You are on page 1of 61

CNR Commissione di studio per la predisposizione e lanalisi di norme tecniche relative alle costruzioni

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE


COMMISSIONE DI STUDIO PER LA PREDISPOSIZIONE E LANALISI DI NORME TECNICHE RELATIVE ALLE COSTRUZIONI

Istruzioni per la Progettazione, lEsecuzione ed il Controllo di Strutture di Calcestruzzo Fibrorinforzato

CNR-DT 204/2006
ROMA CNR 18 Giugno 2007

Propriet letteraria riservata del

Consiglio Nazionale delle Ricerche

CNR-DT 204/2006

INDICE

PREMESSA................................................................................................................................. 5 1.1 PREMESSA ALLA VERSIONE DEFINITIVA DEL DOCUMENTO A CONCLUSIONE DELLINCHIESTA PUBBLICA .......................................................... 6 1.2 CONTENUTO E SCOPO DELLE ISTRUZIONI .............................................................. 6 1.3 NORMATIVE DI RIFERIMENTO .................................................................................... 7 1.4 SIMBOLOGIA .................................................................................................................... 7 1.5 PROPRIETA E COMPORTAMENTO STRUTTURALE DI ELEMENTI DI CALCESTRUZZO FIBRORINFORZATO........................................................................ 9 MATERIALI ............................................................................................................................. 10 2.1 FIBRE................................................................................................................................ 10 2.1.1 Lunghezza delle fibre ...................................................................................................10 2.1.2 Diametro equivalente....................................................................................................10 2.1.3 Rapporto daspetto........................................................................................................10 2.1.4 Resistenza a trazione delle fibre ...................................................................................11 2.1.5 Modulo di elasticit ......................................................................................................11 2.2 FIBRE DI ACCIAIO......................................................................................................... 11 2.3 FIBRE POLIMERICHE E DI CARBONIO ..................................................................... 12 2.4 MATRICI .......................................................................................................................... 14 2.5 CALCESTRUZZO FIBRORINFORZATO...................................................................... 14 2.5.1 Propriet del calcestruzzo fresco ..................................................................................14
2.5.1.1 2.5.1.2 2.5.1.3 2.5.2.1 2.5.2.2 2.5.2.3 2.5.2.4 2.5.3.1 2.5.3.2 2.5.3.3 2.5.3.4 2.5.3.5 2.5.3.6 Propriet reologiche del calcestruzzo fibrorinforzato ..........................................................14 Omogeneit dellimpasto .....................................................................................................14 Ritiro in fase plastica............................................................................................................15 Comportamento a compressione ..........................................................................................15 Comportamento a trazione ...................................................................................................15 Legame costitutivo in termini di tensione-deformazione.....................................................18 Modulo di elasticit..............................................................................................................20 Ritiro idraulico .....................................................................................................................20 Resistenza al gelo .................................................................................................................20 Penetrazione di ioni aggressivi.............................................................................................20 Carbonatazione.....................................................................................................................20 Ossidazione delle fibre .........................................................................................................20 Comportamento al fuoco......................................................................................................21

2.5.2 Propriet meccaniche del calcestruzzo indurito ...........................................................15

2.5.3 Propriet fisiche del calcestruzzo indurito....................................................................20

2.6 3

ACCIAIO .......................................................................................................................... 21

CONCETTI BASILARI DEL PROGETTO E PROBLEMI SPECIALI............................. 22 3.1 GENERALITA ................................................................................................................ 22 3.2 REQUISITI FONDAMENTALI....................................................................................... 22 3.3 VITA UTILE DELLA STRUTTURA .............................................................................. 23 3.4 PRINCIPI GENERALI DEL PROGETTO STRUTTURALE ......................................... 23 3.4.1 Generalit......................................................................................................................23 3.4.2 Azioni di progetto .........................................................................................................23 3.4.3 Propriet dei materiali...................................................................................................24 3.4.4 Capacit resistente di progetto......................................................................................24 3.5 VALORI CARATTERISTICI DELLE RESISTENZE .................................................... 24 3.6 COEFFICIENTI PARZIALI ............................................................................................. 25 i

CNR-DT 204/2006 3.6.1 Coefficienti parziali dei materiali .................................................................................25 3.6.2 Coefficienti parziali Rd per i modelli di resistenza ......................................................25 3.7 REQUISITI DI DURABILITA........................................................................................ 25 4 VERIFICA DI RESISTENZA ALLO STATO LIMITE ULTIMO...................................... 28 4.1 STATO LIMITE ULTIMO PER ELEMENTI MONODIMENSIONALI ....................... 28 4.1.1 Generalit......................................................................................................................28 4.1.2 Pressoflessione..............................................................................................................28 4.1.3 Taglio............................................................................................................................29
4.1.3.1 4.1.3.2 4.1.3.3 4.1.3.4 4.1.3.5 4.1.4.1 4.1.4.2 Generalit .............................................................................................................................29 Metodo di calcolo a taglio di travi in assenza di armatura longitudinale e trasversale convenzionale.......................................................................................................................29 Metodo di calcolo a taglio di travi con armatura longitudinale tradizionale e in assenza di armatura trasversale convenzionale ...................................................................29 Metodo di calcolo a taglio di travi con armatura longitudinale e trasversale convenzionale.......................................................................................................................30 Armatura minima a taglio ....................................................................................................31 Metodo di calcolo a torsione di travi in assenza di armatura longitudinale e trasversale convenzionale.....................................................................................................32 Metodo di calcolo a torsione di travi con armatura longitudinale e trasversale convenzionale.......................................................................................................................32

4.1.4 Torsione ........................................................................................................................32

4.2 ELEMENTI LASTRA....................................................................................................... 32 4.2.1 Elementi senza armatura convenzionale.......................................................................32 4.2.2 Elementi con armatura convenzionale..........................................................................33 4.3 ELEMENTI PIASTRA ..................................................................................................... 34 4.3.1 Elementi senza armatura convenzionale.......................................................................34 4.3.2 Elementi con armatura convenzionale..........................................................................34 5 STATO LIMITE DI ESERCIZIO ........................................................................................... 35 5.1 VERIFICA DELLE TENSIONI........................................................................................ 35 5.2 APERTURA DELLE FESSURE ...................................................................................... 35 5.3 ARMATURA MINIMA PER IL CONTROLLO DELLA FESSURAZIONE................. 35 ESECUZIONE .......................................................................................................................... 37 6.1 COMPOSIZIONE DELLA MISCELA............................................................................. 37 6.2 POSA DELLE ARMATURE............................................................................................ 37 6.3 DIMENSIONI MINIME ................................................................................................... 37 6.3.1 Spessore minimo relativo .............................................................................................37 6.3.2 Spaziatura di armatura e copriferro minimi..................................................................38 6.4 ESECUZIONE DEI GETTI .............................................................................................. 38 RESISTENZA AL FUOCO...................................................................................................... 39 COLLAUDO E CONTROLLI DI PRODUZIONE................................................................ 41 8.1 COLLAUDO ..................................................................................................................... 41 8.2 CONTROLLI DI PRODUZIONE PER APPLICAZIONI TIPO A .................................. 41 8.3 CONTROLLI DI PRODUZIONE PER APPLICAZIONI TIPO B .................................. 41 APPENDICE A (SULLA RESISTENZA A TRAZIONE: IDENTIFICAZIONE DEI PARAMETRI COSTITUTIVI) ............................................................................................... 42 9.1 MATERIALI DEGRADANTI A TRAZIONE IDENTIFICATI CON PROVE DI FLESSIONE ...................................................................................................................... 42 ii

7 8

CNR-DT 204/2006 9.1.1 Modello elastico lineare................................................................................................42 9.1.2 Modello rigido-plastico ................................................................................................44 9.1.3 Provino intagliato (secondo la norma UNI 11039).......................................................44 9.1.4 Provino strutturale non intagliato (secondo la norma UNI U73041440) .....................45 9.2 MATERIALI IDENTIFICATI CON PROVE DI TRAZIONE ........................................ 46 9.2.1 Provino intagliato (secondo la norma UNI U73041440)..............................................46 9.2.2 Provino non intagliato...................................................................................................47 10 APPENDICE B (SUL CONTROLLO E SUI CRITERI DI CONFORMIT)..................... 48 10.1 PROVE DI FLESSIONE SU MATERIALE CLASSIFICATO DEGRADANTE........... 48 11 APPENDICE C (SULLE PROVE DI CARATTERIZZAZIONE MECCANICA PER MATERIALI INCRUDENTI) ................................................................................................. 50 11.1 PROVA DI TRAZIONE ................................................................................................... 50 11.1.1 Preparazione del provino ..............................................................................................50 11.1.2 Apparecchiatura di prova..............................................................................................50 11.1.3 Procedura di carico .......................................................................................................51 11.2 PROVA DI FLESSIONE .................................................................................................. 51 12 APPENDICE D (SULLA RESISTENZA DEI MATERIALI: CALCOLO DEI VALORI CARATTERISTICI PER LA PROGETTAZIONE DELLE STRUTTURE)..... 52 13 APPENDICE E (SULLA DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DEI COEFFICIENTI DI DEGRADO)............................................................................................ 55

iii

CNR-DT 204/2006

PREMESSA

Il presente documento arricchisce la collana delle pubblicazioni edite negli ultimi anni dal CNR sulluso strutturale dei materiali compositi, inaugurata dalle Istruzioni n. 200 del 2004. I documenti finora pubblicati hanno avuto per oggetto, nellordine, il placcaggio mediante materiali compositi fibrorinforzati a fibre lunghe (FRP) di strutture di calcestruzzo armato ordinario o precompresso e di strutture murarie (CNR-DT 200/2004), il placcaggio di strutture lignee (CNR-DT 201/2005), quello di strutture metalliche (CNR-DT 202/2005) ed infine luso di barre di FRP come armatura di getti di calcestruzzo cementizio (CNR-DT 203/2006). Largomento del presente documento limpiego strutturale di un tipo di materiale composito completamente differente: il calcestruzzo fibrorinforzato (FRC, Fiber Reinforced Concrete). Esso non ha una matrice polimerica come gli FRP (Fiber Reinforced Polymer) ma un calcestruzzo cementizio additivato con fibre corte di acciaio, di materiale polimerico, di materiale inorganico quale carbonio o vetro, o di materiali naturali, cui possono aggiungersi in opera usuali barre di armatura, lente o pretese. Laggiunta delle fibre conferisce al calcestruzzo, dopo la fessurazione, una significativa resistenza residua a trazione (di seguito denominata tenacit). Questultima dipende da molteplici fattori, tra i quali ad esempio il rapporto di aspetto (ovvero il rapporto lunghezza/diametro equivalente delle fibre), la percentuale volumetrica delle fibre, le caratteristiche fisico-meccaniche di queste ultime. Le costruzioni realizzate con FRC si sono progressivamente diffuse negli ultimi anni in tutto il mondo, rendendo indispensabile la redazione di Linee Guida o Istruzioni tecniche in grado di orientare e disciplinare limpiego strutturale di tali materiali. I documenti pi significativi disponibili in campo internazionale sono i seguenti: RILEM, 2001, Test and design methods for steel fibre reinforced concrete: uniaxial tension test for steel fibre reinforced concrete, RILEM TC 162-TDF Recommendations, Materials and Structures, 34: 3-6; RILEM, 2000, Test and design methods for steel fibre reinforced concrete: beam test, RILEM TC 162-TDF Recommendations, Materials and Structures, 33: 3-5; ACI Committee 544, 1999, Measurement of properties of Fiber Reinforced Concrete, ACI 544.2R-98, American Concrete Institute, ACI Farmington Hills, MI; ACI Committee 544, 1996, Design considerations for steel Fiber Reinforced Concrete, ACI 544.4R-88, American Concrete Institute, ACI Farmington Hills, MI; ACI Committee 544, 1996, State of the art Report on Fiber Reinforced Concrete, ACI 544.1R-96, American Concrete Institute, ACI Farmington Hills, MI; JCI, 1984, Method of tests for flexural strength and flexural toughness of fiber reinforced concrete, JCI Standard SF-4, JCI Standards for test methods of fiber reinforced concrete, Japan Concrete Institute. Esempi applicativi degli FRC di particolare rilievo ed interesse sono rappresentati da: pannelli portanti di facciata; piastre di pavimentazione; conci prefabbricati e rivestimenti finali di tunnel; travi; giunti o nodi strutturali, per il vantaggio offerto di ridurre le usuali elevate percentuali di armatura ivi presenti; elementi di copertura, per la possibilit di realizzare spessori sottili privi della consueta armatura disposta sul piano medio; 5

CNR-DT 204/2006 strutture destinate ad assorbire urti e/o per resistere alla fatica, come collettori o tubazioni per elevate pressioni, traversine ferroviarie, pali ad alta resistenza, ecc.; travi precompresse prefabbricate, allo scopo di assorbire le tensioni di trazione in assenza di armature concentrate. In linea di principio, luso del calcestruzzo fibrorinforzato indicato soprattutto per le strutture iperstatiche, in quanto lo sforzo residuo di trazione pu aumentare la capacit portante complessiva della struttura e migliorarne la duttilit. Inoltre, lintroduzione nellimpasto cementizio di fibre corte pu incrementare la tenacit dei calcestruzzi ad alte prestazioni, che, notoriamente, in assenza di fibre, risultano particolarmente fragili. Scopo delle presenti Istruzioni fornire, nellambito della Normativa vigente nel nostro Paese, un documento di tipo orientativo per la progettazione, lesecuzione ed il controllo di strutture di calcestruzzo fibrorinforzato: lapproccio seguito quello del metodo semiprobabilistico agli stati limite; limpostazione adottata quella dei principi e delle regole di applicazione nello stile classico degli Eurocodici. Nel prosieguo i principi saranno indicati con la lettera (P). Si richiama esplicitamente allattenzione del lettore la circostanza che le Istruzioni, per loro genesi e natura, non sono norme cogenti, ma rappresentano una sintesi dellestesa bibliografia disponibile, messa a disposizione dei tecnici, ai quali comunque lasciata la responsabilit finale delle scelte operate. Il documento corredato di Appendici che approfondiscono alcuni aspetti teorici, richiamati sinteticamente nel corpo delle Istruzioni, ma meritevoli, per il loro carattere innovativo, di una trattazione pi estesa, con finalit tipicamente divulgative.

