Sei sulla pagina 1di 8

JOURNAL OF SPORTS TRAUMATOLOGY

EPIDEMIOLOGY OF SPORTS INJURIES EPIDEMIOLOGIA TRAUMATICA NELLO SPORT

Epidemiology and prevention in tennis injury


Epidemiologia e prevenzione dei traumi nel tennis

SUMMARY / A tennis-specific strength and conditioning program can play a key role
Giovanni Di Giacomo1, in preventing common injuries in tennis players. The information provided in this ar-
Nicola de Gasperis1, ticle identifies common tennis injuries and the tennis demands and muscular imbal-
Alberto Costantin1, ances that may play a role in causing them. Specific exercises, based on these sport-
Andrea De Vita1, specific muscular imbalances and aiming at both preventing injuries and enhancing a
Todd S. Ellenbecker2 player’s performance, are suggested in this review. Further research is needed to pro-
vide evidence for the effectiveness of these exercises in overall injury prevention in

s
1
Dipartimento di Ortopedia, tennis players.
Concordia Hospital for

t i
ur
“Special Surgery”, Roma, Italia RIASSUNTO / Un programma di resistenza e condizionamento specifico per il tennis può
2
Scottsdale Sports Clinic, giocare un ruolo chiave nella prevenzione dei comuni infortuni negli atleti. Le informa-
Scottsdale, AZ, USA

e K
zioni fornite in questo articolo identificano i traumi più comuni nel tennis, le richieste
atletiche e gli squilibri muscolari che possono esercitare un ruolo chiave nell’insorgenza

ic
di un infortunio. Vengono proposti specifici esercizi basati su tali squilibri muscolari

i t r
sport-specifici con l’obiettivo di prevenire i traumi, ma anche di migliorare la perfor-

LE
mance sportiva. Tuttavia sono necessarie ulteriori ricerche per fornire elementi che pro-
A
E d S O N
vino l’efficacia di questi esercizi nella prevenzione degli infortuni nei giocatori di tennis.

,
2 Lesull’organismo
INTRODUZIONE
P E R hanno identificato alterazioni o mo-
© 20
1 U S O
sollecitazioni esercitate
dei
dal tennis difiche della forza muscolare o dell’e-
giocatori “d’élite” quilibrio delle forze nei giocatori di

P E R
influenzano
inferiori e il
gli arti
tronco
superiori,
e possono
quelli tennis di alto livello, che differiscono
con- da quelli di altri atleti e della popola-
L O durre a un adattamento muscolo- zione generale. Questi squilibri mu-
SO scheletrico e a caratteristiche lesioni scolari e gli studi che identificano
(1-3). Gli stress ripetuti e le sequen- specifici gruppi muscolari con pre-
ze di carico nel tennis creano squili- stazioni alterate costituiscono la base
bri muscolari specifici che richiedo- per le raccomandazioni riportate in
no interventi preventivi in grado di ri- questo articolo. Diversi studi hanno
durre il rischio di infortunio. Il focus inoltre correlato specifici esercizi di
di questo articolo sarà di realizzare resistenza con un aumento delle pre-
una panoramica generale sulle co- stazioni nei giocatori di tennis d’élite
Key words muni lesioni nel tennis, rilevando (4-6). Sono necessarie ulteriori ricer-
Epidemiology, prevention, injuries, tennis.
inoltre la frequenza e la sede in cui si che per stabilire l’importanza del ruo-
verificano ed evidenziando le strate- lo degli specifici esercizi di resistenza
Parole chiave
Epidemiologia, prevenzione, traumi, tennis. gie di prevenzione focalizzate in mo- sulla reale prevenzione delle lesioni
do specifico sugli esercizi più impor- nel tennis e per fornire le necessarie
tanti che possono essere applicati ai e ulteriori evidenze in questo settore.
Corrispondenza
Giovanni Di Giacomo,
giocatori d’élite, con l’obiettivo di pre-
Dipartimento di Ortopedia, venirle. La ricerca che associ l’esecu-
Concordia Hospital for “Special Surgery”, zione di esercizi specifici alla preven- COMUNI LESIONI
Via delle Sette Chiese 90, NEL TENNIS
00145 Roma. zione degli infortuni nei giocatori di
E-mail: concordia@iol.it tennis è attualmente limitata. Diver- Le comuni lesioni nel tennis sono
©
2012, Editrice Kurtis.
si studi e profili descrittivi muscolo- state osservate in tutte le regioni del
scheletrici riportati in questo articolo corpo, ma in particolare a livello del-

