Sei sulla pagina 1di 11

Dipartimento di Energetica “S.

Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

¾ Componenti degli Impianti a vapore - Caldaie


Î Versione: 1.00.00
Î Last update: 23 Maggio 2002
Î Realizzato da: Carlo Carcasci

Ö Testi di Riferimento
Î Stecco, “Impianti di Conversione Energetica”, Pitagora Editrice (BO)
– Parte II, Cap. 4.1: Generatori di vapore per centrali termoelettriche, p. 149-186
Î Rizzo, “Macchine e sistemi Energetici Supporti Didattici Multimediali”, Coop.
Universitaria Editrice Salernitana
Î Hoodruff, Lammers, Lammers, “Steam plant operation”, V edizione McGraw-Hill
Book Company
– §II-12 (p.135-141)

Pag. 1

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Indice -1
Ö Argomenti:
Î Campi di applicazione
Î Classificazione
Î Suddivisione della caldaia
Î Circuito acqua-vapore
Î Circuito aria-fumi
– Riscaldatori
Î Generatori a grande corpo
Î Generatori a tubi di fumo
Î Generatori a tubi di acqua
Î Attraversamento forzato

Pag. 2

1
Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE
Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Campi di applicazione
¾ Campi di applicazione dei generatori di vapore
Ö Centrali termoelettriche
Ö Propulsione navale e impianti ausiliari navali
Ö Applicazioni industriali
Î Produzione della carta
Î Essiccamento
Î Distillazione
Î Azionamento di magli e presse
Ö Impianti di riscaldamento
Ö Trazione ferroviaria (a carbone)
¾ Grandezze caratteristiche
Ö Pressione di esercizio [bar]
Ö Potenzialità [t/h]
Ö Superficie di scambio termico [mq]
Pag. 3

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Classificazione -1
¾ Caldaie a grande corpo
Ö Caldaia tipo Cornovaglia
Î Tipichedegli anni 1810-1815
Î Pressione 12-15 bar, Superficie 40-50 mq, potenzialità 1-2t/h

¾ Caldaie a tubi di fumo


Ö A fiamma diretta
Ö A ritorno di fiamma
Î Tipiche del 1860-1870
Î Superficie 300 mq, potenzialità 20 t/h

¾ Caldaie a tubi d’acqua


Ö A circolazione naturale sub-orizzontali
Î Pressione 30-70 bar, potenzialità 100 t/h
Ö A circolazione naturale sub-verticali
Î Pressione 30-130 bar, potenzialità 1000 t/h
Pag. 4

2
Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE
Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Classificazione -2
¾ Caldaie a tubi d’acqua
Ö A circolazione naturale sub-orizzontali
Î Pressione 30-70 bar, potenzialità 100 t/h
Ö A circolazione naturale sub-verticali
Î Pressione 30-130 bar, potenzialità 1000 t/h
Ö A circolazione forzata
Î Pressione 150-200 bar, potenzialità 1000 t/h
Ö Ad attraversamento forzato
Î Pressione maggiore di 200 bar, potenzialità maggiore di 1000 t/h

¾ Generatori di vapore per centrali termoelettriche


ÖGrande potenzialità (200-2000 t/h vapore)
ÖPressioni di funzionamento elevate (100 - 300bar)
ÖPresenza di risurriscaldatori
Pag. 5

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Suddivisione della caldaia


Surriscaldatore
¾ La caldaia si suddivide in
diverse zone
Ö Le zone della caldaia sono Evaporizzatore
suddivise in base allo stato fisico
del fluido
Economizzatore
Î Economizzatore (ECO)
– Liquido
Î Evaporizzatore (EV)
– Passaggio di fase
Î Surriscaldatore (SH)
– Vapore surriscaldato
Î Eventuale risurriscaldatore (RH)
– Vapore surriscaldato

Pag. 6

3
Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE
Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Circuito Acqua - Vapore


¾Il circuito acqua-vapore
vede il fluido procedere
con il seguente ordine
Ö Economizzatore (ECO)
Ö Evaporizzatore (EV)
Ö Surriscaldatore (SH)
Ö Eventuale risurriscaldatore (RH)

Sviluppo dello scambio termico


Pag. 7

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Circuito Acqua–Vapore – Elementi -1


¾ ECONOMIZZATORE
Ö Riscaldamento del liquido fino alle condizioni di saturazione
Ö Dalle condizioni iniziali alle condizioni di liquido saturo (sulla curva limite
inferiore)
Î HinizÆHsat

Ö Costruito con Uno o più fasci di tubi alettati


¾ EVAPORATORE
Ö Esegue il passaggio di fase
Ö Dalle condizioni di liquido saturo alle condizioni di vapore saturo
Î Dalla curva limite inferiore alla curva limite superiore
Ö Costruiti secondo I seguenti schemi
Î Generatori a corpo cilindrico
– Circolazione naturale
– Circolazione assistita
Î Generatori a circolazione forzata
Pag. 8

4
Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE
Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Circuito Acqua–Vapore – Elementi -2


¾ SURRISCALDATORE
Ö Riscaldamento del vapore a vapore surriscaldato
Î Riscaldamento nella fase del vapore
Ö Dalle condizioni di vapore saturo (sulla curva limite superiore) alle condizioni
di uscita
Ö Costruito con più fasci di tubi alettati

