Sei sulla pagina 1di 228

ESApro 3D PIPING

Versione V7

MANUALE UTENTE (rev. 10.0)

ESAin Srl
Via Montevideo 15/3 16129 GENOVA
Tel. 010/311544 Fax. 010/313606
http://www.esain.com
E-mail: staff@esain.com

Questa pubblicazione non può essere riprodotta, neppure parzialmente, in nessuna forma, con nessun mezzo e per nessuno scopo.

AutoCAD è un marchio registrato dalla Autodesk Inc.


INDICE

1. INTRODUZIONE ...................................................................................................................... 1
2. CONCETTI DI BASE ................................................................................................................ 2
2.1. GESTIONE DELL'AMBIENTE TRIDIMENSIONALE .................................................... 2
2.2. GESTIONE DELLA VISUALIZZAZIONE ....................................................................... 4
2.3. GESTIONE DEI PIANI DI LAVORO .............................................................................. 8
2.4. LA FUNZIONI PIPE-SNAP STRU-SNAP ...................................................................... 9
2.5. L’AMBIENTE LAYOUT ................................................................................................ 12
2.6 GESTIONE DEI RIFERIMENTI ESTERNI .................................................................. 14
2.7. TABELLE DEI PARAMETRI........................................................................................ 15
2.8. DEFINIZIONE DI UNA CLASSE TUBAZIONI ............................................................. 16
2.9. SCELTA DEL DIAMETRO DI LAVORO...................................................................... 16
2.10. DISPOSIZIONE ED USO DEI COMANDI ................................................................... 17
3. TUTORIAL .............................................................................................................................. 19
3.1. INIZIALIZZAZIONE ...................................................................................................... 19
3.2. GENERAZIONE DELLA CLASSE TUBAZIONI .......................................................... 19
3.3. SCELTA DELLA CLASSE TUBAZIONI....................................................................... 20
3.4. POSIZIONAMENTO DEI SERBATOI.......................................................................... 21
3.5. INSERIMENTO DELLE POMPE ................................................................................. 24
3.6. STESURA DELLE TUBAZIONI ................................................................................... 25
3.7. INSERIMENTO DEI COMPONENTI ........................................................................... 29
3.8. MESSA IN TAVOLA .................................................................................................... 35
3.9. QUOTATURA E ANNOTAZIONI................................................................................. 38
3.10. ESTRAZIONE DELLA DISTINTA MATERIALI............................................................ 40
3.11. EXPORT VERSO L’AMBIENTE ISO........................................................................... 41
4. ELENCO DEI COMANDI ........................................................................................................ 43
4.1. LINEA ........................................................................................................................... 43
4.2 LINE MANAGER ......................................................................................................... 56
4.3. SEGUE LINEA ............................................................................................................. 62
4.4. VESTIZIONE AUTOMATICA....................................................................................... 62
4.5. COLLETTORI CIRCOLARI ......................................................................................... 64
4.6. TUBO SINGOLO ......................................................................................................... 66
4.7. TUBO COMPOSITO ................................................................................................... 68
4.8. CURVE ........................................................................................................................ 71
4.9. CURVE A SETTORI .................................................................................................... 75
4.10. DERIVAZIONI .............................................................................................................. 75
4.11. COMPONENTI DIRITTI ............................................................................................... 78
4.12. COMPONENTI D'ANGOLO ........................................................................................ 87
4.13. BULLONERIA .............................................................................................................. 88
4.14. APPARECCHIATURE E BOCCHELLI........................................................................ 89
4.15. SUPPORTI .................................................................................................................. 97
4.16. STRUTTURE METALLICHE ..................................................................................... 104
4.17. CREAZIONE DI TAVOLE 2D .................................................................................... 116
4.18. STRUMENTI DI LAVORO ......................................................................................... 128
4.19. CONTROLLI .............................................................................................................. 133
4.20. OPZIONI DI LAVORO ............................................................................................... 138
4.21. CORREZIONE DATI ................................................................................................. 143
4.22. EDITA COMPONENTI............................................................................................... 149
4.23. MODIFICA RETE....................................................................................................... 151
4.24. GESTIONE SPECIFICHE E DATI............................................................................. 155
4.25. ESTRAZIONE DATI................................................................................................... 155
4.26. INSERIMENTO SIMBOLO NORD ............................................................................ 155
4.27. GENERAZIONE SKETCH......................................................................................... 157
ESApro - 3DP
INDICE

4.28. QUOTATURA ............................................................................................................ 162


4.29. SIGLATURA LINEE E ANNOTAZIONI...................................................................... 167
5. PERSONALIZZAZIONE ....................................................................................................... 172
5.1. CREAZIONE DI UN COMPONENTE ....................................................................... 172
6. GESTIONE SPECIFICHE E DATI........................................................................................ 176
6.1. TABELLE DEI PARAMETRI...................................................................................... 176
6.2. CREAZIONE DI UNA NUOVA TIPOLOGIA .............................................................. 178
6.3. MODIFICA DI UNA TIPOLOGIA ............................................................................... 179
6.4. CANCELLAZIONE DI UNA TIPOLOGIA ................................................................... 179
6.5. CREAZIONE DI UNA NUOVA TABELLA DATI ........................................................ 180
6.6. COMPILAZIONE DATI DI DETTAGLIO .................................................................... 181
6.7. TABELLE PARTICOLARI .......................................................................................... 183
6.8. MATERIALI IMPLICITI ............................................................................................... 184
6.9. LE FUNZIONI COPIA/INCOLLA ................................................................................ 186
6.10. MODIFICA DEI DATI DI UNA TABELLA ................................................................... 187
6.11. ANNULLAMENTO DI UNA TABELLA....................................................................... 187
6.12. RELAZIONI E LOG DI UNA TABELLA ..................................................................... 187
6.13. COMPILAZIONE DI UNA CLASSE TUBAZIONI ...................................................... 188
6.14. COMMESSE.............................................................................................................. 195
6.15. ELENCHI ................................................................................................................... 207
6.16 MODELLI PER ELENCHI COMPONENTI E LINEE ................................................. 208
6.17. ARCHIVI .................................................................................................................... 211
6.18. UTILITÀ ...................................................................................................................... 220

ESApro - 3DP
INT RODUZIONE

1. INTRODUZIONE

ESApro 3DP è uno strumento completo per la realizzazione di layout di


impianti nello spazio tridimensionale. Il modello viene realizzato
sfruttando i solidi standard di AutoCAD che offrono alta velocità di
esecuzione, anche per forme complesse, ed una accurata
rappresentazione grafica sia in fase di modellazione che di stampa di
viste e sezioni. Il programma è stato progettato per facilitare al
massimo il lavoro e ridurre al minimo, anche per utenti meno esperti in
questo campo, le difficoltà della modellazione tridimensionale che per
contro offre numerosi vantaggi e ricadute:

o Si progetta vedendo l’impianto come sarà, da tutti i punti di


vista desiderati. Non si devono più interpretare viste e
sezioni. E’ possibile verificare l’interferenza tra gli oggetti
costituenti l’impianto.

o Dall’unico modello 3D discendono tutte le rappresentazioni


convenzionali desiderate. Nell’ambiente di stampa si possono
disporre liberamente piante sezioni e prospetti, che si
aggiornano a seguito di una modifica del modello. Le viste
create possono essere quotate ed annotate mediante
procedure assistite.

o La consistenza dell’impianto è assicurata dalla supervisione


della Classe Tubazioni. Gli oggetti disegnati contengono in
modo univoco tutte le informazioni tecniche e geometriche
necessarie a descriverli.

o Si possono velocemente estrarre distinte materiali di tutto o


parte dell’impianto, secondo criteri indicati dall’utente.

o Dal modello 3D si esportano le linee verso l’ambiente ESApro-


ISO in cui viene generata automaticamente la
rappresentazione isometrica unifilare. Dagli sketch si
estraggono immediatamente la distinta materiali e altre
informazioni necessarie alla costruzione.

o Si possono produrre immagini ombreggiate realistiche o filmati


di navigazione virtuale nell’impianto a scopo di presentazione
o di verifica.

ESApro – 3DP Pag. 1


CONCET T I DI BASE

2. CONCETTI DI BASE

Il presente capitolo contiene le informazioni preliminari necessarie ad


un corretto utilizzo del programma. A fronte dei vantaggi esposti
nell’introduzione e nonostante il consistente ausilio offerto dal
programma ESApro 3DP, la modellazione tridimensionale comporta
sicuramente un certo grado di difficoltà. A vantaggio dei non esperti in
questa disciplina in questo capitolo saranno discusse le ragioni
strutturali di queste difficoltà e i metodi, sia quelli offerti da AutoCAD
che quelli aggiunti da ESApro 3DP, per superarle. Questo capitolo non
è un trattato di modellazione tridimensionale e pertanto si consiglia, a
chi voglia approfondire l’argomento, la lettura della manualistica di
AutoCAD.

2.1. GESTIONE DELL'AMBIENTE TRIDIMENSIONALE

Quando si lavora ad un oggetto tridimensionale per mezzo di strumenti


CAD, si devono fare i conti con due limitazioni:

1. La rappresentazione avviene tramite uno strumento


bidimensionale (lo schermo del monitor) sul quale la profondità
spaziale del modello viene simulata attraverso entità
bidimensionali organizzate in viste assonometriche (quelle
prospettiche, anche se possibili, non sono adatte all’elaborazione
di un modello, ma solo alla sua eventuale rappresentazione
finale). Inoltre, con l’eccezione delle tecniche che descriveremo,
di ogni oggetto viene data una rappresentazione cosiddetta a filo
di ferro, ovvero si visualizza la sua superficie mediante gli spigoli
reali e qualche altra linea di riferimento come se fosse una
gabbia attraverso la quale si vedono anche gli oggetti che stanno
dietro. Tutto ciò provoca difficoltà di percezione in quanto:

o Il disegno risulta ingombro di linee

o E` impossibile accertare se un oggetto stia davanti ad un


altro o viceversa (o addirittura si compenetri).

o E` impossibile stabilire se si sta guardando un oggetto da


davanti o da dietro.

ESApro – 3DP Pag. 2


CONCET T I DI BASE

Come esempio di quanto detto si possono osservare le linee


a filo di ferro della pompa al centro della figura. Esse sono
perfettamente sovrapponibili, e quindi potrebbero
rappresentare, sia quella a destra, vista dal basso che quella
a sinistra vista dall’alto. Un altro esempio di ambiguità è
rappresentato dai tubi inclinati a 45° che, nella vista
assonometrica standard, vengono confusi con quelli verticali.
Si può notare invece
come, in ogni caso, la
semplice rimozione
delle linee nascoste
renda subito chiara la
percezione del punto
di vista. E` altrettanto chiaro che la conoscenza della
topologia del modello che si sta elaborando e l’abitudine a
vederlo da punti di vista prestabiliti aiuta l’operatore ad
interpretarlo correttamente anche in presenza di queste
ambiguità. Quello che si vuole evidenziare è che in generale
non ci si deve fidare di quello che si vede, e che in caso di
dubbio si devono usare gli strumenti predisposti da AutoCAD
o da ESApro per chiarire la situazione.

2. Anche l’introduzione dei punti necessari a definire gli oggetti,


viene effettuata con un strumento bidimensionale (il mouse), che
essendo vincolato a muoversi su di un piano non risulta idoneo a
stabilire la terza coordinata. Escludendo di introdurre
numericamente le tre coordinate XYZ con la tastiera, cosa
sempre possibile e necessaria in alcuni casi, ma inadatta ad un
uso veloce ed interattivo dell’ambiente 3D, non resta che affidarsi
agli strumenti che AutoCAD ed ESApro 3DP mettono a
disposizione per risolvere il problema.

ESApro – 3DP Pag. 3


CONCET T I DI BASE

2.2. GESTIONE DELLA VISUALIZZAZIONE

Elaborando un complesso modello tridimensionale si sente fortemente


la necessità di poterlo guardare da una direzione idonea allo
svolgimento della particolare azione intrapresa. E’ quindi
indispensabile stabilire comodamente il punto di vista desiderato. Nel
corso del tempo AutoCAD ha messo a disposizione numerosi comandi
per gestire il punto di vista in un modello tridimensionale, ma
tralasciando quelli divenuti ormai obsoleti, ci si potrà concentrare su
due soli tra questi: VISTA (VIEW) e ORBITA3D (3DORBIT).

VISTA ha anche altre funzioni, ma quello che interessa in questa sede


è la possibilità di raggiungere velocemente le viste standard presenti
nella relativa toolbar.

Per contro si fa notare che non è consigliabile modellare in 3D con una


vista ortografica standard (pianta, prospetto e lato). Esse sono viste
parziali e impediscono il necessario controllo visivo durante lo
svolgimento del lavoro. Si pensi a stabilire la posizione di una valvola
su una tubazione verticale guardando una pianta. I punti di vista più
idonei sono quindi quelli
isometrici.

Risulta spesso necessario


stabilire un punto di vista
qualunque nello spazio, al
di là dei quattro isometrici
standard. A questo scopo si
usa il comando ORBITA3D.
Esso può mostrare
opzionalmente un ausilio
visivo costituito da un
cerchio e quattro simboli ai
suoi quadranti. Di fatto si
può pensare invece ad una
sfera che contiene il
modello al centro.
Trascinando la sfera per i

ESApro – 3DP Pag. 4


CONCET T I DI BASE

quattro simboli si ottiene un suo rotolamento (e del modello contenuto)


esattamente attorno all’asse orizzontale o verticale. Se invece si
trascina da punti intermedi si otterrà un rotolamento della sfera rispetto
ad assi comunque inclinati. Se infine si trascina stando all’esterno della
sfera si ottiene una rotazione rispetto ad un asse perpendicolare allo
schermo.

Si può anche osservare il modello contemporaneamente da più punti


di vista. Il comando AutoCAD FINESTRE (VPORTS) permette infatti di
dividere lo schermo in due o più finestre nelle quali i comandi per
impostare il punto di vista sono indipendenti.

Altri comandi fondamentali per la visualizzazione sono Zoom e Pan,


sicuramente a tutti noti, qui citati per sottolineare il loro uso dinamico e
trasparente attraverso la rotella centrale del mouse (Zoom), o
trascinamento con il pulsante/rotella (Pan). Il disegno può essere
quindi ingrandito e spostato pressoché in tempo reale e tutto questo
può essere invocato durante l’esecuzione di qualsiasi comando senza
che quest’ultimo venga interrotto. Si ricorda anche che mediante un
doppio click sulla rotella è possibile ottenere lo Zoom Estensione del
disegno. ESApro 3DP mette inoltre a disposizione lo Zoom nei

ESApro – 3DP Pag. 5


CONCET T I DI BASE

comandi di modellazione mediante la semplice pressione dei tasti Z


(Zoom) e P (Zoom precedente).

Nella visualizzazione a filo di ferro si devono distinguere due tipi di


linee dedicate alla visualizzazione degli oggetti, gli spigoli reali e le
isolinee. Gli spigoli reali sono sempre rappresentati, ma generalmente
insieme a questi vengono visualizzate un certo numero, a piacere, di
linee ausiliarie chiamate isolinee. Sono necessarie quando gli spigoli
risultano insufficienti alla corretta rappresentazione del modello perché
sono in parte o del tutto assenti come nei cilindri, nelle sfere, nei tori e
in generale negli oggetti con parti curve. E` possibile sopprimerne la
visualizzazione e far comparire la silouette degli oggetti. Ciò rende la
rappresentazione più gradevole, meno ingombra di linee, ma abbassa
le prestazioni del sistema, anche notevolmente, su modelli di
dimensioni medie o grandi. Nella figura è rappresentato un cilindro in
cui, oltre agli spigoli in corrispondenza delle basi, sono presenti quattro

isolinee e nessuna silouette (a sinistra), nessuna isolinea e la silouette


(a destra).

Sia le isolinee che i profili (la silouette) sono idonee alla selezione
dell’oggetto cui appartengono. Per contro se si tenta di ricavare un
punto notevole da un’isolinea o da un profilo attraverso i comuni
Osnap di AutoCAD non si otterrà niente. L’operazione riesce solo se
eseguita sugli spigoli reali. Le ragioni sono abbastanza evidenti, basti
pensare che un profilo è una linea immaginaria dipendente dal punto di
vista.

Queste condizioni di visualizzazione sono controllate dalle variabili di


sistema ISOLINES e DISPSILH, ma si consiglia di impostarle
attraverso la finestra di dialogo delle Opzioni (vedere più avanti nel
capitolo).

Nei modelli di impianti complessi la visualizzazione a filo di ferro può


comportare notevoli difficoltà di interpretazione della geometria. Si
ESApro – 3DP Pag. 6
CONCET T I DI BASE

rende allora necessario adottare altri sistemi di rappresentazione. Il


comando OMBRA (SHADEMODE) permette di lavorare senza
problemi sul modello ombreggiato che rimane tale anche usando i
comandi Zoom, Pan e Orbita3D. La figura rende evidenti le differenze
tra le due modalità di rappresentazione del modello.

Con OMBRA sono disponibili alcuni tipi di ombreggiatura. Si consiglia


di usare però solo:

o Filo di ferro 2D (non 3D), quando è necessaria la


rappresentazione di questo tipo.

o Realistico, per le viste ombreggiate

Le altre modalità offrono qualità di visualizzazione inferiori, o non utili,


e nessun vantaggio o peggioramento delle prestazioni.

ESApro – 3DP Pag. 7


CONCET T I DI BASE

2.3. GESTIONE DEI PIANI DI LAVORO

Tra le entità grafiche a tutti note e che sono di interesse in questo


contesto, il punto e la linea sono primitive tridimensionali a tutti gli
effetti, nel senso che accettano e rispettano la terza coordinata (Z)
indipendentemente dal sistema di coordinate corrente. Tutte le altre,
cerchi, archi, testi, quote etc…, ignorano la coordinata Z e vengono
disegnate sul piano XY dell’UCS corrente (UCS o Sistema di
Coordinate Utente). Risulta quindi evidente che per posizionare
correttamente nello spazio tali entità occorre prima definire il piano su
cui devono giacere. Questo piano rappresenta lo stratagemma con cui
AutoCAD supera la limitazione del mouse ad introdurre la terza
coordinata e UCS è il comando dedicato alla sua gestione. Il piano
viene visualizzato mediante un’icona, in cui essenzialmente vengono
raffigurati gli assi X,Y,Z, posizionata in genere sull’origine fisica del
sistema di assi. Se quest’ultima risulta fuori schermo il sistema viene
invece posto nell’angolo in basso a sinistra del monitor.

Esiste un riferimento prestabilito chiamato Globale (World) che indica


il sistema di assi assoluto. Il suo piano XY corrisponde al piano in cui
ha sempre operato chi disegna in due dimensioni e viene riconosciuto
perché compare sull’icona dell’UCS (solo in rappresentazione a filo di
ferro) un piccolo quadratino all’incrocio degli assi. Le infinite varianti al
sistema assoluto si ottengono essenzialmente traslando l’origine degli
assi in un’altra posizione, e ruotandolo rispetto agli assi X, Y o Z. Sul
piano XY così ottenuto si può disegnare qualsiasi entità con le stesse
modalità con cui si disegnava in 2D, ma gli oggetti saranno orientati
nello spazio concordemente a quanto impostato. Se si introduce un
punto con il mouse si avrà la certezza che quel punto giace sul piano
XY corrente e che quindi la sua coordinata Z locale sarà uguale a zero.
Se invece si cattura un punto per mezzo del mouse e di uno Osnap
(Fine, Centro…) puntando un’entità preesistente, si otterrà un punto
tridimensionale a tutti gli effetti. Se per esempio si usa quel punto
come centro di un cerchio, entità ritenuta bidimensionale da AutoCAD,
quest’ultimo sarà disegnato parallelo al piano XY corrente ma con la
coordinata Z propria del punto indicato.

Bisogna considerare che nella modellazione di un impianto, oltre ad un


certo numero di primitive tradizionali, si fa largo uso di solidi, entità
tridimensionali che rappresentano compiutamente gli oggetti necessari
e che vengono creati a partire da figure piane mediante processi di
estrusione, rivoluzione etc… Risulta evidente come, per modellare un
oggetto nello spazio 3D, sarebbe necessario orientare continuamente il
ESApro – 3DP Pag. 8
CONCET T I DI BASE

piano di lavoro nella posizione desiderata, disegnare i contorni piani


opportuni e successivamente generare un solido. E` qui che ESApro
3DP svolge un notevole lavoro di semplificazione.

Il programma prevede tre tipi di aiuto per il disegno dell’impianto


nell'ambiente tridimensionale:

o Procedure per tracciare gli assi delle tubazioni nello spazio e


contemporaneamente gestire facilmente il sistema di riferimento
all'interno dei comandi.

o Disegno automatico dei componenti con le dimensioni previste


dalla Classe Tubazioni.

o Posizionamento automatico, o fortemente assistito, di tubi,


componenti, quotatura, annotazioni etc… sulle linee.

L’utente può quindi definire un percorso tubazioni nello spazio con


l'aiuto di un gran numero di strumenti di gestione. Successivamente il
programma si incarica per intero della modellazione degli oggetti che
la rivestono lasciando all'utente solo le opzioni per definire il loro
posizionamento finale come rotazione, inversione o la definizione di
una distanza da un punto di interesse.

Esiste anche un comando a sé stante per il posizionamento del


sistema di riferimento nello spazio che permette di traslarne l'origine,
ruotarlo rispetto agli assi x, y, z o agganciarlo ad un componente già
disegnato e che quindi congloba in maniera molto più comoda tutte le
opzioni del comando AutoCAD UCS. Una volta che il sistema di
riferimento è posizionato, in quel punto e con quella orientazione si
possono eseguire tutti i comandi che si userebbero nel normale
disegno in due dimensioni.

2.4. LA FUNZIONI PIPE-SNAP STRU-SNAP

ESApro 3DP implementa speciali funzioni che eseguono la cattura dei


punti notevoli degli elementi piping e di struttura presenti su un
disegno. A tale proposito si ricorda che i componenti sono costruiti
mediante solidi standard di AutoCAD e che i profili e le isolinee con cui
vengono rappresentati sono inadatti a stabilire un punto mediante l’uso
dei normali Osnap (gli spigoli reali si). Risulterebbe quindi impossibile
ESApro – 3DP Pag. 9
CONCET T I DI BASE

prelevare il punto medio di un tubo (un cilindro) o di una valvola (un


solido complesso ottenuto mediante combinazione di solidi elementari)
o il punto centrale di un tubo quadro. Inoltre, anche quando avrebbe
senso, gli Osnap di AutoCAD possono essere di difficile interpretazione
quando vengono applicati in zone ingombre di un numero elevato di
linee archi e cerchi. La funzioni Pipe-Snap o Stru_Snap prelevano
invece dal componente o dalla struttura, che viene evidenziato, il
punto notevole più vicino a quello
usato per selezionarlo.

Ogni oggetto piping definito in


ESApro 3DP ha almeno tre punti
notevoli, di colore giallo,
corrispondenti ai due estremi e al
punto mediano. Per le curve, o gli
oggetti ad angolo in genere, gli
estremi si trovano sui due rami degli
assi che li definiscono. Nei pezzi a T
o nelle valvole a tre vie è definito un
quarto punto sull’estremo che giace
sulla linea derivata. Un quinto punto si
trova sulla ulteriore derivazione di un
giunto a croce o di una valvola a quattro vie. Nella figura vengono
mostrati i punti notevoli degli oggetti più comuni. E` da notare che per i
componenti a tasca o filettati, o quelli che si montano comunque con
una sovrapposizione, gli estremi vengono considerati sul fondo della
tasca o filettatura o sovrapposizione, dove cioè il tubo verrà
effettivamente interrotto. Si può quindi pensare a questi estremi come
agli effettivi punti di connessione con il componente adiacente.

Sulle strutture i punti notevoli, di colore


rosso, sono presenti sulle estremità delle
travi, anche se tagliate obliquamente, e
nella sezione mediana come indicato in
figura. Altri punti notevoli si trovano su
elementi di struttura, come piastre e
supporti.
Un punto "PSnap e "SSnap" è presente anche al
centro dell'icona dei piani di riferimento.

ESApro – 3DP Pag. 10


CONCET T I DI BASE

Per sperimentare la funzione si può impostare da tastiera il comando


PS (Pipe-Snap) o SS (Stru-Snap), il quale visualizza il cursore tipico
della selezione oggetti. Quando si passa su un qualsiasi componente
di una tubazione o di struttura esso viene evidenziato e, se il punto di
selezione dista meno di una distanza prefissata da un punto notevole,
quest’ultimo viene contrassegnato da un piccolo cerchio campito di
giallo o di rosso. Premendo il tasto del puntatore il processo termina e
restituisce il punto trovato in coordinate assolute. Questo comando,
usato in questa maniera, non ha grande utilità pratica e serve solo a
familiarizzare con il suo funzionamento. In effetti la funzioni Pipe-Snap
e Stru-Snap si trovano nidificate nei comandi di modellazione dove il
punto restituito viene di volta in volta utilizzato in maniera coerente
all’operazione in corso. E` importante far notare due aspetti che
differenziano Pipe-Snap e Stru-Snap dagli Osnap di AutoCAD:

o Il primo è l’evidenziazione del componente da cui il punto viene


prelevato. In zone molto affollate permette di capire se il
componente che stiamo interrogando e da cui proviene il punto è
effettivamente quello desiderato.

o Il secondo è che il punto non viene evidenziato se si trova al di


fuori del campo previsto. Siccome un componente si posiziona
automaticamente sul punto trovato da Pipe-Snap, si impedisce
che, su una tubazione di una certa lunghezza, esso scatti in
maniera incontrollata verso un estremo, che potrebbe anche
trovarsi fuori dello campo visivo.

L’uso pratico di questa funzione sarà descritto via via in dettaglio nel
capitolo relativo all’elenco dei comandi.

ESApro – 3DP Pag. 11


CONCET T I DI BASE

2.5. L’AMBIENTE LAYOUT

La messa in tavola, ovvero la composizione delle viste tradizionali


derivate dal modello 3D sul foglio di stampa, viene effettuata
interamente nell’ambiente Layout. Per chi non lo conoscesse si
richiamano qui i concetti generali che governano questo ambiente
rimandando ai manuali di AutoCAD per l’approfondimento
dell’argomento.

L’ambiente Layout (o spazio carta) è un ambiente bidimensionale,


separato dal più conosciuto ambiente Modello, destinato a gestire la
composizione della tavola da stampare. Vi
si accede selezionando con il mouse una
delle linguette mostrate in figura.

Dalla presenza di un’icona del sistema di riferimento diversa, a forma


di squadretta, risulta evidente che in questo ambiente è consentita solo
la disegnazione in due dimensioni che si può eseguire normalmente.
Inoltre qualsiasi oggetto costruito nell’usuale ambiente Modello non
risulterà visibile. Esiste però la possibilità di aprire un numero qualsiasi

ESApro – 3DP Pag. 12


CONCET T I DI BASE

di finestre (VPORTS) dalle quali “guardare” il modello. In ognuna di


queste, pur osservando un unico oggetto, è possibile impostare
parametri di visualizzazione diversi ed indipendenti e quindi vedere il
modello da vari punti di vista e con diversi fattori di ingrandimento.

Rimanendo nella modalità Carta (presenza di icona a squadretta), le


finestre vengono viste come entità AutoCAD e il loro bordo, se visibile,
è l’unica parte idonea per selezionarle. Su tali oggetti funzionano i
normali comandi Muovi, Stira, Scala, che quindi ne permettono il
riposizionamento e la manipolazione. A questo scopo molto comodo
risulta anche l’uso dei grips ai quattro angoli dei bordi delle finestre. Il
contenuto delle finestre, il modello, risulta invece inaccessibile. E’
possibile però passare dalla modalità Carta alla modalità Modello in
una delle finestre presenti facendo doppio click al suo interno o con il
pulsante apposito sulla barra di stato di AutoCAD. La finestra
selezionata viene evidenziata e dentro di essa si potrebbe operare
normalmente come nel tradizionale spazio di modellazione, anche se
non è consigliato farlo.

ESApro 3DP sfrutta quest’ambiente e fornisce numerosi ausili alla sua


gestione. Posiziona il cartiglio nel Layout, aiuta a definire le finestre
che contengono la rappresentazione del modello con il punto di vista e
la scala desiderata, produce i disegni piani del modello ponendoli sullo
Spazio Carta e offre infine numerosi aiuti all’inserimento della
quotatura e delle annotazioni.

ESApro – 3DP Pag. 13


CONCET T I DI BASE

2.6 GESTIONE DEI RIFERIMENTI ESTERNI

E’ possibile gestire il disegno di grossi impianti mediante la


suddivisione su più file con il concetto dei riferimenti esterni (comando
XRIF/ XREF di AutoCAD).

La suddivisione potrebbe interessare Strutture, Apparecchiature e


Piping. In alternativa si potrebbero separare zone specifiche
dell’impianto. In ogni disegno si possono importare poi come XRIF i
disegni contenenti le parti prodotte da altri e vederle, senza poterle
modificare, durante il proprio lavoro. I disegni importati come XRIF
rispecchiano sempre la versione più aggiornata. Il peso dei disegni
esterni non influenza il salvataggio del proprio disegno, che quindi
rimane di dimensioni contenute.

I vantaggi di questo approccio sono molteplici:

o Più persone possono lavorare a parti separate dello stesso


progetto.

o Ognuno può importare come XRIF le parti prodotte dagli altri e


vederle, senza poterle modificare, come un utile ausilio al proprio
lavoro.

o Può essere generato un disegno d’assieme costituito dai soli XRIF


di tutte le parti generate dal gruppo di lavoro.

o Nel disegno d’assieme si genera la messa in tavola complessiva.


In questo modo se una parte viene aggiornata l’assieme rifletterà
la modifica.

o I riferimenti esterni non contribuiscono alle distinte materiali, per


cui ognuno può eseguire gli elenchi delle soli parti in lavorazione
sulla propria stazione di lavoro. Una distinta complessiva della
commessa può essere comunque generata.

Rimane sempre possibile l’esecuzione del controllo di interferenza e la


richiesta di informazioni su parti di impianto contenuti in XRIF.

ESApro – 3DP Pag. 14


CONCET T I DI BASE

2.7. TABELLE DEI PARAMETRI

Come accennato nell'introduzione, il disegno dei componenti è


dipendente da parametri. Questi ultimi non sono altro che una raccolta
di informazioni, alcune geometriche altre descrittive, indispensabili
all'univoca definizione di un componente. I parametri derivano dalla
base di dati preventivamente compilata descritta più avanti, vengono
associati agli oggetti e permettono il loro disegno, il loro
riconoscimento e l'esecuzione della distinta materiali.

Senza una tabella di parametri il programma è incapace di modellare e


identificare un oggetto. Viceversa per utilizzare un componente in
dimensioni diverse non occorre disegnarlo, ma è sufficiente compilare
una tabella con i suoi dati caratteristici.

Per esempio per il disegno di una


curva, oltre al raggio di curvatura e
al diametro esterno, che sono
parametri geometrici indispensabili
per rappresentarla, occorrerà
indicare anche una serie di
informazioni anagrafiche come la
norma di riferimento, il materiale, la
descrizione, che identificano
l'oggetto e saranno utilizzati nella
stesura delle distinte. Queste informazioni si trovano normalmente
nelle tabelle fornite dai costruttori o meglio in quelle delle normative
internazionali (ASME, ISO, DIN, UNI). ESApro 3DP viene già fornito con
moltissimi dati relativi alle norme citate e comunque permette sia la
compilazione di nuove tabelle, sia la loro consultazione e modifica.

ESApro – 3DP Pag. 15


CONCET T I DI BASE

2.8. DEFINIZIONE DI UNA CLASSE TUBAZIONI

Le tabelle dei parametri presenti nella base dati devono essere


organizzate in una Classe tubazioni prima che il programma le possa
usare.
Per Classe si intende una raccolta ben definita di tabelle di materiali, o
parti di esse, per esempio solo alcuni diametri nominali, che risponda
ad una normativa o ad un criterio di progetto. E` evidente che in una
Classe sarà presente un piccolo sottoassieme dei componenti
disponibili nella base dati e solo questi saranno ritenuti idonei ad
essere inseriti sulla linea che ne farà uso. Le Classi così create
vengono memorizzate con la denominazione scelta dall’utente e
possono essere richiamate e utilizzate in ogni momento. Più Classi
possono essere impiegate nel disegno di un impianto, dal momento
che ogni linea disegnata può assumere una delle Classi presenti nel
sistema.

2.9. SCELTA DEL DIAMETRO DI LAVORO

Durante la creazione di una linea, graficamente identificata dall’asse


della tubazione, si deve definire oltre alla Classe anche il suo diametro
nominale. Questo permetterà la scelta dei parametri per il diametro
assegnato, tra quelli presenti nella tabella indicata dalla Classe, per il
tubo e per gli altri componenti che vi risiederanno. Nella maschera di
creazione della linea il menu a tendina dei DN visualizza solo i
diametri inseriti nella Classe Tubazioni per il componente Tubo.

Nel successivo inserimento di componenti la scelta della Classe e del


diametro nominale non è più necessaria in quanto questi dati vengono
ricavati dalle linee. Il programma inoltre propone nell’ambito della
famiglia di oggetti desiderata, ad esempio “Valvole a via diritta”, solo
quelle previste nella Classe tubazioni semplificandone enormemente la
scelta.

ESApro – 3DP Pag. 16


CONCET T I DI BASE

2.10. DISPOSIZIONE ED USO DEI COMANDI

I comandi sono accessibili in cinque modi diversi, dai Menu, tramite


abbreviazioni da tastiera, dalle Barre Strumenti, dal Ribbon o dalla
Toolpallet.

Il programma di installazione crea due spazi di lavoro, uno denominato


"ESApro 3DP V7" e uno "ESApro 3DP V7 Classic". Nel primo caso
l'interfaccia è costituita dal Ribbon.

Nel secondo da Menu a Tendina e Barre degli Strumenti. In ogni caso


l'interfaccia di ESApro 3DP si affianca a quella di AutoCAD che non
viene modificata.

ESApro – 3DP Pag. 17


CONCET T I DI BASE

Nei menu a tendina sono presenti tutte le funzionalità del programma


(il dettaglio dei comandi è oggetto del capitolo "Elenco dei Comandi").
Inoltre a fianco di ogni comando possono essere indicate lettere o
numeri che rappresentano l'abbreviazione del comando da tastiera. Un
comando può poi richiamare successivamente opportune finestre di
dialogo idonee al suo completamento. Nel menu a tendina 3D Piping si
trova anche il comando d'accesso al programma di gestione delle
Tabelle Dati e delle Classi (abbreviazione da tastiera SP).

E' presente anche una toolpallet dedicata

ESApro – 3DP Pag. 18


T UT ORIAL

3. TUTORIAL

Il presente capitolo presenta gran


parte delle funzionalità del
programma attraverso un esempio
che verrà eseguito passo passo
dall'inizio alla fine. Si consiglia di
svolgere completamente questo
esercizio prima di leggere il capitolo
“Elenco dei Comandi”. In questo
capitolo sono esposte procedure,
concetti pratici e consigli idonei alla
risoluzione dei problemi reali che
renderanno più proficua la successiva
lettura ed agevoleranno la
comprensione delle altre parti del manuale. Nella directory di
installazione del programma il file TUTORIAL.DWG contiene il
modello finito relativo all’esercizio. L’impianto proposto non vuole
avere nessun senso funzionale ed ha il solo scopo di illustrare i
comandi del programma. Per maggiore chiarezza didattica il modello è
mostrato in wireframe nelle pagine che seguono. Se si desidera, fare
uso del comando Ombra descritto precedentemente.

3.1. INIZIALIZZAZIONE

Si assume che ESApro 3DP sia stato correttamente configurato.


Lanciare il programma attraverso l’icona presente sul desktop generata
dall’installazione. Controllare i messaggi di avvenuto caricamento.

3.2. GENERAZIONE DELLA CLASSE TUBAZIONI

A titolo di esempio in questo paragrafo sarà spiegato come generare


una Classe Tubazioni. Se lo si desidera è possibile saltare questo
paragrafo e passare direttamente al successivo usando una Classe già
presente. Si ricorda che la Classe Tubazioni contiene un sottoassieme
dei componenti d’archivio. Tutti e solo quelli previsti dalle attuali
esigenze di progetto. La Classe impedirà l’inserimento di un
componente non presente al suo interno e viceversa fornirà le
dimensioni e i dati descrittivi dei componenti ammessi. La Classe

ESApro – 3DP Pag. 19


T UT ORIAL

desiderata si può impostare dall’elenco di quelle definite durante il


comando di creazione della linea.

Digitare SP per attivare l’ambiente di


gestione dati e specifiche. Dal menu
dell’applicazione scegliere “Archivi” e
quindi “Classi” o premere il pulsante
relativo. Nella finestra che si apre
cliccare il pulsante per la creazione di
una nuova Classe, digitare PROVA
come Nome, gli altri dati possono
essere omessi, e confermare. Compare la finestra delle tipologie di
componenti inseriti nella Classe, inizialmente vuota. Premere il
pulsante “Aggiungi” e selezionare dall’elenco delle tipologie “Tubi”,
“Curve a saldare”, “Pezzi a T uguali” “Pezzi a T con riduzione”, “Flange
a collare”, “Guarnizioni Piane”, “Bulloneria standard” e “Valvole a
saracinesca flangiate”. Le tipologie vengono inserite nella Classe in
colore rosso, a significare che sono ancora prive di dettaglio.
Selezionare la tipologia “Tubi” e premere il pulsante “Modifica” (o
eseguire doppio click direttamente sulla tipologia). Compare una
tabella vuota. Premere il pulsante “Aggiungi”. Compare l’elenco delle
tabelle di tubi disponibili nella banca dati. Scegliere ASME Standard e
dall’elenco i diametri da DN 15 a DN 200. Premendo OK i diametri
indicati vengono trasferiti nella tabella tubi della Classe Tubazioni
denominata PROVA. Premere ancora “Aggiungi” e selezionare ASME
Extra Strong. Prelevare i diametri da DN 250 a 400 e confermare
l’inserimento. Come risultato avremo che nella Classe Tubazioni la
schedula del tubo cambia dopo il DN 200. Ripetere il procedimento per
inserire via via “Curve a saldare”, “Pezzi a T uguali” “Pezzi a T con
riduzione”, “Flange a collare”, “Guarnizioni Piane”, “Bulloneria
standard” e “Valvole a saracinesca flangiate”. Notare che i diametri
dove è stato definito il Tubo sono già selezionati.

3.3. SCELTA DELLA CLASSE TUBAZIONI

Lanciare il comando “Creazione Linea” e assicurarsi che nella finestra


di dialogo sia presente la Classe Tutorial che contiene la definizione
dei componenti necessari all’esecuzione dell’esercizio. Notare la
presenza della Classe PROVA creata nel paragrafo precedente.
Annullare il comando.

ESApro – 3DP Pag. 20


T UT ORIAL

3.4. POSIZIONAMENTO DEI SERBATOI

Assicurarsi che il sistema di riferimento sia quello assoluto, altrimenti


usare il comando “Posiziona UCS” (abbreviazione da tastiera “X”) e
quindi scegliere G (Globale). Dal menu 3D Piping/Apparecchiature
selezionare Serbatoi. Nella finestra di dialogo impostare Bombato
ellittico come tipologia e i valori 400, come diametro esterno e 2000
come lunghezza totale. Lasciare invariati i raggi di curvatura calcolati
dal programma. Premere OK e indicare 0,0,0 come primo punto
dell’asse del serbatoio. Con la modalità Ortho impostata inserire come
secondo punto, che serve solo ad indicare la direzione dell’asse, un
punto qualunque lungo la parte positiva dell’asse X. Il serbatoio viene
disegnato e compare una maschera in cui compilare i suoi dati
caratteristici. Indicare S1 come sigla e premere Ok. Ripetere
l’operazione per un secondo serbatoio con diametro esterno 1000 e
lunghezza 2000. Posizionare il primo punto dell’asse nella coordinata
assoluta 1686,2995,734. Premere S seguito da invio per posizionare il
sistema di riferimento in verticale e indicare come secondo punto un
punto qualunque lungo l’asse Y positivo. Immettere S2 come sigla del
nuovo serbatoio.

Come si è potuto vedere, mediante il tasto S il piano XY del sistema


di riferimento si è orientato sulla faccia Sinistra
di un ipotetico cubo isometrico, vedi figura, i cui
spigoli sono paralleli agli assi del sistema
assoluto (Globale). Analogo effetto si ottiene
premendo i tasti D (faccia Destra) ed E (faccia
Elevata). La scelta dei tasti S-D-E è stata
guidata anche dal fatto che questi sono disposti
sulla tastiera approssimativamente come le tre
facce del cubo.

In alternativa al sistema precedentemente esposto, per posizionare il


secondo serbatoio, provare con il seguente, che utilizza il comando per
stabilire una nuova posizione dell’UCS, abbreviazione da tastiera “X”.
L’opzione standard del comando è la ricerca di una nuova origine.
Puntare l’estremo sinistro del serbatoio orizzontale S1. Dal momento
che lo Snap “Fine” è preimpostato, il sistema di riferimento si aggancia
con precisione all’estremo dell’asse del serbatoio. Premere E seguito
da Invio per mettere l’UCS in piano e, spostando il cursore lungo l’asse
Y positivo, digitare 2995. Il sistema assume la nuova origine. Ora
spostando il cursore lungo l’asse X positivo digitare 1686. Premere S o
D per fare in modo di poter indicare una direzione a salire e, spostando
ESApro – 3DP Pag. 21
T UT ORIAL

il cursore lungo l’asse Y positivo, indicare 734. Il sistema di riferimento


si trova ora esattamente all’estremo inferiore del serbatoio verticale
S2. Volendo, quindi, si poteva usare questo metodo di posizionamento
e successivamente costruire il serbatoio a partire dal sistema di
riferimento corrente indicando come primo punto dell’asse del
serbatoio l’origine degli assi 0,0,0.

Per posizionare i bocchelli sul primo serbatoio eseguire prima uno


zoom per ingrandire
l’immagine. Dal menu 3D
Piping/Apparecchiature
selezionare il comando
Bocchelli oppure puntare il
comando Bocchello nella
Toolbar 3D Varie. Scegliere il
bocchello flangiato, selezionare
la classe Tutorial e DN 80.
Premere F e Invio per
impostare l’opzione riferimento
e indicare l’estremo sinistro del
serbatoio S1 con lo snap Fine (End). Premere E per posizionare il
sistema di riferimento in piano, se non lo è già, e portando il cursore
verso la porzione positiva dell’asse X digitare la distanza 300. Dal
punto così ottenuto inizia la linea del bocchello. Premere D per
posizionare il sistema di riferimento con l’asse Y in verticale e portando
il cursore lungo l’asse Y positivo indicare la distanza 300. Premere
Invio per terminare la costruzione della linea. Il programma posiziona
la flangia a collare, dal momento che è l’unica disponibile nella Classe
Tutorial, e richiede di indicare l’apparecchiatura a cui il bocchello
appartiene, puntare il serbatoio S1. Il comando termina eseguendo il
taglio della tubazione sull’apparecchiatura. Ripetere l’operazione
impostando prima il DN principale a 50, la distanza di riferimento dallo
stesso estremo del serbatoio a 1000 e, dopo avere premuto E per
posizionare il sistema di riferimento in piano, indicare 300 nella
direzione illustrata in figura. Premere Enter per terminare il comando e
ricordarsi di indicare il serbatoio per il taglio della tubazione.

