Sei sulla pagina 1di 46

I

Indice

Prefazione

iii

Capitolo 1
Aritmetica e algebra elementare
1.1 Soluzioni degli esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1
1

Capitolo 2
Geometria elementare
2.1 Soluzioni degli esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5
5

Capitolo 3
Insiemi e funzioni
13
3.1 Soluzioni degli esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Capitolo 4
Funzioni lineari
17
4.1 Soluzioni degli esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Capitolo 5
Funzioni quadratiche
21
5.1 Soluzioni degli esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Capitolo 6
Equazioni e disequazioni
25
6.1 Soluzioni degli esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Capitolo 7
Coniche
29
7.1 Soluzioni degli esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
Capitolo 8
Funzioni esponenziali e logaritmiche
31
8.1 Soluzioni degli esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Capitolo 9
Funzioni goniometriche
33
9.1 Soluzioni degli esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Capitolo 10
Calcolo combinatorio e probabilit
35
10.1 Soluzioni degli esercizi proposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Capitolo 11
Mettiti alla prova
11.1 Soluzioni batteria 1
11.2 Soluzioni batteria 2
11.3 Soluzioni batteria 3
11.4 Soluzioni batteria 4
11.5 Soluzioni batteria 5

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

37
37
38
38
39
40

Prefazione

In questo file troverai le soluzioni degli esercizi proposti alla fine di ciascun capitolo del libro Matematica di
base. Alcuni degli esercizi, quelli pi interessanti, sono commentati in dettaglio, mentre degli altri viene fornita
esclusivamente la soluzione.
Nel caso tu riscontrassi delle inesattezze o degli errori segnalali scrivendomi alla seguente casella e-mail:

tommeidm.unipi.it
Giacomo Tommei

Aritmetica e algebra
elementare

1.1 Soluzioni degli esercizi proposti


1.

 2

1
2
7
> 5 > 1 > > (2)3 > 0.25 >
2
7
6

2.

  21
 1
1
1
<
(0.2) < (0.3) < 2 <
3
4
3

3.

1
3

1
4
< < 23 < 0.72 < 3 < 2 <
5
25

 1
1
3

4. Si ha N = 271958 (108878 101528 ). Il numero 27195 pu essere fattorizzato come 3 5 72 37;


inoltre lespressione tra parentesi divisibile per 10887 10152 = 735 = 3 5 72 (ricorda che an bn
sempre divisibile per a b), quindi N divisibile per 3 5 72 . Adesso scriviamo N come (271958
108878 ) + 101528 . Lespressione in parentesi divisibile per 27195 10887 = 16308 = 22 33 151 e
10152 = 23 33 47, quindi N multiplo di 22 33 . In conclusione N un multiplo di 3 5 72 e di 22 33 ,
cio un multiplo di 22 33 5 72 = 26460.
5. Il numero 5 n + 2 termina con 2 o 7 per ogni n N, mentre i quadrati dei numeri naturali terminano solo
con 0, 1, 4, 5, 6, 9.
6. 841
7. 180000: il calcolo proposto equivale a sommare 100 volte il numero 1800, infatti 1900 100 = 1800,
1901 101 = 1800, ...
8. 21
9. 15 anni e 1 mese
10. 1554 euro, 999 euro, 555 euro
11. 44
12. 26
13. Minore di 1, per lesattezza 100/101
14. Se le frazioni a/b e c/d sono equivalenti, lo sono anche le frazioni (a + b)/b e (c + d)/d.
15. 25/8
16.

a) 16 8 2 + 2 3 6

c) 3 (5 + 2 5)

b) 4 (3 3 4)

d) 37 8 2 2 3

17. Si ha d < b < a < c < e, quindi il numero pi grande e


18. b2 < a b < a2
19. 1556.86 m

Aritmetica e algebra elementare

20. 5120 g

21.

a) 24
d) 2
15
32
g)

b) 33
p
p
x4 y/23 = (x2 /2) y/2
e)
h) 3

22. (33 )3 = 39 6= 3(3

c) 2 12 2 = 213/12
f) x2 y k1
i) 52

= 327

23. 4.4 x + y 4.7, 1.9 x y 1.6, 4.03 x y 4.8 e 0.41 x/y 0.48
24. a) 1/16 b) 115/192
25. 3
26. 31/2
27. vera solo la b)
28. Il pi piccolo x = a c/(a + b)

29.
pi grande 3 + 17

pi grande 2 ( 2 + 6)

pi grande 2 + 5 31
30. 1.00099
31. c < b < a < 0 < a < b < c
32. 2 a + b pu essere uguale a 7, 1, 1, 7.
33.

a) Se x e y sono numeri positivi con x < y allora |x| < |y|

b) Se x e y sono numeri negativi con x < y allora |x| > |y|


c) Se x e y sono numeri negativi con |x| < |y| allora x > y

34. La produzione diminuita del 25%.


35.

a) 52%
b) No

36.

a) 640
b) 105
c) 26
d) 460

37. 119855
38. 400 euro
39. pi conveniente la seconda confezione.
40. diminuito dello 0.25%.
41. 360
42. Circa 16.7%
43. 5/3 e 1/7
44.
a)

xy xy

b)

x
y (x + y)2

s
4

4 x2 y 2 (x y)
(x + y)3

1.1 Soluzioni degli esercizi proposti

45.
46.

a) MCD= 3 a b , mcm= 6 a3 b2
c) MCD= 5 m, mcm= 300 a3 m2 x y 3

b) MCD= 9 x, mcm= 18 x2 y

a) x3 + 5 x2 + 5 x 10

b) 2 x5 + x4 10 x3 2

c) 8 x4 14 x3 24 x2 + 46 x 7

d) 2 x6 6 x5 6 x3 + 16 x2 + 12 x 18
e) q(x) = x + 1, r = 4

f) q(x) = 2 x3 + 5 x2 + 10 x + 20, r = 33
g) q(x) = x3 + (1/2) b x2 (7/4) b2 x + (1/8) b3 , r = (5/16) b4
47.

a) 2

b) 2 + 5 b2
c) 5 b3
48.

a) MCD= x 1, mcm= (x 1)2 (x 3)

b) MCD= x2 + x + 1, mcm= (x 1) (x2 + x + 1) (x2 + 1)

c) MCD= 2 x 3, mcm= ( 2 x 3) ( 2 x + 3) (x + 1)
49. p(x) = x4 x3 7 x2 + x + 6
50. 8
51. p(x) = x5 3 x3 + 6 x2 7 x + 11

5 x2 y (2 x y)
(p q + 8) (p q 8)
(2 x + 10 y) (4 x2 20 x y + 100 y 2 )
a9 b9 = (a b)(a2 + a b + b2 ) (a6 + a3 b3 + b6 )
(2 r4 3 (s + 5 t)) (4 r8 + 6 r4 (s + 5 t) + 9 (s + 5 t)2 )

52.

a)
c)
e)
g)
i)

53.

a) (x 1) (x2 + x + 1) (x6 + x3 + 1)
c) (x 1) (x2 + 4 x + 7)
e) (x 1) (x + 1)2 (x2 x + 1)

54.

a) 4 a2 + 4
a b + b2
d) a2 2 a b + b

55.

a) (x 3) (x 1) (x + 5)
c) (b 3) (b 2) (b + 5)

b)
d)
f)
h)
l)

a (s + 2 t) (a s + 2 a t 1)
(x + y + 7 z) (x + y 7 z)
(a + b)(a2 a b + b2 ) (a6 a3 b3 + b6 )
(11 xn 9 y 2 n ) (11 xn + 9 y 2 n )
y (xn 11) (xn + 2)

b) (x3 + 2) (x 1) (x2 + x + 1)
d) (x 1)2 (x + 1)2 (x2 x + 1)

f) (x 11) (x + 11) (x2 + 2)

b) 9 x2 12 x y + 4 y 2
e) a3 6 a2 b + 12 a b2 8 b3

c) 4 a2 x 12 a b x y + 9 b2 y 2
f) 27 x3 y 3 + 54 x2 y 2 + 36 x y + 8

b) (b 1) (b 5)2
d) (x m) (x + m) (x 2 m) (x 4 m)

