
2
= j 2 , Z
3
= 1 + j , Z
4
= 1 j .
R 5.3.3* Determinare lammettenza del bipolo equivalente in
forma di frazione continua.
2
1 3
4

Y
1
S, Z
2
, Y
3
S, Z
4
.
R 5.3.4 Determinare limpedenza del bipolo equivalente e
quindi le condizioni per cui essa si riduce a un rapporto di
polinomi in j di grado 1 o a un valore reale e le relative
espressioni.

1
2

R
1
, G
2
S, CF, LH.
R 5.3.5 Determinare lammettenza del bipolo equivalente e
quindi le condizioni per cui essa si riduce a un valore reale
e le relative espressioni.
1 2 1 1 2 2
G
1
S, G
2
S,
1
S,
2
S, CF.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
5.4 Metodo nodale in AC 17
5.3.2 Teoremi di Th evenin e di Norton
R 5.3.6 Determinare i parametri della sorgente di Th evenin
equivalente.

R=1 , L=1 H, C = 1 F,

V
s
= 1+j V,

I
s
= j 3 A, = 1 rad/s.
R 5.3.7 Determinare i parametri della sorgente di Norton
equivalente.
R = 2 , C =
1
2
F,

V
s
= 5 V,

I
s
= j A, = 2 rad/s.
R 5.3.8 Determinare i parametri della sorgente di Norton
equivalente.

R= 2 , C=
1
2
F, L = 1 H,

V
s
= j 2 V,

I
s
= j A, = 1 rad/s.
R 5.3.9 Determinare i parametri della sorgente di Norton
equivalente.

GS, CF, n N

/N

, rad/s,

I
s
A.
Repliche numeriche
S 5.3.1 Determinare i parametri della sorgente di Th evenin
equivalente.

R=1 , L=1 H, C=1 F,

V
s
=2+j 2 V,

I
s
=j 6 A, =1 rad/s.
S 5.3.2 Determinare i parametri della sorgente di Th evenin
equivalente.

R=1 , L=1 H, C=1 F,

V
s
=3+j 3 V,

I
s
=j 9 A, =1 rad/s.
S 5.3.3 Determinare i parametri della sorgente di Th evenin
equivalente.

R=1 , L=
1
2
H, C=1 F,

V
s
=1 +j V,

I
s
=j 2 A, =1 rad/s.
S 5.3.4 Determinare i parametri della sorgente di Norton
equivalente.

R = 2 , C =
1
2
F,

V
s
= 10 V,

I
s
= j 2 A, = 2 rad/s.
5.4 Metodo nodale in AC
5.4.1 Metodo nodale canonico
R 5.4.1 Applicare il metodo nodale matriciale.
1 2
3
2
1
3
1 2 5 6
4

G
1
= 1 S, G
2
= 2 S, G
3
= 3 S, G
4
= 4 S, G
5
= 5 S, G
6
= 6 S,
i
s
1
(t) = 3 sin3t A, i
s
2
(t) = 4 cos 3t A.
R 5.4.2 Applicare il metodo nodale matriciale.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
18 Analisi in AC Parte I
1
2
3
1
2
1
2
3

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, L =
1
2
H, C =
1
2
F,
i
s
1
(t) = 2 sin2t A, i
s
2
(t) = 3 cos 2t A,
i
s
3
(t) = cos 2t + sin2t A.
5.4.2 Metodo nodale modicato
R 5.4.3 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1
2
3
1
2

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, L =
1
2
H, C =
1
2
F,
i
s
(t) = 3 sin2t A, v
s
(t) = 5 cos 2t V.
R 5.4.4 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1
2
3
2
1
G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, L =
1
2
H, C =
1
2
F,
i
s
(t) = 3 cos 2t A, v
s
(t) = cos 2t sin2t V.
R 5.4.5 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.

1 2

G = 2 S, L =
1
4
H, C =
1
4
F, N

/N

= 10,
i
s
(t) = 2 cos 4t sin4t A.
R 5.4.6* Applicare il metodo nodale modicato matriciale.



1
2
3
1 1 2 2

G
1
S, G
2
S, LH, CF,
i
s
1
(t) = I
1
sint A, i
s
2
(t) = I
2
cos t A.
R 5.4.7 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.

1
2
3
1 1 2 2

G
1
= 2 S, G
2
= 1 S, L = 1 H, C = 1 F, = 2,
i
s
1
(t) = sin2t A, i
s
2
(t) = cos 2t A.
R 5.4.8* Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1 2
2
1

G
1
= 4 S, G
2
= 3 S, L =
1
4
H, C = 1 F, = 2,
i
s
(t) = cos 4t + sin4t A.
R 5.4.9* Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1
2
3
1 2
4

G
1
= 1 S, G
2
= 2 S, L =
1
4
H, C =
1
4
F, = 3,
i
s
(t) = 2 cos 4t + 3 sin4t A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
5.4 Metodo nodale in AC 19
R 5.4.10 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1
2
3
2
1

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, L =
1
2
H, C =
1
2
F, = 2,
i
s
(t) = cos 2t sin2t A.
R 5.4.11 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1 2
1
2

G
1
= 4 S, G
2
= 3 S, L =
1
4
H, C = 1 F, = 2 S,
i
s
(t) = cos 2t + sin2t A.
R 5.4.12* Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1
2
3
1
2

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, L =
1
2
H, C =
1
2
F, = 3 S,
i
s
(t) = 3 sin2t A.
R 5.4.13 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1 2
3
1 2
3


G
1
= 1 S, G
2
= 2 S, G
3
= 3 S, L =
1
4
H, C = 1 F, = 2 ,
i
s
(t) = cos 2t + sin2t A.
R 5.4.14 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1 2 1 2
4
5
1
2
3
3
o

G
1
S, G
2
S, G
3
S, G
4
S, G
5
S, CF, rad/s,

I
s
1
A,

I
s
2
A.
R 5.4.15 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1
2
1 2
3
o
G
1
S, G
2
S, CF, rad/s,

I
s
A.
R 5.4.16 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1 2

G = 2 S, L =
1
4
H, C =
1
2
F, L
1
= 5 H, L
2
= 5 H, M = 3 H,
i
s
(t) = sin4t A.
R 5.4.17* Applicare il metodo nodale modicato matriciale.

1 2

G = 1 S, L =
1
4
H, C =
1
2
F, L
1
= 2 H, L
2
= 1 H, M =
1
2
H,
i
s
(t) = 3 sin2t A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
20 Analisi in AC Parte I
Repliche numeriche
S 5.4.1 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1 2
3
2
1
3
1 2 5 6
4

G
1
= 1 S, G
2
= 2 S, G
3
= 3 S, G
4
= 4 S, G
5
= 5 S, G
6
= 6 S,
i
s
1
(t) = 3 cos 3t A, i
s
2
(t) = 4 sin3t A.
S 5.4.2 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.



1
2
3
1 1 2 2

G
1
= 1 S, G
2
= 2 S, L = 2 H, C = 3 F, = 2,
i
s
1
(t) = 2 sin
1
2
t A, i
s
2
(t) = 3 cos
1
2
t A.
S 5.4.3 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.



1
2
3
1 1 2 2

G
1
= 1 S, G
2
= 2 S, L =
1
5
H, C =
3
10
F, = 3,
i
s
1
(t) = 2 cos 5t A, i
s
2
(t) = 3 sin5t A.
S 5.4.4 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1 2
2
1

G
1
= 4 S, G
2
= 1 S, L =
1
10
H, C = 1 F, = 2,
i
s
(t) = cos 2t + sin2t A.
S 5.4.5 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1 2
2
1

G
1
= 1 S, G
2
= 2 S, L =
1
2
H, C = 2 F, = 3,
i
s
(t) = cos 2t sin2t A.
S 5.4.6 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1 2
2
1

G
1
= 2 S, G
2
= 1 S, L =
1
4
H, C = 3 F, = 7,
i
s
(t) = cos 2t + sin2t A.
S 5.4.7 Applicare il metodo nodale modicato matriciale.
1
2
3
1 2
4

G
1
= 4 S, G
2
= 3 S, L =
1
4
H, C = 1 F, = 2,
i
s
(t) = cos 4t + sin4t A.
5.5 Metodo anulare in AC
5.5.1 Metodo anulare modicato
R 5.5.1* Applicare il metodo anulare modicato matriciale.

1 2
2
3
1
2
1

R
1
, R
2
, LH, CF, ,
v
s
1
(t) = V
1 s
sint + V
1 c
cos t V, v
s
2
(t) = V
2 c
cos t V.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
5.6 Funzioni di rete in AC 21
R 5.5.2 Applicare il metodo anulare modicato matriciale.

1 2
2
3
1
2
1

R
1
= 2 , R
2
= 1 , L = 1 H, C = 1 F, = 2 ,
v
s
1
(t) = sin2t + cos 2t V, v
s
2
(t) = cos 2t V.
5.6 Funzioni di rete in AC
5.6.1 Partitori di tensione
R 5.6.1* Determinare la funzione di rete.
i o
LH, CF, R, rad/s.
R 5.6.2 Determinare il valore della funzione di rete in forma
cartesiana.
i o
L = 1 H, C =
1
2
F, R = 1 , = 2 rad/s.
R 5.6.3 Determinare il valore della funzione di rete in forma
cartesiana.
i o
R = 1 , L = 1 H, C =
1
2
F, = 2 rad/s.
R 5.6.4 Determinare il valore della funzione di rete in forma
cartesiana.
i o
L = 1 H, G =
1
2
S, C =
1
4
F, = 2 rad/s.
R 5.6.5 Determinare la funzione di rete.

+
-
+
-
i o
1
1
2 2
G
1
S, G
2
S, C
1
F, C
2
F.
5.6.2 Partitori di corrente
R 5.6.6 Determinare il valore della funzione di rete in forma
cartesiana.
i o
L = 1 H, G =
1
2
S, C =
1
4
F, = 2 rad/s.
R 5.6.7 Determinare il valore della funzione di rete in forma
cartesiana.
i
o
1 2

R
1
= 1 , R
2
= 1 , L = 1 H, C =
1
2
F, = 2 rad/s.
Repliche numeriche
S 5.6.1 Determinare il valore della funzione di rete in forma
cartesiana.
i o
R = 2 , L = 1 H, C =
1
4
F, = 2 rad/s.
S 5.6.2 Determinare il valore della funzione di rete in forma
cartesiana.

i o
L = 1 H, G = 1 S, C = 2 F, = 1 rad/s.
S 5.6.3 Determinare il valore della funzione di rete in forma
cartesiana.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
22 Analisi in AC Parte I

i o
L = 1 H, G = 1 S, C =
1
2
F, = 2 rad/s.
S 5.6.4 Determinare il valore della funzione di rete in forma
cartesiana.

i o
L = 2 H, G =
1
4
S, C =
1
2
F, = 1 rad/s.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 6
Analisi in AC Parte II
6.1 Potenza in AC
6.1.1 Valor medio e valore ecace
R 6.1.1* Determinare valor medio e valore ecace di un
segnale periodico denito nel periodo T come indicato.
x(t) =
_
A 0 < t <
0 < t < T.
R 6.1.2 Determinare valor medio e valore ecace di un
segnale periodico denito nel periodo T come indicato.
x(t) =
_
A 0 < t <
B < t < T.
R 6.1.3 Determinare valor medio e valore ecace di un
segnale periodico denito nel periodo T come indicato.
x(t) = A
t
T
.
R 6.1.4 Determinare valor medio e valore ecace di un
segnale periodico denito nel periodo T come indicato.
x(t) = A sin
t
T
.
R 6.1.5 Determinare il valor medio del prodotto delle
sinusoidi s
1
(t) = 2 cos(t /4) ed s
2
(t) = 3 cos(t + /4).
R 6.1.6 Determinare il valor medio del prodotto delle si-
nusoidi s
1
(t) = 2 cos(t /4) ed s
2
(t) = 3 cos(2t + /4).
6.1.2 Potenze varie
R 6.1.7* Determinare la potenza complessa, apparente, atti-
va e reattiva di un bipolo con

V = V
r
+ j V
i
V e

I = I
r
+ j I
i
A.
R 6.1.8 Determinare la potenza complessa, attiva, reattiva e
apparente di un bipolo con

V = 2 + j 3 V e

I = 2 + j 2 A.
R 6.1.9 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 5 e
j 120

V e

I = 4 e
j 75

A.
R 6.1.10 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 1 + j V e

I = 2 e
j 45

A.
R 6.1.11 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 2 + j 2 V e Y = 3 j 4 S.
R 6.1.12 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 2 + j V e Z = 3 j 4 .
R 6.1.13* Determinare la potenza complessa del bipolo
composto.
3
1
2
P
c
1
VA, P
c
2
VA, P
c
3
VA.
R 6.1.14 Determinare la potenza complessa del bipolo
composto.

-
3
1
4
2
P
c
1
= 2 + j 3 VA, P
c
2
= 4 + j 5 VA,
P
c
3
= 5 j 8 VA, P
c
4
= 1 + j 7 VA.
R 6.1.15 Determinare la potenza complessa del bipolo
composto.

-
2 3
1

V
1
= 2 + j 3 V,

I
1
= j A,

V
2
= 1 V,

I
2
= 1 + j 2 A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
24 Analisi in AC Parte II
6.1.3 Adattamento
R 6.1.16* Determinare limpedenza e la potenza attiva
assorbita dal carico in condizioni di adattamento.

V
T
V, Z
T
= R
T
+ j X
T
.
R 6.1.17 Determinare limpedenza e la potenza attiva
assorbita dal carico in condizioni di adattamento.

V
T
= 6 j 8 V, Z
T
= 5 j 4 .
R 6.1.18* Determinare lammettenza e la potenza attiva
assorbita dal carico in condizioni di adattamento.

I
N
A, Y
N
S.
R 6.1.19 Determinare lammettenza e la potenza attiva
assorbita dal carico in condizioni di adattamento.

I
N
= 4 + j 6 A, Y
N
= 3 j S.
R 6.1.20 Determinare limpedenza del componente in
condizioni di adattamento.

1
1
2
3
2
Z
1
= 2 + j , Z
2
= 1 j , Z
3
= 3 j 2 ,

V
s
1
= 10 V,

V
s
2
= 5 V.
Repliche numeriche
S 6.1.1 Determinare il valor medio del prodotto delle si-
nusoidi s
1
(t) = 2 cos(t /3) ed s
2
(t) = 2 cos(2t + /3).
S 6.1.2 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 3 + j 4 V e

I = 8 + j 6 A.
S 6.1.3 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 3 + j 4 V e

I = 8 j 6 A..
S 6.1.4 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 1 + j V e

I = 4 j 2 A.
S 6.1.5 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 1 V e

I = j 2 A.
S 6.1.6 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 1 + j 2 V e

I = 1 + j 3 A..
S 6.1.7 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 1 + j 2 V e

I = 1 + j 3 A.
S 6.1.8 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 2 + j 4 V e

I = 2 + j 6 A.
S 6.1.9 Determinare la potenza apparente, attiva e reattiva
di un bipolo con

V = 2 j 4 V e

I = 2 + j 6 A.
S 6.1.10 Determinare la potenza complessa del bipolo
composto.

-
2 3
1

V
1
= 2 + j 3 V,

I
1
= j 2 A,

V
2
= 2 V,

I
2
= 1 + j A.
S 6.1.11 Determinare limpedenza e la potenza attiva
assorbita dal carico in condizioni di adattamento.

V
T
= 6 j 8 V, Z
T
= 5 + j 4 .
S 6.1.12 Determinare limpedenza e la potenza attiva
assorbita dal carico in condizioni di adattamento.

V
T
= j 6 V, Z
T
= 3 j 4 .
S 6.1.13 Determinare limpedenza e la potenza attiva
assorbita dal carico in condizioni di adattamento.

V
T
= 1 + j 7 V, Z
T
= 3 + j 5 .
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
6.2 Energia in AC 25
S 6.1.14 Determinare limpedenza e la potenza attiva
assorbita dal carico in condizioni di adattamento.

V
T
= 1 + j V, Z
T
= 1 + j .
S 6.1.15 Determinare limpedenza e la potenza attiva
assorbita dal carico in condizioni di adattamento.

V
T
= j 4 V, Z
T
= 1 j .
S 6.1.16 Determinare lammettenza e la potenza attiva
assorbita dal carico in condizioni di adattamento.

I
N
= j 6 A, Y
N
= 3 j 4 S.
6.2 Energia in AC
R 6.2.1* Determinare lenergia media di un induttore e di un
condensatore.
R 6.2.2* Determinare lenergia massima di un induttore e di
un condensatore.
R 6.2.3 Determinare lenergia media di un induttore con
L = 1 H e

I
L
= 2 + j 2 A.
R 6.2.4 Determinare lenergia media di un induttore con
L = 3 H e i
L
(t) = 4 cos(2t + /3) A.
R 6.2.5 Determinare lenergia media di un induttore con
L = 2 H,

V
L
= 2 + j 2 V e = 2 rad/s.
R 6.2.6 Determinare lenergia media di un induttore con
L = 3 H e v
L
(t) = 4 cos(2t + /3) V.
R 6.2.7 Determinare lenergia media di uncondensatore con
C = 2 F e

V
C
= 4 + j 4 V.
R 6.2.8 Determinare lenergia media di uncondensatore con
C = 2 F e v
C
= 2 cos 2t + sin2t V.
R 6.2.9 Determinare lenergia media di uncondensatore con
C = 2 F,

I
C
= 4 + j 4 A e = 2 rad/s.
R 6.2.10 Determinare lenergia media di un condensatore
con C = 3 F e i
C
(t) = cos 2t + 3 sin2t A.
R 6.2.11 Determinare lenergia media di un paio di indutto-
ri accoppiati con L
1
= 2 H, L
2
= 3 H, M = 1 H e

I
1 M
= 1 +j A,

I
2 M
= 1 j A.
R 6.2.12 Determinare lenergia media di un paio di in-
duttori accoppiati con L
1
= 2 H, L
2
= 3 H, M = 1 H e
i
1 M
(t) = 2 cos(2t + /3) A, i
2 M
(t) = 2 cos(2t /3) A.
R 6.2.13 Determinare lenergia massima di un paio di indut-
tori accoppiati conL
1
= 2 H, L
2
= 3 H, M = 1 He

I
1 M
= 1+j A,

I
2 M
= 1 j A.
R 6.2.14 Determinare lenergia massima di un paio di in-
duttori accoppiati con L
1
= 2 H, L
2
= 3 H, M = 1 H e
i
1 M
(t) = 2 cos(2t + /3) A, i
2 M
(t) = 2 cos(2t /3) A.
Repliche numeriche
S 6.2.1 Determinare lenergia media di un induttore con
L = 3 H e

I
L
= j 2 A.
S 6.2.2 Determinare lenergia media di un condensatore con
C = 4 F e

V
C
= 2 + j 2 V.
S 6.2.3 Determinare lenergia media di un condensatore con
C = 3 F e

V
C
= 4 + j 2 V.
S 6.2.4 Determinare lenergia media di un condensatore con
C = 1 F e

V
C
= 4 + j 2 V.
S 6.2.5 Determinare lenergia media di un condensatore con
C = 2 F e

V
C
= 2 + j V.
S 6.2.6 Determinare lenergia media di un condensatore con
C = 8 F e

V
C
= 2 + j V.
S 6.2.7 Determinare lenergia media di un condensatore con
C =
1
4
F e

I
C
= 1 + j 2 A, = 2 rad/s.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
26 Analisi in AC Parte II
6.3 Fattori di qualit` a
R 6.3.1* Determinare la condizione di risonanza per un
bipolo dotato di impedenza.
R 6.3.2 Determinare la condizione di risonanza.
1
2 3
Z
1
= R
1
+ j X
1
, Y
2
= G
2
+ j B
2
S, Y
3
= G
3
+ j B
3
S
R 6.3.3* Determinare il fattore di qualit` a (massimo e me-
dio) alla risonanza di un risonatore RLC parallelo e di un
risonatore RLC serie.
R 6.3.4 Determinare il fattore di qualit` a medio alla
risonanza.

1
1 1
2
2
2

r
= 3 rad/s, E
L
1
(
r
) = 3 J, E
L
2
(
r
) = 1 J,
P
R
1
(
r
) = 4 W, P
R
2
(
r
) = 2 W.
6.4 Filtri
6.4.1 Filtri di tensione
R 6.4.1* Determinare la funzione di rete e la pulsazione di
taglio.
o i
CF, R.
R 6.4.2 Determinare la funzione di rete e la pulsazione di
taglio.
o i
R = 5 , C = 2 F.
R 6.4.3* Determinare la funzione di rete e la pulsazione di
taglio.
i o

CF, R.
R 6.4.4 Determinare la funzione di rete e la pulsazione di
taglio.
i o

C = 2 F, R = 3 .
R 6.4.5* Determinare la funzione di rete, la pulsazione
centrale approssimata e lampiezza della banda angolare.
i o

LH, CF, R.
R 6.4.6 Determinare la funzione di rete, la pulsazione
centrale approssimata e lampiezza della banda angolare.
i o

L = 1 H, C =
1
4
F, R = 1 .
R 6.4.7 Determinare il fattore di qualit` a, lampiezza della
banda angolare e le pulsazioni di taglio.
i o

L =
1
4
H, R = 3 , C =
1
9
F.
R 6.4.8 Determinare la funzione di rete, la pulsazione
centrale approssimata e lampiezza della banda angolare.
i o
+
-
+
-

C = 1 F, L =
1
4
H, R = 10 .
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
6.4 Filtri 27
6.4.2 Filtri di corrente
R 6.4.9 Determinare la funzione di rete e la pulsazione di
taglio.
i o
G =
1
2
S, L = 4 H.
R 6.4.10 Determinare la funzione di rete e la pulsazione di
taglio.
i o

L = 4 H, G = 1 S.
R 6.4.11 Determinare la funzione di rete, la pulsazione
centrale approssimata e lampiezza della banda angolare.
i o
C = 1 F, L =
1
4
H, G =
1
5
S.
R 6.4.12 Determinare la funzione di rete, la pulsazione
centrale approssimata e lampiezza della banda angolare.

i o
L = 1 H, C =
1
4
F, G = 5 S.
Repliche numeriche
S 6.4.1 Determinare la pulsazione centrale approssimata e
lampiezza della banda angolare.
L =
1
4
H, R =
1
10
, C =
1
4
F.
S 6.4.2 Determinare la pulsazione centrale approssimata e
lampiezza della banda angolare.

L =
1
25
H, R =
1
250
, C =
1
4
F.
S 6.4.3 Determinare la pulsazione centrale approssimata e
lampiezza della banda angolare.

L =
1
250
H, R =
1
25
, C =
1
40
F.
S 6.4.4 Determinare la pulsazione centrale approssimata e
lampiezza della banda angolare.

L =
2
125
H, R =
1
500
, C =
1
10
F.
S 6.4.5 Determinare la pulsazione centrale approssimata e
lampiezza della banda angolare.


L =
1
4
H, G =
1
10
S, C =
1
4
F.
S 6.4.6 Determinare la pulsazione centrale approssimata e
lampiezza della banda angolare.


L = 1 H, G =
1
2
S, C =
1
4
F.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
28 Analisi in AC Parte II
6.5 Regime multifrequenziale
6.5.1 Risposta
R 6.5.1 Determinare la tensione di uscita a regime.
i o

G = 4 S, C =
1
2
F, L =
1
2
H,
v
in
(t) = 10 + 10 cos 2t + 10 sin2t V.
R 6.5.2 Determinare la tensione di uscita a regime.
i
o
1
2

G = 1 S, C
1
=
1
4
F, C
2
=
1
4
F,
v
in
(t) = 10 cos t + 4 cos 2t + 4 sin2t V.
R 6.5.3 Determinare la tensione di uscita a regime.
o i
G = 1 S, C = 1 F, v
s
(t) = 1 + cos t + cos 2t V.
R 6.5.4 Determinare la corrente di uscita a regime.
i
o
G = 1 S, C =
1
2
F, L =
1
2
H, i
in
(t) = 100 + 2 cos 2t A.
6.5.2 Potenza media
R 6.5.5* Determinare il valor medio della potenza assorbita
da un bipolo nelle condizioni indicate (basi associate).

1

2
,
v(t) = V
1c
cos
1
t + V
1s
sin
1
t + V
2c
cos
2
t + V
2s
sin
2
t,
i(t) = I
1c
cos
1
t + I
1s
sin
1
t + I
2c
cos
2
t + I
2s
sin
2
t.
R 6.5.6 Determinare il valor medio della potenza assorbita
da un bipolo nelle condizioni indicate (basi associate).
v(t) = 3 cos 2t + sin2t + cos 3t 2 sin3t V,
i(t) = 2 cos 2t + 5 sin2t 2 cos 3t + sin3t A.
R 6.5.7 Determinare il valor medio della potenza assorbita
da un bipolo nelle condizioni indicate (basi associate).
v(t) = 2 sin
_
2t +

3
_
+ 5 cos
_
3t
3
4
_
V,
i(t) = 3 sin
_
2t +

3
_
+ 2 cos
_
3t +

4
_
A.
R 6.5.8 Determinare il valor medio della potenza assorbita
da un bipolo nelle condizioni indicate (basi associate).
v(t) = 2 2 sin3t V,
i(t) = 3 2 cos 3t + sin3t A.
R 6.5.9 Determinare il valor medio della potenza assorbita
da un bipolo nelle condizioni indicate (basi associate).
v(t) = 2 + 2 cos
_
3t
3
4
_
V,
i(t) = 5 + 2 cos
_
3t +

4
_
A.
R 6.5.10 Determinare il valor medio della potenza assorbita
da un bipolo nelle condizioni indicate (basi associate).
v(t) = 3 + 2 cos t + sint cos 3t + 2 sin3t V,
i(t) = 4 cos t 2 sint 2 cos 3t + 3 sin3t A.
R 6.5.11 Determinare il valor medio della potenza assorbita
da un bipolo nelle condizioni indicate (basi associate).
v(t) = 2 + 2 cos
_
t

3
_
cos
_
3t +

4
_
V,
i(t) = 2 + 2 cos
_
t
2
3
_
2 cos
_
3t +

4
_
A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 7
Circuiti dinamici del I e del II ordine
7.1 Circuiti del I ordine
7.1.1 EDO del I ordine
R 7.1.1 Determinare la soluzione dellEDO:
Dx + x = | t |, x(0) = 0, amb x = C(R, R).
R 7.1.2 Determinare la soluzione dellEDO:
Dx + x = sgn(t), x(0) = 0, amb x = C(R, R).
7.1.2 Circuiti RC
Circuito RC: risposta libera
R 7.1.3* Determinare la tensione del condensatore.

R, CF, v
C
(0) = V
0
V.
R 7.1.4 Determinare la tensione del condensatore.

R = 2 , C = 1 F, v
C
(0) = 3 V.
Circuito RCJ parallelo: risposta forzata
R 7.1.5* Determinare la tensione del condensatore.

R, CF, v
C
(0) = 0 V, i
s
(t) = I u(t) A.
R 7.1.6 Determinare la tensione del condensatore.

R = 2 , C = 2 F, v
C
(0) = 0 V, i
s
(t) = u(t) A.
R 7.1.7 Determinare la tensione del condensatore.

R =
1
4
, C =
1
2
F, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = (9 cos 2t + 2 sin2t) u(t) A.
Circuito RCJ parallelo: risposta completa
R 7.1.8 Determinare la tensione del condensatore.

R = 2 , C = 2 F, v
C
(0) = 4 V, i
s
(t) = u(t) A.
R 7.1.9 Determinare la tensione del condensatore.

R =
1
4
, C =
1
2
F, v
C
(0) = 4 V,
i
s
(t) = (9 cos 2t + 2 sin2t) u(t) A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
30 Circuiti dinamici del I e del II ordine
Circuito RCE serie: risposta forzata
R 7.1.10 Determinare la tensione del condensatore.

R = 4 , C = 2 F, v
C
(0) = 0 V, v
s
(t) = 3 u(t) V.
Circuito RCE serie: risposta completa
R 7.1.11 Determinare la tensione del condensatore.

R = 1 , C =
1
2
F, v
C
(0) = 5 V, v
s
(t) = 2 u(t) V.
7.1.3 Circuiti RL
Circuito RL: risposta libera
R 7.1.12 Determinare la corrente dellinduttore.