ESApro – 3DP Pag. 22


T UT ORIAL

Per costruire i bocchelli sul serbatoio S2


selezionare il DN a 80. Con riferimento
all’estremo in basso dell’asse del serbatoio
(opzione F del comando) e con il sistema di
riferimento sulla faccia sinistra del cubo
isometrico indicare la distanza 1000 verso
l’alto. Dal punto di riferimento così stabilito
indicare 600 nella direzione positiva dell’asse
X e terminare il comando come ai punti
precedenti. Per posizionare l’ultimo bocchello
sotto il serbatoio S2 si può usare prima il
comando Posiziona UCS (abbreviazione da
tastiera X). Indicare come origine l’estremo in
basso dell’asse con lo snap Fine. Premere S per posizionare il sistema
di riferimento sulla faccia sinistra del cubo isometrico. Spostando il
cursore nel verso positivo dell'asse Y digitare la distanza 500. Dalla
nuova origine spostando il cursore verso la parte positiva dell’asse X
digitare 300. Terminare il comando e impostare quello per la
costruzione dei bocchelli flangiati. Alla richiesta del primo punto
digitare 0,0,0 (o semplicemente 0 con il cursore in una direzione
qualunque). Infine spostando il cursore verso il basso indicare 630 (130
millimetri più di quanto eravamo saliti) e terminare il comando con
Invio e poi puntando il serbatoio S2 per il taglio della tubazione. Si
ricorda che i bocchelli possono essere applicati a qualunque solido
standard di AutoCAD, e quindi anche alle apparecchiature modellate
dall’utente. Queste ultime possono poi essere siglate mediante il
comando Definisci Apparecchiatura. (vedi paragrafo 4.12.
Apparecchiature e Bocchelli).

ESApro – 3DP Pag. 23


T UT ORIAL

3.5. INSERIMENTO DELLE POMPE

Assicurarsi che il sistema di riferimento sia quello assoluto ed


impostare il comando 3DPiping/Apparecchiature/Pompe. Compare la
finestra di dialogo dove si possono inserire e memorizzare le
dimensioni caratteristiche di una pompa centrifuga orizzontale.
Lasciare inalterati tutti i valori presenti e premere OK. Indicare come
primo punto del basamento 482,1387,-200. L’altezza –200 è stata
scelta per mettere la bocca di aspirazione a quota zero. Indicare come
secondo punto dell’asse del basamento un punto verso la parte
positiva dell’asse X, la pompa viene disegnata. Terminare il comando
indicando P1 come sigla dell’apparecchiatura. Ripetere la procedura
con le stesse opzioni di posizionamento della bocca di mandata per la
seconda pompa indicando come primo punto le coordinate 3182,1237,-
200, e P2 come sigla. Il disegno risulterà simile a quello in figura.

ESApro – 3DP Pag. 24


T UT ORIAL

3.6. STESURA DELLE TUBAZIONI

Vediamo ora come collegare le


apparecchiature inserite nei paragrafi
precedenti. Prima di stendere la linea
è utile posizionare uno speciale
simbolo sul bocchello di destinazione,
quello vicino al punto 4. Esso
rappresenta tre piani ortogonali e si
può inserire sia con il comando per
posizionare il sistema di riferimento
che all’interno del comando dedicato
alla costruzione della linea. Esiste
anche un’icona nelle toolbar che
rappresenta una scorciatoia per
questo comando. Digitare X seguito
da invio e indicare il punto 4 estremo
del bocchello di destinazione. Il punto
viene catturato esattamente con
l’Osnap Fine. Premere E ed Invio per mettere il sistema di riferimento
in piano e digitare l’opzione Icona.

Compare sul punto 4 un simbolo come quello in


figura. E` costituito da tre piani ortogonali, uno
verde parallelo al piano XY del sistema di
riferimento che lo ha generato, uno rosso sul piano
YZ e uno magenta ortogonale ai primi due. Per
rilasciare l’icona nel punto 4 premere Invio. Si
possono mettere molti oggetti di questo tipo
sull’impianto allo scopo di determinare i punti di percorso delle linee e
successivamente cancellarli. Prelevare ora il comando “Linea” dal
menu 3D Componenti/Linea (abbreviazione da tastiera LL) o dalla
toolbar. Nella finestra di definizione della linea digitare almeno il
numero di linea, per esempio 001, che la identificherà insieme con tutti
i componenti che ne faranno parte.

Si noti che la Classe tubazioni e il DN possono essere impostati


direttamente da questa finestra, i valori standard che compaiono sono
quelli definiti nell’ultimo comando eseguito. Assicurarsi che il DN sia
impostato a 80. Gli altri dati descrittivi possono essere omessi, si
possono inserire anche dopo e saranno automaticamente distribuiti su
tutti i componenti della linea. Con riferimento alla figura inserire il
punto 1 della linea alla fine dell’asse del bocchello e premere E per
ESApro – 3DP Pag. 25
T UT ORIAL

mettere il sistema di riferimento in piano. Per ricavare il punto 2


bisogna osservare che esso ha la stessa coordinata Y del punto 4 e le
stesse X e Z del punto 1. Per catturare queste coordinate, essenziali
alla composizione del punto 2, con gli strumenti standard di AutoCAD,
si dovrebbe far ricorso all’uso dei filtri con una procedura molto
laboriosa.
Sfruttiamo invece l’icona posizionata al punto 4. Digitare l’opzione
Piano, e indicare il piano dell’Icona perpendicolare al segmento 1-2, in
questo caso quello di colore Magenta. Il programma risponde
mostrando un’ anteprima della linea in colore giallo che va dal
bocchello all’intersezione con il piano Magenta. Si accetta questa
soluzione premendo “Invio”, in alternativa Indicare con il cursore la
direzione dal punto 1 verso il punto 2 e premere il tasto sinistro del
puntatore. In quest’ultimo caso la direzione indicata può anche non
essere quella ortogonale al piano Magenta. Il tratto di linea viene
generato, il punto 2 è l’intersezione del segmento indicato con il piano
Magenta. Con lo stesso procedimento si può ricavare il punto 3
trovando l’intersezione con il piano Rosso. Infine digitare S o D per
avere la possibilità di indicare una direzione verticale e dal punto 3,
mediante l’opzione Piano, indicare il piano Verde e la direzione da 3 a
4 e terminare il comando con Invio. Il problema di individuazione dei
punti del percorso della linea è stato risolto agevolmente. E` ora
possibile rivestire la linea con il comando Vestizione Automatica
disponibile nel menu 3D Componenti/Tubi o nella toolbar. Per eseguire
il comando basta puntare approssimativamente la linea vicino al punto
1 o al punto 4. E` da notare che il comando riveste la linea a partire dal
nodo più vicino a quello puntato e prosegue nel verso opposto fino
all’altro nodo terminale. Pertanto, se si
punta il primo tratto della linea più vicino al
punto 2 che al punto 1, il risultato sarà di
rivestire solo il primo tratto della linea. Il
programma inserisce le curve a saldare di
testa perché non esistono alternative nella
Classe Tutorial. Si ricorda che in caso di
errore si può annullare l’intera sequenza di
comandi in un’unica soluzione con il
normale Annulla di AutoCAD.

E` possibile eseguire la vestizione della


linea contemporaneamente alla creazione
dell’asse. Prelevare il comando 3D
Componenti/Tubi/Segue Linea dal menu o
premere il relativo pulsante dalla toolbar.
ESApro – 3DP Pag. 26
T UT ORIAL

Digitare 002 come numero di linea e assicurarsi che il DN sia 80.


Puntare con lo snap Fine il punto 5 della figura, estremo del bocchello.
Premere D per mettere il sistema di riferimento sul lato destro del cubo
isometrico e, spostando il cursore verso il basso, digitare la distanza
300. Spostando ora il cursore verso il punto 7 digitare 600 e notare che
il primo tratto di linea viene rivestito. Per fare notare la differenza con il
metodo dei piani ausiliari esposto in precedenza, usiamo per una volta
i filtri di AutoCAD. Senza cambiare il sistema di riferimento si può
osservare che il punto 8 ha la stessa Z della tubazione di destinazione,
quella su cui giace il punto 9. Digitare allora .Z (punto e Z) e indicare
con lo snap Vicino (Near) un punto qualunque sull’asse della tubazione
dove giace il punto 9. AutoCAD risponde con la richiesta delle
coordinate mancanti XY. Puntare con lo snap fine il punto 7, il punto 8
ora è completo. Terminare la linea puntando l’asse della tubazione di
destinazione con lo snap Perpendicolare. Il programma propone al
punto 9 l’alternativa tra una derivazione tubo su tubo e un T normale,
alternativa contenuta nella Classe Tutorial. Completare con le tecniche
esposte la linea 003, DN 50 dal nodo 10 al nodo 12.

Iniziare la linea 004 DN 50, con lo snap Fine


al punto 14. Premere E per mettere il
sistema di riferimento in piano e proseguire
digitando 600 spostando il cursore verso il
punto 15 e 2000 verso il punto16. Questa
volta l’Icona dei piani ausiliari verrà inserita
direttamente dal comando in corso. Senza
spostare il sistema di riferimento digitare I. Il
comando che esegue la linea viene sospeso
e inizia il processo di posizionamento dei
piani. Inserire l’Icona al punto 18 con lo
Snap fine e premere Invio. Il comando torna
allo stato precedente, ma ora è possibile sfruttare i piani ausiliari.
Premere P e indicare il piano rosso dell’Icona al punto 18,
successivamente indicare una direzione che va da 16 a 17. Il punto 17
viene generato come intersezione del segmento 16-17 con il piano
rosso. Con lo stesso sistema premere P indicare il piano magenta e la
direzione da 17 a 18, terminare con Invio. Per costruire la linea 005
DN50 eseguire il comando linea (LL) e, prima di inserire il punto,
premere F per riferimento. Indicare il punto 15 con lo snap Fine e,
spostando il cursore verso il punto 19 digitare 600. Dal punto 19 parte
la nuova linea. Spostando il cursore verso il punto 20 digitare 1500 e
terminare il comando. Vestire la linea che verrà usata nel seguito per
un esercizio di copia delle tubazioni.
ESApro – 3DP Pag. 27
T UT ORIAL

Per esercizio costruire la linea 006 DN 50 dal punto 21 al punto 24,


tenendo presente che il punto 21 dista 250 mm dal nodo 10 della linea
003.

Iniziare la linea 007 DN 50 dal punto 25 e, dopo aver premuto E per


mettere il sistema di riferimento in piano, digitare 400 verso il punto
26. Premere S per mettere il sistema di riferimento sulla faccia sinistra
del cubo isometrico e togliere la modalità Ortho. Puntare
approssimativamente la posizione del nodo 27. Il programma risponde
disegnando le componenti X e Y e richiedendo il valore di quella
visualizzata in magenta. Digitare 500 e proseguire.

Conoscendo il dislivello esistente tra la bocca di aspirazione della


pompa e il punto 28 digitare 304. Il segmento di primo tentativo che
era stato disegnato viene corretto per mezzo delle distanze introdotte.
Notare che qualunque sia la direzione degli assi XY non c’è mai
bisogno di introdurre distanze negative. Terminare la linea con lo snap
Perpendicolare all’asse su cui giace il punto 28. Se ancora non è stato
fatto, cancellare le Icone dei piani ausiliari o con l’usuale comando
AutoCAD o mediante l’opzione Cancella del comando per posizionare
l’UCS.

ESApro – 3DP Pag. 28


T UT ORIAL

3.7. INSERIMENTO DEI COMPONENTI

Vi sono essenzialmente due categorie di componenti, quelli con una


posizione fissa predeterminata dalla geometria delle tubazioni e quelli
lineari. Della prima categoria fanno parte le curve i pezzi d’angolo, i
pezzi a T e le derivazioni in genere. Per il posizionamento richiedono
solo l’indicazione approssimativa di un vertice, per le curve quello dei
due assi concorrenti, per i pezzi a T l’estremo della linea derivata.
Inoltre le curve a saldare e quelle ottenute piegando il tubo vengono
anche inserite automaticamente dai comandi di creazione delle linee.
Alla seconda categoria appartengono le valvole a via diritta e tutti quei
componenti che necessitano di un posizionamento preciso lungo un
tratto di tubazione. La tecnica di inserimento cambia radicalmente e fa
largo uso della funzione Pipe-Snap.

Come primo esempio si inserirà una flangia a collare all’estremo della


linea 005. Nel pannello di controllo delle Opzioni di Lavoro
(abbreviazione O) assicurarsi che la voce Inserimento automatico
Guarnizioni sia disabilitato. Il diametro
nominale e la Classe tubazioni non
sono richiesti in quanto verranno
assunti dalla linea preesistente.
Prelevare il comando di inserimento
delle flange dal menu 3D
Componenti/Flangia o dalla relativa
toolbar e indicare un punto qualunque
sull’asse della linea 005. La flangia
viene generata con le dimensioni
relative alla Classe ed al DN ricavati
dalla linea e vi scorre sopra.
Muovendo il puntatore si potrà notare
il piccolo cursore quadrato tipico della
selezioni oggetti di AutoCAD. Se si porta il cursore su una parte
qualsiasi della tubazione la funzione Pipe-Snap la evidenzia e ricerca
un suo punto notevole (gli estremi o il punto medio). Sul punto trovato
disegna un pallino giallo e lì posiziona la flangia. Per far scorrere
liberamente la flangia sulla tratto occorre quindi avere l’accortezza di
tenere il cursore fuori della linea. Sulla flangia possiamo osservare un
cursore a croce di colore verde, che è inizialmente sempre posizionato
sulla sua faccia di accoppiamento e che simboleggia il punto di
inserimento. Il verso della freccia indica inoltre quello idoneo per
ESApro – 3DP Pag. 29
T UT ORIAL

l’accoppiamento. Tenendo fermo il cursore e premendo ripetutamente


A (Accosto), senza premere Invio, si potrà vedere che esso cambia
posizione e colore passando al punto centrale, all’altro estremo e infine
tornando sulla faccia di accoppiamento. Osservando il movimento
della flangia durante questa operazione ci si può rendere conto del suo
orientamento sulla linea ed eventualmente invertirlo con la pressione
del tasto I (Inverti). Se necessario si può ingrandire l’immagine con
centro sulla posizione del cursore, tasto Z (Zoom), o tornare alla vista
precedente con il tasto P (Precedente), in alternativa usare la rotella
del mouse. Riprendendo l’esercizio, assicurarsi che sulla flangia sia
visualizzato il cursore verde, avvicinare il cursore all’estremo del tratto,
dal lato opposto alla derivazione, e indicare l’asse o la tubazione. Pipe-
Snap trova l’estremo (in questo caso l’estremo dell’asse e del tubo
coincidono), e posiziona la flangia. Per terminare l’inserimento
premere il tasto sinistro del mouse.

Si ricorda che durante questo processo dinamico viene effettuato un


gran numero di operazioni, ma in caso di errore il comando Annulla
riporta nelle condizioni precedenti all’esecuzione del comando.

Prelevare Correzione Dati dal menu o dalla toolbar (abbreviazione XL)


e puntare la flangia. Compare un pannello di informazioni in cui si può
verificare che essa ha assunto i dati di linea. In basso è disponibile un
campo in cui si può assegnare una sigla al componente per la futura
distintazione o per la visualizzazione nella tavola 2D o negli sketch. Se
con lo stesso comando si punta l’asse di una linea si potrà osservare,
oltre ai dati inseriti in creazione, una sigla composta secondo criteri
personalizzabili dall’utente. Per maggiori informazioni vedere il
capitolo relativo all’Elenco dei Comandi.

ESApro – 3DP Pag. 30


T UT ORIAL

Ci proponiamo ora di replicare la linea 005 completa di asse tubo e


flangia. L’operazione viene eseguita tramite il comando COPY di
AutoCAD, alla fine però il programma richiede la rinumerazione delle
copie create. Si ricorda che il principale identificativo, ovvero quello
che accomuna un gruppo di oggetti e lo fa riconoscere come un unico
macroelemento, è il numero di linea che, per queste ragioni, non va
duplicato. Impostare il sistema riferimento alla sinistra del cubo
isometrico premendo S.
Selezionare la linea 005 (l’asse, il
tubo e la flangia) e lanciare il
comando COPIA indicando come
punto base per la copia l’incrocio
tra la linea 005 e la linea
principale. Spostare il cursore
lungo la direzione dell’asse X
positivo e digitare 500. Questo
termina la determinazione del
punto di destinazione e il
comando COPIA. A questo punto
il programma visualizza una finestra richiedendo il nuovo numero di
linea e proponendo come default “Copia di 005”, indicare 008.
Utilizzando la stessa procedura copiare un’altra linea a fianco di quella
appena creata, indicare il numero 009. Notare che per semplificare la
selezione dei tratti da copiare è possibile attivare l’opzione
“Raggruppamento Linee” nella finestra di dialogo “Opzioni di Lavoro”.

Inseriamo ora dei pezzi a T a saldare tra le tre linee in figura e la linea
principale 004. Prelevare il comando dal menu 3D Componenti/Pezzo
a T o dalla toolbar. Indicare un punto sulla derivazione vicino
all’incrocio con la linea principale. Il componente viene generato e le
linee preesistenti vengono tagliate per accoglierlo. Se lo si desidera
ripetere l’inserimento su tutte le derivazioni. Il programma inserisce dei
pezzi a T ridotti quando opportuno. Il pezzo a T è stato inserito dopo la
copia per tre ragioni:

1. Non ci sarebbe il controllo di esistenza in Classe o di


inserimento su tratti di linea con caratteristiche diverse.

2. Il comando AutoCAD non avrebbe tagliato le tubazioni intorno


al T.

ESApro – 3DP Pag. 31


T UT ORIAL

3. ESApro avrebbe richiesto di rinumerare anche la linea 004 di


cui il T fa parte

Accoppiamo ora una flangia completa di


guarnizione e di bulloneria standard al
bocchello del serbatoio verticale
corrispondente al nodo 1. Dal pannello di
controllo delle Opzioni di Lavoro abilitare
“Inserimento Automatico Guarnizione” e
“Inserimento automatico Bulloneria”. Se
necessario ingrandire la zona di lavoro ed
impostare il comando per l’inserimento di una
flangia. Come già fatto in precedenza puntare una parte qualunque
dell’asse della linea e notare che la flangia viene generata completa di
guarnizione (un oggetto simbolico a croce che sporge dalla flangia).
Controllare che il verso della flangia sia corretto ed eventualmente
invertirlo. Infine avvicinare il cursore al tratto terminale della tubazione,
conviene non indicare l’asse, ma il tubo che è più evidente. La flangia
scatta nella posizione desiderata e premendo il tasto sinistro del
mouse l’inserimento termina con il taglio della tubazione preesistente.
Notare che in questo caso il punto di inserimento è situato sulla
guarnizione e non più sulla flangia. Le due flange accoppiate risultano
discostate dello spessore della guarnizione.

Con procedimento analogo inseriamo una flangia sulla bocca di


aspirazione della pompa P2. Supponendo che la visualizzazione della
zona di lavoro non sia chiara si può ovviare cambiando il punto di
vista. Con uno dei comandi AutoCAD esposti nel capitolo Concetti di
Base visualizzare il modello in
pianta. Ingrandire se necessario
la zona di lavoro e posizionare la
flangia come al punto precedente.

ESApro – 3DP Pag. 32


T UT ORIAL

Con questa tecnica provare a completare le flange sulle bocche delle


due pompe. Successivamente inserire anche le flange su tutti i
bocchelli dei serbatoi.

Inseriamo ora una valvola completa di flange guarnizioni e bulloneria


in prossimità del bocchello corrispondente al nodo 1 sulla linea 001.
Nel pannello di controllo Opzioni di Lavoro occorre che la voce
“Inserimento Automatico Flange” e “Inserimento automatico
guarnizioni” siano abilitate insieme a
“Inserimento Automatico Bulloneria”.
Ingrandire se necessario la zona di lavoro
e impostare il comando per l’inserimento
di una valvola. Puntare come al solito un
punto qualunque sull’asse della linea e
notare la generazione del gruppo di
oggetti. Rispondere agli eventuali
messaggi relativi alle varie opzioni. Per
stabilire con precisione il posizionamento
si può procedere in vari modi:

o Impostando il punto di inserimento con l’opzione A (Accosto) e


sfruttando la funzione Pipe-Snap per ricercare un punto notevole
della tubazione.

o Inserendo una distanza da un punto di riferimento.

In questo caso, mantenendo l’inserimento al centro della valvola,


avvicinare il cursore al punto mediano della tubazione, non dell’asse, e
quando la valvola scatta in posizione terminare il comando.

ESApro – 3DP Pag. 33


T UT ORIAL

Ripetiamo l’operazione in prossimità


del bocchello verticale del serbatoio
orizzontale.
Usare l’opzione R (Ruota) per
cambiare la posizione del maneggio
della valvola e successivamente
portare l’accosto nel suo punto
inferiore (ovvero all’estremo della
flangia inferiore). Premendo D
(Distanza) il trascinamento della
valvola termina e inizia invece il processo per ricavare un punto da cui
impostare una distanza.

La ricerca del punto avviene sempre attraverso la funzione Pipe-Snap,


l’opzione Snap del comando permette invece di passare agli snap
standard di AutoCAD se il riferimento non è su una tubazione.
Scegliere il punto terminale della tubazione verso il bocchello e notare
la visualizzazione di un segmento magenta. Digitare la distanza 300.
La valvola si posiziona nel punto desiderato e il comando termina con
il taglio della tubazione.

Infine ripetere il
procedimento per inserire
in modo serrato una
valvola contro il pezzo a
T di una delle linee
derivate. Dopo la
generazione impostare
l’accosto dalla parte del
pezzo a T e avvicinare il
cursore all’estremità della
tubazione. Quando la
valvola è in posizione
terminare il comando cliccando sul tasto sinistro del mouse. Usare il
comando AutoCAD Ombra per verificare meglio la correttezza del
posizionamento.

Per terminare l’esercizio provare a inserire altre valvole o altri


componenti lineari (filtri, manicotti…) nelle posizioni che si ritengono
opportune. Nei prossimi paragrafi vedremo tutto quello che può essere
ricavato dal modello appena eseguito.

ESApro – 3DP Pag. 34


T UT ORIAL

3.8. MESSA IN TAVOLA

Vediamo ora come estrarre dal modello 3D la rappresentazione


tradizionale delle piante e delle sezioni. L’intero processo avviene nello
spazio carta di AutoCAD alla cui gestione ESApro offre notevoli
facilitazioni. Sebbene non strettamente necessario in questo momento,
inseriamo prima il cartiglio. La sua presenza sul foglio di lavoro svolge
la funzione fondamentale di evidenziare la zona dedicata al disegno.

Dal menu 3D Piping scegliere Cartiglio/Inserisci. La procedura mostra


la finestra di dialogo per la scelta di un file. Per questo esercizio
posizionarsi sulla directory di installazione del programma e scegliere
3DPA3, il programma porta automaticamente nell’ambiente Layout.
Nella figura sono rappresentate la viste che verranno create attraverso
le procedure descritte nelle pagine seguenti.

ESApro – 3DP Pag. 35


T UT ORIAL

Prelevare il comando 3D Piping/Viste 2D/Nuova Vista dal menu o dalla


toolbar. Compare un pannello di controllo nel quale essenzialmente
viene definita la direzione da cui guardare il modello. Accettare le
impostazioni standard che prevedono la vista in pianta e la scala 1:50
e premere Ok. Viene aperta
un finestra con il modello nella
vista e nella scala desiderata.
Vengono ora richiesti due
punti per dimensionare la
finestra che conterrà il
disegno. Le parti esterne alla
finestra non saranno visibili,
questo permette quindi di
realizzare anche viste parziali.
Successivamente la finestra
può essere riposizionata a
piacere cliccando nello spazio
della squadratura. Terminare il
comando con la finestra
approssimativamente a
sinistra in basso della
squadratura.

Ripetere il comando; nel pannello di controllo cliccare ai lati del


quadrato blu che circonda la scritta “PIANTA”. A seconda della
posizione del cursore viene mostrata la direzione del punto di vista
prescelto con questo concetto: il quadrato blu simboleggia il modello
visto dall’alto e la freccia l’occhio dell’operatore. Cliccando in
prossimità del lato inferiore si ottiene quindi una vista frontale, dal lato
destro una vista da destra e così via. Cliccando in prossimità degli
spigoli si ottengono le viste isometriche. Ora indicare una vista
isometrica cliccando in basso a destra e posizionarla sul foglio nella
posizione desiderata (le viste create possono essere spostate anche
dopo la loro creazione). Ripetere il comando e premere il pulsante
Ortogonale. Questa modalità crea una vista ortografica a partire da un
esistente. Cliccare il lato in basso del riquadro che circonda la pianta
per indicare da dove si sta guardando, e posizionare la vista generata
sopra la pianta. Questo è un altro modo per ottenere una vista frontale
con il vantaggio che il programma la allinea automaticamente con la
pianta nella stessa scala. Creare un’altra vista ortogonale a partire
dalla pianta guardando da sinistra e posizionarla a destra.

ESApro – 3DP Pag. 36


T UT ORIAL

Infine selezionare (vista) Sezionata. Il programma richiede di indicare


una vista esistente su cui definire la sezione, puntare la vista frontale,
quella sopra la pianta. Viene generata una replica della vista che
potremmo spostare
per esempio alla
destra della
frontale. Nella vista
creata indicare con
due punti la
posizione della
sezione rossa in
figura. Se si
desidera indicare
con un ulteriore
punto la posizione
della sezione blu,
altrimenti ignorare
la richiesta con
Invio. Se si creano due sezioni verranno visualizzati solo gli oggetti
contenuti tra i due piani. Infine indicare un punto sopra la linea rossa
per indicare il lato da cui guardare il modello così sezionato e
terminare il comando. Viene generata una vista del modello conforme
alla direzione desiderata. Della sezione e delle altre viste non sono
state ancora generate le reali rappresentazioni bidimensionali che
contengono solo i profili degli oggetti in vista del modello. Attualmente
sono state solo definite una serie di finestre in cui appare il modello 3D
guardato dai punti di vista selezionati.

Per ottenere i disegni impostare il comando 3D Piping/Viste


2D/Disegna Profili e selezionare tutte le finestre (non occorre
selezionare il bordo, basta cliccare all’interno). Prima dell’esecuzione
compare una finestra di dialogo con cui è possibile impostare il rispetto
dei colori o dei layer del modello 3D e di attivare o inibire la
generazione delle linee nascoste. Si ricorda che le linee nascoste
risiedono su di un layer separato e possono essere quindi gestite e
visualizzate, anche parzialmente, allo scopo di rappresentare, magari
con linea tratteggiata, parti di impianto che per un dato punto di vista
sono oscurate da altri oggetti. Al termine del processo la
rappresentazione tridimensionale verrà sostituita da entità 2D nello
Spazio Carta di AutoCAD che rappresentano gli oggetti dell’impianto. A
titolo di esempio l’esecuzione del disegno in oggetto richiede meno di
un minuto.

ESApro – 3DP Pag. 37


T UT ORIAL

3.9. QUOTATURA E ANNOTAZIONI

La quotatura nello spazio 3D, al pari di qualsiasi altra annotazione, è


dipendente dal punto di vista, ovvero se questo cambia può perdere di
significato. Per questa ragione, salvo rare eccezioni, conviene che la
quotatura e le altre annotazioni vengano eseguite nell’ambiente carta
dove le viste sono stabilite e non nell’ambiente di modellazione, anche
se in teoria nulla vieta di farlo. Le quote e le annotazioni funzionano sia
nelle finestre dove viene visualizzato il modello 3D, sia le linee
proiettate 2D. Se un comando lo richiede viene temporaneamente
visualizzato il modello 3D, anche se si sta lavorando sul disegno 2D,
per ricavarne le informazioni necessarie al suo completamento (ad
esempio per eseguire una quota altimetrica). Vediamo di chiarire
questi concetti con degli esempi concreti.

Impostare la scala globale per le quote (Dimscale) a 1, ingrandire la


vista a destra della pianta e impostare il comando per la Quotatura
Lineare (abbreviazione XD). Se non già impostato, premere P per la
quotatura parallela e puntare gli estremi degli assi dei due serbatoi
come in figura.
Posizionare la
quota come
usualmente in
AutoCAD e, alla
fine, ignorare con
Invio la richiesta di
riallineamento.
Come si è potuto
vedere, nonostante
i punti indicati
siano
evidentemente su
piani diversi, la
quota ottenuta è
proiettata su quello
del disegno.

Ripetere il comando e indicare gli estremi della tubazione inclinata.


Con la quotatura parallela la quota può essere orizzontale o verticale.
Se si preme A per allineata si ottiene invece la quota in figura. Se si
preme 3D si ottiene un parallelogramma con entrambe le componenti.

ESApro – 3DP Pag. 38


T UT ORIAL

Impostare ora il comando 3D Piping/Annotazioni/Siglatura linee e


puntare l’asse di esse. Compare una sigla di linea la cui composizione
sarà descritta in seguito. Per maggiori informazioni su questo
argomento consultare l’elenco dei comandi.

ESApro – 3DP Pag. 39


T UT ORIAL

3.10. ESTRAZIONE DELLA DISTINTA MATERIALI

L'estrazione della distinta è un processo quasi interamente


automatizzato che prevede solo poche impostazioni iniziali. Come già
accennato nella finestra delle “Opzioni di Lavoro” devono essere stati
preventivamente compilati Codice Commessa e Numero di Disegno, la
revisione può essere inizialmente nulla. Questi dati sono il minimo
requisito perché il programma possa archiviare e riconoscere
correttamente i componenti del modello. Si deve inoltre creare un
modello per la distinta, in questo caso useremo uno di quelli esistenti,
che specifica in che modo i dati vengono filtrati e organizzati.

Se il disegno non è ancora stato memorizzato salvarlo con un nome e


lanciare il comando 3D Piping/Estrazione Dati. Attendere che il
programma abbia scaricato le informazioni del modello nell’archivio di
commessa. Digitare ora SP (abbreviazione per l’accesso al
programma di Gestione Specifiche e dati) e selezionare Gestione
Commesse, poi Distinta
Materiali.

Nella finestra che compare


selezionare a sinistra la
commessa dall’elenco com-
messe e a destra il disegno
“Tutorial.dwg” (probabilmente
l’unico presente). Nella
sezione “Tipo Elenco”
selezionare “Elenco Compo-
nenti” come modalità di
distintazione e nella sezione
“Destinazione Elenco”
spuntare “Video”. Nell’elenco a
discesa in alto selezionare il
modello “Distinta Totale” e
premere “OK”. L’elenco viene
generato e visualizzato sullo
schermo.

Per maggiori informazioni sull’argomento consultare il capitolo 6


Gestione Specifiche e Dati.

ESApro – 3DP Pag. 40


T UT ORIAL

3.11. EXPORT VERSO L’AMBIENTE ISO

Possedendo il modulo ESApro ISO è possibile esportare la geometria


delle linee ed i dati ad esse associati in un file che, importato
nell’ambiente ISO, genera automaticamente lo sketch isometrico.
Impostare il comando 3D Piping/Generazione Sketch/Gestione gruppi
ISO. Nella finestra che compare premere il pulsante Gruppi
Automatici.

Vengono creati tanti gruppi di oggetti quanti sono i numeri di linea


presenti sul disegno. Per ciascuno dei gruppi rappresentati verrebbe
generato uno sketch separato. Evidenziare il gruppo 004, la linea con i
tre stacchi, e premere Aggiungi Entità. Il programma permette di
aggiungere altre entità alla linea 004 che è ora evidenziata in giallo.
Premere invio, in modo da selezionare per linea, e aggiungere i tre
stacchi toccandone in successione una parte qualsiasi, anch’essi
vengono evidenziati in giallo. Terminare il comando e, tornando alla
finestra di dialogo, esplodere i gruppi aggiunti alla 004 che dovrebbero
ora risultare vuoti. Terminare il comando con OK.

Si è intervenuti nella suddivisione in sketch dell’impianto.

ESApro – 3DP Pag. 41


T UT ORIAL

A questo punto lanciare il comando 3D Piping/Generazione


Sketch/Esportazione file ISO. Nella finestra che compare accettare
tutte le impostazioni e premere Genera ISO. Vengono creati tanti file
.ISO quanti sono i gruppi precedentemente definiti. I file si trovano
nella stessa cartella del disegno.

Se si è in possesso del modulo “ESApro ISO”, occorre adesso aprirlo e


lanciare il comando ISO/Importa file ISO, nella finestra che si apre
premere Sfoglia e selezionare il file .ISO relativo alla linea 004.
Accettare tutti i default e premere Importa. Viene generato un disegno
simile a quello illustrato in figura.

Rimane sempre possibile intervenire sui dati di cartiglio e sull’estetica


del disegno modificando grafica, testi, bollinatura e quote. Si potranno
inoltre aggiungere altri conteggi come: spezzonatura dei tubi, pesi,
superfici di pitturazione, saldature e coibentazione. Se lo sketch non
viene generato correttamente o la quotatura automatica non avviene,
occorre verificare che le linee piping non contengano disconnessioni
tra i componenti. Usare per questo il comando 3D Piping/Controlla
Connessioni.

ESApro – 3DP Pag. 42


ELENCO DEI COMANDI

4. ELENCO DEI COMANDI

In questo capitolo saranno descritti dettagliatamente tutti i comandi del


programma raggruppati secondo l’affinità del loro uso. Si raccomanda
di leggere questa guida dopo aver eseguito il tutorial, dove sono
esposte considerazioni, procedure e particolarità di esecuzione, e di
tornare sull'elenco dei comandi per un approfondimento delle opzioni
disponibili. In testa ad ogni paragrafo viene indicato come prelevare il
comando dai menu a tendina “3D Piping” o “3D Componenti”, si
intende che buona parte dei comandi descritti sono accessibili anche
dalle relative toolbar.

4.1. LINEA

Dal menu 3D Componenti, dalle Toolbar o dal Ribbon scegliere LINEA,


abbreviazione da tastiera LL.

ESApro – 3DP Pag. 43


ELENCO DEI COMANDI

E` il comando che permette di tracciare nello spazio l’asse della


tubazione. Quest’ultimo contiene i dati logici della linea come il
Numero di Linea, il Diametro Nominale e la Classe Tubazioni, dati
obbligatori, che saranno assunti dai componenti che vi risiederanno.
Contiene inoltre una serie di altri dati descrittivi, non obbligatori, che
verranno usati per la distinta delle linee. Prima di poter tracciare una
linea bisogna quindi definire questi dati attraverso la finestra di dialogo
indicata in figura.

La prima pagina fa capo alla linguetta “Identificativi & Descrittivi” e


contiene i dati identificativi della linea, la Classe, il Diametro Nominale
e alcuni altri parametri descrittivi.

Per creare una nuova linea è obbligatorio assegnarle un Numero di


Linea, una Classe e un Diametro Nominale, evidenziati in celeste, con
cui il programma sarà in grado di ricavare tutti i dati preassegnati nella
Classe. Il Numero di Linea, insieme ad Unità/Sistema e Diramazione
se valorizzati, costituisce il nome identificativo della linea che non
deve essere duplicato. Ognuno dei campi costituenti l'identificativo può
contenere una qualsiasi combinazione di caratteri alfanumerici e
determina la continuità della linea nel senso che accomuna tutti i tratti
e i componenti che lo condividono. Il Tipo di Fluido può opzionalmente
far parte dell'identificativo di una linea, in caso contrario deve essere
considerato un semplice descrittivo. Unità/Sistema, " Numero" e " Tipo
di Fluido" possono essere richiamati da elenchi a discesa, se già
presenti nel sistema o compilati. Il campo "Diramazione" solo
compilato.

Nel caso sia necessario continuare una linea esistente in genere il


nome identificativo e gli altri dati non devono cambiare. A questo
scopo nella maschera di creazione, basterà selezionare il pulsante
“Continua Linea <” e disegnarla partendo dall’estremo di una linea
esistente da cui saranno ricavate le informazioni necessarie a
continuarla con caratteristiche uniformi.

Se la combinazione di "Unità/Sistema", "Numero" e " Diramazione" di


una nuova linea risulta uguale a quella di una linea esistente il
programma lo segnala emettendo un messaggio di errore. La
generazione di due linee con lo stesso identificativo non viene però
impedita dal momento che può essere necessario in alcune occasioni.
Casoi tipici sono due spezzoni staccati della stessa linea generati da
operazioni di correzione che saranno alla fine ricollegati, la necessità
di proseguire la stessa linea, ma con caratteristiche diverse. Se non si
ESApro – 3DP Pag. 44
ELENCO DEI COMANDI

ricade nei casi precedenti, due tratti di linea con lo stesso identificativo
e scollegati, fisicamente, costituiscono un errore che può intendersi
sia di duplicazione sia di disconnessione. Quindi, l’insieme di tutti i
tratti e componenti di una linea con un dato identificativo deve
costituire una catena continua di elementi logicamente connessi, di
aspetto unifilare, con un verso, un solo inizio e una sola fine.

Nei dati descrittivi è possibile compilare i campi “Servizio”, "Area",


“Tipo di fluido” e le terminazioni “From”-“To” della linea.

Nella sezione " Classe e DN" è possibile accedere a due elenchi a


discesa che mostrano rispettivamente le Classi presenti nel sistema e i
Diametri nominali ammessi dalla Classe selezionata.

“Stato Linea” è un parametro, ad uso prevalentemente interno, che


rappresenta lo stato di avanzamento o di elaborazione della linea. Gli
stati possibili sono: “In Lavorazione”, “In Revisione”, “Supportata”,
“Stress Analysis”, “Sketch generato” e “Finita

Nella seconda pagina, identificata dalla linguetta “Processo e


Isolamento”, sono contenuti i dati di Pressione, Temperatura,
Isolamento, tracciatura e incamiciatura. L'isolamento consta di una
sigla, “Classe Isolamento”, di un materiale e di uno spessore fisico. Le
Classi di Isolamento vengono definite nell’apposito archivio
dell’ambiente “Gestione Specifiche” descritto più avanti.
Selezionandone una si scaricano nella maschera di creazione linea i
materiali e gli spessori precedentemente definiti.

Nella terza pagina, identificata dalla linguetta “Personalizzabili e Note”,


è possibile utilizzare fino a otto campi per scopi imprevisti e le Note. Le
etichette “Custom 1-8” possono essere personalizzate nell’ambiente
“Gestione Specifiche” con modalità descritte in seguito.

Se si stacca una derivazione da una linea, considerata principale, alla


derivazione deve essere assegnato un nuovo numero di linea.
Esistono però casi in cui è gradito che un gruppo di linee,
generalmente una principale e le sue derivazioni, condividano lo
stesso numero. A questo scopo si può usare per tutte le linee del
gruppo uno stesso numero a patto di indicare per ognuna di esse un
diverso codice di diramazione (casella a destra del numero di linea).
Attraverso la combinazione Numero di Linea/Diramazione il
programma sarà in grado di distinguere univocamente una linea da

ESApro – 3DP Pag. 45


ELENCO DEI COMANDI

un’altra, ma contemporaneamente certe operazioni potranno avvalersi


del raggruppamento determinato dall’uguaglianza del numero di linea.
Per fare due esempi: l’elenco linee riporterà tutte le linee con quel
numero in un’unica riga (la diramazione può non comparire nella
documentazione prodotta) e la procedura di suddivisione delle linee
per la produzione degli sketch automatici le accomunerà in un unico
file .ISO. Per maggiori informazioni vedere più avanti nel capitolo 4.25.
il paragrafo “Generazione Sketch”. Discorso analogo può essere fatto
per il Sistema (casella a sinistra del numero di linea). In due Sistemi
di impianto diversi si ammette che possano esistere due linee con
numero e diramazione uguale. In generale quindi si può immaginare
che il nome completo di una linea sia costituito da “Sistema” +
“Numero di Linea”+ “Diramazione”. Basta che uno di questi dati sia
diverso per ritenere la linea non duplicata. Significato diverso deve
essere attribuito al dato “Area” che indica l’appartenenza di una linea
ad una zona geografica dell’impianto. Proprio per questa ragione
cambia all’interno della stessa linea, identificata da
Sistema+Numero+Diramazione costanti, quando questa attraversa
aree diverse.

All’interno di uno stesso disegno è possibile usare il normale comando


AutoCAD “Copia” per duplicare parti qualsiasi di impianto contenenti
anche linee. E’ anche possibile copiare linee da un disegno ad un altro
senza perdita di informazioni utilizzando le normali procedure di “Copia
ESApro – 3DP Pag. 46
ELENCO DEI COMANDI

e Incolla”, “Drag and Drop” e l’inserimento di un blocco contenente


tubazioni, dopo la sua esplosione. In generale questi comandi servono
a replicare una parte qualsiasi di impianto esistente, ma è bene non
confondere questo scopo con gli inserimenti di valvole o componenti
sulle linee, che devono essere eseguiti con i comandi predisposti del
programma.

In ogni caso al termine dell’operazione il programma verifica che non


esistano linee con codici duplicati e, nel caso, attiva una procedura con
cui richiede di rinominarle. Nella maschera che compare sono elencate
tutte le linee da rinominare a cui il programma assegna
provvisoriamente il nome “#…” seguito dal vecchio numero o, nel caso
sia attiva l’opzione “Numeri di linea automatici”, il primo numero di
linea libero. L’utente può accettare quanto proposto e modificarlo
successivamente con il comando di “Correzione Dati” o, in alternativa,
assegnare direttamente il nuovo numero. Per quanto detto in
precedenza sono presenti anche i campi “Sistema” e “Diramazione”, in
quanto il nuovo numero di linea può essere formato anche da una loro
composizione.

Terminata la fase di compilazione dati si passa alla stesura geometrica


della linea. A questo scopo il comando contiene una serie di opzioni
per riposizionare e orientare il sistema di riferimento in modo da
percorrere facilmente le direzioni lungo gli assi assoluti X, Y, Z e inoltre
per determinare l'inclinazione della linea quando fuoriesce dagli assi o
dai piani principali XY, YZ e ZX.

Il comando richiede di indicare il primo punto della linea che può


essere una coordinata introdotta numericamente o secondo le normali
procedure di AutoCAD, o attraverso le seguenti opzioni che si possono
ottenere premendo la lettera indicata in maiuscolo seguita da INVIO:

Primo estremo della Linea o [psNap/riFerimento/Collega]:

o psNap, attiva la ricerca del primo punto su una tubazione


esistente mediante la funzione Pipe-Snap (Per una descrizione
dettagliata di Pipe-Snap vedi il capitolo “Concetti di Base”)

o SSnap, attiva la ricerca del primo punto su una tubazione


esistente mediante la funzione Stru-Snap (Per una descrizione
dettagliata di Stru-Snap vedi il capitolo “Concetti di Base”)

ESApro – 3DP Pag. 47


ELENCO DEI COMANDI

o riFerimento, permette di indicare un punto base a cui riferirsi per


la determinazione del primo punto della linea.

Indicare un punto base o [psNap]:

Successivamente si attiva un’altra linea di opzioni:

Distanza dal Riferimento o [Sinistra/Destra/Elevazione/Base


Angolo/Ruota/rX/rY/rZ/Oggetto/psNap/Vista]:

Esse sono in tutto simili a quelle offerte per la determinazione di


un punto qualunque della linea, spiegate nel seguito. In questo
caso bisogna solo porre attenzione al fatto che si sta
determinando la distanza dal punto di riferimento per ottenere il
punto finale desiderato. L’opzione “Base”, presente solo durante
la determinazione della distanza dal riferimento, inserisce una
distanza lungo l’asse Z, pari alla metà del diametro esterno della
tubazione in costruzione. Risulta utile per trovare la quota
dell’asse necessaria ad appoggiare la base della tubazione su un
sostegno.

o Collega, richiede di indicare il primo e l’ultimo punto della linea e


inizia un processo di ricerca automatica del percorso per
collegarli. Vedere la descrizione dettagliata più avanti nel capitolo.

o Primo estremo della linea, richiede di indicare un punto con i


mezzi usuali di AutoCAD, sono preimpostati gli snap “Fine” e
“Vicino”.

