Sei sulla pagina 1di 234

Corso di Laurea in Ingegneria Elettrica Facolt` a di Ingegneria Universit` a degli Studi

Viale delle Scienze Parco dOrleans 90128 PALERMO

Palermo, l` 3 settembre 2007

Corso di Impianti di Produzione dellEnergia Elettrica Quaderno degli appunti

docente: prof. ing. Antonio Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Indice

1 Degli impianti in generale 1.1 Lottimizzazione della produzione . . 1.1.1 La previsione dei carichi . . . 1.1.2 La previsione degli impianti di 1.2 La caratterizzazione dei carichi . . . 1.2.1 Modelli previsionali . . . . . . 1.2.2 Il metodo dei minimi quadrati 1.3 La ripartizione dellenergia . . . . . . 1.3.1 Il picco di potenza . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . produzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4 4 5 7 9 12 15 18 21 24 24 27 29 31 32 35 39 39 44 45 50 56 79 81 82 85 95 98

2 Delle centrali idroelettriche 2.1 Principio di funzionamento . . . . . . . . . 2.1.1 Cenni di idrologia . . . . . . . . . . 2.1.2 Calcolo dellenergia estraibile . . . 2.2 Classicazione delle centrali idroelettriche 2.2.1 Centrali ad acqua uente . . . . . . 2.2.2 Centrali con serbatoio . . . . . . . 2.3 Componenti delle centrali idroelettriche . . 2.3.1 Gli sbarramenti . . . . . . . . . . . 2.3.2 Organi di presa e depuratori . . . . 2.3.3 Il canale derivatore . . . . . . . . . 2.3.4 La condotta forzata . . . . . . . . . 2.3.5 La macchina idraulica . . . . . . . 2.4 Centrali di pompaggio . . . . . . . . . . . 2.4.1 Principio di funzionamento . . . . . 2.4.2 Tipologie dei gruppi . . . . . . . . 2.4.3 Avviamento dei gruppi . . . . . . . 2.4.4 Frenatura dei gruppi . . . . . . . . 2.5 Centrali mareomotrici . . . . . . . . . . .

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3 Delle centrali termoelettriche 99 3.1 Principio di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100 3.2 I cicli termodinamici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101 3.2.1 Il ciclo di Carnot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103 3.2.2 Il ciclo Rankine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104 3.2.3 Il ciclo Hirn . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106 3.2.4 Il ciclo Hirn ipercritico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113 3.2.5 Il ciclo con rigenerazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 116 3.2.6 Il uido lavorante ideale . . . . . . . . . . . . . . . . . 122 3.3 Il costo equvalente della caloria . . . . . . . . . . . . . . . . . 125 3.4 Il ciclo dei fumi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128 3.4.1 Il processo di combustione . . . . . . . . . . . . . . . . 128 3.4.2 I combustibili utilizzati . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131 3.4.3 Scambiatori di calore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132 3.4.4 I sistemi di depurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 133 3.4.5 La movimentazione dei fumi . . . . . . . . . . . . . . . 133 3.5 Il ciclo del uido lavorante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135 3.5.1 La camera di combustione . . . . . . . . . . . . . . . . 136 3.5.2 La crisi dellebollizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137 3.5.3 La caldaia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140 3.5.4 Il surriscaldamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145 3.5.5 La turbina a vapore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147 3.5.6 Il condensatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158 3.6 Il ciclo dellacqua di condensazione . . . . . . . . . . . . . . . 161 3.7 La regolazione della portata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161 3.8 Impianti termoelettrici minori . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165 3.8.1 Le centrali geotermiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166 3.8.2 I generatori magnetoidrodinamici . . . . . . . . . . . . 166 3.8.3 I generatori diesel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168 3.9 Le centrali a gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168 3.9.1 Ciclo semplice ideale chiuso . . . . . . . . . . . . . . . 169 3.9.2 Ciclo semplice reale aperto . . . . . . . . . . . . . . . . 173 3.9.3 Ciclo a compressione interrefrigerata . . . . . . . . . . 176 3.9.4 Ciclo ad espansione con ricombustione . . . . . . . . . 178 3.9.5 Ciclo con compressioni ed espansioni polifase . . . . . . 179 3.9.6 Cicli rigenerativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180 3.9.7 Ciclo rigenerativo interrefrigerato . . . . . . . . . . . . 186 3.9.8 Ciclo rigenerativo con ricombustione . . . . . . . . . . 187 3.9.9 Ciclo rigenerativo con interrefrigerazione e ricombustione187 3.9.10 Lavviamento delle centrali a gas . . . . . . . . . . . . 188 3.9.11 Regolazione delle centrali a gas . . . . . . . . . . . . . 189 2

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.9.12 Cicli combinati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190 3.9.13 Ripotenziamento delle centrali termiche . . . . . . . . . 192 3.9.14 Impianti di cogenerazione . . . . . . . . . . . . . . . . 194 4 Delle apparecchiature elettriche 4.1 Le stazioni elettriche . . . . . . . . . . . . 4.1.1 Connessione delle sbarre . . . . . . 4.1.2 Componenti delle stazioni elettriche 4.2 I servizi ausiliari . . . . . . . . . . . . . . . 4.3 Lalternatore . . . . . . . . . . . . . . . . 4.3.1 Refrigerazione . . . . . . . . . . . . 4.3.2 Stabilit` a statica . . . . . . . . . . . 4.3.3 Sistemi di eccitazione . . . . . . . . 4.3.4 Messa a terra . . . . . . . . . . . . 4.4 Il trasformatore . . . . . . . . . . . . . . . Elenco delle gure Elenco delle tabelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196 . 196 . 197 . 203 . 205 . 210 . 212 . 214 . 219 . 221 . 226 229 233

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Capitolo Degli impianti in generale

Fino a qualche decina di anni addietro, era ancora utilizzato il termine centrale per indicare gli impianti di produzione dellenergia elettrica. Tale termine era indicativo del fatto che detti impianti venivano costruiti nel baricentro dei carichi elettrici che essi stessi dovevano servire. Oggigiorno tale indicazione ` e desueta, dato che in pochissimi casi gli impianti di produzio` dunque necessario ne possono essere costruiti nel baricentro dei carichi. E un esame della situazione odierna e dei criteri che stanno alla base della progettazione e costruzione degli impianti di produzione.

1.1

Lottimizzazione della produzione

Un terzo di tutte le fonti energetiche mondiali ` e attualmente convertito in energia elettrica, anche se questultima non trova una utilizzazione diretta ` dunque possibile immaginare che il sistema eletnei centri di consumo. E trico sia una scatola nera in cui energia proventiente da qualsiasi dominio (termico, cinetico, chimico,...) ` e trasfomata in energia elettrica, trasportata in questa forma, ed inne riconvertito in energia di un altro dominio nel luogo di utilizzazione. Il trasporto a mezzo di energia elettrica ` e spesso pi` u conveniente perch e:
Energia (dominio) Energia Elettrica Energia (dominio)

Figura 1.1: Schema del sistema di trasporto

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

spesso non ` e possibile o conveniente realizzare un sistema di trasporto di energia sotto altra forma; ` e pi` u essibile, facilmente trasportabile e solo relativamente pericolosa. Si ha dunque un sistema, come quello riportato in Figura 1.1, interfacciato allingresso con il sistema di produzione. Lenergia elettrica ` e quindi trasmessa, tramite gli impianti di trasmissione e trasporto, ai centri di consumo; in essi la tensione ` e elevata per ragioni di economicit` a e stabilit` a di esercizio. La distribuzione ` e esercita a tensione pi` u bassa ed ` e ulteriormente abbassata per gli utenti nali. In generale, le reti di trasmissione e trasporto sono collegate fra loro, a realizzare una rete magliata ; sebbene questa scelta possa comportare maggiori dicolt` a costruttive ed un complesso sistema di controllo della rete stessa, assicura maggiore stabilit` a e continuit` a di esercizio. Le reti di distribuzione sono invece realizzate con schemi radiali, sicuramente meno adabili, ma pi` u economiche per i costi di realizzazione. ALternativamente pu` o essere realizzata una rete magliata di distribuzione, ma esercita come radiale, di modo che, in caso di guasto, i carichi possano essere alimentati attraverso altri rami della rete. Lottimizzazione deve poggiare su queste basi e si prola sin dora come un problema molto complesso. Si aggiunga a questo che il tempo di costruzione di una centrale, per dicolt` a burocratiche, prevede un tempo di messa in funzione di circa 45 anni; si considera inoltre che il tempo di funzionamento di un impianto di produzione sia pari a 1520 anni. Ci` o che ` e denito genericamente come carico ` e costituito dal complesso di tutti gli utenti che siano dotati di almeno una presa elettrica; ovviamente ` e impensabile prevedere nei minimi dettagli landamento del carico in un arco temporale di 20 anni. Si eettua quindi unanalisi statistica, raggruppando i carichi a zone, di modo che gli errori di previsione si compensino a vicenda. Pertanto sono considerati soltanto i carichi in alta tensione, ovvero quelli connessi ai nodi di distribuzione primaria.

1.1.1

La previsione dei carichi

Lenergia elettrica ` e una forma ordinaria di energia, normalmente presente in natura, sebbene le manifestazioni naturali (fulminazioni) non sono industrialmente utilizzabili. Essendo una forma ordinata di energia, ` e possibile eettuare una conversione dal dominio elettrico a qualsiasi altro dominio con un elevato rendimento; il contrario purtroppo non ` e possibile. Inoltre non pu` o essere immagazzinata, almeno in ragionevoli quantit` a, se si esclude lenergia 5

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

cinetica immagazzinata nelle masse rotanti degli alternatori, suciente solo per piccoli transitori; pertanto deve essere prodotta in concomitanza al consumo, essendo lobiettivo primario del sistema quello di soddisfare ogni richiesta di energia elettrica. Come ` e noto, il sistema di regolazione non ` e diretto, ma sfrutta invece le variazioni di un parametro caratteristico e dipendente dallenergia consumata: la frequenza del sistema. I carichi devono essere soddisfatti ponendo alcune condizioni imprenscindibili, quali: leconomicit` a; la sicurezza; la qualit` a. Soddisfare il carico signica conoscerlo in anticipo, ossia prevederlo; non ` e possibile per` o ottimizzare istante per istante il sistema di produzione. E.g. le centrali idroelettriche ricevono energia in funzione delle precipitazioni passate, dunque per prevedere la disponibilit` a di energia elettrica da esse prodotta ` e necessario prevedere le precipitazioni future. Potrebbero dunque vericarsi situazioni per cui, in un dato istante di tempo, lottimizzazione prevede il funzionamento di certi impianti di produzione e lo spegnimento di altri. Deve per` o considerarsi che lo spegnimento di una centrale non ` e unoperazione a costo zero, ma comporta uno spreco di combustibile. Gli impianti di produzione inoltre si declassano con il tempo, e possono produrre solo una quota parte della potenza nominale, o devono addirittura essere messe fuori servizio: ergo si rende necessaria la costruzione di altre centrali. Per costruire nuove centrali si deve scegliere il tipo di fonte primaria da utilizzare e tale scelta deve essere fatta tenendo presente landamento futuro dei mercati. Un altro parametro che dovrebbe essere preso in considerazione per lottimizzazione degli impianti di produzione ` e la dislocazione dei carichi; potrebbe essere infatti necessario potenziare ovvero costruire ex novo gli impianti di trasmissione e trasporto necessari. Lottimizzazione degli impianti di produzione deve dunque considerare anche i seguenti fattori: lespansione dei carichi; lespansione degli impianti di trasporto; linadabilit` a degli stessi. Il parametro caratteristico del carico ` e sicuramente la potenza consumata, o meglio la potenza attiva consumata. Alla potenza attiva ` e possibile associare il consumo di fonte primaria, mentre la potenza reattiva permane sulla 6

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

linea; in realt` a anche alla potenza reattiva ` e possibile associare un consumo di fonte primaria ma, in questa sede, ` e possibile trascurare questo eetto. Landamento della potenza attiva nel tempo non ` e costante ed ` e inoltre aleatorio e continuo; non esiste quindi una funzione matematica tale da descriverlo e, in realt` a, una simile previsione sarebbe inutile. Gli impianti termici infatti, ossia la maggior parte degli impianti di produzione, hanno uninerzia molto elevata, quindi lintervallo di tempo che intercorre fra listante di tempo in cui ` e dato un comando e listante in cui si attua tale comando ` e molto ampio. Di conseguenza non ha senso prendere in considerazione variazioni di carico di durata inferiore al tempo minimo di risposta; allo stato attuale tale tempo minimo ` e pari a 5 min, quindi il diagramma di carico sar` o discretizzato ad intervalli di tempo di 5 min e con variazioni a gradino. Le relazioni che descrivono il sistema quindi non saranno pi` u relazioni integrodierenziali, ma algebriche e quindi con la conseguente semplicazione. Anche sotto questa luce il problema rimane complesso: in un anno ` e infatti possibile individuare circa 100.000 intervalli di ampiezza pari a 5 min. Considerato anche lelevato numero di nodi, si ottiene un sistema, sebbene algebrico, assolutamente ingestibile.

1.1.2

La previsione degli impianti di produzione

Al ne di semplicare il problema, si suddividono le attivit` a relative alla progettazione degli impianti di produzione in due categorie, ciascuna con nalit` a e orizzonti temporali dierenti: attivit` a di esercizio, relative ad impianti esistenti e funzionanti, con tempo di previsione pari ad 1 anno; in questo arco temporale ` e possibile individuare alcune ciclicit` a, quali periodicit` a estate inverno, feriale semifestivo festivo, giorno notte. attivit` a di pianicazione, relative ad impianti da costruire ex novo, con scadenze no a 1520 anni, suddivisi in intervalli di un anno; si utilizza il cosiddetto sistema sbarra, secondo cui si trascura la presenza degli impianti di trasporto: gli impianti di produzione e i carichi sono connessi al medesimo sistema di sbarre, trascurando la dislocazione spaziale degli stessi. In altro modo, il sistema sbarra suppone implicitamente che gli impianti di trasporto abbiano adabilit` a perennemente unitaria. In denitiva si costruiscono tante centrali quante sono quelle necessarie a soddisfare laumento di carico previsto dale attivit` a di pianicazione; il tipo

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

di centrale ` e stabilito dal quantitativo di potenza installato in centrale. Le attivit` a di pianicazione possono, a loro volta, essere suddivise in: attivit` a di pianicazione esecutiva, mirata alla costruzione di nuovi impianti di produzione in un periodo di tempo che non va oltre i 5 anni; attivit` a di pianicazione strategica, che si occupa invece della pianicazione degli impianti dal quinto anno in poi. La pianicazione strategica si pone come scopo la previsione del tipo di centrali che dovranno essere costruite in futuro, mentre la pianicazione esecutiva stabilisce lordine temporale di costruzione delle stesse. Le attivit` a di esercizio Ottimizzare il sistema in esercizio per un periodo totale di un anno, considerando intervalli temporali di 5 min pu` o risultare molto complesso, per tale motivo si preferisce semplicare il problema, suddividendolo in pi` u sotto problemi, ciascuno avente come dati in ingresso i risultati ottenuti dalla risoluzione del problema precedente. Come ipotesi semplicativa iniziale, si trascura la dislocazione spaziale dei carichi, adottando dunque il sistema sbarra. Inizialmente si risolve il sotto problema a lungo termine; si suddivide lanno in 52 intervalli elementari da una settimana e per ciascuno di tali intervalli sono note la potenza massima Px richiesta dal carico e lenergia E richiesta per tutta la settimana. Entro certi limiti, ` e anche possibile conoscere la quantit` a di acqua negli invasi che servono le centrali idroelettriche e la previsione di acqua che auir` a agli stessi. Le incogni te del primo sotto problema sono dunque: la ripartizione della potenza sulle centrali; landamento di svasi e invasi dei bacini idroelettrici; i cicli di manutenzione degli impianti di produzione. Lultimo punto ` e parimenti importante con i primi due, al ne di evitare pesanti decit energetici causati da un eccessivo numero di centrali fuori uso per manutenzione. Risolta la ripartizione delle potenze per il lungo periodo, questa ` e utilizzata come dato per la risoluzione del sotto problema a medio periodo: un arco di tempo pari ad una settimana con intervalli elementari di un giorno, per cui siano note potenza massima ed energia totale. La risoluzione del medio termine, ossia la ripartizione giornaliera delle potenze prodotte da ciascun impianto, ` e utilizzata come dato per la risoluzione dellesercizio a breve termine, che considera un arco temporale di un giorno 8

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Px

Figura 1.2: Diagramma cronologico costituito da intervalli elementari di 5 min. Si otterr` a inne la ripartizione giornaliera delle potenze per ciascuna centrale. Al ne di tenere conto anche della dislocazione spaziale dei carichi, risolto lesercizio a breve termine, si utilizzano i dati ottenuti per la risoluzione dellesercizio istantaneo, il quale considera un arco temporale di 5 minuti.

1.2

La caratterizzazione dei carichi

Si ` e visto come, al ne di ottimizzare la produzione, sia assolutamente necessario conoscere e, per quanto ` e possibile, prevedere landamento della potenza e dellenergia richiesta dai carichi. Per semplicare la trattazione, si ricavano alcuni fattori che permettono una caratterizzazione completa e gestibile. Il diagramma cronologico ` e una rappresentazione graca dellandamento della potenza richiesta dal carico per un determinato intervallo T di tempo; in Figura 1.2 ne ` e riportato un esempio. Il valore massimo di potenza richiesto per tutto il temmpo T ` e detto potenza massima ed ` e indicato con Px , mentre larea sottostante la curva della potenza rappresenta lenergia E richiesta per tutto il periodo. Si noti che, sebbene il diagramma ` e rappresentato amezzo di una funzione continua, esso ` e inrealt` a costiutito da una spezzata, con variazioni a gradino e valori costanti per il minimo periodo di controllo. Pertanto si ottiee che lenergia E ` e ottenibile come: E =
i

Pi ti = t
i

Pi

(1.1)

La potenza media nellintervallo T ` e data da: Pav = E T (1.2)

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Px

Figura 1.3: Diagramma delle durate Si denisce dunque fattore di carico il rapporto fra la potenza media e la potenza massima: fc = Pav Px (1.3)

Si ha inoltre il fattore di utilizzazione hx della potenza massima, dato dal rapporto fra lenergia assorbita e la potenza massima: hx = E Px Pav T = fc T Px (1.4)

Fattore di carico e di utilizzazione sono legati fra loro dalla relazione: hx = (1.5)

Il fattore di utilizzazione rappresenta il periodo di tempo per cui sarebbe utilizzata la potenza massima, assorbendo la stessa energia E . Il fattore di carico contiene la medesima informazione e rappresenta, dunque, il periodo di utilizzazione della potenza massima, ma rapportato ai valori relativi. Esiste anche linverso del fattore di carico, detto fattore di ponte, ma ` e scarsamente utilizzato. Dal diagramma cronologico ` e possibile ricavare il diagramma delle durate, di cui ` e riportato un esempio in Figura 1.3; il diagramma delle durate esprime per quanto tempo, sul diagramma cronologico, ` e richiesta dal carico una potenza pari o superiore alla potenza indicata. Il passaggio al diagramma delle durate fa perdere linformazione relativa alla successione cronologica, ma ` e pi` u utilizzato in quanto ` e pi` u facilmente modellabile a mezzo di funzioni matematiche. Il momento dinerzia dellarea racchiusa dal graco del diagramma delle durate rispetto alla linea corrispondente alla potenza media vale: D=
i

(Pi Pav )2

(1.6) 10

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

10 kW

10 GW

T
(a) scala a 10 kW

t
(b) scala a 10 GW

Figura 1.4: Confronto fra uguali devianze ed ` e denominata devianza del diagramma; la devianza ` e una misura della variabilit` a della potenza richiesta: a devianze maggiori corrispondono notevoli escursioni dei picchi, assoluti, di potenza rispetto al valore medio. Ciononostante, non riesce a caratterizzare al meglio la regolarit` a del diagramma. Si consideri a tal proposito i diagrammi delle durate riportate in Figura 1.4: i due diagrammi sono identici, fatta eccezione per i valori di potenza media, che nel diagramma di Figura 1.4a ` e pari a 10 kW , mentre al diagramma di Figura 1.4b corrisponde una potenza media di 10 GW ; il diagramma delle durate ha la stessa forma nei due diagrammi, se ne deduce quindi che la devianza sar` a la medesima nei due casi. Ma ` e evidente che il diagramma di Figura 1.4b ` e pi` u regolare del diagramma di Figura 1.4a, dato che, a parit` a di variazione, il peso percentuale sulla potenza media ` e notevolmente ridotto. Per tale motivo si introduce lindice di forma, dato dal rapporto della devianza e della potenza media al quadrato: F = D 2 Pav (1.7)

A fattori di forma minori corrispondono diagrammi delle durate pi` u regolari, ossia con variazioni percentuali dalla potenza media ridotte. Il fattore di forma ` e utile anche per stabilire particolari relazioni fra diagrammi diversi. Si supponga e.g. di calcolare i fattori di forma di due diversi diagrammi delle durate, Pa (t) e Pb (t), tali che, per ogni valore discreto di t si abbia: Pb (t) = k Pa (t) Si ha allora che: Fb = Db = 2 Pb,av
i

(Pb Pb,av )2 = 2 Pb,av

(kPa kPa,av )2 = Fa 2 k 2 Pa,av 11

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

I due diagrammi sono dunque omotetici; diagrammi di carico che fanno riferimento a identici intervalli T di tempo e non troppo distanziati fra loro, hanno fattori di forma quasi uguali e possono dunque essere ritenuti, in ` buona approssimazione, omotetici, con un fattore di omotetia pari a k . E quindi possibile prevedere che il diagramma di carico del giorno successivo sia identico al diagramma di carico del giorno precedente, opportunamente trasformato con un coeciente di omotetia. Tale approssimazione permette di semplicare notevolmente la previsione dei fabbisogni futuri, nel breve periodo.

1.2.1

Modelli previsionali

I modelli previsionali hanno lo scopo di poter quanticare landamento della potenze e dellenergia richiesta in funzione del tempo. Se ` e infatti possibile supporre che, nel breve periodo, i diagrammi di carico siano omotetici, ` e necessario conoscere il fattore di omotetia e quindi come ` e variato nel tempo il fabbisogno di energia. I modelli previsionali sono solitamente suddivisi in: modelli regressivi, in cui si ricerca una correlazione fra le grandezze incognite, ossia potenza ed energia, e grandezze di cui si pu` o meglio prevedere landamento, usualmente fattori economici come il PIL; modelli estrapolativi, in cui si esaminano le serie storiche delle grandezze incognite ed estrapolandone, appunto, landamento futuro. Ovviamente i modelli regressivi si basano sullipotesi che le grandeze economiche siano pi` u facilmente prevedibili, mentre i modelli estrapolativi partono dal presupposto che i consumi futuri siano, in qualche modo, correlati ai consumi passati. Si esaminino innanzitutto i modelli estrapolativi, utilizzati in special modo per quanto concerne lesercizio a lungo termine; possono aversi diversi modelli, di seguito riportati. Modello esponenziale Il modello esponenziale suppone che la vairiazione relativa nel tempo dellenenrgia rimanga costante, pertanto si ha che: 1 E = a E (t) = ek eat E t Supponendo unenergia iniziale pari a E0 si ricava inne: E (t) = E0 eat = E0 (1 + iE )t (1.8) 12

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

essendo iE il tasso di crescita annua, dato dallincremento relativo di energia fra due anni successivi: Et+1 Et iE = Et Come ` e facile vericare, tale modello possidede due parametri, ossia a e E0 . Il modello esponenziale pu` o essere adottato per caratterizzare landamento annuo dellenergia in paesi in via di sviluppo; se applicato a paesi industrailizzati ore risultati peggiori, in quanto in questi ultimi si ha un fenomeno di saturazione di consumi. Modello logistico In questo modello si suppone che la funzione energia possa essere rappresentata a mezzo di una sigmoide, che meglio si presta a modellare la diminuzione dellincremento relativo di energia. In particolare, si suppone che esso decresca linearmente con il tempo; si pone dunque: 1 E a 1 E = a bt =b t E t E t b per cui si ha che: E essendo: k1 = lim k1 = E E E
a E b a E b a E b E 0 a b

E = b t E a t b

1 E

k1 + E

a b

k2 E = b a b = a

b Ea

lim

e quindi si ha che:
a b

per cui, posto a/b = k se ne ottiene: E E + = a t E kE

1 b 1 1 + a = E a E E E b b 1 1 E = d t + a a E E b

log E log (k E ) = at + h E = k 1 + eh eat

E = eh eat kE

13

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Si ottiene dunque, ponendo eh = c, che: E (t) = k 1 + ceat (1.9)

Il modello logistico dipende dunque da tre parametri, k , c e a. Modello polinomiale Banalmente, secondo questo modello, la funzione energia ` e modellata mediante unapprossimazione polinomiale:
n

E (t) = ao + a1 t + a2 t + + an t =

ak tk
k =0

(1.10)

Sotto determinate ipotesi, per la determinazione degli n + 1 parametri, ossia il grado n del polinomio e gli n coecienti, ` e possibile applicare il metodo dei minimi quadrati. Metodo di correlazione con PIL Si esamini inne un metodo regressivo, che lega landamento annuo dellenergia consumata al valore del PIL. In base a questo metodo si lega lenergia E al Prodotto Interno Lordo a mezzo di un solo parametro , detto coeciente di elasticit` a: E = kP (1.11)

il coeciente k non ` e un parametro del modello, in quanto ha funzione esclusivamente dimensionale, per convertire lunit` a di misura del PIL in misura di energia. Il coeciente di elasticit` a pu` o essere determinato come: = dE P E dP

Si ha dunque, applicando i logaritmi allEquazione 1.11, che: log E = log k + log P d log E = d log E = d log E dP = dP dP P dE E

Se ` e possibile ipotizzare un andamento esponenziale sia per lenergia, sia per il PIL, si ricava allora che il coeciente di elasticit` a` e pari al rapporto dei tassi di crescita dellenergia e del PIL: = iE iP (1.12) 14

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Esprimendo infatti lenergia E come: E (t) = E0 (1 + iE )t si ricava che: log E = log E0 + t log (1 + iE ) d log E dE = dt = log (1 + iE ) dt d log E = E dt Similmente, supponendo che: P (t) = P0 (1 + iP )t si ricava per il PIL: log P = log P0 + t log (1 + iP ) d log P dP = dt = log (1 + iP ) dt d log P = P dt Per cui, in base allEquazione 1.12, ottiene che: = log (1 + iE ) iE log (1 + iP ) iP

noto che lo sviluppo in serie di potenze della funzione logaritmo ` e: log (1 + x) = x x2 x3 xn + + + (1)n+1 2 3 n

ed arrestandosi al primo termine, come volevasi dimostrare.

1.2.2

Il metodo dei minimi quadrati

Il metodo dei minimi quadrati ` e particolarmente utilizzato in ambito numerico quando si abbiano a disposizione molti dati, per cui uninterpolazione polinomiale potrebbe risultare inapplicabile. Si supponga pertanto di disporre di una serie y1 , . . . , yn di osservazioni su di una serie di tempi t1 , . . . , tn e si attribuisca poi a ciascuna osservazione un opportuno peso w1 , . . . , wn ; il coeciente di peso pu` o introdurre alcuni problemi ed ` e di fatto quel numero magico che consente di ottenere previsioni completamente diverse fra loro e pi` u o meno, ma pi` u spesso meno, realistiche. In poche parole serve ad aggiustare eventuali osservazioni straordinarie che potrebbero falsare i risultati; e.g. si potrebbe volere dimunuire linuenza di un eccessivo aumento dei consumi dovuto al vericarsi di un importante evento televisivo, ovvero 15

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

si potrebbe diminuire limportanza di un drastico calo dei consumi causato da una recessione economica. Il valore da attriburvi ` e pertanto lasciato al buon occhio del relatore. Si noti inoltre che la previsione ` e eettuata su dati che hanno un carattere fortemente aleatorio e pertanto sar` a aetta da errori; di conseguenza non ha alcun senso spingersi troppo nella ricerca di unelevata precisione. Per tale motivo non sar` a necessario farsi scrupolo nelleettuare numerose approssimazioni. Scopo ultimo ` e creare una funzione analitica che descriva, con buona approssimazione, i dati forniti dalla serie storica e che consente dunque di estrapolare landamento futuro. La funzione, nella sua forma pi` u generica, sar` a data da:
n

f (t) =
k =0

ak k (t)

(1.13)

Se si utilizza il modello polinomiale, allora si porr` a k (t) = tk ; per prima cosa, ` e necessario stabilire il grado del polinomio approssimatore e tale scelta deve essere eettuata sulla base dei valori forniti dalla serie storica. Si ricorre dunque al metodo delle dierenza nite. Si costruisce dunque una tabella in cui ogni elemento di ogni colonna ` e dato dalla dierenza dei due valori successivi riportati nella colonna precedente; ovviamente, nella prima colonna, sono riportati i valori noti, come riportato in Tabella 1.1. Dati y1 y2 y3 ... (1) y2 y1 y3 y2 y4 y3 ... (2) 2 1 (1) (1) 3 2 (1) (1) 4 3 ...
(1) (1)

... ... ... ... ...

(N ) 2 1 (N 1) (N 1) 3 2 (N 1) (N 1) 4 3 ...
(N 1) (N 1)

Tabella 1.1: Metodo delle dierenze nite Si avr` a, dopo un certo numero di calcoli, una colonna (N +1) costituita da elementi tutti nulli; il grado del polinomio sar` a dunque N . Per detrminare invece i coecienti ak si utilizza il metodo dei minimi quadrati, mediante il quale si ottiene una funzione approssimante che minimizza lo scarto quadratico medio dei valori estrapolati rispetto ai valori noti. Si denisce pertanto residuo s nel punto ti la quantit` a:
N

s(ti ) = yi

ak k (ti )
k =0

(1.14) 16

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

con r = 0, . . . , N . Si ricava dunque che:


n N

Per minimizzare la somma degli scarti quadratici si devono risultare nulle le derivate dellEquazione 1.14, pesate con i coecienti wi , rispetto agli N coecienti ak : 2 n N ak k (ti ) = 0 (1.15) w (ti ) yi ar i=1 k =0 w (ti )r (ti ) yi ak k (ti )
k =0

=0

(1.16)

i=1

DallEquazione 1.16 si pu` o ottenere:


n N N

w (ti )r (ti )
i=1 N n k =0

ak k (ti ) =
i=1

w (ti )r (ti )yi


n

ak
k =0 i=1

w (ti )r (ti )k (ti ) =


i=1

w (ti )r (ti )yi

Ponendo dunque:
n

crk =
i=1 n

w (ti )r (ti )k (ti ) = ckr w (ti )r (ti )yi


i=1

gr = si ottiene:

At C = Gt At = Gt C1

(1.17)

LEquazione 1.17 permette di calcolare la matrice A dei coecienti ak , sulla base delle matrici C e G e dunque la risoluzione immediata del problema dei minimi quadrati; queste ultime possono essere determinate semplicemente a partire dai dati inziali, infatti ponendo: Y = [y1 y2 . . . yn ] w1 0 . . . 0 0 w2 . . . 0 W = . . . .. . . . . . . . 0 0 . . . wn

F(t) = [0 (t) 1 (t) . . . N (t)]t R = [F(t1 ) F(t2 ) . . . F(tn )] 17

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

si ottiene che lEquazione 1.15 pu` o essere riscritta in notazione matriciale come: (Y A t R ) W (Y A t R )t = 0 A Si ha inoltre che: (Y At R) W (Y At R)t = (YW At RW) (Yt Rt A) = = YWYt YWRtA At RWYt + At RWRtA Essendo poi: At RWYt = (At RWYt)t = YWRt A lEquazione 1.18 diviene: (YWYt 2YWRtA + At RWRtA) = 0 A ovvero: 2YWRt + 2At RWRt = 0 YWRt = At RWRt Confrontando questo risultato con lEquazione 1.17 si ricava che: C = RWRt Gt = YWRt (1.19) (1.20) (1.18)

1.3

La ripartizione dellenergia

Una volta che sia stato ottenuto, mediante uno qualsiasi dei metodi esposti al Paragrafo 1.2, il quantitativo di energia annua richiesta, ` e possibile ottenere da questo lenergia richiesta settimanale e giornaliera? Considerando la scala annuale sono state ovviamente eliminate alcune tipiche ciclicit` a che si avevano in periodo inferiore, quali le ciclicit` a giorno notte, feriale festivo, estate inverno. Pertanto ` e possibile ricavare lenergia mensile, settimanale e giornaliera, a patto che si trovi un modo per ricreare dette ciclicit` a. Si consideri dunque una qualsiasi settimana dellanno e, preso a riferimento un giorno lavorativo, si esamini il quantitativo di energia giornaliera richiesto; si denisce coeciente giornaliero il rapporto fra lenergia consumata in un giorno i qualunque e lenergia consumata nel giorno di riferimento: cgi = Ei Er (1.21) 18

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

giorno cgi luned` 0,96 marted` 1 mercoled` 1 gioved` 1 venerd` 1 sabato 0,96 domenica 0,74 Tabella 1.2: Tabella dei coecienti giornalieri Esaminati i coecienti giornalieri di varie settimane e di vari anni, si verica che i valori non sono molto discosti tra di loro, pertanto ` e lecito fare riferimento a dei valori medi e supporli uguali per tutte le settimane; tali valori sono riportati in Tabella 1.2. Sommando i coecienti giornalieri dei giorni appartenenti ad uno stesso mese j , si ottiene il numero di giorni lavorativi equivalenti nlj di quel mese; ` e evidente che ogni anno il numero di giorni lavorativi equivalenti cambia. nlj = cgi (1.22)

Il consumo medio mensile eettivo per giorno lavorativo equivalente pu` o quindi essere ottenuto come rapporto fra lenergia consumata nel mese e il numero di giorni lavorativi equivalente. Elj = Ej nlj (1.23)

Si supponga che sia valido, a scala annuale, il modello esponenziale per il consumo di energia; sotto tale ipotesi, deve vericarsi che anche a scala mensile si ritrovi landamento esponenziale; si badi bene per` o al fatto che non ` e lenergia eettuva a seguire il modello esponenziale, bens` la sua componente di fondo, privata cio` e delle variazioni stagionali. Si denisce, a tal proposito, il coeciente di stagionalit` a csj dato dal rapporto fra lenergia media mensile per giorno lavoratico equivalente e il consumo medio mensile destagionalizzato per giorno lavorativo equivalente: Elj csj = Emj (1.24)

In Tabella 1.3 sono riportati valori dei coecienti di stagionalit` a per ciascun mese. 19

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

mese gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre

csj 1,0740 1,0524 1,0127 0,9814 0,9755 0,9828 0,9805 0,8670 0,9862 0,9962 1,0309 1,0604

Tabella 1.3: Tabella dei coecienti di stagionalit` a Il rapporto fra le energie consumate in due anni consecutivi ` e, seguendo la scala annuale, pari a: Ea (t + 1) E0 (1 + iE )t+1 = 1 + iE Ea (t) E0 (1 + iE )t Considerando il medesimo rapporto a scala mensile, dunque considerando le somme delle 12 energie mensili, si ottiene: E0m Ea (t + 1) = Ea (t) E0m
12 k =1 (1 12 k =1

+ iEm )12t+k
12(t1)+k

(1 + iEm )

(1 + iEm )12

Si ottiene dunque che: iEm = 12 1 + iE 1

(1.25)

mentre il consumo mensile iniziale E0m pu` o essere ricavato considerato che:
12 12

Ea (t) =
k =1

E0m (1 + iEm )12(t1)+k = E0m (1 + iEm )12t12


k =1

(1 + iEm )k

per cui:
12

E0 = E0m (1 + iEm )

12 k =1

(1 + iEm )k 20

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

da cui si ricava inne che: E0m = E0 (1 + iEm )12


12 k =1 k

(1 + iEm )

E0 (1 + iE ) k 12 k =1 (1 + iEm )

(1.26)

Dividendo il consumo mensile destagionalizzato per il numero di giorni lavorativi equivalenti, si ottiene il consumo medio mensile per giorno lavorativo equivalente destagionalizzato: mj = Emj E nlj (1.27)

Moltiplicando detta quantit` a per il coeciente di stagionalit` a, si ottiene il consumo medio mensile per giorno lavorativo equivalente: mj csj Elj = E che, in base allEquazione 1.23, pu` o anche essere espresso come: Elj = Ej = nlj Ej cgi (1.28)

Supponendo che il riferimento di energia sia uguale per tutte le settimane, si pu` o scrivere che: Elj = Ej Er Ei

per cui si ottiene inne che: Ei = Er cgi Si ` e dunque ottenuto il riferimento di energia giornaliera, per cui ` e possibile prevedere landamento giornaliero di energia. In particolare, il diagramma di carico futuro si pu` o ottenere per omotetia da un diagramma di carico precedente, ponendo il fattor k di omotetia pari a: k= Ei Eb

1.3.1

Il picco di potenza

Unaltra grandezza elettrica da prevedere per garantire una corretta ottimizzazione della produzione ` e il picco di potenza Px ; si pu` o ricorrere ad 21

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

un metodo indiretto, per cui si lega la potenza massima allenergia richiesta tramite il fattore di carico fc : fc = PAV E E = Px = Px T Px T fc (1.29)

La bont` a di valutazione del metodo indiretto si basa sulla corretta conoscenza dellenergia richiesta e del fattore di carico. ` Il metodo diretto si basa invece sulla serie storica dei picchi annulai. E un metodo impreciso e per dare buoni rizultati si deve disporre di un gran numero di campioni; usualmente si considera un periodo di riferimento di venti anni, un intervallo maggiore non avrebbe senso. Con lo stesso metodo si ricava anche la serie storica dei picchi estivi ed invernali, in modo da poter pianicare i fuori servizio per manutenzione. Un altro metodo, detto metodo dellestrapolazione semplice prende in considerazione variabili meteorologiche: si suppone cio` e che la potenza massima sia una funzione della temperatura, dellilluminamento e del vento: Px = P0 + k 1 + k 2 I + k 3 V (1.30)

avendo indicato con la temperatura, con I lilluminamento e con V il vento. Si consideri per` o che in genere solo i carichi privati risentono di variabili meteorologiche, essendone immuni i carichi industriali. Si ricorre allora l metodo dei minimi quadrati, calcolando il residuo Si fra il generico valore Pi di potenza e il valore massimo, derivando lespressione ottenuta rispetto a ciascuna varibile e imponendo nulle tutte le derivate. Linconveniente maggiore di questo metodo deriva dallaccuratezza dei dati a disposizione, in particolar modo dei dati di illuminamento e vento, legati a condizioni locali. Lunico metodo attualmente utilizzato per la previsione dellla potenza massima mette in relazione potenza e temperatura; questo metodo ` e anche ` necessario disporre di una serie storica detto delle estrapolazioni separate. E di picchi di potenza gironalieri e settimanali su un arco di tempo di diversi anni, normalmente cinque o dieci. I dati ottenuti possono essere discretizzati mediante una spezzata, cos` denita: D0 Tw T Ts Px = D0 + kw (Tw T ) T < Tw (1.31) D0 + ks (T Ts ) T > Ts Anche se analiticamente pi` u complessa, la spezzata descrive meglio il fenomeno sico, potendo dierenziare i consumi di riscaldamento dai consumi di rarescamento, cosa che non sarebbe possibile se interpolassimo i dati con

22

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

kw D0

ks

Tw

Ts

Figura 1.5: Relazione fra potenza e temperatura e.g. una parabola. Si costruisce dunque un graco, come quello riportato in Figura 1.5, per ogni anno del periodo di tempo a disposizione. Le temperature Tw e Ts devono essere stabilite a occhio, in base allesperienza, mentre i coecienti kw e ks possono essere calcolati con metodo dei minimi quadrati; banalmente, D0 ` e pari alla media dei picchi di potenza compresi nellintervallo di temperature [Tw ; Ts ]. Bisogna per` o distinguere, per ogni valore di Px , una componente Pnws indipendente dalla temperatura. Pnws = Px (T ) Tw T Ts Pnws = Px (T ) kw (Tw T ) T < Tw Pnws = Px (T ) ks (T Ts ) T > Ts In questo modo ` e possibile ottenere una serie storica per ogni parametro in gioco, potendone quindi estrapolare i valori futuri; in particolare si otterr` a, a partire dai valori giornalieri, un insieme di valori settimanali di Pnws , cui andr` a aggiunta la componente dipendente dalla temperatura.
(1) (2) (20) Tw , Tw , . . . , Tw Ts(1) , Ts(2) , . . . , Ts(20) (1) (2) (20) kw , kw , . . . , kw (20) (1) (2) , ks , . . . , ks ks (20) , . . . , Pnws 365 365

(1) Pnws

365

(2) , Pnws

` anche possibile estrapolare la serie storica delle temperatura settimaE nali, potendo dunque ottenenere per ciascuna settimana dellanno futuro una stima della potenza massima richiesta. Anche se pu` o sembrare strano, il metodo funziona bene e consete di ottenere previsioni con un errore inferiore all1%. 23

(21) Tw Ts(21) (21) kw (21) ks (21) Pnws

52

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Capitolo Delle centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche fanno parte delle cosiddette derivazioni dacqua per usi industriali; questi impianti sottraggono una certa quota parte di acqua ad un corso uviale per diversi scopi. In particolare le centrali idroelettriche prelevano acqua a scopo energetico e, solitamente, ` e previsto anche un posteriore riutilizzo dellacqua derivata, dato che non si introducono modicazioni di sorta. In questo caso, per` o, nascono dei vincoli derivanti dal successivo utilizzo, ma in questa sezione di considerer` a la derivazione di acqua al solo scopo energetico.

2.1

Principio di funzionamento
so huu

Le centrali idroelettriche convertono lenergia posseduta dallacqua in energia chung elettrica; si consideri dunque un generico corso dacqua, come quello schematicamente rappresentato in Figura 2.1, fra le sezioni S1 e S2 alla quota baricatrica rispettivamente di z1 e z2 . Si consideri il uido ideale e si indichino con v1 e v2 le velocit` a alla presa ed alla resa dela ume e con p1 e p2 le pressioni nelle medesime sezioni. Fra la sezione di presa e la sezione di resa si ha une perdita P di potenza dellacqua, esprimibile come somma di tre termini, rappresentativi della perdita di energia potenziale, cinetica e di pressione: P = Q (z1 z2 ) +
2 2 v1 v2 p1 p2 + 2g

(2.1)

essendo il peso specico dellacqua, Q la portata e [1, 07; 1, 15] un coeciente correttivo che tiene conto del regime turbolento di moto del uido, ossia della deformazione del prolo di velocit` a, per cui la perdita di energia cinetica ` e leggermente superiore a quella teorica. Il contenuto energetico dellacqua in uscita ` e dunque minore di quello dellacqua in entrata e la dierenza ` e dissipata in calore dagli attriti. Se 24

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

S1, v1 z1

S2, v2 z2

Figura 2.1: Schema di corso dacqua dunque fosse possibile prelevare lacqua alla sezione S1 e, in assenza di attriti, restituirla a valle della sezione S2 , allora la potenza P sarebbe disponibile per la conversione in energia elettrica. Il problema principale che si ha nelle centrali idroelettriche ` e quindi ridurre al minimo gli attriti fra la sezione di presa e la sezione di restituzione. Per ridurre gli attriti possono essere attuati due provvedimenti: 1. ridurre al minimo la velocit` a del uido, no a qualche m/s; 2. ridurre lattrito fra uido e alveo entro cui scorre, creando un letto articiale a basso coeciente di attrito oppure riducendo la distanza fra la sezione S1 e S2 .
S1, v1 z1 canale derivatore z1 S1, v1

S2, v2 z2 z2

S2, v2

(a) canale derivatore

(b) diga di sbarramento

Figura 2.2: Schematizzazione delle centrali idroelettriche Attuando la prima soluzione si perviene alla realizzazione di centrali con canale derivatore, ossia un canale articiale a bassissima pendenza entro cui scorre lacqua, mantenendo pressocch e costante la sua energia potenziale, no quasi sulla verticale della sezione di restituzione. Al termine del canale 25

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

derivatore, lenergia di posizione ` e convertita in energia di pressione entro un canale a fortissima pendenza e ad attrito ridotto. La seconda soluzione prevede invece la costruzione di una diga di sbarramento, un serbatoio in cui il moto dellacqua ` e annullato, per cui gli attriti sono quasi nulli. La macchina utilizzatrice ` e posta alla base dello sbarramento, sul piede della diga, e converte in energia elettrica lenergia di pressione della colonna di uido soprastante.

Sn

Sl

Figura 2.3: Eetto degli attrti Si consideri il caso di centrale dotata di canale derivatore; non ` e ovviamente possibile eliminare totalmente gli attriti, pertanto si avranno perdite sul canale derivatore e nella condotta forzata, sebbe queste siano ridotte. Un modo per calcolare dette perdite ` e misurare i salti che si stabiliscono durante il prelievo dellacqua: la dierenza fra la quota del pelo libero nella sezione di presa e la quota del pelo libero alla sezione di restituzione ` e pari al salto naturale sfruttabile per la generazione di energia elettrica. La dierenza di quota fra il pelo libero nel pozzo piezometrico 1 e il pelo alla restituzione ` e invece il salto utile lordo, diminuito cio` e delle perdite nel canale derivatore. Il salto utile netto ` e pari al salto utile lordo, diminuito della perdita di quota dovuta alle perdite nella condotta forzata; ` e evidente che tale salto non pu` o essere misurato direttamente. La quantit` a di kW utili prodotti si ottiene considerando in aggiunta il rendimento della macchina idraulica: W = kc Q (z1 z2 ) = 9, 81 103 103 Q H [kW ] (2.2)

dove il coeciente kc interviene per convertire la misura di W , naturalmente espressa in kgm/s, in kW ; alternativamente si dovrebbe esprimere il peso specico in N/m3 . Ovviamente H e sono collegati, in quanto a seconda
1

Un pozzo presente al termine del canale derivatore.

26

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

di quale salto si consideri, variano le quote parti di perdite da considerare ai fni del rendimento del sistema. Considerando il salto utile netto ed un rendimento pari al 75% si ha che: P 7QH Ci` o signica che per unit` a di salto utile netto e per unit` a di portata, si producono 7 kW . Lenergia prodotta si ottiene integrando lEquazione 2.2 nel generico intervallo di tempo. Lunico termine variabile ` e la portata, il cui integrale corrisponde al volume di acqua transitata; in realt` a bisognerebbe considerare che, variando la portata, varia anche la quota del pelo libero alla restituzione, facendo dunque variare anche il salto H ; tale eetto ` e per` o di peso ridotto, specie su salti elevati, e pertanto ` e del tutto lecito trascurarlo. E = 9, 81 103 1 HV [kW h] 3, 6 103 HV 500 (2.3)

Considerando un rendimento pari al 75% si ricava che: E = 2, 725 103 HV

per cui 500 m3 di acqua che cadono da 1 m di salto, ovvero 1 m3 che cade da 500 m, producono 1 kW h di energia.

2.1.1

Cenni di idrologia

Nella determinazione della potenza e dellenergia elettrica estraibili da un ume sono presenti il salto H , che dipende dalla disposizione geometrica ume, e la portata Q e il volume V , che dipendono invece dal ciclo idrologico. Le centrali idroelettriche, che si classicano come sfruttamento di energia rinnovabile, traggono energia dal ciclo dellacqua, alimentato a sua volta dallenergia radiante del sole, che ha un andamento decrescente, per unit` a di supercie, dallequatore ai poli. La terra ` e riscaldata da questa energia e, per contatto, si riscalda anche latmosfera. Laria calda, carica di umidit` a evaporata dalle grandi masse dacqua, sale negli strati alti dellatmosfera, nch e la temperatura non scende al di sotto del punto di rugiada dellacqua e si formano le nubi. Le precipitazioni sono generate dagli scontri fra un fronte di aria calda ed uno di aria fredda; possono per` o generarsi due situazioni dierenti, schematicamente riportati in Figura 2.4. Nel caso di Figura 2.4a ` e il fronte freddo che si scontra con un fronte caldo: a causa della dierenza di pesi specici, il fronte freddo si insinua sotto il fronte caldo, quindi langolo di separazione fra i due fronti ` e molto 27

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

(a) fronte freddo con fronte caldo

(b) fronte freddo con fronte caldo

Figura 2.4: Possibili scontri tra fronti di aria piccolo, quindi si avranno precipitazioni intense ma localizzate. Il caso di Figura 2.4b ` e esattamente opposto: il fronte caldo soprasta il fronte freddo, quindi langolo avr` a un valore molto pi` u elevato. Si avranno in questo caso precipitazioni pi` u leggere ma pi` u estese. Ogni anno in media evaporano circa 500.000 m3 di acqua; dellacqua che ricade sul terreno sotto forma di precipitazioni, una parte ` e intercettata dalla vegetazione, e da questa restituita allatmosfera sotto forma di vapore. La quota parte restante: ` e assorbita dal terreno, ad alimentare le falde acquifere; scorre nei umi; evapora nuovamente; Lacqua che cade sul terreno pu` o essere misurata col pluviometro, che misura i ` dunque possibile costruire mm di pioggia caduti in un intervallo di tempo. E le curve isoiete, ossia curve che delimitano una regione di territorio su cui il valore delle precipitazioni ` e pressoch e costante. In Italia si ha un massimo di precipitazioni, pari a 2.500 mm/annui, al nordest ed un minimo, 500 mm/annui, sulle isole. Il volume di acqua precipitata su una supercie pu` o essere ottenuto moltiplicando lestensione di detta supercie per la media dei valori delle curve isoiete limitrofe. Landamento delle precipitazioni ` e inuenzato dal regime pluviale della zona in esame. In Italia sono presenti grossomodo tre regimi pluviali distinti: regime continentale : presente sulle Alpi, caratterizzato da un massimo estivo di precipitazioni e da un minimo invernale; regime sub-litorale : presente sulla Pianura Padana, caratterizzato da due massimi, in primavera ed autunno, e due minimi, in estate e inverno;

28

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

regime mediterraneo : tipico della Sicilia, con un massimo invernale di precipitazioni ed un minimo estivo. Per la costruzione di una centrale idroelettrica, dunque per la scelta del ume da sfruttare, ` e necessario considerare non solo le precipitazioni che interessano direttamente lalveo del ume, ma anche quelle che interessano il bacino imbifero. Il bacino imbifero di un ume ` e quella zona di terreno che apporta lacqua su di esso precipitata al ume stesso. Larea del bacino imbifero dipende dallampiezza del ume ed ` e minima in vicinanza della sorgente e massima alla foce; in presenza di auenti, si sommano i bacini imbiferi a valle della congiunzione dellauente col ume. In generale si introduce un coeciente di deusso dato dal rapporto, per data sezione del ume, fra il volume dacqua uito attraverso detta sezione e il volume dacqua convogliato dal bacino imbifero. Il valore di detto coeciente dipende dal tempo di osservazione ed in generale ` e minore dellunit` a per periodi lunghi, data la presenza di inevitabili perdite per traspirazione e assorbimento da parte della vegetazione. Puo assumere valori maggiori dellunit` a per regioni a regime continentale durante il periodo estivo. Un altro fattore da dover tenere presente ` e il regime uviale; possono aversi: regime glaciale, per cui il bacino imbifero ` e parzialmente ricoperto di ghiaccio; ` e una situazione tipica del regime continentale, che genera variazioni di portata con ciclicit` a giornaliera. Regime pluviale, per cui il ume ` e alimentato principalmente dalle precipitazioni, quindi la portata subir` a identiche variazioni. ` possibile mettere in relazione la sezione di bacino imbifero con la coorE dinata x tangenziale del ume, ottenendo il graco di Figura 2.5a, in cui ` e stata implicitamente supposta la presenza di due auenti alle coordinate x1 e x2 . La sezione S di bacino imbifero ` e minimo alla sorgente, punto a massima quota z , e raggiunge il suo valore massimo alla foce, punto a quota minima. Eliminando la dipendenza dalla coordinata x, mettendo in diretta correlazione la sezione di bacino imbifero con la quota z , cos` come riportato in Figura 2.5b, si ottiene la caratteristica idrodinamica del ume in esame.