56.
a) x 6= 0
e)

b)

x R

57.
a)

a 6= 0 x 6= 1
f) x 6= 2

1
x (x 1)

b)

c)

x 6= 1 x 6= 1

g) x 6= 0 x 6= 3/2

x+5
(x 1) (x + 1)2

58. 109
59. 6378.145 = 6.378145 103 km = 6.378145 108 cm
60. 1.4959965 1013 cm = 1.4959965 108
Velocit della luce in m/s vale circa 3 108

c)

d)
h)

x 6= 1 x 6= 1

a 6= 0 b 6= 0

x (x 1)
(x + 1) (x2 x + 1)

Geometria elementare

2.1 Soluzioni degli esercizi proposti


1. Soluzione: 14 cm2

La diagonale AC divide il quadrilatero nei due triangoli ABC e ADC . Il segmento P Q, che unisce i punti
medi di AB e di BC , parallelo ad AC ed lungo la met di AC ; analogamente il segmento SR, che
unisce i punti medi di CD e di DA, parallelo ad AC ed lungo la met di AC . Pertanto i segmenti
P Q e QR sono paralleli e congruenti: ci sufficiente per affermare che il quadrilatero P QRS un

parallelogramma. Il triangolo P BQ simile al triangolo ABC con rapporto di similitudine 1/2, quindi

larea di P BQ vale 1/4 dellarea di ABC ; analogamente il triangolo SDR simile al triangolo ADC con

rapporto di similitudine 1/2 e la sua area vale 1/4 di quella di ADC . Si ottiene quindi

P BQ

+A

SDR

1
1
1
1
A + A = (A + A ) = AABCD
ADC
4 ABC 4 ADC
4 ABC
4

Con procedimento analogo, tracciando la diagonale BD si ottiene

ASP

+A

QCR

1
AABCD
4

Quindi si ha

AP QRS = AABCD (A

P BQ

+A

SDR

+A

ASP

+A

1
1
) = AABCD AABCD = AABCD = 14 cm2
QCR
2
2

2. Soluzione: [83 ( 2 + 1)]2 40152.03 cm2

Indichiamo con l il lato del quadrato e con d la sua diagonale. Allora d = l


dice che d = l + 83. Quindi

d = l + 83

2 = l + 83

Quindi si ha

l ( 2 1) = 83

2 ed il testo dellesercizio ci

l=

83
= 83 ( 2 + 1)
21

A = l2 = [83 ( 2 + 1)]2 40152.03 cm2

3. Soluzione: 10
b (K un punto del lato BC ). Indichiamo
Siano AH laltezza uscente da A ed AK la bisettrice dellangolo A
b
b . Allora C
b = y, B
b = y + 20 ,
con y lampiezza dellangolo C e con x lampiezza dellangolo H AK

b
b
b
b
b
B AH = 90 (y + 20 ), H AC = 90 y , B AK = B AH + H AK = 90 (y + 20 ) + x,
b = H AC
b H AK
b = 90 y x. Essendo AK la bisettrice dellangolo A
b si ha
K AC
b = K AC
b
B AK

90 (y + 20 ) + x = 90 y x

x = 10

4. Soluzione: 10 cm

Un quadrilatero circoscrivibile ad una circonferenza se e solo se la somma delle misure di due suoi lati
opposti uguale alla somma degli altri due. Quindi nel nostro caso si ha

AB + CD = BC + DA

DA = AB + CD BC = 7 + 9 6 = 10 cm

Geometria elementare

5. Soluzione: s
Un quadrilatero inscrivibile in una circonferenza se e solo se i suoi angoli opposti sono supplementari
(cio la loro somma vale 180 ):

+ = 120 + 60 = + = 45 + 135 = 180


Osservazione: nel testo dellesercizio c un dato superfluo. Infatti la somma degli angoli interni di un
quadrilatero 360 , quindi noti tre angoli anche il quarto univocamente determinato.
6. Soluzione: 4 cm

In un triangolo equilatero h = l ( 3/2), quindi


A

ABC

1
3
3 2
1
= lh = l
l=
l
2
2 2
4

Ponendo

si ottiene l2 = 108 da cui l = 6

3 2
l = 27 3
4

3. Uniamo il punto P con i vertici A, B e C : il triangolo viene suddiviso

in tre triangoli AP B , BP C e CP A. Si ha

AABC = AAP B + ABP C + ACP A


e sapendo che P H = 2 cm e P K = 3 cm si ottiene

12 3 18 3 6 3 P T
27 3 =
+
+

2
2
2

12

3 = 3 3PT

P T = 4 cm

Osservazione: laltezza del triangolo ABC vale l 3/2 = 9 cm cos come la somma P H + P K + P T =
2+3+4 = 9 cm. Questo fatto vale in generale: considerando un punto P interno ad un triangolo equilatero,
la somma delle distanze di P dai lati del triangolo sempre uguale alla misura dellaltezza.

7. Soluzione: 1 cm, 2 cm, 3 cm


Indichiamo con r1 , r2 e r3 i raggi delle tre circonferenze. Si ha

r1 + r2 = 3
r2 + r3 = 5

r +r =4
1
3

Sommando termine a termine si ottiene

2 (r1 + r2 + r3 ) = 12

r1 + r2 + r3 = 6

quindi

r1 = 6 (r2 + r3 ) = 6 5 = 1 r2 = 6 (r1 + r3 ) = 6 4 = 2 r3 = 6 (r1 + r2 ) = 6 3 = 3


8. Soluzione: trapezio (AB e A B sono paralleli)
Tracciamo la tangente comune in P alle due circonferenze. Gli angoli indicati con 1 e 2 (vedi Figura 2.1)
sono angoli alla circonferenza che insistono sullo stesso arco BP quindi sono congruenti; analogamente gli
angoli indicati con 3 e 4 sono congruenti perch angoli alla circonferenza che insistono sullo stesso arco
P B . Langolo 2 congruente allangolo 3 perch sono opposti al vertice, ne segue che anche langolo
1 congruente allangolo 4. Di conseguenza i segmenti AB e A B sono paralleli perch, tagliati dalla
trasversale AA formano angoli alterni interni uguali.

2.1 Soluzioni degli esercizi proposti

B
1
3

A
B

Figura 2.1: Figura esercizio 8.