1.1 PREMESSA ALLA VERSIONE DEFINITIVA DEL DOCUMENTO A CONCLUSIONE DELLINCHIESTA PUBBLICA
Il documento stato sottoposto a inchiesta pubblica. A seguito di essa sono state introdotte modifiche e/o integrazioni al testo. Si ringraziano quanti, dal mondo delle Professioni, delle Istituzioni, dellIndustria e dellUniversit, hanno partecipato in modo attivo ad un processo che, legittimamente, deve competere allintera comunit tecnica e scientifica di un Paese moderno ed avanzato.

1.2
(1)

CONTENUTO E SCOPO DELLE ISTRUZIONI


Formano oggetto del presente documento le strutture di calcestruzzo fibrorinforzato (FRC).

(2)P Il calcestruzzo fibrorinforzato un materiale composito caratterizzato da una matrice cementizia e da fibre discrete (discontinue). La matrice costituita da calcestruzzi o da malte, normali o ad alte prestazioni. Le fibre possono essere di acciaio, di materiale polimerico, di carbonio, di vetro o di materiale naturale. (3)P Per impieghi strutturali deve essere garantito un dosaggio minimo di fibre come specificato nel Capitolo 2. (4) Nel presente documento sono considerate esclusivamente fibre metalliche, polimeriche e di carbonio. Le indicazioni fornite possono essere estese a calcestruzzi rinforzati con altri tipi di fibre, quali ad esempio quelle di vetro o naturali, purch venga dimostrato che il loro comportamento strutturale sia assimilabile a quello di elementi analoghi di calcestruzzo additivato con le fibre qui prese in considerazione.

CNR-DT 204/2006 (5) Le propriet del composito dipendono dalle caratteristiche dei materiali componenti e dai loro dosaggi ed in particolare dalla geometria, dalla percentuale volumetrica e dalle caratteristiche meccaniche della fibra, dalladerenza tra la fibra e la matrice di calcestruzzo, dalle caratteristiche meccaniche della matrice. Le fibre possono contribuire a mitigare il fenomeno della fessurazione e/o incrementare significativamente lenergia assorbita nel processo di frattura (tenacit). (6) Una volta posto in opera, il calcestruzzo fibrorinforzato acquista propriet che dipendono anche da fattori legati alla tecnologia esecutiva ed alle caratteristiche dimensionali della struttura. Tra questi rientrano, ad esempio, il grado di dispersione delle fibre nella miscela, la forma e le dimensioni caratteristiche della struttura, leventuale anisotropia conferita dal rinforzo fibroso, la direzione di avanzamento e la modalit di maturazione del getto.

1.3

NORMATIVE DI RIFERIMENTO

Nel prosieguo si far ampio riferimento a prescrizioni contenute nelle norme di seguito elencate. CEN EN 1992-1-1, 2004: Eurocode 2 Design of concrete structures-Part 1-1:general rules and rules for buildings. CEN prEN 14721 (draft March 2004): Precast concrete products test method for methallic fiber concrete measuring the fiber concrete in fresh and hardened concrete. CEN prEN 14651 (draft March 2004): Test method for metallic fibre concrete Measuring the flexural tensile strength (limit of proportionality (LOP), residual). UNI U73041440, 2004: Progettazione, esecuzione e controllo degli elementi strutturali in calcestruzzo rinforzato con fibre dacciaio. UNI 11039, 2003: Calcestruzzo rinforzato con fibre dacciaio; (1a) Parte I: Definizioni, classificazione e designazione; (1b) Parte II: Metodo di prova per la determinazione della resistenza di prima fessurazione e degli indici di duttilit. UNI EN 12390, 2002: Prove sul calcestruzzo indurito. UNI EN 206-1, 2001: Calcestruzzo: specificazione, prestazione, produzione e conformit. UNI 9502, 2001: Procedimento analitico per valutare la resistenza al fuoco degli elementi costruttivi di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso.

1.4

SIMBOLOGIA

Notazioni generali (.)c valore della grandezza (.) riferita al calcestruzzo (.)d valore di progetto (o di calcolo) della grandezza (.) (.)exp valore della grandezza (.) dedotto da prove sperimentali (.)F valore della grandezza (.) riferita al composito fibrorinforzato (.)k valore caratteristico della grandezza (.) (.)m valore medio della grandezza (.) (.)R valore della grandezza (.) vista come resistenza (.)s valore della grandezza (.) riferita allacciaio valore della grandezza (.) vista come sollecitazione (.)S valore ultimo della grandezza (.) (.)u Lettere romane maiuscole Ac area della sezione di calcestruzzo, al netto delle armature metalliche Af area della sezione della fibra Asl area dellarmatura longitudinale convenzionale Asw area dellarmatura trasversale convenzionale relativa al passo p KFc coefficiente di degrado della resistenza a compressione 7

CNR-DT 204/2006 KFt P T Vf VRd VRd,F VRd,s coefficiente di degrado della resistenza a trazione carico di prova temperatura frazione volumetrica (volume fibre/volume fibrorinforzato) resistenza a taglio dellelemento strutturale contributo del calcestruzzo fibrorinforzato alla resistenza a taglio contributo delle armature metalliche trasversali alla resistenza a taglio di progetto

Lettere romane minuscole bf larghezza della fibra per sezioni rettangolari d altezza utile della sezione da diametro degli aggregati df diametro equivalente della fibra fF resistenza a compressione (prismatica o cilindrica) del fibrorinforzato fFt resistenza a trazione del fibrorinforzato fFtf resistenza a (trazione per) flessione del fibrorinforzato fFts resistenza a trazione residua di esercizio fFtu resistenza a trazione residua ultima fc resistenza a compressione (prismatica o cilindrica) della matrice resistenza a trazione della matrice fct fctf resistenza a (trazione per) flessione della matrice fy tensione di snervamento dellacciaio dellarmatura longitudinale convenzionale fyw tensione di snervamento dellacciaio dellarmatura trasversale convenzionale h altezza della sezione hf spessore della fibra per sezioni rettangolari i interferro lcs lunghezza caratteristica dellelemento strutturale lf lunghezza della fibra ld lunghezza in sviluppo della fibra m massa della fibra p passo dellarmatura trasversale convenzionale distanza media tra le fessure srm t spessore dellelemento strutturale w apertura di fessura (CTOD Crack Tip Opening Displacement) x distanza dellasse neutro dallestremo lembo compresso y distanza dellasse neutro dallestremo lembo teso Lettere greche minuscole F deformazione marginale a trazione del calcestruzzo fibrorinforzato c deformazione marginale a compressione del calcestruzzo fibrorinforzato s deformazione dellacciaio diametro delle barre di armatura c coefficiente parziale a compressione del fibrorinforzato F coefficiente parziale a trazione del fibrorinforzato Rd coefficiente parziale per i modelli di resistenza s coefficiente parziale dellacciaio f densit di massa della fibra

CNR-DT 204/2006

1.5

PROPRIETA E COMPORTAMENTO STRUTTURALE DI ELEMENTI DI CALCESTRUZZO FIBRORINFORZATO

(1)P Laggiunta di fibre disperse in una matrice cementizia ne modifica le propriet meccaniche. In particolare, migliora il comportamento a trazione contrastando lapertura progressiva delle fessure. Una volta raggiunta la fessurazione della matrice, le fibre sono in grado di manifestare il proprio contributo, conferendo al composito una resistenza post-fessurazione assente nella matrice senza fibre. Il comportamento fortemente degradante, tipico di una prova di trazione monoassiale sul calcestruzzo, pu essere modificato in modo significativo dallaggiunta di fibre, al crescere della percentuale volumetrica, Vf, di esse. Per piccole percentuali volumetriche di fibre (circa 0.2-2%) il legame carico-spostamento a trazione di un FRC presenta ancora un ramo discendente (comportamento degradante), ma caratterizzato da una resistenza residua e da una maggiore tenacit (Figura 1-1a). Per percentuali volumetriche di fibre superiori (circa 2-8%), il comportamento pu diventare incrudente, grazie alla comparsa di una multi-fessurazione (Figura 1-1b).

P P

P P

(a)

(b)

Figura 1-1 Curva carico P spostamento per conglomerati fibrorinforzati caratterizzati da: basse percentuali di fibre (a) e alte percentuali di fibre (b). (2)P Le propriet del calcestruzzo fibrorinforzato, confezionato per uno specifico impiego strutturale, devono essere prescritte e verificate opportunamente. Vengono distinti due tipi di caratterizzazione del fibrorinforzato indurito: una basata sulle propriet nominali, laltra sulle propriet strutturali. (3)P Le propriet nominali del fibrorinforzato indurito devono essere determinate su provini normalizzati, realizzati e maturati in condizioni controllate, mediante prove standard di laboratorio. (4)P Le propriet strutturali del fibrorinforzato devono essere riferite al materiale in opera e devono essere valutate a partire da provini aventi la stessa dimensione significativa della struttura realizzata. Tali provini devono essere maturati nello stesso ambiente della struttura di provenienza e la direzione del carico di prova, rispetto a quella del getto, deve essere la stessa delle tensioni cui sottoposta la struttura. 9

CNR-DT 204/2006

2
2.1

MATERIALI
FIBRE

(1)P Le fibre risultano caratterizzate, oltre che dal tipo di materiale, da parametri geometrici quali la lunghezza, il diametro equivalente, il rapporto daspetto e forma (fibre lisce, uncinate, ecc.). 2.1.1 Lunghezza delle fibre (1)P La lunghezza della fibra, lf, la distanza tra le estremit della fibra. La lunghezza in sviluppo della fibra, ld, la lunghezza della linea dasse della fibra. La lunghezza della fibra deve essere misurata in accordo con norme di riferimento specifiche. 2.1.2 Diametro equivalente (1)P Il diametro equivalente, df, il diametro di un cerchio con area uguale allarea media della sezione trasversale della fibra. (2) Per sezioni circolari con diametro maggiore di 0.3 mm, il diametro equivalente delle fibre deve essere misurato mediante un micrometro, in due direzioni approssimativamente tra loro ortogonali, con una precisione stabilita da norme di riferimento specifiche. Il diametro equivalente fornito dalla media dei due diametri. (3) Per fibre con diametro minore di 0.3 mm, il diametro deve essere misurato mediante strumenti ottici, con una precisione stabilita da norme di riferimento specifiche. (4) Per sezioni ellittiche, il diametro equivalente delle fibre deve essere valutato a partire dalle misure dei due assi, eseguite mediante micrometro con precisione stabilita da norme di riferimento specifiche. Il diametro equivalente fornito dalla media delle lunghezze dei due assi. (5) Per sezioni rettangolari, la larghezza, bf, e lo spessore, hf, della fibra devono essere misurati come stabilito da normative di riferimento specifiche. Il diametro equivalente fornito dalla relazione:
df = 4 bf hf

(2.1)

(6) Alternativamente, ed in particolare per fibre con sezioni irregolari, il diametro equivalente pu essere calcolato mediante la relazione:
df = 4m , ld f

(2.2)

essendo m la massa, ld la lunghezza in sviluppo e f la densit della fibra. 2.1.3 Rapporto daspetto (1)P Il rapporto daspetto definito come quoziente tra la lunghezza, lf , e il diametro equivalente, df, della fibra. 10

CNR-DT 204/2006 2.1.4 Resistenza a trazione delle fibre (1)P La resistenza a trazione della fibra la tensione corrispondente alla massima forza di trazione sopportata dalla fibra. (2) La resistenza a trazione deve essere valutata, in accordo a specifiche norme di riferimento, come rapporto tra la suddetta forza e larea equivalente della sezione trasversale, definita come area del cerchio di diametro df. Valori indicativi della resistenza sono forniti nella Tabella 2-1 e nella Tabella 2-2 per diversi tipi di fibre. 2.1.5 Modulo di elasticit (1) Il modulo di elasticit della fibra deve essere valutato in accordo a norme di riferimento specifiche. Valori indicativi del modulo di elasticit di alcuni tipi di fibre sono forniti nella Tabella 2-2.

2.2

FIBRE DI ACCIAIO

(1) Le fibre di acciaio hanno una lunghezza, lf, compresa generalmente tra 6 mm e 70 mm ed un diametro equivalente, df, compreso tra 0.15 mm e 1.20 mm. (2) Le fibre di acciaio possono essere classificate in base al processo di produzione, alla forma ed al tipo di materiale. Processo di produzione: - da filo trafilato (Tipo A); - da lamiera tagliata (Tipo B); - da altre fabbricazioni (Tipo C). Forma: - rettilinee; - sagomate (uncinate, ondulate, ecc.). Materiale: - di acciaio a basso contenuto di carbonio (C 0.20, Tipo 1); - di acciaio ad alto contenuto di carbonio (C > 0.20, Tipo 2); - di acciaio inox (Tipo 3).

In base alle caratteristiche meccaniche le fibre possono essere invece classificate nelle tre categorie (R1, R2, R3) di Tabella 2-1. Tabella 2-1 Classi di resistenza delle fibre di acciaio.
Diametro equivalente [mm] Resistenza minima a trazione [N/mm2] R2 1) Rm Rp0,2 800 720 800 640 700 560 2) Rm 1080 1040 910 Rp0,2 900 800 700 Rm 1700 1550 1400 1) Rp0,2 1360 1240 1120 Rm 2040 2015 1820 R3 2) Rp0,2 1700 1550 1400 Prova di piegamento alternato tutte le classi assenza di rotture

R1 1) 2) Rm Rp0,2 Rm Rp0,2 0.15 df <0.50 400 320 480 400 0.50 df <0.80 350 280 450 350 0.80 df 1.20 300 240 390 300 1) Per fibre rettilinee 2) Per fibre sagomate

11

CNR-DT 204/2006 Nella Tabella 2-1 i simboli Rm e Rp0.2 rappresentano, rispettivamente, la resistenza a trazione (corrispondente al carico massimo) e la resistenza di scostamento dalla proporzionalit con unestensione non proporzionale pari allo 0.2% della lunghezza di base dellestensimetro. (3) Il modulo di elasticit delle fibre di acciaio pu essere assunto pari a 200 GPa per le fibre a basso ed alto contenuto di carbonio e 170 GPa per quelle di acciaio inox.

