Sei sulla pagina 1di 297

Universit`a degli Studi di Brescia

Facolt`a di Ingegneria
CORSO DI LAUREA IN
INGEGNERIA INFORMATICA
E IN INGEGNERIA
ELETTRONICA E DELLE
TELECOMUNICAZIONI
FISICA SPERIMENTALE I
Meccanica e Termodinamica
APPUNTI DELLE LEZIONI
Docente: Prof. Giorgio Sberveglieri
Assistenti al Corso: Dr. Andrea Ponzoni,Dr.ssa Camilla Baratto
Dr. Maurizio Donarelli

A.A. 2015-2016

Indice

Indice
1 Introduzione

2 Misure e unit`
a di misura

Precisione e cifre significative . . . . . . . . . . . .

Grandezze e unit`a fondamentali . . . . . . . . . . .

Sistemi di riferimento (invarianza delle leggi fisiche)

Angoli piani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3 Vettori

Somma e differenza di vettori . . . . . . . . . . . .

Moltiplicazione di un vettore per uno scalare . . . .

11

Componenti di un vettore . . . . . . . . . . . . . .

11

Prodotto scalare . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

Prodotto vettoriale . . . . . . . . . . . . . . . . .

14

Matrici e determinanti . . . . . . . . . . . . .

16

Derivata di un vettore . . . . . . . . . . . . . . . .

16

4 Equilibrio di un corpo rigido

19

Momento di una forza (momento meccanico) . . . .

19

Momento di pi`u forze concorrenti . . . . . . . . . .

21

Coppia di forze . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

Composizione di forze parallele . . . . . . . . . . .

23

Centro di Massa . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

25

ii

Indice

Equilibrio di una particella . . . . . . . . . . . . .


Equilibrio di un corpo rigido . . . . . . . . . . . .
5 Cinematica
Moto rettilineo: velocit`a . . . . . . . . .
Moto rettilineo: accelerazione . . . . . .
Moto rettilineo uniforme . . . . . . . . .
Moto rettilineo uniformemente accelerato
Moto curvilineo: velocit`a . . . . . . . .
Moto curvilineo: accelerazione . . . . .
Corpi in caduta libera . . . . . . . . . .
Moto con accelerazione costante . . . . .
Moto dei proiettili . . . . . . . . . . . .
Accelerazione tangenziale e normale . .
Moto circolare:velocit`a . . . . . . . . . .
Moto circolare: accelerazione . . . . . .
Moto curvilineo generico nel piano . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

6 Dinamica di una particella


Principio di inerzia (Prima legge di Newton) . . .
Massa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Quantit`a di moto . . . . . . . . . . . . . . . . .
Principio di conservazione della quantit`a di moto
Seconda e Terza Legge di Newton . . . . . . . . .
Forze di attrito . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

27
28

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

29
30
31
34
34
38
40
41
43
45
47
49
51
54

.
.
.
.
.
.

56
56
58
60
61
63
69

iii

Indice

Moto curvilineo . . . .
Momento della quantit`a
Forze centrali . . . . .
Leggi di forza . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . .
di moto (Momento angolare)
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . .

7 Lavoro ed Energia
Risoluzione dellequazione fondamentale della dinamica

Lavoro . . . . . . . . . . . .
Potenza . . . . . . . . . . .
Energia Cinetica . . . . . . .
Lavoro di una forza costante
Energia Potenziale . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
Moto piano in un campo di forze centrali .

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
Conservazione dellenergia meccanica di una particella .
Moto rettilineo sotto lazione di forze conservative . .
Moto in un campo di forze centrali . . . . . .
Discussione sulle curve della energia potenziale
Forze non conservative . . . . . . . . . . . . .
8 Dinamica di un sistema di particelle
Moto del centro di massa . . . . . . . . . . .
Leggi del moto di un sistema di particelle . .
Massa ridotta . . . . . . . . . . . . . . . . .
Momento angolare di un sistema . . . . . . .
Momento angolare nei sistemi di riferimento C

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
e

77
78
81
82

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

84
84
85
89
91
94
96
104
105
108
110
113
117

. .
. .
. .
. .
L

121
121
122
127
129
133

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

iv

Indice

Energia Cinetica di un sistema . . . . . . . . . . . 137


Conservazione dellenergia di un sistema di particelle 138
Energia interna di un sistema . . . . . . . . . . . . 141
Relazione tra lenergia cinetica nei sistemi C e L . . 142
Riassunto delle relazioni valide per i sistemi di particelle143
9 Urti

145

Impulso e quantit`a di moto . . . . . . . . . . . . . 146


Conservazione della quantit`a di moto nei processi di
urto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
Esempio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
Urti in una dimensione . . . . . . . . . . . . . . . 150
Urti elastici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
Urti anelastici . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
Il pendolo balistico . . . . . . . . . . . . . . . 154
Sistema di riferimento del centro di massa . . . . . 155
10 Corpo rigido

159

Momento angolare di un corpo rigido . . . . . . . . 161


Assi principali di un corpo rigido . . . . . . . 163
Calcolo dei momenti di inerzia . . . . . . . . . . . 164
Teorema di Steiner o degli assi paralleli (Teorema di Lagrange) . . . . . . . . . . . . 165
Raggio giratore di un corpo . . . . . . . . . . 167
Momento di inerzia di una lamina piana sottile 168

Indice

Momento di inerzia di una sbarra sottile omogenea . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169


Equazione del moto rotatorio . . . . . . . . . . . . 170
Energia cinetica di rotazione . . . . . . . . . . . . 171
Moto di rotolamento senza strisciamento . . . . . . 173
11 Gravitazione

177

Dinamica planetaria . . . . . . . . . . . . . . . . . 179


Massa inerziale e massa gravitazionale . . . . . . . 183
Energia potenziale gravitazionale . . . . . . . . . . 184
Moto generale gravitazionale . . . . . . . . . . . . 189
Sezioni coniche . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
Eccentricit`a in funzione dei parametri fisici del
moto gravitazionale . . . . . . . . . . 190
Campo Gravitazionale . . . . . . . . . . . . . . . . 194
Potenziale gravitazionale . . . . . . . . . . . . . . 196
Campo gravitazionale di un guscio sferico . . . . . 197
Campo gravitazionale di una sfera piena . . . . . . 200
Principio di equivalenza . . . . . . . . . . . . . . . 203
Gravitazione e forze intermolecolari . . . . . . . . . 204
12 Termodinamica

206

Aspetti microscopici e macroscopici . . . . . . . . . 206


Il metodo termodinamico . . . . . . . . . . . . . . 206
Sistema, ambiente, frontiera . . . . . . . . . . . . . 207

vi

Indice

Stati termodinamici e variabili di statoi . . . . . . . 207


Equilibrio termodinamico . . . . . . . . . . . . . . 208
Funzioni di stato ed equazioni di stato . . . . . . . 209
Trasformazioni termodinamiche . . . . . . . . . . . 210
Rappresentazione grafica di stati e trasformazioni212
Esempio di trasformazione reversibile . . . . . . . . 212
Equilibrio termico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
Temperatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
Misura della temperatura . . . . . . . . . . . 216
Lequazione di stato dei gas ideali . . . . . . . . . . 219
Legge di Charles . . . . . . . . . . . . . . . . 219
Legge di Gay - Lussac . . . . . . . . . . . . . 220
Legge di Boyle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
Unit`a di misura della pressione . . . . . . . . . . . 224
Termometri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
Termometro a gas . . . . . . . . . . . . . . . 225
Termometro a resistenza . . . . . . . . . . . . 226
Termometro a liquido in capillare di vetro . . 227
Classificazione delle trasformazioni termodinamiche . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
Il calore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
Capacit`a termica e calore specifico . . . . . . . . . 230
Sorgenti di calore . . . . . . . . . . . . . . . . 231
Transizioni di fase e calori latenti . . . . . . . 231

Indice

vii
Bilanci termici. Equilibri termici . . . . . . . 233

Il Lavoro in termodinamica . . . . . . . . . . . . . 234


Esempio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
Unit`a di misura del lavoro . . . . . . . . . . . 238
Mulinello di Joule . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
Primo principio della termodinamica (nelle trasformazioni chiuse) . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
Primo principio della termodinamica . . . . . 240
Energia interna di un gas . . . . . . . . . . . 242
Espansione libera di un gas perfetto (rarefatto) 242
Applicazioni del 1 P.T. ad un gas perfetto . . 243
Relazione di Mayer: . . . . . . . . . . . . . . 244
Gas perfetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
Trasformazione isoterma reversibile . . . . . . 245
Trasformazione adiabatica reversibile (Equazioni di Poisson) . . . . . . . . . . . . . . 246
Diagramma delle trasformazioni nel piano di Clapeyron246
Calore specifico di una politropica di equazione
pV x = K . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
Entropia del gas perfetto . . . . . . . . . . . . . . 248
Ciclo di Carnot per un gas perfetto . . . . . . . . . 249
Macchine termiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . 251
Macchina di Stirling . . . . . . . . . . . . . . 253
Macchine frigorifere . . . . . . . . . . . . . . 255

viii

Indice

Il frigorifero di Stirling . . . . . . . . . . . . 257


Secondo principio della termodinamica . . . . . . . 259
Il Teorema di Carnot . . . . . . . . . . . . . . . . 262
Temperatura termodinamica assoluta . . . . . . . . 264
Teorema o disuguaglianza di Clausius . . . . . . . . 266
`e possibile ogni ciclo? . . . . . . . . . . . . . . . . 268
Entropia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
Calcolo dellentropia per un gas perfetto . . . 270
Variazione di entropia di generiche trasformazioni272
Entropia dellUniverso . . . . . . . . . . . . . 272
Entropia e processi naturali . . . . . . . . . . 274
Entropia ed energia inutilizzabile . . . . . . . 276
Terzo principio della termodinamica . . . . . . . . 277
Elementi di teoria cinetica dei gas . . . . . . . . . . 278
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
Equazione di stato pV = nRT . . . . . . . . 278
Calcolo cinetico della pressione . . . . . . . . 279
Processo di diffusione . . . . . . . . . . . . . 282
Velocit`a del suono . . . . . . . . . . . . . . . 282
Distribuzione delle velocit`a molecolari . . . . . 283
Verifica sperimentale della distribuzione di Maxwell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
Energia interna e calori molari secondo la teoria
cinetica . . . . . . . . . . . . . . . . . 286

Introduzione

Introduzione

La Fisica si occupa di descrivere e interpretare i fenomeni


naturali usando il metodo scientifico (Fisica=Natura)
Metodo Scientifico: I fenomeni naturali sono complessi. Necessit`a di schematizzare. Esempio: lancio del sasso; si eliminano le cause accessorie che si potranno in un secondo tempo
introdurre come perturbazioni al fenomeno semplice. La schematizzazione comporta la sostituzione del fenomeno naturale
con un modello semplificato.
La suddivisione della Fisica
Nel passato si avevano le varie branche della Fisica quasi scienze indipendenti
luce ottica
suono acustica
calore termodinamica
moto meccanica. Si `e sviluppata per prima. Studia
il moto dei pianeti; cio`e la gravitazione come parte della
meccanica
elettromagnetismo (XIX secolo)
Oggi si guarda alla Fisica in modo unitario e si cercano delle
leggi che possano spiegare i fenomeni di diverse branche.
Per verificare i modelli o le leggi e svilupparne dei nuovi si usa
losservazione e la sperimentazione

Introduzione

Composizione e dimensione dellUniverso


La materia `e composta di particelle fondamentali e tutti i corpi
sono raggruppamenti di questi.
Particelle fondamentali: elettroni (m = 1030 Kg);
protoni (m = 1027 Kg); neutroni (m = 1027 Kg).
atomi : nucleo (protoni+neutroni)+elettroni 121010m =
0.1 0.2 nm. 104 specie e 1300 isotopi
molecole 5000-10000 specie. Le pi`u semplici sono formate da due atomi (H2, HCl). Si arriva fino a molecole
tipo DNA costituite da lunghe catene.
Solidi; liquidi; gas (plasma).
corpo umano 1028 atomi
Terra 1051 atomi. 6 1024 Kg
Sole 1057 atomi
Via Lattea 1011 stelle 1070 atomi
Universo 1020 stelle 1010 galassie 1080 atomi.
R 1026 m 1010 anni luce

Misure e unit`
a di misura

La misura costituisce un insieme di procedure e convenzioni


mediante le quali si pu`o associare un numero seguito da
ununit`
a di misura ad ogni ente fisico (definizione operativa)

Introduzione

` necessario
Si attua un confronto con ununit`a di misura. E
produrre la minore perturbazione sul sistema osservato

Precisione e cifre significative


Regola 1
Contando da sinistra e tralasciando gli zeri si prendano in
considerazione tutte le cifre fino alla cifra non significativa.
Es. x=3 m equivale a x=0,003 Km ma non a x=3,0 m
Regola 2
Quando si moltiplicano o si dividono due numeri occorre che
il prodotto o il quoziente non contengano pi`u cifre significative
del fattore meno preciso.
Es. 2,3 x 3,14159 = 7,2
Regola 3
Nelle addizioni e sottrazioni lultima cifra significativa della
somma o della sottrazione occupa la stessa posizione relativa
dellultima cifra significativa delle quantit`a che devono essere
sommate o sottratte.
Es. 103,9kg+2,10kg+0,319kg=106,319 kg invece `e 106,3 kg
La precisione della misura di una grandezza fisica definisce le
cifre significative.
Es: 840.7342 1% significa una precisione di 8.4 e quindi
deve essere scritto 840

Introduzione

Grandezze e unit`
a fondamentali
Grandezze fondamentali: non sono definite in termini di altre grandezze fisiche. Es: lunghezza, tempo.
Grandezze derivate: la definizione operativa `e basata sulluso di altre grandezze fisiche. Es: velocit`a,
accelerazione.
Si definisce ununit`a fondamentale o campione e il procedimento di misura.
Le grandezze fondamentali sono: Lunghezza, tempo, massa
e carica elettrica; sistema di unit`a MKSC adottato nel 1960
a Parigi durante la XI Conf: Generale dei Pesi e delle Misure.
Lunghezza
Unit`a: metro (m) definito come 1.650.763,73 x L Kr86.
Cammino percorso dalla luce nel vuoto in 1/299.792.458s.
` accessibile, invariabile e si mantiene inalterato il camE
pione costituito da una sbarra di Pt-Ir
Tempo
Unit`a: secondo (s) definito come 9.192.631.770 x T
Cs133
In precedenza definito come 1/86400 del giorno solare
Massa
Unit`a: Kilogrammo (Kg). Massa del prototipo internazionale del kilogrammo costituito da un blocco di platino. Esso `e uguale alla massa di 103 m3 di acqua a 4 C.

Introduzione

Il volume di 103 m3 `e detto litro.


Nella definizione atomica corrisponde a 5, 0183 1025 C12
Massa inerziale: la massa `e un coefficiente caratteristico di ogni particella che ne determina il comportamento in presenza di una forza F~ = m~a
Massa gravitazionale: la massa di un corpo `e sempre proporzionale al suo peso, cioe alla forza di attrazione esercitata su di esso dalla Terra P~ = m~g
(Newton)
Definizione operativa della massa gravitazionale

Carica elettrica
Unit`a: coulomb (C) definito come 6.241870 1018 qe - carica dellelettrone.
A rigore venne scelta la corrente elettrica con unit`a di
misura lampere (A). Il coulomb `e la quantit`a di cariche elettriche che passano attraverso la sezione di un
conduttore quando la corrente `e uguale a 1 A
Il Sistema Internazionale definisce come unit`a fondamentali
MKSA e il kelvin (K) per misurare le temperature, la candela

Introduzione

(cd) per misurare lintensit`a luminosa e la mole per misurare


la quantit`a di materia.
La mole `e la quantit`a di materia costituita da NA = 6, 0221023
unit`a elementari (atomi, molecole, ioni, etc.). NA `e chiamato
Numero di Avogadro ed `e definito come il numero di atomi
contenuti in 12 g di C12
Il SI ha soppiantato il sistema cgs (centimetro, grammo, secondo)

Sistemi di riferimento (invarianza delle leggi fisiche)


La stessa grandezza assume valori diversi se misurata da osservatori in moto tra loro.
Esempio: Velocit`a di un treno misurata da un osservatore posto a terra, posto su un automobile o posto sul treno stesso.
Il valore misurato dipende dal sistema di riferimento dellosservatore.
Sistemi di riferimento inerziali : possono essere in moto rettilineo uniforme tra loro.
Osservatori solidali con diversi sistemi di riferimento inerziali
possono ottenere valori numerici diversi delle grandezze che
misurano ma le relazioni tra esse, cioe le leggi fisiche, sono le
stesse per tutti gli osservatori

Introduzione

Angoli piani
Grandezza fisica derivata dalla lunghezza. Rappresenta la
porzione di piano compresa tra due semirette con origine in
comune

La misura di in radianti (unit`a adimensionale) `e


=

l
R

Un angolo piano completo attorno ad un punto `e = 2R/R =


2
Nella misura in gradi la circonferenza `e divisa in 360, ogni
grado `e diviso in 600(minuti primi), ogni minuto primo `e diviso
in 60 (secondi).
Vale la relazione
rad : 2 = gr : 360

Vettori

Vettori
Grandezze scalari: sono completamente determinate
dalla loro grandezza espressa nella corrispondente unit`a
di misura; Es: volume, temperatura
Grandezze vettoriali: richiedono per essere completamente determinate oltre alla loro grandezza una
direzione.

Sono caratterizzate da:


intensit`
a (textbfmodulo) per convenzione la lunghezza del segmento
direzione determinata dalla retta
verso determinato dalla freccia
Es: velocit`a, forza, accelerazione

Vettori

Risulta
|OA| =

16 + 9 = 5
3
= arctan 37
4

versore: `e un vettore di modulo unitario. Si scrive u.


Un vettore V~ parallelo a un versore u si pu`o esprimere nella
forma
u = V u
V~ = |V~ |
Due vettori sono uguali o equipollenti se hanno lo stesso modulo e puntano nella stessa direzione e verso.

Somma e differenza di vettori


Dati due vettori dotati delle stesse unit`a di misura, si definisce
la somma (geometricamente)

La somma vettoriale `e commutativa


V~1 + V~2 = V~2 + V~1
e associativa
(V~1 + V~2) + V~3 = V~1 + (V~2 + V~3)

10

Vettori

Algebricamente

Si ottiene utilizzando la legge dei coseni


q
V = V12 + V22 + 2V1V2 cos
Mentre tramite il teorema dei seni ed essendo sin( ) =
sin()
V
V1
V2
=
=
sin sin sin
Si definisce differenza di due vettori

~ = V~1 V~2 = V~1 + (V~2)


D
Si ha
q
D = V12 + V22 + 2V1V2 cos( )

11

Vettori

La differenza vettoriale `e anticommutativa


V~1 V~2 = (V~2 V~1)
Le relazioni fra vettori sono invarianti per traslazione o rotazione delle coordinate

Moltiplicazione di un vettore per uno scalare


La moltiplicazione di un vettore V~ per uno scalare m produce
m > 0 il vettore mV~ ha lo stesso verso e direzione di V~
e modulo m|V~ |
m < 0 il vettore mV~ ha stessa direzione e verso opposto
a V~ e modulo m|V~ |

Componenti di un vettore
Tutti i vettori che, quando sommati, danno per somma V~ sono
chiamati vettori componenti di V~ .
Dato un punto P di coordinate cartesiane X, Y, Z, il vettore
posizione ~r pu`o essere rappresentato da

12

Vettori

~r = X ux + Y uy + Z uz

|~r| = X 2 + Y 2 + Z 2
dove ux, uy e uz sono tre versori diretti come gli assi cartesiani
X, Y e Z sono chiamate componenti (ortogonali) cartesiane.
X ux `e chiamato vettore componente cartesiano lungo la direzione x
In termini di componenti cartesiane la somma di vettori `e
espressa
V~1 = V1xux + V1y uy + V1z uz
V~2 = V2xux + V2y uy + V2z uz
si ha
V~ = V~1 + V~2 = (V1x + V2x)
ux + (V1y + V2y )
uy + (V1z + V2z )
uz
La somma di n vettori V~1, V~2, . . . V~n risulta
n
n
n
X
X
X
V~ =
Vixux +
Viy uy +
Viz uz
i=1

i=1

i=1

La moltiplicazione di un vettore per uno scalare diventa


mV~ = (mVx)
ux + (mVy )
uy + (mVz )
uz

13

Vettori

Prodotto scalare

Si definisce prodotto scalare fra i due vettori


~B
~ = |A||
~ B|
~ cos
A

(3.1)

~B
~ =0
se = 2 , cioe i due vettori sono perpendicolari, allora A
Il prodotto scalare gode della propriet`
a commutativa
~B
~ =B
~ A
~
A
e distributiva rispetto alla somma
~ (A
~ + B)
~ =C
~ A
~+C
~ B
~
C
Valgono le seguenti relazioni
ux ux = uy uy = uz uz = 1
ux uy = uy uz = uz ux = 0
Se i due vettori sono espressi in coordinate cartesiane
~B
~ = (Axux + Ay uy + Az uz ) (Bxux + By uy + Bz uz ) =
A
= AxBx + Ay By + Az Bz

14

Vettori

Si ricava inoltre utilizzando la (3.1)


~B
~
A
AxBx + Ay By + Az Bz
q
cos =
=
AB
(A2x + A2y + A2z )(Bx2 + By2 + Bz2)

Prodotto vettoriale

Si definisce prodotto vettoriale


~ =A
~B
~
C
~eB
~ il cui
un vettore perpendicolare al piano individuato da A
verso `e determinato con la regola della vite destrorsa o della
mano destra e di modulo
C = AB sin
Si ha
~A
~=0
A

15

Vettori

gode della propriet`a anticommutativa


~B
~ = B
~ A
~
A
e distributiva rispetto alla somma
~ (A
~ + B)
~ =C
~ A
~+C
~ B
~
C
Per i versori degli assi risulta
ux ux = uy uy = uz uz = 0
ux uy = uz ; uy ux =
uz
uy uz = ux ; uz uy =
ux
uz ux = uy ; ux uz =
uy
In forma cartesiana
~ B
~ = (Axux + Ay uy + Az uz ) (Bxux + By uy + Bz uz ) =
A
= (Ay Bz Az By )
ux (AxBz Az Bx)
uy +(AxBy Ay Bx)
uz
In forma compatta pu`o essere scritto


ux uy uz


~
~

A B = Ax Ay Az
Bx By Bz
~eB
~ giacciono nel piano xy, si ha
Se A
~B
~ = (AxBy Ay Bx)
A
uz

16

Vettori

Matrici e determinanti
Una matrice `e una tabella di numeri ordinati per righe e per
colonne

a11 a12 a13


A = a21 a22 a23
a31 a32 a33
dove in aij i `e lindice di riga e j lindice di colonna
Per ogni matrice quadrata si definisce il determinante


a11 a12 a13



det(A) = a21 a22 a23 =
a31 a32 a33






a22 a23
a21 a23
a21 a22
a12
+ a13
=
= a11




a32 a33
a31 a33
a31 a32
= a11(a22a33a23a32)a12(a21a33a23a31)+a13(a21a32a31a22)

Derivata di un vettore

Allistante t la particella `e in P e allistante t0 si sposta in P 0


Il vettore differenza `e

17

Vettori

~r = ~r(t0) ~r(t)
Quando t = t0 t 0 il vettore ~r/t, che `e diretto
come la corda, tende al vettore velocit`a d~r/dt diretto lungo la
tangente alla traiettoria nel punto A
~v (t) =

d~r
dt

derivata rispetto al tempo del vettore ~r


Quando
~r(t) = r(t)
ur
si ottiene
~v (t) =

ur
d~r(t) dr(t)
d
=
ur + r
dt
dt
dt

Quando
~r(t) = x(t)
ux + y(t)
uy
si ottiene
d~r(t) dx(t)
dy(t)
~v (t) =
=
ux +
uy = vxux + vy uy
dt
dt
dt
ESEMPIO: moto circolare uniforme

(3.2)

18

Vettori

~r(t) = r(t)
ur
se ~r ruota con velocit`a costante (in modulo) si pu`o scrivere
ur = cos t
ux + sin t
uy
velocit`a angolare costante e = t
Essendo dr/dt = 0 si ottiene dalla (3.2)


d
ur
d cos t
d sin t
ux +
uy
=r
~v (t) = r
dt
dt
dt
quindi
~v (t) =

d~r(t)
= r( sin t
ux + cos t
uy )
dt

Equilibrio

19

Equilibrio di un corpo rigido

Momento di una forza (momento meccanico)

Si definisce momento della forza F~ rispetto al punto O la


grandezza
~ = ~r F~
In modulo = F r sin = F b (Forza per braccio)
Dimensionalmente [M ][L]2[T ]2
Se ~r e F~ giaciono nel piano xy




ux uy uz

rx ry

= uz (rxFy ry Fx)
~ = rx ry rz = uz
Fx Fy
Fx Fy Fz


~

Si pu`o anche scrivere |~ | = r( F sin ) = r F~

20

Equilibrio

Soltanto la componente di F~ a ~r contribuisce al momento


Quando = 0 (~r e F~ paralleli) o = (~r e F~ antiparalleli)
risulta ~ = 0
Invertendo il verso di F~ si inverte il verso di ~ , ma |~ | resta
invariato
Invertendo il verso di ~r si inverte il verso di ~ , ma |~ | resta
invariato
Invertendo il verso sia di F~ che di ~r, ~ resta invariato
ESEMPIO: Un oggetto puntiforme di massa m che cade da
ferma dalla posizione a)
b

a)
y

r
m

F=mg

21

Equilibrio

~ = ~r F~ =
uz rF sin =
uz mgb
ESEMPIO: Determinare il momento applicato



|~r| = 0.45m; F~ = 6N



ux


uy
uz ux
uy uz

~ = r cos r rsinr 0 = 0.289 0.345 0 = 0.925
uz N m
F cos F F sinF 0 5.196 3
0

Momento di pi`
u forze concorrenti

22

Equilibrio

~i = ~r F~i
~ dove R
~ = F~1 + F~2 +
Il momento della risultante `e ~ = ~r R
F~3 +
Quindi
~ = ~r(F~1+F~2+F~3+ ) = ~rF~1+~rF~2+~rF~3+ =
~ = ~rR
X
~i
~1 + ~2 + ~3 + =
i

Un sistema di forze concorrenti pu`o essere sostituito da una


singola forza (rotazione +traslazione)

Coppia di forze

Stessa direzione e verso opposto


F~1 = F~2

~ ~
F 1 = F 2
~ = F~1 + F~2 = 0
R

23

Equilibrio

~ = ~1 + ~2 = ~r1 F~1 + ~r2 F~2 = (~r1 ~r2) F~1 = ~b F~1


~b = (~r1 ~r2) braccio della coppia non dipende dalla scelta di
O. Il sistema non pu`o essere ricondotto a ununica forza. Un
sistema di forze pu`o essere sempre ridotto a una forza.
~ e da una coppia ~ . R
~ applicata in O rende conto della
R
traslazione mentre ~ rende conto della rotazione.

Composizione di forze parallele

~ =
R

3
X

F~i = F~1 + F~2 + F~3

i=1

Il momento - diretto come lasse z - rispetto al punto O risulta


z =

3
X
i=1

xi F i = x1 F 1 x2 F 2 + x3 F 3

24

Equilibrio

Il sistema di forze risulta equivalente alla risultante



P3


xi Fi
~ quando z = xc R
~ , quindi xc = z = Pi=1
R
. Nel caso
3
|R~ |
i=1 Fi
tridimensionale le coordinate di C diventano
Pn
Pn
Pn
xi F i
i=1 yi Fi
i=1 zi Fi
P
P
xc = Pi=1
;
y
=
;
z
=
;
c
c
n
n
n
i=1 Fi
i=1 Fi
i=1 Fi
vettorialmente
Pn
r~iFi
~rc = Pi=1
n
i=1 Fi
C `e denominato centro delle forze parallele
ESEMPIO

3
X
~
Fi = F1 F2 + F3 = 400N
R =
i=1

xc =
xc =

P3
x i Fi
Pi=1
3
i=1 Fi
P3
xi F i
Pi=1
3
i=1 Fi

= 0.29 m rispetto ad A
= 0.09 m rispetto ad D

25

Equilibrio

~ `e applicata nello stesso punto indipendentemente dal sisteR


ma di riferimento

Centro di Massa
In prossimit`a della terra su ogni particella di massa mi di
un corpo `e agisce una forza denominata peso diretta verso il
centro della terra
~ i = mi~g
W
~ i sono fra
In presenza di un corpo non molto esteso, le forze W
loro parallele
n
n
X
X
~ =
~i =
W
W
mi~g
i=1

i=1

~ `e il risultante delle forze peso applicato in un punto


Dove W
- denominato centro di massa- definito da
Pn
Pn
n
X
~
r
(m
g)
~
r
m
1
i
i=1 i
i=1 i i
P
~rc = P
=
=
~rimi
n
n
m
g
m
M
i
i
i=1
i=1
i=1
Il centro di massa `e indipendente dal sistema di riferimento
ma dipende esclusivamente dalla massa delle particelle e dalla
loro posizione relativa.
In presenza di un corpo continuo costituito da particelle di
massa infinitesima
R
Pn
~rdm
ri
i=1 mi~
R
P
=
~rc = lim
n
m0
m
dm
i
i=1
Z
1
~rc =
~rdm
M

26

Equilibrio

Nei corpi omogenei il centro di massa giace sullasse di simmetria ove presente. Esempio:
sfera: c.m. coincide con centro geometrico
cono,piramide: c.m. lungo asse di simmetria ad 41 h dalla
base
ESEMPIO:
y
m3=3Kg
(1/2,3/2)

(1,0)

m1=1Kg

m2=2Kg

Determinare le coordinate del centro di massa


xc =
yc =

P3
mi x i
Pi=1
3
mi
P3 i=1
mi yi
Pi=1
3
i=1 mi

=
=

7
12 m

3
4 m

Perche c.m. non coincide con il centro geometrico?


