Sei sulla pagina 1di 388

UNI VERSI TA DEGLI STUDI DI NAPOLI

FEDERI CO I I



FACOLTA DI INGEGNERIA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE
Sezione EDILE

Dipartimento di Ingegneria Strutturale


TESI DI LAUREA


LINFLUENZA DEI MODELLI DI CAPACITA A
TAGLIO SULLA VALUTAZIONE E LADEGUAMENTO
DI EDIFICI IN C.A. ESISTENTI




Relatore Candidato
Ch.mo Prof. Ing. Gerardo Mario Verderame Claudio Enzo Presutti

Correlatore Matr. 10/11754
Ing. Flavia De Luca



ANNO ACCADEMICO 2009-2010

Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

Indice
INTRODUZIONE
PARTE PRIMA
ANALISI E VALUTAZIONE DEGLI EDIFICI IN C.A
ESISTENTI


CAPITOLO 1. La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
1.1 INTRODUZIONE-------------------------------------------------------------------------------------1
1.2 PROBLEMATICHE STRUTTURALI NEGLI EDIFICI ESISTENTI
SOGGETTI AD AZIONE SISMICA--------------------------------------------------------------7
1.2.1 I danni strutturali e non strutturali sul costruito causati dal sisma in Abruzzo --------- 9
1.2.1.1 I pilastri e le pareti ----------------------------------------------------------------------- 9
1.2.1.2 I nodi trave colonna -------------------------------------------------------------------- 16
1.2.1.3 Le tamponature ------------------------------------------------------------------------- 20
1.2.1.4 Regolarit in pianta e in elevazione-------------------------------------------------- 24
1.3 METODI DI VALUTAZIONE DELLA VULNERABILIT SISMICA DI
EDIFICI IN C.A. ESISTENTI -------------------------------------------------------------------- 27
1.3.1 Metodi per valutazioni su larga scala------------------------------------------------------- 28
1.3.2 Metodi meccanico-analitici------------------------------------------------------------------- 30


CAPITOLO 2. Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
2.1 GENERALIT--------------------------------------------------------------------------------------- 37
2.2 LIVELLI PRESTAZIONALI ATTESI NEGLI EDIFICI ESISTENTI ------------------ 38
2.3 LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA -------------------------------------------------- 42
2.4 ANALISI STATICA NON LINEARE ---------------------------------------------------------- 47
2.4.1 Lanalisi statica non lineare condizioni di applicabilit ------------------------------- 49
2.4.2 Lanalisi statica non lineare Procedura per la conversione ad un SDOF ----------- 50
2.4.3 Stima della domanda -------------------------------------------------------------------------- 53
2.5 VITA NOMINALE, CLASSI DUSO E PERIODO DI RIFERIMENTO---------------- 55
2.6 AZIONE SISMICA --------------------------------------------------------------------------------- 57
2.6.1 Categorie di sottosuolo e condizioni topografiche ---------------------------------------- 60
2.6.2 Valutazione dellazione sismica-------------------------------------------------------------- 62
2.7 INDIVIDUAZIONE E VERIFICHE DEGLI ELEMENTI/ MECCANISMI
DUTTILI E FRAGILI------------------------------------------------------------------------------ 70
2.8 MODELLI DI CAPACIT A TAGLIO NEI PILASTRI IN C.A. ------------------------ 72
2.8.1 Levoluzione normativa per la verifica a taglio delle strutture in c.a. ----------------- 72
_______________________________________________________________

Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

2.8.2 La valutazione della resistenza a taglio ---------------------------------------------------- 75
2.8.3 La risposta strutturale dei pilastri in c.a.--------------------------------------------------- 76
2.8.3.1 Meccanismi di rottura------------------------------------------------------------------ 76
2.8.3.2 Componenti della deformazione di una colonna soggetta a forze laterali ----- 79
2.8.4 Modelli di capacit a taglio di pilastri in c.a.---------------------------------------------- 84

PARTE SECONDA
CASO DI STUDIO: EDIFICIO SCOLASTICO A
BOSCOREALE (NA)

CAPITOLO 3. La fase di conoscenza
3.1 GENERALIT--------------------------------------------------------------------------------------- 96
3.2 PROCESSO DI CONOSCENZA DELLEDIFICIO----------------------------------------- 97
3.2.1 Descrizione dellopera ------------------------------------------------------------------------ 98
3.2.2 Il progetto strutturale originario ----------------------------------------------------------- 108
3.2.3 Fase di rilievo --------------------------------------------------------------------------------- 116
3.2.4 Campagna di indagini------------------------------------------------------------------------ 124
3.2.4.1 Prove pacometriche ------------------------------------------------------------------- 134
3.2.4.2 Prove sul calcestruzzo ---------------------------------------------------------------- 136
3.2.4.2.1 Prove sclerometriche -------------------------------------------------------------- 137
3.2.4.2.2 Prove ultrasoniche.----------------------------------------------------------------- 139
3.2.4.2.3 Correlazione SonReb -------------------------------------------------------------- 142
3.2.4.2.4 Carotaggi ---------------------------------------------------------------------------- 142
3.2.4.3 Raccolta dei dati di prova in situ ---------------------------------------------------- 142
3.2.5 Elaborazione dei risultati delle prove sul calcestruzzo ---------------------------------- 148
3.2.5.1 Stima della resistenza basata sui carotaggi ---------------------------------------- 148
3.2.5.2 Correlazione SonReb-Carotaggi ---------------------------------------------------- 150
3.3 INDAGINI IN SITU SUI TERRENI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI
SUOLI ------------------------------------------------------------------------------------------------158
3.3.1 Morfologia dellarea e condizioni geologiche -------------------------------------------- 158
3.3.2 Geolitologia ----------------------------------------------------------------------------------- 159
3.3.3 Caratterizzazione geotecnica---------------------------------------------------------------- 160
3.3.4 Prospezioni sismiche in foro down hole --------------------------------------------------- 161
3.3.5 Indagini geognostiche eseguite ------------------------------------------------------------- 164
3.3.6 Acquisizione ed elaborazione dati ---------------------------------------------------------- 166
3.3.7 Classificazione dei terreni ------------------------------------------------------------------- 169

CAPITOLO 4. La fase di valutazione
4.1 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA ------------------------------------------------------171
4.2 VITA NOMINALE, CLASSE DUSO E PERIODO DI RIFERIMENTO. -------------171
4.3 CATEGORIA DI SUOLO E COEFFICIENTE TOPOGRAFICO-----------------------171
_______________________________________________________________

Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

4.4 MODELLO DI CALCOLO-------------------------------- Errore. Il segnalibro non definito.
4.5 AZIONI SULLA COSTRUZIONE -------------------------------------------------------------172
4.5.1 Combinazione delle azioni-------------------------------------------------------------------172
4.5.2 Analisi dei carichi ----------------------------------------------------------------------------173
4.6 DETERMINAZIONE DELLAZIONE SISMICA ------------------------------------------173
4.7 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE DELLA VULNERABILIT PER
AZIONI SISMICHE-------------------------------------------------------------------------------174
4.7.1 Analisi di regolarit --------------------------------------------------------------------------174
4.8 MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA --------------------------------------------------176
4.9 METODI DI ANALISI ----------------------------------------------------------------------------180
4.9.1 Caratterizzazione modale della struttura--------------------------------------------------181
4.9.2 Analisi statica non lineare-------------------------------------------------------------------187
4.9.2.1 Risultati analisi statica non lineare con verifica dei meccanismi fragili -------189
4.9.2.2 Risultati analisi statica non lineare senza verifiche a taglio su pilastri --------209
4.10 RISULTATI DELLA VALUTAZIONE DELLA VULNERABILIT SISMICA-----226
4.11 DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO DI PILASTRI IN C.A. -----------------------------227
4.12 EDIFICIO DI STUDIO:VERIFICHE A TAGLIO------------------------------------------234

CAPITOLO 5. La fase di adeguamento e valutazione dei costi
5.1 INTRODUZIONE----------------------------------------------------------------------------------248
5.2 INQUADRAMENTO GENERALE DELLE CARENZE NEGLI EDIFICI
ESISTENTI------------------------------------------------------------------------------------------250
5.3 STRATEGIE DI ADEGUAMENTO-----------------------------------------------------------252
5.4 CRITERI DI SCELTA DELLA TECNICA DI ADEGUAMENTO----------------------255
5.5 TECNICHE DI INTERVENTO LOCALE----------------------------------------------------256
5.5.1 Iniezioni di malta a ritiro compensato o resina epossidica----------------------------- 257
5.5.2 Spritz-beton (Shotcrete) ---------------------------------------------------------------------- 258
5.5.3 Incamiciatura in acciaio--------------------------------------------------------------------- 259
5.5.4 Consolidamento con materiali compositi: FRP------------------------------------------- 262
5.5.4.1 Componenti----------------------------------------------------------------------------- 262
5.5.4.2 Fibre------------------------------------------------------------------------------------- 262
5.5.4.3 Matrici ---------------------------------------------------------------------------------- 264
5.5.4.4 Adesivi ---------------------------------------------------------------------------------- 264
5.5.4.5 Sistemi di rinforzo --------------------------------------------------------------------- 265
5.5.5 Tecniche di intervento locali con effetti selettivi------------------------------------------ 268
5.5.5.1 Incremento della sola rigidezza------------------------------------------------------ 269
5.5.5.2 Incremento della sola resistenza----------------------------------------------------- 269
5.5.5.3 Incremento della sola duttilit ------------------------------------------------------- 270
_______________________________________________________________

Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

5.6 TECNICHE DI INTERVENTO GLOBALE -------------------------------------------------270
5.6.1 Incamiciatura in c.a. ------------------------------------------------------------------------- 270
5.6.2 Aggiunta di nuove pareti in cemento armato---------------------------------------------- 274
5.6.3 Aggiunta di contrafforti esterni ------------------------------------------------------------- 276
5.6.4 Aggiunta di un nuovo sistema di controventi in acciaio --------------------------------- 277
5.6.5 Isolamento sismico --------------------------------------------------------------------------- 278
5.7 FASE DI ADEGUAMENTO DELLEDIFICIO DI STUDIO-----------------------------285
5.7.1 Modelli di capacit a taglio per la fase di adeguamento dei pilastri con CFRP----- 285
5.7.2 Rinforzo a taglio dei pilastri con fasciatura di tessuto in CFRP ----------------------- 287
5.7.3 Risultati delladeguamento ------------------------------------------------------------------ 292
5.8 ANALISI DEI COSTI DI ADEGUAMENTO------------------------------------------------308
5.8.1 Considerazioni generali sui costi di adeguamento --------------------------------------- 308
5.8.2 Singole fasi lavorative per la realizzazione dellintervento proposto------------------ 309
5.8.3 Determinazione del costo di installazione dellintervento proposto ------------------- 312
5.8.4 Confronto tra i costi diinstallazione dellintervento proposto in base al modello di
capacit a taglio considerato ---------------------------------------------------------------- 314
5.8.5 Determinazione dei costi ideali di installazione dellintervento proposto e
confronto in base al modello di capacit a taglio considerato -------------------------- 315
5.8.6 Conclusioni ------------------------------------------------------------------------------------ 319

CONCLUSIONI--------------------------------------------------------------------------------------321

BIBLIOGRAFIA-------------------------------------------------------------------------------------328


APPENDICE A ---------------------------------------------------------------------------------------337
Sintesi dei risultati di analisi statiche non lineari pi rappresentative delledificio non
rinforzato e verifiche a taglio dei pilastri in c.a. per ogni modello di capacit
analizzato

APPENDICE B ---------------------------------------------------------------------------------------350
Estratto dal Prezzario OOPP Regione Campania-Ed.2010;
Prospetto dei costi orari della manodopera edile, nella provincia di Napoli
in vigore dal 1 aprile 2010 convalidati dagli Uffici Provinciali del Lavoro
Analisi nuovi prezzi unitari
Sintesi dei risultati di analisi statiche non lineari pi rappresentative
delledificio non rinforzato e verifiche a taglio dei pilastri in c.a. per
ogni modello di capacit analizzato
_______________________________________________________________

Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

Ringraziamenti



A conclusione di questo percorso accademico, mi viene spontaneo ricordare e
ringraziare quelle persone che hanno contribuito alla mia formazione, quelle che
mi sono state vicine nei momenti difficili e che hanno gioito con me nei momenti
felici e quelle migliori di me da cui ho sempre cercato e cerco di imparare ogni
giorno.
Un sentito ringraziamento al Prof. Gerardo Mario Verderame. E soprattutto
grazie a lui se sono riuscito a compiere questultimo passo verso il traguardo
finale della laurea, concedendomi lopportunit di lavorare a questo progetto,
guidandomi con massima competenza ed esperienza, con confronti che mi hanno
aiutato ad intraprendere, ogni volta, le scelte pi appropriate.
Ringrazio ling. Flavia De Luca per aver messo a mia disposizione costantemente
e senza riserve il suo tempo e per i suoi preziosi consigli dispensati con
competenza durante la preparazione di questo lavoro.
Sono immensamente riconoscente ai miei cari genitori, Carmine ed Elena, che
con i loro sacrifici mi hanno permesso di raggiungere questo importante
traguardo. A loro va tutta la mia stima per avermi supportato ed aspettato per
tutti questi anni. A loro dedico questo lavoro di tesi.
Un doveroso ringraziamento alle mie sorelle Gigliola e Manuela per il loro
costante apprezzamento nei miei confronti che ricambio con estremo affetto.
Riserbo un affettuoso pensiero alle mie adorate nipoti Simona e Fabiana con
laugurio di ottenere dalla vita sempre tante soddisfazioni.
A Flora la persona che riuscita a fare della mia vita un sogno, un grazie di
cuore non solo per il suo notevole e instancabile sostegno morale in questi mesi di
preparazione della tesi, ma per tutti quei motivi che riescono a fare amare due
persone oltre ogni difficolt.
Vorrei esprimere la mia sincera gratitudine alla societ Geoingegneria srl, per
avermi permesso di utilizzare i risultati delle indagini in situ utilizzati in questo
lavoro e, inoltre, sono particolarmente grato alling. Giuseppe Iazzetta, amico
sincero, per avermi dato lopportunit in questi anni, di crescere
professionalmente.
Intendo poi ringraziare larch. Paolo Parravicini e il Geom. Francesco Iovane
funzionari della Provincia di Napoli-Area Edilizia Scolastica per avermi fornito
la documentazione relativa al progetto originario delledificio scolastico oggetto
del presente lavoro.


_________________________________________________________________
Dicembre 2010
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

_________________________________________________________________

















La cosa pi bella che possiamo sperimentare il mistero;
la fonte di ogni vera arte e di ogni vera scienza.
ALBERT EINSTEIN
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
I
Introduzione

Il presente lavoro ha lo scopo di valutare linfluenza dei modelli di capacit a
taglio previsti dalla vigente normativa italiana Norme Tecniche per le
Costruzioni di cui al DM 14/01/2008 e dalla normativa europea Eurocode 8:
Design of structures for earthquake resistance - Part 3: Assessment and
retrofitting of buildings sulla valutazione e ladeguamento di edifici in c.a.
esistenti
Le due normative di riferimento forniscono infatti diverse formulazioni per la
valutazione della capacit tagliante di elementi in c.a. di edifici esistenti.
Le italiane NTC 08, per elementi in cemento armato di nuova progettazione ed
esistenti, cos come lEurocodice 8, per le sole strutture di nuova progettazione,
utilizza il traliccio a inclinazione variabile quale modello per la valutazione della
capacit tagliante avvalendosi di una formulazione di tipo non additivo in cui il
contributo del calcestruzzo computato attraverso la variazione dellinclinazione
del traliccio.
Per le strutture esistenti lEurocodice 8-Parte 3 suggerisce invece una
formulazione additiva che tiene conto esplicitamente del contributo benefico
dovuto allo sforzo normale in termini di effetto puntone e in ultimo della
riduzione di capacit dovuta allinterazione con il momento flettente nel caso di
superamento dello snervamento.
Il confronto tra il massimo taglio di elementi in c.a., ovvero il taglio plastico
(V
flex
) e la capacit tagliante (V
shear
) di questi ultimi, valutata secondo le diverse
formulazioni delle due normative di riferimento, pu condurre a una
classificazione a priori degli stessi come duttili (V
shear
>V
flex
) o fragili (V
shear
<
V
flex
) e ad un conseguente confronto tra le formulazioni, stante luniformit di
approccio nella valutazione del taglio plastico..
Nella prima parte del presente studio si illustreranno alcune comuni metodologie
per la valutazione della vulnerabilit sismica di edifici in c.a. esistenti, proposte da
vari gruppi di ricerca nazionali e verranno esaminate le problematiche strutturali
riscontrabili nella maggior parte degli edifici in c.a. esistenti con particolare
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
II
riferimento ai danni causati sul costruito dal recente sisma del 6 aprile 2009 in
Abruzzo (Capitolo 1).
poi descritto lapproccio della normativa italiana (NTC 2008) e dellEurocodice
(EC8-parte 3) per la valutazione della sicurezza degli edifici esistenti, a partire
dalla definizione del livello di conoscenza della struttura in termini di geometria,
caratteristiche dei materiali strutturali e delle loro condizioni di conservazione,
alla definizione delle prestazioni richieste in termini di pericolosit sismica del
sito e livello di protezione sismica accettato, alla valutazione della struttura
mediante il metodo di analisi statica non lineare e alla individuazione e relative
verifiche per gli elementi duttili e fragili, con particolare attenzione allo studio
degli elementi fragili particolarmente insidiosi e pericolosi nellambito della
vulnerabilit sismica degli edifici esistenti, attraverso la definizione di modelli di
capacit a taglio degli elementi in c.a. previsti dalle due norme di riferimento
(Capitolo 2).
Nella seconda parte verr effettuata la valutazione della vulnerabilit sismica di
un edificio scolastico in Boscoreale (NA), realizzato nella seconda met degli anni
80 e progettato con la normativa sismica (D.M. 19/06/1984) allora vigente nella
quale non erano contemplate i principi fondamentali per una corretta risposta alle
azioni sismiche degli edifici, previsti dalle moderne norme antisismiche nazionali
ed internazionali quali:
La regolarit strutturale in pianta o in elevazione
Gerarchia della resistenza (pilastro- trave; flessione taglio)
Limiti di deformabilit
Limiti geometrici e di armatura degli elementi strutturali
Verr descritta pertanto la fase di conoscenza raggiunta delledificio, tramite
acquisizione di informazioni reperite della documentazione progettuale originaria
e dalla fase di indagini in situ, il tutto per ottenere un livello di conoscenza
adeguato della struttura (Capitolo 3).
I risultati conseguiti dallattivit conoscitiva permetteranno di effettuare una
valutazione di vulnerabilit sismica delledificio (Capitolo 4) secondo lattuale
normativa italiana e una descrizione dettagliata del processo di valutazione,
mediante analisi statica non lineare con lo scopo di valutarne la resistenza nei
confronti del sisma secondo le prescrizioni delle attuali normative.
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
III
Lesito della valutazione, effettuata mediante unanalisi pushover ci si aspetta sia
condizionato dalla crisi di numerosi elementi a taglio, e sar confrontato in
funzione delle specifiche formulazioni di capacit considerate con lo scopo
fondamentale di valutare limpatto pratico che ladozione di una diversa
formulazione (in ogni caso suggerita dai due codici di riferimento) pu avere su
lesito della valutazione e di un eventuale intervento di adeguamento. Ledificio,
che progettato con criteri antisismici, seppur obsoleti, in una zona classificata
sismica di II categoria secondo lallora vigente DM 19/06/1984 Norme tecniche
per le costruzioni in zona sismica, presenta alte percentuali di armatura
longitudinale che conseguentemente lo rendono particolarmente vulnerabile a
possibili crisi a taglio.
Infine si focalizzer lattenzione sulla gerarchia taglio-flessione, considerando
che, mentre la valutazione analitica della resistenza flessionale presenta una certa
uniformit di approccio in tutti i codici in forza di innumerevoli confronti
sperimentali, per quanto riguarda i meccanismi di resistenza a taglio la maggiore
complessit fisico-meccanica del fenomeno si traduce in sostanziali differenze tra
le diverse formulazioni analitiche suggerite dai codici. La valutazione della
gerarchia taglio-flessione in veste di formulazione semplificata per diversi modelli
di capacit sar applicata per la previsione, in fase di preliminare conoscenza
delledificio, dellimpatto di eventuali crisi di tipo tagliante.
Nellambito della valutazione del comportamento di strutture esistenti pu
rivelarsi infatti particolarmente utile essere in grado di prevedere la possibilit di
eventuali crisi a taglio a seguito di una fase preliminare di conoscenza della
struttura.
Allo scopo di procedere ad una comparazione speditiva delle diverse formulazioni
in termini di classificazione si definiranno dei domini semplificati nel piano
(N,M) in cui si rappresentano i domini di rottura a taglio, ottenuti considerando il
momento equilibrante del taglio resistente V
shear
agente sullelemento in c.a.,
sovrapposti al dominio di rottura a flessione composta dellelemento stesso,
permettendo cos una classificazione speditiva del presumibile comportamento di
tipo fragile o duttile dellelemento in c.a. esaltando, inoltre, le differenze tra i
diversi modelli di capacit a taglio assunti.
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
IV
I domini di rottura a taglio rappresentati sono quelli associati alla formulazione
classica di Ritter-Mrsch, i domini associati alla formulazione dellEC8 per
colonne e aste snelle di edifici esistenti, nel caso di minimo e massimo degrado
della resistenza e i domini associati al modello di traliccio ad inclinazione
variabile con particolare riferimento al modello con inclinazione minima della
biella compressa (ctg =2,5), proposto dallattuale normativa italiana.
Tali domini sono stati costruiti sulla base di alcune semplificazioni.
Lo strumento, oltre che al confronto di diversi modelli di capacit a taglio, pu
essere utilizzato per una fase di verifica speditiva della frequenza di crisi fragili
negli elementi strutturali durante la valutazione della sicurezza sismica di strutture
esistenti a valle di una fase di conoscenza anche non approfondita di geometria,
dettagli strutturali e propriet dei materiali, in base alla quale possibile effettuare
una valutazione preventiva sulleventuale necessit di adeguare la struttura per
problematiche relative alle crisi fragili.
Lo studio proposto, focalizzando lattenzione sulle crisi fragili in edifici esistenti,
mette in luce in ultima istanza la scelta del pi adatto modello per la valutazione
secondo la normativa italiana, data la carenza di indicazioni specifiche e
dettagliate sullargomento della stessa nonch della relativa circolare esplicativa
n 617 del 2/2/2009.
Infine (capitolo 5) sulla base dei risultati emersi dalla fase di valutazione,
nellambito di una definita strategia di adeguamento prescelta, costituita da
fasciature con materiali fibrorinforzati a matrice polimerica a fibre di carbonio
(CFRP), si valuteranno gli effetti sia locali che globali indotti dai diversi modelli
di capacit a taglio, ricalibrati in funzione del tipo di adeguamento proposto, al
fine di raggiungere un determinato obiettivo prestazionale definito dalla
formazione di una gerarchia flessione-taglio per tutti gli elementi e dal
raggiungimento di una capacit globale delledificio maggiore della domanda
sismica attesa per lo stato limite ultimo considerato. Sar possibile quindi esaltare
le differenze anche dei modelli di capacit a taglio considerati in fase di
adeguamento in termini prestazionali e limpatto in termini economici. Si valuter
infatti il costo complessivo di installazione delladeguamento con CFRP per gli
classificati fragili da ognuno dei modelli di capacit a taglio considerati,
redigendo un opportuno computo metrico estimativo (come previsto dallart 35
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
V
del DPR 554/99 Regolamento di attuazione dell'art. 3 L. 109/1994 e dal
Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 "Codice dei contratti pubblici relativi a
lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE"),
utilizzando i prezzi unitari dedotti dal Prezziario ufficiale delle OOPP della
Regione Campania-Edizione 2010 (adottato con Deliberazione di Giunta
Regionale n. 1914 del 29 dicembre 2009) e, per le voci mancanti, il relativo
prezzo unitario determinato tramite unanalisi prezzi opportunamente definita in
funzione del costo della fornitura del materiale, del costo della manodopera, dei
noli e trasporti desunti dalProspetto dei costi orari della manodopera edile, dei
materiali dei trasporti e dei noli nella provincia di Napoli in vigore dal 1 aprile
2010 convalidati dagli uffici provinciali del lavoro, spese relative alla sicurezza,
spese generali e utile dell'appaltatore.
Verranno quindi confrontati i costi complessivi di installazione del rinforzo scelto
per ogni modello di capacit a taglio considerato, e la variazione rispetto al
modello classico di Ritter-Mrsch, assunto come unico modello di riferimento
dalla normativa italiana per ladeguamento di elementi in c.a. esistenti.

Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

_________________________________________________________________




Parte prima:

ANALISI E VALUTAZIONE DEGLI EDIFICI IN C.A.
ESISTENTI















Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

1
Capitolo 1. La vulnerabilit degli edifici in c.a.
esistenti
1.1 INTRODUZIONE
Il territorio italiano caratterizzato da una pericolosit sismica (ovvero la
frequenza e l'intensit dei fenomeni che si susseguono) medio-alta, rispetto ad altri
paesi del Bacino del Mediterraneo (Grecia, Turchia) ma possiede una
vulnerabilit molto elevata. Il nostro patrimonio edilizio , infatti, caratterizzato
da una notevole fragilit dovuta soprattutto all'et e alle caratteristiche tipologiche
e strutturali.
La mitigazione del rischio sismico, nonch la definizione di tecniche e strategie
per ladeguamento del patrimonio edilizio esistente, rappresenta quindi una
tematica di notevole interesse per la collettivit, anche alla luce delle recenti
disposizioni normative.
Il rischio sismico in un certo intervallo temporale, rappresenta la previsione delle
perdite sociali ed economiche attese a seguito del verificarsi di un evento sismico
stimato per larea di riferimento durante tale intervallo temporale.
Seguendo tale approccio la pericolosit (o hazard), esprime la probabilit che si
verifichi un processo fisico o un evento capace di causare delle perdite di vite
umane o di beni; la vulnerabilit esprime la quantit di risorse suscettibili di
essere persi in relazione allevento; lesposizione rappresenta il valore delle
risorse a rischio.
Definito cos il rischio, intuibile che il verificarsi di un evento catastrofico nel
deserto, ad esempio, comporta un rischio praticamente nullo visto che sono
pressoch nulli i beni a rischio (esposizione).
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
In maniera semplificata il rischio si pu esprimere secondo la seguente relazione:
Rischio Sismico = Pericolosit x Vulnerabilit x Esposizione
Nel caso delle costruzioni, la vulnerabilit sismica di un edificio la sua
suscettibilit ad essere danneggiato da un terremoto e pu essere espressa
dallinsieme delle probabilit di raggiungere una serie di livelli di
danneggiamento fino al collasso, valutate in funzione dellintensit del sisma e
condizionate dal suo verificarsi (Augusti e Ciampoli, 1999).

Figura 1.1 Mappe nazionali: a) stima di pericolosit sismica in termini di ag per probabilit
di eccedenza del 10% in 50 anni (Meletti e Montaldo, 2007); b) distribuzione dellindice
sintetico di vulnerabilit ricavato per ognuno dei comuni italiani stimando la distribuzione
delle classi tipologiche di vulnerabilit EMS98 a partire da elaborazioni dei dati ISTAT
(Zuccaro, 2004)

Evidentemente, come detto, il rischio legato alla probabilit che si verifichi un
evento di date caratteristiche, e al danno che tale evento pu arrecare. Per quanto
riguarda il danno, necessario distinguere il danno alle persone e il danno alle
strutture. Per ridurre entro limiti ragionevoli il rischio, occorre imporre due
diverse condizioni alle costruzioni durante la loro vita nominale:
1. (Stato limite di danno), le strutture devono poter sopportare in regime
elastico le sollecitazioni indotte dallevento la cui intensit corrisponde,
con riferimento alle caratteristiche della zona in esame, per un periodo di
ritorno dell'ordine della vita nominale della struttura. Per gli edifici
esistenti, il soddisfacimento di tale stato limite non necessariamente
richiesto dalle attuali norme (NTC08);
__________________________________________________________________

2
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

3
2. (Stato limite ultimo), le strutture devono possedere sufficienti riserve di
resistenza, oltre il limite elastico, per sopportare senza crolli le azioni di un
evento di intensit tale da fare ritenere estremamente improbabile il
verificarsi di un evento di intensit maggiore. E' evidente, da quanto sopra,
che la condizione 1) tende soprattutto a limitare i danni per le costruzioni,
mentre la condizione 2) fa chiaro riferimento alla salvaguardia della vita
umana.
Risulta evidente quindi che la mitigazione del rischio sismico direttamente
attuabile con la riduzione della vulnerabilit del costruito.
Nellultimo secolo i terremoti in Italia hanno causato almeno 120 mila vittime e
ingentissimi danni economici. Solo negli ultimi 25 anni, per la ricostruzione
postsismica, sono stati spesi circa 80 miliardi di euro (Fonte ISAT Istituto per le
scelte Ambientali e Tecnologiche- DOSSIER Dopo il terremoto de LAquila e a
cento anni dalla tragedia del 1908).
La problematica della sicurezza strutturale delle strutture esistenti va affrontata,
innanzi tutto, individuando le motivazioni tecniche e sociali che rendono un gran
numero di edifici potenzialmente a rischio. In Italia la qualit delle costruzioni,
specie quelle realizzate negli ultimi cinquantanni, di basso livello rispetto a
quelle contemporanee di altre Nazioni europee. Questa situazione dovuta, in
primo luogo, allabusivismo edilizio, che ha prodotto costruzioni realizzate con
criteri progettuali insufficienti e materiali scadenti. Al problema delledilizia
spontanea e della speculazione edilizia, si aggiunge anche la scarsa diffusione
della cultura della qualit che pervade il mondo italiano delle costruzioni.
In questo discorso generale sulla situazione del patrimonio edilizio nazionale, non
si deve dimenticare che larga parte del territorio a rischio sismico, ma solo una
minoranza degli edifici in tali aree stato progettato utilizzando criteri antisismici.
Nelle zone sismiche 1 e 2 (Come definite dallOPCM 3274/2003), quelle pi
pericolose, sono ubicate circa 10.800.000 abitazioni, di cui 3.800.000 ad alto e
medio grado di vulnerabilit (Tab. 1.1) Nelle stesse zone vivono circa 23.800.000
persone (Tab. 1.2).
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti

Tabella 1.1 Abitazioni presenti nelle 4 zone sismiche in base al loro grado di vulnerabilit
(Fonte: elaborazione Dipartimento protezione civile su dati ISTAT; in ISTAT (2008)
Annuario delle statistiche ambientali)


Tabella 1.2 Numero di comuni e relativa popolazione in relazione alle zone sismiche (Fonte:
elaborazione Dipartimento protezione civile su dati ISTAT; in ISTAT (2008) Annuario
delle statistiche ambientali)

Le recenti normative sismiche (OPCM 3274/2003 e s.m.i., NTC08) hanno
riclassificato simicamente il territorio nazionale, portando il numero di Comuni
classificati come sismici da 2965 (pari al 37% dei comuni italiani) del 2001 a
4671 (pari al 58% dei comuni italiani), ampliando particolarmente le zone a
sismicit pi bassa; inoltre lintroduzione di una zona a bassissima sismicit
estende a quasi tutto il territorio nazionale la necessit di applicare principi
generali di design antisismico. Ad oggi, con riferimento al Censimento della
popolazione e delle abitazioni effettuato dallISTAT nel 1991, solo il 14 % del
patrimonio edilizio nazionale risulta essere realizzato utilizzando criteri di
progettazione antisismici.
Inoltre le costruzioni pi vecchie in zona sismica sono state costruite con norme di
vecchia generazione, non in grado di garantire la sicurezza che si ottiene
applicando le attuali Norme Tecniche, e comunque hanno subito estesi processi di
deterioramento dovuto al degrado dei materiali.
Il patrimonio edilizio in cemento armato, realizzato in gran parte negli anni 60 e
70, gi nel 1991 rappresentava oltre il 50% del patrimonio edilizio ad uso
abitativo (Tab.1.3).
__________________________________________________________________

4
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti

Tabella 1.3 Fonte: ISTAT (1993) - Tredicesimo censimento generale della popolazione e delle
abitazioni 1991.

Circa la met di tale patrimonio era stato costruito prima del 1971, anno in cui le
Norme Tecniche specifiche per le zone sismiche previste dalla Legge 64/74 non
erano ancora state emesse e si utilizzava la Legge 1684 del 1962, che, quando
veniva applicata, non dava sostanzialmente indicazioni specifiche sui dettagli
costruttivi o requisiti di regolarit atti a garantire un buon comportamento
antisismico.
Gli edifici e le strutture di pubblica utilit richiedono, nella valutazione del rischio
sismico, una particolare attenzione per il livello di esposizione per le persone e per
limportanza legata alla loro efficienza funzionale anche e soprattutto in
emergenza.
Per queste ragioni nel corso degli ultimi anni sono state condotte alcune
importanti campagne di rilevamento della vulnerabilit sismica di edifici pubblici,
privati e monumentali nellItalia meridionale, promosse dal Dipartimento della
Protezione Civile e coordinate dal Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti
(GNDT), allora nel CNR.
__________________________________________________________________

5
La realizzazione del primo progetto di indagine ha riguardato il censimento degli
edifici pubblici strategici speciali ed ha portato alla formazione di un data base di
oltre 42.000 edifici, ricco di informazioni. Una prima elaborazione di questo data
base stata realizzata e resa pubblica nel 2001. Negli anni immediatamente
successivi, nellambito del programma triennale di ricerche sul rischio sismico del
GNDT finanziato dal Dipartimento della Protezione Civile (DPC), stato
proposto e realizzato un progetto di ricerca riguardante lo studio di strumenti
aggiornati per la vulnerabilit sismica (SAVE Strumenti Aggiornati per la
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
vulnerabilit sismica del patrimonio Edilizio dei sistemi urbani). Il Task 2 di
questo progetto stato rivolto al miglioramento delle conoscenze relative
allinventario e alla vulnerabilit degli edifici pubblici e strategici dellItalia
meridionale (Fig.1.2).

Figura 1.2 Distribuzione (%) per provincia degli oltre 42.000 edifici pubblici censiti
nellItalia meridionale, distinti per tipo di funzione, presenti nella base dati del Censimento
di Vulnerabilit del Dipartimento della Protezione Civile

Una specifica ricerca stata finalizzata proprio alla valorizzazione dei dati di
vulnerabilit degli oltre 42.000 edifici pubblici della base dati rilevati in 1.510
comuni nelle regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia
(provincia di Foggia) e Sicilia orientale (province di Catania, Ragusa, Siracusa e
67 comuni della fascia orientale della provincia di Messina).
Unaltra attivit di ricerca, in tema di valutazione della vulnerabilit sismica degli
edifici pubblici di importanza strategica e rilevanti per le conseguenze in caso di
terremoto, stata avviata in convenzione con la Regione Molise pochi mesi prima
del sisma che ha colpito la Regione nel 2002. A seguito del terremoto, che ha
causato anche il tragico crollo della scuola di San Giuliano di Puglia, la Regione
ha promosso, nel 2002, una campagna di indagini per la verifica delle condizioni
di sicurezza sismico-statica di tutti gli edifici scolastici e lattivit dellIstituto
stata finalizzata al coordinamento ed al supporto tecnico-scientifico. Con il
dramma di S. Giuliano la rilevanza del problema della tutela della sicurezza
sismica degli edifici scolastici e di uso pubblico, impostasi allattenzione generale,
stata finalmente affrontata con un provvedimento che ha aggiornato la
__________________________________________________________________

6
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

7
classificazione sismica del territorio, la normativa per le costruzioni in zona
sismica ed ha imposto il controllo delle condizioni di effettiva capacit delle
strutture pubbliche di salvaguardare la sicurezza delle persone ed in alcuni casi di
conservare la funzionalit nellemergenza. Il recente sisma che ha colpito il
territorio abruzzese ha evidenziato ancor di pi limportanza di una campagna di
sensibilizzazione volta alla valutazione della vulnerabilit sismica degli edifici
esistenti ed alla relativa messa in sicurezza.
Lapproccio alla riduzione della vulnerabilit sismica si fonda necessariamente su
una prima analisi delle tipologie costruttive e degli schemi strutturali presenti su
una precisa area nonch sullo studio accurato del costruito tale da evidenziare,
soprattutto, criticit, elementi vulnerabili e carenze strutturali sia a livello generale
sia a livello locale.
1.2 PROBLEMATICHE STRUTTURALI NEGLI EDIFICI ESISTENTI
SOGGETTI AD AZIONE SISMICA
Le strutture intelaiate in cemento armato progettate in assenza di opportune regole
sismiche, mostrano in molti casi un comportamento strutturale deficitario,
caratterizzato da una bassa duttilit disponibile e dall'assenza di unappropriata
gerarchia delle resistenze che conduca a meccanismi di collasso di tipo globale.
Altri problemi che in genere si osservano sono la mancanza di regolarit in pianta
e/o in elevazione, lelevata deformabilit torsionale e la presenza di colonne corte
che determinano un comportamento sismico delledificio globalmente non
soddisfacente. Molto spesso i dettagli costruttivi sono carenti con basso livello di
confinamento e problemi di aderenza: le zone critiche tendono ad avere
meccanismi di crisi di tipo fragile, con conseguente bassa duttilit disponibile.
Queste considerazioni evidenziano una serie di problematiche nella valutazione
del comportamento sismico delle strutture esistenti in c.a.. In generale tutti i
meccanismi resistenti di tipo fragile o sensibili al degrado ciclico sono
potenzialmente presenti ed i modelli di calcolo debbono essere capaci di simularli
per ottenere affidabili risultati prestazionali nella valutazione della resistenza
sismica.
Scendendo nei dettagli, le travi possono presentare problemi di collasso per taglio
dovuti da un lato alla modesta armatura e dallaltro allincremento delle
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
sollecitazioni allestremit per lazione sismica; in questo ambito diventa
particolarmente sentita linfluenza dei fenomeni di interazione taglio-flessione in
campo non-lineare.
Il comportamento dei nodi un altro aspetto critico per lassenza di appropriati
dettagli costruttivi. Si possono presentare fenomeni di sfilamento delle barre nel
caso dellimpiego di barre lisce senza sufficienti ganci di estremit; i nodi esterni
appaiono i pi critici, ma anche i nodi intermedi nel caso di armature longitudinali
non continue possono presentare questo tipo di collasso. Lassenza di una
sufficiente staffatura del pannello del nodo e le forti sollecitazioni taglianti
possono condurre ad una crisi a taglio del pannello. In generale, comunque, nella
valutazione della deformabilit del telaio non si pu trascurare il contributo legato
alla fixed end-rotation nel nodo che amplificata dallelevata sollecitazione
dellarmatura e dal modesto ancoraggio: ci introduce da un lato un alto
contributo alla deformabilit, ma dallaltro una sorgente di degrado ciclico molto
pericolosa.

zona al piede
colonna
trave
nodo interno
tamponature
colonna
corta
nodo esterno
(flessione)(taglio)

Figura 1.3 Schema delle zone critiche negli elementi in c.a.(da G.M.Verderame, 1999)

Nei pilastri si possono presentare crisi per taglio in colonne corte, come ad
esempio nei telai delle scale, con un conseguente comportamento fragile della
struttura; ma il basso grado di confinamento, dovuto a poche staffe e/o staffe
aperte, pu determinare una crisi flessionale al piede dei pilastri principalmente
del primo piano con instabilit delle barre in compressione, sfilamento delle barre
in trazione e schiacciamento del calcestruzzo compresso non confinato.
__________________________________________________________________

8
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

9
In generale, lassenza nella progettazione di criteri di gerarchia delle resistenze ha
importanti conseguenze nel comportamento globale delle strutture esistenti.
Infatti, le capacit dissipative della struttura sono molto ridotte: i meccanismi di
collasso risultano parziali e sfavorevoli con possibili crisi locali a taglio. In
particolare le travi mostrano una ridotta duttilit disponibile dovuta a crisi da
taglio o crisi da sfilamento delle armature nei nodi, mentre la progettazione delle
colonne per soli carichi verticali determina pilasti interni con grande rigidezza e
scarsa resistenza che provoca la formazione di cerniere plastiche al piede.
Pertanto, in telai progettati per soli carichi verticali si possono attendere
meccanismi di collasso fragili con grossa sensibilit al danneggiamento ciclico:
modelli di calcolo sofisticati sono richiesti per ottenere risultati realistici
1.2.1 I danni strutturali e non strutturali sul costruito causati dal sisma in
Abruzzo
Il recente sisma che ha colpito la Provincia dellAquila culminato con la scossa
distruttiva verificatasi il 6 aprile 2009 alle ore 3:32 di intensit pari a 5,9 della
scala Richter e 6,3 magnitudo momento (Mw), con epicentro tra L'Aquila,
Tornimparte e Lucoli (Fonte INGV - http://earthquake.rm.ingv.it), ha causato ingenti
danni al costruito ed il fenomeno rappresentativo dello stato di elevata vulnerabilit
sismica in cui versano gli edifici esistenti nel territorio italiano.
La risposta sismica del costruito in c.a. ha evidenziato che, in generale, i danni
agli elementi strutturali non si sono rivelati frequenti e in ogni caso non si
presentavano particolarmente estesi sulla intera struttura; viceversa il
danneggiamento degli elementi non strutturali quali le tamponature interne o
esterne ha interessato la maggior parte del costruito in c.a.
1.2.1.1 I pilastri e le pareti
La maggior parte dei danni strutturali subiti dai pilastri sono da ricondursi ad una
serie di meccanismi di crisi che una moderna progettazione antisimica tende a
evitare o comunque a limitare.
E bene ricordare che durante un evento sismico i pilastri sono sottoposti ad una
notevole sollecitazione flessionale e tagliante. Le massime sollecitazioni
flessionali, accompagnate dallo sforzo assiale indotto dalla sovrapposizione dei
carichi gravitazionali e delle forze sismiche, si registrano in prossimit delle
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

10
estremit del pilastro; proprio in queste zone, in relazione allentit del sisma, pu
concentrarsi la richiesta di duttilit rotazionale. Risulta pertanto necessario
assicurare, in tali sezioni, da un lato una adeguata duttilit e contemporaneamente
evitare, stante le notevoli richieste deformative della armatura longitudinale, il
fenomeno dellinstabilit delle barre compresse.
In tal senso, le indicazioni di una moderna progettazione, quali quelle riportate nel
D.M. del 14 Gennaio 2008, sono finalizzate proprio ad incrementare la duttilit di
sezione. La limitazione della percentuale di armatura longitudinale, a parit di
resistenza flessionale, conduce ad una maggiore capacit deformativa in termini di
curvatura della sezione; linfittimento delle staffe e ladozione di tirantini
conduce, attraverso lazione di confinamento esercitata sul calcestruzzo
compresso, ad un ulteriore aumento della curvatura di sezione. In parallelo, le
limitata dimensione del passo delle staffe consente di prevenire linstabilit delle
barre compresse o comunque di incrementare la richiesta deformativa in
corrispondenza della quale si instaura tale fenomeno.
Tuttavia, come anticipato tali considerazioni sono subordinate al rispetto di criteri
e limitazioni tipici di una moderna progettazione sismica che in Italia sono
presenti solo a partire dallemanazione della Circolare del M.LL.PP. n. 65 del
1997, seppur in maniera sintetica e limitata, e successivamente definiti e chiariti
con lOPCM 3274 del 2003, integrata dallOPCM 3431 del 2005 sino allattuale
D.M. 14/1/2008 e relativa Circolare n. 617 del 2/2/2009.
Risultano pertanto non difformi rispetto alle indicazioni normative precedenti al
1997 pilastri in c.a., progettati e realizzati antecedentemente a tale data,
caratterizzati da elevate percentuali di armatura longitudinale ovvero da modeste
sezioni trasversali, da passi delle staffe elevati (al minimo di 15-20cm) oppure da
staffe chiuse con ganci a 90.
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

11

(a)

(b)
Figura 1.4. Pilastro con barre lisce ed insufficiente armatura trasversale (a);
crisi presso-flessionale di un pilastro circolare (b).

In Figura 1.4a riportata limmagine della sezione di base di un pilastro dangolo
appartenente ad un edificio in c.a. realizzato nel centro storico de LAquila e
risalente senza dubbio agli anni 50-60. Infatti, facile constatare la presenza di
armatura longitudinale costituita da barre lisce e da staffe di piccolo diametro (6
mm) chiuse con ganci a 90; inoltre palese la totale assenza di armature
trasversali nei primi 40-50 cm del pilastro a partire dalla sezione di interfaccia con
il nodo trave-colonna.
In parallelo, in Figura 1.4b, riportata limmagine di un pilastro circolare di un
edificio realizzato nella zona di Pettino a LAquila durante gli anni 80
caratterizzato da un danneggiamento tipicamente presso-flessionale; evidente
lespulsione del copriferro di calcestruzzo causato dalleccessiva deformazione in
compressione e accompagnato da un fenomeno di instabilit delle armature
longitudinali. Anche in questo caso il passo delle staffe risulta non soddisfacente
seppur probabilmente conforme alle norme vigenti allepoca della sua
realizzazione.
Analogamente la sollecitazione tagliante pu indurre una crisi fragile con notevole
limitazione della capacit dissipativa del pilastro. Ricondurre la resistenza a taglio
al solo passo delle staffe pu risultare assai semplificativo. In una moderna
progettazione sismica la progettazione a taglio non pu prescindere da un criterio
di gerarchia delle resistenze ossia tra la resistenza flessionale del pilastro e per
lappunto quella tagliante.
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

12
Al fine di prevenire una crisi fragile in campo post-elastico il taglio di progetto
viene valutato con riferimento alla massima resistenza flessionale dei pilastri; tale
considerazione si specializza nel caso dei pilastri, attraverso un semplice
equilibrio alla rotazione, nel rapporto tra la somma della resistenza flessionale
nelle due sezioni di estremit del pilastro diviso la luce dello stesso. La
manipolazione mediante un coefficiente amplificativo del taglio cos valutato
consente di poter prevenire una crisi tagliante. Nella valutazione dellazione
tagliante viene presa in considerazione anche leventuale interazione con le
tamponature adiacenti. Infatti, nel caso di tamponamenti che non si estendono per
lintera altezza del pilastro il taglio viene calcolato sulla luce del pilastro al netto
della tamponatura.
Inoltre, mediante ladozione di opportuni modelli di capacit, si tiene conto del
degrado dei meccanismi resistenti del calcestruzzo con la richiesta di duttilit
ciclica (CEN, 2005).
Tali prescrizioni sono presenti nella normativa italiana solo dal 2003 attraverso la
gi citata OPCM 3274. In precedenza, la progettazione a taglio dei pilastri veniva
effettuata con riferimento ad una sollecitazione tagliante derivante direttamente
dalle analisi lineari (statiche e solo successivamente dinamiche). La sollecitazione
tagliante cos valutata pu condurre, stante la totale assenza di un principio di
gerarchia delle resistenze, ad una resistenza tagliante assolutamente
sottodimensionata rispetto alla corrispondente resistenza flessionale; in altre
parole non si ha alcun controllo sul meccanismo di crisi della colonna che pu a
priori risultare tanto duttile, ossia governato dalla plasticizzazione flessionale,
quanto fragile .
Tali considerazioni sono confermate dalle immagini fotografiche riportate in
Figura 1.5.
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti

(a)

(b)
Figura 1.5. Crisi a taglio di pilastri.

Con riferimento ad un pilastro di sezione rettangolare, presumibilmente di
dimensione (30100)cm, di un edificio in c.a. progettato e realizzato durante gli
anni 80, risulta evidente la crisi a taglio che ha caratterizzato lestremit superiore
del pilastro (Figura 1.5a). Le staffe definite da un passo di 15-20cm risultano
sottodimensionate rispetto alle dimensioni della sezione trasversale (inerzia)
causando una prematura crisi a taglio. inoltre interessante osservare la natura
fragile del meccanismo di crisi evidenziata dalla frantumazione del calcestruzzo
allinterno della gabbia di armatura tridimensionale. Si noti la totale perdita di
ancoraggio della terza e della quarta staffa a partire dalla sezione di estremit
superiore della colonna con relativa apertura delle stesse. In Figura 1.5b invece
riportata la crisi a taglio di un pilastro circolare di diametro di circa 30cm. Anche
in questo caso si registra un passo delle staffe insufficiente causa da un lato della
crisi a taglio evidenziata dalla tipica fessurazione diagonale e dallaltro della
instabilit delle barre longitudinali della colonna.
Al fine di evidenziare il ruolo non secondario che linterazione con elementi non
strutturali adiacenti quali tamponamenti, realizzati in laterizio o in calcestruzzo,
pu avere sulla riposta a taglio delle colonne si riportano in Figura 1.6 i danni
subiti da alcuni pilastri in c.a.


__________________________________________________________________

13
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

14
linterazione delle pareti di contenimento nella fase di calcolo del pilastro conduce

(a)

(b)
Figura 1.6. Crisi a taglio di pilastri adiacenti ad una tamponatura parziale (a);
crisi a taglio di un pilastro tozzo adiacente alle pareti di un seminterrato (b).

In particolare, limmagine fotografica di Figura 1.6a evidenzia una serie di pilastri
circolari caratterizzati dalla presenza di un balaustra in calcestruzzo che
interagisce per circa un terzo dellaltezza netta degli stessi. La diminuzione di
altezza libera dei pilastri, causata dalla presenza efficace della balaustra, conduce
ad un incremento della sollecitazione tagliante non compatibile con la resistenza
taglio delle colonne con conseguente crisi delle stesse. Tale fenomeno interessa
tutte le colonne, come pu facilmente osservarsi, che sono caratterizzate
dallinterazione con la suddetta balaustra.
Limmagine di Figura 1.6b riporta una tipica situazione di edifici in c.a
caratterizzati dalla presenza di un piano seminterrato adibito a garage o deposito.
Il piano seminterrato risulta caratterizzato da pareti, spesso realizzate in
calcestruzzo, finalizzate al contenimento della spinta del terreno contiguo;
laltezza delle pareti limita rispetto alla corrispondente altezza dei pilastri al fine
di consentire la realizzazione di vani finestra per lilluminazione degli ambienti.
Tale soluzione conduce, pertanto, ad una notevole diminuzione della luce netta
del pilastro con conseguente incremento della richiesta tagliante. Oltretutto, la
ridotta luce libera di inflessione pu trasformare il generico pilastro da un
elemento tipicamente snello ad un elemento caratterizzato da un rapporto
luce/dimensione trasversale tale da potersi definire tozzo; tale circostanza non
risulta secondaria in quanto il meccanismo resistente a taglio di un pilastro tozzo
risulta diverso da quello di un generico elemento snello. Pertanto, non considerare
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

15
sere oggetto di crisi fragile dei pilastri.
Figura 1.7. Crisi a taglio di un pila

luce ridotta (pi che dimezzata), per effetto
delle staffe risulta inadeguato.
ad una prematura crisi fragile caratterizzata generalmente da una eccessiva
compressione diagonale del calcestruzzo.
Anche i pilastri del vano scala possono es
Le comuni tipologie strutturali del vano scala risultano, generalmente,
caratterizzate da elementi di discontinuit rispetto alla tipica maglia rettangolare
realizzata da travi e pilastri. Esso, infatti, risulta costituito da un lato dalla
presenza di elementi inclinati ad asse spezzato, quali solette rampanti o travi a
ginocchio, e dallaltro dalla presenza di elementi tozzi (pilastri) derivanti
dallintersezione dei primi con i pilastri del vano scala. Tali elementi
contribuiscono a fornire, in un approccio lineare del problema, una elevata
rigidezza traslante del corpo scala, attribuibile sia alla rigidezza assiale degli
elementi inclinati che alla maggiore rigidezza traslazionale dei pilastri tozzi. Per
tali ragioni gli elementi costituenti il vano scala sono spesso caratterizzati da
consistenti richieste sismiche. I pilastri tozzi, proprio per loro configurazione
geometrica, sono soggetti ad elevate richieste taglianti che possono condurre ad
una prematura crisi fragile. In Figura 1.7 riportato un vano scala a due rampanti
ortogonali caratterizzato dalla presenza di gradini a sbalzo incastrati nella
contigua trave a ginocchio.


stro tozzo di una scala.
In particolare, il pilastro di spigolo di
della presenza delle due travi a ginocchio, caratterizzato da una tipica crisi a
taglio causata dal conseguente aumento di richiesta tagliante e dalla scarsa
resistenza a taglio; lammontare della armatura trasversale passo e diametro
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
Le crisi a taglio hanno caratterizzato anche la risposta delle pareti in c.a.

__________________________________________________________________

16
Figura 1.8. Danneggiamento subito

In via esemplificativa sono riportati in
.a., caratterizzate da una diverso rapporto di forma; il danno riportato dalle due
Una regione critica di particolare importanza , senza dubbio, il nodo trave-
. metricamente molto ristretta, le sollecitazioni
za. La distribuzione delle forze con cui


dalle pareti in c.a.
Figura 1.8 i danni subiti da due pareti in
c
pareti si manifesta una consistente fessurazione diagonale. In tal senso, risulta
evidente la modesta percentuale di armatura longitudinale e trasversale soprattutto
se confrontata con i minimi prescritti dalle moderne indicazioni progettuali.
1.2.1.2 I nodi trave colonna
colonna In questa zona geo
provenienti dagli elementi adiacenti, le travi e i pilastri, si concentrano sul
pannello di calcestruzzo e sulle barre di armatura, spesso con gradienti molto
elevati. Il comportamento del nodo influenza significativamente la risposta
dellintero sistema strutturale, sia in termini di deformabilit causata dalla
fessurazione del pannello di calcestruzzo e dallo scorrimento delle armature
longitudinali che in termini di resistenza se sopraggiunge in maniera prematura
una crisi a taglio del pannello nodale.
La crisi del pannello nodale governata principalmente dai meccanismi resistenti
a taglio e dai meccanismi di aderen
vengono trasferite le azioni flettenti e taglianti applicate al pannello nodale
conduce, infatti, ad una fessurazione diagonale che pu eventualmente condurre
ad una crisi per eccessiva compressione diagonale del nodo con conseguente
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

17
dellintersezione nodale
d una indesiderata crisi fragile del pannello
lOPCM 3274; inoltre, solo con la Circolare del M.LL.PP. del 1997 si
olta probabilit,
riduzione di resistenza e di rigidezza della connessione. Il degrado ciclico delle
prestazioni di aderenza, invece, conduce da un lato ad una riduzione della
resistenza flessionale e della duttilit degli elementi che concorrono nel nodo e
dallaltro ad un incremento della deformabilit di piano.
Pertanto, nellottica di una progettazione sismica che favorisce i meccanismi
duttili risulta necessario prevenire la crisi a taglio
mediante opportune regole di dimensionamento e una adeguata armatura
trasversale. Infatti, una prematura crisi del nodo, quale elemento di connessione
tra le travi e pilastri, limiterebbe la capacit resistente e quella deformativa degli
elementi direttamente ad esso collegati. In generale, il dimensionamento del nodo
subordinato alla condizione che la compressione diagonale esercitata dalle
azioni indotte dagli elementi contigui risulti compatibile con la resistenza a
compressione del calcestruzzo; inoltre, al fine di assicurare lintegrit del nodo a
seguito della fessurazione diagonale deve prevedersi una adeguata armatura
trasversale costituita da staffe orizzontali che interessano lintera altezza del nodo.
La presenza, infatti, della armatura trasversale consente il trasferimento delle
azioni applicate al nodo, successivamente alla fessurazione diagonale del
pannello, mediante la formazione di un sistema resistente a traliccio costituito da
una serie di puntoni di calcestruzzo, dallarmatura longitudinale del pilastro e per
lappunto dalle staffe orizzontali.
In tal modo, possibile assicurare lo sviluppo di meccanismi duttili negli elementi
contigui (travi) senza pervenire a
nodale.
Tali prescrizioni sono presenti nelle indicazioni normative italiane solo dal 2003
grazie al
rendeva necessaria una armatura trasversale dei nodi, la cui entit era
semplicemente costituita da staffe in quantit almeno pari alla maggiore prevista
allestremit dei pilastri contigui inferiormente e superiormente.
Risulta, pertanto, evidente che gli edifici in c.a. progettati in epoca antecedente al
1996 sono caratterizzati da intersezioni nodali definite, con m
dalla totale assenza di staffe; tale circostanza impedisce, in fase post-fessurativa,
la formazione del meccanismo resistente a traliccio e di conseguenza riduce, in
maniera non trascurabile, la capacit resistente del pannello nodale.
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
Tali considerazioni trovano conferma anche nei danni subiti dagli edifici in c.a a
seguito della scossa del 6 aprile.

__________________________________________________________________

18
Figura 1.9. Crisi di un pannello di nodo non staffato c mature
compresse (a); crisi per fessurazione diagon

I
aratterizzato da una estesa fessurazione (danneggiamento) del calcestruzzo
struzzo appartenente ad un nodo di

(b)
on evidente buckling delle ar
ale di un pannello di nodo (b).

(a)
n Figura 1.9a riportato un nodo trave-colonna di estremit (nodo esterno)
c
costituente il pannello nodale. Lassenza di staffe allinterno del pannello ha
inoltre causato, probabilmente per effetto della azione sussultoria del sisma, il
buckling delle barre di armatura longitudinale della colonna passanti allinterno
del nodo che hanno prodotto una estesa espulsione del copriferro di calcestruzzo.
E interessante evidenziare come lassenza delle staffe, e quindi di una gabbia di
armatura bidimensionale abbia prodotto anche la perdita di ancoraggio delle
armature longitudinali delle travi adiacenti.
Limmagine riportata in Figura 1.9b mostra, invece, una tipica crisi per
fessurazione diagonale del pannello di calce
estremit. La fessura in maniera palese parte dallo spigolo inferiore (intersezione
tra il pilastro inferiore e la trave adiacente) e termina nello spigolo superiore
(intersezione tra il pannello e il pilastro superiore) causando la totale perdita di
monoliticit della connessione. Lassenza di staffe nel nodo determina, inoltre, il
buckling della barra longitudinale esterna del pilastro che interessa anche parte del
pilastro inferiore sguarnito, anchesso, di staffe almeno per i primi 30-40cm.
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

19
Altro aspetto singolare tra i danni registrati sugli edifici in c.a. a seguito del sisma
aquilano la perdita di connessione allinterfaccia tra il nodo e il pilastro
inferiore; in altre parole una crisi per taglio attrito.
Generalmente nessuna prescrizione normativa, n italiana n internazionale,
prevede di effettuare una verifica per taglio attrito allinterfaccia tra pilastro e
nodo, in quanto attraverso una serie di accorgimenti, connessi da un lato alla cura
della superficie di ripresa di getto e dallaltro alla diposizione delle armature
longitudinali del pilastro si assicura, in maniera tacita, che suddetta verifica risulti
soddisfatta. Infatti, i principali meccanismi resistenti post-fessurativi connessi (i)
allattrito allinterfaccia calcestruzzo-calcestruzzo (ii) alleffetto spinotto prodotto
dalle barre di armatura longitudinale del pilastro passanti nel nodo ed infine (iii) al
cosiddetto effetto clamping prodotto dallo snervamento delle armature
longitudinali assicurano il trasferimento dalla massima sollecitazione tagliante dal
pilastro al nodo.
Il meccanismo attritivo chiaramente influenzato dallentit dello sforzo assiale
del pilastro e dalla scabrezza (coefficiente di attrito) della superficie di ripresa di
getto; una scarsa cura della superficie pu limitare lentit di siffatto meccanismo.
Leffetto clamping anchesso un meccanismo attritivo integrativo del
precedente e risulta proporzionale allentit della armatura longitudinale.
Leffetto spinotto, non trascurabile in fase post-fessurativa, strettamente
connesso allammontare dellarmatura longitudinale ma soprattutto, vista la
posizione centrifugata delle barre longitudinali, allefficacia delle staffe
immediatamente contigue alla sezione di interfaccia (quindi nel nodo e
allestremit del pilastro) quale vincolo traslazionale allo spostamento della barre
longitudinali del pilastro coinvolte nel meccanismo resistente.

Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti

Figura 1.10. Crisi in corrispondenza dellinterfaccia nodo-pilastro.

In Figura 1.10a riportata una crisi per perdita di connessione tra lintersezione
nodale e il pilastro inferiore. Risulta palese la scarsa cura della ripresa di getto
evidenziata dalla presenza di uno scalino allinterfaccia nodo-pilastro;
ragionevole ipotizzare un modesto coefficiente di attrito. Inoltre, la presenza di
una armatura longitudinale del pilastro costituita, presumibilmente, da sole quattro
barre verticali associata allassenza di staffe sia nel nodo che nella zona
immediatamente al di sotto riduce notevolmente lazione prodotta dalleffetto
spinotto in quanto limitata sia dalla modesta entit dellarmatura longitudinale ma
anche dallespulsione del copriferro esterno quale unico vincolo traslazionale allo
spostamento orizzontale delle barre. La notevole variazione dello sforzo assiale
associata alla singolare azione sussultoria che ha caratterizzato il sisma aquilano
ha infine ridotto la gi modesta azione resistente attritiva causata dalla scarsa cura
della superficie di interfaccia nodo-pilastro.
Anche la fotografia di Figura 1.10b evidenzia una netta separazione allinterfaccia
nodo-pilastro inferiore. Lassenza di staffe nel nodo e la diminuzione di sforzo
assiale associata allazione sussultoria del sisma riducono in maniera drastica,
rispettivamente, lazione resistente associata al meccanismo di spinotto delle
armature longitudinali e a quello attritivo allinterfaccia nodo-pilastro.
1.2.1.3 Le tamponature
E stato gi precedentemente evidenziato come le indicazione relative ai limiti
deformabilit di piano finalizzati a ridurre il danneggiamento delle tamponature
siano state introdotte nella normativa italiana solo nel 1996 mediante il D.M.
__________________________________________________________________

20
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
16/1/1996 e successivamente modificati e integrati con lOPCM 3274 nel 2003.
Pertanto, ragionevole presumere che gran parte del costruito aquilano risulti
caratterizzato da una progettazione sismica della struttura in c.a. assolutamente
estranea al controllo della deformabilit di piano. Tuttavia, va sottolineato che
anche nellipotesi di una progettazione finalizzata alla limitazione del
danneggiamento delle tamponature, nel rispetto del D.M. 16/1/1996 ovvero del
D.M. 14/1/2008, vista la notevole PGA che ha caratterizzato il sisma aquilano
sarebbe stato comunque lecito attendersi un esteso danneggiamento degli elementi
non strutturali quali le tamponature esterne.
In generale i meccanismi di crisi di una tamponatura possono sinteticamente
riassumersi in: (i) crisi per scorrimento orizzontale nella zona centrale della
tamponatura, (ii) crisi per trazione diagonale sempre nella zona centrale della
tamponatura, (iii) crisi per schiacciamento della tamponatura in prossimit degli
spigoli dove applicata direttamente la pressione di contatto.


__________________________________________________________________

21

(b)

(a)

(c )
Figura 1.11. Crisi di pannelli di tamponatura per fessurazione diagonale (a), (b) o per
schiacciamento degli spigoli (c).

In Figura 1.11 sono riportate le immagini relative al danneggiamento di due
edifici le cui tamponature sono caratterizzate da una tipica fessurazione per
trazione diagonale. Nel primo caso, Figura 1.11a, interessante notare come la
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
fessurazione interessi il tamponamento contiguo ai vani finestra e si concentri ai
primi piani delledificio; nel secondo caso, Figura 1.11b, la fessurazione
diagonale evidenziata maggiormente dallo strato di intonaco esterno visto che la
fodera esterna della tamponatura costituita da mattoni piani. Limmagine
fotografica di Figura 1.11c invece riporta una tipica crisi per schiacciamento degli
spigoli. Il ribaltamento fuori dal piano del pannello di tamponatura costituente la
fodera esterna consente di poter scorgere in maniera la crisi per eccessiva
compressione dello spigolo superiore della fodera interna della tamponatura;
evidente appare anche la fessura, almeno a livello di intonaco ma presumibilmente
anche a maggiore profondit, localizzata alla testa del pilastro adiacente
conseguenza dellinterazione tra pannello e pilastro.
La maggior parte delle tamponature esterne aquilane sono del tipo a doppia fodera
ossia costituite da un pannello di tamponatura interno (generalmente in laterizio) e
da una un pannello di tamponatura esterna realizzato in laterizio o mattoni. Il
collegamento tra le due fodere realizzato mediante linterposizione di elementi
di laterizio, singoli ovvero a tutta altezza, posti lunga la direzione trasversale della
tamponatura (vedi Figura 1.12); tuttavia, lecito evidenziare dei dubbi
sullefficacia di tale collegamento.
__________________________________________________________________

22

Figura 1.12. Crisi della fodera esterna della tamponatura.

Inoltre, generalmente, la tamponatura interna risulta incassata lungo i quattro lati
allinterno del telaio in c.a, costituito dai due pilastri di estremit e dalle due travi
inferiore e superiore; viceversa la tamponatura esterna risulta incassata solo alle
due travi, superiore e inferiore mediante la realizzazione di un dente di modeste
dimensioni.
Tale soluzione realizzativa conduce ad una ridotta interazione tra la struttura in
c.a. e il pannello esterno di tamponatura sia per effetto delle azioni sismiche nel
piano della tamponatura che in quello ad esso ortogonale. Infatti, il modesto grado
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
vincolare dei pannelli esterni associato allinefficacia, o in taluni casi allassenza,
del collegamento tra i due pannelli (interno ed esterno) costituenti la tamponatura
si manifesta nel solo danneggiamento del pannello esterno il quale, per effetto
della contemporaneit dellazione simica lungo due direzioni, successivamente
ribalta in parte o in toto come evidenziato in Figura 1.13.

__________________________________________________________________

23

Figura 1.13. Crisi della fodera esterna della tamponatura.

La presenza delle aperture (quali finestre o balconi) si manifesta sempre come una
discontinuit allinterno della tamponatura influenzando la risposta della stessa,
sia in termini di rigidezza che nello sviluppo dei meccanismi resistenti.


(b)

(a)

(c)
Figura 1.14. Crisi di tamponature con differenti tipologie di aperture.

Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

24


In Figura 1.14 sono riportate alcuni danneggiamenti registrati dalle tamponature
di edifici in c.a. aquilani caratterizzati da una diversa posizione dellapertura o
comunque da un diverso rapporto tra larea delle aperture e quella del pannello di
tamponamento.
Non trascurabile leffetto dellinterazione tra le tamponature e la struttura in c.a.
sia in termini locali che globali. Come gi evidenziato in precedenza linterazione
locale tra la tamponatura e ladiacente pilastro pu condurre (i) nel caso di
tamponatura estesa solo parzialmente lungo laltezza del pilastro, ad una riduzione
della luce libera dello stesso con relativo incremento dellazione tagliante che pu
causare una prematura crisi fragile, (ii) oppure pu attraverso una azione di
compressione diagonale esercitare una notevole sollecitazione tagliante
concentrata nella zona di estremit del pilastro con conseguente crisi fragile (vedi
Figura 1.11c).
In termini globali linterazione tra struttura e tamponature oltre a incrementare la
rigidezza delledificio e di conseguenza laccelerazione spettrale richiesta pu, se
distribuita in maniera disuniforme, risultare causa di irregolarit planimetrica o in
elevazione.
1.2.1.4 Regolarit in pianta e in elevazione
Il concetto di regolarit in pianta o in elevazione introdotto, seppur in maniera
qualitativa, per la prima volta nella normativa italiana con la Circolare n. 65 del
1997. Solo con lOPCM 3274 del 2003 sino al D.M. del 2008 vengono prescritti
dei limiti finalizzati ad una definizione quantitativa della regolarit planimetrica e
di quella in elevazione.
Ladozione di forme planimetriche compatte ovvero caratterizzate da una
limitazione dimensionale delle relative appendici, la distribuzione uniforme dei
sistemi resistenti nellambito della planimetria, la realizzazione di un impalcato di
elevata rigidezza rispetto ai sistemi resistenti verticali conduce ad assicurare una
regolarit planimetrica.
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

25
Viceversa, verificare che la distribuzione delle masse, delle rigidezze e delle
resistenze di piano non risulti caratterizzata da brusche variazioni consente di
ottenere una struttura in c.a. regolare in elevazione.
Tuttavia, tali prescrizioni possono da sole non bastare ad evitare, ovvero a
limitare, le possibili sorgenti di irregolarit non esplicitamente considerate nella
fase di progettazione della struttura in c.a.. E il caso delle tamponature che,
interagendo con la struttura, possono modificare in maniera sostanziale la
distribuzione delle rigidezze e delle resistenze sia in pianta che in elevazione. Si
rende, pertanto, necessario evitare una distribuzione non uniforme delle
tamponature oppure, in caso contrario, considerare in maniera esplicita nel calcolo
strutturale la presenza di siffatte irregolarit. Come gi anticipato, le ultime
indicazioni normative forniscono una serie di prescrizioni finalizzate a perseguire
tale obiettivo incrementando in ambito planimetrico leccentricit accidentale
oppure il tagliante al piano che risulta caratterizzato dalla discontinuit in termini
di distribuzione altimetrica delle tamponature.
Alcuni casi singolari di crisi registratisi durante levento sismico e imputabili ad
una irregolarit in pianta o in elevazione sono riportate nelle immagini di Figura
1.15.
In generale, nellimmagine fotografica di sinistra riportato ledificio integro
(stato di fatto pre-sisma) mentre a destra ledifico danneggiato (stato di fatto post-
sisma).
Il primo edificio, siti in Via Porta Napoli, (Figura 1.15a) evidenzia una notevole
irregolarit in elevazione sottolineata da sistemi resistenti che dal piano terra non
si estendono a tutta altezza; parallelamente il secondo livello caratterizzato da
una evidente discontinuit nella distribuzione delle tamponature sul lato di sinistra
delledificio (portico-terrazzo). Proprio a questo piano si registra una notevole
concentrazione del danno che conseguentemente ha causato il crollo della parte
superiore delledificio sui piani sottostanti.
Gli altri due edifici (Figura 1.15c e 1.15e) siti in Via Dante Alighieri, nella zona di
Pettino a LAquila, sono viceversa definiti da una morfologia planimetrica
riconducibile ad una T pertanto irregolare


Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti

__________________________________________________________________

26

(a)

(b)

(d) (c)

(f) (e)
Figura 1.15. Collassi per meccanismi di piano soffice: edifici siti in Via Porta Napoli (a), (b) ed
in Via Dante Alighieri in localit Pettino (c), (d), (e), (f).

A tale aspetto si accompagna una diversa distribuzione delle tamponature del
piano terra, rispetto ai restanti piani, causata dalla presenza dei vani che
consentono laccesso ai garage sottostanti. Entrambi gli edifici sono caratterizzati
da una concentrazione del danno proprio al piano terra (soft-storey) riconducibile
alla minore resistenza di piano della struttura tamponata e presumibilmente dalla
interazione locale tra le tamponature presenti e i pilastri contigui che ha causato
una prematura crisi fragile di alcuni pilastri.


Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

27
1.3 METODI DI VALUTAZIONE DELLA VULNERABILIT SISMICA
DI EDIFICI IN C.A. ESISTENTI
Eseguire unanalisi di vulnerabilit sismica significa valutare la consistenza del
costruito diffuso in una data area, sia in termini quantitativi che qualitativi, ed in
particolare stimare la sua propensione ad essere danneggiato da un terremoto. Una
metodologia per lanalisi di vulnerabilit deve quindi precisare come eseguire il
censimento, pi o meno dettagliato, del costruito e delle sue caratteristiche e
definire opportuni modelli che correlino la severit del moto sismico con gli
effetti in termini di danneggiamento fisico e di perdite, economiche o intangibili.
Qualora lo studio di pericolosit sia condotto in termini probabilistici, si configura
quella che viene denominata unanalisi di rischio. Nel caso invece in cui la
sismicit sia studiata su base deterministica, ad esempio estraendo da un catalogo
di sismicit storica uno o pi terremoti significativi, si esegue unanalisi di
scenario, ovvero si valutano gli effetti sul territorio a seguito di uno specifico
evento sismico.
La scelta tra analisi di rischio e analisi di scenario dipende dalle finalit dello
studio. Nel caso di uno studio del territorio a fini preventivi, lanalisi di rischio
preferibile in quanto fornisce, ad esempio, una valutazione comparabile tra le
diverse porzioni di territorio interessate dallo studio. Per analizzare invece gli
aspetti di gestione dellemergenza legati alla Protezione Civile pi significativa
unanalisi di scenario, in quanto riproduce una distribuzione realistica degli effetti
sul territorio, fatto che consente di elaborare strategie per il post-terremoto;
riferendosi per ad un unico evento, il rischio in alcune aree dello studio potrebbe
essere tuttavia sottostimato (Giovinazzi e Lagomarsino, 2001).
Le metodologie attualmente pi diffuse per la valutazione della vulnerabilit degli
edifici sono i risultati di un insieme di studi che si sono evoluti nel tempo a
seguito di catastrofici eventi sismici, non ultimo il tragico episodio che ha colpito
le popolazioni dellAbruzzo. Se linput allo sviluppo di tali studi stata la volont
di valutare leffettiva vulnerabilit degli edifici residenziali, il verificarsi di
clamorosi danni agli edifici pubblici, e il conseguente allarme sociale, ha spinto
linteresse sia scientifico che operativo verso tali classi di edifici.
Levoluzione storica degli studi di vulnerabilit ha quindi prodotto da un lato studi
statistici o empirici, dallaltro approcci pi propriamente strutturali o meccanici.
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

28
In generale, i primi sono finalizzati a indagini e valutazioni su larga scala e
possono fornire stime affidabili in senso statistico, piuttosto che puntuale. Essi
sono basati su rilievi sommari a vista, e difficilmente possono tener conto delle
differenze nei dettagli costruttivi e nelle resistenze dei materiali che caratterizzano
edifici diversi. Lanalisi visiva prende spunto dallindividuazione e classificazione
di svariate caratteristiche degli edifici che notoriamente influenzano la
vulnerabilit sismica. Essa si avvale di una scheda di vulnerabilit nella quale si
riportano dei punteggi stimati in base alla presenza o meno delle caratteristiche di
vulnerabilit: se il punteggio eccessivo ledificio giudicato a rischio sismico, a
meno dellesecuzione di indagini di dettaglio.
La procedura di valutazione rapida basata sullosservazione visiva ,
storicamente, il primo metodo introdotto per eseguire unindagine di vulnerabilit
ed , tuttora, uno degli unici mezzi diffusi. Tuttavia, trattandosi di una procedura
molto approssimata e conservativa, non in grado di individuare tutti gli edifici a
rischio sismico
1.3.1 Metodi per valutazioni su larga scala
Questo tipo di approccio basato sullanalisi statistica dei danni provocati dai
terremoti.
Tuttavia laccuratezza del metodo pu essere affetta dalla mancanza di un
database sufficientemente grande di osservazioni soprattutto per quanto riguarda
gli edifici in c.a.
Esistono diverse metodologie per la valutazione speditiva della vulnerabilit
sismica del costruito esistente a scala territoriale. Lapproccio pi diffuso quello
empirico, basato sullanalisi statistica di dati di danno rilevati a seguito di eventi
sismici noti (Rossetto ed Elnashai, 2003); a tale categoria appartiene il cosiddetto
metodo GNDT (CNR-GNDT,1994; Di Pasquale et al., 2005). Tuttavia,
laccuratezza di metodi empirici pu essere affetta dalla mancanza di un database
sufficiente di osservazioni, soprattutto per edifici in Cemento Armato (CA).
Inoltre, la probabilit di danno formulata in funzione dellintensit
macrosismica, difficilmente correlabile a parametri di accelerazione o spettrali, in
funzione dei quali si esprime la pericolosit sismica al sito (alcune forme di
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

29
conversione dellintensit in grandezze spettrali sono state proposte, ma
indurrebbero ulteriore incertezza nel processo).
Per la valutazione della vulnerabilit sismica di classi di edifici in CA sembrano
pi appropriati metodi basati sulla modellazione, sia pur semplificata, degli
edifici, meno dipendenti dai risultati di rilievi post-sisma. La metodologia
HAZUS (FEMA, 1999), che rappresenta un ibrido fra metodi statistico-
osservazionali e metodi meccanici, fornisce le curve di fragilit per classi di
edifici definite in funzione del sistema costruttivo e dellepoca di costruzione.
Tuttavia HAZUS, pur riconosciuto ed applicato coma utile strumento a livello
internazionale, ottimizzato per analisi di scenario piuttosto che per analisi di
rischio, come evidenziato anche in (Crowley et al., 2004).
I metodi puramente meccanici per la valutazione del rischio di classe si sono
gradualmente evoluti, di pari passo con le maggiori potenzialit di modellazione
strutturale e computazionali, consentendo una caratterizzazione sempre pi
affidabile della capacit sismica. Dal primo approccio semi-quantitativo (Calvi,
1999), aggiornato in (Glaister e Pinho, 2003), in cui la valutazione della
vulnerabilit effettuata sulla base di modelli meccanici semplificati che
necessitano di un numero limitato di dati in input rispetto alle informazioni
generalmente disponibili, si arrivati ad approcci basati sulla modellazione non
lineare elemento per elemento. Il metodo proposto in (Rossetto ed Elnashai,
2005), che utilizza analisi di push-over adattive combinate con il metodo dello
spettro di capacit per determinare la prestazione strutturale in corrispondenza di
diversi livelli di intensit sismica, rappresenta uno dei sistemi di valutazione
a base meccanica pi aggiornati; tuttavia, trascurando la variabilit di parametri
geometrici e strutturali che possono influenzare non marginalmente il
comportamento di diversi edifici nellambito di una stessa classe, si assume un
singolo sistema strutturale quale rappresentativo di unintera classe. Il punto
critico degli approcci di natura meccanica quando applicati per valutazioni di
rischio a scala territoriale sta proprio nel trovare il giusto equilibrio tra la
raffinatezza del modello meccanico riferito alla generica struttura, peraltro di
difficile caratterizzazione vista la carenza di informazioni sul costruito esistente
(problemi di inventario), e limpegno computazionale che ne deriva per calcolare
la stima della risposta strutturale da quella della caratterizzazione probabilistica
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

30
della domanda sismica (G.M. Verderame et al.- Rischio sismico di classi di edifici
in cemento armato,2007)
A differenza dei metodi meccanici, che valutano la vulnerabilit di un singolo
edificio con unanalisi di dettaglio, i metodi tipologici valutano la vulnerabilit di
aggregati urbani di edifici basandosi sulla definizione di classi caratterizzate da
indicatori tipologici o funzionali.
Ad esempio nella definizione di una classe intervengono i fattori quali la tipologia
costruttiva, la morfologia in pianta, laltezza, lanno di costruzione etc. Ad ogni
classe associabile una matrice di probabilit di danno o una curva di
vulnerabilit. La verifica delle ipotesi formulate in sede di costruzione delle curve
di vulnerabilit o delle matrici di danno affidata all'elaborazione statistica dei
danni causati dai terremoti passati agli edifici. In questo modo assegnando un
edificio ad una certa classe gli si assegna automaticamente la curva di
vulnerabilit, o la matrice di probabilit di danno, che competono alla classe
(Mariniello,2007).
1.3.2 Metodi meccanico-analitici
Nel caso di approccio meccanico la vulnerabilit valutata in maniera analitica.
Si procede ad unanalisi della struttura solitamente del tipo non lineare. Il danno
associato al superamento di uno stato limite che pu essere identificato con il
raggiungimento di una rotazione limite o di un meccanismo di collasso della
struttura, mentre lazione generalmente espressa in termini di quantit spettrali
come ad esempio laccelerazione di picco al suolo. Lattendibilit di questi metodi
quella ordinaria delle analisi strutturali applicate alle costruzioni esistenti.
Questo tipo di metodo comunemente applicato alla valutazione della
vulnerabilit di un singolo edificio di cui si ha un livello di conoscenza adeguato.
Recentemente i metodi meccanici si sono evoluti per poter valutare la
vulnerabilit di classi di edifici in c.a. ovvero di aggregati urbani, ma, come gi
detto, il punto critico degli approcci di natura meccanica quello di trovare un
giusto equilibrio tra la raffinatezza del modello meccanico riferito alla singola
struttura e limpegno computazionale che ne deriva calcolare la stima della
risposta strutturale da quella della caratterizzazione probabilistica della domanda
sismica..
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
Una metodologia proposta (Pecce e al., 2004), messa a punto ed applicata ad
alcuni casi reali, mostra che la procedura semplificata su cui si basata fornisce
risultati in buon accordo, per alcuni aspetti, con quelli di analisi pi sofisticati.