2.3

FIBRE POLIMERICHE E DI CARBONIO

(1) Sono disponibili in commercio fibre polimeriche di acrilico, arammide, nylon, poliestere, polietilene e polipropilene, e fibre di carbonio. (2) Le fibre possono essere distinte in microfibre, con lunghezze contenute nellordine dei millimetri, e macrofibre con lunghezze fino a 80 mm. Valori tipici del rapporto daspetto sono compresi tra 100 e 500. (3) Le principali caratteristiche delle fibre polimeriche e di carbonio disponibili in commercio sono riportate in Tabella 2-2.

12

Tabella 2-2 Propriet delle fibre polimeriche e di carbonio.

CNR-DT 204/2006

13

CNR-DT 204/2006

2.4
(1)P

MATRICI
La matrice di un FRC costituita da materiale cementizio (calcestruzzo o malta).

(2) Al fine di garantire un buon accoppiamento con le fibre ed una buona lavorabilit dellimpasto, la granulometria della matrice deve essere opportunamente progettata, ad esempio aumentando la frazione fine. (3) Le caratteristiche fisiche e meccaniche della matrice di calcestruzzo o di malta sono definite dalle specifiche norme di riferimento.

2.5

CALCESTRUZZO FIBRORINFORZATO

(1)P Le propriet fisiche e meccaniche del composito sono determinate dai dosaggi e dalle propriet dei singoli componenti (matrice cementizia e fibre). (2) Laggiunta di fibre pu migliorare la tenacit, la durabilit, nonch la resistenza allurto (resilienza), alla fatica ed allabrasione della matrice cementizia. (3) Le propriet meccaniche del calcestruzzo fibrorinforzato devono essere direttamente determinate su provini mediante prove normalizzate. (4)P Il dosaggio minimo di fibre per impieghi strutturali non deve essere inferiore allo 0.3% in volume. (5) In assenza di specifiche sperimentazioni le propriet che non sono di seguito espressamente indicate possono essere assimilate a quelle del calcestruzzo ordinario. 2.5.1 Propriet del calcestruzzo fresco 2.5.1.1 Propriet reologiche del calcestruzzo fibrorinforzato (1)P Le propriet reologiche dei calcestruzzi fibrorinforzati dipendono dalle caratteristiche di lavorabilit della matrice e dalla natura delle fibre, dal loro dosaggio e dalla loro geometria. (2) La presenza di fibre, con dosaggi tipici delle applicazioni strutturali, riduce la lavorabilit degli impasti, soprattutto nel caso di impiego di fibre con forme complesse e con elevati rapporti daspetto. Ove necessario, la lavorabilit pu essere migliorata mediante opportuni interventi sulla composizione: aumentando la frazione fine e/o riducendo il diametro massimo dellaggregato; selezionando e dosando opportunamente additivi fluidificanti.

2.5.1.2 Omogeneit dellimpasto (1)P Le fibre devono presentare una distribuzione omogenea allinterno dellimpasto. Il raggiungimento di tale condizione pu essere ostacolato dalla formazione di accumuli di fibre, comunemente indicati con i termini di grumi, ciuffi o grovigli. In particolare, la loro presenza, seppur limitata, pu provocare occlusioni tali da rendere difficoltose le operazioni di pompaggio.

14

CNR-DT 204/2006 (2) Lomogeneit dellimpasto pu essere misurata attraverso il controllo del contenuto di fibre in campioni prelevati durante diverse fasi del getto. Per le fibre metalliche si pu fare riferimento alla EN 14721. (3) Le propriet del calcestruzzo fibrorinforzato si discostano tanto pi dalle propriet nominali quanto pi ampie e diffuse sono le regioni con distribuzione disomogenea di fibre. (4) Occorre prestare particolare attenzione al possibile fenomeno di segregazione, soprattutto in presenza di matrici a base di malte rinforzate con fibre metalliche. 2.5.1.3 Ritiro in fase plastica (1)P Lampiezza delle fessure da ritiro in fase plastica ridotta dalla presenza delle fibre. (2) Le fibre che meglio soddisfano tale requisito sono le microfibre polimeriche (polipropilene).

2.5.2 Propriet meccaniche del calcestruzzo indurito 2.5.2.1 Comportamento a compressione (1)P Le fibre sono generalmente in grado di ridurre la fragilit della matrice, ma non di influenzare sensibilmente il comportamento a compressione. (2) Nella pratica, il legame costitutivo del calcestruzzo fibrorinforzato ed in particolare la sua resistenza possono essere assimilati a quelli del materiale non rinforzato. 2.5.2.2 Comportamento a trazione (1)P Le fibre migliorano il comportamento a trazione della matrice in fase fessurata, come illustrato schematicamente in Figura 2-1.

fFtu fFt
incrudente

degradante

fFtu

Figura 2-1 Comportamento a trazione. (2) Per contenuti di fibre non elevati (con percentuale volumetrica indicativamente inferiore al 2%) il comportamento di tipo degradante.

15

CNR-DT 204/2006 (3) Nel caso di elevati contenuti di fibre (con percentuale volumetrica indicativamente superiore al 2%), la resistenza pu essere superiore a quella della matrice per effetto di un comportamento incrudente, legato ad un fenomeno di multifessurazione (Figura 2-1). (4) La resistenza a trazione uniassiale di prima fessurazione del fibrorinforzato, fFt, pu essere assunta pari a quella della matrice, fct. Per materiali a comportamento degradante la resistenza fFt, pu essere assunta pari a quella di picco (Figura 2-1). (5) In entrambi i casi (comportamento degradante o incrudente), la resistenza a trazione uniassiale residua ultima del materiale, fFtu (Figura 2-1), significativamente influenzata dalla frazione volumetrica di fibre, Vf, dal rapporto daspetto, lf/df, e dalladerenza tra matrice e fibra. Tale circostanza pu essere facilmente dedotta dallequilibrio in direzione normale alla superficie di frattura, assumendo le fibre parallele a tale direzione e valutando la forza di estrazione specifica, Q:

Q = nf d f lb m =
dove:

Vf l d f lb m = Vf f m , Af df

(2.3)

- nf il numero di fibre presenti sullunit darea della superficie di rottura; - df il diametro equivalente della fibra; - lb = lf/4 la lunghezza di ancoraggio convenzionale di ciascuna fibra; - m lo sforzo tangenziale medio daderenza; - un coefficiente che tiene conto delleffettivo orientamento delle fibre; - Vf la frazione volumetrica delle fibre; - Af larea della sezione retta della singola fibra. Lequazione (2.3) fornisce un valore approssimato non tenendo conto di altri fattori, quali ad esempio la forma della fibra, linterfaccia fibra-matrice, la direzione del getto, le modalit di mescolazione e compattazione del calcestruzzo fresco che influenzano la dispersione delle fibre nella matrice ed il loro orientamento. (6) Viene suggerito, pertanto, un approccio di tipo prestazionale che identifichi sperimentalmente la curva costitutiva a trazione attraverso opportune prove su campioni di calcestruzzo fibrorinforzato. Il legame tensione nominale - apertura di fessura, N-w, pu essere determinato mediante prove di trazione uniassiale o di flessione. La prova di trazione uniassiale fornisce direttamente il legame -w e pu essere effettuata conformemente alla UNI U73041440. Nel caso di materiale con comportamento degradante tale prova risulta di non semplice esecuzione. In alternativa, pu essere utilizzata la prova di flessione eseguita in conformit alla UNI 11039 (Figura 2-2). In tal caso, la tensione nominale valutata ipotizzando un comportamento elastico del provino (con riferimento alla Figura 2-2: N = 6Pl/bh2).

16

CNR-DT 204/2006
P P

h+a=l

a l L =4 l

Figura 2-2 Prova di flessione su quattro punti di carico proposta nella UNI 11039. (7) La prova di flessione su provino non intagliato suggerita nel caso di elementi sottili inflessi, per tener conto della direzione del getto, delle modalit di mescolazione e delleffetto parete che possono giocare un ruolo rilevante (Appendice A). Questa prova consente una miglior determinazione della duttilit sezionale. (8) La resistenza post-fessurazione pu essere definita sulla base di valori puntuali, fi, corrispondenti ad assegnati valori nominali di apertura della fessura, o di valori medi, feqi, calcolati su un assegnato intervallo di apertura della fessura (Figura 2-3). Nel caso di provino intagliato, lapertura della fessura pu essere assunta convenzionalmente pari allo spostamento tra due punti posti allapice dellintaglio, CTOD.

feq1 f1 f eq2 f2

CTOD 0

w i1

CTOD 1

w i2

CTOD 2

Figura 2-3 Definizione di resistenza residua puntuale e media. (9) Il legame -w dedotto dalla prova di flessione, eseguita ad esempio con le modalit riportate in Appendice A, applicabile direttamente allanalisi di elementi inflessi. Per elementi soggetti a trazione centrata (o semplice), occorre penalizzare la resistenza mediante un coefficiente pari a 0.7. Nel caso in cui il risultato della prova di flessione su provino intagliato sia di tipo incrudente occorre ripetere la prova su provino non intagliato, per verificare la duttilit reale in assenza di intaglio. (10) Sulla base dei dati dedotti dalla prova di flessione si possono definire due legami semplificati tensione-apertura della fessura, con comportamento post-fessurativo rigido-plastico o lineare (incrudente o degradante), come schematizzato in Figura 2-4. In questultima, il simbolo fFts rappresenta la resistenza residua di esercizio, definita come resistenza post-fessurazione valutata in corrispondenza di aperture di fessure compatibili con lesercizio; il simbolo fFtu rappresenta la resistenza ultima residua. I valori tensionali, fFts e fFtu, che caratterizzano i due modelli possono essere valutati con le modalit riportate in Appendice A. 17

CNR-DT 204/2006

incrudente

fFtu fFtu fFtu


rigido-plastico

fFts
degradante

fFtu w

wu

wu

Figura 2-4 Legami costitutivi semplificati tensione-apertura della fessura. (11) Ai fini della definizione del legame costitutivo, per materiali con comportamento degradante il valore ultimo dellapertura della fessura, wu, non pu superare il valore massimo di 3 mm, nel caso di elementi inflessi, e di 1.5 mm nel caso di elementi tesi. (12) Per materiali con comportamento incrudente, in presenza quindi di multifessurazione, non necessario determinare lapertura delle fessure in quanto possibile operare direttamente in termini di tensioni e deformazioni come di seguito specificato. (13) In alternativa si pu ricorrere a modelli pi complessi presenti in letteratura purch opportunamente giustificati. 2.5.2.3 Legame costitutivo in termini di tensione-deformazione I legami finora introdotti sono espressi in termini di tensione-apertura della fessura. (1) Per materiali con comportamento degradante la definizione del legame tensionedeformazione si basa sulla identificazione dellampiezza di apertura della fessura con la variazione di lunghezza di una opportuna base, lcs, caratteristica dellelemento strutturale. La deformazione , quindi, assunta pari a:

= w / lcs.

(2.4)

In presenza di armatura tradizionale la lunghezza caratteristica, lcs, pu essere valutata a partire dalle seguenti relazioni: lcs = min{srm, y}, srm = 50 + 0.25 k1 k2 dove: - srm il valor medio della distanza tra le fessure; - y la distanza dell'asse neutro dal bordo teso della sezione valutata in fase elastica fessurata trascurando la resistenza a trazione (pre e post-fessurazione) del fibrorinforzato; [lunghezze in mm], (2.5) (2.6)

18

CNR-DT 204/2006 - un coefficiente adimensionale da assumersi pari a 1.0 per lf / d f < 50 , pari a 50 d f / lf per 50 lf / d f 100 e pari a 1/2 per lf / df > 100 ; - df il diametro delle fibre; - lf la lunghezza delle fibre; - il diametro delle barre d'armatura (nel caso di diametri diversi, pari alla loro media pesata); - k1 un coefficiente pari a 0.8 per barre nervate di armatura e pari a 1.6 per barre lisce; - k2 un coefficiente pari a 0.5 per flessione semplice o composta con y h e pari a 1.0 per trazione o per flessione composta con y > h; - h laltezza della sezione; - il rapporto geometrico tra larea delle armature e l'area della parte tesa della sezione, individuata dalla distanza y. Nel caso di sezioni senza armature tradizionali soggette a flessione, tensoflessione o pressoflessione con risultante esterna alla sezione stessa, la quantit srm assunta pari allaltezza della sezione. (2) La modalit sopra indicata per valutare la lunghezza caratteristica relativa a modelli di trave con sezione piana. Per differenti modelli cinematici (ad esempio il modello conseguente allimpiego di Elementi Finiti), occorre ridefinire tale modalit, coerentemente con il particolare modello scelto. (3) Nel caso di materiale con comportamento incrudente, la fessurazione si manifesta in modo diffuso e, pertanto, pu essere adottata una deformazione media, valutabile direttamente dalle prove sperimentali per lidentificazione dei parametri costitutivi. Il valore della deformazione ultima si assume pari all1%. (4) In definitiva, in termini di tensioni e deformazioni, il comportamento a trazione pu essere schematizzato come illustrato in Figura 2-5, con i parametri definiti nellAppendice A.

fFt=fct

fFts

fFtu

SLS

SLU

Figura 2-5 Legame sforzo-deformazione (5) Si pu far ricorso ai modelli semplificati di Figura 2-6, corrispondenti ai legami tensione apertura di fessura di Figura 2-4. Il legame rigido-plastico basato su una opportuna valutazione della resistenza residua equivalente ultima. Il legame lineare basato sulle resistenze residue equivalenti di esercizio ed ultima. Tali legami semplificati riguardano solo le resistenze residue post-fessurative. 19

CNR-DT 204/2006

incrudente

fFtu fFtu
rigido-plastico

fFtu fFtu

fFts
degradante

Fu

Fu

Figura 2-6 Legami costitutivi semplificati tensione-deformazione. 2.5.2.4 Modulo di elasticit (1) Il valore del modulo di elasticit generalmente poco influenzato dalle fibre e, pertanto, pu essere assunto pari a quello della matrice. 2.5.3 Propriet fisiche del calcestruzzo indurito 2.5.3.1 Ritiro idraulico (1)P La presenza di fibre tende a ridurre lampiezza delle fessure da ritiro idraulico. A tal fine sono generalmente pi efficaci le fibre di piccolo diametro. 2.5.3.2 Resistenza al gelo (1) La resistenza del calcestruzzo a cicli di gelo/disgelo non alterata in misura rilevante dallimpiego di rinforzi fibrosi; lo stesso vale anche in presenza di sali disgelanti, non essendo stata riscontrata una significativa dipendenza dei fenomeni di scagliatura superficiale dalla presenza delle fibre nel materiale. 2.5.3.3 Penetrazione di ioni aggressivi (1) Allo stato attuale delle conoscenze non ben noto leffetto del rinforzo fibroso sui fenomeni diffusivi nel calcestruzzo. In generale, per calcestruzzi di buona qualit, il rinforzo fibroso non influenza significativamente il trasporto di ioni aggressivi. 2.5.3.4 Carbonatazione (1) La presenza di fibre non sembra influenzare significativamente il fenomeno della carbonatazione dal momento che non sono stati rilevati incrementi della profondit del fronte di avanzamento della CO2. 2.5.3.5 Ossidazione delle fibre (1) In presenza di fibre di acciaio, possono verificarsi affioramenti localizzati di ossidi di ferro. Tale effetto generalmente limitato ad uno strato superficiale il cui spessore dipende dalla qualit della matrice e pu essere evitato proteggendo le fibre con trattamento di zincatura o utilizzando fibre di acciaio inox.

