Sei sulla pagina 1di 1

Alzheimer e altri conflitti

04/03/2008

Anna Maria da Morgano

Categoria/Argomento: Sistema Nervoso - Malattie mentali Psicosi


Richiesta
Ho una parente affetta dal morbo di Alzhaimer in uno stadio avanzato. Non cammina
non parla, solo del mugolii completamente non autosufficente. L'unica cosa che fa
ancora mangiare, ovviamente imboccata e cibo frullato.Ha iniziato circa 8 anni fa.
Negli ultima mesi ogni tanto si copre di macchie rosse sulle mani e sulla schiena, la
diagnosi stato allergia, per non risultato da cosa. Oltre a questo da circa 10
giorni ha tosse grassa, vive in una casa di riposo e le stanno somministrando
antibiotici. Visto che dal quel che ho letto non dovrebbe avere conflitti perch non
pi in grado di capire, se possibile mi spiegate cosa pu essere e se sono in grado
di aiutarla?
Scusate se non sono stata chiara nella descrizione. Vi rigrazio tanto.
Un caro saluto. Anna
Risposta
Cara Anna Maria,
puoi trovare la risposta gi pubblicata in rubrica.. Ti riporto la risposta per praticit e
aggiungo le altre parti che chiedi: lAlzhaimer riguarda fondamentalmente la
corteccia sensoriale (in CA si ha riduzione funzionale e di tessuto e in Pcl ripara
ripristinando la funzione e lasciando alla fine un resto cicatriziale. Questa cicatrice
non comporta problemi funzionale, ma se la persona continua a fare recidive, allora
alla fine il ripristino della funzionalit si riduce sempre pi e alla fine la persona non
riconosce pi nemmeno il figlio.
Il conflitto riguarda il "sentirsi separati da qualcuno, rottura di contatto". Spesso
quello che si osserva il quadro finale dove la persona ha vissuto molte volte questa
sensazione di separazione e in effetti non c' molto da fare. Quello che pu
"consolare" sapere che non qualcosa di sbagliato che fa la natura ma il tentativo
di aiutare quella persona, che, non ricordando pi nulla, non soffre pi per chi gli
manca. Se provi ad osservare la persona che ha il problema, lasciando a parte il tuo
dolore, puoi effettivamente riscontrare che non la persona a soffrire davvero,
quanto, al limite, le persone che le stanno attorno.
Le macchie rosse sono delle momentanee soluzioni a questa sensazione di rottura di
contatto (magari anche solo proprio fisica dovuta al fatto che qualcuno la tocca). E la
tosse grassa una soluzione (se lei destrimane) di una sensazione di territorio
minacciato.
Rispetto al fatto che lei non abbia pi conflitti per il fatto di non essere pi in grado
di capire, non so dove tu labbia letto e se hai letto bene. Il fatto che una persona
non sia pi in grado di interagire col mondo, magari la pu proteggere un po da
alcune conflittualit, ma ci non toglie che finch respira, sente e il fatto che noi non
abbiamo accesso al suo mondo interiore, non comporta assolutamente che lei non lo
abbia. Spero che chi le sta vicino possa tenere conto di questo fatto e trattarla con
tutto lamore che pu anche se non riesce ad avere in cambio il suo sorriso o
magari, ad un certo punto, pu addirittura scorgerlo in qualche piccolo bagliore dei
suoi occhi.