Sei sulla pagina 1di 15

Corso di Laurea in

LAM/ORU

Corso in
ORGANIZZAZIONE AZIENDALE
Lezione 7

Anno Accademico
2016/2017
TEORIE ORGANIZZATIVE

II PARTE
RELAZIONI UMANE, SISTEMI
SOCIOTECNICI, INFORMAZIONE
E ORGANIZZAZIONE
La teoria dei sistemi sociotecnici

Contesto
Critiche allOSL e messa in discussione della one best way
Evoluzione concezione organizzazione come sistema aperto

Origine:
ricerche promosse nel dopoguerra dal Tavistock Institute of
Human Relations di Londra a partire dalle miniere di carbone
Tirst e Bamforth, Emery, Burns e Stalker, Miller e Rice

Diffusione e applicazione:
Inizialmente in industrie di processo (miniere, chimica,
siderurgia, tessile) poi anche produzione di serie (es. Volvo) e
nei servizi.
Movimenti quali Industrial democracy norvegese e Quality of
working life (US e Svezia)

3
Origine: le ricerche sulle miniere di carbone
Contesto:
Settore strategico economia inglese
Meccanizzazione delle lavorazioni
Applicazione dei principi OSL
Specificit del lavoro in miniera: ambiente rischioso per
operatori, condizioni di lavoro penalizzanti, richiede
tempestivit di risposta, affiatamento.

Risultati insoddisfacenti
dal punto di vista industriale e sociale

Ricerca comparativa su miniere


che adottavano soluzioni organizzative diverse.
4
Le ricerche sulle miniere di carbone /1

Tre diversi modelli organizzativi a confronto:


A. Organizzazione tradizionale
(lavorazione a parete corta con postazioni singole):
Tecnologie di lavoro tradizionali, prevalentemente manuali (pala, piccone)
Fronti di scavo corti
Lavoro a squadra (minatore provetto, aiutante, manovale)
Responsabilit sui risultati (obiettivi e retribuzione condivisi)

Pregi:
Massima flessibilit gestione attivit
Pronta gestione imprevisti
Coesione e fiducia tra i componenti della squadra
Limiti:
Rivalit tra le squadre
Inefficienza: capacit produttiva limitata

5
La ricerca sulle miniere di carbone /2

B. Organizzazione convenzionale - OSL


(lavorazione meccanizzataa parete lunga) :
Tecnologie meccanizzate di scavo e di movimentazione
Fronte di scavo lungo (160-180 metri)
Ciclo di lavorazione di 24 ore, su tre turni e obiettivi definiti
Nuova organizzazione:
Unit di 41 addetti
Mansioni e retribuzioni differenziate
Livelli gerarchici
Potenziamento delle funzioni di staff

Pregi:
Coerenza con meccanizzazione
Aumenta produttivit

Limiti:
Produttivit effettiva inferiore alle attese
Assenteismo e turnover elevati
Critiche e scioperi

6
La ricerca sulle miniere di carbone /3

C. Organizzazione composita (lavorazione meccanizzata,


a parete lunga con gruppi autonomi di lavoro) :
Tecnologie di lavoro sostanzialmente invariate
Revisione dellorganizzazione:
Unit di dimensione variabile attorno ai 40 addetti
Operatori multiskilled
Retribuzione di squadra
Gruppi autonomi di lavoro

Pregi:
Coerenza con meccanizzazione
Flessibilit e gestione imprevisti
Maggiore produttivit
Minore assenteismo
Migliori relazioni

Limiti:
Atteggiamenti e comportamenti difficili da promuovere per lavoratori
Posizione avversa del management e dei sindacati

7
Confronto tra le due soluzioni
organizzative
Organizzazione Organizzazione
convenzionale composita
SISTEMA SOCIALE
N addetti 41 41
N gruppi con compiti nettamente separati 14 1
Variazione media dei compiti svolti
gruppi di attivit svolte 1,0 5,5
principali compiti eseguiti 1,0 3,6
turni diversi in cui ha lavorato 2,0 2,9
PRODUTTIVIT

Produzione ottenuta (% del potenziale teorico) 78 95


Lavoro ausiliario in superficie (ore per
uomo/turno)
1,32 0,03
% turni in ritardo sul ciclo di lavoro 69 5
ASSENTEISMO 20,0 8,2
Fonte: Trist et al., 1963 8
Lapproccio sociotecnico:
Teoria dellorganizzazione