2.1.2

Calcolo dellenergia estraibile

Si supponga dunque di installare una centrale fra la quota di presa z1 e la quota di restituzione z2 , indicate in Figura 2.5b; lenergia estraibile dal ume 29

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

z1 z S z2

x1

x2

S*

(a) in funzione della coordinata x

(b) in funzione della quota z

Figura 2.5: Andamento della sezione di bacino imbifero ` e pari, in accordo allEquazione 2.3, a: E = 9, 81 103 1 HV = 2, 725 106 HV [kW h] 3 3, 6 10
cho lm

Il volume annuo V di acqua deuita dalla sezione di presa ` e pari a: V = Sb 106 h 103 cd m3 essendo Sb la sezione in km2 di bacino imbifero, h laltezza in mm di pioggia sul bacino stesso e cd il coeciente di deusso. Si otteien dunque inne che: E = 2.725 Sb Hhcd = 2.725 P hu essendo P = Sb H il valore idrodinamico e hu = hcd la pioggia utile ; supponendo un rendimento pari al 75% si ottiene che: E = 2P hu [kW h] quindi per ogni km2 di supercie di bacino imbifero, per ogni m di salto e mm di pioggia utile si ottengono 2 kW h. Costruendo un grandissimo numero di impianti lungo il medesimo corso dacqua si massimizzerebbe il valore idrodinamico P , anche se ci` o comporterebbe un aumento dei costi impianto; sar` a dunque necessario valutare lan` damento dei costi e dei beneci. E in ogni caso conveniente posizionare gli impanti idroelettrici subito dopo gli auenti.

30

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

2.2

Classicazione delle centrali idroelettriche

Sono possibili dierenti classicazioni delle centrali idroelettriche, sulla base di dierenti criteri; distinguendo gli impianti in funzione del deusso dellacqua, si hanno: centrali ad acqua uente, ossia a deusso non regolato, dipendente dallandamento della portata del ume; centrali con serbatoio, con deusso regolato, ossia svincolato entro certi limiti dallandamento della portata del ume. In relazione alle modalit` a costruttive, si distinguono: impianti con canale derivatore a pelo libero in pressione impianti senza canale derivatore impianti uviali alloggiati entro diga di ritenuta Gli impianti idroelettrici possono ancora essere distinti, sulla base della portata derivata o del salto utilizzato, in: centrali ad alta portata ( > 100 m3 /s), ad alto salto ( > 100 m ); centrali a media portata ( > 20 m3 /s), a medio salto ( > 20 m ); centrali a bassa portata ( < 20 m3 /s), a piccolo salto ( < 20 m ). ` bene specifcare per` E o che sui valori limite non vi ` e una normativa univoca e pertanto sono possibili dierenti denominazioni. Inne, la classicazione dulla base della potenza installata in centrale prevede: centrali tradizionali, con potenza installata maggiore di 10 MW ; minicentrali, di potenza maggiore di 100 kW ; microcentrali, se di potenza inferiore a 100 kW . 31

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

2.2.1

Centrali ad acqua uente

Per la costruzione di una centrale ad acqua uente, ` e necessario stabilire il valore della portata da derivare dal ume; per fare ci` o ` e necessario poter caratterizzare landamento della portata del ume nel tempo, andamento a carattere prevalentemente aleatorio ma con alcune ciclicit` a. Il Servizio Idrograco Italiano svolge proprio questo servizio, per cui si possono avere a disposizione i valori di portata media giornaliera, settimanale e mensile su un arco di anni abbastanza esteso, in genere pari a 25 anni. Da questi dati ` e possibile estrarre i valori massimo QM e minimo Qm di portata del ume, valori che prendono il nome di piena assoluta e magra assoluta. Dividendo il range Q = QM Qm di portata per un numero naturale L, ` e possibile organizzare i valori di portata che il ume ha avuto nel periodo di osservazione in un istogramma, in cui le colonne riportano il numero ni di volte in cui si ` e avuta un portata compresa fra i valori generici Qi e Qi + Q/L
f

Qm

Q QM

Figura 2.6: Frequenza delle portate Disponendo di un gran numero N di osservazioni, ` e possibile confondere la frequenza: ni f= N con la densit` a di probabilit` a, considerando quindi, facendo riferimento alla Figura 2.6, la curva continua invece dellistogramma. La densit` a di probabilit` a avr` a un andamento tipico a campana, in cui ` e possibile individuare: la portata a massima probabilit` a Qx , ossia la portata con la maggiore probabilit` a di vericarsi; la portata mediana Qme , ossia la portata superata per la met` a delle osservazioni; 32

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Qx Qm

Qav Qme

Q QM

Figura 2.7: Densit` a di probabilit` a di portata la portata media Qav , ossia la media aritmetica delle portate vericatesi. In generale la curva non ` e simmetrica e si ha che Qx < Qme < Qav . Sarebbe di maggiore interesse avere un diagramma pi` u simile al diagramma delle durate del carico, che non un diagramma di densit` a di probabilit` a. A tale scopo, analogamente a quanto visto nel Paragrafo 1.2, si costruisce il diagramma delle durate delle portate, ossia un diagramma che mette in relazione ad ogni portata il tempo g (Q) per cui permane un valore di portata pari o maggiore:
QM

g (Q) =
Q

f (Q) dQ

Scambiando ascisse ed ordinate si ottiene il graco riportato in Figura 2.8.


Q QM Qme Qm 0,5 t/T 1

Figura 2.8: Diagramma delle durate delle portate Convenzionalmente si identicano la portata semipermanente, ossia la portata mediana, e la piena e magra ordinaria, ossia quei valori di portata che sono superati rispettivamente per il 25% e per il 75% del tempo di osservazione. 33

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Il dimensionamento della portata derivata Qd ` e eettuato sulla base di criteri economici: per un tempo pari a g (Qd ) la centrale lavorer` a a piena potenza ed una quota parte di acqua del ume seguir` a il corso naturale, mentre per un tempo pari a 1 g (Qd ) la centrale dovr` a lavorare a potenza ridotta. Si denisce il coeciente di sfruttamento come il rapporto fra il volume dacqua Vd derivato e il totale volume dacqua uente nel ume: uca = Vd V0 (2.4)

e similmente il coeciente di utilizzazione: ui = Vd Qd T


Q u_i u_ca Qd Vd t_d t/T 1 1 u_ca t/T Qd u_i

(2.5)

(a) per un ume reale

(b) per un ume ideale

Figura 2.9: Sfruttamento e utilizzazione di un ume Nel punto di intersezione fra gli andamenti dei due coecienti si ha che: Vd Vd V0 = Qd = V0 Qd T T Se immaginiamo un ume ideale, con portata costante, allora il punto di intersezione fra la funzione di sfruttamento e la funzione di utilizzazione fa coincidere la portata derivata Qd con la totale portata del ume QM ; ci` o signica che tanto pi` u il punto di intersezione si avvicina alla portata massima, tanto pi` u idoneo allo sfruttamento energetico ` e il ume in esame. Dopo aver ssato la portata derivata, ` e possibile cacolare la portata me av vista dalla centrale: nch dia Q e la portata derivata ` e inferiore alla portata minima del ume, Qav = Qd ; se invece la portata derivata ` e pari alla portata massima, allora Qav = Qav . Se Qd = Qm la centrale lavorer` a a potenza costante, ma sprecher` a molta energia del ume; se Qd = QM la centrale estrarr` a tutta lenergia del ume, ma sar` a dimensionata per un valore di portata che 34

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

si avr` a per tempi brevissimi. Si dovr` a dunque calcolare il punto di massimo dei guadagni, ottenuti come dierenza fra i ricavi, proporzionali allenergia estratta dal ume, e i costi, in prima approssimazione proporzionali alla portata media vista dalla centrale.
Q_av Q_av

Q_d Q_m Q_M Q*_d

Q_d

(a) portata media della centrale

(b) costi ricavi

Figura 2.10: Dimensionamento economico della Qd La curva dei ricavi ` e dunque proporzionale alla curva della portata media Qav , mentre la curva dei costi ` e proporzionale alla medesima curva, ma dopo aver eettuato uno scambio degli assi coordinati.

2.2.2

Centrali con serbatoio

Nel caso di centrale dotata di serbatoio, ` e possibile, seppure in misura ridotta, svincolare landamento dellacqua derivata alla centrale dallandamento dellacqua del ume. Si supponga e.g. di avere un andamento cronologico delle portate del ume come quello riportato in Figura 2.11. Poniamo che la portata derivata alla centrale sia pari a Q ; la portata differenziale, ossia la dierenza istantanea fra la portata del ume e la portata derivata, pu` o essere positiva, e servir` a allora per riempire il serbatoio o sar` a lasciata libera di proseguire nel corso del ume, o negativa, e in questo caso dovr` a intervenire il serbatoio per sopperire alla mancanza di acqua. Alla ne di un ciclo di funzionamento, la centrale avr` a estratto energia solamente dallacqua del ume, quindi il serbatoio dovr` a trovarsi nelle medesime condizioni dellinizio del ciclo. Serbatoi di maggiore capienza consentono una maggiore libert` a di rgolazione della centrale, ma implicano costi maggiori, per cui il dimensionamento del serbatoio sar` a eettuato su basi economiche, in modo da scegliere la minima capienza possibile: il livello massimo dellacqua sar` a in corrispondenza del ciglio del serbatoio, il livello minimo vicino il fondo. 35

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

11 00 00 11 00 11 00 11 00 11 00 11 Q* 11 000 111 0000 1111 00 00 11 000 111 0000 1111 000 111 0000 000 1111 111 0000 000 1111 111 0000 000 1111 111
t t_1 t_2 t_3 t_4

Figura 2.11: Portata dierenziale Un primo criterio di dimensionamento potrebbe essere il seguente: si considera landamento degli svasi e degli invasi del serbatoio, in funziona dellandamento tipico della portata del ume. Detto V0 il volume iniziale del serbatoio si ha e.g. che il volume allistante t1 sar` a pari a V0 + V1 , detto V1 il volume dacqua auito al serbatoio; similmente, allistante di tempo t2 il volume sar` a pari a V0 + V1 V2 , essendo V2 il volume prelevato dal serbatoio per sopperire alla minore portata. Ripetendo questo procedimento per ogni istante di tempo in cui la portata dierenziale cambia segno, si ottiene un insieme di equazioni con V0 incognito del tipo: V0 + V1 V2 + + Vi = 0 Risolvendo tutte queste equazioni si ricavano vari valori del volume iniziale V0 : poich e` e necessario che il serbatoio riesca a non tracimare in condizioni di massimo rimpimento e che non si svuoti in condizioni di magra, si sceglier` a il valore V0 maggiore. Questo metodo ` e in realt` a poco utilizzato e si preferisce utilizzare metodi graci, che si basino sul diagramma cronologico degli aussi e dei deussi. Integrando landamento cronologico delle portate del ume ` e possibile ottenere landamento cronologico dei volumi di acqua del ume, detto anche curva integrale degli aussi naturali. Su detta curva ` e possibile individuare la portata media e la portata istantanea di un dato istante di tempo t , pari a: Qav (t ) = tan Q(t ) = tan Si supponga che allistante di tempo t = 0 un serbatoio di capacit` a V0 sia svuotato istantaneamente nel ume: in questo caso si ha che la curva integrale si modica, in particolare trasla verso lalto di una quantit` a pari a V0 , 36

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

V V ciar

cian

t*

t t

(a) Curva degli aussi naturali

(b) Curva degli aussi regolati

Figura 2.12: Andamento cronologico dei volumi ottenendo cos` la curva integrale degli aussi regolati. La curva integrale degli aussi naturali rappresenta il luogo dei punti di funzionamento della centrale a serbatoio pieno; similmente la curva integrale degli aussi regolati rappresenti i punti di funzionamento a serbatoio vuoto, per ssato serbatoio di capacit` a V0 . Tutte le curve di funzionamento della centrale, dette curve integrali dei deussi regolati, ossia gli andamenti dei volumi di acqua derivati alla centrale, devono essere compresi fra queste due curve, dato che non ` e ammissibile far tracimare il serbatoio e non ` e sicamente possibile svuotarlo pi` u che completamente. In accordo per` o ai vincoli gi` a posti, il serbatoio deve trovarsi, alla ne del ciclo di funzionamento, nelle medesime condizioni iniziali e inoltre, per ragioni di sica continuit` a, la pendenza della curva di funzionamento, ossia la portata istananea, deve essere uguale allinizio e alla ne del ciclo di funzionamento. Si consideri allora la Figura 2.13; si consideri la retta congiungente lorigine degli assi con lestremit` a della curva integrale degli aussi naturali: essa individua la portata media nel periodo di osservazione ma, se la si trasla verso lalto no a renderla tangente alla curva degli aussi naturali, pu` o rappresentare anche un andamento possibile dei volumi derivati. Traslando quindi la curva degli aussi naturali verso lalto no a renderla tangente alla retta di funzionamento appena ottenuta, si ssa anche la curva integrale degli aussi regolati, ssando univocamente cos` anche il volume del serba` toio. E anche possibile svincolarsi dalla condizione di portata derivata pari alla portata media nel periodo, costruendo a piacere una curva dei deussi regolati e ripetendo il procedimento di traslazione. Un caso particolare di regolazione con serbatoio ` e la regolazione parziale; si ha regolazione parziale quando il serbatoio ` e installato a monte della 37

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

V ciar cidr cian

V_0 t

Figura 2.13: Dimensionamento del serbatoio congiunzione fra il ume e un suo auente, mentre la centrale ` e installata a ` valle di detta congiunzione. E ovvio che il srebatoio in questo caso non pu` o intercettare la totale portata in entrata alla centrale, che dunque non potr` a mai essere inferiore a quella del corso dacqua non regolato.
V

cian(1+2)

cian(1)

Figura 2.14: Regolazione parziale Allora, considerato il caso della Figura 2.14, ` e evidente che non potr` a essere eettuato un controllo a portata media, in quanto si ha un intervallo di tempo per cui la portata derivata in centrale ` e inferiore alla portata del corso dacqua 1 non regolato. Si dovr` a allora ricolacolare una portata costante compatibile con questo vincolo: si riuniscono tutti i segmenti a portata ssata dal corso dacqua non regolato e con questi si costruisce una spezzata che termina nel punto nale della curva degli aussi naturali dei due corsi dacqua; si congiunge quindi lestremit` a libera della spezzata con lorigine e 38

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

si ottiene la portata costante compatibile con le portate imposte dal corso dacqua non regolato.

2.3

Componenti delle centrali idroelettriche

Si esamineranno adesso in sequenza tutti i componenti classici che fanno parte di una centrale idroelettrica. In corrispondenza della sezione di presa pu` o essere presente uno sbarramento, con funzioni e corrispondenti nomi diversi: se lo sbarramento ha la funzione di creare un serbatoio, allora prende il nome di diga di ritenuta; se invece ha lo scopo di alzare il livello dellacqua no allaltezza della sezione di presa, prende il nome di traversa. Subito a valle sono posti gli organi di presa, solitamente dotati di mezzi atti a prevenire linltrazione di corpi estranei e a intercettare la portata derivata. Seguono gli organi deputati alla depurazione dellacqua, ossia sghiaiatori e dissabbiatori. Da questi si arriva al canale derivatore, costruito con bassa pendenza e con basso coeciente di attrito, il cui scopo ` e portare il usso di acqua n quasi sulla verticale della macchina idraulica. Il canale derivatore manca nel caso in cui la macchina idraulica ` e posta allinterno della diga di ritenuta. Se il canale derivatore ` e a pelo libero, ma non necessariamento aperto, allora sbocca nella vasca di carico, costruita allo scopo di evitare inletrazioni di aria nella macchina idraulica, causati da aleatorie variazioni di portata; se invece il canale derivatore ` e in pressione, allora sbocca nel pozzo piezometrico, componente che entra in funzione solamente nei transitori di moto vario. In ogni caso segue la condotta forzata, ad altissima pendenza, entro la quale lenergia potenziale dellacqua ` e convertita in energia di pressione. Segue la macchina idraulica dove lenergia di pressione del uido ` e convertita in energia meccanica e trasmessa allalternatore che la converte inne in energia elettrica. Inne, si hanno i condotti di scarico che reimmettono lacqua nl corso naturale del ume e sono solitamente dotati di organi dissipatori dellenergia residua.

2.3.1

Gli sbarramenti

Gli sbarramenti, come ` e stato gi` a detto, possono avere due funzioni: ritenuta o adattamento di livello. Le dighe di ritenuta sono classicate come abarramenti murari e sono caratterizzate dagli sforzi che devono sostenere: 39

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

spinte idrostatiche, causate dallacqua sbarrata; peso del ghiaccio che pu` o depositarsi sul pelo libero del bacino articiale; peso proprio della struttura; sforzi dovute alle sollecitazioni termiche cui ` e sottoposta la struttura; sforzi causati dalle sollecitazioni telluriche, calcolate come percentuale del peso proprio se la zona ` e sottoposta a terremoti di tipo sussultorio, o come percentuale di tutte le forze applicate se ` e sottoposta a terremoti di tipo ondulatorio. Le dighe di ritenuta sono classicate a seconda delle modalit` a costruttive, possono aversi: dighe a gravit` a massicce alleggerite dighe a volta ad arco a cupola ad arco pesante dighe a speroni a lastroni a volte multiple mentre gli sbarramenti di adattamento di levello, ossia le traverse, possono essere divise in: traverse sse traverse mobili piane cilindriche a gettone a ventola 40

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Dighe a gravit` a Le dighe a gravit` a sono dimensionate in modo che gli sforzi risultanti siano principalmente sforzi di compressione a serbatoio pieno e di trazione a serbatoio vuoto. La fondazione ` e generalmente inclinata, in modo da evitare il pericolo di scorrimento della diga.

11111111111 00000000000 00000000000 11111111111 00000000000 11111111111 00000000000 11111111111 00000000000 11111111111 00000000000 11111111111
(a) massiccia (b) alleggerita

Figura 2.15: Dighe a gravit` a ` possibile vericare che la sezione centrale di una diga massiccia ` E e scarsamente sollecitata, pertanto sembrerebbe naturale eliminarla, ottenendo cos` la diga a gravit` a alleggerita, riportata schematicamente in Figura 2.15b; in questo modo si risparmia circa il 30% di materiale, ma detto risparmio non si riette in una riduzione di costo, perch e` e necessario curare meglio il getto di calcestruzzo. Le dighe a gravit` a sono normalemnte tracimabili, quindi lacqua pu` o oltrepassare il ciglio della diga, in casi di estrema necessit` a; ovviamente il paramento di valle deve essere adeguatamente attrezzato per consentire il deusso dellacqua: onde evitare danneggiamenti si installano degli organi dissipatori di energia cinetica, i frangiutti. Un problema comune che pu` o vericarsi ` e la sottopressione sulle fondamenta; detta sottopressione ` e causata dal usso dacqua sottostante il letto del ume, che si mantiene anche se si blocca il usso di acqua superciale del ume. Alla lunga, questo usso sotterraneo pu` o causare erosione delle fondamenta, ossia una sottopressione. Per interrompere il usso sotterraneo di acqua si installano dei taglioni, ossia degli sbarramenti di calcestruzzo sotterranei, in vicinanza dei piedi della diga. Possono aversi inoltre inltrazioni di acqua sotto i paramenti; prima si utilizzavano delle volte impermeabili a protezione del paramento di monte. Questo metodo ` e per` o poi stato abbandonato in quanto troppo costoso ed ` e stato sostituito da una rete di tubi drenanti posti allinterno del paramento

41

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

11111111111 00000000000 00000000000 11111111111 00000000000 11111111111


Figura 2.16: Paramento impermeabile di monte. Gli stessi tubi possono essere utilizzati per saggiare lo stato di salute del paramento, valutando la quantit` a di acqua che si inltra. Se la roccia delle fondamenta non ore grande resistenza, ` e possibile rinforzare le fondamenta con iniezioni di calcestruzzo nella roccia, previa realizzazione di fori nella roccia per una lunghezza almeno pari allaltezza della diga. Dighe a volta Nelle dighe a volta, la spinta idrostatica si scarica sulla supercie di appoggio della diga; il parametro fondamentale per la progettazione di una diga a volta ` e il valore dellangolo al centro: un angolo maggiore comporta uno sviluppo lineare maggiore, ma la diga sar` a pi` u sottile; similmente, un angolo al centro minore generer` a una diga pi` u corta, ma pi` u spessa. In generale si ottiene che langolo ottimale si aggira sui 130 .

Figura 2.17: Dighe a volta La diga ad arco ha una generatrice retta, quindi ` e dotata di una sola curvatura; se la gola in cui la diga deve essere costruita non ha unapertura costante, e si desidera avere sempre unapertura angolare ottimale, ` e necessario avere una diga a volta con due curvatura, ossia una diga a cupola. Inne, la volta ad arco pesante ` e una via di mezzo fra le dighe a volta e le dighe a gravit` a: una parte della resistenza della diga ` e infatti dovuta al suo peso proprio.

42

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Dighe a speroni Le dighe a speroni sono costituite da due elementi fondamentali: lo sperone, su cui si scaricano gli sforzi dovuti alla spinta idrostatica e che resiste solo per il suo peso proprio, e il lastrone, appoggiato allo sperone e che costituisce lo sbarramento vero e proprio. Il lastrone deve essere in grado di resistere alla essione ed ` e anche chiamato volta se, invece di essere piano, ` e curvilineo. Sia i lastroni, sia le volte, sono inclinate, in modo tale che la spinta idrostatica aggiunga una componente di forza stabilizzante per la diga.

Figura 2.18: Dighe a speroni

Traverse Le traverse sono gli sbarramenti utilizzati nelle centrali ad acqua uente, allo scopo di elevare il livello naturale dellacqua, no a portarlo al livello degli organi di presa: in questo modo si evita che eventuali corpi solidi possano entrare nelle condutture, con conseguente rischio di danneggiamento della centrale; le traverse mobili sono anche dette paratoie.
paratoia

scarpa controscarpa

letto taglioni

Figura 2.19: Traverse mobili e sse In generale, le traverse sono sbarramenti tracimabili, cosa che si riette nella loro costruzione: la parte che guarda la vena uida ` e detta scarpa, mentre quella che si raccorda con il corso naturale del ume ` e detta controscarpa. ANche le traverse sono dotate di taglioni, per eliminare la sottopressione delle fondamenta. In corrispondenza del ciglio della traversa ssa, si installa solitamente una paratoia, pre consentire un deusso regolare dellacqua nei periodi di piena. Le paratoie possono avere diverse forme e, di conseguenza, diverse modalit` a di utilizzo; le paratoie piane sono banalmente delle lastre metalliche, 43

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

rinforzate con travatura, deputate alla chiusura di una o pi` u luci. Attualmente le dimensioni massime per una paratoia piana sono 10 20 m. Le paratoie cilindriche sono costituite da cilindri che si muovono su di un piano inclinato; possono chiudere luci alte no a 50 m. Le paratoie a settore sono realizzate con un settore cilindrico in grado di ruotare attorno ad un perno; le paratoie a settore possono essere utilizzate per realizzare vasche di carico regolate: quando il volume di acqua raccolto ` e eccessivo, si abbassa la paratoia in modo da consentire il deusso dellacqua. Inne, le paratoie a ventola hanno una struttura piana incernierata alla base, intorno alla quale possono ruotare, consentendo il deusso o laccumulo di acqua; le paratoie a ventole, se dotate di un bilanciere in grado di generare un momento resistente opposto a quello dellacqua, possono variare automaticamente la loro inclinazione in modo da orire la massima resistenza in caso di piena del ume.

(a) piana

1111 0000 0000 1111


(b) cilindrica

111 000 000 111


(c) a settore

111 000 000 111


(d) a ventola

Figura 2.20: Principali tipologie di paratoie

2.3.2

Organi di presa e depuratori

Gli organi di presa sono quei componenti attraverso i quali ` e prelevata la portata di acqua derivata; possono essere superciali o sottobattente. Le prese superciali sono utilizzate solitamente allinterno di impianti dotati di canale derivatore a pelo libero, mentre se il canale derivatore ` e in pressione, si installano solitamente delle prese sottobattente. In realt` a le prese superciali non sono propriamente in corrispondenza del pelo libero, bens` leggermente sotto; non devono essere posizionati in opposizione alla corrente, bens` tangenzialmente onde evitare il rapido otturarsi degli stessi. Le prese sottobattente non hanno invece uno standard: possono essere allogiate entro la diga di ritenuta, oppure entro apposite torri separate dal corpo principale. Subito a valle degli organi di presa sono posti i depuratori, ossia sghiaiatori e dissabbiatori; questi sono costituiti semplicemente da vasche in cui, per riduzione della velocit` a dellacqua, gli elementi in sospensione precipitano sul fondo. Hanno la forma caratteristica a carena di barca, in cui i corpi pesanti si depositano sul canale sul fondo.

44

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

11 00 00 11 00 11

11 00 00 11 00 11

Figura 2.21: Sezione di sghiaiatore Il passaggio dallo sghiaiatore, in cui si depositano i corpi pi` u pesanti, al dissabbiatore, in cui precipitano i corpi pi` u leggeri, avviene attraverso un soglia tracimabile, in modo che le impurit` a rimagano connate nella vasca precedente. Periodicamente ` e necessario pulire i depuratori; la pulizia ` e eettuata aprendo le luci di presa a monte, generando quindi un moto di acqua vorticoso che rimuove le impurit` a sul fondo. Tuttavia, nonostante la presenza degli elementi depuratori, i depositi di impurit` a costiutiscono un grosso problema; infatti, mentre la ghiaia e la sabbia rimangano in sospensione no dopo le sezioni di presa, i corpi pi` u pesanti precipitano subito allingresso del bacino articiale, non appena diminuisce la velocit` a dellacqua, formando il cosiddetto cono di deiezione. Per eliminare ghiaia e sabbia che si depositano al piede della diga ` e suciente aprire lo scarico di fondo della diga, ma per eliminare il cono di deiezione si pu` o solo aprire lo scarico di fondo di un eventuale sbarramento a monte, sempre che esista e senza avere la certezza del rimedio. Col tempo quindi, la capacit` a del serbatoio si riduce e la centrale produce sempre meno nch e non si rende necessario il dragaggio del fondo o labbandono della centrale.

2.3.3

Il canale derivatore

Come ` e stato gi` a detto pi` u volte, il anale derivatore ` e un canale a bassa pendenza, ad attrito ridotto, la cui funzione ` e trasportare lacqua derivata n quasi sulla verticale della centrale, mantenendo invariata lenergia di posizione. Possono essere a pelo libero, ossia a pressione atmosferica, e in pressione; i canali a pelo libero hanno minori attriti dei canali in pressione dato che il contorno bagnato, ossia la supercie di contatto fra acqua e condotta, ` e minore. Non sono inoltre soggette a una serie di sollecitazioni tipiche delle condotte in pressione: il colpo dariete e le oscillazioni di massa. Soffrono per` o di un peggior comportamento nei confronti della regolazione della portata, che dipende dalla pendenza motrice della condotta, pari in questo caso alla pendenza geometrica, variabile fra 0,02% e 0,1%. Si consideri la Figura 2.22: a seguito di un aumento Q di portata, il livello dellacqua a ridosso della paratoia diminuisce, per limmediato richia45

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Figura 2.22: Variazione di portata mo di acqua. Si genera quindi unonda di variazione di livello che si propaga no allinizio della condotta, aumentando la portata di acqua. La velocit` a di propagazione di dette onde vale: = gh (2.6)

essendo g laccelerazione di gravit` a terrestre e h la profondit` a del canale. Nel canale a pelo libero tale velocit` a` e circa pari a 7 m/s, laddove nelle condotte in pressione ` e pari a 1000 m/s; si deduce facilmente che la regolazone di portata nei canali a pelo libero ` e notevolmente pi` u lenta rispetto ai canali in pressione. Il dimensionamento della sezione del canale derivatore ` e eettuato su base economica: sezioni maggiori consentono, a parit` a di portata, minori velocit` a dellacqua, quindi minori attriti, ma comportano spessori maggiori, quindi un maggiore costo impianto. Viceversa, condotte di minore sezione hanno un minore costo impianto, per il minore spessore, ma hanno un maggiore costo esercizio, causato dallaumento diperdite dovute agli attriti. Si avr` a dunque una sezione ottimale per cui la somma dei costi impianto e di esercizio ` e minima. La sezione ottimale sarebbe la sezione semicircolare, con migliore rapporto fra sezione e contorno, che per` o non si utilizza mai perch e dovrebbe essere costruita ad hoc ; si utilizzano in sostituzione condotte a sezione rettangolare o esagonale. Per i canali in pressione si utilizzano invece condotte a sezione circolare. Lo sbocco del canale derivatore ` e posto in concominatanza della vasca di carico, se il canale ` e a pelo libero. Detta vasca svolge la funzione di tampone, per sopperire ad improvvise variazioni di portata ed evitare che si inltri aria nella condotta forzata. Se invece il canale derivatore ` e in pressione, sbocca allora nel pozzo piezometrico ; detto componente ` e costituito, banalmente, da un pozzo a pelo libero a contatto con lesterno. Solitamente il livello del pelo libero nel pozzo piezometrico ` e, a causa degli attriti nel canale derivatore, inferiore rispetto al livello alla presa. Il pozzo piezometrico non ha alcuna funzione nel regime statico della centrale, mentre diviene indispensabile nei transitori di variazione di portata. 46

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Oscillazioni di massa Ad ogni variazione di potenza elettrica prodotta dallalternatore corrisponde una variazione di portata alla macchina idraulica, ottenuta agendo sullotturatore posto al termine della condotta forzata. Se e.g. si riduce la potenza elettrica prodotta, per far fronte ad una improvvisa riduzione di carico, si deve ridurre la portata, chiudendo proporzionalmente lotturatore. Si supponga che la manovra di chiusura sia istantanea, o quantomeno molto rapida; al pozzo piezometrico vi sar` a uno squilibrio fra lacqua richiesta dalla condotta forzata e lacqua in arrivo dal canale derivatore, in quanto, per inerzia, non ` e possibile che la massa di acqua del canale derivatore muti istantaneamente il suo moto. Il livello di acqua nel pozzo piezometrico dunque salir` a, creando una forza spingente che tender` a a ridurre la portata nel canale derivatore. Per le costanti di tempo in gioco, la forza spingente far` a ridurre la portata n sotto il nuovo valore di regime, facendo dunque scendere il livello di acqua nel pozzo piezometrico, per sopperire alla mancanza di acqua richiesta dalla condotta forzata. La forza spingente quindi cambier` a segno, tendendo ad aumentare la portata nel canale derivatore e ad aumentare il livello nel pozzo. Se gli attriti fossero nulli, ad ogni variazione di portata, il sistema entrerebbe in instabilit` a permanente, con continue oscillazioni di massa; in realt` a gli attriti del canale derivatore contribuiscono a smorzare il fenomeno, che pertanto ha una durata limitata. Lazione del pozzo ` e quindi stabilizzante, in quanto tende ad annullare la causa delle oscillazioni di massa, ossia la variazione di portata.
S_v z

S_g F L

Figura 2.23: Oscillazioni di massa Si supponga che: la manovra sia istantanea; gli attriti siano trascurabili; il volume dacqua nel pozzo piezometrico sia trascurabile; la condotta sia rigida ed il uido incomprimibile. 47

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Dato che gli attriti sono trascurabili, il livello di acqua nel pozzo ` e uguale a quello nel serbatoio. La forza che si genera nel pozzo piezometrico ` e pari a: F = zSg mentre il lavoro da essa compiuto per lo smorzamento delle oscillazioni di massa ` e pari a: F ds = mv dv essendo: m= per cui: L dv zSg v dt + LSg v dv = 0 +z =0 g g dt Considerato che Q = Sg v , si ottiene: dv 1 dQ = dt Sg dt quindi: L 1 dQ +z =0 g Sg dt La quantit` a dacqua che si accumula nel pozzo piezometrico ` e proporzionale alla dierenza di portata in arrivo dal canale derivatore e in uscita nella condotta forzata, ergo: Sv dz = (Qd Qf ) dt Sv ottenendo inne che: L Sv d 2 z +z =0 g Sg dt2 La soluzione dellEquazione 2.7 ` e del tipo: z = A cos t + B sin t 48 (2.7) dz d2 z dQ = Qd Qf Sv 2 = dt dt dt LSg g

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

in cui la pulsazione angolare ` e pari a: = g Sg 2 = L Sv T (2.8)

ricavando quindi che il periodo di una oscillazione ` e pari a: T = 2 L Sv g Sg (2.9)

Se si considera una canale derivatore di lunghezza pari a 3930 m, con una sezione di 4 m2 ed un pozzo piezometrico di sezione pari a 64 m2 , si ottiene che il periodo delle oscillazioni ` e di circa 500 s, ovvero che lacqua nel pozzo piezometrico raggiunge il livello massimo dopo circa 120 s.

111 000 000 111 000 111 000 111 000 111 000 111 000 111 000 111 000 111 000 111

111111 000000 000000 111111 000000 111111 000000 111111 000000 111111 000000 111111 000000 111111 000000 111111 000000 111111 000000 111111

1111 0000 0000 1111 1 0 0000 1111 0000 1111 0000 1111 0000 1111 0000 1111 0000 1111 0000 1111 0000 1111 0000 1111 0000 1111 0000 1111 1111 0000
(b) con vasca dierenziale

(a) con camera di espansione

Figura 2.24: Schema di pozzo piezometrico IL pozzo piezometrico ideale dovrebbe generare subito il carico antagonista alla variazione di portata, quindi la canna dovrebbe avere una piccola sezione; nel contempo per` o` e necessario che il pozzo non tracimi, quindi dovrebbe avere un notevole sviluppo verticale. Il pozzo per` o non pu` o essere contemporaneamente stretto ed alto, perch e il dimensionamento meccanico porterebbe a costi troppo elevati. Inoltre sarebbe opportuno che la forza antagonista, dopo una rapida crescita, subisse una saturazione, per cui il valore restasse costante, onde evitare eccessive sovraoscillazioni. Se ne deduce che la sezione cilindrica ` e la peggiore possibile; si preferisca installare pozzi che abbiano una struttura simile a quella riportata in Figura 2.24a, con due vasce di espansione: il livello dellacqua nel pozzo cresce rapidamente nch e non raggiunge la vasca di espansione superiore, dopodich e resta pressoch e costante; identico comportamento si ha quando il livello scende. Comportamento simile ha la soluzione di Figura 2.24b, in cui la colonna di acqua sale 49

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

nella vasca centrale, dato che le luci di fondo sono troppo piccole per consentire la salita dellacqua, ma raggiunta laltezza massima, deborda nella vasca laterale; nella fase di discesa dellacqua, invece, lacqua scende nella vasca centrale nch e il livello non ` e uguale a quello della vasca laterale, poi scende pi` u lentamente attraverso le luci di fondo. Per smorzare maggiormente le oscillazioni di massa, sarebbe suciente installare degli organi dissipatori, ma sorge il problema della loro localizzazione: non possono essere posti nel canale derivatore, dove invece gli attriti devono essere ridotti al minomo, e non possono essere messi allinterno del pozzo, dove sarebbero inutili, dato che i moti dellacqua sono molto limitati al suo interno. Si potrebbe in alternativa strozzare lingresso del pozzo, ma cos` parte delle sollecitazioni cui ` e sottoposta la condotta forzata si propagherebbero anche nel canale derivatore. In denitiva, si strozza lingress del pozzo, ma non tanto quanto sarebbe necessario per smorzare denitivamente il fenomeno. Il volume interessato dalle variazioni di livello durante le oscillazioni di massa, nel caso di completa chiusura, ` e pari a: V = 2Sv zx = 2Sv V0 L Sg g Sv

quindi, come ` e lecito aspettarsi, il volume interessato dipende dallampiezza della sezione del pozzo; se questo deve essere contenuto, allora il pozzo deve avere una piccola sezione. SI noti per` o che mentre il pozzo ha unazione stabilizzante nella regolazione di portata del canale derivatore, non cos` ` e per la regolazione della portata nella condotta forzata: infatti ad una chiusura dellotturatore, ossia ad una riduzione della portata, corrisponde un aumento del salto utile lordo, quindi un aumento della portata. Sebbene dunque ai ni costruttivi sarebbe utile un pozzo piezometrico di piccola sezione, fermo restando il vincolo meccanico di stabilit` a dello stesso, si preferisce avere sezioni pi` u grandi, onde evitare linsorgere di instabilit` a sulla regolazione di portata.

2.3.4

La condotta forzata

La condotta forzata pu` o essere realizzata con due dierenti modalit` a, a seconda che la centrale sia collocata o meno entro una caverna naturale. Possono dunque aversi: condotta forzata alloggiata in roccia, realizzata in calcestruzzo, calcestruzzo armato o in acciaio, a seconda della resistenza della roccia circostante; 50

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

condotta forzata allaperto, realizzata con tubazioni di acciaio agganciate in pi` u punti al terreno. Le condotte forzate in roccia sono molto rare perch e, come si ` e gi` a detto, possono essere realizzate solo quando la centrale ` e posta allinterno di una caverna naturale, potendo quindi realizzare una condotta forzata pressocch e verticale. Tale installazione ha per` o un costo impianto proibitivo, a meno che la caverna sia naturale e pertanto non sia necassario realizzarla articialmente. La condotta allaperto ` e invece il caso pi` u frequente: dicilmente ha un andamento verticale, in quanto deve seguire landamento del terreno, cercando per` o di evitare linsorgere di punti angolosi: in detti punti infatti lacqua subisce unaccelerazione per variazione di direzione di velocit` a; tale accelerazione genera una forza sulla condotta, pertanto ` e necessario rinforzare le fondazioni della condotta. I tubi per condotte forzate possono essere ottenuti: per laminazione, da un pezzo unico, regolando nemente lo spessore con una seconda laminazione. Con questo metodo possono realizzarsi condotte di diametro massimo pari a 1 m e dotati di notevole resistenza meccanica, data la totale assenza di saldature. Per chiodatura, piegando una lamiera no ad ottenere un tronco cilindrico e ssando con chiodi i due lembi. I chiodi devono per` o essere sottoposti a sforzi di sola compressione, in quanto non sono in grado di resistere a sforzi di taglio, pertanto devono essere adottate particolari modalit` a costruttiva. I tubi realizzati per chiodatura non hanno limiti di diamtro ma sono i meno resistenti. Per saldatura, piegando una lamiera ed unendo i due lembi con una saldatura, con o senza materiale di apporto, e sottoponendo il tubo cos` ottenuto a ricottura, per eliminare lo stato tensionale successivo alla deformazione. Per saldatura e cerchiatura, partendo da un tubo saldato ed avvolgendolo entro cerchi di acciaio per aumentarne la resistenza. I cerchio sono costruiti in modo da avere, a freddo, un diametro inferiore a quello del tubo; devono pertanto essere inseriti a caldo e, una volta rereddati, si trovano sottoposti a trazione, mentre la condotta ` e compressa. Quando invece la condotta ` e in funzione, la pressione interna dellacqua annulla lo sforzo di compressione dei cerchi. Per autofrettatura, operazione concettualmente simile alla cerchiatura classica: i cerchi per` o hanno un diamtero superiore a quello del tubo, 51

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

di modo da poter essere inseriti a freddo. Successivamente si sottopone il tubo cerchiato a pressioni tali da indurre deformazioni permanenti: i cerchi impediscono la deformazione del tubo, pertanto si otterr` a un tubo con una supercie leggermente ondulata e con maggiore resistenza meccanica. Lo stato tensionale indotto ` e invece identico a quello dei classici tubi cerchiati. Quando la centrale idroelettrica ha una portata derivata di valore elevato, pu` o sorgere la necessit` a di smaltirla con pi` u condotte forzate in parallelo, piuttosto che con ununica condotta. Tale esisgenza nasca per` o dalla macchina idraulica: il rendimento di una turbina dipende infatti dalla portata di lavoro, che pu` o essere variabile con il tempo. Per questo motivo, spesso la portata derivata di una centrale idroelettrica ` e suddivisa su pi` u macchine, ciascuna operante con una quota parte; se la condotta forzata ` e unica, allora la regolazione di un gruppo turbina alternatore inuenza tutti i gruppi, mentre se la condotta ` e multipla ` e possibile eettuare regolazioni separate. ` evidente che i costi di realizzazione di pi` E u condotte forzate in parallelo sono maggiori rispetto alla realizzazione di ununica condotta; per tale motivo, si realizzano condotte multiple solo per centrali che operano su salti elevati, quando i beneci ottenuti con le regolazioni separate sono maggiori dellaumento di costo generato dalla costruzione di pi` u condotte. Il dimensionamento della condotta forzata ` e basato su criteri economici; la sezione ` e circolare ed ` e determinata considerando il minimo della sommma dei costi di impianto e di esercizio. I costi impianto sono dati, almeno in prima approssimazione, dal volume di acciaio utilizzato per la costruzione, quindi dal diametro e dallo spessore, questultimo dipendente dalle sollecitazioni cui ` e sottoposta la condotta. Nel dimensionamento si considerano principalmente le sollecitazioni dovute al colpo dariete, anche se non nella loro interezza, bens` solo una parte di esse. Supponendo tubature sottili, vale la relazione di Mariot: pd s= (2.10) 2 con coeciente di sicurezza, e supponendo che lo stato tensionale sia esclusivamente tangenziale. I costi di esercizio sono invece dati dalle perdite per attrito: maggiore ` e la sezione, minore ` e, a parit` a di portata, la velocit` a del uido dunque minori saranno le perdite, e viceversa. Lo spessore deve essere inoltre variabile da monte a valle, ma costante a tratti; pertanto, trovato il diametro ottimale, si suddivide la condotta forzata in tratti a spessore decrescente, se la condotta ha una lunghezza superiore a 500 m, altrimenti la si realizza con spessore unico. 52

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Colpo dariete Il colpo dariete ` e in realt` a un insieme di sollecitazioni di sovra e sottopressioni che si instaurano nella condotta forzata in seguito ad una chiusura, totale o parziale, delle luci dellotturatore. Si supponga di avere una condotta orizzontale, nella quale uisce una certa portata di uido; allistante di tempo t = 0 avviene la chiusura istantanea delle luci di valle della condotta, come riportato in Figura 2.25a. Si suppone che: la manovra sia istantanea; gli attriti siano trascurabili; la condotta sia deformabile ed il uido comprimibile. Lo strato di acqua adiacente allotturatore deve variare istantaneamente la sua velocit` a dal valore precedente v al nuovo valore, nullo; gli strati di acqua precedenti a questo per inerzia tendono a mantenere la velocit` a v , pertanto comprimono il uido, determinando il nascere di unonda di sovrapressione p, in rosso in Figura 2.25b, che si propaga verso monte man mano che gli strati di uido si fermano. Limpulso generato sullotturatore pu` o essere ricavato a partire dalla variazione della quantit` a di moto: F dt = v dm = vScf dl essendo F la forza, la densit` a del uido e Scf la sezione della condotta forzata; si pu` o scrivere ancora che: dl P Scf dt = v Scf dl p = v g g dt per cui si ha inne che: va p = g (2.11)

dl in cui si ` e posto a = dt e si chiama celerit` a, indicativa della velocit` a con cui ` limpulso di pressione si propaga dallotturatore. E possibile dimostrare che la celerit` a` e un parametro meccanico della condotta forzata e vale:

a=

1 1+

d Es

essendo a0 =

pari a 1.425 m/s in acqua, il modulo di comprimibilit` a

cubico, E il modulo di Young, d e s il diametro e lo spessore della condotta. 53

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

In generale si ha che, essendo /E 1/100, d/s 100, la celerit` a` e pari a 1 km/s. Mentre limpulso di sovrapressione si propaga verso monte, il uido ` e sottoposto a compressione e la condotta a trazione e dilatazione. Limpulso risale la condotta nch e, trascorso un tempo pari a L/a essendo la lunghezza della condotta pari a L, raggiunge il pozzo piezometrico; qui la pressione ` e imposta dallesterno, quindi nasce unonda riessa, di valore opposto allonda incidente, che scarica la condotta: il uido si rimette in moto, ma con velocit` a opposta a quella precedente, tendendo quindi a muoversi verso il pozzo, come riportato in Figura 2.25d. Passato un tempo pari a 2L/a2 , ossia un tempo suciente allimpulso per arrivare al pozzo piezometrico e quindi ritornare alle luci di valle, londa riessa arriva allotturatore, lintera condotta ` e scarica e tutto il uido ` e in moto verso il pozzo; n qui si ` e avuto il colpo diretto, mentre da qui in poi comincia il contraccolpo. Dato infatti che allotturatore il uido ` e impedito al movimento, nasce unonda di sottopressione; mentre questonda risale la condotta, il uido si trova in trazione e la condotta ` e compressa. Quando questonda, a t = 3L/a, arriva al pozzo piezometrico, ` e annullata dallonda riessa opposta, per cui il uido torna in movimento, con velocit` a diretta verso lotturatore, e la condotta si scarica. Quando t = 4L/a, tutta la vena uida ha velocit` a v , diretta verso lotturatore e la condotta ` e completamente scarica; in mancanza di attriti, il fenomeno ricomincierebbe identicamente da questo istante di tempo, mentre in realt` a il fenomeno ` e smorzato proprio dagli attriti presenti nella condotta forzata. Tuttavia, non ` e possibile considerare istantanea la manovra di chiusura, pertanto ` e opportuno vericare cosa accade nel caso chiusura lenta. La chiusura lenta pu` o essere vista come una successione di piccole chiusure istantanee, ciascuna che genera una piccola onda di sovrapressione che si somma alla precedente. Al limite ` e possibile considerare una successione di innite chiusure innitesime, che generano unonda di pressione triangolare di durata pari a tc , come riportato in Figura 2.26a. Quando londa, trascorso un tempo pari a L/a, si riette sul pozzo piezometrico, si ha che una quota parte di condotta forzata non ` e stata sottoposta alla sovrapressione massima, dato che londa triangolare si ` e riessa prima che londa raggiungesse il suo valore massimo. La lunghezza di condotta che non ` e interessata dalla pressione massima ` e pari alla met` a della distanza percorsa dallonda triangolare nel tempo tc /2, ossia atc /2. Se il tempo di chiusura tc ` e pari o superiore al ritmo della condotta, allora nessuna sezione di condotta sar` a sottoposta alla sovrapressione massima; pertanto ` e possibile distinguere fra:
2

Detto anche ritmo della condotta o durata della fase.

54

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

p v v=0

(a) t = 0
p v=0

(b) t < L/a


p v v=0

(c) t = L/a

(d) t > L/a


p v v=0

(e) t = 2L/a
p v=0

(f) t > 2L/a


p v v=0

(g) t = 3L/a

(h) t > 3L/a

Figura 2.25: Andamento della pressione durante il colpo dariete


p p

(a) t = tc

(b) t < L/a

(c) t = L/a

(d) t > L/a

(e) t = 2L/a

Figura 2.26: Andamento della pressione durante il colpo dariete lento

55

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

manovre brusche, se durano per un tempo tc < 2L/a: tanto minore ` e il tempo di chiusura, tanto maggiore sar` a la quota parte di condotta sottoposta alla pressione massima; manovre lente, se durano per un tempo tc > 2L/a: la condotta non ` e sottoposta alla pressione massima, ma solo ad una sua quota parte, decrescente allavvicinarsi del pozzo piezometrico. Il valore della sovrapressione massima non dipende da tc , in accordo allEquazione 2.11, ma non ` e pensabile di eliminare il colpo dariete ricorrendo sempre a manovre lente. La sovrapressione nella generica sezione di condotta dipende da: tc , tempo di chiusura, dipendente dalla gravit` a della situazione; a, celerit` a, inuenzato da fattori economici di dimensionamento della condotta; v , stato di moto del uido, gi` a ridotto per ridurre le perdite; L, lunghezza della condotta. Sembrerebbe quindi possibile ridurre lentit` a del colpo dariete costruendo una condotta forzata pi` u corta possibile. Inoltre, la manovra lenta consente di sgravare il dimensionamento della condotta forzata, prendendo in considerazione una sovrapressione pari in genere al 20% 30% della sovrapressione teorica, ma purtroppo esistono situazioni in cui la chiusura brusca ` e necessaria: basti pensare a cosa potrebbe accedere se si tardasse nellazzerare la coppia motrice dellalternatore a seguito di un cortocircuitonetto trifase; in assenza di coppia resistente, lalternatore raggiungerebbe presto la velocit` a di fuga, con conseguenti danneggiamenti. Se dunque i tempi di chiusura rapida sono incompatibili con il dimensionamento della condotta forzata, si deve svincolare la produzione di energia elettrica dal usso di acqua; si installa allora un bypass del usso di acqua, che a seconda della macchina idraulica avr` a nome e funzionamento diverso, in modo che lalternatore possa essere fermato senza per questo dover chiudere bruscamente lotturatore della condotta forzata.

