Sei sulla pagina 1di 84

Precision Cooling for

Business-Critical Continuity

Liebert PDX
15-33 kW Indoor Room Cooling Units with Modulating Capacity
Versione A/W/F/D/H - 50 Hz

MANUALE UTENTE
Italiano Cod. 265076 Rev. 16.12.2013

Refrigerante
R410A
Usare
l'attrezzatura
adeguata
IMPORTANTI ISTRUZIONI PER LA SICUREZZA

CONSERVARE QUESTE ISTRUZIONI


Questa è la traduzione del manuale originale in Inglese (265075).
Per ricevere l'originale, contattare il nostro servizio di assistenza tecnica citando modello del prodotto e il numero di serie.

CONVENZIONI
PERICOLO: indica una situazione pericolosa che, se non evitata, potrebbe provocare il decesso o lesioni gravi.
AVVERTIMENTO: indica una situazione pericolosa che, se non evitata, potrebbe provocare il decesso o lesioni gravi.
PRUDENZA: indica una situazione pericolosa che, se non evitata, potrebbe causare lesioni lievi o moderate.
AVVISO: indica un messaggio di danni all'unità.

AVVISO
Il manuale deve essere conservato per tutto il periodo di vita della macchina;
L'utente deve leggere con attenzione il manuale prima di effettuare qualsiasi operazione sulla macchina;
Il controllo deve essere impiegato esclusivamente per lo scopo per cui è stato progettato; l'uso improprio del con­
trollo esonera il costruttore da qualsiasi responsabilità.

AVVERTIMENTO
Il manuale e' rivolto all'utente finale per le sole operazioni eseguibili con pannelli chiusi.
Le operazioni che necessitano dell'apertura di porte o pannelli con attrezzi devono essere eseguite solo da perso­
nale esperto. La chiave in dotazione che permette la rimozione dei pannelli deve essere conservata dal personale
addetto alla manutenzione.

PRUDENZA
Prima di procedere all'installazione leggere tutte le istruzioni, verificare che tutti i componenti siano inclusi e con­
trollare sulle targhette che l'alimentazione elettrica disponibile sia compatibile.
Per identificare la macchina (modello e numero di serie), in caso di richiesta di assistenza o di ricambi, leggere la
targhetta di identificazione posta esternamente ed internamente all'unita'.

AVVERTIMENTO
Questa macchina funziona e si riavvia automaticamente.
Se il collegamento elettrico è attivo, ci sono rischi residui di: scosse elettriche, ustioni, parti in movimento, riav­
viamento automatico dal controllo remoto.
· Prima di qualsiasi operazione che richiede l'apertura della porta o dei pannelli della macchina (manu­
tenzione, pulizia, ecc), scollegare l'unità dalla rete di alimentazione.
L'interruttore ON / OFF sul pannello di controllo non isola l'unità dall'alimentazione elettrica, nemmeno in modalità
“unit off”. Per interrompere l'alimentazione, aprire il dispositivo di isolamento (interruttore principale) che è posi­
zionato sul coperchio del quadro elettrico, dietro la porta a sinistra:

INTERRUTTORE
PRINCIPALE

Per accedere all'interruttore principale svitare la porta ed aprirla.


· Dopo aver aperto la porta prestare attenzione al cavo ed ai componenti con tensione residua
· Aprire l'interruttore principale per interrompere l'alimentazione elettrica prima di rimuovere qualsiasi
coperchio di protezione.

Italiano Liebert PDX i


AVVERTIMENTO
Il cavo di alimentazione dell'interruttore principale è ad alto voltaggio.
· Il produttore raccomanda vivamente che il cliente finale installi in loco un interruttore esterno principale
comodo da raggiungere, per facilitare un'interruzione semplice e veloce dell'alimentazione elettrica dell'uni­
tà. Fate riferimento allo schema elettrico dell'unità per l'installazione. Seguire tutte le normative del paese di
installazione

PRUDENZA
Se la porta dell'unità è aperta mentre i ventilatori sono in funzione, il flusso d'aria può improvvisamente farla sbat­
tere chiudendola.
C'è il rischio di essere colpiti dalla porta e che le mani vengano schiacciate.
· Prima di aprire la porta, spegnere l'unità usando il pannello di controllo locale o remoto oppure l'interruttore
principale esterno (se installato)
Se si lasciano sciolti oggetti di piccole dimensioni nell'alloggiamento dei ventilatori dopo qualsiasi operazione di
manutenzione, questi possono essere espulsi all'avviamento dei ventilatori.
C'è il rischio di essere colpiti da oggetti di piccole dimensioni.
· Installare tutti i pannelli di protezione o una griglia prima di avviare i ventilatori dopo ogni operazione di manu­
tenzione. Nelle unità con i ventilatori sotto il pavimento, posizionare anche i pannelli del pavimento prima di
avviare i ventilatori.

AVVERTIMENTO
Se i compartimenti interni vengono aperti subito dopo lo spegnimento della macchina, ci potrebbero essere alcu­
ni rischi relativi a:
· Componenti ancora ad alte temperature: resistenze elettriche, umidificatore e distributori di vapore, tubazioni
dell'acqua calda.
· Elementi in rotazione (giranti dei ventilatori, potrebbero continuare a girare per inerzia per un certo periodo).
· Spigoli vivi, schegge e dispositivi di fissaggio a vista.
Prestare attenzione alle targhe di avvertimento sull'unità.

Italiano Liebert PDX ii


AVVISO: i dati relativi all'unità fornita so­
no riportati nella targa a bordo macchina (vedi fax-
simile sottostante non compilata).
I dati nel manuale sono riferiti alle condizioni stan­
28 dard e sono soggetti a modifiche senza preavviso.

POS. DESCRIZIONE
Full Load Ampere [A]:
1 massima corrente assorbita dal compressore
Locked Rotor Ampere [A]:
30 31 2 corrente assorbita dal compressore a rotore bloccato
3 Quantità di compressori installati
32 Full Load Ampere [A]:
4 massima corrente assorbita dal ventilatore sezione eva­
porante
1 2 3 Locked Rotor Ampere [A]:
5 corrente assorbita dal ventilatore sezione evaporante a
rotore bloccato
4 6 Quantità di ventilatori sezione evaporante installati
5 6
Full Load Ampere [A]:
7 massima corrente assorbita dal ventilatore sezione con­
7 densante
8 9
Locked Rotor Ampere [A]:
8 corrente assorbita dal ventilatore sezione condensante
10 a rotore bloccato
11
9 Quantità di ventilatori sezione condensante installati
12 13 10 Corrente assorbita dal riscaldamento elettrico
11 Numero di stadi del riscaldamento elettrico
16 12 Corrente assorbita dall'umidificatore
14
15 17 13 Capacità di produzione vapore dell'umidificatore
14 Massima corrente alternata assorbita dall'unità
18
15 Massima corrente continua assorbita dall'unità
16 Corrente ammissibile di picco
19 17 Corrente nominale ammissibile di breve durata
20
18 Tipo di fluido refrigerante usato
19 Soglia di intervento del pressostato di alta pressione
21
22 20 Valore di reset del pressostato di alta pressione
21 Soglia di intervento del pressostato di bassa pressione
23
24 22 Valore di reset del pressostato di bassa pressione
Soglia minima di temperatura per il funzionamento no­
23 minale
25
26 Soglia massima di temperatura per il funzionamento
24 nominale
27 25 Soglia minima di umidità per il funzionamento nominale
Soglia massima di umidità per il funzionamento nomi­
29 26 nale
27 Massima pressione sopportata dal circuito
28 Luogo di fabbricazione
29 Data di fabbricazione
30 Modello
31 Numero di serie
32 Alimentazione

Italiano Liebert PDX iii


Indice
1- Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.1 - Unità ad espansione diretta, condensata ad aria - Versione A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.2 - Unità ad espansione diretta condensata ad acqua - Versione W . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.3 - Unità ad espansione diretta Freecooler - Versione F . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.4 - Unità Dual fluid condensata ad aria - Versione D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.5 - Unità Dual fluid condensata ad acqua - Versione H . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.6 - Constant K . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.7 - Limiti di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

2- Operazioni preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2.1 - Informazioni sulla Sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2.2 - Ispezione dell'apparecchiatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.3 - Materiale dell'imballo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.4 - Equipaggiamento raccomandato per la movimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.5 - Movimentazione dell'unità ancora imballata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.6 - Disimballaggio dell'unità (unità Standard Height, Modulo Batteria e Modulo Ventilante) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.7 - Movimentazione dell'unità nel luogo dell'installazione usando dei cricchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.8 - Pesi unità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

3- Assemblaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

4- Posizionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
4.1 - Posizionamento: Upflow, Downflow Frontal, Downflow Up. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

5- Collegamenti frigoriferi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
5.1 - Collegamenti Linee Frigorifere (A e D) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
5.2 - Vuoto e carica dell'impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
5.3 - Schemi frigoriferi (ved. Allegato D) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

6- Collegamenti idraulici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
6.1 - Avvertenze generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
6.2 - Collegamenti idraulici ausiliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
6.3 - Collegamenti acqua refrigerata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
6.4 - Collegamenti acqua di raffreddamento (solo W, F e H) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
6.5 - Aggiunta di glicole etilenico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

7- Collegamenti elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
7.1 - Collegamenti elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
7.2 - Collegamenti stella e triangolo per PDX . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
7.3 - Collegamento cavo di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
7.4 - Verifica del grado di protezione IP2X . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
7.5 - Caratteristiche di protezione ventilatore EC (Modulo ventilante Premium e Basic) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

8- Avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
8.1 - Primo avviamento (o dopo una lunga interruzione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
8.2 - Avviamento e fermata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
8.3 - Ripartenza automatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
8.4 - Verifica perdite di carico linee frigorifere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

9- Funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

Italiano
10 - Tarature & Regolazioni (all'avviamento) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
10.1 - Regolazione della valvola di espansione termostatica (TXV) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
10.2 - Regolazione della valvola di espansione elettronica (EEV) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
10.3 - Valvola acqua refrigerata (solo W, F, D e H) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
10.4 - Regolazione della valvola di iniezione del gas caldo in funzione antighiaccio e parziale controllo capacità
(versioni F, D, H e Constant) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
10.5 - Sensore di allagamento (Liquistat) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
10.6 - Tutela dell'ambiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

11 - Manutenzione e Ricambi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
11.1 - Istruzioni di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
11.2 - Ricambi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
11.3 - Programma di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
11.4 - Controllo e sostituzione dei filtri aria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
11.5 - Sostituzione ventilatori EC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
11.6 - Circuito frigorifero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
11.7 - Smantellamento dell'unità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
11.8 - Regolamento (EC) no. 842/2006 (F-gas) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

Allegati

Umidificatore ad elettrodi immersi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A - 1

Tabelle dati tecnici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B - 1

Disegni di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C - 1

Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . D - 1

Accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E - 1

Umidificatore ad infrarossi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . F - 1

Umidificatore ad ultrasuoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G - 1

Italiano
1 - Descrizione generale
Liebert® PDX è un condizionatore d'aria di precisione fronteggiare inattese e alte temperature esterne, mantenen­
full­optional destinato a centri di elaborazione dati, server di do il sistema attivo, riducendo il numero di allarmi di alta pre­
rete, locali tecnologici (laboratori, sale metrologiche, musei), ssione e i conseguenti arresti dell'unità. Infatti, quando la
per costruzioni nuove ed esistenti, pavimenti sopraelevati e pressione di scarico raggiunge il valore limite, la capacità del
non, per carichi termici da moderati ad alti, anche associati a compressore viene limitata ad una frazione della richiesta
corridoi freddi di contenimento (fino a 10 kW / rack). Offre tut­ reale. Si reduce così il calore scambiato al condensatore e si
te le funzioni necessarie di un condizionatore d'aria stan­ consente il funzionamento del sistema senza interruzioni.
dard di precisione, tra cui raffreddamento, riscaldamento, Se dopo un definito intervallo di tempo la pressione di con­
umidificazione, deumidificazione, filtrazione dell'aria, ges­ densazione ritorna entro il limite, la capacità ritornerà ad es­
tione della condensa, controllo della temperatura, funzioni sere modulata su tutto il range. L'affidabilità dei Liebert®
di allarme e di comunicazione dei dati. PDX è massimizzata anche grazie all'impiego di un numero
Grazie al compressore Digital scroll e alla valvola di espan­ minore di parti e all'utilizzo di semplici controlli elettronici che
sione elettronica, Liebert® PDX permette una modulazione riducono al minimo la manutenzione dell'unità.
continua della capacità frigorifera, assicurando un controllo Il motore del compressore Digital Scroll funziona a velocità
stretto e preciso della temperatura ambiente. costante nei limiti operativi di funzionamento.
Liebert® PDX può cambiare rapidamente la resa frigorifera Questa caratteristica unica aumenta i campi di utilizzo delle
prodotta. In questo modo controlla i parametri ambientali unità Liebert® PDX nei locali tecnologici, garantendo la com­
reagendo a rapidi cambiamenti del carico termico e mante­ patibilità elettromagnetica senza aver bisogno di costosi di­
nendosi acceso e reattivo per successive richieste. Nei siste­ spositivi per la soppressione dei campi elettromagnetici.
mi di raffreddamento con Digital Scroll, a seconda delle La funzione Digital mantiene massima la velocità del refrige­
dimensioni dell'unità, l'intervallo di modulazione è tra il 15% rante attraverso le tubazioni. Questo permette alle unità Lie­
e il 100% della resa normale. Il compressore potrebbe scen­ bert® PDX di non avere bisogno di componenti aggiuntivi
dere ulteriormente fino al 10%, ma il sistema ne soffrirebbe in per il ritorno dell'olio.
efficienza. L'unità Liebert® PDX 15-33 kW Standard Height ha un desi­
Grazie alla modulazione della capacità si possono ridurre gli gn compatto con il modulo ventilante integrato nel telaio del­
avviamenti e le fermate del compressore che causano con­ l'unità.
sumo di energia e causano stress ai componenti, con un mi­ Le unità sono disponibili nelle tre configurazioni illustrate
glioramento dell'efficienza e della durata del sistema. sotto.
Con la gamma Liebert® PDX possiamo convenientemente

Upflow Downflow Up

ÏÏÏÏÏ ÏÏ
ÏÏÏ
Downflow Frontal

Italiano Liebert PDX 1


1.1 - Unità ad espansione diretta, condensata viamento del compressore.
ad aria - Versione A Il condensatore è dotato di una valvola modulante (8) per il
controllo automatico della pressione di condensazione
L'unità è dotata di compressore(i) (1) che pompa il refrige­ Per proteggere l’impianto da sovrappressioni, il circuito fri­
rante gassoso caldo in un condensatore esterno ad aria (2). gorifero è dotato di valvola di sicurezza (9) che è installata sul
Il refrigerante liquefatto arriva ad un ricevitore di liquido (3) ricevitore di liquido (3); questa valvola ha una connessione
che alimenta la valvola di espansione (4) e l'evaporatore (5). flangiata per scaricare il refrigerante all’esterno mediante tu­
Qui il fluido - grazie al calore scambiato con l'aria ambiente bazione.
mossa dal ventilatore (6) - evapora e ritorna al compresso­
re(1) da cui inizia un nuovo ciclo. Per mantenere la corretta Nota: Le unità Liebert® PDX raffreddate ad acqua sono forni­
pressione di mandata del refrigerante, la velocità del ventila­ te con la carica completa di refrigerante, (standard R410A).
tore (8) viene controllata in modo proporzionale.
Per facilitare la manutenzione del circuito frigorifero, sono in­
stallate di serie alcune valvole di intercettazione.
Il compressore (1) è dotato di una valvola di ritegno interna
che impedisce, durante le stagioni più calde, ritorni di liquido
dal condensatore, e lo protegge da migrazioni indesiderate
di refrigerante alla sua partenza. Una seconda valvola di non
ritorno (7) è necessaria, nei periodi più freddi, per evitare mi­
grazioni di refrigerante liquido dalle tubazioni e dal ricevitore
di liquido (3) al condensatore (2), che causerebbero l'inter­
vento del pressostato di bassa pressione all'avviamento del
compressore.
Per proteggere l'impianto da sovrapressioni, il circuito frigo­
rifero è dotato di valvola di sicurezza(9) che è installata sul
ricevitore di liquido (3); questa valvola ha una connessione
flangiata per scaricare il refrigerante all'esterno mediante tu­
bazione.
Nota 1. Le unità ambiente e i condensatori sono forniti sepa­
ratamente.
Nota 2. Il circuito frigorifero dell'unità ambiente è pressuriz­
zato con elio a 3 bar e quello del condensatore è pressuriz­
zato con aria secca a 2 bar. Acqua di raffreddamento
Nota 3. L'installatore è responsabile della stesura dei tubi
di connessione Unità ambiente - Condensatore, del vuoto 1.3 - Unità ad espansione diretta Freecooler -
e della carica di refrigerante, (standard R410A). Versione F
L'unità Freecooler raffredda il flusso d'aria tramite la batteria
(5) a due settori: attraverso i ranghi refrigerante-aria(nella
modalità ad espansione diretta, ved. circuito frigorifero) o, in
alternativa, attraverso i ranghi acqua refrigerata-aria (nella
modalità acqua refrigerata). Quando la temperatura esterna
5
è almeno 5C più bassa della temperatura interna, il flusso
d'acqua è raffreddato da un Dry Cooler (10) e attraversa la
batteria (5). Quando la temperatura esterna è più alta dello
ZET (Zero Energy Temperature), l'acqua scambia calore
4 con il refrigerante nel condensatore a piastre raffreddato ad
8
9 acqua (2).Quando la temperatura esterna è inferiore allo
2
ZET, l'acqua viene raffreddata dall'aria direttamente nello
scambiatore aria/acqua (5, ranghi freecooling).
E' anche possibile il funzionamento DX contemporanemen­
1 3 te a quello FC.
In questo modo l'aria prima di passare attraverso la batteria
7 evaporante viene preraffreddata nella batteria freecooling.
6
Nota: Le unità Liebert® PDX Freecooler sono fornite con la
carica completa di refrigerante, (standard R410A).

1.2 - Unità ad espansione diretta condensata


ad acqua - Versione W
L’unità è dotata di uno o più compressori (1) che pompano il
refrigerante allo stato di gas caldo all’interno di un conden­
satore raffreddato ad acqua(2). Il refrigerante liquefatto arri­
va al ricevitore di liquido (3) che assicura un continuo e cos­
tante flusso di refrigerante alla valvola di espansione (4) e
successivamente all’evaporatore(5). Qui il fluido - grazie al
calore scambiato con l’aria ambiente mossa dal ventilatore
(6) - evapora e ritorna al compressore(1) da cui inizia un
nuovo ciclo.
Il compressore (1) è dotato di una valvola di ritegno interna
che impedisce ritorni di liquido dal condensatore, e lo pro­
tegge da migrazioni indesiderate di refrigerante alla sua par­
tenza. Una seconda valvola di non ritorno (7) è installata per
evitare migrazioni di refrigerante liquido dalle tubazioni e dal
ricevitore di liquido (3) al condensatore (2), che causerebbe­
ro l’intervento del pressostato di bassa pressione all’av­

2 Liebert PDX Italiano


1.4 - Unità Dual fluid condensata ad aria - 1.6 - Constant K
Versione D Circuito frigorifero
L'unità Dualfluid raffredda il flusso d'aria tramite la batteria Tutti i modelli sono dotati di un solo circuito frigorifero. Il
(5) a due settori: attraverso i ranghi refrigerante-aria(nella compressore (1) pompa il refrigerante gassoso caldo in un
modalità ad espansione diretta, ved. circuito frigorifero) o, in condensatore esterno raffreddato ad aria (2). Il refrigerante
alternativa, attraverso i ranghi acqua refrigerata-aria (nella liquefatto arriva ad un ricevitore di liquido (3) che alimenta la
modalità acqua refrigerata). valvola di espansione termostatica (4) e l'evaporatore (5).
Nota 1. Le unità ambiente e i condensatori sono forniti sepa­ Qui il fluido - grazie al calore scambiato con l'aria ambiente
ratamente. mossa dal ventilatore (6) - evapora e ritorna al compresso­
Nota 2. Il circuito frigorifero dell'unità ambiente è pressuriz­ re(1) da cui inizia un nuovo ciclo. Per mantenere la corretta
zato con elio a 3 bar e quello del condensatore è pressuriz­ pressione di mandata del refrigerante, la velocità del
zato con aria secca a 2 bar. motoventilatore (8) viene controllata in modo on-off o pro­
porzionale.
Nota 3. Per completare il sistema Dual fluid è necessario
Quando la capacità raffreddante del condizionatore è più al­
collegare l'acqua refrigerata proveniente dalla sorgente es­
ta del carico termico interno e la temperatura ambiente ten­
terna, agli attacchi della batteria aria/acqua (5).
de a diminuire, la valvola del gas caldo (11) apre e la batteria
Nota 4. L'installatore è responsabile della stesura dei tubi di del gas caldo (10) postriscalda l'aria precedentemente trat­
connessione Unità ambiente - Condensatore, del vuoto e tata, mantenendo le condizioni di temperatura richieste.
della carica di refrigerante, (standard R410A). Per facilitare la manutenzione del circuito frigorifero, sono in­
stallate di serie alcune valvole di intercettazione.
Il compressore (1) è dotato di una valvola di ritegno interna
che impedisce, durante le stagioni più calde, ritorni di liquido
dal condensatore, e lo protegge da migrazioni indesiderate
di refrigerante alla sua partenza. Una seconda valvola di non
ritorno (7) è raccomandata, nei periodi più freddi, per evitare
migrazioni di refrigerante liquido dalle tubazioni e dal ricevi­
tore di liquido (3) al condensatore (2), che causerebbero l'in­
tervento del pressostato di bassa pressione all'avviamento
del compressore.
Per proteggere l'impianto da sovrappressioni, il circuito fri­
gorifero è dotato di valvola di sicurezza(9) che è installata sul
ricevitore di liquido (3); questa valvola ha una connessione
flangiata per scaricare il refrigerante all'esterno mediante tu­
bazione.

Unità KA
6

1.5 - Unità Dual fluid condensata ad acqua -


Versione H 10
5 8
L'unità Dualfluid raffredda il flusso d'aria tramite la batteria 2
(5) a due settori: attraverso i ranghi refrigerante-aria(nella 11
modalità ad espansione diretta, ved. circuito frigorifero) o, in
alternativa, attraverso i ranghi acqua refrigerata-aria (nella 4
modalità acqua refrigerata). 1 7
9
Nota 1. Le unità Liebert® PDX Dual fluid condensate ad aria 3
sono fornite con la carica completa di refrigerante, (stan­
dard R410A).
Nota 2. Per completare il sistema Dual fluid è necessario
collegare l'acqua refrigerata proveniente dalla sorgente es­
terna, agli attacchi della batteria aria/acqua (5).

