Sei sulla pagina 1di 236

Michela Eleuteri

ESERCIZIARIO DI ANALISI
MATEMATICA II
Universit degli Studi di Verona, Facolt di Scienze MM.FF.NN.
Corso di Laurea in Informatica
a.a. 2011/2012

A Giulia
con la speranza che almeno nella matematica
non assomigli al pap ,

Indice
1 Esercizi riguardanti equazioni dierenziali ordinarie
1.1

1.2

Equazioni dierenziali ordinarie del primo ordine

. . . . . . . . . . . . . . . . .

1.1.1

Esercizi svolti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.1.2

Esercizi proposti

1.1.3

Test a risposta multipla

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Equazioni dierenziali ordinarie del secondo ordine

. . . . . . . . . . . . . . . .

10

1.2.1

Esercizi svolti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

1.2.2

Esercizi proposti

14

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2 Esercizi riguardanti il calcolo innitesimale per le curve


2.1

2.2

17

Funzioni a valori vettoriali e curve . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

2.1.1

Esercizi svolti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

2.1.2

Esercizi proposti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

20

Integrali di prima specie

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

Esercizi svolti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

2.2.1

3 Calcolo dierenziale - Funzioni di pi variabili


3.1

Insiemi di livello e domini: esercizi svolti

3.2

Insiemi di livello e domini: esercizi proposti

3.3

Limiti e continuit: esercizi svolti

29

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

29

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

40

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

42

3.4

Gradiente, derivate parziali e piano tangente: esercizi svolti . . . . . . . . . . . .

55

3.5

Gradiente, derivate parziali e piano tangente: esercizi proposti

. . . . . . . . . .

59

3.6

Dierenziabilit, dierenziale e approssimazione: esercizi svolti . . . . . . . . . .

60

3.7

Dierenziabilit, dierenziale e approssimazione: esercizi proposti

. . . . . . . .

64

3.8

Derivate direzionali: esercizi svolti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

65

3.9

Derivate direzionali: esercizi proposti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

68

3.10 Teorema di Schwarz: esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

70

3.11 Esercizi di ricapitolazione

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

71

3.11.1 Esercizi svolti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

71

INDICE

3.11.2 Esercizi proposti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4 Teorema del Dini. Funzione implicita


4.1

Esercizi svolti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4.2

Esercizi proposti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5 Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata


5.1

5.2

81
81
87

95

Ottimizzazione libera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

95

5.1.1

Esercizi svolti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

95

5.1.2

Esercizi proposti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112

Ottimizzazione vincolata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122


5.2.1

Test a risposta multipla

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122

5.2.2

Esercizi svolti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127

5.2.3

Esercizi proposti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129

6 Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli


6.1

79

157

Integrali doppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157


6.1.1

Esercizi svolti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157

6.1.2

Esercizi proposti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165

6.2

Integrali tripli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170

6.3

Esercizi svolti
6.3.1

6.4

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170

Esercizi proposti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185

Integrali superciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187

7 Esercizi riguardanti matrice Jacobiana, rotore e divergenza

195

7.1

Matrice Jacobiana

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195

7.2

Rotore e divergenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205

8 Esercizi riguardanti campi vettoriali

213

9 Esercizi riguardanti serie di potenze e serie di Fourier

229

9.1

Serie di potenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229

9.2

Serie di Fourier

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230

CAPITOLO 1

Esercizi riguardanti equazioni


dierenziali ordinarie
1.1. Equazioni dierenziali ordinarie del primo ordine
1.1.1.

Esercizi svolti

Esercizio 1.1.1.

Si determini la soluzione

y(t)

del seguente problema di Cauchy

2
y0 = y t
y2 + 4

y(0) = 2
Inoltre si determini il valore

>0

per cui

t +.

y(t)
t

tende a un numero nito e non nullo per

Si tratta di un'equazione non lineare del primo ordine a variabili separabili.


ottiene subito

Z 

y2 + 4
y2

Z
dy =

t dt + C

da cui

4
y =
y



Z 
Z  2
4
y +4
t2
1 + 2 dy =
dy
=
+C
y
y2
2
5

Integrando si

Esercizi riguardanti equazioni differenziali ordinarie

quindi imponendo il dato di Cauchy, si ha immediatamente

y2 4
y

C = 0.

Dunque si ha

t2 y
2

= 0.

Il numeratore pu essere visto come un'equazione di secondo grado in


ha

t2 /2
y(t) =

t4
4

+ 16

t2

y.

Quindi risolvendo si

t4 + 64
.
4

Siccome il dato di Cauchy incompatibile con la scelta del segno meno (si avrebbe

y(0) = 2)

la soluzione richiesta del problema di Cauchy proposto

y(t) =

Ora, siccome

t4 + 64 t2

per

t +,

t2 +

t4 + 64
.
4

si ha che

y(t)

x2
quindi il valore di
2

richiesto

= 2.

Esercizio 1.1.2.

y(t)

Si determini la soluzione

del seguente problema di Cauchy

t2 + t
2e2y + 6ey

y(0) = 0

y0 =

Si tratta di un'equazione dierenziale non-lineare, del primo ordine, a variabili separabili. Si


ottiene

2y

e + 6e =

2y

(2e + 6e ) dy =

Imponendo il dato di Cauchy si ottiene

C=7

t3 t2
(t + t) dt = + + C.
3
2
2

da cui

t
t2
e + 6e 7 = 0.
3
2
y
cercare di ricavare la y . Poniamo z = e .
2y

A questo punto dobbiamo

Allora cercando di

ricostruire un quadrato si ottiene

(z + 3)2 = z 2 + 6z + 9 = 9 +
da cui

r
y

e = z = 3

16 +

t3 t2
+ + 7.
3
2

t3 t2
+ .
3
2

Il segno meno della radice deve essere scartato a causa della positivit dell'esponenziale e anche
della incompatibilit del dato di Cauchy. In conclusione dunque

r
y(t) = log 3 +
6

t3 t2
16 + +
3
2

!
.

1.1

Esercizio 1.1.3.

Sia

y(t)

Equazioni differenziali ordinarie del primo ordine

la soluzione del problema di Cauchy

y(t)

Allora il graco di

2
2
2
2

y 0 = 3ex y 2
y(0) = 1

vicino all'origine ha:

concavit verso l'alto e retta tangente con pendenza positiva;


concavit verso il basso e retta tangente con pendenza positiva;
concavit verso l'alto e retta tangente con pendenza negativa;
concavit verso il basso e retta tangente con pendenza negativa

Si tratta di un problema di Cauchy in cui compare un'equazione dierenziale del primo ordine non lineare e non a variabili separabili. Quindi in linea di principio non sappiamo come
ricavare la soluzione.

Ma ai ni dell'esercizio importante soprattutto conoscere non tanto

la forma esatta dell'equazione quanto il comportamento della stessa localmente, in particolare


vicino al punto

x0 = 1.

Allora considerando l'equazione si ottiene:

y 0 (0) = 3 0 = 3 > 0
quindi ricordando il signicato geometrico della derivata prima, l'informazione
che vicino a

x0 = 1

y 0 (0) > 0 ci dice

la soluzione ha retta tangente con pendenza positiva. Inoltre derivando

l'equazione si ottiene

y 00 = 3ex 2y y 0
da cui

y 00 (0) = 3 2y(0) y 0 (0) = 3 2 1 3 = 3 < 0.


Per cui ricordando il signicato geometrico della derivata seconda, questa informazione ci dice
che vicino al punto

x0 = 1 la soluzione ha concavit verso il basso.

La risposta esatta dunque

la seconda.

1.1.2.

Esercizi proposti

Esercizio 1.1.4.

Sia

y(t)

la soluzione del problema di Cauchy

ex y + 1
y =
ex + 1

y(0) = 1

Esercizi riguardanti equazioni differenziali ordinarie

R.

1
1
y = log(ex + 1) + 2 + log 2
2
2


Esercizio 1.1.5.

Si determini la soluzione

1.

del seguente problema di Cauchy

y 0 = (e3y + 1)(2x 1)
y(0) = 1

R.
y(t) =

Esercizio 1.1.6.

h
i
1
2
log (1 + e3 )e3x 3x 1 .
3

Si determini la soluzione

y(t)

2

y(t)

del seguente problema di Cauchy

y 0 = (3 + 27y 2 ) (xe3x 2x2 )


y(0) = 0

R.
y(t) =

- Esercizio
2xe3y .

1.1.7.


1
tan 3t e3t e3t 6t3 + 1 .
3

Determinate la soluzione generale dell'equazione dierenziale

y0 =

1.1

1.1.3.

Equazioni differenziali ordinarie del primo ordine

Test a risposta multipla

Esercizio 1.1.8.

Sia

y(t)

la soluzione del problema di Cauchy

Allora

y
t+1
y(0) = 1
y0 =

y(1) =

2 e;
2 2;

2 2;

2 e.
-

Esercizio 1.1.9.

Sia

y(t)

la soluzione del problema di Cauchy




y 0 (t + 2) 1 + 1 = 0
y

y(0) = 1
Allora il graco di

2
2
2
2

y(t)

vicino all'origine ha:

concavit verso l'alto e retta tangente con pendenza positiva;


concavit verso il basso e retta tangente con pendenza positiva;
concavit verso l'alto e retta tangente con pendenza negativa;
concavit verso il basso e retta tangente con pendenza negativa

R. Concavit verso il basso e retta tangente con pendenza positiva.

Esercizio 1.1.10.

Sia

y(t)

la soluzione del problema di Cauchy

Allora il graco di

2
2
2
2

y(t)

vicino a

x0 = 0

y 0 = 3 sin t + y 2
y(0) =
ha:

concavit verso l'alto e retta tangente con pendenza positiva;


concavit verso il basso e retta tangente con pendenza positiva;
concavit verso l'alto e retta tangente con pendenza negativa;
concavit verso il basso e retta tangente con pendenza negativa

R. Concavit verso l'alto e retta tangente con pendenza positiva.


9

Esercizi riguardanti equazioni differenziali ordinarie

1.2. Equazioni dierenziali ordinarie del secondo ordine


1.2.1.

Esercizi svolti

Esercizio 1.2.1.

Si determini la soluzione

y(t)

del seguente problema di Cauchy

00
0

y 6y + 9y = 3t + 2
y(0) = 1

0
y (0) = 2
Si tratta di una equazione dierenziale ordinaria lineare del secondo ordine, a coecienti
costanti non omogenea. L'equazione caratteristica associata

r2 6r + 9 = 0
che d come soluzioni

r = 3 con doppia molteplicit.

Quindi la soluzione generale dell'equazione

omogenea :

z(t) = c1 e3t + c2 t e3t


al variare di

c1 , c2 R.

Ora cerco una soluzione dell'equazione non omogenea associata. Per

il metodo di somiglianza, la cerco nella forma

y(t) = At + B .

Quindi

y 0 (t) = A

y 00 (t) = 0.

Inserendo questi dati nell'equazione di partenza si ottiene dunque

0 6A + 9(At + B) = 3t + 2
da cui si deduce (uguagliando tra loro i coecienti del termine di primo grado e uguagliando
tra loro i termini noti)

1
A= ,
3

4
B= .
9

Quindi la soluzione generale dell'equazione non omogenea di partenza :

y(t) = z(t) + y(t) = c1 e3t + c2 t e3t +


al variare di

c1 , c2 R.

1
4
t+ ,
3
9

A questo punto impongo i dati di Cauchy per risolvere il problema

associato. Prima di tutto si ha

4
1 = y(0) = c1 + ;
9

(1.2.1)

in secondo luogo, ricordando che

y 0 (t) = 3 c1 e3t + 3 c2 t e3t + c2 e3t +


10

1
3

1.2

Equazioni differenziali ordinarie del secondo ordine

si ha

1
2 = y 0 (0) = 3c1 + c2 + .
3

(1.2.2)

A questo punto si deve risolvere il sistema lineare non omogeneo a coecienti costanti costituito
da (1.2.1)(1.2.2).

Ricavando

c1

dalla (1.2.1) e inserendo il risultato nella (1.2.2), si ottiene

con semplici calcoli

c1 =

13
,
9

c2 = 2

1
5 13
3c1 = +
= 6.
3
3
3

Concludendo, la soluzione del problema di Cauchy proposto :

y(t) =

Esercizio 1.2.2.

Sia

y(t)

1
4
13 3t
e + 6 t e3t + t + .
9
3
9

la soluzione del problema di Cauchy

00
0

y + 2y 3y = 0
y(0) = 0

0
y (0) = 1.
Allora

limt+ y(t) =

2 0;
2 non esiste;
2 +;
2

L'equazione

y 00 + 2y 0 3

un'equazione dierenziale ordinaria del secondo ordine a coe-

cienti costanti omogenea. L'equazione caratteristica associata


soluzioni

r=1

r = 3

r2 + 2r 3 = 0

da cui la soluzione generale dell'equazione risulta

y(t) = c1 et + c2 e3t ,
al variare di

c1 , c2 R.

A questo punto impongo i dati di Cauchy; si ottiene

0 = y(0) = c1 + c2
mentre osservando che

y 0 (t) = c1 et 3c2 e3t

si deduce

1 = y 0 (0) = c1 3c2
quindi

1
1
c1 = ; c2 = .
4
4
11

che d come

Esercizi riguardanti equazioni differenziali ordinarie

Quindi la soluzione generale dell'equazione di partenza risulta

1
1
y(t) = et e3t .
4
4
A questo punto chiaramente

lim y(t) = +

t+
quindi la risposta corretta la terza.

Esercizio 1.2.3.

Si determini la soluzione

y(t)

del problema di Cauchy

00
0

y y 2y = cos(2t)
y(0) = 1

0
y (0) = 0.
L'equazione

y 00 y 0 2y = cos(2t)

un'equazione dierenziale ordinaria del secondo ordine

a coecienti costanti non omogenea. L'equazione caratteristica associata alla corrispondente


equazione omogenea

r2 r 2 = 0
che d come soluzioni

r = 1

r = 2.

Quindi la soluzione generale dell'equazione omogenea

z(t) = c1 et + c2 e2t ,
al variare di

c1 , c2 R.

A questo punto, dal metodo di somiglianza, cerco una soluzione

particolare dell'equazione non omogenea del tipo

y(t) = sin(2t) + cos(2t).


Prima di tutto si ha

y 0 (t) = 2 cos(2t) 2 sin(2t);

y 00 (t) = 4 sin(2t) 4 cos(2t).

A questo punto, inserendo i dati ottenuti nell'equazione di partenza, si ottiene

4 sin(2t) 4 cos(2t) 2 cos(2t) + 2 sin(2t) 2 sin(2t) 2 cos(2t) = cos(2t)


da cui, con semplici calcoli

(6 + 2) sin(2t) + (2 6) cos(2t) = cos(2t)


da cui uguagliando i coecienti dei termini simili si ha

=
6 + 2 = 0
20

2 6
= 3 .
20
12

1.2

Equazioni differenziali ordinarie del secondo ordine

Quindi una soluzione particolare dell'equazione si partenza data da

y(t) =

1
3
sin(2t)
cos(2t).
20
20

da cui la soluzione generale ha la forma

y(t) = c1 et + c2 e2t

1
3
sin(2t)
cos(2t).
20
20

Imponendo i dati di Cauchy, con semplici calcoli si ottiene la seguente soluzione del problema
di Cauchy proposto

11 t
5 2t
1
3
e +
e
sin(2t)
cos(2t).
15
12
20
20

y(t) =

Esercizio 1.2.4.

Si determini la soluzione

y(t)

del problema di Cauchy

00
0
2t

y 4y + 8y = e
y(0) = 1

0
y (0) = 0.
2

R.

Equazione dierenziale ordinaria lineare del secondo ordine non omogenea a coeci-

enti costanti. Equazione caratteristica

r2 4r + 8 = 0

da cui

r = 2 2i.

Soluzione generale dell'omogenea

y(t) = c1 e2t sin(2t) + c2 e2t cos(2t).


Cerchiamo una soluzione particolare della non omogenea nella forma

y(t) = A e2t

da cui

inserendo nell'equazione tale espressione assieme all'espressione delle sue derivate si ottiene
facilmente

A = 1/20.

La soluzione generale della non omogenea dunque

y(t) = c1 e2t sin(2t) + c2 e2t cos(2t) +

1 2t
e .
20

Imponendo i dati di Cauchy si ottiene facilmente che la soluzione del problema di Cauchy
proposto

y(t) =

11 2t
21 2t
1 2t
e sin(2t)
e cos(2t) +
e .
10
20
20
13

Esercizi riguardanti equazioni differenziali ordinarie

1.2.2.

Esercizi proposti

Esercizio 1.2.5.

Si determini la soluzione

y(t)

del problema di Cauchy

00
0

y y 2y = sin(2t)
y(0) = 0

0
y (0) = 1.
2

R.
y(t) =

- Esercizio
13y = 4x.

5
3
1
7 t
e + e2t
sin(2t) +
cos(2t).
15
12
20
20

1.2.6. Determinate la soluzione generale dell'equazione dierenziale y00 4y0 +

Esercizio 1.2.7.

Determinare la soluzione generale dell'equazione dierenziale

2y 00 + 3y 0 + 4y = 0.

Esercizio 1.2.8.

Si risolva il seguente problema di Cauchy:

y 00 + 6y 0 + 8y = e4t + t2 ,

Esercizio 1.2.9.

y(1) = 2,

Si risolva il seguente problema di Cauchy:

y 0 + 2(tan t)y = t,

y 0 (1) = 3.

Esercizio 1.2.10.

Si determini la soluzione

y(1) = 4.

y(t)

del problema di Cauchy

00
0
x

y + y 2y = e
y(0) = 0

0
y (0) = 0.

14

1.2

Equazioni differenziali ordinarie del secondo ordine

R.
1
1
1
y(t) = et e2t t et
9
9
3

Esercizio 1.2.11.

Si risolva il seguente problema di Cauchy:

y 0 + 3(cot t)y = t,

Esercizio 1.2.12.

Si risolva il seguente problema di Cauchy:

y 00 + 6y 0 + 8y = e2t +

Esercizio 1.2.13.

y(1) = .

t2 ,

y(1) = 0,

Si risolva il seguente problema di Cauchy:

y 0 6(cot t)y = t,

Esercizio 1.2.14.

y(2) = .

Si risolva il seguente problema di Cauchy:

y 0 + (tan t)y = 2t2 ,

Esercizio 1.2.15.

y 0 (1) = 2.

y(1) = 3.

Si consideri l'equazione dierenziale

y (3) 2y 00 + 5y 0 = 0.
(i) Se ne determini l'integrale generale.
(ii) Trovare, se esistono, tutte le soluzioni

y(t)

tali che

lim y(t) = .

(iii) Determinare l'integrale generale dell'equazione dierenziale

y (3) 2y 00 + 5y 0 = 3tet .

15

Esercizi riguardanti equazioni differenziali ordinarie

Esercizio 1.2.16.

(i) Determinare l'integrale generale dell'equazione dierenziale

y 00 6y 0 + 9y = 0.
(ii) Determinare l'integrale generale dell'equazione dierenziale

y 00 6y 0 + 9y = cos( 2t).

Esercizio 1.2.17.

(i) Determinare l'integrale generale dell'equazione dierenziale

y 00 4y 0 + 13y = 0.
(ii) Determinare l'integrale generale dell'equazione dierenziale

y 00 4y 0 + 13y = 1 + e2t .

Esercizio 1.2.18.

(i) Determinare l'integrale generale dell'equazione dierenziale

y 000 + y 0 = 0.
(ii) Determinare l'integrale generale dell'equazione dierenziale

y 000 + y 0 = 1 + et .

Esercizio 1.2.19.

(i) Determinare l'integrale generale dell'equazione dierenziale

y 00 2y 0 + 17y = 0.
(ii) Determinare l'integrale generale dell'equazione dierenziale

y 00 2y 0 + 17y = sin(2t).
.

16

CAPITOLO 2

Esercizi riguardanti il calcolo


innitesimale per le curve
2.1. Funzioni a valori vettoriali e curve
2.1.1.

Esercizi svolti

- Esercizio 2.1.1. Sia la curva piana una cui parametrizzazione in coordinate polari
() = 2 + 1, on 0 2. Dopo aver disegnato sommariamente il sostegno di , determinare i versori tangente e normale al sostegno di nel punto () e scrivere un'equazione
della retta tangente nello stesso punto.

Si ha

x() = (2 + 1) cos
y() = (2 + 1) sin

0 2

x0 () = 2 cos (2 + 1) sin
y 0 () = 2 sin + (2 + 1) cos
0 () = (2, ( 2 + 1)).
Versore tangente:


T () =

2
2 + 1

,
4 + 6 2 + 1
4 + 6 2 + 1
17

Esercizi riguardanti il calcolo infinitesimale per le curve

Versore normale:



2 + 1
2
N () =
,
.
4 + 6 2 + 1 4 + 6 2 + 1

Retta tangente: equazione parametrica

x = ( 2 + 1) 2t
y = t( 2 + 1)

tR

Retta tangente: equazione cartesiana

y=

Esercizio 2.1.2.

( 2 + 1)2
2 + 1
x+
.
2
2

che si ottiene
3/2
percorrendo prima da sinistra verso destra il graco di f (x) = (1/3)(2x 1)
per 1/2
x 1 e poi da destra a sinistra il segmento congiungente gli estremi del graco di f stessa.
Disegnare quindi il sostegno di e calcolarne la lunghezza.
Determinare una parametrizzazione della curva chiusa

Si ha

1 =

x=t

y = 1 (2t 1)3/2
3

x = 3 1t
2
2
2 =
y = 1 (2 t)
3

Si ha

1
2

t 1;

1 t 2.

10 (t) = (1, 2t 1).

Da cui

s 
 2
2
1
1
L() = L(1 ) + L(2 ) =
+
2
3
1/2



Z 1
2 3/2 1
13
13
13
2 2 1
=
2t dt +
=
2 t
+
=
+
6
3
6
3
3
6
1/2
1/2
Z

p
1 + (2t 1) dt +

- Esercizio 2.1.3. Data la curva avente equazione in coordinate polari = 22 con


, determinate la lughezza di ; determinate poi un versore tangente alla curva
+
nel punto corrispondente a = e calcolate il limite per 0 di questo versore.

18

2.1

Funzioni a valori vettoriali e curve

Uno pu calcolare direttamente la lunghezza della curva con la formula che coinvolge le coordinate polari oppure passando per una rappresentazione parametrica della curva. In questo
caso, posto

(t) = ((t) cos t, (t) sin t) = (2t2 cos t, 2t2 sin t)


con

t ,

si ha

0 (t) = (4t cos t 2t2 sin t, 4t sin t + 2t2 cos t)


da cui

|0 (t)|2 = 16t2 + 4t4

|0 (t)| =

4t2 (4 + t2 ) = 2|t| 4 + t2 ,

per cui

L=

2
2|t| 4 + t dt = 2

t2

4
+ 4 2t dt = (t2 + 4)3/2
3


0

4
32
= ( 2 + 4)3/2 .
3
3

Il versore cercato risulta

(4 cos 22 sin , 4 sin + 22 cos )


0 ()

=
|0 ()|
2|| 4 + 2
quindi se

> 0,

allora


() =

2 cos
sin
2 sin
cos

,
+
4 + 2
4 + 2
4 + 2
4 + 2

- Esercizio 2.1.4. Data la


2, determinate la lunghezza
corrispondente a t = 0.

Se

curva
di

parametrizzata da


(1, 0)

(et cos t, et sin t)

con

2 t

determinate poi la retta tangente alla curva nel punto

(t) = (et cos t, et sin t) allora 0 (t) = (et (cos t sin t), et (sin t + cos t), quindi
p

|0 (t)| = et cos2 t + sin2 t 2 sin t cos t + sin2 t + cos2 t + 2 sin t cos t = et 2.

Allora

L() =

et 2 dt = 2(e2 e2 ).

2
Poi per

t = 0 si ha (0) = (1, 0) e (0) = (1, 1), e la tangente cercata ha equazione parametrica

x=1+t
y=t
19

Esercizi riguardanti il calcolo infinitesimale per le curve

o cartesiana

y = x 1.

- Esercizio 2.1.5.

Data la curva la cui equazione in coordinate polari

un vettore tangente alla curva nel punto che corrisponde a


cartesiana della retta tangente nello stesso punto.

=
2

= 2, determinare

e scrivere l'equazione

Determiniamo un'equazione parametrica della curva data in coordinate polari. Si ha

x() = () cos = 2 cos


y() = () sin = 2 sin .
A questo punto, un vettore tangente alla curva nel punto che corrisponde al generico
da

dato

x0 () = 2 cos 2 sin
y 0 () = 2 sin + 2 cos .

da cui un vettore tangente alla curva nel punto che corrisponde a

dato da
2

 

x0
=
 2 

y0
= 2.
2
A questo punto, l'equazione cartesiana della retta tangente al punto corrispondente al generico

y 0 (0 )(x x(0 )) = x0 ()(y y(0 ))


per cui, se

0 =

,
2

si ha

2(x 0) = (y )

2.1.2.

Esercizi proposti

Esercizio 2.1.6.

Si calcoli la lunghezza l della curva


(t) =


2 + 3t
, 2t 1, ln(t) ,
8t

Si calcolino inoltre le equazioni della retta

2x + y = 2 .

1
t 2.
2

tangente alla curva nel punto

perpendicolare alla curva nello stesso punto.

20

(1)

e del piano

2.1

Esercizio 2.1.7.

Si consideri la curva in

x = t e2t ,

Funzioni a valori vettoriali e curve

R3

y = 3 t e2t ,

denita dalle equazioni parametriche

z = 2 t e2t

t [0, 1].

Determinare la retta tangente alla curva nel punto corrispondente al valore del parametro

t = 1/2.

Determinare il piano ortogonale alla curva nello stesso punto.

Esercizio 2.1.8.

Si consideri la curva piana:


(t) := (x(t), y(t)) =
A = (0),
trovare
5( 8 1)
esattamente
.
3

a) Se

un punto


5t3 5t2
,
1 ,
3 2

B = (s),

t 0.

tale che la lunghezza dell'arco

b) Scrivere le equazioni della retta tangente e della retta normale a

Esercizio 2.1.9.

nel punto

AB

sia

B.

Si consideri la curva nello spazio:

(t) := (x(t), y(t), z(t)) = (et cos t, et sin t, et

3),

t (, +).

t0 per il quale la distanza di (t0 ) dall'origine 2.

b) Trovare il numero t1 per il quale la lunghezza dell'arco avente estremi (t0 ) e (t1 ) 2 5.
c) Trovare l'equazione del piano normale e della retta tangente a (t) nel punto (t1 ).
a) Trovare il numero

Esercizio 2.1.10.

Si consideri la curva



2 3
(t) = cos 2t + 2t sin 2t, sin 2t 2t cos 2t, t
3
a) Determinare il punto

t > 0

t [0, +).

per il quale la lunghezza dell'arco di estremi

b) Scrivere l'equazione del piano

normale alla curva nel punto

21

 
2

(0)

(t)

38
.
3

Esercizi riguardanti il calcolo infinitesimale per le curve

2.2. Integrali di prima specie


2.2.1.

Esercizi svolti

Esercizio 2.2.1. Parametrizzate il tratto del graco della funzione ex compreso tra x = 0
x = 1;

detta

lunghezza di

tale curva, calcolate l'integrale su

di

f (x, y) = yex ;

calcolate inne la

Una parametrizzazione di

data da

x(t) = t

t [0, 1]

y(t) = et ;
si ha inoltre

0 (t) = (1, et ).
A questo punto

Z
f (x, y)ds =

1
t t

e e

1+

e2t

1
=
2

Inne

Z
L() =

(1 + e2t )3/2
3/2

1
=
0

1
[(1 + e2 )3/2 1].
3

1 + e2t dt.

Z
Troviamo

1 + e2t dt eettuando il cambio di variabile

1 + e2t =: z

da cui

2t = log(z 2 1).

Si ha

Z
1+

e2 t

dt =

z
z 2
dz =
z 1

Z 

1
1+ 2
z 1

1
dz = z + log
2

z1
z+1

Allora

Z
L() =
0

"

1
1 + e2t dt =
1 + e2t + log
2

1
= 1 + e2 + log
2

!#1

1 + e2t 1

1 + e2t + 1 0

1 + e2 1
1

2 log
2
1 + e2 + 1
22

21

.
2+1


+ C.

2.2

Esercizio 2.2.2.

Data la curva

f (x, y) =

x2 + y 2

(t) = (t cos 2t, t sin 2t), determicorrisponde a t = 0 e calcolate l'integrale


curva con 1 t 1.

parametrizzata da

nate la retta tangente alla curva nel punto che


della funzione

Integrali di prima specie

sulla parte di

0 (t) = (cos 2t 2t sin 2t, sin 2t 2t cos 2t), dunque 0 (0) = (1, 0); essendo (0) = (0, 0)
retta tangente passa per (0, 0) con direzione (1, 0), ed pertanto l'asse x. Si ha poi

Si ha
la

|0 (t)|2 = cos2 2t + 4t2 sin2 2t 4t sin 2t cos 2t + sin2 2t + 4t2 cos2 2t + 4t = 1 + 4t2

quindi

|0 (t)| =

1 + 4t2 .

Allora l'integrale diventa

Z
p
0
2
2
2
2
t cos 2t + t sin 2t | (t)| dt =

=2
0

Z

2
2
t 1 + 4t dt =

1
1 + 4t2 t dt =
4

Esercizio 2.2.3.

s ds =

|t| 1 + 4t2 dt

12 5 1
[s s]1 = (5 5 1).
43
6

(sin t, t, 1) con 0 t 2;

determinare il vettore tangente a in ciascuno dei punti corrispondenti a t = 0, t = 2 , t =


p
, disegnate accuratamente e calcolate l'integrale su della funzione xyz 1 + cos2 y.
-

il graco della funzione sin x sul


0 (/2) = (0, 1, 0) 0 () = (1, 1, 0).

Considerate la curva

Z
p
2
xyz 1 + cos y ds =

piano

parametrizzata da

z = 1.

Si ha

sin t t (1 + cos t) dt =

=[t cos t +

Z
t sin t dt +

sin t]2
0

0 (t) = (cos t, 1, 0) 0 (0) = (1, 1, 0)

t sin t cos2 t dt


2
cos3 t 1
sin3 t
8
+ t
+ sin t
= .
3
3
9 0
3
23

Esercizi riguardanti il calcolo infinitesimale per le curve

Esercizio 2.2.4.

Calcolare l'integrale (curvilineo) di

xy
f (x, y) =
4 + x2

lungo la curva

e determinare la

il cui sostegno il bordo

di



x2
2
2
E = (x, y) : x 0, x + y 1, 0 y 1
4


3
retta tangente a nel punto
1,
.
4
Z

f (x, y) =

f (x, y) +

f (x, y) +

1 =

f (x, y)
3

x=t
1 t 2;

y=0
Z

f (x, y) = 0
1

2 =

x = cos t
0 t 2 ;

y = sin t
Z

/2

f (x, y) =
2

sin t cos t
/2

dt = [ 4 + cos2 t]0 = [2 + 5] = 5 2
4 + cos2 t

3 =

x=t
2

y =1 t
4
r

p
(x0 )2 + (y 0 )2 =

Z
f (x, y) =

t(1 t4 )

4 + t2

0 t 2;

t2
1+ =
4

4 + t2
1
dt =
2
2

Quindi

Z
f (x, y) =

24

3
5 .
2

4 + t2
.
2

Z
0



t3
1
t
dt = .
4
2

2.2


Nel punto

3
1,
4

Integrali di prima specie


c' il tratto di parabola

x=t
2

y =1 t
4
si ha

x0 = 1, y 0 =

t
2

1, 43

si trova per

0 t 2;

t=1

forma parametrica retta tangente

x=1+t
3 1

y= t
4 2

t R;

forma cartesiana (anche dal graco)

1
5
y = x+ .
2
4
- Esercizio 2.2.5. Si calcoli l'integrale curvilineo di prima
x y sulla parte dell'ellisse


x2 y 2
2
(x, y) R :
+
=1
9
4

specie della funzione

f (x, y) =

contenuta nel primo quadrante. [Sugerimento: nel corso del procedimento potrebbe venire
utile un cambiamento di variabile del tipo

Una parametrizzazione della curva

s = sin t . . . ]

che descrive la parte di ellisse contenuta nel primo

quadrante data dal problema

() =

x = 3 cos
y = 2 sin

da cui

0 () =

x = 3 sin
y = 2 cos

i
0,
2
h

h i
0,
2

| 0 ()| =

9 sin2 + 4 cos2 =

p
5 sin2 + 4.

Quindi

/2

f (()) | ()| ds =

f ds =

3
=
5

/2

6 sin cos

p
5 sin2 + 4 d

(5 sin2 + 4)3/2
3/2

/2

10 sin cos
0

3
5 sin + 4 d =
5
2

25

/2
=
0

38
.
5

Esercizi riguardanti il calcolo infinitesimale per le curve

Esercizio 2.2.6.

Si calcoli l'integrale curvilineo (rispetto all'ascissa curvilinea)

z ds,

(t) = (t cos t, t sin t, t), t [0, 2]. Si determini


inoltre il piano normale ad nel punto (, 0, ) (ovvero il piano normale alla retta tangente

ove

la curva di parametrizzazione

in quel punto).

Poniamo

(t) := (1 (t), 2 (t), 3 (t)) = (t cos t, t sin t, t)

t [0, 2]

da cui

0 (t) = (cos t t sin t, sin t + t cos t, 1)


e

|0 (t)| =

cos2 t + t2 sin2 t 2 t sin t cos t + sin2 t + t2 cos2 t + 2 t sin t cos t + 1 = t2 + 2.

Allora, per denizione di integrale curvilineo di prima specie, posto

f (1 (t), 2 (t), 3 (t)) |0 (t)| dt =

z ds =

t
0

f (x, y, z) = z

si ha

2
2
3/2
(t
+
2)
1

t2 + 2 dt =


2
3/2
0

1
= [(4 2 + 2)3/2 23/2 ].
3
L'equazione cartesiana del piano normale alla curva

: R R3

nel punto

(x0 , y0 , z0 )

data

da

(x x0 ) 10 (t0 ) + (y y0 ) 20 (t0 ) + (z z0 ) 30 (t0 ) = 0


e quindi inserendo i nostri parametri si ottiene

(x + ) 10 () + (y 0) 20 () + (z ) 30 () = 0
da cui

z x y = 2 .
- Esercizio
R p
x2 + y 2 ds,

2.2.7.
ove

Si

calcoli

l'integrale

curvilineo

(rispetto

all'ascissa

(t) = (t sin t, t cos t, 2 t), t [0, 2].


punto (/2, 0, ) (ovvero il piano normale

la curva di parametrizzazione

Si determini inoltre il piano normale ad

nel

alla retta tangente in quel punto).

Poniamo

(t) := (1 (t), 2 (t), 3 (t)) = (t sin t, t cos t, 2 t)


26

curvilinea)

t [0, 2]

2.2

Integrali di prima specie

da cui

0 (t) = (sin t + t cos t, cos t t sin t, 2)


e

|0 (t)| =

sin2 t + t2 cos2 t + 2 t sin t cos t + cos2 t + t2 sin2 t 2 t sin t cos t + 4 = t2 + 5.

Allora, per denizione di integrale curvilineo di prima specie, posto

Z
Z p
2
2
x + y ds =

f (1 (t), 2 (t), 3 (t)) |0 (t)| dt =

t
0

f (x, y, z) =

x2 + y 2

si ha

2
2
3/2
1
(t
+
5)

t2 + 5 dt =


2
3/2
0

1
= [(4 2 + 5)3/2 53/2 ].
3
L'equazione cartesiana del piano normale alla curva

: R R3

nel punto

(x0 , y0 , z0 )

data

da

(x x0 ) 10 (t0 ) + (y y0 ) 20 (t0 ) + (z z0 ) 30 (t0 ) = 0


e quindi inserendo i nostri parametri si ottiene

 
 
 0  
1
+ (y 0) 20
+ (z ) 30
=0
2
2
2
2

da cui

 

1 + (y 0)
+ 2 (z ) = 0
2
2

e quindi

2x y + 4 z = 5 .

Esercizio 2.2.8. Si calcoli l'integrale curvilineo (rispetto all'ascissa curvilinea)

ove

(t) = (t2 , cos t, sin t), t [0, 2]. Si


( 2 , 1, 0) (ovvero il piano normale alla

la curva di parametrizzazione

determini inoltre

retta tangente in

il piano normale ad

nel punto

quel punto).

Poniamo

(t) := (1 (t), 2 (t), 3 (t)) = (t2 , cos t, sin t)

t [0, 2]

da cui

0 (t) = (2t, sin t, cos t)


e

R
x ds,

| (t)| = 4t2 + sin2 t + cos2 t = 4t2 + 1.


0

27

Esercizi riguardanti il calcolo infinitesimale per le curve

Allora, per denizione di integrale curvilineo di prima specie, posto

x ds =

f (1 (t), 2 (t), 3 (t)) |0 (t)| dt =

Z
0

f (x, y, z) =

si ha

2
2
3/2

1
(4
t
+
1)

t 4 t2 + 1 dt =


8
3/2
0

1
[(16 2 + 1)3/2 1].
12

L'equazione cartesiana del piano normale alla curva

: R R3

nel punto

da

(x x0 ) 10 (t0 ) + (y y0 ) 20 (t0 ) + (z z0 ) 30 (t0 ) = 0


e quindi inserendo i nostri parametri si ottiene

(x 2 ) 10 () + (y + 1) 20 () + (z 0) 30 () = 0
da cui

(x 2 ) 2 z = 0
e quindi

z = 2 x 2 3.

28

(x0 , y0 , z0 )

data

CAPITOLO 3

Calcolo dierenziale
Funzioni di pi variabili
3.1. Insiemi di livello e domini: esercizi svolti
-

Esercizio 3.1.1.

Calcolare le curve di livello delle seguenti funzioni


x y
1)f (x, y) = 3 1
2 4
2
2
2)f (x, y) = x y
xy
3)f (x, y) =
x+y
Per la prima funzione le curve di livello di

sono segmenti delle seguenti rette


x y
=C
3 1
2 4
ossia

x y
C
+ =1
2 4
3

0C3
x2 y 2 = C ; per C = 0 la curva
x = y , mentre per gli altri valori

che stanno nel primo quadrante. Per la seconda sono le curve


di livello costituita in realt dalla coppia di rette
di

x=y

le curve di livello sono iperboli equilatere aventi queste rette come asintoti. Per la terza

funzione inne le curve di livello sono rette per l'origine.

29

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Esercizio 3.1.2.

Si rappresenti nel piano il dominio della funzione

f (x, y) = arcsin(xy y 2x)

arcsin x

Sappiamo che la funzione

denita per

x [1, 1]

quindi il dominio di

l'insieme

D = {(x, y) R2 : 1 xy y 2x 1}.
Si verica direttamente che i punti della retta
che

(x, y) D

mentre se

se e solo se

x>1

si ha che

x=1

non stanno in

D.

Quindi se

2x 1
1 + 2x
y
x1
x1
(x, y) D

se e solo se

2x + 1
2x 1
y
x1
x1
In conclusione il dominio di

indicato dalla zona tratteggiata in gura 3.1.

Figura 3.1: Dominio di

30

f.

x<1

si ha

3.1

Esercizio 3.1.3.

Insiemi di livello e domini: esercizi svolti

Si rappresenti nel piano il dominio della funzione

p
(x2 2x y)(x2 2x + y)
x+1
+ ln
f (x, y) =

2 
2
2x
3
1
x
+ y
2
2
Occorrono: non negativit del radicando, positivit dell'argomento del logaritmo e denominatore diverso da zero. Tutto ci equivalente al sistema

(x2 2x y)(x2 2x + y) 0

2 
2

3
1
x
+ y
6= 0

2
2

x+1

>0
2x
il quale a sua volta equivalente a

x2 + 2x y x2 2x

3
1
x
=
6
,
y
=
6

2
2

1 < x < 2.
Il dominio della funzione indicato in gura 3.2.

Figura 3.2: Dominio di

31

f.

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Esercizio 3.1.4.

Si rappresentino nel piano gli insiemi di livello della funzione

f (x, y) =

Ricordiamo che l'insieme di livello


l'insieme dei punti del piano in cui

c
f

1 + xy
x2

c R di una funzione z = f (x, y)


valore c, cio l'insieme

con
ha

denito come

Ec = {(x, y) R2 : f (x, y) = c}.


Naturalmente se
comuni

Ec

non appartiene all'immagine di

allora l'insieme

Ec

vuoto. Nei casi pi

costituito da una o pi curve nel piano, che perci prendono il nome di curve di

livello.
Ponendo

1 + xy
= c,
x2

cR

si trova facilmente la famiglia di curve di equazione

1
y = cx ,
x

c R.

Il graco evidenzia qualche curva appartenente alla precedente famiglia.

Figura 3.3: Alcune curve di livello per la funzione

32

f.

3.1

- Esercizio 3.1.5.

