Sei sulla pagina 1di 38

Dispense di Illuminotecnica Prof. Arch.

Daniele Milone Natura della luce


La luce (dal latino, lux, lucis) l'agente fisico che rende visibili gli oggetti. Si pu dire che la luce sia la coscienza dellesistenza della realt. Il mondo esiste in quanto lo sentiamo,lo tocchiamo ma soprattutto lo vediamo. Eppure la luce non tangibile. La luminosit, il colore e quindi lapparenza delle cose sono solo leffetto prodotto sulla retina da una particolare forma di energia nota con il nome di radiazione elettromagnetica. Ci che realmente esiste lenergia elettromagnetica, mentre la luce pu essere definita uninvenzione del sistema costituito dallocchio-cervello che cattura lenergia radiante emessa in un determinato intervallo di lunghezze donda per trasformarla in sensazione visiva. Le onde elettromagnetiche sono una grande famiglia che comprende molte radiazioni, apparentemente diverse, come le onde radio o hertziane, i raggi ultravioletti, gli infrarossi e i raggi X. Solamente una piccola parte delle radiazioni elettromagnetiche viene catturata dagli occhi e trasformata in immagini che ci permettono di conoscere ed interpretare la realt che ci circonda. La luce quindi energia raggiante. Si propaga nel vuoto in forma di onde elettromagnetiche o particelle, dette fotoni, alla velocit di circa 300.000 km/s. Le onde elettromagnetiche possono avere una lunghezza donda che va dal milionesimo di millimetro sino a decine di metri, ma solamente una piccola parte viene trasformata dal sistema visivo in sensazione luminosa. Le onde radio, i raggi X e Gamma, i raggi cosmici sono anchesse radiazioni elettromagnetiche, della stessa natura della luce, ma non producono alcuna sensazione visiva sul nostro occhio. Alcune di queste radiazioni producono altri effetti, che possono essere benefici, come il caso dellabbronzamento indotto da alcune radiazioni ultraviolette, ma anche dannosi, come il caso dei processi degenerativi delle cellule provocati dai raggi X. Le radiazioni elettromagnetiche sono caratterizzate da tre parametri: velocit di propagazione nel vuoto; lunghezza donda, ossia lo spazio percorso da unonda per compiere unoscillazione completa; frequenza, ossia il numero di oscillazioni nellunit di tempo. Il primo un dato costante per tutte le radiazioni, gli altri due sono variabili. Lo spettro delle radiazioni visibili non ha dei limiti ben precisi, in quanto la sensibilit dellocchio umano varia da individuo a individuo. Per questo motivo la sua estensione stata fissata, per convenzione, nellintervallo che va da 380 a 780 nm (1 nm (manometro) = 1/1.000.000 m), confinato a sinistra dalle radiazioni ultraviolette (lunghezza donda inferiore a 380 nm) e a destra dalle radiazioni infrarosse (lunghezza donda superiore a 780 nm). Lo spettro delle radiazioni visibili pu essere a sua volta suddiviso in sei bande principali, ciascuna corrispondente ad una determinata sensazione cromatica: 380 - 436 nm: viola 436 - 495 nm: blu 495 - 566 nm: verde 566 - 589 nm: giallo 589 - 627 nm: arancio

627 - 780 nm: rosso Queste radiazioni producono determinati effetti sul corpo umano che dipendono dalla lunghezza donda, dal tempo di esposizione e dalla quantit di energia irradiata. Gli UV-A (raggi ultravioletti) provocano labbronzatura favorendo laffioramento della melanina contenuta negli strati pi inferiori dellepidermide. Gli UV-B stimolano la produzione di melanina che poi viene fatta affiorare dagli UV-A. Gli UV-C sono quelli pi dannosi, in grado di provocare lo sviluppo di forme tumorali. Queste radiazioni, emesse dal sole, raggiungono la Terra, ma sono filtrate ed eliminate del tutto dallozono presente negli strati pi alti, impedendo linsorgere di patologie letali sugli organismi viventi. Tutte le sorgenti luminose artificiali emettono radiazioni ultraviolette, in percentuale variabile a seconda della tecnologia di produzione della luce. Lesposizione prolungata agli UV-B pu causare eritema (la normale scottatura da esposizione prolungata al sole) e congiuntivite. Sulle materie plastiche e pigmenti pu provocare alterazioni della struttura, screpolatura e scolorimento. Proprio per questi motivi vi sono particolari lampade che emettono radiazioni ultraviolette e che trovano applicazione nella produzione industriale per simulare, in via sperimentale, gli effetti prodotti sui materiali dallesposizione prolungata, linvecchiamento e per verificarne la resistenza. Alcune lampade normalmente utilizzate per lilluminazione generale degli ambienti emettono elevati quantitativi di radiazioni UV: il caso delle lampade ad alogenuri. Per eliminare i pericoli di queste radiazioni sufficiente utilizzare vetri trattati con opportuni strati filtranti applicati sullapparecchio di illuminazione.

Effetto della luce sulluomo


Circa l80% di tutte le impressioni sensoriali sono di natura ottica e necessitano della luce come veicolo di informazioni. Ci dimostra la straordinaria importanza della luce per luomo. La luce non solo trasmette attraverso locchio le informazioni ai centri della vista che si trovano nel cervello; ma, attraverso una particolare ramificazione di nervi influisce altres sugli organi di regolazione del sistema neurovegetativo, che comanda lintero ricambio e le funzioni dellorganismo. Si comprende in tal modo perch una buona luce non solo facilita le funzioni del vedere e del riconoscere, ma aumenta anche lo stimolo lavorativo ed il benessere fisico accrescendo la capacit di concentrazione ed evitando la stanchezza precoce. La maggior capacit di attenzione che ne deriva fa diminuire il pericolo di incidenti. Soprattutto quelli causati da banalit (i cui effetti possono costituire un notevolissimo impedimento al buon svolgimento del lavoro) regrediscono allorch viene migliorata lilluminazione. Leffetto stimolante della luce si mostra anche in attivit che con questa hanno poco o nulla a che vedere. stato possibile dimostrare che una buona luce promuove capacit di attenzione, di pensiero logico nonch sicurezza e velocit nel calcolo. Aumentando lilluminamento da 90 lx a 500 lx risultato il seguente aumento delle prestazioni: capacit di attenzione 15%; pensiero logico 9%; sicurezza e velocit di calcolo 5%. Migliorando le condizioni visive e diminuendo di conseguenza laffaticamento ad esse legato, si ha (a seconda del tipo di lavoro) una notevole diminuzione degli errori e degli scarti.

Questi effetti derivati da una migliore qualit dellilluminazione comportano in unazienda un aumento veramente sorprendente delle prestazioni lavorative. Laumento del livello di illuminamento particolarmente vantaggioso per le persone anziane, poich la necessit di luce aumenta con let. La differenza nella necessit di luce per la medesima prestazione visiva tra una persona giovane ed una anziana per, con elevati illuminamenti, inferiore che non con bassi livelli; con una buona illuminazione sussistono condizioni di lavoro equilibrate per giovani e vecchi. Infatti mentre un anziano di 60 anni per ottenere la stessa prestazione visiva di un giovane di 20 anni a 100 lx necessita di un illuminamento doppio, a 900 lx necessita soltanto un illuminamento di circa il 20% superiore.

Lilluminotecnica
Lo sviluppo dellilluminotecnica venuto insieme con quello delle sorgenti luminose artificiali. La progettazione della quantit e della qualit della luce in modo tecnico, programmato e non empirico recente, anche se in realt gi con la cultura barocca, si pu parlare di illuminotecnica, in quanto il legame esistente tra architettura e luce, intesa come elemento scenografico molto profondo. Si tratta, per, in questo caso, di unilluminotecnica intuitiva, legata allesperienza acquisita dallartista-architetto e alla sua sensibilit. Del resto anche altre discipline estremamente tecniche, come la statica e la scienza delle costruzioni, vengono sviluppate nei loro fondamenti teorici solamente in tempi recenti. Lo sviluppo sempre pi intenso delle sorgenti luminose con la conseguente realizzazione di una gamma estremamente ampia di apparecchi di illuminazione hanno contribuito a trasformare una componente marginale del progetto in una disciplina completamente autonoma affrontata da specialisti. Lilluminotecnica deriva i suoi principi fondamentali e le grandezze in gioco dalla fotometria, disciplina che studia la luce in funzione dello stimolo prodotto sullocchio umano. La realizzazione di un progetto dilluminazione richiede un bagaglio di conoscenze di carattere non solo tecnico. In ogni caso, la lettura di un catalogo di sorgenti luminose, la scelta corretta del tipo di apparecchio di illuminazione da utilizzare in funzione dellatmosfera luminosa da realizzare e lanalisi dei costi di gestione di un impianto, richiede la conoscenza di alcuni fondamentali concetti di base. Le grandezze della luce Queste sono le grandezze fondamentali da conoscere: a) flusso luminoso; b) intensit luminosa; c) illuminamento; d) luminanza. a) Flusso luminoso - Simbolo: - Unit di misura: lumen (lm) Questa grandezza indica la quantit di energia luminosa emessa nellunit di tempo (1 secondo) da una sorgente. Per energia luminosa si intende, per convenzione, quella emessa nellintervallo da 380 a 780 nm. Per le lampade la normativa IEC prevede che la misurazione del flusso luminoso emesso venga effettuata dopo 100 ore di funzionamento. b) Intensit luminosa - Simbolo: I - Unit di misura: candela (cd = lm / sr) Indica la quantit di flusso luminoso emessa da una sorgente allinterno dellangolo solido unitario (steradiante) in una direzione data. Una sorgente luminosa puntiforme emette radiazioni della stessa intensit in tutte le direzioni, quindi il suo flusso luminoso si propaga uniformemente come generato dal centro di una sfera.