20

CNR-DT 204/2006
2.5.3.6 Comportamento al fuoco (1) Lesperienza finora acquisita sul comportamento al fuoco dei calcestruzzi rinforzati con fibre di acciaio ha consentito di formulare le seguenti considerazioni.

Basse percentuali di fibre (sino all1%) non alterano significativamente la diffusivit termica, che rimane dunque calcolabile sulla base dei dati disponibili per la matrice. Il danneggiamento provocato nel materiale da un ciclo termico spinto fino a 800 C risulta prevalentemente correlato alla massima temperatura raggiunta nel ciclo e produce un effetto irreversibile sulla matrice. Tale comportamento, rilevato prevalentemente in presenza di limitate frazioni volumetriche di fibre metalliche, suggerisce, una volta ripristinata la temperatura ambiente, di apprezzare il degrado indotto attraverso la valutazione della resistenza residua. Al variare della temperatura massima di esposizione, la resistenza di prima fessurazione risulta tendenzialmente allineata con quella della matrice. Per temperature superiori ai 600 C, le fibre migliorano il comportamento della matrice. Al variare della temperatura massima di esposizione, il modulo di elasticit dei calcestruzzi fibrorinforzati non risulta influenzato significativamente dalla presenza di limitate frazioni volumetriche ( 1%) di fibre e, pertanto, pu essere assimilato a quello della matrice.

(2) La presenza di fibre di polipropilene risulta efficace per limitare gli effetti di spalling distruttivo. In particolare, tali fibre sublimano parzialmente ad una temperatura di 170C lasciando cavit libere nella matrice. Una frazione volumetrica di fibre compresa tra lo 0.1% e lo 0.25% in grado di mitigare significativamente o di eliminare il fenomeno.

2.6

ACCIAIO

(1)P Per le barre di armatura, le propriet dellacciaio e le competenti relazioni costitutive devono corrispondere a quelle prescritte nella Normativa vigente.

21

CNR-DT 204/2006

CONCETTI BASILARI DEL PROGETTO E PROBLEMI SPECIALI


GENERALITA

3.1

(1)P Formano oggetto del presente capitolo le strutture di calcestruzzo fibrorinforzato, in presenza o assenza di armature metalliche. (2)P Il progetto deve soddisfare requisiti di resistenza ed esercizio per lintera vita attesa della struttura fibrorinforzata. (3) Lutilizzo per scopi strutturali di calcestruzzo fibrorinforzato con comportamento degradante consentito purch sia rispettato il seguente rapporto: fFtsk/fFtk > 0.2. (3.1)

(4) In tutte le strutture di calcestruzzo fibrorinforzato occorre garantire che sia soddisfatta la seguente relazione:

u 1.21,

(3.2)

dove u rappresenta il carico massimo ed 1 quello di prima fessurazione (valori indicativi di essi sono riportati in Appendice D). (5) Possono essere realizzati elementi strutturali di calcestruzzo fibrorinforzato in assenza di armatura tradizionale. Nel caso di elementi monodimensionali, oltre alle limitazioni di cui alle precedenti regole (3) e (4), il calcestruzzo fibrorinforzato deve esibire un comportamento incrudente a trazione che soddisfi le seguenti limitazioni:

(fFtu/fFts)k > 1.05; (fFtu/fFts) 1, relativamente alla singola prova.

3.2

REQUISITI FONDAMENTALI

(1)P Con le probabilit prescritte dalla Normativa vigente, il progetto della struttura di calcestruzzo fibrorinforzato deve soddisfare i seguenti requisiti fondamentali:

la struttura deve rimanere idonea alluso per il quale stata progettata, tenendo nel dovuto conto la sua vita presunta ed il suo costo; la struttura deve essere in grado di sopportare tutte le azioni cui possa essere sottoposta durante la sua realizzazione e durante il suo esercizio; la struttura deve assicurare unadeguata durabilit in relazione ai costi di manutenzione.

(2)P Inoltre, una struttura di FRC deve essere progettata in modo da evitare danni sproporzionati rispetto allentit di azioni eccezionali quali esplosioni, urti o conseguenze di errori umani.

22

CNR-DT 204/2006 (3) Il danno potenziale deve, di regola, essere mitigato o evitato mediante il ricorso ad uno dei seguenti accorgimenti:

evitando, riducendo o eliminando i rischi a cui la struttura viene esposta; scegliendo una forma strutturale poco sensibile ai rischi considerati; scegliendo uno schema strutturale che assicuri lequilibrio anche nel caso eccezionale di assenza di una delle membrature. I requisiti sopra definiti possono ritenersi soddisfatti se si garantisce: la scelta di materiali opportuni; un progetto adeguato con accorta cura di particolari costruttivi; la definizione di procedure di controllo per la produzione del calcestruzzo fibrorinforzato e per la progettazione ed esecuzione della struttura.

(4)P

3.3

VITA UTILE DELLA STRUTTURA

(1) La vita utile della struttura un requisito di progetto e deve essere definita in base alla destinazione duso.

3.4

PRINCIPI GENERALI DEL PROGETTO STRUTTURALE

3.4.1 Generalit (1)P Le verifiche degli elementi fibrorinforzati devono essere condotte sia nei riguardi degli stati limite di esercizio (SLE), che nei riguardi dello stato limite ultimo (SLU), come definiti nella Normativa vigente.

(2) La verifica nei riguardi di uno stato limite pu essere omessa a favore di quella nei confronti di un altro stato limite, sempre che la prima sia una conseguenza della seconda. (3)P Si deve verificare, mediante il metodo dei coefficienti parziali, che, in tutte le situazioni di progetto, adottando i valori di progetto delle azioni, delle sollecitazioni e delle resistenze, non sia violato alcuno stato limite. Deve cio risultare: Ed Rd, (3.3)

dove Ed ed Rd sono, rispettivamente, i valori di progetto del generico effetto preso in considerazione e della corrispondente resistenza nellambito dello stato limite esaminato. (4) I valori di progetto si ricavano da quelli caratteristici attraverso opportuni coefficienti parziali, i cui valori, per i vari stati limite, sono quelli indicati nella Normativa vigente opportunamente integrati nel presente documento per quanto attiene alla resistenza a trazione del calcestruzzo fibrorinforzato.
3.4.2 Azioni di progetto (1) Le azioni da adottare nel progetto di elementi fibrorinforzati sono quelle indicate nella Normativa vigente.

23

CNR-DT 204/2006
3.4.3 Propriet dei materiali (1)P I valori delle propriet dei materiali utilizzati nel progetto di strutture fibrorinforzate devono essere stati determinati mediante prove normalizzate di laboratorio, come quelle indicate nel Capitolo 2.

(2) Le propriet meccaniche di resistenza e deformazione dei materiali sono quantificate dai corrispondenti valori caratteristici, cos come definiti nel 3.5. (3) I soli parametri di rigidezza (moduli di elasticit) dei materiali sono valutati attraverso i corrispondenti valori medi. (4) Il valore di progetto della generica propriet di resistenza, Xd, pu essere espresso in forma generale mediante una relazione del tipo:

Xd =

Xk

(3.4)

dove Xk il valore caratteristico della generica propriet e m un coefficiente parziale del materiale.
3.4.4 Capacit resistente di progetto (1) La capacit resistente di progetto, Rd, esprimibile come:

Rd =

Rd

R { X d,i ;ad,i } =

Rd

X R k,i ;ad,i , m,i

(3.5)

dove R una opportuna funzione riconducibile allo specifico modello meccanico considerato (ad esempio quello per la flessione, per il taglio) e Rd un coefficiente parziale che tiene conto delle figureranno, in generale, i valori incertezze insite nel modello. Come argomenti della funzione R{} di calcolo, X d,i , dei materiali usati per il rinforzo ed i valori nominali, ad,i , dei parametri geometrici chiamati in causa nel modello; m il coefficiente parziale del materiale.

3.5

VALORI CARATTERISTICI DELLE RESISTENZE

(1) Il valore caratteristico della resistenza a compressione, fF, deve essere calcolato come suggerito dalla Normativa vigente per il materiale costituente la matrice. (2)P Il valore caratteristico della resistenza a trazione, fFtk, dipende dalla struttura oltre che dalle prove eseguite su campioni. (3) Il valore caratteristico della resistenza a trazione, fFtk, pu essere determinato a partire da quello medio, fFtm, come:

f Ftk = f Ftm - k s ,
dove s lo scarto quadratico medio.

(3.6)

24

CNR-DT 204/2006 Il coefficiente pu tener conto degli effetti di iperstaticit strutturale, come riportato in Appendice D. Valori tipici di e k sono riportati in Appendice D.

3.6

COEFFICIENTI PARZIALI

3.6.1 Coefficienti parziali dei materiali (1) Per gli stati limite ultimi, possibili valori da attribuire ai coefficienti parziali sono riportati in Tabella 3-1.

(2) Per gli stati limite di esercizio, si suggerisce di attribuire un valore unitario a tutti i coefficienti parziali.
Tabella 3-1 Coefficienti parziali.

Materiale Calcestruzzo fibrorinforzato in compressione Calcestruzzo fibrorinforzato in trazione non fessurato Calcestruzzo fibrorinforzato in trazione fessurato (resistenze residue) Acciaio

Applicazioni di tipo A(1) come prescritto dalla Normativa vigente (in assenza di fibre) come prescritto dalla Normativa vigente (in assenza di fibre)

Applicazioni di tipo B(2) come prescritto dalla Normativa vigente (in assenza di fibre) come prescritto dalla Normativa vigente (in assenza di fibre)

F = 1.5
come prescritto dalla Normativa vigente

F = 1.3
come prescritto dalla Normativa vigente

(1) Controllo di qualit ordinario sul materiale; resistenze ottenute con prove standard nominali (Appendice B). (2) Elevato controllo di qualit sul materiale e su elementi strutturali; resistenze ottenute con prove strutturali specifiche (Appendice B). Nota: i valori dei coefficienti parziali del calcestruzzo fibrorinforzato a trazione, F, risultano inferiori di quelli relativi al calcestruzzo in compressione, c, poich non sono applicati al valore di picco, ma ad un valore di resistenza residuo.

3.6.2 Coefficienti parziali Rd per i modelli di resistenza (1) Per gli stati limite ultimi, con riferimento ai modelli di resistenza riportati nel Capitolo 4, si suggerisce di attribuire un valore unitario ai coefficienti parziali di meccanismo, Rd.

3.7

REQUISITI DI DURABILITA

(1) Per assicurare durabilit alla struttura di calcestruzzo fibrorinforzato vanno tenuti in debito conto: luso previsto della struttura; le condizioni ambientali attese; la composizione, le propriet e le prestazioni dei materiali componenti (matrici, fibre, acciaio); i particolari costruttivi; il livello di controllo; ladozione di particolari misure protettive; la manutenzione attesa durante la vita utile.

25

CNR-DT 204/2006 (2) Per quanto concerne i requisiti generali di durabilit degli elementi strutturali di calcestruzzo fibrorinforzato ed i relativi criteri di progettazione ed esecuzione si applica quanto prescritto nella norma UNI EN 12390-8 (profondit di penetrazione dell'acqua sotto pressione). (3) Vengono considerate le seguenti classi di esposizione (UNI EN 206-1): X0: assenza di rischio di corrosione o attacco (per calcestruzzo in ambiente molto asciutto); XC: corrosione indotta da carbonatazione; XD: corrosione indotta da cloruri esclusi quelli provenienti dallacqua di mare; XS: corrosione indotta da cloruri presenti nellacqua di mare; XF: attacco dei cicli gelo/disgelo con o senza sali disgelanti; XA: attacco chimico.

(4) Raccomandazioni per la scelta del tipo di fibra in relazione alle classi di esposizione e alla matrice di calcestruzzo sono fornite in Tabella 3-2, limitatamente alle fibre di acciaio. Le fibre possono essere classificate per il tramite di una sigla distintiva, costituita da una lettera seguita da un numero. In particolare, con la lettera si identifica il processo di produzione della fibra ( 2.2): A: da filo trafilato; B: da lamiera tagliata; C: da altre fabbricazioni.

Con il numero si identifica invece la composizione chimica della fibra: 1: basso contenuto di carbonio; 2: alto contenuto di carbonio; 3: inox.

La sigla ST indica leventuale presenza di trattamento superficiale.


