Sei sulla pagina 1di 2

3/6/2014 (5) LE MONADI

LE MONADI
3 giugno 2014 alle ore 16.57

In questo breve scritto, che abbiamo trovato nella ormai nota "cassapanca dei tesori", Salvatore
Paladino esprime in maniera sintetica alcuni concetti che risulteranno abbastanza inconsueti per la
cultura media normale di carattere occidentale.
Essi originano sia dalla filosofia dei Veda, da quella induista e più in generale "orientale", sia dalla
teosofia occidentale, ma hanno fondamenti anche nella filosofia antica e religiosa occidentale.
Qualcuno dubiterà di ciò poichè i concetti sotto riportati paiono astrusi e completamente estranei al
nostro linguaggio ed intendere "comune".
Questa differenza nasce dal fatto che in prevalenza la nostra cultura e il nostro sistema religioso è
espressione di essoterismo, mentre lo scritto di Salvatore fa riferimento all'esoterismo.
Pur essendo una sola vocale che differenzia le due parole, questa lettera rende il loro significato
diametralmente opposto.

Essoterico (o exoterico) deriva dal termine greco exotericos, esterno, ed indica una forma
religiosa o filosofica aperta e divulgata al grande pubblico, in cui non sono presenti veri e propri
Riti Iniziatici. In parole povere l'essoterismo costituisce la Religione, con i suoi riti, dogmi, credenze,
e con il ricorso alla Fede che permette di accettare come vere cose inconoscibili e di cui non si
hanno prove materiali o esperienziali.

Il termine Esoterismo invece indica un culto "interno", divulgato solo agli Iniziati. In occidente
abbiamo avuto in passato i Misteri Eleusini, il culto di Mitra, i Misteri di Iside e di Demetra, altri se ne
sono avuti nell'antico Egitto; ma l'esoterismo è anche alla base dello sciamanesimo di culture più
lontane. Lo stesso Pitagora, che sicuramente tutti conosciamo sin dalle elementari per la tabellina
(tavola Pitagorica) o dalle medie per il teorema di Pitagora (quello dei triangoli rettangoli) era
accidentalmente un matematico... la sua vera figura era un'altra, era un Grande Iniziato, fondatore
di una scuola (la scuola pitagorica) esoterica. Laura Rakoczi Oscella>>

***********************************************************************+

Le Monadi hanno vita dal primo Logos, esse possono essere descritte come i figli del Padre “La
fiamma con le scintille ancora unite che ivi brillano”.
La fiamma è Ishvara (primo Logos; le scintille sono le Monadi umane ed altre).
Le parole “ancora unite” significano che le Monadi sono il Logos stesso (Cristo parlando del Padre:
Io sono in Lui e Lui è in me).
Le Monadi: tante Coscienze Cristiche; il loro piano di azione è L’Anupadaka, mentre le radici della
loro vita stanno sul piano Adi. Lentamente e gradualmente l’onda di vita del secondo Logos scende
attraverso i vari piani – mentale: superiore e inferiore ed astrale – e regni – minerale, vegetale,
animale, umano, superumano o planetario, angelico o universale, monadico o cosmico – vivificati
dalla prima onda di vita, emanata dal terzo aspetto del Logos: lo Spirito Santo – rimanendo in
ognuno per un periodo equivalente, in durata, ad una intera incarnazione di una catena planetaria,
vale a dire parecchi milioni di anni. Una catena planetaria consiste di sette globi di materia, di vario
grado, sette gradi per ogni globo,attraverso i quali passa sette volte la corrente della vita che si
evolvono.
Quindi le incarnazione per i tre piani e i sette regni sono di 7 x 7 = 49 per 7 volte la corrente della
vita = 343 x 10 = 3430 = 1 così prima che l’essenza monadica riformi l’unità. Dio. Ogni volta che

https://www.facebook.com/notes/salvatore-paladino/le-monadi/243152009210497 1/2
3/6/2014 (5) LE MONADI

l’essenza monadica passa da un piano ad un altro, per pressione, dopo aver percorso le varie
suddivisioni dei sette regni elementari, la sua vita si identifica con le sue forme.

In alchimia
“Tu separerai la terra dal fuoco, il sottile dal denso,dolcemente, con molta attenzione.”
“Sale dalla Terra al Cielo e di nuovo ritorna in Terra,riceve le forze delle cose superiori e delle cose
inferiori.”
“Per questo mezzo otterrai la gloria di tutto il mondo e per questo da te fuggirà ogni oscurità”.
“E’ la forza forte di ogni forza, poichè essa vincerà ogni cosa sottile e penetrerà ogni cosa solida.”
“Così il mondo fu creato.”
Separare il sottile dal denso, nella prima operazione, che è tutta interna, vuol dire liberare l’anima
propria da ogni pregiudizio e da ognivizio; questo si ottiene con l’uso del sale filosofico, cioè della
saggezza;del mercurio, cioè dell’abilità personale e del lavoro: attività; infine dellozolfo che
rappresenta l’energia vitale e il colore della volontà.

Zolfo Mercurio Sale


Elementi del minerale

Volontà Attività Saggezza


Monade

Salvatore Paladino

Mi piace · Commenta · Condividi

https://www.facebook.com/notes/salvatore-paladino/le-monadi/243152009210497 2/2