Sei sulla pagina 1di 3

L'agopuntura somatica e auricolare nel trattamento delle lesioni muscolari acute dello sportivo

Oggetto di questo studio è la patologia da sovraccarico acuto del sistema muscolare, osservato su soggetti
praticanti sport a livello agonistico (Judo) e a livello amatoriale (palestra).

Le lesioni prese in considerazione sono state di due tipi: il torcicollo ed il blocco muscolare lombare. Si è
volutamente fatta questa scelta, in quanto pur trattandosi di traumatismi da sport, esse sono anche, a
nostro avviso, fenomeni a cui frequentemente si può andare incontro compiendo le normali attività di tutti
i giorni. Si parte quindi con un modello sportivo che si puo adattare, entro certi limiti, al resto della
popolazione.

Il blocco lombare acuto (colpo della strega) può essere centrale o laterale e si tratta in genere di una
lesione muscolare da sovradistensione massimale con rottura di un numero variabile di fibre muscolari.

Il torcicollo è un fenomeno caratterizzato da contrattura dei muscoli cervico - dorsali e scapolari con
blocco antalgico.

Clinicamente si può avere l'insorgenza di due dolori: il dolore acuto, improvviso e di breve durata,
descritto come lacerazione o colpo di frusta, che blocca all'istante l'attività fisica; l'altro dolore si
manifesta dopo un intervallo di tempo variabile, di solito alcuni minuti, è più sordo, diffuso e persiste a
lungo.

Sono stati esaminati 15 soggetti di ambo i sessi, di


età variabile da 15 a 30 anni, alcuni praticanti
Judo, altri praticanti attività fisica di palestra.
Negli sportivi di Judo, i traumi sono stati osservati
durante gli allenamenti e non durante le gare. Il
metodo utilizzato per misurare il dolore si è basato
sulla capacità di ogni soggetto di continuare
l'attività fisica e nello specifico di muovere
spontaneamente il gruppo muscolare interessato
alla lesione. In alcuni casi, con il dolore più sordo
e tardivo, sarebbe stato possibile in teoria di
continuare l'attività fisica e muovere a bassi regimi
di sforzo i muscoli lesi, in pratica però è stata fatta
cessare ogni attività. I 15 soggetti esaminati sono
stati suddivisi in due gruppi in base alla patologia,
10 casi di blocco lombare e 5 casi di torcicollo.

È stata praticata una terapia d'urgenza il giorno


stesso del trauma o il giorno dopo e una terapia di
mantenimento nei giorni successivi.

Terapia d'urgenza

1 - Lombalgie laterali: Yaotongxue (punti extra)


controlaterali, sono due punti che si trovano sulla faccia dorsale della mano, detti anche: Lumbago 3,
lateralmente al tendine del muscolo estensore del quarto dito e Lumbago 1, medialmente al tendine del
muscolo estensore del secondo dito a metà dell'osso metacarpale, con puntura profonda, inserendo gli
aghi in obliquo (75°), in maniera che le punte si guardino tra loro.
2 - Lombalgie centrali: Renzhong (26 GV), puntura superficiale e perpendicolare; Weizhong (40 BL), con
puntura profonda.

Auricoloagopuntura: (per tutte e due) Shen Men - Vertebre lombosacrali - Addome (punto lombago) ,
tutti i punti con puntura superficiale.

3 - Torcicollo: Luozhen (p.extra) omolaterale, sulla faccia dorsale della mano fra 2 e 3 metacarpo dietro
l'articolazione metacarpo - falangea, con puntura profonda Fengchi (20 GB), puntura profonda in
direzione della punta del naso; Huoxi (3 SI) puntura perpendicolare e profonda.

Auricoloagopuntura: Shen Men - Occipite - Vertebre cervicali.

Il tempo di permanenza degli aghi corporei varia da 60 a 90 min., manipolati ogni 15 min. a soggetto in
piedi o seduto invitandolo a muovere la parte lesa. I punti auricolari si reperiscono andando a valutare
sulla zona di competenza la sensibilità alla punta di uno specillo.

Terapia di mantenimento.

