Sei sulla pagina 1di 88

Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni

Omnia S
Omnia/S
OMOLOGATA DAT n. U0805

MANUALE DI INSTALLAZIONE

®
Alcune procedure e caratteristiche descritte in questo manuale riguardano le centrali Omnia/S con
Revisione Firmware precedente alla 3.0. Tali caratteristiche e procedure saranno evidenziate all’-
occorrenza.

Per programmare la Centrale fornita con questo manuale usare esclusivamente l’applicazione Omnia-
Academy40 release 4.0 o seguente.

Con la presente, Bentel Security dichiara che le centrali: Omnia/S

sono conformi ai requisiti essenziali ed alle altre disposizioni pertinenti stabilite dalla

direttiva 1999/5/CE.

Le dichiarazioni di conformità complete possono essere trovate all’indirizzo:

www.bentelsecurity.com/dc.html
.

Le centrali elencate sono conformi ai requisiti richiesti dalla norma CEI-79-2 2a ed. 1993

L’installazione della centrale deve essere effettuata a regola d’arte, in accordo con le norme vi-
genti.

Questa centrale è stata sviluppata secondo criteri di qualità, affidabilità e prestazioni adottati

dalla Bentel Security srl.

Si raccomanda di verificare il corretto funzionamento del sistema almeno una volta al mese.

Le procedure per il collaudo dipendono dalla configurazione del sistema. Chiedere all’installatore

del sistema le procedure da seguire.

La Bentel Security srl declina ogni responsabilità nel caso in cui la centrale venga manomessa

da personale non autorizzato.

Il contenuto di questo manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso e non rappresenta un
impegno da parte della BENTEL SECURITY srl.
INDICE

INTRODUZIONE 5 Tipo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Attributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Durata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Eventi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Caratteristiche generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Aree . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
Il sistema Omnia/S . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Telefono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Agenda telefonica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Caratteristiche tecniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Risposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Novità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Parametri telefonici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Omnia 2.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Risponditore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Omnia 3.0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Avvisatore Telefonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Omnia 3.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Numeri Avvisatore Telefonico . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Messaggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
IDENTIFICAZIONE DELLE PARTI 11 Azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
Unità Centrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 Comunicatore Digitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Tastiera di Controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 Numeri Comunicatore Digitale . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Lettori per Chiave Digitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 Azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
Espansioni di Ingresso e di Uscita . . . . . . . . . . . . . . 16
Teleassistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
INSTALLAZIONE 17 Eventi-Azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Fissaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 Tabella degli Eventi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Priorità delle azioni telefoniche . . . . . . . . . . . . . . . . 47
Configurazione massima . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 Liste delle Azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
Dettaglio visualizzazione eventi . . . . . . . . . . . . . . . 48
Descrizione dei morsetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 Cancellazione delle azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
Unità Centrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 Descrizione degli eventi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
Dispositivi BPI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 Eventi di Allarme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
Schemi di collegamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 Eventi Generici di Centrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
Eventi Spot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
Collegamento dei dispositivi BPI . . . . . . . . . . . . . . 23 Comunicatore MF (solo Centrali con revisione firmware
Limitazioni alla lunghezza del bus BPI . . . . . . . . . . . . 24 inferiore alla 3.0) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
Collegamento dei sensori di allarme . . . . . . . . . . . . 24
Sensori antincendio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 Evento Test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Collegamento dei dispositivi di segnalazione . . . . . . . 26 Codici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Parametri programmabili dall’installatore . . . . . . . . . . . 55
Collegamento dei contatti antisabotaggio . . . . . . . . . 27 Parametri programmabili dall’utente . . . . . . . . . . . . . 57
Stato dei codici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Collegamento della linea telefonica . . . . . . . . . . . . 27 La programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Collegamento dell’alimentazione . . . . . . . . . . . . . . 28 Attivatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

Super Tasti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
PROGRAMMAZIONE 29
Cliente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 Tempi Filtro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

Configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Opzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
Tastiere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Inseritori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 Programmatore Orario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Via Radio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Stringhe LCD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Tabella zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32 Orologio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Descrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Tipo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 Codice Installatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Attributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 Perdita del Codice Installatore . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Bilanciamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Cicli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 Programmazione con PC locale . . . . . . . . . . . . . . 62
Area . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Sensibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 Programmazione con PC via telefono . . . . . . . . . . . 63
Messaggi Vocali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Programmazione da Tastiera . . . . . . . . . . . . . . . . 64
Uscite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
Tabella uscite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 Impostazioni predefinite . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
Tempo di Off . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Descrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37 Ripristino delle impostazioni predefinite . . . . . . . . . 65
Uscita riservata (manuale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37

3
Un semplice impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65 Applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Collegamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
Programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65 Applicazioni dei Timers . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
Uso dell’impianto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
Collegamento del PC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
OmniaVOX 67
APPLICAZIONI 77
Caratteristiche generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
Inserimento veloce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
Identificazione delle parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
Disinserimento temporaneo (ronda) . . . . . . . . . . . . 78
Installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
Gestione di un’Area Comune . . . . . . . . . . . . . . . . 79
Estensione delle zone di ascolto . . . . . . . . . . . . . . 68
Selezione manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68 Associazione di più uscite allo stesso evento . . . . . . 80
Selezione automatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
Selezione automatica e manuale . . . . . . . . . . . . . . . 69 Associazione di più uscite ad uno stesso evento di allarme
81
.......

OmniaTIMER 71 Azione su riconoscimento di più codici . . . . . . . . . . 82

Caratteristiche generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 Disinserimento sotto coercizione . . . . . . . . . . . . . 83


Soluzione N° 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
Identificazione delle parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 Soluzione N° 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
Avvisatore Telefonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
Installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
Sospensione degli allarmi mediante Attivatore . . . . . . 87
Programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73

4 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


INTRODUZIONE

Descrizione generale
Omnia/S è una centrale dell’ultima generazione estremamente potente e dotata di una versatilità di utilizzo che le
permette di adattarsi alle più disparate situazioni installative.
La filosofia del sistema è quella dell’espandibilità, della programmabilità, abbinate alla semplicità di utilizzo.
Omnia/S è dotata di 8 Zone di Ingresso espandibili ad 80 e di 4 Uscite espandibili a 36.

Le aree Le aree rendono la centrale estremamente flessibile nel gestire le parzializzazioni ed impianti condivisi da più
utenti. La centrale Omnia/S è in grado di gestire 8 aree. Esse possono essere inserite e disinserite singolarmente
o a gruppi per mezzo degli attivatori, dei codici o degli ingressi di centrale. Tra le aree è possibile stabilire relazioni
di dipendenza al fine di gestire automaticamente le "aree comuni".

Gli eventi e le Le interazioni tra gli ingressi, le uscite e le azioni sul comunicatore telefonico, vocale o digitale, sono riprogramma-
azioni bili a piacimento garantendo all’installatore una flessibilità operativa difficilmente uguagliabile.
Per ottenere ciò la centrale Omnia/S mette a disposizione 445 eventi. A fronte di ciascuno di essi l’istallatore può
decidere le azioni che la centrale deve intraprendere.
Le azioni sono essenzialmente di tre tipi: azioni su uscite, azioni su comunicatore digitale ed azioni su avvisatore
vocale.
La flessibilità di tale approccio permette alla centrale di adattarsi alle esigenze più disparate. Nello stesso tempo la
sua programmazione di fabbrica rende possibile soluzioni del tipo "installa-e-vai".

Funzioni Il comunicatore telefonico è in grado di gestire 32 numeri telefonici. Di questi quattro possono essere utilizzati per
telefoniche il comunicatore digitale, ciascuno con il proprio codice cliente ed il proprio protocollo di comunicazione. In tal modo
si rende possibile la comunicazione con più centrali di vigilanza.
Per la teleassistenza sono disponibili 4 numeri telefonici. In tal modo la centrale è in grado di comunicare con il
modem dell’istallatore anche quando questo sia stato trasferito in un ufficio diverso dall’abituale, ad esempio per la
stagione estiva.

OmniaVOX Aggiungendo alla centrale la scheda OmniaVOX si ha a disposizione un avvisatore telefonico vocale che può rag-
giungere altri 16 numeri telefonici a cui inviare fino a 14 messaggi vocali diversi registrabili dall’istallatore.
Con la scheda OmniaVOX si rende anche disponibile la funzione di risponditore telefonico vocale. A tale funzione
si può assegnare uno dei 14 messaggi disponibili.
Una volta che si è in contatto vocale con la centrale, o a seguito di una chiamata di tipo avvisatore o perchè si è
telefonato alla centrale e questa ci sta inviando il messaggio risponditore, si possono eseguire una serie interes-
santissima di operazioni: ascolto ambientale, colloquio vocale bidirezionale, interrogazione sullo stato degli ingres-
si con risposta vocale da parte della centrale, accensione e spegnimento di carichi remoti, inserimento e disinseri-
mento di aree, reset degli allarmi, blocco delle chiamate, ecc.
Tutte le precedenti operazioni sono disponibili solo dopo l’immissione di un codice segreto che è eventualmente
disabilitabile subito dopo il suo utilizzo.

Programmatore La scheda programmatore orario opzionale mette a disposizione tutta una serie di funzioni per la gestione auto-
orario matica degli impianti. Essa aggiunge alla centrale la possibità di gestire inserimenti/disinserimenti su base giorna-
liera o settimanale su ciascuna area. Sono anche disponibili 8 timer giornalieri completamente indipendenti per la
gestione di eventi qualsiasi. Inoltre è prevista la gestione di una stampante parallela o seriale.

Dispositivi via Questa Centrale supporta i Sistemi per Dispositivi via Radio VectorBRIDGE e VectorBPI. Tramite questi sistemi
Radio è possibile "collegare" a questa Centrale fino a 31 Sensori via Radio come Sensori ad Infrarosso Passivi (AMD10
e AMD10A), Contatti Magnetici (AMC10) e Rilevatori di Fumo (ASD10), e fino a 4 Radiochiavi (ARC10).
VectorBRIDGE permette a questa Centrale di rilevare e segnalare l’allarme e il sabotaggio dei Sensori via Radio,
in modo individuale (cioè, specificando il sensore in allarme o sabotato) e, la scomparsa e la batteria bassa degli
stessi, in modo collettivo (cioè, senza specificare il sensore scomparso o con la batteria bassa).
VectorBPI permette a questa Centrale di rilevare e segnalare l’allarme, il sabotaggio, la scomparsa e la batteria
bassa dei Sesnori via Radio, in modo individuale, ma impegna più risorse (zone) della Centrale, rispetto a Vector-
BRIDGE.
Leggere le istruzioni fornite con VectorBRIDGE e VectorBPI per maggiori informazioni su questi Sistemi per Di-
spositivi via Radio.

Programmazione La programmazione della centrale è estremamente potente e versatile ed è disponibile un potente software di ge-
stione in ambiente Windows che permette di programmare e monitorare la centrale sia collegandosi all’interfaccia
RS232 che collegandosi in teleassistenza.
Inoltre è possibile programmare la centrale anche dalle tastiere, per permettere dei veloci interventi di manutenzio-
ne.

INTRODUZIONE 5
Caratteristiche generali
Centrale antifurto
 Fino a 80 zone di allarme: 8 sull’Unità Centrale, 64 su 16 Espansioni di Ingresso (4 zone ognuna), 8 su 8 Tastiere
(1 zona ogni Tastiera).
 Fino a 36 uscite: 2 relè e 2 open collector sull’Unità Centrale, 32 su 8 Espansioni di Uscita (4 uscite ognuna).
 Fino ad 8 Tastiere con LCD retroilluminato per la gestione del sistema.
 Fino a 16 Inseritori per chiave elettronica.
 Fino a 2 Stazioni di Alimentazione, da 3 o 5 A, controllate dalla centrale.
 Bus a 4 fili protetto dai cortocircuiti per la connessione dei dispositivi remoti.
 Duplicazione fisica del bus per la protezione verso sabotaggi.
 Tutte le zone sono programmabili come tipo di bilanciamento, tipologia di funzionamento e tipologia di allarme.
 Ogni zona di ingresso può essere programmata per impartire alla centrale determinati comandi programmabili.
 Tutte le uscite programmabili come bistabili o cicliche con tempo di ciclo e stato di riposo programmabile.
 8 aree programmabili ciascuna con le proprie zone, tastiere, inseritori, codici, uscite e tempi.
 31 codici utente con visibilità, priorità e funzioni programmabili.
 250 Attivatori per chiave elettronica ognuno con visibilità programmabile.
 Ogni ‘oggetto’ del sistema (zone, tastiere, inseritori, codici, chiavi, aree, etc.) è identificabile con un nome di 16 ca-
ratteri che comparirà sulla tastiera durante le operazioni dell’utente.
 Memorizzazione degli ultimi 200 eventi completi di data, ora ed utente.
 Interfaccia RS232 per programmare e monitorare la centrale.
 Software in ambiente Windows per la programmazione, la teleassistenza ed il monitoraggio della centrale.
Funzioni telefoniche
 Selezione a toni multifrequanza e ad impulsi decadici.
 32 numeri telefonici a disposizione per funzioni di televigilanza, teleassistenza e chiamate vocali.
 Comunicatore digitale multiprotocollo incorporato per la gestione di protocolli ad impulsi e DTMF.
 Possibilità di attivare 10 diverse chiamate di allarme immediato da tastiera.
 Chiamata di test programmabile.
 Possibilità di abilitare la richiamata di sicurezza.
 Possibilità di condividere la linea telefonica con un altro dispositivo risponditore.
 Modem 1200 baud FSK integrato per la gestione della teleassistenza.
Funzioni telefoniche con scheda opzionale OmniaVOX
 Avvisatore telefonico vocale per la gestione di 14 differenti messaggi vocali registrabili dall’installatore ed inviabili
a 16 diversi numeri telefonici.
 Possibilità di interrogare la centrale da remoto (con codice segreto) ed ottenere una risposta vocale.
 Possibilità di comandare le uscite, lo stato di inserimento delle aree ed il reset degli allarmi della centrale da remo-
to (con codice segreto).
 Possibilità di ascolto ambientale e colloquio telefonico multipunto da remoto (con codice segreto).
 Funzione di risponditore telefonico vocale.
Funzioni programmatore orario e interfaccia stampante OmniaTIMER
 Gestione su base giornaliera, settimanale o mensile.
 Gestione delle festività e dell’ora legale/solare.
 Gestione dello straordinario e del tempo di preavviso dell’inserimento.
 Gestione di 2 inserimenti e 2 disinserimenti al giorno per ogni area.
 8 timer giornalieri completamente indipendenti.
 Interfaccia per stampante parallela Centronics o RS232.

Il sistema Omnia/S

Sistema Base Il Sistema Base è costituito dall’Unità Centrale ad 8 Zone espandibili ad 80, con alimentatore switching da 3 A, e
da una Tastiera di Controllo.

Espansioni Questa Centrale può gestire fino a 16 Espansioni di Ingresso, dotate ciascuna di 4 zone, e fino ad 8 Espansioni di
Uscita dotate ciascuna di 4 uscite open collector.

6 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Dispositivi di Possono essere collegati alla centrale un massimo di 16 Lettori per Chiave Elettronica ed un massimo di 8 Ta-
comando stiere LCD. I Lettori sono disponibili nelle versioni: CON contatti, per il montaggio a parete (BPI3W) e per il mon-
taggio ad incasso (linea BPI3); SENZA contatti, per il montaggio ad incasso (linea ECLIPSE); di prossimità, per
il montaggio a parete (PROXI). Tutti i Lettori elencati consentono le stesse operazioni sulla Centrale; essi differi-
scono per l’aspetto e per il principio di funzionamento. Il riconoscimento della Chiave Elettronica avviene: tramite
dei contatti elettrici, nei Lettori BPI3 e BPI3W; tramite induzione magnetica, nei Lettori ECLIPSE e PROXI. Quindi,
i Lettori ECLIPSE e PROXI sono più immuni agli agenti ossidanti e all’usura meccanica.
+ In questo manuale si userà il termine Inseritore per indicare tutti i tipi di Lettore e il termine Attivatore per indicare
tutti i tipi di Chiave Elettronica, salvo indicazioni diverse.

OmniaVOX Scheda opzionale per la gestione delle chiamate vocali e funzioni di tele-attivazione.

Programmatore Scheda opzionale per la gestione automatizzata degli impianti ed interfaccia stampante.
Orario

Software di Il software di gestione, operante in ambiente Windows, è uno strumento indispensabile per sfruttare appieno le po-
gestione tenzialità del sistema Omnia/S, infatti, con esso è possibile effettuare la completa programmazione della centrale,
gestendo un completo archivio clienti e monitorare in tempo reale la centrale.

Il modem B-Mod Utilizzando l’apposito modem B-Mod, con lo stesso software si possono gestire i collegamenti di teleassistena, sia
manuali che automatici per avere sempre aggiornato l’archivio storico di tutti i clienti collegati; inoltre, con il mo-
dem B-Mod/RX, è possibile ricevere chiamate di televigilaza per avere in tempo reale le informazioni degli eventi
che si verificano sugli impianti gestiti.

Stazione di È disponibile una stazione di alimentazione, da connettere al bus, capace di fornire fino a 5 A. In tal modo è possi-
alimentazione bile far fronte alla eventuale richiesta di potenza da parte di dispositivi remoti. Tale stazione di alimentazione risul-
remota ta totalmente controllata dalla centrale che gestisce gli eventi generati dalla stazione di alimentazione remota (bat-
teria bassa o inefficente, mancanza rete). Possono essere connesse al bus 2 di questi dispositivi.

Caratteristiche tecniche

Articolo OMNIA/S
Tensione di alimentazione 230 V 50 Hz ±10%
Assorbimento massimo 0,5 A
Potenza massima 115 W
Classe d’isolamento Classe I
Alimentatore caricabatteria 13,8 V 3A
Corrente massima disponibile
per l’alimentazione di 2A
dispositivi esterni
12 V - 7 Ah oppure 12 V - 17 Ah
Batterie allocabili YUASA
(Marca e Modello) NP 7-12 FR o NP 17-12 FR o
equivalenti con classe di infiammabilità dell’involucro UL94-V2 o migliore
Temperatura di funzionamento 5 ÷ 40 °C
Dimensioni (L x H x P) 330 x 460 x 100 mm
Peso (senza batteria) 4,2 Kg
EN 50081-1:1992 EN 50130-4:1995+A1:1998
Conforme alle norme CEI EN 60950:2000 TBR21:1998
79/2 2a Ed. 1993 - Liv. di prestazione II

Articolo Assorbimento Dimensioni (LxHxP)


Scheda Madre OMNIA/S 135 mA ----
Tastiera (OmniaTAST-R) 50 mA 160 x 73 x 30 mm
Tastiera (MIA-S) 50 mA 164,0 x 132,9 x 43,7 mm
Inseritore da incasso (BPI3 / ECLIPSE) 30 / 30 mA ----
Inseritore da parete (BPI3W) 30 mA 51 x 73 x 28 mm
Lettore di Prossimità (PROXI) 30 mA 77,9 x 108,5 x 22,0 mm
Espansione di Ingresso (Omnia4IN / M-IN/6) 15 / 20 mA
Espansione di Uscita (Omnia4OUT / M-OUT/6) 20 / 20 mA 108 x 101 x 34 mm
Modulo 4 relè (Omnia4R) 120 mA
Scheda Vocale + Scheda Microfono-Altoparlante
20 mA ----
(OmniaVOX + VOX-REM)
Scheda Programmatore Orario e Interfaccia Stampante
40 mA ----
(OmniaTIMER)
Stazione di Alimentazione (BXM12) 20 mA 234 x 345 x 96 mm

INTRODUZIONE 7
 Accessori
La tabella seguente mostra gli accessori di questa Centrale e indica quelli che sono certificati .

OMNIA/TAST-R Tastiera con display LCD retroilluminato e 1 ingresso


MIA-S Tastiera con display LCD retroilluminato e 2 ingressi (+ questa Centrale può gestire solo il primo ingresso)
OMNIA/4IN Modulo di espansione a 4 ingressi
M-IN/6 Modulo di espansione a 6 ingressi (+ questa Centrale può gestire solo i primi 4 ingressi)
OMNIA/4OUT Modulo di espansione a 4 uscite
M-OUT/6 Modulo di espansione a 6 uscite (+ questa Centrale può gestire solo le prime 4 uscite)
M-SUP ---- Supporto per Moduli di Espansione 108 x 101 mm
ASNC Deviatore Antistrappo Normalmente Chiuso
OMNIA/VOX Scheda per funzioni vocali
VOX-REM Scheda Microfono e Altoparlante per ascolto ambientale
MINI-BOX ---- Contenitore per Scheda Microfono o Altoparlante
PROXI ---- Lettore di Prossimità
PROXI-CARD ---- Scheda per Lettore di Prossimità
ECLIPSE3ABI Inseritore da incasso, senza contatti, versione AVE
ECLIPSE3AN Inseritore da incasso, senza contatti, versione AVE noir
ECLIPSE3DEL Inseritore da incasso, senza contatti, versione DELTA
ECLIPSE3DN Inseritore da incasso, senza contatti, versione DELTA noir
ECLIPSE3GE Inseritore da incasso, senza contatti, versione GEWISS
ECLIPSE3GGE Inseritore da incasso, senza contatti, versione GEWISS noir
ECLIPSE3GP Inseritore da incasso, senza contatti, versione GEWISS playbus
ECLIPSE3IN Inseritore da incasso, senza contatti, versione TICINO international
ECLIPSE3LGT Inseritore da incasso, senza contatti, versione TICINO light
ECLIPSE3MA Inseritore da incasso, senza contatti, versione TICINO magic
ECLIPSE3VI Inseritore da incasso, senza contatti, versione VIMAR idea
ECLIPSE3VIB Inseritore da incasso, senza contatti, versione VIMAR light
SAT Attivatore per Inseritore senza contatti e Lettore di Prossimità
BPI3-AVE Inseritore da incasso versione AVE
BPI3-AN Inseritore da incasso versione AVE noir
BPI3DEL Inseritore da incasso versione DELTA
BPI3-DN Inseritore da incasso versione DELTA noir
BPI3GEW Inseritore da incasso versione GEWISS
BPI3-GN Inseritore da incasso versione GEWISS noir
BPI3GP Inseritore da incasso versione GEWISS playbus
BPI3INT Inseritore da incasso versione TICINO international
BPI3 Inseritore da incasso versione TICINO magic
BPI3LGT Inseritore da incasso versione TICINO light
BPI3LIV Inseritore da incasso versione TICINO living
BPI3VI Inseritore da incasso versione VIMAR idea
BPI3VIB Inseritore da incasso versione VIMAR light
BPI3W ---- Inseritore da parete
DKC Attivatore per Inseritore
OMNIA/4R ---- Modulo 4 relè da abbinare alle espansioni di uscita
OMNIA/TIMER Scheda programmatore orario ed interfaccia stampante
B-MOD ---- Modem per teleassistenza
B-MOD/RX ---- Modem per teleassistenza e televigilanza
CVSER/9F9F ---- Cavo seriale per il collegamanto con PC
ADSER/9M25F ---- Adattatore per porte seriali a 25 poli
SECURITY SUITE Software di gestione
BXM12/30 Stazione di alimentazione remota da 3 A
BXM12/50 ---- Stazione di alimentazione remota da 5 A
VECTORBRIDGE-K ---- Kit Universale per Sistemi via Radio
VECTORBPI-K ---- Kit BPI per Sistemi via Radio

8 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


D K C /S A T /P R O X I-C A R D B P I3 /E C L IP S E /P R O X I O m n ia T A S T -R /M IA -S O m n ia 4 IN /M -IN /6 O m n ia 4 O U T /M -O U T /6 O m n ia 4 R V e c to rB P I/V e c to rB R ID G E
CHIAVE ELETTRONICA LETTORE TASTIERA LCD ESP. INGRESSO ESP. USCITA MODULO RELÈ SIST. x DISP. VIA RADIO
Fino a 250 Fino a 16 sul bus BPI 1 zona d'ingresso prog. 4 zone d'ingresso prog. 4 uscite (o.c. 0,15 A) prog. 4 relè 250 V - 8 A Fino a 31 Sensori via Radio
Fino a 8 sul bus BPI Fino a 16 sul bus BPI Fino ad 8 sul bus BPI Fino a 4 Radiochiavi

Figura 1
Buzzer su scheda

RL1

+
RL2
R

C
RL3 5V

BPI L.
12 5
RL4
+
C
R

+12

1 2 3 4
O C1 R ED
1 2 3 4

PR OG
ON

O C2 Y EL

Il sistema Omnia/S
O C3 G RN

O C4 B LK

Y EL2
AS

Bus BPI

Cavo a 4 Fili
O m n ia T IM E R B X M 1 2
PROGRAMMATORE ORARIO e INTERFACCIA STAMPANTE STAZ. ALIMENTAZIONE
+12V AUX ON
Fino a 2 sul bus BPI

9
Base giornaliera e/o settimanale

8 10
7
Corrente di uscita 5 A max.

6
5
CTS ER.PAN SER

4
3
Gestione fino a 15 anni

OMNIA

2
1
Alloggiamento batteria 17 Ah
2 ins. e 2 dis. al giorno per area PAN

8 timers indipendenti

1
6
SPT
Gestione stampante seriale o parallela

9
5
PC
14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25

2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

PPT
O m n ia /S
UNITÀ CENTRALE
MIC
8 zone d'ingresso programm.
SP

SP –
2 uscite (relè 3 A) programm.
S P+

BL 229
+

EN L O C MI C
EN R E M MI C
2 uscite (o.c. 1 A) programm.
MI C LED BUTT cavo a 5 fili
L ED
Alimentatore 3 A
Comunicatore telefonico
max. 50 m

Alloggiamento per 1 Scheda Fino a 4 schede Risponditore


Microfono o 1 Altoparlante Avvisatore telefonico Linea Telefonica
Montaggio a vista, a incasso, 14 messaggi registrabili
su scatola 503 o equivalente Ascolto ambientale
Ingresso per i cavi canalizzati Colloquio bidirezionale Teleassistenza
a vista o sotto traccia Accensione/spegimento carichi B-Mod/Rx:
Controllo vocale ingressi Teleassistenza + Televigilanza

M IN I-B O X V O X -R E M O m n ia V O X B -M o d
SCATOLA x ESPANSIONI SCHEDA MIC./ALTOP. SCHEDA VOCALE MODEM
Novità
Nelle tabelle seguenti sono mostrati i paragrafi e i capitoli dove sono descritte le differenze tra le varie versioni del-
la centrale Omnia/S.
Le pagine dei CAPITOLI, dei PARAGRAFI e dei SOTTOP 1 sono mostrate nell’INDICE nella seguente forma:

CAPITOLO pagina
Paragrafo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pagina
Sottop 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pagina
I SOTTOP 2, invece, sono presenti solo nel manuale nella seguente forma:

Sottop 2 Testo.

 Omnia 2.1

NOVITÀ CAPITOLO PARAGRAFO SOTTOP 1 SOTTOP 2


Impedito inserimento anche
Disabilita inserimento su
su problemi batteria alimen- PROGRAMMAZIONE Opzioni ----
problemi batteria
tatore remoto
Modificate le impostazioni Eventi-Azioni
Impostazioni predefinite ----
di fabbrica Avvisatore telefonico
PROGRAMMAZIONE
Numeri telefonici
Un semplice impianto Programmazione
Messaggi vocali
Gestione delle priorità sulla Priorità delle azioni
PROGRAMMAZIONE Eventi-Azioni ----
coda telefonica telefoniche
Stop allarmi di centrale con Abilita blocco allarme di
Attivatore PROGRAMMAZIONE Opzioni ---- centrale con Attivatore
valido
Nuovi eventi 263 - Attivatore valido
Eventi generici di su Centrale
PROGRAMMAZIONE Eventi-Azioni
centrale 361 - Mancanza linea
telefonica
Trasmissione di più eventi
PROGRAMMAZIONE Comunicatore ad Impulsi ---- ----
con la stessa telefonata

 Omnia 3.0

NOVITÀ CAPITOLO PARAGRAFO SOTTOP 1 SOTTOP 2


Aggiunto protocollo Con-
PROGRAMMAZIONE Comunicatore Digitale ---- ----
tact ID
Aggiunto protocollo Contact
PROGRAMMAZIONE Comunicatore Digitale ---- ----
ID + Voce
Eliminato Comunicatore MF PROGRAMMAZIONE Comunicatore MF ---- ----
Modificato il funzionamen-
Eventi Generici di
to degli Eventi Generici di PROGRAMMAZIONE Eventi-Azioni ----
Centrale
Centrale
Visualizzazione dei numeri
sui quali è fallita la telefo- Vedere manuale di Security Suite
nata
Memorizzazione del gua-
sto linea telefonica nel re- Vedere manuale di Security Suite
gistro eventi

 Omnia 3.1

NOVITÀ CAPITOLO PARAGRAFO SOTTOP 1 SOTTOP 2


La spia GUASTO segnala
INTALLAZIONE Zone Attributi Prova
anche le Zone in Test
Aggiunta opzione "Disabilita Disabilita controllo linea
PROGRAMMAZIONE Opzioni ----
Controllo Linea Telefonica" telefonica
Aggiunto evento "Memoria Eventi Generici di
PROGRAMMAZIONE Eventi-Azioni ----
Globale di Allarme" Centrale
Supporto Dispositivi via
PROGRAMMAZIONE Configurazione Via Radio ----
Radio
Supporto nuovi Disposi- IDENTIFICAZ. DELLE PARTI ---- ---- ----
tivi BPI: MIA-S, PROXI, INSTALLAZIONE Fissaggio ---- ----
M-IN/6, M-OUT/6
INSTALLAZIONE Colleg. dei dispositivi BPI

10 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


IDENTIFICAZIONE DELLE PARTI

In questo capitolo vengono descritte le parti e le spie dei dispositivi principali del sistema Omnia/S.
I numeri in grassetto presenti nel manuale fanno riferimento alle tabelle e alle figure presenti in queste pagine, sal-
vo indicazioni diverse.
I numeri sono generalmente ordinati in senso antiorario nelle figure.
I numeri "bianchi" (solo contorno) nelle figure, fanno riferimento a delle parti comuni a più dispositivi, che sono de-
scritte solo la prima volta che vengono incontrate.

 Unità Centrale

SPIE DESCRIZIONE
Rete. Accesa segnala la presenza della tensione di alimentazione
Batteria. Accesa segnala la mancanza o la carica insufficente della batteria
Comunicazione Bus. Accesa segnala che ci sono dei problemi nel colloquio con i dispositivi periferici

1 1

2
3 3
LI LE
56 55 54 53 52

4
1

F8A–250V
AC
2

BATT.
+B
3 4

21
+F
OC2 OC1 +N2 +A2 C2 NC2 NA2 +N1 +A1 C1 NC1 NA1
5

+F=F3.15A–250V
6

+B=F3.15A–250V
+B

20 FUSES–-
7

5
16 15 14 13 12 11 10 9 8

4 6
STOP
ALARM MEM
7
2/3 1/2

F3.15A–250V
VOX
M/B 8
19 BPI2
9
17

18 10
18
+
C

11
20 19
BPI2

F3.15A–250V
BPI1
R

12V 5V
21

BPI–LEV
18
+
C
20 19
BPI1
R
21

12
17 BPI1
RC+

4
26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51
ASB L1 +F L2 +F L3 +F L4 +F L5 +F L6 +F L7 +F L8 +F

16
13

15 14

3 3

Figura 2 Parti dell’Unità Centrale

IDENTIFICAZIONE DELLE PARTI 11


PARTI DESCRIZIONE
1 Viti (2) per il fissaggio del pannello frontale al fondo
2 Deviatore antisabotaggio
3 Fori (4) per il fissaggio della Centrale (Ø 5 mm)
4 Morsettiere per i collegamenti, estraibili
5 Ponticello blocco allarme: > allarme abililato (preimpostazione); > allarme inibito
6 Porta seriale RS232
Ponticello (MEM) per lasciare inalterate le impostazioni programmate in caso di mancanza di alimentazione:
7 > se manca l’alimentazione, la programmazione viene persa (preimpostazione);
> se manca l’alimentazione, la programmazione viene mantenuta
8 Ponticello impostazione del Make-Break
9 Microprocessore
10 Connettore per l’innesto della sheda vocale OmniaVOX
Ponticello per l’impostazione del Livello BPI: > 5 V (preimpostazione); > 12 V
11 12V 5V 12V 5V
BPI–LEV > 5 V (preimp BPI–LEV

12 Connettore per il collegamento di una Tastiera BPI (OmniaTAST-R o MIA-S)


13 Foro per il passaggio cavi
14 Alloggiamento per una batteria tampone da 12 V -- 17 Ah max.
15 Unità di alimentazione (vedere fig. 3)
16 Tassello antistrappo
17 Deviatore antistrappo
18 Fusibile a protezione del morsetto [+] del bus BPI1 (F 3.15A 250V)
19 Fusibile a protezione del morsetto [+] del bus BPI2 (F 3.15A 250V)
20 Fusibile a protezione dei morsetti [+N], [+A] e [+B] (F 3.15A 250V)
21 Fusibile a protezione dei morsetti [+F] dell’Unità Centrale (F 3.15A 250V)
22 Spia presenza rete
23 Trimmer per la regolazione (fine) della tensione di uscita
24 Morsetti per l’alimentazione di dispositivi esterni (13,8 V )
25 Morsetti per il collegamento della tensione di rete (230 V / 50 Hz)
26 Fusibile a protezione dell’alimentatore: F 2A 250V
27 Connettori per il collegamento della batteria tampone
28 Perno plastico da rimuovere per aprire l’alimentatore switching
29 Fusibile (F 8A 250V) contro le inversioni accidentali delle polarità della batteria tampone

22 23 24 25
1
AC
2

26
29

27

28

Figura 3 Parti dell’alimentatore switching dell’Unità Centrale

12 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


 Tastiera di Controllo

SPIE DESCRIZIONE
Aree inserite

Memoria di allarme

Guasto e Zone in Test

"Non usata da questa Centrale"

Pannello della centrale aperto

Violazione della linea antisabotaggio

Sabotaggio dei dispositivi periferici

Attivatore falso su un Inseritore

Dispositivo periferico mancante

Teleassistenza abilitata

Risponditore telefonico abilitato

Linea telefonica impegnata

PARTI DESCRIZIONE
30 Viti per il fissaggio del coperchio al fondo
31 Display LCD
32 Sportello ribaltabile

30 31 30 31

b)

a) 1 2 3 4 5 6 7 8

1 2abc 3def A
E
1 2 3 4 5 6 7 8 S
4 ghi 5 jkl 6 C B

1 2 3 4 5 6 7 8 7 pqrs 8 tuv 9 wx
yz C
#
9 0 A B# ESC ON OFF
ON 0 OFF D
EXC PRG RES

30 32 30 30 32 30

Figura 4 Parti della Tastiera di Controllo (vista esterna): a) OmniaTAST/R; b) MIA-S.

