Sei sulla pagina 1di 18

R

Impianti per il trattamento


di reflui civili ed industriali
PRESENTAZIONE

ISEA S.p.A, con esperienza ultradecennale nel campo dell'Ingegneria ambientale,


si è specializzata, oltre che nel settore di prodotti prefabbricati in polietilene a
stampaggio rotazionale destinati a piccole comunità, nella progettazione e nella
gestione d'impianti per il trattamento dei reflui di insediamenti civili ed industria-
li di medie dimensioni (da 200 A.E. a 2.000 A.E.), mediante:

- Studio di fattibilità delle soluzioni più idonee nell'ambito della depurazione e


trattamento dei reflui.
- Adozione del processo ingegneristico più adeguato nel rapporto prezzo/effica-
cia.
- Progettazione di dettaglio e sviluppo dell'ingegneria strutturale delle vasche e
delle apparecchiature.
- Gestione delle commesse (EPIC: engineering, procurement, installation, com-
missioning).
- Manutenzione e gestione impianti.

Gli impianti, realizzati su esigenze specifiche, sono:

- Modulari
- Containerizzati (per un facile trasporto)
- Upgredabili (per più ampie esigenze d'impiego)
- Riutilizzabili (in altri ambienti o siti).

ISEA S.p.A.
Via Salvo D’Acquisto, 1
26862 Guardamiglio (Lodi) - ITALY
Tel +39/0377/51.881
Fax +39/0377/51.88.52
isea@iseagroup.it
www.iseagroup.com
INDICE

1. IMPIANTO DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE CON


SISTEMA A FANGHI ATTIVI CON VASCHE IN PRFV
pag. 4

2. IMPIANTO DI TRATTAMENTO ACQUE REFLUE CON


SISTEMA A FANGHI ATTIVI AD ALTA VARIABILITÀ DI
UTENZA
pag. 6

3. IMPIANTO MOBILE CONTAINERIZZATO PER


IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE
pag. 8

4. IMPIANTO AD ALTA FLESSIBILITA’ DI TRATTAMENTO


REFLUI DI PRODUZIONE
pag. 10

5. IMPIANTO DI TRATTAMENTO CHIMICO FISICO


pag. 12

6. IMPIANTO DI PRIMA PIOGGIA PER MEDIE


E GRANDI SUPERFICI
pag. 14

7. ALCUNE REFERENZE
pag. 16
1. IMPIANTO DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE
CON SISTEMA A FANGHI ATTIVI CON VASCHE IN PRFV

CARATTERISTICHE TECNICHE APPLICAZIONI

Impianto prefabbricato con vasche in struttura metallica - Potenzialità da 200 A.E. a 2000 A.E.
rivestita internamente con pannelli di vetroresina (PRFV) e
con la possibilità di essere coibentate esternamente con
pannelli di poliuretano espanso per permettere l’installa-
zione sia interrata che fuori terra, idoneo a trattare i reflui
provenienti da utenze civili di medie dimensione da 200 Impianti di depurazione dei reflui civili per:
A.E a 2.000 A.E

Normalmente l’impianto è costituito da 4 fasi relative al


trattamento (sollevamento e grigliatura, ossidazione e
sedimentazione, disinfezione, stoccaggio e filtrazione) e
da un modulo (control room) contenente il quadro elettri-
co di comando/controllo e le apparecchiature elettromec-
caniche.
Villaggi turistici Lottizzazioni
Una delle caratteristiche peculiari è quella relativa alla
fase di ossidazione che è effettuata mediante erogazione
di aria a bolle fini distribuita mediante diffusori inintasabi-
li in EPDM (brevetto ISEA) e l’inserimento di una equaliz-
zazione della portata, a monte dello stesso, al fine di
garantire una concentrazione costante di flora batterica.

Vantaggi:
- inattaccabile dalla corrosione, facilità di movimentazio- Campi di medie dimensioni Campi di perforazione
ne, resistente e riutilizzabile (500AE)
- possibilità di installazione interrata o fuori terra in tutti
climi e/o condizioni
- laminazione delle portate e relativa concentrazione co-
stante di flora batterica.

4
PORTFOLIO

Isola Desroches Impianto a Fanghi Attivi in PRFV da 200 A.E.


