Sei sulla pagina 1di 581

Nuove frontiere

per la storia di genere


COLLANA SCIENTIFICA DELLUNIVERSIT DI SALERNO
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 1 03/05/2013 11:10:53
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 2 03/05/2013 11:11:08
Nuove frontiere
per la storia di genere
Volume I Genere e politica
a cura di
Laura Guidi e Maria Rosaria Pelizzari
realizzato da
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 3 03/05/2013 11:11:08
Propriet letteraria riservata
Universit degli Studi di Salerno
I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di
adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microflm e le copie
fotostatiche) sono riservati per tutti i Paesi.
Nessuna parte di questa pubblicazione pu essere riprodotta, distribuita o trasmessa
in qualsivoglia forma senza l autorizzazione scritta dell Editore, a eccezione di brevi
citazioni incorporate in recensioni o per altri usi non commerciali permessi dalla
legge sul copyright. Per richieste di permessi contattare in forma scritta l Editore al
seguente indirizzo:
xxxxxxxxxxxxxxxxxxx
ISBN: 978-88-XXXXXXX
Prima edizione: XXXXX 2013
realizzato da
Webster srl, Libreriauniversitaria.it
www.libreriauniversitaria.it
redazione@libreriauniversitaria.it
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 4 03/05/2013 11:11:08
Sommario
Volume I Genere e politica
La Societ Italiana delle Storiche, il futuro della storia delle donne e di genere,
le generazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Elisabetta Vezzosi
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Laura Guidi Maria Rosaria Pelizzari
Le nuove frontiere della Storia di genere dallAntichit allEt contemporanea . 49
Pauline Schmitt Pantel e Franoise Tbaud
Madame la Terre, Monsieur le Capital: quale il genere del progresso nel XIX
secolo? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
Marta Petrusewicz
CAPITOLO 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos . 77
a cura di Claudia Montepaone e Gabriella Pironti
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
Claudia Montepaone e Gabriella Pironti
1. La hybris di Medea e il nomos degli altri . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
Ida Brancaccio
2. Le Hybristika di Argo: un caso di travestimento intersessuale . . . . . . 91
Anna Chiaiese
3. Disonore, disobbedienza e disordine civile: la hybris di Lisistrata . . . . . 97
Marcella Maresca
4. Parthenoi e controllo sociale nella prospettiva di genere: il caso delle Spartane . 103
Maria Luisa Napolitano
5. La separazione tra oikos e polis in una prospettiva di genere . . . . . . . . 109
Maria Letizia Pelosi
6. Alle soglie dellOlimpo: prospettiva di genere e analisi del politeismo greco 115
Gabriella Pironti
7. Discorsi di genere nelle Storie dAmore attribuite a Plutarco . . . . . . . . 121
Pauline Schmitt Pantel
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 5 03/05/2013 11:11:08
6
Nuove frontiere per la storia di genere Volume I
CAPITOLO 2. Gender and Politics in Early Modern Europe . . . . . . . 127
edited by Linda Jauch
Introduction . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
Linda Jauch
1. Marriage and Rule in Jean Bodins Political Tought . . . . . . . . . . . 135
Anna Becker
2. Te Female Consort in Italy: Giovanna of Austria and her Sisters . . . . . 141
Sarah Bercusson
3. Mary Habsburg and her Hungarian dower lands . . . . . . . . . . . . . 149
Andrea Frhlich
4. Eleonora dAragona and the discourse surrounding female political power
in Quattrocento Northern Italy . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
Linda Jauch
CAPITOLO 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica
del lungo Ottocento lombardo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
a cura di Maria Luisa Betri
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
Maria Luisa Betri
1. Fra protezione e autonomia: le colombe dellospedale maggiore di Milano
(XVII-XIX secolo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
Flores Reggiani
2. Spose, vedove, avventuriere. Profli di donne francesi nella Milano
di Napoleone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
Natalia Tatulli
3. Cristina di Belgiojoso, Marie dAgoult e la fgura dellaristocratica dclasse . 181
Antonietta Angelica Zucconi
4. Laura Solera Mantegazza tra militanza politica e impegno sociale . . . . . 189
Alessandra Porati
5. Mazzinianesimo e radicalismo nei carteggi della Romussi-Lazzati
nella seconda met dellOttocento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
Altea Villa
CAPITOLO 4. Che genere di nazione? . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
a cura di Rafaella Bianchi
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
Rafaella Bianchi
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 6 03/05/2013 11:11:08
7
Sommario
1. Laltra nazione: cantanti (e) castrati italiani nella Londra del diciottesimo
secolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
Serena Guarracino
2. Leroina romantica tra passione e martirio. Storia di una rivoluzione vocale 217
Simonetta Chiappini
3.Per la generazione che verr. Limpegno politico femminile nel 1848
negli Stati italiani e tedeschi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
Giulia Frontoni
4. Donne in armi e Risorgimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
Benedetta Gennaro
CAPITOLO 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione
dellItalia unita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
a cura di Laura Guidi
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
Laura Guidi
1. Risorgimento italiano. Naturali protagonismi di donne . . . . . . . . . 243
Franca Bellucci
2. Militanza, identit e memoria in una famiglia napoletana di patrioti . . . 253
Marcella Varriale
3. Il Mezzogiorno e la Questione meridionale negli scritti di Cristina Trivulzio
di Belgiojoso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
Karoline Rrig
4. Sport e ginnastica nella costruzione degli italiani, tra modelli di estetica
femminile e di educazione fsica maschile. . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
Francesco Muollo
5. Maria Sofa di Borbone: da regina-soldato ad amica di briganti e anarchici . 275
Ugo della Monica
CAPITOLO 6. Lampiezza di un margine. Genere, cittadinanza e politica
nellItalia repubblicana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
a cura di Valentina Greco
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
Valentina Greco
1. Genere e forme di partecipazione politica tra fascismo e Repubblica:
il caso di Olga Arcuno (1902-1977) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
Luca Grauso
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 7 03/05/2013 11:11:08
8
Nuove frontiere per la storia di genere Volume I
2. Fondatrici, sostenitrici, utenti del Movimento Italiano Femminile:
elementi di una biografa collettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297
M. Eleonora Landini
3. La violenza femminile singolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
Stefania Voli
CAPITOLO 7. Il fare politica e il fare societ delle donne negli anni Settanta:
voci, esperienze, lotte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
a cura di Beatrice Pisa
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
Beatrice Pisa
1. Il nesso liberazione / emancipazione: lesperienza del Movimento Liberazione
della Donna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
Beatrice Pisa
2. Le democristiane negli anni Settanta fra tradizione, modernizzazione,
secolarizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
Stefania Boscato
3. Lo Statuto dei Lavoratori e delle Lavoratrici: un compleanno da ricordare . 335
Rossella Del Prete
4. Una storia degli anni Settanta: donne a scuola tra vecchie e nuove culture . 343
Anna Balzarro
CAPITOLO 8. Il protagonismo delle donne nellAmerica Latina del
Novecento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
a cura di Maria Rosaria Stabili
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351
Maria Rosaria Stabili
1. Biografe femminili a confronto nel Messico post-rivoluzionario: Frida Kahlo
e Tina Modotti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357
Benedetta Calandra
2. Mara Rosa Oliver: unargentina liberal-oligarchico-comunista . . . . . . 363
Camilla Cattarulla
3. Loyola Guzmn Lara, i diritti umani e la politica in Bolivia . . . . . . . . 371
Gabriella Citroni
4. La partecipazione femminile nelle barriadas di Lima . . . . . . . . . . . 377
Stefania Pastorelli
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 8 03/05/2013 11:11:08
9
Sommario
5. Percorsi di apprendimento allazione politica in una comunit delle Ande
Peruviane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385
Sofa Venturoli
6. Diritto Rovesciato e lotte silenziose. El Salvador e Marianela Garcia Villas . 391
Chiara Forneis
7. Donne, diritti e potere: le Madres e le Abuelas di Plaza de Mayo . . . . . 397
Marzia Rosti
8. Beatriz Sarlo e la critica periferica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 403
Amanda Salvioni
9. Patricia Verdugo (1947-2008). Alla ricerca della verit nel Cile di Pinochet . 409
Claudia Borri
10. Somos todas Presidentas. Il potere politico al femminile: Michelle
Bachelet, Presidente del Cile. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415
Maria Rosaria Stabili
CAPITOLO 9. Le sde del nuovo millennio in Nord Africa e Medio Oriente:
gender, dinamiche socio-culturali, processi di trasformazione politica
ed economica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425
a cura di Anna Maria Di Tolla ed Ersilia Francesca
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427
Anna Maria Di Tolla ed Ersilia Francesca
1. Donne del Nord Africa: discorso, pratiche e rappresentazioni . . . . . . . 433
Tassadit Yacine
2. Nuovi movimenti socio-politici e processi di emancipazione femminile
in Nord Africa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 437
Anna Maria Di Tolla
3. Il femminismo islamico e il caso delle murshida
-
t in Marocco . . . . . . . 445
Sara Borrillo
4. Le algerine e la guerra di liberazione nazionale: lingresso delle donne
nello spazio pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 453
Valeria Guasco
5. Rifessioni sul femminismo islamico in Iran: voci, temi, strategie e fnalit. . 459
Leila Karami Nogurani
6. Formale o informale? Dinamiche delloccupazione femminile nellarea
MENA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 467
Ersilia Francesca
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 9 03/05/2013 11:11:09
10
Nuove frontiere per la storia di genere Volume I
7. Gender e riforme economiche in Giordania . . . . . . . . . . . . . . . . 473
Claudia Corsi
8. Economia delloccupazione in Palestina: genere, lavori informali e
Income Generating Projects . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
Valentina Venditti
9. Mani da manicure preparano bobine elettriche: la partecipazione femminile
alla migrazione turca in Germania Occidentale . . . . . . . . . . . . . . . 487
Lea Nocera
CAPITOLO 10. Impegno e militanza femminile tra le due rive del
Mediterraneo:il caso della Tunisia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 495
a cura di Lucia Valenzi
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 497
Lucia Valenzi
1. Per una politica al femminile nella Tunisia tra le due guerre . . . . . . . 501
Leila El Houssi
2. Nello spazio pubblico per vocazione. Suore bianche nella Tunisia coloniale . 509
Daniela Melfa
CAPITOLO 11. Donne israeliane e palestinesi fra critica, protesta e
rappresentazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 517
a cura di Maura Palazzi
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 519
Maura Palazzi
1. La coesistenza possibile tra palestinesi e israeliani? Una lettura di genere . 527
Giulia Daniele
2. Le donne di Machsom Watch tra normalizzazione e sfda al mito
della sicurezza nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 533
Laura Aletti
3. Le donne nei manuali delle scuole pubbliche palestinesi . . . . . . . . . . 539
Eleonora Lotti
4. Israele: rappresentazioni dellidentit di genere tra militarismo e societ civile . 549
Raya Cohen
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 10 03/05/2013 11:11:09
11
Sommario
CAPITOLO 12. La rappresentazione del femminile nei piani e programmi
dazione europei per le pari opportunit e la non discriminazione . . 555
a cura di Silvia Niccolai
Introduzione. Tra strumentalizzazione e imprevisto: la politica delle donne nella
stagione dei piani e programmi dazione europei in materia di pari opportunit
e non discriminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 557
Silvia Niccolai
1. Lavoro e occupazione: legislazione e politiche dellUnione europea per la
parit tra uomini e donne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 563
Mariagrazia Rossilli
2. Il tempo delle donne nelle politiche di conciliazione: verso una
rilegittimazione di un modello sociale familistico? . . . . . . . . . . . . . 571
Alessandra Vincenti
3. Lincontro tra il pensiero femminista e i programmi europei: attraversamenti
e interpretazioni. Unesperienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 577
Simonetta De Fazi
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 11 03/05/2013 11:11:09
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 12 03/05/2013 11:11:09
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 13 03/05/2013 11:11:09
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 14 03/05/2013 11:11:09
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 15 03/05/2013 11:11:09
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 16 03/05/2013 11:11:09
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 17 03/05/2013 11:11:09
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 18 03/05/2013 11:11:09
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 19 03/05/2013 11:11:09
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 20 03/05/2013 11:11:09
La Societ Italiana delle Storiche, il futuro della
storia delle donne e di genere, le generazioni
Elisabetta Vezzosi
Quasi dieci anni fa veniva pubblicato un piccolo libro di grande signifcato per la
storiografa italiana, A che punto la storia delle donne in Italia
1
. Le parole della cura-
trice, Anna Rossi Doria, nella sua introduzione, rimangono in gran parte vere oggi:
da un lato, la fase della legittimazione e autolegittimazione scientifca della storia
delle donne ampiamente conclusa [] dallaltro lato, tuttaltro che raggiunto
il consenso della comunit accademica nei riguardi della storia delle donne e
quindi lintegrazione di questultima nel corpus della storiografa italiana
2
.
Dei processi che hanno accompagnato la nascita e levoluzione della storia
delle donne e di genere in Italia la Societ Italiana delle Storiche stata ed pro-
tagonista. Il ricchissimo V Congresso della Societ, che si tenuto a Napoli nel
gennaio 2010, ne prova.
Ero al mio primo anno di presidenza della SIS e calarmi nei panel, ascoltare
tante giovani e meno giovani studiose stato stimolante e grande motivo di fe-
rezza: la Societ esprimeva il meglio di s mostrando la crescita e la maturazione
scientifca di un campo di studi mai pienamente valorizzato dal punto di vista
accademico. Da quel momento alla fne della mia presidenza sono trascorsi ancora
due anni e mezzo, un tempo in cui sono state pensate, elaborate, organizzate, tante
1 Rossi Doria, A. (a cura di) A che punto la storia delle donne in Italia, Roma, Viella, 2003.
2 Ivi, p. 10. Della stessa autrice si veda anche Dare forma al silenzio. Scritti di storia politica delle donne,
Roma, Viella, 2007, cap. Didattica e ricerca nella storia e delle donne.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 21 03/05/2013 11:11:09
22
La Societ Italiana delle Storiche, il futuro della storia delle donne e di genere, le generazioni
iniziative, un tempo che stato anche di rifessione sul futuro della disciplina e sul
ruolo che la SIS potr rivestire nei prossimi anni.
In Italia, a circa quarantanni dal suo avvio, sconfortante constatare quanto
sia dif cile inserire la storia delle donne per non parlare di quella di genere
nella trama della narrazione storica complessiva
3
. Sebbene sia da tempo fuoriuscita
dalla sua nicchia, sebbene sia impensabile per molti/e studiosi/e trascurare com-
pletamente questa dimensione, il suo spazio appare spesso ancora interstiziale.
Il suo successo futuro si fonda sulla capacit di esportare il proprio patrimonio
intellettuale al di fuori degli studi specialistici e di intavolare un vero confronto
tra generazioni. Le giovani storiche mostrano legami pi febili con la politica
istituzionale, ma manifestano grande attenzione per il lintreccio corpo/sessualit/
politica/potere e per nuove discussioni teoriche
4
, un aspetto che la storiografa
italiana delle donne e di genere ha prevalentemente trascurato, preferendo dibat-
titi su categorie di importazione allelaborazione di originali strategie discorsive.
Si tratta dunque di continuare a cercar di risolvere lapparente opposizione
tra storia delle donne e storia di genere, tra oppressione e agency, tra esperienza
e discorso. Lagenda futura densa di impegni: insegnamento e ricerca che col-
leghino locale e globale; riconoscimento non solo delle diferenze tra donne ma
dellintersezionalit di genere, razza, etnia, classe, orientamento sessuale e nazione;
ridefnizioni teoriche; dialogo inter-generazionale.
Le energie, per raforzare una rifessione sul metodo, esistono gi: luoghi di
incontro, buone riviste tra cui la nostra rivista, Genesis una produzione scien-
tifca di rilievo. Si tratta di mettere in campo quelle energie con forza e decisione.
Sul piano accademico, le recenti riforme universitarie hanno reso irrealistico
un ampliamento degli insegnamenti di Womens and Gender History, che si sono
difusi (e che in alcune sedi ancora esistono) negli anni Novanta. Le famigerate
tabelle delle classi di laurea, unite al limite posto al numero degli esami hanno reso
sempre pi esile questi insegnamenti segnando una tendenza credo irreversibile.
anche vero, del resto che, se la storia delle donne e di genere acquisisse infne
pieno diritto di cittadinanza, il problema potrebbe autorisolversi perch non ci
sarebbe pi bisogno di insegnamenti specifci, compensatori, e defnizione che
le storiche, italiane e non, hanno sempre rifutato aggiuntivi.
3 Vedi, in tal senso, i risultati del convegno Una nuova storia politica? Il genere nella ricerca, Roma,
12-13 novembre 2009, organizzato da Dipartimento di Studi Internazionali dellUniversit di
Roma Tre, Societ Italiana delle Storiche, Societ Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea,
Giunta Centrale per gli Studi Storici.
4 Per un contributo alla discussione attuale sulla categoria di genere vedi Salvatici, S. (a cura di) Il
genere: unutile categoria di analisi per la storia delle donne?, in Contemporanea, XIII, 2, 2010, pp.
303-342.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 22 03/05/2013 11:11:09
23
Elisabetta Vezzosi
Abbiamo sbagliato in Italia, negli anni Ottanta, a non creare dipartimenti di
Womens Studies, rifutando il separatismo disciplinare? Dif cile fornire una risposta
che non tenga conto degli accesi dibattiti allora avvenuti su questo tema. Oggi for-
se la creazione di Centri Studi di genere, Osservatori di genere, etc., lattenzione al
terzo livello della formazione, che pu compensare e recuperare sul piano didattico
(lezioni, cicli di seminari e conferenze, gruppi tematici) le carenze presenti? Lattivit
pu essere intensifcata nel settore della scuola, dei curricula allinterno dei dottorati
di ricerca, della formazione long-life learning. Certo la difusissima condizione di
precariet tra le giovani storiche, a oggi quasi del tutto assente nelle ricognizioni e
ricerche disponibili
5
, non aiuta un rilancio della disciplina in ambito accademico
segnando un rilevante gap tra quantit e qualit della ricerca e legittimazione.
E il ruolo della SIS quale pu essere nellambito di questa rifessione sul fu-
turo? stato il seminario interno del giugno 2009, La SIS compie ventanni:
rifessioni sul passato, prospettive per il futuro
6
, a fornire le prime risposte, che il
Consiglio direttivo e le socie tutte avrebbero poi elaborato nel corso di assemblee
e incontri tematici. Dal seminario uscirono parole nuove, parole che aprono,
come disse Dianella Gagliardi. Che aprono a nuove occasioni, nuovi temi, nuove
azioni, nuovi confronti, nuovi comportamenti. Le riassumemmo cos:
raforzamento del legame tra ricerca e operare politico. Necessit di una rein-
venzione del linguaggio della politica;
identit della SIS, caratterizzata dallessere tra: tra ricerca e lavoro, tra appar-
tenenza disciplinare e politica, tra generazioni. Una pluralit di presenze che
ne fanno una societ professionale sfaccettata e un possibile nuovo laboratorio
di costruzione e condivisione;
valore e senso di appartenenza. La Societ come impegno intellettuale vissuto
collettivamente e non in solitudine;
intensifcazione della presenza pubblica scegliendo di volta in volta sui vari
temi gli interlocutori;
riconoscimento accademico-istituzionale e professionale;
individuazione di percorsi di ricerca mirati e raforzamento delle reti;
costruzione di opportunit per le nuove generazioni di studiose: di ricerca, di
insegnamento anche nellambito del long-life learning;
necessit di puntare sullinternazionalizzazione come leva di rilancio e sullau-
toimprenditorialit;
5 Vedi in questo senso le ricerche, i saggi e gli interventi a convegni di Schettini, L.Diversamente
storiche: una rifessione sulla condizione delle storiche nellet del precariato, in Genesis, X, 2, 2011,
pp. 179-197; relazione dal titolo Precariet, potere, appartenenza di genere, al Seminario annuale 2001
della Societ Italiana delle Storiche, Generazioni, Precariet, Leadership, Firenze, 17 giugno 2011.
6 Il seminario, tenutosi il 19-20 giugno 2009 a Firenze, era dedicato ad Annarita Buttafuoco.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 23 03/05/2013 11:11:09
24
La Societ Italiana delle Storiche, il futuro della storia delle donne e di genere, le generazioni
interdisciplinariet e capacit di dialogo in modo da coinvolgere in maniera
attiva, su temi signifcativi, altre associazioni di donne;
ripensare la storia delle donne e di genere nella scuola, nei curricula universi-
tari e nellambito delle scuole dottorali;
desiderio di autonomia e responsabilit da parte delle nuove generazioni ri-
spetto alla SIS. Intreccio di linguaggi nuovi e antichi (e a volte abusati).
Ascolto delle percezioni di futuro delle giovani studiose. Non trasmissione
tra generazioni ma circolazione di idee, prospettive, pensieri: donne-studiose
di generazioni diverse che posso essere compagne di pensiero, come ha scrit-
to Enrica Asquer.
Gli importanti seminari successivi hanno ampliato quelle parole, quelle idee:
Sguardi incrociati sul genere (giugno 2010), Generazioni/precariet/leadership (giu-
gno 2011).
Oggi la Societ Italiana delle Storiche in buona salute e piena di attivit. Su
quali aspetti dobbiamo, dunque, lavorare per superare alcune criticit: sulla re-
sponsabilizzazione delle socie, anche giovani, nellassumersi posizioni di leadership
di gruppi e progetti; sulla creazioni di reti fnanziate di ricerca che possano soste-
nere le giovani socie impedendo loro di allontanarsi dalla ricerca; sullinternazio-
nalizzazione; sullintensifcazione della nostra attivit nel settore della scuola, dei
dottorati di ricerca, della formazione long life learning, su una presenza pubblica
visibile su temi di volta in volta scelti.
Sono certa che riusciremo, la pubblicazione di questi volumi ringrazio Lau-
ra Guidi e Maria Rosaria Pelizzari per questo un forte segno di determinazione
a proseguire con energia il nostro lavoro.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 24 03/05/2013 11:11:09
Introduzione
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
Il V Congresso della Societ Italiana delle Storiche (SIS), svoltosi a Napoli nel gen-
naio 2010, ha riconfermato il carattere di appuntamento internazionale a scadenza
triennale, ampio e inclusivo, con cui la SIS, a partire dal 1995, ha inteso ofrire
unoccasione di visibilit a chi svolge ricerche nel campo degli studi storici di genere.
Giovani ricercatrici e ricercatori sono stati, infatti, inseriti nel programma accanto a
nomi di consolidato prestigio internazionale grazie alla formula di una molteplicit
di panel tematici af ancati dalle lezioni storiografche e metodologiche di alcune
protagoniste della Gender history nonch da una tavola rotonda su un tema indivi-
duato dalle organizzatrici come particolarmente signifcativo e attuale.
La formula che ha ispirato lorganizzazione del Congresso viene in parte ri-
prodotta dai volumi che presentiamo, bench questi non ne costituiscano una
pura riproduzione ma piuttosto una rielaborazione di gran parte dei lavori pre-
sentati nelle giornate napoletane. In continuit con le esperienze precedenti, il
Comitato scientifco, pur avendo, infatti, scelto e sollecitato la partecipazione di
studiose/i ritenuti di particolare signifcato per la Gender history, ha riconfermato
al tempo stesso una modalit organizzativa dal basso, che partiva dalle proposte
dei gruppi e delle/dei singoli che avevano risposto al call for panels. Dalle proposte
pervenute era emersa, infatti, una variegata ricchezza di temi e approcci scientifci,
che il Comitato scientifco, pur esercitando il suo compito di selezione e coordina-
mento, ha cercato quanto pi possibile di preservare. Il tema stesso del Congresso,
nella sua formulazione volutamente ampia e inclusiva, si limitava a indicare alcune
parole chiave che potessero agevolare comparazioni e proposte innovative, pur
nella grande diversit dei temi presentati. Quella delle frontiere del resto una
categoria ricorrente e, si potrebbe dire, fondativa nella Storia di genere, che si
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 25 03/05/2013 11:11:09
26
Introduzione
caratterizzata dal suo nascere per il continuo attraversamento e la decostruzione
di confni: quelli tra discipline, grazie alle fertili contaminazioni tra storia, scienze
socio-antropologiche, letteratura, scienze della salute, storia delle arti, psicoanalisi,
e cos via, nonch per le barriere e le opposizioni binarie codifcate nel linguaggio
e nelle categorie di analisi (tra pubblico e privato, natura e storia, Occidente e
societ altre, fno alla rappresentazione binaria delle stesse identit di genere,
o alla separazione dualistica tra soggetto e oggetto della ricerca). Nel riferirci alle
nuove frontiere intendevamo, quindi, aprire una serie di interrogativi e rifessioni
allinterno della nostra area di studi, ormai ricca di oltre trentanni di esperienze:
chiederci quali dei percorsi di ricerca delineati nelle prime fasi vengano oggi prose-
guiti e consolidati, quali siano gli elementi di pi singolare innovazione introdotti
negli ultimi anni, quali gli aspetti peculiari di questultimo congresso. Raccogliere
il contributo di nuove fonti e nuove chiavi interpretative su temi gi esplorati in
passato, e ofrire spazio a suggestioni, temi, prospettive pi radicalmente inediti.
Tra le frontiere valicate dagli studi qui presentati, si impone con chiarezza il supe-
ramento di una visione centrata sullOccidente, limite che appariva dif cilmente
superabile appena ventanni fa, come sottolineava nel 1991 la Storia delle donne
curata da Georges Duby e Michelle Perrot. Aree extra-occidentali come il Nor-
dafrica, il Medio Oriente e lAmerica Latina (cui si aggiungeva, al Congresso, il
panel, di grande interesse, sulla Cina, che purtroppo non stato possibile pubbli-
care) vengono indagate nella loro peculiarit ma anche nella molteplicit dei loro
legami con il mondo occidentale. Analogamente, lo studio dei fenomeni migratori
e delle minoranze ci restituisce una molteplicit di soggetti e la complessit delle
loro relazioni, e delle stesse societ occidentali.
Della categoria di genere il Congresso e questi volumi testimonia un pi
profondo radicamento negli studi storici rispetto alla fase precedente, per altro
indispensabile e fertile, della Storia delle donne (intesa come lemergere e il
divenire visibile di unattiva presenza femminile nella Storia e, al tempo stesso,
come rifessione sulla sua cancellazione o stereotipizzazione). Alcuni dei contri-
buti presentati in questi volumi adottano anche lapproccio della Mens History;
altri indagano la storia dellomosessualit e della transessualit, decostruendo una
visione binaria dellidentit di genere e sottolineandone il carattere di complessa
costruzione culturale e storica. Numerosi interventi esprimono laspirazione a una
rilettura/riscrittura della Storia, in cui la nuova visibilit di una presenza femmi-
nile, prima rimossa, costituisca solo il passaggio necessario verso una ricostruzione
complessiva della storia di donne e uomini, negli aspetti sociali e culturali come in
quelli economici e politici.
Nel pubblicare questi volumi abbiamo inteso, sulla scia del Congresso, of-
frire una visione panoramica e inclusiva di un grande cantiere di lavori, creare
unopportunit di contatto tra studiose/i e gruppi di ricerca, e in particolare tra
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 26 03/05/2013 11:11:09
27
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
le nuove leve della Storia di genere, ofrendo un potenziale punto di partenza
per ulteriori iniziative che, mettendo a fuoco temi specifci, possano rispondere
a esigenze di approfondimento degli stessi. Lopera, infatti, per la natura stessa di
questa iniziativa, non ha potuto accogliere lesposizione analitica delle singole ri-
cerche, limitandosi a ofrire rapide sintesi e suggestioni, da cui ci si augura possano
nascere interessi, curiosit, aggregazioni tra ricercatori. E che questi volumi siano
in grado di trasmettere la stessa energia che circolava a Napoli durante i tre giorni
del Congresso, fertili di idee, scoperte, proposte, contatti
7
.
La stessa, densa ricchezza di quelle giornate ci ha costrette a operare dei tagli
nel passaggio dal Congresso alla pubblicazione. In particolare, non stato possibi-
le pubblicare in questa sede gli interventi della tavola rotonda su La storia di genere
nel dialogo tra generazioni, che stata ricca di spunti di discussione e ha visto la
partecipazione al dibattito di molte giovani ricercatrici e studentesse. La relazione
introduttiva di Pauline Schmitt Pantel e Franoise Tbaud viene invece ripropo-
sta in una forma rielaborata e tradotta in italiano grazie alla preziosa collabora-
zione di Michle Benaiteau, che ringraziamo. Lanalisi delle interpretazioni e del
dibattito intorno alla categoria di genere in ambito storiografco viene proposta
da due studiose di alto proflo, unantichista e una contemporaneista, attraverso la
comparazione di studi francesi e angloamericani tra gli anni Novanta e il tempo
presente. La loro rifessione storiografca ben si presta ad aprire questa pubblica-
zione e a introdurne alcuni punti chiave sul piano metodologico e interpretativo.
Il testo di Marta Petrusewicz (elaborato a partire dalla lezione introduttiva
al secondo giorno), sul dibattito ottocentesco che sottoline lantagonismo tra
i tempi lenti e ciclici di Madame la Terre e laccelerazione spesso predatoria, di-
struttiva di equilibri sociali e contesti ambientali, impressa da Monsieur le Capital,
introduce una lettura di genere su temi quali la sostenibilit dello sviluppo e le
trasformazioni dellambiente, di evidente interesse attuale.
1. Genere e politica
I contributi riuniti in questa prima parte dellopera esprimono complessivamente
laspirazione a una rilettura dellintera storia politica alla luce del genere. Modelli,
identit, norme, confitti politici non sono ritenuti analizzabili e interpretabili
7 Questi Atti vedono la luce con un ritardo, dovuto al completamento di un lungo iter burocratico,
richiesto dalla valutazione e dallapprovazione dei materiali da parte di due commissioni scientifche
dellUniversit degli Studi di Salerno, che, essendo stata tra i fnanziatori del V Congresso SIS, si
assunta lonere, non indiferente, della pubblicazione nella sua Collana scientifca. Tra la consegna
del materiale alluf cio stampa, nel giugno 2011, e la pubblicazione, quindi passato oltre un anno,
per cui in alcuni casi la bibliografa potrebbe non comprendere opere uscite in questo periodo.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 27 03/05/2013 11:11:09
28
Introduzione
ef cacemente se si prescinde dal ruolo svoltovi dalle donne come soggetti attivi,
da un lato; dal ruolo simbolico svolto dal genere nel disegnare rappresentazioni e
teorie politiche, dallaltro.
il caso delle rappresentazioni della polis nella Grecia antica, destinate a con-
dizionare tutto il pensiero politico successivo. Miti potenti e indimenticabili come
quello della barbara Medea, infatti, pongono le fondamenta di coppie oppositi-
ve basilari per la confgurazione della polis: inclusione-esclusione, ordine-disordine,
cittadino-barbaro. Escluse dalla cittadinanza, le donne possono, paradossalmente,
divenirne il fattore di continuit: ad esempio, attraverso i matrimoni misti che se-
gnano le fasi di riconciliazione e rifondazione civile. Ma, avvertono le curatrici della
sezione (Claudia Montepaone e Gabriella Pironti), nel contesto della Grecia classica
il genere, inteso come la maniera in cui una societ costruisce i rapporti tra i sessi,
indissociabile dagli altri due sistemi di classifcazione propri della polis: quello che
distingue le diverse classi di et e quello che separa i cittadini dai non cittadini.
La dicotomia tra oikos e polis viene analizzata e decostruita anche nella sezione
coordinata da Linda Jauch, che sottolinea come solo considerando la continuit
tra relazioni familiari-dinastiche e sfera politica sia possibile cogliere la complessit
delle dinamiche tra dinastie, e degli sviluppi nelle relazioni interne alla coppia
reale, che disegnano la storia politica dellet moderna. Matrimoni, nascite, tra-
smissione di patrimoni rappresentano infatti momenti cruciali per la storia po-
litica del tempo. Nel pensiero politico dellepoca, daltra parte, famiglia e Stato
sono dimensioni entrambe basilari: per Bodin, in particolare, lanalisi della sfera
politica si sviluppa a partire da unattenta analisi delle relazioni di potere in ambito
familiare (the power of the husband over the woman is the source and origin of any
human society). Nel ribadire la continuit e linterdipendenza tra le due sfere, Bodin
consolida altres il principio della naturale e necessaria soggezione femminile, che dalla
sua opera risulta essere il pilastro su cui si regge lintero sistema sociale e politico.
Un folto gruppo di contributi riguarda i processi di costruzione nazionale
nellOttocento. Il flo rosso, che lega gli interventi della sezione coordinata da
Maria Luisa Betri, il tema degli spazi ottocenteschi di autonomia femminile,
insieme con laspirazione delle donne a coniugare diferenza e inclusione nella
comunit nazionale. NellOttocento le donne sono protagoniste di una sfera di
socialit e di opinione pubblica, distinta sia dalla dimensione domestica sia dalla
vera e propria sfera politica. Alla pedagogia nazionale prevalente dopo il 1860,
che confna le donne nel ruolo domestico, fa riscontro una cultura di dissenso dai
valori tradizionali, difusa in area repubblicana e garibaldina, e, nello stesso tem-
po, un modello di patria come collettivit eterogenea in cui anche la componente
femminile elemento basilare di una nuova vita democratica nazionale.
Anche i contributi della sezione coordinata da Rafaella Bianchi sottolineano
come tra il 1840 e il 1870 la produzione poetica, melodrammatica e pittorica ofra
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 28 03/05/2013 11:11:09
29
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
esempi di donne che non si limitano a incoraggiare uomini intimoriti o codardi,
ma li af ancano, o addirittura li superano in ardimento, dimostrando altrettanto
coraggio ed eroismo. Su queste presenze del patriottismo romantico, distanti dal-
la pedagogia nazional-patriottica dominante, prevarranno tuttavia fgure di donne
ricondotte entro i limiti di una femminilit pi convenzionale. Particolarmente sti-
molanti, su questo tema, le osservazioni di Simonetta Chiappini sulluso e i signif-
cati delle voci maschili e femminili nel teatro lirico del tempo, tempio del patriot-
tismo italiano, nellambito di una codifcazione nazionale delle identit di genere.
Il ruolo delle donne del Sud dItalia nella costruzione della nazione, lopinio-
ne femminile sulla nascente questione meridionale, una memorialistica femminile
del Risorgimento meridionale che al tempo steso storia privata e familiare e sto-
ria politica, sono al centro della sezione coordinata da Laura Guidi. Dalle ricerche
presentate emerge un patriottismo femminile di respiro cosmopolita, che si nutre
di letture, scritture, viaggi, conversazioni, corrispondenze. Il 1848 rappresenta il
momento di passaggio dalla dimensione del salotto, della conversazione colta, dei
dibattiti epistolari sulla vita ideale e la necessit di rinnovamento sociale, al pia-
no pi esplicitamente politico e militante, del quale le donne saranno protagoniste
al fanco degli uomini.
La sezione coordinata da Valentina Greco su genere, cittadinanza e politica
nellItalia contemporanea ripropone lipotesi che gli spazi di confne siano parti-
colarmente fertili per lanalisi della partecipazione politica femminile. Esperienze
al margine o del tutto escluse dalla narrazione pubblica, ma non per questo
irrilevanti. il caso della battaglia civile e democratica condotta da Olga Arcuno,
docente di Storia e Filosofa ed educatrice dei giovani a valori civili e democratici,
fondatrice di associazioni e riviste, tra fascismo e dopoguerra.
Su un versante culturalmente e politicamente opposto, la vicenda del MIF
apre squarci inediti sul ruolo attivo delle donne di destra nelle vicende del fasci-
smo italiano, nel periodo di transizione alla Repubblica e alla democrazia.
Le testimonianze autobiografche delle militanti di Lotta Continua rivelano
le dif colt e le contraddizioni nelle relazioni di genere allinterno del gruppo e
fanno luce sul controverso rapporto delle militanti con la violenza politica degli
anni Settanta.
Le fonti biografche si rivelano, in questa come in altre sezioni, preziose nella
trasmissione della memoria femminile, testimone in questo caso dellampliamen-
to dello spazio politico e della messa in discussione di quello privato che contrad-
distinsero i movimenti sociali politici e culturali di quegli anni. Emerge il nodo
problematico della violenza politica agita o comunque condivisa dalle donne, che nelle
loro testimonianze tendono a spostare il discorso dalla violenza agita a quella subi-
ta, culturalmente pi accettabile: la violenza agita dalle donne rappresenta tuttora
osserva la curatrice un nodo irrisolto della memoria collettiva.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 29 03/05/2013 11:11:09
30
Introduzione
LItalia degli anni Settanta del Novecento torna nella sezione coordinata da
Beatrice Pisa, da cui emerge limmagine di una fase storica che, nonostante i suoi
aspetti pi bui, si caratterizz per unintensa attivazione di energie positive, dando
vita a una fase di conquiste sociali, culturali e legislative che cambiarono il volto
della nostra societ.
Il femminismo perme gran parte di questi mutamenti: il caso delle inse-
gnanti che videro nella loro professione uno strumento per cambiare la societ
nella direzione di un empowerment femminile, cos come della svolta operata, a
partire dallo Statuto dei Lavoratori, nei diritti delle lavoratrici. Dal femminismo
nacque il radicale e libertario MLD, che svolse un ruolo rilevante nel dar voce e
respiro nazionale alle istanze femministe, ma che viene generalmente rimosso dalle
ricostruzioni storiografche. Il femminismo ebbe ripercussioni profonde anche sul
partito considerato baluardo della tradizionale defnizione dei rapporti di genere:
il movimento femminile della Democrazia Cristiana, infatti, fn dagli anni Ses-
santa esercit un ruolo di sollecitazione progressista su temi quali i rapporti con
la sinistra, la parit fra i coniugi, il divorzio. Le democristiane denunciarono la
scarsit di candidature femminili nelle liste del partito e limpossibilit delle donne
di accedere a posizioni di responsabilit al suo interno.
NellAmerica Latina del Novecento, su cui indaga la sezione coordinata da Maria
Rosaria Stabili, le donne sono veicoli di modernit e laicit, in contrasto con lo stere-
otipo nazionalista che identifca la donna con la funzione materna, luomo con quella
militare, in un contesto segnato dal patriarcato e da un maschilismo che produce
violenze eferate nei confronti delle donne. Eppure la presenza attiva e riconosciuta
delle donne in molti ambiti della vita pubblica rappresenta uno degli elementi pi
signifcativi di rinnovamento in quellarea nellultimo scorcio del secolo scorso e nei
primi anni dellattuale. La seconda ondata del femminismo, negli anni Settanta, si
sviluppa in America Latina contemporaneamente al movimento per i diritti umani,
la cui leadership quasi tutta femminile. Giovani donne dalla formazione cosmopo-
lita, tornate dallestero nei Paesi di provenienza, cominciano a nominare questioni
quali la sessualit, gli abusi sessuali, la violenza domestica, lautonomia del corpo fem-
minile, la femminilizzazione della povert, indicandole come questioni nodali della
costruzione democratica dei loro Paesi. Nascono movimenti politici femminili che
utilizzano abilit e competenze proprie della sfera femminile, in particolare nelle mo-
dalit di socializzazione. Le Madri di Piazza di Maggio, in Argentina, sono un chiaro
esempio di come ruoli squisitamente femminili possano acquisire un nuovo signif-
cato politico e sociale. Negli ultimi anni molte donne ricoprono la carica di sindaco
nelle capitali e in importanti citt dellarea; cinque sono state elette presidenti della
Repubblica. Si sono imposte, nella maggior parte dei casi, grazie al loro radicamento
nella societ e non per designazioni avvenute dalle segreterie dei partiti, contribuendo
anche sotto questo aspetto a un signifcativo rinnovamento della politica.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 30 03/05/2013 11:11:09
31
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
Larea MENA (Middle East and North Africa) oggetto degli interventi co-
ordinati da Anna Maria Di Tolla ed Ersilia Francesca, che illustrano le dinamiche
di genere nellambito delle trasformazioni economiche e politiche degli ultimi
decenni sul piano delle relazioni familiari, dellinfuenza del fondamentalismo
islamico, delle politiche governative, del lavoro, delle migrazioni. Il mondo fem-
minile islamico elabora, di fronte alle sfde della globalizzazione, risposte che lo
pongono oltre una semplice condizione di subordinazione. Se, da un lato, luso
strumentale dellIslam e della tradizione patriarcale tende a perpetuare un ordine
sociale discriminatorio, le tradizioni berbere, cos come il femminismo islamico,
suggeriscono esiti diversi. Senza dubbio, poi, modernizzazione e globalizzazio-
ne infuenzano le dinamiche di genere in area MENA, determinando da un lato
una concezione pi avanzata dei diritti politici, sociali ed economici delle donne,
dallaltro producendo nuove e pi sottili discriminazioni. Occorre dunque andare
oltre le categorie di tradizione e modernizzazione per analizzare la complessit
dei fenomeni di mutamento in atto.
La sezione coordinata da Lucia Valenzi presenta alcuni casi di iniziativa socia-
le e politica femminile nella Tunisia tra le due guerre. Il caso delle Suore Bianche,
attive nel Paese sin dallinizio del XX secolo, si presta alla rifessione sulluso stru-
mentale di temi di genere da parte dei colonizzatori: gli stessi funzionari coloniali
che cercano di accreditare unimmagine di s come liberatori delle donne dei
paesi coloniali, infatti, sono oppressori delle donne appartenenti alla propria
cultura. Cos lazione emancipatrice svolta dalle Suore Bianche nei confronti delle
tunisine viene contraddetta dalla loro condizione di subordinazione rispetto alla
branca maschile della congregazione.
Gli altri casi analizzati riguardano donne attive in quel laboratorio politico che
nella Tunisia degli anni Trenta e Quaranta prese forma dalliniziativa di antifascisti e
anticolonialisti di diverse nazionalit: donne e uomini francesi, italiani, arabi.
Nel piccolo ma agguerrito partito comunista le donne non sono moltissime,
ma svolgono un ruolo signifcativo. Alcune di esse, di origine italiana, raggiunge-
ranno altra riva del Mediterraneo nel dopoguerra, portandovi la forza del loro
spirito combattivo, dellironia e dellottimismo grazie al quale avevano superato le
prove del carcere, della clandestinit e della guerra.
Il complesso rapporto fra identit di genere e identit nazionale nello scenario
del confitto israelo-palestinese il nodo con cui si confrontano le studiose che par-
tecipano alla sezione coordinata da Maura Palazzi. Due sono i temi principali. Il pri-
mo riguarda lattivit delle donne in associazioni femminili/femministe per la pace:
la possibilit di interazione positiva fra lesperienza dei gruppi misti di israeliane e
palestinesi, come il Jerusalem Link; la prospettiva One State di soluzione del confit-
to, riproposta dopo il fallimento degli accordi di Oslo; la storia di Machsom Watch,
fondata da israeliane per il monitoraggio dei check point installati in Cisgiordania.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 31 03/05/2013 11:11:09
32
Introduzione
Il secondo tema riguarda le rappresentazioni delle donne palestinesi e israelia-
ne proposte allinterno delle comunit nazionali di appartenenza. Sui manuali sco-
lastici di Cisgiordania e Gaza, pubblicati a cura dellautorit palestinese, il coin-
volgimento delle donne nella sfera pubblica provocato dalloccupazione , seppur
valorizzato, interpretato come estensione di ruoli tradizionali; mentre, in merito
alle opere di letterati e cineasti israeliani come David Grossman e Avi Mograbi,
Raya Cohen osserva che, anche quando rappresentano madri o mogli che critica-
no i loro uomini per la partecipazione a crimini di guerra, gli autori (maschi) non
riescono a immaginarle impegnate nella creazione di spazi politici alternativi.
La sezione curata da Silvia Niccolai esplora i rapporti tra i movimenti e la
cultura femministi e le politiche europee per le pari opportunit uomo-donna.
Tali politiche hanno prodotto lacquisizione di competenze europee verso materie
non direttamente riconducibili al mercato (come lambiente, la salute, la ricerca).
Sono state cos promosse iniziative europee contro la violenza di genere e per la
salute delle donne. Gli interventi di questa sezione si interrogano sullinfuenza
che la cultura femminista, a partire dagli anni Sessanta e Settanta, ha esercitato sui
contenuti, sul linguaggio e sulle modalit di intervento delle istituzioni europee.
La presa in carico istituzionale di temi risalenti al movimento femminista ha, a sua
volta, inciso sui percorsi del femminismo in Europa. Viene sottolineata, infne, la
perdita di ef cacia delle iniziative quando queste hanno stemperato le azioni per le
donne nel pi ampio quadro di una politica sociale europea, troppo spesso rivolta
prioritariamente a salvaguardare gli interessi del sistema economico.
2. Spazi, ruoli, poteri
In questa parte dellopera, pur nella variegata diversit dei contesti indagati,
possibile individuare alcuni elementi ricorrenti che ofrono spunti di rifessione e
comparazione. Innanzitutto colpisce la fuidit delle relazioni sociali concrete e dei
percorsi individuali, il loro dinamismo nei diversi contesti analizzati, rispetto alla
rigidit delle norme astratte nel defnire spazi, ruoli, modelli identitari di genere.
Gli spazi delle donne analizzati sono fsici e simbolici a un tempo, marcati dal
potere e dal prestigio femminile: il caso delle sepolture agli albori dellet storica,
che attraverso la disposizione spaziale e i corredi testimoniano prestigio e ruoli di
donne, uomini, bambini; quello del controllo di territori politicamente strategici
da parte delle regine medioevali; quello degli spazi domestici contrassegnati da
oggetti densi di signifcato; quello dei salotti ebraici berlinesi, luoghi peculiari di
integrazione tra culture. Gli spazi fsici, culturali, sociali vengono attraversati e
riattraversati nelle complesse strategie delle donne migranti. Gli spazi fsici e sim-
bolici costituiscono mappe di relazioni tra i gruppi maggioritari e le minoranze
di un determinato contesto, defnendo rapporti nei quali il genere costituisce un
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 32 03/05/2013 11:11:09
33
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
elemento di ulteriore diferenziazione nellambito delle diferenze tra gruppi etnici
o religiosi.
Sugli spazi fsici e metaforici si costruiscono ruoli e poteri, si defnisce lac-
cesso a risorse materiali o simboliche: dai patrimoni, al lavoro, ai diritti sociali.
Lanalisi degli spazi e dei ruoli occupati dalle donne nei diversi contesti criminali
italiani, infne, vede la rigidit degli antichi codici donore cedere il passo a forme
diverse di adattamento alla modernit globalizzata e a peculiari forme di eman-
cipazione femminile.
La prospettiva archeologica si rivela preziosa per lo studio delle origini e dei
primi sviluppi delle diseguaglianze sociali, obiettivo per il quale le categorie di
genere, et ed etnia devono essere incrociate con quelle riferite alla diseguaglianza
nellacceso alle risorse, defnibile, fn dal nascere di societ complesse, in termini
di rango o classe. Esempio del signifcativo contributo che, in tempi recenti,
larcheologia italiana ha iniziato a dare agli studi di genere, la sezione coordinata
da Mariassunta Cuozzo e Alessandro Guidi indaga sulle diferenze di genere, et e
appartenenza etnica desumibili dallo studio dei contesti funerari dellarea tirreni-
ca, tra la fne dellet del bronzo e linizio dellet storica.
Tra il nono e il decimo secolo, in Nord-Italia e in Germania, complessi appa-
rati normativi defniscono la qualit dei beni dotali delle regine e la loro disponibi-
lit libera o vincolata. I contributi coordinati da Lazzari illustrano come detenere
parti del patrimonio pubblico includesse inevitabilmente la regina anche nella
gestione in prima persona del potere politico e fanno emergere il valore strategico
di questi beni ai fni del controllo di ampie porzioni delle risorse dei regni, il cui
signifcato va ben oltre quello di un semplice valore privato e familiare.
Gli spazi delle donne allinterno di alcune minoranze vengono analizzati
nella sezione coordinata da Alessandra Veronese, che sottolinea linadeguata atten-
zione storiografca su questo tema. Le minoranze indagate dai diversi contributi
sono religiose, razziali, etniche, domestiche: ebrei, zingari, stranieri, schiavi. Viene
analizzata la posizione delle schiave che vivono a Genova tra Medio Evo e Rinasci-
mento: intimate stranger il cui corpo viene sfruttato e mercifcato. Sono indagati
rapporti e socialit nella composita popolazione di straniere esistente a Roma tra
XV e VI secolo. Viene analizzata la condizione delle zingare nel Sud dItalia e
quella delle ebree convertite a Firenze nella prima et moderna e infne la vita delle
ebree di Trieste tra XIX e XX secolo.
Le domande che scaturiscono dallinsieme di questa sezione riguardano il for-
marsi dellidentit di queste donne, le implicazioni dellappartenenza a religioni di-
verse da quella cattolica, la loro infuenza nellambito dei gruppi di appartenenza, il
loro rapporto sia col mondo maschile che con le donne dei gruppi dominanti.
Alcuni di questi temi ritornano nella sezione di Paola Ferruta, Anna Dorothea
Ludewig e Hannah Lotte Lund che esplora immagini e concetti di marranismo
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 33 03/05/2013 11:11:09
34
Introduzione
nei secoli XIX e XX: si intende con questo termine unassimilazione a un sistema
religioso che continua a coesistere con leredit culturale ebraica senza eclissarla;
un fenomeno di sconfnamento, di trasgressione di confni morali e materiali. Alle
donne ebree consentito ci che quasi impossibile per gli uomini: collocarsi al
confne tra due mondi, vivere una condizione di travestimento metaforico, sacri-
fcare la propria stessa identit a vantaggio della propria comunit. La Bibbia stessa
ofre loro larchetipo di Ester, intermediaria tra il mondo ebraico e i non-ebrei.
Il tema del lavoro femminile, riferito soprattutto allItalia del Novecento,
al centro della sezione coordinata da Gloria Chianese. NellItalia contemporanea
esso caratterizzato da una discontinuit occupazionale e da una mancanza di
tutele che sono propri e della societ postindustriale. Pertanto le culture e le pra-
tiche lavorative delle donne vanno scandagliate in profondit, attraverso percorsi
di ricerca specifci, che ne evidenzino le relazioni con lambito familiare cos come
il rapporto con la dimensione pubblica. Ridare voce alle lavoratrici del passato
soggetto collettivo sommerso superando rimozioni e censure il progetto
ambizioso di questo gruppo di ricercatrici.
Si sottolinea il contributo cospicuo alla costruzione della cittadinanza decli-
nata in primo luogo come acquisizione dei diritti sociali prodotto dalle organiz-
zazioni femminili interne al mondo sindacale. Negli anni Cinquanta incomincia-
va a emergere il tema della doppia fatica delle donne e la necessit di difendere
la vita della lavoratrice nei due aspetti della fabbrica e della casa, messa in luce
soprattutto dallUDI: da qui le prime rivendicazioni di servizi sociali atti ad alle-
viare le fatiche imposte dalla sfera riproduttiva.
Al tema del lavoro si collega fortemente quello delle migrazioni femminili nel
XX secolo. I contributi coordinati da Maria Rosaria De Rosa sottolineano come la
migrazione vada analizzata nella maggior parte dei casi non come decisione defnitiva,
ma come segmento entro percorsi complessi, che vedono ritorni e relazioni forti con i
contesti di origine. Flessibile e imprevedibile, il ruolo delle migranti non pu essere ri-
dotto a un fenomeno gregario e mette in atto una molteplicit di strategie individuali
nel creare relazioni sia interne che esterne al gruppo etnico nei luoghi di approdo. Re-
lazioni con il vicinato nei luoghi di immigrazione, uso del denaro, progetti di ritorno
e clandestinit tracciano alcuni dei percorsi di ricerca di questa sezione.
Oggetti quotidiani come espressione di pratiche culturali individuali e fami-
liari, cose che impersonano valori, signifcati, emozioni, memorie, tradizioni
familiari: questo il tema della sezione tra storia, sociologia e antropologia co-
ordinata da Laura Savelli, che fa degli oggetti domestici un punto di osservazione
sulla societ italiana del dopoguerra e i suoi cambiamenti. Attraverso gli oggetti,
individui e famiglie defniscono spazi di lavoro e domesticit, memorie e identit.
Sul piano della distribuzione, del consumo, delle pratiche di dono, gli oggetti svol-
gono un ruolo signifcativo nelle strategie di distinzione sociale, diferenziandosi
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 34 03/05/2013 11:11:09
35
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
in relazione al genere, alla classe di et, allo status socio-culturale. I cambiamenti
nelle pratiche di acquisizione e uso degli oggetti ofrono pertanto numerosi spunti
per lo studio dei mutamenti socio-antropologici nella societ contemporanea.
Nella sezione coordinata da Gabriella Gribaudi e Marcella Marmo la prospet-
tiva di genere viene applicata allo studio delle organizzazioni criminali. Il tema
delle donne al loro interno si misura con nodi cruciali quali il rapporto fra genere
e violenza, fra tradizione e modernit, la gerarchia interna alle organizzazioni e la
sopravvivenza, o il mutare, di antichi codici donore. Attraverso storie di donne
appartenenti a Mafa, Camorra, Ndrangheta e Sacra Corona Unita, tra il XIX
secolo e i nostri giorni, si analizzano le relazioni tra singole donne e gruppi di
appartenenza, le trasformazioni di pratiche antiche e le forme di adattamento alla
societ globale. I ruoli di potere e talora di comando ricoperti dalle donne, in par-
ticolare negli ultimi decenni, richiedono chiavi interpretative distinte da quella di
emancipazione propria della storia del femminismo borghese, che fa riferimento
allindividuazione della persona a fronte di ruoli cogenti, e alladesione a valori di
liberazione.
Nelle storie di vita analizzate, al contrario, lacquisizione di potere non cor-
risponde a una conquista di indipendenza individuale: la dimensione degli afetti
si sovrappone e si confonde con quella degli afari in una ragnatela inestricabi-
le, mentre a donne e uomini richiesta una solidariet tendenzialmente assoluta
allinterno del gruppo, cui deve corrispondere laggressivit analogamente assoluta
allesterno.
3. Immaginari e linguaggi
Nella terza e quarta parte delle Nuove frontiere il discorso si soferma, con un oc-
chio accentuatamente interdisciplinare, su alcuni aspetti che completano il quadro
fn qui delineato. Aspetti che si sviluppano allinterno di due sezioni tematiche,
strettamente legate tra di loro, con ampio spazio dedicato alle scritture biograf-
che e alla narrazione: Immaginari e linguaggi e Il corpo: discorsi e pratiche.
Creativit, soggettivit, ricerca di libert ma anche percorsi di adattamento alle
culture dominanti emergono da questa parte del volume, in cui, in modo partico-
lare, le arti della scena (danza, teatro, cinema) sono indagate attraverso un angolo
visuale che parte dal basso esplorando il ruolo delle spettatrici nellinfuenzare,
condizionare o promuovere determinate arti sceniche. Limmaginario o meglio
gli immaginari il plurale dobbligo in un discorso che segue s linee verticali e
orizzontali ma spesso attraversato diagonalmente da vicende e fenomeni sociali
e culturali sono analizzati a partire da unindagine di tipo semiotico che mira a
chiarire e decodifcare i segni con i quali essi si manifestano, sia nel campo della
formazione e dei sentimenti, che in quello legato al corpo e al suo lessico. Se
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 35 03/05/2013 11:11:09
36
Introduzione
oggi, di fronte a un mondo sempre pi multiculturale, si discute, con rinnova-
to interesse, sul concetto di cultura, analogamente, laspetto culturale assume
un particolare interesse nellanalisi di altri contesti ed epoche storiche. proprio
quanto emerge dai saggi del gruppo, coordinato da Monica Ferrari, sulleduca-
zione delllite femminile tra tardo Medioevo e prima et moderna, che prova a
declinare al femminile il tema della cultura per e di un dato gruppo di soggetti del
sociale che non sempre ha trovato spazio di espressione e memoria. La rifessione
si concentra soprattutto sulle peculiarit delleducazione al femminile nelle corti
europee per rifettere, non solo sui luoghi e sui tempi, ma anche sui segnidi une-
ducazione dlite che si confronta con stereotipi e con immagini di s, nel gioco
dei rimandi con le immagini degli altri. Linteresse si focalizza sui discorsi teorici
e sulle realizzazioni di modelli di formazione e processi educativi volti a plasmare
e collocare, in modo particolare, la principessa o la nobildonna nel ruolo a essa
spettante nella societ.
Emergono pertanto dal silenzio voci di donne che hanno scritto o, pi silen-
ziosamente, hanno lavorato per educare le fglie (e i fgli) dei Grandi. E proprio
sulleducazione dei Grandi, molti sono gli interrogativi ancora aperti data la molte-
plicit di fonti, di diferente tipologia, di cui si pu disporre: dalliconografa, alla
precettistica, alla memorialistica. Leducazione delle principesse e delle nobildonne
si rivela pertanto un tema suscettibile di diferenti approcci, in cui la proposta cultu-
rale e pedagogica si intreccia, nello stesso milieu, per confronti e comparazioni, con
quella riservata ad altre fgure sociali. Attualmente, negli studi, sempre pi forenti,
almeno a partire dalla fne degli anni Ottanta del secolo scorso, sulla formazione
delle principesse e sul loro ruolo culturale nelle corti europee, si sta ormai superando
progressivamente una storia fatta di medaglioni di donne illustri e di biografe esem-
plari, tipica della prima met del Novecento sulla scorta dellantica tradizione delle
clare donne e delle femmes forte. Si nota, in primo luogo, un attento uso delle fonti,
al fne di cogliere, oltre che la specifcit della cultura per le donne, anche la proposta
culturale al femminile nelle corti europee, intrecciando alle questioni famigliari, di-
nastiche e politiche pi vaste, anche la prospettiva della storia di genere. Si sta, infat-
ti, arricchendo, sempre di pi, una produzione storiografca e una letteratura che ha
assegnato per molto tempo centralit soprattutto ai maschi della casata, occupandosi
solo marginalmente delle loro fglie, mogli, madri e sorelle nellambito di romanzi o
di biografe che sapessero dare rilievo alla vita delle corti.
Sul flo dei sentimenti, con particolare riferimento allambito famigliare, si
dipana la sezione dedicata alla memoria sovversiva, in cui si analizzano tracce e
trame di vita afettiva: dal legame di sangue tra genitori e fgli, alle dinamiche
afettive e relazionali nei ruoli coniugali e genitoriali, ai confitti, i silenzi, le morti-
fcazioni, le inadeguatezze, le illusioni amorose, nel rapporto tra passione e pacato
amore coniugale. Un discorso che viene inserito nel quadro della storia delledu-
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 36 03/05/2013 11:11:09
37
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
cazione, cos come si venuta confgurando a partire dagli anni Sessanta del secolo
scorso, in cui si afermata una maggiore laicizzazione del pensiero pedagogico,
con gli innesti, in primo luogo, di altre discipline umanistico-scientifche, e grazie
ai nuovi scenari della storia sociale. Lutilizzo della categoria di genere, nonch la
disamina di fonti di diversa tipologia, con un attento studio flologico delle fonti
letterarie, ha fatto s che, come rileva Maria Cristina Leuzzi, proprio in quegli
anni fosse dato respiro alla storia delleducazione tanto da rendere possibile il di-
svelamento di questambito privato a vantaggio di un rapporto il pi possibile
bilanciato tra natura e cultura. Attraverso lanalisi delle scritture dellio si deli-
nea, in realt, la trasformazione delle relazioni famigliari: dal modello gerarchico-
autoritario a quello intimo-afettivo. Rispetto ai vissuti sentimentali, come rileva
Francesca Borruso, lobiettivo quello di sottrarre alloscurit dei silenzi sociali
le tracce di vita relative allimpalpabile soglia del privato, le quali possono confer-
mare o meno il modello educativo dominante che in Occidente, fra Sette e Otto-
cento, ha determinato leducazione sentimentale di uomini e donne. In proposito,
si rivela particolarmente interessante la disamina di quegli scritti che testimoniano
lo strappo esistente tra la cultura imposta e i desideri individuali.
Tra realt storica e rappresentazione letteraria si muovono i Ritratti fem-
minili della sezione curata da Annamaria Laserra che si propone di indagare il
ruolo di alcune Signore di Signori che hanno animato la scena storica in diverse
epoche, luoghi e circostanze. Si tratta di protagoniste, che in genere hanno eser-
citato il potere allombra di Grandi uomini. I loro profli sono contraddistinti
dalleterogeneit spazio-temporale delle coordinate delle loro esistenze (svoltesi
tra Europa, Africa e Americhe tra la fne del XV e la prima met del XX secolo),
a cui si aggiunge la variet dello stato sociale, del ruolo da esse svolto nelle loro
rispettive epoche, e, principalmente, delle loro personalit. Il flo che le unisce
uno: per nascita o per acquisizione, esse hanno condiviso la sorte di vivere accanto
a riconosciuti Grandi della Storia e di partecipare alla loro vicenda personale e
politica esprimendo, ciascuna a suo modo, la propria personalit. La problematica
identitaria trova in genere una delle sue pi profonde espressioni se interrogata
a partire dallimmaginario simbolico: perci le studiose e gli studiosi del gruppo
hanno cercato di interrogare queste protagoniste a partire dalla scrittura epistolare
e da scritti a sfondo autobiografco dei loro Signori (epistolario coniugale di Abi-
gail Adams, poema dedicato da Garibaldi ad Anita e da Lopold Senghor a sua
moglie Colette), ma anche dal loro modo di vivere e interpretare la cultura del
tempo (letteratura forita intorno a Germaine de Foix, documentazioni intorno
alle nuove forme teatrali studiate dalla regina Anna). Emergono nel complesso
vivaci ritratti che si muovono tra strategie diplomatiche, passioni e sentimenti
individuali, le cui vicende esistenziali ci introducono alla sezione seguente, quella
curata da Luisa Tasca, incentrata su Individui e sentimenti, che focalizza latten-
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 37 03/05/2013 11:11:10
38
Introduzione
zione sulla centralit dellindividuo emotivo e narratore invece che sullindividuo
razionale, attraverso alcuni case study a cavallo tra Otto-e Novecento.
Sentimenti, relazioni afettive, emozioni, analizzate attraverso tipologie di-
verse di scritture dellio (epistolari, diari, autobiografe, biografe), pongono in
primo piano limportanza dellindividuo, con la sua vita, le sue relazioni famigliari
e sociali, il suo mondo afettivo privato: ne derivano alcune questioni importanti
di tipo metodologico e storiografco in senso ampio, sulle quali si interrogano in
modi diversi gli interventi della sezione. Nel corso di gran parte del Novecento,
come sottolinea Luisa Tasca, la storiografa ha messo al centro del proprio interesse
i gruppi sociali (la borghesia, la classe operaia, laristocrazia), immaginandoli
come unit coerenti nel modo di sentire, pensare e agire, in cui lindividuo si ri-
specchiava in toto. Ponendo, pertanto, lattenzione ai tempi lunghi, non biograf-
ci, gli storici hanno perlopi oltrepassato la vita individuale, ritenendola superfua
e ininfuente rispetto ai fenomeni macroscopici della storia sociale ed economica,
che si giocavano sul lungo periodo. Negli ultimi decenni, invece, la storiografa ha
riscoperto un metodo di studio del passato che valorizza la dimensione individuale
e biografca. Lattenzione degli storici si quindi spostata, grazie agli apporti della
storia orale, della storia delle donne e degli studi sulla cultura popolare, anche sulle
biografe e le testimonianze individuali, mettendo al centro gli individui nellin-
treccio delle loro relazioni pubbliche e private. Di questo interesse testimoniano
i saggi della sezione, che spaziano dalle scritture conservate nellarchivio Cala-
mandrei-Regard, agli scritti di Angelo de Gubernatis (autobiografa, epistolario e
diario), alla corrispondenza tra Adelaide Dore Pintor alla famiglia, fno alle rela-
zioni afettive tra sorelle, indagate attraverso la biografa di Vanessa Bell e Virgina
Woolf, e quella delle sorelle Bront.
Dallindagine sui sentimenti individuali, in particolare allinterno delle rela-
zioni famigliari, lette attingendo a diferenti scritture dellio, oltre che alla rappre-
sentazione letteraria, linteresse si sposta, con le sezioni curate da Annamaria Cec-
coni, Susanne Franco e Monica DallAsta, alle arti della scena con cui si chiude la
parte dedicata, nello specifco, agli immaginari e ai loro linguaggi. Il tema dei sen-
timenti tuttavia non si esaurisce, ritorna infatti nella sezione sul Genere del pub-
blico: gli studi di caso presentati si sofermano, in un arco temporale dal XVIII
al XX secolo, su temi che spaziano dalla funzione di modello di una grammatica
dei sentimenti, che il palcoscenico ha proposto, alla formazione di un pubblico
femminile dellopera lirica, dallintenzionalit delle grandi attrici del XIX secolo
nel costruire le loro spettatrici al rapporto tra teatro delle donne e pubblico nel
neofemminismo. I saggi propongono anche una selezione di varie tipologie di
fonti documentarie, (giornali, recensioni, lettere, atti processuali), guidata dallo
sforzo di suggerire strumenti per una nuova area di ricerca. Lobiettivo dichiarato
, tra gli altri, una prima ricognizione delle questioni di carattere teorico e meto-
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 38 03/05/2013 11:11:10
39
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
dologico. Largomento si presenta degno di rilievo per pi settori disciplinari. La
storia culturale ha, in realt, rivolto il suo interesse alla presenza femminile negli
spazi pubblici e della cultura, mentre le storie del teatro e dellopera hanno ulte-
riormente indagato il doppio legame comunicativo tra palcoscenico e pubblico.
Le studiose femministe del teatro, della danza, dellopera lirica hanno fnora
lavorato, come sottolinea Cecconi, su questo legame prevalentemente dal punto
di vista dellemittente verso la platea. Al contrario, le ricerche di Mariani, Masca-
ri e Plebani, puntano il loro sguardo nella direzione opposta: dalla platea verso
la scena. La sezione si rivela pertanto originale anche se la dif colt maggiore
dellimpresa rappresentata, in fondo, dal rischio di considerare il pubblico fem-
minile unentit omogenea, sia sul piano sociologico, culturale e dei diversi gradi
di competenza teatrale, che su quello soggettivo delle emozioni, e quindi della
risposta individuale a quanto il palcoscenico difonde.
Rimanendo nellambito delle arti della scena, il gruppo di studio, coordinato
da Susanne Franco, rifette, come si accennato, sugli immaginari corporei e le
rappresentazioni di genere tra danza, scrittura e societ, sofermandosi, sia sugli
stereotipi di genere che sulla suddivisione dei ruoli nella danza. I saggi presentati
sono il prodotto di ricerche condotte da studiose di danza attive tra Italia e Francia
e appartenenti a diverse generazioni. Afrontando in particolare gli immaginari
corporei e le rappresentazioni di genere, esse propongono lanalisi di casi appar-
tenenti a epoche e contesti culturali eterogenei, che proprio per questa estensione
temporale e geografca danno la misura della potenzialit di nuovi sguardi per lo
studio della danza. Agli occhi dello storico, dunque, la danza si rivela, come sotto-
linea Franco, un osservatorio particolarmente stimolante per comprendere aspetti
meno noti degli immaginari sociali che con le loro utopie e le loro angosce, come
la paura della disintegrazione dellordine morale, sessuale o sanitario, hanno nutri-
to le nostre idee su come si , si diventa o si percepiti in quanto uomini e donne.
Dal pubblico del teatro alle pioniere del cinema muto: nei saggi del gruppo
coordinato da Monica DallAsta si apprende, non senza una certa sorpresa, la no-
tizia di centinaia di cineaste nella fase artigianale del cinema, tra gli anni Trenta e
Quaranta, in una dimensione transnazionale. Eppure, solo recentemente la storia
del cinema ha iniziato a incrociare i suoi percorsi con la storia delle donne. Si pensi
che, ancora oggi, i pi autorevoli repertori biografci riservano di solito un po di
spazio alle donne, ma solo in quanto attrici, mentre appena una piccola quantit di
nomi femminili spunta quasi casualmente nei volumi dedicati ai registi. In genere,
la storia del cinema ha considerato la creativit e liniziativa femminile quali variabili
senza importanza per il destino artistico, economico e industriale del cinema. Ci
ha prodotto una visione del cinema mutilata, come costruzione tutta maschile, dove
il femminile ha spazio solo nella misura in cui si presta a farsi oggetto di sguardo
sullo schermo. La ricerca sulle pioniere, in linea con la storiografa cinematografca
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 39 03/05/2013 11:11:10
40
Introduzione
post-Brighton, si inoltre allontanata dalla celebrazione dei cosiddetti grandi flm
di maggior valore estetico e commerciale, adottata dalla storiografa tradizionale,
e ha ottenuto un vero superamento della concezione omosociale dei luoghi della
produzione. Non solo le registe, sottolinea DallAsta, ma tutte le donne che abbiano
fatto qualcosa per il cinema, in una parola le cineaste, sono diventate in questi saggi
loggetto di un discorso teso a illuminare il contributo di fgure normalmente trascu-
rate, ma non certo ininfuenti per i processi produttivi. Si noti, inoltre, che, bench
lindagine abbia escluso in prima battuta le attrici, questa visione del cinema come
sfera pubblica abitata da donne, oltre che da uomini, promuove una nuova valoriz-
zazione anche di tali fgure. Infatti, non solo la ricerca ha rivelato che molte donne,
considerate a lungo solo attrici, furono invece anche registe, produttrici, sceneggia-
trici e, in alcuni casi, perfno montatrici dei loro flm, ma ha mostrato anche che la
considerazione del processo produttivo come spazio relazionale e di negoziazione tra
soggettivit diferenti pu fruttare unidea pi complessa dello stesso ruolo attoriale,
interrogando i margini della sua possibile partecipazione nelle scelte di regia.
Limpostazione seriale della ricerca facilita, inoltre, il confronto tra casi indivi-
duali con lobbiettivo di indagare, non solo la vita delle donne studiate in relazio-
ne al loro rapporto con il cinema delle origini, ma piuttosto la stessa condizione
femminile nei diversi contesti territoriali, locali e nazionali di riferimento, cos da
fornire la base per una comparazione sul piano globale. In questo senso, le autrici
presentano i loro saggi come tasselli di un mosaico pi ampio, tuttora in feri,
che intende restituire unimmagine complessa dellesperienza femminile nei primi
decenni del secolo scorso. Lambizione del lavoro del gruppo di ricerca, attivo dal
2007, , dunque, quello di fornire un primo, parziale contributo della storia del
cinema alla storia delle donne nel nostro Paese.
4. Il corpo: discorsi e pratiche
Trascurato sino a tempi recenti, il tema del corpo e delle sue rappresentazioni
diviene oggi un ef cace strumento metodologico per la comprensione di societ
e di culture. Diventa pertanto una singolare fonte per completare e arricchire
le analisi di storia sociale. Non un caso che proprio a tale tema sia dedicata
lultima sezione delle Nuove frontiere, in cui si parte dalla proposta di una lettura
della storia sociale e culturale del rapporto corpo/gender, e si arriva a considerare
la relazione tra cura e salute. Due i percorsi principali: da un lato, la violenza e i
suoi linguaggi, i comportamenti sessuali e il controllo pubblico a loro riservato,
gli orientamenti sessuali e la visione politica a loro legata; dallaltro, la medicina
delle donne e per le donne. Questultima si muove, nel lungo periodo, tra i vari
aspetti che sono alla base della medicina di genere (idee scientifche e pratiche),
per sofermarsi sulla medicalizzazione della maternit, non senza afrontare le pi
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 40 03/05/2013 11:11:10
41
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
attuali questioni di etica, bioetica e diritto. Il corpo viene pertanto visto, come
si gi accennato, quale punto di osservazione per esplorare, in primo luogo, i
signifcati culturali e sociali di determinati periodi storici, individuando in esso e
nella sua percezione uno dei testi pi signifcativi della cultura contemporanea.
In questo quadro, si delinea uno studio interdisciplinare che intreccia, agli studi
storici e flosofci, la storia dellarte e la sociologia, lantropologia, il diritto e
la psicologia, sia per indagare come, negli ultimi tre secoli, il corpo umano, in
primo luogo quello femminile, sia stato percepito, immaginato e rappresentato,
che per inserire la Body history nella storia sociale, politica ed economica delle-
t contemporanea. In diversi saggi riservata unattenzione particolare al corpo
e ai linguaggi che su di esso si inscrivono: con lapproccio multi-disciplinare si
cerca, infatti, di operare un processo di decostruzione di tutti i codici che su di
esso si sono iscritti. Si avvia una sorta di operazione archeologica, alla ricerca dei
vari saperi e delle ideologie che sul corpo si sono stratifcati. La rappresentazione
dei corpi non mai neutra, dal momento che viene ispirata dalla politica, dalla
comunicazione pubblica, dal prodotto artistico e culturale in genere, nonch dai
sentimenti e dai dialoghi privati.
Non a caso, quindi, la parte dedicata al corpo inizia con la sezione coordinata
da Patrizia Dogliani, che nel rapporto corpo/gender propone, esplicitamente, una
nuova lettura della storia sociale e culturale. Da qui linserimento in essa di ricerche
abbastanza diverse tra loro, sia per la variet di aree geografche e di periodi storici
esaminati (principalmente il contemporaneo, ma con incursioni nel moderno) sia
per i diferenti settori disciplinari (storia politica e sociale, storia dellarte e storia
culturale) sia per lampio impiego delle fonti (da quelle letterarie alle visive, quali
pittura e fotografa). Nonostante la diversit, almeno apparente, di impostazioni,
obiettivi e conclusioni, i contributi risultano, tuttavia, uniti dallattenzione alla
lettura di genere nellanalizzare le rappresentazioni dei corpi. Il discorso acquista,
poi, particolare interesse quando nella rappresentazione si individua il simbolico e
nei corpi rappresentati si legge unepoca: ovvero, come specifca Dogliani, quanto
ritrae di se stessa, risultato di mentalit e di classi sociali. In tali rappresentazioni
la femminilit molto spesso sottoposta a poteri sociali e di genere, estetizzata, o
ancora nazionalizzata; mentre la mascolinit diventa perlopi virilit dominante.
Ponendo, dunque, al centro dellanalisi la categoria di genere, i corpi, cultural-
mente costruiti, rivelano, da un lato, il valore conferito alla corporalit, gli stereo-
tipi di mascolinit e di femminilit, dallaltro, le culture che defniscono modelli
di comportamento corporeo, i valori e i caratteri psicofsici attribuiti a un corpo
identifcato con il suo genere e il proprio ruolo sociale. Prendono pertanto forma
sociale il corpo del militare, il corpo dello sportivo, il corpo del colonizzatore.
Nel rapporto tra corpo e gender un ruolo signifcativo assunto dal lessico
della violenza: violenza fsica, culturale, sociale. I linguaggi e le rappresentazioni
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 41 03/05/2013 11:11:10
42
Introduzione
della violenza di genere sono pertanto esaminati in unapposita sezione, coordina-
ta da Maria Rosaria Pelizzari, in cui il tema afrontato, ancora una volta, con un
intreccio di specifci contesti e di diferenti ottiche disciplinari, che dialogano, in
primo luogo, sui linguaggi con cui la violenza si presenta in alcuni contesti storici,
attraverso le strutture famigliari, i ruoli sessuati e i comportamenti criminali. Allo
stesso modo, si analizzano le modalit con cui essa si manifesta in recenti contesti
urbani di migrazione nonch le forme con cui nella letteratura e nelle arti fgurati-
ve stato strutturato il racconto della violenza, violenza del corpo e della parola. Il
quadro generale quindi, costruito basandosi su precise indagini microanalitiche:
lidea di stupro nellet longobarda, la tragica condizione di prostitute e donne
sole nei sobborghi marsigliesi tra Seicento e Settecento, la condizione di miseria
delle operaie parigine di fne Ottocento, soprusi e coercizioni in ambito familiare
e domestico a cavallo tra Otto e Novecento, abusi fsici e psicologici sui minori
nel primo Novecento. Si attinge inoltre a varie questioni teoriche inerenti luso e
il disciplinamento di talune forme di violenza domestica, scrutando tra pratiche
e divieti, in et moderna e contemporanea. I vari contributi, pur muovendosi co-
erentemente allinterno dello specifco di ciascuna disciplina, sono tuttavia uniti,
come nella precedente sezione, da una lettura culturale e sociale del fenomeno
analizzato, che consente in alcuni casi di rintracciare elementi di continuit oltre i
confni temporali e le identit culturali.
Il discorso sul rapporto tra corpo e controllo pubblico si sviluppa in modo
particolare nella sezione curata da Margherita Sabrina Perra che lo legge allinter-
no delle societ contemporanee e nellottica del pensiero femminista, che trova
proprio in questo rapporto uno spazio di confronto. Il punto di partenza una
rifessione sullattuale condizione delle donne in Italia, a pi di trentanni dal fem-
minismo e in relazione agli ultimi interventi legislativi sulla procreazione assistita,
al dibattito sullintroduzione della pillola RU486, nonch alle questioni legate alla
revisione della legge sullinterruzione volontaria di gravidanza. I toni e i contenuti
del dibattito hanno fatto emergere una situazione preoccupante per lItalia, in
cui si assiste a una rinnovata tendenza al controllo dei corpi femminili e, a parti-
re da questo, a una riproposizione dellidentit femminile che sembra annullare
completamente le molte conquiste ottenute negli ultimi trentanni. Si procede da
unanalisi della legge 40/2004 in cui si presentano alcune importanti rifessioni
sia sulle rappresentazioni del corpo che essa ha prodotto, sia sul modo con cui
essa ha cercato di defnire le funzioni riproduttive supportate medicalmente. Il
corpo femminile, fortemente disciplinato, viene rappresentato nella sua funzione
riproduttiva, funzione di cui le donne hanno perso completamente il controllo: la
costruzione giuridica dei sessi, dei generi e della sessualit uno degli strumenti
attraverso il quale si esprime il sodalizio tra diritto e potere, nonch il controllo sul
corpo delle donne. Alle considerazioni sugli aspetti legislativi inerenti il rapporto
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 42 03/05/2013 11:11:10
43
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
tra corpo e controllo pubblico si inseriscono anche le rifessioni derivanti dalla-
nalisi di alcune storie di vita e narrazioni individuali, in particolare quelle legate
al controllo del proprio corpo nel rapporto tra anoressia e bulimia. I racconti di
giovani donne sono anche al centro di contributi che analizzano diferenti scelte di
fecondit, in particolare allinterno di complicati percorsi, stretti tra aspettative so-
ciali sulla maternit e negoziazione con il partner. Lanalisi sul controllo del corpo
femminile non pu non prendere in considerazione il rapporto con lesperienza
del parto: questa emerge dai racconti raccolti ai corsi di preparazione al parto:
in essi si legge, non senza una certa sorpresa, la resistenza alla medicalizzazione
del parto e la volont delle donne come partorienti e come professioniste di
riprendersi il controllo di questo momento della propria vita.
Chiude la sezione lindagine sulle rappresentazioni del corpo femminile in
relazione alla cura, indagata attraverso i racconti delle giovani generazioni (un
campione di aspiranti a professioni legate alla cura), che non hanno vissuto le-
sperienza del femminismo. Si delinea un quadro in cui non mancano ragioni di
preoccupazione. Si riconosce la rinnovata tendenza alla naturalizzazione delle dif-
ferenze costruita sullidea dellessenza biologica degli individui; nonch la fatica
delle donne a esprimere la propria soggettivit, costretta tra norme giuridiche e
sociali. A ci si aggiunge la considerazione che nelle narrazioni dei pi giovani,
sia maschi che femmine, venuta meno la consapevolezza dellidentit di genere
come costruzione sociale
Il corpo sessuato, con particolare riferimento alla sessualit nellItalia unita
(dallUnit al Secondo dopoguerra), al centro della sezione curata da Martina
Salvante: i contributi si sofermano su come i rapporti sessuali fossero direttamen-
te vissuti e percepiti, sulle modalit con cui sono stati raccontati e giudicati, su
come la sessualit sia stata controllata e regolamentata dai singoli, sia uomini che
donne, oltre che dai poteri pubblici. Il rapporto tra genere e sessualit costituisce,
in realt, come sottolinea Salvante, uno degli argomenti rimasti ancora ai margini
o addirittura, in un certo senso, paradossalmente inesplorati. Anche se molte sono
state le indagini su argomenti correlati alla vita sessuale delle donne eterosessua-
li nei secoli (matrimoni, violenze sessuali, contraccezione, prostituzione), ancora
stentano, invece, ad afermarsi in Italia studi che facciano emergere lesbiche e
gay come soggetti storici mettendo in luce desideri, pratiche e identit sessuali
di singoli e singole. Solo in anni molto recenti si possono annoverare rilevanti
eccezioni grazie a giovani storiche e storici che, anche attraverso limpegno econo-
mico e militante dellattivismo LGBT, hanno contribuito a elaborare e divulgare
rifessioni storiografche e non solo su esperienze individuali e collettive di
sessualit altre, oltre a ricostruire le vicende del movimento stesso. Negli inter-
venti pubblicati in questa sessione, si afronta, dunque, in vario modo, il tema
dellomosessualit. Le fonti utilizzate come, in realt, si registra un po in tutte
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 43 03/05/2013 11:11:10
44
Introduzione
le sezioni delle Nuove frontiere sono di vario tipo, cos come la metodologia uti-
lizzata. I tre contributi di questa sezione fanno riferimento perlopi al tema della
prostituzione e/o del corpo come oggetto di scambio, e nel complesso esortano
tutti a discutere pi estesamente i temi della sessualit nel pi ampio contesto della
storia nazionale ma anche transnazionale dando, cos, un signifcativo apporto
alla storia sociale e culturale tout court. Essi spronano pure a interrogarci in modo
pi profondo su concetti-chiave (identit, desiderio, ruolo, amore, ecc.) facendo
altres attenzione alluso e al metodo con cui certe categorie analitiche fra cui
genere, classe, etnia sono impiegate nellindagine storiografca. Pi che risposte
immediate, vengono forniti spunti utili alle ricerche e alle discussioni future. Tra
questi, la distinzione tra pratiche, comportamenti e identit sessuali. In questo
ambito si inserisce, ad esempio, lattenzione rivolta al sesso che coinvolge o pra-
ticato da minori; come pure della prostituzione, esercitata da uomini o da donne.
Quali pratiche socio-sessuali, al di l dei comportamenti proibiti dalla legge, sor-
sero proprio in conseguenza di certe sanzioni? Quale il ruolo ricoperto dal denaro
nella legittimazione di certi comportamenti? Quali rappresentazioni identitarie
accompagnarono tali prassi? Come mutarono queste nel tempo? Quale davvero il
legame tra identit sessuale e scelta delloggetto del desiderio?
Continuando il percorso indicato da simili ricerche, insistendo e ampliando
questi interrogativi storiografci, la storia delle sessualit, in dialogo con la storia
di genere, potrebbe in modo profcuo ampliare gli orizzonti delle nostre conoscen-
ze. Un percorso, in realt, gi tracciato dal compianto Bruno P.F. Wanrooij che,
con la sua Storia del pudore, gi dal 1990 ha aperto nuovi orizzonti storiografci,
esortando il mondo accademico italiano a interessarsi alla storia gay e lesbica e allo
studio delle mascolinit.
Linteresse per la storia della sessualit prosegue anche nella sezione curata da
Maria Cristina Gramolini, che si addentra in modo specifco in un aspetto par-
ticolare, che, per la sua originalit, calza perfettamente con il tema delle Nuove
frontiere della storia di genere: il movimento delle lesbiche in Italia. I contributi
trattano di alcune esperienze collettive di donne che hanno fatto della loro omo-
sessualit un motivo di associazione, di rifessione culturale e di azione politica.
Lomosessualit femminile, come noto, stata a lungo negata o vagliata come
disturbo mentale, almeno sino alla rottura degli equilibri socio-sessuali verifcatasi
tra la fne degli anni Sessanta e linizio dei Settanta, in concomitanza (anche se
non come conseguenza diretta) del femminismo e del movimento gay. In questi
contesti emersa la soggettivit lesbica: il femminismo lha resa possibile con li-
stanza della liberazione delle donne, il movimento gay con la legittimazione del
desiderio tra persone dello stesso sesso. Anche se entrambi non hanno mai fornito
un appoggio esplicito. Il primo non ha, infatti, autorizzato pienamente lesplici-
tazione del lesbismo, nel timore che la dimensione del desiderio tra donne creasse
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 44 03/05/2013 11:11:10
45
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
ostacoli al progetto di un movimento unitario di tutte le donne. Il secondo, a sua
volta, ha promosso una rappresentazione del lesbismo come immagine speculare
dellomosessualit maschile, una assimilazione che discende, come sottolinea Gra-
molini, da uno scarso interesse per la realt concreta delle donne, bench queste
siano spesso evocate dai gay come ispiratrici. Tuttavia, le donne omosessuali degli
anni Settanta hanno trovato gli elementi utili allemersione del proprio vissuto at-
tingendo sia al repertorio femminista e alla pratica dellautocoscienza sia al coming
out maschile. Questo processo tormentato e confittuale tuttora in atto.
Come nella sezione precedente, riguardanti i comportamenti sessuali, anche
in questa sui movimenti delle lesbiche in Italia, le curatrici auspicano che le ri-
cerche accolte possano soprattutto spingere a nuovi approfondimenti, aprire a
nuovi possibili focus. Negli ambienti delle intellettuali lesbiche forte il rifuto
dellimmagine di s come danneggiate, immagine a cui invece ricorrono pi di
frequente quanti si mobilitano per una politica dei diritti. Ancora oggi conclude
Gramolini non sempre facile rispecchiarsi nella fatica di vivere da lesbiche e nei
suoi insuccessi o compromessi, ma questi sembrano pi lievi se riguardati alla luce
della raggiunta capacit di autoemancipazione delle lesbiche.
Il discorso sul corpo non si esaurisce, ovviamente, con linteresse sugli orien-
tamenti e i comportamenti sessuali. Una parte importante, che in tempi recenti
ha visto sempre di pi le storiche lavorare, fanco a fanco, con sociologhe, antro-
pologhe, studiose/i di diritto, nonch professioniste e professionisti della salute,
quella inerente la relazione salute/cura, che si intreccia sempre pi spesso con
le correnti questioni di etica, bioetica, diritto, legate allinizio e alla fne della vita
umana. Non un caso che negli ultimi tempi si parli con una certa frequenza della
medicina di genere che applica alla medicina generale il concetto di diversit tra
generi per garantire a tutti, uomini o donne, il migliore trattamento auspicabile
in funzione delle specifcit di genere. E nellambito della giurisprudenza, si fa
anche strada lidea di una lettura del diritto nellottica di genere, in cui viene indi-
viduata lesistenza di un rapporto stretto tra limmaginario comune sul ruolo della
donna e la disciplina del suo corpo, dei suoi diritti, della sua libert. Nel quadro
che si delineato, abbiamo pertanto inteso completare la parte dedicata al corpo
con saggi che hanno, in linea generale, afrontato la relazione corpo/salute/cura,
muovendosi tra circolazione delle idee, giurisprudenza e pratiche. Si tratta delle
ultime quattro sezioni, che chiudono anche tutto il nostro discorso sulle Nuove
frontiere, ovvero, quelle curate da: Claudia Pancino (medicina delle donne e per
le donne); Gabriella Botti e Giovanna Vicarelli (idee scientifche e pratiche); Ma-
ria Conforti (medicalizzazione della maternit); Emilia DAntuono (questioni di
etica, bioetica e diritto).
La sezione di Pancino apre, come si accennato, la rifessione su corpo/salute/
cura, indagando, in un arco di tempo che va dallet moderna allOttocento, la
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 45 03/05/2013 11:11:10
46
Introduzione
relazione tra medicina e donne, sia nelle diverse forme di elaborazione del pensiero
medico-flosofco sia nelle pratiche di cura del corpo femminile. Lattenzione rivol-
ta, in primo luogo, allesercizio dei mestieri terapeutici, delle professioni sanitarie, sia
nella loro specializzazione e organizzazione che nellespressione delle terapie e delle
cure quotidiane e famigliari. Emerge con chiarezza che raramente si verifcata una
sintonia dialettica fra quanto i medici pensavano, e scrivevano, e i diversi modi di
curare le donne. Si pensi, in modo particolare, al rapporto tra medico e ostetrica,
soprattutto nel momento in cui, a cavallo tra Otto e Novecento, il parto veniva me-
dicalizzato. Lessere donna della levatrice, fno alle recentissime riforme del percorso
formativo universitario ha continuato, come sottolinea Pancino, a rappresentare un
segno di continuit unico nella storia delle professioni. Lappartenenza di genere,
infatti, si prefgurata per i secoli XVIII, XIX e XX, quale memoria storica di forme
di conoscenza e cura che la storia della medicina occidentale e delle professioni sani-
tarie avevano in buona parte cancellato. Proprio sulla professione di ostetrica, ofre
unimportante rifessione il caso di studio, indagato dalla compianta Maria Luia
Mott, che ricostruisce e descrive il percorso migratorio e professionale di ostetriche
italiane in Brasile fra 1870 e 1920. Il caso, secondo Pancino, appare esemplifcativo
della storia della formazione e dellautonomia raggiunta da una fgura professionale
femminile, estremamente moderna, con radici molto antiche.
La cura al femminile anche oggetto della sezione curata da Gabriella Botti
e Giovanna Vicarelli, che la inquadrano, nel periodo compreso tra XIX e XX seco-
lo, inserendola tra pubblico e privato, sia nelle idee scientifche che nelle pratiche.
Solo nel corso dellOttocento si istituzionalizza progressivamente la separazione tra
il prendersi cura e la cura come terapia e guarigione. Botti e Vicarelli dichiarano
di aver voluto esaminare proprio questo passaggio, ripercorrendone brevemente le
tappe. Vicarelli si sofermata, in modo particolare, sulle professioni nel corso del
Novecento, soprattutto sulla femminilizzazione della professione medica, che ha
favorito la possibilit di sviluppare studi mirati sulla salute della donna. In realt,
durante tutto lOttocento persiste lintreccio tra cura e cure, testimoniato in modo
esemplare dal lavoro di cura svolto da varie congregazioni di religiose. Pertanto, se
nellOttocento si istituzionalizza, come si accennato, la separazione tra il pren-
dersi cura e la cura come terapia e guarigione, ci non signifca lo sottolineano
le curatrici della sezione che efettivamente, nel primo Novecento, la medicina
uf ciale fosse in grado di intervenire in modo risolutivo sulle malattie della popo-
lazione. Ci si verifcher soltanto negli anni Trenta e Quaranta con la rivoluzione
scientifca, legata alla scoperta e alla difusione degli antibiotici, quando il medico
da curante sarebbe diventato in efetti un terapeuta. Non a caso, tutti i tentativi di
professionalizzazione della medicina, che si svilupparono nel secondo Ottocento
e che culminarono nel 1910 con listituzione degli ordini professionali, poggiano
su una concezione dellintervento sanitario pi a carattere preventivo e sociale
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 46 03/05/2013 11:11:10
47
Laura Guidi, Maria Rosaria Pelizzari
(ligiene e la sanit pubblica) che curativo e individuale. Questultima modalit
prevarr nel Secondo dopoguerra quando la medicina specialistica e diagnostica
prender il sopravvento rendendo efettivamente pi ampio il solco tra la cura e
le cure sanitarie.
Prosegue il tema della medicina femminile, con la sezione curata da Maria Con-
forti, che si soferma, in modo particolare, sulla medicalizzazione della maternit,
frutto del lavoro di ricerca di un gruppo, costituitosi allinterno della SIS su Donne
salute e cura. Lo scopo dichiarato quello di leggere la medicalizzazione della ma-
ternit in una prospettiva storica di lunga durata, per comprendere, in primo luogo,
come emerge e come viene concettualizzata, nella storia della medicina ma anche in
quella pi ampia della cultura, la nozione del carattere patologico di alcuni fenome-
ni legati a episodi-chiave della vita corporea delle donne, e in particolare della ma-
ternit. Altro interrogativo a cui gli studi di caso hanno inteso rispondere, riguarda il
modo con cui si confgura e si modifca, nella storia della medicina occidentale, una
specifca medicina delle donne, nella quale diventa centrale la categorizzazione del
patologico. Lintenzione di partenza era quella di individuare e analizzare, attraverso
la lettura di storie, di casi clinici, nonch la narrazione e la scrittura di argomento
medico, alcuni snodi signifcativi, nei quali un fenomeno o caso medico viene in-
terpretato come fatto che rientra nella norma, come fatto preternaturale oppure
come fatto che ne esula in quanto contro natura o patologico.
Rilevare e ricostruire lo sguardo dei medici e della medicina teorica e pratica
riguardo a malattie femminili, gravidanza e parto non esaurisce, come sottolinea
Conforti, la questione della medicalizzazione e della patologizzazione del corpo
femminile, ma pu costituire un utile punto di partenza per indagarne ulterior-
mente alcuni snodi e momenti. I contributi della sezione presentano, pur nella
loro diversit, alcuni temi comuni, che motivano ladozione del lungo periodo.
In modo particolare, il rapporto complesso tra il sapere femminile sulla gravidanza
e sul parto, e la sua assunzione allinterno della medicina colta. Un argomento che
ritorna, come si visto, anche in altre sezioni.
Il discorso sul corpo termina con una rifessione su alcuni temi che collegano
la questione della cittadinanza a quella della bioetica. Questultima sembra essere
divenuta lambito di sperimentazione di come sia possibile tradurre, nel vivere
comune, le istanze di libert individuali e collettive fatte valere dalle donne, una
specie di banco di prova per delineare una rinnovata confgurazione della cittadi-
nanza. Sono questi i presupposti dai quali prende le mosse la sezione, curata da
Emila DAntuono, che propone, infatti, una serie di contributi che sviluppano il
loro discorso tra etica, bioetica e diritto. Attualmente, in seguito alla rivoluzione
scientifca e tecnologica, alla trasformazione delle condizioni di vita e dellethos
della civilt occidentale, una serie di eventi, abitualmente collocati nella sfera del
cosiddetto naturale, e quindi accolti in una dimensione privata, sono diventati
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 47 03/05/2013 11:11:10
48
Introduzione
oggetto di scelta e di intervento umano. Perci, come avverte DAntuono, essi
sono attirati nella sfera del valutabile e dellanalizzabile, ovvero nellambito del
giudizio morale, ma anche della decisione politica. Questioni che un tempo ap-
partenevano alla sfera privata e allambito delle decisioni morali, come nascita,
morte, salute, diventano pertanto pubbliche, e chiamano in causa la cittadinanza.
Lottica di genere, che sta tentando di farsi strada nel diritto, pu fornire alla giu-
risprudenza utili rifessioni su tutto ci che attiene al corpo e alla sfera privata, al
fne di restituire senso profondo al principio di autodeterminazione individuale
della donna e, al di l del genere, dellindividuo tout court.
Con nostro grande dispiacere, dobbiamo comunicare che, durante la lavora-
zione degli Atti, scomparsa la storica Maria Lucia Mott (1948-2011), Dottore
di ricerca in Storia, studiosa di Storia della Sanit presso la Facolt di ostetricia e
infermieristica, Ricercatrice presso lInstituto Butantan (Laboratorio de Historia
da Cincia) a San Paolo del Brasile. Lucia Mott ha pubblicato numerosi saggi su
riviste scientifche negli USA, in Francia e in Portogallo. Il suo libro, Comadres e
matronas: contributo para a Histria das Parteiras em Portugal (sculos XIII-XIX),
stato pubblicato a maggio 2011, purtroppo dopo la sua morte. scomparsa pre-
cocemente, lasciando vari e importanti progetti da concludere. Da anni stava lavo-
rando a una storia degli ospedali di San Paolo. Per ulteriori notizie bio-biografche
si veda il Boletim Informativo ABENFO/SP, rgo de Divulgao da Associao
Brasileira de Obstetrizes e Enfermeiros Obstetras Seo So Paulo, Anno 16, n.
45, Febbraio 2012, consultabile nel sito:
http://www.abenfosp.com.br/boletim/boletim_abenfosp_02-12.pdf
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 48 03/05/2013 11:11:10
Le nuove frontiere della Storia di genere
dallAntichit allEt contemporanea
8
Pauline Schmitt Pantel e Franoise Thbaud
La Storia di genere nata ovunque da una rifessione interna alla storiografa
delle donne in uno specifco Paese nonch da spinte esterne. La storiografa
americana ha avuto un ruolo da pioniere, grazie in particolare alla traduzione,
quasi immediata, del famoso articolo di Joan Scott del 1986
9
e ai dibattiti che
esso ha suscitato. La Storia delle donne/Histoire des femmes, pubblicata in Italia
e Francia tra il 1990 e il 1992, che tentava di dare una sintesi dei lavori sui
venti anni precedenti, proponeva una storia delle donne e delle relazioni tra
i sessi. Essa non rivendicava una storia di genere ma questa dimensione era
gi presente, in particolare nei volumi relativi allAntichit, al Medioevo e al
XX secolo. Il termine, in efetti, diventato frequente in francese non pi di
una decina danni fa: la sezione francese della Federazione internazionale per
la ricerca sulla storia delle donne, nata nel 2000, si chiama Association pour le
dveloppement de lhistoire des femmes et du genre Mnmosyne; il primo col-
loquio di storici che sbandier il genere nel suo titolo fu quello di Rennes
8 Traduzione dal francese di Michle Benaiteau.
9 Scott, J. Gender: a Useful Category of Historical Analysis, in American Historical Review, 91, n.
5, 1986, pp. 1053-75; tr.it. Il genere: unutile categoria di analisi storica, in Rivista di Storia Con-
temporanea, n. 4, 1987, pp. 560-686; ora in Di Cori. P. (a cura di) Altre storie. La critica femminista
alla storia, Bologna, Clueb, 1996, pp. 307-347. Il genere defnito come: un elemento costitutivo
delle relazioni sociali fondate su una cosciente diferenza tra i sessi, e il genere un fattore primario
del manifestarsi dei rapporti di potere.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 49 03/05/2013 11:11:10
50
Le nuove frontiere della Storia di genere dallAntichit allEt contemporanea
del 2002
10
, e per lAntichit, la tavola rotonda Genre et Antiquit del marzo
2005
11
.
Che cosa cambia questo termine nella scrittura della storia delle donne e della
storia in generale? A quale punto siamo oggi? Senza mirare allesaustivit, tentere-
mo di presentare lo stato degli studi e di aprire il dibattito. Ci sembra interessante
riprendere i tre punti del manifesto della nuova storia del 1974.
1. Nuovi approcci. Alcune osservazioni preliminari sulla Storia di
genere
Le/i pi anziane/i tra noi ricorderanno il duplice dibattito degli anni Novanta: ri-
masto moderato in Francia e in altri Paesi europei, assunse forme polemiche negli
USA. Da una parte, ci si chiedeva se fosse necessario sostituire la storia delle donne
con la storia di genere allorch alcune/i denunciavano lastrattezza del concetto e
una sua tendenza eufemistica che poteva portare a occultare il dominio maschile.
Dallaltra, quale era la vera Storia di genere? Una storia sociale delle relazioni
tra i sessi, oppure una storia culturale, che cercasse di capire come si costruisce
il sapere culturale sulle diferenze tra i sessi e quali sono i suoi efetti di potere?
Questo ultimo dibattito era uno dei vari momenti della questione riguardante la
svolta linguistica, se farla o non.
Oggi queste polemiche si sono sopite mentre avanza la difusione delle pro-
blematiche del genere, e si riconosce lesistenza di vie diverse e complementari
nel loro approccio. Lo dimostra la pubblicazione nei primi anni del nuovo secolo
di volumi storiografci in cui dialogano le generazioni e si sottolinea la comple-
mentarit delle impostazioni tra gli aspetti sociali e le rappresentazioni discorsive
(interesse per la storicizzazione del discorso, strutturazione delle realt materiali
attraverso il discorso e le rappresentazioni, obiettivi reali dei confitti di rappre-
sentazioni). Possiamo citare tra gli altri, Gender and the Historian di Johanna Al-
berti, Writing Gender History di Laura Lee Downs (la quale si era opposto a Joan
Scott nel 1993), Les Antiquistes et le genre di Violaine Sebillotte Cuchet, il numero
dellanno 2004 del Journal of Womens History che riguarda la storia delle donne nel
nuovo secolo
12
. Questo numero mette quattro giovani ricercatrici che non sento-
10 Publicato come Capdevila, L.; Cassagnes, S.; Cocaud, M.; Godineau D. et al. (a cura di) Le genre face
aux mutations. Masculin et fminin, du Moyen Age nos jours, Presses Universitaires de Rennes, 2003.
11 Publicata con il titolo Problmes du Genre en Grce ancienne, sous la direction de Violaine Sebillotte
Cuchet et Nathalie Ernoult, Publications de la Sorbonne, Paris 2007.
12 Alberti, J. Gender and the Historian, Longman, Pearson Education, 2002; Downs, L.L. Writing
Gender History, Hodder Arnold, 2004; Womens History in the New Millenium, Journal of Wo-
mens History, vol. 16, n. 4. Sebillotte Cuchet, V. Les Antiquistes et le Genre in Sebillotte Cuchet,
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 50 03/05/2013 11:11:10
51
Pauline Schmitt Pantel, Franoise Tbaud
no il bisogno di un unico paradigma di fronte a Gerda Lerner, pioniera della storia
delle donne negli USA. Questa ultima rimpiange lo spostamento delle tematiche
sociali e politiche a favore delle questioni inerenti le rappresentazioni, la cultura e
lidentit (una storia pi women-focused che women-centered), tuttavia sottolinea
linventivit metodologica e concettuale di oggi.
Pertanto oggi, la storia delle donne possiede ancora una sua legittimit, anche
perch permette di riempire i vuoti della mappa nel passato delle donne del
mondo intero (formula di Gerda Lerner). Essa riceve arricchimento dalle doman-
de sul genere e interroga la complessit delle relazioni tra dominio maschile e
capacit dazione delle donne, il concetto dagency delle ricerche americane. Essa
lavora sui margini di libert, le forme di micro-resistenza, i momenti di consenso.
Non nasconde pi le fgure e le posture considerate negative, come la violenza
esercitata da donne
13
, il loro impegno nazionalistico, la loro partecipazione alle
guerre civili. Essa interroga la nozione di mutamento perch contempla, nella loro
dinamica e delle loro contraddizioni, i modi in cui uomini e donne attribuiscono
signifcato alle nuove esperienze e ricostruiscono oggettivamente e soggettivamen-
te le trasformazioni, osservando tra altro i lenti processi di trasformazione e le
deboli intensit del reale (Arlette Farge), momenti di forte rottura
14
.
Daltro canto, la storia del genere si declina oggi al plurale. Possiamo contare
da sei a sette utilizzi diversi del genere (non escludendosi luno con laltro), che
operano degli spostamenti euristici nella storiografa sulle donne e nella storiogra-
fa generale
15
. Il primo uso consiste nel passare dalle donne al genere, uso questo che
suscita meno reticenze, perch il genere apre la porta a una storiografa delle rela-
zioni reali e simboliche tra uomini e donne, una storia che situa pi nettamente
le donne del passato nei loro quadri storici e analizza in un determinato contesto
la costruzione dei ruoli (maschile/femminile) e delle identit sessuate. Questa sto-
riografa interroga levoluzione dei sistemi del genere (gender system, insieme dei
ruoli sociali sessuati e sistemi di rappresentazioni defnendo il maschile e il femmi-
nile) oppure, seguendo Arlette Farge, indaga linfnita gamma delle varianti negli
incontri tra uomini e donne, incontri non sempre segnati dalla dominazione
16
.
V.; Ernoult, N. (sous la direction de), Problmes du genre en Grce ancienne, Paris, Publications de la
Sorbonne, 2007.
13 Dauphin, C.; Farge, A., De la violence et des femmes, Paris, Albin Michel, 1997.
14 Per la storia medievale, cf. il bilancio fatto in occasione della giornata del LAMOP il primo aprile
2008 e pubblicato in Genre et histoire, n. 3, autunno 2008. Per la storia antica, Bruit Zaidman, L.; Sch-
mitt Pantel, P. Lhistoriographie du genre: tat des lieux, in Sebillotte Cuchet, V.; Ernoult, N. (sous la
direction de), Problmes du genre en Grce ancienne, Paris, Publications de la Sorbonne, 2007 p. 27-48.
15 Tbaud, F. Ecrire lhistoire des femmes et du genre, Lyon, ENS Editions, 2007.
16 Si veda Dauphin, C.; Farge, A. (dir.), Sduction et socits. Approches historiques, Paris, Seuil, 2001.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 51 03/05/2013 11:11:10
52
Le nuove frontiere della Storia di genere dallAntichit allEt contemporanea
Il secondo uso, che opera uno spostamento dal neutrale al genere (o dalluniverso
maschile al genere), mette in questione la storia generale e ogni forma di scrittura di
storia. Propone una rilettura sessuata degli eventi e dei fenomeni storici, una storia
mista, duale, che contribuisce alla spiegazione dei problemi classici della storia so-
ciale, politica e culturale. Pi in generale, e bisogna parlare di un terzo uso, molto
controverso in Francia, sinterroga sul genere di per esempio la protezione sociale,
la cittadinanza, la nazione, limmigrazione o la naturalizzazione
17
ovvero ci che
permette di analizzare la vera portata dei signifcati della divisione tra maschile e
femminile e di comprendere meglio la costruzione dei rapporti sociali gerarchici. Al
seguito di Joan Scott, che ha scritto molto a proposito di questimpostazione ispirata
dal postmodernismo e dalla storia culturale, si tratta meno di mettere laccento sugli
elementi (uomini e donne) che sul principio di partizione e dei suoi signifcati. Tale ap-
proccio concerne maggiormente le storiche dellepoca moderna (early modern history
in inglese), che cercano di correlare ideologie e realt nella societ di rappresentazio-
ne dellAntico Regime, e di inseguire la coerenza interna delle costruzioni parallele
e incrociate delle gerarchie sociali e sessuate
18
.
Un altro uso ancora consiste nel confrontare il genere ad altre categorie danalisi
e dinterpretazione, pi classiche per lo storico (quali la libert e la schiavit nel
mondo antico, le citt e le campagne nella storia medievale, la classe sociale nella sto-
ria contemporanea o la nozione dordine dellAntico regime), per valutarne la perti-
nenza in una congiuntura specifca e misurare leterogeneit del gruppo delle donne
o di quello degli uomini (si sposta laccento dal gruppo ai suoi membri). Oggi pi
che ieri, la storia di genere sinteressa alle diferenze nella diferenza, ma guarda an-
che alle somiglianze capaci di riunire, in certe circostanze, individui dambo i sessi.
Passare dal neutrale al maschile, poi dai generi al plurale, ecco una quinta mo-
dalit che ha aperto il vasto cantiere di una storia delle mascolinit, che osserva la
costruzione delle virilit ed esamina le posizioni dominanti e le soferenze degli
uomini
19
. Questa storia delle mascolinit stata in parte preparata, almeno nel
campo della storia antica e medievale, da una storia rinnovata dellomosessualit
20
.
Tutto ci oggi confuisce nel progetto, complesso ma stimolante, di una storia
delle identit sociali sessuate.
17 Su questi temi sono stati pubblicati libri e tesi recenti nella storiografa contemporanea francese.
18 Vedere in particolare i lavori di Sylvie Steinberg, tra i quali, La confusion des sexes. Le travestissement
de la Renaissance la Rvolution, Paris, Fayard, 2001.
19 Citiamo per la Francia i lavori di Odile Roynette, Rgis Rvenin, Anne-Marie Sohn per i Con-
vegno internazionale di giugno 2009 organizzato a Lione da A.M.Sohn sulle mascolinit.
20 Due opere da pionieri: Dover, K.J. Greek Homosexuality, New York, Vintage Books, 1978 e Boswell,
J. Christianity, Social Tolerance and Homosexuality: Gay People in Western Europe from the beginning of
the Christian Era to the Fourteenth Century, Chicago, Te University of Chicago Press, 1980.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 52 03/05/2013 11:11:10
53
Pauline Schmitt Pantel, Franoise Tbaud
Lultima modalit, ancora poco seguita in Francia, tesse il flo del genere in
quanto costruzione culturale e sociale, la quale implica possibili distorsioni tra i dati
dellanatomia, del genere e della sessualit. Il sesso ha anche la sua storia e le societ
non sempre hanno posto la classifcazione degli individui tra i due sessi sul primo
piano della loro costruzione, essendo tale divisione diventata prevalente soprattut-
to a partire dal secolo XVIII. possibile allora scrivere con laiuto della nuova sto-
ria delle scienze una storia della distinzione tra sesso e genere, iniziata da Tomas
Laqueure e continuata da altri, considerando che il genere non ricopre la stessa
realt sotto lAntico Regime o nel XX secolo, per esempio
21
. A partire dal XVIII
secolo, la pregnanza nella cultura occidentale di una norma di corrispondenza tra
sesso e genere (e dellidea che il sesso biologico la spiega), per molto tempo ha
fatto s che fossero dimenticate le questioni del travestimento, delle omosessuali-
t, dellandroginia, delle pratiche transgenere. Tutte queste questioni didentit
sono poste oggi dalla corrente queer, la quale insiste sulla fuidit del genere, a par-
tire dallo studio precursore di Judith Butler, tradotto in francese solo nel 2005
22
.
2. Lemergere di una storia globale
Unaltra novit consiste nel leggere la storia delle donne e del genere nei termini della
storia globale, concetto che non assume lo stesso signifcato per la storia dellantichi-
t o per quella contemporanea. Per la storia dellantichit, si tratta ormai di rifettere
sulle logiche di genere
23
. Pi precisamente, si tratta di vedere come funzionano le
identit di genere quando si fanno variare tre criteri danalisi: la diversit geografca
e cronologica, la diversit dei tipi di fonti esaminate, la diversit dei tipi dattivit
considerate (economia, religione, istituzioni politiche, sessualit). preferita una
prospettiva dinamica interna che fa interagire tutti questi livelli, piuttosto che una
prospettiva evoluzionista che vedrebbe succedere nel mondo antico la liberazione
della donna romana alla subordinazione di quella greca.
Nella storia moderna o contemporanea, la storia globale un indirizzo
prevalentemente coltivato nel mondo accademico anglofono, sviluppatosi nel
seno delle prospettive postcoloniali e dellattuale mondializzazione economica e
culturale
24
. Bonnie Smith ne la principale promotrice, dopo avere iniziato in
21 Laqueur, T. La Fabrique du sexe. Essai sur le corps et le genre en Occident, Paris, Gallimard, 1992.
22 Butler, J. Trouble dans le genre. Pour un fminisme de la subversion, prefazione di Eric Fassin, Paris,
Editions La Dcouverte, 2005 (edizione originale, Routledge, 1990).
23 Programma: Logiche del genere proposto da Violaine Sebillotte Cuchet nel quadro del gruppo
di ricerca Histoire et anthropologie des Mondes anciens (Storia ed antropologia dei Mondi antichi) del
2010-2013.
24 Dimensione molto presente nel corso delle ultime Berkshire Conferences e nellultimo convegno
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 53 03/05/2013 11:11:10
54
Le nuove frontiere della Storia di genere dallAntichit allEt contemporanea
quanto storica della Francia poi dellEuropa
25
. Oltre la volont di non esaminare
il passato da un punto di vista unico, limpostazione della globalit assume pi
aspetti: presta attenzione a tutte le regioni del mondo al fne di dare la pi
ampia dimensione possibile alla nozione di diferenza culturale; moltiplica e
incrocia le comparazioni tra le esperienze delle donne dei diversi continenti,
regioni e nazioni; sinteressa ai fenomeni che operano al di l delle frontiere
nazionali o regionali come le migrazioni, gli scambi culturali o le internazionali
femministe; in fne, e forse maggiormente, osserva con attenzione le interazioni
e le forme di ibridazioni delle politiche e delle culture. In questo modo, la storia
detta globale un invito a pensare diversamente le diferenze, le gerarchie, le
circolazioni e le ibridazioni.
3. Nuovi oggetti di studio. Diverse declinazioni della storiograa
recente
Diverse curvature originano in parte dalla diversit degli ambienti storiografci
propri di ogni paese. Possiamo indicarne tre. Primo, con un movimento gi ini-
ziato negli anni Novanta, lasse principale della ricerca si spostato dallindagine
della sfera privata (oggetto nuovo di storia negli anni Settanta e Ottanta) allanalisi
di come le donne siano emerse nella sfera pubblica (con lesercizio di diritti politici
e limpegno nelle associazioni), di come abbiano avuto accesso alla cittadinanza,
degli usi sessuati dello spazio pubblico, del genere delle politiche o della simbolica
nazionale
26
. In questo quadro, il discorso dicotomico sfere private/pubbliche ha
lasciato posto ad analisi in cui si evidenzia quanto variamente e dialetticamente
le due sfere siano intersecanti. Questo tema particolarmente presente nella sto-
riografa del mondo antico dove stato al centro di convegni e di recenti pubbli-
cazioni sugli spazi al femminile e al maschile che mostrano che la separazione tra
spazio privato e spazio pubblico, pensata come calco della diferenza tra i sessi,
solo una costruzione storiografca del secolo XIX
27
. Studiare con precisione i
luoghi reali o immaginari, dove il maschile e il femminile sono separati, contigui,
della Fdration internationale pour la recherche en histoire des femmes, intitulato Womens History
Revisited:Historiographical Refections on Women and Gender in a Global Context (Sydney,
2005). Si ritrova anche centrale nel progetto di museo internazionale delle donne in costruzione a
San Francisco (IMOW).
25 Smith, B.G. (dir.), Global Feminisms since 1945, London and New York, Routledge, 2000, Womens
History in a Global Perspective, University of Illinois Press (voll. 1, 2, 3), 2004-2005, Oxford Encyclo-
paedia of Women in World History, Oxford University Press, 2008.
26 Studi troppo numerosi per proporre qui una scelta di citazioni.
27 Harich-Schwarzbauer, H; Spth, T. (ed.) Rume und Geschlechter in der Antike, Iphis, 3, 2005.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 54 03/05/2013 11:11:10
55
Pauline Schmitt Pantel, Franoise Tbaud
confrontati o a volte confusi, un buon modo di precisare la costruzione spesso
mobile del genere
28
.
Nella storia medievale, lo studio delle reti delle relazioni tra donne permette una
domanda dello stesso tipo: fno a quale punto riesce possibile distinguere tra com-
portamenti maschili e femminili? Il posto delle donne medievali nella sfera pubblica
al centro di convegni riguardanti donne di potere e potere delle donne, o donne
di potere e potere politico. Le pratiche del potere femminile sono diverse da quelle
del potere maschile? Cos larte del regnare? Laccesso al potere rende i contrasti del
genere pi rigidi? Parallelamente, nella storia contemporanea, si ritornato a valoriz-
zare il tempo breve dellevento e della posizione dellattore individuale.
Una seconda tendenza propria della storia contemporanea
29
: in modo pi
accentuato rispetto agli anni Novanta, la storia delle donne e del genere contri-
buisce allo sviluppo della storia culturale, che utilizza insieme approcci antro-
pologici e politici. Osserva sia i rapporti sociali del sesso nel campo culturale
sia le pratiche culturali dal punto di vista del genere: cosa signifca leggere al
femminile? La scrittura epistolare un genere femminile? Per quale ragione e
come le donne hanno fatto della scrittura domestica una forma delle scritture
ordinarie il loro campo privilegiato
30
? In generale, la ricerca sviluppa lanalisi
sessuata della produzione, della ricezione e degli usi dei prodotti culturali, in-
contrando cos gli interessi pi antichi di ricercatori e ricercatrici del mondo
anglosassone sui consumi, la moda, i divertimenti o la bellezza. Lo scopo pro-
muovere un approccio congiunto della cultura dellelite, della cultura di massa
e della cultura materiale.
Come terzo aspetto, si nota la nuova o ritrovata attrativa del genere
biografco, diventato un campo di sperimentazione per lo storico. Il genere della
biografa si , in efetti, rinnovato nel campo della storia antica o medievale, dedi-
cando nel ritratto proposto unattenzione uguale alla storia demografca, politica,
sociale e culturale
31
. Nel campo della storia contemporanea vediamo af ancati
percorsi di militanza, biografe intellettuali e racconti di sequenze biografche di
una vita singola. Dappertutto si elabora una rifessione sulla scrittura biografca e
luso storico degli archivi del s (corrispondenze, diari, autobiografe, testimonian-
28 Montepaone, C. Lo Spazio del Margine, Prospettive sul femminile nella comunit antica, Paestum,
Pandemos, 1999. Schmitt Pantel, P. Aithra et Pandora. Femmes, genre et cit dans la Grce antique,
Paris, LHarmattan, 2009.
29 Nella storia antica e medievale con storia culturale si considera un campo pi vasto di quello delle
pratiche intellettuali e del pensiero, perch include le forme e le pratiche materiali caratterizzanti di
una societ.
30 Molti lavori di Dominique Fabre, Christine Plant o Agns Fine.
31 Un esempio: Kunst, C. Livia. Macht und Intrigen am Hof des Augustus, Stuttgart 2008.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 55 03/05/2013 11:11:10
56
Le nuove frontiere della Storia di genere dallAntichit allEt contemporanea
ze orali), i quali non sono unicamente fonti documentarie ma anche oggetti storici
che informano sulle pratiche culturali della scrittura, sul lavoro della memoria, sui
processi di messa in scena o di auto-costruzione del s.
4. Oggetti antichi rivisitati
I temi classici della storia delle donne e di genere il corpo, la maternit, il la-
voro, la religione, le lotte sindacali e politiche, la citt, leducazione, i movimenti
femministi, limpegno associativo e anche eventi come la rivoluzione francese
o la guerra, sono stati rivisitati per allargare le conoscenze, sviluppare una nuova
impostazione o ofrire delle nuove sintesi storiografche e nuove interpretazioni.
Il corpo delle donne, cos com costruito dai discorsi dei medici, com vis-
suto nella maternit, com rappresentato nei diferenti momenti dellet e in par-
ticolare nella vecchiaia, un soggetto di studio molto presente nei lavori recenti
di storia antica e medievale, che integrano nelle analisi tutte le problematiche
sviluppate dalla storiografa sul corpo
32
. Allo stesso modo, nella storia contem-
poranea, lindagine sul corpo non un semplice calco delle domande poste negli
anni Settanta, che erano centrate sullesperienza vissuta dalle donne o sulle forme
di costrizione (biopoteri, formattazione scolastica ecc.). Oggi, linteresse rivol-
to alle rappresentazioni del proprio corpo e del corpo dellaltro nelle loro mutevoli
confgurazioni e le diferenze di genere, alle molle del desiderio maschile e femmi-
nile, alle norme delle pratiche corporali, anche distinguendo le varie classi det,
inclusa la vecchiaia
33
. Si scrive una storia della bellezza che non unicamente
quella dei mezzi per imbellirsi ma anche quella dei codici estetici e dello sguardo
34
.
Nella storia del XX secolo, la questione della violenza sessuata diventata centrale,
notevole lemergenza della storia degli stupri nella guerra
35
.
32 In Spagna per esempio, il tema della maternit ha dato luogo a numerosi seminari e convegni. Tra
le pubblicazioni recenti: Cid, R. Madres y maternidades. Construcciones culturales en la civilizacion
clasica, Oviedo, KRK, 2009. Dasen, V.; King, H. La mdecine dans lAntiquit grecque et romaine,
Lausanne, 2008. Dasen, V.; Boudon-Millot, V.; Maire, B. (ds), Femmes en mdecine. En lhonneur
de D. Gourevitch, Paris 2008. Sulla vecchiaia, Ehmer, J.; Wagner-Hasel, B. Sozialgeschichte des Alters,
Krner Verlag (in corso di stampa).
33 Le corps des jeunes flles (Paris, Perrin 2001, sous la direction de L. Bruit-Zaidman, L.; Houbre, G.;
Klapisch-Zuber, C.; Schmitt Pantel, P.) comprende 3 parti: le corps vu/il corpo visto, le corps social/il
corpo sociale, le corps imaginaire/il corpo immaginario.
34 Vigarello, G. Histoire de la beaut. Le corps et lart dembellir de la Renaissance nos jours, Paris,
Seuil, 2004; Corbin, A.; Courtine, J.J.; Vigarello, G. Histoire du corps 1. De la Renaissance aux Lu-
mires, 2. De la Rvolution la Grande Guerre, 3. Les mutations du regard: le XX
e
sicle, Paris, Seuil,
2005-2006.
35 Cfr. il convegno internazionale organizzato a Parigi nel maggio 2009: Les viols en temps de
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 56 03/05/2013 11:11:10
57
Pauline Schmitt Pantel, Franoise Tbaud
Nella storiografa tedesca
36
o spagnola
37
dellantichit e del medioevo si assiste
anche al rinnovamento di temi allincrocio tra storia sociale e del diritto, per quan-
to riguarda gli studi di storia urbana, della sociabilit femminile o degli statuti di
categoria, come per gli schiavi a Roma. Lo studio del rapporto delle donne con la
religione rimette in discussione alcuni stereotipi, come la non presenza delle donne
ai sacrifci sanguinosi nella societ greco-romana
38
. Le fonti agiografche ed eccle-
siastiche medievali, indagate sotto langolo del genere, ofrono nuove prospettive
su penitenti dambo sessi in Italia, sul misticismo in Germania, sulla costruzione
del miracolo e della santit in generale con i processi di canonizzazione
39
.
Infne gli studi sulle rappresentazioni, limmaginario, che erano le prime que-
stioni iscritte nella problematica del genere, continuano la loro strada. I saperi
femminili sono messi a confronto con quelli maschili
40
. Sulle orme di Nicole Lo-
raux e di Froma Zeitlin, i lavori attuali sul teatro, al di l della semplice opposi-
zione maschile/femminile, approfondiscono le tensioni, le ambiguit e le strategie
messe in opera nelle relazioni tra i sessi
41
. Infne, nel campo dello studio dei miti
e del politeismo greco, uno sguardo pi attento al carattere di genere dei racconti
e dei riti, nel testo come nelle immagini, permette una rilettura della mitologia e
del panteon
42
.
5. Nuovi oggetti
Nuovi soggetti di studio si incontrano in Francia da circa una diecina danni. Si
ritrovano in ogni settore della storiografa, con lievi diferenze legate alle proble-
matiche della storia generale.
guerre: une histoire crire (Stupri in tempo di guerra: una storia ancora da scrivere).
36 Stavrianopoulou, E. Gruppenbild mit Dame, Untersuchungen zur rechtlichen und sozialen Stellung
der Frau auf den Kykladen im Hellenismus und in der rmischen Kaiserzeit, Stuttgart, Steiner, 2006.
Chryselius, S. Umfreie Mnner und Frauen im antiken Rom. Darstellung und Vergleich geschlechtsspe-
zifscher Lebensbedingungen, Bergfelde, 2006.
37 Cfr. Iriarte, A. Fminin/masculin versus Histoire Sociale dans luniversit espagnole, in Rencon-
tres europennes du RING: A propos des tudes de genre dans les pays europens. O en sommes-nous?,
www.univ-paris8.fr/RING/activites/rencontres.euro/iriarte.espagne.html (2006).
38 Bodiou L.; Mehl, V. (ed.), La religion des femmes en Grce, Rennes, Presses universitaires de Rennes,
2009.
39 Vedere un bilancio in: Genre et histoire, n 3, 2008, citato in nota 7.
40 Ando, V. Lape che tesse. Saperi femminili nella Grecia antica, Roma, Carocci, 2005.
41 Vedere una rassegna di questi studi in: Bruit Zaidman, L.; Schmitt Pantel, P. 2007 cit. nota 7.
42 Frontisi-Ducroux, F. Lhomme-cerf et la femme-araigne, Paris, Gallimard, 2003. Pironti, G. Entre
ciel et guerre. Figures dAphrodite en Grce ancienne, Lige, Kernos, Suppl., 2007.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 57 03/05/2013 11:11:10
58
Le nuove frontiere della Storia di genere dallAntichit allEt contemporanea
Per lantichit, la fonte archeologica interrogata dal punto di vista del genere
almeno in due campi: le pratiche funerarie
43
e le modalit dellabitare
44
. Le novit
dovute alla prospettiva del genere dipendono da un nuovo metodo danalisi dei
reperti e allapertura degli archeologi verso altre scienze sociali. La storia della
famiglia e della parentela ora investita dallangolazione del genere, essendo i
primi studi dedicati alle relazioni tra uomini e donne allinterno della famiglia
e in particolare tra fratelli e sorelle. Questi studi, nella Storia dellantichit come
del Medioevo, sposano le impostazioni antropologiche con quelle storiche e si
trovano al crocevia tra la storia sociale e la storia culturale, ponendo un accento
sulle rappresentazioni
45
.
Le mascolinit gi evocate riguardano tutte le epoche storiche. Lo studio de-
gli uomini, in quanto non semplici esseri sessuati ma sessualmente costruiti, pro-
gredisce vistosamente; lo studio delle sessualit avanza notevolmente. Nel mondo
greco romano antico, la rifessione sulla sessualit e le costruzioni delle identit di
genere sono state ampiamente rinnovate attraverso lo studio dellerotismo maschi-
le in particolare, e quello dellomosessualit femminile
46
. La rifessione collettiva si
dirige attualmente sul modello, le norme e le pratiche
47
. Sinserisce in unindagine
pi vasta in cui il genere occupa un posto privilegiato, che riguarda il sistema dei
piaceri nellantichit
48
.
Anne Claire Rebreyend autrice di una tesi recente dedicata allintimit degli
individui ordinari del XX secolo, ossia sessualit e sentimenti amorosi
49
ha ri-
portato recentemente sul numero di Clio, Histoire, Femmes et Socits centrato sul-
43 Cuozzo, M. Reinventando la tradizione. Immaginario sociale, ideologie e rappresentazione nelle necro-
poli orientalizzanti di Pontecagnano, Paestum, Pandemos, 2003.
44 Nevett, L.C. House and Society in the Ancient Greek World, Cambridge, Cambridge University
Press, 2001.
45 I lavori di Christiane Klapisch in storia medievale aprirono la strada in questo campo. Alaux, J. Le
lige et le flet, Paris, Belin, 1995. Lett, D. Histoire des frres et surs, Paris, La Martinire, 2004. Har-
ders, A.C. Suavissima Soror. Untersuchungen zu den Bruder-Schwester-Beziehungen in der rmischen
Republik, Mnchen, Beck, 2008.
46 Dupont, F.; Eloi, T. Lrotisme masculin dans la Rome antique, Paris, Belin, 2001. Boehringer, S.
Lhomosexualit fminine dans lAntiquit grecque et romaine, Paris, Les Belles Lettres, 2007. Iriarte, A.;
Gonzalez, M. Entre Ares y Afrodita. Violencia del erotismo y erotica de la violencia en la Grecia antigua,
Madrid, Abada, 2008.
47 Atelier EFiGiES Antiquit, Genre, sexe, sexualit dans les mondes grec et romain, programme
2009-2010.
48 Davidson, J. Courtesans and Fishcakes, Te Consuming Passions of Classical Athens, Londres, Harper
Collins, 1997.
49 Rebreyend, A.C. Intimits amoureuses, France 1920-1975, Toulouse, PUM, 2008. Le fonti princi-
pali consistono in biografe e corrispondenze.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 58 03/05/2013 11:11:10
59
Pauline Schmitt Pantel, Franoise Tbaud
le utopie sessuali (2005), un bilancio delle ricerche in questo campo, comparate
alla vasta produzione anglo-americana centrata sullapproccio costruzionistico
delle categorie dellomosessualit. Di l dalle problematiche importate da fuori
e spesso ispirate ai lavori di Michel Foucault, la storiografa francese, prima degli
antichisti, poi dei medievisti e modernisti citiamo la recente Histoire du plaisir
di Robert Muchembled (2005) intraprende una sua rotta con lavori su uomini
e donne e linsieme delle pratiche sessuali. La nascita nel 2003 dEFiGiES Asso-
ciazione di giovani ricercatori e ricercatrici in studi femministi, genere e sessualit
testimonia che il tema non pi trascurato e pu mostrarsi in ununiversit
francese, giudicata, tempo fa, pudibonda da Alain Corbin. Anche gli storici gi
afermati prendono la sessualit come oggetto dindagine, dalla sessuologia (Sylvie
Chaperon) allermafrodismo (Gabrielel Houbre), dal crimine dOnan denun-
ciato dalla Chiesa cattolica (Claude Langlois), alle lotte per la liberazione sessuale.
In riferimento alla storia contemporanea, invece, sono pi specifci altri sog-
getti, in particolare il colonialismo e la/le colonizzazione/i, le migrazioni, pur
dovendo notare ancora una sfasatura cronologica e quantitativa tra storiografa
di lingua inglese e ricerche francesi. In Francia, tuttavia, lavori recenti
50
pongo-
no le donne e il genere al cuore di unanalisi complessa del progetto imperiale e
delle societ coloniali, e anche di unanalisi delle societ schiavistiche sorte dal
commercio triangolare. Approcci e conclusioni convergono verso i risultati delle
opere anglosassoni, si concentrarono maggiormente sulle colonie inglesi, olandesi
o tedesche. Ne risulta che le donne sono state attive dai due lati della barriera
coloniale: ci sono le militanti dassociazioni colonizzatrici espatriate volenti o no-
lenti, delle quali messa in rilievo la diversit sociale, culturale e generazionale; ci
sono le donne colonizzate, dai molteplici passati che le politiche della metropoli
non infuenzarono allo stesso modo. Si sottolinea inoltre limportanza che le poli-
tiche hanno accordato al controllo della sessualit e delle nascite, o si rifette sulle
categorie giuridiche della nazionalit e della cittadinanza che suscitano le forme
di meticciato. Emergono in piena luce le metafore del genere e della famiglia
che strutturano la comprensione europea delle relazioni coloniali tra paesi virili
e popoli efeminati, tra metropoli protettrici e popolazioni che devono essere
guidate come bambine verso la civilt. Gli studi coloniali hanno anche bisogno
di pensare larticolazione tra questioni razziali (sessualizzate) e questioni sessuali
(razzializzate), tra poteri e saperi, nella costruzione di una scienza imperiale negli
ultimi decenni del XIX secolo e i primi del XX secolo.
Abbozzati gi da altre discipline, e argomenti scelti da gruppi di giovani ri-
cercatrici/tori, sicuramente stanno per irrompere lavori di storia delle donne e
50 Taraud, C.; Hugon, A.; Barthlmy, P.; Cottias, M.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 59 03/05/2013 11:11:10
60
Le nuove frontiere della Storia di genere dallAntichit allEt contemporanea
del genere sullimpatto della schiavit e della colonizzazione sulle istituzioni, le
rappresentazioni e le politiche pubbliche delle societ postcoloniali.
In quanto fenomeni in parte legati in parte indipendenti dalla colonizzazione,
le migrazioni provinciali, intra-europee e lontane, gli scambi universitari, gli esili
politici, tutti i fenomeni delle migrazioni e naturalizzazioni stanno diventando in
Francia un tema essenziale della storia generale come della storia delle donne e del
genere. Organizzato nel 2006 dal Centre dHistoire du XXe sicle de lUniversit
Paris-1 e dellEcole Normale Suprieure, un convegno intitolato Histoire, genre,
migration ha mostrato le molteplici potenzialit di tale indirizzo e sottolineato
ancora una volta limportanza dei lavori allestero i quali hanno fornito pi dei
due terzi dei contributi. Ma la situazione si evolve. Basta segnalare la tesi di dotto-
rato di Linda Guerry in corso di stampa sul genere nellimmigrazione e nella
naturalizzazione a Marsiglia tra le due guerre: la ricerca insieme attenta ai saperi
uf ciali e amministrativi sullAltro, alle politiche di genere nellimmigrazione e
la naturalizzazione, alle pratiche sociali degli individui dambo i sessi come delle
amministrazioni.
6. Nuove questioni. Un diverso modo di vedere i rapporti tra
femminismo e ricerca
Questo cambiamento si manifesta in due modi. Da un lato, la storia delle donne e
di genere un sapere che si inizia a studiare sotto langolo della storia e della socio-
logia delle scienze (studio delle comunit scientifche e delle loro regole di funzio-
namento, studio delle pratiche scientifche e dellarticolazione di queste pratiche
con i mondi sociali e politici). Daltro canto, seguendo lesempio di Delphine
Gardey che opera molto in quel senso, si tratta di chiedersi non solo qual il
posto delle donne nelle scienze o le tecniche, ma piuttosto cosa fanno le scienze
e le tecniche alle donne. Per esempio, le scienze attribuiscono la diferenza tra i
sessi alla natura, ricercano la categorizzazione sessuale nellanatomia, gli ormoni,
i cromosomi o i geni, cancellano ogni forma dambiguit sessuale, come nel caso
del trattamento dellintersessualit o la determinazione del sesso degli sportivi
51
.
Allo stesso modo, le tecniche che partecipano della cultura maschile, fabbricano
delle identit di genere, contribuiscono a produrre e riprodurre dei ruoli maschili
e femminili
52
.
51 Gardey, D.; Lwy, I. (dir.) Linvention du naturel. Les sciences et la fabrication du fminin et du
masculin, Paris, Editions des archives contemporaines, 2000. Cfr. anche Lwy, I.; Rouch, H. (a cura
di) La distinction entre sexe et genre. Une histoire entre biologie et culture, in Cahiers du genre,
n. 34, 2003.
52 Chabaud-Rychter, D.; Gardey, D. (dir.) Lengendrement des choses. Des hommes, des femmes et des
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 60 03/05/2013 11:11:11
61
Pauline Schmitt Pantel, Franoise Tbaud
7. Le difcolt dellistituzionalizzazione
In Francia questo problema ricorrente piuttosto che nuovo, tuttavia prende forme
inedite. Da un lato si pu parlare di un riconoscimento intellettuale ma non seguito
da riconoscimento istituzionale. Il riconoscimento intellettuale dobbligo davanti
alla qualit e al numero delle ricerche pubblicate, e anche al peso degli approcci del
genere nelle istituzioni europee e internazionali (il fnanziamento europeo preme).
Sarebbe ormai impossibile alle politiche pubbliche francesi ignorare studi di questo
tipo, ma spesso si accontentano nellIstruzione Universitaria e la Ricerca di solleci-
tare delle missioni o dei comitati consultativi che iniziano il censimento delle ricer-
che solo per buttarlo in un cassetto (ruolo attuale della Missione Parit al CNRS).
Lautonomia delle Universit invocata oggi per giustifcare il non sostegno a livello
nazionale. Questa strategia negativa istituzionale impedisce la trasmissione dei sa-
peri a tutti i livelli dellinsegnamento. Si trova attenuata dalliniziativa delle regioni,
nuove protagoniste nel panorama dellinsegnamento e della ricerca (Institut Emilie
du Chtelet en Ile-de-France), e dallintroduzione dindirizzi di genere, a volte plu-
ridisciplinari, in alcuni laboratori di ricerca
53
. Il genere in questo modo appare pi
come procedura e approccio trasversale che non un oggetto dindagine.
Bisogna infne sottolineare in Francia come in altri Paesi dellEuropa, il di-
namismo delle associazioni di ricerca (SIEFAR, Mnmosyne, EFiGiES, Archives du
fminisme) che tentano di ovviare alla defcienza istituzionale: organizzano conve-
gni, distribuiscono premi alla ricerca, svolgono attivit editoriali. Non dobbiamo
dimenticare inoltre il ruolo organizzativo delle riviste nel campo della ricerca fran-
cese, anche per il dialogo con la ricerca fuori della Francia: Clio, Histoire, Femmes
et Socits (32 numeri dal 1995) e la neonata Genre&Histoire, rivista elettronica
lanciata dallAssociazione Mnmosyne in prevalenza orientata verso le giovani ri-
cercatrici e i giovani ricercatori.
8. La Storia dellAntichit e del Medio Evo: un mondo a parte?
facile constatare che gli storici di queste due discipline sono raramente presenti
nelle sintesi generali attraverso le et o pluridisciplinari sul genere
54
. In realt, le
storiche dellet classica e del medioevo non sono meno interessate delle altre a
techniques, Paris, Editions des archives contemporaines, 2002.
53 Un esempio: stato creato un laboratorio trasversale sul genere allUniversit Paris 1 nel 2009. Esso
raggruppa tutte le discipline delle scienze umane, giuridiche, economiche delluniversit.
54 Fougeyrollas-Schwebel, D. Le genre comme catgorie danalyse, Paris, LHarmattan, 2003; Bard,
C. (ed.), Quand les femmes sen mlent. Genre et pouvoir, Paris, La Martinire, 2004. Opitz, C. Um-
Ordnungen der Geschlechter. Einfhrung in die Geschlechtergeschichte, Tbingen, Ed. Diskord, 2005.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 61 03/05/2013 11:11:11
62
Le nuove frontiere della Storia di genere dallAntichit allEt contemporanea
questo tipo di orientamento, ma i colleghi di storia moderna e contemporanea
considerano questi periodi come dei mondi a parte, che essi conoscono male e sui
quali leggono poco. Tale ostracismo non signifca che la nostra ricerca sia in ritar-
do rispetto alla loro, ma che le nostre problematiche, pi vicine allantropologia
e alla storia delle rappresentazioni, portano a percorrere strade diverse da quelle
della storia moderna o contemporanea.
Unaltra questione pi dolente consiste nel chiedersi se la Storia di genere
abbia trovato posto nellanalisi storica globale sul medioevo o lantichit. La ri-
sposta ha molti distinguo. Il fatto di lavorare in gruppi di ricerca dove il genere
pienamente accettato, di insegnare nelle universit (poche) dove la storia di genere
pu entrare in un corso di studi di storia, non pu fare dimenticare quale grande
deserto ofra la Francia in questo campo. Va rilevato in proposito che un sondag-
gio recentissimo presso colleghi di vari Paesi europei permette tuttavia di estendere
il gran deserto europeo
55
. Piuttosto che lamentarci, riconosciamo che uno sforzo
in pi si rivela necessario per spiegare meglio la procedura della storia di genere e
la sua applicazione concretissima ai documenti e ai temi storici. Esistono adesso
manuali che trattano della storia delle donne per tutte le et storiche, ma bisogna
continuare lo sforzo didattico in direzione della storia di genere. Vediamo unin-
dicazione in tale senso in tre volumi recenti: a cura di Michle Riot-Sarcey, il pri-
mo propone per ogni periodo un esempio dapproccio sotto il punto di vista del
genere, il secondo un manuale destinato ai docenti delle scuole secondarie, che
rilegge linsieme dei programmi dal punto di vista delle donne e del genere (pa-
trocinato da Mnmosyne)
56
; lultimo un libro collettivo coordinato da Sandra
Bohringer e Violaine Sebillotte Cuchet
57
, che combina una presentazione teorica
e tematica della storia di genere a commenti precisi di documenti.
Cercare di delineare le nuove frontiere della storia del genere ha fatto capire
che resta impossibile ofrire una visione unifcata di questa ricerca. La sua ricchez-
za dipende senzaltro dalla diversit degli argomenti studiati e delle impostazioni
oggi in corso. Probabilmente non pi il tempo delle reticenze e delle resistenze
davanti a quel campo di studio: la Storia di genere non una foglia di fco che
nasconde il sesso, non nemmeno disincarnata (Gianna Pomata). In quanto alle-
55 A proposito della Germania, si veda Genevive Bhrer-Tierry, Histoire du genre dans les pays de
langue allemande, in Genre et Histoire, n. 3, 2008.
56 Riot-Sarcey, M. (dir.) De la difrence des sexes. Le genre en histoire, Larousse, 2010; Dermenjian,
G.; Jami, I.; Rouquier, A.; Tbaud, F. (dir.), La place des femmes dans lhistoire. Une histoire mixte,
Paris, Belin, 2010.
57 Bohringer, S.; Sebillotte-Cuchet, V. (dir.) Hommes et femmes dans lAntiquit grecque et romaine,
Paris, Armand Colin, 2011.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 62 03/05/2013 11:11:11
63
Pauline Schmitt Pantel, Franoise Tbaud
voluzione constante delle sue problematiche, va rilevato che essa legata a una
storia sociale e politica vivace, radicata nella storia contemporanea, le sue lotte
e i suoi interrogativi
58
. Il genere per molti di noi un processo, una costruzione,
un campo dindagine che si evolve con capacit dapertura e di creativit, insom-
ma un modo non irrigidito di fare storia. utile pertanto far conoscere meglio
questimpostazione storica, e forse giunto il nostro turno di scrivere delle storie
generali per ciascuno dei periodi che ci sono familiari, dando al genere il posto che
gli spetta. Insomma, occorre saltare il Rubicone e passare dalla Storia di genere a
una riscrittura di tutta la storia, realizzando un obiettivo gi evocato molte volte.
58 Un esempio: il legame instaurato in Spagna, in particolare tra le ricerche sulle donne e quelle
sullambiente, la storia ecologica, scaturito dalla forte consapevolezza molto viva tra le donne della
dipendenza umana nei confronti delle risorse naturali.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 63 03/05/2013 11:11:11
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 64 03/05/2013 11:11:11
Madame la Terre, Monsieur le Capital:
quale il genere del progresso nel XIX secolo?
Marta Petrusewicz
1. La danse macabre
Siamo in pieno secolo decimonono
59
, in un mondo stregato, deformato e capo-
volto [dove] si aggirano i fantasmi di Monsieur le Capital e Madame la Terre,
come caratteri sociali e insieme direttamente come pure e semplici cose
60
. Nella sua
evocazione della danse macabre, Karl Marx ironizza sulla tendenza degli economisti
a personifcare categorie che per lui sono solo economiche e sociali: il proftto e la
rendita, la classe agraria e quella industriale. In questo saggio, per, mi servir pro-
prio di questa immagine antropomorfca di Marx per parlare di classi sociali, visioni
della modernit, mentalit e regimi di rappresentazione e mettere nello stesso tempo
in evidenza le caratteristiche di genere del Capitale e della Terra.
Nella danse macabre i fantasmi di Monsieur le Capital e Madame la Terre vol-
teggiano stretti luno allaltra. A unirli un rapporto organico e indissolubile, allin-
terno del quale ciascuno mantiene la propria specifcit. La terra lUniversale e
il Locale: fonte di sussistenza, legata organicamente alla natura e al rinnovamento
ciclico dellenergia umana, simbolizza anche lunicit del suolo, del luogo e delli-
59 Quanto segue sono spunti nati nellambito di una mia lunga ricerca sulle modernit alternative
nelle periferie europee dellOttocento, dove la dimensione di genere diventa man mano sempre pi
palese. Queste rifessioni sono state presentate per la prima volta al Congresso napoletano della So-
ciet delle Storiche nel 2010, occasione di cui sono grata alle organizzatrici. Ringrazio altres Renata
De Lorenzo per il suo perspicace commento che ha contribuito alla presente versione.
60 Marx, K. Il Capitale, vol. 3, Roma, Editori Riuniti, 1964, p. 943.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 65 03/05/2013 11:11:11
66
Madame la Terre, Monsieur le Capital: quale il genere del progresso nel XIX secolo?
dentit
61
. La terra rimane fsicamente dove e dove sempre stata, come iscritta
nella vita con un destino storico proprio, un valore non moltiplicabile, diverso da
tutti gli altri. Il capitale, invece, privilegia il nesso materiale, sovra-locale, staccato dai
luoghi e dalle storie specifche. mobile e cambia facilmente di forma e inseguendo
le opportunit oferte dal proftto, si accumula e si moltiplica allinfnito.
La mente agricola volta a capire, osservare, rispettare la Natura, dialoga con
lei e ne ascolta la voce
62
perch da questa relazione dipende il rinnovamento della
vita. La mente commerciale, invece, astratta e fredda; ipocrita, volgare, noiosa, ru-
morosa, sprecona e ignorante, diceva Charles Fourier. La terra alla perenne ricerca
dellarmonia, il capitale insegue la concorrenza, il confronto e lantagonismo.
Questa ancestrale costruzione della diferenza messa brutalmente in discus-
sione agli albori della Rivoluzione Industriale. La popolazione europea era cresciuta
rapidamente, soprattutto per efetto del calo della mortalit, passando dai centot-
tantacinque milioni nel 1800 ai quattrocento nel 1900. Il maggiore fabbisogno
alimentare esercita una formidabile pressione sul settore agricolo per aumentare la
produttivit e privilegiare i prodotti ad alto contenuto calorico e la pastorizia. La
produzione agricola, entrata in un ciclo di crescita negli anni Trenta dellOttocento,
aumenta di pi del doppio nei quattro decenni successivi. Lo sfruttamento pi in-
tenso del suolo conduce in tempi brevi alluso dei moderni fertilizzanti chimici e il
plurisecolare sistema di rotazione triennale cede il passo alla rotazione permanente.
Tutti questi cambiamenti, accompagnati dallemigrazione di massa verso le grandi
citt, causano uno spopolamento delle campagne, soggetto frequente di nuovi
studi sociologici
63
. Altri studi mostrano che in Inghilterra, dove la conversione dei
terreni alla produzione cerealicola/pastorale, sancita nel 1803 dal General Enclosure
Act, inizia per prima, la vecchia agricoltura diversifcata scompare quasi del tutto
64
.
Madame la Terre, messa sotto attacco da parte di Monsieur le Capital e i
suoi alleati, gli economisti post-Smithiani e i governi riformatori, viene accusata
di essere arretrata, tradizionale, antiquata e immobilizzata da usi comunitari. I
governi centrali entrano nei villaggi per riformare le pratiche agricole forzando la
transizione dal comunalismo allindividualismo agrario. Forte di questi appoggi
e cresciuto in importanza e potere, Monsieur le Capital tenta di trasformare la
consorte a propria immagine e somiglianza, da terra-materia in terra-capitale, un
capitale fsso che si modifca, come qualunque altro, soggetto alle leggi della pro-
priet. Si potrebbe dire, per anticipare ci che andr argomentando, che Monsieur
le Capital tenta di androgenizzare la consorte.
61 Reboul, C. Monsieur le Capital et Madame la Terre: fertilit agronomique et fertilit conomique,
Paris, INRA, 1989.
62 Come il Signor Cogito che cerca di distinguere la voce umana da quella della natura.
63 Per esempio Bonnemre, E. Les paysans au XIXe sicle, Nantes, Impr. Veuve Mellinet, 1847.
64 Tirsk, J. Alternative agriculture: a history, Oxford, Oxford University Press, 1997.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 66 03/05/2013 11:11:11
67
Marta Petrusewicz
2. Terra-Capitale: opposizioni binarie
La tensione tra la Terra e il Capitale, che avrebbe impermeato le dottrine econo-
miche e le politiche di tutto il XIX secolo, viene espressa al livello discorsivo con
una serie di opposizioni binarie qui di seguito sintetizzate.
Capitale Terra
Industria Agricoltura
Citt Campagna
Proftto Rendita
Produzione/Investimento Riproduzione/rinnovamento
Interesse proprio (self interest) Sacrifcio (bene comune)
Guadagno Nutrimento
Commercializzazione Autosuf cienza (sussistenza)
Crescita esponenziale Ciclicit (eterno ritorno)
Mobilit Radicamento (immobilit)
Volatilit Eternit
Tempo breve (impazienza) Tempo giusto
Rinvio di gratifcazione (accumulazione) Godimento di frutti
Cosmopolitismo (senza patria) Localismo (amor patrio)
Dominio mondiale Coltivare il suolo patrio
Ragione Sentimento
Scienza Natura
Individualismo Cooperazione
Lotta Armonia
Rischio Stabilit (linerzia apparente)
Libera scelta Necessit (scelte vincolate)
Sfera maschile Sfera femminile
Quando la tensione si acuisce, queste opposizioni binarie diventano tasselli
di costruzioni normative aspre e sprezzanti. Il Capitale considera la Terra come
una sopravvivenza feudale e medievale, una roccaforte dellarretratezza economica
e della conservazione sociale, delloscurantismo e delle gerarchie, mentre si auto-
rappresenta come fautore della libert, della mobilit e del progresso umano, al
passo con il suo secolo
65
.
65 La denominazione et del capitale fu attribuita alla parte centrale del XIX secolo da Hobsbawm,
E.Te Age of Capital: 1848-1875, London, Weidenfeld & Nicolson, 1975, tr.it. Il trionfo della bor-
ghesia. 1848-1875, Roma-Bari, Laterza, 1976.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 67 03/05/2013 11:11:11
68
Madame la Terre, Monsieur le Capital: quale il genere del progresso nel XIX secolo?
Madame la Terre, da parte sua, si difende ricorrendo alla dicotomia morale
tra citt e campagna, la prima abitata dal Diavolo, la seconda da Dio
66
. Associato
al Diavolo, il Capitale visto come un freddo calcolatore, privo di compassione,
arido di sentimenti e sprezzante verso legami che non siano mediati dal danaro (il
cash nexus di Tomas Carlyle). La sua citt un luogo di invidia, brama di danaro,
ipocrisia, perdizione. La Terra, invece, appartiene a Dio che la assiste sempre, tra-
mite il suo vicario la natura e in collaborazione con il coltivatore attento (del resto
Dio predilesse la campagna come luogo di redenzione).
Malgrado queste polemiche aspre, le opposizioni binarie sopra elencate si
collocano comunque in un universo culturale condiviso dalle due parti, forma-
tesi sulle stesse letture di Montesquieu, Herder e Ritter: la fede nella libert, il
determinismo naturale e la superiorit della razza bianca. Ad esempio, quando il
Capitale cerca di dominare il mondo e la Terra di coltivare il suolo patrio, partono
tutti e due dalla convinzione che Dio abbia prediletto i cristiani europei dotandoli
di una superiorit razziale e culturale nonch ambientale, anche se poi ne deriva-
vano pratiche diverse
67
. Cos, alla base dellopposizione tra Scienza e Natura, c il
riconoscimento condiviso dellautorit della Natura e dei suoi dettati normativi,
bench anche qui le due parti ne derivavano conclusioni diferenti. Per il Capitale,
Natura determina la natura della specie e dellindividuo, ma anche un tiranno
al quale giusto ribellarsi per afermare la propria autonomia. Per la Terra, invece,
Natura vicario di Dio; fssa gli standard del buono, bello, giusto e virtuoso, e i
limiti del potere individuale di scelta. Le leggi di Natura, e il posto che a ognuno
viene assegnato, vanno rispettati se si vuole godere dei suoi premi terre fertili e
pecore lanose, diceva Esopo e evitarne le punizioni
68
. Infne, alla base dellop-
posizione tra Libera Scelta e Necessit, troviamo la condivisa priorit accorda-
ta alla libert ma idee diferenti sui suoi limiti: per il Capitale, oltre a quelli fssati
dai contratti sociali, i limiti sono ben pochi; viceversa, per la Terra sono molteplici
e consapevoli perch derivati da un senso di responsabilit
69
.
66 Williams, R. Te City and the Country, London, Chatto and Windus, 1973.
67 Le due concezioni deterministiche sono ben rifesse in due studi recenti: Diamond, J. Guns, Germs,
and Steel: Te Fates of Human Societies, New York, W.W. Norton, 1997, tr.it. Armi, acciaio e malattie,
Milano, Il Saggiatore, 2002 e Landes, D.S. Te Wealth and Poverty of Nations: Why Are Some So Rich
and Others So Poor?, New York, W.W. Norton, 1998, tr.it. La ricchezza e la povert delle nazioni.
Perch alcune sono cos ricche ed altre cos povere, Milano, Garzanti, 2002.
68 Vedi: Daston L; Vidal, F. (a cura di) Te Moral Authority of Nature, Chicago, University of Chicago
Press, 2004.
69 Il concetto era importante per i neo-ruralisti inglesi come il poeta Edmund Blunden, lagronomo
Harold Massingham e altri.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 68 03/05/2013 11:11:11
69
Marta Petrusewicz
3. Le due modernit
importante notare che, oltre ai postulati di cui sopra, il Capitale e la Terra con-
cordano su altri punti fondamentali quali lopposizione alla feudalit, un certo
liberismo economico, la preoccupazione per la ricchezza della nazione e luso dei
termini progresso/arretratezza e trasformazione. Infatti, nel XIX secolo, sono
ambedue entit moderne e interessate alla modernizzazione. Le loro visioni di
modernit sono, per, diverse e tra di loro alternative: due idee di progresso, due
discorsi economici e due insiemi di pratiche che avrebbero coesistito in concorren-
za per quasi tutto il secolo. Inizialmente, il primo modello, quello industriale, era
limitato allInghilterra, e nemmeno tutta, e ad alcune macchie del continente,
per usare la vecchia espressione di Sidney Pollard, mentre il modello agrario domi-
nava tutta lEuropa periferica e molte aree del centro. I rapporti di forza cambiano
poi gradualmente a favore del capitale, ma la rivalit non si sarebbe risolta se non
con la grande crisi degli anni Settanta
70
.
Delle due modernit, quella del Capitale corrisponde alla nostra nozione
abituale: lindustrializzazione; la trasformazione dellagricoltura (terra-capitale);
lurbanizzazione basata sullo spostamento massiccio delle popolazioni rurali; la
mercifcazione di rapporti sociali; la nuclearizzazione della famiglia; il predo-
minio del commercio a lunga distanza; la crescita senza precedenti delle ricchezze
individuali e la statalizzazione del dominio coloniale.
Laltra versione della modernit, quella rappresentata dalla Terra, pone al cen-
tro la terra e lagricoltura. Anchessa auspica una crescita economica e sociale,
ma graduale e moderata: attorno alla ben gestita agricoltura sarebbe cresciuta la
manifattura, la quale a sua volta avrebbe stimolato lestensione del commercio ai
mercati lontani. Le citt moderne non avrebbero perso il loro rapporto organico
con il territorio e la crescita, altrettanto moderata, della popolazione sarebbe as-
sorbita dai tre settori. Infne, anche laccresciuta ricchezza sarebbe in un qualche
modo distribuita in rapporto con la popolazione.
Tanto il Capitale che la Terra si richiamano alla dottrina di Adam Smith delle
Origini della ricchezza delle nazioni, anche se in modi diversi: il primo, alla mano
invisibile e alle leggi formalizzate da Jean Baptiste Say e David Ricardo; la seconda,
alla teoria dei sentimenti morali e al corso naturale delle cose, lo Smith mediato
da Simonde de Sismondi, Fryderyk Skarbek, Cosimo Ridolf, Friederich List e i
cameralisti tedeschi.
La modernit proposta dalla Terra un compromesso tra tradizione e mo-
dernit capitalista. Opposta alla nozione di terra-capitale, essa tenta comunque
70 Quando lagricoltura si commercializz su grande scala e espulse milioni di contadini che presero
la via dellemigrazione. Molti autori fanno durare questa rivalit fno alla Prima Guerra Mondiale.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 69 03/05/2013 11:11:11
70
Madame la Terre, Monsieur le Capital: quale il genere del progresso nel XIX secolo?
di trasformare la terra in un moderno territorio, nel quale il profondo, virgiliano
sentimento georgico si unisce alla scienza. Lingegneria, la chimica e leconomia
politica non lasciano al caso niente di quel che non attiene strettamente alla Natu-
ra. Il territorio si riempie di modi nuovi, lagricoltura assomiglia alla manifattura
e il suolo fertile diventa un prodotto sociale: de progrs en progrs, on arrive
construire la terre arable, absolument comme on construirait un haut-fourneau
scrive entusiasta, nel 1855, lagronomo francese Edouard Lecouteux
71
.
4. Un sistema genderizzato
Il linguaggio delle opposizioni binarie che descrivono Monsieur le Capital e
Madame la Terre spiccatamente di genere, con attributi nettamente maschili
per il Capitale e femminili per la Terra. Il Capitale diventa davvero un uomo
e la Terra una donna, in un rapporto di coppia a caratteri chiaramente otto-
centeschi.
La Terra madre della grande famiglia umana, nutrice, fertile; il Capitale
un padre-padrone freddo, calcolatore, rude e spietato. La Terra si esprime con
il linguaggio dei sentimenti, dellamore e della cura; il Capitale con quello della
razionalit. Il Capitale usa le virt del lavoro per accumulare denaro, la Terra per
dare la felicit privata e pubblica.
Malgrado alcune apparenze, questo linguaggio di genere appartiene propria-
mente al XIX secolo. solo apparente, per esempio, lo status ontologico eterno
della maternit e della madre-natura nutrice; in realt, la maternit viene elevata
a qualit sacrali proprio nel periodo in cui la fertilit andava diminuendo e si stava
afermando una nuova divisione sessuale del lavoro
72
.
Come si visto, il progetto di modernizzazione portato avanti dalla Terra
non parla afatto di un ritorno a un qualche mitico paradiso arcadico femminile
ma piuttosto di una cooperazione, per quanto confittuale, con il Capitale, tra il
femminile sentimento e la maschile scienza. Madame la Terre non pretende di
governare, anche se gode di un grado di libert che usa, in nome delle leggi della
natura, a difesa della propria specifcit. Essa invoca, invece, un good husbandry
71 Lecouteux, E. Principes conomiques de la culture amliorante, Paris, Librairie agricole de la Maison
Rustique, 1855, p. 135.
72 Per la critica dello status ontologico del matriarcato precedente la legge paterna vedi Butler, J.
Te Body Politics of Julia Kristeva in Oliver, K. (a cura di) Ethics, Politics, and Diference in Julia
Kristevas Writing, New York, Routledge, 1993, pp. 164-78. Sulla rappresentata iconografca della
madre-natura, regale ma fragile, una dea con le vesti stracciate, abbondante ma bestiale con le sue
mammelle piene, vedi Park, K. Response to Brian Vickers, Francis Bacon, Feminist Historiography,
and the Dominion of Nature, in Journal of the History of Ideas, vol. 69, N. 1, 2008, pp. 143-146.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 70 03/05/2013 11:11:11
71
Marta Petrusewicz
(il termine non ha lequivalente in italiano) ovvero lautorit di un marito che al
tempo stesso buon agricoltore, allevatore, amministratore, e economo, capace di
governarla con lamore e con il giudizio
73
. Sar poi compito della Terra addolcirlo,
civilizzarlo e moralizzarlo.
Questo linguaggio fa riferimento a un sistema di rappresentazione, gli ste-
reotipi di genere, le credenze sulle caratteristiche psicologiche e biologiche della
mascolinit e della femminilit e le attivit specifche di ogni genere, tutti propri
del XIX secolo.
Fino al Settecento, la divisione sessuale del lavoro era stata poco rigida; le
donne lavoravano nellazienda domestica accanto agli uomini e come questi in-
trattenevano rapporti con il mercato. Lavvento del capitalismo industriale manda
gli uomini fuori a guadagnare e lascia le donne a governare la casa e i fgli, rom-
pendo cos lunit tra produzione e riproduzione e determinando una separazione
tra pubblico e privato senza precedenti nella storia. La sfera pubblica e il lavoro
retribuito diventano dominio degli uomini; la sfera privata, la casa e la famiglia
sono riservate alle donne. Anzi, la casa si defnisce proprio in quanto separata dal
mondo della produzione
74
. Questa rivoluzione produce non poche ansie allin-
terno della famiglia: gli uomini perdono la guida del lavoro familiare, fonte della
loro autorit patriarcale; le donne sono per legge escluse dalla sfera pubblica, li-
mitate nel diritto alla propriet e subordinate allautorit delluomo. A placare in
parte queste ansie arriva una formidabile costruzione discorsiva, ovvero la dottri-
na delle Sfere Separate. Nel nuovo mondo industriale, la sfera pubblica dura e
brutale, fatta di incertezze, di concorrenza spietata, di mercifcazione e di freddo
calcolo. La sfera privata un rifugio da tutto ci, il luogo della moralit sociale e
personale, dellamore materno e delle virt femminili, dove i fgli vengono educati
ai pii sentimenti pi che alla rigida dottrina religiosa. La dottrina oggettivata
dagli studi medici e sociologici che fanno derivare le sfere separate dalle diferen-
ze caratteriali tra i sessi. Per natura e per necessit storica luomo aggressivo,
competitivo, forte, saggio, fermo, deciso, attivo, indipendente e ambizioso. Ma
anche rude, privo di virt innate e di sentimento religioso, incline al peccato e alla
seduzione. La donna invece debole ed emotiva, per natura dipendente e timida,
casta, devota, sottomessa e domestica, ma sempre per natura dotata di senso
73 Anche gli economisti e gli agronomi moderni assegnano ruoli divisi per genere: agli uomini, la
gestione dei campi secondo criteri aggiornati di tecnologia, scienza ed economia; alle donne, la cura
della famiglia e della casa, secondo standard severi di pulizia, ordine e risparmio. Vedi: Burnier, D.
Masculine Markets and Feminine Care: a gender analysis of the National Performance Review, in
Public Administration Review, n. 6, vol. 66, 2006, pp. 861-872.
74 Vedi: Davidof; L.; Hall, C. Family fortunes: men and women of the English middle class, 1780-1835,
London, Routledge, 1987.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 71 03/05/2013 11:11:11
72
Madame la Terre, Monsieur le Capital: quale il genere del progresso nel XIX secolo?
morale e superiorit etica. La donna ha bisogno delluomo per essere protetta e
nello stesso tempo ha la capacit di elevarne la virt
75
.
Gli stereotipi di genere vengono largamente difusi tramite leducazione e
una variegata letteratura di romanzi moralizzanti, giornali, riviste, almanacchi,
catechismi e manuali di ogni tipo e penetrano tutto il discorso del privato e del
pubblico, i rapporti di classe e di razza, la conquista coloniale, la politica, le cate-
gorie economiche e sociali. Cos, per una persona dellepoca facilissimo perce-
pire Monsieur le Capital come luomo calcolatore, razionale e mercenario, attivo
nella sfera pubblica, nel regime della dura concorrenza, sempre in movimento alla
conquista di fortune e di spazi nuovi; e Madame la Terre, invece, come la donna
generosa e nutrice, radicata, sedentaria e domestica, materna e eterna, estimatrice
darte, fonte di moralit e dietica, dedita alle opere pie. Come donna, Madame
la Terre sottomessa a Monsieur le Capital, ma a condizione chegli sappia essere
un good husband.
Lo stereotipo di genere applicato alla confgurazione Capitale/Terra cos
potente da pervadere tutta la grande narrativa europea
76
, persino quella che con
Jane Eyre, Madame Bovary e Nora sta gi sovvertendo limmagine della vera
donna. Il romanzo europeo rappresenta lopposizione tra citt e campagna nei
termini stereotipati di cui si parlato prima, idealizzando un ordine rurale sem-
plice, demonizzando la citt, glorifcando tradizioni natie e locali e la stabilit so-
ciale, stigmatizzando tutto leccesso e disprezzando ebrei e flistei. Questi termini
sono fortemente genderizzati: la terra/campagna/donna promulgatrice di cura,
moderazione e conservazione; il capitale/citt/uomo agente di cambiamento e
mercifcazione.
5. Il romanzo normativo
Nellambito di questa narrativa, si pu distinguere un flone letterario particolare
allesame del quale sono dedicate le pagine che seguono. Lo chiamer il romanzo
normativo perch agisce da portavoce al progetto di altra modernit di cui si
parlato, formulando programmi di miglioramento economico, sociale e morale
e indicando i modi concreti per riconciliare i valori della tradizione con la mo-
dernizzazione. Il romanzo normativo un veicolo per quegli scrittori che si con-
siderano scienziati sociali, oltre che romanzieri, e che ritengono che il loro dovere
75 Vedi, Welter, B. Te Cult of True Womanhood, in Gordon, M. (a cura di) Te American Family
in Social and Historical Perspective, New York, St. Martins Press, 1978, p. 313.
76 Li ritroviamo, a partire da Wilhelm Meister di Johann Wolfgang Goethe, negli scritti di Matthew
Arnold, i romanzi di Honor de Balzac, Georges Sand, Ivan Gonarov, George Elliott, Jane Austen,
Emily Bronte, Tomas Hardy, Luigi Capuana, Elizabeth Gaskell e tanti altri.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 72 03/05/2013 11:11:11
73
Marta Petrusewicz
principale, per dirla con uno di loro, Ignacy Kraszewski, sia sociale e politico [pi
che] artistico.
I romanzi normativi narrano storie straordinariamente simili tra loro e hanno
la stessa struttura narrativa. Lazione si svolge in un luogo di campagna tipico,
dove tutta la terra appartiene a un certo numero di famiglie, spesso nobili. La
trama verte attorno a due famiglie vicine, una di proprietari buoni, laltra di
cattivi. Il proprietario buono risiede nella sua propriet, lamministra in prima
persona, e porta avanti una cauta e graduale modernizzazione senza rinunciare alle
vecchie e nobili virt. Realizza, in poche parole, il progetto di Madame la Terre.
I proprietari buoni sono il Signor Starzycki in Kollokacja del polacco Jzef Kor-
zeniowski, il protagonista di Pan Starosta del polacco Fryderyk Skarbek, il Conte
OHalloran in Te Absentee dellirlandese Maria Edgeworth o il pastore Rein in
Figlie del Governatore della norvegese Camilla Collett
77
. La gestione prudente as-
sicura loro un notevole successo economico, ma rimangono semplici e modesti,
senza ostentare mai la loro ricchezza. Nella vecchia, spaziosa, prospera e ospitale
casa regna la semplicit, il rispetto per le tradizioni, locali e nazionali, per gli anzia-
ni, la religione, la famiglia, coniugati con lapprezzamento del sapere, leducazione
delle donne e ligiene del corpo. I contadini sono trattati bene, hanno contratti
sicuri, case decenti e scuole nei villaggi.
Il proprietario cattivo, invece, un assenteista, intossicato dalla civilt di
denaro e consumo. Lui e la sua famiglia risiedono da qualche parte estera, o
nelle citt capitali, spesso del Paese occupante: il Lord e la Lady Clonbrony di
Te Absentee abitano a Londra; la contessa Podziemska e suo fglio, lefemina-
to Henryk (Henri) di Kollokacja, sulla Riviera italiana, il debauch Grewicz di
Skarbek a Varsavia. Il proprietario cattivo si cura pi di essere la page che della
propria terra, imita i modi metropolitani, dissipa la fortuna ereditata in frivolezze,
abiti allultima moda, romanzi francesi, balli e ricevimenti. sempre indebitato e
piuttosto impoverito, come Grecki, che allet di trentanni sta ormai spendendo
gli ultimi rubli di una fortuna una volta considerevole. Pigro e insicuro, ha una
moglie sciocca e frivola, e le teste dei fgli sono piene di non-sensi. Lontano, in
campagna, la sua propriet gestita da agenti incapaci o disonesti. Le strutture
sono tutte crollate per mancanza di manutenzione, le rese agricole sono basse,
i redditi ancora pi bassi e i contadini ridotti a una miseria abissale. La dimora
degli avi, che il proprietario disprezza e dove si annoia, veramente spregevole per
quanto sporca, dirupata e inospitale.
In genere, in questi romanzi, succede che il proprietario buono ha una fglia
e quello cattivo un fglio. In unaltra variante, il proprietario buono pu agire in
77 titoli in originale e tradotti
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 73 03/05/2013 11:11:11
74
Madame la Terre, Monsieur le Capital: quale il genere del progresso nel XIX secolo?
loco parentis per giovani orfane nobili, come Pan Starosta per la nipote Waleria o
il Conte OHalloran per Grace Nugent. In ogni caso, presto o tardi, i giovani si
incontrano, si innamorano e dopo aver superato innumerevoli ostacoli verso la
fne del romanzo si sposano. Ovviamente non senza che prima la risoluta fdanzata
sia riuscita a ricordurre allovile il giovane, il quale si era perso perch sciocco e mal
guidato ma in realt si rivela essere fondamentalmente buono. Con lui, si conver-
te tutta la famiglia e insieme si ristabiliscono sulla propria terra, assumono modi
locali e vivono a lungo felici e contenti, amati dai vicini e rispettati dai contadini.
In queste storie paraboliche si compie il miracolo della redenzione e della ri-
generazione: le famiglie smarrite ritrovano la retta via, abbandonano falsi valori e
consumi futili, ritornano nella terra ancestrale per amarla e farla rendere (good hu-
sbandry) ritrovando cos la pace dellanima, la salute, la prosperit e la felicit. Que-
sto succede per merito dellamore e dellinfuenza delle donne, ma anche per la loro
risolutezza. Senza questultima, la rovina dei proprietari assenteisti, incompetenti,
avidi e negligenti si sarebbe consumata, come avviene in un altro romanzo di Maria
Edgeworth, Castle Rackrent, o in Kollokacja e Spekulant di Korzeniowski. Ci che
motiva le eroine del romanzo normativo Grace Nugent, Kamilla Zagartowska,
Sofe Ramm non la ribellione individualista di Jane Eyre, Emma Bovary o, pi
tardi, Anna Karenina, ma la missione di dare vita a un progresso armonico
78
.
Il romanzo normativo va oltre il canone di romanzo rurale in quanto cerca
di coniugare lapologia della semplicit e della verit insite nella vita di campagna
e dei valori e lordine della tradizione, tipici di questultimo, a un contesto di
modernizzazione. Vi si prospetta un ordine sociale armonioso, centrato sulla Terra
e guidato da una classe agraria ravveduta. La Terra e il dovere di preservarla e di-
fenderla si trovano al centro della trama. Chi vive sulla terra si trova a far parte di
ununione organica, ragion per cui la presenza fsica sulla terra del good husband
ritenuta una condizione necessaria per realizzare un ordine armonioso, donde
la polemica contro lassenteismo. Questordine sar guidato dalla classe agraria di
cui il ruolo e la propriet non vengono messi in questione, a condizione che essa
sappia compiere il proprio dovere.
6. Una nota nale: Terra e Nazione
Il romanzo normativo, forito soprattutto nelle periferie dellEuropa, prive allepo-
ca della sovranit nazionale, portatore di un messaggio ulteriore: coltivare bene la
78 Questo lesempio di unagency diretta delle donne nella causa nazionale, che va oltre il ruolo sim-
bolico di cui parla Anne McClintock in Imperial Leather: Race, Gender, and Sexuality in the Colonial
Contest, New York-London, Routledge, 1995.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 74 03/05/2013 11:11:11
75
Marta Petrusewicz
terra un dovere patriottico e la rigenerazione della classe agraria, dellagricoltura
e della campagna non sono che dei passi verso una ben pi grande rigenerazione,
quella che riguarda la patria/nazione
79
. La terra degli avi rappresenta una domaine
patriotique la nazione, il paese e la patria insieme localizzata e radicata, diversa
dal cosmopolita Capitale il quale, nella corsa senza frontiere al proftto, si dimen-
tica del bene patrio. Come scrisse il poeta polacco Kajetan Komian:
la strada dellamore di tutto quello che nazionale, della solidariet [..] del sa-
crifcio, del lavoro organico, dellattivismo locale [..] conduce verso la Polonia; la
strada del cosmopolitismo, delle contraddizioni, dellavidit, del materialismo [..]
conduce lontano da essa
80
.
79 tra i pratici agricoltori, abitatori di contrade che il noto agronomo abruzzese Ignazio Rozzi
vedevasi risvegliare i sopiti sentimenti dellamor patrio e del pubblico bene. Ignazio Rozzi. com-
pletare.. 1841
80 Ziemiastwo polskie (La nobilt terriera polacca), 1839. Traduzione mia.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 75 03/05/2013 11:11:11
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 76 03/05/2013 11:11:11
CAPITOLO 1
A partire da Nicole Loraux:
il femminile tra hybris e nomos
a cura di Claudia Montepaone e Gabriella Pironti
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 77 03/05/2013 11:11:11
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 78 03/05/2013 11:11:11
Introduzione
Claudia Montepaone e Gabriella Pironti
Il presente panel antichistico intende riferirsi a quello che stato lorientamento
principale degli studi di Nicole Loraux (1943-2003) nei suoi scritti sul politico,
il maschile e il femminile, la tragedia e la commedia antiche, intese quali for-
me di rappresentazione e mediazione delle contraddizioni sociali. Integrata su di
uno sfondo antropologico e impiegata essenzialmente come modello euristico, la
prospettiva di genere si conferma un valido strumento interpretativo del mondo
antico, della relazione maschile/femminile nei contesti dati, delle dinamiche della
polis, della stasis, delle trasformazioni socio-politiche, segnalando contraddizioni
del sistema sociale, istituzionale, culturale e religioso e consentendo di superare i
rischi di una lettura di tipo evolutivo.
Quella tra hybris e nomos una delle opposizioni cardine su cui si costruisce
lidea di polis, di citt arcaico-classica: da Louis Gernet e Jean-Pierre Vernant a
Pierre Vidal-Naquet, gli studiosi del mondo antico hanno sottolineato il ruolo
fondamentale di questa polarit. Cos anche Nicole Loraux, che presta una par-
ticolare attenzione al ruolo funzionale che assume, nel ribadire i nomoi, il mec-
canismo di apparente sovversione dei nomoi stessi da parte di fgure della hybris,
spesso di genere femminile. Basti ricordare le sue acute analisi sulla Lisistrata di
Aristofane
1
. Ripensare, a partire da Nicole Loraux, il femminile tra hybris e nomos,
consiste quindi nellesplorare le rappresentazioni del femminile nel mondo greco
1 Loraux, N. Les enfants dAthna. Ides athniennes sur la citoyennet et la division des sexes, Paris, La
Dcouverte, 1984
2
[1981]; Ead., Aristophane, les femmes dAthnes et le thtre, in Entretiens sur
lantiquit classique, XXXVIII, Vanduvres-Genve, 1993, pp. 217-219.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 79 03/05/2013 11:11:11
80
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
antico lasciando emergere le tensioni che lo attraversano, tensioni in cui si esprime
storicamente, a vari livelli, la dialettica maschile/femminile, in risonanza con quel-
le tra ordine e disordine, misura e dismisura, regola ed eccezione.
Questa tematica sar afrontata allinterno del panel da diverse prospettive, ma
che hanno tutte unattinenza con i temi e gli interessi sviluppati dalla Loraux nei
suoi studi: si pensi, ad esempio, alla tragedia e alla commedia attiche. Alcuni contri-
buti privilegiano un preciso contesto storico, altri sono rivolti allanalisi di un culto
preciso e considerano la dialettica maschile/femminile dal punto di vista del rituale.
Anche le rappresentazioni religiose verranno interrogate in una prospettiva di gene-
re. Non mancher uno sguardo flosofco nel tentativo di far dialogare a distanza, sul
politico e sul femminile, la studiosa francese con Hannah Arendt.
Ha contribuito a ispirare la tematica di questo panel la fgura di eroine tragiche
quali Antigone e Medea, lette sulla scorta dei fondamentali contributi di Jean-Pierre
Vernant, Pierre Vidal-Naquet e Nicole Loraux. La scena tragica, come questi studio-
si ci hanno insegnato, un osservatorio privilegiato per cogliere allopera, nella citt
greca, la rappresentazione dei rapporti di forza, ivi compreso quello tra maschile e
femminile. La tensione tra questi due poli, nelle pratiche sociali come nellimmagi-
nario a esse sotteso, stata al centro di molti lavori di Nicole Loraux. Basti pensare a
libri collettivi come La Grecia al femminile
2
, da lei curato, cui hanno contribuito tra
gli altri Claude Moss, Stella Georgoudi e Claudia Montepaone; questo interesse,
unitamente a quello per il politico privilegiato ne Linvention dAthnes
3
, percorre
molte opere della Loraux da Les Enfants dAthna
4
a Les Expriences de Tirsias.
Le fminin et lhomme grec
5
. Le ricerche della studiosa francese sono percorse dalla
volont di far emergere dai vari contesti il pensiero della diferenza, maschile/fem-
minile certo, ma non solo. Le rifessioni sullaspetto strutturante del confitto in
generale, e di quello politico in particolare, sviluppate ad esempio ne La Cit divise
6