Dopo aver introdotto il primo punto con uno dei metodi descritti sopra,
il comando prosegue con la richiesta di indicare i punti successivi.
Compaiono una serie di opzioni che essenzialmente sono metodi
guidati di posizionamento del sistema di riferimento nello spazio:

Lunghezza Punto o [Sinistra/Destra/Elevazione/Angolo/Ruota/


rX/rY/rZ/Oggetto/riFerimento/sNap/Vista/Pian/Icona/Collega/annUl
la]:

o Punto o Lunghezza, permette di inserire in successione gli altri


punti della tubazione usando i mezzi usuali di AutoCAD o
indicando una lunghezza lungo la direzione corrente indicata dal
cursore.

ESApro – 3DP Pag. 48


ELENCO DEI COMANDI

o Sinistra, Destra e Elevazione: orientano il


piano XY del sistema di riferimento sulla
faccia sinistra, destra e superiore di un
ipotetico cubo isometrico, come in figura.
L'origine del sistema di riferimento viene
portata sul punto corrente. I tre piani sono
sempre paralleli ai piani assoluti XY, YZ e ZX.
La scelta dei tre tasti S, D, E è stata guidata anche dal fatto che
questi sono posizionati in maniera analoga sulla tastiera. Nel
piano XY così ottenuto si può disegnare liberamente come si era
soliti fare nell’ambiente 2D. Con la modalità ortogonale inserita,
AutoCAD permette di disegnare la linea lungo Z quando ci si
avvicina con il mouse a questa direzione. Il piano XY opportuno
deve invece essere impostato manualmente quando si desidera
stendere una linea inclinata su quel piano. Allo scopo di orientare
gli assi X,Y, di interesse prevalente visto che individuano il piano
di disegno, si privilegiano le rotazioni attorno all’asse Z descritte
nelle opzioni seguenti.

o Angolo, ruota il sistema di riferimento attorno all'asse Z


dell'angolo desiderato.

o Ruota: ruota il sistema di riferimento a salti di 15° attorno all'asse


Z.

o ruota X, Y, Z, ruotano il sistema di riferimento di 90°


rispettivamente attorno all'asse X, Y e Z. Sono principalmente
usati per impostare la direzione Z desiderata e poi utilizzare le
due opzioni precedenti.

o Oggetto: permette attraverso Pipe-Snap di prelevare la direzione


di un componente piping esistente e restituisce un sistema di
riferimento con l’asse X ad esso allineato. L’origine del sistema di
riferimento rimane quella corrente.

o psNap: permette la ricerca di un punto notevole su una tubazione


esistente mediante la funzione Pipe-Snap.

o riFerimento, permette di determinare il punto desiderato


attraverso il riferimento ad un altro punto, come già descritto in
precedenza per il primo punto della linea.

ESApro – 3DP Pag. 49


ELENCO DEI COMANDI

o Vista, posiziona il sistema con il piano XY parallelo allo schermo.

o Icona, è uno strumento che migliora in maniera


consistente il processo necessario a stabilire il
percorso di una linea. Si tratta di un simbolo che
rappresenta tre piani ortogonali, colorati in
maniera diversa per distinguerli facilmente, che
può essere inserito in numero e posizione qualsiasi nello spazio.
Il comando Linea viene sospeso e si avvia il processo di
posizionamento che può essere molto accurato e viene effettuato
attraverso le opzioni già viste dedicate alla gestione del sistema
di assi. Anche in questo caso è presente l’opzione “Base” per
spostare il simbolo lungo Z di metà del diametro della tubazione.
La stessa funzionalità è accessibile anche dal comando
Posiziona UCS esposto più avanti. In quest’ultimo caso però,
siccome non è stata avviata la costruzione di una linea il
diametro esterno non è noto. Viene richiesta allora una Classe
tubazioni e un DN prima di poter applicare lo spostamento lungo
Z. Una volta inserito un simbolo in posizione opportuna, il
comando Linea viene riattivato. Ogni tratto in esecuzione può
adesso essere facilmente prolungato fino all’intersezione ideale
con uno dei piani dell’icona attraverso l’opzione Piano descritta
successivamente. Con questo strumento è possibile trovare
facilmente il percorso da un bocchello ad un altro o scartare un
ostacolo a distanza prefissata. Riferirsi al tutorial per un esempio
pratico sull’uso di questo strumento.

o Piano, utilizza le Icone dei piani ausiliari appena descritti e invita


a sceglierne uno. Il programma rappresenta allora il segmento di
linea che va ortogonalmente dal punto corrente al piano indicato.
Se questa é la soluzione cercata si può confermare con “Invio”.
Diversamente è possibile stabilire una direzione diversa
numericamente o puntandola a video tra il punto ancorato e la
posizione corrente del cursore mediante un click con il tasto
sinistro del mouse. In ogni caso programma disegna un
segmento di linea che va dal punto corrente all’intersezione con il
piano indicato, lungo la direzione desiderata. Se la direzione
indicata non interseca il piano viene emesso un messaggio
d’errore.

ESApro – 3DP Pag. 50


ELENCO DEI COMANDI

Se si disegnano linee fuori dagli assi o dai piani coordinati, si innesca


un meccanismo per la determinazione dell'orientamento e della
lunghezza della tubazione nello spazio.

Valore componente o [Angolo/Pendenza/Ignora] <Invio per Ignorare>:

o Valore componente, il comando fa comparire un'immagine delle


componenti e richiede il valore di quella evidenziata in magenta.
Nel piano le componenti richieste saranno in totale due, nello
spazio tre. I valori introdotti determineranno la lunghezza e
l’orientazione finale del tratto di linea.

o Angolo, permette l'introduzione diretta del valore dell'angolo


evidenziato tra le due componenti magenta. Nello spazio gli
angoli richiesti saranno due, uno di orientazione nel piano XY e
uno di elevazione dal piano XY assoluto. In questo caso la
lunghezza del tratto non sarà cambiata dal programma.

o Pendenza, permette l’introduzione dell’inclinazione mediante la


pendenza percentuale.

o Ignora o Invio, permette di procedere al disegno del tratto di linea


successivo ignorando la richiesta di immissione delle componenti
o degli angoli. Questa opzione può essere usata se con altri
mezzi la tubazione è già stata orientata in maniera esatta. Si
possono infatti usare i meccanismi di rotazione del sistema di
riferimento sopra esposti, o le coordinate polari o sferiche di
AutoCAD, per ottenere direttamente una tubazione orientata
nella direzione voluta.

o Collega, richiede di indicare il punto finale desiderato e inizia un


processo di ricerca automatica del percorso per connetterlo.

o annUlla, in caso di errore cancella l’ultimo tratto di linea


disegnato e permette di tornare a quello
precedente.

In ogni caso i dati identificativi precisati nella


maschera iniziale di creazione della linea
saranno annotati in tutti i tratti disegnati. Il
programma li ritiene un unico oggetto dal
momento che condividono lo stesso Numero di

ESApro – 3DP Pag. 51


ELENCO DEI COMANDI

Linea.

Percorsi automatici tubazioni, descrizione dettagliata


Viene qui esaminata in dettaglio la funzionalità del comando di
creazione della linea (opzione “Collega”) che permette di trovare
automaticamente un percorso tra due bocchelli. Una volta stabiliti i
punti di ingresso e di uscita da connettere il programma propone sei
soluzioni possibili nello spazio, caso più generale, due se i due
bocchelli sono complanari e una nel caso di collinearità. E’ anche
possibile terminare in automatico una linea già iniziata, o continuarne
una esistente, indicando il solo bocchello finale. Questa funzione è
disponibile durante la costruzione del solo asse tubazioni, non nella
modalità “Segue Linea”. Per questa ragione il programma disegna una
linea solida provvisoria, il cui diametro è maggiorato dello spessore
della coibentazione eventuale, per poter segnalare eventuali
interferenze dei percorsi trovati. Il controllo di interferenza è abilitato se
nel pannello delle "Opzioni di Lavoro" è spuntato "Controllo
interferenze in linea". E’ da segnalare che è anche possibile usare in
maniera trasparente i comandi “Pan”, “Zoom” e “Orbita 3D”. E’
possibile che il percorso trovato non sia perfettamente coerente con
l’intento dell’utente, ma è comunque utile usarlo come valida base per
ottenere quello definitivo attraverso semplici operazioni di modifica. In
presenza dei soli assi della tubazione basta infatti impostare un
sistema di riferimento opportuno e poi stirare con i comandi standard di
AutoCAD le linee nello spazio.

Iniziando una nuova linea, senza indicare ancora nessun punto, si


trova l’opzione “Collega”.

Primo estremo della linea o


[psNap/riFerimento/Collega]:

Digitando “C” il programma risponde:

Indicare il bocchello iniziale

Di seguito le istruzioni standard per il puntamento:

Indicare l'estremo di un asse o di un


componente: *PipeSnap*

Punto o (Zoom/zoom Precedente/oSnap):

ESApro – 3DP Pag. 52


ELENCO DEI COMANDI

Con la stessa procedura usata nei montaggi il programma ricerca con


la funzione *PipeSnap* l’estremo di un oggetto Piping, non
necessariamente un bocchello, per stabilire con certezza il punto di
partenza e la direzione di uscita. Nel caso si voglia iniziare da una
linea non Piping, come l’asse del bocchello di un apparecchiatura
importata, si può rispondere con oSnap per attivare la ricerca
attraverso l’OSNAP “Fine” di AutoCAD. In questo caso infatti la
funzione *PipeSnap* non troverebbe punti notevoli e non
visualizzerebbe nessun pallino giallo. Eseguito il puntamento viene
mostrato un simbolo che esce dalla linea o dal bocchello indicati.

Con le stesse modalità viene richiesto di indicare il punto finale della


linea:

Indicare il bocchello finale:

Indicare l'estremo di un asse o di un componente: *PipeSnap*

Punto o (Zoom/zoom Precedente/oSnap):

A questo punto il programma propone fino a sei alternative che si


ottengono a rotazione premendo il tasto sinistro del mouse.

Click per nuovo percorso o <Invio per continuare>:

Concludendo il processo con invio, il programma restituisce la linea


che passa sul percorso prescelto.

Come già accennato, si


può iniziare una linea
normalmente, o
continuarne una
esistente, e ad un certo
punto attivare il
collegamento
automatico. In questo
caso verrà richiesto
solo il bocchello finale.
Il programma proporrà
le alternative dall’ultimo punto della linea in poi con le stesse modalità
indicate in precedenza.

ESApro – 3DP Pag. 53


ELENCO DEI COMANDI

E’ da segnalare che continuando una linea esistente il percorso


automatico non ha la direzione vincolata, come nel caso di uscita da
un bocchello, e pertanto può assumere qualunque orientamento.
Questo può stupire se il tratto esistente contiene già dei componenti, la
cui presenza viene invece ignorata dalla procedura. Per esempio, se si
piazza una valvola su un bocchello e si prosegue da lì in automatico,
uno dei percorsi proposti potrebbe partire trasversalmente al suo asse.
Ciò è da ritenersi normale, basta immaginare di togliere i componenti
esistenti dalla linea per vedere che la soluzione proposta
riacquisterebbe significato.

La ricerca del percorso può essere influenzata da due parametri:

o Lunghezza minima del tratto di uscita e di ingresso in direzione


dei bocchelli, quando un percorso arriva trasversalmente ad un
bocchello il programma aggiunge un segmento di linea lungo il
suo asse. La lunghezza minima di questo segmento si può
impostare nel pannello delle “Opzioni di Lavoro” come multiplo
del diametro esterno della tubazione. Il valore preimpostato è tre
volte il diametro, in genere sufficiente ad accogliere almeno una
curva e una flangia.

o Direzione lungo la quale vengono stesi i percorsi automatici, In


mancanza di indicazioni diverse i percorsi automatici fluiscono
lungo gli assi del sistema di riferimento assoluto. Se le tubazioni
circostanti sono inclinate diversamente potrebbe essere
opportuno che i percorsi assumessero la stessa inclinazione. A
questo scopo si usa l’opzione “Tubazioni” nel comando di
posizionamento UCS. Impostando il comando normalmente il
programma risponde con:

Nuova origine UCS o

[Sinistra/Destra/Elevaz../Angolo/Ruota/rX/rY/rZ/Oggetto/psNa
p/Vista/Icona/Cancella/Tubazioni/Globale] <Invio per
terminare>:

ESApro – 3DP Pag. 54


ELENCO DEI COMANDI

Dopo aver orientato il sistema come desiderato, inserendo


l’opzione “Tubazioni” il programma risponde:

D’ora in poi la ricerca dei percorsi sarà eseguita lungo le


direzioni indicate. Le due figure chiariscono il significato delle
precedenti affermazioni per una inclinazione orizzontale di 15°
del sistema per le tubazioni.

ESApro – 3DP Pag. 55


ELENCO DEI COMANDI

4.2 LINE MANAGER

L'utilizzo della linea, come esposto al paragrafo precedente,


presuppone la gestione della sua anagrafica, intesa come l'insieme dei
dati che si possono indicare nella maschera di creazione/modifica e
che la caratterizzano. La gestione centralizzata di tutte le linee di un
progetto è affidata ad una applicazione esterna chiamata "Line
Manager". Questa è visibile da tutte le applicazioni ESApro (ESApro
P&ID, ESApro 3D Piping, ESApro ISO) che lavorano sulla stessa
commessa facilitando l'uso delle linee, il controllo e lo scambio dati tra
le applicazioni.

Sono presenti due modalità operative, una delle quali dovrà essere
chiaramente indicata tramite le "Opzioni di Commessa" prima di
iniziare il lavoro:

 Anagrafica linee da "Line Manager" o Preventiva

 Anagrafica linee alimentata da '"Ambiente grafico"

ESApro – 3DP Pag. 56


ELENCO DEI COMANDI

Modalità con Anagrafica Linee Preventiva

Questo sistema presuppone che ci sia un Supervisore della commessa


ed è particolarmente adatto ad impianti con elevato numero di linee e
molti disegni (es.: P&ID multifoglio, modellazione 3D per aree o
creazione manuale di sketch isometrici). In questa modalità di lavoro
l’anagrafica delle linee viene compilata preventivamente dal
Supervisore che in questo modo determina la quantità e le
caratteristiche delle linee che devono essere disegnate. Gli utenti non
dovranno fare altro che attingere da questa anagrafica ogni volta che
creeranno una nuova linea.

In questa fase compare la consueta maschera dove gli utenti possono


solo impegnare linee già inizializzate in "Line Manager". Il fondo della
finestra diventa celeste ad evidenziare che si è scelta una linea già
inizializzata in "Line Manager", obbligatorio in questa modalità. I dati di
linea vengono visualizzati lasciando la possibilità di modificarne solo
alcuni chiamati "Dati di tratto". Questi sono quei dati che possono
cambiare lungo linea (es: Area, Classe, DN, Isolamento...). E' invece
impedita la modifica dei dati "Generali", quelli cioè che sono costanti
su tutti i tratti della linea. L'utente è dunque libero di eseguire una linea
con diametri diversi dal default indicato in "Line Manager", o con
diversa "Classe di Isolamento. Viceversa non può modificare il "Tipo di
Fluido" o la "Pressione di Progetto" che sono prerogativa del
supervisore della commessa.

Nella tabella successiva viene indicato un sommario dei dati di linea


specificandone l'appartenenza ad una delle due tipologie e l'ambiente
in cui sono modificabili.

Campo Tipo Modificabile in

Unità/Sistema Generale Line Manager

Numero di linea Generale Line Manager

Diramazione Generale Ambiente grafico, le diramazioni sono in

ESApro – 3DP Pag. 57


ELENCO DEI COMANDI

realtà rami di una sola linea.

Area Tratto Ambiente grafico

Classe Tratto Ambiente grafico

DN Tratto Ambiente grafico

Servizio Generale Line Manager

Fluido Generale Line Manager

From/To Generale Ambiente grafico per ESApro P&ID, Line


(solo 3DP/ISO) Manager per ESApro 3D Piping e ISO.

Bocchello Tratto Ambiente grafico, una linea può avere più


From/To bocchelli collegati alle varie diramazioni.

(Solo P&ID)

Stato Linea Generale Anagrafica linee.

Pressioni Generale Anagrafica linee.

Temperature Generale Anagrafica linee.

Classe Tratto Ambiente grafico.


Isolamento

Tracciato e Tratto Ambiente grafico.


Incamiciato

Disponibili e Note Generale Anagrafica linee.

Modalità con Anagrafica Linee Alimentata da ambiente Grafico

Questa modalità di lavoro non prevede nessun supervisore di


commessa. I dati di linea vengono definiti nella maschera di
creazione/modifica già descritta. Il funzionamento è quindi in tutto

ESApro – 3DP Pag. 58


ELENCO DEI COMANDI

simile a quello delle versioni precedenti di ESApro che non facevano


uso del "Line Manager". La differenza risiede nel fatto che i dati della
linea, definita in questo caso nell'ambiente grafico, vanno comunque
ad alimentare l'anagrafica centralizzata in "Line Manager". Un
secondo utente che lavora ad un'altro documento della stessa
commessa può immediatamente avvalersi della linea già presente,
senza correre il rischio di riscriverne i dati caratteristici in maniera
discordante. In questo caso però, non è prevista nessuna limitazione
alla modifica dei campi “Generali”. Pertanto ogni utente sarà libero di
modificarne il valore dalla finestra "Correzione Dati" o dall’applicazione
“ESApro Line Manager” descritte più avanti. ". Il fondo della finestra di
creazione linee diventa celeste quando è stata selezionata una linea
già inizializzata in "Line Manager", altrimenti rimane bianco.

Al "Line Manager" si accede mediante il pulsante presente nel


Ribbon,nel Menu 3DPiping o nelle Toolbar. La maschera che compare
riporta in alto il nome del Data Base e la modalità corrente (Line
Manager o da Grafica) prevista per la commessa evidenziata nella
colonna a sinistra. A destra viene mostrato l'elenco linee e tutti i campi
dati che costituiscono la loro anagrafica. Le linee assumono un colore
convenzionale a seconda del loro stato. I pulsanti della sezione "Filtri
Linee" permettono di visualizzare solo lo stato desiderato.

 Bianco, linea inizializzata in "Line Manager" o da "Grafica". Nel


primo caso la linea viene inizializzata tramite il pulsante di
inserimento. Nel secondo caso la linea risulta inizializzata non
appena un utente la crea in un qualsiasi disegno della
commessa. In ogni caso la maschera di creazione linea, già
descritta, risulta la stessa.

 Verde, linea impegnata. In ogni caso una linea viene


considerata impegnata quando è usata in un disegno e
compare effettivamente nell'archivio linee della commessa.
Operazione da eseguire tramite il comando "Estrazione Dati",
descritto in seguito, che comporta anche un salvataggio del
documento. Non si tiene conto quindi in tempo reale di
operazioni di modifica, cancellazione, annullamento di una
linea, né del mancato salvataggio del disegno o del verificarsi
di un qualsiasi evento di errore.

 Rosso, linea modificata. La modifica della linea evidenziata si


esegue in "Line Manager" tramite il pulsante "Modifica" o in

ESApro – 3DP Pag. 59


ELENCO DEI COMANDI

"Grafica" con il comando "Correzione Dati" descritto più avanti.


In ogni caso bisogna considerare che la linea può essere stata
usata in più disegni che quindi dovranno essere aggiornati. La
conferma di questo stato è la colorazione della linea che passa
da Verde a Rossa. La modifica dei dati di tratto, che in "Line
Manager" hanno il solo significato di default proposti, non
impone l'aggiornamento dei disegni né il cambiamento di
colore. La modifica di una linea non impegnata, Bianca, non
comporta il cambio di colore in quanto nessun documento la
sta ancora usando. L'aggiornamento dei disegni interessati
dalle modifiche di linea viene eseguita in apertura del disegno,
ritornando al disegno da "Line Manager" o tramite una
procedura Batch, descritta in seguito, su tutti i disegni di una
commessa. Quando tutti i disegni interessati dalla modifica di
una linea sono stati aggiornati, la linea ritorna in "Line
Manager" di colore Verde.

Esaminiamo in dettaglio i comandi del "Line Manager" presenti in


basso.

Esci, termina la sessione corrente di "Line Manager"

Inserimento, fa comparire la maschera di creazione di una nuova linea.


In colori diversi sono evidenziati i campi relativi ai dati di "Tratto" e
quelli "Generali". Creare la linea significa inizializzarla, la nuova linea
appare in elenco di colore Bianco. Se si crea una linea con un
identificativo già presente in elenco, questa non viene accettata e il
programma emette un messaggio di errore.

Modifica, fa comparire la stessa maschera usata per la creazione. Se


si modifica una linea non usata (Bianca), nessun disegno deve essere
aggiornato e il colore rimane Bianco. Se la linea è impegnata (Verde)
cambia colore solo se si modifica un dato "Generale". I dati di "Tratto"
sono considerati dei default e possono essere modificati localmente
nei disegni. Si fa notare che se si annulla una modifica che ha portato
lo stato della linea da "Verde" a "Rosso", la linea rimane Rossa.
Questo perché prima dell'annullamento, la modifica potrebbe essere
stata usata da un altro utente su un altro documento. Rimane quindi la
necessità di aggiornamento dei disegni in cui la linea è usata.

Cancella, cancella una linea da "Line Manager" solo se la linea non è


impegnata in qualche documento. In caso contrario la cancellazione è

ESApro – 3DP Pag. 60


ELENCO DEI COMANDI

impedita. Si fa notare che, a commessa conclusa, le linee di colore


Bianco possono essere cancellate in quanto non usate in nessun
documento della commessa.

Importa Linee, permette di definire un file Excel esterno da cui


importare un elenco linee in "Line Manager". Il tracciato record deve
essere conforme ad un template di nome Import_Lines.xlsx presente
nella cartella ...\ESApro V7\Common.

Relazioni, produce una report che elenca i documenti della commessa


dove la linea selezionata è usata. I documenti possono essere disegni
P&ID, modelli 3D di piping o Sketch isometrici.

Opzioni di Commessa, fa comparire la maschera delle "Opzioni di


Commessa" descritta più avanti.

Inserimento Commessa, permette di definire una nuova commessa


anche senza accedere all'ambiente "Commesse" dove l'operazione
viene normalmente eseguita e dove si rimanda per una descrizione
della procedura.

Gestione Database, permette l'accesso alla procedura "Gestione


Database" descritta più avanti.

Come già accennato, sul


Desktop è presente una
icona (3DP Update Batch)
che lancia l'applicazione di
aggiornamento dei disegni
di una Commessa, a
seguito delle modifiche dei
dati generali delle linee
contenute in Line Manager.
Dopo aver scelto un
Database di riferimento,
pulsante "Gest. Database"
e una commessa
nell'elenco commesse, si vedranno selezionati i disegni che
necessitano di aggiornamento. In ogni caso si possono selezionare altri
disegni forzando l'aggiornamento anche per questi ultimi. Il pulsante
"Esci" termina il processo, "Agg. Dis." lancia l'aggiornamento, "Gest.
DB" lancia l'applicazione Gestione Database descritto più avanti.

ESApro – 3DP Pag. 61


ELENCO DEI COMANDI

4.3. SEGUE LINEA

Dalla toolbar 3D Componenti o dal Ribbon scegliere SEGUE LINEA.

Permette di eseguire contemporaneamente l’asse di una linea, con


modalità identiche alla stesura del solo asse, ed il rivestimento di
quest’ultimo con tubi e curve di Classe e DN conformi alla Classe
tubazioni impostata sulla linea. Se ci sono più curve ammesse dalla
Classe tubazioni il programma propone le alternative possibili. Se si
traccia un solo segmento di linea viene
eseguito il rivestimento con un solo
tubo. Dopo aver tracciato almeno 2
tratti viene disegnata una curva ed il
tubo ad essa collegato, l’ultimo tratto di
tubo viene completato all’uscita del
comando. Se la linea inizia o termina su
una linea preesistente viene eseguita
una derivazione sempre rispettando le
indicazioni della Classe e della Branch
Table, proponendo le eventuali
alternative possibili.

4.4. VESTIZIONE AUTOMATICA

Dalla toolbar 3D Componenti o dal Ribbon scegliere VESTIZIONE


AUTOMATICA.

Esegue il rivestimento automatico di una o più


linee preesistenti con tubi e curve di Classe e DN
conformi alla linea. Richiede di selezionare un
asse o un componente qualunque delle linee da
rivestire. La selezione di più linee può anche
essere eseguita con finestra. Gli eventuali
componenti estranei alle linee vengono
automaticamente ignorati. Se la linea inizia o
termina su una linea preesistente viene eseguita
una derivazione, sempre rispettando le
indicazioni della Classe e della Branch Table. In
caso di derivazioni multiple concorrenti in un
unico punto il programma propone le alternative
possibili nel rispetto della geometria delle
ESApro – 3DP Pag. 62
ELENCO DEI COMANDI

derivazioni. Così verrà proposto anche un


giunto a croce, nel caso di due derivazioni
opposte, o un T e mezzi manicotti se le
derivazioni sono a 90°. Se lungo la linea
sono presenti derivazioni il comando
inserisce il componente derivatore previsto
dalla Classe e dalla Branch Table. In ogni caso, se gli elementi
derivatori esistono già sulla linea, il programma ignora invece
l’inserimento e aggiusta i tubi attorno.

Se la linea da rivestire non è nuova, ovvero è una linea esistente con


alcuni tratti finiti e altri in tutto o parzialmente vuoti, il comando si
occupa di completare con tubi, curve e derivazioni solo le parti
incomplete, senza rischi di sovrapposizioni.

E’ importante tenere presente queste linee guida durante l’esecuzione


del comando:

o L’intento della procedura è quello di rivestire assi tubazioni con


caratteristiche uniformi di diametro e classe tubazioni. Se su una
linea sono presenti tratti contigui non uniformi il programma si
arresta avvisando della discontinuità e invitando a rilanciare la
procedura nel tratto contiguo. Il programma non inserisce quindi
riduzioni.

o Se si selezionano più linee alla volta si consiglia di limitarne il


numero in modo da poter sorvegliare lo svolgimento della
procedura. Si avrà così modo di individuare agevolmente le zone
dove eventualmente intervenire con rifiniture manuali, vedi il
caso esposto nel punto precedente.

o In mancanza di curve o derivatori validi nella classe tubazioni il


programma non può funzionare. Il giunto a spicchio di due tubi
successivi non è gestito. E' invece rispettata la derivazione
diretta tubo su tubo se abilitata. Se non sono presenti curve o
derivatori validi nella classe tubazioni il programma avvisa
dell'errore e il processo si interrompe.

o Il programma non mette elbolet e derivazioni raccordate, vedi più


avanti tra le curve. Entrambi i componenti devono essere
aggiunti successivamente.

ESApro – 3DP Pag. 63


ELENCO DEI COMANDI

4.5. COLLETTORI CIRCOLARI

Dalla toolbar 3D Componenti o dal Ribbon scegliere COLLETTORI


CIRCOLARI.

Esegue un collettore circolare di largo raggio, esempio tipico gli anelli


antincendio dei serbatoi di carburante. La tubazione circolare viene
approssimata con una spezzata di tubi rettilinei raccordati da curve
piegate. Questo permette di superare il problema geometrico
dell’inserimento di componenti diritti, valvole, pezzi a T o altro, su una
tubazione curva, cosa che il programma non ammette, anche se in
realtà, quando il raggio dell’anello è sufficientemente ampio, il
montaggio fisico dei componenti viene comunque eseguito. La
presenza delle curve a piega rende più vicino al vero l’aspetto
dell’anello e fa sì che non vengano conteggiate inutili saldature tra i
tubi giuntati direttamente a spicchio. Quantopiù è grande il raggio del
collettore rispetto al diametro del tubo tantopiù la forma e la lunghezza
complessiva dell’anello realizzato approssimano bene quelle reali.

Il collettore viene disegnato sul piano XY corrente, che quindi deve


essere preventivamente impostato. Il comando inizia col richiedere i
dati della nuova linea che si sta realizzando. E’ necessario che la
classe della linea preveda le curve ottenute dal tubo piegato.
Successivamente richiede centro e raggio del collettore. A questo
punto il comando risponde:

Lunghezza Tratto corrente: 533.4

Selezionare un'opzione [Tratto/Aperto/Chiuso] <Invio


per Chiuso>:

La lunghezza del tratto diritto visualizzata è quella preimpostata dal


programma ed equivale a sei volte il diametro della linea. E’ stato
ritenuto sufficiente ad accogliere una valvola flangiata o un pezzo a T,
senza interferire con le pieghe di raccordo con il tratto contiguo. Ma se
si ritiene necessario questo valore può essere cambiato mediante
l’opzione “Tratto”. Le altre opzioni “Aperto” o “Chiuso” permettono di
decidere la natura dell’anello. Se si desidera aperto se ne può indicare
l’angolo iniziale e finale.

In ogni caso il programma prosegue richiedendo:

ESApro – 3DP Pag. 64


ELENCO DEI COMANDI

Indicare l'angolo dei componenti intermedi o <Invio


per nessuno o terminare>:

E’ consigliabile predisporre
una serie di ausili che
aiutino a determinare gli
angoli inizio e fine di un
anello aperto e la
posizione dei componenti
desiderati. La figura
illustra un esempio
possibile. Il programma
predispone una serie di
Osnap che permettono di
catturare facilmente i punti
desiderati.

Si possono indicare gli


angoli dove saranno inseriti dei componenti. In quel punto il
programma realizzerà un tratto rettilineo. Gli spazi rimanenti verranno
suddivisi equamente
tenendo come base il
valore del tratto
diritto impostato. Nei
punti indicati viene
visualizzata la
dimensione del tratto
allo scopo di evitare
che due tratti, e
quindi i futuri
componenti si
sovrappongano. Se
non si indicano angoli
il programma divide
l’anello equamente.
Dove sarà inserito un
componente, il tratto diritto risulta tangente all’anello. Quindi il
posizionamento del componente sarà corrispondente a quello eseguito
sulla vera tubazione curva.

ESApro – 3DP Pag. 65


ELENCO DEI COMANDI

4.6. TUBO SINGOLO

Dalla toolbar 3D Componenti o dal Ribbon scegliere TUBO SINGOLO.

Esegue un tratto singolo di tubazione


su un asse preesistente. Per la
selezione dei punti è predisposta la
funzione Pipe-Snap. Mediante
l’opzione “Osnap” si passa invece alla
selezione mediante gli snap Fine,
Medio, Centro. Se la linea inizia o
termina su una linea preesistente viene eseguita una derivazione
conforme alla Classe e alla Branch Table. Il comando ignora invece le
derivazioni già presenti lungo il percorso del tubo. Il comando può
generare estremità tagliate ad angoli diversi da 90° quando la
tubazione si accosta ad una curva a settori del tipo raffigurato, o
quando si giuntano direttamente due tubazioni senza l’interposizione di
una curva.

L’inserimento di un tubo singolo, e i programmi di vestizione


automatica descritti in precedenza, gestiscono anche la sottostante
presenza di spezzoni di assi collineari (tipicamente lasciati da una
precedente situazione generata dai montaggi descritti più avanti). Il
nodo tra due assi collineari viene normalmente ignorato e la tubazione
viene costruita solo tra due veri cambi di direzione.

Un singolo tubo può quindi comprendere


più tratti di assi sottostanti. Se però le
caratteristiche dei tratti non sono uniformi
(cambio di DN Classe o numero di
linea), il comando si ferma al confine tra
le due linee e viene generato un
messaggio di avvertimento:

E’ da notare che l’unico componente adatto a posizionarsi e a tagliare


adeguatamente due tubi collineari contigui di diametro differente è la
riduzione, che peraltro assume le caratteristiche di una delle due linee,
quella selezionata durante l’inserimento. Generalmente ha poco senso
inserire altri componenti a cavallo di due tubazioni con caratteristiche
differenti.

ESApro – 3DP Pag. 66


ELENCO DEI COMANDI

E’ possibile limitare la lunghezza massima delle tubazioni disegnate


attraverso un valore assegnato negli allegati di ogni Classe Tubazioni,
descritti più avanti. Superata tale lunghezza il programma disegna un
nuovo tubo adiacente al primo. Tutti i programmi di generazione
rispettano l’impostazione ed eseguono la spezzonatura alla lunghezza
indicata (per disattivare questa impostazione impostare a 0 la
lunghezza massima). La spezzonatura può
generare l’ultimo tratto di tubo di lunghezza non
desiderata. Tali situazioni possono essere
corrette con un successivo intervento manuale.

Negli stessi allegati si può impostare anche una lunghezza minima che
è invece un valore al di sotto del quale si genera un messaggio di
avvertimento. Il breve tratto adiacente alla riduzione in figura verrebbe
quindi segnalato. Per disattivare questa funzione impostare a 0 la
lunghezza minima.

Il normale comando Stira (Stretch) di AutoCAD è stato potenziato


aggiungendo la possibilità di stirare i tubi insieme agli assi. Per poter
stirare correttamente una linea Piping occorre prima di tutto stabilire un
sistema di riferimento adeguato (la direzione di stretch dovrebbe
comodamente potersi indicare lungo gli assi X,Y).Si rammenta che per
selezionare l’area da stirare in AutoCAD, è possibile utilizzare due tipi
di finestre di selezione: Interseca/Crossing (finestra rettangolare) o
IPoligono/CPoligon (finestra poligonale). Quest’ultima generalmente
più idonea in quanto nello spazio 3D la selezione rettangolare non
consente normalmente di isolare gli oggetti desiderati. Il comando è in
grado di stirare tubi solo lungo la direzione originale della linea. Non
sono quindi ammessi cambi di direzione.

ESApro – 3DP Pag. 67


ELENCO DEI COMANDI

4.7. TUBO COMPOSITO

Per tubo composito si intende un oggetto idealmente composto dalla


combinazione di un tubo e uno o due terminali.

Esempi reali sono le condotte in


ghisa, in cemento o in PVC con
terminali a maschio o femmina, i tubi
di vetroresina o quelli rivestiti in
PTFE. Quello che impedisce di
trattare questi oggetti come un
qualunque componente a via diritta è
la variabilità della lunghezza. Non
esiste quindi un comando specifico che generi il tubo composito. Si
permette invece di costruire la tubazione con i mezzi esposti in
precedenza e successivamente di introdurre i terminali nella posizione
desiderata come se fossero delle flange. Il programma si incarica
automaticamente di associare i terminali inseriti al tubo contiguo
generando un unico pezzo virtuale. Durante la generazione dell’elenco
materiali il programma riconosce la combinazione creata, ricerca nelle
tabelle dei dati quel particolare tubo composito (es.: maschio-maschio)
e ne ricava i dati caratteristici (descrizione,codice di parte, lunghezza e
peso complessivo). I terminali dei tubi compositi sono idealmente
riconducibili alle flange anche se vengono trattate in una categoria a
parte e inserite con una particolare funzione, dedicata allo scopo. La
definizione del tubo composito deve essere preventivamente inserita
nell’ambiente “Gestione Specifiche” descritto in seguito.

I tubi flessibili sono considerati un particolare tipo di tubo composito,


dove la parte di tubazione centrale non ha andamento rettilineo.
Inoltre, per loro natura, si collegano ad apparecchiature o linee con
materiali e caratteristiche diverse per cui non ne condividono la classe
tubazioni, per cui se ne dovrà compilare una specifica per i flessibili.
All’interno di questa classe si deve inserire un solo tipo di tubo e tutti i
terminali che si possono ad esso accoppiare. Nella definizione del tubo
flessibile è possibile definire per ogni DN un raggio minimo di
curvatura, una serie di lunghezze commerciali consentite e i relativi
codici di parte. Per maggiori informazioni vedere l’ambiente “Gestione
Specifiche” descritto in seguito.

ESApro – 3DP Pag. 68


ELENCO DEI COMANDI

Dalla toolbar 3D Componenti o dal Ribbon scegliere TUBO


FlESSIBILE. Il comando inizia con:

Indicare l'estremo di un asse o di un componente: *PipeSnap*

Punto o (Zoom/zoom Precedente/Osnap):

Procedere ad inserire il primo terminale toccando l’estremo di una


tubazione esistente o di un bocchello, compare l’insegna dei PipeSnap
a conferma di aver selezionato un estremo libero. Compare la normale
maschera di creazione di una nuova linea dove si deve indicare una
classe creata appositamente per i tubi flessibili. Se nella classe
prescelta sono presenti più terminali possibili effettuare una scelta,
dopodiché il primo terminale viene posizionato. Prima di procedere è
possibile ruotarlo se necessario, es. in presenza di flange SAE. Segue
in maniera analoga l’inserimento del secondo terminale che non
richiede più la definizione della linea.

Viene disegnato l’asse del flessibile che si adatta alla lunghezza


commerciale più vicina presente. Il programma prosegue poi con:

Raggio minimo consentito: 150 – Rilevato 119:

Lunghezza commerciale attuale: 1000

Aumento/Diminuzione/forzaX/forzaY/forzaZ]<Invio per continuare>:

Il programma segnala, anche graficamente (con


dei segmenti rossi), se in alcune zone del flessibile
sono presenti curvature inferiori al consentito e
Indica la lunghezza commerciale attuale. Permette
con le due opzioni “Aumento”, “Diminuzione” di
passare a lunghezze commerciali diverse. Il
flessibile ha in questo modo un andamento
naturale con il solo vincolo delle direzioni
ingresso/uscita dei bocchelli e la lunghezza
assegnata.

Allo scopo di poter deformare leggermente il


flessibile in presenza di ostacoli con cui andrebbe
in interferenza sono utilizzabili le opzioni "forza X,Y,Z". Viene allora
introdotto un punto aggiuntivo di vincolo nel punto medio del flessibile
che può essere spostato lungo X, Y e Z assoluti. Lo spostamento è
eseguito non direttamente su questo punto, ma tramite l'influenza dei
ESApro – 3DP Pag. 69
ELENCO DEI COMANDI

punti del poligono di controllo della spline che rappresenta il flessibile,


allo scopo di generare sempre un percorso ben avviato e senza
brusche pieghe. Al termine il programma ricerca la lunghezza
commerciale più vicina, tenendo conto del vincolo introdotto.
L'operazione può essere ripetuta fino ad ottenere il risultato voluto.

Valutare la forma del flessibile nello spazio non è semplice, per cui si
consiglia di operare spostamenti di piccola entità e di valutare il
percorso tramite "3dorbita" tra uno spostamento e l'altro.
Preventivamente è bene portare il flessibile il più vicino possibile alle
dimensioni desiderate con le opzioni di “Aumento” o “Diminuzione”. In
ogni caso il flessibile non avrà più un andamento naturale.

Al termine del processo il flessibile viene disegnato.

Se i due terminali sono paralleli e rivolti nello stesso verso il


programma fa comparire la seguente opzione:

Terminali allineati, scegliere il tipo di flessibile


[Guidato/Libero] <Libero>:

Scegliendo “Guidato” si permette di adattare il flessibile ad una guida


portacavi.

ESApro – 3DP Pag. 70


ELENCO DEI COMANDI

4.8. CURVE

Dalla toolbar 3D Componenti o dal Ribbon scegliere CURVA.

Dopo la selezione di un asse


tubazioni, il comando ricava
dal contesto le informazioni
necessarie e inserisce la
curve conforme alla Classe
tubazioni. Se la soluzione non
è unica vengono proposte le
alternative possibili tra le
tipologie di curve (es.: a
saldare di testa, filettate,
tasca a saldare).
Successivamente tra le
possibili alternative nella
stessa tipologia (es.: a
saldare short radius, long
radius).

Ve ne sono vari tipi. Le curve a saldare di testa e quelle ottenute


piegando il tubo assumono automaticamente l'angolo tra le tubazioni di
destinazione. L’esecuzione di una curva che si ottiene piegando il tubo
provoca anche il raccordo dell’asse della linea su cui viene
posizionata. Gli altri tipi di curve sono
essenzialmente raccordi tasca a
saldare, filettati o flangiati ad angoli
fissi di 11.25°, 22.5°, 30°, 45°, 60° o
90°. Sono presenti anche le curve
ridotte. Il comando consente, per tutti
i tipi di curva due modalità di
inserimento.

La prima prevede la selezione


approssimativa dell'estremo comune di due assi concorrenti. Ne
consegue che la curva sarà disegnata sul piano delle due linee e ne
assumerà l’angolo. Nel caso di gomiti a 11.25°, 22.5°, 30°, 45°, 60° o
90°.solo questi angoli saranno accettati. Nel caso delle curve ridotte

ESApro – 3DP Pag. 71


ELENCO DEI COMANDI

occorre selezionare l'asse con diametro maggiore vicino al vertice, per


indicarne l'orientamento.

La seconda modalità, a cui si accede mediante l’opzione Montaggio


del comando, prevede invece la possibilità di montare appunto una
curva all’estremo di qualunque
componente, anche senza assi
preesistenti. La ricerca
dell’estremo del componente
desiderato viene effettuata tramite
la funzione “Pipe-Snap”. Per le
curve ad apertura variabile ne
viene richiesto il valore e
successivamente la curva viene
disegnata. Apertura e rotazione possono essere cambiate mediante le
seguenti opzioni (non è richiesto l’invio) che compaiono sulla linea di
comando:

Invio per terminare o (Zoom/zoom Prec./Inverti/Ruota/Angolo


/apErtura)

Inverti, scambia gli estremi della curva, è ininfluente su curve


simmetriche.

Ruota, orienta la curva a salti di 90°.

Angolo, orienta la curva dell’angolo desiderato introdotto


numericamente da tastiera o graficamente per mezzo del cursore.

apErtura, permette di variare l’apertura standard di 90°, le curve a


saldare e a settori sono limitate ad una apertura massima di 180°, le
curve a piega di 360°.

Siccome quanto più l’angolo di apertura di una curva è grande tanto


più il punto di incontro degli assi
concorrenti si allontana dal pezzo,
per le curve eseguite in montaggio
con apertura maggiore di 135° si è
convenuto che gli assi vengano
disposti idealmente come se la
curva fosse composta da una a 90°
più un’altra dell’apertura rimanente.

ESApro – 3DP Pag. 72


ELENCO DEI COMANDI

In figura è rappresentato l’insieme di quote che si possono derivare da


questa configurazione per una curva a 140° generata sugli assi e una a
160° generata in montaggio.

Le modifiche alla geometria delle curve in montaggio si possono


ripetere indefinitamente fino al termine del comando mediante la
pressione del tasto Invio. Le curve eseguite sugli assi effettuano il
taglio delle eventuali tubazioni preesistenti. Questa condizione è
preferibile in quanto si eviterà l’impegno di tracciare tubi con precisione
dall’estremo di una curva ad un'altra, specie se filettate o a tasca, dove
gli estremi sono a fondo filettatura o a fondo tasca. Se necessario il
problema viene comunque risolto con l’uso della funzione “Pipe-Snap”
che restituisce facilmente il punto desiderato e lo visualizza come un
pallino campito di giallo.
Le curve a saldare di testa hanno la possibilità di avere un tratto diritto
alle due estremità. Conseguentemente nelle tabelle relative esiste una
colonna dove indicare il valore del tratto desiderato. Se la colonna è
vuota il tratto diritto viene considerato di lunghezza zero.

ESApro – 3DP Pag. 73


ELENCO DEI COMANDI

Tutti i comandi di inserimento delle curve, su assi, in montaggio o in


vestizione automatica e a qualunque angolo di apertura, rispettano
l’impostazione.

Nella tabella delle curve a saldare si richiede solo il diametro e il


raggio di curvatura, visto che l’angolo di apertura viene ricavato dagli
assi disegnati. Il riferimento ai pezzi commerciali da 45°, 90° e 180°
esiste esclusivamente nelle colonne dei codici di parte. Tuttavia si
possono verificare casi per cui lo scartamento della curva a 45°,
descritta in alcune norme, differisce da quello ottenuto dal programma
suddividendo la curva a 90° in due. Se ritenuto necessario, è possibile
precisare questo scartamento nella colonna apposita riservata alle
curve a 45°. Il programma allora eseguirà la curva rispettando il valore

impostato.

Le curve ottenute piegando il tubo hanno in aggiunta la capacità di


eseguire una derivazione raccordata secondo il raggio di curvatura
presente nelle tabelle dimensionali.