2.3.5

La macchina idraulica

La macchina israulica converte lenergia di pressione, contenuta nella vena uida, in energia meccanica, da trasmettere allalternatore per la conversione nale in energia elettrica. In realt` a le macchine idrauliche sono distinti in 56

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

macchine motrici e operatrici, a seconda che lenergia nale del uido sia minore o maggiore dellenergia posseduta in entrata. Le macchine idrauliche possono essere distinte ancora in: macchine volumetriche, se ` e possibile individuare un contorno sso entro il quale la macchina opera; turbomacchine, se invece la macchina opera su un usso continuo, senza poter denire un contorno di lavoro. Al termine della condotta forzata si installa il distributore della macchina idraulica, o meglio, dato che si tratta di macchina idraulica motrice, della turbina. I distributore svolge essenzialmente tre funzioni: 1. regolazione di portata; 2. distribuzione del usso di acqua alla girante; 3. conversione da energia di pressione a energia cinetica. La girante ` e, come dice la parola stessa, la parte mobile, meglio rotativa, della turbina. Entro di essa avviene anche una conversione di energia, a seconda della tipologia di turbina; se infatti la conversione da energia di pressione ad energia cinetica avviene interamente nel distributore, la girante trasmette solo lenergia cinetica allalternatore, e la turbina ` e detta ad azione. Quando invece il distributore converte solo parte dellenergia di pressione in energia cinetica, e la restante parte ` e convertita nella girante, si parler` a di turbine a reazione. Si denisce grado di reazione di una turbina il rapporto fra laliquota di energia di pressione, ovvero di salto entalpico, smaltita allinterno della girante ed il salto conplessivo. Ovviamente detto grado di reazione ` e nullo per macchine ad azione, mentre le macchine a reazione solitamente hanno grado di reazione inferiore a 0,75. Le turbine idrauliche attualmente in uso sono: ruota Pelton, ad azione; tubina Francis, a reazione; turbina ad elica, a reazione; turbina Kaplan, a reazione;

57

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

La turbina Pelton Il sistema di distribuzione ` e costituito da uno o pi` u ugelli, generalmente non pi` u di sei, come mostrato nella Figura 2.27. Il distributore ha il compito di accelerare lacqua sino alla velocit` a c1 di ingresso nella girante, convertendo lenergia potenziale, corrispondente al salto utile, in energia cinetica. Il getto che fuoriesce dal distributore colpisce la pala della girante nella mezzeria, tangenzialmente al cerchio dei getti di diametro D , come riportato in Figura 2.28. La pala devia la corrente e, a causa della variazione della quantit` a di moto, riceve un spinta che mantiene la girante in rotazione. Le pale sono calettate su un disco solidale allalbero rotante che trasmette coppia e potenza allalternatore.

Figura 2.27: Turbina Pelton a sei ugelli ad asse verticale Lugello ` e fornito di una spina centrale detta ago Doble avente una forma ausolata, come mostrato nello schema in Figura 2.29. Tale geometria ` e ottimizzata per rendere minime le perdite per attrito uidodinamico nel distributore ed ottenere un getto avente un prolo di velocit` a pressoch e unidimensionale. In questo modo il getto, quasi totalmente privo di gradienti di velocit` a al suo interno, raggiunge la pala mantenendo un diametro d praticamente costante e la sua energia pu` o essere sfruttata in maniera ottimale dalla girante. Nella Figura 2.29 ` e rappresentata la sezione di un ugello con il tegolo deviatore che viene utilizzato per intercettare il getto quando bisogna interrompere velocemente lerogazione di energia evitando linsorgere del colpo dariete. La pala di una turbina Pelton ha una forma tipica detta a doppio cucchiaio, come mostrato in Figura 2.30. Nella mezzeria essa presenta un sottile 58

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Figura 2.28: Schema di turbina Pelton

Figura 2.29: Sezione di ugello con tegolo deviatore

59

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

spigolo che ha la funzione di ripartire il getto incidente tra i due cucchiai. Ciascuno dei due ussi in cui il getto ` e ripartito, guidato dalla pala, subisce una deviazione di 180 , dove langolo ` e in genere circa pari a 15 . Tale angolo ` e diverso da zero anch e lacqua si allontani dalla pala con una componente diretta secondo lasse della girante in modo che essa non possa interferire con il dorso della pala successiva provocando un dannoso eetto frenante. Inoltre, ripartendo il getto in due parti uguali, si bilancia la variazione della quantit` a di moto nella direzione assiale e quindi la spinta assiale sulla ruota risulta nulla, essendo anche nulla la risultante delle forze di pressione poich e la macchina ` e ad azione. Nella parte inferiore la pala presenta uno scasso che ha due funzioni: 1. permettere al getto di lavorare pi` u a lungo riducendo linterferenza con la pala successiva; 2. minimizzare le perdite al momento dellingresso della pala nel getto, per cui anche i bordi dello scasso devono essere tagleinti.

Figura 2.30: Pala di una turbina Pelton

La turbina Francis Generalmente in impianti con turbina Francis,al termine della condotta forzata, ` e situata una voluta, detta anche cassa spirale, che ha il compito di ripartire lacqua tra gli ugelli distributori. Come si vede nella Figura 2.31, la sezione della voluta ` e decrescente, poich e la portata 60

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

decresce man mano che lacqua deuisce attraverso gli ugelli distributori. Il distributore ` e costituito da un insieme di pale orientabili per consentire la regolazione, come si vede nella sezione trasversale in Figura 2.32 nella quale ` e ragurato anche il meccanismo di movimentazione delle stesse. Esse sono sagomate in modo da formare ugelli convergenti. Infatti, il compito del distributore ` e di accelerare lacqua, che procede radialmente verso lasse di 3 rotazione , trasformando laltezza piezometrica in altezza cinetica. Dal distributore lacqua viene indirizzata con la corretta direzione verso la girante: in condizioni di progetto la direzione della velocit` a in ingresso ` e tangente alla linea media del prolo della pala della girante.

Figura 2.31: Sezione meridiana di una turbina Francis Nella girante avviene lo scambio di momento della quantit` a di moto tra uido e pale mobili per cui si ha generazione di energia meccanica. Contemporaneamente viene completata in girante la trasformazione di altezza piezometrica in altezza cinetica: le sezioni di passaggio sono infatti ad area decrescente. Come si vede in Figura 2.32, nella girante sono praticati alcuni fori che collegano la regione a pressione minore con la zona compresa tra la girante stessa e la cassa, per bilanciare la spinta assiale diretta nel verso del usso. Dalla girante lacqua passa nel condotto diusore in cui si riducono le perdite per energia cinetica di scarico decelerando il uido e trasformando laltezza cinetica in altezza piezometrica. Tale recupero ` e percentualmente pi` u rilevante, e quindi la presenza del diusore diventa necessaria, per quelle macchine che lavorano con bassa caduta disponibile ovvero che hanno numero di giri caratteristico elevato.
3

La macchina ` e quindi detta centripeta.

61

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Figura 2.32: Sezione trasversale di una turbina Francis

62

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

La turbina ad elica e Kaplan Gli impianti con turbine Kaplan sono normalmente privi di condotta forzata, come accade per le turbine Francis veloci. In genere la macchina ha asse verticale e il bacino di prelievo ` e collegato direttamente con una camera che circonda il distributore. Il distributore ha le pale orientabili per ragioni di regolazione. Nel condotto che collega luscita del distributore con lingresso della girante lacqua compie una deviazione di 90 e poi attraversa assialmente la girante. Nelle turbine Kaplan le pale della girante possono essere orientate per minimizzare le perdite per cattiva incidenza in tutte le condizioni di funzionamento. Esse, inoltre, sono sempre svergolate a causa del forte sviluppo radiale. Dopo la girante ` e necessaria la presenza di un diusore per le basse cadute utili.

Figura 2.33: Schema di una turbina Kaplan

Principio di funzionamento Le turbine ad azione sono utilizzate ogniqualvolta si abbia a disposizione un grade salto e piccole portate; al contrario, le turbine a reazione sono utilizzate per piccoli salti e grandi portate, no ad arrivare alle turbine Kaplan, per cui non si realizza nemmeno la condotta forzata. Nelle turbine idrauliche si ha una variazione di velocit` a del uido fra lingresso e luscita: detta variazione genera la coppia che ` e responsabile della rotazione della turbina. Il teorema di Eulero asserisce che la variazione 63

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

nel tempo del momento della quantit` a di moto del letto di uido, riferito allasse, ` e uguale al momento della forza risultante applicata al letto stesso rispetto allo stesso asse di riferimento.

r1

u v1

r2

v2

Figura 2.34: Schema di macchina idraulica Si consideri la Figura 2.34 e si indichino con v1 e v2 le velocit` a assolute del generico letto di uido in corrispondenza delle sezioni di entrata e di uscita e con u la velocit` a della girante. A dare contributo alla variazione temporale della quantit` a di moto saranno soltanto le componenti tangenziali vu,1 e vu,2 , mentre le cmponenti assiali e radiali non danno contributo. Inoltre, dovendo calcolare la variazione nel tempo, ` e possibile considerare non lintera massa m del letto di uido, bens` solo la massa intesima dm che nel tempo dt si sposta. Si ha dunque che: dm = dV dm dV = = q dt dt

detta q la portata elementare. Pertanto la variazione nel tempo del momento M della quantit` a di moto sar` a data da: dM = q (vu,2 r2 vu,1 r1 ) (2.12)

Supponendo che tutti i letti uidi abbiano un comportamento identico, ovvero trascurando la presenza delle pale della turbina, si pu` o integrare lEquazione 2.12, ottenendo: M = Q (vu,2 r2 vu,1 r1 ) (2.13) 64

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

NellEquazione 2.13 si suppone implicitamente che i raggi r1 e r2 delle sezioni di ingresso e di uscita siano costanti, cos` come le componenti tangenziali delle velocit` a di ingresso e di uscita. Il momento della risultante delle forze esterne, trascurando lapporto dato dalle forze di attrito, ` e dato dalla sola resistenza della girante, ossia dalla sua coppia dinerzia. Quindi, in accordo al teorema di Eulero, la coppia motrice applicata alla girante ` e opposta al momento della risultante delle forze esterne, quindi al momento della variazione della quantit` a di moto: Cm = Q (vu,1 r1 vu,2 r2 ) (2.14)

Tenuto conto che la velocit` a perferica u della girante ` e pari al prodotto della velocit` a angolare per il raggio r e che la potenza della macchina ` e data da N = C , si ottiene che: N= Q (vu,1 r1 vu,2 r2 ) = Q (vu,1 u1 vu,2 u2 ) = g g = Q (v1 u1 cos 1 v2 u2 cos 2 ) (2.15) g

avendo indicato con langolo formato dai vettori della velocit` a assoluta v del uido e della velocit` a u della girante. Ricordando lEquazione 2.1 si ha che: N = Q (z1 z2 ) +
2 2 v1 v2 p1 p2 + 2g

Trascurando la dierenza di quota fra ingresso ed uscita dalla macchina, considerando inoltre che la velocit` a relativa w = v u ` e tale che: w 2 = u2 + v 2 2uv cos v 2 = w 2 u2 + 2uv cos si ottiene che: N = Q
2 2 u2 u2 2u1v1 cos 1 2u2 v2 cos 2 w1 w2 1 + 2 + + 2g 2g 2g 2 w 2 w2 u2 u2 Ng p1 p2 p1 p2 1 = Q 1 = + 2 + + + 2g 2g Qg 2 2 2 w1 w2 u2 p1 p2 2 u1 = Q + P (2.16) + + 2g 2g

per cui:
2 2 u2 u2 p1 p2 w2 w1 2 + 1 = 2g 2g

65

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Indicando con S1 e S2 rispettivamente le sezioni di ingresso e di uscita della macchina e considerato che la portata ponderale deve essere costante, ossia: G = w1 S1 = w2 S2 si ricava che: p1 p2 = G2 2g 2 1 1 2 2 S2 S1 2 2 2 r1 r2 = 2g 1 1 G2 2 2 2 + 2 r1 r2 = 2 2g S2 S1 2g +

(2.17)

LEquazione 2.17 lega la variazione di pressione fra ingresso ed uscita alle caratteristiche geometriche, sezione e raggio, di ingresso e uscita; se dunque si considera una macchina motrice, per cui la pressione in ingresso p1 ` e maggiore della pressione in uscita p2 , deve risultare S1 > S2 e r1 > r2 , quindi convergente, ossia con sezione decrescente dallingresso alluscita, e centripeta, quindi con raggio duscita minore del raggio dingresso. Per una pompa, ossia una macchina operatrice, per cui la pressione di uscita p2 ` e maggiore della pressione in ingresso p1 vale il dicorso opposto. Queste relazioni non varranno per` o nel caso di macchine a vapore, per cui si avranno relazioni totalmente opposte.
v_2 w_2 u_2 w_2 u_1 v_1 w_1 _2 _2 u_2 v_2

(a) Schema della pala

(b) Triangolo di uscita

Figura 2.35: Triangoli di velocit` a di una ruota Pelton

La macchina ad azione Si consideri nuovamente lEquazione 2.15; ` e evidente che la potenza estraibile dalla macchina idraulica ` e proporzionale al peso specico del uido, alla portata, alla velocit` a assoluta del uido e della girante. Si applichi adesso questa relazione ad una macchina ad azione: 66

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

come ` e possibile vericare in Figura 2.35, la velocit` a assoluta v1 del uido in entrata ` e parallela alla velocit` a periferica u1 della girante; pertanto anche la velocit` a relativa fra uido e girante w1 avr` a la medesima direzione. Alla sezione di uscita, invece, la velocit` a relativa del uido w2 ` e imposta dal prolo della pala, la velocit` a periferica della girante u2 ` e parallela ad u1 , per composizione delle due si ottiene la velocit` a assoluta v2 del uido. Per costruzione geometrica, ` e ovvio che il raggio alla sezione di ingresso sia pari al raggio della sezione duscita: r1 = r2 u 1 = u 2 Dato che la portata dingresso ` e pari alla sezione duscita e che la sezione si mantiene costante dallingresso alluscita, ne deve conseguire che la velocit` a relativa in ingresso deve, in modulo, essere pari alla velocit` a relativa in uscita: w1 = w2 ` quindi possibile scrivere che: E N= Q (v1 u1 cos 1 v2 u2 cos 2 ) = Q (v1 u cos 0 v2 u cos 2 ) = g g = Qu (v1 v2 cos 2 ) = Qu [v1 (u + w2 cos 2 )] = g g = Qu [v1 (u + (v1 u) cos 2 )] = Qu [v1 u + (v1 + u) cos 2 ] = g g = Qu (v1 u) (1 cos 2 ) (2.18) g

Supponendo che la velocit` a in ingresso v1 sia costante, quindi supponendo costante il salto motore Hm , si ha che la potenza N prodotta dalla macchina idraulica ` e funzione della sola velocit` a perierca u, ssata la sua costruzine geometrica: la potenza ` e nulla quando la ruota ` e ferma e quando ruota alla stessa velocit` a del getto di uido; intuitivamente potremmo aermare che la potenza massima sia avr` a nel mezzo, analiticamente ci` o` e dimostrato dal fatto che landamento della potenza ` e in questo caso di tipo parabolico. In questo caso si avr` a che: N= v1 v2 v1 v1 (1 cos 2 ) = Qu 1 (1 cos 2 ) Q g 2 2 g 4

2 Ponendo 2 = 180 , ricordando che Hm = v1 /2g , si ottiene che:

2gHm = QHm = 1 N =2 Q g 4 67

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

In questo caso, come ` e facile riscontrare nella Figura 2.36, si avrebbe una velocit` a v2 alla sezione di uscita del uido nulla, cosa sicamente non realizzabile in quanto implicherebbe che tutta lenergia cinetica del uido ` e trasmessa alla girante.
u_1 v_1 w_1 w_2 u_2

(a) Triangolo di entrata

(b) Triangolo di uscita

Figura 2.36: Triangoli ideali per 2 = 180 Il rendimento della macchina idraluica ` e dato dal rapporto fra il salto utile Hu e il salto motore Hm ; essendo: Qu (v1 u) (1 cos 2 ) = QHu g v2 Hm = 1 2g N= si ricava che: = Hu 2g u v1 u = 2 (v1 u) (1 cos 2 ) = 2u 2 (1 cos 2 ) Hm v1 g v1 (2.19)

Il rendimento ` e quindi nullo quando la velocit` a periferica u ` e pari alla velocit` a v1 del uido in entrata ed ` e invece massimo quando v1 = 2u, per cui vale: = 1 (1 cos 2 ) 2

` possibile dimostrare che il rendimento di una macchina idraulica ad E azione si mantiene costante per un range elevato di Hm . Gli attriti ovviamente fanno peggiorare il rendimento rispetto ai valori nora calcolati: linstaurarsi di moti vorticosi infatti deforma i triangoli di velocit` a. Dalla relazione di Torricelli ` e noto che landamento del salto motore Hm in funzione della velocit` a v1 alla sezione di ingresso ` e di tipo parabolico; landamento del salto utile ` e invece di tipo lineare. Dal rapporto fra le due funzioni, si ottiene che il rendimento ha un andamento come quello riportato in Figura 2.37. Una qualsiasi retta secante alla parabola di Hm , passante per il punto corrispondente a Hu = 0, individua due punti, A e B , cui compete lo stesso rendimento. Il rendimento massimo ` e invece associato al punto di tangenza ` facile osservafra la parabola e la retta passante per il punto a Hu = 0. E re che il rendimento ha un andamento abbastanza stazionario, pertanto ha 68

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

14

salto motore salto utile rendimento

12

10 rendimento 10 15 20 velocita in ingresso [m/s] 25 30

salto [m]

Figura 2.37: Andamento del rendimento in funzione di v1 piccole variazioni in funzione della velocit` a v1 ; per questo motivo le turbine ad azione sono utilizzate su salti molto elevati, in genere maggiori di 500 m, per cui le variazioni eettive di salto che si possono generare non inuenzano molto il rendimento della macchina. Fisicamente, la varaizione di velocit` a in ingresso non modica il triangolo, anzi la punteggiata, delle velocit` a in ingresso, ma modica il triangolo delle velocit` a in uscita, cambiando quindi le perdite nello scarico; la variazione di energia cinetica ceduta allo scarico ` e tanto minore quanto pi` u prossimo a 180 ` e langolo di uscita 2 . Si supponga invece di mantenere costante la velocit` a periferica della girante, e di volere indagare la variazione del rendimento al variare della portata, mantenendo altres` costante il salto motore Hm . Al variare della portata, varia la velocit` a dellacqua nella condotta, quindi conseguentemente le perdite per attrito viscoso; queste sono date dal quadrato della velocit` a, quindi possono essere considerate proporzionali al quadrato della portata. Nota lescursione massima della portata, resta ssata anche la massima variazione di salto motore Hm , data dalla relazione di Torricelli. Si pu` o costruire una curva di rendimento relativo , pari al rapporto fra il rendimento della macchina ed il suo rendimento massimo, in cui si nota un andamento piatto per un ampio range di valore di portata. Infatti, per variare la portata, si agisce sulla spina Doble, variando la sezione del getto, ma non il triangolo di 69

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

velocit` a in ingresso, n e il triangolo di velocit` a in uscita. Le velocit` a massima, da dover tenere presente in sede di progetto, ` e la velocit` a di fuga, pari alla velocit` a che raggiunge la turbina quando manca la coppia resistente allalternatore. La macchina a reazione Nelle turbine a reazione, la conversione da energia pneumatica ad energia cinetica si localizza parte nelleiettore e parte nella girante della turbina. Il grado di reazione misura proprio il rapporto fra la conversione eettuata nella girante e la totale conversione: in base ad esso si distinguono macchine idrauliche a basso, medio ed alto grado di reazione. Al contrario di quanto accade nelle turbine ad azione, non ` e immediato tracciare la traiettoria percorsa dai letti di uido allinterno della girante: infatti il uido entra con una componente radiale centripeta ed esce con una componente di velocit` a prevalentemente assiale. In Figura 2.38 ` e riportata la proiezione sul piano della girante di una macchina a reazione.
_0 = _1

w_1 u_1

v_1

u_2 _2

w_2

v_2

Figura 2.38: Schema della girante di una macchina a reazione Langolo 0 , coincidente con langolo 1 , ` e un dato costruttivo coincidente con langolo formato dalle pale del distributore con la direzione tangenziale della girante; detto angolo inuisce sulla portata in ingresso alla macchina idraulica. Le perdite che si hanno in una macchina a reazione sono essenzialmente le perdite per attrito, viscoso e non, con laggiunta delle perdite dovute 70

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

alla deformazione dei triangoli di velocit` a di ingresso e di uscita, rispetto ai triangoli di funzionamento nominale. A dierenza di quanto accade nelle turbine ad azione, limmissione del uido nella girante non ` e parzializzata, bens` interessa lintera periferia della girante. Del resto ci` o` e necessario, dato che alluscita del distributore il uido possiede ancora una quota residua di energia pneumatica, pertanto non sono permesse zone della girante a pressione diversa. Si supponga che il comportamento di tutti i letti di uido sia riconducibile al comportamento di un letto medio e si indichi con langolo formato dalla velocit` a relativa w con la velocit` a periferica u della girante; in condizioni nominali di funzionamento, detto angolo coincide con langolo formato dal bordo della pala della girante con la direzione tangenziale alla girante stessa. La portata in ingresso ` e proporzionale alla sezione dingresso e alla componente radiale della velocit` a assoluta v1 , ortogonale alla velocit` a periferica u1 . Il modulo della velocit` a v1 del uido in ingresso ` e imposta dallesterno, la velocit` a relativa w1 dipende dal distributore, la velocit` a periferica u1 dipende dalla velocit` a angolare della girante quindi, in una certa misura, dal distributore. La velocit` a perierica alla sezione di uscita u2 ` e ssata dal regime di rotazione della girante, la vleocit` a w2 dipende dalle caratteristiche geometriche della condotta palare, quindi la velocit` a del uido in uscita dipende da queste due componenti.
u_1

w_1

v_1

(a) a portata costante


u_1

w_1 v_1

q q q

(b) a salto costante

Figura 2.39: Triangoli di velocit` a per una macchina a reazione 71

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Si consideri la Figura 2.39a: mantenendo costante la portata, deve mantenersi costante la componente radiale della velocit` a di ingresso del uido; al variare del salto, dunque, la velocit` a di ingresso deve variare mantenendo il suo estremo sulla retta parallela alla velocit` a periferica, in modo che la componente radiale non vari. In particolare si ha che la velocit` a assoluta aumenta, in modulo, se aumenta il salto e viceversa. Nella Figura 2.39b, invece, il salto ` e mantenuto costante e varia la portata; essendo il salto costante, il modulo della velocit` a assoluta del uido deve restare costante, pertanto al variare della portata essa si muove sulla circonferenza di raggio v1 . Per variare la portata si deve agire sulle pale del distributore mobile, variando la sezione di passaggio. In questo modo varia langolo di inclinazione della suddette pale, coincidente con langolo 0 , cui consegue una variazione dellangolo 1 che non coincide pi` u con il valore di progetto. Si innescano dunque delle perdite per cattivo direzionamento del uido in ingresso alla girante. Per calcolare landamento del rendimento, ` e necessario calcolare una relazione che leghi fra loro il salto motore e la portata in ingresso. Innanzitutto ` e possibile scrivere che: dove: gHu = v1,u u1 v2,u u2 v1,u =

Q cotan 1 S1 Q v2,u = u2 + cotan 2 S2 avendo indicato con S1 e S2 rispettivamente le sezioni di ingresso e di uscita. Ricordando che: u1 u2 r1 = = u1 = u2 r1 r2 r2 si ha dunque che: r1 Q Q gHu = u2 cotan 1 u2 cotan 2 (2.20) 2 + u2 r 2 S1 S2 Come ` e possibile vericare in Figura 2.40, sommando al salto utile le perdite per attrito e le perdite per errato direzionamento del uido, si ottiene il salto motore, da cui a sua volta ` e possibile ricavare il rendimento della ` possibile stabilire inne che, in generale, macchina idraulica a reazione. E le macchine a reazione hanno rendimenti pi` u elevati rispetto alle macchine ad azione, ma in un range pi` u ristretto di portate. Infatti, non appena la portata cambia dal valore di funzionamento nominale, subentrano le perdite per errato direzionamento. 72

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Figura 2.40: Andamento del rendimento in funzione di Q Numero di giri caratteristico Si supponga di avere una macchina idraulica ottimizzata per un determinato salto ed una certa portata, per cui ora il massimo rendimento. Si immagini dunque di ridurre il salto, no a farlo divenire unitario: ovviamente variano sia la velocit` a assoluta del uido, in ingresso ed in uscita, sia la velocit` a relativa. Se la macchina deve avere il medesimo rendimento, ` e necessario modicare il numero di giri, in modo da modicare la velocit` a relativa, ottenendo un nuovo triangolo di velocit` a, simile geotricamente a quello che si aveva nella macchina originaria. Se, in queste condizioni, la macchina deve erogare potenza unitaria, si deve lasciare inalterata la componente radiale della velocit` a relativa e modicare la portata riducndo le dimensioni della macchina, ovvero la sezione di deusso del uido. Si ottiene quindi inne una macchina che lavora su un salto unitario, erogando una potenza unitaria; tale macchina ` e tale da avere dimensioni siche e triangoli di velocit` a uguali a quella della macchina di partenza, ameno di un determinato rapproto di similitudine. Le due machcine sono pertanto dette simili ed il numero di giri a cui ruota la macchina a potenza unitaria ` e detto numero di giri caratteristico ; esso ` e dato da: n N ns = (2.21) 4 H5 si ha infatti che per due macchina simili: n2 1 N2
5 H1

n2 2 N2
5 H2

Il numero di giri caratteristico serve per caratterizzare macchine idrauliche simili fra loro con un unico parametro: in questo modo le macchine idrauliche possono essere divise in: lente, ruote Pelton; veloci, turbine Francis; ultraveloci, turbina ad elica e Kaplan 73

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Per due macchina simili si ha inoltre che: n Ev = ns El avendo indicato con Ev il rapporto di scala cinematico e con El il rapporto di scala lineare. Velocit` a di fuga In assenza di coppia resistente allalbero dela turbina, non si ha trasmissione di potenza meccanica, quindi la macchina lavora con un rendimento nullo. Ovviamente deve esserci similitudine fra questa condizione di funzionamento e quella per cui la macchina lavora con salto e portata tali da azzerare il rendimento. Ponendo:
2 Ev =

Hf H0

pari al rapporto di scala fra le velocit` a, pari al rapporto fra il salto Hf in condizioni di fuga, ossia assenza di coppia resistente, e il salto H0 in condizionindi rendimento nullo, si ha che: Ev n = = nf = n ns El Hf H0

La velocit` a di fuga della turbina idraulica ` e dunque un dato costruttivo, ` interessante sapere che rierito alle condizioni nominali di funzionamento. E le ruote Pelton hanno velocit` a di fuga pari a circa il doppio della velocit` a nominale, mentre le turbine a reazione hanno una velocit` a di fuga pari a tre volte la velocit` a nominale. Caratteristiche costruttive Nelle macchine idrauliche lente, il uido esce dal distributore a velocit` a elevata, quindi la sezione di deusso deve essere piccola. Man mano che il grado di reazione aumenta, quindia allaumentare del numero di giri caratteristico, il uido esce dal distributore con una maggior energia pneumatica, quindi con una minore velocit` a: per questo motivo la sezione di deusso deve essere maggiore, a parit` a di portata, nelle macchine pi` u veloci. Per ridurre le perdite per attrito sulle pale, allaumentare del grado di reazione, si tende a ridurre il numero delle stesse; per questo motivo una turbina Francis potr` a avere anche venti pale, ma dicilmente una turbina Kaplan ne avr` a pi` u di sei, con una traiettoria dei letti di uido quasi praticamente assiale. 74

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Variazioni di salto e di portata sono deleteri per il rendimento delle turbine a reazione, in quanto si deformano i triangoli di velocit` a delle sezioni di ingresso e di uscita. Nelle turbine Kaplan, dato il ridotto numero di pale, ` e possibile pensare ad un sistema di rotazione delle pale, rigide attorno il mozzo, in modo da aggiustare gli angoli 1 e 2 , conformemente alla variazione che si ha per la deformazione dei triangoli di velocit` a. Sebbene la compensazione non sia perfetta, ` e suciente per garantire un rendimento complessivo piatto per un ampio range di portata. Ovviamente aumenta il costo impianto della turbina, dato che bisogna aggiungere il sistema di controllo dellorientazione delle pale, che deve essere installato sul mozzo, con tutti i problemi meccanici che ne conseguono. ` gi` Scarico del uido E a stato appurato che, in accordo allEquazione 2.15: gHm = v1 u1 cos 1 v2 u2 cos 2 per cui si ha che: = v1 u1 cos 1 v2 u2 cos 2 gHm

Il rendimento dunque potrebbe migliorare se il termine sottrattivo, indicativo dellenergia persa in quanto residua nel uido che ` e scaricato, fosse al limite nullo. Non ` e possibile agire sulla velocit` a periferica della giante, sempre non nulla in quanto, per denizione, la girante deve girare; resta dunque la possibilit` a di agire sulla velocit` a del uido in uscita e sullangolo di uscita. Nelle ruote Pelton, ovvero in generale nelle turbine ad azione, si tenta di ridurre al minimo indispensabile la velocit` a del uido in uscita. Nelle turbine a reazione, invece, si agisce solamente sullangolo di uscita, in quanto ` e possibile recuperare lenergia cinetica allo scarico sotto forma di depressione allo scarico stesso; allo scopo si installa dunque un cono diusore, un tubo divergente posto tra la sezione di uscita della turbina e il pelo libero dello scarico. Applicando il torema di Bernoulli fra la sezione di uscita e il pelo libero si ha che:
2 p2 pa v2 v 2 va p2 pa +h+ 2 =0 = h+ 2 2g 2g

pl

essendo trascurabile la velocit` a alla sezione di restituzione. La pressione alla sezione di uscita della turbina non deve essere inferiore alla pressione pl , limite oltre il quale si innesca il fenomeno della cavitazione: le bolle di gas naturalmente disciolte nel uido sottoposte ad una pressione inferiore a 75

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

quella limite si espandono, per poi collassare violentemente non appena sono trascinate in una zona a pressione maggiore; il collasso improvviso determina la nascita di una sollecitazione impulsiva violente il cui eetto nale ` e lerosione delle parti meccaniche circostanti. Deve dunque vericarsi che: h
2 pa pl v2 g

Se lenergia cinetica che deve essere recuperata alla sezione di scarico ` e elevata, allora ` e possibile che h risulti negativo; in questo caso la sezione di uscita della turbina deve essere posizionata sottobattente, ovvero sotto il livello dello scarico. Per ridurre la velocit` a del uido in uscita, si potrebbe installare un cono diusore con una maggiore apertura angolare: ci` o` e sconsigliabile, in quanto potrebbero vericarsi distacchi di vena uida. Potendo dunque trascurare il termine sottrattivo dellenrgia cinetica persa, si ha che: = v1 u1 cos 1 gHm gHm u1 = = gHm v1 cos 1 2gHd cos 1

essendo Hd laliquota di energia pneumatica convertita in energia cinetica llinterno del distributore; indicando con il grado di reazione ` e possibile scrivere altres` che: Hd = (1 ) Hm quindi: u1 = gHm 1 2gHm cos 1 (2.22)

Valori tipici del rendimento per le turbine idrauliche si aggirano intorno a 0,9, pertanto si evince dallEquazione 2.22 che, a parit` a di salto motore Hm , la velocit` a periferica u1 della girante ` e inversamente proporzionale alla componente periferica della velocit` a assoluta v1 con cui il uido esce dal distri` dunque facile dedurre che le turbine ad azione sono e pi` butore. E u lente, a parit` a di salto, in quanto la velocit` a assoluta giace interamente sulla direazione tangenziale della girante. Parimenti, una turbina a reazione sar` a tanto pi` u veloce quanto maggiore sar` a il grado di reazione. Scelta della macchina idraulica La scelta della macchina idraulica segue direttive economiche e tecniche; la direttiva economica tende a minimizzare i costi di impianto della macchina stessa, pertanto si dovrebbero scegliere 76

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

macchine di potenza minore possibile. A parit` a di potenza, una macchina ha un costo minore se ` e di dimensioni inferiori, ma deve ruotare ad una velocit` a superiore; quindi si hanno maggiori sollecitazioni centrifughe sulle parti in movimento. Per il dimensionamento dellimpianto, la massima velocit` a da dover considerare ` e la velocit` a di ga, non quella nominale; questo potrebbe portare a sivradimensionamenti eccessivi, considerato che la velocit` a di fuga ` e pari ad un multiplo della velocit` a nominale. Per questo motivo si tende ad installare macchine idrauliche con bassa velocit` a nominale, in modo che la velocit` a di fuga sia proporzionalemnte pi` u bassa. Si delineano dunque esigenza contrastanti: per un criterio di economicit` a si dovrebbero scegliere macchine con potenza piccola e di piccole dimensioni, in modo da ridurre i costi impianto, quindi macchine con elevata velocit` a di rotazione. Per un criterio di ottimo tecnico, ossia per minimizzare gli sforzi centrifughi sulla parti mobili, si dovrebbero scegliere macchine di potenza maggiore, con velocit` a di rotazione pi` u bassa. Si consideri poi che la turbina deve essere collegata ad un alternatore, la cui velcit` a di rotazione deve essere ssata in accordo alla frequenza della rete elettrica cui esso ` e collegato, pertanto non ` e ammissibile avere turbine con velocit` a di rotazione elevata4 , in quanto questo costringerebbe ad inserire dei demoltiplicatori di velocit` a, che introducono una ulteriore causa di perdite per attrito e un elemento di notevole fragilit` a meccanica. La soluzione ` e dettata da criterio tecnico, per cui si impone una velocit` a massima pari a 1000 rpm, cui corrisponder` a poi una velocit` a eettiva di rotazione pari a 750 rpm, per cui ` e evidente che andranno utilizzati alternattori a quattro coppie polari. Nel caso in cui la turbina dovesse lavorare con un salto motore elevato sorge il problema di limitare la velocit` a di rotazione: si installer` a dunque la macchina pi` u lenta possibile ossia una ruota Pelton, scelta obbligata dai 500 m in su5 . Quando invece il salto ` e molto ridotto, dellordine dei metri o delle decine di metri, la macchina deve essere in grado di ruotare velocemente con un basso salto, pertanto la scelta cadr` a su turbine a reazione, con grado di reazione tanto pi` u elevato quanto minore ` e il salto a disposizione, no ad arrivare alla turbina Kaplan, utilizzata quando il salto ` e talmente piccolo da non poter arrivare neanche alla velocit` a di 750 rpm. Per tutti i valori intermedi di salto, compresi dunque fra 100 m e 500 m, potrebbe andare bene sia una turbina ad azione sia una turbina a reazione.
Ossia maggiori di 3000 rpm, velocit` a corrispondente ad una frequenza di 50 Hz per un alternatore ad una coppia polare. 5 Anche se pu` o essere convenientemente utilizzata gi` a su salti di 300 m.
4

77

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

In questo caso lattenzione si sposta sul funzionamento della macchina: se il diagramma di produzione ` e piatto, quindi si richiede una potenza prodotta costante, allora ` e opportuno installare una turbina a reazione, conrendimenti molto pi` u elevati, rispetto ad una turbina ad azione. Se invece il diagramma di produzione ` e molto frastagliato, ` e necessario avere una turbina pi` u elastica che non risenta delle variazioni di portata: in questo caso la scelta cadr` a su una ruota Pelton, con rendimento massimo inferiore, ma pi` u costante. Componenti accessori Allinizio della condotta forzata si installa una valvola detta a farfalla, di forma lenticolare: in condizioni normali la valvola ` e parallela al usso dellacqua nella condotta; ` e tuttavia suciente un piccolo scostamento da questa posizione di equilibrio per determinare la chiusura totale dellingresso della condotta. Al termine della condotta forzata si installa unaltra valvola, a fuso oppure rotativa : la valvola a fuso consiste di un organo mobile di forma tale da poter chiudere la condotta forzata tramite la sua rotazione. La valvola rotativa, invece, consiste in una sezione di condotta che, ruotando di 90 , impedisce il passaggio del uido. Subito a valle della macchina idraulica si posiziona unaltra valvola a fuso, oppure una paratoia piana. Ancora a valle segue il cono diusore: teoricamente dovrebbe essere verticale, ma ci` o potrebbe porre dei problemi di posizionamento, specie se la sezione di uscita della macchina idraulica deve essere posta sottobattente; pertanto ` e ripiegato su se stesso, in modo da limitarne lo sviluppo verticale. Gli organi di regolazione della portata sono: la spina Doble e il tegolo deviatore, nel caso di turbina ad azione; le pale del distributore o, al limite, della girante stessa, per le turbine a reazione e Kaplan. Per limitare gli eetti del colpo dariete, quando non bastano neanche i naturali accorgimenti meccanici quali limitare la lunghezza della condotta forzata ed allungare i tempi di chiusura, si utilizza il tegolo deviatore per le macchine ad azione e lo scarico sincrono per le macchine a reazione. Lo scarico sincrono si compone di una camera contenente olio con al suo interno una piastra forata. Detta piastra ` e collegata ad una valvola, che consente o meno il passaggio del uido attraverso uno scarico alternativo alla macchina idraulica. Quando ` e necessario deviare il usso di acqua dalla macchina idraulica, si apre la valvola alzando la camera: la piastra, trascinata dal usso di olio, apre lo scarico sincrono in un tempo breve. Successivamente, con una costante di tempo pi` u lunga, lolio deuisce attraverso i fori della piastra che, 78

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

per peso proprio, tende a chiudere lo scarico sincrono. Durante questo periodo di tempo si eettua la regolazione della portata con le valvole installate sulla condotta forzata, eettuando manovre lente che dunque non pongono problemi per il colpo dariete.

(a) Schema di valvola a farfalla

(b) Valvola a farfalla


dalla condotta forzata

alla macchina idraulica

allo scarico sincrono

(c) Schema di valvola rotativa

(d) Schema di scarico sincrono

Figura 2.41: Alcuni componenti accessori della macchina idraulica

2.4

Centrali di pompaggio

Le centrali di pompaggio fanno parte dei cosiddetti impianti di punta, ossia impianti con tempi di funzionamento molto limitati, solitamente inferiori alle 1500 h/anno, laddove le centrali di base hanno una durata di funzionamento di circa 6000 h/anno. 79

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

P punta

intermedie

base h

Figura 2.42: Diagramma di produzione e consumo Come ` e possibile vericare in Figura 2.42, il diagramma delle durate della produzione ` e dierente dal diagramma dei carichi; in base a questa dierenza ` e possibile individuare tre zone: la zona di base, di competenza delle centrali di base, caratterizzate dallavere una lunga durata di funzionamento e, di conseguenza, un alto rendimento; la zona di punta, coperta da centrali, dette di punta, caratterizzate dallavere brevissime durate di funzionamento, quindi anche bassi rendimenti, ma una notevole velocit` a di risposta ed avviamento; inne la zona intermedia, coperta dalle centrali che, con il genio tipico dellingegnere elettrico, sono dette intermedie, ossia impianti di base declassati per lusura. Le centrali di punta servono dunque principalmente per produrre lenergia mancante, a seguito di un improvviso e consistente aumento di carico o a seguito di un improvviso fuori servizio di una o pi` u centrali. La consistenza del parco di punta di un sistema elettrico ` e dunque strettamente legata alladabilit` a del parco di base. I servizi che una centrale di punta ` e normalmente tenuta a coprire sono: servizi statici: produzione di energia per la copertura di una determinata fetta del diagramma di carico; servizi dinamici, ossia servizi che puntano sulla velocit` a di risposta dellimpianto. I servizi dinamici principali sono:

80

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

servizio di rampa : fornitura di energia in alcune ore della giornata, specialmente le prime ore del mattino, durante le quali lincremen-

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Gruppo ternario La macchina sincrona si presta bene sia al funzionamento da generatore sia al funzionamento da motore: essendo le due condizioni di funzionamento separate ` e possibile dunque utilizzare ununica macchina sincrona, collegata tramite giunti alla pompa e alla turbina. Si consideri per` o che i giunti di collegamento possono essere azionati solamente a macchina ferma; la turbina, inoltre, pu` o essere convenientemente utilizzata come motore di lancio, pertanto non ha senso porre un giunto nellalbero di collegamento della macchina sincrona con la turbina, in quanto questo dovrebbe restare sempre chiuso. La pompa, invece, deve essere scollegata durante la fase di generazione, per ridurre le perdite per attrito e ventilazione. Nel passaggio dalla generazione al pompaggio, e viceversa, il gruppo deve essere fermato, in modo da poter azionare il giunto di collegamento fra il motore sincrono e la pompa. Durante la fase di pompaggio la turbina sar` a trascinata insieme alla pompa e questo provoca un aumento delle perdite per attrito: per ridurre al minimo questo inconveniente, la cassa della turbina deve essere svuotata, in modo che la girante sia in aria, causando quindi un minore attrito viscoso. La pompa utilizzata sar` a multistadio, ossia una macchina idraulica a reazione con pi` u stadi in serie, ciascuno in grado di fornire una quota parte della totale prevalenza da fornire al uido per riempire il serbatoio superiore. Le macchine idrauliche multistadio non possono regolare la portata elaborata: questo perch e il distributore mobile, che assolve detta funzione, potrebbe essere installato solo sul primo stadio, senza dunque poter sortire alcun eetto; onde evitare pericoli di cavitazione, sar` a installata sottobattente. La turbina sar` a invece solitamente una ruota Pelton, a pressione atmosferica e dunque installata al livello del pelo libero. Si consideri per` o che il pelo libero del serbatoio inferiore oscilla pesantemente, in funzione del riempimento dello stesso; la turbina dovr` a dunque essere installata alla quota del pelo libero superiore, mentre la pompa dovr` a essere installata sotto il pelo libero inferiore. Ci` o comporta che lalbero di collegamento delle tre macchine dovr` a essere posto in verticale e potr` a raggiungere lunghezze notevoli, anche superiori a 20 m, con tutti i problemi conseguenti agli sforzi torsionali cui esso sar` a sottoposto. Gruppo binario Il gruppo binario consente un ulteriore risparmio in termini di costo impianto, in quanto oltre ad utilizzare una macchina sincrona sia per la fase di generazione che per la fase di pompaggio, si utilizza una ` ovvio macchina idraulica che possa fungere sia da pompa che da turbina. E che la macchina idraulica in questione dovr` a essere a reazione, dato che le macchine ad azione possono fungere solamente da turbina; se dunque il salto

83

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

di generazione ` e molto elevato, superiore a 500 m, si possono scegliere due alternative: installare una ruota Pelton per la generazione, quindi passare ad un gruppo ternario; installare una macchina idraulica a reazione a pi` u stadi, rinunciando per` o alla possibilit` a di regolare la portata; Infatti, nel caso in cui si opti per la seconda scelta, la macchina idraulica dovr` a funzionare a potenza costante: in presenza di pi` u stadi, in distributore mobile potrebbe regolare la portata soltanto limitatamente al primo stadio, pertanto non sortirebbe alcun eetto. Un centrale di pompaggio con gruppo binario, dotata di turbina multistadio, potr` a dunque funzionare solamente a potenza massima o a potenza nulla. Se invece il salto di generazione ` e inferiore, allora sar` a possibile installare una pompa monostadio, potendo dunque modulare la potenza prodotta e la potenza assorbita per il pompaggio. Anche per i gruppi binari il passaggio dalla generazione al pompaggio, e vceversa, deve essere preceduto dalla fermata del gruppo, in quanto il senso del moto deve essere invertito per poter scambiare il funzionamento della macchina idraulica. Per il gruppo binario sorge dunque il problema dellavviamento del motore sincrono, dato che la turbina non pu` o essere utilizzata come motore di lancio, e si dovranno dunque adottare delle particolari tecniche. Esistono anche delle macchine idrauliche dette isogire che non hanno necessit` a di invertire il senso del moto per invertire il funzionamento; tali macchine sono infatti dotate di due casse spirali, distinte per i due funzionamenti, e di un complesso sistema di valvole che consente di invetire il usso dellacqua da una cassa allaltra, senza invertire la rotazione della girante. La potenza richiesta per la fase di pompaggio, noti il rendimento p della macchina nel funzionamento da pompa, la portata Qp richiesta e il salto H , sar` a pari a: Pp = Qp H p (2.23)

Similmente, la potenza generata sar` a: Pg = Qg Hg (2.24)

detti Qg la portata di generazione e g il rendimento nel funzionamento da turbina. Supponendo che la macchina elettrica abbia la medesima potenza durante le due fasi, si ha che: Qp Pp =1 = p g Pg Qg 84

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

In generale, il rendimento della machcina idraulica ` e diverso nei due funzionamenti; tuttavia, con particolari acorgimenti costruttivi si pu` o avere p = g . Ponendo dunque che il rendimento della macchina idraulica sia pari a 0,9, si ottiene che: Qp = 0, 81 Qg Ne consegue che la portata durante la fase di pompaggio sar` a minore della portata della fase di generazione o, in altre parole, che il serbatoio superiore si svuoter` a in un tempo inferiore a quello necessario per riempirlo. Volendo rendere uguali le portate di generazione e di pompaggio, ovvero i tempi di riempimento e svuotamento, si dovr` a agire sulla macchina sincrona, aumentando la velocit` a di rotazione durante la fase di pompaggio: ` e dunque evidente che si dovr` a disporre di una macchina sincrona con numero variabile di coppie polari.

2.4.3

Avviamento dei gruppi

Il problema principale che si pu` o avere nelle centrali di pompaggio ` e allavviamento della fase di pompaggio; va detto che tale problema interessa soltanto le centrali equipaggate con gruppi binari. Nelle centrali congruppi separati o ternari non sorgono grosse dicolt` a nellavviamento del pompaggio, perch e si ha un motore, anche non elettrico, dedicato a ci` o nei gruppi separati, ovvero perch e la turbina pu` o fungere da motore di lancio nei gruppi ternari. Nei gruppi binari, invece, il motore sincrono deve invertire il moto, rispetto al funzionamento da generatore, per poter avviare il pompaggio e la turbina non pu` o funzionare da motore di lancio. Le soluzioni possibili sono diverse: ` sicuramen si dispone un motore asincrono come motore di lancio. E te la soluzione pi` u immediata, in quanto si dota il motore sincrono di un motore di lancio ad esso dedicato; per ridurre il carico resistente, la girante della macchina idraulica dovr` a essere svuotata, di modo che giri in aria, e si dovr` a forzare il lubricaggio dei cuscinetti a sfera dellalbero motore, normalmente ecace solo ad alte velocit` a. Il motore asincrono potr` a avere lo steso numero di coppie polari della macchina sincrona, e si dovr` a approntare un sistema per sincronizzare il motore sincrono, ovvero un numero superiore. dovendo prevedere un sistema di regolazione della velocit` a. Questa soluzione ` e adottata solo per centrali la cui potenza ` e inferiore a 100 200 MW ; per potenze superiori non ` e possibile installae un motore di lancio economicamente conveniente.