R = 3 , L = 3 H, i
L
(0) = 5 A.
Circuito RLJ parallelo: risposta forzata
R 7.1.13 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 2 S, L = 3 H, i
L
(0) = 0 A, i
s
(t) = 5 u(t) A.
Circuito RLJ parallelo: risposta completa
R 7.1.14 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 5 S, L = 2 H, i
L
(0) = 10 A, i
s
(t) = 3 u(t) A.
Circuito RLE serie: risposta forzata
R 7.1.15 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 2 S, L = 2 H, i
L
(0) = 0 A, v
s
(t) = 4 u(t) V.
Circuito RLE serie: risposta completa
R 7.1.16 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 3 S, L = 1 H, i
L
(0) = 3 A, v
s
(t) = u(t) V.
Repliche numeriche
S 7.1.1 Determinare la tensione del condensatore.

R = 2 , C =
1
10
F, v
C
(0) = 6 V.
S 7.1.2 Determinare la tensione del condensatore.

R = 2 , C = 3 F, v
C
(0) = 4 V.
S 7.1.3 Determinare la tensione del condensatore.

R = 2 , C =
1
10
F, v
C
(0) = 0 V, i
s
(t) = 5 u(t) A.
S 7.1.4 Determinare la tensione del condensatore.

R = 2 , C = 3 F, v
C
(0) = 0 V, i
s
(t) = 2 u(t) A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
7.2 Circuiti del II ordine 31
S 7.1.5 Determinare la tensione del condensatore.

R = 1 , C = 10 F, v
C
(0) = 0 V, v
s
(t) = 5 u(t) V.
S 7.1.6 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 3 S, L = 4 H, i
L
(0) = 0 A, i
s
(t) = 2 u(t) A.
S 7.1.7 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 4 S, L = 2 H, i
L
(0) = 0 A, i
s
(t) = 3 u(t) A.
S 7.1.8 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 2 S, L = 2 H, i
L
(0) = 0 A, i
s
(t) = u(t) A.
7.2 Circuiti del II ordine
Esprimere le sinusoidi e le cisoidi presenti nelle soluzioni
in forma cartesiana.
7.2.1 EDO del II ordine
R 7.2.1 Determinare la soluzione dellEDO:
D
2
x + 3Dx + 2x = 4 | t |,
x(0) = 1, Dx(0) = 1, amb x = C
1
(R, R).
R 7.2.2 Determinare la soluzione dellEDO:
D
2
x + 3Dx + 2x = 5 (sint + cos t) u(t),
x(0) = 1, Dx(0) = 1, amb x = C
1
(R, R).
7.2.2 Circuito RLC parallelo
Circuito RLC parallelo: risposta libera
R 7.2.3* Determinare le pulsazioni naturali
+
,

.

R 7.2.4* Determinare la corrente dellinduttore in ipotesi di
pulsazioni naturali reali distinte.

R 7.2.5 Determinare la corrente dellinduttore e la tensione
del condensatore.

G =
10
3
S, L =
1
3
H, C =
1
3
F, i
L
(0) = 2 A, v
C
(0) = 2 V.
R 7.2.6 Determinare la corrente dellinduttore.

G =
8
5
S, L =
1
5
H, C =
1
5
F, i
L
(0) = 5 A, v
C
(0) = 2 V.
R 7.2.7 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 2 S, L =
1
2
H, C =
1
2
F, i
L
(0) = 1 A, v
C
(0) = 1 V.
R 7.2.8 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 2 S, L =
1
2
H, C =
1
2
F, i
L
(0) = 4 A, v
C
(0) = 4 V.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
32 Circuiti dinamici del I e del II ordine
Circuito RLCJ parallelo: risposta forzata
R 7.2.9* Determinare la corrente dellinduttore in ipotesi di
pulsazioni naturali reali distinte, stato nullo e ingresso a
gradino.

R 7.2.10 Determinare la corrente dellinduttore e la tensione
del condensatore.

G =
10
3
S, L =
1
3
H, C =
1
3
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = u(t) A.
R 7.2.11 Determinare la corrente dellinduttore.

G =
10
3
S, L =
1
3
H, C =
1
3
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = 10 cos 3t u(t) A.
R 7.2.12* Determinare la corrente dellinduttore.

G =
10
3
S, L =
1
3
H, C =
1
3
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = 10 cos 3t A.
R 7.2.13 Determinare la corrente dellinduttore.

G =
8
5
S, L =
1
5
H, C =
1
5
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = 3 u(t) A.
R 7.2.14 Determinare la corrente dellinduttore.

G =
8
5
S, L =
1
5
H, C =
1
5
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = 8 sin5t u
c
(t) A.
R 7.2.15 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 2 S, L =
1
2
H, C =
1
2
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = 3 u(t) A.
R 7.2.16 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 2 S, L =
1
2
H, C =
1
2
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = 2 sin2t u
c
(t) A.
Circuito RLCJ parallelo: risposta completa
R 7.2.17 Determinare la corrente dellinduttore.

G =
10
3
S, L =
1
3
H, C =
1
3
F, i
L
(0) = 1 A, v
C
(0) = 1 V,
i
s
(t) = u(t) A.
R 7.2.18 Determinare la corrente dellinduttore.

G =
10
3
S, L =
1
3
H, C =
1
3
F, i
L
(0) = 2 A, v
C
(0) = 2 V,
i
s
(t) = 10 cos 3t u(t) A.
R 7.2.19 Determinare la corrente dellinduttore.

G =
8
5
S, L =
1
5
H, C =
1
5
F, i
L
(0) = 1 A, v
C
(0) = 3 V,
i
s
(t) = 3 u(t) A.
R 7.2.20 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 2 S, L =
1
2
H, C =
1
2
F, i
L
(0) = 1 A, v
C
(0) = 1 V,
i
s
(t) = 3 u(t) A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
7.2 Circuiti del II ordine 33
7.2.3 Circuito LC
Circuito LC: risposta libera
R 7.2.21 Determinare la corrente dellinduttore.

L =
1
4
H, C =
1
4
F, i
L
(0) = 2 A, v
C
(0) = 3 V.
Circuito LCJ parallelo: risposta forzata
R 7.2.22 Determinare la corrente dellinduttore.

L =
1
2
H, C =
1
2
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = u(t) A.
R 7.2.23 Determinare la corrente dellinduttore.

L = 1 H, C =
1
4
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = 3 cos t u(t) A.
R 7.2.24 Determinare la corrente dellinduttore.

L =
1
2
H, C =
1
2
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = (cos 2t + 2 sin2t) u(t) A.
Circuito LCJ parallelo: risposta completa
R 7.2.25 Determinare la corrente dellinduttore.

L =
1
2
H, C =
1
2
F, i
L
(0) = 1 A, v
C
(0) = 1 V,
i
s
(t) = u(t) A.
7.2.4 Circuito RLC serie
Circuito RLC serie: risposta libera
R 7.2.26 Determinare la tensione del condensatore.

R = 10 , C =
1
9
F, L = 1 H, v
C
(0) = 4 V, i
L
(0) = 4 A.
R 7.2.27 Determinare la tensione del condensatore.

R =
1
2
, C =
4
5
F, L =
1
4
H, v
C
(0) = 15 V, i
L
(0) = 4 A.
R 7.2.28 Determinare la tensione del condensatore.

R = 4 , C =
1
2
F, L = 2 H, v
C
(0) = 15 V, i
L
(0) = 4 A.
Circuito RLCE serie: risposta forzata
R 7.2.29 Determinare la tensione del condensatore.

R = 10 , C =
1
9
F, L = 1 H, v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A,
v
s
(t) = 8 u(t) V.
R 7.2.30 Determinare la tensione del condensatore.

R = 2 , C =
1
2
F, L =
1
2
H, v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A,
v
s
(t) = 2 u(t) V.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
34 Circuiti dinamici del I e del II ordine
Circuito RLCE serie: risposta completa
R 7.2.31 Determinare la tensione del condensatore.

R = 10 , C =
1
9
F, L = 1 H, v
C
(0) = 4 V, i
L
(0) = 4 A,
v
s
(t) = 8 u(t) V.
Repliche numeriche
S 7.2.1 Determinare la corrente dellinduttore.

G =
5
2
S, L =
1
4
H, C =
1
4
F, i
L
(0) = 10 A, v
C
(0) = 4 V.
S 7.2.2 Determinare la corrente dellinduttore.

G = 2 S, L =
1
5
H, C = 1 F, i
L
(0) = 5 A, v
C
(0) = 2 V.
S 7.2.3 Determinare la corrente dellinduttore.

G =
1
2
S, L =
4
5
H, C =
1
4
F, i
L
(0) = 15 A, v
C
(0) = 4 V.
S 7.2.4 Determinare la corrente dellinduttore.

G =
5
2
S, L =
1
4
H, C =
1
4
F, i
L
(0) = 0 A, v
C
(0) = 0 V,
i
s
(t) = 3 u(t) A.
S 7.2.5 Determinare la tensione del condensatore.

R =
1
2
, C =
4
5
F, L =
1
4
H, v
C
(0) = 30 V, i
L
(0) = 8 A.
S 7.2.6 Determinare la tensione del condensatore.

R =
1
2
, C =
4
5
F, L =
1
4
H, v
C
(0) = 15 V, i
L
(0) = 4 A.
S 7.2.7 Determinare la tensione del condensatore.

R =
1
2
, C =
4
5
F, L =
1
4
H, v
C
(0) = 30 V, i
L
(0) = 8 A.
S 7.2.8 Determinare la tensione del condensatore.

R = 2 , C =
1
2
F, L =
1
2
H, v
C
(0) = 2 V, i
L
(0) = 1 A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 8
Soluzioni
8.1 Soluzioni del Capitolo 1
R1.1.1

n = 3
R1.1.2

n = 5
R1.1.3

n = 6
R1.1.4

n = 6
R1.2.1
v
1
v
2
v
5
+ v
4
v
6
+ v
3
= 0
o
v
1
+ v
4
+ v
3
= v
2
+ v
5
+ v
6
R1.2.2
v
1
+ v
4
v
6
+ v
3
= 0
v
2
v
5
+ v
7
v
4
= 0
v
1
v
2
v
5
+ v
7
v
6
+ v
3
= 0
o
v
1
+ v
4
+ v
3
= v
6
v
7
= v
2
+ v
5
+ v
4
v
1
+ v
7
+ v
3
= v
2
+ v
5
+ v
6
R1.2.3
v
2
+ v
a
v
b
v
1
= 0
v
4
v
3
+ v
b
= 0
v
5
v
4
v
a
v
2
= 0
o
v
2
+ v
a
= v
b
+ v
1
v
4
+ v
b
= v
3
v
5
= v
4
+ v
a
+ v
2
R1.2.4
v
bT
1
+ v
aT
2
v
bT
2
v
1
= 0
v
bT
2
+ v
3
v
2
= 0
v
4
v
3
v
aT
2
v
aT
1
= 0
o
v
bT
1
+ v
aT
2
= v
bT
2
+ v
1
v
bT
2
+ v
3
= v
2
v
4
= v
3
+ v
aT
2
+ v
aT
1
R1.3.1
i
1
+ i
2
i
3
+ i
4
= 0
o
i
2
+ i
4
= i
1
+ i
3
R1.3.2
i
1
+ i
3
= 0
i
4
i
1
i
2
= 0
i
2
+ i
5
= 0
o
i
1
+ i
3
= 0
i
4
= i
1
+ i
2
i
2
+ i
5
= 0
R1.3.3
i
1
+ i
b
= 0
i
a
i
b
+ i
2
= 0
i
a
+ i
3
= 0
o
i
1
+ i
b
= 0
i
2
= i
a
+ i
b
i
a
+ i
3
= 0
R1.4.1
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
36 Soluzioni
p
a
1
+ p
a
2
p
e
3
p
e
4
+ p
a
5
p
e
6
= 0
o
p
a
1
+ p
a
2
+ p
a
5
= p
e
3
+ p
e
4
+ p
e
6
R1.4.2
p
e
4
(2) = 2 W
R1.4.3
v
1
i
1
+ v
2
i
2
+ v
3
i
3
+ v
4
i
4
+ v
5
i
5
+ v
6
i
6
+ v
7
i
7
= 0
R1.4.4
v
1
i
1
+ v
2
i
2
+ v
3
i
3
v
4
i
4
+ v
5
i
5
= 0
o
v
2
i
2
+ v
3
i
3
+ v
5
i
5
= v
1
i
1
+ v
4
i
4
R1.4.5
v
1
i
1
+ v
2
i
2
+ v
3
i
3
+ v
a
i
a
+ v
b
i
b
= 0
8.2 Soluzioni del Capitolo 2
R2.1.1
i
R
(t) 0 1 u(t) u
c
(t) 1/(t + 1) sin2t e
3t
cos 3t cos 2t u(t) A
v
R
(t) 0 2 2 u(t) 2/ sin2t 2 sin2t 2 e
3t
2 cos 3t 2 cos 2t u(t) V
R2.1.2
i
CC
(t) 0 1 u(t) t t
2
cos 3t ln2t cos
2
2t e
3t
cos 3t cos 2t u(t) A
s`
no
R2.1.5
v
CA
(t) 0 1 u(t) u
c
(t) t 1/ ln2t cos
2
2t e
3t
cos 3t cos 2t u(t) V
s`
no
R2.1.4
i
E
(t) 0 1 u(t) t 1/t ln2t sin
2
2t e
3t
cos 3t cos 2t u(t) A
s`
no
R2.1.5
v
J
(t) 0 1 1 u(t) u(t) u(t 1) u
c
(t) r(t) r(t) r(t 1) e
3t
tan2t arctan2t V
s`
no
R2.1.6
v
Sa
(t) 0 1 1 u(t) u(t + 1) u(t) u(t 1) r(t) sint + cos t e
t
u(t) e
t
V
s`
no
R2.1.7
i
Sa
(t) 0 1 1 1 u(t) u(t + 1) u(t) u(t + 1) t r(t) sint e
t
e
t
u(t) e
t
A
s`
no
R2.1.8
v
D
(t) 0 1 1 u(t) u(t) u(t + 1) u(t 1) r(t) sint sint 1 e
t
V
s`
no
R2.1.9
v

T
(t) 0 20 30 e
2t
50 u(t) 50 cos 2t u(t) 20 (1 e
2t
) u
c
(t) 40 cos 2t V
i

T
(t) 0 3 u(t) 2 e
2t
2 (1 e
2t
) u
c
(t) 3 cos 2t 5 cos 2t u(t) A
v

T
(t) 0 2 3 e
2t
5 u(t) 5 cos 2t u(t) 2 (1 e
2t
) u
c
(t) 4 cos 2t V
i

T
(t) 0 30 10 u(t) 20 e
2t
20 (1 e
2t
) u
c
(t) 30 cos 2t 50 cos 2t u(t) A
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
8.2 Soluzioni del Capitolo 2 37
R2.1.10
v
S
(t) 0 2 u(t) e
3t
cos 2t u(t) sin
2
2t 1/t cos 3t V
i
S
(t) 0 1 0 0 u(t) 0 0 A
v
E
(t) 0 4 u(t) 2 e
3t
2 u(t) 2 cos 2t u(t) 2 sin
2
2t 3 cos 3t V
i
E
(t) 0 2 sin3t cos 4t 4 sin2t 2 A
R2.1.11
v
S
(t) 0 3 e
2t
5 u(t) 5 cos 2t u(t) (1 e
2t
) u
c
(t) 4 cos 2t V
i
S
(t) 1 0 0 0 0 1 0 A
v
E
(t) 2 0 6 e
2t
10 u(t) 10 cos 2t u(t) 2(1 e
2t
) u
c
(t) 8 cos 2t V
i
E
(t) 0 e
2t
10 u(t) (1 e
2t
) u
c
(t) 0 10 cos 3t u(t) A
R2.1.12
v
S
(t) 0 0 1 0 2 sin2t 0 V
i
S
(t) 1 1 (1 e
2t
) u
c
(t) 0 2 cos 2t u(t) e
2t
3 u(t) A
v
E
(t) 2 0 2(1 e
2t
) u
c
(t) 4 cos 2t u(t) 6 u(t) V
i
E
(t) 1 e
2t
10 u(t) (1 e
2t
) u
c
(t) 0 cos 2t 5 cos 2t u(t) A
R2.1.13
v
S
(t) 0 0 0 0 0 2 sin2t 0 V
i
S
(t) 1 e
2t
(1 e
2t
) u
c
(t) 0 sin2t e
2t
3 + u(t) A
v
E
(t) 1 sin2t + sin3t sin2t (1 + e
2t
) u(t) 4 cos 3t u(t) 3 + u(t) u
c
(t) V
i
E
(t) 2 2 e
2t
2(1 e
2t
) u
c
(t) 0 2 sin2t A
R2.1.14
v
S
(t) 0 u(t) e
2t
+e
2t
(1 + e
2t
) u(t) 2 sin2t 0 V
i
S
(t) 0 0 0 1 0 0 A
v
E
(t) 1 sin2t + sin3t sin2t 0 4 cos 3t u
c
(t) 3 + u(t) u
c
(t) V
i
E
(t) 0 2 u(t) 2(e
2t
+e
2t
) 2 sin2t e
2t
A
R2.1.15
v
+AO
(t) 0 u(t) u(t) u(t 1) u
c
(t) r(t) sint e
t
lnt V
v
AO
(t) 0 u(t) u(t) u(t 1) r(t) sint e
t
tant V
v
oAO
(t) 0 1 e
t
u(t) u(t 1) sint u(t) 1 tant t V
i
+AO
(t) 0 1 0 0 0 0 I
i
AO
(t) 0 1 0 0 0 0 I
i
oAO
(t) 0 cos t r(t) u(t) e
t
r(t) r(t 1) e
t
tant cos t I
R2.2.1
i
L
(t) 1 u(t) t r(t) e
2t
(1 e
2t
) u
c
(t) cos 2t cos 2t u(t) A
v
L
(t) 0 2 2 u(t) 4 e
2t
4 e
2t
u(t) 4 sin2t V
R2.2.2
E
L
(i
L
(5)) = 4 J
R2.2.3
i
C
(t) 0 1 u(t) e
2t
(1 e
2t
) u
c
(t) cos 2t cos 2t u(t) A
v
C
(t) 1 1 + 2t 1 + 2 r(t) 2 e
2t
1 + (1 + 2t + e
2t
) u
c
(t) 1 + sin2t 1 + sin2t u
c
(t) V
R2.2.4
E
C
(v
C
(5)) = 16 J
R2.2.5
E
L
(i
L
) =
1
2
L i
2
L
J E
C
(v
C
) =
1
2
Cv
2
C
J
R2.2.6
v
1M
(t) 0 0 4 e
2t
+3 e
3t
0 4 cos 2t 3 sin3t V
i
1M
(t) 0 5 u(t) e
2t
(1 e
2t
) u
c
(t) sin2t 3 cos 2t u(t) A
v
2M
(t) 0 0 2 e
2t
+9 e
3t
10 e
2t
u(t) 2 cos 2t 9 sin3t V
i
2M
(t) 0 2 2 e
3t
2(1 e
2t
) u
c
(t) cos 3t 2 sin3t u
c
(t) A
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
38 Soluzioni
R2.2.7
E
M
(i
1M
(1), i
2M
(1)) =
1
2
_
2 1
_
_
2 1
1 4
_ _
2
1
_
= 4 J
R2.3.1
R =

10 5
5 6

H =

10 5
5 6

8.3 Soluzioni del Capitolo 3


R3.1.1
p
a
= 5 W
R3.1.2
p
a
= v
a
i
a
+ v
b
i
b
+ v
1
i
1
+ v
2
i
2
R3.1.3
p
a
= v
1
i
1
v
2
i
2
v
a
i
b
v
a
i
c
+ v
b
i
b
R3.1.4
2 1 2
1 2
1 2
1
2 1

1
1
1
2 2 1
2
2

R3.2.1
R = R
1
+
1
1
R
2
+
1
R
3
+ R
4

R3.2.2
R = 5
R3.2.3
L =
1
1
L
1
+
1
L
2
+ L
3
H
i
L
(0) = i
L
1
(0) + i
L
2
(0) = i
L
1
(0) + i
L
3
(0)
R3.2.4
L = 10 H
R3.2.5
C =
1
1
C
1
+
1
C
2
+ C
3
F
v
C
(0) = v
C
1
(0) + v
C
2
(0) = v
C
1
(0) + v
C
3
(0)
R3.2.6
C =
10
3
F
R3.2.7
R

=
_
N

_
2
R
R3.2.8
R

= 200
R3.2.9
V

s
= 50 V
R3.2.10
I

s
= 5 A
R3.3.1
v
T
=
i
N
G
N
V R
T
=
1
G
N

R3.3.2
V
T
= 1 V R
T
=
1
2

R3.3.3
i
N
(t) A v
T
(t) V
0 0
1
u(t)
t 2
r(t) 2 u(t)
cos 2t
sin2t 4 cos 2t
sin2t u
c
(t) 4 cos 2t u(t)
e
3t

1 e
3t
6 e
3t
R3.3.4
i
N
(t) A v
T
(t) V i
L
T
(0) A
0 0 1
1 0 0
u(t)
t 2 1
r(t) 2 u(t) 1
e
3t
6 e
3t
0
1 e
3t
6 e
3t
1
cos 2t 4 sin2t 0
cos 2t u(t)
sin2t u
c
(t) 4 cos 2t u(t) 1
R3.3.5
v
T
(t) V i
N
(t) A
0 1
2 1 + t
2 u(t) 1 + r(t)
4t 1 + t
2
4 r(t) 1 + t r(t)
6 e
3t
2 e
3t
4 sin2t 2 cos 2t
4 cos 2t u(t) 1 + sin2t u
c
(t)
R3.4.1
V
T
= 4 V R
T
= 4
R3.4.2
V
T
=
R
2
R
3
R
1
R
4
(R
1
+ R
2
)(R
3
+ R
4
)
v
s
V R
T
=
R
1
R
2
R
1
+ R
2
+
R
3
R
4
R
3
+ R
4

R3.4.3
v
T
=
R
3
R
1
+ R
3
v
s
1
+
R
4
R
2
+ R
4
v
s
2
V R
T
=
R
1
R
3
R
1
+ R
3
+
R
2
R
4
R
2
+ R
4

R3.4.4
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
8.4 Soluzioni del Capitolo 4 39
v
T
= (1 + )v
s
V R
T
= (1 + )R
R3.4.5
i
N
=
R
2
R
1
+ R
2
i
s

1
R
1
+ R
2
v
s
A G
N
=
1
R
1
+ R
2
S
R3.4.6
I
N
= 2 A G
N
=
1
5
S
R3.4.7
i
N
= G
1
v
s
A G
N
= G
1
+ (1 + )G
2
S
Soluzioni delle repliche numeriche
S3.4.1
V
T
= 1 V R
T
=
7
8

8.4 Soluzioni del Capitolo 4
R4.1.1
1
2
3 4

R4.2.1
_

_
G
1
+ G
2
+ G
3
G
2
G
3
G
2
G
2
+ G
4
+ G
5
G
4
G
3
G
4
G
3
+ G
4
+ G
6
_

_
_

_
E
1
E
2
E
3
_

_
=
=
_

_
I
s
1
0
I
s
2
_

_
R4.2.2
_

_
4 2 1
2 13 5
1 5 13
_

_
_

_
E
1
E
2
E
3
_

_
=
_

_
1
0
3
_

_
R4.3.1

R
1
+ R
3
R
3
R
1
R
3
R
3
+ R
4
0
R
1
0 R
1
+ R
2

J
1
J
2
J
3

V
s
1
V
s
2
V
s
2

R4.3.2

4 3 1
3 4 0
1 0 3

J
1
J
2
J
3

2
1
1

R4.4.1
H
v
=
R
2
R
1
+ R
2
R4.4.2
H
v
=
2
3
R4.4.3
H
i
=
G
2
G
1
+ G
2
R4.4.4
H
i
=
3
5
R4.4.5
2 1 2
1 2
1
2 1

r
11
=
V
1
I
1

I
2
=0
r
12
=
V
1
I
2

I
1
=0
R4.4.6
1
1
1
2 2 1
2
2

h
21
=
I
2
I
1

V
2
=0
h
22
=
V
2
I
2

I
1
=0
R4.5.1
P
R
=
36R
(R + 5)
2
W R
ad
= 5
8.5 Soluzioni del Capitolo 5
R5.1.1

S = A j B

S =

A
2
+ B
2
e
j (arctan
B
A
+sgnB)
R5.1.2

S = 4 j 3

S = 5 e
j arctan
3
4
R5.1.3

S = 3 j 4

S = 5 e
j arctan
4
3
R5.1.4
s(t) = Acos t Bsint
s(t) =

A
2
+ B
2
cos
_
t + arctan
B
A
_
R5.1.5
s(t) = Acos t Bsint
s(t) =

A
2
+ B
2
cos
_
t + arctan
B
A
+ sgnB
_
R5.1.6
s(t) = 6 cos t 8 sint
s(t) = 10 cos
_
t + arctan
4
3
_
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
40 Soluzioni
R5.1.7
s(t) = 2 cos t 2 sint
s(t) =

8 cos
_
t +
3
4
_
R5.1.8
s(t) = 6 cos 3t + 8 sin3t
s(t) = 10 cos
_
3t + arctan
4
3

_
R5.1.9
s(t) = 3 cos t + 4 sint
s(t) = 5 cos
_
t arctan
4
3
_
R5.1.10
s(t) = Mcos cos t Msinsint
s(t) = Mcos(t + )
R5.1.11
s(t) = Mcos cos t Msinsint
s(t) = | M| cos(t + + )
R5.1.12
s(t) = 5

3 cos t 5 sint
s(t) = 10 cos
_
t +

6
_
R5.1.13
s(t) = 5 cos t 5

3 sint
s(t) = 10 cos
_
t +
2
3
_
R5.1.14
s(t) = 5 cos t + 5

3 sint
s(t) = 10 cos
_
t
2
3
_
R5.1.15
s(t) = 5 cos t + 5

3 sint
s(t) = 10 cos
_
t

3
_
R5.1.16
x(t) = cos 2t 3 sin2t
R5.1.17
x(t) =
6
5
cos 2t
2
5
sin2t
R5.2.1
Z
L
= j L Y
C
= j CS
R5.2.2
Y
L
= j
1
6
S
R5.2.3
Z
C
= j
1
8

R5.2.4
R =
G
G
2
+ B
2
X =
B
G
2
+ B
2

R5.2.5
G =
R
R
2
+ X
2
S B =
X
R
2
+ X
2
S
R5.2.6
Y =
1
2
j
1
2
S
R5.2.7
Z =
2
5
+ j
1
5

R5.2.8
Z =
1
2
e
j

4

R5.2.9
Y =
1
2
e
j

3
S
R5.2.10
1
2
3 4

R5.3.1
Z = Z
1
+
1
Y
2
+
1
Z
3
+
1
Y
4

R5.3.2
Z = 3 + j 2
R5.3.3
Y = Y
1
+
1
Z
2
+
1
Y
3
+
1
Z
4
S
R5.3.4
Z =
R
1
1 + j R
1
C
+
j L
1 + j LG
2

R
1
C = LG
2
R
1
G
2
1 Z =
R
1
+ j L
1 + j R
1
C

R
1
C = LG
2
R
1
G
2
= 1 Z = R
1

R5.3.5
Y =
G
1
G
2

1

2
+ j C(G
1
+ G
2
+
1
+
2
)
G
2
+ j C
S

1
= G
2
Y = G
1
+
2
S

2
= G
2
Y = G
1
+
1
S
R5.3.6

V
T
= 4 V Z
T
=
1
2
+ j
1
2

R5.3.7

I
N
=
8
5
j
4
5
A Y
N
=
2
5
+ j
1
5
S
R5.3.8

I
N
= 0 A Y
N
= 1 S
R5.3.9

I
N
=
_
n
j C
G + j C
1
_

I
s
A Y
N
= n
2
j CG
G + j C
S
R5.4.1
_

_
6 2 3
2 11 4
3 4 13
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
=
_

_
j 3
0
4
_

_
R5.4.2
_

_
1 j j 1
j 1 j 1
1 1 2 + j
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
=
_

_
1 + j
3
0
_

_
R5.4.3
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
8.5 Soluzioni del Capitolo 5 41
_

_
1 j j 1
j 1 j 1
1 1 2 + j
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

_
0

I
E
0
_

_
=
_

_
j 3
0
0
_

E
2
= 5
R5.4.4
_

_
1 j j 1
j 1 j 0
1 0 1 + j
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