9. Soluzione: 6 cm2

Indichiamo con A larea del triangolo ABC , con C1 larea del semicerchio di diametro AB , con C2 larea
del semicerchio di diametro AC e con C3 larea del semicerchio di diametro BC . Allora

S 1 + S 2 = A + C1 + C2 C3 = 6 +

9
25
+ 2
= 6 cm2
8
8

10. Soluzione: 2 b(1 + 1/ sin )

Dato il triangolo isoscele ABC , tracciamo laltezza CH . In un triangolo isoscele, laltezza relativa alla

b = . Il triangolo ACH
base una mediana e una bisettrice dellangolo al vertice, quindi AH = b e ACH
rettangolo pertanto AH/AC = sin da cui AC = AH/ sin = b/ sin . La misura del perimetro di

ABC allora

2p = 2b +
11. Soluzione: A

AM C

b
b
+
= 2b
sin sin

1+

1
sin

= 5 cm2 , AABP N = 5 cm2

Il triangolo AM C , considerando M C come base, ha la stessa altezza del triangolo ABC e M C = BC/2,

quindi la sua area met di quella del triangolo ABC . I triangoli AP M e AP N hanno la stessa area
perch M N parallelo ad AP e quindi M e N hanno la stessa distanza da AP . Quindi

AABP N = A
Naturalmente A

ABM

=A

12. Soluzione: 2p = (50 + 6

ABP

AM C

+A

AP N

=A

ABP

+A

AP M

=A

ABM

1
A = 5 cm2
2 ABC

3) cm, A = 114 3 cm2

b = 60 , quindi
Dal vertice C tracciamo la perpendicolare ad AB . Il triangolo CHB rettangolo e B

CH = CB sin 60 = 12
= 6 3 cm
2

HB = CB cos 60 = 12

1
= 6 cm
2

AB = AH + HB = 16 + 6 = 22 cm
Quindi

2p = AB + CB + DC + AD = (22 + 12 + 16 + 6 3) = 50 + 6 3 cm

A=

(AB + DC) CH
= 114 3 cm2
2

Geometria elementare

13. Soluzione: 2 cm
Indichiamo con R il raggio della circonferenza maggiore e con r il raggio della circonferenza minore. Allora
R r = 1 cm e (R2 r2 ) = 5 cm2 quindi
(
(
(
(
Rr =1
Rr =1
Rr =1
R=3

2
2
R r =5
(R r)(R + r) = 5
R+r =5
r=2
14. Soluzione: 4

3/3 + 2 cm

b = 30 , P DB
b = 30 e B DC
b = 30 . Considerando il triangolo AP D
Langolo in D retto, quindi ADP
si ha
AD
AD
2
= cos 30 P D =
3 cm
=

cos 30
3
PD

Considerando il triangolo ABD si ha

AD
= cos 60
BD

BD =

AD
= 2 cm
cos 60

b = P BD
b = 30 , quindi P B = DP = 2
Il triangolo BDP isoscele in quanto P DB

3/3 cm. Il

perimetro di BDP allora

2
4
2
3+
3+2=
3 + 2 cm
3
3
3

15. Soluzione: 15

Considerando il triangolo ABC e tenendo presente la disuguaglianza triangolare si ha 1 < AC < 19.

Analogamente considerando il triangolo ACD si ha 14 < AC < 24, quindi la misura di AC deve verificare
la condizione 14 < AC < 19 e tra quelle presenti lunica possibilit 15.
16. Soluzione: 1/3

I triangoli CDE , AEF , F BD sono rettangoli con angoli acuti di 30 e 60 . Indichiamo con l la misura di
DE , quindi

3 2
l
A =
DEF
4

2l 3
3
BD =
DC = l
3
3

BC = BD + DC = l 3

Larea di ABC vale 3 l2 3/4 e quindi


A
1
DEF
=
A
3
ABC

17. Soluzione: 24 cm2

b = D Fb C = 90 ) e con un angolo in D in
I triangoli ODE e CDF sono simili perch rettangoli (D OE
comune, quindi vale DE : CD = OD : DF da cui

6 : 2r = r : 8
avendo indicato con r il raggio del cerchio e tenendo conto che

DF = DE + EF = 6 + 2 = 8 cm
Quindi 2 r2 = 48 da cui r2 = 24 e larea del cerchio vale 24 cm2 .

2.1 Soluzioni degli esercizi proposti

18. Soluzione: 4/9 cm


Con riferimento alla Figura 2.2, indichiamo con A il centro della circonferenza di raggio 1, con B il centro
della circonferenza di raggio 4 e con O il centro della terza circonferenza. Indichiamo con x il raggio della
terza circonferenza, allora

BC = 4 1 = 3 cm

AB = 1 + 4 = 5 cm
AO = 1 + x

KR = OT = HS = x

AK = 1 xBH = 4 x

OB = 4 + x

A.
K

C
H

.
O
T

Figura 2.2: Figura esercizio 18.

Applicando il teorema di Pitagora al triangolo ABC si ottiene

AC = 52 32 = 16 = 4 cm

quindi avremo anche KH = 4 cm. Applicando il teorema di Pitagora al triangolo AKO si ottiene
q

KO = (1 + x)2 (1 x)2 = 4 x = 2 x cm

Applicando il teorema di Pitagora al triangolo BOH si ottiene


q

OH = (4 + x)2 (4 x)2 = 16 x = 4 x cm
Quindi KH = KO + OH = 2

x + 4 x = 6 x, ma KH = 4 cm da cui

x=4

x=

2
3

x=

4
cm
9

19. Soluzione: 5 cm

I triangoli ABE e ACD sono simili.

ACD

=A

ABE

ACBED = 100 75 = 25 cm2

Il rapporto tra le aree dei due triangoli simili 1/4, quindi il rapporto tra le misure lineari dei due triangoli
1/2. Poich
2A
ABC
= 10 cm
BE =
h
si ha
1
CD = BE = 5 cm
2
20. Soluzione: 3
La cosa migliore ragionare sugli angoli esterni: la somma delle ampiezze degli 8 angoli esterni 360 ,
quindi al massimo 3 di questi angoli possono essere retti; di conseguenza saranno al massimo 3 anche gli
angoli retti del poligono.

10

Geometria elementare

21. Soluzione: 27 m2 e 75 m2
Indicando con E lintersezione dei prolungamenti dei lati AD e BC del trapezio si ha che i due triangoli

ABE e DCE sono simili con rapporto di similitudine pari al rapporto tra le basi AB/CD = 5/3; il

rapporto tra le aree vale allora (5/3)2 = 25/9. Sia x larea del triangolo DCE allora

25
x + 48
=
x
9
Quindi A

DCE

= 27 m2 e A

ABE

x = 27 m2

= 27 + 48 = 75 m2 .

22. Soluzione: 162 cm2

I triangoli ABE e ABD hanno la stessa area perch hanno la base AB in comune ed uguale altezza

(distanza tra le basi del trapezio); da ci segue che anche i triangoli ACE e BCD hanno la stessa area

in quanto ottenuti dai triangoli ABE e ABD sottraendo il triangolo comune ABC . Indichiamo larea

di ABC con A1 , larea di BCD con A2 , larea di DCE A3 e larea di ACE A4 . I triangoli ACE

e ECD hanno la stessa altezza relativa alle basi AC e CD (distanza di E da AD ) quindi le loro aree

sono proporzionali alle rispettive basi, cio A3 /A4 = CD/AC . Analogamente i triangoli ABC e CBD
hanno la stessa altezza relativa alle basi AC e CD (distanza di B da AD ) e quindi A2 /A1 = CD/AC .
Confrontando le due proporzioni si ha

A3 /A4 = A2 /A1

A3 A1 = A4 A2

Nota bene: questo risultato vale in generale per qualsiasi quadrilatero convesso, diviso in quattro triangoli
dalle due diagonali.
Nel nostro caso abbiamo A4 = A2 , quindi A3 A1 = A22 = A24 e sostituendo i valori numerici si ottiene

A2 = A4 = 50 32 = 1600 = 40 cm2
Larea del trapezio vale allora 50 + 40 + 32 + 40 = 162 cm2 .

23. Soluzione: 30 6 2 cm

Indichiamo con l la misura del lato dei quadrati e con d = l 2 la misura delle diagonali; il perimetro della
figura dato da



d
= 10 l 2 d = 10 l 2 l 2
2p = 6 l + 4 l
2

Sostituendo l = 3 cm si ottiene 2p = 30 6 2 cm.