Se per eseguire una curva si indica il punto 1 in figura, il programma si


predispone per eseguire una derivazione raccordata e quindi richiede
di indicare uno dei due lati possibili. Nell’esempio in figura è stato
indicato il punto 2 a destra dell’incrocio tra le tubazioni. L’unica cosa a
cui prestare attenzione è il rapporto tra le dimensioni. E’ possibile
infatti che la linea principale abbia un diametro sensibilmente più
grande della derivata e il raggio di curvatura della piega sia modesto.
In questo caso il raccordo potrebbe essere completamente contenuto
nella tubazione principale.

ESApro – 3DP Pag. 74


ELENCO DEI COMANDI

4.9. CURVE A SETTORI

Vengono gestite anche le curve denominate


a settori nelle due tipologie indicate in figura.
Il primo tipo si accoppia alla tubazione con
estremità tagliate a 90°, il secondo si ottiene
dal primo escludendo i due mezzi spicchi
estremi. Ne consegue che per
l’accoppiamento il tubo deve presentare
estremità con angoli diversi da 90°, ma il
numero di settori, e conseguentemente il
numero di saldature necessarie alla realizzazione della curva, è
minore. Il disegno si esegue con le stesse metodologie previste per le
curve ad apertura variabile, ovvero a saldare e a piega. Il numero di
settori è stabilito dall’utente per una serie di aperture standard e viene
compilato nelle tabelle dati che descrivono le curve. Nel caso di angoli
di apertura fuori standard sarà possibile indicare il numero di settori
all’atto dell’inserimento. Convenzionalmente si intende per numero di
settori quello fisicamente visibile, indipendentemente dalla grandezza
e dalla conformazione. Così le due curve in figura sono considerate
rispettivamente a quattro e due settori.

4.10. DERIVAZIONI

Dalla toolbar 3D Componenti o dal Ribbon scegliere una delle


derivazioni presenti.

Dopo la selezione di un asse tubazioni, il comando ricava dal contesto


le informazioni necessarie e inserisce tra quelle possibili quella
conforme alla Classe tubazioni e alla Branch Table. Se la soluzione
non è unica vengono proposte le alternative possibili tra le tipologie di
derivazioni (es.: a saldare di testa,
filettate, tasca a saldare).
Successivamente tra le possibili
alternative nella stessa tipologia (es.:
filettate 150 #, 300#).

Fanno parte di questo gruppo i pezzi a


T normali e ridotti, i giunti a croce, i
pezzi a Y, che tagliano anche la
tubazione principale, e le derivazioni a 90° o 45° tipo weldolet, mezzi
ESApro – 3DP Pag. 75
ELENCO DEI COMANDI

manicotti etc..., che tagliano solo la preesistente tubazione derivata.


Sono previste tre modalità di inserimento:

1. Il puntamento dell’asse della linea derivata in prossimità


dell’incrocio con la linea principale (eccetto il pezzo a Y che
richiede di puntare la linea principale), in questo caso la posizione
è determinata dagli assi e non ci sono opzioni.

2. Il montaggio in linea (solo per i pezzi a T o a 4


vie)

3. Il montaggio all’estremo di un
qualunque oggetto esistente.

Dai montaggi sono esclusi mezzi


manicotti e O-let. Siccome durante il
montaggio viene creata una nuova
linea, il programma fa comparire la
usuale maschera per la sua definizione. Se la derivazione è di tipo
ridotto, durante il montaggio compare una finestra di dialogo che
riporta il DN della linea che è servita per l’allineamento come diametro
principale e come diametro ridotto quello predefinito, o l’ultimo
utilizzato. Entrambi possono essere facilmente cambiati prelevandoli
dagli elenchi a discesa della finestra. In conseguenza della scelta dei
DN e della disposizione delle linee alcune configurazioni possono
essere negate o bloccate dal programma.

Il montaggio in linea, opzione Linea del comando, prevede


l’inserimento di pezzi a T e a Croce su una linea esistente senza la
presenza del tratto derivato. La modalità di esecuzione è in questo
caso simile a quella dei componenti a via diritta descritti nel paragrafo
seguente.

L’opzione Montaggio prevede invece l’inserimento della derivazione


all’estremo di un qualsiasi oggetto presente. La ricerca dell’estremo
viene effettuata tramite la funzione “Pipe-Snap”. Successivamente la
derivazione viene disegnata con orientazione standard mentre sulla
linea di comando compaiono le seguenti opzioni (non è richiesto
l’invio) per precisare il posizionamento:

Invio per terminare o (Zoom/zoom Prec./Inverti/Ruota/ Angolo):

ESApro – 3DP Pag. 76


ELENCO DEI COMANDI

Inverti, scambia gli estremi della derivazione se la definizione dei DN


non è in contrasto.

Ruota, riorienta la derivazione a salti di 90°.

Angolo, riorienta la derivazione dell’angolo desiderato introdotto


numericamente da tastiera o graficamente per mezzo del cursore.

Anche se non sono derivazioni, è opportuno inserire in questo gruppo


le valvole a tre e quattro vie che condividono la tecnica di inserimento
rispettivamente dei pezzi a T e dei giunti a Croce.

Mezzi manicotti, O-let, Long welding


neck e in generale le derivazioni a 90°
che non interrompono la tubazione
principale ( sono quindi esclusi i pezzi a
T), possono essere usati anche come
componenti lineari in testa a
componenti come flange cieche o
fondelli. In questo caso la linea derivata,
di diametro minore, deve uscire collineare dalla principale di diametro
maggiore. Non sono ammessi posizionamenti disassati.

Per gli stessi oggetti è stata introdotta anche una limitata possibilità di
inserimento su una tubazione circolare, intesa come un tratto ottenuto
mediante la piega di un tubo con raggio di curvatura più o meno
elevato. Le linee derivate devono essere radiali o perpendicolari alla
curva. L'inserimento termina comunque con il taglio automatico delle
eventuali tubazioni derivate presenti.

Si ricorda che in tutti i casi è richiesto che la linea principale e le linee


derivate, su cui si posizionano le derivazioni devono avere numeri di
linea diversi, o almeno numero uguale, ma codice di Diramazione o
Sistema diverso.

Tutti i tipi di derivazione assumono il numero di linea e la Classe della


tubazione principale in quanto ne devono condividere il materiale e il
rating.

ESApro – 3DP Pag. 77


ELENCO DEI COMANDI

4.11. COMPONENTI DIRITTI

Dalla toolbar 3D Componenti o dal Ribbon scegliere uno dei


componenti presenti.

Fa parte di questa categoria una grande varietà di componenti


apparentemente eterogenei come valvole a via diritta, fondelli, flange,
manicotti, riduzioni, filtri, guarnizioni, che hanno in comune, con poche
eccezioni, la tecnica di inserimento. Pertanto quest'ultima sarà
descritta in generale per poi entrare nel dettaglio del comportamento
particolare di alcuni oggetti. Dopo la selezione di un asse tubazioni, il
comando ricava dal contesto le informazioni necessarie e inserisce tra
le tipologie possibili quella conforme alla Classe tubazioni. Se la
soluzione non è unica vengono proposte le alternative possibili tra le
tipologie di componenti (es.: valvola a globo, a sfera).
Successivamente tra le possibili alternative nella stessa tipologia (es.:
Sfera filettata 150 #, 300#).

Anche per i componenti a via diritta è prevista una opzione per il


montaggio spiegata a parte. Quello che segue riguarda l’inserimento
del componente lungo un tratto di linea esistente.

La descrizione del comando viene fatta con una generica valvola


dotata di maneggio ed indicazione del senso di flusso, in modo da
poter evidenziare le possibilità di manipolazione durante l'inserimento.
Il comando inizia con la richiesta di selezione di un punto generico
sull’asse tubazione. Lo scopo è solo di determinare il tratto di
ESApro – 3DP Pag. 78
ELENCO DEI COMANDI

tubazione dove il componente sarà posizionato e di prelevare le


informazioni riguardanti la Classe Tubazioni e il DN. Per questo motivo
non ci si deve preoccupare di scegliere questo punto con molta
precisione. Il componente prescelto viene disegnato con le dimensioni
previste dalla Classe Tubazioni e dal DN prelevati dalla linea, orientato
in una posizione standard e obbligato a scorrere sull’asse indicato.

Durante l'esecuzione del comando l'oggetto


viene visualizzato insieme con un cursore
centrale di colore magenta, che ne indica il
punto di inserimento, e trascinato
dinamicamente. Contemporaneamente
viene mostrato un altro cursore, il piccolo
quadrato tipico della selezione oggetti di
AutoCAD. Con questo cursore viene
eseguita la funzione “Pipe-Snap” e sul punto
notevole della tubazione eventualmente
trovato viene temporaneamente posizionato il componente. Per
rendere definitivo l’inserimento in quel punto e terminare il comando
premere il tasto sinistro del puntatore. Nel caso si voglia trascinare
liberamente il componente è opportuno tenere il cursore di ricerca
“Pipe-Snap” lontano da qualsiasi elemento della tubazione. Il comando
offre contemporaneamente una serie di opzioni che vengono eseguite
premendo la lettera evidenziata in maiuscolo che come tutte le
opzioni racchiuse tra parentesi tonde non necessitano di un
successivo INVIO:

Indicare un punto o (Zoom/zoomPrec./Accosto/Inverti/Ruota/


aNgolo/Distanza):

o Zoom, esegue un ingrandimento della zona di lavoro attorno alla


posizione attuale del cursore

o zoom Prec., torna al punto di vista


precedente

o Accosto, premuto ripetutamente cambia la


posizione del cursore che simboleggia il
punto di inserimento del componente, dal
centro (colore magenta), a un estremo
(colore verde), all’altro estremo (colore
rosso), di nuovo al centro e così via. I
cursori rosso e verde, che sono quelli di
ESApro – 3DP Pag. 79
ELENCO DEI COMANDI

estremità, mostrano due frecce che indicano la direzione corretta


per l’accosto del componente ad uno contiguo. La colorazione
rossa e verde è ininfluente in un componente simmetrico. Per le
flange invece si è stabilita una convenzione per cui il cursore
verde si trova sempre sulla faccia di accoppiamento verso l’altra
flangia. Questo facilita il riconoscimento del verso corretto, per
esempio, in presenza di flange piane o cieche, per le quali il
davanti e il dietro non sarebbe facilmente individuabile. Il
programma può scegliere automaticamente il punto di accosto più
opportuno quando, percorrendo una tubazione, ci si avvicina ad un
componente. La direzione di avvicinamento e il lato del
componente che si tocca con il cursore determinano il punto
corretto di accosto. Se si passa sopra un componente esistente
sulla linea il componente da inserire non vi si sovrappone, ma
scatta dall’altro lato una volta che il cursore ha superato l’ostacolo.
L’accosto può invece essere determinato manualmente quando si
è nel mezzo di una tubazione o di un asse, o quando si posiziona
una valvola su una linea toccando come riferimento un punto su
un’altra linea. In questi casi occorre ricordare di tenere ben fermo il
mouse, mentre si preme “A” sulla tastiera, perché il movimento
può indurre il cambio automatico del punto di accosto. Con
riferimento al punto di accosto prescelto, ovvero sul cursore
magenta, verde o rosso, viene posizionato il componente,
qualunque sia stato il sistema per determinarne il punto di rilascio.
Inoltre al termine del comando la tubazione eventualmente
presente viene tagliata dal cursore verde al cursore rosso, che
simboleggiano quindi gli estremi di taglio, o se si vuole, di
connessione con i componenti adiacenti. E` da segnalare che per
questa ragione può capitare che i tre cursori vadano a coincidere
in un punto solo. Un esempio sono le flange piane o slip-on
quando nelle relative tabelle dimensionali sia stato indicato che il
tubo entri con una sovrapposizione uguale all’intero spessore della
flangia. La lunghezza di taglio è in questo caso nulla. Viene
asportato un tratto di tubazione di lunghezza zero, ovvero il tubo
viene semplicemente diviso in due parti.

o Ruota, ruota il componente attorno alla


linea a salti di 90° come indicato in figura.

o aNgolo, ruota il componente attorno alla


linea dell’angolo indicato numericamente
o con il cursore.

ESApro – 3DP Pag. 80


ELENCO DEI COMANDI

o Inverti, inverte il verso del componente sulla linea come indicato in


figura.

o Distanza, interrompe il trascinamento del componente e inizia il


processo per determinare un punto di riferimento e una distanza da
quest’ultimo per posizionarlo. Il punto di riferimento viene ricercato
con “Pipe-Snap”. Se il punto indicato non si trova sull’asse della
tubazione su cui si sta inserendo il componente, viene proiettato
perpendicolarmente all’asse stesso. E` possibile abbandonare
“Pipe-Snap” con l’opzione Snap che permette l’uso dei tradizionali
snap di AutoCAD. In questo modo è possibile stabilire il punto di
riferimento prelevandolo da qualunque oggetto presente, anche
non facente parte delle tubazioni come un elemento di sostegno,
un particolare strutturale o un qualsiasi riferimento predisposto.
Anche in questo caso il punto trovato verrà proiettato sull’asse
della tubazione. Una volta stabilito il riferimento, il programma
visualizza una segmento magenta da quest’ultimo al punto di
inserimento del componente, mostra sulla linea di comando la
misura attuale e richiede l’immissione di una distanza. Il valore
introdotto preciserà la posizione finale del componente.

In ogni caso al termine del processo la tubazione preesistente viene


automaticamente tagliata. Si segnala che per inserire un qualsiasi
componente non è necessaria la tubazione, ma solo l’asse tubazioni.
Se il tubo è presente viene tagliato opportunamente, altrimenti dovrà
essere inserito successivamente con il comando esposto in
precedenza.

L’opzione Montaggio permette l'inserimento del componente


direttamente all’estremo di un altro, senza asse preesistente. Non ha
senso usare questa opzione per l’inserimento dei componenti sugli
assi. La ricerca dell’estremo e della direzione viene effettuata tramite
la funzione “Pipe-Snap”. Sono disponibili le consuete opzioni:

Invio per terminare o (Zoom/zoom Prec./Inverti/Ruota/ Angolo):

Esaminiamo ora il comportamento particolare di alcuni componenti.

ESApro – 3DP Pag. 81


ELENCO DEI COMANDI

Riduzioni: si inseriscono come gli altri componenti a via diritta su una


linea di diametro inizialmente uniforme. Compare una finestra di
dialogo che riporta il DN della linea come diametro principale e come
diametro ridotto quello
predefinito o l’ultimo
impostato. Entrambi possono
essere facilmente cambiati
prelevandoli dagli elenchi a
scomparsa della finestra.
L’inserimento di una
riduzione fa si che i tratti di
tubazione immediatamente a
valle e a monte, e solo quelli, assumano rispettivamente i diametri
conformi al verso del componente. Il tubo eventualmente presente
viene quindi tagliato e rigenerato a destra e a sinistra della riduzione
con il DN appropriato. Nel caso che la riduzione sia eccentrica, alla
linea immediatamente a valle viene automaticamente applicato anche
il disassamento proprio della riduzione. Quest’ultima può essere
ruotata intorno all’asse e l’asse ridotto disassato di conseguenza. Dato
che solo i tratti contigui alla riduzione vengono aggiornati, l’inserimento
in linea non è in generale utile, se non attorno ad una valvola di
regolazione. In questo caso infatti la coppia di riduzioni di verso
opposto determina un cambio di diametro solo localmente e di
conseguenza non obbliga all’aggiornamento dell’intera linea. E`
preferibile in generale
inserire la riduzioni in
montaggio, in questo
caso il verso di
inserimento viene
determinato dai DN
prescelti e da quello
della linea esistente.
Conseguentemente
l’opzione di inversione
risulta disattivata.

Flange: sono componenti con spessore ridotto e quindi con difficoltà di


riconoscimento della faccia a cui si riferisce il cursore che indica il
punto di inserimento. Per convenzione le flange vengono inizialmente
visualizzate con il cursore verde, al posto di quello centrale magenta,
sempre situato sulla faccia di accoppiamento con l’altra flangia. Il
cursore rosso viceversa è sempre sul retro delle flange, dal lato
dell’accoppiamento verso il tubo. Per le flange piane, slip-on, filettate o
ESApro – 3DP Pag. 82
ELENCO DEI COMANDI

a tasca, nelle tabelle dati si può definire il valore della


sovrapposizione, ovvero quanto il tubo entra nella flangia. Il valore può
essere uguale all’intero spessore della flangia. In questo caso il
programma assume una frazione di millimetro in meno per ragioni di
procedura interna, ma i tre punti di inserimento, visualizzati con
l’opzione Accosto in verde, rosso e magenta, tendono a coincidere. Ciò
è normale, anche se è richiesta sempre la selezione di quello
opportuno per definire correttamente l’accoppiamento verso l’altro
oggetto flangiato o verso il tubo. Quando le flange vengono poste sul
tubo è il programma che alla fine si incarica del taglio corretto sugli
estremi della flangia. Quando invece si impone la necessità di
trascinare una flangia su un componente, pezzo a T, riduzione o altro,
bisogna tener presente che il programma non effettua ovviamente
nessun taglio sui componenti e quindi è l’utente che deve scegliere
accuratamente il punto di accosto per assicurare la corretta sequenza
di connessione. Si consiglia in questi casi di posizionare le flange con
l’opzione di montaggio. Questa assicura la corretta successione dei
punti di riferimento dei componenti contigui.

E` possibile inserire direttamente una flangia contro un bocchello di


un’apparecchiatura o una doppia flangia con l’interposizione o meno di
una guarnizione. Per il dettaglio di queste funzionalità vedere più
avanti nel capitolo. E’ possibile inserire una flangia mediante la
funzione di inserimento dei terminali per tubi compositi. In questo caso
essa assume la proprietà di associarsi al tubo retrostante, creando un
unico oggetto virtuale in seguito riconosciuto dalle procedure per
l’esecuzione degli elenchi materiali. Nell’opzione montaggio la flangia
si presenta sempre con la faccia di accoppiamento rivolta verso
l’esterno. Pertanto se la si vuole montare ad esempio contro un
bocchello di una apparecchiatura, sarà necessario, dopo aver
selezionato il punto di inserimento, invertirla con l’opzione Inverti.

Guarnizioni: sono componenti a spessore molto sottile rappresentati


simbolicamente da una croce che sporge dalle flange, per facilitarne la
selezione, e da un segmento lungo l’asse tubazione di lunghezza pari
allo spessore reale della guarnizione. Vengono di solito accoppiate
automaticamente ai componenti flangiati e si sconsiglia il loro
inserimento singolo se non in casi particolari. Hanno un’importante
funzione, testimoniano l’esistenza di un accoppiamento flangiato e
sono quindi la sede dove la bulloneria viene annotata per il successivo
conteggio. Per facilitarne il controllo visivo, le guarnizioni con
bulloneria inserita vengono rappresentate con linea spessa, quelle che
ne sono prive con linea sottile. La visibilità dello spessore linee deve
ESApro – 3DP Pag. 83
ELENCO DEI COMANDI

essere abilitata premendo il pulsante “SLN” (“LWT”) in basso sulla


barra di stato di AutoCAD. Per maggiori informazioni su questo
argomento vedere più avanti nel capitolo.

Strumenti e valvole di regolazione: sono identificati come tali quei


componenti che nella definizione della tipologia (vedi Archivio
componenti, Tipologie) hanno barrata l'opzione "Strumento o
regolatore di flusso".

Sono tipicamente le valvole di regolazione, tra le


valvole, e gli strumenti, che sono nella Famiglia dei
componenti "Generici Diritti". Se ne possono
identificare due categorie, quelli in linea (valvole di
regolazione o flussometri e simili) e quelli connessi
(manometri, termometri) come quello in figura. I primi
devono essere sempre disegnati realisticamente per
poter calcolare con precisione lo scartamento del tubo
adiacente. I secondi sono gli ultimi componenti di uno
stacco da una linea principale e, in alcuni casi, si può desiderare di
trascurarne il disegno. Per poter trasferire la loro siglatura nelle tavole
2D e negli sketch occorre però tenerne comunque conto. Per questi
strumenti si può allora abilitare il disegno simbolico nel pannello delle
"Opzioni di lavoro". Il simbolo può contenere i dati dello strumento al
pari di quelli fisici, verrà rappresentato nelle tavole 2D per selezionarlo
ESApro – 3DP Pag. 84
ELENCO DEI COMANDI

e siglarlo, ma non verrà stampato. Il comportamento è simile anche


negli sketch.

Nelle figure seguenti si può vedere il risultato finale in una tavola 2D e


in uno sketch dove il TI-001 è stato introdotto in maniera
simbolica.
PI
FI 001
001

TI
001

ESApro – 3DP Pag. 85


ELENCO DEI COMANDI

Con il comando "Correzione Dati" è possibile inserire i dati che


compaiono nel palloncino associato allo strumento. In questo caso il
"Tipo Strumento" viene prelevato dall'elenco dei codici che fa capo
all'archivio "Tipi Strumenti" descritto più avanti. Tale archivio è, come
tutti gli altri, personalizzabile.

Combinazione di flange guarnizioni e bulloneria: i componenti


flangiati a via diritta, a tre e quattro vie
ed anche quelli ad angolo, possono
essere inseriti unitamente alle flange di
accoppiamento e alle interposte
guarnizioni. Nelle guarnizioni viene poi
memorizzata la bulloneria prevista per
l’accoppiamento standard. Questa combinazione viene stabilita e
attivata attraverso la finestra di dialogo “Opzioni di lavoro”, dove è
possibile abilitare separatamente le flange le guarnizioni e la
bulloneria.

ESApro – 3DP Pag. 86


ELENCO DEI COMANDI

Tale scelta sarà successivamente controllata


dalla Classe tubazioni prelevata dalla linea su
cui si intende posizionare l’assieme di oggetti.
Il gruppo così generato si comporta come un
macrocomponente con gli accosti a destra e a
sinistra situati agli estremi delle flange. La
procedura di inserimento risulta in tutto
analoga a quella di un componente singolo.

Non è previsto di utilizzare combinazioni di flange guarnizioni e


bulloneria durante l’inserimento dei componenti con la tecnica dei
montaggi descritta precedentemente.

Durante gli inserimenti automatici di componenti flangiati con


controflange, guarnizioni e bulloneria associata, viene effettuato un
controllo di compatibilità delle Finiture e del Rating sugli elementi del
gruppo. Se vengono rilevate incompatibilità queste vengono segnalate
e il comando viene interrotto. Al contrario questo controllo non viene
effettuato se i componenti suddetti vengono manualmente accostati
uno ad uno. Questo per non dare inutili segnalazioni durante situazioni
transitorie, quando cioè il gruppo flangiato non è ancora completo, e
per permettere all’utente di realizzare delle eccezioni se necessario.

4.12. COMPONENTI D'ANGOLO

Dal menu 3D Componenti o dal Ribbon scegliere la sezione relativa al


componente desiderato.

Fanno parte di questa categoria le


valvole e i filtri ad angolo. Hanno
due possibilità di inserimento simili
ai gomiti a 90°, ovvero la
costruzione su due assi preesistenti
o il montaggio. Nel primo caso non
ci sono opzioni di inserimento
salvo lo Zoom in quanto la loro
posizione è stabilita dalle due linee
concorrenti di destinazione.
Richiedono un punto prossimo al
vertice dove concorrono i due assi
preesistenti. Quello indicato
ESApro – 3DP Pag. 87
ELENCO DEI COMANDI

determina l’orientamento del componente. In montaggio vengono


invece inseriti all’estremo di un oggetto preesistente in posizione
standard. Quest’ultima può essere cambiata con le opzioni Ruota,
Angolo, Inverti già descritta in precedenza.

4.13. BULLONERIA

E` un componente senza rappresentazione grafica, definito attraverso


il concetto di accoppiamento. Consideriamo un insieme qualunque di
componenti destinati ad essere uniti mediante bulloni o tiranti. Si può
pensare che questa configurazione, chiamata accoppiamento,
determini il numero, la lunghezza e il tipo di bulloni o tiranti necessari.
Gli accoppiamenti vengono definiti nelle tabelle dati al pari degli altri
componenti e di fatto, contengono i dati e il numero di bulloni o tiranti
propri di quel giunto facendo riferimento alle flange. La bulloneria
viene inserita attraverso le guarnizioni che sono ritenute testimoni di
un accoppiamento. Nella finestra di dialogo Opzioni di lavoro occorre
prima assicurarsi di barrare la casella “Inserimento automatico
bulloneria” altrimenti questo processo risulta disabilitato.
L’accoppiamento convenzionalmente considerato standard ed
associato automaticamente con ogni guarnizione è quello che
considera una guarnizione tra due flange; esso è codificato nella
tabella accoppiamenti con
il codice ACCOP001. Nel
caso l’accoppiamento sia
diverso dallo standard
occorre usare il comando
generale di Correzione
Dati e selezionare la
guarnizione. Nella finestra
di dialogo che riporta le
informazioni di
quest’ultima sarà possibile:

 Abilitare o disabilitare la bulloneria

 Scegliere la tipologia di accoppiamento tra quelle presenti

 Scegliere tra le bullonerie compatibili all’interno della tipologia

ESApro – 3DP Pag. 88


ELENCO DEI COMANDI

Disabilitare la bulloneria standard è utile nel caso di un componente


wafer stretto tra due flange con tiranti. In questo caso è preferibile
associare il set di bulloneria speciale direttamente alla valvola con il
concetto dei Materiali Impliciti, descritto più avanti nel manuale. La
bulloneria va quindi annullata, se erroneamente presente, sulle due
guarnizioni perché non venga contata due volte. Per facilitare il
controllo della bulloneria il programma evidenzia con linea spessa le
guarnizioni che la contengono e con linea sottile quelle che ne sono
prive. La visibilità dello spessore linee deve essere abilitata premendo
il pulsante “SLN” (“LWT”) in basso sulla barra di stato di AutoCAD.

4.14. APPARECCHIATURE E BOCCHELLI

Il programma può gestire indifferentemente apparecchiature generate


dalle funzioni grafiche parametriche proprie, quelle modellate o
modificate dall’utente con AutoCAD o quelle importate da altri CAD.
Gli oggetti devono essere solidi standard di AutoCAD perché sia
possibile gestirne i bocchelli e controllare le eventuali interferenze.
Nella procedura di Gestione Specifiche è presente un archivio che
permette la definizione dei gruppi di Apparecchiature e dei dati
caratteristici da assegnare loro. La struttura dati così definita potrà
essere associata ad ogni modello inserito nell’impianto mediante il
comando Definisci apparecchiature, presente nel menu 3D Piping /
Apparecchiature.

Il programma è corredato da numerose funzioni parametriche per la


generazione di varie tipologie di serbatoi, scambiatori di calore e
pompe. Per tutte sono disponibili poi avanzate funzionalità di modifica
mediante le quali è possibile variarne le dimensioni dopo il loro
inserimento.

Tutte le apparecchiature rispondono


infatti alla modifica, con l’usuale
comando “Correzione dati”. Si ha la
possibilità di modificare i dati
caratteristici o la geometria.

In quest’ultimo caso viene ripresentata la maschera di creazione,


completa dei parametri attuali dei quali è permessa la piena modifica.
ESApro – 3DP Pag. 89
ELENCO DEI COMANDI

L’apparecchiatura viene quindi aggiornata con i nuovi dati introdotti


dall’utente. In questo modo si possono salvare apparecchiature
predefinite in una libreria e richiamarle all’occorrenza, potendo
verificarne i parametri dimensionali ed eventualmente modificarli. E’
da segnalare tuttavia, che se si sono applicati accessori, tipicamente
bocchelli, o sono state effettuate alterazioni alle tipologie standard
mediante modellazione diretta in AutoCAD, la modifica
dell’apparecchiatura non ne terrà conto e riproporrà la forma originale.

Serbatoi: Dal menu 3D Piping / Apparecchiature selezionare Serbatoi.


Si possono disegnare serbatoi in tutte le forme previste nella finestra di
dialogo visibile in figura. Per ogni tipologia si possono compilare i
parametri caratteristici, alcuni verranno automaticamente proposti dal
programma (es.: i raggi di curvatura dei fondi bombati). E’ presente
anche l’opzione per inserire le selle in numero e posizione qualunque.
L’esecuzione del comando prevede l’indicazione di un punto che
rappresenta un’estremità dell’asse del serbatoio e successivamente
permette con i mezzi consueti di orientare il sistema di riferimento per
poterne indicare la direzione. Al termine del processo viene proposta la
maschera di compilazione dei dati caratteristici.

Come si vede dalla figura il parametro B rappresenta la lunghezza del


mantello cilindrico. C rappresenta invece l’altezza del fondello, nelle
tipologie dove ha significato. Il valore del fondo viene generato dal
programma in dipendenza dei raggi R e R2 impostati. Se il parametro
ESApro – 3DP Pag. 90
ELENCO DEI COMANDI

“Fondo utente” non è compilato l’altezza C è uguale a quella calcolata


e si intende che la saldatura con il mantello cilindrico coincida con la
tangente al fondo. Se invece viene inserita un’altezza del “Fondo
utente”, maggiore di quella calcolata, si intende che il fondo ha un
tratto cilindrico oltre la tangenza. La nuova traccia viene in questo caso
evidenziata nella figura e sul serbatoio disegnato. La possibilità di
introdurre l’altezza del fondo vale solo per il tipo “Bombato Ellittico” e
“Bombato Tangente”.

Reattori: Dal menu 3D Piping / Apparecchiature selezionare Reattori.


Il programma permette di modellare i vari settori del reattore secondo
la figura seguente. Se l'altezza di un segmento è impostata a 0 il
segmento non viene disegnato. E' possibile rappresentare una sella.
L’esecuzione del comando prevede l’indicazione di due punti che
rappresentano l’asse del reattore. Al termine del processo viene
proposta la maschera di compilazione dei dati caratteristici.

ESApro – 3DP Pag. 91


ELENCO DEI COMANDI

Pompe: Dal menu 3D Piping / Apparecchiature selezionare Pompe. Il


programma permette di modellare le pompe centrifughe orizzontali,
verticali e le Pompe sommerse nella forme rappresentate in figura.
Nella pompa centrifuga orizzontale si può definire disassamento e
rotazione del bocchello di mandata direttamente nella maschera di
creazione. E` richiesto un punto che è il primo estremo dell’asse del
basamento della pompa e un secondo punto che al solito serve a
definirne l’orientazione. La pompa viene disegnata ed infine, come per
i serbatoi, viene lanciata la procedura di compilazione dei dati
caratteristici.

ESApro – 3DP Pag. 92


ELENCO DEI COMANDI

Scambiatori: Sono presenti tre tipologie di scambiatori, Diritti, Kettle e


a Piastre. Ognuno con le opzioni per una diversa bombatura dei fondi
e per l’inserimento delle selle. La procedura di inserimento è simile a
quella dei serbatoi cilindrici.

ESApro – 3DP Pag. 93


ELENCO DEI COMANDI

Apparecchiature utente: E` possibile inserire o modellare un solido


standard di AutoCAD e definirlo come apparecchiatura mediante il
comando “Definisci Apparecchiatura”. Dopo la selezione dell’oggetto il
programma mostrerà l’elenco delle possibili apparecchiature definite
nell’Archivio Apparecchiature presente nella procedura Gestione
Specifiche, permetterà di assegnarne una e di compilarne i dati
caratteristici. Da questo momento in poi l’oggetto creato sarà
indistinguibile da un’apparecchiatura creata dal programma

E’ spesso utile costruire le nuove


apparecchiature, e anche nuovi
componenti personalizzati,
sfruttando la modellazione 3D
della componentistica offerta da
ESApro 3DP. Per esempio si può
aggiungere un duomo ad un
serbatoio con un tubo e un
fondello di diametro adeguato.
Oppure si potrebbe modellare una
valvola utente modificandone una
generata con le funzioni
parametriche del programma. Le
informazioni presenti nei
componenti standard possono
però generare conflitti con quelle
necessarie all’oggetto che si sta
creando. Per evitare il problema è stato aggiunto il comando “Rimuovi
Dati da Entità” che toglie le informazioni originali da qualunque oggetto
piping. Il comando va quindi usato prima di aggiungere parti standard
ad apparecchiature utente, o prima di mettere in libreria un
componente personalizzato.

Bocchelli: Dal menu 3D-Piping scegliere Apparecchiature/Bocchelli


oppure prelevare il comando dalle toolbar.

Questo comando serve a generare i bocchelli da applicare alle


apparecchiature (alcune apparecchiature generate dal programma o
quelle utente possono esserne già munite). Compare una maschera in
cui indicare la Classe e il DN del bocchello. E’ inoltre richiesto di
selezionare la tipologia del bocchello ovvero flangiato o a saldare di
testa o a tasca o filettato femmina o maschio. Dove richiesto si potrà
inserire il valore della profondità di tasca/filettatura.

ESApro – 3DP Pag. 94


ELENCO DEI COMANDI

Successivamente il
comando produce una linea
rivestita di tubi e curve con
modalità identiche al
comando Segue Linea, ma
alla fine inserisce la flangia o
il terminale prescelto.
L’utente viene invitato poi a
selezionare
l’apparecchiatura a cui il
bocchello deve appartenere
in modo da effettuarne il
taglio corretto nei rispetti del
suo posizionamento e a
stabilirne l’associazione. E’
permesso che un bocchello
possa avere origine da un altro bocchello. In questo caso, per il taglio e
l’associazione, occorre selezionare il bocchello origine. La Classe
utilizzata deve contenere almeno le tipologie tubo e la flangia richiesta.
La linea e la flangia o il terminale prodotti diventano un unico oggetto
con la denominazione “Bocchello”. Siccome non viene reso solidale
con l’apparecchiatura, sarà ancora possibile entro certi limiti
modificarne la posizione. Dall’estremità di quest’ultimo si potrà far
iniziare l’asse di una normale linea che collegherà l’apparecchiatura al
resto dell’impianto. Risulta chiaro che il comando può essere applicato
indifferentemente ad un’apparecchiatura prodotta dal programma o ad
una modellata dall’utente. L’unica accortezza da osservare è quella di
creare dei riferimenti geometrici, generalmente assi, utili al
posizionamento dei bocchelli.

ESApro – 3DP Pag. 95


ELENCO DEI COMANDI

Se si importa il disegno di una apparecchiatura con i bocchelli già


disegnati, questi ultimi non risponderanno ai requisiti dei normali
bocchelli ESApro 3D Piping. Per superare questo problema si può
creare un bocchello logico valido a tutti gli effetti, appoggiandosi
all'asse del bocchello dell'apparecchiatura importata. Se "Logico - solo
asse" è abilitato, il comando può disegnare l'asse, o selezionare quello
presente, se esistente. In ogni caso sull'asse così creato vengono
inseriti i dati selezionati nella maschera del bocchello, senza però
disegnarlo.

ESApro – 3DP Pag. 96


ELENCO DEI COMANDI

4.15. SUPPORTI

Dal menu 3D Piping o dal Ribbon scegliere SUPPORTI oppure


effettuare una scelta dalla toolbar Varie.

Introduce ad una finestra di dialogo da cui scegliere il supporto da


inserire.

E` opportuno che, prima di entrare nel dettaglio del comando, venga


chiaramente esposta la filosofia con cui il programma tratta i supporti.
L’obbiettivo è quello di poter rappresentare nell’ambiente 3D dei
simulacri, posizionati esattamente, che siano molto vicini all’ingombro
reale. Per questa ragione la costruzione degli oggetti è parametrizzata
alle dimensioni della tubazione. L’aspetto è realistico, in modo
sufficiente a capire a colpo d’occhio la tipologia del supporto, ma
sempre parzialmente simbolico, come d’altra parte succede anche per
le valvole, i filtri e altri componenti in linea. L’altezza del supporto è
invece una grandezza significativa e viene introdotta e rappresentata
in modo esatto. Al supporto vengono associate una serie di
informazioni che garantiscono il totale riconoscimento dell’ubicazione,
della tipologia e delle dimensioni geometriche, ma in particolare ogni
supporto ha associato un codice che fa riferimento ad un tipico
aziendale, in modo da indicare al futuro esecutore dei particolari
costruttivi tutti i parametri fondamentali necessari.
ESApro – 3DP Pag. 97
ELENCO DEI COMANDI

I supporti sono
suddivisi nelle
categorie appoggiati,
sospesi, ad angolo e
per tubi verticali. A
queste si aggiungono i
collari che in parte si
possono combinare
con le categorie
precedenti. Ognuno di
questi supporti può poi
essere eseguito e
considerato come
rigido, regolabile
oppure elastico.

I supporti vengono definiti nella


procedura Gestione specifiche
alla voce Archivio Supporti. In
questo ambiente esiste già un
centinaio di supporti predefiniti
a cui è stata associata la
funzione grafica parametrica
che li rappresenta. Mediante il
pulsante di Modifica su questi
l’utente può intervenire per
cambiare le descrizioni, che
compariranno nelle distinte
materiali, e il codice del tipico
di riferimento. Diversamente si
potranno aggiungere nuove
definizioni tramite il pulsante
Inserimento il quale fa
comparire una maschera, simile
a quella della modifica, dove
indicare oltre alla descrizione e il codice, la categoria (appoggiato,
sospeso…) e il tipo di supporto (rigido. Elastico…). I supporti così
definiti potranno avere come rappresentazione grafica un simbolo
logico o un disegno utente, ovvero un modello preventivamente creato
e archiviato.

ESApro – 3DP Pag. 98


ELENCO DEI COMANDI

Vediamo ora l’inserimento reale di un supporto nel modello 3D. Dalla


maschera del comando scegliere innanzitutto tra le categorie presenti
(Appoggiati, Sospesi, ad Angolo…) quella desiderata.
Successivamente Scegliere nell’elenco a discesa la tipologia (Rigido,
Regolabile, Elastico…). Nell’elenco delle descrizioni sottostante
indicare il supporto desiderato. Prima di disegnare il supporto è
possibile scegliere quale sarà la sua rappresentazione grafica. Nella
sezione Rappresentazione del supporto vi sono tre scelte:

o Fisico, se il supporto è tra quelli predefiniti verrà disegnato in


maniera realistica tramite la funzione grafica parametrica
assegnata. Se il supporto è stato definito dall’utente questa
rappresentazione non è possibile.

o Logico, se si desidera qualsiasi supporto verrà schematizzato


tramite un simbolo bidimensionale. Può essere usato per indicare
logicamente un appoggio su una struttura esistente in acciaio o in
muratura in modo da poter avere le informazioni necessarie per la
stress analysis. A questo scopo viene comunque richiesta l’altezza
del supporto anche se non viene rappresentata. Oppure si può
semplicemente voler omettere il disegno dei supporti nei disegni
piping in quanto il simbolo logico non verrà indicato nelle tavole
2D. Per contro il supporto di tipo logico viene trasmesso e quotato
nello sketch isometrico generato automaticamente dalle procedure
già esposte.

o Blocco utente, se si desidera qualsiasi supporto, anche quello


predefinito e provvisto di funzione grafica parametrica, può essere
rappresentato mediante un modello fornito dall’utente. Per
completare i dati anche questa volta verrà richiesta l’altezza del
supporto, anche se, ovviamente, verranno comunque rispettate le
dimensioni imposte dall’oggetto disegnato dall’utente.

Tutti i tipi di supporto vengono rappresentati nello sketch isometrico


mediante un simbolo bidimensionale.

Una volta effettuate le scelte di cui sopra il comando richiede di


indicare un punto sull’asse di una tubazione esistente. Questo perché il
supporto è un oggetto dipendente dalla linea per quanto riguarda
posizione, orientamento, dimensioni e caratteristiche che vengono
ricavate dall’asse tubazione. Subito dopo viene richiesta l’altezza del
supporto mentre sulla linea di comando compaiono le seguenti opzioni:

ESApro – 3DP Pag. 99


ELENCO DEI COMANDI

Invio per terminare o [Piano/Quota/Ruota/Angolo]:

Se si desidera si può inserire un valore numerico o battere invio per


accettare l’ultima altezza usata, altrimenti si possono utilizzare le
opzioni citate.

Piano, estende l’altezza del supporto dal punto indicato


sulla linea fino all’icona dei piani di riferimento
precedentemente descritta.

Quota, è possibile indicare che la base del supporto debba avere la


stessa quota di un punto indicato sul disegno, per esempio la sommità
di una struttura esistente. Questa opzione non si applica ai supporti ad
angolo.

Le procedure descritte funzionano generalmente considerando il


supporto, e quindi l’altezza, verticale. Ma se si desidera si può
preventivamente ruotare il riferimento attorno al tubo a salti di 90° con
l’opzione Ruota, o di un angolo definito con l’opzione Angolo e ripetere
il processo con l’inclinazione voluta.

Si segnala che i supporti in appoggio vengono costruiti lungo la Y


negativa del sistema locale instaurato durante la loro esecuzione, Al
contrario i sospesi lungo la Y positiva. Questa informazione è utile allo
scopo di orientare correttamente i supporti con inclinazioni diverse
dalla verticale.

Nel solo caso del piedistallo rigido è


presente l’opzione Verticale ovvero
l’opportunità di inserire sotto un tubo
inclinato un appoggio verticale,
anziché perpendicolare al suo asse. In
questo caso però il punto di
inserimento iniziale del supporto
sull’asse è vincolante e diventa il punto definitivo. Infatti non è
permesso il successivo spostamento del supporto che scorrendo su
una tubazione inclinata varierebbe la quota della base di appoggio.

Successivamente alla determinazione dell’altezza il programma


genera il supporto e richiede di finire il posizionamento. I supporti
appoggiati o sospesi si comportano come i già noti componenti a via
diritta. Infatti è possibile far scorrere il supporto lungo la tubazione e
con le opzioni già note, che qui non verranno ripetute, rilasciarlo su un
ESApro – 3DP Pag. 100
ELENCO DEI COMANDI

punto notevole individuato con PipeSnap, ruotarlo,


accostarlo o metterlo ad una distanza da un riferimento.

I supporti ad angolo prevedono invece la selezione di una


curva su cui installarsi e dopo la determinazione
dell’altezza prevedono solo l’opzione di Ruota che li porta a
giacere lungo uno dei due assi concorrenti sulla curva.

I supporti verticali, che sostengono cioè il tubo verticale,


esigono il posizionamento lungo la tubazione prima della
determinazione dell’altezza della sospensione. Questo
perché facendo scorrere il supporto sul tubo si varierebbe
il punto di applicazione.

La distinta dei supporti segue le regole dei normali


componenti così come indicato al capitolo 6

Dal momento che non è possibile sostituire l'inserimento di un


supporto, così come di un componente di linea, con il comando
"Copia" di AutoCAD, è stato programmato un comando dedicato a
questo scopo. E' possibile dunque copiare i supporti con il comando
"Copia Supporti" presente nella stessa toolbar a fianco di quello di
inserimento. La copia prevede la selezione di almeno un supporto, tra
quelli appena descritti, e una serie di altri oggetti correlati come altri
supporti, travature, piastre o fondazioni. Il supporto base, che deve
essere selezionato per primo, serve a pilotare il posizionamento delle
copie nella nuova collocazione.

Il comando inizia con:

Selezionare il supporto di riferimento:

E' il supporto di riferimento per il posizionamento delle copie. Il


programma avverte se l'elemento selezionato non è un supporto e
prosegue:

Selezionare altri supporti o componenti del supporto:

E' possibile aggiungere altri supporti o oggetti correlati come travature,


piastre o fondazioni. Il programma avverte se sono stati selezionati
oggetti non ammessi come supporti ad angolo, componenti di linea e
parti di tubazioni in genere. Se le condizioni lo consentono, (es.: linee
parallele) si possono copiare contemporaneamente supporti
ESApro – 3DP Pag. 101
ELENCO DEI COMANDI

appartenenti a linee diverse. Terminata la selezione il programma


prosegue:

Indicare un asse tubazioni o [Multipla]:

Indicare un asse tubazioni, che può essere lo stesso asse su cui giace
il supporto originale, o un altro qualsiasi. In alternativa l'opzione
"Multipla" descritta più avanti. Il comando prosegue poi con le stesse
procedure di rifinitura del posizionamento usate anche durante
l'inserimento dei supporti singoli o dei componenti lineari in genere.