Vol. 29, No. 1


Marzo 2012
/8
I traumi nel tennis

la spalla, del gomito e del ginocchio. ning” preventivo. Una revisione di spalla, con le lesioni tendinee della
La Tabella 1 elenca alcuni studi epi- tali studi dimostra che l’arto inferio- spalla e il gomito del tennista (epi-
demiologici chiave che evidenziano re è la regione più frequentemente condilite/epitrocleite) come infortu-
le regioni anatomiche e la frequen- interessata nei giocatori di tennis ni più frequenti. Per gli scopi di que-
za con cui queste lesioni si verifica- (range 39-65%), seguita dagli arti sta review e a causa dello spazio li-
no più comunemente (7-18). De- superiori (range 24-46%) e dalla te- mitato, le principali lesioni per le
gno di nota è il fatto che gli infortu- sta/tronco (range 8-22%). I dati re- quali saranno presentati gli inter-
ni muscolo-scheletrici nel tennis si trospettivi mostrano una distribuzio- venti di prevenzione tennis-specifici
verificano in quasi tutte le regioni ne simile: arti inferiori (range 31- sono quelle della spalla, del gomito,
corporee. La maggior parte degli 61%), arti superiori (range 22-48%) del rachide lombare e dell’anca.
infortuni può essere definita come e testa/tronco (range 8-20%). Le
lesioni da sovraccarico causate da aree più frequentemente colpite Spalla
microtraumi ripetuti tipici di questo nella parte inferiore del corpo sono I traumi da sovraccarico della spalla
sport (19, 20). la caviglia (traumi distorsivi) e la co- sono tipicamente lesioni della cuffia
L’identificazione delle sedi anatomi- scia (lesioni muscolari del quadrici-
t i s
dei rotatori e del capo lungo del bici-

ur
che più comunemente colpite è pite e degli adduttori). Le lesioni de- pite (21), spesso secondari non solo a
un’importante indicazione di quali gli arti superiori sono più spesso si- richieste ripetitive concentriche ed
aree debbano essere oggetto di “trai- tuate a livello del gomito e della

e K eccentriche sulla cuffia dei rotatori,

LE i t r
TABELLA 1 / Analisi della localizzazione degli infortuni nei giocatori di tennis.
A
ic
Tipo di studio

E SON P P P
dP P P P R R R R R

,
Autori (voce bibl.) Oldenziel Veijgen Kühne Sallis Safran Hutchinson Winge Jayanthi Krause Chard Reece Biener

ER e Stam (8) et al. et al. et al. et al. et al. et al. e e et al. e

1 2 O P (7) (9) (10) (11) (12) (13) (14) Pöttinger Lachmann


(15) (16)
(17) Caluori
(18)

© 20 US
N 2.331 283 335 1.874 233 304 46 299 88 131 176 15

P
Testa/tronco
ER 11 10 11,3
(tutti gli sport)
7,9 19,9 22 11 10 19,3 20 19,3 8

LO
Testa/collo 9 1,1 4,2 7 2 2,8 6
Schiena 12,1 12 10 2

SO
Schiena superiore/petto
Schiena inferiore
1
1
1,1
7,8
11,3 7,9 11 19,3 16 2,3
10,2
Addome 3,6 3 4
Estremità superiore 29 36,7 24,9 23,9 27,7 27 45,8 41 36,2 35 19,9 43,4
Spalla 4 12 11,8 13,9 10,7 9 17,4 15 27,2 9 9,1
Braccio <1 2,8 5,9 5,0 4,4
Gomito 2 13,1 4,4 8,5 8 10,9 20 4,5 14,5 7,4
Avambraccio 1 2,8 5,1 2,2 1,1
Polso/mano 21 6,0 3,6 4,1 3,5 10 10,9 6 4,5 7 2,3
Estremità inferiore 60 53,3 63,6 65,2 52,5 51 39 39 39,8 45 60,8 48,6
Pelvi/fianco <1 3,5 27,1 6,4 8 5,7 5,7
Coscia/inguine 2 8,5 13,9 9,9 21 4,3 5 3,4 9,7
Ginocchio 10 12,7 7,8 12,0 5,0 2 6,5 12 9,1 19 13
Gamba inferiore 10 18,0 14,6 13,2 2 4,3 1 4,5
Polpaccio/Achille 7 9,2 4,3 5 2,3 4 5,7
Caviglia 25 8,5 6,9 16,7 8,5 7 10,9 8 19,3 5,5 14,2
Piede/dita del piede 5 2,1 7,2 9,4 13,5 11 8,7 8 4 8
Altro <1 3,0 4,3 3 4,5 (19)*
Totale 100 100 99,8 100 100,1 100 100,1 93 99,8 100 100 100
Tutti i valori sono espressi in percentuale. Tipo di studio: P: prospettico; R: retrospettivo. N: popolazione dello studio. *Numero totale dei traumi da overuse.

Vol. 29, No. 1


Marzo 2012
/9
Giovanni Di Giacomo, et al.

