Sei sulla pagina 1di 4

Prof.ssa Manuela A.S.

2010-2011
Pucci
Calcolo mentale e stenaritmia
Stenaritmia, s.f. tecnica di calcolo mentale che usa metodi particolari (di cui alcuni
derivanti dallalgebra o dalla geometria) per trattare i numeri allo scopo di
raggiungere una capacit di calcolo maggiore di quella normalmente insegnata a
scuola o, peggio, per alcuni del tutto trascurata.
(tratto da: http://www.idemnet.it/idem2000/corsi/sa/main.htm)
Attualmente, nella scuola, il calcolo mentale generalmente trascurato, perch
sostituito dalluso della calcolatrice. Purtroppo tale pratica cos deleteria, se iniziata
nei primi cicli scolastici, che ingenera negli studenti gravi carenze anche nelluso
generale della propria mente, carenze che potrebbero essere ridotte reintroducendo le
tecniche di calcolo mentale. Questa dispensa si pone appunto questo scopo
Nozioni di base:
1. tabelline:
opportuno riprendere la tavola pitagorica, i numeri in grassetto sono quadrati:
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
1 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
2 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
3 3 6 9 12 15 18 21 24 27 30
4 4 8 12 16 20 24 28 32 36 40
5 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50
6 6 12 18 24 30 36 42 48 54 60
7 7 14 21 28 35 42 49 56 63 70
8 8 16 24 32 40 48 56 64 72 80
9 9 18 27 36 45 54 63 72 81 90
10 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
Per la tabellina del nove vedi Curiosit............................................. (pag. 3)
2. quadrati:
opportuno conoscere i quadrati dei numeri almeno fino a 15, i primi dieci
sono gi inseriti nella tavola pitagorica, i successivi sono:
11 12 13 14 15 16 17 18 19 20
Quadrati 121 144 169 196 225 256 289 324 361 400
note - a b c d
Note: a) i due quadrati hanno le stesse cifre, ma nel pi piccolo sono in ordine
crescente, nel pi grande sono disordinate in modo da renderlo
un po pi grande!
b) vedi Quadrati dei numeri che terminano con la cifra 5 ...... (pag. 4)
c) vedi Tecniche di moltiplicazione....................................... (pag. 6)
d) vedi Quadrati dei numeri che terminano con la cifra 0 ...... (pag. 5)


2

3. cubi:
opportuno conoscere i cubi dei numeri almeno fino a 5
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Cubi 1 8 27 64 125 216 343 512 629 1000
note - a
Note: a) vedi Tecniche di moltiplicazione....................................... (pag. 6)
4. alcuni prodotti notevoli e scomposizioni:
( )
2 2
2
2 b ab a b a + = (quadrato del binomio)
( ) ( )
2 2
b a b a b a = + (somma per differenza)
( )
3 2 2 3
3
3 3 b ab b a a b a + = (cubo del binomio)
( ) c b a x cx bx ax + + = + +
2 2 2 2
(raccoglimento a fattor comune)
5. aree di alcune figure piane:
quadrato (
2
l ) e rettangolo ( h b ) (da usare per quadrati di numeri e prodotti)
6. propriet associativa (e propriet dissociativa):
( ) ( ) c b a c b a + + = + +
7. propriet commutativa:
a b b a + = +
8. propriet distributiva (della moltiplicazione rispetto alladdizione):
( ) bx ax b a x + = +



3
Curiosit nelle mani!

Lo sapevi che sono una calcolatrice?
Calma! Non fanno proprio tutti i conti,
ma sanno fare i prodotti di due cifre
comprese tra 6 e 10.
Fai cos: metti le mani davanti a te in
questo modo:

ora pensa di numerare ogni dito cos:

Esempio 1: per moltiplicare 7 per 8
abbassa in ciascuna mano le dita con
numeri superiori alla cifra da moltiplicare
in questo modo:

le decine del risultato saranno la somma
delle dita rimaste alzate (cio 2+3=5), le
unit saranno date dal prodotto delle dita
che sono state abbassate (cio 3x2=6)
vale a dire 56.
Esempio 2: devi moltiplicare 10x7.