85

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Si utilizzano i circuiti smorzatori della macchina sincrona; la gabbia smorzatrice della macchina sincrona ` e solitamente incompleta, quindi si dovr` a eventualmente provvedere al suo completamento. In questo modo la machcina sincrona si avvia cme se fosse un motore asincrono; ovviamente devono essere attuati gli stessi accorgimenti del caso precedente per ridurre al minimo gli attriti. Si consideri inoltre che la gabbia smorzatrice si riscalda durante lavviamento, pertanto si sottopone la macchina a notevoli sollecitazioni, sia termiche si elettrodinamiche, a cuasa delle correnti che si inducono sulla gabbia. Di conseguenza si dovr` a vericare che il sistema di refrigerazione e che gli ancoraggi meccanici siano in grado di sopportare dette sollecitazioni. Inne, si pu` o ricorrere al cosiddetto avviamento sincrono, o back to back ; questo sistema ` e impiegato per le grandi macchine, in modo da non provocare alcun disturbo in rete. Consiste nellavviamento sincrono a frequenza crescente, realizzato utilizzando un altro gruppo come generatore. I due alternatori sono rigidamente collegati ed entrambi eccitati. Avviando un gruppo con la turbina, laltro lo segue trascinando la pompa ed accelerando no alla velocit` a di sincronismo; a questo punto si fa il parallelo con la rete e si ferma il gruppo che ` e servito per lavviamento. Avviamento asincrono Finch e non si ` e concluso lavviamento asincrono, leccitazione della macchina sincrona non svolge alcuna funzione, quindi sembrerebbe ovvio aprire il circuito di eccitazione e chiuderlo solo per la sincronizzazione. In questo caso per` o nascerebbero sul circuito di eccitazioni delle forze elettromotrici indotte, tali da generare eccessive sollecitazioni sul dielettrico del cirucito stesso; pertanto il dielettrico dovrebbe essere rinforzato: aumentando le distanze fra le parti attive o aumentando lo spessore di isolanto. Entrambe queste soluzioni sono per` o impraticabili, dato che le macchine sincrone hanno un circuito di eccitazione dimensionato al limite, ` sia per quanto concerne le distanze sia per quanto riguarga gli spessori. E dunque pi` u opportuno, anzich e lasciarlo aperto, chiudere il circuito di campo in cortocircuitoo su una resistenza: le correnti che si inducono tendono a diminuire la forza elettromotriceindotta, diminuendo dunque le sollecitazioni sullisolante. Il circuito di campo ` e, dal punto di vista della corrente alternata indotta, monofase; su di esso circoler` a dunque, per eetto delle amperspire statoriche, una corrente alternata monofase a frequenza variabile, decrescente man mano che lavviamento procede, ovvero man mano che il rotore raggiunge una velocit` a prossima a quella di sincronismo. Questa corrente crea un cam86

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

po magnetico, anchesso variabile, che pu` o essere scomposto in due campi magnetici rotanti, con frequenza pari alla frequenza della corrente indotta.
n_1 n_d n_i

Figura 2.43: Campi rotanti durante lavviamento asincrono La frequenza della corrente indotta sul circuito di campo ` e proporzionale a n1 n, essendo n1 la velocit` a di sincronismo e n la velocit` a del rotore. Ne consegue che la velocit` a dei due campi rotanti, calcolata rispetto allo statore, sar` a: nd = n + (n1 n) = n1 ni = n (n1 n) = (1 2s) n1 La velocit` a del campo inverso ` e dunque negativa nch e lo scorrimento ` e maggiore di 1/2, positiva invece quando lo scorrimento ` e minore di 1/2. Linterazione fra campo darmatura e campo dretto genera una coppia motrice diretta, che provoca la rotazione del rotore, analogamente a quanto accade con il campo generato dalle correnti sulla gabbia smorzatrice. Il campo inverso, invece, d` a una coppia negativa nch e lo scorrimento ` e maggiore di 1/2; tale coppia tende a far girare lo statore in verso opposto a n1 quindi, per converso, tende a far ruotare il rotore in accordo a n: la coppia inversa ` e dunque motrice. Quando lo scorirmento diviene minore di 1/2, il ragionamento si inverte e la coppia inversa diviene resistente. Per dato valore di coppia resistente esterna, ` e possibile che lavviamento si interrompa in corrispondenza dellinsellamento, riportato in Figura 2.44. Inserendo delle resistenza nel circuito di campo, si modica la caratteristica meccanica, diminuendo il valore massimo di coppia e aumentando il valore di scorrimento corrispondente: la caratteristica meccanica risultante non presenter` a insellamenti e non si avr` a il rischio che lavviamento si blocchi ad elevati valori di scorrimento. In generale ` e suciente inserire una resistenza di valore pari a 10 Rf , essendo Rf la resistenza del circuito di campo. 87

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

1 coppia diretta coppia inversa coppia risultante 0.8

0.6

coppia [Nm]

0.4

0.2

-0.2

-0.4 1 0.8 0.6 scorrimento 0.4 0.2 0

Figura 2.44: Caratteristica sincrona del motore sincrono Si consideri che durante lavviamento la macchina assorbe pari a 10 volte la corrente nominale: per la rete di alimentazione, un cos` forte assorbimento di corrente potrebbe risultare eccessivo, causando quindi abbassamenti di tensione. Se la potenza di cortocircuitoPcc del nodo ` e sucientemente elevata, allora la centrale ` e collegata ad un nodo sucientemente magliato e dunque non si avranno consistenti abbassamenti di tensione, pertanto sar` a possibile eettuare lavviamento asincrono. Nel caso invece in cui la centrale sia collegata ad un nodo di piccola potenza, magari attraverso una lunga linea radiale, e conseguentemente sia piccola la Pcc , si avrebbero abbassamenti di tensione tali da non consentire lavviamento asincrono della macchina sincrona. In questo caso si deve ricorrere allavviamento a tensione ridotta; non essendo proponibile aumentare la reattanza del trasformatore di alimentazione, in quanto questo avrebbe eetti deleteri sulla stabilit` a del sistema, sono possibili tre soluzioni: si inserisce una reattanza addizionale sul circuito di armatura della macchina sincrona: la corrente assorbita, detta Xa la reattanza aggiunta, sar` a: Ir = Ia = Va Vr Va = = kI0 Xa V r Xa (2.25) 88

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

la quantit` a Va /Vr si classica come fattore di riduzione della tensione, mentre la corrente I0 = Vr /Xa rappresenta la corrente assorbita a piena tensione. In fase di avviamento, per` o, la macchina sincrona si comporta come una grossa reattanza; considerata anche la reattanza in serie, si ha che il fattore di potenza complessivo ` e praticamente nullo, quindi si deve valutare se la rete ` e in grado di sopportare il forte assorbimento di potenza reattiva. Si alimenta tramite un autotrasformatore, in modo che la corrente assorbita divenga: Ir = Ia Va Va Vr Va = = Vr Xa V r V r Va Vr
2

I0 = k 2 I0

(2.26)

` la soluzione tecnicamente migliore dato che non modica il fattore E di potenza visto dalla rete, ma ` e anche la pi` u costosa. Inne la terza soluzione consiste nel variare la reattanza transitoria della macchina sincrona: si deve modicare costruttivamente lo statore in modo da realizzare pi` u vie in parallelo, da inserire man mano che lavviamento procede Nota la corrente nominale della macchina sincrona, ` e possibile determinare la sezione ottima di regime: dividendo questo valore per un certo numero discreto, si pu` o suddividere la sezione ottime in pi` u fette da inserire gradualmente. Si deve per` o considerare che allavviamento la corrente ` e massima, pertanto ` e opportuno non suddividere eccessivamente la sezione ottimale. Sincronizzazione Terminato lavviamento, il motore sincrono ha una velocit` a di poco discosta dalla velocit` a di sincronismo; lo scorrimento ` e quello causato dagli attriti sui cuscinetti e per la ventilazione. In questo regime, il campo magnetico di statore ruoter` a alla velocit` a di sincronismo, mentre il campo di rotore avr` a una velocit` a leggermente inferiore: periodicamente, a causa dello scorrimento, i due campi si sovrapporranno e saranno in opposizione. Si consideri la Figura 2.46: nch e langolo ` e minore di , la coppia che si genera iniettando corrente nel circuito di campo ` e positiva, dunque favorisce la sincronizzazione, essendo inoltre massima per = ; invece, per 2 > la coppia ` e resistente. Detta dunque C la coppia di sicronizzazione, essa sar` a pari a: C = Cx sin 89

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

I_r

I_a

X_a V_r V_a

(a) con reattanza aggiuntiva


I_r I_a

V_r

V_a

(b) con autotrasformatore

Figura 2.45: Schema di alimentazione a tensione ridotta

statore rotore

n_1 n

Figura 2.46: Scorrimento dei campi

90

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Considerato leetto di tutte le coppie agenti sul motore, si ha che: Cs + C C0 = Ci essendo Cs la coppia di scorrimento, C0 la coppia resistente e Ci la coppia dinerzia. Finch e il circuito di campo non ` e eccitato, la coppia di sincronizzazione ` e nulla, pertanto la coppia di scorrimento ` e pari alla coppia resistente. Il momento migliore per eccitare la macchina e quando i campi di statore e di rotore sono in opposizione, ossia quando = 0, per cui il rotore ha un maggiore tempo disponibile alla sincronizzazione, prima che la coppia sincronizzante cambi segno. Con il circuito di campo alimentato il rotore accelera, pertanto la coppia C diminuisce; in Figura 2.47a i segmenti compresi fra C C0 e Cs rappresentano la coppia risultante che, come ` e facile vericare, aumenta con . Quando il rotore ha raggiunto la velocit` a di sincronismo (punto B ), la coppia di sincronismo si annulla, tuttavia la coppia risultante ` e ancora non nulla, quindi il rotore continua ad accelerare, diminuendo il ritardo . Il sistema arriva dunque al punto C , in cui la coppia risultante ` e nulla, ma la velocit` a` e ancora maggiore di quella del sincronismo, quindi con coppia di sincronizzazione resistente. La velocit` a del rotore diminuisce, no ad arrivare nel punto D , in cui ` e nuovamente pari alla velocit` a di sincronismo, ma in cui la coppia risultante ` e resistente: il rotore contiua a rallentare e ad aumentare il ritardo . Il sistema arriva dunque nel punto E , in cui la velocit` a` e inferiore a quella di sincronismo e la coppia nulla. Dopo numerose oscillazioni, il motore si sincronizzer` a nel punto F , con velocit` a sincrona e coppia nulla. Se invece di alimentare il circuito di campo in corrispondeza di = 0, avviene che = possono presentarsi le tre possibilit` a riportate in Figura 2.47b: nel caso a il motore si sincronizza senza alcun problema, fatta eccezione per un ritardo nito; nel caso b il motore si trova, al periodo successivo, in una situazione pi` u favorevole di quella di partenza, quindi la sincronizzazione avverr` a, ma sar` a pi` u lenta che nel caso a; nel caso c invece il motore si trova al periodo successivo in una situazione peggiore, quindi ` e possibile che il motore non riesca a sincronizzarsi. ` ovvio che il caso di sincronizzazione con = ` E e del tutto teprico, in quanto ` e molto pi` u conveniente avviare la sincronizzazione quando = 0. Ma qual ` e il massimo valore del rapporto fra coppia sincrona e coppia resistente per cui ancora il motore sincrono si sincronizza nel primo semiperiodo, 91

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

C_ C_0 C_

F D E C_s C_0

(a) = 0

C_0 b a c

(b) =

Figura 2.47: Sincronizzazione del motore sincrono

92

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

supponendo di alimentare il circuito di campo nella condizione pi` u favorevole di = 0? Al momento in cui il circuito di campo ` e alimentato, nasce la coppia sincronizzante che, dopo alcune oscillazioni, porta il motore al sincronismo. Langolo ` e inzialmente nullo e, anchesso dopo alcune oscillazioni, si porta al valore di regime f , dipendente dalla coppia sincronizzante e dalla ` possibile valutare il lavoro compiuto dalla coppia C per coppia resistente. E portare langolo dal valore nullo al valore nale:
f

L=
0

d2 d dt2

(2.27)

essendo I la coppia dinerzia. La variazione temporale dellangolo pu` o essere vista come prodotto tra la velocit` a di sincronismo s e lo scorrimento s, ottenendo quindi:
0

L=
s0

Is

ds ss dt dt

avendo espresso gli estremi di integrazione in temrini di scorrimento. Si ottiene inne che: I 2s2 0 L= 2 La condizione limite anch e si abbia ancora la possiblit` a di sincronizzazione entro il primo semiperiodo ` e che la prima intersezione fra la curva rappresentativa della coppia sincrona e la coppia di scorrimento si abbia nel punto B di Figura 2.47a. Il lavoro svolto dalla coppia risultante in dette condizioni limite pu` o essere calcolato come:
f f

A=
0

C d

Cs d
0

potendosi considerare praticamente parabolico landamento di Cs , ` e allora possibile ottenere


f f

A=
0

Cx sin d

f 3 C0 = = ( f )2 3 0 C0 ( f ) = = Cx (1 + cos f ) 3 1 Cx Cx + 1 sin2 f ( f ) = = C0 C0 C0 3

C0 2 d = ( f )2

Cx cos |0 f

93

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

tenuto conto che Cx sin f = C0 sin f = = C0 u + u2 1 1 1 arcsin 3 u =

Cx =u C0

= C0 (u) (2.28) Dunque A rappresenta il lavoro di sincronizzazione in condizioni limite: la sincronizzazione avverra se dunque si ha che: LA ovvero se I 2 s2 I 2 s2 0 0 C 0 (u ) (u ) 2 2C0 (2.29)

Si otterr` a dunque un valore minimo del rapporto u per il quale si abbia ancora la sincronizzazione; per incrementare il valore di detto rapporto ` e possibile: aumentare la corrente di eccitazione, anche se ci` o non pu` o essere effettuato ad libitum ma solo nch e non si raggiunge il limite del valore nominale; per valori superiori si potrebbero avere danneggiamenti per leccessiva sollecitazione termica. Diminuire la coppia resistente, diminuendo dunque gli attriti: il provvedimento pi` u adottato consiste nello svuotare la cassa della turbina, riempendo di aria la girante. Avviamento back to back Quando la rete cui la centrale ` e collegata non ` e in grado di sopportare il forte assorbimento di corrente del motore sincrono, avviato da asincrono, si deve ricorrere allavviamento sincrono, altrimenti detto back to back o a frequenza variabile. Durante qeusto tipo di avviamento, la rete elettrica non ` e coinvolta e lenergia necessaria ` e prelevata da un altro gruppo della stessa centrale ovvero da un gruppo predisposto di una centrale vicina. Lavviamento sincrono prevede la creazione di un albero elettrico tra un gruppo della centrale, che svolge la funzione di generatore a frequenza variabile, ed il gruppo da avviare. Il gruppo generatore, detto anche gruppo trascinatore, ruota ad una velocit` a molto bassa, tale da creare un sistema di tensioni trifase alla frequenza di pochi decimi di . A queste frequenze, il motore sincrono da avviare e alimentato dal gruppo trascinatore, riesce a sincronizzarsi senza alcun problema, quindi senza ssorbire elevate correnti. 94

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Aumentando lentamente la velocit` a di rotazione del gruppo trascinatore, si aumenta la frequenza delle tensioni prodotte e di conseguenza la velocit` a di rotazione del gruppo da avviare; se lincremento di velocit` a non ` e eccessivo, il motore resta sincronizzato e si adegua alla niova velocit` a di sincronismo. In questo modo ` e possibile portare il motore sincrono alla velocit` a di sincronismo di rete ed eettuare il parallelo senza troppe dicolt` a. In gruppo trascinatore rimane dunque libero per un altro avviamento. Il gruppo trascinatore pu` o essere uno dei gruppi di generazione della centrale di pompaggio, ed in questo caso si accetta di eettuare la fase di pompaggio con un gruppo in meno, oppure un gruppo dedicato ad hoc : in questultimo caso si ha il vantaggio di poter predisporre un generatore di piccola potenza, che pu` o essere avviato da un motore di lancio apposito. Lavviamento sincrono comporta la creazione di collegamenti supplementari allinterno dellimpianto, per la creazione dellalbero elettrico fra il gruppo trascinatore e tutti i gruppi da avviare in fase di pompaggio. Si parla di avviamento sincrono interno a media tensione e in alta tensione : interno perch e il gruppo trascinatore ` e un gruppo dello stesso impianto di pompaggio. Lavviamento sincrono esterno pu` o essere realizzato solo se in vicinanza dellimpianto di pompaggio ` e presente unaltra centrale idroelettrica con uno o pi` u gruppi disponibili allavviamento. Il medesimo principio dellavviamento a frequenza variabile pu` o essere realizzato disponendo di un converitore statico di frequenza ; ovviamente ` e una soluzione tecnicamente pi` u semplice, in quanto il convertitore pu` o essere alimentato direttamente dalla rete, ma ` e economicamente pi` u costosa, dato che bisogna installare un convertitore di adeguata potenza. Il vantaggio principale dellavviamento sincrono ` e la possibilit` a di eettuare lavviamento senza avere la necessit` a di svuotare il vano della girante della pompa, con la conseguente riduzione dei tempi di pompaggio.

2.4.4

Frenatura dei gruppi

Nei gruppi binari e ternari ` e necessario frenare il gruppo per potere passare dalla generazione al pompaggio: nei gruppi binari perch e si deve invertire il senso del moto, nei gruppi ternari per potere innestare o disinnestare il giunto di collegamento con la pompa. La frenata deve inoltre essere rapida, principalmente per due motivi: la lubricazione dei cuscinetti dipende dalla velocit` a di rotazione, pertanto a basse velocit` a` e possbile che queste divenga insuciente con conseguente rischio di danneggiamento di questi organi meccanici;

95

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

essendo le centrali di pompaggio degli impianti di punta, devono, oltre a coprire normalmente una certa parte del diagramma dei carichi, essere in grado di fornire rapidamente energia a seguito di fuori servizio non programmati; la velocit` a nel passaggio dal pompaggio alla generazione ` e dunque fondamentale. ` possibile eettuare tre tipi di frenatura: la frenatura idraulica, mecE canica e elettrica. La frenatura idraulica consiste nello sfruttare le normali perdite per attrito viscoso che la girante della macchina idraulica genera per la rotazione nel vano riempito di acqua; dette perdite sono dipendenti dal quadrato della velocit` a, pertanto la frenatura idraulica ` e ecace alla velocit` a nominale, ma diviene sempre meno ecace al diminuire della velocit` a di rotazione. La frenatura meccanica consiste nel convertire lenergia cinetica del gruppo in energia termica, a mezzo di opportuni ferodi che aumentino lattrito sulle parti rotanti. Nel caso di gruppi ad asse verticale, la frenatura meccanica si realizza facilmente diponenedo i ferodi a creare una forza diretta secondo lasse di rotazione, naturalmente compensata dal supporto dellalbero. Al contrario, nel caso di asse orizzontale, la frenatura con ferodi genera una spinta che sollecita i cuscinetti, pertanto deve essere opportumente compensata oppure ricorrere ad una frenatura bilanciata con disco. La frenatura meccanica comporta lusura del ferodo, con conseguente produzione e messa in circolo di polveri metalliche; lusura ` e proporzionale al calore prodotto, quindi alla quantit` a di energia cinetica da smaltire: se un gruppo dovesse essere fermato con la sola frenatura meccanica, si avrebbe una enorme produzione di polveri metalliche che, depositandosi sui cuscinetti, potrebbero pregiudicare la meccanica del gruppo. Pertanto ` e evidente che la frenatura meccanica ` e utilizzata solo parzialmente. Inne, la frenatura elettrica prevede di dissipare lenergia cinetica in energia termica, previa conversione in energia elettrica. Si distingue la frenatura asincrona, in cui la sede della dissipazione di energia ` e il rotore, dalla frenatura sincrona, in cui ` e lo statore il luogo deputato alla dissipazione di energia. La frenatura asincrona pu` o ancora essere distinta in frenatura in corrente alternata e continua; la frenatura asincrona in corrente alternata si eettua scollegando la macchina sincrona dalla rete, chiudendo il circuito di campo su una resistenza e reinserendo la macchina in rete con due fasi invertite: in questo modo la macchina sincrona si comporta da freno asincrono, con scorrimento maggiore dellunit` a, assorbendo energia sia dalla rete sia dallalbero motore. La potenza assorbita si converte in energia termica 96

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

sui circuiti di rotore, ossia sul circuito di campo, sulla espansioni polari e sulla gabbia smorzatrice. Nella frenatura asincrona in corrente alternata non si ha soluzione di continuit` a fra frenatura ed avviamento in senso opposto, quindi la gabbia smorzatrice dovr` a essere opportunamente dimensionata per sopportare le conseguenti sollecitazioni meccaniche e termiche. Se la rete non ` e in grado di sopportare lassorbimento di corrente dovuto alla frenata in corrente alternata, si pu` o ricorrere alla frenata in corrente continua. La macchina sincrona ` e scollegata dalla rete, con lavvolgimento di campo chiuso su una resistenza, e successivamente alimentato in corrente continua, a stella o a triangolo come riportato in Figura 2.48. lo statore genera dunque un campo magnetico sso nello spazio, visto dallo statore come un campo rotante, per cui su di esso si inducono correnti, ossia un campo magnetico che, interagendo con il campo di statore, tende a frenare il rotore. Anche in questo caso i circuiti di rotore sono interessati da una intensa produzione di calore, pertanto sar` a necessario vericare che siano in grado di sopportare le conseguenti sollecitazioni.

(a) a stella

(b) a triangolo

Figura 2.48: Collegamenti per la frenatura asincrona in corrente continua Quando il rotore non ` e in grado di sopportare le sollecitazioni meccaniche e termiche indotte dalla frenatura asincrona, si pu` o ricorrere alla frenatura sincrona: la macchina sincrona ` e fatta funzionare come un alternatore, con gli avvolgimenti di armatura chiusi su una resistenza trifase di valore pari a circa 10 Ra , essendo Ra la resistenza del circuito di armatura. Il circuito di campo ovviamente continua ad essere alimentato ed il sistema di eccitazione deve essere in grado di fornire la corrente di eccitazione nominale anche a velocit` a ridotta. Generalmente la frenatura dei gruppi di una centrale di pompaggio ha inizio con la frenatura idraulica, che prosegue nch e la velocit` a di rotazione non 97

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

` e scesa al di sotto del 50% 60% della velocit` a nominale. SUccessivamente ha inzizio la frenatura elettrica: per i gruppi binari si utilizza la frenatura asincrona in corrente alternata, per cui il gruppo si ferma e riparte in senso opposto senza che vi siano ulteriori fasi intermedie. Per i gruppi ternari invece si pu` o ricorrere alla frenatura asincrona in corrente continua, e allora si dovr` a provvedere a rinforzare la gabbia smorzatrice, ovvero alla frenatura sincrona. Inne la frenatura ` e completata dalla frenatura meccanica, ove sia necessario.

2.5

Centrali mareomotrici

Le centrali mareomotrici sfruttano le variazioni di livello, ossia le maree, causate dallattrazione gravitazionale che il sole e la luna esercitano sulla terra. Per realizzare una centrale di questo tipo ` e necessario individuare una zona in cui le mearee abbiano unescursione notevole e uninsenatura che sia facilmente sbarrabile. Lo sbarramento ha la funzione di creare un dislivello suciente alla produzione di energia, impedendo il naturale uire della corrente di marea dal mare verso terra e viceversa. Si utilizzano turbine a pale orientabili, specialmente turbine Kaplan che non necessitano di salti elevati n e di condotte forzate e possono funzionare in entrambi i versi di rotazione. Lunica centrale sinora funzionante ` e la centrale francese di St. Malo, in Bretagna, dotata di 24 gruppi di potenza nominale di 10 MW , per una totale potenza installata di 240 MW .

Figura 2.49: Centrale mareomotrice di St. Malo

98

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Capitolo Delle centrali termoelettriche

Nelle centrali termoelettriche lenergia elettrica si ottiene aatravreso una serie di conversioni di energia che prevedono uno stadio in cui si produce energia termica, ottenuta attraverso un processo di combustione o da altra fonte. Mentre le centrali idrolettriche sono classicate sulla base del loro principio di funzionamento, le centrali termoelettriche si suddividono in base alla macchina motrice utilizzata; possono dunque aversi centrali termoelettriche: con turbina a vapore; con turbina a gas; con motrice Diesel; a contropressione; In linea di principio, le centrali termoelettriche che sfruttano fenomeni di combustione per la produzione di energia termica potrebbero utilizzare qualsiasi tipo di combustibile: dal gase naturale ai riuti solidi urbani. Nel caso in cui si utilizzino combustibili fossili, si utilizza il residuo della distillazione frazionata del petrolio, che altrimenti non trovrebbe altro impiego. Non tutte le motrici, per` o, possono utilizzare qualsiasi combustilbile; e.g. le turbine a gas non possono essere utilizzate con combustbile solido. Per le turbine a vapore, non esistono limiti superiori di potenza; in pratica non si realizzano turbine di potenza superiore al centinaio di MW , per le turbine a vapore, o le decine di MW , per le turbine a gas, solo per ragioni tecniche di adabilit` a del sistema: realizzare una turbina di grossa potenza implica che il sistema elettrica entro il quale essa riversa energia sia in grado di tollerare limprovviso fuori servizio della stessa turbina. Il rendimento di una centrale termoelettrica raggiunge raramente il 40%, a patto di utilizzare particolari cicli di funzionamento elaborati; le centrali con turbine a gas, invece, non superano rendimenti del 30%, mentre le centrali con 99

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

motori Diesel a combustione interna raggiungono normalmente rendimenti del 40%. Questi impianti, per` o, sono i pi` u costosi dal punto di vista della manutenzione, che deve essere continua per evitare rischi di corrosione causati dagli incombusti. Le centrali a vapore sono invece pi` u economiche, contempi di fermata per manutenzione dellordine delle 2 3 settimane allanno e di 2 3 mesi al lustro. Anche per questi motivi, le centrali a vapore sono utilizzate come centrali di base, mentre le centrali a gas e con motori Diesel sono meglio impiegate come centrali di punta.

3.1

Principio di funzionamento

In linea di principio, allinterno di ogni centrale termoelettrica, si ha un uido che, tramite un ciclo, cenverte energia termica in energia meccanica, allinterno di una macchina termica a ci` o depuata, la turbina. Per ogni macchina termica il lavoro prodotto per unit` a di peso del uido lavorante ` e dato da:
1

Lm =
2

v dp

(3.1)

essendo v il volume specico del uido e p la pressione; ` e evidente che per massimizzare il lavoro prodotto dalla macchina termica ` e necessario scegliere uidi con volumi specici e salti di pressione elevati. Volendo eettuare un ciclo, si deve prevedere la presenza di unaltra macchina termica che riporti il uido in uscita dalla turbina alle condizioni che aveva allingresso della stessa: in particolare ` e necessario che la pressione del uido sia pari a quella in ingresso, pertanto la machcina da dover installare sar` a una pompa. Il lavoro assorbito, per unit` a di peso di uido, dalla pompa sar` a pari a:
3

Lp =

v dp
4

(3.2)

In questo caso, si evince che per minimizzare il lavoro speso si deve scegliere un uido lavorante con piccoli volumi specici; il lavoro utile che ` e possibile estrarre dal sistema sar` a pari alla dierenza tra il lavoro prodotto dalla turbina e il lavoro speso dalla pompa, quindi: Lu = Lm Lp quindi ` e necessario massimizzare il lavoro Lm e minimizzare il lavoro Lp ; si consideri per` o che i livelli di pressione delle due macchina sono ssati da 100

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

esigenza costruttive e tecniche, pertanto ` e possibile agire solo sul volume specico del uido. Sorge subito una contraddizione: il volume specico dovrebbe essere massimo nella turbina e minimo nella pompa; a mano di non eettuare qualche trasformazione sul uido, ci` o` e impossibile. Pertanto alluscita alla turbina deve essere posizionato un apparecchio capace di estrarre calore dal uido, in modo da diminuirne il volume specico, mentre alluscita dall pompa dovr` a essere installato un apparecchio duale, che fornisca calore al uido in modo da aumentarne il volume specico.

1 M

L_m Q_1 W Q_2 C L_p L_u

T 4 3

Figura 3.1: Schema di centrale termoelettrica La produzione di calore e relativo trasferimento al uido ha un rendimento che ` e circa pari al 83%; considerando invece il processo che include la trasformazione in energia meccanica nella turbina e la cessione di calore allambiente, questo ha un rendimento non superiore al 50%. Inne, lalternatore che converte lenergia meccanica in elettrica ha un rendimento del 95%. Per migliorare il rendimento complessivo si pu` o solo agire sulla macchina termica e sul ciclo termodinamico adottato.

3.2

I cicli termodinamici

Fra i tanti cicli che Madre Natura ha messo a nostra disposizione, sembrerebbe naturale adottare il ciclo di Carnot, il migliore disponibile sul mercato, composto da due trasformazioni adiabatiche e da due isoterme. Per adottare il ciclo di Carnot deve essere possibile fornire e prelevare calore dal uido a tempratura costante ed inoltre compremere ed espandere il 101

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

uido adiabaticamente, senza ci` o scambi di calore con lesterno. Se turbina a compressore sono ben coibentati, considerato il breve tempo di permanenza del uido allinterno di essi, ` e possibile considerare adiabatiche dette trasformazioni. I ussi di calore isotermi sono invece praticamente impossibili; lunico modo per realizzare un usso di calore ` e mantenere costante la pres` per` sione. E o possibile tentare la ricerca di una trasformazione isobara che sia anche isoterma: queste trasformazioni esistono e sono quelle che si hanno in concomitanza dei passaggi di stato; pertanto il sistema termico dovr` a lavorare con il uido nella zona dei vapori saturi.
Q_1 T

3 Q_2

Figura 3.2: Ciclo di Carnot nel piano S T Si considera che il uido utilizzato abbia le stesse caratteristiche del gas perfetto, per cui le molecole non interagiscono fra loro in alcun modo e i calori specici sono costanti al variare di pressione e temperatura. Dopo che ` e stato scelto il uido da utilizzare, si ottimizza il ciclo limite, ossia il ciclo termodinamico in cui il uido utilizzato ha le sue caratteristiche reali, ma si trascura la viscosit` a; il ciclo limite ` e utilizzato per ottimizzare la macchina termica, sulla base del uido scelto. Inne, considerando anche la macchina reale, si ottiene il ciclo reale. Indicati con i , l e r rispettivamente i rendimenti dei cicli ideale, limite e reale, si denisce rendimento interno il rapporto fra il rendimento reale ed il rendimento limite.

102

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.2.1

Il ciclo di Carnot

Com` e noto, il rendimento del ciclo di Carnot, in funzione delle temperature T1 massima e T2 minima, ` e dato da: = T1 T2 T1
T

(3.3)

T_1

T_1

T_2 S

Figura 3.3: Perdite per irrevesibilit` a nel ciclo di Carnot Il rendimento dunque aumenta quanto maggiore ` e la dierenza fra la temperatura massima e la tempratura minima; nel contempo per` o diminuisce larea del ciclo, quindi il lavoro prodotto. Infatti, come ` e possibile vericare in Figura 3.3, il ciclo di Carnot deve, per le considerazioni fatte prima, essere sottostante alla curva a campana che delimita la zona dei vapori saturi. Au mentando la temperatura T1 al valore T1 diminuisce complessivamente larea del ciclo, sebbene aumenti il rendimento. Si consideri inoltre che, nel ciclo reale, le trasformazioni adiabatiche non sono aatto isoentropiche, per cui bisogna tenere in conto leetto delle perdite per irreversibilit` a, che aumenta con laumentare della temperatura T1 . Ancora, si consideri che la temperatura del punto triplo dellacqua non ` e molto elevata, per cui non si avrebbero in ogni caso rendimenti superiori al 50%. Si consideri la Figura 3.4: dal punto 1 al punto 2, ossia duante lespansione adiabatica, la turbina deve lavorare con un uido bifase a titolo di vapore decrescente; similmente, durante la compressione 23 adiabatica, il compressore lavora con un uido bifase a titolo decrescente. Ci` o provoca dei problemi al corretto funzionamento di questi dispositivi in quanto, per la dierenza fra i volumi specici del liquido e del vapore, i letti di uido non avranno un comportamento simile fra loro. Questo equivale a dire che, considerato il 103

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

T_1

T_2 3 2 S

Figura 3.4: Ciclo di Carnot reale e ideale ciclo reale in blu della Figura 3.4 e considerate le perdite per irreversibilit` a che si generano nelle trasformazioni adiabatiche, il ciclo di Carnot ideale nelle medesime condizioni ` e quello indicato in verde, con unarea nettamente maggiore: la dierenza di area ` e quella che si perde nella traduzione reale del ciclo ideale. Se ne pu` o quindi dedurre inne che il ciclo di Carnot, sebbene realizzabile, non ` e ottimale, a causa delle invitabili irreversibilit` a che si generano nel funzionamento reale.

3.2.2

Il ciclo Rankine

Nel ciclo Rankine il uido ` e rareddato no a portarlo in condizioni di liquido saturo; successivamente, tramite una pompa, si porta la sua pressione sino al valore di ingresso dalla caldaia, entro la quale il uido ` e riscaldato e quindi e in realt` a praticamente fatto evaporare. Il tratto 34, riportato in Figura 3.5, ` indistinguibile consideranto che mentre il T sul tratto 12 ` e dellordine delle centinaia di gradi, il T del tratto 34 ` e dellordine dei decimi di grado, pertanto la sua rappresentazione ` e esagerata. Larea del lavoro ` e aumentata, rispetto al ciclo reale di Carnot con le stesse temperature massima e minima, quindi ` e aumentato il lavoro massico, ma peggiora il rendimento del ciclo. Il ciclo Rankine pu` o essere rivisto come composizione di due cicli, di cui uno triangolare ed un ciclo di Carnot. Il rendimento complessivo, in funzione dellentalpia posseduta dal uido nelle varie fasi del ciclo, ` e pari a: = (h1 h2 ) (h4 h3 ) L = Q1 h1 h4 (3.4)

104

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

T 5 1

4 2 3 2 S

Figura 3.5: Ciclo Rankine nel piano S T Essendo il calore fornito a pressione costante, ` e possibile esprimerlo come dierenza di entalpia, quindi: = Q1 Q2 (h1 h4 ) (h2 h3 ) = Q1 h1 h4 T Q1,T C Q1,C LT + LC = + Q1 Q1,T + Q1,C Q1,T + Q1,C (3.5)

ovvero, considerati i rendimenti dei due cicli componenti: = (3.6)

avendo indicato con il pedice T le grandezze relative al ciclo triangolare e con il pedice C le grandezze relative al ciclo componente di Carnot. Per variare il rendimento del ciclo Rankine, non ` e possibile agire sulla temperatura inferiore, in quanto questa ` e ssata dal pozzo freddo e dipende dal coeciente di scambio termico tra il uido lavorante e il refrigerante; ` e possibile aumentare tale coeciente aumentando la velocit` a del uido lavorante, ma ci` o implica ladozione di provvedimenti costosi e, in ogni caso, ` e possibile solamente avvicinare la temperatura minima alla temperatura del ` invece possibile agire sulle condizioni iniziali del uido; conpozzo freddo. E siderando la Figura 3.5, si immagini di spostare il punto 1 di ingresso in turbina nel punto 1 : aumenta larea del ciclo tringolare, diminuisce larea del ciclo di Carnot ma nel contempo aumenta il suo rendimento. Per valutare leetto nale si deve eettuare unanalisi pi` u approfondita. Si faccia riferimento alla Figura 3.6 e si consideri lentalpia posseduta dal uido nel punto 3 come riferimento di entalpia base. Spostando il punto 1 di inizio ciclo sul diagramma di Mollier, si ottengono tutti i possibili cicli 105

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

L Q_1 4 3 n_x L_x Q_x S _1 _2 2 Q_2

Figura 3.6: Ciclo Rankine nel piano h S Rankine: quando il punto 1 si trova sul massimo del diagramma, si ottiene il ciclo a massimo calore fornito. Il lavoro dipende invece dalla distanza fra il punto 1 e il segmento 23, pertanto si ottiene il ciclo Rankine a lavoro massimo quando il punto 1 ` e posto in corrispondenza del punto dotato di tangente parallela al segmento 23. Ancora, si ha il rendimento massimo quando ` e massima la quantit` a: =1 Q2 AB tan 2 = 1 Q1 AB tan 1

ovvero quando ` e massimo langolo 1 . Il ciclo Rankine elimina il rischio di malfunzionamento della pompa, in quanto lavora con un uido monofase in fase liquida. Pertanto, pur avendo un rendimento termodinamico inferiore, il ciclo Rankine ha un rendimento globale superiore ad un impianto che adotti il ciclo di Carnot. La turbina lavora per` o ancora con un uido bifase, nella zona dei vapori saturi, quindi il suo rendimento interno rimane basso.

3.2.3

Il ciclo Hirn

Il ciclo Hirn ` e anche detto, per evidenti motivi, ciclo Rankine con surriscaldamento; dopo che il uido ha raggiunto lo stato di vapore saturo, anzich e entrare in turbina ` e inviato al surriscaldatore, che lo porta allo stato di vapore surriscaldato; dopodich e entra in turbina, espletando la fase di espansione. Questa, in parte, avviene ancora come vapore saturo ma, a dierenza del ciclo Rankine, ci` o ha inuenza solo negli ultimi stadi della turbina e con un titolo nale ancora accettabile, pari a 0,83. 106

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

T 1 1

5 2 Q_1 W 4 Q_2 4

p_1

p_0 3 3

2 S

(a) Schema costruttivo

(b) Diagramma T S

Figura 3.7: Ciclo Hirn Il rendimento termodinamico ` e ancora peggiorato, rispetto al rendimento del ciclo di Carnot, tuttavia il rendimento gloabale ` e ancora pi` u elevato del ciclo di Carnot e del ciclo Rankine, per il miglioramento del rendimento interno della turbina. Mentre nel ciclo Rankine lo scambio del calore di riscaldamento ed evaporazione Q1 avviene a pressione costante, dalla temperatura c del pozzo freddo alla temperatura h massima, nel ciclo Hirn si aggiunge una trasformazione con fornitura di calore a temperatura ancora pi` u elevata. I tubi metallici, a tali temperature, non hanno la resistenza che invece possiedono a pi` u basse temperature e si comportano invece come uidi ad altissima viscosit` a. Il ciclo Hirn ` e per questo motiv rimasto una curiost` a nch e non fu possibile realizzare tbature metalliche in grado di sopportare le sollecitazioni termomeccaniche che implicava. Nei reattori nucleari, in aggiunta, si hanno anche sollecitazioni dovute a ussi di neutroni che minano la struttura cristallina del metallo; pertanto non ` e possibile utilizzare un ciclo Hirn e si utilizza invece un ciclo Rankine modicato. Nel ciclo Hirn si hanno due parametri iniziali, la pressione p1 e la temperatura 1 , e due parametri nali, p0 e 0 , non tutti indipendenti, per un totale ` possibile esaminare la variazione del rendidi tre parametri indipendenti. E mento del ciclo in funzione della variazione di ciascuno di questi parametri iniziali. Variazione della pressione p0 Si supponga di diminuire la pressione p0 di ingresso al condensatore, portandola e.g. ad un valore p2 < p0 ; come ` e

107

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

possibile vericare in Figura 3.8, larea del ciclo aumenta, ma aumenta anche il calore fornita durante la fase di riscaldamento 4 4.
T 1

p_1

4 4 3 p_0 3 2 S 2

Figura 3.8: Diminuzione della pressione di ingresso al condensatore Il rendimento del ciclo modicato a pressione p2 ` e pari a: 1 = Si ponga: = L L + = 0 + v Q1 Q1 L + L Q1 + Q1 (3.7)

essendo 0 il rendimento iniziale del ciclo Hirn originario e v un rendimento virtuale : questo, sebbene lo sia dimensionalmente, non ` e sicamente un rendimento. In generale si ha che: 0 < 1 < v quindi, per vericare che eettivamente la diminuzione della pressione p0 produca un aumento di rendimento, si deve vericare che v > 0 . Sperimentalmente si verica che v [1, 3; 1, 7], pertanto si verica che diminuire la pressione di ingresso al condensatore produce un aumento del rendimento termodinamico. Resta da vericare cosa accade al rendimento globale; il titolo del vapore negli stadi nali della turbina diminuisce, quindi, per la mggiore presenza di fase liquida, peggiora il rendimento interno della turbina. Si consideri inoltre che, al diminuire della pressione, aumenta il volume specico del uido; allinterno della turbina la portata ponderale ` e costante, 108

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

dato che non ` e possibile che il uido si accumuli allinterno della turbina, quindi la sezione di passaggio del uido deve aumentare lungo la turbina, per poter consentire il passaggo del vapore, di volume specico molto pi` u elevato del liquido. Diminuire la pressione p0 implica quindi un aumento della sezione di passaggio degli ultimi stadi della turbina; aumentando per` o le dimensioni della parte mobile della turbina, ossia delle pale, aumentano anche le sollecitazioni centrifughe sulle stesse. Le pale dovranno quindi essere pi` u ecacemente dimensionate e tutto ci` o porta ad un aumento di costi di realizzazione della turbina. Inoltre, al diminuire della pressione p0 , diminuisce la temperatura di condensazione: la temperatura del pozzo freddo ` e per` o imposta dallambiente, pertanto si ` e costretti a migliorare il processo di scambio termico allinterno del condensatore; per far ci` o` e possibile: aumentare la supercie di scambio tra uido e refrigerante, aumentando gli ingombri e i costi impianto del condensatore; aumentare la velocit` a del uido refrigerante, aumentando la portata e quindi installando pompe pi` u grosse con maggiori perdite e consumi. Se ne evince che la diminuzione della pressione allingresso del condensatore, sebbene comporti un aumento del rendimento termodinamico, non produce una diminuzione dei costi e pu` o comunque portare ad una diminuzione del rendimento globale dellimpianto. Variazione della pressione p1 Si mantenga inalterata la temperatura iniziale 1 e si aumenti invece la pressione iniziale di ingresso in turbina, dal valore p1 al valore p1 , come riportato in Figura 3.9.
T 1 p_1 5 p_1 1

4 4 3 p_0 2 2 Q_2 S

Figura 3.9: Aumento della pressione di ingresso in turbina 109

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

` possibile dimostrare che il ciclo modicato ed il ciclo originario hanno E la stessa area, per cui il lavoro massico che ` e possibile estrarre dai due cicli ` e quasi lo stesso. Il rendimento invece aumenta, in quanto ` e diminuita la quantit` a di calore che viene scambiata con il pozzo freddo; essendo il rendimento dato da: 2 = 1 Q2 Q1

` e evidente che esso aumenti. In altro modo, ` e possibile intuire che il rendimento aumenta in quanto ` e aumentata la temperatura h,av media di fornitura calore. Anche questo provvedimento per` o porta con s` e una serie di inconvenienti, che potrebbero causare un peggiormaneot globale del rendimento interno; lespansione del vapore in turbina avviene per un tratto maggiore entro la zona dei vapori saturi, quindi negli ultimi stadi della turbina si ha una miscela bifasica a pi` u alto titolo di liquido, con conseguente peggioramento del rendimento interno; la caldaia deve lavorare con un uido a temperatura e pressione maggiori, quindi si hanno maggiori sollecitazioni termomeccaniche sui componenti, cosa che comporta un aumento dei costi di dimensionamento della caldaia; la turbina dovr` a essere dimensionata con pi` u accuratezza; i primi stadi, infatti, dovranno essere maggiormente dimensionati, dato che sono sottoposti a pressioni maggiori. Variazione della temperatura iniziale 1 Supponendo di aumentare la temperatura iniziale di ingresso in turbina 1 , mantenendo inalterata la pressione iniziale p1 , si ottiene il ciclo Hirn riportato in Figura 3.10. Larea del ciclo modicato ` e maggiore dellarea del ciclo originario, quindi aumenta il lavoro massico; ci` o si traduce in una riduzione della portata lavorata, a parit` a di energia prodotta dallimpianto, quindi in una possibilit` a di costruire impianti con minori ingombri. Il rendimento del ciclo modicato, detti L e Q1 le variazioni di lavoro e calore fornito rispetto al ciclo originario, ` e pari, in accordo allEquazione 3.7, a: 3 = L + L Q1 + Q1

110

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

1 T 1

p_1

4 3

p_0

2 Q_2 S

Figura 3.10: Aumento della temperatura di ingresso in turbina per cui, ponendo: L Q1 L a = Q1 0 = essendo stavolta il rendimento a corrispondente ad un rendimento sico del ciclo aggiunto 11 2 2, si ottiene inne che: [0 ; a ] Quindi, per stabilire se al ciclo modicato compete unrendimento pi` u elevato, ` e necessario stabilire se sia maggiore il rendimento 0 del ciclo originario o il rendimento a del ciclo aggiunto. Considerato che la temperatura media c,av di estrazione calore ` e identica per i due cicli, ma che la temperatura media h,av di fornitura calore ` e maggiore nel ciclo aggiunto, si evionce facilmente che a > 0 , per cui il rendimento del ciclo modicato ` e maggiore del ciclo originario. Si consideri per` o che: il surriscaldatore che deve operare nel tratto 11 ` e sottoposto a maggiori sollecitazioni termiche, quindi dovr` a essere meglio dimensionato; gli ultimi stadi della turbina lavorano con una miscela bifasica a minor titolo di liquido, quindi migliora il rendimento interno della turbina. 111

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Nella pratica realizzativa degli impianti di produzione termoelettrici, i valori tipici dei parametri caratteristici sono i seguenti. 1 atm 100 p1 = 300 atm 1 = 600 C p0 =

(3.8)

Caratterizzazione del ciclo Hirn Si propone adesso di calcolare le quantit` a di sostanze lavoranti necessarie per produrre una quantit` a di energia pari a 1 kW h. Il lavoro ottenuro dallespansione dle vapore in turbina ` e dato dalla dierenza di entalpia posseduta dal uido in ingresso ed in uscita dal uido; facendo quindi riferimento alla Figura 3.7, si ha che: gv (h1 h2 ) i e = 860 (3.9)

detti gv i grammi di vapore, incogniti, necessari per produrre lenergia richiesta di 1 kW h, equivalente a 860 cal, i il rendimento della turbina e e il rendimento dellalternatore. Si ottiene quindi che: gv = 4 5 kg/kWh Per stabilire quanti grammi gc di combustibile sono necessari per produrre gv grammi di vapore, ` e necessario calcolare la quantit` a di calore fornita, pari alla dierenza di entalpia h1 h4 del uido fra lingresso e luscita della caldaia; ` e ancora necessario conoscere il potere calorico k del combustibile utilizzato ed il rendimento c della combustione. Per cui si ha che: gv (h1 h4 ) = gc kc ottnendo quindi che: gc = 100 400 g/kWh Il vapore esausto deve essere rareddato e condensato, per cui si dovr` a utilizzare un certa quantit` a ga di acqua per il rareddamento. Considerata la quantit` a di calore estratta, proporzionale alla dierenza di entalpia h2 h3 fra lingresso e luscita del condensatore, il calore specico cp a pressione costante dellacqua e la dierenza di temperatura fra il vapore esausto e lacqua di refrigerazione, si ottiene che: gv (h2 h3 ) = ga cp (3.11) 112 (3.10)

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

ossia, in media: ga = 100 150 kg/kWh Non si considera un rendimento di refrigerazione, dato che se il calore del vapore ` e disperso nellambiente ` e tutto grasso che cola. Un impianto termoelettrico ha, come ` e stato gi` a detto, un rendimento medio del 40%; ci` o signica che su 100 cal in entrata, ben 60 cal devono essere buttate nellambiente. Considerato che non ` e ambientalmente lecito 1 scaricare acqua di rareddamento bollente , ` e evidente che devono essere utilizzate diverse centinaia di kg di acqua di raredamento. La supercie utile allo scambio termico del condensatore ` e circa pari a 40 m2 /MW ; supponendo un impianto con una potenza installata di 600 MW , ne consegue un condensatore con una supercie di scambio pari a 24.000 m2 . Ovviamente non si possono utilizzare condensatori a fascio tubiero2 , pertanto si dovranno utilizzare particolari modalit` a costruttive volte a minimizzare lingombro; in ogni caso, il condensatore rimane sempre il componente pi` u ingombrante della centrale termoelettrica.

3.2.4

Il ciclo Hirn ipercritico

Fissata la temperatura 1 di ingresso in turbina, ` e possibile vericare che il ciclo Hirn a massimo rendimento ha una pressione di ingresso in turbina ipercritica; ulteriori aumenti di pressione conducono a cicli quasi tringolari, con temperature medie h,av di fornitura calore pi` u basse e dunque rendimenti minori. Il ciclo Hirn ipercritico implica che lespansione del vapore in turbina avvenga come vapore saturo, con formazione di fase liquida negli ultimi stadi della turbina; per questo motivo si provvede al risurriscaldamento del vapore a pressione subcritica: il vapore, in uscita da una prima turbina, ` e risurriscaldato ed inviato ad una seconda turbina, dove completa la sua espansione. Si considerino i cicli 1256 e 2342 riportati in Figura 3.11b; i rispettivi rendimenti, calcolando il calore scambiato attraverso le entalpie del uido nei
1 Anche se pu` o sembrare strano, un impianto termoelettrico deve garantire la vita marica che, eventualmente, si inltra nei circuiti di rareddamento del vapore: piccoli pesci, ma soprattutto plancton ed altri organismi microscopici. 2 Considerati i tubi da 3/4 inch, con uno sviluppo di 0,06 m2 /m, si dovrebbe utilizzare un condensatore a fascio tubiero di lunghezza complessiva pari a 400 km.

113

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Q_1

2 W 6 Q_2

(a) Schema costruttivo


T 1 3

6 5 2 4 S

(b) Diagramma T S

Figura 3.11: Ciclo Hirn ipercritico

114

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

diversi momenti del ciclo, valgono: (h1 h2 ) + (h2 h2 ) (h6 h5 ) (h1 h6 ) (h3 h4 ) (h2 h2 ) ii = (h3 h2 ) i = (3.12) (3.13)

Il rendimento del ciclo complessivo sar` a dato dal rapporto fra la somma del numeratore dellEquazione 3.12 e del numeratore dellEquazione 3.13 e la somma dei denominatori delle stesse. Come gi` a visto, per far si che il rendimendo del ciclo complessivo sia maggiore del rendimento del ciclo iniziale ` e necessario che risulti ii > i . Il rendimento ii sar` a tanto maggiore quanto maggiore risulter` a essere la temperatura media h,av di fornitura calore, considerato che la temperatura media c,av di estrazione calore ` e identica per i due cicli. Daltra parte ` e anche necessario considerare che il rendimento del ciclo complessivo ` e anche dato da: = i Qi ii Qii Li + Lii 1 1 = + ii i ii i ii Qi + Q Q + Q Q + Q 1 1 1 1 1 1 (3.14)

ii essendo Qi a di colare fornite ai due cicli componenti e Li e 1 e Q1 la quantit` Lii i rispettivi lavori. Ne consegue che non ` e suciente che sia ii > i in quanto il rendimento complessivo ` e pesato con le quantit` a di calore fornite. ii Pertanto, un ciclo aggiunto di risurriscaldamento con una h,av molto alta ii ma con una piccola quantit` a Q1 di calore fornita non incrementerebbe di molto il rendimento del ciclo complessivo. Il problema risiede nel trovare ii lottimo compromesso tra massimizzazione della h,av e della Qii 1 : se il ciclo di risurriscaldamento parte in vicinanza del punto 1, allora si avr` a il rendimento ii massimo e il peso Qii minimo; viceversa, se il ciclo di risurriscaldamento 1 parte in corrispondenza di un temperatura bassa, si avr` a il rendimento ii ii minimo e il peso Q1 massimo. Una soluzione quasi ottimale ` e far si che il ciclo di risurriscaldamento inizi non appena la temperatura del vapore ` e i divenuta pari alla h,av del ciclo base i. Dal punto di vista impiantistico, il risurriscaldamento comporta che il vapore in uscita dalla prima turbina, quindi con pressione relativamente bassa, deve essere riportato in caldaia, nel risurriscaldatore. Il volume specico del vapore a questo stadio ` e elevato quindi, per smaltire la stessa portata, sono necessarie tubazioni di sezione maggiore, con conseguente aumento di costo dellimpianto, anche per le necessarie coibentazioni delle tubature. Per questo motivo il ciclo Hirn ipercritico con risurriscaldamento non era utilizzato in passato, mentre oggigiorno si possono realizzare impianti anche con due risurriscaldamenti successivi: ovviamente in questo caso il criterio di ottimizzazione segue direttive diverse.