A livelli di controllo muscolare neces-


sari per mantenere la stabilità dell’ar-
ticolazione della spalla durante i col-
pi del tennis sono stati riportati da
Ryu e coll. (22). Questo studio ha os-
servato elevati livelli di attività mu-
scolare concentrica ed eccentrica
normalizzata durante quasi tutti col-
pi, utilizzando l’elettromiografia
B (EMG) sui muscoli della cuffia dei FIGURA 3 / Esercizio polimetrico di rotazione
esterna a 90° di abduzione in posizione prona.
rotatori e i muscoli stabilizzatori della
scapola. Ad esempio, durante la fase
di caricamento del servizio, viene ri- nis sia caratterizzato da oltre il 75%
levata attività muscolare del sovraspi- di dritti e servizi, i quali intrinseca-
nato (53%), sottospinato (41%) e
t i s
mente richiedono potenti rotazioni

ur
dentato anteriore (70%) per posizio- concentriche interne della spalla per
nare la scapola e stabilizzare l’artico- la produzione di energia, è coerente
FIGURA 1 / Rotazione esterna con elastici a
lazione gleno-omerale, mentre du-

e K
rante la fase di battuta, l’attivazione
con la constatazione comune di uno
squilibrio muscolare tra cuffia dei ro-

ic
90° di abduzione. A) Posizione iniziale; B) po-
sizione finale. eccentrica della cuffia dei rotatori tatori posteriore (rotatori esterni) in

ALE i t r
(40%) e del dentato anteriore (53%) confronto ai rotatori interni (22, 23).

E SON
ma anche a una sottostante ipermo-
bilità e a un’eccessiva lassità dell’arti- d
assiste l’ulteriore stabilizzazione e de-
celerazione della spalla (22).
I test isocinetici sulla spalla nei gio-
catori di alto livello (1, 24-27), inol-

, R
colazione gleno-omerale. Gli elevati
2 PE Il fatto che il moderno gioco del ten- tre, hanno ripetutamente dimostrato
una forza di rotazione esterna del

© 20
1 USO braccio dominante uguale o diminui-
ta, ma una forza di rotazione interna

P ER aumentata dal 15 al 30% rispetto al


braccio non dominante.

OLO Questa scoperta, insieme ai report


S sulle disfunzioni scapolari e la debo-
lezza muscolare nella parte superio-
re della schiena e del torace (28), ri-
scontrata dagli esperti che valutano
regolarmente i giocatori di tennis
d’élite, ha portato a raccomandare
esercizi di prevenzione (Figure 1-5)
al fine di aumentare la stabilizzazio-

FIGURA 4 / Rotazione esterna con protrazio-


FIGURA 2 / Programma di esercizi isotonici per la cuffia dei rotatori. ne scapolare.

Vol. 29, No. 1


Marzo 2012
/ 10
I traumi nel tennis

forza e della resistenza della cuffia TABELLA 3 / Esercizi tennis-specifici per


dei rotatori, con prestazioni migliora- la prevenzione degli infortuni al gomito e al
te (4-6, 39, 40). Infine, un recente polso.
studio ha evidenziato l’importanza di Wrist curls (flexion)
utilizzare esercizi di intensità mode- Wrist curls (extension)
rata (circa il 40% della contrazione Radial deviation curls
isometrica massima volontaria) per Ulnar deviation curls
la cuffia dei rotatori al fine di miglio-
Forearm pronation/supination
rare e facilitare il contributo dalla
Ball dribbles off wall
cuffia dei rotatori e ridurre al mini-
FIGURA 5 / Rematore su palla di stabilità. mo l’attivazione del deltoide e la di- Wrist snaps
stribuzione compensatoria durante Wrist flips
ne posteriore della cuffia dei rotato- gli esercizi di potenziamento della
ri e della scapola. Ellenbecker e rotazione esterna (41). Sebbene non
Roetert (29) hanno misurato la forza sia pratico monitorare i livelli di atti-
t i s
le mediale e laterale (42). Il tasso di

ur
di rotazione isocinetica interna ed vità elettrica di specifici muscoli du- lesioni del gomito riportato nel ten-
esterna prima e dopo una stagione di rante l’esercizio fisico, il punto chia- nis è piuttosto elevato, con percen-
4 mesi di allenamento in giocatrici
d’élite. Questo studio non ha mo-
ve di questa importante ricerca è

e K
quello di utilizzare e applicare eser-
tuali comprese tra il 37 e il 57% nei
giocatori d’elite e in quelli amatoria-
strato alcuna modificazione signifi-
cativa della cuffia dei rotatori nono-
i t r
LE ic
cizi per la cuffia dei rotatori di inten-
sità sub-massimale per consentire
A
li (Tabella 1). Questi studi hanno
anche mostrato nei giocatori d’élite
stante l’allenamento giornaliero e le

E
numerose partite nel corso della sta- d SON
l’attivazione della cuffia dei rotatori
con bassi livelli complessivi di attiva-
maggiore incidenza di lesioni sul la-
to mediale del gomito dovute a so-

,
gione agonistica. Ciò ha indotto al
2 Gomito
consiglio di effettuare esercizi sup-
P E R
zione muscolare del deltoide. vraccarico nel servizio e nei colpi di
dritto, rispetto a tassi più elevati di

© 20
1 U S
plementari di prevenzione per la O
cuffia dei rotatori e per i muscoli
Le lesioni del gomito nei tennisti di
epicondilite omerale da sovraccari-
co nel rovescio nei giocatori di li-

P E R
scapolari come elemento essenziale
alto livello sono causate
del programma di allenamento per il
mente da un sovraccarico
principal-
ripetitivo
vello amatoriale (43). Gli esercizi
raccomandati per la prevenzione