24. Soluzione: 45
Il volume del parallelepipedo VP = 30 30 50 = 45000 cm3 . Per riempirlo con il minimo numero di
cubetti devo utilizzare cubetti di volume massimo possibile. Poich il massimo comun divisore tra 30 cm
e 50 cm 10 cm, la dimensione massima di tali cubi 10 cm ed il loro volume VC = 1000 cm3 . Quindi
servono VP /VC = 45 cubetti.
25. Soluzione: il volume aumenta di un fattore 9/2
Il volume di un cono con raggio di base r ed altezza h vale VC = r2 h/3. Consideriamo adesso un cono
con raggio di base r1 = 3 r ed altezza h1 = h/2: il suo volume

VC1 =

1
h
9
1
r12 h1 = (3 r)2 = VC
3
3
2
2

2.1 Soluzioni degli esercizi proposti

11

26. Soluzione: 15625 /6 cm3


Se il diametro del cocomero 50 cm, il suo raggio 25 cm; il volume di una sfera di raggio 25 cm

VS =

4
4
253 = 15625 cm3
3
3

quindi il volume di ciascuna fetta

VF =

14
15625
15625 =
cm3
83
6

27. Soluzione: 14 cm
Lipotenusa del triangolo rettangolo CB la cui misura vale 10 cm (si applica il teorema di Pitagora). Il
diametro della circonferenza circoscritta coincide con lipotenusa CB . Per calcolare il raggio della circonferenza inscritta osserviamo che i segmenti di tangente condotti da un punto esterno ad una circonferenza
sono congruenti, quindi AH = AK = r (r raggio della circonferenza inscritta); inoltre HB = T B e
CK = CT (H , K e T sono i punti di tangenza della circonferenza inscritta). Si ha

AH + AK + HB + CK + CB = 2p

ABC

da cui

2 r + 2 CB = 2 p

r = p CB = 12 10 = 2 cm

Il diametro della circonferenza inscirtta misura allora 4 cm e la somma cercata vale 14 cm.
28. Soluzione: tre possibili soluzioni, 80 m2 , 180 m2 , 500 m2
Ci sono tre possibili soluzioni diverse tra loro che dipendono dalla disposizione relativa dei tre triangoli; per
il calcolo esplicito utilizza il risultato visto nellesercizio 22.
29. Soluzione: 1/3 m
b (vedi Figura 2.3).
Il centro della circonferenza inscritta si trova su OT , bisettrice dellangolo AOB
Indichiamo con x il raggio di questa circonferenza. Allora

A
H

Figura 2.3: Figura esercizio 29.

O H = O T = x

OO = 1 x

c H = 30 si ha OO = 2 O H quindi 1 x = 2 x da cui x = 1/3 m.


Poich O O

30. Soluzione: se il triangolo qualunque il problema indeterminato, non abbiamo sufficienti informazioni

per
calcolare il perimetro. Se il triangolo rettangolo ha angoli acuti paria 30 e 60 , cateti lunghi 2 cm e
2 3 cm, ipotenusa lunga 4 cm e di conseguenza perimetro pari a 6 + 2 3 cm.

31. Soluzione: 9 3 3 cm2


Indichiamo con R ed S i punti di tangenza
econ O il centro della circonferenza. Si ha che O Pb R =

OPb S = 30 , quindi P R = P S = r 3 3 3 cm. Larea richiesta data dalla differenza tra larea del
quadrilatero P ROS e quella del settore circolare ROS .

AP ROS = 2 A

P OR

33 3
= 9 3 cm2
=2
2

12

Geometria elementare

b vale 120 quindi


Larea del settore circolare 1/3 dellarea del cerchio perch langolo ROS

AROS =

1
r2 = 3 cm2
3

Larea richiesta quindi 9 3 3 cm2 .

32. Soluzione: 2p = 4 + 2 3 cm, = 120 , = = 30 .


Sia H la proiezione di A sulla base BC . Si ha

2A

BC
2 3
ABC
AH =
BH = HC =
= 3 cm
= = 1 cm
2
BC
2 3
q
2
2
AB = AC = AH + HC = 2 cm

2p = (2 + 2 + 2 3) = 4 + 2 3 cm

sin = sin =

AH
1
=
2
AC

da cui = = 30 e = 120 .
33. Soluzione: 8 cm.
Sia O il punto di incontro delle diagonali ed il rombo abbia vertici A, B , C , D con angoli acuti in A e C .
b = 15 e O DA
b = 75 . Indicando con x la misura di OD e con y quella di AO e sfruttando
Allora O AD

linformazione sullarea si ha xy = 1. Considerando il triangolo OAD si ha

y = x tan 75

x = y tan 15

Sostituendo nella relazione xy = 1 si ottiene

x2 =

1
tan 75

y2 =

da cui
2

AD = x2 + y 2 =

1
tan 15

1
1
+

tan 75
tan 15

Poich tan 15 = 2 3 (verificalo) e tan 75 = 1/ tan 15 = 2 + 3 si ottiene x2 + y 2 = 4 cm.


Pertanto il lato del rombo misura 2 cm ed il suo perimetro vale 8 cm.
34. Soluzione: 4.5
Indichiamo con x larea del quadrilatero AM P N ; per evidenti ragioni di simmetria AP divide il qua

drilatero in due triangoli congruenti, ciascuno di area x/2. Consideriamo i triangoli AM C e AM P :


hanno la stessa altezza relativa alle basi M C e M P , quindi le loro aree sono proporzionali alle basi
A /A = M P /M C .
AM P

AM C

Considerando i triangoli BCM e BP M si osserva che hanno la stessa altezza relativa alle basi M C e M P
quindi si ha A /A = M P /M C .
BP M

BCM

Confrontando le due uguaglianze si ottiene

A
A
ovvero

AM P

AM C

3
x/2
=
x+3
3+7

35. Soluzione: 10 cm e 6 cm
Suggerimento: utilizza il teorema di Carnot.

A
A

BP M

BCM

x = 9/2 = 4.5

Insiemi e funzioni

3.1 Soluzioni degli esercizi proposti


1.

A = {x N : 5 x < 6} = {5} e B = {x N : x 1 = 4} = {5}


quindi A = B .
2. A = {x N : 2 < x 11}
a) {4, 6, 8, 10}

b) {11}

c) {3, 7}

3.

a) A B = {1, 3, 5, 6, 7, 9, 15} e A B = {1, 3, 9}

b) C D = {1, 2, 4, 5, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14} e C D = {10}.


4. 25 studenti hanno svolto correttamente almeno un esercizio. 6 studenti hanno svolto correttamente solo un esercizio. 18 studenti hanno svolto correttamente solo due esercizi. 5 studenti non hanno svolto
correttamente alcun esercizio.
5. Lunico insieme vuoto B .
6.

A = {3, 4} e B = {1, 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10}


A B = {(3, 1), (3, 0), (3, 1), (3, 2), (3, 3), (3, 4), (3, 5), (3, 6), (3, 7), (3, 8), (3, 9), (3, 10),
(4, 1), (4, 0), (4, 1), (4, 2), (4, 3), (4, 4), (4, 5), (4, 6), (4, 7), (4, 8), (4, 9), (4, 10)}
7. A, B, C non costituiscono una partizione di U in quanto A B = {6} =
6 .
8.