115

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.2.5

Il ciclo con rigenerazione

In accordo allEquazione 3.14, il rendimento del ciclo Rankine riportato in Figura 3.12 pu` o essere calcolato sulla base della somma, pesata alle quantit` a di calore fornite, dei rendimenti dei due cicli componenti: il ciclo triangolare e il ciclo di Carnot.
T

Q_1 4 1

3 2 2 S Q_1

Figura 3.12: Ciclo Rankine con rigenerazione nel piano T S


i Il ciclo triangolare abbassa molto il rendimento, dato che la sua h,av ` e ii molto minore della h,av del ciclo di Carnot. Questo eetto potrebbe essere annullato se la quantit` a di calore Qi 1 , fornita al ciclo triangolare, fosse fornita, anzich e dallesterno, dallinterno stesso del ciclo. Si immagini di far avvenire e secondo la lespansione del vapore secondo la trasformazione 12 , anzich trasformazione 12: cos` facendo si ottiene dallespansione lavoro e calore, questultimo che pu` o essere utilizzato per scaldare il liquido saturo no al punto di ebollizione. Termodinamicamente, il calore Qi e nullo, dato che 1 ` proviene dallinterno del ciclo, ` e il rendimento ` e dato solo dal ciclo ii di Carnot. Identico discorso pu` o essere fatto per il ciclo Hirn, riportato in Figura 3.13: eettuando unespansione parziale del vapore secondo la trasformaa di calore Qi zione 1 2 si ottiene la quantit` 1 da fornire al ciclo triangolare anch e non inuisca sul rendimento del ciclo complessivo. Si parler` a in questo caso di rigenerazione totale, in quanto tutto in calore necessario a portare il liquido saturo alla temperatura di ebollizione ` e fornito dal vapore che si espande. La rigenerazione implica che la macchina idraulica entro cui avviene la trasformazione a entropia decrescente deve essere sia una turbina, per poter

116

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

T 1 Q_1 4 1

3 2 2 S Q_1

Figura 3.13: Ciclo Hirn con rigenerazione nel piano T S permettere lespansione del vapore e lestrazione del lavoro, sia uno scambiatore di calore, per prelevare la quantit` a di calore Qi 1 da fornire al ciclo triangolare. La progettazione di una simile macchina pone serie dicolt` a: il uido permane allinterno della turbina per un tempo molto breve, quindi lo scambio termico non ` e favorito; si potrebbe aumentare la supercie di scambio, ma aumentare la supercie di un dispositivo con parti mobili non ` quindi preferibile estrarre il ` e esattamente quel che si dice una furbata. E calore assieme al uido lavorante, mediante una serie di spillamenti di vapore da eettuare in turbina; ogni spillamento conduce ad uno scambiatore di calore, preferibilemnte uno scambiatore a miscela, in modo da omogeneizzare il calore e i due uidi in ingresso. Ovviamente, cos` facendo la quantit` a di vapore che arriva al condensatore ` e minore: in teoria non sarebbe nenache possibile tracciare pi` u il diagramma sul piano T S , dato che la quantit` a di uido lavorante non si mantiene costante. Si trascura per` o questo eetto, per la piccola quantit` a di vapore spillato. La rigenerazione continua ` e eettuata mediante una serie di spillamenti, al limite innita, ciascuno dei quali che preleva una quantit` a innitesima dm di vapore. Si consideri unitaria la massa di vapore in uscita dal condensatore e si ponga pari a M la quantit` a di vapore spillata; ogni scambiatore vedr` a la massa in uscita dal condensatore, maggiorata della massa proveniente da tutti gli spillamenti precedenti. Supponendo che i punti a e b, riportati in Figura 3.14b siano rappresentativi delle condizioni termodinamiche di due spillamenti successivi in turbina, si ha che la quantit` a di calore dQ estratta dal generico spillamento dm ` e

117

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

2 Q_1 W dm 4 dm dm dm 3 1+dm Q_2

1+M T

(a) Schema costruttivo


1 a 4 b

3 2 S

dQ

(b) Diagramma T S

Figura 3.14: Rappresentazione della rigenerazione continua

118

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

pari alla dierenza di entalpia (ha hb ). Il grado di rigenerazione esprime la quantit` a di calore fornito al uido tramite la rigenerazione, rapportata alla totale quantit` a di calore da fornire anch e cominci la vaporizzazione del uido lavorante. R= hx h3 h4 h3
T Q_r Q_r1 Q_v Q_s 1

(3.15)

4 x

3 2 S

Figura 3.15: Rappresentazione schematica della rigenerazione parziale Indicato con la quantit` a di calore Qr1 fornita direttamente il caldaia per riscaldare il uido lavorante, si ha che il rendimento del ciclo Hirn, in assenza di rigenerazione, pu` o genericamente essere espresso come: 0 = 1 h2 h3 h1 h4 + (3.16)

In assenza di rigenerazione, infatti, si ha che = (h4 h3 ), mentre ponendo un generico grado R di rigenerazione, si avr` a che Qr1 = (1 R) . Il rendimento r del ciclo Hirn con rigenerazione sar` a quindi espresso come: r = 1 h2 h3 (1 + M ) [(h1 h4 ) + (1 R) ] (3.17)

Il denominatore di r ` e sempre maggiore del denominatore di 0 , per cui si avr` a sempre r > 0 . A seconda del numero di spillamenti eettuati, varier` a il grado di rigenerazione per cui si avr` a il massimo rendimento; infatti, per bassi valori di R si preleva poco vapore ed il prolo di temperatura rimane praticamente invariato: il rendimento complessivo non aumenta molto. Per valori di R maggiori varia molto la h,av ma aumentano anche le perdite 119

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

per irreversibilit` a, dato che si eettuano scambi termici con elevata . Ne consegue dunque che, almeno come intuizione, si avr` a il rendimento massimo con un solo spillamento quando il grado di rigenerazione ` e pari a 0,5. In presenza o in assenza di rigenerazione, non cambia la situazione al condensatore, ma cambia invece la qualit` a del calore fornito al uido, maggiore ` in presenza di rigenerazione, in quanto fornito a temperature maggiori. E ovvio che non ` e possibile realizzare la rigenerazione continua, quindi in realt` a si avr` a un numero discreto z di spillmaneti discreti. Il rendimento diventer` a quindi: r = 1 (1 +
z i=1

h2 h3 mi ) [(h1 h4 ) + (1 R) ]

(3.18)

Singolo spillamento Si consideri la Figura 3.15 e sia X il punto indicativo dello spillamento in turbina e x il punto termodinamico al termine dello spillamento. La quantit` a di calore estratta ` e pari a: m (hX hx ) = (hx h3 ) Considerate le Equazioni 3.16 e 3.17 si ha che il rendimento in presenza di rigenerazione ` e maggiore del rendimento in assenza di rigenerazione solo se: (1 + m) [(h1 h4 ) + (1 R) ] > h1 h4 + per cui si ottiene che: (1 + m) h1 h4 + h4 h3 (h4 h3 ) hx h3 > h1 h3 h4 h3 (1 + m) (h1 hx ) > h1 h3 h1 hx + mh1 mhx > h1 h3 m (h1 hx ) > hx h3 m (h1 hx ) > m (hX hx ) h1 > hX (3.19)

Lo spillamento deve dunque essere eettuato quando il vapore ha subito almeno unespansione parziale in turbina. Con buona approssimazione si pu` o considerare: m= R f (hX )

se si considera f (hX ) pari al suo valore medio I , allora: r = 1 h2 h3 f (R ) (3.20) 120

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

per cui, ponendo: df (R) =0 dR si ottiene il massimo rendimento in corrispondenza di R = 0, 5 e qui ci sta un oh di stupore generalizzato. Oltre questo valore, il peggioramento del rendimento dovuto allaumento delle perdite per irreversibilit` a ` e maggiore dei beneci della rigenerazione, per cui il rendimento gloabalmente peggiora. Doppio spillamento In presenza di due spillamenti ` e necessario installare tre pompe: la prima per portare la pressione del uido in uscita dal condensatore alla pressione del secondo spillamento; la seconda per aumentare la pressione del uido in uscita dal secondo spillamento no al valore di pressione del primo spillamento; inne, la terza per aumentare la pressione del uido in uscita dal primo spillamento no al valore di pressione in ingresso turbina.

p_1

p I

p II

p_0

Figura 3.16: Schema impiantistico di rigenerazione con due spillamenti Dopo aver ssato il grado di rigenerazione, ` e necessario stabilire come suddividerlo fra i due spillamenti. Dopo aver calcolato f (hX,2 ) e f (hX,1 ) si determina landamento di m1 e m2 in funzione di della quota di rigenerazione R2 . In base a ci` o` e possibile determinare come suddividere il grado complessivo di rigenerazione fra i due spillamenti. z spillamenti Si denisce un grado di rigenerazione parziale, pari a: Ri = hX,i hx,i 121

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Il calore fornito per rigenerazione Qr ` e dipendente soltanto dalla quantit` a di vapore spillato quindi se, ssata la quantit` a di calore ceduta Q2 , si vuole migliorare il rendimento bisogna agire proprio su detta quantit` a. Si supponga di aggiungere uno spillamento in modo da raggiungere il valore unitario del grado di rigenerazione; in queste condizioni la quantit` a di calore fornita dallesterno ` e:
z

Q1 =

1+
i=1

mi + mz +1

(h1 h4 )

A conti fatti, a causa delle perdite per irreversibilit` a, risulta che il calore fornito nel ciclo a R = 1 ` e uguale alla quantit` a di calore fornita nel ciclo originario, per cui lo spillamento aggiunto ` e del tutto inutile. A parit` a di grado di rigenerazione, invece, il rendimento aumenta allaumentare del numero di spillamenti; al variare del numero di spillamenti, le curve di rendimento, parametrizzate a diversi valori di R, sono tali che, in corrispondenza alla curva a R = 1, si ottengono valori uguali al massimo valore della curva a R inferiore. In conclusione si ottiene che: assegnati R e z , la ripartizione ottimale ` e quella per cui ogni spillmaneto smaltisce unuguale quota parte di grado di rigenerazione parziale Ri ; assegnato z , il grado di rigenerazione ottimale ` e pari a: R= z z+1 (3.21)

3.2.6

Il uido lavorante ideale

Il uido lavorante ideale per una centrale termoelettrica dovrebbe avere determinate caratteristiche, in particolare: calore specico cp a pressione costante di valore piccolo e costante al variare della temperatura, in fase liquida e gassosa; parametri termodinamici critici pi` u elevati possibile; pressione non elevata alla temperatura massima del ciclo e circa pari alla pressione atmosferica in corrispondenza alla temperatira minima; caratteristiche chimiche tali da non renderlo aggressivo verso metalli.

122

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Si consideri infatti che: dT dQ = cp dS = T p =k T Pertanto, nel diagramma S T , le pendenze sono pari a T /cp ; tanto minore ` e dunque il calore specico cp tanto maggiore sar` a la pendenza del segmento rappresentativo della fase di riscaldamento del uido, di conseguenza minori saranno le perdite per irreversibilit` a. Inoltre, se il uido ha parametri termodinamici critici elevati, ` e possibile inscrivere nel ciclo eettuato un ciclo di Carnot nella zona dei vapori saturi, potendo dunque sfruttare la zona inferiore della curva a campana del uido. Il dimensionamento della turbina ` e semplicato se alla temperatura massima del ciclo il uido non ha una pressione troppo elevata, mentre se alla temperatura minima la pressione ` e quasi pari alla pressione atmosferica, non si avr` a il rischio di inltrazioni di aria nel circuito. Lacqua ha caratteristiche abbastanza rispondenti a questi requisiti, ma i suoi parametri critici sono bassi; la tensione di vapore in corrispondenza alla temperatura minima ` e accettabile, ma non ha un buon comportamento alle alte temperature, pertanto ` e opportuno utilizzarla solo per sfrutare la parte inferiore del ciclo. Il mercurio ha invece parametri critici molto pi` u elevati tc = 1490C pc = 1540 atm e un calore specifco cp molto piccolo; per contro la pressione a 550 C ` e pari a 14,5 atm, il che ` e estremamente favorevole per il dimensionamento dei tubi rispetto allacqua, la quale alla stessa temperatura ha una pressione pari a 170 250 atm. Lunico inconveniente ` e costituito dal fatto che alla temperatura minima del ciclo Hirn, la pressione di vapore del mercurio ` e pari a 3, 7 106 atm. In conclusione il mercurio si presta bene al funzionamento come uido lavorante per la parte superiore del ciclo. Sembrerebbe quindi naturale pensare alla realizzazione di un ciclo binario acquamercurio, in cui uno scambiatore di calore funge da ponte di collegamento fra le due parti del ciclo. Il mercurio sar` a utilizzato per la parte superiore del ciclo, mentre lacqua coprir` a la zona inferiore del ciclo. Il ciclo del mercurio ` e un ciclo Rankine senza surriscaldamento, considerato che i parametri critici del mercurio sono piuttosto elevati e che il relativo diagramma S T ha una forma piuttosto appuntita. Il ciclo dellacqua ` e invece un ciclo Hirn, in cui il calore necessario alla vaporizzazione dellacqua ` e fornito dal mercurio in fase di condensa. Il calore fornito dallesterno ` e solo quello necessario a riscaldare e vaporizzare il mercurio. Le portate di uido nei due circuiti sono molto dierenti: indicando con mHg la massa di mercurio necessaria a riscaldare 1 kg di acqua si ha che: h5 h4 = mHg rHg 123

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

1 5 4 3

2 9

8 7 6 S

(a) Diagramma S T

1 Q_1

9 Q_1 W 4

2 Q_2

7 3 8

(b) Schema costruttivo

Figura 3.17: Ciclo binario acqua mercurio

124

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

essendo rHg il calore di condensazione del mercurio e ilo rendimento dello scambio termico fra mercurio e acqua. In generale si ottiene una portata di mercurio paria 10 volte la portata di acqua. Il rendimento termodinamico del ciclo binario ` e molto alto, pari circa al 65%, ma se si considera che servono ingenti quantit` a di mercurio e che questo, oltre ad essere costoso, ` e inquinante, tossico e corrosivo per i metalli, si capisce subito perch e non esistano numerose installazioni di questo ciclo.

3.3

Il costo equvalente della caloria

Si esaminino adesso quali sono termini che contribuiscono a formare il costo del kW h prodotto. Detti Ce i costi di esercizio, essi sono pari a: Ce = Ci (i + a) + Cf e + cve E (3.22)

essendo Ci i costi di impianto, opportunamente modicati con i tassi di ammortamento a e interesse i, Cf e i costi ssi di esercizio e cve i costi variabili di esercizio, per unit` a di energia prodotta; questo ` e in particolare dato da: cve = Ccal cal Cc 860 = kWh pc (3.23)

Si ` e indicato con Ccal il costo unitario della caloria, pari al rapporto fra il costo per unit` a di massa del combustibile e il potere calorico pc dello stesso; si ` e poi considerato che, per produrre un kW h di energia, sono necessarie 860 cal, a meno del rendimento dellimpianto di produzione. Il costo unitario del kW h ` e ottenuto divdendo i costi totali di esrcizio per lenergia prodotta, quindi: CkW h = Ce Ci Cf e Cc 860 = (i + a) + + E Ph Ph pc (3.24)

Per ridurre il peso che i costi variabili di esercizio hanno nellEquazione 3.24 ` e necessario aumentare il pi` u possibile il rendimento della centrale; in generale, tuttavia, provvedimenti volti allaumento del rendimento generano anche un ` evidente dunque che tali provvedimenti possoaumento dei costi impianto. E no essere giusticati solo se sono attuati su impianti di grossa potenza e con lunghi periodi di funzionamento, in modo che il peso del costo impianto sul costo del kW h sia inne ridotto. Si pu` o dunque aermare che per gli impianti di punta, caratterizzate da piccole potenze e brevi durate di funzionamento, saranna accettabili rendimenti molto bassi, che invece sarebbero inaccettabili per impianti termoelettrici di base, di elevata potenza e funzionamento quasi continuo. 125

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

pompaggio E_p

E_c

termoelt.

Figura 3.18: Suddivisione del diagramma di produzione Si supponga adesso che i costi ssi di esercizio Cf e possano essere espressi come percentuale del costo impianto Ci e che questo possa essere calcolato sulla base della potenza P installata nellimpianto; si ha allora che: Ce = Ci (i + a + e) + cve E = ci P (i + a + e) + cve E (3.25)

Se il fabbisogno energetico della rete fosse interamente coperto da centrali termoelettriche, per semplicit` a supposte tutte uguali fra loro, si avrebbe che: Ce,1 = ci,t (Pt + Pp ) (i + a + e) + cve (Et + Ep ) mentre introducendo anche le centrali di pompaggio: Ce,2 = ci,t Pt (i + a + e) + ci,p Pp (i + a + e ) + cve Et + Ep p (3.27) (3.26)

Lenergia richiesta dalle centrali di pompaggio ` e a carico delle centrali termoelettriche, pertanto bisogna considerare anche il rendimento p di queste ultime. In generale i costi dati dalle Equazioni 3.26 e 3.27 sono diversi; imponendo luguaglianza fra i due, ` e possibile ottenere il valore limite di costo impianto per cui sia conveniente o meno installare centrali di pompaggio. Ce,1 = Ce,2 ci,t Pp + cve Ep = ci,p Pp + cve Ep p

avendo inglobato allinterno dei costi ci, anche il tasso (i + a + e). Indicando con hp il rapporto fra lenergia prodotta dalle centrali termoelettriche e 126

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

lenergia prodotta dalle centrali di pompaggio, si ottiene che: ci,pl = ci,t cve hp 1 1 p (3.28)

` conveniente aggiungere al parco di produzione delle centrali di pompaggio E solo se il costo impianto relativo ` e inferiore al costo limite ci,pl dato dallEquazione 3.28. Detto costo limite ` e tanto maggiore quanto maggiore ` e il costo impianto delle centrali termoelettriche; aumenta inoltre con laumentare del rendimento p delle centrali di pompaggio e con il diminuire dei costi variabili di esercizio. Questultimo aspetto si spiega considerando che, col ridursi dei costi variabili di esercizio, ` e meno costoso mettere in funzione le centrali di pompaggio. Si supponga di calcolare il costo di esercizio di un generico impianto termoelettrico; in accordo allEquazione 3.22, si ottiene che: Ce,1 = Ci,1 (i + a) + Cf e + Ccal K1 E avendo indicato con K1 il consumo di combustibile per kW h prodotto. A questo punto si supponga di aumentare il rendimento dellimpianto; ` e evidente che, a causa della pi` u accurata progettazione, il costo impianto Ci,2 a seguito del migliramento sar` a pi` u elevato, mentre si ridurr` a il consumo K di combustibile a parit` a di kW h prodotto. Si ha dunque che: Ce,2 = Ci,2 (i + a) + Cf e + Ccal K2 E Se i due costi esercizio Ce,1 e Ce,2 sono uguali, allora laumento di costo impianto ` e perfettamente compensato dal risparmio di combustibile: Ce,1 = Ce,2 Ci (i + a) = Ccal K E Si denisce costo equivalente della caloria e lo si indica con cc,eq : cc,eq = Ccal Ci = Ph K i+a (3.29)

Il costo equivalente della caloria ` e un costo limite e rappresenta lincremento di costo impianto accettabile per caloria risparmiata tramite aumento del rendimento. Tanto maggiore ` e il costo equivalente della caloria, tanto pi` u converr` a investire nelimpianto per aumentare il rendimento. Aumenta con il costo del combustibile, con la potenza dellimpianto e con la durata di funzionamento. Riveste un importante parametro di confronto, in quanto ` e denito sulla base di parametri esterni allimpianto. 127

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.4

Il ciclo dei fumi

Allinterno delle centrali termoelettriche ` e possbile individuare diversi cicli, distinti in base alla sostanza che li compie. Si inizier` a esaminando il ciclo dei fumi di combustione.

3.4.1

Il processo di combustione

I processi di combustione consentono di avre densit` a di energia talmente levate da poter essere superate soltanto dalle reazioni nucleari. Nelle centrali termoelettriche si tende ad avere temperature di combustione sempre pi` u elevate, compatibilmente con la resistenza dei materiali refrattari e metallici utilizzati, in modo da ridurre al minimo le perdite di capacit` a di lavoro utile Lu . I combustibili pi` u utilizzati sono in genere combustibili fossili, composti di carbonio, idrogeno e zolfo. Dalla combustione, ovvero dallossidazione, di questi tre elementi si ottiene anidride carbonica CO2 , acqua H2 O e anidride solforosa SO2 : delle tre reazioni di ossidazione la pi` u esoenergetica ` e quella dellossigeno, mentre in realt` a lossidazione dello zolfo ` e pi` u dannosa che altro, considerato che, a seguito di successive reazioni, dalanidride solforosa si genera acido solforico che intacca le tubature metalliche. Si denisce potere calorico di una sostanza ` e la quantit` a di calore ottenuta dalla combustione dellunit` a di peso, se solida, o di volume, se liquida o gassosa, di detta sostanza. A causa dellumidit` a che ` e naturalmente alinterno del combustibile, una certa quantit` a di calore prodotta durante la combustione sar` a dissipata nellevaporazione dellacqua, che sar` a presente poi nei fumi sotto forma di vapore acqueo. Questo calore perso forma le cosiddette perdite per calore latente che potrebbero essere annullate rareddando i fumi no alla totale condensazione dellacqua in essi contenuta; in realt` a ci` o non ` e mai realizzato, in quanto si generebbero problemi di corrosione per la condensa di acido solforico. Il calore ottenuto dalla combustione completa del materiale ` e pertanto detto potere calorico superiore mentre, sottraendo a questa quantit` a il calore necessario allevaporazione dellacqua, si ottiene il potere calorico inferiore. In generale, maggiore ` e il contenuto di idrogeno nel combustibile, maggiore sar` a la dierenza fra i due valori. Ai ni del dmensionamento delle centrali termoelettriche, si utilizza sempre il potere calorico inferiore. Per realizzare il processo di combustione, oltre al combustibile, ` e anche necessario il comburente; la quantit` a di aria comburente necessaria non ` e mai pari alla quantit` a stechiometrica teorica, ma ` e sempre leggermente supe-

128

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

riore: ci` o a causa della dicolt` a che ha lossigeno a ossidare completamente il combustibile. Si denisce eccesso daria il supplemento di aria necessario alla combustione, rapportato alla quantit` a stechiometrica: = Var Vas Vas (3.30)

Leccesso daria diminuisce se e.g. il combustibile ` e nemente triturato, no a ridurlo alle dimensioni di polvere, in modo da aumentare la supercie di contatto fra combustibile e comburente. Allaumentare delleccesso daria si ha pertanto una diminuzione degli incombusti e un aumento della portata dei fumi. Allinterno della camera di combustione si ha un primo scambio termico tra i fumi caldi e il uido lavorante: la temperatura ` e molto elevata, intorno ai 1400 C , pertanto lo scambio termico avviene prevalentemente per irraggiamento. Alluscita della camera di combustione la temperatura dei fumi scende no a 900 C , per cui la scambio termico avviene per convezione. Al termine del ciclo dei fumi ` e posto il camino, il cui compito ` e disperdere i fumi nellambiente. Le perdite che si localizzano in questo ciclo sono: perdite dovute alla presenza di incombusti, diminuiscono allaumentare delleccesso daria; perdite dovute al calore sensibile, ossia allentalpia posseduta dai fumi alluscita del ciclo; perdite dovute al calore latente di vaporizzazione dellacqua. Gli incombusti generano problemi di incrostazioni sui tubi che veicolano il uido lavorante; dal punto di vista del tubo, infatti, il uido lavorante svolge la funzione di refrigerante, pertanto unincrostazione di cenere sul tubo, impedendo il corretto scambio termico, generano un aumento della temperatura della porzione sottostante di tubo, indebolendolo. Spesso inoltre queste ceneri sono corrosive per i metaali, quindi si aggiunge anche lerosione chimica. Nella camera di combustione, le ceneri sono normalmente in forma uida o semiuida: quando la cenere in questo stato si deposita su di un tubo a temperatura notevolmente inferiore, solidica senza aderire. Il problema delle incrostazioni si pu` o invece vericare sui surriscaldatori, a temperatura maggiore, su cui le ceneri possono solidicare e aderire; la soluzione consiste nellabbassare la temperatura delle ceneri no a renderle solide, impedendo di fatto lincrostazione, per questo motivo i surriscaldatori sono posti al termine della camera di combustione, anche se termodinamicamente sarebbe pi` u corretto porli allinterno. Se per` o la temperatura di surricaldamento 129

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

` e superiore a quella di fusione delle ceneri, il rischio di incrostazioni si ripresenta; il rischio ` e maggiore se le ceneri contengono sodio e vanadio, che abbassano la temperatura di fusione delle ceneri. Le incrostazioni corrosive sono in grado di corrodere anche lacciaio, pertanto potrebbe essere necessario aggiungere degli addittivi altofondenti al combustibile, anche se questo provoca un aumento delle ceneri che, essendo inquinanti, non possono essere scaricate nellambiente. Alternativamente si possono utilizzare combustibili a basso tenore di zolfo, eliminando il rischio di corrosione, ma non quello di incrostazioni. Il provvedimento pi` u utilizzato al riguardo ` e linstallazione di soatori di fuliggine in prossimit` a dei surriscaldatori. Esistono anche corrosioni a basse temperature dovute alla condensa di acido solforico; la presenza di acido nei fumi fa abbassare la temepratura di rugiada da 180 C a 45 C , pertanto si ha il maggior rischio di corrosione nelle parti temrnali del ciclo dei fumi. Lacido solforico pu` o essere eliminato: eliminando lo zolfo dal combustibile; diminuendo leccesso daria, provocando di contro un aumento degli incombusti; aggiungendo addittivi adsorbenti per lacido, causando un aumento delle ceneri. Un combusione ideale prevederebbe di bruciare tutto il combustibile con il minimo eccesso daria e sucessivamente recuperare tutto il calore dai fumi esausti; le due esigenze sono contrastanti, in quanto allaumentare delleccesso daria aumenta la portata dei fumi, e dunque il calore disperso. La completa combustione pu` o essere ottenuta polverizzando il combustibile; per aumentare la supercie di contatto fra comburente e combustibile ` e opportuno che si generi allinterno della camera di combustione una grande turbolenza, che mantenga in sospensione la polvere combustibile. Ci` o` e generato dal bruciatore, un componente fondamentale della camera di combustione. Questa si sviluppa su una supercie di circa 100 m2 con altezze di circa 10 m, le cui pareti sono costituiti dai tubi di vicolo del uido lavorante. Sulle pareti, attraverso piegature realizzate nei tubi, si aacciano i bruciatori, che possono essere posti sui lati paralleli o agli angoli. La forma ideale della camera di combustione sarebbe quella circolare, per assicurare uniformit` a di temperatura lle partei, ma per problemi costruttivi si ricorre alla forma quadrata. Laria comburente ` e addotta alla camra di combustione tramite la cassa daria; se i bruciatori sono frontali, allora la turbolenza ` e generata da appositi registri a pale orientabili, detti swirler, mentre se i bruciatori sono angolari ci` o non ` e necessario, in quanto gli stessi bruciatori con la loro disposizioni generano una turbolenza ciclonica. 130

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.4.2

I combustibili utilizzati

Il combustibile utilizzato pu` o essere gassoso e in questo caso la centrale ` e direttamente collegata al gasdotto ed ` e priva, per esigenze di sicurezza, di un serbatoio di stoccaggio. La camera di combustione dovr` a essere fornita di uno strato di materiale refrattario, per proteggere il materiale coibente dalle elevate temeprature raggiunte. Spesso, queste camere di combustione hanno una ridotta produzione di vapore e pongono dei problemi di dimensionamento, dato che il materiale refrattario ` e molto pesante. I tubi di veicolo del uido lavorante sono in generale appesi ad un sostegno superiore e lasciati liberi di espandersi; ` e infatti facile immaginare che le dilatazioni termiche siano un problema rilevante nelle centrali termoelettriche. Il combustibile liquido pu` o anche essere preriscaldato, per diminuirne la viscosit` a. La polverizzazione ` e realizzata in questo caso con un meccanismo simile agli spruzzatori da giardino: allolio combustibile ` e data una forte componente di velocit` a tangenziale, per favorine la diuzione a cono. Purtroppo, se la portata di combustibile varia, quindi se varia la velocit` a, la polverizzazione diventa inecace; la portata in arrivo al bruciatore dovrebbe essere mantenuta ` possibile allora costante, per mantenere lecacia della polverizzazione. E attuare la polverizzazione con ritorno, in cui la portata in arrivo al bruciatore ` e mantenuta costante ma ` e successivamente decurtata una quota parte per regolare la potenza della centrale, o ancora si aggiunge vapore dacqua al combustibile. Questultima ` e la soluzione pi` u semplice e in certi casi il vapore dacqua funge da catalizzatore per la combustione. La polverizzazione del combustibile solido fa si che possa non essere utilizzata la combustione a griglia, per cui la potenza della centrale, invece di essere legata alla supercie della camera di combustione, ` e funzione del volume della stessa. Il combustibile solido, in massima parte carbone, ` e polverizzato allinterno di appositi mulini; successivamente il polverino ottenuto ` e setacciato ed eventualmente rimacinato. Se il carbone che va al mulino ha un contenuto di umidit` a superiore all8%, non ` e possibile macinarlo direttamente ed ` e dunque necessario essiccarlo; il carbone umido ` e inviato entro un tubo allinterno del quale, in controcorrente, scorre aria calda: laria calda essicca il carbone e preleva il polverino generato per sfregamento. Aggiungendo un serbatoio per lo stoccaggio del polverino, ` e possibile svincolare il funzionamento del mulino dal livello di potenza generato dalla centrale. Il polverino pone per` o dei problemi di stoccaggio: sia per il rischio di autocombustione, sia per il rischio di compattamento del polverino e conseguente creazione del pi` u grosso matitone esistente al mondo. In assenza per` o di serbatoio, il funzionamento del mulino ` e asservito alla potenza generata in centrale. 131

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

La quantit` a daria necessaria per veicolare il polverino ed essiccare il carbone pu` o variare dal 10% al 70% della totale quantit` a daria necessaria alla combustione ed ` e detta aria primaria. Regolazione della portata La regolazione della portata di combustibile costituisce un problema per le centrali termoelettriche; la amma in camera di combustione non pu` o essere parzializzata spegnendo alcuni bruciatori e lasciandone accesi altri, in quanto il combustibile e laria comburente servono anche a refrigerare il bruciatore. Per evitare la fusione dello stesso sarebbe al pi` u possibile lasciare invariato il usso di aria, alterando per` o il funzionamento della camera di combustione. Pertanto ` e indispensabile regolare la portata al bruciatore; un problema che pu` o sorgere ` e il distacco della amma, che avviene se la velocit` a di erogazione del combustibile ` e maggiore della velocit` a del fronte della amma. Quando avviene il distacco della amma, si genera un accumulo di combustibile e comburente in vicinanza del bruciatore, accumulo che, se si raggiunge una grande quantit` a, pu` o generare seri rischi di esplosione.

3.4.3

Scambiatori di calore

Allinterno della camera di combustione, come ` e stato gi` a detto, i fumi hanno una temperatura molto elevata, pertanto lo scambio termico avviene principalmente tramite irraggiamento; solo quando la temperatura dei fumi, in uscita dalla camera di combustione, si ` e abbassata, lo scambio termico pu` o avvenre tramite convezione. Sorge lesigenza di proteggere i surriscaldatori, dimensionati per eettuare lo scambio termico tramite convezione con i fumi freddi, dallirraggiamento della camera di combustione, per tale motivo, luscita della camera di combustione ` e strozzata, in modo da creare una zona dombra in cui installare i surriscaldatori. Lultimo scambiatore di calore che i fumi incontrano, prima di essere considerati esausti e dunque scaricati nellambiente, ` e leconomizzatore, uno scambiatore di piccole dimensioni che serve a fornire al uido lavorante il calore necessario alla vaporizzazione che non ` e stato fornito tramite la rigenerazione. Pe recuperare parte delle calorie possedute dai fumi oramai esausti, si installa un preriscaldatore daria, la cui funzione ` e innalzare la temperatura dellaria destinata alla combustione. Il processo non subisce alcuna variazione, ma in questo modo si risparmiano parte delle calorie prodotte, dato che i fumi hanno una temperatura iniziale pi` u alta. Nel preriscaldatore lo scambio terico non avviene in condizioni ottimali, dato che si ha uno scambio termico fra due aeriformi; di conseguenza non si pu` o utilizzare uno scambiatore a fascio tubiero. Si utilizzer` a piuttosto uno scambiatore a masse metalliche, 132

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

tipo Ljiungstrom, costituito da un tamburo, diviso da setti metallici, rotante a basse velocit` a, tipicamente 2 3 rpm. I lamierini, riscaldati dai fumi, cedono calore allaria; il problema fondamentale del preriscaldatore ` e allora la tenuta: una eventuale fuga di fumi nellaria comburente provoca un inquinamento che peggiora la combustione, inoltre i fumi tendono a corrodere il preriscaldatore stesso.

3.4.4

I sistemi di depurazione

La depurazione del fumi esausti della centrale termoelettrica pu` o avvenire per via meccanica o per via elettrica, spesso queste metodologie sono utilizzate in combinazione, per aumentare lecienza della depurazione. La depurazione meccanica ` e eettuata allinterno di un particolare dispositivo, detto ciclone ; allinterno del ciclone il fumo tende a muoversi secondo traiettorie circolari: le particelle in sospensione nei fumi, con diverso peso specico, sono quindi centrifugate dal moto rotatorio dei fumi, precipitano e si depositano sul fondo, da dove sono poi prelevate. Il rendimento del ciclone, aumenta allaumentare della portata dei fumi, dato che aumenta la velocit` a di rotazione dei fumi. La ltrazione per via elettrica, o meglio elettrostatica, prevede lapplicazione di una tensione continua ad un cilindro metallico. La tensione, in genere pari a 30 50 kV , genera leetto corona che cattura le particelle solide in sospensione, che rimangono dunque incollate allelettroltro. Dette particelle sono rimosse scotolando il ltro, operazione questa spesso automatizzata. Il conduttore centrale ` e a sezione quadrata o triangolare, mentre lelettroltro ha sezione in genere esagonale. Il rendimento diminuisc allaumentare della portata, dato che i fumi stazionano per minore tempo allinterno del ltro; per ovviare a questo problema si dispongono pi` u ltri in parallelo. Considerato che landamento del rendimento per i due sistemi di depurazione ` e opposto, nello stesso impianto di utilizzano in parallelo entrambi i ltri, in modo che al variare della portata il rendimento di ltraggio complessivo si mantenga grossomodo costante: il rendimento nale ` e elevatissimo, pari circa al 99% ; ovviamente non ` e assolutamente detto che questi metodi siano utilizzati sempre correttamente, quindi non ` e in genere vero che tutte le centrali termoelettriche hanno un rendimento di ltrazione pari al 99%.

3.4.5

La movimentazione dei fumi

La movimentazione dei fumi potrebbe essere ottenuta tramite un camino; tuttavia, per garantire un corretto tiraggio, ` e necessario che il camino riesca 133

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

(a) ciclone

(b) elettroltro

Figura 3.19: Sistemi di depurazione

ciclone

elettrofiltro Q

Figura 3.20: Andamento del rendimento di depurazione

134

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

a coprire almeno le perdite di carico che si stabiliscono lungo il percorso dei fumi. Purtroppo le perdite di carico nei bruciatori sono molto elevate, pertanto il camino non potrebbe funzionare. Si ricorre pertanto a dei ventilatori e possono aversi due distinte soluzioni: tiraggio aspirato : un unico ventilatore posto alla base del camino, alla ne del percorso dei fumi; tiraggio forzato : un ventilatore posto allinizio del percorso dei fumi, prima della camera di combustione. Entrambe le soluzioni hanno pro e contro; col tiraggio aspirato, tutto il percorso dei fumi risulta essere in sottopressione, pertanto si ha il rischio di inltrazioni di aria nella camera di combustione. I fumi, al temrine del percorso, hanno inoltre un grande volume specico, quindi il ventilatore dovrebbe essere di grossa potenza ed essere esposto al rischio di corrosione. Col tiraggio forzato, invece, tutto il percorso dei fumi risulta essere in sovrapressione, quindi si hanno rischi di fughe di combustibile e maggiori oneri di dimensionamento. La soluzione ottimale prevede allora di installare due ventilatori, allinizio ed alla ne del percorso dei fumi, mantenendo la camera di combustione in leggere sottopressione, correndo il rischio di inltrazioni daria. Nel caso in cui il combustibile sia liquido o gassoso, si ` e constretti ad utilizzare il solo tiraggio forzato. Da quanto nora detto ` e evidente che il camino non rientra in sede di progettazione dei ventilatori; la lunghezza del camino ` e dunque dimensionata su criteri puramente ambientali e sulla base del regime dei venti. Pu` o inoltre essere a canna singola o multipla. Un altro componente che fa parte del circuito dei fumi ` e laerotermo, ossia unapparecchiatura utilizzata per riscaldare laria comburente nelle giornate particolarmente fredde, prima che questa giunga allo scambiatore Ljiungstrom, onde evitare il richio di condense corrosive.

3.5

Il ciclo del uido lavorante

Il uido lavorante, nelleettuare il ciclo termico che consente convertire lenergia termica in energia meccanica, attraversa diversi componenti quali gli scambiatori di calore primari e rigenerativi, gli evaporatori, i bollitori e i surriscaldatori. Lestrazione del lavoro dal uido avviene allinterno della turbina, a pressione decrescente. La fornitura di calore avviene invece a pressone costante, entro scambiatori a supercie; inne gli scambiatori rigenerativi sono del tipo 135

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

a miscela, in modo da poter svolgere anche le funzioni del degasatore, un componente la cui funzione ` e separare laria contenuta naturalmente allinterno del uido lavorante, tipicamente acqua.

3.5.1

La camera di combustione

Il calore scambiato entro la camera di combustione deve essere ceduto dai fumi caldi al tubo entro cui scorre il uido lavorante, deve quindi attravresare lo spessore del tubo e quindi essere ceduto al uido stesso. Detta dunque q la quantit` a di calore scambiata, si ha che: s q = f,e (tf te ) = (te ti ) = i,l (ti tl ) (3.31) avendo indicato con f,e il coeciente di scambio termico fra fumi caldi e parete esterna del tubo, con s lo spessore del tubo, con 1/ la conducibilit` a termica del materaile e con i,l il coeciente di scambio termico fra la parete interna del tubo e il uido. Si deduce dallEquazione 3.31 che: tf tl = q ossia: q = (tf tl ) 1 1 1 + + f,e e,i i,l
1

1 1 1 + + f,e e,i i,l

(3.32)

Come ` e stato gi` a detto, per le temperature che si raggiungono allinterno della camera di combustione, il usso di calore si trasmette essenzialmente per irraggiamento alle tubazioni; allinterno del tubo si trasmette invece per conduzione, mentre il coeciente di scambio tra tubo e uido dipende dalle condizioni del uido stesso. Il minore dei coecienti dellEquazione 3.31 ` e f,e , pertanto ` e anche quello pi` u penalizzate per lo scambio termico; si consideri infatti che il usso di calore q scambiato dipende essenzialmente dal salto di temperatura (tf tl ), pertanto una modica dei coecienti di scambio termico si traduce in una modica del prolo di temperatura. E.g. unincrostazione, modicando il coeciente f,e , causa un aumento della temperatura del tubo sottostante, con tutti i rischi di indebolimento che ne conseguono. Sulla base di quanto detto risulter` a evidente perch e in camera di combustione avviene levaporazione del uido. Si denisce temperatura media di parete: p = tl + q + q (3.33) t i,l e,i 136

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

il terzo addendo ` e praticamente ssato dalle caratteristiche geometriche e siche del tubo, dunque ` e funzione solo della quantit` a di calore q che uisce; la temperatura media di parete ` e un indice dello stato di salute del tubo: tanto pi` u questa ` e viciana alla temperatura del uido, tanto meglio si trova il tubo. La maggior parte del calore fornito al uido ` e quello della fase di vaporizzazione, quindi per tenere bassa la temperatura media ` e necessario ` agire sul coeciente di scambio termico i,l . E pertanto preferibile fornire calore in corrispondenza del cambio di fase, quando il uido ha una temperatura minore e un coeciente di scambio termico pi` u elevato. Quando invece il tubo ` e sottoposto a minori ussi di calore, si potranno accettare minori p e tenendo conto del fatto coecienti , sempre tentando di minimizzare la t che, e.g. in surriscaldamento, il uido pu` o essere in forma di vapore ed avere temperature pi` u elevate.

fumo

1 0 0 1 0 1 0 1 0 1 0 1 0 1 0 1 0 1 0 1 0 1

fluido

t_f t_l x

Figura 3.21: Andamento della temperatura nella camera di combustione In conclusione, per ottimizzare lo stato di salute termica dei tubi, in camera di combustione avverr` a il cambio di fase del uido, posizionandovi gli ebollitori che saranno sottoposti ad un intenso usso di calore ma saranno ben refrigerati dal uido lavorante, mentre i surriscaldatori saranno posti alla ne del ciclo dei fumi, quando la quantit` a di calore scambiata ` e minore e possiamo accettare scambi termici peggiori. Dal punto di vista termodinamico sarebbe stato pi` u opportuno fare lesatto contrario, in modo da avere sempre salti di temperatura minori, ma per salvaguardare i tubi ` e preferibile accettare un lieve aumento delle perdite per irreversibilit` a.

3.5.2

La crisi dellebollizione

Si esamini adesso il fenomeno dellebollizione e i problemi che pu` o comportare. Si supponga di avere una piastra metallica a temperatura tp uniforme 137

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

e regolabile, ricoperta dacqua a temperatura ta di satuazione alla pressione corrispondente. Il fenomeno dellebollizione attraversa diverse fasi, di seguito schematizzate; inizialmente il calore si trasmette al uido per convezione, per cui lacqua calda sale ed ` e sostituita da acqua fredda. Il moto convettivo aumenta con la temperatura, per cui il coeciente di scambio aumenta con il t. Successivamente comincia lebollizione a nuclei, prima a bolle singole, che si espandono e salgono in supercie, e poi a colonne, con un moto continuo di bolle di vapore verso la supercie. Il regime diviene tumultuoso, per cui il coeciente di scambio termico aumenta ancora di pi` u con il t. A questo punto si instaura una fase di transizione, instabile, per cui si forma sulla piastra metallica una pellicola di vapore che ostacola lo scambio termico. Con laumentare del salto di temperatura t, aumenta lo spessore della pellicola, per cui diminuisce. Inne, il calore si trasmette dalla piastra al uido non pi` u per convezione per cui aumenta nuovamente con il t.
ebollizione a nuclei q

d a transzione

ebollizione pellicolare stabile t

Figura 3.22: Andamento dellebollizione

convezione

138

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

La fase di transizione ` e instabile, per cui trovandosi nel punto b della Figura 3.22 e aumentando di poco il usso di calore q , la temperatura sale immediatamente no al valore corrispettivo al punto c; analogamente accade se il punto iniziale ` e il punto a e si supera il limite di stabilit` a in b. Laumento smisurato di temperatura che pu` o instaurarsi a seguito della crisi dellebollizione pu` o risultare deleterio per i tubi di veicolo del uido lavorante; lacciaio riscaldato si comporta infatti come se fosse un uido ad altissima viscosit` a. Indicando con la deformazione che si ha nellacciaio a temperatura t per data sollecitazione si ottiene un andamento come quello riportato in Figura 3.23.

Figura 3.23: Deformazione dellacciaio al variare della sollecitazione Per data sollecitazione, la deformazione indotta nellacciaio aumenta e successivamente si stabilizza, rimanendo costante per lungo tempo, nch e la deformazione non permane per un tempo tale da causare la rottura dellacciaio. Allaumentare della temperatura dellacciaio, aumenta la deformazione indotta e dimunuisce il tempo di rottura. Si deniscono: 0,2 , la deformazione permanente dello 0,2%, applicata per decine di ore; R /105 , la sollecitazione che causa la rottura dopo 105 ore; 1 /105 , la sollecitazione che induce una deformazione dell1% dopo 105 ore. Nota la temperatura di funzionamento del tubo, la pressione p del uido lavorante e il diametro De esterno, si dimensiona lo spessore s del tubo con 139

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

lEquazione 3.34. s= pDe 2 min {1, 60,2 ; 1, 6R /105 ; 1 /105 } + p (3.34)

3.5.3

La caldaia

La caldaia ` e il componente entro cui avviene il riscaldamento, lebollizione, il surriscaldamento ed, eventualmente, il surriscaldamento del uido lavorante ed ` e costituita da scambiatori di calore. La caldaia pu` o essere realizzata: a circolazione naturale, o in parallelo; a circolazione forzata, o in serie. Nelle caldaie a circolazione naturale, i tubi che costituiscono le pareti della camera di combustione sono raccordati fra loro da un colletore superiore e da uno inferiore. Il collettore ` e collegato direttamente al corpo cilindrico, collegato a sua volta al collettore inferiore dai tubi di caduta. Entro il corpo cilindrico si ha la produzione del vapore saturo, da inviare ai surriscaldatori, ed ` e continuamente rifornito di acqua, generata dalla condensazione del vapore esausto. Il uido allinterno dei tubi della camera di combustione ` e bifase, a basso titolo di vapore, e in essi si riscalda e in parte evapora. La miscela bifasica si raccoglie nel corpo cilindrico, dove ` e separata; lacqua pi` u fredda scende nei tubi di caduta, quindi torna in camera di combustione. La forza spingente che si genera in detto circuito ` e pari a: p = h (l m ) essendo h la dierenza di quota fra il pelo libero nel corpo cilindrico e il collettore inferiore, l il peso specico del liquido e m il peso specico della miscela bifasica. La circolazione di acqua allinterno del circuito avviene dunque spontaneamente per gravit` a, dato che la miscela bifasica pesa meno del liquido saturo; la circolazione naturale ` e inoltre stabile rispetto a variazioni casuali di portata: se la portata in un tubo diminuisce, la miscela bifasica permane per maggior tempo allinterno della camera di combustione, pertanto diminuisce il suo peso specico ed aumenta la forza spingente, aumentando la portata in quel tubo; analogamente per un aumento di portata. Lebollizione allinterno dei tubi ` e inoltre nucleata, quindi non si ha il rischio di crisi dellebollizione. Lacqua utilizzata come uido lavorante pu` o anche avere contenuti di sale non troppo bassi; il corpo cilindrico, infatti, favorisce il precipitare dei sali, 140

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

che rimangono nella fase liquida quindi ` e suciente eettuare uno spurgo periodico del corpo cilindrico. Lacqua spurgata, solitamente estratta dal condensatore, avr` a una certa temperatura, quindi si dovr` a prima prelevare il calore posseduto. Pu` o tuttavia vericarsi che goccioline di liquido siano trascinate assieme al vapore, per cui arrivate al surriscaldatore possono causare incrostazioni di sale; per questo motivo devono essere installati appositi ltri. Il biossido di silicio ` e per` o parzialmente solubile anche nel vapore, in quantit` a crescenti con la pressione. In turbina, al decrescere della pressione, si possono quindi avere dei depositi sulla pale, con conseguenti defomrazioni del prolo e riduzione del rendimento. Se la quantit` a di biossido di silicio disciolta nel vapore ` e inferiore a 0,025 ppm, il deposito in turbina ` e estremamente lento e pu` o essere rimosso nei normali cicli di manutenzione. Al variare della pressione, per` o, il quantitativo di biossido di silicio disciolto nel vapore deve rimanere costante e inferiore al limite massimo; si pu` o ricorrere al lavaggio del vapore, ossia laspersione del vapore con acqua nebulizzata che rubi il biossido al vapore.
vapore

h acqua

Figura 3.24: Caldaia a circolazione naturale Le caldaie a circolazione naturale hannmo un controllo pi` u limitato, in quanto hanno superci di scambio costanti con il carico, limitate dalla supercie del pelo libero del corpo cilindrico. Hanno inoltre unelevata inerzia termica, per cui riescono bene a superare i transitori di carico, ma nel contempo sono pi` u lente ad adeguarsi a grosse variazioni di carico. Sono quindi caldaie adatte ad essere installate entro centrali termoelettriche di base, destinate a servizi dinamici programmati. Aumentando la pressione del ciclo, per aumentare il rendimento, i pesi specici del liquido saturo e della miscela bifasica assumono valori troppo 141

111111111111111 000000000000000 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111

fumi

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

poco discosti per poter garantire una forza spingente suciente a creare la circolazione naturale. In particolare, nel punto triplo, la forza spingente sarebbe nulla. Si potrebbe aumentare la forza spingente aumentando la quota h e riducendo le perdite di carico, aumentando il diametro dei tubi; questa soluzione porterebbe pr` o allinstallazione di tubi dagli spessori eccessivi, con ` pertanto preferibile facilitare la pesanti ripercussioni sul costo impianto. E cicolazione, reintegrando la forza spingente in difetto con una pompa ausiliaria, ottenendo cos` la cosiddetta circolazione assistita. Poich e per` o il liquido su cui lavora la pompa ` e un liquido saturo, possono aversi fenomeni di cavitazione e conseguente malfunzionamento della pompa; deve dunque essere installata sottobattente, allingresso del collettore inferiore. La pompa pu` o inoltre sobbercarsi anche un aumento delle perdite di carico, quindi consente di installare tubi dal diamtro inferiore, rispetto alle caldaie a circolazione naturale. Se per` o la pressione ` e superiore alle 200 atm ` e obbligatorio ricorrere alla circolazione forzata. Nelle caldaie a circolazione forzata sparisce il corpo cilindrico e tutti i tubi scambiatori sono in serie: le perdite di carico conseguenti sono a carico di una pompa appositamente dimensionata. Ovviamente non esiste un unico tubo che raccorda tutti i tubi della camera di combustione in serie; piuttosto si hanno pi` u sezioni di tubi in parallelo, raccordati da due collettori allinizio e alla ne di ogni sezione, in modo da omogeneizzare le caratteristiche del vapore prodotto. Le caldaie a circolazione forzata sono state ideate originariamente per sopportare pressioni ipercritiche; poi sono state estese a pressioni ipocritiche ma di dicile applicazione a caldaie a circolazione naturale. Linerzia temrica di dette caldaie ` e molto minore, in quanto minore ` e la quantit` a dacqua che impiegano; i tubi sono inoltre a dimatreo minore, dato che le perdite di carico sono a carico della pompa. Ci` o consente in denitiva una pi` u semplice regolazione della potenza. Il punto di transizione dalla fase liquida alla fase aeriforme dipende, nelle caldaie a cicolazione forzata, dette anche caldaie di attraversamento, dal punto di lavoro; la supercie di scambio ` e quindi variabile e si adatta naturalmente ai mutamenti di portata. La regolazione della temperatura nale del vapore surriscaldato ` e quindi pi` u semplice. Le caldaie di attraversamento sorono per` o della cosiddetta instabilit` a di marcia, ossia disuniformit` a di portata nei tubi della camera di combustione, in particolare nelle caldaie a pressione ipocritica. Queste caldaie sono in genere compste da uno stadio di riscaldamento, uno di ebollizione, un separatore di umidit` a che consente di avere vapore al titolo del 97%, uno stadio di completa vaporizzazione e inne il surriscaldamento, mentre le caldaie ipercritiche hanno acqua fredda in ingresso e vapore surriscaldato in uscita, senza che vi sia una netta separazione fra liquido e vapore. Per una misce142

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

6 perdite di carico [N/m^2] a

0 0 1 2 3 portata [m^3/s] 4 5 6

Figura 3.25: Perdite di carico per miscela bifasica la bifasica le perdite di carico diminuiscono con laumentare della portata, quindi ci` o pu` o provocare fenomeni di instabilit` a. Non appena infatti al portata in un tubo supera il valore limite di stabilit` a, a causa della diminuzione delle perdite di carico, essa degenera in valori molto pi` u elevati. Nel caso in cui si abbiano e.g. due tubi in parallelo, si possono avere sei dierenti combinazioni: un tubo con portata stabile e piccola, laltro con portata stabile e maggiore; un tubo con portata stabile e maggiore, laltro con portata instabile; un tubo con portata stabile e piccola, laltro con portata instabile; entrami i tubi con portata stabile e piccola; entrambi i tubi con portata stabile e maggiore; entrabi i tubi con portata instabile; Se, com` e pi` u realistico, i tubi in parallelo sono dieci, sia avranno undici combinazioni stabili. Sommando punto per punto tutte le caratteristiche stabili 143

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

e le perdite di carico negli stadi d completa evaporazione e surriscaldamento, che sono crescenti con la portata in quanto il uido ` e monofase, si ottiene la caratteristica delle perdite di carico complessive. Data la caratteristica di prevalenza della pompa, ` e possibile che si abbiano diversi punti di funzionamento possibili e il passaggio da uno allaltro ` e casuale, dato che dipende da variazioni casuali di portata in alcuni tubi; ad ogni punto di funzionamento corrisponderanno un certo numero di tubi che lavorano con portata maggiore e altri che lavorano a portata mninore. Dato per` o che la potenza in camera di combustione ` e regolata sulla base della portata maggiore e che per il tubo il uido lavorante ` e unrefrigerante, si corre il rischio che i tubi con portata minore si danneggino. I rimedi possibili sono due e sono generalmente adottati unitamente: aggiungere una resistenza di carico aggiuntiva, in modo da eliminare linsellatura della caratteristica di carico e far si che in ogni tubo le perdite di carico siano monotone crescenti con la portata; dividere la caldaia in pi` u sezioni, con collettori di estremit` a, in modo da omogeneizzare le caratteristiche termodinamiche della miscela.
10 miscela resistenza risultante 8

perdite di carico [N/m^2]

0 0 1 2 3 portata [m^3/s] 4 5 6

Figura 3.26: Inserzione di una resistenza concentrata

144

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.5.4

Il surriscaldamento

Per salvaguardare i tubi, la circolazione del uido lavorante ` e in equicorrente alla circolazione dei fumi; questo, sebbene sia termodinamicamente scorretto in quanto si hanno salti termici sempre elevati, ` e necessario per prevenire il rischio di fusioni dei tubi. Per le caldaie ipocritiche pu` o sorgere un problema di regolazione della temperatura nale del vapore surriscaldato, che dovrebbe restare il pi` u possibile costante. La potenza sviluppata dalla centrale termoelettrica ` e proporzionale sia allarea racchiusa dal ciclo termodinamico impiegato sia al tempo che il sistema impiega a percorrerlo; pertanto, per variare la potenza, deve variare la velocit` a del ciclo, ossia la portata del uido lavorante, di conseguenza deve variare la portata di combustibile e di aria comburente. Nei fasci tubieri e nel circuito di fumi, ipotizzando un aumento di ptenza, circoleranno uidi a velocit` a maggiore; se la caldaia ` e ipocritica, quindi ebollizione e surriscaldamento sono separati e con superci di scambio sse, lebollizione avviene in camera di combustione con scmabio termico essenzialmente per irraggiamento. Lirraggiamento ` e sostanzialmente indipendente dalla portata dei uidi, pertanto il calore scambiato in camera di combustione ` e insuciente rispetto alle mutate condizioni di lavoro; al cntrario, nei surriscaldatori, lo scambio temrico avviene pr convezione e dunque aumenta la quantit` a di calore scambiata con laumentare della portata. Ne consegue un aumento della temperatura del vapore surriscaldato in uscita e, pi` u in generale, una dipendenza della temperatura del vapore surriscaldato dalle condizioni di funzionamento della centrale. Una soluzione consiste nel dividere lo stadio di surriscaldamento su due surriscaldatori, di cui uno sia posto allinterno della camera di combustione; in questo modo, al variare della portata, le variazioni di temperatura del vapore sottoposto ad irraggiamento e del vapore sottoposto a convezione si annullano, potendo cos` svincolare la temperatura del vapore dalla potenza richiesta. Ovviamente il surriscaldatore posto in camera di combustione pone dei problemi di dimensionamento, dato che il vapore surriscaldato ` e un cattivo refrigerante e dunque la temperatura media dei tubi sar` a maggiore. Per correttezza termodinamica, il uido lavorante incontra prima il surriscaldatore a convezione e poi il surriscaldatore irraggiato, mentre per i fumi ` e lesatto opposto, ossia si attua la circolazione in controcorrente; tuttavia, al ne di salvaguardare il pi` u possibile il surriscaldatore irraggiato, al suo interno la circolazione ` e in equicorrente. In realt` a la solzuione proprosta non ` e perfetta, pertanto si ottiene una ca` dunque necessario atratteristica di temperatura crescente con la portata. E tuare delle soluzioni aggiuntive, per poter regolare nemente la temperatura 145

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Figura 3.27: Disposizione dei surriscaldatori per caldaie ipocritiche del vapore surriscaldato. Si pu` o installare un attemperatore fra il surriscaldatore a convezione e il surriscaldatore a irraggiamento, ossia un dispositivo che, iniettando acqua nebulizzata nel vapore, ne abbassi la temperatura. Lattemperatore ` e posto fra i due surriscaldatori in modo da evitare che gocce di acqua raggiungano la turbina. Alternativamente, ` e possibile installare una valvla di bypass nel circuito dei fumi, in modo da diminuire la portata dei fumi che arrivano al surriscaldatore a convezione. Un altra soluzione possibile ` e eettuare il ricircolo dei fumi freddi in camera di combustione, diminuendo dunque la quantit` a di calore irraggiato e aumentando la quantit` a di calore scambiato per convezione. Il medesimo ricircolo pu` o essere attuato alla ne della camera di combustione, per evitare le incrostazioni di cenere uida sui surriscaldatori; in questultimo caso si parla di gas tempering. Inne si pu` o eettuare il brandeggio dei bruciatori, se questi sono disposti agli angoli. Il brandeggio consiste in una variazione dellinclinazione dei bruciatori, in modo da aumentare o diminuire la porzione dei tubi sottoposta ad irraggiamento.