OLO con inserzione all’epicondilo omera-


giocatore d’élite (Tabella 2). Tali
centrato sulle strutture tendinee delle lesioni del gomito si focalizza-
S
esercizi si basano su studi EMG,
che hanno individuato livelli elevati
no sull’aumento della forza, in par-
ticolare sulla resistenza muscolare
di attività muscolare scapolare e del- del polso e della muscolatura dell’a-
TABELLA 2 / Esercizi tennis-specifici per
la cuffia dei rotatori e prevedono di la prevenzione degli infortuni alla spalla. vambraccio (Tabella 3). In aggiun-
esercitare in modo intrinseco la po- ta agli esercizi standard di flessione
Jobe rotator cuff exercises
sizione del braccio in modo da mini- ed estensione del polso, pronazione
mizzare le lesioni e il carico delle Sidelying external rotation e supinazione dell’avambraccio, è
strutture della spalla non contrattili Prone extension raccomandato l’uso di un contrap-
(stabilizzatori) (30-36). Questi eser- Prone horizontal abduction peso bilanciato o di un manubrio
cizi devono essere eseguiti utilizzan- Prone external rotation durante la performance isolata di
do un paradigma multiplo (2-3 set) Shoulder external rotation (neutral) deviazione radiale e ulnare del pol-
ad alta ripetizione (15-20 ripetizioni (tubing) so. È importante notare che, con-
per set) per promuovere la resisten- Shoulder external rotation 90 abduction trariamente alle comuni convinzio-
za muscolare locale (37, 38). (tubing) ni di allenatori, giocatori e anche di
I programmi che prevedono esercizi Shoulder 90/90 prone plyometrics professionisti sanitari, la generazio-
multipli ad elevata ripetizione e a Shoulder retro toss plyometrics ne di potenza non proviene dal pol-
bassa resistenza sono stati utilizzati External rotation with retraction (tubing) so o dall’avambraccio nei colpi del
nei giocatori di tennis e negli atleti di Seated rowing on stability ball (tubing) tennis correttamente eseguiti (44,
alto livello, con conseguente modifi- Serratus step-up 45). Al contrario, è la somma delle
cazione del rapporto di rotazione Serratus punch
forze di tutto il corpo o della catena
esterna-interna, miglioramento della cinetica a produrre l’energia che

Vol. 29, No. 1


Marzo 2012
/ 11
Giovanni Di Giacomo, et al.

viene trasferita attraverso l’avam- complete) e 23 pazienti evidenziava-


braccio, il polso e in definitiva alla no segni di artropatia precoce delle
racchetta per produrre potenza (44, faccette. Questo studio ha dimostra-
45). La dipendenza dalla muscola- to l’impatto dei caricamenti ripetitivi
tura dell’avambraccio per la produ- sulla colonna vertebrale dell’adole-
zione di energia è un’ipotesi clinica scente (giocatore d’élite) anche asin-
comune per l’origine delle patologie tomatico. I giocatori di tennis posso-
del gomito nei tennisti, causate da no soffrire anche di discopatia lom-
contributi sub-ottimali da parte di bare, sciatalgia e sindrome delle fac-
altri segmenti della catena cinetica, cette articolari secondarie all’eccessi-
da una scarsa biomeccanica globa- vo carico ripetitivo (47). Per combat-
le e da problemi di trofismo dell’in- FIGURA 6 / Palleggio contro il muro.. tere gli effetti di questo carico, le
tero apparato muscolo-scheletrico strategie preventive, per i giocatori di
(46). Ulteriori esercizi avanzati di tennis, prevedono un intenso allena-
forza e condizionamento del polso e
t i s
mento per la “core stability” (Figure

ur
dell’avambraccio per i giocatori di 8-11). Similmente agli studi sulla
tennis includono il “ball dribbling” spalla, gli studi di “profiling” isocine-
(Figura 6) e gli esercizi pliometrici
per il polso con una palla medica
e K tico in giocatori di tennis d’élite mo-
strano un caratteristico sviluppo
(Figura 7). Questi esercizi sotto-
pongono il polso e i muscoli dell’a-
ALE i t r ic muscolare probabilmente indotto

E O
rico, in modo da sviluppare sia la
S
N
vambraccio a un ulteriore sovracca-
d
2 , PER
forza dinamica che la resistenza
muscolare di tale importante area.

© 20
1 USO
Il ball dribbling può essere eseguito
in sequenze da 30 secondi o più,
ER
per produrre un significativo affati-
P
camento dell’avambraccio e miglio-

O LO
rare l’endurance. FIGURA 8 / Esercizio per l’allenamento della

S
Rachide lombare
“core stability”.

