Sei sulla pagina 1di 1

Druidi e Cavalieri

Vi sono due tipo in tutta la Gallia di quegli uomini, che sono di un certo numero e onore. Infatti
la plebe è quasi considerata al pari dei servi, che niente da sola per mezzo di se stessa e non
viene convocata per nessuna decisione. La maggior parte quando sono incalzati o dal debito o
dalla grandezza dei tributi, o dalla ingiuria di potenti si consacrano alla servitù. Ai nobili nei
confronti di questi sono gli stessi diritti che sono ai padroni nei confronti degli schiavi. Fra
questi due gruppi sociali uno è dei druidi, l’altro dei cavalieri. Quelli prendono parte alla
cerimonie sacre, compiono sacrifici pubblici e privati, interpretano i segni religiosi; presso
questi accorre un grande numero di giovani per la cultura e questi sono in grande onore presso
quelli. Infatti, decidono quasi tutte le controversie pubbliche e private, e se qualche omicidio è
stato commesso, se una strage è stata fatta, se dell’eredità dei confini è controversa, gli stessi
decidono, e assegnano premi e pene. Se qualcuno o da privato o da pubblico non si è attenuto
alla legge di quelli lo allontanano dalle cerimonie pubbliche.