Le sorgenti luminose artificiali non emettono luce in modo uniforme in tutte le direzioni dello spazio, quindi a seconda della direzione considerata si pu avere una intensit diversa. Un sistema pratico per visualizzare la distribuzione della luce emessa da una sorgente nello spazio consiste nel rappresentare le intensit luminose come vettori applicati nel medesimo punto, come raggi uscenti dal centro di una sfera. I cataloghi degli apparecchi di illuminazione riportano spesso le curve fotometriche ossia le sezioni del solido fotometrico sui due piani principali, ortogonali tra loro, intersecati per lasse di simmetria e rotazione. La conoscenza della curva fotometrica molto importante in quanto in base ad essa possibile verificare che lapparecchio di illuminazione scelto distribuisca la luce nel modo richiesto. c) Illuminamento - Simbolo: E - Unit di misura: lux (lx = lm / m) il rapporto tra il flusso luminoso ricevuto da una superficie e larea della superficie stessa. In altre parole indica la quantit di luce che colpisce ununit di superficie. d) Luminanza - Simbolo: L - Unit di misura: candela / m (cd / m) il rapporto tra lintensit luminosa emessa da una superficie in una data direzione e larea apparente di tale superficie. Larea apparente la proiezione della superficie su un piano normale alla direzione considerata. In pratica indica la sensazione di luminosit che si riceve da una sorgente luminosa primaria o secondaria. (Si dice sorgente primaria un corpo che emette direttamente radiazioni; si dice sorgente secondaria un corpo che riflette le radiazioni emesse da una sorgente primaria). importante avere ben chiara la differenza esistente tra illuminamento e luminanza. Se la prima grandezza indica la quantit di luce, emessa da una sorgente, che colpisce la superficie considerata, la seconda indica la sensazione di luminosit che riceviamo da questa superficie; ci vuol dire che su due superfici, una bianca e laltra nera, possiamo avere lo stesso valore di illuminamento, ad esempio 500 lux, ma la sensazione di luminosit ricevuta, e quindi la luminanza, sar completamente differente, in quanto quelle due superfici riflettono la luce in modo diverso. Nella progettazione illuminotecnica necessario conoscere adeguatamente le une come le altre. Lefficacia di un progetto di illuminazione il risultato ottenuto dallo sviluppo di due differenti analisi: quantitativa, data dalla determinazione del numero di sorgenti luminose e loro posizionamento; qualitativa, data dalla scelta del tipo di luce pi adatto a svolgere una determinata attivit e dalla sua distribuzione nello spazio. La luce non sempre uguale. Pu essere pi o meno bianca, fredda oppure calda. I colori delle cose appaiono differenti, variando il tipo di sorgente luminosa utilizzata. Per giudicare e classificare le lampade da un punto di vista qualitativo vengono utilizzati due parametri molto importanti: e) temperatura di colore; f) indice di resa dei colori. e) Temperatura di colore La temperatura di colore, espressa in Kelvin (K)1, un parametro utilizzato per individuare e catalogare, in modo oggettivo, il colore della luce di una sorgente luminosa confrontata con la sorgente
1

La temperatura assoluta basata sul Kelvin. La temperatura di fusione del ghiaccio (valore di 273,2 K) corrisponde a 0 gradi centigradi.

campione (corpo nero). Dire che una lampada ha una temperatura di colore pari a 3000 K, significa che il corpo nero, a questa temperatura, emette luce della stessa tonalit. Le sorgenti luminose sono suddivise in tre gruppi, a seconda della temperatura di colore: da 3000 a 3500 K : colore bianco caldo; da 4000 a 5000 K : colore bianco neutro; da 5500 a 7000 K : colore bianco freddo. La temperatura di colore non deve essere confusa con lindice di resa dei colori, in quanto la prima indica il colore della luce emessa, ma non ci dice nulla riguardo la sua capacit di rendere i colori. f) Lindice di resa dei colori Esprime leffetto prodotto da una sorgente luminosa sullaspetto cromatico di un oggetto confrontato con quello ottenuto per effetto di una sorgente luminosa campione di pari temperatura di colore. La sorgente campione, a rigore il corpo nero, in pratica un metallo, al quale viene somministrata una quantit di calore crescente, portandolo allincandescenza. Aumentando la sua temperatura, cambier di colore passando dal rosso cupo fino allazzurro, passando per il bianco. Lilluminazione legata profondamente al colore dei materiali. Una superficie appare di un determinato colore, ad esempio il rosso, perch riflette le lunghezze donda corrispondenti al rosso assorbendone le rimanenti. Un vetro trasparente colorato appare di un determinato colore perch si lascia attraversare dalle lunghezze donda relative a quel colore mentre assorbe o riflette tutte le rimanenti. Se nello spettro di emissione della sorgente incidente non sono presenti le lunghezze donda del materiale osservato, il suo colore sar alterato. quindi importante per avere una buona resa dei colori che nello spettro di emissione della sorgente luminosa siano presenti tutte le lunghezze donda, ciascuna con valori quantitativi equilibrati.

Caratteristiche ottiche dei materiali


Un raggio di luce che colpisce una superficie viene riflesso, diffuso, assorbito o trasmesso modificandosi per intensit, direzione e verso in funzione delle caratteristiche fisiche del mezzo intercettato. Le caratteristiche ottiche dei materiali nei confronti della luce incidente sono espresse con i fattori di riflessione, trasmissione ed assorbimento. La riflessione pu essere speculare, diffusa oppure mista. Si dice speculare quando il raggio non viene modificato in intensit e langolo di riflessione uguale a quello incidente. Si dice diffusa quando il raggio incidente viene modificato in una serie di raggi di minore intensit uniformemente distribuiti con angoli di riflessione diversi da quello incidente. Si dice mista quando sono presenti entrambi i tipi sopra descritti. In genere i materiali che si utilizzano nella realt pratica presentano una riflessione di tipo mista, con prevalenza della componente diffusa o della componente speculare. Il fattore di riflessione di una superficie dato dal rapporto tra flusso luminoso riflesso e flusso luminoso incidente e pu andare dal 3, 4% nel caso di una superficie molto scura e polverosa, fino al 90% di una superficie liscia bianca. Il fattore di trasmissione dato dal rapporto tra flusso luminoso trasmesso e flusso luminoso incidente, riferito ad un determinato spessore del materiale in esame.

Il vetro chiaro ha fattore di trasmissione tra 80 e 90%. Il vetro smerigliato ha fattore di trasmissione tra 70 e 80%. Il vetro opalino ha fattore di trasmissione tra 55 e 70%. I suddetti dati variano, naturalmente, in relazione allo spessore del materiale, al tipo di lavorazione ed al tipo di composizione dello stesso. Laria di montagna, non inquinata e quindi priva di particelle in sospensione, ha un fattore di trasmissione estremamente prossimo al 100%, per spessori di qualche decina di metri. Il fattore di trasmissione dellintero strato di atmosfera che avvolge il pianeta di circa il 30%.

Sorgenti luminose artificiali: tecnologia e funzionamento


Le lampade attualmente esistenti si dividono in tre gruppi principali, a seconda del principio utilizzato per produrre la luce: incandescenza; scarica in gas; induzione. La corrente elettrica nel primo caso rende incandescente un filamento metallico; nel secondo eccita una miscela gassosa, nel terzo genera un campo elettrico. In tutti i casi viene provocata lemissione di radiazioni, di cui solamente una parte visibile. La luce composta da radiazioni con diversa lunghezza donda, ciascuna corrispondente ad un determinato stimolo visivo la cui somma d luce bianca. Le lampade emettono radiazioni in modo differente, secondo il tipo di tecnologia utilizzata. Una sorgente ad incandescenza emette radiazioni luminose secondo uno spettro continuo, una sorgente a scarica secondo uno spettro discontinuo o a righe. Questo significa che, nel primo caso, nello spettro sono presenti tutti i colori, nel secondo alcune bande sono completamente assenti. La conoscenza del flusso luminoso emesso da una lampada un dato importante ma non sufficiente per conoscere le sue caratteristiche energetiche. Uninformazione pi efficace si ottiene con lefficienza luminosa che si esprime in lumen/watt (lm/W) e che indica il rendimento di una sorgente luminosa, ossia la quantit di luce prodotta da una lampada per un watt di potenza elettrica assorbita dalla lampada stessa o, con maggior esattezza, dal sistema lampada-alimentatore. Lalimentatore, pu essere il trasformatore di una lampada a bassissima tensione, oppure il reattore di una lampada a scarica; un dispositivo elettromagnetico o elettronico che assorbe una certa quantit di potenza elettrica. Per verificare leconomicit di un impianto necessario tener conto di questo autoconsumo che pu variare anche sensibilmente, in funzione delle caratteristiche qualitative dei componenti utilizzati. Migliorare lefficienza luminosa delle lampade uno degli obbiettivi principali dei fabbricanti di sorgenti luminose per fare fronte al continuo aumento del costo dellenergia elettrica. La tecnologia sviluppata in questi ultimi dieci anni ha consentito lottenimento di miglioramenti significativi: lefficienza luminosa delle moderne lampade a scarica aumentata di circa trenta volte rispetto alla vecchia lampada ad incandescenza con filamento di carbone realizzata da Edison. Ritornando alle tipologie delle sorgenti luminose possiamo affermare che soprattutto due sono importanti per lilluminazione: le lampade ad incandescenza e le lampade a scarica. Le lampade ad incandescenza sono radiatori per temperatura come in natura il sole. Parte del calore prodotto dalla lampada viene emesso sotto forma di luce. Le lampade a scarica invece sono radiatori per luminescenza come in natura il fulmine. La luce emessa da queste lampade non un sottoprodotto del calore, bens dovuta alla trasformazione diretta dellenergia elettrica in energia luminosa.

Le lampade ad incandescenza Un conduttore, percorso da corrente elettrica e posto in un ambiente privo di atmosfera si riscalda, diventa incandescente e non brucia, emettendo radiazioni in gran parte infrarosse, in piccola parte visibili ed in quantit ancor pi ridotta ultraviolette. La quantit di luce emessa tanto maggiore quanto pi alta la temperatura raggiunta. Questo il principio che rende possibile il funzionamento della lampada ad incandescenza. A guardarla, una lampada ad incandescenza ben semplice. Un filamento metallico allinterno di un bulbo in vetro dove stato praticato il vuoto ed immesso un gas inerte, azoto, argo o cripto che impedisce al filamento di tungsteno di bruciare. Alla base della lampada, un attacco a vite, il cui nome Edison, al quale sono saldate le due estremit del filamento, tutto qui. Basta avvitare la lampada, dare tensione, ed abbiamo la luce. Generalmente, la temperatura di funzionamento delle lampade ad incandescenza va da 2700 a 2900 K. La quantit di luce emessa dal filamento della lampada direttamente proporzionale alla temperatura di funzionamento. In ogni caso la lampada ad incandescenza , e sempre rimarr, una sorgente di luce a bassa efficienza, ci vuol dire che solo una piccola parte della potenza elettrica assorbita viene trasformata in luce, mentre la maggior parte diventa radiazione infrarossa, invisibile allocchio umano, ma percepita come calore. Il tungsteno di cui costituito il filamento di una lampada ad incandescenza, portato ad alta temperatura incomincia a sublimare, andandosi a depositare sulla superficie interna del bulbo in vetro. Questo fenomeno fisico alla base dellinvecchiamento e della riduzione del flusso luminoso, in quanto il bulbo annerito lascer passare una minor quantit di flusso ed il filamento, assottigliato a causa della sublimazione, si infragilisce e si spezza. Le lampade ad incandescenza sono realizzate in diversi formati, distinti per potenza e caratteristiche fotometriche, oltre che per le diverse esigenze dimpiego. Distinguiamo i seguenti tipi: con bulbo trasparente; con bulbo diffondente; con riflettore incorporato. per impieghi speciali (luminarie, semafori, frigoriferi, per illuminazione in serie); per irradiazione. Lampada ad incandescenza (Doc. OSRAM). a) Le lampade ad incandescenza con alogeni Dalla volont di migliorare le caratteristiche prestazionali della semplice lampada ad incandescenza nasce, negli anni sessanta, la lampada ad alogeni. Le prime versioni sono a tensione di rete e con elevata potenza, pensate per applicazioni in esterno. Bisogna attendere il 1972 per vedere la nascita delle lampade ad alogeni a bassissima tensione, che apriranno la strada alla miniaturizzazione delle sorgenti luminose. Queste lampade sono state concepite in modo da evitare la progressiva perdita di luce causata dallevaporazione del tungsteno che costituisce il filamento. Nel gas che riempie la lampada vengono aggiunte piccole quantit di un alogeno (iodio, bromo) o di miscele di alogeni. Questi gas si uniscono al tungsteno evaporato e tornano a depositarlo sul filamento dove lelevatissima temperatura, liberando gli alogeni dal tungsteno, d inizio a un ulteriore ciclo. Le lampade ad alogeni hanno migliori caratteristiche prestazionali rispetto alle tradizionali lampade ad incandescenza: la durata passa da 1000 a 2000, 3000 ore;