IDENTIFICAZIONE DELLE PARTI 13


PARTI DESCRIZIONE
34 Morsettiera per i collegamenti
35 Deviatori antisabotaggio (2)
Deviatore antistrappo; (opzionale per MIA-S: art. ASNC: al fine di garantire la cerificazione IMQ Sistemi di
36 Sicurezza al livello II per la centrale Omnia/S, il deviatore antistrappo deve essere obbligatoriamente installato. In
caso contrario la cerificazione IMQ Sistemi di Sicurezza scenderà al livello I).
38 Apertura per il passaggio cavi
39 Ganci/o in plastica per il bloccaggio della scheda
40a Fori (2) per il fissaggio a parete, su scatole mod. 503 o equivalenti
40b Fori (4) per il fissaggio su scatole 10x10 o equivalenti
40c Fori (2) per il fissaggio su scatole single gang, 2-gang o equivalenti
41 Foro per il fissaggio del tassello antistrappo
42 Alette di battuta per il posizionamento della scheda
43 Supporti (2) per il sostegno della scheda
44 Buzzer
45 Microinterruttori per l’impostazione dell’indirizzo
46 Connettore per il Deviatore Antistrappo
47 Ponticello per l’impostazione del Livello BPI: > 5 V (preimpostazione); > 12 V
48 Connettore per il buzzer

12V

12V
5V

5V
49 Ponticello per l’impostazione del Livello BPI: > 5 V (preimpostazione);
Ponticello per l’impostazione del Livello BPI: > 5 V (preimpostazione); > 12 V
50 Microprocessore

34 49 35 36 35 38 39 40a 41 40a 39 42

a)

1 2 3 4 5 6 7 8
4
3
2

9 0 A B# ESC ON OFF
ON

EXC PRG RES

48 47 47 46 45 44 38 42 43 40b 44 40a 40c39 36 40b 40a 43 42

b)
NC
NO
COM

1 2abc 3 def A
E
S B
4 ghi 5 jkl 6 C

7 pqrs 8 tuv 9 wx
yz C

#
ON 0 OFF D

3449 50 35 35 45 42 43 40b 41 40c 40b 43 42

Figura 5 Parti della Tastiera di Controllo (vista interna): a) OmniaTAST-R; b) MIA-S

14 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


 Lettori per Chiave Digitale
PARTI DESCRIZIONE
51 Fori (2) per il fissaggio
52 Cavo per il collegamento: rosso = +; bianco = C; blu = R; nero = --
53 Morsettiera per i collegamenti
54 Pulsante di comando
55 Centro dell’area sensibile
56 Vite di chiusura
57 Apertura per l’Attivatore
58 Deviatore Antisabotaggio (+ il Deviatore Antisabotaggio del Lettore di Prossimità NON è gestito da questa Centrale)
59 Deviatore Antistrappo
60 Foro per il fissaggio del Tassello Antistrappo
61 Apertura per il passaggio cavi
62 Gancio di chiusura

SPIE DESCRIZIONE
rossa accesa: Inserimento Aree abilitate sul Lettore

gialla accesa: Inserimento di tipo A

verde accesa: Inserimento di tipo B


51 52 53 54 55

a) b)

c)

5V

R
58 C
– +

61
51

62
d) e) f) 56
ON
1 2 3 4 5

g)
D 5.0 BN LD ATE 3 1. 0 201099
1 2 3 4

53

57
h) i)
l)
53
1 2 3 4

54
j) k)
56
61
53

57
ON ON

1 2 3 4 1 2 3 4

51
60 59 58 51 57 56

Figura 6 Parti dei Lettori: Lettore di Prossimità aperto (a) e chiuso (b); Scheda per Lettore di Prossimità (c); Inseritore versio-
ne Magic, senza contatti, a cinque microinterruttori, visto di lato (d) e di fronte (f); Inseritore versione Magic, senza
contatti, a quattro microinterruttori, visto di lato (e) e di fronte (f); Attivatore per Inseritore senza Contatti e Lettore di
Prossimità (g); Inseritore versione Magic, con contatti, visto di lato (h) e di fronte (i); Inseritore per il montaggio a pa-
rete, visto aperto (j) e chiuso (k); Attivatore per Inseritore con contatti (l)
 Espansioni di Ingresso e di Uscita

PARTI DESCRIZIONE
63 Morsettiera per il collegamento al Bus BPI
Ponticello di esclusione dei deviatori antistrappo e antisabotaggio:
64
> deviatori attivi (preimpostazione); > deviatori esclusi
65 Deviatore antistrappo
66 Microprocessore
67 Buzzer
Ponticello per impostare il modo di funzionamento del buzzer:
> buzzer escluso (preimpostazione)
68
> il buzzer suona quando il morsetto [OC4] è appeso
> il buzzer suona quando il morsetto [OC4] è a massa
69 Deviatore antisabotaggio
70 Morsettiera per i collegamenti
72 Viti (4) per la chiusura del coperchio
73 Espansione di Ingresso o di Uscita o Modulo 4 relè
74 Viti (2) per il fissaggio dell’Espansione
75 Apertura per i cavi canalizzati esternamente o sotto traccia
76 Fori (2) per il fissaggio su scatola modello 503 o equivalente
77 Apertura per i cavi canalizzati sotto traccia
78 Fori (2) per il fissaggio a parete
79 Foro per il fissaggio del tassello antistrappo
80 Dentino per la chiusura del deviatore antisabotaggio

63 65 66 63 65 66 63 67 68 65 63 67 66
a) b) c) d)
+

C
R

12V
1 2 3 4

OC4
ON
1 2 3 4 5
ON
1 2 3 4

1
ON
1 2 3 4
OC3
1 2 3

OC2

OC1

70 69 64 70 69 64 70 69 64 70 65 69 6468

Figura 7 Parti delle Espansioni d’Ingresso Omnia4IN (a) e M-IN/6 (b) e delle Espansioni d’Uscita Omnia4OUT (c) e M-OUT/6 (d)

72 72 73 74 65 75 76 77 78 76

72 80 72 74 69 78 79

Figura 8 Parti del contenitore per le Espansioni e il Modulo 4 relè

16 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


INSTALLAZIONE

Fissaggio
Prima di procedere con il fissaggio dei dispositivi che compongono il sistema di sicurezza, stabilire la posizione di
questi, quindi posare i cavi necessari per il loro collegamento.

Unità Centrale L’Unità Centrale deve essere fissata in un luogo protetto e difficilmente accessibile. Il punto scelto deve essere
raggiunto dai cavi per i collegamenti con gli altri dispositivi del sistema di sicurezza, dalla tensione di rete (compre-
so il collegamento alla terra) e, se necessario, dalla linea telefonica.
ATTENZIONE L’Unità Centrale deve essere installata ad almeno 2 metri di distanza da apparecchiature GSM e
ponti radio.

A Praticare i fori per il fissaggio in corrispondenza dei fori 3 e il foro per il fissagio del tassello antistrappo 16.

B Passare i cavi per i collegamenti attraverso l’apertura 13 quindi fissare l’Unità Centrale e il tassello antistrappo.
+ Non serrare troppo la vite del tassello antistrappo altrimenti le sue alette di battuta potrebbero rompersi.

C Installare le eventuali schede supplementari (Omnia4IN, M-IN/6, Omnia4OUT, M-OUT/6, OmniaVOX, OmniaTI-
MER, ecc.) nell’Unità Centrale, come descritto nei relativi paragrafi.

D Eseguire i collegamenti necessari lasciando per ultimi quelli relativi all’alimentazione.

E Impostare il Livello BPI come descritto nel sottoparagrafo "Livello BPI" del paragrafo "Collegamento dei dispositivi BPI".

F Collegare l’alimentazione come descritto nel paragrafo "Collegamento dell’alimentazione".

G Programmare la Centrale come descritto nel capitolo "PROGRAMMAZIONE" e nel manuale "PROGRAMMAZIO-
NE DA TASTIERA.

Tastiera di La Tastiera di Controllo va posizionata nei punti in cui è necessario il controllo totale del sistema di sicurezza: le
Controllo Tastiere OmniaTAST-R e MIA-S sono predisposte per il fissaggio a parete e su scatole modello 503 o equivalenti;
la Tastiera MIA-S è predisposta per il fissaggio su scatole 10x10, single gang, 2-gang, o equivalenti.
+ Per una buona visione del display, fissare la OmniaTAST-R a circa 160 cm di altezza e la MIA-S a circa 135 cm
di altezza.

A Svitare le viti 30 per rimuovere il coperchio della Tastiera.

B Scollegare il buzzer 44 dal connettore 48 (solo OmniaTAST-R).

C Con i pollici esercitare una pressione sui ganci 39 per liberare la scheda elettronica.

a) 39 40a 41 40a 39 45 38 40a 41 39 40a 45 b)

38

34 48 30 30 34 30 30

Figura 9 Installazione della Tastiera: a) OmniaTAST-R; b) MIA-S

INSTALLAZIONE 17
D Se è previsto il montaggio a parete, praticare i fori per il fissaggio in corrispondenza dei fori 40a e il foro per il fissaggio
del tassello antistrappo in corrispondenza del foro 41. Se previsto, installare il Deviatore Antistrappo 36 (solo MIA-S).

E Fare passare il cavo per i collegamenti attraverso l’apertura 38.

F Fissare il fondo della Tastiera e il tassello antistrappo.


+ Il tassello antistrappo non può essere fissato quando la Tastiera viene montata sopra una scatola.
G Riposizionare la scheda elettronica; collegare il buzzer 44 al connettore 48 (solo OmniaTAST-R); se previsto, col-
legare il Deviatore Antistrappo 36 al connettore 46 (solo MIA-S).

H Impostare l’Indirizzo, il Livello BPI (sia MIA-S che OmniaTAST-R) ed eseguire i collegamenti sulla morsettiera 34,
come descritto nel paragrafo "Collegamento dei dispositivi BPI".

I Chiudere la Tastiera.

Inseritore da incasso L’Inseritore va posizionato nei punti in cui è sufficiente un controllo limitato del sistema di sicurezza.

A Impostare l’Indirizzo, il Livello BPI (solo ECLIPSE a 5 microinterruttori) ed eseguire i collegamenti sulla morset-
tiera 53, come descritto nel paragrafo "Collegamento dei dispositivi BPI".

B Installare l’Inseritore da Incasso come gli interruttori e le prese domestiche.


ATTENZIONE Per un’installazione a norme, gli Inseritori da incasso posizionati in zone che non sono protette
dal sistema di sicurezza devono essere dotati di dispositivi antisabotaggio (fig. 10a).
Gli Inseritori ECLIPSE devono essere installati ad almeno 10 cm l’uno dall’altro.

Inseritore da L’Inseritore da Parete BPI3W e il Lettore di Prossimità PROXI permettono gli stessi controlli dell’Inseritore da In-
Parete e Lettore casso ma possono essere fissati al muro, senza che sia necessario predisporre una scatola incassata. Inoltre, il
di Prossimità PROXI è a tenuta stagna (Grado di Protezione IP34) e, quindi, può essere installato all’aperto.
+ I Lettori di Prossimità devono essere installati al almeno 50 cm l’uno dall’altro.
A Aprire il Lettore: per aprire il BPI3W, svitare le viti 56; per aprire il PROXI, svitare la vite 56, se presente, quindi
usare un utensile (un giravite, per esempio) per premere sul gancio di chiusura 62.

B Praticare i fori per il fissaggio in corrispondenza dei fori 51 e il foro per il fissaggio del Tassello Antistrappo in corri-
spondenza del foro 60 (solo BPI3W).

C Passare il cavo per i collegamenti attraverso l’apertura 61 (solo BPI3W).

D Fissare il Lettore e il Tassello Antistrappo (solo BPI3W).

E Impostare l’Indirizzo, il Livello BPI (solo PROXI) ed eseguire i collegamenti, come descritto nel paragrafo "Collega-
mento dei dispositivi BPI".

F Chiudere il Lettore.

Espansioni e Le Espansioni di Ingresso e di Uscita e il Modulo relè vanno posizionati il più vicino possibile ai dispositivi ai quali
Modulo relè devono essere collegati. Essi sono dotati di un contenitore per il montaggio a vista (a parete) o ad incasso.

A Svitare le viti 72, quindi rimuovere il coperchio del contenitore.

B Svitare le viti 74, quindi rimuovere la scheda elettronica.

C Aprire il foro 75 oppure il foro 77 in base al punto in cui è previsto l’ingresso dei cavi.

a) b)
61

51

alla linea
antisabotaggio

51 60

Figura 10 Installazione dell’Inseritore da incasso (a) e dell’Inseritore da parete (b)

18 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


D - Se è previsto il montaggio a vista del contenitore, praticare i fori per il fissaggio in corrispondenza dei fori 78 e il
foro per il fissaggio del tassello antistrappo in corrispondenza del foro 79 (v. fig. 11b);
- se è previsto il montaggio a vista sopra una scatola modello 503 o equivalente, deve essere praticato solo il foro
per il fissaggio del tassello antistrappo (fig. 11c);
- se è previsto il montaggio ad incasso, non deve essere praticato alcun foro (fig. 11a).

E Fare passare i cavi per i collegamenti attraverso l’apertura predisposta.

F Fissare il contenitore e il tassello antistrappo.


+ Il tassello antistrappo deve sempre essere posizionato come mostrato in figura 11, anche nel montaggio ad incasso.

G Riposizionare la scheda elettronica nel contenitore.

H Impostare l’Indirizzo, il Livello BPI (solo OMNIA4IN, M-IN/6 e M-OUT/6) ed eseguire i collegamenti sulla morsettie-
ra 63, come descritto nel paragrafo "Collegamento dei dispositivi BPI".

I Rimuovere il ponticello 64 (deviatori antisabotaggio e antistrappo attivi).

J Impostare il modo di funzionamento del buzzer delle Espansioni di Uscita tramite il ponticello 68:
> buzzer escluso (preimpostazione);
> il buzzer suona quando il morsetto [OC4] è appeso;
> il buzzer suona quando il morsetto [OC4] è a massa.

a)

78
79
77
75
74 45 64 72 72

b)

78

c)

74 72 80 72

Figura 11 Installazione delle Espansioni: (a) a incasso; (b) a vista; (c) su scatola mod. 503

INSTALLAZIONE 19
K Chiudere il contenitore.
+ Fare attenzione alla posizione del dentino 80, esso deve chiudere il deviatore antisabotaggio 69.
Le Espansioni di Ingresso e di Uscita e il Modulo relè possono anche essere installati nell’Unità Centrale per mez-
zo del supporto fornito su richiesta, come mostrato in figura 12.
ATTENZIONE I deviatori antistrappo e antisabotaggio delle Espansioni di Ingresso e di Uscita installate tramite
il supporto devono essere esclusi inserendo il ponticello 64.

Configurazione massima
In figura 12 è mostrata la configurazione massima della Centrale.

PARTE DESCRIZIONE
81 Scheda Microfono (VOX-REM)
82 Scheda Madre
83 Scheda Vocale (OmniaVOX)
84 Batteria da 12 V -- 17 Ah max.
85 Unità di alimentazione
86 Espansioni (Omnia4IN, M-IN/6, Omnia4OUT, M-OUT/6, Omnia4R): max. 3
87 Interfaccia Stampante - Programmatore Orario (OmniaTIMER)
88 Altoparlante

86 B L 229

81

L E D B UT T
M IC
E N R EM M IC
E N L OC M IC

SP

S P–

SP +

MI C

LE D
+
88

87 82

83

86

85

84

Figura 12 Configurazione massima dell’Unità Centrale

20 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Descrizione dei morsetti
In questo paragrafo vengono descritti sinteticamente i morsetti dell’Unità Centrale e dei Dispositivi BPI:
 la colonna MORSETTI mostra le sigle dei morsetti (la sigla "nd" indica che quel morsetto non è presente sulla
centrale corrispondente);
 la colonna DESCRIZIONE mostra una descrizione sintetica del morsetto corrispondente;
 la colonna v mostra la tensione, in volt, presente sul morsetto corrispondente (il simbolo "--" indica che non è pos-
sibile specificare un valore di tensione);
 la collonna i mostra la corrente massima, in ampere, che può circolare sul morsetto corrispondente (il simbolo "--"
indica che non è possibile specificare un valore di corrente).
+ I numeri fra parentesi fanno riferimento alle note seguenti.
(1) La somma delle correnti assorbite dai morsetti [+F], [+B], [+], [+A] e [+N] dell’Unità Centrale, non deve essere su-
periore a 2 A.

(2) Sui morsetti [+] dell’Unità Centrale è presente una tensione di 13,8 V protetta dal fusibile 18 per il BPI1 e dal fusibi-
le 19 per il BPI2 e mantenuta dalla batteria tampone in caso di mancanza rete.

(3) La corrente assorbita dai morsetti [+] dei dispositivi BPI è la seguente:
- Tastiera = 50 mA;
- Inseritore = 30 mA;
- Espansione di Ingresso = 15 mA;
- Espansione di Uscita = 20 mA;
- Stazione di Alimentazione = 20 mA.
Questi assorbimenti non comprendono quelli relativi all’alimentazione dei dispositivi connessi al dispositivo BPI.

(4) La somma delle correnti assorbite dai morsetti [+F] delle Espansioni di Ingresso, non deve superare 0,4 A.

 Unità Centrale

MORSETTI DESCRIZIONE v(V) i(A)


Morsetti già collegati
[AC] -- --
(non presenti nel modello con alimentatore switching)
Alimentazione per dispositivi esterni protetta dal fusibile 20 e mantenuta dalla batteria tampone in caso di
[+B] 13,8 (1)
mancanza rete
[ ] Massa 0 --
Uscita RL1 (scambio libero):
[NA1-NC1-C1] a riposo  C1 collegato con NC1 ed NA1 appeso -- 3
in allarme  C1 collegato con NA1 ed NC1 appeso
Uscita RL1 (positiva) programmabile:
[+A1] a riposo  morsetto appeso 13,8 (1)
in allarme  tensione sul morsetto
Uscita RL1 (a sicurezza intrinseca) programmabile:
[+N1] a riposo  tensione sul morsetto 13,8 (1)
in allarme  morsetto appeso
Uscita RL2 (scambio libero) programmabile:
[NA2-NC2-C2] a riposo  C2 collegato con NC2 ed NA2 appeso -- 3
in allarme  C2 collegato con NA2 ed NC2 appeso
Uscita RL2 (positiva) programmabile:
[+A2] a riposo  morsetto appeso 13,8 (1)
in allarme  tensione sul morsetto
Uscita RL2 (a sicurezza intrinseca) programmabile:
[+N2] a riposo  tensione sul morsetto 13,8 (1)
in allarme  morsetto appeso
[OC1] Uscita open-collector programmabile 0 1
[OC2] Uscita open-collector programmabile 0 1
N. 2 Bus BPI (BPI1 e BPI2) per il collegamento dei dispositivi BPI (Tastiere LCD, Esp. Ingresso, Esp. Uscita,
[+] [C] [R] [ ] (2) (1)
Inseritori)

[ASB] Linea antisabotaggio bilanciata (morsetto [ASB]) normalmente collegata alla massa (morsetto [ ]) tramite -- --
una resistenza da 10K
… L8]
[L1… Linee di ingresso programmabili -- --
Alimentazione per i sensori protetta dal fusibile 21 e mantenuta dalla batteria tampone in caso di mancanza
[+F] 13,8 (1)
rete
[ ] Morsetto per il collegamento alla Terra 0 --
[LE] Morsetti per il collegamento della linea telefonica esterna. -- --
Morsetti per il collegamento di eventuali apparecchi telefonici supplementari sulla stessa linea telefonica
[LI] -- --
della Centrale (segreterie, telefoni, fax, modem, ecc.)

INSTALLAZIONE 21
 Dispositivi BPI
I dispositivi BPI possono essere: Tastiere, Inseritori per chiave elettronica, Espansioni di Ingresso, Espansioni
di Uscita e Stazioni di alimentazione. La tabella seguente descrive i morsetti, comuni a tutti i dispositivi BPI, per
il collegamento del dispositivo al bus di comunicazione dell’Unità Centrale denominato Bus BPI.

MORSETTI DESCRIZIONE v(V) i(A)


[+] Alimentazione: positivo. 13,8 (3)
[C] Morsetto "Comando" da collegare al corrispondente sull’Unità Centrale. -- --
[R] Morsetto "Risposta" da collegare al corrispondente sull’Unità Centrale. -- --
[ ] Alimentazione: negativo. 0 --

Inseritore L’Inseritore da incasso non ha altri morsetti oltre quelli di collegamento al bus mentre l’Inseritore da parete ha an-
che i seguenti morsetti.

MORSETTI DESCRIZIONE v(V) i(A)


Contatto antisabotaggio:
[AS] chiuso se sono chiusi i deviatori 58 e 59; -- --
aperto se è aperto il deviatore 58 o 59.

Tastiera La Tastiera, oltre ai morsetti per il collegamento al bus ha i seguenti morsetti.

MORSETTI DESCRIZIONE v(V) i(A)


[L1] Linea di ingresso programmabile. -- --
[ ] Massa per la linea di ingresso. 0 --

Espansione di L’Espansione di Ingresso, oltre ai morsetti per il collegamento al bus ha i seguenti morsetti.
Ingresso

MORSETTI DESCRIZIONE v(V) i(A)


[L1] [L2] [L3] [L4] Linee di ingresso programmabili. -- --
[ ] Massa per le linee di ingresso. 0 --
[+F] Alimentazione per i sensori protetta da fusibile autoripristinante. 13,8 (4)

Espansione di L’Espansione di Uscita, oltre ai morsetti per il collegamento al bus ha i seguenti morsetti.
Uscita

MORSETTI DESCRIZIONE v(V) i(A)


Alimentazione per eventuali dispositivi da collegare alle uscite open-collector, potretta da fusibile
[+12V] 13,8 0,4
autoripristinante.
[OC1] [OC2]
Uscite open-collector programmabili. 0 0,15
[OC3] [OC4]
[ ] Morsetti di massa. 0 --

Staz. alimentaz. Fare riferimento alle istruzioni fornite col dispositivo.

Schemi di collegamento
Nei paragrafi successivi vengono descritti gli schemi di collegamento tra l’Unità Centrale, i dispositivi BPI ed i vari
dispositivi che possono comporre un sistema di sicurezza.
I collegamenti vengono illustrati separatamente per ciascuna famiglia di dispositivi (dispositivi BPI, sensori, dispo-
sitivi di segnalazione, ecc.) in modo da non appesantire troppo i relativi schemi.
+ Si raccomanda l’uso di cavo schermato per i collegamenti, con un capo dello schermo collegato alla massa e l’al-
tro lasciato libero.
Gli esempi riportati sono puramente indicativi poichè sarebbe impossibile illustrare tutte le applicazioni possibili di
questa centrale vista la sua estrema versatilità.

Convenzioni negli Negli schemi vengono adottate alcune semplificazioni a vantaggio della chiarezza e dell’immediatezza degli stes-
schemi si.
 I morsetti relativi alle zone di ingresso e alle uscite open collector possono essere quelli dell’Unità Centrale o delle Espansioni.
 Vengono mostrati di volta in volta solo i morsetti che debbono essere collegati.
 Non è detto che tali morsetti siano nella stessa posizione relativa in cui si trovano nella realtà sulla scheda, questo
per ridurre al minimo gli incroci tra le connessioni.
+ morsetti negativi possono essere indicati con i simboli , o --.
I

22 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Collegamento dei dispositivi BPI
Al bus BPI della centrale possono essere collegati:
 fino ad 8 Tastiere di Controllo
 fino a 16 Lettori per chiave elettronica
 fino a 16 Espansioni di Ingresso
 fino ad 8 Espansioni di Uscita
 fino a 2 Stazioni di Alimentazione.

Collegamenti Elettrici I dispositivi BPI vanno collegati in parallelo ai morsetti [+], [C], [R], [ ] come mostrato in figura 13.

Il doppio bus Questa Centrale è dotata di due bus BPI: il bus BPI1 costituito dai morsetti n. 22, 23, 24 e 25, e il bus BPI2 costituito dai
morsetti n. 18, 19, 20 e 21. Ciascun bus ha il proprio fusibile di protezione in modo che un eventuale corto circuito su
uno di essi non alteri il funzionamneto dell’altro: è consigliabile utilizzare un bus per i dispositivi BPI da installare all’e-
sterno delle aree protette e l’altro bus per tutti gli altri dispositivi BPI, in tal modo, un eventuale sabotaggio del bus che
arriva all’esterno (peraltro segnalato dalla centrale), non altererà il funzionamento dell’altro ramo del bus.

Assegnazione Se l’impianto prevede più di un dispositivo dello stesso tipo si devono assegnare a ciascuno di essi indirizzi diversi.
degli indirizzi L’indirizzo di un dispositivo BPI si imposta tramite i microinteruttori 45, come mostrato nella tabella seguente: i nu-
meri fra parentesi sono i microinterruttori utilizzati per impostare l’indirizzo dei dispositivi BPI a 5 microinterruttori
(ECLIPSE a 5 microinterruttori, PROXI, M-IN/6, M-OUT/6).

Microinterruttore Indirizzo
N. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16
1 (2) off off off off off off off off ON ON ON ON ON ON ON ON
2 (3) off off off off ON ON ON ON off off off off ON ON ON ON
3 (4) off off ON ON off off ON ON off off ON ON off off ON ON
4 (5) off ON off ON off ON off ON off ON off ON off ON off ON

+ Leggere le istruzioni fornite con la Stazione di Alimentazione per impostare il suo indirizzo.

+ Dispositivi dello stesso tipo devono avere indirizzi diversi, mentre dispositivi di tipo diverso possono avere lo
stesso indirizzo. Per esempio, una Tastiera ed un’Espansione di Ingresso possono avere lo stesso indirizzo poi-
chè per l’Unità Centrale essi sono intrinsecamente diversi.

+ Al bus BPI possono essere collegate al massimo 8 Tastiere ed 8 Espansioni di Uscita quindi, per questi disposi-
tivi il microinterruttore n. 1 (e il n. 2 dei dispositivi BPI a 5 microinterruttori) non ha effetto.

+ Non è necessario rispettare un ordine nell’assegnare gli indirizzi, ma è fondamentale che siano diversi.

Livello BPI Il Livello BPI è la tensione massima dei segnali (dati) che transitano sul bus BPI.
+ I Dispositivi BPI collegati alla Centrale devono avere tutti lo stesso Livello BPI.
Tutti i dispositivi BPI hanno un Livello BPI di 5 V. Alcuni dispositivi BPI hanno anche un Livello BPI di 12 V, come
mostrato nella tabella seguente.

OmniaTAST-R
Livello BPI BPI3 ECLIPSE ECLIPSE5m PROXI MIA-S Omnia4IN M-IN/6 Omnia4OUT M-OUT/6 Vector BXM12

5V SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI
12 V no no SI SI Si SI SI SI no SI SI no

+ Impostare 12 V quando tutti i dispositivi collegati al bus supportano questo Livello BPI.

C R Omnia/S

C R C R C R

Figura 13 Collegamento di 3 dispositivi BPI

INSTALLAZIONE 23
Il Livello BPI dei dispositivi BPI si imposta tramite i ponticelli 47 e 49 come mostrato nella tabella seguente.

Ponticello 47 Ponticello 49
Livello BPI

12V
5V

5V
5
12

Leggere le istruzioni fornite con il Sistema per Dispositivi via Radio (VectorBRIDGE o VectorBPI) per impostare il
suo Livello BPI.
Questa Centrale supporta i Livelli BPI 5 V e 12 V. Il Livello BPI di questa Centrale si imposta tramite il ponticello
11, come mostrato nella tabella seguente.

Ponticello 11
Livello BPI

12V
5V
5
12

 Limitazioni alla lunghezza del bus BPI


Le cadute di tensione e le capacità parassite introdotte dai collegamenti al bus BPI dell’Unità Centrale, impongono delle
limitazione alla loro lunghezza.
+ Il funzionamento dei dispositivi BPI è garantito con una tensione di alimentazione fra i morsetti [+] e [ ] superiore
o uguale a 11,5 V. In caso contrario è possibile:
 aumentare la sezione dei fili che portano l’alimentazione al dispositivo BPI (quelli che collegano i morsetti [+] e
[ ] dell’Unità Centrale, rispettivamente ai morsetti [+] e [ ] del dispositivo BPI);
 rigenerare l’alimentazione per mezzo di una Stazione di Alimentazione;
 limitare l’assorbimento dei dispositivi BPI alimentando i dispositivi ad esso collegati tramite una Stazione di Ali-
mentazione.
In ogni caso, a causa delle capacità parassite indotte dal cavo usato per i collegamenti, un dispositivo BPI non può
essere collegato con più di 500 m di cavo all’Unità Centrale e la lunghezza complessiva dei cavi collegati a cia-
scun ramo del bus BPI dell’Unità Centrale, non può essere superiore a 1.000 m.

Collegamento dei sensori di allarme


Per il collegamento dei sensori Omnia/S dispone di 8 zone sulla scheda dell’Unità Centrale, 4 zone su ogni
Espansione di Ingresso e 1 zona su ogni Tastiera di Comando quindi Omnia/S può gestire fino ad 80 zone (8 +
4x16 + 1x8).
I morsetti delle zone di ingresso sono contrassegnati con [L1], [L2], ecc.
Per l’alimentazione dei sensori usare i morsetti:
- [+F] (positivo) e [ ] (negativo) della centrale Omnia/S;
- [+F] (positivo) e [ ] (negativo) delle Espansioni di Ingresso;
- [+] (positivo) e [ ] (negativo) delle Tastiere di Comando.
A ciascuna zona di ingresso posono essere collegati più sensori anche se è preferibile collegare un solo sensore
ad ogni zona in modo da poter individuare quello andato in allarme.
È possibile collegare sia sensori con contatti di allarme normalmente chiusi sia sensori con contatti di allarme nor-
malmenti aperti. Inoltre tutte le zone di ingresso possono essere programmate come NC, NA, Bilanciate o a Dop-
pio Bilanciamento.
Se si sceglie di utilizzare le zone come bilanciate o come doppio bilanciamento andranno utilizzati i resistori da
10 K forniti in dotazione.
Se invece si opta per programmare le zone come NC (Normalmente Chiuse) o NA (Normalmente Aperte), i resi-
stori di bilanciamento non saranno più necessari.

Doppio Utilizzando la modalità Doppio Bilanciamento si avrà la possibilità, collegando al sensore soltanto 4 fili, di avere l’-
Bilanciamento informazione sia dell’allarme del sensore sia del sabotaggio. È possibile, in questo modo, avere l’indicazione del
sensore dove si è verificato il sabotaggio.
Nelle figure 15, 16 e 14 sono mostrati gli schemi per il collegamento di un sensore di allarme rispettivamente ad
una zona NC, Bilanciata e Doppio Bilanciamento.
+ Il collegamento dei contatti antisabotaggio (morsetti A.S.) viene trattato separatamente nel paragrafo "Collega-
mento dei contatti antisabotaggio".

24 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


 Sensori antincendio
Questa Centrale può gestire anche dei sensori antincendio purchè questi ultimi possano funzionare con tensione
di alimentazione di 12 V e siano dotati di un’uscita di ripetizione allarme (come i sensori BENTEL SECURITY
RT101, RT102 ed RF501t).
Per collegare i sensori antincendio procedere come descritto di seguito (fig. 17).
Collegare le uscite di ripetizione allarme dei sensori antincendio in parallelo ad una Zona di Ingresso programmata
come Incendio (Normalmente Aperta e 24h).
Collegare il positivo per l’alimentazione dei sensori ai morsetti:
- [+F] della centrale Omnia/S e delle Espansioni di Ingresso;
- [+] delle Tastiere di Comando.
Collegare il negativo per l’alimentazione dei sensori antincendio in parallelo ad un’uscita di Omnia/S o di un’E-
spansione di Uscita programmata come:
- Monostabile
- Normalmente Chiusa
- 20 secondi.
Assegnare l’uscita ad un evento per il ripristino dei sensori antincendio (per esempio, Reset Centrale o Reset Area).
In tal modo, ogni volta che si verificherà l’evento programmato, il negativo di alimentazione dei sensori antincendio
mancherà per 20 secondi, consentendo il ripristino dei sensori stessi.

+F L1 Omnia/S Omnia/4IN

N. C. A. S.
sensore
Figura 15 Collegamento di un sensore ad una linea normalmente chiusa

+F L1 Omnia/S Omnia/4IN

10K

N. C. A. S.
sensore
Figura 16 Collegamento di un sensore ad una linea bilanciata

+F L1 Omnia/S Omnia/4IN

10K

10K

N. C. A. S.
sensore
Figura 14 Collegamento di un sensore ad una linea a doppio bilanciamento.

INSTALLAZIONE 25
Collegamento dei dispositivi di segnalazione
Per dispositivi di segnalazione si intendono quegli apparecchi destinati a segnalare la condizione di allarme. Di-
spositivi di segnalazione tipici sono le sirene autoalimentate, le sirene per interni, gli avvisatori telefonici, ecc.
I dispositivi di segnalazione possono essere classificati in base al modo in cui vengono attivati nella maniera se-
guente:
 dispositivi con linea di allarme a sicurezza intrinseca, attivati dalla mancanza di tensione sul morsetto specifico (sirene
autoalimentate, per esempio);
 dispositivi con linea di allarme positiva, attivati dal positivo (12 V) sul morsetto specifico (sirene per interno, per
esempio).
 Dispositivi con linea di allarme negativa, attivati dalla massa sul morsetto specifico.
 Dispositivi con linea di allarme bilanciata, attivati dallo sbilanciamento dell’impedenza sul morsetto specifico.
Questa Centrale è dotata dei morsetti [+N1] e [+N2] per l’attivazione di dispositivi con linea di allarme a sicurezza
intrinseca, dei morsetti [+A1] e [+A2] per l’attivazione di dispositivi con linea di allarme positiva e di due scambi li-
beri (morsetti [NA1-NC1-C1] e [NA2-NC2-C2]) che, con semplici cablaggi, consentono l’attivazione di qualsiasi
tipo dispositivo di segnalazione.
Inoltre, sono disponibili uscite open-collector sull’Unità Centrale e sulle Espansioni di Uscita (morsetti [OC1],
[OC2], ecc.) che possono essere usate direttamente oppure tramite la Scheda Relè Omnia/4R per attivare qual-
siasi dispositivo (LED, carichi elettrici, ecc.).
ATTENZIONE Al fine di garantire la certificazione IMQ Sistemi di Sicurezza, deve essere inserito un relè sulle
uscite open-collector.
Nella figura 18 viene mostrato lo schema per il collegamento di una sirena autoalimentata e di una sirena per in-
terno.
+ Il collegamento dei contatti antisabotaggio (morsetti S ed S1) viene trattato separatamente nel paragrafo "Collega-
mento dei contatti antisabotaggio".

+F L2 Omnia/S

+A R +B +A R +B +A R +B
sensore sensore sensore
antincendio antincendio antincendio

Figura 17 Collegamento di tre sensori antincendio

+A1 +N1 Omnia/S

+N -A S S1
sirena
autoalimentata
Figura 18 Collegamento di una sirena autoalimentata e di una per interno

26 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Collegamento dei contatti antisabotaggio
Questa Centrale è dotata di una linea antisabotaggio 24h di tipo bilanciato per il collegamento dei contatti antisa-
botaggio dei dispositivi del sistema di sicurezza. Il collegamento va effettuato come segue (vedere fig. 20):
 collegare in serie i contatti antisabotaggio di tutti i dispositivi del sistema di sicurezza;
 collegare un capo della serie al morsetto [ASB] e l’altro capo al morsetto [ ], collegando il resistore di bilancia-
mento sull’ultimo dispositivo.
+ Utilizzando la linea antisabotaggio non si avrà l’indicazione del dispositivo che è stato sabotato.
Se si vuole rilevare il sabotaggio di un sensore di allarme collegare il suo contatto antisabotaggio e il suo contatto
di allarme ad una zona a Doppio Bilanciamento, come descritto nel paragrafo "Collegamento dei sensori di allar-
me".
Se si vuole rilevare il sabotaggio di un dispositivo generico collegare il suo contatto antisabotaggio ad una zona
24h.