111111111111111 000000000000000 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111 000000000000000 111111111111111

146

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.5.5

La turbina a vapore

Il principio di funzionamento delle turbine a vapore ` e lo stesso delle turbine idrauliche, con la dierenza che, mentre nelle turbine idrauliche lenergia estratta ` e principalmente dovuta allenergia di pressione del uido, nelle turbine a vapore lenergia estratta proviene principalmente dallenergia interna del uido ed ` e trascurabile lapporto dovuto allenergia di pressione. Ci` o non toglie che la variazione di energia interna del uido sia percepita macroscopicamente come una variazione di pressione. Applicando il teorema di Eulero fra le sezioni di ingresso e di uscita della turbina, riferendo il tutto ad assi inerziali, si ottiene che:
2 c2 1 c2 (3.35) 2 avendo indicato con w la dierenza di entalpia totale fra ingresso e uscita, con il primo addendo la dierenza di entalpia e con il secondo addendo la variazione di energia cinetica. Facendo riferimento ad assi non inerziali, si ottiene invece che:

w = (h1 h2 ) +

2 w1 u2 u2 w2 1 + 2 = h2 + 2 2 2 2 Considerando che:

h1 +

(3.36)

w = u1 c1 cos 1 u2 c2 cos 2 2 2 w1 = c2 1 + u1 2u1 c1 cos 1 2 2 w2 = c2 2 + u2 2u2 c2 cos 2 si ottiene che: w=


2 c2 1 c2 2

2 2 w2 w1 2

2 u2 1 u2 2

(3.37)

Si considerino dunque turbine elementari, ossi costituite da un solo statore e da un solo rotore; si supponga inoltre che il usso di vapore sia diretto secondo lasse della macchina, ovvero che la velocit` a assoluta del uido abbia ununica componente assiale. Si particolarizzi lEquazione 3.35 per lo statore: non producendosi lavoro si ottiene che: c2 c2 0 = h1 + 1 (3.38) 2 2 Per quanto concerne il rotore, essendo la velocit` a del uido assiale, la velocit` a periferica non subisce variazioni fra ingresso e uscita, per cui: h0 + w = u (c1,u c2,u ) 147

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

e ancora si pu` o ottenere dallEquazione 3.36 che:


2 2 w1 w2 h1 + + = h2 + 2 2

(3.39)

Si deduce quindi che lentalpia totale, riferita ad assi non inerziali, non subisce variazioni fra ingresso e uscita. Anche per le turbine a vapore si pu` o denire un grado di reazione, facendo riferimento al salto entalpico smaltito dalla girante rapportato al salto entalpico totale. R= h0 +
c2 0 2

h1 h2 h2 +

c2 2 2

(3.40)

Se le velocit` a del uido in ingresso e in uscita sono le stesse, allora lEquazione 3.40 diviene: R= h1 h2 h0 h2

Anche per le turbine a vapore si distinguono dunque le turbine ad azione e a reazione: nelle turbine ad azione, tutto il salto entalpico ` e smaltito sullo statore, quindi la pressione del uido in ingresso alla girante ` e pari alla pressione in uscita alla stessa. I condotti rotorici, inoltre, sono a sezione costante, mentre nelle turbine a reazione sono divergenti, in modo da consentire lespansione del uido e la conversione da energia di pressione a energia cinetica. Riassumendo, mentre nelle turbine ad azione il uido entra nella girante con un certo volume specico ed esce con lo stesso volume specico, nelle turbine a reazione il uido uscir` a con un volume specico maggiore. Fra le turbine ad azione si distinguono ancora quelle a pressione costante e quelle a entalpia costante. Per le prime, la trasformazione che compiono ` e la trasformazione 01 riportata in Figura 3.28. Il punto 0 ` e quello rappresentativo delle condizioni termodinamiche del uido allingresso dello statore; similmente, il punto 1 rappresenta luscita dallo statore, con entalpia minore. Nello statore la trasformazione prosegue su di una isobara e lentalpia cresce leggermente, per cui alluscita 2 del rotore ` e maggiore dellingresso, a causa degli attriti sul rotore, per cui il grado di reazione ` e negativo. Dato che h0 > h1 e che h2 > h1 , dalle Equazioni 3.38 e 3.39 si ottiene che: c0 c1 w2 < w1 148

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

h 0

h_2

h_1 1

Figura 3.28: Trasformazione nella turbina ad azione a pressione costante

h 0

h_1 1 2

Figura 3.29: Trasformazione nella turbina ad azione a entalpia costante

149

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Infatti, espandendosi, il uido rallenta. Questo tipo di turbine ad azione ` e impiegato quando si eettua una regolazione che prevede la parzializzazione dellingresso di vapore. In Figura 3.29 ` e riportata, nel piano S h la trasformazione che si instaura in una turbina ad azione ad entalpia costante. La trasformazione isoentalpica 12 comporta una diminuzione di pressione fra lingresso e luscita della girante, per cui i condotti rotorici dovranno essere lievemente divergenti, mentre la velocit` a relativa non cambia fra ingresso e uscita; il grado di reazione ` e in questo caso nullo. Il rendimento della turbina ad entalpia costante ` e leggermente superiore a quello della turbina a pressione costante. Le turbine elementari a reazione sono invece caratterizzate dal fatto che lespansione del uido lavorante avviene parte nello statore e parte nel rotore. Per lespansione del uido nello statore, si ha che c0 c1 , mentre, per lespansione nel rotore, si ha che lentalpia del uido in uscita allo statore ` e minore h1 h2 , di conseguenza aumenta fortemente la velocit` a relativa del uido w2 w1 per eetto dellespansione e dunque p2 p1 . In Figura 3.30 ` e riporata, nel piano S h la trasformazione che avviene allinterno della turbina a reazione.
h 0

h_1 1 h_2 2 S

Figura 3.30: Trasformazione nella turbina a reazione In generale il grado di reazione ` e pari a 0,5, in modo da poter utilizzare la stessa sagoma sia per le palette statoriche sia per le palette rotoriche. A dierenza di quanto accade nelle turbine idrauliche, per cui il grado di reazione ` e inuenzato dal salto, quindi da parametri ambientali, nelle turbine a reazione a vapore il grado di reazione ` e pressoch e costante, dato che i parametri termodinamici del uido lavorante sono ssati.

150

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

h A C

B M B M S

Figura 3.31: Rendimento astatico e atotale Il lavoro estratto dal uido lavorante per unit` a di peso ` e pari alla dierenza di entalpia fra la sezione di ingresso e la sezione di uscita; per determinare il rendimento della macchina si deve confrontare il lavoro ottenuto, pari nella Figura 3.31 al segmento CB , col lavoro teoricamente estratto dalla macchina ideale, pari al segmento AM , la macchina ideale sfrutta infatti lintero salto entalpico, con velocit` a di uscita nulla e entropia costante; il rendimento cos` calcolato prende il nome di rendimento astatico. Supponendo invece che alluscita della macchina ideale la velocit` a del uido sia pari a quella della macchina reale, il lavoro teoricamente estraibile ` e pari al segmento AM , mentre il lavoro realmente estratto ` e pari al segmento CB . Alluscita della turbina elementare, il uido lavorante non ha una velocit` a nulla, pertanto possiede ancora una certa quota parte di contenuto entalpico che potrebbe essere tradotto in lavoro. Per questo motivo si costruiscono turbine a vapore a pi` u stadi, di modo che la velocit` a residuaalluscita di ogni stadio non possa essere considerata una perdita secca, dato che incrementa il contenuto entalpico del uido in entrata allo stadio successivo. A parit` a di salto entalpico, una turbina ad azione ha meno stadi di una turbina a reazione, dato che ogni stadio smaltisce una maggiore aliquota del salto totale, circa il doppio. Si ha infatti che per uno stadio ad azione la velocit` a periferica cui si riggiunge il massimo trafserimento di potenza ` e: 1 u = c1 cos 1 2 mentre per uno stadio a reazione u = c1 cos 1 151

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

La velocit` a periferica assunta dalla turbina ad azione ` e spesso proibitiva, pertanto si realizzano turbine a vapore multistadio in cui i primi stadi sono costituiti da turbine ad azione a pressione costante, dette anche a salto di velocit` a : nel primo statore si ha la conversione totale dellenergia pneumetica in energia cinetica. Il salto di velocit` a, ossia la dierenza fra la velocit` a in entrata e la velocit` a in uscita allo stadio ad azione ` e suddiviso su pi` u rotori, ciascuno con la medesima aliquota. Fatta unitaria la potenza prodotta dallultimo stadio della turbina, gli stadi precedenti producono una potenza in accordo ad una successione di numeri dispari: 1, 3, 5, 7, 9, etc., con ` dunque poco converendimenti decrescenti dal primo allultimo stadio. E niente aggiungere molti stadi, dato che gli ultimi producono una potenza percentualmente trascurabile. I vari stadi sono dierenti fra loro sotto diversi aspetti; rendimento : in uno stadio ad azione la conversione di energia di pressione in energia cinetica avviene interamente nello statore, per cui allingresso del rotore il uido lavorante ha raggiunto la massima velocit` a. Nelle turbine a reazione, invece, la conversione prosegue nel rotore, quindi la massima velocit` a del uido sar` a in corrispondenza della sezione di uscita dalla girante. Ci` o implica che le perdite saranno minori nelle turbine a reazione, dato che la velocit` a del uido ` e sempre inferiore, quindi il rendimento della turbina ad azione ` e sempre minore. Salto entalpico : a parit` a di velocit` a periferica la macchina ad ezione consente di smaltire un salto entalpico maggiore. Velocit` a periferica : a parit` a di salto entalpico, occorre un minor numero di stadi ad azione che di stadi a reazione; ci` o consente di avere una macchina a vapore pi` u compatta. Perdite per fughe interne : nel passaggio fra lo statore e il rotore, il vapore pu` o sfuggire fra gli interstizi, senza produrre lavoro meccanico; nelle macchine ad azione, a pressione costante, la forza spingente ` e minore, dunque minori saranno le fughe interne di vapre e le conseguenti perdite. Sollecitazioni termomeccaniche : nelle macchine ad azione, il uido si ` e totalemnte espanso nello statore, quindi ha raggiunto anche la temperatura minima; le palette rotoriche saranno dunque sottoposte a minori sforzi termomeccanici. Nelle turbine a reazione, invece, il vapore si raffredda man mano che prosegue lespansione nel rotore, quindi la prima la di palette ` e sottoposta ad un inteso riscaldamento e dunque ad un intenso sforzo termomeccanico. 152

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Spinta assiale : nella turbina a reazione, si ha una dierenza di pressione fra lingresso e luscita, quindi si ha una forza che spinge assialmente il rotore; il cuscinetto rotorico dovr` a quindi essere correttamente dimensionato per sopportre questo sforzo. Montaggio : le turbine ad azione sono composte da dischi metallici su cui sono montate le palette rotoriche, mentre le turbine a reazione sono composte da un tamburo, di diametro decrescente, su cui si alloggiano le palette. Spesso il tamburo ` e composto da sezioni internamente cave, per risparmiare materiale. Il vantaggio delle turbine multistadio con stadi ad azione di testa ` e che consentono anche di regolare la portata del vapore per parzializzazione. La regolazione della portata La potenza disponibile per la trasformazione in energia elettrica ` e pari a: N = Ghs i,t m,t essendo G la portata, i,t il rendimento interno della turbina e m,t il rendi` dunque evidente che per variare la potenza mento meccanico della turbina. E si pu` o agire sulla portata o sul salto entalpico; si hanno dunque due possibili regolazioni: quantitativa o per strangolamento : si installa una valvola di laminazione allingresso del vapore in turbina; tale valvola realizza una trasformazione isoentalpica, per cui la pressione in uscita ` e minore della pressione in entrata. Come ` e possibile vericare in Figura 3.32, questo diminuisce il salto entalpico disponibile dato che il punto di lavoro si sposta su unisobara a pressione inferiore. Il rendimento diminuisce dopo questo trattamento, insieme con la portata, anche se la variazione ` e comunque contenuta. La regolazione per parzializzazione pu` o essere eettuata solo per il primo stadio, ad azione, della turbina, ma non pu` o essere eettuata allingresso del vapore in turbina, dato che il vapore ` e ad elevata pressione ed ha un volume specico molto piccolo. Limmissione del vapore non avviene su tutta la periferia della turbina, ma solo su alcune zone, limitando di fatto le palette investite dal vapore; dato che la pressione a valle dellingresso ` e omogenea, il vapore tende a percorrere la traiettoria impostagli; se invece il primo stadio fosse a reazione, le dierenze di pressione farebbero variare il percorso del vapore, impedendo di fatto il corretto funzionamento della turbina. 153

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

La regolazione per parzializzazione ha anche un vantaggio secondario: dato che il vapore non interessa tutta la circonferenza della turbina, ` e possibile aumentare il diametro della girante e installare palette pi` u basse, compatibilmente con gli attriti che si generano. In mancanza di parzializzazione si ` e invece costretti a ridurre il diametro della girante e a realizzare palette pi` u alte: diminuisce la velocit` a di rotazione della turbina e diminuisce anche il salto entalpico smaltito da ogni stadio, quindi si deve installare una turbina con pi` u stadi.
h 1 1

2 4 3 S 2

Figura 3.32: Regolazione della potenza per strozzamento La regolazione a strangolamento ` e penalizzante per il rendimento; nella regolazione a parzializzazione sono presenti alcune valvole, con funzionamento on o, che regolano lausso di vapore a zone pi` u o meno ampie della turbina, in modo da creare pi` u gradini di regolazione della portata. La pressione in ingresso e in uscita alla turbina sono imposte, mentre le pressioni in ingresso e uscita agli altri stadi della turbina dipendono dalla portata massica di vapore; a seguito di una diminuzione di portata per parzializzazione, il primo stadio vede una diminuzione della pressione alla sua uscita, pertanto vede un aumento del salto entalpico da smaltire, mentre gli altri stadi sentiranno una globale diminuzione del salto entalpico loro deputato. Globalmente il rendimento varia di poco, considerato che gli stadi modicano di poco il loro rendimento, data la contenuta variazione di pressione, e che, essendo il primo stadio ad azione, non risente molto della variazione di salto entalpico. In pi` u laumento di calore, causato dallattrito, aumenta lenergia interna del uido. Dato che la regolazione ottimale deve essere continua, si realizza una regolazione mista per parzializzazione e per strangolamento; in particolare si 154

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

fa in modo che una delle valvole deputate alla regolazione per parzializzazione sia in grado di eettuare la regolazione per strangolamento. In questo modo si attenua anche uno svantaggio dell regolazione a parzializzazione, ossia gli sforzi termici che genera sulle palette a causa delle elevate variazioni di temperatura susseguenti alla regolazione; dette variazioni sono minori nel caso di regolazione a strangolamento, quindi ladozione congiunta dei due tipi di regolazione attenua questi sforzi. Perdite di turbina Le perdite che si hanno sulla turbina possono essere classicate in: interne periferiche, ossia attriti sulle pareti; velocit` a allo scarico, che dovrebbe essere idealmente nulla; interstiziali interne, causate dal vapore che sfugge dalla testa delle palette; perdite causate dallattrito del disco e dalla ventilazione; esterne interstiziali esterne, ossia fughe di vapore verso lesterno; irraggiamento, quindi perdite di calore del vapore; perdite meccaniche causate dallattrito sui cuscinetti; La dierenza fra il salto entalpico totale e la somma delle perdite fornisce il salto entalpico che pu` o essere convertito in energia elettrica; il rapporto fra il salto entalpico eettico e il salto totale fornisce il rendimento della turbina. Per ridurre le perdite per irraggiamento e convezione della carcassa della turbina ` e possibile installare un doppia carcassa : nellintercapedine fra la carcassa vera e propria e la carcassa secondaria circola il vapore esausto; in questo modo il salto di temepratura fra il vapore entro la turbina e lambiente esterno e suddiviso su due salti di temepratura minori, diminuendo quindi il calore disperso. Il dimensionamento della turbina Lunico limite che si ha sulla potenza massima della turbina ` e imposto dallo samltimento della portata massica, trascurando ovviamente il limite tecnico che si potrebbe avere sulla generazione di un adeguato salto entalpico. Sui primi stadi della turbina non si pongono particolari problemi a tal riguardo, dato che il vapore ha la massima 155

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Figura 3.33: Doppia carcassa pressione e dunque il minimo volume specico; fa eccezione il primo stadio ad azione, per cui si ricorre alla regolazione per parzializzazione. In uscita alla turbina, invece, il volume specico pu` o essere anche duemila volte superiore, per cui la sezione di passaggio deve aumentare di conseguenza; ci` o comporta che le palette della girante devono aumentare dai 2 cm di altezza allentrata a 1 m di altezza in uscita, con conseguente aumento delle sollecitazioni centrifughe. La potenza che si pu` o ottenere dal singolo stadio ` e: P = 4, 186M hs essendo la portata massica M pari a: M = Dm hca dove Dm ` e il diamtro medio della girante, h ` e laltezza delle palette, ca ` e la velocit` a assiale, ` e la densit` a e ` e il fattore di ingombro delle palette. Considerati i valori tipici: ux = 500m/s 1 hx = Dm 3 = 0, 03kg/m3 = 0, 75 ca = 350m/s hs = 300kcal/kg si ottiene che la potenza disponobile per un corpo di turbina ` e pari a 95 MW . Per turbina a doppio usso si ha quindi una potenza doppia, pari a 190 MW . 156

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Per aumentare la potenza disponibile si pu` o solamente installare pi` u corpi; in generale in una centrale termoelettrica non ` e mai presente un solo corpo turbina, ma pi` u corpi suddivisi per pressione di lavoro: lsucita del corpo di alta pressione costituisce lingresso del corpo a media pressione la cui uscita a sua volta ` e in ingresso al corpo di bassa pressione. I corpi possono anche essere a doppio usso ed ` e possibile risurriscaldare il vapore fra un corpo e laltro. Per il corpo di bassa pressione si ha il vincolo sulla sezione di passaggio, che dovr` a essere maggiore dato laumento di volume specico del vapore; ci` o comporta una diminuzione della velocit` a di rotazione del corpo a bassa pressione; per il corpo di alta pressione si ha invece lesigenza opposta, per cui la velocit` a di rotazione dovrebbe essere la pi` u alta possibile. Per impianti di bassa potenza, per i quali prevale lesigenza del corpo di alta pressione, si attua la soluzione detta tandem compound: tutte le turbine sono inserite sulla stesso asse, rotante alla velocit` a massima consentta dalla rete. Per impianti di pi` u alta potenza, invece, si attua la soluzione cross compound: il corpo di bassa pressione ha un albero separato, rotante a minore velocit` a. Mancando il pericolo del colpo dariete, la chiusura delle luci di turbina pu` o anche essere rapida; la sovravelocit` a massima che la turbina pu` o raggiungere a seguito di un brusco distacco di carico ` e quindi ridotta al 10% 20% della velocit` a nominale. Considerazioni accessorie Le palette della girante devono essere svergolate per mantenere cosante il rapporto cinematico per tutta la lunghezza; ne consegue che il prolo della paletta pu` o variare sensibilmente se la paletta ` e molto lunga. Nel caso in cui si debba eettuare manutenzione nellimpianto, per cui il ciclo del uido lavorante ` e interrotto, si corre il rischio che la turbina di danneggi a seguito di deformazioni termiche; si consideri infatti che, mentre la parte superiore della turbina scambia calore attraverso la carcassa con lambiente esterno, la parte inferiore scambia calore con il condensatore, con un salto di temperatura e con una costante di tempo diversi. Ci` o pu` o causare dierenze di temperatura interne alla turbina e dunque deformazioni. Per rimediare a tale inconveniente esiste un componente, il viratore, la cui funzione ` e quella di porre in lenta rotazione la turbina, in modo da omogeneizzare la temperatura. Il vapore che ` e prodotto allavviamento ` e vapore di bassa qualit` a e non pu` o essere utilizzato per produrre energia; per questo motivo alcune valvole di bypass provvedono ad inviare il vapore prodotto dal surriscaldatore al condensatore.

157

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.5.6

Il condensatore

Il condensatore ` e il pozzo freddo necessario al completamento del ciclo termodinamico: la sua funzione ` e diminuire la temperatura del vapore esausto in modo da consentirne la condensazione; dalluscita del condensatore, lacqua condensata dovr` a subire due processi, ossia laumento di pressione no al valore di ingresso in caldaia e la rigenerazione col calore spillato in turbina. Volendo seguire un criterio di ottimo termodinamico, sarebbe opportuno che la rigenerazione avvenisse entro scambiatori a miscela; ci` o comportebbe la costruzione e linstallazione di diversi scambiatori a miscela, in genere dieci, dimensionati ognuno per una diverso valore di pressione, dato che lo scambio termico deve avvenire alla pressione di spillamento. DI conseguenza dovrebbero installarsi pompe fra uno spillatore e laltro, in modo da aggiustare la pressione del uido lavorante, pompe che dovrebbero avere unalta portata e una bassa prevalenza, con tutte le complicazioni che esse comportano ai ni della regolazione del ciclo. Lunica soluzione alternativa fattibile ` e ricorrere, per la rigenerazione, a scambiatori a supercie: il vapore spillato e il uido lavorante sono sicamente isolati, quindi non vi ` e necessit` a di aumentare la pressione del uido fra uno scmabiatore e laltro. Per aumentare la pressione del uido lavorante no alla pressione di ingresso in turbina, si prospettano dunque due alternative: installare una pompa alluscita del condensatore; La prima soluzione comporta che tutti gli scambiatori a supercie debbano essere dimensionati per un uido alla massima pressione del ciclo, mentre la seconda soluzione comporta che la pressione dellacqua liquida sia la minima del ciclo e che la sua temperatura sia prossima alla temperatura di ebollizione, con il rischio dunque che entri in ebollizione sottorareddata e cavitazione nella pompa. Si applica pertanto una soluzione intermedia, installando due pompe di cui una alluscita del condensatore ed una allincirca alla ne degli scambiatori rigenerativi. Il pericolo maggiore che si ha nel circuito di condensazione e rigenerazione ` e linltrazione di aria nei condotti, sia perch e questa potrebbe comportare un aumento di pressione nel condensatore, sia perch e potrebbe provocare lossidazione delle parti metalliche. I tubi non sono purtroppo a perfetta tenuta, dunque ` e normale che laria si inltri; si consideri inoltre che gli steli di comndo delle valvole favoriscono la fuoriuscita di vapore: quando limpianto ` e messo fuori servizio, la pressione nel circuito diviene quella del condensato` dunque necessario prevedere un re e, tramite questi steli, si riempi di aria. E 158 installare una pompa dopo che il uido ha terminato la rigenerazione;

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

sistema che permetta leliminazione di queste inltrazioni; si utlizza a tale scopo uno scambiatore a miscela, che svolge le funzioni di un degasatore: lacqua al suo interno vaporizza e condensa, separando di fatto laria disciolta dal uido lavorante. Laria separata e poi scaricata allesterno. Il sistema ` e talmente ecace che laria presente nel uido lavorante ` e dellordine delle parti per miliardo. Per qusto motivo ` e necessario installare almeno uno scambiatore a miscela, con spillamenti di vapore dal corpo di alta pressione. Durante le operazioni di regolazione della portata, dato che variano le pressioni in ogni parte del ciclo, ` e necessario porre attenzione a che lo spillamento di vapore nel degasatore non avvenga a pressione inferiore a quella atmosferica, causando un aumento di aria disciolta anzich e una diminuzione. Dato che la pressione al degasatore deve essere la pi` u alta possibile, ` e solitamente posto alla ne degli scambiatori rigenerativi. Sono quindi necessarie almeno due pompe: una installata alluscita del condensatore per aumentare la pressione del uido no alla pressione del degasatore e una dopo il degasatore per aumentare la pressione no al valore di ingresso in turbina. Queste due pompe prendono rispettivamente il nome di pompa di estrazione del condensato e pompa di alimento. La pompa di estrazione ` e a bassa prevalenza, mentre la pompa di alimento ` e a alta prevalenza ed entrambe lavorano alla piena portata. Per evitare il rischio di cavitazione nella pompa di alimento, solitamente vi si associa una pompa booster. Il vapore spillato nei rigeneratori ovviamente condensa, quindi deve essere mandato indietro nel circuito, no a raggiungere il condensatore, oppure avanti insieme col uido lavorante. Nel primo caso, per abbassare la pressione, si dovr` a installare una valvola di laminazione, mentre nel secndo caso, per aumentare la pressione, si dovr` a ricorrere ad una pompa di piccola portata. Per evitare il rischio di cavitazione, il vapore deve essere portato allo stato di liquido sottorareddato; in entrambe le soluzioni, la condensa ` e reinserita nel circuito del uido lavorante. Sia la pompa di estrazione sia la pompa di alimento sono pompe centrifughe a pi` u stadi, azionte da motore asincrono o da turbina. La pompa di estrazione ` e regolata tramite una valvola di strozzamento, la seconda invece tramite regolazione di velocit` a. La velocit` a della pompa di alimento deve essere elevata, spesso maggiore di quella consentita dalla rete, pertanto ` e messa in rotazione da una turbina. Il serbatoio del degasatore rende inoltre pi` u semplice la regolazione della portata, in quanto costituisce un serbatoio tampone e prende il nome di pozzo caldo, sebbene non corrisponda al pozzo caldo termodinamico.

159

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

(a) soluzione allindietro

(b) soluzione in avanti

Figura 3.34: Reinserimento del vapore spillato condensato

160

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.6

Il ciclo dellacqua di condensazione

Il ciclo dellacqua di condensazione non ` e un ciclo in senso stretto, a meno di non considerare la richiusura tramite lambiente esterno. Il condensatore ` e installato alluscita della turbina ed ` e uno scambiatore a supercie; allinterno del fascio tubiero scorre lacqua di condensazione, allesterno il vapore esausto. I salti di temperatura sono bassi, quindi si deve disporre di una grande supercie di scambio termico. Purtroppo, sula supercie dei tubi, si froma una pellicola di luido condensato che ostacola il naturale scambio termico; ` e ovvio che il gocciolamento dellacqua condensata non deve avvenire su altri tubi e ci` o pu` o causare problemi nella disposizione geometrica dei tubi. Solitamente di interpongono dei setti divisori il cui scopo ` e intercettare le goccie di liquido e impedire che si depositino sui tubi sottostanti. Lacqua di condensazione ` e solitamente prelevata da un pozzo freddo disponibile in gran quantit` a: mari, laghi o umi a elevato regime. La temperatura alluscita dellacqua di condensazione non deve essere superiore a ` possi10 C , per preservare la vita marina3 che pu` o entrare nel circuito. E bile prevedere la presenza di turbine in uscita per recuperare energia per le pompe, se ci` o` e giudicato conveniente. Quando la centrale termoelettrica utilizza del combustibile molto scadente, ` e solitamente installata direttamente sul posto di produzione, per risparmiare sulle spese di trasporto, quindi ` e possibile che non vi sia disponibilit` a di un pozzo freddo. Se la disponibilit` a` e dunque ridotta, si ricorre a torri di rareddamento; lacqua calda ` e inviata alle torri e nebulizzata, in modo da faclitarne levaporazione e il rareddamento. La portata di questo ciclo ` e identica alla portata con il uido di rareddamento. Nel malaugurato caso in cui lacqua di condensazione sia del tutto assente, si ` e costretti a riccorrere alla semplice aria; il vapore esausto ` e fatto circolare entro tubi alettati attorno cui scorre laria di rareddamento. Il rendimento di questo scambio ` e molto ridotto, ma ` e giusticato dallancor pi` u ridotto costo del combustibile.

3.7

La regolazione della portata

Nei sistemi di potenza ` e neccessario eettuare la regolazione di tensione e di frequenza, per garantire la stabilit` a del sistema e la qualit` a della tensione. Mentre la regolazione di tensione pu` o essere eettuata in corrispondenza dei
3

Si considera la possibilit` a che possano inltrarsi soprattutto plancton e piccoli pesci.

161

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

nodi di interconnessione della rete o del sistema di trasmissione, la regolazione della frequenza deve essere necessariamente eettuata in corrispondenza dei nodi di produzione dellenergia elettrica, ossia allinterno delle centrali elettriche. La rete elettrica ` e suddivisa in aree di controllo, allinterno della quale solo alcuni gruppi sono in grado di reagire, opponendosi, alle variazioni di frequenza; i regolatori collegati a questi impianti sono sensibili alle variazioni di frequenza, mentre gli altri impianti intervengono solo nel transitorio di variazione di frequenza e non intervengono nella regolazione vera e propria. Si distinguono i gruppi in marcia attiva, capaci di rispondere attivamente alle variazioni di frequenza, dai gruppi in marcia passiva, i quali invece modicano la potenza prodotta solo sulla base di un programma prestabilito. La frequenza della rete ` e legata alla velocit` a di rotazione dei generatori sincroni, dunque disponendo di un sensore sensibile alla velocit` a` e possibile far si che la reazione della centrale alla variazione di frequenza sia appropriata. E.g. a seguito di un aumento del carico, la coppia resistente allalbero motore dellalternatore aumenta e di conseguenza la velocit` a, ossia la frequenza della rete, diminuisce; per contrastare questa diminuzione ` e necessario aumentare la portata di combustibile in camera di combustione, in modo da aumentare la portata del uido lavorante ed aumentare la coppia motrice della turbina. Viceversa, a seguito di una brusca diminuzione di carico, la coppia motrice sopravanza la coppia reisstente, per cui la frequenza della rete tende ad aumentare; si dovr` a ridurre la portata del combustibile, per ridurre ` per` la coppia motrice. E o evidente che questa regolazione ` e troppo lenta, per linerzia termica che la contraddistingue, per poter essere ecace; il sistema non avrebbe la necessaria velocit` a di risposta dinamica per poter adeguare la portata alla frequenza, quindi entrerebbe facilmente in instabilit` a. Si ricorre al principio del volano : lenergia necessaria per superare i fenomeni transitori ` e prelevata da una sorgente di limitata capacit` a ma molto rapida, mentre nel contempo si attuano i pi` u lenti provvedimenti necessari a riportare il volano alle condizioni inziali. La catena di regolazione della portata ` e allora divisa in due catene separate: una catena veloce, per la regolazione della frequenza, sensibile alla velocit` a di rotazione dellalternatore, in grado di variare lapertura delle luci di ammissione del vapore in turbina; una catena lenta, per la regolazione della pressione del vapore, che varia la portata del combustibile immesso in camera di combustione. Lenergia prelevata dalla catena veloce in transitorio proviene dal contenuto entalpico del vapore e delle masse metalliche, che non ` e ovviamente illimitato 162

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

e deve dunque essere compensato dallaumento di combustibile immesso in camera di combustione.

Figura 3.35: Catena di regolazione per gruppi in marcia attiva Nei gruppi in marcia passiva manca il sensore di frequenza che agisce sullapertura delle luci di turbina; questa ` e infatti regolata solo sulla base della pressione del vapore. In realt` a, nei gruppi in marcia passiva, si preferisce controllare la potenza elettrica prodotta dallalternatore, in modo che, variano il riferimento di potenza, il sistema si adegui al mutato riferimento pi` u velocemente di quanto potrebbe fare se la grandezza controllata fosse la pressione del vapore. Nella Figura 3.35 ` e riportato lo schema delle catene di regolazione per gruppi in marcia attiva; ` e possibile notare che, cos` come sono state rappresentate, le due catene sono indipendenti luna dallaltra. Questa mancanza di comucazione fra le due regolazioni pu` o portare a spiacevoli risultai: e.g. se la caldaia ` e arrivata al limite di funzionamento, la centrale non pu` o aumentare ulteriormente la potenza prodotta, quindi sarebbe inaccattabile che la catena veloce aprisse le luci di turbina per aumentare la portata di vapore, dato che lenergia prelevata dal volano non potrebbe essere rispristinata. Sarebbe inoltre pi` u opportuno che la catena di regolazione lenta fosse in grado di prevedere i bisogni del carico. Nello schema di regolazione ottimale vi ` e coordinamento fra le azioni sulla caldaia e le azioni sulla turbina; si utilizza quindi un regolatore di pressione del vapore, un regolatore di portata del combustibile, un regolatore di apertura delle luci di turbina e un regolatore di carico, sensibile alla potenza e alla frequenza prodotta dallalternatore. Questo schema di regolazione per163

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

mette alla caldaia di conoscere in anticipo le vicende delle luci di turbina, vincolando inoltre lapertura delle stesse al livello di produzione della caldaia. Il segnale errore di frequenza quindi non comanda direttamente lapertura delle luci, ma ` e sommato al segnale proveniente dalla catena di regolazione della pressione. Inoltre, il regolatore della portata di combustibile segue le vicende della derivata della portata di uido lavorante. Durante la regolazione, varia il punto di lavoro dellimpianto, dunque variano i paramtri stessi del ciclo termodinamico; al variare della tipologia di caldaia, si dovranno attuare diverse soluzion. Se la caldaia ` e del tipo a circolazione naturale o assistita, dunque dotata di corpo cilindrico, si hanno le seguenti regolazioni: regolazioni esterne regolazione della portata di combustibile e aria comburente; regolazione della pressione della camera di combustione, tramite il tiraggio dei fumi; regolazioni interne regolazione della portata di vapore, tramite il livello di acqua nel corpo cilindrico; regolazione ne di temperatura del vapore surriscaldato, tramite doccia di acqua negli attemperatori; La regolazione della portata di vapore ` e dunque vincolata al livello di liquido nel corpo ciclindrico; in transitorio ci` o pu` o provocare instabilit` a. Si consideri infatti un aumento di carico, per cui la catena veloce apra le luci di turbina: la pressione al corpo cilindrico diminuisce, pertanto aumenta il volume specico del vapore; ci` o comporta un aumento del livello del liquido, dato che la miscela bifasica gona e comporterebbe una chiusura delle luci di alimento del corpo cilindrico, azione in opposizione allaumento di carico. Analoga cosa accadrebbe in conseguenza di una dimnuzione di carico. Per risolvere il problema si eetua una regolazione a tre elementi, in cui il segnale di livello del corpo cilindrico ` e elaborato insieme al segnale di portata di vapore e al segnale di portata dellacqua di alimento. Nel caso delle caldaie ad attraversamento invece manca il corpo cilindrico: nei tubi della camera di combustione entra acqua fredda ed esce vapore surriscaldato; in corrispondenza di aumento di portata, diminuisce il calore scambiato per irraggiamento in camera di combustione, quindi si avr` a un maggiore tratto di tubo in cui vi ` e acqua fredda, quindi si riduce la supercie di scambio termico per il vapore surriscaldato. In realt` a anche il tratto di 164

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

tubo con la miscela bifase si allarga, ma in misura minore dato che si riduce il calore di vaporizzazione. Le regolazioni esterne per le caldaie ad attraversamento sono identiche a quelle delle caldaie a circolazione naturale; si aggiunge una regolazione per il controllo della temepratura del vapore risurriscaldato. Il vapore risurriscaldato ` e fatto circolare entro uno scambiatore con il vapore suriscaldato; un apposito regolatore varia lapertura di una valvola di bypass che devia parte della portata di vapore surriscaldato, diminuendo di fatto la temperatura del risurriscaldamento. Inoltre, la regolazione della portata di vapore, mandancdo il corpo cilindrico, ` e resa sensibile alla pressione del uido lavorante.
acqua Q_1 bifase vapore

>

acqua

bifase

vapore

Q_2

Figura 3.36: Variazione della supercie di surriscaldamento Riassumendo, a seguito di una variazione di carico su di un gruppo in marcia attiva: ` e comandata la variazione dellapertura delle luci di ammissione del vapore in turbina, variando di conseguenza la pressione dello stesso; la variazione di pressione conseguente attiva la variazione di portata di combustibile e, di conseguenza, di aria comburente; contemporaneamente parte la catena di regolazione del uido lavorante, in modo da variarne la portata concordemente al carico; inne si attivano le catene di regolazione della temperatura del vapore surriscaldato ed, eventualmente, del vapore risurriscaldato.

3.8

Impianti termoelettrici minori

In questo Paragrafo saranno trattati impianti termici di generazione di minore importanza, sia per la limitata diusione, sia per il carattere sperimentale di detti impianti. 165

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.8.1

Le centrali geotermiche

Le centrali geotermiche sfruttano il usso termico che proviene dallinterno del pianeta; ` e noto che in certe zone del pianeta, lenergia termica del pianeta aora spontaneamente in supercie, tramite vulcani, geyser, sooni boraciferi o generando falde acquifere termali. Gli impianti geotermici possono allora disporre di acqua calda, e si parler` a allora di impianti ad acqua dominante, o di vapore, e si avranno impianti a vapore dominante. Attualmente si sfruttano principalmente impianti a vapore dominante, con temperature comprese fra 150 C e 250 C , quindi con rendimenti bassi ma con il vantaggio di avere una disponibilit` a pressoch e illimitata di energia a costo praticamente nullo. In Italia lunico impianto geotermico esistente ` e a Larderello, in Toscana. Limpianto geotermico dispone di vapore leggermente surriscaldato, arricchito di sostanza incondensabili quali principalmente anidride carbonica e boro. Esistono diverse soluzioni che possono essere adottate per sfruttare lenergia geotermica; una prima soluzione prevede linvio diretto del vapore alla turbina, con scarico in atmosfera, se il vapore esausto non ` e eccessivamente inquinato. Si ha in questo caso un consumo di vapore per kW h prodotto pari a 20 kg/kW h. Una migliore soluzione prevede lutilizzo indiretto del vapore, utilizzato cio` e per scaldare il uido lavorante, che si riscalda, evapora ed ` e inne surriscaldato ed inviato alla turbina. Alluscita di questa ` e presente uno scambiatore a miscela per rareddare il uido lavorante esausto e recuperare le calorie da esso possedute. Il uido lavorante altro non ` e che il vapore proveniente dal soone boracifero sottoposto ad opportuna depurazione allinterno dello scambiatore a miscela, che svolge le funzioni di degasatore. I consumi di questa soluzione si aggirano sui 14 15 kg/kW h. Un terza soluzione di impianto, simile alla prima, consiste nelliniezione diretta del vapore del soone in turbina, il cui scarico non ` e a pressione atmosferica ma collegato ad uno scambiatore a miscela pre lestrazione degli incondensabili. Il consumo di vapore di questi impianti si abbassa cos` a 10 kg/kW h. La potenza degli alternatori impiegati nelle centrali geotermiche raggiunge al massimo 10 20 MW .

3.8.2

I generatori magnetoidrodinamici

Nelle centrali termiche tradizionali, la generazione di energia elettrica avviene a partire dallenergia termica per interposto passaggio allenergia meccanica;

166

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

se si riuscisse a convertire direttamente lenergia termica in energia elettrica, si potrebbe risparmiare un passaggio, con tutti i beneci del caso. In generale ci` o non ` e possibile, ma lo diviene se si considera un uido conduttore in moto entro un campo magnetico: allinterno del uido si genererebbe una tensione, proporzionale alla variazione del usso concatenato. La potenza prelevabile da detto uido sarebbe dunque proporzionale alla conducibilit` a elettrica del uido a al quadrato della velocit` a dello stesso.nLa tensione in uscita dallimpianto magnetoidrodinamico ` e continua o alternata a seconda che il campo magnetico sia continuo o alternato. Il problema sta nel trovare un uido conduttore: dovrebbero essere utilizzati metalli fusi, non il mercurio per le problematiche gi` a viste nel Paragrafo 3.2.6, o particolari leghe metalliche; lutilizzo di detti materiali pone per` o delle evidenti problematiche per quanto concerne la velocit` a del uido. Sarebbe opportuno utilizzare un gas, fatto espandere attraverso un tubo di Legendre, ma i gas sono notoriamente non conduttori. Il plasma, ossia un gas ad altissime temperature, ` e conduttore, ma pone pesanti problemi di connamento, dato che allo stato attuale non esiste un materiale capace di rimanere solido alle temperature tipiche del plasma. Una soluzione consiste nellarricchire un gas di vapori di sale, sodio o potassio: anche in piccole concentrazioni, pari all1%, si ottengono valori di conducibilit` a molto elevati, 80% della conducibilit` a massima, a temperature relativamente basse, 2500 C . Laria comburente utilizzata ` e allora prima riscaldata, poi arrichhita con i vapori di sale ed inne vi si aggiunge il combustibile; dopo che si innesca la combustione avviene il passaggio del gas caldo nel tubo di Legendre, attraverso il campo magnetico induttore. Il gas scaricato possiede in genere ancora unelevata temperatura, pari a circa 2000 C , pertanto si realizzano cicli binari, in cui, accanto allimpianto MHD4 , si installa una centrale termica tradizionale che sfrutta il calore proveniente dal gas in uscita allimpianto MHD. I sali, che si aggiungono al gas al ne di renderlo conduttore, sono purtroppo altamente inquinanti, quindi non ` e possibile liberare nellambiente il gas esausto senza previa depurazione. Questi impianti hanno rendimenti molto elevati, intorno al 65 66 %, ma pongono seri problemi di resistenza dei materiali; per prelevare la tensione indotta nel gas conduttore, non possono essere utilizzati materiali metallici, che non sarebbero in gradp di resistere a quelle temperature. I materiali ideali sarebbero le ceramiche, che per` o sono scarsamente conduttrici. Per questo motivo, gli impianti MHD, che pure sarebbero vantaggiosi e dalle ridotte dimensioni, sono connati a livello sperimentale.
4

Acronimo di Magnet Hydro Dinamic, dallinglese Magneto Idro Dinamico.

167

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.8.3

I generatori diesel

I generatori diesel sono composti da un alternatore cui ` e collegata una motrice diesel, a combustione interna. Senza adottare particolari accorgimenti, questi gruppi riescono a raggiungere rendimenti pari a circa 40 45 %; hanno un avviamento molto rapido e, partendo da fermi, sono in grado di prendere carico entro pochi minuti. Tali generatori pongono per` o un problema di resistenza meccanica, che ne limita la potenza massima; il traferimento di energia meccanica dal pistone allalbero motore avviene tramite un sistema biella manovella: le variazioni di velocit` a fra il punto morto superiore e il punto morto inferiore sono elevate e in corrispondenza di questi due punti si hanno le massime accelerazioni. La potenza massima del generatore diesel ` e dunque limitata dalla resistenza meccanica dei materiali impiegati. Un altro inconveniente ` e che la coppia meccanica che si raccoglie allalbero ha una certa ondulazione e di conseguenza anche langolo di coppia presenta una certa oscillazione. Purtroppo, di conseguenza, la coppia sincronizzante ha, per le motrici diesel, un carattere destabilizzante, quindi non possono essere collegate a reti attive.

