Sei sulla pagina 1di 1

Di Paesi&Città

FATTI • PROBLEMI • PERSONE A destra, un momento della “notte


della ricerca” (foto Antonio
Massariolo); in basso, immagini della
protesta davanti al Bo,
a cui ha partecipato anche il rettore
Giuseppe Zaccaria (foto Carlo Calore).

UNIVERSITÀ DI PADOVA CONTINUA LA PROTESTA DI PROFESSORI E RICERCATORI (MA ANCHE DEL RETTORE) CONTRO IL DDL GELMINI

Urge una riforma, ma non... questa


Spostato anche l’inizio dell’anno accademico dal 1° al 7 ottobre
■ Certo non capita tutti i scientifiche: in condizioni
giorni di vedere ricercatori appena normali probabil-
e professori universitari pa- mente saremmo i primi.
dovani, normalmente piut- Anche queste classifiche ri-
tosto compassati, organizza- prese dai giornali, che collo-
re scioperi della fame e ma- cano sistematicamente le
nifestazioni; addirittura il 1° università italiane al di fuori
settembre li si è visti sfilare dei primi posti a livello
– il rettore in prima fila – mondiale, spesso a ben ve-
con tanto di megafono e ad- dere sono dovute al sottofi-
dobbati come uomini nanziamento del sistema.
sandwich, recando slogan Finora siamo riusciti a fare
come “meno università = miracoli, con le ultime di-
più ignoranza e meno svi- sposizioni però c’è il rischio
luppo”; il 15 settembre poi è di conseguenze irreversibili,
stata la volta della “notte o recuperabili in 30-40 an-
della ricerca” con diparti- ni. Non so se il paese se lo
menti, laboratori e bibliote- può permettere».
che aperte fino a notte inol- Quali saranno le vostre
trata e un happening in tagli che avevamo già de- nei servizi poi neanche a gli atenei – come Padova – della fondazione Univeneto prossime iniziative?
piazza dei Signori. L’ateneo nunciato nel 2008 e che parlarne». di fatto più virtuosi». tra Padova, Verona e Vene- «Padova è una delle poche
patavino, si sa, nei secoli ha stanno iniziando ad avere i Eppure sono in molti a Quali sono le vostre pro- zia potrebbe aprire prospet- università che ha organizza-
fatto della sobrietà e dell’un- loro effetti. Da ultimo, come dire che la situazione co- poste? tive promettenti. Infine, se to la protesta in forma an-
derstatement il suo stile; beffa finale, nella finanziaria sì com’era non andava. «Siamo i primi a sostenere proprio si vuole risparmia- che istituzionalizzata, con
stavolta però si trova capofi- approvata la scorsa estate «L’aspetto paradossale è che che l’università vada rifor- re, perché non partire dalle l’appoggio del senato acca-
la nella protesta. Cosa sta vengono colpiti gli stipendi, gli interventi degli ultimi an- mata, e al riguardo abbiamo microuniversità e soprattut- demico. Intanto l’inizio
succedendo? in particolare quelli dei gio- ni non hanno fatto che peg- due o tre idee forti. La pri- to dalle tante università on- dell’anno accademico è sta-
«Da almeno una quindicina vani». giorare la situazione, senza ma è l’autonomia universi- line che sono pullulate negli to rinviato dal 1° al 7 otto-
d’anni avvertiamo una si- Insomma, la solita prote- per altro toccare i nodi criti- taria, che finora è stata ultimi anni, col sostegno de- bre, per sottolineare l’anor-
tuazione di disagio crescen- sta corporativa? ci. Prendiamo il blocco degli monca, la quale però deve gli ambienti politici ed eco- malità della situazione. Il 30
te dell’università – risponde «Stavolta la situazione è di- stipendi: a essere colpiti essere accompagnata da nomici locali?». settembre dovrebbe svolger-
Giulio Peruzzi, professore versa, siamo quasi al collas- non saranno certo i ”baro- una piena responsabilità: bi- L’università italiana è si un corteo per le strade
associato di storia della fisi- so. I tagli al fondo ordinario, ni”, bensì proprio i ricerca- sogna far partire una vera proprio da buttare? della città fino al palazzo del
ca, delegato del rettore alla che garantisce il finanzia- tori più giovani e motivati, valutazione fatta da «Credo proprio di no. Certa- Bo, accompagnato da una
comunicazione della cultu- mento pubblico delle uni- che avranno un taglio che un’agenzia indipendente, mente ci sono i casi di mal- serie di iniziative fantasiose.
ra scientifica e tra i princi- versità, sono pazzeschi: il può arrivare al 34 per cento sulla base della quale ripar- costume, ripresi giustamen- L’idea è sempre quella di
pali coordinatori della pro- 15 per cento in meno l’anno dopo tre anni per i neoas- tire i finanziamenti tra gli te dai media, ma penso che saltare il fossato che a volte
testa – Il disegno di legge prossimo, 1 miliardo e 300 sunti, a prescindere dal me- atenei. Secondo: sviluppare nel complesso siano piutto- ci divide dalla gente e far ca-
Gelmini (che è stato appro- milioni su base nazionale. rito individuale. Quanto ai le sinergie tra le università sto isolati. Con le risorse tra pire come l’università pub-
vato al senato e attende di Di questo passo dubitiamo tagli infrastrutturali, ancora più importanti per fare si- le più basse in occidente blica sia una risorsa per tut-
essere esaminato dalla ca- di riuscire a pagare gli sti- una volta essi si applicano stema, aumentare la qualità siamo al quarto-quinto po- ti, in particolare in una città
mera) è solo uno dei capito- pendi. E di investimenti in maniera orizzontale e in- e diminuire i costi. In que- sto al mondo per numero e come Padova».
li, al quale si aggiungono i nell’edilizia, nella ricerca e discriminata, penalizzando sto senso, la costituzione qualità delle pubblicazioni pagina di Pietro Rossan