e nella raccolta postuma La Tragdie dAthnes
7
, sono un lascito ancora fecondo di
prospettive per meglio comprendere svariati aspetti del mondo antico, ivi comprese
alcune rappresentazioni proprie del politeismo greco
8
. Le sue brillanti e ineccepibili
2 Loraux, N. (a cura di) La Grecia al femminile, Roma-Bari, Laterza, 1993.
3 Loraux, N. Linvention dAthnes. Histoire de loraison funbre dans la cit classique, Paris, Payot,
1993
2
[1981].
4 Loraux, N. Les Enfants dAthna cit.
5 Loraux, N. Les Expriences de Tirsias. Le fminin et lhomme grec, Paris, Gallimard, 1989 (trad. it. di
Guidobaldi, M.P.; Botteri, P. Il femminile e luomo greco, Roma-Bari, Laterza, 1991).
6 Loraux, N. La Cit divise. Loubli dans la mmoire dAthnes, Payot, 1997 (trad. it. di Marchesoni,
S. La citt divisa, Vicenza, Neri Pozza, 2006).
7 Loraux, N. La Tragdie dAthnes. La politique entre lombre et lutopie, Paris, Seuil, 2005.
8 Vd., ad esempio, sul dio Ares, Loraux, N. La Cit divise cit., pp. 26-35, 121-145, ma anche Ead.,
Le corps vulnrable dArs, in Le Temps de la Rfexion, n. 7, 1986, pp. 350-354.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 80 03/05/2013 11:11:11
81
Introduzione
analisi sulla citoyennet e sulla costruzione della polis, sullidea di autoctonia e sulle-
sclusione inclusa della donna e del femminile, si alimentano dellampia prospettiva
storico-antropologica da cui la Loraux ha guardato al mondo greco antico e alla cit-
t in particolare, spaziando dallorazione funebre allacropoli comica, dalla tragedia
allimmaginario mitico-religioso.
Da un analogo tentativo di variet di prospettiva, le autrici dei contributi qui
presenti guardano al tema generale di questo panel ed entrano in risonanza con
lopera di Nicole Loraux.
Ida Brancaccio si interessa al personaggio di Medea, una delle memorabili
rappresentazioni del femminile della tragedia attica che i tragediograf ateniesi
hanno messo in scena. Un esempio tra tutti, attraverso cui Euripide esplora le
contraddizioni della condizione femminile e la posizione problematica della don-
na nella citt degli uomini. La peculiarit di Medea consiste essenzialmente nel
suo essere diversa: straniera, barbara, depositaria di saperi antichissimi e lontani
dalla cultura greca, espressione di unalterit spesso rappresentata come modello
negativo. il nomos greco, dunque, che riconosce e condanna la hybris di Medea.
La sua hybris genera nel nomos degli altri paura e ostilit, al punto da rendere
dif cile la comprensione del suo codice di valori, che viene soltanto intravisto
nella forma del deinos.
Il travestimento intersessuale in ambito rituale e dunque linversione dei ge-
neri, il tema che afronta Anna Chiaiese analizzando in particolare la festa argiva
degli Hybristika, che porta nel nome stesso il legame con la hybris. Il rito presen-
te nella festa, caratterizzato da un signifcativo e temporaneo rovesciamento dei
ruoli, mostra una singolare pratica di travestimento intersessuale, la cui indagine
appare rilevante soprattutto in unottica di genere. Emerge infatti, sia a livello di
signifcante sia a livello di signifcato, una peculiare caratterizzazione del ma-
schile e del femminile, la cui portata stata segnalata da Nicole Loraux.
Marcella Maresca si specifcamente interessata al rapporto tra hybris e nomos,
a partire dallo studio di Nick Fisher. Nel suo contributo rifette su questo tema, e
sul femminile che a esso si collega, a partire dalla commedia e da quellosservatorio
suggestivo che sono i nomi parlanti dei personaggi femminili evocati sulla scena
teatrale. Secondo la tesi di Nick Fisher del 1992
9
, che identifca la hybris con un
atto di oltraggio fnalizzato allumiliazione, la Lisistrata di Aristofane costituisce
un interessante e paradossale caso di hybris al femminile: disobbedendo al proprio
ruolo tradizionale e oltrepassando i limiti domestici, le donne di Atene ristabili-
scono la pace con Sparta e assicurano il bene comune. Diversamente, seguendo
9 Fisher, N. Hybris: A study in the Values of Honour and Shame in Ancient Greece, Warminster, Aris &
Phillips, 1992.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 81 03/05/2013 11:11:11
82
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
la prospettiva di Nicole Loraux, la hybris, in questo caso, pu costituire uno stru-
mento di manifestazione della propria virt e della propria identit, a patto che
trovi presto i suoi limiti e resti puramente metaforica.
Quando si parla del ruolo della donna nella societ antica, il modello di riferi-
mento, anche perch meglio documentato, quello oferto dalla citt di Atene. Ma
in quella costellazione di citt che la Grecia antica, esistono anche altre realt sto-
riche: cosa pensare, ad esempio, di Sparta, dove da tradizione non spartana si sa che
le fanciulle ricevevano uneducazione ginnica? Le diferenze signifcative nelleduca-
zione femminile, tra Sparta e Atene, sottendono una diferenza sostanziale nellim-
magine della donna e del suo ruolo nella societ? Sono appunto gli interrogativi
che si pone Maria Luisa Napolitano. Il suo studio prende spunto dalle osservazioni
di Nicole Loraux relative al lessico antico sulle irruzioni femminili nellemergenza
militare della polis, tradizionale appannaggio maschile. Le qualifche femminili di
thrasyts e di thorybos enfatizzano le valenze negative del contributo politico delle
donne, tra le quali risaltano le Spartane. A partire dalla prospettiva ideologica ate-
niese, attraverso lesame dei testi antichi e della storiografa successiva alla Loraux, ci
vengono proposte alcune rifessioni sulle diferenti ottiche storiografche attraverso
cui la realt femminile spartana, specifcamente delle parthenoi, viene rielaborata e
riproposta in forma ideologizzata dalla rifessione maschile.
Al centro del saggio di Maria Letizia Pelosi troviamo unanalisi del rapporto
tra pubblico e privato, tra oikos e polis quale si confgura nel pensiero di Hannah
Arendt. Questultimo pu essere confrontato con la diversa prospettiva adottata
sul medesimo tema da Nicole Loraux, anche in merito alla relazione dialettica tra
maschile e femminile. Nella flosofa pitagorica le donne non sono solo laltro
dalla vita pubblica, ma partecipano al comune modello educativo e cosmologico.
La separazione tra oikos e polis come condizione indispensabile per la realizzazio-
ne della libert politica, che la Arendt aveva preso in esame nella sua opera Te
Human Condition
10
, non teneva conto delle relazioni prepolitiche allinterno
dellorganizzazione domestica, pur considerandole alla base della vita nella polis.
In una prospettiva di genere, invece, quale quella inaugurata dagli studi di Nicole
Loraux e come emerge dalle testimonianze delle donne pitagoriche, loikos non
solo lambito della produzione e della riproduzione naturali, ma soprattutto un
aspetto fondamentale delle rappresentazioni e delle forme del politico in Grecia.
Ventanni fa, Nicole Loraux si chiedeva in un celebre articolo Che cos una
dea?
11
. La relazione problematica tra femminile umano e divino al femminile, che
10 Arendt, H. Te Human Condition, Chicago, University of Chicago, 1958 (tr. it di Finzi, S. Vita
Activa. La condizione umana, Milano, Bompiani, 1997
4
).
11 Loraux, N. Che cos una dea?, in Duby, G.; Perrot, M. (ed.), Storia delle donne. LAntichit (a
cura di Schmitt Pantel, P.), Roma-Bari, Laterza, 1990, pp. 13-55.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 82 03/05/2013 11:11:11
83
Introduzione
la studiosa francese ha messo in evidenza, ancora oggi una delle piste di ricer-
ca che si ofrono alla rifessione per tentare di rispondere a questa fondamentale
domanda: il saggio di Gabriella Pironti si muove appunto in questa direzione.
Lo studio delle societ antiche ha compiuto signifcativi progressi integrando la
prospettiva di genere; i dcalages tra piano umano e rappresentazione del divino
potrebbero rivelarsi strumenti euristici altrettanto signifcativi per indagare la pe-
culiare fsionomia delle de e degli di del pantheon ellenico.
Il presente panel ofre una sintesi delle relazioni presentate dalle autrici al V
Congresso della SIS, Nuove frontiere per la storia di genere, tenutosi a Napoli nel
Gennaio 2010; in quelloccasione, hanno partecipato al dibattito sui rapporti tra
storia antica e studi di genere Pauline Schmitt Pantel e Violaine Sebillotte Cu-
chet
12
, studiose francesi particolarmente rappresentative di questo flone di studi,
che hanno condiviso con le relatrici la loro conoscenza approfondita di Nicole
Loraux e della sua opera. Ringraziamo Pauline Schmitt Pantel per aver contribuito
alla pubblicazione degli atti con un suo saggio. Lanalisi che la celebre storica fran-
cese ofre ai lettori in questa sede riguarda una serie di racconti in cui fanciulli e
fanciulle subiscono violenze analoghe a opera di cittadini potenti: limmagine che
la polis ofre di s in questi testi apparentemente sconcertante, in quanto le au-
torit civiche si mostrano protettive nei confronti dei cittadini colpevoli e indife-
renti alle vittime della hybris, siano esse ragazze o ragazzi. Nello studio delle societ
antiche la relazione maschile/femminile, e quella tra hybris e nomos, sono dunque
indissociabili da classifcazioni essenziali come quelle che oppongono ladulto al
fanciullo e, soprattutto, il cittadino al non cittadino. In questa prospettiva, una
nuova frontiera per la storia di genere applicata al mondo antico potrebbe essere
rappresentata proprio dalla sua capacit di interagire in maniera sempre pi ef -
cace con altri metodi di analisi, tenendo nella dovuta considerazione la specifcit
dei contesti storici, al di l di ogni generalizzazione.
12 Per il proflo di Pauline Schmitt Pantel, cfr. la presentazione delle autrici; tra le opere di Violaine
Sebillotte Cuchet ricordiamo Librez la patrie. Patriotisme et politique en Grce ancienne, Paris, Belin,
2006; Sebillotte Cuchet, V.; Ernoult, N. (a cura di) Problmes du genre en Grce ancienne, Paris,
Publications de la Sorbonne, 2007.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 83 03/05/2013 11:11:11
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 84 03/05/2013 11:11:11
1. La hybris di Medea e il nomos degli altri
Ida Brancaccio
Prima ancora che Euripide scrivesse la sua Medea, la forza interiore, le contraddi-
zioni, la potenza espressiva di questo personaggio erano gi profondamente difuse
e radicate nellimmaginario collettivo della cultura greca. Il racconto mitico che
la vede protagonista infatti risale alla storia pi antica della Grecia, afondando le
proprie radici in ambienti geografci e cronologici assai remoti: Iolco, la Colchide,
il golfo di Pagase, Corinto, Atene.
Medea per personaggio peculiare non solo perch appartiene a livelli cro-
nologici antichi, ma soprattutto per il suo essere diversa: perch straniera, bar-
bara, perch depositaria di saperi antichissimi, perch espressione di unalterit
costantemente in antitesi con la cultura ellenica, che la considera un modello
negativo. Medea una straniera, oltre che una donna che eccede nella sua arrogan-
za, ma questo agli occhi dei Greci. Lalterit di Medea quindi non si esprime in
termini assoluti, ma secondo il punto di vista di chi si rivolge a Medea: il nomos
greco che riconosce e condanna la hybris di Medea.
Gli stessi sentimenti che Medea genera nellaltro sono di paura e ostilit.
La sua condotta, il codice di valori a cui si richiama, risultano dif cili da com-
prendere agli occhi della polis. Diventa colpevole, ma la sua colpa non mai
resa in maniera univoca, cos come il valore della negativit che emana non mai
espresso in termini defniti. Medea simbolo di esclusione perch non accettata
dalla polis e dalle sue regole. Questo evidente soprattutto nella tradizione tragica,
fondamentale strumento di rappresentazione delle contraddizioni sociali, in cui
forte il riferimento alla dinamica politica ma anche a valori morali ancestrali che,
seppure nel tempo hanno cambiato forma, restano sempre legati a un sentimento
vivo rispetto al politico, al femminile, allesclusione.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 85 03/05/2013 11:11:11
86
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
Il racconto del mito di Medea utilizzato da Euripide nel 431 a.C. , ancora una
volta, tentativo di rifessione da parte del poeta sulle contraddizioni sociali vissute
in quegli anni dagli Ateniesi. La traiettoria Colchide-Atene, seguita da Medea, fa
intravedere limmagine che la societ poliade ha di se stessa in opposizione allim-
magine dellaltro, situato fuori dallo spazio della cultura ellenica. Nel V a.C. Medea
si presenta donna, barbara, in opposizione alle norme sociali, almeno in apparenza.
Ella la barbara che Giasone ha portato con s a Corinto e che ora ha abbandonato
per sposare la fglia del sovrano della citt
13
, una donna abituata a comandare per
condizione sociale, perch di stirpe reale (fglia di re), e proprio per rispetto del rango
sociale e per lorgoglio della propria origine rifuta con fermezza di subire oltraggio
da parte dei nemici cos come di assecondare soluzioni di comodo
14
.
Medea simbolo di alterit per pi di un motivo. donna, ma anche barba-
ra
15
e apolis
16
. Completamente fuori dal tessuto civico. Una senza patria che ha rot-
to violentemente ogni legame con la famiglia dorigine e la terra natia, e per questo
diventa estremamente vulnerabile
17
. Le modalit del matrimonio (distrugge loikos
dorigine, non ha un kyrios ma ratifca lei stessa il patto matrimoniale
18
), la col-
locano sullo stesso piano delluomo e non a livello subordinato, confermando il
suo essere donna virile. consapevole della sua posizione e quando si rivolge al
Coro, le donne di Corinto, evita di accomunare la sua situazione alla loro: essendo
straniera sa di non poter contare sui vantaggi che derivano dal vivere in patria, non
fosse altro che lappoggio dei parenti, il sostegno della famiglia
19
.
Pi volte infatti nella tragedia si sottolinea la dissociazione fra Medea e la polis
in cui si trova a vivere, con cui non pu rapportare la propria esistenza o richiama-
re alla mente il proprio vissuto. Consapevolezza lucida a cui fa eco il Coro quando
con forza chiede di non essere mai privato della propria polis
20
, come se la condi-
zione di apolide dovesse essere associata a uno stato di amchania, incapacit di
afrontare e risolvere i propri problemi, diventando il male peggiore per qualsiasi
individuo
21
. Medea vive in una citt straniera, dove si sente fuori posto, estranea.
Tuttavia si crea con le donne di Corinto un legame, una simpatia, che proviene
13 Di Benedetto, V. Euripide: teatro e societ, Torino, Einaudi, 1971, p. 31.
14 Euripide (Eur.), Med., 119-121.
15 Ivi, 238-240; 591-592; 655-657; 1329-1332.
16 Ivi, 255.
17 Ivi, 31-33; 166-167; 328;431-438; 402-503; 506-508.
18 Martina, A. Identit eroica e identit femminile della Medea di Euripide, in Uglione, R. (a cura
di) Atti delle giornate di studio su Medea (Torino 23-24 ottobre 1995), Torino, Celid, 1997, pp. 20-21.
19 Eur., Med., 252-258.
20 Ivi, 643-651.
21 Di Benedetto, V. Introduzione, in Euripide, Medea, Troiane, Baccanti, Milano, Rizzoli, 2000
(1982), p. 10.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 86 03/05/2013 11:11:12
87
1. La hybris di Medea e il nomos degli altri
da una solidariet che va al di l del dato politico e corrisponde allindividuazione
di una fascia pi profonda della realt che dichiara il proprio rifuto verso una
societ in cui luomo ad avere tutti i diritti e tutte le libert
22
. Il comportamento
di Giasone sempre condannato
23
( detto kakonymphos, il cattivo sposo
24
). Si
tratta di una solidariet che arriva a negare la validit dellassociazione del concet-
to di mondo greco con valori etici fondamentali quali il rispetto dei giuramenti e
il pudore (aids) e che va al di l della contrapposizione di greci e barbari come
termine positivo contrapposto al termine negativo in cui la Grecia rappresenta la
civilizzazione, lordine, la legge e Medea il disordine del barbaro
25
.
In questo ordine di idee si spiega il fatto che nella Medea compaiano del-
le teorizzazioni sulla donna
26
in quanto tale che, nella loro novit, non trovano
precedenti nella tragedia greca. Medea rifette sulla sua situazione secondo una
prospettiva pi ampia e non puramente soggettiva. Le dif colt in cui si trova ca-
ratterizzano il sesso femminile. Quando parla alle donne corinzie quello che dice
non riguarda solo la sua esperienza personale, ma rifette il sentire e le consuetudi-
ni di una societ maschilista. Le donne sono costrette a comprarsi un padrone del
proprio corpo (despots somatos)
27
, rischiando di legare la propria vita a un uomo
indegno, malvagio, da cui lunico riparo la morte
28
. la dimensione femminile
a essere messa in evidenza e lindividuazione di una identit sociale che si pone ed
esiste di per s, di fronte alla quale tende a porsi fuori campo anche un dato cos
importante per la societ antica quale quello della polis.
La novit del modo di porsi di Medea di fronte alla questione femminile resa
esplicita dal richiamo polemico a concezioni tradizionali, come quella della donna
che se ne sta a casa garantendosi una sicurezza di cui invece non godono gli uomini
che afrontano i rischi della guerra. Tale diferenziazione viene presentata da Medea
in termini di assenza e presenza di rischio, contrapponendo al rischio delluomo in
guerra quello della donna durante il parto, confronto quanto mai provocatorio
29
. Il
Coro in perfetta sintonia con Medea quando rivede il rapporto uomo/donna da un
nuovo punto di osservazione, non pi maschile ma proprio delle donne. Limmagi-
ne metaforica dello stravolgimento dellordinario corso dei fumi per cui le correnti
tornano allindietro, vuole rendere lidea di una realt che sembra rovesciarsi rispetto
22 Eur. Med., 179-180; 1236.
23 Ivi, 85-88; 205-206; 228-229; 514-515; 578; 690; 991-995.
24 Ivi, 206.
25 Moreau, A. Le mythe de Jason et Mede. La va-nu-pied et la sorcire, Paris, Les Belles Lettres, 1994,
p.272.
26 Eur. Med., 230-251.
27 Ivi, 233.
28 Ivi, 230-243.
29 Ivi, 247-250.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 87 03/05/2013 11:11:12
88
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
alle comuni credenze sociali: gli uomini sono spergiuri (Giasone) mentre le donne
meritevoli di gloria (Medea), perch rispettose dei vincoli di fedelt
30
.
Maschile e femminile sono in una prospettiva totalmente nuova rispetto alla
cultura greca tradizionale. Le esigenze istituzionali in relazione alla prosecuzione
della famiglia, alla conservazione dei beni ereditari, alla trasmissione di padre in
fglio del patrimonio culturale, non sono pi al centro dellattenzione. La novit
della tragedia che le donne protagoniste (Medea, il coro, la nutrice) sono lontane
dalla cultura precedente, sollecitandone una nuova: in esse gioca un ruolo essen-
ziale la consapevolezza di una dimensione esclusivamente femminile, in contrap-
posizione al mondo degli uomini
31
.
Il confronto con il maschile avviene, nella tragedia, negli incontri con Gia-
sone, Creonte ed Egeo. Nei dialoghi tra Giasone e Medea
32
luomo mette ben in
evidenza la netta contrapposizione tra parole e fatti, tra i discorsi pronunciati da
Medea e i reali rapporti di forza, dai quali ella uscir sconftta. Se anche Medea
continuasse a ripetere che Giasone il peggiore degli uomini, ci non le giove-
rebbe perch comunque subirebbe lesilio. La replica di Medea durissima: lo
accusa di mistifcare e alterare la realt. Lo scontro dialettico tra Medea e Giasone,
che evidenzia la contrapposizione tra logos e realt, rende, dal punto di vista di
Giasone, lantitesi tra logos come espressione del risentimento di Medea nei suoi
confronti e la consapevolezza dei rapporti di forza esistenti. Per Medea invece il
logos larte di parlare bene, strumento retorico dei sofsti, che si contrappone
alla realt dei fatti che non pu essere modifcata
33
.
Al centro del discorso di Giasone vi un messaggio fondamentale: trasferen-
dosi in Grecia Medea stata largamente ricompensata dellaiuto che gli ha fornito
in Colchide
34
, sottolineando che la decisione di sposare la fglia di Creonte torna
utile anche a lei e ai suoi fgli
35
. A ci si contrappone la testimonianza di Medea:
solo grazie al suo aiuto Giasone entrato in possesso del vello doro e la spedizione
degli Argonauti andata a buon fne, permettendo il ritorno degli eroi in Grecia.
Gloria e fama di Giasone provengono da Medea
36
. Medea dunque benefattrice e
come tale deve essere trattata, da philos e non da echthros
37
. Pur considerando una
grande ricompensa lessere stata condotta da una terra barbara in Grecia, laddove
30 Ivi, 410-420.
31 Di Benedetto, V. Introduzione cit., p. 15.
32 Eur., Med., 446-626; 866-100; 1293-1414.
33 Ivi, 579-587; 798-802.
34 Ivi, 534-541.
35 Ivi, 559-565.
36 Ivi, 475-485.
37 Ivi, 95.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 88 03/05/2013 11:11:12
89
1. La hybris di Medea e il nomos degli altri
per Grecia deve leggersi la terra della giustizia, del diritto e delluso delle leggi,
della santit dei giuramenti, il greco Giasone si comportato da echthros, perch
ha violato proprio i valori che sono alla base dei giuramenti che ha tradito, ha
infranto la retta norma. Giasone anomos
38
nella misura in cui lamore saggio e
virtuoso non ricerca altre unioni al di l di quelle legittime
39
.
evidente la nota critica che Euripide insinua nel pubblico, esortandolo a ri-
fettere: losservanza dei giuramenti e la lealt che contraddistinguono i Greci e che
per bocca di Giasone si contrappongono ai barbari rozzi e violenti risultano nei fatti
essere qualit proprie dei non Greci (Medea), nella misura in cui proprio Giasone,
fglio dellEllade, espressione della pi alta civilt, si comporta da traditore.
Creonte
40
dif dente e teme Medea, tanto pi che la leggendaria sophia
41
che
le viene attribuita corrisponde alla conoscenza di arti magiche, pericolose per s
e per sua fglia. Al contrario Egeo
42
nutre profondo rispetto per le qualit sovran-
naturali della donna, ponendola al di sopra del livello medio degli uomini e ap-
prezzando proprio quella sapienza tanto temuta da Creonte. Fra i due si instaura
un rapporto di sintonia: egli comprende Medea, e parimenti compreso da lei.
Si rende subito conto di quanto sia oltraggioso il comportamento di Giasone nei
suoi confronti e non esita a giurarle fedelt
43
.
Ci che risulta chiaro che prima del tradimento di Giasone il comporta-
mento di Medea doveva essere irreprensibile: tutto lascia pensare che non avrebbe
voluto niente di pi che essere una buona moglie e una buona madre. Medea si
caratterizza per coraggio, lealt e devozione. La sua natura appassionata, il suo
grande intelletto lavevano aiutata a ricoprire il ruolo di madre e moglie, e quindi
di perfetta cittadina di Corinto
44
. Qualsiasi scatto dira, latente nella sua passio-
nale personalit, diventato manifesto solo in seguito alla gravissima provocazione
messa in atto da suo marito e supportata dallo Stato. una denuncia forte contro
le autorit del Paese che lha accolta, che arriva a minare gli stessi fondamenti della
societ
45
. Non pi brava moglie, perch non accetta di sottostare ai desideri
delluomo, si oppone alla norma ordinaria, che avalla da parte del marito la pos-
sibilit di ripudiare la moglie, e segue un proprio, personale nomos. A quel punto
38 Ivi, 1000.
39 Di Benedetto, V. Introduzione cit., p. 9.
40 Eur., Med., 271-356.
41 Ivi, 298-304; 384-386.
42 Ivi, 663-758.
43 Ivi, 746-753.
44 Ivi, 14-16; 222-224.
45 Moreau, Le mythe cit., p. 197.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 89 03/05/2013 11:11:12
90
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
la condotta di vita di Medea non pi riconosciuta dalla citt di Creonte e di
Giasone, perch non aderisce allordine civico stabilito.
Medea aveva fatto delloikos del marito il centro della propria vita, creando
legami di sangue attraverso la generazione di fgli, lasciandosi dietro distruzione
e morte. Essere allontanata dalloikos a cui aveva dedicato tutta se stessa rompe
ogni equilibrio, determinando linsurrezione e la fuoriuscita dalle regole civili.
Pur consapevole di essere vincolata alla marginalit, diventa minaccia per la polis
e lo status quo vigente, determinando una rottura dellordine sociale, politico e
religioso, perch elemento destabilizzante: decide di cancellare loikos del marito
con luccisione dei fgli e di Glauce, colei che potrebbe assicurare a Giasone una
continuit biologica, sociale e religiosa
46
.
Lo scontro tra uomini e donne nella tragedia attica si comprende alla luce di
confitti antropologici fondamentali delluniverso tragico: quello tra citt (polis) e
gruppo familiare (oikos), il primo prodotto dalla societ maschile in quanto fonda-
trice di regole civili, il secondo appannaggio delluniverso femminile ancorato allo
spessore dei legami di sangue: ancora una volta irrompe la dialettica tra cultura
(nomos) e natura (physis). In questa prospettiva Medea, barbara fra Greci, mette
in discussione lordine greco e la civilizzazione fondata sulla supremazia degli uo-
mini
47
, incarnando temi che tendono a sfuggire ai codici maschili e che tuttavia
urgono sotto lordine e le leggi degli uomini, interferendo pesantemente con il si-
stema culturale della citt, con le sue regole di autocontrollo e i suoi ideali di bene
collettivo. Agli occhi dei Greci (Giasone, Creonte) Medea eccede in arroganza, e
pecca quindi di hybris, rispetto ai ruoli sociali: Medea hybrizn perch, in quanto
donna, non ha diritto di parola e non dovrebbe pretendere quanto invece ritiene
sia suo di diritto (marito, fgli, casa), e perch, in quanto barbara, non potrebbe
far altro che essere grata di vivere fra Greci. La verit che Medea non pu avere
la presunzione di esistere: una donna, per giunta straniera, in un contesto dove
il non-greco normalmente avvertito come qualcosa di estraneo, al tessuto sociale
e al sistema di valori tipicamente greci. Disobbedendo al ruolo tradizionale impo-
stole dalla societ e superando i confni domestici, ella rompe il silenzio e d voce
al dissenso. Ma il suo dissenso privo di diritti.
Medea donna e barbara vive la sua vicenda tragica in un impressionante iso-
lamento e tuttavia mette in discussione la stabilit e la natura delloikos, uno dei
principali punti di riferimento del pensiero ellenico e fondamento della stessa
polis. La polis, secondo il messaggio di Euripide quindi, doveva elaborare unetica
alternativa e solo lintegrit eroica di una donna barbara rendeva quanto mai forte
il confronto con la societ.
46 Martina, Identit eroica cit., p. 25.
47 Moreau, Le mythe cit., p. 276.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 90 03/05/2013 11:11:12
2. Le Hybristika di Argo: un caso di
travestimento intersessuale
Anna Chiaiese
Le Hybristika sono delle feste della citt di Argo, il cui rito centrale consiste in uno
scambio di vesti tra uomini e donne. Plutarco, la cui fonte lo storico Socrate di
Argo, datato da Jacoby al periodo ellenistico
48
, narra che Telesilla
49
, giovane no-
bile argiva, purtroppo inferma, recuper la salute e acquist la fama presso i suoi
concittadini, dopo aver accondisceso alle indicazioni delloracolo di una dea, iden-
tifcata con Afrodite
50
, che la invitava a dedicarsi alla poesia. Fu Telesilla, secondo
Plutarco, a guidare la resistenza armata delle donne che, imbracciate le armi e
postesi sui bastioni, difesero Argo dallattacco degli Spartani, che avevano gi ster-
minato lintero contingente dei soldati argivi in un tremendo scontro, identifcato
con la rotta di Sepeia, datata dai pi al 494 a.C. Alla fne della battaglia, mentre le
morte furono seppellite lungo la via argiva, alle vive fu concesso di innalzare una
statua a enialio.
48 Cfr. lintroduzione di Boulogne, J. (a cura di) Plutarque. Oeuvres Morales. Tome IV, Paris, Les Belles
Lettres, 2002, pp. 3-4. Plutarco, De mulierum virtutibus, 245 c-f (= Socrate di Argo, 310 F 6 Jacoby).
Polieno, Stratagemata VIII 33, riassume Plutarco. Cfr. Stadter, P.A. Plutarchs historical methods. An
analysis of the Mulierum Virtutes, Cambridge, Harvard UP, 1965, pp. 17-19.
49 Cfr. Clemente Alessandrino, Stromata, IV 19.
50 Si segue ledizione de Les Belles Lettres, la pi accreditata e coerente col contesto cultuale descritto
in seguito, che riporta il femminile t; Jacoby e la Teubner, diversamente, accolgono la correzione in
t di Bachet de Mziriac, sebbene sia vs omnes codices.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 91 03/05/2013 11:11:12
92
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
Di Telesilla parla anche Pausania
51
, introducendola con la descrizione di una stele
nel tempio dAfrodite
52
ad Argo, che la raf gura nel duplice aspetto assegnatole
dalla tradizione di poetessa (i libri gettati ai suoi piedi) e guerriera (lelmo che si ac-
cinge a indossare)
53
. Anche secondo Pausania, pur collocando sulle mura schiavi,
giovani e vecchi, furono le donne a combattere, con armi sottratte dalle case o dai
templi, e da sole riuscirono ad aver presto la meglio su Spartani decisi a non lot-
tare con avversarie cos fuori dal comune. Questo fu, a suo dire, il compimento di
un antico oracolo delfco, profetizzante una vittoria della femmina sul maschio e
riportato da Erodoto (VI 77-83), che laveva per diversamente interpretato come
un semplice avvertimento agli Argivi a guardarsi da una qualche furberia spartana.
Plutarco termina cos il suo racconto:
Dicono che la battaglia sia avvenuta allinizio del mese, oggi quarto, anticamen-
te (detto) Ermaio dagli Argivi, alcuni il settimo giorno, altri il primo, durante
il quale ancora oggi celebrano le Hybristika, vestendo le donne con chitoni e
clamidi maschili, gli uomini con pepli e veli femminili. Per sanare la penuria di
uomini, unirono in matrimonio le donne non, come riporta Erodoto, agli schia-
vi, ma, dopo averli resi cittadini, ai migliori tra i perieci. Ritengono anche che
li trattassero con disprezzo e trascurassero di dormirci insieme, quasi che fossero
inferiori. Donde posero una legge che ordinava che le mogli, portando una barba,
dovessero dormire con gli uomini.
Erodoto, che aveva parlato dei nuovi cittadini come ex-douloi (schiavi)
54
, vie-
ne qui smentito: lo storico, del resto, non cita Telesilla n collega questevento ad
alcuna festa.
Tornando a Plutarco, si noter subito che le armi delle sue Argive non sono
di fortuna, n il loro comportamento quello che generalmente la tradizione
attribuisce alle donne in guerra, quando queste, con armi improprie, irrompono
sulla scena virile del confitto, avvolte dal thorybos, creando scompiglio. Telesilla
dispone soldati, pianifca movimenti, elabora strategie: la sua non unirruzione
51 Pausania, II 20, 8-10, da cui dipende Suda, s.v. Telesilla.
52 Musti, D.; Torelli, M. (a cura di) Pausania. Guida della Grecia II, Milano, Mondadori, 1986, p.
279, note 68-73. Cfr. inoltre Pirenne-Delforge, V. LAphrodite grecque, Kernos suppl. 4, Athnes-
Lige, CIERGA, 1994, pp.153-170 e Pironti, G. Entre ciel et guerre. Figures dAphrodite en Grce
ancinne, Kernos suppl. 18, Lige, CIERGA, 2007, p. 262, n. 271.
53 Cfr. di Tiro, M. Dissertationes, XXXVII 5.
54 Cfr. Aristotele, Politica, 1302b33-1304a14 e Diodoro X 26. Per una bibliografa di riferimento,
cfr. Bearzot, C, I douloi/perioikoi di Argo. Per una riconsiderazione della tradizione letteraria, in
Lincidenza dellantico, n. 3, 2005, pp. 61-82.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 92 03/05/2013 11:11:12
93
2. Le Hybristika di Argo: un caso di travestimento intersessuale
disordinata e confusa nella mischia. Tuttaltro. Ne prova lapparato bellico di
queste guerriere, in una logica dice la Loraux che quella della leggenda
55
,
laddove, per Vidal-Naquet, Erodoto descriverebbe col suo oracolo un mondo ca-
povolto, in cui le donne prevalgono e gli schiavi comandano
56
.
Secondo una logica di rovesciamento non in efetti strano che donne che
abbiano vestito hopla virili e combattuto come andres, di questi acquisiscano an-
che i culti specifci
57
, arrivando persino a esperire la bella morte: il seppellimento
lungo la via argiva rappresenta la consacrazione alla memoria e alla gloria
58
, il rico-
noscimento di una morte maschile. Su unaltra via argiva (forse sulla stessa?), Pau-
sania (II 24, 2) ci dice che furono seppellite le teste che le fglie di Danao avevano
spiccato dai corpi dei mariti e inviato al padre. Del resto, se la statua di Telesilla
si trova nel tempio di Afrodite, altro segno del culto della dea nella citt uno
xoanon, che la rappresenta nel suo aspetto di Nikephoros, dedicatole, pare, proprio
dalla danaide Ipermnestra (II 19, 6). Quanto allonore concesso alle sopravvissute
dinnalzare una statua a Enialio, vi si riferisce probabilmente lo Pseudo Luciano
(Amori, 30), quando ci dice che ad Argo, Ares tenuto in conto dalle donne
(Ares, in origine distinto da Enialio, con questo spesso confuso).
Nel doppio tempio fuori delle mura, in cui venivano congiuntamente adora-
ti
59
, la statua di Afrodite si trovava nella cella a Est, rivolta in direzione della citt;
quella di Ares, nella cella a Ovest, in direzione dellArcadia
60
.
La festa si svolge il primo del mese, giorno di luna nuova. Il mese Ermaio (di
Ermes, dio liminale per eccellenza
61
, onorato ad Argo proprio insieme ad Afrodite)
coincide con lattico Gamelione
62
, ovvero col nostro gennaio (o con un periodo tra
gennaio e febbraio)
63
. Il tempo del rito, dunque, pare essere linverno, la stagione
ideale per i riti di passaggio, non ultimo il matrimonio
64
. La festa ha il suo momento
55 Loraux, N. Les xperiences de Tirsias. Le fminin et lhomme grec, Paris, Gallimard, 1989, tr.it. di
Guidobaldi, M.P. Il femminile e luomo greco, Roma-Bari, Laterza, 1991, p. 258.
56 Vidal-Naquet, P. Le chasseur noir, Paris, Maspro, 1981, tr.it. di Sircana, F. Il cacciatore nero, Mi-
lano, Feltrinelli, 2006, pp. 229-231.
57 Cfr. Graf, F. Women, War, and Warlike Divinities, in Zeitschrift fr Papyrologie und Epigraphik,
n. 55, 1984, pp. 245-254 e Pausania, VIII 48, 4-6.
58 Loraux, N. Il femminile cit., p. 256.
59 Pausania, II 25, 1.
60 Cfr. Pirenne-Delforge, LAphrodite cit., p. 167 sgg.
61 Pausania, II 19, 6. Cfr. Graf, Women cit., p. 250.
62 Halliday, W.R. A note on Herodotus VI 83 and the Hybristik, in Annual of British School at
Athens, n. 16 1909-1910, pp. 212-219.
63 Graf, Women cit., p. 250 nota 35.
64 Aristotele, Politica, VII 1335a 35 sgg e Gernet, L. Anthropologie de la Grce antique, Paris, Ma-
spro, 1968, tr.it. di Rocchini, A. Antropologia della Grecia Antica, Milano, Mondadori, 1983, p. 31.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 93 03/05/2013 11:11:12
94
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
centrale nello scambio di vesti tra andres e gynaikes, due termini che specifcano
lindividuazione e le relazioni tra i cittadini di pieno diritto e le mogli (o madri)
legittime di questi, comunit delle donne cui concesso, seppur in un contesto di
eccezionalit, parodia o paradosso, fare irruzione sulla scena maschile. Per esclusio-
ne, sono questi i soggetti normalmente aventi diritto a generare una prole legittima
65