Figura 1.16 Metodologia per lanalisi di vulnerabilit sismica degli edifici esistenti (da
PECCE et Al.2004)


La procedura proposta prevede varie fasi che in parte si differenziano in base alla
disponibilit dei grafici strutturali di progetto. Nel caso delle strutture in c.a.
infatti questo aspetto fondamentale poich le dimensioni geometriche degli
elementi strutturali ma soprattutto le armature interne, che definiscono leffettiva
resistenza e duttilit strutturale, non possono essere individuate facilmente da un
rilievo in sito.
I percorsi relativi alle due diverse eventualit sono sintetizzati nella Figura 1.16.
Si osserva quindi che in assenza di documentazione sul progetto originario
necessaria una fase preliminare di rilievo e di progettazione molto impegnativa, la
cui approssimazione influenza in modo sostanziale laffidabilit del risultato.
Inoltre anche le operazioni di indagini in sito, necessarie in tutti i casi, devono
essere stabilite in modo differente per i due scenari considerati. Qualora sia
__________________________________________________________________

31
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________

32
disponibile il progetto, i saggi o le indagini non distruttive per lindividuazione
delle armature possono essere effettuate in numero pi limitato per verificare a
campione la corrispondenza con il progetto; in assenza totale di informazioni
lidentificazione dellarmatura deve essere svolta in maniera pi estesa cercando
comunque di trovare conferma del progetto simulato, inoltre devono essere
individuate le caratteristiche principali dei solai.
Per quanto attiene il calcestruzzo le indagini in sito devono essere svolte
comunque perch sono finalizzate alla individuazione della effettiva resistenza del
materiale e le eventuali carenze dovute ad una cattiva realizzazione o al degrado
nel tempo; analogamente deve essere svolta un analisi del livello di
carbonatazione e della gravit di fenomeni di corrosione. Una volta individuata la
struttura i due casi si distingueranno solo per eventuali coefficienti di sicurezza
differenziati correlati al grado di conoscenza. A questo punto la procedura di
analisi si distingue secondo i livelli di approssimazione come di seguito riportati:
Livello 1: Analisi di meccanismi di crisi e definizione del massimo
tagliante sismico che pu essere assorbito dalla struttura e che viene
comparato a quello individuato da una valutazione delle azioni statiche
equivalenti allazione sismica;
Livello 2: Analisi non lineare per la valutazione della duttilit disponibile
e confronto con la duttilit richiesta dallazione sismica attesa.
In entrambi gli approcci si considerano strutture dove gli elementi sono
prevalentemente inflessi e quindi la plasticizzazione si modella mediante
linserimento di cerniere plastiche.
Inoltre lapplicazione viene svolta considerando schemi di calcolo di telai piani
trascurando quindi gli effetti torsionali. Si tratta quindi di un approccio di analisi
in cui si escludono fenomeni di crisi locali dei nodi trave-pilastro e crisi di tipo
tagliante negli elementi strutturali.
Il primo livello (meccanismo) consente di collocare rapidamente la struttura in
termini di resistenza alle azioni orizzontali in generale su una soglia superiore e
ipotizzando una duttilit disponibile molto elevata.
Il secondo livello (analisi non lineare) invece richiede una definizione accurata
della duttilit disponibile poich il comportamento non lineare e la definizione di
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
crisi dipendono direttamente dalla individuazione dei legami momento-rotazione
di travi e pilastri.
In definitiva laffidabilit del risultato dipende dal livello di conoscenza delle
strutture, per cui ha un ruolo fondamentale la fase preliminare di raccolta delle
informazioni e delle indagini in situ. Inoltre risulta evidente che lutilizzazione di
una procedura di analisi sofisticata ma basata su una conoscenza limitata, sarebbe
sicuramente una scelta poco razionale.
La conoscenza dei principali parametri che definiscono il comportamento non
lineare degli elementi strutturali, rappresenta dunque il punto di partenza per
lapplicazione di noti metodi semplificati basati su un approccio agli spostamenti
per lanalisi del comportamento non lineare delle strutture.
Limpostazione sia della normativa italiana, NTC08 che europea, EC8, in termini
di valutazione della vulnerabilit sismica degli edifici, seguono un approccio di
tipo prestazionale. A tal fine necessario selezionare uno SL di riferimento che
per la normativa italiana deve essere obbligatoriamente lo SLU e in maniera
facoltativa lo SLE. Lanalisi quindi condotta in riferimento alla Stato limite di
salvaguardia della vita SLV, allo Stato limite di collasso SLC e allo Stato limite di
esercizio SLE. Si assume innanzitutto che la struttura abbia raggiunto un certo
stato limite quando la prima delle sue membrature raggiunge i corrispondenti
limiti di capacit in termini di spostamento.
Eseguendo unanalisi statica non lineare, impostando nel modello un
comportamento non lineare dei materiali tramite un approccio a plasticit
concentrata, per gli elementi/meccanismi duttili la capacit da intendersi in
termini di deformazione ed definita con riferimento alla rotazione di corda
(fig.1.17).



__________________________________________________________________

33
Figura 1.17 Rotazione alla corda e luce di taglio Lv=M/V
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti

Per cui tutti gli elementi strutturali devono soddisfare la condizione che la
rotazione richiesta in corrispondenza di una configurazione deformata
corrispondente ad uno spostamento del punto di controllo pari allo spostamento
massimo richiesto (dmax), per ciascuna delle condizioni di carico considerate,
risulti inferiore alla capacit rotazionale dellelemento, in relazione allo stato
limite in esame. In particolare le rotazioni in corrispondenza degli SLU sono:

u SLV
75 . 0 = (1.1)

u SLC
=

La cerniera plastica, ipotizzata concentrata allestremit di ogni elemento
strutturale, caratterizzata da una lunghezza Lp valutata a partire dalla luce di
taglio Lv=M/V. Nota la distribuzione delle cerniere plastiche possibile ricavare
la curva caratteristica momento rotazione (M -) dellelemento a partire dal
legame di sezione momento - curvatura (M - ).



Figura 1.18 Esempio di legame M-Rotazione alla corda di una cerniera plastica

I punti caratteristici del diagramma (M-) (fig.1.18) sono:
- Rotazione di yielding;
- Rotazione ultima;
- Momento di cracking;
- Momento di yielding.
La rotazione di snervamento
y
valutata come somma di tre aliquote:
__________________________________________________________________

34
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti
- contributo flessionale;
- contributo tagliante;
- contributo per scorrimento delle barre longitudinali
c
y b
y
V V
y slip y shear y flex y y
f
f d
h
L L
13 , 0 ) 5 , 1 1 ( 0013 , 0
3
, , ,
+ + + = + + = (1.2)
dove:
__________________________________________________________________

35

y
la curvatura a snervamento della sezione terminale;
h laltezza della sezione;
d
b
il diametro (medio) delle barre longitudinali (in mm);
f
c
e f
y
sono rispettivamente la resistenza a compressione del calcestruzzo e la
resistenza a snervamento dellacciaio longitudinale (in MPa), ottenute
come media delle prove eseguite in situ e da fonti aggiuntive di
informazione, divise per il Fattore di Confidenza appropriato in relazione
al Livello di Conoscenza raggiunto

Per quanto riguarda al rotazione ultima :
) 25 , 1 ( 25
) ; 01 , 0 ( max
) ' ; 01 , 0 ( max
) 3 , 0 ( 016 , 0
1

d c
yw
sx
100
35 , 0
V
225 . 0
c
el
u

=
f
f
h
L
f
(1.3)

dove:
= 1.5 per gli elementi primari ed 1.0 per gli elementi secondari;
el
h laltezza della sezione;
lo sforzo assiale normalizzato agente su tutta la sezione A
) f A /( N
c c
= c
;
percentuale meccanica di armatura longitudinale in trazione (b, h
= base ed altezza della sezione)
) bhf /( f A
c y s
=
percentuale meccanica di armatura longitudinale in compressione
(b, h = base ed altezza della sezione);
) bhf /( f A
c y s
=
f
c
, f
y
e f sono rispettivamente la resistenza a compressione del
calcestruzzo e la resistenza a snervamento dellacciaio,
longitudinale e trasversale, in MPa, ottenute come media delle
prove eseguite in situ e da fonti aggiuntive di informazione,
divise per il Fattore di Confidenza appropriato in relazione al
Livello di Conoscenza raggiunto (vedi paragrafo 5.7);
yw
la percentuale di armatura trasversale ( = interasse delle staffe);
h
s
h w sx sx
s b A =
d
la percentuale di eventuali armature diagonali in ciascuna
direzione;
un fattore di efficienza del confinamento dato da:

=

o o
2
i
o
h
o
h
6
1
2
1
2
1
b h
b
h
s
b
s


dove b
o
e h sono le dimensioni della nucleo confinato, b
o i
le
distanze delle barre longitudinali trattenute da tiranti o staffe
presenti sul perimetro.
Capitolo 1: La vulnerabilit degli edifici in c.a. esistenti

Negli elementi non dotati di adeguati dettagli di tipo antisismico il valore fornito
dallequazione (1.3) deve essere moltiplicato per 0.85.
Lo sforzo normale N agente nella sezione di riferimento influenza i valori del
momento e delle rotazioni sia al limite di snervamento che in condizioni
ultime(fig1.19); pertanto, in linea di principio la curva di Figura 1.18 dipende da
N.

__________________________________________________________________

36









Figura 1.19 Modello di interazione momento-carico assiale

Per gli elementi/meccanismi fragili, la capacit da intendersi in termini di forze
ed definita come la resistenza a taglio dellelemento. I modelli di capacit a
taglio degli edifici in c.a. esistenti verranno approfonditi nei prossimi capitoli.
Il modello a plasticit concentrata definito sulla base delle relazioni brevemente
riportate per le cerniere plastiche consente di effettuare analisi pushover sulla
struttura e di ottenere la cosiddetta Curva di Capacit come relazione tra il taglio
alla base F e lo spostamento sommitale della stessa (punto di controllo) e da
questa tramite la procedura di conversione del sistema di partenza nelloscillatore
semplice (SDOF), possibile ottenere per ogni SL considerato la domanda di
spostamento (D) del punto di controllo da confrontare con la relativa capacit (C)
della struttura. La verifica di vulnerabilit si ritiene soddisfatta se D<C.
Tale procedura verr adottata e dettagliatamente descritta nei capitoli successivi.

Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
37
Capitolo 2. Inquadramento normativo sugli edifici
in c.a. esistenti
2.1 GENERALIT
La problematica della valutazione della sicurezza strutturale e della relativa
riduzione della vulnerabilit sismica degli edifici esistenti in Italia un tema che
purtroppo, negli ultimi anni, diventato di estrema importanza, anche a causa di
catastrofici eventi sismici che hanno colpito il territorio nazionale negli ultimi
trentanni (Irpinia 1980, Umbria e Marche 1997, Molise 2002, Abruzzo 2009) con
ingenti danni provocati in termini economici ma soprattutto di vite umane.
LItalia un paese caratterizzato da una pericolosit sismica medio-alta, rispetto
ad altri paesi del bacino mediterraneo e ad unelevata vulnerabilit del patrimonio
edilizio.
La classificazione sismica del territorio italiano stata effettuata in gran parte
soltanto a partire dal 1981 e sostanzialmente completata con le recenti normative.
Inoltre, anche nei casi di progettazione antisismica, le prime normative italiane
non erano in grado di conseguire in modo soddisfacente i livelli di prestazione
oggi richiesti rispetto al danno ed al collasso, come oggi prevedono le pi
moderne normative sismiche. Pertanto, il problema del deficit di protezione
sismica delle costruzioni in generale, e di quelle in c.a. in particolare, riguarda,
oltre agli edifici progettati a soli carichi verticali in zone poi classificate, anche
quegli edifici progettati con normative sismiche ormai obsolete o in zone in cui
classificazioni successive hanno determinato un incremento di sismicit.
Lemanazione di norme per la progettazione in zona sismica sia a livello europeo
che internazionale (Eurocodice 8, FEMA 547), sia a livello nazionale (OPCM
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
38
3274 e smi, DM 14/09/2005, D.M. 14/01/2008 e relativa circolare applicativa
n617 del 2 febbraio 2009), che affrontano in modo specifico la valutazione della
sicurezza degli edifici esistenti, ha messo in evidenza la necessit di effettuare un
controllo globale della vulnerabilit sismica del patrimonio esistente ed
incoraggiato la comunit tecnico scientifica ad avviare numerosi studi sulle
strategie e tecniche di intervento per ladeguamento sismico degli edifici esistenti
in generale e quelli in c.a..in particolare, trattati in questo lavoro.
2.2 LIVELLI PRESTAZIONALI ATTESI NEGLI EDIFICI ESISTENTI
Lanalisi strutturale di un edificio esistente, finalizzata alla determinazione del suo
livello di sicurezza nei confronti dei carichi agenti o prevedibili durante la sua vita
residua, in particolare dellazione sismica, presenta molti pi problemi di quella
relativa agli edifici di nuova costruzione. Problematiche legate alla presenza di
fattori di vulnerabilit sismica dipendenti dalla morfologia della struttura, alla
tipologia di materiali impiegati che riflettono la prassi e norme progettuali vigenti
allepoca della costruzione, se non addirittura soggette a modificazioni
incontrollate che si sono susseguite durante la vita del manufatto.
Nonostante sia frequente il caso di strutture esistenti per le quali non sempre
conveniente intervenire su di esse per renderle in grado di resistere alle azioni
sismiche considerati dalle vigenti normative, risultandone pi economica la loro
demolizione e la successiva ricostruzione, da osservare che la disponibilit di
materiali e tecnologie sempre pi allavanguardia permette comunque, al
progettista, di trovare delle soluzioni quantomeno accettabili. Ladeguamento
sismico pu costituire una valida alternativa alla demolizione e successiva
ricostruzione delle suddette costruzioni. Consiste nella realizzazione di interventi
volti a far si che la capacit della struttura in esame di resistere al terremoto sia
almeno pari alla domanda che il moto sismico del suolo produce. Tale aspetto
verr affrontato in modo pi dettagliato nel cap.5
La progettazione sismica prestazionale, a cui ormai la normativa nazionale ed
internazionale si riferisce, ha la finalit di richiedere determinate prestazioni
strutturali agli edifici, in particolare quelli esistenti, sottoposti a determinati
eventi sismici. Si basa sulla definizione di livelli di prestazione strutturale
multipli, intesi in genere come livello di danneggiamento delle membrature e/o
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
39
degli elementi secondari, che possono essere raggiunti, o non superati, quando la
struttura soggetta a vari (multipli) livelli dellazione sismica, identificati in
genere con parametri quali laccelerazione di picco al suolo. Infatti richiedere che
ledificio rimanga in campo elastico indipendentemente dallazione sismica a cui
sottoposto porterebbe a costi elevati di costruzione dei nuovi edifici e costi
elevati di adeguamento per gli edifici esistenti. Il livello prestazionale previsto dai
maggiori Codici nazionali e internazionali allora quello di minimizzare i costi
totali, prendendo in conto anche lipotesi di adeguare o addirittura demolire
ledificio a seguito di eventi sismici con determinati periodi di ritorno. Il
parametro che riveste un ruolo fondamentale in tal senso il livello di
pericolosit sismica del sito ove ubicato ledificio, definito come una misura
dell entit del fenomeno sismico atteso nel sito stesso in un assegnato periodo di
tempo. Come tutte le pericolosit essa quindi una caratteristica del territorio,
indipendente dai beni e dalle attivit umane eventualmente presenti su di esso. I
parametri descrittivi del moto del terreno utilizzati per unanalisi di pericolosit
sismica possono essere vari, in dipendenza dai dati disponibili e dalle finalit
dello studio; tra i pi diffusi ci sono lintensit macrosismica, il picco di velocit
(PGV) o di accelerazione (PGA), i valori spettrali.
La progettazione sismica prestazionale deve quindi prevedere, per una data
struttura, che essa sia in grado di:
Rimanere in campo elastico per eventi sismici caratterizzati da modeste
accelerazioni di picco, senza subire danni;
resistere ad un livello moderato di sisma senza danni strutturali, accettando
solo eventuali danneggiamenti ad elementi non strutturali. Cio la struttura
deve garantire una capacit sismica superiore della domanda in termini di
forze;
resistere ad un livello maggiore del sisma, senza crollare ma accettando
anche importanti e diffusi danneggiamenti agli elementi strutturali e non
strutturali. Cio la struttura deve essere sufficientemente duttile da
sviluppare un comportamento non lineare dissipativo.
Sulla base delle precedenti considerazioni, ormai tutti i codici normativi
individuano i seguenti livelli di prestazione richieste alle strutture:
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
1. Operational O (operativit): lintera costruzione, sia nelle sue parti
strutturali che non strutturali, mantiene un comportamento elastico
lineare ed immediatamente fruibile anche a valle di un evento
sismico.
2. Immediate occupancy- IO (Occupazione immediata): la costruzione
mantiene un comportamento sostanzialmente elastico lineare in tutta la
sua struttura portante, mentre sviluppa danneggiamenti limitati nelle
porzioni non strutturali, che comunque possono esser riparati in tempi
relativamente brevi.
3. Life Safe LS (Salvaguardia della vita): sia le parti strutturali che le
parti non strutturali della costruzione possono subire danneggiamenti
anche consistenti con sviluppo di deformazioni anche in campo non
lineare, ma garantito il non crollo delle varie membrature in modo
da garantire la salvaguardia delle vite umane.
4. Near Collapse NC (prevenzione del collasso): viene garantito il
non collasso della intera costruzione anche se porzioni limitate o
paramenti non strutturali possono subire crolli parziali).

1.
Figura 2.1 Livelli prestazionali e stati limite

LEurocodice 8 individua tre livelli prestazionali attesi (fig.2.1) :
1. stato limite di danno lieve (DL): i danni alla struttura sono di modesta
entit senza significative escursioni in campo plastico; la resistenza e
rigidezza laterali degli elementi portanti non sono compromesse e non
sono necessarie riparazioni; gli elementi non strutturali presentano
__________________________________________________________________
40
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
41
fessurazioni diffuse suscettibili di riparazioni di modesto impegno
economico; le deformazioni residue sono trascurabili;
2. stato limite di danno severo (SD): la struttura presenta danni importanti,
con significative riduzioni di resistenza e rigidezza laterali; gli elementi
non strutturali sono danneggiati ma senza espulsioni di tramezzi e
tamponature; data la presenza di deformazioni residue la riparazione
delledificio risulta in genere economicamente non conveniente;
3. stato limite di incipiente collasso (NC): la struttura fortemente
danneggiata con ridotte caratteristiche di resistenza e rigidezza residue,
appena in grado di sostenere i carichi verticali; la maggior parte degli
elementi non strutturali sono distrutti; ledificio presenta fuori piombo
significativi e non sarebbe in grado di subire senza collasso ulteriori, anche
modeste, accelerazioni al suolo.
La normativa italiana per le costruzioni, emanate col D.M. 14/01/2008,. individua
i seguenti livelli prestazionale attesi (fig.2.1):
- Per gli Stati limite di esercizio:
1. Stato Limite di Operativit (SLO): a seguito del terremoto la costruzione
nel suo complesso, includendo gli elementi strutturali, quelli non
strutturali, le apparecchiature rilevanti alla sua funzione, non deve subire
danni ed interruzioni d'uso significativi;
2. Stato Limite di Danno (SLD): a seguito del terremoto la costruzione nel
suo complesso, includendo gli elementi strutturali, quelli non strutturali, le
apparecchiature rilevanti alla sua funzione, subisce danni tali da non
mettere a rischio gli utenti e da non compromettere significativamente la
capacit di resistenza e di rigidezza nei confronti delle azioni verticali ed
orizzontali, mantenendosi immediatamente utilizzabile pur
nellinterruzione duso di parte delle apparecchiature;
- per gli Stati limite ultimi
3. Stato Limite di salvaguardia della Vita (SLV): a seguito del terremoto
la costruzione subisce rotture e crolli dei componenti non strutturali ed
impiantistici e significativi danni dei componenti strutturali cui si associa
una perdita significativa di rigidezza nei confronti delle azioni orizzontali;
la costruzione conserva invece una parte della resistenza e rigidezza per
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
42
azioni verticali e un margine di sicurezza nei confronti del collasso per
azioni sismiche orizzontali;
4. Stato Limite di prevenzione del Collasso (SLC): a seguito del terremoto
la costruzione subisce gravi rotture e crolli dei componenti non strutturali
ed impiantistici e danni molto gravi dei componenti strutturali; la
costruzione conserva ancora un margine di sicurezza per azioni verticali ed
un esiguo margine di sicurezza nei confronti del collasso per azioni
orizzontali.
La norma prescrive che la valutazione della sicurezza e leventuale progettazione
delladeguamento sismico sugli edifici esistenti possono essere eseguiti con
riferimento ai soli S.L.U.; si aggiunge inoltre che le verifiche agli S.L.U. possono
essere eseguite rispetto alla condizione di salvaguardia della vita umana (SLV) o,
in alternativa, alla condizione di collasso (SLC).
La verifica nei confronti degli stati limite di esercizio pu essere effettuata
stabilendo di concerto col il Committente, i relativi livelli di prestazione.
Lopportunit di poter trascurare la verifica allo stato limite di danno trova
giustificazione nella precisa scelta del normatore di focalizzare lattenzione verso
quegli stati limite di verifica che pi si avvicinano al collasso, ritenendo quindi
che una costruzione esistente debba essere soprattutto preservata dalleventuale
crollo; tuttavia, almeno per alcune categorie di edifici quali ad esempio gli
ospedali, dove anche un piccolo danneggiamento pu provocare linterruzione di
servizi di primaria importanza, la valutazione dello stato limite di esercizio
diventa assolutamente imprescindibile.
Quindi, per certi edifici pu essere molto importante controllare che per piccoli e
pi ricorrenti terremoti, ledificio non riporti danni alle parti non strutturali,
tuttavia la norma non d criteri n indicazioni per definire quali sono i casi in cui
la verifica agli stati limite di esercizio si renda necessaria, rimandando tutto al
concerto tra Progettista e Committente.
2.3 LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA
La circ.617/09 definisce il concetto di valutazione della sicurezza di un edificio
esistente come un procedimento quantitativo finalizzato a :
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
43
- stabilire se una struttura esistente in grado o meno di resistere alle
combinazioni delle azioni di progetto contenute nelle NTC08, oppure
- a determinare lentit massima delle azioni, considerate nelle
combinazioni di progetto previste,che la struttura capace di sostenere con
i margini di sicurezza richiesti dalle NTC08, definiti dai coefficienti
parziali di sicurezza sulle azioni e sui materiali.
La procedura di valutazione di un edificio esistente dovr essere caratterizzata da
un insieme di attivit preliminari finalizzate alla corretta conoscenza della
struttura. Gli edifici esistenti, infatti, si differenziano in modo significativo da
quelli di nuova progettazione per i seguenti elementi, cos come indicato anche al
. 8.2 delle NTC 08 :
La costruzione riflette lo stato delle conoscenze al tempo della loro
costruzione;
il progetto pu contenere difetti di impostazione concettuale e di
realizzazione non evidenziabili;
la struttura pu essere stata soggetta a terremoti passati o ad altre azioni
accidentali i cui effetti non sono palesemente emersi.
Gli elementi strutturali possono presentare segni di degrado e/o
modificazioni significative rispetto alle situazioni iniziali
Le NTC08, ma gi precedentemente lOrdinanza PCM 3274/2003 e smi, stabilisce
la fondamentale importanza dellesecuzione di una fase preliminare in cui deve
essere pianificata una campagna di indagine con lobiettivo di arrivare ad una
precisa conoscenza del manufatto, tradotto analiticamente da un opportuno
Fattore di Confidenza (FC).
La conoscenza approfondita delle caratteristiche delle strutture di un edificio,
attraverso lesame dei progetti originari, delle relazioni di calcolo, dei certificati di
prova sui materiali impiegati e di collaudo, il tutto integrato con la stima in situ
delle propriet meccaniche dei materiali, col rilievo dei dettagli costruttivi e il loro
stato, fornisce il livello di conoscenza della struttura indagata, fondamentale
per la valutazione del grado di sicurezza posseduto dalledificio nei confronti
delle azioni sismiche.
Le vigenti normative nazionali (NTC08) ed Europee (EC8), prevedono tre livelli
di conoscenza (LC):
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
LC1 - conoscenza limitata;
LC2 - conoscenza adeguata;
LC3 - conoscenza accurata.
A seconda del livello di conoscenza che si vuole raggiungere, variano la quantit
di elementi da indagare e il numero di campioni di materiale da sottoporre a
indagini in situ e/o in laboratorio.

Tabella 2.1Livelli di conoscenza, corrispondenti metodi di analisi e fattori di confidenza
previsti dall'EC8-parte 3


Tabella 2.2 Livelli di conoscenza, corrispondenti metodi di analisi e fattori di confidenza
previsti dalle NTC08 e CIRC09
__________________________________________________________________
44
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
45
La stima delle caratteristiche dei materiali tanto pi attendibile quanto maggiore
lestensione delle indagini eseguite sul costruito da analizzare. Sia lEC 8-parte
3 che le NTC08 utilizzano un coefficiente di sicurezza, detto fattore di confidenza
FC, che riassume lattendibilit e lestensione delle indagini eseguite (tab 2.2.e
fig.2.3) .
Il livello di conoscenza un parametro che influenza anche la metodologia di
analisi da effettuare sulledificio. Una conoscenza approssimativa delle propriet
meccaniche dei materiali richiede una definizione di modelli di calcolo
semplificati ed a comportamento lineare, in quanto lutilizzo di modelli e teorie
pi sofisticate permetterebbe di pervenire a risultati pi precisi basati per su dati
approssimati. Una conoscenza approfondita della costruzione, sia in termini di
dettagli strutturali che meccanici, consente la realizzazione di modelli di calcolo
sofisticati, in grado di cogliere anche la risposta non-lineare dei materiali
sottoposti ad azioni sismiche.
Entrambe le norme (NTC08 - EC8) prendono in considerazione i seguenti quattro
diversi metodi di analisi:
analisi statica lineare;
analisi dinamica modale;
analisi statica non-lineare;
analisi dinamica non-lineare.
La scelta tra un metodo e laltro dipende dalle caratteristiche (regolarit, periodi
propri caratteristici) e dallimportanza della struttura che si sta studiando.
I metodi di analisi elastica (statica equivalente e dinamica modale con spettro di
risposta) sono approcci originariamente pensati per la progettazione di nuovi
edifici in zona sismica, in cui viene utilizzato un valore dellazione sismica
opportunamente ridotto di un fattore q che dipende dalle caratteristiche di duttilit
globale della struttura, nellipotesi che siano comunque attuate tutta una serie di
prescrizioni di dettaglio costruttivo tese a garantire il suddetto comportamento
duttile.
Relativamente alle strutture esistenti in c.a., il D.M. 14/01/2008 permette di
eseguire le verifiche solo con riferimento agli SLU, considerando facoltativa
leventualit di effettuare verifiche agli SLE. Con riferimento alla verifica agli
SLU, ed in particolare allo Stato Limite di Salvaguardia della Vita (per il quale le
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
46
norme consentono anche lutilizzo dello spettro ridotto), le NTC08 permettono
due modalit di analisi lineare: lanalisi statica lineare con spettro elastico e
lanalisi statica lineare con fattore q. Il primo metodo applicato utilizzando lo
spettro elastico determinato per il sito in cui sorge la struttura, e non quello di
progetto, eseguendo verifiche di deformabilit sugli elementi a comportamento
duttile e verifiche di resistenza sugli elementi a comportamento fragile,
considerati nella condizione di collasso, ovvero in cui tutti gli elementi duttili ad
essi collegati hanno raggiunto la loro massima deformazione. In tal modo, la
verifica si svincola dal dover considerare il coefficiente di struttura, spostando il
problema dallesecuzione di verifiche di resistenza per tutti gli elementi strutturali
ad una verifica della capacit strutturale deformativa che si traduce nella
possibilit di sviluppare un meccanismo dissipativo dellenergia. Infatti, a parte il
caso in cui una costruzione possieda la resistenza necessaria ad assorbire il sisma
in campo elastico, i metodi di analisi lineare non sono in grado di restituire
adeguatamente la richiesta sismica di ogni singolo elemento strutturale. Questo
perch con tale metodo non assolutamente possibile stimare la risposta
strutturale in campo inelastico.
Con il secondo metodo possibile utilizzare lo spettro di progetto che si ottiene
riducendo le ordinate dello spettro elastico di un coefficiente detto fattore di
struttura q, il cui valore scelto nel campo fra 1.5 e 3. In particolare, per elementi
caratterizzati da un meccanismo di tipo duttile, ovvero definiti da un
comportamento prevalentemente flessionale, il fattore di struttura q viene scelto
nellintervallo pari [1.5, 3.0] sulla base della regolarit ed ai tassi di lavoro dei
materiali; mentre gli elementi definiti da un meccanismo fragile il fattore di
struttura univocamente definito e pari a 1.50. Recenti studi effettuati su una
popolazione di edifici esistenti con una tipologia strutturale tipicamente utilizzata
negli anni 50 e 60 in Italia, su cui sono state effettuate una serie di analisi non
lineari finalizzate proprio alla valutazione del fattore di struttura che risultato
essere compreso nellintervallo [1,80;3,60] confermandone lorientamento
normativo (G.M. Verderame et al., 2007).
Le verifiche da effettuare sono quelle classiche in termini di resistenza. Il
problema principale che la normativa non fornisce ulteriori indicazioni per la
quantificazione di q, a differenza del caso degli edifici di nuova costruzione, dove
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
47
sono assegnati determinati valori in funzione: del livello di duttilit attesa, della
tipologia strutturale e della regolarit delledificio, ma sempre nellipotesi che
siano comunque attuate tutta una serie di prescrizioni di dettaglio costruttivo tese
a garantire un comportamento duttile globale.
Nel caso degli edifici esistenti risulta infatti piuttosto complicato definire in modo
affidabile il fattore di struttura q che li caratterizza. Questo per le difficolt di
poter considerare implicitamente lassorbimento in campo nonlineare, essendo
tale fattore dipendente fortemente dalle propriet post-elastiche dei materiali, dalla
localizzazione delle deformazioni plastiche nonch dalla configurazione
morfologica della costruzione.
2.4 ANALISI STATICA NON LINEARE
Per analizzare la risposta sismica di una struttura reale necessario innanzitutto
costruire un modello matematico in grado di cogliere adeguatamente le
caratteristiche geometriche e meccaniche della struttura in esame includendo sia
gli effetti delle non linearit del materiale sia gli effetti del secondo ordine qualora
essi assumano un valore non trascurabile
Per ottenere una previsione accurata e realistica della risposta sismica di una
struttura necessario disporre di strumenti di analisi che permettano di coglierne
il comportamento non lineare e la sua evoluzione nel tempo.
Lanalisi dinamica non lineare al passo indubbiamente lo strumento pi
completo ed efficace (assumendo ovviamente che il modello strutturale riproduca
con accuratezza il sistema reale): la risposta della struttura viene determinata
mediante integrazione al passo delle equazioni del moto di un sistema a molti
gradi di libert (MDOF) non lineare.
Questa presenta per alcuni aspetti che ne impediscono un diffuso impiego nella
pratica professionale:
la scelta dei parametri che intervengono delicata ed influenza
sensibilmente i risultati dellanalisi stessa;
sono necessarie numerose analisi impiegando differenti accelerogrammi
opportunamente selezionati per ottenere un risultato rappresentativo della
risposta attesa;
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
48
laccuratezza dellanalisi va a scapito della semplicit e della rapidit di
esecuzione;
linterpretazione dei risultati complessa ed onerosa.
I codici sismici consentono infatti di utilizzare analisi elastiche lineari (statiche e
dinamiche) che conseguentemente, pur con i relativi limiti, risultano ancora
procedure largamente diffuse.
Unalternativa attraente, prevista dalla normativa, rappresentata dalla analisi
statica non lineare che, pur conservando la notevole semplicit duso e di
interpretazione dei risultati tipica delle analisi statiche lineari, consente stime pi
realistiche ed affidabili della risposta strutturale anche in campo non lineare. In
effetti, sempre pi frequente la loro applicazione nella verifica strutturale.
Questo tipo di analisi essenzialmente basato su due passi fondamentali:
1. la determinazione di un legame forza-spostamento (curva di
capacit o curva di pushover), rappresentativo del reale
comportamento monotono della struttura, per la cui definizione si
richiede unanalisi di spinta o di pushover;
2. la valutazione dello spostamento massimo o punto di
funzionamento (performance point) raggiunto dalla struttura a
fronte di un evento sismico definito tramite uno spettro di risposta
elastico in accelerazione.
Lanalisi di pushover una procedura statica non lineare impiegata per
determinare il comportamento di una struttura a fronte di una determinata azione
(forza o spostamento) applicata.
Essa consiste nello spingere la struttura fino a che questa collassi o un
parametro di controllo di deformazione non raggiunga un valore limite prefissato;
la spinta si ottiene applicando in modo incrementale monotono un profilo di
forze o di spostamenti prestabilito. I carichi gravitazionali applicati alla struttura
sono quelli considerati in combinazione sismica e quindi affetti dai vari
coefficienti
2,i
mentre per i carichi di spinta, per la direzione considerata
dellazione sismica, si prende in esame un sistema particolare di forze orizzontali
distribuite ad ogni livello della costruzione.
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
49
In sostanza lanalisi di spinta una tecnica di soluzione incrementale-iterativa
delle equazioni di equilibrio statico della struttura in cui la forzante
rappresentata dal sistema di forze.
Lanalisi di spinta consente quindi di descrivere il comportamento della struttura
tramite un semplice legame monodimensionale forza-spostamento detto curva di
capacit. In tal modo lanalisi della risposta della struttura viene ricondotta a
quella di un sistema ad un solo grado di libert (SDOF) equivalente alla struttura
di partenza. I metodi statici non lineari permettono di individuare lo spostamento
massimo di tale sistema SDOF equivalente e quindi la risposta della struttura
(punto prestazionale) soggetta ad un evento sismico descritto dal relativo spettro
di risposta in accelerazione.
lo spettro da utilizzarsi espresso in termini di spostamento (spettro ADRS) e
viene determinato a partire dal corrispondente spettro elastico, relativo allo stato
limite considerato.
In particolare, durante lanalisi, i carichi orizzontali vengono tutti scalati
mantenendo invariati i rapporti relativi fra gli stessi ai vari piani, in modo tale da
far crescere monotonamente lo spostamento orizzontale di un punto di controllo
che la norma identifica univocamente, come quello coincidente con il centro di
massa dellultimo livello della costruzione, ad esclusione di eventuali torrini.
Il diagramma che si ricava dallanalisi un diagramma Taglio alla Base /
Spostamento (Fb dc) che rappresenta la curva di capacit della struttura.
DOMANDA Definizione di uno spettro di risposta compatibile con lazione sismica attesa nel sito
Definizione del modello matematico MDOF della struttura e delle relative non linearit
CAPACITA
Esecuzione di unanalisi di pushover
Definizione di un sistema SDOF equivalente
Definizione di un criterio per considerare gli effetti del comportamento ciclico della
struttura
Determinazione della risposta del siostema SDOF equivalente
RISPOSTA
Conversione della risposta del sistema SDOF equivalente in quella del sistema MDOF
Definizione dellobiettivo prestazionale:stati limite corrispondenti ad un evento sismico
di data intensit VERIFICA
Verifica dellaccettabilit della risposta globale e locale
Tabella 2.3 aspetti significativi dellanalisi statica non lineare

In letteratura sono presenti vari approcci allanalisi statica non lineare ma i
caratteri essenziali sono sempre quelli in Tabella 2.3
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
50
2.4.1 Lanalisi statica non lineare condizioni di applicabilit
Le NTC08 specificano in modo abbastanza preciso quali sono le condizioni di
applicabilit del metodo ( 7.3.4.1);lutilizzo del metodo viene reso lecito solo se
ricorrono le condizioni di applicabilit generali di seguito precisate per le
distribuzioni principali (Gruppo 1).
Si devono considerare almeno due distribuzioni di forze laterali, ricadenti luna
nelle distribuzioni principali (Gruppo 1) e laltra nelle distribuzioni secondarie
(Gruppo 2), le quali sono cos illustrate:
Gruppo 1 Distribuzioni principali:
- distribuzione proporzionale alle forze statiche di cui al 7.3.3.2,
applicabile solo se il modo di vibrare fondamentale nella direzione
considerata ha una partecipazione di massa non inferiore al 75% ed a
condizione di utilizzare come seconda distribuzione la 2 a);
- distribuzione corrispondente ad una distribuzione di accelerazioni
proporzionali alla forma del modo di vibrare (andrebbe specificato
fondamentale), applicabile solo se il modo di vibrare fondamentale nella
direzione considerata ha una partecipazione di massa non inferiore al 75%;
- distribuzione corrispondente alla distribuzione dei tagli di piano calcolati
in una analisi dinamica lineare, applicabile solo se il periodo fondamentale
della struttura superiore a T
C
.
Gruppo 2 Distribuzioni secondarie:
a) distribuzione uniforme di forze, da intendersi come derivata da una
distribuzione uniforme di accelerazioni lungo laltezza della costruzione;
b) distribuzione adattiva, che cambia al crescere dello spostamento del punto
di controllo in funzione della plasticizzazione della struttura.
E evidente che tali limiti indicano che la Norma ritiene lanalisi statica non
lineare utilizzabile solo per costruzioni il cui comportamento sotto la componente
del terremoto considerata governata da un modo di vibrare naturale principale,
caratterizzato da una significativa partecipazione di massa.
Lanalisi richiede che al sistema strutturale reale venga associato un sistema
strutturale equivalente ad un grado di libert (SDOF).
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
2.4.2 Lanalisi statica non lineare Procedura per la conversione ad un
SDOF
La procedura di conversione della curva di capacit delledificio nella
corrispondente forma associata al sistema equivalente ad un grado di libert,
descritta al C7.3.4.1 della CIRC09



La forza F* e lo spostamento d* del sistema equivalente sono legati alle
corrispondenti grandezze F
b
e d
c
del sistema reale dalle relazioni

F*= F
b
/
d*= d
c
/
con fattore di partecipazione, definito dalla relazione :


M
M
T
T
=

Il vettore il vettore di trascinamento corrispondente alla direzione del sisma
considerata; il vettore il modo di vibrare fondamentale del sistema reale
normalizzato ponendo dc = 1; la matrice M la matrice di massa del sistema
reale. Alla curva di capacit del sistema equivalente occorre ora sostituire una
curva bilineare
__________________________________________________________________
51
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
La bilinearizzazione della curva di capacit del sistema equivalente si individua
imponendo il passaggio del tratto elastico per il punto 0,6F*
bu
, mentre la forza di
plasticizzazione F*
y
si individua imponendo luguaglianza delle aree sottese dalla
curva bilineare e dalla curva di capacit per lo spostamento massimo d*
u

corrispondente ad una riduzione di resistenza 0,15 F*
bu
.
Il periodo elastico del sistema bilineare dato dallespressione

*
*
2
k
m
T =


dove m
*
=
T
M e k
*
la rigidezza del tratto elastico della bilineare.
Nel caso in cui il periodo elastico della costruzione T* risulti T* T
C
la domanda
in spostamento per il sistema anelastico assunta uguale a quella di un sistema
elastico di pari periodo (v. 3.2.3.2.3 delle NTC08 e Fig. C7.3.2a):
) (
* *
max ,
*
max
T S d d
De e
= =
Nel caso in cui T* < T
C
la domanda in spostamento per il sistema anelastico
maggiore di quella di un sistema elastico di pari periodo (v. Fig. C7.3.2b) e si
ottiene da questultima mediante lespressione:
*
max ,
*
*
*
*
max , *
max
] ) 1 ( 1 [
e
C
e
d
T
T
q
q
d
d + =

dove q*=S
e
(T
*
)m
*
/F
*
y
rappresenta il rapporto tra la forza di risposta elastica e la
forza di snervamento del sistema equivalente.
Se risulta q* allora si ha d 1
*
max
=d
*
e,max

__________________________________________________________________
52

Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
Una volta trovata la domanda in spostamento d*max per lo stato limite in esame si
verifica che sia d
*
max
d
*
u
e si procede alla verifica della compatibilit degli
spostamenti per gli elementi/meccanismi duttili e delle resistenze per gli
elementi/meccanismi fragili.
Gli effetti torsionali accidentali devono essere considerati nel modo previsto dal
2.7.6 del DM08, cio facendo variare la posizione del centro di massa in ragione
di un 5% della dimensione delledificio misurata perpendicolarmente alla
direzione di applicazione dellazione sismica. In questo modo, considerando
anche leccentricit nulla, si originano a rigore 24 combinazioni di push-over.
Se la struttura regolare potrebbe essere inutile lanciare tutte le analisi, perch, di
fatto, la curva di capacit non subisce apprezzabili cambiamenti passando da una
eccentricit negativa ad una positiva.
Ad ogni modo, per non incorrere in errori di valutazione, sembra opportuno
considerare la possibilit di ridurre le combinazioni di calcolo, solo dopo aver
studiato bene la regolarit del fabbricato e dopo aver valutato il comportamento
dinamico attraverso una analisi modale (che comunque, obbligatoria per
verificare lammissibilit dellanalisi non lineare).
2.4.3 Stima della domanda
Il terremoto determina nella struttura deformazioni che sono congruenti con gli
spostamenti dei suoi nodi.
Con i tradizionali metodi di analisi lineare gli spostamenti sono valutati
utilizzando azioni di progetto descritte mediante particolari distribuzioni di forze
orizzontali. I metodi non lineare, in generale, consentono la stima diretta degli
spostamenti orizzontali, a partire dal moto sismico atteso. La domanda causata da
un terremoto su una particolare struttura, pu dunque essere utilmente espressa in
termini di spostamento subito dalla struttura stessa. Per determinare quale sia
leffettivo punto di funzionamento di una struttura sotto lazione del sisma occorre
confrontare la capacit della struttura, rappresentata dalla curva di capacit
ottenuta dallanalisi non lineare, con le caratteristiche dellazione sismica
considerata. La domanda di spostamento altro non che la risposta reale massima
della struttura in termini di spostamenti e pu essere valutata con le relazioni
precedenti che qui si riportano :
__________________________________________________________________
53
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti

-
con sistemi con periodi grandi T*>T
C


) (
* *
max ,
*
max
T S d d
De e
= =
-
con sistemi con periodi piccoli T*<T
C

*
max ,
*
*
*
*
max , *
max
] ) 1 ( 1 [
e
C
e
d
T
T
q
q
d
d + =
Con q*=S
e
(T
*
)m
*
/F
*
y
il rapporto tra la forza di risposta indefinitamente elastica e
la resistenza della struttura, quindi il deficit di resistenza della struttura reale
rispetto ad una che si comporterebbe in maniera perfettamente elastica.
Una volta stimata la domanda si deve verificare che la capacit della struttura sia
adeguata, ovvero che la struttura abbia una capacit di spostamento maggiore di
quella richiesta ricordando il legame tra il sistema equivalente e la struttura
originaria:
d
c
= d
*
max
essendo d
c
la domanda dello spostamento effettivo del punto di controllo.
__________________________________________________________________
54
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
La verifica quindi consister nel verificare che questo spostamento compatibile
con la curva di capacit ovvero inferiore allo spostamento ultimo del punto di
controllo del sistema reale d
u
== d
*
u
per ciascuno stato limite (fig.2.2).

Figura 2.2 Confronto tra la domanda di spostamento e la curva di capacit

2.5 VITA NOMINALE, CLASSI DUSO E PERIODO DI RIFERIMENTO
Per la valutazione della sicurezza sismica di un fabbricato, di nuova realizzazione
o esistente, necessario preliminarmente definire linput sismico atteso per quella
specifica costruzione.
Lazione sismica attesa funzione di una serie di parametri, il primo dei quali la
cosiddetta Vita Nominale (V
N
) dellopera, intesa come il numero di anni nel
quale la struttura, purch soggetta alla manutenzione ordinaria, deve poter essere
usata per lo scopo al quale destinata..
Le NTC08 indicano nella Tabella 2.4.I, la V
N
per diversi tipi di opere:



Per una struttura esistente, pi corretto parlare di vita residua da assegnare; la
sua definizione ovviamente legata a fattori connessi alla tipologia di costruzione
(c.a., muratura, ecc), allo stato di conservazione dei materiali, alluso che il
__________________________________________________________________
55
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
proprietario della struttura prevede di adottare per gli anni a seguire, ecc..; in
sostanza, la V
N
(o vita residua) va definita in funzione delle aspettative attese
dalla struttura e dallo stato di conservazione generale della stessa. Essa da
intendere come un parametro con il quale si stima la severit dellazione sismica
(e non come reale vita dellopera) nel senso che maggiore limportanza
dellopera maggiore deve essere la sua vita e quindi probabilisticamente soggetta
a azioni sismiche con maggiori periodi di ritorno.
Il secondo parametro utile alla definizione dellazione sismica di progetto la
Classe dUso (C
U
).
Essa rappresenta sostanzialmente quello che prima veniva identificato come
coefficiente di importanza i (OPCM 3431), tuttavia ora la norma distingue in
maniera pi esaustiva e definisce ben quattro classi duso:



Il valore da assegnare a C
U
viene fornito dalle NTC08 attraverso la tabella 2.4.II,
in funzione della Classe duso della costruzione:

Per le classi duso III e IV, la circolare n617 del 02/02/2009 Istruzioni per
lapplicazione delle Norme Tecniche per le costruzioni di cui al DM
14/01/2008, rinvia, per maggiori dettagli, al Decreto del Capo Dipartimento della
Protezione Civile n 3685 del 21 ottobre 2003, in cui vengono definiti, per quanto
__________________________________________________________________
56
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
di competenza statale, nellelenco A dellallegato 1 gli edifici di interesse
strategico e le opere infrastrutturali la cui funzionalit durante gli eventi sismici
assume rilievo fondamentale per le finalit di Protezione civile (da ricomprendere
nella classe IV delle NTC08 in quanto costruzioni con importanti funzioni
pubbliche o strategiche) e nellelenco B dellallegato 1 gli edifici e le opere che
possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso
(da ricomprendere nella classe III delle NTC08, in quanto costruzioni il cui uso
prevede affollamenti significativi).
Il valore del coefficiente Cu, combinato con la vita nominale V
N
, permette la
definizione di un fondamentale parametro chiamato Periodo di Riferimento per
lazione sismica (V
R
) dalla seguente relazione :
U N R
C V V = (2.1)
Come risulta dalla (2.1) se una costruzione pi usata ha una vita di riferimento
pi lunga. Infatti, anche se la vita di una costruzione non dipende
dallaffollamento a cui soggetta, ovvio che le norme si preoccupano di
salvaguardare maggiormente quelle strutture il cui crollo provoca maggiori
perdite di vite umane o mette fuori uso edifici di importanza strategica, pertanto la
V
R
serve solo ad amplificare lazione sismica in funzione del numero di vite
potenzialmente a rischio o della strategicit della costruzione. La vita di
riferimento allora una misura dellimportanza dellopera sia in termini del
numero di vite umane potenzialmente a rischio sia della strategicit della stessa.
Le NTC08 limitano inferiormente la V
R
con la prescrizione di non poter
comunque assumere un valore inferiore a 35 anni. Dalla definizione del valore del
Periodo di Riferimento, la norma consente di definire lazione sismica di verifica
o progetto per la costruzione in esame.
2.6 AZIONE SISMICA
Le NTC08 definiscono lazione sismica a partire dalla pericolosit sismica di
base del sito di costruzione, definita a sua volta in termini di accelerazione
orizzontale massima attesa a
g
in condizioni di campo libero su sito di riferimento
rigido con superficie topografica orizzontale (di categoria A),nonch di ordinate
dello spettro di risposta elastico in accelerazione ad essa corrispondente Se(T),
con riferimento a prefissate probabilit di eccedenza P
VR
, come definite nel
__________________________________________________________________
57
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
58
3.2.1 delle NTC08, nel periodo di riferimento V
R
, come definito nel 2.4 delle
stesse norme e come descritto nel paragrafo precedente.
In pratica si stabilisce il principio per cui le azioni sismiche sulle costruzioni si
determinano in relazione alla pericolosit del sito definita in termini di
accelerazione orizzontale massima attesa su suolo A ( facendo quindi coincidere il
valore di ancoraggio dello spettro, a
g
, con la PGA su roccia), e del corrispondente
spettro di risposta elastico. Per accelerazione massima attesa sintende il picco del
segnale che ha una certa probabilit Pvr di essere superato in un periodo di
riferimento Vr.
Le forme spettrali sono definite invece, per ciascuna probabilit di superamento
P
VR
nel periodo di riferimento, a partire dai tre parametri validi per sito rigido
orizzontale:
a
g
accelerazione orizzontale massima al sito;
F
0
valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in
accelerazione orizzontale;
T
C
* periodo di inizio del tratto a velocit costante dello spettro in
accelerazione orizzontale.
In allegato alla norma sono dati i valori dei tre parametri suddetti, per tutti i siti
considerati, in base ad un reticolo di riferimento basato su periodi di ritorno
compresi nellintervallo 30 anni - 2.475 anni.
Come gi accennato precedentemente, la norma individua quattro stati limite (con
la possibilit di ridurre lanalisi fino ad un solo stato limite ultimo, nel caso di
strutture esistenti), che in sequenza sono:
- Stato Limite di Operativit (SLO);
- Stato Limite di Danno (SLD);
- - Stato Limite di Salvaguardia della Vita (SLV);
- - Stato Limite di Prevenzione del Collasso (SLC).
Le probabilit di superamento nel periodo di riferimento P
VR
, cui riferirsi per
individuare lazione sismica agente in ciascuno degli stati limite considerati, sono
riportate nella tabella 3.2.I delle NTC08

Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti

A differenza delle precedenti norme che definivano subito il valore da attribuire
ad a
g
a partire dalla mappa di pericolosit sismica, le NTC08 implicano dapprima
la determinazione del periodo di ritorno dellazione sismica T
R
, espresso in
anni e funzione di V
R
e P
VR
.


) 1 ln(
VR
R
R
P
V
T

= (2.2)

E da questi parametri si determina il valore dellaccelerazione di picco a
g
.
Il periodo di ritorno , anchesso, un indice di severit, funzione della vita di
riferimento e della probabilit di superamento, come si vede dalla relazione (2.2).
Maggiore il periodo di ritorno tanto pi severo sar lazione sismica.
La norma richiede di assumere per T
R
< 30 anni comunque T
R
= 30anni e per T
R

>2.475 anni T
R
= 2.475 anni; per opere speciali si potranno considerare valori di
T
R
pi elevati.
Le precedenti norme prevedevano che lazione sismica fosse stimata in base ad
una probabilit di superamento che era diversa a seconda dello stato limite
considerato, ma che si riferiva sempre ad uno stesso periodo di riferimento (50
anni).
Nelle NTC08 le probabilit di superamento sono indicate nella tabella 3.2.I;
queste, in termini percentuali, non sono diverse da quelle utilizzate nelle
precedenti normative, ma il periodo di riferimento assolutamente diversificato e
strettamente dipendente dalla vita nominale (o vita residua).
E importante notare che la coppia (P
VR
, V
R
) che identifica laccelerazione
massima di riferimento per le azioni, si pu sintetizzare nellunico ente T
R
. Esso
ha un preciso significato probabilistico e deriva dalla modellazione
delloccorrenza delle intensit dei terremoti come processi stocastici poissiani con
__________________________________________________________________
59
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
60
selezione casuale. In termini semplici, il periodo di ritorno quelintervallo di
tempo che mediamente intercorre tra due eventi che producono una PGA
maggiore di quella considerata. Il legame tra probabilit di superamento e periodo
di ritorno dato proprio dalla (2.2). Per ciascun sito quindi il periodo di ritorno
identifica univocamente il valore dellaccelerazione massima attesa.
2.6.1 Categorie di sottosuolo e condizioni topografiche
Ai fini della definizione dellazione sismica, anche le NTC08 come lOPCM
3274/2003 e smi, richiede lindividuazione della categoria di profilo stratigrafico
di appartenenza del sito di interesse, per la determinazione della risposta sismica
locale. Infatti, le condizioni del sito rigido di riferimento non sempre
corrispondono a quelle del sito di intervento a causa di differenti stratigrafie del
volume di terreno direttamente interessato dallopera (volume significativo) e
dalle condizioni topografiche. Questi due fattori, denominati rispettivamente
effetto stratigrafico ed effetto topografico, concorrono a modificare lazione
sismica in superficie (risposta sismica locale) rispetto a quella attesa su un sito
rigido con superficie orizzontale, sia in termini di ampiezza, di durata e del
contenuto in frequenza.
Leffetto dellazione sismica locale da determinare tramite specifiche analisi di
risposta sismica riportati nel 7.11.3 delle NTC08, mentre le indagini geotecniche
da effettuare vengono pi in dettaglio specificate nella Circolare di applicazione al
C6.2.2, o in alternativa la norma rimanda ad un approccio semplificato basato
sullindividuazione di categorie di sottosuolo di riferimento, riportate nelle norme
stesse in tabb.3.2.II , 3.2 III, e alla categoria topografica in tab. 3.2IV, a patto che
lazione sismica in superficie sia descritta dallaccelerazione massima o dallo
spettro elastico di risposta e non da accelerogrammi.
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti





Le indagini geotecniche devono permettere unadeguata caratterizzazione
geotecnica del volume significativo di terreno, inteso come la parte di sottosuolo
influenzata, direttamente od indirettamente, dalla costruzione del manufatto e che
influenza il manufatto stesso.
__________________________________________________________________
61
La categoria pu essere determinata sulla base del valore di V
s,30
, ovvero della
velocit media pesata di propagazione delle onde di taglio entro i primi 30 m di
profondit, la cui misurazione diretta fortemente raccomandata. Nei casi in
cui tale determinazione non sia disponibile, lindividuazione della categoria pu
essere effettuata in base ai valori del numero equivalente di colpi della prova
penetrometrica dinamica N
SPT,30
nei terreni a prevalente grana grossa ed, in
alternativa, della resistenza non drenata cu,30 nei terreni a prevalente grana fina.
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
Le espressioni fornite dalle NTC08 per la determinazione dei parametri suddetti
sono le seguenti:

- velocit equivalente delle onde di taglio:
] / [
30
, 1 ,
30 ,
s m
V
h
V
N i i S
i
S

=
=
- Resistenza penetrometrica dinamica equivalente N
SPT,30
:
-

=
=
=
M i i SPT
i
M i
i
SPT
N
h
h
N
, 1 ,
, 1
30 ,


- Resistenza non drenata equivalente c
u,30
:

=
=
=
K i i u
i
K i
i
u
c
h
h
c
, 1 ,
, 1
30 ,


In cui:
h
i
: spessore (in metri) delli-esimo strato compreso nei primi 30 m di profondit;
V
S,i
velocit delle onde di taglio nelli-esimo strato;
N
SPT,i
numero di colpi NSPT nelli-esimo strato;
c
u,i
resistenza non drenata nelli-esimo strato;
N: numero di strati compresi nei primi 30 m di profondit;
M: numero di strati di terreni a grana grossa compresi nei primi 30 m di
profondit;
K: numero di strati di terreni a grana fina compresi nei primi 30 m di profondit.
2.6.2 Valutazione dellazione sismica
__________________________________________________________________
62
Le NTC08 considerano lazione sismica costituita da 3 componenti traslazionali,
due orizzontali e una verticale. In particolare Il moto sismico di ogni punto del
suolo pu essere decomposto secondo tre direzioni tra loro indipendenti e per
ciascuna di esse se ne pu fornire una rappresentazione puntuale che pu essere la
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
sola accelerazione massima attesa, oppure lintero spettro di risposta o tramite
accelerogrammi.
La componente verticale da considerare solo in particolari casi, che le NTC08
elenca nel 7.2.1 e comunque per costruzioni non ricadendi in zone 3 e 4 di cui
allOPCM 3274 e smi.
Lo spettro di risposta elastico in accelerazione rappresentato da una forma
spettrale (spettro normalizzato) riferita ad uno smorzamento convenzionale del
5%, moltiplicata per il valore di a
g
su suolo di riferimento rigido orizzontale.
Come gi detto in precedenza il valore di a
g
e la forma dello spettro variano al
variare della probabilit di superamento nel periodo di riferimento P
VR
.
Di seguito si riporta la procedura di costruzione degli spettri elastici di progetto
per lo studio della struttura di nostro interesse. Si tratta di un edificio esistente
adibito a scuola, costruito negli anni 80 nel comune di Boscoreale. Si rimanda al
cap 3 per maggiori dettagli sulla costruzione.
Le coordinate geografiche identificative del sito sono le seguenti:
LAT.- Nord= 40,76438
LON Est= 14,46840
Il sito sorge su superficie pianeggiante di cat. T
1
Si prevede una vita utile residua della struttura di 100 anni, ed una classe duso III
a cui corrisponde un coefficiente duso c
u
=1,5, ottenendo cos un periodo di
riferimento V
R
della costruzione pari a :
anni C V V
U N R
150 5 , 1 100 = = =

Utilizzando la relazione (2), si ricava per ciascuno stato limite e relativa
probabilit di eccedenza P
VR
(riportata nella Tab.3.2.I ) nel periodo di riferimento
V
R
, il periodo di ritorno T
R
del sisma che si riepilogano nella seguente tabella

Stati Limite P
VR
T
R
(anni)
SLO 81% 90
SLD 63% 151
SLV 10% 1424
SLC 5% 2475

__________________________________________________________________
63
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
Ad esempio, allo SLV il sisma di riferimento ha un periodo di ritorno di 1424 anni
e sar associato ad una probabilit di superamento pari al 10% in 150 anni.
Per la definizione dello spettro di risposta elastico orizzontale relativo ad ogni SL,
bisogna determinare i tre parametri (a
g
,F
o
,T
C
*) relativi alla pericolosit sismica su
reticolo di riferimento nellintervallo di riferimento. Si utilizzano pertanto i criteri
di cui allallegato A-pericolosit sismica alle NTC08.
Utilizzando infine le relazioni riportate nel 3.2.3.2 delle NTC08 che forniscono
le espressioni analitiche degli spettri elastici si ottengono i seguenti risultati,
ottenute utilizzando il foglio di calcolo Spettri di risposta ver.1.0.3 scaricabile
dal sito del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (www.cslp.it) :



__________________________________________________________________
64
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti






__________________________________________________________________
65
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti





__________________________________________________________________
66
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti





__________________________________________________________________
67
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti



__________________________________________________________________
68
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti









__________________________________________________________________
69

Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti


Figura 3 Spettri elastici del sito di studio (Boscoreale loc. Villa Regina)

2.7 INDIVIDUAZIONE E VERIFICHE DEGLI ELEMENTI/
MECCANISMI DUTTILI E FRAGILI
Gli elementi strutturali delle costruzioni esistenti in cemento armato, soggette ad
azione sismica, sviluppano meccanismi resistenti che possono definirsi di tipo
duttile o fragile, a seconda della modalit con cui raggiungono la crisi. Nella
valutazione della vulnerabilit sismica di un edificio esistente, fondamentale
individuare e separare i due tipi di elementi/meccanismi in quanto diversa la
valutazione degli effetti, delle capacit sismiche e delle relative verifiche per le
due tipologie.
La CIRC09 fornisce la seguente classificazione degli elementi duttili e fragili:
- duttili: travi, pilastri e pareti inflesse con e senza sforzo normale;
- fragili: meccanismi di taglio in travi, pilastri, pareti e nodi;
Per i pilastri soggetti a valori di sforzo normale particolarmente elevato la
CIRC09 consiglia di valutare per essi la possibilit di formazione di meccanismi
di tipo fragile.
Come risulta dalla precedente classificazione, gli elementi duttili sono quelli
che mostrano un comportamento prevalentemente flessionale, definito da una
__________________________________________________________________
70
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
elevata capacit deformativa in campo plastico e da una crisi raggiunta per
attingimento di una deformazione limite.
Gli elementi fragili sono quelli che mostrano un comportamento
prevalentemente tagliante, definito da una scarsa capacit deformativa e da una
crisi raggiunta per attingimento di una resistenza limite.
I metodi di verifiche da effettuare per le due diverse tipologie seguono un
percorso diverso:
i meccanismi duttili si verificano controllando che la domanda non
superi la corrispondente capacit in termini di deformazione. La normativa
identifica la capacit deformativa limite di un elemento, con riferimento
alla rotazione (rotazione rispetto alla corda) della sezione destremit
rispetto alla congiungente questultima con la sezione di momento nullo a
distanza pari alla luce di taglio L
V
=M/V. Tale rotazione anche pari allo
spostamento relativo delle due sezioni diviso per la luce di taglio.




i meccanismi fragili si verificano controllando che la domanda non
superi la corrispondente capacit in termini di resistenza. Come indicato
nella CIRC09 la resistenza limite da considerare in genere quella a taglio
e si valuta come per il caso di nuove costruzioni per situazioni non
sismiche, prendendo in conto comunque un contributo del conglomerato
cementizio al massimo pari a quello relativo agli elementi senza armature
trasversali resistenti a taglio
__________________________________________________________________
71
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
72
Le resistenze dei materiali sono quelle medie derivanti dalle prove eseguite in
situ, divise per il fattore di confidenza funzione del Livello di Conoscenza
raggiunto
Per il calcolo della capacit degli elementi/meccanismi duttili o fragili si
impiegano le propriet medie dei materiali costituenti il manufatto esistente e
ricavate dalle prove eseguite in situ, divise per il fattore di confidenza in relazione
al livello di conoscenza raggiunto e per il coefficiente parziale del materiale, come
illustrato nel cap.3
La valutazione della capacit, oltre che dalle propriet dei materiali, dal livello di
conoscenza raggiunto, dallo stato limite richiesto (SL) e dalla tipologia di
elemento (duttile o fragile), risulta influenzata anche dal metodo di analisi
impiegato (lineare o non lineare). I metodi di analisi sono comunque vincolati da
alcune condizioni di applicabilit che, qualora non fossero rispettate, possono
pregiudicare laffidabilit dei risultati.
2.8 MODELLI DI CAPACIT A TAGLIO NEI PILASTRI IN C.A.
2.8.1 Levoluzione normativa per la verifica a taglio delle strutture in c.a.
Il cemento armato, a differenza dei materiali tradizionali delledilizia, si imposto
come tecnica costruttiva protetta da brevetti (il brevetto Hennebique, il brevetto
Monier, ecc.), la maggior parte dei quali riguardava la disposizione delle armature
da flessione, laderenza della superficie e la sezione dei tendini, lintroduzione
delle staffe per le sollecitazioni di taglio. Questa circostanza denota come, negli
anni a cavallo tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo, si era ancora lontani da
una piena comprensione del comportamento del materiale e regnava una certa
arbitrariet nel calcolo degli elementi strutturali.
In Italia, le prime indicazioni normative sulla sicurezza delle costruzioni in c.a.
sono contenute nel Regio Decreto del 10 gennaio 1907. Con riferimento alle
verifiche di resistenza a taglio, in esso si prescriveva non si fa assegnamento
sulla resistenza del conglomerato a trazione ed a taglio, in quanto si ritiene che
tali sollecitazioni vengano sopportate interamente dallarmatura; inoltre il
ferro non dovr essere sottoposto ad uno sforzo di trazione o di compressione
semplice superiore a 1000 kg/cm
2
ed a 800 kg/cm
2
per la sollecitazione di taglio.
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
73
La sicurezza globale delle costruzioni viene garantita dallapplicazione di un
coefficiente di sicurezza sulla resistenza dei materiali pari a 5.
Con levoluzione degli studi sul comportamento dei materiali si assistito ad un
progressivo consolidamento dei metodi di calcolo. Echi di questa accresciuta
sensibilit statica si ritrovano nei due pi importanti decreti successivi al RDL
10/01/1907. Con il Decreto Presidenziale del 15 maggio 1925 si diminuisce il
coefficiente di sicurezza sulla resistenza dei materiali, portandolo da 5 a 4; inoltre,
sempre con riferimento alle verifiche di resistenza a taglio, si legge: si potr fare
assegnamento su di una resistenza del conglomerato a taglio non maggiore di 2
kg/cm
2
. Con il Regio Decreto Legge del 18 luglio 1930 si introduce, invece, il
concetto di limite superiore alle tensioni nel calcestruzzo per elementi con
armatura a taglio, indicando per esso il valore di 14 kg/cm
2
. Nel successivo Regio
Decreto Legge del 29 luglio 1933 si confermano le prescrizioni precedenti, infatti
in esso si legge: Il carico di sicurezza al taglio non deve superare kg/cm2 2 per
conglomerati di cemento Portland, daltoforno e pozzolanico e kg/cm2 4 per
conglomerati di cemento ad alta resistenza od alluminosi. Quando la tensione
tangenziale massima calcolata per il conglomerato supera i detti limiti, la
resistenza al taglio deve essere integralmente affidata ad armature metalliche. In
ogni caso la tensione massima tangenziale di cui sopra non deve superare
kg/cm2 14.
Le successive indicazioni normative si caratterizzano per una impostazione
sempre pi prestazionale, venendo meno il carattere prescrittivo tipico dei primi
decreti. Da menzionare, in questo senso, il Regio Decreto Legge del 16 novembre
1939 n 229. In esso, il coefficiente di sicurezza sulla resistenza dei conglomerati
viene ridotto da 4 a 3; vengono fornite precise modalit di confezionamento del
calcestruzzo; la resistenza a taglio del conglomerato cementizio viene aumentata e
portata a 4 kg/cm
2
per conglomerati di cemento Portland, daltoforno e
pozzolanico e 6 kg/cm
2
per conglomerati di cemento ad alta resistenza od
alluminosi. Per valori eccedenti tali limiti si prescrive lutilizzo di armatura a cui
far assorbire integralmente gli sforzi taglianti sempre con limitazioni alle tensioni
tangenziali massime. Si prescrive inoltre che Di regola almeno la met degli
sforzi taglianti deve essere assorbita dalle staffe e la rimanente parte dai ferri
piegati
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
74
Per rispondere allevoluzione scientifica e tecnologica ed alle sempre nuove
aspettative del mondo delle costruzioni venne in seguito promulgata la Legge
1086 del 5 novembre 1971, che obbligava il Ministero dei LL.PP. ad emanare
ogni due anni un decreto di attuazione per la regolamentazione delle norme
tecniche sulle costruzioni in conglomerato cementizio armato. Il primo di tali
decreti stato il D.M 30 maggio 1972; in esso, vennero innalzate le resistenze
previste per il calcestruzzo, espresse in termini di valori caratteristici (non pi
medi) della resistenza cubica Rck (da 150 kg/cm
2
a 500 kg/cm
2
); le tensioni
ammissibili nel calcestruzzo per elementi soggetti a taglio vennero aumentate in
ragione della resistenza caratteristica (non pi univocamente pari a 4-6 Kg/cm
2
e
14-16 kg/cm
2
); il metodo di calcolo esplicitamente previsto per le verifiche di
sicurezza era quello alle tensioni ammissibili.
Nei decreti successivi, le modifiche pi sostanziali hanno riguardato
lintroduzione del metodo semiprobabilistico agli stati limite, lunico
esplicitamente trattato dal D.M. 09/01/1996. I motivi della sua progressiva
affermazione rispetto al metodo alle tensioni ammissibili sono da attribuire sia
alladozione di leggi costitutive pi aderenti al comportamento reale degli
elementi strutturali sia alladozione di coefficienti di sicurezza separati per i
carichi e per i materiali, in modo da tener conto delle aleatoriet presenti su tali
dati.
Il D.M 9 gennaio 1996 consent esplicitamente, per la prima volta, la
progettazione delle strutture in c.a. e acciaio con gli Eurocodici, allora pubblicati
dal CEN ancora in veste sperimentale. Dal punto di vista delle formule di verifica
a taglio nelle strutture in c.a., tra D.M 09/01/1996 e EC2 si riscontra un
sostanziale coincidenza, di significati e di risultati, a meno di qualche differenza
nella simbologia o nei coefficienti moltiplicativi.
Con la pubblicazione, poi, del D.M. 14 gennaio 2008, tuttora vigente, si conclude
il percorso di aggiornamento delle norme tecniche italiane: dal punto di vista della
resistenza a taglio da sottolineare ladozione a differenza del DM 96 del
modello a traliccio ad inclinazione variabile, con il limite inferiore imposto alle
bielle compresse di cot=2,5 per gli edifici di nuova costruzione. Per gli edifici
esistenti i modelli di capacit a taglio previsti dalle NTC08 e dallEC8 parte3
verranno approfonditi nei paragrafi seguenti.
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
2.8.2 La valutazione della resistenza a taglio
Molti edifici esistenti in cemento armato sono stati progettati prima
dell'introduzione dei moderni codici sismici risultando di conseguenza
particolarmente vulnerabili a subire danni significativi o collassi in caso di un
evento sismico. Per unadeguata valutazione della vulnerabilit sismica di tali
edifici, importante comprendere la progressione del danno e dei meccanismi di
collasso negli elementi strutturali sia sotto lazione dei carichi gravitazionali che
di quelli sismici.


Pilastro con carente staffatura e calcestruzzo Meccanismo di piano soffice in un
di scarsa qualit edificio in c a. di Pettino (AQ)

Meccanismo di rottura per crisi taglianti di pilastri in c.a. In entrambi i casi si rileva scarsa
presenza di armature trasversali

__________________________________________________________________
75
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
(da Verderame et al.- REPORT ON THE DAMAGES ON BUILDINGS FOLLOWING
THE SEISMIC EVENT OF 6TH OF APRIL 2009 TIME 1.32 (UTC) LAQUILA M=5.8)



Crisi a taglio di un pilastro in c.a. Formazione di una cerniera plastica
allestremit di un pilastro in c.a.
(Esempi di carenze e danni comunemente osservati in strutture in c.a. dopo il terremoto in
Pakistan del 2005- EEC, Department of Civil Engineering NWFP UET Peshawar)

Particolarmente sentito in ambito sismico il degrado della resistenza a taglio dei
pilastri quando sono soggetti a carichi sismici che producono nellelemento
spostamenti inelastici ciclici. Di seguito si analizzeranno i modelli rappresentativi
di colonne soggette a taglio e la loro risposta isteretica sotto lazione di carichi
gravitazionali e sismici.
2.8.3 La risposta strutturale dei pilastri in c.a.
2.8.3.1 Meccanismi di rottura
Un pilastro caratterizzato da un meccanismo duttile sviluppa un comportamento
prevalentemente flessionale, con capacit deformativa molto elevata in campo
plastico, raggiungendo la crisi per attingimento di una deformazione (rotazione
della corda) limite.
Un pilastro caratterizzato da un meccanismo fragile sviluppa un comportamento
prevalentemente tagliante, con un rapido degrado di rigidezza e resistenza sotto
azioni cicliche, limitata capacit deformativa e con cicli di isteresi stretti e
instabili che dissipano poca energia e raggiungono la crisi per attingimento di una
resistenza limite.
__________________________________________________________________
76
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
Un pilastro che mostra un comportamento fragile, per quanto detto, pu andare in
crisi in modo improvviso quando la richiesta di taglio supera la sua corrispondente
capacit.
Pertanto per determinare il massimo taglio che il pilastro pu sopportare, bisogna
prendere in conto il momento alla base indotto dal carico laterale.
Con riferimento alla fig. 4 si rappresenta la risposta strutturale di una colonna, di
luce Lv sottoposta ad uno sforzo assiale N (supposto costante) e soggetta ad uno
spostamento dellestremo libero via via crescente. Il comportamento strutturale
espresso in termini di legame taglio (V) rotazione rigida (=/Lv).
Nel caso di pilastro caratterizzato da un meccanismo duttile, la risposta strutturale
definita:
1. da una fase elastico-lineare sino alla formazione della prima fessura, Vcr;
2. da una fase fessurata durante la quale si registra la formazione/apertura di
ulteriori fessure (VcrVVy);
3. da una fase post-elastica, snervamento, definita da una notevole
diminuzione di rigidezza con conseguente aumento di deformabilit
dellelemento, (VyVVu);
4. da un picco di resistenza con conseguente fase di softening, caratterizzata
da una diminuzione di capacit resistente e da una elevata capacit
deformativa;
5. dallattingimento di uno spostamento ultimo, che pu essere
convenzionalmente valutato in corrispondenza di un prefissato decremento
della resistenza massima.
La risposta strutturale governata da un comportamento prevalentemente
flessionale.