STORIE E OPINIONI DEI RICERCATORI


Ma l’accoglienza
Saremo precari per sempre? dei nuovi studenti
non si ferma
■ «Certo il ddl Gelmini non è no appena nato: è la speranza su sono peggiorate. Quando escono ■ Nonostante la crisi e le proteste
tutto da cestinare, ma presenta cui si fonda il nostro futuro». i bandi per insegnare in Germa- l’ateneo patavino non rinuncia
diversi aspetti dubbi e allarman- Una cosa va sottolineata: l’uni- nia e in Inghilterra ignorarli di- comunque ad accogliere i neostudenti
ti – sottolinea Cinzia Sada (foto versità pubblica fa ricerca per venta sempre più difficile». per il suo 789° anno di fila.
a destra), fisica e ricercatrice tutti, anche quella che non è fi- Ma cosa dicono gli utenti? «Gli Il 1° ottobre si terrà la prima edizione di
universitaria con oltre 130 pub- nalizzata immediatamente a un studenti non hanno una posizio- “Unincontro”: la mattina nell’aula magna
blicazioni all’attivo, delegata del ritorno economico. «Pensiamo ne miope e quindi, nonostante i di palazzo Bo avranno luogo una serie di
rettore alla promozione delle soltanto al campo delle malattie disagi, appoggiano le rivendica- interventi, con la partecipazione di
opportunità dei giovani ricerca- rare, che le compagnie farma- zioni dei ricercatori – risponde personaggi come David Riondino, Ilvo
tori – La figura del ricercatore ceutiche non hanno convenien- Gianluca Pozza, presidente del Diamanti e lo scrittore Romolo
universitario viene definitiva- za ad affrontare». consiglio degli studenti – A una Bugaro, che avranno come denominatore
mente precarizzata, con con- “Cervello di rientro”, quattro condizione però: che non si trat- comune quello di informare i ragazzi
tratti prorogabili fino a un mas- anni fa Dall’Agata ha rinunciato ti di una protesta corporativa». e di invitarli a riflettere sul modo
simo di otto anni: al termine, se alle possibilità di insegnare in Quali sono i timori e le paure? migliore di intraprendere il loro percorso
il ricercatore consegue l’abilita- altrimenti si rischia di favorire Germania per tornare a Padova; «Oggi, a causa dei tagli, ci trovia- di studi; la sera, invece, in sala dei
zione scientifica e viene valutato non i più bravi, bensì solo chi in questo momento aspetta di mo a fronteggiare l’aumento del- Giganti al Liviano, verrà proposto
positivamente dall’ateneo, viene potrà permettersi di aspettare. partecipare a un concorso per le tasse e il taglio dei servizi. La lo spettacolo Ercole in Polesine di
definitivamente inquadrato co- In Europa il principio applicato professore associato bandito più stretta sui corsi di studio – pur Natalino Balasso (ore 21).
me professore associato, altri- è quello del tenure track, in cui di 2 anni fa: «Non si tratta solo giustificabile – rischia inoltre di Nel frattempo alle matricole è stata già
