Sei sulla pagina 1di 5

La chitarra uno strumento musicale cordofono, che viene suonato con i polpastrelli, con le unghie o con un plettro.

. Il suono generato dalla vibrazione delle corde, che sono tese al di sopra del piano armonico che, a sua volta, poggia sulla cassa armonica che amplifica il suono. Le corde sono tese tra il tiracorde, fissato sul ponticello, ed il capotasto, essendo fissate tra il ponticello e le meccaniche poste sulla paletta. Sul manico, la tastiera consente di accorciare la lunghezza della parte di corda vibrante e di suonare la nota o le note desiderate premendo la corda stessa appena dietro il rispettivo tasto. La chitarra ha origine non dal liuto, al contrario di quanto alcuni suppongono erroneamente, ma dalla chitarra barocca. La chitarra di tipo spagnolo o andaluso ha sei corde, ma spesso esistono delle variazioni, ad esempio in Brasile in uso un tipo di chitarra a 7 corde. Un'altra variazione comune la chitarra a dodici corde, che per porta la medesima accordatura replicata in ottava da corde accoppiate pi sottili. L'accordatura pi comune, nota come accordatura spagnola, Mi-Si-Sol-Re-La-Mi, dalla corda pi acuta alla pi grave; nell'uso anglosassone, invece, solitamente la si indica come accordatura EADGBE, dalla corda pi grave alla pi acuta[1]. Questa accordatura, in cui l'intervallo tra due corde adiacenti di una quarta giusta (tranne che tra seconda e terza corda, che distano di una terza maggiore), si imposta per ragioni storiche e per la sua praticit nel formare accordi mediante posizioni della mano sinistra non complicatissime. Esistono anche accordature aperte, ad esempio l'accordatura sarda, in cui le corde a vuoto suonano un Do maggiore, e le accordature alternative. Queste accordature vengono usate in alcuni particolari generi musicali. Inoltre molti compositori prescrivono particolari accordature per l'esecuzione di singoli brani. Di solito la mano sinistra preme le corde sul manico, mentre la destra pizzica le corde facendole vibrare. Esistono tuttavia esempi di chitarristi che tengono il manico con la mano destra; alcuni di questi scelgono di non invertire nemmeno l'ordine delle corde.

Indice

1 Tipi di chitarre o 1.1 Chitarre acustiche 1.1.1 Chitarra classica 1.1.2 Chitarra acustica 1.1.3 Chitarre multicorde 1.1.3.1 Chitarra a 12 corde o 1.2 Chitarre elettriche 2 Le tecniche o 2.1 Fingerstyle o 2.2 Flatpicking o 2.3 Slide o 2.4 Shred o 2.5 Tapping 3 Ruolo della chitarra in un gruppo musicale o 3.1 Chitarra ritmica o 3.2 Chitarra solista 4 Note 5 Bibliografia 6 Voci correlate 7 Altri progetti

8 Collegamenti esterni

Tipi di chitarre

Una chitarra classica Una prima divisione tra le chitarre riguarda il diapason[2], cio la distanza tra capotasto[3] e ponticello[4]; vi sono infatti tipi di chitarre dette 3/4, 1/2, baritono, tenore, ecc. Va, in ogni caso, tenuto presente che anche tra le chitarre di taglia normale (4/4) il diapason presenta una certa variabilit: ad esempio, nell'ambito delle chitarre classiche di attuale produzione il diapason standard misura 650 mm, ma spesso i modelli di livello medio-alto od alto si possono ottenere, in alternativa, con diapason pi lungo o pi corto: 664 mm[5]; 660, 640, 630 mm[6]; 660 o 640[7]; 655 mm; ecc. Le chitarre possono essere suddivise innanzitutto in due categorie, a seconda del modo in cui viene amplificato il suono delle corde in vibrazione:

acustiche, con un corpo vuoto a formare la cassa armonica, quando principalmente prevista un'amplificazione che sfrutti le naturali propriet della fisica del suono, secondo un tipo di amplificazione che potremmo definire meccanico; elettriche, con un corpo pieno e solido, e manico rinforzato da un'anima (in genere d'acciaio, chiamata truss rod), poich sono munite di corde metalliche; necessario l'ausilio di un'amplificazione elettrica, tramite collegamento a una cassa acustica o a un amplificatore che funzionano a corrente elettrica; il suono acustico di una chitarra elettrica a corpo solido molto debole e poco percepibile, data l'assenza di cassa di risonanza; usata massicciamente nel blues, nel rock and roll, nel country, nel jazz, nel jazz-rock, nella fusion, e nel metal.