Figura 4 Tipologia di meccanismo: (a) generico elemento in c.a.; (b) risposta di un
elemento/meccanismo duttile, (c) risposta di un elemento/meccanismo fragile
__________________________________________________________________
77
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti

Figura 5 Definizione di elemento/meccanismo: (a) duttile, (b) fragile

La risposta strutturale di un elemento caratterizzato da un meccanismo fragile
definita dalla assenza o dalla limitata presenza di una fase post-elastica, in
relazione al livello di interazione presente tra il comportamento flessionale e
quello tagliante; in ogni caso, il comportamento strutturale registra una scarsa
capacit deformativa.
Pertanto, indicando con V
u,flex
lazione tagliante valutata a partire dalla resistenza
flessionale (meccanismo duttile) e con V
u,shear
la resistenza a taglio (meccanismo
fragile) dellelemento, possibile definire il meccanismo atteso dal confronto
diretto (interazione) dei due termini, cos come riportato in Fig.5
- Elemento/meccanismo duttile, se lazione tagliante valutata a partire dalla
resistenza flessionale, V
u,flex
, risulta minore della resistenza a taglio,
V
u,shear
, lelemento strutturale caratterizzato da un meccanismo duttile.
- Elemento/meccanismo fragile, se lazione tagliante valutata a partire dalla
resistenza flessionale, V
u,flex
, risulta maggiore della resistenza a taglio,
V
u,shear
, lelemento strutturale caratterizzato da un meccanismo fragile.
I pilastri, inoltre, sono per definizione gli elementi strutturali maggiormente
sollecitate da sforzi normali. La crisi per taglio di una colonna, riduce anche la sua
capacit di portare carichi verticali con conseguenti elevati rischi di crolli. E
frequente infatti che edifici esistenti siano stati progettati solo per portare carichi
gravitazionali e senza rispettare i moderni criteri di gerarchia delle resistenze, per
cui i pilastri risultano avere resistenze inferiori rispetto alle travi. Sotto leffetto di
unazione sismica spesso prevalgono i meccanismi di crisi nei pilastri rispetto a
quelli delle travi. Se il pilastro subisce una crisi fragile per taglio, il degrado della
sezione resistente pu causare anche riduzione della capacit portante del carico
gravitazionale, con ridistribuzione immediata del carico verticale agente sui
__________________________________________________________________
78
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
rimanenti elementi strutturali e la possibilit di innescare un meccanismo di
collasso progressivo dellintero edificio (P. Moehle, K. J. Elwood, H. Sezen,
2000).
Ci dimostra come la presenza di elementi/meccanismi fragili negli edifici in c.a.
esistenti siano particolarmente pericolosi e vanno attentamente valutati e
possibilmente eliminati.
2.8.3.2 Componenti dello deformazione di una colonna soggetta a forze laterali
Sotto lazione di un carico laterale, una colonna in c.a. subisce deformazioni
dovute alle sollecitazioni di flessione, taglio e agli scorrimenti dipendenti dal
legame di aderenza acciaio-cls, ognuna caratterizzata da un preciso quadro
fessurativo in condizioni di rottura (fig.6).


Figura 6 Deformazione di una colonno sotto azioni flessionali, taglianti e di scorrimento

Come evidenziato in fig.6, la deformazione flessionale e quella di scorrimento,
dipendono direttamente dal momento flettente M derivante dal carico laterale,
mentre la deformazione tagliante dal taglio agente sulla colonna, per cui le prime
due variano lungo la lunghezza del pilastro mentre la terza si mantiene costante.
La deformazione flessionale, nellipotesi di sezione armata in modo simmetrico e
di armatura costante lungo laltezza del pilastro (come prassi nella pratica
costruttiva dei pilastri in c.a.), ha un minimo in mezzeria al pilastro, dove il
momento si annulla.
__________________________________________________________________
79
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
La risposta flessionale pu essere calcolata attraverso unanalisi momento
curvatura della sezione in c.a. avvalendosi di idonei modelli costitutivi non lineari
sia del calcestruzzo che dellacciaio. Sezen e Setzler (2008) assumono un modello
costitutivo per lacciao elasto-plastico con incrudimento, mentre per il cls
assumono un legame costituivo con confinamento utilizzando il modello proposto
da Mander et al. (1988) e modellando separatamente il nucleo ed il copriferro.
Sotto lazione di un carico laterale applicato in testa alla colonna, il momento pu
essere determinato in qualsiasi sezione della colonna. Poi, dalla relazione
momento-curvatura si pu determinare la distribuzione delle curvature lungo lo
sviluppo della colonna stessa. Lo spostamento laterale del pilastro a causa delle
deformazioni flessionali
f
, pu essere calcolata integrando la distribuzione di
curvatura lungo l'altezza, come segue:

=
L
f
xdx x
0
) (

Con (x) curvatura della generica sezione posta a distanza x dal piede della
colonna, misurata lungo lasse della colonna stessa; L laltezza della colonna.
Lespressione della
f
rappresenta la deformazione flessionale sotto carico
laterale applicato in testa alla colonna fino al raggiungimento del limite di
snervamento dellarmatura longitudinale. Dopo lo snervamento, bisogna
considerare un modello con presenza di cerniere plastiche agli estremi del pilastro
e la deformazione in tal caso vale:
)
2
( ) (
,
P
p y y f f
L
a L + =

Dove
f,y
la deformazione flessionale in corrispondenza dello snervamento delle
armature longitudinali, la curvatura allestremit della colonna e
y
la
curvatura allo snervamento; a la luce di taglio ed pari a L nel caso di colonne a
mensola ed a L/2 nel caso di colonna doppiamente incastrata. Lp la lunghezza
della cerniera plastica, assunta pari a met dellaltezza della sezione.

La deformazione dovuta allo scorrimento delle armature longitudinali si genera
per lo sviluppo di tensioni di trazione che riducono laderenza tra acciaio e
__________________________________________________________________
80
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
calcestruzzo. Superata laderenza limite si verifica lo sfilamento delle armature
longitudinali dal pilastro. Tale scorrimento genera una rotazione rigida della
colonna (fig.6). Il modello assunto da Sezen e Setzler (2008), inizialmente
sviluppato da Sezen e Mohele (2003) rappresentato in fig.7

Figura 7 Modello rappresentativo dello scorrimento acciaio-cls di una colonna soggetta a
carico laterale (da Setzler & Sezen, 2008)

La rotazione rigida
s
della colonna dovuta allo sfilamento (slip) dellarmatura
longitudinale vale:
c d
slip
s

=
d e c sono le distanze dal lembo compresso dellasse neutro e dellarmatura in
trazione.

La deformazione tagliante si manifesta mediante uno scorrimento della parte
superiore della colonna rispetto alla base, come mostrato nella seguente figura 8

Figura 8 deformazioni taglianti in un elemento in c.a.
__________________________________________________________________
81
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti


Le deformazioni di taglio sono state spesso trascurate nella progettazione e nella
ricerca delle strutture in c.a. per la notevole variabilit di parametri che
influenzano il comportamento a taglio di elementi in c.a. e la conseguente
variabilit di risultati che si ottengono da prove sperimentali. Sezen (2002)
propose un legame forza laterale-deformazione di taglio caratterizzato da una
risposta del tipo indicata in fig.8.


Figura 9 Fasi di risposta Forza laterale-deformazione di taglio in una colonna in c.a. (Sezen
2002)

Risposta deformativa totale di una colonna soggetta ad una carico laterale
In definitiva il modello rappresentativo della risposta totale del comportamento di
una colonna soggetta a carico laterale in testa proposto da Sezen e Setzler (2008),
quello ottenibile come somma dei tre modelli precedenti descritti,
rappresentabile mediante una colonna con vincoli costituiti da molle disposte in
serie.
I modelli di deformazione flessionale, di scorrimento e tagliante discussi nei
paragrafi precedenti sono rappresentati da molle, soggette ognuna alla stessa forza
laterale e lo spostamento totale della colonna ottenuto sommando le
deformazioni di ogni molla.
__________________________________________________________________
82
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti


Figura 10 Rappresentazione mediante molle di una colonna doppiamente incastrata soggetta
a carico laterale in testa (Setzler & Sezen 2008)

Fino alla resistenza di picco della colonna, le tre componenti della deformazione
si sommano semplicemente per ottenere la risposta totale. Per il comportamento
post-picco delle molle, la deformazione totale (fig.11) si ottiene sulla base di un
confronto tra la Vn resistenza ultima a taglio, Vy taglio flessionale plastico ( il
taglio che equilibra il momento di plasticizzazione My) e Vp resistenza ultima
flessionale ( il taglio che equilibra il momento ultimo della sezione).

Figura 11 Relazione tra duttilit in spostamento e carico laterale e relativa classificazione di
colonne in c.a. (Setzler & Sezen, 2008)
__________________________________________________________________
83
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti

2.8.4 Modelli di capacit a taglio di pilastri in c.a.
Nel corso dellultimo ventennio, molti modelli di resistenza a taglio sono stati
proposti e utilizzati per la progettazione e valutazione di colonne di cemento
armato sottoposte ad azioni sismiche.
Secondo la maggior parte dei modelli, la resistenza a taglio di un pilastro in c.a.
fessurato, pu essere calcolata come somma dei contributi della resistenza del
calcestruzzo e dellarmatura trasversale. Tuttavia, gli effetti di altri parametri su
tali resistenze, come il carico assiale, la duttilit in spostamento, i rapporti tra aree
di armature longitudinali, trasversali e sezione della colonna sono rappresentati in
modo diverso o non inclusi a seconda del modello utilizzato. In linea generale,
molte normative, tra cui lEC8 parte 3, esprime la resistenza a taglio di una
colonna esistente in c.a. nella seguente forma:

) (
S C N R
V V k V V + + = (2.3)

Con:
- resistenza nominale a taglio del pilastro in c.a.; :
R
V
- meccanismo di resistenza a taglio offerto dallo sforzo normale; :
N
V
- resistenza a taglio del calcestruzzo compresso; :
C
V
- resistenza a taglio delle armature trasversali; :
S
V
- k: coefficiente che tiene conto dellabbattimento della resistenza a taglio sia del
calcestruzzo che dalle armature trasversali per effetto degli spostamenti ciclici
inelastici che prende in considerazione leffetto degradante che il cumulare di
deformazione anelastica ha sulla resistenza a taglio.
La normativa italiana, invece (NTC08), assume come resistenza a taglio nominale
dellelemento una relazione del tipo:
{ }
s c R
V V V ; min = (2.4)
e considerando lincremento di resistenza a taglio offerta dallazione di
compressione sullelemento in modo implicito inglobandolo nella resistenza a
Taglio-compressione del calcestruzzo Vc, come si dir nel prossimo paragrafo.
__________________________________________________________________
84
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
85
Si analizzano, nei prossimi paragrafi, in modo pi dettagliato le disposizioni
previste dalle NTC08 ed dallEurocodice 8.

NTC 2008 (Norme tecniche italiane)

Secondo la vigente normativa italiana emanata con il DM 14/01/2008, la
resistenza a taglio di strutture esistenti calcolata allo stesso modo delle strutture
di nuova progettazione. Con riferimento agli elementi dotati di armature
trasversali resistenti al taglio, viene assunto come modello di resistenza a taglio, il
traliccio di Morsch-Ritter.
La norma consente di considerare un modello con traliccio ad inclinazione
variabile del puntone compresso rispetto allasse della trave, che pu assumere
valori compresi nellintervallo [21,80; 45] ma solo per elementi di nuova
costruzione. Linclinazione variabile del puntone compresso un meccanismo pi
aderente alla realt come hanno dimostrato una serie di prove sperimentali in cui
si riscontrata una inclinazione delle isostatiche di compressione variabile ed
inferiori a 45 (VECCHIO, J., COLLINS; M. P. 1986). Ci da attribuire
allinsorgenza dei meccanismi resistenti del calcestruzzo (principalmente
dallingranamento degli inerti e dalleffetto spinotto) che conduce ad una
inclinazione del campo di compressione diagonale minore di 45. Teoricamente il
metodo del traliccio ad inclinazione variabile ha mosso i primi passi con la teoria
della plasticit che prevedeva, per il dimensionamento, come struttura portante il
traliccio resistente ad inclinazione ottimale, associato ai concetti di biella a
compressione, effetto arco o campo di tensione a ventaglio. Limpostazione
teorica si basa sullipotesi che linclinazione delle fessure a taglio coincide con
linclinazione delle direzioni principali a compressione. In questo modo non vi
tensione tangenziale agente lungo le fessure e, quindi, non vi contributo del
calcestruzzo alla capacit portante a taglio. L'inclinazione delle bielle compresse
peraltro condizionata dal reale comportamento a rottura dell'elemento strutturale
che dipende dalle condizioni di carico e soprattutto dai particolari costruttivi.
Dagli sviluppi del suddetto modello, di seguito si riportano le resistenze a taglio di
un pilastro in c.a. esistente, previste dalle NTC08.
- resistenza a taglio-trazione delle armature trasversali:
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti

ctg
s
A
FC
f
d V
sw
s
ym
Rsd

= 9 , 0 (2.5)



- resistenza a taglio-compressione del calcestruzzo danima :

) 1 (
9 , 0
2


ctg
ctg
FC
f
b d V
c
cm c
Rcd
+


= (2.6)
Con:
- fym: resistenza media allo snervamento dellarmatura trasversale
- A
sw
: area dellarmatura trasversale disposta parallelamente al taglio;
- fcm : resistenza media del calcestruzzo a compressione;
- b, d: rispettivamente la larghezza e laltezza utile della sezione.
- s : passo delle armature trasversali
- FC : fattore di confidenza
-
s
: coefficiente di sicurezza parziale dellacciaio pari a 1,15
-
c
: coefficiente di sicurezza parziale del calcestruzzo pari a 1,50
- : inclinazione delle bielle compresse rispetto allasse del pilastro;
- : coefficiente che tiene conto della reale distribuzione delle tensioni
lungo la biella compressa che in realt inflessa); la normativa
italiana prescrive =0.50.
-
c
: coefficiente maggiorativo della resistenza a taglio che tiene conto
degli effetti dovuti alla presenza di uno sforzo assiale di
compressione;
__________________________________________________________________
86
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti

0.00
0.25
0.50
0.75
1.00
1.25
1.50
0.00 0.25 0.50 0.75 1.00 1.25

cp
/f
cd

c
La resistenza a taglio del pilastro si assume pari a :

{ }
Rcd Rsd Rd
V V V , min = (2.7)

E possibile fornire una interessante rappresentazione sotto forma di diagramma
della capacit a taglio del pilastro in esame (da Cosenza, Manfredi Pecce, 2008).
Con le seguenti posizioni:

c
cm
cd
FC
f
f

=
(2.8)
s
A
f
f
d
sw
s cm
c ym
sw

= 9 , 0
(2.9)
Si considerino le seguenti relazioni adimensionalizzate ottenute dividento il taglio
sollecitante e i tagli resistenti (5) e (6) per (b 0,9d f
cd
):
- taglio sollecitante

cd
Sd
Sd
f d b
V
t

=
9 , 0
(2.10)
- taglio-compressione V
Rcd:


) 1 (
2


ctg
ctg
t
c Rcd
+
= (2.11)
__________________________________________________________________
87

Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
- taglio-trazione V
Rsd

ctg t
sw Rsd
= (12)
Si ottiene la seguente rappresentazione grafica:
0.00
0.05
0.10
0.15
0.20
0.25
0.30
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
t
Rsd
t
Rcd
t
Rcd
t
Rsd
0.03
0.06
0.09
0.12
0.15
0.18

sw
cot

Sotto unazione sollecitante t
Sd
, nellipotesi di crisi fragile del pilastro, la capacit
ultima tagliante si esplica mediante lattivazione dei meccanismi resistenti a
taglio-trazione e taglio-compressione. Secondo il modello teorico il puntone
compresso si disporr con un angolo tale da bilanciare le due resistenze:
- crisi fragile
Rsd Rcd
t t =

cot
) 1 (
2
=
+

sw c
ctg
ctg


0.00
0.05
0.10
0.15
0.20
0.25
0.30
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
t
Rsd
t
Rcd
t
Rcd
t
Rsd
0.03
0.06
0.09
0.12
0.15
0.18

sw
cot
1 cot

=
sw
c

La procedura di verifica di un pilastro esistente in c.a. si esegue attraverso i


seguenti step:
__________________________________________________________________
88
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
1. determinazione di ctg dalluguaglianza delle due resistenze ultime
=
Rcd
V
Rsd
V
Questo consente di calcolare linclinazione in corrispondenza della quale
si registra la contemporanea crisi delle bielle compresse e lo snervamento
delle armature trasversali, ossia

1 * cot

=
sw
c



2. Si controllare se linclinazione cos valutata rispettosa dei limiti
normativi.
- Se la ctg * compresa nellintervallo [1;2,5] il valore del taglio
resistente ottenuto dalla (2.11) o (2.12) risultando uguali tra loro;
- Se la ctg * maggiore di 2,5 la crisi da attribuire allarmatura
trasversale e il taglio resistente V
RD
coincide con il massimo taglio
sopportato dalle armature trasversali ottenuto dalla (12) ponendo in
essa ctg =2,5;
- Se la ctg * minore di 1 la crisi da attribuire alle bielle
compresse di calcestruzzo e il e il taglio resistente V
RD
coincide
con il massimo taglio sopportato dalle bielle di calcestruzzo
ottenuto dalla (2.11) ponendo in essa ctg =1;


__________________________________________________________________
89
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
90

Eurocodice 8 (2005)
Un pilastro in c.a. soggetto ad un carico ciclico laterale, riduce la sua resistenza
tagliante in modo progressivo e con maggior velocit rispetto alla resistenza
flessionale.
I meccanismi che provocano il degrado della resistenza a taglio sotto carichi
ciclici sono di diverso genere, come hanno evidenziato molteplici prove
sperimentali, in particolare:
1. la graduale riduzione dellingranamento degli inerti lungo le fessure
diagonali che, sotto lazione ciclica, tendono a levigarsi perdendo di
efficacia;
2. il degrado delleffetto spinotto dovuto allazione ciclica della forza di
taglio e allaccumulo di deformazioni inelastiche nelle armature
longitudinali;
3. la formazione di fessure dovute ad azioni flessionali che provocano la
riduzione del contributo fornito dalla zona di compressione del cls alla
resistenza tagliante;
4. la riduzione dellingranamento degli inerti lungo le fessure diagonali di cui
al p.to 1, provoca scorrimenti e accumuli di deformazioni inelastiche nelle
staffe modificandone laderenza. La perfetta aderenza tra acciaio e
calcestruzzo, infatti, pu assumersi solo per bassi livelli tensionali, mentre
per significativi livelli di carico si verificano, particolarmente in prossimit
delle fessure, scorrimenti allinterfaccia tra acciaio e calcestruzzo che
richiedono una ridefinizione della legge aderenza-scorrimento pi
complessa. ( S. Marfia1, Z. Rinaldi1, E. Sacco 2004)
5. il softening del puntone compresso di calcestruzzo dovuto allaccumulo di
tensioni trasversali di trazione;
I primi quattro fenomeni si riflettono sui meccanismi di resistenza tagliante
offerta dal calcestruzzo Vc, mentre gli ultimi due si riflettono, anche se
indirettamente, sui meccanismi resistenti a taglio delle armature trasversali Vs.
Leffetto degradante della resistenza tagliante degli elementi in c.a. sotto azione
ciclica, maggiore con la formazione di cerniere plastiche agli estremi
dellelemento perch:
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
a) la fessurazione dovuta allazione flessionale tende ad intersecarsi con le
fessure diagonali e ad aumentarne lo spessore;
b) aumenta il danneggiamento della zona compressa del cls diminuendone il
suo spessore e quindi il suo contributo alla resistenza tagliante;
c) si ha una riduzione delleffetto spinotto delle barre longitudinali snervate;
d) nelle sezioni di estremit, la zona di compressione deve anche resistere
agli effetti del puntone diagonale del meccanismo a traliccio di resistenza
a taglio.
Ne risulta che il degrado della resistenza a taglio sotto azione di carichi ciclici si
manifesta maggiormente negli elementi in c.a. che arrivano a formare cerniere
plastiche prima del raggiungimento della resistenza ultima a taglio.
La capacit a taglio V
R
suggerita dallEurocodice 8-parte 3 prende in
considerazione proprio gli effetti dovuti sia alla natura ciclica della domanda
(azione sismica) che alla possibile formazione di meccanismi non lineari agli
estremi dellelemento (cerniere plastiche). Tali fattori producono un effetto
degradante della capacit a taglio dellelemento allaumentare delle deformazioni
cicliche inelastiche che possono essere espresse in funzione della domanda ciclica
della duttilit in spostamento

. Risultati sperimentali hanno evidenziato che


allaumentare della domanda

oltre il valore di 6 la resistenza a taglio non


degrada ulteriormente.


Figura 2.12 Valutazione della rotazione di corda e della luce di taglio in un pilastro in c.a.

Poich la rotazione della corda considerato il parametro pi significativo per la
misura della deformazione dellelemento strutturale (fig.9), la capacit a taglio V
R

__________________________________________________________________
91
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
viene assunta dipendente dalla parte plastica della domanda di duttilit
della rotazione della corda e fornita dalla seguente relazione:
pl
dom ,

dom ,


=
pl
dom ,

y
y dom
dom


= 1
,
(2.13)
In cui
y dom
e sono rispettivamente la richiesta di rotazione della corda e la
rotazione allo snervamento della stessa.
Dalla relazione (13) si desume che il massimo valore della si attinge in
corrispondenza della rotazione ultima della corda
pl
dom ,

um
. In particolare, si ha:
- per pilastri fragili senza nessuna capacit deformativa in campo
plastico:

um
=
y
0
,
=

=
y
y y
pl
dom

(2.14)
- per pilastri con capacit deformativa in campo plastico:
um
>
y
1
,
=

=
y
pl
um
y
y um
pl
dom

(2.15)
Le espressioni di
y
,
um
e sono fornite nellANNEX A della parte 3
dellEC8.
pl
um

Lespressione della capacit a taglio fornita dallEC8 la seguente:



( ) [ ]
( )

=
s
ym
w c
C
cm s
tot
pl
dom
C
cm
c
s
dom
el
R
FC
f
bz A
FC
f
h
L
MAX
FC
f
A N
L
x h
V

; 5 min 16 , 0 1 100 ; 5 , 0 16 , 0
; 5 min 05 , 0 1 55 , 0 ; min
2
1
,
(2.16)
La sua struttura del tipo (2.3) con:

=
C
cm
c
s
dom
el
N
FC
f
A N
L
x h
V

55 , 0 ; min
2
1
(2.17)

__________________________________________________________________
92
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
( )

=
c
C
cm s
tot
el
C
A
FC
f
h
L
MAX V

; 5 min 16 , 0 1 100 ; 5 , 0 16 , 0
1
(2.18)

=
s
ym
w
el
S
FC
f
bz V

1
(2.19)

( ) [ ]
pl
dom
k
,
; 5 min 05 , 0 1

= (2.20)
Con
el
assunto pari a 1,15 per elementi sismici primari e pari a 1,0 per elementi
sismici secondari, come definiti nel 2.2.1.(6) P dellEC8-parte3
Per quanto detto precedentemente, il coefficiente k, che tiene conto delleffetto
degradante della resistenza a taglio del cls e delle armature dovuto agli
spostamenti ciclici inelastici, pu assumere i seguenti valori limiti:
- k
MAX
=1 per pilastri fragili senza nessuna capacit deformativa in
campo plastico;
- k
MIN
=0,75 per pilastri con capacit deformativa in campo plastico
la cui parte plastica della duttilit rotazionale della corda :

y
pl
um
pl
dom

5 5
,

Ne segue che la resistenza ultima a taglio di un generico pilastro in c.a. soggetto
ad un regime di carichi che produce spostamenti ciclici in campo inelastico,
soddisfa la seguente condizione :

max , min , R R R
V V V (2.21)

con

S C N R
S C N R
V V V V
V V V V
+ + =
+ + =
max ,
min ,
) ( 75 , 0
(2.22)

La crisi per taglio da considerare sempre una rottura fragile ma la relazione
(2.16) permette di tenere in conto anche le riserve di duttilit della sezione in
esame. Pertanto alla luce delle considerazioni finora fatte possibile definire due
possibili comportamenti che caratterizzano una crisi per taglio[Mpampatsikos et
al.2008]:
a. "Taglio fragile": la crisi a taglio precede lo snervamento della sezione, e
lelemento caratterizzato da una limitata deformazione e una notevole
__________________________________________________________________
93
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
riduzione di resistenza ai carichi laterali (azione sismica). Detto V
y
=M
y
/L
s

il taglio equilibrante del momento di snervamento della sezione
considerata, risulta:
max , R y
V V >
b. "Taglio duttile". Il pilastro sottoposto a carichi ciclici, riesce a
raggiungere lo snervamento e ad esplicare le proprie riserve di duttilit ma
va in crisi con formazione di fessure inclinate tipiche della rottura per
taglio (duttilit limitata) . Lescursione ciclica in campo plastico degli
spostamenti produce una riduzione della resistenza ultima a taglio che in
tal caso risulta essere:

max , min , R y R
V V V
Un terzo meccanismo che possibile definire quello a cui corrisponde la
seguente relazione:
min , R
V Vy <
c. Tale situazione corrisponde al classico comportamento duttile della
sezione. Il massimo taglio che si esplica nella sezione considerata
inferiore alla resistenza a taglio, pertanto la crisi non avviene per taglio ma
per raggiungimento di una rotazione ultima.
V

y

y
6
V
R,max
V
R,min
V =M /Ls
y y
V

y

y
6
V
R,max
V
R,min
V =M /Ls
y y
V

y

y
6
V
R,max
V
R,min
V =M /Ls
y y
(a) (b) (c)
V
RD
V(M )
RD
TAGLIO FRAGILE TAGLIO DUTTILE ELEMENTO DUTTILE
Figura 2.13-Differenti meccanismi di crisi: a) FRAGILE per taglio fragile b) FRAGILE per
taglio duttile c) DUTTILE

La relazione (16) valida per gli elementi strutturali che raggiungono la crisi a
taglio per rottura diagonale dellelemento, per i quali cio il meccanismo di
resistenza a taglio assimilabile al traliccio di Ritter-Morsch, con inclinazione
delle bielle compresse di calcestruzzo pari a 45. Questo tipo di meccanismo
__________________________________________________________________
94
Capitolo 2: Inquadramento normativo sugli edifici in c.a. esistenti
applicabile agli elementi non sottoposti a sforzi normali (travi) o ad elementi che
pur se soggetti a sforzo normale risultano essere non tozzi, utilizzando quale
parametro limite per la misura della snellezza il rapporto tra la luce di taglio Ls e
laltezza della sezione dellelemento h. Per rapporti Ls/h<2 (pareti in c.a.) lEC8
suggerisce una formulazione diversa anchessa di natura sperimentale.
La corretta valutazione di richiede di assumere:
max , min , R R
V e V
- il valore dello sforzo normale N dalla combinazione di carico
sismico;
- la luce di taglio Ls dalla relazione Ls=M/V con M e V
rispettivamente domanda di momento e taglio nella sezione;
La procedura per, pu risultare di non agevole applicazione e di notevole
impegno di tempo soprattutto se si esegue unanalisi dinamica (sia lineare che
non lineare) in cui vengono forniti gli inviluppo delle caratteristiche della
sollecitazione della domanda.
Inoltre la luce di taglio non risulta essere una propriet intrinseca dellelemento
ma dipende dai risultati dellanalisi e quindi va ricalcolata ogni volta che si
riesegue una nuova analisi. Da una analisi lineare si potrebbe valutare in maniera
esatta la posizione del punto di flesso durante il comportamento lineare della
struttura e quindi determinare Ls, ma la formazione delle prime cerniere plastiche
conduce ad una ridistribuzione delle sollecitazioni flettenti con conseguente
traslazione del punto di flesso.
La procedura pu essere notevolmente semplificata con le seguenti assunzioni:
- la luce di taglio si assume costante sullelemento, ipotizzando una
distribuzione dei momenti con punto di nullo in mezzeria L
s
=L/2;
- lo sforzo normale agente sullelemento si assume pari al carico
gravitazionale derivante da combinazione sismica .
Studi in tal senso, condotti su un ampio campione di edifici in c.a. esistenti hanno
dimostrato che le verifiche condotte con le semplificazioni suddette conducono
comunque a risultati accettabili qualunque sia il tipo di analisi che viene condotta.
[V. Mpampatsikos; R. Nascimbene; L. Petrini,2008]


__________________________________________________________________
95
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

_________________________________________________________________




Parte seconda:

CASO DI STUDIO: EDIFICIO SCOLASTICO A
BOSCOREALE (NA)

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
96
Capitolo 3. La fase di conoscenza
3.1 GENERALIT
Ledificio di studio, ubicato nel Comune di Boscoreale (NA) in localit Villa
Regina. E stato realizzato agli inizi degli anni ottanta su commissione
dellAmministrazione Comunale, da destinare a scuola secondaria di primo grado
(fig.3.1-3.2)

Figura 3.1 Veduta aerea scuola media "Villa Regina" (da Google earth, 2010)

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
97

Figura 3.2 Veduta aerea scuola media "Villa Regina" (da Google earth, 2010)
3.2 PROCESSO DI CONOSCENZA DELLEDIFICIO
Il processo di conoscenza delledificio, in termini di definizione della geometria,
delle caratteristiche dei materiali strutturali e delle loro condizioni di
conservazione, stato effettuato secondo le indicazioni previste dalle vigenti
Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M 14/01/2008 (in seguito
NTC08) e della sua circolare esplicativa Circ. LLPP n 617 del 02/02/2009 (in
seguito CIRC09) che in particolare riporta in appendice C8A al cap.C8 i dati
necessari da acquisire sui seguenti aspetti principali:
- Identificazione dellorganismo strutturale e verifica dei criteri di regolarit
indicati al 7.2.2. delle NTC08 ottenuto sulla base dei disegni originali di
progetto opportunamente verificati con indagini in-situ, oppure con un
rilievo ex-novo;
- Identificazione delle strutture di fondazione;
- identificazione delle categorie di suolo secondo quanto indicato al 3.2.2
delle NTC08;
- Informazioni sulle dimensioni geometriche degli elementi strutturali, dei
quantitativi delle armature, delle propriet meccaniche dei materiali;
- Informazioni su possibili difetti locali dei materiali;
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
98
- Informazioni su possibili difetti nei particolari costruttivi (dettagli delle
armature, eccentricit travi-pilastro, eccentricit pilastro-pilastro,
collegamenti trave-colonna e colonna-fondazione, ecc.);
- Informazioni sulle norme impiegate nel progetto originale incluso il valore
delle eventuali azioni sismiche di progetto;
- descrizione della classe duso, della categoria e dalla vita nominale
secondo il 2.4
- delle NTC 2008;
- rivalutazione dei carichi variabili, in funzione della destinazione duso;
- informazione sulla natura e lentit di eventuali danni subiti in precedenza
e sulle riparazioni effettuate.
La documentazione esistente, reperita presso il Settore Progettazione e
Manutenzione Edilizia Scolastica della Provincia di Napoli, Ente che nel
frattempo ne ha acquisito la propriet dal Comune di Boscoreale e presso il Genio
Civile di Napoli, consta di tutti gli elaborati progettuali architettonici e strutturali
che hanno permesso di avere un riscontro con le opere realizzate e su cui stato
eseguito un approfondito rilievo architettonico-strutturale e unadeguata
campagna di indagini diagnostiche di cui si dir nei prossimi paragrafi.
La stessa Amministrazione Provinciale di Napoli ha fatto eseguire uno studio
geologico-geotecnico ai sensi del 6.2.1 e 6.2.2 del DM 14/01/2008 e delle
indicazioni riportate nelle Istruzioni per lapplicazione delle Norme Tecniche al
C6 per la caratterizzazione dei suoli.
3.2.1 Descrizione dellopera
La struttura scolastica in studio fu progettata e realizzata tra il 1985 e il 1987.
E costituita da un complesso di cinque corpi di fabbrica (indicati negli elaborati
originari con A-B-C-D-E, fig.3.3) realizzati in conglomerato cementizio armato e
collegati tra loro mediante dei giunti strutturali.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
99

Figura 3.3 Indicazione corpi di fabbrica


- Il corpo di fabbrica A,(fig.3.4-3.5-3.6) a pianta rettangolare allungata, si
sviluppa secondo la direzione ovest-est costituito da un piano interrato, due
impalcati di calpestio fuori terra pi un impalcato di copertura. Al piano
rialzato ed al primo piano, il progetto prevedeva lubicazione delle aule per
lattivit didattica ed i servizi igienici. Sul fronte ovest presente una scala di
sicurezza esterna in struttura metallica.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
100

Figura 3.4 Corpo A : veduta su fronte Nord



Figura 3.5 Corpo A: veduta su cortile interno
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
101

Figura 3.6 Corpo A: scala antincendio su fronte ovest


- Il corpo di fabbrica B (fig. 3.7-3.8-3.9-3.10), a pianta poligonale, ha
esposizione prevalente a Nord Est; costituito da un piano interrato, un
primo impalcato fuori terra che permette laccesso principale alla scuola
dallesterno e si sviluppa sullintera pianta del corpo, da un secondo impalcato
- ballatoio che permette il collegamento con i corpi di fabbrica A e C e su
cui si accede mediante due scale laterali interne in conglomerato cementizio
armato e da un terzo impalcato di copertura. Sul fronte Sud- Ovest del corpo,
nel cortile interno, sono collocate delle rampe per disabili, mentre sul fronte
Sud - Est e con accesso dallesterno ubicato un locale tecnico.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
102

Figura 3.7 Corpo B:atrio



Figura 3.8 Corpo B: affaccio su cortile interno
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
103

Figura 3.9 Corpo B: ballatoio


Figura 3.10 Corpo B: atrio

- Il corpo di fabbrica C(fig. 3.11-3.12-3.13-3.14-3.15), a pianta rettangolare,
si sviluppa secondo la direzione Nord-Est Sud Ovest. Ancheesso
costituito da un piano interrato, due piani di calpestio fuori terra e un
impalcato di copertura. Al piano rialzato il progetto originario prevedeva le
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
104
aule per lattivit didattica su entrambi lati di un corridoio centrale mentre il
primo piano a copertura dellala esposta Nord - Ovest mentre per lala con
esposizione a Sud - Est erano previste altre aule.

Figura 3.11 Corpo C: affaccio su fronte est


Figura 3.12 Corpo C Piano arretrato e copertura
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
105

Figura 3.13 Corpo C :Piano arretrato



Figura 3.14 Corpo C: stato dei luoghi piano primo.

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
106

Figura 3.15 Corpo C: stato dei luoghi piano secondo


- Il corpo di fabbrica D (fig. 3.17-3.18), a pianta rettangolare, si sviluppa
secondo la direzione Sud Est Nord Ovest. E costituito da un piano interrato,
due impalcati di calpestio piu un impalcato di copertura a livelli sfalsati. Al
piano rialzato il progetto prevedeva delle aule per lattivit didattica ed i
servizi igienici; sul lato sinistro del corpo presente una scala interna ed un
vano per lalloggiamento dellascensore. Al primo piano sono ubicate i locali
previsti per altre aule per la didattica pi un ampio vano da destinare ad
auditorium. Sul fronte Nord-Est presente una scala di sicurezza esterna
realizzata in struttura metallica.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
107

Figura 3.16


Figura 3.17 Corpo D: affacci su fronte Sud

- Il corpo di fabbrica E (fig.3.19) la palestra a cui si accede dallinterno
attraverso il corpo D o direttamente dal cortile esterno. E una struttura in
cemento armato costituita da pilastri prefabbricati e travi e lastre di copertura
precompresse. Le tamponature esterne sono realizzate in pannelli
prefabbricati.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
108

Figura 3.18 Corpo E: palestra

Tutti i corpi di fabbrica, adeguatamente giuntati tra di loro, sono costituiti da
strutture intelaiate con fondazioni realizzate da un reticolo di travi continue
rovesce ad eccezione della palestra per la quale sono state utilizzate dei plinti a
bicchiere.
3.2.2 Il progetto strutturale originario
Le normative di riferimento, utilizzate dal progettista per la redazione del
progetto strutturale sono le seguenti:
Legge 5 novembre 1970, n 1086: Norme per la disciplina delle opere in
conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura
metallica;
Legge 2 febbraio 1974, n 64: Provvedimenti per le costruzioni con
particolari prescrizioni per le zone sismiche;
DM LLPP 19 giugno 1984: Norme tecniche relative alle costruzioni
sismiche.

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
109

Figura 3.19 Mascherina di un elaborato del progetto originario

Il progetto degli elementi strutturali stato condotto con il metodo alle tensioni
ammissibili, assumendo le seguenti caratteristiche meccaniche dei materiali
utilizzati:
calcestruzzo con resistenza caratteristica cubica R
ck
=250 Kg/cm
2
con le
seguenti tensioni ammissibili:
o tensione di compressione ammissibile per flessione e
pressoflessione:
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
110
MPa
ck
R
c
50 , 8
4
15
6 =

+ =

o tensione tangenziale ammissibile per sezioni prive di armatura a
taglio:
MPa
R
ck
c
53 , 0
75
15
4 , 0
0
=

+ =

o tensione tangenziale ammissibile per sezioni con armatura a
taglio:
MPa
R
ck
c
69 , 1
35
15
4 , 1
1
=

+ =

acciaio in barre ad aderenza migliorata tipo FeB44K con tensione
ammissibile:

MPa
s
260 =

Le strutture sono state calcolate con unanalisi elastica lineare, considerando
lazione sismica prevista dal DM 19/06/1984 considerando un coefficiente di
intensit sismica s=9, ricadendo il sito in zona sismica di II categoria (fig 3.20 a-
b).
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
111

a)
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
112

b)
Figura 3.20 a) e b) Procedura per il calcolo delle azioni orizzontali previste dal DM
19/06/1984 (da Prontuario per il calcolo degli elementi strutturali, B.Furiozzi et al. Ed. Le
Monnier, 1986)


Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
113
La procedura prevista dal DM 19/06/1984 per lanalisi sismica e adottata per il
progetto in questione di seguito descritta.
Ogni corpo di fabbrica stato sottoposto ad azioni sismiche orizzontali,
schematizzate attraverso lapplicazione di due sistemi di forze, agenti non
contemporaneamente, secondo due direzioni ortogonali. Le forze sono state
applicate, ai diversi impalcati, in corrispondenza dei baricentri delle masse
riportate alle quote dei solai.
La struttura stata assimilata ad un telaio spaziale nel quale sono stati trascurati i
contributi dei telai piani ortogonali alla direzione di applicazione delle forze.
Nei calcoli stata assunta lipotesi di infinita rigidezza dei solai nei confronti di
azioni ad esso complanari, in tal modo, la ripartizione delle azioni sismiche tra i
telai paralleli alla direzione delle stesse, stata effettuata imponendo il rispetto di
condizioni di equilibrio e di congruenza di tipo locale e globale e tenendo conto
degli effetti torsionali dovuti ad eccentricit tra baricentro delle masse e baricentro
delle rigidezze dei telai considerati.
La distribuzione delle forze sismiche ai vari impalcati di tipo lineare, funzione
delle masse e della quota dellimpalcato.
Ogni telaio stato dimensionato o verificato considerando su di esso laliquota
derivante dai carichi gravitazionali trasmessi dai solai e laliquota derivante
dallazione sismica ripartita.
Le combinazioni di carico considerate sono le seguenti:
- comb. N1: sisma da sx+ carichi fissi
- comb. N2 : sisma da sx+carichi fissi + carichi accidentali ridotti
- comb. N3: sisma da dx+ carichi fissi
- comb. N4 : sisma da dx+ carichi fissi+carichi accidentali ridotti
- comb. N5 : carichi fissi+accidentali.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
114

Figura 3.21 Elaborato delle carpenterie ed armature di una travata

I solai, sono stati calcolati mediante una schematizzazione a trave continua su
appoggi costituiti dalle travi di piano. Le combinazioni di carico considerate sono
state quelle derivanti dalle varie distribuzioni del sovraccarico accidentale a
scacchiera, considerate in modo da massimizzare in valore assoluto i momenti
flettenti in mezzeria delle varie campate e sugli appoggi.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
115

Figura 3.22 Elaborato delle carpenterie ed armature di un solaio

La struttura di fondazione costituita da travi con sezione a T rovescia , formanti
un reticolo. Esse sono state calcolate come travi elastiche su suolo elastico. La
relazione di calcolo per non fornisce il valore della costante di Winkler
utilizzata.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
116

Figura 3.23 Elaborato della pianta delle fondazioni

3.2.3 Fase di rilievo
Reperiti gli elaborati progettuali originali, stato condotto un rilievo
architettonico e strutturale allo scopo di valutarne la rispondenza tra stato di fatto
e previsione progettuale (fig. 3.24-3.25-3.26-3.27-3.28).
Sono state rilevate le caratteristiche geometriche di travi, pilastri, solai e la
configurazione strutturale dellintero corpo. Per il rilievo delle strutture fondali, si
provveduto alleffettuazione di scavi a campione per mettere a nudo le travi
rovesce e rilevarne la geometria e il piano di posa.






Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
117



Figura 3.24 Rilievo del piano seminterrato a quota (-3,30)









Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
118

Figura 3.25 Rilievo del piano rialzato a quota (0,00)




Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
119

Figura 3.26 Rilievo del piano primo a quota (3,60)




Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
120



Figura 3.27 Sezioni dello stato di fatto
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
121



Figura 3.28 Prospetti dello stato di fatto
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
122
Nel complesso, il rilievo ha messo in evidenza una generale corrispondenza tra
progetto e stato di fatto. Si rilevata solo una variazione dello spessore della
soletta collaborante dei solai che risultata essere di 4 cm e non di 6 cm come
riportato negli elaborati grafici, fermo restando lo spessore totale di 30 cm.

Il presente studio analizzer solamente il corpo di fabbrica denominato
Corpo C e nel seguito ci si riferir solamente ad esso.

Il corpo di fabbrica analizzato, a pianta rettangolare, costituito da un piano
interrato e tre impalcati fuori terra.
Il piano interrato ha un altezza di interpiano di m 3,00, privo di chiusure interne
e lungo il perimetro esterno tamponato con fodera costituita da blocchi di
mattoni in laterizio di spessore 30 cm priva di finiture superficiale. In sommit
alle pareti perimetrali disposte lungo il lato lungo del corpo di fabbrica, sono
ubicate aperture poste ad interasse mediamente di 6,00 m. Il piano di calpestio
costituito da un massetto il calcestruzzo dello spessore di 10 cm, poggiante su
terreno di riporto a copertura delle strutture di fondali. Le travi rovesce di
fondazione (fig. 3.29) poggiano a 1,20 m al di sotto del calpestio del piano
interrato.

Figura 3.29 Rilievo della sezione trave rovescia di fondazione

Sia il piano terra che il piano primo hanno unaltezza di interpiano di m 3,30. Le
partizioni interne sono state quasi del tutto danneggiate a causa di sconsiderati atti
vandalici (fig. 3.14-3.15).
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
123
Erano costituite da mattoni in laterizio di spessore 8 cm preintonacate sulle due
facce.
Le facciate esterne, nelle previsioni progettuali, dovevano essere costituite da
pareti vetrate montate su muretti di base. Allo stato del rilievo erano presenti solo
i muretti costituiti da mattoni forati in laterizio da 30 cm intonacati su ambo le
facce e comunque in cattivo stato.
La struttura portante del corpo di fabbrica costituita da un reticolo spaziale di
telai a maglia rettangolare orditi lungo le due direzioni principali delledificio e
sono rispettivamente in numero di quattro lungo il lato maggiore delledificio, e
nove lungo il lato minore (fig. 3.30-3.31-3.32).
I telai orditi lungo il lato corto sono a tre campate al primo livello corrispondenti
al piano rialzato, di lunghezza pari a 7,70 m le prime due e 9,70 m la terza. Al
secondo livello manca la trave centrale tra i pilastri interni e al terzo livello,
corrispondente alla copertura, sono a due campate, per via della minore altezza
della parte del corpo di fabbrica dove sono disposte le aule che affacciano sul
cortile interno.
I telai orditi lungo il lato maggiore sono a 8 campate di lunghezza pari a 5,50 m
tranne una campata finale di lunghezza di 3,20 m. Sono costituiti da tre livelli di
traversi corrispondenti ai tre impalcati, eccetto il telaio di estremit verso il cortile
che costituito da due livelli corrispondenti al piano terra e al primo piano.
Alcuni telai presentano una disomogeneit rispetto alla maggioranza prima
descritta, per via della rientranza di una parte delledificio in corrispondenza dello
spigolo a sud-ovest.
I pilastri sono 37, 6 dangolo, 17 lungo il perimetro, 14 interni e sono tutti orditi
con il lato ad inerzia minore parallelo al lato corto delledificio, con le seguenti
dimensioni:
- 40x70 cm
2
al I ordine piano interrato
- 40x60 cm
2
al II e III ordine piano rialzato e piano primo
Le travi hanno le seguenti caratteristiche geometriche:
- al primo impalcato sono tutte emergenti con dimensioni pari a 30x70
quelle appartenenti ai telai perimetrali e dimensioni pari a 40x70 quelle
appartenenti ai telai interni (fig.3.30);
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
124
- al secondo impalcato sono emergenti con dimensioni pari a 30x70 quelle
appartenenti ai telai perimetrali e ad un allineamento lungo interno,
mentre sono a spessore di solaio con larghezze di 100 cm per quelle ordite
lungo il lato corto delledificio, con sbalzi ad entrambe le estremit
(corrispondenti allaggetto del piano primo lungo la facciata sud-est e al
ballatoio interno), e di larghezza pari a 260 cm per un telaio centrale
interno porta solaio (fig.3.31).
- al terzo impalcato, sono emergenti con dimensioni pari a 30x70 quelle
appartenenti ai telai perimetrali sui due lati corti e sul lato lungo verso il
cortile interno mentre sono a spessore di solaio con larghezze di 100 cm
quelle ordite lungo il lato corto delledificio con sbalzo solo lungo
lestremit posta sul lato sud-est (aggetto rispetto al piano terra), di
larghezza pari a 200 cm il telaio centrale interno porta solaio e di
larghezza pari a 160 quelle appartenenti al rimanente telaio perimetrale sul
lato lungo (fig.3.32) .
Il solaio del tipo latero-cementizio gettato in opera di altezza pari a 30 cm con
soletta di 4 cm di spessore e laterizio di 26 cm di altezza, i travetti sono posti con
interasse pari a 50 cm .
Ledificio iscrivibile in pianta in un rettangolo di dimensioni 26,00x42,00
presenta una sufficiente regolarit strutturale planimetrica ad ogni livello, mentre
a causa dellarretramento del primo piano, da ritenere irregolare in altezza. Nel
seguito verranno verificate le suddette asserzioni con riferimento alle prescrizioni
delle NTC2008 e della Circolare applicativa 617/2009.
3.2.4 Campagna di indagini
La determinazione delle propriet dei materiali e dei dettagli strutturali negli
edifici esistenti caratterizzata da un significativo livello di incertezza. La
valutazione di tali parametri effettuata con una serie di metodiche, ognuna in
generale, associata ad uno specifico costo e grado di accuratezza. Per la
definizione del processo di conoscenza delledificio, le norme vigenti consentono
di riferirsi a differenti sorgenti di informazioni, provenienti ad esempio da
documentazione progettuale originaria, rilievi, prove in situ e in laboratorio, ed
anche ai cosiddetti giudizi esperti che forniscono una stima descrittiva delle
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
125
grandezze indagate basate su pregresse esperienze di tecnici qualificati. Tutte
queste fonti sono inevitabilmente affette da incertezze sulla conoscenza, ad
esempio, di quantit e disposizione delle armature e delle propriet meccaniche
dei materiali, per le limitazioni pratiche ed economiche relative alle verifiche e
prove in sito e/o alla disponibilit limitata dei disegni costruttivi e delle specifiche
originali dei materiali. Le attuali norme italiane ed europee tengono conto di tali
incertezze raggruppandole nei fattori di confidenzada applicare alle propriet
medie dei materiali ottenute dalle indagini. Al fine di quantificare tali fattori di
confidenza le norme definiscono specifici livelli di conoscenza della struttura,
per ciascuno dei quali si richiedono specifiche campagne di indagini.
Ai fini della scelta del tipo di analisi e dei valori dei fattori di confidenza, la NTC
08 definisce i tre livelli di conoscenza seguenti:
LC1: Conoscenza Limitata;
LC2: Conoscenza Adeguata;
LC3: Conoscenza Accurata.
I cui aspetti che li definiscono sono:
geometria, ossia le caratteristiche geometriche degli elementi strutturali;
dettagli strutturali, ossia la quantit e disposizione delle armature, la
consistenza degli elementi non strutturali collaboranti;
materiali, ossia le propriet meccaniche dei materiali.
Il livello di conoscenza acquisito determina il metodo di analisi, ed i valori dei
fattori di confidenza da applicare alle propriet dei materiali, come indicato nella
seguente tabella riportata nellappendice C8A della Circolare per lapplicazione
delle NTC08.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
126

Nel caso in specie, sulla base della documentazione progettuale originaria reperita
e alle risorse economiche disponibili, si scelto di ottenere un livello di
conoscenza minimo LC2.
La stessa Circolare 617/2009 definisce orientativamente dei livelli di rilievo e
delle prove da effettuare per il raggiungimento di ogni singolo livello di
conoscenza, come indicato nella tabella C8A1.3 che di seguito si riporta.


Come la stessa circolare prevede, in riferimento alle percentuali di elementi da
verificare in-situ ed al numero di provini da estrarre e sottoporre a prove di
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
127
resistenza, le quantit riportate nella Tabella C8A.1.3a hanno valore indicativo e
debbono essere adattate ai singoli casi, tenendo conto dei seguenti aspetti:
a) Nel controllo del raggiungimento delle percentuali di elementi indagati ai fini
del rilievo dei dettagli costruttivi si terr conto delle eventuali situazioni
ripetitive, che consentano di estendere ad una pi ampia percentuale i
controlli effettuati su alcuni elementi strutturali facenti parte di una serie con
evidenti caratteristiche di ripetitivit, per uguale geometria e ruolo nello
schema strutturale.
b) Le prove sugli acciai sono finalizzate allidentificazione della classe
dellacciaio utilizzata con riferimento alla normativa vigente allepoca di
costruzione. Ai fini del raggiungimento del numero di prove sullacciaio
necessario per il livello di conoscenza opportuno tener conto dei diametri di
pi diffuso impiego negli elementi principali con esclusione delle staffe.
c) Ai fini delle prove sui materiali consentito sostituire alcune prove
distruttive, non pi del 50%, con un pi ampio numero, almeno il triplo, di
prove non distruttive, singole o combinate, tarate su quelle distruttive.
d) Il numero di provini riportato nella Tabella C8A.1.3a potr esser variato, in
aumento o in diminuzione, in relazione alle caratteristiche di omogeneit del
materiale. Nel caso del calcestruzzo in opera tali caratteristiche sono spesso
legate alle modalit costruttive tipiche dellepoca di costruzione e del tipo di
manufatto, di cui occorrer tener conto nel pianificare lindagine. Sar
opportuno, in tal senso, prevedere leffettuazione di una seconda campagna di
prove integrative, nel caso in cui i risultati della prima risultino fortemente
disomogenei.
Nella tabella 3.1 si riassumono le indagini effettuate che si descrivono nei
paragrafi successivi.



Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
128
ELEMENTI STRUTTURALI
N TOTALE
ELEMENTI
STRUTTURALI
RILIEVO ARMATURE
(N ELEMENTI
STRUTTURALI)
INCIDENZA
PRELIEVI
CAROTE
PROVE NON
DISTRUTTIVE
PRIMO IMPALCATO mq 1024
PILASTRI 37 22 59% 2 22
TRAVI 60 24 40% 1 24
TIPOLOGIA SOLAI 2 1 50% 0 0
SECONDO IMPALCATO mq 946
PILASTRI 37 14 38% 3 14
TRAVI 76 20 26% 1 20
TIPOLOGIA SOLAI 3 1 33% 0 0
TERZO IMPALCATO mq 728
PILASTRI 27 16 59% 1 16
TRAVI 51 19 37% 2 19
TIPOLOGIA SOLAI 1 1 100% 0 0
RIEPILOGO PER TIPOLOGIA DI ELEMENTI STRUTTURALI
PILASTRI 101 52 51%
TRAVI 187 63 34%
SOLAI 6 3 50%
INTERA STRUTTURA mq 2698
TRAVI+PILASTRI+SOLAI 294 118 40% 10 1 PRELIEVO OGNI 269,8 115 1 PROVA OGNI 23,46
DETTAGLI COSTRUTTIVI PROVE SUI MATERIALI
INCIDENZA A mq INCIDENZA A mq
1 PRELIEVO OGNI 341,33 1 PROVA OGNI 22,26
1 PRELIEVO OGNI 236,50 1 PROVA OGNI 27,82
1 PRELIEVO OGNI 242,67 1 PROVA OGNI 20,80

Tabella 3.1-Riepilogo degli elementi indagati e relativa incidenza percentuale




Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
129
Per la definizione delle caratteristiche meccaniche del cemento armato gi
nellOrdinanza P.C.M. n 3431 del 03/05/2005 (integrazione e modifica
dellOPCM 3274) si ammetteva luso di metodi di indagine non distruttiva di
documentata affidabilit, non in completa sostituzione ma ad integrazione
delle indagini distruttive sulle quali tarare i risultati delle prove indirette. Tale
approccio confermato anche dalle vigenti NTC 08 ed esplicitate dalla relativa
Circolare di applicazione, la quale prevede, per le strutture esistenti, che la
caratterizzazione delle propriet meccaniche dei materiali avvenga sulla base,
oltre che della documentazione disponibile e di verifiche visive in situ, anche di
prove sperimentali.
La campagna di indagini si sviluppata secondo le seguenti prove:
Esecuzione di prove sclerometriche ed ultrasoniche;
Prelievo di carote di calcestruzzo =100 mm e L=200 mm e relative prove
di rottura a compressione. Sono state prelevate complessivamente n 10
carote, cos distribuite:
o n 3 carote al piano interrato;
o n 3 carote al piano terra;
o n 4 carote al piano primo;
Prove di carbonatazione su tutte le carote prelevate;
Misure pacometriche e saggi diretti per la individuazione dei ferri di
armatura;
Prova di carico su solaio di copertura al secondo livello;
Saggi in fondazione per lindividuazione della geometria e del piano di
posa delle travi rovesce.
Non sono state previste prelievi di spezzoni di armatura e le relative prove di
laboratorio in quanto la documentazione progettuale originale disponibile ne
permetteva una precisa identificazione, confermata anche da ricerche effettuate
sulla tipologia delle armature utilizzate nelle costruzioni del periodo (G.M.
Verderame et Al,2001).
Nelle fig. 3.30-3.31-3.32 fornita una rappresentazione sintetica dellinsieme
delle indagini in situ eseguite ai vari impalcati.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
130
Nella Relazione a strutture ultimate del Direttore dei Lavori, confermata anche
dagli atti di collaudo, le caratteristiche dei materiali impiegati vengono cos
indicati:
- calcestruzzo Rck=250 Kg/cm
2

- acciaio tipo FeB44k controllato in stabilimento


Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
131
C
1
C
2
C
3
t
p
p
C1
p
C3
t
LEGENDA

Figura 3.30 Primo impalcato - Ubicazione indagini in situ
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
132
C
6
C
4
p
C
5
p
p
C
7
t
C1
p
C3
t
LEGENDA

Figura 3.31 - Secondo impalcato - Ubicazione indagini in situ
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
133
C
8
C
9
C
1
0
t
p
t
C1
p
C3
t
LEGENDA

Figura 3.32 Terzo impalcato - Ubicazione indagini in situ
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
134
3.2.4.1 Prove pacometriche
Il rilievo pacometrico stato propedeutico alle prove sclerometriche, ultrasoniche
e di carotaggio, onde ridurre al minimo le interferenze delle armature sulle
successive prove previste.
La ricostruzione delle armature degli elementi strutturali stata effettuata sulla
base delle informazioni desumibili dal progetto strutturale originario, verificate ed
eventualmente integrate tramite rilievo di dettaglio con misure pacometriche e
spicconature del copriferro.
La fase di spicconatura (fig.3.33) stata effettuata su un elemento rappresentativo
di ogni gruppo di elementi strutturali che presentavano carattere di ripetitivit.
Sullelemento rappresentativo sono state rilevate le seguenti informazioni:
- spessore del copriferro;
- disposizione e diametro delle armature longitudinali, diametro e passo delle
staffe;
- indagine visiva del tipo di armatura utilizzata;
- verifica della corrispondenza con gli elaborati di carpenteria originali.
- taratura del pacometro sulla base degli spessori di copriferro rilevati e delle
armature rinvenute.

Figura 3.33 Spicconatura copriferro trave campione

Si proceduto poi al rilievo pacometrico a campione su elementi dello stesso
gruppo e se ne verificava la corrispondenza con gli elaborati progettuali. Le
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
135
misure pacometriche sono state intensificate su pi campioni dello stesso gruppo
qualora si rilevavano significative discostamenti tra armature in loco e armature
previste in progetto (fig.3.34).

Figura 3.34 Fasi del rilievo pacometrico

E stato utilizzato un pacometro CoverMaster CM52 (fig3.35), prodotto dalla
Protoval (Oxford) Ltd il cui funzionamento si basa sul principio della
conducibilit elettrica delle correnti parassite (altre tipologie di pacometri
utilizzano il principio della induzione magnetica). Lo strumento rivela la presenza
e la direzione delle barre di armatura. Permette la determinazione di una
grandezza tra spessore del copriferro e diametro delle barre se fissata laltra. E
necessario pertanto, tarare lo strumento su elementi su cui si esegue la
spicconatura del copriferro e se ne misura lo spessore. Si procede poi alla
misurazione di elementi omogenei allelemento campione. La precisione nella
restituzione dei diametri delle barre di 1 mm per barre di armature comprese
nel range 6-30 mm con interasse fino a 1,5 volte il copriferro;
I rilievi pacometrici sono stati eseguiti in conformit con la norma BS 1881-
204:1988 Testing concrete. Recommendations on the use of electromagnetic
covermeters.

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
136

Figura 3.35-Pacometro CoverMaster CM52

In definitiva, a completamento delle prove pacometriche supportate da
spicconature sugli elementi campione, e sulla scorta del progetto strutturale
originario si sono definite le seguenti informazioni:
per i pilastri: spessore del copriferro, passo e diametro delle staffe,
quantit e disposizione delle armature longitudinali;
per le travi: spessore del copriferro, passo e diametro delle staffe, quantit
e disposizione delle armature longitudinali;
per i solai: orditura, interasse tra le nervature, spessore del copriferro,
armature principali e di ripartizione, spessore della soletta collaborante,
travetti rompitratta;
Nelle fig. 3.30-3.31-3.32 sono indicati i punti di esecuzione delle prove paco
metriche.
3.2.4.2 Prove sul calcestruzzo
Per gli edifici esistenti in c.a. uno dei parametri essenziali per unadeguata
valutazione del grado di sicurezza la stima della resistenza a compressione del
calcestruzzo.
Per la determinazione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo, sono state
condotte sia prove non distruttive (metodo Sonreb) che distruttive (prelievi di
carote da sottoporre a prove di compressione a rottura in laboratorio). Dalla
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
137
correlazione dei risultati ottenuti si determinata una legge di variazione della
resistenza a compressione del calcestruzzo in funzione dei parametri misurati.
Il metodo SonReb prevede la combinazione di prove sclerometriche e di prove
ultrasoniche.
Le indagini sul calcestruzzo sono state precedute da una fase di preparazione della
superficie degli elementi strutturali da indagare, consistente nella demolizione
degli intonaci da rimuovere con particolare cura senza danneggiare la superficie
della parte strutturale dellelemento da indagare.
3.2.4.2.1 Prove sclerometriche
Le prove sclerometriche sono state effettuate con sclerometro meccanico GEI
Concrete(fig. 3.36) con incudine di taratura in acciaio, martello tipo N, energia di
percussione di 2.207 J (0.225 Kgm) ed eseguite secondo le prescrizioni di cui
alla norma UNI EN 12504-2. Prima di dare avvio allesecuzione delle prove, si
proceduto alla taratura dello strumento, utilizzando lapposita incudine
1
di taratura
in dotazione.

Figura 3.36 sclerometro meccanico GEI Concrete

Su ogni elemento strutturale indagato sono state eseguite 4 serie di prove di 12
battute ognuna, due su una faccia e due sulla faccia opposta dellelemento, in zone
dove successivamente si sono posizionati i trasduttori per la prova ultrasonica.
La scelta delle zone da indagare stata fatta sulla base della mappatura delle
armature precedentemente rilevate dalla prova pacometrica, individuando aree,
per quanto possibile prive di armature, condizione indispensabile per desumere

1
Lincudine ha la funzione di controllare e tarare lo sclerometro secondo le norme UNI 9189, DIN
1048, parte 2 - ASTM C 805 - EN 12398 . Loperazione di taratura consiste nellesecuzione di 10
battute nellincudine le quali devono fornire i corrispondenti valori dellindice di rimbalzo
comprese fra 78 e 82.

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
138
valori attendibili della resistenza del calcestruzzo, e ancor di pi, durante
loperazione di carotaggio, evitando di prelevare carote con armature allinterno.
Generalmente stato possibile individuare zone prive di armature solo per le
travi, lungo le facce laterali e tra due staffe successive, mentre per la maggior
parte dei pilastri non stato possibile a causa della presenza di armatura diffusa
lungo tutta la sezione, e in tal caso, si sono individuate zone di misurazione
comprese tre due staffe successive.
Le quattro zone di prova sono state posizionate come indicato in figura 29.
Ogni singola prova sclerometria stata effettuata disegnando una griglia di 12
punti. Il passo si assunto costante e pari a 3 cm in orizzontale e 2 cm in verticale.
Ogni prova consisteva nellesecuzione di 12 battute nei punti della griglia, e nella
registrazione su libretto di cantiere (fig.) dei rispettivi indici di rimbalzo e
dellinclinazione dellasse dello sclerometro rispetto alla superficie indagata. Dei
dodici punti registrati, se ne scartavano il maggiore ed il minore e si determinava
la media dei dieci valori rimanenti, e dalle tabelle di correlazione (fig.3.37) in
funzione dellinclinazione dello sclerometro si determinava la resistenza a
compressione .


Figura 3.37 - Curva di correlazione tra lindice di rimbalzo e la resistenza a compressione del
cls

Nelle fig. 3.30-3.31-3.32 si riporta la localizzazione dei saggi eseguiti mentre i
risultati della prova sclerometria sono riportati nella tabella 3.6-3.7-3.8

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
139
3.2.4.2.2 Prove ultrasoniche.
Al fine di determinare le correlazioni del metodo combinato SonReb, ogni
elemento strutturale precedentemente indagato con battute sclerometriche, stato
sottoposto anche a prova con ultrasuoni .

Figura 3.38 Fasi della prova ad ultrasuoni

Il metodo ad ultrasuoni consiste nella misurazione indiretta della resistenza del cls
attraverso la rilevazione della velocit media di onde vibrazionali trasmesse a
frequenze ultrasoniche allinterno dellelemento strutturale da provare.
Per le misure ultrasoniche stato utilizzato un apparecchio per ultrasuoni modello
GINGER CEBTP AU 2000, caratterizzato da:
Visualizzazione segnale: su oscilloscopio dotato di funzioni zoom;
Frequenza sonde coniche: 40 KHz;
Misurazione tempi: manuale con marker sull'oscilloscopio, con fondo
scala commutabile da 400 a 800 s;
Risoluzione misura: 0.1 s.
Allinterno della griglia utilizzata per lesecuzione delle battute sclerometriche,
sono state effettuate due serie di prove di tre lettura ciascuna su ogni elemento
indagato (fig. 3.38 3.39).

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
140

Figura 3.39 Schema della modalit di esecuzione della prova ultrasonica

Prova ultrasonica tra laccoppiamento A e A (fig.3.39)
Dopo aver eseguito le battute sclerometriche, la superficie stata trattata con mola
abrasiva per eliminare le disomogeneit superficiali. Successivamente si
provveduto a spalmare uno strato di vasellina sui trasduttori e sul calcestruzzo al
fine di migliorare l'aderenza ed eliminare le micro asperit che avrebbero potuto
falsare la misura.
I traduttori sono stati posizionati nei punti A e A ed stata rilevata la lettura del
tempo impiegato dallonda ultrasonica nel giungere dal trasduttore emittente al
trasduttore ricevente. Tale operazione stata ripetuta altre due volte, staccando ad
ogni prova i trasduttori, pulito lo strumento e ripristinato lo strato di vasellina.
Misurata la distanza tra i due trasduttori A-A, si ricava la velocit media delle
onde ultrasoniche dal rapporto tra distanza e tempo medio dattraversamento delle
onde ultrasoniche (media sulle tre letture effettuate nel medesimo punto),
necessaria per la determinazione della legge di correlazione Sonreb.
Quando previsto nella medesima area stato poi effettuato il prelievo della carota.
Prova ultrasonica tra laccoppiamento B e B(fig.3.39)
Le stesse operazioni si ripetono per laccoppiamento B-B, ottenendo altre tre
letture dei tempi di percorrenza e della velocit media delle onde ultrasoniche che
attraversano il mezzo indagato.
Leffettuazione di tale prova con il metodo suddetto, 3+3 letture in due zone
contigue, consente di controllare in itinere la validit dei tempi rilevati.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
141
Il metodo adoperato per lesecuzione delle prove stato quello della trasmissione
diretta (fig.3.40), cio con le sonde applicate sullelemento da indagare, in due
punti speculari tra loro (facce opposte).


Figura 3.40 Posizione delle sonde nella "trasmissione diretta" della misura ultrasonica

Questo tipo di disposizione delle sonde certamente il pi sensibile in quanto la
maggior parte dellenergia emessa dalla sonda emittente diretta a quella
ricevente e fornisce risultati pi precisi. Per alcuni elementi per, non stato
possibile effettuare la misurazione con trasmissione diretta (per le travi a
spessore o per qualche pilastro al piano interrato che presentava solo una faccia
libera) e in tal caso la prova stata effettuata con la trasmissione indiretta, che
prevede che le sonde siano applicate sulloggetto da indagare, in due punti
allineati della medesima superficie. Questo tipo di indagine meno precisa della
precedente in quanto solo una minima parte dell'energia emessa dalla sonda
emittente diretta a quella ricevente. La velocit dell'impulso di solito
influenzata dallo strato superficiale del materiale, che solitamente presenta
caratteristiche diverse dagli stati profondi.
Per tale motivo si sono effettuate una serie di misure con la sonda posta a varie
distanze. La sonda trasmittente mantenuta fissa in una determinata posizione,
mentre si fatta variare la posizione di quella ricevente ponendola a distanze
successive uguali lungo una linea prestabilita. I tempi di trasmissione misurati
sono stati mediati ed hanno permesso di stabilire di stabilire una velocit media
dell'impulso.

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
142
3.2.4.2.3 Correlazione SonReb
I risultati delle prove sclerometriche ed ultrasoniche eseguite su ogni singolo
elemento strutturale indagato, venivano registrati su schede un libretto di cantiere
durante le fasi di prova. Nella fig. riportato una scheda
Avendo a diposizione i valori locali della velocit ultrasonica V e dellindice di
rimbalzo S, possibile ottenere la resistenza cubica a compressione del
calcestruzzo R
c
mediante espressioni del tipo:
c b
c
V S a R = (3.1)
Esistono in letteratura numerose espressioni del tipo (3.1) (RILEM, 1993 -
Gasparik, 1992 - Pascale e Di Leo, 1994 -Del Monte et al., 2004), che per hanno
la limitazione di fornire espressioni ottenute in determinate condizioni di
esecuzione delle prove e su campioni aventi determinate caratteristiche. Pertanto
sono formule che non hanno validit generale e la cui affidabilit fortemente
influenzata dalla diversit delle condizioni che governano le prove in esame
rispetto a quelle che hanno generato le correlazioni di bibliografia.
Si preferito pertanto, ricavare una espressione del tipo (3.1) basata sui risultati
delle prove effettuate e specificamente riferita al calcestruzzo in esame (Manfredi
Verderame Et Altri,2007), come verr descritto nel parag.3.2.5
3.2.4.2.4 Carotaggi
Il prelievo di campioni di calcestruzzo (carote) stato effettuato con una
carotatrice universale Mod.CD20 con motore Milwaukee da 2800 W a 2 velocit
corredata da gruppo elettrogeno, data la mancanza di energia elettrica in loco
(fig3.41).

Figura 3.41 - Fase di esecuzione dei carotaggi

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
143
La scelta degli elementi strutturali dove effettuare i prelievi stata fatta in
maniera abbastanza casuale, in modo tale da poter ritenere i risultati ottenuti,
statisticamente rappresentativi delle propriet del materiale dellintera struttura.
Nellambito dellelemento da indagare, per la scelta della localizzazione dei punti
di prelievo, si cercato di evitare zone dove il calcestruzzo presentasse
caratteristiche diverse da quelle medie come si verifica, ad esempio, in
corrispondenza della sommit dei pilastri.
Si cercato di effettuare i prelievi in zone dove le sollecitazioni flessionali sono
ridotte, pertanto per i pilastri sono stati effettuati prelievi a circa met altezza,
mentre per le travi il prelievo stato effettuato sulla parte laterale a circa 1/4 della
luce netta ed allincirca a met altezza.
Complessivamente sono state prelevate n10 carote indicate con la sigla C1,
C2,..C10 (fig.3.42) nei punti preventivamente individuati da unaccurata analisi
pacometrica, al fine di individuare ed evitare, per quanto possibile, le armature
presenti e nei quali sono state precedentemente effettuate le prove non distruttive
sclerometriche ed ultrasoniche, per le necessarie correlazioni di cui si detto nei
paragrafi precedenti.

Figura 3.42 - Raccolta delle carote di cls

Per il prelievo delle carote sui pilastri, non sempre stato possibile evitare le
armature longitudinali in quanto distribuite lungo il contorno dellelemento ad
interasse minore del diametro della carotatrice e per tal motivo si sono preferiti
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
144
pilastri soggetti a minor tasso di lavoro per carichi verticali dovuti alle condizioni
di normale esercizio delledificio.
I risultati di laboratorio sono riportati nella tab.3.2



Tabella 3.2 - Risultati delle prove di compressione su carote di cls


Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
145
3.2.4.3 Raccolta dei dati di prova in situ
Durante lesecuzione delle indagini in situ, i risultati delle prove eseguite su ogni
elemento strutturale indagato venivano raccolti su apposite schede.
Sono state compilate in cantiere due tipologie di schede, una riportante i risultati
delle indagini sul cls (prove sclerometri che, ultrasoniche e carotaggi, fig.3.43) e
laltra riportante i risultati del rilevamento dei ferri di armatura (indagini
pacometriche, fig. 3.44).
In tali schede di cantiere, venivano riportati le misure delle prove eseguite in situ
descritte nei paragrafi precedenti.

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
146

Figura 3.43 Scheda indagini in situ sul cls
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
147

Figura 3.44 Scheda indagini in situ rilievo ferri di armatura

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
148
3.2.5 Elaborazione dei risultati delle prove sul calcestruzzo
La determinazione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo, in particolare
della resistenza a compressione in situ, stata ottenuta dai risultati dai carotaggi
affiancata dai risultati delle prove non distruttive sclerometri che ed ultrasoniche
(Manfredi, Verderame Et Altri, 2007) .
Operativamente si proceduto nel seguente modo:
1. si determinata la resistenza a compressione del calcestruzzo in
situ nei punti di prelievo delle carote di cls a partire dalle resistenze
a compressione di queste ultime ottenute dalle prove di laboratorio;
2. noti i valori dellindice di rimbalzo S ottenuto dalla prova
sclerometria e della velocit ultrasonica V ottenuta dalla prova con
ultrasuoni effettuate prima dei carotaggi negli stessi punti, si
determina la legge di correlazione SonReb
c b
c
V S a R =
,
effettuando una regressione non lineare per la determinazione dei
coefficienti a, b e c, valida specificamente per il calcestruzzo in
esame.
3. Nota la correlazione SonReb si stimata la resistenza Rc anche
negli altri punti dove sono state effettuate solo prove non
distruttive.
La procedura suddetta, ha permesso di determinare il valore medio della
resistenza del calcestruzzo in esame utilizzando i risultati delle prove distruttive e
non distruttive, e quindi su un campione pi ampio e rappresentativo.
3.2.5.1 Stima della resistenza basata sui carotaggi
La resistenza a compressione di ogni singola carota prelevata, ottenuta dalle prove
di laboratorio stata convertita nella corrispondente resistenza del calcestruzzo in-
situ tramite la seguente relazione:
car d a dia D h cis
f C C C C f = ) (
/
(resistenza cilindrica a compressione cilindrica)
(3.2)
83 , 0
cis c
f R = (resistenza cubica a compressione) (3.3)
con:
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
149
C
h/D
il coefficiente correttivo per rapporti h/D diversi da 2, pari a:
C
h/D
= 2/(1.5 + D/h), essendo h laltezza della carota e D il suo diametro;
C
dia
il coefficiente correttivo relativo al diametro, da assumere pari a
1.06, 1.00 e 0.98 per D pari, rispettivamente, a 50, 100 e 150 mm;
C
a
il coefficiente correttivo relativo alla presenza di armature incluse,
variabile tra 1.03 per barre di piccolo diametro ( 10) e 1.13 per barre di
diametro maggiore ( 20);
C
d
il coefficiente correttivo per tener conto del disturbo arrecato alla
carota nelle operazioni di estrazione e preparazione. Oltre al valore
costante suggerito nelle FEMA 274 pari a 1.06, la bibliografia propone di
assumere il valore 1.10, in entrambi i casi per operazioni di prelievo
condotte con estrema accuratezza. Tenendo per conto del fatto che il
rimaneggiamento tanto maggiore quanto minore la qualit del
calcestruzzo da carotare, appare pi convincente far riferimento a quanto
riportato in (Collepardi, 2002) e indirettamente in (UNI 10834, 1999),
assumendo C
d
= 1.20 per f
car
< 20 MPa, e C
d
= 1.10 per f
car
> 20 MPa.

Nella tabella 3.3 seguente sono riassunte le resistenze del calcestruzzo in-situ
determinate con la formula (2) a partire dalle resistenze a compressione delle
singole carote ottenute dalle prove di laboratorio:

h D h/D fcar f cis Rc
(cm) (cm) (MPa) Ch/D Cdia Ca Cd (MPa) (MPa)
C1 P_INT PIL_37 19,6 9,95 1,9698 NO 25,24 0,9962 1 1 1,1 27,663 33,33
C2 P_INT PIL_14 20,1 9,98 2,014 NO 23,06 1,0017 1 1 1,1 25,414 30,62
C3 P_INT T_7-29 20,3 9,98 2,0341 NO 21,69 1,0042 1 1 1,1 23,959 28,87
C4 P_T PIL_23 20,3 9,96 2,0382 NO 23,18 1,0047 1 1 1,1 25,614 30,86
C5 P_T PIL_5 20,3 9,98 2,0341 NO 24,20 1,0042 1 1 1,2 26,73 32,21
C6 P_T PIL_13 20 9,98 2,004 NO 24,58 1,0005 1 1 1,1 27,049 32,59
C7 P_T T_18-19 19,5 9,92 1,9657 NO 22,28 0,9957 1 1 1,1 24,40 29,40
C8 P_1 PIL_35 20,6 9,97 2,0662 NO 24,10 1,0081 1 1 1,1 26,727 32,20
C9 P_1 T_9-10 18,5 9,98 1,8537 NO 24,51 0,9807 1 1 1,1 26,439 31,85
C10 P_1 T_22-37 20,1 9,98 2,014 NO 22,85 1,0017 1 1 1,1 25,179 30,34
CAROTA
ELEMENTO
STRUTTURALE
PRESENZA
ARMATURA
COEFFICIENTI CORRETTIVI

Tabella 3.3 - Correlazione tra resistenza a compressione delle carote e resistenza del cls in-
situ


Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
150
3.2.5.2 Correlazione SonReb-Carotaggi
Si riassumono nella tabella 3.4 i valori delle resistenze Rc determinate con la
(3.3), delle battute sclerometriche S e delle velocit degli ultrasuoni V in
corrispondenza di ogni punto di prelievo delle carote di cls.