1) + xey yex

Insiemi di livello e domini: esercizi svolti

Trovare l'insieme di denizione della funzione

f (x, y) =

x 1+ln(y

Innanzitutto le due radici devono esistere e quindi i loro argomenti devono essere maggiori
o uguali a 0; inoltre deve esistere la funzione logaritmo e quindi il suo argomento deve essere
maggiore di 0. Quindi

D = {(x, y) R2 : x 1} {(x, y) R2 : y > 1} {(x, y) R2 : xey yex 0}.


L'unico problema capire come fatto il terzo insieme. Osserviamo che

xey yex 0 xey yex xex yey .


f (x) = xex . Il dominio R, f (0) = 0, limx f (x) = mentre
limx+ f (x) = 0; f 0 (x) = ex [1 x] quindi f ammette un massimo in x = 1 che vale 1/e.
In gura 3.4. riportato il graco di f.
Studiamo la funzione

2
y
1

x
1

Figura 3.4: Graco di

Quindi se

x1

si ha che

f (x)

f (x) = xex .

decrescente, cio:

1 x y f (x) f (y) xex yey .


Tenendo conto dunque della restrizione dovuta all'esistenza dei primi due termini, senza esplicitare completamente il terzo insieme possiamo dire che

D = {(x, y) R2 : 1 x y} \ {(1, 1)}.


33

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Il punto

(1, 1)

deve essere tolto perch

Esercizio 3.1.6.

Trovare

yx

l'insieme

y 6= 1.

di

denizione

della

funzione

f (x, y) =

4xy
arcsin 2
x + y2

La funzione

arcsin x

[1, 1] quindi il dominio della funzione




4xy
2
D = (x, y) R : 1 2
1 .
x + y2

denita in

data l'insieme

Vediamo di capire meglio chi questo insieme. Si ha

x2 + y 2 + 4xy 0

x2 + y 2 + 4xy 0

4xy
1

4xy x2 y 2 0.
x2 + y 2 4xy 0.
+ y2

x2

Passando in coordinate polari si ottiene

2 [1 + 4 cos sin ] 0

1 2 sin(2) 1 1

2 [4 sin cos 1] 0.

4 tan
1
1 + tan2

t := tan si ha

t 2 3 t 2 + 3
t2 + 4t + 1 0

|t| < 2 3 |t| 2 + 3.

t2 3
4t t2 1 0.
t2+ 3

da cui, ponendo

Quindi

D = R2 \ {(x, y) R2 : (2
= R2 \ {(x, y) R2 : (2

- Esercizio 3.1.7.
2
2
arccos(xyex y )

La funzione

arccos

Trovare

l'insieme

3)|y| |x| (2 +
3)|x| |y| (2 +

di

denizione

della

3)|y|}
3)|x|}.

funzione

[1, 1], quindi il dominio della funzione


n
o
2
2
D = (x, y) R2 : 1 xyex y 1 .

denita in

34

f (x, y)

data l'insieme

3.1

Insiemi di livello e domini: esercizi svolti

Vediamo di capire meglio chi questo insieme. Si ha

xy


1 x2 +y2 1.
e

x2 y 2

1 xye

Passando a coordinate polari, questo equivalente a cercare le coppie

(, ) R2

tali che

2

cos sin

1.


e2
x2
. Si ha che f pari e sempre non
e2x2
0
x
(2x)(1 x2 ) da cui x = 0 punto
negativa, f (0) = 0, limx f (x) = 0 e f (x) = e
di minimo locale (e assoluto) mentre i punti x = 1 sono di massimo locale (e assoluto) e
f (1) = 1/e. In gura 3.5 mostrato il graco di f.
Studiamo la funzione

f : R R

f (x) =

denita da

x
1

Figura 3.5: Graco di

A noi interessa la parte relativa alle

x 0

f (x) = x2 ex

perch nel nostro caso

0.

D'altra parte,

dall'analisi condotta nora

2

cos sin

|f ()| 1 1.
2


e
e
Dunque

D = R2 .

Esercizio 3.1.8.

Si determini il dominio di denizione delle seguenti funzioni:

f (x, y) = sin(tan e

xy

),

g(x, y) = | sin(xy)| tan e x ,

35

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Le funzioni
per

kZ

sin z

ez

sono denite per ogni

mentre la funzione
domf

In realt se

k Z

reale. La funzione

denita per

n
= (x, y) R2 : x y 0

di sicuro

xy

xy

6=

+k
2

6=

+k
2

z 0.

xy

tan z

denita per

z 6=

+k
2

Quindi

6=

+k
2

con

o
kZ .

quindi suciente porre

con

k Z+ {0}.

D'altra parte questo equivalente a

h 
i2
xy 6= log
+k
2

con

k Z+ {0}.

i2

Quindi


dom f =
(x, y) R2 : xy 0

xy 6= log

xy 0 rappresenta l'unione del primo


+
ogni k Z {0} ssato, la condizione

La condizione
parte per

+k

con

k Z {0} .

e terzo quadrante, assi inclusi. D'altra

h 
i2
xy = log
+k
2
rappresenta un'iperbole equilatera, quindi il dominio di

costituito dal primo e dal terzo

quadrante a cui viene tolta una famiglia di iperboli equilatere.

Per quanto riguarda la funzione

g,

z 6= + k
2

z reale, la funzione tan z denita per ogni

funzione
z denita per ogni z 0. Quindi
n

2
x
6= + k
dom g = (x, y) R : sin(xy) 0 e e
2

denite per ogni


Inne la

Se

k Z


dom g

allora di sicuro

6=

+ k ,
2

con

al

ez

sin z sono
variare di k Z.

di nuovo possiamo dire che le funzioni

o
kZ .

quindi

(x, y) R : 2 h x y + 2 h

x 6= log


2

+ k

i2

con

h, k Z {0} .

Si tratta dell'unione di innite regioni comprese tra due iperboli equilatere a cui sono stati tolti
i punti che appartengono a innite rette parallele all'asse

36

y.

3.1

Insiemi di livello e domini: esercizi svolti

Figura 3.6: Dominio della funzione

Esercizio 3.1.9.

Si determini il dominio di denizione delle seguenti funzioni:

2
f (x, y) = log(2e 2+sin[(xy)] ),

r
g(x, y) =

tan x
.
1 ey

sin z sono denite per ogni z R, la funzione log z denita per z > 0 e

funzione
z denita per z 0. D'altra parte, essendo log(a b) = log a + log b si ha

Le funzioni
inne la

ez

g.

log(2 e

2+sin[(xy)]2

p
2
) = log 2 + log e 2+sin[(xy)] = log 2 + 2 + sin[(xy)]2
2 + sin[(xy)]2 0. Essendo 1 sin z 1 per
2
2
vericata per ogni (x, y) R . Quindi dom f = R .

quindi l'unica condizione da imporre

z R,

si ha che questa condizione

ogni

ez deni

ta per ogni z reale, la funzione tan z denita per z =


6
+ k e inne la funzione z denita
2
per ogni z 0. Quindi
D'altra parte, per quanto riguarda la funzione


dom g

tan x
(x, y) R :
0
1 ey
2

con

37

si ha che di nuovo la funzione

x 6= + k
2

al variare di


kZ .

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Scendiamo pi nei dettagli. Si ha, al variare di

kZ

tan x
0 [tan x 0 1 ey > 0] [tan x 0 1 ey < 0]
1 ey
i
h
i
h

+ k x +k y > 0 .
k x +k y < 0
2
2
A questo insieme vanno tolte le rette

dom g

x=

+ k
2

per

k Z,

quindi

n
h
i

= (x, y) R2 : k x < + k y < 0


2
h
i

+ k < x +k y > 0
2

Figura 3.7: Dominio della funzione

Esercizio 3.1.10.

tan z

g.

Si determini il dominio di denizione delle seguenti funzioni:

p
f (x, y) = tan 1 |yx|,

La funzione

per

o
kZ .

denita per

z 6=

+k
2

qp
g(x, y) =
1 |yx| 1.

mentre la funzione

38

denita per ogni

z 0.

3.1

Insiemi di livello e domini: esercizi svolti

Quindi si ha
dom f

n
p

= (x, y) R2 : 1 |y x| 0
+k
1 |yx| =
6
2

Figura 3.8: Dominio della funzione

con

o
kZ .

f.

Scendiamo pi nei dettagli. Si ha

1 |y x| 0 |x y| 1 1 x y 1
inoltre, se

k Z

di sicuro si ha

1 |x y| =
6
+k
2

1 |x y| =
6
+ k
2
da cui

|yx| =
6 1

con

+k

quindi basta chiedere

k Z+ {0}
i2

;
2
h
i2
+
dato che k Z {0}, di sicuro la quantit 1
+ k negativa e allora si avr sicuramente
2
h
i2
|y x| =
6 1
+k .
2
Quindi
dom f

= {(x, y) R2 : 1 x y 1}.
39

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Per quanto riguarda la funzione

si pu ancora dire che

= {(x, y) R2 :

dom g

denita per ogni

z 0,

quindi

p
1 |y x| 1 0 1 |y x| 0}.

Scendiamo nei dettagli. Si ha

1 |y x| 0 |x y| 1 1 x y 1.
D'altra parte

p
p
1 |yx| 1 0 1 |yx| 1 1 |y x| 1 |y x| 0 x = 0 y = 0.
Quindi
dom g

Esercizio 3.1.11.

= {(x, y) R2 : x = 0 y = 0}.

Si determini il dominio di denizione delle seguenti funzioni:

qp
g(x, y) = | 1 |yx| 1|.

p
f (x, y) = log 1 |yx|,

La funzione

z 0, mentre
funzione f si ha

denita per ogni

Quindi, per quanto riguarda la


dom f

log z

denita per ogni

z > 0.

= {(x, y) R2 : 1 |x y| > 0} = {(x, y) R2 : 1 < x y < 1}.

Invece, per quanto riguarda la funzione


dom g

la funzione

si ha

p
= {(x, y) R2 : | 1 |y x| 1| 0 1 |y x| 0} = {(x, y) R2 : 1 x y 1}.

3.2. Insiemi di livello e domini: esercizi proposti


-

Esercizio 3.2.1.

Si rappresentino nel piano gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

x x
e
y
2)f (x, y) = y(log y x)

1)f (x, y) =

40

3.2

Insiemi di livello e domini: esercizi proposti

Esercizio 3.2.2. Si descrivano (senza rappresentarli) gli insiemi di livello delle funzioni:
xy y 2
2x2 + y 2
2)f (x, y) = (x2 + y 2 ) log(1 + x2 + y 2 )

1)f (x, y) =

3)f (x, y, z) = ex

2 +2y 2 +3z 2

z
+ y2
x2 + y 2
5)f (x, y, z) = arctan
(z 1)2
4)f (x, y, z) = log

Esercizio 3.2.3.

x2

Si rappresentino nel piano i domini delle seguenti funzioni:

p
(x2 + 4y 2 3)
p
2)f (x, y) = |x|((x + 1)2 (y 1)2 )
p
3)f (x, y) = x sin(x2 + y 2 )
p
2x y(y |y|)
4)f (x, y) =
log(1 (x2 + y 2 ))

1)f (x, y) =

Esercizio 3.2.4.

Siano

rispettivamente gli insiemi di denizione delle seguenti

funzioni:

1)f (x, y) = log(1 x2 ) log(y 2 4)


1 x2
2)g(x, y) = log 2
y 4
Si determinino

Esercizio 3.2.5.

e dica se

A = B, A B, B A.

Trovare l'insieme di denizione della funzione

41

f (x, y) =

xy 2
x ln y

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

- Esercizio 3.2.6.

xy

f (x, y) = sin

Trovare l'insieme di denizione della funzione

x+y
+
xy

Esercizio 3.2.7.

Trovare l'insieme di denizione della funzione

f (x, y) =

p
xy(xy 1)

Esercizio 3.2.8.

Trovare l'insieme di denizione della funzione

f (x, y) =


xy xy 1

Esercizio 3.2.9.

Trovare l'insieme di denizione della funzione

f (x, y) =

p
(xy 1)xy

3.3. Limiti e continuit: esercizi svolti


-

Esercizio 3.3.1.

Dire se la seguente funzione continua nel suo dominio di denizione

x
arctan 2
x + y2
f (x, y) =

(x, y) 6= (0, 0)
(x, y) = (0, 0)

arctan x una funzione continua e dunque la funzione data si(x, y) 6= (0, 0) mentre per studiare il problema nell'origine suciente

Innanzitutto osserviamo che


curamente continua per

studiare il comportamento dell'argomento della funzione arcotangente. Si ha che

lim

(x,y)(0,0) x2
non esiste. Infatti se consideriamo la curva

lim

(x,y)(0,0) x2
a seconda che

y=x

x
+ y2
otteniamo

x
1
= lim
=
2
(x,y)(0,0) 2x
+y

x tenda a zero da sinistra o da destra. Dunque in corrispondenza di queste scelte,


x

lim arctan 2
=
2
(x,y)(0,0)
x +y
2
42

3.3

a seconda che

Limiti e continuit: esercizi svolti

tenda a zero da sinistra o da destra. In particolare il limite cercato non esiste

(e in ogni caso non sempre uguale al valore della funzione nell'origine) quindi la funzione non
continua nell'origine.

Esercizio 3.3.2.

Dire se la seguente funzione continua nel suo dominio di denizione

x2 y 2
x2 + y 2
f (x, y) =

(x, y) 6= (0, 0)
(x, y) = (0, 0)

(x, y) 6= (0, 0). Per vedere se continua


l'origine, suciente studiare il limite di f per (x, y) (0, 0) per vedere se esso esiste
coincide con il valore della funzione in (0, 0). Si ha

La funzione data continua sicuramente per

visto che

y2
1.
x2 + y 2

nele se

x2 y 2
lim x2 = 0,
(x,y)(0,0)
(x,y)(0,0) x2 + y 2
lim

Il teorema dei due carabinieri permette di concludere che il limite cer-

cato esiste e fa 0, dunque la funzione data continua anche nell'origine.

Esercizio 3.3.3.

Dire se la seguente funzione continua nel suo dominio di denizione

x3 y 3
x3 + y 3
f (x, y) =

In primo luogo occorre notare che per


da studiare la continuit in

(0, 0).

x 6= y
(x, y) = (0, 0)

x 6= y

la funzione data continua; resta dunque

Per fare questo occorre studiare

x3 y 3
(x,y)(0,0) x3 + y 3
lim

e vedere se questo esiste e fa 0.

In tal caso

contrario non sar continua in quel punto.


3
possibile dire che

sar continua anche nel punto

(0, 0);

in caso

(Osserviamo tra l'altro che non ovviamente

x
1).
3
x + y3

Se si considera il limite lungo le curve che di solito vengono utilizzate, esempio

y = x , > 0

si vede che il limite considerato esiste e fa 0. Anche lungo tutte le rette passanti per l'origine

43

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

il limite esiste e fa 0. Questo potrebbe erroneamente portare a concludere che il limite della
funzione esista e faccia 0. Tale conclusione errata: infatti il limite dato non esiste.
Come si pu arrivare a intuire questa conclusione?

Innanzitutto si vede che se

y = x

il

denominatore si annulla mentre il numeratore tende a zero, questo potrebbe indurre a pensare
che ci sia un modo per far andare a zero il denominatore pi velocemente del numeratore. Si
esprime in termini rigorosi questo concetto considerando la successione

1
1 1
, +
n n n

> 0; questa successione di punti sta lungo una curva che risulta essere una perturbazione
della curva y = x che annulla il denominatore della funzione data. L'idea cercare un in
dove

modo che il limite lungo tale successione di punti venga diverso da 0. Dopo alcune ricerche si
vede che ad esempio

=5

fa al caso nostro. Allora se prendiamo in esame la successione



1
1 1
, + 5
n n n
si ha


3
1 1
1
3
1
3
3
+
1 4 8 12
x3 y 3
n n n5
n
n
n = .
= lim
lim
= lim
3
1
3
3
1
n+ 3
n+
(x,y)(0,0) x3 + y 3
+
+
+
+
n7 n11 n15
n n5 n9
Questo permette di concludere che il limite dato non esiste e dunque

Esercizio 3.3.4.

non continua in

(0, 0).

Dire se la seguente funzione continua nel suo dominio di denizione

x3 y
x4 + y 2
f (x, y) =

(x, y) 6= (0, 0)
(x, y) = (0, 0)

(x, y) 6= (0, 0). Per vedere se continua


l'origine, suciente studiare il limite di f per (x, y) (0, 0) per vedere se esso esiste
coincide con il valore della funzione in (0, 0). Si ha

La funzione data continua sicuramente per

0
visto che

x2 |y|

nele se

| x3 | |y|
x4 + y 2
|x|

lim
|x|
=
lim
=0
(x,y)(0,0) x4 + y 2
(x,y)(0,0)
2(x4 + y 2 ) (x,y)(0,0) 2
lim

1 4
(x + y 2 )
2

(questo deriva dal fatto che

carabinieri e il fatto che

|f | 0 f 0
44

(x2 + |y|)2 0).

Il teorema dei due

3.3

Limiti e continuit: esercizi svolti

ci permettono di concludere che il limite cercato esiste e fa 0, dunque la funzione data continua anche nell'origine.

Esercizio 3.3.5.

Dire se la seguente funzione continua nel suo dominio di denizione

xy 3
x4 + y 2
f (x, y) =

(x, y) 6= (0, 0)
(x, y) = (0, 0)

(x, y) 6= (0, 0). Per vedere se continua


l'origine, suciente studiare il limite di f per (x, y) (0, 0) per vedere se esso esiste
coincide con il valore della funzione in (0, 0). Si ha

La funzione data continua sicuramente per

0
visto che

nele se

y2
| x| |y 3 |

lim
|
xy|
lim | xy| = 0
(x,y)(0,0)
(x,y)(0,0) x4 + y 2
x4 + y 2 (x,y)(0,0)
lim

y2
1.
x4 + y 2

Il teorema dei due carabinieri e il fatto che

|f | 0 f 0
ci permettono di concludere che il limite cercato esiste e fa 0, dunque la funzione data continua anche nell'origine.

Esercizio 3.3.6.

Dire se la seguente funzione continua nel suo dominio di denizione

x2 y
x4 + y 2
f (x, y) =

(x, y) 6= (0, 0)
(x, y) = (0, 0)

(x, y) 6= (0, 0). Per vedere se continua


l'origine, suciente studiare il limite di f per (x, y) (0, 0) per vedere se esso esiste
coincide con il valore della funzione in (0, 0). Si ha che

La funzione data continua sicuramente per

x2 y
(x,y)(0,0) x4 + y 2
lim

non esiste. Infatti se consideriamo la curva

y=x

otteniamo

x2 y
x3
x
=
lim
= lim 2
=0
4
2
4
2
x0 x + x
x0 x + 1
(x,y)(0,0) x + y
lim

45

nele se

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

mentre se prendiamo in esame la curva

y = x2 ,

si ha

x2 y
1
x4
1
=
lim
= lim = .
4
2
4
4
x0 x + x
x0 2
(x,y)(0,0) x + y
2
lim

Questo basta a concludere che la funzione data non continua nell'origine (in realt per concludere che la funzione non continua nell'origine bastava solo considerare una curva tale che il
limite preso lungo quella curva non fosse uguale a zero, nel nostro caso bastava dunque l'esame
del limite lungo la curva

Esercizio 3.3.7.

y = x2 ).

Calcolare

xy 3 2 sin(x2 y) cos(x + 2y)


(x,y)(0,0)
x2 + y 2
lim

Il limite dato pu essere riscritto come

2 sin(x2 y) cos(x + 2y)


xy 3

lim
(x,y)(0,0)
(x,y)(0,0) x2 + y 2
x2 + y 2
lim

a patto che questi ultimi due limiti esistano, niti o inniti ma tali da non dar luogo alla forma
di indecisione

[+, ].

Per quanto riguarda

xy 3
(x,y)(0,0) x2 + y 2
lim

prendendo i valori assoluti e utilizzando la nota disuguaglianza

1
|x||y| (x2 + y 2 ),
2

|x||y 3 |
1

lim y 2 = 0.
(x,y)(0,0) x2 + y 2
(x,y)(0,0)
2
lim

Quindi dal teorema dei due carabinieri e utilizzando il fatto che

f 0 |f | 0
si ottiene che

xy 3
(x,y)(0,0) x2 + y 2
lim

esiste e fa 0.
Per quanto riguarda

2 sin(x2 y) cos(x + 2y)


(x,y)(0,0)
x2 + y 2
lim

si osserva immediatamente che

lim

cos(x + 2y) = 1;

(x,y)(0,0)
46

si ha

3.3

d'altra parte, utilizzando il fatto che

Limiti e continuit: esercizi svolti

| sin z| |z| z R

e il fatto ovvio che

x2 x2 + y 2

si

ottiene, prendendo i valori assoluti

2| sin(x2 y)|
2x2 |y|

lim
lim 2|y| = 0.
(x,y)(0,0)
(x,y)(0,0) x2 + y 2
(x,y)(0,0)
x2 + y 2
lim

Il teorema dei due carabinieri unito al fatto che

f 0 |f | 0
ci d

2 sin(x2 y)
=0
(x,y)(0,0) x2 + y 2
lim

e dunque anche

2 sin(x2 y) cos(x + 2y)


lim
= 0.
(x,y)(0,0)
x2 + y 2
Allora anche il limite proposto in partenza esiste e fa 0.

Esercizio 3.3.8.

Stabilire se esiste ed eventualmente calcolare

xyex sin(/4 + xy)


.
(x,y)(0,0)
2x2 + y 2
lim

La funzione

f (x, y) =

xyex sin(/4 + xy)


2x2 + y 2

di cui dobbiamo calcolare il limite denita su

R2 \ {(0, 0)}

e sull'asse

identicamente 0. Quindi il limite, se esiste, deve essere 0. Tuttavia sulla bisettrice


ottiene

ex sin( 4 + x2 )
x2 ex sin(/4 + x2 )
1 2/2
2
f (x, x) =
=

=
,
3x2
3
3
6

quindi

lim

f (x, y)

(x,y)(0,0)
non esiste.

Esercizio 3.3.9.

Si calcoli

y 2 log x
(x,y)(1,0) (x 1)2 + y 2
lim

47

y)
y = x si

(come sull'asse

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

soluzione 1. Ricordiamo che

f 0 |f | 0
a questo punto dunque, osservando che

y2
1
z2 + y2

per ogni

(y, z) R2

y 2 | log x|
y 2 | log(z + 1)|
=
lim
lim | log(z + 1)| = 0.
(x,y)(1,0) (x 1)2 + y 2
(z,y)(0,0)
(z,y)(0,0)
z2 + y2
lim

Il teorema dei due carabinieri ci permette allora di concludere che

y 2 log x
= 0.
(x,y)(1,0) (x 1)2 + y 2
lim

soluzione 2. Si pu anche passare a coordinate polari ponendo

Si ottiene

x = 1 + cos , y = sin .

2 sin2 log(1 + cos )


= lim sin2 cos = 0
0
0
2
lim

poich

sin2 cos

una quantit limitata in modulo da 1.

Esercizio 3.3.10.

Si dimostri, usando la restrizione di

seguenti funzioni non hanno limite per

1)

f (x, y) = xey/x

2)

f (x, y) =

su opportune curve, che le

(x, y) (0, 0) :

x3 + y 3
x2 + y 4

1) Se considero la curva

y=x

allora si ha

lim x ey/x = lim x e1 = 0.


x0

(x,y)0
D'altra parte se considero la curva

y = x,

si ottiene

lim x ey/x = lim x e


(x,y)0

1
x

x0

Avendo trovato due curve lungo le quali il limite di

= +.

ha due valori diversi, si conclude che il

limite dato non esiste.

2) Se considero la curva

y=x

allora si ha

x3 + y 3
2x3
2x
=
lim
= lim
= 0.
2
4
2
4
x0 x + x
x0 1 + x2
(x,y)0 x + y
lim

48

3.3

y=

D'altra parte se considero la curva

x,

Limiti e continuit: esercizi svolti

si ottiene

x +y
x +x x
x x+1

lim
= lim
= lim
= +.
x0
x0
(x,y)0 x2 + y 4
2x2
2 x
3

Esercizio 3.3.11.

Sia data la funzione:

2
y
x 6= 0
f (x, y) =
x
0 x=0
a) Si stabilisca se

b) Si stabilisca se continua in
a) Per

x 6= 0

la funzione continua.

funzione data lungo la retta


qualunque di

(0, 0).
D := {(x, y) R2 : |y| x 1}

continua in

f (x, y)

x = 0.

Per concludere occorre analizzare la conitnuit della

e vericare se esso 0 che il valore assunto lungo l'asse

falso dato che se consideriamo la curva


non pu tendere a 0 al tendere di

x 0 con y
delle y. Questo

Per fare questo bisogna calcolare il limite per

y=

allora

f (x, y)

vale costantemente 1 e dunque

a 0. Dunque la funzione data non continua in 0.

b) Usando la condizione imposta dal dominio

si ottiene

y
lim x = 0,
x0 x
x0

0 lim

dove osserviamo che non abbiamo avuto bisogno di considerare i valori assoluti delle quantit
in gioco dato che

x D x 0.

A questo punto il teorema dei carabinieri permette di

concludere che il limite considerato esiste e fa 0, dunque la funzione

continua in

D.

Noti-

amo che questo esempio mostra che una funzione pu essere discontinua in un punto mentre
una sua restrizione pu essere continua nello stesso punto. Ci non deve stupire, in quanto,
restringendo una funzione ad un sottoinsieme del suo dominio, si pu escludere un insieme
rilevante di curve lungo le quali calcolare i limiti.

Esercizio 3.3.12.

Data la funzione

f (x, y) =

2x y
3x + 4y

si verichi che:


lim

x0

Si verica facilmente che

lim

x0

lim f (x, y)

6= lim

y0

y0

lim f (x, y)

y0

49


lim f (x, y)

x0

 
2
2
= lim
=
x0
3
3

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

che chiaramente diverso da


lim

y0

Esercizio 3.3.13.




1
1
lim f (x, y) = lim
= .
x0
y0
4
4

Si calcolino i limiti:

1 exy
p
(x,y)(0,0)
x4 + y 4
1 cos(xy)
2) lim
(x,y)(0,0) log(1 + x2 + y 2 )
1)

lim

1) Innanzitutto ricordiamo il limite notevole

ez 1
= 1.
z0
z
lim

Allora, dal teorema sul limite della composizione di funzioni (oppure passando a coordinate
polari) otteniamo facilmente che
2

1 exy
lim
= 1.
(x,y)(0,0)
xy 2
D'altra parte, visto che

(x, y) R2

si ha

x4 + y 4 y 4 ,

abbiamo anche

|x| y 2
|x| y 2
p
p = lim |x| = 0.
lim
(x,y)(0,0)
(x,y)(0,0)
x4 + y 4 (x,y)(0,0) y 4
lim

Dal teorema dei due carabinieri e dal fatto che

f 0 |f | 0
si conclude che

xy 2
p
= 0;
(x,y)(0,0)
x4 + y 4
lim

dunque
2

1 exy
1 exy
xy 2
p
p
lim
= lim

= 0.
(x,y)(0,0)
x4 + y 4 (x,y)(0,0) xy 2
x4 + y 4
2) Vogliamo dimostrare che

1 cos(xy)
= 0.
(x,y)(0,0) log(1 + x2 + y 2 )
lim

Prima di tutto ricordiamo i limiti notevoli

lim

z0

1 cos z
1
= ;
2
z
2

lim

z0
50

log(1 + z)
= 1.
z

3.3

Limiti e continuit: esercizi svolti

Quindi, dal teorema sul limite della composizione di funzioni (oppure passando a coordinate
polari), si ottiene

lim
(x,y)(0,0)

D'altra parte, visto che

x2 + y 2
= 1.
(x,y)(0,0) log(1 + x2 + y 2 )

1 cos(xy)
1
=
2
2
xy
2
y2
1,
x2 + y 2
0

lim

si ottiene

x2 y 2
lim x2 = 0.
(x,y)(0,0) x2 + y 2
(x,y)(0,0)
lim

Il teorema dei carabinieri ci permette di concludere che

x2 y 2
= 0.
(x,y)(0,0) x2 + y 2
lim

Dunque, riassumendo,

x2 y 2
x2 + y 2
1 cos(xy)
1 cos(xy)
=
lim

= 0.
(x,y)(0,0)
(x,y)(0,0) log(1 + x2 + y 2 )
x2 y 2
x2 + y 2 log(1 + x2 + y 2 )
lim

Esercizio 3.3.14.

Si consideri la funzione

f (x, y) =

x2 (y x)
,
(x2 + y 2 )

(x, y) 6= (0, 0).

Si determini se esiste (e in caso aermativo si calcoli)

lim

f (x, y)

(x,y)(0,0)

quando

Sia

=1

= 1.

e quando

= 2.

Allora

f (x, y) =

x2 (y x)
.
x2 + y 2

Proviamo che il limite dato esiste e fa zero.


Per dimostrare questo ci occupiamo separatamente dei due casi

x3
(x,y)(0,0) x2 + y 2

x2 y
(x,y)(0,0) x2 + y 2
lim

lim

dimostrando che entrambi esistono e sono uguali a zero. Useremo la seguente maggiorazione

x2 x2 + y 2 .
51

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Si ha

x2 |y|

(x,y)(0,0) x2 + y 2

lim

lim

|y| = 0.

(x,y)(0,0)

Dunque dal teorema dei due carabinieri e dal fatto che

|f | 0 f 0

si ha che

x2 y
= 0.
(x,y)(0,0) x2 + y 2
lim

Analogamente

|x| x2
|x3 |
=
lim

(x,y)(0,0) x2 + y 2
(x,y)(0,0) x2 + y 2
lim

da cui anche

lim

|x| = 0

(x,y)(0,0)

x3
lim
= 0.
(x,y)(0,0) x2 + y 2

Allora

lim

f (x, y) = 0

(x,y)(0,0)
perch dato dalla dierenza dei limiti precedenti.

Sia ora

= 2.

Dimostriamo invece che in questo caso il limite dato non esiste. Per fare questo

suciente considerare due curve passanti per l'origine lungo le quali la funzione ammetta
limite diverso. Sia ad esempio

y = 2 x.

f (x, 2 x) =

Allora

x3
1
x2 (2 x x)
=
=
2
2
2
4
(x + 4 x )
25 x
25 x

e si ha

lim f (x, 2 x) = .

lim f (x, 2 x) = +

x0

x0+

Questo gi suciente per concludere che il limite dato non esiste.

Esercizio 3.3.15.

Determinare il dominio di denizione della funzione

f (x, y) := x1 (x3 + y 2 ) cos( 1 tan x)


e studiarne il comportamento per

Innanzitutto la funzione

tan x

(x, y) (0, 0).

denita per

x 6=

della radice deve essere positivo o nullo. Inoltre il

+ k
2

k Z mentre l'argomento
denominatore di f deve essere diverso da
con

zero, dunque
dom f

n
o

= (x, y) R2 : k < x arctan 1 + k , k Z x 6= 0 .


2
52

3.3

Limiti e continuit: esercizi svolti

(x, y) (0, 0), dimostriamo

(x3 + y 2 ) cos 1 tan x


lim
(x,y)(0,0)
x

Per quanto riguarda il comportamento di

per

che il limite

non esiste. A tale scopo basta trovare due curve passanti per l'origine lungo le quali la funzione
data ammetta limite diverso. Ad esempio, si ha

lim f (x,

x0

(x3 + x) cos 1 tan x


x) = lim
= lim (x2 + 1) cos 1 tan x = cos 1.
x0
x0
x

D'altra parte

(x3 + x2 ) cos
lim f (x, x) = lim
x0
x0
x

1 tan x

= lim (x2 + x) cos


x0

1 tan x = 0.

Questo basta a concludere che il limite dato non esiste.

Esercizio 3.3.16.

Determinare il dominio di denizione della funzione

(x3 + y 2 ) sin( 1 tan x)


f (x, y) :=
x2 + y 2
e studiarne il comportamento per

Innanzitutto la funzione

tan x

(x, y) (0, 0).

denita per

x 6=

della radice deve essere positivo o nullo. Inoltre il

+ k
2

k Z mentre l'argomento
denominatore di f deve essere diverso da
con

zero, dunque
dom f

n
o

= (x, y) R2 : k < x arctan 1 + k k Z (x, y) 6= (0, 0) .


2
(x, y) (0, 0), dimostriamo

(x3 + y 2 ) sin 1 tan x


lim
(x,y)(0,0)
x2 + y 2

Per quanto riguarda il comportamento di

per

che il limite

non esiste. A tale scopo basta trovare due curve passanti per l'origine lungo le quali la funzione
data ammetta limite diverso. Ad esempio si ha

lim f (x,

x0

 2


(x3 + x) sin 1 tan x


x +1
x) = lim
= lim
sin 1 tan x = sin 1.
2
x0
x0
x +x
x+1

D'altra parte




(x3 + x2 ) sin 1 tan x


x+1
1
lim f (x, x) = lim
= lim
sin 1 tan x = sin 1.
2
x0
x0
x0
2x
2
2
53

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Questo basta a concludere che il limite dato non esiste.

Esercizio 3.3.17.

Determinare il dominio di denizione della funzione

f (x, y) := x1 [(sin x)2 + y 2 ] tan(ex+y )


e studiarne il comportamento per

Innanzitutto la funzione

tan ex+y

(x, y) (0, 0).

denita per

ex+y 6=

sicuramente vericato, quindi baster imporre

ex+y 6=

+k
2

con

+k
2

con

k Z.

Se

k Z

questo

k Z+ {0}.

f deve essere diverso da zero, dunque



n
o

2
dom f = (x, y) R : x + y 6= log
+ k k Z+ {0} x 6= 0 .
2
quanto riguarda il comportamento di f per (x, y) (0, 0), dimostriamo che il limite

Inoltre il denominatore di

Per

((sin x)2 + y 2 ) tan(ex+y )


(x,y)(0,0)
x
lim

non esiste. A tale scopo basta trovare due curve passanti per l'origine lungo le quali la funzione
data ammetta limite diverso. Si ha ad esempio (utilizzando un noto limite notevole)

lim f (x,

x0

[(sin x)2 + x] tan(ex+


x) = lim
x0
x

= tan 1.

D'altra parte

((sin x)2 + x2 ) tan e2x


lim f (x, x) = lim
= 0.
x0
x0
x
Questo basta a concludere che il limite dato non esiste.

Esercizio 3.3.18.

Determinare il dominio di denizione della funzione

f (x, y) := {[(sin x)3 + y 2 ] tan(ey )}/x


e studiarne il comportamento per

Innanzitutto la funzione

tan ey

(x, y) (0, 0).

denita per

ey 6=

sempre vericato, quindi basta porre

ey 6=

+ k ,
2
54

+k
2

k Z+ {0}.

con

k Z.

Se

k Z

questo

3.4

Gradiente, derivate parziali e piano tangente: esercizi svolti

f deve essere diverso da zero, dunque


n


o
2
+
dom f = (x, y) R : x 6= 0 y 6= log
+ k , k Z {0} .
2
quanto riguarda il comportamento di f per (x, y) (0, 0), dimostriamo che il limite

Inoltre il denominatore di

Per

((sin x)3 + y 2 ) tan(ey )


(x,y)(0,0)
x
lim

non esiste. A tale scopo basta trovare due curve passanti per l'origine lungo le quali la funzione
data ammetta limite diverso. Si ha ad esempio (utilizzando un noto limite notevole)

((sin x)3 + x) tan(e


lim f (x, x) = lim
x0
x0
x
D'altra parte

= tan 1.

((sin x)3 + x2 ) tan(ex )


= 0.
x0
x

lim f (x, x) = lim

x0

Questo basta a concludere che il limite dato non esiste.

3.4. Gradiente, derivate parziali e piano tangente: esercizi


svolti
- Esercizio 3.4.1. Si determini per quale valore di il piano tangente al graco di z =

f (x, y) = sin(x + y 2 ) nel punto (0, , 0) parallelo alla retta x = y = 2z. Esistono valori
di per cui perpendicolare?

Si ha

fx (x, y) = cos(x + y 2 ),
da cui

fx (0, ) = ,

fy (x, y) = 2y cos(x + y 2 ),

fy (0, ) = 2 .

(0, , 0) ha equazione

z = x 2 (y ).

x = y = 2z passante per (0, , 0) ha equazioni

x = 2t

y = + 2t

z=t
t R.

Il piano tangente alla supercie nel punto

La retta parallela a

55

parametriche

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Tale retta giace sul piano tangente se, sostituendo

x, y, z

in funzione di

nell'equazione di tale

piano si ottiene un'identit, cio se

t = 2t 4 t,
che implica

t R,

1
= 2 .
2

Una maniera alternativa di procedere la seguente. Un vettore normale alla supercie

v = (fx (0,

), fy (0, ), 1) = (, 2 , 1);

tale vettore perpendicolare al vettore

hv, wi = 0

w = (2, 2, 1) che individua la direzione della retta se

da cui si ricava

2 + 4 + 1 = 0,
I vettori

1
= 2 .
2

v e w non sono mai paralleli quindi il piano tangente non perpendicolare alla retta

per alcun valore di

p
- Esercizio 3.4.2. Sia f (x, y) = log(1 + x2 + 2y); calcolate il gradiente f nel
(2, 0) e scrivete l'equazione del piano tangente al graco di f sopra lo stesso punto.

Scriviamo il gradiente della funzione nel generico punto


f (x, y) =


f
f
(x, y),
(x, y) =
x
y

(x, y).

punto

Si ha

1
2x
1
2
p
p
p
p
,
1 + x2 + 2y 2 x2 + 2y 1 + x2 + 2y 2 x2 + 2y

dunque

f (x, y) =

x
p

x2 + 2y + x2 + 2y


f (2, 0) =

L'equazione del piano tangente al graco di

z = f (x0 , y0 ) +
Nel nostro caso
di

in

(2, 0)

,p
x2 + 2y + x2 + 2y

2 1
,
3 3


.

nel generico punto

(x0 , y0 )

f
f
(x0 , y0 )(x x0 ) +
(x0 , y0 )(y y0 ).
x
y

x0 = 2, y0 = 0, e f (2, 0) = log 3 da cui l'equazione del piano tangente al graco

2
1
z = log 3 + (x 2) + y
3
3
56

3.4

Gradiente, derivate parziali e piano tangente: esercizi svolti

o anche

2x + y 3z = 4 3 log 3.

Esercizio 3.4.3.

Calcolare le derivate parziali della seguente funzione

f (x, y) =

xy
x+y

Si ha

f
y(x + y) xy
y2
=
=
;
x
(x + y)2
(x + y)2

Esercizio 3.4.4.

x(x + y) xy
f
x2
=
=
.
y
(x + y)2
(x + y)2

Calcolare le derivate parziali della seguente funzione

f (x, y) = (x + y 2 ) log(x y)

Si ha

x + y2
f
= log(x y) +
;
x
xy

Esercizio 3.4.5.

f
x + y2
= 2y log(x y)
.
y
xy

Calcolare le derivate parziali della seguente funzione

xy
(x, y) 6= (0, 0)
+ y2
f (x, y) =
0
(x, y) = (0, 0)

Per

(x, y) 6= (0, 0)

x2

si ha

f
y(y 2 x2 )
= 2
;
x
(x + y 2 )2
Invece se

(x, y) = (0, 0)

f
x(y 2 x2 )
=
.
y
(x2 + y 2 )2

si ha

f
f (h, 0) f (0, 0)
(0, 0) = lim
= 0;
h0
x
h
f
f (0, h) f (0, 0)
(0, 0) = lim
= 0.
h0
y
h
57

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Esercizio 3.4.6.

Calcolare le derivate parziali della seguente funzione

x
arctan
y 6= 0
y
f (x, y) =

y=0
2
Per

y 6= 0

si ha

x
f
= 2
.
y
x + y2

f
1
1
y
=
= 2
;
2
x
x
y + x2
1 + y2 y
Per

y=0

si ha invece

f (x + h, 0) f (x, 0)
f
(x, 0) = lim
= 0;
h0
x
h

arctan hx 2
f (x, h) f (x, 0)
f
(x, 0) = lim
= lim
.
h0
h0
y
h
h
A questo punto, se
tenda a
e

h 0+ .

x=0

tale limite non esiste (in particolare tende a

rispettivamente); se

x>0

h0

di nuovo il limite non esiste e anche per

Insomma quest'ultimo limite non esiste per nessun valore di

dunque

esiste.

Esercizio 3.4.7.

Calcolare le derivate parziali della seguente funzione

f (x, y) = x + log

x2

y
+ y2

2x
f
x2 + y 2
2xy
=1+
2
=1 2
2
2
x
y
(x + y )
x + y2

f
x2 + y 2 x2 + y 2 2y 2
x2 y 2
=

=
.
y
y
(x2 + y 2 )2
y(x2 + y 2 )
58

h
x<0

a seconda che

f
(x, 0)
y

non

3.5

Gradiente, derivate parziali e piano tangente: esercizi proposti

3.5. Gradiente, derivate parziali e piano tangente: esercizi


proposti

Esercizio 3.5.1.

Delle seguenti funzioni si calcoli

f (x, y) = sin x cos y


f (x, y, z) = log(xy/z)

Esercizio 3.5.2.

a)

f (x, y) = log(2x2 3y 2 )

b)

f (x, y) = xexy .