3.9

Le centrali a gas

Nelle centrali termoelettriche a gas, la produzione di calore avviene allinterno stesso del uido lavorante, per cui non c` e necessit` a di installare gli scambiatori di calore, quindi ` e possibile aumentare le temperature di lavoro, avendo come solo limite la resistenza meccanica della turbina, con conseguente mi` evidente che si dovrebbero utilizzare come glioramento del rendimento. E uidi lavoranti i fumi caldi, che ricevono calore in camera di combustione, a pressione costante, e che devono essere rareddati a pressione costante. Il ciclo teorico che detti fumi dovrebbero seguire sarebbe dunque composto da due isobare, a temperatura variabile considerato che non si ha un passaggio di fase, quindi il rendimento conseguente sarebbe scarsuliddu. I cicli utilizzati sono il ciclo Brayton e il ciclo Joule, e sono ulteriormente suddivisi in: cicli aperti, di pi` u semplice realizzazione con scarico dei fumi esausti nellatmosfera e prelievo di aria comburente dalla stessa; cicli chiusi, rigenerativi in cui il uido lavorante non ` e disperso nellatmosfera e deve essere rareddato per permettere la richiusura del ciclo. 168

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.9.1

Ciclo semplice ideale chiuso

Il rendimento di un ciclo semplice ideale e chiuso pu` o essere calcolato, com` e noto, considerando che: i = Li Qu =1 Qe Qe

detti ovviamente Qe il calore fornito e Qu il calore sottratto; considerato che gli scambi di calore avvengono a pressione costante, si ha che: Qe = cp (T3 T2 ) Qu = cp (T4 T1 ) T1 T4 /T1 1 T4 T1 =1 T3 T2 T2 T3 /T2 1
T 3

(3.41) (3.42)

detto cp il calore specico a pressione costante. Il rendimento sar` a allora: i = 1 (3.43)

2 4 1 S

Figura 3.37: Ciclo chiuso per centrali a gas Per una trasformazione adiabatica di un gas ideale si ha che: pV = k pV = nRT (3.44) (3.45)

essendo = cp /cv . Durante la compressione adiabatica 12, riportata in Figura 3.37, si ha che: p1 V1 = p2 V2 169

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

per cui, essendo: T1 p1 T2 p2 V2 = RT2 V2 = R p2 p1 V1 = RT1 V1 = R

si ha allora che: p1 R T1 p1

= p2 R

T2 p2

T1 = T2 p1 p2
1

(3.46)

Similmente si ottiene, durante lespansione adiabatica 34: T4 T1 = = T3 T2 p1 p2


1

(3.47)

Il ciclo ` e detto simmetrico se vale la relazione: T1 T3 = T2 T4 per cui si ottiene che, in accordo allEquazione 3.43: T1 i = 1 =1 T2 p1 p2
1

(3.48)

(3.49)

Il rapporto p2 /p1 ` e detto rapporto di compressione ed ` e in generale maggiore dellunit` a; ponendo: = si ottiene: i = 1 1 (3.50) 1

Il parametro dipende dalla natura del uido lavorante ed ` e massimo per gas monoatomici; allaumentare di aumenta anche il rendimento del ciclo. ` evidente che utilizzando laria come uido lavorante, che non ` E e un gas ma 170

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

una miscela di gas, nessuno dei quali monoatomico, il rendimento non potr` a essere molto elevato. Con un rapporto di compressione unitario, il rendimento del ciclo ` e nullo, in quanto tutto il calore fornito ` e ceduto allesterno. Il rendimento tende a divenire unitario al divergere del rapporto di compressione, dato che il ciclo tende ad assomigliare al ciclo di Carnot. Fissato il rapporto di compressione, il rendimento del ciclo non dipende pi` u dalle temperature T1 e T3 . Infatti, suddividendo il ciclo termico come formato da una serie di cicli elementari, ciascuno con rendimento e , il rendimento vale: i = L = Qe e dQe Qe

Ciascun rendimento elementare, essendo il ciclo elementare composto da due isobare e da due isoentropiche, non dipende dalle temperature, ma solo dal rapporto di compressione, cos` come il ciclo risultante. Il rendimento i non dipende dunque dal valore assoluto delle pressioni p1 e p2 , bens` dal loro rapporto. Traslando il ciclo termico parallelamente a se stesso nel piano T S non varia la variazione di entropia S del ciclo; essendo: S = R ln p2 p1

non varia neanche il rapporto di compressione , per cui non varia il rendimento del ciclo. Larea del ciclo termico ` e pari al lavoro massico, ossia al lavoro svolto dallunit` a di massa del uido lavorante: Li = i Qe = 1 cp (T3 T2 ) = 1 cp T1 = 1 cp T1 T3 T2 T1 T1 T3 T1 = (3.51)

Il lavoro massico ` e dunque funzione del rapporto di compressione ed ` e nullo per rapporto di compressione unitario e quando: = T3 T1
1

valore questo per cui il ciclo tende ad essere pari al ciclo di Carnot, ma per cui il calore fornito ` e nullo. Il teorema di Weistrass assicura, in queste condizioni, che esiste un valore del rapporto di compressione per cui ` e massimo il lavoro massico. Tenuto conto che, nella realt` a realizzativa, i cicli per centrali a gas sono aperti 171

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

0.2

0.15

lavoro massico [J]

0.1

0.05

0 1 1.5 2 2.5 rapporto di compressione 3 3.5 4

Figura 3.38: Andamento del lavoro massico e che dunque la temperatura T1 ` e la temperatura ambiente, ` e conveniente considerarla come un dato di progetto. Ponendo nulla la derivata dellEquazione 3.51 rispetto al rapporto di compressione , si ottiene che il massimo lavoro massico ` e ottenuto in corrispondenza di: M = Essendo: = T2 T1 T3 T1
1 2

(3.52)

allora in corrispondenza a M : T2 T3 2 = T1 T1 per cui si ottiene inne che:


2 T2 = T1 T3 T2 = T4
1

172

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

essendo il ciclo simmetrico e valendo lEquazione 3.48. Il massimo lavoro massico varr` a allora: Li,M = cp T1 T3 1 T1
2

T =1 = (t3/t1)
1/

Figura 3.39: Variazione del ciclo in dipendenza da La massimizzazione del lavoro massico ha un peso maggiore per gli impianti di locomozione, per cui ` e primario il risparmio di peso e di materiale. Per gli impianti ssi di generazione ` e invece prioritaria la massimizzazione del rendimento.

3.9.2

Ciclo semplice reale aperto

I cicli aperti sono quelli realmente utilizzati: il rareddamento isobaro ` e sostituito dalla dipsersione del uido lavorante esausto in atmosfera. Questi impianti hanno ridotto peso, ingombro e costi. La temperatura massima del ciclo si localizza nel combustore e nei primi stadi della turbina. Dato che i fumi sono dispersi nellambiente, devono essere utilizzati combustibili particolari, non corrosivi e senza zolfo: sono dunque vietati i carboni, mentre sono utilizzati i combustibili liquidi e gassosi. Il rendimento di un ciclo aperto ` e in genere minore del corrispettivo di un ciclo chiuso, in quanto: la compressione adiabatica non ` e isoentropica; il calore non ` e fornito a pressione costante; 173

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

lespansione adiabatica non ` e isoentropica; vi sono perdite di pressione allaspirazione, alla combustione e allo scarico; vi sono perdite di calore e di massa durante lespansione; Per evitare che le palette della turbina siano sottoposte a temperature eccessive, ` e necessario immettere aria fredda in ogni stadio, per rareddare i fumi caldi; pertanto si aggiungono ulteriori perdite per irreversibilit` a nellespansione. La potenza utile che si ottiene dallimpianto ` e pari alla dierenza fra la ptenza generata dalla turbina e la potenza assorbita dal compressore, ergo: Pu = Wt Wc = Wis,t is,t Wis,c is,c

considerato che i rendimenti isoentropici sono quasi uguali fra loro, Wis,t Wis,c , ` e necessario che i rendimenti delle due macchine siano molto elevati. La condizione di autosucienza ` e che, considerata la Figura 3.405 , il lavoro generato dalla turbina sia superiore al lavoro consumato dal compressore:
Lt = cp (T3 T4 ) = t cp (T3 T4 ) cp Lc = cp (T2 T1 ) = (T2 T1 ) c

(3.53) (3.54)

per cui: T3 > T2 1 T2 T1 T2 t c > = = t c T3 T3 T1 (3.55)

detto = T3 /T1 . Si deduce quindi che le due macchine, turbina e compressore, devono avere rendimenti interno molto elevati. Il parametro deve essere il pi` u elevato possibile, pertanto bisogna avere una temperatura T3 elevata, limitatamente alla resistenza dei materiali. Inoltre, contrariamente a quanto accade per il ciclo ideale, il rapporto di compressione deve essere ridotto. Eventuali miglioramenti sul ciclo possono essere realizzati impiegando materiali pi` u resistenti o eettuando delle modiche al ciclo, riducendo il lavoro di compressione, aumentando il lavoro di espansione o riducendo il calore da fornire.
In realt` a non sarebbe possibile tracciare il ciclo, dato che non esiste un uido che compie un ciclo, ma ` e possibile fare questapprossimazione tenendo conto delle perdite per irreversibilit` a.
5

174

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

T 3

2 2 4 1 S 4

Figura 3.40: Ciclo aperto per centrali a gas

Figura 3.41: Andamento del rendimento nel ciclo aperto reale

175

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.9.3

Ciclo a compressione interrefrigerata


v dp

Questo ciclo si basa sulla riduzione del lavoro di compressione che ` e dato da: Lc =

Fissato il rapporto di compressione , rimangono ssati gli estremi della trasformazione di compressione, per cui il volume v deve essere minimo. La refrigerazione riduce appunto il volume specico, diminuendo anche il tempo di permanenza del uido allinterno del compressore. Il gas ha per` o naturali dicolt` a a ascambiare calore, pertanto si realizzano pi` u stadi di interrefrigerazione e di compressione. Per la refrigerazione ` e possibile utilizzare aria o acqua.
T 3 p2

p5

2
p4

2
p3

5
p1

p2

p1

1 S

Figura 3.42: Ciclo con compressione interrefrigerata Si esamini la Figura 3.42, dove ` e rappresentato un ciclo con interrefrigerazione: sono realizzati due stadi di compressione, 15 e 1 2 , separati da uno stadio di rareddamento. Le curve isobare, per il uido lavorante, non si allargano molto allaumentare dellentropia S . Ci` o implica che il lavoro di espansione, dato dal segmento 34, non ` e molto maggiore del lavoro di compressione, dato dal segmento 12. Rispetto al ciclo base, linterrefrigerazione comporta unulteriore fornitura di calore, lungo il segmento 2 2, ad un prolo di temperatura inferiore, quindi con peggioramento del rendimento. Il rendimento del ciclo base ` e: 1 L34 L15 L52 =1 (3.56) = Q23 mentre il rendimento del ciclo di refrigerazione aggiunto ` e: 1 L25 L1 2 (3.57) =1 a = Q2 2 a 176

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Risulta essere a < , quindi a < ; il rendimento del ciclo composto ` e: c = per cui: a < c < in particolare si ha che: c = Q2 2 Q23 + a Q23 + Q2 2 Q23 + Q2 2 L34 L15 L1 2 L34 L15 L52 + L25 L1 2 = Q2 3 Q2 2 + Q23 (3.58)

Tuttavia, nella realt` a non ` e possibile considerare il ciclo ideale, bens` si deve considerare il ciclo reale riportato in Figura 3.40. Le trasformazioni del ciclo principale sono ad entropia crescente, a causa delle perdite per irreversibilit` a, di conseguenza il ciclo aggiunto di refrigerazione avr` a una trasformazione virtuale, ad entropia decrescente.
T

5
p4=p5

p3=p2

2 2 3 3 S

Figura 3.43: Ciclo di refrigerazione virtuale e una trasformazione virtuale, ad entropia decreLa trasfromazione 52 ` scente; il ciclo virtuale e il ciclo ideale hanno, per costruzione, la stessa area e sono pertanto equivalenti. Tuttavia, il ciclo ideale ha un rapporto di compressione maggiore rispetto al ciclo virtuale cui ` e equivalente, in quanto la pressione minima ` e minore. In denitiva, mentre il rendimento del ciclo base deve essere valutato nella caratteristica dei cicli reali, in cui il rendimento dopo aver raggiunto il massimo diminuisce, il rendimento del ciclo aggiunto, 177

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

essendo equivalente al ciclo ideale, deve essere valutato sulla caratteristica dei cicli ideali, per cui il rendimento aumenta sempre. Poich e il rendimento complessivo sar` a dato dalla somma dei rendimenti pesati, ` e possibile che risulti alla ne maggiore del rendimento del ciclo base. In conclusione, linterrefrigerazione: consente laumento il rendimento, a patto che si realizzi una corretta progettazione; aumenta il lavoro massico, per cui ` e possibile ridurre le dimensioni dellimpianto; ` e favorita se si dispone di aria atmosferica pi` u fredda.

3.9.4

Ciclo ad espansione con ricombustione

Come nel caso del ciclo con interrefrigerazione, anche questo provvedimento pu` o comportare un aumento globale del rendimento, purch e si considerino i cicli reali e si orienti in tal senso la progettazione dellimpianto. In questo caso si dovr` a ovviamente considerare il ciclo aggiunto con compressione virtuale, ad entropia decrescente.
T

3 p2 2

5 4

p1 1

Figura 3.44: Ciclo con ricombustione ` possibile realizzare pi` E u ricombustioni, ma in realt` a non se ne realizzano pi` u di due o tre, perch e il quantitativo di ossigeno va via via diminuendo e aumenta la possibilit` a di ricombustioni di cattiva qualit` a, con conseguente aumento degli incombusti. 178

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

La ricombustione ` e pi` u semplice da realizzare rispetto alla compressione interrefrigerata, dato che non si deve estrarre calore dal uido, ed inoltre fornisce calore su un prolo di temperature pi` u alto; daltro canto aumenta lo scambio di calore con lesterno, a temperature maggiori, quindi globalmente il rendimento termodinamico peggiora. Inoltre il corpo di bassa pressione della turbina lavora a temperatura pi` u elevata.

3.9.5

Ciclo con compressioni ed espansioni polifase

Il rednimento delle centrali a gas pu` o quindi essere ulteriormente aumentato applicando congiuntamente sia la compressione interrefrigerata sia la ricombustione. Si ottiene allora il ciclo riportato nella Figura 3.45, in cui la compressione e lespansione sono state spezzate in pi` u stadi, interponenendo opportuni ricombustori e rareddatori.
T

T_x p2

p1 T_0

Figura 3.45: Ciclo polifase Si ipotizza che la temperatura di ricombustione e di refrigerazione sia la stessa per tutti gli stadi. Per la generica compressione si spende il lavoro Lc,i pari a: Lc,i = cp (Ti T0 ) Il lavoro totale di compressione sar` a allora: Lc = Lc,i = cp (T1 + T2 + + Tnc nT0 ) (3.60) (3.59)

179

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Ipotizzando che tutte le compressioni siano ideali, quindi isoentropiche, si ha che: Ti = T0 per cui: T1 T2 . . . Tnc = nc T0 pnc p0
1

pi pi1

e quindi il prodotto delle temperature T1 T2 . . . Tnc ` e costante. Anch e il lavoro sia minimo, deve risultare minima la somma delle temperature, con il vincolo che il loro prodotto sia costante; si perviene inne alla soluzione per cui: T1 = T2 = = Tnc condizione cui corrisponde luguaglianza dei rapporti di compressione di ciascuno stadio. In maniera del tutto analoga, massimizzando il lavoro di espansione, si perviene alla seguente condizione:
T1 = T2 = = Tne

per cui si ottiene il massimo lavoro di espansione. Aumentando il numero di stadi, per ssati valori delle pressioni iniziale e nale del ciclo, il rendimento tende al rendimento del ciclo di Carnot tra la medesime temperature estreme: in questo caso si ha che lespansione e la compressione isoterme sono state sostituite da due trasformazioni paraisoterme, ossia una sequenza di trasformazioni isobare e adiabatiche.

3.9.6

Cicli rigenerativi

I cicli rigenerativi tentano di compensare gli svantaggi del ciclo Brayton, ossia il fatto che il calore sia fornito al uido lavorante a bassa temperatura e che sia invece estratto dal uido stesso ad alta temperatura. Per eliminare questi difetti, sarebbe opportuno che una parte del calore necessario a riscaldare il uido lavorante fosse prelevato dal uido lavorante stesso, appena ha terminato la sua espansione. In questo modo si dierenziano le temperature medie di fornitura e cessione del calore, con conseguente miglioramento del rendimento. La rigenerazione ` e tanto pi` u conveniente quanto maggiore ` e la temperatura di ne espansione rispetto alla temperatura di ne compressione: ci` o ovviamente comporta un basso rapporto di compressione. 180

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3 Q 2 6

1 S

Figura 3.46: Ciclo semplice con rigenerazione Ciclo semplice con rigenerazione totale Questo ciclo ` e equivalente ad un ciclo semplice con un maggiore rapporto di compressione; il rendimento ` e dato da: i.R = 1 T6 T1 T6 1 T1 /T6 Qu =1 = 1 = Qe T4 T3 T4 1 T3 /T4 1 T1 /T6 T6 T1 = 1 1 T3 /T4 T1 T4

essendo: T1 T4 T6 T3 T2 T1 allora: i.R = 1 1 T1 /T2 T2 T1 T1 = 1 1 T5 /T4 T1 T4 T4 (3.61) = T2 T5 = T2 = T5 T4 = = T5

Fissate le temperature estreme T1 e T4 , il rendimento ` e inversamente proporzionale al rapporto di compressione, per cui ha andamento opposto al ciclo semplice. Allaumentare del rapporto di compressione, lecacia della rigenerazione diminuisce. In Figura 3.47 ` e riportato landamento del rendimento, 181

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

in un ciclo semplice e in un ciclo con rigenerazione, in funzione del rapporto di compressione; landamento del rendimento oltre il punto di intersezione ` e ` teorico, in quanto non ` e pi` u possibile eettuare la rigenerazione. E possibile notare che, per dato rendimento, si determina una coppia di rapporti di compressione e R , rispettivamente per il ciclo semplice e per il ciclo con rigenerazione, cui competono uguali rendimenti e lavori massici.
1 senza rigenerazione con rigenerazione

0.8

0.6 rendimento 0.4 0.2 0 1 2 3 4 5 6 rapporto di compressione 7 8 9 10

Figura 3.47: Andamento del rendimento con rigenerazione Per un valore unitario del rapporto di compressione, il rendimento ` e pari al rendimento del ciclo di Carnot, mentre il lavoro ` e nullo, dato che non viene fornito calore. Il valore minimo del rendimento si ha quando leetto della rigenerazione ` e nullo, ossia quando T5 = T2 , cui corrisponde un valore del rapporto di compressione pari a: = T4 T1
1 2

(3.62)

ottenuto considerando che: T4 T2 T4 T4 T2 = = = = 2 T1 T5 T1 T5 T1 ` e anche il rapporto di compressione per cui, in assenza di rigenerazione, si ha il massimo lavoro massico. Il valore minimo di rendimento ` e quindi pari 182

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

a: i,r | = = 1 T1 T4

Come gi` a preannunciato, il ciclo a rigenerazione totale ` e equivalente ad un ciclo semplice con maggiore rapporto di compressione; di ci` o` e facile convincersene esaminando la Figura 3.48, traslando verso destra il tratto isobaro 63.
1

4 6 4 3

2 2

Figura 3.48: Equivalenza del ciclo a rigenerazione Uguagliando le espressioni dei due rendimenti: 1 = 1 si ottiene: 1 = r T4 T1
1

T1 T4 r

(3.63)

In conclusione, il ciclo a rigenerazione totale ` e utile quando si ha un piccolo rapporto di compressione, in quanto consente di ottenere maggiori rendimenti e dunque minori costi variabili. Di contro ` e pi` u complesso, per ` cui comporta maggiori costi impianto. E inoltre possibile utilizzarlo sia per impianti di generazione sia per impianti di trazione. Ciclo semplice con rigenerazione totale Data la necessit` a di avere salti di temperatura niti, non ` e possibile realizzare la rigenerazione totale, per cui il uido in rareddamento non arriver` a alla temperatura di ne compressione e il uido in riscaldamento non arriver` a alla temperatura di ne espansione. 183

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3 2

6 6

1 S

Figura 3.49: Ciclo con rigenerazione parziale Si denisce grado di rigenerazione R il rapporto fra la quantit` a di calore scambiata e la quantit` a di calore scambiabile: R= T5 T6 T5 T2

La quantit` a di di calore fornita dallesterno del ciclo con rigenerazione parziale Qe,p vale: Qe,p = Qe,r + (1 R) (Qe Qe,r ) detta Qe la quantit` a di calore da fornire in assenza di rigenerazione e Qe,r la quantit` a di calore da fornire con rigenerazione totale. Si ha dunque che: Qe,p = RQe,r + (1 R) Qe Il rendimento ` e dato da: i,p = Li Li = = Qe,p RQe,r + (1 R) Qe = Qe Qe,r + (1 R) R Li Li 1 (3.65) = 1 1 R + (1 R) i,r i 1 (3.64)

184

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Indicando con linverso del rendimento 1/i,p il consumo specico, si ha che: R 1R 1 = + = i,p i,r i R 1R + T1 1 1 T4 (3.66)

Il consumo specico del ciclo a rigenerazione parziale ` e la somma dei consumi specici dei due cicli, senza rigenerazione e con rigenerazione totale, pesati con il grado di rigenerazione e con il suo complementare. Si noti che per un rapporto di compressione unitario, il rendimento i,p ` e nullo, qualsiasi sia il grado di rigenerazione. Questo accade perch e, quando le due isobare si avvicinano esiste comunque, a dierenza del ciclo a rigenerazione totale, una certa quantit` a di calore fornito; si ha dunque calore in ingresso e lavoro nullo, quindi il rendimento ` e nullo. Ponendo invece = si ha che il rendimento ` e pari a: i,p = 1 T1 = i,r = i = T4

Per ogni valore del grado R di rigenerazione, il rendimento i,p , funzione del rapporto di compressione, assume i valori 0 e ; per valori di R minori di 0,5, il rendimento i,p ha andamento monotono, mentre per valori maggiori si ha un massimo, che si sposta verso = 1 allaumentare di R.

R=1

R=0

Figura 3.50: Variazione del rendimento con rigenerazione parziale Il ciclo reale ha caratteristiche analoghe a quelle del ciclo ideale, ma landamento del rendimento presenta massimi pi` u accentuati e anche per valori di R inferiori a 0,5. 185

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.9.7

Ciclo rigenerativo interrefrigerato

Il principale inconveniente che si ha nel ciclo con compressione interrefrigerata ` e la fornitura di calore a bassa temperatura, che peggiora molto il rendimento termodinamico del ciclo. Lintroduzione della rigenerazione consente di eliminare questo inconveniente; per rendere minimo il lavoro di compressione, sarebbe opportuno adottare la refrigerazione continua, eettuata cio e a temperatura costante; essendo purtroppo questo modalit` a impossibile praticamente, si preferisce eettuare la refrigerazione con una serie di trasformazioni isobare e adiabatiche, realzzando cos` una trasformazione quasi isoterma. Linterrefrigerazione avviene ponendo uguali, e pari a T1 , tutte le temperature di inizio compressione; stabilito, sulla base di criteri economici, il numero N di stadi di compressione, il totale lavoro Lc di compressione ` e pari a:
N

Lc =
i=1

(h2,i h2,i1 )

Supponendo il gas ideale: h2,i h2,i1 = cp (T2,i T2,i1 ) Essendo la temperatura T2,i1 pari alla temperatura di inizio compressione e considerato che i punti (2, i) e (2, i 1) appartengono alla stessa curva isobara T2,i = i T2,i1 si ottiene che:
N N

Lc =
i=1

cp T2,i1 i T1 =

i=1

cp T1 i 1

(3.67)

Deve inoltre risultare: pN pN 1 p2 pN = = = p1 pN 1 pN 2 p1


N

i
i=1

Il minimo lavoro di compressione Lc si ha con i rapporti di compressione parziali tutti uguali tra loro e pari a: i =
N

186

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

2,N 1,N

2,N1 1,N1

2,1 1,1

2 1 S

Figura 3.51: Ciclo rigenerativo con interrefrigerazione

3.9.8

Ciclo rigenerativo con ricombustione

Con laggiunta della ricombustione, aumenta la quantit` a di calore che deve essere fornita al uido lavorante ma, data la rigenerazione, il ciclo aggiunto ha rendimento unitario, dato che tutto il calore fornito si trasforma in lavoro. In denitiva il ciclo risultante ha un rendimento superiore al rendimento del ciclo base. Nel caso in cui la rigenerazione sia parziale, il ciclo aggiunto di ricombustione ha un rednimento inferiore allunit` a, quindi occorre valutare caso per caso se il rendimento complessivo sia migliore o peggiore.

3.9.9

Ciclo rigenerativo con interrefrigerazione e ricombustione

Questo ciclo riunisce in s` e i vantaggi dei singoli provvedimenti; allaumentare del numero di stadi di interrefrigerazione e di ricombustione il ciclo approssima sempre meglio il ciclo Ericsson, il cui rendimento ` e pari al ciclo di Carnot fra le stesse temperature estreme. Lutilizzo congiunto dei due provvedimenti consente, in confronto al ciclo Brayton semplice, di ridurre il lavoro di compressione, aumentare il lavoro di espansione e di aumentare dunque il rendimento. Di contro prevede un impianto pi` u complesso, dunque pi` u costoso e non pu` o essere utilizzato per applicazioni mobili, ma solo per impianti di generazione ssi.

187

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

T 3 4

1 S

Figura 3.52: Ciclo rigenerativo con interregrigerazione e ricombustione

3.9.10

Lavviamento delle centrali a gas

Le centrali a gas hanno bisogno di una procedura specica per lavviamento, in quanto a centrale ferma non esiste il rapporto di compressione necessario al funzionamento del ciclo. Lavviamento pu` o essere eettuato sfruttando un motore di lancio, di potenza pari al 5 10% della potenza nominale dellimpianto, o il motore sincrono. Con il motore di lancio, o con il motore sincrono, si raggiunge una velocit` a suciente anch e il compressore sia in grado di generare il rapporto di compressione . A questo punto si accende la amma del combustore al regime minimo; in questa fase la turbina genera un lavoro pari a quello consumato dal compressore. Si aumenta dunque la portata del combustibile, aumentando cos` la velocit` a del gruppo e. quando le condizioni lo permettono, si eettua il parallelo. Il tempo necessario allavviamento ` e varabile fra un massimo di 10 min per le turbine aeronautiche a circa 20 30min per le turbine industriali. I combustibili utilizzati non possono essere combustibili solidi perch e le ceneri conseguenti provocherebbero problemi di corrosione.In passato, si ` e tentato di utilizzare polvarino di carbone come combustibile, disponendo il bruciatore a valle della turbina ed utilizzando i fumi caldi per riscaldare laria fredda in ingresso alla turbina; dato per` o che lo scambio termico avveniva fra due gas, il rendimento termico era talmente scadente che questa soluzione fu ben presto abbandonata. Dato che le temperature dei fumi caldi non sono solitamente compatibili con i vincoli di resistenza meccanica dei materiali costituenti la turbina, la caldaia ` e suddivisa in tre zone: 188

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

nella prima, il combustibile ` e bruciato con una quantit` a di comburente quasi uguale al valore stechiometrico; nella seconda, il combustibile completa la combustione; inne, nella terza zone, si rareddano i fumi caldi diluendoli con aria fredda. I rendimenti massimi ottenibili con le turbine a gas si aggirano intorno al 30%, utilizzando cicli elaborati, mentre raramente superano il 15%, se si utilizzano cicli semplici.

3.9.11

Regolazione delle centrali a gas

La potenza P erogata da una centrale a gas ` e pari a: P = mL essendo m la portata massica e L il lavoro utile prodotto dallimpianto. La portata massica ` e funzione, a sua volta, della componente assiale ca di velocit` a assoluta, della sezione di passaggio allingresso del compressore e della densit` a del uido nella sezione di riferimento: m = ca essendo inoltre la densit` a del uido, in accordo allequazione di stato dei gas perfetti, pari a: = p RT

La velocit` a assoluta ` e proporzionale alla velocit` a periferica, che ` e a sua volta legata al numero n di giri della turbina; in denitiva si ottiene che: p P L n T Pe regolare la potenza, lEquazione 3.68 suggerisce diverse modalit` a: variare il lavoro utile specico; Variare lo stato sico del uido allingresso del compressore, installando una valvola di la; variare la velocit` a di rotazione; 189 (3.68)

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

In pratica sono possibile tre regolazioni: installazione di pale sullo statore del compressore a calettamento variabile: in questo modo si riduce la sezione di transito mentre la velocit` a assoluta resta quasi costante e non si deformano i triangoli di velocit` a; installazione di una valvola di laminazione allaspirazione: si riduce la portata massica, lasciando invariata la portata volumetrica e i triangoli di velocit` a, mentre si riduce il lavoro utile della turbina; regolazione del numero di giri della turbina se limpainto ` e del tipo plurialbero. Ai metodi di regolazione sopra visti, si aanca la regolazione della portata del combustibile, in modo da mantenere costante la temperatura di ingresso in turbina. Il protocollo di regolazione pi` u utilizzato prevede, se la potenza erogata deve essere superiore al 50% della potenza nominale, lutilizzo delle pale statoriche sul compressore, mentre se la potenza erogata deve essere inferiore al 50% si varia la portata di combustibile lasciando inalterata la portata dellaria. Nel primo caso il rendimento si abbassa no all80% del rendimento nominale, mentre nel secondo caso il rendimento si abbassa molto pi` u rapidamente. Per la regolazione, possono aversi problemi sul compressore: se ruota a velocit` a costante, deve lavorare a portata costante, altrimenti possono manifestarsi fenomeni di stallo. Il lavoro di compressione ` e circa pari ai 2/3 del salto entalpico del ciclo; quando lalternatore varia la potenza erogata dal 100% allo 0%, la turbina si scarica no all86%. Se il compressore ` e sincrono con lalternatore, la regolazione ` e complessa. La soluzione migliore ` e dunque poter variare la velocit` a di rotazione del compressore, per cui limpianto deve essere plurialbero: un albero per il gruppo turbina alternatore, un albero per il compressore.

3.9.12

Cicli combinati

Il ciclo termico a gas ha un buon comportamento alle alte temperature, mentre il ciclo a vapore si comporta meglio alle basse temperature. Da questa constatazione nasce lidea di realizzare cicli combinati in cui il calore fornito al vapore provenga dal recupero del calore posseduto dal gas esausto. Il problema fondamentale che pongono questi cicli ` e ladattamento del ciclo a vapore al ciclo a gas. Il ciclo a vapore ideale dovrebbe essere triangolare, come riportato nella Figura 3.53, formato da un riscaldamento isobaro 31, unespansione isoentropica 12 e da un rareddamento isotermo 23. Il uido lavorante dovrebbe 190

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

T T1 1

Te

T0 3 2 S

Figura 3.53: Ciclo a vapore triangolare allora essere gassoso durante il riscaldamento e in cambiamento di fase durante il rareddamento isotermo: una simile sostanza non ` e stata ancora trovata, pertanto si deve utilizzare il ciclo dellacqua. Il rendimento rec del ciclo di recupero ` e pari a: rec = W Qi W = = Qd Qi Qd (3.69)

detta Qd la quantit` a di calore recuperata dai fumi esausti, in genere diversa dalla quantit` a Qi di calore da essi posseduta, e W il lavoro prodotto da ciclo di recupero; il fattore , per evidenti motivi, prende il nome di fattore di recupero. Lo scopo nale ` e massimizzare il rendimento a valle rec e non il rendimento a monte , pertanto non pu` o essere utilizzato il ciclo di Carnot, dato che comporterebbe un fattore di recupero molto basso anche se ottimizzato, ponendo la temperatura massima pari a T1 T0 . La condizione di ciclo triangolare pu` o essere approssimata con due o pi` u cicli di Carnot in cascata; data per` o la dicolt` a che si ha nel realizzare cicli reali di Carnot utilizzando come uido lavorante lacqua, la soluzione pi` u seguita ` e quella di impiegare cicli a vapore di acqua, Rankine o Hirn, a pi` u livelli di pressione. Il ciclo Hirn a pressione ipercritica sarebbe molto pi` u simile ad un ciclo triangolare, ma non pu` o essere utilizzato sia per evitare sforzi meccanici eccessivi, sia perch e la temperatura ipercritica ` e troppo elevata e non pu` o essere raggiunta con i gas esausti. Il ciclo combinato pu` o essere red o unred a seconda che sia presente o meno uno stadio di post combustione, ovvero uno stadio in cui ` e fornito calore al ciclo combinato. La soluzione pi` u impiegata ` e quella unred, mentre la soluzione red ` e impiegata solamente negli impianti di cogenerazione. 191

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

La caldaia pu` o essere a circolazione naturale o assistita, ma ` e pi` u spesso impiegata la circolazione naturale. Spesso si realizzano due cicli di recupero Hirn, a pressione diversa e seza surriscaldamento. Mancando gli spillamenti dalla turbina, si realizza il degasaggio con uno scambiatore a corpo cilindrico, entro il quale si produce il vapore necessario al degasaggio mediante una caldaia a circolazione. Due pompe di alimento prelevano lacqua degasata e la inviano ai due cicli a pressione diversa. Con due livelli di pressione ` e possibile realizzare o meno anche il risurriscaldamento del vapore ad alta pressione. ` possibile realizzare anche un ciclo a recupero con tre livelli di pressione; E in questo caso il degasatore ` e sovradimensionato e svolge anche la funzione di corpo ciclindrico di bassa pressione. Luscita della turbina di alta pressione pu` o essere collegata direttamente alla turbina di media e bassa pressione, oppure si pu` o prevedere un risurriscaldamento intermedio. Per piccole potenze si utilizza il recupero a due livelli di pressione (2L), mentre per grandi potenze si eettua il recupero a tre livelli di pressione con risurriscaldamento (3LR). Per grandi potenze si utilizzano anche pi` u turbine a gas per ogni turbina a vapore e per ogni turbina a gas vi ` e una caldaia a recupero. Poich e la temepratura massima dei gas ` e bassa, intorno ai 600 C, ` e possibile disporre gli scambiatori in controcorrente e utilizzare per levaporatore e leconomizzatore dei tubi alettati, con conseguente risparmio di costo e ingombro. Il rendimento complessivo ` e pari circa a 0, 52 0, 56, mentre il rapporto di compressione ottimale ` e pari a 12 18. La ricombustione, ossia linstallazione di una caldaia a recupero red, ` e possibile quando il contenuto di ossigeno nei gas di scarico ` e ancora elevato, pari cio e al 12 16%. Linnalzamento di temperatura del gas consente di estrarre una maggior quantit` a di calore dai fumi e di produrre pi` u vapore. Il rendimento complessivo dellimpianto peggiora, pertanto questa soluzione ` e utilizzata solo negli impianti di cogenerazione, quando aumenti la richiesta di vapore per scopi tecnologici.

3.9.13

Ripotenziamento delle centrali termiche

Lutilizzo dei cicli combinati ha anche suggerito la possibilit` a del ripotenziamento delle centrali termiche pi` u antiche: si aggiunge una turbina a gas nella centrale a vapore tradizionale; loperazione ` e di per s e agevole, dato che non richiede grossi spazi. Si aumenta la potenza elettrica prodotta dallimpianto, evitando dunque la costruzione di nuove centrali e si migliora il bilancio energetico della centrale a vapore. Sono possibili diverse soluzioni di ripotenziamento.

192

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Preriscaldamento La caldaia a recupero svolge le funzioni di preriscldatore e degasatore, dunque ha la funzione di preriscaldare lacqua di alimento; si eliminano tutti gli spillamenti di vapore in turbina, quindi aumenta la portata di vapore e la potenza della sezione a vapore di circa il 20 35%. Gli interventi da eettuare sono limitati e i tempi di fermata dellimpainto sono molto ridotti. Produzione di vapore a MP In questo caso si utilizza la caldaia a recupero per produrre vapore a media pressione ; la qualit` a del vapore prodotto ` e uguale a quella del vapore risurriscaldato. Ovviamente aumenta la portata di vapore nei circuiti a media e bassa pressione, pertanto si gode dei beneci che si hanno anche nella soluzione precedente. Queste soluzioni presentano elevate perdite per irreversibilit` o nella caldaia a recupero, data la presenza di scambi di calore tra uidi a temeprature molto diverse, pertanto si possono realizzare altri due schemi, con minori perdite. Ricombustione in caldaia I gas di scarico della turbina sono inviati in camera di combustione, sostituendo laria primaria; in questo modo si riduce il consumo di combustibile, dato che i gas esausti hanno ancora un certo contenuto entalpico, e il rendimento aumenta no al 40 45%. Sono per` o necessari importanti modiche al generatore di vapore, dato che si ha una maggiore portata dei fumi e devono essere modicate le superci di scambio termico. Non ` e pi` u necessario il preriscaldatore daria, mentre il contenuto ` termico dei fumi esausti ` e utilizzato per preriscaldare lacqua di alimento. E un intervento gravoso che comporta lunghi tempi di fermata della centrale. Trasformazione in unred Lultima soluzione possibile ` e quella di traformare completamente la vechcia centrale a vapore in una centrale combinata unred, rimuovendo la caldaia e la linea dellacqua di alimento, sostituite da una caldaia a recupero. La turbina dor` a lavorare con portate crescenti dal corpo di alta pressione al corpo di bassa pressione, mentre nella soluzione precedente la portata diminuiva per via degli spillamenti. Lincremento di potenza ` e notevole, pari a circa il 180 220% e il rendimento dellimpianti diviene uguale a quello del ciclo combinato, ma gli investimenti necessari e i tempi di modica sono ragguardevoli. Questa soluzione ` e conveniente solo per impianti esistenti con potenza di 80 150 MW e per impainti di cogenerazione.

193

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.9.14

Impianti di cogenerazione

Gli impianti di cogenerazione hanno la funzione di produrre energia elettrica e termica, in modo da consentire lo sfruttamento di entrambe, mediante un processo in cascata. Sono possibili due tipi di processo: topping e bottoming : il processo di topping prevede la produzione di energia elettrica mediante un ciclo ad alta temperatura e la produzione di energia termica dal calore rilasciato dal suddetto ciclo; il processo bottoming prevede invece che il calore fornito al ciclo termodinamico per la produzione di energia elettrica provenga da un utilizzatore di energia termica ad alta temperatura. Nel sistema topping, che ` e il pi` u diuso, si ha la potenza temrica F sviluppata dalla combustione, la potenza elettrica W utile prodotta, la potenza termica Qu utile prodotta e la potenza termica Qd dissipata nellambiente. Si ha una certa dicolt` a a determinare il rendimento del ciclo di cogenerazione, per la presenza congiunta di due dstinti eetti utili, con diverso valore termodinamico ed economico. Un primo modo di calcolare il rendimento prevede di assegnare pari valore alla potenza elettrica e alla potenza termica prodotta, per cui: W + Qu (3.70) F mentre un secondo principio di calcolo assegna alla potenza termica il suo equivalente meccanico: 1 = W + Qu 2 = 1 T0 Tm

(3.71) F essendo Tm la temepratura media a cui ` e scambiato il calore; in questo modo si attribusice per` o uno scarso valore al calore utile. Un indice pi` u signicativo si basa sul confronto tra i consumi energetici dellimpianto di cogenerazione e i consumi di due impianti separati per la produzione degli stessi eetti utili. Indicando quindi con Fw,c e Fq,c rispettivamente i ussi di combustibile utilizzati per produrre W e Qu e con Fc = Fw,c + Fq,c il usso di combustibile totale, si ha un indice di risparmio energetico pari a: IRE = F F Fc F =1 =1 Fc Fw,c + Fq,c W Qu + e t (3.72)

194

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Maggiore ` e lindicedi risparmio energetico, maggiore ` e la convenienza della soluzione cegenerativa. Un altro indice molto utilizzato ` e il rendimento di produzione elettrica : pe = W = F Fq,c W Qu F t (3.73)

in cui la produzione di energia elettrica ` e attribuita alla quota di combustibile in pi` u rispetto alla produzione termica. Detto rendimento ` e confrontabile con il rendimento di impianti puramente elettrici. I rendimenti elettrico e e termico t hanno valori in genere pari ai valori medi di esercizio delle centrali termoelettriche e delle caldaie; i valori massimi attualmente ottenibili. stabiliti dal decreto del Comitato Interministeriale dei Prezzi, sono e = 0, 51 e t = 0, 9.

195

Capitolo Delle apparecchiature elettriche

Finora sono stati esaminati i vari modi in cui negli impianti di produzione lenergia potenziale o termica ` e convertita in energia elettrica, mentre non sono stati esaminati i modi in cui limpianto di produzione immette in rete lenergia elettrica prodotta.

4.1

Le stazioni elettriche

Si denisce stazione elettrica il nodo di rete in cui ` e eettuata la connessione tra i vari componenti dellimpianto. La connessione fra tutti i macchinari elettrici presenti allinterno della centrale non ` e diretta, ma ` e realizzata tramite sbarre di collegamento, cui sono connessi tutti gli apparati. Fra qualsiasi apparecchiatura collegata alle sbarre e le sbarre stesse ` e interposto un insieme di dispositivi, detto montante. A monte delle sbarre vi ` e un sezionatore : tutte le apparecchiature a monte del sezionatore prendono in nome di testa del montante. Le stazioni elettriche hanno molteplici funzioni e sono infatti utilizzate per elevare la tensione, per interconnettere le reti di trasporto e di trasmissione, per la distribuzione dellenergia elettrica, per la regolazione della tensione e per interconnettere reti a corrente continua con reti a corrente alternata. Una stessa stazione elettrica pu` o assolevere a diverse di queste funzioni. Diverse sono le esigenza che devono essere soddisfatte per la realizzazione di una stazione elettrica: sicurezza, intesa come minimizzazione del numero di componenti fuori servizio; essibilit` a, ossia la capacit` a di mutare congurazione per far fronte a disservizi;

196

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

adabilit` a, cio` e la probabilit` a che la stazione ha di funzionare ad un determinato istante di tempo. costo, che ovviamente deve essere il pi` u ridotto possibile. Maggiore ` e la complessit` a della stazione, minore sar` a ladabilit` a della stazione, anche se uesto eetto pu` o essere ridotto aumentando la ridondanza dei componenti. Interruttori e sezionatori hanno la maggiore inuenza sul costo della stazione elettrica, pertanto ` e naturale che si dovr` a trovare un ottimo tecnico fra ridondanza dei componenti, quindi fra ladabilit` a della stazione, e il costo della stessa. Periodicamente, devono essere eettuati interventi di manutenzione sugli interruttori della stazione; durante tali interventi, questi devono essere messi fuori servizio; la qualit` a di una stazione, quindi la sua adabilit` a, dipende anche dalla possibilit` a di eettuare manutenzione ordinaria senza dover mettere fuori servizio. Un altro criterio di valutazione. al primo collegato, ` e la riserva di intervento, ossia la capacit` a che hanno alcuni interruttori di aprire guasti se linterruttore preposto ` e in manutenzione.

4.1.1

Connessione delle sbarre

Sono possibili diversi schemi di collegamento delle sbarre: sbarre principali uniche; sbarre principali multiple; sbarre ad anello Sbarre principali uniche Questa soluzione, riportata in Figura 4.1 ` e semplice ed economica; non ` e possibile eettuare manutenzioni sugli interruttori senza mettere fuori servizo la linea da essi servita e non si ha riserva di intervento. Con i sezionatori opzionali ` e possibile separare le sbarre cui sono collegate i carichi dalle sbarre cui sono collegati i generatori. ` possibile migliorare la congurazione disponendo un sezionatore in paE rallelo al montante, rendendo possibile eettuare la manutenzione senza mettere fuori servizio il montante. In questo caso, per` o la protezione della linea guasta ` e adata agli altri interruttori, quindi in caso di guasto ` e lintera stazione ad andare fuori servizio. Realizzando un bypass fra due montanti, come riportato in Figura 4.3, ` e possibile eettuare manutenzione su un interruttore senza inciare la sicurezza n e della rete a valle dellinterruttore in manutenzione n e della stazione, in 197

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

s=2 i=1

Figura 4.1: Connessione con sbarre principali uniche

s=3 i=1

Figura 4.2: Connessione con sbarre principali uniche e sezionatore in parallelo

198

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

quanto resta sempre attivo linterruttore del montante in parallelo. Lo svantaggio di questa soluzione ` e che gli interruttori devono essere dimensionati per una corrente di cortocircuito pari al doppio del valore normale. Anche con questa soluzione non ` e per` o possibile eettuare manutenzione sulle sbare senza mettere fuori servizio lintera stazione, n e si ha riserva di intervento.

s=2,5 i=1

Figura 4.3: Connessione con sbarre principali uniche e bypass Levoluzione del sistema a sbarre uniche ` e il sistema con sbarre di traslazione, collegate alle sbarre principali attraverso un apposito interruttore di traslazione. Si pu` o eettuare manutenzione sugli interruttori senza causare un fuori servizio, semplicemente deviando il usso di energia sulle sbarre di traslazione e sostituendo linterruttore in manutenzione con linterruttore di di traslazione. Non ` e possibile eettuare manutenzione sulle sbarre principali, ma la si pu` o eettuare invece sulle sbarre di traslazione. Anche con questa congurazione non si ha riserva di intervento. Sbarre principali multiple Il sistema con sbarre multiple riportato in Figura 4.5 ` e utilizzato per carichi di maggiore importanza, e.g. per le reti di trasporto. Comunemente si ha un sistema di doppie sbarre principale: banalmente, pu` o essere costituito da un sistema di sbarre singole duplicato e prende allora il nome di sistema duplex. Il sistema duplex pu` o anche essere esercito a nodo unico, con gli interruttori in parallelo; in questo caso il nodo ha una maggiore potenza di cortocircuito, per cui una maggiore stabilit` a, ma anche una maggiore corrente di cortocircuito, per cui gli interruttori devono essere maggiormente dimensionati. Si pu` o eettuare manutenzione 199

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

SP

ST s=3+2/n i=1+1/n

Figura 4.4: Connessione con sbarre di traslazione sugli interruttori e su entrambe le sbarre, ma non si ha una riserva di intervento. SI pu` o realizzare il funzionamento a nodi separati, in cui le due sbarre alimentano due nodi distinti, ognuno di minore potenza di cortocircuito.

SP1

SP2 s=4 i=2

Figura 4.5: Connessione con sbarre principali multiple Lo schema pi` u utilizzato, riportato in Figura 4.6, ` e pi` u economico; le due sbarre possono funzionare anche da nodo separato. A dierenza dellinterruttore di traslazione, linterruttore che collega le due sbarre ` e un interruttore di parallelo, dotato quindi di un dispositivo di parallelo dato che le tensioni sulle ` possibile eettuare manudue sbarre potrebbero avere anche fasi diverse. E tenzione su un sistema di sbarre, mentre la manutenzione sugli interruttori pu` o essere eettuata previa installazione di un bypass temporaneo: la sbarra 200

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

cui ` e collegato detto bypass svolge la funzione di sbarra di traslazione, tutti gli interruttori sono collegati allaltra sbarra e la protezione sullinterruttore in manutenzione ` e data dallinterruttore di parallelo. Si pu` o realizzare anche il funzionamento a nodi separabili, per cui tutti gli interruttori sono collegati ad una o allaltra sbarra e linterruttore di parallelo ` e chiuso; se questo ha il minor tempo di intervento, interviene per primo in caso di guasto separando i due nodi, aumentando cos` limpedenza del nodo e riducendo la corrento di guasto. Aggiungendo delle sbarre di traslazione, si pu` o mantenere il funzionamento a nodi separati anche durante la manutenzione di un interruttore.

SP1

SP2 s=3+2/n i=1+1/n

Figura 4.6: Connessione con sbarre principali multiple in parallelo

SP1 SP2 ST

Figura 4.7: Connessione con sbarre principali multiple in parallelo con traslazione Per ridurre i costi, si realizza spesso uno schema a un interruttore e mez201

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

zo, riportato in Figura 4.8, o uno schema a un interruttore e un terzo, riportato in Figura 4.9. Il nome di questi schemi deriva dal fatto che, mediante articolari conessioni, per ogni montante si ha un interruttore e mezzo, o un interruttore e un terzo, consentendo una buona approssimazione fra qualit` a del servizio e economicit` a dei costi.

s=3 i=1,5

SP1

SP2

Figura 4.8: Connessione ad un interruttore e mezzo

s=2+2/3 i=1+1/3

Figura 4.9: Connessione ad un interruttore ed un terzo Ancora, ` e possibile realizzare uno schema ad H, riportato in Figura 4.10, che ore anche una parziale riserva di intervento; parziale perch e, in caso di guasto, ` e disalimentato anche il montante sano accanto al montante guasto. ` E possibile avere anche uno schema ad H modicato, in cui si aggiungono altri due montanti a quelli gi` a presenti; in questo caso, per ogni montante guasto possono andare fuori servizio no a tre montanti sani. 202

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Figura 4.10: Congurazione ad H Sbarre ad anello La conessione ad anello consente di isolare i montanti guasti: dopo che ` e stato individuato e messo fuori tensione, si apre il sezionatore corrispondente e si richiude lanello. Questa conessione ` e utilizzata spesso per stazioni elettriche intermedie e linee a doppia terna molto lunghe; in questi casi lanello, nel normale esercizio, non ha tutti gli interruttori chiusi, ma solo quelli longitudinali. Gli interruttori trasversali servono solo in caso di guasto, isolando il tronco di linea guasta e ripristinando il parallelo delle due linee, fatta eccezione per la parte guasta; in questo modo limpedenza della linea sar` a sicuramente inferiore a quella che si avrebbe nel caso in cui una terna fosse messa totalmente fuori servizio.

4.1.2

Componenti delle stazioni elettriche

Le sbarre che si trovano all0interno delle stazioni elettriche possono essere realizzate in corda o in tubo e sono generalmente realizzate in alluminio; la sbarre in tubo sono meno rugose e hanno una minore resistenza di isolamento; hanno un miglior comportamento nei confronti delleetto corona, richiedono minori spazi e un maggior numero di appoggi. I sezionatori sono quelli cosiddetti a vuoto, dato che, nella progettazione, non si tiene conto della loro capacit` a di estinguere larco, sebbene

203

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

s=3 i=1

Figura 4.11: Connessione ad anello siano dotati di piccoli dispositivi in grado di spegnere eventuali archi che si dovessero innescare fra i loro contatti. Gli interruttori utilizzati sono in genere modulari, con tensione nominale per modulo pari a circa 100 kV , di tipo pneumatico, per cui necessitano di un serbatoio di aric compressa per poter entrare in funzione. In ogni stazione elettrica sono inoltre presenti dei servizi ausiliari, ossia circuiti destinati ad alimentare tutte le apparecchiature variamente connesse allesercizio della centrale e della stazione elettrica. I servizi ausiliari pi` u comuni sono: sistemi di refrigerazione dei macchinari; sistemi per lazionamento di dispositivi di protezione e manovra; Per lalimentazione di tali servizi si ricorre normalmente allavvolgimento terziario dei trasformatori della stazione; onde evitare che tali servizi possano essere disalimentati in caso di guasto sul trasformatore, si deve prevedere un sistema di alimentazione derivato da un fonte autonoma, quale pu` o essere una rete locale di bassa tensione, se presente, o unalimentazione di soccorso a mezzo di gruppo elettrogeno. I servizi ausiliari sono divisi in base alla loro criticit` a e alla priorit` a nellalimentazione; se ` e ovvio che il sistema di refrigerazione del trasformatore non serve quando questo ` e fuori servizio, ` e altrettanto ovvio che lalimentazione dei compressori degli interruttori pneumatici non pu` o essere interrotta, altrimenti si rischia di non poter azionare detti interruttori, anche se il serbatoio di aria compressa garantisce una certa autonomia. I circuiti di alimentazione dei sistemi di protezione e comando non possono subire invece alcuna interruzione nellalimentazione. Si hanno allora: 204 sistemi per linvio di misure e comandi.