Collegamento della linea telefonica


Per utilizzare le funzioni del comunicatore telefonico collegare la linea telefonica ai morsetti [LE].
Se la linea telefonica non viene collegata alla Centrale, selezionare l’opzione Disabilita controllo linea telefonica
per evitare che l’evento Mancanza linea telefonica venga memorizzato nel Registro Eventi (v. par. "Opzioni" del
cap. "PROGRAMMAZIONE").
Se la linea telefonica va condivisa con altri apparecchi telefonici, quest’ultimi vanno collegati ai morsetti [LI]: la
Centrale lascerà la linea telefonica costantemente agli apparecchi collegati ai morsetti [LI] e la commuterà per se
solo quando ne avrà bisogno.
Il morsetto [ ] deve essere collegato alla terra dell’impianto elettrico per proteggere la scheda elettronica da ex-
tratensioni che potrebbero giungere dalla linea telefonica.
ATTENZIONE La sicurezza della rete di telecomunicazione dipende dall’integrità della messa a terra di prote-
zione.

Omnia/S
10K

A. S. A. S. A. S.

Figura 20 Collegamento dei contatti antisabotaggio

LE LI Omnia/S Conduttore
di terra
Questo collegamento
è fondamentale

a b Spina
c telefonica

Figura 19 Collegamento della linea telefonica

INSTALLAZIONE 27
Collegamento dell’alimentazione
ATTENZIONE Per un’installazione a norme deve essere previsto un idoneo dispositivo di sezionamento (bipolare) e
di protezione dell’alimentazione di rete nell’impianto elettrico dell’edificio, in accordo alle norme vigenti (legge 46/90):
per esempio, un interruttore automatico bipolare.
La centrale Omnia/S è alimentata dalla tensione di rete (230 V/50 Hz) tramite un alimentatore switching installa-
to nel loro contenitore.
Se la tensione di rete viene a mancare l’alimentazione è comunque garantita dalla batteria tampone. Questa ano-
malia viene segnalata:
 dallo spegnimento della spia dell’Unità Centrale;

 dall’accensione della spia delle Tastiere;


 dal verificarsi dell’evento Mancanza rete (il verificarsi di questo evento può essere ritardato di un tempo programmabile).
In ogni caso vanno ricercate ed eliminate le cause del malfunzionamento prima che la batteria si esaurisca. Anche
in questo caso, comunque, alimentando di nuovo la centrale questa si configurerà nella stessa maniera in cui si
trovava prima che venisse a mancare l’alimentazione, grazie alla presenza di una memoria non volatile sulla quale
vengono registrati tutti i cambiamenti di stato che si verificano durante il funzionamento della centrale.
+ Il fatto che la batteria tampone sta per esaurirsi, e che quindi è necessario un intervento immediato al fine di evita-
re la perdita di funzionalità del sistema, viene segnalato dall’evento Batteria bassa.
Per collegare l’alimentazione procedere come descritto di seguito.
1. Collegare la batteria tampone ai connettori 27 rispettando le polarità.
2. Collegate il conduttore di Terra al morsetto [ ] della morsettiera 25.
3. Collegare il Neutro al morsetto [N] e la Fase al morsetto [L] della morsettiera 25.
+ Se nel collegare la batteria tampone fossero invertite le sue polarità, sostituire il fusibile 29 (F 8A 250V) e ripetere
il collegamento in modo corretto.
Appena si collega l’alimentazione, sul pannello frontale dell’Unità Centrale si deve accendere la spia verde ,
mentre le spie rosse e dopo la fase iniziale di autoconfigurazione devono spegnersi.
+ Quando si alimenta la centrale per la prima volta non si ha un allarme per centrale aperta poiché questo è disabili-
tato finché il pannello della centrale non viene chiuso. Analogamente all’uscita da una sessione di programmazio-
ne da Tastiera o da PC, l’allarme per centrale aperta è disabilitato fino alla chiusura del pannello. Da quel
momento in poi l’apertura della centrale provocherà un allarme sabotaggio.

Auto Alla prima alimentazione la centrale effettua un ciclo di autoconfigurazione durante il quale acquisisce la configu-
configurazione razione dei dispositivi BPI collegati al bus. Questa diventerà la configurazione base della centrale che potrà esse-
re modificata in fase di programmazione. Questa fase dura circa 15 secondi ed è indicata dal lampeggio della spia
rossa . Al termine di questa fase segnalato con la seguente configurazione dal display delle Tastiere
ØØ:Ø1 Ø5/Ø3/1996
DDDDDDDD , inserire il ponticello 7 (MEM) che abilita la memoria non volatile: questa manterrà i dati
programmati anche in mancanza di alimentazione.
ATTENZIONE Alla prima alimentazione la batteria della memoria è completamente scarica. Occorre circa 1 ora
perchè si carichi ad un livello in grado di garantire la tenuta dei dati programmati per 1 mese di completa man-
canza di alimentazione (sia quella esterna fornita dalla rete elettrica, sia quella ausiliaria fornita dalla batteria tam-
pone). Perchè la batteria della memoria si carichi il ponticello 7 (MEM) deve essere inserito.

28 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


PROGRAMMAZIONE

La programmazione di questa Centrale si effettua tramite PC oppure tramite la Tastiera: per la programmazione
tramite PC è necessara l’applicazione Omnia presente nel pacchetto Security Suite fornito su richiesta.
Per la programmazione tramite Tastiera fare riferimento al manuale "PROGRAMMAZIONE DA TASTIERA".
+ La descrizione dei parametri effettuata in questo capitolo è valida anche per la programmazione tramite Tastiera,
pertanto, nel manuale "PROGRAMMAZIONE DA TASTIERA" vengono descritte solo le procedure per la program-
mazione tramite Tastiera.
In questo capitolo viene descritto l’uso dell’applicazione Omnia per la programmazione della Centrale tramite PC:
per una descrizione completa dell’applicazione Omnia e del pacchetto Security Suite fare riferimento al manuale
fornito con il pacchetto.
Di seguito sono mostrati i passi principali per la programmazione della Centrale tramite PC.
1. Istallare Security Suite come descritto nel manuale del pacchetto.
2. Eseguire l’applicazione Omnia.
3. Selezionare il Tipo di Centrale (v. par. "Cliente") e la Revisione Firmware (v. par. "Opzioni" del manuale di Secu-
rity Suite) della centrale che sarà programmata.
4. Impostare i parametri come descritto nei paragrafi seguenti.
5. Eseguire la programmazione come descritto nel par. "Programmazione con PC locale" e nel par. "Programmazio-
ne con PC via telefono".
+ L’applicazione Omnia consente il salvataggio delle impostazioni su una memoria non volatile (disco rigido, disco
floppy), pertanto è possibile effettuare l’impostazione dei parametri a tavolino e recarsi sul campo solo per la pro-
grammazione della centrale (v. par. "Salva" e "Apri Cliente" del manuale di Security Suite).
Nell’applicazione Omnia i parametri sono organizzati in pagine. Nei paragrafi seguenti sono descritte tutte le pagi-
ne così come vengono presentate dall’applicazione Omnia.

PROGRAMMAZIONE 29
Cliente
Questa pagina permette di programmare i dati anagrafici del cliente: i valori inseriti nei campi Indirizzo, Città, Te-
lefono Cliente e Descrizione Impianto non sono importanti ai fini della programmazione ma servono come pro-
memoria per l’installatore. Più importanti, invece, sono i valori inseriti nei campi descritti di seguito.

Nome È il nome del cliente usato dal programma per indicare l’insieme dei dati definiti nelle varie pagine, questo nome
verrà utilizzato dal programma ogni volta che si farà riferimento a quel cliente.

Telefono Centrale È il numero di telefono al quale è collegata la centrale che si sta programmando. Questo numero viene chiamato
dal modem B-Mod quando si seleziona il comando Connessione del menu Modem.
Il campo Telefono Centrale ammette le cifre da 0 a 9 e la virgola (,): quest’ultima consente di inserire una o più
pause in qualsiasi punto del numero, per esempio fra un numero telefonico e il suo prefisso.

Codice Cliente Quando una centrale Omnia/S chiama il modem B-Mod (per la teleassistenza o per la chiamata di test) quest’ulti-
mo la riconosce tramite il codice presente in questo campo; per questo motivo ad ogni centrale deve essere asse-
gnato un Codice Cliente diverso. Se così non fosse, al momento di salvare le modifiche effettuate, il programma
comunicherebbe che già esiste il Codice Cliente programmato e a quale centrale appartiene.
+ Il Codice Cliente indicato in questa pagina è lo stesso indicato nella pagina Teleassistenza pertanto, una sua mo-
difica si riflette automaticamente in quest’ultima e viceversa.

Tipo Centrale Selezionare Omnia per programmare la centrale Omnia/S.

Revisione Questo campo non è modificabile all’interno della pagina Cliente; esso mostra il valore impostato con il comando
Firmware Revisione firmware del menu Opzioni e indica i parametri che possono essere definiti all’interno del programma,
in relazione alla versione della centrale collegata.

Data ultima Questo parametro non può essere modificato manualmente, esso si aggiorna automaticamente alla data dell’ultima
modifica modifica del cliente selezionato.

Note Questo pulsante permette di aprire una finestra all’interno della quale è possibile scrivere dei commenti relativi al
cliente selezionato e al suo impianto, che non entrano nel campo Descrizione Impianto. Se il blocco note è vuoto
l’icona presente sul pulsante riproduce una pagina vuota altrimenti riproduce una pagina piena.

Figura 21 Pagina per la descrizione del cliente.

30 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Configurazione
La definizione della configurazione della centrale è essenziale sia per una corretta programmazione che per un
corretto funzionamento in sede operativa. È infatti essenziale, ad esempio, che la centrale riconosca la scomparsa
di un dispositivo dal bus di comunicazione in quanto potenzialmente potrebbe trattarsi di un sabotaggio da parte di
malintenzionati. Per far ciò è necessario istruire la centrale su qual’è la configurazione che deve attendersi sul bus
di comunicazione.
Alla prima accensione la centrale effettua un ciclo di autoconfigurazione per mezzo del quale imposta la configura-
zione come corrispondente a quella dei dispositivi correttamente collegati sul bus BPI (v. paragrafo "Collegamento
dell’alimentazione"). Da quel momento ogni modifica della configurazione deve essere effettuata per mezzo di una
programmazione da effettuarsi dall’installatore.
+ Se la centrale è collegata al PC la sua configurazione può essere letta tramite il comando Carica > Pagina del
menu Programmazione (v. paragrafo omonimo).
La pagina di programmazione della configurazione è divisa in diverse sezioni, una per ogni tipo di dispositivo BPI
(tastiere, inseritori, espansioni di ingresso, espansioni di uscita, stazioni di alimentazione).
All’interno di ogni sezione sono mostrate una serie di caselle accanto ad ognuna delle quali è presente un numero
che indica l’indirizzo della periferica, tale indirizzo è quello impostabile per mezzo dei microinterruttori presenti sui
dispositivi BPI (v. paragrafo "Collegamento dei dispositivi BPI").
Per impostare la configurazione è necessario cliccare sulle caselle relative alle periferiche che si intende effettiva-
mente utilizzare. Se il marcatore è presente la periferica si ritiene in configurazione, se il marcatore è assente (ca-
sellina bianca) la periferica non è ritenuta essere in configurazione. Le periferiche che non sono presenti in confi-
gurazione non vengono gestite dalla centrale; si può ritenere che esse siano "virtualmente disconnesse".
Una volta definita la configurazione delle periferiche è possibile programmare alcuni parametri caratteristici all’in-
terno delle finestre Dettagli. Per qualsiasi tipo di periferica (Tastiera, Inseritore, Espansione di Ingresso, Espansio-
ne di Uscita e Stazione di Alimentazione) nella finestra Dettagli sono presenti i parametri descritti di seguito; in
più, per le Tastiere e gli Inseritori, si devono definire i parametri descritti nei paragrafi omonimi.

n. È il numero di identificazione della periferica (l’indirizzo della periferica) che dipende dalla configurazione dei suoi
microinterruttori.

Descrizione Ad ogni dispositivo BPI può essere assegnato un nome di 16 caratteri al massimo che sarà usato per identificarlo in tut-
te le operazioni in cui è coinvolto.

 Tastiere

1 ... 8 Indica, per ogni Tastiera, su quali aree è abilitata: la Tastiera potrà eseguire le operazioni riguardanti le Aree quali,
inserimento, disinerimento, ecc., solo sulle Aree sulle quali è abilitata.
+ Una Tastiera può anche non essere abilitata su alcuna Area, in tal caso essa potrà sempre essere usata per la
programmazione, la visualizzazione e tutte le altre operazioni che non coinvolgono le Aree.

 Inseritori
Infilando un Attivatore valido in un Inseritore è possibile controllare in maniera semplice ed immediata le funzioni
base di questa Centrale:
 inserimento Aree;
 disinserimento Aree;
 inserimento tipo A o B;
 interruzione delle segnalazioni di allarme relative alle Aree.

Figura 22 Pagina per la configurazione del sistema.

PROGRAMMAZIONE 31
Questa Centrale è in grado di gestire fino a 16 Inseritori e fino a 250 Attivatori. Per ogni Inseritore è possibile defi-
nire i parametri descritti nei paragrafi seguenti mentre la programmazione degli Attivatori si effettua da una Tastie-
ra come descritto nel paragrafo "Attivatori".

Punto ROSSO Indica le Aree che l’Inseritore può controllare (Inserire, Disinserire e bloccarne le segnalazioni): le Aree sono indicate
con il loro numero di identificazione (da 1 a 8); le celle (incrocio fra la riga individuata dal pallino rosso e i numeri di iden-
tificazione delle Aree) che contengono Si indicano che l’Inseritore è abilitato sull’Area corrispondente; facendo doppio
clic o premendo il tasto INVIO sulla cella selezionata si cambia lo stato dell’Area corrispondente.

Punto GIALLO Indica le Aree da inserire (I) e quelle da disinserire (D) fra quelle Abilitate quando si estrae l’Attivatore con il led GIALLO
acceso: per cambiare lo stato di un’Area fare doppio clic o premere il tasto INVIO sulla cella corrispondente.

Punto VERDE Indica le Aree da inserire (I) e quelle da disinserire (D), fra quelle abilitate, quando si estrae l’Attivatore con il led
VERDE acceso.

 Via Radio
La sezione Via Radio della pagina Configurazione è dedicata alla programmazione della Centrale per l’uso dei
Dispositivi via Radio tramite i Sistemi via Radio VectorBRIDGE e VectorBPI: leggere le istruzioni fornite con questi
sistemi per sapere come programmare la Centrale per la gestione dei Dispositivi via Radio.

Zone
Le Zone di questa Centrale (morsetti [L1], [L2], ecc.) possono essere programmate come Zone di Allarme oppure
come Zone Comando.

Zone di Allarme Le Zone di Allarme quando sono violate generano un evento Allarme zona n. al quale può essere associata una
o più azioni (attivazione delle sirene, del comunicatore digitale, dell’avvisatore telefonico, ecc.).
Per la generazione dell’evento di allarme la centrale controlla se l’area a cui appartiene la zona è inserita
(v. "Aree").
Se la zona non è del Tipo Uscita o Ultima di Uscita (v. "Tipo"), la centrale inizia il rilevamento della condizione di
allarme non appena viene inserita l’Area alla quale la zona appartiene, altrimenti inizia allo scadere del Tempo di
Uscita programmato per l’Area (v. "Aree").
La condizione di allarme si verifica quando la zona viene sbilanciata (v. "Bilanciamento") per il numero di volte e
nell’arco di tempo programmati (v. "Sensibilità").
Ogni zona può generare l’evento allarme di zona solo per il numero di volte programmato (v. "Cicli").

Zone Comando Le Zone Comando, invece, quando sono violate (o, meglio, attivate) possono generare una fra le seguenti azioni:
 commutazione dello stato delle Aree;
 solo inserimento Aree;
 solo disinserimento Aree;
 reset Aree;
 reset centrale;
 cancellazione telefonate.
ATTENZIONE L’organo di comando esterno, eventualmente utilizzato per inserire/disinserire la centrale per
mezzo di una Zona Comando, deve essere almeno di II livello e la relativa scheda di decodifica deve essere al-
loggiata all’interno dell’Unità Centrale.
Una Zona Comando viene quando viene sbilanciata (v. "Bilanciamento") per il numero di volte e nell’arco di tempo
programmati (v. "Sensibilità").

 Tabella zone
La parte sinistra della pagina di programmazione è occupata da una tabella che mostra le zone disponibili in base
alle espansioni indicate nella pagina Config.. In questa parte della pagina non è possibile inserire dati. L’inseri-
mento di dati va effettuato nella parte destra dove sono riportate le programmazioni relative alla zona selezionata
nella parte sinistra. Nella parte sinistra per ogni zona sono mostrati i seguenti parametri.

n. Mostra il numero di identificazione della zona usato in tutti quei casi in cui non è possibile utilizzare la sua descri-
zione estesa (v. "Descrizione"): per esempio, nel controllo via telefono della centrale.

Posizione Mostra la descrizione del dispositivo sul quale si trova la zona: questa descrizione può essere modificata nella pa-
gina Config. e può essere usata, per esempio, per descrivere la posizione in cui è installata la periferica in modo
da localizzarla facilmente quando necessario.

Per Mostra il numero di identificazione (l’indirizzo) del dispositivo sul quale si trova la zona. Tale parametro è assente
per le zone dell’Unità Centrale.

Mor Mostra la sigla del morsetto della zona.

Descrizione Mostra la descrizione assegnata alla zona.

32 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Area Indica l’Area alla quale la zona appartiene. Se la zona è di tipo Zona di Comando in tale campo verrà visualizzato
un asterisco.
Nella parte destra della pagina Zone è possibile modificare le impostazioni relative alla Zona selezionata nella Tabella
Zone, come descritto di seguito.

 Descrizione
È un campo modificabile di 16 caratteri al massimo che permette di assegnare ad ogni zona un nome che sarà usato in
ogni altra parte del programma per identificarla meglio. Tale descrizione viene immediatamente riportata nella parte si-
nistra della pagina Zone. Immediatamente a sinistra del campo Descrizione viene mostrato il Numero d’Identificazione
della zona.

 Tipo
Indica i tempi di intervento delle Zone di Allarme, cioè se esse debbono segnalare la condizione di allarme imme-
diatamente o con un certo ritardo e solo se l’Area a cui appartengono è inserita o indipendentemente dalla condi-
zione di quest’ultima.
+ La definizione di questo parametro determina, tra l’altro, se la violazione della zona dovrà generare eventi di tipo
Incendio, 24h o Furto sia a livello di area sia a livello di centrale. Se la zona non è definita nè di tipo Incendio nè di
tipo 24h è da ritenere implicitamente che sia di tipo Furto.

Immediata Quando la zona è violata genera immediatamente gli eventi:


 Allarme zona n.;
 Allarme Furto area n., Allarme Generico area n. e Allarme Generico+Sabot. area n., relativi all’Area alla quale
la zona appartiene;
 Allarme Furto centrale, Allarme Generico centrale e Allarme Generico+Sabot. centrale.

Ritardato Ingresso Quando la zona è violata con il Tempo di Ingresso relativo all’Area a cui appartiene attivo, non genera alcun even-
to; se trascorso questo tempo l’Area non viene disinserita oppure, se la zona viene violata a Tempo di Ingresso
scaduto, vengono generati gli eventi indicati per il tipo Immediata.
La prima zona che viene violata per raggiungere un punto di disinserimento dell’Area a cui appartiene, dovrebbe
essere di questo tipo.

Percorso Ingresso Quando la zona è violata dopo una zona Ritardo di Ingresso, genera gli eventi indicati per il tipo Immediata, solo
dopo che è trascorso il Tempo di Ingresso.
Se invece il Tempo di Ingresso non è attivo o è scaduto, genera immediatamente gli eventi indicati per il tipo Im-
mediata.
Le zone che vengono violate per raggiungere un punto di disenserimento dell’Area a cui appartengono, dovrebbe-
ro essere di questo tipo.

Ritardo Uscita Se la zona è violata durante il Tempo di Uscita dell’Area a cui appartiene, non genera alcun evento; altrimenti ge-
nera gli eventi indicati per il tipo Immediata.
Le zone che devono essere violate per uscire dall’Area a cui appartengono, dovrebbero essere di questo tipo.

Ultima Uscita Se la zona è violata durante il Tempo di Uscita dell’Area a cui appartiene, non genera alcun evento e modifica il
Tempo di Uscita in base al valore impostato per il T.Ult.Usc. (Tempo Ultima Uscita) dell’Area a cui appartiene; al-
trimenti genera gli eventi indicati per il tipo Immediata.
La zona che è violata per ultima quando si esce dall’Area a cui appartiene, dovrebbe essere di questo tipo.

Figura 23 Pagina per la programmazione delle zone.

PROGRAMMAZIONE 33
24h Quando la zona è violata, ad Area inserita o disinserita, genera gli eventi:
 Allarme zona n.;
 Allarme 24h area n., Allarme Generico area n e Allarme Generico+Sabot. area n., relativi all’Area alla quale la
zona appartiene;
 Allarme 24h centrale, Allarme Generico centrale e Allarme Generico+Sabot. centrale.

Incendio Quando la zona è violata, ad Area inserita o disinserita, genera gli eventi:
 Allarme zona n.;
 Allarme Incendio area n., Allarme Generico area n. e Allarme Generico+Sabot. area n., relativi all’Area alla
quale la zona appartiene;
 Allarme Incendio centrale, Allarme Generico centrale e Allarme Generico+Sabot. centrale.

 Attributi
+ I parametri descritti di seguito hanno effetto solo sulle Zone di Allarme e non sulle Zone di Comando.
Non Escludibile Selezionando questo attributo la zona non potrà essere esclusa.

Campanello Se l’Area a cui Appartiene la zona è disinserita, la sua violazione genera l’evento Campanello su Area n. e un
beep sulle Tastiere abilitate sull’Area a cui appartiene la zona; altrimenti (Area inserita) si comporta come specifi-
cato dal parametro Tipo.
+ L’Attributo Campanello non ha effetto sulle zone di Tipo 24h o Incendio.
Prova La zona è operativa a tutti gli effetti solo che invece di generare l’evento Allarme zona n. provoca la memorizza-
zione nel registro della centrale del messaggio <<Allarme zona in test>>: in tal modo è possibile controllare il fun-
zionamento di una zona "sospetta" senza provocare segnalazioni di allarme. Nella finestra Opzioni del menù Pro-
grammazione è possibile scegliere se la memorizzazione nel registro eventi deve avvenire solo ad area inserita
(default) o anche ad area disinserita.

+ Il lampeggio della spia delle Tastiere segnala che c’è almeno una Zona, non esclusa, con l’Attributo Prova.

Autoescludibile Selezionando questo attributo si abilita la centrale ad escludere la zona se questa viene trovata violata durante un
inserimento dell’area cui la zona appartiene. In tal caso al successivo disinserimento dell’area cui appartiene la
zona questa verrà automaticamente reinclusa.
+ L’Attributo Autoescludibile non ha effetto sulle zone di Tipo Ritardata di Uscita.
Il Tempo di Uscita dell’Area alla quale appartiene una zona con l’attributo Autoescludibile, deve essere maggio-
re di 5 secondi.

 Bilanciamento
Specifica quali condizioni elettriche si devono verificare sul morsetto di ingresso affinché la centrale consideri vio-
lata la zona corrispondente.
+ Le condizioni descritte di seguito devono essere mantenute per almeno 0,3 secondi affinché la centrale le ricono-
sca.

Normalmente A riposo la zona deve essere aperta (appesa); la centrale la considera violata quando viene collegata alla massa
Aperto (collegamento con rivelatori d’incendio, per esempio).
ATTENZIONE Programmando le zone come Normalmente Aperte, decade la certificazione IMQ/A della centrale
Omnia/S in quanto le zone stesse non sono protette contro il taglio.

Normalmente A riposo la zona deve essere collegata alla massa; la centrale la considera violata quando viene aperta (appesa).
Chiuso
ATTENZIONE Programmando le zone come Normalmente Chiuse, il livello di prestazione della centrale Om-
nia/S viene declassato dal II al I livello in quanto le zone stesse non sono protette contro il cortocircuito.

Bilanciato 10K A riposo la zona deve essere collegata alla massa con una resistenza da 10 K (10.000 ohm); se viene cortocircui-
tata a massa la centrale la considera sabotata e genera gli eventi:
 Sabotaggio zona n.;
 Allarme Sabotaggio area n. e Allarme Generico+Sabot. area n., relativi all’Area alla quale la zona appartiene;
 Allarme Sabotaggio centrale e Allarme Generico+Sabot. centrale.
In tutti gli altri casi (zona sbilanciata, aperta, ecc.) la centrale la considera violata (v. "Tipo").

Doppio A riposo la zona deve essere collegata alla massa con due resistenze da 10 K (10.000 ohm); se una di queste re-
Bilanciamento sistenze viene a mancare, la centrale genera degli eventi in base al Tipo di zona (v. paragrafo "Tipo"); in tutti gli al-
tri casi (zona aperta, collegata alla massa, ecc.) la centrale la considera sabotata e genera gli eventi indicati per il
sabotaggio della zona bilanciata con 10 K.
Questo tipo di bilanciamento consente di rilevare, con 2 soli fili, sia l’apertura del contatto di allarme che quella del
contatto antisabotaggio dei sensori collegati (v. "Collegamento con zona a Doppio Bilanciamento").
+ Non ha senso programmare il Bilanciamento Doppio per una Linea di Comando poiché, in tal caso, il riconosci-
mento dell’evento Sabotaggio Zona n. non genera alcuna azione.

34 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


 Cicli
Questo parametro indica quante volte la zona che si sta programmando può segnalare una condizione di allarme
prima di essere esclusa dall’analisi. Sono possibili i valori descritti di seguito.

0 Le violazioni della zona vengono ignorate.

1 ÷ 254 La zona segnala la condizione di allarme per il numero di volte indicato dopodiché viene esclusa dall’analisi finché
non si verifica una delle seguenti condizioni che azzerera il contatore dei cicli di allarme:
 cambio di stato dell’area cui appartiene la zona;
 reset dell’area cui appartiene la zona;
 uscita dalla condizione di blocco allarme per l’area cui appartiene la zona (da tastiera a mezzo codice o da inseri-
tore a mezzo di un attivatore);
 uscita da una sessione di programmazione (da tastiera o a mezzo connesione in locale o remoto).

Ripetitivo Non c’è limite alle volte che la zona può segnalare la condizione di allarme.
+ Le zone che rimangono permanentemente in allarme (per esempio a causa di un guasto) provocano comunque
un solo ciclo di allarme. Questo modo di funzionamento è espressamente richiesto dalle norme CEI 79/2. Esse
possono generare un nuovo ciclo solo se si verifica una delle condizioni di azzeramento dei cicli di allarme o se
vengono reincluse.

 Area

Zona di Allarme Zona Comando


Indica a quale Area appartiene la zona che si sta pro- Indica su quali Aree deve agire il comando
grammando e, quindi, i Codici e gli Attivatori che la con- programmato per la zona in esame: ogni Zona
trollano e i tempi di funzionamento: ogni zona di Allarme Comando può agire su più di un’Area.
può appartenere ad una sola Area; del resto non è neces- Per i comandi Reset di centrale e Cancella telefonate
sario che una zona appartenga a più Aree, poiché questa non sarà possibile indicare nulla riguardo le aree
Centrale gestisce la dipendenza fra le Aree (v. "Aree"). essendo in tal caso il parametro Aree ininfluente.

 Sensibilità

Standard Indica il numero di volte che la zona deve essere violata (v. Impulsi) nell’intervallo di tempo programmato (v. En-
tro) affinché la centrale la consideri in allarme.

Bassa Affinché la centrale consideri la zona in allarme è necessario che la stessa sia violata per il tempo programmato
(v. Impulso da). Si noti che tale tempo è espresso in minuti e che l’intervallo permesso per la programmazione va
da 1 a 16 minuti. Sulle zone delle tastiere questo tempo viene valutato con un’approssimazione di 30 secondi per
difetto.

 Messaggi Vocali
Questo parametro permette di assegnare alla zona che si sta programmando due messaggi vocali a scelta fra i 14
che questa Centrale può registrare; in tal modo, tramite gli ingressi di questa Centrale, è possibile controllare via
telefono, lo stato di un’utenza (il riscaldamento, per esempio).

Riposo È il messaggio che viene riprodotto quando la zona è a riposo.


+ Se nel campo Riposo non viene indicato alcun messaggio vocale lo stato di riposo della zona sarà segnalato da
un Beep.

Non Riposo È il messaggio che viene riprodotto quando la zona risulta violata.
+ Se nel campo Non Riposo non viene indicato alcun messaggio vocale, lo stato di non riposo della zona sarà se-
gnalato da due beep.

Messaggi... Premendo questo pulsante si apre una finestra come quella mostrata in figura 28 tramite la quale è possibile asse-
gnare ai 14 messaggi che questa Centrale è in grado di registrare, una descrizione di 16 caratteri al massimo che
ne descriva il contenuto: le modifiche effettuate in questa finestra potranno essere programmate sulla centrale uti-
lizzando il pulsante Invia presente nella finestra Messaggi.
+ La registrazione, l’ascolto e la cancellazione dei Messaggi Vocali si effettua tramite la Tastiera di Controllo e ne-
cessita del kit OmniaVOX (Scheda Vocale + Scheda Microfono + altoparlante) fornito su richiesta.

PROGRAMMAZIONE 35
Uscite
Sull’Unità Centrale Omnia/S sono presenti:
- 2 uscite open-collector da 1 A (morsetti [OC1] ed [OC2]);
- 2 relè da 3 A (morsetti [NA1], [NC1], [C1], [+A1], [+N1] e [NA2], [NC2], [C2], [+A2], [+N2]).
Sulle Espansioni di Uscita Omnia/4OUT sono presenti 4 uscite open-collector da 0,15 A (morsetti [OC1], [OC2],
[OC3] ed [OC4]). Inoltre, su ogni Espansione di Uscita è presente un cicalino (o buzzer) che può essere "collega-
to" a morsetto [OC4] con logica positiva o negativa, in base alla posizione del ponticello 68.
Le uscite dell’Unità Centrale e delle Espansioni di Uscita sono programmabili e possono essere associate agli
eventi gestiti dalla centrale per la segnalazione tramite sirene, lampeggiatori, ecc., delle condizioni di allarme op-
pure per la ripetizione delle condizioni di funzionamento o di malfunzionamento o per fornire segnali di controllo
per altri dispositivi, ecc.. Inoltre le uscite possono essere programmate per essere attivate via telefono per il con-
trollo remoto di utenze (la caldaia, per esempio).
La pagina Uscite è per l’impostazione dei parametri relativi alle uscite dell’Unità Centrale e delle Espansioni di
Uscita. I parametri delle uscite determinano il loro funzionamento quando vengono attivate e quando vengono di-
sattivate. L’attivazione e la disattivazione di un’uscita dipendono dagli eventi alla quale è associata (vedere par.
"Eventi-Azioni").

 Tabella uscite
La parte sinistra della pagina Uscite mostra le uscite disponibili in base alle Espansioni di Uscita selezionate nella
pagina Config.. In questa parte della pagina non è possibile impostare i parametri delle uscite. L’impostazione dei
parametri dell’uscita selezionata nella parte sinistra della pagina si effettua nella parte destra della pagina.
Nella parte sinistra della pagina Uscite sono mostrati i seguenti parametri.

n. Mostra il numero di identificazione dell’uscita usato in tutti quei casi in cui non è possibile utilizzare la sua descri-
zione estesa (v. "Descrizione"): per esempio, nella pagina Eventi-Azioni.

Posizione Mostra la descrizione del dispositivo sul quale si trova l’uscita: questa descrizione può essere modificata nella pa-
gina Config. e può essere usata, per esempio, per descrivere la posizione in cui è installata la periferica in modo
da localizzarla facilmente quando necessario.

Per. Mostra il numero di identificazione (l’indirizzo) del dispositivo sul quale si trova l’uscita. Tale parametro è assente
per le zone dell’Unità Centrale.

Mor. Mostra la sigla del morsetto dell’Uscita.


+ La sigla RL1 è usata per identificare i morsetti [NA1], [NC1], [C1], [+A1] [+N1]. La sigla RL2 è usata per identificare i
morsetti [NA2], [NC2], [C2], [+A2], [+N2].

Descrizione Mostra la descrizione assegnata all’uscita.

Tipo Mostra il tipo assegnato all’uscita: B = Bistabile; M = Monostabile.

Attrib. Mostra l’attributo assegnato all’uscita:


NC = Normalmente Chiusa; NA = Normalmente Aperta.

Riserv. Mostra se l’uscita è riservata per l’attivazione manuale.

Durata Mostra la durata dell’attivazione per le uscite Monostabili. Se l’uscita è Bistabile tale campo risulterà vuoto.
I parametri dell’uscita selezionata nella parte sinistra della pagina Uscite possono essere modificati nella parte de-
stra della pagina, come descritto di seguito.

Figura 24 Pagina per la programmazione delle uscite.

36 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


 Tempo di Off
Impostare il tempo minimo che deve trascorrere prima che l’uscita possa essere attivata di nuovo.
+ Il Tempo di Off è unico per tutte le uscite Monostabili mentre non ha effetto sulle uscite Bistabili.
È possibile impostare un Tempo di Off da 0,0 a 127,5 secondi com passi di 0,5 secondi (preimpostazione = 6,0
secondi).

 Descrizione
È un campo modificabile di 16 caratteri al massimo che permette di assegnare ad ogni uscita un nome che sarà usato
in ogni altra parte del programma per identificarla meglio. Tale descrizione viene immediatamente riportata nella parte
sinistra della pagina Uscite. Immediatamente a sinistra del campo descrizione viene indicato il numero d’identificazione
dell’uscita.

 Uscita riservata (manuale)


Le uscite possono anche essere usate per controllare l’accensione e lo spegnimento di apparecchiature elettriche
da una Tastiera oppure, via telefono, da un punto remoto.
Selezionando questa opzione l’uscita non potrà essere assegnata agli eventi e, quindi, il suo stato sarà determina-
to esclusivamente dai comandi impartiti da una Tastiera oppure da un telefono.
+ Per un’uscita riservata non ha senso la programmazione del Tipo Monostabile dato che essa è attivata e disattiva-
ta direttamente dall’utente.
(Leggere anche il paragrafo "Aziona uscite" del capitolo "OPERAZIONI DA TASTIERA di questo manuale, e il ca-
pitolo "OPERAZIONI VIA TELEFONO" del MANUALE UTENTE ).

 Tipo

Bistabile L’uscita viene attivata quando si verifica almeno un evento al quale è associata; viene disattivata quando termina-
no tutti gli eventi ai quali è associata.

Monostabile L’uscita viene attivata, se già non lo è, ogni volta che si verifica almeno uno degli eventi ai quali è associata; viene
disattivata dopo il Tempo di On programmato.