lefficienza giunge sino a 25 lm/W; la temperatura di colore pi elevata, da 2900 a 3100 K a seconda dei tipi e si traduce in una luce pi bianca e brillante; le dimensioni estremamente ridotte del corpo luminoso, quasi puntiforme, permettono una migliore utilizzazione della potenza luminosa ed un controllo ottimale del fascio luminoso. b) Le lampade ad alogeni nude e con riflettore incorporato Le lampade ad alogeni a bassissima tensione sono commercializzate nelle due versioni a lampada nuda o con riflettore incorporato. Nel primo caso possono essere utilizzate a vista oppure allinterno di apparecchi di illuminazione dotati di riflettore per ottenere un fascio luminoso di determinata ampiezza. Nel secondo caso la lampada, essendo dotata di riflettore, dovr essere scelta in funzione dellampiezza del fascio luminoso e lapparecchio di illuminazione nel quale andr collocata ha la sola funzione di proteggerla e collegarla alla rete di alimentazione. Il riflettore pu essere in alluminio oppure in vetro con trattamento della superficie riflettente (dicroico, dal greco: due colori). Nel caso di quello realizzato in vetro si tratta di una parabola in quarzo opportunamente trattata con lapplicazione in alto vuoto di strati di ossidi selettivi a determinate lunghezze donda: gli ossidi sono riflettenti alle radiazioni visibili, ma si lasciano attraversare dalla maggior parte della radiazione infrarossa. Ne consegue che la luce emessa dalle lampade ad alogeni con riflettore dicroico, o pi brevemente dicroiche, una luce pi fredda, sia dal punto di vista termico che cromatico, priva del 66% della radiazione infrarossa emessa da una lampada ad alogeni con riflettore in alluminio di pari potenza. Lampada alogena con riflettore incorporato (Doc. OSRAM). 2.6.2 Le lampade a scarica Le lampade a scarica sono radiatori a luminescenza, a differenza delle lampade ad incandescenza (normali o ad alogeni), che sono radiatori termici. Mentre nelle lampade ad incandescenza la radiazione viene emessa per effetto dellalta temperatura raggiunta dal filamento, nelle lampade a scarica provocata dagli urti reciproci di particelle, cariche elettricamente, di un gas o di un vapore. Una lampada a scarica costituita da un tubo di materiale trasparente di elevata resistenza termica e meccanica, alle estremit del quale sono saldati due elementi metallici, detti elettrodi, a cui fanno capo i conduttori di alimentazione. Lelettrodo positivo detto anodo, mentre lelettrodo negativo chiamato catodo. Nel tubo, preventivamente vuotato dellaria atmosferica, viene introdotto un gas in quantit ben determinata ed eventualmente una piccola quantit di un certo metallo. Le lampade a scarica hanno generalmente una durata assai pi lunga delle lampade ad incandescenza anche se abbisognano di una apparecchiatura ausiliaria per la limitazione della corrente e talvolta per ottenere una sicura accensione. Per scopi di illuminazione generale esistono i seguenti tipi di lampade a scarica: a) lampade fluorescenti; b) lampade a vapori di mercurio; c) lampade a vapori di alogenuri; d) lampade a luce miscelata; e) lampade a vapori di sodio; f) lampade allo xeno; g) sistemi ad induzione.

a) Le lampade fluorescenti Le lampade fluorescenti sono lampade a vapori di mercurio a bassa pressione; la scarica avviene in un tubo di vetro rivestito allinterno con polveri fluorescenti. Lemissione di luce avviene soprattutto per trasformazione della radiazione ultravioletta emessa dalla scarica in vapori di mercurio in radiazioni visibili per mezzo delle polveri fluorescenti. La scarica deve essere stabilizzata con un alimentatore (reattore). Per accendere la lampada generalmente necessario preriscaldare gli elettrodi e fornire un colpo di tensione: questo si ottiene assai semplicemente per mezzo di uno starter inserito in parallelo sulla lampada. Il maggior pregio di queste lampade quello di avere bassa luminanza (intensit luminosa per unit di superficie), il che rende possibile, molto frequentemente, di evitare labbagliamento senza ricorrere a superfici diffondenti o schermanti interposte. Il flusso luminoso delle lampade fluorescenti dipende in modo assai rilevante dalla temperatura-ambiente a cui funziona la lampada. La situazione ottimale si ha tra i 20 e i 25 gradi centigradi. Quando la temperatura inferiore o superiore, il flusso luminoso, e conseguentemente lefficienza, diminuiscono. La durata delle lampade fluorescenti molto elevata: 7500 ore di funzionamento, in media, per accensioni di tre ore di durata. Questi valori vengono di molto superati quando il funzionamento avvenga con giusti valori di tensione, frequenza, corrente e temperatura e per accensioni meno frequenti. Il colore della luce delle lampade fluorescenti pu venire ampiamente variato scegliendo le opportune sostanze fluorescenti. I colori della luce definiti in sede nazionale (UNI o CIE) sono suddivisi in tre gruppi: colore 1: luce diurna con temperatura di colore 5500-7000 Kelvin; colore 2: luce bianchissima con temperatura di colore 4000-5000 Kelvin; colore 3: tono caldo con temperatura di colore 3000-3500 Kelvin. Lampada fluorescente lineare 16 mm (Doc. OSRAM). b) Le lampade a vapori di mercurio La radiazione prodotta dalla scarica in vapori di mercurio ad alta pressione contenuta per la maggior parte nel campo del visibile. La scarica ha luogo in un piccolo tubo di quarzo protetto da un bulbo di vetro. Poich lo spettro a righe della semplice scarica a vapori di mercurio porta ad una resa dei colori insoddisfacente, il campo dei colori spettrali mancanti, legati alle radiazioni rosse, viene completato utilizzando una polvere fluorescente che riveste la parte interna del bulbo, la quale trasforma in luce una parte della radiazione ultravioletta. Lo spettro si arricchisce cos anche di luce calda. Il pieno flusso luminoso viene raggiunto dopo alcuni minuti di accensione. La lampada si riaccende nuovamente dopo un periodo di raffreddamento di diversi minuti. Le lampade a vapori di mercurio ad alta pressione sono disponibili in una vasta gamma di potenze che va da 50 a 2000 W con flussi luminosi unitari che vanno da 2000 a 125.000 lm. La temperatura-ambiente ha uninfluenza apprezzabile anche sulle lampade ad alta pressione per quanto riguarda laccensione. Per linnesco delle lampade a scarica sono infatti necessarie due condizioni: un dispositivo (nella pratica pu essere incorporato nella lampada o montato esternamente) che provoca linnesco della scarica (per es. mediante il riscaldamento degli elettrodi, archi ausiliari, impulsi di tensione, ecc.);

una tensione a vuoto del sistema di alimentazione di valore tale da mantenere la scarica provocata dal dispositivo di innesco cos da raggiungere il regime e mantenerlo e tale da superare il picco di tensione di riaccensione della lampada ad ogni semionda. Le lampade a vapori di mercurio hanno tradizionalmente due grandi campi di applicazione: lilluminazione industriale e quella stradale. Per il primo campo di impiego offrono diversi vantaggi come la semplicit del circuito di alimentazione, la concentrazione di flussi luminosi elevati in sorgenti di piccole dimensioni, la possibilit di utilizzazione in apparecchi con fascio di luce concentrato. Nellilluminazione stradale i vantaggi sopra indicati risultano ancora pi importanti, soprattutto la concentrazione del flusso, che consente di ridurre il numero dei centri luminosi e quindi di ridurre fortemente le spese di installazione, dato lelevato costo dei sostegni. Lampada a vapori di mercurio (Doc. OSRAM). c) Le lampade a vapori di alogenuri Le lampade a vapori di alogenuri sono nate dal tentativo di migliorare la resa dei colori e lefficienza luminosa delle lampade a vapori di mercurio. fondamentalmente la costruzione analoga. Il tubo di scarica (di quarzo) contiene, per, oltre al mercurio e allargo, che serve da gas di innesco (ossia ha la funzione di rendere possibile linnesco dellarco a freddo quando le altre sostanze contenute nel tubo di scarica sono condensate) anche altri elementi. Tutte le lampade ad alta pressione (al mercurio, al sodio, ad alogenuri) richiedono un certo tempo per essere riaccese dopo che, per qualsiasi motivo, sono state spente. Normalmente questo tempo di alcuni minuti per la lampada di piccola potenza e pu arrivare fino a 15 - 20 minuti per le lampade di potenza oltre i 1000 W. Questo avviene perch laccenditore o comunque il dispositivo dinnesco predisposto per accendere la lampada quando la sua pressione interna quella che si ha a freddo. A caldo, invece, la pressione interna del tubo di scarica pu essere anche dieci volte superiore a quella che si ha a freddo, per cui il sistema di innesco non riesce ad accendere la lampada. Queste lampade si adattano allilluminazione di locali di grandi dimensioni (al chiuso e allaperto) dove richiesta una perfetta resa dei colori e dove si vogliono realizzare forti risparmi di energia elettrica, come grandi magazzini, supermercati, sale conferenze, palestre, palazzi dello sport. Esse risultano particolarmente adatte anche allilluminazione delle grandi aree allaperto, ad uso industriale, campi sportivi, posteggi, garantendo un notevole risparmio energetico. d) Le lampade a luce miscelata Le lampade a luce miscelata sono un prodotto ibrido basato sulla tecnologia delle lampade a vapori di mercurio, a cui viene aggiunto un filamento ad incandescenza in serie al tubo di scarica. Le lampade cos realizzate presentano una luce detta appunto miscelata con una componente a spettro continuo tipica del filamento ad incandescenza. Il vantaggio delle lampade miscelate sta nella loro facilit duso, dovuta al fatto che non necessario alcun tipo di ausiliario elettrico (sostituito dal filamento interno alla lampada), per cui risulta possibile connettere la lampada su un comune attacco Edison. Lefficienza e la durata di vita delle lampade a luce miscelata sono fortemente condizionate dalla presenza del filamento che inoltre le rende abbastanza sensibili alle variazioni della tensione, per cui ne risulta conveniente lapplicazione in quei contesti dove la facilit duso pi importante degli aspetti economici. La forte quantit di luce e la temperatura di colore pi elevata rispetto alle lampade a filamento, hanno creato una notevole diffusione di queste lampade per lilluminazione residenziale (giardini, garage, ecc.).