Esercizio 3.5.3.
z = f (x/y)

Si calcolino le derivate seconde delle funzioni:

Se

una funzione di una variabile, dierenziabile ovunque, mostrare

soddisfa l'equazione alle derivate parziali

Esercizio 3.5.4.

Esercizio 3.5.5.

z
z
+y
= 0.
x
y

Calcolare un vettore normale e le equazioni del piano tangente e della

retta normale al graco di

nel punto a anco indicato:

P = (/3, /3)
P = (3, 2, 2)

che

z = sin(xy)

nel punto in cui

x = /3

y = 1.

Quale piano orizzontale tangente alla supercie

z = x2 4xy 2y 2 + 12x 12y 1


e qual il punto di tangenza?

59

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

3.6. Dierenziabilit, dierenziale e approssimazione: esercizi svolti


-

Esercizio 3.6.1.

Dire se la seguente funzione dierenziabile

1 2

x+ x y y 0
2
f (x, y) =
xy
e 1

y<0
y
(x, y)

Se si considerano i punti

con

y 6= 0

allora la funzione dierenziabile perch somma

e prodotto di funzioni dierenziabili. Resta da studiare la dierenziabilit nei punti

x R.

Proviamo a studiare la dierenziabilit in tali punti usando i teoremi noti.

Si ha

f (x + h, 0) f (x, 0)
x+hx
f
(x, 0) = lim
= lim
=1
h0
h0
x
h
h

e anche

f (x, h) f (x, 0)
f
(x, 0) = lim
.
h0
y
h

A questo punto, se

h>0

si ha

x + 21 x2 h x
f
f (x, h) f (x, 0)
x2
(x, 0) = lim
= lim
=
h0
h0
y
h
h
2
mentre se

h<0

allora

f (x, h) f (x, 0)
f
(x, 0) = lim
= lim
h0
h0
y
h

exh 1
h

Usando due volte il teorema di De l'Hpital si ottiene

lim

exh 1
h

h0

xexh x
exh 1 xh
x2 exh
x2
= lim
= lim
= lim
= .
h0
h0
h0
h2
2h
2
2

Quindi in ogni caso

f
x2
(x, 0) = .
y
2
D'altra parte, se

y>0
f
(x, y) = 1 + xy
x
60

(x, 0)

con

3.6

Differenziabilit, differenziale e approssimazione: esercizi svolti

che tende a 1 per

y 0,

mentre se

y<0

si ha

f
1
(x, y) = (yexy ) = exy
x
y
che pure tende a 1 per

y 0.

Inoltre, sempre per

y>0

si ha

f
x
(x, y) =
y
2
e per

y<0

si ottiene

f
(xy 1)exy + 1
(x, y) =
;
y
y2

usando il teorema di de l'Hpital si vede immediatamente che anche questo termine tende a
2

x
.
2

Dunque le derivate parziali esistono e sono continue, allora la funzione dierenziabile in tutto

R2 .

Esercizio 3.6.2.

Dire se la seguente funzione dierenziabile

x3/2 + (xy)3/2

Di nuovo usiamo i teoremi noti. Allora si ha

3
3
f
(x, y) =
x + (xy)1/2 y
x
2
2
e

3
f
(x, y) = (xy)1/2 x
y
2

dunque le derivate parziali esistono in tutti i punti del dominio della funzione e sono ivi continue, allora la funzione dierenziabile in tutti i punti del suo dominio.

Esercizio 3.6.3.

Dire se la seguente funzione dierenziabile

x2 y 3
(x, y) 6= (0, 0)
x4 + y 4
f (x, y) =

0
(x, y) = (0, 0)

La funzione sicuramente dierenziabile in tutti i punti


abilit in

(0, 0)

(x, y) 6= (0, 0).

Studiamo la dierenzi-

con la denizione. Si ha

f
f (h, 0) f (0, 0)
f
f (0, h) f (0, 0)
(0, 0) = lim
=0=
(0, 0) = lim
.
h0
h0
x
h
y
h
61

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Allora, bisogna vedere se il seguente limite

h2 k 3

(h,k)(0,0) (h4 + k 4 ) h2 + k 2
lim

esiste e fa 0. Ma se si considera la curva

h=k

allora si ottiene

h2 k 3
h5

= lim
h0 2 2h4 |h|
(h,k)(0,0) (h4 + k 4 ) h2 + k 2
lim

e quindi il limite precedente non esiste e la funzione non dunque dierenziabile in

Esercizio 3.6.4.

(0, 0).

Dire se la seguente funzione dierenziabile

x
arctan
y 6= 0
y
f (x, y) =

y=0
2
La funzione sicuramente dierenziabile nei punti
l'esistenza delle derivate parziali nei punti

(x, 0)

(x, y)

con

al variare di

y 6= 0. Studiamo
x R. Si ha

prima di tutto

f
f (x + h, 0) f (x, 0)
(x, 0) = lim
=0
h0
x
h
mentre

arctan hx 2
f (x, h) f (x, 0)
f
(x, 0) = lim
= lim
h0
h0
y
h
h
+
e questo limite non esiste per ogni valore di x reale, basta considerare prima h 0
h 0 . Quindi la funzione non pu essere dierenziabile nei punti (x, 0) con x R.

Esercizio 3.6.5.

e poi

Si verichi, in base alla denizione, che la funzione

f (x, y) = |x| log(1 + y)


dierenziabile in (0,0).

Prima di tutto si ha

f (0, 0) = 0.

Inoltre

f
f (h, 0) f (0, 0)
(0, 0) = lim
= 0,
h0
x
h

f
f (0, h) f (0, 0)
(0, 0) = lim
= 0.
h0
y
h

Allora

f (h, k)
|x| log(1 + y)
|x||y|
1 2

= lim
lim
lim
h + k2;
2
2
2
2
2
2
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0)
2
h +k
h +k
h +k
lim

62

3.6

Differenziabilit, differenziale e approssimazione: esercizi svolti

il teorema dei carabinieri ci permette di concludere che il limite dato esiste e fa zero e dunque
dierenziabile in

(0, 0).

(Quest'ultimo limite si poteva risolvere anche passando a coordinate

polari).

Esercizio 3.6.6.

scriva

d f (1, 2)

Si calcolino le derivate prime e seconde della funzione

f (x, y) = xy

e si

(dierenziale di ordine 2).

Si ha

fx (x, y) = yxy1 ,

fy (x, y) = xy log x,

e inoltre

fxx (x, y) = y(y 1)xy2 ,

fxy (x, y) = xy1 (1 + y log x),

fyy (x, y) = xy log2 x

e in particolare

fxx (1, 2) = 2,

fxy (1, 2) = 1,

fyy (1, 2) = 0

per cui

d2 f (1, 2) = 2dx2 + dx dy.

Esercizio 3.6.7.

Per la funzione

f (x, y) =

x
y 1+x
1+y

si calcolino il dierenziale primo e secondo nell'origine.

soluzione 1. Calcolando le derivate direttamente si ha

fx (x, y) =

y
1

1+y 2 1+x

x
fy (x, y) = (1 + y)3/2 1 + x
2

e inoltre

i
5
y
1h
3
32
32
32
fxy (x, y) = (1 + y) + (1 + x)
fyy (x, y) = (1 + y) 2 ;
fxx (x, y) = (1 + x)
4
2
4
a questo punto allora

fy (0, 0) = 1

fx (0, 0) = 1
e anche

fxx (0, 0) = 0

fxy (0, 0) = 1
63

fyy (0, 0) = 0

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

da cui

d2 f (0, 0) = 2dxdy.

df (0, 0) = dx dy;
soluzione 2. Poich

y0

si ha

1
1

= (1 + y)1/2 = 1 y + o(y)
2
1+y
e per

x0

1
1 + x = 1 + x + o(x)
2

da cui

f (x, y) = x y xy + xo(y) + yo(x).


Si osserva ora che, essendo

|xy|
1

x2 + y 2
2

(x, y) R2

si ha



|xo(y)|
1 o(y)
0

x2 + y 2
2 y
per

(x, y) (0, 0)

e dunque

xo(y)

innitesimo di ordine superiore a

mento e stessa conclusione valgono per

yo(x).

x2 + y 2 .

Stesso ragiona-

Dalla

f (x, y) = x y xy + xo(y) + yo(x)


si ricava dunque subito che

d2 f (0, 0) = 2dxdy.

df (0, 0) = dx dy;

3.7. Dierenziabilit, dierenziale e approssimazione: esercizi proposti


-

Esercizio 3.7.1.

Dire se la seguente funzione dierenziabile

xy
1 + x2 + y 2

64

3.8

Esercizio 3.7.2.

Dire se la seguente funzione dierenziabile

f (x, y) =

Derivate direzionali: esercizi svolti

Esercizio 3.7.3.

1
e 1x2 y2

x2 + y 2 < 1

x2 + y 2 1

Si scrivano le formule di Mac Laurin arrestate all'ordine

n=3

con il

resto secondo Peano per le seguenti funzioni:

a)

f (x, y) = sin x sin y;

b)

f (x, y, z) = ex+y+z

c)

f (x, y, z) = 2x yz + z 3 + 3x4 y 2 z 2

Esercizio 3.7.4.

Delle seguenti funzioni si calcolino il dierenziale primo e secondo nel

punto indicato:

p
f (x, y) = x2 + 3y 2
P = (1, 0);
2x+y
b) f (x, y, z) = e
cos(3x + z)
P = (0, 0, 0).
a)

Esercizio 3.7.5.

Si scrivano i polinomi di Mac Laurin di terzo grado che approssimano

le funzioni:

a)

f (x, y) = x cos(x + y)

b)

f (x, y, z) = sin(2x + y z).

3.8. Derivate direzionali: esercizi svolti


- Esercizio 3.8.1. Data la funzione f (x, y) = y 4 e3x ,
Dv f (0, 1) massima e per quale nulla.

Poich

dierenziabile in

R2

si determini per quale versore

v,

( prodotto di funzioni elementari), il gradiente indica la

65

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

direzione ed il verso di massima pendenza. Si ha

fx (x, y) = 3y 4 e3x ,

fy (x, y) = 4y 3 e3x

quindi

fx (0, 1) = 3,

fy (0, 1) = 4

e dunque

f (0, 1) = (3, 4),

||f (0, 1)|| = 5.




La direzione di massima pendenza quella individuata dal versore

3 4
,
5 5


.

La direzione in

cui la derivata direzionale nulla ortonale al gradiente. Si pu scegliere


=

4 3
,
5 5

Si pu anche vericare il risultato ponendo

Dv f (0, 1)

e studiandone la variazione in



4 3
= ,
.
5 5

= (cos , sin ) con [0, 2) e calcolando


funzione di . Poich f dierenziabile, si ha,

applicando la formula del gradiente

Dv f (0, 1) = D() = 3 cos 4 sin .


Si verica facilmente che

D() = 0

per


(cos , sin ) =
e che

D0 () = 0

4 3
,
5 5

per


(cos , sin ) =
I versori

3 4
,
5 5

3 4
,
5 5


.



3 4
,
5 5

indicano rispettivamente le direzioni di massima e minima crescita.

Esercizio 3.8.2.

Data la funzione

f (x, y) =

p
3
x2 (y 1) + 1

a) si verichi che non dierenziabile in (0,1)


b) si calcolino tutte le derivate direzionali

Dv f (0, 1) (v
66

versore di

R2 )

3.8

a) Si ha

f (0, 1) = 1

e poich

f (x, 1) = 1

Derivate direzionali: esercizi svolti

per ogni

x R

f (0, y) = 1

per ogni

y R

si

deduce che

fx (0, 1) = fy (0, 1) = 0.
Occorre calcolare

3
f (h, 1 + k) f (0, 1) hf (0, 1), (h, k)i
h2 k

lim
= lim
.
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0)
h2 + k 2
h2 + k 2
Questo limite non esiste (in particolare non zero) basta considerare il limite lungo la curva

h=k

e si ottiene

lim

h0
e quindi

non dierenziabile in

b) Non essendo

h
2|h|

(0, 1).

dierenziabile in

(0, 1)

per calcolare le derivate direzionali in quel punto

non possibile sfruttare la formula del gradiente. Bisogna utilizzare la denizione. Si ha

f (t cos , 1 + t sin ) f (0, 1)


lim
= lim
t0
t0
t

p
3
t2 cos2 (t sin )
3
= cos2 sin .
t

g(t) := f (t cos , 1 + t sin );


cos2 sin .

Si pu anche procedere nel seguente modo: porre


si verica facilmente che

Esercizio 3.8.3.

Dv (0, 1) = g 0 (0) =

in questo modo

Data la funzione

(
f (x, y) =
si calcoli

Dv f (0, 0) v R2

1 |y| > x2 y = 0
0 altrove

versore e si verichi che

Dv f (0, 0) =< f (0, 0), v > .


La funzione dierenziabile in (0,0)?

f = 1 sull'asse x, si ha fx (0, 0). Si osserva poi che, per ogni versore v = (v1 , v2 ) diverso
2
da (1, 0) l'intersezione tra l'insieme {(x, y) : |y| > x } e la retta per l'origine di direzione v
un segmento centrato nell'origine. Poich su tale segmento f (x, y) ha valore 1 si ha

Poich

Dv f (0, 0) = lim
t0

f (tv1 , tv2 ) f (0, 0)


= 0.
t
67

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Perci

f (0, 0) = 0

e la formula del gradiente vericata.

La funzione non dierenziabile nell'origine in quanto non nemmeno continua in quel punto.
Infatti ad esempio

lim+ f (x, x3 ) = 0.

lim+ f (x, 0) = 1,

x0

Esercizio 3.8.4.

x0

Si scriva l'equazione del piano tangente al graco della funzione

f (x, y) = e2xy +

3 + x2 + 3y 2

(1, 2, 5). Si calcoli poi Dv f (1, 2) essendo il versore

retta y =
3x orientata nel verso delle x decrescenti.

nel punto
della

che individua la direzione

3.9. Derivate direzionali: esercizi proposti

Esercizio 3.9.1.

Data la funzione

f (x, y) =
a) Si calcoli

Dv f (0, 0)

Esercizio 3.9.2.

y 3 (sin x)2 .

per qualunque direzione

b) si stabilisca se esiste il piano tangente in

p
5

v = (cos , sin ));

(0, 0).

Data la funzione

f (x, y) = xy 2y + 2x
si determini per quale direzione

v = (cos , sin ) si ha Dvf (1, 1) = 2. Qual la direzione

lungo la quale la funzione cresce di pi vicino a

68

(1, 1)?

3.9

Esercizio 3.9.3.

Derivate direzionali: esercizi proposti

Data la funzione
2

f (x, y) = ex (x y 3 )
si determini

in modo che:

a) la direzione di massima crescita in


nel verso negativo dell'asse
b) il piano tangente in

R;

Esercizio 3.9.4.

(0, 1)

sia lungo la tangente alla parabola

x;

(0, 1)

sia perpendicolare alla retta

y = (x + 1)2

x
y
= = z.
2
3

Calcolare la rapidit di variazione di

f (x, y) = y 4 + 2xy 3 + x2 y 2
in

(0, 1)

misurata in ciascuna delle seguenti direzioni:

a)i + 2j

Esercizio 3.9.5.

Calcolare

b)j 2i

f (a, b)

c)3i

d)i + j.

per la funzione dierenziabile

f (x, y)

conoscendo le

sue derivate direzionali

D(i+j)/2 f (a, b) = 3

Esercizio 3.9.6.

La temperatura nel punto

D(3i4j)/5 f (a, b) = 5.

(x, y)

in una regione del piano

xy

(misurata in gradi centigradi), dove

T (x, y) = x2 ey .
In quale direzione aumenta pi rapidamente la temperatura nel punto
rapidit aumenta

in quella direzione?

69

(2, 1)?

Con quale

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

3.10. Teorema di Schwarz: esercizi proposti

Esercizio 3.10.1.

Si verichi che per la funzione

x3 y
(x, y) 6= (0, 0)
f (x, y) =
x2 + y 2

0
(x, y) = (0, 0)

si ha che

fxy (0, 0) = 1 6= fyx (0, 0) = 0. f

Esercizio 3.10.2.

di classe

Si dimostri che non esiste alcuna funzione

fx (x, y) = x sin y

Esercizio 3.10.3.

f C 2 (R2 )

tale che

fy (x, y) = y cos x

Sia data la funzione

2
2
xy x y
x2 + y 2
f (x, y) =

0
Vericare che

C 2?

f C 1 (R2 ).

(x, y) 6= (0, 0)
(x, y) = (0, 0).

Calcolare le derivate seconde miste nell'origine e mostrare che

sono diverse.

70

3.11

Esercizi di ricapitolazione

3.11. Esercizi di ricapitolazione riguardanti relazioni tra


continuit, esistenza delle derivate parziali e dierenziabilit
3.11.1.

Esercizi svolti

Esercizio 3.11.1.

Data la funzione

(
f (x, y) =

x2 y arctan(x2 + y 2 ) x 6= 0
0
x=0

(a) si stabilisca se continua in (0,0)


(b) si calcolino le derivate parziali in (0,0).
(a) La funzione non continua nell'origine. Per vederlo basta considerare la curva

x = y 3/2 .

Infatti

f (y 3/2 , y) =

y arctan(y 3 + y 2 )
arctan(y 3 + y 2 ) y 3 + y 2
arctan(y 3 + y 2 )
=

=
(1 + y) 1
y3
y3 + y2
y2
y3 + y2

e dunque non tende a zero che il valore della funzione nell'origine.

(b) Si ha

f (h, 0) f (0, 0)
f
(0, 0) = lim
=0
h0
x
h
e

f
f (0, h) f (0, 0)
(0, 0) = lim
= 0.
h0
y
h
Questo esercizio mostra che una funzione pu avere derivate parziali in un punto ma non essere
continua in quel punto.

71

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Esercizio 3.11.2.

Data la funzione

f (x, y) = |y| sin(x2 + y 2 )


R2

si stabilisca in quali punti di

a) continua
b) ammette derivate parziali
c) dierenziabile
(a)

continua in ogni punto di

(b) Se

y>0

R2

in quanto composizione di funzioni continue.

si ha

f
= 2xy cos(x2 + y 2 )
x
e anche

f
= sin(x2 + y 2 ) + 2y 2 cos(x2 + y 2 ).
y
Invece se

y<0

si ha

f
= 2xy cos(x2 + y 2 )
x
e anche

f
= sin(x2 + y 2 ) 2y 2 cos(x2 + y 2 ).
y
Inne se

y=0

abbiamo

f
f (x + h, 0) f (x, 0)
= lim
=0
x h0
h
mentre

f
f (x, h) f (x, 0)
|h| sin(x2 + h2 )
= lim
= lim
h0
y h0
h
h

e quest'ultimo limite vale


si ha che

f
y

sin x2

se

h>0

mentre vale

sin x2

Se

y 6= 0

x = n

pertanto se

x = n

le derivate parziali sono chiaramente contin-

ue perch composizione di funzioni continue. Dunque


e

h < 0,

esiste e fa 0, altrimenti non esiste.

(c) Analizziamo le derivate parziali.

se

dierenziabile per

allora le derivate parziali esistono e sono continue, dunque

dierenziabile, mentre se
in precedenza e dunque

y=0

ma

x 6= n

y 6= 0.

Se

y=0

ancora una volta

le derivate parziali non esistono come si visto

non dierenziabile.

72

3.11

Esercizio 3.11.3.

Esercizi di ricapitolazione

Per le funzioni

cos x
|y| p
(x, y) 6= (0, 0)
x2 + y 2
f (x, y) =

0
(x, y) = (0, 0)

z 4 (x2 + y 2 )

p
(x, y, z) 6= (0, 0, 0)
f (x, y, z) =
x2 + y 2 + z 2

0
(x, y, z) = (0, 0, 0)
si studi al variare del parametro reale

positivo continuit, derivabilit (derivate direzionali),

dierenziabilit nell'origine.

a) Proviamo a calcolare con le coordinate polari

|y| cos x
p
.
(x,y)(0,0)
x2 + y 2
lim

Si ha

|y| cos x
p
= lim 1 | sin | cos( cos );
2
2
0
(x,y)(0,0)
x +y
dunque se > 1 questo limite esiste e fa 0; per 1 vogliamo far vedere che il limite dato
non esiste. Questo facilmente vericabile visto che se y 0 il limite identicamente zero,
mentre lungo la bisettrice del primo e terzo quadrante il limite vale 1/2 per = 1 e + per
< 1. Dunque la funzione data continua solo se > 1.
Per la derivabilit si ottiene, ponendo v = (cos , sin )

non esiste 0 < < 2

f (t cos , t sin ) f (0, 0)


|t| | sin | cos(t cos )
lim
= lim
= non esiste = 2
t0
t0

t
t

0
>2
lim

(pi precisamente, se

0<<2

a
versore ).

il limite fa

il limite non esiste perch dipende dal

seconda che

tenda a

Si conclude che le derivate direzionali esistono e sono nulle per ogni


derivata direzionale esiste e pertanto, in questo caso,
Se invece

> 2,

0 ,

> 2.

mentre se

Se

=2

nessuna

non dierenziabile.

si calcola

f (h, k) f (0, 0) hfx (0, 0) kfy (0, 0)

= lim 2 | sin | cos( cos ) = 0.


0
(h,k)(0,0)
h2 + k 2
lim

Si conclude che

dierenziabile per

> 2.

73

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

b) Essendo

f (x, 0, 0) = 0

x R,

f (0, y, 0) = 0

y R,

f (0, 0, z) = 0

z R,

si conclude che

fx (0, 0, 0) = fy (0, 0, 0) = fz (0, 0, 0) = 0

h = (h1 , h2 , h3 ) si ottiene
f (h) f (0, 0, 0) hf (0, 0, 0), hi
h4 (h2 + h2 )
lim
= lim p 32 1 2 2 2 .
h(0,0,0)
h(0,0,0) (h1 + h2 + h3 )3
||h||
f (0, 0, 0) = (0, 0, 0).

ovvero che

Posto poi

Questo limite si calcola facilmente utilizzando le coordinate sferiche in

h1 = sin cos ,

h2 = sin sin ,

R3 :

si pone

h3 = cos

e si ottiene

f (h) f (0, 0, 0) hf (0, 0, 0), hi


= lim 2+1 (cos )4 (sin )2 = 0
0
h(0,0,0)
||h||
lim

> 0

2+1 0 e |(cos )4 (sin )2 | 1. In conclusione f dierenziabile in (0, 0, 0) per


ogni > 0; in particolare f continua e derivabile lungo ogni direzione con tutte le derivate
direzionali nulle in (0, 0, 0).

visto che

Esercizio 3.11.4.

Si verichi che la funzione

x2 y 3
(x, y) 6= (0, 0)
f (x, y) =
x4 + y 4

0
(x, y) = (0, 0)

continua e dotata di derivate parziali


Di sicuro la funzione continua per

(x, y) R2

(x, y) 6= (0, 0).

ma non dierenziabile in (0,0).

Invece, per quanto riguarda la continuit

nell'origine osserviamo che

2 3
2 2
xy
= lim |y|(x y ) lim 1 |y| = 0;
0 lim 4
(x,y)(0,0) x + y 4
(x,y)(0,0) x4 + y 4
(x,y)(0,0) 2
dunque

x2 y 3
=0
(x,y)(0,0) x4 + y 4
lim

dal teorema dei due carabinieri e pertanto la funzione continua anche nell'origine. D'altra
parte, per

(x, y) 6= (0, 0)

si ha

f
2xy 3 (x4 + y 4 ) 4x3 x2 y 3
2xy 7 2x5 y 3
(x, y) =
=
x
(x4 + y 4 )2
(x4 + y 4 )2
74

3.11

Esercizi di ricapitolazione

3y 2 x2 (x4 + y 4 ) 4y 3 x2 y 3
f
3x6 y 2 y 6 x2
(x, y) =
=
y
(x4 + y 4 )2
(x4 + y 4 )2
mentre nell'origine si ha

f
f
(0, 0) =
(0, 0) = 0.
x
y
Allora

f (h, k) f (0, 0)
h2 k 3

= lim
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0) (h4 + k 4 ) h2 + k 2
h2 + k 2
non esiste, basta considerare il limite lungo la curva h = k :
lim

e questo limite
ottiene

h5
1
h
lim
= lim
h0 2 2h4 |h|
h0 2 2 |h|

e dunque se

h>0

2 2

si ottiene

Esercizio 3.11.5.

mentre se

h<0

continua in

1
.
2 2

si ottiene

Si consideri la seguente funzione

3
4
x + 3|x|xy + y
f (x, y) =
x2 + y 2

0
i)

in questo caso si

se

f : R2 R:

(x, y) 6= (0, 0)

altrimenti.

(0, 0)?

ii) Esistono le derivate parziali di

(0, 0) ? In caso
f in (0, 0) nella

in

iii) Esiste la derivata direzionale di

aermativo calcolarle.
direzione della bisettrice del primo

quadrante? In caso aermativo calcolarla.


(i) Conviene passare a coordinate polari. Si ha

x3 + 3 |x| x y + y 4
3 cos3 + 3 3 | cos | cos sin + 4 sin4
=
lim
0
(x,y)(0,0)
x2 + y 2
2
= lim [ cos3 + 3 | cos | cos sin + 2 sin4 ].
lim

Osserviamo innanzitutto che

0 lim | cos3 | = lim | cos3 | lim = 0


0

0 lim |3 | cos | cos sin | = lim 3 || cos | cos sin | lim 3 = 0


0

0 lim | sin | = lim sin lim = 0.


0

Dal teorema dei carabinieri e dal fatto che

lim cos3 = 0

f 0 |f | 0

lim 3 | cos | cos sin = 0

75

si ottiene facilmente che

lim 2 sin4 = 0

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

da cui anche

lim [ cos3 + 3 | cos | cos sin + 2 sin4 ] = 0.

0
Quindi

continua in

(0, 0).

(ii) Si ha

f
f (h, 0) f (0, 0)
h3 1
(0, 0) = lim
= lim 2 = 1
h0
h0 h h
x
h
e

f
f (0, h) f (0, 0)
h4 1
(0, 0) = lim
= lim 2 = 0.
h0
h0 h h
y
h

(iii) La direzione della bisettrice del primo quadrante coincide con la direzione individuata dal
versore

!
2 2
,
,
2 2

v = (v1 , v2 ) =
quindi

t
f (t v1 , t v2 ) f (0, 0)
Dv f (x, y) = lim
= lim
t0
t
t0

1
|t| 1
t
+
= lim + 3
t0 2 2
t 2 2 4
e questo ultimo limite non esiste in quanto vale

Esercizio 3.11.6.

f (x, y) =

b)
c)

1
+ 3 t2 |t| 2
+ t4
2

1
4

t2

t 0+

mentre vale

1
t

per

t 0 .

|x| sin y x 6= 0
0
x=0

si stabilisca per quali valori del parametro reale

f
f
f

Data la funzione

a)

per

continua
dotata di derivate parziali
dierenziabile nell'origine

(a) Di sicuro la funzione continua per


variare del parametro

Per

x 6= 0;

vediamo come si comporta nell'origine al

si ha

lim

|x| | sin y|

(x,y)(0,0)

lim

|x| |y| = 0

(x,y)(0,0)

dunque dal teorema dei carabinieri il limite esiste e fa zero; questo ci dice che
anche nell'origine.

76

continua

3.11

Sia ora

< 0;

allora ponendo

:=

si ottiene

f (x, y) =
Dimostriamo che

Esercizi di ricapitolazione

sin y
.
|x|

sin y
(x,y)(0,0) |x|
lim

non esiste. A tale scopo prendiamo il limite lungo la curva

Esercizio 3.11.7.

x = y.

Data la funzione

yz 2
x
z 6= 0
cos
f (x, y, z) =
x2 + y 2 + z 2
z

0
z=0

si stabilisca se continua e dierenziabile nell'origine.


La funzione data continua nell'origine, infatti



2


yz
x
|z||yz|


cos
0
lim
lim


(x,y,z)(0,0,0) x2 + y 2 + z 2
(x,y,z)(0,0,0) x2 + y 2 + z 2
z

1
y2 + z2
lim
|z| 2

lim
|z| = 0.
2 (x,y,z)(0,0,0)
x + y 2 + z 2 (x,y,z)(0,0,0)

D'altra parte

f (h, 0, 0) f (0, 0, 0)
f
(0, 0, 0) = lim
=0
h0
x
h
f
f (0, h, 0) f (0, 0, 0)
(0, 0, 0) = lim
=0
h0
y
h
f
f (0, 0, h) f (0, 0, 0)
(0, 0, 0) = lim
=0
h0
z
h
da cui

h
1
kj 2
p

cos

(h,k,j)(0,0,0) h2 + k 2 + j 2
j
h2 + k 2 + j 2
lim

e questo limite non esiste, ad esempio basta prendere

k=h=j

che ci porta a

h3
1
cos 1 p
2
h0 3h
3h2
lim

e questo vale

cos 1

3 3

per

k 0+

mentre vale

cos 1

3 3

nell'origine.

77

per

k 0 ,

dunque

non dierenziabile

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Esercizio 3.11.8.

Si consideri la seguente funzione di

3
2
4
x + 3xy + y
x2 + y 2
f (x, y) =

se

R2

(x, y) 6= (0, 0)

altrimenti.

Dire se
i)

continua in

(0, 0);

ii) esistono le derivate parziali di


iii)

dierenziabile in

in

(0, 0)

ed eventualmente calcolarle;

(0, 0).

(i) Conviene passare a coordinate polari. Si ha

3 cos3 + 3 3 cos sin2 + 4 sin4


x3 + 3 x y 2 + y 4
=
lim
0
(x,y)(0,0)
x2 + y 2
2
lim

= lim [ cos3 + 3 cos sin2 + 2 sin4 ].


0

Osserviamo innanzitutto che

0 lim | cos3 | = lim | cos3 | lim = 0


0

0 lim |3 cos sin2 | = lim 3 | cos sin2 | lim 3 = 0


0

0 lim |2 sin4 | = lim 2 sin4 lim 2 = 0.


0

Dal teorema dei carabinieri e dal fatto che

lim cos3 = 0

f 0 |f | 0

lim 3 cos sin2 = 0

si ottiene facilmente che

lim 2 sin4 = 0

da cui anche

lim [ cos3 + 3 cos sin2 + 2 sin4 ] = 0.

0
Quindi

continua in

(0, 0).

(ii) Si ha

f
f (h, 0) f (0, 0)
h3 1
(0, 0) = lim
= lim 2 = 1
h0
h0 h h
x
h
e

f
f (0, h) f (0, 0)
h4 1
(0, 0) = lim
= lim 2 = 0.
h0
h0 h h
y
h
78

3.11

(iii) Per vedere se

dierenziabile in

Esercizi di ricapitolazione

(0, 0) occorre vedere se esiste e fa zero il seguente limite

f (h, k) f (0, 0) h fx (0, 0) k fy (0, 0)

.
(h,k)(0,0)
h2 + k 2
lim

Si ha

f (h, k) f (0, 0) h fx (0, 0) k fy (0, 0)

lim
= lim
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0)
h2 + k 2
=

h3 +3hk2 +k4
h2 +k2

0h0

h2 + k 2

h3 + 3hk 2 + k 4 h3 hk 2
2hk 2 + k 4

= lim
.
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0) (h2 + k 2 )
(h2 + k 2 ) h2 + k 2
h2 + k 2
lim

Dimostriamo che questo limite non esiste.

Per fare questo suciente trovare due curve

passanti per l'origine lungo le quali la funzione

g(h, k) =

2hk 2 + k 4

(h2 + k 2 ) h2 + k 2

assuma valori diversi. Prendiamo ad esempio

g(h, h) =

Quindi se

h 0+

allora

basta a concludere che

3.11.2.

h = k.

Si ha

2h3 + h4
2h + h2

=
.
2h2 2 |h|
2 2 |h|

g(h, h) 1/ 2,

se invece

h 0

allora

g(h, h) 1/ 2

non dierenziabile nell'origine.

Esercizi proposti

Esercizio 3.11.9.

Mostrare che la seguente funzione

f (x, y) =

x2

xy
+ y2

se

(x, y) 6= (0, 0)

altrimenti.

non continua nell'origine ma ammette entrambe le derivate parziali in

79

(0, 0).

e questo

Calcolo differenziale - Funzioni di pi variabili

Esercizio 3.11.10.

Data la funzione

(
2
4
3 yey /x
x 6= 0
f (x, y) =
0
x=0
si verichi che in (0,0)

f
b) f
a)

continua
derivabile lungo ogni direzione

c) vale la formula

Dv f (0, 0) =< f (0, 0), v >

d)

Esercizio 3.11.11.

v Rn

||v|| = 1

non dierenziabile

Si verichi che la funzione

(
f (x, y, z) =

(x2 + y 2 + z 2 ) sin(x2 + y 2 + z 2 )1/2 (x, y, z) 6= (0, 0, 0)


0
(x, y, z) = (0, 0, 0)

dierenziabile pur avendo le derivate parziali discontinue in (0,0,0).

Esercizio 3.11.12.

Dire se la funzione

f (x, y) =

x2 + y 2 x 6= 0
y

continua e/o dierenziabile in

(0, 0, 0).

80

x=0

CAPITOLO 4

Esercizi riguardanti funzioni denite


implicitamente e applicazioni del
teorema del Dini
4.1. Esercizi svolti
-

Esercizio 4.1.1.

Vericare che l'equazione

2x3 + y 4 + z 3 xz 2x = 0
z = g(x, y) in un
(1, 0, 0) alla supercie di

(1, 0, 0). Scrivere


z g(x, y) = 0.

denisce implicitamente

intorno di

piano tangente in

equazione

L'idea quella di applicare il teorema del Dini.

poi l'equazione del

Verichiamo che questo teorema appli-

P = (1, 0, 0). Si ha f (x, y, z) := 2x3 + y 4 + z 3 xz 2x. Abbiamo


f C (R3 ), f (1, 0, 0) = 0 e fz (x, y, z) = 3z 2 x da cui fz (1, 0, 0) = 1 6= 0. Dunque dal
teorema del Dini ho che esiste un intorno I del punto (1, 0) e una funzione g : I R tale che
f (x, y, g(x, y)) = 0 per ogni (x, y) I. Si ha inoltre g(1, 0) = 0 e che

cabile nell'intorno del punto

f
(1, 0, 0)
g
y
(1, 0) =
= 0.
f
y
(1, 0, 0)
z

f
(1, 0, 0)
g
(1, 0) = x
=4
f
x
(1, 0, 0)
z
81

Teorema del Dini. Funzione implicita

L'equazione del piano tangente

z = g(1, 0) +
cio

g
g
(1, 0) (x 1) +
(1, 0) (y 0)
x
y

z = 4(x 1).

Esercizio 4.1.2.

y = h(x)
x, h(x)).

Si discuta la possibilit di denire la funzione

mediante la equazione

x cos y = y 2 .

Si calcoli

h0 (x)

(in termini di

implicitamente

f (x, y) := x cos y y 2 . In quali punti tale equazione denisce implicitamente una funzione y = h(x) della sola variabile x? L'idea quella di applicare il teorema del
1
Dini. Occorre innanzitutto che f sia di classe C e questo vero. Poi occorre che i punti in cui
f (x, y) = 0 non soddisno l'equazione fy (x, y) = x sin y 2 y = 0 cio possibile applicare il

Poniamo innanzitutto

teorema del Dini solo nell'intorno dei punti che non soddisfano il sistema

x cos y y 2 = 0
x sin y 2 y = 0.
La discussione richiesta dal testo dell'esercizio potrebbe fermarsi qui e a questo punto si pu
direttamente passare a ricavare

h0 (x)

in base al teorema del Dini. Per completezza riportiamo

invece la soluzione del precedente sistema.


Se

cos y = 0

allora dalla prima equazione si legge

e allora posso ricavare dalla prima equazione

y=0

assurdo, dunque di sicuro

in funzione di

cos y 6= 0

e sostituire il risultato nella

seconda equazione. Si ha

2
x= y
cos y

y [y tan y 2] = 0.
La seconda equazione ci d

(0, 0);

y=0

oppure

nell'intorno di questo punto dunque

alcuna funzione
Trovare gli

h(x).

y tan y = 2. La prima
l'equazione f (x, y) = 0

condizione fornisce il punto


non descrive implicitamente

Studiamo l'altra condizione.

che soddisfano

y tan y = 2

equivale a trovare gli zeri della funzione

j(y) :=

y tan y 2. Studiamo brevemente tale funzione. Essa pari, quindi posso studiarla solo
y 0, ammette inniti asintoti verticali per y = /2 + k al variare di k Z. Inoltre
j 0 (y) = tan y +

y
sin y cos y + y
=
.
cos2 y
cos2 y

x /2 allora sin y cos y 0 mentre per y > /2 allora j 0 (y) > /2 1 dunque
j 0 (y) > 0 per ogni y, cio la funzione j sempre crescente. Vediamo se ci sono essi

Si nota che se
si ha che

per

82

4.1

Esercizi svolti

con lo studio della derivata seconda. Si ha

j 00 (y) =

[1 + cos2 y sin2 y] cos2 y + 2 cos y sin y (x + sin y cos y)


cos4 y

cos2 y + cos4 y sin2 y cos2 y + 2 x cos y sin y + 2 cos2 y sin2 y


cos4 y

2 y cos y sin y + cos2 y sin2 y + cos4 y + cos2 y


cos4 y

2 y cos y sin y + cos2 y [sin2 y + cos2 y] + cos2 y


=
cos4 y
=

cos y [2 cos y + 2 y sin y]


= 0 cos y + y sin y = 0
cos4 y

quindi ci sono inniti essi. Il graco approssimativo dato in gura.

Figura 4.1: Graco della funzione

j.

Quindi abbiamo inniti zeri, che corrispondono a inniti valori di

y;

questi a loro volta inseriti

nella prima equazione ci danno inniti punti che soddisfano il precedente sistema. Nell'intorno
di questi punti non si pu applicare il teorema del Dini nel senso che l'equazione
non descrive implicitamente alcuna funzione

h(x).

Adesso, in base al teorema dei Dini, per ogni punto

h0 (x) =

(x, y)

per cui possibile, si ha

fx (x, h(x))
cos h(x)
cos h(x)
=
=
.
fy (x, h(x))
x sin h(x) 2 h(x)
x sin h(x) + 2 h(x)
83

f (x, y) = 0

Teorema del Dini. Funzione implicita

Questo conclude l'esercizio.

Esercizio 4.1.3.

Per il teorema del Dini, l'equazione

(x 1) log(sin y) + (y 1) tan(x2 ) = 0
permette di rappresentare

(1, 1).

Si calcoli

come funzione di

x,

ovvero

y = y(x),

in un intorno del punto

y 0 (1).

Verico che eettivamente si possa applicare il teorema del Dini. Poniamo

f (x, y) = (x 1) log(sin y) + (y 1) tan(x2 );


si ha che

di classe

C1

in un intorno di

(1, 1).

fy (x, y) = (x 1)
da cui

Poi si ha

e inne

cos y
+ tan(x2 )
sin y

fy (1, 1) = tan 1 6= 0.

Allora il teorema del Dini ci assicura che esiste un intorno


su

f (1, 1) = 0

a valori reali tale che

f (x, y(x)) = 0.
y 0 (x) =

di

x = 1 ed esiste y = y(x) denita

Si ha inoltre

fx (x, y(x))
fy (x, y(x))

x I

da cui

fx (x, y) = log(sin y) + (y 1) (1 + tan2 (x2 )) 2 x


e quindi

y 0 (1) =

- Esercizio 4.1.4.

log(sin 1)
.
tan 1

F (x, y) := xey yex per ogni (x, y) R2 , e la funzione G sia denita


0
implicitamente dall'equazione F (x, G(x)) = 1 per ogni x R. Si rappresenti G (x) mediante
d
2
il teorema di Dini. Posto poi H(u) := (sin u) per ogni u R, si calcoli
[G(H(u))].
du
Sia

L'esercizio dato piuttosto semplice se ci si limita a rappresentare

G0 (x)

mediante il teore-

ma del Dini senza preoccuparsi di vericare se eettivamente il teorema del Dini possa essere
applicato. Poich il testo ambiguo, l'esercizio pu essere risolto limitandosi a questa prima
parte.

84

4.1

Esercizi svolti

F (x, y) = F (x, y) 1 = x ey y ex 1. Allora G denita implicitamente


F (x, G(x)) = 0 e quindi il teorema del Dini si applica a F e non a F. Si ha poi

Si pone innanzitutto
dall'equazione

G0 (x) =

Fx (x, G(x))
Fy (x, G(x))

da cui

Fx (x, y) = ey y ex

Fx (x, G(x)) = eG(x) G(x) ex

Fy (x, y) = x ey ex

Fy (x, G(x)) = x eG(x) ex .

Quindi

eG(x) G(x) ex
.
G (x) =
x eG(x) ex
0

D'altra parte, per la regola di derivazione delle funzioni composte, si ha

d
(G(H(u))) = G0 (H(u)) H 0 (u)
du
ma

H 0 (u) = 2 sin u cos u

dunque
2

eG(H(u)) G(H(u)) eH(u) 0


eG(sin u) G(sin2 u) esin
d
G(H(u)) =
H
(u)
=

2
2
du
H(u) eG(H(u)) eH(u)
sin2 u eG(sin u) esin u

(sin(2u)).