I movimenti richiesti dal tennis, per


A
il rachide lombare, sono la ripetuta FIGURA 7 / Esercizio polimetrico per il polso
flesso-estensione, la flessione late- con palla medica.
rale e la rotazione. L’intensa attività
sportiva, nel tennis, è generalmente articularis) e spondilolistesi (frattura
considerata un fattore di rischio per della pars interarticularis con gra-
la lombalgia (47). Uno dei movi- duale migrazione anteriore del corpo
menti che in particolare può stressa- vertebrale), rilevabili anche in molti
re la colonna vertebrale nel giocato- atleti che praticano altri sport con ri-
re d’élite è l’associazione di estensio- petitivi movimenti di estensione (48- B
ne, flessione laterale e rotazione che 50). Il tennis non fa eccezione. Alyas
sono inerenti alla fase di armamento e coll. (48) hanno studiato il rachide
o carico del colpo di servizio. Questi di 33 tennisti d’élite adolescenti asin-
movimenti ripetitivi combinati han- tomatici (età media 17,3±1,7 anni).
no dimostrato di indurre stress sul Cinque giocatori (15,2%) avevano
rachide lombare e si ritiene che rap- una risonanza magnetica normale e
presentino un fattore causale di 28 (84,8%) evidenziavano anomalie.
spondilolisi (frattura di una specifi- Nove giocatori mostravano 10 lesioni FIGURA 9 / Ginocchia al petto su palla di sta-
ca area vertebrale definita pars inter- della pars interarticularis (3 fratture bilità. A) Posizione iniziale; B) posizione finale.

Vol. 29, No. 1


Marzo 2012
/ 12
I traumi nel tennis

tronco, che sta a indicare che i gio- TABELLA 5 / Programma di allenamento


catori sani senza lesioni dovrebbero per la stabilizzazione dell’anca nei giocato-
avere una forza simmetrica in en- ri di tennis.
trambe le direzioni di rotazione sini- Clamshells
stra e destra. Questi dati forniscono Reverse clamshells
importanti informazioni per impo- Hip abduction/adduction
stare la strategia di allenamento nei Plyometric lateral step overs
giocatori di tennis. Per garantire che
FIGURA 10 / Ginocchia al petto monolatera- Elastic tubing kicks
avvenga uno sviluppo equilibrato
le su palla di stabilità. Monster walks
della muscolatura estensoria e fles-
soria, dovrebbe essere data enfasi su Lunge with rotation
A entrambi i gruppi muscolari e do-
vrebbe essere posto l’accento sugli
esercizi di rotazione, considerato il muscoli ischio-crurali). Il migliora-
predominio dei movimenti di rota-
t i s
mento nella valutazione e nella dia-

ur
zione del tronco inerenti tutti i colpi gnostica dell’anca ha portato all’indi-
del tennis. La Tabella 4 elenca alcu- viduazione di altre forme patologiche
ni esercizi di stabilizzazione consi-
gliati per i tennisti che caricano e
e K dell’anca del tennista causate dal-
l’impatto del carico e dei movimenti

iLE
t r ic
stressano la muscolatura su tutti e
tre i piani dello spazio (sagittale,
A
multidirezionali con brusco arresto,
delle partenze, tagli e torsioni che si

E Sd
ON
frontale e trasversale). verificano alle estremità inferiori du-
rante il tennis (55). Nei giocatori di

, Anca
Storicamente, le lesioni alla E
2 dell’anca P R
regione
tennis d’élite si possono verificare le-
sioni dell’anca includenti la pinzatu-

© 20
1 dei
noR
U
potenti S O
si ritenevano
muscoli che
appannaggio
si inserisco-
ra femoro-acetabolare e le lesioni del
labbro acetabolare, che in alcuni ca-

P Ezione del ginocchio (retto femorale e


sull’anca, ma anche dell’articola- si richiedono un trattamento chirur-
gico (56). Oltre ad assicurare un’ade-
LO
FIGURA 11 / Avvitamenti (Russian Twist).
O
S
A) Posizione iniziale; B) posizione finale.
TABELLA 4 / Programma di allenamento
per il “core” nei giocatori di tennis.
dalle specifiche richieste di tale
sport (51, 52). Roetert e coll. (52) Sit-ups on stability ball
hanno studiato giocatori juniores Plyometric sit-ups with partner
d’élite e hanno rilevato un rapporto Plyometric sit-ups with partner
flessione-estensione del tronco w/rotation
<100, che indica una reale forza au- Quadruped pointer
mentata degli addominali e dei fles- Russian twist
sori del tronco rispetto agli estenso- Supermans (prone extension)
ri dorsali, in questi giocatori. Le ri- TV watching (prone plank)
cerche sulla popolazione normale Side plank
(non atleti e non tennisti) in genere Side plank with unilateral row
rilevano rapporti di flessione-esten-
Knee to chest on stability ball
sione >100, per cui la forza estenso-
Knee to chest with rotation on stability
ria lombare supera la forza flessoria ball (W’s)
del tronco (53). Ellenbecker e Roe-
Unilateral knee to chest tuck with
tert (54), utilizzando un dinamome- rotation on stability ball
tro isocinetico, hanno analizzato ju- Dead bug (abdominal bracing with
niores d’élite e hanno osservato una alternate leg/arm lowering)
forza di rotazione simmetrica del FIGURA 12 / Scalciate con elastici.