6 Unità KW

10
5
9
11

4
1
2 7
3

8
Acqua refrigerata Acqua di raffreddamento
Acqua di raffreddamento

Italiano Liebert PDX 3


1.7 - Limiti di funzionamento Per unità W, F e H
Le unità sono previste per funzionamento all'interno dei limiti Temperatura dell'acqua o della miscela al
riportati in Tab. a. condensatore, limite inferiore (altre informa­ min. 5°C
Tale limiti sono intesi per macchine nuove o per le quali si sia zioni par. 6.4)
effettuata una corretta installazione e manutenzione.
Le clausole di garanzia non sono valide nei casi di danneg­ Per unità W, F, D e H
giamento o malfunzionamento verificatosi durante od in Circuito dell'acqua refrigerata e acqua al condenstore
conseguenza ad operazioni al di fuori dei limiti di fun­ temperatura ingresso acqua min. 5°C
zionamento.
pressione acqua max. 16 bar
Tab. a - Limiti di funzionamento Massime pressioni differenziali sulla valvola modulante
(a 2 o 3 vie)
Per tutte le unità
Temperatura: Da 20°C a 35°C - Massima pressione differenziale ammissibile tra monte e valle della
valvola chiusa: Dpcv
Da 5.5 g/kg a
Condizioni aria ambiente Umidità specifica 12 g/kg - Massima pressione differenziale tra monte e valle della valvola, per
il servizio modulante: Dpms
Umidità relativa Da 20% a 60%
Temperatura: Da 26°C to 38°C PX015 W 300 300
Condizioni aria ambiente Da 5.5 g/kg a PX021 W 300 300
(unità per applicazioni Umidità specifica 12 g/kg
Smart Aisle) PX025 W 300 300
Umidità relativa Da 20% a 60% PX0031 W 300 300
Temperatura PX033 W 175 175
ingresso acqua max. 85°C
Circuito acqua calda
Pressione acqua max. 8.5 bar
PX . . . W/H (circuito acqua condensatore) 300 300
da: - 20°C PX . . . F 300 300
Condizioni di
immagazzinamento a: 50°C PX015 D/H (circuito acqua refrigerata) 300 300
V ± 10% PX021 D/H “ 300 300
Tolleranze nell'alimentazione elettrica Hz ± 2 PX025 D/H “ 300 300
Nota:Il carico termico consentito non deve essere inferiore PX031 D/H “ 300 300
al 20% (30% in caso di unità Constant) della resa frigo­ (1) Dislivello positivo: condensatore più in alto dell'unità
rifera nominale del condizionatore d'aria. Un carico (2) Dislivello negativo: condensatore più in basso dell'unità
termico inferiore porterà ad un controllo impreciso di Altre informazioni su par. 5.1.
temperatura e umidità e al frequente spegnimento/ac­
censione del compressore. 1.7.1 - Limiti di rumorosità
Per unità A e D Il livello di pressione acustica in campo aperto ad 1,5 m di
Temperatura esterna: limite inferiore altezza e 2 m di distanza dal fronte del condizionatore, con
Il superamento dei limiti inferiori invernali può causare il blocco tempora­ ventilatore in funzione e alla resa nominale, è inferiore a 70
neo del(i) compressore(i) mediante il trasduttore di bassa pressione. Il dBA per tutti i modelli.
Reset alle condizioni di funzionamento normale può essere eseguito so­
lo manualmente attraverso il controllo dell'unità.
Fino a -20°C Tra -20°C e -30°C
Controllo velocità ventilatore
condensatore remoto + valvola 2 - Operazioni preliminari
Controllo velocità ventilatore controllo pressione di condens­
condensatore remoto azione (LOWTEX) + ricevitore di
necessario liquido incrementato richiesti.
Riscaldamento a gas caldo 2.1 - Informazioni sulla Sicurezza
non consentito AVVERTIMENTO!
Temperatura esterna: limite superiore
Questo limite è determinato dalla taglia del condensatore accoppiato. Il Rischio ribaltamento a causa della posizione
superamento di questo limite (o un'insufficiente manutenzione) può baricentro elevata. Una movimentazione im­
causare il blocco del compressore tramite il pressostato HP di sicurezza. propria può causare danni alle apparecchiature, lesioni o
Il ripristino può avvenire solo manualmente.
Condensatore remoto ad aria approvato morte! Leggere tutte le istruzioni seguenti prima di muovere,
Per assicurare all'unità il corretto funzionamento, le migliori prestazioni e sollevare rimuovere l'imballo dall'apparecchiatura o di pre­
una vita più lunga questa deve essere collegata ad un condensatore parare l'unità all'installazione
remoto approvato da Emerson Network Power.
Le clausole di garanzia non sono valide se l'unità viene collegata ad un PRUDENZA!
condensatore remoto non approvato.
Rischio di spigoli vivi, fissaggi esposti e appun­
Posizione relativa tra unità interna e condensatore remoto titi. Possono causare lesioni personali. Solo il
Distanza max tra fino a 60 m fino a 100 m fino a 60 m personale che indossa appropriati elmetti di sicurezza,
unità e condensato­ lunghezza lunghezza lunghezza guanti, scarpe antinfortunistiche e occhiali può movimenta­
re remoto equivalente equivalente equivalente re, alzare e rimuovere l'imballo esterno dell'unità o preparar­
Dislivello geodetico
max tra condensa­ da 20 m da 30 m Da -8 m la per l'installazione.
tore remoto e unità a -3 m a -8 m a -15 m PRUDENZA!
(1) (2)
Condizioni Rischio di interferire con le strutture. Può dan­
Diametro tubi Ved. Tab. d Ved. Tab. d Ved. Tab. d neggiare l'unità e le strutture. L'unità con il pal­
Sifoni sulla linea ver­ ogni 6 m, ogni 6 m, ogni 6 m, let potrebbe essere troppo alta per passare attraverso la por­
ticale del refrigeran­
te gassoso
max max max ta. Misurare la macchina e l'altezza della porta e fare riferi­
Carica olio extra vedi Tab. 7 vedi Tab. 7 vedi Tab. 7 mento al progetto di installazione per verificare i permessi
Installazione contro­ prima di movimentare l'unità.
llo velocità ventilato­ obbligatoria obbligatoria obbligatoria
re condensatore AVVISO!
remoto Rischio di danneggiamento dell'unità se impro­
come da maggiorato maggiorato
Condensatore progetto )20% )30%
priamente immagazzinata. Tenere l'unità in posi­
non non zione verticale, in ambienti chiusi e protetti da umidità, tempe­
Batteria gas caldo ammessa ammessa ammessa rature di congelamento e da urti.
Valvola di non ritor­ AVVISO!
no supplementare raccomanda­
sulla linera di man­ ta obbligatoria obbligatoria Il condizionatore non deve mai essere installa­
data, a 2 m dal com­
pressore to all'esterno.
Isolamento esterno
Per i disegni relativi consultare gli Allegati C.
linea liquido ammessa obbligatoria obbligatoria

4 Liebert PDX Italiano


2.2 - Ispezione dell'apparecchiatura
All'arrivo dell'unità e prima di togliere l'imballo, verificare che
le apparecchiature consegnate siano conformi all'ordine fat­
to. Esaminare l'imballo e assicurarsi che sia integro. Control­
lare che tutti i componenti non presentino danni. Contestare
subito alla compagnia di trasporto qualsiasi eventuale dan­
no. Spedire una copia del rapporto a Emerson Network Po­
wer o al vostro agente.
CENTER
GRAVITYOF
186132P1 REV. 0

2.3 - Materiale dell'imballo


Tutto il materiale utilizzato per confezionare
questa unità è riciclabile. Si prega di conser­
varlo per un uso futuro, o di smaltirlo in modo
appropriato. Uguale Uguale
distanza distanza
2.4 - Equipaggiamento raccomandato per la
movimentazione 2.6 - Disimballaggio dell'unità (unità
Standard Height, Modulo Batteria e
carrelli Modulo Ventilante)
transpallet
carrello
elevatore
a forca 1) Rimuovere l'involucro es­
terno strappandolo da tut­
to intorno all'unità, espo­
nendo gli angoli e gli assi
bilancino di protezione laterali.
cricchi per e cinghie
pallet

2) Rimuovere la copertura
sulla sommità, gli angoli e
2.5 - Movimentazione dell'unità ancora gli assi di protezione late­
imballata rali dall'unità.
 Se possibile, trasportare l'unità usando un carrello
elevatore a forca o dei cricchi per pallet, altrimenti usare
una gru con cinghie o corde e bilancino.
 Se si usa un carrello elevatore o carrelli transpallet, assi­
curarsi che le forche (se regolabili) siano poste alla mas­
sima distanza possibile sotto il pattino. Inoltre assicurarsi
che la lunghezza delle forche sia adatta alla lunghezza
dell'unità.
2.7 - Movimentazione dell'unità nel luogo
 Quando si movimenta l'unità imballata con un carrello dell'installazione usando dei cricchi
elevatore, sollevare l'unità dal lato designato tenendo
conto di non superare i 152 mm da terra. Se le circostan­ Assicurarsi che il pavimento sia in grado di sostenere
ze richiedono di dover alzare l'unità a più di 152 mm pre­ l'unità prima di spostarla con i cricchi. Per meglio distri­
stare molta attenzione; qualsiasi buire il peso sul pavimento sarebbe opportuno usare un
persona non addetta al solle­ adeguato supporto (es. lastre di metallo).
WARNING
vamento presente nella stan­
za deve stare ad una distanza
di almeno 5 m.
 Riferirsi sempre all'indica­ 1) Acquisire dei cricchi
e, con l'unità sollevata
zione del Centro di Gravità Unit weight is unbalanced.
Improper lifting can cause
personal injury, death, or da terra, posizionare i
CENTER OF
quando si solleva l'unità da GRAVITY
damage to unit. Lift unit
from this side only.
cricchi alle estremità
qualsiasi altro lato. HEAVY SIDE!
dell'unità.
 Usare gli indicatori del centro di gravità posti sui pannelli
dell'unità per determinare la posizione delle cinghie.
 I centri di gravità variano a seconda della taglia dell'unità
e delle opzioni installate.
 Le cinghie devono essere equidistanti su entrambi i lati 2) Rimuovere i quattro
dell'indicatore del centro di gravità, con la più ampia di­ (4) bulloni, due (2) su
stanza possibile. Assicurarsi che la distanza tra le cin­ ciascun lato del pallet.
ghie garantisca la stabilità dell'unità. I bulloni possono es­
sere rimossi usando
 Posizionare le cinghie tra i binari sul fondo dell'unità ed una chiave a
il pallet. tubo o aperta
o una pinza.

Italiano Liebert PDX 5


4.1 - Posizionamento: Upflow, Downflow
Frontal, Downflow Up.
3) Posizionare del materiale
di protezione tra l'unità,  L'unità deve essere installata sul pavimento.
i cricchi e le cinghie  Versione Downflow Up - per garantire il corretto flusso aria
sotto il pavimento è necessario il pavimento sopraelevato
con una apertura sotto l'unità. Ved. Allegato C.
 Versione Downflow Frontal il fondo dell'unità è chiuso
per evitare perdite d'aria i fori per il collegamento dell'ac­
qua devono essere sigillati.
1) Per spostare l'unità usare dei
cricchi.
Assicurarsi che il pavimen­
4) Utilizzando i cricchi, to possa sopportare il peso
almeno due persone dell'unità prima di spostar­
qualificate possono la.
spostare l'unità di lato 2) Posizionare del materiale di
per l'installazione. protezione tra l'unità, i cricchi
e le cinghie

3) Utilizzando i cricchi, almeno


due persone qualificate possono spostare l'unità per l'in­
5) Rimozione dei cricchi stallazione.
 Abbassare l'unità quanto le prese dei cricchi lo permet­
tono.
 Rimuovere le cinghie che vincolano i cricchi all'unità
 Usare un piede di porco o un dispositivo similare alle es­
tremità dell'unità e di volta in volta sollevare l'unità suffi­
cientemente per permettere la rimozione dei cricchi. 5 - Collegamenti frigoriferi
 Rimuovere tutto il materiale utilizzato per la protezione
dell'unità dai cricchi e dalle fasce.
5.1 - Collegamenti Linee Frigorifere (A e D)
2.8 - Pesi unità Le unità condensate ad aria arrivano pressurizzate con
elio a 2 bar.
Tab. b - Pesi unità
PRUDENZA: Le operazioni di scarico
A W F D H dell'unità ambiente pressurizzata con elio
Modelli [kg] [kg] [kg] [kg] [kg] Imballo [kg]
(a 2 bar) e la dissaldatura dei fondelli del­
Unità Standard Height le connessioni devono avvenire per
PX015 290 300 316 318 323 19 ultime, seguite immediatamente dal col­
PX021 300 310 328 328 333 19 legamento e dall'operazione di vuoto
PX025 320 330 348 348 353 19 dell'intero impianto.
PX031 340 352 368 368 373 19
PX033 340 359 - - - 19 5.1.1 - Stesura generale (ved. Fig. a)
Nota: I dati sopra sono riferiti ad unità senza alcuna opzione. 1) In rame rigido o ricotto.
Il diametro richiesto e' indicato in Tab. d.
Se l'installatore intende usare tubi di diametro superiore
(es. percorsi lunghi e tortuosi) consultare prima l'Ufficio
3 - Assemblaggio Supporto Tecnico vendite cooling.
Impiegare linee frigorifere il piu' corte possibile per ridur­
re al minimo la carica totale di refrigerante e le perdite di
carico.
L'unità PDX Standard Height viene fornita già assemblata. Stendere la tubazione orizzontale del gas con una pen­
Assicurasi di avere lo spazio necessario per procedere con il denza minima dell'1% verso il basso in direzione del
montaggio. flusso di refrigerante.
2) Ridurre al minimo il numero di curve, le quali devono es­
sere di ampio raggio.
4 - Posizionamento 3) Coibentare la tubazione come specificato in Tab. c. Se
i tubi vengono accostati a cavi elettrici e' necessario
coibentarli per evitare danni all'isolamento dei cavi.
4) Tenere una distanza minima di 20 mm tra la linea del gas
A seconda della configurazione della mandata aria dell'uni­ e quella del liquido.
tà ci sono diversi tipi di posizionamento. Se ciò non e' possibile, coibentare entrambe le linee.
 Prima di procedere con l'installazione di tutte le unità 5) Supportare sia i tubi orizzontali che verticali con supporti
vedere i disegni di installazione e l'area di servizio nel­ antivibranti (che comprendono guarnizioni in gomma).
l'Allegato C - Disegni di installazione. Si consiglia il loro posizionamento ogni 1.5 - 2 m.
 Assicurarsi che il pavimento possa sopportare il peso
dell'unità (ved. Paragrafo 2.8 - Pesi unità)
 Se necessario, sono disponibili degli accessori per so­
stenere l'unità nella posizione finale, per agevolare con
le connessioni acqua e le operazioni di manutenzione.
Ved. Allegato E - Accessori.
AVVISO: Garantire l'isolamento tra il condizion­
atore e il pavimento per evitare la trasmissione
delle vibrazioni.

6 Liebert PDX Italiano


Fig. a - Stesura tubi raccomandata

4
2

Tab. c - Posizionamento unita' condensante


POSIZIONE UNITA' CONDIZIONATORE SOTTO CONDIZIONATORE E UNITA' CONDIZIONATORE SOPRA
CONDENSANTE L'UNITA' CONDENSANTE CONDENSANTE ALLO L'UNITA' CONDENSANTE
STESSO LIVELLO
int. necessario necessario necessario
gas
est. solo per motivi estetici solo per motivi estetici solo per motivi estetici
ISOLAMENTO
int. no assolutamente non necessario no (esporre all'aria fredda sottopav.)
liq.
est. solo per motivi estetici solo se esposti al sole solo se esposti al sole
1%
unità ambiente
unità ambiente
liquido

1%
gas
(vedi **)

1%
unità ambiente
gas
gas

(vedi **)
DISPOSIZIONE
liquido liquido
1%
(vedi *)
6m

1% 1%

(*) Sifone olio ogni 6 m di


tubazione verticale
(**) vedi Cap. 1, Tab. a.
Nota: Creare un sifone per l'olio sulla linea di mandata prima di ogni risalita.
Controllare l'indicazione del produttore per l'orientamento e la posizione della valvola di non ritorno.

5.1.2 - Diametro tubazioni AVVERTIMENTO: A causa della maggior


I diametri delle tubazioni di collegamento tra condizionatore pressione con R410A, usare tubi e rac­
e unità condensante elencati in Tab. d devono essere cordi in rame con spessore di 1.5mm,
rispettati, pena il decadimento della garanzia. quando i diametri esterni sono superiori a
18mm (22 e 28mm)
Tab. d - Diametri tubazioni (unità ambiente -
condensatore remoto)
DIAMETRI TUBAZIONI STANDARD 5.1.3 - Installazione delle tubazioni
(Validi per lunghezze equivalenti fino a 100 m)
LE SEGUENTI OPERAZIONI DEVONO ESSERE ESEGUI­
tubazione in rame diametro es­ TE DA UN FRIGORISTA ESPERTO.
MOD. terno  spessore (mm)
R410A AVVISO: Le operazioni di scarico dell'unità
Gas Liquido ambiente pressurizzata con elio (a 2 bar),
PX015 16 x 1.0 12 x 1.0 e la dissaldatura del fondo dalle connes­
PX021 18 x 1.0 16 x 1.0 sioni devono avvenire per ultime, contem­
PX025 22 x 1.5 18 x 1.0 poraneamente all'operazione di svuota­
PX031 22 x 1.5 22 x 1.5 mento e collegamento dell'intero sistema.
PX033 22 x 1.5 22 x 1.5

Italiano Liebert PDX 7


1) Stendere la tubazione, considerando ciò che segue: a) Tappare le estremità libere dei tubi.
 Saldatura: b) Collegare una bombola di elio o azoto, dotata di un ri­
 Tutti i giunti devono essere saldo-brasati. duttore (max. pressione 10 bar), all'attacco Schrader
 Evitare saldature di testa usando manicotti o al­ da ¼” SAE dell'unita' condensante.
largando uno dei tubi con un allargatubi. c) Pressurizzare i tubi con elio o azoto.
 Usare leghe per saldature a base di argento e at­ d) Stappare i tubi istantaneamente.
trezzature adeguate. e) Ripetere a) - d) diverse volte.
 Garantire una corretta saldatura poichè una per­
dita di refrigerante, o una saldatura guasta che QUESTA OPERAZIONE E' IMPORTANTE PER EVITARE
comporta una fuga, puo' danneggiare il condi­ L'INTASAMENTO DEL FILTRO REFRIGERANTE, SPE­
zionatore d'aria. CIALMENTE QUANDO VIENE USATA LA TUBAZIONE IN
 Usare sempre curve a largo raggio (raggio di curvatu­ RAME RIGIDO.
ra almeno uguale al diametro del tubo). Se non si usa­
4) Aprire tutti i rubinetti di intercettazione dell'unità ambien­
no curve stampate, curvare i tubi come segue:
te.
 rame ricotto: a mano o con un curvatubi.
 rame rigido: usare curve stampate. Non surriscal­ 5) Scaricare l'unità ambiente pressurizzata ad elio (a 2 bar)
dare i tubi quando si esegue una saldatura, per ri­ aprendo le valvole di carica in modo che tutti i rami del
durre al minimo le ossidazioni. circuito vengano scaricati (per es. sul ricevitore, sul lato
2) Collegare i tubi all'unita' condensante: di bassa pressione e in mandata al compressore).
 Unità condensanti con attacchi tubi saldati di testa: ta­ 6) Dissaldare i tappi ciechi dalle connessioni dell'unità am­
gliare il tubo, allargarlo e saldarlo alla tubazione. biente.
 Unità condensanti con attacchi filettati: flangiare i tubi 7) Fissare (saldare) i tubi agli attacchi sul condizionatore
e collegare. d'aria.
RISPETTARE LA DIREZIONE DI FLUSSO DEL REFRI­ 8) Collegare la valvola di sicurezza con l'ambiente esterno
GERANTE, (VED. TARGHETTE SUGLI ATTACCHI utilizzando un tubo di rame con un diametro tale da sod­
REFRIGERANTE). disfare i requisiti della normativa EN13163 (es. fino a
3) Flussare le linee come segue: 10m di lunghezza, Oi 26mm).

Tab. e - Peso di refrigerante contenuto nelle tubazioni durante il funzionamento


liquido (+), a diverse temperature
DIAMETRO di condensazione
gas in mandata
ESTERNO TUBO
(*) R410A (kg/m)
(mm)
35.0 C 46.0 C 57.0 C
10 x 1.0 0.0048 0.0507 0.0470 0.0426
12 x 1.0 0.0075 0.0793 0.0734 0.0665
14 x 1.0 0.0108 0.1142 0.1056 0.0958
16 x 1.0 0.0147 0.1554 0.1438 0.1304
18 x 1.0 0.0192 0.2030 0.1878 0.1703
22 x 1.5 0.0271 0.2862 0.2648 0.2402
28 x 1.5 0.0469 0.4956 0.4585 0.4158

(*) Per la modesta influenza in termini di peso, si assume un unico valore di densità 46.36 kg/m3 per R410A
(15.5 bar - t. scarico = 65 °C).
(+) La pressione del liquido e la densità variano a seconda della temperatura di condensazione (ved. tabelle refrigerante).

Tab. f - Lunghezze equivalenti (m) di curve, valvole di intercettazione e di non ritorno

Diametro
nominale
(mm)

905 455 1805 905


12 0.50 0.25 0.75 2.10 1.90
14 0.53 0.26 0.80 2.20 2.00
16 0.55 0.27 0.85 2.40 2.10
18 0.60 0.30 0.95 2.70 2.40
22 0.70 0.35 1.10 3.20 2.80
28 0.80 0.45 1.30 4.00 3.30

8 Liebert PDX Italiano


5.2 - Vuoto e carica dell'impianto AVVISO: L'immissione e la carica di
AVVISO: Verificare sui dati di targa del refrigerante all'ingresso dell'evapor­
condizionatore e sul compressore atore (valvola Shrader da
frigorifero il tipo di refrigerante da utiliz­ 5/16)devono essere eseguite prelev­
zare ando dalla bombola di carica
sempre e solo fluido in fase liquida.
Fig. b - Collegamento pompa per il vuoto e cilindro di c) A questo punto sia la pompa del vuoto che la bom­
carica per eseguire vuoto e carica dell'im­ bola del refrigerante vanno così scollegate:
pianto c1) chiudere il rubinetto (11a) della bombola
c2) chiudere la via 5/16” SAE delle valvole Schrader
14 11a collegate.
6) Ispezionare tutti gli attacchi/giunti con un cercafughe.
Se viene riscontrata una perdita svuotare i tubi e l'unità
condensante, eliminare la fuga e ripetere le istruzioni in
11 3) - 6).
13 7) La macchina è ora pronta per il completamento della
carica e dell'avviamento.
8) Eseguire la carica di refrigerante (SOLO LIQUIDO) sf­
ruttando la valvolina di carica posta in ingresso dell'eva­
(*) poratore.
5.2.2 - Carica refrigerante R410A (A e D)
1) Avviare l'unità come descritto in par. 8.1.
2) Avviare manualmente il compressore (quando l'unità è
equipaggiata con compressori in tandem, avviarli en­
R.L. trambi) assicurarsi che l'unità non sia in deumidifica­
zione).
3) Garantire una temperatura di condensazione costante
(preferibilmente 42-45C); se necessario ostruire par­
12
zialmente la superficie di scambio del condensatore o li­
mitare la potenza ventilante per ottenere queste condi­
10a zioni.
4) Caricare l'unità fino a quando le condizioni di fun­
zionamento dell'intero circuito frigorifero risulteranno
10b
normali.
5) Con un manometro, controllare che la temperatura di
10 evaporazione sia superiore a 0 C.
6) Verificare che il surriscaldamento sia di 6-8 K (per fare
questo attenersi al par. 10.1).
7) Seguire il diagramma seguente per definire la carica. Mi­
surando la temperatura di condensazione e la tempera­
tura di evaporazione, trovare nel diagramma il sottoraf­
(*) solo con batteria di postriscaldamento (optional)
freddamento desiderato, quindi regolare la carica in
5.2.1 - Precarica R410A (A e D) modo da raggiungerlo (il sottoraffreddamento deve es­
sere misurato all'ingresso della valvola di espansione).
1) Aprire tutti i rubinetti presenti nell'impianto compre­
Nei sistemi di raffreddamento con compressore digital
si quelli utilizzati per la pressurizzazione (unità am­
scroll, durante la regolazione della carica i compressori
biente e unità condensante).
devono essere a piena capacità.
Questa operazione deve garantire che tutti i componenti
del circuito frigorifero siano sottoposti all'operazione di PDX
vuoto. 2÷5 °C temp. evap.
14
2) Collegare una pompa (10) per vuoto ad alta efficienza (tipo
sottoraffreddamento [K]

5÷8 °C temp. evap.


12
bistadio) adatta per olii poliesteri agli attacchi: 8÷12 °C temp. evap.

- Aspirazione e mandata compressore usando le valvo­ 10


le Schrader da 5/16 saldate sulle tubazioni. 8

- Attacco Schrader (12) riportato sul ricevitore di li­ 6


quido. 4
- Attacco Schrader (13) riportato sul vano compresso­ 2
re o ventilatore, se presente l'opzione batteria postri­ 0
scaldamento. 25 30 35 40 45 50 55 60
3) Predisporre un collegamento con bombola di refri­ Temperatura di condensazione [°C]
gerante prima di iniziare il vuoto.
4) Fare il vuoto dell'impianto fino a 0.3 mbar assoluti e verifi­ PDX APPLICAZIONE SMART AISLE
care dopo 3 ore di non aver superato 1.3 mbar assoluti. 14 8÷12 °C temp. evap.
Tale condizione garantisce all'interno dell'impianto 12÷15 °C temp. evap.
sottoraffreddamento [K]

12
un'umidità inferiore a 50 ppm. Se il vuoto non viene rag­ 15÷20 °C temp. evap.
giunto significa che ci sono delle perdite (da eliminare 10
secondo le istruzioni in 6) qui sotto). 8
NON USARE MAI IL COMPRESSORE PER FARE IL 6
VUOTO (QUESTO NE INVALIDA LA GARANZIA). 4

5) “Rompere” il vuoto come segue: 2


a) Chiudere il rubinetto (10a) della pompa per il vuoto 0
(10). 25 30 35 40 45 50 55 60
Temperatura di condensazione [°C]
b) Aprire il rubinetto della bombola (11a) di refrigerante
sino a portare l'impianto ad una pressione di circa 1
bar.

Italiano Liebert PDX 9


5.3 - Schemi frigoriferi (ved. Allegato D)  Piazzare le valvole di intercettazione a sfera (3) all'ingres­
so e all'uscita del condizionatore per permettere una fa­
Per i disegni degli schemi frigoriferi vedere allegati D.
cile manutenzione.
 è utile installare un termometro (4) e un manometro (5)
all'ingresso e all'uscita del condizionatore.
 Installare un rubinetto scarico acqua (6) nel punto più
6 - Collegamenti idraulici basso del circuito.
 Riempire il circuito con acqua glicolata (vedere Fig. d).
6.1 - Avvertenze generali
Fig. d - Circuito acqua refrigerata
ASSICURARSI CHE I TUBI NON OSTRUISCANO IL FLUS­
SO D'ARIA (solo Downflow). Condizionatore
SE UNA TUBAZIONE DI UN CIRCUITO D'ACQUA DEVE d'aria
CORRERE ALL'APERTO, AGGIUNGERE GLICOLE ETILE­
NICO AL CIRCUITO COME DESCRITTO IN PAR. 6.5. 2 4 5

6.2 - Collegamenti idraulici ausiliari


6.2.1 - Scarico condensa (per unità senza pompa del­
la condensa) (Fig. c)
 Usare tubi in acciaio zincato, PVC o politene flessibile.
 Garantire una pendenza di almeno l'1% verso lo scarico.
3
 Se necessario prevedere un sifone (1) posto ad almeno 1 6
200 mm sotto la vaschetta di scarico (2). Nelle unita con
configurazione Upflow il sifone dovrà essere posizionato
sotto l'unità nel pavimento sopraelevato. 6.4 - Collegamenti acqua di raffreddamento
Prudenza: Nelle configurazioni Downflow, se il (solo W, F e H)
sifone viene fatto all'interno del modulo venti­
lante, collegare correttamente il tubo di scarico L'unità deve ricevere acqua di raffreddamento:
e il sifone al telaio del modulo stesso con una fa­ a) da una sorgente esterna di acqua di raffreddamento, in
scetta, evitando il rischio di contatto con i ventilatori. circuito aperto (par. 6.4.1 e Figure negli allegati).
 Riempire di acqua il sifone di scarico (3). b) da un Dry cooler, in circuito chiuso (par. 6.4.2).
 Allacciare l'unità come da Fig. e ed Allegati D.
Fig. c - Scarico condensa
 Usare tubazioni in rame o acciaio (Mannesmann). E'
2
consigliabile utilizzare tubazioni flessibili da allacciare,
con giunti a 3 pezzi, agli attacchi di ingresso e uscita ac­
qua del condensatore.
 IMPORTANTE: installare un filtro a rete sul tubo di in­
gresso.
min.
1
200 mm  Montare valvole di intercettazione a sfera all'ingresso e
all'uscita del condizionatore per una facile manuten­
3 zione.
 Si consiglia di installare un sistema di drenaggio nel pun­
to più basso del circuito.
min.
100 mm  Sfiatare completamente la tubazione prima di collegarla
al condizionatore.
FASCETTE
6.4.1 - Note per impieghi in circuito aperto
 Usare l'unità con acqua di rete o di pozzo.
collegamento NON USARE ACQUA DI TORRE SE NON ESISTE UN
a carico SISTEMA DI CONTROLLO DELLA DUREZZA SULL'AC­
del cliente QUA DI REINTEGRO.
 La pressione dell'acqua deve essere tra 2 e 10 bar (in
caso contrario interpellare l'Ufficio Supporto Tecnico).
6.2.2 - Umidificatore (optional): Ved. Allegato A.  La portata acqua richiesta alle diverse temperature è
reperibile nei nostri cataloghi o su richiesta.
6.2.3 - Acqua calda (optional):
 Se necessario (temperatura acqua molto bassa) isolare
 Usare tubi in rame o in acciaio (Mannesmann). entrambi i tubi con materiale isolante.
 Isolare entrambi i tubi con un isolante appropriato.
6.4.2 - Note per impieghi in circuito chiuso
6.3 - Collegamenti acqua refrigerata  L'installazione in Fig. e è solo indicativa; per ogni instal­
Collegamenti acqua refrigerata (F, D e H) (Fig. d) lazione seguire lo schema di progetto.
 Vengono forniti con l'unità due tronconi di tubo lisci che  Installare una pompa di circolazione calcolata in base
possono essere utilizzati per creare il collegamento. O, alla portata e alla prevalenza totale del sistema (consul­
come opzione, possono essere forniti due pezzi di tubi tare i dati di progetto) e asservita al funzionamento del
filettati. compressore (ved. targhetta a bordo unità).
Ved. Allegato D - “Collegamenti frigoriferi, idraulici ed  Isolare entrambi i tubi con materiale isolante.
elettrici“ per dimensioni più dettagliate.  MOLTO IMPORTANTE: Aggiungere acqua e glicole eti­
 In caso di raccordi filettati dell'acqua, si consiglia di lenico al circuito nel caso in cui la temperatura ambiente
utilizzare canapa e sigillante in pasta per ottenere un scenda sotto lo zero (riferirsi anche al par. 6.5). Non
giunto a tenuta di pressione. superare la pressione di esercizio nominale dei compo­
 Usare tubi in rame o in acciaio (Mannesmann). nenti del circuito.
 Stendere i tubi su selle di supporto (1).  Spurgare tutta l'aria del circuito.
 Isolare entrambi i tubi con materiale isolante (2).