e, dunque, ad attuare linversione dei generi, creando uno scarto tra signifcante
66

(labito
67
, il genere)

e signifcato (il sesso). Chitoni e clamidi, pepli e veli (i capi
dabbigliamento oggetto del travestimento intersessuale descritto) si trovano qui
in posizione simmetrica e di contrasto: chitoni e pepli identifcano, in modo diretto
ed essenziale, i due generi, come per unintuitiva metafora. Clamidi e veli, invece,
sembrano evocare piuttosto il compiuto raggiungimento dello status di adulti.
Dal racconto plutarcheo apprendiamo che, in riferimento ai matrimoni mi-
sti
68
, le donne, ostentando hybris, rifutarono gli sposi. Di qui la necessit di un
nomos che stabilisse che dormissero coi mariti e lo facessero indossando una barba,
altra metafora dellaner, non meno del chitone e della clamide
69
.
Dif cilmente potremmo conciliare in un quadro storicamente coerente le
diverse notizie che questa fonte riporta. A ben guardare, infatti, ci troviamo di
fronte a un aition posto a motivazione di tre fatti diversi: una statua dedicata a
Enialio dalle donne, il rito delle Hybristika, lapplicazione di una barba posticcia
alla sposa, in connessione alla cerimonia nuziale. Il racconto di Telesilla e delle
donne guerriere, posto a eziologia del tutto, consente di assemblare in ununica
narrazione tre pratiche rito-cultuali del tutto distinte. Mentre la dedica di una
statua ad (Ares) Enialio da parte delle donne trova omologhi in altre tradizioni
(vedi nota 27), nel caso dellapplicazione della barba posticcia ci troviamo chiara-
mente dinanzi a un rituale dinversione connesso alliniziazione allet adulta e al
matrimonio (di cui nota la primitiva simultaneit), laddove, con le Hybristika,
abbiamo piuttosto a che fare con un rito di passaggio dal carattere carnevalesco,
che marca una dimensione di momentaneo caos e sovvertimento, organizzato at-
traverso il rito, in vista della riafermazione di un nuovo ordine.
65 Cfr. Loraux, N. Sur la race des femmes et quelques-unes de ses tribus, in Arethusa, n. 11, 1-2,
1978, pp. 43-87.
66 Cfr. Ead., Il femminile cit., pp. XII e 130. Cfr. Erodoto, I, 105 e IV 67 e Delcourt, M. Hermaphro-
dite, Paris, Presses Universitaires de France, 1958, pp. 160-161.
67 Cfr. Gernet, Antropologia cit., pp. 166-167.
68 Non tutti i codici riportano lultimo periodo: cfr. Aulotte, R. Amyot et Plutarque. La tradition des
Moralia au XVI sicle, Genve, Droz, 1965, p. 256.
69 Ad Atene solo efebi ed efeminati sembrano aver fatto a meno della barba ed era del resto proprio
la comparsa dei peli a sancire la fne del ruolo di eromenos nei rapporti omoerotici: cfr. Stratone in
Antologia Palatina, XII 10, 12 e 220.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 94 03/05/2013 11:11:12
95
2. Le Hybristika di Argo: un caso di travestimento intersessuale
Il racconto plutarcheo ci presenta questi tre dati come interconnessi luno
allaltro e tutti e tre allaition, ma Pausania non si riferisce a nessuno dei tre, il
che raforza lidea che Plutarco (o la sua fonte, Socrate di Argo) abbia utilmente e
coerentemente raggruppato azioni aventi un comune denominatore nel principio
dinversione (e scambio di genere) che le caratterizza e forse nelle divinit referenti
di queste pratiche: Ares, dio caro alle donne, che si fanno guerriere e gli dedicano
una statua, padre delle Amazzoni e signore della guerra, monopolio degli andres;
e Afrodite, per omerica memoria inadatta alla guerra
70
, ma qui compagna di Ares,
della cui natura e potere partecipa
71
, dea vicina alla mischia e al vigore e a cui
sono cari i travestimenti (e che non disdegna dindossare la barba)
72
, che presiede
ugualmente alla lotta amorosa e alle opere belliche.
Nelle Hybristika di Argo, attraverso lo scambio simmetrico delle vesti e lin-
versione dei generi, operata tramite un travestimento intersessuale, la cittadi-
nanza drammatizzava la partecipazione della sfera maschile a quella femminile e
viceversa, sottolineando allo stesso tempo il carattere temporaneo di questa parti-
colare licenza (hybris). La hybris nefasta, tradizionalmente associata a conseguenze
esiziali, diviene allora, nella narrazione, pi quella delle ritrose spose che quella di
Telesilla e del suo extra-ordinario esercito.
Nellaition e nel rito il capovolgimento di ruoli attuato dalle guerriere, bene-
fco e necessario, marcato da un regime di separazione sessuale, in cui le don-
ne agiscono da sole in spazi tradizionalmente maschili, rifutando gli uomini o
escludendoli: cos nel mito delle Lemnie e delle Danaidi
73
, nella leggenda di Mar-
pessa
74
di Tegea e in quella delle Argive di Telesilla (nella fctio narrativa, le soprav-
vissute allassedio sono le stesse che poi respingono gli sposi-perieci, simulando
una ritrosia e unostilit presto contenute dalla riafermazione della normalit)
75
.
70 Iliade, V, 426-430.
71 Cfr. Vernant, J.P. Le mariage en Grece archaque, in La Parola del Passato, n. 28, 1973, pp. 51-79,
ed. it. in Mito cit., p. 79.
72 Cfr. il gi citato Filocoro Fr. 184, in Macrobio, Saturnalia, III 8 2.
73 Cfr. Dumzil, G. Le Crime des Lemniennes. Rites et lgendes du monde gen, Paris, Geuthner, 1924,
tr.it. di Nappi, M.P. Riti e leggende del mondo egeo, Palermo, Sellerio, 2005, p. 35 sgg.
74 Marpessa di Tegea, detta Choira (scrofa), organizza con le donne della sua citt, fattesi guerriere,
un agguato ai danni degli Spartani, che assediavano la citt, mentre i cittadini tegeati (maschi) ten-
tavano senza successo di respingerli. Riportata una straordinaria vittoria (grazie alla quale i Tegeati
riuscirono a fare tra i nemici molti prigionieri, compreso il re Carillo), le donne, che da sole avevano
vinto, fecero un sacrifcio ad Ares senza gli uomini e ugualmente li esclusero dal banchetto sacrif-
cale. Per questo nellagora di Tegea vi una stele dedicata ad Ares Gynaiokothoinas (che festeggia a
banchetto le donne): cfr. Pausania VIII 48, 4-5.
75 Cfr. Gernet, L.; Boulanger, A. La gnie grec dans la religion, Paris, La Renaissance du Livre, 1932,
pp. 52-53.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 95 03/05/2013 11:11:12
96
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
Il montaggio plutarcheo non quindi privo di coesione testuale: il capitolo
sulle donne di Argo, iniziato allinsegna della hybris e della guerra, si chiude sotto
il dominio del nomos e della concordia.
La cronologia dissuade dallattribuire credibilit allintervento della poetessa
Telesilla e problematico risulta esprimersi anche sulla natura e lautenticit dello-
racolo. Dopo Sepeia, le Argive sposarono i migliori tra i perieci (i douloi ero-
dotei), elementi comunque estranei alla cittadinanza e successivamente in essa
integrati, sebbene ci sfugga a prezzo di quali confitti interni
76
. Il ricordo lontano
della scampata rovina e loracolo erodoteo, insieme a un episodio analogo avvenu-
to in et ellenistica
77
, potrebbero aver agito da suggestione in modo che fonti locali
collegassero questaition al rito.
Naturalmente, la straordinariet delle circostanze che consente la hybris
femminile, quella positiva delle guerriere e quella esecrabile e subito contenuta
delle neo spose che, rifutando i coniugi e dunque la procreazione
78
, mettono in
pericolo la riproduzione di quegli stessi andres che, uf cialmente, rappresentano
lunico presupposto necessario alla defnizione e allesistenza stessa della citt.
In unottica di genere, allora, ci che di questa tradizione sorprende soprat-
tutto la rappresentazione di un femminile che si appropria positivamente degli
attributi dellaner: qualora gli uomini, o perch assenti (Telesilla) o perch incapa-
ci (Marpessa), non possano proteggere la citt, essa trova (mitopoieticamente), in
quelle stesse donne che (storicamente) pone ai margini, un baluardo di sopravvi-
venza e continuit identitaria.
76 Cfr. Bearzot, C.; Landucci, F. Argo, una democrazia diversa, Milano, V&P, 2006.
77 Cfr. Pausania, I 13, 8 e Stadter, Plutarchs cit., p. 52.
78 La riproduzione implicito presupposto e fne del matrimonio: cfr. Loraux, Sur la race cit., p. 90,
n. 80; Vernant, Mito cit., p. 53.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 96 03/05/2013 11:11:12
3. Disonore, disobbedienza e disordine civile:
la hybris
79
di Lisistrata
Marcella Maresca
Lo studio dei rapporti tra maschile e femminile ad Atene si traduce spesso, nello-
pera di Nicole Loraux, nellanalisi delle modalit di partecipazione della donna
alle istituzioni politiche e rappresentative. La conclusione a cui si approda unica:
non esistono donne Ateniesi, ma solo donne di Ateniesi
80
.
La studiosa aveva gi messo in relazione questo dato con un altro: Aristofane
non fa mai uso dellaggettivo Athenaiai riferito a donne, nella sua produzione lette-
raria
81
. Linsieme di questi dati interpretato in chiave politica, alla luce della rigo-
rosa esclusione delle donne dalla vita politica e dal corpo civico in senso stretto, che
ne impedisce lidentifcazione con la nozione di cittadino. Scrive Nicole Loraux
82
:
Diversamente dalla donna corinzia o della spartana che hanno diritto al nome di
79 A proposito del termine hybris, occorre ricordare che la traduzione del termine tuttora oggetto di
dibattito tra gli studiosi. Ricordiamo la posizione di Louis Gernet in Recherches sur le dveloppement
de la pense juridique et morale en Grce, pref. di Eva Cantarella, Paris, Albin Michel, 2001
2
[1917]: lo
studioso francese ritiene che il termine hybris abbia subito dallet arcaica al IV secolo un signifcativo
mutamento, passando da ipostasi divina a principio soggettivo del delitto. Diversa la posizione di
Nick Fisher in Hybris: A study in the Values of Honour and Shame in Ancient Greece, Warminster, Aris
& Phillips, 1992: per lo studioso inglese la hybris coincide con un serio atto di oltraggio volto al diso-
nore altrui, e non ha connessioni dirette con la sfera del sacro. Nel mio studio ho seguito soprattutto
questa seconda interpretazione.
80 Loraux, N. Les enfants dAthna, Paris, Maspro,1981, pp. 124-132.
81 Loraux, N. Aristophane, les femmes dAthnes et le thtre, in Entretiens sur lantiquit classique,
XXXVIII, Vanduvres-Genve, 1993, pp. 217-219.
82 Loraux, N. Les enfants dAthna cit., p. 124.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 97 03/05/2013 11:11:12
98
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
Korinthia o di Lakaina
83
, le donne di Atene sono caratterizzate anzitutto dal pro-
prio rapporto di appartenenza a un cittadino attraverso il matrimonio legittimo.
lo stesso uso linguistico osserva la studiosa francese
84
a testimoniarci questa
esclusione sostanziale della donna: il lessico Suda, sotto la voce Athenaias, ci riferisce
che le donne di Atene sono piuttosto denominate Attikas, per evitare lomonimia
con la divinit poliade, e cita pochissime eccezioni in proposito: Ferecrate, Cantaro,
Filemone
85
. Tali autori sono tutti noti per essere compositori attici di commedie:
fatta eccezione per il pi tardo Filemone, che datato tra IV e III secolo a. C., tutti
gli altri sono attivi in pieno V secolo a.C.. Il grammatico Frinico, che defnisce non
attico questo uso improprio dellaggettivo, identifcabile con latticista del III secolo.
Il punto centrale del mio studio losservazione delle condizioni che, in una
prospettiva strettamente letteraria e connessa al meccanismo comico del rovescia-
mento, consentono ai comici citati dalla Suda di riferire laggettivo Athenaiai a
donne. In questo senso mi servir di un modello interpretativo conforme al pro-
cedere di Nicole Loraux: posto che la virt della donna si manifesta innanzitutto
attraverso la trasgressione dellordine stabilito dei valori e ancora che oltrepas-
sando i limiti imposti al proprio sesso, e solo in questo modo, che una donna la-
scia un nome nella memoria degli uomini
86
, afermiamo che la donna che merita
lappellativo di Athenaia da parte dei comici, la donna-cittadino ateniese in
realt una donna-quasi uomo (Lisistrata, che il prototipo di questo popolo di
donne, salutata dal coro come andreiotat
87
ovvero donna virile
88
e questa
sua aret, cio virt, che le consente di distinguersi dalle altre, coincide con un
atto di hybris
89
). Tre volte, nel corso della commedia, il seguito di Lisistrata viene
accusato, rispettivamente, dal coro dei vecchi
90
e dal proboulos
91
per i ripetuti atti
di hybris compiuti a danno dei cittadini maschi.
83 Cfr. Erodoto, Storie, III, 134.
84 Cfr. Loraux, N. Aristophane, les femmes dAthnes et le thtre cit., p. 218, nota 34.
85 In un altro punto della stessa voce, la Suda cita a tal proposito Diflo, che nellAmastris defnisce la
fglia di Temistocle la straniera Ateniese (cfr. Diflo, CAF vol. II, fr. 10 Kock) e gli scoli di Pindaro,
che per ho escluso dalla mia trattazione perch richiedono approfondimenti distinti.
86 Loraux, N. (a cura di) Grecia al femminile, Roma-Bari, Laterza,1993, pp. XXIII-XXIV.
87 Aristofane, Lisistrata,1108.
88 Guido Paduano traduce anche vera donna (cfr. Aristofane, Lisistrata, Milano, BUR, 2007
[1981], v. 1108)
89 Sulla hybris di Lisistrata, cfr. Fisher, Hybris cit., p. 118: lo studioso inglese aferma che disobbedire
o peggio tentare di dominare i propri mariti costituisce un serio atto di hybris. Lo stesso Fisher se-
gnala, ibidem, nota 230 lopera di Nicole Loraux (Aristophane, les femmes dAthnes et le thtre cit.).
90 Ar. Lys., 399, 658.
91 Ar. Lys, 425. I probouloi sono magistrati straordinari introdotti ad Atene a seguito della spedizione
in Sicilia.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 98 03/05/2013 11:11:12
99
3. Disonore, disobbedienza e disordine civile: la hybris di Lisistrata
Nel percorrere, sulla scia di Nicole Loraux, il flo della connessione tra citta-
dinanza femminile e hybris
92
, torniamo ai passi dei comici nominati dalla Suda.
Ferecrate, anzitutto, autore di una commedia, La Tirannide
93
, in cui viene svi-
luppato il tema di unimprobabile quanto oltraggiosa
94
gestione statale da parte
delle donne. Sulla base di questi elementi lecito ipotizzare che lutilizzo dellag-
gettivo Ateniese riferito a donne e alle loro alleate
95
trovi una sua coerenza entro
lo stesso meccanismo comico del paradosso, sviluppato in unopera diversa.
Cantaro e Filemone stringono notevolmente, rispetto a Ferecrate, il numero
di soggetti cui laggettivo pu riferirsi. Il primo ricorre allespressione greca che
sintetizza il modello della virt eroica maschile, declinata, per, al femminile:
kaln kai agathn, nel senso di eccellente; il secondo ricorre allindicazione di un
numero preciso di individui concreti: Ateniesi possono chiamarsi solo le Ipponi-
ca, le Lisistrata e le Nausinica
96
. Si tratta di nomi attestati al maschile
97
, meno
nella loro versione femminile; Ipponica presente in uniscrizione
98
di carattere
sepolcrale privato, rinvenuta a Egina vicino a unedicola; Nausinica nominata
solo in unopera di Plutarco
99
, mentre il nome Lisistrata, a parte nellomonima
opera aristofanea, presente in uniscrizione su un monumento marmoreo attico
di IV secolo
100
, rinvenuto sullEgialeo, monte prospiciente Salamina.
Certo che la documentazione in materia di donne nel mondo antico sem-
pre troppo esigua per poter garantire la certezza di ogni statistica. Tentiamo, tutta-
via, di superare questa aporia ammettendo che Filemone abbia intenzionalmente
92 Anche Varrone ci testimonia delluso attico di non nominare le donne con lappellativo di Ateniesi,
riconducendo laition a una votazione, avvenuta al tempo di Cecrope:cfr. Agostino, La citt di Dio, 18,
9; e inoltre, sul carattere civilizzatore della politica di Cecrope, cfr. Scholia in Ar. Pluto,773.
93 Cfr. lintroduzione di Massimo Vetta a Aristofane, Le donne allassemblea, Milano, Lorenzo Valla,
2000 [1989], p. XVII.
94 Il carattere oltraggioso del comando delle donne sugli uomini signifcativamente espresso da
Democrito (Dem., fr. 111 Diels-Kranz): essere dominato da una donna rappresenta (per un uomo)
un oltraggio (hybris) estremo e una mancanza di virilit (anandri). Da notare lutilizzo di questo
secondo termine.
95 A tal proposito, cfr. Ferecrate, CAF vol. I, fr. 34 Kock, dove leditore commenta: versus fortasse ex
precationis publicae parodia petitus est.
96 A tal proposito cfr. Filemone, CAF vol. II, fr. 65 Kock. Tradurrei anche quelle sul modello di
Ipponica, Nausinica e Lisistrata.
97 Disponiamo, infatti, di attestazioni in testi letterari: cfr. Pape, W.; Benseler, G.E. Wterbuch der Gri-
echischen Eigennamen, Akademische Druck- u.Verlagsanstalt, Graz 1959 [1850], p. 566 (Ipponikos),
pp. 832-833 (Lisistrato), p. 980 (Nausinikos). Cfr. le stesse pagine per le rispettive forme femminili.
98 Inscriptiones Graecae, IV, 101-105.
99 Plutarco, Sulla malignit di Erodoto, 39.
100 Supplementum Epigraphicum Graecum, XXIV 256.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 99 03/05/2013 11:11:12
100
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
fatto riferimento a nomi femminili che un pubblico di spettatori avrebbe facil-
mente identifcato con precise fgure dellimmaginario comico-letterario, e non a
nomi comuni. Daltra parte, i lessici onomastici rivelano che non si tratta afatto
di nomi difusi tra le donne greche. Si tratta di nomi parlanti: le vincitrici a ca-
vallo, le scioglitrici deserciti, le vincitrici sulle navi sono donne che danno
corpo a virt esemplari che si esplicano in ambiti strettamente maschili come lo
sport e larte della guerra. Nella parabasi della Lisistrata il coro di vecchi defnisce
hybris latteggiamento della donna e subito dopo enumera le nefaste conseguenze a
cui lostinazione femminile pu portare, se le si concede il minimo appiglio: Co-
struiranno navi, vorranno combattere per mare e darci addosso come Artemisia.
Se poi si mettono a cavalcare, la fne dei cavalieri [] Guarda le Amazzoni
101
.
Tre sono i punti enumerati dal coro di vecchi: la hybris femminile, che ten-
ta con loccupazione dellAcropoli di sciogliere gli eserciti, potrebbe osare anche
battaglie navali e scontri a cavallo; imprese incredibili e paradossali gi ricordate
implicitamente nella triade onomastica segnalata da Filemone, come riportato dalla
Suda. Ipponica, Nausinica e Lisistrata sono dunque donne speciali, perch sono
andreiotatai e, al contempo, hybristai; sono donne eccellenti perch vicine a un
modello maschile, come le Amazzoni
102
, creature mitiche il cui modello sotteso
nelloccupazione dellAcropoli da parte delle donne aristofanee. Le Amazzoni sono,
in qualche modo, il corrispondente mitico, larchetipo presente nel nome Ipponica
di cui parla Filemone. Alle Amazzoni af ancato anche un altro personaggio fem-
minile, ben noto al pubblico ateniese per la sua eccezionalit: Artemisia.
Erodoto ascrive Artemisia alla categoria dei thmata (fatti eccezionali, pro-
digiosi): donna guerriera e consigliera, a capo di cinque navi durante le Guerre
persiane, schierata al fanco di Serse, coraggiosa e celebre per la sua mtis (stra-
tegia astuta). La vicenda di Artemisia rientra in unottica di rovesciamento dei
ruoli reciproci di uomini e donne: in questo senso va letta anche lafermazione di
Serse
103
che commenta la strategia di Artemisia durante la battaglia di Salamina
esclamando che gli uomini sono diventati donne, e le donne uomini. Allincirca
nella stessa chiave vanno lette e interpretate anche la notizia di Marco Giunano
Giustino
104
nel compendio da lui redatto delle Storie Filippiche di Pompeo Trogo
che, a proposito di Artemisia, scrive che come in un uomo si sarebbe potuto
scorgere timore muliebre, cos in una donna appariva una virile audacia. Non
101 Ar. Lys., 673-680.
102 Cfr. a tal proposito: Hdt., IV,110-117; Strabone, XI, 5,1-4; Diodoro, III, 53-55.
103 Hdt., VIII,8, 8,3; cfr. in tal proposito Visconti, A. Artemisia di Alicarnasso ovvero il potere in-
visibile, in Marino, S.; Montepaone, C.; Tortorelli Ghidini, M. (a cura di) Il potere invisibile. Figure
del femminile tra mito e storia, Napoli, Filema, 2002, pp. 63-75.
104 Marco Giunano Giustino, II, 12, 23-24.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 100 03/05/2013 11:11:12
101
3. Disonore, disobbedienza e disordine civile: la hybris di Lisistrata
diversamente, Polieno
105
riferisce che Serse consegn ad Artemisia unarmatura
e al navarco della spedizione fuso e conocchia, a marcare questo rovesciamento
simmetrico dei ruoli dei sessi in una contingenza eccezionale come quella della
guerra contro i Greci.
Artemisia, insomma, sarebbe larchetipo storico, lalter ego presente nel nome
Nausinica. Nel trattato di Plutarco Sulla malignit di Erodoto, la confutazione del
racconto su Artemisia (Hdt., VIII, 68) precede immediatamente lunica menzione
del nome Nausinica
106
, una delle fglie di Adimanto, generale corinzio impegnato
nella battaglia di Salamina. Plutarco, confutando le afermazioni di Erodoto
107
,
nota che egli (Adimanto) non avrebbe osato chiamare una delle sue fglie Nau-
sinica se la sua condotta di allora non gli fosse valsa una certa reputazione e un
certo lustro: Nausinica, infatti, vuol dire vittoria sulle navi: Plutarco dunque ne
riconosce il valore di nome parlante. Le due iscrizioni a cui ho fatto riferimento
108
,
inoltre, sono entrambe collocate in regioni interessate dalla battaglia di Salamina:
Egina, infatti, a pi riprese presentata da Erodoto come protagonista valorosa
della lotta antipersiana
109
, ed da Egina che giunge Aristide, ateniese ostraciz-
zato. Il monte Egialeo, inoltre, il punto di osservazione delle manovre militari
della fotta assunto da Serse, a seguito delloccupazione dellAttica. Si pu perci
avanzare lipotesi che si tratti di nomi femminili a valore storico-commemorativo
(come Nausinica) e legate alle vicende della Seconda Guerra Persiana.
Sappiamo quanto Aristofane faccia uso di nomi parlanti
110
per alludere al
ruolo che i personaggi assumono sulla scena: ci accade verosimilmente anche per
Nausinica e per Ipponica. Dunque Ipponica, Lisistrata e Nausinica sono versioni
femminili di corrispondenti maschili
111
e risponderebbero a un tipo preciso, quello
della donna andreiotat che si sostituisce alluomo debole e inetto, dando luogo a
una versione rovesciata della realt. Si tratta di personaggi costruiti secondo precisi
fni letterari e dunque immaginari e non storici forse Nausinica e Ipponica sono
le protagoniste di qualche opera letteraria ben presenti almeno agli occhi del
pubblico del terzo secolo avanti Cristo, quando scrive Filemone che, utilizzando
laggettivo Ateniese in relazione a donne, lo fa soltanto riferendosi a maschere di
donne virili. Ateniesi possono dirsi, in sostanza, solo donne eccezionali: donne
105 Polieno, VIII, 53, 2.
106 Plut., Sulla malignit di Erodoto, 39, 871.
107 Cfr. Hdt, VIII, 5 e VIII, 94. Erodoto riferisce che il valore di Adimanto fu oggetto di grandi
discussioni tra gli Ateniesi e i Corinzi.
108 Cfr. supra nota 25 e 27.
109 Hdt., VIII, 86; VIII, 91; VIII, 93.
110 Macdonald Cornford, F. Lorigine della commedia attica, Lecce, Argo, 2007, p. 48.
111 Cfr. supra nota 17.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 101 03/05/2013 11:11:12
102
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
quasi-uomini che, come Lisistrata, appartengono al mondo fttizio dellarte e della
rappresentazione letteraria, in modo che la loro trasgressione rispetto al tradizio-
nale quadro di valori resti sostanzialmente lontana da ogni concretezza storica.
Nicole Loraux, prendendo in considerazione la voce del lessico Suda, diretta-
mente o indirettamente
112
, se ne serve per la rappresentazione dellacropole comi-
que. Suo testo di riferimento Lisistrata, la commedia che per eccellenza mostra,
entro il meccanismo retorico del rovesciamento, le conseguenze paradossali cui
conduce la disobbedienza femminile al nomos (ordine dei valori stabiliti): la hybris
delle donne di Atene funge da principio di disordine civile e disorganicit politica.
Questa motivo (hybris femminile-disordine) condizione sovvertita soltanto nella
rappresentazione letteraria: qui la hybris femminile cifra dellaret del personag-
gio. Attraverso uno sguardo approfondito che intreccia personaggi femminili e
testi distanti tra loro, ma accumunati da questa corrispondenza, questa chiave di
lettura della voce Athenaias del lessico Suda ci consente di riafermare la prospet-
tiva della studiosa francese sulla rappresentazione del femminile come alterit,
attraverso i meccanismi retorici che sono propri della deformazione comica e del
rovesciamento.
112 Cfr., rispettivamente, Loraux, N. Aristophane, les femmes dAthnes et le thtre cit. p.217-218,
nota 34, e Ead., Les enfants dAthna cit. p. 125. In questultimo caso Nicole Loraux non fa esplici-
tamente riferimento alla Suda, ma parla di glossatori antichi, riferendo la notizia dellomonimia
con la dea Atena.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 102 03/05/2013 11:11:12
4. Parthenoi e controllo sociale nella
prospettiva di genere: il caso delle Spartane
Maria Luisa Napolitano
Queste rifessioni si riallacciano a un mio flone di studi per molti versi ispirato
dalle osservazioni di Nicole Loraux
113
sullanomalia rappresentata dalla realt fem-
minile spartana agli occhi degli altri Greci: una sorta di hybris, una trasgressione
dif cilmente tollerabile perch indebita appropriazione di spazi e ruoli non fem-
minili. Luomo greco non riconosce alla donna ci che egli le ha usurpato e da cui
lha esclusa: limpulso allazione negli spazi civici, al potere, alla difesa armata della
citt, elementi che emergono comunque, ma come dati non agevolmente stori-
cizzabili e da esorcizzare, cos da consentire in defnitiva la riafermazione della
volont di dominio maschile. Al di l delle apparenze, e in mancanza di una voce
propriamente spartana, losservazione valida anche per le donne di Sparta
114
. A
partire dalla prospettiva ateniese, propongo qui qualche considerazione sulle dif-
ferenti ottiche attraverso cui il percorso educativo delle ragazze laconiche, talora
indicato come esempio di libert o di licenza, viene rielaborato dalle rifessioni
maschili; pur nella variet delle formulazioni non si intravedono reali prospettive
di eguaglianza tra i sessi.
noto che a Sparta leducazione delle parthenoi veniva curata dallo stato
come per i coetanei maschi e si fondava sullesercizio fsico obbligatorio (i gymna-
113 Loraux, N. Les expriences de Tirsias. Le fminin et lhomme grec, Paris, Gallimard, 1989, tr.it. di
Guidobaldi, M.P. Il femminile e luomo greco, Roma-Bari, Laterza, 1991, e particolarmente: Il letto,
la guerra, pp. 5-29; La bella morte spartiata, pp. 53-67; Ponos. Considerazioni su pnos come nome del
travaglio, pp. 30-47; La natura femminile nella storia, pp. 249-275.
114 Sullargomento vd. Pomeroy, S.B. Spartan Women, New York, Oxford UP, 2002.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 103 03/05/2013 11:11:12
104
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
sia) nelle palestre, con fnalit eugenetica; listituzione si faceva risalire a Licurgo.
Un unicum in Grecia, che scandalizzava molti Ateniesi anche perch comportava
ladozione di una prospettiva femminile rovesciata: dal chiuso delle pareti dome-
stiche agli spazi aperti della polis e addirittura ai ginnasi, altrove solo maschili e
connessi alle pratiche degli agoni e alla guerra. Le Spartane non erano come le
altre. Scrive la Loraux: nella parthenos [spartana] la futura sposa che si allena, la
procreatrice di cittadini per sopportare il parto come loplita sopporta lassalto
del nemico. Cos il fne delladdestramento femminile, irrigidito nel mirage, in
una con la propaganda della maternit come procreazione di forti opliti ovvero
di robuste fattrici, riduce di molto la prospettiva di liberazione e di autonomia
accolta talora come chiave interpretativa del fenomeno. Neppure in tale paideia si
prevedono addestramenti femminili con fnalit militari, un campo di importanza
vitale per la polis che a Sparta come altrove in Grecia resta monopolio maschile.
Il letto, la guerra; ma lantinomia, al di l forse delle intenzionalit e nello
stesso immaginario maschile, svela il suo fondo di ambivalenza, nella simultaneit
del richiamo, anche linguistico, alla generazione-procreazione e alla guerra; indi-
zio di un sostanziale accoglimento nel maschile del femminile, indispensabile alla
comunit nel suo rigenerarsi; per la donna, un potere virtualmente enorme, che si
vuole riassorbito o circoscritto e normalizzato, ammesso per quanto lo consente la
sua uf ciale esclusione dal politico maschile. Anche ad Atene e non solo a Sparta
una precisa distinzione funeraria apparentava in onore civico le donne morte di
parto al cittadino morto in guerra. Tuttavia ad Atene e non a Sparta che le don-
ne, per dirla con Cicerone
115
, mollissimo cultu parietum umbris occuluntur, ivi
educate e trattenute, nel loro essere civico in tutto sottoposte allautorit maschile.
Le peculiarit della paideia ginnica delle Lacedemoni, unitamente allesenzio-
ne dalla tessitura occupazione delloikos assegnata, a Sparta, alle ilote
116
, e pro-
babilmente allaf do dei neonati a nutrici specializzate
117
, imponeva nellantichit
il confronto tra i due modelli, ugualmente greci. Cos lepisodio del 369 a.C., in
cui allattacco tebano dellinviolato territorio lacedemone le Spartane reagisco-
no con inconsulto spavento, forse con terrore, atteggiamento femminile altrove
ricadente nellordinario, provoca in Atene il disorientamento dei flo-spartani
118

