Sei sulla pagina 1di 1

Commento al Vangelo di domenica 30 ottobre 2011 Uno solo la vostra guida, il Cristo Mt 23,1-12 Nel Vangelo di questa settimana,

, lultima prima dellAvvento, Ges attacca duramente quei farisei che si erano seduti sulla cattedra di Mos. Il rimprovero pi sferzante che Ges rivolge loro quello dellipocrisia; Egli per non si rivolge solo a loro, ma a tutti noi. I Farisei erano credenti come noi, forse migliori di noi; essi per, forse per paura della giustizia divina, tendevano a sostituire alla fede del cuore una concezione legalistica della religione e dei suoi comandamenti. Allo stesso tempo per sfruttavano la loro abilit nel ragionare per creare delle scappatoie ed aggirare cos la legge che essi stessi idolatravano. qui che si manifesta lipocrisia: chi ha spirito farisaico mente a se stesso e inganna gli altri. Egli ha tutta lapparenza della vera fedelt al Signore, ma in realt la religione che testimonia estranea allavventura della fede, e anzich condurre gli uomini a Dio non fa che attirare gli sguardi su di s; senza neppure avvedersene egli in tutto ci che fa cerca soltanto di farsi notare. Perch laccusa di ipocrisia viene rivolta pi spesso ai cristiani che non agli altri? Lideale cristiano certamente molto elevato, ma perch si accusano i cristiani di affermare con le parole quello che smentiscono poi con i fatti? Forse perch lipocrisia costituisce la tentazione per eccellenza di tutti coloro che vogliono percorrere il cammino della fede. Non bisogna quindi scandalizzarsene, ma vedere in essa uno dei limiti a cui siamo sottoposti. Nella nostra realt di cristiani, lipocrisia prende poi a volte le sembianze del clericalismo, che consiste nel vedere nella Chiesa e in particolare nei suoi pastori un mera strttura che di potere, che va apparentemente blandita e nella realt svuotata di contenuti. Cosa cerchiamo quindi nella nostra vita: la vicinanza con Dio, oppure il successo e lammirazione degli altri? E che posto ha la religione in questa nostra ricerca: uno strumento di elevazione oppure di riuscita sociale? Di fronte a questi interrogativi Ges questa settimana torna a scuoterci, obbligandoci ancora una volta a metterci in discussione. Daniele e Roxana (Per il Fo.par. della Parrocchia di S. Stefano d'Ungheria, Padova)