 Attributi
Impostare lo stato elettrico dell’uscita quando è disattivata.

Normalmente Le uscite open-collectors (morsetti [OCx]) sono appese; le uscite a sicurezza intrinseca (morsetti [+Nx]) sono ap-
Aperta pese; sulle uscite positive (morsetti [+Ax]) è presente il positivo (13,8 V); i contatti Comune degli scambi liberi dei
relè di uscita (morsetti [Cx]) sono chiusi sui contatti Normalmente Aperti corrispondenti (morsetti [NAx]).

Normalmente Sulle uscite open-collectors (morsetti [OCx]) è presente la massa; sulle uscite a sicurezza intrinseca (morsetti
Chiusa [+Nx]) è presente il positivo (13,8 V); le uscite positive (morsetti [+Ax]) sono appese; i contatti Comune degli scam-
bi liberi dei relè di uscita (morsetti [Cx]) sono chiusi sui contatti Normalmente Chiusi corrispondenti (morsetto
[NCx]).

 Durata

Tempo di On Impostare la durata massima dell’attivazione dell’uscita.


+ Il Tempo di On ha senso solo per le uscite programmate come Monostabile poiché l’uscita Bistabile viene disatti-
vata quando terminano tutti gli eventi ai quali è associata.
Per ogni uscita Monostabile è possibile impostare un Tempo di On diverso:
 da 0,0 a 25,4 secondi con passi da 0,2 secondi, se si seleziona l’opzione Sec.;
 da 1 a 128 minuti con passi da 1 minuto, se si seleziona l’opzione Min..
Il Tempo di On preimpostato per ogni uscita Monostabile è 3 minuti.

 Eventi
Un’Uscita può essere associata a più Eventi.
Selezionare il pulsante Eventi per visualizzare tutti gli Eventi che attivano l’Uscita selezionata.
In tal modo si hanno due modi per visualizzare le associazione tra gli Eventi e le Azioni sulle Uscite:
 nella pagina Eventi-Azioni è possibile vedere l’Uscita attivata da ogni Evento;
 nella pagina Uscite è possibile vedere gli Eventi che attivano un’Uscita.

PROGRAMMAZIONE 37
Aree
Un’Area è un insieme di zone che questa Centrale è in grado di gestire separatamente (Centrale Virtuale). Per
ogni area è possibile definire codici di controllo, temporizzazioni, azioni in uscita ed altri parametri diversi da quelli
definiti per le altre Aree che, tuttavia, possono interagire fra loro.
Questa Centrale è in grado di gestire fino ad 8 Aree la cui composizione è stabilita nella pagina Zone.
+ Ogni Area può essere composta da più zone di ingresso ma ognuna di queste può appartenere ad una sola Area.
La pagina Aree è per l’impostazione dei parametri relativi alle Aree descritti nei paragrafi seguenti.

n. Mostra il numero di identificazione dell’Area, usato in tutti quei casi in cui si vuole fare riferimento ad un’Area e non
è possibile utilizzare la sua Descrizione (v. paragrafo seguente): per esempio, nel controllo via telefono.

Descrizione È un campo modificabile di 16 caratteri al massimo che permette di assegnare ad ogni Area un nome significativo
che sarà usato in altre parti del programma e nel registro degli eventi per identificare l’Area.

T. ingresso Impostare la durata del preallarme generato violando una zona del Tipo Ritardo Ingresso. Il Tempo di Ingresso è
segnalato:
 dall’attivazione dell’evento Tempo di ingresso area n. relativo all’Area violata;
 da un segnale acustico emesso da tutte le Tastiere abilitate sull’Area violata.
Se l’Area viene disinserita prima che sia trascorso questo tempo, l’allarme non avrà luogo.

T. uscita Ad Area inserita è possibile violare le zone del Tipo Ritardo Uscita per la durata del Tempo di Uscita senza pro-
vocare l’allarme. Il Tempo di Uscita è segnalato:
 dall’attivazione dell’evento Tempo di uscita area n. relativo all’Area inserita;
 da un segnale acustico emesso da tutte le Tastiere abilitate sull’Area inserita.
+ Il Tempo di Uscita diventa il Tempo Ultima Uscita (v. paragrafo seguente) non appena viene violata una zona del
Tipo Ultima Uscita.

T.Ult.Usc. Ad Area inserita e con il Tempo di Uscita ancora attivo, la violazione di una zona programmata come Ultima
Uscita modifica il Tempo di Uscita in base al valore impostato per il T.Ult.Usc. (Tempo Ultima Uscita) dell’Area a
cui appartiene. Il Tempo di Uscita così reimpostato continua ad essere segnalato come specificato nel paragrafo
precedente.

Dipende da Impostare le Aree da cui deve dipendere l’Area che si sta programmando:
 un’Area Dipendente verrà inserita automaticamente non appena saranno inserite tutte le Aree da cui dipende;
 un’Area Dipendente si disinserirà automaticamente non appena verrà disinserita almeno un’Area da cui dipen-
de.
+ L’Area Dipendente potrà sempre essere inserita-disinserita manualmente tramite i Codici o gli Attivatori abilitati.
Per impostare le aree dipendenti selezionare la riga relativa all’area che si vuole far dipendere da altre aree ed in-
serire un "Si" nelle colonne in corrispondenza delle aree da cui si vuole far dipendere l’area scelta. Per inserire o
togliere la dipendenza (il "Si") premere INVIO (o fare doppio clic) sulle caselle
+ Non ha senso programmare per un’area la dipendenza da se stessa.

Figura 25 Pagina per la programmazione delle Aree.

38 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Telefono
Nella pagina Telefono si definisce l’agenda dei 32 numeri telefonici che questa Centrale potrà utilizzare e si impo-
stano i parametri relativi alla linea telefonica utilizzata.

 Agenda telefonica
Il lato sinistro della pagina Telefono è per l’impostazione dell’agenda telefonica della centrale come descritto di
seguito.

n. Mostra il numero di identificazione usato nella programmazione da Tastiera e in altre parti del programma per fare
riferimento al numero telefonico corrispondente.

Numero Digitare i numeri telefonici che dovranno essere chiamati dall’Avvisatore Telefonico, dal Comunicatore Digitale della
centrale e per la Teleassistenza: sono ammesse le cifre da 0 a 9 e la virgola (,); quest’ultima permette di inserire delle
pause nella selezione (per esempio, tra un numero telefonico e il suo prefisso); in tutto (cifre e pause) possono essere
inseriti 16 caratteri al massimo.

Descrizione In questo campo è possibile inserire una descrizione del numero telefonico (16 caratteri al massimo) utile a identi-
ficare il suo utente.

Usato da Mostra i "dispositivi telefonici" che utilizzano il numero corrispondente:


Avv. = Avvisatore Telefonico
Dig. = Comunicatore Digitale
MF = Comunicatore Multifrequenza
Tel. = Teleassistenza.

 Risposta
I parametri descritti in questa finestra stabiliscono il modo in cui questa Centrale deve rispondere alle chiamate te-
lefoniche che arrivano al numero al quale è collegata.
+ Questa Centrale risponde alle chiamate telefoniche solo se è stato programmato un messaggio risponditore (v.
"Risponditore") e se l’utente abilitato ha selezionato l’opzione Risponditore Abilitato/a nel MENU UTENTE oppu-
re, se l’utente abilitato ha selezionato l’opzione Teleassistenza Abilitata/o sempre nel MENU UTENTE.
In questi casi la centrale prenderà la linea dopo il Numero di Squilli programmato, a meno che non venga sele-
zionata l’opzione Salto Risponditore.

Abilita Risposta Questa opzione non è disponibile per la programmazione di Omnia 3.00 poiché l’abilitazione/disabilitazione della
risposta è riservata all’utente mediante il comando Abil./Dis.rispon. e Abil./Dis.teleas. del MENU UTENTE.

Salto Questa opzione permette a questa Centrale di condividere la linea telefonica con un altro dispositivo risponditore
Risponditore (segreteria telefonica, fax, ecc.). Infatti, in tal caso, la linea verrebbe agganciata sempre dall’apparecchio program-
mato con il minor numero di squilli. Selezionando questa opzione invece, questa Centrale risponderà al primo
squillo se nel minuto precedente ha rilevato altri squilli.
+ L’altro dispositivo risponditore dovrà essere programmato per rispondere dopo un numero di squilli maggiore o
uguale a 3.

+ L’opzione Salto Risponditore è gestita automaticamente dal modem B-Mod mentre, chiamando da un telefono
per il controllo remoto della centrale, si dovrà far squillare il telefono 2 volte e riagganciare, quindi richiamare la
centrale prima che sia trascorso 1 minuto.

Numero Squilli Impostare il numero di squilli dopo i quali la centrale risponde alla telefonata.
+ Se è selezionata l’opzione Salto Risponditore, questo parametro viene ignorato.

Figura 26 Pagina per la programmazione dei parametri relativi al telefono.

PROGRAMMAZIONE 39
 Selezione

Disabilita Normalmente questa Centrale controlla la presenza del tono di linea prima di selezionare un numero telefonico e
Controllo Toni se non lo rileva riaggancia per poi effettuare un altro tentativo.
Selezionando l’opzione Disabilita Controllo Toni invece, la centrale comporrà i numeri telefonici senza control-
lare la presenza del tono di linea: questa opzione è molto utile, per esempio, quando questa Centrale è collegata a
valle di un centralino telefonico che presenta toni molto diversi da quelli standard.

Selezione a Normalmente questa Centrale chiama i numeri telefonici programmati mediante la selezione a toni, più veloce del-
Impulsi la selezione a impulsi. Se però la selezione a toni non è supportata dalla linea telefonica alla quale è collegata la
centrale, occorre abilitare l’opzione Selezione a Impulsi.

 Parametri telefonici
Selezionare il nome del paese di installazione della centrale: il paese selezionato stabilisce una serie di parametri
per il corretto funzionamento della centrale con la linea telefonica alla quale è collegata.
+ Selezionare EUROPEAN GENERIC se il paese di installazione della centrale non è presente nella lista Parametri
telefonici.

+ Selezionare Disabilita Controllo Toni se anche i parametri EUROPEAN GENERIC non consentono alla centrale
il corretto funzionamento con la linea telefonica.

 Risponditore
Questa Centrale è dotata della funzione Risponditore che consiste nella possibilità di registrare un messaggio vo-
cale che viene riprodotto automaticamente dalla centrale ogni volta che essa riceve una chiamata sulla linea tele-
fonica alla quale è collegata e nessun altro apparecchio risponde entro il Numero Squilli programmati.
+ Il Risponditore deve essere abilitato dall’utente l’apposito comando presente nel MENU UTENTE (v. "Abilita/Disa-
bilita Risponditore" nel MANUALE UTENTE).
Se contemporaneamente alla funzione risponditore è abilitata la funzione di teleassistenza, la centrale controlla se
la chiamata proviene dal B-Mod. Tale controllo dura circa 4 secondi, dopo di che, se la chiamata non proviene dal
B-Mod viene attivato il messaggio risponditore.
La centrale emette un tono appena impegna la linea per segnalare che ha risposto alla chiamata. Tale tono sarà
più acuto (2400 Hz) se è abilitata la Teleassistenza, più grave (1250 Hz) se è abilitato il solo Risponditore.
La programmazione di un Messaggio Risponditore da all’utente che conosce l’opportuno codice (v. Codici utente),
la possibilità di chiamare la centrale da un telefono ed eseguire numerosi controlli su di essa e sulle apparecchia-
ture ad essa collegate (vedi capitolo "OPERAZIONI VIA TELEFONO" nel "MANUALE UTENTE").
L’impostazione dei parametri relativi al Risponditore di questa Centrale si effettua premendo il pulsante Rispondi-
tore... il quale apre una finestra con i seguenti parametri.

Messaggio di Selezionare il messaggio, tra quelli disponibili, che deve essere usato come Messaggio Risponditore. Le descri-
Risposta zioni tra le quali scegliere sono programmabili nella finestra Messaggi presente nella pagina Zone e nella pagina
Avvis. Tel..
+ Se non si seleziona alcun Messaggio di Risposta, il Risponditore sarà disabilitato e non sarà possibile il control-
lo via telefono della centrale.

Tempo Impostare per quanto tempo (secondi) deve essere ripetuto il Messaggio Risponditore.
Ripetizione
Messaggio

Pausa tra Impostare quanto tempo deve trascorrere (secondi) fra le ripetizioni del Messaggio Risponditore.
Ripetizioni

Tempo Impostare il tempo a disposizione (secondi) per digitare sulla tastiera del telefono il Numero Personale esatto per
Riconoscimento l’accesso alle funzioni di controllo remoto, prima che la Centrale chiuda la telefonata.
Codice
+ I codici utente che possono agire via telefono sulla centrale sono 7. Tali codici sono quelli con numero d’identificazione
da 25 a 31 (vedere par. "Codici").

Time Out Se, dopo il riconoscimento del Numero Personale di un utente, non viene premuto alcun tasto del telefono entro il
Riconoscimento tempo impostato in questo campo (secondi) la Centrale chiude automaticamente la telefonata.
Toni

40 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Avvisatore Telefonico
L’Avvisatore Telefonico di questa Centrale permette di definire fino a 32 azioni che possono essere usate nella pa-
gina Eventi-Azioni per segnalare con un messaggio vocale, via telefono, il verificarsi e/o la fine di un evento.
Ogni azione dell’Avvisatore telefonico consiste nell’inviare un Messaggio Vocale, a scelta fra i 14 programmabili,
ad una serie di 16 Numeri Telefonici al massimo, a scelta fra i 32 programmabili.
Per l’uso dell’Avvisatore Telefonico devono essere impostati i parametri descritti di seguito.

 Numeri Avvisatore Telefonico


La tabella Numeri Avvisatore Telefonico è per l’impostazione dei parametri relativi ai numeri telefonici ai quali
deve essere inviato un messaggio vocale.

n. Mostra il Numero di Identificazione del Numero Avvisatore Telefonico (Numero Telefonico + Tempo di Ripeti-
zione).

Num. Tel. Digitare il Numero di Identificazione del numero telefonico (vedere colonna n. dell’Agenda Telefonica della pa-
gina Telefono) al quale si vuole inviare un messaggio vocale: nella colonna Descrizione apparirà la descrizione
del numero selezionato.
+ Questi numeri non devono necessariamente essere nello stesso ordine definito nella pagina Telefono; anzi, l’ordi-
ne qui ridefinito stabilisce le priorità con cui vengono chiamati i numeri telefonici che appartengono ad una stessa
azione dell’Avvisatore.

Tempo Ripet. Impostare per quanto tempo (secondi) deve essere ripetuto il Messaggio Vocale: per ogni Utenza Telefonica è
possibile programmare un Tempo di Ripetizione diverso.

Pausa tra Impostare il tempo (secondi) che deve trascorrere tra le ripetizioni del Messaggio Vocale.
Ripetizione
messaggi

Tempo di Attesa Impostare il tempo (secondi) che la centrale attende la risposta del numero chiamato prima di riagganciare. Que-
Voce sto parametro assume significati diversi a seconda della scelta che si effettua per Invio messaggio dopo:
 Voce in linea -- una volta terminata la selezione, se la centrale non rileva una risposta vocale entro il Tempo di Atte-
sa Voce programmato, riaggancia.
 Primo squillo -- una volta terminata la selezione, se la centrale non rileva uno squillo di risposta (back-ring) en-
tro il Tempo di Attesa Voce programmato, riaggancia.
 Selezione -- in questo caso il Tempo di Attesa Voce non ha alcuna influenza poiché la centrale invia il messag-
gio dopo che ha terminato la selezione del numero.

Numero Massimo Se la chiamata di un numero telefonico fallisce, la centrale lo richiama al massimo per il numero di volte imposta-
Tentativi to in questo parametro.

Richiama su Se selezionata, indica che i numeri verso i quali la telefonata è riuscita devono essere richiamati anche nei cicli
Risposta successivi. In caso contrario, i numeri che hanno già risposto saranno esclusi automaticamente dai cicli successi-
vi.
I parametri Pausa tra Ripetizione messaggi, Tempo di Attesa Voce, Numero Massimo Tentativi e l’opzione
Richiama su Risposta sono unici per tutti i Numeri Avvisatore Telefonico.

Figura 27 Pagina per la programmazione dell’Avvisatore Telefonico.

PROGRAMMAZIONE 41
Invio messaggio Selezionare quando dovrà essere riprodotto il messaggio vocale:
dopo
 Voce in linea -- il messaggio sarà riprodotto dopo che la centrale avrà rilevato una risposta vocale;
 Primo squillo -- il messaggio sarà riprodotto dopo che la centrale avrà rilevato lo squillo di risposta (back ring);
 Selezione -- il messaggio sarà riprodotto dopo che la centrale avrà effettuato la selezione del numero telefonico.
+ La centrale considera la telefonata riuscita se si verifica la condizione selezionata in Invio messaggio dopo; quin-
di, se si seleziona Voce in linea, si ha la certezza che la telefonata ha avuto risposta; se si seleziona Primo
squillo o Selezione non si ha questa certezza. In questo caso è bene abilitare l’opzione Richiama su risposta.

 Messaggi
Selezionando il pulsante Messaggi si apre una finestra come quella mostrata in figura 28 tramite la quale è possi-
bile assegnare ai 14 messaggi che questa Centrale è in grado di registrare, una descrizione di 16 caratteri al mas-
simo che ne descriva il contenuto: le modifiche effettuate nella finestra Messaggi potranno essere programmate
sulla centrale utilizzando il pulsante Invia della finestra.
+ La registrazione, l’ascolto e la cancellazione dei Messaggi Vocali si effettua tramite la Tastiera di Controllo e ne-
cessita del kit OmniaVOX (Scheda Vocale + Scheda Microfono + altoparlante) fornito su richiesta. Per una descri-
zione delle funzioni vocali vedere il capitolo "OmniaVOX".

 Azioni
Il pulsante Azioni apre la finestra Azioni Avvisatore Telefonico.
In questa finestra si definiscono le Azioni dell’avvisatore Telefonico, che saranno poi associate a determinati
eventi nella pagina Eventi-Azioni.
Un’Azione dell’avvisatore telefonico consiste nel chiamare una serie di numeri telefonici ed inviare ad ognuno
di questi un Messaggio Vocale. Ogni Azione avvisatore telefonico può essere ripetuta più volte come indicato
dal parametro Numero Massimo Tentativi.

n. Mostra il Numero di Identificazione dell’azione corrispondente. Nella pagina Eventi-Azioni digitare questo numero
per associare ad un evento l’azione corrispondente.

1 ... 16 Selezionare i Numeri Avvisatore Telefonico che devono essere chiamati dall’azione corrispondente.
I Numeri Avvisatore Telefonico sono rappresentati dal loro Numero di Identificazione (vedere colonna n. della ta-
bella Numeri Avvisatore Telefonico della pagina Avvis. Tel.). Per selezionare/deselezionare un Numero Avvisa-
tore Telefonico premere il tasto INVIO oppure cliccare due volte sulla cella corrispondente: la parola SI indica che
il Numero Avvisatore Telefonico corrispondente sarà chiamato dall’azione corrispondente.

Messaggi Digitare il Numero di Identificazione del Messaggio Vocale (vedere colonna n. della finestra Messaggi) che deve
essere inviato dall’Azione corrispondente: nella colonna Descr. Mess. sarà mostrata la Descrizione assegnata al
Messaggio Vocale.
+ La Descrizione dei Messaggi Vocali può essere modificata solo nella finestra Messaggi (vedere par. "Messaggi").
Descr. Azione Digitare un nome per l’azione corrispondente.

Eventi Un’azione dell’Avvisatore Telefonico può essere associata a più Eventi.


Selezionare il pulsante Eventi per visualizzare tutti gli Eventi che attivano l’azione selezionata.
In tal modo si hanno due modi per visualizzare le associazione tra gli Eventi e le Azioni dell’Avvisatore Telefonico:
 nella pagina Eventi-Azioni è possibile vedere l’Azione dell’Avvisatore Telefonico attivata da ogni Evento;
 nella pagina Avvis. Tel. è possibile vedere gli Eventi che attivano un’Azione dell’Avvisatore Telefonico.

Figura 28 Finestra per la descrizione dei Messaggi Vocali.

42 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Comunicatore Digitale
La pagina Comunic. Dig. è per l’impostazione dei parametri relativi al Comunicatore Digitale della centrale, come
descritto di seguito.
Il Comunicatore Digitale di questa Centrale permette di definire fino a 256 azioni che possono essere usate nella pagina
Eventi-Azioni per segnalare il verificarsi e/o fine di un evento ad enti in grado di gestire questo tipo di comunicazione.
Ogni azione del Comunicatore Digitale consiste nell’inviare un codice che identifica l’evento, ad una serie di 4 nu-
meri telefonici al massimo: in tal modo è possibile, per esempio, inviare le segnalazioni di allarme antifurto ad una
centrale di vigilanza, gli allarmi antincendio ai vigili del fuoco, le richieste di telesoccorso ad un centro specializzato
e le segnalazioni di avaria all’installatore.
Inoltre, poiché ad ogni evento è possibile associare 2 azioni del Comunicatore ad Impulsi, è possibile pro-
gramare 2 codici distinti nel caso in cui lo stesso evento debba essere inviato a due istituti che lo codificano in ma-
niera diversa (potrebbe essere il caso di una segnalazione di malfunzionamento che può interessare sia l’installa-
tore sia la centrale di vigilanza).

Accodamento Il Comunicatore Digitale, prima di chiudere una chiamata, verifica se ci sono altri eventi che devono essere inviati
degli eventi allo stesso numero telefonico, in tal caso esso li invia senza chiudere la comunicazione in corso.
L’accodamento degli eventi riduce i costi delle telefonate e i tempi di comunicazione con la Centrale di Vigilanza.
+ L’accodamento degli eventi non viene effetuato con i numeri telefonici per i quali viene selezionato un protocollo
con l’opzione Voce.

 Numeri Comunicatore Digitale


La tabella Numeri Comunicatore Digitale è per l’impostazione dei numeri telefonici per il Comunicatore Digitale.

n. Mostra il Numero di Identificazione del Numero Comunicatore Digitale.

Num. Tel. Digitare il Numero di Identificazione del numero telefonico (vedere colonna n. dell’Agenda Telefonica della pagi-
na Telefono) che deve essere chiamato dal Comunicatore Digitale: nella colonna Descrizione apparirà la descri-
zione del numero selezionato.

Codice Cliente In questo campo deve essere inserito un codice di 3 o 4 caratteri (sono ammesse le cifre da 0 a 9 e le lettere ma-
iuscole da B a F) che, in genere, è indicato dall’istituto al quale appartiene il numero telefonico corrispondente e
permette a questo di identificare l’impianto che sta chiamando (proprietario, indirizzo, ecc.).

Protocollo Selezionare il protocollo supportato dalla Centrale di Vigilanza.


Questa Centrale suppporta i seguenti protocolli di comunicazione a impulsi nei formati 3/1, 3/2, 4/1 e 4/2 ovvero,
con Codice Cliente di 3 o 4 caratteri e Codice Evento di 1 o 2 caratteri:
 ADEMCO / SILENT KNIGHT - Slow 10 baud;
 ADEMCO / SILENT KNIGHT - Fast 20 baud;
 FRANKLIN / SESCOA / DCI / VERTEX - Fast 20 baud;
 RADIONICS - 40 baud;
 SCANTRONIC - 10 baud.
Inoltre la Centrale supporta il seguente protocollo multifrequenza:
 Contact ID.
Ciascuno dei protocolli elencati sopra è disponibile con l’opzione Voce.

Figura 29 Pagina per la programmazione del Comunicatore Digitale

PROGRAMMAZIONE 43
+ Per utilizzare i protocolli con l’opzione Voce sulla Centrale deve essere installata la Scheda Vocale OmniaVOX e
il ricevitore della Centrale di Vigilanza deve essere in grado di gestire le comunicazioni vocali.
In tal caso la Centrale, terminata la trasmissione delle informazioni digitali, aprirà un canale di comunicazione vo-
cale che consentirà all’operatore della Centrale di Vigilanza di verificare l’attendibilità della seganalzione.
La comunicazione vocale dal lato della Centrale avviene tramite i microfoni e gli altoparlanti collegati alle schede
VOX-REM installate.
Il canale vocale resta aperto per il tempo impostato nel parametro Viva voce o finché non viene chiuso dal ricevi-
tore della Centrale di Vigilanza.
+ I protocolli con l’opzione Voce non permettono l’accodamento di più eventi nella stessa telefonata.
Per questo motivo è consigliabile utilizzare il protocollo con l’opzione Voce solo per quegli eventi per i quali è effet-
tivamente necessario il canale vocale. Per gli eventi che non necessitano del canale vocale utilizzare lo stesso
protocollo senza l’opzione Voce, come descritto di seguito:
 assegnare lo stesso numero telefonico (quello della Centrale di Vigilanza) a due righe della tabella Numeri Co-
municatore Digitale;
 assegnare ad una riga il protocollo senza l’opzione Voce e all’altra riga lo stesso protocollo ma con l’opzione
Voce;
 nella finestra Azioni Comunicatore Digitale, selezionare la Centrale di Vigilanza con il protocollo senza l’opzio-
ne Voce per gli eventi che non necessitano del canale vocale e la Centrale di Vigilanza con il protocollo con l’op-
zione Voce per gli eventi che necessitano del canale vocale.

Numero Max. Se la chiamata di un numero telefonico fallisce, la centrale lo richiama al massimo per il numero di volte impostato
Tentativi in questo parametro.

Viva voce Impostare la durata massima del collegamento vocale bidirezionale.

 Azioni
Il pulsante Azioni apre la finestra Azioni Comunicatore Digitale.
In questa finestra si definiscono le Azioni del Comunicatore Digitale che poi potranno essere associate a determi-
nati eventi nella pagina Eventi-Azioni.
Ogni Azione del Comunicatore Digitale è costituita da due sotto-azioni distinte, ognuna delle quali consiste nell’in-
viare un codice a una serie di numeri telefonici.

n. Mostra il Numero di Identificazione dell’azione corrispondente. Nella pagina Eventi-Azioni digitare questo numero
per associare ad un evento l’azione corrispondente.

Codice Digitare il codice per l’azione corrispondente: è possibile digitare un codice di 1 o 2 caratteri; sono ammesse le ci-
fre da 0 a 9 e le lettere maiuscole da B ad F. I codici, in genere, sono assegnati dall’istituto al quale è collegata la
centrale e permette a quest’ultimo di riconoscere l’evento che ha provocato la chiamata.
+ I Codici per il protocollo Contact ID devono essere di 2 caratteri. Se si digita un solo carattere il programma ag-
giungerà la lettera A alla sinistra del carattere digitato (per esempio 1 diventerà A1).

1 2 3 4 Selezionare i Numeri Comunicatore Digitale che devono essere chiamati dall’azione corrispondente.
I Numeri Comunicatore Digitale sono rappresentate dal loro Numero di Identificazione (vedere colonna n. della ta-
bella Numeri Comunicatore Digitale della pagina Comunic. Dig.). Per selezionare/deselezionare un Numero
Comunicatore Digitale premere il tasto INVIO oppure cliccare due volte sulla cella corrispondente: la parola Si in-
dica che il Numero Comunicatore Digitale corrispondente sarà chiamato dall’azione corrispondente.
+ Se per un’azione viene selezionato un Numero Comunicatore Digitale al quale è stato assegnato il protocollo
Contact ID, per la stessa azione non sarà possibile selezionare Numeri Comunicatore Digitale ai quali è stato as-
segnato un protocollo diverso da Contact ID.

Tutti Indica che devono essere chiamati i numeri programmati finché non si ottiene una risposta da tutti oppure se le
chiamate devono essere interrotte non appena ne viene chiusa una positivamente.

Descrizione In questo campo è possibile inserire una descrizione dell’azione del Comunicatore ad Impulsi (16 caratteri al mas-
simo).

44 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Contact ID Il pulsante Contact ID effettua delle impostazioni automatiche nella finestra Azioni Comunicatore Digitale e nel-
la pagina Eventi-Azioni in modo che alle centrali di vigilanza che gestiscono il protocollo Contact ID vengano co-
municati gli eventi mostrati nella seguente tabella con i codici mostrati nella seguente tabella.

EVENTO CODICE
Allarme zona 3A
Sabotaggio zona 44
Apertura centrale 45
Antisabotaggio bilanciato 45
Sabotaggio dispositivi BPI 45
Attivatore falso su inseritori BPI 45
Guasto fusibile +F AA
Guasto fusibile +B AA
Guasto fusibile BPI1 AA
Guasto fusibile BPI2 AA
Mancanza rete A1
Batterria bassa A2
Problemi al sistema di alimentazione A9
Mancanza rete su stazioni di alimentazione AA
Batteria bassa su stazioni di alimentazione AA
Problemi alsistema di alimentaz. su stazioni di alimentazione AA
Scomparsa dispositivi BPI 3A
Area inserita A2
Esclusione zona 7A
Mancanza linea telefonica 51
Test periodico A2
Riconosciuto codice 22

+ Il pulsante Contact ID sovrascrive le prime 22 azioni della colonna B e le impostazioni delle colonne Com.Dig.
della pagina Eventi-Azioni relative agli eventi mostrati nella tabella precedente.

Pulisci A Selezionare il pulsante Pulisci A per cancellare tutte le impostazioni relative alle azioni della colonna A.

Pulisci B Selezionare il pulsante Pulisci B per cancellare tutte le impostazioni relative alle azioni della colonna B.

Pulisci Descr. Selezionare il pulsante Pulisci Descr. per cancellare tutte le descrizioni delle azioni.

Eventi Un’azione del Comunicatore Digitale può essere associata a più eventi.
Selezionare il pulsante Eventi per visualizzare tutti gli eventi che attivano l’azione selezionata.
In tal modo si hanno due modi per visualizzare le associazioni tra gli Eventi e le Azioni del Comuinicatore Digitale:
 nella pagina Eventi-Azioni è possibile vedere l’Azione del Comunicatore Digitale attivata da un Evento;
 nella pagina Comunic. Dig. è possibile vedere gli Eventi che attivano un’Azione del Comunicatore Digitale.

PROGRAMMAZIONE 45
Teleassistenza
Utilizzando il modem B-Mod o B-Mod/RX e l’applicazione Omnia di Security Suite l’installatore può effettuare la
teleassistenza su questa Centrale ovvero, intervenire sulla Centrale per risolvere eventuali problemi e variare i pa-
rametri di funzionamento, via telefono.
La chiamata di teleassistenza può essere effettuata dall’installatore, dietro consenso dell’utente; dall’utente; auto-
maticamente, dall’Evento Test (se abilitato!).
Quando la richiesta di teleassistenza parte dalla centrale (manualmente, su richiesta dell’utente, oppure automat-
icamente perchè sono selezionate le opzione Richiamata di Sicurezza o Chiamata Test) quest’ultima chiama i
numeri abilitati (v. Abilitazione) fino a quando non chiude una chiamata positivamente oppure fino a quando non
ha compiuto il Numero Max. Tentativi programmato.

Richiamata di Selezionando questa opzione, quando la Centrale riceve una chiamata di teleassistenza, richiama i numeri abilitati
Sicurezza (v. Abilitazione) fra quelli impostati nella pagina Teleassistenza (v. Num. Tel. e Descrizione): in tal modo si è si-
curi che la teleassistenza venga eseguita da personale autorizzato.

Chiamata Test Selezionando questa opzione, la chiamata di teleassistenza viene effettuata anche automaticamente e peri-
odicamente dalla centrale, con periodo programmato nella pagina Evento Test.
+ Affinché la Chiamata Test avvenga è necessario che sia abilitato l’Evento Test (vedere pagina Evento Test).
Abilitazione Abilitare i numeri telefonici per la teleassistenza.

Num. Tel. Digitare il Numero di Identificazione del numero telefonico (vedere colonna n. dell’Agenda Telefonica della pagi-
na Telefono) al quale si vuole inviare la chiamata di teleassistenza: nella colonna Descrizione apparirà la descri-
zione del numero selezionato.

Codice Cliente È un numero di 4 cifre che permette di identificare in maniera univoca la centrale che richiede la teleassistenza
(dati anagrafici, parametri programmati, ecc.); per questo motivo ad ogni centrale deve essere assegnato un Codi-
ce Cliente diverso e comunque, se così non fosse, al momento di salvare le modifiche effettuata il programma co-
municherebbe che già esiste il Codice Cliente programmato e a quale centrale appartiene.
+ Il Codice Cliente della pagina Teleass. è lo stesso della pagina Cliente pertanto, una sua modifica si riflette auto-
maticamente nella pagina Cliente e viceversa.

Numero Max. Se la chiamata di un numero telefonico fallisce, la Centrale lo richiama al massimo per il numero di volte impostato
Tentativi in questo parametro.

Figura 30 Pagina per la programmazione del Comunicatore per Teleassistenza.

46 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Eventi-Azioni
La pagina Eventi-Azioni è il cuore della programmazione poiché determina il funzionamento del sistema.

 Tabella degli Eventi


La pagina Eventi-Azioni è occupata principalmente dalla tabella Eventi-Azioni. Questa tabella permette di asso-
ciare agli eventi gestiti dalla Centrale le azioni sulle Uscite, sul Comunicatore Digitale e sull’Avvisatore Telefonico,
come descritto di seguito.
+ L’associazione eventi-azioni per il Comunicatore Multifrequenza si effettua nella pagina Comunic. MF -- (solo per
Centrali con Revisione Firmware inferiore alla 3.0).

n. Mostra il Numero di Identificazione dell’evento.


Questo è il numero che deve essere digitato nella pagina Comunic. MF per associare ad un canale del Comunicatore
Multifrequenza l’evento corrispondente (solo per Centrali con Revisione Firmware inferiore alla 3.0).

Descrizione Mostra la descrizione degli eventi gestiti dalla Centrale:


-- fra parentesi tonde viene mostrata la Descrizione del dispositivo al quale appartiene l’Oggetto che genera l’e-
vento corrispondente;
-- fra parenti quadre viene mostrata la Descrizione dell’Oggetto che genera l’evento corrispondente
+ Il numero di eventi visualizzati dipende dal livello di dettaglio selezionato nella parte destra della pagina (v. par.
"Dettaglio visualizzazione eventi").

Uscite Digitare nella colonna ON il Numero di Identificazione dell’uscita (v. colonna n. della pagina Uscite) che deve es-
sere attivata quando si verifica l’evento corrispondente.
Digitare 0 affinché l’evento corrispondente non attivi alcuna Uscita.

Com.Dig. Digitare nelle colonne ON e OFF i Numeri di Identificazione delle azioni (v. colonna n. dell finestra Azioni Comu-
nicatore Digitale della pagina Comunic.Dig.) che il Comunicatore Digitale deve eseguire quando si verifica (co-
lonna ON) e quando termina (colonna OFF) l’evento corrispondente.
Digitare 0 nella colonna ON o nella colonna OFF affinché il Comunicatore Digitale non esegua alcuna azione ri-
spettivamente quando si verifica oppure quando termina l’evento corrispondente.

Avvis.Tel. Digitare nelle colonne ON e OFF i Numeri di Identificazione delle azioni (v. colonna n. della finestra Azioni Avvi-
satore Telefonico della pagina Avvis. Tel.) che l’Avvisatore Telefonico deve eseguire quando si verifica (colonna
ON) e quando termina (colonna OFF) l’evento corrispondente.
Digitare 0 nella colonna ON o nella colonna OFF affinché l’Avvisatore Telefonico non esegua alcuna azione rispet-
tivamente quando si verifica oppure quando termina l’evento corrispondente.