Sistema sociale Sistema tecnico


Configurazione dei Strumenti, ambiente
rapporti tra persone di lavoro, tecnologie

Lorganizzazione come
sistema sociotecnico
Goodness of fit tra dimensioni tecniche e sociali
Joint optimization
Organizational choice

9
Lapproccio sociotecnico:
Metodo di analisi e di intervento

Focus sul primary work system: insieme delle attivit umane e


componenti tecniche necessarie per realizzare il compito affidato
a una certa unit organizzativa
Passi e strumenti di analisi e riprogettazione organizzativa:
i. Individuazione del work system
ii. Individuazione delle operazioni unitarie : attivit e risorse che portano a
un risultato intermedio
iii. Analisi approfondita con rilevazione di compiti, variabili da controllare,
informazioni, percezioni operatori, ruoli coinvolti, competenze necessarie
iv. Analisi delle varianze chiave, ovvero gli imprevisti, reazione degli
operatori e modalit di reazione e intervento per controllarle
v. Ri-progettazione di attivit, supporti tecnici, flussi informativi, compiti,
ruoli e competenze con lobiettivo di trovare una soluzione soddisfacente
in termini di prestazioni e di sistema sociale

Modalit di intervento
Participant design
Action research

10
Lapproccio sociotecnico:
Criteri di progettazione organizzativa

Unit organizzativa di base: work system e


gruppo di lavoro
Privilegiare autoregolazione interna

Ridondanza e molteplicit di funzioni

Aumento della variet dei compiti e competenze

Riconoscimento della discrezionalit operatori

Complementariet tra persone e macchina

11
Un nuovo paradigma organizzativo
Paradigma tradizionale (OSL) Nuovo paradigma (STS)
imperativo tecnologico ottimizzazione congiunta di tecnologia e
elementi sociali
gli individui visti come appendici della Le persone viste come complementari
macchina alla macchina
gli individui visti come parti di ricambio i soggetti sono risorse da sviluppare

massima suddivisione dei compiti; ottimizzazione dellinsieme dei compiti;


competenze e capacit semplici competenze e capacit ampie
controllo esterno (supervisori, specialisti, controllo interno (sistemi autoregolati)
procedure)
organizzazione gerarchica a molti livelli; organizzazione con pochi livelli;
stile autocratico stile partecipativo
competizione tra individui e gruppi; collaborazione;
organizzazione come gioco tra parti collegialit
focalizzazione solo sugli obiettivi considerazione anche degli obiettivi dei
dellimpresa membri dellimpresa e della societ
alienazione impegno

bassa assunzione di rischio innovazione

12
Un esempio: passi previsti nella progettazione di un
nuovo impianto

Approccio tradizionale Progettazione congiunta

BUDGET PROGETTO
TECNICO
PRESA IN CARICO
DI ASPETTI
PROGETTO SOCIALI E
TECNICO ORGANIZZATIVI

COSTRUZIONE
DELL FATTIBILITA
FINANZIARIA
ORGANIZZAZIONE
OBIETTIVI PIU
AMPI:
GESTIONE DELLE posizionamento
CONSEGUENZE strategico
SOCIALI piani aziendali
effetti a lungo
termine

13
Sistemi socio-tecnici: eredit e contributi

Concetto di sistema socio-tecnico: un concetto ancora


oggi valido, adattivo, evolutivo e flessibile.

Modalit di intervento: participatory design e action


research.

Coinvolgimento operatori nella riorganizzazione del lavoro


movimenti QWL e -industrial democracy.

Influenza i successivi approcci gestionali sul tema della


tecnologia, inoltre numerosi ambiti di intervento
organizzativo es. sistemi informativi.

14
Limiti del modello sociotecnico

Lapproccio sociotecnico stato applicato interamente in rari


casi per lelevato tempo richiesto per lanalisi, complessit
dellintervento a fronte di esigenze di soluzione rapida.

Anche dove stato applicato, spesso stato successivamente


rimesso in discussione per:
Elevata responsabilizzazione degli operatori e alta assunzione di
rischio da parte dellazienda
Reazioni delle strutture gerarchiche e di staff che perdono il
controllo del processo di lavoro

15