e) Le lampade a vapori di sodio Le lampade a vapori di sodio sono costituite essenzialmente da un tubo di scarica, ripiegato a U o rettilineo, alle estremit del quale sono montati due elettrodi: il tubo contiene sodio metallico, neon e xeno o una miscela di entrambi i gas e, in certi tipi, anche mercurio; il tubo di scarica vero e proprio alloggiato a sua volta in un bulbo di protezione. La luce delle lampade a bassa pressione gialla e monocromatica, per cui tutti gli oggetti esposti alla loro luce appaiono di colore giallo pi o meno intenso. Rispetto alle altre sorgenti luminose lefficienza luminosa decisamente pi elevata; in particolare lefficienza massima la si ottiene quando la lampada funziona ad una ben determinata temperatura. Le lampade a vapori di sodio richiedono un tempo iniziale daccensione di alcuni minuti, per di solito, dopo le interruzioni di corrente, si riaccendono subito, o con un ritardo minimo. Per le loro particolari caratteristiche, limpiego delle lampade a vapori di sodio a bassa pressione consigliabile dove occorre raggiungere un alto grado di visibilit con immagini a contorni molto netti e precisi e senza fenomeni di aberrazione cromatica, purch non sia necessaria la distinzione dei colori. La resa dei colori, per quanto scarsa, sufficiente praticamente per tutti gli impieghi dellilluminazione stradale ordinaria, per cui possono essere convenientemente impiegate non solo per lilluminazione in punti critici, ma anche dove si voglia disporre di una luce abbastanza gradevole. Possono inoltre essere impiegate anche nellilluminazione industriale sia di interni che di esterni, purch la resa dei colori non abbia molta importanza. Lampada a vapori di sodio a bassa pressione (Doc. OSRAM). f) Le lampade allo xeno La luce delle lampade allo xeno caratterizzata da una distribuzione dellenergia nello spettro praticamente identica a quella della luce diurna e non influenzata dalle oscillazioni della tensione di rete. La resa dei colori eccellente e corrisponde in tutto a quella della luce naturale. Le lampade si accendono istantaneamente e raggiungono immediatamente la piena emissione luminosa. Queste lampade richiedono, per il loro funzionamento, un alimentatore e un accenditore. g) I sistemi ad induzione I sistemi di illuminazione ad induzione utilizzano una tecnologia rivoluzionaria in cui lenergia ad alta frequenza viene indotta in un gas di mercurio ad alta pressione mediante una spirale a induzione. In questo processo si associano due tecniche ben note: la scarica in gas e linduzione elettromagnetica. Il principio della scarica in gas utilizza la prerogativa che hanno gli atomi di alcuni elementi metallici di ionizzarsi sotto leffetto di un campo elettrico dando luogo allemissione di radiazioni ultraviolette. Quando queste ultime colpiscono una superficie coperta da uno strato di polveri fluorescenti determinano, a loro volta, lemissione di radiazioni visibili. In un sistema dilluminazione ad induzione, la ionizzazione degli atomi realizzata grazie ad un campo elettromagnetico indotto da una corrente elettrica ad alta frequenza che circola in unapposita bobina. Tre componenti principali sono necessarie per il funzionamento del sistema: il bulbo entro cui avviene la scarica in gas, la bobina-antenna, il generatore elettronico, il cavo coassiale di collegamento allantenna. In sintesi nel sistema a induzione la luce viene generata a seguito del seguente processo: il generatore elettronico collegato alla bobina-antenna crea allinterno del bulbo un campo elettromagnetico che accelera gli elettroni presenti nel bulbo stesso e ne provoca la collisione con gli atomi di mercurio. A seguito di tali collisioni una parte degli atomi di mercurio viene ionizzata e vale a mantenere la corrente di scarica mentre la restante parte viene eccitata per cui emette radiazioni ultraviolette. Tali

radiazioni, dopo aver colpito lo strato di polveri fluorescenti che rivestono la superficie interna del bulbo, vengono trasformate in radiazioni comprese nello spettro visibile. I filamenti e gli elettrodi tradizionali, fattori che normalmente costituiscono le principali cause di riduzione della durata della lampada nei sistemi di illuminazione tradizionali, sono assenti in questo processo. E per questo motivo che le lampade a induzione sono caratterizzate da una durata eccezionale (circa 60.000 ore di funzionamento pressoch prive di manutenzione). Le prestazioni sopraelencate rendono questo sistema particolarmente adatto per i luoghi in cui difficile accedere agli apparecchi di illuminazione e dove la sostituzione delle lampadine costituisce unoperazione costosa e pericolosa. Ne sono alcuni esempi le stazioni, i centri commerciali, gli aeroporti, le gallerie, le insegne luminose, le strade, i ponti, i tralicci.

Gli apparecchi di illuminazione


Gli apparecchi illuminanti svolgono tre funzioni principali: controllano il flusso luminoso della lampada e lo dirigono nelle direzioni desiderate; evitano labbagliamento, schermando completamente la lampada nella direzione di osservazione e riducendo la sua luminanza ad un valore tollerabile; proteggono le lampade da danneggiamenti di carattere meccanico o chimico, garantiscono la sicurezza elettrica funzionale e quella contro i contatti accidentali (scosse elettriche). A seconda della distribuzione del flusso luminoso, gli apparecchi illuminanti vengono suddivisi in cinque gruppi, che realizzano i seguenti tipi di illuminazione: diretta, semi-diretta, mista, semiindiretta, indiretta. Il rendimento ottico di un apparecchio dilluminazione determinato dal rapporto tra il flusso luminoso che esce dallapparecchio illuminante e il flusso emesso dalla o dalle lampade funzionanti senza apparecchio. La suddivisione degli apparecchi illuminanti con riferimento alla loro sicurezza avviene secondo tipi e classi di protezione. Questi tipi e classi sono in corso di definizione sia in sede internazionale sia in sede nazionale. Gli elementi di controllo impiegati per convogliare e schermare la luce costituiscono le parti attive degli apparecchi dilluminazione. Essi sono: i riflettori, che consentono di proiettare al di fuori dellapparecchio due fasci di luce sovrapposti, provenienti luno direttamente dalla lampada, laltro riflesso da una superficie a sezione circolare, parabolica, ellittica, iperbolica ecc., denominata appunto riflettore. Il pi delle volte essi realizzano le ripartizioni desiderate senza ricorrere allimpiego di altri elementi di controllo; i rifrattori, che si impiegano quando il solo riflettore non sufficiente per controllare il flusso in corrispondenza della superficie di emissione. Essi sfruttano un fenomeno che va sotto il nome di riflessione totale interna e consistono generalmente in coppe o pannelli lisci da una parte e dotati di prismi conici o piramidali sullaltra; i diffusori, attraverso i quali si pu aumentare la dimensione apparente della sorgente in modo da ridurre la luminanza della lampada. Essi sono costruiti con vetro opale o plastiche opportunamente trattate (ad esempio polistirene, acrilico): talvolta sono realizzati con carta pergamenata o con stoffe;

gli schermi, che possono essere interni oppure esterni allapparecchio dilluminazione. Essi si identificano con deflettori, lamelle, nidi dape, alette o altro e fungono da recuperatori di flusso o da dispositivi antiabbagliamento; i filtri, impiegati in alcune applicazioni particolari, possono essere in vetro oppure in plastica, colorati oppure anti-UV/IR. Sono impiegati per ottenere luce colorata o per filtrare le componenti spettrali nocive quando si illuminano materiali deteriorabili; le lenti, con le quali possibile concentrare, diffondere o sagomare limpronta luminosa e conseguentemente modificare il solido fotometrico uscente dallapparecchio. Nella costruzione degli apparecchi illuminanti le superfici riflettenti sono impiegate tutte le volte che occorre intercettare una parte del flusso luminoso della lampada ed a concentrarlo in una direzione diversa da quella di emissione. Il loro campo di impiego perci molto vasto andando dalle comuni apparecchiature per lampade ad incandescenza e fluorescenti, ai riflettori e ai proiettori veri e propri con le pi moderne lampade a scarica in vapori metallici. Per le superfici riflettenti degli apparecchi illuminanti si ricorre generalmente ai seguenti materiali: vetro argentato; alluminio trattato; lamiera di ferro smaltata o verniciata. Il vetro argentato, pur avendo propriet riflettenti superiori a quelle degli altri materiali citati, non attualmente utilizzato su larga scala per il suo peso, la sua fragilit e la tendenza ad alterarsi sotto lazione del calore e degli agenti atmosferici. Notevole diffusione ha viceversa raggiunto, in questi ultimi anni, limpiego della lamiera in alluminio; questo materiale, poco adatto a causa della scarsa resistenza agli agenti atmosferici, si progressivamente imposto grazie al moltiplicarsi e al perfezionarsi dei procedimenti di trattamento superficiali. Limpiego della lamiera di ferro smaltata a caldo o verniciata a fuoco ancora diffuso nella costruzione dei riflettori diffondenti; essa presenta una sufficiente resistenza agli agenti atmosferici, unita per a un notevole peso e una certa facilit a scheggiarsi o rigarsi. a) Zumtobel , design Corona, Wilmotte; b) Saturn, design Foster & Partners.

I sistemi a condotti ottici


Tra i sistemi di illuminazione figurano quelli basati sulla conduzione o trasporto della luce. Si distinguono dai sistemi analizzati per la separazione fisica tra lapparecchiatura in cui installata la sorgente luminosa (chiamata comunemente illuminatore o generatore) e le componenti che erogano nellambiente la luce, componenti terminali dei condotti ottici. Lilluminatore contiene una lampada, che pu essere a ioduri metallici o alogena a bassa tensione, e delle parti ottiche le quali concentrano i raggi luminosi sulla sezione del condotto. In alcuni casi lilluminatore pu anche essere costituito da un captatore o collettore della luce naturale. Tra questi due elementi la luce trasportata in canali, tubi, condutture, guide, fibre o, con termine generale, in condotti ottici. Data questa separazione opportuno rimarcare che nei condotti non transita energia elettrica, ossia non c differenza di potenziale elettrico, ma solo energia sotto forma di radiazioni luminose. Le tipologie dei condotti ottici sono:

condotti costituiti da materiali solidi o liquidi quali vetro, quarzo, tecnopolimeri, gel conformati (nel caso dei materiali solidi) a cilindro di piccolo diametro (nellordine delle frazioni di millimetri), filiformi e flessibili, raggruppati in fasci; ogni piccolo condotto cos costituito fa capo da una parte allilluminatore, dallaltra ad una componente terminale ottico-meccanica; condotti che si presentano come elementi tubolari cavi o pieni, con sezioni di varia forma (circolare, quadrata, rettangolare), andamento lineare o curvilineo, dimensione trasversale di alcuni centimetri, le cui pareti sono costituite con pellicole micro-prismatizzate (elementi cavi), ovvero conformate in modo tale da riflettere e diffondere le radiazioni luminose (elementi pieni). Nel primo caso i condotti sono comunemente chiamati fibre ottiche, nel secondo canali o guide di luce. Il termine generale per entrambe , come si detto, condotti ottici. Il primo dato che cambia riguarda le dimensioni. I sistemi a fibre ottiche sono in genere pi piccoli e hanno ambiti di utilizzo assai vasti. Si possono illuminare micro-spazi in condizioni climatiche estre29 me, ma si pu anche portare la luce in guisa di fili luminosi, su facciate e fronti di edifici per altezze di decine e decine di piani. Le guide di luce si prestano anchesse per unampia gamma di applicazioni, in ambienti interni ed esterni. Il sistema pi semplice, ma presenta generalmente ingombri maggiori. Dal punto di vista illuminotecnico, con i sistemi a fibre abbiamo una pluralit di piccole fonti luminose puntiformi da cui sono emessi fasci luminosi di determinate ampiezze, con i sistemi a guide lelemento emettitore sostanzialmente un diffusore di luce. La radiazione luminosa allinterno della fibra si comporta nel seguente modo: un raggio di luce penetrando nel piccolo cilindro con una inclinazione data, se non risulta perfettamente parallelo allasse del tubo, andr a colpire la superficie del condotto cambiando due volte direzione, in entrata e in uscita, tornando poi a propagarsi nellaria. In pratica allinterno del cilindro la radiazione avr un percorso a zig-zag poich essa subir una riflessione totale ogni qualvolta incontrer le pareti del condotto. In questo modo la luce viaggia anche se, di volta in volta, si potranno avere delle dispersioni dovute a delle impurit che alterano localmente lindice di rifrazione. Questi dispositivi possono essere usati, oltre che come conduttori, anche come diffusori di luce introducendo ad arte queste impurit nei condotti. Sfruttando il principio delle continue riflessioni, quindi, il condotto pu essere, in un caso, sfruttato per trasportare energia luminosa dalla sorgente ad un luogo di utilizzazione; in un altro diventer esso stesso luminoso. Consideriamo ora quali concreti vantaggi offrono questi sistemi rispetto a quelli tradizionali basati su normali apparecchi di illuminazione. I vantaggi pi consistenti discendono dalla caratteristica fondamentale indicata allinizio: la separazione tra la fonte luminosa e i punti di erogazione della luce, e sono cos sintetizzabili: i condotti ottici consentono di illuminare ambienti dalle dimensioni anche molto ridotte (micro spazi) oppure ambienti in cui siano presenti elementi o sostanze particolari (acqua, umidit, acidi, gas, vapori, sostanze infiammabili, inquinanti e corrosive) in assenza di campi elettrostatici, elettromagnetici e di effetti termici; si dimostrano adatti per illuminare oggetti con superfici sensibili alle radiazioni UV e IR (in particolare le opere darte e i manufatti artigianali) data la prerogativa di filtrare tali radiazioni; previo un accurato lavoro di progettazione, essi si integrano con elementi costruttivi, architettonici o di arredo diventando parti di questi da sottoporre a minime e localizzate (principalmente nellilluminatore) operazioni di manutenzione, incrementando il loro grado di sicurezza duso;