Qui termina la prima parte dell'esercizio. La parte complicata sembra essere quella di vericare
che il teorema del Dini pu essere applicato in tutti i punti tali che

F (x, y) = 0.

A = {(x, y) R2 : F (x, y) = 0}. Si dovrebbe dimostrare che:


F C 1 (A) e questo vero perch F C 1 (R2 ) e che Fy (x, y) =
6 0
Sia

per ogni

(x, y) A

quest'ultima richiesta la pi dicile da vericare. Infatti si dovrebbe far vedere che il sistema

x ey y ex 1 = 0
x ey ex = 0
non ha soluzioni. Proviamo a risolverlo.
Sostituendo la seconda equazione nella prima si ha

ex (1 y) 1 = 0.

(4.1.1)

(x, y) R2 tale che (4.1.1) sia vericata.


Se y 1, allora non c' nessuna x tale che (x, y) soddis (4.1.1). Infatti se y 1 allora
1 y 0 e allora ex (1 y) 0 da cui ex (1 y) 1 < 0.
Rimane da studiare il caso y < 1. Si pu esplicitare x in funzione di y nella (4.1.1), quindi si

Dovremmo far vedere che non esiste nessun

ha


x = log
85

1
1y

Teorema del Dini. Funzione implicita

da cui sostituendo nella prima equazione del nostro sistema si ottiene


log
Dobbiamo mostrare che nessun

1
1y

y<1

log

mentre nel caso

0<y<1

si ha


log

ey

1
= 0.
1y

(4.1.2)

soddisfa la precedente equazione. Se

1
1y

ey < e

1
1y

ey

y<0

allora

1
<0
1y

da cui

1
e
< log
1y
y

1
1y


e

1
1y

quest'ultima funzione sempre negativa e si annulla in un solo punto (per vedere ci basta
studiare la funzione

g(z) := e log z z );

siccome nella precedente disuguaglianza c' il minore

stretto, allora questo basta a concludere che eettivamente possibile applicare il teorema del
Dini alla nostra funzione

Esercizio 4.1.5.

F .

Si consideri l'equazione


x2
+ xy log 1 + x2 + y 2 + y = 0.
2
(0, 0) soddisfa l'equazione e che esiste una funzione : I J , con
2
I e J intorni di zero, tale che (0) = 0 e x2 + x(x) log (1 + x2 + 2 (x)) +
(x) = 0 per ogni x I .
Provare che

Per vericare che

(0, 0)

soddisfa l'equazione basta sostituire il punto in essa.

Posto

f (x, y) =
l'equazione data , ovviamente,


x2
+ xy log 1 + x2 + y 2 + y
2

f (x, y) = 0.

Tale

di classe

su

R2 .

Verichiamo le ipotesi del teorema di Dini:

f (0, 0) = 0
2x
f
(x, y) = x + y
,
x
1 + x2 + y 2

f
(0, 0) = 0
x

f
2y
(x, y) = x
+1 ,
y
1 + x2 + y 2

f
(0, 0) = 1.
y

86

4.2

Le ipotesi sono vericate, dunque posso esplicitare

:IJ

La funzione implicita

in funzione di

Esercizi proposti

in un intorno di

x0 = 0.

quella richiesta (ovvero quella che verica le richieste fatte).

Per quanto riguarda l'andamento di

osserviamo che

f
(0, 0)
x
f
(0, 0)
y

(0) =

= 0.

Inoltre, dalla formula

(x) =

f
(x, (x))
x
f
(x, (x))
y

si ha


00 (x) =

2f
(x, (x))
x2

2f
(x, (x))0 (x)
xy

f
(x, (x))
y

f
(x, (x))
x

2f
(x, (x))
xy

2

f
(x, (x))
y

Quindi

00 (0) =

f
2f
(0,
0)
(0, 0).
x2
y

Essendo

2f
2 (1 + x2 + y 2 ) 4x2
,
(x,
y)
=
1

x2
(1 + x2 + y 2 )2
abbiamo che

00 (0) = (1) = 1 > 0,

quindi

2f
(0, 0) = 1,
x2

un punto di minimo per

4.2. Esercizi proposti


-

Esercizio 4.2.1.

l'equazione
intorno di

Utilizzando il teorema di Dini mostrare che, nei casi sotto riportati,

f (x, y) = 0 denisce implicitamente una funzione


x0 tale che (x0 ) = y0 . Calcolare poi 0 (x0 ).

derivabile

y = (x)

in un

f (x, y) = x + 2y + x sin y, (x0 , y0 ) = (0, 0);


y
(b) f (x, y) = xe + y + 2,
(x0 , y0 ) = (0, 2);
(c) f (x, y) = xy + log(xy) 1,
(x0 , y0 ) = (1, 1);

x+y
5
(d) f (x, y) = y + log
xy, (x0 , y0 ) = (1, 1).
2
(a)

- Esercizio 4.2.2.

Applicare il teorema di Dini all'equazione

f (x, y) = x2 y 2 2x+2y = 0

e discutere nell'intorno di quali punti essa denisce una funzione implicita rispetto all'una
o all'altra variabile.

87

2f
(x, (x))
x2

Teorema del Dini. Funzione implicita

Esercizio 4.2.3.

Data la funzione

y = y(x)

denita implicitamente da

x2 y 2 + y 3 + x + y = 0,
calcolare

lim

x0

Esercizio 4.2.4.

y(x) + x
.
x2

Vericare che l'equazione

 
x
+ y2 x = 0
y log
y
denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

in un intorno di

(1, 1).

Calcolare

y(x) 1
.
x1 (x 1)2
lim

Esercizio 4.2.5.

Vericare che l'equazione

x3 + y 3 3x + y = 0
denisce implicitamente una funzione

Esercizio 4.2.6.

y = y(x)

su tutto

R.

Studiarne il graco

Vericare che l'equazione

x2 + y ex
denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

stazionari e la loro natura.

88

2 y

=0

su tutto

R.

Determinare gli eventuali punti

4.2

Esercizio 4.2.7.

Esercizi proposti

Vericare che l'equazione

y 3 + y 2 + x2 + x + y = 0
denisce

y = y(x) su tutto R.
y = y(x) nell'intervallo [2, 1]. Calcolare

implicitamente

approssimativo di

una

funzione

Tracciare

un

y(x) + x
.
x0
x2
lim

Esercizio 4.2.8.

Vericare che l'equazione

Z
2x +

e(tx) dt = 0

denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

in un intorno di

x = 0.

Calcolare

y(x) + x + x2
.
x0
cos x 1
lim

Esercizio 4.2.9.

Vericare che l'equazione

x cos(xy) = 0
denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

in un intorno di

1,


.
2

Calcolare

2y(x) (2 x)
.
x0
(x 1)2
lim

Esercizio 4.2.10.

Si provi che l'equazione

ex+y+cos(x+y) + ex+y+sin(x+y) e = 1
denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

89

su tutto

e la si determini.

graco

Teorema del Dini. Funzione implicita

Esercizio 4.2.11.

Vericare che l'equazione

xy 2 + z 3 xy + 2z = 0
denisce implicitamente una funzione

z = g(x, y)

su tutto

R2 .

Determinare i punti singolari

e la loro natura.

Esercizio 4.2.12.

Data la funzione

y = y(x)

denita implicitamente da

x2 + x(y 2 1) + y(y 2 + 1) = 0
calcolare

y(x) + x 1
.
x1
(x 1)2
lim

Esercizio 4.2.13.

Vericato che l'equazione

x2 + x(y 2 1) + y(y 2 + 1) = 0
denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

in un intorno di

x = 0,

calcolare

x = 0,

calcolare

y(x) x
.
x0
x2
lim

Esercizio 4.2.14.

Vericato che l'equazione

x3 + y 3 + x2 xy + x + y = 0
denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

in un intorno di

y(x) + x
.
x0
x2
lim

90

4.2

Esercizio 4.2.15.

Esercizi proposti

Vericare che l'equazione

(x + y)3 x + y = 0
denisce implicitamente una funzione

Esercizio 4.2.16.

y = y(x)

su tutto

R.

Tracciarne il graco.

Vericare che l'equazione

x2 y ex
denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

2 +y

=0

su tutto

R.

Determinare gli eventuali punti

stazionari e la loro natura.

Esercizio 4.2.17.

Vericare che l'equazione

x sin(xy) = 0
denisce implicitamente una funzione

y = y(x)
lim

x1

Esercizio 4.2.18.

in un intorno di

(1, 0).

Calcolare

y(x)
.
(x 1)2

Vericare che l'equazione

(x + y)3 3(x y) + 2 = 0
denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

su tutto

R.

Determinare gli eventuali punti

stazionari e la loro natura.

- Esercizio 4.2.19.

y = h(x) implicitamente
x, h(x)).

Si discuta la possibilita' di denire la funzione

mediante la equazione

x sin y = y

. Si calcoli

h (x)

91

(in termini di

Teorema del Dini. Funzione implicita

Esercizio 4.2.20.

Sia

f (x, y) = x y ex+y
1) Si provi che l'equazione
su tutto

f (x, y) = 0

(x, y) R2 .

denisce implicitamente un'unica funzione

R.

2) Si determini l'unico punto critico della funzione

Esercizio 4.2.21.

si provi che l'equazione

x (1, +).

e la sua natura.

f (x, y) = 0

(x, y) (1, +) (1, +),

denisce implicitamente un'unica funzione

y = y(x)

per

Si calcoli inoltre

lim

xe

y = y(x)

Dato il campo scalare

f (x, y) = log x log y 1

ogni

y = y(x)

Esercizio 4.2.22.

y(x) x
.
4(x e)2

Vericare che l'equazione

e(x+yt) dt = 0

f (x, y) = x 1 +
x

denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

in un intorno di

x = 1.

Calcolare

y(x) x(1 e) e
.
x1
e(x 1)2
lim

Esercizio 4.2.23.

Si provi che l'equazione

Z
f (x, y, z) = x + y +

(tx)2

Z
dt +

denisce implicitamente una funzione

e(ty) dt + 2 = 0

z = z(x, y)

punti critici e si scriva l'equazione del piano tangente a

92

(x, y) R2 . Se ne determinino
z = z(x, y) in tali punti.

per ogni

4.2

Esercizio 4.2.24.

Esercizi proposti

Vericare che l'equazione

et dt = 0

x2 +2y

denisce implicitamente una funzione

y = y(x)

su tutto

R.

Calcolare

y(x) + x2 x + 21
lim
.
x1
(x 1)2

Esercizio 4.2.25.

Vericare che l'equazione

x4 + 2y 3 + z 3 yz 2y = 0
z = g(x, y) in un
(0, 1, 0) alla supercie di

denisce implicitamente

intorno di

piano tangente in

equazione

(0, 1, 0). Scrivere


z g(x, y) = 0.

poi l'equazione del

R. z = 4(y 1).

Esercizio 4.2.26.

Vericare che l'equazione

x4 + 2y 3 + z 3 yz 2y = 1
z = g(x, y) in un
(0, 0, 1) alla supercie di

denisce implicitamente

intorno di

piano tangente in

equazione

R. z = 1 +

(0, 0, 1). Scrivere


z g(x, y) = 0.

poi l'equazione del

1
y.
3

Esercizio 4.2.27.

Vericare che l'equazione

2x2 + 2y 3 + z 3 yx 2y = 1
z = g(x, y) in un
(0, 0, 1) alla supercie di

denisce implicitamente

intorno di

piano tangente in

equazione

R. z = 1 +

2
y.
3
93

(0, 0, 1). Scrivere


z g(x, y) = 0.

poi l'equazione del

Teorema del Dini. Funzione implicita

Esercizio 4.2.28.

Per il teorema del Dini, l'equazione


2

(x 1) log(cos y) + (y 1) e(x ) = 0
permette di rappresentare

(1, 1).

Si calcoli

come funzione di

y = y(x),

ovvero

in un intorno del punto

y (1).

R.
y 0 (1) =

x,

Esercizio 4.2.29.

log(cos 1)
.
e1

Per il teorema del Dini, l'equazione

(x 1) sin(sin y) + (y 1) sin (x2 ) = 0


permette di rappresentare

(1, 1).

Si calcoli

come funzione di

x,

y = y(x),

ovvero

in un intorno del punto

y 0 (1).

R.
y 0 (1) =

Esercizio 4.2.30.

sin(sin 1)
.
sin 1

f (u, v) := uev veu 1 per ogni (u, v) R2 , e la funzione g


0
sia denita implicitamente dall'equazioni f (u, g(u)) = 0 per ogni u R. Si rappresenti g (u)
d
1
per ogni z R, si calcoli
[g(h(z))].
mediante il teorema di Dini. Posto poi h(z) :=
3
(z + 1)
dz

Sia

R.
g(h(z))

h(z)

e
d
e
g(h(z)) e
g(h(z)) =
h0 (z) =
g(h(z))
h(z)
dz
h(z) e
e

94

1
z 3 +1

1
z 3 +1


z 3 +1

g
1
z 3 +1

e z3 +1
1
z 3 +1

3 z2
(z 3 + 1)2


.

CAPITOLO 5

Esercizi riguardanti ottimizzazione


libera e vincolata
5.1. Ottimizzazione libera
5.1.1.

Esercizi svolti

Esercizio 5.1.1.

Studiare, al variare di

k,

le forme quadratiche

(a)q1 (x, y) = k 2 x2 + (k + 1)y 2 + 12xy,


(b)q2 (x, y, z) = x2 + y 2 + 2z 2 + 2kxz + 2yz
2 R. Hint: (a) Mi metto nel caso k 6= 0, dunque a = k 2 > 0k . Abbiamo det A =
(k 3)(k 2 + 4k + 12). Quindi per k > 3 ho det A > 0, mentre per k < 3 ho det A < 0.
Di conseguenza:

k > 3: denita positiva


b) k < 3: indenita
c) k = 3: det A = 0, a > 0, quindi semidenita positiva
d) k = 0: La matrice (per righe) (0, 6), (6, 1), dunque c = 1 > 0
a)

det A = 36 < 0,

indenita (vedi anche sopra).


La f.q. non mai denita negativa.
(b)

det A = 1 k 2 < 0

per ogni

k.

quindi la forma quadratica sempre indenita.

95

quindi

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.1.2.

Si determinino gli eventuali punti di estremo libero della funzione

f (x, y) = x4 + y 4 2(x y)2 + 2.

Siccome la funzione di classe

C (R2 ),

gli eventuali punti di estremo libero di

anche essere punti critici, cio punti che annullano il gradiente di

f.

devono

Si ha

f
(x, y) = 4y 3 + 4(x y)
y

f
(x, y) = 4x3 2(x y)2 = 4x3 4x + 4y
x
dunque per trovare i punti critici devo risolvere il sistema

4x3 4(x y) = 0
4y 3 + 4(x y) = 0.
Sommando membro a membro le due equazioni si ottiene

x3 + y 3 = 0

che ci d

x = y.

Sostituendo quanto trovato nella seconda equazione si ottiene facilmente

4y 3 8y = 0 y[y 2 2] = 0 y = 0 y = 2.
Dunque i punti critici sono

(0, 0)

( 2, 2)


( 2, 2).

Per determinare la natura dei punti critici proviamo a calcolare la matrice Hessiana nei punti
suddetti. Si ha

2f
(x, y) = 12x2 4
x2

2f
2f
(x, y) =
(x, y) = 4
xy
yx

2f
(x, y) = 12y 2 4.
y 2

Dunque

24 4
4
20 4

Hf ( 2, 2) = Hf ( 2, 2) =
4
24 4
4 20


Hf ( 2, 2) = Det Hf ( 2, 2) = 400 16 > 0 e fxx > 0.


( 2, 2) e ( 2, 2) sono di minimo locale. D'altra parte

4 4

Hf (0, 0) =
4 4

quindi Det
punti

96

Questo implica che i

5.1

quindi Det

Ottimizzazione libera

Hf (0, 0) = 0 e il test della matrice Hessiana si rivela inecace per il punto (0, 0). Per

determinare la natura di questo punto critico occorre cambiare metodo. Proviamo a studiare
il segno dell'incremento della funzione, cio studiamo il segno di

4f (x, y) = f (x, y) f (0, 0) = x4 + y 4 2(x y)2 .


Ora, se

x=y

allora

4f = x4 + x4 = 2x4 0
mentre se consideriamo la curva

y = x

x R

si ha

4f = 2x4 8x2 0

se|x|

2.

f ha valori maggiori di
2 = f (0, 0) e sia punti in cui f ha valori minori di 2 e dunque il punto (0, 0) un punto di sella.
Questo ci dice che in ogni intorno dell'origine ci sono sia punti in cui

Esercizio 5.1.3.

Si determinino gli eventuali punti di estremo libero della funzione

f (x, y) = sinh(x4 + y 3 4x2 3y 2 ).


f (x, y) C (R2 ) ed composta dalle funzioni sinh t e t = t(x, y) = x4 + y 3 4x2
3y 2 . Poich la funzione sinh t strettamente crescente, i punti di estremo di f (x, y) sono tutti
e soli i punti di estremo di t(x, y). (Notiamo che analoghe considerazioni possono essere fatte
t(x,y)
per funzioni del tipo f (x, y) = e
, f (x, y) = (t(x, y))3 ecc...).
La funzione

Si pu studiare pertanto la funzione

t(x, y) = x4 + y 3 4x2 3y 2 .
C (R2 ) e dunque gli eventuali punti di estremo libero di t devono anche
cio punti che annullano il gradiente di t. Si ha

La funzione di classe
essere punti critici,

t
(x, y) = 4x3 8x
x

t
(x, y) = 3y 2 6y
y

dunque per trovare i punti critici devo risolvere il sistema

4x3 8x = 4x[x2 2] = 0
3y 2 6y = 3y[y 2] = 0.
Dunque i punti critici sono

(0, 0)

(0, 2)

( 2, 0)
97

( 2, 2).

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Per determinare la natura dei punti critici proviamo a calcolare la matrice Hessiana nei punti
suddetti. Si ha

2t
(x, y) = 12x2 8
x2

2t
2t
(x, y) =
(x, y) = 0
xy
yx

2t
(x, y) = 6y 6.
y 2

Dunque

Ht (0, 0) =
quindi Det

Ht (0, 0) = 48 > 0

mentre

txx < 0.

Questo implica che il punto

(0, 0)

di massimo

locale. D'altra parte

8 0

Ht (0, 2) =
quindi Det

Ht (0, 2) = 48 < 0

e dunque

(0, 2)

Ht ( 2, 0) =

Ht ( 2, 0) = 96 < 0

quindi Det

Ht ( 2, 2) = 96 > 0

un punto di sella. Inoltre

quindi Det

16

( 2, 0)

16 0

Ht ( 2, 2) =
0 6
e dunque anche

mentre

sono punti di sella. Inne

txx ( 2, 2) = 16 > 0

e dunque

( 2, 2)

sono punti

di minimo locale.

Esercizio 5.1.4.

Si determinino gli eventuali estremi locali e globali della funzione

f (x, y) = sin(x + y) cos(x y).

Si ha

f (x, y) = sin(x + y) cos(x + y) = sin x cos y + cos x sin y cos x cos y sin x sin y
= sin x[cos y sin y] cos x[cos y sin y] = [cos y sin y] [sin x cos x]
"
#



2
2


=2
(cos y sin y)
(sin x cos x) = 2 sin x
cos y +
2
2
4
4
98

5.1

Ottimizzazione libera

A questo punto, visto che



1 sin x
1
4



1 cos y +
1
4

f 2 ed assunto

x = + 2k
4

y = + 2h
4

si vede subito che il massimo di

in corrispondenza dei punti

kZ
hZ

oppure in corrispondenza dei punti

x = + 2k
4
3

y = + 2h
4
Invece il minimo di

kZ
h Z.

-2 ed assunto in corrispondenza dei punti

x = + 2k
4
3

y = + 2h
4

kZ
hZ

oppure in corrispondenza dei punti

x = + 2k
4

y = + 2h
4
Per vedere se
il sistema

kZ
h Z.

non ha altri punti di estremo, si calcolano gli ulteriori punti critici di






fx (x, y) = 2 cos x
cos y +
=0
 4 
 4 

fy (x, y) = 2 sin x
sin y +
= 0.
4
4

Le soluzioni sono i punti

x = + k
4

y = + h
4

kZ
hZ

precedentemente trovati e i punti

x = + k
4
3

y = + h
4
99

kZ
h Z.

risolvendo

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

In tali punti

si annulla ed facile vedere che cambia segno in ogni loro intorno. Questi punti

sono perci di sella.

Esercizio 5.1.5.

Si determinino gli eventuali estremi locali e globali della funzione

f (x, y) = (x2 + y 2 )e(x

La funzione

p
x2 + y 2 .

2 +y 2 )

a simmetria radiale, cio funzione solo della distanza dall'origine

Come conseguenza, le curve di livello di

r =

sono circonferenze con centro nell'o-

rigine. In casi come questo si pu semplicare la ricerca degli estremi studiando la funzione di
una sola variabile

g(r) = r2 er
Si ha

g(0) = 0

e anche

g(r) 0

per ogni

r 0.

anzi pi precisamente

g(r) > 0

per ogni

r 6= 0.

Inoltre

lim g(r) = 0

r+
e dunque

r=0

punto di minimo globale. D'altra parte

g 0 (r) = 2r(1 r2 )er


g 0 (r) = 0

r = 1 punto di massimo globale.


Per trasferire i risultati ottenuti per g a f basta osservare che r = 0 corrisponde all'origine
(0, 0) mentre r = 1 corrisponde alla circonferenza unitaria centrata in (0, 0). Di conseguenza
il valore minimo assunto in (0, 0) mentre il valore massimo assunto in tutti i punti della

e dunque

se

r = 1.

Perci se

circonferenza unitaria.

Esercizio 5.1.6.

Si determinino gli eventuali estremi locali e globali della funzione

p
f (x, y) = x 3 (y x)2 .

f denita e
2
{(x, y) R : y = x} tranne

La funzione

continua in

R2 .

Dimostriamo che in tutti i punti dell'insieme

l'origine si ha che

non dierenziabile. Si ha

f
f (x + h, x) f (x, x)
(x + h) h2
3
(x, x) = lim
= lim
= lim xh1/3 + lim h2 .
h0
h0
h0
h0
x
h
h
Il limite del primo addendo, per x 6= 0 non esiste e quindi sicuramente f non dierenziabile
nei punti (x, x) con x 6= 0. nell'origine invece si ha
p
h 3 (h)2
f (h, 0) f (0, 0)
f
(0, 0) = lim
= lim
=0
h0
h0
x
h
h
100

5.1

mentre

Ottimizzazione libera

f
f (0, h) f (0, 0)
(0, 0) = lim
=0
h0
y
h

dunque

p
h 3 (k h)2
f (h, k) f (0, 0) hfx (0, 0) kfy (0, 0)

= lim
lim
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0)
h2 + k 2
h2 + k 2
e questo limite esiste e fa 0, dunque in

(0, 0) f

dierenziabile. I punti di estremo andranno

cercati tra i punti critici e i punti della bisettrice del primo e terzo quadrante (origine esclusa).
Allora

3y 5x
fx (x, y) =
3 yx

e dunque il gradiente di

diverso da zero in

punti di estremo solo i punti della retta


Studiando il segno di

2x
fy (x, y) =
3 yx

f (x, y)

R2 \ {(x, y) : y = x}.

y = x (origine esclusa).

Pertanto possono essere

Su tale retta si ha

f (x, y) = 0.

si ricava che i punti della bisettrice del primo quadrante sono

di minimo locale mentre i punti della bisettrice del terzo quadrante sono di massimo locale.
Infatti

f (x, y) 0

per

x>0

f (x, y) 0

per

x < 0.

Per curiosit l'origine punto di sella.

Non ci sono estremi globali perch la funzione illimitata superiormente e inferiormente. Ad


esempio:

lim

f (x, y) = +

(x,y)(+,0)
e

lim

f (x, y) = .

(x,y)(,0)

Esercizio 5.1.7.

Si determinino gli eventuali estremi locali e globali della funzione

f (x, y) = x2 log(1 + y) + x2 y 2
nel suo dominio.

Il dominio di

l'insieme aperto

D = {(x, y) R2 : y > 1}.


In questo insieme

una funzione di classe

C (R2 ).

Gli eventuali punti di estremo locale

devono perci essere soluzioni del sistema

fx (x, y) = 2x(log(1 + y) + y ) = 0


1
2

fy (x, y) = x
+ 2y = 0.
1+y
101

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Si ha sicuramente

x = 0;

inoltre deve aversi

log(1 + y) + y 2 = 0
e

1
+ 2y = 0.
1+y
y = 0

La prima equazione ci d come soluzione

2y + 2y + 1 = 0 che non ci d
inniti punti (0, k) con k > 1.

mentre dalla seconda equazione deriviamo

soluzioni reali. Quindi il sistema ammette come soluzioni gli


Su tali punti si ha

f (x, y) = 0.

Proviamo il test della matrice

Hessiana.


fyy (x, y) = x 2

fxx (x, y) = 2(log(1 + y) + y )

1
(1 + y)2


fxy (x, y) = fyx (x, y) = 2x


1
+ 2y ;
1+y

dunque

log(1 + k) + k 2 0

Hf (0, k) =

e dunque il test della matrice Hessiana si rivela inecace.


Proviamo a valutare

4f (x, y) = f (x, y) f (0, k) = f (x, y) = x2 log(1 + y) + x2 y 2 = x2 [log(1 + y) + y 2 ].


Studiamo il segno del termine

log(1 + y) + y 2 =: g(y).

g(y) < 0 1 < y < 0,

immediato vericare che

g(y) y = 0,

g(y) > 0 y > 0.

Da questo possibile concludere che:

k > 0 allora i punti (0, k) sono punti di minimo locale;


se k = 0 allora l'origine un punto di sella;
se 1 < k < 0 allora i punti (0, k) sono punti di massimo locale.
Osserviamo inne che f non ha punti di estremo globale in quanto

+
y0 > 0
lim
f (x, y) =

(x,y)(+,y0 )
1 < y0 < 0

se

e perci

inf f (x, y) = .

sup f (x, y) = +
102

5.1

Esercizio 5.1.8.

Ottimizzazione libera

Si determinino gli eventuali punti di estremo libero della funzione

f (x, y) = x2 (y 1)3 (z + 2)2 .


C (R3 ). I punti critici sono le soluzioni

3
2

fx (x, y, z) = 2x(y 1) (z + 2) = 0

fy (x, y, z) = 3x2 (y 1)2 (z + 2)2 = 0

fz (x, y, z) = 2x2 (y 1)3 (z + 2) = 0.

La funzione data di classe

del sistema

x = 0, y = 1 e z = 2, cio rispettivamente si
ottengono i punti (0, h, k), (l, 1, k), (l, h, 2) con l, h, k R. In tali punti f si annulla. Anzich
ricorrere allo studio del dierenziale secondo, conveniente esaminare il segno di f in un intorno dei punti indicati. I punti (l, 1, k) sono di sella in quanto attraversando il piano y = 1
f cambia segno. I punti (0, h, k) e (l, h, 2) sono di massimo locale per h < 1 in quanto f
negativa per h < 1 e di minimo locale per h > 1 in quanto f positiva per h > 1.

Le soluzioni del sistema sono i punti dei piani

Esercizio 5.1.9.

Si determinino gli eventuali punti di estremo libero della funzione

f (x, y, z) =

La funzione data di classe

1 1 1
+ + + xyz.
x y z

C (R3 \ {(x, y, z) : x = 0, y = 0, z = 0}).

I punti critici si trovano risolvendo il sistema

fx (x, y, z) = 2 + yz = 0

1
fy (x, y, z) = 2 + xz = 0

fz (x, y, z) = 1 + xy = 0.
z2
Moltiplichiamo la prima equazione per

x,

la seconda equazione per

1 1
=0
y x

1 1
=0
y z

e sottraiamo. Si ottiene

x y = 0;

analogamente, se moltiplichiamo la seconda equazione per


iamo, si ha

y,

x = y = z.
103

la terza equazione per

e sottra-

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Allora sostituendo questo risultato in una qualunque delle equazioni si ha rapidamente

1
+ x2 = 0
x4 = 1.
x2
sono (1, 1, 1) e (1, 1, 1).

Allora in denitiva i punti critici

Per stabilire la natura di questi

due punti critici proviamo il test della matrice Hessiana:

fxx (x, y, z) =
fzz (x, y, z) =

2
z3

2
x3

fxy (x, y, z) = fyx (x, y, z) = z

fxz (x, y, z) = fzx (x, y, z) = y

Allora

fyy (x, y, z) =

2
y3

fyz (x, y, z) = fzy (x, y, z) = x.

2 1 1

Hf (1, 1, 1) = 1 2 1

1 1 2.

I determinanti dei minori principali di Nord-Ovest sono rispettivamente

H1 = 2 > 0
quindi

(1, 1, 1)

H2 = 3 > 0

H3 = 4 > 0

f. Invece

2 1 1

Hf (1, 1, 1) = 1 2 1

1 1 2.

punto di minimo locale per

I determinanti dei minori principali di Nord-Ovest sono rispettivamente

H1 = 2 < 0
(1, 1, 1) punto di massimo
che f (x, y, z) = f (x, y, z).

quindi
dato

Esercizio 5.1.10.

quadratica:

H3 = 4 < 0

H2 = 3 > 0
locale per

f.

Questo risultato poteva essere previsto

Si determini, al variare del parametro reale


2

q(x, y, z) = x + 2kxy + y + 2kyz + z ;

Alla forma quadratica

associata la matrice

A= k 1 k

0 k 1.

1 k

104

k,

il segno della forma

5.1

(Notiamo che da
della matrice

a21

2kxy

si ottiene che l'elemento della matrice

Ottimizzazione libera

a12 = k

e coincide con l'elemento

perch la matrice simmetrica). I determinanti dei minori principali nord-

ovest sono:

A2 = 1 k 2

A1 = 1

A3 =

Det A

= 1 2k 2 .

A questo punto:

1
|k| >
2
1
|k| <
2
1
|k| =
2

allora

A3 < 0

e siccome

allora tutti gli

Ai

A1 > 0

si ha che la forma quadratica indenita;

sono positivi e dunque la forma quadratica denita positiva;

allora la forma quadratica

2 
2

1
1
q(x, y, z) = x + y + y + z
2
2
e dunque semidenita positiva, cio
punti

q(x, y, z) 0

per ogni



1
1
h, h, h .
2
2

Esercizio 5.1.11.

(x, y, z) Rn

q(x, y, z) = 0

nei

Si determinino gli eventuali punti di estremo libero della funzione

f (x, y) = x3 y 2 x4 y 2 x3 y 3 .

La funzione di classe

C (R2 )

e dunque gli eventuali punti di estremo libero di

anche essere punti critici, cio punti che annullano il gradiente di

f
(x, y) = 3x2 y 2 4x3 y 2 3x2 y 3
x

x2 y 2 [3 4x 3y] = 0
x3 y[2 2x 3y] = 0.
Dunque tra i punti critici ci sono sicuramente

(0, h)

con

k, h R.

Inoltre bisogna vedere se si pu risolvere il sistema

3 4x 3y = 0
2 2x 3y = 0.
105

Si ha

f
(x, y) = 2x3 y x4 2y x3 3y 2
y

dunque per trovare i punti critici devo risolvere il sistema

(k, 0)

f.

devono

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

1 1
,
2 3

Questo sistema ammette come soluzione il punto

1 1
,
2 3

Alla ne i punti critici sono:


(k, 0)

(0, h)

con

k, h R.

Per determinare la natura dei punti critici proviamo a calcolare la matrice Hessiana nei punti
suddetti. Si ha

2f
(x, y) = 6xy 2 12x2 y 2 6xy 3
2
x
2f
2t
(x, y) =
(x, y) = 6x2 y 8x3 y 9x2 y
xy
yx
2f
(x, y) = 2x3 2x4 6x3 y.
y 2
Dunque

Hf (k, 0) =

0
3

0 2k 2k

Hf (k, 0) = 0 e il test della matrice Hessiana si rivela inecace per studiare la natura
punti. Siccome f (k, 0) = 0, possiamo provare a studiare il segno di

quindi Det
di questi

4f (x, y) = f (x, y) f (0, 0) = f (x, y) = x3 y 2 x4 y 2 x3 y 3 = x3 y 2 [1 x y].

In gura in azzurro evidenziata la regione in cui

ha segno positivo, in rosa la regione in cui

ha segno negativo. Da ci si deduce immediatamente che i punti

(k, 0)

per

k > 1k < 0

sono punti di massimo locale visto che sempre possibile trovare un intorno di questi punti in
cui

sia sempre positiva. Allo stesso modo facile vedere che se

0<k<1

i punti

di minimo locale in quanto si riesce a trovare un intorno di questi punti in cui

(k, 0)

sono

negativa.

(0, h) e (1, 0) sono punti di sella visto che in ogni loro 


intorno

1 1
positiva che punti in cui f negativa. Inne per il punto
,
2 3

Analogamente si vede che i punti


ci sono sia punti in cui

si pu provare il test della matrice Hessiana. Si ha

1
7

1 1

9
12
,
=
7
1
2 3

12 72


1 1
Det Hf
,
> 0 si ha che
2 3


e dunque essendo

fxx

1 1
,
2 3


e

massimo locale.

106


il punto

1 1
,
2 3


un punto di

5.1

Figura 5.1: Graco che evidenza il segno di

Esercizio 5.1.12.

Ottimizzazione libera

f.

Si determinino gli eventuali punti di estremo libero della funzione

f (x, y) = |xy|(x + y 1).

f non dierenziabile nei punti (0, h) e (k, 0) con h, k R (tranne che


(0, 0), (0, 1) e (1, 0) in cui invece dierenziabile). Infatti se ci troviamo nel primo o

Dimostriamo che
nei punti

nel terzo quadrante (assi esclusi) si ha

f
(x, y) = 2xy + y 2 y
x
f
(x, y) = x2 + 2xy x
y
mentre se ci troviamo nel secondo o nel quarto quadrante (assi esclusi) si ha

f
(x, y) = 2xy y 2 + y
x
107

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

f
(x, y) = x2 2xy + x.
y
D'altra parte

dunque se

f
f (t, h) f (0, h)
|th|(t + h 1)
(0, h) = lim
= lim
t0
t0
x
t
t
h = 0 oppure h = 1 si ha che
f
(0, h) = 0,
x

negli altri casi il limite precedente non esiste e dunque la derivata parziale rispetto a

non

non

esiste. Analogamente

f
f (k, t) f (k, 0)
|kt|(k + t 1)
(k, 0) = lim
= lim
t0
t0
y
t
t
dunque se

k=0

oppure

k=1

si ha che

f
(k, 0) = 0,
y
negli altri casi il limite precedente non esiste e dunque la derivata parziale rispetto a
esiste. Quindi di sicuro i punti
per

f.

Invece in

(0, 0)

(0, h)

(k, 0)

k, h 6= 0, 1

con

sono punti di non dierenziabilita'

si ha

f (h, k) f (0, 0) hfx (0, 0) kfy (0, 0)


|hk|(h + k 1)

= lim
= 0.
(h,k)(0,0)
(h,k)(0,0)
h2 + k 2
h2 + k 2
lim

La stessa cosa avviene nei punti

(1, 0)

(0, 1)

che dunque sono punti di dierenziabilit per

f.

f. Supponiamo di essere nel primo


cartesiani in cui f risulta dierenziabile). I

Dopo questa analisi passiamo a considerare i punti critici per


o nel terzo quadrante (compresi i punti degli assi
punti critici devono risolvere il sistema

2xy + y 2 y = 0
x2 + 2xy x = 0

che ci d come soluzioni i punti

(0, 0), (0, 1), (1, 0)

e il punto

1 1
,
3 3


.

Se invece ci troviamo

nel secondo o nel quarto quadrante il sistema che dobbiamo risolvere lo stesso quindi non
riusciamo a trovare ulteriori punti critici.
Per l'ultimo punto si pu applicare il test della matrice Hessiana e si ha

fxx (x, y) = 2y

fxy (x.y) = 2x + 2y 1

dunque

= 3
1
3


Hf

1 1
,
3 3

108

1
3
2
3

fyy (x, y) = 2x

5.1


ed essendo

fx x

1 1
,
3 3


>0

e Det

Hf

1 1
,
3 3

1
= >0
3

Ottimizzazione libera


si ha che il punto

1 1
,
3 3


un punto

di minimo locale.
Per i primi 3 punti non pu essere applicato il test della matrice Hessiana perch bisognerebbe
avere almeno

di classe

C 2 (A)

con

intorno aperto di uno dei tre punti e ci ovviamente non

vero. Allora per questi 3 punti e per gli altri punti degli assi cartesiani, che sono punti di
non dierenziabilit per

f,

o meglio il segno di

f,

occorre studiarne la natura osservando il segno dell'incremento di

visto che

sugli assi cartesiani vale 0. In gura la zona arancione

Figura 5.2: Graco che evidenza il segno di

evidenzia la regione in cui

f.

ha segno negativo mentre la zona viola evidenzia la regione in cui

ha segno positivo. Quindi questo implica che se

y > x + 1

c' un intorno del punto

(0, h)

che sta

(0, h) sono tutti punti


di minimo locale. Ragionando in modo analogo si trova che i punti (0, h) con h < 1 sono tutti
punti di massimo locale, i punti (1, 0) e (0, 1) sono punti di sella, i punti (k, 0) con k > 1 sono
punti di minimo locale e inne i punti (0, k) sono punti di massimo locale.

tutto nel semipiano

dove

h>1

positiva. Quindi tutti i punti

109

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.1.13.

Si determinino gli eventuali punti di estremo locale e globale della

funzione

f (x, y) = 4y 2 4x2 y 2 y 4 .

La funzione data di classe

C (R2 ). I punti critici si ottengono

fx (x, y) = 8xy 2 = 0

risolvendo il sistema

f (x, y) = 8y 8x2 y 4y 3 = 0
y
che ci d come soluzioni i punti

(k, 0)

con

k R

e i punti

(0, 2).

Proviamo il test della

matrice Hessiana. Si ha

fxx (x, y) = 8y 2
ma per i punti

(k, 0)

si ha Det

fyy (x, y) = 8 8x2 12y 2

fxy = 16xy

Hf (k, 0) = 0

e quindi il test della matrice Hessiana inecace.

Occorre studiare il segno di

4f (x, y) = f (x, y) f (k, 0) = f (x, y) = y 2 [4 4x2 y 2 ].


In gura la zona azzurra la regione in cui
regione in cui

ha segno negativo.

massimo locale per


punti

(1, 0)

mentre se

ha segno positivo mentre la zona verde la

Da ci si deduce che se

|k| < 1

i punti

(k, 0)

|k| > 1

i punti

(0, 2)

sono punti di minimo locale. Inoltre i

si pu provare il test della matrice Hessiana e si ottiene

Hf (0, 2) =
e quindi i punti

(0, 2)

16
0

f.

0
16

sono punti di massimo locale.

punti di massimo globale per

Vogliamo mostrare che sono anche

Basta far vedere che per ogni

(x, y) R2

si ha

f (x, y) 4 0
ma questo vero perch

f (x, y) 4 = 4y 2 4x2 y 2 y 4 4 = 4x2 y 2 (y 2 2)2 0.


f

sono di

sono di sella.

Inne per i punti

Dunque

(k, 0)

limitata superiormente. Invece

lim

f (x, y) =

(x,y)(,1)
110

5.1

Figura 5.3: Graco che evidenza il segno di

Ottimizzazione libera

f.

quindi

inf2 f (x, y) = .
R

Quindi non ci sono punti di minimo globale ed

Esercizio 5.1.14.

non limitata inferiormente.

Si determinino gli eventuali punti di estremo locale e globale della

funzione

f (x, y) = ex

La funzione

f C (R2 )

4 4x2 y+3y 2

ed data dalla composizione della funzione

4x2 y + 3y 2 . Essendo la funzione esponenziale crescente, i punti


quelli di g. Quindi occorre risolvere il sistema

gx (x, y) = 4x3 8xy = 0


g (x, y) = 4x2 + 6y = 0
y
111

ex

con

g(x, y) = x4

sono tutti e soli

stazionari di

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

che ci d come unica soluzione l'origine

(0, 0).

Studiamo il segno di

4g(x, y) = g(x, y) g(0, 0) = x4 4x2 y + 3y 2 .


Se ci muoviamo lungo la curva

y = 2x2

si ha

g(x, 2x2 ) = x4 8x4 + 6x4 = x4 0


mentre se ci spostiamo lungo la curva

y=

x2
3

si ottiene

4
2
x4 x4 + x4 = x4 > 0
3
3
e dunque l'origine un punto di sella.
D'altra parte non ci sono estremi globali per

lim

nel senso che ad esempio

f (x, y) = +

(x,y)(+,0)
e

lim f (x, 2x2 ) = 0

x+
quindi

non limitata superiormente mentre limitata inferiormente ma

0 = inf R2 f (x, y)

non un minimo.

5.1.2.