Rc S V
(MPa) (m/s)
C1 P_INT PIL_37 33,33 39,80 4590,00
C2 P_INT PIL_14 30,62 36,70 4120,00
C3 P_INT T_7-29 28,87 35,20 3850,00
C4 P_T PIL_23 30,86 37,70 4295,00
C5 P_T PIL_5 32,21 39,30 4412,00
C6 P_T PIL_13 32,59 39,80 4520,00
C7 P_T T_18-19 29,40 36,10 3901,00
C8 P_1 PIL_35 32,20 38,40 4280,00
C9 P_1 T_9-10 31,85 38,30 4429,00
C10 P_1 T_22-37 30,34 35,52 3895,00
CAROTA
ELEMENTO
STRUTTURALE

Tabella 3.4-Risultati delle prove distruttive e non distruttive nei punti di carotaggio

Prima di determinare la correlazione di tipo (3.1) si verificata la presenza di un
legame di proporzionalit diretta tra i valori di resistenza ottenuti dalle prove sulle
carote ed i corrispondenti valori S e V ottenuti dalle prove non distruttive (che
verrebbe segnalata anche da valori negativi dei coefficienti b e c in caso di non
proporzionalit). La necessit di avere proporzionalit diretta scaturisce dal fatto
che maggiore la resistenza a compressione migliore la qualit del materiale,
pertanto ci si aspetta un incremento delle velocit ultrasoniche e un aumento
dellindice di rimbalzo sclerometrico. In mancanza di un legame proporionale
diretto la procedura perderebbe di significato e in tal caso andrebbero effettuate le
seguenti operazioni:
rifare le misure del parametro non distruttivo che appare non correttamente
correlato alle resistenze delle carote;
aumentare il numero di misure ed eventualmente di carotaggi per
individuare e, nel caso, eliminare eventuali valori anomali;
basare la stima della resistenza del calcestruzzo in-situ esclusivamente sui
carotaggi.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
151
Di seguito (fig. 3.45-3.46) si riportano le leggi di correlazione tra le battute
sclerometriche S e le resistenze Rc e tra le velocit ultrasoniche e le resistenze Rc,
calcolate nei punti di prelievo delle carote.

28,50
29,00
29,50
30,00
30,50
31,00
31,50
32,00
32,50
33,00
33,50
34,00
34,00 35,00 36,00 37,00 38,00 39,00 40,00 41,00
S
R
c

(
M
P
a
)

Figura 3.45 -Correlazione tra resistenze delle carote e indice di rimbalzo sclerometrico


28,50
29,00
29,50
30,00
30,50
31,00
31,50
32,00
32,50
33,00
33,50
34,00
3600 3800 4000 4200 4400 4600 4800
V (m/s)
R
c
(
M
P
a
)

Figura 3.46 -Correlazione tra resistenze delle carote e velocit ultrasonica

Come si evince dalle due tabelle e dalle rispettive correlazioni, vi la diretta
proporzionalit tra la resistenza R
c
e i parametri delle prove non distruttive, con
elevati coefficienti di correlazione, maggiore tra Rc-S che tra R
c
-V.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
152
E possibile quindi determinare la legge di correlazione della curva SonReb (3.1)
tramite lindividuazione dei coefficienti a,b,c con una regressione non lineare tra i
valori della Tab.2
Espressione calibrata della curva SonReb:

0601 , 0 9748 , 0
548 , 0 V S R
c
= == = (MPa) (3.4)
Nella tabella 3.5 si riportano le resistenze cubiche (Rc
stim
) ottenute applicando la
(3.4) in corrispondenza dei punti di prelievo delle carote, con lindicazione delle
variazioni relative ed assolute rispetto alla resistenza cubica ottenuta dalle prove
di laboratorio sulle carote estratte (Rc
noto
).

Rc)noto S V Rc)stim ass rel
CAROTA PIANO ELEMENTO (MPa) (m/s) (MPa)
C1 P_INT PIL_37 33,33 39,80 4590,00 33,03 -0,30 -0,91%
C2 P_INT PIL_14 30,62 36,70 4120,00 30,33 -0,28 -0,93%
C3 P_INT T_7-29 28,87 35,20 3850,00 28,99 0,13 0,44%
C4 P_T PIL_23 30,86 37,70 4295,00 31,19 0,33 1,05%
C5 P_T PIL_5 32,21 39,30 4412,00 32,50 0,30 0,93%
C6 P_T PIL_13 32,59 39,80 4520,00 32,99 0,41 1,25%
C7 P_T T_18-19 29,40 36,10 3901,00 29,71 0,31 1,04%
C8 P_1 PIL_35 32,20 38,40 4280,00 31,73 -0,47 -1,45%
C9 P_1 T_9-10 31,85 38,30 4429,00 31,71 -0,14 -0,45%
C10 P_1 T_22-37 30,34 36,50 3895,00 30,06 -0,28 -0,92%
ELEMENTO STRUTTURALE

Tabella 3. 5-Confronto tra Rc stimata con la curva SonReb calibrata e i valori di Rc in situ ottenute
dalle prove di laboratorio

Nota la curva SonReb calibrata (3.4), si stimata la resistenza cubica a
compressione di tutti gli elementi strutturali su cui sono state effettuate le prove
non distruttive. Nelle tabelle 3.6-3.7-3.8, si riassumono i valori ottenuti dalla
curva sonReb (3.4) ai vari piani. Sono stati evidenziati in giallo gli elementi
strutturali su cui sono state effettuate le prove distruttive.

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
153
1 PILASTRO 1 38,6 3.812 31,69
2 PILASTRO 3 41,1 3.841 33,73
3 PILASTRO 5 38,5 3.625 31,51
4 PILASTRO 7 38,9 3.785 31,94
5 PILASTRO 9 38,9 3.777 31,94
6 PILASTRO 10 38,0 3.935 31,22
7 PILASTRO 12 38,7 3.420 31,57
8 PILASTRO 14 36,7 4.120 30,33
9 PILASTRO 16 37,9 4.002 31,23
10 PILASTRO 18 38,2 4.609 31,71
11 PILASTRO 20 38,6 4.235 31,89
12 PILASTRO 21 39,1 4.412 32,33
13 PILASTRO 23 37,5 4.135 30,96
14 PILASTRO 25 36,9 3.933 30,34
15 PILASTRO 27 38,6 4.369 31,95
16 PILASTRO 29 38,0 3.958 31,23
17 PILASTRO 31 40,5 3.852 33,21
18 PILASTRO 32 38,4 4.221 31,71
19 PILASTRO 34 38,7 3.982 31,86
20 PILASTRO 36 39,2 3.875 32,16
21 PILASTRO 37 39,8 4.590 33,03
22 PILASTRO 22 38,5 3.675 31,53
23 TRAVE 1-2 38,7 3.576 31,63
24 TRAVE 3-4 37,0 4.159 30,56
25 TRAVE 5-6 38,1 2.865 30,79
26 TRAVE 7-8 38,1 3.847 31,29
27 TRAVE 10-11 37,1 3.839 30,53
28 TRAVE 13-14 37,9 3.887 31,14
29 TRAVE 14-15 38,9 3.783 31,88
30 TRAVE 17-18 35,2 3.190 28,67
31 TRAVE 19-20 38,2 4.012 31,49
32 TRAVE 22-23 38,7 3.905 31,84
33 TRAVE 23-24 37,0 4.060 30,49
34 TRAVE 26-27 37,1 4.198 30,66
35 TRAVE 28-29 36,7 4.086 30,31
36 TRAVE 32-33 36,5 4.192 30,21
37 TRAVE 34-35 36,4 3.947 29,96
38 TRAVE 36-37 36,1 4.150 29,80
39 TRAVE 3-25 37,3 4.386 30,93
40 TRAVE 7-29 35,2 3.850 28,99
41 TRAVE 14-32 37,1 3.514 30,32
42 TRAVE 17-34 38,5 4.123 31,74
43 TRAVE 20-37 36,9 3.477 30,17
44 TRAVE 24-37 36,2 3.803 29,74
45 TRAVE 26-35 36,9 3.117 29,97
46 TRAVE 28-33 36,7 3.712 30,08
31,14
1,0283
Stima
Valore Rc
(MPa)
MEDIA
DEVIAZIONE STANDARD
N.PROG ELEMENTO/FILO FISSO Smedio
Vmedia
(m/sec)

Tabella 3.6-Stima della Rc sugli elementi strutturali indagati al Piano Interrato

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
154
47 PILASTRO 2 34,3 4.622 28,58
48 PILASTRO 5 39,3 4.412 32,50
49 PILASTRO 8 34,5 4.362 28,66
50 PILASTRO 10 36,0 3.857 29,60
51 PILASTRO 13 39,8 4.520 32,99
52 PILASTRO 16 36,7 4.125 30,34
53 PILASTRO 18 37,7 4.258 31,19
54 PILASTRO 20 36,7 3.874 30,22
55 PILASTRO 23 37,7 4.295 31,19
56 PILASTRO 25 38,2 4.325 31,59
57 PILASTRO 28 38,7 4.452 32,08
58 PILASTRO 31 38,7 3.198 31,44
59 PILASTRO 34 37,4 3.050 30,31
60 PILASTRO 36 37,4 2.987 30,27
61 TRAVE 2-3 37,5 4.020 30,94
62 TRAVE 4-5 36,6 3.975 30,13
63 TRAVE 6-7 37,6 3.654 30,80
64 TRAVE 9-10 36,6 3.250 29,77
65 TRAVE 13-14 38,0 3.698 31,17
66 TRAVE 16-17 36,5 3.977 30,12
67 TRAVE 18-19 36,1 3.901 29,71
68 TRAVE 20-21 38,2 3.854 31,35
69 TRAVE 21-22 35,9 3.655 29,48
70 TRAVE 1-23 37,0 3.210 30,13
71 TRAVE 23-24 42,2 3.050 34,13
72 TRAVE 25-26 40,7 3.455 33,17
73 TRAVE 27-28 42,1 3.169 34,12
74 TRAVE 29-30 40,7 3.201 33,05
75 TRAVE 32-33 38,2 2.987 30,91
76 TRAVE 35-36 36,8 3.014 29,80
77 TRAVE 5-27 41,0 3.150 33,24
78 TRAVE 7-29 40,8 3.001 32,99
79 TRAVE 16-33 40,2 3.256 32,66
80 TRAVE 18-35 41,3 3.189 33,46
31,24
1,5281 DEVIAZIONE STANDARD
Stima
Valore Rc
(MPa)
MEDIA
N.PROG. ELEMENTO/FILO FISSO Smedio
Vmedia
(m/sec)


Tabella 3.7-Stima della Rc sugli elementi strutturali indagati al Piano Terra





Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
155
81 PILASTRO 2 36,4 4.581 30,26
82 PILASTRO 3 35,6 4.468 29,52
83 PILASTRO 5 37,3 4.211 30,82
84 PILASTRO 7 36,2 4.587 30,09
85 PILASTRO 8 36,4 4.638 30,28
86 PILASTRO 9 36,5 3.987 30,10
87 PILASTRO 10 36,9 4.012 30,37
88 PILASTRO 23 35,2 4.120 29,09
89 PILASTRO 25 37,3 4.632 30,97
90 PILASTRO 27 34,2 4.215 28,34
91 PILASTRO 29 36,3 4.200 30,02
92 PILASTRO 30 36,6 3.985 30,19
93 PILASTRO 31 36,3 4.277 30,05
94 PILASTRO 33 37,0 4.324 30,60
95 PILASTRO 35 38,4 4.280 31,73
96 PILASTRO 37 37,3 4.124 30,78
97 TRAVE 1-2 36,3 3.698 29,79
98 TRAVE 4-5 37,0 3.452 30,19
99 TRAVE 7-8 37,3 4.412 30,90
100 TRAVE 9-10 38,3 4.429 31,71
101 TRAVE 32-33 36,4 4.051 30,04
102 TRAVE 34-35 36,9 4.125 30,43
103 TRAVE 35-36 36,4 3.074 29,54
104 TRAVE 37-22 36,5 3.895 30,06
105 TRAVE 23-1 36,7 3.265 29,91
106 TRAVE 24-25 42,8 3.148 34,63
107 TRAVE 26-27 41,8 3.024 33,77
108 TRAVE 29-30 41,6 2.875 33,49
109 TRAVE 3-25 43,3 2.987 34,95
110 TRAVE 5-27 39,7 2.988 32,10
111 TRAVE 8-30 39,3 3.020 31,77
112 TRAVE 29-32 40,4 3.152 32,72
113 TRAVE 27-34 40,7 2.944 32,85
114 TRAVE 26-35 39,9 2.589 31,99
115 TRAVE 24-37 40,9 2.957 33,03
31,06
1,5644 DEVIAZIONE STANDARD
Stima
Valore Rc
(MPa)
MEDIA
N.PROG. ELEMENTO/FILO FISSO Smedio
Vmedia
(m/sec)

Tabella 3 8-Stima della Rc sugli elementi strutturali indagati al Piano Primo


Come risulta dalle tabelle, il calcestruzzo presenta caratteristiche sufficientemente
omogenee sia per elementi appartenenti allo stesso impalcato che lungo lo
sviluppo verticale, con una dispersione rispetto al valore medio delle resistenze
molto contenuta.
Nel complesso si hanno i seguenti valori statistici di resistenza, valutati
sullintera popolazione delle misure disponibili:
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
156
- Valore minimo : { } MPa Rc
i
34 , 28 min = ;
- Valore massimo: { } MPa Rc MAX
i
95 , 34 = ;
- Valore medio: { } MPa Rc
i
14 , 31 =
- Deviazione standard: { } MPa Rc
i
3520 , 1 =
- Coefficiente di variazione
2
: C.O.V.=4,34%
Si riportano di seguito i grafici rappresentativi delle leggi di distribuzione
gaussiane della popolazione { }
i
Rc (fig. 3.47-3.48):
0,0%
2,5%
5,0%
7,5%
10,0%
12,5%
15,0%
17,5%
20,0%
22,5%
25,0%
27,5%
30,0%
32,5%
35,0%
27,0 27,5 28,0 28,5 29,0 29,5 30,0 30,5 31,0 31,5 32,0 32,5 33,0 33,5 34,0 34,5 35,0
Rc (MPa)
d
e
n
s
i
t


d
i

p
r
o
b
a
b
i
l
i
t


n
o
r
m
a
l
e


p
(
R
c
)

Figura 3.47-Distribuzione normale di probabilit delle Rc






2
Le FEMA 356 (ASCE, 2000) consigliano, nel caso in cui il C.O.V.>14%, di integrare le prove
finch tale valore risulti minore o uguale al 14%. Il C.O.V., infatti rapresenta la significativit
statistica del numero di prove eseguite.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
157
0,0%
10,0%
20,0%
30,0%
40,0%
50,0%
60,0%
70,0%
80,0%
90,0%
100,0%
27,00 28,00 29,00 30,00 31,00 32,00 33,00 34,00 35,00
Rc (MPa)
d
e
n
s
i
t


d
i

p
r
o
b
a
b
i
l
i
t


c
u
m
u
l
a
t
i
v
a

p
(
R
c
)

Figura 3.48-Distribuzione normale cumulativa delle Rc






















Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
158
3.3 INDAGINI IN SITU SUI TERRENI PER LA CARATTERIZZAZIONE
DEI SUOLI
Dallo studio geologico-geotecnico predisposto per larea in esame, sono
state desunte le seguenti informazioni basilari per la caratterizzazione dei
suoli fondali.
Sono state programmate nellarea le le seguenti indagini geognostiche:
n.2 sondaggi a carotaggio continuo (S1 e S2) fino a m.30 dal piano
campagna con S.P.T. (Standard Penetration Test) e prelievo di
campioni indisturbati a profondit significative. I fori sono stati
attrezzati con adeguato rivestimento per lesecuzione della sismica
in foro di tipo Down Hole;
n.2 prospezioni sismiche in foro di tipo down-Hole;
che hanno permesso di definire una ricostruzione geologica di dettaglio
adeguata per la modellazione e caratterizzazione geotecnica del sottosuolo.
S1
S2
N

Figura 3.49 - Area di intervento con indicazione dei punti dei sondaggi geognostici eseguiti
3.3.1 Morfologia dellarea e condizioni geologiche
Larea di intervento, raffigura un paesaggio di pianura, moderatamente
urbanizzato, a valle delle pendici del Somma Vesuvio, posta a 35,00 m
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
159
s.l.m. e situata nella zona meridionale del Somma Vesuvio, ricompresa tra i
Comuni di Torre Annunziata a Sud, Boscoreale e Boscotrecase a Nord.
Larea in titolo costituita da terreni incoerenti di natura piroclastica a
luoghi poggiati su banchi lavici del Somma Vesuvio. Le condizioni
geomorfologiche raffigurano il paesaggio di pianura appartenente alla
Pianura Napoletana, in una zona compresa tra larea del Somma Vesuvio e
la collina calcarea di Palma Campania. Pertanto l'area stata modificata e
bonificata per la sovrapposizione dei prodotti piroclastici del Somma
Vesuvio che si presentano sciolti superficialmente e tassificati e/o litificati
fino a garande profondit, dove si incontrano i prodotti alluvionali
PlioPleistocenici delle colline calcaree antiappenniniche campane.
Il sottosuolo delle aree in studio, in generale, costituito nella parte
superficiale da terreni piroclastici sciolti di origine vesuviana
superficialmente in parte umificati, sui prodotti del Somma Vesuvio
costituiti da ceneri, lapilli pumicei e scorie poggiate sui prodotti del Somma
Vesuvio O Protosomma, costituiti da ceneri, lapilli scorie e lave del
protosomma che dai sondaggi effettuati risultato di grande spessore. Il
tutto poggiato sui prodotti pliopleistocenici basali non rinvenuti nei
sondaggi geognostici.
3.3.2 Geolitologia
Il rilevamento di campagna e dallinterpretazione dei dati delle indagini
geognostiche eseguite nelle aree in studio hanno permesso di conoscere le
caratteristiche stratigrafiche e geologico tecniche dei terreni e delle rocce,
cos schematizzabili:
Dai dati desunti dalla Relazione geologica si evince che nel sottosuolo
dellarea di intervento si rinviene la seguente successione stratigrafica:
sabbie e ghiaie di origine vulcanica superficialmente umificate di
origine recente (spessore m.1,50 2,00);
alternanze di terreni piroclastici sabbiosi, ghiaiosi e limosi diversamente
addensat, con paleosuoli del Somma Vesuvio storico (spessore m.7
9);
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
160
alternanze di piroclastiti costituite da pomici bianche (spessori m.1,50
2,50) e strati di ceneri, lapilli, scorie e paleosuoli fino a m. 30 dal piano
campagnadel Somma Storico e protostorico con a luoghi ammassi
rocciosi lavici con spessori fino a m.15 16.
Idrogeologicamente i terreni presenti nellarea fanno parte del complesso
dei materiali piroclastici, poggiato sul complesso dei terreni fluvio
alluvionali posti a grande profondit dal piano campagna (maggiore di
m.30) e quindi non rinvenuto nei sondaggi meccanici.
Il grado di permeabilit da buono ad alto sia orizzontalemnete che
verticalmente e dipende dallo stato di addensamento dei terreni piroclastici,
dalla granulometria e dal grado di fratturazione della lava, che essendo
molto antica deve essere molto fratturata.
La falda freatica si rinvienea m.20 21 dal piano campagna e subisce
escursioni freatiche annue e decennali.
Larea da ritenere idrogeologicamente stabile e senza rischi (BURC
n.77/99 e Piano Stralcio dellAutorit di Bacino Nord Occidentale della
Campania), ,noltre nelle aree non si rilevano n fenomeni, come frane e
scoscendimenti, n la presenza di cavit.
3.3.3 Caratterizzazione geotecnica
Dai risultati delle indagini geognostiche risultata dal piano campagna, la
seguente sequenza stratigrafica dei terreni per i quali si riportano i parametri
geotecnici medi, come meglio visualizzato nei Profili stratigrafici e
geotecnici :
terreni sabbiosi e ghiaiosi costituiti da ceneri e lapilli di natura
piroclastica, superiormente umificati (spessore m.1,50 - 2.00) da poco
addensati a moderatamente addensati, con N
SPT
= 4 - 8; Peso unit di
Volume = 1.4 - 1.6 Kg/cm; Angolo d'attrito = 27- 32;
sabbie e ghiaie di origine piroclastica a luoghi tassificate (spessore m.4
4.50) da poco addensati ad addensati con N = 7 - 35; = 1.5 - 1.8
Kg/cm; = 32- 37; Dr = 25 - 70%; Eed = 100 - 280 Kg/cm;
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
161
sabbie limose sciolte nerastre (paleosuolo) con spessore m.1.50 con N
= 1 - 4; = 1.4 - 1.6 Kg/cm; = 22- 26; Dr = 4 - 12 %; Eed = 40 - 60
Kg/cm;
sabbie piroclastiche tassificate (spessore m. 0,20-0,50) con ottimi
parametri geotecnici sulle pomici bianche (spessore m.2,50 2,80)
poco addensate, moderatamente addensate, = 1.4 - 1.6 Kg/cm; =
30- 32; Dr = 40 - 48 %; Eed = 60 - 80 Kg/cm;
Alternanze di terreni piroclastici tassificati e non costituiti da ceneri,
lapilli e scorie vulcaniche con a luoghi paleosuoli e terreni alluvionali,
tutti con parametri geotecnici da buoni ad ottimi fino a m.30 dal piano
campagna
Il piano di posa delle fondazioni della struttura scolastica posta a
profondit 1,5-2,00 dal piano campagna, cio al di sotto dello strato dei
terreni sabbioso-ghiaiosi.
3.3.4 Prospezioni sismiche in foro down hole
Sono state eseguite, nellambito della caratterizzazione sismica dellarea in titolo,
due prospezioni sismiche down hole (S1 e S2 fig. 33) al fine di individuare le
caratteristiche sismostratigrafiche dei litotipi e per classificare sismicamente il
suolo secondo il D.M. 14 gennaio 2008.
Lo scopo di tali prove consiste nel determinare direttamente la velocit di
propagazione, allinterno del mezzo in esame, delle onde di compressione (onde
P), di taglio (onde S) ed indirettamente, utilizzando i valori delle velocit acquisiti
(VP, VS), alcune propriet meccaniche delle litologie investigate.
Le indagini sismiche che utilizzano i fori dei sondaggi sono utili per avere una
sismostratigrafia dettagliata del sottosuolo. Si applicano vari metodi di indagine in
foro. Il metodo down hole, il pi utilizzato, prevede la sistemazione della sorgente
in superficie e la misura delle onde darrivo in foro. La sonda, contenente il
geofono a 3 componenti (una verticale e due orizzontali disposte ortogonalmente
tra di loro), si fissa pneumaticamente alle pareti del tubo in PVC allinterno del
foro di sondaggio. Con intervalli di 2m viene ricostruita la sismostratigrafia del
sottosuolo. La sorgente sismica costituta da una massa battente (maglio dal peso
di 6kg) in oscillazione libera ed urtante una piastra circolare in alluminio; come
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
162
trigger/starter stato utilizzato un geofono verticale Geospace a 14Hz, posto in
prossimit della sorgente energizzante
Il metodo down hole, schematizzato in Fig. 1, prevede la sorgente energetica in
superficie ed i sensori allinterno del perforo. Si adoperano geofoni
particolarmente assemblati per essere calati e fissati a profondit via via crescenti
(o decrescenti) contro la parete del perforo opportunamente condizionato.
Energizzando il terreno in superficie e misurando i tempi di arrivo delle onde P
ed S ai geofoni, si ha la possibilit di determinare la velocit dei litotipi riscontrati
nella perforazione ed i loro moduli elastici.

Fig. 3.50 Diagramma schematico della strumentazione completa richiesta per effettuare
una indagine down hole.

Lenergizzazione genera onde elastiche longitudinali (P) e trasversali (S) che si
propagano in tutte le direzioni; in particolare le onde longitudinali (Fig. 2) si
propagano mediante oscillazioni delle particelle che costituiscono il mezzo
attraversato nella stessa direzione della propagazione dellonda. Di conseguenza,
il mezzo sar soggetto principalmente a sforzi di compressione e dilatazione e la
velocit dellonda sar anche funzione del modulo di incompressibilit (bulk) (k),
che esprime la resistenza del mezzo a questo tipo di sforzo, oltre che del modulo
di rigidit () detto anche modulo di taglio (shear) (G) e della densit ():

3
4 +
=
k
V
p


Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
163




Direzione di propagazione


Fig. 3.51 - Rappresentazione grafica delle direzioni di oscillazione delle particelle che
costituiscono il mezzo nel caso della propagazione di onde longitudinali P (direzione di
oscillazione coincidente con quella di propagazione dellonda).

Le onde trasversali (Fig. 3) si propagano mediante oscillazioni delle
particelle del mezzo perpendicolarmente alla direzione di propagazione
dellonda. Di conseguenza, il mezzo sar soggetto a sforzi di taglio e la
velocit delle onde sar funzione della resistenza del mezzo a questo tipo di
sforzo, che espressa dal modulo di rigidit ():

=
s
V

Direzione di propagazione

Fig. 3.52 - Rappresentazione grafica delle direzioni di oscillazione delle particelle che
costituiscono il mezzo nel caso della propagazione di onde di taglio S (direzione di
oscillazione perpendicolare alla direzione di propagazione dellonda).

Le onde sismiche non sono caratterizzate da un trasporto di materia, ma da un
trasferimento di energia e sono definibili onde di compressione.
COMPRESSIONE DILATAZIONE
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
164
Le onde trasversali o onde di taglio sono generate da reazione elastica che si
oppone a variazioni di forma del corpo e di cui sono responsabili le
componenti tangenziali dello sforzo.
Attraverso lo studio dei tempi di percorso delle onde di compressione e di
taglio e quindi delle velocit, si pu risalire alla disposizione geometrica e alle
caratteristiche meccanico-elastiche dei litotipi presenti nellarea di indagine.
Le onde di volume P ed S, che attraversano un mezzo omogeneo e
isotropo (condizioni ideali) hanno ben definite equazioni di moto. Note le
velocit V
p
e V
s
che vengono ottenute tramite misure dirette, possono essere
ricavate alcune propriet meccaniche, quali il modulo di Young o modulo
elastico E, il modulo di taglio G o modulo di rigidit , il coefficiente di
Poisson , la densit e il modulo di incompressibilit o bulk k. Le relative
equazioni sono le seguenti:
( )
( )

)

(
(

=
2 2
2
1
2
1
s p
s
V V
V

poich nei fluidi V
s
=0, risulta uguale a 0.5. Nei solidi, il valore varia
generalmente da 0.15 a circa 0.35. Pertanto, valori pi elevati di possono
essere indicativi della presenza di frazioni di liquido nel mezzo attraversato.
( )( )

+
=
1
1 2 1
2
p
V
E
( ) +
=
1 2
E
G
2
s
V
G
=
) 2 1 ( 3
=
E
k
3.3.5 Indagini geognostiche eseguite
Le indagini eseguite sono state condotte sulla base di n.2 prospezioni sismiche in
fori di sondaggio ubicati in posizioni particolarmente significative al fine di una
completa individuazione delle caratteristiche sismostratigrafiche del sottosuolo .
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
165
Le indagini sono state effettuate mediante lutilizzo di sismografo M.A.E. A6000-
S 24 bit (Fig.3.53).


Fig. 3.53 Sismografo M.A.E. A6000-S 24 bit 24 canali.

La sorgente sismica costituta da una massa battente (maglio dal peso di 6kg) in
oscillazione libera ed urtante una piastra circolare in alluminio; come
trigger/starter stato utilizzato un geofono verticale Geospace a 14Hz, posto in
prossimit della sorgente energizzante posizionata alla distanza di 1.50m dal
boccaforo .
Le oscillazioni del terreno sono state rilevate da una sonda geofonica
tridimensionale (3 geofoni Geospace a 4.5Hz calata nel perforo a profondit
decrescenti (da quota fondo foro a quota bocca foro) con intervalli di 2m.
I segnali sismici acquisiti sono stati successivamente elaborati con appositi
programmi per la determinazione della sismostratigrafia del sottosuolo. Nel caso
specifico sono state eseguite n.2 prospezioni sismiche in foro down hole fino alla
profondit di 30m.
Quando la battuta non risultava netta, o comunque il segnale non era significativo
per la notevole presenza di noise ambientale, la prova veniva ripetuta.
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
166
3.3.6 Acquisizione ed elaborazione dati

Le acquisizioni dei segnali, di lunghezza temporale T=0.546s, sono state
effettuate con passo di campionamento dt=0.266ms. La frequenza di
campionamento data da: f
campionamento
=1/dt=3750Hz. La frequenza massima dei
segnali, ovvero la frequenza di Nyquist, data da: f
Nyquist
=1/2dt=1875Hz. La
frequenza minima dei segnali data da: f
min
=1/T=1.831Hz.
Lelaborazione dei dati stata effettuata con il programma Intersism 2.1 della
Geo&soft International che permette di eseguire lintero processo di elaborazione
di una colonna sismostratigrafica.
Gli elaborati relativi alle indagini sismiche effettuate sono di seguito riportati in
forma grafica e numerica.






Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
167
VALUTAZIONE DELLA VULNERABILITA SISMICA EDIFICIO VILLA
REGINA BOSCOREALE
Prospezione sismica in foro DOWN HOLE S1
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
168
VALUTAZIONE DELLA VULNERABILITA SISMICA EDIFICIO VILLA REGINA BOSCOREALE
Prospezione sismica in foro DOWN HOLE S2

Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
169

3.3.7 Classificazione dei terreni

Dallinsieme delle risultanze delle prospezioni sismiche down hole effettuate si
evidenzia che:
Il profilo verticale sismostratigrafico ottenuto dallindagine sismica S1
evidenzia la presenza di una successione di litotipi caratterizzata da velocit
sismiche crescenti con la profondit. In particolare si evidenzia la presenza
di una copertura di terreni sciolti di spessore pari a circa 4 metri, con valori
di Vs bassi, pari a 245m/s e valori di V
P
pari a 478m/s. Al letto di tale
compagine si individua un secondo sismostrato avente velocit delle onde di
taglio (Vs) pari a 594m/s. Tale sismostrato si rileva fino alla profondit di
10m dal p.c.. A partire da 10m e fino alla profondit di 22m si individua un
terzo sismostrato con valori di Vs pari a 782m/s e valori di V
P
pari a
2148m/s. La successione si chiude con un quarto sismostrato, rilevato fino
alla profondit investigata (30m dal p.c.) con velocit sismiche
sensibilmente elevate (Vs pari a 1118m/s e V
P
pari a 2732m/s).
Il profilo verticale sismostratigrafico ottenuto dallindagine sismica S2
permette di definire, anche in questo caso, una successione di 4 sismostrati
caratterizzata da velocit sismiche crescenti con la profondit. Si evidenzia
la presenza di una copertura di terreni sciolti di spessore pari a circa 4 metri,
con valori di Vs bassi, pari a 231m/s e valori di V
P
pari a 403m/s. Al letto di
tale compagine si individua un secondo sismostrato avente velocit delle
onde di taglio (Vs) pari a 552m/s. Tale sismostrato si rileva fino alla
profondit di 12m dal p.c.. A partire da tale profondit e fino a 16m dal p.c.
si individua un terzo sismostrato con valori di Vs pari a 843m/s e valori di
V
P
pari a 1799m/s. La successione si chiude con un quarto sismostrato,
rilevato fino alla profondit investigata (30m dal p.c.) con velocit sismiche
sensibilmente elevate (Vs pari a 1240m/s e V
P
pari a 2156m/s).
Le indagini hanno fornito risultati concordanti che collocano i terreni
oggetto di indagine in categoria B del D.M. 14 gennaio 2008 (Tab. 3.9-3.10
). Questa categoria stata ricavata, come da normativa, dalla relazione:
Capitolo 3: Edificio di studio - La fase di conoscenza


__________________________________________________________________
170

=
=
N i i
i
S
V
h
m
V
, 1
30
30

dove
i
h e
i
V indicano lo spessore in metri e la velocit delle onde di
taglio (per deformazioni di taglio
6
10

< ) dello strato i-esimo per un totale


di N strati presenti nei 30 metri superiori.
Categorie Suoli di
fondazione Classificazione
A V
S30
>800m/s
B 360m/s<V
S30
<800m/s
C 180m/s<V
S30
<360m/s
D V
S30
<180m/s
E
Alluvioni di spessore tra 5 e 20 m con V
S30
simili a C
e D su substrato rigido con Vs>800m/s
S1 V
S30
<100m/s
S2
Depositi di terreni soggetti a liquefazione non
classificabili nei tipi precedenti
Tab. 3.9 Categorie Suoli di fondazione (D.M. 14 gennaio 2008)

Prospezione
sismica
down hole
V
S30

(m/s)
Categoria Suoli di
Fondazione
( D.M. 14 gennaio
2008))
S1 613 B
S2 627 B
Tab. 3.10 Categorie Suoli di fondazione ottenute dalle prospezioni sismiche effettuate.

Categoria di suolo di fondazione B = Rocce tenere e depositi di terreni a
grana grossa molto addensati o terreni a grana fina molto consistenti con
spessori superiori a 30m, caratterizzati da un graduale miglioramento delle
propriet meccaniche con la profondit e da valori di V
S30
compresi tra
360m/s e 800m/s (ovvero N
SPT,30
> 50 nei terreni a grana grossa e cu
30
>
250kPa nei terreni a grana fina).

Categoria topografica T1 = Superficie pianeggiante, pendii e rilievi isolati con
inclinazione media i 15




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


171
Capitolo 4. Edificio scolastico a Boscoreale (NA):
La fase di valutazione.
4.1 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA
Il corpo di fabbrica oggetto di studio, denominato Corpo C facente parte
delledificio scolastico viene sottoposto a valutazione di vulnerabilit sismica nei
confronti dello Stato Limite di Salvaguardia della Vita (SLV), come previsto
dalle NTC08 e relativa circ. 617/09
4.2 VITA NOMINALE, CLASSE DUSO E PERIODO DI RIFERIMENTO.
La Vita Nominale (V
N
) delledificio scolastico viene assunta pari a 100 anni. La
Classe dUso la III per cui il relativo Periodo di riferimento per lazione
sismica pari a 150 anni.
4.3 CATEGORIA DI SUOLO E COEFFICIENTE TOPOGRAFICO
Come gi descritto nel Cap. 3 per il suolo in esame si assume una categoria di
riferimento B con coefficiente topografico unitario
4.4 MODELLO DI CALCOLO
Si sono utilizzati come modelli di calcolo quelli esplicitamente richiamati nel
D.M. 14.01.2008 ed in particolare:
- analisi elastica lineare per il calcolo delle sollecitazioni derivanti da carichi
statici
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


172
- analisi dinamica modale con spettro elastico per il calcolo delle forme
modali;
- analisi statica non lineare (push Over) per il calcolo delle sollecitazioni di
progetto dovute allazione sismica per la valutazione della capacit
delledificio;
- verifiche sezionali agli s.l.u. per le sezioni in c.a. utilizzando il legame
parabola rettangolo per il calcestruzzo ed il legame elastico perfettamente
plastico a duttilita limitata per lacciaio;
4.5 AZIONI SULLA COSTRUZIONE
Le azioni che vengono considerate ai fini della valutazione della vulnerabilit
sismica del plesso scolastico sono le seguenti:
- Pesi propri dei materiali strutturali;
- Carichi permanenti dei materiali non strutturali;
- Incidenza dei divisori interni;
- Carichi Variabili per ambienti suscettibili di affollamento di cui alla cat.
C1 distribuiti sugli impalcati intermedi;
- Carichi Variabili per ambienti suscettibili di affollamento di cui alla cat.
C2 agenti sul ballatoio del secondo impalcato;
- Carichi Variabili per coperture e sottotetti di cui alla cat. H1;
4.5.1 Combinazione delle azioni
Le combinazioni di carico sismiche che sono utilizzate ai fini della valutazione
della vulnerabilit sono quelle afferenti i due profili di forzanti laterali
proporzionali alle masse di piano ed alla deformata modale fondamentale. Per
quello che riguarda le azioni gravitazionali si fa riferimento esclusivamente alla
combinazione di carico sismica in cui i pesi propri strutturali e non strutturali sono
presi con il loro valore nominale, mentre i carichi variabili sono considerati affetti
dai coefficienti di combinazione sismica. Attraverso questa procedura si riesce a
controllare che gli elementi strutturali abbiano le risorse di resistenza minime
previste per sopportare laliquota di carico statico che secondo normativa
presente in fase sismica.
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


173
4.5.2 Analisi dei carichi

Peso Perman. Variabile Destinaz.
Car. Strut NONstru d'Uso DESCRIZIONE SINTETICA
DEL TIPO DI CARICO
N.ro N/mq N/mq N/mq

1

3960

2180

3000

Categ. C

impalcati intermedi

2

3960

2180

4000

Categ. C

Ballatoio

3

3960

2020

500

Categ. H

impalcato copertura

4

5000

Tompagno piano interrato

5

3200

Tompagno piani fuori terra

I muri perimetrali di tompagno ai piani fuori terra si sviluppano per un altezza di
circa 1,10-1,30. La soluzione architettonica infatti prevede finestre a nastro
lungo tutti i fronti perimetrali di affaccio esterno. Per tal motivo nella
modellazione strutturale non sono stati implementati i modelli rappresentativi del
comportamento delle tompagnature sotto lazione sismica.
4.6 DETERMINAZIONE DELLAZIONE SISMICA
Gli spettri di progetto relativi ai calcoli sismici ed i relativi parametri di
pericolosit sismica per la zona in esame sono stati gi definiti nel cap 2. Nella
fig. 4.1 si riepilogano i parametri che definiscono i vari spettri di progetto.

Figura 4.1 Spettri elastici di progetto e parametri di pericolosit per il sito in esame
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


174
4.7 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE DELLA
VULNERABILIT PER AZIONI SISMICHE
4.7.1 Analisi di regolarit
Si verifica di seguito la regolarit strutturale del corpo di fabbrica di studio,
secondo le indicazioni fornite al 7.2.2 delle NTC08.
Regolarit in pianta
Punto a) Configurazione in pianta compatta ed approssimativamente
simmetrica rispetto a due direzioni ortogonali, in relazione alla distribuzione di
masse e rigidezze.
I dati relativi alla distribuzione di masse e rigidezze cos come estrapolabili dalle
seguenti figure 4.2-4.3-4.4, sottolineano la regolarit strutturale in pianta di tutti i
piani del fabbricato.

Figura 4.2 - Primo impalcato a quota +3,20 m


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


175

Figura 4.3 - Secondo impalcato a quota +6,80 m




Figura 4.4 - Terzo impalcato (copertura) a quota +10,40 m


L
I
V
.

Lx
(MAX)

Ly
(MAX)
COORDINATE
BARICENTRO
MASSE
COORD.
BARICEN.RIGID.
ECCENTRICITA
RIGIDEZZA

E
Rx
/Lx

E
Ry
/Ly
[m] [m] X
M
[m] Y
M
[m] X
R
[m] Y
R
[m] E
Rx
[m] E
Ry

[m]
% %
1 25,10 41,70 -20,92 48,94 -20,68 50,94 0,24 2,00 0,96 4,79
2 25,10 41,70 -22,96 49,00 -20,66 51,84 2,30 2,84 9,16 6,81
3 15,40 41,70 -26,07 49,53 -22,25 51,69 3,82 2,16 24,81 5,17
Tabella 4.1 Riepilogo centri di massa e rigidezze
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


176

Come risulta dalla tabella 4.1 il corpo di fabbrica in esame mostra una sufficiente
regolarit in pianta per i primi due livelli mentre il terzo livello presenta
eccentricit significativa lungo il lato corto.
Punto b) Rapporto tra i lati di un rettangolo in cui la costruzione risulta
inscritta inferiore a 4.
Tale requisito soddisfatto; infatti le dimensioni in questione sono m 25,10 lungo
X e m 41,70 lungo Y, con un rapporto pari a 1,66.
Punto c) Rientri e sporgenze inferiori al 25%.
Si verifica tale condizione solo al primo livello, maggiormente interessato da tale
requisito.
Il rientro lungo la direzione x di 4,85 pertanto pari al 19% di Lx(MAX), mentre
il rientro lungo la direzione y pari a 9,50 e quindi pari al 23% di Ly (MAX).
Tale requisito risulta quindi soddisfatto.
Punto d) Solai infinitamente rigidi nel piano
Tale requisito si pu ritenere soddisfatto, anche in virt di quanto previsto al
7.2.6 delle NTC08, essendo i solai di tipo laterocementizio con soletta in c.a.
armato di spessore 40 mm e privi di aperture.
Regolarit in altezza
Risulta evidente che larretramento del piano copertura rende irregolare in altezza
la struttura in esame. Ci si desume anche confrontando i valori delle coordinate
del baricentro delle masse ai vari livelli desumibili dalla Tab.1 e dalla variazione
di massa superiore al 25% del livello copertura rispetto al secondo livello.
4.8 MODELLAZIONE DELLA STRUTTURA
Lanalisi delledificio stata effettuata con il codice di calcolo CDS WIN
versione 2010, della S.T.S. srl. Il package di calcolo CDS WIN permette di
effettuare, con schematizzazione totalmente tridimensionale, l'analisi della
struttura con tecniche F.E.M. (Finite Element Method) mediante modellazione
con elementi monodimensionali e bidimensionali.
In particolare le travi ed i pilastri sono schematizzati con elementi beam a due
nodi deformabili assialmente, a flessione e taglio utilizzando funzioni di forma
cubiche di Hermite. Tale modello finito ha la caratteristica di fornire la soluzione
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


177
esatta in campo elastico lineare per cui non necessita di ulteriore suddivisioni
interne.
Il modello geometrico e meccanico delledificio di studio stato definito nel
programma sulla base dei dati ottenuti durante le indagini effettuate. I solai sono
considerati infinitamente rigidi nel proprio piano mentre gli elementi in c.a. sono
stati armati con un quantitativo di barre longitudinali e trasversali cos come
stato desunto dai dati ricavati dalle indagini in situ.
Le caratteristiche dei materiali implementate nel modello di calcolo sono riportati
in tab. 4.2. Esse derivano direttamente dalle elaborazioni eseguite nel cap.3
relativo alle indagini effettuate sui materiali. E stato utilizzato lo stesso materiale
sia per i pilastri che per le travi, viste le stesse risultanze ottenute dalle indagini.


Tabella 4.2 Parametri medi dei materiali utilizzati


I valori di calcolo sono ottenuti a partire da quelli medi rilevati dalle prove in situ
applicando il fattore di confidenza FC = 1,2 ; nel programma di calcolo questa
procedura genera il valore di f
ck
riportato in tab. 4.3 che di fatto diviene il valore
di resistenza del cemento armato usato per la modellazione delle capacit
rotazionali degli elementi.
Per le capacit di resistenza ai meccanismi fragili i valori di resistenza derivano da
fck diviso c = 1,5 (per il c.a.) o s = 1,15 (per lacciaio). Il valore finale di
resistenza ai meccanismi fragili per il calcestruzzo si ottiene moltiplicando
ulteriormente per il coefficiente
cc
= 0,85; a tal proposito occorre sottolineare che
luso di tale coefficiente, che tiene conto delleffetto della diminuzione della
resistenza del calcestruzzo quando sottoposto a carichi di lunga durata, previsto
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


178
dalla normativa ma non trova una logica applicabilit a calcestruzzi esistenti dove
leffetto di lunga durata si gi esplicato ed probabilmente gi ricompreso nei
valori di resistenza determinati con le prove sui materiali.

Tabella 4.3 parametri di calcolo dei materiali utilizzati

I legami costitutivi utilizzati sono quelli classici di seguito riportati in fig. 4.6 per
il calcestruzzo e in fig. 4.7 per lacciaio. :

Figura 4.5 Legame costitutivo di progetto del calcestruzzo



Legame costitutivo di progetto acciaio per c.a.

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


179
Nel modello di calcolo si tenuto conto dellinterazione suolo-struttura
schematizzando le fondazione superficiali con travi rovesce su suolo elastico alla
Winkler.

Figura 4.6 Modello geometrico dell'intero plesso scolastico




Figura 4.7 Modello geometrico del corpo di fabbrica di studio

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


180
4.9 METODI DI ANALISI
Il metodo utilizzato per lanalisi sismica della struttura lanalisi statica non
lineare (pushover). Per tale tipo di analisi il CDS WIN utilizza un solutore le cui
principali caratteristiche sono:
- Analisi incrementale di tipo event by event che tiene conto del collasso dei
vari elementi strutturali, man mano che questi si verificano, valutando anche
la necessaria ridistribuzione delle azioni attraverso la tecnica dello scarico
generale. Sono tenuti in conto gli effetti P-Delta con l'eventuale softening
della risposta strutturale
- Modellazione degli elementi beam di tipo elastoplastico a plasticit
concentrata e duttilit limitata. Le cerniere plastiche sono localizzate nelle
sezioni critiche e vengono caratterizzate in funzione del tipo di materiale, della
geometria e, per le aste in c.a., in base anche alle armature presenti. Sia i
valori resistenti ultimi, per i vari tipi di sollecitazione, che le capacit
rotazionali delle cerniere vengono calcolate in base alle indicazioni delle
NTC08 ed agli Eurocodici.
- Per le sezioni in c.a. possibile tenere in conto del confinamento delle staffe
ai fini della valutazione della resistenza e deformazione ultima del
calcestruzzo conformemente alle pi recenti teorie riportate nelle nuove
versioni degli eurocodici EC8. Oltre ai meccanismi duttili sono tenuti in conto
anche i meccanismi fragili quali ad esempio il meccansimo di collasso a taglio
per gli elementi in c.a. ed il collasso dei nodi non confinati delle strutture in
c.a.
Lanalisi Push-Over fornisce il meccanismo di collasso con la progressione della
formazione delle cerniere plastiche ed il loro impegno in termini di deformazioni
anelastiche.
Le verifiche di sicurezza in questo tipo di analisi si ottengono confrontando la
Curva di Capacit, che descrive come varia il taglio resistente totale alla base in
funzione dello spostamento del baricentro dell'ultimo piano (performance point),
con la domanda del sisma espressa in termini di spostamento.
Le verifiche sono effettuate, definendo sulla curva i vari livelli di prestazioni in
termini di capacit di spostamento dell'edificio, valutate conformemente alle
disposizioni delle NTC08 e della relativa circolare applicativa n617 del
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


181
02/02/2009 e verificando che la domanda di spostamento dovuto al sisma atteso
nel sito per quel livello di prestazione sia inferiore.
CDS WIN riporta inoltre i valori limite di PGA per i vari livelli di prestazione
richiesti dalla normativa.
Relativamente al modello strutturale, Gli elementi finiti monodimensionali a due
nodi vengono usati dal CDS WIN in analisi di tipo non lineare potendo modellare
non linearit sia di tipo geometrico che meccanico con i seguenti modelli :
Matrice geometrica per gli effetti del II ordine
Non linearit meccanica per comportamento assiale solo resistente a
trazione o compressione
Non linearit meccanica di tipo elasto-plastica con modellazione a
plasticit concentrata e duttilit limitata con controllo della capacit
rotazionale ultima delle cerniere plastiche.
4.9.1 Caratterizzazione modale della struttura
Nella tabella seguente si riportano le caratteristiche modali della struttura, in
funzione dei parametri sismici di riferimento.

PULSAZIONI E MODI DI VIBRAZIONE
Modo Pulsazione Periodo Smorz Sd/g Sd/g Sd/g Sd/g Sd/g Sd/g Piano X Y Rot
N.ro (rad/sec) (sec) Mod(%) SLO SLD SLV X SLV Y SLC X SLC Y N.ro (m) (m) (rad)
1 12,893 0,48732 5,0 0,128 0,176 0,175 0,175 0,616 0,616 1 0,011014 0,001679 0,000120
2 0,036266 0,005673 0,000384
3 0,059564 0,009368 0,000603
2 14,582 0,43090 5,0 0,144 0,188 0,175 0,175 0,616 0,616 1 0,007244 -,002026 0,000179
2 0,021544 -,003814 0,000544
3 0,033067 -,004305 0,000862
3 18,584 0,33810 5,0 0,144 0,188 0,175 0,175 0,616 0,616 1 0,018057 0,013319 0,000383
2 0,053072 0,036807 0,001133
3 0,087421 0,060435 0,001888
4 40,219 0,15622 5,0 0,144 0,188 0,176 0,176 0,597 0,597 1 -,027699 0,002131 -,000318
2 -,032981 0,002474 -,000363
3 0,035842 -,005738 0,000370
5 40,629 0,15465 5,0 0,144 0,188 0,176 0,176 0,594 0,594 1 0,010278 0,012683 0,000018
2 0,009454 0,013020 -,000050
3 -,032231 -,030294 -,000374
6 47,117 0,13335 5,0 0,137 0,175 0,179 0,179 0,545 0,545 1 0,045326 0,024048 0,000996
2 0,052632 0,028049 0,001184
3 -,082308 -,048249 -,001779
7 65,402 0,09607 5,0 0,116 0,148 0,184 0,184 0,461 0,461 1 -,009177 0,021188 -,000179
2 -,000948 -,017663 -,000028
3 0,002800 0,008606 0,000062
8 78,658 0,07988 5,0 0,107 0,137 0,186 0,186 0,425 0,425 1 0,060447 0,017431 0,000775
2 -,040067 -,012700 -,000523
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


182
PULSAZIONI E MODI DI VIBRAZIONE
Modo Pulsazione Periodo Smorz Sd/g Sd/g Sd/g Sd/g Sd/g Sd/g Piano X Y Rot
N.ro (rad/sec) (sec) Mod(%) SLO SLD SLV X SLV Y SLC X SLC Y N.ro (m) (m) (rad)
3 0,022258 0,008180 0,000313
9 88,876 0,07070 5,0 0,102 0,130 0,187 0,187 0,404 0,404 1 0,062775 0,033212 0,001526
2 -,039775 -,022788 -,000964
3 0,020085 0,012117 0,000469

Lanalisi modale mostra che la maggior parte della massa partecipante, oltre il
75%, viene eccitata nei primi due modi principali



FATTORI E FORZE DI PIANO MODALI S.L.V.
S I S M A D I R E Z I O N E : 0
Massa eccitata (kN) :27064.9 Massa totale(t):27064.9 Rapporto:.1
Modo Fattore Fmod/Fmax Massa Mod Piano FX FY Mt Mom.E
cc. 5%
N.ro Modale (%) Eff.(kN) N.ro (kN) (kN) (kN*m) (kN*m)
1 41,571 100,00 21388,4 1
404,1
-65,5 2883,7
1732,5
2
1267,6
-229,0 10393,1
3401,6
3
1355,7
-290,6 9249,3
3268,7
2 11,32 27,23 1100,402 1
37,1
140,1 -904,8
2
115,1
365,6 -3246,8
3
135,4
376,9 -3442,0
3 4,920 11,84 490,6 1
9,0
-70,5 -1070,8
2
30,1
-132,2 -2722,5
3
46,8
-86,4 -2314,4
4 17,305 41,63 1641,355 1
400,0
-288,9 3146,7
2
462,0
-328,9 4544,4
3 -334,7 294,1 -3184,2
5 10,434 25,09 992,853 1
240,4
314,9 509,7
2
281,2
334,9 -232,8
3 -203,5 -305,1 -323,1
6 5,444 13,10 296,4 1 -33,9 -2205,1
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


183
FATTORI E FORZE DI PIANO MODALI S.L.V.
S I S M A D I R E Z I O N E : 0
Massa eccitata (kN) :27064.9 Massa totale(t):27064.9 Rapporto:.1
Modo Fattore Fmod/Fmax Massa Mod Piano FX FY Mt Mom.E
cc. 5%
N.ro Modale (%) Eff.(kN) N.ro (kN) (kN) (kN*m) (kN*m)
36,1
2
52,6
-8,4 -2415,3
3 -35,6 11,4 1936,2
7 0,229 0,55 0,5 1 0,2 -11,3 20,7
2 -0,2 7,2 -14,3
3
0,1
-1,8 4,1
8 14,150 34,04 1163,1881 1
640,5
34,6 6083,1
2 -379,7 -18,2 -4121,9
3
112,0
0,5 1216,2
9 7,433 17,88 11,302 1
179,7
-19,4 -4638,8
2 -103,6 9,2 2688,7
3
27,5
1,0 -719,0



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


184



Con

Massa eccitata : Sommatoria delle masse efficaci, estesa a tutti i modi
considerati ed espressa come forza peso
Massa totale : Massa sismica di tutti i piani espressa come forza peso
Rapporto : Rapporto tra Massa eccitata e Massa totale. Deve essere
secondo la norma non inferiore a 0,85
Modo : Numero del modo di vibrazione
Fattore Modale : Coefficiente di partecipazione modale
Fmod/Fmax : Influenza percentuale del modo attuale rispetto a quello
di massimo effetto
Massa Mod. : Massa modale efficace
FATTORI E FORZE DI PIANO MODALI S.L.V.
S I S M A D I R E Z I O N E : 90
Massa eccitata (kN) :27064.9 Massatotale(t):27064.9 Rapporto 1
Modo Fattore Fmod/Fmax Massa Mod Piano FX FY Mt Mom.Ecc.
5%
N.ro Modale (%) Eff.(kN) N.ro (kN) (kN) (kN*m) (kN*m)
1 8,036 20,44 375,151 1 -78,1 12,7 -557,4 1121,8


2 -245,0 44,3 -2009,1 2202,4


3 -262,1 56,2 -1788,0 2116,4
2 39,321 100,00 20873,967 1 113,8 429,9 -2776,7


2 353,3 1122,0 -9963,9


3 415,5 1156,7 -10563,1
3 23,563 59,93 3387,008 1 -30,2 237,1 3602,2


2 -101,4 444,8 9158,8


3 -157,5 290,8 7785,9
4 10,625 27,02 317,053 1 -245,6 177,4 -1932,1


2 -283,7 201,9 -2790,2


3 205,5 -180,6 1955,1
5 14,553 37,01 1035,304 1 260,4 341,1 552,1


2 304,6 362,7 -252,2


3 -220,4 -330,6 -350,0
6 3,165 8,05 100,2 1 -21,0 19,7 1282,2


2 -30,6 4,9 1404,4


3 20,7 -6,6 -1125,8
7 14,319 36,42 967,704 1 -12,4 709,8 -1296,7


2 10,7 -448,1 895,9


3 -4,3 115,6 -258,4
8 0,643 1,64 4,1 1 29,1 1,6 276,6


2 -17,3 -0,8 -187,4


3 5,1 0,0 55,3
9 0,664 1,69 4,4 1 -16,0 1,7 414,1
2 9,3 -0,8 -240,0


3 -2,5 -0,1 64,2
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


185
Eff.
Piano : Numero del piano sismico
FX : Forza di piano agente con direzione parallela alla
direzione X del sistema di riferimento globale e
applicata nell'origine delle coordinate
FY : Forza di piano agente con direzione parallela alla
direzione Y del sistema di riferimento globale e
applicata nell'origine delle coordinate
Mt : Momento torcente di piano rispetto all'asse Z del
sistema di riferimento globale
Mom.Ecc. 5% : Momento torcente di piano rispetto all'asse Z del
sistema di riferimento globale relativo ad una
eccentricit accidentale pari al 5% della dimensione
massima del piano in direzione ortogonale alla direzione
del sisma. Se in questa colonna non stampato nulla
l'effetto torsionale accidentale tenuto in conto
incrementando le sollecitazioni di verifica con il fattore
delta


Modo Periodo
(sec)
% Massa
eccitata X
Progr.
%Massa
eccitata X
% Massa
eccitata Y
Progr. %Massa
eccitata Y
1 0,49 78,95 78,95 1,39 1,39
2 0,43 4,07 83,02 77,13 78,51
3 0,34 1,81 84,84 12,51 91,02
4 0,16 6,06 90,90 1,17 92,19
5 0,15 3,67 94,56 3,83 96,02
6 0,13 1,10 95,66 0,37 96,39
7 0,10 0,00 95,66 3,58 99,97
8 0,08 4,30 99,96 0,02 99,99
9 0,07 0,04 100,00 0,01 100,00
Tabella 4.4 Riepilogo parametri analisi modale
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


186

Figura 4.8 Modo n 1 traslazionale lungo x


Figura 4.10 Modo n 2 traslazionale lungo y

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


187

Figura 4.11 Modo n 3 rotazionale

4.9.2 Analisi statica non lineare
Volendo ottenere una previsione accurata e realistica della risposta sismica
delledificio in esame necessario valutare il suo comportamento non lineare e la
sua evoluzione nel tempo sotto linput sismico. La capacit di resistere allazione
sismica di progetto, dipende dalla sua capacit deformativa in regime anelastico e,
quindi, della sua duttilit. Allo scopo stata eseguita unanalisi statica non
lineare finalizzata sia alla valutazione delle risorse duttili della struttura e sia alla
individuazione degli elementi che raggiungono la rottura mediante meccanismi di
tipo fragile.
Al modello della struttura, soggetto alla distribuzione di carico gravitazionale da
combinazione sismica, sono state applicate due distribuzioni di forze orizzontali
definite come:
- distribuzione delle forze di piano proporzionale al prodotto delle masse
di piano per lo spostamento di piano relativo al primo modo di vibrare:
questa distribuzione di forze rappresentativa della risposta dinamica
della struttura in campo elastico;
- distribuzione delle forze proporzionale alla sola massa di ciascun piano:
tale distribuzione rappresentativa del comportamento dinamico della
struttura in campo plastico;
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


188
applicate nel baricentro delle masse di ogni impalcato, che aumentando in maniera
incrementale fanno crescere in maniera monotona lo spostamento orizzontale del
punto di controllo della struttura (performance point) scelto come il baricentro
delle masse dellultimo impalcato. Lanalisi volge al suo termine quando si
registra una crisi locale o globale della struttura indicando con questultima il
raggiungimento del massimo picco di resistenza o la formazione di un
meccanismo di collasso.
Le analisi pushover sono state condotte indipendentemente, secondo le due
direzioni principali X e Y delledificio. In ciascuna direzione sono state
considerate separatamente i due profili di forze orizzontali suddetti, agenti sia nel
verso positivo che negativo per ogni direzione considerata. Inoltre, come previsto
dalle NTC08, si tenuto conto per ogni direzione e verso di ingresso del sisma
delle eccentricit aggiuntive, pari a +/-5% della dimensione strutturale in
direzione trasversale al sisma, per cui in definitiva sono state eseguite
complessivamente16 analisi, otto per ciascuna direzione delledificio.
Il risultato di ogni analisi rappresentabile tramite una curva che descrive il
valore dello spostamento del punto di controllo della struttura al crescere
dellazione tagliante alla base V
b
(Curva di Capacit), oppure della corrispondente
accelerazione alla base (spettro ADSR, acronimo di AccelerationDisplacement
Spectral Response).
Per ciascuna analisi, con riferimento agli stati limite considerati, stata valutata la
domanda di spostamento a valle della procedura descritta nel cap.2 che ha
previsto:
- la determinazione della risposta di un sistema SDOF bilineare
equivalente;
- la determinazione della risposta massima in spostamento del sistema
bilineare equivalente;
- la conversione del valore di spostamento relativo al sistema SDOF
quivalente, nello spostamento del sistema MDOF, che rappresenta lo
spostamento massimo effettivo della struttura.
Il codice di calcolo CDSWIN fornisce per ogni SL la richiesta di spostamento e la
capacit di spostamento della struttura riportando quindi se la verifica
soddisfatta o meno.
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


189
La capacit massima di spostamento delledificio viene assunta in corrispondenza
del raggiungimento della crisi del primo elemento.
Come previsto dalleNTC08 e CIRC09, per le costruzioni esistenti pu essere
presa in considerazione solo la verifica allo SLV, e nel seguito a questa ci
riferiremo.
4.9.2.1 Risultati analisi statica non lineare con verifica dei meccanismi fragili
Di seguito si riportano le curve di capacit e le curve ADSR relative a tute le 16
analisi statiche non lineare eseguite. Come si pu rilevare dalle curve, lo SLV non
risulta mai verificato e ledificio collassa sempre per la formazione di meccanismi
fragili nei pilastri, che raggiungono la resistenza ultima a taglio gi per
spostamenti di pochi centimetri.

Pushover n 1 Profilo di carico agente in dir. X+ e proporzionale al primo modo con
ecc +5%
PUSHOVER N.ro 1 - Fx(+) Modo +Ecc 5%:
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
4500
5000
0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 1 - Fx(+) Modo +Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0 20 40 60 80 100 120 140
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


190
mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 7,82 0,1316
SLO
capacit di spostamento 8,09 0,1352
SI
domanda di spostamento 10,73 0,1591
SLD
capacit di spostamento 13,78 0,189
SI
domanda di spostamento 29,63 0
SLV
capacit di spostamento 14,07 0,1894
NO
domanda di spostamento 38,14 0
SLC
capacit di spostamento 14,07 0,19
NO

Come mostra la fig. 4.10 il raggiungimento della crisi per formazione di
meccanismi fragili nei pilastri, si evince anche dalla diffusione dei colori delle
varie cerniere plastiche coincidenti con il sopraggiungere di un determinato stato
limite. Lo SLC (cerniere blu) si sviluppa solo nei pilastri e lanalisi procede fino a
quando si ha convergenza dellequazione matriciale del modello FEM :
{ } { } d K F ] [ = (4.1)
dove:
{F} il vettore noto dei carichi nodali;
[K] la matrice di rigidezza nota
{d} il vettore sconosciuto degli spostamenti nodali

Con la matrice di rigidezza [K] che deve essere aggiornata man mano che il
solutore non lineare converge verso una soluzione iterativa.
Anche per le altre analisi pushover eseguite, risultato che la crisi delledificio si
manifestata sempre per formazione di meccanismi fragili nei pilastri.
Addirittura per le analisi pushover condotte secondo lasse Y (asse lungo
delledificio) emersa una capacit deformativa delledificio ancora minore
rispetto a quella lungo lasse X con scarsissime capacit dissipative delledificio.
La minor resistenza lungo lasse Y dovuta principalmente al fatto che i pilastri, a
parit di armatura trasversale, essendo tutti orientati con lasse maggiore in
direzione X, offrono una resistenza alle sollecitazioni taglianti minore in direzione
Y.




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


191



Figura 4.12



















Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


192
Pushover n 2 Profilo di carico agente in dir. X- e proporzionale al primo modo con
ecc +5%
PUSHOVER N.ro 2 - Fx(-) Modo +Ecc 5%:
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
-70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 2 - Fx(-) Modo +Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
-45 -40 -35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -7,78 0,1329
SLO
capacit di spostamento -11,84 0,1841
SI
domanda di spostamento -10,26 0,17
SLD
capacit di spostamento -11,84 0,185
SI
domanda di spostamento -28,18 0
SLV
capacit di spostamento -11,84 0,185
NO
domanda di spostamento -36,18 0
SLC
capacit di spostamento -11,84 0,1867
NO



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


193
Pushover n 3 Profilo di carico agente in dir. Y+ e proporzionale al primo modo con
ecc +5%
PUSHOVER N.ro 3 - Fy (+) Modo +Ecc 5%:
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
0 2 4 6 8 10 12 14
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 3 - Fy (+) Modo +Ecc 5%:
0,000
0,020
0,040
0,060
0,080
0,100
0,120
0,140
0,160
0,180
0,200
0 5 10 15 20 25 30 35
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 5,9 0,141
SLO
capacit di spostamento 7,31 0,1775
SI
domanda di spostamento 7,76 0
SLD
capacit di spostamento 7,31 0,1781
NO
domanda di spostamento 22,35 0
SLV
capacit di spostamento 7,31 0,1784
NO
domanda di spostamento 29,1 0
SLC
capacit di spostamento 7,43 0,179
NO



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


194
Pushover n 4 Profilo di carico agente in dir. Y- e proporzionale al primo modo con
ecc +5%
PUSHOVER N.ro 4 - Fy(-) Modo +Ecc 5%:
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
-35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 4 - Fy(-) Modo +Ecc 5%:
0,000
0,020
0,040
0,060
0,080
0,100
0,120
0,140
0,160
0,180
0,200
-35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap

mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -6,17 0,1419
SLO
capacit di spostamento -5,77 0,1317
NO
domanda di spostamento -8,14 0,0003
SLD
capacit di spostamento -5,77 0,1356
NO
domanda di spostamento -23,07 0
SLV
capacit di spostamento -5,77 0,1344
NO
domanda di spostamento -29,99 0
SLC
capacit di spostamento -7,7 0,1784
NO



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


195
Pushover n 5 Profilo di carico agente in dir. X+ e proporzionale alla massa con ecc
+5%
PUSHOVER N.ro 5 - Fx(+) Massa +Ecc 5%:
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
0 5 10 15 20 25 30 35 40 45
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 5 - Fx(+) Massa +Ecc 5%:
0,000
0,020
0,040
0,060
0,080
0,100
0,120
0,140
0,160
0,180
0,200
0 5 10 15 20 25 30 35 40 45
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 8,77 0,1075
SLO
capacit di spostamento 11,67 0,138
SI
domanda di spostamento 12,03 0,141
SLD
capacit di spostamento 14,65 0,1614
SI
domanda di spostamento 33,22 0
SLV
capacit di spostamento 14,65 0,1608
NO
domanda di spostamento 42,76 0
SLC
capacit di spostamento 14,66 0,1614
NO


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


196
Pushover n 6 Profilo di carico agente in dir. X- e proporzionale alla massa con ecc
+5%
PUSHOVER N.ro 6 - Fx(-) Massa +Ecc 5%:
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
-40 -35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 6 - Fx(-) Massa +Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
-45 -40 -35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -8,57 0,113
SLO
capacit di spostamento -17,9 0,2073
SI
domanda di spostamento -11,76 0,1497
SLD
capacit di spostamento -17,9 0,2051
SI
domanda di spostamento -32,48 0
SLV
capacit di spostamento -17,9 0,2062
NO
domanda di spostamento -41,8 0
SLC
capacit di spostamento -18,09 0,2062
NO



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


197
Pushover n 7 Profilo di carico agente in dir. Y+ e proporzionale alla massa con ecc
+5%
PUSHOVER N.ro 7 - Fy(+) Massa +Ecc 5%:
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
4500
0 2 4 6 8 10 12
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 7 - Fy(+) Massa +Ecc 5%:
0,000
0,020
0,040
0,060
0,080
0,100
0,120
0,140
0,160
0 5 10 15 20 25 30 35 40
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap

mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 7,3 0,1296
SLO
capacit di spostamento 5,8 0,1057
NO
domanda di spostamento 10,02 0,0003
SLD
capacit di spostamento 5,8 0,106
NO
domanda di spostamento 27,38 0
SLV
capacit di spostamento 5,8 0,106
NO
domanda di spostamento 35,24 0
SLC
capacit di spostamento 7,74 0,14
NO


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


198
Pushover n 8 Profilo di carico agente in dir. Y- e proporzionale alla massa con ecc
+5%
PUSHOVER N.ro 8 - Fy(-) Massa +Ecc 5%
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
4500
-10 -9 -8 -7 -6 -5 -4 -3 -2 -1 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 8 - Fy(-) Massa +Ecc 5%
0,000
0,020
0,040
0,060
0,080
0,100
0,120
0,140
0,160
-40 -35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap

mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -7,47 0,1289
SLO
capacit di spostamento -6,28 0,108
NO
domanda di spostamento -10,25 0,0016
SLD
capacit di spostamento -6,28 0,109
NO
domanda di spostamento -28,21 0
SLV
capacit di spostamento -6,28 0,1084
NO
domanda di spostamento -36,26 0
SLC
capacit di spostamento -8,38 0,1434
NO



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


199
Pushover n 9 Profilo di carico agente in dir. X+ e proporzionale al primo modo con
ecc - 5%
PUSHOVER N.ro 9 - Fx(+) Modo -Ecc 5%
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
4500
5000
0 50 100 150 200 250 300
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 9 - Fx(+) Modo -Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 7,64 0,126
SLO
capacit di spostamento 10,76 0,1628
SI
domanda di spostamento 10,49 0,159
SLD
capacit di spostamento 11,92 0,1733
SI
domanda di spostamento 28,96 0
SLV
capacit di spostamento 11,92 0,1737
NO
domanda di spostamento 37,28 0
SLC
capacit di spostamento 12,02 0,1748
NO



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


200
Pushover n 10 Profilo di carico agente in dir. X- e proporzionale al primo modo con
ecc - 5%
PUSHOVER N.ro 10 - Fx(-) Modo -Ecc 5%
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
-70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 10 - Fx(-) Modo -Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
-50 -45 -40 -35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -7,6 0,1293
SLO
capacit di spostamento -10,15 0,1639
SI
domanda di spostamento -10,42 0,1657
SLD
capacit di spostamento -14,74 0,2156
SI
domanda di spostamento -28,78 0
SLV
capacit di spostamento -14,74 0,216
NO
domanda di spostamento -36,96 0
SLC
capacit di spostamento -14,75 0,2156
NO



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


201
Pushover n 11 Profilo di carico agente in dir. Y+ e proporzionale al primo modo con
ecc - 5%
PUSHOVER N.ro 11 - Fy(+) Modo -Ecc 5%
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
0 2 4 6 8 10 12 14 16
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 11 - Fy(+) Modo -Ecc 5%
0,000
0,020
0,040
0,060
0,080
0,100
0,120
0,140
0,160
0,180
0,200
0 5 10 15 20 25 30 35
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap

mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 6,17 0,1428
SLO
capacit di spostamento 5,59 0,13
NO
domanda di spostamento 8,14 0
SLD
capacit di spostamento 5,59 0,1293
NO
domanda di spostamento 23,09 0
SLV
capacit di spostamento 5,59 0,1305
NO
domanda di spostamento 30 0
SLC
capacit di spostamento 7,46 0,174
NO


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


202
Pushover n 12 Profilo di carico agente in dir. Y- e proporzionale al primo modo con
ecc - 5%
PUSHOVER N.ro 12 - Fy(-) Modo -Ecc 5%
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
-16 -14 -12 -10 -8 -6 -4 -2 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 12 - Fy(-) Modo -Ecc 5%
0,000
0,020
0,040
0,060
0,080
0,100
0,120
0,140
0,160
0,180
0,200
-35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -5,9 0,1356
SLO
capacit di spostamento -5,73 0,13
NO
domanda di spostamento -7,74 0,0006
SLD
capacit di spostamento -5,73 0,1323
NO
domanda di spostamento -22,31 0
SLV
capacit di spostamento -5,73 0,1314
NO
domanda di spostamento -29,06 0
SLC
capacit di spostamento -7,64 0,1734
NO



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


203
Pushover n 13 Profilo di carico agente in dir. X+ e proporzionale alla massa con ecc
- 5%
PUSHOVER N.ro 13 - Fx(+) Massa -Ecc 5%
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 13 - Fx(+) Massa -Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0 20 40 60 80 100 120 140 160 180 200
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap

mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 8,69 0,1148
SLO
capacit di spostamento 15,66 0,1722
SI
domanda di spostamento 11,92 0,1411
SLD
capacit di spostamento 17,49 0,185
SI
domanda di spostamento 32,93 0
SLV
capacit di spostamento 17,49 0,185
NO
domanda di spostamento 42,39 0
SLC
capacit di spostamento 17,65 0,1867
NO




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


204
Pushover n 14 Profilo di carico agente in dir. X- e proporzionale alla massa con ecc -
5%
PUSHOVER N.ro 14 - Fx(-) Massa -Ecc 5%
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
-25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 14 - Fx(-) Massa -Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
-45 -40 -35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap

mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -8,69 0,1108
SLO
capacit di spostamento -13,72 0,1643
SI
domanda di spostamento -11,92 0,1468
SLD
capacit di spostamento -15,59 0,1808
SI
domanda di spostamento -34,96 0
SLV
capacit di spostamento -15,65 0,1815
NO
domanda di spostamento -42,38 0
SLC
capacit di spostamento -15,65 0,1811
NO




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


205
Pushover n 15 Profilo di carico agente in dir. Y+ e proporzionale alla massa con ecc
- 5%
PUSHOVER N.ro 15 - Fy(+) Massa -Ecc 5%:
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
4500
0 2 4 6 8 10 12 14
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 15 - Fy(+) Massa -Ecc 5%:
0,000
0,020
0,040
0,060
0,080
0,100
0,120
0,140
0,160
0 5 10 15 20 25 30 35 40
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap

mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 7,47 0,1275
SLO
capacit di spostamento 5,84 0,1003
NO
domanda di spostamento 10,25 0,0006
SLD
capacit di spostamento 5,84 0,1013
NO
domanda di spostamento 28,22 0
SLV
capacit di spostamento 5,84 0,1016
NO
domanda di spostamento 36,26 0
SLC
capacit di spostamento 7,79 0,1337
NO




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


206
Pushover n 16 Profilo di carico agente in dir. Y- e proporzionale alla massa con ecc -
5%
PUSHOVER N.ro 16 - Fy(-) Massa -Ecc 5%:
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
4500
-9 -8 -7 -6 -5 -4 -3 -2 -1 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 16 - Fy(-) Massa -Ecc 5%:
0,000
0,020
0,040
0,060
0,080
0,100
0,120
0,140
0,160
-40 -35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap

mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -7,3 0,1302
SLO
capacit di spostamento -6,23 0,1129
NO
domanda di spostamento -10,02 0
SLD
capacit di spostamento -6,23 0,1132
NO
domanda di spostamento -27,36 0
SLV
capacit di spostamento -6,23 0,1126
NO
domanda di spostamento -35,22 0
SLC
capacit di spostamento -8,3 0,1497
NO






Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


207
Riepilogo curve di capacit pushover in direzione X

PUSHOVER asse X
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
-100 -50 0 50 100 150 200 250 300
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]
push1 x+ Mod ecc+
push2 x- Mod ecc+
push5 x+ Mass ecc+
push6 x- Mass ecc+
push9 x+ Mod ecc-
push10 x- Mod ecc-
push13 x+ Mass ecc-
push14 x- Mass ecc-


Riepilogo curve di capacit pushover in direzione Y

PUSHOVER asse Y
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
4000
4500
-35 -30 -25 -20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]
push3 y+ Mod ecc+
push4 y- Mod ecc+
push7 y+ Mass ecc+
push8 y- Mass ecc+
push11 y+ Mod ecc-
push12 y- Mod ecc-
push15 y+ Mass ecc-
push16 y- Mass ecc-


Tutte le analisi statiche non lineari eseguite, evidenziano una totale inadeguatezza
delledificio a sopportare lazione sismica di progetto. Le verifiche agli stati
limite ultimi non risultano mai soddisfatte e ledificio raggiunge la crisi per
formazione di meccanismi fragili dovuti a rottura a taglio dei pilastri. Come gi
detto, il codice di calcolo CDSWIN interrompe lanalisi nel momento in cui il
proprio solutore che procede alla risoluzione del problema espresso dalla
equazione fondamentale del metodo FEM (4.1) non converge. Tale limite, non
permette di effettuare una classificazione globale di tutti gli elementi strutturali
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


208
componenti ledificio al fine di poter programmare un intervento di adeguamento
che, oltre ad assicurare il soddisfacimento delle verifiche allo SLV, garantisca che
la formazione di meccanismi duttili negli elementi strutturali si formino prima di
quelli fragili.
Infatti, se dalle precedenti analisi emerso un comportamento fragile di gran parte
dei pilastri, non si potuto indagare sulla modalit di crisi delle travi, in quanto
nella maggioranza delle analisi pushover eseguite, queste rimangono in campo
elastico. Tale limite per stato superato rieseguendo tutte le 16 analisi pushover,
disattivando sul CDSWIN la procedura di verifica a taglio dei pilastri. Nel
prossimo paragrafo sono riportate le curve caratteristiche delle pushover eseguite.





















Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


209
4.9.2.2 Risultati analisi statica non lineare senza verifiche a taglio su pilastri


Pushover n 1 Profilo di carico agente in dir. X+ e proporzionale al primo modo con
ecc + 5%
PUSHOVER N.ro 1 - Fx(+) Modo +Ecc 5%:
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
0 20 40 60 80 100 120 140
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 1 - Fx(+) Modo +Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap

mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 7,82 0,1268
SLO
capacit di spostamento 8,43 0,1352
SI
domanda di spostamento 10,73 0,159
SLD
capacit di spostamento 14,37 0,1912
SI
domanda di spostamento 29,63 0,272
SLV
capacit di spostamento 66,95 0,314
SI
domanda di spostamento 38,14 0,297
SLC
capacit di spostamento 82,26 0,315
SI

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


210
Pushover n 2 Profilo di carico agente in dir. X- e proporzionale al primo modo con
ecc + 5%
PUSHOVER N.ro 2 - Fx(-) Modo +Ecc 5%:
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
-140 -120 -100 -80 -60 -40 -20 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 2 - Fx(-) Modo +Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0,400
-100 -90 -80 -70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -7,78 0,139
SLO
capacit di spostamento -12,58 0,2
SI
domanda di spostamento -10,26 0,1811
SLD
capacit di spostamento -19,34 0,255
SI
domanda di spostamento -28,18 0,296
SLV
capacit di spostamento -72,93 0,349
SI
domanda di spostamento -36,18 0,326
SLC
capacit di spostamento -88,38 0,348
SI



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


211
Pushover n 3 Profilo di carico agente in dir. Y+ e proporzionale al primo modo con
ecc + 5%
PUSHOVER N.ro 3 - Fy (+) Modo +Ecc 5%:
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
9000
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 3 - Fy (+) Modo +Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0,400
0,450
0 10 20 30 40 50 60 70
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 5,91 0,141
SLO
capacit di spostamento 11,67 0,277
SI
domanda di spostamento 7,76 0,186
SLD
capacit di spostamento 23,03 0,393
SI
domanda di spostamento 22,35 0,39
SLV
capacit di spostamento 51,05 0,4
SI
domanda di spostamento 29,1 0,397
SLC
capacit di spostamento 62,52 0,404
SI




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


212
Pushover n 4 Profilo di carico agente in dir. Y- e proporzionale al primo modo con
ecc + 5%
PUSHOVER N.ro 4 - Fy(-) Modo +Ecc 5%:
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
9000
-100 -90 -80 -70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]

PUSHOVER N.ro 4 - Fy(-) Modo +Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0,400
0,450
-70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -6,17 0,1419
SLO
capacit di spostamento -9,74 0,225
SI
domanda di spostamento -8,14 0,188
SLD
capacit di spostamento -25,62 0,411
SI
domanda di spostamento -23,07 0,408
SLV
capacit di spostamento -50,2 0,415
SI
domanda di spostamento -29,99 0,414
SLC
capacit di spostamento -61,71 0,415
SI




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


213
Pushover n 5 Profilo di carico agente in dir. X+ e proporzionale alla massa con ecc
+ 5%
PUSHOVER N.ro 5 - Fx(+) Massa +Ecc 5%:
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
9000
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 5 - Fx(+) Massa +Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 8,77 0,1075
SLO
capacit di spostamento 11,67 0,138
SI
domanda di spostamento 12,03 0,141
SLD
capacit di spostamento 21,32 0,207
SI
domanda di spostamento 33,22 0,265
SLV
capacit di spostamento 68,67 0,306
SI
domanda di spostamento 42,76 0,288
SLC
capacit di spostamento 89,91 0,306
SI



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


214
Pushover n 6 Profilo di carico agente in dir. X- e proporzionale alla massa con ecc
+ 5%
PUSHOVER N.ro 6 - Fx(-) Massa +Ecc 5%:
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
9000
10000
-120 -100 -80 -60 -40 -20 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 6 - Fx(-) Massa +Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
-120 -100 -80 -60 -40 -20 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -8,57 0,113
SLO
capacit di spostamento -18,13 0,2073
SI
domanda di spostamento -11,76 0,1497
SLD
capacit di spostamento -25,08 0,256
SI
domanda di spostamento -32,48 0,29
SLV
capacit di spostamento -77,5 0,325
SI
domanda di spostamento -41,8 0,316
SLC
capacit di spostamento -98,33 0,325
SI



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


215
Pushover n 7 Profilo di carico agente in dir. Y+ e proporzionale alla massa con ecc
+ 5%
PUSHOVER N.ro 7 - Fy(+) Massa +Ecc 5%:
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
0 10 20 30 40 50 60 70
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 7 - Fy(+) Massa +Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0,400
0,450
0 10 20 30 40 50 60 70
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 7,3 0,1296
SLO
capacit di spostamento 16,7 0,295
SI
domanda di spostamento 10,02 0,184
SLD
capacit di spostamento 25,21 0,388
SI
domanda di spostamento 27,38 0,393
SLV
capacit di spostamento 48,27 0,394
SI
domanda di spostamento 35,24 0,398
SLC
capacit di spostamento 61,14 0,397
SI



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


216
Pushover n 8 Profilo di carico agente in dir. Y- e proporzionale al primo modo con
ecc + 5%
PUSHOVER N.ro 8 - Fy(-) Massa +Ecc 5%
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
-70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 8 - Fy(-) Massa +Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0,400
0,450
-70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -7,47 0,1289
SLO
capacit di spostamento -14,05 0,243
SI
domanda di spostamento -10,25 0,172
SLD
capacit di spostamento -28,45 0,396
SI
domanda di spostamento -28,21 0,397
SLV
capacit di spostamento -48,59 0,398
SI
domanda di spostamento -36,26 0,403
SLC
capacit di spostamento -61,46 0,397
SI




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


217
Pushover n 9 Profilo di carico agente in dir. X+ e proporzionale al primo modo con
ecc - 5%
PUSHOVER N.ro 9 - Fx(+) Modo -Ecc 5%
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
0 20 40 60 80 100 120
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 9 - Fx(+) Modo -Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 7,64 0,126
SLO
capacit di spostamento 10,76 0,1628
SI
domanda di spostamento 10,49 0,159
SLD
capacit di spostamento 16,15 0,213
SI
domanda di spostamento 28,96 0,271
SLV
capacit di spostamento 67,33 0,316
SI
domanda di spostamento 37,28 0,296
SLC
capacit di spostamento 81,82 0,315
SI


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


218
Pushover n 10 Profilo di carico agente in dir. Y+ e proporzionale al primo modo con
ecc - 5%
PUSHOVER N.ro 10 - Fx(-) Modo -Ecc 5%
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
-140 -120 -100 -80 -60 -40 -20 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 10 - Fx(-) Modo -Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0,400
-100 -90 -80 -70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -7,6 0,1293
SLO
capacit di spostamento -10,15 0,1639
SI
domanda di spostamento -10,42 0,1657
SLD
capacit di spostamento -14,87 0,2156
SI
domanda di spostamento -28,78 0,296
SLV
capacit di spostamento -79,43 0,349
SI
domanda di spostamento -36,96 0,324
SLC
capacit di spostamento -94,7 0,347
SI



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


219
Pushover n 11 Profilo di carico agente in dir. Y+ e proporzionale al primo modo con
ecc - 5%
PUSHOVER N.ro 11 - Fy(+) Modo -Ecc 5%
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
9000
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 11 - Fy(+) Modo -Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0,400
0,450
0 10 20 30 40 50 60 70
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 6,17 0,1428
SLO
capacit di spostamento 10,4 0,243
SI
domanda di spostamento 8,14 0,187
SLD
capacit di spostamento 24,9 0,394
SI
domanda di spostamento 23,09 0,393
SLV
capacit di spostamento 54,81 0,401
SI
domanda di spostamento 30 0,398
SLC
capacit di spostamento 66,37 0,403
SI



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


220
Pushover n 12 Profilo di carico agente in dir. Y- e proporzionale al primo modo con
ecc - 5%
PUSHOVER N.ro 12 - Fy(-) Modo -Ecc 5%
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
9000
-100 -90 -80 -70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 12 - Fy(-) Modo -Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0,400
0,450
-70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -5,9 0,1356
SLO
capacit di spostamento -11,2 0,262
SI
domanda di spostamento -7,74 0,179
SLD
capacit di spostamento -24,65 0,393
SI
domanda di spostamento -22,31 0,39
SLV
capacit di spostamento -45,63 0,4
SI
domanda di spostamento -29,06 0,398
SLC
capacit di spostamento -57,01 0,403
SI



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


221
Pushover n 13 Profilo di carico agente in dir. X+ e proporzionale alla massa con ecc
- 5%
PUSHOVER N.ro 13 - Fx(+) Massa -Ecc 5%
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
9000
0 20 40 60 80 100 120
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 13 - Fx(+) Massa -Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0 20 40 60 80 100 120
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 8,69 0,1148
SLO
capacit di spostamento 15,66 0,176
SI
domanda di spostamento 11,92 0,1411
SLD
capacit di spostamento 23,02 0,222
SI
domanda di spostamento 32,93 0,27
SLV
capacit di spostamento 82,66 0,306
SI
domanda di spostamento 42,39 0,293
SLC
capacit di spostamento 103,42 0,305
SI




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


222
Pushover n 14 Profilo di carico agente in dir. X- e proporzionale alla massa con ecc -
5%
PUSHOVER N.ro 14 - Fx(-) Massa -Ecc 5%
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
9000
10000
-100 -90 -80 -70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 14 - Fx(-) Massa -Ecc 5%
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
-100 -90 -80 -70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -8,69 0,1108
SLO
capacit di spostamento -13,72 0,1643
SI
domanda di spostamento -11,92 0,1468
SLD
capacit di spostamento -21,95 0,231
SI
domanda di spostamento -34,96 0,29
SLV
capacit di spostamento -65,78 0,325
SI
domanda di spostamento -42,38 0,307
SLC
capacit di spostamento -86,03 0,324
SI



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


223
Pushover n 15 Profilo di carico agente in dir. Y+ e proporzionale alla massa con ecc
- 5%
PUSHOVER N.ro 15 - Fy(+) Massa -Ecc 5%:
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
0 10 20 30 40 50 60 70
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 15 - Fy(+) Massa -Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0,400
0,450
0 10 20 30 40 50 60 70
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap


mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento 7,47 0,1275
SLO
capacit di spostamento 14,88 0,252
SI
domanda di spostamento 10,25 0,175
SLD
capacit di spostamento 29,39 0,394
SI
domanda di spostamento 28,22 0,393
SLV
capacit di spostamento 49,04 0,397
SI
domanda di spostamento 36,26 0,396
SLC
capacit di spostamento 61,97 0,397
SI




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


224
Pushover n 16 Profilo di carico agente in dir. Y- e proporzionale alla massa con ecc -
5%
PUSHOVER N.ro 16 - Fy(-) Massa -Ecc 5%:
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
-70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]


PUSHOVER N.ro 16 - Fy(-) Massa -Ecc 5%:
0,000
0,050
0,100
0,150
0,200
0,250
0,300
0,350
0,400
0,450
-70 -60 -50 -40 -30 -20 -10 0
displacement [mm]
S
a
/
g
SLO - Dom
SLO - Cap
SLD - Dom
SLD - Cap
SLV - Dom
SLV - Cap
SLC - Dom
SLC - Cap



mm Sa/g Verifica
domanda di spostamento -7,3 0,1302
SLO
capacit di spostamento -16,13 0,287
SI
domanda di spostamento -10,02 0,182
SLD
capacit di spostamento -24,75 0,392
SI
domanda di spostamento -27,36 0,397
SLV
capacit di spostamento -48,2 0,401
SI
domanda di spostamento -35,22 0,401
SLC
capacit di spostamento -61,12 0,398
SI



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


225
Riepilogo curve di capacit pushover in direzione X

PUSHOVER asse X
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
9000
10000
-150 -100 -50 0 50 100 150
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]
push1 x+ Mod ecc+
push2 x- Mod ecc+
push5 x+ Mass ecc+
push6 x- Mass ecc+
push9 x+ Mod ecc-
push10 x- Mod ecc-
push13 x+ Mass ecc-
push14 x- Mass ecc-



Riepilogo curve di capacit pushover in direzione Y

PUSHOVER asse Y
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
-150 -100 -50 0 50 100 150
displacement [mm]
V
b

[
k
N
]
push3 y+ Mod ecc+
push4 y- Mod ecc+
push7 y+ Mass ecc+
push8 y- Mass ecc+
push11 y+ Mod ecc-
push12 y- Mod ecc-
push15 y+ Mass ecc-
push16 y- Mass ecc-





Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


226
4.10 RISULTATI DELLA VALUTAZIONE DELLA VULNERABILIT
SISMICA
Dai risultati delle analisi pushover riportate nei paragrafi precedenti, si potuto
constatare che :
- Ledificio raggiunge la crisi per formazione di meccanismi fragili dovuti
alla rottura a taglio delle colonne;
- Le travi hanno mostrato tutte un comportamento duttile, con capacit
rotazionale delle sezioni di estremit (rotazione rispetto alla corda )
maggiore della rotazione richiesta sia allo SLV che allo SLC
- Impedendo la rottura a taglio dei pilastri, anche questi ultimi mostrano
capacit rotazionale delle sezioni di estremit maggiore della rotazione
richiesta sia allo SLV che allo SLC ;
Ne consegue che la vulnerabilit sismica delledificio da attribuire alla
formazione di meccanismi fragili nei pilastri. Il modello di capacit a taglio
delle colonne, implementato nel CDSWIN e considerato nelle verifiche eseguite,
quello previsto dalla NTC08 e CIRC09, cio il traliccio classico di Ritter-Morsch
con inclinazione costante della biella compressa =45.
Evidenze sperimentali hanno mostrato che non sempre tale modello risulta essere
il pi adeguato a rappresentare il comportamento a taglio di colonne in c.a.
soggette a carichi ciclici, come pu considerarsi lazione sismica (Biskinis E. et
al,2004) . Inoltre, come si dir nei prossimi paragrafi, il suddetto modello risulta
essere molto conservativo nei confronti della resistenza a taglio delle colonne in
c.a. esistenti, e ci si traduce in un maggiore impegno economico nella fase di
adeguamento strutturale.
Nei paragrafi successivi si valuteranno gli effetti sulla valutazione sismica
delledificio di studio derivanti dallassunzione di diversi modelli di capacit a
taglio dei pilastri. In particolare si considereranno i modelli previsti dalle NTC08
e dallEurocodice 8 parte 3 (2005).

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


227
4.11 DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO DI PILASTRI IN C.A.
Come gi anticipato nel capitolo 2, ai fini delle verifiche di sicurezza, gli elementi
strutturali vengono distinti in elementi/meccanismi duttili e fragili. Questa
distinzione risulta necessaria stante il diverso comportamento strutturale e le
differenti modalit di crisi che gli stessi presentano.
Nella progettazione di edifici nuovi, il rispetto delle regole di costruzione fondate
sul principio di gerarchia delle resistenze consente una suddivisione preventiva tra
elementi duttili ed elementi fragili, mentre per la verifica degli edifici esistenti,
una simile distinzione preventiva degli elementi priva di senso, in quanto, di
regola, essi non soddisfano i principi di gerarchia delle resistenze e, pertanto, non
possibile stabilire a priori dove si avranno le maggiori richieste in termini di
deformazione flessionale e dove in termini di azione tagliante.
La valutazione della capacit del generico elemento strutturale direttamente
subordinata alla tipologia di elemento (duttile o fragile), alle propriet dei
materiali e al livello di conoscenza raggiunto in relazione alla quantit/qualit dei
dati raccolti.
La capacit degli elementi duttili generalmente espressa in termini di limiti di
deformabilit e la sua valutazione effettuata a partire dai valori medi delle
propriet dei materiali esistenti, ottenuti dalle prove in situ e da eventuali
informazioni aggiuntive, divisi per il Fattore di Confidenza in relazione al livello
di conoscenza raggiunto.
Si faccia riferimento alla fig.4.13
N
V
N
V
M
M
SUP
SUP
INF
INF

Figura 4.13 Pilastro in c.a. soggetto ai carichi gravitazionali e azione sismica

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


228

In cui rappresentato un generico pilastro di un edificio esistente soggetto ad
azione sismica, la cui domanda espressa in termini di sollecitazioni flessionali,
(M
SUP
, M
INF
) , taglianti (V) e normali (N
SUP
, N
INF
).
Indicando con Ls la distanza della sezione di estemit in cui agisce la coppia di
sollecitazioni (M,V) dalla sezione di momento nullo, sussiste la seguente
relazione:
Ls M V / =
Con Ls luce di taglio della sezione considerata.
Lequazione di equilibrio alla rotazione della colonna :


L
M M
V
inf sup
+
+
= (4.2)

Per quanto detto nel cap. 2 il comportamento di una sezione pu ritenersi duttile
se la crisi sopraggiunge per attingimento del momento resistente della sezione
stessa, funzione dello sforzo normale N in essa agente. Nellipotesi che entrambe
le sezioni di estremit della colonna vadano in crisi flessionale, si ha :
a) meccanissmo duttile: ) ( inf sup N M M M
res
= =
+
(4.3)
Avendo ipotizzato simmetrica la sezione della colonna e costante lungo laltezza e
trascurabile la variazione di momento resistente in funzione del diverso sforzo
normale agente nelle due sezioni di estremit.
Il valore del taglio che compare nella (4.2) il taglio flessionale :

s
res res
flex
L
M
L
M
L
M M
V = =
+
=
+
2
inf sup
Con 2 / L L
s
=
Che risulta essere minore della resistenza ultima a taglio della colonna.

Il comportamento della generica sezione della colonna invece di tipo fragile se il
valore del taglio calcolato con la (4.2) risulta essere maggiore della resistenza a
taglio V
RD
della sezione stessa. In tal caso il taglio agente sulla colonna pari
proprio a questultimo.
V= V
RD

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


229
Continuando ad assumere anche in questo caso la luce di taglio Ls pari a L/2,
approssimazione in genere accettabile per una distribuzione di carichi compatibile
con lazione sismica, si pu definire un momento equilibrante del taglio ultimo
agente con segni opposti agli estremi della colonna:
b) meccanissmo fragile:
2
L
V L V M M
RD s RD VRD VRD
= = =
+


In un piano cartesiano (N,M) possibile fornire le rappresentazioni grafiche delle
relazioni a) e b):
) (N M M
res u
=
) ( )] ( [ N M N V M M
VRD RD VRD VRD
= =
Le cui frontiere delimitano rispettivamente il dominio di rottura a flessione
composta e il dominio di rottura a taglio della sezione.
Tale rappresentazione grafica, permette di individuare immediatamente se
unassegnata sezione su cui agisce un assegnato sforzo normale N, al crescere del
carico laterale raggiunge la crisi per meccanismo duttile o fragile . I domini di
rottura a taglio dipendono ovviamente dal modello assunto per la determinazione
di V
RD
.
Domini di rottua a taglio EC8
Utilizzando il modello di capacit a taglio previsto dallEC8-3, la resistenza
ultima a taglio fornita dalla (2.16) (in cui si assume
el
=1.15) che qui si riporta:

( ) [ ]
( )

=
s
ym
w c
C
cm s
tot
pl
dom
C
cm
c
s
dom
el
R
FC
f
bz A
FC
f
h
L
MAX
FC
f
A N
L
x h
V

; 5 min 16 , 0 1 100 ; 5 , 0 16 , 0
; 5 min 05 , 0 1 55 , 0 ; min
2
1
,
(2.16)
La sua struttura del tipo (2.3) con:

=
C
cm
c
s
dom
el
N
FC
f
A N
L
x h
V

55 , 0 ; min
2
1
(2.17)

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


230
( )

=
c
C
cm s
tot
el
C
A
FC
f
h
L
MAX V

; 5 min 16 , 0 1 100 ; 5 , 0 16 , 0
1
(2.18)

=
s
ym
w
el
S
FC
f
bz V

1
(2.19)

( ) [ ]
pl
dom
k
,
; 5 min 05 , 0 1

= (2.20)
le relazioni b) e le (2.16), (2.17), (2.18) e (2.19) possono essere rappresentate
graficamente in un piano cartesiano (N,M) come illustrato in fig.4.14, per una
assegnata sezione in c.a. con definite propriet meccaniche e geometriche. La
relazione b) fornisce, fissando la posizione dellasse neutro x
dom
, lo sforzo
normale di rottura Nu ed il momento corrispondente Mu=Nu e essendo e la
distanza fra il punto di applicazione di Nu e larmatura tesa. Il luogo dei punti
(N
u
,M
u
) il dominio di rottura a flessione composta della sezione in c.a..
In corrispondenza dellassegnato valore dellasse neutro x
dom
, po essere definita
la V
N
(eq.2.17) mentre la V
C
e la V
S
(eq.2.18 e 2.19) sono costanti, dipendendo
solo dalle caratteristiche geometriche e meccaniche dellelemento.
Diagrammando i tre termini V
N
, V
C
, V
S
e la loro somma V
N
, si ottengono le curve
rappresentate in fig.4.14. Il luogo dei punti (N
u
,V
N
) fornisce, per ogni assegnato
sforzo normale agente sulla sezione, il corrispondente valore del taglio resistente
ultimo dellelemento. Pertanto il luogo dei punti (N
u
,V
N
) il dominio di rottura
a taglio dellelemento in c.a.
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


231
DOMINI DI ROTTURA [N
u
,M
u
] E ([N
u
,M(V
Rd
)] - EC8
-800
-600
-400
-200
0
200
400
600
800
-2.500 -2.000 -1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500 5.000 5.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

M
u


-

M
(
V
R
d
)

[
k
N
m
]
N, M(VN)
N, M(VC)
k=1
N, M(VS)
k=1
N, M(VRd)
k=1
(Nu,Mu)
Figura 4.14 Domini di rottura a flessione composta e taglio (Modello di capacit EC8)




Figura 4.15 Campi di definizione dellelemento in c.a. in termini di duttilit e fragilit

Su ogni pilastro, noto il valore dello sforzo normale gravitazionale da
combinazione sismica, possibile prevedere il tipo di collasso che caratterizza la
sezione allaumentare dellazione orizzontale, dallintersezione della retta N=cost
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


232
con i domini di rottura prima descritti. Nel caso indicato in figura 4.15 si ha (N>0
compressione, misure in kN):
- per [ ] [ ] 5085 ; 2350 680 ; 1743 N <
min) (
) (
VRD res
M N M crisi
duttile, corrisponde al meccanismo (c) del
- per [ ] 1498 ; 427 N >
max) (
) (
VRD res
M N M crisi fragile, corrisponde
al meccanismo ( a) della figura 2.13 Taglio fragile"
- i valori intermedi di N non compresi negli intervalli suddetti indicano un
comportamento della sezione di tipo fragile-duttile o duttile limitato,
sicuramente non completamente fragile. Infatti lintersezione della retta
N=cost interseca prima il dominio M
VRD,min
ma questa caratterizza le
sezioni che hanno comunque una riserva di duttilit e pertanto la sezione
deve necessariamente prima plasticizzarsi, per andare successivamente in
crisi tagliante. Il tipo di crisi pu essere o completamente duttile o tipica
del taglio duttile corrispondende al meccanismo (b) della figura 2.13
V

y

y
6
V
R,max
V
R,min
V =M /Ls y y
V

y

y
6
V
R,max
V
R,min
V =M /Ls y y
V

y

y
6
V
R,max
V
R,min
V =M /Ls
y y
(a) (b) (c)
V
RD
V(M )
RD
TAGLIO FRAGILE TAGLIO DUTTILE ELEMENTO DUTTILE
Figura 2.9-Differenti meccanismi di crisi: a) FRAGILE per taglio fragile b) FRAGILE per
taglio duttile c) DUTTILE


Domini di rottura a taglio NTC08
Adottando un modello di capacit a taglio proposto dalle NTC08, la
rappresentazione dei domini di taglio-trazione e di taglio-compressione si
ottengono dalle relazioni (2.5) e (2.6) che qui si riportano.

ctg
s
A
FC
f
d V
sw
s
ym
Rsd

= 9 , 0 (2.5)



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


233
- resistenza a taglio-compressione del calcestruzzo danima :

) 1 (
9 , 0
2


ctg
ctg
FC
f
b d V
c
cm c
Rcd
+


= (2.6)


In fig. 4.16 sono rappresentati i domini di rottura a flessione composta e il luogo
dei punti (N, V
RSD
) e in fig. 4.17 sono rappresentati i domini di rottura a flessione
composta e il luogo dei punti (N, V
RCD
) adottando, in entrambi i casi, come
modello di capacit a taglio sia il traliccio classico di Ritter-Mrsch (=45) sia il
traliccio ad inclinazione variabile (21,,80<45).
Il dominio di rottura a taglio da prendere in considerazione si ottiene per ogni
assegnato valore di N, dalla minore delle due ordinate M(V
R
) ottenute dalle fig.
4.16 e 4.17,dovendo essere rispettata la (2.4)
{ }
s c R
V V V ; min = (2.4)



Figura 4.16 Domini di rottura a flessione composta e taglio-trazione (Modelli di capacit
NTC08)


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


234


Figura 4.17 Domini di rottura a flessione composta e taglio-compressione (Modelli di
capacit NTC08)

4.12 EDIFICIO DI STUDIO:VERIFICHE A TAGLIO

Seguendo la procedura descritta nel paragrafo precedente, per ognuna delle 16
analisi pushover eseguita stata effettuata la verifica a taglio sui pilastri
delledificio.
Le tipologie di sezione delle colonne ai vari livelli sono ripostati nelle figg. 4.18-
4.19-4.20 mentre nelle fig. si riportano i domini di rottura di ogni sezione costruiti
sia in direzione X che in direzione Y.
Sono stati costruiti i domini di rottura a flessione e taglio di ogni tipologia di
sezione dei pilastri, e la classificazione dellelemento in base al modello di
capacit utilizzato.





Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


235



Figura 4.18 Tipologia delle sezioni dei pilastri del I livello

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


236

Figura 4.19 Tipologia delle sezioni dei pilastri del II livello


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


237

Figura 4.20 Tipologia delle sezioni dei pilastri del III livello




Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


238


INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO Ia-X
-700
-650
-600
-550
-500
-450
-400
-350
-300
-250
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
250
300
350
400
450
500
550
600
650
700
-2.500 -2.000 -1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500 5.000 5.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
N,Mu
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=var
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=1
N,M(VRd)-cotg TETA=2,5
N,M(VRd)-EC8 K=0,75
N,M(VRd)-EC8 K=1



INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO Ia-Y
-450
-400
-350
-300
-250
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
250
300
350
400
450
-2.500 -2.000 -1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500 5.000 5.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
N,Mu
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=var
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=1
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=2,5
N,M(VRd)-EC8 K=0,75
N,M(VRd)-EC8 K=1


Figura 4.21 Domini di rottura a flessione composta e taglio Pilastri I livello sezione Ia



Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


239



INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO Ib-X
-650
-600
-550
-500
-450
-400
-350
-300
-250
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
250
300
350
400
450
500
550
600
650
-2.000 -1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500 5.000 5.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
N,Mu
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=var
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=1
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=2,5
N,M(VRd)-EC8 k=0,75
N,M(VRd)-EC8 K=1


INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO Ib-Y
-450
-400
-350
-300
-250
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
250
300
350
400
450
-2.000 -1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500 5.000 5.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
N,Mu
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=var
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=1
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=2,5
N,M(VRd)-EC8 K=0,75
N,M(VRd)-EC8 K=1


Figura 4.22 Domini di rottura a flessione composta e taglio Pilastri I livello sezione Ib


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


240
INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO II-X
-500
-450
-400
-350
-300
-250
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
250
300
350
400
450
500
-1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
N,Mu
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=var
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=1
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=2,5
N,M(VRd)-EC8 K=0,75
N,M(VRd)-EC8 K=1


INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO II-Y
-400
-300
-200
-100
0
100
200
300
400
-1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
N,Mu
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=var
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=1
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=2,5
N,M(VRd)-EC8 K=0,75
N,M(VRd)-EC8 K=1

Figura 4.22 Domini di rottura a flessione composta e taglio Pilastri II livello

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


241
INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO III-X
-500
-450
-400
-350
-300
-250
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
250
300
350
400
450
500
-1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
N,Mu
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=var
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=1
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=2,5
N,M(VRd)-EC8 K=0,75
N,M(VRd)-EC8 K=1



INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO III-Y
-350
-300
-250
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
250
300
350
-1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
N,Mu
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=var
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=1
N,M(VRd)-NTC08-cotg TETA=2,5
N,M(VRd)-EC8 K=0,75
N,M(VRd)-EC8 K=1

Figura 4.22 Domini di rottura a flessione composta e taglio Pilastri III livello


Indicando con:
MODELLO NTC08-ctg=1 : il modello di capacit a taglio costituito
dal traliccio di Ritter-Mrsch con inclinazione a 45 delle bielle
Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


242
compresse, previsto dalle NTC08, per gli elementi strutturali in c.a. degli
edifici esistenti e/o di nuova costruzione;
MODELLO NTC08-ctg=2,5: : il modello di capacit a taglio costituito
dal traliccio con inclinazione pari a 21,80 delle bielle compresse, previsto
dalle NTC08, per gli elementi strutturali in c.a. di nuova costruzione;
MODELLO EC08-k=0,75: il modello di capacit con effetto degradante
della resistenza tagliante del pilastro in c.a. sotto azione ciclica, dotato di
capacit deformativa in campo plastico, previsto dallEurocodice 8 parte 3
previsto per gli edifici in c.a. esistenti .
MODELLO EC08-k=1: il modello di capacit con effetto degradante
della resistenza tagliante del pilastro in c.a. sotto azione ciclica, privo di
capacit deformativa in campo plastico, previsto dallEurocodice 8 parte 3
per gli edifici in c.a. esistenti.
I risultati delle verifiche sono riassunte nei seguenti grafici, dove si indicato con:
- 100 . % x
pilastri totale n
fragili pilastri n
fragili elem

=
- 100 % x
pilastri totale n
fragile crisi a soggetti pilastri n
fragile crisi assoluta

=
- 100 % x
fragili pilastri n
fragile crisi a soggetti pilastri n
fragile crisi relativa

=












Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


243

PUSHOVER N.ro 1 - Fx(+) Modo +Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8

c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili

PUSHOVER N.ro 2 - Fx(-) Modo +Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili


PUSHOVER N.ro 5 - Fx(+) Massa +Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili

PUSHOVER N.ro 6 - Fx(-) Massa +Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili

Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


244
PUSHOVER N.ro 9 - Fx(+) Modo -Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili

PUSHOVER N.ro 10 - Fx(-) Modo -Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili


PUSHOVER N.ro 13 - Fx(+) Massa -Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili

PUSHOVER N.ro 14 - Fx(-) Massa -Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


245
PUSHOVER N.ro 3 - Fy(+) Modo +Ecc 5%
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8

c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili

PUSHOVER N.ro 4 - Fy(-) Modo +Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8

c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili


PUSHOVER N.ro 7 - Fy(+) Massa +Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili

PUSHOVER N.ro 8 - Fy(-) Massa +Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


246
PUSHOVER N.ro 11 - Fy(+) Modo -Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili

PUSHOVER N.ro 12 - Fy(-) Modo -Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili


PUSHOVER N.ro 15 - Fy(+) Massa -Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili

PUSHOVER N.ro 16 - Fy(-) Massa -Ecc 5%:
CARATTERIZZAZIONE ELEMENTI (PILASTRI) FRAGILI
0%
10%
20%
30%
40%
50%
60%
70%
80%
90%
100%
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
1
N
T
C
0
8
c
t
g
q
=
2
,
5
E
C
8

k
=
0
,
7
5
m
=
5
E
C
8

k
=
1

m
=
0
%elem.fragili
%assoluta crisi fragili
%relativa crisi fragili


Capitolo 4: Edificio di studio - La fase di valutazione
__________________________________________________________________
__________________________________________________________________


247
Le verifiche eseguite evidenziano che:
Per i modelli NTC08-ctg=1 e EC08-k=0,75 tutti i pilastri sono classificabili
Fragili.
i modelli NTC08 ctg=2,5 e EC08-k=1 classificano quasi lo stesso numero
di numero di pilastri Fragili.
Per lazione sismica agente secondo lasse minore della sezione del generico
pilastro (pushover secondo asse globale y), per la quasi totalit dei pilastri
classificabili fragili indipendentemente dal modello considerato, risulta una
capacit di taglio inferiore alla richiesta di taglio.
Il fatto che i due modelli di capacit dellEC8 forniscano risultati contrastanti
con il tipo di modello che rappresentano (maggior numero di pilastri fragili per
il modello dotato di capacit deformativa in campo plastico e minor numero di
pilastri fragili per il modello privo di capacit deformativa in campo plastico) fa
presumere che il modello di capacit a taglio pi rappresentativo intermedio
tra i due, cio con valori di k compresi tra (0,75;1), corrispondente alla
situazione (b) della fig. 2.13.

Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
Capitolo 5. La fase di adeguamento e valutazione
dei costi
5.1 INTRODUZIONE
Il processo di adeguamento sismico degli edifici esistenti uno dei pi diffusi ed
efficaci approcci tesi alla mitigazione del rischio sismico. Il progetto di
adeguamento deve prevedere interventi finalizzati ad incrementare la capacit
della struttura e renderla almeno pari alla domanda che il moto sismico del suolo
produce e si propone come scopo ultimo quello di ridurre la vulnerabilit
delledificio ad un livello accettabile.



La maggior parte del patrimonio edilizio esistente nelle aree a maggior rischio
sismico, tra cui lItalia, risulta al di sotto degli standard minimi richiesti dalle pi
moderne normative e delle conoscenze attuali. In tali aree la definizione di
tecniche e strategie per ladeguamento del costruito costituisce una tematica di
notevole interesse per la comunit tecnico-scientifica.
Lo stato di conoscenze attuali dellingegneria sismica raggiunge livelli
soddisfacenti, nel senso che le nuove strutture costruite nelle regioni ad elevato
rischio sismico possiedono un margine di sicurezza tale da garantire, per queste
__________________________________________________________________

248
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

249
costruzioni, prestazioni accettabili quando soggette ad un terremoto di intensit
pari a quello di progetto.
Questi enormi progressi non sono stati per sufficienti a ridurre le perdite, in
termini economici e sociali, a livelli accettabili. Basta pensare ai ripetuti eventi
sismici di significativa intensit che hanno recentemente colpito il territorio
italiano (1968 Valle del Belice, 1976 Friuli, 1980 Irpinia, 1997 Umbria e Marche,
2002 Molise e 2009 Abruzzo) causando numerose vittime e danni ingenti al
patrimonio edilizio, produttivo ed infrastrutturale del nostro paese.
Nella normativa tecnica italiana stato introdotto un metodo esplicito per
affrontare il tema della sicurezza degli edifici esistenti nei confronti dellazione
sismica solo con le normative di recente pubblicazione, a partire dallOrdinanza
3274 e recepita al D.M. 14/01/2008 in cui sono stati ulteriormente definiti i
concetti di intervento di adeguamento e di intervento di miglioramento, gi
introdotti con il D.M.LL.PP. 16/01/96.
Con il termine adeguamento si intende lesecuzione di un complesso di opere
sufficienti per rendere ledificio atto a resistere alle azioni sismiche di
normativa; con il termine miglioramento si intende lesecuzione di una o pi
opere riguardanti i singoli elementi strutturali o parti delledificio, per
conseguire un maggior grado di sicurezza, pur senza necessariamente
raggiungere i livelli richiesti dalla normativa antisismica vigente e senza,
peraltro, modificare in maniera sostanziale il comportamento globale della
struttura.
Dunque, nel primo caso occorre condurre uneffettiva valutazione del livello di
sicurezza raggiunto, mentre, nel secondo, una tale valutazione pu essere omessa.
Un intervento di adeguamento, risulta certamente pi efficace ed il cui
approccio metodologico tiene in esplicita considerazione tutte le variabili
coinvolte nel problema della sicurezza sismica delle costruzioni esistenti (livelli
dellazione sismica, valutazione della sicurezza delledificio adeguato e non
adeguato).
Le NTC08 e lEurocodice 8, introducono anche il concetto di intervento locale o
riparazione. In tal caso il progetto e la valutazione della sicurezza potranno essere
riferiti alle sole parti o elementi interessati e non fatto obbligo di collaudo
strutturale.
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

250
In maniera pi generale, il fib Bulletin n24, definisce i seguenti termini:
Riabilitazione: ricostruzione o rifacimento di parti danneggiate
delledificio, tese ad ottenere lo steso livello funzionale che ledificio
aveva prima del danno.
Ristrutturazione: ricostruzione o rifacimento di qualsiasi parte di un
edificio esistente, dovuta ad un cambio di destinazione duso o di
occupazione. In genere il termine viene utilizzato per indicare modifiche
di ordine estetico o architettonico, piuttosto che strutturale.
Riparazione: ricostruzione o rifacimento di qualsiasi parte di un edificio
esistente, mirate ad ottenere lo stesso livello di resistenza e/o duttilit che
ledificio, o un suo elemento, aveva prima del danno.
Consolidamento: azione tesa ad incrementare la resistenza o la stabilit
della struttura o dei suoi componenti.
Adeguamento: concetto che include consolidamento, riparazione e
ristrutturazione; unazione tesa a modificare la funzionalit o la forma
della struttura o dei suoi componenti e a migliorarne le prestazioni future.
Si riferisce in particolar modo al rinforzo della struttura contro le azioni
indotte dal sisma in modo da minimizzare i danni.
5.2 INQUADRAMENTO GENERALE DELLE CARENZE NEGLI EDIFICI
ESISTENTI
La FEMA 547 Techniques for the Seismic Rehabilitation of Existing Buildings
(2006), individua otto categorie principali in cui possono essere raggruppate le
carenze di edifici esistenti, in relazione al loro comportamento sismico:
1. Resistenza globale: una carenza di resistenza usuale negli edifici esistenti
ed dovuta ad una totale mancanza di progettazione sismica o ad una
progettazione secondo le vecchie norme e quindi per azioni sismiche
molto inferiori a quelle indicate dalle attuali norme. Tuttavia solo
raramente questa rappresenta lunica mancanza ed occorre condurre analisi
pi approfondite per identificare problemi che non possono essere risolti
solo con un aumento della resistenza.
2. Rigidezza globale: sebbene resistenza e rigidezza siano spesso determinate
dai soliti elementi o dalle stesse tecniche di adeguamento sismico, esse
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

251
sono tipicamente analizzate separatamente. Valgono le stesse
considerazioni fatte per il punto precedente.
3. Conformazione: questa categoria riguarda le irregolarit di conformazione
che penalizzano in maniera sostanziale il comportamento della struttura.
Al contrario di quanto accade nella progettazione delle nuove strutture,
negli edifici esistenti tali irregolarit venivano prese in considerazione solo
raramente e di conseguenza, molto spesso, richiedono interventi mirati alla
riduzione di tali irregolarit.
4. Trasferimento delle forze: la risposta dinamica delle strutture d luogo ad
un insieme di forze inerziali che devono essere equilibrate da un sistema di
forze tridimensionale attraverso lintero sistema strutturale. La presenza di
elementi deboli e fragili lungo il percorso di carico pu interrompere il
flusso delle forze ed originare crisi dellintero sistema strutturale.
5. Particolari costruttivi: lidentificazione di eventuali problemi di dettaglio
necessaria per la valutazione della tecnica di adeguamento simico pi
adatta. Se gli elementi che necessitano di intervento sono pochi ed isolati,
allora spesso conveniente agire localmente su di essi lasciando invariato
il sistema strutturale adibito alla resistenza alle azioni orizzontali.
Viceversa, se la carenza strutturale estesa ad un gran numero di elementi
pu essere opportuno intervenire a livello globale, andando a modificare il
sistema strutturale resistente alle azioni orizzontali.
6. Diaframmi: il principale scopo dei diaframmi orizzontali, nel
comportamento sismico, quello di ripartire le azioni orizzontali fra i vari
elementi resistenti . la presenza di diaframmi orizzontali sufficientemente
rigidi e resistenti necessaria per garantire la distribuzione delle forze
inerziali tra gli elementi di controvento. Le strutture che presentano
diaframmi che coprono luci elevate e collegano elementi verticali molto
lontani possono risultare eccessivamente sollecitati a flessione o taglio, ed
esibire comportamenti inelastici non considerati in fase di progetto e che
possono condurre a comportamenti strutturali non previsti
7. Fondazioni: interventi sulle opere fondali possono essere necessari per
incrementare la capacit portante del complesso terreno-fondazione a
seguito di aggiunta di nuovi elementi della sovrastruttura, come shear
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
walls (pareti a taglio) o controventi o per cedimenti del terreno. Interventi
sulle fondazioni esistenti sono molto costosi, fortunatamente risultano
essere anche gli elementi meno vulnerabili essendo stati rilevati
relativamente pochi danni, in termini di vite umane e danni materiali alle
cose, derivanti da carenze del sistema di fondazioni.
8. Altre carenze: problemi che non rientrano nelle categorie precedenti.
Problemi geologici, interazioni con edifici adiacenti e altri problemi che
difficile da classificare in una precisa categoria, ma che dipendono da ogni
caso specifico di studio.
5.3 STRATEGIE DI ADEGUAMENTO
Per strategia di adeguamento si intende generalmente lapproccio base adottato
per migliorare la probabile prestazione sismica di un edificio.

Fig. 5.1 Schema del progetto di adeguamento

Si dicono sistemi, invece, le specifiche tecniche che possono adottarsi per
realizzare una particolare strategia (ATC 40, 1996). Tra le strategie poi utile
distinguere le cosiddette strategie tecniche, volte ad incrementare la capacit
delledificio di resistere al sisma e/o a ridurre la domanda, dalle strategie di
gestione che attengono, invece, pi in generale, alle modalit operative e
logistiche in cui ciascun intervento pu essere implementato ed alla gestione,
appunto, delledificio nel suo complesso ( in questo gruppo che, ad esempio,
opportuno inserire anche la demolizione come possibile strategia da perseguire).
__________________________________________________________________

252
Nella tabella 5.1 sono riassunte, le principali strategie tecniche (con lindicazione
in parentesi di possibili sistemi utili ad attuarle) e di management.
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi

Tabella 5.1 Strategie tecniche e di gestione per ladeguamento sismico (come in
ATC 40, 1996)

Lo scopo di un intervento di adeguamento sismico quello di assicurare che la
capacit della struttura adeguata sia superiore alla domanda imposta dal sisma
(mutata anchessa rispetto alla struttura originale a causa dellintervento di
adeguamento). Raggiungere questo obiettivo per spesso un percorso di
notevole difficolt. Nella pianificazione del progetto di adeguamento spesso
utile valutare per prima cosa le strategie e i concetti a carattere generale che
possono portare a soddisfare gli obiettivi prestazionali stabiliti, quindi selezionare
i sistemi che meglio si adattano alle strategie scelte e alla struttura in esame ed
infine definire i dettagli costruttivi del sistema scelto.
Due possono essere le strategie, cio gli approcci base che possono essere seguiti
per ottenere un certo livello di prestazione antisismica:
a) Incremento della Capacit prestazionale;
b) riduzione della domanda prestazionale
La progettazione di un intervento di adeguamento volto ad aumentare la capacit
sismica pu essere, in generale, orientato secondo tre diverse filosofie: come
illustrato graficamente in Fig. 5.2 (Fugano, 1996), un intervento strutturale pu
essere teoricamente teso ad aumentare solo la duttilit (a), solo la resistenza (b) o
entrambi tali caratteristiche globali delledificio

__________________________________________________________________

253
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi

Fig. 5.2 Diverse modalit di incremento della capacit
Sismica di una data struttura (Fugano, 1996)


Con riferimento alla curva di capacit ottenuta da unanalisi statica non lineare su
un edificio esistente, gli effetti dellintervento di adeguamento possono essere
rappresentati dalla fig.5.3

Fig. 5.3 Strategie alternative di adeguamento sismico

La progettazione di un intervento di adeguamento volto ad ridurre la domanda
prestazionale pu ottenersi mediante le seguenti tecniche:
- Isolamento sismico;
- Dissipazione passiva;
- Riduzione della massa;
- Incremento della rigidezza (solo per edifici gi particolarmente rigidi, su cui la
riduzione del Periodo proprio provoca una riduzione della richiesta di
spostamento)
Oltre alla classificazione precedente, gli interventi di adeguamento si distinguono
ancora in locali o globali, in relazione allentit dellintervento; in selettive o
multiple, in relazione allinfluenza su uno o pi aspetti del comportamento
strutturale (ad esempio resistenza, rigidezza o duttilit).
__________________________________________________________________

254
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

255
La maggior parte delle tecniche di adeguamento modifica allo stesso tempo,
intenzionalmente o meno, pi di una propriet dei parametri caratterizzanti la
risposta dellelemento (resistenza, rigidezza, duttilit, capacit di dissipazione
dellenergia).
5.4 CRITERI DI SCELTA DELLA TECNICA DI ADEGUAMENTO
La soluzione pi idonea da adottare per il processo di adeguamento di un edificio
in c.a. esistente funzione di molti parametri quali ad esempio:
- la tipologia strutturale delledificio;
- se riveste un ruolo strategico in caso di evento sismico;
- dalle conseguenze economiche in caso di interruzione delle sue funzioni;
- dal valore storico-artistico-architettonico, ecc
Tali fattori possono imporre dei limiti su uno o pi parametri di risposta della
struttura come gli stati tensionali, le deformazioni, gli spostamenti, le
accelerazioni, ecc.
La scelta del sistema e il relativo livello di intervento costituiscono una procedura
piuttosto complessa, perch funzione di molti fattori di natura diversa.
Alcune strategie generali che possono essere adottate in un processo di
adeguamento sono la limitazione o la variazione dellutilizzo dell'edificio, la
parziale demolizione e/o riduzione di massa, laggiunta di nuovi sistemi che
incrementano la resistenza ai carichi laterali, la trasformazione di elementi non
strutturali in strutturali, la modifica locale o globale (Rigidezza, resistenza e
duttilit), di elementi e del sistema. In aggiunta possono essere utilizzate strategie
pi moderne come lisolamento alla base, il posizionamento di sistemi di
dissipazione passiva, ecc... A queste va aggiunta anche lalternativa di non
intervento o demolizione se qualunque strategia di adeguamento risulta essere
eccessivamente costosa o molto invasiva. In tal caso per lalternativa di non
intervento deve sempre garantire la salvaguardia delle vite umane sotto
unassegnata azione sismica attesa.
Da un punto di vista tecnico, la selezione dei tipo e del livello di intervento deve
essere compatibile con il sistema strutturale esistente, con i materiali previsti per
ladeguamento e con le tecnologie disponibili in loco.
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

256
Ulteriori fattori da ben ponderare riguardano i possibili danni che potrebbero
investire i componenti non strutturali e le conseguenze derivanti
dalladeguamento sul sistema fondale, in termini di capacit portante del
complesso terreno-fondazione. E necessario valutare in modo dettagliato gli
effetti delladeguamento in termini di variazioni della regolarit strutturale, di
rigidezza, di resistenza e duttilit .
Thermou&Elnashai (Seismic retrofit schemes for RC structures and localglobal
Consequences- G.E. Thermou1 and A. S. Elnashai 2005) consigliano di impostare
il progetto di adeguamento di un edificio esistente procedendo per fasi.
La prima fase quella relativa ad unattenta valutazione delledificio allo stato
attuale, con il raggiungimento di adeguati livelli di conoscenza, come gi descritto
nei capitoli precedenti e come richiedono orami tutte le normative sismiche.
Terminata al fase di valutazione, lobbiettivo della riabilitazione delledificio
fissato in base ad un livello prestazionale (in termini di danno accettabile) da
raggiungere. Lobiettivo prestazionale dell'edificio pu essere descritto
qualitativamente in termini di sicurezza degli occupanti durante e dopo l'evento, di
costo e fattibilit del ripristino della costruzione nelle condizioni precedenti al
sisma, di tempo che ledificio pu rimanere inagibile, di aspetti di tipo economico,
architettonico o storico, e pi in generale di impatto che la fase di adeguamento ha
sulla comunit .
Si sviluppa poi un progetto preliminare di adeguamento (scegliendo una o pi
strategie di intervento) e analizzandone i risultati se coerenti agli obiettivi
prestazionali stabiliti.
Vengono effettuate distinte valutazioni per ogni combinazione di obiettivi
prestazionali imposti all'edificio e per un determinato rischio sismico specificato
nellobiettivo prestazionale selezionato. Se il progetto di adeguamento non
coerente con i criteri fissati per l'obiettivo scelto, gli interventi devono essere
riprogettati o modificare la strategia di intervento.
5.5 TECNICHE DI INTERVENTO LOCALE
Interventi di adeguamento locale di elementi isolati del sistema strutturale e non
strutturale hanno lo scopo di aumentare la loro capacit deformativa evitando che
essi raggiungano il proprio stato Limite prima che ledificio pervenga al livello
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
prestazionale richiesto inteso, questultimo, come livello di danneggiamento delle
membrature e/o degli elementi secondari, che possono essere raggiunti, o non
superati, quando la struttura soggetta allazione sismica, identificata in genere
con parametri quali laccelerazione di picco al suolo.
Tecniche di intervento locale possono essere applicati a gruppi di elementi che
mostrano carenze strutturali e dalla combinazione di pi tecniche di intervento
locale si pu ottenere il richiesto comportamento prestazionale delledificio sotto
un determinato input sismico di progetto.
5.5.1 Iniezioni di malta a ritiro compensato o resina epossidica
Nel caso di intervento su un elemento danneggiato, se il danno viene valutato di
entit limitata, possibile scegliere una tecnica di riparazione, piuttosto che
rafforzamento.
Se i danni sono di maggiore entit, caratterizzati ad esempio da parti del nucleo in
calcestruzzo racchiuso dalle staffe distrutte, e/o da barre dellarmatura
longitudinale fratturate o instabilizzate, non possibile recuperare completamente
le sue originali caratteristiche di resistenza e capacit deformativa con un
intervento di semplice riparazione; in tal caso, viene generalmente preferita una
tecnica di incamiciamento dellelemento.
Liniezione con malta a ritiro compensato o resina epossidica un metodo molto
versatile ed economico per la riparazione di elementi in cemento armato
danneggiati(fig.5.4).

Fig. 5.4 Applicazione di resina epossidica per la riparazione di elementi fessurata (Fib
bulletin 24 -2003)

L' efficacia del processo di riparazione dipende dalle propriet del materiale, in
particolare la viscosit, a penetrare nelle fessure sotto una determinata pressione.
__________________________________________________________________

257
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
Le lesioni da taglio e flessione sono prevalentemente continue e quindi non creano
ostacoli alla diffusione della miscela nellelemento, a differenza delle fessure
generate dalla perdita di aderenza tra barre di armatura e calcestruzzo che
generalmente risultano strette e discontinue.
Le iniezioni con resina epossidica risultano efficaci per riparare elementi con
fessure di ampiezza inferiore ai 5-6 mm. Per spessori maggiori pi indicato
procedere con iniezioni a base di malta espansiva (fig.5.5).

(a) (b)
Fig. 5.5 (a) Iniezione con pompante a bassa pressione di malta, in una parete in c.a. (b)
Riparazione di un nodo Trave-colonna con resina epossidica
Prove di flessione e di push-off eseguite su elementi in c.a. risanati con iniezioni
di resina, hanno evidenziato il ripristino della resistenza flessionale e tagliante
dellelemento.
5.5.2 Spritz-beton (Shotcrete)
E una tecnica di riparazione o di rinforzo di strutture in c.a. e muratura (fig.5.6).
Lo "Spritz Beton" o "Shot Concrete" pu essere assimilato ad un calcestruzzo
particolare, che viene proiettato, grazie ad una spinta pneumatica, su supporti di
diverse geometrie, in particolare a sviluppo verticale ed a volta. Si tratta di
miscele caratterizzate da "mix design" estremamente curati, con elevato dosaggio
di cemento, ridotto rapporto a/c, ridotto diametro massimo degli aggregati e
composizione granulometrica continua. Gli additivi giocano un ruolo
fondamentale nella realizzazione di questi impasti: iperfluidificanti (basso
rapporto a/c e minor porosit capillare), acceleranti (velocit di rapprendimento in
ambienti umidi e grondanti di acqua da infiltrazioni) base alcali free o silicati,
tixotropici (aumento della adesione e della coesione della massa) fibre di rinforzo
(polipropileniche, poliolefiniche, e fibre di acciaio) e soprattutto
impermeabilizzanti.
__________________________________________________________________

258
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
E una tecnica che pu essere utilizzata anche in combinazione con altri sistemi di
rinforzo (ad esempio ringrossi di pareti).

Fig. 5.6 Consolidamento di superfici con Spritz-beton

Possibili inconvenienti possono essere:
- scarsa adesione dello calcestruzzo con la superficie
- possibili scorrimenti tra vari strati di calcestruzzo spruzzato;
- non idonea penetrazione del calcestruzzo dietro le armature metalliche;
Affinch la tecnica dia buoni risultati necessario dosare la giusta velocit di
impatto e la distanza ottimale reciproca tra supporto da trattare e iniettore.
5.5.3 Incamiciatura in acciaio
Questa tecnica, adattabile sia ai pilastri che alle travi rapida ed efficace nel caso
vi sia necessit di utilizzare subito una struttura danneggiata da un sisma o si tema
il collasso strutturale (fig. 5.7). stata ad esempio spesso applicata come una
misura non ingegneristica a costruzioni da leggermente a moderatamente
danneggiate, o per intervenire sui pilastri durante limmediato periodo post-
sismico e comunque con lo scopo di consentire limmediata abitabilit
delledificio. In questo modo si rimanda leffettivo intervento di adeguamento al
periodo successivo e le incamiciature in acciaio potranno essere lasciate o spesso
anche rimosse
Il comportamento per certi versi analogo a quello delle strisce in FRP:
incrementare la resistenza a taglio, la duttilit e ridurre la crisi per sfilamento delle
armature attraverso un notevole aumento delleffetto di confinamento. Per quanto
riguarda il comportamento meccanico, la loro principale differenza consiste nel
fatto che, poich lacciaio isotropico, in grado di espletare la propria influenza
in termini di rigidezza e resistenza anche nella direzione longitudinale
__________________________________________________________________

259
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
dellelemento. Quindi lincamiciatura in acciaio consente anche di incrementare la
resistenza e la rigidezza flessionale.
Analogamente alla incamiciatura in c.a., per ottenere un sostanziale incremento
della prestazione dellelemento in questi due ultimi termini, necessario
prevedere un adeguato sistema di connessione con gli elementi del telaio e
continuo da piano a piano. In questo senso va detto che lincamiciatura in acciaio
non una tecnica pensata per incrementare la resistenza flessionale; infatti,
assicurare la continuit alla fine degli elementi e fra i vari piani, seppure non cos
difficile come nel caso dellincamiciatura con FRP, non di facile attuazione.
Inoltre, anche se si riuscisse ad assicurare un corretto collegamento fra gli
elementi e fra i piani, gli spessori sottili dei piatti di acciaio sono soggetti ad
elevato rischio di instabilit a causa dei carichi ciclici indotti dal sisma.

Fig. 5.7 Incamiciatura in acciaio: a) e c) incamiciatura con piatti; b) incamiciatura con
calastrelli (G.E.Thermou & S.Elnashai-Seismic Retrofit schemes for RC structures and
local-global consequences)

Sicuramente lincamiciatura con piatti sottili in acciaio (Fig.5.7 a) pi efficace e
facile da installare intorno a pilastri con sezione circolare. In questo caso, infatti,
generalmente costituita da due parti di sezione semicircolare, adattate il pi
possibile alla forma del pilastro e saldate lungo i punti di contatto verticali (fig.
5.8a). I pochi millimetri di spazio che possono essere rimasti fra lelemento
preesistente e la camicia in acciaio sono riempiti con malta antiritiro. Tale sistema
__________________________________________________________________

260
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
risultato talmente efficace che stato spesso utilizzato anche per interventi su
elementi con sezioni rettangolari o quadrate.

Fig. 5.8 a) Incamiciatura di una pila di ponte con piatti b) incamiciatura di un pilastro con
calastrelli ed angolari

Chiaramente nel primo caso la camicia in acciaio di forma ellittica. In ogni caso
necessaria una discreta quantit di malta per riempire lo spazio vuoto che in
questo modo si viene a creare fra i vari componenti.
Nel caso del cemento armato, i pilastri sono generalmente di sezione quadrata o
rettangolare e quasi sempre si preferisce non intervenire con sezioni ellittiche o
circolari della camicia in c.a., sia per motivi pratici che soprattutto estetici ed
architettonici. In tal caso si fa tipicamente ricorso a profili angolari disposti ai
quattro angoli, su cui vengono saldati o un piatto fine e continuo in acciaio(Fig.5.7
c) o elementi orizzontali sempre in acciaio saldati secondo la schema tipico delle
aste calastrellate (Fig.5.7 b e 5.8b).
Per aumentare leffetto di confinamento, le calastrellature vengono in genere
messi in opera preriscaldandoli a temperature comprese fra i 200 ed i 400C, in
modo da sfruttare leffetto di ritiro dellacciaio a raffreddamento avvenuto.
Il Fib Bullettin, riporta i seguenti effetti indotti dalla tecnica di adeguamento con
incamiciatura in acciaio, dedotti da una serie di studi sperimentali e statistici:
non condiziona il momento resistente del pilastro;
offre sostanziali benefici dal punto di vista della resistenza a taglio;
non incrementa la rigidezza elastica dellelemento;
__________________________________________________________________

261
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

262
non incrementa sensibilmente la capacit deformativa dellelemento, visto
che tale parametro governato dalla flessione.
Pertanto, lincamiciatura in acciaio pu essere utilizzata per incrementare la
resistenza a taglio ed eliminare le crisi per sfilamento dellarmatura, senza
riscontrare particolari benefici in termini di resistenza flessionale, rigidezza e
capacit deformativa del pilastro originale. Nel corso degli anni, questa tecnica
stata utilizzata moltissimo per rinforzare elementi in c.a., a causa della semplice
tecnologia e della familiarit di ingegneri e costruttori con lacciaio. Tuttavia, i
vantaggi della leggerezza e della facilit di installazione, caratteristici della
tecnica di intervento con fasciature in FRP, hanno privilegiato laffermazione di
questultimo sistema, sebbene pi costoso, su quello pi tradizionale
dellincamiciatura in acciaio, almeno per quanto concerne il costo di
installazione..
5.5.4 Consolidamento con materiali compositi: FRP
I materiali fibrorinforzati a matrice polimerica (FRP) a fibre continue, sono
materiali compositi costituiti da fibre di rinforzo immerse in una matrice
polimerica. Questi sono disponibili in diverse geometrie quali le lamine pultruse,
utilizzate per il rinforzo di elementi dotati di superfici regolari, ed i tessuti
(uniassiali o multiassiali) che si adattano ad applicazioni su elementi strutturali
con forme geometriche pi complesse. I tessuti vengono applicati sullelemento
da rinforzare mediante resine che svolgono la funzione sia di elemento
impregnante che di adesivo al substrato interessato.
5.5.4.1 Componenti
Nei compositi fibrorinforzati le fibre svolgono il ruolo di elementi portanti sia in
termini di resistenza che di rigidezza, mentre la matrice, oltre a proteggere le
fibre, funge da elemento di trasferimento degli sforzi tra le fibre ed eventualmente
tra queste ultime e lelemento strutturale a cui il composito stato applicato.
5.5.4.2 Fibre
Le fibre pi usate per la produzione di compositi per il rinforzo strutturale sono
quelle di vetro, di carbonio e le fibre arammidiche. Negli ultimi anni si stanno
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
imponendo nel campo dellingegneria strutturale anche le fibre in PBO
(Poliparafenilenbenzobisoxazolo). Sviluppate dalla TOYOBO Co. giapponese
precisamente con il nome di Pbo Zylon sono state inizialmente introdotte nel
campo militare (vestiario antiproiettile) nel 1998 e solo negli ultimi anni iniziata
la sperimentazione nel campo dellingegneria civile. Questa fibra presenta
tenacit, modulo, resistenza allabrasione, al taglio ed ai raggi UV di gran lunga
superiori a qualsiasi fibra Aramidica oltre ad avere anche una elevata resistenza
alla fiamma ed al calore.
Tutte queste eccezionali caratteristiche meccaniche e fisiche si arricchiscono
ancora di pi per il fatto che la fibra in PBO possiede una ottima stabilit ed un
bassissimo assorbimento in ambiente umido (0.6%).
Nonostante queste caratteristiche rimane una fibra morbida e molto malleabile, di
peso leggerissimo ma di costo elevato.
Nella tabella 5.2 sono mostrate le caratteristiche fisico-meccaniche delle varie
fibre.

Tabella 5.2 Confronto tra le propriet fisico-meccaniche delle fibre

__________________________________________________________________

263
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi

Tabella 5.3 Legami costitutivi delle fibre a confronto

I tessuti per il rinforzo strutturale sono comunemente distribuiti allo stato secco ed
in rotoli, da utilizzare per limpregnazione in cantiere con apposite resine.
Possono essere unidirezionali, con le fibre tutte orientate nella direzione della
lunghezza e tenute insieme da un trama leggera di tipo non strutturale; biassiali,
costituiti da una tessitura trama-ordito ortogonale di solito bilanciata (stessa
percentuale di fibre nelle due direzioni); multiassiali, con fibre orientate in diverse
direzioni del piano.
5.5.4.3 Matrici
Le matrici pi utilizzate per la fabbricazione dei compositi fibrorinforzati sono
quelle polimeriche a base di resine termoindurenti. Tali resine sono disponibili in
forma parzialmente polimerizzata e si presentano liquide o pastose a temperatura
ambiente. Per miscelazione con un opportuno reagente esse polimerizzano
(reticolano) fino a diventare un materiale solido vetroso; la reazione pu essere
accelerata agendo sulla temperatura.
Le resine termoindurenti pi diffuse nel settore civile sono le epossidiche. Sono
anche impiegate le resine poliestere o vinilestere.
5.5.4.4 Adesivi
Gli adesivi svolgono la funzione di collegamento e trasferimento delle forze tra
lelemento da rinforzare ed il composito. La funzionalit degli adesivi dipende
__________________________________________________________________

264
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

265
molto dal tipo di trattamento superficiale eseguito prima della loro applicazione
mediante unadeguata preparazione del substrato e pu essere alterata dalle
condizioni ambientali, quali lumidit, il gelo, o le alte temperature (resistenza al
fuoco).
5.5.4.5 Sistemi di rinforzo
I sistemi di FRP idonei per il rinforzo esterno di strutture possono essere
classificati in due categorie principali.
Sistemi preformati
Sono costituiti da componenti di varia forma preparati in stabilimento mediante
pultrusione o laminazione. I compositi preformati sono utilizzabili sia per il
rinforzo esterno incollati allelemento strutturale da rinforzare o come elementi
interni di rinforzo (barre per strutture di calcestruzzo armato) in totale o parziale
sostituzione delle armature tradizionali in acciaio o barre per il rinforzo
superficiale (ad esempio barre installate in prossimit della superficie). In
entrambi i casi questi materiali compositi sono caratterizzati da una disposizione
unidire-zionale delle fibre presenti in frazioni volumetriche che variano tra il 50%
e il 70%.
Sistemi impregnati in situ
Sono costituiti da fogli di fibre unidirezionali o multidirezionali o da tessuti che
sono impregnati con una resina, la quale funge anche da adesivo con il substrato
interessato (es. calce-struzzo, muratura, ).
Nel caso di sistemi impregnati in situ non possibile stimare a priori, con
sufficiente accuratezza, lo spessore finale del laminato, ed perci consigliabile
fare riferimento alle propriet meccaniche ed allarea resistente del tessuto secco,
basandosi sui dati forniti nelle schede tecniche.
Lutilizzo di materiali compositi per la riabilitazione di strutture civili pu avere i
seguenti scopi:
incrementare la resistenza flessionale e la rigidezza;
incrementare la resistenza assiale;
incrementare la resistenza a taglio e torsione;
incrementare la duttilit e la capacit di spostamento.
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
Dei quattro punti quello pi tipico dellingegneria sismica lultimo. Ci
nonostante possibile sfruttare i primi tre punti al fine di aumentare la duttilit
strutturale, eliminando meccanismi di collasso locale. Ad esempio lincremento
della resistenza a taglio pu spostare il tipo di crisi da fragile a duttile, cio ad una
crisi di tipo flessionale; lincremento della resistenza a flessione e compressione
delle colonne permette lapplicazione dei moderni principi di gerarchia delle
resistenze. Inoltre questi materiali possono essere utilizzati direttamente per
aumentare la duttilit locale, migliorando la capacit resistente a compressione del
cls attraverso il confinamento delle cerniere plastiche e delle sezioni di estremit
delle colonne

Fig. 5.9 a) Confinamento di colonne e rinforzo di nodi trave-colonna b) Rinforzo a taglio di
colonne [Di Ludovico et al. 2008]

Tutto ci possibile incrementando lazione di confinamento che, come noto, pu
aumentare la resistenza e la duttilit del cls, prevenendo inoltre i fenomeni di
debonding (perdita di aderenza) e di buckling (instabilit delle armature
longitudinali).
Gli FRP possono essere utilizzati con strati di tipo attivo o passivo o con una
combinazione dei due. Come per i rivestimenti in acciaio, quelli passivi entrano in
funzione solo in presenza di una dilatazione trasversale dellelemento rinforzato;
viceversa quelli di tipo attivo, ottenuti ad esempio con una pretrazione del
__________________________________________________________________

266
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

267
rivestimento, forniscono una compressione laterale indipendentemente dalla
condizione di carico. I sistemi di tipo attivo si ottengono applicando una trazione
alle lamine durante lavvolgimento con un sistema automatico, oppure adottando
malta espansiva o resina in pressione. Si deve comunque considerare che gli FRP
possono presentare crisi prematura in presenza di elevati stati tensionali anche
locali. Gli obiettivi raggiungibili con lutilizzo dei materiali FRP possono essere
raggruppati in due grandi categorie:
1. aumento della duttilit locale e globale e della capacit di deformazione
favorendo meccanismi di crisi duttile. Questo pu implicare cambiamenti
sul tipo di cerniera plastica, da taglio a flessione, e/o sulla localizzazione
delle stesse allinterno della struttura;
2. aumento della duttilit locale e della capacit di deformazione delle
cerniere plastiche potenzialmente gi localizzate.
La differenza consiste nel fatto che nel primo caso il progettista pu agire sia sul
tipo che sulla localizzazione delle cerniere plastiche, mentre nel secondo caso no.
Le tecniche di intervento con FRP possono essere raggruppate nelle seguenti
categorie:
1. modifica della modalit di crisi da taglio a flessione;
2. eliminazione delle crisi per sfilamento dellarmatura;
3. rinforzo dei muri di tamponamento;
4. interventi a piena scala;
La prima categoria finalizzata a favorire crisi di tipo duttile eliminando crisi
fragili a taglio e forzando la formazione di cerniere plastiche duttili.
La seconda, al contrario, cerca di aumentare la duttilit delle cerniere plastiche
potenziali, quindi gi localizzate, seguendo un approccio riconducibile alla
seconda delle categorie di cui sopra.
La terza invece pi recente. Lidea quella di incrementare la resistenza dei
muri di tamponamento esistenti, rendendoli effettivamente partecipanti nella
risposta strutturale fino al collasso, introducendo possibilit di utilizzo di FRP.
Ci d la possibilit di incrementare la risposta strutturale correggendo le
irregolarit che danno luogo ad indesiderati comportamenti torsionali della
struttura. E importante per tenere presente che forti irregolarit degli edifici (in
termini di resistenza e/o rigidezza) non possono essere sanate con tale tecnica; una
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

268
maggiore regolarit in resistenza pu essere ottenuta rinforzando un numero
ridotto di elementi.
La quarta una somma di tutto quello visto e quindi riconducibile ad entrambe le
categorie.
Questo sistema ha via via sostituito quelli pi tradizionali di incamiciatura in c.a.
o in acciaio, a seguito di una serie di vantaggi legati alle caratteristiche intrinseche
di leggerezza e scarsa invasivit durante e dopo leffettuazione dei lavori.
Nel valutare i costi di utilizzo di un sistema FRP, in confronto con quelli pi
tradizionali sopra menzionati, per necessario prendere in considerazione il
costo del materiale, il livello di specializzazione richiesto, dal progettista
allinstallatore, i costi di altra natura come il temporaneo o meno inutilizzo
delledificio durante la fase di esecuzione dei lavori, e limpatto permanente del
lavoro finale sulle funzionalit delledificio.
In questo senso, seppure il sistema FRP pi costoso rispetto a quelli tradizionali,
pu offrire vantaggi nel caso in cui laccesso allarea sia limitato o quando non si
voglia interrompere lutilizzo delledificio anche durante lesecuzione dei lavori.
Una valutazione globale della migliore soluzione di intervento ottenibile solo
con unanalisi decisionale multicriteria di cui si dar un cenno nei prossimi
paragrafi.
5.5.5 Tecniche di intervento locali con effetti selettivi
Possono presentarsi casi in cui lapproccio migliore per adeguare un edificio
esistente sia quello di agire esclusivamente su determinati parametri, lasciando
inalterati altri. Si parla allora di metodo di intervento selettivo, proposta per la
prima volta da Elnashai (Elnashai AS. Effect of members characteristics on the
response of RC structures. Proceedings of the 10th World Conference on
Earthquake Engineering, Vol. 6,Madrid, Spain, 1992: 32753280).
I parametri fondamentali che governano le risposte strutturali nel campo
anelastico alle azioni trasversali (come ad esempio il sisma) sono: rigidezza,
resistenza e duttilit. Di conseguenza le tecniche di intervento selettive posso
riguardare interventi volti ad incrementare la rigidezza, la resistenza o la duttilit.

Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

269
5.5.5.1 Incremento della sola rigidezza
Un intervento di questo tipo pu essere applicato ad edifici caratterizzati da una
distribuzione delle rigidezze irregolare, dovuta ad approcci progettuali incorretti,
alluso di vecchi ed obsoleti codici normativi od anche alla presenza di particolari
vincoli architettonici. In questa situazione indubbiamente pi conveniente un
approccio progettuale che tenda a modificare esclusivamente la rigidezza degli
elementi strutturali, eliminando tali irregolarit, ma senza intervenire anche sugli
altri parametri. Altrimenti si deve pensare ad un intervento di entit maggiore, che
inevitabilmente si traduce nella necessit di condurre unanalisi globale della
struttura e conseguentemente in costi maggiori in termini di tempo e quindi anche
economici. Si potrebbe ad esempio incrementare la rigidezza di uno o pi pilastri
con dei piatti in acciaio.
Unaltra situazione pu presentarsi quando, dovendo intervenire su una struttura
in c.a. che ha subito un certo livello di danno a seguito di un terremoto leggero, si
riscontra una significativa perdita di rigidezza di alcuni elementi strutturali,
conseguente alla formazione di fessurazioni. In tal caso, lapproccio pi
economico di procedere solo a ripristinare la rigidezza se non si sono verificati
fenomeni di espulsione di calcestruzzo e di instabilit dellarmatura longitudinale
e quindi la resistenza flessionale di tali elementi non risulti compromessa.
5.5.5.2 Incremento della sola resistenza
E noto che edifici esistenti progettati secondo i vecchi codici normativi, molto
spesso non soddisfano il principio di gerarchia delle resistenze.
Potrebbe allora essere auspicabile un intervento teso ad alterare il meccanismo di
formazione delle cerniere plastiche nella struttura, in modo da ricondurre la
modalit di collasso a schemi predeterminati e, se non completamente rispettosi di
tutti i principi applicati dalle attuali normative per gli edifici nuovi, quantomeno
accettabili da un punto di vista strutturale.
Questo richiede un incremento della resistenza di alcuni particolari elementi della
maglia strutturale. Tuttavia, se gli stati limite di servizio sono ancora verificati con
la distribuzione di rigidezza originale, non richiesto un incremento di questo
parametro. Inoltre, un cambiamento delle rigidezze pu portare, in certi casi, alla
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

270
violazione di particolari prescrizioni normative e soprattutto pu richiedere
unanalisi globale ed un nuovo progetto.
5.5.5.3 Incremento della sola duttilit
Questo probabilmente il maggior campo di applicazione delle tecniche di
intervento selettive. I problemi connessi ad un basso livello di duttilit in un
sistema strutturale sono notevoli, visto che questa ha un ruolo fondamentale nel
garantire che la struttura possa deformarsi senza significative perdite di resistenza,
evitando cos il collasso. Come si dir pi avanti, un metodo tradizionale di
intervento quello dellincamiciatura in acciaio. Tuttavia, tale sistema,
generalmente applicato solo ai livelli pi bassi della costruzione, dove attesa una
maggiore richiesta di duttilit; questo porta, inevitabilmente, ad un sostanziale
cambiamento nella risposta globale della struttura allazione sismica, che pu
spesso risultare molto svantaggioso.
Inoltre, un tale cambiamento della rigidezza in elevazione pu causare un
incremento dei pi alti modi di vibrare al contributo deformativo totale, rendendo
assolutamente inadeguato un approccio di analisi basato sulla procedura statica
semplificata.
Tutto questo ha portato a definire una serie di interventi alternativi, in grado di
incrementare la duttilit senza interferire n sulla rigidezza, n sulla resistenza,
scongiurando cos gli effetti negativi sopra descritti.
5.6 TECNICHE DI INTERVENTO GLOBALE
Qualora la strategia di intervento finalizzato a migliorare le caratteristiche di
resistenza, duttilit o rigidezza dellintera struttura, la tecnica di adeguamento si
definisce globale.
5.6.1 Incamiciatura in c.a.
E uno dei metodi di adeguamento pi utilizzato per il rinforzo sismico di edifici
in cemento armato principalmente per i seguenti motivi::
la familiarit degli ingeneri, dei costruttori e degli operai con il campo di
applicazione del cemento armato;
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
la versatilit tipica del cemento armato e la sua caratteristica di riuscire ad
adottare qualsiasi forma desiderata, e quindi la capacit di inglobare
qualsiasi tipo di elemento e di creare unadeguata continuit fra i diversi
elementi;
la possibilit di intervenire contemporaneamente su pi parametri.
Lincamiciatura infatti ancora lunico modo per incrementare allo stesso
tempo la rigidezza, la resistenza flessionale, la resistenza a taglio, la
capacit deformativa, lancoraggio e la continuit dellarmatura nelle zone
critiche. I primi due effetti sono legati allaumento della sezione
trasversale e dellarmatura longitudinale, mentre gli ultimi tre sono
principalmente dovuti allincremento di armatura trasversale, che agisce
direttamente contro il taglio, aumenta il confinamento e riduce il
fenomeno di instabilizzazione dellarmatura longitudinale;
un sistema comune ed effettivamente efficace per trasformare un sistema
strutturale, caratterizzato da trave forte e pilastro debole, con scarse
prestazioni da un punto di vista sismico, in uno pi in linea con il principio
della gerarchia delle resistenze, che prevede pilastro forte e trave debole;
con questa tecnica, a differenza di altre tecniche di intervento locali,
possibile estendere larmatura oltre lelemento ed attraverso i nodi.
Migliora dunque la risposta in termini di continuit strutturale e di
prestazione degli elementi proprio nelle zone pi critiche da un punto di
vista sismico. Proprio in questo caso, tale intervento pu configurarsi
come un intervento di adeguamento globale, se esteso per tutto lo sviluppo
della pilastrata..

Fig. 5.10 Intervento di adeguamento globale con incamiciatura in c.a. [da G.E. Thermou&
A.S. Elnashai,2005]
__________________________________________________________________

271
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

272

Tale tecnica di adeguamento presenta per diversi svantaggi piuttosto pesanti
in rapporto ad altre tecniche di intervento locali e cio :
per ottenere le prestazioni desiderate, generalmente, si deve far ricorso a
sezioni trasversali piuttosto grandi. Ci pu rappresentare un serio
problema di compatibilit con le funzioni delledificio o nel caso di muri e
pilastri in costruzioni dove larea di calpestio minima;
Aumento della massa e conseguentemente dellazione sismica.
peggiore di ogni altra tecnica in termini di invasivit e durata dei lavori,
produzione di polveri e detriti (specialmente se si utilizza la tecnica dello
shotcrete di cui gi si detto), rumore, sicurezza e salute degli operai.
Costruttivamente questa tecnica viene realizzata con uno strato di spessore
variabile, a seconda del caso, di cemento armato generalmente gettato in opera
oppure realizzato tramite shotcrete, attorno allelemento oggetto dellintervento. Il
nuovo strato armato con armatura longitudinale e trasversale in modo del tutto
simile ai nuovi elementi in cemento armato. Chiaramente, per un effettivo
incremento della resistenza flessionale, larmatura deve essere prolungata oltre i
piani, sia sopra che sotto, attraverso fori appositamente creati nella soletta.
Per evitare di forare le travi su tutti i lati della sezione trasversale di contatto fra
queste ed i pilastri, le armature sono concentrate negli angoli della nuova sezione,
spesso in accoppiamento. Invece, lancoraggio alla fondazione della nuova
armatura longitudinale, sempre al fine di ottenere anche un incremento della
resistenza flessionale, pu essere realizzato incrementando la larghezza
dellelemento di fondazione in modo tale da inglobare lincamiciatura; in tal caso
sar gi possibile dimensionare la nuova sezione della fondazione, in modo tale da
resistere allinevitabile aumento di domanda di prestazione.
Un altro sistema consiste nel fissare, attraverso collanti particolari, dei ferri in fori
verticali appositamente creati nella fondazione e collegarvi per sovrapposizione
quelli dellarmatura verticale dellincamiciatura, al di fuori della zona di
plasticizzazione dei pilastri.
Tipicamente, lo spessore della camicia in cemento armato deve essere di almeno
6-10 cm, al fine di creare un adeguato ricoprimento dei ferri longitudinali e delle
staffe. Per tali spessori risulta conveniente far ricorso alla tecnica dello shotcrete
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

273
mentre, nel caso di dimensioni maggiori, necessario gettare in opera con
casseformi.
Per migliorare sia la resistenza a taglio che il confinamento ed ottenere un
adeguato sistema di contenimento in grado di ridurre eventuali problemi legati
allinstabilit a carico di punta dellarmatura longitudinale, necessario
posizionare lungo tutto il perimetro, ed a passi variabili da caso a caso,
unadeguata staffatura in acciaio. La staffatura deve estendersi per tutto lo
sviluppo dellincamiciatura ed anche nei nodi fra trave e pilastro, in appositi fori
creati nelle travi. Sono disponibili tutta una serie di metodi per effettuare una
corretta staffatura, che permettono di risolvere problemi costruttivi che possono
essere connessi con il caso specifico.
Se lintento dellintervento limitato ad incrementare la resistenza a taglio e la
capacit di deformazione, senza alcun incremento della resistenza a flessione, la
tecnica dellincamiciatura risulta costruttivamente pi facile perch non richiesta
la continuit fra i vari piani attraverso la soletta.
Di seguito sono riportate una serie di raccomandazioni per il dimensionamento e
la verifica di elementi incamiciati in c.a., con armatura longitudinale
completamente ancorata alle estremit, tratte dal Fib Bulletin 24 e in parte
riproposte sia dalla Circolare applicativa delle NTC08 che dallEurocodice 8
parte 3.
lelemento incamiciato pu essere considerato come monolitico. Una
superficie irruvidita fra vecchio e nuovo considerata sufficiente a
garantirne la monoliticit. Per semplicit possibile considerare la
resistenza del calcestruzzo come quella dellelemento nuovo, con la
precisazione di evitare grandi differenze fra le due.
Il carico assiale pu essere considerato agente sullintera sezione
composta;
come armatura longitudinale dellelemento composto pu essere
considerata solo quella della nuova camicia;
il valore del momento del momento resistente e la capacit flessionale
devono essere considerati pari al 90% di quella dellelemento monolitico
determinato in accordo ai punti precedenti;
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
la resistenza a taglio da considerare da assumere pari al 90% a quella
dellelemento monolitico determinato in accordo ai punti precedenti.
le deformazioni ultime a flessione, generalmente espresse in termini di
rotazione ultima, possono essere considerate uguali a quelle dellelemento
monolitico, mentre la rotazione allo snervamento si assumono pari al 90%
di quelle dellelemento monolitico;
al nodo trave-pilastro la staffatura orizzontale deve essere conformata in
maniera tale da rispettare la verifica a taglio del nodo della soluzione
adeguata. I dettagli di ancoraggio devono soddisfare quelli previsti per le
strutture nuove.
5.6.2 Aggiunta di nuove pareti in cemento armato

E una delle tecniche pi comunemente utilizzate per ladeguamento sismico di
strutture esistenti in cemento armato. E un metodo che permette di ridurre lo
spostamento globale laterale, riducendo lo stato di danneggiamento sui telai.
E un intervento che va ben concepito, in quanto la creazione di nuove pareti
incide in modo significativo sulla rigidezza dellintero edificio, quindi va studiata
unadeguata distribuzione delle pareti nuove in pianta e in altezza onde cercare di
fornire alledificio una sufficiente regolarit plano-altimetrica.