e ofre il fanco alle durissime accuse aristoteliche di thrasyts (laudacia come
parodia del coraggio), di confusione e disordine (il thorybos, connaturato alla-
115 Tuscolane II 36.
116 Senofonte, Costituzione degli Spartani I 4; Platone, Leggi. 806 A; Plutarco, Opere morali (Detti
degli Spartani) 241 D,9; permane una tessitura sacra per korai scelte dalla locale aristocrazia.
117 Plut., Licurgo 16,4.
118 Senofonte, Elleniche VI 5,27-28; Plut., Agesilao, 31, 33.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 104 03/05/2013 11:11:12
105
4. Parthenoi e controllo sociale nella prospettiva di genere: il caso delle Spartane
zione femminile
119
), di lassismo, anarchia, elementi di danno per i combattenti
maschi pi dei nemici stessi
120
. Dallopposto versante, Platone, nipote del flo-
lacone Crizia, estimatore come lo zio della realt spartana, contemporaneo di Se-
nofonte e in parte del pi giovane Aristotele, propone per le istituzioni laconiche
femminili correzioni estreme: militarizzare i ginnasi equiparandoli agli addestra-
menti maschili salvo riservare al combattimento femminile le armi leggere
121
,
dal momento che [le Spartane] non prendono parte alla guerra. E neppure se
si producesse una qualche fortuita necessit di combattere per lo stato e per i fgli
esse sarebbero in grado di praticare con arte larco [] n le altre armi da getto
[] per resistere nobilmente alla rovina della patria
122
.
La singolarit spartana provoca cos la rifessione di per s, per ripensare o pre-
servare limiti e caratteri della ripartizione civica maschile/femminile. Pi tardi Plu-
tarco
123
elencher le esercitazioni licurghee delle parthenoi in forma pi dettagliata
della sua fonte senofontea e con analogo rilievo alla fnalit procreativa
124
: corsa,
lotta, lancio del disco e del giavellotto, questultimo di possibile impiego in un ar-
mamento leggero quale quello prescritto da Platone. E a conclusione, un inedito
proposito educativo
125
: (af nch), se ve ne fosse necessit, esse siano in grado di
combattere per s, i fgli e la patria. Una innovazione con il tono di una replica:
dalleducazione impartita le Spartane acquisiscono anche le competenze per com-
battere, che per non esercitano, implicitamente, per riguardo alla ripartizione isti-
tuzionale dei ruoli, opliti e madri, guerra e parto. Daltronde, nel successivo episodio
riabilitativo dellattacco di Pirro alla loro citt (273/2 a.C.)
126
, pur collaborando con
i combattenti, esse lasciano ai soli maschi il compito della difesa militare, porgendo
loro le armi e incitandoli secondo i dettami della belle mort. Sono gli andres il ba-
stione possente della citt, scriveva Alceo
127
; cos anche a Sparta.
In un noto passo dallAndromaca
128
, lateniese Euripide esprime la sua con-
danna dei ginnasi femminili di Sparta. Avversata dalla spartana Ermione, sua riva-
le e legittima moglie di Neottolemo, Andromaca difesa da Peleo che disapprova
119 Loraux, N. Il femminile cit., pp. 267-270, 349-350.
120 Aristotele, Politica 1269a-1270.
121 Plat., Leg. 804 C-E.
122 Plat., Leg. 806 A-B.
123 Plut., Lic. 14,3.
124 Sen., Cost. Sp. I 4:di corsa e di lotta.
125 Lespressione aggiunta a concludere Plut., Mor. (Detti degli Sp.) 227D, 12, passo per il resto in
tutto analogo a Lic. 14,3.
126 Plut., Pirro 26-29; Polieno, VIII 49; Trogo-Giustino, XXIV 4, 1, 6-8.
127 Alceo, fr. 112,10 Liberman.
128 Euripide, Andromaca 597-600.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 105 03/05/2013 11:11:12
106
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
duramente le consuetudini educative delle Lacedemoni, categoria cui Ermione
appartiene. Lattacco si volge alleducazione, allabbigliamento succinto (con le
gambe nude e le vesti sciolte), alle corse e alle palestre delle ragazze spartane,
in comune con i maschi, usanza intollerabile e causa dellabbandono femmi-
nile degli spazi domestici; limputazione di immoralit. La critica dal versante
ateniese si sostanzia di ulteriori elementi: le vesti provocanti, adatte alla palestra,
e la koinonia con i coetanei maschi negli allenamenti, dispregiativamente intesa
come mescolanza sessuale e perci mancante di sophrosyn. Essa tuttavia non risul-
ta nella documentazione flo-spartana e anzi parrebbe il contrario, dal momento
che le trattazioni delle due paideiai si presentano costantemente separate. certo
possibile limpiego di strutture analoghe per lallenamento e inoltre, in particolari
festivit cittadine, i giovani maschi potevano osservare e incontrare le parthenoi,
nude o in vesti succinte, intente ad attivit agonali connesse alle classi det; ri-
volgendosi ai ragazzi presenti, esse li esaltavano o li deridevano. Di tali occasioni
di contatto Plutarco
129
defnisce le fnalit: parormtika pros gamon. La riprovazio-
ne ateniese della condotta di vita delle giovani spartane poggia, dunque, anche
sullamplifcazione di un elemento peculiare del loro sistema educativo, gli agoni
pro-matrimoniali, proiettato sullintera istituzione ginnica da respingere, pena la
crisi del modello femminile alternativo.
A favore dei ginnasi delle Lacedemoni si esprimevano per ad Atene e per
Atene conservatori come loligarca Crizia
130
e il cavaliere Senofonte
131
, entrambi
autori di opere sulla costituzione degli Spartani. Dalla generazione alleducazione
fsica e al regime di vita, con Crizia si indica lesercizio ginnico anche per la donna
incinta, ovviamente con fnalit eugenetica. Non libert incontrollata n immora-
lit, ma intransigenza e un fne preciso nellinteresse non privato ma della prole,
e dunque dello stato. la replica degli ambienti flo-laconici e oligarchici, dai
risvolti politici, tanto pi che Crizia tenta lattuazione nellAtene dei Trenta di un
regime di marca laconizzante. Per Senofonte, di contro allo stile di vita delle ragaz-
ze ioniche, con nutrizione scarsa, vita sedentaria e segregata, connessa dif colt a
ben procreare, Licurgo aveva imposto alle Spartane alimentazione e addestramenti
pari a quelli maschili, con obiettivo la teknopoia. Anche qui, regola e non licenza
per un fne programmato dallo Stato che nullifca ogni personalismo. La teoriz-
zazione che presiede a tali afermazioni prevede dalla madre e non solo dal padre
un apporto determinante alla buona generazione, in quanto entrambi, con il loro
regime di vita, improntano di s la prole.
129 Plut., Lic. 15,1.
130 Crizia, fr. 32 Battegazzore-Untersteiner apud Clemente Alessandrino, Miscellanea VI 9.
131 Sen., Cost. Sp. I 1-4.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 106 03/05/2013 11:11:12
107
4. Parthenoi e controllo sociale nella prospettiva di genere: il caso delle Spartane
Nel confronto con le formulazioni greche sulla generazione, risalta per contra-
sto la posizione di Aristotele, per il quale il genere femminile, pi lento e inattivo
per natura, necessita di minor quantit di cibo. La sede naturale della donna, fragile
e piagnucolosa, un luogo dove ella pu vivere oziosa e immobile
132
, con leccezione
di un moto moderato per le gravide
133
che, se eccessivo, comporterebbe rischi per i
maschi, i feti pi preziosi
134
. Il contributo femminile alla procreazione produce pura
corporeit per il nascituro, mentre lintervento maschile assicura vitalit e anima
135
.
Il maschio reca i principi della generazione, suo il calore corporeo e il secco,
femminile il freddo e lumido
136
; lui portatore di forma, lei generatrice di materia.
Le posizioni aristoteliche rappresentano una sorta di irrigidimento della pi
antica tradizione ippocratica, nella quale il seme maschile si af ancava al femmi-
nile e il sesso del nascituro era determinato dalla casuale predominanza quantita-
tiva di uno dei due semi. La donna dunque poteva incidere sui caratteri sessuali
della prole
137
. Nel contempo per linferiorit femminile risultava dalla maggiore
gracilit e permeabilit ai liquidi; unico ponos il mestruo, un ponos domestico e
smaltito nellinattivit delloikos, a cui restava estraneo lesercizio fsico, prerogati-
va maschile. Nella letteratura ippocratica, dunque, si registra un pi attivo ruolo
femminile alla generazione che per non occulta il vincolo della donna allimmo-
bilit delloikos, pena la perdita della fecondit.
Nella documentazione presocratica si distingue per una sorta di flone pro-
gressista, con la concorrenza di entrambi i sessi alla procreazione (Anassagora,
Democrito, Alcmeone
138
, Empedocle, Parmenide
139
), sulla base del seme pi ab-
bondante che pu essere femminile (Alcmeone) o della sezione dellutero ove il
seme ricade, destra per linfuenza maschile sul feto, sinistra per quella femminile
(Empedocle). Parmenide pone in relazione il caldo con la madre, il freddo con il
132 Arist., Storia degli animali 608b, 8-15. Per le teorizzazioni antiche sulla generazione vd. Campese,
S.; Manuli, P.; Sissa, G. Madre materia, Torino, Boringhieri, 1983; Sissa, G. Platone, Aristotele e la
diferenza dei sessi in Schmitt Pantel, P. (a cura di) Storia delle donne. Lantichit, Roma-Bari, Laterza,
2000 (1990), pp. 58-100.
133 Arist., Pol. 1335b, 6-20.
134 Il rischio diminuisce per le femmine, meno mobili: Arist., Generazione degli animali 775a, 4-9,
31-40.
135 Arist., Gen. anim. 729a, 9-12, 22-33; 716a 4-8, 14-23; 727a, 26-30; 727b, 31-33; 732a, 7-11.
136 Arist., Gen. anim. 766b, 31-33; 775a, 15-16.
137 Corpus ippocratico: Generazione IV 1; V 1; VI 1-2; Malattie femminili I 8; VIII 34; Natura del
bambino XII 1-2.
138 Frr. 59A 107; 68A 141; 24A 13 e 14 Diels-Kranz. Democrito in Aristotele: Gen. anim. 704a,
36-38; 764a, 36-38.
139 Frr. 28A 54; 24A 13; 31A 81 Diels-Kranz.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 107 03/05/2013 11:11:12
108
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
padre, afermazioni riportate in Aristotele che ovviamente le avversa
140
. Per Anas-
sagora, nella suddivisione della cavit uterina il luogo determina il sesso (destra-
maschio; sinistra-femmina) con il seme pi abbondante; ed lutero materno che
plasma il nascituro determinandone le fattezze. Ancora, da Empedocle ricaviamo
la possibilit che il seme meno caldo sia quello del padre; in questo caso prevarr
lapporto materno. In particolare, la madre pu assegnare caratteri peculiari alla
prole con la phantasia, se attratta dalle sembianze di statue o di personaggi dipinti.
Questo ruolo materno pi dinamico con leventuale determinante apporto del
seme femminile alla genesis e con lutero che come uno stampo pu imprimere
caratteri sessuali e anche somatici alla prole, questa possibilit per la madre di
improntare di s il fglio la teorizzazione che meglio si confronta con la realt
spartana e con la sua ideologizzazione.
Nel riconoscimento del ruolo femminile, la prospettiva si conferma tuttavia
maschile: alluomo spettano la sezione destra dellutero e il calore, alla femmi-
na la sinistra e il freddo; pi freddo anche il seme di lei con cui tuttavia pu
condizionare la prole. Cos a Sparta lequivalenza maschile-femminile interna e
funzionale a una realt maschile che riconosce e valorizza lapporto della donna
alla procreazione in quanto la indirizza in vista della riproduzione di s. Da una
madre forte quanto un maschio allenato nei ginnasi nascono fgli sani e vigorosi o
potenziali madri robuste e prolifche, prole idonea ai ruoli civici futuri. N occulta
tutto questo laneddotica riservata soprattutto da Plutarco alle madri spartane
141
,
in cui il conclamato riconoscimento dellapporto generatore femminile si stempe-
ra nella sottrazione e nellallontanamento dei fgli da parte della citt, incoraggiati
ove non costretti a morire per lo Stato dalle stesse madri; una maternit, per cos
dire e a mio avviso, incompiuta.
Illusione, o mistifcazione, nellapophthegma plutarcheo dedicato a Gorgo,
moglie di Leonida
142
; a una donna attica che le aveva chiesto: Perch voi Lacede-
moni siete le sole a comandare agli uomini? la Spartana avrebbe risposto: Perch
siamo anche noi sole a generare uomini.
140 Arist., Parti degli animali 648a, 29-32; Gen. anim. 765b, 18-22.
141 Plut., Mor. (Detti Sp.) 240C-242C.
142 Plut., Mor. (Detti Sp.) 240 E,5. Su Gorgo vd. Paradiso, A. Gorgo, la Spartana, in Loraux, N. (a
cura di) Grecia al femminile, Roma-Bari, Laterza, 1993, pp. 108-122.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 108 03/05/2013 11:11:12
5. La separazione tra oikos e polis in una
prospettiva di genere
Maria Letizia Pelosi
Nelle pagine di Vita activa dedicate allanalisi storica delle strutture politiche e
sociali, Hannah Arendt considera la separazione tra sfera pubblica e vita privata
il presupposto fondamentale di ogni forma di organizzazione politica. Secondo
Hannah Arendt la politica esprime la pluralit ovvero la natura intersoggettiva
della condizione umana. La pluralit si realizza quando gli uomini si riconoscono
reciprocamente e vivono e si muovono nel mondo consapevoli del loro essere
in relazione gli uni con gli altri. Solo nellambito pubblico gli uomini possono
svolgere attivit politicamente determinanti, poich alla luce degli altri il soggetto
politico parla, agisce, d inizio a qualcosa di nuovo.
Hannah Arendt ritiene la separazione tra spazio privato e spazio pubblico il
concetto cardine della polis classica. La polis, scrive lorganizzazione delle perso-
ne cos come scaturisce dal loro agire e parlare insieme [] lo spazio dellapparire,
nel pi vasto senso della parola: lo spazio dove appaio agli altri come gli altri
appaiono a me
143
. La citt-stato greca rappresenta per Hannah Arendt lesempio
storico della forma di organizzazione politica dove si realizza il vivere in presenza
di altri uomini; vivere insieme nella polis signifca manifestarsi sulla scena pubblica
e abbandonare, conseguentemente, la dimensione privata dellesistenza.
possibile riferirsi alla libert politica o al suo contrario solo rispetto allo spa-
zio pubblico del reciproco manifestarsi, e per incontrarsi i soggetti politici devono
essere liberi dalle necessit materiali della vita. La vita privata ha il suo centro nella
143 Arendt, H. Te Human Condition, Chicago, University of Chicago, 1958, tr. it di Finzi, S. Vita
Activa. La condizione umana, Milano, Bompiani, 1997
4
, p. 145.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 109 03/05/2013 11:11:12
110
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
casa e nella famiglia. In questa dimensione lessere umano naturalmente assog-
gettato alle necessit della vita produttiva e riproduttiva: necessit di procurarsi
il cibo, di curare il corpo, di conservarsi attraverso la generazione di altri indivi-
dui. I vincoli delle necessit e dei bisogni nella Grecia classica dominano la sfera
dellassociazione naturale delloikos e vengono abbandonati nella dimensione della
polis. Nella vita pubblica gli uomini si sono afrancati dalle necessit biologiche, e
possono vivere liberamente. Nella sfera domestica gli uomini vivono insieme per-
ch spinti dai bisogni e dalle necessit naturali, che determinano tutte le attivit
che hanno luogo nella comunit domestica. Il dominio della polis, la sfera della
libert, mentre la necessit scrive Hannah Arendt soprattutto un fenomeno
prepolitico caratteristico dellorganizzazione domestica privata
144
.
La separazione su cui si basa il pensiero politico dellantica Grecia, tra oikos
e polis, ricalca secondo Hannah Arendt la pi fondamentale distinzione tra cose
che sono per s e cose che devono la loro esistenza alluomo
145
. Si comprende
il senso di tale separazione nella risposta che nel 1963 Hannah Arendt d alle
critiche di Gershom Sholem in riferimento al libro La banalit del male. A propo-
sito del problema della resistenza degli ebrei e della debolezza dimostrata dai capi
ebraici Scholem le rimprovera di utilizzare un tono di insensibilit inappropria-
to a unebrea. Hannah Arendt risponde:
la verit che io non ho mai avuto la pretesa di essere qualcosa daltro o diversa
da quella che sono, n ho mai avuto la tentazione di esserlo. Sarebbe stato come
dire che ero un uomo e non una donna cio qualcosa di insensato. So, natu-
ralmente, che esiste un problema ebraico anche a questo livello, ma non mai
stato il mio problema nemmeno durante linfanzia. Ho sempre considerato la
mia ebraicit come uno di quei dati di fatto indiscutibili della mia vita, che non
ho mai desiderato cambiare o ripudiare. Esiste una sorta di gratitudine di fondo
per tutto ci che cos come ; per ci che stato dato e non , n potrebbe essere,
fatto; per le cose che sono physei e non nomi
146
.
In queste parole il confne tra dominio naturale e attivit umana talmente
netto da attraversare anche la sfera dellappartenenza storica e culturale. Unap-
partenenza ibrida per principio, poich individuale per nome e nascita (e non
per scelta) ma legata a un soggetto politico e comune (e non privato). Tale appar-
144 Ivi, p. 23.
145 Ivi, p. 13.
146 Ead., Te Jewish Writings, Jerome Kohn e Ron H. Feldman (a cura di) New York, Schocken
Books, 2007, tr.it. parz. di Giovanna Bettini, Ebraismo e modernit, Milano, Feltrinelli, 2003, p. 222
[n.d.r.: in corsivo nel testo].
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 110 03/05/2013 11:11:13
111
5. La separazione tra oikos e polis in una prospettiva di genere
tenenza diventa nel discorso di Hannah Arendt un puro dato pre-politico che,
per, pu avere conseguenze politiche. Lebraicit lidentit naturale pre-poli-
tica che pu condizionare la vita politica ma dalla quale rimane sostanzialmente
separata, proprio come loikos lo spazio separato dalla polis, senza il quale la polis
non potrebbe aver luogo. Dalle parole di Hannah Arendt essere ebrea ed essere
donna risultano dati pre-politici o naturali, estranei allo spazio politico, che si
caratterizza invece per il suo essere frutto dellagire umano.
La disamina della separazione tra oikos e polis ofre ad Hannah Arendt
loccasione per unanalisi critica dellet moderna, contraddistinta dalla scon-
fnamento della societ nella sfera pubblica e dalla conseguente perdita della
dimensione genuinamente politica delluomo: lemergere della societ dallo-
scuro interno della casa alla luce della sfera pubblica ha non solo confuso lan-
tica demarcazione tra il privato e il politico, ma ha anche modifcato, fno a
renderlo irriconoscibile, il signifcato dei due termini e la loro importanza per
la vita dellindividuo e del cittadino
147
. Dal momento in cui il comportamen-
to sociale prende il posto dellattivit politica, esso annulla limprevedibilit e
la novit, poich segue le regole della ripetizione e della standardizzazione. In
questo modo la sfera delle necessit naturali assume una valenza pubblica. Tale
il tratto che secondo Hannah Arendt rappresenta la societ di massa moderna,
diretta conseguenza dellesperienza totalitaria, dove non sono ammesse attivit
che non siano interamente prevedibili.
Sono state mosse diverse critiche alla lettura arendtiana della dinamica fuori/
dentro che caratterizza la polis, in particolare laddove la separazione tra priva-
to e pubblico esprime intrinsecamente il problema del rapporto tra maschile e
femminile. Il silenzio di Hannah Arendt sulla esclusione della vita privata dalla
sfera degli afari pubblici lascia in sospeso la domanda dov la donna? luogo
oscuro, privo e privato della luce dellincontro con gli altri, non solo inseparabile
dal concetto di polis, ma che lo presuppone. Il concetto del pensiero femminista
il personale politico che rimarca limportanza delle esperienza di vita delle
donne e dei loro rapporti con gli uomini non avrebbe per Hannah Arendt nes-
sun senso politico. Per questo la critica femminista ha ravvisato nella teoria poli-
tica arendtiana una legittimazione patriarcale dellidea di libert e una negazione
del potenziale femminile di liberazione oppure un ethos anti-democratico che
rende inaccettabile la sua visione politica per unidea di diritti politici realmente e
radicalmente universali
148
.
147 Arendt, Vita Activa cit., p. 28.
148 Cfr. Dietz, M.G. Feminist Receptions of Hannah Arendt, in Honig, B. (a cura di) Feminist Inter-
pretations of Hannah Arendt, University Park, Pennsylvania State University Press, 1995, pp. 17-50;
Butler, J.; Chakravorty Spivak, G. Who sings the Nation-State?, London, Seagull, 2007, trad. it. di
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 111 03/05/2013 11:11:13
112
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
La coscienza o lidentit femminile portano invece una voce diferente nella
vita pubblica? In che modo e in che senso le donne o il femminile partecipano
della vita della polis?
Nella flosofa pitagorica Il ruolo della donna contiene un ampio contenuto
simbolico: lo spazio delloikos non solo il polo negativo delle opposizioni fon-
damentali tra anima e corpo, virt ed eccesso, forza e debolezza. Le donne non
sono solo laltro, escluse dalla vita politica, ma partecipano al modello educati-
vo e cosmologico pitagorico. La criticit delloikos messa in risalto ad esempio
nellarticolo Teano de Crotona a cura di Montserrat Jufresa, in cui la distinzione tra
spazio pubblico e spazio domestico presente nella tradizione antica viene chiarita
attraverso il riferimento allesperienza della comunit delle donne pitagoriche
149
.
Come emerge nelle testimonianze delle pitagoriche e nella prospettiva inau-
gurata dagli studi di Nicole Loraux, loikos non solo lambito della produzione e
della riproduzione naturali ma un aspetto fondamentale delle rappresentazioni
e delle forme del politico in Grecia. Una volta fssata la distinzione oikos/polis le
analisi di Nicole Loraux consentono di sfumare la nettezza di tale divisione, dal
momento in cui laltro non viene riconosciuto come esterno ma come interno
alla polis: il femminile cio entra a far parte della polis in quanto riassorbito
dalluomo libero. Assorbimento per Nicole Loraux signifca integrare nel proprio
essere il femminile, farlo giocare fno allimpossibile
150
proprio come il Socrate
di Aristofane gioca con le parole e fa diventare il femminile di gallo la gallessa,
distruggendo con ci lidea che un gallo sia solo ed esclusivamente un animale
maschio. La paura della confusione e la necessit di rappresentarsi un modello
coerente, in cui ruoli, capacit, natura, siano separati e opposti, rispondono al
problema greco della mescolanza. Al fne di uscire dal quadro delle opposizioni
dicotomiche e di incrinare ogni opposizione costitutiva che possa infciare lorga-
nicit dellessere (opposizione maschile/femminile, ma anche corpo/anima, vita/
morte), il pensiero greco secondo Loraux ha fondato la polis non su di una sepa-
razione ma piuttosto su di una esclusione. Lesclusione prevede infatti una serie
di procedimenti che consentono anche di inglobare laltro, di mescolare laltro al
s in modo da conquistarlo o indebolirlo. Linclusione del femminile nel mondo
maschile manifesta sempre la superiorit delluomo sulla donna, ma perch ci sia
possibile, perch il femminile venga catturato, esso va anche propiziato ricavando-
Ambra Pirri, Che fne ha fatto lo stato-nazione?, Roma, Meltemi, 2009.
149 Gutirrez, M.; Jufresa, M; Mier, C. et al., Teano de Crotona, in Enrahonar. Quaderns de flo-
sofa, n. XXVI, 1996, pp. 95-108.
150 Loraux, N. Il femminile e luomo greco, Roma-Bari, Laterza, 1991, p. IX. (trad. it. di Maria P.
Guidobaldi, Paula Botteri, tit. or. Les Expriences de Tirsias. Le fminin et lhomme grec, Paris, Gal-
limard, 1989).
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 112 03/05/2013 11:11:13
113
5. La separazione tra oikos e polis in una prospettiva di genere
gli un posto allinterno di s. Il femminile entra dunque a far parte della polis in
quanto riassorbito dalluomo libero. A ci che appare ancora pi mortifcante per
la condizione femminile della mera reclusione nella sfera del privato, Loraux asso-
cia linteriorizzazione del femminile in quanto espressione della positivit del fem-
minile, non pi nel senso oscuro e negativo del pre-politico ma come elemento di
una mescolanza in cui convivono le diferenze. Una volta fssata la composizione
ibrida della polis si apre il campo per inseguire il sogno
151
di riconoscere nella
storia e in modo particolare nella storia dei concetti delle interruzioni brusche
determinate dalla diferenza dei sessi. La mescolanza come problema greco rimette
in discussione quello che sembrava un sistema perfettamente coerente grazie alla
presenza di una questione di genere che rifuta il modello antagonistico e si pone
nel segno del riconoscimento della diferenza.
151 Ivi, p. XXVI.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 113 03/05/2013 11:11:13
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 114 03/05/2013 11:11:13
6. Alle soglie dellOlimpo: prospettiva di
genere e analisi del politeismo greco
Gabriella Pironti
Le rifessioni che seguono non hanno certo lambizione di risolvere gli innume-
revoli problemi inerenti alla rappresentazione sessuata del divino nelle religioni
antiche, questione daltra parte strettamente legata a quella pi generale dellan-
tromorfsmo. Mi limiter dunque a presentare qualche osservazione sul politei-
smo greco antico e, pi in particolare, sulla pertinenza di unanalisi del pantheon
in termini di maschile/femminile.
La risposta data da Nicole Loraux alla domanda Che cos una da?
152
con-
serva intatta, ventanni dopo, la sua validit e si presenta come il necessario punto
di partenza per ogni analisi ulteriore: una da non una donna. Tra femminile
divino e femminile umano le diferenze sono tante e tali da invitarci a concludere
che, in una da, il genere femminile subordinato alla natura divina. Non un
caso se per esprimere il divino al femminile la lingua greca possa adoperare tanto
il femminile thea, quanto il maschile theos preceduto dallarticolo femminile. Va
ricordato poi che gli di del politeismo, secondo la lezione di Jean-Pierre Vernant,
non sono propriamente persone divine, ma potenze
153
e che, in quanto tali, essi
non si identifcano mai del tutto con le loro manifestazioni. In questo senso, e
contrariamente alla vulgata, il loro antropomorfsmo relativo: un dio si fa pre-
sente in molti modi e in vari luoghi, si manifesta nei fenomeni naturali, negli spazi
152 Loraux, N. Che cos una dea?, in Duby, G.; Perrot, M. (ed.), Storia delle donne. LAntichit (a
cura di P.Schmitt Pantel), Roma-Bari, Laterza, 1990, pp. 13-55.
153 Vernant, J.P. Mythe et pense chez les Grecs. tudes de psychologie historique, Paris, Franois Ma-
spro, 1969
2
[1965], p. 274.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 115 03/05/2013 11:11:13
116
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
del rito, in rappresentazioni iconiche, aniconiche o teriomorfe, e comunica la sua
potenza, e la sua presenza, attraverso una moltitudine di segni.
Portando questo assunto alle sue necessarie conseguenze, la Loraux avanza
lipotesi che persino lepifania di una divinit nella forma umana che le tradizio-
nalmente attribuita altro non sia che unulteriore variet, la variante teomorfca
appunto, della metamorfosi
154
. Tale discorso tanto pi valido qualora una divi-
nit si manifesti agli uomini prendendo una forma umana diversa da quella che
le tradizionalmente assegnata: si pensi, ad esempio, ad Atena che pu tranquil-
lamente assumere sembianze umane maschili
155
. E se tale scelta potrebbe apparire
motivata dalla scarsa femminilit della da parthenos, la vergine-guerriera che
rifuta il gamos, che dire allora di Hera, divinit protettrice del matrimonio? Anche
la sposa di Zeus, la sposa divina per eccellenza, che talvolta defnita la pi bella
tra le de immortali
156
, non esita a penetrare in un corpo umano maschile e a
lanciare, una volta prese le sembianze di Stentore, il pi terribile grido di guerra
157
.
Il saggio della Loraux percorso dalla sana volont di smantellare quella vi-
sione stereotipata secondo cui ogni da incarnerebbe un aspetto della femminilit:
Demetra la madre, Hera la sposa, Afrodite la cortigiana o la prostituta, Atena la
vergine-guerriera, Artemide la vergine-cacciatrice e via di seguito. Nel criticare le
analisi improntate a una simile semplifcazione
158
, la Loraux riserva alla fgura di
Afrodite un paragrafo signifcativo, in cui mette in evidenza i molteplici aspetti
della da, mostrando come questultima sia irriducibile allo stato di puro simbolo
femminile dellamore. Alcuni studi dedicati successivamente alle fgure di Afrodite
in Grecia antica hanno confermato la polivalenza della da, le cui competenze
spaziano dalla sessualit alla sfera politico-militare
159
: anche in Afrodite, che pure
generalmente considerata come la pi femminile tra le de, il divino prevale
dunque sul femminile.
Per misurare il dcalage tra la societ degli uomini e quella degli di, basti
pensare che le de fanno politica e combattono
160
. Le dee godono infatti nellas-
154 Loraux, N. Che cos una dea? cit., pp.21-22.
155 Cfr., ad esempio, Omero, Odissea, XXII, 205-206.
156 Inno omerico a Hera (XII), 2; Inno omerico a Afrodite (V), 41-42.
157 Omero, Iliade, V, 784-786.
158 Cfr., ad esempio, Friedrich, P. Te Meaning of Aphrodite, Chicago, University of Chicago Press,
1978, da leggere insieme alla recensione di Nicole Loraux, Journal of Hellenic Studies, n. 102, 1982,
pp. 261-263.
159 Pirenne-Delforge, V. LAphrodite grecque, Athnes-Lige, 1994 (Kernos, suppl. 4); Pironti, G.
Entre ciel et guerre. Figures dAphrodite en Grce ancienne, Lige, 2007 (Kernos, suppl. 18).
160 Lesclusione dallo spazio politico e dal campo di battaglia non implica tuttavia che il ruolo sociale
della donna greca fosse insignifcante, solo che questo ruolo si esprimeva in spazi e modi distinti da
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 116 03/05/2013 11:11:13
117
6. Alle soglie dellOlimpo: prospettiva di genere e analisi del politeismo greco
semblea divina di un rango identico a quello delle divinit maschili. Ci vale tanto
in quei racconti tradizionali che chiamiamo comunemente miti quanto nei culti
delle poleis. E se questa par condicio condizionata dalla subordinazione relativa
di di e de a una suprema autorit sovrana che si esprime al maschile nella fgura
di Zeus, non va tuttavia trascurato il fatto che, nei pantheon locali, il posto di
divinit poliade spetti, ben pi spesso che a Zeus, a fgure quali Atena e Hera, e
che il dio sovrano si associ volentieri ad Atena nella protezione della comunit
politica nel suo insieme. Questa forte presenza delle divinit femminili nella sfera
del politico non ha nulla a che vedere con una presunta Grande Dea Onnipo-
tente di cui le de greche sarebbero il pallido ricordo
161
. Come spiegare allora la
notevole presenza di divinit poliadi al femminile nelle citt greche? O per meglio
dire, il femminile un tratto pertinente nellanalisi delle funzioni assegnate alle
varie divinit allinterno di un pantheon, oppure la scelta di una divinit poliade
indipendente dal genere?
Per tentare una risposta a questa domanda, tuttaltro che semplice per un
sistema complesso di divinit polivalenti qual il politeismo, occorre partire pro-
prio dal dcalage tra mondo degli uomini e mondo degli di: le contraddizio-
ni tra femminile umano e femminile divino partecipano della tensione specifca
dellimmaginario greco a rappresentare il divino, laltro da s, in forme sensibili, e
a esprimere sotto forme umane, e quindi mortali, ci che per defnizione non-
umano e non-mortale. Gli studi consacrati al corpo degli di sono esemplari di
questa problematica. Gli di sono dotati, nelle rappresentazioni narrative, di un
corpo che al limite tra il sur-corps et il non-corps
162
. Il codice corporeo, nel pro-
iettarsi dal piano umano a quello divino, si scompone per riconfgurarsi altrimenti
in quanto operatore simbolico di caratterizzazione delle potenze divine in gioco.
Potremmo ipotizzare un analogo destino per la distinzione in generi: in tal caso,
lo studioso del politeismo greco non dovrebbe limitarsi a prendere atto del dca-
lage, ma piuttosto, partendo da questa constatazione, servirsi del dcalage come
strumento euristico.
Posto che la diferenza maschile/femminile non costruisce un Olimpo scisso
in due met e non infcia le pari opportunit delle de, e che la diferenziazione
dei ruoli e delle funzioni non sembra corrispondere a quella tra generi, come
identifcare allora quei tratti di una potenza divina che il genere contribuirebbe
quelli riservati agli uomini. Ed appunto questa specifca ripartizione genre che non trova riscontro
nella societ degli di.
161 Il mito storiografco della Grande Dea stato suf cientemente smascherato negli ultimi decenni
perch sia necessario ritornarci in questa sede. Cfr. Loraux, N. Che cos una dea? cit., pp. 33-37.
162 Vernant, J.P. Corps obscur, corps clatant, in Le Temps de la Rfexion, n. 7, 1986, pp. 19-45.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 117 03/05/2013 11:11:13
118
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
a rappresentare? Come Nicole Loraux, anche Jean Rudhardt
163
ha seguito alcune
piste al fne di tracciare i contorni di una confgurazione del divino al femminile.
La studiosa sottolinea come siano al femminile la maggior parte dei gruppi divini,
del tipo Moire, Ore, Cariti, e delle personifcazioni astratte, ad esempio Dike
(Giustizia), Metis (Intelligenza astuta), Mnemosyne (Memoria), quasi che il
femminile fosse tendenzialmente adatto a rappresentare sub specie dei il collettivo,
limpersonale, lanonimo, lastratto
164
. Come la Loraux, anche Rudhardt osserva
la femminilit delle potenze divine legate, come ci si poteva attendere, alla sfera
della maternit, del parto, del matrimonio: si pensi a Gaia, la Terra primordiale,
a Ilizia, da che presiede al parto, e a Hera, la sposa di Zeus. Entrambi gli studiosi
rifettono poi sullo statuto di parthenoi che contraddistingue Atena, Artemide ed
Estia: pur introducendo una diferenza fondamentale tra il piano umano, in cui
la verginit non consentita, e quello divino, dove questa funge invece da tratto
caratterizzante, la parthenia delle de assumerebbe comunque il matrimonio e la
sessualit adulta come punto di riferimento, anche se a contrario.
La Loraux e Rudhardt prestano una grande attenzione al ruolo del femminile
nella Teogonia di Esiodo, e fanno notare come nel mito di successione che, attra-
verso il regno di Urano e poi di Crono, porta al regno di Zeus, le de rappresente-
rebbero lelemento dinamico o perturbatore, favorendo il passaggio da una gene-
razione divina allaltra, mentre la stabilit e lordine si declinerebbero preferenzial-
mente al maschile. Tra i tratti pertinenti del femminile divino, Rudhardt include
anche la particolare vicinanza delle de agli esseri umani, lattenzione sollecita,
quasi materna, con cui esse seguono passo passo, nel mito, il percorso dei giovani
eroi e la protezione ravvicinata che esse ofrono alle comunit umane nel culto,
laddove le divinit maschili proteggerebbero eroi o esseri umani a debita distan-
za. La maggiore implicazione delle de nelle vicende umane troverebbe poi una
conferma nella particolare sensibilit di questultime alle emozioni: nel pantheon,
la collera e il risentimento, come lafetto e la benevolenza, si declinerebbero di
preferenza, al femminile.
Tra le piste di rifessione segnalate, alcune meriterebbero di essere esplorate
pi attentamente, come ad esempio il rapporto tra femminile e collettivit divine,
altre di essere leggermente sfumate anche le divinit maschili possono riverlarsi
sensibili, e lo sono particolarmente al desiderio erotico , altre ancora di essere
approfondite, e ci anche alla luce dei progressi compiuti negli studi di gene-
re, sempre pi attenti a pensare la relazione maschile/femminile piuttosto che il
femminile in s. Il rapporto che le lega a Zeus indispensabile, a mio avviso, per
163 Rudhardt, J. Les dieux, le fminin, le pouvoir, Genve, Labor et Fides, 2006, pp.41-72.
164 Loraux, N. Che cos una dea? cit., pp. 28-29.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 118 03/05/2013 11:11:13
119
6. Alle soglie dellOlimpo: prospettiva di genere e analisi del politeismo greco
comprendere fgure divine quali Atena ed Hera, la cui dimensione politica non
solo una conseguenza del maggiore coinvolgimento delle divinit femminili nelle
vicende umane, ma condizionata dalla partecipazione alla sfera della sovranit,
che si esprime appunto nel legame privilegiato di queste de con Zeus.
Se in linea di massima cos dif cile cogliere e isolare, nel mondo degli di, le
specifcit di genere, che forse la complicit, sullOlimpo, tra maschile e femmi-
nile prevale sulla diferenza, e che gli dei, pur essendo distinti in maschi e femmi-
ne, hanno, oltre al privilegio dellimmortalit e delleterna giovinezza, anche quel-
lo di poter confondere, o anche riarticolare, i generi
165
. Quasi che, immuni alla
mortalit e alla vecchiaia, gli di lo siano anche al rapporto confittuale tra generi,
e che la diferenza maschile/femminile si riconfguri, sullOlimpo, per esprimere
la complementariet funzionale tra potenze divine.
Secondo unopinione difusa, ad esempio, Afrodite e Ares costituirebbero due
opposti complementari: in questa coppia, la da rappresenterebbe la femminilit,
lunione amorosa, la debolezza, il dio incarnerebbe invece la virilit guerriera, lo-
dio, la forza. Tale visione, che gia semplicistica tenendo conto dellinsieme delle
fonti letterarie, si ritrova smentita dai dati cultuali che mostrano Afrodite implica-
ta nella sfera politico-militare; inoltre, Afrodite e Ares presiedono entrambi allin-
contro dei corpi e alle pulsioni incontrollate; soprattutto, Afrodite, in quanto pre-
posta alla sessualit in tutte le sue forme, tutela la trasformazione dei fanciulli in
adulti e si rivela strettamente associata alla potenza virile
166
. Consideriamo unaltra
coppia, Atena e Ares, e il modo diverso in cui intervengono nella sfera della guer-
ra: troveremo spesso la da associata allaspetto strategico e militare del confitto, il
dio alla cieca furia del corpo a corpo. Questa visione non infondata, ma possia-
mo collegarla a buon diritto al genere delle due divinit, quando per la mtis che la
contraddistingue Atena degna fglia di suo padre Zeus
167
, e per leris (contesa)
che lo abita Ares degno fglio di sua madre Hera
168
? Qualora si considerino appun-
to gli aspetti confittuali di Ares e lelemento perturbatore che Dioniso porta con
s, ci si domander allora se il maschile al divino sia sempre sinonimo di ordine
e stabilit, o se questa conclusione non sia pi specifcamente valida nel contesto
di un mito di successione come quello raccontato nella Teogonia, incentrato sulla
fgura di Zeus. Che dire poi dellassociazione tra Estia e Hermes, da un lato la da
che esprime la fssit del focolare e la permanenza delloikos, e dallaltro Hermes,
165 Cfr. Hritier-Aug, F. La costruzione dellessere sessuato, la costruzione sociale del genere e lambiguit
dellidentit sessuale, in Bettini, M. (a cura di) Maschile/Femminile. Genere e ruoli nelle culture antiche,
Roma-Bari, Laterza, 1993, pp. 113-140, in particolare p. 131.
166 Pironti, Entre ciel et guerre cit., passim.
167 Cfr. Esiodo, Teogonia, 892-896.
168 Cfr. Omero, Iliade, V, 889-898.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 119 03/05/2013 11:11:13
120
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
che tutto mobilit, percorso, passaggio
169
? Forse che, in altri contesti e in altre
confgurazioni divine, la mobilit e lo spazio esterno alloikos possono essere asso-
ciati anche a una divinit femminile: si pensi, ad esempio, ad Artemide.
Questa breve rassegna di esempi e controesempi non vuole dimostrare che il
genere non sia un criterio pertinente nello studio delle divinit greche. La prospet-
tiva di genere illuminante, talvolta indispensabile, soprattutto come strumento
euristico volto a precisare forme e modalit del dcalage tra piano divino e piano
umano. Talvolta, infatti, proprio lirriducibilit alla diferenza di genere, o anche
la sua contrapposizione a essa, che permette di comprendere meglio, nella sua
specifcit, e nella sua fondamentale alterit, una potenza divina
170
.
169 Vernant, Mythe et pense cit., pp. 97-158.
170 Questo discorso, incentrato sulla rappresentazione del divino, non esaurisce il pi vasto problema
della diferenza di genere nella religione greca, diferenza che si palesa con maggiore chiarezza via via
che spostiamo lo sguardo dalla societ degli di a quella degli uomini. Nella scelta del personale di
culto, nella sfera rituale, come nella selezione delle vittime sacrifcali, il genere infatti una compo-
nente non trascurabile. Per ulteriori approfondimenti sul tema qui trattato, cfr. Burkert, W. Wei-
bliche und mnnliche Gottheiten in antiken Kulturen: Mythische Geschlechterrollen zwischen Biologie,
Phantasie und Arbeitswelt, in Martin, J.; Zoepfel, R. (a cura di) Aufgaben, Rollen und Rume von Frau
und Mann, vol. I, Freiburg-Mnchen, Alber, 1989, pp. 157-179; sul femminile e la fgura di Pan-
dora, cfr. Pirenne-Delforge, V. Prairie dAphrodite et jardin de Pandore. Le fminin dans la Togonie,
in Delruelle, E.; Pirenne-Delforge, V. (a cura di) Kpoi. De la religion la philosophie. Mlanges oferts
Andr Motte, Lige, 2001 (Kernos, suppl. 11), pp. 83-99, con bibliografa.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 120 03/05/2013 11:11:13
7. Discorsi di genere nelle Storie dAmore
attribuite a Plutarco
171
Pauline Schmitt Pantel
Le Storie dAmore Erotikai Diegeseis riuniscono cinque racconti che sono
stati attribuiti a Plutarco, ma secondo gli editori questopera di et imperiale
non possiede nessuna delle qualit comunemente riconosciute al famoso
scrittore
172
. Tralasciando i giudizi di valore che pesano su queste mediocri
produzioni, vorrei invece chiedermi se esista una qualche coerenza in tale raccolta
apparentemente eterogenea. Il titolo suggerisce che a fungere da collegamento sia
la rappresentazione dellamore, delleros, ma questi racconti, come vedremo,
appartengono piuttosto alla srie noire che non ai romanzi della collezione
Arlequin
173
. Mi sembra tuttavia che un tema li accomuni: quello del genere, dal
momento che queste storie riguardano sia ragazze che ragazzi che si imbattono
in avventure del tutto simili. Seguendo dunque questo flo conduttore mi
limiter a studiare tre di queste storie, di cui alcune sono ben note e che
riassumer qui a grandi linee.
171 Ringrazio sentitamente Gabriella Pironti per aver tradotto il mio testo in italiano.
172 Vd. lintroduzione di Marcel Cuvigny alledizione pubblicata nella Collection des Universits de
France: Plutarque, uvres Morales, tome X, Paris, Les Belles Lettres, 1980. Mi servo di questa edi-
zione e traduzione, e cito i passaggi come da convenzione. Vd. anche Plutarco, Narrazioni dAmore,
a cura di Giuseppe Giangrande, Napoli, DAuria, 1991; Capriglione, J.C. Narrazioni senzamore,
in Nieto Ibanez, J.M.; Lopez Lopez, R. (a cura di) El Amor in Plutarco, Leon, Universidad de Leon,
2007, pp. 255-264.
173 La srie noire una collezione di romanzi polizieschi, la collezione Arlequin invece una serie di
romanzi rosa.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 121 03/05/2013 11:11:13
122
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
La prima storia quella di Aristoclea, fglia di Teofane, ed ambientata ad
Aliarte, in Beozia
174
. Aristoclea ha due pretendenti: Stratone, originario di Orco-
meno, il pi ricco, il pi nobile e il pi innamorato dei due, mentre laltro, Calli-
stene, proveniente da Aliarte, un consanguineo. Indeciso, il padre della fanciulla
vuole rivolgersi alloracolo di Trofonio per scegliere tra i due pretendenti. Stratone
chiede allora ad Aristoclea di esprimersi: Teofane interroga sua fglia alla presenza
di tutti ed ella sceglie Callistene
175
. Stratone invitato al banchetto nuziale dove
arriva con alcuni compagni e servitori. Egli tenta di rapire la fanciulla la quale,
presa tra il gruppo dei parenti e quello di Stratone, muore dilaniata. Callistene
sparisce e Stratone si suicida sul cadavere di Aristoclea.
La seconda storia quella di Atteone ed ambientata a Corinto
176
. Per riassu-
merla brevemente, Atteone, fglio di Melisso, il pi bello e il pi saggio dei suoi
coetanei, e numerosi sono i suoi erastai. Egli per ne rifuta uno: Archia, un uomo
famoso per la sua ricchezza e il suo potere, che tenta di rapirlo in occasione di un
komos che si svolge nella casa di Melisso. Tirato da una parte e dallaltra rispet-
tivamente dai suoi difensori e dai suoi aggressori, il giovane muore. Non avendo
ottenuto giustizia dalla parte dei Corinzi, il padre del fanciullo in occasione dei
giochi Istmici li maledice, per poi suicidarsi gettandosi sulle rocce dallalto del
tempio di Poseidone.
La terza storia consta di due racconti intrecciati e presentati in parallelo
177
.
Ne sono protagoniste le due fglie di un uomo di Leuttra, Schedaso, di modesta
condizione, e il fglio di un vecchio di Oreo. Schedaso ha oferto ospitalit a due
giovani di Sparta che si recano a Delf per consultare loracolo e che si innamorano
delle due ragazze presenti in quella casa. Le fanciulle ospitano ancora i due Spar-
tiati al loro ritorno da Delf, e i due giovani approfttano dellassenza del padre per
violentarle, poi le uccidono e gettano i loro corpi in un pozzo. Schedaso, una volta
tornato a casa, comprende laccaduto e si reca a Sparta per vedere gli efori. Strada
facendo, incontra un vecchio di Oreo che gli racconta la sua storia: suo fglio ha
rifutato le proferte amorose dellarmosta dei Lacedemoni, Aristodemo, che lha
poi rapito e ha tentato di fargli violenza; alla resistenza del giovane, Aristodemo
ha reagito sgozzandolo ed poi rientrato in citt per partecipare a un banchetto.
Il vecchio si allora recato a Sparta per reclamare giustizia ma gli efori si sono ri-
futati di ascoltarlo. La stessa cosa accade a Schedaso, il quale dopo inutili tentativi
fnisce per suicidarsi maledicendo gli Spartiati, una maledizione che riemerge in
174 Plutarco, Moralia, 771 e 772 c.
175 Plut., Mor., 772 a.
176 Plut., Mor., 772 c- 773 b.
177 Plut., Mor., 773 b-774 c.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 122 03/05/2013 11:11:13
123
7. Discorsi di genere nelle Storie dAmore attribuite a Plutarco
occasione della sconftta che gli Spartiati subiscono a Leuttra, proprio accanto alla
tomba delle due fanciulle.
Questi quattro racconti, pi incentrati su storie di crimini che non di amore, se-
guono lo stesso schema narrativo: un incontro erotico, un rapimento, violenze e mor-
te, e per fnire, la vendetta. Un aspetto interessante il parallelismo che si crea tra storie
damore tra uomini, quella di Atteone e quella del fglio del vecchio di Oreo, e storie
damore tra uomini e donne, quella di Aristoclea e quella delle due fglie di Schedaso.
Le numerose somiglianze tra queste storie sono lampanti. In ogni caso, le
vittime sono giovani, siano essi fanciulli o fanciulle, i kyrioi sono i padri, i loro
tutori legittimi.
La violenza infitta ai giovani una violenza sessuale espressa dai termini bia-
zein, che pu signifcare violentare (uno dei primi esempi del suo impiego in
questo senso proviene dallInno omerico a Demetra), e hybrizein, che appunto il
termine di uso legale. A questo tipo di violenza il giovane non pu che opporre
quel rifuto e quella resistenza che causano la sua morte.
La morte dei personaggi anchessa particolarmente violenta e contrastante
con le norme civiche. Per Aristoclea e Atteone si tratta di un dilaniamento: si
ritrovano nelle mani dei presenti (en kersi anthelkontn) che si gettano gli uni sugli
altri, e sono tirati da una parte e dallaltra. Per le fanciulle di Leuttra si tratta di
un omicidio seguito dalla precipitazione in un pozzo (o secondo altre versioni, di
impiccagione o colpi di pugnale), per il fglio del vecchio di Oreo invece, di sgoz-
zamento (aposphazein). Consideriamo i gesti: il dilaniamento (azione che ricorda
il diasparagmos) e il vocabolario del sacrifcio (sphagein) qui evocati fanno coinci-
dere tra loro sfere che normalmente restano distinte nella citt: gli esseri umani
non possono essere trattati come lo sono gli animali.
Coloro che fanno ricorso alla violenza presentano una personalit simile. Si tratta
di uomini di potere: i pretendenti di Aristoclea sono di ottima famiglia; laggressore
di Atteone, Archia, un nobile di Corinto appartenente alla dinastia degli Eraclidi,
nonch futuro fondatore di Siracusa; Aristodemo, che uccide il fglio del vecchio di
Oreo, un armosta; gli aggressori delle fglie di Schedaso sono cittadini Spartiati.
Non si tratta quindi di briganti o individui marginali e declassati, ma di uomini per-
fettamente integrati nella citt che abusano del loro potere alla maniera dei tiranni.
Labuso di potere talvolta accompagnato da circostanze aggravanti. I giovani
aristocratici di Aliarte catturano Aristoclea mentre questa si reca alla fontana delle
Ninfe per ofrire un sacrifcio preliminare al matrimonio. Il rapimento delle fan-
ciulle alla fontana un tema assai frequente in Grecia, ma nel caso qui in esame
va notata laggravante dellempiet, poich si tratta di unirruzione che ha luogo
nel bel mezzo di un atto sacro. I due giovani Spartiati ofendono a Leuttra uno dei
riti pi rispettati dai Greci, quello dellospitalit. La xenia sotto la tutela diretta
di Zeus. Ogni ofesa fatta allospite, e a maggior ragione la violenza e la morte, si
confgura come un grave atto di empiet.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 123 03/05/2013 11:11:13
124
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
Ben diferente da quello degli aggressori lo statuto sociale dei padri che,
ognuno in maniera diversa, rappresentano comunque i deboli della societ. Sche-
daso povero, luomo di Oreo un vecchio, Melisso uno straniero a Corinto
(la sua famiglia proviene da Argo); Teofane appartiene probabilmente alla buona
societ di Aliarte, ma ha paura dei pretendenti ed un indeciso che non sa as-
sumersi le sue responsabilit in quanto kyrios di sua fglia: questi quattro padri
si trovano dunque in condizione di inferiorit rispetto agli aggressori. Essi non
soltanto non sono in grado di impedire gli omicidi, ma non ottengono alcun ap-
poggio da parte delle autorit legittime della citt. Questultimo punto degno di
interesse. Infatti, sia il vecchio di Oreo sia Schedaso si recano a Sparta a chiedere
giustizia, ma la citt, attraverso la voce degli efori, ma anche tramite quella dei re
e dei cittadini, respinge le loro richieste. La loro posizione di stranieri rispetto alla
citt un elemento essenziale per comprendere latteggiamento delle autorit che
si volgono a proteggere i propri concittadini. Il caso di Melisso simile: il cadavere
di suo fglio esposto nellagor, luogo al tempo stesso pubblico e sacro, eppure
la deplorazione per laccaduto resta confnata nel privato. La citt di Corinto non
riconosce Melisso come uno dei suoi: quello che ai nostri occhi appare un abuso
delle autorit civiche in realt la traduzione dello statuto giuridico degli stranieri.
La via legale della rivendicazione davanti alla giustizia dunque impossibile. Resta
ununica possibilit di ricorso, e cio appellarsi alle divinit.
Un altro elemento comune a tutti questi racconti la vendetta divina, su-
scitata dalla maledizione che pronunciano i padri delle vittime. Il racconto di
Melisso quello che sviluppa maggiormente questo tema, coniugando tra loro
pi strategie. Dal momento che lesposizione del corpo del giovinetto nellagor
non aveva avuto alcun esito, il padre di questi approftta di un importantissimo
momento di riunione non soltanto dei Corinzi, ma dei Greci tutti, i giochi Istmici
appunto, per denunciare laccaduto in pubblico e, fatto ancor pi signifcativo,
in un luogo sacro: il tempio di Poseidone, la divinit in cui onore si celebravano
i giochi. Egli attese che si celebrassero i giochi Istmici e a quel punto, salito al
tempio di Poseidone, lanci la sua invettiva contro i Bacchiadi, ricord i meriti
di suo padre Abrone e, dopo aver invocato gli di, si precipit sulle rocce
178
.
Abrone che aveva svelato ai Corinzi un complotto del re argivo Fidone inteso ad
annientarli, aveva salvato loro la vita. Anche se pronunciata contro i Bacchiadi,
la famiglia aristocratica che deteneva il potere a Corinto, la maledizione riguarda
la citt tutta intera. La vendetta ormai nelle mani degli di ed una vendetta
duplice, per la morte del giovane Atteone e per quella dello stesso Melisso. Suici-
dandosi in un luogo sacro, questultimo fa inoltre correre alla citt il pericolo di
una grave contaminazione.
178 Plut., Mor., 773 a.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 124 03/05/2013 11:11:13
125
7. Discorsi di genere nelle Storie dAmore attribuite a Plutarco
Schedaso agisce in modo simile, anche se la sua azione meno spettacolare.
Di fronte al rifuto degli Spartiati di concedergli giustizia: Subto anche lui un
insuccesso, si mise a correre per la citt, tendendo le mani verso il sole, poi percos-
se il suolo invocando le Erinni e infne si uccise
179
. Linvocazione alle Erinni, de
preposte alla vendetta, una richiesta di punizione. Inoltre, il suicidio di Schedaso
contamina linsieme della citt di Sparta.
Gli di reagiscono come da programma: scatenano un fagello (loimos) sulla
citt di Corinto e provocano la sconftta militare di Sparta a Leuttra, nella batta-
glia contro i Tebani. Il fagello si abbatte sia sul territorio sotto forma di siccit,
sia sugli esseri umani, sotto forma di malattia. Per comprenderne il motivo, i
Corinzi si rivolgono alloracolo di Delf e Archia, per evitare la punizione, parte
esule in Sicilia dove morir assassinato a sua volta dal suo amasio. Si crea cos una
corripondenza tra la punizione divina e il crimine di Archia. La punizione degli
Spartiati invece diferita nel tempo, poich la morte delle due fglie di Schedaso
sarebbe avvenuta ben prima della battaglia di Leuttra. In questo caso, lintera
citt o per lo meno i suoi opliti che pagano con la morte sul campo di battaglia,
nei pressi della tomba delle fanciulle, il fo per il crimine commesso dai due gio-
vani Spartiati. Ma si tratta pur sempre di vendetta divina, come dimostra il fatto
che al capo tebano Pelopida appare in sogno Schedaso che lo incoraggia dicendo
che: I Lacedemoni giungevano a Leuttra per pagare il loro debito verso di lui e
le sue fglie
180
.
Queste storie, che ofrono numerosi spunti di rifessione, sono state analizzate
in parallelo con racconti simili che si ritrovani in numerosi altri testi greci: si pensi,
in particolare, alla storia delle fanciulle di Leuttra
181
e alla storia di Atteone
182
. Lin-
sieme costituito da questi racconti paralleli troppo ampio per renderne conto in
poche pagine. In tal sede, mi limiter dunque a constatare che in alcuni racconti
che mettono in scena desiderio sessuale, violenza e morte, i fanciulli e le fanciulle
sono trattati in maniera assai simile. Tale constatazione pu apparire sorprenden-
te, nella misura in cui ci si attenderebbe che siano piuttosto le fanciulle a ritrovarsi
vittime di violenza sessuale, mentre i fanciulli dal canto loro dovrebbero invece
morire in guerra. Tuttavia questi racconti non costituiscono un caso isolato. Ero-
doto racconta che il tiranno di Corinto, Periandro, aveva inviato trecento ragazzi
179 Plut., Mor., 774 b.
180 Plut., Mor., 774 d. La battaglia ebbe luogo nel 371 a.C.
181 Senofonte, Elleniche, VI, 4, 7. Pausania, IX, 13, 5-6. Diodoro Siculo, XV, 54, 1-3. Plutarco,
Pelopida, 20, 5. Eliano, fr. 77 Herscher.
182 Partenio, Erotika Pathemata, XIV. Plutarco, Sertorio, 1-4. Diodoro Siculo, VIII, 10. Scolio ad
Apollonio Rodio, Argonautiche, IV, 1212.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 125 03/05/2013 11:11:13
126
Capitolo 1. A partire da Nicole Loraux: il femminile tra hybris e nomos
di Corcira al satrapo di Sardi perch questi ne facesse degli eunuchi
183
. E il tiranno
di Argo, Fidone, aveva progettato di far venire ad Argo i mille giovani Corinzi pi
rinomati per vigore e coraggio, nellintenzione di ucciderli e ridurre cos la potenza
di Corinto
184
. In entrambi i casi, si tratta di indebolire o anche di sopprimere una
citt, Corcira o Corinto, privandola della difesa e della capacit riproduttiva che i
giovani rappresentano.
Nelle Storie dAmore, le avventure raccontate sono relative a casi individuali e,
probabilmente, impossibile mettere sullo stesso piano lo strupro di un fanciullo
o di una fanciulla e lannientamento di una classe di et. Ma una domanda si im-
pone: tali attitudini violente rivelano soltanto il carattere pieno di hybris del loro
autore che non tollera un rifuto, oppure queste descrivono, in maniera pi gene-
rale, un rapporto di genere e un rapporto di potere? In efetti, un punto in questi
racconti appare piuttosto sconcertante: il non intervento delle comunit civiche,
sia Corinto che Sparta (per ben due volte), come se la citt potesse chiudere gli
occhi su queste vessazioni e preferire alla giustizia la difesa dei suoi cittadini. Pur
esistendo nelle citt leggi contro ogni forma di hybris, in particolare in materia di
sessualit, tali storie mostrano una sorta di connivenza tra citt e aggressori.
Stratone che non viene scelto come sposo, Archia e Aristodemo che non sono
accetatti in quanto erasti, gli Spartiati il cui abuso nei confronti delle fanciulle di
Leuttra viene considerato un atto di hybris: queste situazioni mettono in discus-
sione una delle forme di potere che caratterizza il cittadino, il potere sessuale che
egli esercita indiferentemente su fanciulli e fanciulle. Questo rapporto costruisce
in seno alle citt una gerarchia netta tra uomini-adulti-cittadini e giovani di ambo
i sessi che non siano cittadini
185
. La linea di separazione non passa semplicemente
tra maschile e femminile, ma piuttosto tra i cittadini adulti e gli altri. In questo
caso il genere, inteso come la maniera in cui una societ costruisce i rapporti tra
i sessi, indissociabile dagli altri due sistemi di classifcazione propri delle citt,
vale a dire quello che distingue le diverse classi di et e quello che separa i cittadini
dai non cittadini. Di conseguenza, questa forma particolare di costruzione sociale
e politica che appunto il genere, si articola con altre forme di costruzione per
defnire i lineamenti dellidentita civica
186
. Le Storie dAmore non sono soltanto
storie di genere.
183 Erodoto, Storie, III, 48.
184 Plut., Mor., 772 d.
185 Schmitt Pantel, P. Aithra et Pandora. Femmes, genre et cit dans la Grce antique, Paris, LHar-
mattan, 2009.
186 Sebillotte Cuchet, V.; Ernoult, N. (a cura di) Problmes du genre en Grce ancienne, Paris, Publi-
cations de la Sorbonne, 2007.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 126 03/05/2013 11:11:13
CAPITOLO 2
Gender and Politics in Early Modern
Europe
edited by Linda Jauch
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 127 03/05/2013 11:11:13
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 128 03/05/2013 11:11:13
Introduction
Linda Jauch
Te contributors of this section frst met one year ago at a postgraduate convention
at the University of Cambridge. Tey all share the view that a signifcant gap in
historical scholarship exists when questions of gender and politics are concerned.
While a gendered study of politics has, in the last few years, slowly received more
historical attention pointing at the fact that the importance of the relationship
between gender and politics can no longer be ignored, all contributors feel that a
thorough analysis is still missing. Tis section thus brings together young scholars
who either just completed their doctoral research or are in the process to do so. It
wishes to provide new insights into the interrelations between gender and politics,
close a gap in historical scholarship, and present a forum for exciting new streams
of research which will allow historians to gain new conceptions of the study of
early modern politics and its related institutions.
Te study of political history has traditionally focused almost exclusively on
men, applying a male perspective on political concepts and issues. Even though
especially social historians have underlined the inadequacy of the traditional dichot-
omy of a public male and private female sphere, in political history and the history
political thought this concept still seems to persist
1
. Only very slowly is the study
of political history broadening its understanding of power to include more informal
relationships, to diferentiate between formal authority and the power to shape po-
litical events, and to examine the gendered experience of politics. As a result, women
emerge as active participants in early modern politics who through their patronage
1 For early modern social historians challenging the public-male/private-female spheres see, for
example, Roper, L. Te holy household, Oxford, Clarendon, 1998. Kovesi Killerby, C. Sumptuary law
in Italy, 1200-1500, Oxford, Clarendon, 2002. Zarri, G. Storia delle donne e storia religosa: un
innesto riuscito, in Calvi, G. (eds.) Innesti: donne e genere nella storia sociale, Roma, Viella, 2004.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 129 03/05/2013 11:11:13
130
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
and personal engagement shaped ideas, political discourse, and political realities
2
.
A gendered analysis of political treatises, on the other hand, will allow historians to
reach a more nuanced understanding of political writings and their composers and
will consequently challenge previous assumptions. Trough a study of early modern
gender and politics historians can gain new insights into the political organisation
of the time, its paradigms and structure.
All the papers in this section are concerned with elites. Rather than concen-
trating on informal power, the contributors of this section focus on the process of
political decision-making and womens ability to engage in it. As a result, court
culture plays an important role in three of the four papers presented here. Te
court has a long tradition of historical scholarship, and when women are con-
cerned, it is especially medieval queenship where most research has been carried
out
3
. Tere also exists vast historical scholarship on female rulers on the British
Isles in the early modern period and around fgures like Mary and Elizabeth Tudor
or Mary Stuart
4
. On the continent Catherine deMedici and Anne of Austria
were likewise the focus of much research. However, the role of female consorts in
the daily running of their husbands realms or their role after the death of their
spouses has received considerably less attention.
But more so than the ruler, the female consort was in need of her own power
strategies and political knowledge to strengthen her courtly and political impact.
She lacked the institutionalised claim to power of her husband, she was often a
foreigner who came to her husbands court, and as a result it was important for her
2 Recent publications in the feld include, for example, Calvi, G. (Ed.) Women rulers in Europe:
agency, practice and the representation of political powers (XII-XVIII). European University Institute
Working Papers, HEC No 2008/2, San Domenico di Fiesole, European University Institute, 2008.
Swift, H.J. Gender, writing, and performance: men defending women in late medieval France, Oxford,
Oxford University Press, 2008. Jansen, S.L. Debating women, politics, and power in early modern Eu-
rope, New York, Palgrave, 2008. Arcangeli, L.; Peyronel, S. Donne di potere nel Rinascimento, Roma,
Viella, 2008. Cox, V. Gender and eloquence in Ercole deRobertis Portia and Brutus, in Renais-
sance Quarterly, vol. LXII, n. 1, 2009, pp. 61-101. Cruz, A.J.; Suzuki, M. (Eds.) Te rule of women
in early modern Europe, Urbana and Chicago, University of Illinois Press, 2009.
3 Parsons, J.C. (Ed.), Medieval queenship, Phoenix Mill, A. Sutton, 1984. Duggan, A.J. (Ed.),
Queens and queenship in Medieval Europe: proceedings of a conference held at Kings College London,
Woodbridge, Boydell Press, 1997. Taylor, C. Te Salic Law, French queenship, and the defence of
women in the late Middle Ages, in French Historical Studies, vol. 29, n. 4, pp. 543-564. For early
modern queenship see Campbell-Orr, C. (Ed.) Queenship in Europe, 1660-1815: the role of the con-
sort, Cambridge, Cambridge University Press, 2004.
4 See, for example, Richards, J. To promote a woman to beare rule: talking of queens in Mid-
Tudor England, in Sixteenth Century Journal, vol. 28, n. 1, 1997, pp. 100-121. McLaren, A. Te
quest for a king: gender, marriage and succession in Elizabethan England, in Journal of British
Studies, vol. 41, n. 3, pp. 259-290.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 130 03/05/2013 11:11:13
131
Introduction
to enhance her position and create own networks to succeed in this fragile power
balance. Te relationship between the spouses which could include a partnership,
mere cooperation when necessary, and even rivalry was also an important factor
that determined the amount of infuence the consort could exercise and to an
extent even its success. While female political roles were always defned in relation
to male interests, whether as spouse, childbearer, or ensurer of dynasty, female
consorts always aimed at creating their own networks, forwarding their own dy-
nasties ambitions and personal interests. By exchanging letters and gifts, acting as
patrons, and commissioning medals, paintings, and defences of women, they tried
to emphasise their roles and power. Tus early modern debates on questions as
to whether a proper education would allow women to reach a level of knowledge
comparable to that of men, and whether women were naturally weak and thus
unable to exercise power were important
5
.
Tis leads us to the second focal point of this section: the question of female
adaptability to engage in politics. Questions of the possibility and acceptability
of female power, women as rulers, or women as key political power players were
vividly discussed by political writers in the ffteenth and sixteenth centuries. Ear-
ly Modern political developments contributed to a growing interest in womens
power. Women ruled as regents, consorts, or widows, and were very prominent,
for example in the court culture of the Italian peninsula. As Serena Ferente has
recently highlighted early modern Europe witnessed an unprecedented number
of queens regnant who were ruling in their own right, including Joanna I and
Joanna II of Naples, Margaret I of Denmark, Mary I and Jadwiga I of Hunga-
ry-Poland, Isabel I of Castile, Mary I and Elizabeth I on England
6
. Whether
admired or hated (for example by the Marian exiles at Strasbourg or Geneva),
powerful women seemed to produce a new demand for discussions and debates
and also inspired authors to discuss a wide range of topics in relation to women,
for example their intellectual ability, their involvement in the Fall, and the positive
impact of women on politics.
5 Te discussion of womens virtues was not confned to literary works but was also part of an
artistic discourse. See for example Franklin, M. Boccaccios heroines: power and virtue in Renaissance so-
ciety, Aldershot, Ashgate, 2006. Franklin distinguishes between the socially acceptable representation
of women in republican Florence and the representation of the aforesaid in courtly Ferrara. Stephen
Campbell analyses the paintings in Isabella dEstes studiolo in relation to her self-positioning as pow-
erful consort. Campbell, S.J. Te cabinet of Eros: Renaissance mythological painting and the studiolo of
Isabella dEste, New Haven, Yale University Press, 2004.
6 Ferente, S. Naturales dominae: female political authority in the late middle ages, in Calvi, G.
(Ed.), Women rulers in Europe: agency, practice and the representation of political powers (XII-XVIII).
European University Institute Working Papers, HEC No 2008/2, San Domenico di Fiesole, European
University Institute, 2008.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 131 03/05/2013 11:11:13
132
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
Often these writings took the form of catalogues of women who were dis-
played either for their virtue or vice, and used to discuss womens achievements in
the past and their overall capacity for virtue. Using Boccaccios De claris mulieribus
and his biographies of ancient women as model, these highly ideological works
created diferent images of women, served as reference books on historical women
and, just like Renaissance advice books, so-called regole, they tried to instruct con-
temporary women on proper behaviour. Texts that defended (exemplary) women,
often had two ideological functions: to argue for female capacity to attain virtues
normally associated with men, like fortitude and constancy, and to challenge the
long-established misogynistic thought which was mostly based on a combination
of the medieval scholastic tradition, readings of Aristotle, Roman Law, the Gen-
esis, the New Testament epistles, and/or the Church Fathers.
It has often been questioned whether defences of women can be taken seri-
ously or whether they represent merely a literary exercise, a paradoxical enco-
mium, or the fattery of an author in pursuit of female patronage. Many treatises
have a certain ambiguity in their defence but the sheer number of ffteenth and
early sixteenth century texts dealing with the question of powerful women sug-
gests a need and a market to discuss these themes. It needs to be remembered that
most authors were not concerned with any social reform to free all women from
patriarchal structures, but that the women discussed in these texts all present an
elite minority with access to power. It seems ironic that treatises that argue against
womens capability for political power never had to undergo the same scrutiny has
those defending them.
One paper of this section concentrates on one of the most famous writers
against female political engagement, Jean Bodin (1529/1530-1596). In her paper,
Anna Becker demonstrates how Bodin in his major work Les Six livres de la R-
publique connects conceptions of the political with questions of gender, notably
focusing on the relationship of husband and wife. For Bodin an understanding
of the family and its inherent relationship form the basis for an understanding of
politics, according to Becker. Tus, the very basis of politics is shaped by questions
of gender, family, and the relationships between the sexes. Te paper also refects a
major concern of this panel: to include discussions of political theory and to show
how these, too, were shaped by questions of gender, even though this has often
been overlooked by traditional historical scholarship.
Te three remaining papers in this section examine the nature and role of fe-
male consorts, depicting the interrelationship of the political, domestic, econom-
ic, and ideological aspects of the of ce. Trough their networks and communica-
tions women were part of various political power strategies and responsibilities; of
their natal families and that of their husbands, of their own and that of their peers.
In her analysis of various works that emerged around the Duchess of Ferrara, Ele-
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 132 03/05/2013 11:11:13
133
Introduction
onora dAragona (1450-1493), Linda Jauch shows in what ways writers believed
it was acceptable for women to engage in politics and the ruling of the state. Te
ffteenth century witnessed the emergences of various defences of women, espe-
cially around the Ferrarese and Mantuan courts. While these treatises have largely
been overlooked by political historians, they provide important insights into the
political understanding of ffteenth century thinkers and courtiers close the ruling
family. For a long time historical scholarship has tended to ignore sources that do
not ft with the modern paradigms of what makes a work a political treatise, or
likewise did not analyse political treatises with questions of gender in mind. Jauch
argues that Eleonora dAragona not only served as an inspiration and dedicatee
for these writings but that her own political style very much reassembles the ad-
vice given to her in these works. By not questioning male superiority to rule and
by equating the love for her husband with the love for her duchy, she was able
to become one of the most politically infuential women in the ffteenth century.
A very diferent strategy for power was applied by Mary Habsburg, Queen
of Hungary (1505-1558). As a widow she was determined to remain in charge of
her dower lands and Andrea Frhlich analyses the rhetorical strategies applied by
Mary to secure her possessions. While Marys court preacher, Johannes Henckel,
wished that some transformation would be possible and the queen would become
the king; for the fate of the homeland would then be better, Mary had to apply
a frm policy and oppose her brothers to protect her own status and her dower
lands, i.e. the portion of her deceased husbands estate which was granted to Mary
by law for life. Mary tried to secure her income from the mining towns given
to her as a dower. Te paper shows the problems of elite widows to secure their
income and infuence and how, unlike suggested by some recent historiography,
they often challenged their siblings and family to achieve their aims.
Te understanding of the family unit as basis for politics is a reappearing
theme in this section. It is here that further historical research should be directed
at. Not only is this an important factor in the thought of Bodin; for many of
the defenders of female power in the ffteenth century a successful relationship
between the ruling spouses was a prerequisite for a successful relationship between
ruler and subjects. Likewise, Mary Hapsburg tried to use familial ties in her at-
tempt to keep control of her territories. Te fnal paper of this section by Sarah
Bercusson outlines the often complex relationship between consort and ruling
husband in her analysis of the Austrian Archduchess Giovanna of Habsburg and
her sisters. Giovanna became Duchess of Florence in 1565. Her sisters, Eleanor
and Barbara, married the dukes of Mantua and Ferrara respectively. Bercusson be-
lieves that becoming a successful and infuential consort in early modern Italy de-
pended on a variety of factors, its basis again lying in familial relations: a consorts
ability to adapt to the new court and its values and traditions, a relatively early
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 133 03/05/2013 11:11:13
134
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
birth of a male heir, a paid dowry, solid relations with the natal family, whether the
consort was able to establish good relationships with her courtiers and could thus
establish an independent power base, and, fnally, whether her husband allowed
her to participate in the running of the state. As a result, the female consort and
her designated court depended on much more shifting factors to exert (political)
infuence than the male ruler and his court.
As noted above, this section presents recent fndings by young scholars and
hopes to demonstrate new ways of combining research on political history with
questions of gender. It aims to provide a new understanding of early modern po-
litical history and to open up further points for discussion. Te political role of the
female consort, as wife and widow, her relations to writers and thinkers at court,
and the understanding of the family as basic political unit in the early modern
period all deserve more attention by future research.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 134 03/05/2013 11:11:13
1. Marriage and Rule in Jean Bodins Political
Thought
Anna Becker
Jean Bodins (1529/1530-1596) major work Les Six livres de la Rpublique
7
(1576)
is generally analysed chiefy regarding his seemingly wholly public conception of
indivisible sovereignty, and the Rpublique is foremost examined in its signifcance as
the foundational work of absolutism
8
. Tis scholarly focus is justifed with the con-
tention that it was mainly Bodins analysis of sovereignty that informed his think-
ing on the state and made the Rpublique a celebrated work
9
. Tereby it is often
overlooked that Bodins work outspokenly connected conceptions of the political
with questions of gender, most notably focusing on the relationship of husband and
wife. Bodins understanding of the political life was based upon a careful study and
exploration of the family and its power relationships, since these matters form the
foundations of his thinking on politics, the state, and public authority.
Te emphasis Bodin puts on the topic of the family is clear from the Rpub-
liques very beginning. Its frst chapter commences with the famous defnition
A Commonwealth is the rightful government of a number of households, and
7 Bodin, J. Les Six Livres de la Rpublique, Frmont, C.; Couzinet, M.D.; Rochais, H. (eds.), VI vols.,
Paris, Fayard, 1986; Bodin, J. De Republica Libri Sex, Frankfurt, 1594. All translations are my own.
8 See Franklin, J.H. Jean Bodin and the Rise of Absolutist Teory, Cambridge, Cambridge University
Press, 1973, p. VII; see Salmon, J.H.M. Bodin and the Monarchomachs, in Denzer, H. (Ed.), Jean
Bodin, Munich, C.H. Beck, 1973, pp. 359-378; see Skinner, Q. Te Foundations of Modern Political
Tought, vol. II, Cambridge, Cambridge University Press, 1978, p. 285, n. 1.
9 Franklin, J.H. Introduction, in Jean Bodin, On Sovereignty, in Franklin, J.H. (Ed. and Transl.),
Cambridge, Cambridge University Press, 1992, pp. xii-xiii.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 135 03/05/2013 11:11:13
136
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
of those things which are their common concern by a sovereign power
10
. Bodin
then instantly defnes the family, or the household as the rightful government
of a number of subjects owing obedience to a head of the family, and of those
interests which are his proper concern. Te second term of our defnition of the
commonwealth refers to the family, which is the true source and origin of all
commonwealths, and their principal constituent
11
. Te fundamental notion of
Bodins understanding of politics emerges thus right from the start of his work
on political philosophy; he lays down that the family is at once the mirror, and
the source of the state. In his Latin translation Bodin calls the family the seed-bed
(seminarium) of the whole res publica
12
, thus echoing Cicero, who had used the
same comparison in De of ciis
13
. Te family, for Bodin, is thus both the principal
member, and the fundament of any res publica.
In this short article we turn to Bodin analysis of the conjugal relationship,
which is intimately intertwined with an exploration of the nature of rule. Bodin
thought that the conjugal relationship was the most important of the three gov-
ernmental relationships in the household, because the power of the husband over
the woman is the source and origin of any human society
14
. In what follows I
shall show that this is one of the central statements to understand Bodins notion
of power, notably the absolute power of the sovereign. Bodins conception of the
private marital power is a fundamental and vital part of his theory of the state and
thus a long neglected aspect of his political theory, which links his contemplation
of absolute sovereignty directly to notions of gender. For Bodin, as we shall see,
private power and public power do not denote two distinct entities. Rather, he
emphasises that one entails and requires the other. Bodin hence insists that the
nature of rule can only be explored by examining the smallest parts of rule, or
imperium, frst. Because Bodin wants to make it clear that it is with the conjunc-
tion of male and female that society and rule originate, we encounter in his work
a philosophical approach to the matter of ruling amidst the discussion of the
conjugal relationship. For absolute authority is an exact mirror of the power that
a husband has over his wife.
Bodin points out that as soon as we are living in a society, our liberty is neces-
sarily under potestas ac imperium of somebody else. All human societies united by
law, whether it be families or colleges, or universities, are maintained by the mutual
duties to rule and obey; so that that liberty, which nature has given to each and eve-
10 Bodin, J. Rpublique cit., I,1, p. 39.
11 Ivi, p. 39
12 Bodin, J. De Republica cit., p. 12.
13 Cicero, De of ciis, I (54).
14 Bodin, J. Rpublique cit., I, 2, p. 52.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 136 03/05/2013 11:11:14
137
1. Marriage and Rule in Jean Bodins Political Tought
ryone unrestricted by any law, is subjected to the imperium and potestas of somebody
else
15
. He shows that this is something entirely natural; it corresponds directly with
our nature. Natural liberty is such, that the soul, which is well shaped by nature,
would refuse any imperium other than that of the immortal God, except its own,
that is the right reason, which never disagrees with the divine will
16
. Mans own
natural liberty is already inherently defned by rule and obedience. Natural liberty
means that, although we are not constrained by the imperium of anybody else, we
are already under the command of our reason
17
. In the marginal notes Bodin refers
to Florentinus defnition of liberty as the natural power of doing whatever anyone
wishes to do unless he is prevented in some way, by force or by law
18
. But Bodin
stresses emphatically that instead of that which is forbidden by force or by the law,
i.e. by matters that lie outside ourselves and in the rules of human society, it is in
our very selves that the forces of command and obedience reside. Natural liberty as
such already contains an element of being ruled by our self, our own reason and
the divine will. Absolute freedom in the sense of not being dependent on anything,
or having any restraints whatsoever, is nonsensical and does not exist. Liberty and
command are inseparably connected. Tis thought, of fundamental importance to
understand Bodins political philosophy, helps furthermore to explain his notion
on the role of women in the structure of both the family and society. We can thus
understand that for Bodin it was no contradiction that a woman, as a free person,
was subservient to absolute command of her husband. Tis was directly refected
in his conception of citizenship. By comparison with the position of the woman
it becomes clear how for Bodin a citizen can be both free and at the same time be
ruled over with absolute sovereignty. Certainly this represents a commonplace in
political thinking. Aristotle does not see it as a contradiction to say that women
are half of the free population
19
, although they are not free to participate actively
in politics. Similarly in classical Roman law a person is free even if he or she is not
sui iuris and is, in fact, under the potestas of somebody else. To this efect, all fliifa-
milias, regardless of their age or public position, are free, but at the same time they
are under the potestas of their fathers. But whereas this seems to be on the margins
of the notions of the political for other thinkers, Bodin makes this fundamental
connection of liberty and obedience the central point upon which the relationship
of the citizen to the sovereign rests.
15 Bodin, J. De Republica cit., p. 21.

16 Ivi, p. 22.
17 See Brett, A. Liberty, rights and nature, Cambridge, Cambridge University Press, 1997, pp. 165-
204.
18 Digest, 1.5.4.
19 Aristotle, Politics, 1260b8-1260b20.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 137 03/05/2013 11:11:14
138
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
Te contention that stresses the inherent connection of liberty and obedience
is further expounded in Bodins analysis. Reason (ratio), he states, is the greatest
and oldest natural imperium of allover cupiditas
20
, and he emphasises, using a clas-
sical Ciceronian motif, that before we can govern anybody else rightfully, we frst
have to master our own desires
21
. Not only are liberty and command intrinsically
connected through the rule of ratio over cupiditas in a free being, but the virtue
of justice itself depends crucially upon achieving the correct relationship between
them. Yet this justice is the highest of all, it is the foremost and most noble of all
virtues, which have to be cherished and maintained before all the rest
22
. At this
point Bodin elucidates why he starts his chapter on conjugal relationship with a
contemplation of the origins of liberty and command. Bodin insists that master-
ing our own desires is the frst law of natural command (haec naturalis imperii
prima lex est)
23
, which God has given to humankind, and expressis verbis to the
frst of all matresfamilias
24
. Bodin does not explain this point any further, as it
must have been rather obvious to his contemporaries. In the marginal notes Bodin
refers to Genesis 3: After Eve had eaten from the tree of wisdom and after she had
made Adam eat from it, God curses her: and thy desire shall be to thy husband,
and he shall rule over thee. Tis is hence the exact moment in which God gave
imperium to Adam over Eve. Bodin lays down that that command (imperium)
which God gave Adam over his wife is to be understood in a double sense. Its
literal meaning is the power that God granted to husbands over their wives. But
above this, it also signifes the moral imperium of reason over appetite (libido)
25
,
and, as the French version states in addition, the command of lame sur le corps
26
.
To clarify his argument, Bodin adds a crucial passage to his Latin version
which we do not fnd in the French: the mind and the reasonable part of man,
he points out there, is like a husband
27
crucially he does not write like a man.
Tis important distinction is to be found throughout the Six livres. Bodins work
is deeply characterised by a gendered understanding of the mechanisms of politics.
But this understanding is subtle and complex: it is not suf cient to simply state
that Bodin operates with a general masculine-feminine dichotomy; he does not
liken imperium in both state and in human nature to the rule of the male over the
20 Bodin, J. De Republica cit., p. 22.
21 Ibidem.
22 Ibidem.
23 Ibidem.
24 Ibidem.
25 Ibidem.
26 Bodin, Rpublique cit., I, 3, p. 52.
27 Bodin, De Republica cit., p. 22.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 138 03/05/2013 11:11:14
139
1. Marriage and Rule in Jean Bodins Political Tought
female faculty. Far more specifc, he constructs rule as a mirror of the husbands
power over his wife; and this is why Bodin discusses the nature of ruling in the
chapter on the conjugal relationship. Tis is acutely demonstrated in the narrative
of the creation of Adam in the frst chapter of the Genesis. Although this is before
the creation of Eve in Genesis 2, God said there: Here I create man and wom-
an
28
. Tis passage was a commonplace in Renaissance literature about women.
Te famous Leo Hebraeus, for example, in his celebrated Dialoghi dAmore, that
Bodin had read the work is demonstrated by the marginal notes to his discussion
of vita activa and contemplativa in the previous chapter of the Rpublique had
used the same passage to show Genesis 1 to be the birthplace of love. For Bodin,
however, this same passage signifes rather than the birthplace of love, the birth
of command. By referring to the frst chapter of Genesis Bodin can show that
Gods curse to the woman, making her subject to her husbands authority, denotes
equally and simultaneously a command over the husband-like and female parts
of the individual man himself. Bodin thus comes back to his initial point; it is
cupidit which the Holy Writ almost always calls a woman
29
.
Bodin thus holds that rule, command and obedience, and an intricate rela-
tionship of liberty and dependence, are the primary and structuring principles
which guide both the individual and society. But furthermore he highlights that
this principle of ruling is intrinsically gendered. Rule is the dominance of the hus-
band-like faculty over the feminine. Te Fall is the ultimate reason for this original
command. Te foundation of families follows from the Fall, and the subsequent
banishment from the Garden of Eden. Tese families now are fundamentally de-
fned by the mothers punishment to endure absolute command. And because, as
Bodin has shown, states emerge out of families and are their mirror images, it is
only logical that society is moulded after the blueprint of the absolute obedience
that a wife owes to her husband. But simultaneously the individual itself is gov-
erned according to the principle of husband-like command over feminine obedi-
ence. Tus the superiority of the husband over the feminine is all-encompassing;
it is the fundamental ordering principle of each person, of a well-ordered society,
and the universe. Bodin has therefore turned a discourse on the foundations of
ruling into a discourse of its conjugal elements; and has shown that the universe is
in itself determined by the principle of a husbands rule over his wife.
28 Ibidem; see Clyne Horowitz, M. Te Image of God in Man. Is Woman Included?, in Te Har-
vard Teological Review, n. 73, 1979, pp. 175-206.
29 Bodin, Rpublique cit., I, 3, p. 52.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 139 03/05/2013 11:11:14
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 140 03/05/2013 11:11:14
2. The Female Consort in Italy:
Giovanna of Austria and her Sisters
Sarah Bercusson
Introduction
Early modern scholars are paying increasing attention to the lives and roles of
aristocratic women; not only those who exercised power directly as queens or
regents, but also those who, as consorts, did not govern but headed courts of their
own. My own research focuses on the female consort and aims to build on recent
literature on the court by investigating the relationship between court households
and examining a socio-political context where the male ruler drew his authority
from his designation as sovereign, while his consort was forced to rely on a variety
of shifting, less formal factors to exert infuence. My analysis focuses on the lives
and activities of three women in particular: Eleonora, Barbara and Giovanna of
Austria, the daughters of the Habsburg Emperor Ferdinand I, who married into
the ducal dynasties of the Gonzaga, Este and Medici families, in the second half
of the sixteenth century. In this paper I will look at some of the factors that could
afect the position of the consort and explore some of the issues they might face.
The Female Consort as Alien
In almost all marriages contracted between ruling elites, the bride brought
courtiers with her to form part of her new household. Tis could be a threat to
the ruler, who had no claims to their loyalty, and to the other courtiers who might
not welcome rivals for the rewards and privileges ofered at court. Te ruler was
fully aware of the potential confict that could arise with an inimical court and
might take increasingly aggressive steps to ensure his control over his wifes actions
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 141 03/05/2013 11:11:14
142
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
and the members of her household. One way of efectively isolating the consort
and ensuring that her relationships were formed under the guidance of her hu-
sband was by attempting to control the composition of her court at the start of her
married life. Te thorny question of who was allowed to accompany the bride and
the composition of her court therefore arose frequently in marriage negotiations.
The Composition of the Female Court
Eleonora came down to Italy before her two sisters and the negotiations for her
marriage were already taking place in 1560. A body of correspondence dating to
this period demonstrates that Guglielmo was keen to establish control over the
creation of his wifes household and to ensure that she was provided with courtiers
loyal to the Gonzaga dynasty. It appears from the letters that the future Duchess
of Mantua had little or no command over who came with her to her new residence
in Mantua the missives take into account only the will of the Emperor and Gug-
lielmo himself and Eleonoras voice is completely absent
30
.
Tis situation is refected in the arrangements made for the courts of Ele-
onoras two sisters, Barbara and Giovanna. As with Eleonora, it is questionable
how much choice Giovanna herself had in selecting her courtiers. Certainly the
evidence indicates that Giovanna was ultimately unable to assert her own wishes
over those of her male relatives, whether Florentine or German, in the composi-
tion of her court
31
. As a consequence of their husbands insistence upon the inclu-
sion of Italians in their courts, one of the key tasks the Archduchesses faced was
the establishment of relationships with people whom they did not know and with
whose language they were unfamiliar.
Female Networks and Patronage
Tere is clear evidence of substantial ducal intervention in the composition of
all three Duchesses households at the beginning of their married lives. However,
30 For archival sources I use the following abbreviations and sources: ASF = Archivio di Stato di Fi-
renze, MdP = Mediceo del Principato, Depositeria Generale Parte Antica: 643, Mediceo del Principato:
6355/A, 5094. ASM = Archivio di Stato di Mantova, AG = Archivio Gonzaga, Archivio Gonzaga:
200, 332, 1087, 2146. ASMo = Archivio di Stato di Modena, ASE = Archivio Segreto Estense,
Archivio Segreto Estense: Casa e Stato: 83, Cancelleria Ducale Estense: Ambasciatori, Agenti e Corrispon-
denti Estensi, Italia: Firenze: 24. Here: ASM, AG 200, Rubrica 17, Fascicolo I, II.
31 Katritzky, M.A. Te Florentine Entrata of Joanna of Austria and other Entrate described in a
German Diary, in Te Journal of the Warburg and Courtauld Institutes, n. 59, 1996, p. 155, note
69. See also Haus-, Hof- und Staatsarchiv Wien, ltere Ceremonialakten I, fol. 196r-197v. Tese
references are taken from Lietzmann, H. Der forentinische Wagen: eine Kutsche fr Giovanna
dAustria, in Munchner Jahrbuch der bildenden-Kunst, n. LIV, 2003, pp. 151-81.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 142 03/05/2013 11:11:14
143
2. Te Female Consort in Italy: Giovanna of Austria and her Sisters
while the Duchesses appear to have been unable to control the initial composi-
tion of their courts, their access to control over new appointments seems to have
difered. Archival documentation suggests that Eleonora may have been able to
arrange appointments to court positions without asking the Duke
32
, but in Gio-
vannas case, evidence indicates that the Duke of Florence, Francesco exerted on-
going control over the composition of Giovannas court
33
. Although she was able
to request and petition for certain people to join her court, she did not have the
fnal say over appointments. Her lack of control is illustrated by a letter dating to
1566. Here the Duchess apologises for not being able to take on a young girl as
her husband Francesco says she has enough ladies-in-waiting as it is
34
.
Not only did the two sisters situations diverge over court appointments, their
roles within their respective duchies also difered. Eleonora had an active of cial role
within the duchy. According to both her contemporary biographers, Eleonora had
been placed in charge of the administration of justice within the duchy with the help
of the Senate, and one of them also adds that she was left in charge in the absence
of her husband
35
. Tis enabled her to be publicly identifed as a fgure of authority,
capable of exercising power independently of her husband. Furthermore, she also
benefted from the possession of her own property, unlike her sisters. Eleonora held
the property of the Camata, which she had received as a gift from Guglielmo in
1561 and to which she had added a substantial amount of further land following
a fnancial gift from the Emperor on her visit to Vienna after the birth of her son
Vincenzo. Te property was adjacent to the Palace and gardens of Porto, which had
itself been given to Eleonora by her mother in law in 1566
36
. Tis property, while
relatively small, together with her judiciary role within the duchy gave Eleonora a
key independent platform from which to operate, and meant that she could extend
patronage of cially and without having to rely solely on interceding with her hus-
band. Tis in turn made it easier for her to establish a strong centralised rule within
her court and prevent loss of loyalty amongst her courtiers.
32 Letters survive from Eleonora appointing men to positions as bodyguards: ASM, AG 2146,
Fascicolo II, p. 63.
33 Tis is also the case for Barbara: ASMo, ASE, Sezione Casa e Stato 83, Lettere di Alfonso II
dEste Duca di Ferrara alla moglie Barbara dAustria, letter dated 15 March 1571 (unpaginated).
34 ASM, AG 1087, Fascicolo 5, p. 309.
35 Possevino, A. Vita et morte della serenissima Eleonora arciduchessa di Austria et duchessa de Mantova.
Recitate nelle generali essequie di lei, Mantua, 1594, pp. 30-31; Folcario, A. Vita della serenissima Eleo-
nora duchessa di Mantova collaggiunta delle meditationi che faceva in vita, e dellestratto di quelle
colle quali si prepar alla morte, etc, Mantua, 1598, pp. 81-82.
36 ASM, AG 332, Rubrica 2, unpaginated; Folcario, A. Vita della serenissima Eleonora cit., p.23;
Bilotto, A.; Rurale, F. (Eds.), Istoria del collegio di Mantova della Compagnia di Ges scritta dal padre
Giuseppe Gorzoni, Mantua, Gianluigi Arcari, 1997, p.88.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 143 03/05/2013 11:11:14
144
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
Eleonoras position was further strengthened by the fact that of the three sisters
who came down to Italy, she was the only one who received her dowry
37
. By hav-
ing her dowry paid on time, by providing Guglielmo with a son early on in the
marriage, by having an independent residence at Porto and a source of patronage
in her possession of the Camata, and by possessing of cial judicial powers, Eleon-
ora created a strong position for herself as head of her court, Duchess of Mantua
and a patroness in her own right.
Giovanna, on the other hand did not have any governmental role, nor did she
own any property. While Eleonora had her own palace, Giovanna was allocated
apartments in the Palazzo Vecchio, where her husband also lived. Te Duchess
had her own ladies in waiting, male companions, chaplain and servants, and she
lived in her own rooms; but although on the surface she might appear to inhabit
a parallel and independent universe from that of her husband and his court, in
fact there were continual overlaps and ambiguities in the way that it was fnanced
and run. Male control over the female court was not only manifest in ducal in-
terference in the appointment of courtiers it was also revealed in the fnancial
arrangements made for the consort and her court. Like her sister Barbara in Fer-
rara, Giovanna relied entirely on the allowance she received from her husband.
According to the terms of her marriage contract, she was to use this allowance to
pay for her own upkeep and that of her courtiers, however the archives reveal that
both Giovanna and Francesco paid provisions to the members of her court, giving
a clear indication that the female court was not considered, at least from a bureau-
cratic point of view, a completely separate entity
38
. Tis is another indication of
the fuid boundaries between the courts and the lack of a defned space in which
Giovanna was sole and unopposed head. All this gives us a far more nuanced vi-
sion of the way in which diferent female courts might operate.
The Collapse of Giovannas Court
In the frst half of this paper, I have sought to discuss and identify some of the
dif culties female consorts could face in defning their own separate identity and
constructing an independent power-base at court. I have highlighted the suspicion
the consort faced as a potentially dangerous alien, and emphasised the fuidity of
the boundaries that separated the male and the female court and the potential over-
laps between the consorts area of control and that of her husband, with consequent
erosion of her autonomy. Te female court could co-exist in a stable and measured
37 ASM, AG 200, Fascicolo I, pp. 108-115
38 ASF, Depositeria Generale, Parte Antica 643, Fascicolo dated 1577-1578, p. 818.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 144 03/05/2013 11:11:14
145
2. Te Female Consort in Italy: Giovanna of Austria and her Sisters
way with the male court and Eleonora provides just such an example. However, such
success depended on the maintenance of positive relationships with both courtiers
and key powerholders, relationships which were in turn dependent on variable and
shifting factors. I will now turn to a more detailed discussion of Giovannas situation
in Florence as it provides a useful example of the vulnerability of the female consort
and the problems that could arise when key relationships soured.
Giovanna faced a series of problems in establishing successful relationships
in Florence. First of all, she was a foreigner, and therefore without ready-made
alliances in the Florentine court, second Habsburg lack of funds entailed that
Giovannas dowry was never paid and she was not endowed with any independ-
ent means of fnancing herself or her court, third she was for many years unable
to provide the essential male heir to the duchy, fourth she was forced to compete
with the Dukes mistress Bianca Cappello for the his attention and for the role of
key intercessory agent, and fnally, she was active in the interests of her Habsburg
relatives. Indeed, Giovanna not only protected Habsburg interests but also went
against those of her new family, much to the anger of her husband who wrote in
response to her request for a loan:
Whoever gives 3,000 scudi at a time to Prayner [Baron Preiner], who Her Hi-
ghness [Giovanna] knows is an enemy of her house [i.e. the Medici], can easily
sort out paying her own debts, it being no surprise that she has them throwing
money away like this
39
.
Te most important problem Giovanna faced, however, especially during the
later years of her residence in Florence, was without doubt the alternative source
of feminine patronage evinced by the powerful fgure of Bianca Cappello, Franc-
escos mistress and later wife. Biancas permanence on the scene in Florence, and
the fact that she had the ear of the Duke meant that Giovanna was confronted
with an extremely powerful rival for the role of ducal intermediary.
A detailed chronicle of Giovannas struggle with Francesco and the deteriora-
tion of her position at court is provided by the Ferrarese ambassador Ercole Cor-
tile. His account of the deteriorating situation between Giovanna and Francesco
is confrmed by further correspondence that circulated between the Duchess, her
Habsburg relatives and her allies
40
. Cortile was ambassador in Florence in the
39 chi dona 3/m di per volta al Prayner, che sa Sua Altezza esser linimico di casa sua, puo pensar
facilmente pagar li suoi debiti, non sendo meraviglia che si faccino buttando via li denari a questo
modo. ASF, MdP 6355/A, p.63.
40 See for example the letters exchanged between Giovanna and Baron Preiner, ASF, MdP 5094,
Fascicolo I, pp.109, 115.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 145 03/05/2013 11:11:14
146
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
years between 1575 and 1577. In his correspondence for these years he described
a situation in which Francescos mistress, Bianca Cappello, was receiving the at-
tention and loyalty which was actively prevented from reaching the Dukes wife,
Giovanna. Te ambassador repeatedly wrote that all of Florence went to Bianca
for help and to gain positions and prestige
41
. Tis was the role that Giovanna was
supposed to play and its removal and the Dukes lack of interest in her meant that
her powers to run her court and ensure the loyalty of her courtiers were severely
curtailed. A letter from October 1575 illustrated the receding of Giovannas posi-
tion as Cortile recounted that Francesco had chosen to severely limit the num-
ber of her personnel, ruling that only a certain few gentlemen could attend the
Duchess, and those had to be selected by him
42
. We now see that the control that
Francesco had only mildly asserted at the beginning of Giovannas life in Flor-
ence is now aggressive and threatening. Te contents of Cortiles letters reveal that
Giovannas status as head of her own court was so compromised by l576 that she
could no longer have any trust in those courtiers she had around her. He claimed
that her courtiers, and the Countess of Bagno is picked out as a particular culprit,
far from being her servants, had now become her keepers, spying on her and ready
to intercept any letters which she might attempt to smuggle out
43
. Although the
Countess may have been required to operate as a spy, we cannot be sure as to the
extent of her actual desire to fulfl this role. Indeed it appears that when the Coun-
tess was taken on as one of Giovannas ladies, Giovanna proclaimed herself very
fond of her and intervened with her brother-in-law, the Duke of Mantua to help
her son
44
. Te Countess situation provides a clear example of a scenario where the
Dukes desire to intervene in the female court as the stronger power-holder could
shatter traditional courtly relationships and create a situation where courtiers were
forced to choose between conficting demands for loyalty.
Unfortunately for Giovanna, even when she was fnally able to reveal to her
natal family the trials she was enduring at the hands of her husband, this did her
little good. Te alliance with the wealthy Medici was too useful to the debt-ridden
Imperial family to allow any severing of relations. Her brother the Archduke of
Tyrol remonstrated with Francesco furiously, but he could provide no real suc-
cour.
41 For example: Hereone must go through Bianca for everything. ASMo, Cancelleria Ducale
Estense: Ambasciatori, Agenti e Corrispondenti Estensi, Italia: Firenze: Busta 24, Fascicolo 13, letter
dated 28 April 1576.
42 Ibidem, Fascicolo 12, letter dated 31 December 1575.
43 Ivi, Fascicolo 14, letter dated 29 July 1576.
44 ASM, AG 1087, Fascicolo 5, p.372.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 146 03/05/2013 11:11:14
147
2. Te Female Consort in Italy: Giovanna of Austria and her Sisters
Conclusion
Te situation described over these critical years by Cortile provides evidence of
how the success of the consorts court depended on a variety of key factors, in-
cluding her own character and her willingness to adopt new customs and support
her new family, the attitudes and demands of her native family and their power
to intervene on her behalf, the presence or absence of a single powerful mistress at
court, the network of alliances the consort managed to weave, whether her dowry
had been paid, the extent to which she was allowed to participate in administra-
tive or judicial activities, and fnally whether or not she had yet produced a male
heir. Te fuidity of the boundaries separating the male from the female court
and the potential for ducal intervention ensured that if the consort failed to live
up to expectations, her position was infnitely vulnerable. Tis is exemplifed by
Giovannas situation as she struggled on almost all the above counts: unlike her
sisters she had no access to of cial means of participating in the government of
the duchy; and unlike them she was profoundly ambiguous in her attempts to as-
similate. She was under pressure from her native family to act in their interests and
she appears to have chosen to operate on their behalf and to present herself as a
Habsburg frst and foremost. Unlike Eleonora, she was also without an independ-
ent powerbase and she was upstaged by and powerless to get rid of the contender
for her intercessory role, Bianca Cappello. Furthermore she was in a precarious
position fnancially her dowry was never paid and she relied on the Duke for her
allowance. Her refusal to accept the status quo and to ally herself incontrovert-
ibly to the Medici, combined with these factors, resulted in Francescos increasing
confict with her and his intervention in her court, until the relationship between
Duchess and courtier was fatally harmed, and she was no longer seen as a reliable
patron, as she no longer had the essential support of the Duke. Tis course of ac-
tion had been advised against by Eleonora: there is a letter from her in which she
urges Giovanna to behave like a wise princess and look to God for comfort from
her tribulations, as otherwise next time her fght with Francesco might not end
so well
45
. Te intimation, one that might apply to many female consorts, is that
Giovanna should hold her tongue for fear of worse.
45 ASF, MdP 5094, Fascicolo I, p. 97.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 147 03/05/2013 11:11:14
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 148 03/05/2013 11:11:14
3. Mary Habsburg and her Hungarian
dower lands
Andrea Frhlich
In March 1526 Johannes Henckel, Mary Habsburgs court preacher, wrote to a
councillor in Kaschau, Hungary, I wish that some transformation would be pos-
sible and the queen would become the king; the future of the homeland would
then be better
46
. Tough she was only 21 when this letter was written it is clear
that Mary Habsburgs preacher recognised and admired the young queens politi-
cal abilities, and thought her capable of playing an active role in the then troubled
state of the kingdom of Hungary. At the time the letter was written, Queen Mary
was engaged in a struggle with the Fugger bankers in Hungary, motivated by the
need to protect her dower lands. Tis short article will examine Marys attempt,
as queen and dowager queen of Hungary, to protect those dower lands. Te strug-
gle, which lasted twenty-six years, brought her into confict with her husband, the
Fugger bankers and her own Habsburg family. Marys determination to protect
her property rights in the kingdom of Hungary show her as a woman determined
to defend her own independent fnancial position within her royal house. Te
incidents involved in her actions also draw into question historians portrayal of
Marys life as a woman solely or principally, dedicated to the service of male mem-
bers of her family.
Mary was born in 1505, the daughter of Philip of Burgundy and Joana of
Castile. Within a year her grandfather, Emperor Maximilian, negotiated a mar-
riage contract for her with the as-yet unborn son of King Ladislas of Bohemia
and Hungary. Marys early years were spent in Mechelen in the care of her aunt,
46 Kaschau is Koice in modern day Slovakia, Magyar Orszgos Levltr, Budapest, Dl 47654.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 149 03/05/2013 11:11:14
150
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
Margaret of Austria, regent of the Low Countries, where she was undoubtedly
infuenced by her aunts political prominence and humanist court. Te marriage
contract between Mary and king Louis of Hungary was formally concluded with
their marriage in 1522: four years of marriage, and consort-queen of Hungary
followed until her husband was killed at the battle of Mohcs in 1526. On the
death of her aunt Margaret, Marys brother, the emperor Charles V, appointed her
regent of the Low Countries, where she returned in 1531. Mary remained in this
position as regent until 1555. She died at Cigales (Spain) in 1558.
Historians have long been aware of Marys role in Habsburg politics, par-
ticularly as regent of the Low Countries. Research has, however, focused on a
relatively narrow range of related topics servitude to the house of Habsburg, as
well as Marys interest in aspects of the Reformation, of humanism and the arts.
Marys political life as one of service to the Habsburg cause remains a common
assertion in scholarly studies of her life. In her discussion of Habsburg women in
the court of Philip III, Magdalena Sanchez wrote,
Royal women, because of their lineage and upbringing, were political creatures.
Teir marriages were politically motivated, and they served in foreign countries
as unof cial diplomatic representatives for their relatives Tis attitude was
particularly true of Habsburg women, such as Margaret of Austria, Charles Vs
aunt, or Maria of Hungary, sister of Charles V, who historically served as regents
or governesses of important territories
47
.
Marys writing and correspondence serve, in part, to support such a reading of
her life, and her words often mislead the historians attempt to produce a holistic
reading of her life. Marys letters to emperors Ferdinand and Charles are couched
in a vocabulary of loyalty. When she, at times, explicitly expresses dissatisfaction
with various matters, she typically follows with words of apology for her upset.
My research suggests that, though on the surface Mary Habsburg appears to be
the obedient sister, dedicated to her family, the reality is much more complex.
Recently two Hungarian historians, Andrs Kubinyi and Zoltan Csepregi,
have forwarded a new idea, that of Mary Habsburg serving the Hungarian court
in opposition to her own Habsburg family
48
. Such an interpretation leaves Mary
47 Snchez, M. Te Empress, the Queen and the Nun, Baltimore, Johns Hopkins University Press,
1998, p. 5.
48 Kubinyi, A. Te Court of Queen Mary of Hungary and Politics between 1521 and 1531, in
Rthelyi, O. (ed.) Mary of Hungary: the Queen and her court, 1521-1531, Budapest, Budapest His-
tory Museum, 2005, pp. 13-25; Csepregi, Z. Court Preachers in the Entourage of Queen Mary,
in Rthelyi, O. (ed.) Mary of Hungary. Te Queen and her Court 1521-1531, Exhibition Catalogue,
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 150 03/05/2013 11:11:14
151
3. Mary Habsburg and her Hungarian dower lands
in the role of dynastic servitude. Tis article will instead argue that Mary was
determined to protect her own position within a dynasty, even when that brought
her into confict with her husband or fraternal Holy Roman Emperors. Marys de-
termination to retain her Hungarian property, passed to her on marriage to Louis,
demonstrates her will and ability to openly challenge the policies of her brothers.
Here, Mary can be seen as determined in her desire to carve her own fnancial
position within her royal house.
In her marriage contract, drawn up in Vienna in 1515, it was confrmed that,
on marriage to Louis, Mary would receive among other property, seven mining
towns as her wedding morning gift or Morgengabe
49
. Tese seven towns of Schem-
nitz, Kremnitz, Neusohl, Libethen, Pukkanz, Knigsberg and Diln formed the
largest proportion of the income for the queens household in Hungary
50
. Te
wedding was concluded in January 1522 and shortly thereafter Louis gifted these
mining towns, to Mary. Te agreement stated that Mary would receive 25,000
ducats a year and, if revenue from this property fell short of that amount, the king
would compensate by paying the diference. If, however, Marys property yielded
more than 25,000 ducats, the surplus revenue fell to her
51
.
Te Hungarian queens connection with these seven mining towns in the
Carpathian mountains dates back to 1428 when Sigismund of Hungary, in an
attempt to reconcile with his wife Barbara of Cilli, bequeathed to her the seven
mining settlements. Te grant was intended to enable queen Barbara, even if she
were rendered a widow, to maintain a court ftting to her station. Tereafter the
tradition continued that the mines remained the property of the queens of Hun-
gary and were typically granted as Morgengabe.
Te use of new chemical processes and mechanical devices to aid mining pro-
duction increased the productivity of the mines in late ffteenth-century Hungary,
particularly following fnancial investment from the Fugger Turz company.
While the mines continued to be gifted to the queens, the increased value of the
mining area led to attempts to curtail this tradition. Matthias Corvinus widow
Beatrice had the mines confscated in 1497. Queen Anna, wife of king Ladislas,
possibly under duress, signed the mines over to the Fugger Turz consortium the
day after they were gifted to her by her husband in 1502
52
.
Budapest, Budapest History Museum, 2005, pp. 48-61.
49 Hatvani, M. Magyar trtnelmi okmnytr, I, Pest, Eggenberger Ferdin nd Akad., 1857, pp. 54-63.
50 Tese are the German names of the towns, used in contemporary documents. All of the towns are
in modern day Slovakia, known today as: Kremnica, Bansk tiavnica, Bansk Bystrica, Lubietov,
Pukanec, Nov Baa, Bansk Bel.
51 Hofkammerarchiv, Vienna, Vermischte Ungarische Gegenstnde 1 (hereafter HKA VUG), fol. 13.
52 Probszt, G. Die niederungarischen Bergstadte. Ihre Entwicklung und wirtschaftliche Bedeutung bis
zum bergang an das Haus Habsburg, Munich, Oldenbourg, 1966, p. 68.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 151 03/05/2013 11:11:14
152
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
Mary was determined not to relinquish control of the mines. When the Fug-
ger Turz lease expired in 1523, Mary took the opportunity to appoint her own
commissioners to administer the mining towns. In 1524 Bernhard Beheim was
named her Kammergraf
53
. Tat same year Marys envoys to the mining towns com-
piled a list of the losses sufered by the king and queen at the hands of the Fug-
gers
54
. Mary fuelled the fres of opposition in Hungary to the Fugger Turz frm.
At the diet of Hatvan, in 1525, the Hungarian nobility raised complaints against
the guilty exploiters whom they identifed as the Fuggers, foreign courtiers and
Lutherans
55
. Mobs looted the Fugger house and factory in Buda and anti-Fugger
activity culminated with the confscation of Fugger property throughout Hun-
gary. Te mining area was once again under royal control, or more precisely that
of Queen Mary.
Yet Marys administration of the towns was not without problem. Dissatis-
fed with the debasement of coin and most likely with working conditions, the
copper-mining town of Neusohl rebelled. An additional problem arose when
Marys Habsburg family expressed dissatisfaction with Marys actions against the
Augsburg banking family in Hungary. Charles V put pressure on Louis to enter
into another contract with the Augsburg bankers. Mary was dissatisfed with the
terms of the new contract, but did not resist the Fuggers return, most likely as she
appreciated they would correct the decline in production sufered since the Fug-
gers withdrawal
56
. Mary later claimed, that Louis sought more favourable terms
on her behalf and would remedy matters on his return from the Turkish wars
57
.
King Louis never did return from the war with the Turks. He met his end in
August 1526 in a swamp near Mohcs while fghting Suleyman the Magnifcents
troops. John Szapolyai, a Hungarian nobleman absent from the battle, was elected
king by the Hungarian diet; but Ferdinand Habsburg, brother of Mary and hus-
band of the dead Louiss sister Anna, claimed the crown through marriage and on
the terms of a contract agreed at Vienna in 1515
58
. Ferdinand knew, that in order
53 Kammergraf was the name given to the highest royal of cial in the mining towns.
54 Hei, G. Knigin Maria von Ungarn und Bhmen (1505-1558), unpublished PhD dissertation,
University of Vienna, 1971, p. 281.
55 Fraknoi, V. Ungarn vor der Schlacht bei Mohcs (1524-1526), Budapest, Laufer, 1886, p. 114;
Ratko, P. Dokumenty, Bratislava, Vydavatelstvo Slovenskej akademie vied., 1957, p. 463.
56 Paulinyi, O. Te Crown Monopoly of the Refning Metallurgy of Precious Metals and the Tech-
nology of the Camaral Refneries in Hungary and Transylvania in the Period of Advanced and Late
Feudalism (1325-1700), in Kellenbenz, H. (ed) Percious Metals in the Age of Expansion, Stuttgart,
Klett-Cotta, 1981, pp. 27-39, here: p. 38.
57 Hatvani, M. Magyar trtnelmi okmnytr II, Pest, Eggenberger Ferdin nd Akad., 1858, p. 183.
58 HKA, VUG 1, fol. 121.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 152 03/05/2013 11:11:14
153
3. Mary Habsburg and her Hungarian dower lands
to successfully wrest the crown from Johns hands, he would need the support of
his sister, the dowager queen Mary. Ferdinand appeared, at frst, unsure of his sis-
ters support. In the autumn of 1526 Ferdinand appealed to Mary for support and
promised her protection from the rival and newly crowned king John. Ferdinand
knew it was in Marys interest that he become king; it was unlikely, with John as
king, that her dower lands would remain in her possession. Mary remained in
Hungary until Ferdinand invaded in July 1527; she negotiated with the Hungar-
ian nobility, often using her own funds to buy their support
59
. At Ferdinands
coronation in October 1527, Mary occupied the seat next to him, symbolically
endorsing his claims to the crown of Hungary
60
.
With her brother Ferdinand now king, Mary immediately turned her atten-
tion to securing his recognition of her property rights in Hungary. Ferdinand had
agreed, in August 1527, to pay Mary a monthly allowance; this promise was most
likely made on the basis that Mary would serve as his regent in Hungary, a post
Mary later refused. Neither the income from the mining towns, nor the allowance
agreed to by Ferdinand, was paid regularly in the years between 1527 and 1531
61
.
From the time Mary refused the post of regent of Hungary, Ferdinand and his ad-
visors attempted to persuade Mary to relinquish her property rights to the mining
towns. Ferdinand succeeded in gaining his sisters acquiescence to her Bohemian
property, but faced a struggle of twenty-two years to bring her Hungarian dower
lands under his control.
When Mary was appointed regent of the Low Countries by her brother em-
peror Charles V her claims to the dower entitlements intensifed. Te cost of up-
keep of her court in Brussels was estimated at 67,000 forins; Charles was prepared
to meet 47,000 of that cost, the remaining 20,000 forins he thought Mary could
acquire from her Hungarian dower income
62
. Opposition in Hungary towards
Marys claims of ownership was growing. Continued war with the Turks, and
Habsburg war with John Szapolyai, depleted the resources of the kingdom. Mary
appealed to Ferdinand to keep her mining areas neutral in any fghting, to ensure
her continued income. Ferdinand refused to issue any such guarantees. After 1529
the mining areas in Transylvania came under the control of John Szapolyai, sup-
ported by the Ottoman sultan. Tereafter, the diet of Habsburg Hungary opposed
59 Bauer, W.; Lacroix, R. Die Korrespondenz Ferdinands I. Familienkorrespondenz 1527 und 1528,
Wien, A. Holzhausens Nfg., 1938, p.17, p. 19, pp. 65-66.
60 Plfy, G. Koronzsi Lakomk a 15-17 Szzadi Magyarorszgon, in Szzadok, n. 138, 2004, pp.
1005-1101, here: p. 1098.
61 Bauer/Lacroix, Familienkorrespondenz 1527 und 1528, cit, p. 146, p. 162.
62 Wolfram, H.; Tomas, C. Die Korrespondenz Ferdinands I. Familienkorrespondenz 1531 und 1532,
Vienna, Holzhausen, 1973, pp. 234-235.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 153 03/05/2013 11:11:14
154
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
any revenue from the remaining mines leaving the kingdom and requested that
Ferdinand confscate the mines from his sister
63
.
All the while, Mary stubbornly continued with her battle for full recognition
and payment of her dower entitlements in Hungary. She maintained her own
representation in the mining towns, and she closely scrutinised news from the
towns. In 1537 Mary called her Kammergraf, Bernhard Beheim, to Brussels where
she had him imprisoned for fnancial irregularities
64
. Mary also remained in direct
communication with the towns councils. With the death of John Szapolyai in
1541, Marys struggle for full recognition of her Hungarian property entitlements
again intensifed, though with little success. In 1546, the Fuggers chose to with-
draw from their activities in Hungary. Te Ottoman threat, internal problems,
and new world metal (especially silver) on the market made the Hungarian con-
cern too great a risk. Mary was now the only obstacle to bringing the mines under
royal control. Ferdinands wife, Anna, had sought to have the mines gifted to her
as queen, but her hopes were not realised
65
.
Ferdinands battle to convince Mary to relinquish her Hungarian property
ended in 1548, when Mary, Ferdinand and Charles met in Augsburg and all par-
ties reached an agreement. On 7 March 1548, a contract was signed at Augsburg
which ended the 120-years tradition of the Gran river mining towns being the
property of the Hungarian queen
66
. Why, after over twenty years of resistance,
Mary fnally acquiesced to such agreement is unknown. It is likely that, pressure
from Charles and Ferdinand to come to an agreement that would end the argu-
ment between the siblings, exercised her greatly. Although what Mary received in
compensation under the terms of the Concordia was much less than that to which
she claimed entitlement, the terms were tolerably favourable. Te settlement al-
lowed Mary an annual sum of 34,000 Hungarian forins for the rest of her life and
the right to gift, in her will, some 200,000 Hungarian forins.
Tus, despite resistance the tradition of the seven mining towns being the
property of the Hungarian queen ended with Mary Habsburg. Te battle to re-
tain these lands allows us a glimpse into Marys concept of living in a dynasty, as
a woman who held no political position in her own right. Mary Habsburgs life
went beyond servitude to her family. She sought to create and maintain her own
independent fnancial position while living within royal households.
63 Schmidt, F.A. Chronologisch-systematische Sammlung der Berggesetze der sterreichsichen Monarchie.
Erste Band: 1053-1564, Vienna, Sollinger, 1834, p. 117.
64 Hatvani, Magyar trtnelmi okmnytr, I, cit, p. 376.
65 HKA VUG 1, fol. 131.
66 HKA VUG 1, fols. 660-662.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 154 03/05/2013 11:11:14
4. Eleonora dAragona and the discourse
surrounding female political power in
Quattrocento Northern Italy
Linda Jauch
Eleonora dAragona was a successful and politically infuential consort. She per-
sonally controlled, for example, the various accounts, credits, debits, outgoing
and incoming payments of the duchy of Ferrara on a weekly, monthly, and annual
basis
67
. She further undertook various diplomatic missions and ensured that du-
cal towns like Modena paid their taxes
68
. But Eleonora dAragona had been in a
strong position even before she married Ercole dEste, Duke of Ferrara, Modena,
and Reggio, in 1473: she was already a princess, daughter of King Ferrante I of
Naples and Isabella di Chiaramonte. Eleonora was also an established personality,
with her twenty-three years being relatively mature for a Renaissance bride
69
.
At the beginning of his reign, the other Italian rulers regarded Ferrara and
Ercole largely with hostility. Te new Milanese Duke, Galeazzo Maria Sforza,
to whose brother Eleonora had previously been engaged, did not want his great
rival, Ferrante of Naples, to establish a Ferrarese link via Eleonora
70
. Shortly be-
fore the death of Ercoles predecessor, Borso dEste, Galeazzo, in an attempt to
67 Chiappini, L. Eleonora dAragona, prima duchessa di Ferrara, Rovigo, S.T.E.R, 1956, pp. 38-39.
68 For Eleonoras travels see Massarenti, A. In cammino: unanalisi dei viaggi compiuti da Eleonora
dAragona, unpublished PhD thesis, Ferrara, Universit degli studi di Ferrara, 2005.
69 Klapische-Zuber gave the average age of sixteen for Florentine brides in the ffteenth century. See
Klapisch-Zuber, C.; Herlihy, D. I toscani e le loro famiglie: uno studio sul catasto forentino del 1427,
Bologna, Mulino, 1988, pp. 534-542.
70 Ilardi, V. Towards the tragedia dItalia: Ferrante and Galeazzo Maria Sforza, friendly enemies and
hostile allies, in Abulafa, D. (Ed.), Te French descent into Renaissance Italy, 1494-1495: antecedents
and efects, Aldershot, Variorum, 1995, p. 113.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 155 03/05/2013 11:11:14
156
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
bring Ferrara under Milanese infuence, told his ambassador to Ferrara, Hiero-
nymo Maletta, to make sure Ercole would sign a pact of neutrality for the case
that Milan should be attacked. Galeazzo Maria, on the other hand, would not
object to Ercole gaining the rule of Ferrara, or force Ercole to ofend its neighbour
Venice. Further, Maletta had the task to convince Ercole not to marry a daughter
of his enemy Ferrante but Barbara Gonzaga who was pretty, gallant, and all for
good
71
. But Ercole refused to promise anything to Galeazzo Maria Sforza. Rather,
he reminded Maletta of his own standing and power. In a letter to Galeazzo Maria
Sforza, Maletta recounted Ercoles arguments:
Because he had come to this state a lord and a free man, and therefore he did
not wish to make himself a subject or a servant, as he would do if he were to sign
those treaties and conventions, which we have discussed together. Because he
wishes to be in his liberty to be neutral or not as it seems to him and as it would
be best for him and for his state. But he wishes to assure your lordship that he will
always be a good friend and inferior to you, and not less but more, than anyone
of his predecessors have been
72
.
Ercole was keen to assure that even though he would marry a princess, he would
still be Galeazzos inferior. From the beginning of the two-year long marriage nego-
tiations between Ferrara and Naples, Eleonora was the proof of Ercoles personal
and political freedom, his power, and the new Este lineage he wished to create. Te
marriage with Eleonora thus underlined his acceptance as independent Renaissance
lord. He did not merely want to marry a beautiful, benign Gonzaga girl with Sforzas
blessing. One cannot highlight enough Eleonoras important and powerful position
in this marriage right from the start. Even though Eleonoras arrival at the court of
Ferrara was a decision made by the men around her, her personal and political posi-
tion was strong and she would become one of the most infuential female consorts
of the ffteenth century. But Eleonora also never questioned male superiority to rule.
I would like to suggest that she thereby followed the advice given to her in various
treatises on governance that were either dedicated or directly connected to her.
71 Galeazzo Maria Sforza to Hieronymo Maletta, 20 August 1471. Archivio di Stato Milan (hereafter
ASMi), Sforzesco (Ferrara), 323, cc. 98-101. Bella, galanta, et tutto da bene.
72 Hieronymo Maletta to Galeazzo Maria Sforza, 24 August 1471. ASMi, Sforzesco (Ferrara), cartella
323, cc. 117-118. Perch in questo stato el venuto signore et libero e per non se vole fare subdito
n servo come el se faria quando el venesse ad quelli pacti et conventione quali insieme havemo
preaticati perch vole essere in libert sua de essere neutrale, o no, como gli parir e meglio se facia
per luy e per el stato suo ma che ben certifca la vostra signoria che sempre gli ser bono amico et
inferiore et non manco, imo pi che sia stato niuno suo antecessore.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 156 03/05/2013 11:11:14
157
4. Eleonora dAragona and the discourse surrounding female political power
Already before her arrival at Ferrara Eleonoras tutor and adviser to her father,
Diomede Carafa (c. 1406-1487), dedicated and his most famous and important
work, I doveri del principe, to her
73
. Te treatise is a very practical and applicable
guide of how to govern well and maintain power. Carafa repeatedly reminded
Eleonora that the preservation of the state should be the main goal of the rul-
ing dynasty that stands above bonds of friendship or family. He discussed the
regional and situational diferences of courts to highlight Eleonoras complicated
role in her husbands realm and to urge her to establish bonds of faithfulness and
sympathy at Ferrara. Carafa emphasised the importance of especially Eleonoras
eloquence and her role as intermediary between the ruler and his subjects for the
good of the state note well, madamma mia, he wrote, that it is not possible to
give gold and money and goods to all you talk to, as these arent endlessly avail-
able. But wise words and good council you can give to all
74
. Te female consort
here is turned into a guardian of the people, someone who prevents a tyrannical
ruler and fosters content subordinates.
Bolognese notary Sabadino degli Arienti confrmed this role of the consort
even more explicitly. In his Gynevera de le clare donne (around 1490) he had one
of his female exemplars state that rulers must with all their power transfer every
advantage, proft and beneft to their subjects and citizens from whom came the
good, loyalty and security of the state
75
. Te consort is supposed to guarantee a
successful relationship between ruler and his subjects. She watches over the moral-
ity of the state and the well-being of its subjects. She can, through her impact on
her sons, prevent a tyrant and educate a moral prince. Her role becomes much
more political far beyond a mere child bearer and prestigious dynastic link, al-
ready commencing with the praise of her the love for her husband which refects
a personal harmony that extends into the social harmony of the state. From De-
cember 1489 Arienti had sent individual biographies to possible patrons, such as
the biography of Isabella di Chiaramonte to her daughter, Eleonora dAragona
76
.
73 Te vernacular title conventionally given to Carafas treatise, I doveri del principe, is a nine-
teenth-century addition; the original is untitled. Carafa, D. Memoriali. Edited by Franca Petrucci
Nardelli, with Antonio Lupis and Giuseppe Galasso, Rome, Bonacci, 1988, pp. 97-209.
74 Ivi, p. 131. Che non foria possebile ad tucti ve parlano dare auro et argento et robba, ch no li
bastaria lo mundo. Ma s, che bone parole et bona cera porrite dare ad tutte.
75 Degli Arienti, G.S. Gynevera delle clare donne. Edited by C. Ricci and A. Bacchi della Lega. Scelta di
curiosit letterarie inedite o rare dal secolo XIII al XIX; 223. Photoreproduction of edition published
Bologna, 1887, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 1968, pp. 297-298. Sempre dicea, che
li signori doveano cum ogni sforzo loro transferire lutile, le richeze e l bene a li subditi et citadini
loro, da li quali procedea el bene, la fede et la securit del stato ne li loro signori, li quali doveano
solamente triumphare et godere del titolo del principe.
76 Degli Arienti, G.S. Te letters of Giovanni Sabadino degli Arienti (1481-1510). Edited by Carolyn
James, Florence, Leo S. Olschki, 2002, pp. 20-21.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 157 03/05/2013 11:11:14
158
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
Augustinian monk Jacopo Filippo Foresti da Bergamo (1434 1520) must
have had access to Arientis manuscript while at Ferrara as he used many of Arientis
examples in his De plurimis claris selectisque mulieribus, printed 1497 in Ferrara
77
.
Te text was dedicated to Eleonoras sister, Beatrice, Queen of Hungary. De plurimis
claris renders especial homage to women at Ferrara, with Eleonora dAragonas bi-
ography covering almost four pages in the printed edition of 1521. In a letter from
September 1498 to Ippolito dEste, son of Ercole and Eleonora, Foresti reported
on his stay at the court of Ferrara and a history of the family of Este he composed
(most probably meaning at least parts of the De plurimis)
78
. It is noteworthy that
Foresti believed some of his biographies to be not merely a collection of exemplary
women but also a history of the Este family as a whole. Women were thus perceived
as praiseworthy by him but also always as part of wider familial structures and not
independent fgures. It is probable that Foresti wanted to dedicate his treatise to
Eleonora dAragona but she died shortly before his completion of the work in 1493
and as a result he seems to have chosen her sister Beatrice instead
79
.
Foresti acknowledged womens achievements in the political sphere, if their
overall lives were lived within Christian standards. He praised Eleonora for her
political abilities:
Her husband recognised the wondrous prudence and famous intelligence of his
young wife and soon he entrusted her with almost all of the administrative duties
of the realm, he believed in her diligence and her strong wisdom: she held this
position until her death, especially because the husband was often away from
home on military campaigns
80
.
77 Toretta had already noted the plagiarism in 1903. For a discussion of Forestis copying of Arientis
work see Torretta, L. Il Liber de claris mulieribus di Giovanni Boccaccio. Parte V. I plagiari, gli
imitatori, i continuatori del Liber de claris mulieribus, in Giornale storico della letteratura italiana,
n. 40, 1902, pp. 50-65. See also Pianetti, E. Fra Jacopo Filippo Foresti e la sua opera nel quadro
della cultura bergamasca, in Bergomum, n. 33, 1939, pp. 171-172, and Zaccaria, V. La fortuna del
De mulieribus claris del Boccaccio nel secolo XV: Giovanni Sabbadino degli Arienti, Iacopo Filippo
Foresti e loro biografe femminili (1490-1497), in Mazzoni, F. (Ed.), Il Boccaccio nelle culture e
letterature nazionali, Florence, Olschki, 1979, pp. 519-545.
78 Pianetti, E. Fra Jacopo cit., p. 169.
79 Krmmel, A. Das Supplementum Chronicarum des Augustinermnches Jacobus Philippus Foresti
von Bergamo, Herzberg, Bautz, 1992, p. 69.
80 Foresti, I.F. De plurimis claris selectisque mulieribus, in Ravisius, J.T. (Ed.), De memorabilibus
et claris mulieribus, Paris, Simon de Colines, 1521, p. 153. Ipse maritus cognita adolescentulae
admirabili prudentia, et celebri ingenio: mox eidem universam pene sui regni administrationem,
illius fde et consilio maxime fretus, credidit: quod et ad ultimum vitae suae usque pro maiori parte
administravit. quia maritus ipse, in armis exercitatissimus, minus propter stipendia atque alia maiora
regni negotia domi esse poterat.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 158 03/05/2013 11:11:14
159
4. Eleonora dAragona and the discourse surrounding female political power
Te biography of Eleonora obviously also praised Ercole for having married
such a skilled woman and recognising her talents. Foresti continued by repeat-
edly referring to Eleonoras chastity and modesty, her religiosity and adherence
to fasting, her wisdom, and how she engaged in the ruling of the state. He espe-
cially noted her bravery and capability during the Venetian War
81
. It seems that
Eleonoras supposedly purity of body and mind was a prerequisite for her success
as a ruler and representative for her husband for Foresti. Only this morality al-
lowed Eleonora to be a successful ruler and at the same time not to pose a threat
to existing power structures. Te role assumed by Eleonora in this text lies within
the daily running of Ferrara and the administration while her husband was away
on military duties. A certain power divide which relates to more traditional views
of womanhood is noticeable: Eleonora concerned herself with the administration
of the state which could be seen as an extension of her household while Ercole was
absent fghting. Traditional views of men and women and their associated roles
are not violated while at the same time Eleonoras competence and capability in
relation to the daily political processes of the state are praised.
Only one treatise related to Eleonora dAragona advanced a more radical po-
sition for women: Bartolomeo Goggio (c. 1430-1493), a notary employed by
Ercole dEste, argued for the superiority of women in his De laudibus mulierum
(written 1487). Te work is dedicated to Eleonora and in his letter of introduction
Goggio presented his treatise as a celebration of the excellence of women, written
as a result of his friendship with women and especially his acquaintance with Ele-
onora. Te De laudibus mulierum was never printed circulated exclusively around
Eleonora dAragona. Goggio intended to narrate the foundation and consoli-
dation of kingdoms and show how in reality all the principal monarchies were
derived from women
82
. Women are not only capable of political action, they are
superior to men in doing so and they are also the founders of politics, according
to Goggio. Like most of the treatises in defence of women, Goggios work also
contains some inconsistencies and ambiguities. Common stereotypes of women
are turned around to underline arguments in favour of their powers and abilities
(for example men are weak because they can not resist women).
Overall, however, the defences of women and political power that emerged
around Eleonora dAragona all suggest that a successful marriage of the ruling
81 Foresti, I.F. De plurimis cit., p. 154.
82 Goggio, B. De laudibus mulierum (Ad divam Eleanoram de Aragona, inclitam Ducissam Ferrariae,
de laudibus Mulierum Bartholomei Gogii), London, British Library, Additional MS 17415, f. 63 v.
Intendo narrare de le fundatione di regni et instauratione. Et como in veritade tuti le principale
monarchie sono provenute da done. Et cuss descrivendo se dimostrar come ne larte militarae le
done non sono state inferiore a lhomo.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 159 03/05/2013 11:11:14
160
Capitolo 2. Gender and Politics in Early Modern Europe
couple guarantees a successful state. Te female consort acts for the beneft of its
people and territory on a daily basis but especially in times of need, such as, for
example, when a condotta means the husband is away from his court or in times
of illness. Her political engagement and the love for her husband and his state are
essentially same. Eleonora lived up to these expectations and used them to leave a
political mark onto Ferrara. She was a powerful woman who was deeply engaged
in the politics of her duchy but who was at the same time devout and chaste. Te
image of an ideal prince paired with the ideals of a modest woman it was within
these boundaries that the politically powerful consort was perceived benefcial
for the state and its people and also the boundaries in which Eleonora dAragona
operated.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 160 03/05/2013 11:11:14
CAPITOLO 3
Identit e percorsi di donne nella sfera
pubblico-politica del lungo Ottocento
lombardo
a cura di Maria Luisa Betri
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 161 03/05/2013 11:11:14
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 162 03/05/2013 11:11:15
Introduzione
Maria Luisa Betri
Dalla stagione degli studi coltivati negli ultimi decenni e che ha avuto signifcativi
momenti di rifessione in due convegni svoltisi a Milano nel 1989 e nel 2002 Don-
na lombarda. Un secolo di vita femminile e Salotti e ruolo femminile in Italia tra fne
Seicento e primo Novecento
1
sono emersi alcuni elementi nettamente caratterizzanti
il formarsi di unidentit femminile lombarda nel lungo Ottocento che, in unestrema
sintesi, potrebbero compendiarsi in una tendenza difusa nelle donne ad assumere
responsabilit verso se stesse e verso la societ in senso lato, manifestandosi in capacit
diniziativa, in azioni di reciproca solidariet, in gesti dautonomia sia nellimpegno
flantropico-assistenziale e in seguito emancipazionista, sia nella partecipazione al
movimento nazional-patriottico e successivamente nellaspirazione alla piena cittadi-
nanza nellambito dello Stato nazionale. Sulla base di queste premesse alcuni recenti
percorsi di ricerca hanno inteso indagare larticolarsi, nel caso lombardo, dei rapporti
tra sfera privata e sfera pubblico-politica, e le implicazioni nel cambiamento delle
relazioni di genere. Nellambito del pi ampio processo di formazione dellidentit
femminile in et contemporanea, dei suoi caratteri e dei suoi limiti, del suo dif cile
accesso alla cittadinanza sociale e politica, si imposta infatti come questione rilevan-
te quella delle relazioni tra il modello di domesticit femminile connesso allascesa
della famiglia borghese dalla spiccata impronta di intimit afettiva e lapertura alle
donne, tra Settecento e Ottocento, di nuovi spazi e nuovi ruoli che potrebbero def-
1 Gigli Marchetti, A.; Torcellan, N. (a cura di) Donna lombarda. Un secolo di vita femminile, 1860-
1945, Milano, Franco Angeli, 1989; Betri, M.L.; Brambilla, E. (a cura di) Salotti e ruolo femminile in
Italia tra fne Seicento e primo Novecento, Venezia, Marsilio, 2004.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 163 03/05/2013 11:11:15
164
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
nirsi quasi politici. Nei quali si modul, pur con dinamiche diverse in molte realt
della Penisola, e cos anche in quella lombarda, un processo che consent il costituirsi
di una sfera di socialit e di opinione pubblica, distinta sia dalla dimensione domesti-
ca sia dalla vera e propria sfera politica. Luoghi emblematici di contatto, o soglia fra
privato e pubblico, furono i salotti, ritrovi di conversazione, talora connotati in senso
aristocratico-conservatore, altrove pi aperti alla commistione tra nobilt e borghesia
e alle opinioni liberali, nei quali la conduzione femminile si incarn spesso in fgure
di primo piano dellet risorgimentale e postunitaria.
Uno degli obiettivi dei percorsi di ricerca di cui si dato conto negli inter-
venti di questo panel appunto quello di esplorare in che modo il pubblico la
nazione prima e lo Stato nazionale poi sia o meno entrato nel privato, tra le
mura domestiche, e abbia orientato modelli e rappresentazioni di genere, strategie
familiari ed educative; ovvero di considerare il mutamento della concezione che le
donne avevano di se stesse e del proprio ruolo, decostruendo il modello borghese
omologante della madre virtuosa segregata nello spazio domestico, convalidato
da quella categoria interpretativa, particolarmente radicata nella storiografa di
marca anglosassone, che ha lungamente individuato nella separazione tra una sfera
femminile privata e domestica e una maschile, pubblica, uno dei tratti identifca-
tivi della nascita della societ borghese ottocentesca
2
.
Sugli orientamenti di questi studi hanno inoltre infuito le suggestioni di al-
cuni tra i pi signifcativi contributi ultimamente apparsi in tema di donne, Ri-
sorgimento e formazione dellidentit nazionale: dal pregnante saggio su Il Risor-
gimento delle donne, pubblicato nel ventiduesimo volume degli Annali Einaudi,
in cui Simonetta Soldani ha esortato a cogliere le dinamiche e articolazioni di un
processo troppo a lungo identifcato con lapporto delle donne a un Risorgimento
italiano visto come altro da loro, e dalle trasformazioni di cui esse al tempo stesso
furono via via soggetto e oggetto, ai contributi del volume a cura di Ilaria Porcia-
ni, Famiglia e nazione nel lungo Ottocento italiano
3
.
Gli studi in cantiere di cui qui si riferito, svolti da studiose che fanno rife-
rimento alle Universit milanesi Statale, Bicocca e Cattolica e alla Biblioteca
di Storia moderna e contemporanea di Roma, si sono anche potuti ampiamente
avvalere di carteggi, epistolari, diari, memorie, vale a dire di quelle forme primarie
di scrittura alle quali la storiografa andata riservando una crescente attenzione
4
.
2 Cfr. Caglioti, D.L. Extraterritorialit, liberalismo e flantropia: i salotti delle straniere a Napoli
nellOttocento, in Betri, M.L.; Brambilla, E. (a cura di) Salotti e ruolo femminile cit., p. 365.
3 Soldani, S. Il Risorgimento delle donne, in Banti, A.M.; Ginsborg, P. (a cura di) Storia dItalia,
Annali, vol. XXII, Il Risorgimento, Torino, Einaudi, 2007, p. 189; Porciani, I. (a cura di) Famiglia e
nazione nel lungo Ottocento italiano. Modelli, strategie, reti di relazioni, Roma, Viella, 2006.
4 Cfr. Betri, M.L.; Maldini Chiarito, D. (a cura di) Dolce dono graditissimo. La lettera privata
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 164 03/05/2013 11:11:15
165
Introduzione
Ormai svincolata dai modi espressivi codifcati dalla tradizione colta dei circuiti
letterari umanistico-rinascimentali o sei-settecenteschi nella societ aristocratica di
antico regime, la corrispondenza, e quella femminile in particolare, divenne, com
noto, durante il XIX secolo uno strumento di comunicazione abituale, una forma
di colloquio dai ritmi ravvicinati fno alla quotidianit, senza per questo scadere in
scrittura senza qualit. Ancora oggi tuttavia nuclei consistenti di lettere vergate
da mani femminili, frammischiate ad altre carte su cui si fonda la memoria storica
tanto dellaristocrazia quanto dellemergente borghesia ottocentesca, costituiscono
giacimenti documentari nascosti negli archivi pubblici e privati, tra cui riserbano
scoperte spesso di rilevante interesse quelli famigliari. Per ovviare alle dif colt del
reperimento di questa documentazione, non sempre agevolata da adeguati strumen-
ti di consultazione, si pu ora segnalare una iniziativa del Dipartimento di scienze
della storia e della documentazione storica dellUniversit degli studi di Milano che,
in collaborazione con la Regione Lombardia, con le Raccolte storiche del Comune
di Milano, e con lIstituto lombardo di Storia contemporanea, ha promosso un cen-
simento delle scritture femminili conservate nelle sedi archivistiche milanesi, di cui
si conclusa la prima fase, e i cui risultati sono in corso di pubblicazione nel volume
Gli archivi delle donne. Repertorio delle fonti femminili negli archivi milanesi (1814-
1859), a cura di Maria Canella e Paola Zocchi.
Quali fra i tratti dellidentit femminile sopra richiamati accomunano fgure
tra loro apparentemente diverse e distanti per estrazione sociale e per esperienze di
vita in epoche diverse? Qual il fl rouge che consente di accostare le colombe,
le esposte adulte cos chiamate dalla ef gie nello stemma dellOspedale Maggiore
di Milano, a Cristina Trivulzio di Belgioioso, aristocratica di cospicui natali e dalla
esistenza trascorsa allinsegna di uninquieta intensit? E ancora, le fondatrici di
case private di educazione femminile, sul modello delle maisons deducation difuse
in Francia gi da fne Settecento, a Laura Solera Mantegazza, benefattrice e madre
patriottica ardente di entusiasmo garibaldino, e alle Lazzati Romussi, partecipi
di un clima politico-culturale in cui limpegno femminile stava ormai virando
dal flantropismo alla rivendicazione dei diritti civili e politici delle donne? Un
primo denominatore comune sembra potersi individuare in gesti di autonomia,
sia pure diversamente declinati. La dialettica tra il ruolo paterno degli ammi-
nistratori dellOspedale Maggiore la Ca Granda, al centro della ramifcata rete
assistenziale milanese e le esposte nubili, studiate da Flores Reggiani nel lungo
periodo, dalla met del XVII secolo allet napoleonica, costellata di episodi di
ribellione manifestatisi in ripetuti atti di insubordinazione. E, in seguito, nelle
dal Settecento al Novecento, Milano, Franco Angeli, 2000; eaedem (a cura di) Scritture di desiderio
e di ricordo. Autobiografe, diari, memorie tra Settecento e Novecento, Milano, Franco Angeli, 2002.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 165 03/05/2013 11:11:15
166
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
rivendicazioni delle giovani, in nome dei diritti del cittadino maggiorenne a eleg-
gere il proprio stato, dopo che la legislazione del 1806 aveva stabilito in ventuno
anni la soglia della maggiore et per entrambi i sessi. Il carteggio amministrativo
dellOspedale Maggiore restituisce le voci di donne che si rapportarono in modo
diverso con gli amministratori: ora postulando con forza, dopo il periodo trascor-
so nellaf do esterno presso famiglie contadine, una riammissione nellospizio,
cos da perpetuarvisi per fruire di un vantaggioso mantenimento, ora rifutando
le incombenze loro assegnate nei servizi interni, ora rivendicando, ormai maggio-
renni, una libera scelta di vita.
Lintraprendenza di donne, appartenenti al ceto civile, giunte al seguito delle-
sercito francese nelle cui fle militavano mariti, parenti o amanti, di cui traccia
alcuni profli Natalia Tatulli, contribu a colmare nella Milano capitale del na-
poleonico Regno dItalia il vuoto istituzionale venutosi a creare a seguito della
soppressione, per mano del governo asburgico prima e napoleonico poi, degli
educandati per fanciulle dei ceti agiati, gestiti da congregazioni religiose. Talune
dotate di una educazione raf nata, altre invece pi concretamente sperimentate
nella gestione di imprese commerciali, ma complessivamente abili a intessere una
fruttuosa rete di relazioni con membri dellentourage di governo francese, esse fon-
darono e diressero case private deducazione per fanciulle di nascita civile della cit-
t che riuscirono presto a conquistarsi una ragguardevole reputazione nella societ
milanese, consentendo loro di personifcare un modello femminile alternativo a
quello prevalente di madre di famiglia o di religiosa.
Luna aristocratica, laltra borghese, Cristina Trivulzio di Belgioioso, tra le pi
originali protagoniste del Risorgimento, proprio per questo spesso circonfusa da
unaura agiografca, e Laura Solera Mantegazza, una delle madri simboliche del
Risorgimento lombardo, condivisero, ancor prima della cifra di un patriottismo in-
tensamente vissuto, alcune scelte personali coraggiose, come la rottura delle loro
unioni matrimoniali. La poliedrica fgura della Belgioioso studiata da Antonietta
Angelica Zucconi quale prototipo della aristocratica dclasse, parallelamente a Ma-
rie dAgoult, la francese emarginata dal mondo legittimista parigino dopo la sua
fuga con Franz Liszt, ma soprattutto guardata con sospetto per il suo essere donna
colta, scrittrice e animatrice di un salon molto frequentato. La prospettiva da cui si
considera il proflo di Cristina, anchessa salonnire intelligente e ammirata, scrittrice
e giornalista, dedita alla causa dellindipendenza italiana che sostenne, fnanzi e
nella quale fu direttamente coinvolta nel 1848 e 1849, benefattrice, e infne viag-
giatrice curiosa, suggerisce una rilettura critica di questa fgura singolare, da un lato
dracine, ma dallaltro mai, di fatto, defnitivamente distaccatasi da uno status privi-
legiato e molto attenta a preservarsi dal cattivo gusto del demi-monde.
La consolidata conoscenza di Laura Solera Mantegazza come operosa bene-
fattrice, promotrice con Giuseppe Sacchi nella Milano degli anni Cinquanta dei
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 166 03/05/2013 11:11:15
167
Introduzione
primi ricoveri per bambini lattanti istituiti sul modello delle francesi crches, della
prima scuola per analfabete, e nel 1862 della sezione femminile dellAssociazione
generale di mutuo soccorso degli operai milanesi, si arricchisce nella ricerca di
Alessandra Porati della sua componente pi propriamente politica, anche grazie a
quanto emerge dalla consultazione della ftta corrispondenza che ella intrattenne
tra il 1835 e il 1872 con una molteplicit di destinatari, tra cui molti dei pi noti
esponenti dello schieramento democratico. Nella sua vicenda, segnata in profon-
dit dal nesso famiglia-nazione, chiaramente leggibile levoluzione del paradig-
ma della madre patriottica, dalla sua preminente funzione di cura nel prodigarsi a
soccorrere i feriti e nel raccogliere fondi a favore degli insorti durante le milanesi
Cinque giornate, a una pi diretta e consapevole azione politica, allinsegna del
mito garibaldino, nel promuovere allindomani dellunifcazione, intessendo una
ftta rete di solidariet femminile, molteplici iniziative a sostegno delle iniziative
di parte democratica.
Sul terreno dellattitudine flantropico-assistenziale sostanziata di militan-
za patriottica sarebbe maturato, sul fnire del secolo, quel flone di femminismo
pratico che diede proprio nella realt milanese una delle prove pi convincenti,
in un clima permeato di laicismo. In questa atmosfera si inquadra la vicenda di
Maria Lazzati, moglie dal 1879 dellavvocato Carlo Romussi, poi direttore del
pi importante quotidiano milanese dellepoca, Il Secolo, ed entrata quindi in
relazione con gli ambienti democratico-radicali in cui emergeva la personalit
di Felice Cavallotti. Altea Villa ha potuto ricostruire il crescente impegno della
Lazzati Romussi nei dibattiti sul tema del pacifsmo e dei diritti civili e politici
delle donne attraverso il suo epistolario, conservato insieme a quello della madre,
Cristina Lazzati Rossi, presso larchivio privato Romussi. E anche la vicenda di
questultima emblematica di una genealogia femminile peculiare dellOttocento
lombardo: attiva nella raccolta di fondi a sostegno del volontariato garibaldino,
Cristina Lazzati condivise con la Solera Mantegazza limpegno nei sodalizi dellas-
sociazionismo femminile milanese e corrispose, tra gli anni Sessanta e Ottanta,
con gli esponenti pi in vista di parte democratica: da Mazzini a Saf , da Quirico
Filopanti a Vincenzo Brusco Onnis.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 167 03/05/2013 11:11:15
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 168 03/05/2013 11:11:15
1. Fra protezione e autonomia: le colombe
dellospedale maggiore di Milano
(XVII-XIX secolo)
Flores Reggiani
Lutilizzo delle categorie storiografche di genere non solo si rivela un mezzo in-
dispensabile per indagare quel peculiare rapporto di fliazione artifciale che, in
passato, era connesso con lappartenenza alla famiglia di un ente caritativo, ma
costituisce un approccio utile per comprendere alcune svolte cruciali nella storia
dellassistenza.
Fin dalle sue origini (1456) lOspedale Maggiore di Milano aveva assunto fra
i propri compiti il ricovero dei bambini esposti. Bench le consuetudini contem-
plassero la possibilit che, al termine di un primo periodo trascorso presso balie e
nutrici foresi, essi potessero restare nelle famiglie private come fgli adottivi o
come servi, la norma, formalizzata nel sedicesimo secolo, prevedeva un percorso
diverso. In linea di principio, bambini e bambine dovevano essere riconsegnati
allOspedale fra i quattro e i sette anni, perch potessero ricevere uneducazione
cristiana, unistruzione di base e un addestramento artigianale: requisiti ritenuti
suf cienti, insieme con la dote assegnata alle femmine, per inserirli nella vita so-
ciale e produttiva, soprattutto cittadina
5
. Fra il 1653 e il 1655 fu invece deciso
con una scelta destinata a mutare le sorti dei futuri trovatelli di prolungare laf-
fdamento alle famiglie esterne, perlopi contadine, anche dopo il termine dellin-
fanzia: i tenutari, in cambio, avrebbero ricevuto un tenue salario e il corredo fno
5 Per un proflo storico del brefotrofo milanese e per la bibliografa si rimanda a Reggiani, F. La fa-
miglia dellOspedale nei secoli, in Canella, M.; Dodi, L.; Reggiani, F. (a cura di) Si consegna questo
fglio. Lassistenza allinfanzia e alla maternit dalla Ca Granda alla Provincia di Milano (1456-1920),
Milano, Skira, 2008, pp. 35-103.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 169 03/05/2013 11:11:15
170
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
al compimento dei quindici anni
6
. Il nuovo indirizzo nacque dalla convinzione
che, in una fase di diminuzione delle rendite e di decadenza delleconomia urbana,
accentuata dalla recente pestilenza, esternalizzare i servizi educativi come direm-
mo oggi sarebbe stato meno oneroso che erogarli direttamente. Non si trattava,
tuttavia, solo di questo.
Da tempo, cos come avveniva in altri brefotrof, i deputati milanesi erano
sottoposti a pressioni contrastanti nellesercizio del loro ruolo paterno nei con-
fronti delle esposte nubili, chiamate colombe dallinsegna dellente. Alla dif -
colt di ospitare donne di ogni et e condizione dalle bambine alle anziane, dalle
sane alle inabili si aggiungeva limperativo di proteggere lonore sessuale delle
assistite, mentre la volont di non allontanare le ragazze pi esperte nei lavori di
cucito e tessitura, che erano anche le pi richieste come mogli e come serve, era
bilanciata dal desiderio di liberarsi delle inette. Nel corso dei decenni i depu-
tati avevano quindi adottato provvedimenti contraddittori, nel vano tentativo di
sgravarsi dellinsopportabile peso costituito dalle centinaia di nubili che vive-
vano stabilmente nelle strutture dellOspedale Maggiore
7
. Fino alla met del Sei-
cento il Capitolo aveva cercato di favorire i matrimoni e talvolta le monacazioni
con la concessione di una dote, che solitamente arrivava almeno a duecento lire.
Si erano utilizzati a questo scopo, in misura e proporzioni variabili, sia i lasciti dei
benefattori sia i proventi delle attivit manuali svolte dalle assistite allinterno sia i
salari dei servizi domestici prestati allesterno
8
. Il metodo, tuttavia, si era rivelato
inadeguato, soprattutto nel momento in cui le commesse di lavoro e le richieste
di serve specializzate avevano cominciato a decrescere. Ma lostacolo pi forte era
forse costituito dalle stesse colombe. Per capirne le motivazioni, necessario
richiamare quali fossero le loro condizioni di vita dopo il rientro dal baliatico.
Per un verso, le delibere capitolari dei primi due secoli successivi alla fonda-
zione del Maggiore delineano il tipico stile di vita claustrale adottato nei conser-
vatori femminili. Le colombe, tuttavia, sebbene meno esuberanti delle gravide e
6 Archivio Ospedale Maggiore di Milano (dora innanzi AOM), Ordinazioni capitolari generali
(dora innanzi Ocg), 7 luglio 1653 e 25-26 aprile 1655.
7 I dati approssimativi fnora rintracciati indicano che nellOspedale di San Celso, destinato fno
al 1671 al ricovero di esposti e partorienti, le assistite interne erano 700 nel 1579, 500 (contando
solo le giovani) nel 1627 e 700 nel 1629. AOM, Ordinazioni speciali per San Celso (dora innanzi
Osc), 4 aprile 1579; Ocg, 30 aprile 1627; Decio, C. Notizie storiche sulla ospitalit e didattica ostetrica
milanese, Pavia, Fusi, 1906, p. 86.
8 Lombardi, D.; Reggiani, F. Da assistita a serva. Circuiti di reclutamento delle serve attraverso le
istituzioni assistenziali (Firenze-Milano, XVII-XVIII secc.), in Cavaciocchi, S. (a cura di) La donna
nelleconomia. Secc. XIII-XVIII atti della Ventunesima Settimana di Studi, (Istituto Internazionale di
Storia economica F. Datini, Prato 10-15 aprile 1989), Firenze, Le Monnier, 1990, pp. 301-319;
Reggiani, F. La famiglia dellOspedale nei secoli cit., pp. 40-47.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 170 03/05/2013 11:11:15
171
1. Fra protezione e autonomia: le colombe dellospedale maggiore di Milano (XVII-XIX secolo)
delle balie, da cui sarebbero dovute restare rigorosamente separate, non erano del
tutto sottomesse alle regole. Abbiamo notizia come in altre strutture simili
9
di
trascuratezza nelle pratiche devote, perfno da parte della priora e delle velate
10
.
Leggiamo, nelle delibere capitolari, insistenti denunce di uscite e di contatti non
autorizzati, che venivano attuati accampando i pi svariati pretesti e stratagem-
mi. Tuttavia, cos come avvenne intorno al 1675 tra le esposte romane del Santo
Spirito
11
, le ribellioni pi consuete da parte delle adulte non si manifestavano con
le fughe, che, invece, erano frequenti nei conservatori per pericolate
12
. Nemme-
no abbiamo notizie di rivolte contro eventuali soprusi perpetrati ai loro danni,
com documentato per altri ospizi
13
. Al contrario, le resistenze pi strenue e pi
severamente punite erano dirette contro i tentativi compiuti dagli amministra-
tori di allontanare le nubili, mandandole a servire nelle case private, per quanto
referenziate. Evidentemente, la prospettiva di un matrimonio con mariti scelti dal
Capitolo non era suf ciente a rendere accettabili alle colombe n la separazione
dalle compagne, n il rischio di subire maltrattamenti e abusi da parte dei padroni,
n la prospettiva di essere sottoposte a discriminazioni secondo quanto previsto
dalle norme interne per quelle che rientravano dal servizio n, tanto meno,
la possibilit di essere trasferite nei conservatori per pericolate, come accadeva a
quelle che capitavano male
14
. Si ha limpressione che, se avessero potuto sceglie-
9 DAmico, S. Assistenza o reclusione? I rifugi per peccatrici e fanciulle pericolanti nella Milano
della Controriforma, in Dimensioni e problemi della ricerca storica. Rivista del Dipartimento di Storia
moderna e contemporanea della Sapienza Universit di Roma, n. 2, 2008, p. 247.
10 Un esempio in AOM, Osc, 24 aprile 1604.
11 Schiavoni, C. Gli infanti esposti del Santo Spirito in Saxia di Roma tra Cinquecento e Ot-
tocento: numero, ricevimento, allevamento e destino, in Enfance abandonne et societ en Europe,
XIVeXXe sicle, Rome, cole Franaise de Rome, 1991, pp. 1043-1045.
12 DAmico, S. Assistenza o reclusione? cit., p. 249.
13 Lombardi, D. Povert maschile, povert femminile. LOspedale dei Medicanti nella Firenze dei Me-
dici, Bologna, Il Mulino, 1988, pp. 173-174; Fubini Leuzzi, M. Dellallogare le fanciulle degli In-
nocenti: un problema culturale ed economico, 1577-1652, in Prodi, P. (a cura di) Disciplina della-
nima, disciplina del corpo e disciplina della societ tra medioevo ed et moderna, Il Mulino, Bologna,
1994, pp. 895-896; Sandri, L. Da assistite a traviate. Le Nocentine tra XVI e XVIII secolo, in Da
Molin, G. (a cura di) Forme di assistenza in Italia dal XV al XX secolo, Udine, Forum-Soc. Ed. Univ.
Udinese, 2002, pp. 24-25; Calzola, L. Caratteristiche demografche e modalit di abbandono degli
esposti allOspedale di S. Maria della Misercordia di Perugia nei secoli XVI e XVII, in Da Molin,
G. (a cura di) Trovatelli e balie in Italia, secc. XVI-XIX, Bari, Cacucci Editore, 1994, p. 23; Grendi, E.
Ideologia della carit e societ indisciplinata: la costruzione del sistema assistenziale genovese (1470-
1670), in Politi, P.; Rosa, M.; Della Peruta, F. (a cura di) Timore e carit. I poveri nellItalia moderna,
Cremona, Annali della Biblioteca statale e libreria civica di Cremona, 1982, p. 74.
14 Ordini novi per lHospitale di San Celso, 26 aprile 1594, a stampa, pp. 4, 8, 10, 12; Decio, C.
Notizie storiche sulla ospitalit cit., p. 50.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 171 03/05/2013 11:11:15
172
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
re, le colombe avrebbero preferito restare a vita in un ricco ospedale, dove, senza
padroni n mariti, godevano di un buon vitto a base di carne e dove, salvo alcune
mansioni da eseguire a turno, potevano lavorare poco. E, infatti, esse cercavano di
perpetuarsi nellospizio a grave danno dellOspitale
15
.
Si comprendono dunque quali furono, in aggiunta alle congiunture econo-
miche negative, le motivazioni che, nel 1655, indussero gli amministratori del
Maggiore a favorire il matrimonio delle colombe, facendole crescere in cam-
pagna ambiente considerato moralmente pi sano della citt a diretto contatto
con i potenziali coniugi, e versando a tutte una dote di cento lire, pi il panno
per una sottana, senza o quasi far conto sui loro guadagni. Ridurre al minimo
i tempi di permanenza nel brefotrofo non solo permetteva di contenere le spese
di gestione, ma impediva o limitava la nascita di legami afettivi fra le assistite ed
evitava che esse si abituassero alla vita protetta dellospizio. Cos come avvenne
a Firenze
16
, il prolungamento dellaf damento riusc l, dove avevano fallito le
assegnazioni straordinarie di doti
17
, ma anche i metodi coercitivi, come il divieto
di riammettere le adulte mandate a servire
18
o le minacce despulsione senza dote
per quelle che non avessero trovato un padrone o un marito entro una certa et
19
.
Non sappiamo se le minacce furono messe in atto, come forse avvenne a Firenze
20
,
ma probabilmente non ve ne fu pi bisogno, perch dal 1662 fno al 1759
21
epo-
ca in cui le accettazioni di bambini avevano gi cominciato ad aumentare in modo
inedito, arrivando alle settecento unit annuali non sembrano esservi state pi
lamentele sulleccessiva presenza di fglie nellospizio. Si continuarono quindi ad
accogliere, oltre alle inabili, le esposte che, pur cresciute in campagna, non erano
riuscite a collocarsi. Le nubili, infatti, conservarono fno al 1784 il diritto di tor-
nare in qualunque et nelle strutture della Ca Granda
22
, che rimase un rifugio
15 AOM, Ocg, 25-26 aprile 1655.
16 Fubini Leuzzi, M. Dellallogare le fanciulle degli Innocenti cit., pp. 872, 885.
17 AOM, Ocg, 28 marzo 1558; Osc, 4 aprile 1579; Ocg, 5 febbraio 1590; Ordini novi per lHospitale
di San Celso cit., p. 11; Ocg, 21 giugno 1605; Osc, 18 marzo 1628.
18 AOM, Ocg, 31 luglio 1648.
19 Nel 1644 il Capitolo aveva ingiunto alle colombe zitelle di sposarsi o di andare a servizio entro tre
mesi dopo il compimento dei 18 anni, senza possibilit di rientrare (AOM, Ocg, 1 febbraio 1644).
Poco tempo dopo il provvedimento del 1655, furono minacciate di espulsione senza dote quelle
che a 20 anni non avessero ancora trovato un padrone o un marito (AOM, Ocg, 12 giugno 1662).
20 Fubini Leuzzi, M. Dellallogare le fanciulle degli Innocenti cit., pp. 867, 877.
21 AOM, Ocg, 13 luglio 1759. In quellanno le colombe ospitate nel quarto delle donne erano
in numero eccessivo, ma si prefer, anzich ampliare i locali, trasferire le abili nellOspedale di San
Vincenzo, anchesso dipendente dal Maggiore, e destinarle alla tessitura, stante il vantaggio della
fabbrica della tela per gli usi interni.
22 Regole generali degli esposti e partorienti della Pia casa in S. Caterina alla ruota [1781], in
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 172 03/05/2013 11:11:15
173
1. Fra protezione e autonomia: le colombe dellospedale maggiore di Milano (XVII-XIX secolo)
sia per le inette, sia per le ragazze rimaste sole a causa della disgregazione delle
famiglie af datarie.
Tuttavia, nel 1784 quattro anni dopo il trasferimento del ricovero per gli
esposti e per le partorienti nella Pia Casa di Santa Caterina alla ruota, sempre
dipendente dal Maggiore nellambito delle riforme promosse dallimperatore
Giuseppe II, la riammissione fu limitata, anche per le femmine, al periodo prece-
dente il compimento dei quindici anni
23
. La situazione si complic ulteriormente
in epoca napoleonica, soprattutto dopo che la legislazione del 1806, oltre a defni-
re il proflo giuridico degli amministratori nei confronti degli assistiti, fss a ven-
tuno anni la maggiore et per tutti i cittadini di entrambi i sessi
24
. Alle richieste
di alcune colombe che, prive di sostegno familiare, volevano essere riammesse
nellospizio oltre il termine, si intrecciarono infatti le proteste, espresse anche con
fughe e rivolte, da parte delle fglie assegnate ai servizi interni: alcune rifutavano
le incombenze loro assegnate, altre, invece, ormai maggiorenni, rivendicavano il
diritto di allontanarsi dalla Pia Casa, pur senza avere in vista alcun matrimonio.
Non possibile dare conto qui di queste vicende, che in qualche caso coin-
volsero anche la prefettura e il ministero degli interni, ma anticipiamo alcune
conclusioni
25
. Gli amministratori del Maggiore condussero le trattative con lin-
tento di salvaguardare la loro autonomia decisionale e il loro ruolo paterno forte.
Mostrarono quindi una certa fermezza nellattenersi ai regolamenti nei confronti
delle postulanti esterne, anche se sostenute da patroni e autorit cittadine, e si
prodigarono ma senza successo per veder riconosciuto dallo Stato quello che
ritenevano essere, di l dalle norme giuridiche, un loro dovere morale: il dovere di
impedire che la legge divenisse un pretesto per sovvertire le gerarchie domestiche,
il dovere di proteggere anche contro la volont delle interessate donne che essi
giudicavano maggiorenni di diritto ma non di fatto, sia perch incapaci di sottrarsi
Instituzione della Pia Casa degli esposti e partorienti in Santa Catterina alla Ruota di Milano, Milano,
20 settembre 1784, p. 11, art. 7.
23 Metodo per laccettazione e mantenimento degli esposti nellOspedale di S. Caterina alla ruota
e delle condizioni delle loro balie, in Instituzione della Pia Casa degli esposti cit.
24 Codice di Napoleone il Grande pel Regno dItalia, Quarta edizione originale ed of ciale, Milano,
Reale Stamperia, 1806, t. 1, art. 488; Decreto diretto a migliorare la tutela, emancipazione e cura de
fgli abbandonati ed esposti, 4 dicembre 1806, in Bollettino delle leggi del Regno dItalia, Parte III,
Dal 1 settembre al 31 dicembre 1806, Milano, Reale Stamperia, [1806], pp. 1041-1044. Sul tema
della tutela degli esposti in epoca napoleonica: Polenghi, S. Fanciulli soldati. La militarizzazione
dellinfanzia abbandonata nellEuropa moderna, Carocci, Roma, 2003, pp. 175-186; Reggiani, F. La
costruzione dellidentit sociale degli esposti (Milano, XVIII-XIX secolo), comunicazione presentata al
Convegno della Societ italiana di demografa storica (S.I.De.S.), Demografa e diversit: convergenze
e divergenze nellesperienza storica italiana, (Napoli 5-7 novembre 2009), in corso di stampa.
25 Gli esiti complessivi della ricerca saranno pubblicati a breve.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 173 03/05/2013 11:11:15
174
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
alle lusinghe di persone disoneste, sia perch succubi delle proprie debolezze e dei
propri istinti. Se molti episodi di ribellione alla fne si ricomposero in famiglia,
osserviamo che gi allora si sollevava esplicitamente e si lasciava irrisolta una
questione destinata a divenire centrale nella storia della cittadinanza, e non solo
in relazione alle donne: come potesse esservi afermazione di un diritto, laddove
la societ e le istituzioni non ofrissero i mezzi perch quel diritto fosse realmente
esercitato.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 174 03/05/2013 11:11:15
2. Spose, vedove, avventuriere. Proli di donne
francesi nella Milano di Napoleone
Natalia Tatulli
Con la trasformazione di Milano in capitale della Repubblica Cisalpina, poi Italiana
e infne nel 1805 del Regno dItalia, la citt divent un centro dattrazione per gli
abitanti di ogni parte della penisola. Ugo Foscolo, come osserva il Pecchio, amico
e biografo del poeta, la scelse come residenza perch era una specie di colonia che
accordava la sua cittadinanza a tutti i patrioti raminghi dItalia. Milano soltanto due
anni prima, calma, silenziosa, dove si menava una vita agiata e molle, ma languida e
soporifera, tutto ad tratto era diventata il teatro di continui cangiamenti. [] Tutto
era nuovo; uomini, nomi, linguaggio, vestiti, emblemi
26
. A creare questo clima di
rinnovamento per cui tutto (o quasi) sembrava possibile contribuiva, oltre ai rivol-
gimenti politici, la presenza in citt della corte del vicer Eugenio, dellentourage di
governo e soprattutto dellesercito francese che grazie al mito delle proprie vittorie
esercitava un vero fascino sulla popolazione milanese di ogni ordine e grado.
La penetrazione della lingua, della cultura, delle mode doltralpe, incomin-
ciata nel XVII secolo e intensifcatasi a partire dalla met del Settecento, vide
nel ventennio napoleonico unaccelerazione senza pari tanto che Milano grazie
allaf uire di emigrati, di soldati e di impiegati, [] per il suo vivere sciolto e
rumoroso era detta la piccola Parigi
27
.
Le persone che giunsero a Milano durante questo periodo non furono per
solo patrioti italiani fuggiti da regimi ostili o militari della Grande Armata che ave-
vano partecipato alla campagna dItalia; a ingrossare le fle degli emigrati contri-
26 Pecchio, G. Vita di Ugo Foscolo, Lugano, 1830, p.40.
27 De Castro, G. Milano e la Repubblica Cisalpina, Milano, 1879, p. 398.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 175 03/05/2013 11:11:15
176
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
buirono anche numerose persone appartenenti alla societ civile, arrivate da tutta
Italia e dalla Francia al seguito dellesercito, con la speranza di sfruttare al massimo
le possibilit economiche e di successo oferte dalla nascita di un nuovo regno.
La Grande Armata, ovunque andasse, trascinava con s un folto e composito
schieramento femminile. Durante le lunghe e faticose marce, negli accampamenti
in attesa della fne delle battaglie e infne nelle citt conquistate o asservite, viveva-
no, fanco a fanco, condividendo con i compagni entusiasmi e soferenze mogli,
fglie, prostitute e amanti, in una mescolanza di ruoli concessa solo nello stato
eccezionale di sospensione della realt rappresentato dalla guerra.
Milano accolse lesercito francese pi volte e insieme a esso apr le porte an-
che alle donne della Grande Armata che afollarono della loro presenza esotica le
strade e le case della citt. Le fgure pi appariscenti furono sicuramente le amanti
di soldati e graduati tra le quali spiccano Ezelina Van Aylde Yonghe detta Ida
SamtElmo e Mlada la Malorquine. La prima, divenuta famosa sotto la Restau-
razione per le sue memorie, fglia di un conte russo e di una olandese, fu data in
sposa a un ricco fammingo, ammiratore dei principi rivoluzionari, che segu a
Lille dove incontr il primo dei suoi amanti, il futuro generale Marescot. Dismessi
gli abiti femminili e abbandonato il marito divent lamante del generale Moreau
con il quale giunse a Milano e si install a Palazzo Fagnani, presentata uf cialmen-
te come sua sposa. Torner in citt nel 1805 insieme al nuovo amante, il generale
Ney, per assistere allincoronazione di Napoleone a Re dItalia
28
. Mlada, bellissima
orfana dalmata di umili origini, al contrario della SantElmo non pot scegliere i
propri amanti dai quali fu usata come merce di scambio fnch non la not il ge-
nerale Lauriston; abbandonata da questultimo a Trieste si trasfer a Milano dove,
fno al 1813, frequent a detta delluf ciale Montigny, nobili, magistrati e alti
prelati riuscendo a conquistare anche un discreto credito presso il vicer
29
.
Numerose furono le donne di ogni ceto che approdate a Milano insieme a
mariti, parenti o amanti, tentarono di rifarsi una vita cercando di sfruttare a pro-
prio vantaggio la posizione, che speravano essere di privilegio, data dalle loro ori-
gini francesi e riuscendo a tessere una rete di rapporti, sia pubblici che privati, non
solo allinterno della propria comunit ma anche con la societ milanese.
Molte si dedicarono al commercio, allarte o allistruzione, e in particolare in
questultimo settore si distinse un gruppetto di donne che a partire dal 1804 fno
al 1814 fondarono case private di educazione femminile sul modello delle maisons
dducation difuse in Francia gi a partire dagli ultimi decenni del Settecento
30
.
28 Saint Elme, I. Souvenirs dune courtisane de la Grande Arme, Villeneuve dAscq, Talandier, 2004.
29 Montigny, L.G. Souvenirs anecdotiques dun of cier de la Grande Arme, Gosselin, Paris, 1833,
pp. 39-56.
30 Sonnet, M. Leducazione di una giovane, in Storia delle donne. Dal Rinascimento allet moderna,
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 176 03/05/2013 11:11:15
177
2. Spose, vedove, avventuriere. Profli di donne francesi nella Milano di Napoleone
Tra le prime ad arrivare in citt ci fu Elisabetta Perillier Pradel, giunta a Mila-
no a seguito del marito e rimasta vedova nellottobre del 1803 allet di 45 anni.
Per qualche mese mantenne s e la giovane fglia ricamando per conto di alcuni
mercanti e grazie allaiuto del fratello che era coinvolto nelle forniture militari;