Esercizi proposti

Esercizio 5.1.15.

Calcolare la matrice Hessiana della funzione

f (x, y) =
nel punto

(4, 2)

x 8
+ y
y x

e studiare il segno della corrispondente forma quadratica.

Esercizio 5.1.16.

Calcolare la matrice Hessiana della funzione

f (x, y) = x2 + 2y 2 4x + 4y
nel punto

(2, 1)

e studiare il segno della corrispondente forma quadratica.

112

5.1

Esercizio 5.1.17.

Ottimizzazione libera

Calcolare la matrice Hessiana della funzione

f (x, y) = x3 + y 3 3xy
nei punti

(0, 0)

(1, 1)

Esercizio 5.1.18.

e studiare il segno della corrispondente forma quadratica.

Classicare, utilizzando il metodo dei minori principali oppure il

metodo degli autovalori, le forme quadratiche su

R3

q1 (x, y, z) = x2 + 2y 2 + 2z 2 + 2xy + 2xz,


q2 (x, y, z) = 2xz 2xy y 2 2yz
q3 (x, y, z, t) = 2x2 + ky 2 z 2 t2 + 2xz + 4yt + 2kzt.

Esercizio 5.1.19.

Studiare la natura degli eventuali punti stazionari in

funzioni:

1)f (x, y) = 3x2 2y 2


2)f (x, y) = (y 2) exy
3)f (x, y) = (x + 1) exy
4)f (x, y) = ey (x2 + 1) y
5)f (x, y) = 3x2 y y 3 + x2
6)f (x, y) = 3y 3 x2 y x2
7)f (x, y) = 4xy + 4x
8)f (x, y) = 4y + 4xy
9)f (x, y) = log(1 + y 2 xy + 2x2 )
10)f (x, y) = log(1 + 4y 2 2xy + x2 )
11)f (x, y) = 2y 2 + x2 y
12)f (x, y) = arctan(3x2 + y 2 )
13)f (x, y) = 8x2 2y 2 2xy + 2

113

R2

delle seguenti

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

R.

1)(0, 0) sella
2)(1/2, 0) sella
3)(0, 1) sella
4)(0, 0) minimo
5)(0, 0) sella, (1/3, 1/3) sella, (1/3, 1/3)
6)(0, 0) sella, (3, 1) sella, (3, 1) sella
7)(0, 1) sella
8)(1, 0) sella
9)(0, 0) minimo
10)(0, 0) minimo
11)(0, 4) minimo
12)(0, 0) minimo
13)(0, 0) massimo

Esercizio 5.1.20.

Si calcolino al variare di

gli eventuali estremi liberi della funzione

fn (x, y) = (x2 + 3xy 2 + 2y 4 )n

Esercizio 5.1.21.

minimo

n N \ {0}.

Si determini la natura dell'origine per la funzione

f (x, y) = log(1 + x2 ) x2 + xy 2 + y 3 + 2.

Esercizio 5.1.22.

Si verichi che l'equazione


2

f (x, y, z) = x sin x + log(1 + y ) z

et dt = 0

denisce in un intorno di

(0, 0, 0)

un'unica funzione

l'origine punto di minimo locale.

114

z = z(x, y)

e che per tale funzione

5.1

Esercizio 5.1.23.

Ottimizzazione libera

Si verichi che l'equazione

x2 + xu2 + y 2 + exu z + y 2 ez = 0
determina un'unica funzione

(0, 0, 0)

z = z(x, y, u)

tale che

z(0, 0, 0) = 1

e che per tale funzione

punto critico. Si determini la natura di tale punto.

Esercizio 5.1.24.

a)

f1 (x, y, z) = [sin(x z)]2 + y 2 xyz;

Si considerino le funzioni:

f2 (x, y, z) = [sin(x z)]2 + y 2 + y 2 z;


si verichi che per entrambe (0, 0, 0) punto stazionario;
secondo e terzo e si deduca la natura di (0, 0, 0).
b)

Esercizio 5.1.25.

Si determinino gli eventuali punti di estremo locale e globale della

funzione

f (x, y) = (x4 + y 4 )e

Esercizio 5.1.26.

Esercizio 5.1.27.

variare di

x2 +y 2
2

Si determinino gli estremi della funzione

f (x, y) =

si determinino poi il dierenziale

x2 + 2y
.
x2 + y 2 + 1

Si determinino gli estremi locali e globali della seguente funzione al

f (x, y) =

(x2 + y 2 ) log(x2 + y 2 )

(x, y) 6= (0, 0)

(x, y) = (0, 0).

115

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.1.28.

Si calcoli la distanza tra le due rette in

R3 :

x=y=0
e

x=3
z = 2y.

Esercizio 5.1.29. Si determini al variare del parametro reale k la natura dell'origine per

la funzione

f (x, y) = 2 + kx2 + 4xy + (k 3)y 2 + (2x + y)4 .

Esercizio 5.1.30.

Si determini la natura dell'origine per la funzione

f (x, y) = arctan(x2 + y 2 ) log(1 + x2 ) log(1 + y 2 ).

Esercizio 5.1.31.

Si verichi che l'equazione

(y 1)z + ez + (x2 + x) log y 1 = 0


determina un'unica funzione

z = z(x, y)

dica se tale funzione ammette sulla retta

Esercizio 5.1.32.

in un intorno di ogni punto della retta

y=1

y = 1.

punti di massimo o di minimo locale.

Si determinino gli eventuali punti di estremo libero della funzione

f (x, y, z) = x2 2x + y 2 + log(1 + z 2 ).

Esercizio 5.1.33.

Si determinino gli eventuali punti di estremo libero della funzione

f (x, y, z) = (x2 + y 2 )2 xy + z 2 .

116

Si

5.1

Esercizio 5.1.34.

Si determini, al variare del parametro reale

Ottimizzazione libera

k,

il segno delle seguenti

forme quadratiche:
a)

q(x, y, z) = kx2 + ky 2 + kz 2 + 2xy + 2yz;

b)

q(x, y, z, t) = x2 + xy y 2 + z 2 2xz 2yz + kt2 .

Esercizio 5.1.35. Si determini al variare del parametro reale k la natura dell'origine per

la funzione

f (x, y) = 5 + kx2 + 2xy + 4kxz 6y 2 3z 2 .

Esercizio 5.1.36.

determinino

a, b, c

Sono assegnate le coppie distinte

in modo che sia minima la somma


n
X

(ax2i + bxi + c yi )2 .

i=1

117

(xi , yi )

per

i = 1, . . . , n.

Si

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.1.37. Trovare i punti stazionari delle funzioni che seguono e dire se si tratta

di punti di massimo o di minimo relativo.

x3 + 3x2 + 4xy + y 2
y 2 x2 y
x2 y 2 (1 x y)
x2 + y 2 + z 3 2x 3z
x3 + xy + y 2 + yz + z 3
|x2 + y 2 4y| + x
x y
+
y x
x4 + ax2 y + y 2
x+y1
x2 + y 2
2
2
(2x + y)ex y
x4 x3 + y 2
xy log(xy 2 ) + x2 y
1
1
x2 + y 2 + +
y
x
xy
(x + 3y)e
xy
2
x + y2
x3 + 6xy + y 2
x2 yex+py
x log(x + y)
x2 + y 2 + 2z 2 + xyz
sin(x + y) cos(x y)
xy 2 x2 y 2

118

5.1

Esercizio 5.1.38.

Trovare l'insieme di denizione

f (x, y) =

della funzione

p
2(x + 2y) x2 2y 2 1.

Trovare inoltre, se esistono, il massimo e il minimo assoluti di

Esercizio 5.1.39.

La funzione

Ottimizzazione libera

sin2 x + y 2 + 2axy

in

E.

ha un punto stazionario nell'origine.

Dire se si tratta di un punto di massimo o di minimo relativo.

Esercizio 5.1.40.

Trovare, se esistono, il massimo e il minimo della funzione

f (x, y) =
in

x3 y
x4 + y 4

E = R2 \ {(0, 0)}.

119

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.1.41.

Trovare e classicare i punti critici delle funzioni indicate

f (x, y) = x2 + 2y 2 4x + 4y
f (x, y) = xy x + y
f (x, y) = x3 + y 3 3xy
f (x, y) = x4 + y 4 4xy
x 8
f (x, y) = + y
y x
f (x, y) = cos(x + y)
f (x, y) = x sin y
f (x, y) = cos x + cos y
2

f (x, y) = x2 ye(x +y )
xy
f (x, y) =
2 + x4 + y 4
3
3
f (x, y) = xex +y
1
f (x, y) =
1 x + y + x2 + y 2




1
1 1
1
+
1+
f (x, y) = 1 +
x
y
x y
f (x, y, z) = xyz x2 y 2 z 2
f (x, y, z) = xy + x2 z x2 y z 2

Esercizio 5.1.42.

locale nel punto

- Esercizio
2
4
xyex y .

Mostrare che

f (x, y, z) = 4xyz x4 y 4 z 4

ha un valore massimo

(1, 1, 1).

5.1.43.

Determinare il valore massimo e il valore minimo di

120

f (x, y) =

5.1

Esercizio 5.1.44.

Ottimizzazione libera

Determinare il valore massimo e il valore minimo di

f (x, y) =

1
1 + x2 + y 2

- Esercizio 5.1.45. Determinare il valore massimo e il valore


2
2
2
xyzex y z . Come si pu essere certi che tali valori esistono?

Esercizio 5.1.46.

f (x, y, z) =

Determinare il valore minimo di

f (x, y) = x + 8y +
nel primo quadrante

minimo di

x > 0, y > 0.

1
xy

Come si pu essere certi che un minimo esiste?

Esercizio 5.1.47. Determinare e classicare i punti critici della funzione z = g(x, y) che

soddisfano l'equazione
2

e2zxx 3e2zy+y = 2.

Esercizio 5.1.48.

Sia

f (x, y) = (y x2 )(y 3x2 ).


Mostrare che l'origine un punto critico di

e che la restrizione di

a qualunque linea retta

passante per l'origine ha un valore minimo locale nell'origine (mostrare cio che
un valore minimo locale in

y = 0.)

La funzione

f (x, y)

Esercizio 5.1.49.

x = 0

per ogni

e che

f (0, y)

f : R2 R

f (x, y) = (|x| + y)exy .


Trovare i punti stazionari e determinarne la natura.

121

ha

ha un valore minimo locale in

ha un valore minimo locale nell'origine?

dato il campo scalare

f (x, kx)

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.1.50.

Si determinino i massimi e i minimi relativi ed assoluti del campo

scalare



1 2
2
f (x, y) = (x + y ) exp (x + y ) .
2
4

Esercizio 5.1.51.

Determinare la natura dei punti stazionari di

f (x, y, z) = x3 + y 3 + 5xy z 2 + 2z
in tutto lo spazio. Determinare gli estremi superiore ed inferiore di

Esercizio 5.1.52.

f.

Si determinino i massimi e i minimi relativi ed assoluti dei campi

scalari

f (x, y) = exy + ex + ey+1


e

g(x, y) = f (x2 , y).

5.2. Ottimizzazione vincolata


5.2.1.

Test a risposta multipla

Esercizio 5.2.1.

funzione tale che

2f
2f

D = {(x, y, z) : (x 1)2 + (y 2)2 + (z + 1)2 = 4}


f (x, y, z) = (1, 1, 1) per ogni (x, y, z), allora:
Se

ha un punto di massimo in

ha inniti punti di massimo in

2f
2f

f (x, y, z)

una

D
in D

ha due punti di massimo in


non ha punti di massimo

L'idea quella di utilizzare il metodo dei moltiplicatori di Lagrange. Abbiamo il vincolo

g(x, y, z) = (x 1)2 + (y 2)2 + (z + 1)2 4 = 0.


122

5.2

Ottimizzazione vincolata

Si vede che non ci sono punti singolari per il vincolo.


La funzione Lagrangiana data da

L(x, y, z, ) = f (x, y, z) + g(x, y, z).


L. Si ha

1 + 2(x 1) = 0

1 + 2 (y 2) = 0

A questo punto troviamo i punti critici per

L(x, y, z, ) = (0, 0, 0, 0)

1 + 2(z + 1) = 0

(x 1)2 + (y 2)2 + (z + 1)2 = 0


che porta a

L(x, y, z, ) = (0, 0, 0, 0)

1
= 2(1x)
=0

1 + (y2) = 0
(1x)

(z+1)

1 + (1x)
=0

3(x 1)2 = 4

Quindi i candidati ad essere punti di estremo assoluto sono



2
2
2
1 , 2 , 1
3
3
3

2
2
2
1 + , 2 + , 1 +
3
3
3

siccome la funzione non pu essere costante (altrimenti avrebbe gradiente nullo) e non ci sono
altri punti candidati, uno sar il punto di minimo assoluto, l'altro di massimo assoluto.

Esercizio 5.2.2.

per la funzione

Per quali valori del parametro

il punto

(0, 0)

un punto di minimo

g(x, y) = (x + 5y)(2x y)?

2nessuno 2 10 25 20
suciente studiare la matrice Hessiana di

in

(0, 0),

quindi andiamo a calcolare le derivate

seconde della funzione. Si ha

fx (x, y) = 4x y + 10y

fy (x, y) = x + 10x 10y

da cui

fxx (x, y) = 4 fxy (x, y) = fyx (x, y) = 10 fyy (x, y) = 10


123

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

da cui chiaramente

fxx (0, 0) = 4 fxy (x, y) = fyx (0, 0) = 10 fyy (0, 0) = 10


Siccome
matrice

fxx (0, 0) > 0, anch (0, 0) sia minimo


Hessiana sia > 0. Quindi si ha che
detHf (0, 0)

Esercizio 5.2.3.

funzione

f,

suciente che il determinante della

= 40 (10 )2 = 2 20 100 = ( 10)2 0

quindi per nessun valore di

per

l'origine minimo per

Per quali valori del parametro

f.

il punto

(0, 0, 0)

punto di sella per la

F (x, y, z) = 2x2 + y 2 + ( 1) z 2 ?

2 < 1 2 0 2 < 2 2 1
Bisogna calcolare la matrice Hessiana di

in

(0, 0, 0).

Si ha immediatamente che tutte le

derivate miste sono nulle mentre

fxx (x, y, z) = 4

fyy (x, y, z) = 2

fzz (x, y, z) = 2( 1)

cio la matrice Hessiana corrispondente una matrice diagonale e quelli trovati sono i 3 auto-

(0, 0, 0) sia un punto di sella per f basta che i tre autovalori


abbiano segni diversi, quindi in particolare non si pu avere > 0 e > 1. Se fosse > 1
allora si avrebbe per forza > 0 che abbiamo escluso, quindi deve essere < 1 (pu essere
indierentemente < 0 o 0 < < 1). Se = 0 allora gli autovalori sono 4, 0, 2 e quindi
(0, 0, 0) una sella, quindi = 0 va incluso; d'altra parte se = 1 allora gli autovalori sono
4, 2, 0 e quindi (0, 0, 0) non pi una sella.
valori della matrice. Quindi anch

Esercizio 5.2.4.

La funzione

2un
2un

f (x, y) = (y 1)(y x2 )

minimo e due massimi


minimo e due selle

in

R2

ha:

2un massimo e due selle


2una sella e due massimi

Si ha

fx (x, y) = 2xy + 2x
124

fy = 2y x2 1

5.2

Ottimizzazione vincolata

da cui

fxx (x, y) = 2y + 2

fxy (x, y) = fyx (x, y) = 2x

fyy (x, y) = 2

a questo punto i punti stazionari sono:

f (x, y) = (0, 0) 2x(1y) = 0 2y = x2 +1 (x, y) = (0, 1/2), (x, y) = (1, 1), (x, y) = (1, 1)
e perci:

Hf (0, 1/2) =
da cui

(0, 1/2)

1 0
0 2

punto di minimo locale; poi

Hf (1, 1) =

0 2
2 2

0 2
2 2

Hf (0, 1/2) =
e quindi i punti

(1, 1)

Esercizio 5.2.5.

per la funzione

sono due selle.

Per quali valori del parametro

il punto

(0, 0)

un punto di minimo

f (x, y) = (x + 5y)(2x y)?

2 10 20 25 2nessuno
suciente studiare la matrice Hessiana di

in

(0, 0),

quindi andiamo a calcolare le derivate

seconde della funzione. Si ha

fx (x, y) = 4x y + 10y

fy (x, y) = x + 10x 10y

da cui

fxx (x, y) = 4 fxy (x, y) = fyx (x, y) = 10 fyy (x, y) = 10


da cui chiaramente

fxx (0, 0) = 4 fxy (x, y) = fyx (0, 0) = 10 fyy (0, 0) = 10


Siccome
matrice

fxx (0, 0) > 0, anch (0, 0) sia minimo


Hessiana sia > 0. Quindi si ha che
detHf (0, 0)

per

f,

suciente che il determinante della

= 40 (10 )2 = 2 20 100 = ( + 10)2 0


125

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

quindi l'unico valore dubbio per cui serve un ulteriore controllo


di

il determinante della matrice Hessiana di

in

(0, 0)

= 10.

Per tale valore

si annulla, quindi occorre studiare il

segno della funzione nell'intorno dell'origine.

Si ha

f (x, y) = (x + 5y)(2x + 10y) = 2(x + 5y)2 0;

f (0, 0) = 0
= 10.

visto che
corretta

Esercizio 5.2.6.

2nessun

si ha chiaramente che l'origine un punto di minimo; quindi la risposta

La funzione

punto critico

Esercizio 5.2.7.

2un

f (x, y) = ex (x2 + y 2 )

minimo locale

2un

sul dominio

punto critico

x > 0, 1 < y < 1

2un

massimo locale

Quanti sono i punti stazionari vincolati della funzione

con vincolo la retta di equazione

ha

f (x, y) =

1
x2 +y 2

y + x = 1?

20 2inniti 21 22

Esercizio 5.2.8.
2f g

ha massimo

Se

f (x, y) = xy

2g 2 2f

g(x, y) = x + y ,

ha minimo

22f + g 2
126

quale e' sempre vera?

ha massimo

22g + f 2

ha minimo

5.2

5.2.2.

Ottimizzazione vincolata

Esercizi svolti

Esercizio 5.2.9.

Sia data la funzione

f (x, y) = x2 + 3y 2 + 21 x.

(i) Si determinino i suoi punti stazionari in

R2 ,

e se ne studi la natura.

(ii) Si dica se essa ammette massimo assoluto e minimo assoluto nell'insieme (ellisse)



(x, y) R2 : x2 + 4 y 2 4 ,
e in caso di risposta aermativa, determinare punti e valore di massimo assoluto e di minimo
assoluto.

(i) I punti stazionari per una funzione sono quelli che annullano il gradiente della funzione
stessa. Si ha

da cui

Quindi


41 , 0


1
f (x, y) = 2x + , 6y
2


1
f (x, y) = (0, 0) (x, y) = , 0 .
4
punto stazionario per f .


l'unico

Proviamo a studiarne la natura con il test della matrice Hessiana. Si ha

fxx (x, y) = 2

fxy (x, y) = fyx (x, y) = 0

da cui



1
Hf , 0 =
4

2 0
0 6

fyy (x, y) = 6


12 > 0 e fxx 14 , 0 = 2 > 0,
relativo per f .

Poich il determinante della matrice Hessiana uguale a


senz'altro dire che

41 , 0

un punto di minimo

si pu

(ii) La funzione data continua, l'insieme dato (che un'ellisse e che chiameremo d'ora in
avanti

E)

chiuso e limitato, quindi il massimo e il minimo assoluto della funzione su

es-

istono per il teorema di Weierstrass.


14 , 0 l'unico punto che annulla il gradiente di f come visto al punto (i), ed appartiene ad
E ; la funzione di classe C (R2 ) e dunque non ci sono punti singolari; resta quindi da studiare
x2
il comportamento lungo il bordo dell'ellisse, che possiamo riscrivere come
+ y 2 1.
4
Per fare ci parametrizziamo il bordo:

x = 2 cos
y = sin
127

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Possiamo perci riscrivere

f (x, y) = 4 cos2 + 3 sin2 + cos


= 4 cos2 + 3 3 cos2 + cos
= cos2 + cos + 3
= f()
f0 () = 2 cos sin sin = sin (2 cos + 1),
annulla quando sin = 0 oppure cos = 1/2, dunque per
Allora

=0, ,

dunque la derivata sul bordo si

2
4
, .
3
3

Resta perci da calcolare il valore della funzione nei punti corrispondenti a tali valori di

f(0) = 5 = f (2, 0)
f() = 3 = f (2, 0)
!
 
2
29
3
f =
= f 1,
3
4
2
!
 
29
3
4
= f 1,
f =
3
4
2
Inoltre sappiamo che


1
f 14 , 0 = 16
.

29
Possiamo concludere che il massimo assoluto di f su E vale
ed assunto nei punti
4




3
1
1
, mentre il punto di minimo assoluto, in cui f vale , , 0 .
e 1,
2
16
4

Esercizio 5.2.10.

1,

3
2

Determinare i punti di massimo e minimo assoluti di

f (x, y) = x2 y + xy 2 xy
sull'insieme

T = {(x, y) R2 : x 0, y 0, x + y 1}.

Prima di tutto osserviamo che la funzione data continua, il vincolo proposto un insieme
chiuso e limitato quindi dal Teorema di Weierstrass esistono il massimo e il minimo assoluti di

su

T.

Osserviamo inoltre che

f C (R2 )

quindi non esistono punti di non dierenziabilit.

Cerchiamo i punti stazionari della funzione:


f (x, y) = 2xy + y 2 y, x2 + 2xy x ,
128

5.2

Ottimizzazione vincolata

quindi

(
f (x, y) = (0, 0)

y(2x + y 1) = 0
.
x(x + 2y 1) = 0


(0, 0), (0, 1), (1, 0) e 13 , 31 , e sono quindi i punti
critici della funzione. I primi tre sono sulla frontiera di T , mentre il quarto interno ad esso. In

1
1 1
= 27
questo punto la funzione vale f
,
. Invece, essendo f (x, y) = xy(x + y 1), abbiamo
3 3
che f (x, y) identicamente nulla sulla frontiera di T .

1 1
, , mentre il massimo assoluto della funzione zero
Quindi il punto di minimo assoluto
3 3
e viene assunto sulla frontiera di T .
I punti che soddisfano questo sistema sono

5.2.3.

Esercizi proposti

Esercizio 5.2.11.

Si dica, giusticando la risposta sulla base della teoria, se le seguen-

ti funzioni ammettono massimo assoluto e minimo assoluto negli insiemi chiusi e limitati
rispettivamente indicati e, in caso di risposta aermativa, determinare punti e valore di
massimo assoluto e di minimo assoluto.

1)f (x, y) = 2x2 3xy + y 2 su Q = [1, 1] [1, 1]


2)f (x, y) = x + y + xy su S = {(x, y) : x 0, y 0, x2 + y 2 1}
3)f (x, y) = 2x2 x4 2y 2 su S = {(x, y) : x2 + y 2 1}

4)f (x, y) = xy + y 2 y x su A = {(x, y) R2 : 0 x 1, 0 y x}


5)f (x, y) = (x 1)2 y + (y 2)2 4 su E = {(x, y) : 0 y 9 (x 1)2 }
6)f (x, y) = x2 + y 2 2x + 6y su E = {(x, y) : 0 x 2, x 5 y 0}
7)g(x, y) = x2 y 2 su Q = [1, 1] [1, 1]
8)f (x, y) = (x 1) ex y su R = [0, 3] [1, 0]
9)f (x, y) = 3 y 2 x x3 + y 2 su A = {(x, y) R2 : 0 x 2, 0 y 1}
10)f (x, y) = 4 x y + 4 x su E = {(x, y) R2 : 5x2 + 5 y 2 6 x y 6 x + 10 y + 4 0}

129

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

R.

1) minQ f = 18 = f

3
,1
4

2) min f = f (0, 0) = 0

maxQ f = 6= f (1,


1)


2
2
max f = f 2 , 2 = 12 + 2.

3) max f = 1 = f (1, 0)
4) maxA f = 1 = f (1, 1)
5) minE f = 4 = f (1, 2),
6) minE f (x, y) = f (1, 3) = 10
7) maxQ g = 1 = g(1, 0) = g(1, 0)
8) maxR f = 2 = f (3, 0)
9) minR f = 8 = f(2, 0) 


1 3
1 1
,
= f ,
10) max f = 1 = f
E
2 2
2 2

min f = 2 = f (0, 1)

1
minA f = 64
= f 41 , 18
maxE f = 45 = f (1, 9)
maxE f (x, y) = f (0, 0) = f (2, 0) = 0
minQ g = 1 = g(0, 1) = g(0, 1)
minR f = 1 = f (0, y), y [1, 0]
maxR f = 3 = f (1,
 1)



1
1 5
1 3
min f = = f
,
= f ,
E
4
4 4
4 4

Esercizio 5.2.12.

Si dica, giusticando la risposta sulla base della teoria, se le seguen-

ti funzioni ammettono massimo assoluto e minimo assoluto negli insiemi chiusi e limitati
rispettivamente indicati e, in caso di risposta aermativa, determinare punti e valore di
massimo assoluto e di minimo assoluto.

11)f (x, y) = log(1 + x2 xy + 2y 2 ) su triangolo chiuso di vertici (1, 1), (1, 1) e (2, 1)
12)f (x, y) = 2x2 + y 2 + x su A = {(x, y) R2 : x2 + y 2 1}
2
13)f (x, y, z) = ex+y +z su S = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 + z 2 x z 1 = 0}

14)f (x, y) = x ex (y 2 + 1) su R = [1, 1] [ e 1, e 1]


15)f (x, y) = 8x2 + 2y 2 + 2xy 1 su quadrato chiuso di centro l'origine degli assi e lato 2
16)f (x, y) = arctan(x2 + 2 y 2 ) su A = {(x, y) R2 : x2 + y 2 4, y 2 x}
17)f (x, y) = ex y x y su A = {(x, y) R2 : x2 + y 2 1, y "0}
r r # " r r #
5
5
5
5
18)f (x, y) = x4 + y 4 + x2 (y 2 5) + y 2 (x2 5) + 6 su D =
,

,
.
2
2
2
2

130

5.2

Ottimizzazione vincolata

R.
11) maxT f (x, y) = f (1, 1) = f (2, 1) = log 5
12) maxC f = 3 = f (1, 0)

minT f (x, y) = f (0, 0) = 0


minC f = 1/8 = f (1/4,
0)


13) maxS f = e = f (1, 1, 1) = f (1, 1, 1)

14) minR f (x, y) = 1 e2 = f (1, e 1)


15) minQ f = 1 = f (0, 0)

16) minA f (x, y) = arctan 83 = f 43 , 23
17) maxA f = 21 e1/2 = f

minS f = e

1 3

=f

1 3
1 3
, 0, 2
2

maxR f (x, y) = 1 = f (0, 0)


maxQ f = 11 = f (1, 1) = f (1, 1)
maxA f (x, y) = arctan 8= f (0, 2)
minA f = 12 e1/2 = f 12 , 12

1 , 1
2
2

p
p
18) minD f = 1/4 = f ( 5/2, 0) = f (0, 5/2),
maxD f = 6 = f (0, 0)
p
p
p
p
= f ( 5/2, 5/2) = f ( 5/2, 5/2)

Esercizio 5.2.13.

Trovare, se esistono, i punti dell'insieme



M = (x, y, z) R3 : x2 xy + y 2 z = 1 , x2 + y 2 = 1
che hanno minima e massima distanza dall'origine

(0, 0, 0) R3 .

(Suggerimento: poich i

punti che rendono minima/massima la distanza sono anche punti di minimo/massimo per il
quadrato della distanza, si tratta di ottimizzare la funzione
ai vincoli che deniscono

f (x, y, z) = x2 + y 2 + z 2

soggetta

M ...)

2 R. I punti che hanno massima distanza dall'origine (pari a 3/2) sono (1/ 2, 1/ 2, 1/ 2)

e (1/ 2, 1/ 2, 1/ 2).
I punti che hanno minima distanza dall'origine sono (1, 0, 0) e (0, 1, 0), e la distanza vale 1.

- Esercizio 5.2.14. Dato l'insieme chiuso e limitato Q = [0, 1] [0, 1] := {(x, y) : 0 x


1, 0 y 1} determinare il massimo e il minimo su Q delle seguenti funzioni:

a)f (x, y) = x2 + 3y 2 xy y
1
b)f (x, y) = x y
2
c)f (x, y) = ex+y

131

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

- Esercizio 5.2.15. Dato il triangolo chiuso T di vertici P1 = (1, 0), P2 = (0, 1), P3 =
(1, 0) determinare il massimo e il minimo su T delle seguenti funzioni:

a)f (x, y) = x2 + 3y 2 x
b)f (x, y) = x4 + 4xy 2y 2
c)f (x, y) = x(x + y)eyx
d)f (x, y) = log(1 + x2 + y 2 )

Esercizio 5.2.16.

Dato l'insieme chiuso e limitato

determinare massimo e minimo su

A = {(x, y) : |x| + |y| 2},

delle seguenti funzioni:

a)f (x, y) = x + xy 2 x2 y
b)f (x, y) = x2 + y 2 ( R

ssato)

c)f (x, y) = (y + 1)exy


d)f (x, y) = log(1 + x2 + y 2 )

- Esercizio 5.2.17.

Dato l'insieme chiuso e limitato

massimo e minimo su

A = {(x, y) : x2 +y 2 1}, determinare

delle seguenti funzioni:

a)f (x, y) = x4 + y 4
b)f (x, y) = xm y n (m, n > 0
c)f (x, y) = ex+y

132

ssati)

5.2

Ottimizzazione vincolata

- Esercizio 5.2.18. Dato gli insiemi chiusi e limitati V1 = {(x, y) : x4 + y9 1} e


V2 = {(x, y) : x2 xy + y 2 1} determinare massimo e minimo su V1 e V2 delle seguenti
2

funzioni:

a)f (x, y) = xy
b)f (x, y) = x2 + 3y

Esercizio 5.2.19.

Dato l'insieme chiuso e limitato

determinare massimo e minimo su

A = {(x, y, z) : x2 + y 2 + z 2 1}

delle funzioni

a)f (x, y, z) = xyz


b)f (x, y, z) = x + y z

Esercizio 5.2.20.

Trovare il massimo e minimo della funzione

f (x, y, z) = x2 y 2 z 2
nell'insieme chiuso e limitato

Esercizio 5.2.21.

S = {(x, y, z) : x2 + y 2 + z 2 = 1}.

Trovare il massimo e minimo della funzione

f (x, y, z) = ex
nell'insieme chiuso e limitato

2 +yz 2

S = {(x, y, z) : x2 /4 + y 2 + 3z 2 1}.

133

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.22.

Trovare il massimo e minimo della funzione

1
f (x, y, z) = x2 + 5y 2 xy
2
nell'insieme chiuso e limitato

Esercizio 5.2.23.

x2 + 4y 2 4 0.

Si dimostri che la funzione

f (x, y) =

x2

xy
+ y2

dotata di massimo e di minimo. Si determinino tali valori.

Esercizio 5.2.24.

Si determinino il massimo e il minimo di

f (x, y, z) = (x + y + z)2
sotto la condizione

x2 + 2y 2 + 3z 2 = 1.

Esercizio 5.2.25.

Si determinino i punti della supercie

f (x, y, z) = z 2 xy 1 = 0
pi vicini all'origine.

Esercizio 5.2.26.

Si determinino il massimo e il minimo di

f (x, y) = (x2 + y 2 + xy)2


sotto la condizione

x2 + y 2 = 1.

134

5.2

Esercizio 5.2.27.

Ottimizzazione vincolata

Si dimostri che la funzione

f (x, y) =

x2 + 3xy + y 2
2x2 + 3xy + 2y 2

dotata di massimo e di minimo. Si determinino tali valori.

Esercizio 5.2.28.

Si determini il rettangolo con i lati paralleli agli assi, iscrivibile

nell'ellisse di equazione

x2 y 2
+
=1
16
9

che ha area massima.

Esercizio 5.2.29.

Si determinino il massimo e il minimo di

f (x, y) =
nell'insieme chiuso e limitato

Esercizio 5.2.30.

p
x2 + y 2 + y 2 1

{(x, y) : x2 + y 2 9}.

Si determinino il massimo e il minimo di

f (x, y) = |y 1|(2 y x2 )
nell'insieme chiuso e limitato

Esercizio 5.2.31.

E = {(x, y) R2 : 0 < y < 2 x2 y 2 }.

Siano

x2 y 2
x2 + y 2 6= 4
f (x, y) =
4 x2 y 2

1
x2 + y 2 = 4

2
e Da = {(x, y) R : 0 x a, 0 y
2 a (0, 2)}. Si calcolino massimo
di f in Da e poi si determini estremo superiore e inferiore di f in D2 .

135

e minimo

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.32.

Si determinino il massimo e il minimo di

f (x, y) = log(1 + x + y +
nell'insieme chiuso e limitato

Esercizio 5.2.33.

D = {(x, y) R2 : y < x < y 2 , y 2}.

Si determinino il massimo e il minimo di

f (x, y) = ex
nell'insieme chiuso e limitato

Esercizio 5.2.34.

p
y 2 x)

2 +y 2

1
x2 y 2
2

D = {(x, y) R2 : 3x2 + 4y 2 4, y 12 }.

Si determinino il massimo e il minimo di

f (x, y) = y 2 (x2 + y 2 2x)


nell'insieme chiuso e limitato

Esercizio 5.2.35.

D = {(x, y) R2 : x2 + y 2 < 4, x2 + y 2 2x 2y < 0, y > 0}.

Si determinino il massimo e il minimo di

f (x, y) = x2 (x2 + y 2 + z 2 1)
nella sfera

S = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 + z 2 1}.

Esercizio 5.2.36.

Si determinino gli estremi della funzione

f (x, y) = 4x(x2 y 2 ) 3x2 + y 2


vincolati a

1
x2 y 2 = .
4

136

5.2

Ottimizzazione vincolata

Esercizio 5.2.37. Siano f (x, y) = x e g(x, y) = y2 x3 . Mostrare che (0, 0) di minimo

per

vincolato a

g(x, y) = 0,

ma che non critico per

cio non esiste alcun

che verichi

l'uguaglianza

f (0, 0) = g(0, 0).

Esercizio 5.2.38.

Si determinino gli estremi della funzione

f (x, y) = (y x2 )3
nella regione

E = {(x, y) R2 : x + 2 y

Esercizio 5.2.39.

si determinino i punti di

Esercizio 5.2.40.

punti di estremo per

4 x2 }.

interx + y + 2z = 0;

In un riferimento cartesiano ortogonale si consideri l'ellisse

sezione dell'iperboloide di equazione

x2 + y 2 z 2 = 1

col piano di equazione

aventi quota minima e massima.

f (x, y) = (y x2 )(x y 2 ) e g(x, y) = y x. Si determinino i


f vincolati a g = 0. I punti trovati sono anche di estremo libero per f ?

Esercizio 5.2.41.

Siano

Applicando il metodo delle curve di livello, si determinino gli estremi

locali e globali della funzione

f (x, y) = (1 x2 4y 2 )2
nel quadrato

Q = {(x, y) R2 : 1 x 1, 1 y 1}.

137

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.42.

Applicando il metodo delle curve di livello, si determinino gli estremi

locali e globali della funzione

f (x, y) = ex
nel dominio

2 y 2




|x|
3
2
.
D = (x, y) R : x2 1 y
2

Esercizio 5.2.43.

Applicando il metodo delle curve di livello, si determinino gli estremi

locali e globali della funzione

f (x, y) = x2 + y 2 + 2x
nel dominio

C = {(x, y) R2 : x2 + (y 2)2 1}.

Esercizio 5.2.44.

Si determinino, al variare di

m R,

gli estremi della funzione

f (x, y) = y mx
nel dominio

n
xo
.
D = (x, y) R2 : x 0, y 0, y 3 x, y 1
4

Esercizio 5.2.45.

Si verichi che la funzione

f (x, y) =

x2 y 2
(2 + x2 + y 2 )2

dotata di estremi assoluti nella striscia

S = {(x, y) R2 : 1 y 1}.

138

5.2

Esercizio 5.2.46.

Ottimizzazione vincolata

Si verichi che la funzione

f (x, y) = ex

2 2y

e2x

2 y

dotata di estremi assoluti nell'insieme

E = {(x, y) R2 : x 0, y 0}.
Si calcolino tali estremi.

Esercizio 5.2.47.

Si determinino gli estremi della funzione


2y

f (x, y) = (x3 y 2 + xy)ex


nel dominio

Da = {(x, y) R2 : 0 xy}.

Esercizio 5.2.48.

Studiare il campo scalare

f (x, y) = sin(x + y) cos(x y)


su

o
S = (x, y) R2 : |x| , |y|
.
2
2

Esercizio 5.2.49.

Determinare i valori di massimo e minimo della funzione

8
1
f (x, y) = 4x2 y 2 x3 + y 4
3
4
nel dominio

D = {(x, y) : 2x2 + y 2 4}.

139

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.50. Determinare, se esistono, i massimi e i minimi assoluti della funzione


f (x, y) = xyexy

sul dominio

D = {(x, y) R2 : y x, y > 0}.

Esercizio 5.2.51.

Determinare il valore massimo e minimo del campo scalare

f (x, y, z) = e(x
sull'insieme


E=

Esercizio 5.2.52.

2 z 2 )


x2
2
2
(x, y, z) R :
+ y + 3z 1 .
2
3

Si studi la funzione:

f (x, y) = (1 x2 )(x2 + y 2 )
nel dominio

D = {(x, y) R2 : x2 + y 2 x + 2}.

Esercizio 5.2.53.

Studiare la funzione:

p
f (x, y) = |x 1| x2 + y 2
nel dominio

D = {(x, y) R2 : x2 + y 2 2x 3}.

140

5.2

Esercizio 5.2.54.

Ottimizzazione vincolata

Studiare la funzione:

f (x, y) =

x2 y 2
(2 + x2 )2

sulla striscia

S = {(x, y) R2 : |y| 1}.

Esercizio 5.2.55.

Sia

G : R3 R3

il campo vettoriale:

G(x, y, z) = (G1 (x, y, z), G2 (x, y, z), G3 (x, y, z)) = (ex + arctan(y + z) 1, y 3 + y + z 3 , ez )
e

f : R2 (0, +) R

il campo scalare:

h(x, y, z) = (f G)(x, y, z) = f (G(x, y, z))


si provi che

stazionario di

denito su tutto

R3

e che non negativo. Si determini inoltre l'unico punto

e si provi che un minimo assoluto.

Esercizio 5.2.56.

Si studi la funzione

z = f (x, y) = |2x2 4x + y 2 |
sul dominio

D = {(x, y) R2 : x2 + y 2 4}.

Esercizio 5.2.57.

Determinare il valore massimo e il valore minimo della funzione:

8
1
f (x, y) = 4x2 y 2 x3 + y 4
3
4
denita in

D = {(x, y) R2 : 1 x 2, 1 y 1}.

141

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.58.

Determinare massimi e minimi assoluti della funzione:

f (x, y) = 3 x2 y 2 + 2x
denita in

D = {(x, y) R2 : x2 + y 2 + 2y 3 0}.

Esercizio 5.2.59.

Studiare la funzione:

p
f (x, y) = |y + 1| x2 + y 2
denita in

D = {(x, y) R2 : x2 + y 2 + 2y 3}.

Esercizio 5.2.60.

Studiare la funzione:

f (x, y) = 3x2 + 3xy + y 3


denita in

D = {(x, y) R2 : |x| 1, |y| 1}.

142

5.2

Esercizio 5.2.61.

Sia

f : R2 R

Ottimizzazione vincolata

la funzione

2
f (x, y) =

arctan

(x, y) S
(x2

1
+ y 2 1)2

(x, y)
/S

dove

S = {(x, y) R2 : x2 + y 2 = 1}.
Provare che:
a)
b)

f
f

dierenziabile su tutto

R2 ;

c) calcolare i punti stazionari di


2

e determinarne la natura (si lascino in funzione di

x, y, (x + y 1) le derivate seconde;
d) f ha massimo assoluto e non ha minimo
-

Esercizio 5.2.62.

Dato il campo scalare

f (x, y, z) =
a) determinare il dominio e il codominio di
b) determinare il massimo aperto
c)

f (R2 );

non negativa e limitata e determinare

AR

assoluto. Determinare

inf R2 f.

f : R3 R
p
|x| + y 2 + z 2
f;

dove

dierenziabile e gli eventuali punti critici;

ammette massimo e minimo assoluti?

Inoltre denita

ammette

f(x, y, z) = min{f (x, y, z), 2}

massimo e minimo assoluti?

In entrambi i casi, se la risposta aermativa,

determinarli.

Esercizio 5.2.63.

Dato il seguente campo scalare

f (x, y, z) = log x log y + log y log z log z log x


se ne determinino:

a) il dominio di denizione

D;

b) i punti stazionari interni e la loro natura;


c) i valori di

supD f

inf D f.

143

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.64.

Sia

il campo scalare

f (x, y, z) = 2xy + xz 2
e sia

D = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 + z 2 3, x2 + z 2 y 2 1}.
Si provi che

non ammette massimi o minimi relativi interni a

e minimo assoluti su

D, mentre ammette massimo

D.