Fig. 5.11 Intervento di adeguamento con aggiunta di pareti in c.a.[da G.E. Thermou& A.S.
Elnashai,2005]

La parete pu essere costruita ovunque, anche allesterno della maglia strutturale,
ma la tendenza pi comune quella che ne prevede la creazione fra le maglie del
telaio esistente (fig.5.11).
__________________________________________________________________

274
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

275
Qualora si estenda lungo tutta la larghezza della campata fra due pilastri adiacenti,
allora conveniente rendere collaboranti questi ultimi e le corrispettive travi con
il nuovo setto. In un certo senso, la sezione trasversale definitiva pu allora essere
assimilata ad una sezione composta ad I, in cui i pilastri fungono da flange di
estremit e la parte in c.a. di nuova costruzione ne costituisce lanima.
Questultima pu essere costruita interamente ex novo con casseratura e getto in
opera, oppure pu essere utilizzata la tecnica dello shotcrete, qualora si pensi di
incapsulare leventuale tamponamento esistente allinterno del nuovo setto.
Unaltra possibilit quella di utilizzare pannelli prefabbricati, con lo scopo di
facilitare le operazioni di mano dopera e ridurre i tempi e linvasivit
dellintervento.
E molto frequente, tuttavia, che i pilastri esistenti, resi collaboranti con la parete,
non siano in grado di resistere alle sollecitazioni indotte dal nuovo schema
strutturale. In tal caso, preferibile creare un nuovo setto di spessore sufficiente
ad incapsulare travi e pilastri esistenti. Si deve allora predisporre unadeguata
armatura longitudinale e trasversale in acciaio attorno a questi ultimi, per creare
unincamiciatura con calcestruzzo gettato in opera o spruzzato con la tecnica dello
shotcrete. In questa situazione vengono creati nella soletta i fori e le fessure per
il passaggio delle barre darmatura longitudinale e in un secondo momento
riempiti dal calcestruzzo gettato in opera dallalto agendo come collettori a taglio,
fra la parete e la soletta. In ogni caso, necessario assicurare una totale continuit
fra i vari livelli di estensione in altezza della parete ed un efficace ancoraggio
delle barre darmatura longitudinale.
Per garantire un effettivo collegamento fra la parete e gli elementi del telaio
esistente, necessario utilizzare speciali connettori che devono essere fissati, in
vari modi, alle travi ed ai pilastri. Chiaramente, il dimensionamento di tali
connettori deve essere tale da garantire il trasferimento dello sforzo di taglio,
instaurato nellanima, e dello sforzo resistente di trazione dellarmatura
longitudinale, fra lanima ed i pilastri. E necessario porre unestrema attenzione
ai dettagli darmatura ed allefficacia delle connessioni, perch un problema
riscontrato lungo il percorso di carico delle forze pu compromettere la totale
riuscita dellintervento, portando a perdite globali di duttilit o a crisi fragili del
pannello danima della parete.
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

276
Il maggior problema connesso con questa tecnica rappresentato dal notevole
momento ribaltante che la nuova parete esercita sulla fondazione. Infatti, a seguito
dellelevata rigidezza, il nuovo muro strutturale attira su di s la quasi totalit
dellazione sismica. Questo si traduce in un elevato sollevamento ed oscillamento
di alcuni elementi della fondazione, fenomeno particolarmente negativo, perch
tende ad aumentare lo spostamento dei piani e ridurre drasticamente lefficienza
della parete nel proteggere gli elementi esistenti. In particolare, seppure il muro
continua ad agire da elemento irrigidente, ancora in grado di prevenire la
formazione di un meccanismo di collasso di piano, induce una richiesta di
rotazione elevata alle travi, in particolare a quelle con cui direttamente collegato.
Quasi sicuramente, queste travi non sono di per s in grado di sopportare tali
rotazioni.
Per eliminare o quantomeno ridurre questi fenomeni di sollevamento e rotazione
della fondazione, si pu procedere in uno dei modi seguenti:
incrementando la larghezza in pianta della fondazione, in modo da
aumentare il peso proprio ed il valore della costante elastica di sottofondo;
collegando i nuovi elementi di fondazione a quelli vicini, attraverso
particolari irrigidimenti o barre darmatura;
installando micropali od altri ritegni allazione di sollevamento indotta dal
momento ribaltante.
Uno qualsiasi dei sistemi sopra menzionati in ogni caso costoso e distruttivo, a
tal punto da sconsigliare lapplicazione della tecnica di adeguamento con pareti in
cemento armato ad edifici non dotati a priori di un adeguato sistema di
fondazione.
5.6.3 Aggiunta di contrafforti esterni

Una ulteriore tecnica per ridurre lo spostamento globale laterale di un edificio
quella di creare dei muri-contrafforti esterni che si appoggiano alledificio stesso.
Tale tecnica, anche se non interrompe le funzioni svolte allinterno delledificio
comunque poco usata in quanto di forte impatto estetico e di non semplice
realizzazione.
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
Anche i contrafforti richiedono la realizzazione di un nuovo sistema fondale che
va realizzato evitando di interferire con le fondazioni delledificio. I problemi che
maggiormente caratterizzano questo tipo di sistema di adeguamento sono:
- la stabilit del contrafforte pu essere critica dal momento che non
soggetta agli stessi carichi gravitazionali delledificio ma solo al peso
proprio. Ci potrebbe portare al sollevamento delle fondazioni e in casi
estremi, anche al ribaltamento del contrafforte.
Il collegamento tra il contrafforte e ledificio unoperazione di non facile
realizzazione. Per assicurare la totale interazione e la continuit strutturale per
garantire la trasmissione dellazione sismica tra i due corpi, il contrafforte deve
essere collegato alledificio ad ogni impalcato rigido. Le zone di collegamento
saranno soggette a livelli e tipologie di sollecitazioni inusuali che vanno
opportunamente analizzate caso per caso.

5.6.4 Aggiunta di un nuovo sistema di controventi in acciaio

Lutilizzo di controventi in acciaio come tecnica di intervento nelladeguamento
sismico di strutture esistenti in c.a. offre diversi vantaggi in rapporto ad altri
sistemi tradizionali largamente utilizzati, che possono essere cos schematizzati:

Fig. 5.12 Schemi di controventi in acciaio - [da Lacciaio negli interventi di consolidamento
e adeguamento sismico - L'Aquila 2009]
__________________________________________________________________

277
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi

- riduzione del periodo di inagibilit delledificio a causa dei lavori, visto
- che la maggior parte di questi realizzata in officina;
- costi contenuti e facilit di messa in opera;
- possibilit di ridurre al minimo lalterazione architettonica delledificio
grazie allelevata duttilit morfologica di questo sistema che pu, a
seconda dei casi, aggirare le aperture con vari accorgimenti o addirittura
pu essere completamente nascosto allinterno di apposite tamponature. In
certi casi si preferisce invece evidenziare il nuovo sistema strutturale,
rendendolo un vero e proprio elemento architettonico (fig.5.13).

Fig. 5.13 da M.Vona - Edifici in c.a. esistenti :Metodi di adeguamento tradizionali (2009)

Lutilizzo di un sistema di controventi in acciaio aumenta considerevolmente la
resistenza globale della struttura, ma limitatamente la sua rigidezza. Per questo
motivo, questa tecnica di adeguamento sismico, non consigliata in strutture gi
molto rigide, come nel caso di sistemi con shear walls.
5.6.5 Isolamento sismico
Lisolamento sismico genera una strategia di riduzione della domanda sismica in
maniera globale, fungendo da filtro e abbattendo drasticamente lenergia
trasmessa dal suolo allintera struttura (fig.5.14).

__________________________________________________________________

278
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi

Fig. 5.14 Effetti delle componenti orizzontali del sisma in presenza (pedice i) ed in assenza
(pedice c) disolamento sismico (A = accelerazione assoluta, F = forze dinerzia, D =
spostamento dinterpiano, S = stato tensionale alla base).



Questo intervento consiste essenzialmente nel disaccoppiare il moto del terreno da
quello della struttura, introducendo una sconnessione lungo laltezza della
struttura stessa, (generalmente alla base, nel caso degli edifici) che risulta quindi
suddivisa in due parti: la sottostruttura, rigidamente connessa al terreno, e la
sovrastruttura.
La continuit strutturale, e con essa la trasmissione dei carichi verticali al terreno,
garantita attraverso lintroduzione, fra sovrastruttura e sottostruttura, di
particolari apparecchi di appoggio, detti isolatori (fig. 5.15), caratterizzati da
unelevata deformabilit e/o da una bassa resistenza al moto in direzione
orizzontale e, normalmente, da una notevole rigidezza in direzione verticale.


Fig. 5.15 isolatori istallati nella nuova scuola Francesco Jovine di San Giuliano di Puglia nel
2006.

__________________________________________________________________

279
La sottostruttura, generalmente molto rigida, subisce allincirca la stessa
accelerazione del terreno, mentre la sovrastruttura fruisce dei benefici derivanti
dallaumento di deformabilit conseguente allintroduzione degli isolatori. Gli
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
spettri di risposta in termini di accelerazioni della maggior parte dei terremoti,
infatti, presentano una forte amplificazione nellintervallo 0.2-0.8 sec, dove cade
il periodo proprio di vibrazione di molte delle usuali strutture fisse alla base.
Laumento di deformabilit conseguente allintroduzione degli isolatori porta il
periodo proprio del sistema strutturale in una zona dello spettro a pi bassa
accelerazione. Di conseguenza, le accelerazioni prodotte dal sisma sulla struttura
isolata risultano drasticamente minori rispetto a quelle prodotte nella
configurazione a base fissa (vedi fig. 5.16) a tal punto che la struttura pu essere
agevolmente progettata per resistere a terremoti violenti senza dover subire danni
alle parti strutturali. Naturalmente laumento del periodo comporta anche un
incremento degli spostamenti (fig 5.16) che per si concentrano nel sistema di
isolamento, dove viene assorbita e dissipata gran parte dellenergia immessa dal
terremoto.


Fig. 5.16 Effetti dellisolamento sismico su forze e spostamenti per un sisma con [da M.Dolce
et at. - Progetto di edifici con isolamento sismico-IUSSPress 2007]

La sovrastruttura si comporta quasi come un corpo rigido, subendo spostamenti
relativi di interpiano molto contenuti. Di conseguenza si riducono drasticamente,
o si eliminano totalmente, anche i danni alle parti non strutturali. Per evitare
eccessivi spostamenti del sistema di isolamento, che risulterebbero condizionanti
nella progettazione degli impianti a terra o dei giunti di separazione con strutture
adiacenti, il sistema di isolamento nel suo insieme pu essere dotato di unelevata
capacit dissipativa.
Lisolamento sismico pu realizzarsi secondo diverse strategie, che possono
ricondursi essenzialmente a due:
__________________________________________________________________

280
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

281
- Incremento del periodo, senza o con dissipazione di energia;
- Limitazione della forza, senza o con dissipazione di energia.
Nella strategia dellincremento del periodo si utilizzano dispositivi a
comportamento quasi-elastico per abbattere le accelerazioni sulla struttura. In
uninterpretazione energetica del comportamento del sistema strutturale, la
riduzione degli effetti sulla struttura conseguita principalmente attraverso
lassorbimento nei dispositivi di gran parte dellenergia sismica in input, sotto
forma di energia di deformazione, in buona parte dissipata per isteresi dai
dispositivi stessi al completamento di ogni ciclo di oscillazione. La dissipazione di
energia del sistema di isolamento riduce sia gli spostamenti alla base, che, entro
certi limiti, le forze trasmesse alla sovrastruttura.
Nella strategie della limitazione della forza si utilizzano dispositivi a
comportamento rigido o elastico- perfettamente plastico, o comunque fortemente
non lineare, con un ramo pressoch orizzontale per grandi spostamenti
(incrudimento quasi nullo). La riduzione degli effetti sulla struttura avviene
attraverso la limitazione, da parte dei dispositivi, della forza trasmessa alla
sovrastruttura.
I benefici derivanti dalladozione dellisolamento sismico sono molteplici. La
sensibile riduzione delle accelerazioni sulla struttura, rispetto alla configurazione
a base fissa, determina infatti:
- labbattimento delle forze di inerzia, e quindi delle sollecitazioni, prodotte
dal sisma sulla struttura, tale da evitare il danneggiamento degli elementi
strutturali anche sotto terremoti violenti;
- una drastica riduzione degli spostamenti di interpiano, tale da eliminare il
danno agli elementi non strutturali (tamponature, tramezzi, etc.) e garantire
la piena funzionalit delledificio, anche a seguito di un terremoto
violento;
- unelevata protezione del contenuto non strutturale;
- una minore percezione delle scosse sismiche da parte degli occupanti.
Come strategia di retrofit di edifici esistenti, tale tecnica presenta particolari
insidie che vanno opportunamente valutate in fase di impostazione del progetto di
adeguamento. Infatti, lutilizzo di isolatori, in genere posizionati sopra o sotto i
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

282
pilastri del primo livello, richiedono anche un contestuale rinforzo dei pilastri
stessi e/o leventuale aggiunta di un piano rigido di collegamento tra gli stessi.
Inoltre, l'inserimento di un isolatore all'interno di una colonna esistente non cos
semplice a causa della necessit sgravare il carico agente sul pilastro tramite
martinetti, tagliare lelemento, posizionare lisolatore e poi ripristinare la
funzionalit del pilastro, il tutto avendo cura di non causare danni alle persone e
alle parti strutturali e non delledificio.

Si riporta nella tabella seguente il sommario degli effetti delle tecniche di
adeguamento, tratta da Seismic retrofit schemes for RC structures and local
global consequences G E Thermou1 and A S Elnashai (2005),. La tabella riporta
un elenco dei possibili interventi di adeguamento, indicando per ciascuno di essi,
oltre agli effetti sulle prestazioni strutturali, informazioni qualitative sui costi, sul
disturbo arrecato agli occupanti e sul livello tecnologico richiesto per la loro
realizzazione.

Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi



__________________________________________________________________

283
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi


__________________________________________________________________

284
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi

5.7 FASE DI ADEGUAMENTO DELLEDIFICIO DI STUDIO
Dalla valutazione della vulnerabilit sismica delledificio di studio, emerso che
ledificio non in grado di resistere alle azioni sismiche di progetto a causa della
formazione di meccanismi di collasso di tipo fragile dovuti al raggiungimento
della resistenza ultima a taglio dei pilastri. Nel capitolo precedente si visto che,
in fase di valutazione, adottando per i pilastri modelli di capacit a taglio diversi,
varia la distribuzione degli elementi classificabili fragili. La conseguenza di tali
risultati incide in modo significativo sullimpostazione del progetto di
adeguamento della struttura, che risulta pi o meno oneroso a seconda del
modello di capacit a taglio che si intende adottare, a parit di tutti gli altri
elementi che concorrono alla determinazione del costo di adeguamento strutturale.
Nel presente capitolo verr analizzata linfluenza sia in termini prestazionali che
in termini economici dei modelli di capacit a taglio dei pilastri in c.a., adeguati
con fasciatura di tessuto in CFRP.
5.7.1 Modelli di capacit a taglio per la fase di adeguamento dei pilastri con
CFRP
Normativa italiana
Le prescrizioni normative nazionali (NTC08, CIRC09, CNR-DT 200/04 e Linee
Guida per la Progettazione, lEsecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo
di Strutture di cemento armato, cemento armato precompresso e murarie mediante
FRP ) assumono quale modello di capacit a taglio per ladeguamento di pilastri
in c.a. il traliccio di Ritter- Mrsch,
La resistenza a taglio del pilastro rinforzato valutata con la relazione:
{ }
c Rd f Rd s Rd Rd
V V V V
, , ,
, min + = (5.1)

In cui il contributo dellarmatura trasversale di acciaio e la
resistenza a taglio della biella compressa di calcestruzzo da valutarsi in accordo
con le indicazioni delle NTC08 ponendo langolo di inclinazione delle fessure da
s Rd
V
, c Rd
V
,
__________________________________________________________________

285
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
taglio rispetto allasse dellelemento, , pari a 45, mentre il contributo
della resistenza a taglio offerto dal rinforzo che vale.
f Rd
V
,

ctg
p
w
t f d V
f
f
f fed
Rd
f Rd

= 2 9 . 0
1
,
(5.2)
In cui:

d altezza utile della sezione
f
fed
resistenza efficace di progetto del rinforzo a taglio di FRP
t
f
spessore del rinforzo di FRP
w
f
larghezza delle strisce di FRP
p
f
passo di strisce o di cerchiature di FRP

Rd
coefficiente parziale per i modelli di resistenza, pari a 1.20
angolo di inclinazione delle fessure da taglio rispetto allasse del pilastro
da assumere pari a 45

Eurocodice 8 parte 3 (2005)

LEurocodice 8 parte 3, relativamente ai pilastri snelli (Rapporto tra luce di taglio
e altezza della sezione Lv/h>2) sostanzialmente prevede le stesse formulazioni
delle norme italiane, con lunica differenza di non richiedere di porre pari a 45
. Il modello di capacit a taglio assunto quindi, il traliccio ad inclinazione
variabile con ctg compreso tra 1 e 2,5.
Per tali elementi lEC8 non prevede di utilizzare il modello di capacit a taglio
degradante consentito invece in fase di valutazione e derivante dal modello di
Biskinis (Biskinis et altri 2004). Sono state , per, effettuate analisi sperimentali
su pilastri rinforzati con FRP il cui modello di capacit a taglio adottato proprio
quello proposto da Biskinis (D.Biskinis et at - Shotcrete or FRP jacketiing of
concrete columns for seiismiic retrofiittiing, Istanbul 2005) .

Modello assunto

Nella fase di adeguamento dei pilastri fragili, lo stesso modello di capacit
assunto in fase di valutazione verr riproposto anche in fase di adeguamento, al
fine di ottenere una coerenza dei risultati finali.
__________________________________________________________________

286
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
In particolare, per i modelli previsti dalle NTC08, la resistenza a taglio del pilastro
rinforzato valutata con la relazione:
{ }
c Rd f Rd s Rd Rd
V V V V
, , ,
, min + =
In cui il contributo dellarmatura trasversale di acciaio e la
resistenza a taglio della biella compressa di calcestruzzo, mentre il
contributo della resistenza a taglio offerto dal rinforzo.
s Rd
V
, c Rd
V
,
f Rd
V
,
I valori della resistenza a taglio dellarmatura trasversale e del calcestruzzo
sono gli stessi utilizzati nella fase di valutazione, mentre la resistenza a
taglio del rinforzo vale:
s Rd
V
,
c Rd
V
,

ctg
p
w
t f d V
f
f
f fed
Rd
f Rd

= 2 9 . 0
1
,

Con il significato dei simboli gi indicato.
Per i modelli previsti dall EC8, la resistenza a taglio del pilastro rinforzato
valutata con la relazione (S.N. Bousias, M.N. Fardis, A.-L. Spathis, D. Biskinis :
shotcrete Or Frp Jacketiing Of ConcreteColumns For Seiismiic Retrofiittiing-
ISTANBUL, 2005)
( ) [ ]
( )
f Rd
s
ym
w c
C
cm s
tot
pl
dom
C
cm
c
s
dom
Rd
V
FC
f
bz A
FC
f
h
L
MAX
FC
f
A N
L
x h
V
,
,
; 5 min 16 , 0 1 100 ; 5 , 0 16 , 0
; 5 min 05 , 0 1 55 , 0 ; min
2
15 . 1
1
+


(5.3)
In cui la data sempre dalla (2) assumendo ctg =1
f Rd
V
,
5.7.2 Rinforzo a taglio dei pilastri con fasciatura di tessuto in CFRP
Il rinforzo a taglio dei pilastri stato effettuato con applicazione di tessuto
unidirezionale in fibra di carbonio impregnato in situ (MAPEWRAP C UNI-AX
HM), avente le seguenti caratteristiche:

__________________________________________________________________

287
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi

E stata ipotizzata unapplicazione del rinforzo di tipo A secondo la definizione
prevista dalle norme di riferimento ( Linee guida).
La fasciatura in FRP si considera applicata lungo lintero sviluppo del pilastro
(taglio costante in ogni sezione), in maniera continua, con strisce sovrapposte di 10-
15 cm luna allaltra, in completo avvolgimento intorno allelemento. Il numero degli
strati del rinforzo varia da uno a due a seconda della domanda di Taglio richiesta
allelemento e ricavata dalle analisi statiche non lineari nella fase di valutazione .
Non si tenuto conto dellincremento della resistenza a compressione derivante
dal confinamento indotto dal rinforzo in FRP sul pilastro in c.a., trattandosi
comunque di incrementi marginali, mentre si tiene conto dellincremento di
duttilit dellelemento in c.a. dovuto al confinamento con FRP, che produce una
modifica del legame costituivo del calcestruzzo, sempre del tipo parabola-
rettangolo, caratterizzato da una resistenza massima pari a f
cd
e il cui tratto
costante si estende fino ad un valore della deformazione ultima di progetto,
ccu
,
fornito dalla seguente relazione:

Fig. 5.17 Confinamento di sezione rettangolare in c.a.
cd
eff
ccu
f
f
, 1
015 . 0 0035 . 0 + =
Essendo:
__________________________________________________________________

288
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
, 1 , 1
f k f
eff eff
=
rid fd f f
E f
, 1
2
1
=

f
f f
f
p h b
h b b t

+
=
) ( 2

fk rid fd
= 6 . 0
,

g
V H eff
A
h b
k k k

+
= =
3
1
2 ' 2 '

Con:
A
g
area della sezione trasversale del pilastro
E
f
modulo di elasticit normale del rinforzo di FRP
b
f
larghezza del rinforzo di FRP
f
cd
resistenza di progetto a compressione del calcestruzzo
f
l
pressione di confinamento
f
l,eff
pressione efficace di confinamento
b base della sezione
h altezza della sezione
k
eff
coefficiente di efficienza dellazione di confinamento
k
H
coefficiente di efficienza orizzontale
k
V
coefficiente di efficienza verticale
p
f
passo di strisce o di cerchiature di FRP
r
c
raggio di curvatura dello spigolo del tessuto FRP
t
f
spessore del rinforzo di FRP
w
f
larghezza delle strisce di FRP

ccu
deformazione ultima di progetto del calcestruzzo confinato

fd,rid
valore ridotto della deformazione massima di progetto del rinforzo di FRP
nel confinamento di elementi di c.a.

f
percentuale geometrica di rinforzo


Nelle tabelle seguenti si riporta il legame costitutivo modificato con leffetto
confinamento delle fasciature in FRP, relativo alle sezioni in calcestruzzo dei
pilastri del fabbricato di studio.





__________________________________________________________________

289
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________ __________________________________________________________________

290 290

Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

291
__________________________________________________________________

291

Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

292
5.7.3 Risultati delladeguamento
Come evidenziato nella fase di valutazione, ledificio mostra maggiore
vulnerabilit sismica lungo lo sviluppo maggiore delledificio, cio con azione
sismica diretta ortogonalmente alla dimensione minore di quasi tutti i pilastri. Il
processo di adeguamento verr quindi impostato tenendo conto della domanda
sismica e della classificazione dei pilastri ottenuta a seguito delle pushover
eseguite in direzione globale Y .

FASE DI ADEGUAMENTO NTC08

Per ogni tipologia di pilastro, i contributi delle capacit taglianti del calcestruzzo
compresso, delle armature trasversali e del rinforzo proposto, nonch la capacit
tagliante dellintero elemento, indicati nella (5.1), sono riassunti nelle tabelle
seguenti:

ctg =1 ctg =2,5 SEZIONE
70x40
I STRATO II STRATI I STRATO II STRATI
V
Rd,f
158,21 215,21 395,53 538,03
V
Rd,s
53,79 53,79 134,47 134,47
V
Rd,f
+ V
Rd,s
212,00 269,00 530,00 672,50
V
Rd,c
688,12 688,12 474,56 474,56
V
Rd
212,00 269,00 474,56 474,56


ctg =1 ctg =2,5 SEZIONE
60x40
I STRATO II STRATI I STRATO II STRATI
V
Rd,f
158,21 215,21 395,53 538,03
V
Rd,s
53,79 53,79 134,47 134,47
V
Rd,f
+ V
Rd,s
212,00 269,00 530,00 672,50
V
Rd,c
589,81 589,81 406,77 406,77
V
Rd
212,00 269,00 406,77 406,77
Tabella 5.4 Valori del Taglio resistente (kN) secondo la direzione minore del pilastro
rinforzato



Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

293

ctg =1 ctg =2,5 SEZIONE
40x70
I STRATO II STRATI I STRATO II STRATI
V
Rd,f
286,39 397,39 715,98 993,48
V
Rd,s
98,61 98,61 246,53 246,53
V
Rd,f
+ V
Rd,s
385,00 496,00 962,51 1240,01
V
Rd,c
720,89 720,89 497,16 497,16
V
Rd
385,00 496,00 497,16 497,16


ctg =1 ctg =2,5 SEZIONE
40x60
I STRATO II STRATI I STRATO II STRATI
V
Rd,f
244,33 337,00 610,83 842,50
V
Rd,s
83,67 83,67 209,17 209,17
V
Rd,f
+ V
Rd,s
328,00 420,67 820,00 1051,67
V
Rd,c
611,66 611,66 421,84 421,84
V
Rd
328,00 420,67 421,84 421,84
Tabella 5.5 Valori del Taglio resistente (kN) secondo la direzione maggiore del pilastro
rinforzato

Come risulta dalle tabelle 5.4-5.5, nel modello di Ritter-Mrsch la rottura si
attinge sempre per crisi del meccanismo resistente a taglio-trazione (Staffe+FRP),
mentre nel modello a traliccio con inclinazione delle bielle comprese inferiore di
45 (ctg =2,5) la rottura si attinge per crisi del calcestruzzo compresso.
Il rinforzo stato progettato in maniera da ottenere, per ogni pilastro, un taglio
resistente sempre maggiore del taglio flessionale (V
shear
>V
flex
), in modo da
eliminare tutti gli elementi fragili.
Nelle figg 5.18-5.23 si riportano gli schemi planimetrici dei 3 livelli del fabbricato
con indicazione dei pilastri rinforzati con fasciature in FRP e il relativo numero di
strati di fasciatura, sia con riferimento al modello Ritter- Mrsch e sia al modello
a traliccio con puntone ad inclinazione inferiore di 45.
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
3
,
2
0

Fig. 5.18 - NTC08 ctg teta=1- Rinforzo pilastri I impalcato -
__________________________________________________________________

294
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
6
,
8
0

Fig. 5.19 - NTC08 ctg teta=1- Rinforzo pilastri II impalcato -
__________________________________________________________________

295
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I
I
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
1
0
,
4
0

Fig. 5.20 - NTC08 ctg teta=1- Rinforzo pilastri III impalcato
__________________________________________________________________

296
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
3
,
2
0

Fig. 5.21 - NTC08 ctg teta=2.5 - Rinforzo pilastri I impalcato
__________________________________________________________________

297
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
6
,
8
0

Fig. 5.22 - NTC08 ctg teta=2.5 - Rinforzo pilastri II impalcato
__________________________________________________________________

298
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

299
L
E
G
E
N
D
A
I
I
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
1
0
,
4
0

Fig. 5.23 - NTC08 ctg teta=2.5 - Rinforzo pilastri III impalcato



Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

300
FASE DI ADEGUAMENTO EC8-3
Nel modello di capacit con effetto degradante della resistenza tagliante del
pilastro in c.a. sotto azione ciclica, previsto dallEC8-3 di cui alla (3) il contributo
del rinforzo V
Rd,f
analogo a quello gi determinato per il modello di Ritter-
Mrsch, mentre gli altri termini della (3) variano da pilastro a pilastro, essendo,
questi, funzione dellazione sollecitante. I risultati delle verifiche di ogni singolo
pilastro sono riportati in Appendice.
Anche per tale modello, il rinforzo stato progettato in maniera da ottenere, per
ogni pilastro, un taglio resistente sempre maggiore del taglio flessionale
(V
shear
>V
flex
), in modo da eliminare tutti gli elementi fragili.
Nelle figg 5.24-5.29 si riportano gli schemi planimetrici dei 3 livelli del fabbricato
con indicazione dei pilastri rinforzati con fasciature in FRP e il relativo numero di
strati di fasciatura, sia con riferimento al modello che tiene conto delle capacit
deformative del pilastro in campo plastico (k=0.75) e sia del modello privo di
capacit deformativa in campo plastico (k=1.)



Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
3
,
2
0

Fig. 5.24 - EC8 k=0.75 - Rinforzo pilastri I impalcato
__________________________________________________________________

301
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
6
,
8
0

Fig. 5.25 - EC8 k=0.75 - Rinforzo pilastri II impalcato
__________________________________________________________________

302
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I
I
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
1
0
,
4
0

Fig. 5.26 - EC8 k=0.75 - Rinforzo pilastri III impalcato
__________________________________________________________________

303
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
3
,
2
0

Fig. 5.27 - EC8 k=1 - Rinforzo pilastri I impalcato
__________________________________________________________________

304
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
6
,
8
0

Fig. 5.28 - EC8 k=1 - Rinforzo pilastri II impalcato
__________________________________________________________________

305
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
L
E
G
E
N
D
A
I
I
I

I
M
P
A
L
C
A
T
O

-

q
u
o
t
a


+
1
0
,
4
0

Fig. 5.29 - EC8 k=1 - Rinforzo pilastri III impalcato




__________________________________________________________________

306
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
Nei grafici a torta di fig. 5.30, si riassumono le percentuali dei pilastri che sono
classificabili duttili senza nessun rinforzo e con i rinforzi con tessuti in CFRP
per ognuno dei quattro modelli di capacit taglio considerati.

% PILASTRI CLASSFICABILI "DUTTILI" SENZA RINFORZOE A SEGUITODEL
RINFORZO
0%
75,2%
24,8%
Senza rinforzo
n1 strato di FRP
n2 strati di FRP

% PILASTRI CLASSFICABILI "DUTTILI" SENZA RINFORZOE A SEGUITODEL
RINFORZO
42,6%
57,4%
0,0%
Senza rinforzo
n1 strato di FRP
n2 strati di FRP

a) NTC08 ctg=1 a) NTC08 ctg=2,5

% PILASTRI CLASSFICABILI "DUTTILI" SENZA RINFORZOE A SEGUITODEL
RINFORZO
0%
100,0%
Senza rinforzo
n1 strato di FRP
n2 strati di FRP

% PILASTRI CLASSFICABILI "DUTTILI" SENZA RINFORZO E A SEGUITO DEL
RINFORZO
20,8%
79,2%
Senza rinforzo
n1 strato di FRP
n2 strati di FRP

c) EC8-3 k=0,75 d) EC8-3 k=1
Fig. 5.30 Fase di adeguamento: confronto prestazionale tra i vari modelli adottati





















__________________________________________________________________

307
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

308
5.8 ANALISI DEI COSTI DI ADEGUAMENTO
5.8.1 Considerazioni generali sui costi di adeguamento

La selezione pi conveniente dell intervento di adeguamento sismico di edifici
esistenti in calcestruzzo armato, fortemente condizionata da numerosi parametri
dipendenti dalla molteplicit di tipologie di intervento oggi disponibili e dai
relativi criteri di giudizio delle stesse. Questi ultimi possono essere di carattere
tecnico (prestazioni strutturali conseguite, livello di protezione degli elementi non
strutturali garantito, specializzazione della manodopera richiesta, ecc.), e di
carattere socio-economico (costi di installazione, costi di manutenzione, durata
dei lavori, disturbo nelluso delledificio, compatibilit estetico-funzionale delle
nuove opere con limpianto architettonico preesistente, ecc.).
E indubbio che non esiste un intervento di adeguamento che possa considerarsi
migliore in senso assoluto in quanto ogni parametro che caratterizza un dato
intervento pu variare il suo peso al variare delledificio da adeguare. La scelta,
allora, della strategia di adeguamento pi ottimale da adottare per una data
struttura pu risultare tuttaltro che immediata, proprio in virt della molteplicit
di soluzioni alternative e di criteri da considerare, si avverte lesigenza di disporre
di uno strumento di supporto alla decisione, che sia il pi possibile quantitativo,
razionale ed oggettivo permettendo di tener conto contemporaneamente, in modo
sintetico, della molteplicit dei punti di vista sotto i quali le soluzioni concorrenti
possono essere giudicate. Una scelta razionale si pu ottenere mediante
lapplicazione dei cosiddetti metodi di decisione multicriterio. Sono procedure che
portano alla formulazione di un giudizio di convenienza di un intervento in
funzione di pi criteri di riferimento, esaminati in maniera autonoma o interattiva,
quando lintervento caratterizzato da numerose possibili soluzioni alternative e
numerosi criteri rispetto ai quali queste ultime devono essere giudicate.
In Caterino et al. (2006, 2007) viene formulata, una procedura fondata
sullapplicazione di un metodo di analisi decisionale multicriterio il cosiddetto
TOPSIS (Technique for Order Preference by Similarity to Ideal Solution, Hwang
e Yoon, 1981), gi di largo uso in ambiti diversi dallIngegneria Strutturale.

Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

309
Tale procedura consta delle seguenti fasi:
valutazione sismica delledificio nel suo stato originale;
definizione del set di interventi di adeguamento alternativi;
progettazione degli interventi;
definizione dei criteri di giudizio;
valutazione dellimportanza relativa (peso) di ciascun criterio;
valutazione delle diverse alternative di adeguamento rispetto ai criteri
prescelti;
individuazione della soluzione ottima;
analisi di sensibilit del risultato conseguito.

Mediante lapplicazione di tale metodo ad un assegnato edificio da adeguare
possibile ottenere la soluzione pi conveniente ottimizzando pi criteri di
riferimento, tra cui il costo di installazione dellintervento stesso, ognuno con un
assegnato peso.
Nel seguito si focalizzer lattenzione proprio sulla definizione del costo di
installazione dellintervento scelto, con fasciature di CFRP, e come esso varia in
funzione dei modelli di capacit a taglio considerati nella fase di valutazione
delledificio in studio.
5.8.2 Singole fasi lavorative per la realizzazione dellintervento proposto

Lesecuzione dellintervento proposto consistente nella fasciatura con tessuto di
FRP di colonne classificate fragili nella precedente fase di valutazione
costituita , sommariamente, dalle seguenti fasi di lavorazione,

Fasi lavorative per il singolo pilastro oggetto di rinforzo con tessuto in CFRP
1. Se si opera su un pilastro inserito nei muri di tamponamento (pilastri
esterni) o tra partizioni interne, si provvede dapprima alla demolizione
della muratura da ambo i lati della colonna avendo cura di non
compromettere lintegrit delle strutture limitrofe - in modo da mettere
completamente a nudo le superfici del pilastro da adeguare e lasciare
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
adeguati spazi per permettere alla manodopera di operare in piena
sicurezza;
2. spicconatura dellintonaco sulle superfici del pilastro e rimozione di tutte
le parti friabili o ammalorate che potrebbero compromettere la buona
riuscita del rinforzo;
3. Pulizia delle superfici del pilastro che pu essere effettuata con idrolancia,
idrosabbiatrice o sabbiatrice. La pulizia necessaria per eliminare zone
friabili o elementi estranei che potrebbero compromettere ladesione dei
successivi trattamenti;
4. qualora venissero messe a nudo armature metalliche per leliminazione di
parti friabili del copriferro, necessario trattare le armature con prodotto
passivante liquido con dispersione di polimeri di resine sintetiche legate a
cemento applicate a pennello in due strati, con intervallo di almeno 2 ore
tra la prima e la seconda mano;
5. riprofilatura delle superfici con malta a ritiro compensato, in modo da
ottenere superfici perfettamente piane e spigoli arrotondati con raggi di
curvatura non inferiore a 2 cm allo scopo di evitare pericolose
concentrazioni di tensione in corrispondenza degli stessi, che potrebbero
provocare una prematura rottura del sistema di rinforzo;


6. sul supporto precedentemente ricostruito e omogeneo, si applica uno
specifico primer bicomponente avente la duplice funzione di consolidante
per il supporto e di prepararlo alle successive lavorazioni;
__________________________________________________________________

310
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi

7. a completa asciugatura del primer si procede allapplicazione a rullo di
resina bicomponente, che permette di livellare la superficie da rinforzare e
creare uno strato adesivo per la successiva applicazione del rinforzo;
8. si rivestono i quattro spigoli del pilastro e poi tramite avvolgimenti
orizzontali, si riveste lintero fusto della colonna con tessuto in fibra di
carbonio (in questo studio si ipotizza larga 25 cm) sovrapponendo le fasce,
durante lavvolgimento elicoidale, luna allaltra di 10-15 cm. Trattandosi
di rinforzo a taglio, necessario rinforzare lintera colonna in quanto il
taglio costante lungo laltezza del pilastro;

9. si spalma un altro strato di resina epossidica bicomponente;
10. se previsto un ulteriore strato di tessuto FRP si ripetono le fasi lavorative
dal punto 8;
__________________________________________________________________

311
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

312
11. si esegue la rasatura finale di qualche millimetro (da 1 a max 5 mm ) di
malta protettiva a base di cemento, aggregato minerale, adesivi e additivi
specifici che, impastati con acqua danno luogo a una malta speciale,
resistente agli agenti atmosferici, con ottima adesione sul supporto
12. si procede alla ricostruzione delle opere murarie precedentemente demolite
per lesecuzione del rinforzo;
13. si procede, infine, alla stesa di intonaco civile formato da un primo strato
di rinzaffo, da un secondo strato di spessore dellordine dei 15 mm e
rifinito con sovrastante strato di colla di malta per uno spessore finale di
circa 25.
Al termine di tutte le fasi lavorative suddette, si ripetono le stesse operazioni per
tutti gli altri pilastri da adeguare.
5.8.3 Determinazione del costo di installazione dellintervento proposto

Il costo complessivo di installazione delladeguamento relativo allintero edificio,
al fine di raggiungere gli obiettivi prestazionali prefissati, si ottiene dalla
sommatoria dei costi delle singole fasi lavorative suddette estese a tutti i pilastri
oggetto di rinforzo e ad ulteriori fasi lavorative generali (Trasporti a discarica e
oneri di smaltimento dei materiali di risulta, oneri speciali per lattuazione dei
Piani di sicurezza come previsto dal D.lgs 81/08 Attuazione dell'articolo 1 della
legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei
luoghi di lavoro,..)
Lart 35 del DPR 554/99 Regolamento di attuazione dell'art. 3 L. 109/1994
stabilisce che la stima di un intervento si ottiene redigendo un opportuno computo
metrico estimativo, redatto applicando alle quantit delle lavorazioni i prezzi
unitari dedotti dai prezziari della stazione appaltante o dai listini correnti nellarea
interessata.
Per eventuali voci mancanti il relativo prezzo viene determinato:
a. applicando alle quantit di materiali, mano d'opera, noli e trasporti,
necessari per la realizzazione delle quantit unitarie di ogni voce, i
rispettivi prezzi elementari dedotti da listini ufficiali o dai listini delle
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

313
locali camere di commercio ovvero, in difetto, dai prezzi correnti di
mercato;
b. aggiungendo allimporto cos determinato una percentuale per le spese
relative alla sicurezza;
c. aggiungendo ulteriormente una percentuale variabile tra il 13 e il 15 per
cento, a seconda della categoria e tipologia dei lavori, per spese generali;
d. aggiungendo infine una percentuale del 10 per cento per utile
dell'appaltatore.
E stato allora redatto un computo metrico estimativo per ognuno dei modelli di
capacit a taglio adottato in fase di adeguamento, al fine di valutare lincidenza in
termini economici dei vari modelli di capacit a taglio analizzati.
I prezzi unitari da applicare alle singole fasi di lavorazione sono stati desunti dal
Prezzario dei lavori pubblici della Regione Campania edizione 2010 adottato con
Deliberazione n. 1914 del 29 dicembre 2009 , mentre per i prezzi unitari non
contemplati in esso stata effettuata unanalisi prezzi secondo i criteri di cui
allart. 35 comma 2. del DPR 554/99.
Nello specifico, ogni analisi dei prezzi stata effettuata assumendo :
- il costo orario della manodopera edile dal Prospetto dei costi orari della
manodopera edile nella provincia di Napoli in vigore dal 1 aprile 2010
convalidati dagli uffici provinciali del lavoro
- il costo del materiale franco magazzino, desunto da offerte ricevute da
aziende fornitrici;
- eventuale costo per il trasporto del materiale franco cantiere assunto com
consuetudine pari al 5% del costo del materiale
- eventuale costo del nolo di una specifica macchina edile necessaria per
lesecuzione della lavorazione, desunta anchessa dai Prospetti dei costi
dei materiali, dei trasporti e dei noli nella provincia di Napoli in vigore
dal 1 aprile 2010 convalidati dagli uffici provinciali del lavoro
- Oneri ordinari della sicurezza assunti pari a 1,5% della somma di tutti i
costi precedenti (sono i cosiddetti costi diretti della sicurezza, cio la spesa
minima necessaria per effettuare una tale lavorazione in sicurezza e si
differenziano dai costi speciali della sicurezza che sono quelli necessari
per lattuazione dei Piani di Sicurezza e per i quali va redatto apposito
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
computo metrico - Vedasi anche le Avvertenze nel Prezzario OOPP
Regione Campania 2010)
- Spese generali, assunte pari al 15% della somma dei costi precedenti, e
inglobano lincidenza dovute alle spese che lappaltatore deve sostenere
per la cantierizzazione dellopera (logorio macchine, impiantistica di
cantiere, direzione ed assistenza tecnica, tasse, assicurazioni,)
- Utile dimpresa, assunto pari al 10% che oltre al profitto dellimpresa,
ingloba anche le percentuali di rischio e gli imprevisti connessi per
lesecuzione dellopera.
5.8.4 Confronto tra i costi di installazione dellintervento proposto in base
al modello di capacit a taglio considerato

Di seguito si riportano i costi desunti dai computi metrici estimativi in Appendice,
per ognuno dei quattro modelli di capacit a taglio considerati nella fase di
adeguamento. In particolare:
- Nella fig.5.31a riportato il grafico a barre con i costi totali di
adeguamento dei quattro modelli di capacita;
- Nella fig.5.31b riportato il grafico a barre con i costi parametrici di
adeguamento sia per superficie unitaria di pilastri che per superficie
unitaria di piano per ognuno dei quattro modelli di capacita;
- Nella fig.5.32 riportato il grafico a barre rappresentativo dellincremento
dei costi di adeguamento rispetto al modello di Ritter-Mrsch ritenuto il
modello di riferimento per la valutazione e ladeguamento degli edifici
esistenti dalle NTC08.

235.377,80
117.967,37
213.804,82
166.549,92
-
50.000,00
100.000,00
150.000,00
200.000,00
250.000,00
NTC08 ctgteta=1 NTC08 ctgteta=2,5 EC8 k=0,75 EC8 k=1
87,24
43,72
79,25
61,73
394,73
197,83
358,55
279,31
- 100,00 200,00 300,00 400,00 500,00
NTC08 ctgteta=1
NTC08 ctgteta=2,5
EC8 k=0,75
EC8 k=1
/mq
Incidenza a mq di piano incidenza a mq di superficie pilastri

a) b)
Fig. 5.31 Costi di intervento a) globali e b) parametrici

__________________________________________________________________

314
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
0%
-50%
-9%
-29%
-50%
-45%
-40%
-35%
-30%
-25%
-20%
-15%
-10%
-5%
0%
NTC08
ctgteta=1
NTC08
ctgteta=2,5
EC8 k=0,75 EC8 k=1
NTC08 ctgteta=1
NTC08 ctgteta=2,5
EC8 k=0,75
EC8 k=1

Fig. 5.32 Variazione dei costi di intervento rispetto a quelli del modello di Ritter-Morsch

5.8.5 Determinazione dei costi ideali di installazione dellintervento
proposto e confronto in base al modello di capacit a taglio
considerato
La stima dei costi precedentemente effettuata condizionata da inevitabili scelte
commerciali del tipo di tessuto in FRP utilizzato, nel senso che lo spessore del
singolo strato di FRP risulta sicuramente superiore a quello teorico strettamente
necessario per rendere il pilastro duttile. Ci comporta che il confronto in
termini economici che ne deriva assumendo in fase di adeguamento i quattro
modelli di capacit a taglio, non considera il differente livello prestazione che
ogni singolo modello fornisce globalmente alla struttura. Per un dato pilastro da
adeguare, infatti, pu risultare che un modello di capacit renda lo stesso pi
duttile di un altro modello, cio con un rapporto tra il taglio resistente V
shear
e il
taglio flessionale V
flex
, diverso da modello a modello.
Ad esempio, il pilastro al filo 11 su cui agisce uno sforzo normale da
combinazione gravitazionale N
grav_sis
=254 kN, in assenza di rinforzo
rappresentato dai seguenti domini di rottura(fig.5.33):

__________________________________________________________________

315
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO I a-Y
-450
-400
-350
-300
-250
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
250
300
350
400
450
-2.500 -2.000 -1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500 5.000 5.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
(N,M)
TAGLIO-NTC08-cotg TETA=var
TAGLIO-NTC08-cotg TETA=1
TAGLIO-NTC08-cotg TETA=2,5
TAGLIO-EC8 K=0,75
TAGLIO-EC8 K=1
Ngrav

Fig. 5.33 Domini di rottura senza rinforzo pilastro filo 11

Risultando quindi fragile per ognuno dei quattro modelli di capacit a taglio
utilizzato.
Adeguando con uno strato di tessuto FRP, i domini di rottura a taglio si
espandono(fig.5.34) e in corrispondenza dello sforzo N
grav_sis
=254 kN, risulta :

taglio a capacit di dello mo duttile pilastro N M N M
sis grav res sis grav VRd
> ) ( ) (
_ _

Ma con differenti livelli di duttilit, infatti risulta:
05 , 1 ) (
_
=
sis grav
flex
shear
N
V
V
per il MODELLO NTC08-ctg=1;
35 , 2 ) (
_
=
sis grav
flex
shear
N
V
V
per il MODELLO NTC08-ctg=2,5:
35 , 1 ) (
_
=
sis grav
flex
shear
N
V
V
per il MODELLO EC08-k=0,75
51 , 1 ) (
_
=
sis grav
flex
shear
N
V
V
per il MODELLO EC08-k=1

__________________________________________________________________

316
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO I a-Y
-850
-800
-750
-700
-650
-600
-550
-500
-450
-400
-350
-300
-250
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
250
300
350
400
450
500
550
600
650
700
750
800
850
-2.500 -2.000 -1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500 5.000 5.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
(N,M)
TAGLIO-NTC08-cotg TETA=1
TAGLIO-NTC08-cotg TETA=2,5
TAGLIO-EC8 K=0,75
TAGLIO-EC8 K=1
Ngrav

Fig. 5.34 Domini di rottura con rinforzo FRP pilastro filo 11


Ipotizzando di incrementare la resistenza a taglio di ogni modello in modo tale da
soddisfare luguaglianza
flex shear
V V =
a cui corrispondono i seguenti domini di rottura (fig.5.35), possibile determinare
il costo minimo necessario per rendere il pilastro duttile.

INTERAZIONE DOMINI DI ROTTURA A TAGLIO E FLESSIONE COMPOSTA
SEZIONE PILASTRO I a-Y
-450
-400
-350
-300
-250
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
250
300
350
400
450
-2.500 -2.000 -1.500 -1.000 -500 0 500 1.000 1.500 2.000 2.500 3.000 3.500 4.000 4.500 5.000 5.500
Sforzo normale [kN]
M
o
m
e
n
t
o

f
l
e
t
t
e
n
t
e

[
k
N
m
]
(N,M)
TAGLIO-NTC08-cotg TETA=1
TAGLIO-NTC08-cotg TETA=2,5
TAGLIO-EC8 K=0,75
TAGLIO-EC8 K=1
Ngrav

Fig. 5.35 Domini di rottura con rinforzo "ideale" pilastro filo 11

__________________________________________________________________

317
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
Si tratta ovviamente di un costo teorico in quanto non tiene conto degli spessori
minimi commerciali del tessuto FRP.
Estendendo tale procedura di ottimizzazione ai pilastri da rinforzare dellintera
struttura, possibile allora determinare un costo di adeguamento che, seppur
ideale in quanto non tiene conto dei limiti di natura commerciale del tessuto in
FRP, permette di confrontare i quattro modelli in maniera pi omogenea, atteso
che ognuno fornisce alla struttura lo stesso livello prestazionale in termini di
duttilit e mettendo maggiormente in risalto le differenze tra i quattro modelli
esaminati.
Di seguito si riportano allora i costi ideali di adeguamento, per ognuno dei quattro
modelli di capacit a taglio. In particolare:
- Nella fig.5.36a riportato il grafico a barre con i costi ideali totali di
adeguamento dei quattro modelli di capacita;
- Nella fig. 5.36b riportato il grafico a barre con i costi ideali parametrici
di adeguamento sia per superficie unitaria di pilastri che per superficie
unitaria di piano per ognuno dei quattro modelli di capacita;
- Nella fig.5.37 riportato il grafico a barre rappresentativo dellincremento
dei costi ideali di adeguamento rispetto al modello di Ritter-Mrsch
ritenuto il modello di riferimento per la valutazione e ladeguamento degli
edifici esistenti dalle NTC08


192.596,80
72.657,99
156.377,43
121.713,58
-
20.000,00
40.000,00
60.000,00
80.000,00
100.000,00
120.000,00
140.000,00
160.000,00
180.000,00
200.000,00
NTC08 ctgteta=1 NTC08 ctgteta=2,5 EC8 k=0,75 EC8 k=1

71,39
26,93
57,96
45,11
322,99
121,85
262,25
204,11
- 100,00 200,00 300,00 400,00 500,00
NTC08 ctgteta=1
NTC08 ctgteta=2,5
EC8 k=0,75
EC8 k=1
/mq
Incidenza a mq di piano incidenza a mq di superficie pilastri

a) b)
Fig. 5.36 Costi ideali di intervento a) globali e b) parametrici

__________________________________________________________________

318
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
0%
-62%
-19%
-37%
-70%
-60%
-50%
-40%
-30%
-20%
-10%
0%
NTC08
ctgteta=1
NTC08
ctgteta=2,5
EC8 k=0,75 EC8 k=1
NTC08 ctgteta=1
NTC08 ctgteta=2,5
EC8 k=0,75
EC8 k=1

Fig. 5.37 Variazione dei costi ideali di intervento rispetto a quelli del modello di Ritter-
Morsch


Come si pu notare dalla fig. 5.37 a parit di livello prestazionale le variazioni dei
costi (ideali) di adeguamento rispetto al modello di riferimento sono ancora pi
significativi che rispetto al caso reale rappresentato dalla fig.5.32
5.8.6 Conclusioni
Da quanto esposto, appare evidente che la scelta del modello di capacit a taglio
influenza le caratteristiche prestazionali delledificio e, quindi, il relativo costo di
adeguamento.
Dei quattro modelli proposti, quello che offre maggiori livelli prestazionali,
classificando un maggior numero di pilastri duttili il modello a traliccio con
inclinazione =22 mentre il modello classico di Ritter-Mrsch risulta essere il
pi penalizzante in termini prestazionali. I due modelli previsti dallEC8 parte 3,
che tiene conto delleffetto degradante del taglio sotto i carichi ciclici, si
collocano tra i due precedenti.
Il traliccio di Ritter- Mrsch quello che sia la normativa italiana NTC08 che gli
Eurocodici EC8-3 considerano quale unico modello di capacit a taglio per
ladeguamento e rispetto ad esso sono state valutate le differenze in termini di
costi di adeguamento, considerando sia i costi reali cio desunti dalla stima di un
intervento di adeguamento con materiali reperibili in commercio e sia i costi
__________________________________________________________________

319
Capitolo 5: Edificio di studio - La fase di adeguamento e valutazione dei costi
__________________________________________________________________

320
ideali, cio il costo necessario per fornire ad ogni colonna rinforzata lo stesso
livello prestazionale in termini di duttilit. Tale condizione anche se obbliga a
considerare spessori del rinforzo utilizzato nella stima dei costi, diversi da quelli
disponibili in commercio e quindi non reali, permettono di cogliere in modo pi
preciso linfluenza che ogni modello di capacit a taglio offre nei confronti della
fase di adeguamento di un edificio esistente.


Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
321
Conclusioni


Il presente lavoro finalizzato allanalisi ed al confronto di diverse formulazioni
di capacit a taglio previsti dalla vigente normativa italiana di cui al DM
14/01/2008 e da quella europea, Eurocodice 8 parte 3, per la valutazione e
ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti, accentuandone limpatto in termini
prestazionali ed economici relativamente ai soli costi di installazione di una
determinata strategia di adeguamento prescelta.
E stato analizzato un caso di studio, costituito da un edificio scolastico sito nel
Comune di Boscoreale (NA), realizzato nella tra il 1985 e il 1987, definendo un
processo di valutazione e di successivo adeguamento di un singolo corpo di
fabbrica costituente il plesso, articolato nelle seguenti fasi:
conoscenza della struttura in termini di geometria, caratteristiche dei
materiali strutturali e delle loro condizioni di conservazione tramite il
reperimento di documentazione progettuale originaria ed indagini in situ
per il raggiungimento del Livello di conoscenza LC2;
definizione delle prestazioni richieste in funzione della pericolosit
sismica del sito e del livello di protezione sismica accettato.
valutazione della struttura e il suo comportamento rispetto il sisma atteso
allo SLV mediante unanalisi statica non lineare.
valutazione dei meccanismi fragili in funzione dei diversi modelli di
capacit a taglio utilizzati, previsti dalle due normative di riferimento e
relativa comparazione in termini prestazionali;
definizione di una strategia di adeguamento sismico della struttura in
funzione dei risultati ottenuti dal processo di valutazione, delle prestazioni
richieste.
Valutazione della struttura adeguata in funzione di ogni modello di
capacit a taglio utilizzato, ricalibrato in funzione del tipo di adeguamento
prescelto, sia in termini prestazionali che economici.
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
322
La struttura scolastica in studio fu progettata e realizzata tra il 1985 e il 1987. E
costituita da un complesso di cinque corpi di fabbrica realizzati in conglomerato
cementizio armato e collegati tra loro mediante dei giunti strutturali.
Nel presente lavoro stato analizzato solo uno dei suddetti corpi.
Questo, a pianta rettangolare, si sviluppa secondo la direzione Nord-Est Sud
Ovest. E costituito da un piano interrato, due piani di calpestio fuori terra e un
impalcato di copertura. La struttura portante del corpo di fabbrica costituita da
un reticolo spaziale di telai a maglia rettangolare orditi lungo le due direzioni
principali delledificio.
Il solaio del tipo latero-cementizio gettato in opera di altezza pari a 30 cm con
soletta di 4 cm di spessore e laterizio di 26 cm di altezza, i travetti sono posti con
interasse pari a 50 cm .
La fase di indagine basata sullanalisi della documentazione originale disponibile,
sui sopralluoghi, saggi e prove in situ ha fornito il quadro di dati necessario alla
valutazione preliminare della vulnerabilit sismica delledificio.
Reperiti gli elaborati progettuali originali, stato condotto un rilievo
architettonico e strutturale allo scopo di valutarne la rispondenza tra stato di fatto
e previsione progettuale Sono state rilevate le caratteristiche geometriche di travi,
pilastri, solai e la configurazione strutturale dellintero corpo.
La campagna di indagini si sviluppata secondo le seguenti prove:
Esecuzione di prove sclerometriche ed ultrasoniche;
Prelievo di carote di calcestruzzo =100 mm e L=200 mm e relative prove
di rottura a compressione. Sono state prelevate complessivamente n 10
carote, cos distribuite:
o n 3 carote al piano interrato;
o n 3 carote al piano terra;
o n 4 carote al piano primo;
Prove di carbonatazione su tutte le carote prelevate;
Misure pacometriche e saggi diretti per la individuazione dei ferri di
armatura;
Prova di carico su solaio di copertura al secondo livello;
Saggi in fondazione per lindividuazione della geometria e del piano di
posa delle travi rovesce.
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
323
Non sono state previste prelievi di spezzoni di armatura e le relative prove di
laboratorio in quanto la documentazione progettuale originale disponibile ne
permetteva una precisa identificazione, confermata anche da ricerche effettuate
sulla tipologia delle armature utilizzate nelle costruzioni del periodo.
In definitiva le informazioni acquisite hanno permesso di definire per la
strutture in esame un livello di conoscenza LC2.
La determinazione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo, in
particolare della resistenza a compressione in situ stata ottenuta mediante
correlazioni calibrate sui risultati delle prove effettuate (carotaggi affiancata dai
risultati delle prove non distruttive sclerometri che ed ultrasoniche) e
specificamente riferita al calcestruzzo in esame. Indagini geognostiche per la
caratterizzazione dei terreni, hanno permesso di definire per il suolo di
fondazione, una categoria di tipo B, secondo le definizioni delle NTC08.
E stata poi condotta la valutazione della sicurezza delledificio nei confronti
dello Stato Limite di Salvaguardia della Vita, dopo averne definito lazione
sismica attesa in funzione dei parametri di pericolosit sismica del sito in esame
e in funzione della vita nominale, assunta pari a 100 anni, e della classe duso
delledificio, assunta di classe III.
E stata effettuata unanalisi elastica lineare per il calcolo delle sollecitazioni
derivanti da carichi statici, unanalisi dinamica modale con spettro elastico per
il calcolo delle forme modali e analisi statica non lineare (push Over) per il
calcolo delle sollecitazioni di progetto dovute allazione sismica per la
valutazione della capacit delledificio;
Dai risultati delle analisi pushover eseguite, in cui sono stati utilizzati i modelli di
capacit sia duttili che fragili previsti dalle NTC08 per gli edifici esistenti, in
particolare il modello di capacit a taglio costituito dal traliccio di Ritter-Mrsch,
si potuto constatare che :
- Ledificio raggiunge la crisi per formazione di meccanismi fragili dovuti
alla rottura a taglio delle colonne;
- Le travi hanno mostrato tutte un comportamento duttile, con capacit
rotazionale delle sezioni di estremit (rotazione rispetto alla corda )
maggiore della rotazione richiesta sia allo SLV che allo SLC
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
324
- Impedendo la rottura a taglio dei pilastri, anche questi ultimi mostrano
capacit rotazionale delle sezioni di estremit maggiore della rotazione
richiesta sia allo SLV che allo SLC ;
La vulnerabilit della struttura da attribuire quindi alla formazione di
meccanismi fragili concentrati nei pilastri.
Il modello di capacit a taglio delle colonne, implementato nel codice di calcolo
utilizzato (CDSWIN 2010) e considerato nelle verifiche eseguite, quello
previsto dalla NTC08 e CIRC09, cio il traliccio classico di Ritter-Morsch con
inclinazione costante della biella compressa =45. Evidenze sperimentali hanno
mostrato che non sempre tale modello risulta essere il pi adeguato a
rappresentare il comportamento a taglio di colonne in c.a. soggette a carichi
ciclici, come pu considerarsi lazione sismica (Biskinis E. et al,2004) . Inoltre, il
suddetto modello risulta essere molto conservativo nei confronti della resistenza a
taglio delle colonne in c.a. esistenti, e ci si traduce in un maggiore impegno
economico nella fase di adeguamento strutturale.
Nel complesso si sono allora analizzati gli effetti sulla valutazione sismica
delledificio di studio derivanti dallassunzione di diversi modelli di capacit a
taglio dei pilastri previsti dalla normativa italiana NTC08 e dallEurocodice 8 -
parte 3.
Nel modello della norma italiana, la resistenza a taglio V
Rd
di elementi strutturali
esistenti dotati di specifica armatura a taglio deve essere valutata sulla base di una
adeguata schematizzazione a traliccio, utilizzata per effettuare la verifica a taglio
di sezioni in c.a.. La circolare esplicativa stabilisce che la resistenza a taglio di
elementi strutturali esistenti, si valuta come per il caso di nuove costruzioni per
situazioni non sismiche, considerando un contributo del conglomerato al massimo
pari a quello relativo agli elementi senza armature trasversali resistenti a taglio,
senza fornire ulteriori precisazioni in merito e sembrerebbe quindi suggerire
ladozione del modello di Ritter-Mrsch .
Nel modello di Ritter Mrsch, la resistenza a taglio V
Rd
valutata considerando
che linclinazione delle bielle compresse sia fissata e posta pari a 45.
Il modello di traliccio ad inclinazione variabile tiene conto dei meccanismi
resistenti del calcestruzzo attraverso uninclinazione della biella compressa
variabile. Per entrambi i modelli il taglio resistente il minimo tra la resistenza di
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
325
calcolo a taglio trazione V
Rsd
e la resistenza di calcolo a taglio compressione
V
Rcd
.
La formulazione prevista dallEC8 (parte3), (CEN, 2005), tiene conto del fatto
che la resistenza a taglio ciclica decresce al crescere della parte plastica della
richiesta in termini di duttilit. Tale formulazione di tipo additivo: infatti, essa
somma al contributo resistente delle staffe quello del calcestruzzo e il contributo
associato allo sforzo normale per effetto puntone.
In definitiva quindi, nella verifica degli elementi fragili delledificio di studio si
sono considerati i due modelli previsti dalle NTC08:
MODELLO NTC08-ctg=1: il modello di capacit a taglio costituito dal
traliccio di Ritter-Mrsch con inclinazione a 45 delle bielle compresse,
previsto dalle NTC08, per gli elementi strutturali in c.a. degli edifici
esistenti e/o di nuova costruzione;
MODELLO NTC08-ctg=2,5: il modello di capacit a taglio costituito
dal traliccio con inclinazione pari a 21,80 delle bielle compresse,
previsto dalle NTC08, per gli elementi strutturali in c.a. di nuova
costruzione;
e due modelli dellEurocodice 8 parte 3 (2005):
MODELLO EC08-k=0,75: il modello di capacit con effetto degradante
della resistenza tagliante del pilastro in c.a. sotto azione ciclica, dotato di
capacit deformativa in campo plastico, previsto per gli edifici esistenti;.
MODELLO EC08-k=1: il modello di capacit con effetto degradante
della resistenza tagliante del pilastro in c.a. sotto azione ciclica, privo di
capacit deformativa in campo plastico, previsto per gli edifici esistenti;
Le cui verifiche eseguite hanno evidenziano che :
per i modelli NTC08-ctg=1 e EC08-k=0,75 tutti i pilastri sono
classificabili Fragili,
i modelli NTC08 ctg=2,5 e EC08-k=1 classificano quasi lo stesso
numero di pilastri Fragili e pari a circa il 50% di quelli previsti nei
modelli precedenti;
Per lazione sismica agente secondo lasse minore della sezione del
generico pilastro, per la quasi totalit dei pilastri classificabili fragili
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
326
indipendentemente dal modello considerato, risulta una capacit di
taglio inferiore alla richiesta di taglio.
Allo scopo di procedere ad una comparazione speditiva delle diverse formulazioni
in termini di classificazione si sono definiti dei domini semplificati nel piano
(N,M) in cui si sono rappresentati i domini di rottura a taglio, ottenuti
considerando il momento equilibrante del taglio resistente V
shear
agente
sullelemento in c.a. ottenuto da ognuno dei quattro modelli considerati,
sovrapposti al dominio di rottura a flessione composta dellelemento stesso,
permettendo cos una classificazione speditiva del presumibile comportamento di
tipo fragile o duttile dellelemento in c.a. esaltandone , inoltre, le differenze
tra i diversi modelli di capacit a taglio assunti.
Dei quattro modelli proposti, quello che offre maggiori livelli prestazionali,
classificando un maggior numero di pilastri duttili il modello a traliccio con
inclinazione =22 mentre il modello classico di Ritter-Mrsch risulta essere il
pi penalizzante in termini prestazionali. I due modelli previsti dallEC8 parte 3,
che tiene conto delleffetto degradante del taglio sotto i carichi ciclici, si
collocano tra i due precedenti.
II traliccio ad inclinazione variabile mostra in ogni caso di essere poco
conservativo rispetto alla formulazione dellEurocodice 8-parte 3 per la
valutazione della sicurezza di strutture esistenti.
Dai risultati e dai confronti presentati lapproccio dellEurocodice 8 parte 3
sembra in ogni caso la soluzione pi consigliabile in una situazione di verifica di
strutture esistenti.
Infine sulla base dei risultati emersi dalla fase di valutazione, nellambito di una
definita strategia di adeguamento prescelta, costituita fasciature con materiali
fibrorinforzati a matrice polimerica a fibre di carbonio (CFRP) si sono valutati gli
effetti sia locali che globali indotti dai diversi modelli di capacit a taglio assunti
per gli elementi che hanno mostrato un comportamento fragile in fase di
valutazione, al fine di raggiungere un determinato obiettivo prestazionale definito
dalla formazione di una gerarchia flessione-taglio per tutti gli elementi e dal
raggiungimento di una capacit globale delledificio maggiore della domanda
sismica attesa per lo stato limite ultimo considerato.
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti
__________________________________________________________________
327
Da quanto esposto, appare evidente che la scelta del modello di capacit a taglio
influenza le caratteristiche prestazionali delledificio e, quindi, il relativo costo di
adeguamento.
Il traliccio di Ritter- Mrsch quello che sia la normativa italiana NTC08
considera quale unico modello di capacit a taglio per ladeguamento e rispetto ad
esso sono state valutate le differenze in termini di costi di adeguamento,
considerando sia i costi reali cio desunti dalla stima di un intervento di
adeguamento con materiali reperibili in commercio e sia i costi ideali, cio il costo
necessario per fornire ad ogni colonna rinforzata lo stesso livello prestazionale in
termini di duttilit, per ognuno dei modelli considerati. Il livello prestazionale
considerato stato quello minimo necessario per classificare la colonna duttile,
espresso dalla condizione V
flex
=V
shear
. Tale condizione anche se obbliga a
considerare spessori del rinforzo utilizzato nella stima dei costi, diversi da quelli
disponibili in commercio e quindi non reali, permette di cogliere in modo pi
preciso linfluenza che ogni modello di capacit a taglio offre nei confronti della
fase di adeguamento di un edificio esistente.


Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti


Bibliografia
ATC-40, Applied Technology Council, Seismic evaluation and retrofit of
concrete buildings. Report No. ATC-40, Redwood City, California, USA, 1996.

A. Biondi, Progettazione antisismica degli edifici, 2004

Braconi A., Braga F., Nardini L., Salvatore W., Ladeguamento sismico di
edifici esistenti , 2007.

Braga F., Dolce M., Masi A., Nigro D., Valutazione delle caratteristiche
meccaniche dei calcestruzzi di bassa resistenza mediante prove non distruttive,
LIndustria Italiana del Cemento 3/92.

Brenni P. Il comportamento al taglio di una struttura a sezione mista in
calcestruzzo a getti successivi Istituto dIngegneria Strutturale Politecnico
Federale Zurigo, 1995

Biskinis E. Dionysis, George K. Roupakias, and Michael N. Fardis,
Degradation of Shear Strength of Reinforced Concrete Members with Inelastic
Cyclic Displacements, ACI structural journal. Noveber-December 2004.

Biskinis D., Bousias S.N., Fardis M.N., Spathis L., Shotcrete or frp jacketiing
of concretecolumns for seiismiic retrofiittiing Seismic Assessment And
Rehabilitation Of Existing Buildings Iinternatiional Closiing Workshop Iistanbul,,
30 May-June 1,, 2005

Caterino, N., Iervolino, I., Manfredi, G. e Cosenza, E., Multi-Criteria
Decision Making for Seismic Retrofitting of an Underdesigned RC Structure,
Proceedings of the First European Conference on Earthquake Engineering and
Seismology, Ginevra, 2006.

_________________________________________________________________
328
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

CDSWIN 2010,Computer design of structures S.T.S. srl, S.Agata li Battiati
(CT) -2010

CS LL PP DM 14 gennaio 2008, Norme tecniche per le costruzioni, Gazzetta
Ufficiale della Repubblica Italiana 29, 4/2/2008.

CS LL PP Circolare 617, Istruzioni per lapplicazione delle Norme Tecniche
per le Costruzioni, Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 47, 2/2/2009.

CS LL PP DM 9 gennaio 1996, Norme tecniche per il calcolo, lesecuzione e il
collaudo delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le
Strutture metalliche, Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 29, 5/2/1996.

CS LL PP DM 14 gennaio 1992, Norme tecniche per il calcolo, lesecuzione
delle opere in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture
metalliche, Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 65, 18/3/1992.

CEN (2003), Eurocode 8: design of structures for earthquake resistance Part 1:
general rules, seismic actions and rules for buildings, European Standard EN
1998-1:2003. Comit Europen de Normalisation, Brussels.

CEN (2005), Eurocode 8: design of structures for earthquake resistance Part 3:
assessment and retrofitting of buildings, European Standard EN 1998- 3:2005,
Comit Europen de Normalisation, Brussels

CNR-DT200 Istruzioni per la I-struzioni per la Progettazione, lEsecuzione ed il
Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante lutilizzo di compositi
fibrorinforzati, 2004.

Cosenza, E., Di Ludovico, M., Manfredi, G. and Prota, A., Design of the FRP
retrofit of the SPEAR structure, Proceedings of the SPEAR International
Workshop, (M. Fardis and P. Negro Eds.), Ispra,Varese, Italia, 2005.

_________________________________________________________________
329
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

Cosenza E., Maddaloni G., Magliulo G., Pecce M., Ramasco R., Progetto
antisismico di edifici in cemento armato, IUSS PRESS editore.(2007)

Cosenza E.; Manfredi G.; Pecce M., Strutture in cemento armato. Basi della
progettazione Hoepli Editore (2008).

Cosenza E., Verderame G.M., Zambrano A., Capacit sismica degli edifici
esistenti in c.a. : linfluenza delle scale, Roma, 29-30 maggio 2008.

Decreto Legislativo 12 Aprile 2006, N. 163 e s.m.i. Codice dei contratti
pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive
2004/17/CE e 2004/18/CE.

Decreto Ministeriale 30/5/1972. Norme tecniche alle quali devono uniformarsi
le costruzioni in conglomerato cementizio, normale e precompresso ed a struttura
metallica, G.U. n. 199 del 22/7/1972.

Decreto Ministeriale 30/5/1974. Norme tecniche alle quali devono uniformarsi
le costruzioni in conglomerato cementizio, normale e precompresso ed a struttura
metallica.

Decreto Ministeriale 3/3/1975. Disposizioni concernenti lapplicazione delle
norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche.

Decreto Ministeriale 3/10/1978. Criteri generali per la verifica della sicurezza
delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi. G.U. n. 319 del 15/11/1978.

Decreto Ministeriale 9/1/1996.Norme tecniche per il calcolo, lesecuzione ed il
collaudo delle strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le
strutture metalliche. G.U. n. 29 del 5/2/1996.

Decreto Ministeriale 16/1/1996. Norme tecniche relative ai criteri generali per
la verifica di sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi. GU n. 29
del 5/2/1996.
_________________________________________________________________
330
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti


Decreto Ministeriale 26/03/1980. Norme tecniche alle quali devono
uniformarsi le costruzioni in conglomerato cementizio, normale e precompresso
ed a struttura metallica. G.U. n. 176 del 28/6/1980.

Decreto del Presidente Della Repubblica 21 Dicembre 1999, N.554
Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11
febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni.

DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008 , n. 81 Attuazione dell'articolo 1
della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza
nei luoghi di lavoro.

Deliberazione Giunta Regionale della Campania n.1914 del 29 dicembre 2009
Prezzario dei lavori pubblici - Edizione 2010.

De Luca F., Verderame G.M., Manfredi G., Modelli Di Capacit A Taglio:
Codici E Letteratura A Confronto 18 Atti del 18 Congresso CTE, Brescia, 11 -
13 Novembre (2010).

Del Monte E., Lavacchini G., Vignoli A., Modelli per la previsione della
resistenza a compressione del calcestruzzo in opera, Ingegneria Sismica, N. 3,
settembre-dicembre 2004.

Documento approvato il 24 luglio 2009 dallassemblea Generale Consiglio
Superiore LL PP, Linee guida per la Progettazione, lEsecuzione ed il Collaudo
di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP

Foti D., Mongelli M., Paparella V., Resistenza a taglio di strutture esistenti in
c.a, 2008.

FEMA 547: Techniques for the Seismic Rehabilitation of Existing Buildings,
2006

_________________________________________________________________
331
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

Ferrini M., Signorini N., Pelliccia P., Pistola F., Prestifilippo V., Sabia G.,
La metodologia della Regione Toscana per la valutazione della resistenza del
calcestruzzo di edifici esistenti in cemento armato , 2008.

Fib bollettino n .24, Seismic assessment and retrofit of reinforced concrete
buildings, 2003.

Furiozzi B., Messina C., Paolini L. Prontuario per il calcolo degli elementi
strutturali Ed. Le Monnier, 1986

Giangreco E., Tecnica delle Costruzioni Vol.1-Liguori Editori 1992

Giannini R., Sgherri L., Valutazione della resistenza del calcestruzzo
combinando i risultati di prove dirette e non distruttive

Legge 2/2/1974 n. 64, Provvedimenti per le costruzioni con particolari
prescrizioni per le zone sismiche. G.U. del 21/04/1974.

Legge 25/11/1962 n. 1684, Provvedimenti per ledilizia, con particolari
prescrizioni per le zone sismiche.

Legge 5/11/1971 n. 1086, Norme per la disciplina delle opere in conglomerato
cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica. G.U. 321
del 21/12/1971.

Legge 11 febbraio 1994, n. 109 'Legge quadro in materia di lavori pubblici'

Lynn Abraham, M. Eeri, Jack P. Moehle, Stephen A. Mahin and William T.
Holmes Seismic Evaluation of Existing Reinfirced Concrete Building Columns,
Earthquake Spectra, Volume 12, No. 4, November 1996.


Manfredi G., Masi A., Pinho R., Verderame G., Vona M., Valutazione degli
edifici esistenti in cemento armato, IUSS PRESS editore (2007).
_________________________________________________________________
332
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti


Manfredi G., Verderame G., De Luca F., Ricci P. Valutazione e adeguamento
di edifici esistenti in c.a. Napoli, 6-7 novembre 2009.

Marfia S., Rinaldi Z., Sacco E., Comportamento ciclico di travi in cemento
armato , 2004.

Masi A., Analisi della tecnica costruttiva e dei materiali, in Manuale per la
valutazione della sicurezza nei confronti del sisma e per ladeguamento
antisismico (coord. F. Braga), Ordine Ingegneri Potenza, 1991.

Masi A., Vona M., Nigro D., Ferrini M., Indagini sperimentali per la stima
della resistenza del calcestruzzo in-situ basata su metodi distruttivi e non
distruttivi, Convegno ReLUIS Linea 2, Valutazione e riduzione della
vulnerabilit sismica di edifici esistenti in c.a., Roma, 29-30 maggio 2008.