A = {1, 0, 1} e B = {0, 1, 2}
9. x = 5, y = 6, z = 9 oppure x = 5, y = 9, z = 6.
10. Tra le espressioni algebriche presentate rappresentano una funzione reale di variabile reale (x variabile
dipendente e y variabile indipendente) le seguenti: a), c), d), e), f), g), l), m), n). Indichiamo con D
linsieme di definizione (dominio) della funzione.
a) y = x2 + 2 D = R

3
c) y =
x D=R
d) y = x2 = |x| D = R
e) sin y = x y = arcsin x D = [1, 1]
f) tan y = x y = arctan x D = R

g) y 3 = x y = 3 x D = R
p
l) y = ln( ex + |x 1|) D = R
m) ey = x2 1 y = ln(x2 1) D = (, 1) (1, +)
n) exy = 2 y = (ln 2)/x D = R {0}

14

Insiemi e funzioni

11. Indichiamo con D il dominio della funzione e consideriamo le seguenti funzioni da D R (ricorda che
restringendo opportunamente il codominio puoi rendere una funzione surgettiva).
a)
b)
c)
d)
e)
f)
g)
h)
i)
12.

y = x2 1 D = R, non iniettiva, non surgettiva


y = |x| D = R, non iniettiva, non surgettiva
y = 1/x D = R {0}, iniettiva, non surgettiva
y = 3 x x2 D = R, iniettiva, surgettiva, biunivoca
y = cos x/ sin x D = R k , k Z, non iniettiva, surgettiva
y = 5 sin 2 x D = R, non iniettiva, non surgettiva
y = 2 log10 x D = R+
0 = {x R : x > 0}, iniettiva, surgettiva, biunivoca
y = ex D = R, iniettiva, non surgettiva
y = (x2 1)/(x2 + 1) D = R, non iniettiva, non surgettiva

a) (f g)(x) = 2 (x 1)3 , (g f )(x) = 2 x3 1, (f f )(x) = 16 x9


p

b) (f g)(x) = | 3 3 x|, (g f )(x) = 3 3 |x|, (f f )(x) = |x|


c) (f g)(x) = 3/(3 x 2), (g f )(x) = 9/x 2, (f f )(x) = x

d) (f g)(x) = sin(x2 + 4)2 , (g f )(x) = (sin x2 )2 + 4, (f f )(x) = sin(sin x2 )2


13. Se la funzione biunivoca, intersecando il suo grafico con rette orizzontali del tipo y = k (k 6= 2) otteremo
sempre una ed una sola intersezione; questo equivale a dire che lequazione f (x) = k ammette, per k 6= 2,
una ed una sola soluzione:
2x + 7
= k (k 2) x = 4 k + 7
x4
Lequazione ottenuta per k 6= 2 lineare e ammette una e una sola soluzione: la funzione f (x) allora
biunivoca. Per calcolare linversa di
2x + 7
y=
x4
scambiamo tra loro x ed y
2y + 7
x=
y4
e ricaviamo y :

y=

4x + 7
x2

14. f 1 (x) = f (x)


15. I = [3, +)
16. Sono qui mostrati solo i grafici di a), g(x), e f), h(x).

17. Sono qui mostrati solo i grafici di b), g(x), e e), h(x).

3.1 Soluzioni degli esercizi proposti

15

18. La funzione crescente in (2, 0) e (2, +), mentre decrescente in (, 2) e (0, 2). monotona
descrescente nellintervallo (1, 2), mentre nellintervallo (2, 1) non monotona.
19. S100 = 9900
20. q = 2/3, S5 = 211/108

Funzioni lineari

4.1 Soluzioni degli esercizi proposti


1. 2.97 = 295/99
2. f 1 (x) = x/3 + 4/3
3. f 1 (x) = x/2 + 7/2
4. x = 2
5. g(x) = 6

x = 2

6. Le funzioni sono rappresentate nella figura sottostante.

7. r : y = x/2 + 5/2
a) y = x/2 + 6
b) y = 2 x
8.

a) P (2, 3)
b) A(6, 1), B(12, 2)

9. P (1, 1)
10. 5 x 3 y + 8 = 0, P (19/34, 59/34)

11. dP,r(A,B) = 11/ 17


12. A = 5/2
13. H(1, 0), y = x + 3

18

Funzioni lineari

14. k = 8
15. 29 x 2 y + 33 = 0
Nota: per risolvere questo esercizio ti pu essere utile il seguente risultato.
Date due rette y = m1 x + q1 e y = m2 x + q2 che si incontrano in un punto, langolo acuto formato
dalle due rette tale che


m1 m2


tan =
1 + m1 m2
Suggerimento: calcola il punto di intersezione delle due rette x 2 y + 5 = 0 e 3 x 2 y + 7 = 0 e la
retta perpendicolare a 3 x 2 y + 7 = 0 passante per tale punto. Sfruttando la relazione precedente calcola
langolo tra la direzione del raggio di luce e la normale alla retta di equazione 3 x 2 y + 7 = 0 ed imponi
che anche la direzione del raggio riflesso formi lo stesso angolo con la normale.

16.

17.

a) t = 3 (parallela allasse delle ordinate)


t = 2 (parallela allasse delle ascisse)

b) t = 1

t = 5/3

a) p = 4

q 6= 2,

b) (p, q) = (4, 2),


c) p = 0,

p = 4

(p, q) = (4, 2)

q 6= 2

q qualunque

18. a) (x, y) = (2/5, 7/5)


b)
19.

a) x 1/2

b) x 2

20. Sostituendo alla variabile x il valore 1 si deve ottenere unuguaglianza, quindi:

2 (a + 2) + a = 1

2 a + 4 + a = 1

a=3

21. x = 8 e y = 12
22. Equazione del fascio passante per P : y + 3 = m (x 2).
a) y = (3/2) x

b) y = 3 x + 3,

y = x/3 11/3

23. C(22/3, 10/3) oppure C(2/3, 10/3)


24. 5 < x 3
25. Le porzioni di piano sono raffigurate nelle figure sottostanti.
a) Larea della porzione di piano descritta dalle disequazioni infinita.

b) Larea della regione descritta dalle disequazioni del punto b) vale 20 (la regione un trapezio con base
maggiore pari a 7, base minore pari a 1 e altezza 5).

4.1 Soluzioni degli esercizi proposti

19

Funzioni quadratiche

5.1 Soluzioni degli esercizi proposti


1. a = 17/2
2. Le funzioni sono rappresentate nelle figure sottostanti.

3. B(4, 4) oppure B(4, 2)


4. La parabola y = x2 x 4 ha la concavit rivolta verso il basso e non interseca lasse delle ascisse,
interseca quello delle ordinate nel punto (0, 4). Il vertice V (1/2, 15/4), il fuoco F (1/2, 4) e
la direttrice d ha equazione y = 7/2 (vedi figura sottostante).

5. x = y 2 + y + 6
6.

a) y = x2 4 x + 5

22

Funzioni quadratiche

b) y = x2 3 x + 2
7. y = 2 x2 7 x + 5
8. A(0, 1)

B(10/3, 11/9) AB = 10 13/9

9. y = 2 con punto di tangenza (0, 2)


y = 4 x + 6 con punto di tangenza (2, 2)
10. r : y = x + 7/4

11. Secante per ogni k R


12. y = x/3 + 9/4
13. k = 1
14. Punti di intersezione: P (0, 0) e Q(20/9, 160/81)
Rette tangenti in P : y = 2 x e y = 0
Rette tangenti in Q: y = (2/9) x + 200/81 e y = (16/9) x 160/81
15.

a)

b)

8
x1
13

c)

d)

2 k |k|

3 < x < 2 k + |k|

e) Errata corrige: nel denominatore a secondo membro a deve essere sostituita con k

( 73 1) k
( 73 1) k
x
6
6
f)

37

5+

37

g)
R
16.

a) Se k = 0 la disuguaglianza non verificata. Se 20 k < 0 si hanno infinite soluzioni. Se k < 20


si ha
r
r
1
1
1 5
1 5

+ <x< +
+
2
4 k
2
4 k
Se k > 0 si ha
r
r
1 5
1 5
1
1
x<
+
x> +
+
2
4 k
2
4 k

5.1 Soluzioni degli esercizi proposti

23

b) Se k 1 si hanno infinite soluzioni. Se k < 1 si ha

x1 1k

x1+

1k

c) Se k = 1 la disequazione diventa di primo grado

3 x 2 > 0

x<

2
3

Se k 6= 1 calcoliamo il discriminante dellequazione di secondo grado associata:

= 9 4 (1 k))(k 1) = 9 + 4 (1 k)(1 + k) = 9 + 4 (1 k 2 ) = 13 4 k 2

Si ha = 0 per k = 13/2; in particolare,


se
k
=
13/2 non si hanno soluzioni della

disequazione di partenza, mentre se k = 13/2 linsieme delle soluzioni della disequazione


R {3/(2 2 k)}. Per concludere lesercizio dovrai discutere i casi < 0 e > 0, e contemporaneamente studiare il segno di 1 k per capire se la parabola y = (1 k) x2 3 x (k + 1) ha la
concavit rivolta verso il basso o verso lalto.
17. 2 x 3
18. La porzione di piano da disegnare composta dai punti interni alla parabola di equazione y = x2 4 con
ordinata in modulo maggiore di 2 e ascissa compresa tra 3 e 3.
19. La retta y = (1/3) x + 1 interseca la parabola y = x2 3 x + 2 nei punti P (1/3, 10/9) e Q(3, 2). La
porzione di piano da disegnare quella racchiusa dallarco di parabola tra i punti P e Q e dal segmento P Q
(la frontiera compresa essendo le disuguaglianze non strette).
20. a = 9

Equazioni
e disequazioni

6.1 Soluzioni degli esercizi proposti

1.

a) x = p
5 25

3
c) x = 1 21
e) x = 7
g) x = 1 , 2
i) x = 3
m) x = x1 , x1 (3, 2)
o) x = 4/3 x = 1

b)
d)
f)
h)
l)
n)
p)

x = 6 71
p
x = 0 x = 5 5/4
x = 1/2
x = 1/2
x = 2 x = 0

2. Se lequazione ammettesse una soluzione positiva x0 otterremo un primo membro (x0 4)2 non negativo
ed un secondo membro x30 negativo. Soluzione: x = 4.

3.

a) 2 x 0 x 2

c) x 7 2
e) 7 < x < 0
g) 3 x 2 2 x 3
i) 3/8 < x < 6 x > 9
m) x < 2/3 x > 1/4

o) (3 5)/2 < x 1

b)
d)
f)
h)
l)
n)
p)

2 x 1 1 x 2
x 3 x 3
x0
4 x 4
2 < x < 3/2

x < 2 (3 33)/2 < x < (3 + 33)/2


x3

4.

1<x<1

a)

d) 3 < x 2

c) x > 1
5.

6. x < 3
7.

1 x 1

x6

2x<3

1 17
1 + 17
a) x <

<x<2 x>2
b) x < 1
2
2

1 5
1 5
1 + 5
1+ 5
c)
<x<

<x<
d)
2
2
2
2

7<x<3 x>3
3 < x < 7

a) x = 1
c) 1 x 2

8. f (x) 0

b) 1 < x < 4

Vedi Figura 6.2.

9. Vedi Figura 6.3.


10. Vedi Figura 6.4.
11. Vedi Figura 6.5.
12. Vedi Figura 6.6.

b) Vedi Figura 6.1


d) x 3/5

x1

x4

x>5

Figura 6.1: Risoluzione grafica della disequazione |x3 4 x| 1 x2 (Esercizio 7, parte b).

Figura 6.2: Risoluzione grafica della seconda parte dellEsercizio 8.

Figura 6.3: Risoluzione grafica dellEsercizio 9.

Figura 6.4: Risoluzione grafica dellEsercizio 10.

6.1 Soluzioni degli esercizi proposti

Figura 6.5: Risoluzione grafica dellEsercizio 11.

Figura 6.6: Risoluzione grafica dellEsercizio 12.

27

28

Equazioni e disequazioni

Coniche

7.1 Soluzioni degli esercizi proposti


1. Centro C(3, 4) e raggio r = 6.
2. x2 + y 2 4 x 4 y 1 = 0
3. x2 + y 2 (37/4) x 10 y + 21 = 0
4. x2 + y 2 2 x 4 y = 0

5. Tangenti condotte da P : y = ( 3/3) x 4 3 e y = ( 3/3) x + 4 3


Tangenti condotte da Q: y = (5/12) x 6 e x = 0
6. Due rettangoli, ABCD e A B C D , verificano la condizione:

1 31 1 + 31
31 1 1 + 31
31 1 1 + 31
1 31 1 + 31
A(
,
) B(
,
) C(
,
) D(
,
)
8
8
8
8
8
8
8
8

31 31 1
31 + 1 1 31
1 + 31 1 31
1 + 31 31 1

,
) B (1+
,
)C(
,
) D (
,
)
A (
8
8
8
8
8
8
8
8

7. Centro C(2, 2) e raggio r = 10.


8. (x 8)2 /36 + (y 1)2 /20 = 1
9. Equazioni rette tangenti:

2 63
8 63
y=
x
63
63
10.

2 63
8 63
y=
x+
63
63

(x 1)2 (y 2)2
+
=1
4
2

Centro
C(1,
2)
,
vertici
A(3,
2)
,
A
(1,
2)
,
B(2
+
2,
1)
,
B
(2

2,
1)
e
fuochi
F
(1
+
2, 2), F (1

2, 2).
x2 + 2 y 2 2 x 8 y + 5 = 0

11. (a) 5 < q < 5; (b) q = 5; (c) q < 5 q > 5

12. (a) y = ( 5 x2 )/3

(b) y = 2 +

p
5 5 (x 2)2 /9

30

13. Il luogo geometrico descritto la circonferenza di equazione x2 + y 2 x = 0.


14. (a) k = 4; (b) k = 101/2; (c) k = 29.
15. x2 /100 + y 2 /36 = 1, P (112/13, 198/65), Q(8, 18/5)
16. (a) q < 9/2 q > 9/2; (b) q = 9/2; (c) 9/2 < q < 9/2.

17. (a) k = 2; (b) k < 2 k > 2; (c) k 2 < k < 2 2 < k < 2.
18. 3 x + 20 y 25 = 0

Coniche

Funzioni esponenziali
e logaritmiche

8.1 Soluzioni degli esercizi proposti


1. s = 25 2n = 400
1
2.
a) ( 2) 2

b) ( 5)4

n=4

3. Indichiamo con f (x) la funzione esponenziale a primo membro e con g(x) la funzione polinomiale a
secondo membro.
a) 2x = x2 1

b) 0.5x = 3 x

c) 3x = 2 x3 + 1

4.

a) D = R Im = {x R : x > 0}
c) D = {x R : x 2 x 2} Im = {x R : 0 < x 1}

b) D = R
d) D = R

Im = {x R : x 5}
Im = {x R : x > 2 3 2}

32

Funzioni esponenziali e logaritmiche

y = 5x descresente
y = 0.3x1 decrescente
y = 9x crescente
y = log2 3 x decrescente
y = log0.3 x decrescente
y = ln(x) crescente

5.

a)
b)
c)
d)
e)
f)

6.

a) log2 81 = 3
1
= 3
c) log3 27
e) log1/2 0.25 = 2

7.

a) D = {x R : x > 0}
c) D = {x R : x > 1}
e) D = {x R : x > 0}

1
b) log1/3 27
=3
2
d) logx x = 2
f) log3 243 = 10

b) D = {x R : x > 1/2}
d) D = {x R : x < 2 x > 2}
f) D = {x R : 2 < x < 0 x > 2}

8. La funzione del punto b) non invertibile globalmente, ma lo su (0, +) o su (, 0).


p
p
a) y = 2 + log3 x b) y = 3 + log5 x oppure y = 3 + log5 x
c) y = 8x+5
d) y = ex2
9.

a) x = 1/2
c) x = 1/2
e) x = 0

x = 1/8
x3
x = 1

b) x = 2
d)
x = 1 f) x = 3

D = {x R : x > 0}, soluzione: x = (5 + 25 + 12 e2 )/6


D = {x R : x > 1}, soluzione: x = 3
D = {x R : x < ln 7}, soluzione: x = 2
D = {x R : x > 2/3}, soluzione: x = 2

10.

a)
b)
c)
d)

11.

a) x > 6
c) x < 0
e) 0 < x < 1

12.

a) x < 1 x > 2

c) 2 + e1 < x < 2 + e2+ 2

e) (1 29)/2 x < 2 2 < x (1 21)/2

(1 + 21)/2 x < 3 3 < x (1 + 29)/2

x>2

b) x < 1
d) x < 1

13.

f (x) =
Il dominio di f (x) D = {x R : x 6= 0}.