Vol. 29, No. 1


Marzo 2012
/ 13
Giovanni Di Giacomo, et al.

lizzante una piattaforma di equilibrio Una fascia elastica può essere utiliz-
per aumentare la stabilizzazione mu- zata per fornire la resistenza per la ro-
scolare. Questo esercizio è il più ef- tazione esterna e interna durante
ficace nell’indurre un significativo l’adduzione dell’anca. È importante
affaticamento muscolare sull’arto che il giocatore esegua questo eserci-
che carica il peso, nonostante la per- zio sdraiato su entrambi i fianchi per
cezione tipica dell’atleta sia che l’ar- favorire lo sviluppo simmetrico della
to in movimento sia quello che ese- forza di rotazione dell’anca in en-
gue la maggior parte del lavoro. Ven- trambe le gambe.
gono impiegate serie multiple di al-
meno 30 secondi con una fascia di
gomma per fornire una maggiore re- CONCLUSIONI
sistenza al carico di posizione e di Un programma di resistenza e condi-
movimento degli arti inferiori. zionamento specifico per il tennis
L’affondo con rotazione (Figura 13)
t i s
può giocare un ruolo chiave nella pre-

ur
mima gli angoli articolari e i movi- venzione dei comuni infortuni negli
menti utilizzati durante i colpi del atleti. Fornire le raccomandazioni per

e K
tennis, con ulteriore enfasi sull’equili-
brio e il mantenimento di un’efficace
l’allenamento di tutte le regioni del
corpo nel tennista d’elite va al di là
FIGURA 13 / Affondi con rotazione.

i t ic
postura eretta durante il movimento
LE r
bilaterale di rotazione effettuato nel-
A
degli scopi di questo articolo e per-
tanto il lettore è invitato a consultare

cingolo pelvico, sono raccomandati E


guata flessibilità intorno all’anca e al N d
l’affondo. Infine, le Figure 14 e 15
O
mostrano gli esercizi “clamshell”
S
gli articoli precedentemente pubbli-
cati e gli articoli delle riviste e dei li-

,
2al fine
esercizi per garantire la massima sta-
P R
(conchiglia) e “clamshell” inverso,
E
utilizzati per migliorare la forza di ro-
bri che forniscono specifiche racco-
mandazioni sugli esercizi di resisten-

di diminuire il0 1
bilizzazione dell’articolazione
SO
tazione esterna e interna dell’anca.
U
za nel tennis e che riportano informa-

© 2
Ellenbecker
rischio di infortuni.
e coll. (57) hanno misu-
rato l’angolo di rotazione dell’ancaP e E
R
zioni sui programmi di allenamento e
ulteriori dettagli (3, 58-62). Si auspi-
ca che la ricerca futura si focalizzi nel

O LneiOtennisti
non hanno rilevato differenze di ro- definire l’importante ruolo che gli
S Non esistono a
tazione interna o esterna
d’élite senza lesioni.
esercizi di resistenza giocano nella
prevenzione degli infortuni del tennis
oggi ulteriori dati sulla forza e resi- e nel fornire ulteriori profili muscolo-
stenza muscolare normale e sui ran- scheletrici per i giocatori d’élite.
ge dei rapporti di movimento dell’an-
ca e della pelvi, per orientare i pro-
grammi di rafforzamento e condizio- BIBLIOGRAFIA
namento. Diversi esercizi possono FIGURA 14 / “Clamshell” (conchiglia). 1. Ellenbecker TS, Roetert EP. Age specific isokinet-
essere utilizzati in aggiunta a quelli ic glenohumeral internal and external rotation
strength in elite junior tennis players. J Sci Med
elencati nella sezione sul training di Sport 2003; 6: 63-70.
base (Tabella 5) al fine di migliorare 2. Kibler WB, Chandler TJ, Livingston BP, et al.
la forza muscolare e la resistenza dei Shoulder range of motion in elite tennis players.
Am J Sports Med 1996; 24: 279-85.
gruppi muscolari di sostegno all’an-
3. Roetert EP, Ellenbecker TS. Complete condition-
ca, nel tentativo di fornire un’ulterio- ing for tennis. Human Kinetics, 1997.
re stabilizzazione muscolare a questa 4. Ellenbecker TS, Davies GJ, Rowinski MJ. Concen-
articolazione durante il caricamento. tric versus eccentric isokinetic strengthening of
the rotator cuff: Objective data versus functional
La Figura 12 mostra l’esercizio con test. Am J Sports Med 1988; 16: 64-9.
fascia elastica che si concentra in 5. Mont MA, Cohen DB, Campbell KR, et al. Iso-
maniera significativa sulla forza di kinetic concentric versus eccentric training of
the shoulder rotators with functional evaluation
adduzione dell’anca e sulla forza di FIGURA 15 / “Reverse clamshell” (conchiglia of performance enhancement in elite tennis
co-contrazione a catena chiusa, uti- inversa). players. Am J Sports Med 1994, 22: 513-7.