In un corpo in moto (rotatorio+traslatorio) il c.m. si muove
come si muoverebbe un singolo punto materiale di massa pari
alla massa del corpo soggetto alle stesse forze esterne

27

Equilibrio

Si pu`o determinare il centro di massa anche per corpi non


rigidi
il centro di massa coincide con il centro di gravit`a (il punto
dove agisce la risultante delle forze di gravit`a) quando il corpo
non `e molto esteso

Equilibrio di una particella


Pn

Pn
~
una
si trova
in equilibrio se i=1 Fi = 0 cio`e i=1 Fx =
Pparticella
P
0; ni=1 Fy = 0; ni=1 Fz = 0 Quando su una particella agiscono tre forze, affinch`e la particella si trovi in equilibrio le tre
forze devono essere complanari

F1
F2
F3
=
=
sin sin sin

28

Equilibrio

Equilibrio di un corpo rigido


Un corpo rigido si trova in equilibrio meccanico quando non `e
soggetto ad accelerazioni lineari e angolari, cio`e
la somma vettoriale di tutte le forze esterne `e nulla
F~ = F~1 + F~2 + F~3 + = 0
Fx = F1 x + F2 x + F3 x + = 0
Fy = F 1 y + F2 y + F 3 y + = 0
Fz = F1 z + F2 z + F3 z + = 0
la somma vettoriale di tutti i momenti delle forze esterne
che agiscono sul corpo `e nulla
~ = ~1 + ~2 + ~3 + = 0
x = 1 x + 2 x + 3 x + = 0
y = 1 y + 2 y + 3 y + = 0
z = 1 z + 2 z + 3 z + = 0
Qualora le forze esterne siano complanari (piano xy), le sei
equazioni scalari si riducono a tre equazioni Fx = 0; Fy =
0; z = 0

Cinematica

29

Cinematica

La cinematica i`e quel ramo della fisica che descrive il moto


dei corpi.
La dinamica studia la relazione tra il moto di un corpo e le
cause che lo producono
Si considera in generale il moto di un oggetto molto piccolo
-denominato particella o punto materiale- per evitare moti
rotazionali o vibrazionali
Per descrivere il moto di un oggetto si deve definire il sistema di
riferimento XY Z. Diversi sistemi di riferimento osservano
in generale diversi moti di uno stesso oggetto

30

Cinematica

Moto rettilineo: velocit`


a

La traiettoria `e una linea retta


vmedia

x0 x x
= 0
=
t t
t

Velocit`
a istantanea
v = lim vmedia
t0

x
= lim
t0 t

dx(t)
v(t) =
dt
La velocit`a istantanea `e la derivata dello spostamento rispetto
al tempo
il segno di v indica il verso lungo la retta orientata
Se `e noto v = v(t), integrando
Rt
Rx
x0 dx = t0 v(t)dt
Rx
x0 dx = x x0
Z t
x(t) = x0 +
v(t)dt
t0

Le dimensioni di v sono [L][T ]1 nel S.I.

m
s

31

Cinematica

NOTA: Verificare sempre lomogeneit`a dimensionale delle equazioni scritte e indicare sempre le unit`a di misura nella risoluzione dei problemi
ESEMPIO: Una particella si muove lungo una retta orientata
in accordo con la legge oraria x(t) = 5t2 + 1. Sia t0 = 2s
calcolare
a)velocit`a media tra t0 e 3s
x x x0
m
vmedia =
=
= 25
t
t t0
s
b)velocit`a media tra t0 e 2.1s
x
m
= 20.5
t
s
c)velocit`a media tra t0 e 2.001s
vmedia =

x
m
vmedia =
= 20.005
t
s
d)velocit`a media tra t0 e 2.00001s
vmedia

x
m
=
= 20.00005
t
s

e)velocit`a istantanea
v = dx
dt = 10t
vt=t0 = 20 ms

Moto rettilineo: accelerazione


Se v = costante moto rettilineo uniforme
Nel caso di velocit`a variabile

32

Cinematica

Si definisce laccelerazione media


v 0 v v
amedia = 0
=
t t
t
la variazione della velocit`a per unit`a di tempo nellintervallo
t Accelerazione istantanea
v
t0
t0 t
dv(t)
d dx(t)
d2x(t)
a=
= (
)=
dt
dt dt
dt2
Laccelerazione istantanea `e la derivata della velocit`a istantanea rispetto al tempo
Se a = costante moto rettilineo uniformemente accelerato
Se `e noto a = a(t), risulta
Rv
Rt
v0 dv = t0 a(t)dt
Rv
v0 dv = v v0
Rt
v = v0 + t0 a(t)dt
a = lim amedia = lim

Se `e noto a = a(x),risulta
dv = a(x)dt
v = dx
dt
vdv = va(x)dt = a(x)dt dx
dt = a(x)dx

33

Cinematica

Integrando
Z

vdv =
v0

1 2 1 2
v v0 =
2
2

a(x)dx
Zx0x
a(x)dx
x0

Le dimensioni di a sono [L][T ]2 nel S.I.


Moto accelerato e decelerato

Moto accelerato va > 0


Moto ritardato va < 0
In forma vettoriale
dx

~v = i
dt
dv

~a = i
dt

m
s2

34

Cinematica

Moto rettilineo uniforme


dv
a=
= 0; v = cost
dt
quindi
t

Z
x = x0 +

dt = x0 + v(t t0)

v(t)dt = x0 + v
t0

t0

25

20
1,5
15

v=costante

v (m/s) 1

x(m)

x = x0 +v(t-t0 )
tangente dx/dt=v

10

x0

0,5

0
0

10

15

t (s)

20

25

t0 5

10

15

20

25

t (s)

v = tan

Moto rettilineo uniformemente accelerato


dv
a=
= costante
dt
Si ha quindi
Z

v = v0 +

dt = v0 + a(t t0)

a(t)dt = v0 + a
t0

t0

35

Cinematica

Z
x = x0 +

v(t)dt = x0 + [v0 + a(t t0)]dt =


t0
t0
Z t
Z t
= x0 +
v0dt +
a(t t0)dt =
t0
t0
Z t
Z t
= x0 + v0
dt + a (t t0)dt =
t0

t0

1
= x0 + v0(t t0) + a(t t0)2
2
Nel caso t0 = 0 e x0 = 0 si ottiene
1
v = v0 + at x = v0t + at2
2
consistenza dimensionale
[L] = [L][T ]1[T ] + [L][T ]2[T ]2 = [L]
Ricordando che
1 2 1 2
v v0 =
2
2

a(x)dx
x0

qualora risulti a = cost si ha


1 2
2v
2

21 v02 = a(x x0)


v = v02 + 2a(x x0)

Graficamente

36

Cinematica
25

20
1,5

a=costante
da/dt=0

a (m/s2)

v = v0 +at
tangente dv/dt=a

15

v (m/s)

10

0,5
5

0
0

10

t (s)

15

20

25

10

t (s)

15

20

25

250

200

150

x (m)

x = v0 t+1/2at2
tangente dx/dt=v

100

50

-50
0

10

t (s)

15

20

25

ESEMPIO: Sia data la posizione (m) lungo una retta orientata


in funzione del tempo (s) di una particella
x = 2t3 + 5t2 + 5
determinare a,v,am e vm tra gli istanti 2 e 3
d(2t3 +5t2 +5)
dx
v = dt =
= 6t2 + 10t( ms )
dt
d(6t2 +10t)
m
dv
=
12t
+
10(
a = dt =
)
dt
s2

a t = 2s
a t = 3s

m
m
x = 41m; v = 44 ; a = 34 2
s
s
m
m
x0 = 104m; v 0 = 84 ; a0 = 46 2
s
s
vm =
am =

x
t
v
t

= 63( ms )
= 40( sm2 )

Cinematica

ESEMPIO:Moto in una dimensione

37

38

Cinematica

Moto curvilineo: velocit`


a

dove
s = spostamento lungo la traiettoria
s = arco di curva
~r = ~r 0 ~r vettore spostamento
si definisce
r
~vmedia = ~
t
~vmedia k ~r

~r d~r(t)
=
t0 t
dt

~v (t) = lim ~vm = lim


t0

39

Cinematica

in forma cartesiana
~v = vxux + vy uy + vz uz
~r = x
ux + y uy + z uz
dove
vx =

dx
dy
dz
; vy = ; vz = ;
dt
dt
qdt
|~v | = vx2 + vy2 + vz2

Considerando lo spostamento del punto lungo la traiettoria si


ha:
~r
~r s
~r
s
= lim
= lim
lim
t0 t
t0 s t
s0 s t0 t

~
Poich`e r
= s risulta
~v = lim

~r d~r
=
= uT
s0 s
ds
lim

uT versore tangente alla traiettoria inoltre


s ds
=
=v
lim
t0 t
dt
si pu`o scrivere leq. (5.1) come
ds
~v = uT = uT v
dt

(5.1)

40

Cinematica

Moto curvilineo: accelerazione

Si definisce
v
~amedia = ~
t
~amedia k ~v

e laccelerazione istantanea
~a = lim ~am
t0

~v d~v (t)
=
= lim
t0 t
dt

laccelerazione `e un vettore avente la stessa direzione


della variazione istantanea di velocit`a
`e diretta verso la concavit`a
in generale non `e ne tangente ne perpendicolare alla
traiettoria
In forma cartesiana
~a = axux + ay uy + az uz

41

Cinematica

dove
dv

ay = dty ; az = dvdtz ;
q
|~a| = a2x + a2y + a2z

ax =

dvx
dt ;

Noto ~a = ~a(t) per ottenere ~v e ~r si integra ~a =


R ~v
Rt
v = t0 ~a(t)dt
~v0 d~
R ~r
Rt
r = t0 ~v (t)dt
~r0 d~

d~v
dt

e ~v =

d~r
dt

ottenendo
t

~a(t)dt

~v = ~v0 +
t0

~v (t)dt

~r = ~r0 +
t0

Corpi in caduta libera


Tutti i corpi in prossimit`a della terra (h  RT ) cadono con la
stessa accelerazione, indipendentemente dal loro peso e dalla
loro forma
m
~g = 9.8
uz ( 2 )
s
~g `e diretta verso il centro della terra
Aristotele (v peso) Galileo (v indipendente dal peso)
ESEMPIO: caduta libera. Un oggetto cade partendo da fermo.
Determinare posizione e velocit`a dopo 1,2 e 4s.

42

Cinematica

Scegliamo lorigine nel punto di partenza. Si avr`a z = v0t


1 2
2 gt

m/s

m/s2

-9,8

-4,9

-9,8

-9,8

-19,6

-19,6

-9,8

-44,1

-29,4

-9,8

-78,4

-39,2

-9,8

43

Cinematica

t = 1s

z = 4.9m
vz = vz0 gt = 9.8 ms
t = 2s
z = 19.6m
vz = 19.6 ms
t = 3s
z = 44.1m
vz = 29.4 ms
t = 4s
z = 78.4m
vz = 39.2 ms

Moto con accelerazione costante


~ risulta
Se ~a = cost
~a =

d~v
;
dt

d~v = ~adt

d~v =

Rt

integrando
R ~v
~v0

~v ~v0 =

adt
t0 ~
Rt
~a t0 dt

~v = ~v0 + ~a(t t0)


~v appartiene al piano individuato da ~v0 e ~a
inoltre
d~r
r = ~v dt
dt ; d~
R ~r
Rt
r = t0 [~v0 + ~a(t t0)]dt
~r0 d~
Rt
Rt
= ~r0 + ~v0 t0 dt + ~a t0 (t t0)dt

~v =

~r

(5.2)

44

Cinematica

1
~r = ~r0 + ~v0(t t0) + ~a(t t0)2
2
Lestremo di ~r giace nel piano ~v0 e ~a

Quindi se ~a = cost si ha
1. moto in un piano
2. moto parabolico y = ax2 + bx + c

(5.3)

45

Cinematica

Moto dei proiettili

Si ha
~a = ~g =
uy g
e
~v0 = uxv0x + uy v0y
dove
v0x = v0 cos
v0y = v0 sin
Dalla eq.(5.2) ponendo t0 = 0 risulta
vx = v0x = cost
vy = v0y gt

(5.4)
(5.5)

x = v0x t
y = v0y t 21 gt2

(5.6)
(5.7)

Dalla eq. (5.3) risulta

46

Cinematica

Lequazione del moto sostituendo la (5.6) nella (5.7) risulta


x
1
g
v0 sin
1 x2
y = v0y
x 2 2 x2 =
g 2 =
v0x 2 v0x v0 cos
2 v0 cos
g
2 2 x2 + x tan
2v0 cos
parabola passante per lorigine con concavit`a rivolta verso il
basso
Massima altezza
Ponendo vy = 0 nella (5.5) si ottiene listante in cui si raggiunge la massima altezza
v0y v0 sin
=
(5.8)
th =
g
g
sostituendo th nella (5.7) otteniamo la massima altezza raggiunta
1 2 v02 sin2
(5.9)
h = v0y th gth =
2
2g
Il valore pi`u elevato della massima altezza `e ottenuto per = 2
Tempo di volo
il tempo di volo `e il doppio del tempo impiegato a raggiungere
la massima altezza. Dalla (5.8)
2v0 sin
(5.10)
tvolo = 2th =
g
Gittata
Sostituendo tvolo nella (5.6) si ottiene la gittata
R = v0x tvolo

2v0 sin 2v02 sin cos v02 sin 2


= v0x
=
=
g
g
g
(5.11)

47

Cinematica

La massima gittata Rmax `e ottenuta quando =


Rmax

v02
v02
= ; h=
g
4g

I risultati ottenuti sono validi quando


1. gittata bassa rispetto alla curvatura della terra
2. h  RT per assumere g = cost
3. si trascura lattrito dellaria
4. si trascura il moto di rotazione della terra

Accelerazione tangenziale e normale

~a = ~at + ~an
~at=accelerazione tangenziale (variazione |~v |)
~an=accelerazione normale (variazione direzione di ~v )
Infatti

48

Cinematica

Poich`e ~v = utv risulta


d~v d(
utv)
dv d
ut
=
= ut +
v
dt
dt
dt
dt
essendo sin per 0 risulta
~a =

(5.12)

|d
ut| = |
ut| sin d |
ut| d = d
d
ut = und
d
d
ut
u

=
n
dt
dt
d ds
d
d
=
=
v
dt
ds dt
ds

(5.13)
(5.14)
(5.15)
(5.16)

Dalla definizione di angolo piano d =


d 1
=
ds
sostituendo nella (5.16) risulta
d v
=
dt

sostituendo nella (5.15)


d
ut
v
= un
dt

ds
,

quindi

49

Cinematica

laccelerazione (5.12) risulta


dv
v2
~a = ut + un = utat + unan
dt

dv
at =
dt
2

v
an =

moto circolare uniforme (|~v | = cost) at = 0


moto rettilineo (direzione ~v = cost) an = 0

Moto circolare:velocit`
a

risulta s = R e
~v = v ut =

ds
d
ut = R ut
dt
dt

Si definisce la velocit`
a angolare
d 1
=
[s ]
dt

50

Cinematica

v = R
Se il moto `e periodico si definiscono
P = periodo(tempo necessario per compiere un giro)
= P1 =frequenza (numero di giri per unit`a di tempo) s1, Hz, rpm, min1
Se = cost il moto `e circolare uniforme e risulta
R
Rt
Rt
0 d = t0 dt = t0 dt
(t) = 0 + (t t0)
ponendo 0 = 0 e t0 = 0 si ha = t
2
= =
= 2
t
P
Si definisce il vettore
~ come in figura

51

Cinematica

risulta
~
~v =
~ ~r =
~ R

(5.17)

v = r sin = R

Moto circolare: accelerazione

Risulta ~a = ~an + ~at dove


v 2 2 R2
an =
=
= 2R
R
R
dv
d
at =
=R
dt
dt
Laccelerazione ~an `e denominata accelerazione centripeta.
Si definisce accelerazione angolare (analogamente alla
lineare)
=
e vettorialmente

d
dt

52

Cinematica

d~

~=
dt
Si ha
d~v d(~ ~r) d~
d~r
~a =
=
=
~r +
~
=
~ ~r +
~ ~v =
dt
dt
dt
dt
=
~ ~r +
~ (~ ~r) (5.18)
Nel moto circolare uniforme risulta = 0,at = 0 e

~a = ~an =
~ (~ ~r) =
~ ~v
Poich`e
~ ~v si ha
|~a| = v = 2R
ESEMPIO:Determinare an e at dei punti sul bordo del disco,
sapendo che a t = 0 risulta v = 0.04 ms e che a t = 2s risulta
x = 0.2 m

53

Cinematica

Si ha
1
1
x = vO t + at2 = 0.04t + at2[m]
2
2
risolvendo rispetto ad a e introducendo t = 2s ,x = 0.2 m, si
ottiene a = 0.06 sm2 ,quindi
x = 0.04t + 0.03t2 [m]
m
v = dx
=
0.04
+
0.06t
[
dt
s]
m
at = dv
=
0.06
[
]
dt
s2
v2

(0.04+0.06t)2
0.1

an = =
=
= 0.016 + 0.048t + 0.036t2 [ sm2 ]
ESEMPIO: Determinare in funzione della latitudine,~v e ~a di
un punto posto sulla superficie terrestre.

54

Cinematica

Si ha
R = r cos = BA dove =latitudine
v = R = r cos tangente alla circonferenza
a = 2R = 2r cos accelerazione centripeta
Poich`e r = 6370 103m e = 7.292 105 s1, risulta
v = 459 cos [ ms ]
3
a = 3.34 102 1000
g [ sm2 ]

Moto curvilineo generico nel piano

55

Cinematica

Scomponendo il moto da P a P 0 lungo le direzioni perpendicolari individuate da d~r e rd si pu`o scomporre la velocit`a
in
vr =

dr
dt

v =

d
dt r

velocit`a radiale
velocit`a trasversale

ovvero
~v = ur

d
dr
+ u r
dt
dt

dove
e un vettore avente la direzione di ~r che tiene conto
ur dr
dt `
dello spostamento radiale
u d
r che tiene conto
dt r un vettore avente la direzione a ~
della variazione di direzione di ~r, cio`e dello spostamento
angolare
Nel moto circolare `e presente soltanto la componente trasversa
v = d
dt r = r

56

Dinamica del punto materiale

Dinamica di una particella

La cinematica studia il moto delle particelle senza occuparsi


delle cause che lo generano
La dinamica studia la relazione tra il moto di un corpo e le
cause di questo moto
Il moto di un corpo e il risultato diretto delle sue interazioni
con gli altri corpi circostanti
Le interazioni sono espresse quantitativamente nei termini di
un concetto chiamato forza
Lo studio della dinamica e fondamentalmente lanalisi della
relazione tra le forze e i moti dei corpi

Principio di inerzia (Prima legge di Newton)


Lo studio del moto dei corpi e sempre stato difficoltoso in
quanto:
esiste sempre lattrito
la forza di gravita agisce sempre
e difficile isolare una particella
Aristotele (IV a.C.):Un corpo in moto si arresta quando la
forza che lo spinge cessa di agire
Si pensava sbagliando ad un legame diretto
forza velocit
a

Dinamica del punto materiale

57

Prima di Galileo si pensava che per mettere in moto un corpo


fosse necessaria una qualche azione esterna o forza. Lo stato
naturale era la quiete. Un corpo in moto rettilineo uniforme
avrebbe dovuto essere costantemente sollecitato da una forza
esterna senza a quale si sarebbe fermato.
Galilei (XV d.C.):Un corpo permane nel suo stato di quiete o
di moto rettilineo uniforme, a meno che forze agenti su di esso
non lo costringano a cambiare stato
Enunciato equivalente alla
F~ = 0; ~a = 0 (~v = cost)
sostanzialmente coincidente con il principio di inerzia (primo
principio della dinamica; prima legge di Newton):
Una particella libera si muove sempre con velocit
a costante, cioe senza accelerazione
Con il termine particella libera si intende una particella non
interagente con altre particelle
Losservazione del moto della particella e effettuato da un osservatore inerziale, cioe non soggetto a interazioni con lesterno
Il sistema di riferimento solidale con esso e detto sistema di
riferimento inerziale
Un sistema di riferimento inerziale e non accelerato e quindi
non ruotante
Si definisce il sistema di riferimento delle stelle fisse come un
ottimo sistema di riferimento inerziale
Ogni sistema di riferimento in moto traslatorio uniforme rispetto alle stelle fisse o ad un altro sistema di riferimento
inerziale e a sua volta un sistema di riferimento inerziale

58

Dinamica del punto materiale

La trasformazione galileana collega sistemi di riferimento inerziali in moto traslatorio uniforme con velocita ~v (|~v |  c)

~r = ~r ~v t
V~ 0 = V~ ~v

0
~a = ~a
La Terra non e un sistema di riferimento inerziale in quanto
ruota intorno al proprio asse e intorno al Sole. Le accelerazioni
sono:
at 0 an = a = 2R = 0.6 cm
s2
accelerazione nel moto attorno al Sole
at = 0 an = a = T2 RT = 3.4 cm
s2
accelerazione nel moto attorno al proprio asse
Il Sole non e un sistema di rifermento inerziale in quanto ruota
intorno al centro della galassia con accelerazione a = 2R =
3 108 cm
s2
Lapprossimazione del Sole a sistema di riferimento inerziale e
molto migliore di quella della Terra
In molti casi gli effetti della rotazione della Terra sono trascurabili e i sistemi di riferimento solidali a osservatori terrestri
possono essere considerati inerziali senza grande errore

Massa
Supponiamo che un sistema di riferimento inerziale osservi
il moto di due particelle soggette soltanto alla loro mutua
interazione, isolate dal resto del mondo

59

Dinamica del punto materiale

Nellintervallo t = t0 t si ha
~v1 = ~v10 ~v1

~v2 = ~v20 ~v2

Sperimentalmente si determina che


~v1 = K~v2

(6.1)

dove K `e costante per ogni coppia di particelle


La relazione (6.1) non dipende da
velocit`a delle particelle
intervallo di tempo t
traiettoria delle particelle
Scegliendo una particella come riferimento (0) e facendola interagire con le particelle (1),(2),(3),. . . in modo che ~v0 sia la
variazione di velocit`a della particella (0), si determinano i valori Ki per ogni coppia 0-1,0-2,0-3,. . .
Si ricava:
~v0 = m1~v1 ; ~v0 = m2~v2 ; ~v0 = m3~v3 ; . . .

60

Dinamica del punto materiale

m1, m2, m3, . . . sono definite masse inerziali delle particelle


(1),(2),(3),. . . nella unit`a della massa di riferimento m0 = 1
Caratterizzano il comportamento dinamico dei corpi sottoposti a interazioni
La massa `e una grandezza scalare
Si determina inoltre sperimentalmente che:
~v1 =

m2
~v2
m1

(6.2)

Massa inerziale e massa gravitazionale


La massa gravitazionale `e misurata in un campo gravitazionale
tramite la bilancia a bracci uguali:
caratterizza lintensit`a della attrazione gravitazionale
`e una propriet`a statica dei corpi
Sperimentalmente si determina che la massa inerziale coincide con la massa gravitazionale
entrambe si misurano in Kg (SI)
La massa `e una propriet`a intrinseca dei corpi

Quantit`
a di moto
Tramite il concetto di massa inerziale introduciamo una nuova
grandezza fisica denominata quantit`
a di moto:
p~ = m~v

[M ][L][T ]

Kg m
s

Dinamica del punto materiale

61

una quantit`a vettoriale che ha la stessa direzione della veE


locit`a e combina i due elementi che caratterizzano lo stato
dinamico di una particella.
Il principio di inerzia pu`o essere riformulato:
In un sistema di riferimento inerziale una particella libera
si muove sempre con quantit`
a di moto costante
In un sistema costituito da n particelle di quantit`a di moto
p~1 = m1~v1, p~2 = m2~v2, . . ., la quantit`a di moto totale `e data
da:
n
X
p~i = p~1 + p~2 + . . .
P~ =
i=1

Principio di conservazione della quantit`


a
di moto
uno dei principi fondamentali della Fisica
E
Considerando linterazione tra due particelle

62

Dinamica del punto materiale

~p1 = p~01 p~1 = m1~v10 m1~v1


~p2 = p~02 p~2 = m2~v20 m2~v2
rappresentano le variazioni delle quantit`a di moto nellintervallo t = t0 t
Dalla evidenza sperimentale della (6.2) si ricava
~p1 = m1~v1 = m2~v2 = ~p2
cio`e
~p1 = ~p2

(6.3)

Uninterazione produce uno scambio di quantit`


a di moto
La (6.3) pu`o essere scritta come:
p~01 p~1 = (~p02 p~2)
p~1 + p~2 = p~01 + p~02

ovvero
p~1 + p~2 = cost

pix = pfx
piy = pf y

piz = pf z
La quantit`a di moto totale di un sistema composto da due
particelle sottoposte soltanto alla loro mutua interazione
rimane costante

Dinamica del punto materiale

63

Il principio `e valido anche per un insieme di n particelle che


formino un sistema isolato:
P~ =

n
X

p~i = p~1 + p~2 + . . . = cost

i=1

La quantit`
a di moto totale di un sistema isolato di particelle `e costante
Come conseguenza si ha che la quantit`a di moto totale di un
sistema isolato di punti materiali non pu`o variare per effetto
di interazioni fra i punti materiali stessi
Lapplicazione del principio di conservazione della quantit`a di
moto risulta molto utile quando non sono note le interazioni
interne di un sistema isolato. Es: rinculo di un fucile che spara,
scoppio in volo di una bomba, urti fra particelle.
Non sono note eccezioni a questo principio generale di conservazione della quantit`a di moto (`e valida anche a livello
atomico)

Seconda e Terza Legge di Newton


Dal principio di conservazione della quantit`a di moto si ha:
~p1 = ~p2
Dividendo ambo i membri per lintervallo di interazione t
~p1
~p2
=
t
t

64

Dinamica del punto materiale

Passando al limite per t 0, si ottiene


d~p1
d~p2
=
dt
dt

(6.4)

Newton introduce la dizione di forza come una quantit`a dinamica correlata alla variazione della quantit`a di moto. La forza
agente su una particella `e:
d~p
F~ =
dt

(6.5)

La relazione (6.5) costituisce la seconda legge del moto di


Newton
La rapidit`a temporale della variazione della quantit`a di moto
di una particella `e uguale alla forza che agisce sulla particella
La forza deve essere vista come un concetto matematico ed `e
dovuta allinterazione della particella con le altre circostanti
Dalla (6.4) si ottiene
F~1 = F~2

(6.6)

La relazione (6.6) costituisce la terza legge del moto di Newton o legge di azione e reazione:
Quando due particelle interagiscono, la forza sulla prima
particella esercitata dalla seconda particella `e uguale ed
opposta alla forza sulla seconda particella esercitata dalla
prima particella
Le due forze giacciono sulla retta congiungente i due corpi

Dinamica del punto materiale

65

F~1= forza agente sulla particella 1 dovuta allinterazione


con la particella 2
F~2= forza agente sulla particella 2 dovuta allinterazione
con la particella 1
Poich`e p~ = m~v , la (6.5) pu`o essere scritta come
d(m~v )
~
F =
dt
se m = cost si ha
d~v
F~ = m = m~a
dt

(6.7)

La forza agente su una particella di massa costante `e uguale al prodotto della massa della particella per la sua accelerazione
Se F~ = cost ~a = cost cio`e il moto `e uniformemente
accelerato
Unit`a di misura della forza

66

Dinamica del punto materiale

Nel S.I. si misura in Newton (N)


m Kg
1N =1
s2
Nel sistema c.g.s si misura in dina (1 N = 105 dina)
Nel sistema ingegneristico si misura in chilogrammo forza 1 Kgf = 9.8 N
Distinzione massa/peso
Un corpo di massa m in prossimit`a della terra `e soggetto a
una forza di attrazione diretta verso il centro della terra:
~ = m~g
W
denominata forza peso o peso del corpo
1 Kgf `e il peso di un corpo di massa 1Kg in prossimit`a della
superficie terrestre
Esiste una proporzionalit`a tra massa e peso di un corpo. Se
abbiamo un corpo di massa m = 1 Kg, il suo peso `e
~ = m~g = 1 (Kg) 9.8 (m/s2) = 9.8 N = 1 Kgf
W
ESEMPIO:Moto di un blocco su di un piano inclinato
caso statico

Dinamica del punto materiale

67

Poich`e ~a = 0 si ha:
~ +W
~ =0
F~ + N
Scegliendo il sistema di riferimento come in figura si
ottiene
F W sin = 0
N W cos = 0
caso dinamico

~ = m~a
Si ha R
Rx = max F W sin = max
Ry = may N W cos = 0

68

Dinamica del punto materiale

ESEMPIO

Determinare laccelerazione del sistema e la tensione della fune


Consideriamo il corpo m1. Le forze agenti su di esso sono
y

N
T

m1

x
F=m g
1

N m1g = 0
T = m1a1x
Per determinare T consideriamo il corpo m2. Le forze agenti
su di esso sono

69

Dinamica del punto materiale


y

m2

F=m g
2

Lequazione del moto `e


m2g T = m2a2y
Laccelerazione dei due corpi `e legata dalla relazione cinematica
a2y = a1x = a
Si ottiene

m2g T = m2a
T = m1a

Da cui si ricava
m2
a=
g
m1 + m2

m2
T = m1
g
m1 + m2

Risulta a g con a = g quando m1 = 0

Forze di attrito
Le forze di attrito sono tipici fenomeni del mondo macroscopico

70

Dinamica del punto materiale

La loro presenza ineliminabile ha per lungo tempo reso difficile


la determinazione delle leggi del moto
Le forze di attrito
si oppongono al moto
derivano da leggi empiriche e non da leggi fisiche
dipendono da fattori geometrici
sono imprecise e hanno un intervallo di applicabilit`a
Si suddivide in
radente (tra due F = f N
solidi)

f=coeff.attrito
N=forza
contatto
l=coeff.attrito
v=velocit`a
t=coeff.attrito
v=velocit`a

di

nei fluidi (lamina- F = l v


re)
nei fluidi (turbo- F = t v 2
lento)
Attrito radente (di strisciamento)
Si manifesta quando un corpo solido scivola a contatto con un
altro
dovuta allinterazione fra le molecole dei due corpi e si
E
oppone sempre al moto
Blocco in quiete

Dinamica del punto materiale

F = F fs
Moto accelerato

F > Ffd
Moto uniforme

F = F fd
Sperimentalmente si verifica
F fs f s N
F f d = fd N

71

72

Dinamica del punto materiale

fs (s) coefficiente di attrito statico


fd (d) coefficiente di attrito dinamico
Si ha fs > fd
In generale f < 1
f `e adimensionale
Ff e N sono fra loro perpendicolari
ESEMPIO: Un automobile si muove con velocit`a v0 lungo una
strada rettilinea orizzontale. Quale `e la pi`u breve distanza
entro cui lautomobile pu`o essere frenata?