Seychelles

SCHEMA PROGETTUALE

filtri in pressione
scarico

FP1 FP2

P1B

P1A acqua
pulita

C1

refluo da acqua
trattare trattata
V1A V1B
V2A V2B

vasca a fanghi attivi vasca di accumulo/ clorazione

V3

P2A
accumulo
disinfettante

5
2. IMPIANTO DI TRATTAMENTO ACQUE REFLUE CON SISTEMA
A FANGHI ATTIVI AD ALTA VARIABILITÀ DI UTENZA

CARATTERISTICHE TECNICHE APPLICAZIONI

L’impianto prevede la suddivisione del processo depurati- Potenzialità impianti da 200 A.E. a 2.000 A.E.
vo utilizzando vasche di materiale e dimensioni differen-
ti ma funzionanti in parallelo in modo da permettere una
sufficiente flessibilità ed adeguamento alle possibili alte
variabilità di utenza. Ciò permette di attivare le differen-
ti linee depurative in funzione dell’aumento di scarichi Impianti di trattamento dei reflui civili per:
stagionali da trattare, ottenendo risparmio energetico ed
ottimizzando la resa impiantitstica.
Le vasche di trattamento in PRFV sono abbinate median-
te ripartitore di portate con prodotti della linea standard
in PE con potenzialità più basse.
Normalmente l’impianto è costituito da 4 fasi di tratta-
mento (sollevamento e grigliatura, ossidazione e sedi-
mentazione, disinfezione, stoccaggio e filtrazione) e da
un modulo (control room) contenente il quadro elettrico
Agriturismo Borghi o piccoli agglome-
di comando/controllo e le apparecchiature elettromecca- rati di interesse turistico
niche.
Una delle caratteristiche peculiari è quella relativa alla
fase di ossidazione che è effettuata mediante erogazione
di aria a bolle fini distribuita mediante diffusori inintasa-
bili in EPDM (brevetto ISEA) e l’inserimento di una equa-
lizzazione e omogeinizzazione della portata, a monte
dello stesso, al fine di garantire una concentrazione
costante di flora batterica.

Centri di prima accoglienza Centri turistici in genere


Vantaggi:
- flessibilita nell’adeguamento dell’impianto alla variabili-
tà di utenza
- garanzia nel funzionamento e nella gestione dell’im-
pianto in base alla affidabilità di prodotti standard
- facilità di movimentazione e riutilizzo.

6
PORTFOLIO

Marina di Pomer Impianto di depurazione ad utenza variabile


Croazia 50/200/250 A.E.

SCHEMA PROGETTUALE

debatterizzazione a raggi u.v.

locale
macchine

sollevamento iniziale
90
190

1600

controlavaggio filtri
filtrazione
in pressione

ossidazione
ripartitore sedimentazione
di
portata
accumulo
finale

edificio
scarico
a mare

ossidazione
sedimentazione

accumulo
filtrazione

7
3. IMPIANTO MOBILE CONTAINERIZZATO PER
IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE

CARATTERISTICHE TECNICHE APPLICAZIONI

L’impianto è costituito da una unica vasca in struttura Impianti per 250 e 500 A.E.
metallica rivestita in PRFV di dimensioni inferiori a quel-
li di container standard, nella quale sono realizzati i
moduli relativi alle varie fasi del processo di trattamen-
to.
Impianti di trattamento dei reflui civili per:
Le ridotte dimensioni dell’impianto sono dovute princi-
palmente dalla utilizzazione per la fase di trattamento a
fanghi attivi della applicazione del processo a biomassa
adesa ed attivabile (MBBR) che permette un più alto ren-
dimento del processo.

L’impianto completamente preassemblato è facilmente


installabile mediante un collegamento elettrico e due
punti di collegamento idraulici (uno di ingresso e l’altro Cantieri mobili di medie Centri di prima accoglienza
di uscita dei reflui). dimensioni (250 A.E.-500 A.E.)

Vantaggi:
- standardizzazione nel trasporto e nella movimentazio-
ne
- svincolo dalla parte strutturale del container
- ridotte dimensioni delle vasche di trattamento e più
alto rendimento del processo
Campi di perforazione Insediamenti provvisori
- facilità di montaggio e ridotti costi per la messa in ser-
vizio
- possibilità di riutilizzo dell’impianto.