Si sono sostituiti ai punti a distanza, dei punti locali corrispondenti in genere per le lombalgie laterali, a
punti della Vescica e per le lombalgie centrali a punti del Vaso Governatore e Huatuojiaji (p.extra), i più
usati sono stati : Shensu (23BL), Qihaishu (24BL), Dahangshu (25BL), Guanyuanshu (26BL), Weizhong
(40BL), Mingmen (4GV), Yaoyanguan (3GV), Huatuojiaji da L2 a L5, tutti quanti con infissione
profonda usando aghi lunghi circa 1,5 cun. Per il torcicollo oltre ai punti locali dolenti si è continuato ad
usare Fengchi (20GB). I punti auricolari sono rimasti invariati. I punti cosidetti locali sono stati stimolati
con elettrostimolatore per 30 min., utilizzando una frequenza detta densa - dispersa, in cui i treni
d'impulsi a bassa frequenza (4HZ) si alternano a treni a media frequenza (20HZ), l'intensità della corrente
era in rapporto alla diversa sensibilità dei soggetti variando da 0 a 60 mA. Lo strumento impiegato è il
modello G6805-2 della Shangai Medical Factory, avente un'onda quadra positiva ed un'onda negativa con
picco in forma triangolare. I punti elettrostimolati sono stati due o quattro al massimo, accoppiando gli
aghi in senso unilaterale o centrale e verticale su punti dello stesso meridiano, con l'elettrodo positivo in
posizione superiore e l'elettrodo negativo in posizione inferiore.

In tutti i casi inoltre è stata fatta la coppettazione sulle aree dolenti. In pratica dopo aver creato il vuoto
d'aria con la fiamma, sono state applicate sulla pelle delle coppette di vetro con bordi arrotondati,
esercitanti una trazione sui tegumenti, per 30 min.

Risultati

Dei 10 casi di lombalgia acuta, 9 risultavano nettamente migliorati il giorno seguente il trattamento; 1
caso solo (blocco centrale) ha evidenziato una sintomatologia invariata rispetto al giorno prima (un Rx del
rachide ha poi messo in luce una riduzione dello spazio intervertebrale fra L4 e L5 e una successiva RMN
ha fatto diagnosi di ernia del disco).

Dei 9 casi migliorati 5 non sentivano più dolore e riuscivano a compiere facilmente normali movimenti di
flessione e torsione della colonna (2 sedute d'urgenza + 2 di mantenimento = 4 trattamenti), 1 caso aveva
dolore attenuato e compiva con difficoltà e lentezza movimenti della colonna (2 + 5 = 7 trattamenti), gli
altri 3 casi avevano dolore attenuato e compivano con ancora più difficoltà e lentezza i movimenti (3 + 7
= 10 trattamenti).
I 5 casi di torcicollo sono tutti migliorati dopo un giorno. La terapia successiva è durata a seconda dei
sintomi da 1 a 3 giorni: per 2 casi la terapia è stata 1 + 1 = 2 trattamenti, per 1 caso 1 + 2 = 3 trattamenti;
per 2 casi 1 + 3 = 4 trattamenti.

Non è stata vista alcuna relazione tra efficacia del trattamento e precocità dell'intervento, ma si è
dimostrata importante per la prognosi la gravità della lesione muscolare.

I criteri di valutazione dei risultati, vista la soggettività del sintomo dolore, si sono basati anche qui sulla
capacità di compiere attività fisica generale basale e sul ripristino funzionale dei muscoli interessati. Si
specifica che per equiparare i risultati dei due gruppi di sportivi, gli agonisti e gli amatoriali, i movimenti
richiesti per la valutazione funzionale sono stati di livello molto basso: camminare, corsa leggera, sedere
ed alzarsi; per il torcicollo si sono fatti fare movimenti di rotazione del capo e di flesso - estensione sui
piani frontale e laterale; per il blocco lombare i movimenti sono stati la flessione, l'estensione e la torsione
della colonna.

Conclusioni

Questo lavoro ha verificato l'efficacia dell'agopuntura come terapia per i traumi muscolari degli sportivi,
ma che si può ben adattare a tutta la popolazione nel trattamento di quelle emergenze che spesso nè il
medico di base, nè il Pronto soccorso o la Guardia Medica riescono a controllare.

M.Valentini - S. Scarsella

Bibliografia

1) AA.VV.Chinese acupunture and moxibustion; Foreign Language Press; Beijing 1987

2) Vecchiet, Calligaris, Montanaris, Resina; Trattato di medicina dello Sport applicato al calcio; Centro
Documentazione Scientifica Menarini; Firenze 1990

3) Terrence D.Oleson; Auricolotherapy Manual: Chinese and Western sistems of ear acupunture; Health
care Alternative; Los Angeles 1990.

4) Chen Jirui, Nissi Wang; Acupunture case Histories from China; Eastland Press; Seattle 1988.

5) Chen Jing; Anatomical Atlas of chinese acupunture points; Shandong Sciense and Tecnology Press;
Jinan 1988

6) Song Zhenlhi; Rivista Italiana di medicina Tradizionale Cinese, No.55 anno 1994.