Si avr`a un moto decelerato con accelerazione costante


v 2 = v02 + 2ax
Per v = 0 risulta

v02
x =
2a
Risulta N = mg; Ffd = fdN = fdmg
inoltre
Ffd = ma
Quindi
a = fdg

Dinamica del punto materiale

73

lo spazio di frenata diventa


v02
v02
x = =
2a 2gfd
Il rotore
Il gioco chiamato Rotore si trova in alcuni parchi divertimenti.
Il Rotore `e una stanza cilindrica cava che ruota intorno al
proprio asse di simmetria.

Una persona entra nella stanza chiude la porta e si mette


contro la parete circolare. Il rotore inizia a girare raggiunta
una certa velocit`a il pavimento sotto alla persona si apre ma
la persona rimane appiccicata alla parete. Le forze agenti sono
(vedi figura) in modulo :
mg = forza peso della persona
Fs = forza dattrito tra la persona e il rotore
N = Forza normale esercitata dalla parete sulla donna

74

Dinamica del punto materiale

La legge di Newton lungo z `e:


Fz = Fs mg = 0
La legge di Newton radiale `e:
mv 2
Fr = N = mar =
R
2

Siccome Fs = mg = sN = s mv
R
Oppure
p
v = gR/s
Che `e la velocit`a per cui la persona non scivola verso il basso
e come si nota non dipende dal suo peso.
Forze di attrito nei fluidi
Quando un corpo si muove in un fluido (gas o liquido) in
assenza di turbolenze subisce una forza dattrito proporzionale
alla velocit`a
F~f = K~v
F~f risulta
proporzionale alla velocit`a
dipendente dal fluido ( =viscosit`a)
dipendente dalla geometria del corpo (K fattore geometrico)
Per una sfera di raggio r, si determina ( Legge di Stokes)
K = 6r

75

Dinamica del punto materiale

Il coefficiente di viscosit`a dipende dallattrito interno del fluido. Si misura in Nm2s = P a s


P a = mN2 (Pascal) unit`a di misura della pressione nel SI
coefficienti di viscosit`a (P a s)
Acqua (0C)
1.79 103
Alcool etilico (0C)
0.367 103
Aria (0C)
1.71 105
Idrogeno
0.93 103
Quando un corpo si muove attraverso un fluido viscoso sotto
lazione di una forza F~ , lequazione del moto diventa:
m~a = F~ K~v
Se F~ = cost e il corpo parte da fermo, si produce una accelerazione che diminuisce allaumentare della velocit`a
Dallistante in cui F = Kv il corpo procede di moto rettilineo uniforme
Risolvendo lequazione del moto, si ha
m dv
dt = F Kv 
K
dv
F
=

dt
m
K
separando le variabili e integrando
R
R v dv
K t
v0 v F = m 0 dt
K

F
v K

ln v

F
0 K
F
v K
F
v0 K

= K
mt

=e

K
mt

76

Dinamica del punto materiale

sostituendo v0 = 0 si ottiene

F 
K
t
1e m
v=
K
Poich`e il termine esponenziale tende a zero la velocit`
a limite
(di regime) risulta
F
vL =
K
Dipende dalla viscosit`a del fluido e dalla forma del corpo
In un corpo in caduta libera cio`e sotto lazione della sola forza
di gravit`a, si ha
mg
vL =
K
Se si tiene conto della spinta idrostatica esercitata dal fluido,
uguale al peso del fluido spostato (Principio di Archimede), si
ottiene

F~R = m~g mf ~g
quindi
(m mf )g
vL =
K

Dinamica del punto materiale

77

Moto curvilineo

Nel moto curvilineo la direzione della velocit`a varia continuamente


La forza risultante forma un angolo diverso da zero con la velocit`a
Dalla cinematica
dv
v2
~a = ut + un = utat + unan
dt

dove
~at=accelerazione tangenziale (variazione |~v |)
~an=accelerazione normale (variazione direzione di ~v )
La forza totale agente sulla particella
2
dv
v
F~ = m~a = F~t + F~n = m ut + m un
dt

dove
F~t=forza tangenziale

78

Dinamica del punto materiale

F~n=forza normale (centripeta)


Nel moto rettilineo F~n = 0
Nel moto circolare uniforme
F~t = 0
F~n = m 2R
Talvolta pu`o essere pi`u conveniente utilizzare le componenti
ortogonali di F~

Fx = max = m dvdtx
dv

Fy = may = m dty

Momento della quantit`


a di moto (Momento angolare)
il momento della quantit`a di moto rispetto a un punto O di una
particella di massa m che si muove con velocit`a ~v si definisce

Dinamica del punto materiale

79

come il prodotto vettoriale


~ = ~r p~ = m~r ~v
L

(6.8)

~ `e perpendicolare al piano formato da ~r e ~v


Il vettore L

Nel moto circolare, se O `e il centro del cerchio, si ha


L = mrv = mr2
~ = mr2
L
~
~ ha la stessa direzione di
in quanto L
~
Nel moto curvilineo, scomponendo la velocit`a nelle componenti radiale e trasversale

80

Dinamica del punto materiale

si ha
~ = m~r (~vr + ~v ) = m~r ~v
L
solo la componente trasversale contribuisce al momento della
quantit`a di moto In quanto v = r d
dt risulta
L = mr2

d
dt

Derivando la (6.8) si ottiene


~
dL
d~r
d~p
=
p~ + ~r
dt
dt
dt
poiche

d~r
dt

(6.9)

= ~v si ha
d~r
p~ = ~v p~ = m~v ~v = 0
dt

di conseguenza la (6.9) diventa


~
d~p
dL
= ~r
= ~r F~
dt
dt
ricordando la definizione di momento di una forza
~
dL
= ~
dt

(6.10)

(6.11)

81

Dinamica del punto materiale

~ devono essere calcolati rispetto allo stesso punto


~ e L
~ si ricava una legge della diPer le quantita angolari (,
~ , L)
namica analoga a quella determinata per le quantita lineari
p
F~ = d~
dt
Si ha lanalogia
d~p
F~ =
dt

~
dL
~ =
dt

La relazione (6.11) non costituisce un nuovo postulato fondamentale della meccanica ma una diversa espressione della
seconda legge di Newton

Forze centrali
Principio di conservazione della quantit
a di moto
Quando il momento della forza risultante che agisce su una
particella e nullo (~ = ~r F~ = 0) si ha
~
dL
=0
dt

~ = cost
L

Quando il momento della forza risultante applicata ad una


particella `e nullo il vettore momento angolare e costante
~ = 0 quando
1. Moto rettilineo (particella libera)

82

Dinamica del punto materiale

~
F~ = 0 quindi L=cost
L = mvr sin = mvd = cost
2. Moto sotto lazione di forze centrali

~ = cost
F~ k ~r quindi ~r F~ = 0; L

Leggi di forza
Prima di discutere delle diverse applicazioni delle leggi di Newton, della forza gravitazionale (Fisica B) e della forza elettromagnetica (Fisica C) vediamo le diverse intensit`a di queste
forze. I Fisici hanno identificato quattro tipi di forze:
Forza gravitazionale. Ha origine nella presenza stessa
della materia

Dinamica del punto materiale

83

` responsabile dei legami mo Forza elettromagnetica. E


lecolari e della struttura dei solidi (Fisica della Materia)
Forza nucleare debole. Causa alcuni processi radioattivi
e alcune interazioni tra le particelle
Forza nucleare forte. Responsabile dei legami che generano i nuclei atomici (Fisica della Materia)
Se prendiamo 1 lintensit`a della Forza nucleare forte, linterazione elettromagnetica `e circa 102 , lintensit`a della Forza
debole `e circa 107 e lintensit`a della forza gravitazionale `e
circa 1038.

84

Lavoro ed Energia

Lavoro ed Energia

Risoluzione dellequazione fondamentale della dinamica

Consideriamo una particella che a causa delle interazioni con


altre particelle `e sottoposta a una serie di forze
Ci proponiamo di determinarne il moto ~r(t) in funzione della
forza risultante F~ (t) agente su di essa
Se conosciamo F~ (t) integrando lequazione fondamentale della
dinamica
d~p
(7.1)
F~ (t) =
dt
otteniamo
Z p~
Z t
d~p =
F~ (t)dt
t0

p~0

definendo
Risulta

Rt
t0

F~ (t)dt Impulso I~
p~ p~0 = I~

La variazione della quantit`a di moto di una particella `e uguale


allImpulso ( Teorema dellimpulso )
Una forza intensa che agisce per breve tempo pu`o produrre la
stessa variazione di quantit`a di moto di una forza debole che
agisce per un tempo maggiore
Il teorema dellimpulso `e applicato nei processi di urto
Tramite la p~ = m~v si ricava
I~
~v = ~v0 +
m

85

Lavoro ed Energia

Integrando la ~v =

d~r
dt

risulta
I~
~v0 + E
m

1
~r(t) = ~r0 + ~v0(t t0) +
m

~r ~r0 =
t0

dt

cio`e
t

~
Idt

t0

Noto F~ (t) risolviamo lequazione del moto


In generale nello studio della fisica si conosce la forza in
funzione delle coordinate

F~ = F~ (~r) = F~ (x, y, z)

Per risolvere lequazione del moto si introducono due nuove


grandezze:Lavoro e Energia

Lavoro
Si abbia una particella A che si muove sotto lazione della forza
F~

86

Lavoro ed Energia

il lavoro infinitesimo compiuto dalla forza F~ nellintervallo di


tempo dt `e definito dal prodotto scalare
dW = F~ d~r

(7.2)

risulta
dW = F ds cos = FT ds
Il lavoro `e una grandezza scalare
La sola componente della forza parallela al moto compie
lavoro
Se una forza `e perpendicolare allo spostamento il lavoro
da essa compiuto `e nullo. Infatti

~
dW = F d~r = F ds cos = 0
2
Per esempio non compie lavoro

Lavoro ed Energia

87

La forza centripeta nel moto circolare


Un facchino che porta delle valigie
Una forza che non sposta il corpo
Quando una particella compie uno spostamento finito da un
punto A a un punto B, il lavoro totale compiuto dalla forza
F~ `e la somma dei lavori infinitesimi relativi agli spostamenti
infinitesimi

W = F~1 d~r1 + F~2 d~r2 + F~3 d~r3 + . . .

88

Lavoro ed Energia

Risulta quindi
Z

F~ (~r) d~r

W =
A

scrivibile anche come


Z

W =

FT ds
A

Per calcolare il lavoro compiuto da una forza `e necessario


conoscere:
1. La traiettoria seguita x(t), y(t), z(t)
2. Lespressione della forza in funzione delle coordinate (Il
campo di forza)
Il lavoro compiuto da una forza che agisce su una particella
quando essa si sposta fra due punti `e in generale funzione della
traiettoria seguita
Quando in presenza di una forza costante il corpo si muove in
linea retta in direzione della forza stessa, risulta
Z B
Z B
W =
F~ d~r = F
ds = F s
A

la formulazione Lavoro = f orza spostamento


In presenza di pi`u forze agenti su una particella si ottiene
dW = dW1+dW2+dW3+. . . = F~1d~r1+F~2d~r2+F~3d~r3+. . .
essendo d~r1 = d~r2 = d~r3 = d~r si ottiene
~ d~r
dW = (F~1 + F~2 + F~3 + . . .) d~r = R

89

Lavoro ed Energia

La somma dei lavori compiuti da pi`u forze agenti su una


particella `e uguale al lavoro compiuto dalla loro risultante

Potenza
Lavoro compiuto nella unit`a di tempo
Si definisce la potenza media
Pm =

W
t

Si definisce la potenza istantanea


dW
P =
dt
Lavoro compiuto nella unit`a di tempo durante lintervallo dt
Utilizzando la (7.2) si ha
d~r
~
P =F
= F~ ~v
dt
La potenza `e uguale al prodotto scalare della forza per la
velocit`a
Il concetto di potenza `e molto importante perche esprime il
ritmo con cui una macchina produce lavoro
Unit`a di misura

90

Lavoro ed Energia

Nel S.I. il lavoro `e espresso come


dW = [F orza][Spostamento] = N m = [M ][L]2[T ]2
Si definisce
1 N m = 1 J (Joule)
Nel sistema c.g.s.
dW = dine cm
Si definisce
1 dine cm = 1 erg = 107 J
Nel S.I. la potenza `e espressa come
P~ = F~ ~v = [F orza][V elocita] = N m s1 = [M ][L]2[T ]3
Si definisce
1 N m s1 = 1 W (W att)
Nel sistema c.g.s.
P = dine cm s1 = 107 W
per ragioni storiche sono ancora utilizzate le seguenti unit`a di
misura:
Cavallo Vapore (HP ) - Potenza
1 HP = 746 W
Kilowattora (Kwh) - Lavoro
1 Kwh = (103 W )(3.6 103 s) = 3.6 106 J

91

Lavoro ed Energia

Energia Cinetica
Lenergia cinetica esprime la capacit`a di una massa in movimento di compiere lavoro
Calcoliamo il lavoro compiuto da una forza F~ applicata ad
una particella di massa m durante lo spostamento da A a B
lungo un qualsiasi percorso
Z B
Z B
d~v (~r)
F~ (~r) d~r = m
W =
d~r
dt
A
A
Cambiando la variabile di integrazione da ~r a t:

Z tB 
Z tB
d~v (t) d~r(t)
d~v (~r(t))
d~r(t) = m

dt
W =m
dt
dt
dt
t
tA

ZA tB 
d~v (t)
~v dt (7.3)
=m
dt
tA
utilizzando la relazione


d~v (t)
1 d~v (t)
d~v (t)
1 d(~v ~v ) 1 d(v 2)
~v =
~v + ~v
=
=
dt
2 dt
dt
2 dt
2 dt
nella (7.3) si ottiene
Z tB
Z vB
2
1
d(v )
1
1
1
dt = m
d(v 2) = mvB2 mvA2
W = m
2
dt
2
2
2
tA
vA
Definendo Energia cinetica di un corpo di massa m che si
muove di velocit`a v
1 2
p2
EK = mv =
2
2m

92

Lavoro ed Energia

si ha il Teorema della energia cinetica


Z B
1
1
W =
F~ (~r) d~r = mvB2 mvA2
2
2
A

(7.4)

Il lavoro compiuto dalla forza F~ sul corpo di massa m durante


lo spostamento da A a B `e uguale alla variazione di energia
cinetica del corpo
Quando lenergia cinetica di una particella diminuisce, il lavoro
compiuto dalla forza risultante `e negativo, cio`e lo spostamento `e opposto alla componente risultante delle forze lungo la
direzione del moto
In assenza di dissipazioni per attrito, lenergia cinetica di una
particella diminuisce di una quantit`a pari al lavoro che essa
produce
Lenergia che un corpo in movimento possiede `e uguale al
lavoro che essa produce nel fermarsi in assenza di attrito
Il teorema della energia cinetica non `e una legge indipendente
della meccanica, ma una applicazione della seconda legge di
Newton
` interessante rilevare la similitudine tra il teorema dellImE
pulso e dellEnergia cinetica
Rt
~
p~ p~0 =
t0 F (t)dt
RB
EK EK =
F~ (~r) d~r
0

La quantit`a di moto e lenergia cinetica sono entrambe propriet`a dinamiche della particella

93

Lavoro ed Energia

Una forza pu`o produrre una variazione di quantit`a di moto


senza produrre una variazione di energia cinetica
La quantit`a di moto `e funzione di un integrale nel tempo ed
esprime le propriet`a vettoriali del moto
Lenergia cinetica `e una grandezza scalare calcolata tramite
unintegrale di linea ed esprime la capacit`a di un corpo di
compiere lavoro
Dimensionalmente lenergia cinetica `e omogenea a un lavoro
1
EK = mv 2 = Kg m2 s2 = J = [M ][L]2[T ]2
2
Come unit`a di misura `e molto diffuso lelettron-volt (eV)
1 eV = 1.60210 1019 J
Le definizioni di lavoro ed energia cinetica sono molto utili per
risolvere lequazione del moto, in quanto in generale `e nota
F~ (~r)
ESEMPIO: Un blocco di peso 52.5 Kgf scivola lungo un piano orizzontale con v = 1 ms fermandosi contro una molla di
costante elastica k = 25 N
m.
Determinare la massima compressione della molla.
v

o
P

94

Lavoro ed Energia

Lenergia cinetica del blocco risulta:




1
1 peso 2
EK = mv 2 =
v
2
2
g
Il lavoro compiuto dalla molla, che esercita sul corpo la forza
funzione della compressione F = k x, `e
Z x
Z x
1
W =
F (x)dx =
kxdx = kx2
2
0
0
Nel punto di massima compressione EK = 0, quindi utilizzando il teorema dellenergia cinetica
EK = W
cio`e
1


peso 2
1 2
v = kx
g
2

per cui
r
x=

peso
v = 1.4 m
kg

Lavoro di una forza costante


Consideriamo una particella di massa m in moto in un campo
di forze F~ = cost, non prendendo in considerazione altre forze
presenti

95

Lavoro ed Energia

Il lavoro compiuto dalla forza F~ `e


Z B
Z B
W =
F~ (~r)d~r = F~
d~r = F~ (~rB ~rA) = F~ ~rB F~ ~rA
A

Il lavoro compiuto dalla forza non dipende dalla traiettoria


seguita dalla particella
Un caso notevole `e la forza di gravit`a

F~ =
uy mg
~rB ~rA = ux(xB xA) + uy (yB yA)

96

Lavoro ed Energia

Si ha
Z

W =

F~ (~r)d~r = F~ (~rB ~rA) = mg(yB yA) = mgyAmgyB

Il lavoro compiuto dalla forza di gravit`a dipende soltanto dalla


differenza yB yA e non dalla traiettoria
ESEMPIO: un corpo cade partendo da fermo da una altezza
h. Quale `e la sua energia cinetica quando tocca il terreno?
Laumento di energia cinetica `e uguale al lavoro compiuto dalla
forza di gravit`a
Z 0
W =
F~ (~r) d~r = mgh
h

La variazione di energia cinetica `e (v0 = 0):


1
1
1
EK = mv 2 mv02 = mv 2
2
2
2
Uguagliando le due espressioni
1 2
mv = mgh
2
La velocit`a allimpatto `e
p
v = 2gh

Energia Potenziale
In presenza di una forza costante si ha
W = F~ (~rB ~rA)

97

Lavoro ed Energia

Una forza funzione della posizione si definisce conservativa


quando la sua dipendenza dal vettore posizione ~r `e tale che
il lavoro compiuto dalla forza quando la particella si sposta
da un punto A a un punto B pu`o essere espressa sempre come
differenza tra il valore iniziale e finale di una quantit`a chiamata
EP (~r)
Z

W =
A

F~ (~r) d~r = EPA EPB = EP

La quantit`a EP (~r) `e definita Energia potenziale


Lenergia potenziale `e una funzione delle coordinate tale che la
differenza dei valori che essa assume nella posizione iniziale e
finale `e uguale al lavoro compiuto dalla forza conservativa sulla
particella per spostarla dalla posizione iniziale alla posizione
finale
Per la forza di gravit`a si ha
EP = mgy
Per una forza costante si ha
EP = F~ ~r
ESEMPIO: Consideriamo un corpo di massa m che urta con
velocit`a v una molla agganciata ad una parete.
La forza esercitata dalla molla `e data dalla
legge di Hooke
F = k x

98

Lavoro ed Energia
v
(1)
m

x
v=0
(2)
m

v
(3)
m

Trascurando le forze di attrito si verifica come lenergia cinetica iniziale diminuisce fino ad annullarsi nella posizione di
massima compressione. Successivamente si produce una inversione del moto e il corpo abbandona la molla con la stessa
energia cinetica iniziale e con velocit`a opposta.
Il corpo ha percorso, nel campo di forze conservativo dovuto
alla molla, una linea chiusa e la sua capacit`a di compiere lavoro rimane inalterata
In presenza di forze di attrito tra le superfici, lenergia cinetica
al distacco sarebbe inferiore, in quanto le forze di attrito non
sono conservative
Una forza `e conservativa quando il lavoro che la forza compie
per spostare un corpo da una punto A ad un punto B `e indipendente dalla traiettoria seguita per portare il corpo da A a

99

Lavoro ed Energia

F~ (~r) d~r =

W =

F~ (~r) d~r =

F~ (~r) d~r = . . .

A(3)

A(2)

A(1)

Introduciamo un punto P di riferimento fisso

F~ (~r) d~r =

W =
A

F~ (~r) d~r +

F~ (~r) d~r

Poich`e lintegrale non dipende dal percorso si pu`o scrivere


B

F~ (~r) d~r = U (B)

F~ (~r)d~r =

F~ (~r)(d~r) =

F~ (~r)d~r = U (A)

Quindi
Z

W =
A

F~ (~r) d~r = U (B) U (A)

100

Lavoro ed Energia

Si definisce lenergia potenziale della forza conservativa la funzione


EPA = [U (A) + K]
con K = costante
Si ottiene quindi
Z

W =
A

F~ (~r) d~r = EPA EPB

La funzione Energia potenziale


`e definita solo in presenza di forze conservative
`e definita a meno di una costante
Il livello di riferimento `e definito come meglio aggrada
Negli impieghi pratici sono significative soltanto le differenze
di energia potenziale
Scegliendo un percorso chiuso A=B, si ha EPA = EPB e il
lavoro totale compiuto dalla forza conservativa `e nullo

101

Lavoro ed Energia

I
W =

F~ (~r) d~r = 0

La circuitazione della forza F~ `e nulla


Se una forza ha circuitazione nulla per qualsiasi percorso `e
conservativa
I
F~ (~r) d~r = 0 F orza conservativa

Relazione tra forza ed energia potenziale


Si ha
Z B
Z
W =
F~ d~r = EPA EPB =
A

dEP

quindi
F~ d~r = dEP
sviluppando
F~ d~r = F ds cos = dEP
dove ds `e il modulo dello spostamento e langolo compreso
tra F~ e ~r
Risulta
dEP
F cos =
(7.5)
ds
Noto EP (~r) possiamo ricavare la componente di F~ in qualsiasi
direzione
dEP
e denominata derivata direzionale di EP
ds `

102

Lavoro ed Energia

Gradiente di una funzione V


Consideriamo una funzione scalare V (x, y, z)
Tracciamo le due superfici
V (x, y, z) = C1 V (x, y, z) = C2
dove C1 e C2 differiscono di una quantit`a infinitesima

si pu`o scrivere
dV
C2 C1
=
ds
ds
Variazione di V per unit`a di lunghezza (derivata direzionale
di V )
Indicando con dV
dn la derivata direzionale lungo la direzione
normale AN si ha
dV
dV dn dV
=
=
cos
ds
dn ds
dn

(7.6)

La derivata direzionale assume valore massimo per = 0

103

Lavoro ed Energia

Si definisce gradiente della funzione V il vettore


~ = un dV
gradV = V
(7.7)
dn
perpendicolare alla superficie V (x, y, z) = costante
dalla (7.5), dalla (7.6) e dalla (7.7) si ottiene lespressione della
forza come gradiente della corrispondente energia potenziale
cambiato di segno
~ P
F~ = E
In forma cartesiana lespressione della forza risulta
EP
EP
EP
~
F =
ux
uy
uz
x
y
z
Loperatore gradiente espresso in coordinate cartesiane `e

~
= ux + uy + uz
x
y
z
Quindi le componenti di una forza conservativa possono essere
scritte come
EP
EP
EP
Fx =
; Fy =
; Fz =
;
x
y
z
Applicando il teorema di Schwartz (le derivate parziali seconde
miste di una funzione continua sono uguali):
2 EP
xy
2 EP
xz
2 EP
yz

2 EP
yx

2 EP
zx

2 EP
zy

Fy Fx
=
x
y
Fz Fx
=

x
z
Fz Fy

=
y
z

104

Lavoro ed Energia

Condizione necessaria e sufficiente perch`e un campo di forze


sia conservativo
Moto piano in un campo di forze centrali

in coordinate polari F~ `e espresso dalla


1 EP
EP
ur
F~ = F~r + F~ =
u
r
r
Quando EP dipende soltanto da |~r| e non da la forza `e
centrale, cio`e ha componente soltanto radiale e la sua retta di
azione passa sempre per un punto detto centro
Inversamente quando la forza `e centrale EP dipende soltanto
da |~r|
Lenergia potenziale associata a una forza centrale dipende
soltanto dalla distanza della particella dal centro della forza
EP (|~r|) Forza centrale

105

Lavoro ed Energia
Conservazione dellenergia meccanica di una particella

In presenza di un campo di forze conservative, si ha


W = EPA EPB
Valida per forze conservative
W = EKB EKA
Valida per qualsiasi forza
Per cui
EKB EKA = EPA EPB
cio`e
(EK + EP )B = (EK + EP )A
La somma EK +EP `e definita Energia Totale della particella
1 2
E = EK + EP = mv + EP (x, y, z)
2
Essendo A e B punti generici, si ha Il Teorema di conservazione dellEnergia
E = EK + EP = cost

(7.8)

LEnergia totale di una particella sottoposta a forze conservative `e costante


Una tipica forza conservativa `e la Forza di attrazione gravitazionale
1 2
E = EK + EP = mv + mgh = cost
2

106

Lavoro ed Energia

ESEMPIO:Un blocco di 3Kg scivola senza attrito lungo un


piano inclinato lungo 1m . Determinare la velocit`a del blocco
quando abbandona il piano inclinato.