Tabella 3-2 Raccomandazioni nella scelta delle fibre di acciaio in funzione della classe di esposizione e del tipo di calcestruzzo.
Classi di esposizione
Nessun rischio di corrosione o attacco

Corrosione da cloruri Corrosione da carbonatazione Altri cloruri (diversi dall'acqua di mare) XD1 XD2 XD3 SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI Attacco gelo/disgelo Acqua marina XS1 SI SI SI SI SI SI SI SI SI XS2 SI SI SI SI SI SI SI XS3 SI SI SI XF1 SI SI SI SI SI SI SI SI SI XF2 SI SI SI SI SI SI XF3 SI SI SI SI SI SI XF4 SI SI SI SI SI XA1 SI SI SI SI SI XA2 SI SI SI XA3 SI Ambienti chimici aggressivi

Tipo di calcestruzzo

Tipo di fibra A3-B3-C3 A1-B1-C1 ST A1-B1-C1 A2-B2-C2 ST A2-B2-C2 A3-B3-C3 A1-B1-C1 ST A1-B1-C1 A2-B2-C2 ST A2-B2-C2 A3-B3-C3 A1-B1-C1 ST A1-B1-C1 A2-B2-C2 ST A2-B2-C2 X0 SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI XC1 SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI XC2 SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI XC3 SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI XC4 SI SI SI SI SI SI SI SI SI -

C1

C2

C3

(5) Allo stato attuale delle conoscenze, non sono ancora disponibili indicazioni per fibre polimeriche e per fibre di carbonio. 26

CNR-DT 204/2006

(6) Per la classificazione della matrice si fa riferimento alla impermeabilit del calcestruzzo, valutata attraverso la prova di penetrazione dellacqua in pressione secondo lo standard UNI ENV 206. Le matrici possono essere distinte nelle seguenti classi: C1: se il valore massimo di penetrazione dellacqua inferiore a 20 mm ed in media non superiore a 10 mm; C2: se il valore massimo inferiore a 50 mm ed in media non superiore a 20 mm; C3: per gli altri casi.

(7) Ladozione progettuale delle raccomandazioni della Tabella 3-2 garantisce la realizzazione di elementi strutturali durevoli sulla base di una vita attesa di almeno 50 anni, in condizioni ordinarie di manutenzione. (8) Qualora si considerino combinazioni diverse da quelle indicate o una vita attesa pi lunga, il progettista tenuto a motivare in modo circostanziato le scelte operate con riferimento allo specifico progetto. Di regola, in tali casi deve essere considerata, nel calcolo progettuale, una sezione ridotta (da valutarsi caso per caso) di almeno 1 cm, per ogni fronte esposto ad attacco, rispetto alle misure realizzate in opera. (9) Negli elementi strutturali realizzati con calcestruzzo fibrorinforzato lampiezza delle fessure limitata dallintroduzione delle fibre nella matrice. I valori del copriferro netto possono anche essere opportunamente ridotti, rispetto a quelli indicati dalla Normativa vigente per le strutture di calcestruzzo non fibrorinforzato, cos come indicato al 6.3.2(2). (10) Lutilizzo di fibre di polietilene o di polivinialcol con frazione volumetrica superiore al 2% assicura valori ridotti dellampiezza delle fessure ( 60 m) anche per valori elevati di deformazione (1%). Per tali ampiezze di fessurazione, ai fini della durabilit, il calcestruzzo pu essere considerato non fessurato.

27

CNR-DT 204/2006

4
4.1

VERIFICA DI RESISTENZA ALLO STATO LIMITE ULTIMO


STATO LIMITE ULTIMO PER ELEMENTI MONODIMENSIONALI

4.1.1 Generalit

(1)P Il progetto allo SLU di elementi trave soggetti a flessione richiede la valutazione del momento resistente ultimo ed il confronto con il momento di progetto. (2)P Le ipotesi fondamentali su cui si basa lanalisi allo SLU di sezioni di calcestruzzo fibrorinforzato sono le seguenti: conservazione della condizione di sezioni piane fino a rottura, in modo che il diagramma delle deformazioni normali sia lineare; perfetta aderenza tra calcestruzzo fibrorinforzato ed armatura metallica di rinforzo (se presente); legame costitutivo del calcestruzzo fibrorinforzato del tipo specificato nei 2.5.2.1 e 2.5.2.3; legame costitutivo delle barre darmatura di acciaio (se presenti) conforme alla Normativa vigente.

(3)P Si ipotizza che la rottura per flessione si manifesti quando si verifica una delle seguenti condizioni: raggiungimento della massima deformazione di compressione, cu, nel calcestruzzo fibrorinforzato; raggiungimento della massima deformazione di trazione, su, nellacciaio darmatura (se presente); raggiungimento della massima deformazione di trazione, Fu, nel calcestruzzo fibrorinforzato.

Nel caso di legame costitutivo di tipo degradante, la massima deformazione di trazione, Fu, assunta pari al 2%. Il valore ultimo dellapertura di fessura, wu, deve comunque soddisfare la limitazione: wu = ulcs 3 mm. Il concomitante valore di tensione (nel ramo post-fessurazione del legame costitutivo) assunto come valore della tensione residua ultima. Nel caso di legame costitutivo di tipo incrudente, la deformazione massima di trazione, Fu, assunta pari all1%.
4.1.2 Pressoflessione (1) Per un assegnato valore di progetto dello sforzo normale sollecitante, NSd, il momento ultimo, MRd, valutabile mediante le equazioni di equilibrio alla traslazione e alla rotazione.

(2) La determinazione del momento ultimo pu essere effettuata con riferimento alle distribuzioni di deformazione e di tensione riportate nella Figura 4-1, corrispondenti ai legami costitutivi del calcestruzzo fibrorinforzato di cui ai 2.5.2.1 e 2.5.2.3 e dellacciaio di armatura (se presente) in accordo con la Normativa vigente. 28

CNR-DT 204/2006 (3) Con riferimento alla situazione riportata in Figura 4-1 in accordo con quanto previsto dallEurocodice 2 (EC2), la valutazione del momento ultimo per un assegnato sforzo normale resistente pu eventualmente essere effettuata sulla base di legami costitutivi semplificati (legami corrispondenti alla massima tensione di compressione e alla tensione di post-fessurazione a trazione, vedere 2.5.2.3), verificando a posteriori che non siano violate le deformazioni ultime cu, su ed Fu dei materiali e, nel contempo, la modalit di rottura.
cu x f cd

f cd x
NSd M Rd

Asl

y su Fu

f Fts / F

incrudente

degradante

f Ftu / F

Figura 4-1 Stato limite ultimo per pressoflessione: utilizzo dei legami semplificati (stress-block con coefficienti e secondo EC2). 4.1.3 Taglio 4.1.3.1 Generalit Per le verifiche allo SLU sotto sollecitazione tagliante, gli elementi monodimensionali (travi) devono rispettare le prescrizioni di cui ai paragrafi successivi. 4.1.3.2 Metodo di calcolo a taglio di travi in assenza di armatura longitudinale e trasversale convenzionale (1)P Nel caso di elementi caratterizzati da materiale con comportamento a trazione incrudente e in assenza di armature longitudinali e trasversali convenzionali, la tensione principale di trazione, 1, non pu superare il valore della resistenza ultima di progetto a trazione:

f Ftuk

(4.1)

(2)P Nel caso di elementi caratterizzati da materiale con comportamento a trazione degradante non ammessa la realizzazione di travi prive di armatura longitudinale e trasversale convenzionale.
4.1.3.3 Metodo di calcolo a taglio di travi con armatura longitudinale tradizionale e in assenza di armatura trasversale convenzionale (1)P Il valore di progetto della resistenza a taglio di elementi con armatura longitudinale convenzionale, in assenza di armatura trasversale convenzionale, fornito dalla seguente relazione:
3 0.18 f k 100 1 1 + 7.5 Ftuk fck + 0.15 cp bW d VRd,F = fctk c 1

[tensioni in MPa] ,

(4.2)

con un valore minimo pari a: 29

CNR-DT 204/2006

VRd,Fmin = ( vmin + 0.15 cp ) bw d ,

(4.3)

dove vmin un coefficiente pari a 0.035 k 3 / 2 f ck1 / 2 e - c il coefficiente parziale del calcestruzzo compresso riferito alla resistenza cilindrica fck; 200 - k un fattore che tiene conto delleffetto scala ed pari a 1 + 2 .0 ; d - d laltezza utile della sezione; - l la percentuale di armatura ancorata al lembo teso nella sezione considerata per la verifica, da assumersi pari a: l=Asl/bwd 0.02; - Asl larea dellarmatura tesa sufficientemente ancorata oltre la sezione considerata per la verifica; - fFtuk il valore caratteristico della resistenza residua ultima a trazione del calcestruzzo fibrorinforzato, valutata da legame costitutivo rigido-plastico o dal legame costitutivo lineare assumendo wu = 1.5 mm (vedere Appendice A); - fctk il valore caratteristico della resistenza a trazione della matrice come definita dalla Normativa vigente; - fck il valore caratteristico della resistenza cilindrica a compressione come definita dalla Normativa vigente; - cp= NEd/Ac la tensione media agente sulla sezione trasversale di solo calcestruzzo, Ac, per effetto dellazione assiale NEd dovuta al carico esterno o alla precompressione (da considerarsi positiva se di compressione); - bw la pi piccola corda nella parte tesa della sezione trasversale dellelemento.
(2) Per elementi strutturali caricati allestradosso (carichi non appesi), ad una distanza, a, dallappoggio compresa tra 0.5d e 2d, il taglio sollecitante pu essere ridotto secondo il coefficiente = a/(2d). Tale procedura pu essere applicata solo se le armature longitudinali sono efficacemente ancorate in corrispondenza dellappoggio considerato. Nel caso a < 0.5d, si assume a = 0.5d. (3) In presenza di carichi concentrati vicini agli appoggi e in regioni diffusive, la verifica pu essere eseguita con modelli del tipo puntone-tirante (strut-and-tie). La massima resistenza a taglio non pu eccedere la massima resistenza del puntone, VRd,max, definita al successivo 4.1.3.4.
4.1.3.4 Metodo di calcolo a taglio di travi con armatura longitudinale e trasversale convenzionale (1) La resistenza ultima a taglio del calcestruzzo fibrorinforzato, VRd, in presenza di armatura trasversale pu essere valutata come somma del contributo a taglio dellarmatura danima, VRd,s, pi quello del calcestruzzo fibrorinforzato, VRd,F:

VRd = VRd,s + VRd,F .


Il termine VRd,s pu essere calcolato come:
VRd,s = Asw z f ywd ( cot + cot ) sin , s
30

(4.4)

(4.5)

CNR-DT 204/2006

dove:
- langolo dinclinazione della biella compressa rispetto allasse della trave, che pu essere assunto, in assenza di precompressione, pari a 45; - langolo formato dallarmatura traversale rispetto allasse longitudinale della trave; - z il braccio della coppia interna, che pu essere assunto pari a 0.9d; - Asw larea dellarmatura trasversale convenzionale; - s il passo dellarmatura trasversale convenzionale; - fywd la resistenza di progetto allo snervamento dellacciaio dellarmatura trasversale.

Nellequazione (4.5), larea dellarmatura trasversale, Asw, non pu eccedere il seguente valore di soglia:
Asw,max 0.5 f cd sin bw s , 1 cos f ywd

(4.6)

dove v un fattore di riduzione della resistenza a compressione in presenza di fessurazione da taglio, valutabile attraverso la seguente relazione:

= 0.6 1

f ck 250

[MPa].

(4.7)

In ogni caso, la resistenza a taglio non pu superare quella massima offerta dal puntone compresso di calcestruzzo, VRd,max, definita come:

VRd,max =

bw z f cd ( cot + cot )

(1 + cot )
2

(4.8)

4.1.3.5 Armatura minima a taglio (1) E consentito di non prevedere la presenza di armature trasversali convenzionali (staffe) qualora sia rispettata la seguente limitazione:
f Ftuk f ck 20

[MPa],

(4.9)

dove fFtuk deve essere valutata da legame costitutivo rigido-plastico o dal legame costitutivo lineare assumendo wu = 1.5 mm (vedere Appendice A). Tale limitazione permette di contenere lo sviluppo e la diffusione della fessurazione inclinata e, pertanto, di garantire unadeguata duttilit alla struttura. (2) Nel caso in cui la suddetta limitazione fosse violata, deve essere prevista unarmatura trasversale convenzionale (staffe) proporzionata in accordo alle normative vigenti per le strutture in calcestruzzo armato ordinario. (3) In presenza di unelevata percentuale di armatura in zona compressa deve essere valutata lopportunit di disporre staffe per evitare linstabilit delle barre compresse.
31

CNR-DT 204/2006
4.1.4 Torsione 4.1.4.1 Metodo di calcolo a torsione di travi in assenza di armatura longitudinale e trasversale convenzionale (1)P Nel caso di elementi caratterizzati da materiale con comportamento a trazione incrudente e in assenza di armature longitudinali e trasversali convenzionali, la tensione principale di trazione, 1, non deve superare il valore della resistenza ultima di progetto a trazione:

f Ftuk

(4.10)

4.1.4.2 Metodo di calcolo a torsione di travi con armatura longitudinale e trasversale convenzionale (1) Nel caso di elementi con armature longitudinali e trasversali convenzionali, il contributo delle fibre pu essere tenuto in conto adottando opportune modellazioni.

4.2

ELEMENTI LASTRA

4.2.1 Elementi senza armatura convenzionale (1) Per elementi bidimensionali piani di materiale fibrorinforzato caricati nel piano medio (lastre) (Figura 4-2), la verifica di resistenza si effettua con riferimento agli sforzi normali, nx e ny, nonch a quelli tangenziali, nxy, assunti positivi se diretti come indicato in Figura 4-2. I competenti sforzi normali principali, n1 ed n2 (<n1), positivi se di trazione, possono essere determinati mediante le seguenti relazioni:

n1 =

1 ( nx + ny ) + 2

(n

2 2 ny ) + 4 nxy , 2 2 ny ) + 4 nxy .

(4.11)

n2 =

1 ( nx + ny ) 2

(n

(4.12)

La verifica di resistenza, per n1 0, consiste nellaccertare che siano soddisfatte le seguenti limitazioni:
n1 f Ftud t

per ( 0.3 f Fd t ) n2 ( f Ftud t ) ,

(4.13) (4.14)

f t + n2 n1 f Ftud Fd per ( f Fd t ) n2 ( 0.3 f Fd t ) , 0.7 f Fd

essendo:
fFtud = f Ftuk f ; fFd = ck . F c

(4.15)

Per n1<0, la verifica di resistenza si particolarizza nella forma:


32

CNR-DT 204/2006
f Fd t n2 n1 0 .

