Sei sulla pagina 1di 1

L'oboe che descrive

Si tratta di una sorta di presentazione del concerto finale del Biennio di 2° livello di oboe. Lo studente ha
preparato quello che per una registrazione discografica si chiama booklet. L' oboe nel Novecento è
chiamato a fondersi con altre arti trovandosi ad accomunare musica, pittura e poesia. Dalle metamorfosi di
Ovidio trasformate in musica da Britten, agli studi di Silvestrini che descrivono quadri di Monet, Renoir e
Bodin il "concerto" dello studente e arrivato a mixare L'horloge de flore di Jean Francaix con slide che,
senza soluzione di continuità, si vanno a sovrapporre alla musica mostrando splendide fotografie floreali.
Interessante è stato il positivo contatto avuto con il compositore Giorgio Gaslini circa la possibità di
correlare i suoi Segnali per oboe solo con eventi poetici. Ecco quindi trovare in qualche maniera doveroso
spazio Salvatore Quasimodo (Oboe sommerso) ed Eugenio Montale (Oboe e Corno Inglese) in un'avventura
sonora che trascende il semplice concerto.

Scuola di Oboe

PISTIS GIOVANNI (a.a. 2013 - 2014)

Relatore Gian Enrico Cortese