Sei sulla pagina 1di 3

DEMETRA e KORE Demetra e Kore, sono due divinit strettamente unite in un antico culto originario della Grecia, rappresentano

la Madre terra e la figlia. Presiedono al lavoro delluomo, allattivit che rende feconda e produttrice la terra, lagricoltura. Tuttavia Kore, poi chiamata Persefone, in quanto regina dellOltretomba, rivela un aspetto tenebroso accanto a quello solare di fanciulla. Demetra rappresentata con il kalathos o la semplice stephane od un polos in capo ed in genere velata; tipico il caso della erma agrigentina bifronte con volto da un lato di vecchia, Demetra, e dallaltro di giovane, Kore. Il mito esposto nella sua forma pi antica nellinno omerico a Demetra. Figlia di Krono e di Rea e sorella di Zeus, gener proprio da lui la figlia Kore, ma ne fu privata da parte del dio degli inferi, Ade. Mentre Kore, infatti, raccoglieva fiori insieme alle ninfe, tentando di raggiungere da sola un narciso, vede spalancarsi la terra e ne fuoriesce Ade che la rapisce per farla sua sposa. Da questo momento Demetra afflitta da un dolore immenso, con la fiaccola in mano, non smette di cercarla per nove notti e nove giorni. Elios, il sole, che tutto vede, le svela il rapimento, avvenuto col consenso di Zeus; la disperazione e lo sdegno di Demetra verso gli dei tale che la terra si isterilisce e non produce pi frutto. Zeus costretto perci ad intervenire e mediare un accordo tra il rapitore della fanciulla e Demetra: laccordo questo, ogni anno Persefone, divenuta regina delloltretomba, sarebbe tornata sulla terra a vivere con la madre, ma solo per una parte dellanno, dalla primavera alla fine dellautunno: infatti mentre si trovava nelloltretomba aveva rotto il digiuno assaggiando qualche chicco di melagrana. Demetra, placata, ridiventa benigna e diffonde i suoi doni a coloro che sulla terra lavevano accolta ed aiutata a cercare la figlia. Dona le messi, la pioggia, il grano maturo, e viene venerata ovunque durante le feste legate allagricoltura (le Proerosie, prima della semina, le Procaristerie, per lo spuntare delle messi, le Aloe, la festa delle aie, e le Talisie, per il raccolto in piena estate). Per questo legame con lagricoltura vicina a Dioniso ed alle ninfe. Ma soprattutto forte il legame con la terra di Eleusi, dove nutr con ambrosia Trittolemo, figlio del re Celeo e di nascosto dai genitori lo purific per renderlo immortale. Da questo episodio hanno origine i misteri eleusini. A Trittolemo, inoltre, insegn la coltura del grano e volle che su un carro trainato da draghi diffondesse sulla terra lagricoltura, il culto di Demetra e la convivenza civile tra gli uomini. Le Thesmoforie, altre feste importanti della Grecia la ricordano appunto come inventrice e donatrice delle leggi. Gli attributi della dea sono: le spighe di grano, i fiori del narciso, e del papavero, simbolo di fecondit, come anche le vittime sacrificali, vacca e scrofa, il serpente simbolo della terra e della risurrezione, la fiaccola, il calato (cesto), simbolo della mietitura, la cista (la cassa che nei misteri eleusini conteneva la suppellettile rituale). I luoghi sacri: Eleusi fu il luogo in cui la dea Demetra considerata soprattutto nel suo legame con loltretomba: le grandi feste Eleusinie (celebrate a settembre) che seguivano alle piccole Eleusinie (a febbraio) ricordavano il ritorno di Persefone agli Inferi, dopo essere stata con la madre, perpetuando il ciclo naturale del letargo invernale dopo lesplosione della vita nei mesi caldi dellanno. Il culto si diffuse dallAttica in Asia Minore, a Creta, nelle isole traciche dove il culto venne a contatto con i riti cabirici. In Magna Grecia: a Metaponto e a Locri. Anche in Sicilia Demetra aveva fatto dono del grano: cos Diodoro (V,2) che colloca la vicenda mitologica ad Enna. Il culto delle dee diffuso a Gela, dove sembra sia stato introdotto dai coloni di Thera. A Grammichele e ad Agrigento presente il santuario e la sentita celebrazione delle

Thesmophorie. A Siracusa il santuario era situato nella Neapolis, il suo simulacro fu rapinato da Verre. A Selinunte ebbe sede il culto di D. Malophoros.

DEMETRA e KORE a CAMARINA Negli edifici Il santuario di Persefone si trova fuori dalla cinta muraria della citt. Nel 1896 larcheologo Paolo Orsi trov qui una stipe votiva con una grande quantit di statuette di terracotta rappresentanti le due dee ed utilizzate dai fedeli come ex voto. La tipologia di costruzione tipica dei luoghi di culto delle divinit ctonie

Nella coroplastica -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Nel museo di Camarina unintera sala dedicata ai culti e in particolare a quello di Demetra e Kore. Sono presenti numerose statuette del tipo a chitone che reggono un porcellino, sedute e stanti. Esclusivo di Camarina il tipo con chitone ed himation aperto a due falde, che tiene un porcellino e a sinistra unofferta, forse un frutto, e che sembra riportare ad un originale statuario. Nei vasi ---------------------------------------------------------------------------------------------------------