(4.16)

y ny nyx 1 nxy nx 1 t

x Figura 4-2 Stato tensionale piano.


(2) In tutti i casi in cui vengano impiegati materiali con comportamento incrudente richiesta la verifica agli SLE.
4.2.2 Elementi con armatura convenzionale (1) Per elementi lastra realizzati con calcestruzzo fibrorinforzato, definiti come al 4.2.1 e provvisti di un'orditura di armature ortogonali disposte lungo gli assi x e y (Figura 4-2) e di aree per unit di larghezza, rispettivamente, asx e asy, la verifica di resistenza consiste nellaccertare che siano soddisfatte le seguenti limitazioni:

nxy asx f sd f Fd t + nx ( asx f sd + f Ftud t nxy

),

(4.17)

( a

nxy f f t n n a f f t + + ) sy sd Fd xy y sy sd Ftud ,
nxy

(4.18)

(f Fd + f Ftud ) t 1+ 2

(4.19)

dove, assumendo nx > ny, si posto:

2 nxy
2 (nx ny ) (nx ny ) 2 + 4 nxy

(4.20)

33

CNR-DT 204/2006

4.3

ELEMENTI PIASTRA

4.3.1 Elementi senza armatura convenzionale (1) Per elementi piastra senza armatura convenzionale (Figura 4-3) soggetti a prevalenti sforzi di flessione, la verifica di resistenza pu essere effettuata con riferimento al momento resistente, mRd, valutato ipotizzando il legame costitutivo rigido-plastico (Figura 2-4):

mRd =

f Ftud t 2 2

(4.21)

t x mx

m xy qx

m yx my qy y

Figura 4-3 Elemento di piastra inflessa.

(2) Nel caso di azione contemporanea di due momenti flettenti mx e my agenti in direzioni ortogonali, la verifica allo SLU richiede il soddisfacimento della limitazione:
mx my + 1. mRd mRd
2 2

(4.22)

(3) Al fine di considerare la ridistribuzione degli sforzi, si pu operare con metodi di analisi non lineare (analisi limite o non lineare evolutiva).
4.3.2 Elementi con armatura convenzionale (1) La verifica di elementi di calcestruzzo fibrorinforzato con armatura convenzionale pu essere eseguita con i metodi tradizionalmente adottati per il calcestruzzo armato; il contributo delle fibre pu essere considerato adottando metodi di analisi non lineare (analisi limite, analisi non lineare evolutiva).

34

CNR-DT 204/2006

5
5.1

STATO LIMITE DI ESERCIZIO


VERIFICA DELLE TENSIONI

(1) La verifica delle tensioni di compressione in esercizio deve essere eseguita in accordo con la Normativa vigente. (2) Nel caso di elementi strutturali realizzati con materiali degradanti, la verifica delle tensioni di trazione in esercizio implicitamente soddisfatta se lelemento verificato allo SLU. (3) Nel caso di elementi strutturali realizzati con materiali incrudenti, deve essere eseguita la verifica delle tensioni di trazione in esercizio imponendo il soddisfacimento della limitazione:

t 0.6fFtuk.

(5.1)

5.2

APERTURA DELLE FESSURE

(1) Lampiezza caratteristica delle fessure, wk, in elementi di calcestruzzo fibrorinforzato, pu essere valutata utilizzando la seguente relazione:
wk = srm sm ,

(5.2)

dove:
- srm la distanza media finale tra le fessure calcolata con lequazione (2.6); - sm la deformazione media nellacciaio che, in accordo alla Normativa vigente, tiene conto, nella condizione di carico considerata, degli effetti di tension stiffening, di ritiro, ecc.; - un coefficiente che correla lampiezza media delle fessure al valore di progetto, i cui valori possono essere dedotti dalla Normativa vigente con riferimento ai calcestruzzi ordinari.

(2) Nella valutazione di sm si pu tener conto della resistenza a trazione del calcestruzzo fibrorinforzato ed assumere, lungo la zona tesa della sezione trasversale, una distribuzione costante di tensioni pari a fFtsk.

5.3

ARMATURA MINIMA PER IL CONTROLLO DELLA FESSURAZIONE

(1) Per governare la fessurazione, negli elementi inflessi necessario prevedere unarmatura minima di area non inferiore a:
As,min = ( kc ks kp f ctm f Ftsm )

Act

(5.3)

dove:
- fctm il valore medio della resistenza a trazione della matrice; - fFtsm il valore medio della resistenza residua di esercizio del fibrorinforzato; - Act larea di calcestruzzo della sezione soggetta a trazione, determinata assumendo uno stato di sforzo al limite elastico;

35

CNR-DT 204/2006

tensione di snervamento dellacciaio; - kc, ks, kp sono dei coefficienti correttivi i cui valori sono definiti dallEC2.

s la massima tensione ammissibile nellarmatura in fase fessurata, da potersi assumere pari alla

(2) Nel caso in cui As,min risulti negativa, larmatura minima pu essere costituita unicamente da rinforzo fibroso.

36

CNR-DT 204/2006

ESECUZIONE

Nel seguito sono riportate le indicazioni specifiche per lesecuzione degli elementi strutturali di calcestruzzo fibrorinforzato.

6.1

COMPOSIZIONE DELLA MISCELA

(1) La scelta dei componenti e del loro dosaggio nella miscela, oltre che con riferimento alle propriet meccaniche di resistenza attese per il calcestruzzo fibrorinforzato indurito, pu essere fatta con riferimento al tipo ed alla geometria specifica dellelemento strutturale da realizzare. (2) In particolare, la lunghezza delle fibre e la dimensione massima dellaggregato devono essere correlate tra loro per garantire una uniforme ed efficiente distribuzione delle fibre. A tal fine la dimensione massima dellaggregato non deve essere superiore a 0.5 volte la lunghezza delle fibre. (3) Per ridurre il rischio di una eventuale agglomerazione di fibre, per laggregato deve essere adottata una granulometria continua. (4) Per assicurare una completa ed uniforme distribuzione delle fibre, la loro lunghezza va correlata alle dimensioni minime (spessori) dellelemento strutturale da realizzare.

6.2

POSA DELLE ARMATURE

(1) Per quanto concerne lassemblaggio ed il posizionamento delle armature tradizionali si deve procedere nel rispetto della Normativa vigente. (2) Particolare attenzione va posta alla presenza di armature ortogonali alla direzione del getto, le quali possono ostacolare il regolare flusso del calcestruzzo fresco allinterno della cassaforma. Prevedendo tale eventualit gi in fase di progettazione, occorre evitare che tali impedimenti compromettano lomogeneit di distribuzione delle fibre.

6.3

DIMENSIONI MINIME

Salvo particolari specifiche, le dimensioni minime dello spessore dellelemento strutturale da realizzare, t, e dellinterferro, i, sono definite in funzione della lunghezza della fibra, lf, della dimensione massima dellaggregato, da, e del diametro di armatura, , come di seguito specificato. Il valore minimo del copriferro netto correlato a quello previsto dalla Normativa vigente per le strutture di calcestruzzo ordinario.
6.3.1 Spessore minimo relativo (1) Lo spessore minimo dellelemento strutturale, t, va definito nel rispetto delle seguenti limitazioni:

valore minimo locale: t 2.0da; sezioni senza armatura o con unico strato di armatura: t 2.4da; sezioni con pi strati di armatura: t 4.0da.

37

CNR-DT 204/2006
6.3.2 Spaziatura di armatura e copriferro minimi (1) I valori minimi della spaziatura netta tra le barre, al variare del tipo di armatura, sono riportati in Tabella 6-1. Tabella 6-1 Valori minimi dellinterferro al variare del tipo di armatura.
Tipo di armatura Staffe e reti Barre Interferro netto 1.6da 0.8lf 1.0da 1.0 0.8 lf 1.2da 2.0 1.0lf

Cavi pretesi

(2) Il valore minimo del copriferro netto per le barre di armatura in elementi di calcestruzzo fibrorinforzato pu essere assunto pari all80% dellanalogo valore indicato nella Normativa vigente per le strutture di calcestruzzo armato ordinario.

6.4

ESECUZIONE DEI GETTI

(1) Per quanto concerne le specifiche delle casseforme e dei loro trattamenti superficiali, dei sistemi di supporto e delle fondazioni, si deve fare riferimento alla Normativa vigente. (2) Il calcestruzzo fibrorinforzato deve essere prodotto seguendo le stesse modalit di confezione dei conglomerati cementizi ordinari ad eccezione di quanto deriva dallintroduzione delle fibre. (3) Al fine di garantire luniformit dellimpasto, si deve valutare, in funzione delle esigenze specifiche, lo stato delle fibre (sfuse, impacchettate con colle idrosolubili) prima del loro inserimento nella matrice. In particolari situazioni pu risultare necessario luso di sistemi per la setacciatura delle stesse (sbrogliatori). (4) Limpasto fresco deve essere posato in modo che ne sia garantita una buona compattazione e omogeneit, affinch le sue caratteristiche nominali e strutturali di progetto possano essere attinte. Si deve pertanto porre attenzione alla durata di una eventuale vibrazione ed alla modalit di esecuzione (a banco, esterna), al fine di evitare la segregazione delle fibre, che comprometterebbe la loro uniforme distribuzione. (5) Particolare cura deve essere posta in corrispondenza delle armature, degli inserti, dei volumi ridotti e delle riprese di getto.

38

CNR-DT 204/2006

RESISTENZA AL FUOCO

(1) Per la determinazione della capacit portante di elementi strutturali di calcestruzzo fibrorinforzato, R, soggetti a carico dincendio, si possono adottare sia il metodo sperimentale che quello analitico. A tal riguardo, pu essere seguito lapproccio proposto dalla norma UNI 9502 o da altra norma che preveda limpiego dei suddetti metodi a strutture di calcestruzzo armato. (2) Per lapplicazione del metodo sperimentale si rimanda alla norma assunta come riferimento senza indicazioni aggiuntive. (3) Per lapplicazione del metodo analitico e con esplicito riferimento a calcestruzzi rinforzati con fibre metalliche, devono essere svolte le seguenti operazioni:

analisi delle sollecitazioni di progetto allo SLU con le combinazioni di azioni indicate dalla norma assunta come riferimento; calcolo della distribuzione delle temperature sulla sezione critica della struttura mediante unanalisi termica che utilizzi i parametri tipici del calcestruzzo senza rinforzo, come definiti dalla norma di riferimento per il tempo di esposizione richiesto; analisi della capacit resistente della sezione critica utilizzando, per il calcestruzzo rinforzato con fibre metalliche, il coefficiente di degrado meccanico a compressione, KFc(T), e quello a trazione, KFt(T), entrambi funzioni della temperatura, T, da determinarsi su base sperimentale (in Figura 7-1 riportato con linea tratteggiata landamento qualitativo del grafico di KFt(T) e con linea continua quello da assumere in via cautelativa in assenza di sperimentazione diretta); nel caso di strutture a molte iperstatiche, pu risultare necessario non limitarsi al calcolo sezionale ed eseguire invece unanalisi di tipo globale.
KFt 1.2 1 0.8 0.6 0.4 0.2 0 0 100 200 300 400 500 600 700 800 900

(C)

Figura 7-1 Coefficiente di degrado meccanico KFt.

(4) Per la valutazione del contributo del calcestruzzo fibrorinforzato alla capacit resistente, facendo riferimento a quanto specificato al 3.6.1, si introduce un coefficiente parziale di sicurezza, F, pari a 1.2 per applicazioni di tipo A e pari a 1.1 per applicazioni di tipo B, allorch siano previsti controlli per produzioni continuative. 39

CNR-DT 204/2006

(5) Per i coefficienti di degrado e di sicurezza degli altri materiali si assumono quelli indicati dalla norma assunta come riferimento. (6) NellAppendice E sono riportate indicazioni per la determinazione sperimentale del coefficiente di degrado del calcestruzzo rinforzato con fibre metalliche, KFt(T); per il comportamento in compressione si pu fare, invece, riferimento al caso di calcestruzzo ordinario.

40

CNR-DT 204/2006

8
8.1

COLLAUDO E CONTROLLI DI PRODUZIONE


COLLAUDO

(1) Per elementi strutturali di calcestruzzo fibrorinforzato nelle cui verifiche di resistenza interviene il contributo delle fibre, devono essere previste opportune prove di carico al fine di validare le ipotesi di progetto. Tali prove devono riguardare tutti i tipi di elementi realizzati e, ove possibile, per ogni tipo, lelemento pi sollecitato. Le prove devono essere svolte preliminarmente; in alternativa, esse possono essere svolte in sede di collaudo finale. In ogni caso, il carico applicato deve produrre sollecitazioni pari ad almeno 1.2 volte quelle previste nelle condizioni di esercizio. Il collaudo da considerarsi positivo se il comportamento sperimentale corrisponde alle ipotesi progettuali.

8.2

CONTROLLI DI PRODUZIONE PER APPLICAZIONI TIPO A

(1) Oltre alle prove ed ai controlli previsti dalle norme di riferimento per le strutture di calcestruzzo armato ordinario, la produzione di elementi strutturali di calcestruzzo fibrorinforzato va sottoposta ad ulteriori controlli specifici che assicurino la conformit dei prodotti ai requisiti di funzionalit, durabilit e resistenza richiesti. I controlli aggiuntivi di produzione, realizzati sotto la responsabilit del direttore dei lavori, sono riportati in Tabella 8-1.
Tabella 8-1 Prove durante la produzione.
Oggetto Propriet corretta miscelazione Metodo Frequenza Registrazione

ogni giorno di getto di miscela apposito modulo omogenea ogni 50 m3 di getto *peso dopo separazione di miscela contenuto di fibre FRC fresco fibre-matrice [v. CEN omogenea o almeno apposito modulo prEN 14721 2004] due controlli al giorno resistenza prima fessurazione FRC indurito Appendice A Appendice B apposito modulo resistenze equivalenti FRC indurito Appendice A Appendice B apposito modulo (*) valida solo per le fibre metalliche (per le fibre di altro tipo occorre mettere a punto modalit specifiche). FRC fresco ispezione visiva [v. UNI EN 206-1 2001]

(2) Per i manufatti per i quali la distribuzione omogenea delle fibre risulta una caratteristica peculiare, previsto il controllo del contenuto di fibre sul calcestruzzo indurito. Per manufatti realizzati con fibre metalliche, il controllo effettuato mediante microcarotaggi e pesatura dopo la separazione della matrice dalle fibre, secondo la norma CEN prEN 14721. Per manufatti realizzati con altri tipi di fibre vanno disposte apposite procedure.