Risulta EPi = mgl sin 6 e vi = 0 quindi EKi = 0


Quando il corpo raggiunge la fine del piano inclinato risulta
EPf = 0 e EKf = 12 mvf2
Dalla (7.8) si ricava
1 2
mvf = mgh
2
quindi vf = 3.13 ms
Se si utilizzano le leggi di Newton

mg sin = ma
6
per cui a = 4.9 sm2
utilizzando la vf2 = vi2 + 2as si ottiene vf = 3.13 ms
Se una particella parte da ferma da una altezza h0 si pu`o
ottenere la velocit`a in un punto qualsiai tramite la relazione
1
E = mv 2 + mgh = mgh0
2
da cui v 2 = 2g(h0 h) ricavabile anche da equazione del moto

Lavoro ed Energia

107

Nella trattazione non `e stato menzionato il tragitto seguito


dalla particella: per una data energia totale il modulo della
velocit`a in ogni punto `e determinabile tramite le coordinate
del punto stesso indipendentemente dal percorso seguito per
raggiungere il punto
Il teorema della energia `e stato dimostrato tramite le leggi del
moto e non aggiunge leggi fondamentali nuove
Le leggi del moto permettono la risoluzione dei problemi di dinamica senza utilizzare il teorema di conservazione dellenergia
quando
si conosce F~ (t)
si `e in grado di risolvere leq. differenziale del moto
Mentre la soluzione della equazione del moto `e generalmente
complicata, lapplicazione dei teoremi di conservazione dellenergia `e molto pi`u agevole
ESEMPIO: Determinare laltezza minima da cui dovrebbe
partire una pallina, in assenza di attrito, per percorrere interamente il circuito in figura

108

Lavoro ed Energia

Nel punto pi`u alto del cappio B risulta


mv 2
F + mg =
R
La velocit`a minima si ricava ponendo F = 0, cio`e
p
v = gR
lenergia totale in A risulta
EA = (EK + EP )A = mgh
ed in B
1
5
EB = (EK + EP )B = m(gR) + mg(2R) = mgR
2
2
Essendo EA = EB si ottiene h = 52 R
Moto rettilineo sotto lazione di forze conservative

Mediante lapplicazione dei principi di conservazione si ricavano in generale le quantit`a dinamiche principali ma non si
risolve lequazione del moto ~r = ~r(t)
In alcuni casi semplici si ricava lespressione completa del moto
Nel moto rettilineo sotto lazione di forze conservative risulta
1 2
E = mv + EP (x) = cost
(7.9)
2
essendo v =

dx
dt

si ha


1
dx
E= m
2
dt

2
+ EP (x) = cost

109

Lavoro ed Energia

risolvendo rispetto a

dx
dt

si ha
r
2
dx
=
[E EP (x)]
dt
m

il moto pu`o avvenire soltanto nelle regioni in cui E EP


Separando le variabili x e t ed integrando
Z t
Z x
dx
q
=
dt = t
2
0
x0
m [E EP (x)]
P
In presenza di una forza costante dalla F = dE
dx integrando
si ottiene
EP (x) = F x + C

Se poniamo EP = 0 per x = 0 si ha C = 0, quindi


r Z x
m
dx

=t
2 0
E + Fx
cio`e

2p
2
(E + F x)
E=
F
F
risolvendo rispetto a x
r
1F 2
2E
x=
t +
t
2m
m
sostituendo
ottiene

F
m

2
t
m

= a e poich`e E = 21 mv02 + EP0 = 12 mv02 si

1 2
x = at + v0t
2
Lespressione cinematica del moto uniformemente accelerato

110

Lavoro ed Energia

Moto in un campo di forze centrali


Dimostriamo che una forza centrale `e conservativa
Calcoliamo il lavoro compiuto dalla forza per spostare il corpo
dal punto A al punto B
dr 1
B

(1)
dr
1

F
1
F
2

F
1
R+dR

(2)

dr
2

dR

Consideriamo due tratti di traiettoria compresi tra le due sfere


di raggio R e R + dR e determiniamo
~ RR+dR
dW = (F~ dr)
Lungo i due percorsi
~ 1 = F1dr1 cos 1 = F dR
1. F~1 dr
~ 2 = F2dr2 cos 2 = F dR
2. F~2 dr

111

Lavoro ed Energia

di conseguenza
~2
~ 1 = F~2 dr
F~1 dr
Lintegrale non dipende dal percorso per qualsiasi percorso
F~ `e una forza conservativa
Lenergia potenziale `e funzione soltanto di |~r|
1 2
E = mv + EP (r) = cost
2
Il modulo di ~v dipende solo dalla distanza dal centro della
forza
Il principio di conservazione dellenergia, grandezza scalare che
non fornisce informazioni sulla direzione del moto, non `e sufficiente per risolvere lequazione del moto in un campo di forze
centrali
Per ottenere la soluzione generale del moto in un campo di
forze centrali devono essere applicati due principi di conservazione:
Principio di conservazione dellEnergia
Principio di conservazione del momento della quantit`a
~
di moto (L)
In coordinate polari la velocit`a `e
 2
 2
dr
d
v 2 = vr2 + v2 =
+ r2
dt
dt
introducendo la relazione L = mr2 d
dt si ha
 2
dr
L2
2
+
v =
dt
(mr)2

112

Lavoro ed Energia

Lequazione di conservazione dellenergia diventa




1
dr
E= m
2
dt

2

L2
+
+ EP (r)
2mr2

Espressione analoga alla (7.9) relativa al moto rettilineo supponendo che nel moto radiale la particella si muova sotto
lazione di una energia potenziale efficace
L2
EPef f (r) = EP (r) +
= EP (r) + EPc (r)
2mr2
Il termine EPc (r) `e definito Energia potenziale centrifuga, in
quanto la forza associata sarebbe diretta verso lesterno
dEc
L2
Ec
=
=
Fc =
r
dr
mr3
LEPc (r) semplifica la trattazione
Sulla particella non agisce nessuna forza centrifuga non associata al potenziale EP (r)
La soluzione del moto radiale r = r(t) diventa analoga al caso
rettilineo
Z x
dx
q
=t
2
x0
m [E EPef f (r)]
La parte angolare del moto `e ottenuta dallespressione del
momento della quantit`a di moto L = mr2 d
dt :
d =

L
dt
2
mr (t)

113

Lavoro ed Energia

Integrando
Z

= 0 +
0

L
dt
2
mr (t)

Discussione sulle curve della energia potenziale


Nei problemi monodimensionali e in presenza di un campo di
forze centrali, la rappresentazione grafica di EP (x) o di EP (r)
`e utile per comprendere le caratteristiche generali del moto

In ogni posizione x la forza che agisce sulla particella risulta


F =

dEP
dx

F ha verso opposto rispetto alla pendenza della curva EP (x),cio`e:


`e diretta verso sinistra quando EP aumenta

114

Lavoro ed Energia

`e diretta verso destra quando EP diminuisce


Si ha
EP (x) minimo punto di equilibrio stabile
EP (x) massimo punto di equilibrio instabile
Consideriamo un campo di forze centrali attrattivo per qualsiasi distanza

In presenza di una energia totale E = Ed come in (1) si ha un


moto del tipo

Lavoro ed Energia

115

In presenza di una energia totale come in (2) si ha un moto


del tipo

Landamento della forza efficace `e

116

Lavoro ed Energia

ESEMPIO: Calcolare la velocit`a di fuga dalla terra e dal sistema solare


Una particella di massa m e velocit`a v ha nel campo gravitazionale terrestre energia totale
1 2 GMT m
E = mv
2
RT
dove G = costante di gravitazione universale = 6.67 108
5.98 1027 g, RT = 6.4 108 cm

EP (J)

dine cm2
,MT
g2

ET=0

EK,i

-2

EK

-4

-6

-8

RT
-10
0

1 104

2 104

3 104

4 104

5 104

6 104

7 104

r (Km)

Dopo il lancio lenergia si mantiene costante e deve essere


uguale a zero,cio`e:
GMT m
1 2
mv =
2 F
RT
risulta
r
2GMT
6 cm
vF =
= 10
RT
s

Lavoro ed Energia

117

Nel caso del sole (RS = 1.5 1013 cm), si ha


r
2GMS
6 cm
vS =
= 4 10
RS
s

Forze non conservative


Lattrito radente e lattrito nei fluidi sono esempi di forze non
conservative
Essi si oppongono sempre al moto per cui il lavoro compiuto
lungo un percorso chiuso `e diverso da zero
Una particella pu`o in generale essere sottoposta a forze conservative e non conservative contemporaneamente
Il lavoro totale compiuto sulla particella quando si sposta da
A a B, risulta
W = EKB EKA = EPA EPB + W 0
dove W 0 `e il lavoro compiuto dalle forze non conservative
Si ha quindi
(EK + EP )B (EK + EP )A = W 0
In generale W 0 `e negativo quindi (EK + EP ) diminuisce passando da A a B
Il principio di conservazione della energia `e valido in presenza
di sole forze conservative
Nel caso di attriti lenergia perduta si `e trasformata in calore:
lenergia termica sviluppata `e esattamente uguale allenergia
meccanica dissipata

118

Lavoro ed Energia

Il lavoro prodotto dalla forza di attrito `e uguale e contrario


allaumento dellenergia termica Q
W 0 = Q
Si pu`o quindi scrivere
(EK + EP )B = (EK + EP )A + W 0

(7.10)

Principio di conservazione dellenergia delluniverso


Lenergia si trasforma da una forma allaltra ma non pu`o essere
n`e creata n`e distrutta
ESEMPIO:Un blocco di 3Kg scivola soggetto a una forza di
attrito fs = 5 N lungo un piano inclinato lungo l = 1m.
Determinare la velocit`a del blocco quando abbandona il piano
inclinato.

Risulta EPi = mgl sin 6 e vi = 0 quindi EKi = 0


Quando il corpo raggiunge la fine del piano inclinato risulta
EPf = 0 e EKf = 12 mvf2
La forza di attrito compie il lavoro
WS = fsl = 5 J

119

Lavoro ed Energia

Applicando la (7.10)
1 2
mv = EPi + WS = 9.7 J
2 f
quindi vf = 2.54 ms
ESEMPIO: Un corpo inizialmente in quiete cade attraverso
un fluido viscoso da una altezza y0. Determinare la rapidit`a
con cui vengono dissipate la sua energia cinetica e potenziale
gravitazionale
Si ha

1
2
d(EK + EP ) d 2 mv + mgy
=
dt
dt
inoltre
d(EK + EP ) = dW 0
per cui

d(EK + EP ) dW 0
=
= F 0v
dt
dt
nel caso dei fluidi F 0 = Kv, quindi
d(EK + EP )
= Kv 2
dt

(7.11)

Lenergia cinetica e potenziale sono trasformate in energia


termica
Quando viene raggiunta la velocit`a limite, lEK diventa costante ed `e la sola energia potenziale a essere trasformata in
energia termica
d(EK + EP )ss d(EP )ss
dy
=
= mg = mgv
dt
dt
dt

(7.12)

120

Lavoro ed Energia

Dalla (7.11) e (7.12) ricaviamo lespressione gi`a trovata della


velocit`a limite
mg
vl =
k

121

Dinamica dei sistemi

Dinamica di un sistema di particelle

Consideriamo un sistema di particelle


Moto del centro di massa
Conservazione della quantit`a di moto
Conservazione della quantit`a di moto angolare
Conservazione dellEnergia
Il moto di un sistema di particelle pu`o essere separato in
1. Moto del centro di massa (CM)
tutta la massa concentrata nel CM
Risultante delle Forze esterne applicata in CM
2. Moto delle singole particelle del sistema intorno al CM

Moto del centro di massa


Se abbiamo un sistema costituito da n masse m1 + m2 + . . . +
mn dotate di velocit`a v1 + v2 + . . . + vn, la quantit`a di moto
totale `e
P=

n
X
i=1

pi =

n
X
i=1

mivi = m1v1 + m2v2 + . . .

122

Dinamica dei sistemi

La massa totale `e:


M=

n
X

mi

i=1

Consideriamo il sistema equivalente ad ununica particella di


massa M e di velocit`a vCM
P = M vCM
Risulta
vCM

Pn
pi
P
= Pni=1
=
M
i=1 mi

vCM `e la velocit`a di un punto denominato centro di massa


Le coordinate del centro di massa sono determinate da
Pn
miri
m1r1 + m2r2 + . . . + mnrn
i=1
= Pn
(8.1)
rCM =
m1 + m2 + . . . + mn
i=1 mi
Infatti derivando la (8.1) si ottiene
Pn
n
X
drCM
1
dri
mivi
=
mi
= i=1
= vCM
dt
M i=1
dt
M

Leggi del moto di un sistema di particelle


Prima legge del moto
Se il sistema `e isolato per il principio di conservazione della
quantit`a di moto P `e costante,quindi
Il centro di massa di un sistema isolato si muove con velocit`a
costante vCM in qualsiasi sistema inerziale

123

Dinamica dei sistemi

Si definisce sistema di riferimento del centro di massa o sistema


C, il sistema di riferimento in cui
vCM = 0
quindi nel sistema C si ha P = 0 la quantit`a di moto totale `e
nulla
Nel sistema C la descrizione del moto `e in generale pi`u semplice
Il CM `e un punto inventato dotato di notevoli propriet`a
fisiche
Seconda legge del moto
Consideriamo un sistema S non isolato che interagisce con il
sistema S 0

Supponiamo che i due sistemi siano isolati dal resto del mondo
Per il principio di conservazione della quantit`a di moto si ha
X
X
P=
pi +
pj = costante
i

cio`e
P = PS + PS 0 = costante

(8.2)

124

Dinamica dei sistemi

Quindi
PS = PS 0

(8.3)

Si produce uno scambio di quantit`a di moto fra i due sistemi


Derivando rispetto al tempo la (8.2) si ha
dPS
dPS 0
=
dt
dt
Definiamo il primo termine forza esterna esercitata su S
P
dPS d ( i pi)
Fext =
=
dt
dt
Fext non contiene le forze interne ad S perch`e per il principio di
conservazione della quantit`a di moto non producono variazioni
di P
Poich`e vCM = PMS si ha
Fext = M

dvCM
= M aCM
dt

Il centro di massa di un sistema di particelle si muove come se


fosse una particella avente massa uguale alla massa totale del
sistema e soggetta alla forza esterna applicata al sistema
Terza legge del moto per un sistema di particelle
Dalla (8.3), definendo F0ext la forza di interazione del sistema
S sul sistema S 0, si ha:
Fext = F0ext
La legge di azione reazione tra i sistemi S e S 0

125

Dinamica dei sistemi

Linterazione tra i due sistemi di particelle si pu`o descrivere


allo stesso modo dellinterazione fra due particelle singole
Non ricaviamo la descrizione dettagliata del moto delle singole
particelle ma la dinamica del CM
Forze agenti sulle singole particelle del sistema

Supponiamo che il sistema sia composto da due particelle:


F12 forza interna agente sulla particella m1 dovuta alla
interazione con la particella m2
F21 forza interna agente sulla particella m2 dovuta alla
interazione con la particella m1
F1 forza esterna agente sulla particella m1
F2 forza esterna agente sulla particella m2
per la legge di azione reazione
F12 = F21

(8.4)

126

Dinamica dei sistemi

Le equazioni del moto per le due particelle sono


dp1
dt
dp2
dt

= F1 + F12
= F2 + F21

Sommando le due equazioni


dP d(p1 + p2)
=
= F1 + F2
dt
dt
Si pu`o generalizzare per un sistema arbitrario di n particelle
Pn
n
dP d ( i=1 pi) X
Fi = Fext
=
=
dt
dt
i=1
dove Fi `e la forza esterna agente sulla particella mi
La forza esterna agente su un sistema di particelle `e la somma
delle forze esterne agenti su ciascuna delle particelle componenti
Anche in presenza di un sistema complesso ai fini del moto
del sistema sono efficaci solo le forze esterne applicate alle
particelle
Le interazioni interne si compensano reciprocamente senza
provocare variazioni della quantit`a di moto del sistema
Esempio:

127

Dinamica dei sistemi

Massa ridotta
Consideriamo due particelle soggette soltanto alla loro mutua
interazione

Le equazioni del moto delle due particelle per un osservatore


inerziale sono
dv2
dv1
; F21 = m2
F12 = m1
dt
dt
cio`e
dv1 F12
dv2 F21
=
;
=
dt
m1
dt
m2
Sottraendo membro a membro
dv1 dv2 F12 F21

dt
dt
m1
m2
Utilizzando la (8.4) si ha
d(v1 v2)
=
dt

1
1
+
F12
m1 m2

Poich`e v1 v2 = v12 velocit`a di m1 relativa a m2, si ha


d(v1 v2) dv12
=
= a12
dt
dt

128

Dinamica dei sistemi

dove a12 `e laccelerazione di m1 relativa a m2 Quindi




1
1
a12 =
+
F12
m1 m2
Definiamo massa ridotta del sistema


1
1
1
= m1 + m2
m1m2
=
m1 + m2
Risulta
F12 = a12
Il moto relativo di due particelle soggette soltanto alla loro mutua interazione `e equivalente al moto, relativo ad un osservatore inerziale, di una particella avente massa uguale alla massa
ridotta e soggetta a una forza uguale alla loro interazione
Si pu`o, utilizzando i concetti di moto relativo e massa ridotta,
separare lo studio di un sistema di due particelle interagenti
in:
Moto del centro di massa del sistema, che in assenza di
forze esterne `e rettilineo
Moto di una particella di massa sottoposta alla forza
di interazione interna
Quando m1  m2 si ha m1 ed il CM coincide con la
massa m2
ESEMPIO: Siano date m1 e m2 con velocit`a v1 e v2
Determinare vCM , v10 e v20 (velocit`a delle particelle rispetto al
CM )

129

Dinamica dei sistemi

m1v1 + m2v2
vCM =
m1 + m2
Utilizzando la trasformazione galileiana
2
v12
v10 = v1 vCM = m1m+m
2
1
v20 = v2 vCM = m1m+m
v12
2

(8.5)
(8.6)

dove v12 `e la velocit`a relativa delle due particelle Le quantit`a


di moto di m1 e m2 rispetto al CM sono
m2
p01 = m1v10 = mm11+m
v12 = v12
2
m1
p02 = m2v20 = mm12+m
v21 = v12
2

La quantit`a di moto totale del sistema rispetto al CM `e nulla


P0 = p01 + p02 = 0

Momento angolare di un sistema


Per una particella il momento della quantit`a di moto (momento angolare) risulta
L=rp

130

Dinamica dei sistemi

La legge angolare del moto


dL
=rF=
dt
Consideriamo un sistema formato da due particelle

dL1
dt
dL1
dt

= 1 ;

= r1 (F1 + F12) ;

dL2
= 2
dt
dL2
= r2 (F2 + F21)
dt

Sommando le due equazioni si ottiene la legge angolare del


moto del sistema
dL1 dL2
+
= 1 + 2 = r1 F1 +r2 F2 +(r1 r2)F12 (8.7)
dt
dt
Essendo per la terza legge del moto
(r1 r2) F12 = 0
la (8.7) risulta
dL1 dL2
+
= ext
dt
dt

131

Dinamica dei sistemi

Per un sistema formato da un numero qualsiasi di particelle


dL
= ext
dt
dove
L=

Li ;

ext =

exti

Infatti i momenti interni si annullano per la terza legge del


moto (forze interne che agiscono lungo le rette congiungenti
ciascuna coppia di particelle)
La derivata rispetto al tempo del momento angolare totale
di un sistema di particelle rispetto ad un punto arbitrario
`e uguale al momento totale rispetto allo stesso punto delle
forze esterne agenti sul sistema
Riassumendo le variazioni della quantit`a di moto lineare e angolare sono prodotte dalle sole forze esterne in quanto gli effetti
delle forze interne si compensano
dp
= Fext
dt
dL
= ext
dt

(8.8)
(8.9)

Si pu`o studiare il moto complessivo di un sistema trascurando


le forze interne
In assenza di forze esterne o quando la somma dei loro momenti
`e nulla, si ha
dL
=0
dt

132

Dinamica dei sistemi

quindi
L1 + L2 + L3 + . . . = costante
legge di conservazione della quantit`
a di moto angolare
Il momento angolare totale L di un sistema isolato o per il
quale `e nullo il momento delle forze esterne, `e costante (in
modulo, direzione e verso)
Esempi:
gli elettroni di un atomo rispetto al nucleo (Sistema
isolato)
I pianeti del sistema solare rispetto al Sole (Sistema
isolato)
I principi di conservazione della quantit`a di moto e della quantit`a di moto angolare sono validi anche in fisica atomica e
nucleare, dove non sono valide le leggi della meccanica Newtoniana
In presenza di due sistemi interagenti S e S 0 isolati dal resto
del mondo, il momento angolare totale `e costante
L = LS + LS 0 = costante
Per effetto dellinterazione i due sistemi interagenti si scambiano quantit`a di moto angolare
LS = LS 0

133

Dinamica dei sistemi

Momento angolare nei sistemi di riferimento C e L

La posizione del CM nel sistema L `e


rCM

m1r1 + m2r2
=
m1 + m2

Le posizioni delle particelle nel sistema C sono


r01 = r1 rCM =
r02 = r2 rCM =

m2 (r1 r2 )
m2 r12
=
m1 +m2
m1 +m2
m1 (r2 r1
m1 r12
=

m1 +m2
m1 +m2

(8.10)
(8.11)

Il momento angolare del sistema rispetto al CM dalle (8.5),(8.6),


(8.10) e (8.11) risulta


m2r12
LC = r01 p01 + r02 p02 =
(v12)+
m1+ m2

m1r12
+
(v12)
m1 + m2
ovvero
LC = r12 v12

(8.12)

134

Dinamica dei sistemi

Il momento angolare del sistema rispetto al CM `e equivalente


a quello di una particella di quantit`a di moto v12 e di posizione r12
LC `e una propriet`a intrinseca del sistema stesso, indipendente
dallosservatore
LC `e definito momento angolare interno
Nel caso delle particelle elementari o dei corpi rigidi il momento
angolare interno viene chiamato spin
Relazione fra il momento angolare L di un sistema calcolato rispetto ai sistemi di riferimento L e C (L,LC )
Consideriamo per semplicit`a un sistema composto da due sole
particelle
Il momento angolare rispetto a L `e
L = r1 p1 + r2 p2
Le relazioni fra i vettori posizione, velocit`a e quantit`a di moto
nei due riferimenti sono
r1 = r01 + rCM ;
v1 = v10 + vCM ;
p1 = p01 + m1vCM ;

r2 = r02 + rCM
v2 = v20 + vCM
p2 = p02 + m2vCM

Il momento angolare nel sistema L risulta


L = (r01+rCM )(p01+m1vCM )+(r02+rCM )(p02+m2vCM ) =
= r01 p01 + r02 p02 + (m1r01 + m2r02) vCM +
+ rCM (p01 + p02) + rCM (m1vCM + m2vCM ) =
= r01 p01 +r02 p02 +rCM (p01 +p02)+(m1r1 +m2r2)vCM

Dinamica dei sistemi

135

Essendo
p01 + p02 = 0
LC = r01 p01 + r02 p02
2 r2
rCM = m1mr11+m
+m2
Risulta
L = LC + (m1 + m2)rCM vCM
Ovvero
L = LC + rCM P

(8.13)

Il momento angolare nel sistema di riferimento L pu`o essere


scomposto in
LC : momento angolare interno del sistema dovuto alla
rotazione intorno al CM
rCM P: momento angolare esterno dovuto alla traslazione del sistema
In generale nello studio dei moti rotatori dei sistemi di particelle si possono separare i moti interni rispetto al CM dal
moto del centro di massa
Relazione fra il momento meccanico esterno ext rispetto
al CM e il momento angolare interno LC di un sistema
Consideriamo per semplicit`a un sistema composto da due sole
particelle
Il momento meccanico agente sulle due particelle rispetto allorigine del sistema L risulta:
ext = r1 F1 +r2 F2 = (r01 +rCM )F1 +(r02 +rCM )F2 =
= r01 F1 + r02 F2 + rCM (F1 + F2) (8.14)

136

Dinamica dei sistemi

Poich`e il momento delle forze esterne rispetto al CM `e


CM = r01 F1 + r02 F2

(8.15)

e la risultante delle forze esterne


Fext = F1 + F2

(8.16)

Introducendo la (8.16) e la (8.15) nella (8.14), si ottiene


ext = CM + rCM Fext

(8.17)

Derivando lespressione del momento angolare (8.13) si ottiene


dL dLC
dP drCM
=
+ rCM
+
P
dt
dt
dt
dt
Poiche

drCM
P = vCM M vCM = 0
dt

si ottiene

dL dLC
=
+ rCM Fext
dt
dt

(8.18)

Ricordando che
dL
= ext
dt
Si ha dalla (8.17) e dalla (8.18)
dLC
= CM
dt

(8.19)

(8.20)

La relazione (8.19) `e valida per momenti angolari e meccanici


calcolati rispetto ad un punto fisso in un sistema inerziale

Dinamica dei sistemi

137

La relazione (8.20) `e valida per momenti angolari e meccanici


calcolati rispetto al CM anche se non `e in quiete rispetto ad
un sistema di riferimento inerziale
La relazione (8.20) rimane valida per un sistema composto da
un numero qualunque di particelle e risulta particolarmente
utile nello studio dei corpi rigidi

Energia Cinetica di un sistema


Consideriamo un sistema composto da due particelle sottoposte a forze sia esterne che interne:

Allistante considerato lenergia cinetica del sistema risulta


1
1
EK = m1v12 + m2v22
2
2
Il teorema dellenergia cinetica diventa
EK EK0 = Wext + Wint

(8.21)

La variazione di energia cinetica di un sistema di particelle `e


uguale alla somma del lavoro compiuto sul sistema dalle forze
esterne e dalle forze interne

138

Dinamica dei sistemi

Si ha
Z

(F1 dr1 + F2 dr2)

Wext =
A

e il lavoro delle forze interne


Z B
(F12 dr1 + F21 dr2)
Wint =
A

poiche F12 = F21 si ha


Z B
Z
(F12 dr1 F12 dr2) =
Wint =
A

F12 d(r1 r2)

Scrivendo r1 r2 = r12 si ottiene


Z B
Wint =
F12 dr12
A

Il lavoro compiuto dalle forze interne dipende soltanto dallo


spostamento reciproco delle particelle
Il risultato `e valido per sistemi composti da un numero qualsiasi di particelle

Conservazione dellenergia di un sistema


di particelle
Consideriamo un sistema di due particelle in presenza di un
campo di forze interne conservative. Si pu`o scrivere
Z B
Wint =
F12 dr12 = EP,intA EP,intB
A

139

Dinamica dei sistemi

Se le forze interne agiscono lungo la congiungente le particelle,


lenergia potenziale dipende soltanto da r12
Lenergia potenziale non dipende dal sistema di riferimento
ma dalle coordinate relative delle particelle
Per il teorema della energia cinetica otteniamo
EKB EKA = Wext + Wint = Wext + EP,intA EP,intB
cio`e
(EK + EP,int)B (EK + EP,int)A = Wext
La somma della energia cinetica e della energia potenziale
interna di un sistema rispetto ad un sistema di riferimento
inerziale, viene definita energia propria U
1
1
U = EK + EP,int = m1v12 + m2v22 + EP,int
2
2
In presenza di pi`u particelle si ha
U = EK + EP,int =

X1
i

mivi2

EP,int

Dove la prima sommatoria `e estesa alle i particelle e la seconda alle j coppie di particelle
In assenza di forze interne lenergia interna ha soltanto la
componente cinetica
Dalla definizione di energia propria ricaviamo
UB UA = Wext

140

Dinamica dei sistemi

La variazione di energia propria di un sistema di particelle


uguaglia il lavoro compiuto dalle forze esterne sul sistema
Per un sistema isolato Wext = 0 quindi in presenza di forze
interne conservative lenergia propria di un sistema isolato `e
costante (principio di conservazione dellenergia propria per
un sistema di particelle)
Se due sistemi S e S 0, dotati di forze interne conservative,
interagiscono fra loro e sono isolati dal resto delluniverso, si
ha
US + US 0 = cost
Linterazione vista come scambio di energia `e
US = US 0
In presenza di forze esterne conservative si pu`o scrivere
Wext = EP,extA EP,extB
Si ha allora
UB UA = EP,extA EP,extB
cio`e
(U + EP,ext)A = (U + EP,ext)B
Si definisce Energia totale del sistema E
E = U + EP,ext = EK + EP,int + EP,ext = cost

(8.22)

Lenergia totale del sistema `e costante in presenza di forze


interne ed esterne conservative

Dinamica dei sistemi

141

La relazione (8.22) costituisce il principio di conservazione


della energia totale per un sistema di particelle
ESEMPIO: Si abbiano due corpi di massa m1 e m2 uniti da
una molla di costante elastica k. Se il sistema `e posto su un
piano orizzontale in assenza di attriti, si ha
1
1
1
U = EK + EP,int = m1v12 + m2v22 + kx2 = cost
2
2
2
Se il sistema viene lanciato in aria, definite y1 e y2 le altezze
dei due corpi, risulta
E = EK + EP,int + EP,ext =
1
1
1 2
2
2
= m1v1 + m2v2 + kx + m1gy1 + m2gy2 = cost
2
2
2