_
0

I
E

I
E
_

_
=
_

_
3
0
0
_

E
2


E
3
= 1 + j
R5.4.5
_
j j
j 2
_ _

E
1

E
2
_
+
_

I

T
+

I

T
_
=
_
2 + j
0
_

E
1
= 10 (

E
1


E
2
)
10

I

T
+

I

T
= 0
R5.4.6
_

_
G
1
+ j C 0 j C
0
1
j L

1
j L
j C
1
j L
G
2
+ j C +
1
j L
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E

I
E

I
S
_

_
=
=
_

_
j I
1
I
2
0
_

I
S
= 0

E
1


E
2
=

E
3
R5.4.7
_

_
2 j
1
2
0 j
1
2
0 j 2 j 2
j
1
2
j 2 1 + j
3
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E

I
E

I
S
_

_
=
_

_
j
1
0
_

I
S
= 0

E
1


E
2
= 2

E
3
R5.4.8
_
4 + j 4 4
4 7 j
_ _

E
1

E
2
_
+
_

I
S

I
S
+

I
E
_
=
_
1 j
0
_

I
S
= 0

E
2
= 2 (

E
1


E
2
)
R5.4.9
_

_
1 + j 0 j 0
0 j j 0
j j 2 2
0 0 2 2
_

_
_

E
1

E
2

E
3

E
4
_

_
+
_

_
0

I
E
0

I
S
_

_
=
_

_
2 j 3
2 + j 3
0
0
_

E
4
= 0

I
E
= 3

I
S
R5.4.10
_

_
1 j j 1
j 1 j 0
1 0 1 + j
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E

I
S

I
S
_

_
=
_

_
1 + j
0
0
_

E
2


E
3
= 0

I
E
= 2

I
S
R5.4.11
_
4 j 2 4
4 7 + j 2
_ _

E
1

E
2
_
+
_

I
S

I
E
_
=
_
1 j
1 + j
_

I
S
= 0

I
E
= 2

E
1
R5.4.12
_

_
1 j j 1
j 1 j 0
1 0 1 + j
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E

I
S

I
S
_

_
=
_

_
j 3
0
0
_

I
S
= 0

I
E
= 3 (

E
2


E
3
)
R5.4.13
_

_
4 3 0
3 4 + j 1 + j
0 1 + j 1 j
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E

I
E

I
S
_

_
=
_

_
1 j
0
0
_

E
3
= 0

E
1


E
2
= 2

I
S
R5.4.14
_

_
G
1
+ G
3
0 G
3
0 G
2
+ G
4
G
4
G
3
G
4
G
3
+ G
4
+ G
5
+ j C
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
+
_

I
+AO

I
AO

I
oAO
_

_
=
_

I
s
1

I
s
2
0
_

I
+AO
= 0

I
AO
= 0

E
1


E
2
= 0
R5.4.15
_

_
G
1
+ j C j C 0
j C G
2
+ j C G
2
0 G
2
G
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

_
0

I
+AO

I
oAO
_

_
=
_

I
s
0
0
_

I
+AO
= 0

I
AO
= 0

E
2
= 0
R5.4.16
_
j j 2
j 2 2 + j 2
_ _

E
1

E
2
_
+
_

I
2 M

I
1 M


I
2 M
_
=
_
j
0
_

E
2
= j 20

I
1 M
+ j 12

I
2 M

E
1


E
2
= j 12

I
1 M
+ j 20

I
2 M
R5.4.17
_
1 + j 1 j
1 j 1 j
_ _

E
1

E
2
_
+
_

I
1 M

I
2 M
_
=
_
j 3
0
_

E
1
= j 4

I
1 M
+ j

I
2 M

E
2
= j

I
1 M
+ j 2

I
2 M
R5.5.1

R
1
+
1
j C
0 R
1
0 R
2
0
R
1
0 R
1
+ j L

J
1

J
2

J
3


V
S

V
E
0

=
=

V
1 c
+ j V
1 s
V
1 c
j V
1 s
V
2 c
V
2 c

V
S
= 0

V
E
=

J
1
R5.5.2

2 j
1
2
j
1
2
2
j
1
2
1 j
1
2
0
2 0 2 + j 2

J
1

J
2

J
3


V
S

V
E
0

1 j
1
1

V
S
= 0

V
E
= 2

J
1
R5.6.1
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
42 Soluzioni
H
v
(j ) =
j RC
1 + j RC
2
LC
R5.6.2
H
v
(j 2) =
1
2
j
1
2
R5.6.3
H
v
(j 2) =
1
2
j
1
2
R5.6.4
H
v
(j 2) = j
R5.6.5
H
v
(j ) =
G
1
+ j C
1
G
1
+ G
2
+ j (C
1
+ C
2
)
R5.6.6
H
i
= 1 + j
R5.6.7
H
i
(j 2) =
1
5
j
3
5
Soluzioni delle repliche numeriche
S5.1.1
s(t) = 5 cos t 12 sint
s(t) = 13 cos
_
t + arctan
12
5
_
S5.1.2
s(t) = 5 cos t 12 sint
s(t) = 13 cos
_
t arctan
12
5
+
_
S5.1.3
s(t) = 6 cos t + 8 sint
s(t) = 10 cos
_
t + arctan
4
3

_
S5.1.4
s(t) = cos t + 2 sint
s(t) =

5 cos(t + arctan2 )
S5.1.5
s(t) = cos t + sint
s(t) =

2 cos
_
t
3
4
_
S5.1.6
s(t) = cos t + sint
s(t) =

2 cos
_
t

4
_
S5.2.1
Y =
1
2
+ j
1
2
S
S5.3.1

V
T
= 8 V Z
T
=
1
2
+ j
1
2

S5.3.2

V
T
= 12 V Z
T
=
1
2
+ j
1
2

S5.3.3

V
T
= 0 V Z
T
=
1
2

S5.3.4

I
N
=
16
5
j
8
5
V Y
N
=
2
5
+ j
1
5

S5.4.1
_

_
6 2 3
2 11 4
3 4 13
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
=
_

_
3
0
j 4
_

_
S5.4.2
_

_
1 + j
3
2
0 j
3
2
0 j j
j
3
2
j 2 + j
1
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E

I
E

I
S
_

_
=
_

_
j 2
3
0
_

I
S
= 0

E
1


E
2
= 2

E
3
S5.4.3
_

_
1 + j
3
2
0 j
3
2
0 j j
j
3
2
j 2 + j
1
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E

I
E

I
S
_

_
=
_

_
2
j 3
0
_

I
S
= 0

E
1


E
2
= 2

E
3
S5.4.4
_
4 + j 2 4
4 5 j 5
_ _

E
1

E
2
_
+
_

I
S

I
S
+

I
E
_
=
_
1 j
0
_

I
S
= 0

E
2
= 2 (

E
1


E
2
)
S5.4.5
_
1 + j 4 1
1 3 j
_ _

E
1

E
2
_
+
_

I
S

I
S
+

I
E
_
=
_
1 + j
0
_

I
S
= 0

E
2
= 3 (

E
1


E
2
)
S5.4.6
_
2 + j 6 2
2 3 j 2
_ _

E
1

E
2
_
+
_

I
S

I
S
+

I
E
_
=
_
1 j
0
_

I
S
= 0

E
2
= 7 (

E
1


E
2
)
S5.4.7
_

_
4 + j 4 0 j 4 0
0 j j 0
j 4 j 3 + j 3 3
0 0 3 3
_

_
_

E
1

E
2

E
3

E
4
_

_
+
_

_
0

I
E
0

I
S
_

_
=
_

_
1 j
1 + j
0
0
_

E
4
= 0

I
E
= 2

I
S
S5.6.1
H
v
(j 2) = j
S5.6.2
H
v
(j ) =
1
2
j
1
2
S5.6.3
H
v
(j 2) =
1
5
j
2
5
S5.6.4
H
v
(j ) = j 2
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
8.6 Soluzioni del Capitolo 6 43
8.6 Soluzioni del Capitolo 6
R6.1.1
x =

T
A X
e
=
_

T
A
R6.1.2
x =
A + (T )B
T
X
e
=
_
A
2
+ (T )B
2
T
R6.1.3
x =
A
2
X
e
=
A

3
R6.1.4
x =
2A

X
e
=
A

2
R6.1.5
s
1
s
2
= 0
R6.1.6
s
1
s
2
= 0
R6.1.7
P
c
=
1
2
(V
r
+ j V
i
) (I
r
j I
i
) VA
A =
1
2
_
V
2
r
+ V
2
i
_
I
2
r
+ I
2
i
VA
P =
1
2
(V
r
I
r
+ V
i
I
i
) W
Q =
1
2
(V
i
I
r
V
r
I
i
) VAR
R6.1.8
P
c
= 1 j 5 VA P = 1 W Q = 5 VAR A =

26 VA
R6.1.9
A = 10 VA P = 5

2 W Q = 5

2 VAR
R6.1.10
A =

2 VA P = 0 W Q =

2 VAR
R6.1.11
A = 20 VA P = 12 W Q = 16 VAR
R6.1.12
A =
1
2
VA P =
3
10
W Q =
2
5
VAR
R6.1.13
P
c
= P
c
1
+ P
c
2
+ P
c
3
R6.1.14
P
c
= 4 + j 7 VA
R6.1.15
P
c
=
1
2
j
1
2
VA
R6.1.16
Z
ad
= Z

T
P
ad
=
|

V
T
|
2
8 R
T
W
R6.1.17
Z
ad
= 5 + j 4 P
ad
=
5
2
W
R6.1.18
Y
ad
= Y

N
S P
ad
=
|

I
N
|
2
8 G
N
W
R6.1.19
Y
ad
= 3 + j S P
ad
=
13
6
W
R6.1.20
Z
ad
= 4 + j
7
3

R6.2.1
E
L
=
1
4
L|

I
L
|
2
J E
C
=
1
4
C|

V
C
|
2
J
R6.2.2

E
L
=
1
2
L|

I
L
|
2
J

E
C
=
1
2
C|

V
C
|
2
J
R6.2.3
E
L
= 2 J
R6.2.4
E
L
= 12 J
R6.2.5
E
L
=
1
4
J
R6.2.6
E
L
=
1
3
J
R6.2.7
E
C
= 16 J
R6.2.8
E
C
=
5
2
J
R6.2.9
E
C
= 1 J
R6.2.10
E
C
=
5
24
J
R6.2.11
E
M
=
3
2
J
R6.2.12
E
M
= 4 J
R6.2.13

E
M
= 3 J
R6.2.14

E
M
= 5 J
R6.3.1
X() = 0
R6.3.2
X
1

B
2
+ B
3
(G
2
+ G
3
)
2
+ (B
2
+ B
3
)
2
= 0
R6.3.3

Q
r
= Q
r
=

r
C
G
=
1

r
L G

Q
r
= Q
r
=

r
L
R
=
1

r
CR
R6.3.4
Q
r
= 4
R6.4.1
H
v
(j ) =
1
1 + j RC

t
+ =
1
RC
rad/s
R6.4.2
H
v
(j ) =
1
1 + j 10

t
+ =
1
10
rad/s
R6.4.3
H
v
(j ) =
j RC
1 + j RC

t
=
1
RC
rad/s
R6.4.4
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
44 Soluzioni
H
v
(j ) =
1
1 +
1
j 6

t
=
1
6
rad/s
R6.4.5
H
v
(j ) =
j RC
1 + j RC
2
LC

c

1

LC
rad/s B
p
=
R
L
rad/s
R6.4.6
H
v
(j ) =
1
1 + 2
_
j
2
+
2
j
_

c
2 rad/s B
p
= 1 rad/s
R6.4.7
Q =
1
2
B
p
= 12 rad/s

t
= 6(

2 1) rad/s 2, 46 rad/s

t
+ = 6(

2 + 1) rad/s 14, 46 rad/s


R6.4.8
H
v
(j ) =
1
1 +
1
20
_
j
2
+
2
j
_

c
2 rad/s B
c
=
1
10
rad/s
R6.4.9
H
i
(j ) =
1
1 + j 2

t
+ =
1
2
rad/s
R6.4.10
H
i
(j ) =
1
1 +
1
j 4

t
=
1
4
rad/s
R6.4.11
H
i
(j ) =
1
1 + j 10
_

2

2

c
2 rad/s B
p
=
1
5
rad/s
R6.4.12
H
i
(j ) =
1
1 +
1
10
_
j
2
+
2
j
_

c
2 rad/s B
c
=
1
5
rad/s
R6.5.1
v
out
(t) = 10 V
R6.5.2
v
out
(t) = 9 cos t + 2 sint + 2 cos 2t + 4 sin2t V
R6.5.3
v
out
(t) = 1 +
1
2
(cos t + sint) +
1
5
(cos 2t + 2 sin2t) V
R6.5.4
i
out
(t) = 2 cos 2t A
R6.5.5
p
a
=
1
2
(V
1c
I
1c
+ V
1s
I
1s
) +
1
2
(V
2c
I
2c
+ V
2s
I
2s
) W
R6.5.6
p
a
=
7
2
W
R6.5.7
p
a
= 2 W
R6.5.8
p
a
= 5 W
R6.5.9
p
a
= 8 W
R6.5.10
p
a
= 14 W
R6.5.11
p
a
= 6 W
Soluzioni delle repliche numeriche
S6.1.1
s
1
s
2
= 0
S6.1.2
A = 25 VA P = 24 W Q = 7 VAR
S6.1.3
A = 25 VA P = 0 W Q = 25 VAR
S6.1.4
A =

10 VA P = 1 W Q = 3 VAR
S6.1.5
A = 1 VA P = 0 W Q = 1 VAR
S6.1.6
A =
5

2
VA P =
5
2
W Q =
5
2
VAR
S6.1.7
A =
5

2
VA P =
7
2
W Q =
1
2
VAR
S6.1.8
A = 10

2 VA P = 14 W Q = 2 VAR
S6.1.9
A = 10

2 VA P = 14 W Q = 2 VAR
S6.1.10
P
c
= 1 + j VA
S6.1.11
Z
ad
= 5 j 4 P
ad
=
5
2
W
S6.1.12
Z
ad
= 3 + j 4 P
ad
=
3
2
W
S6.1.13
Z
ad
= 3 j 5 P
ad
=
25
12
W
S6.1.14
Z
ad
= 1 j P
ad
=
1
4
W
S6.1.15
Z
ad
= 1 + j P
ad
= 2 W
S6.1.16
Y
ad
= 3 + j 4 S P
ad
=
3
2
W
S6.2.1
E
L
= 3 J
S6.2.2
E
C
= 8 J
S6.2.3
E
C
= 15 J
S6.2.4
E
C
= 5 J
S6.2.5
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
8.7 Soluzioni del Capitolo 7 45
E
C
=
5
2
J
S6.2.6
E
C
= 10 J
S6.2.7
E
C
=
5
4
J
S6.4.1

c
4 rad/s B
p
=
2
5
rad/s
S6.4.2

c
10 rad/s B
p
=
1
10
rad/s
S6.4.3

c
100 rad/s B
p
= 10 rad/s
S6.4.4

c
25 rad/s B
p
=
1
8
rad/s
S6.4.5

c
4 rad/s B
p
=
2
5
rad/s
S6.4.6

c
2 rad/s B
p
= 2 rad/s
8.7 Soluzioni del Capitolo 7
R7.1.1
x(t) = (1 t e
t
)[1 u
c
(t)] (1 t e
t
) u
c
(t)
= 1 t e
t
2 (1 t e
t
) u
c
(t)
= (1 t e
t
) sgn
c
(t)
R7.1.2
x(t) = (1 e
t
)[1 u
c
(t)] + (1 e
t
) u
c
(t)
= (1 e
t
) + 2 (1 e
t
) u
c
(t)
= (1 e
t
) sgn
c
(t)
R7.1.3
v
C
(t) = V
0
e
t/RC
V
R7.1.4
v
C
(t) = 3 e
t/2
V
R7.1.5
v
C
(t) = RI (1 e
t/RC
) u
c
(t) V
R7.1.6
v
C
(t) = 2 (1 e
t/4
) u
c
(t) V
R7.1.7
v
C
(t) = (2 cos 2t + sin2t 2 e
8t
) u
c
(t) V
R7.1.8
v
C
(t) = 4 e
t/4
+2 (1 e
t/4
) u
c
(t) V
R7.1.9
v
C
(t) = 4 e
8t
+(2 cos 2t + sin2t 2 e
8t
) u
c
(t) V
R7.1.10
v
C
(t) = 3 (1 e
t/8
) u
c
(t) V
R7.1.11
v
C
(t) = 5 e
2t
+2 (1 e
2t
) u
c
(t) V
R7.1.12
i
L
(t) = 5 e
t
A
R7.1.13
i
L
(t) = 5 (1 e
t/6
) u
c
(t) A
R7.1.14
i
L
(t) = 10 e
t/10
+3 (1 e
t/10
) u
c
(t) A
R7.1.15
i
L
(t) = 8 (1 e
t/4
) u
c
(t) A
R7.1.16
i
L
(t) = 3 e
t/3
+3 (1 e
t/3
) u
c
(t) A
R7.2.1
x(t) = (e
t
e
2t
2t + 3)[1 u
c
(t)]+
+ (7 e
t
3 e
2t
+2t 3) u
c
(t) =
= 3 e
t
2 e
2t
+(4 e
t
e
2t
+2t 3) sgn
c
(t)
R7.2.2
x(t) = (3 e
t
2 e
2t
)[1 u
c
(t)]+
(cos t 2 sint 3 e
t
+e
2t
) u
c
(t) =
= 3 e
t
2 e
2t
(cos t 2 sint e
2t
) u
c
(t)
R7.2.3

=
G
2C

_
_
G
2C
_2

1
LC
rad/s
R7.2.4
i
L
(t) =
1

__

+
I
0

V
0
L
_
e
t

I
0

V
0
L
_
e
+t
_
A
R7.2.5
i
L
(t) = 3 e
t
e
9t
A v
C
(t) = e
t
+3 e
9t
V
R7.2.6
i
L
(t) = 5 e
4t
(cos 3t + 2 sin3t) A
R7.2.7
i
L
(t) = (1 + 4t) e
2t
A
R7.2.8
i
L
(t) = 4 e
2t
A
R7.2.9
i
L
(t) = I
_
1

+

e
t
+

e
+t
_
u
c
(t) A
R7.2.10
i
L
(t) =
1
8
_
8 9 e
t
+e
9t
_
u
c
(t) A
v
C
(t) =
3
8
_
e
t
e
9t
_
u
c
(t) V
R7.2.11
i
L
(t) =
_
3 sin3t
9
8
e
t
+
9
8
e
9t
_
u
c
(t) A
R7.2.12
i
L
(t) = 3 sin3t
9
8
e
t
+
9
8
e
9t
A
R7.2.13
i
L
(t) = [3 + e
4t
(3 cos 3t + 4 sin3t)] u
c
(t) A
R7.2.14
i
L
(t) =
_
5 cos 5t + e
4t
_
5 cos 3t +
20
3
sin3t
__
u
c
(t) A
R7.2.15
i
L
(t) = 3[1 + (1 + 2t) e
2t
] u
c
(t) A
R7.2.16
i
L
(t) = [cos 2t + (1 + 2t) e
2t
] u
c
(t) A
R7.2.17
i
L
(t) =
3
2
e
t

1
2
e
9t
+
1
8
_
8 9 e
t
+e
9t
_
u
c
(t) A
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
46 Soluzioni
R7.2.18
i
L
(t) = 3 e
t
e
9t
+
_
3 sin3t
9
8
e
t
+
9
8
e
9t
_
u
c
(t) A
R7.2.19
i
L
(t) = e
4t
_
cos 3t +
19
3
sin3t
_
+
+[3 + e
4t
(3 cos 3t + 4 sin3t)] u
c
(t) A
R7.2.20
i
L
(t) = (1 + 4t) e
2t
+3[1 + (1 + 2t) e
2t
] u
c
(t) A
R7.2.21
i
L
(t) = 2 cos 4t + 3 sin4t A
R7.2.22
i
L
(t) = (1 cos 2t) u
c
(t) A
R7.2.23
i
L
(t) = 4 (cos t cos 2t) u
c
(t) A
R7.2.24
i
L
(t) = [sin2t + t (2 cos 2t + sin2t)] u
c
(t) A
R7.2.25
i
L
(t) = cos 2t + sin2t + (1 cos 2t) u
c
(t) A
R7.2.26
v
C
(t) = 9 e
t
5 e
9t
V
R7.2.27
v
C
(t) = 5 (3 cos 2t + sin2t) e
t
V
R7.2.28
v
C
(t) = (15 + 7t) e
t
V
R7.2.29
v
C
(t) = (8 9 e
t
+e
9t
) u
c
(t) V
R7.2.30
v
C
(t) = 2 (1 e
2t
2t e
2t
) u
c
(t) V
R7.2.31
v
C
(t) = 9 e
t
5 e
9t
+(8 9 e
t
+e
9t
) u
c
(t) V
Soluzioni delle repliche numeriche
S7.1.1
v
C
(t) = 6 e
5t
V
S7.1.2
v
C
(t) = 4 e
t/6
V
S7.1.3
v
C
(t) = 10 (1 e
5t
) u
c
(t) V
S7.1.4
v
C
(t) = 4 (1 e
t/6
) u
c
(t) V
S7.1.5
v
C
(t) = 5 (1 e
t/10
) u
c
(t) V
S7.1.6
i
L
(t) = 2 (1 e
t/12
) u
c
(t) A
S7.1.7
i
L
(t) = 3 (1 e
t/8
) u
c
(t) A
S7.1.8
i
L
(t) = (1 e
t/4
) u
c
(t) A
S7.2.1
i
L
(t) = 2 (8 e
2t
3 e
8t
) A
S7.2.2
i
L
(t) =
5
2
(2 cos 2t + 3 sin2t) e
t
A
S7.2.3
i
L
(t) = 5 e
t
(3 cos 2t + 2 sin2t) A
S7.2.4
i
L
(t) = (3 4 e
2t
+e
8t
) u
c
(t) A
S7.2.5
v
C
(t) = 10 e
t
(3 cos 2t + sin2t) V
S7.2.6
v
C
(t) = 5 e
t
(3 cos 2t + sin2t) V
S7.2.7
v
C
(t) = 10 e
t
(3 cos 2t + sin2t) V
S7.2.8
v
C
(t) = 2 (1 + t) e
2t
V
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Parte II
PROBLEMI
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 9
Prima serie
1 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato.
001





002

2 3
2
2
1
1
1




003


G
C
= 2 S, R
L
=
5
6
, C = 4 F, L =
1
3
H, v
C
(0) = 1 V, i
L
(0) = 1 A.
2 Determinare:
a) le equazioni ai nodi (/fn);
b) le tensioni nodali nel dominio dei fasori e del tempo.
001





002

2 3
2
2
1
1
1




003


G
C
1
= 1 S, G
L
2
= 1 S, R
C
2
= 1 , R
L
1
= 1 , C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, i
s
(t) = 10 cos
_
t +

4
_
A.
3 Determinare:
a) il segnale dingresso come composizione di segnali canonici;
b) levoluzione dello stato nellipotesi I;
c) levoluzione dello stato nellipotesi II.
001





002

2 3
2
2
1
1
1




003


R, CF, v
C
(0) = 0 V, v
s
(t) =
_

_
0 t < 0
V
s
1
0 < t < t
1
0 t
1
< t < t
2
V
s
2
t
2
< t
V.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
50 Prima serie
Ipotesi I: v
E
= v
s
.
Ipotesi II: v
E
= Dv
s
.
4 Determinare:
a) la rappresentazione omogenea 2 ();
b) la rappresentazione omogenea 1.
004

1 2




005

1
1 2
2
3
4




006


R
L
= 1 , R
C
= 1 , C = 1 F, L = 1 H, = 1,

V
s
V, = 1 rad/s.
5 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato.
004

1 2




005

1
1 2
2
3
4




006


R
1
= 1 , R
2
= 1 , R
3
= 1 , R = 1 , L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, i
L
1
(0) = I
01
A, i
L
2
(0) = I
02
A.
6 Determinare:
a) la tensione v
R
(t) nellipotesi I;
b) il segnale di ingresso nellipotesi II come composizione di segnali canonici;
c) la tensione v
R
(t) nellipotesi II.
004

1 2




005

1
1 2
2
3
4




006


R, CF, v
C
(0) = 0 V.
Ipotesi I: v
s
(t) = r(t) V.
Ipotesi II: v
s
(t) =
_

_
0 t 0
V
s
t
0
t 0 < t < t
0
V
s
t
0
(t 2t
0
) t
0
< t < 2t
0
0 2t
0
t
V.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
51
7 Determinare:
a) la pulsazione di risonanza dingresso (/fn);
b) il fattore di qualit` a medio alla risonanza.
007





008

H 1 2




009

1 2
1
1
2
2

G
C
= 3 S, R
L
=
1
25
, C =
1
2
F, L =
1
50
H.
8 Determinare:
a) la conduttanza dingresso;
b) la regione del piano (h
12
, h
21
) in cui essa ` e positiva nellipotesi assegnata.
007





008

H 1 2




009

1 2
1
1
2
2

GS, H.
Ipotesi: G, h
11
, h
22
> 0.
9 Determinare:
a) le equazioni agli anelli;
b) la funzione di rete H
v

V
C
2

V
E
();
c) lampiezza della banda angolare nellipotesi assegnata.
007





008

H 1 2




009

1 2
1
1
2
2
R
1
, R
2
, C
1
F, C
2
F, rad/s,

V
s
V.
Ipotesi: R
1
= R
2
R, C
1
= C
2
C.
10 Determinare:
a) i fasori delle sorgenti;
b) le equazioni ai nodi;
c) la relazione tra i fasori delle sorgenti che rende nulla la corrente nel ramo (L
2
, R
2
).
010

1 2
1
3
1
1
2 2
2




011

1 1
2
2




012


Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
52 Prima serie
GS, R
1
, R
2
, CF, L
1
H, L
2
H, rad/s, i
s
1
(t) = I
s
1
cos(t +
1
) A, i
s
2
(t) = I
s
2
sin(t +
2
) A, i
s
3
(t) = I
s
3
cos(t
3
) A.
11 Determinare:
a) la caratteristica esterna del bipolo composto di sinistra;
b) la tensione ai capi di tale bipolo se esso viene chiuso sul bipolo composto di destra nellipotesi assegnata;
c) la potenza erogata della sorgente E
1
in tale ipotesi.
010

1 2
1
3
1
1
2 2
2




011

1 1
2
2




012


R
1
, R
2
, V
s
1
V, V
s
2
V.
Ipotesi: R
2
= R
1
, V
s
2
= 3V
s
1
.
12 Determinare:
a) lequazione nella variabile di stato;
b) levoluzione dello stato nellipotesi I;
c) levoluzione dello stato nellipotesi II.
010

1 2
1
3
1
1
2 2
2




011

1 1
2
2




012


R
J
, R
C
, CF, v
C
(0) = 0 V.
Ipotesi I: i
s
(t) = u(t) A.
Ipotesi II: i
s
(t) =
_

_
0 t < t
1
I
s
t
1
< t < t
2
0 t
2
< t
A.
13 Determinare:
a) i parametri della rappresentazione omogenea 2;
b) lammettenza di ingresso alla porta 1 quando la porta 2 ` e chiusa su un componente di ammettenza Y.
013

1
2
2 1




014





015


G
1
S, G
2
S, CF, LH, rad/s, YS.
14 Determinare:
a) le equazioni di stato;
b) la tensione v
R
C
come funzione (algebrica) dello stato e dellingresso;
c) le variazioni v
C
, i
L
e v
R
C
causate dal segnale dingresso in t = 0 .
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
53
013

1
2
2 1




014





015


R
C
, R
L
, CF, LH, v
C
(0

) = 0 V, i
L
(0

) = 0 A, v
s
(t) = (t) V.
15 Determinare:
a) la pulsazione di risonanza dingresso;
b) la potenza attiva (assorbita) del resistore alla risonanza se il bipolo composto ` e alimentato in tensione;
c) il fattore di qualit` a medio alla risonanza.
013

1
2
2 1




014





015


R, CF, LH,

V
s
V.
16 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Th evenin equivalente;
b) il segnale della sorgente resistiva di Norton equivalente.
016

1
2
3 4


017

1 2
1
2
3


018

1 2
3
1

R
1
, R
2
, R
3
, R
4
, , V
s
V.
17 Determinare:
a) le equazioni ai nodi;
b) la corrente del corto circuito;
c) la pulsazione di risonanza di ingresso del bipolo composto avente come nodi di frontiera il nodo 1 e il nodo di
riferimento e operante con

I
s
1
=

I
s
2
= 0.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
54 Prima serie
016