menti a 40 anni rischia di ritro- si garantisce un futuro certo a di una questione economica e di generare un impoverimento distribuita la nuova edizione di Studiare
varsi in strada». chi ha rispettato comunque tutti prestigio, ma anche di poter in- dell’offerta formativa: quest’an- a Padova, la guida-agenda da consultare
Nessuno poi garantisce nemme- gli obiettivi». fluire attivamente sulla propria no ad esempio è stato chiuso il e riempire di appunti, riflessioni e ricordi,
no che le procedure per conse- Gianguido Dall’Agata (foto a de- ricerca. Io sono tornato in Italia corso di geografia, l’unico di tut- seguendo il ritmo del calendario
guire l’abilitazione siano a fre- stra) è ricercatore universitario; anche per essere utile al mio to il Triveneto». accademico (www.unipd.it/
quenza annuale, così come è fisico teorico con esperienze in paese, ultimamente però le cose Il problema è che le riforme si studiareapadova). L’edizione di
stato promesso. «Il problema Germania, Francia e al Cern di succedono ormai da vent’anni: quest’anno in particolare è arricchita da
non è avere il posto garantito Ginevra, si sta occupando di un «Gli studenti ogni due anni ve- tavole d’autore originali ispirate agli
per legge, i giovani vogliono solo argomento ambizioso: quello dono i loro ordinamenti cambia- articoli della Convenzione europea dei
che il merito sia premiato. Ho dell’unificazione di tutte le forze re perché ogni ministro fa la sua diritti dell’uomo, adottata a Roma il 4
fatto un sondaggio tra un centi- in un’unica formula matemati- riforma; alla fine però ci sono novembre 1950.
naio di dottorandi e assegnisti: ca, il sogno di Einstein. Ma che sempre gli stessi problemi, a co- Dal 30 settembre al 3 ottobre sarà
la maggioranza valuterebbe un ricadute hanno per la comunità minciare dai baroni e dallo scar- invece la volta di “Younivercity 2010”, il
lungo periodo di contratti a ter- ricerche del genere? «Innanzi- so collegamento col mondo del secondo forum per il diritto allo studio
mine, purché a obiettivi raggiun- tutto soddisfano la nostra curio- lavoro. Anche se quest’ultimo universitario organizzato dall’Esu di
ti con successo vi sia la garanzia sità, la nostra sete di conoscen- fatto, bisogna riconoscerlo, è Padova (www.yucforum.eu/esu): quattro
del rinnovo, su basi saldamente za. La ricerca pura inoltre pre- dovuto solo in parte alla respon- giorni di convegni, eventi sportivi e
meritocratiche. Attenzione va para le soluzioni per i problemi sabilità dei professori, bensì an- musicali che coinvolgeranno tutta la
rivolta inoltre a non esagerare che si porranno domani; è come che a quella del mondo econo- città.
con i paletti burocratici, perché chiedere a cosa serve un bambi- mico».