Masi A. La stima della resistenza del calcestruzzo in situ mediante prove
distruttive e non distruttive, Il Giornale delle Prove non Distruttive Monitoraggio
Diagnostica, n. 1, 2005.

Masi A., Vona M., Resistenza sismica di telai in c.a. progettati con il R.D.
2229/39, 2004.

Masi A., Vona M., Vulnerabilit sismica di edifici in c.a. realizzati negli anni
70, Atti del XI Congresso Nazionale Lingegneria Sismica in Italia, Genova,
2004.

Masi A., Vona M., Dolce M., Telesca F., Goretti A., Resistenza sismica di
telai in c.a. relativi ad edifici esistenti con e senza tamponature, Atti del X
Congresso Nazionale Lingegneria Sismica in Italia, Potenza, 2001.

Moehle J.P., Elwood K.J., Sezen H. Shear failure and axial load collapse of
existing reinforced concrete columns , 2000.

_________________________________________________________________
333
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

Monti G., Alessandri S., Confidence Factors for Concrete and Steel Strength,
2008.

Mpampatsikosa V.,Nascimbeneb R., Petrini L., A Critical Review of the R.C.
Frame Existing Building Assessment Procedure According to Eurocode 8 and
Italian Seismic Code - Journal of Earthquake Engineering, Volume 12, Issue S1
2008 , pp 52 82.

Mpampatsikosa V.,Nascimbeneb R., Petrini L.,, Rc Frame Existing Building
Assessment: Considerations and Suggestions about EC8 and OPCM 3431
Procedures, Convegno Reluis Valutazione e riduzione della vulnerabilit
sismica di edifici esistenti in c.a., Reluis 2008, Roma (Italy), 29-30 Maggio
2008.

Pecce M., Di Sarno L. , Cosenza E. Metodologia per lanalisi di vulnerabilit
sismica di edifici in c.a., 2006

Petrini L., Pinho R., Calvi G.M., Criteri di progettazione antisismica degli
edifici, IUSSPress, Pavia, (2004).

Polese M, Verderame G.M, Manfredi G., Cosenza E., "Modelli semplificati
per le analisi di vulnerabilit a larga scala di edifici in c.a.", Atti del XI
Congresso Nazionale Lingegneria sismica in Italia Genova, 2004 (CD-ROM);

Primus System, 2009 Programma di computo e contabilit lavori, Acca
Software srl, Nontella (AV)

Pucinotti R., Resistenza caratteristica del calcestruzzo in opera

Ramasco R. Dinamica delle Strutture Ed. CUEN 1993

Regio Decreto 16/11/1939 n. 2229, Norme per la esecuzione delle opere in
conglomerato cementizio semplice ed armato. G.U. n. 92 del 18/4/1940.

_________________________________________________________________
334
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

Regio Decreto Legge 22/11/1937 n. 2105, Norme tecniche di edilizia con
speciali prescrizioni per le localit colpite dai terremoti.


.Sugano S., State-of-the-art in techniques for rehabilitation of buildings,
Proceedings of the 11th World Conference on Earthquake Engineering, paper No.
2175, Acapulco, Mexico, 1996

Setzler E.J. and Halil Sezen, Model for the Lateral Behavior of Reinforced
Concrete Columns Including Shear Deformations Earthquake Spectra, Volume
24, No. 2, pages 493511, May 2008; 2008, Earthquake Engineering Research
Institute

Sezen H., Asce M., and Moehle J.P., Shear Strength Model for Lightly
Reinforced Concrete Columns Journal Of Structural Engineering, ASCE/
November 2004.

Sezen H, Seismic Behavior and Modeling of Reinforced Concrete Building
Columns, Ph.D. Dissertation University of California Berkeley 2002.

Vecchio, F. J., and Collins, M. P., 1986. The modified compression-field theory
for reinforced concrete elements subjected to shear, ACI J. 83, 219231.
.
Vona M., Masi A., Resistenza sismica di telai in c.a. progettati con il R.D.
2229/39, Atti del XI Congresso Nazionale Lingegneria Sismica in Italia, Genova,
2004.

UNI EN (2001). UNI EN 12504 2, Prove sul calcestruzzo nelle strutture
Prove non distruttive Determinazione indice sclerometrico, dicembre 2001.

UNI EN (2002). UNI EN 12504 1, Prove sul calcestruzzo nelle strutture
Carote Prelievo, esame e prove di compressione, aprile 2002.

_________________________________________________________________
335
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

UNI EN (2005). UNI EN 12504 4, Prove sul calcestruzzo nelle strutture
Parte 4: Determinazione della velocit di propagazione degli impulsi
ultrasonici, gennaio 2005.

UNI (1992). UNI 9944, Corrosione e protezione dellarmatura del
calcestruzzo. Determinazione della profondit di carbonatazione e del profilo di
penetrazione degli ioni cloruro nel calcestruzzo, febbraio 1992.

UNI (1999). UNI 10834, Calcestruzzo proiettato, ottobre 1999.

Verderame Gerardo Mario, Analisi sismica di edifici in cemento armato
progettati per carichi gravitazionali gravitazionali-Tesi di dottorato, 1999

Verderame GM, Iervolino I, Ricci P (2009) Report on the damages on buildings
following the seismic event of 6th of April 2009 time 1.32 (UTC)LAquila
M=5.8, V1.20. http://www.reluis.it/

Verderame G.M., Stella A., Cosenza E., Le propriet meccaniche degli acciai
impiegati nelle strutture in cemento armato realizzate negli anni 60, X Convegno
Nazionale ANIDIS, Potenza e Matera, 9-13 settembre 2001.

Verderame G.M., Mariniello C., Cosenza E., Manfredi G., La valutazione
sismica di edifici esistenti in c.a.: confronto tra analisi lineare e non lineare,
Atti del XII Congresso Nazionale Lingegneria Sismica in Italia, Memoria no.
312, Pisa, 2007

Verderame G.M., Ricci P., De Luca F., (2010) 6th April 2009 LAquila
earthquake, Italy: reinforcedconcrete building performance- Bull Earthquake Eng
_________________________________________________________________
336
Linfluenza dei modelli di capacit a taglio sulla valutazione e ladeguamento degli edifici in c.a. esistenti

_________________________________________________________________
Appendice A

Sintesi dei risultati di analisi statiche non lineari
pi rappresentative delledificio non rinforzato
e verifiche a taglio dei pilastri in c.a. per ogni
modello di capacit analizzato








337
40 70 3,20 3,20 -9,40 191,00 25,80 260,60 1,60 Ia-X 205,20 0,08 1,08 525,82 157,78 394,44 323,94 413,23 98,61 246,53 202,46 258,27 328,64 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 7,70 255,50 25,80 278,10 1,60 Ia-X 207,42 0,08 1,08 528,55 157,78 394,44 327,44 416,73 98,61 246,53 204,65 260,46 330,35 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 337,80 47,10 135,60 396,00 1,60 Ia-X 222,41 0,12 1,12 545,79 157,78 394,44 350,11 439,40 98,61 246,53 218,82 274,62 341,12 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 354,90 386,00 135,60 413,50 1,60 Ia-X 224,65 0,12 1,12 548,18 157,78 394,44 353,34 442,63 98,61 246,53 220,84 276,64 342,61 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 285,80 7,10 145,40 254,40 1,60 Ia-X 204,42 0,07 1,07 524,84 157,78 394,44 322,69 411,98 98,61 246,53 201,68 257,49 328,03 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 302,90 370,60 145,40 271,90 1,60 Ia-X 206,63 0,08 1,08 527,59 157,78 394,44 326,20 415,49 98,61 246,53 203,88 259,68 329,74 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 3,20 366,40 33,70 66,30 101,50 1,60 Ib-Y 259,29 0,03 1,03 259,68 86,06 215,15 155,97 205,89 53,79 134,47 97,48 128,68 162,30 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 383,50 132,10 66,30 119,00 1,60 Ib-Y 261,83 0,04 1,04 262,17 86,06 215,15 156,91 206,83 53,79 134,47 98,07 129,27 163,86 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 3,20 406,70 61,60 93,60 272,00 1,60 Ib-Y 283,02 0,08 1,08 283,13 86,06 215,15 163,60 213,52 53,79 134,47 102,25 133,45 176,95 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 423,80 172,30 93,60 289,50 1,60 Ib-Y 285,32 0,09 1,09 285,41 86,06 215,15 164,20 214,12 53,79 134,47 102,62 133,82 178,38 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 440,00 6,30 170,60 558,70 1,60 Ia-X 243,26 0,16 1,16 566,24 157,78 394,44 378,82 468,12 98,61 246,53 236,77 292,57 353,90 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 457,10 432,70 170,60 576,20 1,60 Ia-X 245,51 0,17 1,17 568,21 157,78 394,44 381,74 471,03 98,61 246,53 238,58 294,39 355,13 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 987,40 21,00 168,80 967,70 1,60 Ia-X 296,18 0,28 1,25 600,63 157,78 394,44 437,78 527,07 98,61 246,53 273,61 329,42 375,39 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1004,50 443,10 168,80 985,20 1,60 Ia-X 298,45 0,29 1,25 601,57 157,78 394,44 439,88 529,17 98,61 246,53 274,93 330,73 375,98 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 586,70 226,10 37,10 685,20 1,60 Ia-X 259,57 0,20 1,20 579,46 157,78 394,44 399,09 488,38 98,61 246,53 249,43 305,24 362,16 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 603,80 318,80 37,10 702,70 1,60 Ia-X 261,83 0,21 1,21 581,11 157,78 394,44 401,75 491,04 98,61 246,53 251,09 306,90 363,19 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 675,50 256,00 44,60 822,50 1,60 Ia-X 277,34 0,24 1,24 591,18 157,78 394,44 419,02 508,32 98,61 246,53 261,89 317,70 369,49 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 692,60 367,40 44,60 840,00 1,60 Ia-X 279,61 0,25 1,25 592,48 157,78 394,44 421,41 510,70 98,61 246,53 263,38 319,19 370,30 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1211,20 37,60 176,70 1191,30 1,60 Ia-X 325,19 0,35 1,25 609,44 157,78 394,44 462,01 551,31 98,61 246,53 288,76 344,57 380,90 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1228,30 479,40 176,70 1208,80 1,60 Ia-X 327,45 0,36 1,25 609,84 157,78 394,44 463,67 552,97 98,61 246,53 289,80 345,60 381,15 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 649,40 28,40 198,70 730,00 1,60 Ia-X 265,36 0,21 1,21 583,59 157,78 394,44 405,83 495,12 98,61 246,53 253,64 309,45 364,74 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 666,50 525,00 198,70 747,50 1,60 Ia-X 267,63 0,22 1,22 585,12 157,78 394,44 408,40 497,69 98,61 246,53 255,25 311,06 365,70 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 63,40 115,20 261,70 213,50 1,60 Ib-X 181,74 0,06 1,06 465,04 157,78 394,44 315,99 405,28 98,61 246,53 197,49 253,30 290,65 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 70 3,20 0,00 80,50 539,10 261,70 231,00 1,60 Ib-X 184,09 0,07 1,07 468,29 157,78 394,44 319,69 408,99 98,61 246,53 199,81 255,62 292,68 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 70 3,20 3,20 583,70 47,20 108,60 255,80 1,60 Ib-X 187,42 0,08 1,08 472,83 157,78 394,44 324,88 414,18 98,61 246,53 203,05 258,86 295,52 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 600,80 318,60 108,60 273,30 1,60 Ib-X 189,78 0,08 1,08 475,97 157,78 394,44 328,50 417,80 98,61 246,53 205,32 261,12 297,48 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 674,90 277,90 48,60 812,30 1,60 Ia-X 276,02 0,24 1,24 590,40 157,78 394,44 417,62 506,91 98,61 246,53 261,01 316,82 369,00 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 692,00 399,30 48,60 829,80 1,60 Ia-X 278,29 0,24 1,24 591,73 157,78 394,44 420,02 509,32 98,61 246,53 262,51 318,32 369,83 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1190,70 33,70 196,00 1173,80 1,60 Ia-X 322,92 0,35 1,25 608,99 157,78 394,44 460,32 549,61 98,61 246,53 287,70 343,51 380,62 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1207,80 523,70 196,00 1191,30 1,60 Ia-X 325,19 0,35 1,25 609,44 157,78 394,44 462,01 551,31 98,61 246,53 288,76 344,57 380,90 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 841,00 47,80 202,30 865,70 1,60 Ia-X 282,94 0,25 1,25 594,30 157,78 394,44 424,85 514,15 98,61 246,53 265,53 321,34 371,44 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 858,10 553,50 202,30 883,20 1,60 Ia-X 285,21 0,26 1,25 595,50 157,78 394,44 427,16 516,45 98,61 246,53 266,97 322,78 372,18 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 606,90 107,60 95,90 517,40 1,60 Ib-X 223,07 0,15 1,15 514,93 157,78 394,44 375,17 464,46 98,61 246,53 234,48 290,29 321,83 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 624,00 347,50 95,90 534,90 1,60 Ib-X 225,48 0,16 1,16 517,37 157,78 394,44 378,23 467,53 98,61 246,53 236,40 292,20 323,36 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 670,20 300,50 52,10 814,40 1,60 Ia-X 276,29 0,24 1,24 590,56 157,78 394,44 417,91 507,20 98,61 246,53 261,19 317,00 369,10 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 687,30 430,80 52,10 831,90 1,60 Ia-X 278,56 0,24 1,24 591,88 157,78 394,44 420,31 509,60 98,61 246,53 262,69 318,50 369,93 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1192,60 48,60 205,50 1176,50 1,60 Ia-X 323,27 0,35 1,25 609,07 157,78 394,44 460,58 549,88 98,61 246,53 287,86 343,67 380,67 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1209,70 562,40 205,50 1194,00 1,60 Ia-X 325,54 0,35 1,25 609,50 157,78 394,44 462,27 551,56 98,61 246,53 288,92 344,73 380,94 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 856,60 62,60 212,50 869,00 1,60 Ia-X 283,37 0,26 1,25 594,53 157,78 394,44 425,29 514,58 98,61 246,53 265,81 321,61 371,58 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 873,70 593,90 212,50 886,50 1,60 Ia-X 285,64 0,26 1,25 595,71 157,78 394,44 427,59 516,88 98,61 246,53 267,24 323,05 372,32 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 576,70 105,00 116,10 504,20 1,60 Ib-X 221,26 0,15 1,15 513,06 157,78 394,44 372,83 462,12 98,61 246,53 233,02 288,82 320,66 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 593,80 395,30 116,10 521,70 1,60 Ib-X 223,66 0,15 1,15 515,54 157,78 394,44 375,92 465,21 98,61 246,53 234,95 290,76 322,21 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 666,30 323,00 55,80 814,30 1,60 Ia-X 276,28 0,24 1,24 590,56 157,78 394,44 417,89 507,19 98,61 246,53 261,18 316,99 369,10 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 683,40 462,50 55,80 831,80 1,60 Ia-X 278,55 0,24 1,24 591,87 157,78 394,44 420,30 509,59 98,61 246,53 262,69 318,49 369,92 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1195,30 63,00 216,20 1177,40 1,60 Ia-X 323,39 0,35 1,25 609,09 157,78 394,44 460,67 549,96 98,61 246,53 287,92 343,73 380,68 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1212,40 603,60 216,20 1194,90 1,60 Ia-X 325,65 0,35 1,25 609,52 157,78 394,44 462,36 551,65 98,61 246,53 288,97 344,78 380,95 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 862,70 77,40 222,90 870,30 1,60 Ia-X 283,54 0,26 1,25 594,62 157,78 394,44 425,46 514,75 98,61 246,53 265,91 321,72 371,64 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 879,80 634,60 222,90 887,80 1,60 Ia-X 285,81 0,26 1,25 595,80 157,78 394,44 427,75 517,05 98,61 246,53 267,35 323,15 372,38 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 580,00 117,70 125,30 508,80 1,60 Ib-X 221,89 0,15 1,15 513,72 157,78 394,44 373,64 462,94 98,61 246,53 233,53 289,33 321,07 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 597,10 430,90 125,30 526,30 1,60 Ib-X 224,30 0,15 1,15 516,18 157,78 394,44 376,73 466,02 98,61 246,53 235,46 291,26 322,61 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 657,20 344,80 59,60 806,40 1,60 Ia-X 275,26 0,24 1,24 589,95 157,78 394,44 416,80 506,09 98,61 246,53 260,50 316,31 368,72 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 674,30 493,90 59,60 823,90 1,60 Ia-X 277,52 0,24 1,24 591,28 157,78 394,44 419,22 508,51 98,61 246,53 262,01 317,82 369,55 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1196,30 99,80 212,90 1169,70 1,60 Ia-X 322,39 0,34 1,25 608,89 157,78 394,44 459,92 549,21 98,61 246,53 287,45 343,26 380,55 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1213,40 632,10 212,90 1187,20 1,60 Ia-X 324,66 0,35 1,25 609,34 157,78 394,44 461,62 550,91 98,61 246,53 288,51 344,32 380,84 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 853,50 130,00 210,10 861,80 1,60 Ia-X 282,44 0,25 1,25 594,03 157,78 394,44 424,34 513,63 98,61 246,53 265,21 321,02 371,27 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 870,60 655,20 210,10 879,30 1,60 Ia-X 284,71 0,26 1,25 595,23 157,78 394,44 426,65 515,94 98,61 246,53 266,65 322,46 372,02 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 568,90 127,80 136,30 503,50 1,60 Ib-X 221,16 0,15 1,15 512,96 157,78 394,44 372,70 461,99 98,61 246,53 232,94 288,75 320,60 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 586,00 468,60 136,30 521,00 1,60 Ib-X 223,57 0,15 1,15 515,44 157,78 394,44 375,80 465,09 98,61 246,53 234,87 290,68 322,15 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 664,60 370,20 60,10 844,80 1,60 Ia-X 280,23 0,25 1,25 592,83 157,78 394,44 422,06 511,35 98,61 246,53 263,79 319,59 370,52 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 681,70 520,40 60,10 862,30 1,60 Ia-X 282,50 0,25 1,25 594,07 157,78 394,44 424,40 513,69 98,61 246,53 265,25 321,06 371,29 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1245,10 118,40 220,90 1217,30 1,60 Ia-X 328,56 0,36 1,25 610,02 157,78 394,44 464,47 553,76 98,61 246,53 290,29 346,10 381,26 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1262,20 670,60 220,90 1234,80 1,60 Ia-X 330,82 0,36 1,25 610,36 157,78 394,44 466,08 555,37 98,61 246,53 291,30 347,11 381,48 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 901,10 144,50 216,30 903,90 1,60 Ia-X 287,90 0,27 1,25 596,85 157,78 394,44 429,83 519,13 98,61 246,53 268,65 324,45 373,03 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 918,20 685,30 216,30 921,40 1,60 Ia-X 290,17 0,27 1,25 597,94 157,78 394,44 432,06 521,35 98,61 246,53 270,04 325,84 373,71 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 612,40 137,40 147,90 531,40 1,60 Ib-X 225,00 0,16 1,16 516,89 157,78 394,44 377,62 466,92 98,61 246,53 236,01 291,82 323,06 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 629,50 507,30 147,90 548,90 1,60 Ib-X 227,41 0,16 1,16 519,29 157,78 394,44 380,66 469,95 98,61 246,53 237,91 293,72 324,56 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 333,30 321,60 92,00 413,00 1,60 Ia-X 224,58 0,12 1,12 548,11 157,78 394,44 353,25 442,54 98,61 246,53 220,78 276,59 342,57 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 350,40 551,50 92,00 430,50 1,60 Ia-X 226,82 0,13 1,13 550,46 157,78 394,44 356,44 445,74 98,61 246,53 222,78 278,59 344,03 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 690,10 11,00 257,70 629,20 1,60 Ia-X 252,34 0,19 1,19 573,90 157,78 394,44 390,34 479,63 98,61 246,53 243,96 299,77 358,69 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 707,20 655,20 257,70 646,70 1,60 Ia-X 254,60 0,19 1,19 575,69 157,78 394,44 393,11 482,40 98,61 246,53 245,69 301,50 359,80 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 429,00 37,60 258,70 463,10 1,60 Ia-X 230,99 0,14 1,14 554,70 157,78 394,44 362,31 451,60 98,61 246,53 226,44 282,25 346,69 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 446,10 609,20 258,70 480,60 1,60 Ia-X 233,23 0,14 1,14 556,91 157,78 394,44 365,41 454,70 98,61 246,53 228,38 284,19 348,07 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 285,00 134,40 157,10 265,80 1,60 Ib-X 188,77 0,08 1,08 474,63 157,78 394,44 326,96 416,25 98,61 246,53 204,35 260,16 296,64 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 302,10 527,10 157,10 283,30 1,60 Ib-X 191,13 0,08 1,08 477,75 157,78 394,44 330,56 419,85 98,61 246,53 206,60 262,41 298,59 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
PUSHOVER N.ro 1 - Fx(+) Modo +Ecc 5%
k=0,75 =5 k=1 =0
Vu,flex [kN]
Esito
c/ f cd c
DOMANDA
Ls [m]
NGRAV_SIS
[kN]
EC8
MECCANISMI FRAGILI:VERIFICHE
x [mm]
MVRD [kNm]
MRd [kNm]
ctg =1 ctg =2,5
k=0,75
=5
k=1 =0
I

L
I
V
E
L
L
O
ctg =1
FILO B [cm] H [cm]
EC8
VRD [kN]
Esito Esito
k=0,75 =5 ctg =1 ctg =2,5 k=1 =0
NTC08
Esito
NTC08 EC8 NTC08
L [m]
QUOTA
[m] N [kN]
ctg =2,5
M
[kNm]
V [kN]
DOMINIO
10
11
12
9
13
31
30
8
7
29
32
14
15
6
28
33
16
5
27
34
17
4
26
35
18
3
25
36
19
2
24
37
21
20
1
23
22
338
PUSHOVER N.ro 1 - Fx(+) Modo +Ecc 5%
k=0,75 =5 k=1 =0
Vu,flex [kN]
Esito
c/ f cd c
DOMANDA
Ls [m]
NGRAV_SIS
[kN]
EC8
MECCANISMI FRAGILI:VERIFICHE
x [mm]
MVRD [kNm]
MRd [kNm]
ctg =1 ctg =2,5
k=0,75
=5
k=1 =0 ctg =1
FILO B [cm] H [cm]
EC8
VRD [kN]
Esito Esito
k=0,75 =5 ctg =1 ctg =2,5 k=1 =0
NTC08
Esito
NTC08 EC8 NTC08
L [m]
QUOTA
[m] N [kN]
ctg =2,5
M
[kNm]
V [kN]
DOMINIO
40 60 3,60 6,80 -21,00 22,90 104,60 180,10 1,80 II-X 148,65 0,06 1,06 334,52 150,60 376,51 263,99 340,20 83,67 209,17 146,66 189,00 185,85 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 -3,90 280,30 104,60 197,50 1,80 II-X 151,20 0,07 1,07 337,50 150,60 376,51 267,18 343,40 83,67 209,17 148,43 190,78 187,50 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 228,50 169,70 197,70 256,90 1,80 II-X 159,98 0,09 1,09 347,34 150,60 376,51 277,79 354,01 83,67 209,17 154,33 196,67 192,97 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 245,60 403,60 197,70 274,30 1,80 II-X 162,57 0,09 1,09 350,12 150,60 376,51 280,81 357,03 83,67 209,17 156,01 198,35 194,51 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 227,20 206,80 211,20 152,50 1,80 II-X 144,62 0,05 1,05 329,70 150,60 376,51 258,84 335,05 83,67 209,17 143,80 186,14 183,17 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 244,30 405,80 211,20 169,90 1,80 II-X 147,16 0,06 1,06 332,75 150,60 376,51 262,09 338,31 83,67 209,17 145,61 187,95 184,86 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 202,90 51,60 180,80 44,20 1,80 II-Y 206,79 0,02 1,02 206,79 96,82 242,04 137,08 181,54 53,79 134,47 76,16 100,85 114,89 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 220,00 67,60 180,80 61,60 1,80 II-Y 209,27 0,02 1,02 209,27 96,82 242,04 138,48 182,93 53,79 134,47 76,93 101,63 116,26 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 134,00 112,60 126,90 112,00 1,80 II-Y 216,30 0,04 1,04 216,30 96,82 242,04 142,31 186,77 53,79 134,47 79,06 103,76 120,17 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 151,10 123,00 126,90 129,40 1,80 II-Y 218,68 0,04 1,04 218,68 96,82 242,04 143,57 188,03 53,79 134,47 79,76 104,46 121,49 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 60 3,60 6,80 209,60 29,90 98,80 272,70 1,80 II-X 162,33 0,09 1,09 349,86 150,60 376,51 280,54 356,75 83,67 209,17 155,85 198,19 194,37 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 226,70 316,40 98,80 290,10 1,80 II-X 164,93 0,10 1,10 352,60 150,60 376,51 283,52 359,73 83,67 209,17 157,51 199,85 195,89 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 670,20 92,60 48,90 636,30 1,80 II-X 218,11 0,22 1,22 397,35 150,60 376,51 334,29 410,51 83,67 209,17 185,72 228,06 220,75 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 687,30 253,90 48,90 656,10 1,80 II-X 221,22 0,23 1,23 399,35 150,60 376,51 336,70 412,91 83,67 209,17 187,05 229,39 221,86 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 439,90 18,00 101,50 487,00 1,80 II-X 194,88 0,17 1,17 380,34 150,60 376,51 314,42 390,64 83,67 209,17 174,68 217,02 211,30 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 457,00 276,30 101,50 504,40 1,80 II-X 197,57 0,17 1,17 382,50 150,60 376,51 316,90 393,11 83,67 209,17 176,06 218,40 212,50 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 490,30 20,40 109,80 587,20 1,80 II-X 210,43 0,20 1,20 392,14 150,60 376,51 328,10 404,32 83,67 209,17 182,28 224,62 217,86 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 507,40 297,90 109,80 604,60 1,80 II-X 213,15 0,21 1,21 394,03 150,60 376,51 330,34 406,55 83,67 209,17 183,52 225,86 218,91 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 829,50 165,40 22,90 795,90 1,80 II-X 243,27 0,27 1,25 411,70 150,60 376,51 352,09 428,30 83,67 209,17 195,60 237,95 228,72 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 846,60 241,10 22,90 815,70 1,80 II-X 246,40 0,28 1,25 413,20 150,60 376,51 354,05 430,26 83,67 209,17 196,69 239,03 229,56 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 352,80 38,00 99,90 359,30 1,80 II-X 175,35 0,12 1,12 363,03 150,60 376,51 294,98 371,20 83,67 209,17 163,88 206,22 201,69 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 369,90 327,50 99,90 376,70 1,80 II-X 177,99 0,13 1,13 365,54 150,60 376,51 297,76 373,98 83,67 209,17 165,42 207,76 203,08 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 -41,80 219,90 200,00 78,50 1,80 II-X 133,95 0,03 1,03 316,22 150,60 376,51 244,55 320,76 83,67 209,17 135,86 178,20 175,68 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 -24,70 360,10 200,00 95,90 1,80 II-X 136,44 0,03 1,03 319,46 150,60 376,51 247,97 324,19 83,67 209,17 137,76 180,10 177,48 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 279,50 355,60 265,10 106,30 1,80 II-X 137,94 0,04 1,04 321,38 150,60 376,51 250,00 326,21 83,67 209,17 138,89 181,23 178,54 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 3,20 296,60 413,20 265,10 123,70 1,80 II-X 140,45 0,04 1,04 324,55 150,60 376,51 253,36 329,57 83,67 209,17 140,76 183,10 180,31 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 487,70 9,00 112,50 578,80 1,80 II-X 209,12 0,20 1,20 391,21 150,60 376,51 327,01 403,22 83,67 209,17 181,67 224,01 217,34 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 504,80 317,30 112,50 596,20 1,80 II-X 211,83 0,20 1,20 393,13 150,60 376,51 329,26 405,48 83,67 209,17 182,92 225,27 218,40 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 817,80 151,30 39,10 781,90 1,80 II-X 241,05 0,27 1,25 410,60 150,60 376,51 350,67 426,88 83,67 209,17 194,82 237,16 228,11 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 834,90 280,40 39,10 801,70 1,80 II-X 244,19 0,28 1,25 412,14 150,60 376,51 352,67 428,88 83,67 209,17 195,93 238,27 228,97 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 412,10 50,80 102,40 424,40 1,80 II-X 185,26 0,15 1,15 372,17 150,60 376,51 305,17 381,39 83,67 209,17 169,54 211,88 206,76 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 429,20 347,70 102,40 441,80 1,80 II-X 187,92 0,15 1,15 374,50 150,60 376,51 307,80 384,01 83,67 209,17 171,00 213,34 208,06 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 259,40 96,20 175,00 229,60 1,80 II-X 155,93 0,08 1,08 342,88 150,60 376,51 272,97 349,19 83,67 209,17 151,65 193,99 190,49 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 276,50 411,30 175,00 247,00 1,80 II-X 158,51 0,08 1,08 345,74 150,60 376,51 276,06 352,27 83,67 209,17 153,36 195,71 192,08 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 485,70 0,20 116,60 580,20 1,80 II-X 209,34 0,20 1,20 391,37 150,60 376,51 327,19 403,41 83,67 209,17 181,77 224,11 217,43 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 502,80 338,10 116,60 597,60 1,80 II-X 212,05 0,21 1,21 393,28 150,60 376,51 329,44 405,66 83,67 209,17 183,02 225,36 218,49 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 819,20 152,50 46,40 783,10 1,80 II-X 241,24 0,27 1,25 410,69 150,60 376,51 350,79 427,01 83,67 209,17 194,89 237,23 228,16 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 836,30 305,60 46,40 802,90 1,80 II-X 244,38 0,28 1,25 412,24 150,60 376,51 352,79 429,00 83,67 209,17 195,99 238,33 229,02 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 422,80 56,90 108,60 427,70 1,80 II-X 185,76 0,15 1,15 372,62 150,60 376,51 305,67 381,89 83,67 209,17 169,82 212,16 207,01 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 439,90 371,70 108,60 445,10 1,80 II-X 188,43 0,15 1,15 374,94 150,60 376,51 308,29 384,51 83,67 209,17 171,27 213,61 208,30 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 247,70 96,10 174,90 223,00 1,80 II-X 154,95 0,08 1,08 341,79 150,60 376,51 271,79 348,01 83,67 209,17 151,00 193,34 189,88 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 264,80 410,90 174,90 240,40 1,80 II-X 157,53 0,08 1,08 344,66 150,60 376,51 274,89 351,11 83,67 209,17 152,72 195,06 191,48 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 484,10 8,70 120,70 580,10 1,80 II-X 209,32 0,20 1,20 391,36 150,60 376,51 327,18 403,39 83,67 209,17 181,77 224,11 217,42 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 501,20 358,80 120,70 597,50 1,80 II-X 212,04 0,21 1,21 393,27 150,60 376,51 329,43 405,64 83,67 209,17 183,02 225,36 218,48 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 821,10 155,70 52,70 783,30 1,80 II-X 241,27 0,27 1,25 410,71 150,60 376,51 350,81 427,03 83,67 209,17 194,90 237,24 228,17 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 838,20 329,60 52,70 803,10 1,80 II-X 244,41 0,28 1,25 412,25 150,60 376,51 352,81 429,02 83,67 209,17 196,00 238,35 229,03 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 423,80 63,10 114,70 427,70 1,80 II-X 185,76 0,15 1,15 372,62 150,60 376,51 305,67 381,89 83,67 209,17 169,82 212,16 207,01 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 440,90 395,60 114,70 445,10 1,80 II-X 188,43 0,15 1,15 374,94 150,60 376,51 308,29 384,51 83,67 209,17 171,27 213,61 208,30 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO FRAGILE -VER DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 249,70 95,80 174,70 225,00 1,80 II-X 155,25 0,08 1,08 342,12 150,60 376,51 272,15 348,37 83,67 209,17 151,20 193,54 190,07 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 266,80 410,90 174,70 242,40 1,80 II-X 157,82 0,08 1,08 344,99 150,60 376,51 275,25 351,46 83,67 209,17 152,91 195,26 191,66 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 479,90 20,10 123,50 575,50 1,80 II-X 208,60 0,20 1,20 390,84 150,60 376,51 326,58 402,79 83,67 209,17 181,43 223,77 217,14 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 497,00 378,30 123,50 592,90 1,80 II-X 211,32 0,20 1,20 392,77 150,60 376,51 328,84 405,05 83,67 209,17 182,69 225,03 218,20 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 820,80 162,00 55,60 781,70 1,80 II-X 241,02 0,27 1,25 410,58 150,60 376,51 350,65 426,86 83,67 209,17 194,81 237,15 228,10 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 837,90 345,50 55,60 801,50 1,80 II-X 244,15 0,28 1,25 412,13 150,60 376,51 352,65 428,86 83,67 209,17 195,92 238,26 228,96 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 420,60 69,50 116,50 425,30 1,80 II-X 185,40 0,15 1,15 372,29 150,60 376,51 305,31 381,52 83,67 209,17 169,62 211,96 206,83 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 437,70 407,50 116,50 442,70 1,80 II-X 188,06 0,15 1,15 374,62 150,60 376,51 307,93 384,15 83,67 209,17 171,07 213,42 208,12 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO FRAGILE -VER DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 246,40 96,30 174,80 222,40 1,80 II-X 154,86 0,08 1,08 341,69 150,60 376,51 271,69 347,90 83,67 209,17 150,94 193,28 189,83 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 263,50 410,60 174,80 239,80 1,80 II-X 157,44 0,08 1,08 344,56 150,60 376,51 274,79 351,00 83,67 209,17 152,66 195,00 191,42 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 482,50 21,10 131,90 599,20 1,80 II-X 212,30 0,21 1,21 393,45 150,60 376,51 329,65 405,86 83,67 209,17 183,14 225,48 218,58 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 499,60 403,50 131,90 616,60 1,80 II-X 215,02 0,21 1,21 395,31 150,60 376,51 331,85 408,07 83,67 209,17 184,36 226,70 219,61 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 843,30 175,00 57,00 803,60 1,80 II-X 244,49 0,28 1,25 412,29 150,60 376,51 352,86 429,07 83,67 209,17 196,03 238,37 229,05 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 860,40 363,20 57,00 823,40 1,80 II-X 247,62 0,28 1,25 413,77 150,60 376,51 354,79 431,01 83,67 209,17 197,11 239,45 229,87 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 440,00 75,40 123,50 439,00 1,80 II-X 187,49 0,15 1,15 374,13 150,60 376,51 307,38 383,59 83,67 209,17 170,77 213,11 207,85 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 457,10 433,60 123,50 456,40 1,80 II-X 190,17 0,16 1,16 376,42 150,60 376,51 309,97 386,18 83,67 209,17 172,20 214,55 209,12 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO FRAGILE -VER DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 268,20 95,50 175,80 235,10 1,80 II-X 156,74 0,08 1,08 343,79 150,60 376,51 273,95 350,17 83,67 209,17 152,20 194,54 190,99 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 285,30 414,20 175,80 252,50 1,80 II-X 159,32 0,09 1,09 346,63 150,60 376,51 277,02 353,24 83,67 209,17 153,90 196,24 192,57 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 240,90 13,70 145,60 286,20 1,80 II-X 164,34 0,10 1,10 351,99 150,60 376,51 282,85 359,07 83,67 209,17 157,14 199,48 195,55 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 258,00 408,60 145,60 303,60 1,80 II-X 166,95 0,10 1,10 354,69 150,60 376,51 285,81 362,02 83,67 209,17 158,78 201,12 197,05 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO FRAGILE -VER DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 487,00 20,80 150,10 417,70 1,80 II-X 184,23 0,14 1,14 371,26 150,60 376,51 304,15 380,36 83,67 209,17 168,97 211,31 206,26 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 504,10 456,20 150,10 435,10 1,80 II-X 186,90 0,15 1,15 373,61 150,60 376,51 306,79 383,01 83,67 209,17 170,44 212,78 207,56 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO FRAGILE -VER DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 173,90 79,90 109,70 224,50 1,80 II-X 155,17 0,08 1,08 342,04 150,60 376,51 272,06 348,28 83,67 209,17 151,15 193,49 190,02 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 191,00 398,10 109,70 241,90 1,80 II-X 157,75 0,08 1,08 344,90 150,60 376,51 275,16 351,37 83,67 209,17 152,86 195,21 191,61 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO FRAGILE -VER DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 120,60 247,60 219,40 112,30 1,80 II-X 138,80 0,04 1,04 322,48 150,60 376,51 251,16 327,38 83,67 209,17 139,53 181,88 179,15 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 137,70 388,70 219,40 129,70 1,80 II-X 141,31 0,04 1,04 325,63 150,60 376,51 254,51 330,72 83,67 209,17 141,39 183,74 180,91 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
I
I

L
I
V
E
L
L
O
9
13
12
11
10
7
8
30
31
15
14
32
29
16
33
28
6
17
34
27
5
18
35
26
4
19
36
25
3
20
37
24
2
21
22
23
1
339
PUSHOVER N.ro 1 - Fx(+) Modo +Ecc 5%
k=0,75 =5 k=1 =0
Vu,flex [kN]
Esito
c/ f cd c
DOMANDA
Ls [m]
NGRAV_SIS
[kN]
EC8
MECCANISMI FRAGILI:VERIFICHE
x [mm]
MVRD [kNm]
MRd [kNm]
ctg =1 ctg =2,5
k=0,75
=5
k=1 =0 ctg =1
FILO B [cm] H [cm]
EC8
VRD [kN]
Esito Esito
k=0,75 =5 ctg =1 ctg =2,5 k=1 =0
NTC08
Esito
NTC08 EC8 NTC08
L [m]
QUOTA
[m] N [kN]
ctg =2,5
M
[kNm]
V [kN]
DOMINIO
40 60 3,60 10,40 0,60 110,00 73,20 68,70 1,80 III-X 119,13 0,02 1,02 253,96 150,60 376,51 243,01 319,22 83,67 209,17 135,00 177,35 141,09 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 17,60 102,30 73,20 86,10 1,80 III-X 121,79 0,03 1,03 257,45 150,60 376,51 246,55 322,76 83,67 209,17 136,97 179,31 143,03 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 98,70 247,00 171,80 107,80 1,80 III-X 125,12 0,04 1,04 261,75 150,60 376,51 250,90 327,12 83,67 209,17 139,39 181,73 145,41 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 114,10 251,10 171,80 125,20 1,80 III-X 127,81 0,04 1,04 265,14 150,60 376,51 254,35 330,56 83,67 209,17 141,30 183,65 147,30 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 120,40 164,40 135,60 60,40 1,80 III-X 117,87 0,02 1,02 252,28 150,60 376,51 241,30 317,52 83,67 209,17 134,06 176,40 140,15 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 159,70 228,90 135,60 77,80 1,80 III-X 120,52 0,03 1,03 255,79 150,60 376,51 244,86 321,08 83,67 209,17 136,03 178,38 142,11 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 162,70 135,00 72,20 150,90 1,80 III-X 131,79 0,05 1,05 270,06 150,60 376,51 259,36 335,58 83,67 209,17 144,09 186,43 150,03 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 179,50 74,50 72,20 168,30 1,80 III-X 134,51 0,06 1,06 273,34 150,60 376,51 262,71 338,92 83,67 209,17 145,95 188,29 151,85 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 261,60 227,50 83,50 270,30 1,80 III-X 150,60 0,09 1,09 291,56 150,60 376,51 281,46 357,67 83,67 209,17 156,37 198,71 161,98 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 288,40 47,90 83,50 290,10 1,80 III-X 153,76 0,10 1,10 294,90 150,60 376,51 284,93 361,14 83,67 209,17 158,29 200,63 163,83 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 183,30 132,20 73,20 203,90 1,80 III-X 140,09 0,07 1,07 279,89 150,60 376,51 269,42 345,63 83,67 209,17 149,68 192,02 155,49 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 192,40 109,50 73,20 223,70 1,80 III-X 143,21 0,08 1,08 283,44 150,60 376,51 273,07 349,29 83,67 209,17 151,71 194,05 157,47 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 220,10 142,90 80,70 247,30 1,80 III-X 146,94 0,08 1,08 287,60 150,60 376,51 277,36 353,57 83,67 209,17 154,09 196,43 159,78 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 218,90 123,50 80,70 267,10 1,80 III-X 150,09 0,09 1,09 291,01 150,60 376,51 280,89 357,11 83,67 209,17 156,05 198,39 161,67 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 321,60 232,20 71,80 330,10 1,80 III-X 160,19 0,11 1,11 301,44 150,60 376,51 291,77 367,98 83,67 209,17 162,09 204,43 167,47 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 350,60 4,80 71,80 349,90 1,80 III-X 163,38 0,12 1,12 304,58 150,60 376,51 295,07 371,28 83,67 209,17 163,93 206,27 169,21 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 201,70 134,40 73,60 177,30 1,80 III-X 135,91 0,06 1,06 275,01 150,60 376,51 264,42 340,63 83,67 209,17 146,90 189,24 152,78 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 231,10 78,90 73,60 194,70 1,80 III-X 138,64 0,07 1,07 278,22 150,60 376,51 267,70 343,91 83,67 209,17 148,72 191,06 154,56 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 214,40 153,20 85,40 243,10 1,80 III-X 146,28 0,08 1,08 286,87 150,60 376,51 276,60 352,81 83,67 209,17 153,67 196,01 159,37 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 215,60 128,60 85,40 262,90 1,80 III-X 149,42 0,09 1,09 290,30 150,60 376,51 280,15 356,36 83,67 209,17 155,64 197,98 161,28 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 317,50 231,20 74,30 325,60 1,80 III-X 159,46 0,11 1,11 300,72 150,60 376,51 291,01 367,22 83,67 209,17 161,67 204,01 167,07 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 347,40 14,10 74,30 345,40 1,80 III-X 162,65 0,12 1,12 303,87 150,60 376,51 294,32 370,54 83,67 209,17 163,51 205,85 168,82 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 191,50 134,60 73,10 171,10 1,80 III-X 134,94 0,06 1,06 273,86 150,60 376,51 263,24 339,45 83,67 209,17 146,24 188,59 152,14 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 215,40 77,40 73,10 188,50 1,80 III-X 137,67 0,06 1,06 277,08 150,60 376,51 266,53 342,75 83,67 209,17 148,07 190,42 153,93 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 212,20 163,90 90,70 243,70 1,80 III-X 146,37 0,08 1,08 286,97 150,60 376,51 276,71 352,92 83,67 209,17 153,73 196,07 159,43 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 214,10 135,30 90,70 263,50 1,80 III-X 149,52 0,09 1,09 290,40 150,60 376,51 280,25 356,47 83,67 209,17 155,70 198,04 161,33 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 318,20 232,00 75,40 326,50 1,80 III-X 159,61 0,11 1,11 300,87 150,60 376,51 291,16 367,37 83,67 209,17 161,76 204,10 167,15 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 349,70 16,70 75,40 346,30 1,80 III-X 162,80 0,12 1,12 304,02 150,60 376,51 294,47 370,69 83,67 209,17 163,59 205,94 168,90 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 200,20 134,30 73,60 174,80 1,80 III-X 135,52 0,06 1,06 274,55 150,60 376,51 263,94 340,16 83,67 209,17 146,64 188,98 152,53 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 222,60 79,10 73,60 192,20 1,80 III-X 138,25 0,07 1,07 277,76 150,60 376,51 267,23 343,44 83,67 209,17 148,46 190,80 154,31 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 209,50 174,60 95,90 243,60 1,80 III-X 146,36 0,08 1,08 286,95 150,60 376,51 276,69 352,90 83,67 209,17 153,72 196,06 159,42 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 212,40 141,90 95,90 263,40 1,80 III-X 149,50 0,09 1,09 290,38 150,60 376,51 280,24 356,45 83,67 209,17 155,69 198,03 161,32 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 318,30 232,30 75,70 326,70 1,80 III-X 159,64 0,11 1,11 300,90 150,60 376,51 291,19 367,41 83,67 209,17 161,77 204,12 167,17 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 351,60 17,60 75,70 346,50 1,80 III-X 162,83 0,12 1,12 304,05 150,60 376,51 294,50 370,72 83,67 209,17 163,61 205,95 168,92 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 203,00 134,00 74,10 174,70 1,80 III-X 135,51 0,06 1,06 274,53 150,60 376,51 263,92 340,14 83,67 209,17 146,62 188,97 152,52 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 222,70 80,90 74,10 192,10 1,80 III-X 138,23 0,07 1,07 277,74 150,60 376,51 267,21 343,43 83,67 209,17 148,45 190,79 154,30 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 205,90 185,50 100,80 242,20 1,80 III-X 146,13 0,08 1,08 286,71 150,60 376,51 276,44 352,65 83,67 209,17 153,58 195,92 159,28 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 210,20 147,20 100,80 262,00 1,80 III-X 149,28 0,09 1,09 290,14 150,60 376,51 279,99 356,20 83,67 209,17 155,55 197,89 161,19 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 317,30 233,20 76,60 324,70 1,80 III-X 159,32 0,11 1,11 300,58 150,60 376,51 290,86 367,07 83,67 209,17 161,59 203,93 166,99 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 351,00 19,50 76,60 344,50 1,80 III-X 162,51 0,12 1,12 303,73 150,60 376,51 294,17 370,39 83,67 209,17 163,43 205,77 168,74 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 202,40 132,80 75,50 173,00 1,80 III-X 135,24 0,06 1,06 274,21 150,60 376,51 263,60 339,82 83,67 209,17 146,45 188,79 152,34 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 220,20 86,00 75,50 190,40 1,80 III-X 137,96 0,07 1,07 277,43 150,60 376,51 266,89 343,11 83,67 209,17 148,27 190,61 154,13 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 205,60 195,90 107,10 249,90 1,80 III-X 147,36 0,09 1,09 288,05 150,60 376,51 277,82 354,04 83,67 209,17 154,35 196,69 160,03 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 208,50 157,70 107,10 269,70 1,80 III-X 150,51 0,09 1,09 291,46 150,60 376,51 281,35 357,57 83,67 209,17 156,31 198,65 161,92 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 330,30 233,70 75,20 335,10 1,80 III-X 160,99 0,12 1,12 302,24 150,60 376,51 292,61 368,82 83,67 209,17 162,56 204,90 167,91 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 364,00 14,60 75,20 354,90 1,80 III-X 164,19 0,12 1,12 305,36 150,60 376,51 295,89 372,11 83,67 209,17 164,38 206,73 169,65 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 214,50 132,60 75,80 181,90 1,80 III-X 136,63 0,06 1,06 275,86 150,60 376,51 265,29 341,50 83,67 209,17 147,38 189,72 153,26 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 233,60 87,30 75,80 199,30 1,80 III-X 139,36 0,07 1,07 279,05 150,60 376,51 268,56 344,77 83,67 209,17 149,20 191,54 155,03 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 89,60 98,10 87,60 118,60 1,80 III-X 126,79 0,04 1,04 263,86 150,60 376,51 253,04 329,26 83,67 209,17 140,58 182,92 146,59 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 116,50 156,00 87,60 136,00 1,80 III-X 129,48 0,05 1,05 267,22 150,60 376,51 256,47 332,68 83,67 209,17 142,48 184,82 148,46 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 160,00 255,10 159,80 169,80 1,80 III-X 134,74 0,06 1,06 273,62 150,60 376,51 262,99 339,21 83,67 209,17 146,11 188,45 152,01 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 178,50 208,20 159,80 187,20 1,80 III-X 137,46 0,06 1,06 276,84 150,60 376,51 266,29 342,50 83,67 209,17 147,94 190,28 153,80 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 128,50 182,00 111,30 95,70 1,80 III-X 123,26 0,03 1,03 259,36 150,60 376,51 248,48 324,69 83,67 209,17 138,04 180,39 144,09 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 134,00 140,70 111,30 113,10 1,80 III-X 125,94 0,04 1,04 262,78 150,60 376,51 251,95 328,17 83,67 209,17 139,97 182,32 145,99 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
I
I
I

L
I
V
E
L
L
O
9
10
11
31
30
8
7
29
34
4
32
6
28
33
22
36
2
24
37
1
23
26
35
3
25
5
27
340
40 70 3,20 3,20 389,20 32,50 181,60 260,60 1,60 Ia-X 205,20 0,08 1,08 525,82 157,78 394,44 323,94 413,23 98,61 246,53 202,46 258,27 328,64 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 406,30 486,60 181,60 278,10 1,60 Ia-X 207,42 0,08 1,08 528,55 157,78 394,44 327,44 416,73 98,61 246,53 204,65 260,46 330,35 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 364,40 19,70 247,20 396,00 1,60 Ia-X 222,41 0,12 1,12 545,79 157,78 394,44 350,11 439,40 98,61 246,53 218,82 274,62 341,12 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 381,50 598,20 247,20 413,50 1,60 Ia-X 224,65 0,12 1,12 548,18 157,78 394,44 353,34 442,63 98,61 246,53 220,84 276,64 342,61 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 316,80 70,60 262,90 254,40 1,60 Ia-X 204,42 0,07 1,07 524,84 157,78 394,44 322,69 411,98 98,61 246,53 201,68 257,49 328,03 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 70 3,20 0,00 333,90 586,70 262,90 271,90 1,60 Ia-X 206,63 0,08 1,08 527,59 157,78 394,44 326,20 415,49 98,61 246,53 203,88 259,68 329,74 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 -72,90 14,80 73,90 101,50 1,60 Ib-Y 259,29 0,03 1,03 259,68 86,06 215,15 155,97 205,89 53,79 134,47 97,48 128,68 162,30 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 -55,80 199,50 73,90 119,00 1,60 Ib-Y 261,83 0,04 1,04 262,17 86,06 215,15 156,91 206,83 53,79 134,47 98,07 129,27 163,86 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 3,20 6,10 1,10 86,20 272,00 1,60 Ib-Y 283,02 0,08 1,08 283,13 86,06 215,15 163,60 213,52 53,79 134,47 102,25 133,45 176,95 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 23,20 216,70 86,20 289,50 1,60 Ib-Y 285,32 0,09 1,09 285,41 86,06 215,15 164,20 214,12 53,79 134,47 102,62 133,82 178,38 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 648,70 112,00 304,40 558,70 1,60 Ia-X 243,26 0,16 1,16 566,24 157,78 394,44 378,82 468,12 98,61 246,53 236,77 292,57 353,90 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 70 3,20 0,00 665,80 648,90 304,40 576,20 1,60 Ia-X 245,51 0,17 1,17 568,21 157,78 394,44 381,74 471,03 98,61 246,53 238,58 294,39 355,13 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 70 3,20 3,20 923,50 23,40 266,90 967,70 1,60 Ia-X 296,18 0,28 1,25 600,63 157,78 394,44 437,78 527,07 98,61 246,53 273,61 329,42 375,39 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 940,60 690,70 266,90 985,20 1,60 Ia-X 298,45 0,29 1,25 601,57 157,78 394,44 439,88 529,17 98,61 246,53 274,93 330,73 375,98 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 876,30 33,70 192,50 685,20 1,60 Ia-X 259,57 0,20 1,20 579,46 157,78 394,44 399,09 488,38 98,61 246,53 249,43 305,24 362,16 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 893,40 515,10 192,50 702,70 1,60 Ia-X 261,83 0,21 1,21 581,11 157,78 394,44 401,75 491,04 98,61 246,53 251,09 306,90 363,19 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 943,20 31,00 198,70 822,50 1,60 Ia-X 277,34 0,24 1,24 591,18 157,78 394,44 419,02 508,32 98,61 246,53 261,89 317,70 369,49 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 960,30 527,90 198,70 840,00 1,60 Ia-X 279,61 0,25 1,25 592,48 157,78 394,44 421,41 510,70 98,61 246,53 263,38 319,19 370,30 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1122,50 49,00 255,40 1191,30 1,60 Ia-X 325,19 0,35 1,25 609,44 157,78 394,44 462,01 551,31 98,61 246,53 288,76 344,57 380,90 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1139,60 687,50 255,40 1208,80 1,60 Ia-X 327,45 0,36 1,25 609,84 157,78 394,44 463,67 552,97 98,61 246,53 289,80 345,60 381,15 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 829,70 83,80 304,80 730,00 1,60 Ia-X 265,36 0,21 1,21 583,59 157,78 394,44 405,83 495,12 98,61 246,53 253,64 309,45 364,74 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 846,80 678,20 304,80 747,50 1,60 Ia-X 267,63 0,22 1,22 585,12 157,78 394,44 408,40 497,69 98,61 246,53 255,25 311,06 365,70 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 234,10 83,80 262,80 213,50 1,60 Ib-X 181,74 0,06 1,06 465,04 157,78 394,44 315,99 405,28 98,61 246,53 197,49 253,30 290,65 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 70 3,20 0,00 251,20 573,10 262,80 231,00 1,60 Ib-X 184,09 0,07 1,07 468,29 157,78 394,44 319,69 408,99 98,61 246,53 199,81 255,62 292,68 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 70 3,20 3,20 0,20 169,70 135,80 255,80 1,60 Ib-X 187,42 0,08 1,08 472,83 157,78 394,44 324,88 414,18 98,61 246,53 203,05 258,86 295,52 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 17,30 509,10 135,80 273,30 1,60 Ib-X 189,78 0,08 1,08 475,97 157,78 394,44 328,50 417,80 98,61 246,53 205,32 261,12 297,48 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 925,70 34,30 192,90 812,30 1,60 Ia-X 276,02 0,24 1,24 590,40 157,78 394,44 417,62 506,91 98,61 246,53 261,01 316,82 369,00 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 942,80 516,60 192,90 829,80 1,60 Ia-X 278,29 0,24 1,24 591,73 157,78 394,44 420,02 509,32 98,61 246,53 262,51 318,32 369,83 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1113,10 45,40 255,30 1173,80 1,60 Ia-X 322,92 0,35 1,25 608,99 157,78 394,44 460,32 549,61 98,61 246,53 287,70 343,51 380,62 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1130,20 683,50 255,30 1191,30 1,60 Ia-X 325,19 0,35 1,25 609,44 157,78 394,44 462,01 551,31 98,61 246,53 288,76 344,57 380,90 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 859,50 50,70 297,30 865,70 1,60 Ia-X 282,94 0,25 1,25 594,30 157,78 394,44 424,85 514,15 98,61 246,53 265,53 321,34 371,44 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 876,60 692,50 297,30 883,20 1,60 Ia-X 285,21 0,26 1,25 595,50 157,78 394,44 427,16 516,45 98,61 246,53 266,97 322,78 372,18 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 394,90 142,20 178,60 517,40 1,60 Ib-X 223,07 0,15 1,15 514,93 157,78 394,44 375,17 464,46 98,61 246,53 234,48 290,29 321,83 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 412,00 588,60 178,60 534,90 1,60 Ib-X 225,48 0,16 1,16 517,37 157,78 394,44 378,23 467,53 98,61 246,53 236,40 292,20 323,36 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 927,70 36,70 188,00 814,40 1,60 Ia-X 276,29 0,24 1,24 590,56 157,78 394,44 417,91 507,20 98,61 246,53 261,19 317,00 369,10 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 944,80 506,60 188,00 831,90 1,60 Ia-X 278,56 0,24 1,24 591,88 157,78 394,44 420,31 509,60 98,61 246,53 262,69 318,50 369,93 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1117,80 40,60 253,60 1176,50 1,60 Ia-X 323,27 0,35 1,25 609,07 157,78 394,44 460,58 549,88 98,61 246,53 287,86 343,67 380,67 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1134,90 674,50 253,60 1194,00 1,60 Ia-X 325,54 0,35 1,25 609,50 157,78 394,44 462,27 551,56 98,61 246,53 288,92 344,73 380,94 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 850,10 49,30 292,40 869,00 1,60 Ia-X 283,37 0,26 1,25 594,53 157,78 394,44 425,29 514,58 98,61 246,53 265,81 321,61 371,58 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 867,20 681,70 292,40 886,50 1,60 Ia-X 285,64 0,26 1,25 595,71 157,78 394,44 427,59 516,88 98,61 246,53 267,24 323,05 372,32 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 405,90 143,50 178,30 504,20 1,60 Ib-X 221,26 0,15 1,15 513,06 157,78 394,44 372,83 462,12 98,61 246,53 233,02 288,82 320,66 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 423,00 589,40 178,30 521,70 1,60 Ib-X 223,66 0,15 1,15 515,54 157,78 394,44 375,92 465,21 98,61 246,53 234,95 290,76 322,21 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 927,10 39,20 183,00 814,30 1,60 Ia-X 276,28 0,24 1,24 590,56 157,78 394,44 417,89 507,19 98,61 246,53 261,18 316,99 369,10 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 944,20 496,60 183,00 831,80 1,60 Ia-X 278,55 0,24 1,24 591,87 157,78 394,44 420,30 509,59 98,61 246,53 262,69 318,49 369,92 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1118,60 43,10 248,00 1177,40 1,60 Ia-X 323,39 0,35 1,25 609,09 157,78 394,44 460,67 549,96 98,61 246,53 287,92 343,73 380,68 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1135,70 663,00 248,00 1194,90 1,60 Ia-X 325,65 0,35 1,25 609,52 157,78 394,44 462,36 551,65 98,61 246,53 288,97 344,78 380,95 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 849,50 46,10 286,40 870,30 1,60 Ia-X 283,54 0,26 1,25 594,62 157,78 394,44 425,46 514,75 98,61 246,53 265,91 321,72 371,64 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 866,60 669,80 286,40 887,80 1,60 Ia-X 285,81 0,26 1,25 595,80 157,78 394,44 427,75 517,05 98,61 246,53 267,35 323,15 372,38 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 410,50 143,50 174,30 508,80 1,60 Ib-X 221,89 0,15 1,15 513,72 157,78 394,44 373,64 462,94 98,61 246,53 233,53 289,33 321,07 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 427,60 579,40 174,30 526,30 1,60 Ib-X 224,30 0,15 1,15 516,18 157,78 394,44 376,73 466,02 98,61 246,53 235,46 291,26 322,61 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 918,20 42,30 178,00 806,40 1,60 Ia-X 275,26 0,24 1,24 589,95 157,78 394,44 416,80 506,09 98,61 246,53 260,50 316,31 368,72 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 935,30 487,50 178,00 823,90 1,60 Ia-X 277,52 0,24 1,24 591,28 157,78 394,44 419,22 508,51 98,61 246,53 262,01 317,82 369,55 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1104,70 58,10 234,70 1169,70 1,60 Ia-X 322,39 0,34 1,25 608,89 157,78 394,44 459,92 549,21 98,61 246,53 287,45 343,26 380,55 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1121,80 644,70 234,70 1187,20 1,60 Ia-X 324,66 0,35 1,25 609,34 157,78 394,44 461,62 550,91 98,61 246,53 288,51 344,32 380,84 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 842,90 7,00 258,20 861,80 1,60 Ia-X 282,44 0,25 1,25 594,03 157,78 394,44 424,34 513,63 98,61 246,53 265,21 321,02 371,27 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 860,00 638,40 258,20 879,30 1,60 Ia-X 284,71 0,26 1,25 595,23 157,78 394,44 426,65 515,94 98,61 246,53 266,65 322,46 372,02 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 412,20 172,50 153,90 503,50 1,60 Ib-X 221,16 0,15 1,15 512,96 157,78 394,44 372,70 461,99 98,61 246,53 232,94 288,75 320,60 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 429,30 557,30 153,90 521,00 1,60 Ib-X 223,57 0,15 1,15 515,44 157,78 394,44 375,80 465,09 98,61 246,53 234,87 290,68 322,15 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 992,10 41,30 173,30 844,80 1,60 Ia-X 280,23 0,25 1,25 592,83 157,78 394,44 422,06 511,35 98,61 246,53 263,79 319,59 370,52 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1009,20 474,50 173,30 862,30 1,60 Ia-X 282,50 0,25 1,25 594,07 157,78 394,44 424,40 513,69 98,61 246,53 265,25 321,06 371,29 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 1141,00 63,60 226,70 1217,30 1,60 Ia-X 328,56 0,36 1,25 610,02 157,78 394,44 464,47 553,76 98,61 246,53 290,29 346,10 381,26 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 1158,10 630,40 226,70 1234,80 1,60 Ia-X 330,82 0,36 1,25 610,36 157,78 394,44 466,08 555,37 98,61 246,53 291,30 347,11 381,48 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 880,60 4,00 252,90 903,90 1,60 Ia-X 287,90 0,27 1,25 596,85 157,78 394,44 429,83 519,13 98,61 246,53 268,65 324,45 373,03 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 897,70 628,30 252,90 921,40 1,60 Ia-X 290,17 0,27 1,25 597,94 157,78 394,44 432,06 521,35 98,61 246,53 270,04 325,84 373,71 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 423,00 172,40 148,80 531,40 1,60 Ib-X 225,00 0,16 1,16 516,89 157,78 394,44 377,62 466,92 98,61 246,53 236,01 291,82 323,06 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 440,10 544,40 148,80 548,90 1,60 Ib-X 227,41 0,16 1,16 519,29 157,78 394,44 380,66 469,95 98,61 246,53 237,91 293,72 324,56 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 619,10 48,80 139,70 413,00 1,60 Ia-X 224,58 0,12 1,12 548,11 157,78 394,44 353,25 442,54 98,61 246,53 220,78 276,59 342,57 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 636,20 398,10 139,70 430,50 1,60 Ia-X 226,82 0,13 1,13 550,46 157,78 394,44 356,44 445,74 98,61 246,53 222,78 278,59 344,03 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 533,90 70,00 278,90 629,20 1,60 Ia-X 252,34 0,19 1,19 573,90 157,78 394,44 390,34 479,63 98,61 246,53 243,96 299,77 358,69 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 551,00 627,40 278,90 646,70 1,60 Ia-X 254,60 0,19 1,19 575,69 157,78 394,44 393,11 482,40 98,61 246,53 245,69 301,50 359,80 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 431,20 50,40 263,20 463,10 1,60 Ia-X 230,99 0,14 1,14 554,70 157,78 394,44 362,31 451,60 98,61 246,53 226,44 282,25 346,69 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 448,30 607,70 263,20 480,60 1,60 Ia-X 233,23 0,14 1,14 556,91 157,78 394,44 365,41 454,70 98,61 246,53 228,38 284,19 348,07 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 153,80 147,00 142,00 265,80 1,60 Ib-X 188,77 0,08 1,08 474,63 157,78 394,44 326,96 416,25 98,61 246,53 204,35 260,16 296,64 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 170,90 502,10 142,00 283,30 1,60 Ib-X 191,13 0,08 1,08 477,75 157,78 394,44 330,56 419,85 98,61 246,53 206,60 262,41 298,59 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
ctg =2,5
k=0,75
=5
M
[kNm]
V [kN]
NGRAV_SIS
[kN]
I

L
I
V
E
L
L
O
9
10
c/ f cd
Ls [m] N [kN]
PUSHOVER N.ro 6 - Fx(-) Massa +Ecc 5%
FILO B [cm] H [cm] L [m]
QUOTA
[m]
DOMANDA
DOMINIO x [mm]
NTC08 EC8 NTC08
c
MRd
[kNm]
MVRD [kNm] VRD [kN]
EC8
ctg =1 k=1 =0
NTC08 EC8
ctg =1 ctg =2,5 k=0,75 =5 k=1 =0
ctgq=1 ctg =2,5 k=0,75 =5
Vu,flex [kN]
MECCANISMI FRAGILI:VERIFICHE
k=1 =0
Esito Esito Esito Esito
11
12
13
31
30
8
7
29
32
14
15
6
28
33
16
5
27
34
17
4
26
35
18
3
25
36
19
2
24
37
20
1
23
22
21
341
ctg =2,5
k=0,75
=5
M
[kNm]
V [kN]
NGRAV_SIS
[kN]
c/ f cd
Ls [m] N [kN]
PUSHOVER N.ro 6 - Fx(-) Massa +Ecc 5%
FILO B [cm] H [cm] L [m]
QUOTA
[m]
DOMANDA
DOMINIO x [mm]
NTC08 EC8 NTC08
c
MRd
[kNm]
MVRD [kNm] VRD [kN]
EC8
ctg =1 k=1 =0
NTC08 EC8
ctg =1 ctg =2,5 k=0,75 =5 k=1 =0
ctgq=1 ctg =2,5 k=0,75 =5
Vu,flex [kN]
MECCANISMI FRAGILI:VERIFICHE
k=1 =0
Esito Esito Esito Esito
40 60 3,60 6,80 284,80 210,60 177,90 180,10 1,80 II-X 148,65 0,06 1,06 334,52 150,60 376,51 263,99 340,20 83,67 209,17 146,66 189,00 185,85 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 301,90 305,30 177,90 197,50 1,80 II-X 151,20 0,07 1,07 337,50 150,60 376,51 267,18 343,40 83,67 209,17 148,43 190,78 187,50 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 228,50 247,10 198,90 256,90 1,80 II-X 159,98 0,09 1,09 347,34 150,60 376,51 277,79 354,01 83,67 209,17 154,33 196,67 192,97 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 245,60 329,70 198,90 274,30 1,80 II-X 162,57 0,09 1,09 350,12 150,60 376,51 280,81 357,03 83,67 209,17 156,01 198,35 194,51 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 156,50 297,30 234,30 152,50 1,80 II-X 144,62 0,05 1,05 329,70 150,60 376,51 258,84 335,05 83,67 209,17 143,80 186,14 183,17 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 173,60 382,10 234,30 169,90 1,80 II-X 147,16 0,06 1,06 332,75 150,60 376,51 262,09 338,31 83,67 209,17 145,61 187,95 184,86 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 -62,30 42,50 82,40 44,20 1,80 II-Y 206,79 0,02 1,02 206,79 96,82 242,04 137,08 181,54 53,79 134,47 76,16 100,85 114,89 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
60 40 3,60 3,20 -45,20 33,90 82,40 61,60 1,80 II-Y 209,27 0,02 1,02 209,27 96,82 242,04 138,48 182,93 53,79 134,47 76,93 101,63 116,26 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
60 40 3,60 6,80 28,80 65,20 60,30 112,00 1,80 II-Y 216,30 0,04 1,04 216,30 96,82 242,04 142,31 186,77 53,79 134,47 79,06 103,76 120,17 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER FRAGILE-VER
60 40 3,60 3,20 45,90 55,70 60,30 129,40 1,80 II-Y 218,68 0,04 1,04 218,68 96,82 242,04 143,57 188,03 53,79 134,47 79,76 104,46 121,49 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 60 3,60 6,80 295,50 124,60 141,50 272,70 1,80 II-X 162,33 0,09 1,09 349,86 150,60 376,51 280,54 356,75 83,67 209,17 155,85 198,19 194,37 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 312,60 285,70 141,50 290,10 1,80 II-X 164,93 0,10 1,10 352,60 150,60 376,51 283,52 359,73 83,67 209,17 157,51 199,85 195,89 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 588,40 214,10 141,20 636,30 1,80 II-X 218,11 0,22 1,22 397,35 150,60 376,51 334,29 410,51 83,67 209,17 185,72 228,06 220,75 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 605,50 251,80 141,20 656,10 1,80 II-X 221,22 0,23 1,23 399,35 150,60 376,51 336,70 412,91 83,67 209,17 187,05 229,39 221,86 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 594,70 39,90 82,30 487,00 1,80 II-X 194,88 0,17 1,17 380,34 150,60 376,51 314,42 390,64 83,67 209,17 174,68 217,02 211,30 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 611,80 198,70 82,30 504,40 1,80 II-X 197,57 0,17 1,17 382,50 150,60 376,51 316,90 393,11 83,67 209,17 176,06 218,40 212,50 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 660,20 31,90 77,90 587,20 1,80 II-X 210,43 0,20 1,20 392,14 150,60 376,51 328,10 404,32 83,67 209,17 182,28 224,62 217,86 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 677,30 194,00 77,90 604,60 1,80 II-X 213,15 0,21 1,21 394,03 150,60 376,51 330,34 406,55 83,67 209,17 183,52 225,86 218,91 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 733,50 252,10 156,40 795,90 1,80 II-X 243,27 0,27 1,25 411,70 150,60 376,51 352,09 428,30 83,67 209,17 195,60 237,95 228,72 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 750,60 263,90 156,40 815,70 1,80 II-X 246,40 0,28 1,25 413,20 150,60 376,51 354,05 430,26 83,67 209,17 196,69 239,03 229,56 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 380,40 126,50 137,30 359,30 1,80 II-X 175,35 0,12 1,12 363,03 150,60 376,51 294,98 371,20 83,67 209,17 163,88 206,22 201,69 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 397,50 271,60 137,30 376,70 1,80 II-X 177,99 0,13 1,13 365,54 150,60 376,51 297,76 373,98 83,67 209,17 165,42 207,76 203,08 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 137,20 300,50 237,90 78,50 1,80 II-X 133,95 0,03 1,03 316,22 150,60 376,51 244,55 320,76 83,67 209,17 135,86 178,20 175,68 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 154,30 389,50 237,90 95,90 1,80 II-X 136,44 0,03 1,03 319,46 150,60 376,51 247,97 324,19 83,67 209,17 137,76 180,10 177,48 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 -32,30 178,40 140,60 106,30 1,80 II-X 137,94 0,04 1,04 321,38 150,60 376,51 250,00 326,21 83,67 209,17 138,89 181,23 178,54 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 -15,20 229,20 140,60 123,70 1,80 II-X 140,45 0,04 1,04 324,55 150,60 376,51 253,36 329,57 83,67 209,17 140,76 183,10 180,31 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 647,20 37,70 81,60 578,80 1,80 II-X 209,12 0,20 1,20 391,21 150,60 376,51 327,01 403,22 83,67 209,17 181,67 224,01 217,34 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 664,30 199,10 81,60 596,20 1,80 II-X 211,83 0,20 1,20 393,13 150,60 376,51 329,26 405,48 83,67 209,17 182,92 225,27 218,40 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 721,90 250,30 156,40 781,90 1,80 II-X 241,05 0,27 1,25 410,60 150,60 376,51 350,67 426,88 83,67 209,17 194,82 237,16 228,11 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 739,00 265,90 156,40 801,70 1,80 II-X 244,19 0,28 1,25 412,14 150,60 376,51 352,67 428,88 83,67 209,17 195,93 238,27 228,97 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 425,30 130,60 134,30 424,40 1,80 II-X 185,26 0,15 1,15 372,17 150,60 376,51 305,17 381,39 83,67 209,17 169,54 211,88 206,76 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 442,40 259,00 134,30 441,80 1,80 II-X 187,92 0,15 1,15 374,50 150,60 376,51 307,80 384,01 83,67 209,17 171,00 213,34 208,06 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 181,20 49,80 69,30 229,60 1,80 II-X 155,93 0,08 1,08 342,88 150,60 376,51 272,97 349,19 83,67 209,17 151,65 193,99 190,49 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 198,30 151,20 69,30 247,00 1,80 II-X 158,51 0,08 1,08 345,74 150,60 376,51 276,06 352,27 83,67 209,17 153,36 195,71 192,08 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 648,80 40,20 83,60 580,20 1,80 II-X 209,34 0,20 1,20 391,37 150,60 376,51 327,19 403,41 83,67 209,17 181,77 224,11 217,43 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 665,90 202,40 83,60 597,60 1,80 II-X 212,05 0,21 1,21 393,28 150,60 376,51 329,44 405,66 83,67 209,17 183,02 225,36 218,49 FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 723,50 253,60 159,20 783,10 1,80 II-X 241,24 0,27 1,25 410,69 150,60 376,51 350,79 427,01 83,67 209,17 194,89 237,23 228,16 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 740,60 271,80 159,20 802,90 1,80 II-X 244,38 0,28 1,25 412,24 150,60 376,51 352,79 429,00 83,67 209,17 195,99 238,33 229,02 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 421,90 133,00 136,40 427,70 1,80 II-X 185,76 0,15 1,15 372,62 150,60 376,51 305,67 381,89 83,67 209,17 169,82 212,16 207,01 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 439,00 262,70 136,40 445,10 1,80 II-X 188,43 0,15 1,15 374,94 150,60 376,51 308,29 384,51 83,67 209,17 171,27 213,61 208,30 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 184,60 49,70 69,40 223,00 1,80 II-X 154,95 0,08 1,08 341,79 150,60 376,51 271,79 348,01 83,67 209,17 151,00 193,34 189,88 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 201,70 151,50 69,40 240,40 1,80 II-X 157,53 0,08 1,08 344,66 150,60 376,51 274,89 351,11 83,67 209,17 152,72 195,06 191,48 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 648,50 43,00 85,80 580,10 1,80 II-X 209,32 0,20 1,20 391,36 150,60 376,51 327,18 403,39 83,67 209,17 181,77 224,11 217,42 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 665,60 205,80 85,80 597,50 1,80 II-X 212,04 0,21 1,21 393,27 150,60 376,51 329,43 405,64 83,67 209,17 183,02 225,36 218,48 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 723,80 256,70 161,20 783,30 1,80 II-X 241,27 0,27 1,25 410,71 150,60 376,51 350,81 427,03 83,67 209,17 194,90 237,24 228,17 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 740,90 275,30 161,20 803,10 1,80 II-X 244,41 0,28 1,25 412,25 150,60 376,51 352,81 429,02 83,67 209,17 196,00 238,35 229,03 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 421,00 136,50 139,00 427,70 1,80 II-X 185,76 0,15 1,15 372,62 150,60 376,51 305,67 381,89 83,67 209,17 169,82 212,16 207,01 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 438,10 266,60 139,00 445,10 1,80 II-X 188,43 0,15 1,15 374,94 150,60 376,51 308,29 384,51 83,67 209,17 171,27 213,61 208,30 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 185,80 49,30 70,10 225,00 1,80 II-X 155,25 0,08 1,08 342,12 150,60 376,51 272,15 348,37 83,67 209,17 151,20 193,54 190,07 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 202,90 154,00 70,10 242,40 1,80 II-X 157,82 0,08 1,08 344,99 150,60 376,51 275,25 351,46 83,67 209,17 152,91 195,26 191,66 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 643,30 47,60 88,80 575,50 1,80 II-X 208,60 0,20 1,20 390,84 150,60 376,51 326,58 402,79 83,67 209,17 181,43 223,77 217,14 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 660,40 209,90 88,80 592,90 1,80 II-X 211,32 0,20 1,20 392,77 150,60 376,51 328,84 405,05 83,67 209,17 182,69 225,03 218,20 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 723,10 261,10 162,70 781,70 1,80 II-X 241,02 0,27 1,25 410,58 150,60 376,51 350,65 426,86 83,67 209,17 194,81 237,15 228,10 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 740,20 275,80 162,70 801,50 1,80 II-X 244,15 0,28 1,25 412,13 150,60 376,51 352,65 428,86 83,67 209,17 195,92 238,26 228,96 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 418,80 139,30 137,40 425,30 1,80 II-X 185,40 0,15 1,15 372,29 150,60 376,51 305,31 381,52 83,67 209,17 169,62 211,96 206,83 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 435,90 259,00 137,40 442,70 1,80 II-X 188,06 0,15 1,15 374,62 150,60 376,51 307,93 384,15 83,67 209,17 171,07 213,42 208,12 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 183,50 50,50 68,40 222,40 1,80 II-X 154,86 0,08 1,08 341,69 150,60 376,51 271,69 347,90 83,67 209,17 150,94 193,28 189,83 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 200,60 147,90 68,40 239,80 1,80 II-X 157,44 0,08 1,08 344,56 150,60 376,51 274,79 351,00 83,67 209,17 152,66 195,00 191,42 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 685,90 42,80 87,40 599,20 1,80 II-X 212,30 0,21 1,21 393,45 150,60 376,51 329,65 405,86 83,67 209,17 183,14 225,48 218,58 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 703,00 210,70 87,40 616,60 1,80 II-X 215,02 0,21 1,21 395,31 150,60 376,51 331,85 408,07 83,67 209,17 184,36 226,70 219,61 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 739,80 275,00 169,50 803,60 1,80 II-X 244,49 0,28 1,25 412,29 150,60 376,51 352,86 429,07 83,67 209,17 196,03 238,37 229,05 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 756,90 284,40 169,50 823,40 1,80 II-X 247,62 0,28 1,25 413,77 150,60 376,51 354,79 431,01 83,67 209,17 197,11 239,45 229,87 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 431,10 142,40 139,60 439,00 1,80 II-X 187,49 0,15 1,15 374,13 150,60 376,51 307,38 383,59 83,67 209,17 170,77 213,11 207,85 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 448,20 262,40 139,60 456,40 1,80 II-X 190,17 0,16 1,16 376,42 150,60 376,51 309,97 386,18 83,67 209,17 172,20 214,55 209,12 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 188,90 49,90 69,20 235,10 1,80 II-X 156,74 0,08 1,08 343,79 150,60 376,51 273,95 350,17 83,67 209,17 152,20 194,54 190,99 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 206,00 150,90 69,20 252,50 1,80 II-X 159,32 0,09 1,09 346,63 150,60 376,51 277,02 353,24 83,67 209,17 153,90 196,24 192,57 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 433,40 207,50 181,90 286,20 1,80 II-X 164,34 0,10 1,10 351,99 150,60 376,51 282,85 359,07 83,67 209,17 157,14 199,48 195,55 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 450,50 319,90 181,90 303,60 1,80 II-X 166,95 0,10 1,10 354,69 150,60 376,51 285,81 362,02 83,67 209,17 158,78 201,12 197,05 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 304,80 171,90 165,50 417,70 1,80 II-X 184,23 0,14 1,14 371,26 150,60 376,51 304,15 380,36 83,67 209,17 168,97 211,31 206,26 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 321,90 308,00 165,50 435,10 1,80 II-X 186,90 0,15 1,15 373,61 150,60 376,51 306,79 383,01 83,67 209,17 170,44 212,78 207,56 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 227,20 227,60 194,50 224,50 1,80 II-X 155,17 0,08 1,08 342,04 150,60 376,51 272,06 348,28 83,67 209,17 151,15 193,49 190,02 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 244,30 336,50 194,50 241,90 1,80 II-X 157,75 0,08 1,08 344,90 150,60 376,51 275,16 351,37 83,67 209,17 152,86 195,21 191,61 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 50,20 87,70 96,40 112,30 1,80 II-X 138,80 0,04 1,04 322,48 150,60 376,51 251,16 327,38 83,67 209,17 139,53 181,88 179,15 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 67,30 191,80 96,40 129,70 1,80 II-X 141,31 0,04 1,04 325,63 150,60 376,51 254,51 330,72 83,67 209,17 141,39 183,74 180,91 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
I
I