5x
2
=
2
x
5 1
3

b) 1 < x < 3

d) (9 + 61)/2 < x < 2

5x
52 x 1

x = log5 2

Proviamo adesso che la funzione dispari mostrando che f (x) = f (x):

f (x) =

14.

a) x > 1/3
c) R {1}

5x
1
1
52x
5x
=
=
=
= f (x)
52 x 1
5x 1/52 x 1
5x (1 52 x )
1 52 x

b) x 6= 0
d) x > 2

Funzioni goniometriche

9.1 Soluzioni degli esercizi proposti


1. sin x =

95/12

2. cos x = 7/4

3. sin x = 2 5/5 e cos x = 5/5


4.

a) T = 2
b) T = 2 /(1/3) = 6
c) T = 2
d) T = /2
e) T = 2
f) T = 2 /(2/5) = 5
g) T = 2 /3
h) T = /2

5.

a)
b)
c)
d)
e)
f)

x = /4 + 2 k x = 3 /4 + 2 k
x = 5 /6 + 2 k x = 7 /6 + 2 k
x = 2 /3 + k
2 k x < /4 + 2 k 3 /4 + 2 k < x 2 (k + 1)
/6 + 2 k x /6 + 2 k
x > /4 + k

6.

a)
b)
c)
d)
e)
f)
g)
h)
i)
l)

x = 7 /12 + k x = 11 /12 + k
x = 9 /4 + 6 k x = 15 /4 + 6 k
x = 5 /12 + k /2
2 k /3 x 7 /18 + 2 k /3 11 /18 + 2 k /3 x 2 (k + 1) /3
/6 + k x 5 /6 + k
x < 3 /16 + k /4
x = 11 /12 + 2 k x = 17 /12 + 2 k
x = 2 k x = /3 + 2 k
x = /4 + k
x = 2 /3 + k

7.

a)
b)
c)
d)
e)
f)
g)
h)
i)
l)

x = /12 + k x = 5 /12 + k
x = /6 + k x = 5 /6 + k
x = /3 + 2 k x = + 2 k
x = /2 + 2 k x = 2 k
x = k x = /6 + k x = 5 /6 + k
x = k , k 6= 0
x = /4 + k
x = /4 + k
x = k /2
x = /3 + k /2

34

Funzioni goniometriche

a)
b)
c)
d)
8.

e)
f)
g)
h)
i)
l)

/4 + k x 3 /4 + k
/3 + k x 2 /3 + k
2 k x < /6 + 2 k 5 /6 + 2 k x < 2 (k + 1)
2 k x < /6 + 2 k /2 + 2 k < x < 5 /6 + 2 k
3 /2 + 2 k < x < 2 (k + 1)
/2 + 2 k x /2 + 2 k
/6 + k x /6 + k
2 k x < /2 + 2 k 7 /6 + 2 k < x < 3 /2 + 2 k
11 /6 + 2 k < x < 2 (k + 1)
/2 + 2 k x /2 + 2 k x 6= 0
/2 + 2 k < x < 3 /2 + 2 k
2 k x < /6 + 2 k 5 /6 + 2 k < x 2 (k + 1)

10

Calcolo combinatorio
e probabilit

10.1 Soluzioni degli esercizi proposti


1. 63 = 216
2. 7! = 5040
3. 7 6 5 = 210
4. 4! = 24
5. n (n 3)/2 (vedi anche Capitolo 2 del libro)
6.

(2 x + 1)5 = 32 x5 + 80 x4 + 80 x3 + 40 x2 + 10 x + 1
(x 3)4 = x4 12 x3 + 54 x2 108 x + 81

(1 + x)8 = 1 + 8 x + 28 x2 + 56 x3 + 70 x4 + 56 x5 + 28 x6 + 8 x7 + x8
7. 567
8. 180
9.

(a) 8
(b) 32
(c) 33
(d) 36

10.

(a) 64 = 1296
(b) 6 5 4 3 = 360
(c) 63 = 216

11. 205
12. n = 11
13. 48
14. 53/512
15. 4/9
16. 4/5
17. A e B non sono incompatibili
18. P (B) = 1/3
19.

(a) 61/125
(b) 12/125

20. 149/198
21. pn = (n2 1)/(2 n2 n)

36

22.

Calcolo combinatorio e probabilit

(a) 5/72
(b) 7/72.

23.

(a) 8/27
(b) 4/9
(c) 7/27

24.

(a) 7/12
(b) 3/5
(c) 21/40
(d) 25/37
(e) 13/36
(f) 12/13

25. 47/128
26.

(a) 1/114
(b) 49/285
(c) 137/228

27. Le possibili mani iniziali indipendentemente dal seme delle carte sono 91. Se invece consideriamo i semi
sono 1326.
28.

(a) 210
(b) 126
(c) 100

29.

500
10
30.

!

1
20

10 

40
2

!

19
20

490

(a) 144/169
(b) (1/10)40
(c)


9
10

40

40
1

!

1
10



9
10

39

1
10

2 

9
10

38

40
3

!

1
10

3 

9
10

37

11

Mettiti alla prova

11.1 Soluzioni batteria 1


1. Indichiamo con a la cifra delle decine e con b quella delle unit dei numeri che stiamo cercando; si ha allora

10 a + b = a2 + b2 + 1

a2 10 a + b2 b + 1 = 0

Lultima espressione, vista come equazione di secondo grado in a, deve avere, affinch a sia un intero
positivo, discriminante uguale ad un quadrato perfetto; il discriminante vale

/4 = 25 b2 + b 1 = 24 b (b 1)
quindi b deve valere 5 da cui a = 3 oppure a = 7. I due numeri cercati sono allora 35 e 75.
2.

11
7
< < e3 < 1 <
9
6

 1

2
< 1.7 < 6
3

3. La funzione definita in Q a valori in Q

2x 1
2
iniettiva e surgettiva, quindi biunivoca. Si ha f (1) = 1/2, f (1) = 3/2, f (2) = 3/2.
f : x

4. 16000
5.

a)

 5
7
9

b)

!  3  2
2
3
9
9

5
3
6. y = 2 (1 +

7.

2) x 2 (1 +

2) e y = 2 (1

2) x 2 (1

3
2 14
<x
2
2

2)

3
2 + 14
<x
2
2

8. Lequazione

3 sin x = 4 x2 + 2 x + 4
non ammette soluzioni. La parabola y = 4 x2 + 2 x + 4 ha il vertice in V (1/4, 15/4) e concavit rivolta
verso lalto quindi il suo minimo vale 15/4; la funzione y = 3 sin x ha valore massimo 3 pertanto le curve
grafici delle due funzioni non possono intersecarsi.

38

Mettiti alla prova

11.2 Soluzioni batteria 2


1. 35 = 243
2. Lapplicazione non iniettiva (posso sempre trovare due circonferenze distinte con lo stesso centro), ma
surgettiva (dato un qualunque punto del piano posso costruire una circonferenza centrata in quel punto).
3. x/y = 5/4
f

4. f f : x 2 x 2 (2 x) = 2 2 + x = x
5. x < 3 2 < x < 2 (12/5) < x < 3
6.

pn =
Al crescere di n, pn diminuisce.