10 Liebert PDX Italiano


6.5 - Aggiunta di glicole etilenico NOTE:
Tab. g - Glicole etilenico da aggiungere all'acqua  Per evitare stratificazioni, far funzionare la pompa di cir­
colazione per almeno 30 min. dopo ogni aggiunta di gli­
temperatura di cole.
0 -5 -11 -18 -27 -39
congelamento (C)  Dopo l'aggiunta di acqua al circuito, è obbligatorio di­
glicole etilenico da ag­ sconnettere l'impianto dalla rete idrica dell'acqua
giungere all'acqua (% in 0 10 20 30 40 50 sanitaria; ciò eviterà il pericolo di ritorno di acqua glico­
peso sul totale miscela) lata nella stessa rete.
 Dopo ogni rabbocco di acqua controllare la concentra­
N.B. Valori riferiti a Shell antifreeze 402. Per altre marche zione di glicole e aggiungere se necessario del glicole.
consultare la rispettiva documentazione.
 Con l'aggiunta di glicole variano le caratteristiche idrauli­
che del sistema. Verificare, pertanto, prevalenza e porta­
ta della pompa da utilizzare.
Fig. e - Installazione consigliata Dry cooler
acqua di
riempimento

HTC TS
scollegare
dopo la carica

UTENZA
Pompa di riserva
(optional)

valvola di intercettazione TS termostato } (*) separatore d'aria


pompa
HTC Variex (opt.)
gruppo di carica (filtro,
riduttore, valvola di non ritorno)
valvola di non ritorno valvola di sicurezza
contatore acqua reintegro
manometro vaso di
espansione scarico (nel punto più basso)
Per i disegni degli schemi idraulici vedere Allegato D.

Alimentazioni accettabili — Macchine con tensioni no­


7 - Collegamenti elettrici minali di alimentazione da 380V a 460V (Sistemi TT, Siste­
mi TN-S o Sistemi TN-C)
7.1 - Collegamenti elettrici  380V Y con neutro connesso a terra e 220V tra fase e ter­
ra
1) Prima di procedere con i collegamenti elettrici, assicu­  460V Y con neutro connesso a terra e 277V tra fase e ter­
rarsi che: ra
 i componenti elettrici siano in buone condizioni; Alimentazioni non accettabili — Macchine con tensioni
 tutte le viti terminali siano ben avvitate; nominali di alimentazione da 380V a 460V (Sistemi IT)
 la tensione di alimentazione e la frequenza siano  ad Y con collegamento altoresistenziale (o ad alta impe­
conformi a quelle indicate sull'unità. denza)
 a D senza collegamento a terra o con messa a terra flot­
7.2 - Collegamenti stella e triangolo per PDX tante
I modelli Liebert PDX con ventilatori EC sono progettati per  a D con vertice collegato a terra
collegamento a stella. Non funzionano appropriatamente  a D con collegamento a terra “center-tapped"
con connessione a triangolo.
E’ necessario installare un trasformatore di isolamento o al­ Se l'unità deve essere installata in Sistemi IT, contattare l'uf­
tra soluzione di potenza per il corretto funzionamento della ficio tecnico di Emerson prima dell'installazione.
macchina. I motori dei ventilatori a commutazione elettroni­
ca installati nelle macchine Liebert PDX sono compatibili 7.3 - Collegamento cavo di alimentazione
con connessione di potenza con neutro collegato a terra.
 Collegare il cavo alla morsettiera di ingresso Linea.
Fig. f - Schema di collegamento stella e triangolo Ved. Fig. g alimentazione via cavo.
Per le unità con opzione doppia alimentazione non colle­
Collegamento a stella Collegamento a gare il cavo di alimentazione come mostrato in Fig. g; i
triangolo
due cavi di alimentazione devono essere disposti e col­
legati al quadro elettrico supplementare collocato a lato
del quadro elettrico principale.
 Usare le dimensioni del cavo stabilite in base alla massi­
ma corrente assorbita, alla tensione di alimentazione, al
tipo di installazione e alle normative locali. Per le unità
con opzione doppia alimentazione entrambi i cavi devo­
no essere dimensionati come descritto sopra.
 La protezione dell'impianto/cavo di linea è a cura cliente.
 Utilizzare una protezione con interruttore differenziale.
Se l'impianto è equipaggiato con ventilatori EC, utilizza­
re un interruttore di tipo B.

Italiano Liebert PDX 11


 Utilizzare solo cavi multi-polari con guaina (CEI2022, 7.4 - Verifica del grado di protezione IP2X
IEC 60332).
Dopo aver eseguito tutti i lavori di allacciamento idraulico ed
 Non inserire il cavo di alimentazione nelle canaline pre­ elettrico, comprese eventuali installazioni di elementi del
senti all'interno del quadro elettrico della macchina. soffitto (plenum, canalizzazioni) o del pavimento (telaio di
Ved. dati elettrici nell'Allegato B - Tabelle dati tecnici. base), verificare che in tutti i punti dell'apparecchiatura sia
assicurato il grado di protezione IP2X (ovvero: protezione
AVVERTIMENTO: Le unità (in particolare se non contro l'accesso con dito IEC 60364-1).
hanno installato un display esterno) devono es­
sere provviste di un interruttore principale ester­
no, di facile accesso, per agevolare lo spegni­ 7.5 - Caratteristiche di protezione ventilatore
mento dell'unità. EC (Modulo ventilante Premium e Basic)
Fig. g - Collegamento cavo di alimentazione Il ventilatore EC è provvisto delle seguenti protezioni
 sovratemperatura della scheda elettronica
 sovratemperatura del motore
 protezione rotore bloccato
 cortocircuito in uscita al motore
Per ciascuno dei guasti sopraindicati, il motore si ferma
(tramite l'elettronica interna - senza separazione di poten­
ziale), e il relé di allarme si diseccita.
Dopo questi allarmi il motore non riparte automaticamente.
Per resettare l'allarme, è necessario togliere l'alimentazione
principale per almeno 20 secondi dopo che il motore si è fer­
mato.
 Rilevamento di bassa tensione:
Se la tensione principale scende sotto il valore di
3ph/290V (valore tipico) per almeno 5 secondi , il motore
 Usare la boccola di passaggio cavo sul retro del pannel­ viene spento (tramite l'elettronica interna, senza separa­
lo per introdurre il cavo nel quadro elettrico. zione di potenziale) e il relé di allarme si diseccita.
 Usare una fascetta per fissare il cavo di alimentazione al Se la tensione ritorna ai valori normali, il motore ri­
quadro elettrico. parte automaticamente.
Per ulteriori dettagli sui i fori di entrata dei cavi ved. Allegato D.  Guasto mancanza fase
Se una delle fasi manca per almeno 5 secondi, il motore
Collegamento dei cablaggi (Fig. h): viene spento (tramite l'elettronica interna - senza separa­
 La connessione al on-off remoto deve essere fatta dal­ zione di potenziale), e il relè di allarme si diseccita.
l'installatore. Se tutte tre le fasi ritornano ai valori normali, il motore
 I morsetti Allarme Generale consentono la segnalazione riparte automaticamente entro 10-40 secondi.
degli allarmi a distanza. L'alimentazione di un potenziometro esterno è protetta con­
 In caso di corto circuito verificare il guasto dell'interrutto­ tro il cortocircuito. Il motore è protetto contro il sovraccarico
re coinvolto e sostituirlo. tramite una limitazione di corrente.
Fig. h - Morsetti disponibili Attenzione: La corrente di dispersione del motore è
di ca. 7 mA.
MORSETTIERA AUSILIARI
(Raffreddamento + Riscaldamento + Umidificazione)
52
on-off remoto
53
(chiuso = ON)
filtri intasati (CF) 61
63
8 - Avviamento
(chiuso = OK)
(*) sensore di 105 8.1 - Primo avviamento
106 (o dopo una lunga interruzione)
allagamento (LWD)
ALLARME GENERALE
400 (NC) PER EVITARE DANNI AL COMPRESSORE È NECESSA­
(400-401 NC = allarme o unità Off)
401 (C) RIO PRERISCALDARE IL CARTER DEL COMPRESSO­
402 (NO)
RE PER ALMENO 4 ORE PRIMA DELL'AVVIAMENTO
allarme fuoco (AAP) 51
DEL CONDIZIONATORE (UN GUASTO DOVUTO A ER­
opzionale (chiuso = ON) 53 RATA PROCEDURA INVALIDERÀ LA GARANZIA SUL
COMPRESSORE).
ventilatore in funzione 70
(chiuso = ON) 71 Avviare il condizionatore come segue:
compressore in funzione 72 1) Aprire tutti i rubinetti del circuito frigorifero come da tar­
(chiuso = ON) 73 ghetta istruzioni.
allarme utente 1 61 2) Solo W, F e H: Aprire tutti i rubinetti del circuito acqua se­
(chiuso = OK) 62 condo la targhetta istruzioni sulla valvola.
abilitazione relè freecooling, solo per vers. 580 3) Assicurarsi che la carica di refrigerante sia corretta (ved.
F/D/H o AIR ECONOMIZER ON 369 Cap. 5).
termostato consenso acqua fredda, 83 4) Con una cercafughe, verificare che non ci siano perdite
solo per vers D (chiuso = compressore ON) 84 di refrigerante. Se si verifica la presenza di perdite, ripa­
70C Condensatore MC Liebert,
rarle e ricaricare come da Cap. 5.
70C
segnale di controllo comune 71C 5) Almeno 4 ore prima della messa in funzione, chiudere
71C Condensatore MC Liebert, l'interruttore generale e interruttore automatico per la
segnale di controllo circuito 1 protezione dei trasformatori sul quadro elettrico.
Nota: Collegare il morsetto 70C con il morsetto 700 del con­ Il sistema di controllo iCOM, di cui la macchina è dotata,
densatore MC Liebert, collegare il morsetto 71C con il viene programmato in fabbrica per il funzionamento del­
morsetto 710 del condensatore MC Liebert. l'unità in stand alone. Se l'unità è stand alone, per la sua

12 Liebert PDX Italiano


prima accensione è sufficiente ruotare il sezionatore  Assicurarsi che il regolatore di velocità del ventilatore
generale, presente sul quadro elettrico, in posizione ON. sull'unità condensante/Dry cooler (se installato) sia
Immediatamente si illuminerà il LED di colore giallo pre­ tarato correttamente, e che controlli il funzionamento
sente sul guscio dell'iCOM ad indicare la presenza di ali­ del/i ventilatore/i.
mentazione.  Controllare il livello dell'olio all'interno del compres­
Se il LED non si accende, è necessario: sore, dove è presente la spia di livello dell'olio, dopo
 verificare la presenza di alimentazione elettrica sul 30 min. di funzionamento del compressore a capaci­
quadro elettrico; tà massima il livello dell'olio deve essere compreso
 verificare che tutti i dispositivi di protezione, ad tra ½ e ¾ della spia.
esempio i magnetotermici, siano in posizione; Nei compressori in tandem il livello dell'olio deve es­
 verificare i fusibili di protezione. sere controllato con entrambi i compressori fun­
zionanti alla massima capacità(nota: quando è in
6) Verificare il funzionamento della resistenza carter. funzione un solo compressore, il livello dell'olio all'in­
7) Con valvola di espansione elettronica e con compresso­ terno del compressore non funzionante potrebbe es­
re digital. La batteria normalmente è sufficientemente sere al minimo, mentre in quello funzionante al mas­
carica per eseguire correttamente il test di produzione. simo; quando un compressore sta funzionando alla
Nel caso in cui sia stata lasciata per lungo tempo senza massima capacità e uno in modulazione, il livello del­
alimentazione, il livello di carica potrebbe essersi ridotto. l'olio in quest'ultimo potrebbe essere compreso tra
Se, dopo l'accensione del controllo iCOM si dovesse ½ e il minimo).
generare l'avviso di “EEV1 / 2 - avaria della batteria”, at­
tendere 24 ore circa prima di deciderne la sostituzione; 8.2 - Avviamento e fermata
in questo modo la batteria si dovrebbe ricaricare. Se  ASSICURARSI SEMPRE CHE IL CARTER DEL COM­
passato questo lasso di tempo l'avviso fosse ancora pre­ PRESSORE SIA STATO PRERISCALDATO.
sente, sostituire la batteria con una nuova. PER BREVI SOSTE MANTENERE L'ALIMENTAZIONE
8) Controllare che non ci siano perdite di acqua. ALLA RESISTENZA CARTER.
9) Solo F, D e H: Sfiatare tutta l'aria dal circuito acqua refri­ Per attivare l'unità, accendere l'interruttore ON/OFF, posto
gerata tramite la valvola di sfiato della batteria acqua ref­ sul dispaly. Dopo aver effettuato dette operazioni, se non è
rigerata. installato l'ON/OFF remoto, il verde presente sul guscio del­
10) Se è installata un'unità condensante o un Dry cooler, da­ l'iCOM si illuminerà, come pure il LED installato immediata­
re tensione all'apparecchio. mente sotto l'interruttore ON/OFF. La condizione di ON cor­
11) Chiudere tutti gli interruttori magnetotermici sul quadro risponde al funzionamento del ventilatore; dopo 2 minuti
elettrico. viene attivata la regolazione che, qualora necessario, attiva
le funzioni di raffreddamento (compressore ), di riscalda­
12) Controllare la tensione di alimentazione su tutte le fasi.
mento (resistenze elettriche) e di umidificazione-deumidifi­
13) Controllare la tensione di alimentazione su tutte le fasi cazione.
dell'unità condensante o Dry cooler, se installata.
Per cambiare il set point è necessario agire come descritto
14) ASSICURARSI CHE IL COMPRESSORE SIA STATO nel manuale Controllo.
PRERISCALDATO PER ALMENO 4 ORE. Fermare l'unità posizionando l'interruttore ON/OFF in OFF.
15) Avviare l'unità premendo il pulsante ON/OFF sul display  L'interruttore principale all'interno dell'unità dovrebbe
esterno (sul display interno se quello esterno non è in­ essere spento solo se l'unità viene fermata per un lungo
stallato). periodo di tempo.
16) Controllare l'assorbimento elettrico di tutti i componenti
(ved. Cap. 7). 8.3 - Ripartenza automatica
17) Controllare l'assorbimento elettrico dell'unità conden­
Se richiesto, l'unità può ripartire automaticamente al ritorno
sante/Dry cooler, se installata.
di tensione dopo un'interruzione dell'alimentazione (ved.
18) IMPORTANTE: Se il compressore fa un rumore forte manuale Controllo).
e insolito è NECESSARIO INVERTIRE i collegamenti
elettrici delle fasi che alimentano il compressore Sc­ Quando l'interruzione dell'alimentazione è programmata
roll, il quale accetta un solo senso di rotazione. per durare diverse ore, per evitare la ripartenza automatica
a freddo del compressore, si dovrà fermare manualmente
19) Controllare il giusto senso di rotazione indicato dalla l'unità prima dell'interruzione e al ritorno di tensione preri­
freccia riportata sul ventilatore. scaldare il compressore prima di far ripartire l'unità.
PRUDENZA: Rischio di contatto con organi
in rotazione. 8.4 - Verifica perdite di carico linee frigorifere
20) Assicurarsi che tutti i settaggi del sistema di controllo Il condizionatore Liebert® PDX è dotato di attacchi per verifi­
siano corretti e che non ci siano allarmi (ved. manuale care le perdite di carico sulle linee frigorifere:
Controllo). unità ambiente → condensatore → unità ambiente
21) Solo, W, F e H: verificare la portata d'acqua. Per effettuare questo controllo è necessario disporre di due
22) Solo W, F e H: Per unità in circuito chiuso assicurarsi che manometri tarati e di collegarli così:
la pompa dell'acqua parta quando viene avviato il com­ M1, collegato alla linea di mandata del compressore;
pressore. M2, collegato alla valvola Schrader n° 1 (Fig. i).
23) Verificare il funzionamento del Modulo Aria Rinnovo (se Con il compressore in funzione, effettuare le due letture.
installato). N.B.: Per essere certi di questi valori ripetere la prova dopo
24) Una volta che il sistema è a regime, effettuare i seguenti aver invertito i manometri.
controlli: Per il calcolo del corretto Dp usare la media delle due
 Verificare che i ventilatori stiano funzionando corret­ differenze.
tamente. Perdite di carico delle linee (Dp bar), a 45C:
 Assicurarsi che la temperatura e l'umidità rel. siano
garantite, e che l'umidificatore (opzione) e i gradini di  A parità di quota geodetica: Dp (bar) = M1-M2
riscaldamento (opzione) funzionino quando richie­  Quando il condensatore è più in alto dell'unità:
sto. Dp (bar) = M1-M2+dislivello geodetico (m x 1,1:10,2)
 Assicurarsi che il compressore funzioni quando ri­  Quando il condensatore è più in basso dell'unità:
chiesto. Dp (bar) = M1-M2-dislivello geodetico (m x 1,1:10,2)
 Solo D e H: Assicurarsi che la valvola acqua refrigera­
ta funzioni quando richiesto.

Italiano Liebert PDX 13


Fig. i - Componenti linea frigorifera 1 a 3 gradini di riscaldamento, a seconda della taglia
dell'unità.
Nota: per proteggere l'unità dal surriscaldamento,
sono installati un sensore con riarmo automatico
settato a 40°C e uno o più termostati a riarmo
manuale settati a 120°C.
2 - riscaldamento ad acqua calda (optional): se è dispo­
nibile acqua calda questa fluisce attraverso la batte­
ria acqua calda, controllata da una valvola on-off (a
3 vie).
4 - postriscaldamento a gas caldo (opzione, usato solo
durante la deumidificazione): il refrigerante caldo
proveniente dal compressore che fluisce attraverso la
1
rispettiva batteria, riscaldando quindi l'aria che l'attra­
versa.
 DUAL POWER SUPPLY – opzionale
Questa opzione consente di avere la doppia alimenta­
3 zione da due diverse fonti energetiche. E' possibile
Dal Ricevitore scegliere tra due soluzioni differenti:
di Liquido
- Dual Power Supply Parallel: 2 alimentazioni separa­
1 Valvola Schrader ingresso filtro deidratore te: in funzionamento standard ambedue le sorgenti
2 Filtro deidratore di alimentazione elettrica sono presenti, in emergen­
3 Spia di flusso
za, solo una delle due potrebbe essere disponibile.­
Ciò significa che in funzionamento di emergenza si
Elettrovalvola (solo con valvola di espansione ter­ può avere la piena funzionalità di raffreddamento di­
4 mostatica)
sabilitando riscaldamento e umidificazione.
Quest'opzione permette, in emergenza, di ridurre
l'assorbimento della macchina e quindi le dimen­
9 - Funzionamento sioni dei sistemi Genset o UPS.
- Dual Power Supply Alternate Basic: 2 alimentazioni
Il funzionamento dell'unità è completamente automatico. La separate, ciascuna in grado di alimentare completa­
sequenza che segue spiega come funziona l'unità : mente la macchina. In emergenza (mancanza di ali­
mentazione principale) la macchina commuta
 L'aria aspirata dal/i ventilatore/i entra nell'unità. automaticamente sull'alimentazione secondaria.
 L'aria viene filtrata immediatamente. Ciò permette di avere una ridondanza d'alimenta­
 ll sensore TEMPERATURA o il sensore HUMITEMP (tem­ zione o, in emergenza avere ancora abbondanza di
peratura + umidità rel.) (controllare il tipo installato), verifi­ alimentazione elettrica disinserendo riscaldamento
ca la condizione dell'aria di ingresso e fornisce l'informa­ e umidificazione. Quest'ultima opzione permette, in
zione al sistema di controllo. emergenza, di ridurre l'assorbimento della mac­
china e quindi le dimensioni dei sistemi Genset o
 L'aria primaria filtrata viene introdotta nella corrente del­ UPS.
l'aria di ricircolo attraverso il Modulo Aria Rinnovo (opz.).
 DEUMIDIFICAZIONE - opzionale
 L'aria trattata passa attraverso i ventilatori, continuamen­
te in funzione, e poi viene inviata in ambiente dall'unità. In modalità DX (espansione diretta)
Il compressore parte e la portata d'aria si riduce ottenen­
 Solo unità Downflow: l'aria viene inviata nel sottopavi­ do così la deumidificazione (riferirsi anche al manuale
mento e da qui immessa nella stanza tramite le uscite di Controllo).
distribuzione aria.
Per unità Downflow installate su pavimento so­ Nota: Se, durante la deumidificazione, la temperatura
praelevato: spegnere la macchina e attendere cin­ ambiente, malgrado il post-riscaldamento, raggiunge
que minuti prima di rimuovere i pannelli del pavi­ il limite minimo prefissato, la deumidificazione viene so­
mento entro una distanza di 850 mm dalla macchina, spesa temporaneamente (ved. intervento del LIMITE DI
per evitare rischi di contatto con organi rotanti (ven­ MINIMA nel manuale Controllo).
tilatori) in movimento e con corpi scaldanti ad eleva­
ta temperatura (ved. Fig. j).  UMIDIFICAZIONE- opzionale
 Il sistema di controllo confronta l'informazione fornita con Il vapore dell'umidificatore viene distribuito nella corren­
i valori di set point e banda proporzionale programmati te dell'aria attraverso un diffusore (ved. Allegati A, F e G).
nella sua memoria predisponendo il condizionatore a Nota: Il controllo manuale può essere realizzato usando il si­
trattare l'aria come segue (ved. anche manuale Control­ stema di controllo (ved. manuale Controllo).
lo):
Fig. j - Misure di sicurezza nella rimozione dei pannelli
 RAFFREDDAMENTO di pavimento
In modalità DX (espansione diretta)
Il compressore (compressore scroll o compressore di­
gital scroll, con capacità modulante)è avviato e il refrige­
rante freddo fluisce attraverso l'evaporatore, raffreddan­
do quindi l'aria che lo attraversa. Per il funzionamento
del compressore ved. manuale Controllo.
Nelle unità con doppio circuito, l’evaporatore è una bat­
teria dual stage (raffreddamento in cascata), l’aria viene
prima raffreddata da un circuito (circuito n. 2, com­ 850 mm
pressore(i) sul lato sinistro) e successivamente dall'altro
(circuito n. 1, compressore(i) sul lato destro). I valori di
temperatura e pressione relativi ai due circuiti frigoriferi
possono essere diversi tra di loro.
 RISCALDAMENTO
Si può svolgere in uno dei tre modi seguenti:
- riscaldamento elettrico (optional) le resistenze
elettriche scaldano l'aria che le attraversa. Ci sono da