sono infine facilmente riutilizzabili e riciclabili nellambito di altre possibili integrazioni con unampia gamma di componenti e accessori, di tipo ottico e meccanico, costituenti i sistemi.

Introduzione al progetto dellimpianto di illuminazione


Il progetto dellimpianto di illuminazione ha lo scopo di determinare il numero, i tipi e le posizioni degli apparecchi da installare in un ambiente, tenendo conto delle caratteristiche del locale, di ogni specifica esigenza dellutenza e degli aspetti di economicit, igiene, funzionalit ed eleganza. Il calcolo illuminotecnico, che verr affrontato dettagliatamente nel capitolo finale, ormai sempre pi frequentemente condotto per via informatica; comunque in questo paragrafo si mettono in evidenza i requisiti fondamentali che vengono analizzati per realizzare il progetto dellimpianto di illuminazione con il metodo tradizionale. a) Valore di illuminamento Una buona progettazione deve prima di tutto prefiggersi lo scopo di garantire in ogni ambiente il giusto livello di illuminamento. I valori di illuminamento da adottare sono in relazione al tipo di atti30 vit prevista nellambiente e sono influenzati dal potere di assorbimento e di riflessione del flusso luminoso da parte dei materiali presenti nellambiente e dal loro colore. Lilluminamento inversamente proporzionale alla distanza della superficie illuminata: in altre parole lilluminamento della superficie da parte della sorgente luminosa tanto minore quanto pi grande la distanza della sorgente dalla superficie. Lo sviluppo dellelettronica applicata allilluminazione sta modificando profondamente i tradizionali criteri di progettazione degli impianti. Attraverso dispositivi elettronici e sistemi computerizzati di controllo possibile variare il flusso luminoso emesso dai vari tipi di lampade adattandolo (e, se necessario, programmandolo nel tempo) al livello di illuminamento pi indicato negli ambienti soggetti a funzioni complesse. Il progetto dellimpianto di illuminazione viene dunque condotto tenendo conto del massimo livello di illuminamento previsto, affidando poi ai sistemi di controllo la funzione di modulare il flusso emesso. Per regolare il flusso luminoso si impiegano potenziometri elettronici azionati da pulsanti oppure da variatori di intensit luminosa (dimmer) eventualmente collegati a cellule fotoelettriche che modulano lintensit luminosa in funzione della quantit di luce proveniente dallesterno. b) Tonalit della luce Determinato il valore di illuminamento in funzione del locale da illuminare occorre determinare la tonalit pi adatta per le specifiche caratteristiche dellambiente. Le fonti luminose, sia naturali che artificiali, emettono luce di diversa tonalit a seconda della distribuzione spettrale della radiazione emessa dalla fonte. Nella luce diurna sono presenti in misura pressoch uniforme tutti i colori dello spettro luminoso, dal blu al rosso, dalla cui miscela deriva un colore bianco neutro. Le lampade a incandescenza sono invece caratterizzate da una emissione molto bassa verso il blu e progressivamente crescente verso il rosso, da cui deriva un colore giallastro, che viene percepito come caldo. Ogni altro tipo di lampada offre un particolare spettro, la cui conoscenza importante per la progettazione dellilluminazione artificiale di un ambiente: negli ambienti particolarmente accoglienti si preferisce ricorrere a sorgenti di luce con prevalente emissione verso il rosso mentre negli ambienti dove occorre luce brillante e impersonale si utilizzano lampade con spettro luminoso simile a quello della luce diurna.

La tonalit della luce viene valutata attraverso la temperatura di colore. Le tonalit calde sono preferibili per bassi valori di illuminamento, mentre per quelli pi elevati sono preferibili le tonalit fredde. c) Indice di resa cromatica Nella scelta del sistema di illuminazione, specialmente nei locali destinati ad attivit particolari, occorre tener conto del fatto che tutte le fonti luminose alterano il reale colore degli oggetti. Ogni tipo di lampada infatti contraddistinta, oltre che da una propria temperatura di colore, da uno specifico grado di resa del colore. Fissato convenzionalmente pari a 100 lindice di assoluta fedelt di resa cromatica riferito alle lampade, la resa del colore delle fonti luminose, cio il colore che si ottiene sugli oggetti, pu essere classificata secondo unapposita tabella. d) Indice del locale k Lindice del locale un coefficiente, solitamente indicato con k, che tiene conto delle dimensioni del locale da illuminare e dellaltezza della sorgente luminosa rispetto al piano da illuminare (piano di lavoro). e) Fattori di riflessione, utilizzazione e manutenzione Il fattore di riflessione dato dal rapporto tra flusso luminoso riflesso e flusso luminoso incidente su una superficie (soffitto, pareti e piano di lavoro). Il fattore di utilizzazione di un apparecchio per illuminazione un coefficiente che viene fornito dalle case costruttrici mediante apposite tabelle. Esso viene ricavato per via sperimentale e indica il rapporto tra il flusso luminoso che giunge sulla superficie da illuminare (flusso luminoso utile) ed il flusso emesso dallapparecchio. Il fattore di manutenzione il rapporto tra lilluminamento prodotto da un apparecchio dopo un certo periodo e quello dello stesso apparecchio nuovo. Esso tiene conto della perdita di flusso luminoso che si verifica a causa dellinvecchiamento delle lampade e dellinsudiciamento dellapparecchio e viene di norma fornito dalle ditte costruttrici. Anche la riduzione della capacit di riflessione delle pareti influisce sul fattore di manutenzione. BUONA ILLUMINAZIONE Resa dei colori Distribuzione delle ombre Limitazione dellabbagliamento Direzione della luce Distribuzione delle luminanze Livello di illuminazione Tonalit della luce

ILLUMINARE CON LA LUCE DEL SOLE


Una parte importante dell'energia che arriva dal sole sulla terra disponibile sotto forma di energia luminosa sia diretta che riflessa dalla volta celeste e costituisce la cosiddetta luce naturale. Sin dall'antichit gli architetti hanno cercato di sfruttare la luce naturale all'interno degli ambienti di vita e di lavoro, realizzando finestre, porte, atri e porticati. La scoperta della lampadina, e quindi di una sorgente di luce artificiale capace di competere per intensit con la luce naturale, ha fatto s che questa fonte fosse dimenticata dai progettisti, in particolare negli ultimi cinquanta anni. frequente oggi l'esperienza di trovarsi all'interno di edifici totalmente illuminati durante il giorno con luce artificiale. Nonostante queste tendenze progettuali predominanti, l'uso della luce naturale per l'illuminazione degli interni di un edificio (tra gli addetti ai lavori indicato anche con il nome di "daylighting") ha cominciato da pi di qualche anno ad essere rivalutato per l'illuminazione di grossi edifici pubblici e commerciali. Inoltre la disponibilit di nuovi strumenti di analisi nella progettazione, che consentono di conoscere in dettaglio il comportamento energetico dell'edificio prima della costruzione, e di nuovi materiali e tecnologie, quali "vetri intelligenti" e i materiali isolanti trasparenti, capaci di regolarne e controllarne l'entit dei flussi luminosi e termici, costituiscono un'altra forte spinta all'utilizzo dell'illuminazione naturale. A livello mondiale ci sono ormai centinaia di esempi di applicazioni delle pi moderne tecniche di illuminazione naturale. Questo speciale stato realizzato con il determinante contributo di Patricia Ferro della nostra redazione.

CHE COSA L'ILLUMINAZIONE NATURALE O DAYLIGHTING


Lo studio e la progettazione dell'illuminazione naturale o "daylighting" comincia con lo studio del percorso del sole durante il giorno e nei vari periodi dell'anno. La luce solare diretta e quella diffusa dalla volta celeste hanno caratteristiche diverse e pertanto richiedono una diversa considerazione nel corso della progettazione dell'illuminazione naturale degli ambienti interni. Questa pu essere ottenuta facendovi penetrare la luce essenzialmente in tre modi: attraverso il soffitto "Toplighting" le pareti laterali "Sidelighting" portando la luce all'interno dell'edificio attraverso dei veri e propri condotti o ricorrendo ad atrii e cortili "Corelighting". Queste tre tecniche sono state applicate in misura diversa in tutte le epoche. Ci che distingue il moderno "daylighting" da quello di appena un decennio fa, che oggi disponiamo, in primo luogo, di nuovi strumenti di analisi e simulazione in grado di prevedere il comportamento "luminoso" di un edificio dalle prime fasi della progettazione. Questi strumenti sono particolarmente efficaci se vengono applicati in edifici di grosse dimensioni nei quali fino al 75% dell'illuminazione diurna pu essere ottenuta con l'uso della luce naturale. Inoltre, nel moderno daylighting disponiamo di nuovi materiali e componenti che consentono la realizzazione di grandi superfici vetrate compatibilmente con un buon comportamento termico dell'edificio. Ad una maggiore illuminazione naturale corrisponde anche una riduzione della luce artificiale e pertanto del condizionamento necessario a smaltire il calore immesso dalle lampade. Infine stato dimostrato che l'illuminazione con la luce naturale in grado di assicurare livelli di benessere agli utenti superiori a quelli ottenibili negli edifici illuminati artificialmente.