Vol. 29, No. 1


Marzo 2012
/ 14
I traumi nel tennis

6. Trieber FA, Lott J, Duncan J, et al. Effects of 25. Ellenbecker TS. A total arm strength isokinetic 41. Bitter NL, Clisby EF, Jones MA, et al. Relative con-
Thera-band and lightweight dumbbell training profile of highly skilled tennis players. Isokinet tributions of infraspinatus and deltoid during ex-
on shoulder rotation torque and serve perform- Exerc Sci 1991; 1: 9-21. ternal rotation in healthy shoulders. J Shoulder
ance in college tennis players. Am J Sports Med 26. Ellenbecker TS. Shoulder internal and external Elbow Surg 2007; 16: 563-8.
1998; 26: 510-5. rotation strength and range of motion in high- 42. Nirschl RP, Ashman ES. Tennis elbow tendinosis
7. Oldenziel K, Stam C. Tennisblessures. Consumer ly skilled tennis players. Isokinet Exerc Sci 1992; (epicondylitis). Instr Course Lect 2004; 53: 587-98.
Safety Institute, 2008. pp. 1-11. 2: 1-8. 43. Nirschl RP, Sobel J. Conservative treatment of
8. Veijgen NK. Tennis injuries: A retrospective co- 27. Ellenbecker TS, Roetert EP. Testing isokinetic tennis elbow. Phys Sports Med 1981, 9: 43-54.
hort study of risk factors for tennis related in- muscular fatigue of shoulder internal and exter- 44. Elliott B, Fleisig G, Nicholis R, et al. Technique ef-
juries. Free University, 2007. nal rotation in elite junior tennis players. J fects on upper limb loading in the tennis serve. J
9. Kühne CA, Zettl RP, Nast-Kolb D. Injuries- and Orthop Sports Phys Ther 1999; 29: 275-81. Sci Med Sport 2003; 6: 76-87.
frequency of complaints in competitive tennis 28. Kibler WB. The role of the scapula in athletic 45. Kibler WB. Clinical biomechanics of the elbow in
and leisure sports. Sportverletzung Sportscha- shoulder function. Am J Sports Med 1998; 26: tennis. Implications for evaluation and diagno-
den 2004; 18: 85-9. 325-37. sis. Med Sci Sports Exerc 1994; 26: 1203-6.
10. Sallis RE, Jones K, Sunshine S, et al. Comparing 29. Ellenbecker TS, Roetert EP. Effects of a 4-month 46. Ellenbecker TS. Rehabilitation of shoulder and
sports injuries in men and women. Int J Sports season on glenohumeral joint rotational strength elbow injuries in tennis players. Clin Sports Med
Med 2001; 22: 420-3. and range of motion in female collegiate tennis 1995; 14: 87-110.
11. Safran MR, Hutchinson MR, Moss R, et al. A players. J Strength Cond Res 2002; 16: 92-6.

s
47. Hainline B. Low back injury. Clin Sports Med

i
comparison of injuries in elite boys and girls ten- 30. Ballantyne BT, O’Hare SJ, Paschall JL, et al. 1995; 14: 241-66.
nis players. 9th Annual meeting of the Society
for Tennis Medicine and Science, March 1999,
Indian Wells, CA.
Electromyographic activity of selected shoulder
muscles in commonly used therapeutic exercis-
es. Phys Ther 1993; 73: 668-77.

ur t
48. Alyas F, Turner M, Connell D. MRI findings in the
lumbar spines of asymptomatic adolescent elite
tennis players. Br J Sports Med 2007; 41: 836-41.
12. Hutchinson MR, Laprade RF, Burnett QM II, et al.
Injury surveillance at the USTA Boys’ Tennis
Championships: A 6-yr study. Med Sci Sports K
31. Blackburn TA, McLeod WD, White B, et al. EMG
analysis of posterior rotator cuff exercises. J Athl
Train 1990; 25: 40-5.

e
49. Green TP, Allvey JC, Adams MA. Spondylosis.
Bending of the inferior articular processes of

ic
Exerc 1995; 27: 826-30. lumbar vertebrae during simulated spinal move-
32. Ellenbecker TS, Kowalchuk C, Sueyoshi T, et al. ments. Spine 1994; 19: 2683-91.

LE
13. Winge S, Jørgensen U, Lassen Nielsen A. Epide-
miology of injuries in Danish championship ten-

A i r
Muscle activation during elastic & plyometric ex-

t
ercises with 90° of glenohumeral joint abduc- 50. McNeely ML, Torrance G, Magee DJ. A system-
atic review of physiotherapy for spondylolysis

d
nis. Int J Sports Med 1989; 10: 368-71. tion. J Orthop Sports Phys Ther 2008; 38: A801

ON [abstract]. and spondylolisthesis. Man Ther 2003; 8: 80-91.

E
14. Jayanthi N, Sallay PI, Hunker P, et al. Skill-level re-

S 51. Renkawitz T, Linhardt O, Grifka J. Electric effi-

,
lated injuries in recreational competition tennis 33. Kibler WB, Sascia A, Uhl T, et al. Electromyo-

ER
players. Med Sci Tennis 2005; 10: 12-5. graphic analysis of specific exercises for scapular ciency of the erector spinae in high performance

1 2 P
15. Krause R, Pöttinger P. Tennisverletzungen von

O
Leistungsspielern. Praktische Sport Trauma-
control in early phases of shoulder rehabilita-
tion. Am J Sports Med 2008; 36: 1789-98.
amateur tennis players. J Sports Med Phys Fitness
2008; 48: 409-16.