Indicare un punto o (Zoom/ zoom Prec./ Accosto/ Inverti/ Ruota/


aNgolo/ Distanza):

Se l'asse selezionato non è parallelo all'originale la copia viene


allineata con il nuovo asse. Se necessario si può ribaltare il supporto
da una parte all'altra dell'asse mediante l'opzione inverti. Il programma
cancella le copie che terminano su assi di diametro differente
dall'originale.

Con l'opzione "Multipla" viene eseguita una copia in serie e il


programma richiede:

Indicare direzione e distanza dell'intervallo della serie:

Posizionare il cursore lungo l'asse nella direzione corretta e digitare la


distanza desiderata tra gli elementi della serie. In alternativa indicare la
distanza dall'originale introducendo un altro punto. Il programma
prosegue con:

Indicare il numero di copie:

Digitare il numero di copie desiderato che comprende anche il


supporto originale. Anche in questo caso, se le condizioni lo
consentono, (es.: linee parallele) si possono copiare
contemporaneamente supporti appartenenti a linee diverse.

In ogni caso il programma termina assegnando a tutti i nuovi supporti


generati dalla copia i corretti dati di appartenenza alle linee di
destinazione.

ESApro – 3DP Pag. 102


ELENCO DEI COMANDI

In questo esempio l'U-Bolt di destra è stato


copiato sulla tubazione di sinistra.
L'allineamento tra i due supporti è stato
realizzato semplicemente toccando il
supporto di destra e sfruttando il punto
proiettato sulla tubazione di sinistra.

In questo esempio l'intero


gruppo, in cui sono presenti
supporti appartenenti a linee
differenti, è stato copiato in
serie lungo le linee originali.

In questo esempio il supporto di


sinistra è stato copiato sulla stessa
linea, ma in una zona di orientamento
differente. Se necessario la copia può
essere specchiata rispetto agli assi
con l'opzione "Inverti". Per il
posizionamento è stata usata
l'opzione "Distanza" da una delle
curve a sinistra.

ESApro – 3DP Pag. 103


ELENCO DEI COMANDI

4.16. STRUTTURE METALLICHE

Per facilitare l’inserimento delle strutture metalliche è presente un


modulo di programma per il disegno delle travi commerciali più
comuni. Sulla base di queste è possibile inoltre definire una serie di
portali o di colonne, paline, squadre, scale, ringhiere e passerelle di
vario tipo. E’ possibile poi generare un elenco delle travi che riporti
Tipo, Materiale, Lunghezza e Peso complessivi, ad eccezione di quelle
contenute negli oggetti scale, ringhiere e passerelle.

Al modulo Travi ed ai comandi correlati si accede dal Ribbon, dalle


Toolbar o da Menu 3D Piping / Travi. Esso mostra una finestra di
dialogo in cui compaiono le icone delle travi da disegnare.

Sono presenti le travi a doppio T IPN, IPE e HE, gli angolari a lati
uguali e disuguali, le travi ad U e i tubi per carpenteria Tondi, Quadri e
Rettangolari. Sono stati inoltre inseriti i profilati pieni Tondi, Quadri e
Piatti e il profilato navale a Bulbo. Anche in questo caso il disegno
viene effettuato parametricamente sulla base delle dimensioni
commerciali già inseriti nel programma. E' possibile compilare
denominazioni e dimensionali diversi nell'archivio "Travi" presente
nell'ambiente "Gestione Specifiche", descritto più avanti nel manuale.

ESApro – 3DP Pag. 104


ELENCO DEI COMANDI

Per disegnare una trave completare i seguenti passi preliminari:

o Far comparire la finestra di dialogo delle travi


o Scegliere il tipo di trave
o Scegliere la dimensione commerciale desiderata
o Opzionalmente scegliere il materiale desiderato
o Scegliere il riferimento desiderato per l'asse trave tra i nove
disponibili nella figura.
Dal momento che il comando può disegnare più di una trave, la
assegnazione della sigla eventuale è disponibile solo successivamente
in modifica della singola trave.
Il segno di spunta "Trave supporto" fa riconoscere la trave come
facente parte di un supporto costruttivo. Disponibile solo con il modulo
extra "ESApro Supports".
Ai prompt sotto riportato indicare il primo estremo dell’asse trave
aiutandosi con le consuete opzioni del sistema di riferimento o gli snap
ad oggeto di AutoCAD.
Dal punto o [Linea/SSnap] <Invio per terminare>:

L'opzione "SSnap" (Stru-


Snap) permette di indicare il
primo punto agganciando i
punti notevoli di un'altra trave
presente, tecnica in tutto
simile alla funzione Psnap
sulle linee di Piping. I punti
notevoli, di colore rosso, sono
presenti sulle estremità delle
travi, anche se tagliate
obliquamente, e nella sezione
mediana come indicato in figura. La lunghezza effettiva della trave è
considerata quella del box che circoscrive la trave, e di conseguenza
viene calcolata la posizione della sezione mediana.
Altri punti notevoli utili si trovano su elementi di struttura, come piastre
e supporti. Un punto "SSnap" è presente anche al centro dell'icona dei
piani di riferimento.
In alternativa, con l'opzione "Linea", è possibile usare come asse una o
più linee (linea AutoCAD, non un asse tubazioni). Le linee possono
ESApro – 3DP Pag. 105
ELENCO DEI COMANDI

essere selezionate singolarmente o per finestra. Le travi vengono


disegnate allineando la linea con il riferimento scelto nella maschera
iniziale. Una volta disegnate le travi le linee vengono traslatate su un
layer con la denominazione adatta a farle riconoscere come assi e
come tali proiettate nelle tavole 2D. L'orientamento delle travi su assi
orizzontali, verticali o comunque inclinati è convenzionale. Se
necessario è possibile modificarlo successivamente.
In ogni caso il programma continua con la richiesta del punto
successivo :

Al punto o
[SSnap/Piano/Icona/Sinistra/Destra/Elevazione/aNgolo/Ruota]:

Indicare il secondo punto o usare le opzioni indicate. Il secondo punto


può anche essere determinato digitando una lunghezza e indicando
una direzione con il mouse.
L'opzione "SSnap" consente l'aggancio ai punti notevoli presenti in
altre strutture presenti.
"Piano" permette l'estensione della trave fino al piano di
riferimento scelto tra quelli presenti. Per l'inserimento e
l'uso dei piani di riferimento vedere le tecniche già
esposte per il disegno delle tubazioni.
L'opzione "Icona" permette, se necessario, l'inserimento
del simbolo dei piani di riferimento dall'interno del comando.
"Sinistra", "Destra", "Elevazione", "aNgolo", "Ruota", permettono
l'orientamento del sistema di coordinate X,Y,Z così come già esposto
nell'uso per il disegno delle tubazioni.
A questo punto il programma disegna la trave con la lunghezza e la
direzione indicata e richiede n punti successivi costruendo una serie di
travi uscenti l'una dall'altra fino al termine del comando con "Invio".
Dal secondo punto in poi, quando cioè almeno una trave è stata
disegnata, si aggiungono le opzioni "Aggiusta" e "Muovi".
Al punto o
SSnap/Piano/Icona/Aggiusta/Muovi/Sinistra/Destra/Elevazione]:

"Aggiusta" visualizza le seguenti opzioni


Sposta con frecce tastierino numerico o (Ruota/aNgolo) <Invio per
terminare>:

ESApro – 3DP Pag. 106


ELENCO DEI COMANDI

Mediante un simbolo, posto alle due estremità, si visualizzano il punto


di riferimento/asse di rotazione attuale e quattro frecce.

Attorno all’asse corrente può essere effettuata la rotazione a salti di


90° con l’opzione "Ruota", o di una quantità a piacere con "aNgolo".
Inoltre è possibile, mediante l’uso delle frecce del tastierino numerico
(tasto Bloc Num/Num Lock acceso), traslare la sezione del profilo e far
coincidere l’asse trave con uno dei nove punti della griglia
rappresentata in figura. Le frecce rosse sono abbinate alle frecce
orizzontali della tastiera, quelle verdi a quelle verticali. Questo anche
quando, a seguito di una rotazione, le frecce abbinate alla trave
possono essere comunque inclinate. Questa funzionalità rende più
agevole l’accosto alle altre travature già presenti.

L'opzione "Muovi" permette di traslare liberamente l'ultima trave


eseguita. Il punto di riferimento per lo spostamento è il secondo punto
di costruzione della trave. Con questa tecnica è possibile disegnare
una trave prima su un riferimento certo (es.: estremo di un'altra trave)
per poi spostarla di una distanza nota dal precedente riferimento. Il
comando poi prosegue dal secondo punto della trave spostata.

E’ possibile modificare una trave esistente. Mediante il doppio click o il


consueto comando “Correzione dati”. Si può cambiare la tipologia di
una trave, la dimensione, la rotazione e il posizionamento con
l'opzione "Aggiusta" appena spiegata. Altre modifiche sono rese
possibili dai comandi dedicati seguenti.

ESApro – 3DP Pag. 107


ELENCO DEI COMANDI

Taglia/Estendi permette di ritagliare o di estendere l'estremo


selezionato di una trave esistente e propone:

Selezionare il piano di taglio/estensione della trave


[Faccia/Piano] <Invio per Faccia>:

Il piano di "taglio/estensione" può essere un piano di riferimento o la


faccia piana di un solido presente nel disegno. In quest'ultimo caso
occorre selezionare uno spigolo e scegliere una delle due facce che lo
condividono. Durante questo processo il comando propone:

Click per seguente o [Accetta/Seguente] <Accetta>:

"Seguente" cicla tra le due facce che condividono lo spigolo. "Accetta"


la conferma. La faccia prescelta viene chiaramente evidenziata.

Stabilito il piano il comando continua:

Selezionare l'estremo della trave da tagliare/estendere:

Se il piano è interno alla trave quest'ultima verrà ritagliata, se esterno


verrà estesa fino al piano. Se il piano è obliquo la trave risulterà con la
faccia tagliata o estesa di conseguenza.

Fillet Trave permette di raccordare


due travi come in figura
selezionando gli estremi desiderati.
Non è necessario che i due estremi
coincidano, all'occorrenza le travi
vengono accorciate o allungate per
realizzare il raccordo. Le travi
dovrebbero essere uguali,
complanari e orientate in maniera coerente. In caso contrario si
potrebbero avere risultati inaspettati. Per risolvere situazioni insolite è
possibile usare il comando "Taglia / Estendi" appena esposto.

Allunga/Accorcia permette di cambiare la lunghezza di una trave


trascinando uno degli estremi. E' possibile digitare una lunghezza che
risulterà aggiunta se positiva o sottratta se negativa. Inoltre durante
l'operazione il comando mette a disposizione una serie di snap ad
oggetto AutoCAD mediante i quali si possono selezionare punti di
oggetti circostanti. Tali punti vengono proiettati sulla trave rendendo
possibile l'allineamento del nuovo estremo con riferimenti esistenti. Il

ESApro – 3DP Pag. 108


ELENCO DEI COMANDI

programma termina visualizzando la nuova lunghezza complessiva


realizzata. Se si allunga l'estremo rastremato di una trave la
rastremazione viene perduta.

Sagoma Trave permette di sagomare


l'estremo di una trave usando altre travi
od oggetti solidi presenti. Il comando
richiede prima la serie di oggetti da
sagomare e poi quella degli oggetti che
sagomano. L'operazione può essere
eseguita tra due gruppi di oggetti solidi
qualunque, non necessariamente travi, quando si ha la necessità di
non accorpare gli oggetti sagomati e di non perdere gli oggetti usati
come utensili per sagomare. Gli effetti appena descritti, in questo caso
indesiderati, si verificherebbero usando il comando AutoCAD "Sottrai"
(Subtract) eseguendo la stessa operazione.

Nelle pagine seguenti vengono descritti un certo numero di oggetti


parametrici complessi che è possibile disegnare in tutto o in parte sulla
base delle travature appena descritte.

ESApro – 3DP Pag. 109


ELENCO DEI COMANDI

Portali, Colonne, Paline e Squadre, i comandi permettono la


costruzione di una serie di strutture tipiche le cui travi componenti sono
selezionate dall’utente. E’ possibile indicare le dimensioni delle travi e
quelle caratteristiche della struttura, il numero e la distanza tra le
strutture quando vengono ripetute. Numerose opzioni sono presenti tra
cui l'inserimento o meno di squadre e delle basi di lamiera. Per il
disegno è necessario il punto di partenza e la direzione per indicare
dove devono essere disegnate le copie della struttura. Con le colonne
viene disegnata anche la griglia di riferimento. Le travi rimangono
singolarmente modificabili per permettere di gestire un’eccezione o la
correzione dei posizionamenti standard del programma.

ESApro – 3DP Pag. 110


ELENCO DEI COMANDI

Scale a rampa, il comando permette di inserire una scala con le


misure e le caratteristiche scelte dall’utente. Vi sono inoltre opzioni che
permettono di aggiungere ringhiere e pianerottoli. Le pedate e i
pianerottoli possono essere costituiti da grigliato. Per il posizionamento
sono richiesti il punto di partenza e la direzione indicati dalla freccia
rossa. Se si eseguono rampe successive e possibile poi disegnare tratti
di ringhiera singoli dove necessario con il comando descritto nel
seguito.

ESApro – 3DP Pag. 111


ELENCO DEI COMANDI

Scale a pioli, permette di inserire una scala con le misure inserite


dall’utente. È possibile anche creare il guardiacorpo con uscita frontale
o laterale. Durante la generazione viene inoltre richiesto se inserire o
no le staffe di ancoraggio e nell’eventualità i punti di inserimento di
quest’ultime. Dopo aver generato la scala è possibile ruotarla
progressivamente di 15° o di un angolo desiderato. L'asse di rotazione
è a centro scala a filo del piano d'appoggio.

Sia la scala a rampa che la scala a pioli rispondono alla modifica, con
l’usuale comando Correzione dati”, presentando la maschera di
creazione completa dei parametri attuali, e permettendone la piena
modifica. L’oggetto viene quindi aggiornato con i nuovi dati introdotti
dall’utente nello stesso punto di inserimento e con la stessa direzione
di prima.

ESApro – 3DP Pag. 112


ELENCO DEI COMANDI

Scale elicoidali, permette di inserire una scala elicoidale con le


misure inserite dall’utente.

Il criterio di calcolo può essere impostato con "Pedata e alzata" o con


l'angolo di "Rotazione complessiva", che può essere in senso orario o
antiorario. Gli scalini possono essere costituiti da grigliato. E' inoltre
possibile disegnare le ringhiere e il sostegno centrale. Il punto di
riferimento è il centro inferiore del sostegno centrale. Se si seleziona
una scala esistente con "Correzione Dati" o con un doppio click, si
rientra nella maschera di creazione e, una volta modificati i parametri
desiderati, il disegno della scala viene aggiornato.

ESApro – 3DP Pag. 113


ELENCO DEI COMANDI

Impalcati, permette di creare un impalcato in lamiera o grigliato con la


possibilità di scelta della trave di contorno. Quest’ultimo si può definire
indicando una serie di punti, costruendo un rettangolo o selezionando
un cerchio o una polilinea esistente che può anche contenere archi. La
richiesta di selezionare altri contorni
interni serve a sottrarli dall'impalcato al
fine di generare delle aperture per il
passaggio di eventuali
apparecchiature o tubazioni. L’opzione
“Mantenere polilinea contorno”
permette di riutilizzare quella originale
per la generazione di una ringhiera.

Ringhiere, attraverso questo comando


è possibile inserire una ringhiera, con la possibilità di
scelta delle misure significative. Anche in questo caso
per indicare il contorno è possibile inserire una serie
di punti o selezionare un cerchio o una polilinea
esistente. Quest’ultima può contenere archi. Il
parametro "Offset da percorso" permette, per
esempio, di centrare la ringhiera ad una certa
distanza dal filo di una trave che la sosterrà.

ESApro – 3DP Pag. 114


ELENCO DEI COMANDI

Piastre Forate, permette di eseguire il disegno


di una piastra rettangolare con due o quattro
fori. I parametri presenti consentono di
dimensionare la piastra, i fori e la loro
posizione. E' possibile indicare il materiale
della piastra. Il disegno viene eseguito nel
piano "XY" corrente e lo spessore rivolto lungo
"Z". All'occorrenza usare il comando "Posiziona
UCS" per stabilire il piano "XY" nella posizione
desiderata. Successivamente il programma
richiede due punti per posizionare ed allineare
la piastra come desiderato. Per facilitare il
posizionamento successivo di strutture
vengono poi inseriti dei
punti "SSnap" su tutti
gli estremi dei fori e sui
punti principali della
piastra.

Piastre generiche, permette di disegnare


piastre di forma qualsiasi. Il disegno viene
eseguito nel piano "XY" corrente e lo
spessore rivolto lungo "Z". All'occorrenza
usare il comando "Posiziona UCS" per
stabilire il piano "XY" nella posizione
desiderata. Nella maschera che compare è possibile assegnare il
materiale e lo spessore. Successivamente il comando propone:

Selezionare primo punto o [Polilinea-Cerchio/Rettangolo]:

E' possibile definire il contorno della piastra attraverso una serie di


punti. Diversamente con l'opzione "Polilinea-Cerchio" si possono usare
un cerchio o una polilinea esistenti. L'opzione "Rettangolo" fa costruire
direttamente un contorno rettangolare. Il
comando termina applicando lo spessore al
contorno disegnato.

Il segno di spunta "Piastra supporto" fa


riconoscere le piastre come facenti parte di
un supporto costruttivo. Disponibile solo con il
modulo extra "ESApro Supports".

ESApro – 3DP Pag. 115


ELENCO DEI COMANDI

4.17. CREAZIONE DI TAVOLE 2D

Il menu 3D Piping/Viste 2D fornisce una serie di strumenti per


generare i tradizionali disegni bidimensionali dal modello 3D e
comporli sul foglio di stampa. L’intero processo viene svolto nello
Spazio Carta di AutoCAD alla cui gestione il programma offre
numerose agevolazioni. L’inserimento del cartiglio è propedeutico alla
messa in tavola e verrà quindi descritto prima in questa sezione. La
sua presenza sul foglio di lavoro svolge la fondamentale funzione di
inquadrare ed evidenziare la zona dedicata al disegno e per questa
ragione si consiglia di inserirlo prima della creazione delle viste del
modello.

Dal menu 3D Piping scegliere Viste 2D/Inserisci Cartiglio. La


procedura mostra una generica finestra di dialogo per la scelta di un
file. Nella directory di installazione del programma sono presenti dei
formati standard con nomi 3DPA3-A0, ma qualsiasi cartiglio fornito
dall’utente è valido e immediatamente utilizzabile. Scelto il file
desiderato, il programma termina inserendo il cartiglio nello Spazio
Carta di AutoCAD ed eseguendo uno zoom alla massima estensione.
Ora è possibile affrontare le due successive fasi che portano alla
generazione di un disegno bidimensionale: la definizione delle viste e
la proiezione dei profili e delle sezioni. La prima fase è dedicata alla
creazione delle finestre che conterranno il modello con il punto di vista
prescelto. Nella seconda fase, del tutto automatica, verranno disegnati
i profili e le sezioni degli oggetti rappresentati in ogni finestra,
mediante le tradizionali primitive bidimensionali standard AutoCAD
(linee, archi, cerchi…) proiettate sul piano del disegno. Nel caso che il
modello 3D venga modificato, per aggiornare la messa in tavola basta
rieseguire la generazione dei profili.

Vediamo in dettaglio le operazioni necessarie alla creazione delle


viste.

ESApro – 3DP Pag. 116


ELENCO DEI COMANDI

Viste 2D/Nuova Vista, mostra un pannello di controllo nel quale


essenzialmente viene definita la direzione da cui guardare il modello.
Sul lato destro sono presenti numerose opzioni:

Standard, presenta inizialmente la vista in pianta. Cliccando ai lati del


quadrato blu che circonda la scritta pianta viene mostrata una freccia
che indica la direzione del punto di vista prescelto con questo concetto:
il quadrato blu simboleggia il modello visto dall’alto e la freccia l’occhio
dell’operatore. Cliccando in prossimità del lato inferiore si ottiene
quindi una vista frontale, dal lato destro una vista da destra e così via.
Cliccando in prossimità degli spigoli si ottengono le viste isometriche.
Dopo aver effettuato una scelta premendo il tasto Crea, la vista viene
visualizzata sul disegno nella scala prevista. Vengono
successivamente richiesti due punti per dimensionare la finestra che
conterrà il disegno. Le parti esterne alla finestra non saranno visibili
permettendo quindi di rappresentare anche solo un dettaglio del
modello. Infine la finestra può essere spostata nella posizione
definitiva cliccando sul foglio di lavoro. Se "Crea etichetta scala" è
selezionato verrà inserita una scritta che riporta la scala di

ESApro – 3DP Pag. 117


ELENCO DEI COMANDI

rappresentazione della vista. L'opzione vale per tutti i tipi di vista. Le


opzioni in grigio, non ancora selezionabili, si appoggiano a viste
esistenti e quindi saranno disponibili solo dopo la creazione di una
vista standard.

Ausiliaria, permette di impostare il punto di vista per mezzo di due


angoli, uno nel piano XY e un altro di elevazione dal piano XY.

Ortogonale, crea una vista ortografica a partire da una già creata.


Prevede di indicare
un lato del riquadro
che circonda la
vista, che è il punto
da cui si guarda, e
successivamente
di riposizionare la
vista generata. La
vista mantiene la
scala di quella da
cui è ricavata. Con
la modalità Ortho
attiva è possibile
mantenere anche
l’allineamento tra
le viste.

Sezionata, permette di tracciare uno o due piani di sezione su una


vista preesistente. Successivamente il programma richiede due punti
per definire il primo piano di sezione; si intende che quest’ultimo sarà
perpendicolare al piano di vista corrente e che assumerà l’inclinazione
definita dai due punti. Inoltre, solo se si desidera, è possibile definire
una seconda sezione, parallela alla prima per mezzo di un ulteriore
punto. In quest’ultimo caso verrà visualizzato solo lo strato di impianto
compreso tra i due piani. In ogni caso il comando richiede di indicare il
lato da cui guardare il modello sezionato con un ulteriore punto. Come
risultato verrà generata una vista del modello conforme alla punto di
vista indicato. Infine il programma permette il posizionamento
definitivo della sezione appena creata. Se "Disegna piano di sezione" è
selezionato verrà disegnata la traccia della sezione. Inoltre verrà
inserito un testo con il titolo della sezione.

ESApro – 3DP Pag. 118


ELENCO DEI COMANDI

Modello, permette di definire un punto di vista uguale allo stato


corrente del modello 3D.

Box, crea una vista in pianta del volume che è racchiuso in un


parallelepipedo. Il parallelepipedo viene identificato dalle coordinate
dei due punti estremi della sua diagonale. Questa suddivisione risulta
utile quando si vuol far corrispondere la tavola 2D con la suddivisione
in aree di un grande impianto.

Scala di Vista, consente l’impostazione della scala di riduzione del


disegno rispetto al modello. Si ricorda che nello Spazio Carta è
conveniente inserire il cartiglio in scala 1:1, ridurre la dimensione degli
oggetti rappresentati nelle finestre in maniera opportuna e stampare
sempre in scala 1:1.

Etichette e Simboli di sezione, consente la creazione di un prefisso alla


descrizione rispettivamente della scala di una vista o del titolo di una
sezione.

Viste ombreggiate, attiva o disattiva l’ombreggiatura nelle finestre


selezionate. E’ una modalità molto gradevole per visualizzare e
stampare le tavole 2D. Un effetto ancora migliore si ottiene
sovrapponendo all’ombreggiatura anche i profili 2D monocromatici
descritti più avanti. Se si impostano dei materiali trasparenti, per
esempio la struttura o le apparecchiature, si possono anche
visualizzare le tubazioni che vi passano dietro e che risulterebbero
invece nascoste. Inoltre la colorazione delle tubazioni può essere utile
al riconoscimento del servizio o del tipo di fluido delle linee. Lavorare
su impianti complessi in presenza di viste ombreggiate può risultare
lento, dipendentemente dalla potenza del PC in uso. Si consiglia quindi
di attivare l’ombreggiatura solo prima della stampa.

ESApro – 3DP Pag. 119


ELENCO DEI COMANDI

Cancella vista, rimuove una o più viste indesiderate dal disegno. Il


comando rimuove anche le linee 2D, la quotatura e le annotazioni
relative.

Sposta viste, permette di selezionare una o più viste e di


riposizionarle sulla tavola. Io spostamento può essere ripetuto
ciccando sul disegno fino ad ottenere il risultato voluto. E’ importante
eseguire lo spostamento delle finestre con questo comando invece che
con quello AutoCAD, in questo modo infatti verranno mosse in maniera
sincrona al modello 3D anche le linee 2D, la quotatura e tutte le
annotazioni.

Disegna profili, Fa comparire una


finestra di dialogo mediante la
quale si può istruire il programma a
creare i profili 2D nelle modalità
descritte più avanti. Richiede poi la
selezione di una o più viste,
indicando un punto qualunque
all’interno, a cui applicare il
comando.

ESApro – 3DP Pag. 120


ELENCO DEI COMANDI

Modalità di proiezione, permette la scelta tra “Mantenere i colori


originali”, “Mantenere i colori e i layer originali” e “Monocromatico”. Le
prime due rispettano le relative caratteristiche degli oggetti disegnati
sul modello 3D, l’ultima opzione porta tutti i colori in uno solo, il nero è
adatto all’abbinamento con l’ombreggiature descritta precedentemente.
In ogni caso vengono disegnate e proiettate nello Spazio Carta, le
linee bidimensionali che rappresentano ogni oggetto 3D o 2D visibile
nel modello. Ad esclusione della modalità “Mantenere i colori e i layer
originali”, le linee create vengono posizionate sul layer “2D_Profiliv”.
Viceversa rispettare i layer originali ne può generarne un gran numero
quando si fosse in presenza di riferimenti esterni (XRIF). In questo
caso le prestazioni del comando possono essere leggermente ridotte. Il
processo di generazione dei profili rispetta inoltre i layer congelati
dall’utente nell’ambiente di modellazione 3D. In questo modo è
possibile creare dei disegni parziali dell’impianto o escludere dalla
rappresentazione 2D alcune tipologie di oggetti, come le strutture e le
apparecchiature.

Selezionare gli oggetti da proiettare, permette di includere o escludere


dalla proiezione 2D determinate classi di oggetti senza la necessità di
congelarli nello spazio 3D:

 Gli assi delle tubazioni.

 I riferimenti esterni eventualmente contenuti nel modello 3D.

 I tratteggi, spesso usati per rappresentare dei grigliati, possono


impedire la corretta visione degli oggetti sottostanti.

 Le guarnizioni.

 Le linee nascoste. Se desiderate, verranno visualizzate con


linea tratteggiata le linee che per quel dato punto di vista sono
coperte da altri oggetti. Il programma le pone sul layer
2D_ProfiliH che può successivamente essere gestito
dall’utente a sua convenienza.

 I simboli di cambio classe e di flusso, se inseriti sul modello.

Inserisci simboli di sezione, ricerca tutti i tubi sezionati di una vista e


inserisce automaticamente il simbolo di sezione.

ESApro – 3DP Pag. 121


ELENCO DEI COMANDI

Ritaglia i profili 2D che intersecano i bordi della finestra, nel caso di


viste parziali, dimensioni della finestra inferiori al modello, ritaglia tutte
le linee che intersecano i bordi. E’ opportuno disabilitare il ritaglio
quando i bordi di una finestra possono interferire con le proiezioni di
un’altra. Un’altra occasione per disabilitarlo è di non fare ritagliare così
nettamente un apparecchio o una valvola. Il ritaglio degli oggetti
rimanenti deve essere fatto in questo caso manualmente.

In ogni caso il risultato finale consiste in un disegno bidimensionale


nello Spazio Carta di AutoCAD pronto per la quotatura e le
annotazioni. Il tempo di esecuzione dipende dalla potenza della
macchina e dalla complessità del modello. A titolo indicativo il disegno
proposto nel Tutorial richiede meno di un minuto per generare i profili
di cinque viste. Modelli considerevoli possono richiedere
orientativamente non più di dieci minuti a vista.

Imposta Viste, permette di controllare la visualizzazione degli oggetti


contenuti in una vista e presenta le seguenti possibilità:

 Profili 2D, visualizza la rappresentazione con i profili


bidimensionali degli oggetti a patto che siano stati già eseguiti.

 Modello 3D, visualizza il modello tridimensionale e oscura i


profili 2D, ma continua a mostrare la quotatura e le
annotazioni, a patto che siano state eseguite.

I comandi di quotatura e annotazione della tavola funzionano


correttamente indipendentemente dalla modalità di visualizzazione. Il
programma è comunque in grado di ricavare le necessarie
informazioni autonomamente, senza bisogno di intervento da parte
dell’utente.

Attiva/Disattiva Bordo, Visualizza/Oscura il contorno delle viste. Si


ricorda che nello Spazio Carta le finestre che contengono la
rappresentazione del modello sono considerate oggetti. Su di essi è
possibile operare con gli usuali comandi di AutoCAD Stira o Muovi.
Molto utile risulta in genere variare la dimensione delle finestre tramite
i grips del loro bordo, che deve però essere visibile, mentre sarebbe
ovviamente necessario oscurarlo prima della stampa. In ogni caso il
comando permette di visualizzare o oscurare facilmente il bordo delle
finestre. Infine si fa notare che quest’ultimo, anche se dimenticato in
stato di visibilità, non verrebbe comunque stampato.

ESApro – 3DP Pag. 122


ELENCO DEI COMANDI

Sezione tubo, richiede la selezione di un arco, di un cerchio o di un


ellisse e disegna un simbolo di sezione proporzionandolo all’oggetto
selezionato. In alternativa
l’opzione [Auto] ricerca
tutti i tubi sezionati
presenti nella finestra
selezionata.

Spezza tubo, richiede due


punti sull’asse di una linea
e spezza la tubazione
permettendo di
rappresentare gli oggetti
retrostanti.

Disegna coibentazione, se la tubazione


rappresentata nella tavola 2D fa capo ad una linea
coibentata, ovvero nella maschera di creazione della
linea è stato impostato uno spessore di isolamento
diverso da zero, è possibile rappresentare tratti di
coibentazione lungo la tubazione stessa. Il comando
prevede di indicare due punti sull’asse di una
tubazione. Successivamente il programma disegna un
segmento di isolazione con il diametro esterno
previsto durante la creazione della linea. Se la linea
non risulta coibentata viene emesso un messaggio di
avvertimento.

Inserisci Flusso, richiede


un punto sull’asse di una
linea e disegna il simbolo
del senso di flusso.
L’opzione “Inverti” permette
di cambiarne il senso.

E’ possibile eseguire la
quotatura del modello sia nello spazio 3D che nella tavola 2D. La
quotatura è spiegata più avanti nel manuale.

ESApro – 3DP Pag. 123


ELENCO DEI COMANDI

Tabella materiali

In caso di impianti di dimensioni


modeste, il comando “Tabella Materiali”
permette di aggiungere alla tavola 2D
una tabella con l’elenco dei componenti
di linea dell’impianto. La formattazione
delle colonne risponde allo stesso
criterio con cui viene eseguita la tabella
sugli sketch isometrici. A questo
proposito nelle “Opzioni di Commessa”
aprire il modello per gli elenchi materiali
e impostare:

 La visualizzazione dei campi desiderati e il loro ordine

 Il testo per le intestazioni

 La larghezza in mm del campo

 L’allineamento del testo

ESApro – 3DP Pag. 124


ELENCO DEI COMANDI

Il comando inserisce una tabella sulla tavola con la formattazione


richiesta, attingendo i dati dall’archivio di commessa e quindi
dall’estrazione dati più recente. Ad ogni revisione del modello, una
nuova estrazione dati aggiorna anche la tabella inserita.

20
23

23

30
24
20

23

24

Una volta inserita, la tabella può essere ancorata liberamente dove


desiderato. Con il comando “Aggiungi Posizione” è possibile
successivamente aggiungere la bollinatura ai componenti di linea
applicando la numerazione predefinita della tabella materiali. Il
comando richiede:

Selezionare componente da bollinare o [Posizione/Reset/Elenco]


<Invio per terminare>

E’ possibile selezionare direttamente il componente da bollinare e poi


sistemare il bollino dove desiderato. L’operazione è ricorsiva e
permette di selezionare altri componenti senza ripetere il comando.
In alternativa con l’opzione “Posizione” si può scegliere il numero di
posizione da impiegare. Il comando richiede:

Selezionare numero di posizione in tabella o [Numero]:

Si può inserire direttamente un numero o indicarne uno direttamente


sulla tabella materiali. Successivamente il comando richiede:

Selezionare vista da bollinare <Invio per tutte>:

ESApro – 3DP Pag. 125


ELENCO DEI COMANDI

Una volta selezionate le viste il programma esegue una ricerca


dell’item indicato e ne evidenzia tutte le occorrenze in grassetto per
facilitarne la selezione.

L’utente è quindi in grado di decidere facilmente su quali componenti


eseguire la bollinatura, e su quali no, perché scarsamente visibili
nella vista selezionata. Durante il posizionamento dei bollini il
programma richiede un eventuale allineamento orizzontale o
verticale toccando un bollino esistente di riferimento.

Selezionare componente da bollinare <Invio per terminare>:

Posizionare nota o [Orizzontale/Verticale]:

Volendo annullare la tabella materiali e il suo aggiornamento ad ogni


revisione dell’impianto, comando “Estrazione Dati”, occorre
cancellare fisicamente la tabella da ogni layout e ogni bollinatura
mediante l’opzione “Reset” del comando “Aggiungi Posizione”.

ESApro – 3DP Pag. 126


ELENCO DEI COMANDI

Selezionando l’opzione “Elenco” viene visualizzata una finestra che


consente di controllare lo stato dei bollini già inseriti.

Per ogni numero di posizione viene mostrato il numero di bollini


presenti nel layout corrente, e cliccando su ok le posizione
selezionata viene evidenziata nel disegno.

ESApro – 3DP Pag. 127


ELENCO DEI COMANDI

4.18. STRUMENTI DI LAVORO

Dal menu 3D Piping scegliere STRUMENTI

Sotto questa voce sono contenuti una serie di comandi di utilità


generale che saranno esaminati nel dettaglio.

o Posiziona UCS, abbreviazione da tastiera X. Permette di impostare


il sistema di riferimento desiderato. Supporta le stesse opzioni
presenti nel comando per la stesura della linea, a cui si rimanda.
Premendo il tasto del puntatore posiziona l'origine del sistema di
riferimento sul punto corrente. A questo comando non è associata
nessuna operazione di disegno. Il suo scopo principale è quello di
determinare un sistema di riferimento preciso a cui potersi
appoggiare durante l’esecuzione di un successivo comando di
disegno o di correzione. Le opzioni …/Icona/Cancella/… sono
dedicate rispettivamente alla creazione e alla cancellazione
dell’icona che rappresenta i tre piani ortogonali colorati che ha lo
scopo di facilitare l’instradamento delle linee. L'opzione
../Tubazioni/... stabilisce le direzioni per la ricerca dei percorsi
automatici dell'asse tubazioni. Per ulteriori informazioni vedere il
comando Linea.

o 3DOrbit centrato, lancia il comando AutoCAD 3DOrbit, ma prima


consente la scelta del punto attorno al quale centrare le operazioni
di rotazione del modello. Senza questa opzione il centro di
rotazione spesso si trova distante dalla zona di interesse che
facilmente scompare dallo schermo. Per la scelta del punto sono
stati impostati degli snap che permettono il facile aggancio agli
oggetti presenti.

o Escludi da distinta, è possibile fare in modo che alcuni oggetti


disegnati non vadano a far parte degli elenchi materiali. Esempi
possibili sono tratti di impianti esistenti o parti che sono di fornitura
di terzi. Allo scopo si usa il comando “Escludi da Distinta” che
permette di selezionare gli oggetti da escludere. E’ presente anche
l’opzione per reincludere oggetti precedentemente esclusi. Gli
oggetti esclusi vengono posti sul layer “ESApro_Xclude” con colore
ciano e linea tratteggiata per facilitarne il riconoscimento. Queste
caratteristiche possono essere cambiate a piacere. Se
preventivamente si attiva il comando “Raggruppa linee”, si sarà in

ESApro – 3DP Pag. 128


ELENCO DEI COMANDI

grado di selezionare un’intera linea e le eventuali diramazioni con


un solo click.

o Visualizza coibentazione, permette di selezionare un’entità, una


linea o tutto e disegna la coibentazione se presente. Il comando ha
lo scopo di verificare in maniera visuale l’influenza della
coibentazione sulla disposizione di tubazioni vicine. Non appena il
controllo è stato effettuato si può cancellare la coibentazione con
l’opzione apposita dello stesso comando. La visualizzazione della
coibentazione nelle tavole 2D è stata illustrata nel capitolo
precedente.

o Zero Impianto, imposta l'origine dell'impianto,


che se non assegnato è l'origine dell'UCS
Globale. Il comando visualizza l'origine
corrente, il simbolo in figura, e permette di
impostare una nuova posizione. Con l'opzione
[Assoluto] il programma ripristina lo zero di
impianto sull'origine dell'UCS Globale. Questa
origine viene usata nella determinazione del
valore delle quote altimetriche e nella
visualizzazione delle coordinate, funzioni usate normalmente nelle
tavole 2D estratte dal modello. Queste informazioni vengono
passate anche negli sketch eseguiti automaticamente da ESApro
ISO. Il simbolo può essere cancellato se non si desidera farlo
comparire nelle tavole 2D. L’informazione relativa allo zero
d’impianto non viene perduta. In ogni caso il simbolo ricompare
rilanciando il comando.

o Simboli, fa comparire una maschera dove attualmente sono


selezionabili il simbolo di “Cambio
Classe” e quello per il senso di “Flusso”.
Posizionando i simboli si predispone la
loro automatica visualizzazione nelle
tavole 2D e negli sketch. Questo
assicura che i simboli vengano riportati
anche se gli elaborati vengono rieseguiti
a seguito di una revisione. Il simbolo di
cambio classe richiede un punto
condiviso tra due assi confermandolo
mediante il pallino giallo della funzione
“PSnap”. Il simbolo di flusso richiede

ESApro – 3DP Pag. 129


ELENCO DEI COMANDI

invece il posizionamento su un asse e l’eventuale inversione. La


figure seguenti mostrano il risultato rispettivamente nelle tavole 2D
e negli sketch.

150 LB TEST

La visualizzazione dei
simboli nelle tavole 2D
è sottoposta all’opzione
“Simboli” del comando
“Disegna profili”. Per
fare in modo che i
simboli passino negli
sketch isometrici,
occorre ricordare
invece che devono
essere inseriti prima di
eseguire l’esportazione
dei file .ISO. Per
maggiori informazioni
su questo argomento
vedere il capitolo “4.27
Generazione Sketch”.

o Trova, ricerca ed evidenzia linee, ovvero tutti gli oggetti che


condividono lo stesso identificativo, componenti, apparecchiature e
bocchelli, picchetti e oggetti marcati come incerti.

Linee, toccando un qualunque oggetto di una linea questa viene


evidenziata. Un successivo INVIO termina il comando e la linea
viene deevidenziata. In alternativa non selezionando, ma
premendo INVIO, viene composto l’elenco delle linee presenti
mostrato poi in una finestra di dialogo. Da quest’ultima si può
selezionare il nome della linea che viene ricercata ed evidenziata.

ESApro – 3DP Pag. 130


ELENCO DEI COMANDI

Componenti, scegliendo l’opzione “Sigla” viene richiesta


l’immissione della sigla di un componente che poi viene ricercato
ed evidenziato. In alternativa premendo “E” viene composto
l’elenco componenti da cui selezionare quello da ricercare.

Bocchelli, fa comparire un elenco dei nomi dei bocchelli preceduti


da quello dell’apparecchiatura a cui appartengono. Viene poi
evidenziato il bocchello selezionato. Con un invio successivo
vengono ricercati eventuali bocchelli con lo stesso nome.

Apparecchiature, fa comparire l’elenco apparecchiature. Viene poi


evidenziata quella selezionata. Con un invio successivo vengono
ricercati eventuali apparecchiature con lo stesso nome.

Picchetti, fa comparire l’elenco dei picchetti inseriti. Viene poi


evidenziato quello selezionato. Con un invio successivo vengono
ricercati eventuali picchetti con lo stesso nome.

Incerti, evidenzia tutti i componenti marcati come incerti. Si ricorda


che è attraverso il comando “Correzione dati” che si può assegnare
una sigla e la caratteristica “Incerto” ad un componente.

o Raggruppa linee, è un comando di utilità che permette di fare una


selezione AutoCAD di tutti i tratti e delle entità che compongono
una linea. Funziona da interruttore che alternativamente attiva o
disattiva il processo. Ha l’opzione per includere anche tutte le
diramazioni che hanno lo stesso numero della linea principale. Il
comando può essere usato quindi per qualunque esigenza che
preveda una selezione di un’intera linea.

o Confronta con P&ID, genera un elenco linee o componenti dei


P&ID della stessa commessa e contrassegna le linee o i
componenti già eseguiti anche nel piping con un segno [+].

o Rigenera gruppi, ripercorre le linee geometricamente, ripristina i


raggruppamenti originali quando, per un problema imprevisto, la
selezione delle linee non appare corretta.

o Aggiorna linea, esegue una revisione incondizionata della linea con


i dati attuali della stessa. E’ utile quando è stata revisionata la
Classe Tubazioni che la linea utilizza. In questo caso vengono
aggiornati i dati descrittivi di tutti i componenti che inoltre vengono

ESApro – 3DP Pag. 131


ELENCO DEI COMANDI

ridisegnati con le eventuali variazioni dimensionali. Infine vengono


segnalati eventuali componenti rimossi dalla Classe Tubazioni. Il
processo è in tutto simile a quello che si ottiene a seguito del
comando “Correzione dati”, che lo esegue solo a seguito di un
cambiamento del DN o della sostituzione della Classe corrente con
un’altra.

ESApro – 3DP Pag. 132


ELENCO DEI COMANDI

4.19. CONTROLLI

Dal menu 3D Piping o dal Ribbon scegliere CONTROLLA DISEGNO

Sotto questa voce sono contenuti una serie di comandi di utilità


generale che saranno esaminati nel dettaglio. Il comando propone le
seguenti opzioni:

Indicare un tipo di controllo [Interferenze/Connessioni/Finiture-


rating/fUori classe/caNcella tutto]

Interferenze

E` possibile ricercare automaticamente se i componenti dell’impianto


interferiscono tra di loro. Gli oggetti validi che possono essere
sottoposti alla ricerca sono i solidi
standard di AutoCAD. Quindi sono idonei
tutti gli oggetti prodotti dal programma
3DP e quelli aggiunti dall’utente
mediante la modellazione solida. Sono
esclusi tutti gli elementi costruiti con
superfici e i solidi contenuti nei blocchi,
che devono essere esplosi. Se il risultato
dell’indagine è positivo il programma
contrassegna la zona di interferenza con
un anello di colore Magenta per le
interferenze gravi (ferro con ferro o hard)
e Blu per le interferenze tra la
coibentazione o tra un componente e la
coibentazione (soft). Inoltre è possibile
far disegnare il solido di interferenza,
ovvero il solido comune ai due elementi
che si compenetrano. I contrassegni
risiedono sul layer “3DP_Interf” che può
essere congelato fino al momento in cui
si decide di esaminare con calma tutte le
interferenze trovate. Dalla finestra di
dialogo delle Opzioni di Lavoro è
possibile aprire una tabella di
impostazioni che controlla il
funzionamento del comando. Come si
vede è possibile impostare il colore dei
contrassegni che circondano le
ESApro – 3DP Pag. 133
ELENCO DEI COMANDI

interferenze, sia hard che soft, estendere o meno il controllo anche


sulla coibentazione, agli interspazi tra le tubazioni e abilitare o no il
disegno del solido di interferenza.