dita alzate 5+2=7, dita abbassate 0x3=0,
risultato 70.
Ora prova a moltiplicare 6x6

dita alzate 1+1=2, dita abbassate 4x4=16,
perci 2 decine e 16 unit da trasformare
in 1 decina e 6 unit, totale 36!
E lo sapevi che sanno la tabellina del
nove?
Si fa cos. Metti le mani davanti a te in
questo modo:

ora pensa di numerare ogni dito da uno a
dieci cos:

Esempio 1: devi moltiplicare nove per 3
allora abbassi il dito del 3 cos:

Il risultato si legge contando le dita
rimaste alzate prima e dopo il dito
abbassato cio prima le decine (2) dopo
le unit (7) vale a dire che il risultato
27.
Esempio 2: devi moltiplicare nove per 8
allora abbassi il dito dell8 cos:

Il risultato si legge contando le dita
rimaste alzate prima e dopo il dito
abbassato cio prima le decine (7) dopo
le unit (2) vale a dire che il risultato
72.
Ora prova a moltiplicare nove per 7:

e il risultato sar 63!



4
Quadrati di numeri che terminano con la cifra 5

Fare il quadrato di un numero che termina con la cifra 5 molto semplice e si riduce
a fare una piccola moltiplicazione!

E intuitivo iniziare dal quadrato di 25.
Nel quadrato da calcolare la cifra delle unit (cio 5) produce sempre un 25 finale; a
questo si antepone il risultato del prodotto della cifra delle decine (cio 2) per la sua
successiva (il successivo di 2 3) perci 2x3=6.
Il quadrato di 25 sar perci 6 seguito da 25 vale a dire 625.

Riproviamo con 45 al quadrato.
Il successivo di 4 5. Il quadrato di 45 sar perci composto da 4x5=20 seguito dal
solito 25 finale ottenendo 2025.

Ancora con 85.
Il successivo di 8 9. Il quadrato di 85 sar perci composto da 8x9=72 (per la
tabellina del 9 usa la regola delle mani di pag. 3!) seguito dal solito 25 finale
ottenendo 7225.

Un po pi complesso: il quadrato di 125.
Questa volta si cerca il successivo di 12 che 13. Il quadrato di 125 sar perci
composto da 12x13=156 (vedi tecniche di moltiplicazione, punto 4, di pag. 6)
seguito dal solito 25 finale ottenendo 15625.

Radici quadrate di numeri che terminano con 25

La regola inversa alla precedente.

Iniziamo dalla radice quadrata di 4225.
Tolto il 25 finale (che generer il 5 finale nella radice) prendiamo in considerazione il
42 cercando da quale prodotto di due numeri consecutivi generato cio 42=6x7 e
dei due prendiamo il pi piccolo (6) per comporre la radice che sar 6 seguito da 5
cio la radice 65.

Ora la radice quadrata di 3025.
30=5x6 perci 5 seguito dal 5 finale; la radice 55.

Ancora con la radice quadrata di 9025.
90=9x10 perci 9 seguito dal 5 finale; la radice 95.



5
Quadrati di numeri che terminano con la cifra 0

Fare il quadrato di un numero che termina con la cifra 0 semplicissimo e si riduce a
fare il quadrato delle sole cifre che gli stanno davanti raddoppiando gli zeri finali!
Iniziamo dal quadrato di 60.
La cifra davanti allo 0 6 ed il suo quadrato 36.
Il quadrato di 60 sar composto da 36 seguito dal doppio degli zeri presenti in 60,
cio da 00, ottenendo 3600.
Riproviamo con 80.
Il quadrato di 80 si compone con il quadrato di 8 che 64 seguito da due zeri finali
cio 6400.
Ora 160 al quadrato.
Dalle nozioni fondamentali, 256 seguito da 00 perci 25600.
Nota: se gli zeri finali sono pi di uno non cambia nulla: calcoliamo il quadrato di
11000: 121 seguito da 000 000 perci 121000000.

Radici quadrate di numeri che terminano con 00

La regola inversa alla precedente: gli zeri finali si dimezzano e, naturalmente, le
cifre significative devono essere un quadrato perfetto.
Iniziamo dalla radice quadrata di 400.
Facciamo la radice quadrata di 4 (cio 2) seguita dalla met degli zeri presenti in 400
cio uno perci la radice 20.
Riproviamo con 810000.
Facciamo la radice quadrata di 81 (cio 2) seguita dalla met degli zeri presenti in
810000 cio due perci la radice 900.