1
2
3 4


017

1 2
1
2
3


018

1 2
3
1

R
L
, G
C
S, GS, CF, LH,

I
s
1
A,

I
s
2
A.
18 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Th evenin equivalente al bipolo composto di sinistra;
b) il valore (o i valori) della tensione di tale bipolo composto quando esso ` e chiuso sul bipolo composto di destra nellipotesi
assegnata.
016

1
2
3 4


017

1 2
1
2
3


018

1 2
3
1

R
1
, R
2
, R
3
, , V
s
1
V, R, V
s
V.
Ipotesi: R
1
= R
3
= R = , V
s
= V
s
1
/4.
19 Determinare:
a) lequazione nella variabile di stato;
b) levoluzione dello stato;
c) listante in cui lenergia del condensatore si dimezza rispetto al valore a t = 0
+
.
019

1 2
3




020

1
1 2
2




021

1

R
1
, R
2
, R
3
, CF, v
C
(0

) = 0 V, i
s
(t) = (t) A.
20 Determinare:
a) le equazioni di stato;
b) le pulsazioni naturali nellipotesi assegnata;
c) la tensione del resistore R in tale ipotesi.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
55
019

1 2
3




020

1
1 2
2




021

1

R
1
, R
2
, R, C
1
F, C
2
F, v
C
1
(0) = V
01
V, v
C
2
(0) = V
02
V.
Ipotesi: C
1
= C
2
C, R
1
= R
2
R

.
21 Determinare:
a) la pulsazione di risonanza dingresso;
b) la potenza (assorbita) attiva del resistore alla risonanza;
c) il fattore di qualit` a medio alla risonanza.
019

1 2
3




020

1
1 2
2




021

1
G = 1 S, C
1
= C = 1 F, L =
3
4
H,

I
s
A.
22 Determinare:
a) i parametri r
11
e r
12
;
b) i parametri r
21
e r
22
.
022

1
2
1 2
1
1 2
2




023





024


R
1
, R
2
, , .
23 Determinare:
a) le equazioni di stato;
b) la condizione sui parametro R
C
che d` a luogo allo smorzamento critico;
c) la pulsazione naturale in tale ipotesi.
022

1
2
1 2
1
1 2
2




023





024


R
L
, CF, LH.
24 Determinare:
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
56 Prima serie
a) la carattestica esterna;
b) la corrente in corto;
c) la tensione a vuoto.
022

1
2
1 2
1
1 2
2




023





024


R, V
s
V.
25 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato nellipotesi I;
c) il lavoro assorbito dal resistore in [0, +) nellipotesi II.
025





026





027

1 2
1
2
2
2 1 1

G = 3 S C = 1 F, L =
1
2
H, v
C
(0

) = 0 V, i
L
(0

) = 0 A.
Ipotesi I: v
s
(t) = V
s
u(t) V.
Ipotesi II: v
s
(t) = (t) V.
26 Determinare:
a) la funzione di rete H
v


V
ca
/

V
E
;
b) la pulsazione che rende minimo | H
v
|() e tale minimo;
c) il diagramma qualitativo di | H
v
|().
025





026





027

1 2
1
2
2
2 1 1

R, CF.
27 Determinare:
a) i parametri h
11
e h
12
;
b) i parametri h
21
e h
22
.
025





026





027

1 2
1
2
2
2 1 1
G
1
S, G
2
S, G
3
S, , .
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
57
28 Determinare:
a) le caratteristiche nel piano (v
1
, i
1
) a parametro v
2
;
b) la corrente i
1
nellipotesi I;
c) la corrente i
1
nellipotesi II;
028

1 2




029





030


R = 1 , V
s
= 10 V.
Ipotesi I: v
2
= 0, v
1
= V
s
.
Ipotesi II: v
2
= 0, v
1
= 0.
29 Determinare:
a) la funzione di rete H
i


I
R
/

I
J
();
b) la pulsazione di taglio nellipotesi I;
c) lampiezza della banda angolare nellipotesi II.
028

1 2




029





030


R , CF, LH.
Ipotesi I:

LC = 1 s, RC = 2 s.
Ipotesi II:

LC = 1 s, RC =
1
2
s.
30 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato nellipotesi I;
c) levoluzione dello stato nellipotesi II.
028

1 2




029





030


C = 1 F, L =
1
2
H, v
s
(t) = u(t) V.
Ipotesi I: G
C
=
3
2
S, G
L
=
3
2
S.
Ipotesi II: G
C
= 1 S, G
L
= 2 S.
31 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Norton equivalente;
b) la potenza assorbita di un resistore R

connesso alla porta 2.


031

H 2 1




032

1




033

1

I
s
A, R, H.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
58 Prima serie
32 Determinare:
a) la funzione di rete H
v


V
R
1
/

V
E
;
b) la pulsazione che rende massimo | H
v
|;
c) la condizione sui parametri che d` a luogo ad una banda passante nita.
031

H 2 1




032

1




033

1

G
1
S, GS, CF, LH.
33 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) la corrente del resistore R
1
nellipotesi I;
c) la corrente del resistore R
1
nellipotesi II.
031

H 2 1




032

1




033

1

R
1
= 1 , R = 1 , C = 2 F, L =
1
4
H, v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A.
Ipotesi I: v
s
(t) = u(t) V.
Ipotesi II: v
s
(t) = V
s
u(t t
0
) V.
34 Determinare:
a) le equazioni ai nodi ();
b) le equazioni agli anelli ();
c) la condizione sui segnali che d` a luogo a E
3
= E
4
.
034

1 2
1 2 3
2
1
3
4
1
1
2
2
3 4
5
4
5




035

1 1
2
2




036=035

1 1
2
2

R
1
= R
2
= R
3
= R
4
= 1 , = 1, =
3
2
, V
s
V, I
s
A.
35 Determinare:
a) lequazione nella tensione del condensatore C
1
();
b) levoluzione di tale tensione nellipotesi I;
c) levoluzione di tale tensione nellipotesi II.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
59
034

1 2
1 2 3
2
1
3
4
1
1
2
2
3 4
5
4
5




035

1 1
2
2




036=035

1 1
2
2

G
1
= 3 S, G
2
= 2 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, v
C
1
(0

) = 11 V, v
C
2
(0

) = 1 V.
Ipotesi I: i
s
(t) = 3 u(t) A.
Ipotesi II: i
s
(t) = 3(t) A.
36 Determinare:
a) la funzione di rete Z
m
1


V
C
1
/

I
J
;
b) la funzione di rete Z
m
2


V
C
2
/

I
J
;
c) la pulsazione che rende massima in modulo la dierenza tra le energie medie dei due condensatori.
034

1 2
1 2 3
2
1
3
4
1
1
2
2
3 4
5
4
5




035

1 1
2
2




036=035

1 1
2
2

G
1
= 3 S, G
2
= 2 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F.
37 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Th evenin equivalente;
b) i diagrammi qualitativi di V
T
() e di R
T
().
037

1 2
3




038

1
1
2 2




039

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, G
3
= 1 S, R = 1 , V
s
=
1
2
V.
38 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato;
c) il lavoro assorbito da ciascun resistore in [0, +).
037

1 2
3




038

1
1
2 2




039

R
1
=
3
2
, R
2
=
1
2
, L
1
= 1 H, L
2
=
1
4
H, i
L
1
(0) = 2 A, i
L
2
(0) = 8 A.
39 Determinare:
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
60 Prima serie
a) la funzione di rete H
v


V
R
/

V
E
();
b) la condizione sui parametri che d` a luogo ad un ltro passabasso con andamento monotono;
c) la condizione sui parametri che d` a luogo ad un ltro passabanda.
037

1 2
3




038

1
1
2 2




039

GS, CF, LH.
40 Determinare:
a) i parametri h
11
e h
12
;
b) i parametri h
21
e h
22
.
1
2
1 2

G
1
S, G
2
S, .
41 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato;
c) quale dei tre resistori assorba il maggior lavoro nellintervallo [0, +) e il valore di tale lavoro.
040

1
2
1 2




041





042

R
C
= 3 , R
L
= 1 , R = 1 , C =
1
3
F, L = 1 H, v
C
(0) = 1 V, i
L
(0) = 1 A.
42 Determinare:
a) la pulsazione di risonanza dingresso;
b) la potenza (assorbita) attiva alla risonanza se alimentato in tensione;
c) il fattore di qualit` a medio alla risonanza.
040

1
2
1 2




041





042

R
L
, G
C
S, CF, LH, V
s
V.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
61
43 Determinare:
a) le equazioni ai nodi ();
b) levoluzione delle tensioni dei due condensatori.
043

1 2 3
1
1 1
2 2 2
1
2




044

1
1
2
2




045

1
2

R
1
= 1 , G
2
= 1 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, = 1 rad/s,

I
s
1
= 1 A,

I
s
2
= 1 A.
44 Determinare:
a) lequazione nella corrente dellinduttore L
1
();
b) levoluzione di tale corrente;
c) il valore dello stato a t = 0

per cui levoluzione dello stato stesso per i tempi positivi risulta annichilita.
043

1 2 3
1
1 1
2 2 2
1
2




044

1
1
2
2




045

1
2

R
1
=
1
2
, R
2
= 2 , L
1
= 1 H, L
2
=
1
3
H, i
L
1
(0

) = 0 A, i
L
2
(0

) = 0 A, i
s
(t) = 6(t) A, v
s
(t) = 25(t) V.
45 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Th evenin equivalente ();
b) il rapporto spire che rende massima la potenza assorbita di un resistore di carico R e il valore di tale massimo.
043

1 2 3
1
1 1
2 2 2
1
2




044

1
1
2
2




045

1
2

R
1
= 2 , R
2
= 1 , R =
2
3
, n N

/N

, V
s
= 10 V.
46 Determinare:
a) le equazioni agli anelli ();
b) il fasore

J
1
;
c) limpedenza dingresso ai capi della sorgente.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
62 Prima serie
046

1
2 3
1
1
1
2
2
2 3 3 3




047

1
1
2
2




048


R
1
= 1 , R
2
= 1 , R
3
= 1 , C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, C
3
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, L
3
= 1 H, = 1 rad/s,

V
s
= 34 V.
47 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato;
c) listante in cui lenergia dellinduttore L
1
` e massima e listante in cui lenergia dellinduttore L
2
` e massima.
046

1
2 3
1
1
1
2
2
2 3 3 3




047

1
1
2
2




048


R
1
= 3 , R
2
= 12 , L
1
= 1 H, L
2
= 3 H, v
s
(t) = u(t) V.
48 Determinare:
a) la pulsazione di risonanza dingresso ();
b) il fattore di qualit` a medio alla risonanza (/fn);
c) il diagramma qualitativo di Q
r
(R
L
) a ssi L, C e G
C
.
046

1
2 3
1
1
1
2
2
2 3 3 3




047

1
1
2
2




048


G
C
=
1
5
S, R
L
=
4
5
, C =
1
5
F, L =
1
5
H.
49 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Th evenin equivalente;
b) il segnale della sorgente resistiva di Norton equivalente.
049

1 2
3


050

1
2
3
5
4
1
1 1
2
2
2
3
3
3


051

1 2
3

R
1
, R
2
, R
3
, S, V
s
V, I
s
A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
63
50 Determinare:
a) le equazioni ai nodi;
b) le tensioni nodali per 0;
c) le tensioni nodali per +.
049

1 2
3


050

1
2
3
5
4
1
1 1
2
2
2
3
3
3
6


051

1 2
3

R
1
, R
2
, R
3
, C
1
F, C
2
F, C
3
F, L
1
H, L
2
H, L
3
H, , rad/s,

I
s
A.
51 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato nellipotesi I;
c) levoluzione dello stato nellipotesi II.
049

1 2
3


050

1
2
3
5
4
1
1 1
2
2
2
3
3
3


051

1 2
3
R
1
= 1 , R
2
= 1 , R
3
= 8 , C =
1
8
F, L =
4
5
H.
Ipotesi I: v
s
(t) = u(t) V.
Ipotesi II: v
s
(t) = (t) V.
52 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato nellipotesi I;
c) il segnale di ingresso come composizione di segnali canonici;
d) levoluzione dello stato nellipotesi II.
052

1
2
3




053

1
2




054

1
2

R
1
= 1 , R
2
= 1 , R
3
=
1
8
, C =
4
5
F, L =
1
8
H.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
64 Prima serie
Ipotesi I: v
s
(t) = r(t) V.
Ipotesi II: v
s
(t) =
_

_
0 t 0
V
s
1
t
1
t 0 < t < t
1
V
s
2
t
1
< t < t
2
V
s
1
t
1
t t
2
< t
V.
53 Determinare:
a) i parametri della sorgente di Norton equivalente (/fn);
b) il modulo dellammettenza di carico Y che rende massima la potenza attiva del carico stesso nellipotesi I;
c) la fase dellammettenza di carico Y che rende massima la potenza attiva del carico stesso nellipotesi II.
052

1
2
3




053

1
2




054

1
2

G
1
=
1
2
S, G
2
= 2 S, C = 1 F, L = 1 H, = 1 rad/s,

V
s
= 1 V.
Ipotesi I: Y =

3
rad.
Ipotesi II: | Y| = 1 S.
54 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato nellipotesi I;
c) levoluzione dello stato nellipotesi II.
052

1
2
3




053

1
2




054

1
2

R
1
=
1
2
, R
2
= 1 , C =
1
2
F, L = 1 H, v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A
Ipotesi I: v
s
(t) = u(t) V.
Ipotesi II: v
s
(t) = r(t) V.
55 Determinare:
a) le equazioni agli anelli ();
b) il fasore

J
1
;
c) levoluzione della tensione e
12
.
055

1 2
3
1
2
4
3
3
2
2
2
1
1
1
2 1


056

1
1
2
2


057
1
2 1 2
3
4 5
3

Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
65
R
1
= 1 , R
2
= 1 , R
3
= 1 , R
4
= 1 , C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H,
v
s
1
(t) = cos t V, v
s
2
(t) = 5 cos t 12 sint V, v
s
3
(t) = cos t V.
56 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) lequazione nella tensione del resistore R
1
;
c) lequazione nella tensione del resistore R
2
.
055

1 2
3
1
2
4
3
3
2
2
2
1
1
1
2 1


056

1
1
2
2


057
1
2 1 2
3
4 5
3

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, = 2, v
s
(t) V.
57 Determinare:
a) le equazioni ai nodi (/fn);
b) levoluzione delle tensioni nodali non banali.
055

1 2
3
1
2
4
3
3
2
2
2
1
1
1
2 1


056

1
1
2
2


057
1
2 1 2
3
4 5
3
G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, G
3
= 1 S, G
4
= 1 S, G
5
= 1 S, C = 1 F, L = 1 H, v
s
(t) = 14 cos t 4 sint V.
58 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione della tensione del resistore R
2
.
058

2
1
1 2




059

1
1
2
2




060

1 2
3
1
2
3
3
3
2
2 2
1
1
1

G
1
= 3 S, G
2
= 2 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, v
C
1
(0) = 0 V, v
C
2
(0) = 0 V, v
s
(t) = u(t) V.
59 Determinare:
a) le equazioni agli anelli ();
b) levoluzione della tensione e
12
.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
66 Prima serie
058

2
1
1 2




059

1
1
2
2




060

1 2
3
1
2
3
3
3
2
2 2
1
1
1
R
1
= 1 , R
2
= 1 , R
3
= 1 , C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, C
3
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, L
3
= 1 H, v
s
= 10 sint V.
60 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato.
058

2
1
1 2




059

1
1
2
2




060

1 2
3
1
2
3
3
3
2
2 2
1
1
1

R
1
= 3 , R
2
= 8 , L = 1 H, L
2
= 1 H, v
s
(t) = (t) V.
61 Determinare:
a) le equazioni ai nodi ();
b) levoluzione della tensione e
31
.
061

1
2 3 1 1
1
2 2
2
3
4




062

1
1
2
2




063

1 1
1
2
2
2 3 4
2 3
1

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, G
3
= 1 S, G
4
= 1 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, i
s
(t) =
11
5
cos t +
8
5
sint A.
62 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato.
061

1
2 3 1 1
1
2 2
2
3
4




062

1
1
2
2




063

1 1
1
2
2
2 3 4
2 3
1

R
1
= 4 , R
2
= 6 , L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, i
L
1
(0) = 0 A, i
L
2
(0) = 0 A, v
s
(t) =
_
1 e
t
_
u
c
(t) V.
63 Determinare:
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
67
a) le equazioni ai nodi ();
b) limpedenza dingresso ai capi dalla sorgente.
061

1
2 3 1 1
1
2 2
2
3
4




062

1
1
2
2




063

1 1
1
2
2
2 3 4
2 3
1

G
1
= 1 S, G
2
= 2 S, G
3
= 3 S, G
4
= 4 S, C
1
= 2 F, C
2
= 2 F, L
1
=
1
2
H, L
2
=
1
2
H,

I
s
A.
64 Determinare:
a) le equazioni ai nodi ();
b) levoluzione della tensione v
R
2
.
064

1 2 3
1 1 1
2 2
2
4




065

1
2




066

1
2

R
1
= 1 , R
2
= 1 , C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, = 1, i
s
(t) = cos t 4 sint A.
65 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato.
064

1 2
3
1 1 1
2 2
2




065

1
2




066

1
2

R
1
=
1
2
, R
2
=
2
5
, C =
2
5
S, L =
2
5
H, v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A, i
s
(t) = I
s
u(t) A.
66 Determinare:
a) lequazione nella corrente dellinduttore ();
b) levoluzione di tale corrente.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
68 Prima serie
064

1 2
3
1 1 1
2 2
2




065

1
2




066

1
2

R
1
= 3 , G
2
=
1
2
S, C =
1
2
S, L =
1
2
H, v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A, i
s
(t) = (t) A.
67 Determinare:
a) le equazioni agli anelli ();
b) lenergia media dei condensatori e degli induttori.
067

1
2
3
1 1
1
2
2
2
4




068

2
1




069

1 2 3
4
1
1 1
2 2
2

R
1
= 1 , R
2
= 1 , C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, = 1, v
s
(t) =

2 sin
_
t +

4
_
V.
68 Determinare:
a) lequazione nella tensione del condensatore ();
b) levoluzione di tale tensione.
067

1 2
3
1 1
1
2
2
2




068

2
1




069

1 2 3
4
1
1 1
2 2
2

G
1
= 3 S, R
2
=
1
2
, C =
1
2
F, L =
1
2
H, v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A, i
s
(t) = (t) A.
69 Determinare:
a) le equazioni ai nodi ();
b) lenergia media degli induttori e dei condensatori.
067

1
2
3
1 1
1
2
2
2
4




068

2
1




069

1 2 3
4
1
1 1
2 2
2

Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
69
G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, = 1, i
s
(t) =

2 sin
_
t +

4
_
A.
70 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) listante in cui lenergia dei componenti si riduce ad una aliquota h < 1 di quella a t = 0 nellipotesi assegnata.
070





071





072

2 2 1 1

R
C
, R
L
, CF, LH, v
C
(0) = V
0
V, i
L
(0) = I
0
A.
Ipotesi: R
C
= R
L
, R
C
C = L/R
L
=
1
2
s.
71 Determinare:
a) la pulsazione di risonanza dingresso ();
b) il fattore di qualit` a medio alla risonanza nellipotesi assegnata.
070





071





072

2 2 1 1

R
C
, R
L
, CF, LH.
Ipotesi: 4R
C
= R
L
, R
C
C = L/R
L
=
1
12
s.
72 Determinare:
a) lequazione nella variabile di stato ();
b) levoluzione dello stato.
070





071





072

2 2 1 1

R = 1 , C = 1 F, =
1
10
, = 10, v
C
(0) = 0 V, v
s
(t) =
_

_
0 t 0
t
10
0 < t < 1
1
20
1 < t
V.
73 Determinare:
a) le equazioni ai nodi ();
b) levoluzione delle tensioni nodali.
073

1
2 3
1 1 1
2
2
2




074

1 1 2 2




075

1
2
3
1 1
1
2
2
2

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, = 1, i
s
(t) = cos t + sint A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
70 Prima serie
74 Determinare:
a) lequazione nella variabile di stato ();
b) levoluzione dello stato.
073

1
2 3
1 1 1
2
2
2




074

1 1 2 2




075

1
2
3
1 1
1
2
2
2

G = 1 S, L = 1 H, = 10, =
1
10
, i
L
(0) = 0 A, i
s
(t) =
_

_
0 t 0
t
10
0 < t < 1
1
20
1 < t
A.
75 Determinare:
a) le equazioni agli anelli ();
b) levoluzione delle correnti anulari.
073

1
2 3
1 1 1
2
2
2




074

1 1 2 2




075

1
2
3
1 1
1
2
2
2

R
1
= 1 , R
2
= 1 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, = 1, v
s
(t) = cos t + sint V.
76 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) la tensione del circuito aperto come funzione (algebrica) dello stato e dellingresso ();
c) levoluzione di tale tensione.
076

1
2




077

1 2




078


R
1
= 1 , R
2
= 1 , C = 1 F, L = 1 H, i
s
(t) = (t) A.
77 Determinare:
a) la funzione di rete H
v


V
R
2
/

V
E
();
b) i valori di G
C
e C per cui si realizza lipotesi assegnata.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
71
076

1
2




077

1 2




078


G
C
S, G
L
= 1 S, CF, L = 1 H, v
s
(t) = 2 cos t + 2 sint V.
Ipotesi: v
R
2
(t) = sint V
78 Determinare:
a) la tensione del resistore R nellipotesi I;
b) il segnale dingresso nellipotesi II come composizione di segnali canonici;
c) la tensione del resistore R nellipotesi II.
076

1
2




077

1 2




078


G = 1 S, G
C
= 1 S, C = 1 F, v
C
(0) = 0 V.
Ipotesi I : v
s
(t) = r(t) V.
Ipotesi II: v
s
(t) =
_

_
0 t 0
V
s
1
t
0
t 0 < t < t
0
V
s
1
t
0
t (V
s
1
V
s
2
) t
0
< t
V.
79 Determinare:
a) la funzione di rete Y
m


I
L
/

V
E
();
b) i diagrammi qualitativi di | Y
m
|(R
L
) e Y
m
(R
L
).
079





080





081=080


R
E
= 1 , R
L
, C = 1 F, L = 1 H, = 1 rad/s.
80 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato.
079





080





081=080


R = 6 , C =
1
5
F, L = 1 H, = 2, v
C
(0

) = 0 V, i
L
(0

) = 0 A, i
s
(t) =

(t) A.
81 Determinare:
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
72 Prima serie
a) la funzione di rete Z
m


V
C
/

I
J
;
b) la condizione sui parametri che d` a luogo ad un andamento monotono di | Z
m
|().
079





080





081=080


R, CF, LH, .
82 Determinare:
a) le equazioni ai nodi ();
b) levoluzione delle correnti dei due condensatori.
082

1
2 3
1
1
1
1
2
2
2
2
4
5
6 7
1 2




083

1
1 2
2 2
1




084

1
1 2
2

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, = 1, = 1, i
s
(t) = sint A.
83 Determinare:
a) il polinomio caratteristico del circuito ();
b) la regione di stabilit` a nel piano (, ).
082

1
2 3
1
1 2
1
1
1
2
2
2
2
4
5
6 7
1 2




083

1
1 2
2 2
1




084

1
1 2
2

R
1
= 1 S, G
2
= 1 S, C = 1 F, L = 1 H, , , 1.
84 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato.
082

1
2 3
1
1
1
1
2
2
2
2
4
5
6 7
1 2




083

1
1 2
2 2
1




084

1
1 2
2

R
1
= 1 , R
2
= 1 , C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, = 1, v
C
1
(0) = 1 V, v
C
2
(0) = 2 V.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
73
85 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Th evenin equivalente ();
b) la tensione a regime se il bipolo ` e chiuso su un induttore.
085

1
1
2 3
2




086

1
2




087

1 2
1 2

R
1
= 1 , R
2
= 1 , R
3
= 1 , L = 2 H, = 3 , v
s
1
(t) = sint V, v
s
2
(t) = cos t V.
86 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Norton equivalente al bipolo composto resistivo ();
b) levoluzione della tensione del condensatore.
085

1
1
2 3
2




086

1 2




087

1 2
1 2

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, C = 4 F, = 2, v
C
(0

) = 0 V, v
s
(t) = 4(t) + 8 sint u
c
(t) V.
87 Determinare:
a) i parametri z
11
e z
12
();
b) la rappresentazione omogenea 1.
085

1
1
2 3
2




086

1
2




087

1 2
1 2

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, C = 1 F, L = 1 H, = 2,

V
s
V.
88 Determinare:
a) la pulsazione di risonanza dingresso ();
b) il fattore di qualit` a medio alla risonanza.
088

1




089

1 2




090

1
2
3
4

R
1
= 5 , C
1
= 1 F, C = 1 F, L = 2 H.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
74 Prima serie
89 Determinare:
a) le equazioni di stato;
b) il luogo delle radici a parametro e le relative equazioni.
088

1




089

1 2




090

1
2
3
4

R
1
, R
2
, CF, LH. k R
1
_
C
L
,

LC
90 Determinare:
a) la resistenza del bipolo composto resistivo;
b) la condizione sul parametro che d` a luogo a stabilit` a.
088

1




089

1 2




090

1
2
3
4

G
1
S, G
2
S, G
3
S, G
4
S, CF.
91 Determinare:
a) le equazioni ai nodi ();
b) lenergia media del condensatore e dellinduttore.
091

1 2
3
1 2




092





093=092


G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, C = 1 F, L = 1 H, = 1 S, i
s
(t) = cos t + sint A.
92 Determinare:
a) lequazione nella corrente dellinduttore ();
b) levoluzione di tale corrente.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
75
091

1 2
3
1 2




092





093=092


1/LC = 2 s
2
, R/L = 3 s
1
, v
C
(0

) = 0 V, i
L
(0

) = 0 A, i
s
(t) = (t) A.
93 Determinare:
a) la funzione di rete H
i


I
L
/

I
J
;
b) la pulsazione che rende massimo | H
i
| e il valore di tale massimo nellipotesi assegnata.
091

1 2
3
1 2




092





093=092


R, CF, LH.
Ipotesi: 2R
2
C
2
= 3LC.
94 Determinare:
a) le equazioni di stato;
b) lo stato a t = 0
+
.
094





095=094





096


R, CF, LH, v
C
(0

) = 0 V, i
L
(0

) = 0 A, v
s
(t) = H
v

(t) V, i
s
(t) = H
i

(t) A.
95 Determinare:
a) i fasori della tensione del condensatore e della corrente dellinduttore ();
b) lenergia del condensatore e dellinduttore.
094





095=094





096


G = 1 S, C = 1 F, L = 1 H, v
s
(t) = sint V, i
s
(t) = cos t A.
96 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) levoluzione dello stato con ingresso nullo;
c) levoluzione dello stato.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
76 Prima serie
094





095=094





096


G
C
= 5 S, R
L
=
1
3
, C = 2 F, L =
2
3
H, v
C
(0) = 2 V, i
L
(0) = 4 A, v
s
(t) = 4 u(t) V.
97 Determinare:
a) la funzione di rete H
v


V
C
/

V
E
();
b) la pulsazione che rende massimo | H
v
| e il valore di tale massimo;
c) lampiezza della banda passante angolare.
097





098

1
1
2 2




099=098

1
1
2 2

G
C
= 5 S, R
L
=
1
3
, C = 2 F, L =
2
3
H.
98 Determinare:
a) lequazione nella corrente dellinduttore L
1
();
b) levoluzione di tale corrente;
c) gli istanti in cui lenergia dellinduttore ` e minima o massima e i valori di tali minimi o massimi;
d) il diagramma qualitativo di tale energia.
097=096





098

1
1
2 2




099

1
1
2 2

R
1
= 10 , R
2
=
2
5
, L
1
= 4 H, L
2
=
1
6
H, i
L
1
(0

) = 0 A, i
L
2
(0

) = 0 A, i
s
(t) = 10(t) A.
99 Determinare:
a) la funzione di rete H
i


I
L
/

I
J
();
b) la pulsazione che rende massimo | H
i
| e il valore di tale massimo (/fn);
c) le pulsazioni di taglio.
097=096





098

1
1
2 2




099

1
1
2 2
R
1
= 10 , R
2
=
2
5
, L
1
= 4 H, L
2
=
1
6
H.
100 Determinare:
a) il polinomio caratteristico (/fn);
b) gli intervalli di valori di R in cui la qualit` a delle pulsazioni naturali si mantiene invariata e tale qualit` a;
c) il luogo delle radici a parametro e le relative equazioni.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
77
100