Il controllo soft presuppone che ad una linea sia stato assegnato uno
spessore di coibentazione diverso da zero nella maschera di
creazione. La coibentazione non viene rappresentata fisicamente nel
modello, ma solo annotata nelle caratteristiche della linea per passare
l’informazione agli elenchi materiali. In effetti esiste la possibilità di
visualizzare temporaneamente la coibentazione mediante il comando
“3DPiping/Strumenti/Visualizza coibentazione”. Inoltre è possibile
visualizzare tratti di coibentazione nell’ambiente dedicato alle tavole
bidimensionali. Se in un punto vengono ritrovate contemporaneamente
interferenze tra coibentazione e tra ferro e ferro, viene disegnato solo il
contrassegno relativo al caso più grave (ferro con ferro) per
semplificare la rappresentazione.

La valutazione degli interspazi prevede invece quanto segue:

o Se le tubazioni non sono coibentate viene valutato che lo


spazio desiderato esista tra le tubazioni o tra le tubazioni e le
flange se presenti.

o Se le tubazioni sono coibentate viene valutato che lo spazio


desiderato esista tra l’esterno della coibentazione o tra la
coibentazione e le flange se presenti.

Il comando propone tre opzioni:

Selezionare un opzione [Selezione/Tutto/Cancella Simboli] <Invio


per selezione>:

1. Selezione, permette una selezione parziale dei componenti


dell’impianto con le modalità usuali di AutoCAD, e
successivamente esegue l’esame delle interferenze solo su di
essa. E` una scelta molto indicata per ottimizzare i tempi di
esecuzione specialmente su impianti complessi. Separando
adeguatamente le zone del modello si può fare in modo che non
vengano controllati inutilmente oggetti molto lontani tra di loro.

2. Tutto, esegue il controllo su tutti i componenti presenti sul disegno.


E` ovviamente una scelta che può comportare tempi di esecuzione
anche molto lunghi, dipendentemente dalla potenza del computer
ESApro – 3DP Pag. 134
ELENCO DEI COMANDI

e dalla dimensione del modello. E’ più consigliabile selezionare


con l’opzione precedente una serie di zone, specie quando non c’è
alcuna possibilità che interferiscano tra di loro.

3. Cancella simboli, permette di rimuovere totalmente tutti i


contrassegni e i solidi di interferenza generati dall’esecuzione del
comando.

E` prevista anche la possibilità di avere il controllo delle interferenze in


tempo reale durante la stesura di una linea. Questa caratteristica è
normalmente disabilitata e si può attivare dalla finestra di dialogo delle
Opzioni di Lavoro. L’indagine viene effettuata con le modalità
impostate nella finestra delle opzioni descritta precedentemente. Così
sarà possibile avere in linea anche il controllo dell’interferenza con le
coibentazioni, o solo ferro con ferro. Durante la stesura della linea ogni
nuovo oggetto creato subirà il controllo di interferenza con gli oggetti
circostanti e in caso positivo verranno apposti i contrassegni già
descritti in precedenza. E` da segnalare che il controllo delle
interferenze in tempo reale può far decadere le prestazioni dei
comandi di creazione della linea, in special modo se nel test si include
la coibentazione. Nel qual caso può essere preferibile il controllo a
posteriori.

Connessioni

Il comando richiede tre opzioni:

Selezionare una linea o [Tutto/Cancella simboli]:

1. Selezionare una linea, la selezione viene eseguita puntando un


componente qualunque di una
linea che successivamente viene
analizzata. Il controllo si basa sul
fatto che una linea con tutti i
componenti perfettamente
connessi debba avere due soli
estremi. In questo caso il
comando segnala l’assenza di
disconnessioni. Se invece
vengono trovati più di due
estremi il programma li
ESApro – 3DP Pag. 135
ELENCO DEI COMANDI

contrassegna tutti, anche i due reali, con anelli di colore rosso e


avverte circa la presenza di disconnessioni. L’utente potrà così
intraprendere le necessarie azioni correttive sui componenti che
hanno generato la disconnessione. Se sulla linea sono presenti
elementi derivatori (T , Olet o mezzi manicotti) non ancora
collegati, il programma segna i collegamenti mancanti come
disconnessioni, anche se in questo caso la linea non ha
componenti effettivamente distaccati. Prima di ricercare gli
estremi il comando può eseguire anche un controllo di
interferenza. Ciò risulta particolarmente utile in presenza di
componenti sovrapposti, difficili da diagnosticare, generati da un
cattivo uso dei comandi di vestizione automatica delle linee. Nel
qual caso il comando avverte della necessità di risolvere
l’interferenza prima di procedere al successivo controllo delle
connessioni.

2. Tutto, seleziona tutto il disegno per la ricerca delle disconnessioni,


il controllo viene poi eseguito con le modalità già descritte.

3. Cancella simboli, cancella tutti i contrassegni presenti sul disegno.

Si ricorda che una disconnessione anche minima, tale da non


pregiudicare il montaggio in cantiere, può comunque impedire il
normale svolgimento di numerose procedure successive, per citarne
una l’esecuzione automatica degli sketch, basate sul concetto di
connessione dei componenti di una linea. Questo non deve far pensare
che sia difficoltoso ottenere una linea perfettamente connessa, allo
scopo è sufficiente infatti usare correttamente i normali strumenti di
inserimento messi a disposizione dal programma.

Finiture-Rating

Il comando richiede quattro opzioni:

Selezionare opzione [Selezione/Linee/Tutto/Cancella simboli]


<Invio per selezione>

1. Selezione, permette la selezione di una zona del disegno e


segnala eventuali accoppiamenti tra componenti flangiati, flange,
guarnizioni e bulloneria associata, che non sono compatibili per

ESApro – 3DP Pag. 136


ELENCO DEI COMANDI

diversa Finitura o Rating. In prossimità degli oggetti incompatibili


viene disegnato un contrassegno di colore giallo.

2. Linee, esegue il controllo di cui sopra sulle linee selezionate.

3. Tutto, esegue il controllo di cui sopra su tutto il disegno.

4. Cancella simboli, cancella tutti i contrassegni presenti sul disegno

Si ricorda che questo controllo viene effettuato anche durante gli


inserimenti automatici di componenti flangiati con controflange,
guarnizioni e bulloneria associata, mentre non viene effettuato se i
componenti suddetti vengono manualmente accostati uno ad uno.
Questo per non dare inutili segnalazioni durante situazioni transitorie,
quando cioè il gruppo flangiato non è ancora completo, e per
permettere all’utente di realizzare delle eccezioni se necessario.

Fuori Classe

Il comando richiede tre opzioni:

Selezionare una linea o [Tutto/Cancella simboli]

1. Selezionare una linea, controlla che su una o più linee selezionate


non esista un componente la cui definizione è stata rimossa dalla
Classe tubazioni e disegna in prossimità un contrassegno di
colore blu.

2. Tutto, esegue lo stesso controllo su tutto il disegno.

3. Cancella simboli, cancella tutti i contrassegni presenti sul disegno

Cancella Tutto

Cancella in un'unica soluzione i contrassegni che indicano


interferenze, disconnessioni, accoppiamenti di rating e finitura
incompatibili e i fuori classe.

ESApro – 3DP Pag. 137


ELENCO DEI COMANDI

4.20. OPZIONI DI LAVORO

Dal menu 3D Piping o dal Ribbon scegliere Opzioni di Lavoro,


abbreviazione da tastiera O.

E` una finestra di dialogo il cui scopo è l’impostazione di numerosi


parametri che influenzano il funzionamento del programma:

o “Database Corrente”, Database di lavoro che compare anche sulla


linea di stato di AutoCAD, per maggiori informazioni sulla sua
creazione vedere l’ambiente “Gestione Specifiche” più avanti nel
manuale. Ogni Database può contenere definizioni diverse di
Classi, Archivi e Commesse. Questo rende possibile isolare ogni
progetto in un Database le cui successive modifiche non
influenzino i progetti in corso che fanno capo ad altri Database.
Per questa ragione si consiglia di creare una sola Commessa per
ogni Database di progetto, anche se è possibile crearne diverse. Il
Database corrente viene memorizzato nel disegno e viene
riproposto alla sua riapertura. E’ possibile cambiare il Database di
uno disegno esistente. Successivamente occorre riassegnare le
nuove Classi, se sono cambiate, alle linee presenti.

ESApro – 3DP Pag. 138


ELENCO DEI COMANDI

o “Commessa, No Disegno, Foglio, Revisione”, dati anagrafici


obbligatori che permettono la corretta esportazione dei dati dei
componenti disegnati nell’Archivio Commesse. Il livello di
Revisione può essere inizialmente nullo. Tali dati verranno richiesti
obbligatoriamente al momento dell’estrazione dati. Si fa notare che
la Commessa non può essere digitata, ma deve essere scelta
dall’elenco di quelle già create. La creazione di una commessa
viene eseguita nell’archivio Commesse della procedura “Gestione
Specifiche". Insieme alla commessa verranno inizializzati dei
parametri di default che sarà possibile modificare con il comando
3D Piping/Opzione commessa (per un elenco dettagliato sulle
varie opzioni far riferimento al capitolo 6 Commesse).

o Inserimento automatico flangia, abilita l’applicazione automatica di


flange ai componenti flangiati durante il loro inserimento. Le flange
utilizzate sono quelle conformi alla Classe Tubazioni. Se sono
presenti alternative verranno proposte attraverso una finestra di
dialogo. Si ricorda inoltre che in questo caso il programma esige la
compatibilità di finitura e rating con gli altri elementi
dell’accoppiamento.

o Inserimento automatico guarnizione, abilita l’applicazione della


guarnizione che sarà associata automaticamente alle flange
durante il loro inserimento. Le guarnizioni utilizzate sono quelle
conformi alla Classe Tubazioni. Se sono presenti alternative
verranno proposte attraverso una finestra di dialogo.

o Inserimento automatico bulloneria, associa ad ogni guarnizione la


bulloneria relativa all’accoppiamento standard previsto nella
Classe tubazioni.

o Visualizzazione maschera inserimento Valvole e Componenti,


subito dopo l'inserimento di una valvola o componente di linea, fa
comparire la maschera con i dati caratteristici allo scopo di
compilarne immediatamente la sigla.

o Consenti sempre tubo su tubo, abilita l’esecuzione temporanea


della derivazione tubo su tubo anche se non prevista dalla Branch
Table. Successivamente sarà possibile sovrapporre una
derivazione diversa. Lo scopo è quello di visualizzare comunque il
tubo che altrimenti sarebbe impedito dal programma

ESApro – 3DP Pag. 139


ELENCO DEI COMANDI

o Scelta 1° componente in Classe, controlla il comportamento del


programma in presenza di un’alternativa nella Classe tubazioni
all’interno di una stessa tipologia. Se per un dato componente e
per un certo diametro nominale sono presenti in Classe una o più
alternative possibili (es.: due flange slip-on con finitura diversa) il
programma può essere istruito a prelevare automaticamente la
prima voce inserita in Classe, se la casella dell’opzione risulta
barrata, o a presentare una finestra di dialogo con l’elenco delle
soluzioni possibili in modo che l’utente possa effettuare una scelta.

o Usa simbolo per strumenti, abilita il disegno simbolico degli


strumenti connessi. Vedi l'inserimento dei componenti a via diritta.

o Lunghezza min. percorsi automatici (X DN), quando un percorso


arriva trasversalmente ad un bocchello il programma aggiunge un
segmento di linea lungo il suo asse. La lunghezza di questo
segmento si può impostare come multiplo del diametro esterno
della tubazione. Il valore preimpostato è tre volte il diametro, in
genere sufficiente ad accogliere una curva.

o Controllo interferenze, apre una finestra di dialogo in cui è possibile


impostare il funzionamento del comando per la ricerca delle
interferenze. Per maggiori informazioni vedere il paragrafo
dedicato all’argomento nel capitolo precedente. Se la casella
Attiva controllo interferenze in linea non è barrata, il controllo
automatico durante la
creazione di una linea
è disabilitato.

o Incolla dati da P&ID,


attiva la possibilità di
ricavare dal P&ID la
siglatura di valvole e
componenti.
L’operazione avviene
dalla finestra di
dialogo del comando
“Correzione dati”.

o Gestione Layer…,
mostra la finestra di
dialogo da cui si controlla la layerizzazione dei componenti di un

ESApro – 3DP Pag. 140


ELENCO DEI COMANDI

impianto. Questa possibilità rappresenta, specie durante


l’esecuzione di grandi impianti, la chiave per la gestione della
visualizzazione e dell’esecuzione delle tavole 2D. Spesso è infatti
preferibile semplificare la visualizzazione per poter lavorare più
agevolmente in una zona molto ingombra di oggetti non
desiderati, oppure può essere necessario creare tavole suddivise
per Zone, Servizi o Discipline diverse. Entrambe le cose vengono
risolte tramite l’accensione o lo spegnimento di un sistema di layer
organizzato. A tale scopo è possibile gestire separatamente la
creazione dei layer per le linee piping e i supporti, per le
apparecchiature e per le strutture metalliche. Inoltre è possibile
stabilirne il colore di default. I layer vengono creati in automatico
sulla base dei criteri esposti nel seguito.

Layerizzazione Piping, permette di stabilire quattro modalità di


gestione delle linee piping:

 Sistema, crea tre layer ad ogni creazione di una nuova linea.


Agli assi viene assegnato il nome 3DP_AXIS_..., seguito dal
Sistema. Ai componenti Piping viene assegnato il nome
3DP_PIPE_... seguito dal Sistema. Ai supporti viene
assegnato il nome 3DP_SUPP_... seguito dal Sistema.

ESApro – 3DP Pag. 141


ELENCO DEI COMANDI

 Linea, crea tre layer ad ogni creazione di una nuova linea.


Agli assi viene assegnato il nome 3DP_AXIS_..., seguito dal
numero di linea. Ai componenti Piping viene assegnato il
nome 3DP_PIPE_... seguito dal numero di linea. Ai supporti
viene assegnato il nome 3DP_SUPP_... seguito dal numero
di linea.

 Servizio - Fluido, crea tre layer ad ogni creazione di un nuovo


Servizio o Tipo di Fluido. Agli assi viene assegnato il nome
3DP_AXIS_..., seguito dal nome del Servizio o del tipo di
Fluido. Ai componenti Piping viene assegnato il nome
3DP_PIPE_... seguito dal nome del Servizio o del Tipo di
Fluido. Ai supporti viene assegnato il nome 3DP_SUPP_...
seguito dal nome del Servizio o del Tipo di Fluido. Nella
maschera di Creazione Linea in questo caso il Servizio o il
Tipo di Fluido diventano obbligatori.

 Corrente, crea tre layer sulla base del layer corrente. Agli assi
viene assegnato il nome 3DP_AXIS_..., seguito dal nome del
layer corrente. Ai componenti Piping viene assegnato il nome
3DP_PIPE_... seguito dal nome del layer corrente. Ai
supporti viene assegnato il nome 3DP_SUPP_... seguito dal
nome del layer corrente.

 Fisso, crea tre layer sulla base del layer fisso assegnato. Agli
assi viene assegnato il nome 3DP_AXIS_..., seguito dal
nome del layer fisso. Ai componenti Piping viene assegnato il
nome 3DP_PIPE_... seguito dal nome del layer fisso. Ai
supporti viene assegnato il nome 3DP_SUPP_... seguito dal
nome del layer fisso. Consente di disegnare linee
layerizzandole in maniera indipendente dal layer corrente.

Layerizzazione Apparecchiature, permette di stabilire due modalità


di gestione dei layer delle apparecchiature:

 Corrente, crea due layer. Uno per le apparecchiature con


nome 3DP_EQUIP_..., seguito dal nome del layer corrente
assegnato. Uno per le gli assi delle apparecchiature con
nome 3DP_AXEQ_..., seguito dal nome del layer corrente
assegnato.
ESApro – 3DP Pag. 142
ELENCO DEI COMANDI

 Fisso, crea due layer. Uno per le apparecchiature con nome


3DP_EQUIP_..., seguito dal nome del layer fisso assegnato.
Uno per gli assi delle apparecchiature con nome
3DP_AXEQ_..., seguito dal nome del layer fisso assegnato.

Layerizzazione Struttura, permette di stabilire due modalità di


gestione dei layer delle strutture metalliche:

o Corrente, crea un layer per le strutture con nome


3DP_STRU_..., seguito dal nome del layer corrente
assegnato.

o Fisso, crea un layer per le strutture con nome 3DP_STRU_...,


seguito dal nome del layer fisso assegnato.

Default Colori Layer, permette di assegnare tre colori separati di ai


layer degli assi, dei componenti piping e ai supporti. Inoltre
permette di assegnare un colore ai layer delle Apparecchiature e
delle Strutture. Si fa notare che questo meccanismo assegna dei
colori preassegnati ai layer durante la loro creazione. Non è stato
pensato per agire in modifica né in maniera retroattiva. Una volta
che il programma ha creato un layer attraverso uno dei criteri visti,
la modifica delle sue caratteristiche, compreso il colore, deve
essere eseguita con i comandi AutoCAD preposti.

Sulla base della layerizzazione appena descritta sono stati


predisposti alcuni filtri-layer nella finestra di gestione layer
AutoCAD, al fine di facilitarne l’individuazione e la ricerca.

ESApro – 3DP Pag. 143


ELENCO DEI COMANDI

4.21. CORREZIONE DATI

Dal menu 3D Piping o dal Ribbon scegliere Correzione Dati,


abbreviazione da tastiera XL. E' anche possibile effettuare un doppio
click direttamente sull'oggetto.

E’ un comando dedicato all’esame e alla modifica dei componenti


inseriti. Il suo comportamento dipende dal tipo di oggetto selezionato
sul quale di volta in volta vengono adottati criteri diversi per la
visualizzazione dei dati caratteristici e per la loro correzione. In
generale per i componenti viene mostrata una tabella di informazioni
come quella della figura.

Gli unici dati modificabili sono la sua sigla e “Incerto” che indica che
quel componente non è ancora stato definito con precisione. La sigla
può anche essere prelevata dall’eventuale P&ID corrispondente
mediante il pulsante adiacente “Incolla dati”. Nella maschera che
compare è possibile selezionare uno dei componenti appartenenti alla
stessa linea trovati nel P&ID e catturarne la sigla.

ESApro – 3DP Pag. 144


ELENCO DEI COMANDI

Nelle guarnizioni si aggiunge la possibilità di impostare il tipo di


accoppiamento ad esse associato. Se si seleziona un’apparecchiatura
si potranno invece cambiare i suoi dati caratteristici testuali o quelli
geometrici.

Nella seconda pagina della tabella sono presenti otto campi disponibili
e il campo note. Le descrizioni dei campi disponibili si possono
personalizzare con procedure descritte in seguito nell’ambiente
“Gestione Specifiche”.

La situazione cambia radicalmente se l’elemento selezionato è l’asse


tubazione, che rappresenta la linea logica. In questo caso la linea
indicata viene evidenziata e compare una maschera identica a quella
usata per la sua creazione nella quale è possibile modificare
qualunque dato. E` bene distinguere la tipologia dei dati presenti sulla
linea e le azioni correttive conseguenti:

o Numero di linea, raggruppa logicamente tutti i tratti di linea e i


componenti che lo condividono. Rappresenta quindi la chiave per
la selezione dell’insieme di oggetti che ad essa appartengono. In
generale cambiare il numero di linea significa cambiarlo a tutti

ESApro – 3DP Pag. 145


ELENCO DEI COMANDI

questi oggetti, salvo il caso che la linea presenti una variazione di


diametro. La presenza di una riduzione infatti spezza la linea in
due rami distinti, solo ai fini della correzione, e ne permette la
modifica separata. In questo modo, assegnando un diverso
numero di linea a valle o a monte di una riduzione, si può generare
una nuova linea. Se il numero di linea fa parte della siglatura
anche questa verrà automaticamente ricomposta.

o Classe – DN, sono due dati la cui modifica può comportare


variazioni sia logiche che dimensionali sui componenti facenti
parte della linea. In entrambi i casi infatti si è in presenza di
possibili variazioni dimensionali dei componenti di una linea con
conseguenze spesso difficili da controllare o prevedere, anche per
le interazioni possibili con le linee contigue. E’ presente quindi una
funzionalità del
comando “Correzione
Dati” per cui viene
tentato l’aggiornamento
automatico della linea a
cui è stato cambiato il
DN o la Classe e di tutte
le linee contigue
interessate (vedi figura).

Il pulsante "Aggiorna linea" lancia il processo di aggiornamento,


"Svesti linea" aggiorna gli assi con i nuovi dati e rimuove tutti i
vecchi componenti. Questo servizio può essere utile se si ritiene
che non sia possibile o utile arrivare al risultato desiderato
semplicemente sostituendo i vecchi componenti con i nuovi.

A seguito della modifica del DN o della Classe sono possibili due


casi:

1. Tutti i componenti interessati esistono con le nuove


caratteristiche indicate.

2. Alcuni componenti possono non esistere nel DN o nella


Classe indicata.

ESApro – 3DP Pag. 146


ELENCO DEI COMANDI

Nel primo caso è possibile che ci siano alternative in Classe per i


componenti da aggiornare, anche se potevano non esserci nella
condizione iniziale. Nel caso il programma si arresta e propone la
maschera di scelta prima di continuare. Alcuni componenti
possono richiedere inoltre un intervento dell’utente, ad esempio il
riposizionamento della leva di una valvola.

Nel secondo caso il programma evidenzia i componenti che non


potranno essere modificati. In giallo quelli che possono essere
sostituiti con altre tipologie (T normale con T ridotto, valvola a
saracinesca con valvola a globo). In rosso quelli che possono
essere sostituiti solo da altre famiglie (T ridotto con mezzo
manicotto). Se la sostituzione non è possibile il componente
viene cancellato e sostituito dal tubo. Ad operazione ultimata
l’utente dovrà decidere autonomamente come sostituire le
tipologie dei componenti cancellati. Il programma non aggiunge
nuovi componenti, pertanto se il cambiamento del diametro porta
ad una variazione delle finiture, es.: da filettato a flangiato, una
valvola che passa da filettata a flangiata non riceverà le
guarnizioni e le controflange. Viceversa una valvola filettata non
riceverà nippli. Questi elementi dovranno essere aggiunti a mano.

Il programma, non cambia la geometria degli assi della linea. Ne


consegue che tutte le situazioni in cui l’aggiornamento lo
richiederebbe dovranno essere corrette manualmente dall’utente.
A titolo di esempio citiamo la modifica di una riduzione eccentrica
con conseguente variazione del disassamento tra le linee, o
quella di componenti al minimo, curva e controcurva, che
all’aumentare del DN richiedono una maggiore distanza tra i
vertici.

Il programma cambia una linea per volta, quindi le interazioni tra


linee principali e derivazioni possono essere influenzate dalla
sequenza temporale che l’utente ha scelto di adottare nelle
modifiche.

Il programma non è in grado di aggiornare i supporti che dovranno


essere rimessi dall’utente.

Si fa notare che il successo delle modifiche può essere ottenuto


con variazioni modeste delle dimensioni degli oggetti e viceversa

ESApro – 3DP Pag. 147


ELENCO DEI COMANDI

può essere impossibile con forti differenze. Si consiglia quindi di


ridisegnare le linee che cambiano in maniera drastica.

Nel caso in cui l’aggiornamento venga ritenuto possibile il programma


esegue le seguenti operazioni:

o Cancella i vecchi componenti e le tubazioni


o Aggiorna tutti i componenti con posizione fissa, come le curve e i
pezzi a T
o Aggiorna i gruppi di componenti liberi di muoversi su una
tubazione e li riposiziona al centro del gruppo originale.
o Aggiorna i componenti adiacenti a componenti fissi e li riaccosta ai
corrispondenti componenti fissi
o Aggiorna il taglio di eventuali derivazioni tubo su tubo presenti
sulla linea in modifica
o Riaccosta eventuali componenti adiacenti ai componenti che
realizzano una derivazione, tipo un pezzo a T, anche se si trovano
dal lato derivazione.
o Completa le linee con i tubi della nuova Classe / Diametro esterno.

Anche se l’aggiornamento è ritenuto possibile si possono presentare le


seguenti situazioni critiche, le quali richiedono l’intervento dell’utente:

o L’aumento del DN e gli spazi a disposizione sono tali che due


componenti prima ad una certa distanza vanno in
sovrapposizione.
o In presenza di montaggi al minimo qualsiasi aumento del DN
porta i componenti in interferenza. Per contro se il DN
diminuisce viene inserito un tratto di tubazione tra i
componenti prima a contatto e l’aggiornamento si conclude
con successo.

ESApro – 3DP Pag. 148


ELENCO DEI COMANDI

o Tutte le altre situazioni in cui sarebbe necessario cambiare la


geometria degli assi.

Per quanto detto sopra si consiglia di eseguire i comandi


“Controlla connessioni” e “Controlla interferenze” sulle linee
appena aggiornate.

o Altri dati descrittivi, temperatura, pressione, tipo di fluido e gli


altri dati testuali vengono aggiornati indistintamente su tutti i
componenti che appartengono alla linea selezionata. Si
assume infatti che questi dati siano sempre uniformi sulla
linea. Se la siglatura contemplava questi dati sarà aggiornata.

Nel caso che l’utente modifichi contemporaneamente le tre tipologie di


dati appena descritte, le azioni conseguenti saranno combinate.

4.22. EDITA COMPONENTI

Dal menu 3D Piping scegliere Edita componenti.

Permette di correggere le caratteristiche di inserimento di componenti


già inseriti, con modalità simili a quelle usate per la loro creazione. Il
comando ammette solo la selezione di un singolo componente, in
alcuni casi raggruppa automaticamente componenti contigui. Sono
presenti, oltre quelle di zoom, le seguenti opzioni:

o Cancella. permette di cancellare l’oggetto indicato ripristinando la


tubazione sottostante. E’ ammessa solo la selezione di un
componente alla volta.

o Muovi,

o Permette di spostare un qualsiasi componente già esistente su


una linea (vedi figura).

Il comando non cambia la geometria degli assi e quindi non si


possono spostare oggetti che risiedono sui nodi come le curve o i pezzi
a T. Dopo aver selezionato il componente e aver digitato “M” (senza
“Invio”), la tubazione viene richiusa e ci si ritrova nella stessa
situazione del primo inserimento. Il componente può essere trascinato,
ESApro – 3DP Pag. 149
ELENCO DEI COMANDI

ruotato, invertito e si può variare l’accosto o scegliere un nuovo punto


di inserimento tramite la funzione “Psnap” o l’introduzione di una
distanza. Terminata l’operazione, la tubazione viene nuovamente
tagliata nella posizione finale del componente. Il comando ammette
solo la selezione di un componente alla volta, ma nel caso che su una
linea siano presenti dei componenti contigui il programma tenta di
ricavare un gruppo da riposizionare contemporaneamente. Nel caso
classico del gruppo valvola guarnizioni e flange, dopo avere
selezionato la valvola, con l’opzione “Muovi” si sposta tutto il gruppo.
Se si seleziona la flangia o la guarnizione si spostano flangia e
guarnizione.

Ci sono però situazioni più complesse. Le guarnizioni possono essere


non presenti, una flangia può non essere presente perché la valvola è
addossata ad un bocchello, ci sono due valvole contigue e così via. In
tutti questi casi il programma tenta di riconoscere un gruppo di oggetti
sensato a partire da quello selezionato, ma se la selezione non fosse
quella desiderata, si potrà comunque portare a termine lo spostamento
in due o più fasi successive.

o Inverti, inverte la direzione del componente sulla linea, utile per


cambiare a posteriori il senso di flusso delle valvole.

o Ruota, ruota, senza spostarlo, il componente attorno alla linea a


salti di 90°.

o Angolo, ruota, senza spostarlo, il componente attorno alla linea di


un angolo qualsiasi introdotto numericamente o con il cursore.

ESApro – 3DP Pag. 150


ELENCO DEI COMANDI

4.23. MODIFICA RETE

Dal menu 3D Piping scegliere Modifica Rete.

Il comando “Modifica Rete” consente facilmente di cambiare la


disposizione spaziale di una rete di tubazioni esistenti selezionando
un’asse o una tubazione. In alternativa, selezionando un componente,
consente il suo spostamento sulla linea di appartenenza, insieme agli
eventuali componenti collegati. Le linee selezionate possono essere in
tutto o in parte prive di componenti. Nel qual caso il programma lavora
sui soli assi. Al lancio il comando richiede:

Selezionare un asse, un tubo o un componente:

Dopo aver selezionato un’asse o una tubazione il programma


evidenzia l’intero tratto selezionato che sarà mosso. Viene considerato
tratto l’insieme dei componenti collegati fino ad un cambio di direzione.
Se sono presenti riduzioni eccentriche o elementi disassati il tratto
prosegue oltre il componente disassato fino ad un cambio di direzione.
In questo caso è richiesta la presenza del componente disassato, i soli
assi non sarebbero sufficienti a risolvere il tratto.

Se viene sezionata una curva o un componente ad angolo, che viene


condiviso da due tratti, viene selezionato uno dei due tratti collegati.
Se non è quello desiderato ripetere il comando selezionando
esplicitamente un asse o una tubazione. Se viene selezionato un
componente derivatore o una valvola a tre vie, viene selezionata la
linea derivata.
ESApro – 3DP Pag. 151
ELENCO DEI COMANDI

I tratti collegati da curve o derivazioni al tratto selezionato saranno


stirati a patto che siano tutti paralleli. Il programma continua
richiedendo:

Selezionare altri tratti contigui da spostare <Invio


per terminare>:

Altri tratti possono essere aggiunti al primo tratto, i tratti devono essere
tutti contigui e saranno mossi insieme al primo tratto selezionato. La
selezione di più tratti deve essere eseguita in modo tale da eliminare i
tratti collegati che prima bloccavano lo spostamento (essendo in
direzione discordante non potevano essere stirati) aggiungendoli ai
tratti da spostare. Quando tutti i tratti collegati a quelli selezionati
risultano paralleli tra di loro il comando può proseguire, altrimenti
emetterà un messaggio di errore. Nell’esempio in figura la selezione
complessiva eseguita permette il movimento orizzontale di tutti i tratti
evidenziati e di stirare orizzontalmente i due tratti collegati.

Se si devono selezionare tratti all’interno di componenti montati al


minimo (es.: curva e controcurva), non esistendo nessun tubo
appartenente al tratto, occorre selezionarlo tramite l’asse.

ESApro – 3DP Pag. 152


ELENCO DEI COMANDI

Terminata la selezione con “Invio” il programma richiede:

Nuova posizione del tratto o (Distanza/ Riferimento/


Psnap/ Ssnap/ Osnap/ Nosnap/ orBita): *PipeSnap*

Muovendo il cursore, tutti i tratti collegati a quelli selezionati vengono


stirati, se paralleli, lungo la loro direzione originale. I tratti selezionati
vengono mossi. Lo spostamento è limitato dai vincoli naturali
incontrati sulle tubazioni, come gli estremi delle linee o la presenza di
componenti o derivazioni lungo le linee che vengono stirate. In questo
modo risulta agevole accostare le linee ad altri componenti presenti.
Durante lo spostamento è possibile , tramite la funzione “Psnap” che è
già attiva, prendere come riferimento un punto notevole,
contrassegnato in giallo, anche sulle tubazioni circostanti, per eseguire
facilmente degli allineamenti. Con “Ssnap” i punti notevoli,
contrassegnati in rosso, vengono ricavati dalle travi, con “Osnap” da
qualunque oggetto grafico AutoCAD. In questo caso i punti trovati sono
contrassegnati in arancione. In certe condizioni di affollamento di
tubazioni risulta difficile controllare lo spostamento delle linee perché il
cursore trova ovunque dei punti notevoli. Per questa ragione è stata
inserita anche l’opzione “Nosnap” che disabilita qualunque tipo di
ricerca. Se necessario si può abilitare l’orbita durante il processo
mediante l’opzione “orBita”. Il programma mostra poi una banda
elastica da un punto di riferimento arbitrario per evidenziare la
direzione e il verso di spostamento dalla condizione originale.
Posizionando le tubazioni nel verso desiderato è possibile con
l’opzione “Distanza” introdurre un valore numerico di spostamento
dalla condizione di partenza. Con l’opzione “Riferimento” invece viene
richiesta una coppia di punti di riferimento, che rappresentano il “Da-A”
del futuro spostamento, e consente di inserire una valore numerico
della nuova distanza tra i due punti. Se le distanze introdotte superano
i limiti naturali imposti dalle condizioni al contorno, il programma
emette un messaggio di avvertimento e il comando viene interrotto.

Se viene selezionato un componente il programma lo muove lungo il


suo tratto di appartenenza, insieme agli eventuali altri componenti
collegati (es.: una valvola con flange e guarnizioni). Durante lo
spostamento il programma richiede:

Nuova posizione o (Distanza/ Riferimento/ Psnap/


Ssnap/ Osnap/ Nosnap/ orBita): *PipeSnap*

ESApro – 3DP Pag. 153


ELENCO DEI COMANDI

Muovendo il cursore si muovono i componenti selezionati fino ad


incontrare i vincoli naturali presenti sulla linea. In questo modo risulta
agevole accostare i componenti ad altri presenti sulla linea. In
alternativa si può prendere un riferimento tramite la funzione “PSnap”,
già attiva, anche su linee circostanti. L’uso delle altre opzioni di ricerca
dei punti, dell’orbita, dell’introduzione di una distanza numerica dalla
posizione originale e di una distanza da un riferimento è simile a quello
già descritto per le linee.

Nel caso ci siano necessità diverse di modifica dei componenti, come


invertirne il verso, cambiarne la rotazione, posizionarlo al di là di un
vincolo presente (componente o derivazione), occorre usare il
comando “Edita Componenti” esposto al paragrafo precedente.

ESApro – 3DP Pag. 154


ELENCO DEI COMANDI

4.24. GESTIONE SPECIFICHE E DATI

Dal menu 3D Piping scegliere Gestione Specifiche, abbreviazione SP.

Porta nell'ambiente dove si compilano, si fa manutenzione e si


mantengono le tabelle dati di tutti i componenti, si creano e si attivano
le Classi tubazioni, si eseguono elenchi materiali su gruppi di disegni o
su un'intera commessa. Questo argomento sarà sviluppato in dettaglio
nell'apposito capitolo 6 Gestione Specifiche e Dati.

4.25. ESTRAZIONE DATI

Dal menu 3D Piping, dalle Toolbar o dal Ribbon scegliere Estrazione


Dati.

Esporta i dati caratteristici delle linee e dei componenti presenti sul


disegno nell’archivio di commessa. Questa operazione è necessaria
prima di poter generare gli elenchi materiali e va ripetuta ogni
qualvolta il disegno viene modificato. In questo modo anche gli elenchi
successivamente estratti saranno aggiornati. I dati identificativi
essenziali per il riconoscimento del disegno, Commessa, Numero di
Disegno e Revisione, devono essere preventivamente compilati nella
finestra di dialogo delle Opzioni di Lavoro. Il disegno viene
automaticamente salvato. Non sono infatti ammessi disallineamenti tra
lo stato del disegno e i dati in archivio commesse, che devono essere
esattamente corrispondenti.

4.26. INSERIMENTO SIMBOLO NORD

Dal menu 3D Piping/Strumenti, dalla Toolbar 3Dviste o dal Ribbon


scegliere Inserimento simbolo Nord.

Questo comando consente di specificare la direzione del Nord di


impianto attraverso l’inserimento di un simbolo nell’ambiente Modello.
La definizione della direzione nord di impianto non è fondamentale ai
fini della realizzazione del Piping o degli Sketch Isometrici (vedi
capitolo successivo) ciò nonostante, se lo si specifica, l’orientamento
del nord comparirà in tutti gli sketch generati con ESApro Isometrico.
Per definire il nord è necessario inserire il simbolo nell’ambiente

ESApro – 3DP Pag. 155


ELENCO DEI COMANDI

modello, se si vuole, è possibile successivamente inserirlo anche in


ambiente layout ma in questo caso l’orientamento del simbolo risulta
bloccato e conforme a quello definito nel modello.

ESApro – 3DP Pag. 156


ELENCO DEI COMANDI

4.27. GENERAZIONE SKETCH

La generazione automatica degli sketch in ambiente ESApro ISO


presuppone l’esecuzione di due procedure in ambiente ESApro 3DP.
La prima rivolta alla suddivisione dell’impianto in sketch, la seconda
alla loro esportazione.

Dal menu 3D Piping scegliere Generazione Sketch e poi Gestione


Gruppi ISO.

E’ una procedura mediante la quale si decide la suddivisione


dell’impianto in gruppi di elementi. Ogni gruppo darà luogo ad uno
sketch. Inizialmente gli oggetti piping facenti parte di un modello non
sono assegnati a nessun gruppo. Quindi nella maschera della
procedura l’elenco dei gruppi sarà vuoto. E’ possibile creare un nuovo
gruppo con l’apposito pulsante “Nuovo Gruppo” e successivamente
aggiungervi entità, pulsante “Aggiungi Entità”. La selezione degli
oggetti da aggiungere può essere fatta alternando i due metodi per
linea o per oggetto singolo. In alternativa si può richiedere al
programma la generazione automatica dei gruppi, pulsante “Gruppi
Automatici”. Il criterio di assegnazione automatica può essere
impostato mediante la relativa finestra di dialogo per numero di linea, o
per numero di linea più codice di diramazione, se inserito. La
ESApro – 3DP Pag. 157
ELENCO DEI COMANDI

creazione automatica può essere eseguita ad uno stadio qualunque del


progetto in quanto agisce solo sugli oggetti non facenti ancora parte di
nessun gruppo esistente, quindi solo sulle linee nuove.

Durante la creazione dei gruppi il programma assegna dei parametri di


default (es.: nome del gruppo, numero di disegno, numero di foglio
ecc.) che possono essere modificati liberamente utilizzando il pulsante
“Proprietà Gruppo”. Durante l’assegnazione di questi default il
programma utilizza delle opzioni associate alla commessa (per una
descrizione dettagliata di queste opzioni vedere il paragrafo
Commesse al capitolo 6), che possono essere cambiate attraverso il
comando 3D Piping/Opzioni Commessa. Indipendentemente dalla
metodologia di creazione dei gruppi (sia essa automatica oppure
manuale) è sempre possibile intervenire in modifica aggiungendo o
rimuovendo entità, oppure esplodendo gruppi esistenti.

Per agevolare la gestione di queste operazione soni stati predisposti i


seguenti comandi di utilità:

o “Trova Gruppo”, identifica il nome del gruppo di cui fa parte


un oggetto selezionato sul modello e lo evidenzia in giallo.

o “Evidenzia Gruppo”, evidenzia in giallo sul modello gli oggetti


che fanno parte del gruppo selezionato.

o “Entità senza Gruppo”, evidenzia in giallo sul modello gli


oggetti che ancora non fanno parte di nessun gruppo.

o “Esporta Elenco”, esporta l’elenco dei gruppi in un file di testo


che poi può essere importato anche in Excell.

o “Tipo di ordinamento”, permette di ordinare l’elenco dei


gruppi per Nome, Numero di Disegno, Foglio, Revisione e
Numero di Entità contenute.

Con questa procedura diventa quindi molto pratico eseguire le


operazioni che normalmente vengono richieste per definire gli sketch.
Qui di seguito vengono elencati alcuni casi che possono essere
considerati tipici:

o Assegnazione automatica basata sui numeri di linea.


Suddivisione successiva di linee troppo estese o complicate.

ESApro – 3DP Pag. 158


ELENCO DEI COMANDI

o Raggruppamento di linea principale e diramazioni in un unico


sketch, se non erano stati usati i codici di diramazione.

o Assegnazione iniziale manuale delle linee più complicate.


Successiva assegnazione automatica delle linee rimanenti.

o Controllo dell'esistenza di linee non ancora assegnate

Una volta terminata la fase di suddivisione e organizzazione dei gruppi


ISO, è possibile lanciare il comando “Esportazione file .ISO”.

Se si accetta quanto proposto dal programma basta premere il


pulsante “Genera .ISO”. Il programma processa però solamente i
gruppi con il segno di spunta “+” che stanno ad indicare uno sketch non
ancora estratto, o uno in cui sono intervenute variazioni. Questo
costituisce un valido aiuto alla gestione delle modifiche. Anche questa
assegnazione può essere forzata dall’utente con i pulsanti [+] Scrivi
file, [ ] Non scrivere. Inoltre, mettendo il segno di spunta su "Non
esportare i supporti" è possibile istruire il programma a non trasferire i
supporti negli sketch, se desiderato.

ESApro – 3DP Pag. 159


ELENCO DEI COMANDI

La generazione degli sketch a partire dai file .ISO estratti viene


eseguita in ambiente ESApro ISO. E’ possibile importare manualmente
uno sketch alla volta o generarli automaticamente in gruppo tramite la
procedura GENISO. Per maggiori informazioni consultare il manuale
del modulo ESApro ISO.

Il comando "Autosketch", presente nel Ribbon, nelle Toolbar o nel


menu a tendina "3DP V7", permette un completo automatismo del
processo di generazione degli sketch. Somma tutti i passi necessari,
creazione dei gruppi, esportazione dei gruppi ed esecuzione, tramite
GENISO, in un unico comando. Rispetta le impostazioni di commessa
che stabiliscono il tipo di suddivisione e gli altri parametri di
esecuzione, ma non permette nessun altro tipo di intervento manuale.
Il comando chiede se si desidera eseguire tutti gli sketch o solo quelli
relativi alle linee su cui è intervenuta una modifica. Il processo
necessita del modulo ESApro Isometrics.

Nel modello 3D si possono stabilire dei punti di riferimento e dei punti


della tubazione che verranno automaticamente quotati rispetto a questi
negli sketch. Il riferimento può essere puntiforme, P1 nella figura, o
lineare, P2 nella figura. Dal riferimento puntiforme si staccheranno tre
quote, da quello lineare due, trascurando quella lungo la direzione

ESApro – 3DP Pag. 160


ELENCO DEI COMANDI

indicata, nell’esempio in figura lungo il filo della platea. Dalla tendina


“3D Piping/Generazione Sketch/Inserimento Picchetti”, il comando
permette di definire il punto dove piazzare un riferimento, definire la
sua sigla e successivamente i punti da quotare. La selezione dei punti
viene effettuata tramite la funzione “Pipe-Snap” che evidenzia il punto
tramite il pallino campito di giallo, ma anche il componente da cui è
stato prelevato. E’ opportuno prestare attenzione a quest’ultimo fatto
nel caso che il punto sia al confine tra due sketch. Il componente
selezionato, tra i due contigui che lo contengono, sarà quello che
determina in quale dei due sketch verrà esportato il riferimento.

Dalla tendina “3D Piping/Generazione Sketch/Modifica Picchetti”, il


comando permette la modifica di un riferimento esistente. Una volta
selezionato il riferimento il programma visualizza i punti associati
insieme ai componenti da cui sono stati ottenuti e permette la modifica
della sigla. Successivamente risponde:

Indicare operazione da eseguire [Aggiungi/Rimuovi]


<Invio per terminare>:

E’ possibile quindi aggiungere altri punti da quotare o rimuoverli.

E’ possibile spostare un riferimento o i componenti che contengono i


punti da quotare senza alterarne la relazione. Una volta definiti, i
riferimenti e i punti relativi questi verranno associati automaticamente
agli sketch durante il processo “Esportazione file ISO”.

ESApro – 3DP Pag. 161


ELENCO DEI COMANDI

4.28. QUOTATURA

Dal menu 3D Piping selezionare Quotatura ed uno dei comandi


relativi, oppure selezionarli dall’apposita toolbar.

