Sei sulla pagina 1di 1

Auctores

Se gli uomini, così come si vede che sentono che c'è un peso nel loro animo tale da affaticarli
con la gravezza, potessero conoscere anche da quali cause ciò derivi e da dove una così
pesante mole di male alberghi nel loro cuore, non trascorrerebbero la loro vita come oggi per
lo più vediamo che ciascuno non sa cosa vuole per se e sempre cerca di cambiare luogo come
se potesse deporre il peso. Esce spesso fuori dalle sue grandi stanze colui che si è annoiato di
stare in casa e subito vi ritorna,come colui che si accorge che lo star fuori non è affatto meglio.
Corre forsennatamente verso la sua villa spronando i manni, come se fosse ansioso di portare
aiuto alle sue case in fiamme. Non appena ha sfiorato la soglia della sua villa immediatamente
sbadiglia o sprofonda subito nel sonno e sfiora l'oblio o ancora affrettandosi raggiunge la città e
torna a vederla. Così ciascuno fugge sé stesso, ma a colui il quale naturalmente come accade
non è possibile sfuggire, sta attaccato suo malgrado e lo odia, per il fatto che non coglie la
causa della malattia; mentre se lo vedesse bene ormai lasciate le cose, ciascuno si
preoccuperebbe anzitutto di conoscere la natura, poiché è in gioco la condizione non di un'ora,
ma del tempo eterno, nel quale i mortali devono aspettarsi (che scorra) tutto il tempo quale
che sia che resta dopo la sua morte.