Sei sulla pagina 1di 2

Il collegamento in parallelo di due batterie uguali permette di ottenere in uscita il doppio della capacità

delle singole batterie, mantenendo la stessa tensione nominale.

Seguendo questo esempio in cui ci sono due batterie da 12V 200Ah collegate in parallelo, avremo quindi
in uscita una tensione di 12V (Volts) e una capacità totale di 400Ah (Ampère l'ora).

La capacità identifica la massima quantità di carica che è possibile immagazzinare. Più è grande la
capacità, maggiore è la quantità di carica che si può immagazzinare. Si misura in Ampère l'ora.

In questo caso significa che con una capacità di 400Ah, il banco batteria può offrire teoricamente una
corrente di 400A per un'ora continua di tempo, oppure 200A per due ore continue, oppure 100A per
quattro ore, e così via... Minore è la massima corrente prelevata da una batteria al piombo e maggiore è la
sua durata nel tempo.
Il collegamento in serie di due batterie uguali permette di ottenere in uscita il doppio della tensione
nominale delle singole batterie, mantenendo la stessa capacità.

Seguendo questo esempio in cui ci sono due batterie da 12V 200Ah collegate in serie, avremo in uscita
una tensione totale di 24V (Volts) e una capacità invariata di 200Ah (Ampère l'ora).

Negli impianti eolici e fotovoltaici, maggiore è la tensione continua per la carica delle batterie, e minori
sono le perdite di energia lungo i cavi. Quindi per esempio, un impianto a 24V è migliore di uno a 12V.