Energia interna di un sistema


Poiche lenergia cinetica dipende dalle velocit`a delle particelle, i valori che assume dipendono dal sistema di riferimento
utilizzato per descrivere il moto delle particelle
Lenergia cinetica calcolata da un sistema di riferimento solidale con C viene definita energia cinetica interna EK,int del
sistema
Si definisce energia interna di un sistema la somma
Uint = EK,int + EP,int
Quando EP,int `e trascurabile (gas ad elevata temperatura) la
conservazione della energia si riduce alla conservazione dellenergia cinetica. Si definisce energia termica lenergia associata
al moto delle molecole

142

Dinamica dei sistemi

Relazione tra lenergia cinetica nei sistemi


C eL
Consideriamo un sistema costituito da due particelle
Lenergia cinetica nel sistema di riferimento L risulta
1
1
EK = m1v12 + m2v22
2
2
Le relazioni tra le velocit`a misurate nei due sistemi
v1 = v10 + vCM ;

v2 = v20 + vCM

Sostituendo otteniamo
1
1
0
2
EK = m1(v1 + vCM ) + m2(v20 + vCM )2 =
2
2
1
1
1
0
0
2
= m1v12 + m2v22 + (m1 +m2)vCM
+(m1v10 +m2v20 )vCM
2
2
2
Lespressione
m1v10 + m2v20 = PCM = 0
Risulta quindi
1
2
EK = EK,int + (m1 + m2)vCM
2
cio`e

1
2
EK = EK,int + M vCM
2

dove
EK,int = 12 m1v12 + 12 m2v22 `e lenergia cinetica interna

Dinamica dei sistemi

143

2
12 M vCM
`e lenergia cinetica traslazionale

Il moto del sistema pu`o essere visto come:


moto traslazionale del CM
moto interno relativo al CM
La relazione determinata `e valida per un sistema composto da
un numero qualsiasi di particelle

Riassunto delle relazioni valide per i sistemi di particelle


P =M vCM
PC =0
L =LC + rCM P
ext = extC + rCM Fext
1
2
EK =EKC + M vCM
2
dP
=Fext ; M aCM = Fext
dt
dL
= ext ;
dt
dLC
= extCM
dt
EK EK0 =Wext + Wint
U =Wext

144

Dinamica dei sistemi

Definizioni di Energia
Energia propria: U = EK + EP,int
Energia interna: Uint = EK,int + EP,int
Energia totale: E = EK + EP,int + EP,ext
Per il moto di un sistema di particelle valgono relazioni analoghe a quelle valide per il moto delle singole particelle:

dP
dt

dL
dt

= Fext legge per il moto traslatorio

= ext legge per il moto rotatorio rispetto ad un


punto fisso in un sistema di riferimento inerziale

Le equazioni scritte non forniscono una informazione completa


sul comportamento delle singole particelle (i gradi di libert`a
sono 3N ), ma sulleffetto complessivo di traslazione e rotazione
del sistema
Il moto del sistema pu`o essere visto come:
moto traslazionale del CM
moto interno relativo al CM

145

Urti

Urti

Nella collisione tra due particelle una forza relativamente grande agisce su ciascuna di esse per un tempo relativamente breve. Secondo lidea principale che sta alla base del concetto di
urto, il moto delle particelle collidenti (o di almeno una di
esse) cambia piuttosto rapidamente e si pu`o fare una separazione piuttosto netta nella scala dei tempi fra ci`o che avviene
prima dellurto e dopo lurto.
Le forze che agiscono per un tempo molto breve rispetto al
tempo di osservazione del sistema sono chiamate forze impulsive.
Le due particelle possono non toccarsi, ma parliamo ugualmente di urto poiche una forza relativamente grande, agente per un tempo breve rispetto a quello di osservazione della
particella alfa, ha leffetto di cambiare sostanzialmente il suo
moto.
Possiamo anche parlare di urto tra due galassie, se siamo
preparati a osservarle su una scala dei tempi dellordine dei
milioni o dei bilioni di anni

146

Urti

Impulso e quantit`
a di moto

Una forza impulsiva F (t) varia col tempo in modo arbitrario durante un urto che avviene nellintervallo di tempo da ti
a tf . Larea sotto la curva F (t) rappresenta limpulso J, il
rettangolo limitato dalla forza media F ha area uguale alla
precedente.
Supponiamo che la curva rappresenti landamento in funzione
del tempo dellintensit`a (modulo) della forza agente su uno dei
due corpi durante un urto.
dp = Fdt
Z pf
Z tf
dp =
Fdt
pi

(9.1)
(9.2)

ti

Z
J=

tf

Fdt
ti

(9.3)

147

Urti

J = pf pi

(9.4)

teorema dellimpulso-quantit`
a di moto:
Limpulso della forza risultante agente su una particella
durante un certo intervallo di tempo `e uguale alla variazione della quantit`
a di moto della particella nello stesso
intervallo di tempo
Il lavoro implica un integrale sulla posizione della forza risultante, mentre limpulso implica lintegrale sul tempo della
stessa forza
Il modulo dellimpulso di questa forza e uguale allarea sottesa
dalla curva F (t).
J = F t

(9.5)

Conservazione della quantit`


a di moto nei
processi di urto

Consideriamo ora un urto tra due particelle, come per esempio quelle di massa m1 e m2. In ogni istante siano F12 la

148

Urti

forza esercitata sulla particella 1 dalla particella 2 e F21 quella


esercitata sulla particella 2 dalla particella 1.

tf

p1 =

12t
F12dt = F

(9.6)

ti

Analogamente per la particella 2


Z
p2 =

tf

21t
F21dt = F

(9.7)

ti

Abbiamo visto che in ogni istante `e F12 = F21, quindi anche


12 = F
21, e di conseguenza
F

p1 = p2

(9.8)

P = p1 + p2

(9.9)

P = p1 + p2 = 0

(9.10)

Quindi, se non agiscono forze esterne, la quantit`


a di moto
totale del sistema delle due particelle non viene modificata
dallurto.

Urti

149

La forza impulsiva Fimp che agisce durante un urto `e generalmente molto pi`u intensa di ogni forza esterna Fext (in questo
caso costante) che pu`o agire sul sistema.
La variazione di quantit`a di moto di una particella dovuta
alle forze esterne agenti durante lurto `e trascurabile rispetto
a quella dovuta alle forze esterne impulsive

150

Urti

Esempio

(a) Le quantit`a di moto iniziale e finale della palla da baseball.


(b) La differenza pf pi `e uguale allimpulso J.
J = pf pi = pf + (pi)

(9.11)

= J/t.
Dalla relazione J = Ft,
si ha F
= (12.3Kg m/s)/0.0015s = 8200N
|F|

(9.12)

Urti in una dimensione


In questo paragrafo studieremo leffetto di un urto fra due
corpi. Noti i moti dei due corpi prima dellurto, si potrebbero
sempre calcolare i loro moti dopo lurto se si conoscessero le
forze che agiscono durante lurto e si sapessero risolvere le
equazioni del moto.

Urti

151

` necessario servirsi della legge di conservazione della quantit`a


E
di moto che `e applicabile in ogni urto in cui agiscono solo forze
interne, anche se non sono note
Poiche durante lurto anche lenergia totale si deve conservare,
lenergia totale iniziale dei corpi prima dellurto deve essere
uguale allenergia totale finale dei prodotti della collisione
In un particolare tipo di urto, chiamato urto elastico, tutte le
forme di energia, diverse da quella meccanica U +K, si devono
ignorare
In un urto elastico lenergia cinetica iniziale del sistema
Ki `e uguale allenergia cinetica finale Kf
In un altro tipo di urto, chiamato urto anelastico, lenergia
appare anche in altre forme e le energie cinetiche iniziale e
finale del sistema non sono uguali
In un urto anelastico lenergia meccanica U + K non `e conservata, ma lenergia totale lo `e sempre
Tutti gli urti tra oggetti reali sono anelastici. Possiamo per`o
trattare alcuni urti come approssimativamente elastici, per
esempio, quando gli oggetti sono rigidi come le palle da biliardo
Quando i due corpi dopo lurto rimangono attaccati, lurto `e
detto completamente anelastico

Urti elastici
Consideriamo un urto elastico unidimensionale

152

Urti

Due particelle prima e dopo un urto elastico. Si noti che le


velocit`a relative prima e dopo lurto sono uguali
Siano m1 e m2 le masse dei due corpi, v1i e v2i le componenti delle loro velocit`a prima dellurto e v1f e v2f dopo lurto.
Applicando la conservazione della quantit`a di moto
m1v1i + m2v2i = m1v1f + m2v2f

(9.13)

Applicando la conservazione dellenergia che, nel caso di urto


elastico coincide (per definizione) con la conservazione dellenergia cinetica Ki = Kf , si ottiene
1
1
1
1
2
2
2
2
m1v1i + m2v2i = m1v1f + m2v2f
2
2
2
2

(9.14)

la (9.13) e (9.14) possono essere scritte


m1(v1i v1f ) = m2(v2f v2i)

(9.15)

2
2
2
2
m1(v1i
v1f
) = m2(v2f
v2i
)

(9.16)

v1i + v1f = v2i + v2f

(9.17)

v1i v2i = (v1f v2f )

(9.18)

153

Urti

si ottiene

m1 m2
2m2
v1i +
v2i
(9.19)
m1 + m2
m1 + m2
Analogamente, eliminando v1f e risolvendo rispetto a v2f
v1f =

v2f

2m1
m2 m1
=
v1i +
v2i
m1 + m2
m1 + m2

(9.20)

Consideriamo alcuni casi particolari interessanti:


Masse uguali
v1f = v2i

v2f = v1i

(9.21)

Particella bersaglio in quiete


In questo caso v2i = 0
2m1
m1 m2
v1i v2f =
v1i
(9.22)
v1f =
m1 + m2
m1 + m2
Combinando questo caso con il precedente m1 = m2 si
ottiene v1f = 0 e v2f = v1i
Bersaglio di grande massa
v1f v1i + 2v2i

v2f v2i

(9.23)

Se la particella di massa elevata m2 si muove molto


lentamente o `e in quiete
v1f v1i

v2f 0

(9.24)

Proiettile di grande massa Se m1  m2 le (9.19) e


(9.20) diventano
v1f v1i

v2f 2v1i v2i

(9.25)

154

Urti

Urti anelastici
Consideriamo ora gli urti anelastici, nei quali per definizione
lenergia cinetica non `e conservata. Nel solo caso particolare
di un urto completamente anelastico `e possibile determinare
il moto finale conoscendo solo le condizioni iniziali. In questo
caso, i corpi dopo lurto restano attaccati e si muovono con la
stessa velocit`a vf . Si ottiene
m1
m2
vf =
v1i +
v2i
m1 + m2
m1 + m2

(9.26)

Se m2 `e inizialmente in quiete, questa si riduce a


vf =

Il pendolo balistico

m1
v1i
m1 + m2

(9.27)

155

Urti

Il pendolo balistico viene usato per misurare la velocit`a di un


proiettile
possiamo applicare la conservazione della quantit`a di moto
nella direzione orizzontale
mv = (M + m)V

(9.28)

dove v `e la velocit`a del proiettile prima dellurto e V quella


del sistema immediatamente dopo lurto. Anche se nellurto
lenergia meccanica non `e conservata, essa si conserva durante
loscillazione del pendolo dopo lurto
1
(M + m)V 2 = (M + m)gh
2

(9.29)

Eliminando V

M + mp
v=
2gh
m
Lenergia cinetica del proiettile `e
1 2
Kb = mv = 1900J
2

(9.30)

(9.31)

Lenergia meccanica del pendolo `e uguale alla sua energia


potenziale nel punto pi`u alto delloscillazione
E = (M + m)gh = 3.3J

(9.32)

Sistema di riferimento del centro di massa


Quando vengono eseguiti esperimenti durto, le misure sono
naturalmente effettuate in un sistema di riferimento solidale

156

Urti

con il laboratorio (sistema del laboratorio). Indipendentemente dalle modalit`a dellesperimento, lurto viene osservato
da un sistema di riferimento solidale con il centro di massa
delle particelle collidenti (sistema del centro di massa), lanalisi del fenomeno `e spesso pi`u semplice e il significato fisico
pi`u chiaro.

Una serie di istantanee dellurto unidimensionale elastico tra


due particelle di masse m1 e m2 = 3m1. ll centro di massa
delle due particelle `e indicato con . (a) Sistema di riferimento
del laboratorio. (b) Sistema di riferimento del centro di massa.

157

Urti

Il centro di massa tra m1 e m2, prima e dopo lurto si muove


con la stessa velocit`a costante vcm.
m1
vcm =
v1i
(9.33)
m1 + m2
Rappresentiamo ora lo stesso urto da un sistema di riferimento
in moto con la velocit`a vcm rispetto al laboratorio
0

v =v +u

(9.34)

Nel nostro caso, il sistema in moto `e quello del centro di massa


e quindi u = vcm
m1
m2
v1i =
v1i (9.35)
m1 + m2
m1 + m2
m1
m1
0
v2i = v2i vcm = 0
v1i =
v1i (9.36)
m1 + m2
m1 + m2
m1 m2
m1
m2
0
v1i
v1i =
v1i
v1f = v1f vcm =
m1 + m2
m1 + m2
m1 + m2
(9.37)
2m1
m1
m1
0
v2f = v2f vcm =
v1i
v1i =
v1i
m1 + m2
m1 + m2
m1 + m2
(9.38)
Una serie di istantanee dellurto unidimensionale completamente anelastico tra due partice1le di masse m1 e m2 = 3m1.
(a) Sistema di riferimento del laboratorio. (b) Sistema di
riferimento del centro di massa.
Consideriamo ora lurto unidimensionale completamente anelastico nel sistema di riferimento del centro di massa. Supponiamo di nuovo che m1 incida su m2 = 3m1 in quiete nel
laboratorio.
0

v1i = v1i vcm = v1i

158

Urti

Dopo lurto:
0

vf = vf vcm =

m1
m1
v1i
v1i = 0
m1 + m2
m1 + m2

(9.39)

Corpo Rigido

10

159

Corpo rigido

Si definisce corpo rigido un sistema di punti materiali in cui le


distanze fra tutte le particelle che lo compongono rimangono
costanti durante lapplicazione di una forza o di un momento
esterni
Un corpo rigido conserva la sua forma durante il moto. Non
si deforma e non vibra
Possiamo distinguere due tipi di moto di un corpo rigido

Moto di traslazione (a). Tutte le particelle descrivono


traiettorie parallele
Moto di rotazione (b). Tutte le particelle descrivono
traiettorie circolari intorno a una retta chiamata asse di
rotazione
Il moto di un corpo rigido si pu`o considerare come la combinazione di una traslazione pi`u una rotazione

160

Corpo Rigido

`e sempre possibile quindi determinare un sistema di riferimento soltanto traslante rispetto al quale il moto del corpo rigido
sia esclusivamente rotatorio
Rispetto a questo sistema di riferimento lasse di rotazione `e
il luogo dei punti istantaneamente fissi
Lasse di rotazione pu`o spostarsi rispetto al riferimento o cambiare la direzione rispetto al corpo durante il moto
Il moto di un corpo rigido si studia considerando separatamente il moto traslatorio di un punto del corpo e quello rotatorio
intorno al punto stesso
Come origine del sistema di assi solidale con il corpo si sceglie
generalmente il CM

161

Corpo Rigido

Momento angolare di un corpo rigido


Si abbia un corpo rigido che ruota intorno ad un asse fisso z,
vincolato ad un riferimento inerziale, con velocit`a angolare

Il momento angolare della particella iesima Ai `e


Li = miri vi
dove vi = ri
Si ha |vi| = ri sin i = Ri
Li ha una direzione che forma un angolo pari ( 2 i) con
lasse z e |Li| = mirivi
La componente di Li lungo lasse z `e

Liz = (mirivi) cos ( i) = mi(ri sin i)(Ri) = miRi2


2
Il momento angolare totale di tutte le particelle che compongono il corpo rigido risulta
X
L = L1 + L2 + . . . =
Li
i

162

Corpo Rigido

In generale L non `e parallelo allasse z perch`e i singoli Li non


lo sono
La componente di L rispetto allasse di rotazione risulta
X
Lz = L1z + L2z + . . . =
Liz
i

cio`e
!
Lz =

(m1R12

m2R22

+ . . .) =

miRi2

La quantit`a
I=

miRi2

(10.1)

`e definita momento di inerzia del corpo rigido rispetto allasse di rotazione z


La componente Lz di L pu`o essere quindi scritta come
Lz = I
Il momento di inerzia `e una grandezza molto importante utilizzata per lo studio del moto di un corpo rigido
Confrontando la definizione di quantit`a di moto e di momento
angolare
p = mv
Lz = I
si deduce come il momento di inerzia `e lanalogo della massa
per quanto concerne le caratteristiche rotatorie di un corpo
rigido

Corpo Rigido

163

Dalla (10.1) si ricava come il valore di I dipende sia dalle masse che costituiscono il corpo che dal quadrato della distanza
rispetto allasse di rotazione
Mentre la massa `e una caratteristica di un corpo, il momento
di inerzia dipende dallasse di rotazione
ESEMPIO: pattinatrice in rotazione rispetto a un asse verticale
Quando la pattinatrice solleva le braccia, modifica il proprio
momento di inerzia (I2 < I1)
Per il principio di conservazione del momento angolare del
sistema (pattinatrice) risulta
Lz = I = costante I11 = I22
poiche I2 < I1 si ha 2 > 1
Assi principali di un corpo rigido
In ogni corpo rigido, indipendentemente dalla forma, esistono
sempre almeno tre assi di rotazione fra loro mutuamente perpendicolari e passanti per il CM , per i quali risulta L parallelo
a
Questi tre assi vengono denominati assi principali di inerzia
I momenti di inerzia corrispondenti vengono denominati
I1 il massimo momento di inerzia
I2 il minimo momento di inerzia
I3 il momento di inerzia intermedio

164

Corpo Rigido

Gli assi principali di inerzia sono solidali con il corpo e quando


esisteno assi di simmetria sono coincidenti con essi

Quando un corpo ruota attorno ad un principale di inerzia si


ha
L = I

(10.2)

In generale si utilizza un sistema di riferimento solidale con il


corpo rigido cos` che I1,I2 e I3 sono quantit`a costanti

Calcolo dei momenti di inerzia


Un corpo rigido `e composto da un numero estremamente elevato di particelle quindi leq (10.1) diventa
Z
I=

R2dm =

R2dV

165

Corpo Rigido

Il momento di inerzia rispetto allasse Z risulta


Z
Z
IZ = R2dV = (X 2 + Y 2)dV
Se la densit`a =

dm
dV

`e costante
Z
I = R2dV

Quando il corpo `e omogeneo lintegrale si riduce al calcolo di


un fattore geometrico uguale per tutti i corpi con la stessa
forma
Dimensionalmente
I = [M ][L]2
Nel S.I. `e espresso in m2Kg
Teorema di Steiner o degli assi paralleli (Teorema
di Lagrange)
I momenti di inerzia rispetto ad assi paralleli sono legati da
una formula molto semplice

166

Corpo Rigido

Sia dato un asse Z arbitrario e ZC un asse ad esso parallelo


e passante per il CM del corpo. Se a `e la distanza fra i due
assi e M la massa del corpo, si ha
IZ = IZC + M a2

(10.3)

DIMOSTRAZIONE
Si ha
RC2 = x2 + y 2
R2 = x2 + (y + a)2 = RC2 + 2ya + a2
Il momento di inerzia rispetto allasse Z e
X
X

2
2
2
IZ =
miRi =
mi RCi + 2yia + a =
i

!
=

miRC2 i

+ 2a

miyi

+a

Dalla definizione di CM abbiamo i miyi = 0 Inoltre


X
X
2
IZC =
miRCi ;
mi = M
i

mi

167

Corpo Rigido

Si ottiene quindi lespressione

IZ = IZC + M a2

Il teorema di Steiner `e molto utile per il calcolo di momenti di


inerzia non baricentrali

Raggio giratore di un corpo

Il Raggio giratore diq


un corpo K `e definito dalla relazione
I = M K 2;
K = MI
`e la distanza dallasse di rotazione alla quale si potrebbe concentrare tutta la massa senza che il momento di inerzia cambi
Per corpi omogenei il raggio giratore dipende soltanto dalla
geometria del corpo

168

Corpo Rigido

Momento di inerzia di una lamina piana sottile

Rispetto a X: IX =

Y 2dV

Rispetto a Y : IY =

X 2dV

Rispetto a Z: IZ =

(x2 + y 2)dV

IZ = IX + IY

169

Corpo Rigido

Momento di inerzia di una sbarra sottile omogenea

Calcoliamo il momento di inerzia rispetto ad un asse passante


per un estremo
Z
IA =

L
2

x (Sdx) = S
0

1
x dx = SL3
3
2

Poich`e V = SL si ha M = SL e
1
IA = M L2
3
Per calcolare il momento di inerzia rispetto ad un asse baricentrale, si utilizza il teorema di Steiner. Dalla (10.3) si
ha
1
2
IC = IA M a = M L2 M
3

 2
L
1
= M L2
2
12

Lo stesso risultato `e ottenuto anche calcolando IC tramite la


definizione

170

Corpo Rigido

Equazione del moto rotatorio


Lequazione fondamentale per il moto rotatorio di un corpo
rigido `e:
dL
=
(10.4)
dt
Il momento meccanico e il momento angolare sono calcolati
rispetto ad un punto fisso in un sistema di riferimento inerziale
Quando il corpo rigido ruota intorno ad un asse principale di
inerzia risulta L = I e quindi
dL d (I)
d
=
=I
=
dt
dt
dt
cio`e
= I

(10.5)

dove rappresenta laccelerazione angolare


Lequazione (10.5) `e formalmente simile alla F = ma
legge di inerzia per il moto rotatorio
Dalla (10.5) se il momento delle forze esterne `e nullo, risulta
I = cost
Un corpo rigido che ruota intorno ad un asse principale si
muove di velocit`a angolare costante in assenza di momenti
meccanici esterni
Se I si modifica, cambia per mantenere L = cost
Se un corpo rigido `e vincolato a ruotare intorno ad un asse z
non principale risulta Lz = I, quindi
d
I
= z
dt

171

Corpo Rigido

Non essendo L k sono necessari dei momenti meccanici,


forniti per esempio dal vincolo rigido, per mantenere il moto
rotatorio
Quando lasse di rotazione non ha un punto fisso in un sistema
di riferimento inerziale, si applica lequazione
dLC
= CM
dt

(10.6)

Energia cinetica di rotazione


Dalla definizione di energia cinetica per un sistema di particelle
X1
mivi2
EK =
2
i
quando si tratta di un corpo rigido in rotazione vi = Ri, si
ha
!
X1
1 X
2 2
EK =
miRi =
miRi2 2
2
2
i
i
cio`e
1 2
EK = I
2

(10.7)

Lequazione (10.7) `e formalmente analoga alla EK = 21 mv 2


Quando il corpo rigido ruota attorno ad un asse principale,
utilizzando la (10.2) si ottiene
L2
EK =
2I

172

Corpo Rigido

Consideriamo un corpo rigido che ruota rispetto ad un asse


passante per il suo centro di massa ed `e dotato di un moto
traslatorio rispetto allosservatore
Nel sistema di riferimento L lenergia cinetica di un sistema `e
1
2
EK = M vCM
+ E KC
2
quindi
1
1
2
EK = M vCM
(10.8)
+ IC 2
2
2
Poich`e in un corpo rigido la mutua distanza fra le particelle non
pu`o variare, le forze interne non lavorano e lenergia potenziale
interna rimane costante
EK EK0 = Wext + Wint = Wext
In presenza di forze esterne conservative risulta
Wext = EP,ext0 EP,ext
quindi
E = EK + EP = (EK + EP )0 = costante
Lenergia totale `e costante
1
1
2
E = M vCM
+ IC 2 + EP = costante
2
2

(10.9)

Un corpo rigido che cade sotto lazione della forza di gravit`a


ha
1
1
2
E = M vCM + IC 2 + M gy = costante
2
2
dove y `e laltezza del CM del corpo rigido rispetto al riferimento orizzontale

173

Corpo Rigido

Moto di rotolamento senza strisciamento

In ogni istante il punto C `e fermo. Il cilindro ruota intorno


ad un asse passante per C definito asse di istantanea rotazione
Se il cilindro ruota con velocit`a angolare e accelerazione
risulta
vCM = r ;

aCM = r

Il punto C `e istantaneamente mantenuto fermo da una forza


di attrito statica fs che si esercita tra il piano ed il corpo
Il massimo valore che fs pu`o assumere `e sN
Per valori maggiori di fs si produce strisciamento
Il rotolamento pu`o essere studiato come una combinazione di
traslazione del CM e una rotazione attorno ad un asse per
CM con velocit`a angolare e accelerazione

174

Corpo Rigido
v

2v

R=v CM

CM

CM

CM

CM

CM

R=-v
P

traslazione

CM

rotazione

ESEMPIO:Cilindro omogeneo di raggio R che rotola lungo un


piano inclinato

Metodo dinamico
Il moto traslatorio `e determinato assumendo tutte le forze
esterne applicate CM
N M g cos = 0
M g sin f = maCM

(10.10)
(10.11)

Il moto di rotazione `e determinato dalla CM = IC


Per la composizione di forze parallele, la risultante delle forze
peso `e applicata nel baricentro che coincide con il CM e quindi
non pu`o originare rotazioni

175

Corpo Rigido

Il momento di N rispetto a CM `e nullo perche la sua retta di


azione passa per CM
Risulta quindi
f R = IC
Applicando la relazione cinematica aCM = R e IC = 12 M R2
si determina
IC M a
f=
=
(10.12)
R
2
M g sin 2
= g sin
aCM =
(10.13)
IC
3
M+ 2
R

Il moto `e possibile se f sM g cos


Diversamente il corpo rotoler`a strisciando con forza di attrito
f = d N
La velocit`a `e ricavata dalla
2ay0 4
v 2 = 2al =
= gh
sin 3
q
cio`e v = 43 gh
Conservazione dellenergia
Nellipotesi di moto di rotolamento senza strisciamento la forza
di attrito non compie lavoro in quanto applicata ad un punto
che rimane fermo
Applicando il principio di conservazione dellenergia (10.9)

Poiche vCM

1
1
2
M gy0 = M vCM
+ IC 2
2
2
= R si ha
2
1
1 vCM
2
M gy0 = M vCM + IC 2
2
2 R

176
si ricava v =

Corpo Rigido

4
3 gh

Lenergia potenziale gravitazionale si trasforma in energia cinetica di traslazione e di rotazione

Gravitazione

11

177

Gravitazione

I Greci supponevano che la Terra fosse il centro geometrico


dellUniverso e che tutti i corpi celesti si muovessero attorno
ad essa
Tolomeo di Alessandria (II d.C.) propose per i pianeti il moto epicicloidale: I pianeti descrivevano con moto uniforme una
circonferenza chiamata epiciclo. Il centro della circonferenza
a sua volta si muoveva su una circonferenza pi`u grande concentrica con la terra
Descriveva il moto planetario in un sistema di riferimento
solidale con la Terra

Copernico (XVI d.C) propose un modello eliocentrico in cui


il moto dei pianeti era descritto rispetto al Sole, considerato
come il centro. Descriveva il moto planetario in un sistema di
riferimento solidale con il Sole
Keplero (XVI d.C) scopr` le leggi del moto planetario:
1. I pianeti descrivono orbite ellittiche di cui il sole
occupa uno dei fuochi

178

Gravitazione

2. Il vettore posizione di ogni pianeta rispetto al Sole


descrive aree uguali in tempi uguali della sua orbita
ellittica

Legge delle aree:


A A0
=
= cost
t
t0
3. I quadrati dei periodi di rivoluzione sono proporzionali ai cubi delle distanze medie dei pianeti dal Sole
La terza legge pu`o essere espressa come
3
P 2 = krmedio

(11.1)

dove
P = periodo di rivoluzione
k= costante di proporzionalit`a
rmedio= semisomma della distanza minima e massima dal Sole

Gravitazione

179

Dinamica planetaria
Le leggi di Keplero forniscono una descrizione cinematica del
moto dei pianeti
Newton (1642-1727) enunci`o la Legge di gravitazione universale
Dalla legge delle aree

180

Gravitazione

Nellintervallo di tempo dt la particella si sposta da P a P 0, si


ha
1
1
dA r(rd) = r2d
2
2
Larea spazzata nellunit`a di tempo `e
dA 1 2 d
= r
dt
2 dt
Se il moto della particella `e prodotto da una forza centrale, il
momento angolare L `e costante
L = mr2

d
dt

cio`e
dA
dt
La legge delle aree di Keplero equivale alla affermazione che il
momento angolare `e costante e quindi che la forza applicata
al pianeta `e centrale:
La forza associata allinterazione gravitazionale `e centrale
Se ammettiamo che linterazione gravitazionale sia una propriet`a universale della materia deve essere
L = 2m