Esercizio 5.2.65. Studiare la continuit, la derivabilit, la dierenziabilt e determinare

i punti di massimo e minimo relativi ed assoluti del campo scalare

2
|x|y
x2 + y 2
f (x, y) =

(x, y) D, (x, y)
/ (0, 0)
(x, y) = (0, 0)

dove

D = {(x, y) R2 : x2 + y 2 2}.

Esercizio 5.2.66.

Si determinino il massimo e il minimo del campo scalare

f (x, y) = (x2 + y 2 4)2 + 4x2 y 2 8


sul dominio



2
y2
2 x
D = (x, y) R :
+
1 .
4
16

144

5.2

Esercizio 5.2.67.

Ottimizzazione vincolata

Si studi la funzione

f (x, y) =

2x + y

x>0

2x + yex2

x0

nel dominio

D = {(x, y) R2 : x2 + y 2 1}.

- Esercizio 5.2.68.

Determinare i massimi e i minimi relativi ed assoluti del campo scalare

f (x, y) = x(y 2 1) + z 2 + 2
sul dominio

Esercizio 5.2.69.



2
y2
2 x
2
D = (x, y) R :
+
+z 1 .
4
2

Studiare il campo scalare

f (x, y) = cos(x2 + y 2 )
sul dominio



D = (x, y) R2 : 16x2 + 32y 2 2 .

Esercizio 5.2.70.

Calcolare il valore massimo della derivata direzionale della funzione

5 4
5 4
f (x, y) =
x +
y
6
12
secondo la direzione del vettore

v = (1, 2) al variare di (x, y) sulla circonferenza x

145

+ y 2 = 1.

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.71.

Determinare i massimi e i minimi della funzione

f (x, y, z) = yz
per i punti

(x, y, z)

che appartengono alla variet unidimensionale denita dal sistema

x2 + y 2 + z 2 = 1
y+z =1

Esercizio 5.2.72.

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y, z) = x2 +

y2 z2
+
4
9

per i punti che appartengono alla variet bidimensionale

x2 y 2
+
+ z 2 = 1.
9
4

Esercizio 5.2.73.

Determinare la minima distanza dal punto

(0, 0, 1)

dei punti

appartenenti alle superci

x2 + (y 1)2 + z = 0,

x2 + y 2 + z + 1 = 0.

Determinare poi la massima distanza per i punti che in pi soddisfano

Esercizio 5.2.74.

x [1, 1].

Calcolare il valore massimo e minimo della funzione

f (x, y, z) = (x + 1)2 + (y + 1)2 + z 2


sulla supercie

g(x, y, z) = x2 y 2 + z 2 + 2x 2y + z = 0.

146

5.2

Esercizio 5.2.75.

Determinare il valore massimo e minimo della derivata direzionale

della funzione

f (x, y, z) = x3 +
secondo la direzione del vettore

Esercizio 5.2.76.

distanza dall'asse

Ottimizzazione vincolata

(2, 2, 1)

al variare

y3
+ z3
2
di (x, y, z)

Determinare i punti dello spazio

R3

sulla supercie

x2 yz = 1.

che hanno massima e minima

e che inoltre appartengono alla variet unidimensionale denita dalle

equazioni

x2 + y 2 + 7z 2 = 1,

Esercizio 5.2.77.

x + y + z = 1.

Determinare massimo e minimo della funzione

f (x, y) = y

che soddisfano la condizione:

(x2 + y 2 1)2 4x2 1 = 0.

Esercizio 5.2.78.

Determinare il valore massimo e minimo della funzione

f (x, y, z) = x2 + y 4z
nell'insieme

variet unidimensionale denita da:

2x2 + 2z 2 = y
2x + 4z = y.

147

per punti

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.79. Determinare i punti e i valori di massimo e minimo del campo scalare:
Z

x+y 2

f (x, y) =

et dt

quando il punto

P (x, y)

appartiene alla curva

2x2 + y 2 = 1.

Esercizio 5.2.80.

Si determinino i massimi e i minimi assoluti del campo scalare

f (x, y, z) = arctan(x2 y 2 z)
sulla curva

determinata dall'intersezione delle superci di equazione, rispettivamente

x2 z = 0,

Esercizio 5.2.81.

x2 + y 2 = 1.

Determinare massimo e minimo della funzione

f (x, y) = x

per punti

che soddisfano alla condizione

(x2 + y 2 1)2 4y 2 1 = 0.

Esercizio 5.2.82. Determinare i punti e i valori di massimo e minimo del campo scalare
f (x, y, z) = xy 2

per i punti

P (x, y, z)

appartenenti alla variet unidimensionale:

x2 + y 2 = 4,

148

z = x + 2.

5.2

Esercizio 5.2.83.

Sia

f : R3 R

Ottimizzazione vincolata

il campo scalare

f (x, y, z) = 2xy xz 2
a) si determinino il valore massimo e minimo che

assume sulle curve di equazione

rispettivamente:

1 :

x2 + y 2 + z 2 = 3
y=1

2 :

x2 + y 2 + z 2 = 3
y = 1

b) si provi poi che le due curve

1 , 2

coincidono con l'intersezione delle due superci

1 : x2 + y 2 + z 2 = 3,

Esercizio 5.2.84.

2 : x2 + z 2 y 2 = 1.

Si determinino i massimi e minimi del campo scalare

f (x, y, z) = 3x2 + (y 1)z 3 + xz[arctan y sin y]


vincolati ad appartenere alla variet unidimensionale

denita dall'intersezione delle due

superci di equazione, rispettivamente

x2 +

y2
+ z 2 = 1,
4

x2 + (y 2)2 + z 2 = 5.

149

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.85.

Determinare il valore massimo e minimo del campo scalare

f (x, y, z) = 1 4y 4x2
sulla variet unidimensionale denita dal sistema

x2 + z 2 = 2
y(1 + x2 ) = 4.

Esercizio 5.2.86.

Determinare il valore massimo e minimo del campo scalare

f (x, y, z) = z 2 x
sulla variet unidimensionale denita dal sistema

2y 2 + z 2 = 1
x(1 + z 2 ) = 4.

Esercizio 5.2.87.

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y) = x x2 + y 2
nel rettangolo

0 x 2,

Esercizio 5.2.88.

0 y 1.

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y) = xy 2x
nel rettangolo

1 x 1,

150

0 y 1.

5.2

Esercizio 5.2.89.

Ottimizzazione vincolata

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y) = xy y 2
nel disco

x2 + y 2 1.

Esercizio 5.2.90.

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y) = x + 2y
nel disco

x2 + y 2 1.

Esercizio 5.2.91.

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y) = xy x3 y 2
nel quadrato

0 x 1,

Esercizio 5.2.92.

0 y 1.

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y) = xy(1 x y)
nel triangolo con vertici

Esercizio 5.2.93.

(0, 0), (1, 0), (0, 1).

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y) = sin x cos y


nella regione triangolare chiusa delimitata dagli assi coordinati e dalla retta

151

x + y = 2.

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.94.

Determinare il valore massimo di

f (x, y) = sin x sin y sin(x + y)


nel triangolo delimitato dagli assi coordinati e dalla retta

Esercizio 5.2.95.

x + y = .

La temperatura in tutti i punti del disco

T = (x + y)ex

2 y 2

x2 + y 2 1

data da

Determinare la temperatura massima e la temperatura minima nel disco.

Esercizio 5.2.96.

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y) =
nel semipiano superiore

Esercizio 5.2.97.

xy
1 + x2 + y 2

y 0.

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y) = xy 2 + yz 2
nella palla

x2 + y 2 + z 2 1.

Esercizio 5.2.98.

Determinare i valori massimo e minimo di

f (x, y) = xz + yz
nella palla

x2 + y 2 + z 2 1.

- Esercizio
f (x, y) = x3 y 5

5.2.99.

Usare il metodo dei moltiplicatori di Lagrange per massimizzare

soggetta al vincolo

x + y = 8.

152

5.2

- Esercizio 5.2.100.

Ottimizzazione vincolata

Determinare la distanza minima del punto

(3, 0) dalla parabola y = x2

riducendo il problema a un problema svincolato in una variabile e usando il metodo dei


moltiplicatori di Lagrange.

Esercizio 5.2.101.

Determinare la distanza dell'origine dal piano

x + 2y + 2z = 3

mediante un ragionamento puramente geometrico, riducendo il problema a un problema senza


vincoli in due variabili e usando il metodo dei moltiplicatori di Lagrange.

Esercizio 5.2.102.

Determinare il valore massimo e il valore minimo della funzione

f (x, y, z) = x + y z
sulla supercie sferica

x2 + y 2 + z 2 = 1.

Esercizio 5.2.103.

Usare il metodo dei moltiplicatori di Lagrange per determinare la

distanza massima e quella minima del punto


2

(2, 1, 2)

dalla supercie sferica di equazione

x + y + z = 1.

2.

Esercizio 5.2.104.

- Esercizio 5.2.105.

Determinare la distanza minima dell'origine dalla supercie

Determinare

a, b, c in modo che il volume V = 4abc/3 di un ellissoide


x2 y 2 z 2
+ 2 + 2 =1
a2
b
c

passante per il punto

(1, 2, 1)

xyz 2 =

sia il pi piccolo possibile.

153

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

Esercizio 5.2.106.

Determinare i valori massimo e minimo della funzione

f (x, y, z) = xyz
sulla sfera

x2 + y 2 + z 2 = 12.

Esercizio 5.2.107.

Determinare i valori massimo e minimo della funzione

f (x, y, z) = x + 2y 3z
sull'ellissoide

x2 + 4y 2 + 9z 2 108.

Esercizio 5.2.108.

Determinare i valori massimo e minimo della funzione

f (x, y, z) = x
sulla curva di intersezione del piano

Esercizio 5.2.109.

z =x+y

con l'ellissoide

x2 + 2y 2 + 2z 2 = 8.

Determinare i valori massimo e minimo della funzione

f (x, y, z) = x2 + y 2 + z 2
sull'ellisse che risulta dall'intersezione del cono

Esercizio 5.2.110.

z 2 = x2 + y 2

con il piano

x 2z = 3.

Determinare i valori massimo e minimo della funzione

f (x, y, z) = 4 z
sull'ellisse che risulta dall'intersezione del cilindro

154

x2 + y 2 = 8

con il piano

x + y + z = 1.

5.2

Esercizio 5.2.111.

Ottimizzazione vincolata

Determinare i valori massimo e minimo della funzione

f (x, y, z) = x + y 2 z
soggetta ai vincoli

y2 + z2 = 2

Esercizio 5.2.112.

z = x.

Determinare i punti critici di

f (x, y) = (x 1)2 y + (y 2)2 4


per

(x, y) R2

e studiarne la natura. Disegnare quindi l'insieme

E = {(x, y) : 0 y 9 (x 1)2 }
e determinare i punti di minimo e di massimo assoluto di

in

dopo averne dimostrato

dopo averne dimostrato

l'esistenza.

Esercizio 5.2.113.

Determinare i punti critici di

f (x, y) = (x 2)2 y + (y 2)2 4


per

(x, y) R2

e studiarne la natura. Disegnare quindi l'insieme

E = {(x, y) : 0 y 9 (x 2)2 }
e determinare i punti di minimo e di massimo assoluto di

in

l'esistenza.

- Esercizio 5.2.114. Sia f (x, y) = x2 +y 2 2x+6y. Scrivere l'equazione del piano tangente
al graco di f sopra il punto (3, 1) e determinare gli eventuali punti di massimo e minimo
assoluti di f sull'insieme E = {(x, y) : 0 x 2, x 5 y 0}.

155

Esercizi riguardanti ottimizzazione libera e vincolata

- Esercizio 5.2.115. Sia f (x, y) = x2 +y 2 +2x6y. Scrivere l'equazione del piano tangente
al graco di f sopra il punto (2, 4) e determinare gli eventuali punti di massimo e minimo
assoluti di f sull'insieme E = {(x, y) : 2 x 0, 0 y x + 5}.

156

CAPITOLO 6

Esercizi riguardanti integrali doppi e


tripli
6.1. Integrali doppi
6.1.1.

Esercizi svolti

Esercizio 6.1.1.

Calcolate l'integrale di

3xy 2 + x2 y

sul rettangolo

[1, 3] [0, 1].

xsemplice che ysemplice. Si ha dunque





Z 3 Z 1
Z 3
Z 3
2 1
y3
x2
2
2
2 y
I=
(3x y + x y) dy dx =
dx =
3x + x
x+
dx
3
2 0
2
1
0
1
1
 2
3
9 27 1 1
x
x3
25
= +
=
+
= .
2
6 1 2
6
2 6
3

soluzione. Il dominio sia

Esercizio 6.1.2.

vertici

Sia

Si calcoli l'integrale della funzione

f (x, y) = x2 y

esteso al triangolo di

(0, 0), (0, ), (, 0).

il triangolo dato dal problema.

Il dominio

sia

xsemplice

esempio pu essere descritto nel modo seguente

T := {(x, y) R2 : 0 x 0 y x}
157

che

ysemplice.

Ad

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

allora

x
Z
y2
1 2
dx
dy x y =
x
=
x ( x)2 dx
x y dx dy =
2 0
2 0
0
0
0
 
 4 
 
Z
Z
Z
2 2
1 4
2 x3
x
1 x5
3
x dx +
x dx
x dx =

+
=
2 0
2 0
2
3 0
4 0 2 5 0
0
Z

5 5 5
5

+
= .
6
4
10
60

Esercizio 6.1.3.

Calcolare

Z Z
f (x, y)dxdy,
E

dove

f (x, y) = x + y




E = (x, y) R2 : 1 x2 + y 2 4, y 0 (x, y) R2 : 1 x2 + y 2 4, xy 0 .

Osserviamo che

non semplice, per regolare. Infatti, detti



E1 = (x, y) R2 : 1 x2 + y 2 4, x, y 0


E2 = (x, y) R2 : 1 x2 + y 2 4, y 0, x 0


E3 = (x, y) R2 : 1 x2 + y 2 4, x, y 0 ,
allora possiamo scrivere
che

E = E1 E2 E3 , e poich questi tre insiemi sono x-semplici, abbiamo

regolare.

E1 , E2

Inoltre,

E3

si intersecano vicendevolmente solo sul bordo (quindi

Ei Ej

ha area

nulla). Perci, grazie a una propriet dell'integrale doppio,

Z Z

Z Z

Z Z

f (x, y)dxdy =

Z Z

f (x, y)dxdy +

E1

f (x, y)dxdy +
E2

f (x, y)dxdy.
E3

Notiamo subito che, per simmetria,

Z Z

Z Z
f (x, y)dxdy =

E1
infatti,

E1

ed

E3

f (x, y)dxdy :
E3

sono simmetrici rispetto all'origine, mentre

(x, y) E1 (x, y) E3
f (x, y) = f (x, y).
158

dispari; ovvero:

6.1

Integrali doppi

Ne consegue che i due integrali sono opposti. Perci suciente calcolare

Z Z

Z Z
f (x, y)dxdy =

f (x, y)dxdy.

E
Per calcolare l'integrale su

E2

E2

scomponiamo ulteriormente questo dominio in

dove

o
n

0
E2 = (x, y) R2 : 2 x 1, 0 y 4 x2
n
o

00
2
2
2
E2 = (x, y) R : 1 x 0, 1 x y 4 x .
A loro volta questi due insiemi sono semplici e si intersecano solo sul bordo; quindi

Z Z

Z Z

Z Z

f (x, y)dxdy =

f (x, y)dxdy +

E2

E2

00

f (x, y)dxdy.

E2

Ora,

Z Z

Z
0

f (x, y)dxdy =

4x2

(x + y)dydx
2

E2

=
2

 4x2
y 2
xy +
dx
2 0




4 x2
2
=
x 4x +
dx
2
2

 1
x3
1
2 3/2
= (4 x ) + 2x
3
6 2
Z

5
= 3,
6
mentre

Z Z
00

f (x, y)dxdy =
1

E2

4x2

(x + y)dydx
1x2


 4x2
y 2
=
xy +
dx
2 1x2
1

Z 0

4 x2 1 + x2
2
2
=
x 4x x 1x +
dx
2
1

 0
1
1
3
2 3/2
2 3/2
= (4 x ) + (1 x ) + x
3
3
2
1
Z

5
= 3 .
6
159

00

E2 = E2 E2 ,

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

Quindi

Z Z

Z Z

Z Z

f (x, y)dxdy =

f (x, y)dxdy =

E2

Esercizio 6.1.4.

Z Z
f (x, y)dxdy +

00

E2

f (x, y)dxdy = 0.

E2

Si calcoli l'integrale doppio

Z Z

(x2 + 1) dx dy,
D

ove

la parte dell'ellisse

{(x, y) R2 : x2 + 4 y 2 1}

contenuta nel primo quadrante.

Descriviamo l'ellisse attraverso il seguente cambio di coordinate

x = cos
1

y = sin
2
con le seguenti limitazioni per le variabili

h i
0,
.
2

01

Calcoliamo il determinante della matrice Jacobiana della trasformazione. Si ha

x
cos

sin

1
1
y
sin
cos
2
2

x

J =
y

da cui
det J

1
1
1
cos2 + sin2 = .
2
2
2

Quindi

Z Z

(x2 + 1) dx dy =

1
+
2

Z
d

0
1

Z
0

/2

 Z
d

/2

1
1
d (2 cos2 + 1) =
2
2

Z


3
d

/2

cos2 d

1 
1 /2
 /2
1 4 1
1
1 2

5

=
+ sin cos +
+ =
.

=

2 4 2
2
2 2
32 8
32
0

Come appendice ricordiamo due modi di calcolare la primitiva di

cos2 .

primo modo.

cos d =

Z
cos cos d = cos sin +
160

sin d = cos sin +

(1 cos2 ) d

6.1

da cui

Z
2

Integrali doppi

cos2 d = + cos sin .

secondo modo.

1 + cos(2)
1
1
d = +
2
2
2

cos d =

Z
cos(2) d =

1
1
1
1
+ sin(2) = + sin cos .
2
4
2
2

Esercizio 3
Calcolare il seguente integrale doppio

Z Z

(2x2 + 8y 2 + 3x + 6y) dx dy,


C

dove

C = {(x, y) R2 : 2x2 + 8y 2 1}.

soluzione. Parametrizziamo l'ellisse attraverso il seguente cambio di variabili:

x = cos
2
1

y = sin
2 2

[0, 2] 0 1.

Si verica facilmente che il determinante della matrice Jacobiana della trasformazione di


coordinate vale
Quindi

1
.
4

Z Z

(2x2 + 8y 2 + 3x + 6y) dx dy
C



1
1

2
2
2
2
cos + sin + 3 cos + 6 sin
=
d d
4
2
2 2
0
0


Z Z
Z Z
1 2 1 3
1 2 1 2 3
3
=
d d +
cos + sin d d
4 0
4 0
2
2
0
0
Z 1
 Z 2 
Z 1
 Z 2

1
3
3
2
=
d
d +
d
(cos + sin ) d
4
4 2
0
0
0
0
1
1
2

4
3 3

=
+
[sin cos ] = + [0] = .
4 2 4 2 3
8 4 2
8
0
0
0
Z

161

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

- Esercizio 6.1.5.
9, |y| x, x 0}.

RR

Calcolare

Parametrizziamo l'insieme

(|x|y 2 3|x|)dxdy,

A = {(x, y) R2 : 1 x2 + y 2

ove

per mezzo delle coordinate polari. Si ha

A = {(, ) [0, +) [0, 2 ) : 1 3 [0 /4 7/4 2 ]}


ma data la periodicit delle funzioni

sin

cos

possiamo senz'altro scrivere che

A = {(, ) : 1 3 /4 /4}.
Il determinante della matrice Jacobiana della trasformazione vale

Z Z

/4

(|x|y 3|x|) dx dy =


4
d

3
3

cos sin2 d

Z

/4


2
d

/4

/4

Esercizio 6.1.6.

3 cos d d
1

/4

cos d
/4

/4 
3
/4



3
3 3
243 1 2
sin


=
=

3 sin

5
3
3 1
5
5
3

/4

/4

/4

Dunque si ha

d cos sin

d
/4

Z

!3


2
1
2
269
3 9
=
2.
2
2
3
2
15

Calcolare il seguente integrale

Z Z

(30xy 2 + 3x) dx dy,


A

dove



A = (x, y) R2 : 1 x2 + y 2 4, |y| x, x 0 .
Parametrizziamo l'insieme

per mezzo delle coordinate polari.

Si ha

A = {(, ) [0, +) [0, 2 ) : 1 2 [0 /4 7/4 2 ]}


ma data la periodicit delle funzioni

sin

cos

possiamo senz'altro scrivere che

A = {(, ) : 1 2 /4 /4}.
162

6.1

Integrali doppi

. Dunque si ha
Z
2
/4 Z 2
3
2
d 30 cos sin +
3 cos d d

Il determinante della matrice Jacobiana della trasformazione vale

Z Z

(30xy 2 + 3x) dx dy =

/4

Z
d

/4

Z
= 30


4
d

/4

/4

cos sin2 d

Z

2 d

+3

/4

cos d

!3



2
2
8 1
+3

2
= 24 2.
2
3 3
2

2
/4
/4




3
3 2
sin

32 1 2

= 30
= 30

+ 3 sin

5
3
3 1
5
5
3

/4

Esercizio 6.1.7.

/4

/4

/4

Calcolare

Z Z
D

con

x2 y 3
dx dy
(x2 + y 2 )3

3
x
(x, y) : x2 + y 2 2, 0 x 2, 0 y
2

D=

Prima di tutto, integrando per parti si ha

Z 2
y
2y
y3
dy =
2
2
3
2
(x + y )
2 (x + y 2 )3
Z
y 2 (x2 + y 2 )2
y
1
=
+
dy
2
2
2
2 (x + y 2 )2
y2
1
=

+C
2
2
2
2
4(x + y )
4(x + y 2 )
Z

A questo punto poniamo

r
A = {(x, y) :

3
x 2,
2

1
y
2

1
x}
3


1
3
x 2, 2 x2 y }
2
2
r

1
C = {(x, y) : 2 x 2, 0 y
}
2
Z Z
Z Z
Z Z
Z Z
f (x, y) =
f (x, y) +
f (x, y) +
f (x, y)
r

B = {(x, y) :

e si ha

A questo punto

Z Z
A

Z 1x

f (x, y) dx dy = x2
3
1
2

163

y3
= ...
(x2 + y 2 )3

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

Esercizio 3
Si calcoli l'integrale della funzione

f (x, y) = x3 y ex+y y

esteso al triangolo di vertici

(0, 0),

(0, ) (2, 0).

Il triangolo dato dal problema (che d'ora in poi chiameremo

xsemplice

ysemplice.

T)

pu essere visto come dominio

Si ha

Z Z

(x3 y ex+y y) dx dy = I + II.


T

Si ha

21 x+

dx

I=

x3 y dy =

0
2

x3 dx

2

Z
y dy =

1 x
2
2
y

x3 dx
2
0



1 2
2
x
x x + x dx
4
0
0
2
2
2
Z
4
5
6
1
1

1
1 2 2 3
x
x
x



( x x4 + x5 ) dx = 2
=
+

2 0
4
2
4
2 5
8 6

1
=
2

12 x

1
x
2

1
dx =
2



2

11
16 4
2 6
4
5
6
6
= 16
32 +
64 = 2
+
=
.
8
10
86
5
3
15
D'altra parte

Z Z

x+y

II =

=
0

y dx dy =

12 x

x y

e e y dy dx =
0


1 x
1 x 
2
2
y
y
e [y e ]
[e ]
x

1 x


Z 2 
2
1
x
21 x
x
y
x1 e
e [(y 1) e ]
=
e
+1

2
0
0




Z 2
2 
1
1
x+ 21 x
x
=
e
x1 +e
dx = ( 1)
e+ 2 x dx
2
0
0
Z 2
Z 2

2
1 2
1
1
1
+ 21 x
x

x
x
2
2
e
+
x dx
e dx = ( 1) e 2 e + e [2(x 2) e ]
2 0
2
0
0
0
2

[ex ] = 2 ( 1) e (e 1) + e [(2 2) e + 2] e2 + 1 = e2 + 2 e + 1.
Z

164

6.1

I conti risultato pi semplici se vediamo

II

come integrale su un dominio

Integrali doppi

xsemplice.

Si ha

infatti

Z Z

x+y

2 (y)
x y

y dx dy =

e e y dx dy = e
0



ey y dy + [(y 1) ey ]
0



= e2 [(y + 1) ey ] + ( 1) e + 1 = e2 [( + 1) e 1] + ( 1) e + 1
0

= e2 + 2 e + 1.

Quindi riassumendo

Z Z

(x3 y ex+y y) dx dy =
T

6.1.2.

2 6
e2 + 2 e + 1.
15

Esercizi proposti

Esercizio 6.1.8.

Dopo aver vericato l'integrabilit delle funzioni sottoassegnate

sull'insieme indicato, si calcoli l'integrale

RR
D

1
D = [3, 4] [1, 2]
(x + y)2
(
x+y
x+y10
b)f (x, y) =
2x y 2 x + y 1 < 0
D = [0, 1] [0, 1]
x
c)f (x, y) = 2
D = {(x, y) R2 : x2 /2 y x2 , 1 < x < 2}
x + y2

sin y 2
d)f (x, y) =
D = {(x, y) R2 : 0 x y 2 , 0 < y }
y
e)f (x, y) = xy
T = {(x, y) R2 : 0 y 2x x2 }

a)f (x, y) =

f )f (x, y) = ex+y
g)f (x, y) = |y x|

D = {(x, y) R2 : |x| + |y| 1}


D = {(x, y) R2 : 1 x 1, x2 y 1}

165

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

Esercizio 6.1.9.

Si calcoli l'integrale di

f (x, y) =

xy 2
x2 + y 2

sulla regione

D = {(x, y) R2 : y x, 1 < x2 + y 2 < 4}.

Esercizio 6.1.10.

triangolo di vertici

Si calcoli l'integrale della funzione

Esercizio 6.1.13.

Calcolare

RR
A

(xy 2 3|x|)dxdy,

f (x, y) = x y 2

ove

esteso al triangolo

A = {(x, y) R2 : 1 x2 + y 2

Calcolare il seguente integrale

Z Z

(30x2 y + 3y) dx dy,


A

dove



A = (x, y) R2 : 1 x2 + y 2 4, |x| y, y 0 .

esteso al

(0, 0), (0, ), (, 0).

- Esercizio 6.1.12.
4, |y| x, x 0}.

f (x, y) = yx2 + 2ex+y x

(0, 0), (0, ) (2, 0).

Esercizio 6.1.11.

di vertici

Si calcoli l'integrale della funzione

Esercizio 6.1.14.

Dati gli insiemi

A = {(x, y) R2 : x2 + (y 1)2 1}
B = {(x, y) R2 : x2 + y 2 1}
determinare l'area di

A B.

166

6.1

Esercizio 6.1.15.

Integrali doppi

E = {(x, y) R2 : 0 x 1, 0 y

Dato l'insieme

1 x2 }

si

calcolino gli integrali:

Z
y arcsin xdxdy

a)
E

Z
b)

1 y 2 dxdy

Z
c)

xey dxdy

Esercizio 6.1.16.

Dato il triangolo

di vertici

(0, 0), (1, 0), (1, 1)

si calcolino gli

integrali:

y
dxdy
T 1+x+y
Z
y

b)
dxdy
1 + x2
T
a)

Esercizio 6.1.17.

triangolo di vertici

Si calcoli l'integrale della funzione

f (x, y) = ex+y x yx2

(0, 0), (0, ) (, ).

Esercizio 6.1.18.

Dati gli insiemi


A=


(x 2)2 y 2
(x, y) R :
+
1
4
2
2

B = {(x, y) R2 : x2 + y 2 1}
determinare l'area di

A B.

167

esteso al

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

Esercizio 6.1.19.

Sia

dalle semirette di equazione:

il settore del cerchio di centro l'origine e raggio 1 delimitato

y = 3x, x 0.

Calcolare gli integrali:

x2 dxdy

a)
ZE
b)

xe2y dxdy

Esercizio 6.1.20.

Sia

la porzione di corona circolare di raggi 1 e 2 contenuta nel

primo quadrante. Calcolare gli integrali:

Z
a)
ZE
b)

2x2 y 2
dxdy
x2 + y 2
xey dxdy

ZE

x
x arctan dxdy
y
E

c)

Esercizio 6.1.21.

Si calcoli

ZZ
xy sin(xy)dxdy
T

con

2
3
y , x > 0}
x
x
trasformi T in un rettangolo.

T = {(x, y) R2 : x y 2x,
utilizzando un cambiamento di variabili che

Esercizio 6.1.22.

Si calcoli l'area della regione di piano

T = {(x, y) R2 :

x2
y2
y x2 ,
x y2}
2
2

168

6.1

Esercizio 6.1.23.

Integrali doppi

Si calcoli, utilizzando un'opportuna trasformazione

ZZ

x2 (y x3 )ey+x dxdy
T

dove

T = {(x, y) R2 : x3 y 3, x 1}

Esercizio 6.1.24.

Determinare l'area racchiusa dall'ellisse di equazione:

x2 y 2
+ 2 =1
a2
b

Esercizio 6.1.25.

Dato l'insieme

E = {(x, y) R2 : 0 < x < y < 2x, 1 < xy < 2}

calcolare gli integrali:

Z
dxdy

a)
E

Z
b)

(x + y)dxdy
E

Esercizio 6.1.26.

Si calcoli l'integrale doppio

Z Z

(y 2 + 1) dx dy,

ove

la parte dell'ellisse

{(x, y) R2 : x2 /4 + y 2 1}

169

contenuta nel secondo quadrante.

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

- Esercizio
2, y + 2x = 2,

6.1.27.

Dato l'insieme

delimitato dalle rette

y = x, y = 2x, y + x =

calcolare gli integrali:

dxdy
x2 y
ZE
dxdy
b)
2
(x + y 2 )2
ZE
c) dxdy

a)

(N.B. Osservare che si ha:

Esercizio 6.1.28.

1 < y/x < 2, 1 < (2 y)/x < 2)

Dato l'insieme

E = {(x, y) R2 : 1 yex 2, 2 yex 3}

calcolare gli integrali:

Z
dxdy

a)
E

Z
b)

ydxdy
E

Z
c)

ex ydxdy

6.2. Integrali tripli


6.3. Esercizi svolti
- Esercizio 6.3.1. Calcolate il volume della regione
y 2 4 e compresa tra i piani z = x 1 e z = 1 x.

170

interna al cilindro di equazione

x2 +

6.3

Esercizi svolti

Si ha che

min{x 1, 1 x} = x 1 x 1.
Allora si ponga

A = {(x, y) : x2 + y 2 4, x 1}
e

B = {(x, y) : x2 + y 2 4, x 1}
Allora

Z Z Z

1x

V (C) =

Z Z Z

x1

dx dy +
A

Z Z

Z Z
(2 2x) +

dx dy =

x1

1x

(2x 2) =: I + II.

Prima di tutto si ha

Z Z

Z Z
(2 2x) = 2area

I :=

(A)

A
Poniamo

A1 := A \ A2 .

x dx dy
A

A2 = {(x, y) : 0 x 1, 3x y 3x}
A

2 3 1 1/2 = 3.

Allora chiaro che l'area di

che (essendo un triangolo)

l'area di

A1

che

2/3 4

unita all'area di

A2

D'altra parte

Z Z

Z Z

x 2area

(2x 2) dx dy = 2

II :=

(B).

B l'area del settore circolare sotteso a un angolo

1/3 4 a cui si toglie l'area del triangolo A2 cio 3.

Ora analogamenta a prima l'area di


gradi (che chiameremo

S)

che

di 120

Riassumendo

Z Z

Z Z

x + 2area (A) 2area(B)






Z Z
Z Z
Z Z
Z Z

8
4
x2
x+2
= 2
x2
x+2
+ 3 2
3
3
3
A1
A2
S
A2
Z Z
Z Z
Z Z

8
= 2
x4
x+2
x + + 4 3.
3
A1
A2
S

V (C) = 2

x+2

A questo punto parametrizzo

A1

con coordinate polari; si ha


5
A1 = {(, ) : 0 2,
, }
3 3
e

 

5
5
S = {(, ) : 0 2, 0,
, 2 }
3
3
171

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

Quindi, essendo il determinante della matrice Jacobiana della trasformazione uguale a

si ha

2
5/3
Z Z
Z 2 Z 5/3

3

16


2
x dx = 2
2 cos dd = 2 sin
3.
=

3
3
A1
0
/3
0

/3

Inoltre

Z Z
2

/3

x dx = 2

2 cos d d

cos dd + 2

5/3

2
/3
2


3




= 16 3.
= 2 sin + sin


3
3
0

5/3

Inne

Z Z

x = 4
0

A2

3x

3x

x dx dy = 4
0

1
2
x3
8
2 3x dx = 8 3 =
3.
3
3
0

Quindi riassumendo

V (C) =

Esercizio
6.3.2.
2

equazione

x
+ y2 = 1
4

16
8
16
8
8
3
3+
3 + + 4 3 = 12 3 + .
3
3
3
3
3
V limitato dal cilindro

z = 1 3x 3y e z = 1.

Calcolate il volume del solido


e dai piani di equazione

Si ha che

min{1

ellittico di

1
3x 3y, 1} = 1 y x
3

quindi ponendo

x2
1
+ y 2 1 y x}
4
3
2
1
x
B = {(x, y) R2 :
+ y 2 1 y x}
4
3
A = {(x, y) R2 :

si ha

Z Z Z

1 3x3y

Z Z Z

dz dx dy +
dz dx dy

B 1 3x3y
Z Z
Z Z

=
( 3x 3y) dx dy +
( 3x + 3y) dx dy.

V (C) =

A
Ora passo in coordinate polari: si pone
da cui

x = 2 cos

y = sin


con


5 11
A = {(, ) : 0 1,
,
}
6
6
172

01

[0, 2],

6.3

Esercizi svolti





5
11
B = {(, ) : 0 1,
0,
, 2 }
6
6
Quindi, ricordando che il determinante della matrice Jacobiana della trasformazione

11
6

2 ( 3 2 cos 3 sin ) d d

V (C) =
5
6

5
6

1Z

+
Z0 1 Z0 2
+
11
6

2 ( 3 2 cos + 3 sin ) d d

2 ( 32 cos + 3 sin ) d d =: I + II + III.

Ora,

11
6

I :=
5
6

2 ( 3 2 cos 3 sin ) d d

11
6

2 Z
4 3 d

5
6

Z
cos d

1
2

11
6

6 d
0

sin d
5
6

11
1
6
1
11



6
= 4 3 sin (23 ) ( cos ) 5
5
3
0

10
4
=
3 (1) + 2 3 =
3.
3
3
Inoltre

5
6

II :=

2 ( 3 2 cos + 3 sin ) d d

Z 1
Z 5
2 Z 65
6
2
cos d +
6 d
sin d
=
4 3 d
0
0
0
0

1
5

6
1
5
3



6
= 4 3 sin + (23 ) ( cos )

3
0
0
Z

5
3+2
3
173

2, si ha

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

Inne

2 ( 3 2 cos + 3 sin ) d d

III :=
11
6

Z
=

2 Z
4 3 d

cos d +
11
6

1
2

6 d

sin d
11

2
1

2
1




= 4 3 sin + (23 ) ( cos ) 11
11
3
0

5
3

32

Quindi riassumendo

20
3.
3

V (C) =

- Esercizio 6.3.3. Assegnati il paraboloide di equazione z = x2 +y 2


z = 4x 12y si calcoli il volume racchiuso dalle due superici.

Sia

ed il piano di equazione

il volume racchiuso dalle due superci considerate. Si ha

Z Z Z
Vol(S)

4x12y

dz dx dy
A

x2 +y 2

dove

A = {(x, y) R2 : 4x 12y x2 + y 2 } = {(x, y) R2 : (x 2)2 + (y + 6)2 40}


Quindi si ha

Z Z
Vol(S)

(4x 12y x2 y 2 ) dx dy.

=
A

Faccio il seguente cambio di coordinate:

x 2 = cos
y + 6 = sin

0 40 e [0, 2]. Il determinante della matrice Jacobiana


trasformazione , dunque si ha
Z Z
Z 40 Z 2
Vol(S) =
(4x 12y x2 y 2 ) dx dy =
(40 2 ) d d
con le limitazioni


 40
4

= 2 20 2
= 2(800 400) = 800.

4
0

174

della

6.3

Esercizio 6.3.4. Se C = {x2 + y2 2z 2

implica che

0, 0 z 4}

Esercizi svolti

quale delle seguenti condizioni

Z Z Z
f (x, y, z) dx dy dz = 0?
C

(a)f (x, y, z) = f (x, y, z);

(b)f (x, y, z) = f (x, y, z);

(c)f (x, y, z) = f (x, y, z);

(d)f (x, y, z) = f (x, y, z)

Si ha

C {primo
C {secondo
C {terzo

ottante}

ottante}

ottante}

C {quarto

= C1 = {(x, y, z) C; x, y 0};

= C2 = {(x, y, z) C; x, 0, y 0};

= C3 = {(x, y, z) C; x 0, y 0};

ottante}

= C4 = {(x, y, z) C; x 0, y 0}.

Allora

Z Z Z

Z Z Z

Z Z Z

f dx dy dz =

f dx dy dz +

f dx dy dz

C1

C2

Z Z Z

Z Z Z

f dx dy dz +

f dx dy dz.

C3
Se

f (x, y, z) = f (x, y, z) allora


Z Z Z

C4

Z Z Z
f dx dy dz =

f dx dy dz

C1
e

C2

Z Z Z

Z Z Z
f dx dy dz =
C4

f dx dy dz
C3

quindi

Z Z Z
f dx dy dz = 0.
C

x) e f
dispari rispetto a x e quindi cambia di segno, ma resta uguale in valore assoluto tra (x, y, z)
e il suo simmetrico rispetto all'asse y che (x, y, z). Se ne deduce che ci che integro di f su
C1 l'opposto di ci che integro su C2 .

Infatti, per esempio,

C1

C2

sono simmetrici rispetto all'asse

(ribaltamento da

Consideriamo il cambiamento di variabili

: C2 C1

(x, y, z) 7 (x, y, z)
175

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

con

C2 = 1 (C1 ).
Z Z Z

Allora |detJ (x, y, z)|

= 1. Quindi
Z Z Z
f ((x, y, z)) |detJ (x, y, z)| dx dy dz

f (x, y, z) dx dy dz =
1 (C1 )

C1

Z Z Z

Z Z Z
f (x, y, z) dx dy dz =

f (x, y, z) dx dy dz

C2
N.B.: la terna

C2

(x, y, z) C2

gioca il ruolo della terna

formulazione del cambiamento di variabili.

(u, v, w),

nuove coordinate nell'usuale

Qui abbiamo mantenuto lo stesso nome

(x, y, z)

per semplicit.

Esercizio 6.3.5.

Sia

)
2

x
1
+ y2, 0 z 1
.
(x, y, z) : z 2 x
2
2

(
V =
Calcolate

Z Z Z
z dx dy dz
V

La condizione sulla

rimane

s
2
x
1
+ y2 z 1 .
x
2
2
Inoltre

s

1
x
2

2
+ y2 = z 1

Poniamo

x
3
3
y2
x2 + y 2 =
x2 + 3 = 1.
2
4
4
4



y2
2
A = (x, y) : x + 3 1
4

Osserviamo che dalla condizione su

si deduce che deve essere

x 2, che va bene in A.

Allora

si ha

Z Z Z

Z Z Z
z dx dy dz =
V

1 x2

1
z dz dx dy =
q
2
2
(x 21 ) +y2

Z Z 
A

3 3 2
x y2
4 4

Passiamo in coordinate polari ponendo

x = cos

y=

3
2

0 1, [0, 2)

sin
176


dx dy.

6.3

Esercizi svolti

Tenendo conto che il determinante della matrice Jacobiana della trasformazione

3
2

si

deduce

Z Z Z
V

 2
 1
Z Z 1 Z 2
4

3
1 33

3

(1 2 ) d d =
z dx dy dz =
3

3 .
=
2 2 4
8
2
4
32
0
0
0

Esercizio 6.3.6.

Sia

p
A = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 1, 0 z 3 x2 + y 2 };
a) disegnate l'insieme

A;

b) determinare il volume di
c) calcolate l'integrale su

A;
della funzione

z
p
(1 + x2 + y 2 ) x2 + y 2

Figura 6.1: Insieme

A.

