Sei sulla pagina 1di 5

Filosofia e retorica nel 600

Logique de Port-Royal. Sofismi


Amor proprio:
Giudichiamo delle cose non per quello che esse sono in s, ma per quello che sono nei nostri riguardi; e per noi verit e utilit sono la stessa cosa

Falsa apparenza:
casi in cui la passione che induce a mal ragionare piuttosto impercettibile; e perci utile considerare separatamente le illusioni che nascono dalle cose stesse

Autorit ascoltano poco le ragioni degli altri, vogliono


prevalere sempre per autorit, in quanto non distinguono mai la propria autorit dalla ragione

Etichetta non si trova quasi nessuno che giudichi


lintimo e il fondo; tutti si giudica in base alletichetta, e guai a quelli che non ce lhanno buona

Spirito di contraddizione stato detto da un


altro, dunque falso, questo libro non lho scritto io, dunque cattivo

Retorica un falso ragionamento si nasconda bene


nel fluire di un periodo che riempia bene lorecchio, o di una figura che ci sorprende e che, a guardarla, ci seduce

Spirito di discussione Si trova sempre da


ricominciare e da difendersi perch il nostro scopo quello di evitare non lerrore, ma il silenzio, e si crede sia meno vergognoso sbagliarsi sempre che confessare che ci si sbagliati

Segni equivoci giudica temerariamente chi


determina questo segno ad una cosa particolare senza averne ragione particolare. Il silenzio ora segno di modestia e di giudizio ora di idiozia

Compiacenza si distrugge ogni fiducia nel


linguaggio [] facendo s che esse non siano pi segni dei nostri giudizi e dei nostri pensieri, ma solo di una cortesia esteriore [] al pari di un inchino

False induzioni la maggioranza delle persone non


riuscirebbe a rappresentare i difetti e le qualit altrui se non con proposizioni generali ed esagerate. Da poche azioni particolari si conclude labitudine; di tre o quattro errori si fa un costume

Ostinazione a difendere qualche opinione alla quale ci si attaccati in base a considerazioni diverse da quella della verit

Senno di poi giudicare dei consigli dagli eventi,


incolpare quelli che hanno preso una soluzione prudente secondo le circostanze che potevano vedere [] per qualche fatto che non era loro possibile prevedere

Logique de Port-Royal. Sofismi/2


la maggioranza degli uomini si determinano a credere ad unopinione piuttosto che ad unaltra non in forza di ragioni solide ed essenziali capaci di farne conoscere la verit, ma in base a certi giudizi esteriori ed estranei, che sono pi rispondenti, o che essi giudicano pi rispondenti alla verit o alla falsit dato che gli uomini si schierano sempre dalla parte di ci che per loro pi facile, essi si schierano quasi sempre dalla parte in cui vedono questi indizi esteriori facilmente distinguibili

Sofismi dautorit
C unillusione assurda in s, e tuttavia assai comune che consiste nel credere che un uomo dica il vero perch di condizione elevata, ricco, o di grande dignit. [] Che una stessa cosa sia proposta da una persona di ragno o da una persona da niente, spesso la si approver nella bocca di una persona di rango, mentre non ci si degner nemmeno di ascoltarla in quella di un uomo di bassa condizione. [] La ragione di questo fatto deriva dalla corruzione del cuore degli uomini, che, avendo una passione ardente per lonore e i piaceri, concepiscono necessariamente un forte amore per le ricchezze e le alte qualit mediante cui si ottengono onore e piaceri. Ora lamore che si porta a tutte le cose che il mondo stima, induce a giudicare felice colui che le possiede; e, giudicandolo felice, lo si pone al di sopra di se stessi, e lo ci considera persona eminente ed elevata. Questa abitudine di considerarlo con stima passa insensibilmente dalla sua fortuna al suo spirito

Sofismi di modo
ci sono persone che parlano gravemente e modestamente di sciocchezze, ed altre invece che, essendo di natura pronta, o che, essendo preda di qualche passione che traspare sul loro viso e nelle loro parole, non cessano di avere la verit dalla propria. [] bisogna giudicare del modo secondo il modo e del fondo secondo il fondo. [] laspetto del discorso, essendo separato dalle prove, indica solo lautorit che chi parla si attribuisce, sicch, se astioso ed imperioso, respinge necessariamente lo spirito degli altri, in quanto pare che si voglia ottenere con lautorit e con una sorta di tirannia quel che si deve raggiungere solo con la persuasione e la ragione. [] Non si testimonia mai troppa moderazione quando si tratta di contrastare unopinione tradizionale una credenza acquisita da molto. [] Che se una verit tanto alta da sorpassare le forze di coloro cui si parla, essi preferiscono tenerla per s per qualche tempo, in modo da dar loro il modo di crescere e rendersi capaci di essa, invece di scoprirgliela in questo stato di debolezza, in cui essa riuscirebbe solo a schiacciarli

Pascal, Prefazione al Trait du vide (1647)

SCIENZE DI MEMORIA Hanno per scopo la conoscenza di ci che stato scritto dagli autori e si riferiscono in primo luogo ai libri e ai testi che essi hanno lasciato in eredit. Hanno i medesimi limiti dei libri in cui sono contenute

SCIENZE DI RAGIONAMENTO dipendono soltanto dal ragionamento e sono affatto dogmatiche avendo per scopo la ricerca e la scoperta di verit nascoste

Verit e progresso Autorit In esse lautorit coincide con la verit e non c alcun progresso possibile, ma solo la possibilit di conoscere storicamente il passato. Esperienza e ragione qui lautorit inutile e la sola ragione riesce a conoscerle [] le lasceremo a quelli che ci seguiranno in uno stato di maggiore perfezione di come le abbiamo ricevute
tutta la serie degli uomini nel corso di tanti secoli deve essere considerata come un sol uomo che esiste sempre e impari continuamente La verit deve sempre avere il sopravvento anche se appena scoperta, poich essa sempre pi antica di tutte le opinioni che se ne sono avute