14 Liebert PDX Italiano


cato solo contattando il Servizio di Assistenza Emerson Net­
10 -Tarature & Regolazioni work Power.
Il tempo corsa valvola è tarato al valore specificato nel
(all'avviamento) manuale Controllo.
PX015 . . . 031 FDH (valvola acqua refrigerata)
Il codizionatore d'aria è già stato collaudato e tarato in fabbri­
ca, ma è molto importante verificare, all'avviamento, il surri­ TUTTE LE UNITA' PDX condensate 0
scaldamento. ad acqua (valvola controllo 1
condensazione)
Ved. Tab. 5 e Tab. 6 (Allegato B) che riepilogano tutte
queste funzioni.  Quando la valvola è comple­
tamente aperta (cioè massi­
 Il condizionatore d'aria è già stato collaudato e tarato in mo flusso di acqua refrigera­
fabbrica. ta) l'indicatore del servoco­
 Per le tarature di strumenti installati su unità condensan­ mando si trova in posizione
ti/Dry coolers riferirsi al relativo manuale. ”1”.
 Per le tarature del sistema di controllo riferirsi al manuale  Quando la valvola è chiusa
Controllo (per evitare operazioni sbagliate non usare set (cioè non c'è flusso di acqua
points di temperatura e umidità rel./bande proporzionali refrigerata) l'indicatore del
molto differenti dai Settaggi Standard). servocomando si trova in
posizione ”0”. 1 0
AVVERTIMENTO: Prima di qualsiasi operazione
di taratura con l'unità in funzionamento, Nel caso di improbabile guasto al sistema di controllo, la val­
rimuovere dal controllo iCOM le chiamate per
l'umidificazione e riscaldamento elettrico. vola può essere azionata manualmente mediante rotazione
della manopola. Il servocomando potrà essere situato in una
10.1 - Regolazione della valvola di espansione qualsiasi posizione tra 0 e 1.
termostatica (TXV)
10.4 - Regolazione della valvola di iniezione
QUESTA OPERAZIONE DEVE ESSERE ESEGUITA DA UN del gas caldo in funzione antighiaccio e
FRIGORISTA ESPERTO. parziale controllo capacità (versioni F, D,
La valvola viene pretarata in fabbrica e, se necessario, dovrà H e Constant)
essere ritarata come segue:
QUESTA OPERAZIONE DEVE ESSERE ESEGUITA DA UN
1) IMPORTANTE: Assicurarsi che siano state eseguite le FRIGORISTA ESPERTO
istruzioni in Cap. 5.
2) Far funzionare il compressore per almeno 15 min. 10.4.1 - Caratteristiche
3) Misurare il surriscaldamento come segue: Questa valvola viene installata in alcune versioni speciali
a) Rilevare con un termometro a contatto la temperatu­ (ved. relativo circuito frigorifero). Consente un parziale con­
ra sul tubo che esce dall'evaporatore; trollo della pressione di evaporazione, in modo da evitare
b) Collegare un manometro (tramite un tubo di 300 mm temperature di evaporazione inferiori a zero gradi centigra­
max.) al rubinetto di aspirazione del compressore. di, e quindi la formazione di ghiaccio che potrebbe generare
c) Il surriscaldamento è la differenza tra la temperatura la rottura della batteria di scambio lato acqua refrigerata o in­
di saturazione del refrigerante corrispondente alla desiderate basse temperature dell'aria alle utenze. Inietta il
pressione letta sul manometro e la temperatura effet­ gas caldo a monte dell'evaporatore attraverso il miscelatore
tiva letta sul termometro. liquido-gas, in modo da mantenere la pressione dell'eva­
4) Il surriscaldamento deve essere di 6-8 K; altrimenti, ta­ poratore superiore al valore impostato. Ved. schema frigori­
rare la valvola di espansione come segue: fero negli allegati.
a) Rimuovere il tappo di protezione;
b) Girare la vite di regolazione di 1/4 di giro per volta; 10.4.2 - Regolazione
c) Attendere 10 minuti; La pressione minima di evaporazione viene controllata ta­
d) Misurare il surriscaldamento e ripetere l'operazione rando la valvola nel modo seguente.
se necessario.
 Ridurre drasticamente la portata dell'aria del condi­
Nota: Se il surriscaldamento è troppo basso girare la vite zionatore.
di regolazione in senso orario.
Se il surriscaldamento è troppo alto girare la vite di  Controllare con un manometro di precisione la pres­
regolazione in senso antiorario. sione di evaporazione e la conseguente temperatura di
saturazione.
10.2 - Regolazione della valvola di espansione  Calibrare la valvola agendo sulla vite di regolazione in
elettronica (EEV) modo che intervenga quando la temperatura di
La valvola di espansione elettronica viene pretarata in fab­ evaporazione sia scesa a 2°C.
brica (surriscaldamento di default: 6 K). Qualsiasi  Controllare poi il corretto funzionamento della valvola
regolazione deve essere effettuata dal servizio assistenza termostatica.
clienti Emerson Network Power.
10.5 - Sensore di allagamento (Liquistat)
10.3 - Valvola acqua refrigerata (solo W, F, D e H)
Data l'alta sensibilità del dispositivo antiallagamento (Liqui­
Le valvole a 3 vie (W/D/H) o a 2 vie (W/F) controllano il flusso stat), allo scopo di evitare la indesiderata segnalazione di al­
di acqua refrigerata; sono collegate a diversi servocomandi larme anche per sporadiche gocce d'acqua, si consiglia il
a seconda delle taglie delle unità. posizionamento dei sensori ad una distanza di almeno
Il servocomando controlla l'apertura della valvola mediante 500mm dal perimetro di base dell'unità.
uno stelo. Quando lo stelo del servocomando è completa­ In questo modo si garantisce l'intervento della protezione
mente abbassato la valvola è aperta e la batteria acqua refri­ solo in caso di effettiva necessità.
gerata viene alimentata.
Nelle unità condensate ad acqua, la valvola acqua regola la 10.6 - Tutela dell'ambiente
temperatura di condensazione mediante la regolazione del
flusso d'acqua attraverso il condensatore a piastre (MBV) Un utilizzo improprio o una taratura non corretta dell'unità
porta ad un aumento dei consumi energetici, con danno
La temperatura di condensazione è pretarata a 40°C all'in­ economico e ambientale.
terno del controllo iCOM. Questo valore può essere modifi­

Italiano Liebert PDX 15


11 -Manutenzione e Ricambi
11.1 - Istruzioni di sicurezza
Tutte le operazioni di manutenzione devono essere eseguite osservando rigidamente le regole Europee e Nazionali sulla pre­
venzione degli infortuni, specialmente le regole di prevenzione relative a impianti elettrici e frigoriferi.
La manutenzione di un impianto di aria condizionata deve essere eseguita esclusivamente da un tecnico specializzato e quali­
ficato.
Per mantenere le clausole di garanzia, la manutenzione deve rispettare le indicazioni del fabbricante.
PERICOLO: Prima di iniziare il lavoro di manutenzione assicurarsi che il sistema sia spento. Per arrestare il
sistema spegnere il condizionatore d'aria sia dal controllo che dall'interruttore principale. Porre un segnale
di avviso “NON ACCENDERE L'UNITA'”
Verificare che i componenti elettrici dell'unità siano spenti e non sotto tensione.
Ignorando le istruzioni di sicurezza si possono causare danni sia alle persone che all'impianto.
La sporcizia causa sempre una perdita di prestazioni. Negli interruttori e nei dispositivi di controllo può generare avarie nell'im­
pianto.

11.2 - Ricambi
Si consiglia l'uso di parti di ricambio originali Emerson Network Power. L'uso di materiale non originale comporta il decadere
della garanzia. In caso di richiesta procurarsi sempre il codice relativo al ricambio desiderato, se disponibile il modello e il nume­
ro di serie dell'unità nella ”Component List”.
NOTE:
1) Quando si sostituisce un componente difettoso è necessario attenersi alle istruzioni contenute nella confezione.
2) Quando si rimpiazzano componenti con attacchi a saldare, fare attenzione a non danneggiare i componenti interni (guarni­
zioni, sedi orifizi, sedi piane a tenuta, ecc.).

11.3 - Programma di manutenzione


I controlli mensili, trimestrali, biennali ed annuali vanno fatti secondo le seguenti linee guida.
Tutte le operazioni periodiche elencate qui sotto sono regolamentate dal costruttore e necessitano di essere documentate in un
rapporto di ispezione.
PRUDENZA: Tutte queste operazioni devono essere eseguite esclusivamente da personale esperto e quali­
ficato. Vi raccomandiamo di rivolgervi al servizio di assistenza tecnica Emerson Network Power

11.4 - Controllo e sostituzione dei filtri aria


E' importante verificare lo stato del filtro aria ogni mese per mantenere una buona efficienza nel passaggio del flusso aria attra­
verso la batteria evaporante.
PRUDENZA:
Rischio di spigoli vivi, fissaggi esposti e appuntiti. Possono causare lesioni personali. Solo il personale che indossa
appropriati caschi di sicurezza, guanti, scarpe antinfortunistiche e occhiali può eseguire queste operazioni!

UNITA' DOWNFLOW

1) Spegnere l'unità e aprire il pannello


frontale con la chiave.
Staffe filtri Nota: alcuni componenti all'interno
dell'unità possono raggiungere al­
te temperature, aspettare qualche
minuto prima di iniziare le opera­
zioni di manutenzione.
2) Svitare le viti e rimuovere le staffe
dei filtri.
3) Rimuovere i filtri aria.

16 Liebert PDX Italiano


UNITA' UPFLOW

1) Spegnere l'unità e aprire il pannel­


lo frontale con la chiave.
Nota: alcuni componenti all'inter­
no dell'unità possono raggiunge­
re alte temperature, aspettare
qualche minuto prima di iniziare le
operazioni di manutenzione.
2) Svitare e rimuovere le staffe del
filtro .
3) Rimuovere i filtri aria

Staffe filtri

11.5 - Sostituzione ventilatori EC


AVVERTIMENTO!
C'è il rischio che i ventilatori e il pannello cadano provocando un infortunio durante l'operazione di sostituzione.
Visto il peso dei ventilatori (circa 35 kg) e del pannello (fino a 25kg), per la sostituzione del ventilatore sono necessari
due tecnici.
PRIMA DI INIZIARE TOGLIERE SEMPRE L'ALIMENTAZIONE ELETTRICA DA TUTTI I CIRCUITI DELLA MACCHINA.
Tutte queste operazioni devono essere eseguite esclusivamente da personale esperto e qualificato
Come rimuovere i ventilatori
Rimuovere il pannello frontale (o la griglia) per avere accesso al vano del ventilatore (ved. Figure sotto).

Downflow Up
Upflow
Downflow Frontal

Italiano Liebert PDX 17


Versioni Downflow Up e Downflow Frontal

1) Scollegare il cavo elettrico dei ventilatori dal connettore.


2) Rimuovere le 2 viti frontali “a” dal supporto del ventila­
tore (una vite su entrambi i lati delle barre di scorrimen­
to).
3) Allentare le due viti posteriori “b” del supporto del venti­
latore (una vite su entrambi i lati delle barre di scorri­
mento).
4) Far scorrere verso il basso la ventola tirando la mani­
glia.
5) Rimuovere completamente le 2 viti “b" sul retro del ven­
b tilatore.
a 6) Tirare la maniglia per far scorrere il ventilatore fuori dal
vano

Versioni Upflow

1) Scollegare il cavo elettrico dei ventilatori dal


connettore.
b 2) Rimuovere le 2 viti frontali “a” dal supporto
a del ventilatore (una vite su entrambi i lati del­
le barre di scorrimento).
3) Rimuovere le due viti posteriori “b” del sup­
porto del ventilatore (una vite su entrambi i
lati delle barre di scorrimento) e lentamente
far scendere il ventilatore dal suo boccaglio.
4) Sollevare il ventilatore per allontanarlo dal
boccaglio e quindi estrarlo dal vano ventila­
tori.

18 Liebert PDX Italiano


Programma di manutenzione
PERIODO DI
MANUTENZIONE
COMPONENTE

1 Anno
3 Mesi

6 Mesi
VENTILATORI Controllare che non siano sporchi, guasti, corrosi, e che siano ben fissati. X
Attenzione, non Controllare il rumore dei cuscinetti. X
toccare il ventila­
tore quando la gi­ Misurare l'assorbimento di corrente e di potenza. X
rante è in fun­
zione. Mantenere puliti i ventilatori per garantirne un corretto funzionamento X
Controllare che non siano sporchi, guasti o corrosi. X
Verificare lo stato dei filtri. X
FILTRI ARIA
Pulirli o sostituirli se necessario. X
In ambienti sporchi controllarli molto frequentemente. X
FILTRO ARIA
RINNOVO Verificare lo stato del filtro; se necessario pulirlo o sostituirlo. X
(se installato)
Controllare la corretta installazione per le condizioni circostanti. X
Controllare il funzionamento dei LEDs del sistema di controllo, del display e degli allarmi. X
Verificare i collegamenti elettrici e meccanici. X
Controllare gli elementi funzionali (es. controlli relativi al funzionamento e dispositivi di vi­
SISTEMA DI sualizzazione). X
CONTROLLO Verificare i segnali d'ingresso pneumatici elettrici/elettronici (es. sensori, controlli remoti
variabili di comando) in conformità dei valori nominali. X
Verificare le funzioni e i segnali di controllo, verificare la catena di comando. X
Regolare la funzione di controllo e i segnali di controllo. X
UMIDIFICATORE
Vedere Allegati A, F, G.
(se installato)
INTERRUTTORE Controllare l'alimentazione su tutte le fasi. X
UNITA' Verificare i collegamenti per il funzionamento delle parti elettriche e meccaniche. X
CIRCUITO DI Verificare l'alimentazione elettrica a tutti i morsetti. X
POTENZA Misurare l'assorbimento di tutte le utenze collegate. X
Attenzione, i Settare, regolare e stringere gli elementi di funzionamento (es. controlli di funzionamento X
cavi elettrici e dispositivi di visualizzazione).
e i compo­ Controllare i dispositivi di sicurezza, es. gli interruttori termici. X
nenti elettrici del condi­
zionatore d'aria sono Sostituire i fusibili (ogni 2 - 3 anni) X
sotto tensione. Verificare le guaine di protezione. X
ACQUA DI Verificare il circuito acqua di raffreddamento. X
RAFFREDDAMENTO Verificare che non sia danneggiato, che non ci siano perdite e che sia ben fissato. X
(solo W, F e H) Assicurarsi che non manchi acqua.
ACQUA DI Assicurarsi che la pompa acqua lavori correttamente. X
RAFFREDDAMENTO Spurgare l'aria dal circuito. X
Verificare che il fluido di scambio termico del sistema sia anti-ghiaccio. X
(solo W, F e H) Verificare il funzionamento dei dispositivi di sicurezza.
solo per circuiti chiusi: Controllare la percentuale di glicole confrontando la temperatura esterna minima annuale. X
Misurare la pressione e la temperatura di lavoro (deve essere fatto da un frigorista esperto). X
CIRCUITO Controllare l'assorbimento di corrente del compressore, la temperatura di testa e la pre­
senza di eventuali rumori insoliti. X
FRIGORIFERO
Assicurarsi che non ci sia formazione di ghiaccio sull'evaporatore e sul compressore X
Verificare il funzionamento di tutti i dispositivi di regolazione (regolatori di pot., valvole, etc). X
I refrigeranti Verificare il funzionamento dei dispositivi di sicurezza. Se la quantità di refrigerante non è
fluorurati in­ suff., verificare che non ci siano perdite. Se ci fossero, riparare e rabboccare il circuito. X
crementano l'effetto Se la quantità di refrigerante non è sufficiente, provvedere una nuova operazione di vuoto
serra e sono soggetti
a normative e limita­ e carica.
zioni, in accordo con Controllare il livello dell'olio e la spia di flusso. X
le normative Nazionali Eseguire un test sul contenuto di umidità dell'olio X
ed Europee. Verificare il funzionamento della resistenza carter. X
Verificare la modulazione digitale - valvola a solenoide. X
VALVOLA DI
ESPANSIONE
ELETTRONICA e
Vedere il Manuale allegato all'unità.
CONTROLLO
SURRISCALDAMEN­
TO (se installato)
UNITA'
CONDENSANTE/
Vedere il Manuale allegato all'unità.
Dry cooler
(se installato)
Assicurarsi che non ci siano perdite di acqua. X
Spurgare l'aria dal circuito acqua refrigerata con la valvola di sfiato situata vicino alle con­
nessioni idrauliche dell'unità. X
Verificare che l'alimentazione dell'acqua refrigerata sia assicurata. X
CIRCUITO ACQUA Controllare la pressione e la temperatura del fluido in ingresso e uscita con termometri e
manometri, se installati. X
REFRIGERATA
(solo D e H) Verificare il corretto funzionamento della valvola a due/tre vie. X
Assicurarsi che il sistema sia pieno di liquido con la giusta concentrazione di glicole e che
non ci sia formazione di ghiaccio sul circuito idraulico. X
In caso di perdite di acqua rabboccare il circuito e assicurarsi che la concentrazione di gli­
cole sia corretta. X
Verificare che l'acqua refrigerata circoli regolarmente. X

Italiano Liebert PDX 19


11.6 - Circuito frigorifero
QUANDO SI RIPARA IL CIRCUITO FRIGORIFERO RECUPERARE TUTTO IL REFRIGERANTE IN UN CONTENITORE:
NON DISPERDERLO NELL'AMBIENTE.
 Quando si deve rimuovere (per riparazioni) o caricare il refrigerante, questo deve essere fatto simultaneamente da entrambi
i lati di alta e bassa pressione del compressore.
 Gli attacchi del compressore in acciaio placcato rame dovrebbero essere saldati con materiale Silfos contenente un minimo
di 5% di argento.

11.6.1 - Carica refrigerante unità ad acqua (W, F e H)


1) Avviare l'unità come descritto in par. 8.1.
2) Avviare manualmente il compressore (assicurarsi che l'unità non sia in deumidificazione).
3) Aspettare alcuni minuti affinchè si stabilizzino le condizioni.
4) Verificare con una cercafughe se ci sono perdite di refrigerante. In caso affermativo ricaricare l'unità fino a quando le condi­
zioni di funzionamento dell'intero circuito frigorifero risulteranno normali.
5) Con un manometro, controllare che la temperatura di evaporazione sia superiore a 0 C.
6) Verificare che il surriscaldamento sia di 6-8 K (per fare questo attenersi al par. 10.1).

11.6.2 - Carica di olio estere per R410A


L'olio da usare per il rabbocco è l'EMKARATE RL 32-3MA o il Mobil EAL Arctic 22CC (ved. Tab. h e Tab. i).

Tab. h - Olio EMKARATE RL 32-3MA


viscosità a 40 C : 31.2 cSt
viscosità a 100 C : 5.6 cSt
indice di viscosità (Grado ISO) : 32

Tab. i - Olio Mobil Arctic EAL 22CC


peso specifico approssimativo (a 15 C) : 0.967 kg/l
punto di infiammabilità (C.O.C.) : 245 °C
punto di scorrimento : <-54 °C
viscosità a 40 C : 23.6 cSt
viscosità a 100 C : 4.7 cSt
indice di viscosità (ASTM D2270) : 130

Questo olio assorbe velocemente l'umidità presente nell'aria quando viene esposto all'atmosfera.
Se l'olio assorbe umidità si può verificare la trasformazione delle molecole di estere con formazione di acidità.
Si raccomanda pertanto di esporre l'olio il minor tempo possibile, (pochi minuti).
Nel caso di rabbocco usare esclusivamente l'olio indicato sul compressore frigorifero.
Sono disponibili allo scopo lattine da 1 o 2 litri; una volta aperte e utilizzate parzialmente non possono essere riutilizzate a distan­
za di tempo perchè l'olio si saturerebbe di umidità.
Pertanto i rubinetti del compressore devono essere aperti solamente dopo che tutto l'impianto e' stato sottoposto a vuoto e
carica parziale.

11.6.3 - Rabbocco olio di un circuito già installato


Se ci sono state perdite di olio è necessario farne il rabbocco.
(Contattare il Service locale prima dell'intervento).

11.7 - Smantellamento dell'unità


La macchina è stata progettata e costruita per garantire un funzionamento continuativo.
La durata di alcuni componenti principali, quali il ventilatore e il compressore, dipende dalle condizioni di funzionamento e dalla
manutenzione a cui sono stati sottoposti.

PRUDENZA: L'unità contiene sostanze e componenti pericolosi per l'ambiente (componenti elettronici, batteria al
piombo in gel, gas refrigeranti e olii).
Alla fine della vita utile, in caso di smantellamento dell'unità, l'operazione dovrà essere eseguita da personale frigori
sta specializzato. L'unità dovrà essere conferita ad appositi centri specializzati per la raccolta e smaltimento di appa­
recchiature contenenti sostanze pericolose.
La batteria al piombo in gel, il fluido frigorigeno e l'olio lubrificante contenuto nel circuito dovranno essere recuperati, in accordo
con le norme vigenti del paese.

20 Liebert PDX Italiano


11.8 - Regolamento (EC) no. 842/2006 (F-gas)
I sistemi di condizionamento dell'aria fissi (non in movimento durante il loro normale funzionamento) installati nel terri­
torio del mercato europeo ed operanti con gas fluorurati ad effetto serra (f-gas), come ad esempio R407C, R134a,
R410A, devono conformarsi con il Regolamento Europeo F-gas (già in vigore dal 04 Luglio 2007).
I refrigeranti come R22 non sono definiti f-gas e fanno riferimento al Regolamento Europeo 2037/2000.
Le seguenti note devono essere considerate quando si opera con i sistemi sopra citati:
 I gas fluorurati ad effetto serra sono coperti dal Protocollo di Kyoto.
 I gas fluorurati ad effetto serra non devono essere rilasciati nell'atmosfera.
 Con riferimento ai valori indicati nell'allegato I del Regolamento (EC) no. 842/2006, qui a seguire viene riportato il poten­
ziale di riscaldamento globale (GWP) di alcuni principali f-gas

R-134a GWP 1300


R-407C GWP 1610
R-410A GWP 1890
 Gli operatori dei sistemi fissi di condizionamento aria che contengono gas fluorurati ad effetto serra, dovranno, usando
tutte le misure tecnicamente fattibili che non comportino costi sproporzionati:
a. prevenire perdite di questi gas e riparare prima possibile ogni fuga rilevata.
b. assicurare che tali applicazioni siano controllate esclusivamente da personale certificato, per individuare perdite.
c. predisporre il corretto recupero dei gas fluorurati ad effetto serra da parte di personale certificato.
d. per le applicazioni contenenti 3 kg (6 kg in caso di applicazioni ermeticamente sigillate) o più di f-gas: personale certifi­
cato e Imprese (in accordo al Reg. 303/2008) devono provvedere ad un regolare controllo per verificare l'assenza di
fughe e, in accordo con i Regolamenti attuativi Reg. 1497/2007 e Reg. 1516/2007, mantenere la registrazione delle
attività di manutenzione in un libretto di impianto dedicato.
e. Il recupero dei gas fluorurati ad effetto serra con lo scopo di assicurarne il riciclaggio, la rigenerazione o la
distruzione, in accordo con l'articolo 4 (Recupero) del Regolamento 842/2006, dovrà avvenire prima dello smal­
timento del sistema e, quando appropriato, durante la riparazione e manutenzione del sistema.
 Operatore, in accordo con il Reg. 842/2006, Articolo 2, punto 6, è inteso come la persona fisica o giuridica che ha la possibi­
lità di esercitare con una reale autonomia il totale controllo delle funzionalità della macchina o del sistema coperto dal
Regolamento. Lo Stato può, in definite specifiche situazioni, designare il proprietario del sistema ad essere responsabile
per gli obblighi previsti dalla figura dell'operatore.
 Metodi diretti di ricerca fughe approvati dal produttore (Reg. 1516/2007 and Reg. 1497/2007)
a. dispositivi di rilevazione adatti al diretto rilevamento del contenuto di fluido frigorifero in aria, la sensibilità dei dispositivi
portatili di detenzione gas dovrà essere almeno pari a 5 grammi per anno.
b. soluzione saponate (bolle di sapone) adatte allo scopo.
 Informazioni addizionali presenti in una dedicata etichetta dell'unità (Reg. 1494/2007)
a. Nelle applicazioni in cui è previsto un completamento della carica di refrigerante nel sito di installazione (quindi fuori
dal sito produttivo), una dedicata etichetta di macchina riporterà informazioni su entrambe le quantità (kg) di refrigeran­
te, pre-caricata in fabbrica e caricata sul sito di installazione, nonchè la quantità totale di f-gas caricato nell'applica­
zione come risultato delle sopra menzionate quantità, ed in modo da garantire una leggibilità ed indelebilità delle infor­
mazioni.
Le nostre unità di tipologia split sono usualmente non precaricate di refrigerante in fabbrica,in questo caso la totale cari­
ca di refrigerante caricata nell'unità deve essere scritta nella pertinente etichetta, durante le operazioni di avviamento
unità e carica di refrigerante nel sito di installazione.
b. Le nostre unità di tipologia packaged (non splittate) ed operanti con f-gas, sono usualmente caricate in fabbrica con
la totale carica di refrigerante richiesta e la relativa quantità è già riportata nella etichetta caratteristica. In questo caso,
la etichetta non necessita di maggiori informazioni scritte.
c. Generalmente, le sopra menzionate informazioni sono riportate nella etichetta matricolare principale dell'unità.
d. Per sistemi con doppio circuito di refrigerante, in merito ai differenti requisiti richiesti sulla base della quantità di refrige­
rante f-gas contenuta, le informazioni circa la quantità di refrigerante sono listate separatamente per ogni singolo cir­
cuito.
e. Per equipaggiamenti con separate sezioni interna ed esterna (unità split) connesse da tubazioni di refrigerante, le infor­
mazioni sulla carica di refrigerante saranno inserite nella etichetta relativa alla sola parte di sistema che viene inizialmen­
te caricata di refrigerante. In caso di sistemi split senza una pre-carica di refrigerante in fabbrica, le informazioni obbli­
gatorie saranno inserite nella etichetta relativa alla sola sezione del sistema in cui sono previsti i punti di accesso al circui­
to frigorifero per le operazioni di manutenzione relative alla carica o recupero di refrigerante f-gas impiegato.
 Schede tecniche di sicurezza degli f-gases utilizzati nella macchina sono disponibili su richiesta.

Italiano Liebert PDX 21


Allegato A - Umidificatore ad elettrodi

A.1 - Umidificatore ad elettrodi


Il funzionamento dell'umidificatore ad elettrodi immersi è basato su un principio fisico molto semplice. La comune acqua
potabile contiene una certa quantità di sali minerali dissolti in essa, è quindi leggermente conduttiva. Applicando una tensione
agli elettrodi metallici immersi nell'acqua si genera una corrente elettrica che riscalda l'acqua fino a produrre il vapore (effetto
Joule). La quantità di vapore è proporzionale alla corrente elettrica, che a sua volta è proporzionale al livello dell'acqua.
Al fine di ottenere prestazioni ottimali dall'umidificatore si consiglia di leggere attentamente questo manuale.

Tab. 1 - Specifiche Humidair


VOLUME MAX. QUANTITÀ QUANTITÀ
ALIMENTAZIONI CORRENTE POTENZA ACQUA MAX. MAX.
SETTAGGIO ACQUA ACQUA
MODELLO PRINCIPALI NOMINALE ASSORBITA CILINDRO
HUMIDAIR DI CARICO DI SCARICO
(V ± 10%)
[kg/h] * [A] [kW] [l] [l/min.] [l/min.]
KUEC2E 400V / 3ph / 50Hz 3.9…13.0 13 9 5.5 0.6 10.0

Per la corrente dell'umidificatore (FLA) e la potenza nominale riferirsi alle caratteristiche elettriche nell'Allegato B
(*) L'unità è tarata in fabbrica per produrre circa il 50% del valore massimo (ved. manuale iCOM).

