Sei sulla pagina 1di 12

POSTCOLONIAL LITERATURE AND TRANSLATION

Postcolonial literatures
y Letterature dei paesi anglofoni o francofoni, ex

colonie. (J.M. Coetzee, D. Walcott, C. N. Adichie) y Letteratura della migrazione, prodotta da autori di origini diverse da quella della nazione in cui vivono o sono nati (S. Rushdie, H. Kureishi, J. Lahiri)

AREE GEOGRAFICHE
y AUSTRALIA y NEW ZEALAND y CARIBBEAN ISLANDS y AFRICA y INDIA y CANADA y IRELAND

IL PROBLEMA DELLA LINGUA


y L INGLESE DELLE LETTERATURE ANGLOFONE

POSTCOLONIALI DIVERSO DALL INGLESE STANDARD. y PER OGNI AREA SI INDIVIDUA UNA DIVERSA VARIANTE LINGUISTICA, CHE NASCE DALLA SPECIFICITA TERRITORIALE E CULTURALE DELLAREA STESSA. y LETTERATURA POSTCOLONIALE COME DEFINITIVA ABROGAZIONE DELLAUTORITA LINGUISTICA RAPPRESENTATA DALL INGLESE STANDARD.

APPROPRIAZIONE E ABROGAZIONE
y nuova lingua, creata dal dinamismo di abrogazione e

appropriazione =identit ibrida e migrante dell autore postcoloniale. y Il dinamismo linguistico dei testi postcoloniali caratterizzato dall ambivalenza causata dalla tensione tra la lingua ufficiale e quella locale, a sua volta riflesso della polarizzazione coloniale tra centro e margine/periferia, tra la monolitica eredit culturale dell Impero e l ibridismo variegato delle colonie.

Chinua ACHEBE sulla lingua inglese


y A powerful instrument of control used by the colonizing powers is the

instrument of language. Language forms a huge part of the culture of a people - it is through their language that they express their folk tales, myths, proverbs, history. For this reason, the imperial powers invariably attempted to stamp out native languages and replace them with their own. As Ashcroft, Griffiths and Tiffin point out, there are two possible responses to this control - rejection or subversion. (The Post-Colonial Studies Reader, London: Routledge, 1995. 284) While Ngugi Wa Thiong o is famous for advocating outright rejection of the colonialist language, believing that this rejection is central to the antiimperialist struggle, Chinua Achebe has chosen the idea of subversion rather than rejection. According to Ashcroft, Griffiths and Tiffin, his writing displays a process by which the language is made to bear the weight and texture of a different experience. In doing so it becomes another language. In The African Trilogy, Achebe uses the language of the colonizer to convey the Igbo experience of that colonization. The idioms, proverbs and imagery of these books all invoke his Eastern Nigerian culture, forcing the reader to accept on Achebe s (linguistic) terms, the story he has to tell.( ) Rather than rejecting the colonizer s language, he has used it as a medium through which the experiences of the colonized can be communicated.

CHINUA ACHEBE
y "I would be quite satisfied if my novels (especially

the ones I set in the past) did no more than teach my readers that their past - with all its imperfections - was not one long night of savagery from which the first Europeans acting on God's behalf delivered them. y Morning Yet on Creation Day, 1975

Letterature postcoloniali e creazione linguistica


NASCITA DI NUOVE VARIANTI LINGUISTICHE ALLINTERNO DEI TERRITORI POSTCOLONIALI
Processo di colonizzazione = inglese come lingua dell AUTORITA e del POTERE

STANDARD English

Lingua e Identit nella visione di Homi Bhabha


y Carattere performativo della narrazione. y La storicizzazione della nazione si concretizza nell atto

della narrazione. y Il racconto e il romanzo postcoloniali rappresentano il mezzo per TRADURRE in una nuova lingua inglese l identit e la memoria cancellati durante il processo di colonizzazione.

NATION And NARRATION The Location of culture METONIMY: the variance

La realt nazionale si struttura nel testo narrativo, che delinea una nuova storia e una nuova identit.

L idea di spazio nazione in senso geografico e storico sfuma nel testo narrativo in cui coesistono diversi registri, forme lessicali di lingue differenti dall inglese contaminazioni e ibridazioni.

variance itself becomes the metonym, the part which stands for the whole

English and englishes


La letteratura postcoloniale e degli scrittori migranti presuppone un processo Di negoziazione continuo tra STANDARD ENGLISH e english (variante). Lo scrittore migrante e/o postcoloniale, scrivendo, realizza mentalmente e materialmente un a perenne traduzione tra la propria lingua e l inglese, e tra la variante linguistica e l inglese standard. la traccia transculturale e transnazionale della letteratura postcoloniale e della migrazione storicizza la differenza e la visione dell altro attraverso continui processi di ibridazioni culturali e linguistiche. Un osmosi che presuppone la perenne negoziazione tra lingue diverse: l inevitabile passaggio da una lingua all altra, ovvero un processo traduttivo, continuo, forzato, tale da generare un linguaggio diverso, modulato sulla capacit traduttiva dell essere migrante e diasporico, il soggetto coloniale, appunto, il traduttore e il tradotto.