Sono presenti comandi per la quotatura lineare, angolare, radiale e


altimetrica. Il comportamento di questi comandi varia a seconda
dell’ambiente in cui ci si trova. Nel modello 3D la quotatura può
leggere le informazioni caratteristiche dei componenti e le coordinate
tridimensionali di ogni punto. Pertanto si potranno quotare le
dimensioni di una tubazione in vera grandezza, ricavare lo
scartamento di un oggetto dell’impianto, prelevare i punti di quota
mediante la funzione Pipe-Snap. Inoltre in questo caso il programma si
incarica di ricercare automaticamente il piano più indicato alla corretta
visualizzazione della quota. Viceversa in una finestra della messa in
tavola dove sia visualizzata una vista bidimensionale del modello la
quotatura sarà sempre proiettata sul piano del disegno. Di fatto la
quotatura sul modello 3D è molto rara, mentre è normale eseguirla
sulle tavole 2D dove la giacitura delle viste è determinata. E’ da
segnalare che i comandi seguenti presentano un grado di complessità
più ridotto quando sono impiegati nelle tavole 2D. L’aspetto delle
quote, anche quelle altimetriche, è regolato come sempre dal comando
AutoCAD “Dimstile (Dimstyle)”, compresa la possibilità di richiedere le
lunghezze in unità imperiali o in doppia rappresentazione
metrica/imperiale.

Lineare, abbreviazione da tastiera XD,

All'esecuzione del comando il programma risponde:

Stato: Parallela
Primo punto di quota o [3D/Allineata/Parallela/psNap] <Invio per
Oggetto>:

Sono previsti tre stati di quotatura: 3D, Allineata e Parallela:

o 3D, nel caso i due punti di quota non giacciano sugli assi XYZ o sui
piani coordinati forza il disegno delle componenti della quota,
altrimenti produce una quota allineata agli assi.

o Allineata, produce sempre una quota allineata ai due punti indicati


anche nel caso non giacciano sugli assi o sui piani coordinati.

ESApro – 3DP Pag. 162


ELENCO DEI COMANDI

o Parallela, da usarsi quando i due punti di quota non sono allineati


ad uno degli assi principali, permette di proiettare la quota su una
qualunque direzione.

o Invio = Oggetto, richiede il puntamento di un tubo o di un


componente ed esegue una quota allineata il cui valore riflette la
lunghezza dell'oggetto puntato. Nei componenti non diritti (curve,
pezzi a T, valvole d'angolo...) il ramo quotato sarà quello più vicino
al punto selezionato dall'utente.

o pSnap, permette la ricerca dei punti di quota sul modello con la


funzione Pipe-Snap.

o Primo punto di quota, è l'opzione standard per l'introduzione dei


punti di quotatura. Preimposta gli snap FINE, MEDIO, CENTRO
adatti a catturare con precisione i punti desiderati. In alternativa è
possibile usare la funzione Pipe-Snap. Dopo il primo punto sarà
richiesto il secondo per la prosecuzione del comando.

Secondo punto di quota o [psNap]:

Una volta inserito il secondo punto il comando prosegue in maniera


diversa in funzione dello stato di quotatura.

Stato 3D, se la tubazione giace su uno dei tre assi coordinati il


comando prosegue posizionando la quota. Se la tubazione giace su un
piano coordinato (XY, YZ, ZX) ma non su un asse, sarà disegnato un
parallelogramma di
appoggio e inserite in
successione le due
quote componenti. Se
la tubazione non giace
nemmeno su un piano
coordinato, sarà
disegnato un
parallelepipedo di
appoggio e le tre componenti. Se la quotatura non giace sugli assi
coordinati, lungo la tubazione viene inserito il valore della diagonale e
successivamente la parte indesiderata del parallelogramma o
parallelepipedo di appoggio può essere cancellata. In ogni caso mentre
una quota o una componente viene disegnata in posizione di default il
comando visualizza le opzioni per il riposizionamento che come tutte
ESApro – 3DP Pag. 163
ELENCO DEI COMANDI

le opzioni comprese tra parentesi tonda non richiedono la pressione del


tasto INVIO:
(Aggiusta/Ruota/Specchio/Muovi) o <Invio per terminare>:

o Aggiusta, riposiziona la quota parallelamente a se stessa


trascinandola per un punto vicino al testo di quota. Per una
migliore operatività è conveniente disabilitare la modalità
ORTHO.

o Ruota, ruota la quota attorno alla linea a salti di 90° nelle quattro
posizioni possibili

o Specchio, muove la quota parallelamente a se stessa dall'altro


lato della linea.

o Muovi, valida solo per quote componenti di una linea che non
giace sugli assi coordinati, permette di spostare una quota, da un
lato all'altro del parallelogramma o parallelepipedo delle
componenti e di posizionarla dove desiderato. Anche in questo
caso, per chiarezza d'esecuzione è conveniente disabilitare la
modalità ORTHO. L’opzione preimposta lo snap FINE.

o <Invio per terminare>, termina l'inserimento della quota. Se è una


componente avvia il disegno di quella successiva.

Stato Allineata, mette la quota allineata in posizione di default. Ha le


stesse opzioni di riposizionamento dello stato 3D escluso Muovi che
vale solo per le componenti delle quote 3D.

Stato Parallela, sono possibili due casi:

1. Se i due punti stanno su uno dei piani coordinati (XY, YZ,


ZX) sarà permessa l’alternativa di eseguire la quota
proiettata su uno dei due assi principali del piano. La
scelta viene effettuata trascinando opportunamente la
quota con il mouse, come richiede normalmente
AutoCAD.

2. Se i due punti non stanno su un piano coordinato ne verrà


chiesto un terzo con l’aggiunta del quale verrà definito
univocamente il piano di quotatura. Il comando prosegue
allora come al punto precedente.
ESApro – 3DP Pag. 164
ELENCO DEI COMANDI

In ogni caso, terminata l’esecuzione della quota, il programma offre


l’opzione di riallineamento:

Invio per terminare posizionamento o (Riallinea):


Indicare un angolo o due punti per riallineare la quota:

Tale opzione richiede di indicare due punti o un angolo per ottenere


un allineamento della quota diverso da quello parallelo agli assi.

Quote continue, permettono di inserire una serie di quote continue


che si appoggiano l’una all’altra. La modalità di esecuzione è simile a
quella AutoCAD e prevede che sia presente una iniziale quota di base.

Quote con base, permettono di inserire una serie di quote continue


che si appoggiano tutte ad un unico punto base. La modalità di
esecuzione è simile a quella AutoCAD e prevede che sia presente una
iniziale quota di base.
Quote angolari, permettono di quotare l'angolo tra due rette
concorrenti nello spazio. Il programma ricerca automaticamente il
piano su cui raffigurare la quota e quindi permette di riposizionare il
testo. Gli oggetti validi per questo tipo di quotatura sono solo linee, che
non siano parallele o sghembe.

Quote radiali, permettono di quotare il raggio di una curva ottenuta


dalla piega di un tubo o un arco, asse di
quest’ultima. Richiedono il puntamento
di questi oggetti e il successivo
riposizionamento del testo.

Quote altimetriche, permettono di


inserire la quotatura altimetrica di un
nodo dell'impianto e il relativo simbolo.
Il programma richiede il punto base per la quota altimetrica o,
mediante l’opzione “Tubo” la selezione diretta di un tubo che deve
esere orizzontale. Per indicare un nodo, il comando preimposta lo snap
FINE (END). Segue la possibilità di tracciare la linea di base. Sopra di
essa si può far scorrere ora il simbolo triangolare che viene rilasciato
nella posizione desiderata. Il comando termina inserendo il valore della
quota a destra del simbolo. Se la linea di base risulta superflua, perché
ci si appoggia ad una linea esistente si può cancellarla liberamente.
L’opzione “Modalità” del comando permette di scegliere tra “Asse” o
“Base”. Il programma inserisce rispettivamente il simbolo triangolare
campito o vuoto, quando si vuole indicare la quota altimetrica dall’asse
ESApro – 3DP Pag. 165
ELENCO DEI COMANDI

della tubazione o dalla base. Il valore della quota viene calcolato a


partire dallo Zero di Impianto stabilito con il comando già descritto nel
paragrafo "Strumenti di Lavoro".

Quotatura automatica vista, esegue una quotatura automatica di


tutte le tubazioni che intersecano i bordi della finestra. Scopo
principale è di quotare le viste volumetriche ottenute tramite l’opzione
“Box”, dove i bordi della finestra coincidono con i limiti di area di una
grande impianto.

Edita Quote, da utilizzare solo per le quote lineari, permette di


riposizionare, con le stesse modalità presenti all'atto della creazione,
una quota o l'indicazione della diagonale. Non sono previsti strumenti
per cambiare il valore della quota che, ovviamente, dipende
strettamente dalla geometria disegnata.

ESApro – 3DP Pag. 166


ELENCO DEI COMANDI

4.29. SIGLATURA LINEE E ANNOTAZIONI

E` presente un programma che permette di annotare in vari modi il


disegno. La procedura si attiva dal menu 3D Piping voce "Annotazioni"
o dalla toolbar relativa e prevede le opzioni per disegnare:

- Leader con testo su più righe

- Leader con un massimo di tre righe di testo dentro ad un


cerchio. La configurazione varia come indicato in figura in
funzione del numero di righe di testo introdotte.

- Leader con testo su più righe dentro un box rettangolare

- Leader con testo su più righe dentro ad una etichetta ovale.


Anche in questo caso il numero di righe introdotte influenza
la forma della cornice come indicato in figura.

In tutti i casi il riquadro viene proporzionato anche in base alla


dimensione dei testi. La configurazione del leader e del testo sono
sottoposte alle impostazioni dello stile di quotatura.

L'opzione "Imposta" consente invece la definizione di altri parametri


che governano la generazione delle annotazioni :

ESApro – 3DP Pag. 167


ELENCO DEI COMANDI

- Tipo di Annotazione, permette la scelta di scrivere dentro


l’etichetta un testo libero, la sigla di un componente o di una
linea, oppure una numerazione automatica. Le sigle devono
essere state introdotte in precedenza con il comando
Correzione Dati. Se si è impostato “Sigla componente” il
comando prevede anche un’opzione “Auto” con cui è
possibile far comparire automaticamente tutte le sigle degli
oggetti visibili della finestra
selezionata. Il programma dà la
possibilità di siglarli uno ad uno
decidendo la categoria che si
vuole siglare
(Componenti,Strumenti,
Apparecchiature ecc..). I valori
delle sigle visualizzati nelle
etichette si aggiornano automaticamente se vengono
modificate le sigle dei componenti o quelle di linea a cui
fanno capo.

- Numerazione Automatica, in questo caso si possono


impostare il numero di partenza, l’incremento, il prefisso e il
suffisso. La numerazione così impostata sarà introdotta in
sequenza nelle etichette.

- Colori, permette la scelta indipendente del colore per leader,


riquadro e testo.
ESApro – 3DP Pag. 168
ELENCO DEI COMANDI

- Non disegnare leader, permette la soppressione del disegno


del leader

E’ presente anche un comodo comando di riposizionamento dinamico


delle annotazioni introdotte (comando Edita Note). Puntando il testo o
il riquadro si può trascinare altrove l’etichetta. La punta del leader
rimane agganciata al punto originale mentre la fine viene riassemblata
al riquadro nella nuova posizione. Se il leader è costituito da più
segmenti viene stirato solo l’ultimo. Se si seleziona il leader il
comando consente invece lo spostamento contemporaneo di etichetta
e leader.

La sigla di linea può essere inserita con una modalità aggiuntiva


eseguendo il comando dal menu 3D Piping / Annotazioni / Siglatura
linee o dal pulsante relativo nella toolbar. Si richiede di puntare un
asse un tubo o il simbolo di un tubo sezionato. In questo caso il testo
che rappresenta la sigla viene allineato con l’asse della linea indicata
dall’utente e posta immediatamente sopra la tubazione. Se il comando
è stato eseguito nel modello 3D, è possibile il successivo
riposizionamento del testo mediante le due opzioni Muovi e Ruota, dal
funzionamento simile a quelle che controllano la disposizione della
quotatura lineare.

Se le caratteristiche di una linea o di un componente vengono


cambiate, la sigla relativa si aggiorna automaticamente sia nel modello
3D che nella messa in tavola 2D.

Le sigla di linea di solito è una composizione dei dati presenti sulla


linea. Siccome però le norme o le consuetudini aziendali fanno
nascere una grande varietà di combinazioni possibili, si è pensato di
realizzare uno strumento che permetta preventivamente di generare il
proprio modello di siglatura. Il processo si svolge quindi in due fasi:

1. Definizione del modello di siglatura nell’ambiente


“Commesse”, applicabile poi a tutte le sigle inserite
successivamente nei disegni della Commessa corrispondente.

ESApro – 3DP Pag. 169


ELENCO DEI COMANDI

2. Inserimento delle sigle di linea attraverso il comando appena


descritto.

L’aspetto della sigla e la sua composizione vengono controllati dalla


finestra di dialogo disponibile selezionando il comando
“3DPiping/Opzioni commessa” oppure entrando in “Gestione
Specifiche” e selezionando il pulsante “Opzioni” dentro alla gestione
commesse.

Nella finestra sono indicati a sinistra tutti i dati di linea disponibili per la
siglatura. A destra quelli prescelti per la siglatura desiderata. Per
inserire un campo da usare nella sigla basta evidenziarlo nell’elenco a
sinistra e poi premere la freccia di immissione. Viceversa per eliminare
un campo dati tra quelli impostati non più desiderato. Con le frecce in
basso a destra si possono invece riordinare i campi dati immessi. In
basso a sinistra viene composta una sigla di esempio che permette un
collaudo immediato delle proprie scelte. Si fa notare che in questa
maschera si stabilisce solo la sequenza dei dati desiderati nella sigla di
linea, i valori effettivi dei campi scelti verranno prelevati dalla linea.
Nelle colonne “Prefisso”, “Suffisso“ si possono indicare invece delle
stringhe costanti che dovranno precedere o seguire il valore prelevato
dalla linea. Ad esempio “DN” prima del valore 3” e un tratto dopo per
separarlo dal dato successivo.

Il modello di composizione delle sigle rimarrà memorizzato nel disegno


e sarà attivo fino ad una sua eventuale modifica, che deve essere fatta
ESApro – 3DP Pag. 170
ELENCO DEI COMANDI

nell’ambiente “Commesse” e che quindi interesserà tutti i disegni


relativi. In questo caso tutte le sigle presenti sul disegno saranno
aggiornate automaticamente alla sua riapertura per riflettere la nuova
composizione. Occasionalmente è possibile che l’aggiornamento
automatico della siglatura non venga eseguito. Nel caso si presenti
questo sfasamento è possibile forzare manualmente la revisione della
siglatura di linea con il comando 3d Piping/ Annotazioni/ Aggiorna
Sigle. Anche a seguito di una modifica dei dati di linea le sigle già
presenti si aggiornano automaticamente. Infine è opportuno far notare
che, siccome una linea può cambiare caratteristiche durante il
percorso (ad esempio il DN), la sigla non dipende genericamente dalla
linea, ma più precisamente dal tratto indicato all’atto della sua
creazione. Quindi la cancellazione del tratto di linea a cui faceva capo
una Sigla determina la perdita del collegamento e rende la Sigla
inutilizzabile. Il problema si risolve cancellando la Sigla “Orfana” e
ricreandola sul nuovo tratto.

ESApro – 3DP Pag. 171


PERSONALIZZAZIONE

5. PERSONALIZZAZIONE

La personalizzazione dell'ambiente ESApro 3DP coinvolge


essenzialmente la creazione di nuovi componenti e apparecchiature. In
ogni caso bisogna distinguere due aspetti, la parte grafica e la parte
dati che sarà ampiamente trattata nel prossimo capitolo.

5.1. CREAZIONE DI UN COMPONENTE

Ci sono vari livelli di personalizzazione di un nuovo componente e per


chiarire bene in che cosa consistono è bene percorrere il flusso di
lavoro che porta al disegno di un nuovo oggetto.

Attraverso un qualsiasi comando di inserimento si attiva un processo


che opera sul nome del componente prescelto. Il nome identifica la
tabella dati in cui sono registrate le dimensioni caratteristiche
dell’oggetto, la Funzione Grafica parametrica che lo disegna e la
Funzione di Inserimento associate. Ecco cosa succede in dettaglio
quando l’utente decide di inserire un componente e indica un punto
generico sull’asse della linea prescelta:

o La Funzione di Inserimento ricava dalla linea indicata dall’utente il


diametro nominale e la Classe Tubazioni.

o Viene verificato che il componente sia stato definito nella Classe


Tubazioni e, in caso affermativo vengono prelevati i suoi dati
caratteristici dalla tabella di dettaglio.

o Viene lanciata la Funzione Grafica parametrica che lo disegna con


le dimensioni previste e che registra nel componente i dati
caratteristici per la sua futura identificazione.

o La Funzione di Inserimento riprende il controllo e, a seconda della


tipologia del componente, presiede al posizionamento finale e al
taglio delle tubazioni.

La funzione di inserimento viene scelta dal programma in funzione


della tipologia del componente e non richiede quindi nessuna
impostazione. Vediamo invece come vengono definiti il nome del
componente e la Funzione Grafica attraverso un esempio pratico.

ESApro – 3DP Pag. 172


PERSONALIZZAZIONE

Supponiamo di voler aggiungere alla libreria una valvola check


filettata. e che questa tipologia non sia ancora presente. Attivare la
procedura di gestione dati e specifiche digitando SP, scegliere Archivi
e poi Componenti. Nell’elenco a sinistra selezionare la famiglia
“Valvole a via diritta”. Premere il tasto “Nuova” per inserire una nuova
tipologia.

Nella maschera che compare inserire la descrizione desiderata per una


valvola check filettata, eventualmente anche nelle altre lingue.
Scegliere dall’elenco a discesa la funzione grafica che si ritiene idonea
alla rappresentazione del componente tra quelle presenti. In alto a
sinistra si può notare il codice assegnato dal programma che identifica
l’oggetto, VLVDRxxx dove xxx sta per un codice alfanumerico casuale.
Questo codice viene imposto per fare in modo che due utenti non
possano creare tipologie con nomi uguali. Questo assicura la
possibilità di scambio dati tra archivi differenti senza rischi di
sovrapposizioni. Notare la casella a destra “Componente
Personalizzato” che se barrata indica al programma di non usare la
funzione grafica indicata, perché si ritiene non idonea o non gradita,
ma di usare invece un oggetto modellato dall’utente come descritto più
sotto. Terminate queste impostazioni confermare con “OK”. Viene
creata una nuova tipologia di valvole.

ESApro – 3DP Pag. 173


PERSONALIZZAZIONE

All’interno della tipologia si possono definire più tabelle di dettaglio che


possono rispecchiare una diversa norma di riferimento, materiale,
costruttore o rating. Una di queste tabelle potrà essere chiamata in
seguito a far parte di una Classe Tubazioni, ma comunque sempre
sotto la denominazione VLVDR011. La creazione di una tabella dati e
di una Classe Tubazioni sarà discussa in dettaglio nel prossimo
capitolo.

Il nuovo componente è completamente definito e, se fosse stato


inserito in una Classe Tubazioni, potrebbe essere immediatamente
utilizzato.

Nel caso che nessuna delle numerose Funzioni Grafiche di cui il


programma è fornito risulti idonea alla rappresentazione del
componente, o questa venga giudicata insoddisfacente, è possibile
istruire il programma ad utilizzare delle parti modellate direttamente
dall’utente. Nel flusso di lavoro che porta alla realizzazione di un
componente in pratica viene sostituita la funzione grafica parametrica
con un modello preventivamente memorizzato in una libreria.
L’oggetto così creato viene trattato dal programma in maniera simile
ad uno proprio e risulta funzionalmente indistinguibile da quest’ultimo.
Per istruire il programma a fare questo, barrare il pulsante
“Personalizzato” nella maschera di creazione di una tipologia di
componenti, come descritto in precedenza. Notare che una funzione
grafica corretta deve essere definita anche in questo caso perché
serve comunque ad indicare al programma la struttura dei parametri
da compilare nelle tabelle materiali.

Gli oggetti da impiegare, non essendo parametrici, devono essere


preventivamente modellati dall’utente con le procedure previste per i
solidi standard di AutoCAD, nel numero (uno per ogni diametro) e
nelle dimensioni previste dalle tabelle di dettaglio del componente e
successivamente memorizzati in ESAPRO\3DP\LIB. Le parti create
devono avere un nome che corrisponde al codice del componente,
VLVDR011in questo caso, seguito da “_”, dal diametro nominale,
ancora “_” e dal numero di tabella. Per esempio la parte che
rappresenta una valvola check, filettata, DN80, tabella 114, avrà il
nome VLVDR011_80_114.DWG (Nel caso di un componente ridotto
inserire dopo “_” i due diametri senza spazi separatori). Con questa
convenzione il programma è in grado di prelevare automaticamente
dalla libreria il componente appropriato ed agire come se si trattasse di
uno prodotto parametricamente definito.

ESApro – 3DP Pag. 174


PERSONALIZZAZIONE

E' ora chiaro il fatto che la personalizzazione possa avere più livelli.
Nel caso più semplice la modifica riguarda solo la parte dati. Infatti se
la tipologia del componente VLDR101 fosse già presente, la
personalizzazione sarebbe limitata alla creazione di una nuova tabella
di dettaglio, relativa per esempio ad un diverso costruttore o ad un
altro rating. Il caso esposto in precedenza della creazione di una nuova
tipologia di valvole, obbliga invece a definire la Funzione Grafica e
compilare le tabelle dati. Infine se le Funzioni Grafiche fornite sono
ritenute non idonee l’utente dovrà anche procedere alla modellazione
del nuovo componente.

ESApro – 3DP Pag. 175


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

6. GESTIONE SPECIFICHE E DATI

In questo capitolo sarà descritta in dettaglio la procedura che affianca


ESApro nella gestione della banca dati dei componenti, delle Classi
tubazioni e degli elenchi materiali. Il programma si può lanciare dal
menu 3D Piping/Gestione Specifiche o con l'abbreviazione da tastiera
SP e fa comparire un pannello di controllo da cui è possibile accedere
ai comandi. La procedura può essere protetta da una password
(vedere più avanti nel capitolo per la procedura di inserimento di una
password), in tal caso le operazioni di modifica e di cancellazione
saranno impedite agli utenti non autorizzati.

6.1. TABELLE DEI PARAMETRI

Costituiscono la base dati che, opportunamente filtrata e controllata


dalla Classe Tubazioni, alimenta le funzioni grafiche che disegnano i
componenti. I dati geometrici, insieme a quelli descrittivi come la
Norma di riferimento, il diametro nominale, il materiale o il numero di
parte, vengono registrati nei componenti ed usati per la successiva
identificazione e nelle distinte materiali.

Il programma è fornito di un gran numero di tabelle precompilate (oltre


1500) relative ai componenti conformi alle norme più comuni (ASME,
ISO, UNI, DIN). E` bene precisare però che, in genere i dati ricavati
dalle norme ufficiali sono soggetti ad arrotondamenti per la
conversione da pollici a millimetri, per alcuni componenti, in particolare
le valvole e i loro maneggi, i dati dimensionali e i pesi sono stati
reperiti in parte da tabelle di costruttori e quindi, per l’eterogeneità delle
fonti, si consiglia di controllare i dati di una tabella prima che questa
sia introdotta in una Classe Tubazioni e quindi usata in un progetto.
Per queste ragioni ESAin s.r.l. non si assume nessuna
responsabilità sulle conseguenze derivanti dall’uso dei dati
forniti.

Scegliendo Archivi Componenti viene mostrata una struttura ad albero


entro la quale sono organizzati i materiali in modo gerarchico. A livello
più alto la Categoria (es.: Valvole), segue la Famiglia (es.: Valvole a
via diritta) e infine la Tipologia (es.: Valvole a flusso avviato frangiate).
Selezionata una tipologia a destra compare l’elenco delle tabelle
materiali già definite.

ESApro – 3DP Pag. 176


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

All’interno di ogni tabella sono contenuti i dati di dettaglio del


componente selezionato.

Nei paragrafi successivi verranno descritte in dettaglio le procedure


necessarie alla creazione ed alla manutenzione delle tabelle dati dei
componenti.

ESApro – 3DP Pag. 177


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

6.2. CREAZIONE DI UNA NUOVA TIPOLOGIA

Le categorie dei componenti (es.: Valvole) e le famiglie (es.: Valvole


ad angolo) sono predefinite e non se ne possono creare di nuove.
All’interno di una famiglia si possono invece aggiungere nuove
tipologie di componenti. Selezionando una famiglia (es.: Valvole a via
diritta) all’interno della categoria Valvole, premendo il tasto di
inserimento nel riquadro Tipologie si farà comparire una maschera per
definire una nuova tipologia di componenti di quella famiglia. In alto a
sinistra si vede il codice assegnato dal programma alla nuova
tipologia.

Tutte le tabelle dati create all’interno della tipologia condivideranno


quel codice. Per terminare la definizione della tipologia occorre
compilare la sua descrizione, eventualmente in cinque lingue, e
scegliere dall’elenco a scomparsa una Funzione grafica, ovvero una
modalità di rappresentazione del nuovo componente. Nel caso che
ESApro – 3DP Pag. 178
GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

nessuna delle numerose Funzioni Grafiche di cui il programma è


fornito risulti idonea alla rappresentazione del componente, o questa
venga giudicata insoddisfacente, è possibile istruire il programma ad
utilizzare delle parti modellate direttamente dall’utente. Per fare questo
barrare la casella “Componente Personalizzato” a destra della funzione
grafica. Per maggiori informazioni consultare il capitolo sulla
personalizzazione.

La casella Strumento o Regolatore di Flusso coinvolge, se barrata due


aspetti. Il componente può ricevere una siglatura derivata dall'archivio
"Tipo Strumenti". Nel modulo di “Verifica delle perdite di Carico” serve
ad indicare un elemento per il quale il coefficiente di resistenza sarà
compilato nel foglio di calcolo a cura dell’utente.

Componente P&ID permette di definire un simbolo P&ID che


rappresenti la tipologia appena creata. Questo serve perché le Classi
generate in ambiente ESApro 3DP possono essere esportate in
ambiente ESApro P&ID. In questo caso si indica quale simbolo dovrà
essere usato negli schemi di processo per una data tipologia.

Tipo Volantino/Leva/Controllo, permette di assegnare alla tipologia


selezionata un Volantino, una Leva o un Controllo tra quelli disponibili.
E' una caratteristica delle sole valvole. Esiste la possibilità di inibire il
disegno dei maneggi, opzione Nessun Volantino/Leva/Controllo, anche
se nelle tabelle della tipologia i dati dimensionali sono presenti.

6.3. MODIFICA DI UNA TIPOLOGIA

Con la pressione del tasto “Modifica” il programma propone la stessa


maschera usata in creazione. Quindi la modifica di una tipologia viene
eseguita con le stesse modalità della creazione.

6.4. CANCELLAZIONE DI UNA TIPOLOGIA

Con la pressione del tasto “Cancellazione” si avvia la rimozione, da


confermare, di una tipologia esistente. Tale operazione annullerà
anche tutte le tabelle dati eventualmente contenute nella tipologia. Le
tipologie standard fornite con il programma non si possono cancellare.
Se presente, occorre fornire una password per essere abilitati alla

ESApro – 3DP Pag. 179


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

cancellazione di una tipologia. La cancellazione non è ammessa inoltre


se la tipologia è usata nelle Classi.

6.5. CREAZIONE DI UNA NUOVA TABELLA DATI

Se all’interno di una famiglia (es. Valvole a via diritta) ci si pone su una


tipologia (es.: Valvole a saracinesca filettate), si potrà creare una
nuova tabella di componenti relativi alla tipologia selezionata mediante
il tasto “Nuova” del riquadro azzurro dei Componenti. Il programma
risponde mostrando la maschera in figura pronta per la compilazione
dei dati.

ESApro – 3DP Pag. 180


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

6.6. COMPILAZIONE DATI DI DETTAGLIO

Prima di iniziare la compilazione è necessario distinguere le varie zone


della tabella. In alto si trova la testata che è la parte dove vengono
compilati i dati descrittivi del componente che sono indipendenti dal
diametro nominale.

DESCRIZIONE 1°,2°,3°,4° e 5° lingua, è la descrizione del


componente nelle cinque lingue disponibili, che sarà utilizzata nelle
distinte materiali.
DESCRIZIONE ESTESA 1°,2°,3°,4° e 5° lingua, è una descrizione,
opzionale, più compiuta del componente nelle cinque lingue disponibili.
Può essere utilizzata nelle distinte materiali di ESApro 3DP, ma per
ragioni di spazio, non nelle tabelle di ESApro ISO che continua ad
usare la descrizione breve.
TABELLA SPESSORI: è il nome della tabella definita nell'archivio
"Classi Spessori", descritto più avanti, che contiene i valori degli
spessori e della schedula per i componenti a saldare di testa. Questi
dati vengono visualizzati, per ogni DN, nelle relative colonne della
tabella del dettaglio dimensionale del componente.
NORMA, definisce la normativa a cui la tabella fa riferimento (ANSI,
ISO, UNI, DIN...).
RATING, a seconda delle normative usate o del tipo di componente
indica il rating o la pressione nominale.
MATERIALE, la sigla del materiale di cui è costituito il componente.
MATERIALE INTERNO, il materiale degli accessori interni di un
componente.
COSTRUZIONE: Il codice che descrive il tipo di costruzione del
componente.
RIVESTIMENTO: Il codice che descrive lo stato di fornitura del
rivestimento del componente.
COSTRUTTORE, MODELLO, NOTE, è una descrizione libera ad uso
dell’utente.
FINITURE, in alto a destra si possono compilare le finiture del
componente. Rappresentano il tipo di estremità, ogni componente
diritto ha almeno due finiture possibili, la terza e la quarta sono
riservate a quelli a tre e quattro vie. La finitura indica una diversa

ESApro – 3DP Pag. 181


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

conformazione fisica dei componenti, una valvola a saracinesca


flangiata è diversa da una a saldare di testa, una flangia slip-on con
guarnizioni piane è diversa da una con guarnizioni ring-joint. Per
questo motivo si ricorda che, anche quando i parametri dimensionali di
due componenti che differiscono per finitura fossero identici, essi
devono risiedere in due tabelle dati separate. Per maggiori
informazioni sulla definizione delle finiture vedere il paragrafo
FINITURE più avanti nel capitolo.
PER COSTRUZIONE, serve a precisare se il componente deve essere
considerato per costruzione o per prefabbricazione nelle distinte.

Terminati i dati di testata si potrà iniziare la compilazione dei dati di


dettaglio presenti nella zona centrale della tabella.

Per ogni tipo di componente verranno proposti per la compilazione i


dati geometrici opportuni con la guida della figura situata in alto al
centro. Alcuni altri campi descrittivi, come il peso ed il codice di parte,
sono comuni a tutti i componenti. Le colonne evidenziate in azzurro
sono obbligatorie, quelle in giallo opzionali. La struttura dati e la figura
corrispondente sono dipendenti dalla funzione grafica prescelta per
quella tipologia. Pertanto va segnalato che cambiare successivamente
funzione grafica ad una tipologia esistente può comportare perdita di
dati se la struttura dati della vecchia e della nuova funzione grafica
non sono corrispondenti. A titolo di esempio per una valvola flangiata
non sarà presente il dato relativo alla profondità di filettatura, viceversa
in una filettata non sarà presente il diametro delle flange. Ne consegue
che passare da una all’altra comporta la scomparsa dei dati non
congruenti. Inoltre se la tipologia è usata in Classi, Commesse e
disegni occorre aggiornare le linee in cui il componente compare.

Inizialmente viene proposto un


gruppo di diametri nominali
predefiniti. Mediante i Tasti
“Inserisci” e “Cancella” è possibile
inserire nuovi diametri o eliminare
quelli selezionati. L’inserimento di
una nuova linea attiva in
corrispondenza del Diametro
Nominale un elenco a scomparsa da
cui è possibile prelevarne uno tra
quelli predefiniti. La modifica del valore di un DN preesistente si
effettua in modo analogo. La definizione dei diametri avviene in
ESApro – 3DP Pag. 182
GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

millimetri, ma automaticamente viene generato il valore


corrispondente in pollici se presente. Risulta evidente che il
programma non consente di scrivere direttamente il valore del
diametro nominale, ma solo prelevarne uno da quelli predefiniti. La
ragione risiede nel fatto che il DN viene usato dal programma come
chiave per la ricerca di una riga di dati all'interno di una tabella e non
deve essere scritto in forma diversa o contenere eventuali errori di
battitura.

E` possibile aggiungere nuovi valori alla tabella dei diametri standard


mediante la procedura Archivi / Diametri. I tasti di Inserimento e
modifica portano ad una unica maschera da cui è possibile aggiungere
o modificare un diametro nella doppia rappresentazione metrica e in
pollici. E` anche possibile specificare, barrando la casella relativa, di
inserire automaticamente il nuovo diametro in una nuova tabella e
quindi di averlo tra quelli predefiniti.

A questo punto, con riferimento alla figura e alla struttura dei dati
presenti, si potrà procedere alla compilazione dei dati geometrici e
descrittivi richiesti per ogni diametro nominale. Le misure lineari
devono essere espresse in millimetri. Si segnala che per tutti i diametri
presenti i dati devono essere compilati. Diametri presenti con dati
obbligatori, nulli o incompleti possono portare ad un
malfunzionamento del programma.

E’ possibile attivare la stampa di una tabella premendo l’apposito


pulsante. La stampa viene inviata alla stampante di sistema corrente
indicata nel Pannello di Controllo di Windows.

6.7. TABELLE PARTICOLARI

CURVE A SALDARE, viene richiesta la compilazione solo per


l’apertura standard a 90°. Per gli altri angoli standard, 45° e 180°,
viene richiesta solo la compilazione dell’eventuale codice di parte. Il
peso per un angolo diverso viene invece calcolato dal programma.

CURVE A SETTORI, si differenziano dalle curve standard. E` possibile


specificare i valori del numero di settori, del peso e del codice di parte
per una serie di angoli standard che vanno da 30° a 180°. Durante
l’esecuzione del comando, se l’angolo della curva è fuori norma, il
numero di settori verrà richiesto all’utente.
ESApro – 3DP Pag. 183
GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

TUBI COMPOSITI, si deve creare una tabella per ogni combinazione


desiderata dei terminali (es. maschio-maschio). Nella testata della
tabella sono visibili i tre riferimenti ai costituenti dell’oggetto da
costruire, ovvero la
tubazione ed i due
terminali. Dagli
elenchi a scomparsa
si potranno scegliere
rispettivamente il tubo
dalle tabelle dei tubi
presenti, il primo ed il
secondo terminale
dalle tabelle delle
flange che l’utente
intende usare come
terminali. Nella parte
dedicata al dettaglio
sarà infine necessario
compilare solo il
codice di parte del tubo composito. Durante la distintazione il
programma ricerca la combinazione dei componenti in una tabella
presente e, se la trova, calcola la lunghezza ed il peso complessivo
della tubazione composta.

BULLONERIA, è componente senza rappresentazione grafica, definito


sotto la categoria Accoppiamenti. Le tipologie della bulloneria hanno
tabelle dati al pari degli altri componenti, ma di fatto contengono la
denominazione e il numero dei bulloni o tiranti con riferimento alla
frangiatura corrispondente. Il tipo di dado indicato nelle tabelle della
bulloneria viene specificato con il concetto dei materiali impliciti,
esposto più avanti nel capitolo.

6.8. MATERIALI IMPLICITI

Un ulteriore concetto è stato introdotto allo scopo di poter conteggiare


materiali non rappresentati graficamente nel disegno. Questi materiali,
chiamati “impliciti”, sono associati ad un componente qualsiasi e
conteggiati ad ogni suo inserimento. Per esempio sarà possibile
indicare che, ad ogni istanza di un manicotto in vetroresina vengano
conteggiati due o-ring ed un drenaggio elettrico. Alla gestione dei
materiali impliciti si accede da qualsiasi tabella materiali mediante la
ESApro – 3DP Pag. 184
GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

pressione del tasto “M. Impliciti”. Compare una maschera in cui è


possibile inserire (o eliminare) il riferimento ad una o più tabelle di
materiali da considerare impliciti. A destra, per ogni materiale inserito
e

per ogni diametro disponibile, è possibile definire nel dettaglio la


quantità dei materiali che si vogliono associare al componente di
partenza. L’esempio in figura riporta una tabella di materiali impliciti
associati ad una tabella di bulloneria (non visibile) in cui è stato
specificato il componente dado come materiale implicito. Nel campo
quantità, come si vede nella figura, è richiesto di indicare, per ogni
DN, il numero totale di dadi necessari per l’accoppiamento.

ESApro – 3DP Pag. 185


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

6.9. LE FUNZIONI COPIA/INCOLLA

Sono funzioni di duplica di notevole ausilio che permettono di


risparmiare tempo e fatica nella compilazione di nuove tabelle quando
parte o tutti i dati siano in comune con quelli di tabelle già compilate.
Per copiare una tabella, ne è permessa una alla volta, basta
selezionarla e premere “Copia”. Successivamente si può creare la
copia mediante il pulsante “Incolla”, ma prima è possibile cambiare
Tipologia o addirittura Famiglia. L’utilizzo va quindi oltre a quello
ovvio di duplicare tabelle di dati omogenei. Il concetto più generale
permette quindi di copiare nella destinazione desiderata una tabella
diversa ricavando solo i dati comuni. Una volta duplicata una tabella
questa può essere corretta con il pulsante “Modifica”. Il funzionamento
sarà facilmente compreso attraverso i due esempi seguenti:

COPIA DA TABELLE OMOGENEE

Si deve creare una tabella di tubi ANSI Extra Strong e quella dei tubi di
spessore Standard è già presente. Con le funzioni Copia/Incolla si
duplica interamente la vecchia tabella sulla nuova che
successivamente può essere corretta con la funzione di modifica.
Occorrerà variare alcuni dati di testata, la descrizione, la schedula e
alcuni nel dettaglio come gli spessori ed i pesi unitari. Si potranno
invece mantenere i diametri nominali e quelli esterni senza doverli
riscrivere. Se le due tabelle differissero solo per il materiale,
occorrerebbe variare solo quel dato in testata.

COPIA DA TABELLE DISOMOGENEE

Si deve creare una tabella di curve Extra Strong e quella dei tubi
corrispondenti esiste già. Si usa la funzione Copia sul tubo che poi si
incolla tra le curve. La funzione di duplica assume in questo caso dal
tubo tutti i dati dei campi comuni tra le tabelle tubi e curve. Troveremo
già compilati quindi i diametri nominali ed esterni, i pesi unitari sono
quelli per metro lineare dei tubi e quindi devono essere corretti con
quelli delle curve. Risulterà vuota la colonna dei raggi di curvatura che
non può essere ricavata dalla tabella dei tubi.

ESApro – 3DP Pag. 186


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

6.10. MODIFICA DEI DATI DI UNA TABELLA

Alla modifica dei dati esistenti si accede selezionando una tabella


esistente e premendo il tasto "Modifica".

Viene proposta la stessa maschera usata in creazione da cui è


possibile esaminare e correggere agevolmente qualunque dato
presente.

6.11. ANNULLAMENTO DI UNA TABELLA

La pressione del tasto “Cancella” consente di rimuovere dalla base dati


una tabella indesiderata. La cancellazione è impedita se la tabella è
usata da una Classe Tubazioni o se è presente una password che
impedisce la modifica.

6.12. RELAZIONI E LOG DI UNA TABELLA

RELAZIONI, compila un elenco, visibile attraverso Blocco Note, dei


disegni in cui è usata la Tabella selezionata. In questo modo è
possibile sapere perché una Tabella non viene rimossa o dove si deve
intervenire a seguito di una modifica della Tabella.

LOG, tutte le volte che viene modificato il contenuto di una tabella


viene compilato un file di LOG, visibile attraverso Blocco Note, che
elenca tutti i disegni interessati dalla modifica. In questo modo sarà
possibile intervenire nei singoli disegni con le apposite procedure di
aggiornamento.

ESApro – 3DP Pag. 187


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

6.13. COMPILAZIONE DI UNA CLASSE TUBAZIONI

La Classe Tubazioni è il mezzo con cui è possibile isolare un


sottoassieme ben definito dei componenti presenti nella base dati
perché risponda ad un criterio di progetto dell’impianto. Attraverso le
Classi, che possono essere create e memorizzate in numero
imprecisato, si alimentano le funzioni grafiche che disegnano gli
oggetti, e nello stesso tempo si controlla che i componenti usati siano
conformi a quanto stabilito. Una Classe Tubazioni tra quelle definite
viene selezionata, insieme al diametro nominale, essenzialmente
durante la stesura di una linea ed in seguito usata per tutti i
componenti che ne faranno parte. Il nome dell’oggetto da disegnare,
che corrisponde a quello di una tipologia, ed il DN permettono di
ricercarne la definizione nella Classe, e se esistente, di risalire alla
tabella corrispondente per prelevarne i dati caratteristici.

Dal menu Archivi della procedura selezionando “Classi” si accede ad


un panello di controllo che, come al solito, prevede (pulsanti in alto a
destra) l’inserimento di una nuova Classe o la modifica,
l’annullamento, la duplica e la stampa di una preesistente. E’ inoltre
presente l’accesso alla Branch Table, ad una serie di tabelle allegate
Classe e alle relazioni con i disegni delle Commesse in corso.

ESApro – 3DP Pag. 188


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

NUOVA, il programma presenta una maschera dove compilare le


caratteristiche della nuova Classe. Il Nome è quello che comparirà
negli elenchi materiali. Gli altri dati Versione, Descrizione estesa, Data
di creazione, Schedula/Rating, Materiale, Temperatura e Pressioni di
progetto, servono solo ad indicare mnemonicamente lo scopo della
Classe che si sta creando.

Compare poi l’elenco delle tipologie dei componenti inseriti in Classe,


inizialmente vuoto. Le modalità di compilazione verranno descritte più
avanti.

MODIFICA, propone la maschera con la testata della Classe


selezionata nell’elenco e ne permette la correzione. Il tasto “Modifica”
presente a sinistra nella zona di dettaglio invece permette tutte le
operazioni di manutenzione di una tipologia esistente in Classe.

CANCELLA, consente la rimozione di una Classe indesiderata. I dati


della Classe cancellata non sarebbero più disponibili per i disegni che
ne facevano uso. Per questo motivo è impedita la cancellazione di una
Classe se nelle Commesse sono presenti disegni ad essa relazionati. Il
tasto “Cancella” presente a sinistra nella zona di dettaglio invece
permette la rimozione di una tipologia dalla Classe.

COPIA, permette la creazione di una nuova Classe copiandola da una


esistente per poi modificarla come ai punti precedenti.

ESApro – 3DP Pag. 189


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

STAMPA, invia alla stampante di sistema l’immagine della Classe


selezionata. E` possibile avere una rappresentazione sintetica della
Classe o una completa.

RELAZIONI, compila un elenco, visibile attraverso Blocco Note, dei


disegni che contengono relazioni alla Classe selezionata. In questo
modo è possibile sapere perché una Classe non viene rimossa o dove
si deve intervenire a seguito di una modifica della Classe Tubazioni.

BRANCH TABLE, visualizza le derivazioni ammesse per ogni coppia


di diametri “Linea Principale” – “Linea derivata”. La tabella non viene
compilata dall’utente, ma generata automaticamente a partire dai dati
immessi nella Classe Tubazioni. Viceversa l’utente deve abilitare con
gli appositi pulsanti il giunto tubo su tubo, che non fa capo a nessun
componente fisico della Classe Tubazioni, e le derivazioni tipo “Mezzo
manicotto” che essendo identificati dal solo diametro della linea
derivata sarebbero ammessi per ogni diametro della linea principale. Il
programma consulta la Branch Table durante il disegno di una
derivazioni e rispetta le impostazioni stabilite dalla Classe e dall’utente.