APPLICAZIONI E PROGETTAZIONE DEL DAYLIGHTING


Le nuove tecniche di illuminazione naturale sono particolarmente utilizzate nella progettazione di ambienti che hanno un uso prevalentemente diurno, come uffici, scuole, edifici commerciali, industriali e ospedali, per i quali l'entit dei consumi energetici derivanti dall'illuminazione artificiale ne rende pi evidenti i vantaggi economici. Le moderne tecniche di daylighting vengono anche applicate negli edifici di abitazioni essenzialmente per ragioni estetiche e di benessere. Le caratteristiche principali che

rendono preferibile la luce naturale a quella artificiale sono il suo rendimento nella percezione del colore e le variazioni nel tempo di colore, contrasto e luminanza (brillanza luminosa) di ogni superficie, caratteristiche che non possono essere simulate da nessun tipo di sorgente artificiale. Inoltre il flusso luminoso solare incidente, ad esempio in un m2 di finestra, dell'ordine di alcune decine di migliaia di lumen (unit di misura del flusso luminoso), quanto basterebbe, se opportunamente distribuito, ad illuminare varie decine di metri quadrati di superficie di lavoro (i livelli di illuminazione richiesti sul piano di lavoro vanno da un minimo di 100 lumen/m2 per le aree di servizio ad un massimo di 1.500 lumen/m2 per le attivit di alta precisione).Il flusso luminoso all'interno dell'edificio varier a seconda del posto in cui si trova l'edificio stesso, l'ora del giorno, il periodo dell'anno, le condizioni climatiche del luogo, da come l'edificio circondato nelle immediate vicinanze (presenza di ostruzioni naturali o artificiali) e dall'indice di riflessione delle superfici interne ed esterne. Per ottenere buoni livelli di comfort visivo (ambienti in cui la ricezione dei messaggi visivi non disturbata), necessario assicurare buoni livelli di comfort luminoso all'interno degli spazi e quindi importante effettuare un'accurata valutazione dei rapporti fra luminanze degli oggetti che entrano nel campo visivo, cercando di stabilire un giusto equilibrio fra la luminanza dell'obbiettivo immediato, e lo sfondo in modo da ottenere il contrasto necessario ad una buona visione. Da evitare assolutamente il cosiddetto fenomeno di abbagliamento, situazione creata dalla presenza nel campo visivo di superfici o punti con luminanza molto superiore a quella a cui l'occhio abituato.

TECNICHE DI ILLUMINAZIONE NATURALE O DAYLIGHTING


Illuminazione dall'alto / "Toplighting" La luce naturale pu essere introdotta all'interno di un edificio attraverso il tetto con l'inserimento nello stesso di lucernari (fig.1), cupolini, shed (fig.2), ecc. In fase di progettazione necessaria una particolare attenzione al fatto che la luce incidente su una superficie orizzontale tre volte superiore a quella incidente su una superficie verticale; inoltre in estate, essendo la luce quattro o cinque volte maggiore che in inverno, pu provocare effetti di surriscaldamento e fenomeni di abbagliamento indesiderati se non accuratamente controllata da schermi o superfici riflettenti. Una netta distinzione bisogna fare tra la superficie vetrata e la superficie vetrata effettivamente illuminata, poich, ad esempio, aggiungendo un aggetto ad un vetro inclinato la superficie effettivamente illuminata sar quella riportata sulla verticale. Si pu comunque stimare che la superficie necessaria ad illuminare correttamente lo spazio sottostante si aggira intorno al 15 al 20% della superficie dell'ambiente, considerando un doppio vetro trasparente. Illuminazione laterale / "Sidelighting" Si pu migliorare notevolmente l'illuminazione naturale entrante dalle finestre attraverso una serie di soluzioni innovative, che hanno in comune l'idea di deviare una parte del flusso luminoso incidente verso il soffitto, in modo da alterare il percorso naturale finestrapavimento ed indirizzare la luce in profondit nell'ambiente. Tra questi elementi: davanzali e mensole riflettenti o "lightshelves" (fig.3), elementi orizzontali che vengono inseriti nella parte inferiore della finestra o al di sopra del livello della vista e la cui superficie

superiore rivestita con materiali altamente riflettenti in modo da deviare la radiazione luminosa all'interno dell'ambiente; frangisole riflettenti regolabili (fig.4) che orientano la luce diretta del sole e anche quella diffusa all'interno degli ambienti. I frangisole possono anche essere verticali ed indirizzare la luce diretta all'interno soprattutto quando gli angoli solari sono piccoli e cio durante le prime ore mattutine e nel tardo pomeriggio. Nel "Sidelighting" importante anche prevedere l'utilizzo di dispositivi di ombreggiamento, che permettono di bloccare o regolare il passaggio della luce all'interno degli spazi. Essi possono essere interni od esterni o essere inseriti all'interno di un componente finestra. Esempi di dispositivi esterni sono: frangisole (fig.5), aggetti, gelosie, persiane o tende esterne. I dispositivi interni pi comuni sono le tende (fig.6), che hanno il vantaggio di essere facilmente regolabili dall'utente a seconda delle sue necessit sia per motivi di riservatezza che di disagio luminoso. Infine, buoni indici di ombreggiamento si ottengono anche con lamelle regolabili all'interno di un doppio vetro. Illuminazione all'interno / "Corelighting" possibile portare la luce all'interno di un edificio realizzando nel centro dello stesso atri (fig.7), cortili o chiostrine con superficie ad elevato indice di riflessione. Questi spazi, aumentano notevolmente la superficie laterale illuminata dell'involucro, ma comportano un aumento del volume dell'edificio, dei costi e delle dispersioni di calore in inverno. Le dispersioni possono essere diminuite attraverso la copertura dei suddetti spazi con elementi trasparenti, creando un cosiddetto "spazio tampone" e cio uno spazio con una temperatura maggiore rispetto a quella esterna. Inoltre gli spazi tampone possono essere molto gradevoli come luoghi di incontro e di passaggio se convenientemente attrezzati con della vegetazione. Naturalmente il flusso luminoso entrante dalle aperture diminuisce andando verso i piani bassi. Il problema pu in parte essere risolto progettando un litrium (light+atrium) (fig.8) e cio un atrio la cui superficie decresce con la quota, in modo da garantire pi luce ai piani inferiori. Ci sono poi i condotti di luce (fig.9), dove la luce del sole raccolta da eliostati (specchi controllati da dispositivi computerizzati) o concentrata per mezzo di specchi o lenti convogliata verso l'interno dell'edificio attraverso condotti rivestiti all'interno di materiali molto riflettenti in modo da contenere le perdite dovute alle molteplici riflessioni. Infine, un sistema molto innovativo quello di far arrivare la luce naturale all'interno con le fibre ottiche (fig.10).

ILLUMINAZIONE NATURALE CON LE FIBRE OTTICHE


Un sistema a fibre ottiche in genere costituito da una serie di lenti

di Fresnel che filtrano la luce solare captata da un eliostato che, grazie ad una cellula fotosensibile, un motore ed un minicomputer, in grado di seguire il sole dall'alba al tramonto. La luce solare, filtrata dalle lenti subisce un processo di aberrazione cromatica, per cui a causa della diversit di lunghezza d'onda, luce ultravioletta, luce visibile e luce infrarossa vanno a posizionarsi ad una distanza diversa dalle lenti. La fibra ottica, collocata ad una opportuna distanza trasmette soltanto la luce visibile nei punti luce fissati dal progettista. La luce trasmessa, in quanto priva di radiazione ultravioletta ed infrarossa, quindi particolarmente adatta per l'illuminazione di aree sensibili a tali radiazioni. L'applicazione dei sistemi con fibre ottiche dipendono fondamentalmente dalla disponibilit di radiazione solare. poich sono sistemi relativamente costosi da installare conveniente il loro utilizzo solo in zone molto soleggiate. Si pu comunque sostituire la luce del sole con una lampada durante i giorni coperti. Sono tra i dispositivi pi complessi dal punto di vista meccanico. Un sistema del tipo sopra descritto, stato sviluppato in Giappone ed attualmente commercializzato in Italia.

INTEGRAZIONE TRA LUCE NATURALE E ARTIFICIALE


Un'importante riduzione dei consumi elettrici negli edifici pu essere conseguita anche attraverso la razionalizzazione nella gestione e nell'uso dell'illuminazione artificiale, tramite l'automatizzazione della regolazione del controllo degli impianti e la disposizione degli elementi di illuminazione in fasce parallele alle finestre. In questo modo si potranno prevedere distinti regimi di accensione per le varie lampade a seconda delle necessit dell'utenza.

NUOVI MATERIALI PER IL DAYLIGHTING


Le tecniche di illuminazione naturale possono avvalersi oggi di una serie di nuovi materiali sviluppati negli ultimi anni. Tra questi: a) i panelli prismatici (fig.11), realizzati con vetro, policarbonato, materiale acrilico o poliestere, di diverse forme geometriche, deviano i raggi solari a seconda dell'angolo d'incidenza con cui sono colpiti; b) i film olografici (fig.12), pellicole sottili, che applicate ad una finestra, diffrangono la luce, indirizzando il flusso luminoso verso un punto preciso oppure riflettendo la luce indesiderata. Un solo strato pu contenere delle "istruzioni" per quattro angoli diversi; c) i materiali isolanti trasparenti (TIM) (fig.13), caratterizzati da alte resistenze alla trasmissione del calore, consentono la diffusione della radiazione solare ed impediscono la penetrazione dei raggi abbaglianti per le loro caratteristiche direzionali di riflessione. Essi consistono in un materiale solido trasparente di bassissima densit che per via della sua fragilit deve essere rinchiuso tra due lastre di vetro o materiale plastico anch'esso trasparente. La conduttanza di una finestra con i TIM di circa 1,2 W/m2 K mentre un finestra con doppi vetri di 5 W/m2 K. Inseriti negli elementi di chiusura verticale e soprattutto al posto del vetro singolo o doppio, i TIM possono migliorare nettamente le prestazioni luminose interne di un edificio; d) i materiali cromogenici, costituiti da una struttura multi-strato realizzata con materiali ad alta tecnologia che hanno la capacit di variare le proprie caratteristiche di trasmissione ottica, ed in particolare la trasmittanza, al variare della radiazione solare

incidente (fotocromici), della temperatura (termocromici) o all'applicazione di un campo elettrico esterno (elettrocromici); e) i microreticoli riflettenti (fig.14), griglie tridimensionali di 16 mm di spessore la cui superficie ricoperta da un sottile strato di alluminio puro altamente riflettente integrate in una doppia lastra di vetro isolante; f) i rivestimenti a comportamento angolare selettivo, costituiti da pellicole di poche decine di micron di spessore che vengono applicate sulla superficie dei vetri. Le pellicole hanno la propriet di modificare il valore di trasmittanza del vetro a seconda dell'angolo di incidenza della radiazione diretta.