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

servizi normali, alimentati dalle sbarre principali della stazione; servizi utili, che possono sopportare brevi interruzioni e che sono alimentati, in caso di emergenza, da un gruppo elettrogeno; servizi essenziali, che non possono essere mai disalimentati e che pertanto sono alimentati in corrente continua tramite un raddrizzatore e un sistema di batterie tampone.

4.2

I servizi ausiliari

Allinterno degli impianti di produzione sono presenti, oltre agli apparati necessari alla conversione dellenergia in energia elettrica, molti elementi che concorrono, pi` u o meno direttamente, alla produzione di energia. Questi elementi sono raggruppati sotto il nome di servizi ausiliari e sono classicati in relazione allincidenza che hanno sulla produzione. Sia che la centrale sia idroelettrica sia che la centrale sia termoelettrica, in essa sono presenti molti apparati che per funzionare abbisognano in maniera pi` u o meno diretta di energia elettrica; basti pensare alle pompe di alimento o ai circuiti di eccitazione dellalternatore o del motore di lancio. I servizi ausiliari hanno ovviamente bisogno di essere alimentati, quindi ` e necessario progettare la fonte di alimentazione relativa, sulla base della potenza che essi asorbono. Se per una centrale idroelettrica i servizi ausiliari richiedono una potenza pari a pochi punti percentuali della potenza nominale dellimpianto, per una centrale termoelettrica possono arrivare a richiedere il 10% della potenza nominale. Infatti, in una centrale idroelettrica, i servizi ausiliari pi` u esigenti in fatto di energia sono i sistemi di eccitazione delle macchine elettriche, i sistemi di lubricazione degli organi rotanti, i sistemi di rareddamento, gli impianti di illuminazione e i sistemi di misurazione e controllo. Allinterno di una centrale termoelettrica sono invece presenti anche le pompe di alimento, i ventilatori per il circuito dei fumi e i sistemi di trattaggio e movimentazione del combustibile. In particolare, il consumo di energia cresce se il combustibile utilizzato ` e solido invece che liquido, dato che richiede maggiori trattamenti e pone pi` u dicolt` a per la movimentazione. In una centrale termonucleare i servizi ausiliari assorbono ancora pi` u potenza, no al 12%, dato che per ragioni di sicurezza tutti i servizi sono realizzati con un certo grado di ridondanza. I servizi ausiliari sono in genere classicati in relazione allincidenza che hanno sulla produzione di energia elettrica; linsieme di caldaia, turbina, alternatore e trasformatore prende il nome di gruppo e i servizi ausiliari collegati al funzionamento di caiscuno di questi macchinari prende il nome 205

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

di servizi di gruppo. Ongi elemento fa parte di un solo gruppo, cos` facendo ` e possibile prevenire interferenze nel funzionamento fra i gruppi di una centrale. Fanno parte dei servizi di gruppo e.g. nelle centrali termoelettriche le pompe di alimento e di iniezione del combustibile. Allinterno dei servizi di gruppo, si distinguono quei servizi che devono essere in funzione anche quando il gruppo ` e fuori servizio, come e.g. il motore che mette in rotazione la turbina quando questa non ` e in funzione, al ne di omogeneizzarne la temperatura; questi prendono il nome di servizi di emergenza. I servizi ausiliari che invece non hanno uno stretto legame con alcun gruppo, sono detti servizi generali. Inne si hanno i servizi di sicurezza, deputati alla misura e al controllo dei processi della centrale. La soluzione pi` u semplice per realizzare lalimentazione dei servizi ausiliari ` e sicuramente quella di prevedere nel progetto un gruppo ad essi dedicato. La regolazione della tensione e della frequenza di questo gruppo sarebbe indipendente dalla regolazione sui restanti grupi di centrale, quindi i servizi ausiliari sarebbero immuni da eventuali disturbi presenti sulla rete. Questa soluzione pone per` o alcuni inconvenienti: innanzitutto non permette lautoavviamento della centrale, se termoelettrica, data lassenza di vapore, quindi si dovrebbe pensare ad un sistema di alimentazione esterno; inoltre, il gruppo dedicato dovrebbe avere una piccola potenza, pertanto la turbina avrebbe uno scarso rendimento. Tale soluzione ` e pertanto poco utilizzata. Un secondo provvedimento prevede leliminazione della turbina il collegamento dellalternatore allalbero cui sono collegati gli alternatori principali. Cos` facendo i servizi ausiliari sarebbero soggetti ai disturbi in frequenza che si propagano sulla rete, ma non ai disturbi in tensione, dato che la regolazione della tensione sarebbe indipendente dagli altri alternatori. Anche questa soluzione non permette lautoavvimento della centrale per cui, anche se il rendimento ` e pi` u elevato di quello della soluzione precedente, ` e raramente utilizzata. La soluzione pi` u adottata prevede di prelevare lenergia necessaria ai servizi ausiliari dai gruppi della centrale o dalla rete cui essa ` e collegata. Inserendo un trasformatore collegato ai morsetti dellalternatore, come riportato in Figura 4.12, si crea un sistema di sbarre per i servizi ausiliari. Questo obbliga i servizi ausiliari a risentire maggiormente dei disturbi prodotti dallalternatore, disturbi comunque ridotti dallelevata potenza di cortocircuito del nodo cui sono collegati. A seguito di un guasto che comporti la fermata del gruppo, i servizi ausiliari di quel gruppo restano disalimentati e non ne permettono lavviamento, pertanto si dovr` a provvedere ad unalimentazione esterna. Collegando invece i servizi ausiliari alle sbarre principali, come riporta206

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

SP

TP

TA

SA

Figura 4.12: Collegamento dei servizi ausiliari allalternatore to in Figura 4.13, essi saranno soggetti ai disturbi di rete, di maggiore entit` a data la minore potenza di cortocircuito, ma non saranno mai disalimentati quindi non si porranno problemi di avviamento dei gruppi. Questa soluzione ` e per` o scarsamente adottata, in quanto risulta un po assurdo far passare lenergia elettrica attraverso il trasformatore di gruppo e successivamente attraverso il trasformatore ausiliario, con conseguente diminuzione del rendimento.
SP

TP TA SA

Figura 4.13: Collegamento dei servizi ausiliari alle sbarre principali Ua soluzione ibrida prevede il collegamento delle sbarre ausiliarie a valle dellinterruttore dellalternatore, come riportato in Figura 4.14, in modo che, durante il normale funzionamento, esse siano alimentate dallalternatore e, in caso di guasto, siano alimentate dalla rete ester207

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

na. In teoria sarebbe la soluzione ottimale, ma linterruttore posto a valle dellalternatore dovrebbe avere un potere di interruzione che attualmente non ` e disponibile, pertanto questa soluzione ` e adottata solo per centrali di piccola potenza.
SP

TP

TA

SA

Figura 4.14: Collegamento dei servizi ausiliari allalternatore con interruttore la soluzione pi` u diusa prevede quindi di separare le alimentazioni dei servizi di gruppo e dei servizi generali, come riportato in Figura 4.15: i primi sono alimentati da un sistema di sbarre connesse allalternatore, mentre i secondi sono alimentati dalla rete elettrica esterna. Il trasformatore che alimenta le sbarre dei servizi generali ` e anche detto di avviamento, dato che alimenta i servizi che consentono lavviamento dei gruppi. La tensione di alimentazione dei servizi ausiliari ` e determinata sulla base di criteri economici: una tensione pi` u alta consente di risparmiare sulla sezione delle parti attiva, ma obbliga ad avere un maggior costo di isolamento. Si determina dunque una potenza spartiacque pari a 100 kW : per potenze inferiori si utilizza la bassa tensione, mentre per potenze maggiori si utilizzano tensioni maggiori, no a 3 6 kV . Il trasformatore di gruppo, sebbene sia simile per livelli di tensione ad un trasformatore di distribuzione, non pu` o esserlo; data la vicinanza con lalternatore, deve avere una elevata tensione di cortocircuito, per limitare la corrente di guasto, al contrario di quanto accade per i trasformatori di distribuzione che invece devono avere una bassa tensione di cortocircuito per limitare le variazioni di tensione. Inoltre, anche se i servizi ausiliari dovessero avere bisogno di un livello di tensione pari a 208

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

SP

TP

TA TU

SU

SG

Figura 4.15: Collegamento misto dei servizi ausiliari quello erogato dallalternatore, sarebbe comunque opportuno inserire un trasformatore di rapporto unitario, al ne di limitare la corrente di cortocircuito in quel nodo. In caso di guasto a valle del trasformatore principale, le sbarre di gruppo possono essere alimentate dal trasformatore di avviamento. Le utenze connesse alle sbarre di gruppo sono per` o principalmente motori quindi, per linerzia delle masse rotanti, rimangono in tensione anche a seguito di un guasto. Esiste dunque il rischio che il collegamento con le sbarre generali avvenga quando le due tensioni sono in controfase, con i danni che ne seguono. ` dunque possibile agire con diverse modalit` E a: si attende che la tensione sulle sbarre di gruppo sia scesa no al 30 40% del valore nominale; nel frattempo non sono attivi i servizi di refrigerazione e di lubricazione, mentre diminuisce la portata dei fumi caldi, con il conseguente rischio di danni e bruciature. Si chiude immediatamente linterruttore, correndo il rischio di chiusura in controfase, e si incrociano le dita; il rischio conseguente ` e in fondo accettabile considerato che eventi di tale portata avvengono al massimo due volte lanno. Si eettua una commutazione in parallelo, attenendendo che le tensioni sulla sbarre generali e di gruppo si trovino in fase; ` e la soluzione tecnicamente migliore, ma anche la pi` u costosa.

209

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

4.3

Lalternatore
A = 3EI (4.1)

Banalmente, la potenza A erogata dallalternatore trifase ` e pari a:

essendo E il valore ecace della tensione, pari dunque a Ex / 2; in particolare, si ha che il valore di picco Ex della tensione ` e pari a: Ex = Bx LvNfa (4.2)

essendo N il numero di conduttori per fase, fa il fattore di avvolgimento, L la lunghezza delle parti attive, Bx il valore di picco dellinduzione magnetica e v la velocit` a tangenziale; dato che questi pssono essere espressi come: Bx = Bm 2 2n D 60 2

v = r =

detti Bm linduzione media e n la velocit` a, in rpm, del rotore, si ha che: 2n D 1 Nfa E = Bm L 2 60 2 2 La potenza nominale dellalternatore pu` o dunque essere espressa come: 3 D 2n d Nfa I= A = 3EI = Bm L 2 60 2 D 2 3 fa 3IN = = Bm LnD 2 D 2 260 = kBm LnD 2 i (4.3) avendo indicato con i gli amperli specici; gli amperli sono concettualmente simili alle amprespire, ma sono in numero doppio, dato che per creare una spira sono necessari due conduttori attivi. Per incrementare la potenza erogata dallalternatore ` e possibile agire solo sui parametri indicati dallEquazione 4.3. Agire sulla lunghezza L del rotore ` e possibile, ma si hanno dei forti limiti imposti dalla resistenza dei materiali e dalle conseguenti deformazioni cui sarebbe sottoposto un rotore troppo lungo. La velocit` a di rotazione n, oltre a essere determinata dalla frequenza di rete e dal numero di coppie polari, ` e limitata dalla resistenza dei materiali sottoposti a forza centrifuga; la chiusura dei conduttori nelle cave avviene 210

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

11111 00000 00000 11111 00000 11111 00000 11111 00000 11111

11 00 00 11 11 00 00 11

(a) cave

(b) spire

Figura 4.16: Fissaggio degli elementi rotorici tramite apposite chiavette esagonali, mentre alle estremit` a del rotore le spire sono ssate da delle cappe di tenuta, per cui la resistenza di questi elementi limita laumento di velocit` a. Potrebbe sembrare conveniente aumentare il diametro D del rotore, che incide con la seconda potenza ma, similmente a quanto accade per la lunghezza, ` e limitato da vincoli di resistenza meccanica e di realizzabilit` a. Per incrementare linduzione media Bm si devono aumentare le correnti di campo e migliorare i materiali con cui ` e realizzato il circuito magnetico, utilizzando e.g. lamierini a cristalli orientati. Inne ` e possibile aumentare gli amperli specici, a parit` a di sviluppo periferico del rotore, aumentando le correnti statoriche. ` quindi evidente che laumento della potenza nominale dellalternatore ` E e legato principalmente alla possibilit` a di aumentare le correnti di campo e di armatura. Questo si traduce ovviamente in un aumento del calore prodotto per eetto Joule, quindi laumento di potenza ` e limitato dalle capacit` a dellimpianto di refrigerazione dellalternatore. I valori comunemente raggiounti oggigiorno sono i seguenti: D = 120 130 cm L = 12 m i = 1000 3000 A/cm quindi si potrebbero avere alternatori ad una coppia polare, con velocit` a di 3000 rpm, con potenza massima di 2.350 MV A e alternatori a due coppie polari, con velocit` a di rotazione pari a 1500 rpm, di potenza massima pari a 3.000 MV A. In realt` a nessun impianto di produzione alloggia alternatori di simili taglie, in quanto nessuna rete elettrica sarebbe poi in grado di sopportare un decit di 3 GV A di potenza in caso di guasto su tale alternatore.

211

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

4.3.1

Refrigerazione

Lalternatore si riscalda per eetto Joule, per via delle correnti che circolano nei circuiti di armatura e di camo, e per isteresi, ossia per le perdite che si localizzano nel ferro di statore e nella periferia del ferro di rotore. Il rareddamento indiretto dellalternatore prevede che il calore, generato allinterno, attraversi lisolamento per poi essere smaltito allesterno dal uido refrigerante, in genere aria. Sulla supercie dellalternatore si creano dunque delle alettature atte alla circolazione dellaria. Gli isolanti elettrici sono per` o in genere anche isolanti termici, per cui il rareddamento indiretto non ` e ecace per alternatori di grossa potenza. Il rareddamento diretto prevede invece che il uido refrigerante circoli allinterno dellalternatore; ` e possibile far circolare il uido refrigerante allinterno dei cavi conduttori, purch e questi siano cavi. Il uido refrigerante dovrebbe essere preferibilmente a costo zero: laria possede questo requisito, ma ha anche altre caratteristiche indesiderabili; innanzitutto ha una densit` a piuttosto elevata per un gas, contiene ossigeno che ossida i metalli e non possiede un elevato coeciente convettivo. Lidrogeno ha una densit` a 14 volte inferiore, quindi consente un notevole risparmio sul compressore, non ossida i metalli e raredda pi` u ecacemente dellaria. Purtroppo tende ad esplodere se a contatto con lossigeno, ma questo rischio pu` o essere scongiurato mantenendo in leggere sovrapressione il circuito dellidrogeno e ventilando il locale degli alternatori, installando anche opportuni rilevatori di idrogeno. I conduttori statorici possono essere rareddati direttamente con olio oppure con acqua demineralizzata, onde evitare incrostazioni e corrosioni. Il sistema di refrigerazione deve essere in grado di assorbire tutto il calore in eccesso prodotto durante il funzionamento a regime permanente; la temperatura del punto di lavoro, dato dai valori di potenza attiva P e reattiva Q erogata, deve essere compresa allinterno di un intervallo di valori accettabili. Si consideri lalternatore a rotore liscio; la refrigerazione ` e ovviamente dimensionata in modo da consentire il funzionamento per un tempo indenito alla potenza nominale. Schematizzando lalternatore a mezzo della sua sola impedenza sincrona, ` e possibile scrivere che: = E0 V = j E0 V = j Ie Iv I j Xs Xs j X s (4.4)

avendo posto la tensione V sullasse immaginario. Se la tensione ai morsetti dellalternatore ` e costante, allora la corrente Iv ` e costante; mantenendo costante la potenza apparente della macchina, quindi mantenendo costante la corrente I , e variando langolo di sfasamento fra tensione e corrente, si ottiene il luogo dei punti a potenza apparente costante. Mantenendo invece 212

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

la corrente di eccitazione Ie si ottiene il luogo dei punti a forza elettromotrice E0 costante. Moltiplicando le lunghezze del diagramma ottenuto, riportato in Figura 4.17, per 3V , si ottiene un diagramma simile in cui ad ogni punto del piano sono associate le potenze erogate dallalternatore.
jXsI P

E0 V

Ie

I Q

Iv

Figura 4.17: Curve di capability dellalternatore La circonferenza verde ` e il luogo dei punti a potenza apparente nominale, pertanto i punti allinterno di detta circonferenza saranno punti di lavoro con una corretta refrigerazione statorica. Similmente, dato che circonferenza in blu ` e il luogo dei punti ad eccitazione nominale, i punti al suo interno ` dunque evidente che i punti avranno una corretta refrigerazione rotorica. E allesterno della circonferenza verde, sebbene compresi allinterno della circonferenza blu, non sono punti di funzionamento accettabili poich e dotati di refrigerazione statorica insuciente. SI supponga che la macchina stia lavorando con un angolo in anticipo; in questo caso bisonga tenere tenere conto dei ussi dispersi, che sono maggiori in sottoeccitazione dato che, lavorando la macchina in zona lineare, diminuisce la riluttanza del circuito magnetico. Al contrario, in sovraeccitazione, essendo la macchina saturata, il ferro ha lo stesso comportamento 213

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

magnetico dellaria, per cui una riluttazna maggiore e dunque ussi dispersi minori. Mentre i ussi dispersi dalla corrente dalla corrente che circola nei conduttori attivi di eccitazione generano correnti parassite che vedono un circuito ad alta impedenza ossia il pacco lamellare rotorico, i ussi dispersi generati dalle correnti circolanti nelle testate dei conduttori rotorici generano correnti parassite che vedono un circuito a bassa impedenza ossia il lamierino stesso. Tali correnti, non essendo limitate dallimpedenza del circuito, possono generare un eccessivo riscldamento; i costruttori forniscono pertanto una curva limite data dal massimo riscaldamento del pacco rotorico. Le curve nore esplicate sono dette nellinsieme curve di capability 1.
Ip1 Ip2

Ie

Figura 4.18: Riscaldamento del pacco lamellare

4.3.2

Stabilit` a statica

Oltre ai limit imposti dal sistema di refrigerazione dellalternatore, ` e opportuno tenere conto anche del limite di stabilit` a statica dellalternatore: si ricorda che langolo di coppia non deve essere mai superiore a 90 . Si consideri dunque lalternatore come composto dalla sola impedenza sincrona e la rete equivalente, non potendo considerare lalternatore connesso ad un nodo di potenza innita.
Xs Xl

E0

Vm

alternatore

rete

Figura 4.19: Schema dellalternatore connesso alla rete


1

Dallinglese potenzilit` a, capacit` a.

214

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Si consideri il diagramma vettoriale di Behn Eschemburg riportato in pu` Figura 4.20; la potenza complessa A o essere ottenuta come: = A
E0 ej 1 Vm E0 V m = Vm = j Xs j 3Xs 2 Vm E0 (cos 1 j sin 1 ) Vm = = j Xs Vm E0 Vm E0 V2 = sin 1 + j cos 1 j m (4.5) Xs Xs Xs

mI = 3V

m 3V

ma, allo stesso modo: = A V V V 2 Vm V ej 2 m = = m j Xl j 3Xl V 2 Vm V (cos 2 + j sin 2 ) = = m j Xl Vm V Vm V V2 = sin 2 j cos 2 + j m (4.6) Xl Xl Xl mI = 3V m 3V

j Xs I j Xl I E0 1 Vm 2 V I

Figura 4.20: Diagramma vettoriale di Behn Eschemburg data dalla somma fra la potenza attiva Essendo la potenza complessa A P e la potenza reattiva j Q si ottiene che: Vm E0 sin 1 = Xs Vm E0 Q= cos 1 Xs P = Vm V E0 V sin 2 = sin Xl Xs + Xl 2 Vm Vm V V2 = cos 2 + m Xs Xl Xl (4.7) (4.8)

215

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

avendo indicato con = 1 + 2 langolo di coppia. Dalle Equazioni 4.7 e 4.8 si pu` o dedurre che: sin = sin 1 sin 2 cos 1 cos 2 cos P (Xs + Xl ) E0 V P Xs = Eo Vm P Xl = Vm V Xs V2 = Q+ m Xs E0 Vm Xl V2 = Q + m Xl V m V = cos 1 cos 2 sin 1 sin 2

per cui, essendo: tan = sin sin = = cos cos 1 cos 2 sin 1 sin 2 P = 2 X s Xl Vm 1 Q+ 2 Xs + Xl V m Xs

Q +

2 Vm Xl

P2

si ricava inne che, ponendo X = (Xs Xl ) / (Xs + Xl ): P +Q +


2 2 2 Vm

1 1 Xs Xl

2 4 Vm Vm Q+ P = X tan Xs Xl

(4.9)

LEquazione 4.9 corrisponde allequazione di una circonferenza nel piano Q P , le coordinate del cui centro (P0 ; Q0 ) e il cui raggio R sono: Q0 = 1 1 2 V Xl Xs m 2 1 Vm P0 = 2 X tan 1 2 V2 R= m 2 1 1 + X l Xs
2

X2

1 tan2

Al variare di lEquazione 4.9 descrive una famiglia di circonferenze, tutte aventi centro giacente su una retta parallela allasse P e intersecanti lasse 216

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

delle ascisse in due punti ssi: Q1 =


2 Vm Xl V2 Q2 = m Xs

La circonferenza corrispondente al limite della stabilit` a statica, = 90 , ha il centro giacente sullasse delle ascisse.
P

Figura 4.21: Limite di stabilit` a statico La curva di stabilit` a statica, riportata in Figura 4.21, deve essere sovrapposta alle curve di capability, riportate in Figura 4.17, limitando ulteriormente la zona di possibile funzionamento dellalternatore. Se limpedenza della rete tende a zero, ossia in presenza di un nodo di potenza innita, la circonferenza degenera nella retta tratteggiata passante per 3V 2 /Xs ; in queste condizioni per` o, la centrale non ` e mai collegata direttamente al nodo, ma si installa una piccola reattanza per diminuire le correnti di cortocircuito. In ogni centrale ` e quindi presente un pannello, ragurante un piano cartesiano Q P con le curva di capability degli alternatori, in cui un indicatore luminoso segnala il punto di funzionamento, potendo cos` subito capire se lalternatore sta lavorando nella zone di regime permanente o meno. La trattazione eseguita ` e valida sotto lipotesi di anisotropia dellalternatore; in realt` a, anche lalternatore a rotore liscio non ` e esattamente isotropo, dato che le cave di rotore occupano i 2/3 della periferia del rotore stesso. Per lalternatore a poli salienti si deve seguire una trattazione alternatiza, considerando la dierenza di reattanza fra lasse magnetico diretto e lasse magnetico in quadratura. Si consideri il diagramma vettoriale riportato in Figura 4.22; a partire da una situazione di carico data dai fasori di tensione V e corrente I , ` e stata 217

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

P b E0 f
j Xq I j Xd Id j Xq Iq

d g

Iq

h Va I

c Q

Id

Figura 4.22: Diagramma di Blondel determinata la direzione su cui giace la forza elettromotrice E0 , aggiungendo alla tensione V la caduta di tensione j Xq I . Scomponendo dunque la corrente I secondo gli assi d e q , essendo lasse q colineare con E0 , ` e possibile trovare il modulo di E0 sommando alla tensione V le cadute di tensione j Xd Id e j Xq Iq . Tracciando per b, intersezione dei prolungamenti di j Xq I e j Xq Iq , la retta parallela a E0 , si individuano il punto g , intersezione con lasse orizzontale, e il punto d, intersezione con lasse d. I segmenti hanno i seguenti valori: ab = Xd Id 1 = Xd I cos bc = ab sin = Xd Iq

essendo gli angoli odg e oha entrambi retti, si ha che: og : oa = od : oh per cui, essendo: od = bf = bc f c = bc ah si ottiene che: go = V Xd Iq 1 Xq Iq =V Xd 1 Xq

Il punto d, al variare del carico, vede il segmento go sempre sotto un angolo retto; ne segue che go ` e il diametro di una circonferenza, i cui punti sono toccati da d al variare dellangolo . Il segmento ab rappresenta, a scala Xd la corrente I , pertanto le coordinate del punto b rispetto al sistema di riferimento Q P rappresentano la potenza attiva e reattiva erogate dallalternatore. Se la macchina fosse isotropa, allora Xd = Xq per cui la circonferenza degenererebbe in un punto e si avrebbe lo schema di Figura 4.20. 218

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

a Ie b b b g o Iv a I

Figura 4.23: Curve di refrigerazione per lalternatore a poli salienti La circonferenza in rosso della Figura 4.23 rappresenta il luogo dei punti limite per cui si ha ancora una corretta refrigerazione statorica, essendo stata tracciata dallestremo del vettore I di modulo costante. Il luogo dei punti limite a refrigerazione rotorica nominale, ` e dato dai punti giacenti sul fascio di rette di centro o che formano segmenti ab di lunghezza costante. La curva risultante ` e una concoide o cardioide, detta anche lumaca di Pascal.

4.3.3

Sistemi di eccitazione

Il sistema di eccitazione fa parte della catena di regolazione della potenza nominale e serve ad avere un certo valori di tensione ai morsetti dellalternatore. In presenza di un guasto esterno, leccitazione deve essere in grado di mantenere costante la tensione ai morsetti dellalternatore, mentre se il guasto ` e interno deve azzerare il pi` u rapidamente possibile la corrente di eccitazione. Esistono sistemi di eccitazione rotanti e statici ; i sistemi rotanti, composti da macchine rotanti, non sono quasi pi` u utilizzati a causa della loro non elevata adabilit` a e della lentezza nella risposta. I sistemi di eccitazione statici sono invece composti da convertitori statici, capaci di migliori prestazioni. Quale che esso sia, il sistema di eccitazione deve produrre una corrente continua per il circuito di campo; interviene in un circuito in cui sono implicati, oltre al sistema di eccitazone stesso, anche lalternatore e il regolatore di tensione. Supponendo che tutti gli elementi abbiano una dinamica del primo ordine, ossia del tipo: G (s ) = k 1 + s 219

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

V_r

V E A

Figura 4.24: Schema a blocchi del sistema di eccitazione allora la funzione di traferimento globale del sistema ` e: ke ka E (s)A(s) 1 + se 1 + sa = W (s ) = 1 + E (s)A(s)R(s) ke ka kr 1+ 1 + se 1 + sa 1 + sr

(4.10)

Il polinomio caratteristico della funzione di trasferimento dellEquazione 4.10 ` e: s3 a e r + s2 (a e + a r + r e ) + s (a + e + r ) + 1 + k = 0 (4.11)

avendo posto k = ka ke kr . Anch e lEquazione 4.11 abbia solo radici con parte reale negativa deve soddisfare i due criteri di stabilit` a di Hurwitz. Il primo criterio, necessario, indica che tutti i coecienti del polinomio devono essere positivi; essendo coecienti medesimi dati dal prodotto di costanti di tempo, questa condizione ` e automaticamente soddisfatta. Il secondo criterio, necessario ma spesso anche suciente, indica che il prodotto dei coecienti interni deve essere maggiore del prodotto dei coecienti esterni. Si ha dunque che: (a e + a r + r e ) (a + e + r ) > a e r (1 + k ) a e r a r e a 1 + + > a e r (1 + k ) +1+ e r a a 1 1 (1 + te + tr ) > 1 + k 1+ + te tr 1 1 k < (1 + te + tr ) 1 + t 1 (4.12) e + tr Se tutte le costanti di tempo sono uguali fra loro, allora deve risultare k < 8; per aumentare il limite del guadagno ` e necessario che la costante di tempo 220

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

dellalternatore sia molto distante dalle costanti di tempo del regolatore e delleccitatrice. Mentre per il regolatore ci` o` e abbastanza semplice dato che di tratta di un componente meccanico che pu` o essere opportunamente tarato, per leccitatrice il problema ` e stato risolto solo dopo lintroduzione delle eccitatrici statiche, che possono avere costanti di tempo molto piccole. Leccitazione statica pu` o essere addotta al rotore tramite un sistema di spazzole o essere brushless; nel primo caso la corrente continua ` e prodotta da un ponte raddrizzatore esterno allalternatore, usualmente un ponte semi controllato con diodo volano o un ponte total controllato a tiristori se si ha bisogno di unelevata eccitazione. Luncio inconveniente di questa soluzione ` e il sistema spazzole anelli, che produce polveri e si consuma a causa degli archi elettrici che naturalmente si innescano. Nella soluzione brushless il ponte raddrizzatore ` e installato sul rotore stesso; lalimentazione ` e ottenuta per induzione tramite una macchina sincrona con induttore statorico e indotto rotorico. Il controllo del ponte pu` o essere ottenuto adducendo i segnali di controllo tramite un sistema di spazzole e anelli, che dovendo sopportare una corrente di segnale sono molto meno usurati, oppure tramite un fotoaccoppiamento. Ovviamente il principale inconveniente della soluzione brushless ` e dovuto al fatto che, in caso di guasto delleccitatrice, si ` e costretti a fermare e smontare lalternatore. Il controllo e il dimensionamento delleccitazione statica ` e realizzato in modo tale che siano in grado di erogare la corrente di eccitazione nominale anche se la tensione di alimentazione ` e diminuita del 20%.

4.3.4

Messa a terra

Lo scopo della messa a terra del centro stella dellalternatore, dato che lavvolgimento statorico non ` e mai connesso a tringolo, ` e la protezione dellalternatore da guasti di tipo elettrico, quindi selettivit` a di intervento e massimizzazione della durata del servizio. Il centro stella dellalternatore ` e sempre collegato a massa, ma non franco, bens` attraverso una resistenza o unimpedenza. I guasti elettrici sullalternatore sono causati da eccessive sollecitazioni, elettriche, chimiche o meccaniche, che possono generare fessurazioni nellisolamento, con conseguenti correnti di guasto molto elevate e formazione di archi elettrici; il giasto sullalternatore ` e talmente violento che la temepratura raggiunta dallarco elettrico pu` o generare addirittura fusioni del ferro. I guasti pi` u comuni che avvengono sullo statore dellalternatore sono: contatti a massa, dal conduttore verso la cava; contatti fra spire della stessa fase; 221

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

contatti fra spire di fasi diverse; mentre il guasto di rotore pi` u comune ` e il contatto verso massa del conduttore. Ogni guasto a una sua specica protezione; se una protezione ha funzioni tali da poter individuare e correttamente estinguere un altro tipo di guasto, funge allora da riserva. Contatto statorico verso massa Quando si verica un contatto di un conduttore statorico verso la massa, la tensione del centro stella si sposta, quindi per rilevare questo guasto ` e suciente misurare la dierenza di tensione fra il centro stella e la massa. I circuiti statorici sono per` o spesso dissimmetrici, per cui nasce una componente omopolare di terza armonica che circola sul centro stella; il rel` e voltmetrico, rilevatore del contatto verso massa, deve essere molto sensibile, in modo da poter rilevare anche guasti ` dunque possibile che la sensibilit` molto vicini alla massa. E a del rilevatore sia tale da percepire la dierenza di tensione generata dalla componente omopolare, causando cos` un falso positivo. Il rel` e deve dunque essere wattmetrico: la tensione concatenata ` e infatti priva di terza armonica, quindi uneventuale circolazione di corrente omopolare sul centro stella non ` e associata ad alcuna potenza ed il rel` e` e cos` in grado di rilevare soltanto le correnti di guasto. Questo sistema protegge no al 95% dellavvolgimento statorico, mentre il restante 5% non ` e in genere protetto da guasti dato che non si ottengono sucienti correnti di guasto. Per assicurare la totale protezione allo statore si installa un rel` e amperotmetrico ed un trasformatore che inietti corrente nel circuito di guasto; questo sistema ` e per` o pi` u complesso e meno utilizzato.
TV

TV

Figura 4.25: Protezione dai contatti statorici verso massa

222

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Contatto fra spire di fasi diverse Per il contatto fra fasi diverse si attua una protezione dierenziale, tramite linstallazione di due trasformatori amperometrici e di un rel` e amperometrico. Stabilita la zona da proteggere, si confronta la corrente in entrata alla sezione con la corrente da essa uscente: se le due correnti sono dierenti, allora esiste un guasto nella sezione sotto osservazione.
I2 A I2 B

RA

I1

I1

(a) schema monofase

RA

RA

RA

(b) schema trifase

Figura 4.26: Protezione dai contatti fra spire di fasi diverse Si consideri la Figura 4.26: sul ramo AB circola la corrente data dalla dierenza delle correnti sui secondari dei due trasformatori, pari a I2 I1 ; collegando quindi un rel` e amperometrico in serie fra i nodi A e B si ` e in grado di rilevare eventuali guasti. Tuttavia, data la presenza dei trasformatori, la

223

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

al secondario di ciascuno dei due ` corrente I e pari a: = I m I I m la corrente di magnetizzazione e I la corrente al primario. La detta I corrente sentita dal rel` e amperometrico sar` a dunque: = I m I I sar` dunque, se le correnti primarie sono uguali, la corrente I a pari alla sola dierenza fra le correnti di magnetizzazione. In teoria i due trasformatori amperometrici dovrebbero essere identici, ma nella realt` a` e pi` u che probabile che le rispettive caratteristiche di magnetizzazione siano dierenti; se dunque si verica un guasto esterno, tale da far variare il punto di lavoro dei due m trasformatori, come ` e possibile vericare in Figura 4.27, la corrente I potr` a assumere valori talmente elevati da essere scambiata per un guasto interno. Si utilizzano allora i cosiddetti rel` e compensati, sul cui equipaggio mobile agiscono due coppie antagoniste: 1 I 2 Cm I 1 + I 2 Ca I Quando il guasto ` e esterno, la coppia Ca prevale e il rel` e non interviene; quando invece il guasto ` e interno e la rete ` e attiva, si inverte la forza elettromotrice a valle del guasto, pertanto le correnti I1 e I2 sono contrapposte e la coppia Cm prevale su Ca .
E

Im

Im

Im

Figura 4.27: Caratteristiche di magnetizzazione dei TA

224

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

Contatto fra spire della stessa fase La protezione dai contatti fra spire della stessa fase ` e sempli solo per gli alternatori con pi` u vie in parallelo; per gli altri alternatori si deve installare un sistema di rilevazione della potenza inversa. Se invece si hanno almeno due vie in parallelo, ` e possibile realizzare due centri stella e chiudere il circuito che passa da essi con il sistema di rilevazione, cos` come ` e riportato nella Figura 4.28. La corrente Ici che circola nel circuito ` e pari a: a,1 E a,2 E Ici = a,2 Za,1 + Z nulla in condizioni normali. In condizioni di guasto, invece, si genera uno squilibrio fra le forza elettromotrice delle due vie in parallelo della fase guasta e nasce dunque una corrente Ici , indizio di guasto. Tuttavia, in condizione normali, si pu` o avere la presenza di corrente omopolare di terza armonica; per prevenire il rischio di falsi positivi, ` e preferibile installare un ltro accordato per eliminare tale componente di corrente. Se invece sul circuito dovesse circolare una componente Iof fondamentale di corrente, ` e opportuno alzare la soglia di intervento del rel` e amperometrico. Si pu` o ritenere che la corrente Ici sia proporzionale al numero di spire guaste, pertanto ` e necessario ssare il minimo numero di spire guaste che deve generare lintervento della protezione. Tale numero ` e quello necessario a far circolare una corrente doppia a quella omopolare fondamentale; in questo modo si garantisce lintervento anche nel caso peggiore, ossia quando le correnti Ici e Iof sono contrapposte.

TA F3 Ici RA

Figura 4.28: Protezione dai contatti fra spire della stessa fase Questo sistema di protezione, specie per alternatori pi` u coppie polari, pu` o generare interventi intempestivi, in quanto un guasto sul rotore pu` o generare disoniformit` a di campo danno luogo ad una corrente Ici anche di modulo elevato. Il problema pu` o essere risolto ritardando la protezione contro 225

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

contatti fra spire della stessa fase rispetto alla protezione contro contatti del rotore verso massa; in questo modo si evita lintervento intempestivo, ma si ritardo lintervento appropriato. Paradossalmente, ` e preferibile accettare interventi intempestivi piuttosto che ritardare la protezione appropriata. Contatto rotorico verso massa Le tensioni di alimentazione rotorica sono relativamente basse, quindi non si dovrebbero avere eccessive sollecitazioni sul dielettrico del rotore, se non fosse per il fatto che per questo stesso motivo si ha un isolamento di rotore sottodimensionato. Inoltre il rotore ` e sottoposto a sollecitazioni meccaniche, che ne pregiudicano lintegrit` a sica. Considerato che il circuito di eccitazione non ` e collegato a massa ed essendo in corrente continua, il primo guasto verso massa che si verica su diesso non ` e molto grave, tanto che lalternatore potrebbe continuare a funzionare; il pericolo si manifesta per` o al secondo guasto verso massa. Se lalternatore ha una sola coppia polare, anche il secondo guasto non genera eccessive disuniformit` a di campo, mentre se lalternatore ha due o pi` u coppie polari, allora il secondo guasto a massa deforma pesantemente il campo magnetico, provocando sollecitazioni meccaniche capaci di deformare permanentemente il rotore o addirittura far entrare in contatto il rotore con lo statore. In denitiva: se lalternatore ha una sola coppia polare, il sistema di protezione deve segnalare il primo guasto e mettere fuori servizio lalternatore al secondo; se invece lalternatore ha pi` u coppie polari, il sistema di protezione deve metterlo fuori servizio gi` a al primo guasto. Il sistema di protezione riportato in Figura 4.29 ` e valido per entrambe l tipologie di alternatori, cambiando solamente lazione da eseguire alla rilevazione del primo guasto. Negli alternatori ad una coppia polare, dopo che ` e stato segnalato il primo guasto, si equlibra il ponte che si ` e creato; al secondo guasto il ponte si squilibra nuovamente, per cui la circolazione di corrente sul rel` e comanda il fuori servizio dellalternatore.

4.4

Il trasformatore

Il trasformatore di centrale ` e generalmente di tipo Y , dove il lato alta tensione ` e collegato a stella, mentre il lato bassa tensione ` e collegato a triangolo. La protezione del trasformatore dai contatti a massa e fra fasi diverse ` e di tipo dierenziale. Si faccia riferimento alla Figura 4.30; in caso di guasto 226

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

RA V

RA

Figura 4.29: Protezione dai contatti rotorici verso massa tra fasi diverse, le correnti primarie e secondarie non hanno lo stesso modulo, rivelando la condizione di guasto. Per compensare la dierenza di fase, si connettono a triangolo i trasformatori amperometrici connessi al lato a stella, e si connettono a stella i trasformatori amperometrici posti sul lato a triangolo. Ovviamente deve risultare che: IT A,1 IT A,2 = mT A,1 mT A,2 dove mT A,1 e mT A,2 sono i rapporti di trasformazione dei trasformatori amperometrici. S ha inne che: IT A,1 1 mT A,1 = = mT A,2 IT A,2 m (4.13)

essendo m il rapporto di trasformazione del trasformatore di centrale. La scelta dei trasformatori amperometrici ` e subordinata al rapporto di trasformazione del trasformatore di centrale; dopo aver scelto e.g. il rapporto mT A,1 , se il corrispondente rapporto mT A,2 non dovesse essere disponibile in commercio, si provveder` a ad installare un autotrasformatore. La soglia di intervanto dei rel` e amperometrici deve essere tarata in modo che essi non intervengano alla corrente di magnetizzazione nominale del trasformatore. 227

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

La protezione contro i contatti verso massa ` e invece realizzata installando un rel` e amperometrico tra la carcassa del trasformatore e la terra.

TA1

RA

RA

RA

TA2

Figura 4.30: Protezione dierenziale del trasformatore

228

Elenco delle gure

1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 2.7 2.8 2.9 2.10 2.11 2.12 2.13 2.14 2.15 2.16 2.17 2.18 2.19 2.20 2.21 2.22 2.23 2.24 2.25 2.26

Schema del sistema di trasporto . . . Diagramma cronologico . . . . . . . . Diagramma delle durate . . . . . . . Confronto fra uguali devianze . . . . Relazione fra potenza e temperatura

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. 4 . 9 . 10 . 11 . 23 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 25 26 28 30 32 33 33 34 35 36 37 38 38 41 42 42 43 43 44 45 46 47 49 55 55

Schema di corso dacqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Schematizzazione delle centrali idroelettriche . . . . . . . . Eetto degli attrti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Possibili scontri tra fronti di aria . . . . . . . . . . . . . . Andamento della sezione di bacino imbifero . . . . . . . . . Frequenza delle portate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Densit` a di probabilit` a di portata . . . . . . . . . . . . . . Diagramma delle durate delle portate . . . . . . . . . . . . Sfruttamento e utilizzazione di un ume . . . . . . . . . . Dimensionamento economico della Qd . . . . . . . . . . . . Portata dierenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Andamento cronologico dei volumi . . . . . . . . . . . . . Dimensionamento del serbatoio . . . . . . . . . . . . . . . Regolazione parziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dighe a gravit` a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Paramento impermeabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dighe a volta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Dighe a speroni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Traverse mobili e sse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Principali tipologie di paratoie . . . . . . . . . . . . . . . . Sezione di sghiaiatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Variazione di portata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Oscillazioni di massa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Schema di pozzo piezometrico . . . . . . . . . . . . . . . . Andamento della pressione durante il colpo dariete . . . . Andamento della pressione durante il colpo dariete lento 229

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

2.27 2.28 2.29 2.30 2.31 2.32 2.33 2.34 2.35 2.36 2.37 2.38 2.39 2.40 2.41 2.42 2.43 2.44 2.45 2.46 2.47 2.48 2.49 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 3.7 3.8 3.9 3.10 3.11 3.12 3.13 3.14 3.15 3.16 3.17

Turbina Pelton a sei ugelli ad asse verticale . . . . . . . . . . Schema di turbina Pelton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sezione di ugello con tegolo deviatore . . . . . . . . . . . . . Pala di una turbina Pelton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sezione meridiana di una turbina Francis . . . . . . . . . . . Sezione trasversale di una turbina Francis . . . . . . . . . . Schema di una turbina Kaplan . . . . . . . . . . . . . . . . . Schema di macchina idraulica . . . . . . . . . . . . . . . . . Triangoli di velocit` a di una ruota Pelton . . . . . . . . . . . Triangoli ideali per 2 = 180 . . . . . . . . . . . . . . . . . Andamento del rendimento in funzione di v1 . . . . . . . . . Schema della girante di una macchina a reazione . . . . . . . Triangoli di velocit` a per una macchina a reazione . . . . . . Andamento del rendimento in funzione di Q . . . . . . . . . Alcuni componenti accessori della macchina idraulica . . . . Diagramma di produzione e consumo . . . . . . . . . . . . . Campi rotanti durante lavviamento asincrono . . . . . . . . Caratteristica sincrona del motore sincrono . . . . . . . . . . Schema di alimentazione a tensione ridotta . . . . . . . . . . Scorrimento dei campi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sincronizzazione del motore sincrono . . . . . . . . . . . . . Collegamenti per la frenatura asincrona in corrente continua Centrale mareomotrice di St. Malo . . . . . . . . . . . . . . Schema di centrale termoelettrica . . . . . . . . . . . . . Ciclo di Carnot nel piano S T . . . . . . . . . . . . . . Perdite per irrevesibilit` a nel ciclo di Carnot . . . . . . . Ciclo di Carnot reale e ideale . . . . . . . . . . . . . . . Ciclo Rankine nel piano S T . . . . . . . . . . . . . . . Ciclo Rankine nel piano h S . . . . . . . . . . . . . . . Ciclo Hirn . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Diminuzione della pressione di ingresso al condensatore . Aumento della pressione di ingresso in turbina . . . . . . Aumento della temperatura di ingresso in turbina . . . . Ciclo Hirn ipercritico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ciclo Rankine con rigenerazione nel piano T S . . . . . Ciclo Hirn con rigenerazione nel piano T S . . . . . . . Rappresentazione della rigenerazione continua . . . . . . Rappresentazione schematica della rigenerazione parziale Schema impiantistico di rigenerazione con due spillamenti Ciclo binario acqua mercurio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

58 59 59 60 61 62 63 64 66 68 69 70 71 73 79 80 87 88 90 90 92 97 98 101 102 103 104 105 106 107 108 109 111 114 116 117 118 119 121 124 230

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

3.18 3.19 3.20 3.21 3.22 3.23 3.24 3.25 3.26 3.27 3.28 3.29 3.30 3.31 3.32 3.33 3.34 3.35 3.36 3.37 3.38 3.39 3.40 3.41 3.42 3.43 3.44 3.45 3.46 3.47 3.48 3.49 3.50 3.51 3.52 3.53

Suddivisione del diagramma di produzione . . . . . . . . . Sistemi di depurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Andamento del rendimento di depurazione . . . . . . . . . Andamento della temperatura nella camera di combustione Andamento dellebollizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . Deformazione dellacciaio al variare della sollecitazione . . Caldaia a circolazione naturale . . . . . . . . . . . . . . . . Perdite di carico per miscela bifasica . . . . . . . . . . . . Inserzione di una resistenza concentrata . . . . . . . . . . . Disposizione dei surriscaldatori per caldaie ipocritiche . . . Trasformazione nella turbina ad azione a pressione costante Trasformazione nella turbina ad azione a entalpia costante Trasformazione nella turbina a reazione . . . . . . . . . . . Rendimento astatico e atotale . . . . . . . . . . . . . . . Regolazione della potenza per strozzamento . . . . . . . . Doppia carcassa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Reinserimento del vapore spillato condensato . . . . . . . . Catena di regolazione per gruppi in marcia attiva . . . . . Variazione della supercie di surriscaldamento . . . . . . . Ciclo chiuso per centrali a gas . . . . . . . . . . . . . . . . Andamento del lavoro massico . . . . . . . . . . . . . . . . Variazione del ciclo in dipendenza da . . . . . . . . . . . Ciclo aperto per centrali a gas . . . . . . . . . . . . . . . . Andamento del rendimento nel ciclo aperto reale . . . . . . Ciclo con compressione interrefrigerata . . . . . . . . . . . Ciclo di refrigerazione virtuale . . . . . . . . . . . . . . . . Ciclo con ricombustione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ciclo polifase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Ciclo semplice con rigenerazione . . . . . . . . . . . . . . . Andamento del rendimento con rigenerazione . . . . . . . . Equivalenza del ciclo a rigenerazione . . . . . . . . . . . . Ciclo con rigenerazione parziale . . . . . . . . . . . . . . . Variazione del rendimento con rigenerazione parziale . . . Ciclo rigenerativo con interrefrigerazione . . . . . . . . . . Ciclo rigenerativo con interregrigerazione e ricombustione . Ciclo a vapore triangolare . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

126 134 134 137 138 139 141 143 144 146 149 149 150 151 154 156 160 163 165 169 172 173 175 175 176 177 178 179 181 182 183 184 185 187 188 191

4.1 Connessione con sbarre principali uniche . . . . . . . . . 4.2 Connessione con sbarre principali uniche e sezionatore in rallelo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.3 Connessione con sbarre principali uniche e bypass . . . .

. . . 198 pa. . . 198 . . . 199 231

Corso di Impianti di produzione dellenergia elettrica Quaderno degli appunti


docente: prof. Antonino Agugliaro allievo ing.: ing. jr. Angelo Accetta

4.4 4.5 4.6 4.7 4.8 4.9 4.10 4.11 4.12 4.13 4.14 4.15 4.16 4.17 4.18 4.19 4.20 4.21 4.22 4.23 4.24 4.25 4.26 4.27 4.28 4.29 4.30

Connessione con sbarre di traslazione . . . . . . . . . . . . . . 200 Connessione con sbarre principali multiple . . . . . . . . . . . 200 Connessione con sbarre principali multiple in parallelo . . . . . 201 Connessione con sbarre principali multiple in parallelo con traslazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201 Connessione ad un interruttore e mezzo . . . . . . . . . . . . . 202 Connessione ad un interruttore ed un terzo . . . . . . . . . . . 202 Congurazione ad H . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203 Connessione ad anello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204 Collegamento dei servizi ausiliari allalternatore . . . . . . . . 207 Collegamento dei servizi ausiliari alle sbarre principali . . . . . 207 Collegamento dei servizi ausiliari allalternatore con interruttore208 Collegamento misto dei servizi ausiliari . . . . . . . . . . . . . 209 Fissaggio degli elementi rotorici . . . . . . . . . . . . . . . . . 211 Curve di capability dellalternatore . . . . . . . . . . . . . . . 213 Riscaldamento del pacco lamellare . . . . . . . . . . . . . . . . 214 Schema dellalternatore connesso alla rete . . . . . . . . . . . . 214 Diagramma vettoriale di Behn Eschemburg . . . . . . . . . . 215 Limite di stabilit` a statico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217 Diagramma di Blondel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218 Curve di refrigerazione per lalternatore a poli salienti . . . . . 219 Schema a blocchi del sistema di eccitazione . . . . . . . . . . . 220 Protezione dai contatti statorici verso massa . . . . . . . . . . 222 Protezione dai contatti fra spire di fasi diverse . . . . . . . . . 223 Caratteristiche di magnetizzazione dei TA . . . . . . . . . . . 224 Protezione dai contatti fra spire della stessa fase . . . . . . . . 225 Protezione dai contatti rotorici verso massa . . . . . . . . . . . 227 Protezione dierenziale del trasformatore . . . . . . . . . . . . 228

232

Elenco delle tabelle

1.1 Metodo delle dierenze nite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 1.2 Tabella dei coecienti giornalieri . . . . . . . . . . . . . . . . 19 1.3 Tabella dei coecienti di stagionalit` a . . . . . . . . . . . . . . 20

233

Potrebbero piacerti anche