F = M mf (r)
La forma di f (r) `e stata determinata da Newton attraverso la
prima legge di Keplero
Un caso particolare della prima legge di Keplero `e quando una
particella si muove di moto circolare uniforme

181

Gravitazione

La forza che agisce sulla massa `e


v2
F =m
r
Poich`e v =

2r
P

risulta
F =

2 mr
4 2
P

Applicando la terza legge di Keplero nel caso di orbita circolare


P 2 = kr3 si ha
m
1
(11.2)
F = 4 2 2 2
kr
r
Linterazione gravitazionale `e attrattiva e varia inversamente al quadrato della distanza fra i due corpi
Newton verific`o la correttezza della sua legge ipotizzando che
laccelerazione di gravit`a g in prossimit`a della superficie terrestre fosse prodotta dallo stesso tipo di forza che la Terra
esercita sulla Luna Confrontando
F
=
g=
m

m
4 2 kR
2

4 2
=
kRT2

182

Gravitazione

dove RT `e il raggio della Terra, con laccelerazione centripeta


della luna aL = 2.72 103 ms2, ottenne
g
(60)2
aL
coincidente con il rapporto
 2
r
(60)2
RT
dove r `e la distanza della Luna dal centro della Terra
Poich`e le due accelerazioni sono inversamente proporzionali
al quadrato della distanza dal centro della Terra, la stessa
relazione `e valida per le rispettive forze
Newton enunci`o la Legge di gravitazione universale:
F =G

Mm
r2

Linterazione gravitazionale fra due corpi si pu`


o esprimere
mediante una forza centrale attrattiva proporzionale alle
masse dei corpi e inversamente proporzionale al quadrato
della distanza fra essi
G `e denominata costante di Gravitazione universale
G = 6.67 1011 m3kg 1s2
Il valore accurato di G venne misurato da Cavendish nel 1798
utilizzando una bilancia di torsione

Gravitazione

183

Lattrazione gravitazionale produce un momento sulla sbarra


orizzontale e quindi una torsione del filo

Massa inerziale e massa gravitazionale


La massa inerziale di un corpo pu`o essere misurata attraverso
la rilevazione della accelerazione prodotta su di essa da una
forza nota
F
mi =
a
La massa gravitazionale di un corpo pu`o essere determinata
misurando la forza gravitazionale esercitata su di essa dalla
terra
F RT2
mg =
GMT
La massa inerziale e la massa gravitazionale sono fra loro proporzionali
Supponiamo che due corpi cadano in prossimit`a della superfi-

184

Gravitazione

cie terrestre, si ha
M m 1g
m1i a1 = G 2
RT
M m 2g
m2i a2 = G 2
RT
dividendo le due equazioni
m1i a1 m1g
=
m2i a2 m2g
ma a1 = a2 = g quindi
m2i
m1i
=
m1g m2g
Il valore di G `e stato implicitamente scelto tale da porre
uguale a uno il rapporto fra la massa inerziale e la massa
gravitazionale

Energia potenziale gravitazionale


La forza gravitazionale, essendo centrale e dipendendo soltanto
dalla distanza, `e una forza conservativa

185

Gravitazione

La forza che agisce su m `e


GM m
F = 2 u
r
Lenergia potenziale dipende soltanto da r
P
Dalla F = dE
dr si ricava
dEP
GM m
=
dr
r2
Integrando e attribuendo valore nullo allenergia potenziale per
r si ottiene
Z EP
Z r
dr
EP =
dEP = GM m
2
0
r
cio`e
EP (r) =

GM m
r

(11.3)

Lenergia totale del sistema `e


1
1 2
GM m
2
+ mvm

E = M vM
2
2
r
Quando M  m possiamo supporre che M sia in quiete in
un sistema di riferimento inerziale, quindi
1 2 GM m
E = mv
2
r
dove v e la velocit`a della massa m rispetto al CM

(11.4)

186

Gravitazione
2

Quando lorbita `e circolare si ha F = m vr e quindi


v 2 GM m
m =
r
r2
1 2 1 GM m
mv =
2
2 r
Introducendo lespressione dellEC nella (11.4) si ottiene
E=

GM m
2r

(11.5)

Lenergia totale `e negativa


Questa propriet`a `e di validit`a generale per tutte le orbite ellittiche (o chiuse)
La natura chiusa dellorbita significa che lenergia cinetica non
`e sufficiente a far allontanare la particella sino allinfinito
La relazione fra lenergia totale e la traiettoria `e

187

Gravitazione

ESEMPIO:Un satellite posto ad una altezza h riceve una spinta che produce una velocit`a iniziale v0. Determinare la traiettoria in funzione dellenergia totale

1
GMT m
E = mv02
2
R+h
Quando lorbita `e chiusa, la Terra occupa uno dei due fuochi.
Per i satelliti interplanetari, deve risultare E > 0
ESEMPIO:Velocit`
a di fuga di un corpo dalla terra
La velocit`a di fuga `e la minima velocit`a con cui un corpo deve
essere lanciato dalla superficie terrestre per potersi allontanare
indefinitamente dalla Terra
Deve essere
1 2 GMT m
E = mvf
=0
2
RT
si ricava
r
vf =

2GMT
= 1.12 104 ms1
RT

188

Gravitazione

Per un gas la velocit`a di agitazione termica risulta


r
3kT
v=
m
Quindi le molecole di gas leggeri (H2, He) sfuggono pi`u
rapidamente dalla atmosfera terrestre
ESEMPIO:orbita geostazionaria
Si abbia un satellite dotato di orbita concentrica e coplanare
con il piano equatoriale terrestre. Determinare laltezza h per
la quale il satellite appare fermo visto dalla superficie terrestre,
cio`e dotato di orbita geostazionaria

Il satellite `e attratto dalla forza gravitazionale F


Poich`e il moto `e circolare uniforme deve essere a = 2r
Quindi
GM m
2
=
m
r
r2
da cui
GM
r3 = 2

La velocit`a angolare coincide con la velocit`a angolare di spin


della Terra

2
2
=
=
=
= 7.3 105 s1
t 1 giorno 60 60 24

189

Gravitazione

Si ricava r 4.2 107 m, circa 1/10 della distanza Terra-Luna


Risulta
h = r RT = 3.5 107 m

Moto generale gravitazionale


Sezioni coniche
Una sezione conica `e una curva generata da un punto che si
muove in modo tale che il rapporto fra la distanza da un punto
F (detto fuoco) e una retta H (detta direttrice) sia costante.
Questa costante `e definita eccentricit`
a .
Esistono tre tipi di coniche: ellisse ( < 1), parabola ( = 1) e
iperbole ( > 1)

Risulta

PF
PQ
Ponendo P F = r e F D = d, si ha P Q = F D F B =
d r cos
Quindi
r
=
d r cos
=

190

Gravitazione

Risolvendo rispetto a r
d
= 1 +  cos
r

(11.6)

Nel caso di una ellisse il punto A corrisponde a = 0 e il


punto A0 corrisponde a = , per cui
r1 =

d
1+

r2 =

d
1

Poiche r1 + r2 = 2a, il semiasse maggiore risulta


d
a=
1 2

(11.7)

p
b = a 1 2

(11.8)

Il semiasse minore `e

Eccentricit`
a in funzione dei parametri fisici del moto gravitazionale
Introducendo il potenziale efficace
L2
EPef f (r) = EP (r) +
2mr2

(11.9)

dove il momento angolare L = mr2 d


dt , lespressione della
energia totale diventa
 2
1
dr
+ EPef f
E= m
2
dt

191

Gravitazione

risolvendo rispetto a

dr
dt

si ha
s
2(E EPef f )
dr
=
dt
m

Poiche

dr
dt

(11.10)

dr d
d dt ,

dalla (11.10) si ha
q
s
2(EEP )
ef f
dr
mr2 2(E EPef f )
m
=
=
d
d
L
m
dt

elevando al quadrato e introducendo la (11.9)


 2


2 4
2
dr
m r 2[E EP (r)]
L
=

d
L2
m
m2r2

(11.11)

Derivando la (11.6) rispetto a risulta


d dr
=  sin
2
r d
quindi


dr
d

2

r4 sin2
=
d2

Sostituendo nella (11.11) ed eliminando r4 da ambo i membri,


si ha


2
2 2
d m 2[E EP (r)]
L
sin2 =

(11.12)
2
2
2
L
m
mr
Dalla (11.6) si ha cos = dr 1 inoltre

2
d 1
d2 2d 1
2
2
=1 2 +
sin = 1 cos = 1

2
r 
r
r 

192

Gravitazione

sostituendo nella (11.12) si ottiene


d2 2d 1
2d2mE 2d2mEP (r) d2
1 2 +
=

2
r
r 2
L2
L2
r
Eliminando
otteniamo

d2
r2

ed uguagliando i termini che dipendono da r


2d2mEP (r) 2d

=
2
L
r

cioe
L2
EP (r) =
(11.13)
mdr
Per descrivere una sezione conica con centro di forza in un
fuoco, lenergia potenziale deve variare con la distanza come
1/r, quindi la forza deve variare come 1/r2
Uguagliando i termini costanti si ottiene
1
2d2mE
=1 2
L2

cioe

1
L
E= 2
1 2
2d m


Introducendo lespressione del semiasse maggiore (11.7) si ottiene


L2
E=
(11.14)
2dma
Introducendo lespressione dellEP (r) (11.3) nella (11.13) si
ottiene
GM m
L2

=
r
mdr

193

Gravitazione

quindi
L2
= GM m
md
Per cui la (11.14) diventa

(11.15)

Mm
E = G
2a

(11.16)

Lenergia totale `e negativa e funzione soltanto del semiasse


maggiore
Dalle (11.15) e (11.7) si ricava
L2 = GM m2d = GM m2a(1 2)
Ricavando a dalla (11.16) e risolvendo rispetto a , si ottiene
2E
 =1+
m
2

L
GM m

2
(11.17)

Leccentricit`a dellorbita dipende dalla energia totale e dal


momento angolare
A una data energia totale possono corrispondere molti stati
con momento angolare ed eccentricit`a differenti

194

Gravitazione

La dimensione dellorbita `e determinata dallenergia mentre, per una data energia, la forma dellorbita `e determinata dal momento angolare

Campo Gravitazionale

La massa M produce nello spazio che la circonda una situazione fisica che chiamiamo campo gravitazionale

Lintensit`a del campo gravitazionale prodotto da M nel punto


P `e definita come la forza per unit`a di massa posta nel punto
P
F
GM
=
= 2 u
(11.18)
m
r
Il campo gravitazionale `e sempre diretto verso la massa che lo
produce

195

Gravitazione

Risulta dalla (11.18)


F = massa
Il campo gravitazionale si misura in m s2 ed `e dimensionalmente equivalente ad una accelerazione
Supponiamo di avere diverse masse M1, M2, M3, . . . ciascuna
delle quali produca il campo gravitazionale 1, 2, 3, . . .

La forza totale che agisce sulla massa m `e


F = m1 + m2 + m3 + . . . = m(1 + 2 + 3 + . . .) = m
I campi gravitazionali sono linearmente additivi
Un campo gravitazionale `e rappresentato attraverso le linee
di forza

196

Gravitazione

Una linea di forza `e disegnata in modo che in ciascun punto


la direzione del campo sia tangente alla linea di forza
Le linee di forza sono disegnate con densit`a proporzionale
allintensita del campo gravitazionale

Potenziale gravitazionale
Il potenziale gravitazionale in un punto `e definito come lenergia potenziale per unit`a di massa posta nel campo gravitazionale
EP
=
m
Introducendo lespressione di EP dalla (11.3)
=

GM
r

(11.19)

In presenza di diverse masse M1, M2, M3, . . . si ha




X Mi
M1 M2 M3
= G
+
+
+ . . . = G
r1
r2
r3
ri
i
Poiche F = m e EP = m, si ha
=

(11.20)

Il campo gravitazionale `e lopposto del gradiente del potenziale


gravitazionale
Se una particella di massa m si sposta da un punto A a un
punto B, il lavoro del campo gravitazionale risulta
W = EP = m

Gravitazione

197

Le superfici per le quali il potenziale gravitazionale assume lo


stesso valore sono definite superfici equipotenziali
La direzione del campo gravitazionale `e perpendicolare alle
superfici equipotenziali

Campo gravitazionale di un guscio sferico


Tutte le formule riportate sino a qui sono valide rigorosamente
per corpi puntiformi
Ci proponiamo di calcolare il campo gravitazionale prodotto
da una massa distribuita uniformemente sulla superficie di una
sfera cava

Consideriamo un punto P posto allesterno del guscio


Dividiamo la superficie della sfera in tante strette striscie circolari aventi centro sulla retta AB. Il raggio di ogni striscia `e
a sin e la larghezza a d
Larea della striscia `e
Area = (2a sin )(a d) = 2a2 sin d

198

Gravitazione

Se M `e la massa totale, la massa per unit`a di area `e M/4a2


e la massa contenuta in una striscia circolare
M
1
2
sin

d)
=
M sin d
(2a
2
4a
2
Tutti i punti della striscia si trovano alla stessa distanza R
da P . Il potenziale gravitazionale prodotto dalla striscia in P
risulta
d = G

1
2M

sin d
GM
=
sin d
R
2R

Poiche si ha per la legge dei coseni


R2 = a2 + r2 2ar cos
Differenziando otteniamo
2R dR = 2ar sin d
cioe
R dR
sin d =
ar
Per cui
GM
dR
d =
2ar
Per ottenere il potenziale gravitazionale totale dobbiamo integrare su tutta la superficie della sfera

199

Gravitazione

Per un punto P esterno alla sfera i limiti di R sono r a


corrispondente al punto A e r + a corrispondente al punto B
Per cui
Z r+a
GM
GM
GM
=
dR =
2a =
(r > a)
2ar ra
2ar
r
Per un punto P interno alla sfera i limiti di R sono a r e
a+r
Per cui
Z
GM
GM a+r
GM
dR =
2r =
(r < a)
=
2ar ar
2ar
a
Il potenziale gravitazionale per punti interni al guscio sferico
`e costante
Il campo gravitazionale si ricava dalla (11.20)
GM
= 2 u
r
=0

(r > a)

(11.21)

(r < a)

(11.22)

200

Gravitazione

Campo gravitazionale di una sfera piena


Consideriamo una sfera solida omogenea
Possiamo considerare la sfera costituita da una sovrapposizione a cipolla di sottili gusci sferici

Gravitazione

201

Al di fuori della sfera, ciascuno strato produce un campo dato


dalla (11.21) Poiche per P la distanza r dal centro della sfera
`e la stessa per tutti gli strati le masse si sommano e si ottiene
di nuovo il risultato della (11.21)
Una sfera piena omogenea produce nei punti esterni un
campo e un potenziale gravitazionale identici a quelli di
una particella della stessa massa situata nel centro della
sfera
Per ottenere il campo internamente alla sfera omogenea consideriamo un punto P a distanza r

202

Gravitazione

I gusci con raggio maggiore di r non contribuiscono al campo


in P , in accordo con la (11.22)
I gusci con raggio minore di r producono un campo in accordo
con la (11.21)
Detta m0 la massa allinterno della sfera tratteggiata
Gm0
= 2 u
r
Poiche la sfera e omogenea la densit`a e M/(4a3/3), quindi
3
M
4
M
r
m0 = 4 3 ( r3) = 3
3
a
3 a

Risulta
GM r
= 3 u (r < a)
a

Il campo gravitazionale varia linearmente allinterno di una


sfera piena

203

Gravitazione

Principio di equivalenza
Poiche la massa inerziale e la massa gravitazionale sono uguali
si ha che
Tutti i corpi posti nel medesimo luogo sono soggetti alla
stessa accelerazione
Consideriamo un punto dove il campo `e , laccelerazione per
un corpo di massa m posto in quel punto `e
F
a=
=
m
indipendentemente dalla massa m
Consideriamo due sistemi di riferimento
1. S non accelerato (inerziale) immerso in un campo gravitazionale uniforme
2. S 0 uniformemente accelerato rispetto ad esso con a =
g ma non immerso in un campo gravitazionale
Vale il principio di equivalenza:
Un osservatore non `e in grado di distinguere se il suo
laboratorio `e solidale con S o con S 0

204

Gravitazione

principio di relativit`
a generale
Le leggi della natura si devono scrivere in modo tale che sia
impossibile distinguere fra un campo gravitazionale uniforme e un sistema accelerato

Gravitazione e forze intermolecolari


Le forze gravitazionali permettono di descrivere in modo accurato il moto dei pianeti A livello molecolare lEP della molecola
di H2
mm0
EP = G
= 2.22 1054 J = 1.39 1035 eV
r
dove m = m0 = 1.67 1027 Kg e r = 0.745 1010 m
Lenergia effettiva del legame risulta
E = 7.18 1019 J = 4.48 eV
Lenergia gravitazionale non `e responsabile della formazione
della molecola di idrogeno

Gravitazione

205

Le forze presenti a livello atomico sono del tipo elettromagnetico e sono enormemente maggiori della forza gravitazionale
La forza gravitazionale diventa importante in presenza di grandi masse elettricamente neutre

206

12

Termodinamica

Termodinamica

Aspetti microscopici e macroscopici


Lo studio dei sistemi fisici contenenti un numero elevato di particelle non pu`o essere affrontato con le equazioni usuali della
dinamica dei sistemi.
Ad esempio 1g di acqua contiene N = 3 1022 molecole e lo
studio dettagliato richiederebbe 3N equazioni differenziali interdipendenti e la conoscenza di 6N condizioni iniziali. Lo
studio si pu`o affrontare sia mediante la meccanica statistica
(che tratteremo brevemente pi`u avanti) sia mediante lapproccio macroscopico inteso come studio del sistema con grandezze di tipo globale cio`e riassuntive di ci`o che avviene a livello
microscopico

Il metodo termodinamico
Il metodo termodinamico o macroscopico consiste nel definire
operativamente poche osservabili fisiche dette variabili termodinamiche o coordinate macroscopiche e nel trovare equazioni
generali che le collegano.
Ad esempio, se consideriamo come sistema il contenuto di un
cilindro di un motore a scoppio, possiamo descrivere il sistema
in termini di: composizione, volume, pressione e temperatura.
Queste possono essere le variabili del sistema. Le loro caratteristiche principali:
1. Sono suggerite pi`u o meno direttamente dai nostri sensi

Termodinamica

207

2. Sono in numero relativamente piccolo


3. Possono essere misurate direttamente
4. Non implicano alcuna ipotesi sulla struttura della materia
I sistemi termodinamici di interesse sono numerosi: il vapore dacqua che compie lavoro in un impianto di produzione
denergia, lammoniaca che vaporizzando raffredda un corpo,
ecc.

Sistema, ambiente, frontiera


Prima di procedere diamo alcune definizioni:
Sistema termodinamico: una qualsiasi porzione di materia che contenga un numero n di particelle.
Ogni oggetto che sia percepibile dai sensi di un essere
umano `e un sistema termodinamico.
frontiera: `e una superficie chiusa contenente tutte le
particelle del sistema e nessuna ad essa estranea.
ambiente: la porzione delluniverso circostante il sistema (e non facente parte del sistema stesso) `e lambiente.

Stati termodinamici e variabili di statoi


Le condizioni in cui si trova un sistema termodinamico rappresentano lo stato del sistema stesso. Esse sono individuate da

208

Termodinamica

un certo numero di grandezze macroscopiche dette variabili


termodinamiche.
Poich`e in termodinamica ci si occupa principalmente di scambi
energetici si sceglieranno quelle variabili termodinamiche tali
che una loro variazione sia legata ad uno scambio energetico.
Le variabili termodinamiche possono essere:
estensive: quando il loro valore, per un sistema costituito dallunione di due sottosistemi, `e dato dalla somma dei due valori dei sottosistemi. Esempio: Volume,
Massa, Energia Cinetica.
intensive: quando il loro valore, per un sistema costituito dallunione di due sottosistemi, `e lo stesso valore per
i due sottoinsiemi. Esempio: Pressione, Temperatura,
Forze.
Vedremo che uno scambio energetico si pu`o esprimere mediante il prodotto di due variabili termodinamiche: una estensiva
ed una intensiva.
Noi ci occuperemo sopratutto di scambi di energia termica e
meccanica; come conseguenza avremo solo due variabili termodinamiche indipendenti.

Equilibrio termodinamico
Un sistema in equilibrio termodinamico soddisfa alle seguenti
condizioni:
1. Equilibrio meccanico: non esistono forze non equilibrate
che agiscono sul sistema o su singole parti di esso.

Termodinamica

209

2. Equilibrio chimico: non hanno luogo reazioni chimiche


allinterno del sistema, ne movimenti di costituenti chimici da una parte allaltra del sistema.
3. Equilibrio termico: non esistono differenze finite di temperature fra le varie parti del sistema, ne fra il sistema e
lambiente circostante.Si ammettono differenze infinitesime.
In un sistema termodinamico in equilibrio le variabili termodinamiche non variano nel tempo.

Funzioni di stato ed equazioni di stato


Scelte le variabili termodinamiche caratteristiche di uno stato
di equilibrio termodinamico, si possono definire un certo altro
numero di grandezze termodinamiche dipendenti dalle prime.
Queste variabili dipendenti possono essere funzioni di stato
nel senso che il loro valore dipende solo dallo stato del sistema
e non dalla storia precedente.
Se consideriamo una certa quantit`a di gas racchiuso in un
recipiente e misuriamo P, V, T, ci accorgiamo che fissate due
funzioni di stato la terza `e sempre determinata.
Questo significa che delle tre funzioni di stato solo due sono
indipendenti.
Lequazione che connette le tre funzioni allequilibrio prende
il nome di equazione di stato.
Supponiamo di avere ad esempio: V funzione di T e P , ossia
V = V (T, P )

210

Termodinamica

Il passaggio tra due condizioni di equilibrio infinitamente vicine implica in generale una variazione dV , dT e dP .
Un teorema del calcolo differenziale permette di scrivere
 
 
V
V
dV =
dT +
dP
T P
P T
cio`e siamo in presenza di differenziali esatti per dV ,dT e dP .
Per queste si pu`o scrivere se z = z(x, y)
 
 
z
z
dz =
dx +
dy
x y
y x
Nota:
Ogni infinitesimo in termodinamica deve rappresentare una
variazione piccola della grandezza considerata (rispetto al suo
valore) ma deve allo stesso tempo essere sufficientemente grande in modo da potersi riferire ad un numero di molecole talmente elevato da giustificare lapproccio macroscopico.

Trasformazioni termodinamiche
Quando un sistema termodinamico cambia di stato si dice che
il sistema effettua una trasformazione.
Le trasformazioni pi`u importanti sono:
1. Trasformazioni tra stati di equilibrio: Sono quelle trasformazioni che avvengono tra due stati di equilibrio
(iniziale e finale). Poiche un sistema isolato in equilibrio permane nel suo stato occorre che questo sistema
scambi energia con lambiente per poter cambiare stato.

Termodinamica

211

2. Trasformazioni cicliche: Sono trasformazioni cicliche


quelle che hanno lo stesso stato termodinamico come
stato iniziale e come stato finale.
3. Trasformazioni quasi statiche: Trasformazioni che avvengono solo attraverso stati di equilibrio. In natura non
esistono e sono un caso limite delle trasformazioni reali. Esempio: gas in un cilindro verticale con pistone sul
quale si mettono una alla volta granelli di sabbia.
4. Trasformazioni reversibili : Trasformazioni percorribili
nei due sensi. Le tre condizioni per le trasformazioni
inverse sono:
le sorgenti di calore recuperano le quantit`a di calore
i dispositivi esterni recuperano lenergia
non avvengono altri fenomeni
5. Trasformazioni irreversibili : Il sistema termodinamico
e lambiente esterno non possono essere ricondotti alla
situazione iniziale: si hanno in questo caso:
trasformazioni non tra stati di equilibrio
presenza di effetti dissipativi (attriti, viscosit`a,...)
entrambi i casi precedenti
Quindi le trasformazioni reversibili devono avvenire in
un modo quasi statico e senza effetti dissipativi.
Esempio: volano con freno in una scatola isolata con gas.

212

Termodinamica

6. Trasformazioni spontanee: Quando un sistema isolato


lontano dallequilibrio si porta in un stato di equilibrio
si ha una trasformazione spontanea. Esempio: sbarretta
metallica con temperature diverse allestremit`a.
7. Trasformazioni lontane dallequilibrio: Sistema non
isolato che si trasforma rimanendo lontano dallequilibrio.

Rappresentazione grafica di stati e trasformazioni


Uno stato di equilibrio di un sistema termodinamico caratterizzabile mediante n variabili di stato indipendenti si pu`o
rappresentare mediante un punto in uno spazio n dimensionale.
Nel caso di scambi energetici di due tipi (termico e meccanico)
`e n = 2.
Quindi le trasformazioni reversibili sono rappresentabili da linee nel piano (n = 2). Le trasformazioni irreversibili non possono essere descritte da linee nel piano perche non si conoscono
le coordinate termodinamiche. A volte si usa rappresentarle
con una linea tratteggiata.

Esempio di trasformazione reversibile


Si abbia un recipiente con pareti adiatermane con un pistone
adiatermano, contenente un miscuglio di acqua e di ghiaccio.

Termodinamica

213

A. Aumento i pesi diminuisce il ghiaccio


B. Riduco i pesi aumenta il ghiaccio
Nota: lacqua (come il Bi,Ag...) solidificando aumenta il volume Molto spesso si usa il piano p V o piano di Clapeyron
per descrivere i sistemi gassosi.

Equilibrio termico
Gli esperimenti mostrano che lo stato di equilibrio di un sistema dipende dalla vicinanza di altri sistemi o dalla natura

214

Termodinamica

delle pareti di separazione che possono essere: adiatermane o


diatermiche (diatermane).
Si abbiamo i seguenti sistemi A e B posti a contatto:

Con la parete diatermica i valori x,y e x0 ,y 0 cambiano spontaneamente fino a che il sistema complessivo non raggiunge uno
stato di equilibrio. Si dice che i due sistemi sono in equilibrio
termico. In altre parole: Lequilibrio termico `e quello stato,
caratterizzato da certi valori delle variabili, che due o pi`u sistemi raggiungono quando vengono posti a contatto tramite
una parete diatermica.
Consideriamo ora due sistemi A e B separati da una parete
adiatermana ma singolarmente a contatto con un terzo sistema
C per mezzo di pareti diatermiche.

Termodinamica

215

Lesperienza mostra che se A e B sono separatamente in equilibrio termico con C nel caso 1 essi allora sono in equilibrio
termico tra loro (caso 2).
Si pu`o allora enunciare il principio zero della termodinamica:
Due sistemi in equilibrio termico con un terzo sono in equilibrio
termico tra loro.
In pratica viene utilizzato per misurare la temperatura di
oggetti (A, B) mediante un termometro (C).

Temperatura
Possiamo usare il sistema C (termoscopio) per classificare gli
stati di equilibrio termico purche C subisca delle variazioni
vistose dei suoi parametri.
Esempio: limmersione di una barretta metallica (C) in due
recipienti separati (A) e (B) con la misura dellallungamento
della barretta. Lindice di stato di equilibrio termico viene
chiamato temperatura. In altre parole:
La temperatura di un sistema `e quella propriet`a che determina
se un sistema `e in equilibrio termico o meno con altri sistemi.

216

Termodinamica

Misura della temperatura


Per stabilire una scala empirica della temperatura dobbiamo
scegliere un sistema descritto dalle coordinate x e y che chiameremo termometro. Consideriamo un sistema A, descritto
dalle due coordinate termodinamiche x1, y1 in equilibrio termico con un sistema B descritto dalle due coordinate x01, y10 .
Prendiamo ora il sistema A, allontaniamolo da B, che abbiamo mantenuto nel suo stato iniziale; riportiamolo in contatto
diatermano con B entro breve tempo si raggiunger`a un nuovo
stato di equilibrio termico del sistema A con lo stato del sistema B sempre rappresentato da x01, y10 : siano x2 e y2 le due
nuove coordinate che descrivono il nuovo stato di equilibrio
del sistema A. Riprendiamo ora il sistema A, allontaniamolo
nuovamente da B, modifichiamolo e riportiamolo in contatto
diatermano con B, ripetendo pi`u volte lesperimento: tutte le
volte il sistema A si riporter`a in equilibrio termico col sistema
B e di volte in volta sar`a descritto dalle coppie di coordinate
x3,y3; x4,y4;...
I vari stati del sistema A rappresentati dalle coppie di coordinate x1, y1; x2, y2; x3, y3;..., essendo tutti in equilibrio col
sistema B nello stato x01, y10 per il principio zero della termodinamica, sono anche in equilibrio termico tra loro. Rappresentando i diversi stati del sistema A in equilibrio col sistema B
nel piano (x, y) la linea che congiunge i vari punti x1, y1; x2,
y2; x3, y3;...si chiama isoterma; definiamo perci`o una isoterma come il luogo dei punti del piano (x, y) che rappresentano
i vari stati di equilibrio di un sistema con un determinato stato
di un altro sistema. Per ottenere una indicazione univoca si

217

Termodinamica

procede scegliendo nel piano (x, y) la linea y = y 0 che interseca


le isoterme in punti con la stessa y ma coordinata x diversa.