ESApro – 3DP Pag. 190


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

ALLEGATI, ha tre pagine di impostazioni.

Ritiro di saldatura, Lunghezza massima e minima tubazioni e


rappresentazione del DN in mm o pollici.

Per ogni allegato è presente una funzione di copia e incolla per


facilitare la compilazione di dati ripetitivi.

Per ogni diametro della tubazione inserita in Classe il programma può


applicare il ritiro saldatura indicato incrementando di tale valore lo
scartamento disegnato dei componenti a saldare di testa.

La lunghezza minima è invece un valore al di sotto del quale viene


data una segnalazione dal programma. Per disattivare questa
impostazione impostare a 0 la lunghezza minima.

La lunghezza massima è un valore con cui limitare la lunghezza delle


tubazioni disegnate. Tutti i programmi di generazione rispettano
l’impostazione ed eseguono la spezzonatura del tubo alla lunghezza
indicata. Per disattivare questa impostazione impostare a 0 la
lunghezza massima. La spezzonatura può generare l’ultimo tratto di

ESApro – 3DP Pag. 191


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

tubo di lunghezza non desiderata. Tali situazioni possono essere


corrette con un successivo intervento manuale.
Nella colonna Diametro in Pollici è invece possibile spuntare i diametri
che verranno rappresentati secondo il formato presente nella seconda
colonna dell’archivio Diametri. Di solito in questa colonna vengono
rappresentati i diametri nominali in pollici. Senza segno di spunta si
avrà la rappresentazione del diametro nominale in millimetri. Esiste un
comodo pulsante di inversione globale mm/pollici.

Sottrazioni alle derivazioni tubo su tubo, permette di correggere la


lunghezza dei tubi impiegati come derivazioni nei giunti diretti tubo su
tubo. In genere in questo caso il programma stabilisce per il tubo la
lunghezza fino all’asse della tubazione principale, trascurando la
sottrazione dovuta all’ingombro di quest’ultima e alla preparazione
tecnologica necessaria al giunto. Ne risulta un eccesso che può essere
non gradito. Nel caso poi che si desideri un taglio tubi esatto per la
costruzione in officina, è possibile in questa sezione stabilire quanto
sottrarre, per ogni coppia di DN e angoli, per realizzarlo. Il programma
applicherà tali valori a tutti i tubi impiegati in questo modo. Questo
controllo influenza solo le distinte di taglio tubi prodotte da ESApro
ISO.

Usa curve a saldare da, permette di precisare quali curve a saldare


devono essere usate nella Classe corrente. ESApro ha una particolare
trattazione delle curve a saldare di testa,
richiede una sola tabella dimensionale e
non una per ognuno dei tre pezzi standard

ESApro – 3DP Pag. 192


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

a 45°, 90° e 180°. Bisogna però poter precisare quando non si


acquistano le curve a 45° (si adoperano quelle da 90° divise in due), o
quelle a 180° (si dovranno saldare due curva da 90°). Tale
precisazione viene indicata in questa sezione mediante il segno di
spunta sui tre pezzi. Il programma si comporterà poi di conseguenza
indicando correttamente i codici di parte dei tre pezzi, presenti nelle
tabelle dimensionali, quando vengono eseguiti gli elenchi materiali.

AGGIUNGI, si accede all’elenco di tutte le tipologie di componenti,


quelle cioè per cui è stata compilata almeno una tabella dati. Da qui è
possibile via via spuntare tutti gli oggetti che dovranno far parte della
Classe e, naturalmente, omettere quelli che ne devono essere esclusi.
Ultimata questa fase occorre, per ogni tipologia, definire da quale
tabella dati prelevare i parametri.

MODIFICA, selezionando una tipologia inserita e premendo ”Modifica”,


o eseguendo doppio click, compare una tabella, che assomiglia ad una
tabella di dettaglio inizialmente vuota. Da quest’ultima, premendo
“Aggiungi”, si accede all’elenco delle tabelle dati della tipologia
prescelta e, dopo averne selezionata una, al suo dettaglio. E` possibile
prelevare tutti o alcuni diametri nominali tra quelli presenti e, terminata
la scelta, importare la selezione nella tabella della Classe Tubazioni.
La selezione di più item può essere effettuata, conformemente allo
standard Windows, utilizzando i tasti Shift e Control unitamente al
pulsante sinistro del mouse. Inoltre, cliccando sul DN in testata, si
possono selezionare tutti gli item della tabella. E` possibile quindi
ripetere la procedura per ogni tipologia inserita nella Classe. E`
presente una utile facilitazione per cui selezionando un fitting vengono
proposti tutti i diametri già selezionati per il tubo. E` possibile anche
ripetere il processo di aggiunta per lo stesso componente allo scopo di
definire un’altra selezione di diametri nominali e prelevare i valori da
una diversa tabella dati. E` anche ammesso che per uno stesso
diametro nominale siano presenti più di una linea di dati provenienti da
tabelle diverse. In questo caso, in fase di esecuzione, il programma,
trovando una o più alternative possibili, potrà presentare una pannello
di controllo dove effettuare una selezione o scegliere la prima riga
incontrata. Il controllo di questo comportamento viene impostato nella
finestra di dialogo Opzioni di Lavoro. E` bene quindi che l’utente
inserisca per prima la riga di dati preferenziale in Classe, in modo da
poter utilizzare proficuamente il meccanismo di scelta automatica in
caso di alternativa. A tale scopo sono dedicate le frecce presenti a
sinistra nella maschera.

ESApro – 3DP Pag. 193


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

COPIA/INCOLLA, permettono di eseguire un trasferimento di una o più


tipologie da una Classe ad un’altra. Selezionare le tipolgie desiderate
dalla Classe corrente e premere “Copia”, selezionare la Classe di
destinazione e premere “Incolla”. L’operazione è utile quando si
desidera copiare una Classe tubazioni solo parzialmente, al contrario il
pulsante “Copia” in alto nella maschera duplica un’intera Classe.

ESApro – 3DP Pag. 194


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

6.14. COMMESSE

E' una voce dalla quale è possibile eseguire le seguenti operazioni:

o Inserimento, permette la creazione di una nuova Commessa.


Compare la maschera in cui compilarne il nome e la descrizione.
Per gli sketch generati in ambiente ESApro ISO quando sono
provenienti da ESApro 3D Piping. Il nome è il codice che viene
riportato negli elenchi materiali dove la colonna “Commessa” è
richiesta. La descrizione non viene invece utilizzata e non è
obbligatoria. Durante la creazione di un nuova commessa vengono
inizializzate delle opzioni di default che potranno essere modificate
cliccando sul pulsante “Opzioni”

o Modifica, fa comparire la stessa maschera usata in creazione per


la modifica dei dati della Commessa selezionata.

o Cancella, elimina la definizione della commessa dall’archivio


insieme ai disegni correlati. I file .DWG restano inalterati,
semplicemente vengono cancellati i riferimenti di quei disegni
nell’archivio commesse

o Esporta, permette l'esportazione dell''elenco disegni della


commessa selezionata. L'esportazione riporta per ogni disegno il
numero, la revisione e il nome del file AutoCAD.

o Copia, permette di copiare la commessa selezionata assegnandole


un nuovo nome, allo
scopo di crearne un'altra
mantenendo tutte le
Opzioni di Commessa
della preesistente. Se
necessario vengono
copiate anche tutte le
linee contenute nel Line Manager. L'elenco dei disegni non viene

ESApro – 3DP Pag. 195


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

ritenuto. Per assegnare disegni esistenti alla nuova commessa


occorre aprirli e assegnare la commessa nelle Opzioni di Lavoro.

o Opzioni, viene mostrata una finestra che consente di impostare


una serie di parametri comuni ad ESApro Piping 3D ed ESApro
Isometrics, validi per tutti i disegni della commessa (es: siglatura di
linea, lingua per le distinte ecc). Di seguito si riporta un elenco
delle varie impostazioni.

ESApro – 3DP Pag. 196


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Scheda Linee e Disegni

In questa scheda sono disponibili opzioni che interessano la modalità


di creazione delle linee e dei documenti.

Gruppo Linee

Modalità creazione Linee: Imposta la creazione delle linee da Line


Manager o da Grafica. (concetto sviluppato nell'argomento Line
Manager).

Criterio numerazione Linee: Decide se il Tipo di Fluido deve entrare


nell'identificativo della linea. Diversamente quest'ultimo è composto
solo dall'Unità/Sistema e Il Numero di Linea. Questa scelta condiziona
in maniera rilevante l'anagrafica delle future linee e, una volta fatta,
non è più modificabile. Non appena si è creata qualche linea in Line
Manager o esiste un disegno nell'elenco Commesse la possibilità di
cambiare questo parametro è inibilta.

Tipo numerazione Linee:Imposta un progressivo automatico per il


Numero di Linea, diversamente occorrerà digitarlo manualmente.

ESApro – 3DP Pag. 197


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Gruppo Disegni

Percorso di salvataggio file DWG: Imposta il percorso di salvataggio


dei disegni di ciascuna applicazione ESApro, allo scopo di reperire in
maniera certa questi documenti quando ne è richiesto l'aggiornamento
automatico.

Scheda Elenchi

In questa scheda sono disponibili una serie di opzioni che influenzano


la generazione delle distinte (es: scelta lingua ed etichette di
separazione).

Gruppo Generali (utilizzate da ESApro 3DP e ISO)

Lingua Elenco: Permette di scegliere una lingua per gli elenchi


materiali tra le 5 disponibili.
ESApro – 3DP Pag. 198
GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Ignora nome disegno in archiviazione: Abilitando questa opzione è


possibile istruire il programma ad ignorare il nome del file AutoCAD
durante l’archiviazione dei disegni e a tenere conto solo della
Commessa, del Numero di Disegno e della Revisione. Il file AutoCAD
può essere quindi rinominato, (es.: includendo la revisione) senza che
il programma emetta un messaggio d'errore indicando che il Numero di
Disegno è già occupato da un'altro file.

Composizione sigla di linea: Viene mostrata una maschera che


permette di definire la composizione della sigla di linea per l’intera
Commessa. La composizione verrà usata dal comando “Sigla linee” in
ambiente AutoCAD. Per l’uso della maschera vedi il paragrafo 4.27
“Siglatura Linee e Annotazioni”.

Gruppo Sketch (utilizzate solo da ESApro ISO)

Elenchi: Abilitano la creazione delle distinte Materiali, Taglio e


Saldature durante la generazione degli sketch automatici.

A fianco di ogni distinta un pulsante che permette di stabilire il modello


di generazione.

Per ogni modello è possibile stabilire il Titolo, la visualizzazione dei


campi desiderati, la loro intestazione, la larghezza e l'allineamento. Le
frecce a sinistra permettono di ordinare le colonne a piacere. Le altre
distinte, opzionali, vengono generate sotto quella dei materiali che non

ESApro – 3DP Pag. 199


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

può essere annullata e che inizia nel punto previsto dalla


personalizzazione del cartiglio. Il valore "Interlinea tabelle" permette di
stabilire la distanza verticale tra le varie distinte.

Elenco Accoppiamenti: permette attraverso i pulsanti visualizzati, di


configurare la modalità di elencazione degli accoppiamenti. Per il tipo
di saldatura BR (Branch) sono previste 2 ulteriori opzioni:

- Divisi per Angolo: Genera due colonne in distinta per


consentire il conteggio separato delle le saldature a 90° da
quelle con angolo qualsiasi.

- Totale: Conteggia insieme tutte le saldature di derivazione


indipendentemente dall’angolo.

Per il tipo di accoppiamento TH (Filettato) sono previste 2 ulteriori


opzioni:

- Tutti: Conta tutti gli accoppiamenti filettati.

- Solo per tubi: Distinta solo gli accoppiamenti filettati nei


quali è presente un tubo per poter conteggiare tutte le
estremità da filettare.

Mostra diametro per spessore nei tubi: Permette di visualizzare il dato


diametro x spessore solo per le tubazioni.

Elenchi con misure imperiali: Permette di visualizzare negli elenchi


materiali di ESApro ISO e di ESApro Piping 3D, le lunghezze in unità
imperiali.

Elenco con Totali: Se attivata inserisce in calce all’elenco il peso totale


dei componenti dello sketch. E` anche possibile personalizzare la
descrizione che accompagna il valore del peso totale.

Elenco con superficie totale: Se attivata inserisce in calce all’elenco la


superficie approssimativa totale di tutti i componenti dello sketch. E`
anche possibile personalizzare la descrizione che accompagna il
valore della superficie totale.

ESApro – 3DP Pag. 200


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Elenco con Separazione: Spezza l’elenco in due sezioni che


contengono rispettivamente i materiali ritenuti per costruzione e quelli
per prefabbricazione (se un materiale sia da considerarsi per
costruzione o prefabbricazione è indicato nella testata della tabella
componenti). E` anche possibile personalizzare le descrizioni che
mostrano i materiali per prefabbricazione e costruzione.

Elenco con Spool: Attiva la suddivisione della distinta materiali per


spool (opzione attiva solo se è abilitato il modulo ESApro Spool). E`
anche possibile personalizzare la descrizione che accompagna le
distinte dei vari spool.

Considera per costruzione componenti inferiori a DN: Attraverso questa


opzione è possibile forzare il programma in modo che vengano sempre
considerati per costruzione componenti che hanno un diametro
inferiore a quello scelto.

ESApro – 3DP Pag. 201


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Scheda Generazione sketch

In questa scheda sono disponibili una serie di opzioni che influenzano


la creazione dei gruppi ISO in ESApro 3DP e la generazione degli
sketch.

Gruppo File .ISO (utilizzate da ESApro 3DP e ISO)

Percorso di salvataggio file .ISO: Consente di impostare una cartella


fissa come percorso di salvataggio dei file .ISO. Questo percorso
diventerà il default dell’utility GenISO durante la generazione
automatica di gruppi di sketch.

Composizione titoli sketch: Con questa opzione è possibile assegnare


un titolo di default a tutti gli sketch esportati da ESApro Piping 3D.
Attraverso un pulsante è possibile inoltre inserire dei codici speciali
(es: #NLIN#, #LINEID# ecc.) che consentono di inserire nella stringa

ESApro – 3DP Pag. 202


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

del titolo il valore di campi come: sigla di linea, sistema, numero di


linea ecc.

Gruppi automatici: In questa opzione troviamo una serie di


impostazioni che consentono di configurare il criterio di assegnazione
dei nomi ai gruppi iso generati automaticamente dal ESApro Piping
3D. Una volta assegnato, il nome del gruppo ISO diventerà sia il nome
del file .ISO che il programma andrà a scrivere, che il nome del file
DWG creato da ESApro Isometrics durante la generazione degli
sketch. Cliccando sul pulsante “Nome” si aprirà la seguente finestra.

Documento/Foglio: Con
questa impostazione è
possibile decidere il criterio di
assegnazione del numero di
disegno e numero di foglio
per i nuovi gruppi ISO
generati automaticamente.

- Crea un documento per


ogni sketch: Attivando questa
modalità ad ogni sketch
generato verrà assegnato un
diverso numero di
disegno/documento.

- Crea un foglio per ogni


sketch: Attivando questa
modalità ad ogni sketch
generato verrà assegnato un
unico numero di disegno/documento, e un diverso progressivo di
foglio. Se si abilita questa opzione è possibile digitare il numero unico
di documento da assegnare a tutti gli sketch ed un eventuale indice di
partenza per il numero di foglio assegnato automaticamente dal
sistema.

Composizione Nome: In questa parte della finestra è possibile


selezionare una serie di campi che compongono il nome del gruppo
ISO generato automaticamente dal sistema. Per ogni campo è
possibile includere un prefisso ed un suffisso oltre a poterne scegliere

ESApro – 3DP Pag. 203


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

l’ordine di inserimento. E’ da notare che la regola di assegnazione del


nome deve necessariamente tenere conto del criterio di
organizzazione dei vari sketch. Questo significa che in fase di
definizione della regola il programma controlla che i campi selezionati
determinino univocamente il nome del file (es.: se si decide di fare un
documento per ogni linea i campi numero di linea o numero di
documento sono obbligatori).

Suddivisione automatica: Abilita la suddivisione automatica delle linee


dell'impianto nei fogli degli sketch. Questa scelta influisce sul
comportamento del comando "Gruppi Automatici". Se la suddivisione è
disabilitata il programma inserisce in ogni gruppo di un futuro sketch
una intera linea, (o la linea e le sue diramazioni se incluse)
indipendentemente dal numero dei componenti. Se la suddivisione è
abilitata il programma inserisce in un gruppo i componenti di una linea
fino al raggiungimento del parametro "Numero oggetti per foglio", più o
meno quanto indicato in "Tolleranza oggetti". Gli oggetti rimanenti
della linea vengono poi inseriti in un nuovo gruppo con lo stesso
criterio fino ad esaurimento di tutti i componenti. Il Numero di oggetti
per foglio consigliato per i formati A3-A0 si può selezionare dall'elenco
sottostante. Il valore può comunque essere corretto manualmente. Il
processo di suddivisione può richiedere un certo tempo che dipende
dalla complessità dell'impianto. Al termine del processo i gruppi
generati possono essere esaminati e corretti manualmente con gli
strumenti dell'ambiente "Gruppi ISO".

File prototipo DWT: Seleziona il file .DWT da utilizzare come modello


per la generazione degli sketch con ESApro GenIso.

File cartiglio DWG: Consente di selezionare il blocco AutoCAD da


utilizzare come cartiglio durante la generazione automatica degli
sketch.

Associa cartiglio a file Excel: Utilizzato da ESApro Isometrics.

ESApro – 3DP Pag. 204


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Annotazione e quotatura sketch

In questa scheda sono disponibili una serie di opzioni che influenzano


la quotatura e la siglatura degli sketch automatici generati da ESApro
Isometrics.

Gruppo Annotazioni (utilizzate da ESApro ISO)

Rimandi: Attiva l’inserimento dei rimandi automatici (etichette con


informazioni di continuazione) durante la creazione degli sketch. E’
possibile personalizzare le etichette che rimandano ad altri sketch o a
connessioni con apparecchiature.

Siglatura automatica linee: Attiva la siglatura automatica delle linee.


durante la generazione degli sketch.

ESApro – 3DP Pag. 205


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Siglatura automatica componenti: Attiva la siglatura automatica dei


componenti (tag). durante la generazione degli sketch.

Gruppo Quotatura (utilizzate da ESApro ISO)

Quotatura automatica: Attiva la quotatura automatica durante la


generazione degli sketch. Lo stile di quota è tra quelli disponibili definiti
in anagrafica (per ulteriori informazioni far riferimento al manuale di
ESApro Isometrics capitolo 6).

Quote altimetriche: Attiva l’inserimeto delle quote altimetriche durante


la generazione degli sketch.

Coordinate estremi: Attiva l’inserimento delle coordinate 3D degli


estremi durante la generazione degli sketch.

La maschera della gestione commesse presenta poi in due zone


separate l’elenco Commesse e l’elenco disegni per quella selezionata.
In basso è
presente un
secondo pulsante
di cancellazione
dedicato ai
disegni. Si ripete
che in questo caso
viene solo rimossa
dall’archivio la
definizione del file
AutoCAD che
rimane inalterato.
Per ricreare la
definizione del
disegno nella
Commessa basta
rieseguire una
Estrazione Dati in
ambiente
AutoCAD.

ESApro – 3DP Pag. 206


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

6.15. ELENCHI

E' una sezione dalla quale è possibile eseguire la generazione degli


elenchi materiali.

Compare una maschera che


permette di selezionare una
commessa tra quelle
archiviate e successivamente
uno o più disegni dall’elenco
relativo. Per eseguirne la
distintazione occorre
precisare il tipo di elenco
(componenti, linee, apparec-
chiature, Puma, travi o
coibentazione), la
destinazione (video, file
ASCII, file Excel, tabella
Access o stampa), e in alto il
nome di un modello che è un
insieme di istruzioni con cui si
controlla l’apparenza della
distinta (per maggiori
informazioni vedere più
avanti nel capitolo). Premendo “OK” la distinta verrà eseguita. E’
possibile separare i materiali per costruzione e quelli per
prefabbricazione, secondo le indicazioni presenti nelle tabelle dei
materiali. Per maggiori informazioni consultare il paragrafo 6.6
“Compilazione Dati di Dettaglio”.

L’elenco componenti comprende tutti i materiali delle linee. Con le


stesse modalità operative si può generare invece un elenco linee, a
patto di adoperare un modello predisposto a questo scopo. E` separata
dalla distinta componenti, per la sua diversa organizzazione. E’ bene
precisare che i modelli per la distinta linee non possono essere usati
dalla distinta componenti e viceversa.

L’elenco apparecchiature consente la generazione di una distinta


divisa per tipologia. Infatti al posto della scelta di un modello viene
richiesto il tipo di apparecchiatura. Per ognuna di esse l’elenco
contiene i dati definiti nell’archivio Apparecchiature.

ESApro – 3DP Pag. 207


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

L’elenco per Puma esporta la distinta verso il suddetto programma


commerciale per la successiva trattazione dei materiali.

L’elenco coibentazione elenca per ogni DN, tipo e spessore, la


superficie e la lunghezza del rivestimento.

L’elenco travi riporta una distinta delle strutture inserite visualizzando


Tipologia, dimensione, materiale, lunghezza e peso

6.16 MODELLI PER ELENCHI COMPONENTI E LINEE

Scegliendo Elenchi Materiali/Modelli per elenchi/Componenti, si


accede ad una procedura che permette di stabilire quali dati, tra quelli
presenti nei disegni di commessa, ed in che forma debbano essere
inseriti nell’elenco. L'utente li può definire e memorizzare attraverso
una maschera che vedremo in dettaglio. Nella finestra si può notare
una zona in alto, dove è visualizzato l’elenco dei modelli esistenti, con
l’insieme di comandi che permettono le usuali operazioni di creazione,
modifica, duplica e cancellazione.

ESApro – 3DP Pag. 208


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

In basso il dettaglio del modello selezionato. Vediamo ora nel


particolare la costruzione di un nuovo modello. Per mezzo del tasto di
inserimento si accede ad una maschera in cui definirne la descrizione
mnemonica e il titolo. Nella riga a destra della denominazione
Famiglia, premendo il pulsante con il punto interrogativo, si
selezionano da un elenco le tipologie di componenti ammesse
nell’elenco. Terminata questa operazione si può definire il dettaglio
nella zona in basso della maschera.

Premendo il tasto “Inserimento” si presenta una maschera nella quale


si deve precisare quanto segue.

Campo: indicare il campo dati che dovrà essere riportato nell‘elenco; è


prelevabile da un menu a tendina.

Intestazione: digitare l’intestazione della colonna che dovrà comparire


nell‘elenco.

Filtro: permette di selezionare dei componenti con criteri variabili a


seconda del campo in questione. Ad esempio, per il campo Diametro
Nominale, “100” indica di filtrare solo i componenti di quel diametro.

Da escludere: permette di escludere dei componenti. E’ il duale del


precedente. Ad esempio, per il campo Diametro Nominale, “100” indica
di filtrare tutti i componenti tranne quelli di DN 100.

Più filtri possono essere impostati contemporaneamente, non


impostando filtri si intende che tutti i componenti verranno inclusi
nell‘elenco.

La voce Visualizzare, a seconda che sia spuntata o meno, indica se un


particolare dato dovrà essere visualizzato nell‘elenco oppure no. Lo
scopo è quello di introdurre campi dati a scopo di filtro, ma di poterli
escludere dalla visualizzazione nell‘elenco.

Per quanto riguarda l’ordine di visualizzazione dei campi in nell‘elenco,


esso può essere precisato spostando in basso o in alto la riga
selezionata tramite le due frecce a sinistra della finestra di dettaglio del
modello.

L’elenco che si ottiene applicando un modello è costituito da un


numero di righe pari agli elementi che al programma appaiono diversi.

ESApro – 3DP Pag. 209


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Se viceversa due o più elementi vengono ritenuti uguali essi vengono


raggruppati in un’unica riga. L’uguaglianza di due elementi dipende
però dalle colonne che si vogliono visualizzare. Così due valvole
materialmente identiche, ma montate su due linee diverse, saranno
poste su due righe, se nella distinta viene visualizzato il numero di
linea, e su una sola riga se in numero di linea viene omesso.

ESApro – 3DP Pag. 210


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

6.17. ARCHIVI

Archivio Apparecchiature

Il comando Archivi / Apparecchiature Introduce in una tabella dove


sono elencate, nella finestra superiore, i gruppi di apparecchiature
disponibili. Tra i gruppi si trovano le pompe e i serbatoi e gi
scambiatori per il cui disegno il programma fornisce procedure
parametriche. Inoltre tutti i gruppi, ad esclusione del gruppo generico
“Apparecchiature” hanno una struttura dati coerente con gli oggetti che
rappresentano. Nel gruppo “Apparecchiature” invece sono presenti solo
i dati comuni a tutte le apparecchiature e gli otto campi disponibili.
Selezionato un gruppo, il programma mostra nella parte sottostante
l’elenco delle apparecchiature definite.

A sinistra della finestra si trovano i comandi per l’inserimento, la


modifica e la cancellazione. Premendo il tasto Inserimento viene
presentata una maschera in cui inserire un progressivo accanto al
codice del gruppo, la descrizione in cinque lingue e un prefisso/suffisso
che possono far parte della sigla dell’apparecchiatura. Il tasto Modifica
propone la stessa maschera per la modifica, mentre Cancellazione
elimina la tipologia di selezionata. E’ presente anche un tasto di

ESApro – 3DP Pag. 211


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

esportazione dell’elenco simboli in un file Excel. Se si definisce una


nuova apparecchiatura il simbolo a destra non sarà presente. Si fa
notare che l’archivio apparecchiature è in comune con ESApro P&ID,
ne condivide i codici e che la raffigurazione simbolica che si vede
deriva da quell’ambiente. Si potranno importare i dati delle
apparecchiature presenti in un disegno P&ID in quelle inserite in un
modello 3D, ma è evidente che la rappresentazione sarà diversa.

Di fatto, per tutte le apparecchiature, ad esclusione di serbatoi, pompe


e scambiatori, per i quali sono previste procedure parametriche di
disegno, vale il concetto che la loro definizione può essere associata a
qualunque oggetto modellato dall’utente mediante l’uso del comando
Definisci Apparecchiature.

I campi dati delle apparecchiature così definite potranno essere


associati a parti modellate dall’utente mediante l’uso del comando
Definisci Apparecchiatura: essi verranno proposti per la compilazione
al momento dell’inserimento di un’apparecchiatura nel disegno e
potranno essere successivamente utilizzati per gli elenchi materiali.
Per maggiori informazioni sull’argomento vedere il paragrafo 4.12,
Apparecchiature e Bocchelli.

Archivio Supporti

I supporti vengono
definiti nella procedura
Gestione specifiche alla
voce Archivio Supporti.
In questo ambiente
esistono già circa
settanta supporti
predefiniti a cui è stata
associata la funzione
grafica parametrica che
li rappresenta. Mediante
il pulsante di Modifica
su questi l’utente può
solo intervenire a
cambiare le descrizioni,
che sono quelle che compariranno nelle distinte materiali.

ESApro – 3DP Pag. 212


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Diversamente si potranno aggiungere


nuove definizioni tramite il pulsante
Inserimento il quale fa comparire una
maschera, simile a quella della
modifica, dove indicare oltre alla
descrizione nelle consuete cinque
lingue, la categoria (appoggiato,
sospeso…), il tipo di supporto (rigido.
Elastico…) e il codice di un eventuale
tipico aziendale. Quest’ultimo viene
inserito automaticamente nella sigla del
supporto disegnato. I supporti così
definiti potranno avere come
rappresentazione grafica un simbolo
logico o un disegno utente, ovvero un
modello preventivamente creato e archiviato.

Il pulsante Cancella rimuove il supporto selezionato dall’archivio.

Archivi Materiali, Norme, Rating, Costruzioni, Rivestimenti

Si tratta di altrettanti archivi in cui si possono codificare una serie di


valori predefiniti da usarsi tramite i menu a discesa quando il
programma lo richiede. I vantaggi sono molteplici:

o Non si devono immettere dati scrivendo, aumentando l’efficienza e


minimizzando i possibili errori di battitura.

o Se si scrive un gruppo di lettere in una casella viene prelevato


automaticamente il primo dato che ha le lettere corrispondenti. Se
per esempio si batte 3 nel campo Rating viene immediatamente
proposto “300 LB”

o I dati immessi sono standardizzati. Non capiterà per esempio di


incontrare un rating scritto una volta come “300 LB” ed un’altra
come “300#”. Questo rende possibile eseguire operazioni sicure di
ricerca e filtraggio sugli archivi.

Le operazioni di alimentazione e manutenzione di questi archivi sono


molto semplici: è possibile inserire un nuovo dato o cancellare dati
esistenti. Gli archivi sono ordinati alfabeticamente.

ESApro – 3DP Pag. 213


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Archivi Fluidi e Servizi

Sono semplici archivi ad una voce, come quelli appena descritti, ma


hanno la possibilità di essere alimentati anche dalla maschera di
creazione di una linea di tubazioni nell'ambiente AutoCAD.

Archivio Tipo Strumento

Contiene i codici e le descrizioni relative alla strumentazione e alle


valvole di regolazione e viene utilizzato dal comando correzione dati
per assegnare la siglatura a quel tipo di componenti. I codice compare
nel palloncino associato allo strumento insieme alla Sigla/Loop, la
descrizione negli elenchi materiali degli strumenti. L'archivio è
totalmente personalizzabile.

ESApro – 3DP Pag. 214


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Archivio Classi Isolamento

E’ un archivio in cui si definiscono per ogni Classe di Isolamento


desiderata, il suo codice, la versione, il materiale, una descrizione
mnemonica e, in dipendenza dei diametri, gli spessori caratteristici.
Questi dati vengono usati durante la creazione di una linea.
Selezionando una Classe di Isolamento si scaricano nella maschera
della linea i materiali e gli spessori precedentemente definiti.

Archivio diametri nominali

E` possibile aggiungere nuovi valori alla


tabella dei diametri standard mediante la
procedura “Archivi / Diametri”. I tasti di
Inserimento e modifica portano ad una
identica maschera da cui è possibile
aggiungere o modificare un diametro nella
doppia rappresentazione metrica e in
pollici. La denominazione in pollici è
opzionale. Se occorre, con il tasto di
cancellazione è possibile rimuovere un DN
indesiderato. Nella colonna Inserimento
Automatico si possono invece indicare
quali diametri si desidera siano già presenti
alla creazione di una nuova tabella di
materiali.

ESApro – 3DP Pag. 215


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Archivio Finiture

Per finitura si intende la tipologia delle estremità dei componenti che


determina il loro accoppiamento. Gli esempi più comuni sono gli
estremi a saldare di testa o a tasca, quelli filettati o la lavorazione delle
facce di accoppiamento delle flange che determina il tipo di
guarnizione da interporre.

Selezionando FINITURE compare la tabella dove possono essere


definiti un Codice
Interno, una Descrizione
e una Descrizione
Estesa. Il Codice Interno
descrive in maniera più
precisa gli
accoppiamenti, ad
esempio filettato
“maschio o femmina”, è
quello che
effettivamente viene
usato dal programma nei
controlli. La Descrizione
è quella che invece
compare negli elenchi
materiali dove in genere
tali distinzioni non sono richieste. La Descrizione Estesa è una
annotazione mnemonica interna che spiega il significato dei codici
precedenti. Infine nella zona denominata Finiture Compatibili è
possibile riportare uno tra i codici presenti per indicarne la compatibilità
con quello definito in prima colonna. In generale, salvo gli
accoppiamenti maschio/femmina ogni finitura sarà compatibile con se
stessa. Una volta definite, le finiture devono essere assegnate ad ogni
componente immesso nell’archivio, all’atto della compilazione della
sua tabella materiali. Il programma sfrutta le finiture per controllare la
congruenza degli accoppiamenti dei componenti inseriti, per la scelta
automatica delle flange, delle guarnizioni e della bulloneria in caso di
alternative nella Classe tubazioni e per il riconoscimento e il conteggio
degli accoppiamenti saldati o filettati.

Ci sono due finiture particolari che vale la pena di descrivere in


maniera più estesa:

ESApro – 3DP Pag. 216


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

 TU (Tubo): E’ una finitura speciale da assegnare solo alle tabelle


di tubi con questa finitura è possibile fare in modo che il tubo si
adatti automaticamente alla finitura del componente adiacente
(es: filettato, a tasca, ecc).
 BR (Branch): E’ la finitura da associare all’estremo saldato alla
linea principale di tutti i componenti di derivazione (es: mezzi
manicotti filettati o a tasca, sockolet, threadolet, elbolet ecc)

In tutti i casi in cui un componente ha alle sue estremità finiture diverse


o presenti delle dissimmetrie, le finiture vengono elencate nelle tabelle
in un ordine convenzionale. Per esempio: in una flangia, faccia di
accoppiamento o lato verso il tubo, in un manicotto, lato verso il tubo
principale o lato verso la derivazione. Al fine di consentirne un corretto
riconoscimento è necessario quindi che queste vengano indicate nelle
tabelle materiali rispettando l’ordine dello schema in figura. In caso di
dubbio riferirsi ai numerosi esempi presenti.

CURVE COMPONENTI A 3 VIE FLANGE

FINITURA1 FINITURA1 FINITURA2 FINITURA2 FINITURA1

FINITURA2 FINITURA3

DERIVAZIONI COMPONENTI A VIA DIRITTA COMPONENTI A RIDOTTI


FINITURA2
FINITURA1
FINITURA1 FINITURA2
FINITURA1 FINITURA2

COMPONENTI A 4 VIE COMPONENTI AD ANGOLO


FINITURA1
FINITURA4

FINITURA1 FINITURA2

FINITURA2

FINITURA3

ESApro – 3DP Pag. 217


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Archivio Disponibili

Tutti i componenti inseribili in un modello 3D hanno otto campi dati,


denominati genericamente Custom 1-8, allo scopo di poter definire
caratteristiche impreviste. In questo archivio è possibile
personalizzare le denominazioni Custom 1-8 per far si che
rammentino in maniera più utile il significato che si è voluto attribuire
a quei campi. La personalizzazione è possibile per ogni categoria di
oggetti predefiniti in ESApro 3D Piping. In più, per le
Apparecchiature, dove cioè sono rappresentate tutte quelle generiche
non inseribili tra le pompe, gli scambiatori, i compressori etc…, è
possibile all’occorrenza personalizzare i campi disponibili per ogni
singola apparecchiatura. A tale scopo basta inserire quelle desiderate
nella parte inferiore della maschera e procedere quindi alla
compilazione delle descrizioni.

Archivio Classi Spessori

Contiene delle tabelle in cui può essere assegnato uno spessore e una
denominazione, solitamente la schedula, per ogni diametro nominale.
Si applica ai componenti a saldare di testa che in generale, per ogni
schedula, condividono lo stesso spessore. In questo modo richiamando
la stessa tabella spessori in quelle di definizione di una serie di
componenti omogenei, si avrà la compilazione automatica delle
colonne Schedula e Spessore. La cosa è altrettanto utile anche quando
ESApro – 3DP Pag. 218
GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

si è costretti a stabilire tabelle particolari con componenti a spessore


fuori schedula.

La compilazione prevede di stabilire in alto un nome alla nuova tabella


spessori e in basso definire i DN desiderati insieme ai valori della
Schedula e dello Spessore.

Archivio Travi

Permette di stabilire, per ogni tipologia di trave presente nel


programma, la denominazione, le dimensioni e il peso unitario di ogni
trave per adeguarli agli standard richiesti. La tipologia può essere
espressa nelle consuete cinque lingue.

I pulsanti di "Inserimento" e
"Modifica" portano ad una
identica maschera dove
aggiungere o correggere una
trave all'interno della
tipologia corrente. Con il
comando "Cancella" si
elimina un record esistente.
Le Frecce permettono di
ordinare l'elenco nel modo desiderato.

ESApro – 3DP Pag. 219


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

6.18. UTILITÀ

Permette l’impostazione di una serie di parametri di controllo della


procedura:

Gestione Database, permette la manutenzione dei Database di lavoro


di ESApro 3DPiping.

ESApro 3DP può gestire più Database. Ognuno di questi, una volta
creato, può contenere Materiali, Classi e Commesse indipendenti da
quelle di un altro Database di progetto. Anche se in un Database si
possono aprire più Commesse, lo scopo per cui questo meccanismo è
stato creato è proprio quello di isolare ogni Commessa in un Database.
In questo modo i materiali e le Classi di quel progetto possono
all’occorrenza essere modificati senza influenzare altre Commesse.

A partire dalla versione 2009 di ESApro viene utilizzato come


database SQL Server al posto di Access. Questa scelta garantisce la
compatibilità con le piattaforme a 64 bit e offre una maggiore stabilità
in occasione di accessi concorrenti ai dati negli ambienti di rete.

Nella maschera che compare sono elencati tutti i Database già creati.
Tutti gli archivi, Materiali, Classi, Commesse etc… si possono
personalizzare in maniera indipendente in ogni Database. Per contro
se si crea una nuova tipologia nell’Archivio Componenti questa
risulterà disponibile in tutti i Database.

ESApro – 3DP Pag. 220


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Selezionando un Database , inizialmente esiste solo “ESAin”, e


premendo “Apri” si imposta il Database corrente in ambiente “Gestione
Specifiche”, il suo nome appare in alto nella barra della finestra
dell’applicazione. Gli altri utenti eventualmente connessi alla rete
continuano a lavorare sul loro database corrente. Si fa notare che il
Database impostato in un disegno nell’ambiente AutoCAD attraverso le
“Opzioni di Lavoro”, non viene invece influenzato da questa scelta.

Selezionando un Database e premendo “Copia” si crea un nuovo


Database di progetto copia di quello selezionato. Il programma
controlla che un altro utente non stia utilizzando il database origine e
nel caso emette un messaggio d’errore. Nella maschera che compare
ne viene richiesto il nome (non
devono essere presenti spazi
né caratteri speciali). Inoltre
viene data la possibilità di
scaricare tutti i dati del
Database origine allo scopo di
crearne uno vuoto. Questo risulta utile quando non esiste un Database
con caratteristiche vicine a quelle richieste dal nuovo progetto. In
questo caso si potranno invece importare i dati da altri Database
presenti con la procedura “Importa / Esporta dati tra Database”
descritta in seguito. In ogni caso le Classi e gli altri archivi, importati
dal Database origine, possono essere poi modificati in maniera
indipendente dagli originali. All’uscita della procedura il nuovo
Database viene reso corrente.

Per ogni nuovo Database creato dall’ utente, nella cartella “\ESApro
200X\Data”, saranno presenti una coppia di file a cui SQL Server si
appoggia. Convenzionalmente il nome dei file è il seguente:
NuovoProgetto.MDF, NuovoProgetto _LOG.LDF, dove NuovoProgetto
sta ad indicare il nome del Database. Tali files, finché sono utilizzati
dal Database , non sono trattabili dal sistema operativo e quindi non è
possibile farne una copia o trasferirli ad un altro Database. Pertanto
tutte le operazioni di gestione dei file devono essere effettuate con i
comandi appositamente presenti all’ interno dell’ applicazione.

Premendo il pulsante “Importa” si inserisce un nuovo Database nella


procedura importandolo dalla cartella indicata dall’utente. Il nome del
database viene ricavato dal nome del file MDF senza l’estensione. Il

ESApro – 3DP Pag. 221


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

programma controlla che non esista già un Database con lo stesso


nome di quello indicato per l’importazione.

Premendo il pulsante “Esporta” si rende disponibile una copia del


Database indicato per importarlo in altre stazioni di lavoro.
L’esportazione viene effettuata nella cartella indicata dall’utente.
Durante l’operazione è anche possibile rinominare il Database. Il
programma controlla che un altro utente non stia utilizzando il
database indicato per l’esportazione.

Premendo il pulsante “Cancella“ si elimina fisicamente e in maniera


permanente un database dalla procedura e dal disco di sistema. E’
ovviamente una operazione pericolosa che viene eseguita solo dopo
aver dato conferma nella finestra di avvertimento che compare a
seguito del comando. Il programma controlla che un altro utente non
stia utilizzando il database indicato per la cancellazione. Questa
operazione può rendersi necessaria quando, dopo aver archiviato una
Commessa finita, si desideri eliminarla, o prima di importare un
Database con lo stesso nome allo scopo di utilizzarne una versione più
aggiornata.

Premendo il pulsante “Back-up” si esegue l’esportazione


contemporanea di tutti i Database presenti nella procedura per
generarne una copia di sicurezza. L’esportazione viene effettuata nella
cartella indicata dall’utente. Il programma controlla che nessun
Database sia utilizzato al momento dell’operazione di Back-up.

Cambio Password, permette di definire o di


sostituire la password di accesso alle
operazioni di modifica e di cancellazione
sulla base di dati e sulla gestione delle
Classi. Lasciando vuota la password si
elimina qualsiasi restrizione all’accesso della
procedura.

Acquisizione dati da Puma – Drie, questo comando dà accesso


all’ambiente di import dei dati dal programma di gestione materiali
PUMA. Per la trattazione di questo argomento si rimanda alla
documentazione di detto programma.

ESApro – 3DP Pag. 222


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Importa / Esporta dati tra database, è un opzione che permette lo


scambio dati tra due Database diversi. Il comando richiede il nome
dell’ archivio secondario, ovvero l’archivio da cui si desidera importare
o verso cui esportare i dati.

Una volta definito l’archivio secondario i suoi dati verranno visualizzati


nella parte sottostante della maschera (quella con sfondo celeste),
mentre i componenti dell’ archivio primario, cioè dell’ archivio
attualmente utilizzato da ESApro, nella parte superiore.

I tipi di componenti che è possibile trattare nell’aggiornamento sono :

o Tabelle

o Classi

o Supporti

ESApro – 3DP Pag. 223


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

o Apparecchiature

o Modelli per elenchi

o Tipologie

Per utilizzare il tipo di dato desiderato si utilizzano i bottoni


corrispondenti nella toolbar presente nella parte superiore della
maschera

Nel caso di operazioni di import o export di Classi tubazioni, verranno


considerate anche le relative tabelle dei materiali referenziate. Ogni
componente mantiene il suo codice di identificazione.

Esportazione, per esportare i dati bisogna selezionare i componenti


dell’ archivio primario (parte superiore della finestra) e quindi premere
il bottone “Export” posizionato in basso.

Nel caso si desideri la sovrapposizione dei componenti già esistenti


nell’archivio secondario è necessario selezionare il check-box con la
dicitura “Sovrascrivi dati esistenti”; diversamente i componenti già
presenti (con lo stesso identificativo ) non verranno esportati.

Importazione, per importare i dati bisogna selezionare i componenti


dell’ archivio secondario (parte inferiore della finestra) e quindi
premere il bottone “Import” posizionato in basso.

Nel caso si desideri la sovrapposizione dei componenti già esistenti


nell’ archivio primario è necessario selezionare il check-box con la
dicitura “Sovrascrivi dati esistenti”; diversamente i componenti già
presenti (con lo stesso identificativo ) non verranno importati.

Cancellazione dati, è possibile eliminare i componenti esclusivamente


dall’ archivio secondario. Per effettuare tale operazione selezionare i
componenti da cancellare e premere il bottone con la diciture
“Cancellazione”.

Import di tutti i componenti utente, componenti utente sono quelli che


non vengono forniti con ESApro ma sono stati inseriti in archivio
successivamente da parte dell’ utente. Essi sono distinguibili dal
marcatore “#” nella colonna “U” e sono caratterizzati da un numero
identificativo molto grande.

ESApro – 3DP Pag. 224


GEST IONE SPECIFICHE E DAT I

Per effettuare l’importazione dall’archivio secondario di tutti i


componenti utente è sufficiente agire sul bottone con la freccia rossa
che appare nella toolbar in alto.

Anche in questo caso la selezione del check-box di sovrascrittura


regolerà l’importazione o meno di componenti già esistenti.

ESApro – 3DP Pag. 225