IL DAYLIGHTING IN EUROPA E IN ITALIA


Negli ultimi anni l'Unione Europea ha finanziato numerosi progetti nel campo dell'illuminazione naturale negli edifici, tra cui programmi di simulazione luminosa degli ambienti interni attraverso fonti sia naturali che artificiali; la realizzazione di una guida pratica per l'integrazione di nuove tecnologie di illuminazione naturale in edifici del settore terziario in Europa; la realizzazione di un atlante del territorio europeo dell'illuminazione naturale con i dati necessari per la progettazione del daylighting con programmi di simulazione; la caratterizzazione delle propriet luminose dei materiali trasparenti e traslucidi innovativi attraverso prove di laboratorio con strumenti sofisticati e prove in loco; la realizzazione di un programma di calcolo delle propriet termiche e luminose di componenti finestra e lo studio di nuove tecnologie per le finestre del futuro come materiali cromogenici, materiali isolanti trasparenti, film olografici e griglie riflettenti. Queste ultime, ad esempio, sono state successivamente applicate con ottimi risultati nella copertura del centro per mostre e convegni a Linz, costruito recentemente e progettato da Thomas Herzog. Un altro esempio di moderno daylighting la Scuola Superiore a Valongo do Vouga Agueda in Portogallo, dove le aule con finestre rivolte a sud sono state dotate di "lightshelves", mentre altre aule ricevono luce naturale tramite condotti solari, provvisti da superfici interne altamente riflettenti, mentre altre ancora la ricevono direttamente da lucernari verticali dotati di dispositivi per l'oscuramento del lato nord o sud a seconda della stagione. Un interessante intervento stato effettuato da Costantino Dardi alla fine degli anni '80 nel Palazzo delle Esposizioni di Roma, edificio costruito a fine ottocento e di grande rilievo storico. Nelle aree espositive sono state aperti dei grandi lucernari che consentono l'illuminazione naturale delle sale, graduata attraverso una serie di schermi regolabili. In Italia, ricerche sul daylighting vengono effettuate presso l'Istituto Universitario di Architettura di Venezia, dove si lavora prevalentemente sui modelli di simulazione e, in collaborazione con la Stazione Sperimentale del Vetro di Murano (VE), nello studio del comportamento termico e luminoso di sistemi vetrati. L'Universit di Firenze studia l'illuminazione naturale con le fibre ottiche mentre presso il Dipartimento di Energetica dell'Universit di Torino, si lavora sulla validazione dei modelli di simulazione, modelli in scala e misure acquisite in campo. Ricerche sul daylighting sono anche in corso presso le Universit di Napoli, Padova e Roma I e Roma III e la Conphoebus di Catania. I laboratori dell'ENEA e l'Istituto Elettrico Nazionale Galileo Ferraris di Torino, studiano la caratterizzazione dei materiali trasparenti e misurano le prestazioni delle trasmittanza, della riflettanza, del fattore di guadagno solare e l'effetto cromatico dei vetri.

I COSTI DEL DAYLIGHTING


Negli Stati Uniti, valutazioni di tipo economico, effettuate di recente su un edificio progettato e costruito adottando estesamente tecniche di daylighting, hanno dimostrato che il costo complessivo dell'edificio aumenta soltanto dell'1% rispetto ad un edificio realizzato con tecniche convenzionali. Si tratta di una scuola situata nel North Carolina costruita nel 1994, di circa 45.000 m2.I sistemi di daylighting hanno comportato un costo aggiuntivo di 230.000 dollari, ma allo stesso tempo una

riduzione dei costi per i sistemi di condizionamento e di illuminazione per 115.000 dollari. Inoltre, l'investimento effettuato nel daylighting sar ripagato in meno di un anno e la spesa energetica ridotta al 40% rispetto a quella sostenuta da altre scuole dello stesso tipo nella stessa zona. Sempre nel North Carolina stato valutato che una scuola di dimensioni medie (circa 40.000 m2), nella quale siano state adottate tecniche di daylighting, possibile risparmiare agli attuali costi dell'energia circa 40.000 dollari all'anno. Si stima che per 100 kWh utilizzati per l'illuminazione elettrica, necessario aggiungere altri 30kWh alla bolletta per il condizionamento dell'aria. Un nuovo edificio per uffici, sempre negli Stati Uniti stato progettato ad atri e dotato di "lightshelves", interventi questi che hanno consentito di risparmiare il 75% di energia elettrica rispetto agli uffici della sua categoria. Ma il vero risparmio stato quello della diminuzione dell'assenteismo, che calato del 15% con ottime ricadute sulla produttivit. Un risultato simile stato rilevato in un centro commerciale, dove le zone di vendita situate sotto i lucernari hanno avuto molte pi vendite da quelle illuminate esclusivamente con luce artificiale.

MODELLI DI SIMULAZIONE LUMINOSA


Negli ultimi anni sono stati sviluppati numerosi programmi per computer che simulano il comportamento sia dell'illuminazione naturale che di quella artificiale. Tra questi i programmi Naturel, Genelux e Serilux, sviluppati nell'ambito dell'UE, e i programmi Radiance, Lumen Micro, Superlite, Daylite, Dalite e TRNSYS sviluppati negli Stati Uniti, nonch Ecotect.

LA LUCE DEL SOLE PER DECORARE GLI EDIFICI


Opere d'arte e decorazioni che utilizzano la luce del sole, in particolare il suo spettro, sono state realizzate in varie parti del mondo sia in forma temporanea, come la mostra di Peter Erskine, organizzata da ISES Italia nel 1992 a Roma presso i Mercati di Traiano, sia in forma permanente in edifici e strutture di interesse pubblico e commerciale. Gli esempi pi numerosi si trovano negli Stati Uniti: Aeroporto Internazionale di Nashville (Tennessee), ad opera dell'artista D.Eldred; National Radio Astronomy Laboratory, Socorro (New Mexico), J. Saad Cook; Real Goods Solar Living Center, Ukiah (California), P. Erskine; Piazza of Americas in Dallas (Texas) e Harvard Business School Chapel, Boston (Massachussets), C. Ross; Parco di Juelich (Germania), Cristallo Solare, Jurgen Claus.

COLORIMETRIA
Il colore non una grandezza fisica, ma una qualit della sensazione visiva e come tale un'entit puramente soggettiva ed incomunicabile. Persone diverse che guardano lo stesso oggetto, basandosi su differenti esperienze e riferimenti, esprimono il colore dell'oggetto con diverse parole hanno una differente percezione del colore. La percezione del colore definibile come un'impressione di colore soggettiva, condizionata dalla situazione di osservazione e frutto di un'interpretazione mentale. Ci sembrerebbe negare a priori ogni possibilit di misurare il colore. Tuttavia persone diverse possono in generale essere d'accordo circa le uguaglianze di colore, cio convenire che radiazioni caratterizzate da distribuzioni spettrali diverse appaiono cromaticamente uguali. La sensazione di colore un'esperienza soggettiva dovuta lla stimolazione dei fotorecettori dell'occhio (coni visione tricromatica) da parte di una radiazione elettromagnetica visibile; essa prescinde per da ogni elaborazione e condizionamento mentale. Scopo della colorimetria dunque quello di stabilire una corrispondenza univoca tra radiazioni visibili e sensazioni di colore e quindi definire un modello matematico in base al quale la sensazione dei colori possa essere misurata, ossia possa essere individuata con dei numeri. Colorimetro: Strumento in grado di fornire un'indicazione quantitativa del colore misurato e pertanto di rilevare differenze di colore anche piccole e di esprimerle sotto forma numerica.

Una classificazione rigorosa dei colori risulta importante in numerosi settori applicativi:produzione e trasmissione di immagini a colori illuminazione di musei, pinacoteche, riproduzione in ambito industriale dei colori: controllo qualit con un colorimetro

PERCEZIONE DEL COLORE


La differenza tra percezione del colore e sensazione di colore non riguarda soltanto l'aspetto psicologico, ma riguarda anche la complessit delle condizioni di osservazione. La percezione del colore cambia al variare delle seguenti condizioni. Differenze di sorgenti illuminanti Le sorgenti luminose sono caratterizzate ciascuna da un diverso spettro di emissione diversi tipi di illuminazione (luce solare, lampade a scarica di gas, lampade ad incandescenza) fanno apparire di colore diverso lo stesso oggetto.

Una stessa mela illuminata con luce solare a sinistra ed a destra con una luce ad incandescenza assume tonalit di colore visivamente molto diverse. Differenze di osservatore La sensibilit di ciascun individuo leggermente differente:la vista di una persona cambia con l'et; anche per soggetti che si considera abbiano una "normale"visione del colore possono esistere delle inclinazioni verso il rosso o il blu lo stesso oggetto apparir di colore diverso ad osservatoridiversi. Differenze di dimensioni I colori che ricoprono vaste superfici tendono ad apparire pi luminosi e vivaci rispetto ai colori che ricoprono aree pi piccole: effetto area. La scelta di oggetti aventi un'ampia area basandosi su campioni di piccole dimensioni pu produrre un effetto visivo diverso da quello previsto (es. tappezzeria). Differenze di sfondo Se un oggetto posto davanti a uno sfondo luminoso apparir pi cupo rispetto a quando posto davanti a uno sfondo scuro: effetto contrasto.

Differenze di direzione
Guardando un oggetto da differenti angolazioni, pu capitare che un punto appaia pi chiaro o pi scuro. Certi prodotti per la colorazione possiedono infatti caratteristiche fortemente direzionali (es. il fattore di riflessione delle vernici metallizzate delle automobili funzione della direzione) per una precisa comunicazione del colore l'angolo di osservazione di un oggetto e l'angolo di illuminazione devono essere costanti.

SENSAZIONE CROMATICA
La sensazione di colore provata da un osservatore dipende dalla distribuzione spettrale delle radiazioni incidenti sul suo occhio, siano esse riflesse da una superficie o provenienti direttamente da una sorgente luminosa. 1) Se la radiazione incidente sull'occhio proviene direttamente da una sorgente luminosa, il colore della sorgente osservato dipende solo dalla distribuzione spettrale della luce emessa. Osservazione: . Una sorgente luminosa caratterizzata da uno spettro di emissione costante nel campo del visibile appare bianca. . La radiazione emessa prende il nome di luce bianca di eguale energia. . Una sorgente luminosa monocromatica appare di un certo colore.

Esempio:

= 0.5 m

la sorgente appare verde = 0.7 m

la sorgente appare rossa

2) Se la radiazione incidente sull'occhio riflessa dalla superficie di un oggetto, lo spettro delle radiazioni che giungono all'osservatore, e quindi il colore dell'oggetto osservato, dipende sia dalla composizione spettrale della luce incidente sull'oggetto sia dal fattore di riflessione spettrale dell'oggetto stesso.

Come si possono descrivere le differenze cromatiche esistenti tra due sfere rosse? Una sensazione cromatica pu essere classificata in base a tre attributi: tinta, saturazione, luminosit.

Tinta La tinta generalmente legata alla lunghezza d'onda dominante e individua il colore con cui viene descritta una sorgente luminosa o un oggetto illuminato (rosso, verde, blu,). La continuit delle tinte genera la ruota dei colori (figura 1) Saturazione La saturazione legata alla vivezza di un colore. Se la saturazione di una tinta intensa il colore risulta fortemente caratterizzato (vivo), se invece debole il colore tende ad essere poco caratterizzato e cio acromatico (grigio). I colori sono grigiastri vicino al centro e diventano sempre pi vivi allontanandosi da esso in direzione orizzontale (figure 2 e 3). Luminosit La luminosit legata alla luminanza della sorgente emettente o della superficie illuminata. Le tinte appaiono cio pi scure o pi chiare all'osservatore in relazione alla luminanza della superficie osservata. La luminosit cambia in direzione verticale, aumentando verso l'alto e diminuendo verso il basso.

Rappresentazione attraverso un solido tridimensionale dei tre attributi della sensazione cromatica. Tinta cerchio esterno Saturazione raggio orizzontale Luminosit asse verticale La colorimetria provvede ad una classificazione in termini quantitativi dei tre attributi della sensazione cromatica.

