Sei sulla pagina 1di 1

Lu jornu ca cantavanu li manu Il giorno che cantavano le mani

Lu jornu ca cantavanu li manu, Il giorno che cantavano le mani,

dintra li vrazza non tornerà, e… dentro le braccia non tornerà, e…

parru ca la lingua rumpi l’ossa; parlo, ché la lingua rompe le ossa;

ciumi di stenti, cori a metà. fiumi di stenti, cuori a metà.

E tu m’ha lassari e ti n’ha ghiri, E tu mi devi lasciare e te ne devi andare,

m’ha lassari e ti n’ha ghiri. mi devi lasciare e te ne devi andare.

Tu m’ha lassari e ti n’ha ghiri, E tu mi devi lasciare e te ne devi andare,

amuri, amuri. amore, amore.

Iu t’ha lassari e mi n’ha ghiri, Io devo lasciarti e me ne devo andare,

t’ha lassari e mi n’ha ghiri. devo lasciarti e me ne devo andare.

Iu t’ha lassari e mi n’ha ghiri, Io devo lasciarti e me ne devo andare,

amuri, amuri. amore, amore.

Dissi ca puru ’nta st’unfernu Dicevano che anche dentro questo inferno,

l’avia a ’ncucciari lu ciatu me; avrei dovuto incontrarlo il fiato mio;1

e tannu comu c’avia crirutu, e quanto ci avevo creduto allora!,

e ora mi sfardi comu cu è ghiè. e ora mi laceri come una qualunque.