8
PORTFOLIO

Qatif - Arabia Saudita Impianto mobile containerizzato a fanghi attivi

SCHEMA PROGETTUALE

M 01 M 02

filtrazione in
pressione
FP1 FP2

ingresso
acqua
M 03 M 04 controlavaggio
V 07 S 13

S 16
accumulo PD 01
disinfettante
scarico
fango

S 06

CS 02
S 07 S 08 S 11 S 12

V 03 V 04 V 05 V 06

S01
CS 01
S 02

PA1 PA2 PA3 PA4


ingresso
reflui da S 04 S 05 S 09 S 10

trattare
B2 G2

B1 B3 accumulo B4 accumulo
acqua da acqua
filtrare depurata
V 01 G1 G3 V 02

ossidazione
sedimentazione
scarico scarico scarico scarico

9
4. IMPIANTO AD ALTA FLESSIBILITA’ DI TRATTAMENTO
REFLUI DI PRODUZIONE

CARATTERISTICHE TECNICHE APPLICAZIONI

L’impianto completamente preassemblato viene proget- Container da 2,4 x 2,4 x 8 m nella versione completa
tato con processi anaerobici ed aerobici intercambiabili Peso: 2500 Kg
per dare maggiore flessibilità di trattamento per reflui di Portate medie: da 0,5 a 2,5 m3/giorno
diverso tipo e/o variabili in termini di portata, prove-
nienti da attività produttive ma assimilabili a civili.
Impianti di depurazione dei reflui industriali per:
Le principali caratteristiche dell’impianto sono:
. una fase di accumulo e grigliatura il cui accesso è
comandato dal sistema di controllo
. una fase di dosaggio reagenti iniziale per correggere le
concentrazioni dei parametri inquinanti presenti nello
scarico
. la fase di ossidazione costituita da un trattamento aero-
bico integrabile mediante una vasca di accumulo inter-
medio
. una fase di trattamento anaerobico corredata da un Aziende vinicole Aziende conserviere
processo di riscaldamento dei reflui
. regolazione semiautomatica del processo di trattamen-
to in base alla caratteristica del refluo di ingresso al fine
di poter stabilire la migliore modalità di trattamento
depurativo, anaerobico, aerobico od entrambi in paral-
lelo
. vasche di reazione in PE ed acciaio

Vantaggi: Aziende alimentari in Caseifici


- facilità di programmazione e controllo genere
- valido compromesso di dimensionamento e peso
- facilità di montaggio e ridotti costi per la messa in ser-
vizio
- flessibilità nella applicazione utilizzando singole com-
ponenti di processo integrabili in funzione delle carat-
teristiche del refluo
- possibilità di containerizzazione dell’impianto

10
PORTFOLIO

Pontevedra Impianto per il trattamento reflui da cantina


Spagna vinicola

SCHEMA PROGETTUALE

accumuli reagenti chimici


caldaia
uscita
biogas

ingresso
acqua da
depurare
scambiatore
di calore
impianto
anaerobico

bacino di
accumulo
intermedio

bacini di
contatto
reagenti chimici

uscita acqua
depurata

impianto
aerobico

11
5. IMPIANTO DI TRATTAMENTO CHIMICO FISICO

CARATTERISTICHE TECNICHE APPLICAZIONI

L’impianto è realizzato con vasche in PE e/o in acciaio in Piccole e medie portate da 1m3/h a 60 m3/h
base alle portate dei reflui in ingresso dell’impianto (faci-
lità di installazione) Impianti di depurazione dei reflui industriali per:
- dimensionamento modulare per consentire facilità di
trasporto e di montaggio (mobilità e riutilizzo)
- sistemi di regolazione semiautomatica o automatica
con elettrovalvole comandate da PLC inserito in quadro
di comando (supervisione e registrazione)
- ottimizzazione del trattamento e gestione dei fanghi di
risulta (facilitazione nel conferimento in discarica).
Officine navali e mecca-
niche in genere Autolavaggi

Lavanderie industriali Tintorie

Demolitori Reflui da Bonifica e/o


Risanamento ambientale

12
PORTFOLIO

Porto di Genova - Italia Impianto di trattamento chimico fisico per


officina navale

SCHEMA PROGETTUALE

locale
cassetta tecnico
di comando

01

ingresso dal uscita


pretrattamento pompa filtri a
auto- sabbia e
descante carbone
attivo
cm
200

vasca di
accumulo

13
6. IMPIANTO DI PRIMA PIOGGIA PER MEDIE E GRANDI
SUPERFICI

CARATTERISTICHE TECNICHE APPLICAZIONI

L’impianto è dimensionato in base alle superfici pavi- Da 10.000 m2 a 100.000 m2


mentate interessate ed alle caratteristiche delle acque di
dilavamento, dovute essenzialmente alle tipologia dell’u-
tenza interessata (presenza di metalli o di oli emulsiona- -
ti).

Le vasche di accumulo sono realizzate in lamiera ondu-


lata di acciaio inox, ciascuna dimensionata per garantire
un volume proporzionale alla superficie presa in consi-
derazione.