CENNI SULLA TEORIA TRICROMATICA


Sulla retina sono presenti due tipi di cellule nervose: coni visione a colori (fotopica) bastoncelli visione in bianco e nero (scotopica) Si possono individuare tre tipi di coni sensibili a tre colori dello spettro: rosso, verde, blu (colori primari). Dalla eccitazione in diverse proporzioni dei tre tipi di recettori deriva la percezione di tutta la gamma cromatica (visione tricromatica). La sensazione di colore, prodotta da un fascio di radiazioni avente distribuzione spettrale qualsiasi, deriva quindi dalla sintesi additiva di tre luci monocromatiche, corrispondenti alle radiazioni assorbite dai tre tipi di coni alle lunghezze d'onda del rosso del verde e del blu. Tale modo di funzionamento dell'occhio umano costituisce la base della teoria tricromatica: la sensazione di colore prodotta da una radiazione luminosa avente distribuzione spettrale qualsiasi viene definita mediante un modello matematico. L'esperienza fondamentale della colorimetria consiste nello studio delle condizioni in cui due sensazioni cromatiche siano indistinguibili tra loro per l'osservatore medio.

Si illumina la porzione A di una superficie completamente riflettente ( = 1) mediante una sorgente di luce policromatica C. N.B.: Superficie completamente riflettente ( = 1) lo spettro della radiazione riflessa dalla superficie uguale a quello della radiazione emessa dalla sorgente. Si illumina la porzione Z, appartenente alla stessa superficie e prossima ad A, mediante tre sorgenti monocromatiche R, V, B agenti contemporaneamente.

R, V, B sono sorgenti luminose monocromatiche (sorgenti primarie) che emettono rispettivamente nella regione dei rossi, dei verdi e dei blu (R V B). Regolando opportunamente i flussi luminosi (R), (V), (B), emessi dalle sorgenti primarie, possibile ottenere da parte dell'osservatore medio giudizi di equivalenza cromatica tra le due porzioni illuminate. Sorgenti primarie C.I.E. (1931) (Comit International de l'Eclairage) Rosso R = 0.7000 m Verde V = 0.5461 m Blu B = 0.4358 m Chiamiamo colore Kappa la sensazione cromatica prodotta dalla porzione A di schermo illuminata dalla luce proveniente dalla sorgente policromatica C, equivalente a quellaottenuta per sintesi additiva dei flussi luminosi (R), (V), (B) emessi dalle sorgenti monocromatiche R, V, B. Per quantificare la sensazione cromatica, si introducono unit particolari dei colori primari, dette unit tricromatiche di rosso [R], di verde [V] e di blu [B]. Le unit tricromatiche corrispondono a flussi luminosi [lm]. Un colore Kappa pu essere ottenuto per sintesi additiva dei tre colori primari: Kappa R [ R ] + V [ V ] + B [ B ] (*) ove R, V, B sono il numero di unit tricromatiche dei tre colori primari che devono essere miscelate sulla porzione Z dello schermo per ottenere la stessa sensazione prodotta dal colore Kappa sulla porzione A. La (*) rappresenta la I legge di Grassmann e deve essere intesa nel seguente modo: una certa sensazione cromatica Kappa equivale (risulta cio cromaticamente indistinguibile) alla sensazione cromatica prodotta da una miscela composta da R unit tricromatiche [R] di primario rosso, da V unit tricromatiche [V] di primario verde da B unit tricromatiche [B] di primario blu. Le quantit R, V, B sono dette componenti cromatiche o valori del tristimolo. Indicando con [K] l'unit tricromatica del colore Kappa e con K il numero di tali unit si pu scrivere l'espressione matematica della 1 legge di Grassmann: K[K]=R[R]+V[V]+B[B] L'unit tricromatica [K] definita per convenzione in modo tale che risulti: K=R+V+B Bisogna stabilire quanto valgono le unit tricromatiche [R], [V], [B]. Si assume per convenzione che un'unit tricromatica di colore bianco di uguale energia [W] si ottenga mescolando eguali quantit delle unit primarie e cio 1/3 di unit tricromatica [R], 1/3 di unit tricromatica [V] e 1/3 di unit tricromatica [B]:

Sperimentalmente si osserva che per ottenere una sensazione cromatica equivalente a quella prodotta da una sorgente di colore bianco di eguale energia necessario miscelare flussi luminosi dei colori primari rispettivamente proporzionali ai seguenti valori:

Sono state quindi definite le seguenti corrispondenze normalizzate CIE tra flussi luminosi e unit tricromatiche: 1 unit tricromatica di rosso 1 unit tricromatica di verde 1 unit tricromatica di blu [R] = 1.0 lm [V] = 4.5907 lm [B] = 0.0601 lm

N.B. Per ottenere sperimentalmente la stessa sensazione cromatica prodotta da un'unit tricromatica di colore bianco di eguale energia necessario miscelare i seguenti flussi luminosi dei colori primari: Sistema colorimetrico RVB o RGB (red, green, blue): un qualunque colore Kappa pu essere identificato mediante le tre componenti cromatiche R, V, B. Sistema XYZ normalizzato CIE (1931) Il Sistema XYZ normalizzato CIE stato ottenuto dal quello RGB mediante la seguente trasformazione matematica: X = 2,7689 R + 1,7519 G + 1,1302 B Y = 1,0000 R + 4,5907 G + 0,0601 B Z = 0,0000 R + 0,0565 G + 5,5945 B Il colore Kappa pu essere identificato nel sistema XYZ mediante le tre componenti cromatiche X, Y, Z: K* [ K* ] = x [ x ] + y [ y ] + z [ z ] Ove [ x ], [ y ], [ z ] sono le unit tricromatiche dei campioni primari nel sistema xyz. L'unit tricromatica [K*] definita per convenzione in modo tale che risulti: K*= X + Y + Z N.B. Le sorgenti primarie X, Y, Z sono diverse da R, V, B e non possono essere costruite fisicamente. Per calcolare le componenti cromatiche X, Y, Z, ossia per quantificare il colore Kappa, si utilizzano le funzioni colorimetriche Le funzioni colorimetriche rappresentano, al variare di , le componenti cromatiche X, Y, Z di radiazioni luminose monocromatiche caratterizzate da un flusso energetico unitario. Considerando una radiazione luminosa, emessa da una sorgente monocromatica di lunghezza d'onda e area A, caratterizzata da un flusso energetico () = 1 W, risulta: L'andamento della funzione colorimetrica coincide con quello del fattore di visibilit dell'occhio umano V per la visione fotopica la componente cromatica Y esprime, a meno della costante Kmax, il flusso luminoso emesso dalla sorgente.

Le tre componenti cromatiche X, Y, Z consentono dunque di misurare la sensazione globale prodotta da una luce, cio sia la sensazione visiva (tramite la componente Y) sia la sensazione cromatica. 1 legge di Grassmann K* [ K* ] = x [ x ] + y [ y ] + z [ z ] L'unit tricromatica del colore Kappa, risulta quindi:

Introducendo le seguenti quantit, dette coordinate cromatiche:

L'unit tricromatica [K*] del colore Kappa (qualit cromatica) pu quindi essere individuata mediante due sole coordinate cromatiche, ad es. x e y.

Il numero di unit tricromatiche K* del colore Kappa proporzionale al flusso luminoso:

. . .

spazio colorimetrico Yxy (CIE 1931): Y = misura della sensazione visiva (quantit) luminosit x,y = misura della sensazione cromatica (qualit) tinta e saturazione

Osservazioni: 1) Luce bianca di eguale energia: punto E = (xE, yE) = (1/3, 1/3) 2) Curva dei colori puri o spettrali (spectrum locus): curva a "campana", graduata in lunghezze d'onda [nm] individua la cromaticit di sorgenti luminose monocromatiche emettenti alle diverse lunghezze d'onda nel campo del visibile. 3) Linea dei porpora: unisce i punti relativi a = 0.38 m e = 0.76 m rappresenta la miscela delle luci rosse e viola.

N.B. (a) Un colore qualsiasi (ad es. A) pu essere ottenuto come miscela di due colori puri (ad es. B e C). (b) Il bianco pu essere ottenuto come miscela di due colori puri opposti complementari (ad es. F e G). (c) Tuttii colori (ad es. L), ad eccezione di quelli appartenenti all'area evidenziata in figura (ad es. M), possono essere ottenuti dalla miscela di un colore puro e del bianco. Quanto pi il punto rappresentativo vicino alla "campana" tanto pi il colore puro

Esistono due tipi di colorimetri per la misura del colore che funzionano secondo due diversi metodi. 1) Metodo tristimolo: funzionano in modo equivalente all'occhio umano. 2) Metodo spettrofotometrico (spettrofotometri): misurano la distribuzione spettrale della luce e poi calcolano le componenti cromatiche utilizzando le funzioni colorimetriche dell'osservatore standard CIE. Oltre che misurare il colore degli oggetti, gli spettrofotometri possono visualizzare il relativo grafico di riflettanza spettrale, ossia l'andamento del fattore di riflessione spettrale .

TEMPERATURA DI COLORE
Il colore di una sorgente luminosa pu essere descritto in riferimento alle caratteristiche cromatiche della radiazione emessa da un corpo nero ad una determinata temperatura. Sul diagramma cromatico si pu individuare la curva rappresentante la cromaticit delle radiazioni emesse alle diverse temperature da un corpo nero.

Osservazione

1:

A 1000 K il corpo nero emette radiazioni rossastre. A circa 3000 K la luce appare bianca con una tonalit"calda". A circa 6000 K la luce appare bianca con una tonalit "fredda".

La temperatura di colore di una sorgente luminosa definita come la temperatura, espressa in gradi Kelvin, di un corpo nero, che emette radiazioni luminose di caratteristiche cromatiche eguali a quelle della sorgente in esame. N.B. La temperatura di colore di una sorgente luminosa non coincide con la sua temperatura effettiva, a meno che la sorgente non sia un corpo nero. Colore apparente (tonalit) delle sorgenti luminose (CIE) in funzione della temperatura di colore Tc: . Caldo Tc < 3300 K . Intermedio K 5300 T K 3300 c . Freddo Tc > 5300 K Osservazione 2: Le sorgenti luminose naturali (sole, volta celeste) e le sorgenti luminose artificiali (lampade ad incandescenza,tubi fluorescenti) caratterizzate da una distribuzione spettrale continua nel campo del visibile, vengono in generale considerate sorgenti di luce bianca.

A = lampada ad incandescenza, ricca di radiazioni tendenti al rosso B = luce diurna in condizioni di cielo sereno C = luce diurna in condizioni di cielo nuvoloso W = lampada allo xeno (luce bianca di eguale energia) Tali sorgenti trovano collocazione nel diagramma colorimetrico CIE in vicinanza del bianco di eguale energia (punto E). In particolare la lampada allo xeno W caratterizzata da una distribuzione spettrale pressoch costante nel campo del visibile W E. Punto A lampada ad incandescenza: Tc 2850 K Punto B luce diurna in condizioni di cielo sereno:Tc 4800 K Punto C luce diurna in condizioni di cielo nuvoloso:Tc 6500 K

METAMERISMO
Il metamerismo il fenomeno in base a cui due oggetti appaiono di colore uguale se illuminati con una sorgente, mentre appaiono di colore diverso se illuminati da un'altra sorgente. La spiegazione di tale fenomeno consiste nel fatto che: a) i due oggetti presentano un diverso andamento del coefficiente di riflessione spettrale ; b) le componenti cromatiche della luce riflessa dagli oggetti sono uguali se gli oggetti sono illuminati da una sorgente, mentre sono diverse se gli oggetti sono illuminati dall'altra sorgente.