La temperatura associata a ogni isoterma `e una funzione di x


nei punti di intersecazione. Si definisce:
x = grandezza termometrica
t = temperatura
e si pu`o scrivere quando un fenomeno dipende linearmente da
t:
t = ax + b

218

Termodinamica

Esempi:
Gas a volume costante; x = Pressione (P )
Resistore elettrico; x = Resistenza elettrica (R)
Liquido in un capillare; x = Lunghezza (L)
Termocoppia; x = f. e. m. (e)
Occorre scegliere un sistema termodinamico campione per avere un riferimento preciso e determinare le costanti a e b.
O meglio poiche per due punti nel piano passa una sola retta
occorre trovare due particolari fenomeni fisici che definiscono
i due punti di riferimento.
Le scale di temperatura attualmente pi`u usate sono tre: la scala Celsius (centigrada), la scala Fahrenheit, la scala Kelvin.
Nella scala Celsius i due punti fissano la temperatura del ghiaccio fondente (valore 0) e la temperatura di ebollizione dellacqua (valore 100); dividendo per 100 lintervallo si ottiene il
grado Celsius (C).
La scala Kelvin o scala assoluta ha gli stessi punti fissi ma gli
attribuisce i valori 273.15 e 373.15. Dividendo sempre per 100
lintervallo si ottiene il grado kelvin (K). Lo zero di questa
scala si chiama zero assoluto ed `e la pi`u bassa temperatura
raggiungibile da qualsiasi fenomeno fisico.
Si hanno le relazioni:

1 C = 1 K =

9
F
5

9
t C = 32 + t F
5

219

Termodinamica

Lequazione di stato dei gas ideali


Supponiamo di essere nelle condizioni di gas ideale o gas perfetto e cio`e:
Si considera che:
1. Il gas `e composto da un numero enorme di molecole.
2. Esse si muovono in maniera casuale con varie velocit`a. Si
suppone valida la meccanica di Newton a livello atomico.
3. Il volume delle molecole `e trascurabile rispetto a quello
occupato dal gas
4. Le molecole interagiscono solo durante gli urti altrimenti
si muovono come particelle isolate.
5. Gli urti sono perfettamente elastici e di durata trascurabile.
Le leggi di questo gas sono le seguenti:
Legge di Charles
A pressione costante, la relazione che lega la temperatura e il
volume di un qualunque gas `e lineare:
V = V0(1 + t)
= coef f. di dilatazione termica
Dove V0 `e il volume del gas quando t = 0 C e dove rappresenta la variazione di volume del gas rispetto al volume

220

Termodinamica

unitario V0 quando la temperatura `e aumentata di 1 C. Se


come riferimento viene preso t0 = 0 C il valore di `e di
1
1
e quindi si pu`o scrivere:
273.15 C
V = V0(1 +

t
)
273.15

Legge di Gay - Lussac


A volume costante, la relazione che lega la temperatura e la
pressione di un qualunque gas `e lineare:
P = P0(1 + t)
Se t0 = 0 C allora si ha ancora che =
t
)
P = P0(1 +
273.15

1
1
273.15 C

221

Termodinamica

Estrapolando le due rette (V, t) e (P, t) si ottiene il valore di


temperatura (-273,15) alla quale il gas non occupa volume e
la sua pressione `e nulla.
Questo valore di temperatuta viene chiamato zero assoluto che
corrisponde a -273,15 C. Si pu`o perci`o utilizzare una scala
termometrica che ha come zero proprio lo zero assoluto:
T = t + 273, 15
e viene misurata in Kelvin (K)

Legge di Boyle
A T costante tutti i gas, considerati perfetti, seguono la seguente legge:
P V = costante

222

Termodinamica

Le leggi sperimentali riportate mettono in relazione solo due


variabili termodinamiche mentre una rimane costante. Ora ci
proponiamo di trovare una legge che leghi tutte e tre le variabili. Cioe lequazione di stato del gas perfetto. Si consideri una
mole di un gas perfetto alle condizioni normali cioe P0 = 1atm
e t0 = 0 C.
Per mole si intende un numero di entit`a pari al numero di
Avogadro NA = 6.02 1023.
Una mole di gas perfetto a condizioni normali occupa un volume Ve di 22.414 l.
Attraverso le trasformazioni che conosciamo, per esempio isobara (legge di Charles) e isoterma (legge di Boyle) portiamo
il gas alle condizioni generiche P , V e T .

223

Termodinamica

tratto 0-1


t
V1 =V0 1 +
273.15
V0T
V1 =
273.15


= V0

t + 273.15
273.15


(12.1)
(12.2)

tratto 1-2
P V = P0 V1
Introducendo la (12.2)
PV =

P0 V0
T
273.15

P0 V 0
273.15

= costante il cui valore non dipende dal tipo di gas ma


solo dalle unit`a di misura utilizzate
P0 V0
J
cal
l atm
= R = 8.31
2
= 0.08206
273.15
mole K
mole K
mole K
P V = RT mentre per n moli:
P V = nRT

(12.3)

224

Termodinamica

che `e proprio la relazione che cercavamo che prende il nome di


legge dei gas perfetti od equazione di stato dei gas perfetti.
Si pu`o anche scrivere n = NN e quindi
A
 
R
T
PV = N
NA
introducendo la costante k = 1.3807 1023 KJ dettacostante di
Boltzmann si ha:
pV = kN T
quindi per bassi rapporti
della pressione del gas.

N
V

si pu`o ricavare T dalla misura

Unit`
a di misura della pressione
Lunit`a di misura della pressione si esprime come il rapporto
tra una unit`a di forza e una unit`a di superficie.
F
A
Nel S. I. si avr`a N/m2 che in onore di B. Pascal `e stata
chiamata Pascal (P a) quindi:
P =

N
= 1 Pa
2
m

La pressione viene talvolta misurata in unit`a di altezza equivalente di un dato liquido.


Consideriamo una colonna di fluido di altezza h e sezione A.
Il peso sar`a
F = mg = Ahg

225

Termodinamica

mentre la pressione `e
P =

F
= gh
A

La pi`u comune unit`a di questo tipo `e il mm di Hg detto (torr)


definito come: la pressione esercitata da una colonna di mercurio liquido alta 1mm posta in un campo gravitazionale standard a 0C
Quindi essendo g = 9.806 sm2 e = 13.59 103 Kg
si ha:
m3
Kg
N
P = 133.3
= 133.3 2 = 133.3 P a = 1 mmHg
ms2
m
Altra unit`a di misura `e latmosfera:
1 atm = 1.013 105 P a = 760 mmHg
Si ha inoltre:
105 P a = 1 bar

Termometri
Termometro a gas
Uno schema semplificato `e il seguente:

226

Termodinamica

Il serbatoio del mercurio viene alzato ed abbassato in modo


da mantenere il livello a sinistra nellindice costante.
La pressione del bulbo `e uguale a h pi`u la pressione atmosferica.
Si misura la differenza di quota h quando il bulbo `e a contatto
con il punto triplo dellacqua e poi con il sistema da misurare,
quindi si ha da h la misura della temperatura:

Termometro a resistenza
Sono termometri piuttosto precisi. Il pi`u usato `e il termometro
a resistenza di platino.
Si tratta di un lungo e sottile filo avvolto su un supporto. Si
misura la resistenza elettrica del filo. Si usa tra 20 e 1500 K.
Con intervalli di T non ampi si ha:
R = R0(1 + T + T 2)

Termodinamica

227

Termometro a liquido in capillare di vetro


E costituito da un capillare a sezione costante connesso a un
serbatoio (bulbo) pieno di liquido.
Poich`e: T = aL + b dove: a e b sono costanti nel termometro
e L = lunghezza del liquido nel capillare
Poiche ci sono due costanti si scelgono due T note:
T1 = aL1 + b e T2 = aL2 + b
quindi si ottiene:
T2(L L1) + T1(L2 L)
T =
L2 L1
I termometri di questo tipo pi`u utilizzati sono:

termometro a mercurio (da 38.9 C solidificazione Hg


a +356.6 C ebollizione Hg)

termometro ad alcool etilico (da 115 C a 78 C)

Questi termometri non sono molto precisi perche la legge di


dilatazione non `e perfettamente lineare.

228

Termodinamica

Classificazione delle trasformazioni termodinamiche


Modalit`a della trasformazione
Differiscono lo stato iniziale
da quello finale
A volume costante; V = cost
A pressione costante; P =
cost
A temperatura costante; T =
cost
Sistema termicamente isolato, cioe delimitato da pareti
adiabatiche
Stato finale = stato iniziale

Denominazione della trasformazione


Aperta
Isocora
Isobara
Isoterma
Adiabatica

Ciclica (o chiusa)

Il calore
Come `e ben noto due corpi posti a contatto raggiungono una
temperatura intermedia fra quelle di partenza.
Fin al XIX sec. il fenomeno veniva spiegato con una sostanza
detta calorico. Oggi sappiamo che il calore `e una forma di
energia che viene scambiata.
Diciamo che linterazione termica ha trasferito unentit`a fisica
misurabile chiamata calore o quantit`a di calore Q.
Per definizione si ha:
1. Il calore passa dal corpo pi`u caldo al corpo pi`u freddo.

229

Termodinamica

2. Lunit`a di misura e: caloria (cal) `e la quantit`a di calore


per riscaldare 1 g di H2O da 14.5 15.5 C a pressione
atmosferica.
1 cal = 4.186 J
3. Per n grammi di H2O occorrono n calorie per la stessa
trasformazione termica del 2).
Per misurare il calore si usa il calorimetro.
Uno schema semplificato e:

La quantit`a di calore non `e una funzione di stato. Cio`e la


quantit`a di calore scambiata da un sistema non dipende solo
dagli stati iniziali e finali ma da tutta la trasformazione.
Le variazioni delle funzioni non di stato si indicano con d
oppure per distinguerle dai differenziali esatti. Si adotta la
convenzione:
Q > 0 quando il calore entra nel sistema
Q < 0 quando il calore esce dal sistema

230

Termodinamica

Capacit`
a termica e calore specifico
Si definisce capacit`
a termica media di un sistema durante
una trasformazione ,




Q
Q
CM, =
=
T2 T1
T
Si definisce capacit`
a termica istantanea la quantit`a di calore
(Q) che deve entrare nel sistema per variare la sua temperatura di dT . Si ha
 
Q
C = lim CM, =
T 0
dT
 
CP = Q
dT P
capacit`a termica a pressione costante
 
CV = Q
dT V
capacit`a termica a volume costante
E utile definire le capacit`a termiche per unit`a di massa che
vengono chiamati calori specifici: `e la quantit`a di calore che si
deve fornire allunit`a di massa di una sostanza per aumentare
di un grado la sua temperatura
h i
1
1 Q
cal
cM, = m CM, = m T gK
calore specifico medio
 
1
1 Q
c = C =
m
m dT
calore specifico istantaneo

231

Termodinamica

Da questultima si pu`o definire inoltre:


Z
Q = mcdT
Q=m

T2

c dT

T1

Questa relazione prende il nome di Relazione fondamentale


della termologia.
Sorgenti di calore
Sorgente di calore = termostato, scambia calore senza cambiare la sua temperatura
dT =

T Q
=0
mc

deve essere m
Esempi:oggetti di grande massa
Transizioni di fase e calori latenti
I materiali si possono presentare a seconda delle variabili di
stato in diverse fasi o stati di aggregazione
1. Stato solido
2. Stato liquido
3. Stato gassoso
Un modo di rappresentare le fasi `e il diagramma P T

232

Termodinamica

TC = temperatura critica
Le transizioni di fase richiedono un assorbimento di calore che
viene restituito nella trasformazione inversa.
Si definisce calore latente di transizione la quantit`a di calore,
per unit`a di massa, che deve essere scambiata nella transizione.
Si definisce in particolare:
a calore latente di sublimazione
transizione solido gas
b calore latente di fusione
transizione solido liquido
c calore latente di solidificazione
transizione liquido solido
d calore latente di vaporizzazione
transizione liquido vapore

233

Termodinamica

Esempio:
Acqua: calore latente di fusione 80 Kcal/Kg calore latente di
vaporizzazione 540 Kcal/Kg
Bilanci termici. Equilibri termici
Supponiamo di avere allinterno di un recipiente adiabatico
(calorimetro) due corpi (o liquidi) che si trovano inizialmente
a temperature diverse.
Nel caso non ci siano transizioni di fase mentre i due corpi si
scambiano calore si ha:
calore uscito da A (QA) = calore entrato in B (QB )
QA = QB
Z

Tf

Z
cA dT

QA = mA

Tf

cB dT

QB = mB
Ti,B

Ti,A

Nel caso cA = costante e cB = costante, si ha :


QA = mAcA(Tf Ti,A)

QB = mB cB (Tf Ti,B )

e quindi
Tf =

Ti,AmAcA + Ti,B mB cB
mAcA + mB cB

Nel caso che uno dei due corpi subisca una transizione di fase
di calore latente , tra Ti ed Tf , il suo calore assorbito nella
transizione sar`a:
Z Tt
Z Tf
Q=m
c dT + m + m
c0 dT
Ti

Tt

234

Termodinamica

dove Tt=temperatura della transizione, c=calore specifico prima della transizione,c0=calore specifico dopo la transizione

Il Lavoro in termodinamica
Se un sistema esercita una forza sullambiente e ha luogo uno
spostamento della frontiera il lavoro compiuto dal o sul sistema
prende il nome di lavoro esterno.
Esempio: gas in un cilindro che si espande facendo muovere
un pistone. Non `e compreso nel lavoro esterno:
a il lavoro compiuto dalle forze interne (lavoro interno)
b lavoro scambiato con lesterno che non provoca uno spostamento della frontiera a livello macroscopico
Calcoliamo il lavoro esterno scambiato tra un sistema e lambiente nel caso che: dF =forza normale allelemento di frontiera d
Si ha:
dF = pF d
dove pF = pressione alla frontiera
Si assume, per convenzione, che il lavoro sia
positivo: lavoro compiuto dal sistema termodinamico
sullambiente
negativo: lavoro compiuto dallambiente sul sistema termodinamico

235

Termodinamica

Si ha quando d si sposta di dl:


L = dF dl = pF d dlcos
dove `e langolo tra dl e la normale uscente da d
Per ottenere il lavoro totale per uno spostamento infinitesimo
di tutta la frontiera si ha:
Z
L =
pF d dlcos

Graficamente:

Notiamo che d (dlcos) `e il volume del cilindroide di base d


e altezza dlcos descritto da d nel suo spostamento.

Se pF = costante si ha inoltre
Z
L = pF
d dlcos = pF dV

236

Termodinamica

dove dV =variazione del volume di tutto il sistema


Se poi pF = p si ha:
L = p dV
Questa relazione vale solo per trasformazioni reversibili in quanto bisogna conoscere il percorso della trasformazione per calcolare il lavoro .
Il lavoro non `e una funzione di stato e se abbiamo una
trasformazione reversibile da A a B il lavoro e:
Z B
LAB =
p dV
A

Esempio
Calcolo del lavoro in una trasformazione politropica. Calcolo
del lavoro esterno compiuto da un gas lungo una trasformazione reversibile
pV x = cost
dove x= numero (reale) della trasformazione politropica
Z B
Z B
cost
LAB =
p dV =
dV
x
A
A V
Poiche pAVAx = pB VBx = cost per x 6= 1 si ottiene
LAB =

pB V B p A V A
1x

mentre per x = 1
LAB

VB
= pAVA ln
VA

237

Termodinamica

Se siamo nella condizione di gas ideale pV = nRT si ha curva


isoterma e:
VB
LAB = nRT ln
VA
Nel caso x = 0 si ha pV 0 = p = cost curva isobara
LAB = pA(VB VA)
Nel caso x si ha p1/xV = p0V = V = cost curva
isocora
LAB = 0
Una rappresentazione grafica del lavoro `e la seguente:

Nella figura centrale


LABC = 2P0V0
LADC = P0V0
3
LAC = P0V0
2

238

Termodinamica

Unit`
a di misura del lavoro
RB
Dalla equazione LAB = A p dV si pu`o definire lunit`a litro
atmosfera (l atm).
Poiche 1 atm = 1.01 105 P a e 1 l = 103 m3 si calcola nel
sistema S.I.
l atm = 1.01 105 103 = 1.01 102 N m = 101 Joule

Mulinello di Joule
Descriviamo la seguente esperienza ideata da J.P. Joule

Si dissipa il lavoro meccanico L durante la discesa facendo


aumentare la temperatura.
Si fa tornare il sistema alla temperatura iniziale sottraendo il
calore Q al sistema.

239

Termodinamica

Si osserva che nella trasformazione chiusa effettuata:


L
= J costante
Q
Pi`u in generale si osserva che in tutte le trasformazioni chiuse
che scambiano solo L e Q, J `e costante.
Si pu`o ad esempio introdurre calore ed estrarre lavoro da un
sistema termodinamico e ritornare nello stesso stato termodinamico.
Quindi Lavoro e Calore sono due modi di trasferire energia.
Imponendo che il rapporto L/Q = 1 si ottiene
1 cal = 4.186 Joule
Esiste anche la caloria termochimica pari a 4,1840 Joule

Primo principio della termodinamica (nelle trasformazioni chiuse)


Nelle trasformazioni chiuse risulta
Q=L

(12.4)

Cio`e un sistema pu`o assorbire calore dallambiente e trasformarlo integralmente in Lavoro.


In generale si ha:
Q = Q1 Q2
Dove:
Q = Calore netto entrato nel sistema

240

Termodinamica

Q1= Calore entrato nel sistema


Q2= Calore uscito dal sistema
Si definisce il rendimento () come
=

L
Q1

che si pu`o scrivere come


Q2
<1
=1
Q1
Luguaglianza (12.4) esprime il 1 principio della termodinamica per trasformazioni chiuse. Questo implica che:
a non `e possibile produrre lavoro senza assorbire calore
b il rendimento di una macchina termica `e sempre < 1
Il 1 P.T. non `e altro che il principio di conservazione dellenergia applicato a un sistema termodinamico.
Primo principio della termodinamica
Si constata sperimentalmente e si dimostra che la quantit`a
(Q L) scambiata da un sistema in una trasformazione A
B non dipende dalla particolare trasformazione ma dagli stati
A e B.

241

Termodinamica

Dalla (12.4) si ha:

(Q L)1 + (Q L)2 = 0

trasf.ciclo 1-2

(Q L)1 + (Q L)3 = 0

trasf.ciclo 1-3

sottraendo si ottiene:
(Q L)2 (Q L)3 = 0
ovvero (Q L)2 = (Q L)3 cioe la quantit`a (Q L) non
dipende dal percorso ma solo dagli estremi A e B. Sar`a quindi:
(Q L) = U (A, B)
Si ha dunque che U = U (A, B) e una funzione di stato detta
energia interna termodinamica Si ha di conseguenza che Q
L = U ovvero
Q = U + L
(12.5)
1 principio della termodinamica (1 PT)
dove U = UB UA

242

Termodinamica

La variazione di energia interna di un sistema `e uguale alla


differenza tra il calore assorbito (energia termica) e il lavoro
esterno (energia meccanica) compiuto dal sistema. Cio`e il 1
P.T. non `e altro che il principio di conservazione dellenergia
esteso ai sistemi termodinamici. In forma differenziale si ha:
dU + L = Q
Da notare che dU pu`o essere espressa in questo modo solo per
stati di equilibrio e che L e Q dipendono dalla trasformazione. La U `e la somma dellenergia cinetica dovuta ai moti
caotici delle particelle del sistema pi`u lenergia potenziale delle
forze interne.

Energia interna di un gas


Per ogni sistema termodinamico caratterizzato dalle variabili x e y si ha una definizione univoca dellenergia interna.
U = U (P, T ) = U (V, T ) Nei gas rarefatti si ha unequazione
matematica molto semplice che vedremo pi`u avanti.

Espansione libera di un gas perfetto (rarefatto)


Analizziamo lespansione libera di un gas rarefatto con lesperimento di Joule.

243

Termodinamica

Gas in A1
Gas espanso tramite d anche in A2
Cio`e nellespansione libera se il gas `e rarefatto non si osserva
trasmissione di calore al calorimetro. Lespansione libera:

`e un processo irreversibile
il lavoro esterno L `e nullo (L = 0)
Q = 0 (tramite misura del calorimetro)
Per il 1P. T. si ha U = 0 quindi se T = cost la U non varia,
cioe:
U = U (T )
Applicazioni del 1 P.T. ad un gas perfetto
Dal 1 P. T.: Q = dU + p dV
Se poniamo dV = 0 (trasformazione isocora) si ha:
(Q)V =cost = dU

244

Termodinamica

che possiamo scrivere come (dividendo per n dT ):


 
 
1 Q
1 dU
cv =
=
n dT V
n dT V
dove cv =calore specifico molare
ovvero:
dU = ncv dT
Integrando tale espressione con cv = cost si ottiene:
U = ncv T + U0
Per i gas monoatomici si ha (se rarefatti):
3
cv = R
2
Per i gas biatomici si ha (se rarefatti):
5
cv = R
2
Relazione di Mayer:
Esprimendo la massa in moli i calori specifici si possono esprimere come calori molari cp e cv . Li lega la seguente relazione
di Mayer
cp = cv + R
Dimostrazione: Si ha:
 


1 dU + p dV
1 Q
cp =
=
n dT p=cost n
dT
p

(12.6)

245

Termodinamica

poiche p dV + V dp = nR dT , essendo dp = 0 si ha p dV =
nR dT
inoltre dU = ncv dT
sostituendo nella (12.6) risulta:


1 ncv dT + nR dT
cp =
= cv + R
n
dT
p
Gas perfetto
Riassumendo si ha con buona approssimazione per i gas rarefatti:
pV = nRT
U = ncv T
cv = 32 R per i gas monoatomici
cv = 52 R per i gas biatomici
cp = cv + R
Trasformazione isoterma reversibile
poiche
pV = cost
U = nCvT = cost
Si ha
Z
Q = U + L = L =

V2

p dV = nRT
1

V1

V2
dV
= nRT ln
V
V1

246

Termodinamica

Trasformazione adiabatica reversibile (Equazioni


di Poisson)
Per definizione Q = 0
Le relazioni tra le variabili di stato risultano essere:
prima equazione di Poisson:
pV = cost
seconda equazione di Poisson:
T V 1 = cost
terza equazione di Poisson:
p1 T = cost
dove

cp
=
cv

quindi
= 53 R per gas monoatomico
= 75 R per gas biatomico

Diagramma delle trasformazioni nel piano


di Clapeyron
trasformazione isoterma: da pV = K si ha
 
P
K
P
= 2=
V T
V
V

247

Termodinamica

trasformazione adiabatica: da pV = K si ha
 
P
P
K
= +1 =
V adiab
V
V
poiche > 1 la pendenza della curva adiabatica `e maggiore
dellisoterma. Graficamente si ha:

Calore specifico di una politropica di


equazione pV x = K
Si ha dalla definizione di calore specifico molare
 
1 Q
c =
n dT
Nel caso di gas perfetto e di trasformazione reversibile si trova
che:
R
c = cv +
1x
che riassume i seguenti casi:
x = 1 (isoterma)
c =

248

Termodinamica

x = 0 (isobara)
c = cp = cv + R
x = (isocora)
c = cv
x=

cp
cv

= (adiabatica)
c = cv +

R
=0
cv +R
1 cv

Entropia del gas perfetto


Si discuter`a ampiamente pi`u avanti che lentropia S `e una
funzione di stato. La sua definizione e:
Z B
Qrev
Qrev
dS =
S = SB SA =
T
T
A
dove Q `e la quantit`a infinitesima di calore scambiata dal
sistema durante la trasformazione reversibile.
Integrando nel caso di gas perfetto si trova che:
V
T
pV
S = ncv ln
+
S
=
nR
ln
+
nc
ln
+ S0
0
v

p0 V 0
V0
T0
dove p0 e V0 sono i valori di uno stato termodinamico arbitrariamente scelto ed S0 `e il valore dellentropia scelto arbitrariamente per questo stato.
Le conseguenze della relazione di S sono:

249

Termodinamica

per una trasformazione adiabatica reversibile e con pV =


cost si ha S = cost
lentropia risulta una variabile estensiva coniugata alla temperatura, in una trasformazione reversibile poiche
Qrev = T dS
Nel piano T S (piano di Gibbs) si ha:

Cio`e il calore scambiato in una trasformazione reversibile da


uno stato A ad uno stato B e:
Z B
Qrev =
T dS
A

risulta quindi coincidente con larea sottesa dalla curva A


B.

Ciclo di Carnot per un gas perfetto


Si tratta di un ciclo reversibile (trasformazione chiusa) limitata
da due isoterme e da due adiabatiche. Si suppone di avere:
trasformazioni reversibili

250

Termodinamica

gas ideale

Nel ciclo
L = Q1 Q2 = T1S1 T2S2 = (T1 T2)S1 =
= (T1 T2)(S2 S1)
Calcoliamo il rendimento del ciclo di Carnot
=

L
Q1 Q2 T1 S T2 S T1 T2
T2
=
=
=
=1
Q1
Q1
T1 S
T1
T1

In realt`a vedremo che questa espressione `e valida anche per gas


non perfetto. Il rendimento dipende solo dalle temperature

Termodinamica

251

delle isoterme ed e indipendente dalle sostanze e dalle aree


delle trasformazioni. Vedremo che il ciclo di Carnot `e quello
dotato del massimo rendimento tra tutti quelli operanti tra T1
e T2 .

Macchine termiche
Tutto il lavoro pu`o essere convertito in calore
Esempio: si sfregano due pietre sottacqua e si ottiene una
completa trasformazione di lavoro in calore (L = Q) ed il
rendimento sar`a del 100%
La trasformazione del calore in lavoro si pu`o fare con:

trasformazioni non cicliche


Esempio: Espansione isoterma di un gas, con U = 0 e
Q = L ma p diminuisce e la trasformazione finisce.

trasformazione cicliche
Il sistema viene riportato allo stato iniziale. Il dispositivo che fa compiere al sistema la trasformazione ciclica
si chiama macchina termica o motore termico. Cio`e il
sistema `e la sostanza che lavora e la macchina lavora su
un ciclo. Essa compie lavoro verso lesterno eseguendo
sempre lo stesso ciclo.

252

Termodinamica

ABLM = ACHM = ACDGM = AEF M


perche si tratta di cicli di Carnot che operano tra le stesse
isoterme
Lo schema di principio di una macchina termica e:

si ha L = QH QC dove L =lavoro netto eseguito dalla


macchina per ogni ciclo
Il rendimento e:
Lnetto QH QC
QC
=
=
=1
QH
QH
QH
per avere = 1 (efficienza 100%) occorre che QC = 0 che
risulta impossibile per il 2 P. T. come vedremo in seguito.

Termodinamica

253

Tipi di macchine termiche:

macchine a combustione esterna

macchina di Stirling
macchina a vapore

macchine a combustione interna

motore a benzina (ciclo Otto)


motore Diesel (ciclo Diesel)

Macchina di Stirling
Nel 1816 Stirling progett`o una macchina che bruciando benzina eseguiva del lavoro. Il ciclo `e costituito da 4 fasi:

254

Termodinamica

dove R =rigeneratore. E di bassa conducibilit`a termica

Si ha L = QH QC > 0

255

Termodinamica

Macchine frigorifere
Oltre alle macchine termiche, che trasformano calore in lavoro,
esistono anche le macchine frigorifere. Queste ultime hanno lo
scopo di raffreddare un corpo. In pratica una macchina termica fatta funzionare, nel piano di Clapeyron, in senso antiorario
risulta essere una macchina frigorifera. Cioe si ha:

Una macchina termica pu`o essere schematizzata:


T

H
Q
H
L

Q
C
T

Lobiettivo `e il lavoro che produce mentre il costo `e QH `e


quindi naturale definire il rendimento = QL . Invece un
H
frigorifero pu`o essere schematizzato nel seguente modo:

256

Termodinamica
T

H
Q
H
L

Q
C
T

lobiettivo `e prelevare QC dallambiente (linterno del frigorifero) il calore a bassa temperatura mentre il costo `e L (energia
elettrica consumata) quindi si deve definire il coefficiente di
prestazione f (fattore di qualit`a):
f=

QC
QC
=
L
QH QC

Il fattore di qualit`a pu`o risultare maggiore di 1. Non `e opportuno chiamarlo rendimento frigorifero.
La relazione tra il rendimento ed il fattore di qualit`a risulta:
Q2
=1
Q1
Q1
quindi Q
=
2
ma poiche

1
1

f=
si ottiene:

Q2
Q2
1
=
=
L
Q1 Q2

1
=
1+f

Termodinamica

257

1
Dalla relazione = 1+f
o quella inversa f = 1
o con si pu`
cludere che un ciclo termico che abbia un alto rendimento,
funzionando come frigorifero ha un fattore di qualit`a molto
basso.
In pratica vorrebbe dire che il cilo di Carnot funzionante da
macchina termica va bene mentre funzionante da frigorifero
sarebbe da scartare. E chiaro che queste conclusioni non possono essere accettate. Infatti anche se altri cicli danno un f
pi`u alto, non garantiscono a differenza del ciclo di Carnot una
temperatura veramente bassa e costante e quindi solo con il
ciclo di Carnot siamo sicuri di aver allinterno del frigorifero
quella determinata temperatura.