A.2 - Installazione

L'umidificatore viene fornito già incorporato al condizionatore d'aria. Le uniche operazioni necessarie sono i collegamenti
per l'acqua di carico e quella di scarico.
Acqua di carico.
Usare solo acqua potabile di rete con:
• Pressione tra 0.1 e 0.8 MPa (1 e 8 bar), temperatura tra 1 e 40°C e una portata istantanea non superiore alla portata nominale
dell'elettrovalvola di riempimento, la connessione è R ¾ (ISO 7/1);
• Durezza non superiore a 400 ppm di CaCO3 (40°fH), gamma di conduttività: 75-1250 μS/cm;
Composti non organici. Acqua normale Acqua a basso contenuto di sale
Unità di misura
Caratteristiche dell'acqua di carico min. max min. max.
Ioni di idrogeno (pH) 7 8.5 7 8.5
Conduttività specifica a 20°C(σR, 20°C) ) (σR, 20°C) S/cm 350 1250 75 350
Solidi totali dissolti (cR) mg/l (1) (1) (1) (1)
Residuo secco a 180°C(TH) mg/l (1) (1) (1) (1)
Durezza totale mg/l CaCO3 100 (2) 400 50 (2) 160
Durezza temporanea mg/l CaCO3 60 (3) 300 30 (3) 100
Ferro + Manganese mg/l Fe+Mn = 0.2 = 0.2
Cloruri ppm Cl- = 30 = 20
Silice mg/l SiO2 = 20 = 20
Cloro residuo mg/l Cl2 = 0.2 = 0.2
Solfato di calcio mg/l CaSO4 = 100 = 60
Impurità metalliche mg/l 0 0 0 0
Solventi, diluenti, detergenti, lubrificanti mg/l 0 0 0 0
(1) = valori dipendono dalla conducibilità specifica; in generale: CR [0.65 * σR, 20°C; R180 [0,93 * σR, 20°C
(2) = non meno del 200% del contenuto di cloridi in mg/l CL-
(3) = non meno del 300% del contenuto di cloridi in mg/l CL-

Non c'è relazione tra durezza e conducibilità dell'acqua.


Importante:
• non trattare l'acqua con addolcitori, questo può causare la formazione di schiuma, che compromette il funzionamento della
macchina;
• non aggiungere disinfettanti o composti anticorrosivi all'acqua, in quanto questi sono potenzialmente irritanti;
• Non è raccomandato l'uso di acqua di pozzo, acque industriali o acqua dai circuiti di raffreddamento e, in generale, tutta
l'acqua potenzialmente, chimicamente o batteriologicamente contaminata.
Collegamenti:
Per le connessioni dell'acqua di carico vedere i dettagli in Fig. 1 (punti 11-14).
Acqua di scarico.
• Contiene le stesse sostanze disciolte nell'acqua di carico, ma in grandi quantità;
• Può raggiungere una temperatura di 100 °C;
• Non è tossica e può essere scaricata nella rete fognaria, categoria 3, EN 1717.
Importante:
Per le connessioni dell'acqua di scarico vedere i dettagli in Fig. 1.
• Utilizzare un tubo di scarico Ø32mm, lunghezza massima 10 m con pendenza minima del 5%, non fare un sifone su questo
tubo per evitare contropressioni nelle tubazioni di scarico. Per configurazioni con lunghezze maggiori o per alte portate
considerare l'opzione PDX con pompa di scarico condensa.

Italiano Liebert PDX A-1


Allegato A - Umidificatore ad elettrodi

• Disporre il tubo di scarico in una rete di drenaggio ordinario. (la rete di drenaggio dovrebbe avere un sifone (Ved. Fig. 1),
deve essere in grado di resistere a temperature fino a 100°C e capace di drenare il flusso d'acqua fino a 10l/min.
• Prestare attenzione al drenaggio manuale del cilindro vapore se la rete di drenaggio non è capace di drenare il flusso d'ac­
qua fino a 10l/min, con rischi di sovraccarico d'acqua nell'umidificatore.

A.2.1 - Componenti dell'umidificatore ad elettrodi


1 telaio 5d tubo di scarico
2 serbatoio di riempimento 6 elettrovalvola di riempimento
2a elettrodi conducibilità 7 pompa di scarico
3 cilindro 8 connessioni di scarico (diametro 32 mm)
3a elettrodi in alto 9 uscita vapore
3b elettrodi immersi 10 tubo distribuzione vapore
3c filtro all'interno del cilindro 11 valvola manuale (non fornita)
4 cinghia fissaggio cilindro 12 filtro meccanico (non fornito)
5 kit tubo 13 tubo di carico (non fornito)
5a tubo di carico 14 tubo di collegamento
5b tubo di riempimento 15 tubo di scarico con sifone (non fornito)
5c pompa di scarico e tubo di troppo pieno

Fig. 1 - L'umidificatore e i suoi componenti

Limite di fornitura

A-2 Liebert PDX Italiano


Allegato A - Umidificatore ad elettrodi

A.3 - Avviamento e funzionamento

A.3.1 - Avviamento
Prima di usare l'umidificatore, controllare che:
 I collegamenti di carico e di scarico siano effettuati.
 Il rubinetto di intercettazione sia aperto.
 I cavi elettrici siano in ordine.
 La messa a terra sia collegata.
 Il collegamento del tubo flessibile di vapore tra cilindro e distributore sia ben allacciato.
Per avviare l'umidificatore accendere semplicemente il condizionatore, che a sua volta avvierà e fermerà l'umidificatore quando
richiesto.
I parametri (regolabili) che determinano il funzionamento dell'umidificatore vengono già presettati in fabbrica (ved. manuale
iCOM).

A.3.2 - Funzionamento
L'acqua, contenente una certa quantità di sali, è un conduttore di corrente. Perciò, se il cilindro vapore viene riempito di acqua
e viene applicata una differenza di potenziale tra gli elettrodi, l'acqua si comporta come una comune resistenza elettrica, trasfor­
mando la potenza elettrica in calore riscaldando se stessa.
La produzione di vapore può essere regolata variando il livello di acqua dentro il cilindro; più alto è il livello dell'acqua, più pro­
fondi sono gli elettrodi immersi dentro ad esso e maggiore è la produzione di vapore.
Nota 1:
Nel caso di bassa conduttività dell'acqua, prego contattare il Servizio Assistenza.
Nota 2:
Quando la partenza avviene con un cilindro vuoto, la conducibilità dell'acqua è normalmente insufficiente per raggiungere
immediatamente la "PRODUZIONE DI VAPORE SETTATA".
L'umidificatore produce perciò il più vapore possibile per riempire completamente il cilindro. L'acqua che vaporizza è immedia­
tamente ripristinata.
La valvola di scarico viene tenuta chiusa e perciò, poichè il vapore non contiene sali, la conducibilità dell'acqua dentro il cilindro
aumenta lentamente fino ad ottenere la "PRODUZIONE DI VAPORE SETTATA".
La lunghezza del periodo di partenza dipende dalla conducibilità dell'acqua. Con acqua molto conduttiva può succedere che la
"PRODUZIONE DI VAPORE SETTATA" venga ottenuta immediatamente.

A.4 - Manutenzione
Importante: il cilindro potrebbe essere caldo. Lasciate raffreddare prima di toccarlo o utilizzare i guanti.

A.4.1 - Rimozione del cilindro vapore


 Scaricare completamente l'acqua contenuta nel cilindro;
 Spegnere l'apparecchio ed aprire il sezionatore sulla linea principale di alimentazione (procedura di sicurezza);
 Rimuovere il tubo di vapore dal cilindro;
 Scollegare i collegamenti elettrici dalla parte superiore del cilindro;
 Rilasciare il cilindro dal dispositivo di fissaggio e sollevarlo per rimuoverlo;
 Adattare il nuovo cilindro all'umidificatore eseguendo le operazioni precedenti in senso inverso.

A.4.2 - Manutenzione del cilindro (ved. foglio istruzioni cilindro)


La vita del cilindro dipenda da diversi fattori, inclusi: il riempimento completo di calcare e / o la corrosione parziale o completa
degli elettrodi, i corretti uso e dimensionamento dell'umidificatore, l'uscita e la qualità delle acque, così come un'attenta e
regolare manutenzione. A causa dell'invecchiamento della plastica e il consumo degli elettrodi, anche un cilindro a vapore
funzionante ha una durata limitata, ed è perciò consigliabile sostituirlo dopo 5 anni o 10.000 ore di funzionamento.
Importante: l'umidificatore ed il suo cilindro contengo componenti elettrici in tensione e superfici calde, di conseguenza tutte le
operazioni di assistenza e manutenzione devono essere eseguita da personale esperto e qualificato, a conoscenza delle pre­
cauzioni necessarie. Prima di ogni intervento sul cilindro, verificare che l'umidificatore sia scollegato dalla rete elettrica; leggere
e seguire con attenzione le istruzioni contenute nel manuale dell'umidificatore. Rimuovere il cilindro dall'umidificatore solo do­
po averlo svuotato completamente. Verificare che il modello e la tensione di alimentazione del nuovo modello corrispondano a
quello da sostituire.

A.4.3 - Controlli periodici


 Dopo un'ora di funzionamento: sia per cilindri apribili che monouso, controllare che non ci siano perdite significative di ac­
qua.
 Ogni 15 giorni o dopo non più di 300 ore di funzionamento: sia per cilindri apribili che monouso, verificare il funzionamento,
che non ci siano perdite significative di acqua e le condizione generali del telaio. Controllare che durante il funzionamento
non ci siano archi o scintille tra gli elettrodi.
 Ogni tre mesi o dopo non più di 1000 ore di funzionamento: per cilindri monouso, controllare il funzionamento, che non
ci siano perdite significative di acqua, se necessario sostituire il cilindro; per cilindri apribili: controllare che non ci siano parti
marcatamente annerite sul telaio: se questo si presenta, verificare la condizione degli elettrodi e se necessario sostituirli
insieme agli O-ring e alla guarnizione del coperchio.

Italiano Liebert PDX A-3


Allegato A - Umidificatore ad elettrodi

 Annualmente o dopo non più di 2500 ore di funzionamento: per cilindri monouso, sostituire il cilindro; per cilindri apribili
verificare il funzionamento, che non ci siano perdite significative di acqua, le condizioni generali del contenitore, controllare
che non ci siano parti marcatamente annerite sul telaio: se questo si presenta, verificare la condizione degli elettrodi e se
necessario sostituirli insieme agli O-ring e alla guarnizione del coperchio.
 Dopo 5 anni o dopo non più di 10,000 ore di funzionamento: sia per cilindri apribili che monouso sostituire il cilindro. Dopo
un uso prolungato o quando si usa acqua con un elevato contenuto di sale, i depositi solidi che si formano naturalmente
sugli elettrodi possono raggiungere la fase in cui attaccano anche la parete interna del cilindro; in caso di depositi particolar­
mente conduttivi, il calore che di conseguenza si produce potrebbe surriscaldare e fondere la plastica, e, nei casi più gravi,
forare il cilindro, permettendo all'acqua di defluire nel serbatoio.
Per precauzione controllare, con la frequenza consigliata sopra, i depositi e l'annerimento della parete del cilindro e sostituirlo,
se necessario.
ATTENZIONE: in caso di perdite disconnettere sempre l'apparecchiatura prima di toccare il cilindro, la corrente elettrica può
scorrere attraverso l'acqua.

A.4.4 - Sostituzione e manutenzione di altri componenti


Elettrovalvola di riempimento: dopo aver scollegato i cavi e le tubazioni, rimuovere l'elettrovalvola e verificare le condizioni del
filtro in ingresso; pulirlo se necessario con acqua e una spazzola morbida.
Collettore di carico e scarico: controllare che non ci siano residui solidi nell'attacco del cilindro, rimuovere ogni impurità. Verifi­
care che la guarnizione (O-ring) non sia danneggiata o crepata; se necessario sostituirla.
Pompa di scarico: scollegare l'alimentazione elettrica, rimuovere il corpo motore svitando le tre viti di fissaggio; rimuovere even­
tuali impurità e risciacquare.
Serbatoio di carico & conduttimetro: verificare che non ci siano ostruzioni o particelle solide e che gli elettrodi per la misurazione
della conducibilità siano puliti, rimuovere eventuali impurità e risciacquare.
Kit tubo: verificare che i tubi siano liberi e che non contengano impurità; rimuovere eventuali impurità e risciacquare.

A-4 Liebert PDX Italiano


Allegato B - Tabelle dati tecnici

Tab. 1a - Dati elettrici con modulo ventilante basic

Sistema frigorifero SCROLL Sistema frigorifero DIGITAL SCROLL


INTERRUTTORE INTERRUTTORE
Alimenta­ DI PROTEZIONE DI PROTEZIONE
Configurazione Modello zione FLA LRA FLA LRA Misura cavo Cu
A CORRENTE A CORRENTE
[A] [A] DIFFERENZIALE [A] [A] DIFFERENZIALE
Inn=0.3A (400V)* Inn=0.3A (400V)*
PX015 11.10 46.10 25A "C" 11.00 55.10 25A "C" 35mm2
PX021 14.90 67.10 25A "C" 14.90 67.10 25A "C" 35mm2
PX025 18.10 104.10 32A "C" 19.60 104.10 32A "C" 35mm2
Raffreddamento PX031 400 V /
Ventilatore(i) + (D/F/H) 3 Ph + N / 24.10 114.10 32A "C" 24.10 114.10 32A "C" 35mm2
50 Hz
Compressore(i) + terra
PX031 19.30 104.10 32A "C" 19.30 104.10 32A "C" 35mm2
PX033 25.10 121.10 40A "C" 25.10 121.10 40A "C" 35mm2
PX033 28.10 121.10 40A "C" 28.10 121.10 40A "C" 35mm2
(smart aisle)
PX015 21.94 56.94 32A "C" 21.84 65.94 32A "C" 35mm2
PX021 25.74 77.94 32A "C" 25.74 77.94 32A "C" 35mm2
Raffreddamento + Ri­ PX025 28.94 114.94 40A "C" 30.44 114.94 40A "C" 35mm2
scaldamento elettrico 400 V /
(DEUMIDIFICAZIONE) PX031 (FC) 3 Ph + N / 34.94 124.94 50A "C" 34.94 124.94 50A "C" 35mm2
(Ventilatore (i)+ 50 Hz
Compressore(i) + PX031 + terra 30.14 114.94 40A "C" 30.14 114.94 40A "C" 35mm2
Riscaldamento elettrico)
PX033 35.94 131.94 50A "C" 35.94 131.94 50A "C" 35mm2
PX033 38.94 131.94 50A "C" 38.94 131.94 50A "C" 35mm2
(smart aisle)
PX015 23.50 58.50 32A "C" 23.40 67.50 32A "C" 35mm2
Raffreddamento + Ri­ PX021 27.30 79.50 40A "C" 27.30 79.50 40A "C" 35mm2
scaldamento elettrico
+ Umidificazione PX025 30.50 116.50 40A "C" 32.00 116.50 40A "C" 35mm2
400 V /
PX031 (FC) 3 Ph + N / 36.50 126.50 50A "C" 36.50 126.50 50A "C" 35mm2
(Ventilatore(i) + 50 Hz
Compressore(i) + PX031 + terra 31.70 116.50 40A "C" 31.70 116.50 40A "C" 35mm2
umidificatore ad
elettrodi o a PX033 36.50 132.50 50A "C" 36.50 132.50 50A "C" 35mm2
infrarossi)
PX033 40.50 133.50 50A "C" 40.50 133.50 50A "C" 35mm2
(smart aisle)

* ATTENZIONE Sono permessi solo dispositivi di protezione RCD (tipo B, B+) universali.
NOTE:
S Il cavo deve essere dimensionato in accordo alle normative locali ed in base al tipo di installazione e portata (A)
S I dati nelle tabelle non tengono conto della corrente assorbita dalla pompa scarico condensa e da altre opzioni non esplicitamente descrit­
te.
S L’energia specifica lasciata fluire dall’interruttore di protezione installato dall’utente, deve essere inferiore a 300.000 A2 x s.
S Prescrizioni sul relè differenziale richiesto all'utilizzatore:
S Per ambienti speciali (ambienti medici, etc.) adeguarsi alle normative locali;
S Per ambienti ordinari si consiglia una sensibilità bassa (300 mA) coordinata con il valore della resistenza di terra (IEC 364): Ra v 50/Ia
(Art. 413.1.4.1, CEI 64­8 or IEC60364­4­45);
S In caso di frequenti sovratensioni ad impulso di rete, si consiglia di installare un differenziale selettivo e di valutare la necessità di
adottare altri dispositivi.
S Il FLA è per unità senza le opzioni pompa di scarico condensa e unità condensante;
S Il FLA è per unità con le sole FUNZIONI AUTOMATICHE: nel funzionamento in modalità manuale il FLA deve essere inferiore alla
massima corrente dell'interruttore principale.

Italiano Liebert PDX B-1


Allegato B - Tabelle dati tecnici

Tab. 1b - Dati elettrici con modulo ventilante premium


Sistema frigorifero SCROLL Sistema frigorifero DIGITAL SCROLL
INTERRUTTORE
INTERRUTTORE
Alimenta­ DI
Configurazione Modello DI PROTEZIONE A Misura cavo Cu
zione FLA LRA FLA LRA PROTEZIONE A
CORRENTE
[A] [A] [A] [A] CORRENTE
DIFFERENZIALE
DIFFERENZIALE
Inn=0.3A (400V)*
Inn=0.3A (400V)*

PX015 13.60 48.60 25A "C" 13.50 57.60 25A "C" 35mm2
PX021 17.40 69.60 25A "C" 17.40 69.60 25A "C" 35mm2
PX025 20.60 106.60 32A "C" 22.10 106.60 32A "C" 35mm2
Raffreddamento 400 V /
PX031 3 Ph + N / 26.60 116.60 32A "C" 26.60 116.60 32A "C" 35mm2
Ventilatore(i) + (D/F/H) 50 Hz
Compressore(i) + terra
PX031 21.80 106.60 32A "C" 21.80 106.60 32A "C" 35mm2

PX033 27.60 123.60 40A "C" 27.60 123.60 40A "C" 35mm2
PX033 30.60 123.60 40A "C" 30.60 123.60 40A "C" 35mm2
(smart aisle)

PX015 24.44 59.44 32A "C" 24.34 68.44 32A "C" 35mm2
Raffreddamento + PX021 28.24 80.44 32A "C" 28.24 80.44 32A "C" 35mm2
Riscaldamento
elettrico PX025 31.44 117.44 40A "C" 32.94 117.44 40A "C" 35mm2
(DEUMIDIFICA­ 400 V /
PX031 (FC) 3 Ph + N / 37.44 127.44 50A "C" 37.44 127.44 50A "C" 35mm2
ZIONE) 50 Hz
(Ventilatore (i)+ PX031 + terra 32.64 117.44 40A "C" 32.64 117.44 40A "C" 35mm2
Compressore(i) +
Riscaldamento PX033 38.44 134.44 50A "C" 38.44 134.44 50A "C" 35mm2
elettrico)
PX033 41.44 134.44 50A "C" 41.44 134.44 50A "C" 35mm2
(smart aisle)

PX015 26.00 61.00 32A "C" 25.90 70.00 32A "C" 35mm2
Raffreddamento +
Riscaldamento PX021 29.80 82.00 40A "C" 29.80 82.00 40A "C" 35mm2
elettrico + Umidifi­ 400 V /
PX025 33.00 119.00 40A "C" 34.50 119.00 40A "C" 35mm2
cazione 3 Ph + N /
PX031 (FC) 50 Hz 39.00 129.00 50A "C" 39.00 129.00 50A "C" 35mm2
(Ventilatore(i) + + terra
Compressore(i) + PX031 34.2.00 119.00 40A "C" 34.20 119.00 40A "C" 35mm2
umidificatore ad + terra
elettrodi o a PX033 39.00 135.00 50A "C" 39.00 135.00 50A "C" 35mm2
infrarossi) PX033 43.00 136.00 50A "C" 43.00 136.00 50A "C" 35mm2
(smart aisle)

* ATTENZIONE Sono permessi solo dispositivi di protezione RCD (tipo B, B+) universali.
NOTE:
S Il cavo deve essere dimensionato in accordo alle normative locali ed in base al tipo di installazione e portata (A)
S I dati nelle tabelle non tengono conto della corrente assorbita dalla pompa scarico condensa e da altre opzioni non esplicitamente descrit­
te.
S L’energia specifica lasciata fluire dall’interruttore di protezione installato dall’utente, deve essere inferiore a 300.000 A2 x s.
S Prescrizioni sul relè differenziale richiesto all'utilizzatore:
S Per ambienti speciali (ambienti medici, etc.) adeguarsi alle normative locali;
S Per ambienti ordinari si consiglia una sensibilità bassa (300 mA) coordinata con il valore della resistenza di terra (IEC 364): Ra v 50/Ia
(Art. 413.1.4.1, CEI 64­8 or IEC60364­4­45);
S In caso di frequenti sovratensioni ad impulso di rete, si consiglia di installare un differenziale selettivo e di valutare la necessità di
adottare altri dispositivi.
S Il FLA è per unità senza le opzioni pompa di scarico condensa e unità condensante;
S Il FLA è per unità con le sole FUNZIONI AUTOMATICHE: nel funzionamento in modalità manuale il FLA deve essere inferiore alla
massima corrente dell'interruttore principale.

B-2 Liebert PDX


Allegato B - Tabelle dati tecnici

Tab. 2 - Collegamenti ventilatore EC

Segnale ventilatore EC [Vdc]*


Modello Downflow Up Downflow Frontal Upflow Constant
STD Deumidificazione STD Deumidificazione STD Deumidificazione STD Deumidificazione

PX015 A/W 5.7 4.7 5.6 4.6 6.1 5.1 5.1 4.1
Versione con modulo ventilante basic

PX021 A/W 8.0 7.0 7.9 6.9 8.3 7.2 7.2 6.2

PX025 A/W 8.7 7.7 8.6 7.6 9.0 8.0 8.0 7.0

PX031 A/W 9.6 8.6 9.5 8.5 9.7 8.9 8.9 7.9

PX033 A/W 9.6 8.6 9.5 8.5 9.7 8.9 _ _

PX015 F/D/H 7.4 6.4 7.3 6.3 7.9 6.9 _ _

PX021 F/D/H 8.0 7.0 8.0 7.0 8.5 7.5 _ _

PX025 F/D/H 8.8 7.8 8.8 7.8 9.3 8.3 _ _

PX031 F/D/H 9.6 8.6 9.6 8.6 9.7 8.7 _ _

PX015 A/W 5.5 4.5 5.4 4.4 5.8 4.8 _ _


Versione con modulo ventilante premium

PX021 A/W 6.8 5.9 6.7 5.7 7.0 6.0 _ _

PX025 A/W 8.1 7.1 8.0 7.0 8.3 7.3 _ _

PX031 A/W 9.1 8.1 9.0 8.0 9.3 8.3 _ _

PX033 A/W 9.5 8.5 9.4 8.4 9.7 9.7 _ _

PX015 F/D/H 6.7 5.7 6.6 5.6 7.0 6.0 _ _

PX021 F/D/H 7.4 6.4 7.3 6.3 7.7 6.7 _ _

PX025 F/D/H 8.7 7.7 8.6 7.6 9.0 8.0 _ _

PX031 F/D/H 9.7 8.7 9.6 8.6 9.8 8.8 _ _

NOTA:
I settaggi del ventilatore EC fan sono modificabili agendo sul display del controllo (vedi manuale iCOM).
(*) Settato per portata aria nominale e alle condizioni standard di funzionamento, Filtri: classe F5, ESP: Upflow 50 Pa; Downflow Up 20 Pa;
Downflow Frontale 0 Pa.