1
2
2
1
1 2




101





102

2 2 1 1

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, C = 1 F, L = 1 H, =
8
3
,
2
3
.
101 Determinare:
a) minimo (p
min
) e massimo (p
max
) della potenza istantanea assorbita dal bipolo;
b) gli istanti in cui tali valori sono conseguiti;
c) i diagrammi qualitativi di
p
min
P
_
Q
P
_
e
p
max
P
_
Q
P
_
.
100

1
2
2
1
1 2




101





102

2 2 1 1

P > 0 W, QVAR,

I A.
102 Determinare:
a) il polinomio caratteristico (/fn);
b) i diagrammi qualitativi di

();
c) il luogo delle radici a parametro .
100

1
2
2
1
1 2




101





102

2 2 1 1

01

G
1
C
1
= 2 s
1
,
02

G
2
C
2
= 4 s
1
,


G
1
+ G
2
C
1
+ C
2
= 3 s
1
, G
_
G
1
G
2
G
1
+ G
2
_1
.
103 Determinare:
a) le correnti del doppio bipolo ();
b) la somma delle potenze assorbite dei due resistori (/fn);
c) le resistenze R
1
e R
2
che rendono massima la suddetta somma e il valore di tale massimo;
d) la resistenza R
2
che rende massima la potenza assorbita del solo resistore R
2
e il valore di tale massimo, e, in questa
condizione, la resistenza R
1
che rende massima la somma delle potenze assorbite dei due resistori e il valore di tale
massimo.
103

1 2
2 1 R




104





105

1 2
1 2
2 1 R

Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
78 Prima serie
R
_
r r
m
0 r
_
=
_
2 1
0 2
_
(r > 0, r
2
> r
2
m
), V
s
= 5 V.
104 Determinare:
a) la funzione di rete H
v


V
C
/

V
E
(/fn);
b) levoluzione della tensione del condensatore per i tempi negativi;
c) i valori v
C
(0

), Dv
C
(0

) e v
C
(0
+
), Dv
C
(0
+
);
d) levoluzione della tensione del condensatore per i tempi positivi.
103

1 2
1 2
1 2




104





105

1 2
1 2
1 2

R
L
= 2 , G = 1 S, C = 1 F, L =
1
2
H, v
s
(t) = 5 sin6t V.
105 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Th evenin equivalente al bipolo composto resistivo ();
b) la potenza assorbita del resistore R
1
e la somma delle potenze assorbite dei resistori R
1
e R
2
;
c) le resistenze R
1
e R
2
che rendono massima la suddetta somma e il valore di tale massimo.
103

1 2
2 1 R




104





105

1 2
1 2
2 1 R

R
_
r
11
r
12
r
21
r
22
_
=
_
2 1
1 2
_
(r
11
> 0, r
11
r
22
r
12
r
21
> 0), V
s
1
= 6 V, V
s
2
= 6 V.
106 Determinare:
a) il polinomio caratteristico (/fn);
b) gli intervalli di valori di R in cui la qualit` a delle pulsazioni naturali si mantiene invariata e tale qualit` a;
c) il luogo delle radici a parametro e le relative equazioni.
106

1
2
2
1
1 2




107

1 2




108


G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, C = 1 F, L = 1 H, =
4
3
,
10
3
.
107 Determinare:
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
79
a) la condizione di risonanza dingresso () e la pulsazione di risonanza;
b) lenergia istantanea e media alla risonanza dei singoli componenti conservativi e la somma di tali energie;
c) il fattore di qualit` a medio alla risonanza.
106

1
2
2
1
1 2




107

1 2




108


R = 1 , C = 1 F, L
1
= 2 H, L
2
= 1 H, v
s
(t) = V
s
sin
r
t V
108 Determinare:
a) la pulsazione di risonanza dingresso (/fn);
b) i fasori di tensione e di corrente in base seno e la potenza complessa di tutti i componenti (alla risonanza);
c) la potenza istantanea di tutti i componenti (alla risonanza);
d) lenergia istantanea dei componenti reattivi e relative medie, minimi e massimi e istanti di occorrenza (alla risonanza);
e) la somma delle energie istantanee dei componenti reattivi e relative medie, minimi e massimi e istanti di occorrenza
(alla risonanza).
106

1
2
2
1
1 2




107

1 2




108


R = 1 , C =
1
5
F, L = 1 H, v
s
(t) = V
s
sin
r
t V.
109 Determinare:
a) il polinomio caratteristico e le pulsazioni naturali;
b) levoluzione della tensione del condensatore;
c) il lavoro assorbito dal resistore R
C
in [0, +);
d) il valore di G
C
che rende massimo questo lavoro e il valore di tale massimo;
e) levoluzione della tensione del condensatore corrispondente al suddetto valore di G
C
.
109





110

1
1




111=110

1
1

G
C
S, R
L
= 1 , C =
1
5
F, L = 1 H, v
C
(0) = 0 V i
L
(0) =
1
5
A.
110 Determinare:
a) la condizione di risonanza dingresso () e la pulsazione di risonanza;
b) lenergia media dei componenti reattivi e la potenza attiva dei componenti resistivi ();
c) il fattore di qualit` a medio e il suo valore alla risonanza;
d) la pulsazione che rende minimo il fattore e il valore di tale minimo;
e) il diagramma qualitativo di Q().
109





110

1
1




111=110

1
1

G = 1 S, R
1
= 1 , C =
3
2
F, L = 1 H, L
1
= 1 H,

V
s
V.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
80 Prima serie
111 Determinare:
a) la condizione di risonanza dingresso () e la pulsazione di risonanza;
b) lenergia media dei componenti reattivi e la potenza attiva dei componenti resistivi ();
c) il fattore di qualit` a medio e il suo valore alla risonanza;
d) la pulsazione che rende minimo il fattore e il valore di tale minimo;
e) il diagramma qualitativo di Q().
109





110

1
1




111=110

1
1

G = 1 S, R
1
= 2 , C =
2
3
F, L = 1 H, L
1
= 1 H,

V
s
V.
112 Determinare:
a) levoluzione della tensione del resistore R ();
b) il lavoro assorbito da tale resistore in [0, ) (/fn);
c) la resistenza R che rende massimo questo lavoro e il valore di tale massimo (/fn);
d) il diagramma qualitativo di W
R
(R) normalizzato rispetto allenergia del condensatore a t = 0.
112

1
2




113

1
2
1 2




114

1
2
2 1

R
1
= 16 , R
2
= 9 , C =
1
16
F, v
C
(0) V
0
= 16 V.
113 Determinare:
a) le equazioni ai nodi in funzionamento dinamico ();
b) lequazione nella tensione del resistore R;
c) la funzione di rete H
v


V
R
/

V
E
;
d) levoluzione della tensione del resistore R a regime;
e) la potenza (assorbita) attiva del resistore R in tale condizione.
112

1
2




113

1
2
1 2
1
2
3




114

2 1
1
2

G = 1 S, G
1
= 1 S, G
2
= 3 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, v
s
(t) = 100 cos 2t + 37 sint V.
114 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) la tensione del resistore R come funzione (algebrica) dello stato e dellingresso ();
c) autovalori e autovettori;
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
81
d) levoluzione dello stato e delluscita per i tempi negativi in ipotesi di valori remoti limitati;
e) levoluzione dello stato e delluscita per i tempi positivi;
f) levoluzione dello stato e delluscita.
112

1
2




113

1
2
1 2
1
2
3




114

2 1
1
2

G = 1 S, G
1
= 1 S, G
2
= 3 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, v
s
(t) = 2[1 u(t)] V.
115 Determinare:
a) le equazioni agli anelli in funzionamento dinamico ();
b) lequazione nella corrente del resistore R;
c) levoluzione di tale corrente nellipotesi I;
d) levoluzione di tale corrente nellipotesi II.
115

2 1
1
2
3 1
2




116

1 2
2
1




117


R = 1 , R
1
= 1 , R
2
= 3 , L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, i
L
1
(0

) = 0 A, i
L
2
(0

) = 0 A.
Ipotesi I: i
s
(t) = r(t) A.
Ipotesi II: i
s
(t) = (t) A.
116 Determinare:
a) la funzione di rete H
v


V
ca
/

V
E
();
b) le pulsazioni che rendono minimo o massimo | H
v
| e i valori di tali minimo e massimo;
c) il diagramma qualitativo di | H
v
|();
d) la condizione sui parametri che fa mutare il comportamento del ltro;
e) le pulsazioni di taglio nellipotesi assegnata.
115

2 1
1
2
3 1
2




116

1 2
2
1




117


R
1
, R
2
, C
1
F, C
2
F.
Ipotesi: R
1
= R
2
R, C
1
= C
2
C.
117 Determinare:
a) lequazione nella tensione del resistore;
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
82 Prima serie
b) gli intervalli di valori di R in cui la qualit` a delle pulsazioni naturali si mantiene invariata e tale qualit` a;
c) le pulsazioni naturali agli estremi dei suddetti intervalli;
d) il luogo delle radici a parametro e le relative equazioni.
115

2 1
1
2 3
1
2




116

1 2
2
1




117


GS, CF, LH, LG.
118 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Th evenin equivalente al bipolo composto resistivo (/fn);
b) lequazione nella corrente dellinduttore;
c) levoluzione di tale corrente nellipotesi I;
d) levoluzione di tale corrente nellipotesi II;
e) levoluzione di tale corrente nellipotesi III;
f) levoluzione di tale corrente nellipotesi IV;
g) levoluzione di tale corrente nellipotesi V.
118

1
4
2
3




119

1
4
2
3




120

1 2 3
1 1
1
2 2
2

R
1
= 2 , R
2
= 1 , R
3
= 2 , R
4
= 2 , L = 1 H, i
L
(0

) = 0 A.
Ipotesi I: v
s
(t) =
4
3
sint V.
Ipotesi II: v
s
(t) =
4
3
cos t V.
Ipotesi III: v
s
(t) =
4
3
sint [1 u
c
(t)]
4
3
sint u
c
(t) V.
Ipotesi IV: v
s
(t) =
4
3
cos t [1 u(t)]
4
3
cos t u(t) V.
Ipotesi V: v
s
(t) =
4
3
sint [1 u(t)] +
4
3
cos t u(t) V.
119 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Norton equivalente al bipolo composto resistivo (/fn);
b) lequazione nella tensione del condensatore;
c) levoluzione di tale tensione nellipotesi I;
d) levoluzione di tale tensione nellipotesi II;
e) levoluzione di tale tensione nellipotesi III;
f) levoluzione di tale tensione nellipotesi IV.
118

1
4
2
3




119

1
4
2
3




120

1 2 3
1 1
1
2 2
2

G
1
= 2 S, G
2
= 1 S, G
3
= 2 S, G
4
= 2 S, C = 1 F, v
C
(0) = 0 V.
Ipotesi I: i
s
(t) =
4
3
t A.
Ipotesi II: i
s
(t) =
4
3
[t r(t)] A.
Ipotesi III: i
s
(t) =
4
3
[t + u(t)] A.
Ipotesi IV: i
s
(t) =
4
3
[t r(t) + u(t)] A.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
83
120 Determinare:
a) le equazioni ai nodi nellipotesi che le sorgenti siano isofrequenziali ();
b) i fasori delle tensioni nodali in base seno se opera solo la sorgente di corrente;
c) i fasori delle tensioni nodali in base seno se opera solo la sorgente di tensione;
d) le tensioni nodali nel dominio del tempo se operano entrambe le sorgenti;
e) la potenza attiva assorbita di ciascun resistore e la potenza attiva erogata di ciascuna sorgente;
f) lenergia media di ciascun componente reattivo.
118

1
4
2
3




119

1
4
2
3




120

1 2 3
1 1
1
2 2
2

G
1
= 1 S, R
2
= 1 , C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, v
s
(t) = 14 sin2t 23 cos 2t V, i
s
(t) = 2 sint A.
121 Determinare:
a) le equazioni ai nodi nellipotesi che i diodi siano entrambi in interdizione ();
b) la condizione di univoca risolubilit` a di tale circuito;
c) le tensioni nodali E
1
, E
2
ed E
5
(sotto la condizione di univoca risolubilit` a);
d) le condizioni su I
s
(assunto non nullo) e sui parametri , che rendono valida lipotesi iniziale sui diodi;
e) la regione di validit` a di tale funzionamento nel piano (, ).
121
1 2 3 4 5
1 2 1
1
2
2 3 4
5
1
2

122
1 2
3 4

123=121
1 2 3 4 5
1 2
2
1
1
2
2 3
4

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, G
3
= 1 S, G
4
= 1 S, G
5
= 1 S, I
s
A.
122 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Th evenin equivalente al bipolo composto resistivo di sinistra;
b) la resistenza del bipolo composto resistivo di destra;
c) il valor minimo di i
L
(0) oltre cui il diodo ` e interdetto allistante t = 0;
d) levoluzione della corrente dellinduttore e della tensione del bipolo composto resistivo di destra nellintorno di t = 0
nel caso i
L
(0) sia maggiore del suddetto minimo, e listante terminale di validit` a di tali espressioni;
e) levoluzione delle suddette variabili oltre tale istante;
f) i diagrammi qualitativi di i
L
(t) e di v
R
(t).
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
84 Prima serie
1 2
3 4
R
1
, R
2
, R
3
, R
4
, LH, > 0 , n N

/N

> 0, i
L
(0) = I
0
A, 0 < V
s
V.
123 Determinare:
a) le equazioni ai nodi nellipotesi che i diodi siano entrambi in conduzione ();
b) la condizione di univoca risolubilit` a di tale circuito;
c) le tensioni nodali E
1
ed E
3
(sotto condizione di univoca risolubilit` a);
d) le condizioni su I
s
(assunto non nullo) e sui parametri , che rendono valida lipotesi iniziale sui diodi;
e) la regione di validit` a di tale funzionamento nel piano (, ).
121
1 2 3 4 5
1 2 1
1
2
2 3 4
5
1
2

122
1 2
3 4

123=121
1 2 3 4 5
1 2
2
1
1
2
2 3
4

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, G
3
= 1 S, G
4
= 1 S, G
5
= 1 S, I
s
A
124 Determinare:
a) i parametri della sorgente resistiva di Th evenin equivalente al bipolo composto resistivo;
b) le possibili costanti di tempo del circuito prima e dopo listante di attivazione della sorgente (denotate rispettivamente

e
+
) e le relative condizioni di validit` a;
c) la condizione sui parametri per cui risulta soddisfatto il principio di scomposizione della risposta completa.
124

1 2
3
1
2



125

1 2 3 4 5
1 2
2
1
1
2
2 3
4



126

1 2
3 4
5

R
1
, R
2
, R
3
, R
D
, CF, v
C
(0) = V
0
V, v
s
1
(t) = V
s
1
u(t t
0
) V, v
s
2
(t) = V
s
2
u(t t
0
) V, 0 < t
0
s.
125 Determinare:
a) le equazioni ai nodi nellipotesi che il diodo D
1
sia in conduzione e il diodo D
2
sia in interdizione ();
b) la condizione di univoca risolubilit` a di tale circuito;
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
85
c) le tensioni nodali E
1
, E
3
ed E
4
(sotto condizione di univoca risolubilit` a);
d) le condizioni su I
s
(assunto non nullo) e sui parametri , che rendono valida lipotesi iniziale sui diodi;
e) la regione di validit` a di tale funzionamento nel piano (, ).
121
1 2 3 4 5
1 2 1
1
2
2 3 4
5
1
2

122
1 2
3 4

123=121
1 2 3 4 5
1 2
2
1
1
2
2 3
4

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, G
3
= 1 S, G
4
= 1 S, G
5
= 1 S, I
s
A
126 Determinare:
a) la resistenza del bipolo composto resistivo;
b) levoluzione della tensione del condensatore sino al primo istante di commutazione del diodo e tale istante;
c) levoluzione di tale tensione sino al secondo istante di commutazione del diodo e lequazione che determina tale istante;
d) il diagramma qualitativo di v
C
(t).
124

1 2
3
1
2



125

1 2 3 4 5
1 2
2
1
1
2
2 3
4



126

1 2
3 4
5

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, G
3
= 1 S, G
4
= 1 S, G
5
= 1 S, C = 1 F, v
C
(0) = 0 V, v
s
(t) =

2 sint u
c
(t) V.
127 Determinare:
a) le equazioni ai nodi nellipotesi che il diodo D
1
sia in interdizione e il diodo D
2
sia in conduzione ();
b) la condizione di univoca risolubilit` a di tale circuito;
c) le tensioni nodali E
1
ed E
2
(sotto condizione di univoca risolubilit` a);
d) le condizioni su I
s
(assunto non nullo) e sui parametri , che rendono valida lipotesi iniziale sui diodi;
e) la regione di validit` a di tale funzionamento nel piano (, ).
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
86 Prima serie
121
1 2 3 4 5
1 2 1
1
2
2 3 4
5
1
2

122
1 2
3 4

123=121
1 2 3 4 5
1 2
2
1
1
2
2 3
4

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, G
3
= 1 S, G
4
= 1 S, G
5
= 1 S, I
s
A
128 Determinare:
a) la conduttanza del bipolo composto resistivo (/fn);
b) levoluzione della tensione del condensatore nellipotesi I;
c) levoluzione di tale tensione nellipotesi II;
d) levoluzione di tale tensione nellipotesi III;
e) listante oltre cui, nellipotesi III, tale tensione si mantiene entro una fascia di V del segnale a regime.
127=121
1 2 3 4 5
1 2
2
1
1
2
2 3
4


128
1
2 1 2 G


129
1
2

G
1
= 4 S, G
2
= 2 S, C = 5 F, G
_
g
11
g
12
g
21
g
22
_
=
_
2 1
1 3
_
S, v
C
(0) = 3 V, =
3
100
V.
Ipotesi I: i
s
(t) = sint.
Ipotesi II: i
s
(t) = cos t.
Ipotesi III: i
s
(t) = 5 cos t + 5 sint.
129 Determinare:
a) la conduttanza del bipolo composto resistivo (/fn);
b) levoluzione della tensione del condensatore;
c) il tempo t

necessario perch e tale tensione si mantenga entro una fascia di V dal segnale a regime ( > 0);
d) le fasi del segnale dingresso che rendono minimo o massimo t

, i valori di tali minimi e massimi e il diagramma


qualitativo di t

() nellipotesi I;
e) le fasi del segnale dingresso che rendono minimo o massimo t

, i valori di tali minimi e massimi e il diagramma


qualitativo di t

() nellipotesi II.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
87
127=121
1 2 3 4 5
1 2
2
1
1
2
2 3
4


128
1
2 1 2 G


129
1
2
3

R
1
=
1
2
, R
2
=
1
2
, R
3
= 4 , C = 2 F, n N

/N

= 2, v
s
(t) =

2 sin(t + ) u
a
(t) V.
Ipotesi I: v
C
(0) =
3
2
V.
Ipotesi II: v
C
(0) =
1
2
V.
130 Determinare:
a) la matrice della rappresentazione omogenea 2 del doppio bipolo composto capacitivo;
b) i fasori delle tensioni di porta di tale doppio bipolo;
c) la potenza (assorbita) attiva del resistore R
2
;
d) la capacit` a comune ai tre condensatori che rende massima questa potenza e il valore di tale massimo;
e) le capacit` a diverse dei tre condensatori che rendono massima questa potenza e il valore di tale massimo;
g) i valori di R
2
e che rendono massima questa potenza.
130

1
2
1 2
1 2




131

1 2 2 1
1 2




132

1 2
2 1
1 2 3

R
1
, R
2
, C
1
F, C
2
F, CF,

V
s
V.
131 Determinare:
a) la matrice della rappresentazione omogenea 1 del doppio bipolo composto resistivo ();
b) le equazioni di stato;
c) le tensione v
R
(t);
d) il lavoro assorbito del resistore R nellintervallo [0, +);
e) lequazione che determina i rapporti spire che rendono minimo o massimo tale lavoro;
f) i rapporti spire che rendono minimo o massimo il lavoro e i valori di tali minimi o massimi;
g) il diagramma qualitativo di W
aR
(0, +)(n).
130

1
2
1 2
1 2




131

1 2 2 1
1 2




132

1 2
2 1
1 2 3

G = 1 S, G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, n N
1
/N
2
, L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, i
L
1
(0) = 1 A, i
L
2
(0) = 1 A.
132 Determinare:
a) le equazioni ai nodi ();
b) la funzione di rete H
v


V
R
1
/

V
E
in termini dei parametri normalizzati ();
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
88 Prima serie
c) il valore di H
v
nellipotesi assegnata;
d) il parametro in funzione dei parametri
1
e
2
in tale ipotesi;
e) la regione (se esiste) del I quadrante del piano (
1
,
2
) in cui tale funzionamento ` e realizzabile.
130

1
2
1 2
1 2




131

1 2 2 1
1 2




132

1 2
2 1
1 2 3

G
1
S, G
2
S, C
1
F, C
2
F,
1
R
1
C
1
s,
2
R
2
C
2
s,
m
R
2
C
1
s.
Ipotesi: v
s
(t) = 2 sint V, v
R
1
(t) = cos t sint V.
133 Determinare:
a) lammettenza del bipolo composto alimentato dalla sorgente resistiva di Norton ();
b) i valori di L e C
2
che, per C
1
/C
2
= 4/3, consentono al resistore R di assorbire la potenza disponibile della sorgente
resistiva di Norton;
c) lintervallo di valori di C
1
/C
2
entro cui questo funzionamento ` e realizzabile.
133

1 2




134

1 2 1 2




135

1
2

G =
1
4
S, C
1
F, C
2
F, G
N
=
1
2
S,

I
N
A, = 3 rad/s.
134 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) lo stato a t = 0
+
;
c) levoluzione dello stato;
d) il lavoro assorbito dei resistori R
1
e R
2
nellintervallo [0, +).
133

1 2 1 2




134

1 2 1 2




135

1
2

G = 1 S, G
2
= 1 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, L = 9 H v
C
1
(0

) = 0 V, v
C
2
(0

) = 0 V, i
L
(0) = 0 A, i
s
(t) = (t) A.
135 Determinare:
a) le equazioni di stato ();
b) le pulsazioni naturali;
c) levoluzione dello stato a regime nellipotesi I;
d) levoluzione dello stato nellipotesi II;
e) levoluzione dello stato nellipotesi III.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
89
133

1 2 1 2




134

1 2 1 2




135

1
2

R = 1 , R
2
= 2 , C =
1
4
F, L = 2 H.
Ipotesi I: v
s
(t) = 26 sin2t V.
Ipotesi II: v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A, v
s
(t) = 26 sin2t u
c
(t) V.
Ipotesi III: v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A, v
s
(t) = 26 cos 2t u(t) V.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
90 Prima serie
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 10
Seconda serie
1 Determinare:
a) le equazioni di stato (/fn);
b) levoluzione dello stato.
1 1
2 2

R
1
= 3 , R
2
= 2 , L
1
= 1 H, L
2
= 1 H, i
L
1
(0) = 0 A, i
L
2
(0) = 0 A, v
s
(t) =
_

_
0 t < 0
3 0 < t < 1
0 1 < t.
V.
2 Determinare:
a) le equazioni di stato (/fn);
b) la tensione v
R
C
come funzione (algebrica) dello stato e dellingresso (/fn);
c) levoluzione di tale tensione.

R
E
= 1 , R
L
= 2 , R
C
= 1 , C =
1
2
F, L = 2 H, v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A, v
s
(t) = 2
_
1 e
t
_
u
c
(t) V.
3 Determinare:
a) lammettenza Y
N
dellequivalente di Norton;
b) il segnale

I
N
dellequivalente di Norton.

L
1
H, L
2
H, MH,

I
s
A, YS.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
92 Seconda serie
4 Determinare:
a) la conduttanza del bipolo composto resistivo in parallelo al risonatore LC (/fn);
b) il vincolo sul parametro che rende non smorzato il circuito (/fn);
c) la pulsazione e lampiezza delle oscillazioni di tensione del condensatore in tale ipotesi.
1
2
3

G
1
= 1 S, G
2
= 1 S, G
3
= 1 S, CF, LH, n N

/N

= 2, , v
C
(0) = V
0
V, i
L
(0) = I
0
A.
5 Determinare:
a) le equazioni di stato (/fn);
b) le pulsazioni naturali nellipotesi assegnata (/fn).
3
1 2

G
1
S, G
2
S, G
3
S, L
1
H, L
2
H, MH.
Ipotesi: G
1
= G
2
G, L
1
= L
2
L.
Ipotesi: G
1
= G
2
= 1 S, G
3
= 2 S, L
1
= L
2
= 2 H, M = 1 H.
6 Determinare:
a) la funzione di rete H
v


V
R
2
/

V
E
(/fn);
b) le pulsazioni di taglio
t
e la pulsazione centrale
c
;
c) i diagrammi qualitativi di | H
v
|() e H
v
().
1 1 2 2 ! "
! "

R
1
= 1 , R
2
= 10 , C
1
=
1
100
F, C
2
=
1
10
F, =
1
1000
, = 100.
7 Determinare:
a) la condizione di risonanza dingresso (/fn);
b) il fattore di qualit` a medio (/fn).

G = 2 S, C = 1 F, L
1
= 2 H, L
2
= 1 H, M = 1 H.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
93
8 Determinare:
a) la condizione di risonanza dingresso (/fn);
b) il fattore di qualit` a medio alla risonanza (/fn).

G =
1
3
S, C = 1 F, L
1
= 2 H, L
2
= 1 H, M = 1 H.
9 Determinare:
a) la potenza (assorbita) attiva del resistore R
L
;
b) il rapporto spire n N

/N

e la capacit` a C che rendono massima la suddetta potenza;


c) il valore di tale massimo.

R
T
=
1
2
, R
L
= 2 G
C
= 2 S, L = 2 H,

V
T
= 4 V, = 1 rad/s.
10 Determinare:
a) i vincoli sui parametri che rendono non smorzato il circuito;
b) la pulsazione e lampiezza delle oscillazioni di tensione del condensatore in tale ipotesi.

G
C
S, R
L
, LH, CF, S, v
C
(0) = V
0
V, i
L
(0) = 0 A.
11 Determinare:
a) la matrice di conduttanza G della restrizione a doppio bipolo del quadripolo;
b) la potenza P
Rc
.
1 2
c

R = 1 , = 2, R
c
= 3 , V
s
= 18 V.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
94 Seconda serie
12 Determinare:
a) i valori i
L
1
(0), i
L
2
(0) in ipotesi di regime a t = 0 (/fn);
b) le tensioni v
R
1
(t), v
R
2
(t), v
R
3
(t) (/fn) e i relativi diagrammi qualitativi.
1
1
2
2
3

V
s
= 1 V, R
1
= 1 , R
2
= 1 , R
3
= 1 , L
1
= 1 H, L
2
= 1 H.
13 Determinare:
a) i valori della capacit` a che annullano la potenza reattiva del componente composto a valle della sorgente resistiva di
Th evenin (/fn);
b) lintervallo di pulsazioni in cui tale funzionamento ` e realizzabile (/fn);
c) la potenza (assorbita) attiva del componente composto per tale scelta della capacit` a.

R
T
=
2
3
, R = 1 , G
C
= 1 S, L = 4 H,

V
T
= 2 V, = 1 rad/s.
14 Determinare:
a) le equazioni di stato valide per tempi negativi (/fn);
b) le equazioni di stato valide per tempi positivi (/fn);
c) levoluzione dello stato nellipotesi I;
d) levoluzione dello stato nellipotesi II.
1 2
2 1

G
1
= 2 S, G
2
= 3 S, C
1
= 1 F, C
2
= 1 F, v
s
(t) = 10 V.
Ipotesi I: v
C
1
(0) = 5 V.
Ipotesi II: v
C
1
(0) = 10 V.
15 Determinare:
a) la funzione di rete H
v


V
R
2
/

V
E
;
b) la banda passante B

;
c) lequazione dierenziale in v
R
2
;
d) i valori v
R
2
(0
+
) e Dv
R
2
(0
+
);
e) la tensione v
R
2
(t) nellipotesi di radici reali e distinte.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
95
1 2

G
1
S, G
2
S, CF, LH, v
C
(0) = 0 V, i
L
(0) = 0 A, v
s
(t) = u(t) V.
16 Determinare:
a) la potenza (assorbita) attiva del resistore R (/fn) e il relativo rendimento (/fn);
b) il valore di capacit` a (/fn) che rende massima la potenza, tale massimo e il corrispondente rendimento;
c) il valore di capacit` a che rende massimo il rendimento (/fn), tale massimo e la corrispondente potenza.