 Priorità delle azioni telefoniche


L’azione n. 1 dell’Avvisatore Telefonico e l’azione n. 1A del Comunicatore Digitale sono prioritarie rispetto a tutte le
altre azioni telefoniche. In altre parole, queste due azioni sospendono l’esecuzione delle altre azioni telefoniche. Queste
due azioni hanno lo stesso livello di priorità per cui, se si verifica una di essa mentre è in corso l’altra, quest’ultima non
viene sospesa.
+ Le azioni telefoniche prioritarie sono molto utili per segnalare le situazioni che necessitano di un intervento tempestivo
(come in caso di rapina e malore).

Figura 31 Pagina per la programmazione delle relazioni tra eventi e azioni.

PROGRAMMAZIONE 47
 Liste delle Azioni
Tramite le Liste delle Azioni l’associazione eventi-azioni è più semplice poiché viene fatta tramite le descrizione
assegnate alle azioni, come descritto di seguito.

Azioni Uscite Selezionare l’uscita che deve essere attivata dall’evento selezionato.

Azioni Com.Dig. Selezionare l’azione che il Comunicatore Digitale deve eseguire quando si verifica l’evento selezionato.
ON

Azioni Com.Dig. Selezionare l’azione che il Comunicatore Digitale deve eseguire quando termina l’evento selezionato
OFF

Azioni Avvis.Tel. Selezionare l’azione che l’Avvisatore Telefonico deve eseguire quando si verifica l’evento selezionato.
ON

Azioni Avvis.Tel. Selezionare l’azione che l’Avvisatore Telefonico deve eseguire quando termina l’evento selezionato.
ON

 Dettaglio visualizzazione eventi


La pagina Eventi-Azioni normalmente mostra solo gli eventi generali di centrale senza entrare nel dettaglio.
Quando si selezionano i livelli di dettaglio gli eventi chiamati "fittizi" vengono esplosi secondo il livello scelto, come
descritto di seguito.

Dettaglio Aree Vengono mostrati tutti gli eventi relativi alle aree (allarmi, inserimenti, etc). Se questa opzione non è selezionata vengo-
no mostrati i relativi eventi "fittizi".

Dettaglio Zone Vengono mostrati tutti gli eventi relativi alle zone presenti nel sistema (Allarmi, Sabotaggi, esclusioni). Se questa
opzione non è selezionata vengono mostrati i relativi eventi "fittizi".

Dettaglio Guasti Vengono mostrati gli eventi relativi a tutti i guasti che la Centrale è in grado di riconoscere. Se questa opzione non
è selezionata viene mostrato il solo evento Guasto generico che rappresenta tutti gli altri guasti riconosciuti dalla
centrale.

Dettaglio Codici Vengono mostrati gli eventi relativi al riconoscimento di tutti i codici sulle tastiere. Se questa opzione non è sele-
zionata viene mostrato il solo evento fittizio Riconosciuto codice valido.

Dettaglio Tasti Vengono mostrati gli eventi relativi ai supertasti (pressione di un tasto per circa 3 secondi). Se questa opzione
non è selezionata viene mostrato il solo evento fittizio Supertasti.
+ Agli eventi fittizi non è possibile associare alcuna azione poichè in realtà questi eventi non esistono e vengono
mostrati solo per riassumere gli eventi che non vengono mostrati secondo il livello di dattaglio scelto.
Le colonne Uscite, Com.Dig. e Avvis.Tel. mostrano le seguenti parole in corriposndenza degli Eventi Fittizi:
 Nessuna -- indica che nessun evento tra quelli raccolti dall’evento fittizio ha una azione di quel tipo associata. Per
esempio, se nella colonna Uscite, in corrispondenza dell’evento Allarme zona *Fittizio*, è presente la scritta Nessu-
na, significa che nessun evento Allarme Zona n. attiva una uscita.
 Az.Pres. -- (Azioni Presenti) indica che uno o più eventi tra quelli raccolti dall’evento fittizio ha una azione di quel
tipo associata. Per esempio, se nella colonna Uscite, in corrispondenza dell’evento Allarme zona *Fittizio*, è
presente la scritta Az.Pres., significa che uno o più eventi Allarme Zona n. attiva un’uscita.

 Cancellazione delle azioni


Selezionare il pulsante Pulisci Tutto per per azzerare le azioni selezionate tramite le seguenti opzioni.

Uscite Se viene selezionata l’opzione Uscite il pulsante Pulisci Tutto azzererà tutte azioni sulle Uscite (colonna Uscite).

Comunic.Dig. Se viene selezionata l’opzione Comunic.Dig. il pulsante Pulisci Tutto azzererà tutte azioni sul Comunicatore Di-
gitale (colonne Com.Dig.).

Avvis. Tel. Se viene selezionata l’opzione Avvis.Tel il pulsante Pulisci Tutto azzererà tutte azioni sull’Avvisatore Telefonico
(colonne Avvis.Tel.).
+ Il programma chiederà conferma prima di azzerare le azioni selezionate.
Descrizione degli eventi
Nei paragrafi seguenti per ogni evento gestito dalla Centrale vengono descritte le condizioni che lo determinano e
quelle che lo fanno terminare. A tal proposito occorre sottolineare che non sempre un evento termina quando ces-
sano le cause che l’hanno provocato, come spiegato di volta in volta per i diversi gruppi di eventi.

 Eventi di Allarme
Gli Eventi di Allarme sono tutti quegli eventi che vengono generati da una qualsiasi causa di allarme a livello di
zona, di area o di centrale.
Gli eventi fondamentali di questa categoria sono gli Eventi di Zona, associati all’allarme e al sabotaggio di ogni
singola zona. A partire da questi eventi, vengono costruiti calcolando l’OR logico, gli Eventi di Area e gli Eventi di
Centrale.

48 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Tutti gli eventi di allarme terminano con il cessare delle cause che li hanno provocati, a meno che non siano as-
sociati ad uscite monostabili.
Se gli Eventi di Allarme sono associati ad uscite monostabili termineranno solo dopo che è trascorso il Tempo
di ON programmato per l’uscita associata, anche se nel frattempo sono cessate le cause che li hanno attivati. Inol-
tre, essi non potranno verificarsi di nuovo finché è attiva l’uscita monostabile alla quale sono associati e finché non
sarà trascorso il Tempo di Off dell’uscita.
Ad esempio, se un Evento di Allarme è associato ad un’uscita per una sirena programmata come monostabile con
un tempo di ON di 3 min, la sirena effettuerà comunque il ciclo di 3 min anche se la causa che ha generato l’allar-
me è cessata, a meno che non si effettua un disinserimento che forzerà l’evento di allarme nello stato di riposo.
+ Nelle tabelle seguenti la colonna TERMINA QUANDO... vale soltanto se questi eventi non sono associati ad usci-
te monostabili.

Eventi di Zona

EVENTO SI VERIFICA QUANDO ... TERMINA QUANDO ...


1
Allarme
: ... va in allarme* la zona n. ... torna a riposo la zona n.
zona n.
80
81
Sabotaggio
: ... viene sabotata* la zona n. ... termina il sabotaggio sulla zona n.
zona n.
160

* Le condizioni che determinano l’allarme e il sabotaggio di una zona sono descritte nella pagina Zone.
Gli Eventi di Zona possono essere forzati a riposo nei seguenti modi:
 cambiando lo stato (Inserita/Disinserita) dell’Area alla quale appartiene la zona n.;
 resettando l’Area alla quale appartiene la zona n.;
 Inserendo un Attivatore valido abilitato sull’Area alla quale appartiene la zona n., in un Inseritore abilitato sull’Area
alla quale appartiene la zona n.;
 con il comando Blocco Allarme da una Tastiera abilitata sulla zona n. e con un Codice Utente abilitato sulla zona n..

Eventi di Area Rappresentano la somma degli Eventi di Zona interessati, perciò si verificano quando si verifica uno degli eventi
che raggruppano mentre terminano solo quando sono terminati tutti gli eventi che raggruppano.

EVENTO SI VERIFICA QUANDO ... TERMINA QUANDO ...


161 Allarme
... va in allarme una zona Incendio appartenente ... tornano a riposo tutti gli eventi generati dalle zone
: Incendio
all’Area n. Incendio appartenenti all’Area n.
168 area n.
169
Allarme 24h ... tornano a riposo tutti gli eventi generati dalle zone
: ... va in allarme una zona 24h appartenente all’Area n.
area n. 24h appartenenti all’Area n.
176
177 ... va in allarme una zona furto (Immediata, Ritardo
Allarme ... tornano a riposo tutti gli eventi generati dalle zone
: Ingresso, Percorso Ingresso, Ritardo Uscita, Ultima
Furto area n. furto appartenenti all’Area n.
184 Uscita) appartenente all’Area n.
185 Allarme
... va in allarme una zona (di qualsiasi tipo) appartenente ... tornano a riposo tutti gli eventi Allarme generati
: Generico
all’Area n. dalle zone appartenenti all’Area n.
192 area n.
193 Allarme
... tornano a riposo tutti gli eventi Sabotaggio generati
: Sabotaggio ... viene sabotata una zona appartenente all’Area n.
dalle zone appartenenti all’Area n.
200 area n.
201 Allarme
... va in allarme o in sabotaggio una zona appartenente ... tornano a riposo tutti gli eventi Allarme e
: Generico+
all’Area n. Sabotaggio generati dalle zone appartenenti all’Area n.
208 Sabot. area n.

Gli Eventi di Area possono essere forzati a riposo nei seguenti modi:
 cambiando lo stato dell’Area n.;
 resettando l’Area n.;
 inserendo un Attivatore valido abilitato sull’Area n., in un Inseritore abilitato sull’Area n.;
 con il comando Blocco Allarme da una Tastiera abilitata sull’Area n. e con un Codice Utente abilitato sulla Area n..

PROGRAMMAZIONE 49
Eventi di Centrale Rappresentano la somma degli eventi di zona interessati, perciò si verificano quando si verifica uno degli eventi
che raggruppano mentre terminano solo quando sono terminati tutti gli eventi che raggruppano.

EVENTO SI VERIFICA QUANDO ... TERMINA QUANDO ...


Allarme
... va in allarme una zona Incendio appartenente ad ... tornano a riposo tutti gli eventi generati dalle zone
209 Incendio
un’Area qualsiasi. Incendio di tutte le Aree
centrale
Allarme 24h ... va in allarme una zona 24h appartenente ad un’Area ... tornano a riposo tutti gli eventi generati dalle zone 24h di
210
centrale qualsiasi. tutte le Aree.
... va in allarme una zona furto (Immediata, Ritardo
Allarme tornano a riposo tutti gli eventi generati dalle zone furto
211 Ingresso, Percorso Ingreso, Ritardo Uscita, Ultima Usci-
Furto centrale di tutte le Aree.
ta) appartenente ad un’Area qualsiasi.
Allarme
... va in allarme una zona di qualsiasi Tipo ... tornano a riposo tutti gli eventi Allarme generati
212 Generico
appartenente ad un’Area qualsiasi. dalle zone di tutte le Aree.
centrale
Allarme
... viene sabotata una zona qualsiasi appartenente ad ... tornano a riposo tutti gli eventi Sabotaggio generati
213 Sabotaggio
un’Area qualsiasi. dalle zone di tutte le Aree.
centrale
Allarme
... va in allarme o in sabotaggio una zona qualsiasi ... tornano a riposo tutti gli eventi Allarme e
214 Generico+
appartenente ad un’Area qualsiasi. Sabotaggio generati dalle zone di tutte le Aree.
Sabot. centrale
Apertura ... viene aperto il deviatore antisabotaggio 2 o quello ... il deviatore antisabotaggio e quello antistrappo
215
centrale antistrappo 15 dell’Unità Centrale. vengono chiusi.
Antisabotaggio ... il morsetto [ASB] è bilanciato (collegato alla massa
216 ... viene sbilanciato il morsetto [ASB].
bilanciato con un resistore da 10.000 ohm).
Sabotaggio ... viene aperto un deviatore antisabotaggio oppure un
... tutti i deviatori antisabotaggio e antistrappo dei
217 dispositivi deviatore antistrappo di un dispositivo collegato al bus BPI
dispositivi BPI sono chiusi.
BPI (Tastiere, Espansioni, ecc.) .
Attivatore
218 falso su ... viene inserito un Attivatore falso in un Inseritore. ... non c’è alcun Attivatore falso inserito in un Inseritore.
inseritori BPI

Gli Eventi di Centrale possono essere forzati a riposo nei seguenti modi:
 con il comando Reset allarmi da una Tastiera qualsiasi con un Codice Utente qualsiasi abilitato per il Reset/Stop
allarmi centrale;
 con il comando Stop allarmi da una Tastiera qualsiasi con un Codice Utente qualsiasi abilitato per il Reset/Stop
allarmi centrale.
 infilando un Attivatore valido in un Inseritore, se è stata selezionata l’opzione Abilita blocco allarme di centrale
con attivatore valido.

 Eventi Generici di Centrale


Sono eventi generati dalla Centrale che non sono allarmi e che hanno un inizio ed una fine (ad esempio "Mancan-
za rete").
Gli Eventi Generici di Centrale possono essere forzati a riposo con il comando Reset allarmi da una Tastiera
qualsiasi con un Codice Utente qualsiasi abilitato per il Reset/Stop allarmi centrale.

EVENTO SI VERIFICA QUANDO ... TERMINA QUANDO ...


... si verifica un tipo qualsiasi di allarme o sabotaggio
Memoria
(allarmi e sabotaggi di zona, Apertura centrale, ... tutte le memorie di allarme vengono cancellate per
219 globale di
Antisabotaggio bilanciato, Sabotaggio dispositivi BPI, mezzo di un Reset di Area o di Centrale.
allarme
Attivatore falso su inseritori BPI).
Guasto
220 ... si brucia il fusibile 21. ... il fusibile 21 viene sostituito.
fusibile +F
Guasto
221 ... si brucia il fusibile 20. ... il fusibile 20 viene sostituito.
fusibile +B
Guasto
222 ... si brucia il fusibile 18. ... il fusibile 18 viene sostituito.
fusibile BPI1
Guasto
223 ... si brucia il fusibile 19. ... il fusibile 19 viene sostituito.
fusibile BPI2
... dopo che la tensione di rete è mancata per il tempo
Mancanza
224 programmato (v. Tempi Filtro nel menu Pro- ... viene ripristinata la tensione di rete.
rete
grammazione).
... viene a mancare la tensione di rete e la carica della
Batteria ... la carica della batteria torna sopra la soglia di
225 batteria non è più sufficiente a garantire il funzio-
bassa sicurezza.
namento della centrale.

50 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


EVENTO SI VERIFICA QUANDO ... TERMINA QUANDO ...
Problemi al ... la batteria non è in grado di erogare corrente
... la batteria o il fusibile 27 posto a protezione di questa
226 sistema di sufficiente al normale funzionamento della centrale
viene sostituito.
alimentazione (calcolato solo con rete presente).
Mancanza ... dopo che la tensione di rete di una delle Stazioni di
rete su Alimentazione collegate al bus BPI, è mancata per il ... viene ripristinata la tensione di rete su tutte le
227
aliment. tempo programmato (v. Tempi Filtro nel menu Stazioni di Alimentazione collegate al bus BPI.
remoti Programmazione).
Batteria ... manca la tensione di rete di una delle Stazioni di
bassa su Alimentazione collegate al bus BPI e la carica della ... la carica della batteria della Stazione di
228
aliment. sua batteria non è sufficiente a garantire il Alimentazione torna sopra la soglia di sicurezza.
remoti funzionamento dei dispositivi ad essa collegati.
Problemi al
... la batteria di una delle Stazioni di Alimentazione
sistema di
collegate al bus BPI non è in grado di erogare ... la batteria (o il fusibile posto a protezione di questa)
229 alimentaz. su
corrente sufficiente al normale funzionamento dei viene sostituito.
alimentatori
dispositivi ad essa collegati.
remoti
Guasto ... si verifica uno dei guasti descritti nelle righe
230 ... terminano tutti i guasti descritti nelle righe precedenti.
generico precedenti.
Scomparsa ... l’Unità Centrale non vede più un dispositivo sul bus
l’Unità Centrale rileva, sul bus BPI, tutti i dispositivi
231 dispositivi BPI, a causa di un guasto o del taglio dei fili, per
programmati nella configurazione.
BPI esempio.
232
Area n.
: ... viene inserita l’Area n. ... viene disinserita l’Area n.
inserita
239
... dopo il Tempo di Uscita programmato per l’Area n. a
240
Tempo di meno che nel frattempo non venga violata una zona
: ... viene inserita l’Area n.
uscita area n. Ultima Uscita, nel qual caso termina dopo il Tempo
247
Ultima Uscita programmato per l’Area n.
248 Tempo di
... viene violata una zona Ritardo Ingresso ... dopo il Tempo di Ingresso programmato per l’Area n.
: ingresso
appartenente all’Area n. inserita. o dopo il disinserimento dell’Area n.
255 area n.
256 Attivatore
... viene inserito un Attivatore valido e abilitato sull’Area ... non c’è alcun Attivatore valido, abilitato sull’Area n.,
: valido su
n., in un Inseritore abilitato sull’Area n.. in un Inseritore abilitato sull’Area n..
266 area n.
Attivatore
264 valido su ... viene inserito un Attivatore valido in un Inseritore. ... non c’è alcun Attivatore valido negli Inseritori.
Centrale
265 Blocco ... viene richiesto lo Stop allarmi con un Codice Utente
: Allarme su abilitato sull’Area n. e da una Tastiera abilitata sull’Area ... gli allarmi non sono più bloccati.
272 area n. n.
Blocco
... viene richiesto lo Stop allarmi con un Codice Utente
273 Allarme di ... gli allarmi non sono più bloccati.
abilitato per questa funzione.
Centrale
274
Esclusione
: ... viene esclusa la Zona n. ... viene reinclusa la Zona n.
Zona n.
353
354 Non pronto ... è in allarme almeno una zona che non sia ritardata o ... cessa la condizione di allarme su tutte le zone che
: all’inserimento ultima uscita, esclusa o di tipo comando. non sono ritardate o ultima uscita, escluse o di tipo
361 su area n. Il calcolo avviene ogni 2 sec. circa. comando.
... la tensione della linea telefonica è minore di 3 V da
Mancanza
45 secondi. Questo evento non si verificherà mai se ... la tensione della linea telefonica è maggiore di 3 V da
362 linea
l’opzione Disabilita controllo linea telefonica è 15 secondi.
telefonica
selezionata (v. par. "Opzioni").
Tempo
363 ... termina il tempo di preavviso sull’area n. per
preavviso ... inizia il tempo di preavviso sull’area n. per
: l’inserimento automatico generato da OmniaTIMER.
inserimento l’inserimento automatico, generato da OmniaTIMER.
370 L’area si inserisce.
area n.
Errore
... non è possibile stampare sulla stampante connessa ... torna possibile stampare sulla stampante connessa
371 stampante
alla porta seriale di OmniaTIMER. alla porta seriale di OmniaTIMER.
seriale
Errore
... non è possibile stampare sulla stampante connessa ... torna possibile stampare sulla stampante connessa
372 stampante
alla porta parallela di OmniaTIMER. alla porta parallela di OmniaTIMER.
parallela
373
Il timer n. gestito da OmniaTIMER raggiunge l’ora stabi- Il timer n. gestito da OmniaTIMER raggiunge l’ora stabi-
: Timer n.
lita per l’ON. lita per l’OFF.
380

PROGRAMMAZIONE 51
 Eventi Spot
Gli eventi descritti di seguito sono detti spot perchè terminano sempre immediatamente dopo si sono verificati (ad
esempio il riconoscimento di un codice) pertanto, per questi eventi non ha senso eseguire delle azioni quando ter-
minano, quindi:
 non possono essere associati a Uscite bistabili;
 non possono essere associati ad azioni di ripristino dell’Avvisatore Telefonico e del Comunicatore Digitale;
 non possono essere associati ai canali del Comunicatore Multifrequenza (per le Centrali con Revisione Firmwa-
re inferiore alla 3.0).

EVENTO SI VERIFICA QUANDO ... TERMINA QUANDO ...


Test
381 ... programmato nella pagina Evento Test. NON AMMESSO!
periodico
382 ... viene richiesto il Reset allarmi con un Codice Utente
Reset su
: abilitato sull’Area n. e da una Tastiera abilitata sull’Area NON AMMESSO!
area n.
389 n.
Reset di ... viene richiesto il Reset allarmi con un Codice Utente
390 NON AMMESSO!
centrale abilitato per questa funzione.
391
: Super tasto n. ... viene premuto il tasto n. per più di 3 secondi. NON AMMESSO!
400
401
Campanello ... viene violata una zona Campanello appartenente
: NON AMMESSO!
su area n. all’Area n. e quest’ultima è disinserita.
408
409 Riconosciuto
... viene digitato il Numero Personale relativo al Codice
: codice NON AMMESSO!
Utente n.
439 utente n.
Riconosciuto ... viene digitato il Numero Personale dell’Installatore.
codice Questo evento non genera mai alcuna azione dato
440 NON AMMESSO!
installatore(32) che l’ingresso nel menù installatore ferma le azioni in
corso.
Richiesta di
.. si risponde ad una telefonata di teleassistenza
441 teleassistenza NON AMMESSO!
proveniente da B-Mod.
dal B-Mod
... viene attivato il collegamento di teleassistenza dopo
Attivata
442 il riconoscimento del Numero Personale dell’- NON AMMESSO!
teleassistenza
installatore.
Fallita azione
... fallisce una telefonata di test o una azione di
443 di NON AMMESSO!
teleassistenza richiesta dall’utente.
teleassitenza
Fallita azione
su ... fallisce un’azione del Comunicatore Digitale
444 comunicatore programmata per chiamare una Centrale di Vigilanza NON AMMESSO!
digitale con il protocollo Contact ID.
multifrequenza
Fallita azione
445 su avvisatore ... fallisce un’azione dell’Avvisatore Telefonico. NON AMMESSO!
telefonico
Fallita azione
su
446 ... fallisce un’azione del Comunicatore Digitale. NON AMMESSO!
comunicatore
digitale

52 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Comunicatore MF (solo Centrali con revisione firmware inferiore alla 3.0)
Tramite il Comunicatore MF (multifrequenza) di questa Centrale (solo Centrali con revisione firmware inferiore alla
3.0) è possibile comunicare ad una Centrale di Vigilanza che supporta questo protocollo il verificarsi di 8 eventi più
1, a scelta fra quelli gestiti dalla centrale.
Quando cambia stato uno degli eventi programmati, la Centrale chiama in sequenza i numeri abilitati (v. Abilita-
zione) fra quelli selezionati nella colonna Num. Tel. e, per ogni numero, invia il Codice Cliente associato che per-
mette di identificare la centrale che sta chiamando e la situazione dei 9 canali del comunicatore.

Abilitazione Questa opzione permette l’abilitazione/disabilitazione generale del comunicatore MF.


Generale

Abilitazione Abilitare i numeri telefonici per il Comunicatore Multifrequenza.

Num. Tel. Digitare il Numero di Identificazione del numero telefonico (vedere colonna n. dell’Agenda Telefonica della pagi-
na Telefono) della Centrale di Vigilanza: nella colonna Descrizione apparirà la descrizione del numero seleziona-
to.

Codice Cliente Per ogni numero telefonico è possibile digitare un Codice Cliente: sono ammessi solo numeri di 4 cifre da 0 a
9.
Il Codice Cliente di solito viene assegnato dalla Centrale di Vigilanza

Protocollo Selezionare il protocollo supportato dalla Centrale di Vigilanza.


Questa Centrale suppporta i seguenti protocolli di comunicazione multifrequenza:
 ADEMCO MF;
 SCANTRONIC MF.

Definizione Canali Inserire, nelle posizioni indicate dagli istituti ai quali si è collegati, il Numero di Identificazione dell’evento che si
vuole controllare

Inversione Canali Per ogni canale, escluso il canale Aux, è possibile impostare l’inversione della logica: in tal caso, il codice di allar-
me sarà trasmesso quando l’evento termina mentre il codice di ripristino sarà trasmesso quando si verifica l’even-
to associato al canale in esame.

Numero Max. Indica il numero di volte che la Centrale deve richiamare i numeri telefonici verso i quali la telefonata non termina
Tentativi in maniera regolare.

Chiama Tutti Normalmente il comunicatore multifrequenza interrompe le chiamate non appena ne chiude una positivamente.
Selezionando questa opzione, tutti i numeri abilitati saranno comunque chiamati finché per ognuno di essi non si
avrà un esito positivo o finché essi non saranno chiamati per il numero di volte indicato in Numero Max. Tentativi.

Figura 32 Pagina per la programmazione del Comunicatore Multifrequenza.

PROGRAMMAZIONE 53
Evento Test
L’evento Test Periodico si verifica periodicamente in base ai parametri descritti di seguito e, come ogni altro
evento gestito da questa Centrale, può essere associato alle azioni nella pagina Eventi-Azioni.

Abilitazione Selezionare l’opzione Abilitazione per abilitare l’evento Test Periodico.

Ora e minuti Indica a che ora, riferita all’orologio della Centrale (v. Orologio nel menu Programmazione) si deve verificare l’e-
evento Test vento Test: nel campo hh di deve inserire un numero da 0 a 23 dove zero indica la mezzanotte e nel campo mm
si deve inserire un numero da 0 a 59 che indica i minuti.

Ritardo prima Digitare il numero di giorni che devono trascorrere, dal momento in cui si effettua l’inizializzazione (v. "inizializza"),
volta prima che si verifichi il primo evento Test Periodico.

Periodo Evento Digitare ogni quanti giorni si deve verificare l’evento Test Periodico.

Inizializza Tutti i parametri appena descritti, una volta inviati alla centrale collegata (v. Invia Pagina nel menu Programma-
zione), divengono operativi solo nel momento in cui si selezionare il pulsante Inizializza.
Ogni volta che viene inviata alla centrale una nuova impostazione per l’evento Test Periodico, questa diviene effet-
tiva solo nel momento in cui si seleziona il pulsante Inizializza.
+ Quando si seleziona il pulsante Inizializza la Centrale deve essere collegata (via RS232 o via telefono) al PC, al-
trimenti il programma visualizza un messaggio di errore e non esegue l’inizializzazione.

Codici
Selezionare Codici nel menu Programmazione per la programmazione dei codici utente.
I codici, insieme agli attivatori, sono il mezzo con cui l’utente (e l’installatore) ottengono accesso al sistema.

32 Codici Questa Centrale gestisce fino a 32 codici. Di questi 31 sono codici utente ed uno, il trentaduesimo, è riservato all’-
disponibili installatore. La gestione dei codici utente offerta dalla Centrale è estremamente flessibile; per ognuno di essi infatti
si può stabilire l’insieme di funzionalità che è abilitato a svolgere e l’insieme di aree dove quelle funzionalità avran-
no effetto.

Le tastiere ed i Inoltre, come già visto riguardo la pagina Config., per ogni tastiera è possibile stabilire l’insieme di aree sulle quali
codici utente questa potrà agire. Da questo segue che ogni operazione richiesta da un codice avrà effetto solo sulle aree dove
sono contemporaneamente abilitati il codice utente digitato e la tastiera dal quale quel codice è stato digi-
tato. Sono molteplici le applicazioni generabili da questo doppio livello di controllo. Ad esempio è possibile fare in
modo che un codice agisca su certe aree se digitato su una tastiera e su altre aree se digitato su un’altra tastiera.
Questo permette, a fronte di una semplice programmazione, di semplificare la memorizzazione delle operazioni da
svolgere da parte dell’utente. Infatti è così possibile istruire l’utente a compiere sempre la stessa operazione di in-
serimento che però ha effetti diversi a seconda della tastiera sulla quale tale operazione viene effettuata.

Evento Il riconoscimento di un codice valido da parte della centrale genera l’evento Riconosciuto codice utente n.. A
Riconosciuto tale evento, come ad ogni altro generato dalla centrale, è possibile associare un’azione su una uscita o su linea te-
Codice Utente lefonica a prescindere dal fatto che il codice sia o meno abilitato a richiedere azioni alla centrale. Risulta allora
possibile, per mezzo di una opportuna combinazione delle programmazioni degli eventi e delle uscite, risolvere al-
cuni problemi posti dal controllo e/o dalla restrizione degli accessi (vedi ad esempio il paragrafo "Azioni su ricono-
scimento di più codici" nel capitolo "APPLICAZIONI").

Il codice Per quanto riguarda il codice installatore esso è il trentaduesimo. Nella finestra Codici è possibile per questo codi-
installatore ce programmare la sola descrizione. La programmazione del Numero Personale è disponibile alla voce Codice
Istallatore del menù Programmazione.

Figura 33 Pagina per la programmazione dell’evento test.

54 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


 Parametri programmabili dall’installatore

Disponibile Non Questa Centrale è in grado di gestire fino a 31 Codici Utente. In molti casi è necessario un numero minore di codi-
Disponibile ci per la gestione dell’impianto. Questo parametro consente di rendere disponibili all’utente solo il numero di codici
di cui ha effettivamente bisogno, in modo da semplificarne la programmazione.
Finchè un codice non è reso disponibile esso a tutti gli effetti non esiste per l’utente. Una volta che un codice è reso di-
sponibile all’utente, il suo Codice Padre lo potrà Attivare/Disattivare e potrà cambiarne il Numero Personale.
+ Una volta che un codice è stato Attivato dall’utente (vedi paragrafo "Parametri programmabili dall’utente"), esso
non può più essere reso Non Disponibile dall’installatore. Il codice potrà essere reso Non Disponibile una volta
che il suo Codice Padre lo abbia Disattivato.

Codice Padre Questo parametro è di fondamentale importanza per la creazione di una gerarchia di codici. Esso infatti specifica
da quale codice dipende il codice che si sta programmando: un codice può dipendere da se stesso.
Il Codice Padre potrà modificare i parametri elencati di seguito di un suo Codice Figlio (vedi paragrafo "Parametri
programmabili dall’utente"):
 Attivo/Non Attivo: il Codice Padre può Attivare/Disattivare un suo Codice Figlio a meno che questo non sia, a sua
volta, un Codice Padre.
 Numero Personale: il Codice Padre può modificare il Numero Personale di un suo Codice Figlio.
+ Quando un codice viene indicato come Codice Padre diventa automaticamente Disponibile ed Attivo (se non lo è già).

+ Un codice Padre non può essere reso Non Attivo e di conseguenza non può essere reso Non Disponibile. La di-
sattivazione di un Codice Padre significa infatti perdere della possibilità di gestire i suoi Codici Figli.

+ Il codice padre non può essere modificato su un codice che risulti Attivo. Per cambiare il codice Padre ad un codi-
ce esso deve essere prima reso Non Attivo dall’utente.
I codici dal n. 25 al n. 31 non possono essere indicati come Codici Padre. Quindi il campo codice padre relativo a tutti i co-
dici potrà assumere i valori da 1 a 24.
Comunque si programmino i codici si avrà comunque almeno un codice Padre che risulta quindi Disponibile ed Attivo.
Un codice può essere padre di se stesso, in tal modo esso potrà modificare il suo PIN.
Il sistema viene inizializzato con il codice 1 che ha come Padre se stesso.

Abilitazioni sulle La prima riga indica le Aree che il codice può controllare (Inserire, Disinserire, bloccare le segnalazioni, escludere
aree zone): le Aree sono indicate con il loro Numero di Identificazione (da 1 a 8); le celle (incrocio fra i Numeri di Identi-
ficazione delle Aree e la riga immediatamente al di sotto dei numeri di identificazione dell’area) che contengono Si
indicano che il codice è abilitato sull’Area corrispondente; la modifica del contenuto della cella si ottiene facendo
doppio clic o premendo il tasto INVIO sulla cella selezionata.
Le aree abilitate saranno quelle che saranno inserite o disinserite quando sarà digitato un codice seguito rispetti-
vamente dai tasti o .
La seconda riga, indicata con A, riporta le Aree da inserire (I) e quelle da disinserire (D) fra quelle Abilitate quando
su di una tastiera viene digitato il codice seguito dal tasto ; per cambiare lo stato di un’Area fare doppio clic o
premere il tasto INVIO sulla cella corrispondente.
La terza riga, indicata con B, riporta le Aree da inserire (I) e quelle da disinserire (D) fra quelle Abilitate quando su
di una tastiera viene digitato il codice seguito dal tasto ; per cambiare lo stato di un’Area fare doppio clic o pre-
mere il tasto INVIO sulla cella corrispondente.

Abilitazioni su Specifica, tra tutte le voci di menu disponibili per un codice utente, quali saranno effettivamente disponibili per un
menu utente codice. In tal modo è quindi possibile effettuare una personalizzazione del menu a seconda dell’utente. Infatti nel
menu utente saranno mostrate le sole voci abilitate. Le funzionalità attivabili sono di seguito elencate:
 Inserimento/Disinserimento di singole aree
 Reset / Stop allarmi di centrale
 Reset / Stop allarmi su aree
 Visualizza/Escludi zone
 Visualizzazione registro eventi
 Teleassistenza
 Cancellazione coda telefonica
 Attivazione uscite.
La funzione delle varie opzioni è quella di rendere disponibile o meno la voce del menu alla quale fanno riferimento. Al-
cune particolarità valgono invece per le opzioni Teleassistenza e Reset/Stop allarmi come di seguito evidenziato.
+ L’abilitazione o meno della voce Teleassistenza ha effetto sulle voci di menu Richiedi teleassistenza, Abilita te-
leassistenza e Abilita risponditore. Esse saranno mostrate solo se la voce Teleassistenza è abilitata.

+ L’attivazione o meno delle voci Reset/Stop allarmi di area e centrale stabiliscono l’azione effettuata dalla centrale nel
caso venga richiesto il reset o lo stop degli allarmi per mezzo dell’apposita voce del menù utente. Se nessuna delle due
opzioni è attiva per il codice non saranno mostrate le voci del menu utente Reset allarmi e Stop allarmi.