© 20 S
tologie und Sportmedizin 1988; 1: 47-9. 34. Mosely JB, Jobe FW, Pink M. EMG analysis of 52. Roetert EP, McCormick TJ, Brown SW, et al.

R U
16. Chard MD, Lachmann SM. Racquet sports - the scapular muscles during a shoulder rehabil-
itation program. Am J Sports Med 1992, 20:
Relationship between isokinetic and functional
trunk strength in elite junior tennis players.

P E
Patterns of injury presenting to a sports injury
clinic. Br J Sports Med 1987, 21: 150-3. 128-34. Isokinet Exerc Sci 1996; 6: 15-20.
53. Timm KE. Clinical applications of a normative

LO
17. Reece LA, Fricker PA, Maguire KA. Injuries to 35. Reinhold MM, Wilk KE, Fleisig GS, et al. Elec-
tromyographic analysis of the rotator cuff and database for the Cybex TEF and TORSO spinal
elite young tennis players at the Australian

SO
Institute of Sports. Aust J Sci Med Sport 1986;
18: 11-5.
deltoid musculature during common shoulder
external rotation exercises. J Orthop Sports Phys
Ther 2004; 34: 385-94.
isokinetic dynamometers. Isokinet Exerc Sci
1995, 5: 43-9.
54. Ellenbecker TS, Roetert EP. An isokinetic profile
18. Biener K, Caluori P. Sportmedizinischer Profil des of trunk rotation strength in elite tennis players.
Tennisspielers. Sportarzt und Sportmedizin 36. Townsend H, Jobe FW, Pink M, et al. Electro-
myographic analysis of the glenohumeral mus- Med Sci Sports Exerc 2004; 36: 1959-63.
1976, 8: 198-202.
cles during a baseball rehabilitation program. 55. Kovacs M. Movement for tennis: The impor-
19. Kibler WB. Pathophysiology of tennis injuries: An Am J Sports Med 1991; 19: 264-72. tance of lateral training. Strength Cond J 2009;
overview. In: Renstrom P (Ed), Tennis. Blackwell 31: 77-85.
Publishing Company, 2002, pp. 147-54. 37. Fleck S, Kraemer W. Designing resistance train-
ing programs. Human Kinetics, 1987, pp. 13- 56. Byrd JW. The role of hip arthroscopy in the ath-
20. Pluim BM, Staal JB. Tennis injuries in Olympic 39. letic hip. Clin Sports Med 2006; 25: 255-78.
Sports. Caine D, Harmer P, Schiff M (Eds), Encyclo-
pedia of Sports Medicine. Wiley-Blackwell, 2009. 38. Kraemer WJ, Hakkinen K, Triplett-Mcbride NT, et 57. Ellenbecker TS, Ellenbecker GA, Roetert EP, et al.
al. Physiological changes in periodized resistance Descriptive profile of hip rotation range of motion
21. Wilk KE, Obma P, Simpson CD, et al. Shoulder training in women tennis players. Med Sci Sports in elite tennis players and professional baseball
injuries in the overhead athlete. J Orthop Sports Exerc 2003, 35: 157-68. pitchers. Am J Sports Med 2007; 35: 1371-6.
Phys Ther 2009; 39: 38-54.
39. Carter AB, Kaminsky TW, Douex Jr AT, et al. 58. Chu DA. Power tennis training. Human Kinetics,
22. Ryu KN, McCormick J, Jobe FW, et al. An elec- Effects of high volume upper extremity plyomet- 1995, pp. 33-114.
tromyographic analysis of shoulder function in ric training on throwing velocity & functional
tennis players. Am J Sports Med 1988; 16: 59. Kovacs M, Chandler WB, Chandler TJ. Tennis
strength ratios of the shoulder rotators in colle- training. Racquet Tech Publishing, 2007.
481-5. giate baseball players. J Strength Cond Res
23. Johnson CD, McHugh MP. Performance de- 2007; 21: 208-15. 60. Kovacs M, Roetert EP, Ellenbecker TS. Efficient
mands of professional male tennis players. Br J deceleration: The forgotten factor in tennis-spe-
40. Niederbracht Y, Shim AL, Sloniger MA, et al. cific training. Strength Cond J 2008; 30: 58-69.
Sports Med 2006, 40: 696-9. Effects of a shoulder injury prevention strength
24. Chandler TJ, Kibler WB, Stracener EC, et al. training program on eccentric external rotation 61. Marques MA. Strength training in adult elite ten-
Shoulder strength, power, and endurance in muscle strength and glenohumeral joint imbal- nis players. Strength Cond J 2005; 27: 34–41.
college tennis players. Am J Sports Med 1992; ance in female overhead activity athletes. J 62. Roetert EP, Ellenbecker TS. Complete condi-
20: 455-8. Strength Cond Res 2008; 22: 140-5. tioning for tennis. Vol. II. Human Kinetics, 2007.

Vol. 29, No. 1


Marzo 2012
/ 15