R
T
= 2 , R = 1 , L = 1 H,

V
T
= 3 V, = 1 rad/s.
17 Determinare:
a) la potenza attiva P
Rc
;
b) il valore X
a
0
di X
a
che rende massima P
Rc
;
c) il valore P
Rc
(X
a
0
);
d) il diagramma qualitativo di P
Rc
(X
a
).
s
c
a a
a
R
s
, R
c
,

V
s
V, R
a
= 0 .
18 Determinare:
a) la potenza P
Rc
(/fn);
b) il valore n

di n
N
1
N
2
che rende massima P
Rc
(/fn);
c) il valore P
Rc
(n

);
d) il diagramma qualitativo di P
Rc
(n).
c
s
r

V
s
= 1 V, G
s
= 8 S, G
r
= 1 S, G
c
= 3 S.
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
96 Seconda serie
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 11
Soluzioni del Capitolo 9
1
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

G
C
C

1
C
1
L

R
L
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
b) v
C
(t) =
1
4
_
5 e
t
e
2t
_
V
i
L
(t) =
1
2
_
5 e
t
3 e
2t
_
A
2
a)
_

_
1
R
C
2
+
1
j C
2
+ G
C
1
+ j C
1
G
C
1
j C
1
0
G
C
1
j C
1
G
C
1
+ j C
1
+
1
R
L
1
+ j L
1

1
R
L
1
+ j L
1
0
1
R
L
1
+ j L
1
1
R
L
2
+
1
j L
2
+
1
R
L
1
+ j L
1
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
=
_

_
0

I
J

I
J
_

_
_

_
3
2
+ j
3
2
1 j 0
1 j
3
2
+ j
1
2

1
2
+ j
1
2
0
1
2
+ j
1
2
3
2
j
3
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
=
_

_
0
10 e
j /4
10 e
j /4
_

_
b)

E
1
=
20
3
e
j /4
V

E
2
= 10 e
j /4
V

E
3
=
10
3
e
j /4
V
e
1
(t) =
20
3
cos
_
t +

4
_
V e
2
(t) = 10 cos
_
t +

4
_
V e
3
(t) =
10
3
cos
_
t

4
_
V
3
a) v
s
(t) = V
s
1
u(t) V
s
1
u(t t
1
) + V
s
2
u(t t
2
) V
b) v
C
(t) = V
s
1
_
1 e

t
RC
_
u
c
(t) V
s
1
_
1 e

tt
1
RC
_
u
c
(t t
1
) + V
s
2
_
1 e

tt
2
RC
_
u
c
(t t
2
) V
c) v
C
(t) =
1
RC
_
V
s
1
e

t
RC
u(t) V
s
1
e

tt
1
RC
u(t t
1
) + V
s
2
e

tt
2
RC
u(t t
2
)
_
V
4
a)
_

I
1

I
2
_

_
=
_

_
1
R
L
+ j L
+
1
R
C
+
1
j C

1
R
C
+
1
j C

1
R
C
+
1
j C
+

R
L
+ j L
1
R
C
+
1
j C
_

_
_

V
1

V
2
_

_
+
_

1
R
C
+
1
j C
1
R
C
+
1
j C
_

V
s
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
98 Soluzioni del Capitolo 9
b)
_

V
1

V
2
_

_
=
_

_
1 + j
2
1 + j
2
j 1
_

_
_

I
1

I
2
_

_
0
1
_

V
s
5
a) D
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
=
_

_
1
L
1
_
R +
R
1
(R
2
+ R
3
)
R
1
+ R
2
+ R
3
_
1
L
1
_
R +
R
1
R
2
R
1
+ R
2
+ R
3
_
1
L
2
_
R +
R
1
R
2
R
1
+ R
2
+ R
3
_
1
L
2
_
R +
R
1
(R
2
+ R
3
)
R
1
+ R
2
+ R
3
_
_

_
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
b) i
L
1
(t) =
1
2
_
(I
01
I
02
) e

t
3
+(I
01
+ I
02
) e
3t
_
A
i
L
2
(t) =
1
2
_
(I
02
I
01
) e

t
3
+(I
02
+ I
01
) e
3t
_
A
6
a) v
R
(t) = RC
_
1 e

t
RC
_
u
c
(t) V
b) v
s
(t) =
V
s
t
0
t u
c
(t) 2V
s
u
c
(t t
0
)
V
s
t
0
(t 2t
0
) u
c
(t 2t
0
) V
c) v
R
(t) =
V
s
t
0
RC
_
1 e

t
RC
_
u
c
(t) 2V
s
e

tt
0
RC
u
c
(t t
0
)
V
s
t
0
RC
_
1 e

t2t
0
RC
_
u
c
(t 2t
0
) V
7
a)
r
=
_
1
LC

G
2
C
C
2
= 8 rad/s
b) Q
r
= 1
8
a) G
in
=
1
h
11

h
12
h
21
h
22
+ G
S
b) Regione a G
in
> 0 in chiaro (verde).
0
0
h
12
h
21
Equazione della curva di separazione: h
12
h
21
= h
11
(h
22
+ G).
9
a)
_

_
R
1
+
1
j C
1

1
j C
1

1
j C
1
R
2
+
1
j C
1
+
1
j C
2
_

_
_

J
1

J
2
_

_
=
_

V
E
0
_

_
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
99
b) H
v
(j ) =
1
1
2
R
1
C
1
R
2
C
2
+ j (R
1
C
1
+ R
2
C
2
+ R
1
C
2
)
c) B
p
=
_

53 7
2
1
RC

7
7
1
RC
rad/s
10
a)

I
s
1
= I
s
1
e
j
1
A

I
s
2
= I
s
2
e
j (
2

2
)
A

I
s
3
= I
s
3
e
j
3
A
b)
_

_
1
R
1
+ j L
1
+
1
R
2
+ j L
2

1
R
2
+ j L
2

1
R
2
+ j L
2
G + j C +
1
R
2
+ j L
2
_

_
_

E
1

E
2
_

_
=
_

I
J
1
+

I
J
3

I
J
2


I
J
3
_

_
c) (R
1
+ j L
1
)

I
s
1

1
G + j C

I
s
2
+
_
R
1
+ j L
1
+
1
G + j C
_

I
s
3
= 0
11
a) Caratteristica esterna.
0
0
v
i
V
s
1
V
s
1
R
1
b) v =
3
2
V
s
1
V
c) P
eE
1
= 0 W
12
a) Dv
C
+
1
(R
J
+ R
C
)C
v
C
=
R
J
(R
J
+ R
C
)C
i
J
b) v
C
(t) = R
J
_
1 e

t
(R
J
+R
C
)C
_
u
c
(t) V
c) v
C
(t) = R
J
I
s
__
1 e

tt
1
(R
J
+R
C
)C
_
u
c
(t t
1
)
_
1 e

tt
2
(R
J
+R
C
)C
_
u
c
(t t
2
)
_
V
13
a) y
11
= G
2
+
G
1
(1
2
LC)
1
2
LC + j LG
1
S y
12
= G
2

G
1
1
2
LC + j LG
1
S
y
21
= G
2

G
1
1
2
LC + j LG
1
S y
22
= G
2
+
G
1
+ j C
1
2
LC + j LG
1
S
b) Y
in
= y
11

y
12
y
21
y
22
+ Y
S
14
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
100 Soluzioni del Capitolo 9
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

1
(R
C
+ R
L
)C
R
L
(R
C
+ R
L
)C

R
L
(R
C
+ R
L
)L

R
C
R
L
(R
C
+ R
L
)L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
1
(R
C
+ R
L
)C
R
L
(R
C
+ R
L
)L
_

_
v
E
b) v
R
C
=
R
C
R
C
+ R
L
(v
C
+ R
L
i
L
+ v
E
)
c) v
C
=
1
(R
C
+ R
L
)C
V i
L
=
R
L
(R
C
+ R
L
)L
A v
R
C
=
R
C
(R
C
+ R
L
)
2
_

1
C
+
R
2
L
L
_
V
15
a)
r
=
1

LC R
2
C
2
rad/s
b) P
R
=
1
2
RC
L
V
2
s
W
c) Q
r
=
1

r
RC
=
_
L
R
2
C
1
16
a) V
T
=
R
4
R
2
R
3
+ R
4
V
s
V R
T
= R
1
+ R
2
+ R
3
R
4
R
2
R
3
+ R
4

b) I
N
=
(R
4
R
2
)
(R
1
+ R
2
)(R
3
+ R
4
) + R
3
(R
4
R
2
)
V
s
A
17
a)
_

_
G +
1
R
L
+ j L
G
1
R
L
+ j L
G G + G
C
+ j C 0

1
R
L
+ j L
0
1
R
L
+ j L
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

_
0
0

I
cc
_

_
=
_

I
J
1


I
J
2

I
J
2

I
J
1
_

E
3
= 0
b)

I
cc
=
(R
L
+ j L)

I
J
1
+
1
G

I
J
2
R
L
+ j L +
1
G
+
1
G
C
+ j C
A
c)
r
=
1

LC
_
(G + G
C
)
2
L G
3
R
2
L
C
G
3
L C
rad/s
18
a) V
T
=
R
1
R
1
+ R
3
V
s
1
V R
T
= R
3
R
1
+
R
1
+ R
3

b) V =
3
8
V
s
1
V
19
a) Dv
C
+
_
1
R
1
+ R
2
+
1
R
3
_
1
C
v
C
=
R
1
(R
1
+ R
2
)C
i
J
b) v
C
(t) =
R
1
(R
1
+ R
2
)C
e

_
1
R
1
+R
2
+
1
R
3
_
t
C
u(t) V
c) t =
1
2
(R
1
+ R
2
)R
3
R
1
+ R
2
+ R
3
Cln2 s
20
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
101
a) D
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
=
1
R
1
R
2
+ R(R
1
+ R
2
)
_

R + R
2
C
1
R
C
1
R
C
2

R + R
1
C
2
_

_
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
b)

=
1
R

C
rad/s
+
=
1
(R

+ 2R)C
rad/s
c) v
R
(t) =
R
R

+ 2R
(V
01
+ V
02
) e

t
(R

+2R)C
V
21
a)
r
= 2 rad/s
b) P
R
=
1
4
|

I
s
|
2
W
c) Q
r
=
3
2
22
a) r
11
= R
1
+ (1 + )(1 + )R
2
r
12
= (1 + )R
2

b) r
21
= (1 + )R
2
r
22
= R
2

23
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
1
R
C
+ R
L
_

1
C

R
L
C
R
L
L

R
C
R
L
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
b) R
C
=
1
R
L
L
C
2
_
L
C

c) =
1
L
R
L

LC
rad/s
24
a) Caratteristica esterna.
0
0
v
i
V
s
V
s
V
s
R
3 V
s
R

b) i =
V
s
R
A
c) v V
s
V
25
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

G
C
1
C

1
L
0
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
0
1
L
_

_
v
E
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
102 Soluzioni del Capitolo 9
b) v
C
(t) = 2
_
2 e
t
+e
2t
+1
_
u
c
(t) V
i
L
(t) = 2
_
4 e
t
+e
2t
+3
_
u
c
(t) A
c) W
R
(0, +) = 1 J
26
a) H
v
(j ) =
(1 + j RC)
2
1
2
R
2
C
2
+ j 3RC
b) =
1
RC
rad/s | H
v
|
_
j
1
RC
_
=
2
3
c) Diagramma di | H
v
|().
0
0
2
3
1
3
2

H
v

RC
27
a) h
11
=
1
G + G
1
h
12
=
G + G
1
G + G
1
b) h
21
=
G + G
1
G + G
1
h
22
= G
2
+ (1 )(1 + )
GG
1
G + G
1
S
28
a) Caratteristiche nel piano (v
1
, i
1
) a parametro v
2
.
2 0 5 10
2
0
5
10
i
1
v
1
v
2
8
v
2
4
v
2
0
v
2
4
v
2
8
b) i
1
= 10 A
c) i
1
= 0 A
29
a) H
i
(j ) =

2
LC
1
2
LC + j RC
b)
t
=
_

2 + 1 1, 5537 rad/s
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
103
c) B
p
= 2
_
7 +

15
17
2
_
7

15
17
0, 73 rad/s
30
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

G
C
+ G
L
C
1
C

1
L
0
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
G
L
C
1
L
_

_
v
E
b) v
C
(t) =
_

1
2
e
t

1
2
e
2t
+1
_
u
c
(t) V
i
L
(t) =
_
e
t

1
2
e
2t
+
3
2
_
u
c
(t) A
c) v
C
(t) =
_
e
2t
+1
_
u
c
(t) V
i
L
(t) =
_
e
2t
+1
_
u
c
(t) A
31
a) I
N
=
h
21
R
h
11
+ R
I
s
A G
N
= h
22

h
12
h
21
h
11
+ R
S
b) P
R
=
G

h
2
21
R
2
[(h
22
+ G

)(h
11
+ R) h
12
h
21
]
2
I
2
s
W
32
a) H
v
(j ) =
G(1
2
LC) + j C
(G + G
1
)(1
2
LC) + j C
b) =
1

LC
rad/s
c)
G
1
G
>

2 1
33
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

_
0
1
C

1
L

RR
1
(R + R
1
)L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
0
R
(R + R
1
)L
_

_
v
E
b) i
R
1
(t) =
_
e
t
sint +
1
2
_
u(t) A
c) i
R
1
(t) =
_
e
(tt
0
)
sin(t t
0
) +
1
2
_
V
s
u(t t
0
) A
34
a)
_

_
0 0 0 0 0
0 G
1
G
1
0 0
0 G
1
G
1
+ G
2
0 0
0 0 0 G
3
+ G
4
G
4
0 0 0 G
4
G
4
_

_
_

_
E
1
E
2
E
3
E
4
E
5
_

_
+
_

_
I
E
+ I
E
+ I
S
I
S
I
S
+ I
E
I
E
I
E
_

_
=
_

_
0
0
0
I
J
0
_

_
E
1
= V
E
I
S
= 0
E
1
E
5
= E
3
E
1
E
2
= 0
I
E
= I
S
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
104 Soluzioni del Capitolo 9
b)
_

_
R
1
+ R
2
R
2
0 0 R
1
R
2
R
2
0 0 0
0 0 R
3
R
3
0
0 0 R
3
R
3
0
R
1
0 0 0 R
1
+ R
4
_

_
_

_
J
1
J
2
J
3
J
4
J
5
_

_
+
_

_
V
S
V
S
V
S
+ V
E
V
J
V
S
+ V
E
V
E
_

_
=
_

_
V
E
0
0
0
0
_

_
J
4
= I
J
I
S
= 0
V
E
= V
S
V
S
= 0
J
3
J
5
= (J
1
J
5
)
c) 7V
s
+ I
s
= 0
35
a) D
2
v
C
1
+
_
G
1
C
1
+
G
2
C
2
+
G
2
C
1
_
Dv
C
1
+
G
1
G
2
C
1
C
2
v
C
1
=
G
2
C
1
C
2
i
J
+
1
C
1
Di
J
b) v
C
1
(t) =
11
5
_
2 e
6t
+3 e
t
_
[1 u
c
(t)] +
_
8 e
6t
+2 e
t
+1
_
u
c
(t) V
c) v
C
1
(t) =
11
5
_
2 e
6t
+3 e
t
_
[1 u(t)] +
1
5
_
54 e
6t
+16 e
t
_
u(t) V
36
a) Z
m
1
(j ) =
2 + j
6
2
+ j 7

b) Z
m
2
(j ) =
2
6
2
+ j 7

c) =

6 rad/s
37
a) V
T
() =
1
5 3
V R
T
() =
3
5 3

b) Diagrammi di V
T
() e R
T
().
4 4 1 0
5
3
1
1
0
1
5
1
3

V
T
4 4 0
5
3
3
1
1
0
3
5
1
3

R
T
38
a) D
_

_
i
L
1
i
L
1
_

_
=
_

R
1
+ R
2
L
1

R
2
L
1

R
2
L
2

R
2
L
2
_

_
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
b) i
L
1
(t) = e
t
+3 e
3t
A
i
L
2
(t) = 2 e
t
+6 e
3t
A
c) W
R
1
(0, +) =
3
4
J
W
R
2
(0, +) =
37
4
J
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
105
39
a) H
v
(j ) =
1
1
2
LC + j LG
b)
LG
2
C
> 2
c)
LG
2
C
< 2

2
40
a) h
11
=
1
(1 )G
1
+ G
2
h
12
=
G
2
(1 )G
1
+ G
2
b) h
21
=
G
1
G
2
(1 )G
1
+ G
2
h
22
=
G
1
G
2
(1 )G
1
+ G
2
S
41
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

_
1
R
C
+
1
R + R
L
_
1
C

R
L
R + R
L
1
C
R
L
R + R
L
1
L

RR
L
R + R
L
1
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
b) v
C
(t) = 2 e
t
+3 e
2t
V
i
L
(t) = 2 e
t
e
2t
A
c) R
L
W
R
L
(0, +) =
1
3
J
42
a)
r
=
_
1
LC

R
2
L
L
2
rad/s
b) P =
1
2
_
G
C
+
R
L
C
L
_
|

V
s
|
2
W
c) Q
r
=
_
LC R
2
L
C
2
LG
C
+ R
L
C
43
a)
_

_
j C
1
j C
1
0
j C
1
j C
1
+
1
j L
2
+
1
R
1
+ j L
1

1
R
1
+ j L
1
0
1
R
1
+ j L
1
G
2
+ j C
2
+
1
R
1
+ j L
1
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
=
_

I
J
1


I
J
2
0

I
J
2
_

_
b) v
C
1
(t) = 0 V v
C
2
(t) =
2
3
cos t +
1
3
sint V
44
a) D
2
i
L
1
+
_
R
1
L
1
+
R
2
L
1
+
R
1
L
2
_
Di
L
1
+
R
1
R
2
L
1
L
2
i
L
1
=
R
1
L
1
L
2
v
E
+
R
1
R
2
L
1
L
2
i
J
+
R
1
+ R
2
L
1
Di
J
b) i
L
1
(t) =
3
4
_
27 e
t
7 e
3t
_
u(t) A
c) i
L
1
(0

) = 15 A i
L
2
(0

) = 66 A
45
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
106 Soluzioni del Capitolo 9
a) V
T
=
R
1
+ nR
2
R
1
+ n
2
R
2
V
s
V R
T
=
R
1
R
2
R
1
+ n
2
R
2

b) n = 1 P
R
(1) =
75
2
W
46
a)
_

_
R
1
+ R
2
+ j L
1
+
1
j C
1
+
1
j C
2
R
2

1
j C
2
R
2
R
2
+ j L
2
+
1
j C
3

1
j C
3

1
j C
2

1
j C
3
R
3
+ j L
3
+
1
j C
2
+
1
j C
3
_

_
_

J
1

J
2

J
3
_

_
=
_


V
E
0
0
_

_
b)

J
1
= 13 j A
c) Z
in
(j 1) =
13 j
5

47
a) D
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
=
_

R
1
L
1

R
1
L
1

R
1
L
2

R
1
+ R
2
L
2
_

_
_

_
i
L
1
i
L
1
_

_
+
_

_
1
L
1
1
L
2
_

_
v
E
(t)
b) i
L
1
(t) =
_

1
4
e
2t

1
12
e
6t
+
1
3
_
u
c
(t) A
i
L
2
(t) =
1
12
_
e
2t
e
6t
_
u
c
(t) A
c) t = +s t =
1
4
ln3 s
48
a)
r
=
_
1
LC

R
2
L
L
2
rad/s
b) Q
r
=
_
LC R
2
L
C
2
LG
C
+ R
L
C
=
3
5
c) Diagramma di Q
r
(R
L
).
0 1
0
5
R
L
Q
r
49
a) V
T
= [R
1
+ R
2
R
1
(R
2
+ R
3
)]I
s
+ V
s
V R
T
= R
1
+ R
2
+ R
3
R
1
(R
2
+ R
3
)
b) I
N
=
[R
1
+ R
2
R
1
(R
2
+ R
3
)]I
s
+ V
s
R
1
+ R
2
+ R
3
R
1
(R
2
+ R
3
)
A
50
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
107
a)
_

_
j C
2
+
1
j L
2
0 j C
2
0 0 0
0 G
1
+
1
j L
1

1
j L
1
G
1
0 0
j C
2

1
j L
1
j C
1
+ j C
2
+
1
j L
1
+
1
R
2
+
1
j C
3
j C
1
0 0
0 G
1
j C
1
G
1
+ j C
1
+
1
j L
3

1
j L
3
0
0 0 0
1
j L
3
1
j L
3
0
0 0 0 0 0 G
3
_

_
_

E
1

E
2

E
3

E
4

E
5

E
6
_

_
+
+
_

I
E

I
E
0
0

I
S

I
S
_

_
=
_

_
0
0

I
J
0
0

I
J
_

E
5


E
6
= 0

E
2


E
1
=

I
S
b)

E
1
= 0 V

E
2
=

E
3
=
G
1
G
1
+ G
3
G
1
G
3

I
s
V

E
4
=

E
5
=

E
6
=
1 + G
1
G
1
+ G
3
G
1
G
3

I
s
V
c)

E
1
=

E
2
=

E
3
=

E
4
= R
2

I
s
V

E
5
=

E
6
= R
2

I
s
V
51
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

1
(R
1
+ R
2
)C
1
C

1
L

R
3
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

R
2
(R
1
+ R
2
)C
R
3
L
_

_
i
J
b) v
C
(t) =
4
5
_
(cos t + 12 sint) e
7t
+1
_
u
c
(t) V
i
L
(t) =
1
10
_
(9 cos t + 37 sint) e
7t
+9
_
u
c
(t) A
c) v
C
(t) = 4 (cos t + 17 sint) e
7t
u(t) V
i
L
(t) = 5 (2 cos t 5 sint) e
7t
u(t) A
52
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

1
R
3
C

1
C
1
L

R
1
R
2
(R
1
+ R
2
)L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
1
R
3
C

R
1
(R
1
+ R
2
)L
_

_
v
E
b) v
C
(t) = v
r
C
(t)
1
250
_
(13 cos t 134 sint) e
7t
13 + 225t
_
u
c
(t) V
i
L
(t) = i
r
L
(t)
1
125
_
(38 cos t + 166 sint) e
7t
38 + 100t
_
u
c
(t) A
c) v
s
(t) =
V
s
1
t
1
[r(t) r(t t
1
)] (V
s
1
V
s
2
) u(t t
1
) +
_
V
s
1
t
1
t
2
V
s
2
_
u(t t
2
) +
V
s
1
t
1
r(t t
2
) V
d) v
C
(t) =
V
s
1
t
1
[v
r
C
(t) v
r
C
(t t
1
)] (V
s
1
V
s
2
)Dv
r
C
(t t
1
) +
_
V
s
1
t
1
t
2
V
s
2
_
Dv
r
C
(t t
2
) +
V
s
1
t
1
v
r
C
(t t
2
) V
i
L
(t) =
V
s
1
t
1
[i
r
C
(t) i
r
C
(t t
1
)] (V
s
1
V
s
2
)Di
r
C
(t t
1
) +
_
V
s
1
t
1
t
2
V
s
2
_
Di
r
C
(t t
2
) +
V
s
1
t
1
i
r
C
(t t
2
) A
53
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
108 Soluzioni del Capitolo 9
a)

I
N
=
_
G
1
+
G
2
1
2
LC + j LG
2
_

V
s
=
1
2
j A Y
N
= G
1
+
1
j L +
1
G
2
+ j C
= 1 j S
b) | Y| =

2 1, 41 S
c) Y = arctan
2

5
0, 729 rad 41, 8

54
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

1
R
1
C
1
C
1
L

R
2
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
1
R
1
C
0
_

_
v
E
b) v
C
(t) = 2
_
e
2t

4
3
e
3t
+
1
3
_
u
c
(t) V
i
L
(t) = 2
_
e
2t
+
2
3
e
3t
+
1
3
_
u
c
(t) A
c) v
C
(t) =
_
e
2t
+
8
9
e
3t
+
2
3
t +
1
9
_
u
c
(t) V
i
L
(t) =
_
e
2t

4
9
e
3t
+
2
3
t
5
9
_
u
c
(t) A
55
a)
_

_
R
1
+ R
2
+ j L
1
+ j L
2
j L
2
R
2
j L
2
R
3
+ j L
2
+
1
j C
1
+
1
j C
2

1
j C
1
R
2

1
j C
1
R
2
+ R
4
+
1
j C
1
_

_
_

J
1

J
2

J
3
_

_
=
_


V
E
1

V
E
1


V
E
2


V
E
3
_

_
b)

J
1
= 2 A
c) e
12
(t) = 2 cos t + 2 sint V
56
a) D
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
=
_

_
(1 )G
1
+ G
2
C
1
G
2
C
1
G
2
G
1
C
2
G
2
L
_

_
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
+
_

_
(1 )G
1
+ G
2
C
1
G
2
G
1
C
2
_

_
v
E
b) D
2
v
R
1
+ Dv
R
1
+ v
R
1
= Dv
E
+ D
2
v
E
c) D
2
v
R
2
+ Dv
R
2
+ v
R
2
= 2Dv
E
+ D
2
v
E
57
a)
_

_
G
3
+
1
R
1
+ j L

1
R
1
+ j L
G
3

1
R
1
+ j L
G
2
+ G
4
+ j C +
1
R
1
+ j L
(G
2
+ j C)
G
3
(G
2
+ j C) G
2
+ G
3
+ G
5
+ j C
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E
0
0
_

_
=
_

_
0
0
0
_

E
1
=

V
E
_

_
3 j
2

1 j
2
1

1 j
2
5 + j
2
(1 + j )
1 (1 + j ) 3 + j
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E
0
0
_

_
=
_

_
0
0
0
_

E
1
= 14 + j 4
b) e
2
(t) = 6 cos t V e
3
(t) = 7 cos t sint V
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
109
58
a) D
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
=
_

G
1
+ G
2
C
1
G
2
C
1
G
2
C
2

G
2
C
2
_

_
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
+
_

_
G
1
C
1
0
_

_
v
E
b) v
R
2
(t) =
3
5
_
e
t
e
6t
_
u
c
(t) V
59
a)
_

_
R
1
+ j L
1
+
1
j C
1
j L
1
R
1
j L
1
R
2
+ j L
1
+ j L
2
+
1
j C
2

1
j C
2
R
1

1
j C
2
R
1
+ R
2
+ j L
3
+
1
j C
2
+
1
j C
3
_

_
_

J
1

J
2

J
3
_

_
=
_

V
E
0
0
_

_
b) e
12
(t) = sint + 7 cos t V
60
a) D
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
=
_

R
1
L
1

R
1
L
1

R
1
L
2

R
1
+ R
2
L
2
_

_
_

_
i
L
1
i
L
1
_

_
+
_

_
1
L
1
1
L
2
_

_
v
E
b) i
L
1
(t) =
1
5
_
3 e
2t
+2 e
12t
_
u(t) A
i
L
2
(t) =
1
5
_
e
2t
+6 e
12t
_
u(t) A
61
a)
_

_
G
3
+ G
4
+
1
R
1
+ j L
1

1
R
1
+ j L
1
G
4

1
R
1
+ j L
1
G
2
+ j C
2
+
1
j L
2
+
1
R
1
+ j L
1
G
2
G
4
G
2
G
2
+ G
4
+ j C
1
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
=
_

_
0
0

I
E
_

_
b) e
31
(t) = sint V
62
a) D
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
=
_

_
R
1
L
1
R
1
L
1
R
1
L
2
R
1
+ R
2
L
2
_

_
_

_
i
L
1
i
L
1
_

_
+
_

_
1
L
1
1
L
2
_

_
v
E
b) i
L
1
(t) =
_
1
5
e
2t
+
1
220
e
12t
+
1
4

5
11
e
t
_
u
c
(t) A
i
L
2
(t) =
_

1
10
e
2t
+
1
110
e
12t
+
1
11
e
t
_
u
c
(t) A
63
a)
_

_
G
1
+ G
2
+
1
j (L
1
+ L
2
)
G
1
G
2
G
1
G
1
+ G
4
+ j
C
1
C
2
C
1
+ C
2
j
C
1
C
2
C
1
+ C
2
G
2
j
C
1
C
2
C
1
+ C
2
G
2
+ G
3
+ j
C
1
C
2
C
1
+ C
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
=
_

I
J
0
0
_

_
b) Z(j ) =
10
2
+ j 25
25 21
2
+ j 60

Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
110 Soluzioni del Capitolo 9
64
a)
_

_
G
1
+
1
R
2
+ j L
2
0 0
1
R
2
+ j L
2
0 j C
2
j C
2
0
0 j C
2
j C
2
+
1
j L
1
0