Quadrati e radici quadrate di particolari numeri con la virgola

La regola simile alle precedenti.
Quadrato: si esegue il quadrato del numero senza considerare la virgola e le cifre
decimali si raddoppiano.
0,05 al quadrato ha per risultato 0,0025 (le cifre decimali da due diventano quattro).
Radice quadrata: si esegue la radice quadrata del numero senza considerare la virgola
e le cifre decimali si dimezzano ( naturale che debbano essere in numero pari).
La radice quadrata di 12,25 3,5 (le cifre decimali da due diventano una).
Nota: se il numero di cui fare la radice quadrata non ha un numero pari di cifre
decimali la radice non si pu fare utilizzando questa regola per es. 1,225


6
Tecniche di moltiplicazione
1. prodotti di numeri equidistanti da decine o cinquine
esempi: 26x24 (equidistanti da 25 che una cinquina) oppure 28x32
(equidistanti da 30 che una decina).
Si utilizza il prodotto notevole somma per differenza inserendo proprio la
cinquina o la decina:
26x24=(25+1)x(25-1)=25
2
-1=625-1=624
ecco che torna ancora utile conoscere come calcolare il quadrato di un numero
che termina per 5!
28x32=(30-2)x(30+2)=30
2
-4=900-4=896
ecco che torna di nuovo utile conoscere come calcolare il quadrato di un
numero che termina per 0!
Esercizi:
39x41 32x38 43x47
82x78 64x66 54x56
73x67 81x89 99x101
2. quadrati
Si utilizza il prodotto notevole quadrato del binomio inserendo proprio la
cinquina o la decina pi vicine, esempio:
33
2
= =(30+3)
2
=30
2
+2x30x3+3
2
=900+180+9=1089
oppure =(35-2)
2
=35
2
-2x35x2+2
2
=1225-140+4=1089
Esercizi:
39
2
41
2
63
2

58
2
74
2
26
2

87
2
79
2
99
2

3. uso della propriet associativa (e commutativa)
Nel prodotto spesso conveniente associare diversamente i fattori per arrivare
a prodotti semplici come 2x5 oppure 4x25, esempio:
12x25=(3x4)x25=3x(4x25)=3x100=300
6x25=(2x3)x(5x5)=2x3x5x5=(2x5)x(3x5)=10x15=150
Lo scopo sempre di arrivare a potenze di dieci.
4. uso della propriet distributiva (e dissociativa)
Si pu distribuire il numero pi piccolo rispetto alla dissociazione del pi
grande, esempi:
6x24= =6x(20+4)=6x20+6x4=120+24=144
oppure =6x(25-1)=6x25-6x1=150-6=144
7x138 =7x(100+30+8)=700+210+56=966
a questo punto ci si pu divertire con le dissociazioni pi creative e
personalizzate!


8




Indice
Calcolo mentale e stenaritmia ............................................................................................................ 1
Nozioni di base: ............................................................................................................................... 1
1. tabelline: .......................................................................................................................... 1
2. quadrati:............................................................................................................................... 1
3. cubi: ..................................................................................................................................... 2
4. alcuni prodotti notevoli e scomposizioni: ............................................................................ 2
5. aree di alcune figure piane: ................................................................................................. 2
6. propriet associativa (e propriet dissociativa):................................................................. 2
7. propriet commutativa:........................................................................................................ 2
8. propriet distributiva (della moltiplicazione rispetto alladdizione): ................................. 2
Curiosit nelle mani! .................................................................................................................. 3
Lo sapevi che sono una calcolatrice? ...................................................................................... 3
E lo sapevi che sanno la tabellina del nove? ........................................................................... 3
Quadrati di numeri che terminano con la cifra 5.......................................................................... 4
Radici quadrate di numeri che terminano con 25 ......................................................................... 4
Quadrati di numeri che terminano con la cifra 0.......................................................................... 5
Radici quadrate di numeri che terminano con 00 ......................................................................... 5
Quadrati e radici quadrate di particolari numeri con la virgola................................................... 5
Tecniche di moltiplicazione ............................................................................................................ 6
1. prodotti di numeri equidistanti da decine o cinquine .......................................................... 6
2. quadrati ................................................................................................................................ 6
3. uso della propriet associativa (e commutativa)................................................................. 6
4. uso della propriet distributiva (e dissociativa) .................................................................. 6
Esercizi di riepilogo......................................................................................................................... 7