Il frigorifero di Stirling

Supponiamo di percorrere in senso inverso il ciclo della macchina di Stirling. Si avr`a lassorbimento di calore a bassa temperatura e la cessione di una quantit`a di calore pi`u grande ad
alta T e lesecuzione di lavoro sul sistema.
Questo dispositivo si chiama frigorifero o macchina frigorifera
mentre la sostanza si chiama refrigerante
Analizziamo come esempio il frigorifero di Stirling.

258

Termodinamica

1 2 compressione isoterma a TH , QH ceduto a TH


2 3 isocora, ceduto QR
3 4 espansione isoterma a TC , QC assorbito a TC
4 1 isocora, assorbito QR

Risultato: QC assorbito a TC , QH ceduto a TH , L = QC


QH < 0
Viene trasferito calore dal serbatoio pi`u freddo a quello pi`u
caldo con limpiego di lavoro meccanico.
Il diagramma p V e:

Termodinamica

259

Secondo principio della termodinamica


Si verifica che non `e possibile convertire completamente in
lavoro il calore assorbito da un solo serbatoio; sempre una certa
quantit`a di calore viene ceduta a un serbatoio a temperatura
pi`u bassa. Si ha lenunciato di Kelvin-Plank del secondo
principio:
E impossibile realizzare una trasformazione termodinamica il
cui unico risultato sia quello di assorbire calore da un serbatoio
caldo e convertirlo completamente in lavoro.
Se non fosse vero si potrebbe, ad esempio, far muovere una nave estraendo calore dalloceano senza violare il 1 P. T. Infatti
il 1 P. T. non vieta di trasformare completamente il calore in
lavoro.
Il 1 P. T. nega la possibilit`a di creare o distruggere energia.
Il 2 P. T. nega la possibilit`a di impiegare lenergia in certi
modi.

260

Termodinamica

Il moto perpetuo di prima specie, cioe il funzionamento continuo di una macchina che crea energia, non `e possibile per il
1 P. T.
Mentre il moto perpetuo di seconda specie, cioe il funzionamento di una macchina che scambia calore con un unico
serbatoio, non `e possibile per il 2 P. T.
Le macchine termiche hanno sempre bisogno per funzionare di
scambiare calore almeno con due sorgenti a diversa temperatura.
Si preleva Q1 alla T maggiore, se ne trasforma una parte in
lavoro e si cede il resto Q2 alla T minore. Si ha:
=

Q1 Q2
Q1

Si ha lenunciato Clausius del 2 P.T.:


E impossibile realizzare una trasformazione il cui unico risultato sia quello di far passare calore da un corpo freddo ad uno
caldo.
Lenunciato di Clausius affronta in maniera diretta il problema
dellirreversibilit`a come legge di natura.
Non `e mai stato osservato, ad esempio, che un cubetto in un
bicchiere dacqua aumenti di massa scaldando lacqua rimasta
(reazione possibile per il 1 P. T.).
I due enunciati sono equivalenti poiche la violazione delluno
implica la violazione dellaltro.
Falso Kelvin falso Clausius

261

Termodinamica
T1
Q'
1

Q
1
L
M

Q
2
T

Si ha L = Q1 e Q01 = L + Q2
T1 assorbe complessivamente Q2
T2 cede Q2
Falso Clausius falso Kelvin
T1
Q
2

Q
2
T

Q
1

Q
2

Si ha L = Q1 Q2
T2 non ha scambi di calore
Infatti se fosse possibile trasformare Q L da una sorgente
T (violando lenunciato di Kelvin) con lattrito prodotto da

262

Termodinamica

L si potrebbe dare Q a una sorgente T 0 > T violando per`o


Clausius.
Viceversa se non fosse verificato Clausius si potrebbe da una
macchina termica riportare il calore data alla sorgente a bassa
T e riportarlo alla TH ottenendo una completa trasformazione
Q L cioe violando Kelvin.

Il Teorema di Carnot
Il postulato di Kelvin-Plank impedisce che le macchine termiche abbiano rendimento unitario. Il teorema di Carnot afferma:

1. tutti i cicli di Carnot operanti tra le stesse temperature


estreme hanno lo stesso rendimento indipendentemente:
dalle caratteristiche della macchina
dal fluido che compie il ciclo
2. qualsiasi ciclo, reversibile o no, ha rendimento non superiore al ciclo di Carnot tra le stesse due temperature
estreme del ciclo in questione (T1 e T2).
Dimostriamo 1)

263

Termodinamica

dove
A = macchina di Carnot reversibile
B = macchina qualsiasi(reversibile o no)
Si fa si che |Q1,A| = |Q1,B | e si ottiene:
Ltotale = LB LA = B Q1,B AQ1,A = Q1,A(B A)
Per il II P. T. si ha che deve essere LT 0 quindi B A.
Se: B `e reversibile si possono scambiare i ruoli e quindi:
B = A
`e stato calcolato precedentemente nel caso ideale che ora
vale in generale
T2
Carnot = 1
T1
Dimostriamo 2):
Un ciclo qualsiasi si pu`o approssimare con una serie di cicli di
Carnot fra T10 < T1 ed T20 > T2 .

264

Termodinamica

I rendimenti dei cicli di Carnot sono:


0
Carnot

T2
T20
=1 0 1
T1
T1

Lintero ciclo ha rendimento globale inferiore a quello di una


macchina di Carnot operante solo tra le temperature estreme
T1 e T2

Temperatura termodinamica assoluta


Il rendimento di un ciclo di Carnot reversibile dipende solo dalle temperature dei termostati. Questa propriet`a viene
sfruttata per definire la scala di temperatura assoluta.
Supponiamo di caratterizzare la temperatura dello stato x con
il valore numerico (x) nel seguente modo:
si fissa un ciclo di Carnot tra lo stato x e lo stato di riferimento
R. Il rendimento e:
Qx
C (R, x) = 1
QR

265

Termodinamica

ovvero

Qx
= 1 C (R, x)
QR

Si assume che (x) sia il valore di una funzione monotona di


C (R, x) o QQx . Cio`e:
R
Qx
x
=
QR R
Si assume R come punto triplo dellacqua con il risultato
x = 273.16

Qx
= 273.16 (1 C (R, x))
QR

definita temperatura termodinamica assoluta


La misura della temperatura si riduce alla misura dei calori
scambiati in un ciclo di Carnot reversibile fra R e X.
Quindi la misura di una temperatura si trasforma in una misura di calori scambiati.
Tanto pi`u Qx `e pi`u piccolo tanto x `e piccola.
Il valore minore di Qx `e zero la x (temperatura) `e lo zero

266

Termodinamica

assoluto.
Si user`a il simbolo T per indicare la temperatura assoluta e si
misurer`a con il grado kelvin (K).
Altra definizione di zero assoluto:
Lo zero assoluto `e la temperatura alla quale una trasformazione reversibile isotermica `e anche adiabatica

Teorema o disuguaglianza di Clausius


Per un ciclo di Carnot reversibile si ha:
T 2 Q2
=
T 1 Q1
quando si esprimono Q come valori assoluti con le convenzioni
dei segni si ha:
Q2
Q1 Q2
T2
=

+
=0
T1
Q1
T1
T2
Ricordando che un qualsiasi ciclo reversibile `e approsimabile
ad una successsione di N cicli di Carnot ed `e identico a
cicli di Carnot.
lim

N 
X
Q1
k=1

T1

Q2
T2

I
=
REV

Q
=0
T

Nel caso si abbia un ciclo irreversibile si dimostra che si ha:


I
Q
<0
T

267

Termodinamica

nel caso pi`u generale di un qualsiasi ciclo reversibile o irreversibile si pu`o scrivere:
I
Q
0
T
questa espressione costituisce il teorema di Clausius dove il segno di uguaglianza vale per i cicli reversibili e il segno minore
vale per i cicli irreversibili.
Il teorema di Clausius si pu`o enunciare nel seguente modo: In
un ciclo termodinamico reversibile (o irreversibile) la somma
dei rapporti tra le quantit`a di calore infinitesime (dQ) scambiate dal sistema durante il ciclo con le sorgenti a temperatura
T e le temperature stesse `e nulla (o negativa).
Nel caso di un numero finito di sorgenti si pu`o scrivere
n
X
Qi
i=0

Ti

Questa disuguaglianza denominata disuguaglianza di Clausius indica che: In un ciclo termodinamico reversibile (od
irreversibile) la somma dei rapporti tra Q e le temperature
T `e nulla (o negativa).
La disuguaglianza di Clausius si pu`o applicare per determinare se una trasformazione `e reversibile o no.
Esempio: una sostanza alla temperatura T1 trasmette calore
ad una sostanza T2 (T2 < T1) ed entrambe sono dentro ad un
contenitore adiatermano. Per il primo corpo `e Q/T2 mentre
per il secondo `e Q/T1. la somma `e


Q Q
1
1
+
= Q

<0
T2
T1
T2 T1

268

Termodinamica

quindi il passaggio di calore tra due corpi `e un processo irreversibile.

`
e possibile ogni ciclo?
Per determinare se un ciclo termodinamico `e realizzabile bisogna confrontare il suo rendimento con un ciclo di Carnot
operante tra le due temperature estreme ma anche verificare
la disuguaglianza di Clausius:
Esempio: un ciclo ha Q1 = 600 J,Q2 = 450 J, Q3 = 200 J
e T1 = 600 K, T2 = 400 K, T3 = 300 K. Il rendimento e:
L
350
=
=
= 0.43
Qass 800
il rendimento del ciclo di Carnot e:
TM IN
300
C = 1
=1
= 0.5
TM AX
600
P

Il ciclo sembra possibile ma si ha i Qi/Ti = 0.54 per cui `e


in contrasto con la condizione di Clausius e quindi non `e un
ciclo possibile.

Entropia
Se consideriamo nel piano di Clapeyron un generico ciclo reversibile come quello mostrato

269

Termodinamica

Dal teorema di Clausius si ha


I
Z B
Z A
Q
Q
Q
=
+
=0
T
T
T
A (I)
B (II)
che possiamo anche scrivere come:
Z B
Z B
Q
Q

=0
A (I) T
A (II) T
Quindi:
Z

Q
=
T
A (I)

Q
A (II) T

Per cui lintegrale `e indipendente dal percorso seguito quindi sar`a una funzione di stato. Questa grandezza `e stata
chiamata da Clausius ENTROPIA ed indicata con il simbolo
S.
La variazione di essa tra uno stato A ed uno stato B lungo
una trasformazione reversibile e:
Z B 
Q
S = SB SA =
T REV
A

270

Termodinamica

mentre la variazione infinitesima di entropia durante una trasformazione reversibile e:


QREV
dS =
T
Cos` come `e stata definita lentropia `e sempre determinata a
meno di una costante arbitraria generalmente per`o si `e interessati a variazioni di entropia ed non ai suoi valori assoluti.
Si pu`o dimostrare che:
Z B 
Z B 
Q
Q
>
SB SA =
T
T IRREV
A
A
REV
Cio`e la variazione
R B Q di entropia `e maggiore dellintegrale di Clausius I = A T per una trasformazione irreversibile.
Per calcolare la variazione di entropia tra lo stato A e B si
pu`o sempre sfruttare la sua propriet`a di essere una funzione di
stato e quindi scegliere una qualsiasi trasformazione reversibile
tra i due stati.
Questo non vuol dire, come vedremo pi`u avanti, che la variazione dellentropia dellambiente sia la stessa se la trasformazione
tra A e B `e stata reversibile od irreversibile.
Calcolo dellentropia per un gas perfetto
Dal 1 P. T. per un gas perfetto si ha:
Z B
Z B
QREV
dU + p dV
SB SA =
=
=
T
T
A
A
Z B
Z B
ncv
p dV
=
dT +
T
T
A
A

271

Termodinamica

da cui:
Z

SB SA = ncv
A

dT
+ nR
T

dV
V

per cui
TB
VB
SB SA = ncv ln
+ nR ln
TA
VA
questa formula generale assume diverse forme a seconda delle
trasformazioni:
1. Trasformazione isotermica (TA = TB )
pA
VB
= nR ln
S = nR ln
VA
pB
2. Trasformazione isobarica essendo VVB =
A
la relazione di Mayer si ottiene

TB
TA

ed utilizzando

VB
TB
S = ncp ln
= ncp ln
VA
TA
3. Trasformazione isocora (VA = VB )
TB
pB
= ncV ln
S = ncV ln
TA
pA
4. Trasformazione adiabatica (dQ = 0) avr`a S = 0
Le trasformazioni adiabatiche reversibili vengono definite isoentropiche.

272

Termodinamica

Variazione di entropia di generiche trasformazioni


Nel caso di una generica trasformazione si ha:
Q = mc dT
come conseguenza
Z

S = m

c(T )
A

dT
T

nel caso che c si possa considerare costante questa diventa


Z B
dT
TB
S = mc
= mc ln
TA
A T
Se durante la trasformazione si ha un cambiamento di stato,
che come noto avviene a T costante si ha:
Q = dm
e come conseguenza
m
S =
T
Entropia dellUniverso
Lequazione generale esprimente la variazione di entropia di
un sistema termodinamico e:
Z

SB SA
A

Q
T

273

Termodinamica

dove il segno di uguale vale per trasformazioni reversibili e


quello di maggiore per trasformazioni irreversibili.
Se si ha una trasformazione reversibile le quantit`a Q rappresentano le quantit`a infinitesime di calore entrate nel sistema
ma siccome le stesse quantit`a di calore, cambiate di segno,
sono uscite dalla sorgente di temperatura alla temperatura T
si determina una variazione totale di entropia del sistema pi`u
lambiente esterno uguale zero.
Mentre se il sistema `e isolato, essendo Q = O, si ha:
SB SA 0
Cio`e lentropia di un sistema isolato aumenta sempre o resta
costante.
Se definiamo il sistema isolato come universo termodinamico
(u) linsieme del sistema termodinamico (s) e dellambiente
esterno (a) e teniamo conto che le trasformazioni naturali sono
tutte irreversibili si ha in questo caso:
SB SA > 0
Cio`e si ottiene laffermazione di Clausius lentropia delluniverso `e in continuo aumento
Questa affermazione si pu`o assumere come definizione del 2
P. T.
Unenunciato pi`u significativo del 2 P.T. noto anche come
legge di accrescimento dellentropia `e il seguente:
Ogni processo naturale si svolge necessariamente in quel verso
che comporta unaumento di entropia delluniverso.
Il fatto che lentropia delluniverso debba continuamente au-

274

Termodinamica

mentare non significa che in una certa trasformazione la variazione di entropia non possa essere negativa; se essa diminuisce
la variazione di entropia dellambiente esterno sar`a sicuramente positiva e con un valore assoluto maggiore della diminuzione
di entropia della trasformazione.
In modo analitico avremo:
Su = Ss + Sa = 0 trasformazione reversibili
Su = Ss + Sa > 0 trasformazione irreversibili
Su = Sa = Ss = 0, cicli reversibili
Su = Sa > 0 cicli irreversibili
Entropia e processi naturali
Analizziamo in questo paragrafo levoluzione spontanea dei
sistemi utilizzando la legge dellaccrescimento dellentropia.
Supponiamo ad esempio di mescolare due quantit`a di acqua
che per semplicit`a prendiamo identiche (massa = m) poste
rispettivamente alle temperature T1 e T2 con T1 > T2. La
temperatura finale sar`a
Tf =

T1 + T2
2

Se il mescolamento avviene con una trasformazione reversibile


ad esempio portando le due masse a contatto con una successione infinita di termostati posti tra le temperature T1 e T2, si

275

Termodinamica

trova:
Tf
T1
Tf
S2 = mc ln
T2
S1 = mc ln

Mentre la variazione di entropia totale sar`a:




Tf
Tf
+ ln
=
T1
T2
Tf2
(T1 + T2)2
= mc ln
>0
= mc ln
T1T2
4T1T2

S = S1 + S2 = mc ln

Come si pu`o facilmente verificare, `e S > 0, mentre le singole


variazioni di entropia sono S1 < 0, S2 > 0
`e importante notare che se il mescolamento fosse avvenuto in
modo irreversibile la variazione di entropia S1 sarebbe stata
la medesima perche essa `e una funzione di stato e quindi non
dipende dalla trasformazione seguita.
Se invece consideriamo la variazione di entropia dellambiente
esterno troviamo che nel caso della trasformazione reversibile
la variazione di entropia dei termostati `e uguale e contraria a
quella del sistema per cui la variazione di entropia delluniverso sar`a nulla.
Mentre nel caso della trasformazione irreversibile (mescolamento naturale) siccome le due masse di acqua non sono a
contatto con lambiente la variazione di entropia delluniverso
coincider`a con quella del sistema; quindi sar`a positiva.

276

Termodinamica

Entropia ed energia inutilizzabile


Consideriamo:
sistema = serbatoio a temperatura T
ambiente = temperatura T0 dove T < T0
Se una macchina di Carnot lavora tra le due temperature assorbendo Q dallambiente si avr`a una parziale conversione in
lavoro:


T0
L=Q 1
T
Quindi solo una parte dellenergia Q `e utilizzabile per essere convertita in lavoro Se Q `e trasmesso tra T1 T2 con
T2 < T1 ma sempre T2 > T0 cioe il sistema a T2 `e immerso
nellambiente a T0; si ha:
lavoro max. prima della trasmissione


T0
L=Q 1
T1
lavoro max. dopo la trasmissione


T0
L=Q 1
T2
La differenza tra i due L `e lenergia E 0 che avrebbe potuto
essere convertita in lavoro prima della trasmissione di calore.
Si ha:






T0
T0
Q
Q
E0 = Q 1
Q 1
= T0

T1
T2
T2 T1

277

Termodinamica

cioe:
E 0 = T0Stot

(12.7)

Questo per una trasformazione in calore.


Si pu`o dimostrare che in ogni trasformazione irreversibile si ha
la (12.7)
Lenergia non pi`u utilizzabile per compiere lavoro in seguito a
una trasformazione irreversibile `e T0 volte la variazione totale
di entropia del sistema e dellambiente circostante dovuta a
una trasformazione irreversibile.
Ovviamente per il 1 P. T. lenergia non `e persa.

Terzo principio della termodinamica


Si `e visto che lentropia `e sempre definita a meno di una
costante di integrazione del tipo
Z A
QREV
SA = S0 +
T
0
ci si pone il problema di trovare uno stato di un sistema di
riferimento ad entropia nulla
Poich`e si ha un legame diretto tra entropia e disordine e poich`e
per T 0 si ottengono sistemi sempre pi`u ordinati si ha
Z TA
QREV
SA =
T
0
dove TA `e la temperatura dello stato A
Questa assunzione (S0 = 0) costituisce lenunciato di F.F.Simon
(1927) del terzo principio della termodinamica:

278

Termodinamica

Lentropia di ogni sistema allo zero assoluto pu`


o essere
supposta nulla

Elementi di teoria cinetica dei gas


Introduzione
La termodinamica considera solo variabili macroscopiche (pressione, volume, temperatura...).
La meccanica statistica si occupa degli stessi sistemi ma presuppone lesistenza di atomi ed applica le leggi della meccanica
ai singoli atomi, per`o utilizzando leggi statistiche. Si vedr`a che
si potranno collegare le funzioni termodinamiche con le medie
di propriet`a atomiche.
Al livello della teoria cinetica dei gas si usano tecniche di calcolo dei valori medi molto semplici; con la meccanica statistica
si usano tecniche pi`u formali ed astratte.
Con la meccanica statistica quantistica si usano le tecniche di
calcolo della statistica applicata alla meccanica dei quanti.
Si suppone che il gas da studiare sia il gas perfetto gi`a definito.
Equazione di stato pV = nRT
Utilizziamo il modello del gas perfetto per giustificare lequazione di stato pV = nRT .
Si interpreta la pressione sulle pareti come il risultato degli
urti molecole parete.
Si otterr`a che la pressione `e proporzionale alla densit`a del gas,
dipende dalla massa m e dalla velocit`a delle molecole.

Termodinamica

279

Paragonando il risultato con lequazione detta si ottiene linterpretazione microscopica della temperatura.
Trascureremo gli urti tra le particelle ma poiche essi sarebbero
elastici non darebbero contributo.
Inoltre il tempo speso durante gli urti `e trascurabile rispetto
al tempo tra gli urti.
Calcolo cinetico della pressione
Consideriamo il gas in una scatola cubica:

Se la molecola colpisce la faccia A1 si ha


P = Pf Pi = mvx (mvx) = 2mvx
dove P A1. Poiche si conserva la P totale la quantit`a di
moto comunicata ad A1 `e P = 2mvx. Se m non urta altre
molecole ed arriva alla faccia opposta A2 il tempo trascorso
sar`a l/vx. Per tornare in A1 ci vorr`a il tempo 2l/vx.

280

Termodinamica

Il numero di collisioni per unit`a di tempo `e vx/2l. la quantit`a


di moto che si trasmette ad A1 per unit`a di tempo e:
P
Vx mvx2
= 2mvx =
t
2l
l
La forza totale su A1 `e la quantit`a di moto per unit`a di tempo
(F = P/T ). La pressione sar`a F/Area, cioe pressione:
m
p = 3 (vx21 + vx22 + vx23 + . . .)
l
Se N `e il numero totale di molecole del recipiente ed N0 il
numero per unit`a di volume, si ha l3 = V = N/N0, quindi
vx21 + vx22 + vx23 + . . .
p = mN0
N
si definisce velocit`a quadratica media
r
vx21 + vx22 + vx23 + . . .
vqmx =
N
la (12.8) diventa
2
p = mN0vqm
x

(12.8)

(12.9)

2
2
2
per ragioni statistiche si ha vqm
=
v
=
v
, ma dal
qm
qm
x
y
z
momento che
2
2
2
2
+
v
vqm
= vqm
+
v
qm
qm
z
x
y

si ha
2
2
vqm
= 3vqm
x

Sostituendo nella (12.9) si ha


1
2
p = mN0vqm
3

(12.10)

281

Termodinamica

che si pu`o anche scrivere come


1 2
p = vqm
3
espressione della pressione esercitata sulle pareti
dalla (12.11) si ricava
r
3p
vqm =

(12.11)

(12.12)

Poich`e = mN/V si ottiene per la (12.11)


1 mN 2
vqm
3 V
siccome N = NAn ed inoltre k = R/NA si ottiene
p=

(12.13)

nR
k
sostituendo nella (12.13) si ottiene
N=

2
1 nR vqm
p= m
3 k V

oppure
nR 1 2
mvqm
pV =
k 3
dalla pV = nRT si ricava
1 2
3
mv = kT
2 qm 2
Cio`e la temperatura assoluta `e proporzionale al valore medio
dellenergia cinetica. Lenergia cinetica associata al moto ha
effetto sulla temperatura.

282

Termodinamica

Processo di diffusione
2
Siccome 21 mvqm
= 32 kT si ha che per i due gas alla stessa
temperatura il rapporto tra le velocit`a quadratiche medie delle
molecole `e uguale alla radice quadrata del rapporto inverso
delle loro masse. Cio`e
2
2
2 m1vqm,1
2 m2vqm,2
T =
=
3k
2
3k
2

si ottiene:
vqm,1
=
vqm,2

v12
v22

r
=

m2
m1

Se i gas sono in un recipiente con pareti porose il gas pi`u


leggero sfuggir`a pi`u rapidamente. Si trova che il rapporto tra
ilqnumero di molecole che escono dalle pareti nel tempo t `e
m2
e usato come mezzo di
m1 . Questo processo di diffusione `
separazione dellU 235(fissile) dallU 238 (non fissile).
Velocit`
a del suono
Poiche vsuono = vqm si ha che la velocit`a del suono V1 alla
temperatura T1 e legata alla velocit`a V2 alla temperatura T2
dalla relazione
r
v1
T1
=
v2
T2
Esempio: vs = 332 m/s a 0C (273 K) la sua velocit`a a 300 K
`e in aria:
r
300
V300K =
332 = 348 m/s
273

283

Termodinamica

Esempio: calcolare la vqm della molecola di Idrogeno a O C


e p = 1 atm.
Risoluzione: = 8.99 102Kg/m3 e p = 1atm = 1013 105N/m2
r
vqm =

3p
= 1840m/s

Distribuzione delle velocit`


a molecolari
Abbiamo definito vqm ma le effettive velocit`a delle molecole si
possono discostare anche di molto da questo valore.
Clerk Maxwell nel 1859 per primo risolse il problema di trovare
la distribuzione pi`u probabile di velocit`a.
La densit`a di probabilit`a di Maxwell `e:
 m 3/2 mv2
y(v) = 4
e 2kT v 2
2kT
dove y(v) dv `e la probabilit`a che una molecola alla temperatura T abbia velocit`a comprese tra v e v + dv. Se vogliamo
calcolare la probabilit`a che a temperatura costante la velocit`a
della molecola sia compresa tra v1 e v2 dobbiamo integrare tra
i due valori
Z v2
y12 =
y(v) dv
v1

la forma della distribuzione di Maxwell `e :

284

Termodinamica

da correggere
Si `e supposto di avere N = 1016 molecole e quindi si `e disegnato
N (v) = N y(v)
quindi N (v) dv `e il numero di molecole tra v e v + dv. Sar`a:
Z
N=
N (v) dv = 1016
0

Si ottiene la velocit`a pi`u probabile


r
2kT
vp = vmoda =
= 0.81 vqm
m
vp `e il valore della velocit`a di cui `e dotato il maggior numero
di molecole
inoltre la media aritmetica delle velocit`a detta velocit`a media
`e:
Z
8
vmedia = v =
v y(v) dv = vqm
3
0

285

Termodinamica

quindi risulta essere:


vp < vmedia < vqm

Verifica sperimentale della distribuzione di Maxwell


Maxwell ricav`o la sua funzione nel 1859 e nel 1920 Stern ne
dimostr`o sperimentalmente la sostanziale correttezza ma solo
nel 1955 si giunse ad una precisa verifica sperimentale.
Stern adott`o il seguente selettore di velocit`
a

la durata del percorso tra i due dischi `e t = l/v


Una particella che passa nel disco 1 passer`a anche nel disco 2
se:
l

=
v
quindi v =

286

Termodinamica

Energia interna e calori molari secondo la teoria


cinetica
Lenergia interna `e lenergia totale meccanica del sistema U =
EK + Ep
Nel caso del gas monoatomico schematizzato come un insieme
di punti:
1 2
1 2
U = EK + Ep = N m
v = nNA m
v
2
2
ma poiche 21 m
v 2 = 32 kT si ottiene
3
3
3
U = n NAkT = N kT = nRT
2
2
2
quindi
3
Umol = kT
2
Da cui si ottiene il calore molare a volume costante Q =
dU + p dV
cal
1 dU 3
cV =
= R3
n dT
2
mole K
Per gas biatomici supposti rigidi come distanza ci sar`a sempre:
U = EK,totale = EK,rot + EK,traslazionale
Il teorema di Boltzamm dellequipartizione dellenergia cinetica afferma che ogni grado di libert`a della molecola ha associata
lenergia media 21 kT .
Nel caso della molecola monoatomica ci sono tre gradi di libert`a (3 coordinate indipendenti). Lenergia cinetica media `e

287

Termodinamica

3 21 kT = 32 KT come visto. Per gas biatomici si hanno 5 gradi


di libert`a (3 coordinate per il C. M. + 2 angoli) e si ha:
Umol = EK,totale = EK,rot + EK,traslazionale =
1
1
5
= 2 kT + 3 kT = kT
2
2
2
per n moli U = 52 nRT e di conseguenza il calore molare a
volume costante risulta:
cV =

1 dU 5
= R
n dT
2

Se consideriamo molecole biatomiche elastiche si ha un moto


armonico semplice tra i due atomi ed in media EP = EK =
1
u un grado di libert`a.
2 kT pi`
Umol

1
1
7
= EK,totale + EP = 6 kT + kT = kT
2
2
2

Si ottiene per molecole poliatomiche rigide (6 gradi di libert`a)


U = 3nRT
e
cV = 3R