ma
allinizio del 1804 decise di rendersi indipendente cercando di mettere a frutto la
raf nata educazione che aveva ricevuto in patria (e che comprendeva, oltre alla
musica e al disegno, anche nozioni di storia e geografa), aprendo la prima casa
privata deducazione per fanciulle di nascita civile della citt
31
.
Nel 1808 giunse a Milano Madame Drely, cinquantenne nativa di Angers,
istruita nel commercio, in grado di parlare e scrivere correttamente linglese, e da
sempre alla testa di imprese di dimensioni considerevoli, come quelle destinate
allapprovvigionamento delle truppe e degli ospedali, della direzione della Posta a
cavalli di Angers e della Posta dei Messaggeri del dipartimento del Maine et Loire:
tutte attivit che dirigeva in luogo del marito, occupato dagli afari della Ferma
Generale alla quale era addetto. Madame Drely rimase vedova nel 1800 con quat-
tro fgli di cui occuparsi e decise di trasferirsi a Parigi nel 1803 a seguito di alcuni
rovesci di fortuna che la portarono ad abbandonare lincarico alle poste di Angers.
Dopo cinque anni trascorsi nella capitale francese, dove ebbe modo di conoscere
alcune persone infuenti tra le quali il Prefetto del Dipartimento di Parigi, si trasfe-
r con una fglia a Milano, sollecitata da una parente impiegata presso il Ministero
della Guerra, con lo scopo dichiarato di aprire una casa deducazione per fanciulle.
Subito cerc di sfruttare a suo vantaggio tutti i titoli che poteva vantare (tra cui la
conoscenza personale del Barone Darnay, Direttore generale delle poste del Regno
dItalia e segretario personale del Vicer, e i gradi militari dei due fgli arruolati
nellesercito napoleonico) per ottenere dalle autorit aiuti economici o sociali.
Cos facendo, ad esempio, nel 1810 riusc ad assicurare alla fglia Alessandrina
un posto nel neonato Conservatorio di Milano come allieva nella classe di canto.
Sempre nel 1808 giunsero a Milano, con lintenzione di aprire una casa dedu-
cazione, Madame De Antoni, vedova dellavvocato Rouxel, cinquantenne nativa di
Brest, con un fglio tenente nella marina italiana
32
, e una coppia di Metz, che apr
una casa deducazione femminile, formalmente diretta dalluomo, Monsieur Rouy,
a cura di Zemon Davis, N.; Farge, A. Roma-Bari, Laterza, 1995, pp. 119-155. Per lItalia si veda
Bianchi, A. Le case private deducazione femminile a Milano nellet della Restaurazione, in Id. (a
cura di) Listruzione in Italia tra Sette e Ottocento. Lombardia-Veneto-Umbria, vol. I, Brescia, Editrice
La Scuola, 2007, pp. 599-623.
31 ASMi, Studi p.m., cart. 588, fasc. Pradel, Il Prefetto di Polizia del Dipartimento dellOlona al
Ministro dellInterno, Milano 29 febbraio 1804 .
32 ASMi, Studi p.m., cart. 590, fasc. Rouxel, Il Direttore Generale della Polizia al Sig. Direttore
Generale della Pubblica Istruzione, Milano 2 febbraio 1810.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 177 03/05/2013 11:11:15
178
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
ma di fatto retta dalla sua compagna, Mademoiselle De Bar. La madre della De Bar,
vedova di un generale in ristrettezze economiche, aveva concesso a Rouy di portare
con s in Italia la fglia con la promessa di sposarla non appena giunti a Milano
33
.
Come prevedibile il matrimonio non ebbe mai luogo, ma questo non imped a M.lle
De Bar, nel corso dei cinque anni in cui resse la casa deducazione nota sotto il nome
del compagno, di crearsi in citt la reputazione di abile e stimata educatrice
34
. In
seguito, quando la De Bar tent di aprire una casa deducazione per proprio conto,
lautorizzazione le fu negata dalle autorit di pubblica istruzione a motivo di una
condotta privata (le spese eccessive e forse un nuovo amante) ritenuta insoddisfacen-
te per una persona destinata a educare fanciulle della buona societ
35
.
Anche su altre due direttrici si allung lombra della cattiva reputazione: Ma-
dame Landoir e Marie Anne Elisabeth Debrien in Saint Edme, parigine, rispet-
tivamente madre e fglia, aprirono a Milano una piccola casa deducazione nel
1813. Spose entrambe di militari francesi, corsero il rischio di dover chiudere il
loro istituto a causa di una voce che si era andata difondendo in citt e che accusa-
va la madre, vedova, di avere un amante. Le indagini di polizia per non trovarono
nessuna macchia nella condotta della donna e ipotizzarono che la maldicenza si
fosse difusa a causa degli abiti sfoggiati dalle due donne, ritenuti troppo costosi
rispetto alle loro condizioni economiche.
Infne nel 1814 anche Caterina Menard decise di aprire una casa deducazione
per fanciulle a Milano, in societ con la moglie del proprietario dellimmobile de-
stinato a ospitare listituto. La Sig.ra Menard appartiene a una famiglia di Parigi
gi comoda, e accreditata nel Commercio, che soggiacque a molte sventure nella
rivoluzione, indi risorta in parte nelle somministrazioni Militari, ricadde nuova-
mente nella miseria collesercizio dellAlbergo della Citt in questa Capitale
36
.
Catherine Menard giunse a Milano nel 1801 e risolse dinvestire nel settore delle-
ducazione femminile solo dopo la vedovanza e il fallimento dellattivit familiare,
dimostrando, con la decisione di aprire la casa deducazione in societ, di aver ben
presenti i possibili rischi di unamministrazione individuale di unimpresa.
Una donna impegnata in unattivit commerciale di successo ricordata nelle
memorie di viaggio di Stendhal, che nel 1811 menziona pi volte una trattoria
33 ASMi, Studi p.m., cart. 440, fasc. De Bar,Madame Drely al Sig. Consigliere Direttore Generale
della Pubblica Istruzione, Milano 27 maggio 1814 .
34 ASMi, Studi p.m., cart. 440, fasc. De Bar, Il Direttore Generale della Polizia al Sig. Consigliere
Direttore Generale della Pubblica Istruzione, Milano 24 giugno 1814 .
35 ASMi, Studi p.m., cart. 440, fasc. De Bar, Il Direttore Generale della Polizia al Sig. Consigliere
Direttore Generale della Pubblica Istruzione, Milano 24 giugno 1814 .
36 ASMi, Studi p.m., cart. 455, fasc. Menard Petracchi, Il Prefetto dellOlona al Sig. Direttore Gene-
rale della Pubblica Istruzione, Milano 10 maggio 1814.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 178 03/05/2013 11:11:15
179
2. Spose, vedove, avventuriere. Profli di donne francesi nella Milano di Napoleone
molto nota a quel tempo a Milano e tenuta da una coppia di francesi, i Vieillard
37
.
La fama che il locale era riuscito a conquistarsi era dovuta in particolare allarguzia
dellanziana proprietaria, ex cameriera di una dama francese emigrata, che aveva
reso il locale alla moda con la sua vivacit e con i gradevoli epigrammi che indiriz-
zava agli avventori. La trattoria dei Vieillard fu un apprezzato ritrovo per i letterati
milanesi anche negli anni successivi al ritorno degli Asburgo
38
.
Anche nel settore delle confezioni in stofa si distinse la sartoria diretta da
Madame Carron-Ribier, attivit nata negli anni del dominio napoleonico ma che
prosegu ben oltre la fne di questo e che quasi alla met del secolo veniva ancora
segnalata, in una guida dItalia per turisti francesi, tra le Marchandes des Modes
pi rinomate di tutta Milano
39
.
Lambiente teatrale, in aggiunta a quelli educativo e commerciale, un altro
campo in cui si trovano attive delle donne francesi, infatti oltre alla ballerina Ca-
roline Pitrot, della quale noto il ritratto dellAppiani conservato alla Pinacoteca
Ambrosiana, documentata la presenza in citt della cantante parigina Giuseppi-
na Fabre, allora allieva gratuita del neonato Conservatorio di Milano. La Fabre fu
una delle prime alunne del prestigioso istituto nel quale rimase dal 1807 al 1813,
anno in cui il padre la ritir diciannovenne per farle iniziare a calcare le scene
dei teatri. Il Vicer, visti i rapporti con il padre, suo Matre dHotel, e gli ottimi
risultati ottenuti dalla ragazza nello studio del bel canto, le accord 800 franchi di
gratifca e la possibilit di continuare a cantare nellAccademia del Conservatorio
fno al primo ingaggio fuori Milano
40
. Il primo riconoscimento uf ciale M.lle
Fabre laveva ottenuto gi a quindici anni, con la sua esibizione da soprano nello
Stabat Mater di Pergolesi, eseguita nellaprile del 1809 nella chiesa di S. Maria
della Passione
41
. Dieci anni pi tardi, lex allieva del conservatorio di Milano, nel
pieno della propria carriera, si esibir a Palermo, sul palcoscenico del Real Teatro
Carolino, nel ruolo di protagonista nel Torvaldo e Dorliska di Rossini
42
. Non ebbe
37 Stendhal, Secondo viaggio in Italia. Milano, Bologna, Firenze, Roma, Napoli (1811), in Viaggio in
Italia (1801-1818), Rizzoli, Milano-Roma, 1942, pp. 135;140;180.
38 Verga, E. Storia della vita Milanese, Nicola Moneta, Milano,1931, p. 437-438.
39 Valery, A.C. LItalie confortable:manuel du touriste, appendice aux voyages historiques, littraires et
artistiques en Italie, J. Renouard, Paris, p. 33.
40 ASMi, Studi p.m., cart. 309, fasc. Fabre Il Signor Ministro dellInterno al Cenosre del Conser-
vatorio di Milano, Milano 31 luglio 1813.
41 ASMi, Studi p.m., cart. 297, Discorso pronunciato da S.E. Il Signor Conte Di Breme Ministro
dellInterno in occasione della distribuzione dei premi ai convittori del Regio Conservatorio di Musica
nellAccademia del 3 settembre 1809.
42 Rossini, G.; Sterbini, C. Torvaldo e Dorliska, Dramma Semiserio da Rappresentarsi Nel Real Teatro
Carolino per Sesta Opera Dellanno 1818 e 1819. Dedicato a Sua Altezza Reale il Duca di Calabria,
Palermo, Crisanti, 1819.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 179 03/05/2013 11:11:15
180
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
lo stesso successo nonostante mostrasse genio e inclinazione
43
per il canto, la
quattordicenne Alessandrina Drely, che come abbiamo visto, grazie allinteressa-
mento della madre, dal 1810 era compagna della Fabre al conservatorio.
Dalla galleria di ritratti appena percorsa af orano fgure di donne capaci di
costruirsi esistenze relativamente autonome, alternative ai destini di madre di fa-
miglia o di religiosa proposti come modelli femminili prevalenti dellepoca. Le
posizioni acquisite sia con il saper fare e lo studio sia con le relazioni sociali e fami-
gliari, confermano come il fenomeno dellemigrazione abbia da sempre coinvolto
per lo pi uomini e donne dotati di conoscenze e abilit da convertire, nel Paese
di arrivo, in utili strumenti di emancipazione.
Queste donne, vere imprenditrici di s stesse, mettendo a frutto lesperienza
maturata grazie a uneducazione mirata, seppero appropriarsi degli spazi che erano
stati loro lasciati o af dati, riuscendo anche, come le direttrici di case deducazio-
ne, a rispondere soddisfacentemente a nuovi bisogni della societ milanese.
43 ASMi, Studi p.m., cart. 309, fasc. Drely, Il Prefetto di Polizia del Dip. dellOlona al Signor
Ministro dellInterno, Milano 28 aprile 1810.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 180 03/05/2013 11:11:15
3. Cristina di Belgiojoso, Marie dAgoult e la
gura dellaristocratica dclasse
Antonietta Angelica Zucconi
Sotto lAncien Rgime le donne dellaristocrazia, pur abbandonandosi alle pi
grandi follie, amorose o fnanziarie o anche intellettuali, rimanevano sempre
nellambito della loro classe di origine; dopo la Rivoluzione francese e la fne della
socit dordres e poi nel corso del XIX secolo, in cui predominarono una moralit
puntigliosa (quel cult of respectability di cui parlano Harold Nicolson e George L.
Mosse)
44
e un modello di femminilit pi discreta, borghese, le aristocratiche si
trovarono invece esposte a una possibile degradazione e perdita di status.
Un esempio di aristocratica dclasse uno dei personaggi di Le ct de Guer-
mantes di Marcel Proust, la marquise de Villeparisis: la marquise, legata per nascita
e matrimonio alla grande nobilt del suo tempo, non gode tuttavia di unelevata
situazione mondana; riceve infatti nel suo salon solo un public de troisime ordre,
bourgeoisie, noblesse de province ou tare
45
, e viene trattata con disdegno da
persone di rango e di intelligenza inferiori al suo. Lautore suggerisce che il dclasse-
ment e la decadenza sociale della marquise nascano s dai suoi eccessi di giovinezza,
da infrazioni alle regole morali, ma soprattutto dal suo aver sempre coltivato con
una certa presunzione e pedanteria i propri interessi culturali, e dallessere stata
considerata uninsupportable bas-bleu
46
.
44 Nicolson, H. Good Behaviour, being a Study of Certain Types of Civility, Boston, Beacon Press
Beacon Hill, 1960; Mosse, G.L. Te culture of Western Europe. Te nineteenth and twentieth centuries.
An introduction, Chicago, Rand McNally, 1961; idem, Sessualit e nazionalismo. Mentalit borghese e
rispettabilit, Bari-Roma, Laterza, 1984.
45 Proust, M. la recherche du temps perdu, Le ct de Guermantes, I, Paris, Gallimard, 1954, p. 222.
46 Ibidem, p. 225.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 181 03/05/2013 11:11:15
182
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
Il personaggio dellaristocratica dclasse comunque ricorrente, tra la secon-
da met e la fne dellOttocento, in molta letteratura francese e anche italiana
dinfuenza francese (ne sono esempi: Frdric Bchard, Les existences dclasses;
Eugne Bonnemre, Les Dclasses; molti saggi del critico legittimista Armand de
Pontmartin; Alfred Sirven, Les femmes dclasses; le aristocratiche angoisses de
se sentir dclasses, douloureuses, inquites, nerveuses, dvores de dsirs impos-
sibles raliser dei romanzi dei Goncourt
47
; mile Zola, Au bonheur de dames;
Auguste Lepage, Une dclasse, M. Legrain, Dclasses; Louis Xavier de Richard,
Mmoires dune dclasse. Les foucades de la duchesse; Luigi Gualdo, Costanza Gerar-
di; Enrico Castelnuovo, Il fallo di una donna onesta, ecc.).
Si tratta di romanzi minori, scritti in genere da uomini; questi personaggi fem-
minili non hanno la complessit della marquise de Villeparisis, sono quasi sempre
fgure stereotipate: se sono state ridotte in povert senza loro colpa da catastro-
f familiari, devono lavorare per mantenersi e, dopo aver duramente combattuto
contro la sorte avversa, fniscono per morire di stanchezza e di malattia, oppure si
rassegnano alla mediocrit. Se invece la fuoriuscita dallambiente di origine dovuta
a scelte attive della donna (in genere per un amore adultero o colpevole, ma anche
per aver abbracciato opinioni politiche stravaganti), allora lautore descrive il suo
personaggio con un misto di piet e sdegno, ne accompagna la caduta e se la pro-
tagonista non si pente e torna a casa le fa fare una brutta fne, oppure (in romanzi
sul flo del porno) le fa vivere una vita equivoca e ai margini della societ. Per Zola
dclasse vuol dire anche dtraque (guasta, malandata, squilibrata). Emerge in queste
opere sia la paura della decadenza di esseri considerati vulnerabili e incapaci di rico-
struirsi una vita con le sole loro forze, sia il timore di una loro deriva verso lignoto,
sia infne la dif denza verso una possibile libert diniziativa femminile.
Molti di questi romanzi sono opere a chiave, e in queste aristocratiche dclas-
ses era ed ancora possibile riconoscere delle persone reali. Indagando su quali
possano essere stati i modelli efettivi cui gli autori si sono ispirati, ho individuato
alcuni personaggi che a mio avviso hanno rappresentato per le loro vicende e le
loro scelte dei prototipi di queste fgure. Le due aristocratiche da cui ho iniziato
la mia ricerca sono Marie dAgoult e Cristina Trivulzio di Belgiojoso. Tengo tutta-
via a rilevare che, studiando le loro biografe, si percepisce quanto le loro persona-
lit siano state diverse (pi complesse, contraddittorie e originali) dalle immagini
stilizzate sia pure con profondit e raf natezza dai romanzieri.
Marie de Flavigny, nata nel 1805 da nobile famiglia, sposata al conte Charles
dAgoult, allinizio del 1833 si innamor di Franz Liszt e nel 1835 fugg con lui,
suscitando uno scandalo enorme. La loro relazione, nonostante la nascita di tre
47 Sabatier, P. Lesthtique des Goncourt, Paris, Hachette, 1920, p. 377.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 182 03/05/2013 11:11:15
183
3. Cristina di Belgiojoso, Marie dAgoult e la fgura dellaristocratica dclasse
fgli, dopo qualche anno si esaur e Marie ritorn a Parigi, decisa a riconquistarsi
un posto in una societ che laveva messa al bando. Grazie alla sua intelligenza,
alla sua cultura, alla sua bellezza, ritrov un ruolo non nel mondo della nobilt
legittimista in cui era nata (anche la sua famiglia si rifut di riceverla), ma tra gli
intellettuali. Scrisse libri e articoli con lo pseudonimo di Daniel Stern, divenne
amica di Victor Hugo, Tophile Gautier, Sainte-Beuve, Eugne Sue ed mile de
Girardin, riusc a formare un salon molto frequentato; molti degli uomini che la
circondavano sinnamorarono di lei, che per li respinse. La resistenza ostinata di
una donna che aveva infranto con tanto coraggio le regole del suo ambiente cre
sconcerto, le diede la fama di seduttrice cerebrale e crudele. In politica Marie si
avvicin ai repubblicani, e la rivoluzione del febbraio 1848 segn il suo trionfo
come salonnire e la sua consacrazione come scrittrice (la sua Histoire de la Rvo-
lution de 1848 considerata unopera di riferimento). Sotto il Secondo Impero si
situ nellopposizione al regime imperiale; mor il 5 marzo 1876
48
.
Cristina Trivulzio nacque nel 1808 in una grande e ricca famiglia della nobilt
milanese; nel 1824 spos per amore, e contro la volont della sua famiglia, il prin-
cipe Emilio di Belgiojoso. Emilio la contagi con la siflide e ben presto la trad
apertamente: Cristina non volle accettare una situazione di compromesso e nel
1828 si separ dal marito. Appassionatasi agli ideali liberali e patriottici, nel 1829
si fece iniziare alla Carboneria. Alla fne del 1830 dovette rifugiarsi in Francia, e
a Parigi si leg a personaggi favorevoli alla causa italiana (Gilbert de La Fayette,
Franois Mignet, Augustin Tierry), e ricevette gli artisti e i letterati pi importan-
ti del momento (Franz Liszt, Alfred de Musset, Adolphe Tiers, Vincenzo Bellini,
Heinrich Heine). Il mondo che frequentava, tuttavia, non era quello della nobilt
legittimista o anche orleanista legato alla corte, i suoi amici erano piuttosto (come
nel caso di La Fayette o di Tiers) dei nobili o dei politici tenuti ai margini e visti
con sospetto dalla famiglia reale e dalla societ pi tradizionalista. Intelligente e
sarcastica, sicura di s, dotata di una strana bellezza, Cristina era molto ricercata
ma anche molto contestata: era accusata di posare, di sedurre e poi tormentare
i suoi adoratori (le si conobbe una sola e lunga storia damore, con lo storico
Franois Mignet, relazione da cui nacque la sua unica fglia Maria).
48 Biografe di Marie dAgoult: Pommier, A. Mme la Comtesse dAgoult, Paris, E. Dentu, 1867;
Monod, M.O. Daniel Stern, comtesse dAgoult, Paris, Plon, 1937; Vier, J.A. Marie dAgoult: son mari,
ses amis, Paris, Les ditions du Cdre, 1950; Id., La Comtesse dAgoult et son temps, Paris, Armand
Colin, 6 vol. (I, 1955; II, 1959; III, 1961; IV, 1961; V, 1962; VI, 1963); Desanti, D. Daniel ou le
visage secret dune comtesse romantique, Marie dAgoult, Paris, Stock, 1980; Dupchez, C. Marie dA-
goult. Le grand amour de Liszt, Paris, Perrin, 2001, 3
me
ed. corrige (comprende un elenco completo
delle sue opere). La sua corrispondenza completa in corso di pubblicazione: Marie de Flavigny,
comtesse dAgoult: Correspondance gnrale, d. tablie et annote par Charles Dupchez, Paris, H.
Champion, 3 (tome I, 1821-1836, 2003; tome II, 1837-1839, 2004; tome III, 18391841, 2005).
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 183 03/05/2013 11:11:15
184
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
Nel 1840 Cristina trov un accordo con il governo austriaco e pot tornare in
Lombardia. Si stabil nella sua propriet di Locate e prese a occuparsi del benessere
e dellistruzione dei contadini: fond scuole, fece costruire case, organizz strut-
ture di accoglienza. Studiava e scriveva e nel 1842 pubblic (in forma anonima)
unopera di teologia, lEssai sur la formation du dogme catholique, che venne im-
mediatamente messo allindice dalla Chiesa. Si tenne comunque in contatto con
gli amici francesi e and sovente a Parigi, mentre continuava ad aiutare i patrioti
esiliati, a fnanziare e a scrivere in giornali che sostenevano la causa italiana. Nel
1848, allannuncio della rivoluzione milanese, organizz un battaglione di volon-
tari e part per la Lombardia. Rientrati gli austriaci a Milano, Cristina torn a Pa-
rigi e cerc di mobilitare lopinione pubblica francese in favore dellunit dItalia.
Nellaprile 1849 and a Roma, e qui Mazzini le af d lorganizzazione dellassi-
stenza ai feriti; caduta la Repubblica Romana, dovette prendere la via dellesilio:
decise, dopo un periodo in Grecia, di stabilirsi in Anatolia, dove acquist una
propriet agricola. Qualche anno dopo torn in Italia; la situazione politica era
ormai mutata e Cristina, di cui era stato sovente rimproverato e messo in ridicolo
limpegno politico e sociale, veniva ormai considerata una madre della patria.
Mor il 5 luglio 1871
49
.
Cristina e Marie erano dunque contemporanee, avevano frequentato gli stessi
ambienti, e avuto idee politiche molto simili (anche Marie dAgoult sosteneva la
causa dellunit italiana ed era legata a Mazzini) e molti amici in comune. Divisero
il medesimo destino di emarginazione dalla loro classe di provenienza, dovuto a
scelte afettive e politiche e (oltre ad aver sperimentato questo distacco, che aveva
anche un valore positivo, di rottura coraggiosa) attirarono entrambe per anni
la curiosit pubblica, rimanendo continuamente esposte a critiche e pettegolezzi.
Veniva loro rimproverata la visibilit, il non nascondersi in un ambiente ristretto e
protetto, il far parade, pure dei fgli nati dalle relazioni illegittime.
La societ milanese, che aveva cominciato a occuparsi di Cristina gi quan-
do la ragazza aveva deciso di sposare Emilio, la biasim aspramente quando la
principessa si accorse dellerrore commesso e moglie apertamente tradita volle
49 Biografe di Cristina di Belgiojoso: Barbiera, R. La Principessa di Belgiojoso, Milano, Treve, 1894;
Id., Passioni del Risorgimento. Nuove pagine sulla Belgiojoso e il suo tempo, Milano, Treves, 1903;
Whitehouse, H.R. A Revolutionary Princess, London, Fisher Unwin, 1906; Tierry, A.A. Une hroine
romantique, la princesse Belgiojoso, Paris, Plon, 1926; Malvezzi, A. La principessa Cristina di Belgiojoso,
Milano, Treves, 3 vol. (I, 1936; II, 1936; III, 1937); Severgnini, L. La principessa di Belgiojoso. Vita
ed opere, Milano, Virgilio, 1972; Guicciardi, E. Cristina di Belgiojoso Trivulzio. Cento anni dopo,
Milano, La Martinella, 1973; Brombert, B.A. Cristina, Portraits of a Princess, London, Hamilton,
1978; Incisa, I.; Trivulzio, A. Cristina di Belgiojoso. La principessa romantica, Milano, Rusconi, 1984.
Karoline Rrig sta lavorando a una nuova biografa. Per una bibliografa degli scritti della Belgiojoso
cfr. Severgnini, La principessa di Belgiojoso cit., pp. 291-294.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 184 03/05/2013 11:11:15
185
3. Cristina di Belgiojoso, Marie dAgoult e la fgura dellaristocratica dclasse
separarsi dal marito; allamica Ernesta Bisi Cristina scrisse nellottobre 1830 che
la sua era una esistenza manque, ma che non si era mai pentita del passo im-
portante col quale mi chiusi le porte di Milano
50
. Tornata a Milano nel 1840,
per quanto impegnata a fondo in attivit benefche, venne trattata gelidamente
anche da Alessandro Manzoni (in cui lei aveva molto fducia), che non le permise
neanche di visitare la madre di lui, Giulia Beccaria, morente. Quando negli anni
Cinquanta rientr defnitivamente nella sua citt, la Belgiojoso era certo aureolata
dal suo contributo alla causa italiana, ma trov ancora critici e detrattori. Anche
Marie dAgoult, che soggiorn in Lombardia con Franz Liszt tra il 1837 e il 1838,
rimase ai margini della vita mondana milanese, mentre il musicista veniva ricevu-
to ovunque. Lei visse questa situazione con molto disagio, tenendo a prendere le
distanze da unaltra coppia irregolare allora presente a Milano, quella formata da
Gioacchino Rossini e dalla sua amante, la demi-mondaine Olympe Plissier, che le
avevano fatto qualche avance.
Marie e Cristina erano molto attente a distinguersi dalle donne del demi-
monde; in particolare, esigevano che ai loro ricevimenti venissero osservate con
cura estrema le buone maniere e le convenzioni sociali. Cristina rimise seccamente
al suo posto il presuntuoso Victor Cousin, che voleva prendere il passo sullam-
basciatore russo
51
, e Marie rilevava le continue infrazioni al savoir vivre dei de-
mocratici suoi amici
52
. Il loro dclassement era stato una libera scelta, ma non
comportava n un incanaglimento n la rinuncia a uno status privilegiato.
Per i contemporanei, erano delle personalit disturbanti, inaferrabili: spre-
giudicate ma molto riservate, intelligenti e colte ma non sentimentali. La stessa
etichetta di dclasses (il principe Napoleone Gerolamo Bonaparte, molto amico
di Marie dAgoult, la considerava une grande dame fourvoye
53
, e Pontmartin
una trs grande dame dclasse)
54
non bastava a defnirle. Inoltre entrambe, pur
se deluse nelle scelte che le avevano messe fuori del loro ambiente (Marie fn per
lasciare Liszt, e Cristina torn in Lombardia) non si dimostrarono mai pentite. Il
loro ambiente, che le avrebbe accettate con il capo coperto di cenere, rimase stupi-
to dal vederle perseverare con convinzione nelle loro posizioni. Anche se erano due
donne fragili (Marie sofriva di depressione, Cristina ebbe per tutta la sua vita una
50 Malvezzi, A. La principessa Belgiojoso, vol. I: Le prime armi, 1808-1832 cit., p. 161.
51 Cfr. Jaubert, C. Souvenirs de Madame C. Jaubert. Lettres et correspondances, Paris, J. Hetzel et Cie,
1881, 5
me
ed., pp. 315-316.
52 Cfr. Lamber Adam, J. Mes souvenirs, Paris, Alphonse Lemerre, 1902-1910, II vol.: Mes pre-
mires armes littraires et politiques, 1904, p. 87.
53 Dardano Basso, I. (a cura di) La princesse Julie Bonaparte marquise de Roccagiovine et son temps.
Mmoires indits (1853-1870), Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1975, p. 329.
54 de Pontmartin, A. Mes Mmoires. Seconde jeunesse, Paris, Calmann Lvy, 1886, p. 343.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 185 03/05/2013 11:11:15
186
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
salute incerta), ed erano ben coscienti della dif colt e della delicatezza della loro
situazione, conservarono sempre un forte senso di s, e non si fecero condizionare
pi di tanto dallo sguardo degli altri.
Laltra pesante accusa che venne loro fatta e che si ritrova nel personaggio
letterario della marquise de Villeparisis era di occuparsi di scienze considerate
per soli uomini, come la storia, la flosofa, la teologia e la politica (Pierre-
Joseph Proudhon, ne La pornocratie ou Les femmes dans les temps modernes scrive
che La pire espce dafranchie est la femme esprit fort, celle qui se mle de
philosophie)
55
. Barbey dAurevilly le accomun nella sprezzante defnizione di
bas-bleus, e rimprover loro di non essersi dedicate a scrivere bei romanzi, come
la loro amica-nemica George Sand
56
. interessante il paragone di Marie e Cri-
stina con George Sand (che il critico Pontmartin defniva una femme volon-
tairement dclasse)
57
: il destino della Sand fu diverso grazie al suo eccezionale
talento di scrittrice, alla sua libert di spirito e alla sua audacia che Pontmartin
considerava virile, caratteristiche le permisero non di evitare ma di ignorare il
dclassement.
Fu contestato anche il lavoro di giornaliste di Marie e Cristina, che le portava
a occuparsi della realt quotidiana e a esercitare una qualche infuenza sullopi-
nione pubblica; secondo una salonnire loro contemporanea, madame Ancelot, le
donne autore dovevano accontentarsi di destare con le loro opere des bons sen-
timents et de bienfaisantes penses dans lesprit de leurs lecteurs, e non aspirare
a nulla di pi
58
.
I loro salons erano molto ricercati, ma Marie e Cristina venivano accusate
di non limitarsi ad accettare gli omaggi alla loro bellezza e a ricevere con grazia e
fatterie, e di mettersi in concorrenza con il lavoro dei loro amici. Pure il loro corpo
era sempre sul davanti della scena, veniva osservata e ammirata la loro eleganza ma
erano seguiti con curiosit e malignit i segni del loro invecchiare. La vita sessuale
di entrambe era oggetto di commenti contraddittori: Marie era accusata di essere
frigida, oppure una dbauche froid par curiosit plus que par temprament
59
,
55 La pornocratie ou Les femmes dans les temps modernes, Paris, Lacroix, 1875 (uvres posthumes,
crit en 1861 ca.), p. 90
.
56 Barbey dAurevilly, J. Les uvres et les hommes. Les bas-bleus, Paris, Socit gnrale de Librairie
catholique, 1878, Chap. VI, Daniel Stern, pp. 63-82, e Chap. XII, Mme la Princesse de Belgiojoso,
pp. 159-168.
57 de Pontmartin, A. Dernires causeries du samedi: deuxime srie des causeries littraires, Paris, Mi-
chel Lvy et frres, 1866, De la personnalit dans le roman. Madame Sand. M. Paul de Musset, p.
358.
58 Ancelot, M.L.V. Un salon Paris 1824-1864, Paris, 1866, p. 136.
59 De Viel-Castel, H. Mmoires sur le rgne de Napolon III (1851-1864), Paris, 1883-1884, III vol.,
p. 158, Vendredi 8 juin 1855.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 186 03/05/2013 11:11:15
187
3. Cristina di Belgiojoso, Marie dAgoult e la fgura dellaristocratica dclasse
mentre si rimproverava a Cristina di essere unallumeuse, di voler refaire le monde
sans refaire lamour
60
, o al contrario di essere lesbica, ninfomane e necrofla.
Sia Marie che Cristina si interessarono alla condizione femminile: Cristina
riconosceva alle ragazze il diritto di studiare, ma raccomandava loro di armarsi
di pazienza e di annegazione e ricordava quanto fosse dif cile far accettare una
condizione pi libera (quale era stata la sua) e quanto fosse facile confondere la
libert di spirito con una condotta immorale: Un grandissimo numero di quelle
donne che si vorrebbero liberare dal giogo, respingono sdegnate una libert che
non chiesero mai, e il cui nome sembra loro sinonimo di vizio e di libertinaggio
61
.
Marie non solo esortava le sue contemporanee a studiare e ad agire, ma rivendi-
cava la capacit femminile di essere une femme dhonneur che, se non si batte
a duello come gli uomini, comunque perfettamente in grado di difendere il suo
feur de lhonntet
62
.
Entrambe per sapevano di appartenere a unlite sociale e intellettuale, si
ritenevano delle donne superiori, diverse dalle donne comuni (Marie si rap-
present in suo romanzo sotto il nome di Diotima)
63
, e non condividevano certo
la solidariet descritta da Michle Riot-Sarcey tra le democratiche e le saint-simo-
niane degli anni Trenta e Quaranta
64
. Non vi fu nessuna complicit neanche tra
loro due: Marie era gelosa dellamicizia tra Franz Liszt e Cristina e la chiamava la
Comdienne
65
, Cristina giudicava Marie dura e afettata. Tutte e due preferirono
condurre da sole la loro lotta e tenersi stretta la cerchia di amici e ammiratori che
le circondavano, si chiusero in un narcisismo che escludeva la presenza e lamicizia
di unaltra donna considerata una rivale.
60 Houssaye, A. Les confessions. Souvenirs dun demi-sicle (1830-1880), Paris, E. Dentu, 1885, tome
II, p. 17.
61 Di Belgiojoso, C. Della presente condizione delle donne e del loro avvenire, in Nuova Anto-
logia, volume 1, Firenze, 31 gennaio 1866, pp. 96-113, p. 110.
62 dAgoult, M. Esquisses morales. Penses, rfexions et maximes, Paris, Calmann Lvy, 1880 [prima
edizione 1849], pp. 155-156.
63 DAgoult, M. Dante et Goethe, Paris, Didier, 1866.
64 Riot-Sarcey, M. La dmocratie lpreuve des femmes. Trois fgures critiques du pouvoir 1830-1848,
Paris, Albin Michel, 1994.
65 Correspondance Franz Liszt Marie dAgoult, prsente et annote par Serge Gut et Jacqueline
Bellas, Paris, Fayard, 2001, pp. 575-576, 586, 728.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 187 03/05/2013 11:11:15
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 188 03/05/2013 11:11:16
4. Laura Solera Mantegazza tra militanza
politica e impegno sociale
Alessandra Porati
La fgura di Laura Solera Mantegazza, qui presa in considerazione attraverso lesa-
me di un consistente corpus di lettere scritte tra il 1835 e il 1872 e conservate pres-
so larchivio dellIstituto per la storia del Risorgimento italiano di Roma, si pone
allinterno di uno spazio di intersezione in cui elementi tradizionali della cultura
femminile si mescolano ad atteggiamenti fortemente innovativi, dando vita a un
proflo in cui gli slanci verso una modernit intesa come rivendicazione di genere
si sovrappongono ad aspetti ancora dominati da unideologia fortemente segnata
da quello che Laura Guidi ha defnito come il modello borghese omologante
della madre virtuosa segregata nello spazio domestico
66
.
Istruita secondo i consueti dettami della precettistica educativa ottocen-
tesca, Laura manifest presto una spinta verso lindipendenza e lautonomia,
separandosi da un marito non voluto, giudicato incapace di sostenere la famiglia
e inetto nelleducazione dei fgli, verso cui la donna mostr unattenzione fuori
del comune, allattandoli al seno nonostante la salute cagionevole e fondando
la relazione con essi su una dimensione afettiva basata sulla confdenza e sul
rispetto reciproco
67
.
66 Guidi, L. Introduzione, in Guidi, L. (a cura di) Scritture femminili e storia, Napoli, Cliopress,
2004.
67 Su Paolo Mantegazza vedi Gatti, R. La giovinezza di Paolo Mantegazza nelle pagine del suo
diario, in Risorgimento: Rivista di storia del Risorgimento e di storia contemporanea, n. 2-3, 2005,
p.329.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 189 03/05/2013 11:11:16
190
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
La spinta innovatrice e trasgressiva si manifest in Laura nel corso dellin-
surrezione del Quarantotto, momento in cui, con la partecipazione delle donne
alla causa nazionale, lItalia giunse secondo la testimonianza di Vincenzo Gioberti
a maturit civile e a pieno essere di coscienza come nazione
68
. Fu proprio nel corso
delle insurrezioni quarantottesche che si vennero stringendo le maglie di una rete
di relazioni destinata a durare nel tempo e a dar vita allidealizzazione della madre
risorgimentale pronta a rispecchiarsi negli ideali dei fgli e a identifcarsi nel loro
sacrifcio.
Secondo la testimonianza di Paolo Mantegazza, principale artefce dellesalta-
zione della fgura materna
69
, lo scoppio dellinsurrezione milanese coinvolse Laura
in unintensa attivit di raccolta di fondi a favore degli insorti e nellassistenza ai
feriti. Fortemente impressionata dagli avvenimenti, si dedic inoltre alla stesura di
una poesia traboccante di fervore patriottico in cui il connubio tra religione, patria
e famiglia era reso immediatamente evidente quale strumento di legittimazione
dellidentit nazionale. Il componimento si rispecchiava in quella ricca messe di
raccolte di versi scritti in occasione degli avvenimenti rivoluzionari in cui con la
raf gurazione della madre italiana veniva delineato il proflo di una donna che,
pur priva della titolarit dei diritti posti a fondamento della cittadinanza, nella
dedizione ai fgli impegnati per la patria, entrava in contatto con una sfera civile
a lei ancora preclusa.
In seguito alla facile riconquista austriaca della Lombardia, Laura come la
maggior parte delle donne che avevano partecipato alle giornate rivoluzionarie,
decise di ritirarsi dalla vita attiva, rifugiandosi alla Sabbioncella, la villa di famiglia
sul lago Maggiore.
Come nota Simonetta Soldani, leredit degli avvenimenti appena trascor-
si, e cio la declinazione costituzionale del discorso nazionale impersonata dal
Parlamento subalpino, non solo riguard le donne ma ne evidenzi e ne esalt
la sostanziale alterit con la conseguenza di favorirne le propensioni populistico-
autoritarie centrate sullesaltazione di un padre che avrebbe potuto essere il re
ma anche Mazzini o Garibaldi in grado di rappresentare e di guidare la grande
famiglia nazionale
70
.
Allinizio incerta tra la fgura del genovese e quella dellEroe dei due mondi,
Laura scelse di seguire il secondo in quanto rappresentazione vivente di quello che
68 Gioberti, V. Apologia del libro intitolato il Gesuita moderno con alcune considerazioni intorno al no-
stro risorgimento a cura di Orecchia, R., Cedam, Padova, 1974 citato da Soldani, S. Il Risorgimento
delle donne, in Banti, A.M.; Ginsborg, P. (a cura di) Storia dItalia, Annali 22, Il Risorgimento,
Torino, Einaudi, 2007, p. 217.
69 Mantegazza, P. La mia mamma, Firenze, Barbera, 1887.
70 Soldani, Il Risorgimento delle donne cit., p. 223
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 190 03/05/2013 11:11:16
191
4. Laura Solera Mantegazza tra militanza politica e impegno sociale
Lucy Ryall defnisce il tipico eroe risorgimentale; democratico e romantico, corag-
gioso e indisciplinato, espressione piena e concreta del popolo, sensuale, sensibile,
amante della famiglia. La creazione del mito garibaldino ricorse a precise fgure
che ne sottolinearono il dissenso nei confronti della cultura tradizionale e che
nello stesso tempo tracciarono un modello di patria come collettivit eterogenea
in cui anche la componente femminile era proposta come elemento basilare di una
nuova vita democratica nazionale
71
.
Fu proprio in questazione di partecipazione alla creazione di una mitologia
garibaldina capace di includere nel discorso nazionale anche il mondo femminile
che Laura Solera diede il suo contribuito politico pi importante.
Dagli avvenimenti rivoluzionari del Quarantotto milanese dovevano ancora
trascorrere alcuni anni perch limpegno di Laura si trasformasse dalla tradizionale
assistenza femminile ai feriti in una pi coinvolgente azione politica.
Nel corso del decennio di preparazione prevalsero le iniziative flantropiche
con la creazione nel 1850 del primo Ricovero per bambini lattanti in contrada
santa Cristina a Milano, a cui seguirono nel volgere di alcuni anni altre tre istitu-
zioni destinate ai fgli neonati delle donne operaie, la scuola professionale femmi-
nile e, a unifcazione avvenuta, la societ di mutuo soccorso per le operaie sezio-
ne femminile della gi avviata societ di mutuo soccorso degli operai di Milano.
Arriv il 1859 e fu di nuovo guerra. Rispondendo allappello di Garibaldi
che chiedeva un milione di fucili per i Cacciatori delle Alpi, il 25 giugno 1859,
allindomani della battaglia di San Martino vinta dai franco-piemontesi, Laura
lanciava un proclama alle donne italiane in cui la tradizionale rappresentazione
della donna partecipe della vita collettiva del proprio Paese nella cura amorevole
del focolare domestico veniva superata in nome di una pi diretta e consapevole
azione politica:
Gli uomini che abbiamo mandato a combattere contro gli austriaci (i nostri ma-
riti, fgli, fdanzati) hanno bisogno di armi. Se noi perch siamo donne non pos-
siamo impugnarle e combattere al loro fanco, almeno compriamole per ofrirle
allesercito: facciamolo a costo di essere disapprovate dai famigliari, di intaccare
il patrimonio, di impoverire la nostra casa. E facciamolo perch gli uomini la
smettano di relegarci in cucina, casalinghe e modeste e capiscano che possiamo
essere loro compagne
72
.
71 Riall, L. Garibaldi. Linvezione di un eroe, Roma-Bari, Laterza, 2007.
72 Farina, R. Solera Laura in Mantegazza, in Farina, R. (a cura di) Dizionario biografco delle donne
lombarde 568-1968, Milano, Baldini e Castoldi, 1995.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 191 03/05/2013 11:11:16
192
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
Lamarezza di fronte allarmistizio di Villafranca spinse molti democratici, e
la Solera con essi, a credere nellef cacia di un altro tipo di azione patriottica che
avesse in Garibaldi il centro propulsore. La preparazione della spedizione dei Mille
vide tutto il gruppo delle patriote milanesi allopera per la raccolta di fondi. Laura
organizz nella propria abitazione una lotteria, mettendo in palio oggetti di sua
propriet e inviando il ricavato allamico Bertani. A partire dal giugno poi diede
vita a un progetto a sostegno della spedizione garibaldina al quale lavor alacre-
mente, intessendo una ftta rete di solidariet al femminile e avvalendosi dellaiuto
di Adelaide Bono Cairoli, con cui strinse un serrato rapporto epistolare tra il giu-
gno 1860 e il luglio 1862. Insieme le due madri italiane contribuirono allela-
borazione del mito garibaldino con la proposizione di una coccarda patriottica re-
cante al centro lef gie delleroe da vendersi in ogni citt lombarda al costo di una
lira. Il successo delliniziativa fu tale da indurre la Solera a riproporre liniziativa
anche in occasione della presentazione del progetto di ofrire ai Mille un vitalizio.
Nel richiedere alla Cairoli solidariet e collaborazione, Laura ofriva una concreta
espressione del valore simbolico assunto dalla spedizione nellopinione pubblica
democratica: se tanti erano stati i seguaci di Garibaldi in Sicilia, solo i Mille pote-
vano a suo dire meritare il segno della riconoscenza dello Stato perch i mille soli
tentarono unimpresa che logicamente savrebbe potuta giudicare impossibile []
i mille soli afrontando con poche e orribili armi il pericolo di 1000 palle contro
ognuno dei loro tiri, si esposero a divenire anche il pasto dei pesci, e a perire sul
patibolo oppure a languire tutta la vita nelle crudeli prigioni del re di Napoli
73
.
Pi tardi la volont di afrontare la questione irrisolta di Roma e Venezia con
la creazione di una guardia nazionale, richiesta da Garibaldi deputato a Napo-
li come espressione concreta del sogno democratico della nazione armata, trov
ancora una volta Laura pronta alla mobilitazione e decisa a riproporre la formula
della lotteria per raccogliere i fondi necessari allimpresa. Consapevole del valore
fortemente evocativo dellimmagine del generale, non esit inoltre a ricorrere alla
vendita di suoi ritratti autograf, senza tuttavia riscuotere il successo sperato.
Le reazioni suscitate dal drammatico ferimento di Aspromonte ofrono
unimmagine estremamente signifcativa del livello raggiunto dal mito garibaldino
nellimmaginario collettivo. Laura stessa ofr allamica e collaboratrice Noerina
No una descrizione dellaccaduto ricca di tonalit epiche: in quella posizione
[] non solo avrebbe potuto distruggere completamente il corpo che lo attacc,
ma occorrendo, tener testa a uno che fosse stato dieci volte pi numeroso. Rinun-
ciare in questa occasione alla vittoria, al suo prestigio di invincibilit, era un dove-
73 Laura Solera Mantegazza ad Adelaide Bono Cairoli, Milano, 4 maggio 1861, Biblioteca civica
Bonetta, Archivio Cairoli, cart. 320, fasc. 95, n. 1.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 192 03/05/2013 11:11:16
193
4. Laura Solera Mantegazza tra militanza politica e impegno sociale
re; ma la sublimit di questo dovere, quantaltri fuori di lui, ofeso, assassinato, lo
avrebbero saputo raggiungere?
74
.
Accorsa alla fortezza del Varignano per prestare al generale assistenza e soste-
gno, la donna giungeva a esclamare in una lettera a Nicostrato Castellini: oh con
quanta gioia gli darei le mie due gambe inutili, o quasi!
75
.
Continui nelle lettere di quei mesi gli accenni a Garibaldi come santo mar-
tire, secondo Cristo, grande apostolo, sublime credente, luce del popolo,
adoratissimo angelo nostro, nostro salvatore, in un crescendo di esaltazione
devozionale fortemente imbevuta di elementi religiosi.
Totalmente annullata nellassistenza alleroe, concretizzatasi nel fornirgli le
prime flacce ricavate da un lenzuolo che provvidenzialmente aveva condotto con
s, si accontentava di poterlo vedere pochi minuti al giorno, il tempo suf ciente
per rassicurarsi e commentare per lettera allamica Noerina: egli era in s buono
stato quando lho lasciato. Pareva per nulla smagrito e ancora pi bello di prima.
Dopo alcuni giorni di cure assidue era riuscita a entrare in confdenza con
il Generale, che scherzosamente la chiamava donna Laura e le regalava sorrisi
divini. Indotta ad allontanarsi dalloggetto della sua adorazione dallarrivo al suo
capezzale di Jessie White Mario, candidamente confessava di sentirsi una colpe-
vole egoista trascurando tanti doveri per legoismo di sentirmi qualche volta dare
un ordine da lui, ordine che chiunque potrebbe eseguire
76
.
La miracolosa guarigione di Garibaldi ricondusse Laura a una prassi flan-
tropica e politica fatta di quotidiani e concreti interventi a favore dei progetti
democratici, dove tuttavia la fgura delleroe dei due mondi emergeva in tutta la
sua forza carismatica. Tra le diverse iniziative spicca limpegno profuso per il Bazar
Garibaldi, progettato nel gennaio 1864 con lausilio di Noerina No, Caterina
Foldi Raiberti, Lucia Prinetti Adamoli, Ismenia Sormani Castelli e di altre signore
milanesi, e consistente nellorganizzazione di un emporio, i cui proventi avrebbero
dovuto essere destinati al Generale qualora la forza degli avvenimenti gli [avessero
porto] una felice occasione di liberare i fratelli schiavi. Gli oggetti da vendere
avrebbero dovuto essere oferti da noti patrioti italiani, vicini alleroe e partecipi
con lui della creazione del mito garibaldino.
Nelle intenzioni dellorganizzatrice il Bazar avrebbe dovuto estendersi anche
ad altre citt italiane: contatti erano stati presi da Giovannina Lucca con Giovanni
Cadolini per Cremona e a Torino si era cercato di coinvolgere Grazia Mancini e la
74 Eadem a Noerina No, Spezia, 5 settembre 1862, Museo Centrale del Risorgimento di Roma,
Archivio Bruzzesi, cart. 97, fasc. 32, n. 1.
75 Eadem a Nicostrato Castellini, Varignano, 20 ottobre, 1862, in Castellini, G. Pagine garibaldine
(1848-1866), Torino, Bocca, 1909, pp. 125-126.
76 Ibidem.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 193 03/05/2013 11:11:16
194
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
madre Laura Beatrice Oliva, mentre a Genova la stessa Laura era in relazione con
un gruppo di signore che avevano dato vita a un associazione femminile di mutuo
soccorso su modello di quella milanese.
Non dato conoscere lesito delliniziativa. Nel luglio comunque lesperienza
sembrava conclusa. Le incomprensioni nate tra le protagoniste del Bazar e le dif-
fcolt incontrate avevano minato una profonda e radicata convinzione di Laura:
la fducia nella pervicace ostinazione femminile nel perseguire obbiettivi concreti:
Non ne parlate con gli uomini aveva scritto a Noerina nel settembre 1862 a
proposito della raccolta di fondi a favore dei garibaldini dopo Aspromonte al-
trimenti ci guastano le cose. Essi pi che noi possono e sanno dare la vita; ma in
queste pratiche manca loro la persistenza e lostinazione
77
.
A ci si aggiunse il progressivo deterioramento delle sue condizioni di salute.
Limpossibilit di prendere parte attiva alle iniziative legate allo scoppio della terza
guerra di indipendenza fu motivo di profonda frustrazione. Ancora una volta la
fgura di Garibaldi ritornava prepotente nel suo immaginario tanto da indurla a
sentirsi colpevole e a temere che leroe non fosse pi soddisfatto di lei: lo temo
malcontento di me perch pot pensare alla possibilit di un malcontento mio
verso di lui (!) e pi perch non so pi far nulla e questo mi accora grandemente.
Oh che lo salvi Iddio, porgendogli il premio tanto meritato di vedere la patria
libera
78
. Perfno nel momento della pi profonda af izione in occasione della
frma dellarmistizio con lAustria, il suo pensiero tornava al generale, con il desi-
derio di confezionare per lui un punch come quello che portava in Aspromonte.
E fu ancora un mantello tessuto con le sue stesse mani a segnare lultimo estremo
omaggio di Laura alleroe pochi mesi prima di morire e lultima testimonianza di
una vita per dirla ancora con Laura Guidi densamente militante.
77 Laura Solera Mantegazza a Noerina No, Sabbioncella, 25 settembre 1862, Museo Centrale del
Risorgimento di Roma, Archivio Bruzzesi, cart.97, fasc. 32, n. 4.
78 Laura Solera Mantegazza a Noerina No, Bernareggio, 26 giugno 1866, Museo Centrale del
Risorgimento di Roma, Archivio Bruzzesi, cart. 99, fasc. 81, n. 3.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 194 03/05/2013 11:11:16
5. Mazzinianesimo e radicalismo nei carteggi
della Romussi-Lazzati nella seconda met
dellOttocento
Altea Villa
Obiettivo del mio intervento presentare i risultati di una ricerca sulla vita e latti-
vit di due donne milanesi, Cristina Lazzati Rossi e Maria Romussi Lazzati (madre
e fglia), che nel corso dellOttocento non solo furono testimoni delle vicende che
interessarono il nostro Paese, ma parteciparono attivamente alla promozione di
campagne ideali quali lindipendenza nazionale, la causa mazziniana, il pacifsmo,
lemancipazione femminile. Le fonti che mi hanno permesso di condurre tale in-
dagine sono gli epistolari delle due donne, e in particolare della madre, conservati
presso larchivio privato Carlo Romussi di Milano
79
.
Grazie alle lettere ricevute dalle Lazzati mi possibile oggi tracciare un proflo
biografco essenziale di due soggetti le cui esperienze politiche, rimaste totalmente
in ombra fno a questo momento, aggiungono a mio parere un tassello non insigni-
fcante alla storia delle donne milanesi durante il Risorgimento e nei primi decenni
postunitari. Devo chiarire fn da subito che risulta dif cile collocare in una categoria
politica defnita la militanza delle due, ma soprattutto di Cristina Lazzati Rossi;
volendo trovare degli aggettivi che possano descrivere momenti del suo impegno,
sceglierei quello di mazziniana, ma anche di garibaldina, pacifsta, emancipazioni-
sta, radicale. Come si pu notare, si tratta di aggettivi che, rinviando tutti al campo
democratico, fanno di Cristina Lazzati e anche della fglia due esponenti di un mo-
vimento vasto e variegato, che comprende al suo interno numerosi personaggi con
le quali le due donne entrarono in contatto nel corso della loro vita.
79 Linventario dellarchivio Carlo Romussi stato pubblicato: Massari, S. (a cura di) Carlo Romussi
1847-1913. Inventario dellArchivio, Torino, Edizioni Visual grafka, 2007.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 195 03/05/2013 11:11:16
196
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
Due vite non comuni
Cristina Rossi nasce a Milano nel 1823; della famiglia non sappiamo molto, solo
che il padre Francesco un ingegnere, mentre della madre Maria Calvi non abbia-
mo notizie. Nel necrologio scritto per la morte di Cristina, nel 1913, si sottolinea
come la sua fosse una distinta e storica famiglia milanese, che tutto sacrifc per la
liberazione dItalia, e tanto fu perseguitata nei tristi tempi del servaggio
80
.
Se per quanto riguarda la formazione patriottica di Cristina, allinterno del
nucleo familiare, sono in possesso unicamente di supposizioni, mi possibile di-
mostrare come fn nella giovinezza la donna fosse su posizioni repubblicane. Nel
1848 la Rossi ebbe un primo ingenuo contatto con Giuseppe Mazzini, al quale
don una coccarda tricolore durante il suo soggiorno milanese nel maggio 1848.
Il patriota genovese rispose con un biglietto, gentile quanto impersonale, per rin-
graziare la donna che gli aveva inviato lomaggio.
Se tale dono pu apparire poco signifcativo, non lo afatto alla luce della
corrispondenza che i due si scambieranno negli anni Sessanta, di cui parler pi
avanti. Altro evento rilevante per la vita e per lopinione politica della Rossi il
matrimonio, celebrato nel 1850, con il ragioniere Osvaldo Lazzati (1822-1887).
La famiglia Lazzati estremamente patriottica, e vede i suoi componenti impegna-
ti nelle Cinque giornate di Milano. Osvaldo e i fratelli saranno arrestati nel 1852:
se il marito di Cristina viene rilasciato dopo un periodo di detenzione, il cognato
Antonio, implicato nei moti milanesi del 6 febbraio 1853, rischia lesecuzione tra
i martiri di Belfore
81
, ma scampa fortunosamente alla morte e rimarr il Lazzati
pi famoso della famiglia.
Le lettere presenti nellarchivio Romussi sono relative al lavoro della Rossi
Lazzati a partire degli anni Sessanta, quindi non dir nulla sugli anni Cinquanta,
se non che nel 1851 nacque lunica fglia dei Lazzati, Maria, altra protagonista
della mia ricerca.
Dopo lUnit dItalia Cristina collabora attivamente con Laura Solera Mante-
gazza, dividendosi tra le numerose societ che compongono luniverso dellassocia-
zionismo femminile milanese. Tale collaborazione ha inizio con le raccolte di fondi
per i volontari garibaldini, organizzate fn dal 1860
82
con lotterie e bazar che per-
mettono di inviare cibo, medicinali e camicie rosse ai combattenti. Le numerose
iniziative, tra cui possibile ricordare il Soccorso a Venezia e il Dono per le camicie
rosse, vengono tutte coordinate dalla Societ Patriottica Femminile; questa associa-
80 Un altro lutto in casa Romussi, in Il Secolo, 12 aprile 1913.
81 Luzio, A. I martiri di Belfore e il loro processo, Milano, Cogliati, 1916; pp. 232-233.
82 Se ne parla, per esempio, in una lettera di Laura Solera Mantegazza ad Agostino Bertani, datata
20 maggio 1860; Milano, Civiche Raccolte Storiche, Fondo Bertani, cart.35, plico 146, lettera 262.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 196 03/05/2013 11:11:16
197
5. Mazzinianesimo e radicalismo nei carteggi della Romussi-Lazzati
zione, di cui si hanno scarse informazioni, viene forse costituita in seno allAssocia-
zione Unitaria Italiana, dato il suo costante legame con Agostino Bertani.
Cristina Lazzati e la fglia, ancora bambina, cominciano a prender parte alla
Societ prima donando denaro e oggetti, e poi diventando volontarie per la rac-
colta degli stessi doni nelle diverse campagne. Quando, nel 1862, la Solera Man-
tegazza fonda lAssociazione Generale di Mutuo Soccorso per le operaie milanesi,
Cristina fgura tra i membri del comitato esecutivo, rivelando la sua sensibilit
nei confronti non solo dellidea di patria, ma anche pi ampiamente verso il pro-
blema sociale femminile. In questo periodo la Rossi Lazzati diviene una corri-
spondente di Giuseppe Mazzini, il quale la ritiene una valida sostenitrice della
causa repubblicana. Le lettere che i due si scambiano tra il 1862 e il 1870 non
sono molte, ma contengono gli elementi pi caratteristici del mazzinianesimo
femminile: limportanza dellimpegno e dellattivit femminile, anche sulla scena
pubblica, per lunit della patria
83
e la fgura simbolica della madre-cittadina come
fulcro delleducazione patriottica dellindividuo
84
. In una lettera che Mazzini invia
nellagosto 1862 a Maria, ma che vuole le venga consegnata solo nel giorno del
suo matrimonio, o, in alternativa, al compimento del suo ventesimo anno, scrive:
serbate questo ricordo di un uomo il cui pensiero, morendo, sar sentiero da-
more, per quante fanciulle italiane costituiranno la pi alta speranza della Patria
nascente, educando s stesse, e pi tardi i loro fgli, e sempre tutte coloro che mo-
veranno nella loro sfera, a sperare, ad agire e combattere, perch lItalia sia Una,
Grande, Virtuosa e Devota, al Giusto, al Vero, al Bello, a Dio e alla sua legge, che
Progresso per tutti. E voi, ne ho fede, sarete fra quelle
85
.
Anche se Cristina Lazzati fu solo una delle tante corrispondenti di Mazzini,
ci non toglie che questi la considerasse unottima lavoratrice, e le dichiarasse
in voi fdo
86
.
Lattivit internazionale
Nel corso degli anni Sessanta, ma soprattutto degli anni Settanta, la Lazzati non
svolge solo compiti legati allassociazionismo milanese, ma segue anche una serie
83 Gazzetta, L. Una doppia rivoluzione. Il mazzinianesimo femminile tra etica e politica, pagg.39-
40, in Bertolotti, M. (a cura di) La nazione dipinta. Storia di una famiglia tra Mazzini e Garibaldi,
Milano, Skira editore, 2007.
84 Gazzetta, Una doppia rivoluzione cit. p. 41.
85 Giuseppe Mazzini a Maria Lazzati, 6 agosto 1862; Archivio Carlo Romussi, 13, 06, 04
86 Giuseppe Mazzini a Cristina Lazzati Rossi, 17 settembre 1866; Archivio Carlo Romussi, 13, 06, 08.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 197 03/05/2013 11:11:16
198
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
di attivit collaterali nel campo del pacifsmo internazionale. Prima con il marito,
e in seguito anche con la fglia, socia della Lega per la pace e la libert, fn dallan-
no della sua fondazione a Ginevra, nel 1867. Questa lega, il cui fne principale
la costruzione di unEuropa democratica aperta a sviluppi socialisti
87
, vede tra i
suoi membri Charles Lemonnier, lo stesso Garibaldi, Ernesto Teodoro Moneta
e gode quindi di un respiro realmente internazionale. La famiglia Lazzati segue da
vicino le attivit dellassociazione, attraverso il suo giornale, LEtats Unis dEurope,
e tramite i congressi. Durante il congresso di Lugano, nel settembre del 1872, le
Lazzati conoscono Marie Goegg. La svizzera Goegg, nata Pouchelin, non era solo
membro della Lega per la pace, ma aveva introdotto tra le questioni da afrontare
nella Lega quella femminile, fatto che aveva destato non pochi scontri tra i suoi
membri. Fondatrice, nel 1870, dellAssociazione Internazionale delle donne, viene
considerata uno dei simboli del femminismo internazionale; quando conosce i
Lazzati da qualche mese vice-presidente di una nuova organizzazione femminista
internazionale, nata da una costola della precedente, lAssociazione per la difesa dei
diritti della donna
88
. Questa nuova associazione vede, oltre a un comitato centrale,
anche numerosi comitati locali dislocati sia in Europa sia negli Stati Uniti; quello
italiano composto da Carolina Varesi e da Gualberta Beccari. Cristina e Maria
Lazzati diventano socie alla fne del 1872, e per qualche tempo non ho notizie su
una loro pi fattiva collaborazione; parallelamente Cristina impegnata nei lavori
per la fondazione e la gestione, a Milano, della Scuola Professionale Femminile.
Dal 1875 al 1880 Cristina Lazzati diviene segretaria e tesoriera del comitato
milanese dellAssociazione per la difesa dei diritti della donna, e riesce in questo
modo a garantire una borsa annuale alle allieve della Scuola Professionale, i cui
progressi sono comunicati al comitato centrale a Ginevra. Con le sue conoscenze
riesce inoltre ad assicurare una serie di adesioni illustri, quali quelle di Benedetto
Cairoli, Agostino Bertani i cui nomi vengono esaltati nelle righe del bolletti-
no trimestrale, chiamato Solidarit. Anche la fglia Maria partecipa fattivamente
allorganizzazione svizzera, scrivendo le corrispondenze in lingua francese per lo
stesso bollettino. I brevi articoli descrivono attentamente il procedere del dibattito
sulla questione femminile in Italia, mettono in evidenza labilit delle studentesse
milanesi premiate e i risultati ottenuti a scuola, riportano necrologi di personag-
gi come Laura Solera e Giulietta Pezzi, oltre agli appunti su letture pubbliche e
congressi. Proprio in seguito a un articolo
89
scritto su una conferenza tenuta da
Vincenzo Brusco Onnis alla Scuola Mazzini sul tema dellemancipazione della
87 Pieroni Bortolotti, F. La donna, la pace, lEuropa. Lassociazione internazionale delle donne dalle
origini alla prima guerra mondiale, Milano, Franco Angeli, 1985, p. 26.
88 Pieroni Bortolotti, La donna, la pace, lEuropa cit, p.163.
89 Solidarit, n. 13, agosto 1877.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 198 03/05/2013 11:11:16
199
5. Mazzinianesimo e radicalismo nei carteggi della Romussi-Lazzati
donna, Maria riceve una lettera del patriota, gi corrispondente della madre, che
loda il suo lavoro:
Vedere qualche fanciulla italiana consacrarsi, come voi fate, ai serii e utili studi,
e, disdegnosa di ogni frivola occupazione, porre lanimo e la mente a ci che
pi conferisce ad afrettare i grandi ideali dellumano progresso, , credetelo, un
sommo conforto alla povera vita mia
90
.
Verso la fne degli anni Settanta limpegno di Cristina Lazzati si concentra
soprattutto sul pacifsmo e sullemancipazionismo. Il 1879 un anno chiave per
lei; infatti diviene socia e segretaria della sezione milanese dellitaliana Lega della
Libert, Fratellanza e Pace, dove lavora a stretto contatto con Paolina Schif, e con
lavvocato e giornalista del Secolo Carlo Romussi, che quello stesso anno diventa
suo genero.
Inoltre il nome della Lazzati fgura nel comitato esecutivo della Lega pro-
motrice degli interessi femminili, fondata da Annamaria Mozzoni, e da ci si pu
dedurre che abbia avuto rapporti anche con questo fondamentale personaggio
del femminismo italiano, anche se non sono presenti testimonianze a questo ri-
guardo. Negli anni Ottanta le Lazzati, alle quali si aggiunge ora Carlo Romussi,
continuano a promuovere le cause che stanno loro a cuore, in particolar modo la
Scuola Professionale femminile, di cui rimangono ispettrici; bisogna rilevare che
entrambe vengono considerate punti di riferimento per chi necessiti di una solida
base dappoggio nella citt di Milano. Utile esempio lamicizia che Cristina e
Maria stringono con Giorgina Craufurd Saf ; questa, inglese e sposata con il pa-
triota romagnolo Aurelio Saf , una fervente mazziniana che molto combatte per
la patria, per listruzione, per la lotta alla prostituzione
91
. In una lettera del 1883
92