La fase finale di separazione e trattamento è costituito da


sistemi di disoleazione e/o impianti chimici fisici con
dimensioni opportune.
Superfici pavimentate di in- Supermercati
Vantaggi: sediamenti industriali o di
centri logistici
- vasche di accumulo in lamiera di acciaio inox ondulata
e calandrata (facilità di montaggio)
- utilizzo di Desoleatori con filtro a coalescenza e im-
pianti chimico-fisici (per una depurazione più spinta).

14
PORTFOLIO

Pazin - Istria Impianto di prima pioggia


Croazia

SCHEMA PROGETTUALE

Scolmatore
di portata
Vasca di accumulo acqua di
prima pioggia Pozzetto
(non compreso
nella fornitura)
80 cm

240 cm

70 cm

Pozzetto con filtro


oleoassorbente
Deoliatore

By-pass
(acque di seconda pioggia)

pozzetto
scolmatore
in cls da
almeno 2 m2
(da eseguirsi
in opera) pozzetto pozzetto
di calma d’ispezione
2,4 m

arrivo
reflui separatore di oli ed
serbatoio di accumulo idrocarburi OTTO-PE
in acciaio inox
tubo di by-pass

15
REFERENZE

1) Impianti di trattamento acque reflue 2) Impianti di trattamento reflui


urbane, civili o domestiche industriali
Italia Italia
Localita’ Mariani 200 AE, 40 m3/g Sesto Calenzano Impianto di trattamento a fanghi
Montebello della Battaglia 350 AE, 70 m3/g attivi per industria alimentare.
Soresina 500 AE, 100 m3/g 30m3/g
Dorgali 500 AE, 100 m3/g Fidenza Trattamento acqua per industria
Portacomaro 500 AE, 100 m3/g casearia. 20 m3/g
Piazza al Serchio 500 AE, 100 m3/g S.Nicolò (Piacenza) Impianto trattamento acque per
Loiano 1.500 AE, 300 m3/g un complesso industriale. 3 m3/g
Taranto Impianto chimico fisico per trat-
Algeria tamento effluenti di verniciatura
Hassir-R’ Mel (8 impianti) 500 AE, 100 m3/g tubi. 16 m3/g
per ogni impianto Piacenza Impianto trattamento acque per
Tin Fouyet Tabankourt 300 AE, 60 m3/g conceria. 5 m3/g
Haud el Hamra 2.500 AE, 500 m3/g Piacenza Lavaggio auto più reflui oleosi.
Hassi Messaoud 2.000 AE, 400 m3/g 10 m3/g
Hassi Messaoud 1.000 AE, 200 m3/g Rocca Canavese Impianto chimico fisico per indu-
Hassi Messaoud 300 AE, 60 m3/g stria trattamento effluenti di gra-
fite. 3 m3/g
Fornovo Impianto di trattamento fanghi
Arabia Saudita attivi industria produzione pro-
Harad 600 AE, 120 m3/g sciutti. 80 m3/g
Stazione di pompaggio Parma Impianto trattamento fanghi atti-
nel deserto E/W 600 AE, 120 m3/g vi industria lavorazione pesce.
Rabigh 500 AE, 100 m3/g 6 m3/g
UAE Abu Dhabi 50 AE, 10 m3/g

Seychelles Algeria
Isola Desroches 200 AE, 50 m3/g Arzew Impianto di demineralizzazione
Isola Platte 100 AE, 25 m3/g Hassir-R’ Mel Nr. 3 impianti di elettrodialisi
El Borma 5.000 m3m/ora Impianto disolea-
Spagna zione
Zahara De La Sierra 200 AE, 50 m3/g Mereksen 1.800 m3m/ora Impianto disolea-
Siviglia 400 AE, 100 m3/g zione
Siviglia 300 AE, 80 m3/g

Slovenia Croazia
Prosenjakovci 100 AE, 20 m3/g Marina Di Boric Acque dilavamento piazzale e
lavaggio barche. 20 m3/g
Mauritius
Les Pailles 25 AE, 5 m3/g

Croazia
Pomer 250 AE, 50 m3/g
Smilçic 300 AE, 60 m3/g

Francia
Pont de Lignon 150 AE, 30 m3/g
Vaucresson 200 AE, 40 m3/g

16
Revisione Novembre 2004

ISEA S.p.A.
Via Salvo d'Acquisto, 1
26862 - Guardamiglio (Lodi) - ITALY
R
Tel +39/0377/51.881
Fax +39/0377/51.88.52
isea@iseagroup.it
www.iseagroup.com

Interessi correlati