1
R
2
+ j L
2
0 0 j C
1
+
1
R
2
+ j L
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3

E
4
_

_
+
_

I
S

I
S

I
E

I
E
_

_
=
_

I
E
0
0
0
_

E
1


E
2
= 0

I
E
=

I
S
b) v
R
2
(t) = 0 V
65
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

G
1
C

1
C
1
L

R
2
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
1
C
R
2
L
_

_
i
J
b) v
C
(t) =
5
3
sin
3
2
t e
3t
I
s
u
c
(t) V
i
L
(t) =
_

_
cos
3
2
t +
4
3
sin
3
2
t
_
e
3t
+1
_
I
s
u
c
(t) A
66
a) D
2
i
L
+
_
R
1
L
+
G
2
C
_
Di
L
+
1 + R
1
G
2
LC
i
L
=
1
L
Dv
E
b) i
L
(t) =
2
3
_
2 e
2t
+5 e
5t
_
u(t) A
67
a)
_

_
R
1
+ R
2
+ j L
1
R
2
j L
1
0
R
2
R
2
+ j L
2
+
1
j C
2

1
j C
2
0
j L
1

1
j C
2
j L
1
+
1
j C
1
+
1
j C
2

1
j C
1
0 0
1
j C
1
1
j C
1
_

_
_

J
1

J
2

J
3

J
4
_

_
+
_


V
E
0

V
E

V
S
_

_
=
_

V
E
0
0
0
_

J
4
= 0

V
E
=

V
S
b) E
C
1
= 0 J E
C
2
=
1
4
J E
L
1
=
1
4
J E
L
2
=
1
4
J
68
a) D
2
v
C
+
_
G
1
C
+
R
2
L
_
Dv
C
+
1 + G
1
R
2
LC
v
C
=
1
C
Di
J
b) v
C
(t) =
2
3
_
2 e
2t
+5 e
5t
_
u(t) V
69
a)
_

_
G
1
+ G
2
+ j C
1
G
2
j C
1
0
G
2
G
2
+ j C
2
+
1
j L
2

1
j L
2
0
j C
1

1
j L
2
j C
1
+
1
j L
1
+
1
j L
2

1
j L
1
0 0
1
j L
1
1
j L
1
_

_
_

E
1

E
2

E
3

E
4
_

_
+
_

_
I
E
0
I
E
I
S
_

_
=
_

_
I
E
0
0
0
_

E
4
= 0
I
E
= I
S
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
111
b) E
L
1
= 0 J E
L
2
=
1
4
J E
C
1
=
1
4
J E
C
2
=
1
4
J
70
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
1
R
C
+ R
L
_

1
C

R
L
C
R
L
L

R
C
R
L
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
b) t =
1
2
lnh s
71
a)
r
=
R
L
R
L
+ R
C
_
1
LC

R
2
C
L
2
rad/s
b) Q
r
=

3
2
72
a) Dv
C
+

RC
v
C
=

RC
v
E
b) v
C
(t) =
_
e
t
+t 1
_
u
c
(t)
_
1
2
e
(t1)
+t
3
2
_
u
c
(t 1) V
73
a)
_

_
G
2
+
1
j L
1
+
1
j L
2
+
1
j C
2
G
2

1
j L
2
+
1
j C
2
G
2
G
2
+ j C
1
0

1
j L
2
+
1
j C
2
0 G
1
+
1
j L
2
+
1
j C
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

_
0

I
E

I
S


I
E
_

_
=
_

_
0
0

I
E
_

I
S
= 0

E
2


E
3
=

E
3
b) e
1
(t) = sint V e
2
(t) = 0 V e
3
(t) = sint V
74
a) Di
L
+

LG
i
L
=

LG
i
J
b) i
L
(t) =
_
e
t
+t 1
_
u
c
(t) +
_
1
2
e
(t1)
+t
3
2
_
u
c
(t 1) A
75
a)
_

_
R
2
+
1
j C
1
+
1
j C
2
+
1
j L
2
R
2

1
j C
2
+
1
j L
2
R
2
R
2
+ j L
1
0

1
j C
2
+
1
j L
2
0 R
1
+
1
j C
2
+
1
j L
2
_

_
_

J
1

J
2

J
3
_

_
+
_

_
0

V
E

V
S


V
E
_

_
=
_

_
0
0

V
E
_

V
S
= 0

J
2


J
3
=

J
3
b) j
1
(t) = cos t A j
2
(t) = 0 A j
3
(t) = cos t A
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
112 Soluzioni del Capitolo 9
76
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

_
0 0
0
R
1
+ R
2
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

1
C
R
1
+ R
2
L
_

_
i
J
b) v
ca
= v
C
R
2
i
L
+ R
2
i
J
c) v
ca
(t) =
_
1 2 e
2t
_
u(t) + (t) V
77
a) H
v
(j ) =
j C
G
C

2
LC(G
C
+ G
L
) + j (C + G
C
G
L
L)
b) G
C
= 2 S C = 2 F
78
a) v
R
(t) =
1
2
_

1
2
e
2t
+
1
2
+ t
_
u
c
(t) V
b) v
s
(t) =
V
s
1
t
0
r(t) (V
s
1
V
s
2
) u(t) V
c) v
R
(t) =
1
2
V
s
1
t
0
_

1
2
e
2t
+
1
2
+ t
_
u
c
(t)
1
2
(V
s
1
V
s
2
)
_
e
2(tt
0
)
+1
_
u(t t
0
) V
79
a) Y
m
(j ) =
1
R
E
+ R
L

2
LCR
E
+ j (L + R
E
R
L
C)
b) Diagrammi di | Y
m
|(R
L
) e Y
m
(R
L
).
0 5
0
1
3
2
R
L
Y
m

0 5
0

3
4


4
R
L
Y
m
80
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

_
0
1
C

1
L

(1 )R
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
0
(1 )R
L
_

_
i
J
b) v
C
(t) =
15
2
_
e
t
5 e
5t
_
u(t) V
i
L
(t) =
3
2
_
e
t
25 e
5t
_
u(t) 6(t) A
81
a) Z
m
(j ) =
(1 )R
1
2
LC + j C(1 )

Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
113
b) (1 )
2
R
2
C
L
> 2
82
a)
_

_
G
1
+
1
j L
1

1
j L
1
0 0 G
1
0 0

1
j L
1
G
2
+
1
j L
1
G
2
0 0 0 0
0 G
2
G
2
0 0 0 0
0 0 0
1
j L
2

1
j L
2
0 0
G
1
0 0
1
j L
2
G
1
+
1
j L
2
0 0
0 0 0 0 0 j C
1
0
0 0 0 0 0 0 j C
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3

E
4

E
5

E
6

E
7
_

_
+
_

I
S


I
E
0

I
S

I
S
+

I
E

I
S

I
E

I
E
_

_
=
_

_
0

I
J
0
0
0
0
0
_

I
S
= 0

E
4


E
7
= (

E
1


E
5
)

E
3


E
4
= 0

I
E
=

I
S
b) i
C
1
(t) =
3
2
sint +
1
2
cos t A
i
C
2
(t) =
5
2
sint
1
2
cos t A
83
a)
2
+
1
1 R
1
G
2
_
G
2
C
+ (1 )
R
1
L
_
+
1 + (1 )R
1
G
2
1 R
1
G
2
1
LC
b) Regione di stabilit` a in chiaro (verde).
4 0
1
2
2 4
4
0
1
2
2
4

84
a) D
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
=
1
R
1
+ (1 + )R
2
_

1
C
1
1
C
1
1 +
C
2

1 +
C
2
_

_
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
b) v
C
1
(t) =
1
3
_
4 e
t
_
V
v
C
2
(t) =
2
3
_
2 + e
t
_
V
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
114 Soluzioni del Capitolo 9
85
a) v
T
(t) = v
s
1
(t) +
R
2

R
2
+ R
3
v
s
2
(t) V R
T
=
R
2
(R
3
+ )
R
2
+ R
3

b) v(t) = sint V
86
a) i
N
(t) = (1 + )G
2
v
s
(t) A G
N
= G
1
+ (1 + )G
2
S
b) v
C
(t) = 3
_
2 e
t
cos t + sint
_
u(t) V
87
a) z
11
=
1 + j LG
1
G
1
(1
2
LC) + j (1 )C
z
12
=
+ j LG
1
G
1
(1
2
LC) + j (1 )C

b)
_

V
1

V
2
_
=
1
1
2
j
_
1 + j 2 + j
2 + j 3 2
2
+ j 2
_ _

I
1

I
2
_
+
_
1

2
+ j 2
_

V
s
88
a)
r
=
_
1
L
_
1
C
+
1
C
1
_
rad/s
b) Q
r
= 10
89
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

_
0
1
C
1
L

(1 )R
1
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
0
1
C
1
L
R
1
L
_

_
_

_
v
E
i
J
_

_
b) Luogo delle radici nel piano a parametro .
2 1 0 1 2
1
0
1
Re

Im


12 k 12 k
1
1

_
, 1
2
k
_
Re < 0 Im = 0

_
1
2
k
, 1 +
2
k
_
Re
2
+ Im
2
= 1

_
1 +
2
k
, +
_
Re > 0 Im = 0
90
a) R =
1
G
1
G
1
G
3
+ G
1
G
4
+ G
2
G
3
+ G
2
G
4
+ G
3
G
4
G
3
G
2
G
3
+ G
2
G
4
+ G
3
G
4
+ G
4

Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi


(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
115
b) G
2
G
3

G
2
G
3
G
4
< < G
1
+ G
2
+ G
4
+
(G
1
+ G
2
)G
4
G
3
91
a)
_

_
j C j C 0
j C G
1
+ j C +
1
j L

1
j L
0
1
j L
G
2
+
1
j L
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E

I
S

I
E
_

_
=
_

I
J
0
0
_

I
S
= 0

I
E
=

E
2
b) E
C
=
5
4
J, E
L
=
1
2
J
92
a) D
2
i
L
+
R
L
Di
L
+
1
LC
i
L
=
1
LC
i
J
+
R
L
Di
J
b) i
L
(t) =
_
e
t
+4 e
2t
_
u(t) A
93
a) H
i
(j ) =
1 + j RC
1
2
LC + j RC
b) =
1
RC
rad/s | H
i
|
_
j
1
RC
_
=
3

5
94
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

1
RC
1
C

1
L
0
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
1
RC
1
C
1
L
0
_

_
_

_
v
E
i
J
_

_
b) v
C
(0
+
) =
1
RC
_
H
v
RC
+
H
i
C
_
+
H
v
LC
V
i
L
(0
+
) =
1
L
_
H
v
RC
+
H
i
C
_
A
95
a)

V
C
=
(1 + j LG)

V
s
+ j L

I
s
1
2
LC + j LG
V

I
L
=
j C

V
s


I
s
1
2
LC + j LG
A
b) E
C
(t) =
1
2
sin
2
t J E
L
(t) = 0 J
96
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

G
C
C

1
C
1
L

R
L
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
0
1
L
_

_
v
E
b) v
C
(t) = e
t
+e
2t
V
i
L
(t) = 3 e
t
e
2t
A
c) v
C
(t) = e
t
+e
2t
+3
_
e
t

1
2
e
2t

1
2
_
u
c
(t) V
i
L
(t) = 3 e
t
e
2t
+3
_
3 e
t
+
1
2
e
2t
+
5
2
_
u
c
(t) A
97
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
116 Soluzioni del Capitolo 9
a) H
v
(j ) =
1
1 + R
L
G
C

2
LC + j (LG
C
+ R
L
C)
b) = 0 rad/s | H
v
|(j 0) =
3
8
c) B
p
=
_

41 5
2
0, 84 rad/s
98
a) D
2
i
L
1
+
_
R
1
+ R
2
L
1
+
R
2
L
2
_
Di
L
1
+
R
1
R
2
L
1
L
2
i
L
1
=
R
2
L
1
Di
J
b) i
L
1
(t) =
_
2 e
2t
+3 e
3t
_
u(t) A
c) t = 0 s E
L
1
(0) = 2 J Massimo globale
t = ln
3
2
s E
L
1
_
ln
3
2
_
= 0 J Minimo globale
t = 2 ln
3
2
s E
L
1
_
2 ln
3
2
_
= 2
_
2
3
_
10
J Massimo locale
d) Diagramma di E
L
1
(t).
0
log
3
2
2 log
3
2

2
0
2
2048
59049
t
E
L
1
0
log
3
2
2 log
3
2

2
0
1
10
2048
59049
t
E
L
1
99
a) H
i
(j ) =
1
1+
R
1
R
2
+
L
1
L
2
+ j
_
L
1
R
2

R
1
L
2
1

_
b) =
_
R
1
R
2
L
1
L
2
=

6 rad/s | H
i
|
_

_
j
_
R
1
R
2
L
1
L
2
_

_
=
1
1 +
R
1
R
2
+
L
1
L
2
=
1
50
c)
t
= 1 rad/s
t
+ = 6 rad/s
100
a)
2
+
1
(1 + )G
1
+ (1 + )G
2
1
L
+
G
1
+ (1 + )G
2
(1 + )G
1
+ (1 + )G
2
1
LC

2
+
1
2/3

2/3
2/3
b)
_
,
7
24
_
radici complesse coniugate a parte reale positiva (fuochi instabili)

_
7
24
,
2
3
_
radici reali positive (nodi instabili)

_
2
3
, +
_
reali di segno opposto (selle)
c) Luogo delle radici a parametro .
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
117
1 0
4
3
2
3
2
1

2
3
0
2
3
1
Re

Im


23 23 23
724

_
,
7
24
_ _
Re
2
3
_
2
+ Im
2
=
_
2
3
_
2

_
7
24
, +
_
Im = 0
101
a) p
min
= P
_
P
2
+ Q
2
W p
max
= P +
_
P
2
+ Q
2
W
b) t =
1

1
2
arctan
Q
P
+
_
k +
1
2
_

I
_
s t =
1

1
2
arctan
Q
P
+ k

I
_
s
c) Diagrammi di
p
min
P
_
Q
P
_
e
p
max
P
_
Q
P
_
.
0 3
2
0
1
2
4
Q
P
p
maxmin
P
102
a)
2

01
+
02
+

01

02

_
+
01

02
(1 + )

2
+ 2
_
3 +
4
3

_
+ 8(1 + )
b) Diagrammi di

().
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
118 Soluzioni del Capitolo 9
0 1
4
3
2
1
6

8
3

c) Luogo delle radici a parametro .


1 2 3 4 6
0
Re

Im

0 0
103
a) I
1
=
r r
m
+ R
2
(r + R
1
)(r + R
2
)
V
s
A I
2
=
1
r + R
2
V
s
A
b) P
R
1
+ P
R
2
=
(r r
m
+ R
2
)
2
R
1
+ (r + R
1
)
2
R
2
(r + R
1
)
2
(r + R
2
)
2
V
2
s
= 25
(1 + R
2
)
2
R
1
+ (2 + R
1
)
2
R
2
(2 + R
1
)
2
(2 + R
2
)
2
W
c) R
1
= 2 R
2
= 3 (P
R
1
+ P
R
2
)(2, 3) = 5 W P
R
1
(2, 3) = 2 W P
R
2
(2, 3) = 3 W
d) R
2
= 2 P
R
2
(2) =
25
8
= 3, 125 W R
1
= 2 (P
R
1
+ P
R
2
)(2, 2) =
625
128
4, 8 W P
R
1
(2, 2) =
225
128
1, 76 W
104
a) H
v
(j ) =
1 + R
L
G + j LG
1 + R
L
G
2
LC + j (LG + R
L
C)
H
v
(j 6) =
j
5
b) v
C
(t) = cos 6t V
c) v
C
(0

) = 1 V Dv
C
(0

) = 0 V/s
v
C
(0
+
) = 1 V Dv
C
(0
+
) = 1 V/s
d) v
C
(t) = 2 e
2t
+e
3t
V
105
a) V
T
= V
s
1

r
12
r
22
+ R
2
V
s
2
V R
T
= r
11

r
12
r
21
r
22
+ R
2

Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi


(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
119
b) P
R
1
= 36
(1 + R
2
)
2
R
1
(3 + 2R
1
+ 2R
2
+ R
1
R
2
)
2
W P
R
1
+ P
R
2
= 36
(1 + R
2
)
2
R
1
+ (1 + R
1
)
2
R
2
(3 + 2R
1
+ 2R
2
+ R
1
R
2
)
2
W
c) R
1
= 3 R
2
= 3 (P
R
1
+ P
R
2
)(3, 3) = 6 W P
R
1
(3, 3) = 3 W P
R
2
(3, 3) = 3 W.
106
a)
2
+
1
(1 + )G
1
+ (1 + )G
2
1
L
+
G
1
+ (1 + )G
2
(1 + )G
1
+ (1 + )G
2
1
LC

2
+
3
10 + 3
+ 3
2 +
10 + 3
b)
_
,
7
2
_
radici complesse coniugate a parte reale positiva (fuochi instabili)

_

7
2
,
10
3
_
radici reali positive (nodi instabili)

_

10
3
, 2
_
radici reali di segno opposto (selle)

_
2,
11
6
_
radici reali negative (nodi stabili)

_

11
6
, +
_
radici complesse coniugate a parte reale negativa (fuochi stabili)
c) Luogo delle radici a parametro .
2

3
4

1
3
0
4
3
2 3 4 5

7
3

5
3
1
0
1
5
3
7
3
Re

Im

72
103 103 103
2 2
116




_
,
7
2
_ _
Re
4
3
_
2
+ Im
2
=
_
5
3
_
2
0 Re 3

_

7
2
,
11
6
_
Im = 0

_

11
6
, +
_ _
Re
4
3
_
2
+ Im
2
=
_
5
3
_
2

1
3
Re 0
107
a) L
1
L
2
2
C
4
+ (L
1
CR
2
L
1
L
2
L
2
2
)
2
R
2
= 0
r
= 1 rad/s
b) E
C
(t) =
V
2
s
4
(1 cos 2t) J E
C
=
V
2
s
4
J
E
L
1
(t) =
V
2
s
8
(1 + cos 2t) J E
L
1
=
V
2
s
8
J
E
L
2
(t) =
V
2
s
8
(1 sin2t) J E
L
2
=
V
2
s
8
J
(E
C
+ E
L
1
+ E
L
2
)(t) =
V
2
s
2
_
1
1
4
cos 2t
1
4
sin2t
_
J E
C
+ E
L
1
+ E
L
2
=
V
2
s
2
J
c) Q
r
= 2
108
a)
r
=
_
1
LC

R
2
L
2
= 2 rad/s
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
120 Soluzioni del Capitolo 9
b)

V
E
=

V
s
V

I
E
=
1
5

V
s
A P
cE
=
|

V
s
|
2
10
VA

V
C
=

V
s
V

I
C
= j
2
5

V
s
A P
cC
= j
|

V
s
|
2
5
VA

V
L
=
4 + j 2
5

V
s
V

I
L
=
1 j 2
5

V
s
A P
cL
= j
|

V
s
|
2
5
VA

V
R
=
1 j 2
5

V
s
V

I
R
=
1 j 2
5

V
s
A P
cR
=
|

V
s
|
2
10
VA
c) p
E
(t) =
V
2
s
10
(1 cos 4t) W
p
R
(t) =
V
2
s
10
_
1
4
5
sin4t +
3
5
cos 4t
_
W
p
C
(t) =
V
2
s
5
sin4t W
p
L
(t) =
V
2
s
25
(3 sin4t + 4 cos 4t) W
d) E
C
(t) =
V
2
s
20
(1 cos 4t) J
E
C
=
V
2
s
20
J
min
t
E
C
= 0 J t =
k
2
s
max
t
E
C
=
V
2
s
10
J t =
k
2
+

4
s
E
L
(t) =
V
2
s
20
_
1
4
5
sin4t +
3
5
cos 4t
_
J
E
L
=
V
2
s
20
J
min
t
E
L
= 0 J t =
k
2
+
1
2
arctan2 s
max
t
E
L
=
V
2
s
10
J t =
k
2

1
2
arctan
1
2
s
e) (E
C
+ E
L
)(t) =
V
2
s
10
_
1
2
5
sin4t
1
5
cos 4t
_
J
E
C
+ E
L
=
V
2
s
10
J
min
t
(E
C
+ E
L
) =
_
1
1

5
_
V
2
s
10
J t =
k
2
+
1
4
arctan2 s
max
t
(E
C
+ E
L
) =
_
1 +
1

5
_
V
2
s
10
J t =
k
2
+

4
+
1
4
arctan2 s
109
a)
2
+ (5G
C
+ 1) + 5(G
C
+ 1)

(5G
C
+ 1)
_
25G
2
C
10G
C
19
2
rad/s
b) v
C
(t) =
1
_
25G
2
C
10G
C
19
_
e
+t
e
t
_
V
c) W
R
C
(0, +) =
1
10
G
C
(G
C
+ 1)(5G
C
+ 1)
=
1
10
1
5G
C
+ 6 +
1
G
C
J
d) G
C
=

5
5
S W
R
C
(0, +) =
3

5
80
J
e) v
C
(t) =
_
7

5
22
e

1+

5
2
t
sin
_
7 +

5
2
t V
110
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
121
a) L
2
1
LC
4
+ (R
2
1
LC L
2
1
LL
1
)
2
R
2
1
= 0
r
= 1 rad/s
b) E
C
=
1
4
C|

V
s
|
2
J E
L
=
1
4
1

2
L
2
|

V
s
|
2
J E
L
1
=
1
4
L
1
R
2
1
+
2
L
2
1
|

V
s
|
2
J
P
R
=
1
2
G|

V
s
|
2
W P
R
1
=
1
2
R
1
R
2
1
+
2
L
2
1
|

V
s
|
2
W
c) Q() =
3
4
_
+
1
3
_
Q
r
= 1
d) =

3
3
0, 6 rad/s Q
_
3
3
_
=

3
2
0, 85
e) Diagramma di Q().
0
1
3
1 2 3 4
0
3
2
2
3
4
1

Q
111
a) L
2
1
LC
4
+
_
R
2
1
LC L
2
1
LL
1
_

2
R
2
1
= 0
r
=

2 rad/s
b) E
C
=
1
4
C|

V
s
|
2
J E
L
=
1
4
1

2
L
2
|

V
s
|
2
J E
L
1
=
1
4
L
1
R
2
1
+
2
L
2
1
|

V
s
|
2
J
P
R
=
1
2
G|

V
s
|
2
W P
R
1
=
1
2
R
1
R
2
1
+
2
L
2
1
|

V
s
|
2
W
c) Q() =
1
3
_
+
1

_
Q
r
=

2
2
0, 7
d) = 1 rad/s Q(1) =
2
3
0, 66
e) Diagramma di Q().
0 1
2
2 3 4
0
2
3
2
3
4
1
2

Q
112
a) v
R
(t) =
R
R + R
2
V
0
e

R+R
1
+R
2
R
1
(R+R
2
)C
t
V
b) W
R
(0, +) =
1
2
C
RR
1
(R + R
2
)(R + R
1
+ R
2
)
V
2
0
=
128R
(9 + R)(25 + R)
J
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
122 Soluzioni del Capitolo 9
c) R =
_
(R
1
+ R
2
)R
2
= 15
max
R
W
R
(0, +) =
1
2
C
R
1
_

R
2
+

R
1
+ R
2
_
2
V
2
0
= 2 J
d) Diagramma di W
R
(R).
0 15 150
0
1
4
1
3
R
W
R
113
a)
_

_
G
1
+ C
1
D C
1
D G
1
C
1
G
2
+ (C
1
+ C
2
)D C
2
D
G
1
C
2
D G + G
1
+ C
2
D
_

_
_

_
e
1
e
2
e
3
_

_
+
_

_
i
E
0
0
_

_
=
_

_
0
0
0
_

_
e
1
= v
E
b) D
2
v
R
+ 7Dv
R
+ 6v
R
= 3v
E
+ 2Dv
E
+ D
2
v
E
c) H
v
(j ) =
3
2
+ j 2
6
2
+ j 7
d) v
R
(t) = 2(cos t + 6 sint) + 27 cos 2t 11 sin2t V
e) P
R
= 499 W
114
a) D
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
=
_

_
G + G
1
+ G
2
C
1
G + G
1
C
1
G + G
1
C
2
G + G
1
C
2
_

_
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
+
_

_
G + G
2
C
1
G
C
2
_

_
v
E
b) v
R
= v
C
1
v
C
2
+ v
E
c)
+
= 1 rad/s

= 6 rad/s

+
=
_
1
2
_

=
_
2
1
_
d) v
C
1
(t) = 2 V
v
C
2
(t) = 1 V
v
R
(t) = 1 V
e) v
C
1
(t) =
1
5
_
4 e
t
+6 e
6t
_
V
v
C
2
(t) =
1
5
_
8 e
t
+3 e
6t
_
V
v
R
(t) =
1
5
_
4 e
t
9 e
6t
_
V
f) v
C
1
(t) = 2(1 u
c
(t)) +
2
5
_
2 e
t
+3 e
6t
_
u
c
(t) V
v
C
2
(t) = (1 u
c
(t)) +
1
5
_
8 e
t
+3 e
6t
_
u
c
(t) V
v
R
(t) = 1 u(t) +
1
5
_
4 e
t
9 e
6t
_
u(t) V
115
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
123
a)
_

_
R
1
+ L
1
D L
1
D R
1
L
1
R
2
+ (L
1
+ L
2
)D L
2
D
R
1
L
2
D R + R
1
+ L
2
D
_

_
_

_
j
1
j
2
j
3
_

_
+
_

_
v
J
0
0
_

_
=
_

_
0
0
0
_

_
j
1
= i
J
b) D
2
i
R
+ 7Di
R
+ 6i
R
= 3i
J
+ 2Di
J
+ D
2
i
J
c) i
R
(t) =
_
2
5
e
t

3
20
e
6t
+
1
2
t
1
4
_
u
c
(t) A
d) i
R
(t) =
1
5
_
2 e
t
27 e
6t
_
u(t) + (t) A
116
a) H
v
(j ) =
1
2
R
1
C
1
R
2
C
2
+ j R
1
(C
1
+ C
2
)
1
2
R
1
C
1
R
2
C
2
+ j [R
1
(C
1
+ C
2
) + R
2
C
2
]
b) = 0 rad/s H
v
(j 0) = 1 Massimo
=
1

R
1
R
2
C
1
C
2
rad/s H
v
_
j
1

R
1
R
2
C
1
C
2
_
=
R
1
(C
1
+ C
2
)
R
1
(C
1
+ C
2
) + R
2
C
2
Minimo
c) Diagramma qualitativo di | H
v
|().
0
1

H
v

d)
R
2
C
2
R
1
(C
1
+ C
2
)
<

2 1 Passa-tutto
R
2
C
2
R
1
(C
1
+ C
2
)
>

2 1 Taglia-banda
e)
t
=
_
3

5
2
1
RC
rad/s
t
+ =
_
3 +

5
2
1
RC
rad/s
117
a) D
2
v
R
+
G
(1 )C
Dv
R
+
1
(1 )LC
v
R
= D
2
v
E
b)
_
, 1
G
2
L
4C
_
pulsazioni complesse coniugate a parte reale negativa (fuochi stabili)

_
1
G
2
L
4C
, 1
_
pulsazioni reali negative (nodi stabili)
(1, +) pulsazioni reali di segno opposto (selle)
c) = 0 doppia
= 1
LG
2
4C
=
2
LG
doppia
= 1
+
=
1
LG

=
+ = 0 doppia
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
124 Soluzioni del Capitolo 9
d) Luogo delle radici a parametro .
1 2 3 0 1
1
0
1
Re