A costituito da un cilindro (di equazione x2 +y 2 1) a cui stato tolto il dominio


p
3
di R occupato da un cono circolare retto di vertice nell'origine (e di equazione z = 3
x2 + y 2 ).

a) L'insieme

177

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

b) Si ha

ZZZ
Vol

A=

1 dx dy dz.
A

Data la simmetria del problema operiamo un cambio di coordinate. Passiamo a considerare le


coordinate cilindriche

L'insieme

x = cos

y = sin

z = z.

viene allora descritto nel seguente modo nelle nuove coordinate

A = {(, , z) [0, +) [0, 2] R : 0 1, 0 z 3 }


mentre il determinante della matrice Jacobiana della trasformazione

ZZZ

Z
=2

dz d d
0

[z]3
0

Si ha allora

1 dx dy dz =

A=

Vol

3 2 d = 2 .

d = 2
0

0
c) Invece (di nuovo passo a coordinate cilindriche)

3
z
p
dx dy dz =
dz d d
2
2
2
2
(1 + 2 )
A (1 + x + y ) x + y
0
0
0
 2 3

Z 1
Z 1
Z 1
z
2
1
1
d = 9
d = 9
=2
1
d
2
2
2 0
1 + 2
0 1+
0
0 1+

Z Z Z

= 9 9 [arctan ]10 = 9 (1 arctan 1).

Esercizio 6.3.7.

Sia

generato dalla rotazione


a) disegnate gli insiemi

A = {(x, y) R2 : 0 x 1, 0 y ex x}
di A intorno all'asse x;

b) determinate il volume di

c) calcolate l'integrale su
Se poniamo

f (x) = e

e sia

il solido

V;
V;
della funzione

si ha

p
z2 + y2

.
x x
0

f (0) = 0, f (1) = 1/e, f (x) = e

f+0 (0) = +,

1
f 0 (x) > 0 0 < x < .
2
178

2 x


x

dunque

6.3

Esercizi svolti

0.8

0.6
y
0.4

0.2

0.2

0.4

0.6

0.8

A.

Figura 6.2: Insieme

Volume di

V :
vol(V)

Sx = {(y, z) :

Z
1 dy dz

1 dx dy dz =

ma

y 2 + z 2 ex x}

dx,

Sx

un cerchio di raggio

ex x

quindi ha area

xe2x ,

cui

Z
vol(V)

2x

xe

=
0

Invece per l'integrale, usando su

Z
V

Sx



1

x 1
3
2x
dx = e
= 2.
+
2 4 0
4 4e

le coordinate polari (in

z)

si ha

p
Z p

Z 1
y2 + z2
1

dx dy dz =
z 2 + y 2 dy dz dx
x x
0 x x
Sx
"Z
! #
Z ex x
Z 1
2
1

d d dx
=
0
0
0 x x
Z

=
0

Z
=
0

1
2
x x

xex

2 d

Z
dx =
0

 3 xex
1

2
dx
3 0
x x


1
2 3x
2 3x
2
e
dx = e
=
(1 e3 ).
3
9
9
0

179

da

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

Figura 6.3: Insieme

Esercizio 6.3.8.

a) disegnate

Sia

V.

A = {(x, y, z) R2 : 0 x 1, 0 y x2 , 0 z (x 1)2 };

A;

b) determinate il volume di

A;

A, ve n' uno che non giace su alcuno dei piani coordinati;

c) degli spigoli di

trovatene una

parametrizzazione e determinate la retta tangente a tale spigolo nel punto corrispondente a

x = 0.
L'insieme

sta sotto alla supercie

Z 1Z
Vol(A)

z = (x 1)2

x2Z (x1)2

1
2

x (x 1) dx =

dz dy dx =
0

e a sinistra di

y = x2 .

x4 2x3 + x2 dx =

Una parametrizzazione dello spigolo richiesto dal testo

(1, 2x, 2x 2), che per x = 0 vale (1, 0, 2).


(0, 0, 1) la retta (0, 0, 1) + t(1, 0, 2).
gente

180

(x, x2 , (x 1)2 ,

1
.
30

quindi il vettore tan-

Poich il unto corrispondente a

x=0

6.3

Figura 6.4: Insieme

Esercizi svolti

A.

- Esercizio 6.3.9. Sia C = {(x, y, z) R3 : 0 x 2, 0 y 2, 0 z 2, x2 + y 2 +


z 2 1}. Disegnate C e determinatene il volume.
Si ha il cubo

[0, 2] [0, 2] [0, 2]

al quale stata tolta l'intersezione con la sfera unitaria di

centrata nell'origine (cio un ottavo di sfera). Il volume si calcola con facili integrali oppure
semplicemente scrivendo

1
V =2
8
3

Esercizio 6.3.10. Dato l'insieme T


=8

= {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 4, 0 z

disegnatelo e descrivetelo a parole, quindi calcolate

.
6

x2 z 2 dx dy dz.

181

p
x2 + y 2 },

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

1
0.8
0.6
0.4
0.2

0.2

0.2

0.4

0.4

0.6

0.6

0.8

0.8

Figura 6.5: Lo spigolo che non appartiene ad alcun piano coordinato.

p
z e R = 2. Invece z = x2 + y 2 il cono circolare
di vertice l'origine. T il cilindro (con 0 z 2 al quale si toglie il cono).
 3 x2 +y2
Z
Z
Z x2 +y2
Z
z
x2 z 2 dx dy dz =
dx dy
x2 z 2 dz =
x2
dx dy
3 0
T
x2 +y 2 4
0
x2 +y 2 4
p
 6

Z 2
Z 2
Z
x2 (x2 + y 2 ) x2 + y 2
cos2
dx dy =
d
d
=
3
3
0
0
x2 +y 2 4
 2 Z 2

2
128 1
128
1 7
2
cos d =
=
=
( + sin cos )
.
3 7 0 0
21 2
21
0

x2 + y 2 4

il cilindro di asse l'asse

Esercizio 6.3.11.

Sia

il sottoinsieme di

R3

denito da

E = {(x, y, z) : 1 y 0, 0 z 4 x2 }.
Calcolate:

E;
di f (x, y, z) = x(1 y)

a) il volume di
b) l'integrale

su

E.

Z
Volume di

E=

area di base

altezza =

2
182

(4 x2 ) dx h =

32
.
3

6.3

Figura 6.6: Insieme

Esercizi svolti

C.

Z
f (x, y, z) dx dy dz = 0.
E
Infatti

ZZ

Z
x(1 y) dx dy

[2,2][1,0]

4x2

Z

 Z 0

x(4 x ) dx
(1 y) dy
2

dz =
2


=

 !
4 2

x
2x2
4

y2
y
2

0 !
=0
1

3
= 0.
2

- Esercizio 6.3.12. Sia T il triangolo contenuto nel piano xy , con vertici (1, 3),
(1, 3), (2, 0). Calcolare il volume del solido S interno al prisma retto di base T e compreso
2
tra le superci di equazioni z = 2 x e z = 1.

183

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

2 x2 1. Questo accade quando x2 1 cio 1 x 1.


un dominio y -semplice che pu essere descritto come

Prima di tutto vediamo quando


D'altra parte, il triangolo

T = {(x, y) R2 : 1 x 2 x 2 y x + 2}

Quindi si ha (integrazione per li)

Z Z Z

2x

2x2

=
1
1

S
2x

2x

dz dy dx +

1 dx dy dz =

V (S) =

(2 x2 ) dx dy +

1
x2
Z 2 Z 2x

2x2

(x2 2)

2(x2 2)(2 x) dx
1
1
Z 2
Z 1
2
3
(4x2 2x3 8 + 4x) dx
(8 4x 4x + 2x ) dx +
=
1
1
1



 2

4
4
x
4
x
4


=
8x 2x2 x3 +
x3
8x + 2x2
+

3
2
3
2
=

2(2 x2 )(2 x) dx +

x2

x2

x2

4 1
4 1 32
4 1
= 82 + +8+2 +
8 16 + 8 + + 8 2
3 2
3 2
3
3 2
20 1
36 + 40 + 3
79
= 6+
+ =
= .
3
2
6
6

Esercizio (domanda tipo test - 29/06/2007)


Se

C = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 2z 2 0, 0 z 4}

quale delle seguenti condizioni

implica che

Z Z Z
f (x, y, z) dx dy dz = 0?
C

(a)f (x, y, z) = f (x, y, z)


(c)f (x, y, z) = f (x, y, z)

Si ha che
dispari in

(b)f (x, y, z) = f (x, y, z)


(d)f (x, y, z) = f (x, y, z)

C il cono con 0 z 4. Anch l'integrale di f


x oppure in y , quindi l'unica risposta corretta la (c).
184

su

sia 0, devo avere

6.3

6.3.1.

Esercizi svolti

Esercizi proposti

Esercizio 6.3.13.

delimitata dal piano

Si calcoli il volume del cilindroide a generatrici parallele all'asse

z=0

e dalla porzione di supercie di equazione

z = (x + y )y

che si

proietta in

T = {(x, y) R2 : x2 + y 2 R2 , x2 + 4y 2 4R2 }

Esercizio 6.3.14.

Dato il tetraedro

di vertici

(0, 0, 0), (1, 0, 0), (0, 1, 0), (0, 0, 1),

calcolare gli integrali

ZZ
x(y + z)dxdydz
T

ZZ

xyez dxdydz

Z ZT
T

Esercizio 6.3.15.

dxdydz
1+x+y+z

Dopo aver vericato l'integrabilit delle funzioni sottoassegnate

sull'insieme indicato, si calcoli l'integrale

RRR
S

x+y
S = [0, 1] [0, 1] [1, 2]
z
b)f (x, y, z) = y 2 z
S = {(x, y, z) R3 : 0 x 2, 0 y x, 0 z xy}
1
c)f (x, y, z) =
S = {(x, y, z) R3 : 0 < x < 1, 0 < z < 1, 0 < y < x + z}
(y + 1)3

a)f (x, y, z) =

d)f (x, y, z) = xyz

S = {(x, y, z) R3 : 0 < x < 2, 0 < y < x, 0 < z < y}

e)f (x, y, z) = y(x + ex )

S = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 z 2 + 1 0, |y| 1 x2 }

185

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

- Esercizio 6.3.16.
x2 + y 2 = 1, compresa

Esercizio 6.3.17.

a)

ZZZ p

Si calcoli il volume della regione


tra il paraboloide

z =x +y 2

interna al cilindro di equazione

ed il piano

x + y + z = 4.

Si calcolino gli integrali:

x2 + y 2 + z 2 dxdydz

S = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 + z 2 1, z 2 x2 y 2 0, z 0}
ZZZ
x2
b)
dxdydz
S = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 + z 2 < 2, x2 y 2 + z 2 < 0, y > 0}
2
2
S x +z
utilizzando opportuni cambiamenti di variabili, dopo aver vericato che l'integrale esiste.

Esercizio 6.3.18.

Si calcoli il volume del cilindroide a generatrici parallele all'asse

compreso tra il dominio

T = {(x, y) R2 : x2 y 2, x 1/2}
e la parte di supercie di equazione

- Esercizio 6.3.19.
y x} si calcolino gli

z = log(xy)

Dato l'insieme

che si proietta su

T.

E = {(x, y, z) R3 : 0 x 1, 0 y x, 0 z

integrali:

Z
(x + sin z)dxdydz

a)
E

Z
b)

arctan(x + y)dxdydz
E

186

6.4

Esercizio 6.3.20.

Dato l'insieme

Integrali superficiali

B = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 + z 2 1},

calcolare gli

integrali:

Z
a)
ZB
b)

x2 dxdydz
log(1 + x2 + y 2 + z 2 )dxdydz

Esercizio 6.3.21.

Calcolare il volume racchiuso dall'ellissoide di equazione:

x2 y 2 z 2
+ 2 + 2 =1
a2
b
c

Esercizio 6.3.22.

Determinare il volume dei seguenti sottoinsiemi di

R3 :

E = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 < 4, x2 + y 2 + z 2 < 16}


E = {(x, y, z) R3 : x2 + y 2 < z 2 , x2 + y 2 + z 2 < 9}
E = {(x, y, z) R3 : 2(x2 + y 2 ) < z 2 < x2 + y 2 + 25}

6.4. Integrali superciali

Esercizio 6.4.1.

Calcolare l'area della supercie sferica

2
regione individuata da {z 2 }.

x2 + y 2 + z 2 = 2

situata nella

Dobbiamo innanzitutto determinare una parametrizzazione della supercie considerata. Poni-

187

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

amo

x = cos

y = sin

z = 2 2 .
Siccome la nostra supercie sta nella regione
zazione per

{z

2/2},

si prender la seguente parametriz-

r : (, ) 7 (x(, ), y(, ), z(, )) = ( cos , sin ,


Imponendo che

z 0,

si ottiene la seguente restrizione su

2 2 0

2 2 )

R+ , [0, 2].

2.

Sia allora

A := {(, ) R+ [0, 2] : 0

2, [0, 2]}.

Si ha

cos , sin , p
2 2

r =
e

r = ( sin , cos , 0)
quindi

r r =

=
cos
sin p

2
2
sin cos
0

!
2 cos 2 sin
p
,p
, .
2 2
2 2

Allora

s
|r r | =

4
+ 2 =
2 2

4 + 22 4
1
= 2 p
.
2
2
2 2

Quindi

Z
1 dS =

Z Z
A

2

p

1

2 p
d d = 2 ( 2 2 ) = 2 .
2

2
0
188

6.4

Esercizio 6.4.2.

Integrali superficiali

Calcolare l'integrale superciale

Z
z d

dove

la porzione di ellissoide di equazione

x2 + y 2 +

z2
= 1,
2

racchiusa dentro al cilindro



1
3
2
2
(x, y, z) R : x + y
2
e situata nel semispazio

{z 0}.

soluzione. Dobbiamo innanzitutto determinare una parametrizzazione della supercie con-

siderata. Poniamo

x = cos

y = sin

z = 2(1 2 ).
Siccome la nostra supercie sta nel semispazio
zazione per

{z 0}

si prender la seguente parametriz-

r : (, ) 7 (x(, ), y(, ), z(, )) = ( cos , sin ,

p
2(1 2 ))

R+ , [0, 2].

Imponendo che la supercie sia racchiusa dal cilindro, si ottiene la seguente restrizione su

2
Sia allora

1
1
0 .
2
2

A := {(, ) R+ [0, 2] : 0 1/ 2, [0, 2]}.

Si ha

r =

cos , sin ,

2 p
(2)
2 1 2

2
cos , sin , p
1 2

r = ( sin , cos , 0)
189

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

quindi

r r =

2
cos
sin p
1 2
sin cos
0

Allora

s
|r r | =

2 4
1 2

+ 2 =

24

!
2

2 cos 2 2 sin
p
, p
, .
1 2
1 2

+
1 2

s
=

+
=
1 2

2 + 1
.
1 2

Quindi

s
Z Z p
Z 1/2 Z 2 p
2+1

2 1 2
2 2 + 1 d d
z dS =
d d =
1 2
0
0

1/2

2 2
2
3/2
= 2 ( + 1)
= 2

3
3
0

Esercizio 6.4.3.

Calcolare l'integrale superciale


2

z2

x +y + 2 =1
semispazio {z 0}.

ellissoide di equazione
e situata nel

!
 3/2
3
1 .
2

(z + 1)dS
n ,

racchiusa nel cilindro

dove

la porzione di


o
1
2
(x, y, z) R x + y 4
3 2

soluzione. Dobbiamo innanzitutto determinare una parametrizzazione della supercie con-

siderata.

Risolveremo l'esercizio in due modi, lavorando con due diverse parametrizzazioni

della supercie.
primo modo. Poniamo

x = cos

y = sin

z = 2(1 2 ).

Siccome la supercie sta nel semispazio

{z 0}

si prender la seguente parametrizzazione per

r : (, ) 7 (x(, ), y(, ), z(, )) = ( cos , sin ,

p
2(1 2 ))

R+ , [0, 2].

Imponendo che la supercie sia racchiusa dal cilindro, si ottiene la seguente restrizione su

1
1
0 .
4
2
190

6.4

Integrali superficiali

Sia allora

A := {(, ) R+ [0, 2] : 0 1/2, [0, 2]}.


Si ha

r =

cos , sin ,

2
cos , sin , p
1 2

2 p
(2)
2 1 2

r = ( sin , cos , 0)
quindi

r r =

2
cos
sin p
1 2
sin cos
0

Allora

s
|r r | =

2 4
+ 2 =
1 2

!
2

2 cos 2 2 sin
p
, p
, .
1 2
1 2

24 + 2 4
=
1 2

4 + 2
=
1 2

2 + 1
.
1 2

Quindi

s
Z Z p
2 + 1
d d
(z + 1) dS =
( 2 1 2 + 1)
1 2

1/2

=
0
Osserviamo che si ha

2 + 1 d d +

1/2

2 + 1
d d.
1 2

p
2
2 + 1 d = (2 + 1)3/2 + C;
3

ora troviamo la seguente primitiva

2 + 1
d.
1 2

Prima di tutto eettuiamo il seguente cambio di variabile

s
z=
da cui

2 + 1
1 2

2 + 1
d =
1 2

Z r

r
=

z2 1
1 + z2

z2 1
2z
z 2
2
z + 1 (z + 1)2
191

2z
d = 2
(z + 1)2

z2 + 1
z2 1

2z 2
dz.
(z 2 + 1)2

z2 + 1
dz =
z2 1

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

Adesso integrando per parti si ottiene

2z 2
dz =
(z 2 + 1)2

Z
(z 2

2z
z
+ arctan z.
z dz = 2
2
+ 1)
z +1

Quindi

1/2

1/2

2 + 1
d d
1 2
0
0
0
0

1/2

 5/3

z
2


+ arctan z
= 2 (2 + 1)3/2 + 2 2


3
z +1

(z + 1) dS =

Z
p
2
2 + 1 d d +

"
=2

 3/2
5
1
4

2
3

53
+ arctan
38

#
5 1
+ arctan 1
3 2

secondo modo. Alternativamente possiamo porre

x=s

y=t

z = 2(1 s2 t2 )
e visto che la supercie

sta nel semipiano superiore, si sceglie

r : (s, t) 7 (x(s, t), y(s, t), z(s, t)) = (s, t,

p
2(1 s2 t2 ))

Allora si ha

rs =

1, 0, p

0, 1, p

da cui

s2 + t2

1
.
4

2s
2(1 s2 t2 )

rt =

z 0,

2t
2(1 s2 t2 )

quindi

i j

2s

rs rt = 1 0 p2(1 s2 t2 )

2t
0 1 p
2(1 s2 t2 )

Allora

s
|rs rt | =

2s

p
,p
,1 .
2(1 s2 t2 )
2(1 s2 t2 )

2 + 2s2 + 2t2
2(1 s2 t2 )

192

2t

6.4

da cui

Z Z

p
( 2(1 s2 t2 ) + 1)

(z + 1) dS =
s2 +t2

1
4

Integrali superficiali

2 + 2s2 + 2t2
ds dt.
2(1 s2 t2 )

Passando in coordinate polari si ottiene

1/2

(z + 1) dS =

1/2

2 + 1 d d +

2 + 1
d d
1 2

da cui si pu procedere come nel caso precedente.

- Esercizio 6.4.4. Calcolare l'area della supercie S intersezione della sella :=


{(x, y, z) R3 | z = 2xy} con il solido cilindrico C := {(x, y, z) R3 | x2 + y 2 9}.

soluzione.

Si tratta di un integrale superciale.

parametrizzazione della supercie

Scegliamo ad esempio

r : A R2 R3
dove

r(, ) = (x(, ), y(, ), z(, ))

x = cos

y = sin

z = 2 2 sin cos .
si interseca con il
0 3 e [0, 2 ].

Il fatto che la sella

Prima di tutto occorre determinare una

si ha infatti

solido cilindrico ci d la variabilit dei parametri

Allora si ha

r(, ) = ( cos , sin , 2 2 sin cos )


r (, ) = (cos , sin , 4 sin cos )
r (, ) = ( sin , cos , 2 2 (cos2 sin2 )
e



i
j
k



r r = cos
sin
4 sin cos


sin cos 2 2 (cos2 sin2 )

quindi

r r =i 2 2 (cos2 sin sin3 2 sin cos2 ) + j (2 2 ) (2 sin2 cos + cos3 cos sin2 )
+ k ( cos2 + sin2 ) = (2 2 sin ) i + (2 2 cos ) j + k.
193

Esercizi riguardanti integrali doppi e tripli

Da questo si deduce che

|r r | =

p
p
4 4 + 2 = 4 2 + 1.

Quindi

Z Z

1 dS =

Esercizio 6.4.5.

Sia

2
2
3/2
p

(4 + 1)
21
4 2 + 1 d d =
.
= [(16)3/2 1] =

4
3/2
6
2
0

C R3

la supercie cilindrica

C = {(x, y, z) R3 : x2 + z 2 = 4}.
Si calcoli l'area della supercie

data dalla intersezione di

x2 + y 2 4, z 0}.

194

con

K = {(x, y, z) R3 :

CAPITOLO 7

Esercizi riguardanti matrice Jacobiana,


rotore e divergenza
7.1. Matrice Jacobiana
-

Esercizio 7.1.1.

Siano

F : R3 R2 , G : R2 R2

F (u, v, w) = (sin u, v w)

(u, v, w) R3 ,

G(x, y) = (3 x, ex y )

(x, y) R2 .

Si scriva esplicitamente la funzione composta

G F ha
dominio di G.

La funzione composta
dimensione) del
Si ha

date da

H := G F : R3 R2

GF

e se ne calcoli la matrice Jacobiana.

senso perch il codominio di

con

coincide (e quindi ha la stessa

H(u, v, w) = (3 sin u, e(v w) sin u ).

Poniamo

H1 (u, v, w) = 3 sin u
La funzione

H2 (u, v, w) = e(v w) sin u .

dierenziabile in tutti i punti di

R3

perch la stessa cosa vale per tutte le sue

componenti.
Primo modo per calcolare la matrice Jacobiana di
Si ha

195

H.

Esercizi riguardanti matrice Jacobiana, rotore e divergenza

H1
u
JH (u, v, w) =
H2
u

=
e

H1
w

H2
w

H1
v
H2
v
3 cos u

(v w) sin u

(v w) cos u e

(v w) sin u

(v w) sin u

Secondo modo per calcolare la matrice Jacobiana di


Le funzioni

v sin u

H.

sono dierenziabili in quanto lo sono tutte le loro componenti. Quindi ha

senso calcolare le matrici Jacobiane di

G1 (x, y) = 3 x

w sin u e

G.

Poniamo

F1 (u, v, w) = sin u, F2 (u, v, w) = v w,

xy

G2 (x, y) = e .

Quindi si ha

F1
u
JF (u, v, w) =
F2
u

G1
x
JG (x, y) =
G2
x
A questo punto la matrice Jacobiana di

F1
cos u 0 0

=
F2
0
w v
w

G1
3
0
y
=

G2
y ex y x ex y
y

F1
v
F2
v

F (u, v, w) = (sin u, v w)

va calcolata nel punto

e si

ha dunque

JG [F (u, v, w)] =
vwe

(v w) sin u

sin ue

(v w) sin u

quindi

JH (u, v, w) :=JG [F (u, v, w)] JF (u, v, w) =


vwe

3 cos u
(v w) sin u

(v w) cos u e

(v w) sin u

sin ue

(v w) sin u

(v w) sin u

w sin u e

196

0
(v w) sin u

.
v sin u

cos u 0 0

w v

7.1

Esercizio 7.1.2.

Matrice Jacobiana

Siano

(x, z) R2 ,

f (x, z) = sin(x z)

g(x) = cos(x ex )

x R.

Si calcolino la matrice Jacobiana ed il determinante Jacobiano (quando possibile) delle


seguenti funzioni:

(x, z) R2 ,

F (x, z) = (sin z, f (x, z))

Le funzioni

G(x, y) = (3 eyx , g(x))

(x, y) R2 .

sono dierenziabili perch le loro componenti sono funzioni dierenzia-

bili. Inoltre la matrice Jacobiana in entrambi i casi una matrice quadrata; allora ha senso
calcolare in entrambi i casi il determinante Jacobiano. Poniamo

F1 (x, z) = sin z
da cui

G1 (x, y) = 3 eyx

F2 (x, z) = sin(x z)

F1
x
JF (x, z) =
F2
x

G2 (x, y) = cos(x ex )

F1
0
cos
z
z
=

F2
z cos(x z) x cos(x z)
z

da cui
det JF (x, z)

= z cos(x z) cos z.

D'altra parte

G1
x
JG (x, y) =
G2
x

G1
yx
yx
3
e
3
e

=
G2
x
x
sin(x e ) e (x + 1)
0
y

da cui
det JG (x, y)

Esercizio 7.1.3.

Le composizioni

= 3 eyx ex (x + 1) sin(x ex ) = 3 ey (x + 1) sin(x ex ).

Siano

F : R3 R2

G : R2 R2

date da

F (u, v, w) = (u + v, ew )

(u, v, w) R3 ,

G(x, y) = (y x, sin x)

(x, y) [0, 2]2 .

G F, F G

hanno senso? Per quella (o quelle) che lo avessero, si calcoli

la matrice Jacobiana.

197

Esercizi riguardanti matrice Jacobiana, rotore e divergenza

G F ha senso perch il codominio di F coincide (e quindi ha la stessa


dimensione) del dominio di G. La funzione composta F G non ha senso perch il codominio
di G ha dimensione 2 mentre il dominio di F ha dimensione 3.

La funzione composta

Si ha

H := G F : R3 R2

con

H(u, v, w) = (ew u v, sin(u + v)).

Poniamo

H1 (u, v, w) = ew u v
H

La funzione

H2 (u, v, w) = sin(u + v).

dierenziabile in tutti i punti di

R3

perch la stessa cosa vale per tutte le sue

componenti.
Primo modo per calcolare la matrice Jacobiana di

H.

Si ha

H1
u
JH (u, v, w) =
H2
u

H1
w
1
1
e
w
=

H2
cos(u + v) cos(u + v) 0
w

H1
v
H2
v

Secondo modo per calcolare la matrice Jacobiana di


Le funzioni

sono dierenziabili in quanto lo sono tutte le loro componenti. Quindi ha

senso calcolare le matrici Jacobiane di

G1 (x, y) = y x

H.

G.

Poniamo

F1 (u, v, w) = u + v, F2 (u, v, w) = ew ,

G2 (x, y) = sin x.

Quindi si ha

F1
v
F2
v

F1
u
JF (u, v, w) =
F2
u
G1
x
JG (x, y) =
G2
x

A questo punto la matrice Jacobiana di

F1
1 1 0

=
F2
w
0 0 e
w

G1
1
1

=
G2
cos x 0
y
va calcolata nel punto

ha dunque

JG [F (u, v, w)] =

cos(u + v) 0

quindi

198

F (u, v, w) = (u + v, ew )

e si

7.1

JH (u, v, w) :=JG [F (u, v, w)] JF (u, v, w) =

Matrice Jacobiana

cos(u + v) 0

ew

Esercizio 7.1.4.

Le composizioni

0
w

0 0 e

cos(u + v) cos(u + v)

1 1

Siano

H : R3 R2

L : R2 R4

date da

H(u, v, w) = (u + v, ew )

(u, v, w) R3 ,

L(x, y) = (y x, sin x, y, y)

(x, y) [0, 2]2 .

H L, L H

hanno senso? Per quella (o quelle) che lo avessero, si calcoli

la matrice Jacobiana.

L H ha senso perch il codominio di H coincide (e quindi ha la stessa


dimensione) del dominio di L. La funzione composta H L non ha senso perch il codominio
di L ha dimensione 4 mentre il dominio di H ha dimensione 3.

La funzione composta

Si ha

F := L H : R3 R4

con

F (u, v, w) = (ew u v, sin(u + v), ew , ew ).

Poniamo

F1 (u, v, w) = ew u v
La funzione

F2 (u, v, w) = sin(u + v)

dierenziabile in tutti i punti di

sue componenti. La matrice Jacobiana di

R3

F3 (u, v, w) = ew

F4 (u, v, w) = ew .

perch la stessa cosa vale per tutte le

pu essere calcolata in due modi in analogia con

quanto visto nella versione A del tema. Qui presentiamo per brevit solo uno dei due modi.
Si ha

F
1
u

F2

u
JF (u, v, w) =
F
3

F4
u

F1
v
F2
v
F3
v
F4
v

F1
w
F2
w
F3
w
F4
w

1
1
ew

cos(u + v) cos(u + v) 0

w

0
0
e

w
0
0
e
199

Esercizi riguardanti matrice Jacobiana, rotore e divergenza

Esercizio 7.1.5.

Le composizioni

Siano

F : R3 R2

G : R2 R2

date da

F (u, v, w) = (u(w2 ) , ev )

(u, v, w) R3 ,

G(x, y) = (y x, x)

(x, y) R2 .

G F, F G

hanno senso? Si espliciti quella (o quelle) che lo avessero, e

se ne calcoli la matrice Jacobiana.

G F ha senso perch il codominio di F coincide (e quindi ha la stessa


dimensione) del dominio di G. La funzione composta F G non ha senso perch il codominio
di G ha dimensione 2 mentre il dominio di F ha dimensione 3.

La funzione composta

Si ha

H := G F : R3 R2

con

H(u, v, w) = (ev u w2 , u w2 ).

Poniamo

H1 (u, v, w) = ev u w2
H

La funzione

H2 (u, v, w) = u w2 .

dierenziabile in tutti i punti di

R3

perch la stessa cosa vale per tutte le sue

componenti.
Primo modo per calcolare la matrice Jacobiana di

H.

Si ha

H1
u
JH (u, v, w) =
H2
u

H1
w2 ev u 2 w2 1

=
H2
2
2 1
w
0 u2w
w

H1
v
H2
v

Secondo modo per calcolare la matrice Jacobiana di


Le funzioni

sono dierenziabili in quanto lo sono tutte le loro componenti. Quindi ha

senso calcolare le matrici Jacobiane di

G1 (x, y) = y x

H.

G.

Poniamo

F1 (u, v, w) = u w2 , F2 (u, v, w) = ev ,

G2 (x, y) = x.

Quindi si ha

F1 F1
w2 0 u 2 w2 1

v w

=
F2 F2
v
0 e
0
v w

G1 G1
1
1
x
y

JG (x, y) =
G2 G2 =
1 0
x
y

F1
u
JF (u, v, w) =
F2
u

200

7.1

Matrice Jacobiana

quindi

1 1

JH (u, v, w) :=JG [F (u, v, w)] JF (u, v, w) =

Esercizio 7.1.6.

Siano

u2w

g : R2 R2

(u, v, w) R3 ,

g(x, y) = (y, x) + (x y, 2x)

(x, y) R2 .

g f, f g

date da

u
f (u, v, w) = (e(e ) w, v)

Si dica se le composizioni

u 2 w2 1

2 1

f : A R3 R2

w2 ev u 2 w2 1

w2

hanno senso. In caso aermativo si scriva esplicita-

mente la funzione composta, se ne indichi l'insieme di denizione, se ne calcoli la matrice


Jacobiana, e si indichi l'insieme in cui la funzione composta dierenziabile.

La funzione composta
dominio di

g.

gf

ha senso perch il codominio di

La funzione composta

f g

ha la stessa dimensione del

non ha senso perch il codominio di

f ha dimensione 3.
u
(eu )
3
2
Si ha h := g f : A R R con h(u, v, w) = (e
w, 3 e(e ) w).
della funzione composta h = g f

ha dimensione

2 mentre il dominio di

L'insieme di denizione

A = {(u, v, w) R3 : v 0}.
Poniamo
u

h1 (u, v, w) = e(e ) w
Si ha

h2 (u, v, w) = 3 e(e ) w.

h1
(eu ) u
(eu )
e
e
w
0
e
w
=

h2
(eu ) u
(eu )
3e e w 0 3e
w
(eu )
Secondo modo per calcolare la matrice Jacobiana di h. Poniamo f1 (u, v, w) = e
w, f2 (u, v, w) =

v, g1 (x, y) = x e g2 (x, y) = 3 x. Quindi si ha

u
u
f1 f1 f1
e(e ) eu w
0
e(e )
u v w

Jf (u, v, w) =

f2 f2 f2 =
1
0
(1)
0
2 v
u v w
h1
u
Jh (u, v, w) =
h2
u

h1
v
h2
v

201

Esercizi riguardanti matrice Jacobiana, rotore e divergenza

g1
x
Jg (x, y) =
g2
x

g1
1
0

=
g2
3 0
y

quindi

(eu ) u
(eu )
e
e
w
0
e
1 0

Jh (u, v, w) :=Jg [f (u, v, w)] Jf (u, v, w) =

1
0
(1)
0
3 0
2 v

u
u
e(e ) eu w 0 e(e )
.
=
(eu ) u
(eu )
3e e w 0 3e

L'insieme in cui

dierenziabile

= {(u, v, w) R3 : v < 0}.


A

G e H le seguenti funzioni:
G(u, v, w) = (u w, u v), H(x, y) = (y, x, x).
Si dica se le composizioni G H e H G hanno senso. In caso aermativo si scriva

Esercizio 7.1.7.

Siano

esplicitamente la funzione composta e se ne indichi l'insieme di denizione, se ne calcoli la


matrice jacobiana, e si indichi l'insieme in cui la funzione composta dierenziabile.

Entrambe le composizioni hanno senso perch il codominio della prima funzione ha la stessa
dimensione del dominio della seconda.
Prima di tutto si ha che

F := G H : A R2 R2

F(x, y) = (y2 x,

yx) (x, y) A.

L'insieme di denizione

A = {(x, y) R2 : xy 0}
che l'unione del secondo e del quarto quadrante, assi compresi. Posto

F1 (x, y) = y2 x
si ha inoltre

F1
x
JF (x, y) =
F2
x

F2 (x, y) =

yx

F1
y2
2yx
y

y
x
F2


2 yx
2 yx
y
202

7.1

Si vede facilmente inoltre che l'insieme in cui

Matrice Jacobiana

F dierenziabile

= {(x, y) R2 : xy < 0}
A
che l'unione del secondo e quarto quadrante, assi esclusi.
D'altra parte

L := H G : B R3 R3

L(u, v, w) = ( uv, u2 w, u2 w) (u, v, w) B.

L'insieme di denizione

B = {(u, v, w) R3 : uv 0}.
Posto

L1 (u, v, w) =

uv

L2 (u, v, w) = u2 w

L3 (u, v, w) = u2 w

si ha inoltre

JL (u, v, w) =

L1
u
L2
u
L3
u

L1
v
L2
v
L3
v

L1
w
L2
w
L3
w

v
u


0

2 uv

2 uv


=
2uw
0
u2
.

2
2uw
0
u

Si vede facilmente inoltre che l'insieme in cui

Esercizio 7.1.8.

Siano

F : R3 R2

L dierenziabile B.

G : R2 R2

F (u, v, w) = (u(w2 )e , v )

(u, v, w) R3 ,
(x, y) R2 .

G(x, y) = (y + x, y)
Le composizioni

G F, F G

date da

hanno senso? Si espliciti quella (o quelle) che lo avessero, e

se ne calcoli la matrice Jacobiana.

G F ha senso perch il codominio di F coincide (e quindi ha la stessa


dimensione) del dominio di G. La funzione composta F G non ha senso perch il codominio
di G ha dimensione 2 mentre il dominio di F ha dimensione 3.
v
2e
v
3
2
Si ha H := G F : R R con H(u, v, w) = ( + uw , ).
La funzione composta

Poniamo

H1 (u, v, w) = v + uw2e
La funzione

dierenziabile in tutti i punti di

componenti.

203

H2 (u, v, w) = v .
R3

perch la stessa cosa vale per tutte le sue

Esercizi riguardanti matrice Jacobiana, rotore e divergenza

H.

Primo modo per calcolare la matrice Jacobiana di


Si ha

H1
u
JH (u, v, w) =
H2
u

H1
2e
v
2e1
w

log

u
(2e)
w
w
=

H2
v
0 log
0
w
Jacobiana di H.

H1
v
H2
v

Secondo modo per calcolare la matrice


Le funzioni

sono dierenziabili in quanto lo sono tutte le loro componenti. Quindi ha

senso calcolare le matrici Jacobiane di

G1 (x, y) = y + x

G.

Poniamo

F1 (u, v, w) = u w2 e , F2 (u, v, w) = v ,

G2 (x, y) = y.

Quindi si ha

F1
w2 e
0
u 2 e w2 e1

=
F2
v
0 log
0
w

G1 G1
1
1

x
y

JG (x, y) =
G2 G2 =
0 1
x
y

F1
u
JF (u, v, w) =
F2
u

F1
v
F2
v

quindi

1 1

JH (u, v, w) :=JG [F (u, v, w)] JF (u, v, w) =

0 1

w2 e v log u 2 e w2 e1

=
0

Esercizio 7.1.9.

0
v

u 2 e w2 e1

log

v log

Siano

w2 e

date da:

H(u, v, w) = (log(u), cos(sin w)) , G(x, y) = (y, x) + (x y, x) .


Si dica se le composizioni

GH

HG

hanno senso.

In caso aermativo si scriva

esplicitamente la funzione composta, se ne indichi l'insieme di denizione, se ne calcoli la


matrice jacobiana.

La funzione composta

GH

ha senso perch il codominio di

204

ha la stessa dimensione

7.2

del dominio di

G.

La funzione composta

dimensione 2 mentre il dominio di


Si ha
della

H
2

F := G H : A R R
funzione composta F = G H

HG

Rotore e divergenza

non ha senso perch il codominio di

ha

ha dimensione 3.

con

F(u, v, w) = (log(u), 0).

L'insieme di denizione

A = {(u, v, w) R3 : u < 0}.


Poniamo

F1 (u, v, w) = log(u)

F2 (u, v, w) = 0.

Si pu calcolare la matrice Jacobiana nel modo seguente

F1
u
JF (u, v, w) =
F2
u

F1
v
F2
v

F1
1
0 0
w
u
=

F2
0 0 0
w

7.2. Rotore e divergenza


-

Esercizio 7.2.1.

Le composizioni

Siano

F : R3 R

G : R R3

date da

F (u, v, w) = u w

(u, v, w) R3 ,

G(x) = (2x, x, x3 )

x R.

G F, F G

hanno senso? Si espliciti quella (o quelle) che lo avessero, e

se ne calcoli la divergenza (se ha senso).

Entrambe le composizioni hanno senso perch il codominio della prima funzione coincide (e
quindi in particolare ha la stessa dimensione) del dominio della seconda funzione.

GF

F G.

Esplicito

Si ha

H := G F : R3 R3

H(u, v, w) = (2(u w), w u, (u w)3 )

(u, v, w) R3

L := F G : R R

L(x) = 2x x3

L'operatore divergenza si pu applicare a campi vettoriali da

H1 (u, v, w) = 2(u w)

H2 (u, v, w) = w u
205

x R.
R3

in

R3 .

Quindi, posto

H3 (u, v, w) = (u w)3

Esercizi riguardanti matrice Jacobiana, rotore e divergenza

si ha
div H

H1 H2 H3
+
+
= 2 + 0 3 (u w)2 = 2 3 u2 + 6uw 3w2 .
u
v
w

Nel caso di funzioni scalari, l'opertore divergenza si riduce alla derivata prima. Dunque si ha

L0 (x) = 2 3 x2 .

Esercizio 7.2.2.

Le composizioni

Siano

F : R3 R

G : R R3

date da

F (u, v, w) = w v

(u, v, w) R3 ,

G(x) = (x, x, x2 )

x R.

G F, F G

hanno senso? Si espliciti quella (o quelle) che lo avessero, e

se ne calcoli il rotore (se ha senso).


Entrambe le composizioni hanno senso perch il codominio della prima funzione coincide (e
quindi in particolare ha la stessa dimensione) del dominio della seconda funzione.

GF

F G.

Esplicito

Si ha

H := G F : R3 R3

H(u, v, w) = (w v, v w, (w v)2 )

(u, v, w) R3

L(x) = x2 + x

L := F G : R R

L'operatore rotore si applica a campi vettoriali da

R3

in

x R.

R3 .

Quindi ha senso calcolare rot H.

Posto

H1 (u, v, w) = w v
si ha

rot H

= u

H2 (u, v, w) = v w

j
v

i
u

H3 (u, v, w) = (w v)2

j
v

w v v w (w v)2

H1 H2 H3
da cui





2
2
rot H = i
(w v)
(v w) + j
(w v)
(w v)
v
w
w
u



+k
(v w)
(w v) = i (2(w v) + 1) + j (1 0) + k (0 + 1)
u
v
= (1 2 w + 2 v, 1, 1).
206

7.2

Rotore e divergenza

- Esercizio 7.2.3. La funzione F (x, y, z) sia denita implicitamente dall'equazione


log[F (x, y, z)3 ] = y + x per ogni (x, y, z) R3 ; inoltre sia G(u) = (u, 2u, 1) per ogni
u R. Le composizioni G F , F G hanno senso? Si espliciti quella (o quelle) che lo
avessero, e se ne calcoli la divergenza (se ha senso).

F.

Si pu facilmente esplicitare

Si ha

F (x, y, z) = e
Inoltre

F : R3 R

mentre

G : R R3

y+x
3

quindi entrambe le composizioni hanno senso perch

il codominio della prima funzione coincide (e quindi in particolare ha la stessa dimensione) del
dominio della seconda funzione. Esplicito

GF

H := G F : R3 R3

H(x, y, z) = e

F G.
y+x
3

Si ha

, 2 e

y+x
3


,1

(x, y, z) R3

L(u) = eu/3

L := F G : R R

L'operatore divergenza si pu applicare a campi vettoriali da

u R.
R3 in R3 . Quindi ha senso calcolare

div H. Posto

H1 (x, y, z) = e
si ha
div H

y+x
3

H2 (x, y, z) = 2 e

y+x
3

H3 (x, y, z) = 1

y+x 1
y+x 1
H1 H2 H3
1 y+x
+
+
=e 3
2e 3
+0= e 3 .
x
y
z
3
3
3

Nel caso di funzioni scalari, l'opertore divergenza si riduce alla derivata prima. Dunque si ha

1
L0 (u) = eu/3 .
3
-

Esercizio 7.2.4.