4n
9n 3

7. Lequazione

2 cos2 (x2 x) = 2x + 2x
ammette lunica soluzione x = 0 (vedi figura sottostante).

8. 43/216

11.3 Soluzioni batteria 3


1. N (t) = N0 2t/3 , quindi N (24) = N0 224/3 = 256 N0
2. Le funzioni di A in B sono np ; di queste n (n 1) . . . (n p + 1) sono iniettive.
3. x1 x2 = a2
4.

a) La somma dei loro quadrati 41

b) La somma dei loro reciproci 1/20

5. 1 x 4 15
6. P (M |pos) = 90/1085
7.
8. x = 2

11.4 Soluzioni batteria 4

39

11.4 Soluzioni batteria 4


1. Il numero massimo di marciatori che conclude la gara 23, il numero minimo 8.
2. Date le due applicazioni di N in N

y = f (x) = x + 1

z = g(y) = y 2

lapplicazione g f associa al numero naturale x il numero naturale (x + 1)2 :

(g f )(x) = (x + 1)2
Tale applicazione iniettiva, ma non surgettiva (ad esempio il numero naturale 3 non ha una controimmagine
in N).

e C rispettivamente, langolo B DC
misura
3. Indicati con e gli angoli B
180

1
( + )
2

= 100 , quindi
ma si ha + = 180 A
= 180
B DC

100
1
( + ) = 180
= 130
2
2

4.
5. Risolvi la seguente disequazione

|5 x 2| 4

4 5 x 2 4

2 5 x 6

2
6
x
5
5

6. Indichiamo con P (M ) la probabilit di essere un maschio, con P (F ) quella di essere una femmina e con
P (> 1.80) la probabilit di essere pi alto di 1.80 m:

P (M ) = 40%

P (F ) = 60%

P (> 1.80|M ) = 10%

P (> 1.80|F ) = 4%

a)

P (> 1.80) = P (M ) P (> 1.80|M ) + P (F ) P (> 1.80|F ) = 6.4%


b)

P (F | > 1.80) =

P (F ) P (> 1.80|F )
= 37.5%
P (> 1.80)

7. Lequazione da risolvere equivalente a

f (x) = g(x)
dove f (x) = x2 3 x + 2 e g(x) = ln x.

40

Mettiti alla prova

8. Affinch lequazione di secondo grado a x2 + b x +


c = 0 non abbia soluzioni razionali il discriminante
non deve essere un quadrato perfetto, in modo che
/ Q. Ragioniamo per assurdo e supponiamo che

= b2 4 a c = q 2
con q numero intero necessariamente dispari, dato che b2 dispari (b dispari) e 4 a c pari (contiene un
fattore 4). Allora b2 q 2 = 4 a c da cui

(b + q) (b q) = 4 a c
I fattori (b + q) e (b q) sono pari (differenza di due numeri dispari) e, poich il loro prodotto uguale a
4 a c = (2 a) (2 c) (ricorda che a e c sono dispari per ipotesi) deve essere
(
(
b + q = 2a
b q = 2a
oppure
b q = 2c
b + q = 2c
In entrambi i casi, sommando membro a membro si ottiene

2b = 2a + 2c

b=a+c

ovvero b somma di due interi dispari (quindi pari), e questo contraddice lipotesi.
Unaltra possibile dimostrazione la seguente. Supponiamo per assurdo che lequazione ammetta una
soluzione razionale p/q , con p e q primi tra loro, allora
 
 2
p
p
+
b
+ c = 0 a p2 + b p q + c q 2 = 0
a
q2
q
I numeri p e q possono essere entrambi dispari oppure uno dispari e laltro pari; esaminando i diversi casi
possibile mostrare che la somma a p2 + b p q + c q 2 non pu annullarsi.

11.5 Soluzioni batteria 5

1. Sia ABC un triangolo rettangolo retto in A; supponiamo che il quadrato DEF G sia inscritto con il vertice
D sul cateto AB , il vertice G sul cateto AC ed il lato EF giacente sullipotenusa BC . Sia l il lato del

quadrato. I triangoli DEB e BAC sono simili e si pu dedurre che

EB =

3
l
4

Stesso discorso per GF C e BAC da cui

4
l
3
Lipotenusa BC , lunga 35 cm (si trova utilizzando il teorema di Pitagora), funzione di l
CF =

BC =

3
37
4
l+l+ l =
l
3
4
12

quindi

35 =
da cui

l=
Larea del quadrato allora
2

A=l =

37
l
12
420
37


420
37

2

11.5 Soluzioni batteria 5

41

2. Il volume della scatola 1, quella venduta a 1.50 euro vale

V1 = a b c
dove a, b e c sono le dimensioni del parallelepipedo rettangolo. La scatola 2 un parallelepipedo rettangolo
con dimensioni doppie, quindi il suo volume

V1 = (2 a) (2 b) (2 c) = 8 a b c = 8 V1
Se i prezzi di vendita fossero proporzionali ai contenuti la scatola 2 dovrebbe costare 8 volte di pi, ovvero
12 euro; poich venduta a 10.80 euro, viene praticato un sconto pari a

12 10.80
1.20
1
=
=
= 10%
12
12
10
3. La funzione in esame

f (n) =

n/2 ,
n pari
(n + 1)/2 , n dispari

e si ha, ad esempio,

f (0) = 0 f (1) = 1 f (2) = 1 f (3) = 2 f (4) = 2


La funzione f surgettiva (f (N) = N), ma non iniettiva.
4. La regione di piano individuata dalle seguenti condizioni
(
0 y |2 x 2|
0x3
formata da due triangoli rettangoli di aree rispettivamente 1 e 4, quindi larea totale vale 5. Se si aggiunge
la condizione y 1 tale area si dimezza.
5.

a) x < 2
b)
6.

1<x<2

3 5
<x<1
2

a) La probabilit che un pezzo sia difettoso 3.7 %.


b) Supponendo di aver estratto un pezzo difettoso, la probabilit che quel pezzo sia stato prodotto dalla
macchina H1 circa 40.5 %.

7. Lequazione

|x 3|

x2 8 x+15
x2

=1

contiene lincognita sia nella base che nellesponente. Essa ha soluzione se la base vale 1 e lesponente
definito oppure se la base definita (ovvero maggiore di zero) e lesponente vale zero. Si verifica il primo
caso se x = 4; se x = 2 la base vale 1, ma lesponente non definito. Si verifica il secondo caso se x = 5;
se x = 3 lesponente si annulla, ma si annulla anche la base. In conclusione lequazione ha due soluzioni:
x = 4 e x = 5.
8. La seguente disequazione

|y| + x

x2 + y 2 1 1

definita quando x2 + y 2 1 0, ovvero sullintero piano cartesiano eccetto linterno della circonferenza
x2 + y 2 = 1. Con un semplice passaggio si ottiene
p
|y| + x 1 x2 + y 2 1

42

Mettiti alla prova

quindi la disequazione ammette soluzioni se e solo se

|y| + x 1 0

|y| x 1

ovvero se (x, y) un punto del piano cartesiano appartenente ad una regione infinita appartenente al I e IV
quadrante e delimitata dalle rette y = x 1 e y = 1 x che si incontrano nel punto (1, 0). Risolviamo la
disequazione in questa regione:
p
|y| + x 1 x2 + y 2 1 (|y| + x 1)2 x2 + y 2 1

|y| x x |y| + 1 0

(|y| + 1) (1 x) 0

x1

Quindi lunico punto della regione che soddisfa la disequazione il punto di intersezione delle due rette
ovvero (1, 0).