Esistono inoltre vari ibridi:

chitarre acustiche elettrificate (fatte per suonare anche acusticamente, ma che montano sistemi elettronici per riprodurre il suono acustico anche attraverso un amplificatore e consentire quindi di rendere il suono chiaro e udibile anche in grandi ambienti occupati da molte persone); chitarre elettriche a "piezo" (il sistema di amplificazione utilizzato per riprodurre un suono che assuma certe caratteristiche tipiche della chitarra folk): chitarre elettroacustiche a "magnete" (il sistema di amplificazione tipico delle chitarre elettriche); chitarre "semiacustiche", con cassa di risonanza, amplificate tramite magnete, e con due "f", come il violoncello, al posto della buca: il suono principalmente elettrico, ma con delle dinamiche che ricordano quelle di una chitarra acustica; storicamente il primo tipo di chitarra elettrica, derivata dalle archtop acustiche degli anni venti; il tipo di chitarra elettrica di solito preferito nel jazz.

Chitarre acustiche
Le chitarre acustiche hanno sei corde. A volte sono "a spalla mancante", cio presente una rientranza sul margine inferiore della cassa armonica, per consentire di raggiungere i tasti pi alti. Possono essere amplificate o elettrificate, ovvero munite di un sistema per amplificarne fedelmente il suono che comprende generalmente pickup solitamente piezoelettrici o magnetici ed eventualmente microfoni, con attacco jack per collegare direttamente lo strumento a un impianto PA o a un amplificatore. Chitarra classica
Per approfondire, vedi Chitarra classica.

Le tre corde pi sottili sono di nylon; le tre pi grosse sono di nylon rivestito di metallo, o talvolta di seta rivestita di metallo. In passato, le corde erano di budello di agnello. L'amplificazione ottenuta per risonanza dal corpo vuoto a forma di otto (la cassa armonica), mentre la tavola superiore responsabile dello spostamento d'aria. Il cavigliere (o paletta) leggermente inclinato all'indietro. La chitarra classica si suona da seduti, poggiando lo strumento sulla gamba sinistra, leggermente rialzata tramite un apposito poggiapiede. Si possono anche trovare chitarre classiche a spalla mancante (cosiddetto cutaway) per facilitare lo spostamento nelle zone pi alte della tastiera, ed amplificate. Le chitarre flamenco sono molto simili per costruzione, hanno una protezione di plastica trasparente sopra e sotto la buca (detta golpero) per garantire l'integrit del sottile legno della tavola armonica dai colpi con le dita caratteristici di questo stile (vedi golpe e rasgueados).

Una chitarra folk Chitarra acustica


Per approfondire, vedi Chitarra folk.

La chitarra acustica ha una cassa pi grande della classica, ed un manico rinforzato con un'asta di ferro all'interno (detta truss rod) per resistere alla maggiore tensione dovuta alle corde metalliche. Pu essere impiegata in tutti i generi moderni, come il folk, il blues, il rock, la fusion, nei balli tradizionali (es.: country), eccetera. Le corde metalliche conferiscono un suono brillante e pulito. Esistono versioni con spalla mancante (cutaway) per consentire un migliore accesso ai tasti delle note pi alte, e versioni elettrificate per amplificare il suono direttamente senza l'ausilio di microfono esterno. Appartiene a questo tipo la chitarra battente (o chitarra italiana). Chitarre multicorde
Per approfondire, vedi Chitarra multicorde.

Fra le possibili variazioni vi il violo brasiliano, dove la settima corda, pi grave del mi basso, si accorda Si. Esistono le chitarre a otto corde utilizzate negli anni quaranta, usate in ambito jazz e che stanno avendo una "seconda giovinezza" negli ultimi anni, grazie al massiccio utilizzo da parte dei chitarristi di generi pi aggressivi come l'hard rock ed il metal. Vi sono chitarre classiche a dieci, undici, dodici o quattordici corde (corde non doppie).
Chitarra a 12 corde

Per approfondire, vedi Chitarra a 12 corde.

La chitarra a dodici corde (da non confondersi con la chitarra multicorde a dodici corde singole), ha sei "coppie di corde" (sono montate a due a due, e le corde di ogni coppia sono molto vicine), e viene usata molto nel folk (es. nel fado), nel rock and roll, nella fusion, ma anche in tutti gli altri generi moderni, poich il suo suono molto intenso. Le due coppie di corde pi acute vengono accordate all'unisono, le restanti con un'ottava di intervallo. Si suona come una normalissima

chitarra a sei corde (con la differenza che si premono due corde alla volta con un dito) e data l'intensit del suono si presta molto bene alle note piene, mentre un po' scarsa per gli assoli, salvo diversi casi. Pu essere di tipo folk o elettrico, esclusivamente a corde metalliche; come nelle chitarre folk ed elettriche provvista di truss-rod, spesso doppio per sopportare la doppia tensione delle corde.