PROGRAMMAZIONE 55
Reset Allarmi Quando nel menu utente è resa disponibile la voce Reset allarmi la sua selezione ha i seguenti effetti se il codice
è abilitato al Reset / Stop allarmi di centrale:
 la cancellazione delle memorie di allarme per: Apertura pannello, Antisabotaggio bilanciato, Sabotaggio dispositivi
periferici, Attivatore falso su inseritore;
 il ritorno alla condizione di riposo delle uscite referenziate dagli eventi elencati nella seguente tabella.
Allarme Fuoco centrale Allarme Generico+Sabot. centrale
Allarme 24h centrale Apertura pannello di centrale
Allarme Furto centrale Anti Sabotaggio bilanciato
Allarme Generico centrale Sabotaggio dispositivi BPI
Allarme Sabotaggio centrale Attivatore falso su inseritori BPI
Inoltre se il codice è abilitato al Reset / Stop allarmi di area l’operazione di Reset Allarmi richiesta dal menu uten-
te ha gli effetti seguenti sulle aree su cui il codice è abilitato:
 la cancellazione delle memorie relative ad allarmi e sabotaggi di area;
 il ritorno alla condizione di riposo delle uscite referenziate dai seguenti eventi di area.
Allarme Fuoco area Allarme 24h area
Allarme Furto area Allarme Generico area
Allarme Sabotaggio area Allarme Generico+Sabot. area

Stop Allarmi Quando nel menu utente è resa disponibile la voce Stop allarmi, se il codice è abilitato al Reset/Stop allarmi di
centrale, la sua selezione comporta il ritorno alla condizione di riposo delle uscite referenziate dagli eventi elen-
cati nella seguente tabella.
Allarme Fuoco centrale Allarme Generico+Sabot. centrale
Allarme 24h centrale Apertura pannello di centrale
Allarme Furto centrale Anti Sabotaggio bilanciato
Allarme Generico centrale Sabotaggio dispositivi BPI
Allarme Sabotaggio centrale Attivatore falso su inseritori BPI
Inoltre se il codice è abilitato al Reset / Stop allarmi di area l’operazione di Stop Allarmi richiesta dal menù utente
comporta il ritorno alla condizione di riposo delle uscite referenziate dagli eventi elencati nella seguente tabella.
Allarme Fuoco area Allarme 24h area
Allarme Furto area Allarme Generico area
Allarme Sabotaggio area Allarme Generico+Sabot. area
Si tenga presente che un’uscita viene effettivamente fermata quando nessun evento che la referenzia è più attivo.
Questo significa, per esempio che se esiste una sirena comune a due aree entrambe in allarme affinchè la sirena
cessi di suonare è necessario che vengano effettuato lo stop allarmi su entrambe le aree.

Abilitazione ad Oltre alle operazioni disponibili nel menu utente vi sono altre azioni che un codice utente può compiere.
altre azioni

 Tipo di inserimento A, eseguito facendo seguire al codice il tasto .

 Tipo di inserimento B, eseguito facendo seguire al codice il tasto .

 Inserimento aree abilitate, eseguito facendo seguire al codice il tasto .

 Disinserim. aree abilitate, eseguito facendo seguire al codice il tasto .


 Abilitazione alla gestione del programmatore orario.
 Abilitazione/Disabilitazione del codice via multifrequenza*.
 Lettura ingressi via multifrequenza*.
 Ascolto ambientale remoto e colloquio bidirezionale (telefono)*.

* Queste ultime 3 voci si riferiscono alle funzioni disponibili per un codice sulla linea telefonica per mezzo dei co-
mandi multifrequenza. In particolare nell’ordine si faccia riferimento, nel "MANUALE UTENTE", capitolo "OPERA-
ZIONI VIA TELEFONO", ai comandi Abilita/Disabilita codice e Lettura stato zone ingresso per le prime due
voci e ai comandi Ascolto remoto e Telefono per l’ultima voce. I codici abilitabili a tali funzioni sono i codici dal
n. 25 al n. 31. La disponibilità di queste azioni è subordinata alla istallazione della Scheda Vocale OmniaVOX.
L’abilitazione alla gestione del programmatore orario rende disponibile nel menù utente la voce Rich. Straordin.
che permette all’utente di richiedere il prolungamento dell’ora di inserimento. Se il codice possiede l’abilitazione al
Reset/Stop Allarmi di centrale, l’abilitazione alla gestione del programmatore orario rende pure disponibile, nel
menù utente, la voce Ab/Dis.auto-ins. che permette al codice di abilitare/disabilitare gli autoinserimenti/disinseri-
menti effettuati dal programmatore orario.

56 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


 Parametri programmabili dall’utente
Di seguito vengono elencati i parametri dei codici che sono modificabili dall’utente. Per ogni codice tali parametri sono
modificabili solo dal Codice Padre.

Numero personale Il numero personale è la sequenza di cifre che la centrale è chiamata a riconoscere per identificare un utente. Tale se-
quenza può essere di 4, 5 o 6 cifre.

Attivo-Non Attivo Normalmente un codice è Attivo ossia può svolgere le funzioni per cui è stato programmato. L’utente Padre di quel co-
dice può rendere il codice Non Attivo. In tal caso il codice non sarà più riconosciuto dalla centrale e quindi non avrà più
accesso alle funzioni per le quali è stato programmato. Un codice Padre di qualche codice (o di se stesso) non può es-
sere portato allo stato Non Attivo.

 Stato dei codici


Un codice utente può trovarsi in diversi stati a seconda dello stato dei parametri Disponibile ed Attivo.

Non disponibile Un codice in tale stato è come se non esistesse. Nessun utente lo vedrà mai nelle liste di codici su cui può agire. In tal
modo è possibile ridurre il numero di codici a disposizione degli utenti, quando essi non siano utilizzati, senza dover as-
segnare a questi dei codici fittizi che andrebbero ad intaccare le caratteristiche di sicurezza della centrale. La transizio-
ne a tale stato può essere effettuata solo dall’installatore su un codice che sia nello stato Non Attivo.

Disponibile Un codice in tale stato è messo a disposizione degli utenti. In particolare è messo a disposizione del Padre di quel
codice. Un codice in tale stato può essere Attivo o Non Attivo. Il padre di un codice dispobibile è in grado di modifi-
care lo stato Attivo/Non Attivo ed il Numero Personale.
Un codice Disponibile/Attivo è in grado di compiere tutte le operazioni per le quali è abilitato. Il suo stato potrà
essere portato a Non Attivo dal Codice Padre a meno che esso stesso non sia un Codice Padre
Un codice Disponibile/Non attivo è a disposizione dell’utente Padre che ne può modificare lo stato rendendolo
Attivo o può modificarne il Numero Personale. Un codice in questo stato è anche a disposizione dell’installatore
che lo può rendere Non Disponibile all’utente.

 La programmazione
Nella parte sinistra della finestra Codici viene mostrata la lista dei 32 codici gestibili dalla centrale. Per ognuno di
essi vengono mostrati i seguenti parametri.

n. Mostra il Numero di Identificazione usato nella programmazione da Tastiera per scegliere il codice che si vuole
programmare. I primi 31 sono codici utente, l’ultimo è il codice installatore.

Descrizione È un campo modificabile di 16 caratteri al massimo che permette di assegnare ad ogni codice un nome che sarà
usato per l’identificazione dello stesso in ogni operazione in cui è coinvolto. Tale nome viene pure mostrato come
messaggio di benvenuto.

Padre Specifica da quale codice dipende il codice in oggetto.


Nella parte destra della finestra Codici è possibile impostare sia i parametri programmabili dall’installatore sia i
parametri programmabili dall’utente del codice selezionato nella parte sinistra dello schermo.
I parametri programmabili dall’utente sono raccolti nella sezione Parametri Utente. Per agire su uno di questi pa-
rametri (Numero Personale ed Attivo) è richiesto l’inserimento del Numero Personale relativo al codice utente
Padre del codice di cui si sta per modificare il parametro. Il Numero Personale va inserito nel campo Numero Per-
sonale Padre della sezione Parametri Utente.

Figura 34 Finestra per la programmazione dei codici.

PROGRAMMAZIONE 57
I parametri programmabili dall’installatore sono invece comunque accessibili nel rispetto delle regole sopra espo-
ste. Le regole principali sono di seguito riportate per chiarezza:
 se un codice è Attivo non l’installatore non potrà modificare il Codice Padre e il parametro Disponibile;
 un codice Padre non può essere reso Non Attivo e di conseguenza non può essere reso Non Disponibile;
 per modificare i parametri programmabili dall’utente è necessario conoscere il Codice Utente Padre.

La procedura di Terminata l’impostazione dei codici, selezionare il pulsante Invia per copiarla nella memoria della centrale collega-
programmazione ta. Il pulsante Carica invece, serve per caricare nella memoria del PC l’impostazione dei codici della centrale col-
legata. La programmazione dei codici ha alcune peculiarità derivanti dalla delicatezza della loro funzione (accesso
al sistema). Risulta allora utile fare le seguenti considerazioni riguardanti la procedura di programmazione.
All’ingresso nella finestra Codici, se non si sono precedentemente caricati i dati da una centrale, i Numeri Perso-
nali relativi ai 31 codici utente sono quelli impostati di fabbrica sulla centrale, ossia 0001 per il codice utente n. 1,
0002 per il codice utente n. 2, e così via fino a 0031 per il codice utente n. 31. Una procedura di programmazione
che prende le mosse da tale situazione è tipica per quelle situazioni in cui si voglia programmare una centrale che
contiene i dati di fabbrica o della quale si vogliano programmare i parametri che non hanno alcuna dipendenza dai
codici utente (descrizione, abilitazioni sulle funzioni e sulle aree). Se si ha la necessità di modificare i parametri
programmabili dall’utente, o dipendenti dalle impostazioni dell’utente di una centrale che è già stata programmata
è invece necessario ’caricare’ prima i dati dalla centrale che si vuole programmare, e poi procedere alla modifica
dei parametri rispettando le regole descritte in precedenza.
Quindi, all’atto dell’invio della programmazione alla Centrale si possono verificare due casi a seconda che il Nu-
mero Personale di tutti gli utenti programmato sulla centrale sia o meno noto.

Numero La programmazione dei codici nella centrale è quella di fabbrica, oppure non è quella di fabbrica ma è stata cari-
Personale utenti cata dalla centrale: tutti i dati impostati nella pagina di programmazione dei codici vengono inviati, compresi even-
noto tuali parametri utente modificati

Numero Personale La programmazione dei codici nella centrale non è quella di fabbrica e tale programmazione non è stata caricata. I
utenti ignoto dati inviati in questa situazione sono:
 descrizioni;
 abilitazioni sulle aree;
 abilitazioni menù;
 abilitazioni funzioni immediate;
 disponibilità se il codice nella programmazione di centrale non è attivo (restano fuori quindi Codice padre/Atti-
vo/Codice utente).
Questa limitazione nella programmazione trova la sua evidente giustificazione nella tutela della sicurezza del si-
stema e quindi nella tutela delle preerogative dei codici utente. In tal caso il programma prima di effettuare l’invio
dei dati alla centrale visualizza una finestra informativa come quella mostrata in figura 35, dove mostra quali para-
metri saranno inviati e quali no. Le righe si riferiscono ai 32 codici mentre le colonne riportano i vari parametri pro-
grammabili per un codice. Le celle, incrocio tra le righe e le colonne, che riportano un Si indicano che il parametro
indicato sulla colonna sarà programmato per il codice indicato sulla riga selezionando il pulsante Invia. Le celle
che riportano un No indicano che il parametro non sarà programmato sulla centrale.

Figura 35 Finestra dei Dati programmabili per i Codici.

58 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Attivatori
Selezionare Attivatori nel menu Programmazione per la programmazione degli Attivatori (chiavi elettroniche),
come descritto di seguito.

n. Mostra il Numero di Identificazione usato nella programmazione da Tastiera per programmare l’Attivatore corri-
spondente.

Descrizione In questo campo va immessa le descrizione dell’Attivatore (max. 16 caratteri) che è usata per identificarlo in ogni
operazione in cui è coinvolto.

Ab. Rappresenta l’abilitazione dell’Attivatore. Un Attivatore che non è abilitato è considerato falso.

1..8 In questa griglia va definita l’abilitazione dell’Attivatore sulle Aree.


Una volta che la definizione degli Attivatori è stata completata, premere il pulsante Invia per copiarla nella memo-
ria della centrale collegata. Il pulsante Ricevi invece, serve per caricare nella memoria del PC la definizione degli
Attivatori della centrale collegata.

Super Tasti
Per Super Tasto si intende la pressione di un tasto per almeno 3 Sec.; questa Centrale può gestire come Super Tasti i
tasti numerici (da a ).
Selezionare Super Tasti nel menu Programmazione per assegnare a ciascuno dei 10 Super Tasti, un nome di
16 caratteri al massimo che sarà usato per identificare il Super Tasto in ogni operazione in cui è usato.

n.
Mostra il Numero di Identificazione del Super Tasto (il Numero di Identificazione 10 indica il tasto ).

Descrizione Digitare la descrizione del Super Tasto (max. 16 caratteri).


Una volta che la definizione dei Super Tasti è stata completata, premere il pulsante Invia per copiarla nella memo-
ria della centrale collegata. Il pulsante Ricevi invece, serve per caricare nella memoria del PC le descrizioni dei
Super Tasti della centrale collegata.

Tempi Filtro
La voce Tempi Filtro del menu Programmazione apre una finestra nella quale è possibile modificare solo il cam-
po Rete, come descritto di seguito.

Rete Impostare il ritardo con cui viene generato l’evento Mancanza rete rispetto alla mancanza della rete: il ritardo vie-
ne espresso in secondi; è possibile impostare un ritardo compreso tra 0,3 e 3600 secondi (= 1 ora) con passi di
0,1 secondi.

PROGRAMMAZIONE 59
Opzioni
Selezionare Opzioni nel menu Programmazione per impostare le opzioni di funzionamento descritte nel seguito.

Zone in test anche Gli allarmi delle zone poste in test vengono registrati nel registro eventi anche ad area disinserita.
ad area disinserita

Disabilita Non viene visualizzato il messaggio di benvenuto quando viene riconosciuto un codice valido.
messaggio di
benvenuto

Disabilita spie Quando su un inseritore non è presente un attivatore valido, vengono spenti i tre led.
inseritore con
attivatore assente

Escludi anche Questa opzione abilita l’esclusione del sabotaggio di zona, quando la stessa viene esclusa.
sabotaggio zona

Disabilita Selezionando questa opzione non è possibile inserire l’impianto se è attivo uno dei seguenti eventi:
inserimento su - batteria bassa;
problemi batteria - problemi al sistema di alimentazione;
- batteria bassa su stazioni di alimentazione;
- problemi al sistema di alimentaz. su stazioni alimentazione.

Disabilita reset Selezionando questa opzione non è possibile cancellare, con il codice utente, la memoria relativa ad un allarme
memorie sabotaggio di zona, di area, e di centrale ma è necessario il codice installatore.
sabotaggio con
codice utente

Disabilita reset Selezionando questa opzione, non sarà possibile cancellare le memorie di allarme con il codice installatore ma
memorie allarme solo con i codici utente abilitati a questa funzione.
con codice
installatore

Abilita blocco Selezionando questa opzione è possibile bloccare gli allarmi di centrale infilando un Attivatore valido in un Inserito-
allarme di re.
centrale con
attivatore valido

Disabilita Selezionando questa opzione, la Centrale non rileverà la mancanza della linea telefonica: l’evento Mancanza li-
controllo linea nea telefonica non si verificherà mai! Selezionare questa opzione quando la Centrale non è collegata alla linea
telefonica telefonica, per evitare che l’evento Mancanza linea telefonica venga memorizzato nel Registro Eventi.

Codice Selezionando questa opzione il ripristino delle impostazioni predefinite non ripristina il Numero Personale del Co-
installatore dice Installatore (v. par. "Codice Installatore").
bloccato

Bolocco tastiere Selezionando questa opzione le Tastiere vengono bloccate dopo un certo numero di volte che si immette un codi-
su errore ce errato.
immissione codici

Numero max. È Il Numero di volte dopo il quale l’immissione di un codice errato provoca il blocco delle tastiere; sono accettati
tentativi valori da 1 a 10.

Tempo di blocco Rappresenta il tempo (espresso in secondi) di blocco delle tastiere; sono accettati valori compresi tra 9 e 1800 se-
in sec. condi.

Figura 36 Finestra per la programmazione delle opzioni.

60 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Programmatore Orario
Selezionare Programmatore Orario nel menu Programmazione per impostare i parametri di OmniaTIMER
(v. capitolo "OmniaTIMER").

Stringhe LCD
Selezionare Stringhe LCD nel menu Programmazione per impostare la lingua e il Messaggio di Benvenuto delle
Tastiere: il Messaggio di Benvenuto appare sulla prima riga del display della Tastiera quando viene digitato il PIN
di un Codice Utente valido (la preimpostazione è <<BENVENUTO>>).

Messaggio di Digitare il Messaggio di Benvenuto (max. 16 caratteri).


benvenuto
Selezionare il pulsante Invia per programmare la Centrale collegata con il Messaggio di Benvenuto impostato.
+ Se si seleziona il pulsante Invia e il campo Messaggio di benvenuto è vuoto, il Messaggio di Benvenuto della
Centrale collegata non viene modificato.
Selezionare il pulsante Invia tutto per programmare la lingua delle Tastiere della Centrale collegata con la lingua
usata in quel momento dall’aplicazione Omnia.
+ -- Il pulsante Invia tutto programma anche il messaggio di benvenuto con l’impostazione predefinita.
-- I pulsanti Invia e Invia tutto sono efficaci solo con la Centrale collegata al PC (via seriale o via telefono).
-- La lingua dell’applicazione Omnia si imposta con il comando Lingua del menu Opzioni; la lingua impostata con
questo comando diviene effettiva solo al successivo avvio dell’applicazione.

Orologio
Selezionare Orologio del menu Programmazione per impostare l’orologio della Centrale.

Orologio Impostare l’ora e la data correnti.

Formato Data Selezionare il formato per la data:


-- gg/mm/aaaa = giorna/mese/anno;
-- aaaa/mm/gg = mese/giorno/anno.

Separatori Selezionare i caratteri che saranno mostrati sul display delle Tastiere per separare: ora (hh), minuti (mm), giorno
(gg), mese (mm) e anno (aa)

Codice Installatore
Il Codice installatore ha accesso a tutte le procedure di modifica dei parametri di centrale sia da tastiera di coman-
do che per mezzo del PC in connessione locale o remota. Il Numero Personale del Codice Installatore è quindi
una parametro estremamente importante. Esso può essere modificato da tastiera di comando per mezzo della
voce Codice Istallat. del menu installatore.
Selezionare Codice Installatore del menu Programmazione per modificare il Numero Personale memorizzato su
una Centrale e per impostare quello che la centrale controllerà per permettere la programmazione dei suoi para-
metri.

Numero Digitare il Numero Personale del Codice Installatore necessario per la programmazione della centrale collegata
Personale Attuale (via seriale o via telefono). Se il Numero Personale digitato non coincide con quello programmato sulla centrale
collegata, non sarà possibile programmare la centrale.

Modifica Numero Digitare il nuovo Numero Personale nei campi Nuovo Numero Personale e Conferma Numero Personale, quin-
Personale di selezionare il pulsante Invia. Viene richiesta la doppia immissione per evitare errori nel digitare il codice.

 Perdita del Codice Installatore


Se il Numero Personale del Codice Installatore viene dimenticato è possibile ripristinare il Numero Personale pre-
definito (0032) con la procedura descritta nel paragrafo "Ripristino delle impostazioni predefinite".
Se però è stata abilitata l’opzione Codice installatore bloccato (v. par. "Opzioni"), il ripristino delle impostazioni
predefinite non ripristina il Numero Personale del Codice Installatore.
In tal caso chiedere assistenza al proprio fornitore.

PROGRAMMAZIONE 61
Programmazione con PC locale
Una volta impostati i parametri di funzionamento questi devono essere copiati nella memoria della centrale a cui si riferi-
scono come descritto di seguito.
+ Per programmare la Centrale è necessario conoscere il Numero Personale del suo Codice Installatore.
1. Collegare la porta seriale della Centrale (6) ad una porta seriale del PC:
-- per il collegamento seriale tra la Centrale e il PC usare il cavo art. CVSER/9F9F fornito su richiesta oppure rea-
lizzare un cavo come mostrato in figura 37a;
-- se la porta seriale del PC è a 25 poli, usare l’adattatore art. ADSER/9M25F fornito su richiesta oppure realizzare un
cavo come mostrato in figura 37b.
2. Impostare la porta seriale del PC usata per il collegamento con la Centrale:
-- selezionare Porte Seriali nel menu Opzioni;
-- selezionare la porta seriale nel riquadro Centrale;
-- selezionare OK.
3. Digitare il Numero Personale del Codice Installatore programmato per la Centrale collegata:
-- selezionare Codice Installatore nel menu Programmazione;
-- digitare in numero personale nel campo Numero Personale Attuale;
-- selezionare OK.
4. Impostare il Tipo di Centrale (pagina Cliente) e la Revisione Firmware (menu Opzioni) della Centrale collegata.
5. Selezionare:
-- Invia>Pagina nel menu Programmazione per programmare la centrale con le impostazioni della pagina corren-
te;
-- il pulsante Invia di una finestra per programmare la centrale con le impostazioni di quella finestra;
-- Invia>Tutto nel menu Programmazione per programmare la centrale con tutte le impostazioni correnti: in que-
sto caso l’operazione richiede circa 3 minuti.
6. Quando la Centrale è collegata al PC è possibile visualizzare le sue impostazioni nel seguente modo:
-- selezionare Carica>Pagina nel menu Programmazione per visualizzare le impostazioni dei parametri della pa-
gina corrente;
-- selezionare il pulsante Carica di una finestra per visualizzare le impostazioni dei parametri di quella finestra;
-- selezionare Carica>Tutto nel menu Programmazione per visualizzare le impostazioni di tutti i parametri della
Centrale: in questo caso l’operazione richiede circa 3 minuti.

Figura 37 Schema di un cavo seriale terminato con due connettori DB9 (a) e con un connettore DB9 e un connettore DB25 (b)

62 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Programmazione con PC via telefono
Tramite il modem B-Mod o B-Mod/RX è possibile programmare la Centrale via telefono, come descritto di seguito.
+ Per programmare la Centrale via telefono è necessario conoscere il Numero Personale del suo Codice Installatore
e l’utente deve abilitare la Teleassistenza (v. par. "Abilita/Disabilita Teleassistenza" del MANUALE UTENTE).
1. Collegare il Modem ad una porta seriale del PC tramite il cavo seriale in dotazione (lo stesso utilizzato per la pro-
grammazione locale).
2. Impostare la porta seriale del PC usata per il collegamento con il Modem:
-- selezionare Porte Seriali nel menu Opzioni;
-- selezionare la porta seriale nel riquadro Modem;
-- selezionare OK.
3. Selezionare Connessione nel menu Modem: sarà aperta la finestra Gestione Connessione (figura 38).
4. Impostare i seguenti parametri:
-- Telefono Centrale -- è lo stesso parametro della pagina Cliente (v. par. "Cliente");
-- Disabilita controllo toni -- funziona come Disabilita Controllo Toni della pagina Telefono (v. par. "Telefono");
-- Salto Risponditore -- è lo stesso parametro della pagina Telefono (v. par. "Telefono");
-- Richiamata di Sicurezza -- è lo stesso parametro della pagina Teleassistenza (v. par. "Teleassistenza");
-- Codice Installatore -- è il Numero Personale Attuale della finestra Codice Installatore (v. par. "Codice Instal-
latore").
All’apertura della finestra Gestione Connessione i parametri sopra elencati (eccetto Disabilita Controllo Toni)
assumono i valori dei parametri corrispondenti presenti nelle altre pagine e finestre dell’applicazione.
+ È possibile modificare il valore di questi parametri nella finestra Gestione Connessione senza peraltro modificare
i parametri corrispondenti presenti nelle altre pagine e finestre dell’applicazione.
5. Selezionare il pulsante Seleziona: nella parte bassa della finestra Gestione Connessione dei messaggi mostre-
ranno lo stato di avanzamento della connessione (v. par. "Messaggi"). Se la procedura di connessione termina
correttamente, la parte bassa della finestra Gestione Connessione mostrerà i seguenti messaggi:
OMNIA ACK
Codice Installatore Riconosciuto
6. Selezionare il pulsante OK: la finestra Gestione Connessione viene chiusa e ci si ritrova in una situazione del
tutto simile alla connessione con un PC locale; la differenza è che tutti i comandi di trasferimento dati (Invia, Cari-
ca) agiranno sulla centrale connessa via telefono.
7. Procedere come descritto nei passi numero 3, 4, 5 e 6 del par. "Programmazione con PC locale" per programma-
re e leggere le impostazioni della Centrale collegata via telefono.
8. Selezionare Aggancia nel menu Modem per terminare la connessione

Messaggi La parte bassa della finestra Gestione Connessione mostra lo stato della connessione con i messaggi descritti di
seguito.

Omnia/Norma MODEM v. x.xx Indica la versione del modem connesso sulla porta seriale del PC.
Modem non riconosciuto Sulla porta seriale configurata per il modem non si rileva la presenza di tale dispositivo.
Controllare il cavo e la porta seriale configurata nel menù Opzioni/Porte seriali.
Ricezione.... Il sistema Modem/PC è in attesa di una telefonata in arrivo. All’apertura della
finestra di connessione lo stato del sistema è questo.
RING Il modem sta rilevando squilli sulla linea telefonica.
BACKRING Dopo la selezione indica che il telefono chiamato sta squillando.
NORMA ACK È stata riconosciuta una centrale NormaCom.
OMNIA ACK È stata riconosciuta una centrale Omnia/S.
Errore lettura Codice Istallatore Non è possibile leggere il Numero Personale inviato dal software alla centrale
probabilmente a causa della qualità scadente della linea telefonica.
Connessione Persa Non è più possibile comunicare con la centrale probabilmente a causa della
qualità scadente della linea telefonica.

Figura 38 Finestra per la connessione via telefono con la Centrale.

PROGRAMMAZIONE 63
Programmazione da Tastiera
Tutti i parametri descritti in questo capitolo sono programmabili anche da tastiera attraverso le seguenti voci del
menu Installatore:
 Prog. N. Telef. (Programmazione Numeri Telefonici)
 Prog. Descrizioni (Programmazione Descrizioni)
 Codici Utente
 Codice Installatore
 Progr. Parametri (Programmazione Parametri).
La codifica degli attivatori e la registrazione dei messaggi vocali sono possibili solo da Tastiera tramite le se-
guenti voci del menu installatore:
 Funzioni Vocali
 Attivatori
Il menu installatore è descritto nel manuale "PROGRAMMAZIONE DA TASTIERA".

Impostazioni predefinite
La Centrale all’uscita di fabbrica è programmata come descritto di seguito. Le impostazioni descritte di seguito
sono state studiate per consentire all’installatore di realizzare velocemente un semplice impianto.

Configurazione Alla prima accensione la centrale riconosce automaticamente tutti i dispositivi collegati al bus BPI ed imposta la
configurazione di conseguenza.

Zone Tutte le zone sono programmate come: allarme, doppio bilanciamento, singolo impulso, ripetitive.
Le zone n. 1 e n. 2 sono programmate come ritardate di ingresso e di uscita mentre tutte le altre sono istantanee.
Inoltre tutte le zone appartengono all’Area n. 1.

Uscite Le uscite sono tutte bistabili tranne le uscite n. 1 e n. 2 che sono monostabili con ciclo di 3 minuti (utilizzabili come
uscite di allarme per sirene). Il tempo di OFF è impostato a 6 secondi.

Aree Per tutte le aree il tempo di ingresso è impostato a 30 secondi, il tempo di uscita a 30 secondi e il tempo di ultima
uscita a 6 sec.
Non sono definite dipendenze tra le aree.

Tastiere ed Tutte le Tastiere sono abilitate a gestire tutte le aree.


inseritori
Tutti gli Inseritori sono abilitati a gestire tutte le aree e non sono definiti gli inserimenti di tipo A e B (tutte le aree di-
sinserite).

Codici L’unico Codice Utente abilitato è il n. 1; il suo Numero Personale è 0001 ed è abilitato su tutte le aree e su tutte le
funzioni.
Il Numero Personale del Codice Installatore è 0032.

Eventi-Azioni L’uscita n. 1 è associata agli eventi:


-- Allarme Generico Area n..
L’uscita n. 2 è associata agli eventi:
-- Allarme Sabotaggio Area n.
-- Apertura centrale
-- Antisabotaggio bilanciato
-- Sabotaggio dispositivi BPI
-- Attivatore falso su Inseritori BPI.
L’uscita n. 3 è associata all’evento:
-- Guasto generico.
L’uscita n. 4 è associata all’evento:
-- Scomparsa dispositivi BPI.

Avvistatore L’azione n. 1 invia il messaggio n. 1 ai primi 16 numeri dell’agenda telefonica ed è attivata dagli eventi:
telefonico -- Allarme Generico Area n..
L’azione n. 2 invia il messaggio n. 2 ai primi 16 numeri dell’agenda tekefonica ed è attivata dagli eventi:
-- Allarme Sabotaggio Area n.
-- Apertura centrale
-- Antisabotaggio bilanciato
-- Sabotaggio dispositivi BPI
-- Attivatore falso su Inseritori BPI.

64 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Ripristino delle impostazioni predefinite
Per ripristinare le impostazioni predefinite:
 togliere l’alimentazione all’Unità Centrale (deve essere rimossa sia l’alimentazione fornita dalla rete elettrica, sia quella
fornita dalla batteria tampone);
 estrarre il ponticello 7 (MEM);
 attendere almeno 20 secondi;
 reinserire il ponticello 7 (MEM);
 ripristinare l’alimentazione dell’Unità Centrale (v. "Collegamento dell’alimentazione").
ATTENZIONE Il ripristino delle impostazioni predefinite non è assicurato se il ponticello 7 (MEM) non viene rimosso
per almeno 20 secondi. Inoltre, se questo tempo non viene rispettato, al ripristino dell’alimentazione dell’Unità Centrale
si possono verificare dei malfunzionamenti.

Codice Se l’opzione Codice installatore bloccato è abilitata, il ripristino delle programmazioni di fabbrica non ripristina il
installatore valore di fabbrica del Numero Personale del Codice Installatore (v. par. "Opzioni").
bloccato

Un semplice impianto
La programmazione di fabbrica si presta per la realizzazione di un semplice impianto. Tale impianto gestirà un
certo numero di zone e segnalerà gli allarmi su sirena e su avvisatore telefonico. Sarà poi possibile effettuare le
operazioni di inserimento e disinserimento da tastiera o da inseritore.
Vediamo le operazioni da effettuare per avviare questo semplice impianto.

 Collegamenti
Di seguito vengono descritti le principali operazioni di cablaggio che devono essere effettuate.

Zone Nel caso di più di 8 zone si colleghino sul bus le espansioni di ingresso necessarie per raggiungere il numero di
zone necessario. In tal caso si effettui la codifica dell’indirizzo dei dispositivi come descritto nel paragrafo "Collega-
mento dei dispositivi BPI".
Sia per le zone sulla Unità Centrale che per le eventuali zone sulle Espansioni di Ingresso si effettui il collegamen-
to con i sensori utilizzando lo schema del doppio bilanciamento riportato nel capitolo Installazione.
Tenere presente che di fabbrica le zone n. 1 e n. 2 sono programmate come ritardate di ingresso e di uscita, per-
tanto possono essere utilizzate senza nessuna programmazione aggiuntiva.

Sirena Collegare la sirena autoalimentata all’uscita n. 1 utilizzando il morsetto [+N1] ed il morsetto di massa.

Tastiere Collegare al bus le Tastiere necessarie. Nel caso in cui si utilizzi più di una Tastiera si effettui la codifica dell’indi-
rizzo dei dispositivi come descritto nel paragrafo "Collegamento dei dispositivi BPI".

Inseritori Collegare al bus gli Inseritori necessari. Nel caso in cui si utilizzi più di un Inseritore si effettui la codifica dell’indi-
rizzo dei dispositivi come descritto nel paragrafo "Collegamento dei dispositivi BPI".

Avvisatore Installare il kit OmniaVOX come descritto nel capitolo omonimo.


telefonico

Linea telefonica Collegare la linea telefonica come descritto nel capitolo "INSTALLAZIONE".

 Programmazione

Numeri telefonici Programmare i numeri telefonici che l’Avvisatore Telefonico dovrà chiamare in caso di allarme o sabotaggio come
descritto nel paragrafo "Numeri Telefonici" del capitolo "OPERAZIONI DA TASTIERA": i numeri a disposizione
sono i primi 16.

Messaggi vocali Registrare il Mess. Vocale 001 per comunicare la condizione di allarme e il Mess. Vocale 002 per comunicare la
condizione di sabotaggio, come descritto nel paragrafo "Funzioni vocali" del capitolo "OPERAZIONI DA TASTIE-
RA": questi messaggi vocali possono essere lunghi fino a 15 secondi.

Codici Di fabbrica è Attivo solo il Codice Utente n. 1 con il Numero Personale 0001: leggere il paragrafo "Programmazio-
ne codici" del MANUALE UTENTE per modificare il Numero Personale del Codice Utente n. 1.
Se sono necessari altri Codici Utente leggere il paragrafo "Codici Utente" del manuale "PROGRAMMAZIONE DA TA-
STIERA".

Attivatori Programmare gli Attivatori necessari come decritto nel manuale "PROGRAMMAZIONE DA TASTIERA".

 Uso dell’impianto

Inserimenti e Per inserire l’impianto l’utente deve digitare il proprio Numero Personale e premere il tasto .
disinserimenti
Per disinserire l’impianto l’utente deve digitare il proprio Numero Personale e premere il tasto .
con Codice

PROGRAMMAZIONE 65
Inserimenti e Per inserire l’impianto l’utente deve introdurre un Attivatore valido in un Inseritore e premere una volta il tastino
disinserimenti presente sull’Attivatore: la spia rossa sull’Inseritore si accenderà. All’estrazione dell’Attivatore l’impianto si inserirà
con Attivatore e la spia rossa sull’Inseritore resterà accesa.
Per disinserire l’impianto l’utente deve introdurre un Attivatore valido in un Inseritore: la spia rossa si spegnerà. Al-
l’estrazione dell’Attivatore l’impianto si disinserirà e la spia rossa sull’Inseritore resterà spenta.

Stop sirena Per fermare la sirena attivata dall’allarme di zona, l’utente deve inserire un Attivatore valido in un Inseritore o disin-
serire l’impianto.
Per fermare la sirena attivata dal sabotaggio di zona o di centrale, l’utente deve digitare il proprio Numero Perso-
nale e premere (Stop Allarmi): lo stato di Stop Allarmi è segnalato dal display della Tastiera con un
messaggio lampeggiante.
Dopo aver eliminato la causa dell’allarme, l’utente deve premere per uscire dallo stato Stop Allarmi.

Stop avvisatore Per fermare l’avvisatore telefonico l’utente deve digitare il proprio Numero Personale e premere i tasti .
telefonico
Per uscire dal menu utente, l’utente deve premere .
È anche possibile fermare l’avvisatore telefonico inserendo un Attivatore valido in un Inseritore come descritto nel
paragrafo "Sospensione degli allarmi mediante Attivatore" del capitolo "APPLICAZIONI" .

Reset delle Per cancellare le memorie di allarme, l’utente deve digitare il proprio Numero Personale e premere i tasti , .
memorie di allarme
Per uscire dal menu utente, l’utente deve premere il tasto .

89 90 91 92 93 94 95 96 97

102
101
100

I 98
Scheda Vocale

SP– SP–
Microfono
Scheda

SP+ SP+
MIC MIC

99

Figura 39 Identificazione delle parti e installazione del kit OmniaVOX

66 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


OmniaVOX

ATTENZIONE Prima di iniziare l’installazione di OmniaVOX togliere l’alimentazione alla Centrale (scollegare la
rete e la batteria).
OmniaVOX è un kit composto da una Scheda Vocale, una Scheda Microfono e un altoparlante per la registra-
zione e la riproduzione di messaggi vocali. Quest’ultimi potranno essere associati agli ingressi della Centrale per
controllarne lo stato via telefono, oppure potranno essere inviati a dei numeri telefonici (avvisatore telefonico) o
usati per lasciare un messaggio quando ci si assenta (risponditore). Inoltre, l’installazione del kit vocale estende le
possibilità della Centrale alle funzioni descritte di seguito.