Im


1 1 1

1
G
2
L
4 C
< 1
G
2
L
4C
(Re + 1)
2
+ Im
2
= 1
> 1
G
2
L
4C
Im = 0
118
a) v
T
(t) =
R
2
R
4
+ R
3
(R
1
+ R
2
+ R
4
)
(R
1
+ R
2
)(R
3
+ R
4
) + R
3
R
4
v
s
(t) =
3
4
v
s
(t) V R
T
=
R
1
(R
2
R
3
+ R
2
R
4
+ R
3
R
4
)
(R
1
+ R
2
)(R
3
+ R
4
) + R
3
R
4
= 1
b) Di
L
+ i
L
=
3
4
v
E
c) i
L
(t) =
1
2
sint
1
2
cos t +
1
2
e
t
A
d) i
L
(t) =
1
2
cos t +
1
2
sint
1
2
e
t
A
e) i
L
(t) =
_
1
2
sint
1
2
cos t +
1
2
e
t
_
[1 u
c
(t)]
_
1
2
sint
1
2
cos t +
1
2
e
t
_
u
c
(t) A
f) i
L
(t) =
_
1
2
cos t +
1
2
sint
1
2
e
t
_
[1 u
c
(t)]
_
1
2
cos t +
1
2
sint
1
2
e
t
_
u
c
(t) A
g) i
L
(t) =
_
1
2
sint
1
2
cos t +
1
2
e
t
_
[1 u
c
(t)] +
_
1
2
cos t +
1
2
sint
1
2
e
t
_
u
c
(t) A
119
a) i
N
(t) =
G
2
G
4
+ G
3
(G
1
+ G
2
+ G
4
)
(G
1
+ G
2
)(G
3
+ G
4
) + G
3
G
4
i
s
(t) =
3
4
i
s
(t) A G
N
=
G
1
(G
2
G
3
+ G
2
G
4
+ G
3
G
4
)
(G
1
+ G
2
)(G
3
+ G
4
) + G
3
G
4
= 1 S
b) Dv
C
+ v
C
=
3
4
i
J
c) v
C
(t) = e
t
+t 1 V
d) v
C
(t) =
_
e
t
+t 1
_
[1 u
c
(t)] V
e) v
C
(t) =
_
e
t
+t 1
_
[1 u
c
(t)] + t u
c
(t) V
f) v
C
(t) =
_
e
t
+t 1
_
[1 u
c
(t)] +
_
e
t
+1
_
u
c
(t) V
120
a)
_

_
G
1
+ j C
1
0 0
0
1
j L
1
+
1
R
2
+ j L
2

1
R
2
+ j L
2
0
1
R
2
+ j L
2
j C
2
+
1
R
2
+ j L
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

I
E

I
E
0
_

_
=
_

I
J
0

I
J
_

E
1


E
2
=

V
E
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
125
b)

E
1
= 1 + j V

E
2
= 1 + j V

E
3
= 1 + j V
c)

E
1
= 16 j 3 V

E
2
= 30 + j 20 V

E
3
= 10 V
d) e
1
(t) = sint + cos t 16 sin2t 3 cos 2t V
e
2
(t) = sint + cos t 30 sin2t + 20 cos 2t V
e
3
(t) = sint + cos t + 10 sin2t V
e) P
R
1
=
267
2
W P
R
2
= 201 W P
E
1
= 2 W P
E
2
=
665
2
W
f) E
C
1
=
267
4
J E
C
2
=
51
2
J E
L
1
=
327
4
J E
L
2
=
201
2
J
121
a)
_

_
G
1
+ G
5
0 0 0 G
5
0 G
2
+ G
3
G
3
0 0
0 G
3
G
3
+ G
4
G
4
0
0 0 G
4
G
4
0
G
5
0 0 0 G
5
_

_
_

_
E
1
E
2
E
3
E
4
E
5
_

_
+
_

_
I
E
I
S
+ I
E
I
E
I
S
I
S
I
E
_

_
=
_

_
0
0
I
J
0
0
_

_
I
S
= 0
E
2
E
5
= E
2
E
4
E
5
= 0
I
E
= I
S
b) 6 2 3 0
c) E
1
=
2(1 )
6 2 3
I
s
V E
2
=
4
6 2 3
I
s
V E
5
=
(1 )(4 )
6 2 3
I
s
V
d) I
s
< 0 (2 + 2 + )(6 2 3) > 0 (1 )(4 )(6 2 3) > 0

I
s
> 0 (2 + 2 + )(6 2 3) < 0 (1 )(4 )(6 2 3) < 0
e) Regioni di validit` a dellipotesi nel piano (, ) in chiaro (verde).
I
s
< 0 I
s
> 0
6 3 0 1 3 6
8
4
0
4
3
4
8

6 3 0 1 6
8
4
0
4
3
4
8

122
a) V
T
= n
R
2
R
1
+ R
2
V
s
V R
T
= n
2
R
1
R
2
R
1
+ R
2

b) R =
R
3
R
4
R
3
+ R
4
+

c) i
L
(0) =
V
T
R
= n
R
2
(R
3
+ R
4
+ )
(R
1
+ R
2
)R
3
R
4
V
s
A
d) i
L
(t) = I
0
e

R
L
t
A v
R
(t) = RI
0
e

R
L
t
V t = t
0

L
R
ln
RI
0
V
T
s
e) i
L
(t) =
R + R
T
RR
T
V
T
e

RR
T
(R+R
T
)L
(tt
0
)

V
T
R
T
A v
R
(t) = V
T
e

RR
T
(R+R
T
)L
(tt
0
)
V
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
126 Soluzioni del Capitolo 9
f) Diagrammi qualitativi di i
L
(t) e v
R
(t).
0
0
t
i
L
t
0
I
0
V
T
R

V
T
R
T
0
0
t
v
R
t
0
R I
0
V
T
123
a)
_

_
G
1
+ G
2
+ G
3
+ G
5
G
3
0
G
3
G
3
+ G
4
G
4
0 G
4
G
4
_

_
_

_
E
1
E
3
E
4
_

_
+
_

_
I
E
+ I
S
+ I
E
I
E
I
S
_

_
=
_

_
0
I
J
0
_

_
I
S
= 0
E
1
= E
1
E
4
= 0
I
E
= I
S
b) (1 )(2 ) 0
c) E
1
= 0 V E
3
=
1
2
I
J
V
c) I
s
< 0 (2 ) > 0
d) Regione di validit` a dellipotesi nel piano (, ) in chiaro (verde).
I
s
< 0
6 0 6
8
0
2
8

124
a) v
T
(t) = v
s
1
(t) +
R
3
R
2
+ R
3
v
s
2
(t) V R
T
= R
1
+
R
2
R
3
R
2
+ R
3

b)

=
_

_
R
T
C se V
0
> 0
(R
D
+ R
T
)C se V
0
< 0

+
=
_

_
R
T
C se V
0
e

t
0

> V
s
1
+
R
3
R
2
+ R
3
V
s
2
(R
D
+ R
T
)C se V
0
e

t
0

< V
s
1
+
R
3
R
2
+ R
3
V
s
2
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
127
c) V
0
_
V
s
1
+
R
3
R
2
+ R
3
V
s
2
_
< 0
125
a)
_

_
G
1
+ G
2
+ G
3
+ G
5
G
3
0 G
5
G
3
G
3
+ G
4
G
4
0
0 G
4
G
4
0
G
5
0 0 G
5
_

_
_

_
E
1
E
3
E
4
E
5
_

_
+
_

_
I
E
+ I
S
+ I
E
I
E
I
S
I
S
I
E
_

_
=
_

_
0
I
J
0
0
_

_
I
S
= 0
E
1
E
5
= E
1
E
4
E
5
= 0
I
E
= I
S
b) 2 0
c) E
1
=
1
2
I
s
V E
2
=
4 +
2(2 )
I
s
V E
5
=
1
2
I
s
V
d) I
s
< 0 1 < 0 (2 + 2 + )(2 ) > 0

I
s
> 0 1 > 0 (2 + 2 + )(2 ) < 0
e) Regioni di validit` a dellipotesi nel piano (, ) in chiaro (verde).
I
s
< 0 I
s
> 0
6 0 1 3 6
8
4
0
2
8

6 2 0 1 3 6
8
4
0
2
8

126
a) R = 1
b) v
C
(t) =

2 sint V t =
3
4
s
c) v
C
(t) = e
(t
3
4
)
V sint
1

2
e
(t
3
4
)
= 0
d) Diagramma di v
C
(t) (in grassetto).
0
3
4
11
4
19
4
0
2
1
2
t
v
C
6.23 2 6.33
0
1
40
1
20
t
v
C
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
128 Soluzioni del Capitolo 9
127
a)
_

_
G
1
+ G
5
0 0 0
0 G
2
+ G
3
G
3
0
0 G
3
G
3
+ G
4
G
4
0 0 G
4
G
4
_

_
_

_
E
1
E
2
E
3
E
4
_

_
+
_

_
I
E
I
S
+ I
E
I
E
I
S
_

_
=
_

_
0
0
I
J
0
_

_
I
S
= 0
E
2
= E
2
E
4
= 0
I
E
= I
S
b) (1 )(2 ) 0
c) E
1
=

2(2 )
I
s
V E
2
= 0 V
d) I
s
< 0 (4 ) < 0
e) Regione di validit` a dellipotesi nel piano (, ) in chiaro (verde).
I
s
< 0
6 0 6
8
0
4
8

128
a) G = G
1
+ g
11

(G
1
g
12
)(G
1
g
21
)
G
1
+ G
2
+ g
22
= 5 S
b) v
C
(t) =
1
10
_
sint cos t + e
t
_
u
c
(t) + 3 e
t
V
c) v
C
(t) =
1
10
_
cos t + sint e
t
_
u
c
(t) + 3 e
t
V
d) v
C
(t) = sint u
c
(t) + 3 e
t
V
e) t = 2 ln10 4, 6 s
129
a) G =
(n 1)
2
R
1
+ R
2
+
n
2
R
3
= 2 S
b) v
C
(t) =
_
sin
_
t +

4
_
sin
_


4
_
e
t
_
u
c
(t) + V
0
e
t
V
c) t

= ln + ln

V
0
sin
_


4
_

s
d) =
3
4
rad t

_
3
4
_
= ln ln2 s minimo globale
=

4
rad t

4
_
= ln ln2 + ln5 s massimo globale
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
129

5
4


4
0
3
4
0

e) =
11
12
rad t

11
12
_
= 0 s minimo globale
=
5
12
rad t

_
5
12
_
= 0 s minimo globale
=

4
rad t

4
_
= ln ln2 + ln3 s massimo globale
=
3
4
rad t

_
3
4
_
= ln ln2 s massimo locale

5
4

11
12


4
0
5
12
3
4
0

130
a) Y = j
_
C
1
+ C C
C C
2
+ C
_
S
b)

V
1
=
1 + j R
2
(C
2
+ C)
1
2
R
1
R
2
(C
1
C
2
+ C
1
C + C
2
C) + j [R
1
(C
1
+ C) + R
2
(C
2
+ C)]

V
s
V

V
2
=
j R
2
C
1
2
R
1
R
2
(C
1
C
2
+ C
1
C + C
2
C) + j [R
1
(C
1
+ C) + R
2
(C
2
+ C)]

V
s
V
c) P
R
2
=
1
2
R
2
C
2

2
[1
2
R
1
R
2
(C
1
C
2
+ C
1
C + C
2
C)]
2
+
2
[R
1
(C
1
+ C) + R
2
(C
2
+ C)]
2
|

V
s
|
2
W
d) C
1
= C
2
= C =
1

3R
1
R
2
F P
R
2
_
1

3R
1
R
2
,
1

3R
1
R
2
,
1

3R
1
R
2
_
=
1
8
R
2
(R
1
+ R
2
)
2
V
2
s
W
e) C
1
= 0 F C
2
= 0 F C = +F P
R
2
(0, 0, +) =
1
8
R
2
(R
1
+ R
2
)
2
V
2
s
W
f) R
2
=
C
1
+ C
C
2
+ C
R
1
=
1
R
1
_
C
2
+ C
C
1
+ C
1

C
1
C
2
+ C
1
C + C
2
C
rad/s
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
130 Soluzioni del Capitolo 9
131
a) R =
1
nG
1
+
G
2
n
+
(n 1)
2
n
G
_

_
n 1
1
1
n
_

_
b) D
_
i
L
1
i
L
2
_
=
1
2(n
2
n + 1)
_
n
2
n
n 1
_ _
i
L
1
i
L
2
_
c) v
R
(t) =
1
2
(n
2
1)
2
(n
2
+ 1)(n
2
n + 1)
e

1
2
n
2
+1
n
2
n+1
t
V
d) W
aR
(0, +)(n) =
1
4
(n
2
1)
2
(n
2
+ 1)(n
2
n + 1)
=
1
4
n
4
2n
2
+ 1
n
4
n
3
+ 2n
2
n + 1
J
e) n
6
8n
5
+ 5n
4
5n
2
+ 8n 1 = 0
f) n = 1 W
aR
(0, +)(1) = 0 J minimi globali
n = n

2 +

3
_
6 + 4

3 W
aR
(0, +)(n

) = 2

3 J massimi globali
g) Diagramma di W
aR
(0, +)(n).
10 1 0 1 10
0
0.25
0.35
n
W
a
R
132
a)
_

_
G
1
+ j C
1
j C
1
0
j C
1
G
2
+ j C
1
+ j C
2
j C
2
0 j C
2
j C
2
_

_
_

E
1

E
2

E
3
_

_
+
_

_
0
0

I
E
_

_
=
_

_
0
0
0
_

E
3
=

V
E
b) H
v
(j ) =

2

2
1
2

2
+ j (
1
+
2
+
m
)
c) H
v
(j ) =
1 + j
2
d)
m
=
_

2
2

1

2
e) Non esiste una tale regione nel primo quadrante perch e
_

2
2

1

2
=
_

2
_
2

_
2
1

2
_

2
< 0.
133
a) Y =
G
(1
2
LC
2
)
2
+
2
L
2
G
2
+ j C
1
+ j
C
2
(1
2
LC
2
) LG
2
(1
2
LC
2
)
2
+
2
L
2
G
2
S
b) L =
2
3
H C =
1
4
F
c) 0 <
C
1
C
2
<

2
134
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
131
a) D
_

_
v
C
1
v
C
2
i
L
_

_
=
_

G
1
C
1
0
1
C
1
0
G
2
C
2
1
C
2
1
L

1
L
0
_

_
_

_
v
C
1
v
C
2
i
L
_

_
+
_

_
1
C
1
0
0
_

_
i
J
b) v
C
1
(0
+
) = 1 V v
C
2
(0
+
) = 0 V i
L
(0
+
) = 0 A
c) v
C
1
(t) =
_
1
2
e
t
+e

2
3
t

1
2
e

1
3
t
_
u(t) V
v
C
2
(t) =
_
1
2
e
t
e

2
3
t
+
1
2
e

1
3
t
_
u
c
(t) V
i
L
(t) =
1
3
_
e

2
3
t
+e

1
3
t
_
u
c
(t) A
c) W
R
1
(0, +) =
19
40
J W
R
2
(0, +) =
1
40
J
135
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

1
R
1
C
1
C

1
L

R
2
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
1
R
1
C
1
L
_

_
v
E
b)
1
= 2 rad/s
2
= 3 rad/s
c) v
C
(t) = 23 sin2t 11 cos 2t V
i
L
(t) =
1
2
(5 sin2t + cos 2t) A
d) v
C
(t) =
_
13 e
2t
+24 e
3t
+23 sin2t 11 cos 2t
_
u
c
(t) V
i
L
(t) =
1
2
_
13 e
2t
+12 e
3t
+5 sin2t + cos 2t
_
u
c
(t) A
e) v
C
(t) =
_
13 e
2t
36 e
3t
+23 cos 2t + 11 sin2t
_
u
c
(t) V
i
L
(t) =
1
2
_
13 e
2t
18 e
3t
+5 cos 2t sin2t
_
u
c
(t) A
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
132 Soluzioni del Capitolo 9
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Capitolo 12
Soluzioni del Capitolo 10
1
a) D
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
=
_

R
1
+ R
2
L
1
R
2
L
1
R
2
L
2

R
2
L
2
_

_
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
+
_

_
1
L
1
0
_

_
v
E
D
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
=
_

_
5 2
2 2
_

_
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
+
_

_
1
0
_

_
v
E
b)
_

_
i
L
1
i
L
2
_

_
=
1
5
_

_
5 3 e
t
2 e
6t
5 6 e
t
+e
6t
_

_
u
c
(t)
1
5
_

_
5 3 e
(t1)
2 e
6(t1)
5 6 e
(t1)
+e
6(t1)
_

_
u
c
(t 1)
2
a) D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

1
R
C
+ R
E
1
C

R
E
R
C
+ R
E
1
C
R
E
R
C
+ R
E
1
L

_
R
L
+
R
C
R
E
R
C
+ R
E
_
1
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
1
(R
C
+ R
E
)C
R
C
(R
C
+ R
E
)L
_

_
v
E
D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

_
1 1
1
4

5
4
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
1
1
4
_

_
v
E
b) v
R
C
=
R
C
R
C
+ R
E
(v
C
R
E
i
L
+ v
E
)
v
R
C
=
1
2
(v
C
i
L
+ v
E
)
c) v
R
C
(t) =
8

15
e

9
8
t
sin

15
8
t u
c
(t) V
Risultati complementari.
v
C
(t) =
4
3
_
cos

15
8
t +
3
5

15 sin

15
8
t
_
e

9
8
t
u
c
(t) +
4
3
u
c
(t)
i
L
(t) =
4
3
_
cos

15
8
t

15
5
sin

15
8
t
_
e

9
8
t
u
c
(t) +
_
2
3
2 e
t
_
u
c
(t)
3
a) Y
N
=
1 + j L
2
Y
j L
1

2
(L
1
L
2
M
2
)Y
S
b)

I
N
=
M

I
s
L
1
+ j (L
1
L
2
M
2
)Y
A
4
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
134 Soluzioni del Capitolo 10
a) G =
(1 n)
2
G
1
G
2
+ (1 n)G
1
G
3
+ n
2
G
2
G
3
(1 )G
1
+ G
2
+ G
3
S
G =
6 2
3 +
S
b) =
1
n
+ n
G
2
G
1
+
(1 n)
2
n
G
2
G
3
= 3
c) =
1

LC
rad/s
V =
_
V
2
0
+
L
C
I
2
0
V
5
a) D
_

_
i
1M
i
2M
_

_
=
1
(L
1
L
2
M
2
)(G
1
G
2
+ G
2
G
3
+ G
3
G
1
)
_

_
L
2
(G
2
+ G
3
) + MG
3
L
2
G
3
+ M(G
1
+ G
3
)
L
1
G
3
+ M(G
2
+ G
3
) L
1
(G
1
+ G
3
) + MG
3
_

_
_

_
i
1M
i
2M
_

_
D
_

_
i
1M
i
2M
_

_
=
1
15
_

_
4 1
1 4
_

_
_

_
i
1M
i
2M
_

_
b)

=
1
(L M)(G + 2G
3
)
,
1
(L + M)G

=
1
5
,
1
3
6
a) H
v
=
1

1

_
R
1
R
2
+
C
2
C
1
_

_
j R
1
C
2
+
1
j R
2
C
1
_
H
v
=
10
1 +
j
10
_

10

10

_
b)
t
= 10 (

26 5)
_

_
1 rad/s
101 rad/s

c
= 10

26 51 rad/s
c) Diagrammi di | H
v
|(), H
v
().
0 10 51 101
0
7.07
10

H
v

0 10 51 101
0

3
2
2

H
v
Risultati complementari.

x
=
1

R
1
C
1
R
2
C
2
= 10 rad/s, | H
v
|(
x
) =
1

_
R
1
R
2
+
C
2
C
1
_

= 10
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
135

t
=
_

_
_
1 +
_

2
x
R
1
C
2
| H
v
|(
x
)
_
2


2
x
R
1
C
2
| H
v
|(
x
)
_

c
=
_
1 +
_

2
x
R
1
C
2
| H
v
|(
x
)
_
2

x
7
a)
_
L
1
L
2
M
2
_
2
CG
2

4
+
_
L
2
1
C
_
L
1
L
2
M
2
_
L
2
G
2
_

2
L
1
= 0
4
4
2 = 0
b) Q() =
(L
1
L
2
M
2
)
2
CG
2

4
+ [L
2
1
C + (L
1
L
2
M
2
)L
2
G
2
]
2
+ L
1
2M
2
G
Q() =
3
+ 2 +
1
2
Q
_
1
4

2
_
=
4

2
_
2 + 1
_
8
a)
_
L
1
L
2
M
2
_
L
2
C
2

4
+
__
L
1
L
2
M
2
_
L
2
G
2

_
2L
1
L
2
M
2
_
C
_

2
+ L
1
= 0
9
4
26
2
+ 18 = 0
b) Q
r
=

r
C
G
Q
r
=
_
13

7
Risultati complementari.
X = L
1
+
3
M
2
C L
2
(G
2
+
2
C
2
)
(1
2
L
2
C)
2
+ (L
2
G)
2
9
a) P
R
L
=
128n
2
[16n
2
16n + 9]
2
+ [4(n 1)
2
C 1]
2
W
b) n =
3
4
C = 4 F
c) P
R
L
= 2 W
Risultati complementari.
P
R
L
=
1
2
R
L
R
2
L
+
2
L
2
n
2
_
(n 1)
2
G
C
+
n
2
R
T
+
R
L
R
2
L
+
2
L
2
_
2
+
_
(n 1)
2
C
L
R
2
L
+
2
L
2
_
2
|

V
T
|
2
R
2
T
W
n =

_
G
C
+
R
L
R
2
L
+
2
L
2
G
C
+
1
R
T
C =
1
4(n 1)
2
F
10
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
136 Soluzioni del Capitolo 10
a) = G
C
+
C
L
R
L
R
L
<
_
L
C
b) =
_
1
LC

R
2
L
L
2
V =
_
L/C
L/C R
2
L
V
0
V
Risultati complementari.
D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

G
C

C

1
C
1
L

R
L
L
_

_
_

_
v
C
i
L
_

2
+
_
G
C
C
+
R
L
L


C
_
+
1
LC
_
1 + G
C
R
L
R
L
_
11
a) G =
1
3
_
5 1
5 5
_
S
b) P
Rc
= 75 W
Risultati complementari.
I
2
=
g
21
V
s
1 + g
22
R
c
A
P
Rc
=
_
g
21
V
s
1 + g
22
R
c
_
2
R
c
W
12
a) i
L
1
(0) = (G
2
+ G
3
)V
s
= 2 A
i
L
2
(0) = G
2
V
s
= 1 A
b) v
R
1
(t) = R
1
(G
2
+ G
3
) V
s
e
R
1
/L
1
t
u(t) = 2 e
t
u(t) V
v
R
2
(t) = V
s
[1 u
c
(t)] + V
s
e
(R
2
+R
3
)/L
2
t
u
c
(t) = 1 u
c
(t) + e
2t
u
c
(t) V
v
R
3
(t) = V
s
[1 u(t)] G
2
R
3
V
s
e
(R
2
+R
3
)/L
2
t
u(t) = 1 u(t) e
2t
u(t) V
5 0 5
3
0
3
t
vR1
5 0 5
3
0
3
t
vR2
5 0 5
3
0
3
t
vR3
Risultati complementari.
i
L
1
(t) = (G
2
+ G
3
)V
s
[1 u
c
(t)] + (G
2
+ G
3
) V
s
e
R
1
/L
1
t
u
c
(t) = 2[1 u
c
(t)] + 2 e
t
u
c
(t) A
i
L
2
(t) = G
2
V
s
[1 u
c
(t)] + G
2
V
s
e
(R
2
+R
3
)/L
2
t
u
c
(t) = 1 u
c
(t) + e
2t
u
c
(t) A
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
137
5 0 5
3
0
3
t
iL1
5 0 5
3
0
3
t
iL2
13
a) C =
L
_

2
L
2
4R
2
(1 + RG
C
)
2
2R
2
= 2 F
b)
2R(1 + RG
C
)
L
1 rad/s
c) P =
2
3
W
14
a) D
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
=
_

_
0 0
0
G
2
C
2
_

_
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
+
_

_
0
G
2
C
2
_

_
v
E
D
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
=
_
0 0
0 3
_
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
+
_
0
30
_
b) D
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
=
_

G
1
C
1
G
1
C
1
G
1
C
2

G
1
+ G
2
C
2
_

_
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
+
_

_
0
G
2
C
2
_

_
v
E
D
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
=
_
2 2
2 5
_
_

_
v
C
1
v
C
2
_

_
+
_
0
30
_
c) v
C
1
(t) = 5[1 u
c
(t)] + [10 4 e
t
e
6t
] u
c
(t) V
v
C
2
(t) = 10[1 u
c
(t)] + [10 2 e
t
+2 e
6t
] u
c
(t) V
d) v
C
1
(t) = 10 V
v
C
2
(t) = 10 V
15
a) H
v
=
C/L
G
1
G
2
+ C/L + j CG
2
+
G
1
+ G
2
j L
b) B

=
G
1
C
+
1
LG
2
rad/s
c) D
2
v
R
2
+
_
G
1
C
+
1
LG
2
_
Dv
R
2
+
_
1 +
G
1
G
2
_
1
LC
v
R
2
=
1
LG
2
Dv
s
d) v
R
2
(0
+
) = 0 V Dv
R
2
(0
+
) =
1
LG
2
V/s
e) v
R
2
(t) =
1
LG
2
1

1

2
_
e

1
t
e

2
t
_
u
c
(t) V
Risultati complementari.

2
+
_
G
1
C
+
1
LG
2
_
+
_
1 +
G
1
G
2
_
1
LC
D
_

_
v
C
i
L
_

_
=
_

G
1
C
1
C

1
L

1
LG
2
_

_
_

_
v
C
i
L
_

_
+
_

_
G
1
C
1
L
_

_
v
i
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
138 Soluzioni del Capitolo 10
v
R
2
=
1
G
2
i
L
16
a) P
R
=
1
2
R
(R
T
+ R
2
LCR
T
)
2
+
2
(L + CRR
T
)
2
|

V
T
|
2
=
1
4
9
4C
2
4C + 5
W
=
R
R + R
T
[(1
2
LC)
2
+
2
R
2
C
2
]
=
1
4C
2
4C + 3
b) C =
L
R
2
+
2
L
2
=
1
2
F P
R
=
9
16
W =
1
2
c) C =
L
R
2
+
2
L
2
=
1
2
F =
1
2
P
R
=
9
16
W
Risultati complementari.
a) R
T
= 1 , R = 2 : P
R
=
9
5C
2
2C + 10
W =
2
5C
2
2C + 3
C =
1
5
F P
R
=
45
49
W =
5
7
P
d
=
9
8
W
b) R
T
= 1 , R = 1 : P
R
=
1
2
9
2C
2
2C + 5
W =
1
2
1
C
2
C + 1
C =
1
2
F P
R
= 1 W =
2
3
P
d
=
9
8
W
Nota: il primo caso consente ladattamento classico, gli altri due no.
17
a) P
Rc
=
1
2
R
c
|

V
s
|
2
X
2
a
9X
4
a
+ 2(2R
2
s
+ R
s
R
c
+ 2R
2
c
)X
2
a
+ R
2
s
R
2
c
W
b) X
a
0
=
_
R
s
R
c
3

c) P
Rc
(X
a
0
) =
1
8
|

V
s
|
2
R
c
(R
s
+ R
c
)
2
W
P
Rc
(X
a
0
) =
|

V
s
|
2
8R
s
r
(1 + r)
2
, r
R
c
R
s
d) Diagramma di P
Rc
(X
a
).
0
0
X
a
P
R
c
Risultati complementari.
Se Z
c
= Z

s
, allora
P
Rc
=
1
2
R
s
|

V
s
|
2
X
2
a
9X
4
a
+ (10R
2
s
6X
2
s
)X
2
a
+ (R
2
s
+ X
2
s
)
2
W
X
a
0
=
| Z
s
|

P
Rc
(X
a
0
) =
1
4
|

V
s
|
2
8R
s
W
18
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
139
a) P
Rc
=
G
c
G
2
s
V
2
s
n
2
[(n 1)
2
G
r
+ n
2
G
s
+ G
c
]
2
=
G
c
G
2
s
V
2
s
n
2
[(G
r
+ G
s
)n
2
2G
r
n + G
r
+ G
c
]
2
=
192n
2
[9n
2
2n + 4]
2
W
b) n

=
_
G
r
+ G
c
G
r
+ G
s
=
2
3
c) P
Rc
_
2
3
_
=
48
25
=
192
100
= 1, 92 W
d) Diagramma di P
Rc
(n).
3

2
3
0
2
3
3
0
2
n
P
R
c
Fondamenti di teoria dei circuiti - Esercizi e problemi
(Bozza: 24 settembre 2011 - Copyright c 2011 ASommariva.)
A
S
o
m
m
a
r
i
v
a
c

2
0
1
1
Copyright c 2011 ASommariva.
Questo raccolta di esercizi e problemi costituisce materiale di supporto esclusivo del corso di Fondamenti di teoria dei circuiti,
AA 2011-2012, svolto presso lUniversit` a degli Studi di Brescia. La riproduzione o la copia in qualsiasi forma (cartacea,
elettronica, . . . ) di questo materiale deve essere autorizzata in forma scritta dallautore.