L
I
V
E
L
L
O
9
10
11
12
13
31
30
8
7
29
32
14
15
6
28
33
16
5
27
34
17
4
26
35
18
3
25
36
19
2
24
37
20
1
23
22
21
342
ctg =2,5
k=0,75
=5
M
[kNm]
V [kN]
NGRAV_SIS
[kN]
c/ f cd
Ls [m] N [kN]
PUSHOVER N.ro 6 - Fx(-) Massa +Ecc 5%
FILO B [cm] H [cm] L [m]
QUOTA
[m]
DOMANDA
DOMINIO x [mm]
NTC08 EC8 NTC08
c
MRd
[kNm]
MVRD [kNm] VRD [kN]
EC8
ctg =1 k=1 =0
NTC08 EC8
ctg =1 ctg =2,5 k=0,75 =5 k=1 =0
ctgq=1 ctg =2,5 k=0,75 =5
Vu,flex [kN]
MECCANISMI FRAGILI:VERIFICHE
k=1 =0
Esito Esito Esito Esito
40 60 3,60 10,40 112,40 179,00 103,20 68,70 1,80 III-X 119,13 0,02 1,02 253,96 150,60 376,51 243,01 319,22 83,67 209,17 135,00 177,35 141,09 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 129,50 120,40 103,20 86,10 1,80 III-X 121,79 0,03 1,03 257,45 150,60 376,51 246,55 322,76 83,67 209,17 136,97 179,31 143,03 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 97,90 258,10 153,20 107,80 1,80 III-X 125,12 0,04 1,04 261,75 150,60 376,51 250,90 327,12 83,67 209,17 139,39 181,73 145,41 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 116,00 186,30 153,20 125,20 1,80 III-X 127,81 0,04 1,04 265,14 150,60 376,51 254,35 330,56 83,67 209,17 141,30 183,65 147,30 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 13,30 102,00 74,00 60,40 1,80 III-X 117,87 0,02 1,02 252,28 150,60 376,51 241,30 317,52 83,67 209,17 134,06 176,40 140,15 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 32,60 112,60 74,00 77,80 1,80 III-X 120,52 0,03 1,03 255,79 150,60 376,51 244,86 321,08 83,67 209,17 136,03 178,38 142,11 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 112,10 67,90 21,10 150,90 1,80 III-X 131,79 0,05 1,05 270,06 150,60 376,51 259,36 335,58 83,67 209,17 144,09 186,43 150,03 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 125,50 6,60 21,10 168,30 1,80 III-X 134,51 0,06 1,06 273,34 150,60 376,51 262,71 338,92 83,67 209,17 145,95 188,29 151,85 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 268,70 216,70 114,20 270,30 1,80 III-X 150,60 0,09 1,09 291,56 150,60 376,51 281,46 357,67 83,67 209,17 156,37 198,71 161,98 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 281,50 160,00 114,20 290,10 1,80 III-X 153,76 0,10 1,10 294,90 150,60 376,51 284,93 361,14 83,67 209,17 158,29 200,63 163,83 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 239,00 152,50 48,00 203,90 1,80 III-X 140,09 0,07 1,07 279,89 150,60 376,51 269,42 345,63 83,67 209,17 149,68 192,02 155,49 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 268,50 5,80 48,00 223,70 1,80 III-X 143,21 0,08 1,08 283,44 150,60 376,51 273,07 349,29 83,67 209,17 151,71 194,05 157,47 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 270,90 152,90 45,20 247,30 1,80 III-X 146,94 0,08 1,08 287,60 150,60 376,51 277,36 353,57 83,67 209,17 154,09 196,43 159,78 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 297,60 3,70 45,20 267,10 1,80 III-X 150,09 0,09 1,09 291,01 150,60 376,51 280,89 357,11 83,67 209,17 156,05 198,39 161,67 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 327,50 214,70 120,10 330,10 1,80 III-X 160,19 0,11 1,11 301,44 150,60 376,51 291,77 367,98 83,67 209,17 162,09 204,43 167,47 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 342,40 181,80 120,10 349,90 1,80 III-X 163,38 0,12 1,12 304,58 150,60 376,51 295,07 371,28 83,67 209,17 163,93 206,27 169,21 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 137,30 68,10 21,20 177,30 1,80 III-X 135,91 0,06 1,06 275,01 150,60 376,51 264,42 340,63 83,67 209,17 146,90 189,24 152,78 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 152,30 6,60 21,20 194,70 1,80 III-X 138,64 0,07 1,07 278,22 150,60 376,51 267,70 343,91 83,67 209,17 148,72 191,06 154,56 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 265,70 151,60 43,60 243,10 1,80 III-X 146,28 0,08 1,08 286,87 150,60 376,51 276,60 352,81 83,67 209,17 153,67 196,01 159,37 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 292,60 7,80 43,60 262,90 1,80 III-X 149,42 0,09 1,09 290,30 150,60 376,51 280,15 356,36 83,67 209,17 155,64 197,98 161,28 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 321,80 215,20 117,90 325,60 1,80 III-X 159,46 0,11 1,11 300,72 150,60 376,51 291,01 367,22 83,67 209,17 161,67 204,01 167,07 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 336,90 173,80 117,90 345,40 1,80 III-X 162,65 0,12 1,12 303,87 150,60 376,51 294,32 370,54 83,67 209,17 163,51 205,85 168,82 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 141,60 67,70 21,30 171,10 1,80 III-X 134,94 0,06 1,06 273,86 150,60 376,51 263,24 339,45 83,67 209,17 146,24 188,59 152,14 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 155,30 5,80 21,30 188,50 1,80 III-X 137,67 0,06 1,06 277,08 150,60 376,51 266,53 342,75 83,67 209,17 148,07 190,42 153,93 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 265,90 150,20 41,40 243,70 1,80 III-X 146,37 0,08 1,08 286,97 150,60 376,51 276,71 352,92 83,67 209,17 153,73 196,07 159,43 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 293,00 13,70 41,40 263,50 1,80 III-X 149,52 0,09 1,09 290,40 150,60 376,51 280,25 356,47 83,67 209,17 155,70 198,04 161,33 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 322,70 215,40 116,40 326,50 1,80 III-X 159,61 0,11 1,11 300,87 150,60 376,51 291,16 367,37 83,67 209,17 161,76 204,10 167,15 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 338,20 168,60 116,40 346,30 1,80 III-X 162,80 0,12 1,12 304,02 150,60 376,51 294,47 370,69 83,67 209,17 163,59 205,94 168,90 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 142,10 68,60 19,90 174,80 1,80 III-X 135,52 0,06 1,06 274,55 150,60 376,51 263,94 340,16 83,67 209,17 146,64 188,98 152,53 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 155,50 11,00 19,90 192,20 1,80 III-X 138,25 0,07 1,07 277,76 150,60 376,51 267,23 343,44 83,67 209,17 148,46 190,80 154,31 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 265,40 149,00 39,30 243,60 1,80 III-X 146,36 0,08 1,08 286,95 150,60 376,51 276,69 352,90 83,67 209,17 153,72 196,06 159,42 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 292,70 19,20 39,30 263,40 1,80 III-X 149,50 0,09 1,09 290,38 150,60 376,51 280,24 356,45 83,67 209,17 155,69 198,03 161,32 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 322,70 216,00 115,30 326,70 1,80 III-X 159,64 0,11 1,11 300,90 150,60 376,51 291,19 367,41 83,67 209,17 161,77 204,12 167,17 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 338,60 164,50 115,30 346,50 1,80 III-X 162,83 0,12 1,12 304,05 150,60 376,51 294,50 370,72 83,67 209,17 163,61 205,95 168,92 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 142,10 69,80 18,80 174,70 1,80 III-X 135,51 0,06 1,06 274,53 150,60 376,51 263,92 340,14 83,67 209,17 146,62 188,97 152,52 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 154,90 15,20 18,80 192,10 1,80 III-X 138,23 0,07 1,07 277,74 150,60 376,51 267,21 343,43 83,67 209,17 148,45 190,79 154,30 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 263,50 147,70 37,50 242,20 1,80 III-X 146,13 0,08 1,08 286,71 150,60 376,51 276,44 352,65 83,67 209,17 153,58 195,92 159,28 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 291,00 23,80 37,50 262,00 1,80 III-X 149,28 0,09 1,09 290,14 150,60 376,51 279,99 356,20 83,67 209,17 155,55 197,89 161,19 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 321,20 216,10 114,70 324,70 1,80 III-X 159,32 0,11 1,11 300,58 150,60 376,51 290,86 367,07 83,67 209,17 161,59 203,93 166,99 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 337,20 162,30 114,70 344,50 1,80 III-X 162,51 0,12 1,12 303,73 150,60 376,51 294,17 370,39 83,67 209,17 163,43 205,77 168,74 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 140,90 69,90 18,30 173,00 1,80 III-X 135,24 0,06 1,06 274,21 150,60 376,51 263,60 339,82 83,67 209,17 146,45 188,79 152,34 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 153,20 16,80 18,30 190,40 1,80 III-X 137,96 0,07 1,07 277,43 150,60 376,51 266,89 343,11 83,67 209,17 148,27 190,61 154,13 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 276,30 146,00 33,90 249,90 1,80 III-X 147,36 0,09 1,09 288,05 150,60 376,51 277,82 354,04 83,67 209,17 154,35 196,69 160,03 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 304,40 34,00 33,90 269,70 1,80 III-X 150,51 0,09 1,09 291,46 150,60 376,51 281,35 357,57 83,67 209,17 156,31 198,65 161,92 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 329,80 215,90 115,50 335,10 1,80 III-X 160,99 0,12 1,12 302,24 150,60 376,51 292,61 368,82 83,67 209,17 162,56 204,90 167,91 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 345,70 165,30 115,50 354,90 1,80 III-X 164,19 0,12 1,12 305,36 150,60 376,51 295,89 372,11 83,67 209,17 164,38 206,73 169,65 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 149,10 70,80 17,10 181,90 1,80 III-X 136,63 0,06 1,06 275,86 150,60 376,51 265,29 341,50 83,67 209,17 147,38 189,72 153,26 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 161,60 21,30 17,10 199,30 1,80 III-X 139,36 0,07 1,07 279,05 150,60 376,51 268,56 344,77 83,67 209,17 149,20 191,54 155,03 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 173,80 188,60 89,70 118,60 1,80 III-X 126,79 0,04 1,04 263,86 150,60 376,51 253,04 329,26 83,67 209,17 140,58 182,92 146,59 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 191,60 71,60 89,70 136,00 1,80 III-X 129,48 0,05 1,05 267,22 150,60 376,51 256,47 332,68 83,67 209,17 142,48 184,82 148,46 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 161,20 274,10 129,10 169,80 1,80 III-X 134,74 0,06 1,06 273,62 150,60 376,51 262,99 339,21 83,67 209,17 146,11 188,45 152,01 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO FRAGILE -VER DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 6,80 178,60 100,20 129,10 187,20 1,80 III-X 137,46 0,06 1,06 276,84 150,60 376,51 266,29 342,50 83,67 209,17 147,94 190,28 153,80 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 10,40 38,20 116,20 53,10 95,70 1,80 III-X 123,26 0,03 1,03 259,36 150,60 376,51 248,48 324,69 83,67 209,17 138,04 180,39 144,09 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 53,50 37,70 53,10 113,10 1,80 III-X 125,94 0,04 1,04 262,78 150,60 376,51 251,95 328,17 83,67 209,17 139,97 182,32 145,99 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
I
I
I

L
I
V
E
L
L
O
9
10
11
31
30
8
7
29
32
6
28
33
5
27
34
4
26
35
3
25
36
23
22
2
24
37
1
343
70 40 3,20 3,20 745,20 111,90 111,60 260,60 1,60 Ia-Y 85,18 0,08 1,08 324,33 86,06 215,15 185,43 235,35 53,79 134,47 115,90 147,10 202,71 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 762,30 167,10 111,60 278,10 1,60 Ia-Y 86,68 0,08 1,08 326,60 86,06 215,15 187,65 237,57 53,79 134,47 117,28 148,48 204,12 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 3,20 917,60 179,60 160,90 396,00 1,60 Ia-Y 97,30 0,12 1,12 341,29 86,06 215,15 201,88 251,80 53,79 134,47 126,18 157,38 213,30 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 934,70 222,60 160,90 413,50 1,60 Ia-Y 98,94 0,12 1,12 343,37 86,06 215,15 203,89 253,81 53,79 134,47 127,43 158,63 214,61 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 784,00 99,00 100,20 254,40 1,60 Ia-Y 84,66 0,07 1,07 323,52 86,06 215,15 184,64 234,56 53,79 134,47 115,40 146,60 202,20 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 801,10 151,50 100,20 271,90 1,60 Ia-Y 86,15 0,08 1,08 325,80 86,06 215,15 186,87 236,79 53,79 134,47 116,79 147,99 203,62 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 534,90 37,80 116,10 101,50 1,60 Ib-X 166,81 0,03 1,03 443,13 157,78 394,44 291,41 380,70 98,61 246,53 182,13 237,94 276,95 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 552,00 252,50 116,10 119,00 1,60 Ib-X 169,13 0,04 1,04 446,67 157,78 394,44 295,34 384,64 98,61 246,53 184,59 240,40 279,17 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 97,80 159,20 243,50 272,00 1,60 Ib-X 189,61 0,08 1,08 475,74 157,78 394,44 328,24 417,53 98,61 246,53 205,15 260,96 297,34 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 114,90 449,60 243,50 289,50 1,60 Ib-X 191,97 0,09 1,09 478,84 157,78 394,44 331,82 421,11 98,61 246,53 207,39 263,20 299,28 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
70 40 3,20 3,20 286,30 286,00 242,20 558,70 1,60 Ia-Y 113,10 0,16 1,16 359,73 86,06 215,15 219,45 269,38 53,79 134,47 137,16 168,36 224,83 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 303,40 319,40 242,20 576,20 1,60 Ia-Y 114,86 0,17 1,17 361,59 86,06 215,15 221,20 271,12 53,79 134,47 138,25 169,45 225,99 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 745,60 333,20 280,40 967,70 1,60 Ia-Y 155,53 0,28 1,25 396,08 86,06 215,15 252,62 302,54 53,79 134,47 157,89 189,09 247,55 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 762,70 367,80 280,40 985,20 1,60 Ia-Y 157,34 0,29 1,25 397,30 86,06 215,15 253,71 303,63 53,79 134,47 158,57 189,77 248,32 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 425,40 285,50 246,10 685,20 1,60 Ia-Y 126,02 0,20 1,20 372,54 86,06 215,15 231,39 281,31 53,79 134,47 144,62 175,82 232,84 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 442,50 329,70 246,10 702,70 1,60 Ia-Y 127,83 0,21 1,21 374,20 86,06 215,15 232,92 282,84 53,79 134,47 145,57 176,77 233,88 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 818,80 253,60 248,70 822,50 1,60 Ia-Y 140,35 0,24 1,24 384,86 86,06 215,15 242,62 292,54 53,79 134,47 151,64 182,84 240,54 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 835,90 368,10 248,70 840,00 1,60 Ia-Y 142,18 0,25 1,25 386,31 86,06 215,15 243,92 293,84 53,79 134,47 152,45 183,65 241,44 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1174,00 297,60 274,30 1191,30 1,60 Ia-Y 178,11 0,35 1,25 409,73 86,06 215,15 264,69 314,61 53,79 134,47 165,43 196,63 256,08 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1191,10 388,20 274,30 1208,80 1,60 Ia-Y 179,80 0,36 1,25 410,61 86,06 215,15 265,49 315,41 53,79 134,47 165,93 197,13 256,63 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 712,10 322,50 285,70 730,00 1,60 Ia-Y 130,67 0,21 1,21 376,74 86,06 215,15 235,25 285,17 53,79 134,47 147,03 178,23 235,46 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 729,20 391,80 285,70 747,50 1,60 Ia-Y 132,50 0,22 1,22 378,33 86,06 215,15 236,70 286,62 53,79 134,47 147,94 179,14 236,46 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 54,70 34,10 96,50 213,50 1,60 Ib-Y 275,15 0,06 1,06 275,31 86,06 215,15 161,35 211,27 53,79 134,47 100,84 132,05 172,07 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 71,80 207,10 96,50 231,00 1,60 Ib-Y 277,54 0,07 1,07 277,68 86,06 215,15 162,06 211,98 53,79 134,47 101,29 132,49 173,55 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 3,20 397,10 69,10 109,70 255,80 1,60 Ib-Y 280,87 0,08 1,08 280,99 86,06 215,15 163,01 212,93 53,79 134,47 101,88 133,08 175,62 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 414,20 205,20 109,70 273,30 1,60 Ib-Y 283,20 0,08 1,08 283,30 86,06 215,15 163,64 213,56 53,79 134,47 102,28 133,48 177,06 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
70 40 3,20 3,20 782,90 260,90 249,00 812,30 1,60 Ia-Y 139,28 0,24 1,24 384,00 86,06 215,15 241,84 291,76 53,79 134,47 151,15 182,35 240,00 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 800,00 361,50 249,00 829,80 1,60 Ia-Y 141,12 0,24 1,24 385,47 86,06 215,15 243,16 293,09 53,79 134,47 151,98 183,18 240,92 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1149,40 293,20 266,50 1173,80 1,60 Ia-Y 176,40 0,35 1,25 408,82 86,06 215,15 263,88 313,80 53,79 134,47 164,92 196,12 255,51 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1166,50 373,10 266,50 1191,30 1,60 Ia-Y 178,11 0,35 1,25 409,73 86,06 215,15 264,69 314,61 53,79 134,47 165,43 196,63 256,08 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 842,20 310,10 276,10 865,70 1,60 Ia-Y 144,88 0,25 1,25 388,39 86,06 215,15 245,79 295,71 53,79 134,47 153,62 184,82 242,75 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 859,30 380,30 276,10 883,20 1,60 Ia-Y 146,71 0,26 1,25 389,78 86,06 215,15 247,03 296,95 53,79 134,47 154,39 185,59 243,61 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 527,60 205,40 203,90 517,40 1,60 Ib-Y 312,83 0,15 1,15 313,03 86,06 215,15 169,37 219,29 53,79 134,47 105,86 137,06 195,65 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 544,70 304,30 203,90 534,90 1,60 Ib-Y 314,76 0,16 1,16 314,98 86,06 215,15 169,59 219,51 53,79 134,47 105,99 137,19 196,86 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 801,40 256,60 245,70 814,40 1,60 Ia-Y 139,50 0,24 1,24 384,18 86,06 215,15 242,00 291,92 53,79 134,47 151,25 182,45 240,11 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 818,50 357,60 245,70 831,90 1,60 Ia-Y 141,34 0,24 1,24 385,64 86,06 215,15 243,32 293,24 53,79 134,47 152,08 183,28 241,03 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1154,10 290,50 264,70 1176,50 1,60 Ia-Y 176,66 0,35 1,25 408,96 86,06 215,15 264,00 313,93 53,79 134,47 165,00 196,20 255,60 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1171,20 371,20 264,70 1194,00 1,60 Ia-Y 178,37 0,35 1,25 409,87 86,06 215,15 264,82 314,74 53,79 134,47 165,51 196,71 256,17 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 852,70 295,10 264,80 869,00 1,60 Ia-Y 145,23 0,26 1,25 388,66 86,06 215,15 246,02 295,94 53,79 134,47 153,76 184,97 242,91 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 869,80 366,90 264,80 886,50 1,60 Ia-Y 147,06 0,26 1,25 390,04 86,06 215,15 247,26 297,18 53,79 134,47 154,53 185,74 243,77 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 496,30 230,10 219,20 504,20 1,60 Ib-Y 311,37 0,15 1,15 311,55 86,06 215,15 169,19 219,11 53,79 134,47 105,75 136,95 194,72 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 513,40 318,00 219,20 521,70 1,60 Ib-Y 313,31 0,15 1,15 313,51 86,06 215,15 169,43 219,35 53,79 134,47 105,89 137,09 195,95 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 802,50 256,40 245,90 814,30 1,60 Ia-Y 139,49 0,24 1,24 384,17 86,06 215,15 241,99 291,92 53,79 134,47 151,25 182,45 240,11 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 819,60 358,30 245,90 831,80 1,60 Ia-Y 141,33 0,24 1,24 385,63 86,06 215,15 243,31 293,23 53,79 134,47 152,07 183,27 241,02 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1153,00 290,70 265,10 1177,40 1,60 Ia-Y 176,75 0,35 1,25 409,01 86,06 215,15 264,05 313,97 53,79 134,47 165,03 196,23 255,63 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1170,10 372,00 265,10 1194,90 1,60 Ia-Y 178,46 0,35 1,25 409,91 86,06 215,15 264,86 314,78 53,79 134,47 165,54 196,74 256,20 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 852,30 293,10 263,80 870,30 1,60 Ia-Y 145,36 0,26 1,25 388,76 86,06 215,15 246,12 296,04 53,79 134,47 153,82 185,02 242,97 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 869,40 366,50 263,80 887,80 1,60 Ia-Y 147,19 0,26 1,25 390,14 86,06 215,15 247,35 297,27 53,79 134,47 154,59 185,79 243,84 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 497,90 229,80 219,20 508,80 1,60 Ib-Y 311,88 0,15 1,15 312,07 86,06 215,15 169,26 219,18 53,79 134,47 105,79 136,99 195,04 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 515,00 318,20 219,20 526,30 1,60 Ib-Y 313,82 0,15 1,15 314,03 86,06 215,15 169,48 219,41 53,79 134,47 105,93 137,13 196,27 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 802,30 270,70 256,10 806,40 1,60 Ia-Y 138,66 0,24 1,24 383,50 86,06 215,15 241,39 291,31 53,79 134,47 150,87 182,07 239,69 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 819,40 369,60 256,10 823,90 1,60 Ia-Y 140,50 0,24 1,24 384,98 86,06 215,15 242,72 292,64 53,79 134,47 151,70 182,90 240,61 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1153,10 303,90 274,60 1169,70 1,60 Ia-Y 176,00 0,34 1,25 408,60 86,06 215,15 263,68 313,60 53,79 134,47 164,80 196,00 255,37 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1170,20 382,50 274,60 1187,20 1,60 Ia-Y 177,71 0,35 1,25 409,52 86,06 215,15 264,50 314,43 53,79 134,47 165,32 196,52 255,95 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 862,40 296,20 266,80 861,80 1,60 Ia-Y 144,47 0,25 1,25 388,08 86,06 215,15 245,51 295,43 53,79 134,47 153,44 184,64 242,55 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 879,50 370,70 266,80 879,30 1,60 Ia-Y 146,30 0,26 1,25 389,47 86,06 215,15 246,75 296,67 53,79 134,47 154,22 185,42 243,42 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 481,60 231,10 221,00 503,50 1,60 Ib-Y 311,29 0,15 1,15 311,47 86,06 215,15 169,18 219,10 53,79 134,47 105,74 136,94 194,67 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 498,70 321,50 221,00 521,00 1,60 Ib-Y 313,23 0,15 1,15 313,44 86,06 215,15 169,42 219,34 53,79 134,47 105,89 137,09 195,90 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 870,60 262,00 242,90 844,80 1,60 Ia-Y 142,69 0,25 1,25 386,70 86,06 215,15 244,27 294,20 53,79 134,47 152,67 183,87 241,69 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 887,70 345,40 242,90 862,30 1,60 Ia-Y 144,52 0,25 1,25 388,12 86,06 215,15 245,54 295,47 53,79 134,47 153,47 184,67 242,58 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1213,90 304,50 268,50 1217,30 1,60 Ia-Y 180,62 0,36 1,25 411,04 86,06 215,15 265,87 315,79 53,79 134,47 166,17 197,37 256,90 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1231,00 366,90 268,50 1234,80 1,60 Ia-Y 182,29 0,36 1,25 411,88 86,06 215,15 266,64 316,56 53,79 134,47 166,65 197,85 257,43 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 911,10 301,70 264,70 903,90 1,60 Ia-Y 148,88 0,27 1,25 391,38 86,06 215,15 248,45 298,37 53,79 134,47 155,28 186,48 244,61 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 928,20 359,90 264,70 921,40 1,60 Ia-Y 150,71 0,27 1,25 392,70 86,06 215,15 249,63 299,55 53,79 134,47 156,02 187,22 245,44 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 542,20 228,30 213,90 531,40 1,60 Ib-Y 314,38 0,16 1,16 314,59 86,06 215,15 169,55 219,47 53,79 134,47 105,97 137,17 196,62 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 559,30 306,30 213,90 548,90 1,60 Ib-Y 316,28 0,16 1,16 316,52 86,06 215,15 169,74 219,66 53,79 134,47 106,09 137,29 197,82 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 100,10 67,80 107,40 413,00 1,60 Ia-Y 98,89 0,12 1,12 343,32 86,06 215,15 203,83 253,75 53,79 134,47 127,39 158,60 214,57 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 117,20 200,80 107,40 430,50 1,60 Ia-Y 100,55 0,13 1,13 345,38 86,06 215,15 205,81 255,73 53,79 134,47 128,63 159,83 215,86 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 3,20 260,70 102,20 131,60 629,20 1,60 Ia-Y 120,25 0,19 1,19 367,04 86,06 215,15 226,29 276,21 53,79 134,47 141,43 172,63 229,40 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 277,80 226,70 131,60 646,70 1,60 Ia-Y 122,04 0,19 1,19 368,79 86,06 215,15 227,92 277,84 53,79 134,47 142,45 173,65 230,49 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 3,20 106,80 76,20 111,50 463,10 1,60 Ia-Y 103,68 0,14 1,14 349,16 86,06 215,15 209,43 259,35 53,79 134,47 130,89 162,09 218,22 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 123,90 202,50 111,50 480,60 1,60 Ia-Y 105,37 0,14 1,14 351,15 86,06 215,15 211,33 261,25 53,79 134,47 132,08 163,28 219,47 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 3,20 24,20 38,00 81,30 265,80 1,60 Ib-Y 282,20 0,08 1,08 282,31 86,06 215,15 163,38 213,30 53,79 134,47 102,11 133,31 176,44 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
70 40 3,20 0,00 41,30 165,20 81,30 283,30 1,60 Ib-Y 284,51 0,08 1,08 284,61 86,06 215,15 163,99 213,91 53,79 134,47 102,49 133,69 177,88 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
21
23
22
20
1
24
37
19
2
25
36
18
3
26
35
34
17
16
5
6
28
32
14
8
7
13
31
10
11
I

L
I
V
E
L
L
O
9
12
30
29
15
33
27
4
Esito Esito Esito Esito
k=0,75 =5 k=1 =0
ctg =1 ctg =2,5 ctg =1 ctg =2,5 k=0,75 =5 k=1 =0
ctg =1 ctg =2,5
PUSHOVER N.ro 3 - Fy(+) Modo +Ecc 5%
FILO B [cm] H [cm] L [m]
QUOTA
[m]
DOMINIO x [mm]
N [kN]
Vu,flex [kN]
MECCANISMI FRAGILI:VERIFICHE
k=0,75
=5
k=1 =0
EC8 NTC08 NTC08 EC8 EC8
MVRD [kNm] DOMANDA
NGRAV_SIS
[kN]
Ls [m]
VRD [kN]
M
[kNm]
V [kN]
NTC08
c/ f cd c
MRd
[kNm]
344
Esito Esito Esito Esito
k=0,75 =5 k=1 =0
ctg =1 ctg =2,5 ctg =1 ctg =2,5 k=0,75 =5 k=1 =0
ctg =1 ctg =2,5
PUSHOVER N.ro 3 - Fy(+) Modo +Ecc 5%
FILO B [cm] H [cm] L [m]
QUOTA
[m]
DOMINIO x [mm]
N [kN]
Vu,flex [kN]
MECCANISMI FRAGILI:VERIFICHE
k=0,75
=5
k=1 =0
EC8 NTC08 NTC08 EC8 EC8
MVRD [kNm] DOMANDA
NGRAV_SIS
[kN]
Ls [m]
VRD [kN]
M
[kNm]
V [kN]
NTC08
c/ f cd c
MRd
[kNm]
60 40 3,60 6,80 444,30 230,50 173,00 180,10 1,80 II-X 85,91 0,06 1,06 225,43 96,82 242,04 157,96 202,42 53,79 134,47 87,76 112,46 125,24 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 461,40 271,20 173,00 197,50 1,80 II-X 87,43 0,07 1,07 227,69 96,82 242,04 160,21 204,67 53,79 134,47 89,01 113,70 126,49 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 497,50 158,60 138,50 256,90 1,80 II-X 92,62 0,09 1,09 235,16 96,82 242,04 167,70 212,16 53,79 134,47 93,17 117,87 130,65 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 514,60 243,10 138,50 274,30 1,80 II-X 94,14 0,09 1,09 237,28 96,82 242,04 169,85 214,30 53,79 134,47 94,36 119,06 131,82 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 466,30 195,00 148,20 152,50 1,80 II-X 83,50 0,05 1,05 221,78 96,82 242,04 154,35 198,81 53,79 134,47 85,75 110,45 123,21 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 483,40 234,80 148,20 169,90 1,80 II-X 85,02 0,06 1,06 224,09 96,82 242,04 156,64 201,09 53,79 134,47 87,02 111,72 124,49 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 60 3,60 6,80 212,90 139,10 141,00 44,20 1,80 II-Y 129,08 0,02 1,02 309,70 150,60 376,51 237,69 313,91 83,67 209,17 132,05 174,39 172,06 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 230,00 269,90 141,00 61,60 1,80 II-Y 131,55 0,02 1,02 313,03 150,60 376,51 241,19 317,40 83,67 209,17 133,99 176,34 173,91 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 72,10 372,00 258,10 112,00 1,80 II-Y 138,76 0,04 1,04 322,42 150,60 376,51 251,10 327,32 83,67 209,17 139,50 181,84 179,12 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 3,20 89,20 376,40 258,10 129,40 1,80 II-Y 141,27 0,04 1,04 325,58 150,60 376,51 254,45 330,67 83,67 209,17 141,36 183,70 180,88 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 94,90 253,30 175,90 272,70 1,80 II-X 94,00 0,09 1,09 237,09 96,82 242,04 169,65 214,11 53,79 134,47 94,25 118,95 131,72 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 112,00 256,70 175,90 290,10 1,80 II-X 95,52 0,10 1,10 239,18 96,82 242,04 171,77 216,23 53,79 134,47 95,43 120,13 132,88 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 547,60 311,40 189,50 636,30 1,80 II-X 125,78 0,22 1,22 273,33 96,82 242,04 209,23 253,69 53,79 134,47 116,24 140,94 151,85 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 564,70 314,00 189,50 656,10 1,80 II-X 127,51 0,23 1,23 274,83 96,82 242,04 211,10 255,56 53,79 134,47 117,28 141,98 152,68 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 345,50 285,10 197,50 487,00 1,80 II-X 112,73 0,17 1,17 260,41 96,82 242,04 194,20 238,65 53,79 134,47 107,89 132,58 144,67 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 362,60 287,80 197,50 504,40 1,80 II-X 114,25 0,17 1,17 262,06 96,82 242,04 196,03 240,49 53,79 134,47 108,91 133,61 145,59 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 592,70 319,40 221,30 587,20 1,80 II-X 121,49 0,20 1,20 269,40 96,82 242,04 204,47 248,93 53,79 134,47 113,60 138,29 149,66 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 609,80 322,20 221,30 604,60 1,80 II-X 123,01 0,21 1,21 270,83 96,82 242,04 206,18 250,64 53,79 134,47 114,55 139,24 150,46 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 792,10 284,50 180,00 795,90 1,80 II-X 139,73 0,27 1,25 283,89 96,82 242,04 223,43 267,89 53,79 134,47 124,13 148,83 157,72 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 809,20 309,30 180,00 815,70 1,80 II-X 141,46 0,28 1,25 284,96 96,82 242,04 225,06 269,52 53,79 134,47 125,03 149,73 158,31 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 358,00 284,10 196,80 359,30 1,80 II-X 101,57 0,12 1,12 247,15 96,82 242,04 179,99 224,45 53,79 134,47 99,99 124,69 137,31 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 375,10 286,50 196,80 376,70 1,80 II-X 103,09 0,13 1,13 249,07 96,82 242,04 182,00 226,45 53,79 134,47 101,11 125,81 138,37 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 -19,30 196,90 131,30 78,50 1,80 II-X 77,03 0,03 1,03 211,66 96,82 242,04 144,39 188,85 53,79 134,47 80,22 104,92 117,59 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 -2,20 183,90 131,30 95,90 1,80 II-X 78,55 0,03 1,03 214,08 96,82 242,04 146,77 191,23 53,79 134,47 81,54 106,24 118,93 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 175,60 184,00 129,50 106,30 1,80 II-X 79,46 0,04 1,04 215,52 96,82 242,04 148,18 192,64 53,79 134,47 82,32 107,02 119,73 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 192,70 191,50 129,50 123,70 1,80 II-X 80,98 0,04 1,04 217,90 96,82 242,04 150,53 194,98 53,79 134,47 83,63 108,32 121,06 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 556,80 315,10 218,20 578,80 1,80 II-X 120,76 0,20 1,20 268,69 96,82 242,04 203,64 248,10 53,79 134,47 113,13 137,83 149,27 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 573,90 317,60 218,20 596,20 1,80 II-X 122,28 0,20 1,20 270,14 96,82 242,04 205,36 249,82 53,79 134,47 114,09 138,79 150,08 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 767,70 293,10 184,40 781,90 1,80 II-X 138,51 0,27 1,25 283,11 96,82 242,04 222,27 266,72 53,79 134,47 123,48 148,18 157,28 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 784,80 315,30 184,40 801,70 1,80 II-X 140,24 0,28 1,25 284,21 96,82 242,04 223,91 268,37 53,79 134,47 124,40 149,09 157,90 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 413,60 293,70 203,30 424,40 1,80 II-X 107,26 0,15 1,15 254,15 96,82 242,04 187,39 231,84 53,79 134,47 104,10 128,80 141,20 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 430,70 295,90 203,30 441,80 1,80 II-X 108,78 0,15 1,15 255,94 96,82 242,04 189,31 233,77 53,79 134,47 105,17 129,87 142,19 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 223,50 265,70 184,10 229,60 1,80 II-X 90,24 0,08 1,08 231,77 96,82 242,04 164,29 208,75 53,79 134,47 91,27 115,97 128,76 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 240,60 268,10 184,10 247,00 1,80 II-X 91,76 0,08 1,08 233,94 96,82 242,04 166,47 210,93 53,79 134,47 92,48 117,18 129,97 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 572,10 316,60 219,20 580,20 1,80 II-X 120,88 0,20 1,20 268,81 96,82 242,04 203,78 248,24 53,79 134,47 113,21 137,91 149,34 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 589,20 319,20 219,20 597,60 1,80 II-X 122,40 0,21 1,21 270,26 96,82 242,04 205,50 249,95 53,79 134,47 114,17 138,86 150,14 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 770,60 290,30 182,80 783,10 1,80 II-X 138,61 0,27 1,25 283,17 96,82 242,04 222,37 266,82 53,79 134,47 123,54 148,23 157,32 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 787,70 312,90 182,80 802,90 1,80 II-X 140,34 0,28 1,25 284,28 96,82 242,04 224,01 268,47 53,79 134,47 124,45 149,15 157,93 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 421,80 294,80 204,20 427,70 1,80 II-X 107,55 0,15 1,15 254,50 96,82 242,04 187,75 232,21 53,79 134,47 104,31 129,00 141,39 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 438,90 297,30 204,20 445,10 1,80 II-X 109,07 0,15 1,15 256,27 96,82 242,04 189,67 234,13 53,79 134,47 105,37 130,07 142,37 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 218,40 264,90 183,60 223,00 1,80 II-X 89,66 0,08 1,08 230,94 96,82 242,04 163,46 207,92 53,79 134,47 90,81 115,51 128,30 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 235,50 267,40 183,60 240,40 1,80 II-X 91,18 0,08 1,08 233,12 96,82 242,04 165,65 210,10 53,79 134,47 92,03 116,72 129,51 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 572,10 316,80 219,30 580,10 1,80 II-X 120,87 0,20 1,20 268,80 96,82 242,04 203,77 248,23 53,79 134,47 113,21 137,90 149,33 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 589,20 319,30 219,30 597,50 1,80 II-X 122,39 0,21 1,21 270,25 96,82 242,04 205,49 249,94 53,79 134,47 114,16 138,86 150,14 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 771,20 290,50 182,80 783,30 1,80 II-X 138,63 0,27 1,25 283,19 96,82 242,04 222,38 266,84 53,79 134,47 123,55 148,24 157,33 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 788,30 312,90 182,80 803,10 1,80 II-X 140,36 0,28 1,25 284,29 96,82 242,04 224,03 268,49 53,79 134,47 124,46 149,16 157,94 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 419,00 294,20 203,60 427,70 1,80 II-X 107,55 0,15 1,15 254,50 96,82 242,04 187,75 232,21 53,79 134,47 104,31 129,00 141,39 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 436,10 296,30 203,60 445,10 1,80 II-X 109,07 0,15 1,15 256,27 96,82 242,04 189,67 234,13 53,79 134,47 105,37 130,07 142,37 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 221,70 264,60 183,60 225,00 1,80 II-X 89,83 0,08 1,08 231,19 96,82 242,04 163,71 208,17 53,79 134,47 90,95 115,65 128,44 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 238,80 267,70 183,60 242,40 1,80 II-X 91,35 0,08 1,08 233,37 96,82 242,04 165,90 210,35 53,79 134,47 92,17 116,86 129,65 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 562,60 316,10 218,90 575,50 1,80 II-X 120,47 0,20 1,20 268,41 96,82 242,04 203,31 247,77 53,79 134,47 112,95 137,65 149,12 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 579,70 318,70 218,90 592,90 1,80 II-X 121,99 0,20 1,20 269,87 96,82 242,04 205,04 249,49 53,79 134,47 113,91 138,61 149,93 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 763,50 292,60 185,10 781,70 1,80 II-X 138,49 0,27 1,25 283,09 96,82 242,04 222,25 266,71 53,79 134,47 123,47 148,17 157,27 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 780,60 318,10 185,10 801,50 1,80 II-X 140,22 0,28 1,25 284,20 96,82 242,04 223,90 268,35 53,79 134,47 124,39 149,09 157,89 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 431,40 296,70 205,60 425,30 1,80 II-X 107,34 0,15 1,15 254,25 96,82 242,04 187,49 231,94 53,79 134,47 104,16 128,86 141,25 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 448,50 299,40 205,60 442,70 1,80 II-X 108,86 0,15 1,15 256,03 96,82 242,04 189,41 233,86 53,79 134,47 105,23 129,92 142,24 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 209,10 264,50 183,20 222,40 1,80 II-X 89,61 0,08 1,08 230,86 96,82 242,04 163,38 207,84 53,79 134,47 90,77 115,47 128,26 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 226,20 266,80 183,20 239,80 1,80 II-X 91,13 0,08 1,08 233,05 96,82 242,04 165,57 210,03 53,79 134,47 91,98 116,68 129,47 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 627,00 321,20 222,50 599,20 1,80 II-X 122,54 0,21 1,21 270,39 96,82 242,04 205,65 250,11 53,79 134,47 114,25 138,95 150,21 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 644,10 323,90 222,50 616,60 1,80 II-X 124,06 0,21 1,21 271,79 96,82 242,04 207,35 251,80 53,79 134,47 115,19 139,89 150,99 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 810,50 290,80 185,40 803,60 1,80 II-X 140,40 0,28 1,25 284,32 96,82 242,04 224,07 268,53 53,79 134,47 124,48 149,18 157,95 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 827,60 321,10 185,40 823,40 1,80 II-X 142,13 0,28 1,25 285,36 96,82 242,04 225,69 270,14 53,79 134,47 125,38 150,08 158,54 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 448,80 295,60 204,60 439,00 1,80 II-X 108,54 0,15 1,15 255,65 96,82 242,04 189,00 233,46 53,79 134,47 105,00 129,70 142,03 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 465,90 297,70 204,60 456,40 1,80 II-X 110,06 0,16 1,16 257,41 96,82 242,04 190,90 235,36 53,79 134,47 106,06 130,76 143,01 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 257,70 266,80 185,20 235,10 1,80 II-X 90,72 0,08 1,08 232,46 96,82 242,04 164,98 209,44 53,79 134,47 91,66 116,36 129,14 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 274,80 270,40 185,20 252,50 1,80 II-X 92,24 0,09 1,09 234,62 96,82 242,04 167,16 211,61 53,79 134,47 92,86 117,56 130,34 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 96,00 167,20 126,70 286,20 1,80 II-X 95,18 0,10 1,10 238,71 96,82 242,04 171,30 215,76 53,79 134,47 95,17 119,86 132,62 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 113,10 200,30 126,70 303,60 1,80 II-X 96,70 0,10 1,10 240,77 96,82 242,04 173,40 217,86 53,79 134,47 96,34 121,03 133,76 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 210,60 74,50 77,10 417,70 1,80 II-X 106,68 0,14 1,14 253,46 96,82 242,04 186,64 231,10 53,79 134,47 103,69 128,39 140,81 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
60 40 3,60 3,20 227,70 149,10 77,10 435,10 1,80 II-X 108,20 0,15 1,15 255,26 96,82 242,04 188,57 233,03 53,79 134,47 104,76 129,46 141,81 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER FRAGILE -VER FRAGILE-VER
60 40 3,60 6,80 30,60 141,50 109,80 224,50 1,80 II-X 89,79 0,08 1,08 231,13 96,82 242,04 163,65 208,11 53,79 134,47 90,92 115,61 128,41 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
60 40 3,60 3,20 47,70 177,00 109,80 241,90 1,80 II-X 91,31 0,08 1,08 233,31 96,82 242,04 165,84 210,29 53,79 134,47 92,13 116,83 129,62 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
60 40 3,60 6,80 0,80 182,20 126,20 112,30 1,80 II-X 79,98 0,04 1,04 216,34 96,82 242,04 148,99 193,45 53,79 134,47 82,77 107,47 120,19 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 17,90 183,80 126,20 129,70 1,80 II-X 81,50 0,04 1,04 218,72 96,82 242,04 151,33 195,79 53,79 134,47 84,07 108,77 121,51 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
21
23
22
20
1
24
37
19
2
25
36
18
3
26
35
17
4
27
34
16
5
28
33
15
6
32
14
7
29
30
8
13
31
I
I

L
I
V
E
L
L
O
9
10
11
12
345
Esito Esito Esito Esito
k=0,75 =5 k=1 =0
ctg =1 ctg =2,5 ctg =1 ctg =2,5 k=0,75 =5 k=1 =0
ctg =1 ctg =2,5
PUSHOVER N.ro 3 - Fy(+) Modo +Ecc 5%
FILO B [cm] H [cm] L [m]
QUOTA
[m]
DOMINIO x [mm]
N [kN]
Vu,flex [kN]
MECCANISMI FRAGILI:VERIFICHE
k=0,75
=5
k=1 =0
EC8 NTC08 NTC08 EC8 EC8
MVRD [kNm] DOMANDA
NGRAV_SIS
[kN]
Ls [m]
VRD [kN]
M
[kNm]
V [kN]
NTC08
c/ f cd c
MRd
[kNm]
60 40 3,60 10,40 127,10 90,40 76,10 68,70 1,80 III-X 168,35 0,02 1,02 170,36 96,82 242,04 140,29 184,75 53,79 134,47 77,94 102,64 94,64 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 6,80 144,20 130,30 76,10 86,10 1,80 III-X 171,23 0,03 1,03 173,04 96,82 242,04 141,93 186,39 53,79 134,47 78,85 103,55 96,14 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 10,40 171,20 99,00 69,20 107,80 1,80 III-X 174,76 0,04 1,04 176,36 96,82 242,04 143,93 188,38 53,79 134,47 79,96 104,66 97,98 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 6,80 187,40 101,90 69,20 125,20 1,80 III-X 177,54 0,04 1,04 178,98 96,82 242,04 145,48 189,94 53,79 134,47 80,82 105,52 99,43 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 10,40 154,80 145,70 108,80 60,40 1,80 III-X 166,97 0,02 1,02 169,06 96,82 242,04 139,49 183,95 53,79 134,47 77,49 102,19 93,92 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 6,80 170,40 169,80 108,80 77,80 1,80 III-X 169,86 0,03 1,03 171,77 96,82 242,04 141,15 185,61 53,79 134,47 78,42 103,12 95,43 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 10,40 108,40 202,30 140,30 150,90 1,80 III-X 181,57 0,05 1,05 182,80 96,82 242,04 147,70 192,16 53,79 134,47 82,06 106,75 101,55 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 128,10 204,40 140,30 168,30 1,80 III-X 184,25 0,06 1,06 185,34 96,82 242,04 149,16 193,61 53,79 134,47 82,86 107,56 102,97 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 252,80 221,40 135,30 270,30 1,80 III-X 199,08 0,09 1,09 199,58 96,82 242,04 156,98 201,44 53,79 134,47 87,21 111,91 110,88 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 273,80 225,00 135,30 290,10 1,80 III-X 201,79 0,10 1,10 202,21 96,82 242,04 158,37 202,83 53,79 134,47 87,98 112,68 112,34 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 179,60 210,10 128,40 203,90 1,80 III-X 189,59 0,07 1,07 190,45 96,82 242,04 152,02 196,48 53,79 134,47 84,46 109,16 105,80 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 200,10 213,50 128,40 223,70 1,80 III-X 192,49 0,08 1,08 193,23 96,82 242,04 153,55 198,01 53,79 134,47 85,31 110,01 107,35 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 246,80 221,30 134,90 247,30 1,80 III-X 195,86 0,08 1,08 196,48 96,82 242,04 155,32 199,78 53,79 134,47 86,29 110,99 109,15 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 265,60 224,10 134,90 267,10 1,80 III-X 198,64 0,09 1,09 199,16 96,82 242,04 156,75 201,21 53,79 134,47 87,09 111,78 110,64 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 327,20 233,50 142,50 330,10 1,80 III-X 207,09 0,11 1,11 207,36 96,82 242,04 161,06 205,51 53,79 134,47 89,48 114,17 115,20 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 345,70 236,60 142,50 349,90 1,80 III-X 209,63 0,12 1,12 209,83 96,82 242,04 162,33 206,79 53,79 134,47 90,18 114,88 116,57 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 10,40 173,50 206,80 144,40 177,30 1,80 III-X 185,62 0,06 1,06 186,64 96,82 242,04 149,90 194,35 53,79 134,47 83,28 107,97 103,69 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 189,20 212,00 144,40 194,70 1,80 III-X 188,23 0,07 1,07 189,14 96,82 242,04 151,30 195,75 53,79 134,47 84,05 108,75 105,08 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 236,20 219,90 134,20 243,10 1,80 III-X 195,27 0,08 1,08 195,90 96,82 242,04 155,01 199,47 53,79 134,47 86,12 110,81 108,84 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 255,80 222,80 134,20 262,90 1,80 III-X 198,05 0,09 1,09 198,59 96,82 242,04 156,45 200,91 53,79 134,47 86,92 111,62 110,33 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 316,60 232,20 141,70 325,60 1,80 III-X 206,51 0,11 1,11 206,79 96,82 242,04 160,76 205,22 53,79 134,47 89,31 114,01 114,88 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 336,30 235,30 141,70 345,40 1,80 III-X 209,06 0,12 1,12 209,27 96,82 242,04 162,04 206,50 53,79 134,47 90,02 114,72 116,26 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 10,40 167,20 208,20 144,80 171,10 1,80 III-X 184,68 0,06 1,06 185,75 96,82 242,04 149,39 193,84 53,79 134,47 82,99 107,69 103,19 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 184,70 211,70 144,80 188,50 1,80 III-X 187,30 0,06 1,06 188,26 96,82 242,04 150,80 195,26 53,79 134,47 83,78 108,48 104,59 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 239,60 220,30 134,40 243,70 1,80 III-X 195,35 0,08 1,08 195,99 96,82 242,04 155,05 199,51 53,79 134,47 86,14 110,84 108,88 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 259,00 223,20 134,40 263,50 1,80 III-X 198,14 0,09 1,09 198,67 96,82 242,04 156,50 200,95 53,79 134,47 86,94 111,64 110,37 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 320,70 232,80 142,00 326,50 1,80 III-X 206,62 0,11 1,11 206,90 96,82 242,04 160,82 205,28 53,79 134,47 89,34 114,04 114,95 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 340,10 235,80 142,00 346,30 1,80 III-X 209,17 0,12 1,12 209,39 96,82 242,04 162,10 206,56 53,79 134,47 90,06 114,75 116,33 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 10,40 173,80 209,90 145,70 174,80 1,80 III-X 185,24 0,06 1,06 186,28 96,82 242,04 149,69 194,15 53,79 134,47 83,16 107,86 103,49 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 190,70 212,50 145,70 192,20 1,80 III-X 187,85 0,07 1,07 188,78 96,82 242,04 151,10 195,55 53,79 134,47 83,94 108,64 104,88 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 240,40 220,30 134,30 243,60 1,80 III-X 195,34 0,08 1,08 195,97 96,82 242,04 155,05 199,50 53,79 134,47 86,14 110,83 108,87 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 259,70 223,00 134,30 263,40 1,80 III-X 198,12 0,09 1,09 198,66 96,82 242,04 156,49 200,95 53,79 134,47 86,94 111,64 110,37 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 322,20 232,80 142,00 326,70 1,80 III-X 206,65 0,11 1,11 206,93 96,82 242,04 160,83 205,29 53,79 134,47 89,35 114,05 114,96 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 341,40 235,90 142,00 346,50 1,80 III-X 209,20 0,12 1,12 209,41 96,82 242,04 162,11 206,57 53,79 134,47 90,06 114,76 116,34 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 10,40 166,20 209,10 145,00 174,70 1,80 III-X 185,22 0,06 1,06 186,27 96,82 242,04 149,68 194,14 53,79 134,47 83,16 107,86 103,48 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 183,30 211,40 145,00 192,10 1,80 III-X 187,84 0,07 1,07 188,77 96,82 242,04 151,09 195,55 53,79 134,47 83,94 108,64 104,87 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 233,90 219,80 134,10 242,20 1,80 III-X 195,14 0,08 1,08 195,78 96,82 242,04 154,94 199,40 53,79 134,47 86,08 110,78 108,77 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 253,60 222,80 134,10 262,00 1,80 III-X 197,93 0,09 1,09 198,47 96,82 242,04 156,39 200,84 53,79 134,47 86,88 111,58 110,26 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 314,00 232,50 141,70 324,70 1,80 III-X 206,39 0,11 1,11 206,67 96,82 242,04 160,70 205,16 53,79 134,47 89,28 113,98 114,82 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 333,90 235,10 141,70 344,50 1,80 III-X 208,94 0,12 1,12 209,16 96,82 242,04 161,99 206,44 53,79 134,47 89,99 114,69 116,20 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 10,40 187,60 209,90 146,40 173,00 1,80 III-X 184,96 0,06 1,06 186,02 96,82 242,04 149,54 194,00 53,79 134,47 83,08 107,78 103,35 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 204,70 214,80 146,40 190,40 1,80 III-X 187,59 0,07 1,07 188,53 96,82 242,04 150,95 195,41 53,79 134,47 83,86 108,56 104,74 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 261,70 221,90 135,50 249,90 1,80 III-X 196,23 0,09 1,09 196,83 96,82 242,04 155,51 199,97 53,79 134,47 86,39 111,09 109,35 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 280,80 225,20 135,50 269,70 1,80 III-X 199,00 0,09 1,09 199,50 96,82 242,04 156,94 201,40 53,79 134,47 87,19 111,89 110,84 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 350,90 235,20 143,80 335,10 1,80 III-X 207,74 0,12 1,12 207,99 96,82 242,04 161,38 205,84 53,79 134,47 89,66 114,35 115,55 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 369,70 239,30 143,80 354,90 1,80 III-X 210,27 0,12 1,12 210,45 96,82 242,04 162,65 207,10 53,79 134,47 90,36 115,06 116,92 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 10,40 165,90 207,10 143,80 181,90 1,80 III-X 186,31 0,06 1,06 187,31 96,82 242,04 150,27 194,73 53,79 134,47 83,48 108,18 104,06 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 6,80 183,00 209,90 143,80 199,30 1,80 III-X 188,91 0,07 1,07 189,79 96,82 242,04 151,66 196,12 53,79 134,47 84,26 108,95 105,44 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
60 40 3,60 10,40 57,90 72,70 58,80 118,60 1,80 III-X 176,49 0,04 1,04 177,99 96,82 242,04 144,89 189,35 53,79 134,47 80,50 105,20 98,88 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 6,80 75,10 97,80 58,80 136,00 1,80 III-X 179,25 0,05 1,05 180,59 96,82 242,04 146,42 190,88 53,79 134,47 81,35 106,04 100,33 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 10,40 96,60 80,10 48,80 169,80 1,80 III-X 184,48 0,06 1,06 185,56 96,82 242,04 149,28 193,74 53,79 134,47 82,93 107,63 103,09 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 6,80 113,90 61,50 48,80 187,20 1,80 III-X 187,11 0,06 1,06 188,07 96,82 242,04 150,70 195,15 53,79 134,47 83,72 108,42 104,48 FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 10,40 33,10 130,70 93,90 95,70 1,80 III-X 172,80 0,03 1,03 174,51 96,82 242,04 142,82 187,28 53,79 134,47 79,35 104,04 96,95 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 6,80 50,20 141,60 93,90 113,10 1,80 III-X 175,61 0,04 1,04 177,16 96,82 242,04 144,40 188,86 53,79 134,47 80,22 104,92 98,42 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
22
1
23
24
37
36
2
3
25
26
35
34
4
5
27
28
33
32
6
7
29
30
8
I
I
I

L
I
V
E
L
L
O
9
10
11
31
346
70 40 3,20 3,20 -229,70 161,30 165,30 260,60 1,60 Ia-Y 85,18 0,08 1,08 324,33 86,06 215,15 185,43 235,35 53,79 134,47 115,90 147,10 202,71 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 -212,60 251,90 165,30 278,10 1,60 Ia-Y 86,68 0,08 1,08 326,60 86,06 215,15 187,65 237,57 53,79 134,47 117,28 148,48 204,12 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 -145,30 191,60 182,90 396,00 1,60 Ia-Y 97,30 0,12 1,12 341,29 86,06 215,15 201,88 251,80 53,79 134,47 126,18 157,38 213,30 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 -128,20 265,50 182,90 413,50 1,60 Ia-Y 98,94 0,12 1,12 343,37 86,06 215,15 203,89 253,81 53,79 134,47 127,43 158,63 214,61 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 -235,90 143,20 157,20 254,40 1,60 Ia-Y 84,66 0,07 1,07 323,52 86,06 215,15 184,64 234,56 53,79 134,47 115,40 146,60 202,20 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 -218,80 249,70 157,20 271,90 1,60 Ia-Y 86,15 0,08 1,08 325,80 86,06 215,15 186,87 236,79 53,79 134,47 116,79 147,99 203,62 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 70 3,20 3,20 -424,40 98,70 201,60 101,50 1,60 Ib-X 166,81 0,03 1,03 443,13 157,78 394,44 291,41 380,70 98,61 246,53 182,13 237,94 276,95 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 0,00 -407,30 405,20 201,60 119,00 1,60 Ib-X 169,13 0,04 1,04 446,67 157,78 394,44 295,34 384,64 98,61 246,53 184,59 240,40 279,17 CRISI FRAGILE FRAGILE -VER CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
40 70 3,20 3,20 387,40 235,40 333,70 272,00 1,60 Ib-X 189,61 0,08 1,08 475,74 157,78 394,44 328,24 417,53 98,61 246,53 205,15 260,96 297,34 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 70 3,20 0,00 404,50 598,80 333,70 289,50 1,60 Ib-X 191,97 0,09 1,09 478,84 157,78 394,44 331,82 421,11 98,61 246,53 207,39 263,20 299,28 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 758,30 395,70 316,60 558,70 1,60 Ia-Y 113,10 0,16 1,16 359,73 86,06 215,15 219,45 269,38 53,79 134,47 137,16 168,36 224,83 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 775,40 395,70 316,60 576,20 1,60 Ia-Y 114,86 0,17 1,17 361,59 86,06 215,15 221,20 271,12 53,79 134,47 138,25 169,45 225,99 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1162,80 414,50 340,70 967,70 1,60 Ia-Y 155,53 0,28 1,25 396,08 86,06 215,15 252,62 302,54 53,79 134,47 157,89 189,09 247,55 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1179,90 437,20 340,70 985,20 1,60 Ia-Y 157,34 0,29 1,25 397,30 86,06 215,15 253,71 303,63 53,79 134,47 158,57 189,77 248,32 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 989,30 399,60 326,80 685,20 1,60 Ia-Y 126,02 0,20 1,20 372,54 86,06 215,15 231,39 281,31 53,79 134,47 144,62 175,82 232,84 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1006,40 417,30 326,80 702,70 1,60 Ia-Y 127,83 0,21 1,21 374,20 86,06 215,15 232,92 282,84 53,79 134,47 145,57 176,77 233,88 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 836,70 313,50 286,60 822,50 1,60 Ia-Y 140,35 0,24 1,24 384,86 86,06 215,15 242,62 292,54 53,79 134,47 151,64 182,84 240,54 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 853,80 402,90 286,60 840,00 1,60 Ia-Y 142,18 0,25 1,25 386,31 86,06 215,15 243,92 293,84 53,79 134,47 152,45 183,65 241,44 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1164,30 398,10 333,50 1191,30 1,60 Ia-Y 178,11 0,35 1,25 409,73 86,06 215,15 264,69 314,61 53,79 134,47 165,43 196,63 256,08 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1181,40 435,60 333,50 1208,80 1,60 Ia-Y 179,80 0,36 1,25 410,61 86,06 215,15 265,49 315,41 53,79 134,47 165,93 197,13 256,63 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 779,50 397,60 317,60 730,00 1,60 Ia-Y 130,67 0,21 1,21 376,74 86,06 215,15 235,25 285,17 53,79 134,47 147,03 178,23 235,46 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 796,60 396,40 317,60 747,50 1,60 Ia-Y 132,50 0,22 1,22 378,33 86,06 215,15 236,70 286,62 53,79 134,47 147,94 179,14 236,46 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 368,80 85,90 164,50 213,50 1,60 Ib-Y 275,15 0,06 1,06 275,31 86,06 215,15 161,35 211,27 53,79 134,47 100,84 132,05 172,07 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 385,90 325,40 164,50 231,00 1,60 Ib-Y 277,54 0,07 1,07 277,68 86,06 215,15 162,06 211,98 53,79 134,47 101,29 132,49 173,55 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 20,60 115,20 161,60 255,80 1,60 Ib-Y 280,87 0,08 1,08 280,99 86,06 215,15 163,01 212,93 53,79 134,47 101,88 133,08 175,62 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 37,70 288,80 161,60 273,30 1,60 Ib-Y 283,20 0,08 1,08 283,30 86,06 215,15 163,64 213,56 53,79 134,47 102,28 133,48 177,06 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 816,30 313,90 309,40 812,30 1,60 Ia-Y 139,28 0,24 1,24 384,00 86,06 215,15 241,84 291,76 53,79 134,47 151,15 182,35 240,00 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 833,40 459,70 309,40 829,80 1,60 Ia-Y 141,12 0,24 1,24 385,47 86,06 215,15 243,16 293,09 53,79 134,47 151,98 183,18 240,92 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1153,80 396,70 353,90 1173,80 1,60 Ia-Y 176,40 0,35 1,25 408,82 86,06 215,15 263,88 313,80 53,79 134,47 164,92 196,12 255,51 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1170,90 488,00 353,90 1191,30 1,60 Ia-Y 178,11 0,35 1,25 409,73 86,06 215,15 264,69 314,61 53,79 134,47 165,43 196,63 256,08 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 865,00 412,40 350,70 865,70 1,60 Ia-Y 144,88 0,25 1,25 388,39 86,06 215,15 245,79 295,71 53,79 134,47 153,62 184,82 242,75 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 882,10 464,50 350,70 883,20 1,60 Ia-Y 146,71 0,26 1,25 389,78 86,06 215,15 247,03 296,95 53,79 134,47 154,39 185,59 243,61 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 502,10 307,40 288,40 517,40 1,60 Ib-Y 312,83 0,15 1,15 313,03 86,06 215,15 169,37 219,29 53,79 134,47 105,86 137,06 195,65 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 519,20 413,70 288,40 534,90 1,60 Ib-Y 314,76 0,16 1,16 314,98 86,06 215,15 169,59 219,51 53,79 134,47 105,99 137,19 196,86 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 795,30 314,20 308,90 814,40 1,60 Ia-Y 139,50 0,24 1,24 384,18 86,06 215,15 242,00 291,92 53,79 134,47 151,25 182,45 240,11 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 812,40 458,00 308,90 831,90 1,60 Ia-Y 141,34 0,24 1,24 385,64 86,06 215,15 243,32 293,24 53,79 134,47 152,08 183,28 241,03 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1152,90 398,30 354,30 1176,50 1,60 Ia-Y 176,66 0,35 1,25 408,96 86,06 215,15 264,00 313,93 53,79 134,47 165,00 196,20 255,60 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1170,00 487,50 354,30 1194,00 1,60 Ia-Y 178,37 0,35 1,25 409,87 86,06 215,15 264,82 314,74 53,79 134,47 165,51 196,71 256,17 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 848,50 396,80 343,50 869,00 1,60 Ia-Y 145,23 0,26 1,25 388,66 86,06 215,15 246,02 295,94 53,79 134,47 153,76 184,97 242,91 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 865,60 462,00 343,50 886,50 1,60 Ia-Y 147,06 0,26 1,25 390,04 86,06 215,15 247,26 297,18 53,79 134,47 154,53 185,74 243,77 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 495,60 307,50 287,90 504,20 1,60 Ib-Y 311,37 0,15 1,15 311,55 86,06 215,15 169,19 219,11 53,79 134,47 105,75 136,95 194,72 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 512,70 412,30 287,90 521,70 1,60 Ib-Y 313,31 0,15 1,15 313,51 86,06 215,15 169,43 219,35 53,79 134,47 105,89 137,09 195,95 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 756,40 317,90 309,50 814,30 1,60 Ia-Y 139,49 0,24 1,24 384,17 86,06 215,15 241,99 291,92 53,79 134,47 151,25 182,45 240,11 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 773,50 455,80 309,50 831,80 1,60 Ia-Y 141,33 0,24 1,24 385,63 86,06 215,15 243,31 293,23 53,79 134,47 152,07 183,27 241,02 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1142,90 399,30 354,40 1177,40 1,60 Ia-Y 176,75 0,35 1,25 409,01 86,06 215,15 264,05 313,97 53,79 134,47 165,03 196,23 255,63 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1160,00 486,60 354,40 1194,90 1,60 Ia-Y 178,46 0,35 1,25 409,91 86,06 215,15 264,86 314,78 53,79 134,47 165,54 196,74 256,20 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 840,50 402,00 345,50 870,30 1,60 Ia-Y 145,36 0,26 1,25 388,76 86,06 215,15 246,12 296,04 53,79 134,47 153,82 185,02 242,97 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 857,60 461,70 345,50 887,80 1,60 Ia-Y 147,19 0,26 1,25 390,14 86,06 215,15 247,35 297,27 53,79 134,47 154,59 185,79 243,84 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 511,30 307,50 289,10 508,80 1,60 Ib-Y 311,88 0,15 1,15 312,07 86,06 215,15 169,26 219,18 53,79 134,47 105,79 136,99 195,04 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 528,40 415,10 289,10 526,30 1,60 Ib-Y 313,82 0,15 1,15 314,03 86,06 215,15 169,48 219,41 53,79 134,47 105,93 137,13 196,27 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 768,60 418,90 349,80 806,40 1,60 Ia-Y 138,66 0,24 1,24 383,50 86,06 215,15 241,39 291,31 53,79 134,47 150,87 182,07 239,69 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 785,70 455,70 349,80 823,90 1,60 Ia-Y 140,50 0,24 1,24 384,98 86,06 215,15 242,72 292,64 53,79 134,47 151,70 182,90 240,61 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1143,30 441,10 371,90 1169,70 1,60 Ia-Y 176,00 0,34 1,25 408,60 86,06 215,15 263,68 313,60 53,79 134,47 164,80 196,00 255,37 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1160,40 488,60 371,90 1187,20 1,60 Ia-Y 177,71 0,35 1,25 409,52 86,06 215,15 264,50 314,43 53,79 134,47 165,32 196,52 255,95 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 830,90 435,50 358,90 861,80 1,60 Ia-Y 144,47 0,25 1,25 388,08 86,06 215,15 245,51 295,43 53,79 134,47 153,44 184,64 242,55 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 848,00 461,70 358,90 879,30 1,60 Ia-Y 146,30 0,26 1,25 389,47 86,06 215,15 246,75 296,67 53,79 134,47 154,22 185,42 243,42 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 514,10 307,20 289,40 503,50 1,60 Ib-Y 311,29 0,15 1,15 311,47 86,06 215,15 169,18 219,10 53,79 134,47 105,74 136,94 194,67 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 531,20 416,30 289,40 521,00 1,60 Ib-Y 313,23 0,15 1,15 313,44 86,06 215,15 169,42 219,34 53,79 134,47 105,89 137,09 195,90 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 761,10 396,50 318,90 844,80 1,60 Ia-Y 142,69 0,25 1,25 386,70 86,06 215,15 244,27 294,20 53,79 134,47 152,67 183,87 241,69 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 778,20 400,90 318,90 862,30 1,60 Ia-Y 144,52 0,25 1,25 388,12 86,06 215,15 245,54 295,47 53,79 134,47 153,47 184,67 242,58 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 1217,90 439,80 351,80 1217,30 1,60 Ia-Y 180,62 0,36 1,25 411,04 86,06 215,15 265,87 315,79 53,79 134,47 166,17 197,37 256,90 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 1235,00 439,70 351,80 1234,80 1,60 Ia-Y 182,29 0,36 1,25 411,88 86,06 215,15 266,64 316,56 53,79 134,47 166,65 197,85 257,43 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 929,50 397,00 323,80 903,90 1,60 Ia-Y 148,88 0,27 1,25 391,38 86,06 215,15 248,45 298,37 53,79 134,47 155,28 186,48 244,61 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 946,60 412,50 323,80 921,40 1,60 Ia-Y 150,71 0,27 1,25 392,70 86,06 215,15 249,63 299,55 53,79 134,47 156,02 187,22 245,44 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 573,40 278,50 259,90 531,40 1,60 Ib-Y 314,38 0,16 1,16 314,59 86,06 215,15 169,55 219,47 53,79 134,47 105,97 137,17 196,62 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 590,50 371,40 259,90 548,90 1,60 Ib-Y 316,28 0,16 1,16 316,52 86,06 215,15 169,74 219,66 53,79 134,47 106,09 137,29 197,82 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 641,90 218,70 240,00 413,00 1,60 Ia-Y 98,89 0,12 1,12 343,32 86,06 215,15 203,83 253,75 53,79 134,47 127,39 158,60 214,57 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 659,00 381,30 240,00 430,50 1,60 Ia-Y 100,55 0,13 1,13 345,38 86,06 215,15 205,81 255,73 53,79 134,47 128,63 159,83 215,86 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 964,80 209,00 233,40 629,20 1,60 Ia-Y 120,25 0,19 1,19 367,04 86,06 215,15 226,29 276,21 53,79 134,47 141,43 172,63 229,40 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 981,90 374,60 233,40 646,70 1,60 Ia-Y 122,04 0,19 1,19 368,79 86,06 215,15 227,92 277,84 53,79 134,47 142,45 173,65 230,49 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 770,80 180,80 209,30 463,10 1,60 Ia-Y 103,68 0,14 1,14 349,16 86,06 215,15 209,43 259,35 53,79 134,47 130,89 162,09 218,22 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 787,90 342,40 209,30 480,60 1,60 Ia-Y 105,37 0,14 1,14 351,15 86,06 215,15 211,33 261,25 53,79 134,47 132,08 163,28 219,47 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 3,20 505,60 124,70 158,00 265,80 1,60 Ib-Y 282,20 0,08 1,08 282,31 86,06 215,15 163,38 213,30 53,79 134,47 102,11 133,31 176,44 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
70 40 3,20 0,00 522,70 270,30 158,00 283,30 1,60 Ib-Y 284,51 0,08 1,08 284,61 86,06 215,15 163,99 213,91 53,79 134,47 102,49 133,69 177,88 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
PUSHOVER N.ro 8 - Fy(-) Massa +Ecc 5%
B [cm] H [cm] L [m]
QUOTA
[m]
DOMANDA
DOMINIO x [mm] c/ f cd c FILO Vu,flex [kN]
MECCANISMI FRAGILI:VERIFICHE
EC8 NTC08 EC8
ctg =1 ctg =2,5 k=0,75 =5 k=1 =0
Esito
N [kN]
M
[kNm]
V [kN]
NGRAV_SIS
[kN]
Ls [m]
NTC08 EC8 NTC08
MRd
[kNm]
MVRD [kNm] VRD [kN]
ctg =1 ctg =2,5
k=0,75
=5
k=1 =0 ctg =1 ctg =2,5 k=0,75 =5 k=1 =0
Esito Esito Esito
I

L
I
V
E
L
L
O
9
10
11
12
13
31
30
8
7
29
32
14
15
6
28
33
16
5
27
34
17
4
26
35
18
3
25
36
19
2
24
37
20
1
23
22
21
347
60 40 3,60 6,80 -35,10 228,40 147,90 180,10 1,80 II-X 85,91 0,06 1,06 225,43 96,82 242,04 157,96 202,42 53,79 134,47 87,76 112,46 125,24 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 -18,00 200,50 147,90 197,50 1,80 II-X 87,43 0,07 1,07 227,69 96,82 242,04 160,21 204,67 53,79 134,47 89,01 113,70 126,49 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 32,60 168,20 110,30 256,90 1,80 II-X 92,62 0,09 1,09 235,16 96,82 242,04 167,70 212,16 53,79 134,47 93,17 117,87 130,65 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
60 40 3,60 3,20 49,70 151,70 110,30 274,30 1,80 II-X 94,14 0,09 1,09 237,28 96,82 242,04 169,85 214,30 53,79 134,47 94,36 119,06 131,82 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE FRAGILE-VER
60 40 3,60 6,80 -76,60 206,40 119,50 152,50 1,80 II-X 83,50 0,05 1,05 221,78 96,82 242,04 154,35 198,81 53,79 134,47 85,75 110,45 123,21 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 -59,50 140,10 119,50 169,90 1,80 II-X 85,02 0,06 1,06 224,09 96,82 242,04 156,64 201,09 53,79 134,47 87,02 111,72 124,49 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
40 60 3,60 6,80 -204,60 242,60 116,60 44,20 1,80 II-Y 129,08 0,02 1,02 309,70 150,60 376,51 237,69 313,91 83,67 209,17 132,05 174,39 172,06 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 3,20 -187,50 95,70 116,60 61,60 1,80 II-Y 131,55 0,02 1,02 313,03 150,60 376,51 241,19 317,40 83,67 209,17 133,99 176,34 173,91 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER DUTTILE ELASTICO
40 60 3,60 6,80 175,50 393,20 208,20 112,00 1,80 II-Y 138,76 0,04 1,04 322,42 150,60 376,51 251,10 327,32 83,67 209,17 139,50 181,84 179,12 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO
40 60 3,60 3,20 192,60 210,70 208,20 129,40 1,80 II-Y 141,27 0,04 1,04 325,58 150,60 376,51 254,45 330,67 83,67 209,17 141,36 183,70 180,88 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO
60 40 3,60 6,80 344,90 282,10 195,70 272,70 1,80 II-X 94,00 0,09 1,09 237,09 96,82 242,04 169,65 214,11 53,79 134,47 94,25 118,95 131,72 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 362,00 285,50 195,70 290,10 1,80 II-X 95,52 0,10 1,10 239,18 96,82 242,04 171,77 216,23 53,79 134,47 95,43 120,13 132,88 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 693,00 291,40 171,00 636,30 1,80 II-X 125,78 0,22 1,22 273,33 96,82 242,04 209,23 253,69 53,79 134,47 116,24 140,94 151,85 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 710,10 272,70 171,00 656,10 1,80 II-X 127,51 0,23 1,23 274,83 96,82 242,04 211,10 255,56 53,79 134,47 117,28 141,98 152,68 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 608,90 319,40 221,70 487,00 1,80 II-X 112,73 0,17 1,17 260,41 96,82 242,04 194,20 238,65 53,79 134,47 107,89 132,58 144,67 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 626,00 323,60 221,70 504,40 1,80 II-X 114,25 0,17 1,17 262,06 96,82 242,04 196,03 240,49 53,79 134,47 108,91 133,61 145,59 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 587,60 318,50 217,00 587,20 1,80 II-X 121,49 0,20 1,20 269,40 96,82 242,04 204,47 248,93 53,79 134,47 113,60 138,29 149,66 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 604,70 310,80 217,00 604,60 1,80 II-X 123,01 0,21 1,21 270,83 96,82 242,04 206,18 250,64 53,79 134,47 114,55 139,24 150,46 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 779,60 311,50 178,00 795,90 1,80 II-X 139,73 0,27 1,25 283,89 96,82 242,04 223,43 267,89 53,79 134,47 124,13 148,83 157,72 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 796,70 276,00 178,00 815,70 1,80 II-X 141,46 0,28 1,25 284,96 96,82 242,04 225,06 269,52 53,79 134,47 125,03 149,73 158,31 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 361,00 285,80 198,00 359,30 1,80 II-X 101,57 0,12 1,12 247,15 96,82 242,04 179,99 224,45 53,79 134,47 99,99 124,69 137,31 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 378,10 288,40 198,00 376,70 1,80 II-X 103,09 0,13 1,13 249,07 96,82 242,04 182,00 226,45 53,79 134,47 101,11 125,81 138,37 CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 181,50 229,40 112,30 78,50 1,80 II-X 77,03 0,03 1,03 211,66 96,82 242,04 144,39 188,85 53,79 134,47 80,22 104,92 117,59 CRISI FRAGILE DUTTILE PLASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 3,20 198,60 96,20 112,30 95,90 1,80 II-X 78,55 0,03 1,03 214,08 96,82 242,04 146,77 191,23 53,79 134,47 81,54 106,24 118,93 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO CRISI FRAGILE CRISI FRAGILE
60 40 3,60 6,80 6,10 127,90 61,40 106,30 1,80 II-X 79,46 0,04 1,04 215,52 96,82 242,04 148,18 192,64 53,79 134,47 82,32 107,02 119,73 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER FRAGILE-VER
60 40 3,60 3,20 23,20 50,10 61,40 123,70 1,80 II-X 80,98 0,04 1,04 217,90 96,82 242,04 150,53 194,98 53,79 134,47 83,63 108,32 121,06 CRISI FRAGILE DUTTILE ELASTICO FRAGILE -VER FRAGILE-VER
60 40 3,60 6,80 578,50 317,30 211,10 578,80 1,80 II-X 120,76 0,20 1,20 268,69 96,82 242,04 203,64