Italiano Liebert PDX B-3


Allegato B - Tabelle dati tecnici

Tab. 3 - Caratteristiche elettriche (componenti standard)

Componente Ventilatore EC
Downflow Up Downflow Frontal Upflow

Potenza nominale*

Potenza nominale*
Potenza nominale*

Fattore di potenza

Fattore di potenza

Fattore di potenza
OA* [A]

LRA [A]

LRA [A]

LRA [A]
FLA [A]

FLA [A]

FLA [A]
OA* [A]

OA* [A]
Modello

[kW]

[kW]
[kW]
cos j

cos j

cos j
PX015 A/W 0.80 3.1 0.1 0.37 0.87 0.78 3.1 0.1 0.35 0.86 0.91 3.1 0.1 0.45 0.87
Versione con modulo ventilante basic

PX021 A/W 1.62 3.1 0.1 0.97 0.89 1.57 3.1 0.1 0.93 0.88 1.79 3.1 0.1 1.08 0.90

PX025 A/W 2.02 3.1 0.1 1.25 0.91 1.96 3.1 0.1 1.20 0.91 2.22 3.1 0.1 1.38 0.91

PX031 A/W 2.66 3.1 01 1.68 0.91 2.57 3.1 01 1.62 0.91 2.74 3.1 01 1.73 0.91

PX033 A/W 2.66 3.1 0.1 1.68 0.83 2.57 3.1 0.1 1.62 0.82 2.74 3.1 0.1 1.73 0.86

PX015 F/D/H 1.39 3.1 0.1 0.80 0.87 1.31 3.1 0.1 0.74 0.86 1.56 3.1 0.1 0.93 0.89

PX021 F/D/H 1.68 3.1 0.1 1.01 0.90 1.63 3.1 0.1 0.97 0.89 1.89 3.1 0.1 1.16 0.91

PX025 F/D/H 2.15 3.1 0.1 1.34 0.92 2.09 3.1 0.1 1.29 0.91 2.42 3.1 0.1 1.52 0.92

PX031 F/D/H 2.74 3.1 0.1 1.74 0.75 2.67 3.1 0.1 1.68 0.74 2.73 3.1 0.1 1.73 0.78

PX015 A/W 0.87 5.6 0.1 0.45 0.85 0.84 5.6 0.1 0.43 0.84 0.98 5.6 0.1 0.53 0.87
Versione con modulo ventilante premium

PX021 A/W 1.37 5.6 0.1 0.81 0.92 1.32 5.6 0.1 0.77 0.91 1.47 5.6 0.1 0.88 0.92

PX025 A/W 2.10 5.6 0.1 1.33 0.94 2.03 5.6 0.1 1.28 0.94 2.26 5.6 0.1 1.44 0.94

PX031 A/W 2.89 5.6 0.1 1.88 0.94 2.79 5.6 0.1 1.81 0.94 3.10 5.6 0.1 2.02 0.94

PX033 A/W 3.28 5.6 0.1 2.13 0.87 3.16 5.6 0.1 2.06 0.86 3.51 5.6 0.1 2.29 0.89

PX015 F/D/H 1.53 5.6 0.1 0.92 0.90 1.43 5.6 0.1 0.85 0.89 1.68 5.6 0.1 1.04 0.91

PX021 F/D/H 1.81 5.6 0.1 1.13 0.93 1.69 5.6 0.1 1.04 0.93 1.99 5.6 0.1 1.25 0.94

PX025 F/D/H 2.77 5.6 0.1 1.79 0.94 2.68 5.6 0.1 1.73 0.94 3.04 5.6 0.1 1.97 0.89

PX031 F/D/H 3.56 5.6 0.1 2.32 0.94 3.45 5.6 0.1 2.25 0.94 3.89 5.6 0.1 2.39 0.89

(*) Alle condizioni standard di funzionamento, Filtri classe F5, ESP: Upflow 50Pa; Downflow Up 20Pa; Downflow Frontal 0Pa.
(**)Alle condizioni nominali: Temperatura di condensazione 45_C - Condizioni ambiente 24_C / 50% RH

B-4 Liebert PDX


Allegato B - Tabelle dati tecnici

COMPRESSORE Downflow Up
Componente
(400V / 3Ph / 50Hz)
Fattore di potenza** Potenza nominale** Resistenza
OA** [A] FLA [A] LRA [A]
cos j [kW] (Ohm)
Modello
Digital Digital Digital Digital Digital Digital
Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll
Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll

PX015 A/W 4.52 4.68 0.83 0.82 8.0 6.9 43 46 2.60 2.67
Versione con modulo ventilante basic

PX021 A/W 6.89 7.37 0.79 0.80 11.8 11.9 64 64 3.79 4.07

PX025A/W 10.10 10.03 0.74 0.79 15.0 16.5 101 101 5.19 5.47

PX031 A/W 12.17 13.63 0.75 0.68 21.0 21.0 111 111 6.33 6.42

PX033 A/W 13.98 14.15 0.75 0.77 22.0 22.0 118 118 7.27 7.54

PX015 F/D/H 4.51 4.68 0.83 0.82 8.0 6.9 43 46 2.59 2.66

PX021 F/D/H 6.89 7.37 0.79 0.80 11.8 11.8 64 64 3.79 4.07

PX025 F/D/H 10.07 10.03 0.74 0.79 15.0 16.5 101 101 5.17 5.47

PX031 F/D/H 12.16 12.6 0.75 0.73 21.0 21.0 111 111 6.32 6.4

PX015 A/W 4.50 4.68 0.83 0.81 8.0 6.9 43 46 2.59 2.64
Versione con modulo ventilante premium

PX021 A/W 6.84 7.38 0.79 0.80 11.8 11.8 64 64 3.76 4.09

PX025 A/W 10.11 10.03 0.74 0.79 15.0 16.5 101 101 5.20 5.46

PX031 A/W 12.17 12.65 0.75 0.74 21.0 21.0 111 111 6.33 6.44

PX033 A/W 13.98 14.15 0.75 0.77 22.0 22.0 119 118 7.27 7.55

PX015 F/D/H 4.51 4.68 0.83 0.82 8.0 6.9 43 46 2.59 2.65

PX021 F/D/H 6.88 7.37 0.79 0.80 11.8 11.8 64 64 3.78 4.08

PX025 F/D/H 10.08 10.03 0.74 0.79 15.0 16.5 101 101 5.18 5.47

PX031 F/D/H 12.16 12.61 0.75 0.73 21.0 21.0 111 111 6.32 6.41

(*) Alle condizioni standard di funzionamento, Filtri classe F5, ESP: Upflow 50Pa; Downflow Up 20Pa; Downflow Frontale 0Pa.
(**)Alle condizioni nominali: Temperatura di condensazione 45_C - Condizioni ambiente 24_C / 50% RH

Italiano Liebert PDX B-5


Allegato B - Tabelle dati tecnici

COMPRESSORE Downflow Frontal


Componente
(400V / 3Ph / 50Hz)
Fattore di potenza** Potenza nominale** Resistenza
OA** [A] cos j FLA [A] LRA [A] [kW] (Ohm)
Modello
Digital Digital Digital Digital Digital Digital
Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll
Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll

PX015 A/W 4.52 4.68 0.83 0.82 8 6.9 43 46 2.6 2.67


Versione con modulo ventilante basic

PX021 A/W 6.89 7.37 0.79 0.80 11.8 11.9 64 64 3.79 4.07

PX025A/W 10.1 10.03 0.74 0.79 15 16.5 101 101 5.19 5.47

PX031 A/W 12.17 13.63 0.75 0.68 21 21 111 111 6.33 6.42

PX033 A/W 13.98 14.15 0.75 0.77 22 22 118 118 7.27 7.54

PX015 F/D/H 4.51 4.68 0.83 0.82 8 6.9 43 46 2.59 2.66

PX021 F/D/H 6.89 7.37 0.79 0.80 11.8 11.9 64 64 3.79 4.07

PX025 F/D/H 15 10.03 0.50 0.79 15 16.5 101 101 5.17 5.47

PX031 F/D/H 12.16 12.6 0.75 0.73 21 21 111 111 6.32 6.4

PX015 A/W 4.5 4.68 0.83 0.82 8 6.9 43 46 2.59 2.64


Versione con modulo ventilante premium

PX021 A/W 6.84 7.38 0.79 0.80 11.8 11.8 64 64 3.76 4.09

PX025 A/W 10.11 10.03 0.74 0.79 15 16.5 101 101 5.2 5.46

PX031 A/W 12.17 12.65 0.75 0.74 21 21 111 111 6.33 6.44

PX033 A/W 13.98 14.15 0.75 0.77 22 22 119 118 7.27 7.55

PX015 F/D/H 4.51 4.68 0.83 0.82 8 6.9 43 46 2.59 2.65

PX021 F/D/H 6.88 7.37 0.79 0.80 11.8 11.8 64 64 3.78 4.08

PX025 F/D/H 10.08 10.03 0.74 0.79 15 16.5 101 101 5.18 5.47

PX031 F/D/H 12.16 12.61 0.75 0.73 21 21 111 111 6.32 6.41

(*) Alle condizioni standard di funzionamento, Filtri classe F5, ESP: Upflow 50Pa; Downflow Up 20Pa; Downflow Frontale 0Pa.
(**)Alle condizioni nominali: Temperatura di condensazione 45_C - Condizioni ambiente 24_C / 50% RH

B-6 Liebert PDX


Allegato B - Tabelle dati tecnici

COMPRESSORE Upflow
Componente
(400V / 3Ph / 50Hz)
Fattore di potenza** Potenza nominale** Resistenza
OA** [A] cos j FLA [A] LRA [A] [kW] (Ohm)
Modello
Digital Digital Digital Digital Digital Digital
Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll
Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll

PX015 A/W 4.53 4.68 0.83 0.82 8 6.9 43 46 2.6 2.67


Versione con modulo ventilante basic

PX021 A/W 6.92 7.37 0.80 0.80 11.8 11.9 64 64 3.81 4.07

PX025A/W 10.09 10.03 0.74 0.79 15 16.5 101 101 5.19 5.47

PX031 A/W 12.17 13.63 0.75 0.68 21 21 111 111 6.32 6.42

PX033 A/W 13.98 14.15 0.75 0.77 22 22 118 118 7.27 7.54

PX015 F/D/H 4.52 4.68 0.83 0.82 8 6.9 43 46 2.6 2.66

PX021 F/D/H 6.9 7.37 0.80 0.80 11.8 11.9 64 64 3.8 4.07

PX025 F/D/H 10.06 10.03 0.74 0.79 15 16.5 101 101 5.17 5.47

PX031 F/D/H 12.16 12.6 0.75 0.73 21 21 111 111 6.32 6.4

PX015 A/W 4.5 4.68 0.83 0.82 8 6.9 43 46 2.59 2.64


Versione con modulo ventilante premium

PX021 A/W 6.85 7.38 0.79 0.80 11.8 11.8 64 64 3.76 4.09

PX025 A/W 10.1 10.03 0.74 0.79 15 16.5 101 101 5.2 5.46

PX031 A/W 12.17 12.65 0.75 0.74 21 21 111 111 6.33 6.44

PX033 A/W 13.98 14.15 0.75 0.77 22 22 119 118 7.27 7.55

PX015 F/D/H 4.51 4.68 0.83 0.82 8 6.9 43 46 2.59 2.65

PX021 F/D/H 6.89 7.37 0.79 0.80 11.8 11.8 64 64 3.79 4.07

PX025 F/D/H 10.08 10.03 0.74 0.79 15 16.5 101 101 5.18 5.47

PX031 F/D/H 12.16 12.61 0.75 0.73 21 21 111 111 6.32 6.4

(*) Alle condizioni standard di funzionamento, Filtri classe F5, ESP: Upflow 50Pa; Downflow Up 20Pa; Downflow Frontale 0Pa.
(**)Alle condizioni nominali: Temperatura di condensazione 45_C - Condizioni ambiente 24_C / 50% RH

COMPRESSORE Constant
Componente
(400V / 3Ph / 50Hz)
Fattore di potenza** Potenza nominale** Resistenza
OA** [A] cos j FLA [A] LRA [A] [kW] (Ohm)
Modello
Digital Digital Digital Digital Digital Digital
Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll
Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll Scroll
Versione con modulo ventilante basic

PX015 A/W 4.53 - - 8 - 43 - 2.6

PX021 A/W 6.92 - - 11.8 - 64 - 3.81

PX025A/W 10.09 - - 15 - 101 - 5.19

PX031 A/W 12.17 - - 21 - 111 - 6.32

(*) Alle condizioni standard di funzionamento, Filtri classe F5, ESP: Upflow 50Pa; Downflow Up 20Pa; Downflow Frontale 0Pa.
(**)Alle condizioni nominali: Temperatura di condensazione 45_C - Condizioni ambiente 24_C / 50% RH

Italiano Liebert PDX B-7


Allegato B - Tabelle dati tecnici

Tab. 4 - Caratteristiche elettriche (componenti opzionali)

UMIDIFICATORE A
Componente RISCALDAMENTO ELETTRICO POMPA CONDENSA
ELETTRODI
Capacità Std.
Potenza Potenza
Modello Potenza FLA [A] nominale FLA [A] nominale
FLA [A] nominale [kW] [kW]
[kW]
(400V / 3Ph / 50Hz)
PX015
PX021
PX025 10.8 7.5 13.0 9.0 1.6 0.15
PX031
PX033
* Non disponibile con modulo ventilante basic.
** Con modulo ventilante basic.
*** Con modulo ventilante premium.

Tab. 5 - Tarature componenti elettrici

COMPONENTE TARATURA NOTE Contatto

Trasduttore di alta Range 0-45 barg


pressione (HP) Uscita 0-5 V
(ved. manuale iCOM)

Trasduttore di bassa Range 0-17.3 barg


pressione (LP) Uscita 0-5 V (ved. manuale iCOM)

STOP 42.01 barg Reset


Pressostato di alta START 331.5 barg Normalmente
pressione (HP) chiuso
(tarature fisse - reset manuale)

Pressostato differenziale Normalmente


Filtro F5 = 3 mbar
filtri sporchi (CF) chiuso
Ghiera
di taratura

B-8 Liebert PDX


Allegato B - Tabelle dati tecnici

Tab. 6 - Regolazioni e tarature valvole (ved. Allegati D - Circuiti Frigoriferi)

Taratura &
Componente Applicazione Modello Disegno
Azione

Siemens
PX015-021-025-031 F/D/H
SSC 819
Attuatore per
Azione PX015-021-025-031 F/D/H
valvola
modulante
acqua refrigerata tutte le unità PDX Siemens
condensate ad acqua (W/F/H) SSC 619
0­10V

PX015-021-025-031 F/D/H Siemens


Valvola a 2 vie Azione
tutte le unità PDX VXP45.25-10
acqua refrigerata modulante
condensate ad acqua (W/F/H) VXP45.32-16

tutte le unità PDX Siemens


Valvola a 3 vie Azione condensate ad acqua (W/F/H) VXP45.25-10
acqua refrigerata modulante
PX015-021-025-031 F/D/H VXP45.32-16

Attuatore per
Siemens
valvola 3 vie
SFA71/18
acqua calda

Azione Tutte le
ON-OFF versioni
Siemens
Valvola 3 vie VXI 469.25
acqua calda
1"

Controllo
Valvola di Sporlan
surriscaldamen­
espansione Versioni con TXV
to BBIZE / OZE
termostatica
6 8K

Controllo sur­
Valvola di espansione Versione
riscaldamento ALCO EX5/6
elettronica con EEV
6 8K

Controllo sur­ Versione


Valvola di espansione E2V30
riscaldamento con compressore scroll
elettronica E3V45
6 8K e EEV

Azione
Valvola a 3 vie ON-OFF
iniezione gas caldo comandata Tutte le Sporlan
Funzione da iCOM versioni 8D7BH
post-riscaldamento (post-riscal­
damento)

Valvola a 3 vie Azione modu­


iniezione gas caldo lante
comandata Solo
Funzione: controllo Siemens
da Liebert PDX K
temperatura aria di ri­ M3FB15LX
iCom (Constant)
presa (controllo carico 0 10 VDC
termico) (ved. par. 9.3)

Italiano Liebert PDX B-9


Allegato B - Tabelle dati tecnici

Tab. 7 - Carica refrigerante R410A e rabbocco olio lubrificante per i modelli raffreddati ad aria (tipo A-D)

CARICA BASE DI CARICA BASE DI


REFRIGERANTE (2) REFRIGERANTE (2) CARICA BASE DI OLIO (1) (litri)
[kg] [kg - ciascun Max carica di refri­
Condensatore con circuito] gerante al sistema Olio da aggiungere sopra la max carica di
MODELLO scambiatore a Condensatore con prima dell'aggiunta refrigerante del sistema (4)
microcanali scambiatore a tubi ed Olio compressore di olio (4) [l]
alette [kg]
senza gas con gas senza gas con gas Carica olio
Rabbocco max
caldo caldo caldo caldo iniziale
PX021 A/D 11.7 12.0 12.0 12.3 1.89 1.77 17 b
PX025 A/D 11.7 12.0 12.0 12.3 1.77 1.66 17 b
PX031 A 12.5 12.8 13.5 13.8 3.25 3.13 13 a
PX31 D 12.5 12.8 13.5 13.8 1.77 1.66 17 b
PX033 A 12.5 12.8 13.5 13.8 3.25 3.13 13 a

a = 0.025 x carica totale di refrigerante per ogni circuito [kg] + 0.09


b = 0.01 x carica totale di refrigerante per ogni circuito [kg] + 0.13

Tab. 7a - Carica refrigerante delle linee

liquido (+), a diverse temperature


DIAMETRO gas di condensazione
ESTERNO TUBO
(mm) [kg/m] R410A [kg/m]
35.0°C 46.0°C 57.0°C
10 x 1 0.0048 0.0507 0.0470 0.0426
12 x 1 0.0075 0.0793 0.0734 0.0665
14 x 1 0.0108 0.1142 0.1056 0.0958
16 x 1 0.0147 0.1554 0.1438 0.1304
18 x 1 0.0192 0.2030 0.1878 0.1703
22 x 1.5 0.0271 0.2862 0.2648 0.2402
28 x 1.5 0.0469 0.4956 0.4585 0.4158
(1) L'olio raccomandato per le unità con refrigerante R410A è EMKARATE RL 32-3MA.
(2) Unità accoppiata con condensatore remoto consigliato per temperatura esterna fino a 35°C. Per applicazioni Smart Aisle incrementare la
carica di refrigerante fino al 10%. Con l'opzione riscaldamento a gas caldo regolare la carica con gas caldo OFF. La carica finale sarà
definita con precisione sul campo.
(3) Per distanza D ved. schema di Fig. 1.
(4) Il rabbocco si rende necessario anche per linee brevi a causa della maggiore carica di refrigerante.
AVVISO: Controllare il livello dell'olio all'interno del compressore, dove è presente la spia di flusso dell'olio, dopo 30 min. di fun­
zionamento del compressore a capacità massima. Il livello dell'olio deve essere compreso tra 1/2 e 3/4 della spia.
Nei compressori in tandem il livello dell'olio deve essere controllato con entrambi i compressori funzionanti alla massima capa­
cità(nota: quando è in funzione un solo compressore, il livello dell'olio all'interno del compressore non funzionante potrebbe essere
al minimo, mentre in quello funzionante al massimo; quando un compressore sta funzionando alla massima capacità e uno in mod­
ulazione, il livello dell'olio in quest'ultimo potrebbe essere compreso tra ½ e il minimo).
Nota: Il condizionatore d'aria arriva pressurizzato con elio a 2 bar.

Fig. 1 - Schema stesura tubi ai fini dei rabbocchi


di refrigerante e olio lubrificante
c

COND

CDT

(Distanza) D = a + b + c

CDZ = Condizionatore a
COND = Condensatore

B - 10 Liebert PDX
Allegato B - Tabelle dati tecnici

Tab. 8 - Carica refrigerante e Rabbocco olio lubrificante per i modelli raffreddati ad acqua (tipo W-F-H)

CARICA REFRIGERANTE (R410A)


MODELLO PREMIUM
[kg] CARICA OLIO (1) (litri)
FIX SCROLL
senza gas caldo con gas caldo
PX015 W 5.1 7.4 1.12
PX021 W 5.3 7.6 1.77
PX025 W 5.3 7.6 1.66
PX031 W 7.6 9.9 1.66
PX033 W 8.0 10.3 3.13

CARICA REFRIGERANTE (R410A)


MODELLO BASIC
[kg] CARICA OLIO (1) (litri)
FIX SCROLL
senza gas caldo con gas caldo
PX015 W 4.7 7.4 1.12
PX021 W 4.9 7.6 1.77
PX025 W 5.3 7.6 1.66
PX031 W 7.6 9.9 1.66
PX033 W 8.0 10.3 3.13

MODELLO CARICA REFRIGERANTE (R410A)


PREMIUM / BASIC [kg] CARICA OLIO (1) (litri)
FIX SCROLL senza gas caldo con gas caldo
PX015 F/H 6.8 8.8 1.12
PX021 F/H 7.0 9.0 1.77
PX025 F/H 7.0 9.0 1.66
PX031 F/H 7.2 9.2 1.66

NOTA: Il condizionatore viene fornito completo di refrigerante e olio


(1) L'olio raccomandato per le unità con refrigerante è EMKARATE RL 32-3MA.

CARICA REFRIGERANTE (R410A)


MODELLO [kg] CARICA OLIO (1) (litri)
PREMIUM - DIGITAL
senza gas caldo con gas caldo
PX015 W 7.1 7.4 1.12
PX021 W 7.3 7.6 1.77
PX025 W 7.3 7.6 1.66
PX031 W 9.6 9.9 1.66
PX033 W 10.0 10.3 3.13

CARICA REFRIGERANTE (R410A)


MODELLO [kg] CARICA OLIO (1) (litri)
BASIC - DIGITAL
senza gas caldo con gas caldo
PX015 W 6.7 7.0 1.12
PX021 W 6.9 7.2 1.77
PX025 W 7.3 7.6 1.66
PX031 W 9.6 9.9 1.66
PX033 W 10.0 10.3 3.13

CARICA REFRIGERANTE (R410A)


MODELLO PREMIUM/ [kg] CARICA OLIO (1) (litri)
BASIC - DIGITAL
senza gas caldo con gas caldo
PX015 F/H 8.5 8.8 1.12
PX021 F/H 8.7 9.0 1.77
PX025 F/H 8.7 9.0 1.66
PX031 F/H 8.9 9.2 1.66

NOTA: Il condizionatore viene fornito completo di refrigerante e olio


(1) L'olio raccomandato per le unità con refrigerante è EMKARATE RL 32-3MA.

Italiano Liebert PDX B - 11


Allegato C - Disegni di installazione

Fig. 1 Dimensioni d'ingombro e Area di servizio

UPFLOW DOWNFLOW UP
DOWNFLOW FRONTAL

G
D

D
A

A*
Livello
pavimento
C

F
MAX
800

Tab. 9 - Dimensioni d'ingombro, Area di servizio (riferita a Fig. 1)

Unità Unità Opzioni


Upflow ALTEZZE PLENUM DISPONIBILI: D [mm]
Modello B Downflow Up Plenum Plenum per Plenum: con Modulo di Base
[mm] Downflow Frontal per flusso aria Air C [mm]
Plenum filtri ad alta Econimizer
A* [mm] cartucce efficienza frontale
silenzianti (Upflow)
200
PX015 Modulo di base

PX021 300
500-600- (Modulo di base
PX025 844 1970* 700-800- 600-900 600-900 600 850
con presa d'aria
900 dal basso)

PX031 600
(Modulo di base
PX033 con presa d'aria
posteriore)
F (spazio libero tra la parte inferiore dell'unità e il pavimento): max. 800 mm (telaio di base/kit gambe disponibili)
min. 600 mm (per ottenere prestazioni dichiarate)
min. 300 mm (condizioni di funzionamento minime)
G (spazio libero tra la parte superiore dell'unità e il soffitto
o il condotto superiore se installato): min. 600 mm (per ottenere prestazioni dichiarate)
min. 300 mm (condizioni di funzionamento minime)
* Nelle unità Downflow Up, Downflow Frontal con predisposizione per l'installazione della serranda, dell'economizzatore e del plenum l'unità
è equipaggiata con una flangia di collegamento alta 50 mm fissata sulla sommità della macchina, l'unità risulta, quindi, più alta di 50 mm. Su
richiesta la flangia può essere rimossa svitando le viti di fissaggio (rimuovendo il pannello laterale per accedere alla testa delle viti) e riposi­
zionandolo successivamente (ved. E.10).

C-1 Liebert PDX-60Hz Italiano


Allegato C - Disegni di installazione

Fig. 2 Foro a pavimento per versioni downflow

Downflow Up

Tab. 10 - Foro a pavimento per unità downflow, dimensioni in mm

PX015
PX021
Configurazione Unità PX025
PX031
PX033
A 795
B 820
C* 70
Downflow Up
A 795
Con telaio di B 820
base **
C* 30
* Distanza minima della macchina da un muro posteriore. Attenzione: Per assemblare e/o installare accessori, può essere necessaria
una distanza superiore. In tali casi, la macchina può essere messa nella posizione di lavorio dopo la procedura di installazione/as­
semblaggio.
** Accessori opzionali - vedi dettagli nell'Allegato E

Italiano Liebert PDX-60Hz C-2


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Tab. 1- Connessioni frigorifere, idrauliche ed elettriche


Modello PX015-021-025 PX031 PX033
Dimensioni Attacchi
A W F D H A W F D H A W
sull'Unità
Ingresso linea O.D. Ø12 O.D. Ø12 O.D. Ø16 O.D. Ø16 O.D. Ø16
IL1 refrigerante liquido
1* mm mm mm mm mm

Ingresso linea
IL2 refrigerante liquido
2*

Uscita linea refrige­ O.D. Ø16 O.D. Ø16 O.D. Ø22 O.D. Ø22 O.D. Ø22
OG1
rante gassoso 1* mm mm mm mm mm
Uscita linea
OG2 refrigerante gassoso
2*

Rp 1 ¼ Rp 1 ¼ Rp 1 ¼ Rp 1 ¼ Rp 1 ¼
IWC1 Ingresso acqua 1
ISO 7/1 ISO 7/1 ISO 7/1 ISO 7/1 ISO 7/1
IWC2 Ingresso acqua 2
Rp 1 ¼ Rp 1 ¼ Rp 1 ¼ Rp 1 ¼ Rp 1 ¼
OWC1 Uscita acqua 1
ISO 7/1 ISO 7/1 ISO 7/1 ISO 7/1 ISO 7/1
OWC2 Uscita acqua 2

IHW Ingresso acqua cal­ OD 22 mm


da (opt.)