8.3

CONTROLLI DI PRODUZIONE PER APPLICAZIONI TIPO B

(1) Per le applicazioni di tipo B (vedere 3.6.1), in aggiunta a quanto specificato al 8.2, richiesto che: - le prove di carico previste al 8.1 debbano essere condotte preliminarmente su almeno 2 manufatti fino alla rottura, per verificarne la corrispondenza con le ipotesi progettuali; - la produzione debba avvenire in un sistema di qualit certificato da un ente riconosciuto. 41

CNR-DT 204/2006

APPENDICE A (SULLA RESISTENZA A TRAZIONE: IDENTIFICAZIONE DEI PARAMETRI COSTITUTIVI)


MATERIALI DEGRADANTI A TRAZIONE IDENTIFICATI CON PROVE DI FLESSIONE

9.1

9.1.1 Modello elastico lineare Il modello elastico lineare individua due valori di riferimento, fFts e fFtu, sulla base del comportamento allo SLE ed allo SLU. Essi possono essere definiti sulla base di valori equivalenti delle resistenze a flessione mediante le seguenti relazioni:

f Fts = 0.45 f eq1 ,


w f Ftu = k f Fts u (f Fts 0.5 f eq2 + 0.2 f eq1 ) 0 , wi2

(9.1) (9.2)

dove: - feq1 e feq2 sono, rispettivamente, le resistenze equivalenti post-fessurazione significative per lo stato limite di esercizio e per lo stato limite ultimo (Figura 9-1a); - k un coefficiente da assumersi pari a 0.7 per sezioni interamente tese e pari a 1 negli altri casi; - wi2 il valore medio delle aperture delle fessure corrispondenti agli estremi dellintervallo in cui valutato feq2 (Figura 9-1). Le equazioni (9.1) e (9.2) sono ancora valide qualora si considerino i valori puntuali f1 ed f2, purch si assuma per wi2 il valore superiore dellintervallo considerato (CTOD2; Figura 2-3). Le suddette relazioni sono ricavabili sulla base di semplici considerazioni di equilibrio applicate alla sezione rettangolare inflessa, che corrisponde alla sezione critica del provino sperimentato. In particolare, lequazione (9.1) pu essere ricavata supponendo che, per valori contenuti di apertura della fessura, tipici della situazione di esercizio (w 0.6 mm), valgano le seguenti ipotesi: - sezioni piane; - comportamento del materiale elasto-plastico a trazione (con valore massimo pari a fFts (Figura 9-2a); - comportamento del materiale elastico lineare a compressione (Figura 9-2a). Se si scelgono come incognite la tensione fFts e la curvatura in corrispondenza della sezione critica e si assume lo stesso modulo di elasticit a trazione e a compressione, si pu agevolmente risolvere il successivo sistema (9.4) ipotizzando al lembo teso il seguente valore della deformazione:
wi1 , lcs

F1 =
dove:

(9.3)

42

CNR-DT 204/2006
- wi1 il valore medio delle aperture di fessura (CTOD0 e CTOD1); - lcs laltezza critica della sezione del provino, ovvero laltezza h del provino al netto dellintaglio (Figura 9-3).

Il sistema il seguente:
N = 0, M ( F1 ) = f eq1 b h 2 6 . (9.4)

Per altezze di sezione critica variabili tra 40 mm e 150 mm, il valore della costante che correla fFts ad feq1 risulta prossimo al numero 0.45 proposto. La (9.2) ottenuta ipotizzando un legame lineare tra i punti di ascissa wi1 e wi2, esteso fino al punto di ascissa wu (Figura 9-2b). Il valore di tensione relativo allapertura wi2 si ricava sulla base dellequilibrio alla rotazione (equazione (9.5)), assumendo che la risultante delle compressioni, C, sia applicata alla fibra di estradosso (Figura 9-2b) e che il comportamento a trazione sia del tipo rigido-lineare: M ( F2 ) = f eq2 b h 2 6
.

(9.5)

Il valore di F2 = wi2/lcs fa riferimento al valore medio dellintervallo di apertura di fessura assunto per la definizione del valore feq2.

f eq1 f eq2

fFts 0.5f eq2-0.2f eq1 f Ftu


CTOD 0

w i1

CTOD 1

w i2

CTOD 2

w i2

wu

(a)

(b)

Figura 9-1 Valori delle resistenze a trazione determinati sulla base dei risultati della prova di flessione per materiali degradanti.

43

CNR-DT 204/2006

= E x
x

f Fts C

= wi1 /l cs

f Fts (a)

0.5 feq2 - 0.2 feq1 (b)

Figura 9-2 Diagrammi tensionali per la determinazione della resistenza a trazione. 9.1.2 Modello rigido-plastico Il modello rigido-plastico individua un unico valore di riferimento, fFtu, sulla base del comportamento ultimo. Tale valore si calcola come:

f Ftu =

f eq2 3

(9.6)

Lequazione (9.6) si ricava, sempre con riferimento allo SLU, imponendo lequilibrio alla rotazione come nel caso precedente, ma tenendo conto di un diagramma di sforzi di trazione costante: Mu = f eq2 b h 2 6 f Ftu b h 2 = 2
.

(9.7)

9.1.3 Provino intagliato (secondo la norma UNI 11039) Nel caso di prova a flessione su quattro punti, secondo lo standard UNI 11039, i valori caratteristici delle resistenze equivalenti, feq1k e feq2k, sono valutati negli intervalli 0 w 0.6 mm e 0.6 w 3.0 mm. Pertanto, adottando la simbologia della norma UNI 11039, si assume:

f eq1k = f eq(0-0.6)k ,

(9.8) (9.9)

f eq2k = f eq(0.6-3.0)k .

Tali resistenze equivalenti corrispondono, rispettivamente, ad aperture di fessura wi1 pari a 0.3 mm e wi2 pari a 1.8 mm, corrispondenti ai valori medi negli intervalli selezionati. Nel caso in esame, per tener conto della presenza dellintaglio (Figura 9-3), il valore della resistenza a trazione, fFt (Figura 2-5), pu essere assunto pari a 0.9 volte il valore di prima fessurazione desunto dalla prova sperimentale.

44

CNR-DT 204/2006
P P

h+a=l

a l L =4 l

Figura 9-3 Prova di flessione a quattro punti su provino intagliato. 9.1.4 Provino strutturale non intagliato (secondo la norma UNI U73041440) Per strutture inflesse con altezza di sezione inferiore a 150 mm, oppure per comportamenti a flessione di tipo incrudente, risulta vantaggioso operare il processo di identificazione delle propriet del materiale tenendo conto della direzione del getto e del ridotto spessore della struttura senza intagliare i campioni sperimentali. Nel caso specifico, i valori caratteristici delle resistenze equivalenti, feq1k e feq2k, sono valutati negli intervalli 3wI w 5wI e 0.8wu w 1.2wu, dove wI rappresenta lapertura di fessura corrispondente alla fessurazione, calcolato in corrispondenza del carico massimo registrato durante la prova nellintervallo 0 w 0.1 mm. Per lapertura ultima di fessura, wu, si assume un valore pari a 3 mm. Adottando la simbologia della norma UNI U73041440, risulta:

f eq1k = f1tFk , f eq2k = f Ftfk .

(9.10) (9.11)

Tali resistenze equivalenti corrispondono, rispettivamente, ad aperture di fessure pari a wi1 = 4wI e wi2 = wu. Il valore della resistenza a trazione, fFt (Figura 2-5), pu essere calcolato sulla base di quello di prima fessurazione, fct,exp, desunto dalla prova sperimentale:
f Ft = f ct,exp
.

(h)

(9.12)

25 + 2 h0.7 (h) = 2 h0.7

[mm] .

(9.13)

l
45

Figura 9-4 Prova di flessione a quattro punti su provino strutturale.

CNR-DT 204/2006

9.2

MATERIALI IDENTIFICATI CON PROVE DI TRAZIONE

I parametri costitutivi del modello elastico-lineare e del modello rigido-plastico (Figura 2-4), possono essere identificati con prove di trazione uniassiale. In tal caso le resistenze nominali sono definite direttamente dal rapporto tra carico applicato e area della sezione trasversale del provino. Il due valori di riferimento, fFts ed fFtu, per il modello elastico lineare possono essere definiti sulla base dei valori equivalenti per il tramite delle seguenti relazioni:

f Fts = f eq1 , f Ftu = f Fts wu (f eq1 f eq2 ) . wi2

(9.14) (9.15)

9.2.1 Provino intagliato (secondo la norma UNI U73041440) I materiali con comportamento degradante possono essere caratterizzati mediante lesecuzione di una prova a trazione uniassiale su provino intagliato, secondo la norma UNI U73041440. I valori caratteristici delle resistenze equivalenti, feq1k e feq2k, sono valutati negli intervalli 3wI w 5wI e 0.8wu w 1.2wu. Il valore wI rappresenta lapertura di fessura corrispondente alla fessurazione, calcolata in corrispondenza del carico massimo registrato durante la prova nellintervallo 0 w 0.05 mm. Per lapertura ultima di fessura, wu, si assume un valore pari a 1.5 mm. Pertanto, adottando la simbologia della norma UNI U73041440, risulta:

f eq1k = f1tk , f eq2k = f Ftk .

(9.16) (9.17)

Tali resistenze equivalenti corrispondono rispettivamente ad aperture di fessure pari a wi1 = 4wI e wi2 = wu , ovvero ai valori medi negli intervalli selezionati. Il valore della resistenza a trazione, fFt (Figura 2-5), pu essere calcolato sulla base di quello di prima fessurazione desunto dalla prova sperimentale e corrispondente al valore di apertura di fessura, wI.

Figura 9-5 Prova di trazione diretta su provino intagliato (misure in mm).

46

CNR-DT 204/2006
9.2.2 Provino non intagliato Per comportamento incrudente, la caratterizzazione del materiale pu essere sviluppata con prova a trazione uniassiale su provino non intagliato con le modalit descritte nellAppendice C. In tal caso il parametro w caratterizza lo spostamento relativo su una base di misura prefissata (Appendice C). I valori caratteristici delle resistenze equivalenti, feq1k e feq2k, sono valutati negli intervalli 3wI w 5wI e 0.8wu w 1.2wu. Il valore wI rappresenta lo spostamento relativo corrispondente alla fessurazione, calcolato in corrispondenza del carico massimo registrato durante la prova nellintervallo 0 w 0.05 mm. Il valore ultimo di wu corrisponde ad una deformazione media dell1% (Capitolo 2, 2.5.3.2) e, pertanto, pari a 0.01 volte la lunghezza della base di misura. Le resistenze equivalenti, feq1k e feq2k, corrispondono, rispettivamente, a spostamenti relativi pari a: wi1 = 4wI e wi2 = wu.

47

CNR-DT 204/2006

10 APPENDICE B (SUL CONTROLLO E SUI CRITERI DI CONFORMIT)


Il controllo di conformit viene sviluppato con modalit differenti per materiali degradanti e incrudenti. Per i materiali degradanti possono essere eseguite sia prove di flessione su provini intagliati o non intagliati, sia prove di trazione su provino intagliato. Il controllo di conformit su materiali incrudenti deve essere effettuato con prove di trazione uniassiale su provino non intagliato. Per i materiali incrudenti, nel caso di produzioni continuative, possibile effettuare il controllo di conformit mediante prove a flessione cos come specificato in Appendice C, dopo aver stabilito la correlazione tra tali prove e quelle a trazione diretta su provino non intagliato. Queste ultime devono essere effettuate ad intervalli non superiori a sei mesi e comunque in occasione di ogni modifica significativa del processo produttivo. I criteri di campionamento di calcestruzzi fibrorinforzati utilizzati per scopi strutturali sono quelli indicati dalla Normativa vigente per la resistenza a compressione del calcestruzzo ordinario. Allo stesso modo, la resistenza a compressione viene determinata con i medesimi criteri indicati dalla Normativa vigente per il calcestruzzo ordinario.

10.1 PROVE DI FLESSIONE DEGRADANTE

SU

MATERIALE

CLASSIFICATO

Il controllo di conformit sul materiale deve essere eseguito in accordo alla norma UNI 11039 per provino intagliato, o in accordo alla norma UNI U73041440 per provino strutturale non intagliato o ad altre normative internazionali. La conformit con i valori caratteristici della resistenza di prima fessurazione, fFt, e delle resistenze equivalenti per flessione del fibrorinforzato, feq1 e feq2, deve essere verificata con entrambi i criteri riportati in Tabella 10-1, distinguendo tra il controllo di tipo A e quello di tipo B (Tabella 10-1). Le relazioni tra i parametri fFt, feq1, feq2 e quelli specifici introdotti nelle varie modalit di prova sono indicate in Appendice A.
Tabella 10-1 Valori minimi da garantire nel controllo di conformit. Criterio 1 Criterio 2 Numero n di risultati di Produzione x = Media di n risultati xj Ogni singolo risultato di prova prova xj [MPa] [MPa] Controllo tipo A 3 xk + xk - 6 xk + 1.87s 7 xk + 1.77s 8 xk + 1.72s 9 xk + 1.67s xk - 10 xk + 1.62s Controllo tipo B 11 xk + 1.58s 12 xk + 1.55s 13 xk + 1.52s 14 xk + 1.50s 15 xk + 1.48s

Nella Tabella 10-1: 48

CNR-DT 204/2006 - s denota lo scarto quadratico medio; - vale 0.5 con riferimento al parametro fFt e 0.2 con riferimento ai parametri feq1, feq2. Nelleventualit che nel calcolo si assumano legami costitutivi multilineari, o si faccia riferimento ad altre normative di caratterizzazione, il controllo di conformit deve essere eseguito sui parametri di resistenza equivalente per flessione assunti come dati di riferimento, con procedure analoghe a quella sopra indicata.