Caratteristiche generali
 Registrazione dei messaggi su memoria elettronica (tecnologia ChipCorder™).
 Possibilità di registrare 14 messaggi vocali: 2 da 15 s; 2 da 10 s e 10 da 4 s.
 Altoparlante per la riproduzione dei messaggi registrati.
 Funzione di avvisatore telefonico.
 Funzione di risponditore telefonico.
 Gestione dei toni DTMF per il controllo via telefono della Centrale.
 Gestione dell’ascolto ambientale e delle conversazioni vocali bidirezionali da remoto (Telesoccorso).

Identificazione delle parti

PARTE DESCRIZIONE
89 Connettore per il collegamento di un Microfono Remoto
Ponticello per abilitare il Microfono Remoto (opzionale) collegato al connettore 89:
90
> Microfono Remoto disabilitato (preimpostazione); > Microfono Remoto abilitato
91 Morsettiera per il collegamento alla Scheda Vocale
92 Scheda Microfono
Ponticello per abilitare il Microfono Locale (102):
93
> Microfono Locale abilitato (preimpostazione); > Microfono Locale disabilitato
94 Connettore per l’innesto della Scheda Vocale sulla Scheda Madre dell’Unità Centrale
95 Scheda Madre dell’Unità Centrale
96 Morsettiera per il collegamento della Scheda Microfono
97 Segnalazione dell’attività della Scheda Vocale
98 Scheda Vocale
99 Altoparlante
100 Connettore dell’altoparlante
101 Connettore per il collegamento dell’altoparlante alla Scheda Microfono
102 Microfono

Installazione
Per l’installazione di OmniaVOX procedere come descritto di seguito (v. fig. 39).

A Inserire l’altoparlante in una metà dell’anello di fissaggio.

B Unire le due metà dell’anello di fissaggio con un movimento rotatorio (C).

D Avvitare l’altoparlante nell’apposita sede (E).

F Fissare la Scheda Microfono nell’apposita sede (v. la figura a pag. 20).

G Collegare l’altoparlante al connettore 101 della Scheda Microfono.

H Inserire la Scheda Vocale nel connettore 94 dell’Unità Centrale.

I Eseguire i collegamenti fra la Scheda Microfono e la Scheda Vocale con cavo schermato.
Terminata l’installazione del kit OmniaVOX seguire la procedura indicata nel paragrafo "Funzioni vocali" per ripuli-
re la memoria della Scheda Vocale dai messaggi registrati accidentalmente durante il suo collaudo.

OmniaVOX 67
Estensione delle zone di ascolto
Se con una sola scheda Microfono-Altoparlante non è possibile controllare l’ambiente desiderato perché troppo
esteso o suddiviso con pareti che attenuano i suoni, è possibile collegare alla Scheda Vocale altre Schede Micro-
fono-Altoparlate VOX-REM da posizionare nelle zone di interesse.
Per l’installazione della Scheda Microfono e dell’Altoparlante può essere utilizzato il contenitore MINI-BOX fornito
su richiesta: questo contenitore può alloggiare una Scheda Microfono o un Altoparlante; può essere montato a vi-
sta, a incasso, su scatolo mod. 503 o equivalenti; è dotato di aperture per i cavi canalizzati a vista e sottotraccia.
Leggere le istruzioni fornite con il MINI-BOX per installarvi la Scheda Microfono o l’Altoparlante.
+ La Scheda Microfono e l’Altoparlante devono essere alloggiati in due contenitore MINI-BOX diversi, per evitare l’-
innesco di fastidiosi fischi.
La Scheda Microfono e l’Altoparlante devono essere posizionati il più vicino possibile ai punto di utilizzo, ponendo
particolare attenzione alla posizione relativa microfono-altoparlante per evitare l’innesco di fastidiosi fischi.
Le schede supplementari vanno collegate tutte in parallelo alla Scheda Vocale, come mostrato in figura 40. Ciò
comporta un degrado della qualità del suono all’aumentare delle schede collegate e della lunghezza dei collega-
menti necessari; per questo motivo, per mantenere la qualità del suono a livelli accettabili, devono essere rispetta-
te le seguenti limitazioni:
 non collegare più di 4 Schede Microfono-Altoparlate alla Scheda Vocale;
 fra ciascuna Scheda Microfono-Altoparlante e la Scheda Vocale non devono esserci più di 50 metri di cavo.
+ Per la registrazione dei messaggi vocali usare la Scheda Microfono più vicina alla Scheda Vocale, scollegando
momentaneamente tutte le altre; in tal modo la qualità dei messaggi risultata migliore.
In modalità Telesoccorso, tutte le schede Microfono-Altoparlante sono collegate fra loro; ciò consente la conversa-
zione bidirezionale fra più utenti contemporaneamente.

 Selezione manuale
Il collegamento di più schede Microfono-Altoparlante permette l’ascolto simultaneo dei rumori degli ambienti in cui
sono installate; ciò consente di mantenere sotto controllo una vasta area ma non consente di distinguere in quale
parte di essa si stia verificando l’evento ascoltato.
Per fare ciò è possibile realizzare lo schema mostrato in figura 41; in esso, oltra alla Scheda Vocale e alle 4 Schede Mi-
crofono-Altoparlante, sono presenti:
 una Espansione a 4 Uscite, Omnia/4OUT;
 una Espansione a 4 Ingressi. Omnia/4IN;
 due Schede Relè, Omnia/4R.
Inoltre, la Centrale dovrà essere programmata nel seguente modo.
 Tutte le uscite dell’Espansione di Uscita devono essere Uscite Riservate (mauale), Bistabili, Normalmente
Aperte;
 Tutte le zone dell’Espansione di Ingresso devono essere Immediate, Ripetitive, Normalmente Aperte e a cia-
scuna di esse deve essere associato un Messaggio Vocale nella condizione di Non Riposo che descriva l’am-
biente al quale sono associate. Inoltre esse devono appartenere ad un’Area a loro riservata oppure, se le Aree
sono tutte occupate, devono essere programmate come Prova.
In tal modo, l’utente abilitato può scegliere l’ambiente di cui ascoltare i rumori via telefono digitando sul telefono il
tasto 5 seguito dal numero che identifica l’uscita che abilita la Scheda Microfono-Altoparlante corrispondente, se-
guito dalla pressione del tasto 1 che abilita l’Ascolto Remoto.
Per esempio, in base allo schema in figura 41, se all’Espansione di Uscita è assegnato l’indirizzo n. 01, le sue
uscite hardware OC1, OC2, OC3 ed OC4 corrispondono rispettivamente alle uscite software n. 5, 6, 7 e 8, quindi,
per ascoltare i rumori dell’ambiente in cui è installata la 1a VOX-REM, l’utente dovrà digitare sul microtelefono 505
per attivare l’uscita n. 5 e di seguito 1 per attivare l’Ascolto Remoto.
Per poter ascoltare i rumori rilevati da un’altra Scheda Microfono-Altoparlante, l’utente dovrà prima terminare la
fase di Ascolto Remoto tramite il tasto #, quindi disattivare l’uscita attivata in precedenza digitando 405.
Volendo, l’utente potrà anche decidere di ascoltare i rumori di più ambienti contemporaneamente, in ogni caso, in
qualsiasi momento potrà conoscere gli ambienti che sta ascoltando effettuando la Lettura dello Stato delle zone di
ingresso digitando sulla tastiera del telefono 300.

 Selezione automatica
Una estensione possibile allo schema appena descritto riguarda la possibilità di far eseguire direttamente alla cen-
trale la selezione dell’ambiente da ascoltare in ragione del verificarsi di determinati eventi. Ad esempio potrebbe ri-
sultare utile a fronte del verificarsi di un allarme selezionare l’ascolto dalla scheda VOX-REM situata fisicamente
vicino a dove l’allarme si è verificato. Per realizzare quanto sopra si può utilizzare lo stesso schema mostrato in Fi-
gura 41.
È necessario però cambiare la programmazione delle uscite ed aggiungere alcune programmazioni nella pagina
Eventi-Azioni.
Per quanto riguarda le 4 uscite utilizzate per questa applicazione esse dovranno essere Monostabili, Normalmen-
te Aperte, Non Riservate. Il tempo di ON programmato sarà il tempo di attivazione della scheda di ascolto ambien-
tale relativa all’ambiente dove si è verificato l’allarme. Ogni uscita, con i collegamenti mostrati, attiverà una delle
schede VOX-REM.

68 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Nella pagina Eventi-Azioni si usino per gli organi di segnalazione e per l’attivazione dell’avvisatore telefonico gli
eventi di area e/o centrale. In tal modo gli eventi di zona risultano liberi per poter gestire delle uscite. Programmia-
mo allora tutti gli eventi di zona relativi ad un certo ambiente ad attivare l’uscita che comanda la scheda VOX-REM
di quell’ambiente. Ripetiamo questa programmazione per le 4 uscite e, di conseguenza, per i 4 ambienti.
Con questa programmazione quando l’utente riceve una telefonata dell’avvisatore per allarme può attivare l’ascol-
to ambientale ed immediatamente ascolterà i rumori provenienti dall’ambiente dove si è verificato l’allarme.

 Selezione automatica e manuale


Questa gestione automatica potrebbe essere integrata con la gestione manuale descritta precedentemente in ma-
niera tale da poter comandare manualmente l’ascolto da un ambiente piuttosto che da un altro quando nessun al-
larme è in corso. Un modo semplice è quello di usare 4 uscite per comandare manualmente la selezione dell’am-
biente ed altre 4 uscite per la selezione automatica. Collegando poi due a due le uscite, una manuale l’altra
automatica, ci si riporta allo schema di figura 41 . Ovviamente in tale situazione affichè la selezione automatica
esegua il suo compito le uscite comandate manualmente devono essere a riposo. Questo significa che al termine
di una sessione di ascolto ambientale comandata manualmente bisogna riportare a riposo le uscite sulle quali si è
agito.

Scheda Vocale
S P - S P + M IC

S P - S P + M IC S P - S P + M IC S P - S P + M IC S P - S P + M IC
VOX-REM VOX-REM VOX-REM VOX-REM

Figura 40 Schema per il collegamento di 4 schede VOX-REM alla Scheda Vocale.

Esp. Uscita 01 Esp. Ingresso 01

O C 1 O C 2 O C 3 O C 4 L 1 L 2 L 3 L 4

O C 1 O C 2 O C 3 O C 4 + 1 2 Scheda Vocale O C 1 O C 2 O C 3 O C 4 + 1 2
Omnia/4R OmniaVOX Omnia/4R
R L 1 R L 2 R L 3 R L 2 S P - S P + M IC R L 1 R L 2 R L 3 R L 2

S P - S P + M IC S P - S P + M IC S P - S P + M IC S P - S P + M IC
1a VOX-REM 2a VOX-REM 3a VOX-REM 4a VOX-REM

Figura 41 Schema per poter selezionare l’ambiente di cui ascoltare i rumori.

OmniaVOX 69
103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113

Figura 42 Identificazione delle parti e installazione della OmniaTIMER

70 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


OmniaTIMER

OmniaTIMER è una scheda che va alloggiata nell’Unità Centrale e ad essa collegata tramite la sua porta seriale:
quest’ultima viene riportata sull’interfaccia.
Essa è dotata di un’interfaccia per il collegamento diretto di una stampante seriale o parallela per la stampa in
tempo reale degli eventi che si verificano oppure per la stampa del contenuto dell’intero registro eventi.
Inoltre incorpora un Programmatore Orario che permette di automatizzare in funzione del tempo, l’inserimento/di-
sinserimento delle Aree e l’attivazione/disattivazione di 8 funzioni.
ATTENZIONE  Gli orari impostati con il Programmatore Orario sono garantiti entro ±30 secondi.

 Quando la Centrale impegna la linea telefonica (sul display delle Tastiere è "accesa" la spia ) OmniaTI-
MER sospende le azioni programmate fino a quando la linea non viene rilasciata.
 Le azioni previste dalla OmniaTIMER durante la programmazione della Centrale oppure mentre è collegato un
PC alla sua porta seriale, vengono ignorate.
 Tra due operazioni consecutive sulla stessa Area (inserimenti, disinserimenti) devono trascorrere almeno 10 minuti.
Le impostazioni relative alla OmniaTIMER si effettuano esclusivamente tramite il comando Programmatore Orario del
menu Programmazione dell’applicazione Omnia, mentre non possono essere effettuate dalla Tastiera.

Caratteristiche generali
 Possibilità di collegare una stampante seriale o una stampante parallela.
 Stampa degli eventi in tempo reale e dell’intero registro eventi dietro comando da Tastiera con codice abilitato.
 Possibilità di programmare per ciascuna Area 2 orari per il suo disinserimento e 2 orari per il suo inserimento al
giorno.
 Possibilità di programmare fino ad 8 timers per l’attivazione/disattivazione di altrettanti eventi ogni giorno.
 Possibilità di programmare orari differenti per diversi modelli di giorno (feriale, pre festivo, festivo, ecc.).
 Possibilità, per l’utente abilitato, di posticipare l’inserimento automatico delle Aree (Richiesta Straordinario).
 Possibilità di programmare il passaggio automatico dall’ora solare a quella legale e viceversa.

Identificazione delle parti


Nel manuale, i numeri in grassetto fanno riferimento alle parti identificate nella figura della pagina a fronte e de-
scritti nella tabella seguente, salvo indicazioni diverse. Le spie e i connettori sono identificati anche con il loro
nome serigrafato sulla scheda (v. sigle fra parentesi quadre).

PARTI DESCRIZIONE
[SPT] 103 Porta per il collegamento della stampante seriale
104 Morsettiera per i collegamenti
Ponticello per selezionare la porta utilizzata:
[PRN] 105 > porta per stampante parallela (preimpostazione);
> porta per stampante seriale
[PPT] 106 Porta per il collegamento della stampante parallela
[PC] 107 "Nuova" porta seriale per il collegamento del PC
Spia verde normalmente accesa. Se spenta indica che la OmniaTIMER non è alimentata: controllare la
[ON] 108
presenza della tensione fra i suoi morsetti [+12V] e [ ]
Spia gialla normalmente spenta. Se accesa indica che l’Unità Centrale è impegnata e quindi, la OmniaTIMER
[CTS] 109
non può svolgere le azioni programmate
Spia rossa normalmente spenta. Se accesa indica un errore di stampa: controllare che la stampante sia
[ER.PRN] 110
correttamente collegata e in linea, e che il ponticello 101 si trovi nella giusta posizione
Spia gialla normalmente accesa. Se spenta indica che la porta seriale dell’Unità Centrale è impegnata dalla
[SER] 111
OmniaTIMER
[OMNIA] 112 Connettore per il collegamento alla porta seriale dell’Unità Centrale
113 Piattina per il collegamento della OmniaTIMER all’Unità Centrale

Installazione

Scelta della Alla OmniaTIMER può essere collegata una stampante seriale oppure una stampante parallela. La scelta dell’una
stampante o l’altra dipende dal tipo di stampante eventualmente disponibile oppure dal costo sostenibile per acquistarne una,
dalla lunghezza del cavo necessario per collegarla all’interfaccia, dalla velocità di stampa desiderata. I valori di
questi parametri per i due tipi di stampante sono riassunti nella seguente tabella.

STAMPANTE LUNGHEZZA MAX. COLLEGAMENTO VELOCITÀ COSTO


Parallela 10 metri Alta Alto
Seriale 40 metri Bassa Basso

OmniaTIMER 71
L’uso di una stampante parallela è consigliabile poiché fornisce una più elevata velocità di stampa. Di contro, co-
sta mediamente più di una stampante seriale e può essere collegata con un cavo che non superi i 10 metri di lun-
ghezza, quindi dovrebbe essere posta nei pressi dell’Unità Centrale.
La stampante seriale invece, può essere collegata con un cavo lungo fino a 40 metri, quindi può essere posta in
un luogo più pratico per l’utente (ricordiamo infatti che l’Unità Centrale di solito viene installata in un luogo nasco-
sto e di non facile accesso, per la sua protezione e perchè non è dotata di segnalazioni o comandi necessari all’u-
so ordinario). Di contro, la sua velocità di stampa è bassa e questo può tenere bloccato il Programmatore Orario
per diversi minuti quando si effettua la stampa dell’intero contenuto del registro eventi.
+ Se si usa una stampante seriale essa deve essere impostata come indicato nella seguente tabella:

Impostazione della BAUD RATE PARITY DATA BITS STOP BITS PROTOCOL
stampante seriale 1.200 E (even) 8 1 DTR/DSR

Collegamento Per il collegamento delle stampanti devono essere usati dei cavi già terminati (cioè, dotati di connettori) che in ge-
della stampante nere vengono forniti con le stampanti oppure che possono essere acquistati nei negozi specializzati.
Questi cavi non possono essere canalizzati quindi, per entrare nell’Unità Centrale dovranno essere posati fra que-
sta e la parete e lasciati in vista fino alla stampante.
Altrimenti, è possibile canalizzare un cavo senza connettori e poi collegare questi in base alle tabelle riportate di
seguito e alle figure 43 o 44 (a seconda della stampante da collegare).

Lato interfaccia: connettore DB9, femmina


Cavo per il colle- 3 4 5 6
gamento di una
Cavo 4 fili + schermo: lo schermo deve essere saldato alla carcassa metallica di entrambi i connettori
stampante seriale
all’interfaccia 3 20 7 6
Lato stampante: connettore DB25, maschio

Lato interfaccia: connettore DB25, maschio


Cavo per il colle- 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 19
gamento di una
Cavo 18 fili + schermo: lo schermo deve essere saldato alla carcassa metallica di entrambi i connettori
stampante paralle-
la all’interfaccia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 32 31 36 15÷17/19÷30
Lato stampante: connettore Centronics, 36 pin, maschio

Procedura di
installazione

A Posare il cavo per il collegamento della stampante fra il punto in cui è previsto il suo posizionamento e quello in cui è pre-
vista l’installazione dell’Unità Centrale.

B Fissare la OmniaTIMER ai fori presenti sul fondo dell’Unità Centrale tramite le viti fornite in dotazione, come mostrato in
figura 42.

C Collegare il connettore 112 della OmniaTIMER al connettore 6 dell’Unità Centrale, tramite la piattina 113 fornita in
dotazione.

D Posizionare il ponticello 105 in base al tipo di stampante utilizzata:


stampante parallela > ; stampante seriale > .

E Innestare il connettore della stampante parallela nel connettore 106 oppure il connettore della stampante seriale nel
connettore 103 della OmniaTIMER.

F Collegare i morsetti [+12V] e [ ] della OmniaTIMER, rispettivamente ai morsetti [+B] e [ ] dell’Unità Centrale.

Figura 43 Schema del cavo per il collegamento di una stampante seriale all’interfaccia.

72 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Programmazione
Le impostazioni relative alla OmniaTIMER si effettuano tramite il comando Programmatore Orario del menu Pro-
grammazione dell’applicazione Omnia, come descritto di seguito.
+ Le impostazioni effettuate tramite il comando Programmatore Orario hanno effetto solo se è installata la OmniaTI-
MER.
Naturalmente, le impostazioni fatte andranno poi inviate alla centrale tramite collegamento seriale locale oppure
via telefono, come per tutti gli altri parametri programmati col PC.

Tipo A1 Indica che si stanno programmando gli orari di disinserimento e inserimenro delle Aree per i giorni indicati dal Modello
Tipo A1: la sigla Tipo A1 può essere personalizzata selezionando il pulsante Descr.Tipi.
Per scegliere il Modello di Giorno per il quale si vogliono programmare gli orari, selezionare la linguetta corrispondente
fra quelle presenti nella parte inferiore della tabella: usare i tasti e per "scoprire" le linguette nascoste.
Per ogni Area è possibile specificare 2 orari per il suo dinserimento (v. colonne 1° Dis. e 2° Dis.) e 2 orari per il
suo inserimento (v. colonne 1° Ins. e 2° Ins.):
- gli orari devono essere immessi nella forma hh.mm, dove hh indica l’ora e può assumere i valori da 00 a 23 men-
tre mm indica i minuti e può assumere i valori da 00 a 59. Se per esempio si deve specificare le 7 e 45 del mattino,
si deve immettere 07.45; se si deve specificare le 5 e 45 del pomeriggio, di deve immettere 17.45. Se si immette
un valore non ammesso, all’uscita dalla finestra con il tasto OK oppure alla scrittura nella memoria con il tasto In-
via, il programma lo segnala con un messaggio di errore.
Premendo il pulsante Timers le tabelle relative alle Aree lasciano il posto a quelle dei Timers.

Tipo T1 Questa tabella permette di specificare, per giorni indicati dal Modello Tipo T1, gli orari di attivazione (colonna ON)
e disattivazione (colonna OFF) per ciascuno degli otto Timers gestiti dal Programmatore: la sigla Tipo T1 può es-
sere personalizzata premendo il pulsante Descr.Tipi.
Per scegliere il Modello di Giorno per il quale si vogliono programmare gli orari, selezionare la linguetta corrispondente
fra quelle presenti nella parte inferiore della tabella: usare i tasti e per "scoprire" le linguette nascoste.
Gli orari devono essere immessi nella stessa forma indicate per le Aree.
Premendo il pulsante Aree le tabelle relative ai timers lasciano il posto a quelle delle Aree.

Modelli Questa tabella permette di descrivere i giorni per i quali gli orari di disinserimento/inserimento delle Aree o attiva-
zione/disattivazione dei Timers sono gli stessi.

N. Numero di riferimento non modificabile.

Giorno Questo campo permette di specificare in "numero" che il giorno deve avere per appartenere al modello. Esso può
assumere i valori * o da 1 a 31:
- se si specifica * vuol dire che il numero del giorno è ininfluente per il modello;
- se si specifica un numero di Giorno, ovviamente non sarà possibile specicare il Giorno della Settimana;
- se si specifica un numero di giorno non ammesso per il Mese eventualmente indicato, nel momento in cui si pre-
me il tasto OK oppure Invia, il programma lo converte automaticamente nel numero di giorno più alto ammesso
per quel mese.

Mese Questo campo permette di specificare il mese a cui devono appartenere i giorni del modello:
- se si specifica * vuol dire che il mese è ininfluente per il modello.

Anno Questo campo permette di specificare l’anno a cui devono appartenere i giorni del modello. Esso può assumere i
valori * e da 2000 a 2014:
- se si specifica * vuol dire che l’anno è ininfluente per il modello.

Figura 44 Schema del cavo per il collegamento di una stampante parallela all’interfaccia.

OmniaTIMER 73
Interv. Questo campo permette di specificare che il giorno indicato è l’inizio di un intervallo che termina nel giorno indicato
nella riga successiva. Selezionando questo campo, esso assume automaticamente il valore Start o Stop rispetti-
vamente se la riga a cui appartiene è un inizio o una fine ammessa per un intervallo:
- è possibile programmare un intervallo solo se si specifica un numero di giorno di un mese o un giorno della setti-
mana e se il numero di giorno o il giorno della settimana della riga successiva è maggiore.

Giorno Sett. Questo campo permette di specificare il nome che il giorno deve avere per appartenere al modello:
- se si specifica * vuol dire che il nome del giorno è ininfluente per il modello;
- se si specifica il nome del giorno, non sarà possibile specificare il numero.

Tipo Questo campo permette di scegliere il nome da assegnare al modello:


- se non si assegna alcun nome al modello, esso non viene memorizzato;
- se la riga è la fine di un intervallo, questo campo assume automaticamente il valore * poiché in questo caso il modello
è descritto da due riche consecutive della tabella e il suo nome è quello indicato nella riga superiore.

Aree Questo pulsante permette di impostare gli orari di disinserimento e inserimento per le Aree.

Timers Questo pulsante permette di impostare gli orari di attivazione e disattivazione per i Timers.

Descr.Tipi Apre una finestra dove è possibile assegnare alle sigle che identificano i modelli di giorno per le Aree (An) e i Ti-
mers (Tn), dei nomi più significativi di 16 caratteri al massimo. Questi nomi verranno sostituiti automaticamente
alle sigle corrispondenti presenti sulle linguette delle schede per l’impostazione degli orari e nella colonna Tipo
della tabella Modelli.

Ordina modelli Selezionare il pulsante Ordina modelli per ordinare i modelli in base alla loro priorità (v. "Priorità dei modelli" più
avanti): quello con priorità maggiore in cima alla tabella.

Tempo di Indica con quale anticipo si deve verificare l’evento Tempo preavviso inserimento area n [Area 00n] (8 eventi,
preavviso uno per ogni Area) rispetto agli orari di inserimento indicati per l’Area n: se, per esempio, il programmatore orario
deve inserire l’Area 1 alle 17:45 e viene programmato un Tempo di preavviso di 15 minuti, alle 17:30 si verificherà
l’evento Tempo di preavviso inserimento area 1 [Area 001] che quindi potrà essere usato per avvertire le per-
sone che occupano l’Area 1 del suo imminente inserimento. L’evento terminerà allo scadere del tempo di preavvi-
so programmato e cioè, nel momento in cui si inserisce l’Area n o prima, nel momento in cui viene richiesto lo stra-
ordinario.
È possibile specificare un Tempo di preavviso da 0 a 240 minuti con passi di 1 minuto:
- se si cerca di immettere un valore superiore, il programma lo converte automaticamente in 240 minuti.
- se si specifica 0 minuti, il preavviso non verrà dato.

Durata singolo Quando l’utente abilitato richiede lo straordinario tramite l’apposito comando presente nel MENU UTENTE della
straordinario Tastiera, l’inserimento di un’Area comandato dal programmatore orario viene posticipato del tempo indicato in
questo campo: per esempio, se il programmatore orario deve inserire l’Area 1 alle 17:45, è stato programmato uno
straordinario di 60 minuti e un utente abilitato sull’Area 1 richiede lo straordinario alle 17:30, l’inserimento dell’Area
1 sarà effettuato alle 18:45 (17:45 + 1 h), a meno che nel frattempo non vengano richiesti altri straordinari.
È possibile specificare una Durata singolo straordinario da 0 a 60 minuti con passi di 1 minuto:
- se si cerca di immettere un valore superiore, il programma lo converte automaticamente in 60 minuti.
- se specifica 0 minuti, la richiesta di straordinario non avrà alcun effetto.

Figura 45 Finestra per la programmazione di OmniaTIMER.

74 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


N° max. richieste Indica quante volte può essere spostato l’orario di inserimento di un’Area: se, per esempio, il programmatore ora-
di straordinario rio deve inserire l’Area n. 1 alle 17:45, è stato programmato una Durata singolo straordinario di 60 minuti, un No
max. richieste di straordinario di 2 volte, sarà possibile spostare l’inserimento dell’Area n. 1, al massimo alle
19:45 (17:45 + 2 h), effettuando due richieste di straordinario, dopodiché un’ulteriore richiesta non avrebbe alcun
effetto.
Il prodotto tra il No max. richieste di straordinario e la Durata singolo straordinario non può essere superiore
a 180 minuti:
- se si cerca di immettere un valore non ammesso, il programma lo converte automaticamente nel valore maggio-
re ammesso;
- se si cerca di immettere 0, il programma lo converte automaticamente in 1.
+ In ogni caso, le richieste di straordinario hanno effetto solo sull’orario di inserimento più prossimo e non su quelli
successivi. Per esempio, se il programmatore orario deve effetuare il primo inserimento dell’Area n. 1 alle 12:45, il
secondo inserimento alle 15:30 e l’utente abilitato effettua 4 richieste di straordinario di 1 ora alle 12:30, si potreb-
be pensare che l’inserimento delle 15:30 venga spostato alle 16:45 (12:45 + 4 h); invece gli straordinari hanno ef-
fetto solo sull’inserimento delle 12:30, cioè quello più prossimo alle richieste di straordinario.

Incremento ora Permette di indicare quando il programmatore orario deve mettere 1 ora avanti l’orologio dell’Unità Centrale per il
legale passaggio dall’ora solare a quella legale.
La Data deve essere immessa nella forma gg/mm dove gg indica il giorno e può assumere i valori da 00 a 31
mentre mm indica il mese e può assumere i valori da 00 a 12:
- se si specifica 00 per il giorno o per il mese, l’incremento automatico è disabilitato;
- se si specifica un valore non ammesso, il programma non permette la chiusura della finestra con il tasto OK o la
programmazione dell’Unità Centrale con il tasto Invio.
l’Ora deve essere immessa nella forma hh e può assumere i valori 00 e da 01 a 23:
- se si specifica un valore superiore, il programma lo converte automaticamente in 23 nel momento in cui si preme il pul-
sante OK oppure Invia;
- se si specifica 00, l’incremento automatico è disabilitato.

Decremento ora Come "Incremento ora legale" solo che serve per specificare la data e l’ora del passaggio dall’ora legale a quella
legale solare.

Intestazione Permette di specificare un’intestazione di 16 caratteri al massimo per la stampa del registro.
stampa

Stampa in tempo Selezionando questa opzione, la stampa degli eventi sulla stampante collegata all’interfaccia stampante, avviene
reale nel momento in cui si verificano, altrimenti verrà stampato l’intero contenuto del registro (gli ultimi 200 eventi) solo
quando l’utente abilitato lo richiede con il comando Stampa registro del MENU UTENTE.
ATTENZIONE Quando l’interfaccia stampante è impegnata nella stampa degli eventi, il programmatore orario è
interdetto e, poiché la stampa dell’intero registro può richiedere anche alcuni minuti, può accadere che gli inseri-
menti/disinserimenti programmati vengano posticipati dello stesso tempo.

Impostazione Apre una finestra dove è possibile specificare gli eventi che dovranno essere stampati dalla stampante collegata
eventi all’interfaccia: selezionando solo gli eventi che interessano, la loro stampa sarà meno frequente e più veloce così
da ridurre al minimo il tempo sottratto al Programmatore Orario.

Applicazioni
Il Programmatore Orario permette di definire per ciascuna Area 2 orari per il suo Disinserimento e 2 orari per il suo
Inserimento. Inoltre permette di definire per ciascun Timer un orario per la sua attivazione e un’altro per la sua di-
sattivazione.
Questi orari possono non essere gli stessi per tutti i giorni, per questo è possibile programmare fino a 16 Modelli di
Giorno per le Aree e 16 per i Timers che descrivano i giorni per i quali gli orari sono gli stessi.
Per esempio, per un’azienda potremmo definire i Modelli di Giorno Feriale, Pre Festivo, Festivo, Ferie Estive e Fe-
rie di Natale, nel seguente modo.

Feriale Tutti i giorni della settimana dal Lunedi al Venerdi, indipendentemente dal Numero (del giorno), dal Mese, dall’An-
no. Poiché si tratta di un intervallo devono essere utilizzate 2 righe. Sulla prima riga si inserisce * nelle celle relati-
ve al Giorno, Mese e Anno mentre nella cella Giorno Sett. si inserisce Lunedi. Sulla riga successiva si inserisce *
nelle celle relative al Giorno, Mese e Anno mentre nella cella Giorno Sett. si inserisce Venerdi. Infine si seleziona
la cella Interv. della prima riga: automaticamente appariranno le scritte Start e Stop.

N. Giorno Mese Anno Interv. Giorno Sett. Tipo


9 * * * Start Lunedi Feriale
10 * * * Stop Venerdi *

Prefestivo Con questo modello di giorno vogliamo indicare il Sabato, allora si deve inserire questo giorno nella cella Giorno Sett. e
lasciare in tutte le altre celle *.

N. Giorno Mese Anno Interv. Giorno Sett. Tipo


8 * * * * Sabato Prefestivo

OmniaTIMER 75
Ferie Estive Supponiamo che l’azienda presa in esame chiuda per le ferie estive dall’1 al 15 Agosto. Allora dovremo definire un
Modello che comprenda questi giorni per i quali specificare degli orari differenti, altrimenti il Programmatore Orario
applicherebbe ad essi gli orari programmati per i modelli Feriale, Prefestivo e Festivo (a meno che esso non ven-
ga disabilitato).
Il modello Ferie Estive è un intervallo quindi si deve indicarne l’inizio selezionando il Giorno 1 e il Mese Agosto su
una riga, quindi il giorno 15 e il mese Agosto sulla riga successiva mentre tutti gli altri valori dovranno essere *. In-
fine si deve selezionare la cella Interv. della prima riga: automaticamente comparirà la scritta Start e nella cella
successiva la scritta Stop, ad indicare che i valori espressi sono gli estremi di un intervallo.

N. Giorno Mese Anno Interv. Giorno Sett. Tipo


1 1 Agosto * Start * Ferie Estive
2 15 Agosto * Stop * *

Ferie di Natale Per lo stesso motivo visto per il modello Ferie Estive potrebbe essere necessario definire il modello Ferie di Natale co-
stituito, per esempio, da tutti i giorni dal 24 Dicembre di una anno al 6 Gennaio dell’anno successivo. Questo Modello di
Giorno è simile al precedente (Ferie Estive) però non può essere impostato allo stesso modo perché il Programmatore
Orario non ammette che lo Start di un intervallo sia maggiore del suo Stop e in questo caso, se non si specifica l’anno, il
giorno 24 Dicembre vine dopo il 6 Gennaio. Allora, o si specifica l’anno come indicato nella seguente tabella:

N. Giorno Mese Anno Interv. Giorno Sett. Tipo


n 24 Dicembre 2000 Start * Ferie di Natale
n+1 6 Gennaio 2001 Stop * *

in tal caso il modello individua solo i giorni dal 24 Dicembre 2000 al 6 Gennaio 2001 e quindi, ogni anno dovranno
essere aggiornati gli estremi indicati nelle celle Anno.
Oppure si divide l’intervallo in due parti:
Ferie Natale 1/2 > i Giorni dal 24 al 31, del Mese di Dicembre, di tutti gli Anni;
Ferie Natale 2/2 > i Giorni dal 1 al 6, del Mese di Gennaio, di tutti gli Anni.

N. Giorno Mese Anno Interv. Giorno Sett. Tipo


3 24 Dicembre * Start * Ferie Natale 1/2
4 31 Dicembre * Stop * *
5 1 Gennaio * Start * Ferie Natale 2/2
6 6 Gennaio * Stop * *

In tal caso il modello individua i giorni dal 24 Dicembre al 6 Gennaio indipendentemente dall’Anno.

1 Maggio I giorni festivi diversi dalla Domenica; in questo caso specifico, il 1 Maggio.

N. Giorno Mese Anno Interv. Giorno Sett. Tipo


7 1 Maggio * * * 1 Maggio

Priorità dei Dagli esempi fatti risulta evidente come alcuni giorni possono appartenere a più Modelli; in tal caso vengono con-
Modelli siderati gli orari del modello meno frequente. Per esempio, il Modello 1 Maggio si verifica solo una volta all’anno,
pertanto esso e prioritario rispetto al Modello Feriale che si verifica 5 volte alla settimana.

Applicazioni dei Timers


I Timers del Programmatore Orario possono essere usati per automatizzare l’attivazione e la disattivazione di fun-
zioni periodiche.
Per esempio, un Timer potrebbe essere usato per controllare l’accensione e lo spegnimento del riscaldamento
nell’azienda presa ad esempio nel paragrafo precedente.