la Saf appare impegnata anche sul fronte dellirredentismo e si rivolge a Cristina
Lazzati perch aderisca e difonda a Milano e in Lombardia delle schede a sostegno
di Trieste libera.
Grazie al matrimonio di Maria con Carlo Romussi, le due donne entrano in
una nuova fase di impegno politico e sociale, che legata al gruppo dei radicali mi-
lanesi, di cui fa parte anche Felice Cavallotti, molto vicino alla famiglia Romussi.
Maria Lazzati diventa membro di numerose societ di mutuo soccorso, di cui
il marito spesso presidente, e segue da vicino le vicende che impegnano Carlo
Romussi, che nel 1896 diviene direttore del quotidiano Il Secolo.
90 Vincenzo Brusco Onnis a Maria Lazzati, 7 settembre 1877; Archivio Carlo Romussi, 13, 23, 01.
91 Gazzetta, L. Giorgina Saf . Contributo alla storia del mazzinianesimo femminile, Milano, Franco
Angeli, 2003.
92 Giorgina Saf a Cristina Lazzati Rossi, 4 gennaio 1883; Archivio Carlo Romussi, 22, 11, 10.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 199 03/05/2013 11:11:16
200
Capitolo 3. Identit e percorsi di donne nella sfera pubblico-politica del lungo Ottocento lombardo
Del lavoro della madre Cristina, divenuta vedova nel 1887, non abbiamo pi
notizie; certo che lintera famiglia viene fortemente scossa dallarresto di Romus-
si in seguito ai moti del 1898. Dopo il processo in cui viene giudicato colpevole,
luomo resta per tredici mesi nel carcere di Finalborgo, ad Alessandria. In questo
frangente molti dimostrano solidariet alla famiglia; per esempio Edoardo Porro
scrive a Maria: Possano i giorni futuri compensarla delle amarezze soferte per la
cecit e la cattiveria degli uomini che reggono il povero paese nostro
93
!
Come si pu notare da questa breve testimonianza, la carcerazione di Ro-
mussi lascia il segno nellopinione pubblica italiana e internazionale; numerose
iniziative vengono organizzate per fare pressione sul governo af nch conceda
lindulto ai detenuti politici; tra queste la pubblicazione dellopuscolo Pro Amni-
stia, la raccolta di fondi, e la difusione di migliaia di schede raf guranti Turati,
Romussi e De Andreis.
Cristina Lazzati Rossi muore, come abbiamo visto, nel 1913; non si hanno
ulteriori dati sulle sue attivit negli ultimi anni di vita, anche se lecito pensare
che un personaggio di tale proflo non abbia mai rinunciato allazione, fossanche
solo costituita da un attento esame della situazione politica e della questione fem-
minile.
La fglia Maria, che rimane vedova nel 1913 e muore nel 1938, non toccher
mai nel Novecento il grado dimpegno che aveva raggiunto tra gli anni Sessanta
e gli anni Ottanta dellOttocento, quando accompagnava la madre; rimane per
membro di numerosissime opere pie e societ di mutuo soccorso.
93 Edoardo Porro a Maria Romussi Lazzati, 9 settembre 1899; Archivio Carlo Romussi 3, 10, 01.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 200 03/05/2013 11:11:16
CAPITOLO 4
Che genere di nazione?
a cura di Raffaella Bianchi
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 201 03/05/2013 11:11:16
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 202 03/05/2013 11:11:16
Introduzione
Raffaella Bianchi
Women as a whole where divided between those who did and those who did
not contributed to the nations moral well-being
1
Questa sezione si interroga sul genere della/nella nazione italiana nel perio-
do storico che prelude e precede lUnit nazionale, identifcato dallemergere del
concetto di italianit. I seguenti contributi giocano sullambiguit con cui il
titolo della sezione viene espresso che intrinseca nelluso del termine genere
nella lingua italiana. Qui, genere si riferisce sia al flone accademico di studi di
genere, che ha arricchito di nuove prospettive epistemologiche e metodologiche
lanalisi storica e delle scienze sociali negli ultimi decenni, sia alluso corrente della
parola genere, vale a dire tipo. Il termine evoca anche un altro ambito che
quello della cultura; genere si riferisce infatti allambito artistico, nelle accezioni
genere letterario o musicale, ecc. Gli interrogativi che le studiose si pongono
nelle pagine seguenti ruotano attorno a questi tre concetti che sono interrelati
e prendono via via diverse connotazioni nei loro contributi. Si tratta, quindi, di
ricerche di storia culturale che utilizzano lanalisi di genere nellintento di arricchi-
re il concetto di nazione, defnita come costrutto culturale. Sulla scia degli studi
pubblicati sul ruolo del genere nei nazionalismi, come, per citare solo due studi
comparati, limportante saggio edito a cura di Ida Blom, Karen Hagemann e Ca-
1 Landes, J.B. Visualizing the Nation. Gender, Representation and Revolution in Eighteen-Century
France, Ithaca and London, Cornell University Press, 2001, p.16.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 203 03/05/2013 11:11:16
204
Capitolo 4. Che genere di nazione?
therine Hall
2
e, avvicinandoci alla nostra area geografca dinteresse, le rifessioni
di Alberto Banti
3
sul genere nel nazionalismo europeo, ci interroghiamo sullim-
portanza dellidentit di genere nel discorso nazionale italiano. Nellinterrogarci
sulla funzione di uomini e donne, di femminilit e di mascolinit nella costruzio-
ne immaginaria (e non) della nazione italiana sin dai suoi albori, riscopriamo un
concetto di italianit costruito attraverso queste stesse femminilit e mascolinit,
e in esse incarnato.
Il 2011 segna il centocinquantesimo anniversario dellunit italiana. Quale
momento migliore per rifettere sul concetto di nazione? Eppure questanalisi non
sembra essere centrale nella vita intellettuale della Penisola. Sar che lera della glo-
balizzazione ha reso la nazione un vestito un po fuori moda, non adatto alla nuova
temperie politico-economica. Sar che la nazione italiana come costrutto culturale
viene attaccata dal di dentro, da campanilismi e regionalismi trasformatisi in istan-
za politica disgregante. Comunque, un partito spesso tacciato di razzismo del nord
che ha riassegnato un signifcato separatista a uno dei simboli dellunit dItalia,
il coro verdiano Va pensiero utilizzato nei rituali leghisti di Pontida, dovrebbe in-
durre a una rifessione profonda, anche in chiave storica, sui simboli identitari di
questo Paese in relazione al discorso nazionale. Quella italiana, oggi, si confgura
come unidentit che viene giocata in occasione dei mondiali di calcio, ma che ri-
esce di dif cile defnizione, e la cui storia di formazione politico-culturale sembra
essere sparita dagli scafali delle maggiori librerie, dove davvero raro trovare una
sezione specifca dedicata alla storia del Risorgimento. Sembra quasi che nella vita
culturale italiana vi sia una sorta di rimozione intellettuale, un vuoto ontologico
attorno al concetto di nazione. E non mi pare un caso che i contributi seguenti
vengano da studiose che per la maggioranza vedono la nazione da una prospettiva
esterna, dove linterrogarsi sulle specifcit della cultura italiana sintreccia con
storie dincontro con lAltro, attraverso vissuti personali di migrazioni fsiche e/o
intellettuali in territori stranieri delle scriventi.
La nazione di Serena Guarracino una nazione altra in quanto sia la catego-
ria di genere, sia il concetto di italianit si costruiscono in relazione con lAltro. Il
cantante dopera italiano qui soggetto migrante e oggetto di uno sguardo altro
attraverso il quale opera e identit italiane vengono identifcate nel contesto della
Londra di fne Settecento alle prese con una ridefnizione della stessa identit in-
glese, preparatoria alla conquista coloniale. In unepoca in cui i castrati dominano
i palcoscenici operistici, litalianit viene associata al femminile, o meglio allefe-
2 Blom, I.; Hagemann, K.; Hall, C. (a cura di) Gendered Nations. Nationalisms and Gendered Order
in the Long Nineteenth Century, Oxford e New York, BERG, 2000.
3 Banti, A.M. LOnore della Nazione. Identit sessuali e violenza nel nazionalismo europeo dal XVIII
secolo alla Grande Guerra, Torino, Einaudi, 2005.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 204 03/05/2013 11:11:16
205
Introduzione
minatezza, contrapposta a unidentit inglese virile e scevra dambiguit sessuali
e sessuate. Questo contributo si situa cronologicamente alla fne del Settecento,
un momento di costruzione identitaria rilevante per la Penisola italiana. Secondo
Banti, il termine Italia o italiano veniva utilizzato dal 1796, nella trattatistica
legale
4
, e noi studiose di cultura musicale, inizieremo a veder apparire queste ac-
cezioni anche nei titoli di alcune opere a cavallo dellOttocento, come LItaliana in
Londra (1778) di Domenico Cimarosa e le celeberrime opere rossiniane LItaliana
in Algeri (1813) e Il Turco in Italia (1814). Si tratta comunque di unitalianit in
nuce che si defnisce nellincontro e nel confronto con lAltro. Trovo interessante
notare come la rappresentazione di genere sui palcoscenici operistici di questo pe-
riodo sia contraddistinta da una maggiore ambiguit rispetto alle epoche appena
successive, oggetto della mia ricerca
5
, quando la comunit nazionale diventa un
costrutto politico-immaginativo pi sentito Un esempio interessante di questo
cambiamento di sensibilit viene rilevato nella critica teatrale, infatti, nella Gaz-
zetta Privilegiata di Milano qualche decennio dopo, il 14 Novembre 1831, il ve-
stimento da uomo, costume di scena della cantante Giuditta Grisi, viene criticato
in quanto non confacente alla sua gentil fgura
6
. Le rappresentazioni di genere
cambiano quando sui palcoscenici operistici viene decretata la fne dei castrati. Si
tratta non solo di un cambiamento di gusto, ma anche di un mutamento generale
del rapporto tra genere e politica nel discorso nazionale e nella percezione stessa
del genere in ambiti diversi della vita ottocentesca dove si assiste a un generalizza-
to irrigidimento delle categorie genere/sessualit. Il genere maschile e femminile
nel Risorgimento viene defnito rigorosamente in relazione al sesso e nemmeno il
teatro dopera pu pi rappresentare un luogo di ambiguit, anzi viene a essere il
palcoscenico privilegiato che mette la donna sul piedistallo della rappresentazione
del discorso nazionale.
Un periodo risorgimentale che viene analizzato da Simonetta Chiappini nelle
sue peculiarit musicologiche, dove lulteriore cambiamento di centralit delle voci
4 Per una storia delluso del termine Italia e italiano nel Risorgimento, a partire dalla trattati-
stica legale, attraverso i pamphlet politici fno ad arrivare a un uso pi generalizzato, si veda Banti,
A.M. La Nazione del Risorgimento. Parentela, santit e onore alle origini dellItalia unita, Torino, Ei-
naudi, 2006, pp. 3-29.
5 Il mio dottorato di ricerca si concentra sul periodo della Restaurazione analizzando il ruolo poli-
tico del teatro alla Scala di Milano nel Risorgimento dal ritorno degli austriaci alle Cinque Giornate.
Mentre recentemente ho pubblicato un articolo sulla funzione della cultura operistica nella costru-
zione identitaria nazionale in Italia e in Turchia: Bianchi, R.; Coskun, B. Opera across the Borders:
the construction of Italian and Turkish national identities, in Guarracino, S.; Vitale, M. (a cura di)
Music Across Borders: Music and the Performance of Identity. Anglistica, vol. 13, n. 2, 2009, pp. 59-70.
6 Appendice critico-letteraria teatrale e di variet, in Gazzetta Privilegiata di Milano, n. 365, 31
December, 1831, pp. 1-2.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 205 03/05/2013 11:11:16
206
Capitolo 4. Che genere di nazione?
sui palcoscenici operistici, da quelle contraltili rossiniane allegemonia dei soprani
degli anni trenta dellOttocento, viene spiegato in rapporto alle diverse funzioni
del femminile nel discorso nazionale. I soprani, donne inserite in un contesto di
desiderio precipuamente eterosessuale, ispiratrici di furori che si ridestano prepa-
ratori alle stragi che sapprestano
7
, sono usati strumentalmente nella costruzione
speculare di una mascolinit che diventa sempre pi monolitica e univocamente
espressa dalla fgura delleroe
8
. Queste fgure di donna-nazione sono immaginarie
e insieme reali nella loro corporalit, una corporalit che rappresenta idealmente
e fsicamente la costruzione del corpo della nazione. Donne immaginarie come
Norma, ma anche reali che recitano e vivono battaglie ideali, sul palcoscenico e/o
nella vita culturale del tempo, come la cantante e patriota Giuditta Pasta. Una vita
culturale che afascina per la sua ricchezza, quella raccontata da Giulia Frontoni
dove troviamo le donne come operatrici culturali nella costruzione della nazione,
in relazione con il mondo tedesco
9
. Questo contributo sinserisce nel flone di
rifessione che sottolinea limportanza della comunit famigliare nella costruzione
della comunit nazionale
10
. Mentre il ruolo tradizionale delle donne nei movi-
menti nazionali si esplica in relazione alluomo, la donna fonte di ispirazione e di
supporto alla battaglia, la funzione patriotica si inserisce nel suo ruolo di nutrice
dei fgli e, per esteso, della nazione. Sacrifcando lamore, sia esso romantico o f-
liale per il fne politico della costruzione delle comunit nazionali, la donna viene
a incarnare la nazione stessa. Benedetta Gennaro ci presenta anche una tipologia
di donne altre, combattive e combattenti in prima persona. La femminilit nella
costruzione del discorso della nazione viene presentata in questi contributi nella
sua declinazione plurale, dapprima da forme di genere meno defnite in chiave
eterosessuale, come nei palcoscenici operistici visitati da Guarracino, che sono in
contrappunto con le forme di femminilit pi convenzionali, come nel caso delle
madri nella sfera pubblica europea analizzate da Frontoni, ma si delineano anche
fgure altre che assumono nuove funzioni, trasformandosi con il passare degli
7 Romani, F. I Capuleti e I Montecchi: musica di Vincenzo Bellini, Atto primo, consultabile online:
http://www.librettidopera.it/capumon/capumon.html
8 Heller, W. Reforming Achilles: Gender, opera seria and the rhetoric of the Enlightened hero,
in Early Music. Metastasio, 1698-1782, vol. 26, n. 4, November 1998, pp. 562-581.
9 Per luso del termine tedesco durante il Risorgimento per riferifersi in maniera generalizzata ai
popoli di lingua tedesca e in particolare allelemento dominante austriaco, si veda Frontoni, G. Odio
gli Austriaci: Donne italiane tra amicizia, legami familiari ed interessi politici nel 1848/49. (Italy and
Emotions: Perspectives from the 18th century to the present. London, Te Association for the Study
of Modern Italy Annual Conference, 27 28 Novembre).
10 Per un recente contributo in questo senso si veda Ngaire Heuer, J. Te Family and the Nation.
Gender and Citizenship in Revolutionary France, 1789-1830, Ithaca and London, Cornell University
Press, 2005.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 206 03/05/2013 11:11:16
207
Introduzione
anni e col mutare delle esigenze politiche, come il cangiante ruolo dei contralti ana-
lizzato da Chiappini per gli anni Trenta o il giudizio sulle donne in armi registrato
dalla Gennaro alla vigilia delle Guerre dIndipendenza.
La funzione pubblica e politica di queste femminilit al plurale, lo sguardo
di e verso queste donne sul piedistallo rappresentato dal palcoscenico, nella sfera
pubblica borghese internazionale o nel chiuso della scrittura nelle loro stanze tutte
per s e sugli aperti campi di battaglia, al centro della nostra rifessione. Dal
punto di vista epistemologico, non si tratta pi solo di ampliare la prospettiva
dindagine dalla storia tradizionalmente intesa come narrazione al maschile a una
storia al femminile, ma di scardinare e ricontestualizzare il contenuto stesso di
identit nazionale attraverso una (ri)lettura di genere. Si tratta di rifettere sulla na-
zione da una prospettiva femminista che considera il genere non un dato biologico
ma una categoria costruita socialmente dove femminilit e mascolinit entrano in
un gioco di relazioni di signifcato e questa relazione diventa costrutto nazionale.
Questo non signifca che la ricerca storica non debba concentrarsi sulla storia al
femminile: troppi secoli di storia scritta dagli uomini, o incentrata su personalit
maschili, hanno lasciato la storia delle donne come un tema marginale e margi-
nalizzato, e i seguenti contributi sono centrati attorno a fgure femminili proprio
nellintento di colmare questa lacuna di potere e di sapere.
Ma riteniamo che questa storia al femminile si possa e si debba inserire in una
prospettiva di ricerca pi ampia, dove una prospettiva femminista metta in discus-
sione non solo il femminile, ma anche il maschile, e dove femminilit e mascoli-
nit (al plurale) have a meaning in relation to each other, as a social demarcation
and cultural opposition
11
. Se vero, come sostiene Benedict Anderson, che lim-
magine della tomba del milite ignoto satura di ghostly national imaginings
12

che si giocano sulla relazione tra nazionalismo e morte, allora i corpi femminili
immaginati e reali rimandano alla connessione tra nazionalismo e vita. Verso que-
sto collegamento sembrano indirizzare gli studi che analizzano la nazione come
comunit immaginata usando le tematiche di genere come strumenti metodolo-
gici. Lormai classico studio di Nira Yuval Davis sul genere e la nazione
13
vede la
fgura del combattente, protettore della nazione e quella della donna, riproduttrice
della nazione, come correlate e speculari nella costruzione del discorso nazionale.
Questa specularit delle funzioni assegnate al femminile e al maschile nel discorso
nazionale ben si coniuga con la visione di Banti di un discorso del nazionalismo
europeo costruito attorno alle metafore di sangue e parentela. Come questa fun-
11 Connel, R. Masculinities, Sydney, Polity Press, 1999, p. 44.
12 Green, A. Cultural History, Basingstoke, Palgrave Macmillan, 2008, pp. 109.
13 Yuval-Davis, N. Gender and Nation, London, SAGE, 1997.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 207 03/05/2013 11:11:16
208
Capitolo 4. Che genere di nazione?
zione sia interconnessa con il desiderio e quale la sua funzione in rapporto alle
strutture egemoniche di mascolinit
14
, sono argomenti che auspichiamo vengano
ripresi e ampliati per il periodo risorgimentale, ed esplorati anche nello studio di
altri periodi storici fondamentali per la costruzione dei discorsi sulla comunit
nazionale italiana.
Questo interrogarsi sui pericoli di una nazione basata sul concetto di unioni
di sangue e di legami famigliari vuole anche essere unagenda di ricerca con una
funzione politica precisa in un momento delicato per il nostro Paese. Ci teniamo
a sottolineare come la nazione incarnata nei corpi e costruita sulle metafore e i
desideri che circondano il senso dei legami famigliari abbia chiare ricadute po-
litiche. Per esempio, Banti vede in questo costrutto culturale uno dei fattori alla
base dellaggressivit europea verso lAltro, che sfocia nella Grande Guerra del
secolo scorso. Vorremmo altres sottolineare come un nazionalismo costruito su
immagini che sottolineano i legami di sangue come il cemento della nazione possa
rivelarsi poco capace di accogliere culturalmente lAltro, quello che, mosso dalla
speranza, oggi si presenta alle nostre frontiere, bussando alle porte della Fortezza
Europa. Come non interrogarsi come storiche culturali sulla capacit dinclusione
delle nazioni europee di fronte allesplosione di razzismo in unEuropa sconcertata
dagli efetti della globalizzazione? Ma il nostro studiare la storia del discorso nazio-
nale per interrogarsi sul genere di nazione che abbiamo di fronte oggi ha anche
una caratterizzazione di genere pi precisa. Come San Tommaso vogliamo pun-
tare il dito della nostra analisi nella piaga del corpo delle donne strumentalizzato
nella costruzione immaginaria della politica italiana. Vediamo la rappresentazione
del femminile che viene veicolata dalle donne al potere nel contesto di una pi ge-
neralizzata volgarizzazione mediatica del corpo delle donne, ma ci interroghiamo
anche sullo specifco della strumentalizzazione di tale corpo nella politica italiana.
Andando alle origini del rapporto tra genere e poteri in Italia, interrogandoci su-
gli sguardi desideranti e le funzioni del femminile e del maschile alle radici della
sua costruzione identitaria, si auspica di contribuire a una rifessione intellettuale
pi ampia sulla strumentalizzazione dei corpi e degli immaginari femminili nella
politica italiana. Rifessione che speriamo si approfondisca alla ricerca degli ele-
menti di una specifcit che ha portato a una rappresentazione del femminile e del
maschile nellItalia odierna che, come intellettuali e come donne, consideriamo
altra, un genere di nazione al quale non sentiamo di appartenere.
14 Desiderio, defnito come cathexis e hegemonic masculinities sono due interessanti ambiti di
studio delle mascolinit teorizzati da Connell cit.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 208 03/05/2013 11:11:16
1. Laltra nazione: cantanti (e) castrati italiani
nella Londra del diciottesimo secolo
Serena Guarracino
Nel suo ultimo lavoro, dal titolo emblematico Sacrifcium (2009), la mezzosoprano
Cecilia Bartoli reinterpreta leredit dei cantanti castrati non solo attraverso le arie
pi note anche al pubblico contemporaneo come Ombra mai fu dal Serse di George
Friedrich Handel (1734) o Son qual nave dallArtaserse (1738) di Riccardo Broschi,
ma proponendo anche molto materiale registrato per la prima volta in questa occasio-
ne
15
. Sulla copertina che campeggia nella sezione classica di HMV a Oxford Street,
a pochi isolati dalla casa di Handel a Londra Bartoli si ritrae come castrato, il corpo
un nudo marmoreo maschile privo di organi genitali su cui la testa della cantante
svetta come un gesto di conquista della voce castrata da parte dellinterprete donna.
Loperazione di Bartoli si inserisce in una tradizione gi consolidata, in cui il reperto-
rio dei castrati stato interpretato da cantanti donne a partire dalla met del dician-
novesimo secolo; tuttavia essa mette anche in scena una riappropriazione della musica
scritta per castrati dopo che i recenti successi di controtenori come David Daniels o
Derek Lee Ragin hanno reclamato questo repertorio alla performativit maschile
16
.
Il passaggio delle voci e dei repertori operistici tra corpi maschili e femminili
una caratteristica del genere lirico, e ci lo rende centrale per lo studio e la proble-
matizzazione dellattribuzione del genere sessuale in termini biologici e sociali. Le
eroine travestite della fne dellOttocento incarnano una sfda alla codifcazione del
15 Cecilia Bartoli, Sacrifcium, in collaborazione con Il Giardino Armonico (Decca 2009).
16 Ho gi elaborato una rifessione, per certi versi parallela a questa, sui controtenori e lidentit na-
zionale inglese: vedi Guarracino, S. Voicing the Archive. Sexual/National Politics in Early Music,
in AION Anglistica, n. 8.1-2, 2004, pp. 185-201.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 209 03/05/2013 11:11:16
210
Capitolo 4. Che genere di nazione?
binarismo maschile/femminile sia sul palco sia nella letteratura; questo saggio si sof-
ferma tuttavia su un diverso aspetto di questo fenomeno nel contesto della Londra
del primo Settecento
17
. Sia il Serse di Handel che lArtaserse di Broschi ebbero infatti
la loro prima nella capitale inglese, che vide rappresentate, spesso per la prima volta,
molte delle opere che ancora oggi fanno parte del repertorio barocco. Tuttavia la pe-
culiarit del contesto londinese ne ha segnato la marginalizzazione allinterno della
grande narrativa dellopera italiana; qui infatti le traiettorie dellopera, dellidentit
nazionale e della storia delle donne si incrociano in modalit discontinue rispetto
allinvestimento nellopera come genere nazionale che avviene sul territorio italiano.
Di conseguenza, il concetto stesso di italianit in relazione allopera prende strade
necessariamente diverse sul suolo londinese rispetto a quelle che condurranno alla
costituzione del discorso nazionale italiano sullopera lirica
18
.
Lopera, che domina i teatri europei, un genere di esportazione dagli stati
italiani a partire dal primo Settecento, e contribuisce a creare un immaginario
condiviso sullItalia pur essendo, allo stesso tempo, un fenomeno a cui contribu-
isce tutta lEuropa, a pioneer in globalization come scrive Craig Calhoun
19
. In
particolar modo lopera seria italiana, se non nei compositori (insieme a Scarlatti
e Porpora vanno ricordati Hasse, Mozart, e soprattutto Handel) nella lingua e
soprattutto negli interpreti: John Rosselli defnisce il cantante dopera, almeno
fno agli anni Ottanta dellOttocento, a distinct Italian profession
20
; e se dal
Romanticismo in poi, sulla scia di Wagner e del suo Gesamtkunstwerk, il composi-
tore stato investito di autorit ultima e fnale sulla propria opera, la storiografa
musicale recente ha invece rivalutato la rilevanza delle altre fgure coinvolte in quel
complesso spettacolo che lopera lirica, e in particolar modo quella dei cantanti,
veri e propri divi che spesso non si limitavano a dare corpo e voce ai propri per-
sonaggi in maniera strumentale, ma ne diventavano i creatori veri e propri: come
scrive Ella Rosand, an opera did not exist independent of its singers, [who] transpor-
ted the operatic product to the consumer
21
.
17 Vedi il capitolo Elogio della voce di mezzo. La mezzosoprano nelle scritture femminili nel mio
La primadonna allOpera. Scrittura e performance nel mondo anglofono, Trento, Tangram Edizioni
Scientifche, 2010, pp. 99-124.
18 Sullopera lirica e limmaginario nazionale italiano vedi in particolar modo Morelli, G. Lopera,
in Isnenghi, M. (a cura di) I luoghi della memoria. Simboli e miti dellItalia unita, Roma-Bari, Laterza,
1996, pp. 45-113.
19 Calhoun, C. Foreword, in Johnson, V. Opera and Society from Monteverdi to Bourdieu, Cam-
bridge, Cambridge University Press, 2007, p. xxv; vedi anche Bianconi, L. Il Teatro dOpera in Italia,
Bologna, Il Mulino, 1993, pp. 14-16
20 Rosselli, J. Singers of Italian Opera. Te History of a Profession, Cambridge, Cambridge University
Press, 1992, p. 6.
21 Rosand, E. Opera in 17th Century Venice: Te Creation of a Genre, Berkeley, University of
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 210 03/05/2013 11:11:16
211
1. Laltra nazione: cantanti (e) castrati italiani nella Londra del diciottesimo secolo
Non ho usato il maschile, divi, in maniera casuale, perch la preminenza dei
performer nellopera seria non vede le donne assumere un ruolo di primo piano,
come invece accade in epoche pi tarde. Il divo dellopera barocca, com noto,
invece soprattutto il cantante castrato, una fgura dal fascino innegabile sia per i
contemporanei che per i giorni nostri. Tuttavia, in un panorama post-freudiano
in cui la castrazione vista in termini di femminile
22
viene spesso dimenticato
che i castrati, pur nascendo dal divieto per le donne di esibirsi in chiesa e nei teatri,
non fungevano da surrogato delle cantanti donne, con cui condividevano il palco
in tutti i contesti al di fuori dello Stato pontifcio
23
. Lopera barocca inglese, al
contrario, mostra non solo come castrati e donne non si escludessero reciproca-
mente, ma come entrambe queste tipologie di performer siano coinvolte nellarti-
colazione di un discorso nazionale inglese e, di rifesso, italiano.
Lopera italiana rappresenta una presenza constante a Londra almeno dal
1708, anno in cui il castrato napoletano Nicolino Grimaldi, detto Nicolini, fece
la sua prima apparizione nellopera Pirro e Demetrio di Alessandro Scarlatti al Dru-
ry Lane Teatre
24
. Lopera fgura qui tra i protagonisti di un momento fondante
della storia della cultura britannica, alle prese con le prime spedizioni coloniali e
la nascita di una stampa giornalistica nazionale: il giornalismo di Robert Steele e
Joseph Addison, in seguito entrato nel canone letterario anglofono, si confronta
con lopera lirica italiana, istituita come termine di paragone rispetto allidentit
nazionale inglese in formazione in quegli anni. La voce operistica rappresenta
qui ci che Homi Bhabha defnisce un sovrapporsi continuo di categorie nel
discorso nazionale: categorie come sessualit, classe, o una pi generale diferenza
culturale rimarcano come la nazione sia la misura della marginalit presente
nella modernit culturale
25
. Lidentit nazionale si rivela abitata dal fantasma del
proprio altro, perch pu costituirsi solo mediante la costituzione di unalterit
California Press, 1991, p. 221.
22 Luce Irigaray riscrive il processo di soggettivizzazione della bambina elaborato da Freud alla luce
del femminismo in questi termini: simpone quindi la prova della castrazione. [] Lumiliazione
dessere cos mal provvisto, di fare una fgura tanto misera, in confronto al pene, lunico sesso, suscita
inevitabilmente la voglia di avere qualcosa di simile, e sarebbe questa la molla del divenire una
donna normale, secondo Freud; Irigaray, L. Speculum. De lautre femme, Paris, Les ditions de Mi-
nuit, 1974, trad. it a cura di Muraro, L. Speculum. Laltra donna, Milano, Feltrinelli, 1989 (corsivo
nel testo).
23 Il veto per lesibizione delle donne era basato su un passo della Prima Lettera ai Corinzi di San
Paolo (14, 34), secondo cui mulier taceat in ecclesia, le donne devono tacere in chiesa; vedi Heriot,
A. Te Castrati in Opera, London, Calder and Boyars, 1956, p.9.
24 Burney, C. General History of Music, New York, Dover Press, 1957 [1776-89], p. 659.
25 Bhabha, H.K. Te Location of Culture, London, Routledge, 1994, trad. it. di Perri, A. I luoghi
della cultura, Roma, Meltemi, 2001, p. 197.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 211 03/05/2013 11:11:16
212
Capitolo 4. Che genere di nazione?
che si identifca, in questo caso, con il soggetto migrante del cantante dopera
italiano e castrato.
Questo altro, in un percorso che si innesta allinizio delle narrative nazionali
occidentali, naturalmente un altro femminile: nelle scritture del tempo lopera,
come scrive Tomas McGeary, il feminine other in contrasto al quale si scrive
il carattere maschile (e aggiungerei bianco) dellidentit nazionale inglese
26
. In
un commento sulla Beggars Opera di John Gay (1728), che rappresent uno dei
pi riusciti tentativi di risposta autoctona alla popolarit dellopera italiana, Jona-
than Swift scrive che la musica italiana inadatta al nostro clima settentrionale e
al genio del nostro popolo, cos che siamo soprafatti dallefeminatezza italiana,
e dalle sciocchezze italiane
27
. Lutilizzo ripetuto dellaggettivo Italian signi-
fcativo: lefeminatezza si associa infatti a una ben defnita identit, culturale se
non ancora strettamente nazionale, che appunto italiana e che indicata come
elemento oppositivo nei confronti del quale defnire the genius of the people.
piuttosto signifcativo, tuttavia, che questa efeminatezza non sia costrui-
ta su un corpo femminile, bens su quella rappresentazione anormativa del cor-
po sessuato che il corpo castrato. Si assiste qui a una dicotomia radicale tra la
rappresentazione discorsiva dellopera italiana come altro femminile e il ruolo
delle cantanti donne allinterno di questo stesso panorama. Un caso di particola-
re importanza per defnire questo paradigma riguarda quella che fu forse la pi
importante cantante inglese del tempo, Mrs. Katharine Tofts, la cui storia rappre-
senta la sconftta della tradizione inglese a opera dellinvasore, il castrato italiano
e androgino: nel 1708, si legge ad esempio in una lettera di Lady Wentworth alla
fglia, la cantante si rifut di cantare alla prima di Pirro e Demetrio perch the
Etallian Nicolini era in ritardo
28
. Questo episodio si inserisce in un immagina-
rio da guerra culturale che caratterizza i resoconti dei tentativi del teatro inglese
di opporsi allavanzata italiana. Un esempio rappresentato da Charles Burney,
primo musicologo contemporaneo, in cui lesotismo dellopera contrastato da
26 McGeary, T. Gendering Opera: Italian Opera as the Feminine Other in Britain, 1700-42, in
Journal of Musicological Research, n. 14, 1994, pp. 17-34.
27 Tis Comedy likewise exposeth with great Justice that unnatural Taste for Italian Musick among
us, which is wholly unsuitable to our Northern Climate, and the Genius of the People, whereby we
are over-run with Italian Efeminacy, and Italian Nonsense. Swift, J. A Vindication of Mr. Gay, and
the Beggars Opera, in Te Intelligencer, n. 3, 1729, p. 25 [traduzione mia].
28 Rupert Christiansen cita questo brano a testimonianza di ci che egli defnisce uno dei primi
episodi di divismo e di quella capricciosit che in seguito diventer caratteristica della fgura pubblica
della primadonna; vedi Christiansen, R. Prima Donna. A History, London, Pimlico, 1995, 13.
Un altro episodio, riguardante invece la rivalit tra Mrs. Tofts e la cantante italiana Margherita de
lEpine, raccontato da George Hogarth nel suo Memoirs of the Musical Drama, London, Richard
Bentley, 1838, pp. 243-244.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 212 03/05/2013 11:11:16
213
1. Laltra nazione: cantanti (e) castrati italiani nella Londra del diciottesimo secolo
una percezione ben defnita dellidentit nazionale, e della minaccia portata a essa
dallinsediamento di un genere straniero. Larrivo dellopera italiana una vera e
propria invasione del suolo britannico:
1708. Con unimprovvisa rivoluzione nella politica teatrale, Betterton e la sua
compagnia [] hanno completamente abbandonato il loro territorio di Hay-
market agli invasori stranieri []. [] Questo cantante [Nicolini] non arriv in
Inghilterra che a fne anno, e fu allora che la falange dellopera marci da Drury
Lane a Haymarket in gennaio, quando, il giorno quattordici dello stesso mese,
essi aprirono la loro prima campagna sotto il Generale Swiney
29
.
In questo panorama, Mrs. Tofts diventa lepitome della sconftta britannica.
Le cronache menzionano un non meglio defnito disagio mentale allorigine del
suo ritiro dalle scene a seguito di questo e altri episodi: ancora nel 1957, Dennis
Arundell ce la descrive in preda al delirio, imprigionata nel suo ruolo pi famo-
so, quello di Camilla regina dei Volsci. Lopera Camilla di Bononcini era stata
rappresentata per la prima volta il 30 marzo 1706 con libretto Englished, ossia
tradotto in inglese: ed nellinglese nazionale che Mrs. Tofts celebra nella follia la
propria passata gloria
30
.
Con il ritiro di Mrs. Tofts, la fgura della cantante inglese scompare dai palco-
scenici londinesi; non scompaiono per le cantanti donne, che mancano tuttavia
di visibilit, anche negli studi contemporanei, rispetto ai pi famosi cantanti ca-
strati. In questo contesto, che sembra anticipare in maniera involontaria proprio
il paradigma freudiano, la donna scompare sotto il peso della castrazione. Nella
Londra della prima met del Settecento, cos come nelle altri corti dEuropa che
intendessero fregiarsi di unautentica stagione di opera italiana, il corpo del can-
tante soprattutto quello del divo castrato; tuttavia, laddove mancasse un castrato
non si rifuggiva dallingaggio di cantanti donne. Fino alla prima met del 1720,
prima dellingaggio di Senesino, la Royal Academy of Music basava il proprio
prestigio sulla presenza del soprano Margherita Durastanti, a cui furono af date
tutte le parti da primo uomo della stagione e in particolar modo il ruolo da pro-
29 1708. By a sudden revolution in theatrical politics, Betterton and his company of comedians
[] abandoned their dominions in the Hay-market wholly to foreign invaders []. [T]his per-
former [Nicolini] did not come to England till the end of the year, and the opera phalanx marched
from Drury-Lane to the Hay-market in January, when on the 14
th
of that month, under General
Swiney, they opened their frst campaign. Burney, General History cit., p. 660 [traduzione mia].
30 Arundell, D. Te Critic at the Opera, London, Ernest Benn Limited, 1957, pp. 177-78; vedi
anche Christiansen, Prima Donna cit., p.18.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 213 03/05/2013 11:11:17
214
Capitolo 4. Che genere di nazione?
tagonista nel Radamisto di Handel (1720)
31
. Tale casting seguiva criteri secondo
cui la nazionalit e una certa formazione musicale avevano la priorit rispetto alle
convenzioni di genere: litalianit dellinterprete, maschile o femminile che fosse,
garantiva lautenticit dello spettacolo operistico come intrattenimento esotico
per le classi benestanti della Londra che in quegli anni diventava capitale coloniale
con lascesa della compagnia delle Indie Orientali e quella dei Mari del Sud, di cui
Handel era azionista
32
.
Nel novembre 1720 larrivo di Senesino e di altri cantanti permise alla Royal
Academy di mettere in scena uno spettacolo unico in tutta Londra, con un cast
composto esclusivamente da cantanti italiani
33
. Insieme a castrati come Senesino,
che rilev il ruolo di Radamisto da Durastanti, arrivarono anche Faustina Bordoni
e Francesca Cuzzoni: la rivalit tra i sostenitori di queste due dive occupa i giornali
dellepoca in maniera non molto dissimile da quella che caratterizzer, nel secolo
successivo, il binomio Pasta/Malibran o quello ancora pi recente Tebaldi/Callas.
Bordoni, meglio nota come Faustina, cre interpretandoli per la prima volta
i ruoli di Alceste in Admeto (1727), Emira in Siroe (1728) ed Elisa in Tolomeo
(1728). Cuzzoni cre invece il ruolo di Emilia in Flavio di Handel (1723) e Aste-
ria in Tamerlano (1724), nonch la Cleopatra del Giulio Cesare (1724), una delle
poche opere handeliane a essere rappresentate oggi
34
.
I personaggi che ho menzionato fnora sono tutti ruoli femminili, e non un
caso: con larrivo dei castrati i ruoli si stabilizzano, e mentre costoro impersonano
leroe, o primo uomo, le cantanti donne si appropriano sempre pi stabilmente del
ruolo di prima donna, o interprete femminile principale. Non si tratta di una pras-
si rigida: Durastanti, ad esempio, potr interpretare sia Gismonda in Ottone (al
fanco di Cuzzoni e Senesino), sia Sesto nel Giulio Cesare
35
. Lassegnazione delle
parti resta una questione di opportunit, ma anche di caratteristiche dei diversi
cantanti, che danno forma ai personaggi in concerto con il compositore: Larue
sottolinea come i protagonisti handeliani di questi anni, che condividono molte
caratteristiche, furono scritte per lo stesso interprete
36
. da notare per che men-
tre Durastanti, che aveva creato il ruolo eponimo nel Radamisto, veniva pi spesso
utilizzata in ruoli sia maschili che femminili, le due primedonne, arrivate a Londra
in un momento successivo, crearono esclusivamente ruoli femminili, relegando
31 Vedi Larue, S.C. Handel and His Singers. Te Creation of the Royal Academy Operas, 1720-1728,
Oxford, Clarendon Press, 1995, 81-82.
32 Vedi Harris, E. Handel the Investor, in Music & Letters, n. 83. 2004, pp. 521-575.
33 Larue, Handel cit., 144-180.
34 Ivi, p. 159 e 138.
35 Ivi, p. 83.
36 Ivi, p. 125.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 214 03/05/2013 11:11:17
215
1. Laltra nazione: cantanti (e) castrati italiani nella Londra del diciottesimo secolo
i castrati a ruoli maschili. In questo, tali cantanti (inclusa Mrs. Tofts) sembrano
anticipare la grande stagione delle dive dellopera che caratterizzer lOttocento
europeo e, colonizzando il repertorio femminile, aprono la strada alle grandi so-
prano romantiche. Con la scomparsa dei castrati e dellopera seria, saranno infatti
i personaggi femminili a prendere il sopravvento (emotivo se non numerico) nelle
narrative nazionali di cui lopera fa parte, personaggi che diventeranno, non pi a
Londra ma in unItalia ormai in formazione, la voce della patria.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 215 03/05/2013 11:11:17
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 216 03/05/2013 11:11:17
2. Leroina romantica tra passione e martirio.
Storia di una rivoluzione vocale
Simonetta Chiappini
Che disgrazia Pap mio, avere una fgliola disgraziata tribolata come sono io!
Pap mio tanto venerato e caro! Ti prego di mandarmi la tua benedizione tutte le
sere che mi conforti e mi aiuti a sofrire, addio! E a guarire!
37
.
15 marzo 1856: cos Matilde, scrive allamatissimo padre lontano, al gran-
de Alessandro Manzoni. Matilde sarebbe morta di tisi undici giorni dopo, senza
il conforto della sua presenza, invocata invano e tanto a lungo. Figlia trepida e
appassionata, Matilde ha i tratti delleroina dopera ottocentesca, pronta al sacrif-
cio, ad annullarsi, a sperare, pur con qualche fnale momento di ribellione, come
canta Violetta nella verdiana Traviata: Gran dio, morir si giovane! (III, VII).
La devozione al padre una costante delle protagoniste del melodramma otto-
centesco: Senza padre, maledetta (II, VIII) intona in Oberto conte di Bonifacio,
Leonora, una delle numerose eroine verdiane straziate dal rimorso e dal confitto
tra il mondo dei padri e il diritto alla felicit dei fgli. Felicit che balugina un
solo momento e fugge poi lontano, lasciando come unica via, come per Matilde,
il sacrifcio, il martirio, la morte. Meno di un secolo prima, quando questo diritto
alla felicit era stato sancito dalla Costituzione americana, i ruoli genitoriali non
erano cos univocamente delineati e limmaginario familiare appariva pi diver-
sifcato e fuido
38
. Ma cosa intervenuto tra Sette e Ottocento a ridisegnare cos
profondamente lorizzonte dei rapporti familiari e sociali? Perch una pesante cap-
pa di piombo, intessuta di lacrime e martri, avvolge il destino delleroina?
37 Manzoni, M. Journal, a cura di Garboli, C. Milano, Adelphi, 1992, p. 60.
38 Bizzocchi, R. Una nuova morale per la donna e la famiglia, in Storia dItalia, Il Risorgimento
(Annali), vol. XXII, a cura di Banti, A.M.; Ginsborg, P., Torino, Einaudi, 2007, pp. 69- 96.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 217 03/05/2013 11:11:17
218
Capitolo 4. Che genere di nazione?
Se il culto delle lacrime una specifcit dellestetica romantica, la sensibilit
femminile ne indubbiamente la depositaria privilegiata; tutta la sua vita, proprio
per le condizioni di segregazione e di minorit in cui si svolge, costituisce un
virtuoso laboratorio della soferenza, attraverso cui il senso della vita e della storia
si rivela, illuminandosi di luce segreta. Il personaggio femminile, ardente seguace
della rousseauiana legge del cuore, acquista unimportanza sempre pi centrale,
fno a diventare il perno afettivo e narrativo intorno al quale si svolge la vicenda
melodrammatica. Martiri predestinate alla sconftta esistenziale le donne tradu-
cono in splendido canto la loro capacit di sofrire. Ma possiamo andare oltre:
la moralizzazione del melodramma, auspicata da Mazzini nella sua Filosofa della
musica del 1836
39
, in vista della redenzione politica dellItalia, passa attraverso la
creazione di eroi salvifci, capaci di riscattare lonta del passato attraverso il sangue
del martirio. Ma il personaggio sicuramente pi adatto a interpretare questo ruolo
soteriologico, che pi di tutti sceglie limmolazione, non tanto il tenore virile,
ma egocentrico, quanto la vibrante eroina operistica, capace di totale ed esemplare
oblazione di s.
Ma come viene espressa e codifcata questa centralit femminile nello speci-
fco vocale e interpretativo del melodramma romantico? Per rispondere bisogna
partire pi da lontano, dal presupposto che luso della voce in senso artistico sia un
fenomeno storico e come tale in continua e complessa costruzione e trasformazio-
ne. Si dice spesso di un cantante: ha una voce naturale, ma di naturale il cantante
ha solo lapparato fonatorio, non il modo in cui lo usa. Inoltre la voce e la gola
sono organi sessuali secondari, la produzione vocale quindi ha indubbiamente a
che vedere con lidentit sessuale e con la sfera sessuale in genere
40
; il che si presta
a notevoli rifessioni per chi voglia afrontare il problema del rapporto tra voce e
struttura sociale in unottica antropologica
41
.
39 Mazzini, G. Filosofa della musica, note di lettura di Stefano Ragni, Pisa, Domus mazziniana,
1996.
40 Per una stimolante analisi etnomusicologica che collega lemissione vocale folklorica con i com-
portamenti legati ai temi dellonore, della gelosia e della sessualit si vedano: Lomax, A. Nuova ipo-
tesi sul canto folkloristico italiano, in Nuovi Argomenti, n. 17-18, novembre 1955-febbraio 1956,
pp.108-135; ripreso da: Leydi, R. La musica dei primitivi. Manuale di etnologia musicale, Milano,
Il Saggiatore, 1961. Per lerotismo legato alla voce operistica interessanti, ma talvolta unilaterali, i
pareri di Daolmi, D.; Senici, E. Lomosessualit un modo di cantare. Il contributo queer allin-
dagine sullopera in musica, in Saggiatore musicale, a VII, 2000, n. 1, pp. 137-178 e di Beghelli,
M. Erotismo canoro, in Saggiatore musicale, a VII, 2000, n. 1, pp. 122-136; Per unopposizione
tra maschile semantico e femminile vocalico e per il primato del canto sulla parola nel melodramma
si veda: Cavarero, A. Voci del melodramma in A pi voci. Filosofa dellespressione vocale, Milano,
Feltrinelli, 2003.
41 Per uno sguardo generale sulla fenomenologia della voce si veda: Bologna, C. Voce, in
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 218 03/05/2013 11:11:17
219
2. Leroina romantica tra passione e martirio. Storia di una rivoluzione vocale
Che cosa cambia nella voce e nel personaggio femminile, fnita lera dei castrati e
dei cicisbei, sulla scena del nuovo cristianesimo romantico? Sicuramente labolizione
del castrato durante la campagna napoleonica in Italia fu salutata da intellettuali quali
Parini, Pindemonte, Salf, Gioia e Foscolo stesso, come il segnale di un necessario rin-
novamento del melodramma, ormai ridotto a stanto genere di intrattenimento di un
mondo corrotto e privilegiato. Castrato da una parte, cicisbeo dallaltra sono stati per
tutto i Settecento oggetti di feroce critica da parte degli osservatori italiani e stranieri,
giudicati esempi entrambi di mollezza, di difusa mancanza di carattere e di impegno
civile
42
. Daltra parte la nuova concezione della famiglia e del matrimonio, basata sugli
afetti e sulla fedelt coniugale, garantita dalla specchiata moralit della donna, moglie
e madre esemplare
43
, costituiva la base necessaria dellauspicato rinnovamento sociale
e politico, il fondamento stesso del progetto nazionale ottocentesco.
Esiste un Ancien Rgime musicale e vocale, parallelamente a quello sociale e
politico, che entra in crisi e subisce un mutamento, progressivo e sostanziale, tra
la fne del Settecento e i primi decenni del secolo successivo, con un punto di
arrivo e sistemazione intorno agli anni trenta dellOttocento. Una vera e propria
rivoluzione che arriva a codifcare in modo nuovo e funzionale i ruoli vocali, la
tecnica di emissione, la struttura e il signifcato della performance operistica. Il
cambiamento investe ambiti diversi: innanzi tutto i ruoli delleroina sono da qui
in avanti interpretati esclusivamente da donne e non pi anche dai castrati. Non
un mutamento da poco, sintomatico di un atteggiamento realistico e moraliz-
zante tipico del teatro romantico, caratterizzato dalla defnizione naturalistica dei
ruoli sessuali. Con la scomparsa del castrato, macchina per cantare artifciosa e
mirabolante
44
, dalla sessualit (e voce) ambigua e perturbante, viene meno anche
Enciclopedia, vol. XIV, Torino, Einaudi, 1981, pp.1257-1292; inoltre: Barthes, R. La grana della
voce, in Lovvio e lottuso, Torino, Einaudi,1986; Cavarero, A. A pi voci. Filosofa dellespressione
vocale cit.; Chiappini, S. Peripezie vocali, in Folli, sonnambule, sartine. La voce femminile nel melo-
dramma italiano dellOttocento, Firenze, Le Lettere, 2006, pp. 167-210.
42 Sullidea di rinascita morale intesa come necessit di rivirilizzare il popolo italiano, il cui de-
grado rappresentato come una femminilizzazione caratterizzata dallinettitudine e dallozio si
veda Patriarca, S. Indolence and regeneration: tropesand tensions of Risorgimento patriotism, in
Te American Historical Review, 110 (2005), n. 2, pp. 380-408.
43 Il pensiero di J.J. Rousseau intorno alla donna e alla famiglia (V libro dellEmilio, Giulia o la
Novella Eloisa, Emilio e Sofa o i solitari,) produsse un impatto di lunga durata nella societ e nella
sensibilit del Settecento e, ancor pi, del secolo successivo. Per la posizione degli intellettuali italiani
come Muratori, Baretti, Chiari, Verri si veda: Guerci, L. La sposa obbediente. Donna e matrimonio
nella discussione dellItalia del Settecento, Torino, Tirrenia Stampatori, 1988.
44 Vedi la voce evirato curata da Fedele dAmico in Enciclopedia dello spettacolo, vol. IV, Roma,
Sadea, 1975, pp. 1719-1723; Martha Feldman, Denaturing the Castrato in Te Opera Quarterly,
XXIV (2008), n. 3-4, pp. 178-199; Per lerotismo della voce castrata: Barthes, R. S/Z. Una lettura
di Serrasine di Balzac, Torino, Einaudi, 1970.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 219 03/05/2013 11:11:17
220
Capitolo 4. Che genere di nazione?
labitudine idealizzata e aristocratica di attribuire a cantanti uomini o donne par-
ti indiferentemente maschili o femminili. Nellopera barocca il primo amoroso
poteva essere un musico castrato o donna en travesti, che cantavano in tessitura di
contralto o di soprano. La voce naturale maschile era considerata troppo rozza e
quindi inadeguata a esprimere i languori dellinnamorato, allinterno del gusto
androgino per la meraviglia vocale, per lallegoria e lastrattezza, atta a dipingere il
mondo mitico e divino degli dei e delle ninfe. Al tenore (in epoca barocca barite-
nore) venivano af date parti di antagonista, vecchio padre, confdente, caratterista.
Nella vocalit romantica, inoltre, a partire da Bellini, ma soprattutto da Donizetti
(anni Trenta-Quaranta), la spinta di tutte le voci verso lacuto diviene evidente: si
viene a creare la voce del tenore, cos come noi oggi la intendiamo, nella direzione
della moralizzazione della virilit canora: il tenore non pi solo lamoroso, ma
soprattutto un eroe vocale, maschilmente teso verso lo slancio imperioso della-
cuto. Lesplosivo barrito canoro che lo caratterizza il frutto di una svolta tecnica
e di un cambiamento del gusto. Al cantante viene ora richiesto di raggiungere gli
estremi della tessitura non pi schiarendo e femminilizzando la voce, ma man-
tenendo, attraverso la tecnica della copertura
45
, la caratteristica maschile della
voce stessa. Dal canto suo il soprano, dora in poi sempre donna, mira costante-
mente in alto, come a volere imitare la ballerina in tut sulle punte, per raggiun-
gere una sfera ideale in cui le passioni possono esprimersi al di l delledonismo
virtuosistico, raggiungendo i limiti estremi della dedizione sentimentale. Per tutte
le voci, insomma, non c pi posto per ambiguit sessuali o per il gusto degli ab-
bellimenti, che caratterizzavano il regno del castrato. Le forettature e i melismi
46

devono ridursi, grazie alla tensione verso lespressivit musicale, verso una scrittura
eroica e ricca di slanci sentimentali e morali. Si viene cos a creare la tipica coppia
romantica del passo a due: soprano lei, tenore lui, giovani, innocenti, innamorati,
minacciati dal destino e dai perfdi antagonisti, baritono e mezzo-soprano.
Ma qual il destino del contralto, timbro scuro, corposo e intenso, che aveva
costituito (sia per le cantanti donne che per i castrati) il fulcro dellespressivit pre-
romantica, fno a Rossini? Alla scomparsa del castrato Rossini oppose la lussureg-
giante vocalit del contralto donna, medio e profondo, impegnato sia nelle parti
di civetta e amorosa (Rosina del Barbiere di Siviglia siamo nel 1816) oppure nelle
creazioni en travesti di giovinetti dal fascino virilmente efebico come Arsace nella
Semiramide, in cui la doratura vellutata del timbro, le ombrosit del registro di petto,
lo splendore degli acuti e la precisione degli abbellimenti richiamano sicuramente la
45 Il meccanismo detto della copertura ottenuto con labbassamento della laringe che, limitando
il naturale assottigliarsi delle corde vocali nellottava superiore, rende possibile l emissione degli acuti
di forza a piena voce.
46 Abbellimenti virtuosistici in cui il cantante vocalizza emettendo pi note sulla stessa vocale.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 220 03/05/2013 11:11:17
221
2. Leroina romantica tra passione e martirio. Storia di una rivoluzione vocale
maestria e lermafroditismo vocale dei contraltisti castrati. Finita, intorno agli anni
Trenta, la stagione del contralto rossiniano, assistiamo a una profonda mutazione:
let del romanticismo, caratterizzata dalla predilezione delle zone acute della voce,
simbolicamente cariche dei valori innovativi della tensione giovanile allideale, se-
gna, se non la fne, sicuramente la drastica riduzione nellutilizzazione di questa voce
preziosa. La messa in ombra del contralto avviene seguendo due direttrici diverse
ma complementari: da una parte, con la generale tendenza allinnalzamento delle
tessiture vengono valorizzate le voci medie rispetto alle gravi (quindi il baritono, al
posto del basso e il mezzo-soprano al posto del contralto), dallaltra a queste voci me-
die vengono ora attribuiti non pi i ruoli da protagonista, ma quelli di antagonista,
di solito caratterizzati negativamente rispetto ai valori etico-sacrifcali incarnati dal
tenore e dal soprano, intorno a cui ruota tutta la costruzione drammatica dellopera
ottocentesca, che sottende e giustifca ladesione al discorso nazionale.
Infatti, se in altri momenti della storia del gusto musicale (come nelle opere
mozartiane o nel bel canto rossiniano) la pienezza giovanile era accompagnata alle
voci testosteronicamente vigorose e vellutate; in altri, come nel romanticismo, la
giovinezza assimilata alla purezza, lingenuit e lo slancio. Si costruirono quindi
i presupposti per la valorizzazione della vocalit tesa e luminosa del tenore e del
soprano e per lidentifcazione delle voci gravi maschili, come il basso, con la vec-
chiaia, il potere o la gravit sacerdotale. La voce media del baritono cominci a
impersonare luomo maturo, il rivale, laltro, il cattivo, o il padre.
In questo contesto, che arriv a maturazione con Verdi e Wagner, la vecchia
concezione del contralto venne a decadere, per giungere a esprimere, attraver-
so la voce del mezzo-soprano, il principio antagonistico della rivale, dellaltra
per eccellenza, dellamore profano in antitesi a quello sacro: della donna cattiva,
sensuale, egoista, come a signifcare che la sfera bassa della voce corrisponde,
appunto, alle zone basse della femminilit. la voce della donna socialmente
marginale o riprovevole: zingara, prostituta, maga, adultera. Il canto di Carmen, la
protagonista dellopera omonima di Bizet, in cui rimangono solo alcuni echi delle
profondit contraltili, quello della donna pericolosamente libera, foriera di sven-
ture. un personaggio raro, un unicum nella storia del melodramma ottocentesco,
il cui destino dionisiaco comunque segnato dalla morte tragica.
Pare dimostrato che i suoni bassi siano quelli maggiormente percepiti e graditi
dal feto e della piacevolezza fsica del timbro profondo di bassi e contralti nessuno
pu dubitare
47
. La qualit della voce potente e scura del contralto sembra origi-
nalmente legata allespressione atavica della vitalit, ma proprio per questo appare
sostanzialmente ambivalente: piacevole e afascinante, ma anche scandalosa, proprio
47 Per avvicinare le cognizioni di tecnica vocale si vedano: Fussi, F.; Magnani, S. Larte vocale, Torino,
Omega, 1994 e il classico Vennard, W. Singing: Te Mechanism and the Technic, New York, Fisher,1967.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 221 03/05/2013 11:11:17
222
Capitolo 4. Che genere di nazione?
perch intimamente corporea e quindi legata alla sessualit e alle componenti ar-
caiche delle religioni terrestri. Il timbro del contralto scuro, il range vocale cir-
coscritto alle ottave della tessitura bassa e centrale, vicino quindi a quello delle voci
maschili, in genere dal sol o fa
2
basso in alcuni casi anche mi e mi b
2


come Rossini
scrisse in Ricciardo e Zoraide per Rosmunda Pisaroni , fno a unaltezza variabile,
secondo lo sviluppo vocale e tecnico del periodo: sol
4
in genere (ma anche fno a si
4
o
do). Dopo gli anni Trenta, nellOttocento il vero contralto profondo scompare, tran-
ne che per interpretare, con paradossale logica di negazione, il ruolo asettico della
vecchia. Lesorcizzazione del contralto ci pare in un rapporto non casuale con il ten-
tativo, che percorre tutta la cultura dellOttocento, prima e soprattutto dopo lUnit
italiana, di costruire un discorso nazionale basato sullistituzione di un canone ideale
di donna italica feconda e pura, madre martire di martiri, fondamento della virt
e purezza della Patria. Esemplare a questo proposito la posizione dellinsegnante e
teorico di canto Enrico Panofka, che in Voci e cantanti del 1871 scrive:
un errore comune che il vero contralto sia una voce mascolina. No: questa
voce, notevole pel suo timbro dolce, tenero, qualche volta anche melanconico,
si presta alle parti che rappresentano la donna matura, buona e sensibile; ma che
nello stesso tempo dotata di tal forza di carattere e di tale energia, che le fanno
sopportare con rassegnazione i pi vivi dolori morali, e la rendono suscettibile
anche di esaltazione politica fno a farsi martire del proprio eroismo. Ma tale
eroismo non quello guerriero, bens quello della matrona romana e di molte
donne italiane che, in questi tempi moderni, hanno saputo sfdare il carcere. Che
videro morire i loro fgli per la santa causa della patria senza mormorare contro
la Provvidenza. Esse erano eroine, s ma altrettanto nobili spose e madri adorate;
infne donne nel senso pi sublime della parola
48
.
Sembra scomparire cos la possibilit di sfuggire a una codifcazione che non
ammette deroghe e che circoscrive, pena lanatema sociale, la donna e la sua voce
nella funzione di rassicurante vestale della famiglia. Nel Novecento, ma non in Ita-
lia, il timbro brunito del contralto ritorner ad arricchire, come nel mahaleriano
canto della terra
49
la tavolozza musicale e a esprimere, le forze telluriche di un
femminile non domato.
48 Panofka, E. Voci e cantanti (Firenze 1871), Bologna, Forni 1984, p. 121
49 Das Lied von der Erde una composizione di Gustav Mahler per voci soliste (tenore e contralto,
o baritono) e orchestra composta fra il 1908 e il 1909. Oltre a Mahler nel Novecento utilizzarono la
voce del contralto anche Richard Strauss, Britten, Stravinskij e gli autori di scuola russa come Glinka,
Rimskij- Korsakov, Musorgskij.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 222 03/05/2013 11:11:17
3.Per la generazione che verr.
Limpegno politico femminile nel 1848
negli Stati italiani e tedeschi.
Giulia Frontoni
Fin dalla teoria ottocentesca sulle generazioni di Wilhelm Dilthey, divenne sem-
pre pi frequente per i contemporanei mettere la propria biografa in relazione
con i grandi sconvolgimenti e cambiamenti socio-politici vissuti e i giovani ri-
voluzionari del 1848 sono spesso i primi a essere presi ad esempio
50
. Tuttavia,
sia la formulazione di Dilthey che quelle dei teorici successivi, come Mannheim,
riservano il termine generazione al mondo maschile, mettendo in primo piano sia
determinate modalit di espressione e partecipazione che la conseguente risonanza
dellintervento maschile
51
. innegabile che il concetto di giovent dallOttocen-
to a oggi abbia subito delle modifcazioni, cos come va tenuta presente anche la
diversa accezione del termine per il mondo maschile e quello femminile e le sue
implicazioni. Larticolazione della propria biografa in chiave generazionale, per,
non un fenomeno puramente maschile
52
. Come pi di recente stato notato da
50 Dilthey, W. Introduzione alle scienze dello spirito: ricerca di una fondazione per lo studio della societ
e della storia, tr.it. di De Toni, G.A., Firenze, La nuova Italia, 1974. Per il caso italiano cfr. Balzani, R.
I giovani del Quarantotto. Proflo di una generazione, in Contemporanea, n. 3, 2000, pp. 403-416.
51 Mannheim, K. Le generazioni, Bologna, Il Mulino, 2008. Per unanalisi del concetto di mascoli-
nit in Mannheim cfr. Benninghaus, C. Das Geschlecht der Generationen. Zum Zusammenhang
von Generationalitt und Mnnlichkeit um 1830, in Jureit, U.; Widt, M. (a cura di) Generationen.
Zur Relevanz eines wissenschaftlichen Grundbegrifs, Amburgo, Hamburger Ed., 2005, pp. 127-158.
52 Per unanalisi generazionale delle dinamiche di mutamento sociale del mondo femminile Cfr.
Porciani, I. Women and the writing of national history. Italy, 1860-1914, in Isaacs, A.K. (a cura di)
Political Systems and Defnitions of Gender Roles, Pisa, Edizioni Plus, 2001, pp.107-116; Mori, M.T.
Le poetesse del Risorgimento tra formazione letterararia e controllo morale, in Passato e Presente,
n. 75, 2008, S. 33- 56.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 223 03/05/2013 11:11:17
224
Capitolo 4. Che genere di nazione?
Beate Fitze, gli attori generazionali lottano attraverso i mezzi di comunicazione
nella sfera pubblica per il riconoscimento e lafermazione dei nuovi orientamenti
culturali, che non sono mai del tutto costruiti ex novo, ma vengono elaborati
combinando elementi culturali tradizionali e interpretazioni attuali
53
. Il 1848 con
la maggiore apertura degli spazi pubblici permise lemergere di un discorso fem-
minile di stampo generazionale. Le donne, che parteciparono ai dibattiti in corso,
erano spesso gi sposate da diversi anni, non pi in giovane et (vale a dire al di
sopra dei trenta anni), con gi almeno un fglio, di solito maschio. Dai loro scritti
emerge una particolare lettura degli eventi e una volont di farsi promotrici di
proprie iniziative, come si legge nel Proemio del giornale veneziano Il circolo delle
Donne italiane:
Noi vogliamo prendere parte agli interessi della patria. Noi obbligammo gli sposi
e i fgli a fuggire i teatri; ad operare da eroi pella nostra redenzione; raccogliemmo
le oferte pella patria, vestimmo i militi fratelli, assistemmo gli spedali ora vo-
gliamo fare di pi: vogliamo educare noi e i nostri fglioli. Nessuno potr negare
che il pregiudizio di non istruire le femmine non sia ricaduto sopra agli uomini.
Lamore di patria, lideale di fratellanza che dora in avanti ogni fanciullo berr
col latte e confonder con il bacio materno preparer allItalia una generazione di
eroi, che sar la sua salvezza e il terrore dello straniero
54
.
Il giornale pubblicato a Venezia dalla fne di settembre alla met di ottobre
del 1848 ed redatto da Adele Cortesi e dal Circolo delle Donne Italiane, un
gruppo di donne che si riuniva in modo informale nelle case delle socie durante
le conversazioni serali
55
. Per legittimare il loro operato in un ambito cos cruciale
come il giornalismo la caporedattrice Adele Cortesi non esita a mettere laccento
sulla complementariet femminile al mondo maschile e sul ruolo della donna
nellambito famigliare. La Cortesi riprende cos la funzione tradizionalmente
attribuita alle donne, quella di provvedere alla famiglia, mettendola in relazio-
ne con il proprio vissuto quotidiano di madre, anche se molto probabilmente
un vissuto immaginario. Nel testo si fa, infatti, riferimento a una determinata
fgura di madre: colei che allatta i suoi fgli al seno, che li educa alla solidariet,
allamore di patria e al sacrifcio per essa, inserendosi in un discorso che aveva
53 Fitze, B. Historische Generationen. ber einen sozialen Mechanismus kulturellen Wandels und
kollektiver Kreativitt, Bielefeld, transcript, 2009, pp. 104 sgg.
54 Cortesi, A. Proemio, in Il circolo delle Donne italiane, Venezia, 26 Settembre 1848..
55 Sulla partecipazione femminile al 1848 veneziano cfr. Filippini, N.M. Donne sulla scena po-
litica: dalle Municipalit del 1797 al Risorgimento, in Ead. (a cura di) Donne sulla scena pubblica,
Milano, FrancoAngeli, 2006, pp. 81-137.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 224 03/05/2013 11:11:17
225
3.Per la generazione che verr. Limpegno politico femminile nel 1848 negli Stati italiani e tedeschi
preso piede gi nei decenni precedenti
56
ed esplicitando cos le responsabilit
politiche af date alle donne
57
. Esaltando lesperienza quotidiana femminile del
legame parentale, il giornale Il Circolo delle Donne italiane sostiene la necessit
di coinvolgere le donne, si incarica di metterle al corrente degli avvenimenti
politici e richiede spazi in cui confrontarsi per dare il proprio contributo al
cambiamento in atto
58
.
Vi era, per, chi non mancava di ironizzare su questa percezione dello spazio
dazione femminile. Gi alla fne del Settembre del 1848 Cassandrino, giornale
umoristico di stampo clericale
59
, cos commentava luscita a Roma di un nuovo
giornale: Solo il Giornalismo non aveva avuto donna femmina; or tu, o DONNA
BIZZARRA, hai tolta questunica eccezione, Dio ce la mandi buona. Le Donne
hanno un punto pi del Diavolo; fgurati le donne giornaliste ne avranno un cen-
tinaio, pi di tutto lInferno
60
.
.
Parte integrante di quel giornalismo minore di breve vita
61
, La Donna Biz-
zarra era un settimanale che venne pubblicato dalla fne di settembre alla prima
met di ottobre del 1848 a Roma. Ai suoi esordi il giornale viene presentato come
lennesimo capriccio di una donna, la quale sa di suscitare risate perch ha deciso
di scrivere un giornale
62
. Nonostante il titolo del giornale, la compilatrice Virgina
Gazzini non ha intenzione di interessarsi alla politica, perch di politica non ne
mangio e non voglio fare come i tanti giornaletti foccati come la neve
63
. Al con-
trario di quanto annunciato, per, la Gazzini si occupa di politica: taccia Gioberti
di volubilit, commenta le iniziative femminili nelle altre citt italiane in favore di
Venezia e sprona le donne romane a fare altrettanto.
56 Sulla funzione materna nelleducazione e formazione morale dei fgli cfr. DAmelia, M. Figli,
in Melograni, P. (a cura di) La famiglia italiana dallOttocento ad oggi, Roma-Bari, Laterza, 1988,
pp. 465-523.
57 De Donato, G. Donna e societ nella cultura moderata del primo Ottocento, in De Donato,
G. (a cura di) La parabola della donna nella letteratura italiana dellOttocento, Bari, Adriatica Editrice,
1983, pp.11-86; Soldani, S. Il Risorgimento delle donne, in Banti, A.M.; Ginsborg, P. Il Risorgi-
mento, Storia dItalia, vol. 22, Torino, Einaudi, 2007, pp. 183-224.
58 Cfr. Filippini, Donne sulla scena politica cit., p. 121.
59 Cfr. Della Peruta, F. Il giornalismo dal 1847 allUnit, in Galante Garrone, A.; Della Peruta, F.
La stampa italiana del Risorgimento, in Castronovo, V.; Tranfaglia, N. (a cura di) Storia della stampa
in Italia, vol. 2, Roma-Bari, Laterza, 1979, pp. 249- 465.
60 VEH Che prurito!!!, in Cassandrino, n. 35, Roma, 21 settembre 1848.
61 Dappio, C. I periodici femminili dellOttocento in due biblioteche romane, in Memoria, n. 5,
novembre 1982, pp. 118-122, Cfr. Della Peruta, F. Il giornalismo cit.,
62 Due parole alle signore donne, in La Donna Bizzarra. Giornale politico-critico, n. 1, Roma, 18
settembre 1848.
63 Ibidem.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 225 03/05/2013 11:11:17
226
Capitolo 4. Che genere di nazione?
Il giornale pensato direttamente per le donne perch fra donne ci intendiamo
temo, mentre sarebbe invece troppo pretendere che gli uomini occupati in cose di
pi importanza prestassero orecchio alle nostre frivolezze
64
. Il Cassandrino, invece,
si era accorto di questa nuova presenza nel giornalismo romano e La Donna Bizzarra
tesse con lui fn dal suo secondo numero un vivace battibecco settimanale, rispon-
dendo a tono alle sue critiche: Se, come voi dite, non v male che una donna non
centri, potrei provarvi che anche nel bene molte donne vi hanno fatto parte, forse al
presente ve lhanno. Chi sa forse che le donne, colla loro fnezza non arrivino a sco-
prire cose agli uomini stessi nascoste, e cos esser loro di non poco giovamento?
65
Dopo questarticolo di risposta il Cassandrino ritorna sui suoi passi e inscena
il suo innamoramento ne La Donna Bizzara, che dalle sue pagine si schernisce e
difende il suo onore. Cassandrino inizia a sostenere il giornale femminile, difen-
dendone lonore, afermando che la causa nazionale possa giovarsi proprio della
forza muliebre
66
e arrivando a paragonare La Donna Bizzarra a una novella Geor-
ge Sand
67
, fnch La Donna Bizzarra non cessa improvvisamente le pubblicazioni
nellottobre 1848. Nel mese di novembre Cassandrino confessa che: al quarto d
di sua vita la Donna Bizzarra morta; allora si preser le indagini per la fraterna
necrologia, e che tu sia scorticato! Era un uomo che si avea preso il nome di
Donna. [] Il povero Giornalismo non sa pi oggi chi sia uomo e chi sia donna.
Cassandrino racconta, quindi, un capovolgimento dei ruoli: non una donna
con abiti maschili per partecipare alla rivoluzione, ma un uomo si mascherato
da donna per dar voce alle critiche sulle opinioni e pratiche politiche maschili,
non mancando di ironizzare sulla crescente partecipazione emotiva delle donne
alla rivoluzione.
Parlare dei fgli si rivela nel 1848-49 come un argomento capace di suscitare un
ampio interesse nellopinione pubblica anche femminile. Il riferimento a essa permet-
te alle donne di avanzare una propria interpretazione delle tensioni attuali e unidea di
cambiamento futuro, potendo contare sulla comprensione anche maschile.
Cosi nel 1849 la marchesa Costanza Arconati Visconti scrive da Bruxelles a
Giuseppe Massari: sono persuasa che conviene educare Gian Martino in Italia.
[] Se fossi certa che fra ventanni lItalia sar nelle condizioni presenti non vorrei
che mio fglio fosse italiano e lo educherei in Francia, ma giova pensare a un altro
avvenire e prepararlo per quello
68
.
64 Ibidem.
65 A Cassandrino, in La Donna Bizzarra, n. 2, Roma, 23 settembre 1848.
66 Le donne e le parrucche, in Cassandrino, n. 42, Roma, 7 ottobre 1848.
67 Ibidem.
68 Costanza Arconati Visconti a Giuseppe Massari, Bruxelles 4 Agosto (1849), Archivio del Risor-
gimento di Roma, Fondo Arconati, 383/5.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 226 03/05/2013 11:11:17
227
3.Per la generazione che verr. Limpegno politico femminile nel 1848 negli Stati italiani e tedeschi
importante tenere in considerazione che qui la marchesa Arconati Visconti
sta parlando del suo unico fglio, maschio. Essere madre di un maschio porta con
s un rispetto e anche una responsabilit sociale che va tenuta in considerazione.
Non a caso la tedesca Malwida von Meysenbug scrive, con una certa profusione,
in una delle sue prime lettere a Johanna Kinkel sulle responsabilit di una madre
proprio facendo riferimento alleducazione del fglio maggiore della Kinkel.
Cara signora, insegnate ai vostri fgli ad odiare, che un sinonimo di amare: unu-
nica cosa odiare per sempre e mortalmente il principio dellassolutismo ed amare
ardentemente la libert. Gli si potrebbe raccontare anche dei principi che hanno di-
ritto al ricordo e allimmortalit data dalla storia, nel caso abbiano servito alla causa
civile, riconoscendo le necessit del loro tempo[]: lui imparer a essere giusto.
Ma voi sapete, cosa da insegnargli, [] perch Voi siete sposa e madre giusta
69
.
Nellottobre del 1849 Malwida von Meysenbug inizi a scrivere lettere di
sostegno a Johanna Kinkel, in seguito allincarcerazione del marito di questul-
tima Gottfried Kinkel, rivoluzionario democratico. Il legame di Malwida von
Meysenbug
70
con Johanna Kinkel divenne rapidamente molto stretto. Allepoca
della lettera citata Malwida von Meysenbug era una non pi giovane donna di
33 anni, non sposata non bella, il cui aspetto giovanile stato segnato dagli
ultimi dolori morali e fsici
71
. Proprio a causa delle sue convinzioni politiche
von Meysenbug era in rotta con la sua famiglia aristocratica, che in seguito lasci
per spostarsi ad Amburgo, ove comp la sua formazione come educatrice, e poi a
Londra per seguire i Kinkel. In Inghilterra entr in contatto con gli esuli tedeschi,
russi, ma anche italiani, tanto da diventare amica di Giuseppe Mazzini.
La vita di Johanna Kinkel rappresentava per Malwida von Meysenbug un
esempio: sposata al democratico Gottfried, ne condivideva gli ideali e si era im-
pegnata a sostenerne le iniziative portandole avanti in sua assenza, a vivere in ri-
strettezze economiche e a provvedere anche economicamente ai quattro fgli. Agli
occhi della nubile scrittrice lunione dei Kinkel appariva come la realizzazione del
suo incompiuto desiderio di matrimonio con il giovane democratico Teodor Al-
thaus. Soltanto nella coppia, infatti, avrebbe potuto compiersi il destino politico e
sociale del singolo, come von Meysenbug scrive nel 1849:
69 Malwida von Meysenbug a Johanna Kinkel, Detmold, 19 Dicembre 1849, in Rossi, S. (a cura di)
Briefe an Johanna und Gottfried Kinkel 1849-1885, Bonn, Rhrscheid, 1982, p. 24.
70 Sulla vita di Malwida von Meysenbug cfr. von Meysenbug, M. Ricordi di una idealista, Roma,
Edizione della nuova parola, 1905.
71 Malwida von Meysenbug a Johanna Kinkel, Detmold, 19 Dicembre 1849, in Stefania Rossi,
op.cit., p. 29.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 227 03/05/2013 11:11:17
228
Capitolo 4. Che genere di nazione?
Quando io penso a lei, penso che ora fnalmente conosco una coppia, che unita
nel senso del nuovo tempo, che si ama totalmente e tuttavia conosce un terzo al
di sopra del proprio amore; lumanit, la patria a cui si sacrifcano(..) per questo
voi dovreste essere i suoi martiri e per quanto possa essere triste altrettanto bello.
Sebbene io conosca uomini che anelino a tale destino, non hanno per la donna
giusta e le giuste donne non sono unite agli uomini eroi
72
.
Cos come viene formulato da von Meysenbug, alla donna spetta il compito
di sostegno del marito e ha il dovere di tramandare ai fgli i nuovi ideali politi-
ci democratici per cui afermazione il consorte ha combattuto contro il vecchio
mondo. Le donne diventano le educatrici della prossima generazione, quella dei
futuri cittadini
73
. Questo compito viene percepito e visto come proprio della gene-
razione di Malwida von Meysenbug e di Johanna Kinkel, ma si pu dire che trova
una sua articolazione anche nelle enunciazioni delle donne italiane che partecipa-
no alle mobilitazioni in nome della generazione che verr.
72 Ibidem, p. 25
73 Soldani, S. Prima della Repubblica. Le italiane e lavventura della cittadinanza, in Filippini,
N.M.; Scattigno, A. (a cura di) Una democrazia incompiuta. Donna e politica in Italia dallOttocento
ai nostri giorni, Milano, Franco Angeli, 2007, pp. 41-90.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 228 03/05/2013 11:11:17
4. Donne in armi e Risorgimento
74
Benedetta Gennaro
Nella Toscana del diciannovesimo secolo circolava una stampa popolare intitolata
Il mondo alla rovescia, nella quale dodici diverse immagini ritraevano con ironia
altrettanti improbabili scenari: un asino cavalca il proprio padrone, una coppia
di ovini sotto un albero osserva due uomini che pascolano nelle vicinanze, due
scolari infiggono una punizione corporale al proprio istitutore e una donna che
impugna un fucile mentre suo marito le siede accanto
75
.
In questultima immagine, lo scorcio di vita domestica alla rovescia, nel suo
disordine
76
, mette in discussione la posizione normativa che i due sessi avevano
nella confgurazione gerarchica della societ ottocentesca.
Luomo, seduto sulluscio di casa, tiene in mano un fuso e porta in grembo un
neonato; indossa una gonna rosa e una camicia azzurra. La donna gli accanto,
in piedi, vestita da soldato, sfoggia un cappello piumato e impugna una baionetta
con la mano sinistra. La didascalia che accompagna il disegno recita:O quanti in
rimirar quel ch qui fatto/A se stessi diran: il mio ritratto.
La forzatura implicata nellinversione rivela, attraverso lironia, il carattere pro-
fondamente innaturale della scena: cos come un asino non pu cavalcare il proprio
padrone, cos anche una moglie non pu combattere mentre il marito si prende
74 Vorrei ringraziare Rafaella Bianchi, Mauro Resmini e Sara Tarissi de Jacobis per i loro consigli.
75 Cocchiara, G. Il mondo alla rovescia, Torino, Bollati Boringhieri, 1981.
76 Uso il termine disordine nel senso suggerito da Carole Pateman, a indicare, cio lelemento desta-
bilizzante insito in quei comportamenti femminili non-conformi che, portati allestremo, possono
contribuire alla distruzione dello Stato. Cfr. Pateman, C. Te Disorder of Women: Democracy, Femi-
nism, and Political Teory, Stanford, Stanford University Press, 1989.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 229 03/05/2013 11:11:17
230
Capitolo 4. Che genere di nazione?
cura della casa e della prole. Sebbene Il mondo alla rovescia ridicolizzi scenari distorti
e innaturali, la stampa popolare suggeriva tuttavia la possibilit di uninversione di
ruoli e ammoniva sulle conseguenze di tale scelta sugli equilibri sociali.
La reazione suscitata alla vista della donna in armi sottolinea la separazione esi-
stente tra una nozione astratta di identit di genere basata sulla dicotomia uomo/
donna, soldato/madre, pubblico/privato e la complessa realt fatta di scelte con-
traddittorie che potevano portare alla delegittimazione di tali opposizioni binarie.
Limmagine della donna in armi trovava particolare opposizione perch con-
traddiceva la struttura sociale basata sulla dicotomia soldato-madre, secondo la
quale luomo-soldato combatteva per proteggere donne e bambini, mentre il ruo-
lo della donna-madre era quello di proteggere la propria famiglia e la propria casa
per assicurare la discendenza e larmonia domestica.
La presenza delle donne in battaglia veniva letta come innaturale, inaccetta-
bile e inopportuna.
In momenti di crisi come quelli rappresentati dagli anni centrali dellOt-
tocento, invece, la necessit di mobilitare tutta la popolazione attiva nella lotta
per lindipendenza e lunifcazione ha permesso linclusione delle donne in armi
nellimmaginario e nella pratica guerresca inclusione dettata appunto dallemer-
genza. Una delle conseguenze di questo atteggiamento inclusivo stata lindulgen-
za con la quale alcune azioni e alcune scelte vennero lette e tramandate, sebbene
contraddicessero la morale comune. Una lettura anche superfciale dei cosiddetti
Plutarchi femminili (cataloghi biografci, spesso redatti da donne, per onorare le
gesta delle eroine del passato) mostra lo sforzo compiuto nella costruzione di una
genealogia di gesta femminili che contribuisse alla formazione di una comunit
culturale nazionale.
Non tutte le donne che combatterono per lindipendenza nazionale trovarono
lo stesso spazio allinterno di queste storie: in altre parole possibile osservare un
cambiamento nel giudizio riservato alle donne in armi a seconda della posizione
da loro presa in battaglia. La donna che combatte per proteggere la casa e la fami-
glia ma che poi, a emergenza conclusa, sceglie di tornare tra le mura domestiche,
viene accolta dalla pubblicistica storica in maniera molto diversa rispetto alla don-
na che sceglie una posizione di attacco, confondendosi nella mischia del campo
di battaglia, senza mai rinunciare a un ruolo attivo e anzi facendone un tratto
essenziale della propria identit
77
.
77 Basti pensare alla reazione negativa e allostracismo esercitato nei confronti di donne quali la prin-
cipessa Belgiojoso o la contessa Della Torre. Per quanto riguarda Maria Martini Della Torre molto
deve ancora essere scritto: la partecipazione della piemontese alle vicende garibaldine dallimpresa dei
Mille a Mentana, il suo cosmopolitismo e acume politico non sono ancora state oggetto di studio
della storiografa contemporanea.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 230 03/05/2013 11:11:17
231
4. Donne in armi e Risorgimento
La partecipazione femminile al Risorgimento stata essenziale per il successo
del movimento di indipendenza e unifcazione italiana e la storiografa recente,
grazie anche al positivo infusso degli studi di genere e dei cultural study, ha co-
minciato a ofrire numerose ricostruzioni e importanti considerazioni sul ruolo, le
motivazioni e le diverse esperienze avute dalle donne della penisola.
Non pi possibile narrare oggi la storia del Risorgimento senza considerare
il contributo dato dalle donne ne possibile parlare della storia delle donne italia-
ne senza far riferimento al processo di unifcazione.
Nonostante questa ritrovata visibilit, ancora pochi sono gli studi specifci che
indagano la partecipazione delle donne in armi al Risorgimento, ovvero di quelle
donne che decisero di imbracciare un fucile e prendere parte attiva ai combatti-
menti per lindipendenza.
La rappresentazione delle donne in armi e il modo in cui le loro gesta vengo-
no ricevute, talvolta come modelli se non da imitare quanto meno da celebrare,
talaltra come aberrazioni dellordine delle cose, rispecchia il complicato rapporto
delle donne con la sfera pubblica.
Citando Paola di Cori, il rapporto che le donne intrattengono con la sfera
pubblica [] sembra quasi suggerire che la loro visibilit e laccesso alla vita po-
litica in alcuni momenti particolari siano associati alluso di spade, di mitra e di
pistole
78
.

