Sei sulla pagina 1di 1

PANNELLI FOTOVOLTAICI SERIE/PARALLELO

La corrente nominale il rapporto tra potenza nominale e tensione nominale.


I pannelli possono essere collegati in serie se hanno la stessa corrente nominale.
I pannelli possono essere collegati in parallelo se hanno la stessa tensione nominale .
Se il collegamento misto , possibile collegare serie di pannelli in parallelo se tali serie hanno la stessa tensione
nominale (somma delle tensioni nominali dei pannelli connessi in serie); Ogni serie di pannelli deve
dev essere costituita
con pannelli che hanno la stessa corrente nominale.
Esempio: se ho tre pannelli 12V 10 A e sei pannelli 6V 30A : collego in parallelo le serie dei tre pannelli da 10A alla
serie dei sei pannelli da 30 A.
Ottengo un sistema a 36 V (12x3= 6x6) 40 A (10+30).

Il diodo un componente elettronico passivo non lineare


a due terminali (bipolo),
), la cui funzione ideale quella di permettere il flusso di corrente elettrica in una
direzione e di bloccarla nell'altra)
Occorre comunque inserire in ogni serie un diodo (

che impedisca correnti inverse in tale serie. Tale circolazione inversa pu avvenire per diversi motivi.
---Oscuramento
Oscuramento dei pannelli ( la batteria si scarica sui pannelli)
---Squilibrio
Squilibrio di insolazione/ombreggiamento(La serie pi illuminata cerca di scaricarsi
scaricarsi su quella in ombra)
---Guasto
Guasto o deterioramento di una o pi celle di una delle serie).
Troppe parole . . . vero, ma questa gi una semplificazione.
Un buona percentuale
Il collegamento in serie dei generatori non meno critico dei collegamento in parallelo. Una
delle batterie al piombo guaste hanno un solo elemento della serie guasto. Anche nei pannelli una sola cella guasta
pu rendere praticamente inservibile l'intera "stringa".
Quando un elemento della serie incomincia a soffrire, aumenta la sua resistenza interna; siccome la corrente quasi
non diminuisce per la sofferenza di un singolo elemento della serie tale aumento di resistenza fa aumentare la
tensione proprio sull'elemento in crisi. La potenza dissipata cresce e con essa cresce la temparatura
te
fino al collasso.
E' un vero tiro alla fune dove l'elemento debole viene travolto e calpestato ma la sua mancanza rischia di
compromettere la partita.