OHW Uscita acqua calda OD 22 mm


(opt.)
Ingresso acqua
IFC (Freecooling e dual Rp 1 ½ ISO 7/1 Rp 1 ½ ISO 7/1
fluid)
Uscita acqua
OFC (Freecooling e dual Rp 1 ½ ISO 7/1 Rp 1 ½ ISO 7/1
fluid)

CD Scarico condensa I.D. Ø20 [mm]

HF Alimentazione R ½ ­ ISO 7/1 (Umidificatore ad elettrodi); O.D. 6 [mm] (Umidificatore ad infrarossi)


umidificatore

HD Scarico I.D. Ø32 [mm] (Umidificatore ad elettrodi); I.D. Ø22 [mm] (Umidificatore ad infrarossi)
umidificatore

EC Alimentazione elettri­ Ø 48 [mm]


ca

EC aux Cavi a basso voltag­ Ø 40 - Ø 36 [mm]


gio

* Solo misura connessione. Il diametro della tubazione dipende dal modello dell'unità, ved. Tab. d in para. 5.1.2
*** Opzionale. Connessioni filettate su richiesta

Italiano Liebert PDX D-1


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 1 - Connessioni frigorifere, idrauliche ed elettriche PX015-021-025-031-033 A­W Downflow, vista dall'al­
to

215.0
CD

83.0
OHW
IHW IL1 / OWC1
87.0

578.0
OG1 / IWC1
HF1
387.0

319.0

EC HD2/HF2
HD1

223.0
213.0
153.0

155.0
118.0

109.5
EC aux

84.5 68.5
115.5
184.5

Fig. 2 - Connessioni frigorifere, idrauliche ed elettriche PX015-021-025-031-033 A­W Upflow, vista dall'alto

215.0
CD

125.0

70.0
OHW IL1 / OWC1
87.0
578.0

IHW OG1 / IWC1


HF1
316.0

EC HD2/HF2
HD1
213.0

223.0
153.0

155.0
118.0

109.5

EC aux

84.5 68.5
115.5
184.5

D-2 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 3 - Connessioni frigorifere, idrauliche ed elettriche PX015-021-025-031 F-D-H Downflow, vista dall'alto

215.0
CD

83.0

OHW
IHW IL1 / OWC1 87.0

578.0
IFC OG1 / IWC1
HF1
387.0

319.0

HD1 HD2/HF2

213.0
223.0

223.0
153.0

155.0
OFC
155.0

118.0

109.5
EC EC aux

68.5
115.5

Fig. 4 - Connessioni frigorifere, idrauliche ed elettriche PX015-021-025-031 F-D-H Upflow, vista dall'alto

215.0
CD

125.0

70.0
IHW
OHW IL1 / OWC1 87.0
578.0

IFC OG1 / IWC1


HF1

HD2/HF2
316.0

HD1
213.0

223.0
223.0

153.0

OFC
155.0

155.0
109.5
118.0

EC EC aux

68.5
115.5

Italiano Liebert PDX D-3


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 5 - Connessioni frigorifere ed idrauliche PX015-021-025-031-033 A/W/F/D/H Upflow, vista laterale

OG1 / IWC1
IL1 / OWC1
DAVANTI

ÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈ

135.7
105.7
PAVIMENTO
ÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈ

Fig. 6 - Connessioni frigorifere ed idrauliche PX015-021-025-031-033 A/W/F/D/H Downflow, vista laterale

OG1 / IWC1
IL1 / OWC1

DAVANTI
642.0

612.0

ÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈ
PAVIMENTO

D-4 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 7 - Connessioni frigorifere ed idrauliche PX015-021-025-031 F/D/H Upflow, vista laterale

DAVANTI

OFC
IFC

135.7
105.7
PAVIMENTO
ÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈ

Fig. 8 - Connessioni frigorifere ed idrauliche PX015-021-025-031-033 F/D/H Downflow, vista laterale

DAVANTI

OFC
IFC

642.0
612.0
PAVIMENTO
ÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈÈ

Italiano Liebert PDX D-5


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 9 - Circuito frigorifero versione A ­ Singolo circuito ­ compressore SCROLL singolo ­ TXV meccanica
17 SOLO CON OPZIONE BATTERIA
POSTRISCALDAMENTO
6

12

6 15 14

16

10
MC

1 11
SCROLL
COMPRESSOR

3
18
9 FG
6

7
6

8
6 18
5

13 13
LIMITE DI FORNITURA LIMITE DI FORNITURA

12

4 UNITA' CONDENSANTE

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 10 Valvola d'espansione termostatica
2 Resistenza carter 11 Elettrovalvola di intercettazione
3 Pressostato alta pressione (HP) 12 Valvola di ritegno
4 Condensatore ad aria 13 Valvola di intercettazione
5 Ricevitore di liquido 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
6 Presa pressione 5/16 15 Evaporatore
7 Valvola di sicurezza 16 Trasduttore bassa pressione
8 Filtro deidratore 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
9 Spia di flusso 18 Presa pressione 1/4

D-6 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 10 - Circuito frigorifero versione A ­ Singolo circuito ­ compressore SCROLL singolo ­ EEV elettronica
17 SOLO CON OPZIONE BATTERIA
POSTRISCALDAMENTO
6

12

11

6 15 14

16 6

6 10

MC

1 SCROLL
COMPRESSOR 19

18
9 FG
6

7
6

6 18 8
5

13 13

LIMITE DI FORNITURA LIMITE DI FORNITURA

12

4 UNITA' CONDENSANTE

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 11 Sensore di temperatura per EEV
2 Resistenza carter 12 Valvola di ritegno
3 Pressostato alta pressione (HP) 13 Valvola di intercettazione
4 Condensatore ad aria 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
5 Ricevitore di liquido 15 Evaporatore
6 Presa pressione 5/16 16 Trasduttore bassa pressione EEV
7 Valvola di sicurezza 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
8 Filtro deidratore 18 Presa pressione 1/4
9 Spia di flusso 19 Elettrovalvola di intercettazione
10 Valvola espansione elettronica (EEV)

Italiano Liebert PDX D-7


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 11 - Circuito frigorifero versione A ­ Singolo circuito ­ compressore DIGITAL SCROLL singolo ­
TXV meccanica

SOLO CON OPZIONE BATTERIA


17 POSTRISCALDAMENTO

12

6 15 14

16
6

10

MC

1 DIGITAL SCROLL 11
COMPRESSOR

T 20

3
9 FG
18

6
7
6

8
6 19
5

13 13
LIMITE DI FORNITURA LIMITE DI FORNITURA

12

4 UNITA' CONDENSANTE

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 11 Elettrovalvola di intercettazione
2 Resistenza carter 12 Valvola di ritegno
3 Pressostato alta pressione (HP) 13 Valvola di intercettazione
4 Condensatore ad aria 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
5 Ricevitore di liquido 15 Evaporatore
6 Presa pressione 5/16 16 Trasduttore bassa pressione
7 Valvola di sicurezza 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
8 Filtro deidratore 18 Trasduttore di alta pressione
9 Spia di flusso 19 Presa pressione 1/4
10 Valvola d'espansione termostatica Sensore di temperatura NTC per compressore
20 DIGITAL SCROLL

D-8 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 12 - Circuito frigorifero versione A ­ Singolo circuito ­ compressore DIGITAL SCROLL singolo ­
EEV elettronica

17 SOLO CON OPZIONE BATTERIA


POSTRISCALDAMENTO
6

12

11

6 15 14

6 6
16

10
MC

2
DIGITAL SCROLL
1 COMPRESSOR

20 T

3 9 FG
18
6 7
6

8
6 19
5

13 13
LIMITE DI FORNITURA LIMITE DI FORNITURA

12

4 UNITA' CONDENSANTE

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 11 Sensore di temperatura per EEV
2 Resistenza carter 12 Valvola di ritegno
3 Pressostato alta pressione (HP) 13 Valvola di intercettazione
4 Condensatore ad aria 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
5 Ricevitore di liquido 15 Evaporatore
6 Presa pressione 5/16 16 Trasduttore bassa pressione EEV
7 Valvola di sicurezza 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
8 Filtro deidratore 18 Trasduttore di alta pressione
9 Spia di flusso 19 Presa pressione 1/4
10 Valvola espansione elettronica (EEV) Sensore di temperatura NTC per compressore
20 DIGITAL SCROLL

Italiano Liebert PDX D-9


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 13 - Circuito frigorifero versione W - Singolo circuito - compressore SCROLL singolo - TXV meccanica
17 SOLO CON OPZIONE BATTERIA
6 POSTRISCALDAMENTO

12

6 15 14

16

10
MC

2 11

1 SCROLL
COMPRESSOR

3
9 FG
22

7 6

20
OPZIONE 8
12
VALVOLA A 2 VIE 6 6
5
18

OPZIONE
A AB VALVOLA A 3 VIE

18 19
B
21
A AB USCITA ACQUA

B
4

INGRESSO ACQUA

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 12 Valvola di ritegno
2 Resistenza carter 13 Valvola di ritegno
3 Pressostato alta pressione (HP) 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
4 Condensatore ad acqua 15 Evaporatore
5 Ricevitore di liquido 16 Trasduttore bassa pressione
6 Presa pressione 5/16 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
7 Valvola di sicurezza 18 Valvola acqua controllo condensazione
8 Filtro deidratore 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
9 Spia di flusso 20 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
10 Valvola d'espansione termostatica 21 Disco cieco - solo con valvola a 2 vie opzionale
11 Elettrovalvola di intercettazione 22 Presa pressione 1/4

D - 10 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 14 - Circuito frigorifero versione W - Singolo circuito - compressore SCROLL singolo - EEV elettronica
SOLO CON OPZIONE BATTERIA
17 POSTRISCALDAMENTO
6

12

11

15 14
16

MC

10
2

1 SCROLL
COMPRESSOR
23

22
9 FG

7 6

20
8
12
6
5
OPZIONE
VALVOLA A 2 VIE 6
18

OPZIONE
A AB VALVOLA A 3 VIE 19
18
B
21
A AB USCITA ACQUA

B
4

INGRESSO ACQUA

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 13 Valvola di ritegno
2 Resistenza carter 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
3 Pressostato alta pressione (HP) 15 Evaporatore
4 Condensatore ad acqua 16 Trasduttore bassa pressione
5 Ricevitore di liquido 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
6 Presa pressione 5/16 18 Valvola acqua controllo condensazione
7 Valvola di sicurezza 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
8 Filtro deidratore 20 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
9 Spia di flusso 21 Disco cieco - solo con valvola a 2 vie opzionale
10 Valvola espansione elettronica (EEV) 22 Presa pressione 1/4
11 Sensore di temperatura per EEV 23 Elettrovalvola di intercettazione
12 Valvola di ritegno

Italiano Liebert PDX D - 11


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 15 - Circuito frigorifero versione W - Singolo circuito - compressore DIGITAL SCROLL singolo -
TXV meccanica

17 SOLO CON OPZIONE BATTERIA


6 POSTRISCALDAMENTO

12

15 14
6
6

16

MC 10

1 DIGITAL SCROLL 11
COMPRESSOR

T 22

3 FG
9
23

7
6
20
8
12 6
6
OPZIONE 5
VALVOLA A 2 VIE
18

OPZIONE
VALVOLA A 3 VIE
A AB 19
18
B
21
A AB USCITA ACQUA

B
4

INGRESSO ACQUA

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 13 Valvola di ritegno
2 Resistenza carter 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
3 Pressostato alta pressione (HP) 15 Evaporatore
4 Condensatore ad acqua 16 Trasduttore bassa pressione
5 Ricevitore di liquido 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
6 Presa pressione 5/16 18 Valvola acqua controllo condensazione
7 Valvola di sicurezza 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
8 Filtro deidratore 20 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
9 Spia di flusso 21 Disco cieco - solo con valvola a 2 vie opzionale
10 Valvola d'espansione termostatica Sensore di temperatura NTC per compressore DIGI­
22 TAL SCROLL
11 Elettrovalvola di intercettazione
12 Valvola di ritegno 23 Presa pressione 1/4

D - 12 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 16 - Circuito frigorifero versione W - Singolo circuito - compressore DIGITAL SCROLL singolo -
EEV elettronica

17 SOLO CON OPZIONE BATTERIA


POSTRISCALDAMENTO
6

12

11

15 14
6
6

16

MC

1
10
DIGITAL SCROLL
22 T COMPRESSOR

3 9 FG

23

6
7

20
8
12 6
OPZIONE 5
VALVOLA A 2 VIE
6
18

OPZIONE
A AB VALVOLA A 3 VIE 19
18
B
21
A AB USCITA ACQUA

B
4

INGRESSO ACQUA

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 13 Valvola di ritegno
2 Resistenza carter 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
3 Pressostato alta pressione (HP) 15 Evaporatore
4 Condensatore ad acqua 16 Trasduttore bassa pressione
5 Ricevitore di liquido 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
6 Presa pressione 5/16 18 Valvola acqua controllo condensazione
7 Valvola di sicurezza 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
8 Filtro deidratore 20 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
9 Spia di flusso 21 Disco cieco - solo con valvola a 2 vie opzionale
10 Valvola espansione elettronica (EEV) Sensore di temperatura NTC per compressore DIGI­
22 TAL SCROLL
11 Sensore di temperatura per EEV
12 Valvola di ritegno 23 Presa pressione 1/4

Italiano Liebert PDX D - 13


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 17 - Circuito frigorifero versione F - Singolo circuito - compressore SCROLL singolo - TXV meccanica

SOLO CON OPZIONE BATTERIA 22


POSTRISCALDAMENTO

17

12

6
6

20 15 14

16

MC 10

1 SCROLL 11
COMPRESSOR

9 FG
3

25
6
7
6

24
12 21
8
6
5

18
19

A AB
4

23 T

INGRESSO ACQUA DI RAFFREDDAMENTO

USCITA ACQUA DI RAFFREDDAMENTO

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
2 Resistenza carter 15 Evaporatore
3 Pressostato alta pressione (HP) 16 Trasduttore bassa pressione
4 Condensatore ad acqua 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
5 Ricevitore di liquido 18 Valvola acqua controllo condensazione
6 Presa pressione 5/16 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
7 Valvola di sicurezza 20 Batteria acqua refrigerata
8 Filtro deidratore 21 Valvola a 2 vie acqua refrigerata
9 Spia di flusso 22 Valvola di sfiato manuale
10 Valvola d'espansione termostatica 23 Termostato acqua in ingresso
11 Elettrovalvola di intercettazione 24 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
12 Valvola di ritegno 25 Presa pressione 1/4
13 Valvola di ritegno

D - 14 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 18 - Circuito frigorifero versione F - Singolo circuito - compressore SCROLL singolo - EEV elettronica
SOLO CON OPZIONE BATTERIA 22
POSTRISCALDAMENTO

17

12

11
6 6

20 15 14

16 6

MC
10

1 SCROLL
COMPRESSOR 26

3
9 FG

25
6
7
6 21

24
12 8
6
5

18
19

A AB
4

23 T

INGRESSO ACQUA DI RAFFREDDAMENTO

USCITA ACQUA DI RAFFREDDAMENTO

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
2 Resistenza carter 15 Evaporatore
3 Pressostato alta pressione (HP) 16 Trasduttore bassa pressione
4 Condensatore ad acqua 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
5 Ricevitore di liquido 18 Valvola acqua controllo condensazione
6 Presa pressione 5/16 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
7 Valvola di sicurezza 20 Batteria acqua refrigerata
8 Filtro deidratore 21 Valvola a 2 vie acqua refrigerata
9 Spia di flusso 22 Valvola di sfiato manuale
10 Valvola espansione elettronica (EEV) 23 Termostato acqua in ingresso
11 Sensore di temperatura per EEV 24 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
12 Valvola di ritegno 25 Presa pressione 1/4
13 Valvola di ritegno 26 Elettrovalvola di intercettazione

Italiano Liebert PDX D - 15


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 19 - Circuito frigorifero versione F - Singolo circuito - compressore DIGITAL SCROLL singolo -
TXV meccanica

22
SOLO CON OPZIONE BATTERIA
POSTRISCALDAMENTO

17

12

20 15 14
6

16

MC 10

11
DIGITAL SCROLL
1 COMPRESSOR

T 25

9 FG

3
26 7
6
6
24 21
12 8
6
5

18
19

A AB
4
B

23 T
INGRESSO ACQUA
DI RAFFREDDAMENTO

USCITA ACQUA
DI RAFFREDDAMENTO

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
2 Resistenza carter 15 Evaporatore
3 Pressostato alta pressione (HP) 16 Trasduttore bassa pressione
4 Condensatore ad acqua 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
5 Ricevitore di liquido 18 Valvola acqua controllo condensazione
6 Presa pressione 5/16 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
7 Valvola di sicurezza 20 Batteria acqua refrigerata
8 Filtro deidratore 21 Valvola a 2 vie acqua refrigerata
9 Spia di flusso 22 Valvola di sfiato manuale
10 Valvola d'espansione termostatica 23 Termostato acqua in ingresso
11 Elettrovalvola di intercettazione 24 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
12 Valvola di ritegno Sensore di temperatura NTC per compressore DIGI­
25 TAL SCROLL
13 Valvola di ritegno
26 Presa pressione 1/4

D - 16 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 20 - Circuito frigorifero versione F - Singolo circuito - compressore DIGITAL SCROLL singolo -
EEV elettronica

SOLO CON OPZIONE BATTERIA 22


POSTRISCALDAMENTO

17

12

11
6

6
20 15 14
16

MC

2
10

1 DIGITAL SCROLL
COMPRESSOR

T 25

9 FG

7
26 6
6
24 21
12 8
6
5

18
19

A AB
4
B

23 T
INGRESSO ACQUA
DI RAFFREDDAMENTO

USCITA ACQUA
DI RAFFREDDAMENTO

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
2 Resistenza carter 15 Evaporatore
3 Pressostato alta pressione (HP) 16 Trasduttore bassa pressione
4 Condensatore ad acqua 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
5 Ricevitore di liquido 18 Valvola acqua controllo condensazione
6 Presa pressione 5/16 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
7 Valvola di sicurezza 20 Batteria acqua refrigerata
8 Filtro deidratore 21 Valvola a 2 vie acqua refrigerata
9 Spia di flusso 22 Valvola di sfiato manuale
10 Valvola espansione elettronica (EEV) 23 Termostato acqua in ingresso
11 Sensore di temperatura per EEV 24 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
12 Valvola di ritegno Sensore di temperatura NTC per compressore DIGI­
25 TAL SCROLL
13 Valvola di ritegno
26 Presa pressione 1/4

Italiano Liebert PDX D - 17


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 21 - Circuito frigorifero versione D - Singolo circuito - compressore SCROLL singolo -


TXV meccanica
17
SOLO CON OPZIONE BATTERIA
POSTRISCALDAMENTO
6

20
12

OPZIONE VALVOLA
A 2 VIE

A 21
B

6 19 15 14 23 AB

B A
16 21

AB
22 T
MC 10

1 SCROLL 11
COMPRESSOR

3 NON DISPONIBILE
NEI MODELLI:
18 PX015/021/025/031
9 FG
6
DI RAFFREDDAMENTO

DI RAFFREDDAMENTO

7
INGRESSO ACQUA

6
USCITA ACQUA

8
6 18
5

13 13
LIMITE DI FORNITURA LIMITE DI FORNITURA

12

4 UNITA' CONDENSANTE

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 13 Valvola di intercettazione
2 Resistenza carter 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
3 Pressostato alta pressione (HP) 15 Evaporatore
4 Condensatore ad aria 16 Trasduttore bassa pressione
5 Ricevitore di liquido 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
6 Presa pressione 5/16 18 Presa pressione 1/4
7 Valvola di sicurezza 19 Batteria acqua refrigerata
8 Filtro deidratore 20 Valvola di sfiato manuale
9 Spia di flusso 21 Valvola a 3 vie acqua refrigerata
10 Valvola d'espansione termostatica 22 Termostato acqua in ingresso
11 Elettrovalvola di intercettazione 23 Disco cieco - solo con valvola CW a 2 vie opz.
12 Valvola di ritegno

D - 18 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 22 - Circuito frigorifero versione D - Singolo circuito - compressore SCROLL singolo - EEV elettronica

17 SOLO CON OPZIONE BATTERIA


POSTRISCALDAMENTO

12
20

OPZIONE VALVOLA
A 2 VIE

A 21
B
6
T 23 AB

11

A
B 21
16 19 15 14
6
AB
6
22 T
MC
10
2

1 SCROLL
COMPRESSOR

24
3 NON DISPONIBILE
NEI MODELLI:
PX015/021/025/031
18
9 FG

DI RAFFREDDAMENTO

DI RAFFREDDAMENTO
6 INGRESSO ACQUA

USCITA ACQUA
7
6

8
6 18
5

13 13
LIMITE DI FORNITURA LIMITE DI FORNITURA

12

4 UNITA' CONDENSANTE

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 13 Valvola di intercettazione
2 Resistenza carter 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
3 Pressostato alta pressione (HP) 15 Evaporatore
4 Condensatore ad aria 16 Trasduttore bassa pressione EEV
5 Ricevitore di liquido 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
6 Presa pressione 5/16 18 Presa pressione 1/4
7 Valvola di sicurezza 19 Batteria acqua refrigerata
8 Filtro deidratore 20 Valvola di sfiato manuale
9 Spia di flusso 21 Valvola a 3 vie acqua refrigerata
10 Valvola espansione elettronica (EEV) 22 Termostato acqua in ingresso
11 Sensore di temperatura per EEV 23 Disco cieco - solo con valvola CW a 2 vie opz.
12 Valvola di ritegno 24 Elettrovalvola di intercettazione

Italiano Liebert PDX D - 19


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 23 - Circuito frigorifero versione D - Singolo circuito - compressore DIGITAL SCROLL singolo -
TXV meccanica

17
6 SOLO CON OPZIONE BATTERIA
POSTRISCALDAMENTO

12
20

OPZIONE
VALVOLA A 2 VIE

A 21
B

25 AB
6 19 15 14

6
A
B 21

16 AB
22 T

MC 10

2
1 DIGITAL SCROLL 11
COMPRESSOR
NON DISPONIBILE
T 24 NEI MODELLI:
PX015/021/025/031

3
9 FG

23
DI RAFFREDDAMENTO

DI RAFFREDDAMENTO

6 7
6
INGRESSO ACQUA

USCITA ACQUA

8
6 18
5

13 13
LIMITE DI FORNITURA LIMITE DI FORNITURA

12

4 UNITA' CONDENSANTE

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
2 Resistenza carter 15 Evaporatore
3 Pressostato alta pressione (HP) 16 Trasduttore bassa pressione
4 Condensatore ad aria 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
5 Ricevitore di liquido 18 Presa pressione 1/4
6 Presa pressione 5/16 19 Batteria acqua refrigerata
7 Valvola di sicurezza 20 Valvola di sfiato manuale
8 Filtro deidratore 21 Valvola a 3 vie acqua refrigerata
9 Spia di flusso 22 Termostato acqua in ingresso
10 Valvola d'espansione termostatica 23 Trasduttore di alta pressione
11 Elettrovalvola di intercettazione Sensore di temperatura NTC per compressore DIGI­
24 TAL SCROLL
12 Valvola di ritegno
13 Valvola di intercettazione 25 Disco cieco - solo con valvola CW a 2 vie opz.

D - 20 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 24 - Circuito frigorifero versione D - Singolo circuito - compressore DIGITAL SCROLL singolo -
EEV elettronica
17 SOLO CON OPZIONE BATTERIA
POSTRISCALDAMENTO
6

12 20

OPZIONE VALVOLA A
2 VIE

A 21
6
T
B
11
25 AB

6 19 15 14
A
B 21
16 6 AB
22 T

MC

2 10
1

DIGITAL SCROLL NON DISPONIBILE


24 COMPRESSOR NEI MODELLI:
T
PX015/021/025/031

3 9 FG

23
7 6
DI RAFFREDDAMENTO

DI RAFFREDDAMENTO
6
INGRESSO ACQUA

USCITA ACQUA

8
6 18
5

13 13
LIMITE DI FORNITURA LIMITE DI FORNITURA

12

4 UNITA' CONDENSANTE

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 14 Batteria postriscaldamento (opzionale)
2 Resistenza carter 15 Evaporatore
3 Pressostato alta pressione (HP) 16 Trasduttore bassa pressione EEV
4 Condensatore ad aria 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
5 Ricevitore di liquido 18 Presa pressione 1/4
6 Presa pressione 5/16 19 Batteria acqua refrigerata
7 Valvola di sicurezza 20 Valvola di sfiato manuale
8 Filtro deidratore 21 Valvola a 3 vie acqua refrigerata
9 Spia di flusso 22 Termostato acqua in ingresso
10 Valvola espansione elettronica (EEV) 23 Trasduttore di alta pressione
11 Sensore di temperatura per EEV Sensore di temperatura NTC per compressore DIGI­
24 TAL SCROLL
12 Valvola di ritegno
13 Valvola di intercettazione 25 Disco cieco - solo con valvola CW a 2 vie opz.

Italiano Liebert PDX D - 21


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 25 - Circuito frigorifero versione H - Singolo circuito - compressore SCROLL singolo - TXV meccanica

17 SOLO CON OPZIONE BATTERIA


6 POSTRISCALDAMENTO

23
12

OPZIONE
VALVOLA A 2 VIE
6
A 21
B

20 15 14 27 AB
6

6
A
B
21
16
AB

22 T
MC
10

2
SCROLL
1 COMPRESSOR
11
NON DISPONIBILE
3 NEI MODELLI:
PX015/021/025/031

26 9 FG

7
DI RAFFREDDAMENTO

6 DI RAFFREDDAMENTO
INGRESSO ACQUA

24
12 8
USCITA ACQUA

OPZIONE 6
5
VALVOLA A 2 VIE
6
18
OPZIONE
VALVOLA A 3 VIE
A AB 19
18
B
25
A AB USCITA ACQUA

4
INGRESSO ACQUA

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 15 Evaporatore
2 Resistenza carter 16 Trasduttore bassa pressione
3 Pressostato alta pressione (HP) 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
4 Condensatore ad acqua 18 Valvola acqua controllo condensazione
5 Ricevitore di liquido 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
6 Presa pressione 5/16 20 Batteria acqua refrigerata
7 Valvola di sicurezza 21 Valvola a 3 vie acqua refrigerata
8 Filtro deidratore 22 Termostato acqua in ingresso
9 Spia di flusso 23 Valvola di sfiato manuale
10 Valvola d'espansione termostatica 24 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
11 Elettrovalvola di intercettazione 25 Disco cieco - solo con valvola a 2 vie opzionale
12 Valvola di ritegno 26 Presa pressione 1/4
13 Valvola di ritegno 27 Disco cieco - solo con valvola CW a 2 vie opz.
14 Batteria postriscaldamento (opzionale)

D - 22 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 26 - Circuito frigorifero versione H - Singolo circuito - compressore SCROLL singolo - EEV elettronica
17
6
SOLO CON OPZIONE BATTERIA
POSTRISCALDAMENTO

12 23

OPZIONE VALVOLA
6 A 2 VIE
T A 21
B
11

27 AB

6 20 15 14
A
16 21
6
B
AB

22 T
MC 10

1 SCROLL
COMPRESSOR

28
NON DISPONIBILE
3 NEI MODELLI:

INGRESSO ACQUA DI RAFFREDDAMENTO


PX015/021/025/031

USCITA ACQUA DI RAFFREDDAMENTO


26
9 FG

7 6

24
12 8
6
OPZIONE 5
VALVOLA A 2 VIE 6
18

OPZIONE
A AB VALVOLA A 3 VIE 19
18
B
25
A AB USCITA ACQUA

B
4

INGRESSO ACQUA

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 15 Evaporatore
2 Resistenza carter 16 Trasduttore bassa pressione
3 Pressostato alta pressione (HP) 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
4 Condensatore ad acqua 18 Valvola acqua controllo condensazione
5 Ricevitore di liquido 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
6 Presa pressione 5/16 20 Batteria acqua refrigerata
7 Valvola di sicurezza 21 Valvola a 3 vie acqua refrigerata
8 Filtro deidratore 22 Termostato acqua in ingresso
9 Spia di flusso 23 Valvola di sfiato manuale
10 Valvola espansione elettronica (EEV) 24 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
11 Sensore di temperatura per EEV 25 Disco cieco - solo con valvola a 2 vie opzionale
12 Valvola di ritegno 26 Presa pressione 1/4
13 Valvola di ritegno 27 Disco cieco - solo con valvola CW a 2 vie opz.
14 Batteria postriscaldamento (opzionale) 28 Elettrovalvola di intercettazione

Italiano Liebert PDX D - 23


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 27 - Circuito frigorifero versione H - Singolo circuito - compressore DIGITAL SCROLL singolo -
TXV meccanica
17
6 SOLO CON OPZIONE BATTERIA
POSTRISCALDAMENTO

12 23

OPZIONE VALVOLA
A 2 VIE
A 21
B

28 AB
20 15 14
6

6 A
16 B 21

AB

22 T
MC 10

DIGITAL SCROLL
COMPRESSOR 11
1
T 26
NON DISPONIBILE
NEI MODELLI:
INGRESSO ACQUA DI RAFFREDDAMENTO
PX015/021/025/031

USCITA ACQUA DI RAFFREDDAMENTO


9 FG
27
3

7
6

24
12 8
6
OPZIONE 5
VALVOLA A 2 VIE
6
18

AB OPZIONE
A 19
VALVOLA A 3 VIE
18
B
25
A AB USCITA ACQUA

B
4

INGRESSO ACQUA

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 15 Evaporatore
2 Resistenza carter 16 Trasduttore bassa pressione
3 Pressostato alta pressione (HP) 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
4 Condensatore ad acqua 18 Valvola acqua controllo condensazione
5 Ricevitore di liquido 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
6 Presa pressione 5/16 20 Batteria acqua refrigerata
7 Valvola di sicurezza 21 Valvola a 3 vie acqua refrigerata
8 Filtro deidratore 22 Termostato acqua in ingresso
9 Spia di flusso 23 Valvola di sfiato manuale
10 Valvola d'espansione termostatica 24 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
11 Elettrovalvola di intercettazione 25 Disco cieco - solo con valvola a 2 vie opzionale
12 Valvola di ritegno Sensore di temperatura NTC per compressore DIGI­
26 TAL SCROLL
13 Valvola di ritegno
14 Batteria postriscaldamento (opzionale) 27 Presa pressione 1/4
28 Disco cieco - solo con valvola CW a 2 vie opz.