Si calcolino il rotore e la divergenza del campo vettoriale

w(x, y, z) = (cos(ey+x ), sin(y + z), ex

2 +z 2

).

Posto

v1 (x, y, z) = cos(ey+x )
si ha

= x



z =

rot w

v3 (x, y, z) = ex

v2 (x, y, z) = sin(y + z)

w1 w2 w3

cos(ey+x ) sin(y + z) ex
207

2 +z 2

2 +z 2

Esercizi riguardanti matrice Jacobiana, rotore e divergenza

da cui




x2 +z2

x2 +z2
y+x
rot w = i
e

sin(y + z) + j
cos(e )
e
y
z
z
x



2
2
y+x
+k
sin(y + z)
cos(e ) = i (0 cos(y + z)) + j (0 ex +z 2 x)
x
y
+ k (0 + sin(ey+x ) ey+x ) = ( cos(y + z), 2 x ex
Inoltre
div w

2 +z 2

, sin(ey+x ) ey+x ).

w1 w2 w3
2
2
+
+
= sin(ey+x ) ey+x + cos(y + x) + ex +z 2 z.
x
y
z

- Esercizio 7.2.5. La funzione F (x, y, z) sia denita implicitamente dall'equazione


e2 F (x,y,z) = 1 + y 2 + z 2 per ogni (x, y, z) R3 ; inoltre sia G(u) = (2u, 1, u) per ogni u R.
Le composizioni G F , F G hanno senso? Si espliciti quella (o quelle) che lo avessero, e
se ne calcoli la divergenza (se ha senso).

Si pu facilmente esplicitare

F.

Si ha

F (x, y, z) =
Inoltre

F : R3 R

mentre

G : R R3

1
log(1 + y 2 + z 2 ).
2

quindi entrambe le composizioni hanno senso perch

il codominio della prima funzione coincide (e quindi in particolare ha la stessa dimensione) del
dominio della seconda funzione. Esplicito

H := G F : R R

GF

F G.

Si ha



1
2
2
2
2
H(x, y, z) = log(1 + y + z ), 1, log(1 + y + z )
(x, y, z) R3
2

1
log(2 + u2 )
u R.
2
3
3
L'operatore divergenza si pu applicare a campi vettoriali da R in R . Quindi ha senso calcolare
div H. Posto
L := F G : R R

H1 (x, y, z) = log(1 + y 2 + z 2 )
si ha
div H

L(u) =

H2 (x, y, z) = 1

H3 (x, y, z) =

1
log(1 + y 2 + z 2 )
2

H1 H2 H3
1
2z
z
+
+
=0+0+
=
.
2
2
x
y
z
2 1+y +z
1 + y2 + z2

Nel caso di funzioni scalari, l'opertore divergenza si riduce alla derivata prima. Dunque si ha

L0 (u) =

1 2u
u
=
.
2
2 2+u
2 + u2
208

7.2

Esercizio 7.2.6.

Rotore e divergenza

Si calcolino il rotore e la divergenza del campo vettoriale

v(x, y, z) = (sin(ez+x ), ey

2 +z 2

, cos(x + z)).

Posto

v1 (x, y, z) = sin(ez+x )
si ha

j k

2 +z 2

v3 (x, y, z) = cos(x + z)


= x y z =

rot v

v2 (x, y, z) = ey

sin(ez+x ) ey

v1 v2 v3

2 +z 2

cos(x + z)

da cui




y2 +z2

z+x
cos(x + z) e
+j
sin(e )
cos(x + z)
rot v = i
y
z
z
x


y2 +z2

2
2
z+x
+k
e
sin(e ) = i (0 2 z ey +z ) + j (cos(ez+x ) ez+x + sin(x + z))

x
y


+ k (0 0) = (2 z ey

2 +z 2

, cos(ez+z ) ez+x + sin(x + z), 0).

Inoltre
div v

Esercizio 7.2.7.

v1 v2 v3
2
2
+
+
= cos(ez+x ) ez+x + ey +z 2 y sin(x + z).
x
y
z

Siano

F : R3 R2

G : R2 R3

le funzioni

F (x, y, z) = (ey , x)

(x, y, z) R3 ,

G(u, v) = (u, u sin v, v)

(u, v) R2 .

Si calcoli il rotore della funzione

G F.

Si ha

H := G F : R3 R3

H(x, y, z) = (ey , ey sin x, x) (x, y, z) R3 .

Posto

H1 (x, y, z) = ey

H2 (x, y, z) = ey sin x
209

H3 (x, y, z) = x

Esercizi riguardanti matrice Jacobiana, rotore e divergenza

si ha

rot H

= x



z = x

ey ey sin x

H1 H2 H3

da cui




y
y

x e sin x + j
e
x
rot H = i
y
z
z
x


y
y
+k
e sin x
e = (0, 1, ey (cos x 1)).
x
y


- Esercizio 7.2.8. La funzione F (x, y, z) sia denita implicitamente dall'equazione


tan[4 F (x, y, z)] = 1 + y 2 + x2 per ogni (x, y, z) R3 ; inoltre sia G(u) = (2, u, u) per
ogni u R. Le composizioni G F , F G hanno senso? Si espliciti quella (o quelle) che lo
avessero, e se ne calcoli la divergenza (se ha senso).

Si pu facilmente esplicitare

F.

Si ha

F (x, y, z) =
Inoltre

F : R3 R

mentre

G : R R3

1
arctan(1 + y 2 + x2 ).
4

quindi entrambe le composizioni hanno senso perch

il codominio della prima funzione coincide (e quindi in particolare ha la stessa dimensione) del

G F e F G. Si ha, per ogni (x, y, z) R3




1
2
2 1
2
2
H(x, y, z) = 2, arctan(1 + y + x ), arctan(1 + y + x )
4
4

dominio della seconda funzione. Esplicito

H := G F : R3 R3
e

L := F G : R R

L(u) =

1
arctan(u2 + 5)
4

L'operatore divergenza si pu applicare a campi vettoriali da

u R.

R3 in R3 . Quindi ha senso calcolare

div H. Posto

H1 (x, y, z) = 2 H2 (x, y, z) =

1
1
arctan(1 + y 2 + x2 ) H3 (x, y, z) = arctan(1 + y 2 + x2 )
4
4

si ha

div H

H1 H2 H3
1
2y
1
y
+
+
=0
+0=
.
2
2
2
2
x
y
z
4 1 + (y + x )
2 1 + (y + x2 )2
210

7.2

Rotore e divergenza

Nel caso di funzioni scalari, l'opertore divergenza si riduce alla derivata prima. Dunque si ha

L0 (u) =

Esercizio 7.2.9.

1
2u
u
.
=
2
2
4 1 + (u + 5)
2 (1 + (u2 + 5)2 )

Si calcolino il rotore e la divergenza del campo vettoriale


2 +y 2

u(x, y, z) = (ex

, cos(y + z), sin(ey+z )).

Posto

u1 (x, y, z) = ex

2 +y 2

si ha

= x y z =

rot u

u3 (x, y, z) = sin(ey+z )

u2 (x, y, z) = cos(y + z)

ex

u1 u2 u3

2 +y 2

cos(y + z) sin(ey+z )

da cui





x2 +y2

y+z
y+z
sin(e )
cos(y + z) + j
e
sin(e )

rot u = i
y
z
z
x


x2 +y2

+k
cos(y + z)
e
= i (cos(ey+z ) ey+z + sin(y + z)) + j (0 0)
x
y


+ k (0 ex

2 +y 2

Inoltre
div u

2 y) = (cos(ey+z ) ey+z + sin(y + z), 0, 2 y ex

2 +y 2

).

u1 u2 u3
2
2
+
+
= 2 x ex +y sin(y + z) + cos(ey+z ) ey+z .
x
y
z

Esercizio 7.2.10.

Siano

f : R3 R2

g : R2 R3

le funzioni

f (x, y, z) = (exy , 2y)

(x, y, z) R3 ,

g(u, v) = (v, u cos v, v)

(u, v) R2 .

Si calcoli il rotore della funzione

g f.

Si ha

h := g f : R3 R3

h(x, y, z) = (2y, exy cos(2y), 2y) (x, y, z) R3 .

Posto

h1 (x, y, z) = 2y

h2 (x, y, z) = exy cos(2y)


211

h3 (x, y, z) = 2y

Esercizi riguardanti matrice Jacobiana, rotore e divergenza

si ha

= x y z = x

rot h

2y exy cos(2y) 2y

h1 h2 h3
da cui





xy

rot h = i
(2y) e
cos(2y) + j
(2y)
(2y)
y
z
z
x


xy

e
cos(2y)
(2y) = i (2 0) + j (0 0) + k (exy cos(2y) 2)
+k
x
y
= (2, 0, exy cos(2y) 2).

Esercizio 7.2.11.

Siano

F : R3 R2

F(x, y, z) = (ey , x) ,

G : R2 R3

G(u, v) = (u, u sin v, v).

Si calcolino rotore e divergenza della funzione

Si ha

Poniamo

G F : R3 R3

G F.

(G F)(x, y, z) = (ey , ey sin x, x).

H := G F e H1 (x, y, z) = ey , H2 (x, y, z) = ey


i



rot H =

x

H1

le funzioni

sin x,

H3 (x, y, z) = x. Si ha











= H3 H2 i + H1 H3 j + H2 H1

y
z
z
x
x
y
y z

H2 H3

=(0, 1, ey (cos x 1)).


Inoltre
div

H=

H1 H2 H3
+
+
= ey sin x.
x
y
z

212

CAPITOLO 8

Esercizi riguardanti campi vettoriali


-

Esercizio 8.0.12.

Dato il campo vettoriale

v(x, y, z) = (z e

xz

, 1 + z 2 cos y, x ex z + 2 z sin y),

(i) si verichi, sulla base di risultati teorici, che esso ammette un potenziale scalare;
(ii) si determini un potenziale scalare di

v.

(i) Condizione necessaria e suciente anch un campo vettoriale ammetta potenziale scalare
che valga la condizione delle derivate in croce (in questo caso, ci equivalente a chiedere che

v : R3 R3 sia irrotazionale) e che il dominio di v sia semplicemente connesso. facile vedere


3
che il dominio di v R che semplicemente connesso. Vediamo se vale anche la condizione
delle derivate in croce.
Poniamo

v1 (x, y, z) = z ex z

v2 (x, y, z) = 1 + z 2 cos y

v3 (x, y, z) = x ex z + 2 z sin y.

Si ha

y v3 = 2 z cos y = z v2

z v1 = ex z + x z ex z = x v3

x v2 = 0 = y v1 .

Quindi il campo considerato conservativo.


(ii) Per determinare un potenziale scalare

di

v suciente osservare che si deve avere

Ux (x, y, z) = z ex z
Uy (x, y, z) = 1 + z 2 cos y
Uz (x, y, z) = x ex z + 2 z sin y
213

Esercizi riguardanti campi vettoriali

da cui

Z
U (x, y, z) =
Z
U (x, y, z) =
Z
U (x, y, z) =
Possiamo scegliere

z ex z dx = ex z + c1 (y, z)
(1 + z 2 cos y) dy = y + z 2 sin y + c2 (x, z)
(x ex z + 2 z sin y) dz = ex z + z 2 sin y + c3 (x, y).

c1 (y, z) = y + z 2 sin y, c2 (x, z) = ex z

Quindi un potenziale scalare per

c3 (x, y) = y.

v U (x, y, z) = ex z + y + z 2 sin y e tutti gli altri potenziali

per

v dieriscono da U

per una costante arbitraria.

Esercizio 8.0.13.

Dato il campo vettoriale

p
+ 5y 2 , p
+ 10xy ,
2
2
x +y
x2 + y 2

F (x, y) :=

i) dire se ammette un potenziale in tutto il dominio di denizione ed eventualmente


calcolarlo;

Z
F d,

ii) calcolare l'integrale curvilineo

dove

: [0, 1] R2 , t 7 (cos(t) + t2 , 1 + t2 ).

(i) Condizione necessaria e suciente anch un campo vettoriale ammetta potenziale scalare
che valga la condizione delle derivate in croce e che il dominio di
so. facile vedere che il dominio di

R2 \ {0}

sia semplicemente connes-

che non semplicemente connesso. Vediamo

se vale la condizione delle derivate in croce.


Poniamo

F1 (x, y, z) = p

x
x2 + y 2

y
F2 (x, y, z) = p
+ 10 x y.
x2 + y 2

+ 5 y2

Si ha

x F2 =

1
2xy
+ 10 y = y F1 .
2
2 (x + y 2 )3/2

Quindi il campo considerato potrebbe essere conservativo ma per stabilirlo devo provare a
calcolare un potenziale con la denizione.
Per determinare un potenziale scalare

di

suciente osservare che si dovrebbe avere

x
+ 5 y2
Ux (x, y) = p
x2 + y 2
y
Uy (x, y) = p
+ 10 x y
2
x + y2
214

da cui

p
p
+ 5 y 2 dx = x2 + y 2 + 5 x y 2 + c1 (y)
x2 + y 2
!
p
y
p
+ 10 x y dy = x2 + y 2 + 5x y 2 + c2 (x)
x2 + y 2

U (x, y) =
Z
U (x, y) =
Possiamo scegliere

c1 (y) = c2 (x) = 0.

Quindi il campo dato conservativo e un potenziale scalare per


e tutti gli altri potenziali per

(ii) Visto che il campo

dieriscono da

U (x, y) =

p
x2 + y 2 +5 x y 2

per una costante arbitraria.

conservativo, si ha

Z
F d = U ((1)) U ((0)).

Allora

(1) = (0, 2)
e

(0) = (1, 1)

Z
F d = U ((1)) U ((0)) = 3

2.

Esercizio 8.0.14.

Si calcoli l'integrale curvilineo (il lavoro) del campo vettoriale

v(x, y) = (sin(y + x), cos(x y))


lungo la curva data dai lati del triangolo di vertici

(0, 0), (1, 0)

(0, 1),

antiorario.

Questo esercizio pu essere risolto in due modi.


primo modo. Siano

1 = {(x, y) R2 : y = 1 x 0 x 1}
2 = {(x, y) R2 : y = 0 0 x 1}
3 = {(x, y) R2 : x = 0 0 y 1}
Troviamo una parametrizzazione di questi tre segmenti. Si ha

1 (t) =

x=1t

0t1

y=t
215

10 (t) = (1, 1).

percorsi in senso

Esercizi riguardanti campi vettoriali

2 (t) =

x=0

20 (t) = (0, 1).

1t2

y =2t

x=t2

3 (t) =

30 (t) = (1, 0).

2t3

y=0

A questo punto

v(x, y) dS =

L=

v+
1

Z
v+

{sin[(1 t) + t] (1) + cos[(1 t) t] 1} dt

v=
3

{sin[(2 t) + 0] 0 + cos(t 2 + 0) (1)} dt

+
1

{sin[t 2 + 0] 1 + cos(t 2 0) 0} dt =

+
2

sin(t 2) dt

cos(t 2) dt +

[ sin 1 + cos(1 2t)] dt


0

1
2
3



1
1
1


= sin 1 sin(1 2t) sin(t 2) cos(t 2) = sin 1 sin(1) + sin 1
2
2
2
0
1
2
+ sin(1) cos 1 + 1 = 1 sin 1 cos 1.

secondo modo.

in

D un dominio limitato
v = P i + Q j C 1 (D), allora vale la

Utilizzo la formula di Gauss-Green nel piano: sia

che sia semplice rispetto ad entrambi gli assi. Se

formula

Z Z

Z
(Qx Py ) dx dy =

dove

+D

il bordo di

P dx + Q dy,
+D

orientato in senso antiorario.

216

Nel nostro caso

P = sin(y + x),

Q = cos(x y), D

(0, 0), (1, 0)

il triangolo di vertici

Z Z

v dS =

(0, 1).
1x

[ sin(x y) cos(y + x)] dx dy =

sin(x y) dx dy

1x

cos(y + x) dy dx =

+
0

1x
1x
Z 1


dx
[ sin(y + x)]
dx +
[ cos(x y)]
0

Z
( cos(x 1 + x) + cos x) dx +

Allora

( sin 1 + sin x) dx
0

 1
1
1
1



= sin(2x 1) + sin x sin 1 + ( cos x)

2
0
0


1
1
sin 1 + sin(1) + sin 1 sin 1 cos 1 + 1 = 1 cos 1 sin 1.
2
2

Esercizio 8.0.15.

Sia

la curva chiusa in

R3

formata dai tre segmenti che uniscono,

nell'ordine, i punti

P1 = (1, 0, 0),

P2 = (0, 3, 0),

P3 = (0, 0, 4).

(i) Calcolare

z 2 ds.

(ii) Sia

V (x, y, z) = x2 + y + z .
I
V d

il campo vettoriale denito da

Calcolare

e commentare il risultato.

= 1 2 3 ,

1 il segmento che unisce nell'ordine P1 e P2 , 2 il segmento che unisce nell'ordine P2 e P3 e 3 il segmento che unisce nell'ordine P3 e P1 . Bisogna
trovare una parametrizzazione di . Dopo di che si avr

(i) Sia

dove

z ds =

ma

tale che

z=0

z ds +
1

z ds +
2

quindi

z 2 ds = 0.

1
217

Z
3

z 2 ds

Esercizi riguardanti campi vettoriali

D'altra parte, troviamo ora una parmetrizzazione di

x=0

2 (t) = y = 12 3t

z=t

0t4

2 .

Si ha

20 (t)


3
0, , 1
4

|20 (t)| =

5
4

quindi

z 2 ds =

4
3
5
5
t
80

t2 dt =
=
4
4 3
3
0

Inne

x=t

3 (t) = y = 0

z = 4t + 4

0t1

30 (t) = (1, 0, 4)

|30 (t)| =

17

quindi

z 2 ds =

2
(4 4t) 17 dt =


 1
3

16
t
17 16 (1 t)2 dt = 17 16 t t2 +
17.
=
3
3
0

Quindi riassumendo

z 2 ds =

16
[5 + 17].
3

(ii) Si vede immediatamente che il campo vettoriale

R3

e il suo dominio (che

R3 )

conservativo perch irrotazionale su

semlicemente connesso. Allora

I
V d = 0.

Verichiamo questo risultato utilizzando la denizione.


zazione per

Utilizziamo la seguente parametriz-

x = 1 t/3

1 (t) = y = t

z=0

0t3

218

10 (t)


=


1
, 1, 0 .
3

Si ha

Z
V d =

Z
V d +

4

+
0

1
=
3

Z
0

12 3t
4


2
t2
1 t+
3
9

3
4

Z
dt +

V d =



V d +

t2 dt +

t dt +
0

t
1
3

2  
Z 3
1
t dt

dt +
3
0

(4) (4t + 4) dt
0

3
4
1
1

Z 
t2
3 4
3
t2
t3
t2
dt +
3 t dt + + + 16 16 = 1
2
4 0
4
2
3
2
0

3
3
4
1 t3
9
9 t2
1
1 9
9 1
2 t2

+ 9+
+ 8 + + 8 16 = 1 + 1 + 9 + + = 0
+



9 2 0 27 3 0 2
16 2 0
3
3 2
2 3
- Esercizio 8.0.16. Sia la curva piana denita da (t) = (t sin t, 2 t) e sia W (x, y) =
(y, x) un campo vettoriale piano.
Z
Calcolate il lavoro L :=
W d del campo W lungo il tratto della curva congiungente
P0 P1

P0 = (0, 0) e P1 = (0, 2 ).
Calcolate il lavoro di W lungo

il segmento congiungente

Ci chiediamo innanzitutto se il campo

P0

P1 .

conservativo. Posto

W1 (x, y) = y

W2 (x, y) = x,

si ha che

y W1 = 1 6= 1 = x W2 .
Il campo
il lavoro

W non soddisfa la condizione delle derivate in croce dunque non conservativo.


l deve essere calcolato con la denizione.

Allora

Nel caso della curva congiungente P0 e P1 , si ha che P0 = (0, 0) raggiunto per t = 0 mentre
P1 = (0, 2 ) raggiunto per t = . Dunque il tratto di curva considerata quella per cui
0 t . Si ha inoltre
0 (t) = (sin t + t cos t, 2).
Allora (integrando due volte per parti)

Z
l=

Z
([2 t] [sin t + t cos t] + 2 t sin t) dt =

Z
=4
0

Z


t sin t dt = 4 [t cos t] + 4
0

Z

2 t cos t dt = [2t sin t] +
2



cos t dt = 4 ( cos ) + 4 sin t = 4 .
0

219

4 t sin t dt

Esercizi riguardanti campi vettoriali

Parametrizziamo il segmento. Si ha

0 t 1.

(t) = (x(t), y(t)) = (0, 2 t)


Si ha

0 (t) = (0, 2 )

da cui

(2 t)0 + 0 (2 ) dt = 0.

l=
0

Esercizio 8.0.17.

(i) Sia dato il campo vettoriale


F (x, y) =
si stabilisca se

f C (R)


f (x)y 2
2
+ 5y , y cos x + 10xy ,
x

pu essere scelta in modo tale che

ammetta un potenziale in

tutto il suo dominio di denizione, e nel caso calcolarlo.

(ii) Si calcoli l'integrale curvilineo

G d,


G(x, y) = y sin x, cos x ey(cos x) ,

dove

: [0, 1] R2 ,

t 7 (cos(t) + t3 , 1 + t4 ).

(i) chiaro che l'insieme di denizione del campo vettoriale


funzione

f.

Una condizione necessaria anch il campo

dipende dalla scelta della

ammetta potenziale che valga la

condizione delle derivate in croce. Imponiamo questa condizione e vediamo cosa implica su
Si dovrebbe avere


Dx (y cos x + 10xy) = Dy

da cui

y sin x + 10y =
e questo implica allora che
Con questa scelta di

f (x) =

f (x) y 2
+ 5y 2
x

f.

f (x)
2 y + 10y
x

1
x sin x.
2

vale la condizione delle derivate in croce e si ha


F (x, y) =
da cui si vede immediatamente che

1
sin x y 2 + 5 y 2 , y cos x + 10 x y
2
F

denito su tutto

R2

che un dominio semplicemente

connesso. Quindi la teoria ci assicura che il campo dato conservativo. Calcolo un potenziale

U.

Si deve avere

Ux =

1
sin x y 2 + 5 y 2
2

Uy = y cos x + 10 x y
220

da cui

Z 
U=

ma anche

1
sin x y 2 + 5 y 2
2


dx =

Z
U=

1 2
y ( cos x) + 5 x y 2 + C1 (y)
2

y2
cos x + 5 x y 2 + C2 (x).
2
C1 (y) = C2 (x) = 0 e

(y cos x + 10 x y) dy =

A questo punto posso senz'altro scegliere

1
U (x, y) = y 2 cos x + 5 x y 2 .
2
(ii) Si tratta di calcolare un integrale curvilineo di seconda specie, cio un integrale di un
campo vettoriale. Vediamo se il campo

conservativo. Il suo dominio di denizione

R2

che semplicemente connesso; vediamo se vale la condizione delle derivate in croce. Dovrebbe
essere

Dx ( cos x ey(cos x) ) = Dy (ey(cos x) y sin x)


da cui

sin x ey(cos x) + cos x ey(cos x) sin x y = ey(cos x) cos x y sin x + ey(cos x) sin x.
Quindi la teoria ci assicura che il campo

conservativo. Troviamo un potenziale

U.

Deve

essere

Ux = y sin x ey(cos x)
da cui

Z
U=

e anche

Z
U=

Uy = cos x ey(cos x)

(y sin x ey(cos x) ) dx = ey(cos x) + C1 (y)


( cos x ey(cos x) ) dy = ey(cos x) + C2 (x)

quindi posso senz'altro scegliere

C1 (y) = C2 (x) = 0

U (x, y) = ey(cos x) .

A questo punto

Z
G d = U ((1)) U ((0))

da cui

(1) = (0, 2)
e

(0) = (1, 1)

G d = e2 + ecos 1 .

Esercizio 8.0.18.

parametrizzata da

F (x, y) = (3y, 1 + x)
0 t 2.

Calcolare il lavoro del campo


2

(t) = (t , t + arctan t)

con

221

sulla curva

Esercizi riguardanti campi vettoriali

Si tratta di un integrale curvilineo di seconda specie.


Allora

F1 (x, y) = 3y

F2 (x, y) = 1 + x.

F1 ((t)) 10 (t) + F2 ((t)) 20 (t) dt

F =

Sia

dove

(t) =

(10 (t), 20 (t))


=

1
2t, 1 +
1 + t2


.

Allora

F =
0

da cui

6t
1
2t
6t +
+ 1 + 2t +
+
2
2
1+t
1+t
1 + t2

Z
dt =


1 + 8t +

8t
1
+
2
1+t
1 + t2


dt


2
F = t + 4t2 + 4 log(1 + t2 ) + arctan t 0 = 18 + 4 log 5 + arctan 2.

Esercizio 8.0.19.

Considerate il campo vettoriale


F (x, y) =
3x2 +

2xy 2
1 + x2 y 2

 
, 3+

2x2 y
1 + x2 y 2



a) dite se vale la condizione delle derivate in croce;


b) dite se

conservativo, e in caso aermativo calcolate un potenziale;

c) calcolate l'integrale di

sulla met superiore dell'ellisse di equazione

x2 +4y 2 = 4 percorsa

in verso antiorario.
(a) Verichiamo che vale la condizione delle derivate in croce. Si deve avere


3+

2x2 y
1 + x2 y 2

=
y

2xy 2
3x +
1 + x2 y 2
2


.

D'altra parte si ha


3+

2x2 y
1 + x2 y 2

4xy

=
=
2
2
2
(1 + x y )
y


3x2 +

2xy 2
1 + x2 y 2

e quindi vale la condizione delle derivate in croce.


(b) Si ha che

conservativo perch vale la condizione delle derivate in croce e perch il suo

dominio di denizione (che

R2 )

semplicemente connesso. Troviamo un potenziale di

un potenziale, deve senz'altro essere

Ux = 3x2 +

2xy 2
1 + x2 y 2

da cui

U (x, y) = x3 + log(1 + x2 y 2 ) + c1 (y).


222

F.

Se

D'altra parte deve anche essere

Uy = 3 +

2x2 y
1 + x2 y 2

da cui

U (x, y) = 3y + log(1 + x2 y 2 ) + c2 (x).


Allora un potenziale si ottiene scegliendo

c1 (y) = 3y

c2 (x) = x3 .

(c) Parametrizziamo la parte superiore dell'ellisse. Si ha

() =

x() = 2 cos

[0, ].

y() = sin
Da cui

0 () = (2 sin , cos ).
Quindi, dette rispettivamente

F2 (x, y)

le due componenti del campo, si ottiene

[F1 (x(), y()) 10 () + F2 (x(), y()) 20 ()] d

F ds =

F1 (x, y)


8 cos3 sin
8 cos sin3
+ 3 cos +
d
=
24 cos sin
1 + 4 cos2 sin2
1 + 4 cos2 sin2
0
Z
4 sin(2) cos(2)
3

d = 16 + [log(1 + [sin(2)]2 )]0 = 16


= 8 [cos ]0 + 3 [sin ]0 +
2
1
+
[sin(2)]
0
Z

Esercizio 8.0.20.

Considerate i campi

F1 (x, y) = (2xy, x2 )

F2 (x, y) = (y, x);

a) dite per quali campi vale la condizione delle derivate in croce;


b) dite se i campi sono conservativi (o se almeno uno lo ) e in caso aermativo calcolate
un potenziale;
c) calcolate l'integrale di

F1 + F2

sul bordo del rettangolo

[0, 3] [0, 1]

percorso in verso

antiorario.
Per

F1

si ha

2
(2xy) = 2x =
x,
y
x
quindi per

F1

vale la condizione delle derivate in croce su tutto

Un potenziale si trova subito ed


Invece per

F2

x y.

si ha

(y) = 1 6= 1 =
x,
y
x
223

R2 ,

pertanto conservativo.

Esercizi riguardanti campi vettoriali

quindi per

F2

non vale la condizione delle derivate in croce quindi non conservativo.

Dato che il bordo del rettangolo una curva chiusa, l'integrale di


calcolare quello di

F2 .

F1

nullo. Resta solo da

Parametrizziamo i quattro lati:

Z
0t3

l1 := 1 (t) = (t, 0),

0 dt = 0;
0

l1

Z
0t1

l2 := 2 (t) = (3, t),

F2 =
1

3 dt = 3;

F2 =
0

l2

Z
l3 := 3 (t) = (3 t, 1),

0t3

Z
0t1

0 dt = 0.

F2 =
0

l4
da cui

1 dt = 3;
0

l3

l4 := 4 (t) = (0, 1 t),

F2 =

Z
F2 = 6.

Esercizio 8.0.21.

a) dite se per

Considerate il campo vettoriale

vale la condizione delle derivate in croce;

b) dite se esiste un numero

(4, 0)

tale che

F sulla
(4, 2), poi tre

c) calcolate l'integrale di
verticale da

F (x, y) = (y, 3x)

F (x, y) c(x, y)

sia conservativo;

curva che si ottiene percorrendo nell'ordine il segmento


quarti della circonferenza centrata in

inne la met superiore della circonferenza centrata in

(3, 0)

(2, 2)

no a

(2, 0),

no a tornare al punto di

partenza.
Si ha

F = y dx + 3x dy

(y)
(3x)
= 1 6= 3 =
,
y
x
quindi

non conservativo. Dato che il dominio di

F c(x dy y dx)

R2 ,

per dire che

conservativo basta vedere se vale la condizione delle derivate in croce, ma

F c(x dy y dx) = (c 1)y dx + (3 c)x dy

[(c 1)y] = c 1;
y

[(3 c)x] = 3 c,
x

quindi vale

c 1 = 3 c 2c = 4 c = 2.
Chiamiamo ora

1 , 2 , 3

rispettivamente il segmento, i

3/4

di circonferenza e la semicircon-

ferenza orientati come prescritto e parametrizzati in questo modo:

1 : (4, t)

0 t 2;
224

2 : (2 + 2 cos t, 2 + 2 sin t),


0t
3 : (3 cos t, sin t)
0 t .
Z

F =

12 dt = 24

3/2

12 cos t+12 cos2 t+4 sin t+4 sin2 t dt = [12 sin t4 cos t+8t+4 sin t cos t]02 = 128

F =
0

9 cos t 3 cos2 t sin2 t dt = [9 sin t 2 sin t cos t]0 = 2

=
3

e la somma vale

10 + 16.

Esercizio 8.0.22.

Considerate il campo vettoriale

a) dite se per il campo

b) calcolate l'integrale di

curva

vale la condizione delle derivate in croce;

parametrizzata da

secondo estremo di

F (x, y, z) = (z, x, y);

sulla curva che si ottiene percorrendo (nell'ordine) prima la

0 t 2
estremo di .

(cos t, sin t, t)

e arriva al primo

con

e poi il segmento che parte dal

F non vale la condizione delle derivate in croce; infatti la derivata in x del


d y 1, quella in y del coeciente di dx 0. Calcoliamo l'integrale sull'elica:

Per
di

Z
=
0

(t ( sin t) + cos t (cos t) + sin t 1) dt

(z dx + x dy + y dz) dt =
0

coeciente

0
2

2
t + sin t + cos t
(t sin t + cos t + sin t) dt = (t cos t sin t) +
cos t
= 3.
2
0


Invece sul segmento che parte da

(1, 0, 2 t)

con

0 t 2

(1, 0, 2)

e arriva a

(1 0 + 0 (1) + (2 t) 0) dt = 0,

(z dx + x dy + y dz) dt =
quindi il valore nale

ed quindi parametrizzato da

si ha

(1, 0, 0)

3.

225

Esercizi riguardanti campi vettoriali

Esercizio 8.0.23.

F (x, y) = (2x sin y 3y, x2 cos y) e sia la


curva costituita dalla met inferiore della circonferenza di centro (, 0) e raggio , percorsa
da (0, 0) a (2, 0), seguita dalla parte del graco della funzione sin x con x [0, 2], percorsa
da (2, 0) a (0, 0);

Sia

a) dite se per il campo

il campo vettoriale

valgono le condizioni delle derivate in croce;

F conservativo;
c) scrivete F come somma F0 + F1 di due campi vettoriali con F0 conservativo;
R
d) Calcolate F d.
A
B
a)
= 2x cos y 3 6=
= 2x cos y quindi per F non vale la condizione delle
y
x
b) dite se

derivate

in croce.
b)

non conservativo perch non vale la condizione delle derivate in croce (che condizione

necessaria).

F = 2x sin y dx + x2 cos y dy 3y dx dove F0 := 2x sin y dx + x2 cos y dy e F1 := 3y dx. Si


2
ha che F0 conservativo perch vale la condizione delle derivate in croce su R semplicemente

c)

connesso.
d)

F =

F1

perch

F0

conservativo e

chiusa.

x = (1 + cos t)
t 0,

y = sin t

x=t
2
y = sin t

0 t 2.

Dunque si ha

Z
F

F =

Esercizio 8.0.24.

F = 3

sin t dt +

3
3
3 sin t dt = 3 + 0 = 3 .
2
2

Calcolare



2
x
ye dx + e + log y dy
y

ove

la curva piana di equazione cartesiana

verso delle

y = (1 e)x2 + e

crescenti.

226

per

0x1

percorsa nel

Il campo

2
F = ye dx + e + log y
y
x


dy

tale che vale la condizione delle derivate in croce:

N
M
= ex =
.
y
x
Inoltre denito sull'insieme
connesso. Allora

{(x, y) : y > 0} che un semipiano aperto e quindi semplicemente

conservativo nel suo dominio.

Potenziale:

f (x, y) = yex + (log y)2 + c.


La curva una parabola di vertice

(0, e).

Z
w = f (1, 1) f (0, e) = e [e + 1] = 1.

227

Esercizi riguardanti campi vettoriali

228

CAPITOLO 9

Esercizi riguardanti serie di potenze e


serie di Fourier
9.1. Serie di potenze
-

Esercizio 9.1.1. Trovare l'insieme di convergenza delle seguenti serie di potenze (quando

possibile, discuterne il comportamento agli estremi):

1)

2)

n=0

X
xn
3)
n+1
n=0

X (x 1)n
5)
2n + 3
n=0

X
7)
n n xn
n=1

X
n+ n n
9)
x
2n2 n
n=1

X
11)
n3 x2n+1
n=1

13)

X
n=1

n
enx
2n + 4

X
n=0

4)

xn
(n + 1)2
(2n + 3n )xn

n=0

6)

X
n=1

xn
log(1 + n)

xn
1 + 3n
n=1 


X
(1)n
1
+
10)
xn
n
n
n=1 
n

X
3n 2
12)
x2n
n
+
1
n=1

X
xn+1
14)
n
(x + 1)n
n=1
8)

229

Esercizi riguardanti serie di potenze e serie di Fourier

9.2. Serie di Fourier


- Esercizio 9.2.1. (variazioni dell'onda quadra) Determinare i coecienti di Fourier
della funzione, per A > 0
(
f (x) =
prolungata a una funzione

x [0, )
x [, 2)

A
0

2periodica

su

R. Ragionando per linearit rispetto all'onda quadra si ottiene

A 2A X 1
+
sin((2n + 1)x)
2
n=0 2n + 1

- Esercizio 9.2.2. (variazioni dell'onda quadra) Determinare i coecienti di Fourier


della funzione, per A > 0
(
f (x) =
prolungata a una funzione

R.

x [0, )
x [, 2)

0
A

2periodica

su

A 2A X 1
+
sin((2n + 1)x)
2
n=0 2n + 1

- Esercizio 9.2.3. (variazioni dell'onda quadra) Determinare i coecienti di Fourier


della funzione, per A > 0
(
f (x) =
prolungata a una funzione

R.

x [0, )
x [, 2)

A
A

2periodica su R.

Discutere la convergenza della serie di Fourier.

4A X 1
sin((2n + 1)x)
n=0 2n + 1
230

9.2

Essa converge a

f (x)

Esercizio 9.2.4.

per

x (, 0) (0, )

mentre converge a 0 per

Serie di Fourier

x = , 0, .

Sviluppare in serie di Fourier

f (x) = 4 2 sin x + 3 cos(3x)

R. Si nota che f

un polinomio trigonometrico, quindi confrontando

a0 X
4 2 sin x + 3 cos(3x) =
+
an cos(nx) + bn sin(nx)
2
n=0
si ottiene

8
an = 3

0
(
2
bn =
0

n=0
n=3
altrimenti

n=1
altrimenti

Ovviamente in questo caso non si pongono problemi di convergenza della serie di Fourier.

Esercizio 9.2.5.

Sviluppare in serie di Fourier

f (x) = sin3 x + sin2 x

R. Usando le formule di duplicazione si ottiene


f (x) = sin3 x + sin2 x = sin x sin2 x + sin2 x =

quindi

1 3
1
1
+ sin x cos 2x sin 3x
2 4
2
4

si riduce a un polinomio trigonometrico, quindi confrontando

1 3
1
1
a0 X
+ sin x cos 2x sin 3x =
+
an cos(nx) + bn sin(nx)
2 4
2
4
2
n=0
si ottiene

1
an = 1/2

3/4
bn = 1/4

n=0
n=2
altrimenti

n=1
n=3
altrimenti
231

Esercizi riguardanti serie di potenze e serie di Fourier

Ovviamente anche in questo caso non si pongono problemi di convergenza della serie di Fourier.

Esercizio 9.2.6.

Sviluppare in serie di Fourier

f (x) = x2
prolungata a una funzione 2-periodica su

x [1, 1)

2 R. Le uniche osservazioni da fare sono che f pari, dunque bn = 0 e che


2 ma T = 2. Quindi usando le formule


Z 1
Z
2n
2 T
x2 cos(nx) dx
f (x) cos
x dx =
an =
T 0
T
1
si ottiene

x2 dx =

a0 =
1

il periodo non

2
3

mentre integrando due volte per parti

an =

4 cos(n)
4
= (1)n 2 2
2
2
n
n

Dunque la serie di Fourier associata alla funzione

4
1 X
(1)n 2 2 cos(nx).
+
3 n=0
n
- Esercizio 9.2.7.

Sviluppare in serie di Fourier la funzione

prolungata a una funzione

2 -periodica

su

R.

f (x) = |x| denita su [, ] e

Discutere la convergenza della serie di Fourier

e utilizzare i risultati ottenuti per vericare che

X
n=0

1
2
=
(2n + 1)2
8

R. La funzione pari per cui bn = 0 mentre a0 = /2 e


an =

n2

pari

dispari

per cui la serie di Fourier

4X
1

cos(2n + 1)x
2 n=0 (2n + 1)2
232

9.2

Serie di Fourier

C' convergenza totale - teorema del confronto con la serie

X
n=0

1
(2n + 1)2

c' convergenza puntuale in ogni punto e c' anche convergenza in norma quadratica. Per il
calcolo della somma richiesta, suciente calcolare lo sviluppo di Fourier in

x = 0.

- Esercizio 9.2.8. Sviluppare in serie di Fourier la funzione f (x) = | sin x| denita


[0, ] e prolungata a una funzione 2 -periodica su R. Discuterne la convergenza.
2

R. Si ha

su

2 X
4
f (x) = +
cos(2nx)
n=0 (1 4n2 )
C' convergenza totale su

Esercizio 9.2.9.

e quindi anche convergenza puntuale e in norma quadratica.

Sviluppare in serie di Fourier la funzione

(
g(x) =
denita su

< x < 0
0x

0
sin x

[, ] e prolungata a una funzione 2 -periodica su R.

Discuterne la convergenza.

R. Si ha (ricavandola dall'esercizio precedente)

1 sin x X
2
g(x) = +
+
cos(2nx)

2
(1 4n2 )
n=1
Anche in questo caso c' convergenza totale su

e quindi anche convergenza puntuale e in

norma quadratica.

Esercizio 9.2.10.

Sviluppare in serie di Fourier la funzione

e prolungata a una funzione

2 -periodica

R.

su

R.

X
2
k=1

Converge a

f (x) = x

per

x (0, 2)

f (x) = x

denita su

Discuterne la convergenza.

sin(kx)

mentre converge a

233

per

x = 0, x = 2 .

[0, 2)

Esercizi riguardanti serie di potenze e serie di Fourier

Esercizio 9.2.11.

denite su

[, ]

Sviluppare in serie di Fourier delle funzioni

e prolungate a funzioni

Quanto valgono le somme

R.

2 -periodiche

X
1
n2
n=1

su

R.

4
2 X
+
(1)k 2 cos(kx)
3
k
k=1



4
4 X
48
k
g(x) =
+
cos(kx)
(1)

5
k2 k4
k=1

234

g(x) = x4

Discuterne la convergenza.

X
1
?
n4
n=1

f (x) =

f (x) = x2