Pag. 9

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

CIRCUITO ARIA - FUMI

Pag. 10

5
Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE
Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Recuperatori di calore -1
¾ Il recuperatore di calore ha il compito di
preriscaldare l’aria ambiente
Ö Raffredda i gas esausti da 300-350°C a 120-
150°C
Ö Riscalda l’aria dalle condizioni ambiente a
circa 300°C
Ö I recuperatori di calore possono essere …
Î Di tipo recuperativo
Î Di tipo rigenerativo
– Di tipo più frequente

¾ Preriscaldatore d’aria di tipo


recuperativo
Ö Sono scambiatori di calore aria-gas

Pag. 11

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Recuperatori di calore -2
¾ Preriscaldatore d’aria di tipo rigenerativo
(Lijungström)
Ö Il tamburo, formato da una griglia di lamierini metallici,
permettendo di trasferire il calore dai gas combusti
all’aria da inviare alla combustione
Î Ruota lentamente (2-3 giri/min)

Pag. 12

6
Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE
Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Generatori a grande corpo


¾ Caldaia di tipo Cornovaglia
Ö Per impianti fissi (1810-1814)
Ö Caratteristiche
Î Pressione massima 12-15 bar
Î Superficie di scambio 40-50 mq
Î Potenzialità circa 1.5 t7h
Ö La posizione eccentrica del focolare
produce una differenza di
temperatura dell’acqua che favorisce
la circolazione del liquido

Pag. 13

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Generatori a tubi di fumo


¾ Caldaia scozzese a ritorno di fiamma
Ö 1862
Ö I generatori a tubi di fumo
consentono di aumentare di molto la
superficie di scambio termico fra gas
e acqua
Ö Il limite al raggiungimento di
pressioni elevate è ancora
rappresentato dalla presenza del
corpo contenente l’acqua di grande
diametro
¾ A fiamma diretta
Ö Le caldaie a fiamma diretta
permettono di ridurre il diametro
esterno
Î Quindi sono più adatte alla trazione
ferroviaria
Pag. 14

7
Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE
Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Generatori a tubi di acqua -1


¾ Nelle caldaie a tubi di acqua, l’acqua circola
all’interno del fascio tubiero, lambito
esternamente dai prodotti della combustione
Ö Il processo di circolazione permette di aumentare
I tempi di permanenza del fluido nel generatore di
vapore, e quindi di incrementare lo scambio A tubi sub-orizzontali
termico
Ö La presenza di tubi di diametro limitato permette
di raggiungere pressioni molto meggiori rispetto
alle caldaie a tubi di fumo
Ö Essenzialmente è costituita da:
Î 1) Collettore superiore
Î 2) fasci tubieri vaporizzatori
Î 3) Surriscaldatore
Î 4) Economizzatore
Pag. 15 A tubi sub-verticali

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Generatori a tubi di acqua -2


¾ Circolazione
Ö Il fluido contenuto nel fascio tubiero (vapore saturo)
ha densità minore rispetto al fluido contenuto nel
tubo di caduta (liquido)
Ö Al diverso peso delle colonne di fluido corrisponde
una differenza di pressione che innesca un
fenomeno di circolazione naturale del fluido
Î Proporzionale all’altezza del generatore
Ö È necessario assicurare un efficace circolazione per
evitare surriscaldamenti e rotture dei tubi
Î Rotture dovute al mancato drenaggio del calore
– Causato dalla formazione di bolle di vapore (film boiler)
Î Quando la pressione tende al valore critico, la
differenza di densità fra liquido saturo e vapore saturo
tende ad annullarsi
– Per pressioni maggiori di 130 bar è necessaria la
Pag. 16 circolazione forzata

8
Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE
Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Generatori a tubi di acqua -3


¾ Esempio di generatore di vapore a
circolazione forzata
Ö Componenti
1) Collettore superiore
2) Tubo di caduta
3) Schermi
4) Primo surriscaldatore
5) Secondo surriscaldatore
6) Risurriscaldatore
7) Economizzatore
8) Preriscaldatore d’aria rotativo
9) Ventilatore tiraggio forzato

Pag. 17

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Generatori a tubi di acqua –Esempi -1

¾ Caldaia Tosi (Tosi) con pareti interne


schermate ¾ Caldaia Stirling
Ö Tipo VP-12W, 50 t/h

Pag. 18

9
Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE
Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Generatori a tubi di acqua –Esempi -2

¾ Caldaie industriali

Pag. 19

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Generatori a tubi di acqua –Esempi -3

¾ Caldaia Babcock e Wilcox a ¾ Caldaia doppia tipo Babcock


collettore longitudinale
Pag. 20

10
Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE
Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Generatori a tubi di acqua –Esempi -4

¾ Caldaia Stirling ¾ Generatore di vapore del tipo SD

Pag. 21

Dipartimento di Energetica “S.Stecco” UNIVERSITA’ DI FIRENZE


Sezione di Macchine Facoltà di Ingegneria

Attraversamento forzato
¾ Quando la pressione è prossima o
supera il valore critico, si adottano
generatori monotubolari
Ö Si preferisce eliminare il collettore
cilindrico
Ö Le fasi di riscaldamento (economizzatore),
vaporizzazione e surriscaldamento si
susseguono sequenzialmente
Ö La lunghezza del serpentino può essere
dell’ordine del kilometro
Ö Caratteristiche
Î Pressione massima 260 bar
Î Temperatura massima 540°C
Î Potenzialità 1860 t/h

Pag. 22

11