D - 24 Liebert PDX Italiano


Allegato D - Collegamenti frigoriferi, idraulici ed elettrici

Fig. 28 - Circuito frigorifero versione H - Singolo circuito - compressore DIGITAL SCROLL singolo -
EEV elettronica
17
6
SOLO CON OPZIONE BATTERIA
POSTRISCALDAMENTO

12 23

6 OPZIONE VALVOLA
T A 2 VIE

11 A 21
B

28 AB
20 15 14
6
A
6
16 21
B
AB

22 T
MC
10
2
1

DIGITAL SCROLL
T COMPRESSOR
NON DISPONIBILE
26 INGRESSO ACQUA DI RAFFREDDAMENTO NEI MODELLI:
PX015/021/025/031

USCITA ACQUA DI RAFFREDDAMENTO


9 FG
27
3

7 6

24
12 8
6
OPZIONE 5
VALVOLA A 2 VIE
6
18

OPZIONE
A AB VALVOLA A 3 VIE 19
18
B
25
A AB USCITA ACQUA

B
4

INGRESSO ACQUA

POS. DESCRIZIONE POS. DESCRIZIONE


1 Compressore 15 Evaporatore
2 Resistenza carter 16 Trasduttore bassa pressione
3 Pressostato alta pressione (HP) 17 Valvola solenoide postriscaldamento (opzionale)
4 Condensatore ad acqua 18 Valvola acqua controllo condensazione
5 Ricevitore di liquido 19 Trasduttore di pressione controllo condensazione
6 Presa pressione 5/16 20 Batteria acqua refrigerata
7 Valvola di sicurezza 21 Valvola a 3 vie acqua refrigerata
8 Filtro deidratore 22 Termostato acqua in ingresso
9 Spia di flusso 23 Valvola di sfiato manuale
10 Valvola espansione elettronica (EEV) 24 Valvola di ritegno 10 bar (145 psi)
11 Sensore di temperatura per EEV 25 Disco cieco - solo con valvola a 2 vie opzionale
12 Valvola di ritegno Sensore di temperatura NTC per compressore DIGI­
26 TAL SCROLL
13 Valvola di ritegno
14 Batteria postriscaldamento (opzionale) 27 Presa pressione 1/4
28 Disco cieco - solo con valvola CW a 2 vie opz.

Italiano Liebert PDX D - 25


Allegato E - Accessori

E.1 Telaio di base E.2 Modulo di base

Si può richiedere come opzione un telaio di base per Può essere fornito su richiesta un modulo di base alto
supportare un Liebert ® PDX quando installato su pavimento 200mm, preposto a supportare un Liebert® PDX Upflow e
sopraelevato. Il telaio può essere regolato in altezza da 120 allo stesso tempo permettere le connessioni dal basso
a 800 mm. La macchina è fissata al telaio. quando non sia installato un pavimento sopraelevato.

E.3 Modulo di Base 600/300 mm


con presa d'aria posteriore

Può essere fornito su richiesta un modulo di base che


permette ad un Liebert® PDX Upflow di lavorare con
ingresso aria posteriore/basso o dal basso.
Il modulo di base con ingresso aria posteriore/dal
basso è alto 600 mm, quello con ingresso aria dal
basso 300 mm. Questo accessorio al tempo stesso
fa da supporto e permette le connessioni dal basso
quando non sia installato un pavimento
sopraelevato. Si noti che in questo caso il
condizionatore va installato con un pannello cieco
frontale e con un basamento aperto.

Italiano Liebert PDX E-1


Allegato E - Accessori

E.4 Modulo aria di rinnovo


Il kit aria di rinnovo opzionale ha un proprio filtro Classe G3 Essendo posizionata in corrispondenza all'aspirazione del
installato nel lato di aspirazione del ventilatore ed è collegato ventilatore, l'aria di rinnovo si miscelerà facilmente con l'aria
all'unità Liebert® PDX con un tubo flessibile del diametro di di ricircolo.
100 mm.

Posizione modulo aria di rinnovo

Upflow Downflow

E-2 Liebert PDX Italiano


Allegato E - Accessori

E.5 Condotto flusso verticale E.6 Condotto con filtri ad alta efficienza

Su richiesta può essere fornita una estensione da installare I filtri ad alta efficienza (opzionali), classe di filtrazione F6, F7
sopra alla macchina. E' disponibile con misure diverse: e F9 secondo le norme CEN EN 779, sono realizzati con
500mm; 600mm; 700mm; 800mm; 900mm. Ha la stessa materiale filtrante in fibra di vetro. I setti filtranti disposti in
costruzione della macchina: pannelli sandwich dotati di sezione a "V" con un robusto telaio perimetrale in
materiale isolante ininfiammabile (classe 0 - ISO 1182.2), polipropilene, possono sopportare considerevoli variazioni
densità 30kg/m3. di pressione e portata.
Occorre installare un condotto addizionale sopra alla
macchina per poter installare tali filtri.

E.7 Plenum con cartucce silenziate E.8 Plenum con griglia

Sono speciali cartucce in materiale autoestinguente aventi Un plenum di mandata con griglia per la mandata
un elevato potere di fonoassorbenza. Sono garantite contro orizzontale può essere installato sopra alla macchina. Tale
la disgregazione e il rilascio di particelle come conseguenza plenum è alto 600 mm ed ha le stessa costruzione della
della frizione con l'aria del canale. macchina: pannelli sandwich dotati di materiale isolante
A fronte di una modesta perdita di carico, queste cartucce ininfiammabile (classe 0 - ISO 1182.2), densità 30 kg/m3.
attenuano notevolmente il livello di pressione sonora. E' dotato di griglia a doppia orientazione.

Italiano Liebert PDX E-3


Allegato E - Accessori

E.9 Air Economizer

L'opzione “Air Economizer" comprende un modulo di pompaggio del refrigerante.


estensione di 860 mm di altezza con un sistema di serrande Per utilizzare l'Air Economizer l'edificio dovrà essere dotato
da installarsi sopra ad una macchina in configurazione di adeguato sistema di canalizzazione dell'aria esterna. Il
Downflow. Questo sistema permette di avvalersi sistema a serrande permette diverse configurazioni di
dell'apporto di raffrescamento dato dall'immissione di aria canalizzazione.
fresca proveniente dall'esterno. Nota: sulle unità downflow è richiesta una flangia alta 50 mm
L'adozione del sistema Air Economizer permette alti per collegare il condotto all'unità (ved. E.10).
risparmi energetici, riducendo o eliminando il costo per il

E.10 Flangia di collegamento

Nei modelli Downflow Up, e Downflow Frontal con superiore, così l'unità risulta essere 50 mm più alta. Se
predisposizione per l'installazione della serranda, necessario, la flangia può essere rimossa svitando le viti di
dell'economizzatore e del condotto, l'unità è equipaggiata fissaggio (rimuovendo il pannello laterale per accedere alla
con una flangia di 50 mm di altezza fissata sulla parte testa delle viti) e riposizionandolo in seguito.

E-4 Liebert PDX Italiano


Allegato F - Umidificatore ad infrarossi

F. 1 - Umidificatore ad infrarossi
L'umidificatore ad infrarossi è composto da lampade al quarzo montate sopra una vaschetta d'acqua di acciaio inossidabile.
Le lampade non entrano mai in contatto con l'acqua. Quando è richiesta l'umidificazione dell'ambiente, raggi infrarossi
generano vapore acqueo, senza impurità o odore, in pochi secondi.
Al fine di ottenere prestazioni ottimali dall'umidificatore si consiglia di leggere attentamente questo manuale.

Tab. 1 - Specifiche Umidificatore ad infrarossi


CAPACITA' NOMINALE CORRENTE POTENZA
MODELLO ALIMENTAZIONI PRINCIPALI ASSORBITA ASSORBITA
VASCHETTA
UNITA' (V ± 10%) [kg/h] [A] [kW]

PX015-021 Acciaio
025-031-033 inossidabile 400V / 3ph / 50Hz 5 6.4 4.8

F. 2 - Installazione

L'umidificatore ad infrarossi viene fornito già incorporato al condizionatore d'aria. Le uniche operazioni necessarie sono i colle­
gamenti per l'acqua di carico e quella di scarico.
Acqua di carico.
• Massima pressione dell'acqua 200 kPa.
• Dimensionare linea di alimentazione umidificatore per 3,8 l/min, con una pressione minima di 138 kPa.
• Non alimentare l'umidificatore con acqua deionizzata.
Acqua di scarico.
• Contiene le stesse sostanze disciolte nell'acqua di carico, ma in grandi quantità;
• Può raggiungere una temperatura di 100 °C;
• Non è tossica e può essere scaricata nella rete fognaria, categoria 3, EN 1717;
• Disporre il tubo di scarico in una rete di drenaggio ordinario. La rete di drenaggio deve avere un sifone e deve essere in
grado di resistere a temperature fino a 100°C.

F. 2.1 - Componenti dell'umidificatore ad infrarossi


1 Vaschetta umidificatore 6 Connessioni di scarico
2 Tubo di troppo pieno 7 Linea di alimentazione
3 Elettrovalvola di regolazione del flusso 8 Termostato a reset manuale
4 Interruttore a galleggiante 9 Bulbi ad infrarossi
5 Morsetti

Fig. 1 - L'umidificatore ad infrarossi ed i suoi componenti

Italiano Liebert PDX F-1


Allegato F - Umidificatore ad infrarossi

F. 3 - Avviamento e funzionamento

F. 3.1 - Avviamento
Prima di usare l'umidificatore, controllare che:
 I collegamenti di carico e di scarico siano effettuati.
 Il rubinetto di intercettazione sia aperto.
 I cavi elettrici siano in ordine.
 La connessione a terra sia collegata.
Per avviare l'umidificatore accendere semplicemente il condizionatore, che a sua volta avvierà e fermerà l'umidificatore quando
richiesto.
I parametri (regolabili) che determinano il funzionamento dell'umidificatore vengono già presettati in fabbrica (ved. manuale
iCOM).

F. 3.2 - Funzionamento
Durante il normale funzionamento dell'umidificatore, si raccoglieranno depositi di minerali solidi nella vaschetta dell'umidifica­
tore e sul galleggiante. Questi devono essere puliti periodicamente per assicurare un funzionamento corretto. La frequenza
della pulizia deve essere stabilita in loco, perché dipende dall'uso dell'umidificatore e dalla qualità dell'acqua.
Si raccomanda una vaschetta di ricambio per ridurre i tempi di manutenzione dell'unità.
Il sistema Liebert autoflush può aumentare notevolmente il tempo fra le pulizie, ma non elimina la necessità di controlli periodici
e la manutenzione.

F. 4 - Manutenzione
AVVERTIMENTO: Radiazioni ottiche; Importante: i componenti dell'umidificatore potrebbero essere caldi.
Lasciate raffreddare prima di toccarli o utilizzare i guanti.

L'umidificatore a infrarossi contiene componenti elettrici sotto tensione e superfici calde, quindi tutte le operazioni di servizio e/o
manutenzione devono essere eseguite da personale esperto e qualificato, a conoscenza delle necessarie precauzioni.
Prima di eseguire qualsiasi operazione, verificare che l'umidificatore sia scollegato dalla rete elettrica, leggere attentamente e
seguire le istruzioni contenute nel manuale.

F. 4.1 - Pulizia della vaschetta dell'umidificatore e del galleggiante


Prima di spegnere l'unità:
1. Con l'unità in funzione, rimuovere la chiamata per l'umidificazione nel controllo Liebert iCOM.
2. Lasciate che il ventilatore funzioni per 5 minuti per consentire all'umidificatore e all'acqua di raffreddarsi.
3. Spegnere l'unità dal controllo Liebert iCOM.
4. Estrarre il coperchio dell'umidificatore.
5. Estrarre il tubo di troppo pieno dalla vaschetta dell'umidificatore.
6. Ispezionare gli O-ring (sostituirli se necessario).
7. Lasciate che la vaschetta di scarico e la pompa condensa continuino a funzionare (se applicabile).
8. Scollegare l'unità dall'alimentazione elettrica.
9. Scollegare il manicotto di scarico dal fondo della vaschetta.
10. Rimuovere il termostato dal fondo della vaschetta e le viti di fissaggio dai lati della stessa.
11. Far scorrere fuori la vaschetta.
12. Rimuovere le incrostazioni dai lati e dal fondo della vaschetta con una spazzola di nylon rigida o una spatola in plastica.
13. Risciacquare con acqua.
14. Pulire delicatamente le incrostazioni dall'interruttore a galleggiante (assicurarsi di reistallarlo correttamente; ved. Fig. 2).
15. Reinstallare la vaschetta, il termostato, il tubo, il manicotto di scarico, la copertura e le viti nell'umidificatore.
16. Avviare l'umidificatore e controllare che non ci siano perdite.

Fig. 2 - Corretto orientamento dell'interruttore a galleggiante

Orientamento corretto dell'interruttore Orientamento scorretto dell'interruttore

F-2 Liebert PDX Italiano


Allegato F - Umidificatore ad infrarossi

F. 4.2 - Sostituzione lampade dell'umidificatore


PRUDENZA: Toccando le lampade al quarzo con le mani nude si accorcia la durata della lampada. Il grasso cuta­
neo provoca punti caldi sulla superficie della lampada. Indossare guanti di cotone per maneggiare le lampade.

1. Rimuovere la vaschetta dell'umidificatore (ved. para. F. 4.1 - Pulizia della vaschetta dell'umidificatore e del galleggiante,
fasi da 1 a 11).
2. Scollegare l'unità dall'alimentazione elettrica.
3. Rimuovere le viti e la copertura dal comparto alta tensione dell'umidificatore.
4. Scollegare un'estremità dei ponticelli viola.
5. Usando un misuratore di continuità, individuare la lampada bruciata.
6. Rimuovere le staffe della lampada da sotto le lampade.
7. Allentare le due viti che fissano i fili di sostegno della lampada al blocco di giunzione.
8. Estrarre la lampada verso il basso e scartarla.
9. Avvolgere una volta i cavi conduttori attorno alle estremità di metallo della lampada nuova. Questo sosterrà la lampada e
consentirà l'espansione termica. Inserire i cavi nel blocco di giunzione e serrare le viti.
10. Rimontare invertendo i punti da 1 a 9.

F. 4.3 - Controlli periodici


1. Controllare che non ci siano incrostazioni nelle le linee di scarico e nel sifone.
2. Controllare/pulire la vaschetta dal calcare.
3. Pulire il riflettore.
4. Controllare che non ci siano perdite nella valvola acqua.
5. Controllare le lampade dell'umidificatore (sostituirle se bruciate).
6. Controllare i cavi elettrici (all'interno della scatola dell'umidificatore).

Tab. 2 - Umidificatore ad infrarossi - ricerca quasti

Sintomo Possibile Causa Controllo o rimedio


Controllare il carico dell'acqua

La vaschetta dell'umidificatore non si Verificare il funzionamento della valvola riempimento


riempie Controllare la regolazione del tubo di scarico
Controllare che non ci siano intasamenti nella linea acqua
Nessuna Il controllo non richiede umidità Controllare lo stato del monitor
umidificazione Controllare visivamente. In caso di contatto, controllare la ten­
Contatti umidità non premuti sione di linea dopo contattore e fusibili o magnetotermici.
Controllare il termostato di sicurezza dell'umidificatore
Sostituire la lampada. Allentare i fili di sostegno sulla vecchia
Lampada umidificatore bruciata lampada. Tagliare la lunghezza dei fili di sostegno in eccesso
sulla nuova lampada per evitare cortocircuiti.

Italiano Liebert PDX F-3


Allegato G - Umidificatore ad ultrasuoni

G. 1 - Umidificatore ad ultrasuoni
L'umidificatore ad ultrasuoni si basa sul principio della nebulizzazione ad ultrasuoni. Una tensione di 48Vac viene raddrizzata
su un circuito oscillatore e trasformata in un segnale ad alta frequenza di 1.65MHz. Questo segnale viene trasmesso al trasdut­
tore installato in acqua che trasforma il segnale in vibrazioni automatiche ad alta frequenza. I trasduttori incorporati anche chia­
mati "trasduttori di spessore" cambiano il loro spessore 1,65 milioni di volte al secondo in base al segnale inviato di 1.65MHz.
L'umidificatore ad ultrasuoni può lavorare solo con acqua demineralizzata con conduttività < 5 mS/cm (fino a 20 mS/cm
per breve tempo).
Se non è disponibile acqua demineralizzata, fornire un demineralizzatore (non in dotazione).
L'umidificatore ad ultrasuoni è controllato da un controllo a microprocessore elettronico.
Comprende una scheda di controllo, una scheda driver e una scheda display remoto, tutte alloggiate all'interno del quadro
elettrico dell'umidificatore, che si trova dietro la porta dell'unità Liebert® PDX.
La logica di funzionamento dell'umidificatore ad ultrasuoni è PROPORZIONALE. Il controllore è completo di scheda DSP che
permette di visualizzare e modificare tutti i parametri dell'umidificatore, nonché di segnalare, tramite dei codici, gli allarmi.
Per ragioni di sicurezza e al fine di ottenere prestazioni ottimali dall'umidificatore si consiglia di leggere attentamente questo
manuale e il manuale HSU08RM000.

Tab. 1 - Specifiche umidificatore ad ultrasuoni


ALIMENTAZIONE SETTAGGIO POTENZA ASSORBITA
MODELLO PRINCIPALI NUMERO DI TRASDUTTORI
UMIDIFICATORE [kg/h] [W]
(Vac)

HSU08RM000 48 0…6.0 16 670

G. 2 - Installazione

L'umidificatore ad ultrasuoni viene fornito montato all'interno di un modulo base di 400 mm di altezza.
Il modulo base con umidificatore viene fornito stand-alone e deve essere installato e collegato al condizionatore d'aria sul
campo.
Il modulo può essere installato sul pavimento sopraelevato, vedi Fig. 1, o all'interno del pavimento sopraelevato, vedi Fig. 2
(fronte e fondo del modulo aperti, lati e posteriore del modulo chiusi).
Quando è installato nel pavimento sopraelevato è necessario rimuovere il pannello frontale del modulo per avere anche la man­
data aria frontale. È disponibile, a richiesta, un telaio di base necessario per supportare il modulo umidificatore ad ultrasuoni.
Garantire 1 metro di spazio libero (senza ostacoli) all'uscita del modulo umidificatore ad ultrasuoni.
Collegare il cavo elettrico dell'umidificatore, proveniente dal condizionatore d'aria, all'umidificatore ad ultrasuoni.
Collegare l'alimentazione acqua, lo scarico acqua, la sicurezza troppo pieno e la vaschetta di scarico dell'umidificatore.
Le connessioni delle tubazioni devono essere in materiale resistente all'acqua completamente demineralizzata.
Fare riferimento al manuale HSU08RM000 per ulteriori dettagli.

Fig. 1 - Modulo umidificatore ad ultrasuoni sul pavimento sopraelevato, viste frontale e laterale

Italiano Liebert PDX G-1


Allegato G - Umidificatore ad ultrasuoni

Fig. 2 - Modulo umidificatore ad ultrasuoni all'interno del pavimento sopraelevato, viste frontale e laterale

Acqua di carico.
• Fornire acqua completamente demineralizzata con conducibilità <5 mS / cm. Se l'acqua demineralizzata non è disponibile,
fornire demineralizzatore (non in dotazione)
• Pressione dell'acqua da 50 kPa a 500 kPa.
• Temperatura dell'acqua da 8°C a 40°C.
• Polvere o sporcizia non deve entrare nelle linee d'acqua.
Fare riferimento al manuale HSU08RM000 per ulteriori dettagli.
Acqua di scarico.
• Contiene le stesse sostanze disciolte nell'acqua di carico, ma in grandi quantità;
• Non è tossica e può essere scaricata nella rete fognaria, categoria 3, EN 1717.
• Disporre il tubo di scarico in una rete di drenaggio ordinario. (la rete di drenaggio deve avere un sifone.
Fare riferimento al manuale HSU08RM000 per ulteriori dettagli.

G. 2.1 - Componenti dell'umidificatore ad ultrasuoni


1 Umidificatore 10 Sicurezza di troppo pieno
2 Contenitore della ventola 11 Tubazione convogliamento vapore
3 Guida di copertura dell’acqua nebulizzata 12 Ghiera e dado
4 Ventilatore 13 Vaschetta di scarico umidificatore
5 Tappo metallico 14 Filtro aria
6 Spinotto 15 Connessioni alimentazione acqua
7 Tappo metallico 16 Valvola di controllo (a cura del cliente)
8 Spinotto 17 Serranda
9 Scarico acqua 18 Scarico vaschetta umidificatore

Fig. 3 - L'umidificatore ad ultrasuoni ed i suoi componenti

Italiano
G-2 Liebert PDX
Allegato G - Umidificatore ad ultrasuoni

G. 3 - Avviamento e funzionamento

G. 3.1 - Avviamento
Prima di usare l'umidificatore, controllare che:
 I collegamenti di carico e di scarico siano effettuati.
 Il rubinetto di intercettazione sia aperto.
 I cavi elettrici siano in ordine.
 La terra sia collegata.
Per avviare l'umidificatore accendere semplicemente il condizionatore, che a sua volta avvierà e fermerà l'umidificatore quando
richiesto.
I parametri (regolabili) che determinano il funzionamento dell'umidificatore vengono già presettati in fabbrica (ved. manuale
iCOM e manuale HSU08RM000 per ulteriori dettagli).

G. 3.2 - Funzionamento
L'umidificatore ad ultrasuoni si basa sul principio della nebulizzazione ad ultrasuoni.
La nebbia generata nel serbatoio dell'acqua attraverso il trasduttore viene soffiata nella stanza dal ventilatore incorporato.
L'umidificatore è costituito da moduli per la nebulizzazione, un'elettrovalvola per il controllo dell'alimentazione dell'acqua,un
interruttore a galleggiante e un alloggiamento che ospita il ventilatore.
Fare riferimento al manuale HSU08RM000 per ulteriori dettagli.

G. 4 - Manutenzione
Se l'umidificatore non viene utilizzato per un lungo periodo, l'acqua deve essere scaricata.
Non utilizzare MAI l'umidificatore senza flusso d'aria.
Prima di eseguire qualsiasi operazione, verificare che l'umidificatore sia scollegato dalla rete elettrica, leggere e seguire attenta­
mente le istruzioni contenute nel manuale.

G. 4.1 - Controlli periodici


1. Controllare che non ci siano incrostazioni nelle le linee di scarico e nel sifone.
2. Controllare/pulire la vaschetta dal calcare
3. Controllare i cavi elettrici (all'interno della scatola dell'umidificatore)
4. Controllare lo stato dei filtra aria dell'umidificatore

Italiano Liebert PDX G-3


Fabbricante - Manufacturer - Hersteller - Fabricant - Fabricante
Fabricante - Tillverkare - Fabrikant - Valmistaja - Produsent
Fabrikant - " # - Producent
Emerson Network Power S.r.l. - Zona Industriale Tognana
Via Leonardo da Vinci, 16/18 - 35028 Piove di Sacco - Padova (Italy)
Printed in Italy by Liebert HIROSS S.p A.

Il Fabbricante dichiara che questo prodotto è conforme alle direttive Europee:


The Manufacturer hereby declares that this product conforms to the European Union directives:
Der Hersteller erklärt hiermit, dass dieses Produkt den Anforderungen der Europäischen Richtlinien gerecht wird:
Le Fabricant déclare que ce produit est conforme aux directives Européennes:
Issued by T.D.Service

El Fabricante declara que este producto es conforme a las directivas Europeas:


O Fabricante declara que este produto está em conformidade com as directivas Europeias:
Tillverkare försäkrar härmed att denna produkt överensstämmer med Europeiska Uniones direktiv:
De Fabrikant verklaart dat dit produkt conform de Europese richtlijnen is:
Since the Liebert HIROSSVaimistaja
Companyvakuuttaa täten,
has a policy että tämä tuote täyättää seuraavien EU-direktiivien vaatimukset:
of continuous
product improvement, it reserves the erklærer
Produsent right to change
herveddesign
at detteand
produktet er i samsvar med EU-direktiver:
specifications without previous notice.
Fabrikant erklærer herved, at dette produkt opfylder kravene i EU direktiverne:
  
              !

2006/42/EC; 2004/108/EC; 2006/95/EC; 97/23/EC


Ensuring the High Availability
Of Mission−Critical Data And Applications

About Emerson Network Power Locations


Emerson Network Power, a business of Emerson (NYSE:EMR), delivers Emerson Network Power
software, hardware and services that maximize availability, capacity and Global Headquarters
efficiency for data centers, healthcare and industrial facilities. A trusted 1050 Dearborn Drive
industry leader in smart infrastructure technologies, Emerson Network P.O. Box 29186
Columbus, OH 43229, USA
Power provides innovative data center infrastructure management Tel: +1 6148880246
solutions that bridge the gap between IT and facility management and
deliver efficiency and uncompromised availability regardless of capacity Emerson Network Power
EMEA
demands. Our solutions are supported globally by local Emerson
Via Leonardo Da Vinci, 16/18
Network Power service technicians. Zona Industriale Tognana
Learn more about Emerson Network Power products and services at 35028 Piove di Sacco (PD) Italy
www.EmersonNetworkPower.eu Tel: +39 049 9719 111
Fax: +39 049 5841 257

Cooling.NetworkPower.Eu@Emerson.com

While every precaution has been taken to ensure accuracy and completeness
herein, Emerson assumes no responsibility and disclaims all liability
for damages resulting from use of this information or for any errors or omissions.
Specifications subject to change without notice.

EmersonNetworkPower.eu

Emerson, Business−Critical Continuity and Emerson Network Power are trademarks of Emerson Electric Co. or one of its affiliated companies. E2013 Emerson Electric Co.

EMERSON. CONSIDER IT SOLVED.