precisamente su questi momenti particolari che si sofermer la mia
indagine.
Durante tutto lOttocento, le donne piemontesi, lombarde, venete, toscane,
romane, napoletane e siciliane si impegnarono attivamente per il raggiungimento
dellunifcazione sia a livello materiale che intellettuale. Di loro rimangono spesso
tracce, nelle memorie autobiografche di patrioti, nelle corrispondenze private, in
qualche ritaglio di giornale, in poesie scritte alla memoria (come nel caso della ga-
ribaldina Tonina Marinelli, immortalata dai versi di Francesco DallOngaro) o in
immagini depoca, come quella che ritrae la celebre combattente milanese Luigia
Battistotti Sassi, fucile in spalla e fascia tricolore.
Le donne in guerra ci sono sempre state e narrazioni delle loro gesta hanno
percorso le letterature europee, popolari e non, per secoli. Ci che mi interes-
sa analizzare in questa sede il modo in cui a seconda del momento particola-
re, limmagine della donna in armi sia cambiata. Pi precisamente come si sia
modifcata linterpretazione delle sue gesta militari a seconda delle contingenze
politico-militari e delle necessit per cos dire culturali di sostenere lideale
78 Di Cori, P. Partigiane, repubblichine, terroriste. Le donne armate come problema storiografco,
in Ranzato, G. (a cura di) Guerre fratricide. Le guerre civili in et contemporanea, Torino, Bollati Bo-
ringhieri, 1994, pp. 304-329. Corsivo mio.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 231 03/05/2013 11:11:17
232
Capitolo 4. Che genere di nazione?
nazional-patriottico, includendo ogni soggetto abile per il raggiungimento dello-
biettivo fnale.
Paola di Cori si riferiva allesperienza della guerra mondiale, ma anche il Ri-
sorgimento uno di quei momenti particolare, una congiuntura durante la quale
equilibri sociali e dinamiche consolidate vengono di continuo adattate alle neces-
sit pi immediate.
La variet dei modi di rappresentazione delle donne in armi nel corso dellOt-
tocento (nellopera bufa come nel melodramma, nelle canzoni popolari, nei libri
per il popolo, nelle gazzette e nelle biografe delle donne illustri) mostra come tali
rappresentazioni si siano trasformate a seconda del momento della loro produzio-
ne e circolazione. Guardando alle forme di rappresentazione visibile
79
che hanno
contribuito alla costruzione dellimmaginario della donna in armi si avverte un
cambiamento di rotta in particolare nella produzione culturale degli anni centra-
li del secolo (1846-1861), perch tali rappresentazioni suggeriscono modalit di
partecipazione attiva in battaglia che non mettono in discussione equilibri sociali
e di genere.
Il repertorio di immagini circolanti nella prima met dellOttocento e negli
anni successivi al raggiungimento dellUnit nazionale, al contrario, esemplifca
unattitudine pi conservatrice nei confronti della donna in armi. Nella versione
italiana de La Fille du Rgiment di Gaetano Donizetti, per esempio, la protagoni-
sta, Maria, accetta di normalizzare il suo desiderio di far parte del reggimento che
lha cresciuta sposando un giovane soldato: abbandona il sogno di combattere in
favore di un destino prestabilito nelle vesti di moglie e madre. Maria canta: Son
persuassisima challa battaglia/io pur con gli altri saprei marciar []/Schioppi
e sciabole,/bombe e mitraglia/con voi pugnando,/saprei sfdar []/Vuol s che
ognun somiglia al padre,/somigli al mio./[] Saprei marciar saprei pugnar!
80
.
Lepilogo sarebbe stato diverso nei testi pubblicati negli anni delle guerre dIn-
dipendenza.
Tra il 1840 e il 1870 la produzione poetica, melodrammatica e pittorica ofre
esempi di donne che non si limitano a incoraggiare uomini intimoriti o codardi,
ma li af ancano, o addirittura li superano in ardimento, dimostrando altrettanto
coraggio ed eroismo. La donna dimostra cio di poter partecipare alla nazione in
armi dalla quale fno a quel momento era stata esclusa.
Il concetto di nazione in armi, prevedeva infatti da una parte la militarizza-
zione della mascolinit e dallaltra la rigida divisione dei sessi, basata anche sulla
capacit naturale di ciascuno: il destino delluomo quello di combattere ed, even-
79 Aguhlon, M. Marianne au combat: limagerie et la symbolique rpublicaines de 1789 1880, Paris,
Flammarion, 1979.
80 Donizetti, G. La fglia del Reggimento, 1847 (edizione italiana). Atto primo, scena quinta.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 232 03/05/2013 11:11:17
233
4. Donne in armi e Risorgimento
tualmente, togliere la vita al nemico, mentre alla donne riservato il ruolo oppo-
sto, ovvero quello di protettrice dello spazio domestico e riproduttrice della stirpe.
Ma dopo il 1846, lelezione di Pio IX d nuovo impulso alla lotta per lindi-
pendenza, la necessit di mobilitazione generale ha fatto s che limmagine fem-
minile uscisse dalle mura domestiche talvolta con un moschetto in spalla. Questo
modello di donna in armi viene non solo accettato ma anche celebrato: Odabella,
principessa amazzone nellAttila di Giuseppe Verdi, non solo incita alla ribellione
contro gli invasori ma infigge al re degli Unni il colpo mortale quando se ne
presenta loccasione.
La retorica risorgimentale ha fatto uso di fgure e personaggi di epoche lon-
tane nel tentativo di creare una narrazione patriottica che fosse radicata in una
gloriosa storia comune, che risaliva al Medioevo e Rinascimento. Questa epica
nazionale veniva pubblicata in collane di letteratura popolare, come i Libri per il
Popolo della casa editrice torinese Baricco & Arnaldi. Stamura dAncona raggiunse
la quarta ristampa in pochi mesi
81
: nel 1173, quando Ancona assediata dalle
truppe inviate da Federico Barbarossa, una donna combatte eroicamente e contri-
buisce alla cacciata del nemico.
Sebbene nelle intenzioni delleroina non ci fosse il desiderio di unifcare lI-
talia, le sue gesta vennero usate nella narrativa nazional-patriottica risorgimentale
come esempio di straordinaria determinazione e coraggio femminile.
Stamura non sceglie la guerra, piuttosto ne viene soprafatta, trovando in se
stessa le risorse per reagire e far reagire i suoi concittadini. Una volta cessate le osti-
lit, Stamura abbandona le vesti guerresche e torna a essere una donna di casa.
la consapevolezza della propria posizione nello spazio pubblico e di conseguenza
la capacit di saper ritrovare il proprio posto nella struttura sociale che consente
a Stamura di essere ammirata precisamente per la sua capacit di aderire allo status
quo, anche quando circostanze eccezionali richiedono gesta eccezionali.
Anche la storia di una tra le pi famose eroine del 1848, Luigia Battistotti
Sassi, ofre spunti di rifessione per le modalit con le quali stata rappresentata.
interessante notare come Luigia agisca durante uno dei momenti topici della lotta
risorgimentale, le Cinque Giornate di Milano, che riconosciuto anche come una
delle prime mobilitazioni del femminismo, come lotta politica e sociale. fonda-
mentale tenere presente ci, se si vogliono comprendere le cronache che esaltano
il patriottismo della giovane popolana milanese e non ne condannando la trasgres-
sione. Lo stato di emergenza rappresentato dalle Cinque Giornate permetteva
la sospensione di molte norme e regole, anche di genere: il coraggio di tutti i
81 Govean, F. Stamura DAncona, Torino, Baricco & Arnaldi, 1848. Devo ringraziare Simonetta
Chiappini per avermi segnalato il volume di Felice Govean su Stamura dAncona; un mio saggio
dedicato alla donna anconetana in corso di pubblicazione.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 233 03/05/2013 11:11:17
234
Capitolo 4. Che genere di nazione?
cittadini era necessario a spingere laustriaco fuori dalle porte della citt e anche
leroismo delle donne contribuiva alla propaganda risorgimentale che mirava al
coinvolgimento del popolo, senza distinzioni di sesso.
Luigia tra le prime a capire limportanza strategica di costruire barricate e
di formare mini-battaglioni di quartiere che perlustrassero e difendessero zone
geografche limitate; la giovane si mette alla testa di un battaglione vestendo abiti
maschili, e commette numerosi atti di violenza contro il nemico austro-croato,
[per] esprimere e far emergere doti che traboccavano dal modello normativo di
femminilit
82
.
Cos facendo, Luigia esce dal ruolo tradizionale di moglie e madre a lei asse-
gnato
83
e si posiziona in una zona di confne allinterno della quale linversione
di ruoli (madre/moglie > combattente) viene pi facilmente accettata perch
eccezionale.
Le storie, esperienze e immagini delle donne in armi complicano [the] as-
sumption that the history of women can be subsumed and symbolized by a single,
all-ecompassing image of femininity
84
e con ci contribuiscono anche a compli-
care e sfumare la rappresentazione spesso mono-dimensionale della donna risorgi-
mentale, cristallizzata nella triade madre/moglie/sorella.
82 Guidi, L. Patriottismo femminile e travestimenti sulla scena risorgimentale, in Guidi, L.; Lamarra, A.
(a cura di) Travestimenti e metamorfosi: percorsi dellidentit di genere tra epoche e culture, Napoli, Fi-
lema, 2000, pp. 54-92. In altra sede sar interessante analizzare come veniva descritta, e si descriveva,
Luigia; laccento sulla mascolinit della giovane donna contribuisce a inserire Luigia nella categoria
di donne la cui femminilit (e quindi normativit) viene messa in discussione.
83 Per una brillante analisi delle conseguenze dellatto di uscire dai confni normativi di genere, si
veda Perrot, M. Uscire, in Fraisse, G.; Perrot, M. (a cura di) Storia delle donne in Occidente. LOtto-
cento, vol. IV, Roma-Bari, Laterza, 1991, pp. 446-482.
84 Felski, R. Te Gender of Modernity, Cambridge, Harvard University Press, 1985.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 234 03/05/2013 11:11:17
CAPITOLO 5
Modelli di genere e iniziativa femminile
nella costruzione dellItalia unita
a cura di Laura Guidi
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 235 03/05/2013 11:11:17
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 236 03/05/2013 11:11:17
Introduzione
Laura Guidi
Nel trattare in chiave di genere specifci del aspetti processo di costruzione e con-
solidamento dellunit italiana, i testi compresi in questa sezione analizzano spazi
diversi, ma tutti di confne tra il pubblico e il privato, tutti ugualmente segnati dalli-
niziativa e dalla partecipazione delle donne. Altro flo rosso che lega tra loro queste
ricerche costituito dal Mezzogiorno: presente, di volta in volta, come parte irri-
nunciabile del processo di unifcazione, patria antiunitaria nella visione rovesciata
della resistenza borbonica, o, gi in fase preunitaria, questione, elemento di rischio
e debolezza rispetto a un processo di reale unifcazione nazionale, a causa della sua
irriducibile alterit rispetto al modello (e al mito) di un Nord moderno e civile.
Questultima chiave di lettura prevalente nelle considerazioni preoccupate
e lucidamente critiche della lombarda e cosmopolita Cristina di Belgiojoso, la cui
conoscenza del Sud era dovuta pi a letture, corrispondenze e conversazioni che ai
due brevi soggiorni nel napoletano il pi memorabile dei quali fu senza dubbio
quello del 1848, in cui radun un drappello di volontari per condurli a Milano,
reduce dalle Cinque giornate, al cospetto del governo provvisorio. Lo sguardo del-
la Belgiojoso sul Sud, oggetto del contributo di Karoline Rrig, appare infuenzato
da uno stereotipo difuso nel Risorgimento, alla cui costruzione contribuirono gli
stessi esuli meridionali, che addebitavano principalmente al malgoverno borboni-
co lo stato di povert e arretratezza in cui versavano quelle terre. Il Mezzogiorno
era [..] considerato come un paese fondamentalmente sano e forte, oppresso da
una tirannia, osserva Marta Petrusewicz
1
. Dovremo aspettare la met degli anni
1 Petrusewicz, M. Come il Meridione divenne una questione. Rappresentazioni del Sud prima e dopo
il Quarantotto, Catanzaro, Rubbettino, 1998, p. 143.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 237 03/05/2013 11:11:17
238
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
Settanta perch studiosi come Pasquale Villari, Leopoldo Franchetti e G. Sidney
Sonnino aprano la prima stagione di approfonditi studi economico-sociali sulle
cause ben pi complesse che allontanavano il Sud dal processo di modernizzazione
avviato nelle pi avanzate regioni del centro-nord. Pur basandosi su informazioni
parziali e di parte, sotto un aspetto almeno la Belgiojoso accostabile ai primi
meridionalisti: nel considerare il Sud una cruciale questione nazionale, la cui
mancata soluzione minaccia la compattezza e la stessa identit della nuova Italia.
Ma, nonostante la simpatia espressa per i lazzari (in contrasto con la severa
stigmatizzazione delle lite meridionali) e il riconoscimento della capacit della
societ napoletana di evolversi (vedi le Osservazioni del 1868) la patriota lombar-
da individua lunica, ardua, possibilit di riscatto del Sud in una cooperazione
fraterna con il Nord in cui solo a questultimo e pi specifcamente alla sua
componente liberista e laboriosa, puritana e anglofla viene assegnato il ruolo di
guida ai fni di un processo che, per la patriota lombarda, non pu che essere di
assimilazione.
Il Mezzogiorno che ricorre negli altri interventi della sezione ci viene presen-
tato, al contrario, visto da angolature che ne mettono pi o meno esplicitamente
in discussione gli stereotipi, sottolineandone aspetti di modernit. il caso di
quelle sue lite dal respiro cosmopolita grazie alle relazioni politiche, culturali e di
amicizia, ai viaggi, alle letture, agli esli. il caso, analizzato da Franca Bellucci,
di Angelica e Laura Caracciolo di Torella, legate da stretta amicizia e da relazioni
epistolari con il patriota toscano Vincenzo Salvagnoli, che a fne anni Trenta di-
scutono con lui della vita ideale: un tema pervaso da elementi romantici, che
accomuna, diversamente declinato, tante colte corrispondenze e conversazioni,
poesie e scritture delle intellettuali meridionali prima del 1848
2
, allepoca in cui
esprimono le proprie istanze di rinnovamento della societ ancora in una chiave
pi culturale che esplicitamente politica, come osserva Bellucci.
Modernit, liberalismo, legami con la cultura europea connotano anche le fa-
miglie napoletane di Francesco Capecelatro, Giuseppe Ferrigni, Antonio Ranieri,
analizzate da Marcella Varriale: famiglie nelle quali fn dallinfanzia si apprende a
onorare la memoria dei martiri del 1799 e si coltivano dottrine liberali. Nei loro
salotti, prima del Quarantotto, donne e uomini si riuniscono soprattutto per fare
musica e parlare di letteratura, ma il comune sentire liberale a unirli in modo
pi profondo, fn quando, nel 1848, dal piano culturale si passer a quello espli-
2 Sulle intellettuali napoletane prima del 1848 vedi Russo, A. Alla nobile donzella Irene Ricciardi.
Lettere di Giuseppina Guacci Nobile, in Guidi, L. (a cura di) Scritture femminili e Storia, Napoli,
ClioPress, 2004 (disponibile in formato digitale: http://www.storia.unina.it/cliopress/guidi.html), pp.
271-294; Rascaglia, M. Da madre a fglia: percorsi ottocenteschi del sapere di genere, ivi, pp. 173-190;
Angarano, M. Sorelle, (non) madri, nipoti, tra pietas cristiana e passione risorgimentale, ivi, pp. 191-238.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 238 03/05/2013 11:11:17
239
Introduzione
citamente politico e si aprir una stagione di confitti e repressioni in cui le donne
svolgeranno un ruolo insostituibile
3
.
Moderno e modernizzatore appare, nel contributo di Francesco Muollo, Fran-
cesco De Sanctis. Anche per lui lesilio in particolare quello svizzero ha rappre-
sentato una fase importantissima di apprendimento e rifessione sui temi intercon-
nessi della modernit e della nazione. Divenuto ministro della pubblica istruzione,
con una legge nel 1878 dar un contributo decisivo alla difusione della ginnastica
come strumento di educazione dei cittadini e delle cittadine italiani, sfdando i dif-
fusi pregiudizi che circondavano, in particolare, la ginnastica e lo sport femminili.
Moderna e innovatrice, per altri versi, appare anche lantirisorgimentale Ma-
ria Sofa di Borbone alla cui biografa Ugo Della Monica d un contributo tratto
da fonti inedite nel riformulare i linguaggi della regalit, creando forme ef caci e
dirette di comunicazione con il popolo. A tal fne la regina utilizza tecniche nuove,
come la fotografa, e, soprattutto, mette in gioco la sua stessa persona, scegliendo
con felice intuito abiti, atteggiamenti, parole che la renderanno una vera icona del
legittimismo, conquistando nobili e uomini di chiesa
4
, soldati e rozzi contadini,
nei cui casolari durante le spedizioni contro il brigantaggio i soldati troveranno
piccoli ritratti, spesso fotografe, che la vedono risplendere nella sua fera bellezza
accanto alla fgura pi scialba e schiva del marito
5
.
Dagli interventi di questa sezione, dunque, le lite meridionali vengono collo-
cate in una dimensione che non si restringe entro i confni del Mezzogiorno n in
quelli della nuova nazione, ma piuttosto si apre a una cultura cosmopolita, in cui si
elaborano e si confrontano idee e modelli di societ, forme istituzionali e pubbliche
e stili di vita individuale e privata: temi e discussioni che circolano nelle relazioni epi-
stolari, nei salotti, nei romanzi, nella poesia, nel teatro, nella produzione musicale e
lirica. Entro questo spazio di cultura meridionale parzialmente sradicata, ma senza
dubbio arricchita e rinnovata, le donne svolgono ruoli attivi e creativi.
La militanza femminile nel Risorgimento uno dei temi ricorrenti della se-
zione. In alcune fgure, assume caratteri di protagonismo: il caso della regina
Maria Sofa o, sul fronte opposto, di Cristina di Belgiojoso, due donne in grado
3 Sulla militanza delle patriote del Sud dopo il 48 vedi Guidi, L.; Russo, A.; Varriale, M. Il Risorgi-
mento invisibile. Patriote del Mezzogiorno dItalia, Napoli, Edizioni del Comune di Napoli, in corso
di stampa.
4 Cfr. Meriggi, M. Il seduttore e il cappellano. Elaborazioni della guerra e del genere lungo la
strada dei Mille, in Guidi, L. (a cura di) Vivere la guerra. Percorsi biografci e ruoli di genere tra Risor-
gimento e primo confitto mondiale, Napoli, ClioPress, 2007 (disponibile in formato digitale: http://
www.storia.unina.it/cliopress/guidi_gurra.html), p. 39.
5 Cfr. Guidi, L. La regina-soldato: Maria Sofa di Baviera, in Mafrici, M. (a cura di) Allombra
della corte. Donne e potere nella Napoli borbonica (1734-1860), Napoli, Fridericiana Editrice Univer-
sitaria, 2010, pp. 177-190.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 239 03/05/2013 11:11:18
240
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
di sottrarsi al canone borghese ottocentesco della riservatezza/domesticit femmi-
nile in virt dei propri privilegi di rango, oltre che di eccezionali doti personali.
In altri casi troviamo fgure che oscillano tra afermazioni a favore di una sfera
femminile separata e il rivendicare, quanto meno per se stesse, ruoli che di fatto
la travalicano.
Il Quarantotto, come osserva Franca Bellucci, segna lingresso di molte in-
tellettuali dallo spazio letterario e artistico al terreno del confitto politico vero
e proprio sia pure in forme ausiliarie (ma non per questo poco rilevanti). La
dimensione ideale entro cui si muovono queste patriote unisce in un nodo indis-
solubile la famiglia alla patria: la seconda appare estensione della prima, e non solo
in senso metaforico, ma anche nelle concrete forme di iniziativa militante.
Daltra parte, famiglia e patria appaiono indissolubilmente legate anche nel
sentimento legittimista che ispira le cospirazioni antiunitarie di Maria Sofa. In tal
caso, la famiglia non quella borghese, nucleare-intima, ma la famiglia/dinastia,
fondamento del legittimismo politico; tuttavia, sia pure in modo contraddittorio,
la stessa Maria Sofa (per altro, prima della caduta del Regno, aperta a un mode-
rato liberalismo costituzionale) fa propri molti elementi romantici nel rielaborare
e modernizzare limmagine e il linguaggio della sovranit. Dal punto di vista della
giovane regina, daltra parte, lo scontro non tra modello tradizionale e liberali-
smo, ma tra due famiglie dinastiche: luna legittima e premurosa del suo popolo,
laltra, i Savoia, straniera, predatoria, arrogante.
Patria e famiglia appaiono profondamente legate anche nelle vicende familiari
analizzate da Marcella Varriale, che sottolinea il ruolo femminile nellelaborare e
custodire per le generazioni future memorie in cui privato e pubblico appaiono
inscindibili: maternit educatrice e patriottismo non potrebbero fondersi in un
nodo pi stretto di quello che emerge dai ricordi familiari e risorgimentali di
Enrichetta Capecelatro Carafa DAndria, ultimo anello di una genealogia di pa-
triote. Grande storia e storia privata vengono a rispecchiarsi luna nellaltra nella
narrazione di Enrichetta, fno a delineare una pedagogia nazionale.
Linsieme di questi testi, dunque, aggiunge qualche tassello a una recente sto-
riografa di genere sul Risorgimento che, restituendo alla memoria lampia mo-
bilitazione patriottica (nonch la mobilitazione antiunitaria) femminile dellet
risorgimentale ha contribuito a una rilettura complessiva della storia italiana ot-
tocentesca in chiave sociale e culturale
6
. Alla luce di questa nuova generazione di
6 La produzione storiografca sulla partecipazione femminile al Risorgimento ormai cos numerosa
che richiederebbe ben pi di una breve nota bibliografca. Si pensi, tra gli altri, agli scritti di Simo-
netta Soldani, Ilaria Porciani, Nadia Maria Filippini, Maria Luisa Betri, Daniela Maldini Chiarito,
Maria Teresa Mori, Rosanna De Longis. Il volume a cura di A.M. Banti e P. Ginsborg, Il Risorgi-
mento. Storia dItalia. Annali 22, Torino, Einaudi, 2007, rappresenta un tentativo molto interessante
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 240 03/05/2013 11:11:18
241
Introduzione
studi non possiamo oggi pi considerare il Risorgimento come un processo agito
esclusivamente da ristrette lite politiche e intellettuali, tanto meno come mero
susseguirsi di annessioni e avvicendamenti dinastici pianifcato nelle corti e nei
gabinetti diplomatici e concluso sui campi di battaglia. Degli stessi protagonisti
del canone risorgimentale si indaga il loro ruolo di icone entro processi di mo-
bilitazione e nazionalizzazione di massa che includono classi subalterne, giovani,
donne
7
. I testi poetici, teatrali e narrativi di quello stesso canone vengono riletti
alla ricerca delle fgure profonde che allepoca conferirono al linguaggio patriot-
tico la capacit di coinvolgere emotivamente e mobilitare
8
. La storiografa riscopre
in tal modo i decenni centrali dellOttocento come fase di costruzione di una
societ nazionale nei suoi aspetti molteplici dai modelli educativi alle relazioni
familiari, dai ruoli di genere ai riti e alle liturgie patriottici, dalla socialit ai luoghi
di formazione dellopinione pubblica.
Lunifcazione apr nella societ italiana un processo di normalizzazione del-
le relazioni di genere: alle intrepide eroine del 1848 o del 1860 si chiese di trasfor-
marsi in mogli e madri rispettabili e di ritirarsi dalla sfera pubblica uf ciale (anche
se non tutte lo fecero); i gruppi radicali (di ispirazione mazziniana o garibaldina),
dopo aver avuto un ruolo protagonista nel processo unitario, vennero respinti ai
margini, insieme con le utopie di giustizia sociale che avevano mobilitato mol-
ta parte del patriottismo femminile. Bisogner attendere una nuova generazione
perch emerga una classe lavoratrice capace di dar vigore a nuove utopie sociali e
perch il femminismo esprima con rigore intellettuale e capacit organizzativa la
propria prospettiva di una nazione di cui le italiane siano parte non subalterna.
Tuttavia tra patriottismo femminile e prime espressioni del femminismo non
vi un salto generazionale, ma al contrario una stretta linea di continuit, anche
biografca tanto pi evidente se guardiamo alle repubblicane, alle mazziniane, alle
garibaldine. La garibaldina napoletana Giulia Caracciolo Cigala, ad esempio, nel
1867 presiede il primo Comitato nazionale per i diritti delle donne, a sostegno delle
iniziative del parlamentare Salvatore Morelli: del Comitato fanno parte, oltre alla
sorella di Giulia, Enrichetta, anche una fglia di Garibaldi, Teresita, oltre a quella che
diventer la pi celebre femminista del secondo Ottocento, Anna Maria Mozzoni.
Signifcativo appare anche il ruolo delle militanti che si impegnano nella rico-
struzione storica e memorialistica: il caso di Cristina di Belgioioso e di militanti
risorgimentali venute da altri paesi, che riconoscono nel Risorgimento un luogo
cruciale per lafermazione di valori universali di libert, come Jessie White Mario
di rilettura complessiva del Risorgimento anche attraverso la categoria di genere.
7 Cfr. Riall, L. Garibaldi. Linvenzione di un eroe, Roma-Bari, Laterza, 2007.
8 Banti, A.M. La nazione del Risorgimento. Parentela, santit e onore alle origini dellItalia unita,
Torino, Einaudi, 2000.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 241 03/05/2013 11:11:18
242
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
e Louise Colet. Nel 1926 Enrichetta Capecelatro Carafa DAndria si inserir sul
solco di questa tradizione storica e memorialistica femminile
9
.
Rispetto alla cristallizzazione operata da un canone storiografco che aveva ri-
dotto la partecipazione femminile al Risorgimento in termini di sacrifcio/dolore/
virt materni, le fgure di donne che emergono dai saggi qui presentati parlano
daltro. Ricostruiscono un peculiare intreccio tra romanticismo, individualismo
liberale e patriottismo che liber, allepoca, aspirazioni ed energie femminili,
comportando decise rotture rispetto allordine patriarcale. Basti pensare a quante
patriote ruppero unioni coniugali in cerca di una pi autentica realizzazione della
propria vita (da Cristina di Belgiojoso, a Enrichetta di Lorenzo, a Giulia Carac-
ciolo Cigala, a Laura Solera Mantegazza); a quante altre si ribellarono alle ge-
rarchie familiari rifutando destini imposti. Attraverso la costruzione di un nuovo
modo di concepire la coppia, la famiglia, il rapporto con i fgli, le donne lasciano
unimpronta forte sulla societ risorgimentale e post-risorgimentale, resistendo,
nella sfera privata prima che in quella pubblica, ai tentativi di restaurazione del
patriarcato, e ponendosi come elementi chiave della modernit.
9 Sulle storiche italiane vedi Casalena, M.P. Scritti storici di donne italiane, Firenze, Olschki, 2003;
Palazzi, M.; Porciani, I. (a cura di) Storiche di ieri e di oggi, Roma, Viella, 2004.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 242 03/05/2013 11:11:18
1. Risorgimento italiano.
Naturali protagonismi di donne
Franca Bellucci
1. La fonte utilizzata. Le sue potenzialit
Il termine risorgimento, con il suo richiamo catartico, non si stabilizzato pres-
so gli storici che di recente: concorrendo con rinascimento, infne sono stati en-
trambi adottati, acquisendo le diverse determinazioni attuali. Nel 1859 si parlava
invece di grande riforma, espressione laica che suggeriva la radicalit delle tra-
sformazioni e la loro difusione capillare, quella naturalezza che fu un segno di-
stintivo. Il termine, che segnalava un coinvolgimento sociale pi ampio dei gruppi
che fecero politica in senso stretto, interessante: spinge a includervi fermenti di
romanticismo, un modello nuovo e unitario per le donne. LUnit prima di tutto
da intendersi come nuovo atteggiarsi sociale, in rappresentanza maschile ma con
unadesione femminile larga e in gran parte convinta.
Le considerazioni presentate da questa relazione scaturiscono da uno scanda-
glio limitato ma signifcativo: linsieme (circa 2800) delle lettere scritte da donne
conservato, con altri documenti, in un Archivio privato custodito dal comune
di Empoli. dei Salvagnoli-Marchetti (dora in avanti ASM)
10
, una famiglia co-
10 Cfr. Arrighi, V.; Guerrini, L.; Insabato, E.; Terreni, S. (a cura di) Inventario dellArchivio Salva-
gnoli Marchetti, Pisa, Pacini editore-Comune di Empoli, 2002. Per i convegni sullargomento, si veda
in particolare: Il Risorgimento nazionale di Vincenzo Salvagnoli. Politica, cultura giuridica ed economica
nella Toscana dellOttocento. 1802-2002 Secondo centenario della nascita di Vincenzo Salvagnoli (a cura
del Comune di Empoli, Soprintendenza archivistica della Toscana et alii. Cura editoriale di Insabato,
E.; Terreni, S.), Ospedaletto (Pisa), Pacini Editore, 2004. Nel citare le lettere, i due numeri indicano
busta e fascicolo.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 243 03/05/2013 11:11:18
244
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
spicua da cui provennero due esponenti del Risorgimento, Vincenzo Salvagnoli
(1802-1861, dora in avanti VS) e il fratello Antonio (1810-1878, dora in avanti
AS)
11
. Il pi noto Vincenzo, uno dei Moderati toscani, ministro del culto nel
governo provvisorio Ricasoli. I due esercitarono professioni liberali: grande avvo-
cato il primo e medico igienista il pi giovane. La corrispondenza privata
12
che
essi ricevettero da molte donne ebbe ragioni professionali, politiche, familiari
13
.
Larco temporale compreso fra il 1819 e il 1876. Lo stile delle scriventi indica
un proflo sociale sfaccettato. Talora i testi sono minimi, ma altri hanno qualche
pretesa letteraria, poich letterato e mecenate fu VS
14
.
La variet dei contatti dei Salvagnoli, specialmente di Vincenzo, tale da dare
limpressione di una geografa peninsulare delle frequentazioni. Del resto molti
privati contribuirono al ruolo di centralit culturale che la Toscana svolse, nel
tempo risorgimentale, quasi vestale delle glorie patrie
15
, assecondandone il pre-
stigio di lingua e istituzioni culturali, la vocazione alla divulgazione peninsulare.
Da ricordare i Congressi degli Scienziati ospitati in varie citt italiane a partire da
Pisa, tra il 1839 e il 1847
16
, i contatti dellAccademia dei Georgofli, fra scienza
botanica e proposte per la conduzione proprietaria ideale.
Nella fonte, gentildonne delle casate Corsini e Rinuccini, Azzolino e Di Ba-
gno, Bassi e Pasolini si riferiscono di frequente a relazioni fra Toscana, Stato pon-
tifcio (Roma, Bologna, Macerata, Iesi, Rimini, Forl), Piemonte, Lombardia. Ma
i Salvagnoli consolidarono particolarmente un proprio asse Roma-Napoli espe-
rito per tempo da un fratello, poi morto prematuramente, il canonico Giuseppe
(1799-1829): implicato nei fatti del 1821, aveva trovato protezione presso i Po-
11 La situazione dei Salvagnoli vista come tipica (per propriet e professione) in: Sereni, E. At-
tualit del Giusti. La cultura toscana nel 1848 e il signifcato storico della mezzadria, in Conferenze
forentine, Firenze, Sansoni, 1950, p. 44.
12 Chemello, A. Premessa, pp. VII-XI, in Chemello, A. (a cura di) Alla lettera. Teoria e pratiche epi-
stolari dai Greci al Novecento, Milano, Guerini Studio, 1998, qui p. IX. Il confronto di espressioni e
referenti ha seguito Pomata, G. La storia delle donne: una questione di confne, in Il mondo contempo-
raneo. Gli strumenti di ricerca,10-2, Questioni di metodo, pp. 1434-1469, Firenze, La Nuova Italia, 1983.
13 Mi si consenta indicare su tali lettere il libro (da una tesi, Pisa, 2003-04, relatore A.M. Banti): Bel-
lucci, F. Donne e ceti fra romanticismo toscano e italiano, Ospedaletto (Pisa), Pacini editore-Comune
di Empoli, 2008.
14 VS era fra gli avvocati letterati formatisi nellAteneo pisano con Giovanni Carmignani,: cfr.
Pazzagli, C. Vincenzo Salvagnoli e leconomia politica, in Il Risorgimento nazionale di VS cit., pp.
151-189, qui p. 154.
15 Gnoli, D. Nazionalit ed arte, in Nuova Antologia, v. 151 (16. II 1897), pp. 594-613, qui p. 599. Sulla
Toscana: Coppini, R.P. Il Granducato di Toscana. Dagli anni francesi allUnit, Torino, UTET, 1993.
16 Patriarca, S. Patriottismo, nazione e italianit nella statistica del Risorgimento, in Banti, A.M.;
Bizzocchi, R. (a cura di) Immagini della nazione nellItalia del Risorgimento, Roma, Carocci, 2002,
pp. 113-132.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 244 03/05/2013 11:11:18
245
1. Risorgimento italiano. Naturali protagonismi di donne
tenziani, colti marchesi e agronomi infeudati a Rieti. lasse che si rintraccia die-
tro gli scritti della matura Angelica, consorte del marchese Ludovico Potenziani,
fglia di Cristophe Saliceti
17
, zia dei napoletani Caracciolo di Torella. Da giovane
si era formata
18
nella Firenze napoleonica; da qui aveva avuto accesso alle buone
amicizie
19
conservate nel tempo.
A fne anni Trenta (1838-39) alcune grande dame napoletane della famiglia
Caracciolo di Torella, Angelica coniugata Rende e Laura
20
, dissertavano con Vin-
cenzo Salvagnoli della vita ideale, dando limpressione di un laborioso dibattito
comune in Italia. Angelica
21
replicava allavvocato sul tema comella dice che deb-
bono essere le donne, in merito al portamento e alla relazione damore. Lideale
era una vita ritirata e solitaria, priva di divertimenti e balli, fondata sul controllo
di s o, come si legge, sulla moderazione: insomma quella delle tediose periferie
lontane. Trovandosi Angelica a Giovinazzo con il marito durante lagosto 1839, ed
essendo impedita da unafezione agli occhi, con buona dose dironia ammetteva
di essere nella perfezione del modello desiderabile, poich si spendeva tutta fra le
pareti domestiche: Leggo, scrivo, lavoro e dipingo. Lautodisciplina era noiosa,
ma corrispondente allideale dover essere.
2. Contaminazioni unitarie di pratiche sociali aristocratiche e borghesi
Fu quanto bast per dare base alla grande riforma. certo appropriato, come
dice Simonetta Soldani
22
, riconoscere che le donne spesso aderivano a un con-
17 Il Saliceti era stato vicino al Bonaparte e a Gioacchino Murat, in Toscana, fra Firenze e Lucca,
negli anni 1801-1805 e a Murat nel suo regno a Napoli. Mor nel 1809, quando la fglia Angelica era
ancora agli studi a Firenze: cfr. Sacchetti Sassetti, A. Angelica Potenziani Saliceti (1792-1865), Rieti,
Tipografa Nobili, 1962.
18 Sulla storia delle istituzioni culturali a Firenze, cfr. Soldani, S. (a cura di) Leducazione delle donne.
Scuole e modelli di vita femminile nellItalia dellOttocento, Milano, Franco Angeli, 1989.
19 ASM, 85,1, Potenziani, Angelica, lettera Roma 11 giugno 1833, pubblicata in Bottacin, A.
Una comune amicizia di Stendhal e Vincenzo Salvagnoli: i marchesi Potenziani. Con documenti
inediti, in Il Risorgimento nazionale di VS cit., pp. 405-424.
20 ASM, 70,5, Caracciolo, Angelica (1814-1887) contiene 6 lettere; in ASM, 85,6, Rende, A.: 14
lettere. In ASM, 70,5, Caracciolo, Laura (1817-1891) ha 2 lettere. Entrambe fglie di Giuseppe
Caracciolo principe di Torella, duca di Lavello, coniugato a Firenze 1806 con Caterina Saliceti. Su
Angelica Caracciolo si veda Bottacin, A. Lamicizia di Stendhal con i marchesi Potenziani e i prin-
cipi di Torella, in Rivista storica del Lazio, n. 18, a. XI, 2003, Roma, Gangemi edit. A p.164 lipotesi
che Angelica sia la donna desiderata da Stendhal con il nome di Little.
21 ASM, 70,5, Caracciolo, Angelica, lettera Napoli 27 aprile 1839.
22 Soldani, S. (a cura di) Italiane! Appartenenza nazionale e cittadinanza negli scritti delle donne
dell800, in Genesis. Rivista della Societ italiana delle Storiche, 1, 2002, pp. 85-124; cfr. p. 85.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 245 03/05/2013 11:11:18
246
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
cetto di patria, concepita come convivenza analoga rispetto a quella familiare,
almeno fno ai primi anni Novanta. Fu questo il tracciato del percorso risorgi-
mentale per le donne, un vero sfondo di massa con molte contiguit, fra i vari
stati della penisola, nelle istanze istituzionali, sociali, culturali. Dopo il Con-
gresso di Vienna
23
si liquid la legislazione civile del periodo napoleonico ma
conservando una relativa disponibilit alle contaminazioni fra i ceti sociali
24
. Il
richiamo alla tradizione e allimmagine della famiglia fu premessa per innestare
dottrine attuali ma moderate. Era nuovo, rispetto al Settecento, che le donne
spostassero lattenzione dai padri ai partner, essendo nodi dellorganizzazione i
buoni padri di famiglia: il nuovo clima consent che in base ai bisogni maritali
si impiegassero le ricchezze dotali. Dagli anni 1827-1830, constatiamo anche
nelle scritture dellArchivio Salvagnoli, era difuso che le donne si identifcassero
con lintimit della famiglia in atteggiamento oblativo di s, ponendo al centro
lessere e il sentirsi madre.
Nellarco temporale lungo delle lettere si osserva che le performance delle don-
ne notabili raggiunsero nuova capacit di coinvolgimento: le feste, campestri o
cittadine, le attivit pi o meno benefche, poterono aprirsi alla condivisione della
causa politica. Altre pratiche preesistenti al risorgimento, ma che nei momenti di
accelerazione politica diventarono ef caci strumenti, furono i viaggi. Non con-
siderando i soggiorni allestero imposti dallesilio, il modello di viaggio da cui
scatur ef cacia politica fu quello del tour culturale, praticato in particolare da
signore di rango, ma presto ripreso anche dalle borghesi. Le formalit di presen-
tazione reciproca, di informazione e di intrattenimento, previste nelle tappe del
tour, furono volte a selezionare i contatti e i contenuti. Il tour divent patriottico
per alcune signore: i luoghi dincontri erano relativamente mobili, lo scopo pi
attinente alla politica, lo stile adottato relativamente austero. Fu simile a questo
il giro dei congressi degli scienziati, che non accolsero solo gli addetti ai lavori: le
signore, che mettevano a disposizione le proprie dimore per i lavori congressuali e
che accompagnavano i partecipanti, erano parte attiva e consapevole. Ne parla per
esempio Virginia Bassi
25
, con una lettera del 1845 di ritorno dal Congresso scien-
23 Si vedano i rafronti fra istituti di vari stati preunitari in Calvi, G.; Chabot, I. (a cura di) Le ric-
chezze delle donne. Diritti patrimoniali e poteri familiari in Italia (XIII-XIX sec.), Torino, Rosenberg
& Sellier, 1998.
24 Per un approccio segnalo Romanelli, R. Nobilt europee dellOttocento. In margine a un con-
vegno di studi, in Passato e Presente, n. 11, a. V, 1986, pp. 136-146.
25 Virgilia e Cecilia Bassi, madre e fglia, sono autrici di un gruppo di lettere piccolo, ma protrattosi
fra il 1845 e il 1860. ASM, 67,2, Bassi Virginia, lettera Milano 26 novembre 1845: descrive il
viaggio di ritorno dal Congresso di Napoli (settembre-ottobre 1845). Il nipote Pasolini ivi citato
Giuseppe Pasolini, marito di Antonietta Bassi.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 246 03/05/2013 11:11:18
247
1. Risorgimento italiano. Naturali protagonismi di donne
tifco di Napoli. Anche in questo caso era la religione della famiglia che accendeva
linteresse politico
26
.
Nel folto gruppo di iniziative in cui le donne diedero il loro possibile e na-
turale contributo alla geografa unitaria sceglier alcuni esempi signifcativi, an-
che se disparati, disponendoli in ordine cronologico. Gi sono noti i documenti
riguardanti i marchesi Giuseppe e Costanza Arconati e la loro infuenza sul gior-
nale La Patria (1847-1849) fondato da VS, con Rafaello Lambruschini e Bettino
Ricasoli. Ma nelle scritture di donne oscure che emerge una pratica coerente di
supporto al capo famiglia. In qualche modo c uneco delle forme di risveglio re-
ligioso presenti nellEuropa continentale e convergenti con il romanticismo. Nella
stessa cerchia familiare dei Salvagnoli si attivarono donne, come Amalia Fortini
Rossini, di grande prudenza e af dabilit. Esse condivisero i progetti di vita, anche
svolgendo funzioni di supplenza durante i viaggi e gli esili dei patrioti.
Nella primavera-estate del 1848 si osserva fra le scriventi un pi preciso fan-
cheggiamento del momento politico
27
, forse da intendersi come retroscena di
azioni gi identifcate nella ricerca storica del risorgimento toscano. Uniniziativa
nota delle donne fu quellIndirizzo delle donne forentine per lalbo in onore di Vin-
cenzo Gioberti, difuso a fne giugno 1848, che la Soldani
28
ha presentato, opera
di Caterina Franceschi Ferrucci. Sembra un evento simile, ma mirato a stabilire
contatti fra regioni dItalia, quello di cui parla Isabella Rossi
29
, letterata di qualche
fama, combattiva ed energica, buona amica di Vincenzo Salvagnoli. Il giugno in
cui scriveva
30
, anche se non detto, era certo quello del 1848. Per loccasione essa
reclamava una personale visibilit, che contendeva a molti nomi di signore tosca-
ne, fra cui la Ferrucci:
26 Gioli Bartolommei, M. Il rivolgimento toscano e lazione popolare(1847-1860). Dai ricordi famigliari
del marchese Ferdinando Bartolommei, Firenze, Barbera, 1905; alle pp. 301-303 valuta il contributo
allUnit di aristocrazia e patriziato ovunque scarso; in Toscana laristocrazia e lalta borghesia furono
avverse; determinante la media borghesia [] secondata dalla piccola borghesia e dal popolo.
27 Ivi, p. 51 un episodio: nel 1850 venne fatta una lotteria in aiuto dei bresciani, che avevano subito
inondazioni; il Comitato, presieduto dalla marchesa Bartolommei, era composto da Enrichetta Pe-
ruzzi, Giulia Ridolf, Elisa de Pazzi, Isabella Gabardi Brocchi; poi le signore forentine si schierarono
in due campi e quello della Bartolommei ebbe poche aristocratiche (oltre a lei, la Laiatico e la Digny).
Le ideologie si misuravano dunque con le prove.
28 Soldani, S. (a cura di) Italiane! Appartenenza nazionale e cittadinanza cit. pp. 99-100
29 1808-1893 le date per la Rossi nella biografa di Giovannini Magonio, G. Italiane benemerite
del Risorgimento Nazionale, Milano, Cogliati, 1907; per il compendio di storia italiana nel 1841 fu
ammessa al 2 Congresso degli scienziati a Firenze; promosse la colletta per le siciliane nel gennaio
1848; subentr a G.B. Niccolini allAccademia di Firenze. Cfr. Martini, F. Il Quarantotto in Toscana.
Diario inedito del conte Luigi Passerini De Rilli, Firenze, Marzocco, 1948, p. 517 (nota di p. 337): la
donna vinse il duello la Moltke-Corbelli, respingendo laccusa di malversazione.
30 ASM, 87,1, Rossi, Isabella nei Gabardi Brocchi, lettera s.a. 8 giugno. Mi giunge voce.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 247 03/05/2013 11:11:18
248
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
Egregio Salvagnoli
Mi giunge voce che Corridi a nome della Palagi e proprio desidera fare la risposta
alle Milanesi, e che per ha cercato anche me. Ma stata non so se per frmante
o per componente lindirizzo nominata la Ferrucci. Salvagnoli! Io non sopporto
soperchierie. Io prima, sola, spontanea ho fatto lindirizzo quando nessuno ci
pensava. Io feci quello alle Siciliane quando nessuno ne parlava. [] Ci in con-
fdenza vi dico [] Regolatevi per il meglio! Uomo sommo qual siete, non potete
fare che lottimo. Sono in fretta vostra amica afe.
8 giugno Isabella Rossi Gabardi.
Questa stessa letterata, borghese che si era coniugata con un conte patriota,
Olivo Gabardi Brocchi, di Carpi di Modena, provava disagio nel modellare sulla
dimensione locale lideale patriottico unitario. Ecco un brano dalla lettera
31
che
invi a VS per bene augurare il 1852:
Come vivo, lo volete sapere? Vegeto magnifcamente, in mezzo agli agi ed anzi
posso dire, al lusso. Godo unaria balsamica sopra un giardino, che tocca le mura
della citt, che sono pure possedimento di mio Marito, le quali continuano
sullimmensa pianura, non avente altro limite che le cime delle lontane Montagne
di S. Pellegrino e del Cimone: mangio, dormo, penso, guardo e parlo a modo dei
sonnambuli, cio, senza coscienza di quel che dico, tanto poco mi necessita unire
il pensiero alla parola. Questi buoni carpigiani, che nel 31 dettero la mossa alla
rivoluzione, ora dormono.
Essi mi portano in palma di mano come una cosa rara. Poveretti!
Nel decennio successivo al 1848 i contesti divennero pragmatici, ma si propa-
garono i salotti organizzati dalle signore. Nel carnevale 1858, la forentina Emilia
Rondoni chiedeva a VS di sottoscrivere quote per ofrire un adeguato dono alla
signorina Milli: era Giannina Milli, di origine abruzzese e formazione napoleta-
na, poetessa estemporanea sui temi dei dolori e delle speranze dItalia, nonch su
Dio patria e famiglia, fra il 1856 e il 1866
32
.
Molto materiale dellarchivio riferito al cruciale periodo 1859-1861. Lav-
vocato Salvagnoli era riemerso dallombra fn dal febbraio 1859, con un opuscolo
patriottico che, difuso, diede luogo a missive, utili a riattivare le reti dintesa; nel
governo provvisorio poi fu ministro, fno alla fusione con il Piemonte. Non
poche di quelle missive sono attestati di donne convinte della istanza riformatrice.
31 Ivi, lettera Carpi di Modena 26 dicembre 1851.
32 Mori, M.T. Salotti. La sociabilit delle lite nellItalia dellOttocento, Roma, Carocci, 2003, pp.
133-135.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 248 03/05/2013 11:11:18
249
1. Risorgimento italiano. Naturali protagonismi di donne
Fra queste vi furono anche inglesi amiche di Vincenzo, come la scrittrice Teodo-
sia Garrow Trollope e lady Fanny Russell.
Ha data 14 febbraio 1859 una lettera di Carlotta Poerio Imbriani
33
. Essa, in
condivisione con la scelta patriottica dei familiari, da Torino rispondeva a VS con
notizie frammentarie sul fratello Carlo. Egli, rinchiuso in carceri napoletane dopo
la partecipazione attiva nel 1848 con laccusa di agire per lunit italiana, era stato
liberato il 15 gennaio 1859 con altri detenuti politici, ma con il patto di sbarcare
in America
34
. Riporto alcune frasi:
una sola lettera di Carlo mi giunta del 17 gennaio scritta da bordo al vapore
Stromboli nelle acque di S. Stefano, con la quale egli mi facea noto come il gover-
no aveva commutato le pene de ferri e dellergastolo a circa 80 condannati poli-
tici nel bando perpetuo dal regno, facendoli trasportare a Nuova Jorca (sic). Ella
da ci ben vede come il governo napoletano sa cangiare ogni maniera di grazia in
nuovi tormenti. Carlo mi prometteva di spedirmi altra lettera da Cadice; ed era
questa che io mi aspettava per iscriverle.
Come si vede, gi la convergenza familiare era una forma daiuto non proprio
passivo. Una tale forma di partecipazione ben si concili con il tempo della nor-
malit seguita al compimento dellUnit. Allora cultura e codice civile disegnaro-
no una societ decisamente patriarcale.
3. Leredit di contraddizione della naturalit.
Fra le scritture di donna dellarchivio una signora lucchese, Gaetana Del Rosso
Cotenna, che, come vedova, era vertice del suo nucleo, mostra una dedizione alla
causa patriottica di tipo radicale. Essa, che negli anni del ministero di VS si pro-
clamava pi che settuagenaria, denunciava la sordit del governo proponendosi
con una forza eccezionale e uno stile imbevuto di trecentismo toscano: Il sacco
colmo dogni maniera di rifuti. E sia. Mi viene da ridire. Che se il Danno ne
verr altrui, non gi lonta. denominato codesto Governo-Malva; ma alquanto
di Cicuta dicono vi sia mista
35
.
33 ASM, 77,7, Imbriani, Carlotta, lettera Torino 4 febbraio 1859.
34 Grazie a un avventuroso dirottamento della nave ad opera di Rafaele Settembrini (fglio di
Luigi), i detenuti politici diretti in America furono invece fatti sbarcare a Cork, in Irlanda, dove
riacquistarono la piena libert.
35 ASM, 72,6, Del Rosso, Gaetana, vedova Cotenna, lettera Monte S. Quirico presso Lucca, 19
dicembre 1860.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 249 03/05/2013 11:11:18
250
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
In uno studio successivo ho poi potuto verifcare che questa signora e il nu-
cleo dellunica fglia profusero tutto nella causa patriottica, schierate con il partito
democratico e in dimestichezza con Mazzini, Garibaldi, Dolf. Nel fondo Dolf,
appunto, presso la Domus Mazziniana di Pisa (da ora DM), ho anzi trovato un
Indirizzo poetico della signora, intitolato al 27 aprile 1859, fne del granducato.
Qui, volgendosi a un misterioso Giovin Cantore, la signora inneggiava allunio-
ne dellItalia gi vista come continuit compatta, dalle Alpi alla Sicilia
36
:
sulle incrollabili rocce sue Natura ghiacci eterni pos, meno che a baluardi, quan-
to ad imprimer fortezza ne fgli suoi Ed eruttar Etna fece e Vesuvio nelle estre-
me parti, acciocch rimontando come natura del fuoco , i cuori degli Italiani
tutti saccendessero di santo zelo damor Patrio, di bella gara dOnore e di Gloria.
Morto VS nel marzo 1861, appena dopo la proclamazione del regno dIta-
lia, losservatorio dellASM fornisce ancora informazioni, tramite i documenti del
fratello Antonio. Limpressione che il sostegno alla patria continu nella societ
unifcata, ma spegnendosi la partecipazione emotiva, mentre subentrava un disin-
canto aperto alla critica.
La posizione deflata delle donne nel nuovo stato fu lapprodo delle forze che
avevano voluto la grande riforma. Nel dibattito provocato da John Stuart Mill,
sulla formazione intellettuale delle donne, le lite culturali italiane si distinsero
per lintransigenza contro gli studi universitari delle donne
37
. Anche Isabella Ros-
si Gabardi Brocchi, gi incontrata come protagonista del Risorgimento, nonch
cattedratica presso lAccademia darte a Firenze, attu un duro sbarramento. In
un suo opuscolo del 1878, Emancipazione!
38
la donna era la fragile compagna
dellUomo:
il Creatore, che ha voluto la supremazia del maschio, e che ha posta la femmina
per aiutarlo, non per soverchiarlo. La donna graziosa, gentile, per conquistare
lamore delluomo [] Il connubio una dualit fusa in unit, la quale cos
amalgamata, compone una perfezione completa.
36 DM, Fondo Dolf, DVC 31/1. Non da escludere che il destinatario ideale sia il lucchese Giosue
Carducci.
37 Urbinati, N. Lucifero e lacqua santa. Una discussione forentina su Te subjection of women,
in Giornale critico della flosofa italiana, VI, a. LXVII, 1988, pp. 250-273.
38 Gabardi-Brocchi, I. Emancipazione!Considerazioni sui Diritti della Donna, Firenze, Arte della
stampa, 1878, qui p. 66.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 250 03/05/2013 11:11:18
251
1. Risorgimento italiano. Naturali protagonismi di donne
Pure, proprio lei aveva detto, in una lettera a VS
39
: Vorrei essere trattata da
uomo [] senza complimenti da fratello, via! [] non mi si cambia il cuore,
che batte di tuttaltro, che di ambizioncelle femminili. Ma, evidentemente, altro
la deroga per s, altro la generalizzazione. Non di rado del resto le donne hanno
interpretato la loro naturale vita come attitudine al travestimento
40
: un gioco
che la societ ha disposto da tempo nella creanza femminile, in realt tollerando
gli abiti maschili solo nei momenti delle accelerazioni e porgendo nella norma
un guardaroba caratterizzato da grazia e leggerezza.
39 ASM, 87,1, Rossi, Isabella nei Gabardi Brocchi, lettera 9 maggio 1859.
40 Guidi, L. Patriottismo femminile e travestimenti sulla scena risorgimentale, in Studi Storici, n.
2, 2000, pp. 571-587.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 251 03/05/2013 11:11:18
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 252 03/05/2013 11:11:18
2. Militanza, identit e memoria
in una famiglia napoletana di patrioti
Marcella Varriale
La casa nella quale io entrai sposa era ricca di memorie patriottiche
Sono ormai trentatr anni che io ho lonore di trovarmi fra gli accademici di
questa nostra antica e gloriosa Pontaniana dove fui ammessa ventinovenne ap-
pena, e [], pur mi sento qui come in una famiglia, divenuta cara per lunga con-
suetudine. E sento che anche voi, per vostra benevolenza, mi considerate come
sorella, sicch non mi sembra disdicevole venire a discorrere fra voi di cose per
me sacre e intime, di cose che facilmente cadrebbero nelloblio eterno se io adesso
non ne raccogliessi le vestigia che ancor me ne rimangono nella memoria come
piccoli punti luminosi fra il gran buio della dimenticanza
41
.
Il 21 marzo 1926 Enrichetta Capecelatro Carafa DAndria legge presso lAc-
cademia Pontaniana la storia della propria famiglia, una famiglia napoletana in
tempi di lotte per la libert
42
.
Dimostrare che i propri parenti hanno soferto lesilio, il carcere, la morte
utile per testimoniare lonore della propria famiglia
43
. Enrichetta in numerosi
punti dei suoi Ricordi sottolinea leroismo dei suoi: i Capecelatro, i Ranieri, i Fer-
rigni, i Carafa emergono come costruttori della patria.
41 Carafa DAndria, E. Una famiglia napoletana dellOttocento, Rieti, Biblioteca, 1928, p. 7.
42 Ivi, p. 6.
43 Porciani, I. (a cura di) Famiglia e nazione nel lungo Ottocento. Modelli, strategie, reti di relazioni,
Bologna, Viella, 2006, pp. 23-25.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 253 03/05/2013 11:11:18
254
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
La prima fgura che si incontra nella narrazione il nonno paterno di En-
richetta, Francesco Capecelatro, che impara ad amare la patria sin da bambino.
Difensore della repubblica partenopea in qualit di alfere di vascello, fautore dei
principi della rivoluzione francese, Francesco frequenta le vendite dei carbonari
e ad abbraccia le idee liberali. Durante i moti del 1821, accusato di tradimento
nei confronti del Re, costretto allesilio. Nel 1830, salito al trono Ferdinando II,
tolto il sequestro dei suoi beni, ritorna a Napoli insieme a sua moglie, Maddalena
Santorelli
44
, e ai suoi fgli, che educa in nome delle dottrine liberali. La casa di
Napoli e la villetta di San Paolo Belsito diventano ritrovo di letterati e di musicisti
ma soprattutto di liberali. Protagonista dei moti del 15 maggio 1848, Antonio,
padre di Enrichetta, cospira segretamente e lavora per la libert del proprio Paese:
nel 1859 sar arrestato
45
.
Il processo di nazionalizzazione importante per le famiglie borghesi, le quali
possono dimostrare attraverso la partecipazione al nation building, la loro presenza
alla vita della nazione. Loperazione di Enrichetta pu essere ascritta dunque a
questa volont di attribuire un ruolo preciso alla sua famiglia. Lo stesso matrimo-
nio con Riccardo Carafa sembra ideologicamente inserirsi in questo processo di
unione tra due nuclei familiari attivi nelle lotte risorgimentali. La famiglia Carafa
annovera infatti illustri martiri politici
46
.
Da una generazione allaltra valori liberali e nazionali si susseguono attraver-
so matrimoni tra famiglie attive nel processo risorgimentale. Lunione tra i due
discendenti di famiglie patriote emerge come il presupposto per la conservazione
della nazione. Lamore romantico sintreccia allamore patriottico. Amore-onore-
virt costituiscono una delle fgure profonde del discorso nazionalista. Lessenza
di una nazione consiste nella presenza di una linea genealogica che va conservata
e protetta
47
.
Grazie allamour passion, il matrimonio tra Enrichetta e Riccardo pu testi-
moniare lonore patriottico e la virt eroica di due famiglie partecipi delle lotte
nazionali. A Enrichetta spetta il compito di consegnare alle future generazioni i
ricordi e, attraverso questi, di riscattare lonore familiare. Enrichetta sposa luomo
che lei ha scelto, che fglio di eroi del Risorgimento italiano. In questo modo ri-
44 Donna energica e attiva, madre forte e pronta ad allattare i suoi fgli, moglie prodiga a seguire il
marito nel suo esilio e ad appoggiare le sue speranze politiche, anche lei annovera nella sua famiglia
martiri politici: suo zio Antonio Santorelli, ricercato come giacobino sar scannato al ponte della
Maddalena. Ivi, pp. 9-10.
45 Carafa DAndria, E. Una famiglia cit., pp. 6-22.
46 Carafa DAndria, E. Ricordi forentini, romani, napoletani, BNN, ms XX-2, pp. 186-187.
47 Banti, A.M.; Ginsborg, P. (a cura di) Storia dItalia. Annali 22. Il Risorgimento, Torino, Einaudi,
2007, pp. XXX-XXXII.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 254 03/05/2013 11:11:18
255
2. Militanza, identit e memoria in una famiglia napoletana di patrioti
spetta la tradizione familiare che ha legato in matrimonio sempre personaggi attivi
nel processo di costruzione di unItalia libera e unita
48
.
Io sono stata, sono e sar sempre sinistra
Nella stessa notte in cui viene arrestato Antonio Capecelatro, gli agenti di polizia si
recano in casa di Giuseppe Ferrigni, nonno materno di Enrichetta. La narrazione
dei Ricordi di Enrichetta Carafa segue ora le vicende di casa Ferrigni, anchessa fo-
colare di idee rivoluzionarie. Al fanco di Giuseppe emerge la fgura di sua moglie
Enrichetta Ranieri sorella di Antonio Ranieri donna energica e astuta: grazie a
lei Giuseppe riesce a sottrarsi dalla cattura della polizia
49
.
Animatrice del salotto del marito, ella fa gli onori di casa e prende parte alle
discussioni politiche
50
. Il salotto Ferrigni raccoglie infatti le fgure pi interessanti
dellintellighenzia del tempo e spicca per il suo carattere liberale
51
. Dunque si pu
avanzare lipotesi che in questo laboratorio politico e letterario Enrichetta forgi la
propria ideologia liberale.
Durante la spedizione dei Mille Enrichetta vive giornate di trepidante attesa:
cuce di notte bandiere tricolori che sventoleranno poi in tutto il quartiere allar-
rivo di Garibaldi, leroe delle sue speranze e della sua aspettazione
52
. Raccoglie,
inoltre, sottoscrizioni per donare, insieme ad altre donne napoletane, una ricca
tenda da campo al primo e un fnimento di corallo al secondo. Al fanco di suo
marito, di Antonio e di Paolina Ranieri si reca a Grottammare per rendere omag-
gio al nuovo re dItalia
53
. La posizione politica di Enrichetta Ranieri Ferrigni si
delinea in diverse lettere che indirizza al fratello Antonio:
48 Cfr. Sodini, E. Il buon nome della famiglia e lamore per la patria: Felicita Bevilacqua e la lotteria
patriottica, in Famiglia e nazione, pp. 107-129.
49 Carafa DAndria, E. Una famiglia napoletana cit., pp. 24-25.
50 Villari, L.A. Cenni e ricordi di Giuseppe Ferrigni, Napoli, Di Gennaro, 1895, pp. 37-38.
51 Sul salotto di Giuseppe Ferrigni cfr. Balzerano, A. Giuseppina Guacci Nobile nella vita, nellarte,
nella storia del Risorgimento, Napoli, Di Mauro, 1975, pp. 51-52; Cione, E. Napoli Romantica 1830-
1848, Napoli, Morano, 1957, p. 23; Doria, G. Salotti napoletani dellOttocento, in Aa. Vv., Tiempe
belle e na vota, Napoli, Associazione napoletana per i monumenti e il paesaggio, 1982, p. 17.
52 Carafa DAndria, E. Una famiglia napoletana cit., p. 32.
53 Anche la fgura di Paolina passata alla storia come la suora di carit di Giacomo Leopardi
risulta interessante per il suo sostegno alla causa patriottica. Durante le battaglie del 1860 e del
1866 raccoglie ad esempio denaro, flacce, tele e pannilini da inviare negli ospedali militari. Odo-
ardo Valio, La suora di carit di Giacomo Leopardi, Acerra, Fiore, 1896. BNN, Carte Ranieri, B
22/299, Lettera di Francesco Casotti a Paolina Ranieri, Lecce 9 Ottobre 1860; BNN, Carte Ranieri,
B 64/321, Lettera di Bernardo Nolli a Paolina Ranieri, Napoli 25 Giugno 1866.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 255 03/05/2013 11:11:18
256
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
Mi ha fatto immenso dolore, dopo aver sospirato unintera vita di non essere
stata a Roma il giorno dellapertura del primo Parlamento Italiano, e ci per con-
seguenza delle gravissime disgrazie soferte Io sono stata, sono e sar sempre
sinistra, perch nella sinistra spero la salute dellItalia
54
.
Fautrice della Sinistra, cio di quella parte politica che risponde al malcon-
tento delle genti del Sud per nulla ascoltate dalla Destra storica
55
, in pi occasioni
invita Antonio a scriverle di politica: lui, deputato al Parlamento, pu aggiornarla
con maggiore precisione.
Il desiderio di politicare con il fratello compare in varie lettere: Enrichetta
vuole confrontarsi con lui e conoscere le sue opinioni. Lentusiasta patriota guarda
con occhi pi obiettivi alla situazione dellItalia unita: lo slancio nazionalistico
cede il passo alla descrizione del disagio popolare e alla delusione politica
56
.
Cittadina senza cittadinanza
57
, Enrichetta si mostra molto delusa dellope-
rato dei politici italiani, divisi tra loro e protesi a accontentare i propri interessi.
La critica volta a uno Stato incapace di fronteggiare i problemi del Mezzogiorno.
Limmagine di Enrichetta Ranieri come patriota attiva nelle lotte per la costru-
zione dellItalia conferma che nel processo di nation building coinvolta lintera
famiglia: donne e uomini. La sfera pubblica risulta intrecciata con quella domestica
e privata. Attraverso le vicende di queste famiglie di patrioti si pu constatare
come le relazioni di genere connotino la storia del nostro Risorgimento e i Ricordi
di Enrichetta Carafa DAndria si presentano come una storia di genere del lungo
Ottocento italiano.
Io purtroppo! non mi sentivo lanima eroica
I Ricordi frmati da Enrichetta Carafa si dilatano dallesperienza personale a quella
familiare intrecciandosi con eventi e fatti del Risorgimento italiano: dalla rivolu-
zione partenopea alla Grande Guerra. Enrichetta cuce i racconti a lei narrati con
i suoi ricordi. Gran parte del suo scritto infatti raccoglie aneddoti e vicende tratte
da fonti orali: la nonna Enrichetta, la madre Calliope e il padre Antonio. Le sue
memorie assolvono a un duplice ruolo:
54 BNN, Carte Ranieri, B 51/342, Lettera di Enrichetta Ranieri Ferrigni ad Antonio Ranieri, Na-
poli 3 Dicembre [s. a.].
55 Romanelli, R. LItalia liberale. 1861-1900, Bologna, Il Mulino, 1979, pp. 186-187.
56 BNN, Carte Ranieri, B 46/112, Lettera di Enrichetta Ranieri Ferrigni ad Antonio Ranieri, Napoli
[1869].
57 Fruci, G.L. Cittadine senza cittadinanza. La mobilitazione femminile nei plebisciti del Risorgi-
mento (1848-1870), in Genesis, V/2, 2006, pp. 21-55.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 256 03/05/2013 11:11:18
257
2. Militanza, identit e memoria in una famiglia napoletana di patrioti
celebrare lonore patriottico della sua famiglia
trasmettere ai nipoti e alle future generazioni modelli comportamentali.
I Ricordi di Enrichetta non hanno il fne manzoniano del narrar se stessi
58
, ma
delineano un racconto familiare nel periodo storico del Risorgimento. Enrichet-
ta colloca la storia familiare nellambito della storia nazionale. La sua rilettura del
Risorgimento avviene alla luce del vissuto della propria famiglia e di una fazione
importante della nazione: la corrente liberale. Lopera si chiude con limmagine di
Enrichetta anziana: una nonna che aspira a diventare bisnonna
59
. Appare cos
chiara la seconda funzione che Enrichetta vuole assolvere: conservare e tramandare
la memoria familiare ai propri discendenti. Lautrice si presenta come anello di con-
giunzione tra le generazioni passate e quelle future. In primo luogo come depositaria
delle memorie familiari, cerca di salvare queste ultime dalloblio. In secondo luogo
come educatrice delle generazioni successive, propone paradigmi comportamentali
di fgure, in particolare femminili, che hanno lottato per la libert.
Durante il periodo del nation building la presenza di donne risulta molto atti-
va nella sfera pubblica: il modello di madre incarna valori quali abnegazione di s,
sostegno ai mariti e ai fgli, patriottismo. La Grande Guerra chieder una missione
ancora pi grande: il sacrifcio diventer maggiore poich si inviteranno le donne
a non ostacolare la partenza di fgli e/o di mariti
60
.
Enrichetta riconosce il suo ruolo di custode delle memorie familiari: alle madri
patriottiche af dato il compito di educare i fgli e i nipoti alla patria. Per assolvere
questa missione, Enrichetta propone uomini e donne della propria famiglia come
modelli di sacrifcio e di lotta
61
. Fornisce inoltre unimmagine di moglie e di madre
che rispecchia le esigenze coeve. Il sacrifcio al quale chiamata allo scoppio delle
guerre le impone di non mostrare alcuna soferenza sul proprio volto
62
.
Se Riccardo riassapora lebbrezza della guerra che ha vissuto negli anni passati,
Enrichetta sofoca le sue inquietudini sotto una fttizia tranquillit. Allallegria del
marito che prepara i bagagli si contrappone il dolore della moglie. Il cuore [le]
58 Betri, M.L.; Maldini Chiarito, D. (a cura di) Scritture di desiderio e di ricordo. Autobiografe, diari,
memorie tra Settecento e Novecento, Milano, FrancoAngeli, 2002.
59 Carafa DAndria, E. Ricordi forentini, romani, napoletani, in Fiorentino, G. (a cura di) Ricordi
napoletani. Uomini, scene, tradizioni antiche 1850-1920, Napoli, Electa, 1991, p. 64.
60 Cfr. Guidi, L. Un nazionalismo declinato al femminile. 1914-1918, in Guidi, L. (a cura di)
Vivere la guerra. Percorsi biografci e ruoli di genere tra Risorgimento e primo confitto mondiale, Napoli,
ClioPress, 2007, pp. 93-118.
61 Porciani, I. Storiche italiane e storia nazionale, in Palazzi, M.; Porciani, I. (a cura di) Storiche
di ieri e di oggi. Dalle autrici dellOttocento alle riviste di storia delle donne, Roma, Viella, 2004, pp.
51-66.
62 Carafa DAndria, E. Ricordi forentini, romani, napoletani, in Ricordi napoletani cit., p. 61.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 257 03/05/2013 11:11:18
258
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
si stringeva, ma non contrasta le decisioni prese
63
. Alla donna non si chiede che
di tacere. Limpossibilit di dar voce al proprio stato danimo dettata da un
senso di pudore nellesprimere il proprio dolore personale, che appare poca cosa
di fronte a quello di migliaia di mogli e di madri
64
.
Il patriottismo della madre risorgimentale acquista dunque una nuova ve-
ste. La donna partecipa alla vita pubblica non pi soltanto ricamando bandiere
ma addirittura sacrifcando il proprio fglio alla patria
65
. Enrichetta Ranieri cuce
bandiere, presenzia alle riunioni liberali nel salotto di casa, rende salva la vita del
marito fervente patriota , coinvolge altre donne in attivit di propaganda. Sua
nipote, come chiede la retorica del tempo, sacrifca il marito e il fglio
66
.
Una trasmissione dunque di valori patriottici: da madre a fglia
67
di una cate-
na genealogica che coinvolge donne e uomini. Il valore della patria, lonore della
nazione
68
viaggiano attraverso il flo di una memoria non solo maschile, ma so-
prattutto femminile.
Com caro ricordare, e amar sempre, e mantener viva la memoria
di chi merita di essere onorato dai posteri!
Allindomani dellUnit si avvia un discorso di sacralizzazione politica col quale si
vuole dimostrare e ricordare il sacrifcio adempiuto dagli eroi del Risorgimento:
molte scrittrici raccolgono le memorie degli eroi del processo risorgimentale. Nel
fondo Antonio Ranieri
69
ci simbatte in uninteressante fgura femminile: Cesira
Pozzolini Siciliani, salonnire e scrittrice forentina
70
.
63 Ivi, p. 62.
64 Gibelli, A. Lof cina della guerra, Torino, Bollati Boringhieri, 2007.
65 Porciani, I. La festa della nazione. Rappresentazione dello Stato e spazi sociali nellItalia unita,
Bologna, Il Mulino, 1997, p. 93.
66 Il fglio di Enrichetta parte nella primavera del 1915 in qualit di sotto-tenente di cavalleria.
Carafa DAndria, E. Ricordi forentini cit., pp. 61-62.
67 Rascaglia, M. Da madre a fglia: percorsi ottocenteschi del sapere di genere, in Guidi, L. (a cura
di) Scritture femminili e Storia, Napoli, ClioPress, 2004, pp. 173-190.
68 Cfr. Banti, A.M. Lonore della nazione. Identit sessuali e violenza nel nazionalismo europeo dal
XVIII secolo alla Grande Guerra, Torino, Einaudi, 2005.
69 Il fondo conservato presso la Sezione Manoscritti e Rari della Biblioteca Nazionale di Napoli,
formato da circa centocinquantamila pezzi e diviso in centocinquanta buste, si presenta come un
vasto archivio privato nel quale il notabile raccoglie documenti e scritti che ricoprono un lungo arco
cronologico, dagli anni Venti agli anni Ottanta dellOttocento.
70 Delle lettere di Cesira conservate presso la Sezione Manoscritti della Biblioteca Nazionale di Na-
poli, la prima, in ordine cronologico, datata Firenze 3 Maggio 1879 e lultima Firenze 15 Marzo
1887. Sulla fgura di Cesira cfr. Signorini, M.A.; Visconti, A. Il salotto di Gesualda e Cesira
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 258 03/05/2013 11:11:18
259
2. Militanza, identit e memoria in una famiglia napoletana di patrioti
Nel 1879 Cesira avvia il suo colloquio epistolare con Antonio Ranieri per
intercessione di Atto Vannucci. Le prime lettere che Cesira e Antonio si scrivono
afrontano tematiche letterarie. Nel 1880, Cesira d notizia della pubblicazione
della sua opera Napoli e dintorni. Impressioni e ricordi. Lopera si chiude con il ca-
pitolo Una visita a Luigi Settembrini. Il viaggio a Napoli non sembra motivato
solo dallinteresse di conoscere una citt ricca di storia e di arte, ma soprattutto
dalla possibilit di incontrare alcuni dei martiri del nostro Risorgimento, tra i
quali Luigi Settembrini
71
.
Una sincera venerazione per i patrioti italiani spinge la scrittrice a entrare in
contatto con illustri protagonisti del processo di nazionalizzazione italiana, quali
Antonio Ranieri e Atto Vannucci. Alla morte di questultimo, il desiderio di Cesi-
ra di raccogliere tutte le lettere chegli ha scritto o ricevuto rientra nel progetto di
dar spazio nel martirologio italiano a quanti si sono segnalati per il loro eroismo.
Depositaria delle memorie di Atto Vannucci che le ha lasciato in eredit tutte
le lettere ancora una volta una donna viene additata come perfetta custode di
memorie storiche Cesira si adopera con fervente zelo a catalogare lintera corri-
spondenza. Alcune lettere le pubblica per qualche giornale: in particolare una che
risveglia gli animi patriottici, nella quale Atto Vannucci narra a Teresa Kramer
alcuni momenti signifcativi del processo di unifcazione. Pagine della storia italia-
na elaborate dagli stessi protagonisti si ofrono come testimonianze della parteci-
pazione di massa al Risorgimento. Le parole di questi eroi vanno quindi, secondo
Cesira, non solo raccolte e custodite, ma anche divulgate af nch la memoria del
passato proponga modelli alle generazioni future.
La fgura di Cesira emerge dallo scambio epistolare con Antonio Ranieri in
qualit di storica. Attraverso la sua attivit salva dalloblio unulteriore testimo-
nianza della storia del nostro Paese e d voce al Risorgimento. Inoltre Cesira par-
tecipa, negli anni postunitari, a quel processo di creazione di una religione politica
che vuole ofrire paradigmi comportamentali proponendo tutti gli eroi che nel
Risorgimento hanno sacrifcato la propria vita per la libert dellItalia.
Gli scritti di Enrichetta Carafa e Cesira Siciliani mostrano che in Italia la
narrazione dei fatti avviene anche per mano democratica e coinvolge le donne.
Il riordino delle memorie degli eroi e dei martiri dellUnit avviene attraverso
un lavoro di cura femminile
72
. Entrambe le storiche pervengono al medesimo
fne: costruire la memoria storica nazionale e tramandarla alle future generazioni.
Pozzolini nella Firenze del 1859 in Betri, M.L.; Brambilla, E. (a cura di) Salotti e ruolo femminile in
Italia tra fne Seicento e primo Novecento, Venezia, Marsilio, 2004, pp. 381-403.
71 Pozzolini, C. Napoli e dintorni. Impressioni e ricordi, Napoli, Morano, 1880, pp. 299-300.
72 Porciani, I. Disciplinamento nazionale e modelli domestici nel lungo Ottocento: Germania e
Italia a confronto, in Storia dItalia cit., pp. 97-125.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 259 03/05/2013 11:11:18
260
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
Ancora una volta le donne, escluse dal mondo pubblico, cittadine a met, ma
tuttavia mogli e madri, viaggiatrici e scrittrici, assolvono il ruolo di raccogliere le
vestigia del passato. Sono loro che tutelano lonore maschile e quello femminile
dal mondo delloblio.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 260 03/05/2013 11:11:18
3. Il Mezzogiorno e la Questione meridionale
negli scritti di Cristina Trivulzio di Belgiojoso
Karoline Rrig
Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1808-1871) nata, cresciuta e per lunghi periodi
della sua esistenza anche residente a Milano
73
, era una donna del nord. Non co-
nosceva molto bene il Mezzogiorno e i suoi problemi, o comunque solo attraverso
esperienze personali. Solo due volte si rec nel sud dItalia: la prima nel 1829 dopo
la separazione dal marito, principe Emilio di Belgiojoso, per le cure a Ischia. Il
secondo soggiorno fu determinato dal Quarantotto: da inizio febbraio fno a fne
marzo di quellanno fu a Napoli, impegnata come giornalista, consulente politi-
ca e coordinatrice della spedizione militare di un gruppo di volontari napoletani
determinati a combattere nella guerra di liberazione nel Nord. Una storiografa
piuttosto romanzesca ha ricordato come la principessa a capo di questo gruppo
part per Milano dove furono accolti e festeggiati con entusiasmo. Pi importante
tuttavia ricordare che questo secondo soggiorno e il contatto personale e diretto
con la vita e la popolazione di Napoli lasciarono una forte impronta sulla sua
visione del Mezzogiorno.
Le descrizioni e analisi dellItalia meridionale di Cristina di Belgiojoso si ba-
sarono, oltre che su queste esperienze e osservazioni personali, maggiormente su
cose udite o su letture. Troviamo quindi nei suoi scritti molti clich e stereoti-
pi difusi allepoca nellopinione pubblica europea, come il Lazzarone barbaro e
nullafacente o il brigante cattivo. Tra gli amici e i colleghi della principessa vi
73 Per una bibliografa ampia e attuale su questo personaggio cfr. Introduzione in Fugazza, M.;
Rrig, K. (a cura di) La prima donna dItalia. Cristina Trivulzio di Belgiojoso tra politica e giorna-
lismo, Milano, FrancoAngeli, 2010.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 261 03/05/2013 11:11:18
262
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
erano per anche persone originarie del sud come Giuseppe Massari (Taranto)
o Antonio Ranieri (Napoli) con le quali, discorrendo o corrispondendo, poteva
trattare la situazione attuale del Mezzogiorno, la sua storia e la sua cultura. Grazie
a queste conversazioni e scambi di idee con persone ben informate e testimoni
oculari, riusc ad approfondire ulteriormente le sue conoscenze, sviluppando una
consapevolezza profonda della mentalit meridionale e sui problemi del sud, sulle
loro radici, sulle dinamiche e sulle connessioni.
Nonostante questa sua sensibilit e il suo indubbio interesse, se analizziamo
linsieme dei suoi scritti appare chiaro che Cristina di Belgiojoso non dedic mol-
to spesso la sua attenzione allargomento. Nessuna delle sue monografe gi di
per s non numerose e solo pochi articoli redatti per la stampa erano dedicati al
meridione. Il corpus di testi da esaminare perci assai ristretto: si tratta di alcuni
capoversi di una serie di articoli del 1846 comparsi sulla rivista parigina LAusonio,
fondata e diretta dalla principessa, e intitolati Sullo stato attuale dellItalia
74
,
dellopuscolo Ai suoi concittadini. Parole pubblicato nella primavera del 1848 a
Milano
75
, qualche articolo degli anni 1860 e 1862 per il giornale italo-francese
LItalie. Journal politique quotidien
76
e alcuni brani delle Osservazioni sullo stato
attuale dellItalia e del suo avvenire del 1868
77
. Oltre a questi scritti di interesse
qualche articolo non frmato, apparso sempre sulla rivista LAusonio tra il 1846 e
il 1848
78
. poco probabile che fossero scritti dalla Belgiojoso, ma si pu partire
74 Questa serie comprendeva in tutto quattro articoli, non recanti alcun titolo particolare, tranne lul-
timo: art. I, in LAusonio, vol. I, n. 1, 1846, pp. 5-20; art. II, ibidem, vol. I, n. 2, 1846, pp. 77-87;
art. III, ibidem, vol. I, n. 3, pp. 161-180; art. IV (Condizione del basso popolo dellItalia superiore),
ibidem, vol. I, n. 4, pp. 241-255.
75 Trivulzio, C. Ai suoi concittadini. Parole, opuscolo in due parti: parte I, Milano, Tipografa Valen-
tini, 1848, parte II, Milano, tipografa Luigi di Giacomo Pirola, 1848. Riprodotto in Fugazza, M.;
Rrig, K. (a cura di) Cristina Trivulzio di Belgiojoso tra politica e giornalismo cit. Essendo il nostro
volume ancora in corso di pubblicazione allatto di scrivere questo testo, cito qui dalloriginale.
76 Giornale fondato a Milano nel 1860 da Constant Victor Jaccottet. C.di Belgiojoso collaborava con
LItalie dal 1860 al 1865. Cfr. Rrig, K. Cooperare al progresso de veri principii di libert, di in-
dipendenza e di nazionalit. Professione e prassi giornalistica di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, in
Conti Odorisio, G.; Giorcelli, C.; Monsagrati, G. (a cura di) Cristina di Belgiojoso. Politica e cultura
nellEuropa dellOttocento, Napoli, Lofredo Editore, 2010.
77 Trivulzio di Belgiojoso, C. Osservazioni sullo stato attuale dellItalia e sul suo avvenire, Milano,
Vallardi, 1868.
78 Della odierna moralit politica delle Due-Sicilie, articolo in quattro parti: art. I, in LAusonio,
vol. III, n. 15, 1847, pp. 17-29; art. II, ibidem, vol. III, n. 16, 1847, pp. 97-114; art. III, ibidem, vol.
III, n. 17, pp. 209-221; art. IV, ibidem, vol. III, n. 18, 1847, pp. 289-304. Larticolo reca la frma
S.D., ma fnora non stato possibile identifcare con certezza lauthorship. Franco Della Peruta lo
attribuiva a Giuseppe De Simone, cfr. Id., Il giornalismo dal 1847 allunit, in Galante Garrone,
A.; Della Peruta, F. La stampa italiana del Risorgimento, in Castronovo, V.; Tranfaglia, N. (a cura di)
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 262 03/05/2013 11:11:18
263
3. Il Mezzogiorno e la Questione meridionale negli scritti di Cristina Trivulzio di Belgiojoso
dal presupposto che siano stati sottoposti al suo vaglio, perch abitualmente tutti
gli articoli proposti alla redazione dovevano essere sottoposti al giudizio della di-
rettrice della rivista per ottenere il suo consenso e il permesso alla pubblicazione.
Da questi testi, che qui per motivi di spazio non possono essere analizzati per
esteso, sorge unimmagine del Mezzogiorno coniata su giudizi e stereotipi molto
difusi allepoca, ma questo non stupisce afatto. Sin dagli studi di Nelson Moe
e Marta Petrusewicz, risalenti alla fne degli anni Novanta, si parla del carattere
composito e complesso della Questione Meridionale, che viene concepita come
una rappresentazione costruita, una costruzione dellimmaginario, il cui signif-
cato cangiante e dipende dal punto di vista dellosservatore, al di l dei fatti
79
.
Condizioni economiche e sociali diverse, ragionamenti politici pi vari, esperienze
e interessi personali, tutto poteva infuenzare il discorso sul Meridione e determi-
nare immagini e giudizi. Cristina di Belgiojoso e i suoi scritti sinseriscono perfet-
tamente in questo quadro. Come scrittrice e giornalista assai celebre (e non meno
contestata) partecip anche se non in prima linea, dato che scelse altri focus nel
suo operare propagandistico e politico alla costruzione e divulgazione dellim-
maginario del Sud.
In questo contesto importante ricordare che, a esclusione delle Parole del
1848, tutti i suoi scritti sopra segnalati venivano pubblicati e distribuiti in Francia
e alcuni di essi, come gli articoli per LItalie o le Osservazioni, anche in lingua
francese
80
. Anche se sappiamo ancora poco sulla ricezione delle opere della Bel-
giojoso in Francia, possiamo ipotizzare che infuenzassero notevolmente lidea che
il pubblico francese si faceva dellItalia. Parlando del rapporto della Belgiojoso con
la Francia dobbiamo ricordare inoltre che la principessa, esiliata a Parigi nel 1831,
visse bench non ininterrottamente quasi la met della sua vita nella capitale
francese, ed fuori dubbio che questo infuenz il suo scrivere sullItalia. Cristina
Trivulzio non era semplicemente una donna del nord, ma per modi di pensare
Storia della stampa italiana, vol. II, Roma, Bari, Laterza, 1978, pp. 247-542, p. 251.
Tra settembre 1847 e febbraio 1848 in una rubrica intitolata Histoire contemporaine LAusonio
pubblicava regolarmente contributi dedicati agli eventi e sviluppi attuali nel Royaume des Deux
Siciles. Di particolare interesse il contributo dellottobre 1847 che rispetto alle altre cronache pi
analitico. Ibidem, vol. IV, n. 5, 1847, pp. 140-151.
Altrettanto interessante e simile nelle sue argomentazioni un articolo in due parti intitolato Dernire
insurrection des Deux Siciles, ibidem, vol. IV, n. 11, 1847, pp. 358-360; n. 12, 1847, pp. 361-373.
79 Cfr. Petrusewicz, M. Come il Meridione divenne una questione. Rappresentazioni del sud prima e
dopo il Quarantotto, Soveria Mannelli (Catanzaro), Rubbettino, 1998, Introduzione, p. 13; Moe,
N. Representing the south in post-unifcation Italy, 1860-1880, Baltimore, Md., John Hopkins Univ.,
Diss., 1994.
80 Trivulce de Belgiojoso, C. Rfexions sur ltat actuel de lItalie et sur son avenir, Paris, A. Lacroix
Verboeckhoven et C.ie, 1869.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 263 03/05/2013 11:11:18
264
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
e di scrivere anche una dama francese. Lo confermava lei stessa in una lettera a
Niccol Tommaseo: Ho cominciato a pensare, a studiare, a fare in Francia. Ivi
la mia qualunque siasi mente ha principato a ricevere, a custodire, a produrre
81
.
Bench fosse una patriota italianissima, in momenti cruciali della sua lotta
politica, quando si sentiva mal compresa, difamata o attaccata, questa sua duplice
identit come Italiana e Francese par choix le serviva come scudo e la aiutava nel
prendere le distanze dai suoi connazionali, non solo dai meridionali, ma anche dai
settentrionali. Lo vediamo nelle sue ripetute critiche alla mentalit municipalista
degli Italiani e delle lotte partitiche tra di loro, nei suoi incessanti appelli alla coe-
sione nazionale e al senso comune. In tali polemiche la principessa assumeva spesso
molteplici ruoli: a volte impersonava lItaliana remissiva e disponibile a collaborare
con i suoi connazionali per rimediare ai malanni accumulatisi in pi secoli di do-
minazione straniera e di cattiva amministrazione e per istaurare un nuovo Stato na-
zionale e un governo legittimo e probo; in altre occasioni invece, sopratutto quando
voleva sottolineare i guai e le debolezze del suo popolo, si comportava come osserva-
trice straniera, una straniera in patria, supponendo di stare al di sopra delle parti,
di guardare le cose italiane con occhio spassionato e di avere quindi giudizi meno
parziali e pi autorevoli rispetto agli italiani, soprattutto quelli rimasti in patria, che,
secondo lei, si stavano esaurendo con le loro liti e invidie.
Questo gioco con ruoli diversi, questo alternante schierarsi con o contro gli
Italiani tipico della produzione politico-propagandistica di Cristina Trivulzio di
Belgiojoso e lo troviamo anche nel suo discorso sul Meridione. indubbio che
nelle sue descrizioni del Mezzogiorno e nei suoi giudizi sulla sua societ non si
distingueva molto dal discorso predominante condannava il malgoverno dei
Borbone e i mali caratteristici della societ meridionale come il clientelismo,
unamministrazione disorganizzata e inef cace, gli abusi di potere e la corruzione;
stigmatizzava laristocrazia meridionale come oziosa, egoista, amorale, esausta e
incapace di adempiere a responsabilit di governo; sulla nobilt napoletana espri-
meva spesso giudizi totalmente negativi:
Dessa non ricevette alcuna educazione, n istruzione politica; non in relazione
cogli uomini di Stato delle nazioni estere; non legge di queste nazioni n i fogli
quotidiani, n i libri, n gli opuscoli; non medit sulle gravi questioni che inte-
ressano lesistenza politica dei popoli, i loro diritti, i loro doveri, ma nacque nel
lusso, crebbe nellozio, vive nellignoranza e nel godimento dignobili piaceri
82
.
81 C. Belgiojoso a Niccol Tommaseo, Locate, 3 gennaio 1842. Biblioteca Nazionale di Firenze,
Carte Tommaseo, 54,20, no. 11.
82 Trivulzio, C. Ai suoi concittadini. Parole cit., fascicolo 2, pp. 18-19.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 264 03/05/2013 11:11:18
265
3. Il Mezzogiorno e la Questione meridionale negli scritti di Cristina Trivulzio di Belgiojoso
Accusava i possidenti delle campagne di essere frivoli, viziosi, nullafacenti
e boriosi, e di sfruttare in modo sfacciato i contadini, che a loro volta sarebbero
stati completamente rozzi, ignoranti e succubi dei loro padroni; con una certa
simpatia considerava invece i Lazzari, che aveva avuto occasione di conoscere e
studiare personalmente nel 1848, e che venivano rappresentati come selvaggi,
completamente ignoranti, ma intelligenti e simpatici: Chi non conosce quella
razza strana e direi quasi misteriosa che viene distinta col signifcante nome di
Lazzari? Razza che vive nel mezzo della civilt come vivrebbe in mezzo a boschi
deserti. N il vestire, n labitare in case, n il raccogliersi in famiglie, n alcuno
di quei costumi che costituiscono il primo stadio della civilt, non furono dai
Lazzari adottati
83
.
Ventanni dopo, nelle Osservazioni, constatava che il tipo Lazzarone era spa-
rito quasi completamente dalle strade napoletane e che il popolo napoletano si
comportava molto civilmente: Desso ha accettato le leggi, i regolamenti, le istitu-
zioni, i decreti che gli furono imposti, sottomettendosi al peso e agli inconvenienti
degli uni, e cavando vantaggi da altri con una spontanea docilit, e una costante
prudenza che da lui non si aspettava
84
.
Con queste descrizioni e giudizi, davvero poco lusinghieri, Cristina di Bel-
giojoso appare palesemente come una donna del Nord che non ha grande consi-
derazione dei meridionali; daltro canto la sua duplice identit, il suo essere stra-
niera in patria, la induceva a intrecciare nei suoi pareri anche floni di critica nei
confronti dei Settentrionali i quali non concepiva certo come cittadini perfetti.
Anzi, non risparmi mai nei loro confronti critiche altrettanto aspre. Parlando
dei difetti dei meridionali e della loro societ intendeva quindi ricordare ai suoi
connazionali le loro imperfezioni e i loro compiti. Nelle sue Osservazioni del 1868
lanciava per esempio il seguente appello: Ora spetta a tutti coloro che si sentono
superiori alle basse passioni del volgo e capaci di cooperare fosse pure menoma-
mente alla riforma di uno stato sociale cos miserabile e vergognoso, il concertarsi
fra di essi, e il dedicarsi a s nobile e cosi sacrosanta impresa
85
.
Nelson Moe ha sottolineato giustamente che il discorso sullunit italiana
coesisteva con un discorso sulla disunit, of which the persistent articulation of
southern Italys diference was a central feature, ma, come vorrei evidenziare, non
era lunico elemento distintivo
86
. Si gi detto che Cristina Trivulzio nellinsieme
della sua produzione non ha prestato molta attenzione alla Questione meridiona-
83 Ivi, p. 17
84 Trivulzio di Belgiojoso, C. Osservazioni cit., p. 12.
85 Ivi, p. 20.
86 Cfr. Moe, N. Representing the south cit., p. 72.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 265 03/05/2013 11:11:19
266
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
le, ma quando ne parla sembra farlo quasi pi come spunto per criticare i cittadini
del nord, che per degradare i meridionali. Il suo discorso sulla disunit, ovvero il
suo parlare del Meridione, si colloca quindi prevalentemente come discorso mora-
le nel quale distinguere tra italiani buoni o cattivi.
Gli articoli pubblicati sul giornale italo-francese LItalie in questo senso sono
signifcativi. In pi articoli dellautunno 1860, per esempio, la principessa discusse
della Spedizione dei Mille, criticando aspramente liniziativa dei Garibaldini per-
ch era convinta che mescolando obiettivi politici con richieste sociali si metteva
a rischio lUnit dItalia
87
. La Belgiojoso, favorevole a riforme sociali sin dai suoi
primi contatti con il mondo e il pensiero socialista degli anni Trenta a Parigi
88
, non
dubitava che le richieste dei repubblicani fossero legittime; ma era dellavviso che
prima si dovesse risolvere la questione politica e realizzare lunifcazione del paese
e poi afrontare la questione sociale con la dovuta attenzione e maggior ef cacia.
Rimproverava a Garibaldi e ai suoi di arrter llan national et politique, di far
perdre un temps prcieux e di seminare des germes de discordes. In questo
caso la parte dei cattivi era quindi attribuita ai repubblicani, mentre a Nous au-
tres Italiens era riservata quella dei bravi e buoni. Di conseguenza, la Belgiojoso
giudicava cosa giustissima che il governo italiano, rappresentante e custode degli
Italiani buoni, intervenisse energicamente per fermare la Spedizione
89
.
Dopo il plebiscito del 21 ottobre la giornalista si mostr soddisfatta, ma an-
che preoccupata delladesione, dubitando che i Napoletani, cosi come tutti i me-
ridionali, potessero cambiare improvvisamente e superare i loro difetti. Avvertiva
la possibilit che lannexion de cette partie de lItalie nous sera plutt une charge
quune acquisition. Riscrivendo i suoi lavori sul Quarantotto, present di nuovo
la teoria secondo la quale i Napoletani, non importa di quale classe sociale, non
erano suf cientemente preparati ed educati per afrontare una qualsiasi respon-
sabilit politica. Secondo lei, non si poteva aspettare di trovare in essi ce dvou-
ement infatigable au succs dune ide, ce bon sens pratique, cette modration,
cette conscience, ce respect pour tout droit et toute justice, cette parfaite entente
des questions les plus compliques, cet abandon des intrts individuels, des habi-
tudes et des agrments de la vie
90
.
87 Sul suo rapporto con Garibaldi vedi la voce Cristina Trivulzio di Belgiojoso di Karoline Rrig in
Dizionario delle interpretazioni di Giuseppe Garibaldi, a cura di Lauro Rossi, in corso di pubblicazione.
88 Cfr. Santonastaso, G. Il socialismo fourierista di Cristina di Belgiojoso, in Rivista Internazionale
di Filosofa politica e sociale, fasc. II, aprile-giugno, 1963, pp. 126-137; con ulteriori riferimenti bi-
bliografci Proia, G. Les paysans de la Lombardie e il pensiero sociale di Cristina di Belgiojoso, in
Fugazza, M.; Rrig, K. (a cura di) Cristina Trivulzio di Belgiojoso tra politica e giornalismo cit.
89 LItalie: Journal politique quotidien, 3 ottobre 1860.
90 Ivi, 4 dicembre 1860.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 266 03/05/2013 11:11:19
267
3. Il Mezzogiorno e la Questione meridionale negli scritti di Cristina Trivulzio di Belgiojoso
Pregi, questi, che caratterizzavano invece gli altri Italiani, i buoni cittadini, e
che li avevano resi capables de mener bon terme daussi dif ciles entreprises
come la liberazione e lunifcazione dItalia.
A dispetto delle critiche, negli articoli per LItalie Cristina di Belgiojoso dimo-
strava tuttavia pi comprensione per i meridionali di quanto facesse prima. Que-
sto cambiamento era lefetto di una maturazione del suo pensiero avviatasi dopo
il 1860, quando con lo scioglimento del Regno delle due Sicilie si cominciavano
a conoscere le efettive dimensioni del decadimento della societ meridionale. Da
allora la Belgiojoso non solo dedic pi attenzione alla Questione meridionale, ma
vi fece ricorso pi spesso e pi abilmente come strumento di educazione civica per
tutti gli Italiani. Sottolineava per esempio: La faute nen est pas ce peuple, digne
dun meilleur sort, mais au gouvernement oppresseur et corrupteur qui [] le
maintint dans une crasse ignorance, dans une immoralit quon pouvait qualifer
dinnocente tant elle est involontaire
91
. Present i meridionali come vittime e
bisognosi di aiuto: gli italiani del Nord, nel loro insieme non meno pieni di difetti
e altrettanto sotto accusa, erano sollecitati a superare i loro pregiudizi e ad aiutare
i loro fratelli a trovare la strada delle virt civiche e del senso comune, dando il
buon esempio e attuando una politica di sviluppo adeguata per il Mezzogiorno,
provvedendo innanzitutto alla creazione di scuole e di infrastrutture.
Rifessi delle dif colt immense di questa collaborazione tra Settentrionali e
Meridionali nellindividuare insieme i principi fondamentali della coesione na-
zionale si trovano in altri contributi per LItalie e anche nelle Osservazioni del
1868. Cristina di Belgiojoso avvertiva i limiti dellavvicinamento tra Nord e Sud
e sicuramente anche quelli dellef cacia del suo discorso di educazione civica, ma
secondo lei non cera alternativa. Fedele a un suo progetto politico propagandi-
stico pi ampio, nel quale la Questione meridionale ricopriva appunto solo una
piccola parte, e come abbiamo visto con signifcati mutevoli, continu lanciare il
suo incessante appello allunione e alla concordia tra tutti gli Italiani:
Cessiamo una volta dallo scambiare fra di noi accuse, sospetti e rimproveri; ma
risolviamo invece unanimi e concordi di conservare i beni conquistati, educando
noi stessi e il popolo ad accrescerli sempre pi, e a trarne quei vantaggi materiali e
morali, che simili beni producono alle nazioni che gi da molti anni ne godono,
e che sanno giustamente apprezzarli
92
.
91 Ibidem.
92 Trivulzio di Belgiojoso, C. Osservazioni cit., p. 147.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 267 03/05/2013 11:11:19
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 268 03/05/2013 11:11:19
4. Sport e ginnastica nella costruzione
degli italiani, tra modelli di estetica femminile
e di educazione sica maschile.
Francesco Muollo
1. Nascita del movimento ginnico nellItalia risorgimentale
Fra Sette e Ottocento, il corpo assume un ruolo fondamentale nellambito dei
processi di trasformazione economica, politica e culturale. A seguito delle nuove
conoscenze scientifche nei campi della biologia, della fsiologia e della medicina
si verifca infatti una nuova utilizzazione sociale del corpo, la cui rivalutazione
assume una rilevanza culturale che tende a permeare lintera societ. Il corpo, una
volta rozzo e vilipeso, viene visto come fattore di modernit e di progresso. Ele-
mento fondamentale di questa nuova attenzione il formarsi di una rete di inizia-
tive, prima culturali e propositive, poi anche organizzative, inizialmente costituite
da singole individualit carismatiche presenti nei gangli dei vari Paesi europei e,
successivamente, da strutture associative che si potenzieranno nel tempo fno a
divenire substrato sistemico per le istituzioni
Nella prima met dellOttocento la ginnastica comincia a legarsi saldamente
con le vicende storiche e politiche di diversi Paesi europei. Le associazioni gin-
niche assumono signifcati diversi in Germania, Italia, Francia, Svizzera, ma in
ciascuno di questi Paesi trovano la loro idea di base nel culto della nazione. Cos
in Italia e in Germania la ginnastica funzionale alle lotte per lunifcazione, in
Francia acquista importanza dopo la sconftta di Sedan (1870), in Svizzera ne-
cessaria per garantire la sicurezza del Paese. Nazionalismo, militarismo, ideologia,
politica imperialista sono i cardini sui quali nasce e si sviluppa lo sport moderno.
Molto diverso invece il signifcato dallattivit fsica nel modello britannico. Qui
essa assume un carattere sportivo, diventa un momento di gioco che risponde a un
bisogno di esercizio fsico in un Paese dove non obbligatorio il servizio militare.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 269 03/05/2013 11:11:19
270
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
Interessante anche il ruolo delleducazione fsica in Svezia, dove risponde soprat-
tutto a esigenze igienico-sanitarie.
La vicenda della ginnastica, gi fortemente intrecciata con la storia europea del-
le rivendicazioni nazionali, anche nel nuovo Regno dItalia rivela uno strettissimo
legame con lideologia risorgimentale, mentre la questione nazionale inseparabile
dalla formazione dei primi nuclei associativi ginnastici. La nuova classe dirigente
aveva af dato alla ginnastica il patrimonio dei valori per la vita e per la guerra,
che dovevano presidiare la formazione del cittadino soldato
93
. La ginnastica educa-
tiva, nella sua genesi e nelle sue aspirazioni, fu quindi strettamente legata agli ideali
risorgimentali e patriottici di costruzione di un nuovo stato nazionale per il quale
occorrevano, sia sotto il proflo del consolidamento interno, che sotto quello della
difesa esterna, uomini sani, energici, valorosi, saldi nello spirito e nel corpo.
Questo ci permette di aprire una fnestra sul problema nazionalistico nelle pa-
lestre. Dai pochi studi fnora condotti sulle origini dellassociazionismo ginnastico
nellOttocento, su un aspetto bisogna fare chiarezza, ossia sulla stretta interdipen-
denza tra la questione nazionale e la fnalit del protonazionalismo sportivo.
Daltra parte limportanza dellattivit fsica traspare anche da alcune pagine dei
maggiori intellettuali italiani della prima met del secolo.
Nel suo Zibaldone, il 7 giugno 1820, Leopardi scrive:
Gli esercizi con cui gli antichi si procacciavano il vigore del corpo non erano
solamente utili alla guerra, o a eccitare lamor della gloria etc. [] Ed cosa gi
osservata che il vigor del corpo nuoce alle facolt intellettuali, e favorisce le im-
maginative, e per lo contrario limbecillit del corpo favorevolissima al rifettere,
(7 giugno 1820) e chi rifette non opera, e poco immagina, e le grandi illusioni
non son fatte per lui
94
.
Sulle pagine del Conciliatore, il primo agosto 1819, Silvio Pellico elogia la
capacit dello sport di agire sullautostima: nella sottolineatura di queste conno-
tazioni morali e civili si pu cogliere un velato invito agli italiani a reagire alla
dominazione austriaca
95
.
Analogamente Mazzini avverte limportanza di assumere lesercizio fsico tra
la giovent come parte del processo educativo.
Nel 1828 il letterato Nicol Tommaseo, per il quale ogni progetto sociale pas-
sa per la progettualit indipendentista e nazionale, ritiene che anche la ginnastica
educativa divenga un fattore di propulsione risorgimentale.
93 Papa, A. Coroginnica, Bari, Editore La Meridiana, 1992, p. 16.
94 Leopardi, G. Zibaldone, Milano, Ed. Mondadori, 1997, p. 59.
95 Pellico, S. Conciliatore, Milano, Foglio scientifco-letterario, Periodici economici, 1814-1914.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 270 03/05/2013 11:11:19
271
4. Sport e ginnastica nella costruzione degli italiani
Il nesso tra sport, associazionismo ginnico e nazione viene ribadito da molti
intellettuali dellet liberale. Scrive un capitolo interessante della storia del Risor-
gimento dItalia chi scrive la storia delle societ ginnastiche. Cos Silvio Benco,
uno dei pi rappresentativi esponenti della cultura triestina del 1900, disegnava
il ruolo svolto dallassociazionismo ginnastico nel periodo risorgimentale. Italo
Calvino da parte sua, introducendo unopera di De Amicis del 1892, notava che
in quella la ginnastica soprattutto unideologia
96
. Si tratta di afermazioni che
chiariscono in modo ef cace il ruolo svolto dallassociazionismo ginnastico ne-
gli anni del secondo Ottocento. Vigore fsico e robustezza derivanti dallesercizio
ginnico sono il corredo di unideologia educativa ispirata agli ideali patriottici
97
.
I sentimenti patriottici non erano suf cienti senza una base fsica che potesse
contrastare i nemici della patria. Inoltre dalla lettura degli statuti si evince che la
difesa della patria, il miglioramento della condizione psico-fsica e il cittadino
soldato, sono concetti continuamente richiamati nel ribadire i compiti di co-
struzione nazionale, alla pari dellistruzione; uno scopo primario della ginnastica
era quello di abituare il corpo a sopportare i gravi disagi, privazione, senza avere
scompensi, fortifcandolo per il futuro
98
.
La ginnastica ottocentesca, come esercizio fsico non ancora intriso di ago-
nismo, un insieme di valori, di controlli posturali, di elaborazioni temporali e
spaziali dellatto, dimitazione gestuale, che esige una docilit del corpo, una sorta
di passivit volitiva. Leducazione fsica ancora sintassi obbligatoria tra corpo e
attrezzi, tra corpo e superfcie, tra comando ed esecuzione. Non ancora manife-
sto il rapporto tra addestramento e prestazione: leducazione ancora impegnata
nel controllare, nel normalizzare, piuttosto che nellottenere prestazioni. Tuttavia
lingenuo proposito di utilizzare lo sport come propedeutico per laccettazione
delle disuguaglianze nel disegno di una societ armoniosa si ribalta in una societ,
come quella del XIX secolo, segnata da profonde disuguaglianze sociali, che riser-
va ricompense solo ai pi bravi e ai privilegiati. Sotto questo aspetto la funzione
dello sport come positivo strumento di integrazione sociale pu fnire per ribaltar-
si anche in espediente negativo, in quanto utilizzabile anche per produrre coesioni
antidemocratiche, nazionalistiche, pronte alle rituali mobilitazioni mistiche intor-
no ai miti della grandezza nazionale, della razza o del partito.
Lo sport, insieme al cinema, stato il primo a riunire gomito a gomito gli
spettatori di tutte le classi sociali, urbane e cittadine, giovani e vecchi, spezzando
lunit delle culture arcaiche e locali per recuperarle in un nuovo universo di valo-
96 Pivato, S. Coroginnica, Roma-Bari, Editore La Meridianai, 1992, p. 32.
97 Societ ginnica di Trieste, Ed. Periodico, Trieste, 1920.
98 Kurschen, L. Convenienze ed utilit della ginnastica, in Mente sana in corpore sano, 16 marzo
1874.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 271 03/05/2013 11:11:19
272
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
ri. Cos il linguaggio dello sport comunicazione tra le varie classi sociali che, se
da un lato getta le premesse di una maggiore interazione e identifcazione sociale,
favorendo linterclassismo dellemozione agonistica, dallaltro accentua la comu-
nicazione su temi neutrali e conformistici.
Leggi dellestetica e delleducazione sica. Lo sport femminile
come rappresentazione di una variabile del bello
Nella seconda met dellOttocento aumenta la consapevolezza della ginnastica per
la salute della donna, come mezzo per renderla pi resistente, forte e in grado di
assolvere al compito primario della maternit, parallelamente allo sviluppo delle
attivit ginnico-corporali maschili per fni esclusivamente militari. La ginnastica
diviene cos uno degli strumenti di formazione dei ruoli e delle identit di genere.
Con la Legge De Sanctis del 1878 si erano gettate le basi per la parifcazione
ginnica dei sessi, anche se rimanevano da superare delle riluttanze verso laspetto
femminile dellattivit. Lo sviluppo del corpo, maschile o femminile che sia, ri-
entra in un contesto storico dove Neoclassicismo (riscoperta moderna del corpo)
e Nazionalismo (utilizzazione del corpo come macchina bellica), fanno si che la
cura fsica non sia pi una ludica perdita di tempo fne a se stessa, ma che risulti
propedeutica a un fne superiore, il bene nazionale. La donna si arricchisce di
nuove funzioni sociali, non semplice angelo del focolare, ma pilastro familiare e
sostegno attivo al cittadino-soldato, in una comunit di fne secolo che ha bisogno
di tutte le sue componenti nelle sue mire di espansione e progresso. NellOttocen-
to europeo, in una concezione binaria dei ruoli di genere, luomo, parallelamente
a quanto avviene per la donna, deve essere in grado di assolvere ai suoi doveri di
marito e padre in un rapporto familiare la cui visibilit non si ferma tra le mura
di casa, ma diventa parte della sua immagine pubblica. Le convenzioni sociali e la
Legge intervengono a sanzionare i comportamenti contrari al modello canonico
di famiglia.
Sono gli anni in cui i moralisti gridano contro la decadenza dei costumi, che
in questo caso non implica un semplice cambiamento delle mode, ma include
una pi ampia messa in discussione dei campi di azione e delle prerogative sia del
maschile che del femminile. Cos facendo, viene ridefnita lidentit di uomini
e donne fno a giungere a quello che per la societ del tempo era un punto di
non ritorno: lattraversamento dei generi, che rompe la tradizionale dicotomia
tra sfera maschile e sfera femminile con la progressiva apertura dello sport al
sesso femminile. Lo spettacolo dello sforzo atletico, tradizionale esibizione della
virilit, testimonia il processo di una trasformazione antropologica della donna
nella nostra cultura. Penetrando in questo spazio ora ludico, ora agonistico, sep-
pure periferico ai grandi momenti della vita collettiva, le donne sembrano sottrarsi
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 272 03/05/2013 11:11:19
273
4. Sport e ginnastica nella costruzione degli italiani
agli obblighi e alle rappresentazioni abituali della femminilit, sperimentando un
diverso uso e valore del proprio corpo.
sorprendente il fatto che proprio nei templi della cultura maschile le pale-
stre e gli stadi sia stato superato per la prima volta il pregiudizio antifemminile;
ci si pu chiedere com stato possibile che proprio in questo contesto gli uomini
abbiano saputo rinunciare alle tradizioni che normavano lesibizione pubblica del
corpo femminile, o perch lo sport abbia accolto con notevole anticipo la nozione
della diversit e delluguaglianza della donna. Si comprende allora perch latleta
possa vedere con minor pregiudizio il corpo della donna atleta, riconoscendolo
come regolato da una comune natura in cui le somiglianze sono maggiori delle
diferenze. Esperienza che per altri versi ci fa capire, al tempo stesso, perch la
prevenzione razzistica sia poco rilevante come sentimento personale tra gli atleti, i
quali non conoscono quel misto di estraneazione e repellenza che la diversit fsica
provoca quando preceduta da una categorizzazione sociale negativa.
Se ne desume che, se mutiamo il contesto di esperienza, e quindi di conoscen-
za, vengono meno i giudizi che a tale contesto non appartengono. Allora la donna
atleta appare, come direbbe Simone de Beauvoir, non come un qualcosa di con-
trario delluomo, ma come luomo un essere umano qualsiasi
99
. Paradossalmente,
proprio nel tempio dei valori maschili, possibile vedere come il destino sociale
ottocentesco della donna sia pi segnato dalla convenzione che dalla struttura
fsica; venendo a essere chiaro che il corpo femminile non sia defnibile come cosa,
quanto come situazione e parte attiva della societ.
Dubitare della femminilit della ragazza che fa sport nellOttocento signifca
dare per assoluta e naturale la categoria femminilit, assimilandola per analogia
al concetto di normalit. Da qui limperativo, esterno e interno, che vuole la don-
na conforme alle aspettative stereotipiche della femminilit, cio un suo adeguarsi
caricaturale alle ingiunzioni di un pregiudizio che prescrive unidentit, una serie di
comportamenti ed espressioni di s, da governare af nch lascino trasparire una psi-
cologia perfettamente ingranata con il ruolo che deve essere rappresentato. Tuttavia il
timore che lo sport possa virilizzare la struttura fsica della donna un pregiudizio che
scaturisce dalladesione acritica allo stereotipo fsico ed estetico della femminilit bor-
ghese nella mentalit ottocentesca: un pregiudizio che rende molte donne prigioniere
esse stesse di una mistica corporea della femminilit, costruita allo stesso modo dei
piccoli piedi delle cinesi dellepoca imperiale, che bloccati nella crescita mediante
fasciature e cos deformati venivano a essere parametro della bellezza femminile.
Il problema della percezione della donna-atleta come mascolina non riguarda
solo le sportive, dal momento che tende a investire tutte le donne che, in misura
99 De Beauvoir, S. Les Belles Images, Torino, De Agostini Editore, 1966, p. 56.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 273 03/05/2013 11:11:19
274
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
diversa, svolgono attivit orientate al successo. inevitabile, quindi, trovarsi coin-
volti in un intreccio che vede legate attivit fsica maschile e femminile come,
daltronde, risulta consequenziale un coinvolgimento delle palestre nelle vicissitu-
dini nazionali; ed qui che il corpo di donna e quello delluomo si fondono per
la prima volta per raggiungere quellideale superiore che il bene nazionale. Non
casuale che siano proprio la ginnastica prima e poi lo sport a permettere per la
prima volta tale avvicinamento, al di l delle diferenze sociali, politiche e di sesso;
come non casuale che sia proprio nel XIX secolo che ci avvenga. Ormai, infat-
ti, sembra essere maturo il tempo in cui uomini e donne siano parte integrante
della medesima societ anche se con compiti diversi. proprio sulla diversit dei
compiti che i ginnasiarchi giocano per preparare tutte le componenti sociali al
proprio ruolo per la creazione di uno Stato capace di far fronte alle nuove sfde.
Donna procreatrice, uomo soldato sono le categorie che nella societ ottocentesca
ginnastica e sport hanno perseguito.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 274 03/05/2013 11:11:19
5. Maria Soa di Borbone: da regina-soldato
ad amica di briganti e anarchici
Ugo della Monica
Indietro Savoia!
Fu questo il grido con cui lultima regina di Napoli, allindomani del 6 settembre
1860, da Gaeta inizi la sua personale lotta contro lusurpatore torinese: quello
della Regina del Sud per i Savoia, infatti, fu odio da subito e dur tutta la vita
100
.
Maria Sofa Wittelsbach rappresenta nella storia e nella storiografa europea
ancora oggi, a distanza di centocinquanta anni dal combattivo processo unitario
del Paese, quellideale di eroina antirisorgimentale pronta, personalmente in armi,
a combattere per difendere un Regno e un trono che non le appartenevano per
nascita, ma che le circostanze della vita le avevano oferto. doveroso, quindi,
rivivere quegli eventi ed esaminare, attraverso lanalisi di documenti inediti, i dif-
ferenti volti di questa protagonista della nostra storia.
La regina
Condotta a sposare, per ragioni dinastiche e di alleanze politico-militari, il prin-
cipe Francesco, unico fglio nato dal matrimonio tra Ferdinando II di Borbone e
Maria Cristina di Savoia, la giovane principessa apprese del matrimonio dal padre
100 Lodio si present fn da quando la giovane regina ebbe modo di ritrovare nello spirito e nel fsico
del marito quegli atteggiamenti di devozione religiosa e rigore morale, ereditati dalla madre Maria
Cristina di Savoia (passata alla storia come la Regina Santa), che dif cilmente si accordvano con
leducazione anticonformista e libera ricevuta da Maria Sofa.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 275 03/05/2013 11:11:19
276
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
il quale, saputo dellaccordo matrimoniale organizzato dalla moglie, le telegra-
f afermando: Francesco di Borbone te lo consiglio un imbecille; lingenua
diciassettenne credette che fosse uno dei soliti scherzi organizzati da suo padre,
simpaticamente conosciuto in tutta la Baviera come il buon duca Max. Sar lei
stessa, a distanza di sessantacinque anni da quel telegramma, ad afermare nella
sua ultima intervista: no il mio re non fu un imbecille come dicono
101
.
La bellezza della giovane regina e la sua forte personalit conquistarono, in po-
chissimo tempo, il popolo meridionale, mentre Francesco, uomo mite e di scarsa
personalit, soggiogato dal suo fascino, le consentiva di sconvolgere le abitudini della
corte: fumava, andava a cavallo, tirava di scherma, si faceva fotografare, si bagnava
nelle acque del porto militare, conduceva i cani in sala da pranzo; era al centro delle
cronache mondane. Laumento di popolarit la port a progettare, in accordo con
il Filangieri, linstaurazione di un regime costituzionale sul modello bavarese, e la
cosa sembra abbia spinto la regina madre Maria Teresa a ordire un complotto per
detronizzare Francesco a favore di un fglio di lei, Luigi, conte di Trani.
Leroina
Il periodo di Gaeta fu quello in cui, vestita con una personale uniforme, un
enorme costume calabrese, tailleur nero di taglio maschile, con su il mantello
nero dei montanari, stivali neri tacco basso e rozzi speroni, il cappello nero a
cono e larghe falde, usato dai contadini di Calabria
102
, dispiegher tutte le sue
forze per gli oltre 150 giorni in cui avr durata la sua perseveranza sulla rocca.
Fin dal giorno del suo arrivo a Gaeta aveva preso a esplicare una grande e in-
consueta attivit: visita ai reparti delle caserme, sopraluoghi sui lavori di aforza-
mento, predisposizioni per le cure ai feriti e agli ammalati, contatti con la popo-
lazione, tra la quale la giovane Sovrana non tard a diventare popolarissima
103
.
I soldati, per lo pi giovanissimi allievi del Collegio Militare Nunziatella di
Napoli, promossi alferi da Francesco, chiamavano la regina, in dialetto, bella
guagliona nuosta e apprezzavano in lei laudacia e la costanza che alimentavano
in lei la speranza nella riconquista del Regno, il modo in cui, senza farsi scrupolo
di mettere a repentaglio la propria vita, sfdava, combattendo col sorriso sulle
labbra, il destino suo e del suo popolo, al fanco dei soldati che ladoravano a tal
101 Lintervista a frma di Giovanni Ansaldo apparve sul Corriere della Sera il 18 novembre 1924.
102 De Lorenzo, R. Tempi brevi e lunghi di un regno al femminile Maria Sofa di Baviera regina
del Regno delle due Sicilie in Tra res e imago in memoria di Augusto Placanica, Soveria Mannelli,
Rubettino, 2007, p. 1058/1059.
103 Tosti, A. Maria Sofa ultima regina di Napoli, Milano, 1947 p. 194.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 276 03/05/2013 11:11:19
277
5. Maria Sofa di Borbone: da regina-soldato ad amica di briganti e anarchici
punto da invocarne il nome anche in punto di morte. Era tale lafetto che la le-
gava ai soldati che, per distrarli dalle soferenze e dalle brutture della guerra, bal-
lava per loro e soprattutto ballava con loro. Fu Maria Sofa ad accendere i cuori
e le anime del popolo e di quanti ancora credevano di poter rivedere sventolare
la bandiera gigliata; in continua attivit, non si perdeva mai danimo e lo sprezzo
del pericolo era una costante del suo comportamento; sapeva afrontare ogni
rischio col sorriso sulle labbra, quasi a sfdare il destino, sempre presente laddo-
ve pi imperversava la battaglia. Quando a Gaeta, col trascorrere dei giorni, la
situazione divent sempre pi tragica a causa dellepidemia di tifo, del grande
freddo e della scarsit di cibo, la regina si rifut sempre ai continui appelli del
marito di lasciare la roccaforte. In una lettera indirizzata a Napoleone III, Fran-
cesco II a questo proposito, non senza compiacimento, dichiar della moglie:
Ho fatto ogni sforzo per persuadere S.M. la Regina a separarsi da me, ma sono
stato vinto dalle tenere sue preghiere, dalle generose sue risoluzioni. Ella vuol
dividere meco, sin alla fne, la mia fortuna, consacrandosi a dirigere negli ospedali
la cura dei feriti e degli ammalati; da questa sera Gaeta conta una suora di carit
in pi
104
.
Il colpo defnitivo si registr quando Napoleone III, accordatosi segretamente
con Cavour per avere in cambio i comuni di Mentone e Roccabruna, annunzi il
ritiro della squadra navale francese da Gaeta, consigliando a Francesco di desistere
dalla resistenza e facendogli intendere che non lo avrebbe appoggiato. Nella trat-
tativa ebbe un ruolo anche la corrispondenza tra limperatrice Eugenia e la giovane
regina di Napoli. Pur ammirando personalmente il coraggio e la determinazione
di Maria Sofa, infatti, Eugenia sottolineava che il marito non avrebbe appoggiato
la sua causa:
Madame ma soeur la lettre si pleine de nobles sentiment que votre majest
ma crite ma profondament touch, et je saisi avec emprepement loccasion
desprimier a Votre Majest mes sentiment de vive sympathie pour lenegrie qui
elle montre ainsi que le Roi dans des circonstances si terribles et si perilleuses.
Je regrette sincerement que la politique de lImpereure ne lui permette pas de
clourer un appui plus ef cace a un jeun souverain que tutte avec tante de courage
contre sa tradison et la mancance fortune, mais il en obtendra sa recompense et
lavenir, jaime a limpereur la lui reserve sur tout coeur bien place ne peut avoir
ma doute que qual cot est la bon droit et lhonneur.
104 Jagger, P.G. Francesco II di Borbone lultimo re di Napoli, Milano, Mondadori, 1982 p. 204.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 277 03/05/2013 11:11:19
278
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
Je prie Votre Majest de me rappeler un souvenir de Roi et cryey la smiure
et afectuose consideraction avec la quelle je suis moderne. De votre majest la
bonne soeur et amie Eugenia
105
.
Umiliata dal comportamento dei francesi, Maria Sofa continu ad aggirarsi
fra le artiglierie, rincuorando i soldati. Con lallontanamento della squadra navale
francese, tutto il fronte di mare rimase scoperto e in balia della fotta piemonte-
se comandata dallammiraglio Persano, anche perch nel frattempo, per ottenere
soldi per poter sopravvivere, il re aveva venduto i battelli Sannita e Saetta
106
. I
sovrani, ancora decisi a non capitolare, andarono avanti a oltranza con i pochi
militari sopravvissuti, fno all11 febbraio 1861, quando Franceschiello riconobbe
la necessit di una pronta e onorevole capitolazione; per cui il 14 successivo, dopo
aver salutato le poche persone, militari e civili, ancora presenti alla piazzaforte,
profondamente commossi (le cronache riportano che la regina singhiozzasse vi-
stosamente), presero il largo sulla Mouette in direzione di Roma e, per lultima
volta, videro ammainare la bandiera gigliata sulla Torre dOrlando; si emoziona-
rono ancora di pi quando osservarono i pochi soldati rimasti spezzare con rabbia
le proprie spade.
La raf gurazione pi bella dellassedio di Gaeta ce la fornisce la descrizione di
uno scudo in onore dei re, pubblicata sulla Gazzetta di Lipsia:
Lo scudo di onore fatto eseguire dal partito conservatore in Prussia e che devessere
presentato allesule Coppia Reale di Napoli terminato. Il professore Fischer in
Berlino fece il modello; i sig.ri Sy e Wagner lo hanno eseguito in argento con bassi
rilievi. Lesecuzione di questo lavoro ha impiegato il tempo di tre anni. Lo scudo
una rondazza di pi di due piedi di diametro. Lorlo forma un intreccio di nastri
doro. Gigli doro, in egual distanza gli uni dagli altri, tengono insieme un fascio
di verghe. Il pezzo di mezzo una piastra dargento. Simile ad alto rilievo sporge
fuori dallo scudo lo scoglio di Gaeta su, di esso, sta il Re Francesco e la Regina
Maria. Contro lo scoglio lultimo luogo di rifugio della Real Coppia imperversa
la rivoluzione. Fra gli assalitori uno tira lo scudo, un altro lermellino del Re. La
corruzione e la calunnia sono attive fra il popolo; un terzo sof a nelle famme
della ribellione; il padre della menzogna sta al fanco e si rallegra della sua opera.
A pi dello scoglio giacciono i fedeli estinti. Anche nelle regioni aeree imperversa
la lotta. Alle teste della Real Coppia sono afaccendate le schiere diaboliche che
con spade nude e coperte di serpi minacciano lo scoglio. Ma gli angeli discendono
alla difesa, vibrando spade e palme, portando calici e croci, ed innanzi allo scudo
105 ASN, Archivio Borbone busta 1151 f. 24.
106 Il carteggio relativo alla vendita dei battelli in ASN, Archivio Borbone b. 1340 f. 113.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 278 03/05/2013 11:11:19
279
5. Maria Sofa di Borbone: da regina-soldato ad amica di briganti e anarchici
di stelle si piega lo scudo di serpenti. Due angeli rialzano la caduta Corona del
Re. La Corona che gli angeli rialzano precisamente formata secondo la Corona
del Re di Napoli ed ornata di diamanti, rubini, smeraldi, zaf ri e perle. Ci che
concerne lo scudo stesso esso la pi rimarchevole e pi grande opera darte della
specie che esiste
107
.
Da regina-brigantessa ad anarchica
Nellesilio romano Maria Sofa inizi unulteriore e pi aspra lotta, combattuta
da fuorilegge, pronta a impugnare le armi per la riconquista del Regno. Era solita
frequentare la farmacia Vagnozzi a Campo dei Fiori, a pochi passi dalla residenza
di Palazzo Farnese, dove si riunivano le bande legittimiste borboniche, capeggiate
da loschi fguri, quali Chiavone, Crocco, Ninco Nanco, Fuoco, Guerra, Giordano, che
venivano ricevuti dalla regina, senza alcuna distinzione, e per i quali ella aveva sem-
pre un sorriso ammirato e un amuleto portafortuna da donare, ben sapendo che
queste erano le uniche persone che potevano dare un concreto contributo militare
alla causa legittimista. Nel frattempo, mentre volontari da tutta Europa giungeva-
no a Roma per prendere parte a una vera e propria crociata per la liberazione del
Sud, focolai di rivolta si difusero nellex Regno, organizzati e diretti da comitati
borbonici. Il popolo meridionale aveva capito che far parte dello Stato unitario non
aveva apportato alcun giovamento, anzi rimpiangeva quel Regno di Napoli che, nel
bene e nel male, aveva avuto per diversi secoli un ruolo predominante tra le vaste e
variegate monarchie dEuropa. Anche una parte della cultura meridionale inizi a
riavvicinarsi a Maria Sofa, ritenendola in grado di modifcare la situazione. Intanto
la ribellione, nata come movimento dei contadini, divent pian piano un moto
sovversivo contro lo Stato piemontese, condito da veri e propri atti di terrorismo
combattuti nelle campagne. I ministri italiani non nascosero il timore di eventuali e
pi concitate sollevazioni popolari nellex Regno; la stampa internazionale, dal can-
to suo, dedic ampio spazio a questa guerriglia che si combatteva nel Mezzogiorno
dItalia, prendendo talora le difese delle popolazioni locali. Maria Sofa fgurava
come la vera ispiratrice della resistenza; aveva fatto della lotta ai piemontesi il suo
unico scopo di vita, tanto che il suo intenso attivismo le attir lodio dei circoli
liberali romani che cominciarono a osteggiarla in tutti i modi, mentre la stampa
internazionale non era da meno: il 28 agosto 1861 il Times di Londra pubblic la
notizia che La regina Maria Sofa nei giardini del Quirinale aveva ucciso un gatto
preso a bersaglio con la sua pistola; lo stesso giornale aveva consigliato al generale
Cialdini di trattare i napoletani come lupi della foresta.
107 ASN, Archivio Borbone, b. 1615-f. 217 s.d.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 279 03/05/2013 11:11:19
280
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
Quella che doveva essere una guerra di liberazione dallinvasore fall nel giro
di un anno, lasciando nel gi mal ridotto Sud una situazione di totale scompiglio
che and avanti per oltre dieci anni, trasformandosi in insurrezione contadina
combattuta da delinquenti comuni, dediti per lo pi a interessi strettamente per-
sonali, che lo Stato non riusciva a tenere a bada neppure in seguito allapplicazione
della legge Pica, che prevedeva, nelle regioni meridionali, la sospensione di ogni
garanzia costituzionale. Col trascorrere degli anni la battaglia legittimista cess del
tutto, anche se in cuor suo Maria Sofa continu a sperare che qualche evento, pur
se tragico, le restituisse il suo amato trono.
Rimasta sola dopo la morte dei genitori, delle sorelle e di Francesco, avvenuta
nel 1894, demoralizzata, era solita ripetere: nel mio cuore non c pi posto nemmeno
per il dolore. C posto solo per la vendetta. Nella residenza francese di villa Hamilton
a Neuilly-sur-Seine, vicino Parigi, Maria Sofa, sul fnire del secolo, entr in con-
tatto con Charles Malato, giornalista dellEcho de Paris, restando subito attratta
dalle idee estremiste professate dal giovane; il suo salotto divenne luogo di raduni
e di incontri clandestini tra anarchici. Le cronache narrano che un giorno si ud la
regina gridare devono liberarlo al pi presto, il signor Malatesta il solo italiano
capace di guidare la rivoluzione
108
; sovvenzion tanto il Malatesta quanto tutto
lambiente legittimista, fgurando tra gli artefci dellevasione del Malatesta dal
carcere di Lampedusa. In seguito alla liberazione dellanarchico, and lavorando
al grande passo: in efetti strani movimenti si registravano sullasse Italia-Francia-
America, facendo pensare che qualcosa bollisse realmente in pentola; lo stesso pri-
mo ministro Giolitti teneva segretamente sotto controllo quella che lui chiamava
la Signora, e che fortemente temeva, tanto da metterle alle costole agenti segreti
109
.
DallAmerica, nellestate del 1900, transit prima in Francia e poi in Italia
lanarchico Gaetano Bresci, che il 29 luglio a Monza attent alla vita di Umberto
I di Savoia uccidendolo. Malatesta, interrogato al riguardo, confess che: il re-
gicidio non fu un gesto individuale, bens un complotto organizzato con tutte le
regole nella preparazione, nellesecuzione, nelle necessarie complicit
110
. Assieme
a quelle necessarie complicit af or il nome di Maria Sofa, o meglio della Signora
come veniva chiamata anche a Parigi dagli anarchici.
Lattentato alla vita di Umberto I risult una mossa poco abile per il movi-
mento anarchico in quanto la nuova Italia, governata dal pacato e poco mondano
Vittorio Emanuele III e dallef ciente e risoluto Giovanni Giolitti, dette una dura
sferzata a tutto il movimento rivoluzionario: si attuarono riforme politiche e sociali
108 Petacco, A. La regina del sud, Milano, Mondadori, 1993 p. 209.
109 Le relazioni degli agenti segreti, inviate a Giolitti sono custodite presso lArchivio centrale dello
Stato.
110 Linterrogatorio riportato in Petacco, op. cit., p. 243.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 280 03/05/2013 11:11:19
281
5. Maria Sofa di Borbone: da regina-soldato ad amica di briganti e anarchici
e cominci un nuovo ciclo di vita per il Paese che fece precipitare, defnitivamente,
la causa legittimista borbonica. Dal canto suo Maria Sofa, lasciata Parigi e rientra-
ta a Monaco, abbandon ogni speranza di riconquista del trono, ma non depose
mai il suo odio verso i Savoia. A testimonianza si riporta un aneddoto riferito al
1919: quando seppe che la giovane pronipote Maria Jos, (la madre di Maria Jos
era fglia di un fratello della stessa Maria Sofa) avrebbe dovuto sposare un Savoia,
espresse personalmente alla giovane principessa il suo disappunto: Sappiate che io
disapprovo fortemente. Non posso tollerare che una mia pronipote vada in sposa
a un discendente dellusurpatore. Sappi che se lo farai te ne pentirai amaramente
e non conoscerai la felicit. Parole profetiche!
Lultimo afondo allormai consolidato Regno sabaudo lex regina lo condusse
nel 1912, muovendo causa allo Stato, tramite lIntendenza di Finanza di Napoli,
per richiedere gli assegni vedovili che mai le erano stati versati e che ammontavano
a 3.825,000 lire, motivando la richiesta con le seguenti osservazioni:
Tale solenne impegno obbligava certamente lo Stato del tempo, in quanto esso
era rappresentato ed impersonato dal suo capo Re assoluto. Limpegno di quello
Stato passato al nuovo Stato, poich se questo si impossessato di tutti i beni del
primo e perfno dei beni privati dei suoi reggitori deve pure rispettare e assumere
come propri i pesi ed i vincoli che su tali beni gravano, il che fu pure riconosciuto
col decreto dittatoriale del 25 settembre 1860, col quale la Commissione nomi-
nata per formare linventario dei beni fu incaricata di accertare anche i pesi e le
passivit di cui erano gravati
111
.
Durante la prima guerra mondiale sper nella sconftta italiana e si leg agli
ambienti dello spionaggio internazionale; nello stesso tempo si occup attivamen-
te nel sociale, trascorrendo gli ultimi mesi di guerra nei campi di prigionia italiani,
portando assistenza a quei fgli napoletani che ancora teneva nel cuore e che dal
canto loro ignoravano chi fosse quella anziana signora, dai modi garbati e gentili.
111 Intendenza di Finanza di Napoli contro il Conte di Gerace F. Caracciolo di Forlino, Vicario generale
della gi Regina delle due Sicilie Maria Sofa Borbone Baviera. Biblioteca Nazionale Napoli, Raccolta
Zangari B. 5/27.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 281 03/05/2013 11:11:19
282
Capitolo 5. Modelli di genere e iniziativa femminile nella costruzione dellItalia unita
R
a
n
i
e
r
i

