Sei sulla pagina 1di 3

Manuale del

kart
 
CARBURATORE
 
Nella foto a lato è rappresentato un carburatore ( per i 100cc);
E' un organo che si occupa dell’alimentazione del motore e quindi di tutto quel processo
che porta la benzina a miscelarsi con l’aria.
   <![endif]>La benzina entra nel

carburatore attraverso quel cappelletto


di plastica sul quale viene innestato il
tubo della benzina, passando dalla
vaschetta ed attraversando le membrane
arriva in un condotto attraversato
dall’aria chiamato “venturi”. Questo
condotto è chiuso da una valvola che va
ad aprirsi sempre di più man mano che
si spinge sull’acceleratore.
Per la regolazione della
carburazione si deve agire sulle due
viti che si vedono chiaramente nella
foto( in alcuni carburatori le viti
possono essere tre).
 
Carburazione
La carburazione è quel processo, determinato dalla depressione creata nel carter in fase
di aspirazione, che porta la benzina a miscelarsi con l’aria.
Questa depressione regola la miscelazione aria-benzina che deve essere in rapporto14,5-
15.
Come abbiamo già detto la carburazione si regola con le viti del carburatore ,
avvitandole se si vuole smagrire e svitandole per ingrassare, la vite più vicina al motore
regola la carburazione ai bassi regimi mentre l’altra (quella più vicina al filtro) la regola
gli alti.
 
         Carburazione grassa: troppa benzina e poca aria
 
         Carburazione magra: troppa aria e poca benzina
 
Per la regolazione bisogna andarci con molta delicatezza, specialmente quando si
smagrisce!!!
Da una regolazione errata si possono generare ingolfamenti ( nel caso la carburazione sia
eccessivamente grassa) o grippaggi ( nel caso la carburazione sia eccessivamente
magra).
Si parte sempre con una regolazione di base: diciamo 1 giro e ¼ per la vite del minimo e
1 giro e 10 per la vite del massimo (partendo da tutto chiuso).
Cominciate a fare qualche giro di pista riscaldando il motore, dopo di che cominciate a
ritoccare la carburazione.
Analizzate prima di tutto il comportamento del kart ai bassi regimi: se il motore risulterà
lento a prendere giri dando un colpo dall’acceleratore, dovrete smagrire chiudendo di
poco la vite dei minimi fin quando il kart risulterà piuttosto scattante.
 
ATENZIONE: non esagerare assolutamente chiudendo la vite ,gli smagrimenti eccessivi
sono
Dannosissimi per il motore.
 
Se invece il motore risulta troppo pronto alla risposta dei gas (in termini di prestazioni e
il massimo, ma in termini di durata del motore è il minimo) si dovrà ingrassare di
pochissimo per evitare spiacevoli danni.
Dopo aver regolato la carburazione ai bassi regimi, ottenendo una buona accelerazione
partendo da basse velocità, si passa agli alti(per la regolazione degli alti si deve agire
sulla vite più esterna). Arrivate agli alti regimi sfruttando un buon rettilineo, se il motore
non riesce a spingere in maniera pulita e sembra che il numero di scoppi sia dimezzato
allora la miscela è grassa e bisogna chiudere un po’ la vite del massimo.
 
Nel caso il motore tenda già dall’inizio ad andare bene, di solito è sempre meglio aprire
fino a trovare una miscela più ricca e poi richiudere trovando la giusta carburazione
( questo discorso vale sia per il minimo che per il massimo).
 
Manutenzione
Per la manutenzione di un carburatore 100cc si deve controllare lo stato delle due
membrane e dello spillo conico che non devono riportare lesioni. Inoltre e anche
importante controllare il bilanciere per far questo bisogna munirsi di uno strumento
costituito da una pompetta che va collegato al coperchio di chiusura ( dove va innestato
il tubo della benzina), la pressione generata dello strumento fa sollevare la valvola a
spillo conico calcolando precisamente i valori necessari per l’apertura e la chiusura della
valvola.
Questi valori cambiano a secondo del modello di carburazione usato:
 

PRESSIONE PRESSIONE
MODELLO
Apertura(bar) chiusura(bar)

Tryton 0,7 0,5

Tillotson 0,5 0,3


Italsistem 0,6 0,4

Pcr 0,8 0,5

Crg 0,8 0,6


 <![endif]>
Controllare anche i gommini e le molle poste sotto le viti di regolazione.
È utile inoltre badare ad alcuni accorgimenti come svuotare il carburatore dalla benzina a
fine giornata. Per pulirlo in maniera semplice e veloce, smontare il coperchio di
chiusura, togliere il filtrino e sparare aria compressa a bassa pressione.
FILTRO
L’aria prima di arrivare al carburatore passa attraverso un filtro e viene privata da tutte le
impurità. La manutenzione del filtro è molto semplice, basta smontarlo e pulirlo
interamente magari immergendolo in una bacinella piena d’acqua e detersivo per piatti,
facendo numerosi sciacqui, aspettando sempre che si asciughi prima di montarlo.
 
LAVAGGIO(INGRASSARE)
Alla fine di un lungo rettilineo, dopo aver tirato il kart all’esasperazione è bene coprire i
buchi del filtro con tocco di mano veloce per ingrassare la miscela per qualche istante in
modo da abbassare la temperatura del motore.