Collegamento del PC
Per il collegamento di un PC deve essere usato il connettore 107 della OmniaTIMER. In tal caso la porta seriale
della Centrale viene condivisa con la OmniaTIMER e il PC con le seguenti implicazioni.
 Il collegamento del PC è prioritario rispetto a quello della OmniaTIMER; cioè, quando c’è un PC collegato alla por-
ta seriale dell’Unità Centrale, la OmniaTIMER non può svolgere le azioni richieste. Quest’ultime non saranno effet-
tuate neanche alla conclusione del collegamento del PC poiché in quel momento la OmniaTIMER viene
reinizializzata.
 Quando la porta seriale è occupata dalla Centrale (spia CTS accesa) la OmniaTIMER non può svolgere le azioni
previste in quel momento; in altre parole, se il quel momento era previsto un disinserimento o inserimento di qual-
che Area oppure l’attivazione o disattivazione di qualche Timer o ancora la stampa di un evento o del registro
eventi, essi saranno posticipati fino a quando la Centrale non libererà la seriale.

76 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


APPLICAZIONI

In questo capitolo viene descritto come realizzare con questa Centrale alcune delle applicazioni più frequenti nel
campo dei sistemi di sicurezza.

Inserimento veloce
Supponiamo di voler inserire alcune Aree semplicemente tenendo premuto per 3 secondi un tasto della Tastiera.
Per la realizzazione di questa funzione si può utilizzare un l’impulso derivante dal riconoscimento di un Super Ta-
sto. I Super Tasti sono 10 uno per ognuno dei tasti numerici. Gli eventi relativi ai super Tasti sono programmabili
nella pagina Eventi-Azioni e vanno dal n. 390 (Super tasto 1) al n. 399 (Super tasto 0).

Premesse Supponiamo di utilizzare i seguenti oggetti della Centrale:


 Evento n. 391: Super Tasto 1 [Tast.az.imm. 001]
 Uscita n. 3: corrispondente al morsetto [OC1] dell’Unità Centrale
 Zona n. 8: corrispondenti al morsetto [L8] dell’Unità Centrale
Allora, i collegamenti da realizzare sono quelli mostrati in figura 46 e le programmazioni relative quelle riportate di
seguito.

Eventi-Azioni Programmare l’evento n. 391 Super Tasto 1 [Tast.az.imm. 001] nel seguente modo:
 Uscite ON: 3

Uscite Programmare l’uscita n. 3 nel seguente modo:


 Tipo: Monostabile
 Attributi: Normalmente aperta
 Durata: Tempo di Ondi 1 Sec.

Zone Programmare la zona n. 8 nel seguente modo:


 Comando
 Comando: Solo Inserimento
 Bilanciamento: Normalmente Aperto
 Sensibilità: Standard di Impulsi 1
 Cicli: Ripetitivo
 Area: indicare quali Aree devono essere inserite quando viene premuto, per più di 3 secondi, il tasto 1 di una Ta-
stiera.
Con tale programmazione la pressione per 3 secondi del tasto 1 fa inserire le Aree specificate. L’avvenuta accet-
tazione del Super Tasto è indicata da un lungo beep da parte della Tastiera.
+ La zona è programmata come Solo Inserimento e, quindi, se le aree interessate sono inserite un’altra operazione
di inserimento veloce non sortisce alcun effetto.
Il compito svolto dall’uscita attivata dall’evento generato dal Super Tasto può anche essere svolto da un semplice
pulsante collegato alla zona di comando come mostrato in figura 47.

Figura 46 Schema per l’inserimento veloce tramite Super Tasto.

Figura 47 Schema per l’inserimento veloce tramite pulsante.

APPLICAZIONI 77
Disinserimento temporaneo (ronda)
È un’applicazione molto utile quando, ad esempio, si rende necessaria la vigilanza notturna di una o più aree.
Questa applicazione permette di disinserire, per un tempo programmato, una o più aree in modo che la vigilanza
possa effettuare un controllo senza generare allarmi indesiderati.

Premesse Supponiamo di utilizzare i seguenti oggetti della Centrale:


 Evento n. 418: Riconosciuto codice utente 10 [Codice 010]
 Uscita n. 4: corrispondente al morsetto [OC2] dell’Unità Centrale
 Zone n. 6 e 7: corrispondenti rispettivamente ai morsetti [L6] ed [L7] dell’Unità Centrale
Allora, i collegamenti da realizzare sono quelli mostrati in figura 48 e le programmazioni relative quelle riportate di
seguito.

Codici Programmare il codice n. 10 nel seguente modo:


 Descrizione: Ronda
 Disponibile
 Attivo
 Abilitazioni su menù utente: nessuna
 Abilitazioni funzioni immediate: nessuna
In tal modo il codice sarà abilitato solo alla funzione di ronda.

Eventi-Azioni Programmare l’evento n. 418 Riconosciuto codice utente 10 [Codice 010] nel seguente modo:
 Uscite ON: 4

Uscite Programmare l’uscita n. 4 nel seguente modo:


 Tipo: Monostabile
 Attributi: Normalmente aperta
 Durata: Tempo di On[tempo di ronda + 1] Min.

Zone Programmare le zone n. 6 e 7 nel seguente modo:

zona n. 6 zona n. 7
Comando Comando
 Comando: Solo Disinserimento Solo Inserimento
 Bilanciamento: Normalmente Aperto Normalmente Aperto
 Sensibilità: Standard di Impulsi 1 Bassa con Impulso da [tempo di ronda] Min.
 Cicli: Ripetitivo Ripetitivo
 Area: Selezionare, per entrambe le zone, le Aree che devono essere disinserite per il tempo di ronda.

In tal modo, la digitazione del codice n. 10 seguita dalla pressione del tasto Enter provocherà il disinserimento del-
le Aree programmate per il tempo di ronda programmato, dopodiché le stesse saranno reinserite automati-
camente.
+ L’immissione del codice Ronda sarà ignorato mentre è attivo il tempo di ronda; in altre parole, non è possibile con
il codice Ronda prolungare all’infinito il disinserimento delle Aree programmate. Per abilitare di nuovo il tempo di
ronda, esso dovrà essere terminato da almeno 1 minuto.

Figura 48 Collegamenti per il disinserimento temporaneo (ronda).

78 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Gestione di un’Area Comune
In figura 49a viene mostrata la situazione in cui l’accesso ad una o più Aree (1, 2, 3 e 4) è possibile solo dopo che
si è attraversata un’Area comune (5). Questa situazione la possiamo trovare ad esempio in un’azienda in cui più
uffici si affacciano su di un unico corridoio: l’accesso a quest’ultimo è permesso solo a coloro che sono abilitati all’-
ingresso in uno degli uffici.
Vediamo ora come è possibile realizzare una gestione dell’Area 5 tale che questa venga inserita e disinserita
automaticamente dalla centrale a seconda dello stato delle Aree 1, 2, 3 e 4 da cui essa dipende.
Possiamo avere diversi tipi di disposizione per gli organi di comando. Supponiamo per ora di effettuare tutti gli in-
serimenti e disinserimenti da un Inseritore (o Tastiera) posto all’esterno dell’Area 5.
In tal caso le programmazioni da fare possono essere riassunte nei seguenti passi.
 Abilitare l’organo di comando (Inseritore o Tastiera) sulle Aree 1, 2, 3 e 4.
 Assegnare a ciascun utente un Attivatore (o Codice) abilitato esclusivamente sull’Area alla quale deve avere ac-
cesso (1, 2, 3 o 4).
 Programmare l’Area 5 (Area Comune) come dipendente dalle Aree 1, 2, 3 e 4.
In tal modo, ciascun utente abilitato su una delle Aree 1, 2, 3 o 4 avrà libero accesso all’Area 5 e quindi alla pro-
pria area di lavoro. Infatti l’Area 5, essendo dipendente dalle Aree 1, 2, 3 e 4, si inserirà automaticamente non ap-
pena saranno inserite tutte le Aree da cui dipende, mentre si disinserirà automaticamente non appena verrà disin-
serita un’Area da cui dipende.
L’organo di comando può anche essere posto all’interno dell’Area 5, in tal caso le sue zone dovranno essere pro-
grammate come ritardate di ingresso e uscita.
È anche possibile che gli organi di comando siano all’interno di ciascuna delle Aree 1, 2, 3 e 4, in tal caso le zone
di quest’ultime e quelle dell’Area 5 dovranno essere programmate come ritardate di ingresso e uscita.
Si può verificare il caso in cui una delle Aree indipendenti (ad esempio la 1) sia provvista di un’entrata autonoma
come mostrato in figura 49b; in questo caso, volendo mantenere la gestione comune dell’Area 5, si procede come
di seguito indicato.
 Abilitare l’organo di comando (Inseritore o Tastiera) posto all’ingresso dell’Area 5, sulle Aree 1, 2, 3, 4 e 6.
+ L’Area 6 è fittizia e non ha alcun riscontro reale.
 Abilitare l’organo di comando posto presso l’entrata autonoma dell’Area 1 ad agire solamente su quest’ultima.
 L’utente che deve operare nell’Area 1 deve essere provvisto di un Attivatore (o Codice) abilitato sull’Area 1 e su
quella fittizia 6. Gli altri utenti devono essere provvisti di un Attivatore (o Codice) abilitato solamente sulla propria
area.
 Programmare l’Area 5 come dipendente dalle aree 2, 3, 4 e 6.
+ Si noti che se ci troviamo nella condizione in cui tutte le Aree sono inserite e utilizziamo l’ingresso autonomo per
entrare nell’Area 1, la condizione di inserimento dell’Area 5 persiste in quanto questa dipende dall’Area 6 e non
dall’Area 1.
È possibile in questo modo gestire anche più aree indipendenti provviste di entrata autonoma, purché non si utiliz-
zino più di 8 Aree comprese quelle fittizie.
Come nel caso precedente è possibile portare gli organi di controllo all’interno delle varie Aree programmando op-
portunamente le zone interessate nelle varie Aree come ritardate di ingresso e di uscita.

Figura 49 Gestione di un’Area comune.

APPLICAZIONI 79
Associazione di più uscite allo stesso evento
La possibilità di associare più uscite allo stesso evento è molto utile quando si ha la necessità di rendere disponi-
bile lo stesso segnale di uscita in luoghi lontani tra loro ma comunque raggiunti dal bus BPI.
Supponiamo che quando una zona va in allarme, oltre alla normale sirena, si vogliono azionare anche una serie di
lampeggiatori presenti in diversi luoghi. Questo può essere utile ad esempio in ambienti molto rumorosi in cui il
suono della sirena è difficile da udire.
Si consideri allora un certo evento a cui sia stata associata una certa uscita OCx; allora, per ottenere lo stesso se-
gnale anche sulle uscite OC1, OC2, OC3, ..., OCn, devono essere effettuati i collegamenti mostrati in figura 50 e
le programmazioni descritte di seguito.
+ Per facilitare i collegamenti fra l’uscita OCx e gli ingressi L1, L2, L3, ..., Ln, fare in modo che essi siano fisicamente
vicini.

Zone Le zone corrispondenti ai morsetti [L1], [L2], [L3], ..., [Ln], devono essere programmati nel seguente modo:
 Allarme;
Allarme
 Tipo: 24h;
24h
 Bilanciamento compatibile con l’Attributo dell’uscita OCx:
- Normalmente Apertose l’uscita OCx è Normalmente aperta,
- Normalmente Chiusose l’uscita OCx è Normalmente chiusa;
 Area: tutte le zone devono appartenere ad un’Area non usata da Attivatori, Codici o per attivare azioni, che potrebbe
essere descritta come Area Tecnica.

Uscite L’uscita corrispondente al morsetto [OCx] può essere programmata a seconda delle necessità mentre le uscite
corrispondenti ai morsetti [OC1], [OC2], [OC3], ..., [OCn] devono essere programmate nel seguente modo:
 Tipo: Bistabile.

Eventi-Azioni Programmare gli eventi Allarme zona relativi ai morsetti [L1], [L2], [L3], ..., [Ln] nel seguente modo:

Uscite ON
 Allarme zona (L1): Uscita (OC1)
 Allarme zona (L2): Uscita (OC2)
 Allarme zona (L3): Uscita (OC3)
 Allarme zona (Ln): Uscita (OCn)

+ Realizzando i collegamenti e le programmazioni descritte l’attivazione dell’uscita OCx determina il verificarsi degli
eventi Allarme 24h centrale, Allarme Generico centrale e Allarme Generico+Sabot. centrale, pertanto, per
evitare allarmi indesiderati, questi eventi non devono essere associati ad alcuna azione.
Con i collegamenti e le programmazione descritte, sulle uscite OC1, OC2, OC3, ..., OCn, sarà presente, con un ri-
tardo massimo di 2 secondi, lo stesso segnale che si ha sull’uscita OCx.
+ Affinché le uscite OC1, OC2, OC3, ..., OCn vengano azionate correttamente è necessario che sull’uscita OCx il
segnale utile permanga per un tempo superiore ai 400 mS.

Figura 50 Schema per attivare più uscite con lo stesso evento.

80 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Associazione di più uscite ad uno stesso evento di allarme
Abbiamo appena visto come è possibile associare più uscite ad uno stesso evento. Vediamo ora un modo sempli-
ce per attivare più uscite a partire dallo stesso evento di allarme sfruttando la gerarchia che è insita nella struttura
degli eventi.
Per esempio, quando si verifica l’evento Allarme Generico (area n. o centrale) o Allarme Sabotaggio (area n. o
centrale), si verificherà anche l’evento Allarme Generico+Sabot. (area n. o centrale), poiché esso rappresenta la
somma dei primi due (v. fig. 51).
Allora sarà possibile associare all’evento Allarme Generico+Sabot. (area n. o centrale) due uscite nel seguente
modo.

Eventi-Azioni Ad esempio, volendo attivare le uscite x e y quando si verifica l’evento Allarme Generico + Sabot. area n, si do-
vranno effettuare le seguenti programmazioni:

Uscite ON
 Allarme Generico+Sabot. area n: Uscita x
 Allarme Generico area n: Uscita y
 Allarme Sabotaggio area n: Uscita y

Anche la struttura mostrata in figura 52 si presta per azionare più uscite con lo stesso evento, nell’ipotesi che le
zone appartenenti ad un’Area siano tutte dello stesso tipo (incendio, 24h o furto).
Supponiamo di voler attivare le uscite a, b e c quando si verifica l’evento Allarme Generico area x; allora le pro-
grammazioni da fare sono le seguenti.

Zone Programmare le zone appartenenti all’Area x tutte come Tipo Furto (o Incendio, o 24h).

Eventi-Azioni Associare all’evento Allarme Generico area x l’uscita a;


Associare all’evento Allarme Furto (o incendio, o 24 h) area x l’uscita b;
Associare a tutti gli eventi Allarme zona relativi alle zone appartenenti all’area x l’uscita c.
In tal modo, qualora si verificasse un allarme su una delle zone programmate come Tipo Immediato sull’Area x, sareb-
bero attivate le uscitea a, b e c.
+ Abbiamo visto che il numero di uscite referenziabili sfruttando questa proprietà del sistema sono dipendenti dal
numero dei livelli nella struttura gerarchica. Qualora si abbia bisogno di azionare ancora più uscite si utilizzi quan-
to riportato nella nota applicativa "Associazione di più uscite allo stesso evento".

Figura 51

Figura 52

APPLICAZIONI 81
Azione su riconoscimento di più codici
Supponiamo che la porta blindata di una banca si debba aprire solo quando vengono digitati 3 codidi validi in un
tempo massimo di 2 minuti. Allora devono essere realizzati i collegamenti mostrati in figura 53 e le programmazio-
ni descritte di seguito.

Eventi-Azioni Gli eventi Riconosciuto codice utente relativi ai codici utilizzati devono essere programmati nel seguente modo:

Uscite ON
 Riconosciuto codice utente 1: Uscita (OC1)
 Riconosciuto codice utente 2: Uscita (OC2)
 Riconosciuto codice utente 3: Uscita (OC3)

Inoltre, l’evento Allarme zona relativo al morsetto [Ly] deve essere programmato nel seguente modo:

Uscite ON
 Allarme zona (Ly): Uscita (OCx)

Zone La zona corrispondente al morsetto [Ly] deve essere programmata nel seguente modo:
 Allarme
 Tipo: 24h
 Bilanciamento: Normalmente Chiuso
 Sensibilità: Standard - Impulsi 1
 Area: deve appartenere ad un’Area non usata da Attivatori, Codici o per attivare azioni che potrebbe essere de-
scritta come Area Tecnica.

Uscite Le uscite corrispondenti ai morsetti [OC1], [OC2] e [OC3] devono essere programmate nel seguente modo:
 Tipo: Monostabile
 Attributi: Normalmente chiusa
 Durata: Tempo di On - 2 Min.
Inoltre, l’uscita corrispondente al morsetto [OCx] deve essere programmata nel seguente modo:
 Tipo: Monostabile
 gli Attributi e la Durata vanno programmati a seconda delle necessità.
+ Realizzando i collegamenti e le programmazioni descritte l’attivazione dell’uscita OCx determina il verificarsi degli
eventi Allarme 24h centrale, Allarme Generico centrale e Allarme Generico+Sabot. centrale, pertanto, per
evitare allarmi indesiderati, questi eventi non devono essere associati ad alcuna azione.
Con i collegamenti e le programmazioni illustrate, la porta si apre quando il morsetto [Ly] resta appeso; cioé, visti i colle-
gamenti, quando i morsetti [OC1], [OC2] e [OC3] sono appesi contemporaneamente. Quest’ultimi a loro volta restano
appesi per 2 minuti ogni volta che vengono digitati i codici a loro associati. Pertanto, questi codici devono essere im-
messi entro 2 minuti, altrimenti ci sarà sempre un’uscita chiusa a massa che terrà bloccato il morsetto [Ly] e quindi, il
morsetto [OCx] che comanda l’Apertura della Porta.

Figura 53 Schema per controllare un’azione tramite più codici.

82 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Disinserimento sotto coercizione
Molte volte si sente la necessità di tutelarsi da malintenzionati che possono costringere l’utente ad utilizzare il proprio codice
per disabilitare un’area. Per tutelarsi contro questa eventualità, di seguito vengono descritte due soluzioni possibili.

 Soluzione N° 1
Una prima possibilità è quella di abilitare due codici al disinserimento dell’Area o delle Aree interessate: il primo
codice sarà quello normalmente utilizzato per disinserire le Aree; il secondo codice sarà programmato per gestire
le Aree come il primo e per generare una chiamata di sicurezza.
In tal modo, se ci si trova nel caso di disinserimento forzato si utilizzerà il secondo codice che disinserirà le Aree e,
senza che il malvivente se ne accorga, farà partire una chiamata di sicurezza.
Per implementare questa soluzione, supponendo di utilizzare il Codice n. 1 per il disinserimento normale e il Codi-
ce n. 2 per il disinserimento sotto coercizione, le programmazioni da effettuare sono quelle descritte di seguito.

Codici Abilitare il Codice n. 2 sulle stesse Aree del Codice n. 1.

Eventi-Azioni Associare all’evento Riconosciuto codice utente 2 l’azione su Comunicatore Digitale, su Avvisatore Telefonico
e/o su Comunicatore Multifrequenza (solo per Centrali con Revisione Firmware inferiore alla 3.0) che si desidera
per segnalare il disinserimento sotto coercizione.

 Soluzione N° 2
La seconda possibilità è quella di programmare un’azione che indichi il disinserimento sotto coercizione: quest’ulti-
ma sarà rilevata quando non verrà premuto un Super Tasto di una Tastiera entro un tempo programmato dal di-
sinserimento di un’Area.
Allora devono essere realizzati i collegamenti mostrati in figura 54 e le programmazioni descritte di seguito.

Zone Programmare le zone corrispondenti ai morsetti [L1] e [L2] nel seguente modo:

Zona (L1) Zona (L2)


Allarme Allarme
 Tipo: 24h 24h
 Bilanciamento: Normalmente Aperto Normalmente Chiuso
 Sensibilità: Standard-Impulsi 1 Bassa-Impulso 1 Min.
 Area: entrambe devono appartenere ad un’Area non usata da Attivatori, Codici o per attivare
azioni, che potrebbe essere descritta come Area Tecnica.

Uscite Programmare le uscite corrispondenti ai morsetti [OC1], [OC2] e [OC3] nel seguente modo:

Uscita (OC1) Uscita (OC2) Uscita (OC3)


 Tipo: Bistabile Monostabile Monostabile
 Attributi: Normalmente chiusa Normalmente chiusa Normalmente aperta
 Durata: -- 2 Min. 2 Min.

Eventi-Azioni Programmare gli eventi coinvolti nel seguente modo:

Uscite ON
 Area n inserita: Uscita (OC1)
 Allarme zona (L1): Uscita (OC2)
 Super Tasto x: Uscita (OC3)

Figura 54 Schema per il disinserimento sotto coercizione.

APPLICAZIONI 83
 Inoltre, associare all’evento Allarme zona (L2) l’azione su Comunicatore Digitale, su Avvisatore Telefonico e/o su Co-
municatore Multifrequenza (solo per Centrali con Revisione Firmware inferiore alla 3.0) che si desidera per segna-
lare il disinserimento sotto coercizione.
Con i collegamenti e le programmazioni illustrate se entro 1 minuto dal disinserimento dell’Area n non si preme il
tasto x per almeno 3 secondi, si verifica un’azione che comunica il disinserimento sotto coercizione.

Avvisatore Telefonico
L’Avvisatore Telefonico di questa Centrale permette di definire fino a 32 azioni che possono essere usate nella pagina
Eventi-Azioni per segnalare con un messaggio vocale via telefono il verificarsi di un evento e/o la sua fine. Ogni azione
dell’Avvisatore Telefonico consiste nell’inviare un Messaggio vocale, a scelta fra i 14 programmabili, ad una serie di 16
Numeri Telefonici al massimo, a scelta fra i 32 programmabili nella pagina Telefono.
I 14 Messaggi Vocali e i 16 Numeri Telefonici possono essere comunque combinati tra loro ed associati ad un
evento qualsiasi. Queste caratteristiche rendono la funzione Avvisatore Telefonico estremamente versatile.
Supponiamo ad esempio di voler inviare un Messaggio Vocale ai Carabinieri in caso di furto, ai Vigili del fuoco in
caso di incendio, alla Società del Gas in caso di fuga di gas ed un’allarme tecnico all’istallatore; inoltre si vogliono
inviare gli stessi messaggi ad altre persone di fiducia.
Per ottenere il funzionamento descritto sopra si devono effettuare le programmazioni schematizzate in figura 55 e
descritte di seguito.
La prima pagina da programmare è la pagina Telefono. In questa pagina, che in pratica svolge le funzioni di un’agenda
telefonica, è possibile memorizzare fino a 32 numeri telefonici con una descrizione utile ad identificare ogni utente.
Questi numeri possono essere utilizzati oltre che dall’Avvisatore Telefonico anche dal Comunicatore Digitale dal Comu-
nicatore Multifrequenza (solo per Centrali con Revisione Firmware inferiore alla 3.0) e per la Teleassistenza.

Telefono Programmare la pagina Telefono nel seguente modo.


 Numero: inserire in questa colonna i numeri telefonici che potranno essere chiamati dall’Avvisatore Telefonico.
Nel nostro caso inseriremo quindi il numero telefonico dei Carabinieri dei Vigili del Fuoco, della Società del Gas,
dell’Istallatore e di chiunque altro meriti la nostra fiducia.
 Descrizione: in questa colonna è possibile inserire una descrizione del numero telefonico (16 caratteri al massi-
mo) utile ad identificare il suo utente. Ad esempio: 112 Carabinieri.
 Usato da: indicherà, una volta programmata la pagina Avvis. Tel., i numeri dell’agenda usati dall’Avvisatore Tele-
fonico.
 La programmazione degli altri parametri di questa pagina dipende dalle caratteristiche dell’istallazione e non sono
significativi in questo contesto.
Una volta memorizzati i numeri telefonici di interesse si passa alla programmazione della pagina Avvisatore Tele-
fonico.

Avvisatore In questa pagina, come vedremo tra breve, è possibile tra le altre cose decidere: i numeri da chiamare per ogni
Telefonico evento verificatosi, la sequenza con cui vengono chiamati i numeri telefonici, i messaggi da inviare di volta in volta,
ecc.. Inoltre da questa pagina è possibile accedere alle finestre Messaggi e Azioni.
Per prima cosa definiamo nella finestra Messaggi i messaggi che vogliamo inviare.
 Messaggi: questa finestra permette di assegnare ai 14 messaggi che la Centrale è in grado di registrare, una de-
scrizione di 16 caratteri al massimo che ne descriva il contenuto.
+ La registrazione, l’ascolto e la cancellazione dei messaggi vocali si effettua tramite una Tastiera di controllo e ne-
cessita del kit OmniaVOX fornito su richiesta.
Nella pagina Avvisatore Telefonico impostiamo i seguenti parametri:
 n. : viene usato nella finestra Azioni per indicare il numero telefonico corrispondente.
 Num.Tel.: inserire in questo campo i Numeri di Identificazione dei numeri telefonici, precedentemente program-
mati nella pagina Telefono, ai quali si vogliono inviare dei Messaggi Vocali.
Si noti che questi numeri non devono necessariamente essere nello stesso ordine definito nella pagina Telefono,
anzi l’ordine qui ridefinito stabilisce le priorità di chiamata. Nel caso in figura ad esempio, il messaggio di furto
verrà inviato prima ai Carabinieri poi in sequenza agli utenti Patrizia, Casa(mare), Nadia e Mio Cellulare. Il numero
telefonico dei Carabinieri verrà chiamato per primo perché ha una priorità maggiore di tutti gli altri.
 Descrizione: in questa colonna apparirà di volta in volta la descrizione del numero selezionato. Il contenuto di
questa colonna può essere modificato solo nella pagina Telefono.
 La programmazione degli altri parametri di questa pagina dipende dalle caratteristiche dell’istallazione e non sono
significativi in questo contesto. Per una descrizione più approfondita degli stessi si veda il capitolo riguardante la
programmazione.
Dalla pagina Avvisatore Telefonico si accede alla finestra Azioni; vediamo ora come programmare correttamen-
te questa finestra.
 Azioni: in questa finestra si definiscono i parametri relativi alle Azioni Avvisatore. Quest’ultime consistono nel
chiamare una serie di numeri telefonici e inviare loro un Messaggio Vocale quando si verifica l’evento a cui sono
associate.

84 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


 n.: è il Numero di Identificazione che deve essere specificato nella pagina Eventi-Azioni per associare l’azione
Avvisatore corrispondente all’evento desiderato.
La riga n. definisce un’Azione Avvisatore Telefonico; questa riga e quindi l’azione si compone delle seguenti parti:
 1...16: Indica i numeri telefonici che devono essere chiamati fra quelli indicati nella pagina Avvisatore Telefonico.
Nel nostro caso il numero 1 corrisponde al numero telefonico dei Carabinieri, il numero 2 ai Vigili del Fuoco, il nu-
mero 3 al Servizio Gas, ecc..
Per ogni azione, che poi nella pagina Eventi-Azioni potrà essere associata ad uno o più eventi, è possibile speci-
ficare quali dei numeri telefonici (1...16) precedentemente impostati nella pagina Avvisatore Telefonico devono
essere chiamati e quale messaggio deve essere inviato. La casella vuota indica che il numero corrispondente non
sarà chiamato; per selezionare i numeri da chiamare fare doppio clic oppure premere il tasto INVIO sulla casella
corrispondente.
 Messaggi: indica il Messaggio Vocale che deve essere inviato per l’Azione Avvisatore che si sta programmando;
inserendo un numero da 1 a 14, nella colonna Descr. Mess. compare il nome assegnato al Messaggio Vocale
nella finestra Messaggi.
 Descr. Azione: è possibile inserire in questa colonna una descrizione di 16 caratteri. Queste descrizioni sono utili per-
ché vengono poi utilizzate, come vedremo tra breve, nella pagina Eventi-Azioni per facilitare la programmazione.
Facendo riferimento all’esempio riportato in figura 55 l’azione n. 6 (guasto del Fusibile +B) consiste nell’inviare il
messaggio precedentemente registrato come "Guasto fusibile +B" ai numeri telefonici n. 7 (Mio cellulare), n. 9
(Istallatore Uff.) e n. 10 (Istallat. cell.).

Figura 55 Le pagine utilizzate per la programmazione dell’Avvisatore Telefonico.

APPLICAZIONI 85
Analogamente l’azione n. 5 (Allarme allagamento) consiste nell’inviare il messaggio registrato con il nome "Allaga-
mento" ai seguenti numeri telefonici: n. 4Patrizia), n. 5 (Casa mare), n. 6 (Nadia), n. 7 (Mio cellulare) e n. 8 (Ufficio
Succursale). Si noti che le chiamate sono effettuate rispettando la priorità di ciascun numero.
Abbiamo visto, negli esempi ora proposti, in che cosa consistono le azioni Avvisatore Telefonico; affinché queste
azioni vengano attivate è però necessario che esse siano associate ad uno o più eventi. Vediamo ora come fare
per associare le azioni dell’Avvisatore Telefonico agli eventi.

Eventi-Azioni In questa pagina vengono associati gli eventi alle azioni dell’Avvisatore Telefonico.
 Avvis.Tel. (ON/OFF): come è possibile notare dalla figura 55 nelle colonne ON e OFF relative all’Avvisatore Tele-
fonico vanno inseriti rispettivamente i Numeri di Identificazione delle azioni che l’Avvisatore Telefonico deve ese-
guire quando si verifica e quando termina l’evento corrispondente. Per facilitare questa operazione è possibile
utilizzare nel modo di seguito descritto il menù Azioni Avvis.Tel. presente nella parte destra della pagina.
 Azioni Avvis.Tel.: questo menù si compone di due parti, la parte superiore si riferisce alle azioni che l’Avvisatore
Telefonico deve eseguire quando si verifica l’evento selezionato, mentre la parte inferiore si riferisce alle azioni
che l’Avvisatore Telefonico deve eseguire quando termina l’evento selezionato. Sia la parte superiore che quella
inferiore riportano la Descrizione delle Azioni dell’Avvistore Telefonico cosi come le abbiamo inserite nella finestra
Azioni della pagina Avvis. Tel..
Vediamo come fare nel caso si voglia associare all’evento Allarme furto Magazzino l’azione Furto Magazzino
quando questo va in allarme e l’azione Riprist. Allarme quando l’allarme termina.
 Selezionare l’evento.
 Selezionare la voce Allarme Magazzino nella parte superiore del menù Azioni Avvis.Tel..
 Selezionare la voce Ripristino Allarme nella parte inferiore del menù Azioni Avvis.Tel..
La conseguenza di questa programmazione sarà:
 l’invio del messaggio Furto magazzino ai numeri programmati per questa azione (Carabinieri, Patrizia, Casa al
mare, Nadia, Mio Cellulare) quando si verificherà l’evento Allarme furto Magazzino;
 l’invio del messaggio Ripristino Allarme, ai numeri selezionati per questa azione (Carabinieri, Patrizia, Casa al
mare, Nadia, Mio Cellulare) una volta terminato l’allarme.
Analogamente, facendo riferimento agli esempi precedentemente proposti, assoceremo le Azioni Avvisatore Tele-
fonico n. 5 e n. 6 rispettivamente agli eventi Allarme 24h Area 1(Magazzino) e Guasto fusibile +B.
+ È possibile, una volta programmata questa pagina, leggere nella finestra Azioni della pagina Avvis. Tel. a quale
evento della pagina Eventi-Azioni è effettivamente collegata l’azione dell’Avvisatore Telefonico selezionata; per
far ciò, selezionare il pulsante Eventi della finestra Azioni della pagina Avvis. Tel..

86 Centrale Multifunzione Espandibile Omnia/S


Sospensione degli allarmi mediante Attivatore
A volte può capitare che a causa di una disattenzione propria o di altri si verifichi un allarme indesiderato. In questo
caso è necessario fermare immediatamente sia le uscite (es. Sirene) che le telefonate attivate dall’allarme.
Un modo molto pratico per fermare questi allarmi e quello di utilizzare un attivatore valido abilitato sull’Area in Al-
larme.
Infatti quando si verifica un allarme di Zona o di Area è possibile, per mezzo degli Attivatori, forzare a riposo l’e-
vento inserendo un Attivatore valido, abilitato sull’Area in allarme, in un Inseritore abilitato sulla stessa Area.
Questa operazione è in grado quindi di fermare le uscite, che nel nostro caso saranno collegate ad esempio a del-
le Sirene, ma non di cancellare le telefonate generate dall’evento di allarme.
Per fare in modo che l’inserimento dell’Attivatore oltre a fermare le uscite cancelli anche le telefonate da effettuare
si esegua la seguente programmazione.

Premesse Supponiamo di utilizzare i seguenti oggetti della Centrale:


 Evento n. 256: Attivatore valido su Area 1;
 Uscita n. 4: Corrispondente al morsetto [OC2] dell’Unità Centrale;
 Zona n. 6: corrispondente al morsetto [L6] dell’Unità Centrale.
Allora, i collegamenti da realizzare sono quelli mostrati in figura 56 e le programmazioni relative quelle riportate di
seguito.

Eventi/Azioni Programmare l’evento n. 256 Attivatore valido su Area 1 nel seguente modo:
 Uscite ON: 4.

Uscite Programmare l’uscita n. 4 nel seguente modo:


 Tipo: Monostabile;
 Attributi: Normalmente Chiusa
;
 Durata: Tempo di On 1Sec.

Zone Programmare la Zona n. 6 nel seguente modo:


 Comando: Cancella Telefonate
;
 Bilanciamento: Normalmente Chiusa;
 Sensibilità: Standard;
Con questo tipo di programmazione l’inserimento di un’Attivatore valido abilitato su un insieme di Aree, in un Inse-
ritore abilitato sullo stesso insieme, provocherà la cancellazione delle telefonate di allarme e la sospensione degli
eventi di Allarme.
+ Se all’estrazione dell’Attivatore persistono delle condizioni di allarme, la loro segnalazione riprenderà tramite le
azioni programmate (attivazione uscite, telefonate, ecc.).

+ La sospensione dell’evento di allarme mediante l’inserimento di un’Attivatore valido è possibile solo sugli eventi Al-
larme di Zona e di Area e non sugli eventi Allarme di Centrale, a meno che non sia abilitata l’opzione Abilita bloc-
co allarme di centrale con attivatore valido (v. Par. "Opzioni" nel capitolo "PROGRAMMAZIONE").

+ Se sono abilitati ad agire sulla stessa uscita sia allarmi di Area sia allarmi di Centrale, ad esempio Allarme gene-
rico Area n. ed Allarme generico Centrale, dobbiamo tener presente che, qualora entrambi gli allarmi siano atti-
vi, l’inserimento dell’attivatore farà terminare l’evento Allarme generico Area n. ma non l’evento Allarme
generico Centrale quindi la nostra uscita (es.Sirena) rimarrà attiva.

+ La soluzione descritta in questo paragrafo sospende l’evento di allarme e quindi ferma l’eventuale uscita associata
ma non effettua la cancellazione delle memorie di allarme. Per fare ciò si deve usare il comando Reset allarmi
presende nel MENU UTENTE delle Tastiere. La cancellazione delle memorie di allarme avverrà comunque al suc-
cessivo inserimento delle Aree.

Figura 56 Schema per la sospensione degli allarmi tramite Attivatore.

APPLICAZIONI 87
BENTEL SECURITY s.r.l.
C.da Ravigliano; Z.I. S. Scolastica
64013 CORROPOLI (TE) - ITALY
Tel.: +39 0861 839060
Fax: +39 0861 839065
e-mail: info@bentelsecurity.com
http://www.bentelsecurity.com ISTOMNIAINS 6.1 020703 V4.2