F
r
a
n
c
e
s
c
o
L
u
i
s
a

C
o
n
z
o
A
n
t
o
n
i
o

A
n
n
a

E
n
r
i
c
h
e
t
t
a
G
i
u
s
e
p
p
e

G
i
u
l
i
a
E
r
m
i
n
i
a
G
o
f
f
r
e
d
o
L
u
c
i
a
n
o

T
e
r
e
s
a

P
a
o
l
i
n
a
D
i
e
g
o

F
e
r
r
i
g
n
i
M
a
r
g
h
e
r
i
t
a

S
i
m
i
o
l
i
S
a
l
v
a
t
o
r
e

G
i
u
s
e
p
p
e

A
n
d
r
e
a

I
g
n
a
z
i
o

A
u
r
e
l
i
a
C
h
i
a
r
a

F
r
a
n
c
e
s
c
o

S
a
v
e
r
i
o

Q
u
i
r
i
n
o
A
m
e
r
i
c
o
L
u
i
g
i

D
i

G
e
n
n
a
r
o
I
f
i
g
e
n
i
a

C
l
o
t
i
l
d
e
A
r
g
i
a
C
a
l
l
i
o
p
e
E
n
r
i
c
o

L
a
n
g
F
r
a
n
c
e
s
c
o

C
a
p
e
c
e
l
a
t
r
o
M
a
d
d
a
l
e
n
a

S
a
n
t
o
r
e
l
l
i
G
i
u
s
e
p
p
e

M
i
c
h
e
l
e

A
n
t
o
n
i
o

E
n
r
i
c
o
V
i
n
c
e
n
z
o

E
t
t
o
r
e
C
a
m
i
l
l
o
A
l
f
o
n
s
o

E
n
r
i
c
h
e
t
t
a
F
e
r
d
i
n
a
n
d
o

C
a
r
a
f
a

D
u
c
a

D

A
n
d
r
i
a
M
.

G
r
a
z
i
a

S
e
r
r
a

d
i

C
a
s
s
a
n
o

R
i
c
c
a
r
d
o

A
n
t
o
n
i
o

V
i
t
t
o
r
i
a
E
l
e
o
n
o
r
a

B
r
i
a
n
n
e
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 282 03/05/2013 11:11:19
CAPITOLO 6
Lampiezza di un margine.
Genere, cittadinanza e politica
nellItalia repubblicana
a cura di Valentina Greco
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 283 03/05/2013 11:11:20
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 284 03/05/2013 11:11:20
Introduzione
Valentina Greco
Il titolo che abbiamo scelto per questa sezione, in apparenza un ossimoro, descrive
perfettamente il flo che lega i tre interventi in essa racchiusi.
Sono tutti percorsi personali e collettivi che, agiti allinterno di momenti sto-
rici fondanti e da essi condizionati, sono rimasti esclusi dalle narrazioni uf ciali.
Percorsi ai margini ma non marginali.
Storie nella storia, storie della storia, storie senza storia.
Grauso, Landini e Voli hanno dato voce a queste vite altrimenti mute, con
minuzia, acume e senso critico si sono incaricati di ricostruirle e di analizzarle, re-
stituendo loro un posto e ofrendo a noi una visione pi ampia della storia dItalia.
Hanno dato conto dellampiezza di quel margine.
Cronologicamente gli interventi si susseguono, quasi afondando luno
nellaltro, nonostante narrino vite fatte di scelte radicali che non si intrecciano,
piuttosto sembrano opposte. Sono raccontate due generazioni di donne: la prima
nata a cavallo del secolo e attiva gi durante il fascismo ma soprattutto nel secondo
dopoguerra; la seconda impegnata politicamente negli anni Settanta.
Descrivere i singoli interventi sembra ridondante, i loro titoli suggeriscono
chiaramente largomento trattato, la loro intelligenza e piacevolezza nella lettura
rendono quasi superfua anche la pi breve delle sintesi.
Luca Grauso ripercorre la vita di Olga Arcuno, fera insegnante di Storia e
Filosofa in un liceo classico di Napoli, fondatrice nel 1930 dellAlleanza Mu-
liebre Culturale e nel 1944 della rivista Solidariet. Olga, antifascista vicina alla
cultura comunista, profondamente avversa a ogni regime, alla Monarchia e alla
Chiesa cattolica, si fa sostenitrice di unidea di educazione non gerarchica e
democratica.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 285 03/05/2013 11:11:20
286
Capitolo 6. Lampiezza di un margine. Genere, cittadinanza e politica nellItalia repubblicana
M. Eleonora Landini ricostruisce la biografa collettiva di quelle donne che al
termine della Seconda Guerra Mondiale restarono convinte sostenitrici dellideo-
logia fascista. Lo fa attraverso la storia del Movimento italiano femminile (Mif ),
associazione assistenziale con chiari rifessi politici che nel primo decennio
repubblicano si occup di sostenere sul territorio nazionale i fascisti incarcerati,
latitanti o in condizioni di disagio. Sono testimoni di cui ancora si conosce po-
chissimo: ignorate dalla storiografa e restie a testimoniare, le neofasciste non sono
neppure state inserite uf cialmente nella storia del Movimento Sociale Italiano,
che non riconobbe loro n valore n visibilit.
Landini ci ofre unanalisi attenta e ampia che non si ferma al nucleo dirigen-
ziale del Movimento, ma tocca anche lampio panorama delle assistite, indagando
volont e motivazioni delle une e delle altre.
Stefania Voli racconta le militanti dei movimenti extraparlamentari degli anni
Settanta, in particolare quelle di Lotta Continua, utilizzando la narrazione auto-
biografca. Donne e uomini vivono lesperienza della militanza nei gruppi extra-
parlamentari in modo diferente, una diferenza che passa spesso, anche se non
esclusivamente, attraverso il genere. Voli, analizzando le memorie di queste don-
ne, osserva come queste rappresentano lesperienza vissuta e si autorappresentano
in essa, sia contestualmente che a distanza di anni. I nodi pi evidenti e intricati
sono costituiti dalle relazioni tra donne e dalla violenza politica, temi indagati con
chiarezza e profondit da Voli che, grazie a questo approccio, riesce a mettere in
evidenza come e quanto il vissuto militante abbia infuenzato il processo di costru-
zione dellidentit di genere e le scelte di vita.
Pur nelle loro profonde diferenze i tre contesti analizzati nei saggi sono ac-
comunati dalla ricerca di spazi di espressione e dazione interstiziali rispetto al
contesto culturale e politico dominante e dal bisogno di dar vita a modalit di
aggregazione e di attivismo diverse da quella, pi tipicamente maschile, della for-
ma partito.
Il primo spunto di rifessione sollecitatomi dalla lettura dei tre testi riguarda
la biografa nellaccezione ampia che qui stiamo utilizzando come strumento
che ofre a chi si occupa di storia di genere di scardinare alcuni luoghi comuni e
ofrire nuovi punti di vista.
Le ricostruzioni di percorsi biografci singoli e collettivi realizzate utilizzan-
do come fonti memorie, interviste, archivi personali, scritti editi e inediti sono,
com stato pi volte sottolineato, un fecondo strumento di indagine del rapporto
tra individuo e societ.
Lo sono, a mio parere, da almeno due punti di vista: quello del rapporto tra
i soggetti della biografa e il contesto culturale allinterno del quale sono vissuti
e quello del rapporto tra lautore della biografa e il contesto culturale al quale si
rivolge.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 286 03/05/2013 11:11:20
287
Introduzione
Le storie qui raccontate dimostrano che fare storia non solo restituire al
presente qualcosa che appartiene al passato, ma anche costruire nuovi spazi di
interpretazione del presente.
I saggi di Grauso, Landini e Voli evidenziano un tracciato che consente non
solo di vedere la presenza, ma anche la persistenza delle donne nella storia politica
dellItalia del Novecento.
Questo raforza la mia convinzione che il concetto di carsismo riferito alla storia
politica delle donne sia improprio, poich come un rifesso in uno specchio defor-
mante, non restituisce la realt ma il racconto pubblico che della realt stato fatto.
Se il rifesso di cui parliamo di per s signifcativo cos come lo il suo racconto,
vero anche che altre narrazioni, come quelle dei saggi di cui parliamo, sono necessarie.
La seconda rifessione riguarda il nodo memoria/storia e il metodo storico.
noto, ci sono silenzi che urlano nella storia dellE donne, ma bisogna avere
un orecchio attento per ascoltarli. Nel momento in cui i soggetti fanno di s gli
oggetti della propria storia iniziano a scriverla, a ofrire se stessi come testimoni e
a ofrire la propria memoria a chi dovrebbe storicizzarla.
Quasi tutto il Novecento stato caratterizzato da unistanza di rimozione
della memoria, istanza che nei regimi totalitari espressa in un vero e proprio
tentativo di cancellazione oltre che di mistifcazione.
Gli ultimi anni del Novecento hanno segnato anche in Italia una netta inver-
sione di tendenza, tanto che Annette Wieviorka ha defnito quella in cui viviamo
era del testimone, concetto che per la storica ha unaccezione ampia che non
riguarda solo i sopravvissuti al genocidio nazista degli ebrei dEuropa
1
.
La relazione storia/memoria trascina con s dei nodi che ancora oggi appaio-
no insolubili, da qualunque prospettiva li si osservi.
Se, per, provassimo a capovolgere i punti di vista e non ci facessimo con-
dizionare dagli schematismi, considereremmo la memoria e la storia luna una
risorsa per laltra.
Memoria e storia non sono le due fasi di un processo dialettico in cui la sintesi
passa per il superamento del dualismo, un processo di sintesi che, in ogni caso,
appare oggi impossibile: la separazione sempre pi netta tra le due ha generato una
dicotomia che ha fnito per ipostatizzarsi.
Per chi ricorda la memoria la storia dellevento narrato, in questo senso la
memoria oggettiva.
Nel raccontare il testimone spiega non solo ci che gli accaduto, ma spiega
laccaduto; nellatto di raccontare il punto di vista del singolo tale solo per chi ha
un punto di vista esterno, non per il singolo stesso.
1 Wieviorka, A. Lera del testimone, Milano, Rafaello Cortina, 1999, p. 227.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 287 03/05/2013 11:11:20
288
Capitolo 6. Lampiezza di un margine. Genere, cittadinanza e politica nellItalia repubblicana
Nel momento in cui lo storico entra in relazione con le memorie piene di vita
dei testimoni deve imparare a guardarle come fonti.
Le fonti vanno circoscritte, contestualizzate, analizzate e sottoposte a critica;
chi scrive la storia deve interrogare le fonti ed essere disposto a farsi stupire da
risposte che non si aspettava; chi scrive la storia deve dar voce alle infnite sfaccet-
tature che assume il silenzio; chi scrive la storia non pu scaricare tutta la respon-
sabilit della narrazione sulla fonte, anche se lo fa in buona fede, magari per una
forma di rispetto della fonte stessa; chi scrive la storia, in sostanza, si deve esporre.
un percorso che sembra ancora pi dif coltoso in relazione alla selezione
del materiale: il ricercatore vorrebbe avere la possibilit di ascoltare tutte le voci,
leggere tutti i racconti, analizzare tutte le memorie, ogni cernita sembra un torto.
Compito dello storico, per, non quello di correggere il testimone, di met-
tersi in relazione con la storia del singolo, ma di mettere in relazione le voci dei
testimoni.
Come ha scritto Ricur c un privilegio che non pu essere rifutato alla sto-
ria, quello non soltanto di estendere la memoria collettiva al di l di qualsiasi ricordo
efettivo, ma di correggere, di criticare, e anche di smentire la memoria Proprio
sul cammino della critica storica, la memoria incontra il senso della giustizia. Che
cosa sarebbe una memoria felice che non fosse anche una memoria equa?
2
.
In questo contesto proprio il metodo analitico di genere teorizzato da Joan
Scott
3
che ofre e ofrir la possibilit di scrivere una storia che superi gli scogli
di cui ho parlato e coniughi la ricchezza e il valore della memoria con le istanze
critiche della storiografa.
I tre saggi che introduco hanno questo grande valore, non sono solo racconti,
sono racconti critici; non sono solo narrazioni biografche, sono ricostruzioni di
un mondo; non sono solo storie di donne, ma tentativi di analisi di genere.
E Grauso, Landini e Voli sono storici che si espongono nella loro analisi, non
nascondendosi dietro le vite che raccontano.
Il margine di cui parlavamo allinizio, e di cui abbiamo tentato di mostrare
lampiezza, si trasforma in una risorsa, perch dopo di esso non c il vuoto ma
pagine ancora da scrivere.
2 Ricur, P. La memoria, la storia, loblio, Milano, Rafaello Cortina Editore, 2003, p. 710.
3 Scott, J.W. Il genere: unutile categorie di analisi storica in Di Cori, P. (a cura di) Altre storie.
La critica femminista della storia, Bologna, Clueb, 1996, pp. 307-348.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 288 03/05/2013 11:11:20
1. Genere e forme di partecipazione politica
tra fascismo e Repubblica:
il caso di Olga Arcuno (1902-1977)
Luca Grauso
La famiglia e gli studi
Lambiente familiare in cui Olga Arcuno nasce e in cui viene educata lascer un
segno notevole sulla sua personalit e sulla sua coscienza, si potrebbe anzi dire che
costituir in qualche modo un solco profondo nella sua vita, allinterno del quale
traccer il proprio percorso. La madre, Giuditta Occhipinti, insegnante elemen-
tare, fglia di Ignazio Occhipinti, repubblicano e membro della spedizione dei
Mille in qualit di medico di Garibaldi. Il padre, Alfredo Arcuno (1869-1946),
anchegli insegnante elementare, spesso descritto con il termine pi ampio di
educatore: egli infatti un attento studioso di pedagogia, uno dei divulgatori in
Italia della teoria dellinsegnamento integrale di Alexis Bertrand
4
. Tale metodo
tendeva a considerare primario laspetto sociale dellesperienza scuola, da intende-
re come una vera e propria comunit, un luogo in cui i bambini sperimentino la
vita pubblica sotto la guida dellinsegnante. Olga si rivela presto una studentessa
straordinaria: dopo il liceo classico si iscrive alla facolt di Filosofa e, nella prima-
vera del 1922, a meno di venti anni, termina gli studi universitari, coronati da una
tesi sulla flosofa di Maurice Blondel
5
. Pochi anni dopo ottiene la cattedra di Sto-
ria e Filosofa presso il prestigioso liceo classico Gianbattista Vico, dove si svolger
4 Bertrand, A. Lenseignement intgral par Alexis Bertrand, Paris, 1898; Arcuno, A. La scuola inte-
grale, Firenze, R. Bemporad e Figlio, 1911.
5 Olga Arcuno fu traduttrice autorizzata e divulgatrice della Filosofa dellazione blondeliana, e
pubblic nel corso della sua vita una serie di saggi divulgativi in merito.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 289 03/05/2013 11:11:20
290
Capitolo 6. Lampiezza di un margine. Genere, cittadinanza e politica nellItalia repubblicana
la sua lunga carriera di insegnante durata sino al 1972. La rilevanza di tale traguar-
do appare tanto maggiore se si tiene presente il ruolo chiave af dato ai licei classici
e alle discipline flosofche dalla riforma Gentile del 1923. stato tuttavia osser-
vato come questa riforma non determinasse solo sperequazioni relative alla classe
sociale, ma ne generasse altrettante dal punto di vista dellappartenenza di genere.
Se da un lato la riforma port a una maggiore scolarizzazione e alfabetizzazione
delle donne, dallaltro essa poggiava su una concezione alquanto misogina della
societ, a causa della scarsa tolleranza nei confronti di sistemi di valori diversi,
compresi quelli solitamente associati alle donne. Sulla scorta di questi presupposti,
che negavano loro di fatto qualunque valore come educatrici, il governo concep
una serie di provvedimenti mirati a defemminilizzare il corpo insegnante, il primo
dei quali, del 1926, prevedeva linammissibilit delle donne allinsegnamento di
Latino, Greco, Storia e Filosofa nei licei
6
. Olga subisce dunque in prima persona
la misoginia del governo, allontanata da quel lavoro che senza dubbio rappresenta-
va il suo obiettivo professionale e personale e costretta probabilmente a insegnare
lettere. Tuttavia, linsegnante napoletana decide di reagire alla politica del regime
a danno delle donne italiane, confnate sempre pi in una dimensione di subor-
dinazione, deprofessionalizzate e quasi relegate allo stato di semplici riproduttrici.
LAlleanza
Nel 1930 Luigia Pirovano
7
e Olga Arcuno fondano lAlleanza Muliebre Cul-
turale Italiana
8
, rispettivamente a Milano e a Napoli: mentre la Pirovano presie-
der lAlleanza, Olga Arcuno sar segretaria nazionale e respondabile della sede di
Napoli per tutto il periodo di attivit dellassociazione. Formata prevalentemente
da insegnanti, ma anche da artiste, medici, letterate e nobildonne, lAlleanza ha
come scopo principale quello di istituire corsi di lezioni completamente gratuiti,
o semigratuiti, riservati alle socie. Sono gratuiti i corsi di lezione mediante i quali
si preparano agli esami di Stato, per il conseguimento di un diploma, le giovinette
impiegate o lavoratrici di condizioni disagiate
9
.
6 Cos come per le cattedre di Italiano e Storia allinterno degli istituti tecnici. Negli anni a venire
tale provvedimento fu af ancato da altri di natura af ne: nel 1928 fu impedito che le donne divenis-
sero presidi di scuole medie e a partire dal 1940 questultima legge fu estesa anche agli istituti tecnici.
7 Nata a Milano nel 1897, a sua volta insegnante superiore di materie letterarie.
8 SullAlleanza si veda Scaramuzza, E. Professioni intellettuali e fascismo. Lambivalenza dellAlleanza
Muliebre Italiana, in Italia Contemporanea, n. 151-152, settembre 1983, pp. 111-133, e Pauncz, A.
Intellettuali italiane negli anni Trenta. LAlleanza Muliebre Culturale Italiana, Dottorato di ricerca in
Storia delle scritture femminili, Universit degli studi di Roma La Sapienza, A.A. 1997-1998.
9 Alleanza Culturale Muliebre Italiana, Statuto, tip. Moneta Giovanni, Milano, 1930, articolo 2.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 290 03/05/2013 11:11:20
291
1. Genere e forme di partecipazione politica tra fascismo e Repubblica: il caso di Olga Arcuno
Appare da subito come tra le varie iniziative dellAlleanza
10
, quelle inerenti i
corsi di sostegno per afrontare gli esami di licenza scolastica superiore, insieme a
quelli per gli esami di abilitazione allinsegnamento, siano da considerare il loro vero
fulcro. Per quanto riguarda la composizione sociale dellAlleanza e le motivazioni in-
dividuali che potevano spingere le donne ad aderirvi, si rileva una notevole eteroge-
neit. Laddove le lavoratrici di umili condizioni si univano allassociazione in cerca
di un sostegno concreto e psicologico per coronare il sogno di unistruzione superio-
re o dellambto impiego pubblico, le intellettuali e le artiste trovavano nellAMCI
un luogo culturale dove esprimersi e dove poter discutere la questione femminile
in relativa libert. Per le studiose e le insegnanti infne (che prestavano a titolo vo-
lontario la propria opera di tutrici) lAlleanza costituiva la possibilit di espandere e
prolungare la funzione educatrice oltre i confni delle aule scolastiche a benefcio di
donne meritevoli o indigenti, contrastando cos in certa misura la carenza di oppor-
tunit di ascesa sociale femminile dettata dalla volont politica del regime. senza
dubbio questultima motivazione a spingere Olga Arcuno a fondare lAlleanza e a
lavorarvi per lunghi anni: nel suo percorso familiare e intellettuale infatti evidente
il grande valore sociale e politico attribuito alleducazione. Circa la natura dei legami
associativi instaurati nellAMCI si dir che, sebbene si basasse su una struttura ge-
rarchica, essa agevolmente assimilabile a una rete di solidariet femminile, essendo
sostanziata da un sentimento di identifcazione e reciprocit tra le socie, ricalcante
non gi le pi comuni relazioni di stampo parentale, ma piuttosto quelle tipiche
del rapporto insegnante-allieva da una parte e allieva-allieva dallaltra. Gi durante i
primi anni di vita dellAlleanza si evince dalle pagine di Cultura Muliebre, periodico
dellassociazione, unesigenza di defnire il proprio campo dazione e la propria iden-
tit culturale, soprattutto rispetto al movimento femminista della fne del secolo,
vittima nel corso del ventennio di una vera e propria opera di rimozione e stig-
matizzazione. Infatti, in un articolo del secondo numero, Luigia Pirovano aferma
risolutamente: lAlleanza non vuole essere femminista. In Italia (chi pi chi meno)
tutti sono antifemministi: il nostro atteggiamento non ha dunque nulla di eroico, e
noi ce ne rendiamo perfettamente conto
11
. Sintetizzando, possiamo sostenere che
lAlleanza non pot, e in certa misura non volle, richiamarsi esplicitamente alle lotte
sufragiste e rivendicazioniste della stagione precedente, ma emerge allo stesso tem-
po un malcelato desiderio che quella stagione, con i suoi temi di giustizia sociale
ormai desueti e largamente denigrati, avesse avuto maggiore successo e pi difuso
10 Oltre a questo scopo principale, nelle sedi dellAlleanza vengono spesso organizzate anche attivit
non strettamente correlate ad esigenze di carattere professionale: concerti, conferenze, mostre, gite
estive e altre attivit di gruppo sono infatti comunemente promosse allo scopo di valorizzare i talenti
delle socie e di incoraggiarne la socializzazione.
11 Pirovano, L. Il femminismo e noi, in Cultura Muliebre, n. 2, marzo 1931, corsivo nel testo.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 291 03/05/2013 11:11:20
292
Capitolo 6. Lampiezza di un margine. Genere, cittadinanza e politica nellItalia repubblicana
rispetto. A sua volta, il rapporto tra lAMCI e il governo fascista va letto sotto la ca-
tegoria dellambivalenza: nonostante le attivit delle alleate contrastassero ipso facto
con le direttive del regime, il tenore generale dellattivit delle alleate non lascia mai
trapelare unaperta ostilit al regime. Del resto, larticolo 14 dello statuto dellAMCI
era concepito in modo esplicito allo scopo di difendere lorganizzazione da insidiose
accuse di dissidenza: LAlleanza esclude qualsiasi forma di attivit sindacale o po-
litica e limita la sua attivit alla difusione della cultura fra le donne
12
. In generale,
appare chiaro che le socie dellAlleanza (o quantomeno i suoi vertici) mirassero a
tenere un proflo basso rispetto al governo fascista, professando unapoliticit (e un
antifemminismo) formale e, potremmo dire, mimetizzandosi sotto le spoglie di una
rispettabile associazione di studiose e letterate. Attenendosi strettamente agli scopi
dichiarati di elevazione culturale delle donne, si sperava che limplicita eversivit
dei contenuti passasse furtivamente il setaccio del regime e che fosse cos possibile
difondere istruzione e consapevolezza. Malgrado ci, i contrasti tra lAlleanza e il
governo cominciarono nel 1935, in relazione alla presunta ridondanza delle attivit
rispetto allAssociazione Nazionale Fascista Donne Artiste e Laureate, cui il governo
attribuiva la funzione politica di assorbire e monopolizzare le istanze e le iniziati-
ve femminili, e che in tal modo forniva il pretesto per commissariare, chiudere e
in generale ostacolare i progetti indipendenti delle donne, come appunto nel caso
dellAMCI (ma non solo)
13
. La fne dellAlleanza Muliebre Culturale Italiana uf -
cializzata il 23 luglio 1939, per volont del vicesegretario del PNF Adelchi Serena.
Latteggiamento elusivo e ambiguo dellassociazione rispetto al regime rese tuttavia
possibile per circa dieci anni e nel periodo di maggior consenso del fascismo alle
donne che vi aderirono di avere esperienza di una realt diversa da quella familiare o
strettamente domestica in cui la cultura dominante le voleva confnate, aprendo uno
spiraglio verso diverse possibili identit di genere e fornendo un supporto concreto,
nonch un sollievo psicologico, a quante di loro non venivano incoraggiate fra le
mura di casa a valorizzare le proprie qualit.
Solidariet
Anni dopo, nel settembre 1944, Olga Arcuno e Lelia Mangiarotti
14
pubblicano
il primo numero di un mensile intitolato Solidariet: rivista di educazione civile e
12 Alleanza Muliebre Culturale Italiana, Statuto cit., articolo 14.
13 Anche la FILDIS (Federazione Italiana Laureate e Diplomate di Istituti Superiori) e la FISEDD (Fede-
razione Italiana per il Sufragio e i Diritti della Donna) vengono sciolte dautorit in questo stesso periodo.
14 Nata a Manchester nel 1912, studia a Napoli e si laurea in Lettere moderne. Comincia a insegnare
nel 1935, e due anni pi tardi viene trasferita presso il Gianbattista Vico, dove conosce Olga Arcuno,
con la quale instaura un sodalizio inscindibile.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 292 03/05/2013 11:11:20
293
1. Genere e forme di partecipazione politica tra fascismo e Repubblica: il caso di Olga Arcuno
politica. Dal suo punto di osservazione in una classe liceale, la professoressa Ar-
cuno ha la possibilit di testimoniare una situazione che, da insegnante e flosofa,
giudica tra le pi gravi emergenze. Ecco come descrive tale preoccupante stato di
cose negli articoli introduttivi del primo numero:
oggi lItalia corre un grave pericolo. Molti, troppi italiani, oggi, si proclamano
apolitici o danno prova di essere malamente informati circa i concetti e i problemi
fondamentali della vita politica. Spesso oscuro il concetto stesso di democrazia.
[] Il contatto con varie categorie di cittadini, giovani e adulti di ambo i sessi,
ci ha condotti, durante questanno di rinascita dellItalia, alla constatazione del
pi grande sbandamento di molte coscienze.
[]
Non dif cile riconoscere che i
maggiori e veri motivi dellattuale disordine di molte coscienze hanno profonde
radici nel ventennio di tirannia fascista
15
.
Leredit pi insidiosa e duratura del fascismo non sarebbe dunque stata la
guerra e la conseguente distruzione, ma piuttosto i segni profondi che il ven-
tennio di dittatura, con il suo monopartitismo, la sua censura e il brutale sof-
focamento del dissenso, aveva lasciato sulla societ civile. Olga Arcuno infatti
sostiene: pi che rivoltarci contro gli indiferenti come contro colpevoli, non fa-
remmo bene a rivolgerci a essi, per aiutarli a vedere pi chiaro, l dove da soli non
riuscirebbero?
16
. senzaltro questo il messaggio, il leitmotiv del periodico, di
questa natura la solidariet che ella ritiene pi urgente e importante ofrire. Pub-
blicare Solidariet ogni mese per tredici anni stato certamente un lavoro enorme
ma altamente gratifcante, molto gravoso soprattutto sotto laspetto economico:
pi volte ribadito nel corso dei mesi come Solidariet fosse completamente in-
dipendente da partiti politici o associazioni, sia dal punto di vista editoriale SIA
da quello strettamente fnanziario. Addentrandoci nel merito dei contenuti del
mensile, possibile evidenziare due tipologie principali di articoli: un corso di
dottrine politiche e gli spazi di discussione aperti ai lettori. Quello che defnisco
corso di dottrine politiche costituisce il primo e pi importante progetto della
rivista: preso atto del difuso disinteresse per la politica, proprio in una fase pregna
di signifcato, che vede linstaurazione di un vero pluralismo in seguito ad anni di
monopartitismo, le due insegnanti descrivono ed esaminano, nel corso del primo
anno di pubblicazione, ciascuno dei partiti del CLN nei suoi presupposti dottri-
nali e nella linea politica. Sebbene i toni prevalenti in tali lezioni siano neutri e
appunto didattici, quando nel terzo numero si giunge alla descrizione del partito
15 Arcuno, O. Presentazione, in Solidariet, n. 1, settembre 1944.
16 Ibidem.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 293 03/05/2013 11:11:20
294
Capitolo 6. Lampiezza di un margine. Genere, cittadinanza e politica nellItalia repubblicana
democristiano, appare evidente un repentino cambio di timbro: Olga Arcuno evi-
denzia infatti aspramente la contraddizione tra il principio di sovranit popolare
e quello di autorit divina intrinseco nel discorso della DC, e accusa apertamen-
te tale partito di essere sostanzialmente antidemocratico17. Sebbene sia possibile
ravvisare un contrasto tra il fervente atto daccusa contro le linee programmatiche
della DC e i proclamati scopi di equanime educazione sociale, appare altrettanto
chiaro che Olga Arcuno sia cosciente di non trovarsi in unaula scolastica e di es-
sere dunque libera dai vincoli deontologici dei quali era peraltro scrupolosamente
rispettosa nellesercizio delle proprie funzioni professionali. Un secondo progetto,
fondamentale ai fni della linea editoriale, riguarda la realizzazione di uno spazio
di dibattito per i giovani, veri protagonisti di Solidariet. Attraverso la creazione
di apposite rubriche, Olga Arcuno decide di dare una valvola di sfogo alle insicu-
rezze, le ansie e la confusione che quella generazione sfortunata aveva accumulato
durante il regime e la guerra. Lidea sottostante a tali rubriche soprattutto quella
di far confrontare le opinioni e le impressioni dei giovani in una sorta di forum
trasversale comprendente sostanzialmente due aspetti: il primo spazio costituito
dalle Confessioni di giovani, in cui chiunque poteva scrivere alla redazione a
proposito di un argomento che lo avesse colpito, mentre un secondo, chiamato
Referendum, era formato dalle lettere pervenute in risposta a tematiche stabilite
volta per volta dalle direttrici. Il primo referendum , ad esempio, strettamente
legato al tema dellapoliticit, che si visto centrale nelle linee programmatiche,
e che dunque appariva logico afrontare da subito. Sebbene sia possibile conside-
rare le questioni poste non del tutto neutre18, e in sostanza contenenti risposte
implicite, sempre allo scopo di una pedagogia civica e politica che vanno messe
in relazione, in questo caso al fne di aiutare a razionalizzare la reazione emotiva
di disgusto e di inadeguatezza. Vale infne la pena di menzionare qualche altra te-
matica introdotta nei mesi successivi, come ad esempio per il quarto Referendum,
quella del voto alle donne, lungamente dibattuto proprio a ridosso del decreto di
estensione del sufragio, o, ancora, il decimo Referendum circa la scelta tra Mo-
narchia e Repubblica, che si protrarr anchesso per diversi numeri della rivista.
Gi a questo punto dellanalisi del periodico appare lampante come Olga Arcuno
abbia in pratica sfruttato, appena possibile, la rinata libert di stampa come uno
strumento di amplifcazione di quella che percepiva come la propria funzione
17 Seguendo questo ordine di considerazioni, salta decisamente allocchio anche il grande spazio de-
stinato sulla rivista ai movimenti socialista e comunista tra il febbraio e lagosto del 1945, laddove
per tutti gli altri partiti del CLN erano bastati due articoli.
18 1) Pu essere un buon cittadino lapolitico? possibile lassoluta apoliticit? 2) Quali caratteri
contraddistinguono nella vita del cittadino lo spirito, il costume democratico?. Cfr. Risposte al primo
Referendum, in Solidariet, n. 2, ottobre-novembre 1944.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 294 03/05/2013 11:11:20
295
1. Genere e forme di partecipazione politica tra fascismo e Repubblica: il caso di Olga Arcuno
sociale di educatrice, che le consentiva di estendere lefetto della sua pedagogia
sociale dalla scala minima di una classe a quella molto pi ampia del paese, ge-
nerando cos una dimensione corale. Guardando complessivamente il lavoro di
Olga Arcuno e Lelia Mangiarotti possibile infne ritenere che Solidariet abbia
costituito implicitamente un considerevole atto di biasimo nei confronti del regi-
me, e in particolare delle sue politiche culturali, considerando il grave danno pro-
curato a molti esponenti delle generazioni nate e cresciute nelle scuole fasciste. Il
duro lavoro sostenuto dalle due inseparabili amiche costituisce quasi il precipitato
delle idee politico-pedagogiche della fondatrice: in primo luogo testimonianza
di unintera vita dedicata al risveglio delle coscienze degli indifesi (giovani, donne),
di cui si mirava a favorire la libert di critica e lo sviluppo delle inclinazioni indivi-
duali. Inoltre, Solidariet il luogo dove linsegnante libera di dare voce a talune
idee politiche che il precedente contesto culturale le impediva di manifestare, se
non a carissimo prezzo: il suo femminismo, il suo antifascismo, la sua avversione
per la corona e la Chiesa cattolica. Tenendo infne presente complessivamente il
suo percorso di attivista, possibile comprendere a pieno le strategie messe in atto
da Olga Arcuno per giungere a un compromesso tra le proprie idee politiche e
il costume di rispettabile e capace insegnante, che in molti casi e per molti versi
infuenz le sue scelte di vita.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 295 03/05/2013 11:11:20
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 296 03/05/2013 11:11:20
2. Fondatrici, sostenitrici, utenti del Movimento
Italiano Femminile:
elementi di una biograa collettiva
M. Eleonora Landini
Resta ancora quasi del tutto insondato come, negli anni di transizione dalla ditta-
tura alla democrazia, larea neofascista, che andava riorganizzandosi, si confront
con la nuova presenza femminile sulla scena politica e se e come le donne di destra
afrontarono la propria specifcit di genere allinterno del loro contesto culturale
di riferimento.
Tanto i movimenti neofascisti quanto il Movimento sociale non prestarono
grande attenzione al ruolo delle donne, probabilmente distratti da pi pressanti
assilli in primis quello della sopravvivenza. Daltronde, da parte delle stesse mi-
litanti di estrema destra non sembra essere presente una convinta vocazione riven-
dicazionista, tant che negli interventi uf ciali e nelle testimonianze delle dirette
protagoniste si evince una scarsa rilevanza conferita allidentit di genere
19
.
Se questa fu senza dubbio la tendenza dominante, la pluralit di anime di cui
fu composto il neofascismo impone alcuni distinguo. Nel pulviscolo di gruppi
di marca neofascista che si difuse nei tardi anni Quaranta, si oppose a questa
prospettiva il Movimento italiano femminile (Mif ), cui merita di essere accordata
unattenzione particolare poich mise in luce un protagonismo femminile insolito.
Oggetto di cancellazione dalla memoria collettiva, anche nei circuiti della destra
reducistica, il Mif stato per lo pi ignorato dalle ricostruzioni storiografche o
19 Dittrich-Johansen, H. Fedelt e ideali delle donne nel movimento sociale italiano. Il caso tori-
nese (1945-1990), in Silvestrini, M.T.; Simiand, C.; Urso, S. (a cura di) Donne e politica: la presenza
femminile nei partiti politici dellItalia repubblicana, Torino 1945-1990, Torino, Franco Angeli, 2005,
p. 718.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 297 03/05/2013 11:11:20
298
Capitolo 6. Lampiezza di un margine. Genere, cittadinanza e politica nellItalia repubblicana
descritto con cenni approssimativi
20
, che di volta in volta lo hanno ridotto a or-
gano del Msi o liquidato come associazione caritatevole. In realt, il Mif che si
occup di assistere a livello morale, materiale e legale fascisti in dif colt, detenuti
o latitanti nacque prima del partito e a esso si leg con un patto di collaborazio-
ne solo nel 1952, mentre il tentativo di appiattire quellesperienza esclusivamente
sullaspetto di cura sarebbe limitante, oltrech fuorviante.
La fondatrice
Il Mif nacque uf cialmente a Roma il 28 ottobre 1946, preceduto da una lun-
ga gestazione. Animatrice del movimento, cui ben presto fu af data la carica
di Segretaria generale, fu la principessa Maria Pignatelli Cerchiara di Calabria.
Nata contessa Elia, rapidamente separatasi dal fglio del prefetto di Palermo, il
marchese De Seta, con cui ebbe quattro fgli, nel corso degli anni Venti e Trenta
Maria aveva condotto la vita agiata che il proprio rango le consentiva. Il legame
amoroso con il quadrumviro Michele Bianchi aveva contribuito a raforzarne la
posizione di infuenza ampiamente descritta e biasimata nelle note informa-
tive del fascicolo che la Polizia politica del regime aveva aperto sul suo conto,
dove limmagine della patronessa si accavalla a quella della mangiatrice di uo-
mini assetata di potere
21
. Nel 1938 avvenne lincontro con il principe Valerio
Pignatelli Cerchiara di Calabria avventuriero, militare di carriera e giornalista,
fascista inquieto che di tanto in tanto rassegnava le dimissioni dal Pnf
22
, che
nel 1942 sfoci in matrimonio.
Tra il 1943 e il 1944 i coniugi Pignatelli furono attivissimi organizzatori di
quella resistenza fascista
23
che nei territori dellItalia meridionale riusc a co-
agulare un numero consistente di fascisti
24
attorno ad azioni dimostrative, ma
anche sabotaggi e attentati, a danno dellesercito alleato e di antifascisti locali.
Proprio per ottenere sovvenzioni per i fascisti meridionali la principessa, nellaprile
1944, avrebbe incontrato Benito Mussolini: questi le avrebbe invece prospettato
20 Cenni al Mif in Rosenbaum, P. Il nuovo fascimo da Sal ad Almirante, Milano, Feltrinelli, 1975
(1974), p. 66; Murgia, P.G. Ritorneremo! Storia e cronaca del fascismo dopo la Resistenza 1950-1953,
Milano, SugarCo, 1976, pp. 168-179 e pp. 172-173; Ignazi, P. Il polo escluso. Proflo storico del Mo-
vimento Sociale Italiano, Bologna, Il Mulino, 1998 (1989), p. 62.
21 Cfr. Archivio Centrale dello Stato, Ministero dellinterno, Direzione generale Pubblica Sicurezza,
Divisione Polizia Politica, Fascicoli personali, 1927-1944, Pacco 425, De Seta Maria Elia marchesa.
22 Parlato, T. Fascisti senza Mussolini. Le origini del neofascismo in Italia 1943-1948, Bologna, Il
Mulino, 2006, p. 39.
23 Ignazi, Il polo escluso cit., p. 17.
24 Parlato, Fascisti senza Mussolini cit., p. 41.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 298 03/05/2013 11:11:20
299
2. Fondatrici, sostenitrici, utenti del Movimento Italiano Femminile
la necessit di un movimento femminile di assistenza animato dalla famma
dellIdea, che trascendesse la semplice funzione di cura per assumere il ruolo di
perno attorno al quale ricostruire una rete, di cui le donne dovevano essere le
maglie connettive.
Arrestati in quello stesso aprile 1944 e tradotti in diferenti campi di concen-
tramento alleati, i principi, insieme a molti compagni di prigionia, si ritrovarono
a Roma nellestate 1946.
Il contesto generativo
La capitale si prestava a ospitare tra il 1945 e il 1946, decine di migliaia
di rifugiati politici, che dopo lamnistia divennero quasi duecentomila
25
. Maria
Pignatelli ebbe in efetti in quei mesi frequenti incontri con quelli che saranno
i fondatori del Mif, tra cui monsignor Silverio Mattei, responsabile della Sacra
Congregazione dei Riti (uno dei dicasteri della Curia romana), che divenne lassi-
stente ecclesiastico del movimento. Ci si cercava e ci si contava nella prospettiva di
riunire i volenterosi [] per assistere i perseguitati. Assistere, lenire i dolori della
guerra ed estinguerne lodio
26
: si dava cos vita a una comunit sparuta ma coesa,
tanto che una delle analogie in quel periodo pi ricorrenti nella pubblicistica del
movimento fu quella coi primi cristiani.
Lautorappresentazione neofascista avr sempre un taglio fortemente vittimi-
sta: fame, miseria, paura, controlli polizieschi ritornano con incredibile frequenza
nelle parole di quanti si considerarono dei proscritti, pur senza considerare le pro-
prie responsabilit (fecero propria lidea del castigo, obliterando lidea del delitto
ha scritto Sergio Luzzatto
27
). Eppure, con lamnistia, si compiva la prima e pi
signifcativa tranche di un percorso che avrebbe condotto a un sostanziale colpo
di spugna sui crimini fascisti
28
, allinterruzione delle norme epurative e al reinte-
gro degli orfani del duce
29
nel corpo sociale. Filippo Focardi ha infatti osservato
che su 12 mila fascisti imprigionati, 7 mila furono rimessi in libert entro il 31
25 Ivi, p. 153.
26 Archivio di Stato di Cosenza, Movimento italiano femminile (dora in poi ASCS, MIF), b. 1, f. 4,
sf. 1, resoconto della Conferenza di Edmondo Cione nel teatro Masciari di Catanzaro il 25/2/51 per
iniziativa del Movimento italiano femminile Mif, s.f., s.d.
27 Luzzatto, S. Il corpo del duce. Un cadavere tra immaginazione, storia e memoria, Torino, Einaudi,
1998, p. 40.
28 Cfr. Franzinelli, M. Lamnistia Togliatti. 22 giugno 1946: colpo di spugna sui crimini fascisti, Mi-
lano, Mondadori, 2006.
29 Cfr. Mammone, A. Gli orfani del duce. I fascisti dal 1943 al 1946, in Italia Contemporanea,
n. 239-240, 2005.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 299 03/05/2013 11:11:20
300
Capitolo 6. Lampiezza di un margine. Genere, cittadinanza e politica nellItalia repubblicana
luglio 1946. Nel luglio dellanno successivo ne rimanevano dietro le sbarre circa
duemila. Nel 1952 ne restavano soltanto 266
30
.
Lassociazione
La fervida attivit che negli ultimi mesi del 1946 e nei primi del 1947 impegn i
promotori del Mif aveva il fne di attirare nuove socie e creare sezioni periferiche,
dipendenti dalla sede centrale romana, che rivestiva compiti coordinativi. La pe-
netrazione del Mif nel tessuto sociale avvenne in modo frammentario, spesso sol-
lecitata dal proselitismo compiuto dalla sua Segretaria generale. Maria Pignatelli,
fn da principio, aveva infatti avviato contatti e accolto proposte per sedi locali
31
: la
solerzia delle risposte fornisce unidea piuttosto precisa della disponibilit a impe-
gnarsi sul fronte neofascista. Basti pensare che nellautunno 1947, a un anno dalla
fondazione dellassociazione, i Mif costituiti risultano 61, di cui 52 in capoluoghi
di provincia (su un totale di 91 province italiane dellepoca)
32
.
Lorganizzazione, per sostenersi, usufru innanzitutto delle possibilit econo-
miche dei soci, che infatti costituirono la maggiore fonte di entrata dopo le muni-
fche elargizioni della principessa. Bench lorganigramma dellassociazione fosse
rigorosamente femminile, intrattenere relazioni con il ct maschile era dunque
essenziale: resta pur sempre vero, come ha notato Laura Guidi a proposito delle
opere di carit ottocentesche, che gli uomini sono indispensabili alleati, perch
solo nellalleanza con il denaro e con il potere le benefattrici possono realizzare i
loro progetti
33
.
Le socie
Lassociazione fu animata da unlite femminile alto-borghese e aristocratica, colta,
politicizzata, nata a cavallo tra il XIX e il XX secolo, educata in et liberale e venu-
ta in contatto con gli stimoli dellepoca il movimento femminile pro-sufragio,
il nazionalismo, il futurismo. Sono donne, quelle che supportarono il Mif, che
30 Focardi, F. La questione dei processi ai criminali di guerra tedeschi in Italia: fra punizione fre-
nata, insabbiamento di Stato, giustizia tardiva (1943-2005), in Storicamente, n. 2, 2006 (www.
storicamente.org).
31 Cfr. ASCS, MIF, b. 84, Agenda del 1946 e Agenda del 1947.
32 Cfr. ASCS, MIF, b. 1, f. 5, sf. 2, Elenco dei M.I.F. costituiti, s.d. (ma collocabile al settembre 1947,
quando doveva tenersi originariamente il I Congresso nazionale del Mif ).
33 Guidi, L. La Passione governata dalla virt: benefattrici nella Napoli ottocentesca, in Ferrante,
L.; Palazzi, M.; Pomata, G. (a cura di) Ragnatele di rapporti. Patronage e reti di relazione nella storia
delle donne, Torino, Rosenberg&Sellier, 1988, p. 159.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 300 03/05/2013 11:11:21
301
2. Fondatrici, sostenitrici, utenti del Movimento Italiano Femminile
esulano nettamente dalla media delle loro contemporanee; sono privilegiate che
avevano ricevuto uneducazione cosmopolita, avevano viaggiato e appreso diverse
lingue straniere (come Maria Pignatelli) o avevano avuto accesso a unistruzio-
ne universitaria e avevano costruito solide carriere professionali. Tutte avevano
aderito al fascismo: le pi politicizzate fn dai suoi esordi, mentre altre solo nel
momento in cui la dittatura si consolid.
La reciproca attrazione tra fascismo e aristocrazia gi usuale durante il regi-
me prosegu nel dopoguerra: la disponibilit di numerose esponenti della nobil-
t romana a impegnarsi pubblicamente nel Mif faceva s che i benefci che deriva-
vano dalla loro posizione economica e sociale fossero al servizio dellassociazione.
Su una discreta rappresentanza potevano contare anche le professioniste, pro-
venienti dalla borghesia medio-alta, la maggioranza delle quali esibiva curricula
politici molto densi. Avevano esperienze politiche pregresse Anna Ghezzi e Fedora
Lazzarini, segretaria del Fascio della capitale la prima, fascista antemarcia la se-
conda; cos come lartista campana Anna Dinella, ultima fduciaria dei Fasci fem-
minili del Pnf della provincia di Salerno
34
e membro del Consiglio nazionale del
Mif. Tra le componenti della Giunta centrale del Mif, inoltre, almeno tre fgure
meritano di essere richiamate: Clementina Santoni Pomarici, Rachele Ferrari del
Latte ed Elda Simeoni Norchi.
La prima, vedova di un detenuto politico e madre di una bambina, era stata
direttrice dellUf cio Statistica e Censimenti del Comune di Venezia e fduciaria
dei Fasci femminili durante la Rsi: epurata e condannata a trentanni di reclusio-
ne dalla Corte dAssise straordinaria di Venezia, benefci dellamnistia nel luglio
1946 e si trasfer a Roma, dove inizi a lavorare negli uf ci del Mif
35
.
Rachele Ferrari del Latte fu invece contattata personalmente da Maria Pi-
gnatelli il giorno stesso della fondazione del Mif
36
, per aderire prontamente alla
neonata organizzazione e rimanervi fno al 1950. Insegnante milanese, vedova,
Rachele del Latte era stata legionaria fumana e quindi si era iscritta al Pnf nel
1923, distinguendosi tra le pi attive promotrici dei Fasci femminili milanesi. Nel
1938 ne divenne Ispettrice nazionale e alla costituzione della Rsi fu tra le quattro
Ispettrici nazionali sulle 18 in carica al 25 luglio 1943 che rimase fedele alla
propria identit politica assumendo responsabilit direttive nel Pfr
37
.
34 Cfr. Appendice 1, Fiduciarie provinciali dei Fasci Femminili, in Dittrich-Johansen, H. Le militi
dellidea. Storia delle organizzazioni femminili del Partito Nazionale Fascista, Firenze, Leo Olschki,
2002, p. 250
35 Le informazioni sono tratte dal promemoria s.d. e s.f. contenuto in ASCS, MIF, b. 11, f. 39, sf.
9. In merito alla vicenda giudiziaria della donna, cfr. Franzinelli, M. Lamnistia Togliatti cit., p. 76.
36 Cfr ASCS, MIF, b. 84, Agenda del 1946.
37 Dittrich-Johansen, H. Le militi dellidea cit., p. 219.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 301 03/05/2013 11:11:21
302
Capitolo 6. Lampiezza di un margine. Genere, cittadinanza e politica nellItalia repubblicana
Chi non abbandon mai il proprio incarico di Vice segretaria generale del
Mif fu Elda Simeoni Norchi. Gi futurista nel 1912, giovanissima, era entrata
in contatto con Filippo Tommaso Marinetti e quindi aveva collaborato a Roma
futurista, da dove scriveva veementi invettive politiche con lo pseudonimo di
Futurluce rimase in ombra durante il Ventennio, laureandosi in Farmacia e spo-
sando il collega Arrigo Simeoni. Ritroveremo Elda Norchi solo nel 1944, come
componente del gruppo clandestino fascista Onore: questo, secondo Piero Igna-
zi, rappresent uniniziativa ben pi ef cace di resistenza agli Alleati rispetto al
tentativo sostanzialmente dannunziano del principe Pignatelli
38
. Arrestata in
seguito allo smantellamento di Onore, condivise la reclusione in campo di con-
centramento con Maria Pignatelli, di cui divenne unamica fdata.
Scorrendo i percorsi biografci di alcune delle appartenenti al nucleo dirigen-
ziale del Mif, limpressione di avere a che fare con delle sopravvissute. Ed esat-
tamente il fatto di avere una coscienza politica viva e una inusuale dimestichezza
con le pratiche e gli ambienti della politica che costituisce il comune denominato-
re tra queste donne, insieme a una provenienza sociale e culturale simile. Proprio
lomogeneit del proflo delle mif ne costituir anche il limite e il principale
motivo di estinzione dellassociazione: al suo interno, tanto al vertice quanto alla
base, non trovarono spazio quante si discostavano dal modello dominante, come
le appartenenti a ceti meno abbienti o a generazioni pi giovani.
Lutenza
Tra il 1946 e il 1953 gli assistiti dallassociazione furono 3323 (di cui 312 donne),
provenienti da tutta Italia e animati dai medesimi ideali. In breve tempo il Mif
ebbe fama di organismo autorevole e infuente, in grado di intercedere in favore
del singolo presso i sistemi di potere.
La maggioranza degli uomini si rivolgeva allorganizzazione per motivi perso-
nali. Per quanti erano in libert, le priorit erano il reintegro lavorativo in seguito
a epurazione, la ricerca di un impiego, lottenimento della liquidazione pensioni-
stica, il bisogno di procurarsi documenti o visti per lespatrio; i detenuti concen-
travano le proprie richieste sui beni primari viveri, indumenti, medicine e sulla
possibilit di essere assistiti legalmente.
Per quanto concerne le donne, 57 intercedono in favore di terzi, 236 si rivol-
gono allassociazione per soddisfare una necessit personale o familiare, nel caso
siano coinvolti i fgli. Un dato che emerge con nettezza dalle lettere delle utenti del
Mif lintraprendenza di queste donne: moltissime, infatti, furono costrette a una
38 Ignazi, P. Il polo escluso cit., p. 18.
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 302 03/05/2013 11:11:21
303
2. Fondatrici, sostenitrici, utenti del Movimento Italiano Femminile
brusca responsabilizzazione per via della solitudine imposta dalle circostanze gli
uomini di famiglia, che fossero morti o dispersi in guerra, detenuti o latitanti, per
lo pi non erano al loro fanco.
Le esigenze personali sono le pi disparate, e fanno emergere un quadro in cui si
mischiano ingenuit, astuzie, disperazione. Molte preoccupazioni ruotano intorno
alla casa: case da riscaldare; case dove abitare; case che non si volevano abbandonare;
o le tante case di cui si reclamava la derequisizione. Anche la salute era una tematica
ricorrente nelle istanze delle assistite: erano donne sole, malate, o che non sapevano
come sopravvivere, per le quali un ricovero ospedaliero signifcava poter essere cura-
te, ma anche dormire in una stanza riscaldata e mangiare con regolarit.
Un nucleo corposo concerne le pratiche relative al sistema pensionistico (li-
quidazione, reversibilit o concessione di pensioni civili e di guerra): le utenti
contattavano il Mif talvolta per avere informazioni su come avviare una pratica,
pi spesso perch questo se ne interessasse, ponendosi come intermediario per
sollecitare il buon esito di una gi avviata.
Ma il lavoro a costituire il motivo preponderante per cui le donne contattava-
no il Mif: le richieste variavano dalla ricerca di unoccupazione allintercessione per
evitare il licenziamento, dalla raccomandazione per ottenere un posto statale o un
trasferimento alla domanda di referenze per un impiego. Le pi, tuttavia, si rivolsero
allassociazione di Maria Pignatelli perch epurate, spesso per aver aderito alla Rsi.
Impiegate pubbliche o insegnanti, sovente nubili, impegnate nel ricorso al Consiglio
di Stato o decise a intraprenderlo, chiedevano una consulenza legale o un intervento
del Mif che potesse favorirle, al fne di ottenere il reinserimento lavorativo.
Tra i fascicoli delle assistite, infne, un nucleo di particolare interesse riguarda le
detenute per motivi politici. Sono 43 i casi con cui il Mif entr in contatto, talvolta
in modo tangenziale, talvolta instaurando legami profondi. Alcune prendevano au-
tonomamente liniziativa di scrivere domandando assistenza sia legale sia materiale
dopo essere venute a conoscenza delle attivit e dellorientamento del Mif, magari
grazie alla segnalazione di una compagna di detenzione. Forse pi spesso, per, era
lo stesso Mif ad avvicinare le detenute, che si afrettavano ad accogliere, riconoscenti,
le piccole oblazioni in denaro, le brevi lettere dincoraggiamento o la possibilit di
usufruire gratuitamente dellassistenza legale che il movimento ofriva.
Certamente lappartenenza dei vertici del Mif allaristocrazia o quella di Sil-
verio Mattei alle alte gerarchie vaticane suscitava rispetto. indubbio, inoltre,
che gli assistenti ricoprissero una posizione di privilegio in rapporto alle assistite
e che queste avessero convenienza ad appoggiarsi allassociazione. Tuttavia sono
esigui i casi di assistite che esibiscano uno smaccato ossequio, e non casualmente
coincidono con quante avevano origini pi modeste e un minore livello di scola-
rizzazione. Le pi sembrano considerare che la comune fede politica potesse agire
da potente livella, dando loccasione di creare una relazione che non pu dirsi
Guidi-Pelizzari_txt - I tomo.indd 303 03/05/2013 11:11:21
304
Capitolo 6. Lampiezza di un margine. Genere, cittadinanza e politica nellItalia repubblicana
orizzontale, ma neppure propriamente verticale, dal momento che ci si ricono-
sceva come parti di una stessa comunit. Ci non signifca che mancassero del
tutto stilemi e modali