49

CNR-DT 204/2006

11 APPENDICE C (SULLE PROVE DI CARATTERIZZAZIONE MECCANICA PER MATERIALI INCRUDENTI)


11.1 PROVA DI TRAZIONE
I parametri strutturali caratterizzanti il comportamento a trazione possono essere determinati mediante una prova di trazione diretta su provino non intagliato, in accordo con quanto descritto nel seguito o nelle specifiche normative internazionali. La prova finalizzata alla determinazione della curva tensione-deformazione ed in particolare della resistenza di prima ed ultima fessurazione e delle corrispondenti deformazioni, come specificato nel 2.5.2.3.
11.1.1 Preparazione del provino Il provino ha dimensioni e geometria indicate in Figura 11-1 (lunghezza totale: 330 mm). Lo spessore, tp, del provino deve essere maggiore di 5 volte il massimo diametro dellaggregato ed in ogni caso non inferiore a 13 mm. La larghezza, bp, deve essere maggiore di 5 volte il massimo diametro dellaggregato ed in ogni caso non inferiore a 30 mm. Esso pu essere ottenuto per taglio dellelemento strutturale oppure gettato contemporaneamente in forma separata con le stesse modalit e la stessa giacitura dellelemento strutturale. Nel caso sia gettato in forma separata, il provino deve essere maturato con le medesime modalit dellelemento strutturale.

11.1.2 Apparecchiatura di prova La macchina di prova deve essere conforme alla norma CEN-EN-12390-4 per quanto riguarda i seguenti punti:

misura della forza; accuratezza della indicazione della forza; frequenza della taratura; sicurezza.

La macchina di prova deve essere dotata di idoneo dispositivo che permetta di effettuare le prove in controllo di spostamento. Il provino viene afferrato mediante opportuni morsetti in corrispondenza delle due estremit ingrossate, adottando eventuali accorgimenti per diffondere la pressione locale. I morsetti devono essere liberi di ruotare in tutte le direzioni. La misura del carico deve essere effettuata mediante un sistema caratterizzato da un errore relativo contenuto entro il 1%, un errore di ripetitivit inferiore all1%, un errore sul fondo scala inferiore a 0.2% ed una risoluzione della macchina inferiore allo 0.5%. Lapparato misura lo spostamento relativo tra due punti distanti 80 mm in almeno 2 posizioni contrapposte, come illustrato in Figura 11-2.

50

CNR-DT 204/2006

P
85 2 bp tp

40

80

bp

80

40

85

P
Figura 11-1 Geometria del provino (misure in mm). Figura 11-2 Strumentazione per la prova di trazione (misure in mm).

11.1.3 Procedura di carico La prova di trazione deve essere effettuata in controllo di spostamento dellattuatore o eventualmente dei punti di riferimento per la misura dello spostamento relativo. Il parametro di controllo deve essere aumentato con una velocit costante pari a 0.05 0.01 mm/min. Il carico ed i valori di spostamento devono essere registrati con continuit su supporto magnetico. La prova pu essere terminata in corrispondenza di un valore dello spostamento relativo medio non minore di 0.8 mm. Si deve determinare la curva tensione nominale-deformazione dividendo il carico per larea della sezione nominale e lo spostamento relativo per la lunghezza della base di misura, pari a 80 mm.

11.2 PROVA DI FLESSIONE


La prova di flessione pu essere utilizzata solo per il controllo di conformit in alternativa alla prova di trazione, previa esecuzione di questultima e relativa determinazione dei parametri di correlazione. I parametri strutturali di resistenza a flessione possono essere determinati mediante una prova di flessione su quattro punti su provino non intagliato o su provino intagliato in analogia a quanto indicato per i materiali degradanti.

51

CNR-DT 204/2006

12 APPENDICE D (SULLA RESISTENZA DEI MATERIALI: CALCOLO DEI VALORI CARATTERISTICI PER LA PROGETTAZIONE DELLE STRUTTURE)
In strutture iperstatiche, ove si manifestano fenomeni di collasso che coinvolgono ampie regioni fessurate e significative ridistribuzioni, il valore caratteristico ottenuto a partire da campioni di ridotte dimensioni non rappresentativo ai fini della valutazione della resistenza di strutture con dimensioni significativamente pi elevate. A tal riguardo, gli effetti delliperstaticit strutturale sulla disuniformit topologica del fibrorinforzato possono essere valutati sperimentalmente mediante prove di qualificazione eseguite su assetti iperstatici opportunamente correlati alleffettivo assetto strutturale di destinazione. In assenza di apposite sperimentazioni, si pu computare tale contributo positivo facendo uso della equazione (3.6): f Ftk = f Ftm - k s , (12.1) essendo:

v 1 u 1 1.0 . 0.5 = 1- 0.1 2 v0 1

(12.2)

Nella (12.1) per k si assume il valore 1.48, nel caso di almeno 15 prove sul materiale; per un numero inferiore di prove si fa riferimento ai valori riportati nella Tabella 10-1. Inoltre, in assenza di specifiche analisi teorico-sperimentali, si assumono per la quantit v , al numeratore del rapporto v / v0 (rapporto tra il volume dellelemento ed il volume di riferimento), e per il rapporto u / 1 (rapporto tra il carico massimo e quello al limite elastico) i valori indicati nella Tabella 12-1.
Tabella 12-1 Valori di v e di u / 1 per differenti applicazioni strutturali.
Applicazione strutturale Flessione in trave isostatica con armatura longitudinale minima a flessione Esempi di elementi e di fessurazione

u 1
1.2

lcs a h

Flessione in trave iperstatica con armatura longitudinale

1.4 *

( lcs1 + lcs2 ) a h

Taglio in trave con armatura trasversale convenzionale, superiore al minimo previsto dallEC2

st = rapporto geometrico
1.2 darmatura trasversale

lcs = lcs ( st ) lcs t lf **

52

CNR-DT 204/2006

Flessone in piastra semplicemente appoggiata

1.3

2 lcs a h

Flessione in piastra incastrata

(2 lcs1 + 2 lcs2 ) 2 a h

Flessione in piastra su suolo elastico

2 lcs a h

Flessione trasversale in elemento in parete sottile e profilo aperto, a geometria filante, con armatura trasversale minima

1.2

lcs t lf **

Flessione trasversale in elemento in parete sottile a profilo aperto, con irrigidimenti trasversali, con passo non superiore a 5 volte la larghezza dellelemento

lf ** = lf1 + lf2 + lf3


1.2

lcs t lf **

* **

per travi iperstatiche sono ammessi valori superiori solo se risultanti da specifiche prove sperimentali. lf lunghezza della fessura.

Il volume di riferimento, v0, definito come il volume della zona coinvolta dal processo fessurativo nel provino sperimentato. Per il provino UNI 11039 di dimensioni 150x150x600 mm3, risulta v0 = 3.375 dm3 (Figura 12-1).

53

CNR-DT 204/2006

Figura 12-1 Prova di flessione a quattro punti su provino UNI 11039.

54

CNR-DT 204/2006

13 APPENDICE E (SULLA DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DEI COEFFICIENTI DI DEGRADO)


La determinazione sperimentale dei coefficienti di degrado del calcestruzzo rinforzato con fibre metalliche, KFc(T) e KFt(T), pu essere effettuata con prove di compressione e di trazione diretta su provini preventivamente sottoposti a ciclo termico, trascurando linfluenza della temperatura istantanea sul comportamento meccanico del materiale. I cicli termici devono essere effettuati in forno raggiungendo le temperature massime di 200, 400, 600 e 800 C. Il materiale deve essere scaldato con una velocit pari a 30 C/h fino al raggiungimento della temperatura massima di riferimento del ciclo. La temperatura deve essere mantenuta costante e pari alla massima temperatura del ciclo per almeno 2h. Successivamente si procede al raffreddamento del campione ad una velocit di 12 C/h fino al raggiungimento della temperatura ambiente.

Prove di compressione Il coefficiente di degrado della resistenza a compressione, KFc(T), viene determinato dopo un ciclo termico computando il rapporto tra la resistenza finale a compressione, valutata con gli stessi criteri indicati dalla Normativa vigente per il calcestruzzo ordinario, e la corrispondente resistenza riferita al materiale non danneggiato termicamente. Prove di trazione diretta Il coefficiente di degrado della resistenza a trazione diretta, KFt(T), viene determinato come rapporto tra le resistenze a trazione e le corrispondenti resistenze riferite al materiale non danneggiato termicamente, per i valori di riferimento fFts ed fFtu, caratterizzanti il modello elastico lineare, come illustrato nellAppendice A delle presenti Istruzioni. Materiale degradante Nel caso in cui il materiale a temperatura ambiente risulti degradante, le prove di trazione diretta devono essere eseguite su provini sottoposti a ciclo termico e successivamente intagliati. La prova e la preparazione dei provini dopo il ciclo termico devono essere condotte secondo le modalit descritte dalla norma UNI U73041440 relativa a provini di calcestruzzo fibrorinforzato non danneggiati termicamente. Materiale incrudente Nel caso in cui il materiale a temperatura ambiente risulti incrudente, le prove di trazione diretta devono essere eseguite su provini non intagliati sottoposti a ciclo termico. La prova e la preparazione dei provini devono essere condotte secondo le modalit descritte nellAppendice C delle presenti Istruzioni riferite a provini di materiale incrudente non danneggiati termicamente. Al fine di valutare linfluenza della temperatura istantanea sulle propriet meccaniche identificate dopo un ciclo termico sul materiale, possibile effettuare una serie di prove comparative di flessione. Per ognuna delle temperature di riferimento (200, 400, 600 ed 800 C) si devono eseguire prove a temperatura ambiente su campioni sottoposti preventivamente a ciclo termico e prove ad estrazione rapida su ulteriori campioni alle medesime temperature. In particolare, con riferimento alla prova ad estrazione rapida, richiesto che il generico provino prismatico, non intagliato in accordo con la norma UNI U73041440, sia riscaldato con velocit pari a 30 C/h fino al raggiungimento della temperatura prefissata e successivamente conservato a tale temperatura per almeno 2 h. Il provino cos condizionato pu essere successivamente sottoposto a
55

CNR-DT 204/2006 prova di flessione, adottando nel corso di questultima opportune precauzioni al fine di limitare il rapido raffreddamento del provino stesso. La procedura di prova richiede altres che il provino testato non sia strumentato e che il carico sia applicato imponendo un gradiente di spostamento pari a 1mm/min per valori della tensione di trazione inferiori a quello di picco, ovvero pari a 2 mm/min negli altri casi.

56

CNR-DT 204/2006 Il presente Documento Tecnico stato predisposto da un Gruppo di studio cos composto: ANGOTTI Prof. Franco ASCIONE Prof. Luigi BERARDI Ing. Valentino Paolo DI PRISCO Prof. Marco FAILLA Ing. Claudio GRIMALDI Prof. Antonio MEDA Prof. Alberto RINALDI Ing. Zila PLIZZARI Prof. Giovanni POZZATI Prof. Piero SAVOIA Prof. Marco - Universit di Firenze - Universit di Salerno - Universit di Salerno - Politecnico di Milano - Magnetti Building S.p.a. - Carvico (BG) - Universit Tor Vergata - Roma - Universit di Bergamo - Universit Tor Vergata - Roma - Universit di Brescia - Universit di Bologna - Universit di Bologna

57

CNR-DT 204/2006 Coordinatori: DI PRISCO Prof. Marco, GRIMALDI Prof. Antonio, PLIZZARI Prof. Giovanni. Coordinatore generale della collana di documenti sullimpiego strutturale dei materiali compositi: ASCIONE Prof. Luigi. Segreteria: FEO Prof. Luciano, ROSATI Prof. Luciano.

58

CNR-DT 204/2006 Il presente Documento Tecnico, stato approvato in data 02/03/2006 dalla Commissione incaricata di formulare pareri in materia di normativa tecnica relativa alle costruzioni cos composta: ANGOTTI Prof. Franco ASCIONE Prof. Luigi BARATTA Prof. Alessandro CECCOLI Prof. Claudio COSENZA Prof. Edoardo GIANGRECO Prof. Elio JAPPELLI prof. Ruggiero MACERI Prof. Franco MAZZOLANI Prof. Federico Massimo PINTO Prof. Paolo Emilio POZZATI Prof. Piero SOLARI Prof. Giovanni URBANO Prof. Carlo ZANON Prof. Paolo - Universit di Firenze - Universit di Salerno - Universit Federico II- Napoli - Universit di Bologna - Universit Federico II- Napoli - Universit Federico II- Napoli - Universit Tor Vergata - Roma - Universit Tor Vergata - Roma - Universit Federico II- Napoli - Universit La Sapienza - Roma - Universit di Bologna - Universit di Genova - Politecnico di Milano - Universit di Trento

In data 18/06/2007, il Documento stato approvato in versione definitiva, con le modificazioni che sono derivate dallinchiesta pubblica, dalla Commissione di studio per la predisposizione e lanalisi di norme tecniche relative alle costruzioni cos composta: ANGOTTI Prof. Franco ASCIONE Prof. Luigi BARATTA Prof. Alessandro COSENZA Prof. Edoardo GIANGRECO Prof. Elio JAPPELLI prof. Ruggiero MACERI Prof. Franco MAZZOLANI Prof. Federico Massimo PINTO Prof. Paolo Emilio POZZATI Prof. Piero SOLARI Prof. Giovanni URBANO Prof. Carlo VINCI Arch. Roberto ZANON Prof. Paolo - Universit di Firenze - Universit di Salerno - Universit Federico II- Napoli - Universit Federico II- Napoli - Universit Federico II- Napoli - Universit Tor Vergata - Roma - Universit Tor Vergata - Roma - Universit Federico II- Napoli - Universit La Sapienza - Roma - Universit di Bologna - Universit di Genova - Politecnico di Milano - Consiglio Nazionale delle Ricerche - Universit di Trento

59