Sei sulla pagina 1di 253

Tortuga

Publisher

Istituzioni di Fisica Teorica B

Appunti dal corso di Pietro Menotti


Edizione incompleta, giugno 2001

Alberto Maggi
[219,915]
55 via Lopez, 57010 Guasticce (LI)
0586 984 980

Sommario

Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
I

Onde elettromagnetiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
I.1

I.2

I.3

II

Le equazioni di Maxwell e lenergia del campo elettromagnetico . . . . . . . . . . . . . . 13


I.1.1

Le equazioni di Maxwell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

I.1.2

Energia del campo elettromagnetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

I.1.3

Il teorema di Poynting . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

I.1.4

La quantit di moto del campo elettromagnetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

Lequazione delle onde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16


I.2.1

Potenziali elettrodinamici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

I.2.2

Lequazione di DAlembert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

I.2.3

Onde elettromagnetiche piane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

Onde in una cavit cubica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22


I.3.1

Campo elettromagnetico in una cavit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

I.3.2

Equivalenza del campo elettromagnetico con un sistema di oscillatori lineari . . . . 23

I.3.3

Cavit termalizzata e legge di Rayleigh-Jeans . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24

Teoria alla Planck della radiazione nera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27


II.1

II.2

Termodinamica della radiazione nera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27


II.1.1

Densit spettrale di energia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27

II.1.2

Pressione di radiazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

II.1.3

La legge di Stefan-Boltzmann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28

II.1.4

Caratterizzazione delle adiabatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29

II.1.5

La legge dello spostamento e la legge di Wien . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32

Determinazione della distribuzione spettrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33


II.2.1

Oscillatori armonici e radiazione nera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33

II.2.2

La formula di Rayleigh-Jeans . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36

II.2.3

La legge dellirraggiamento di Planck . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36

Sommario

II.2.4

III

IV

Considerazioni sulla legge di Planck . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38

Old Quantum Mechanics . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41


III.1

Modelli atomici di Thomson e Rutherford . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


III.1.1 Il modello di Thomson . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
III.1.2 Gli esperimenti di Geiger e Mardsen . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
III.1.3 Il modello di Rutherford . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
III.1.4 Il problema della stabilit dellatomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
III.1.5 Spettri atomici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

41
41
42
42
43
44

III.2

Eetto fotoelettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

III.3

Eetto Compton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

III.4

I postulati di Bohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
III.4.1 Spettri atomici e ipotesi di Bohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
III.4.2 Livelli energetici dellatomo di idrogeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
III.4.3 Quantizzazione delloscillatore armonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

46
46
47
48

III.5

Teoria
III.5.1
III.5.2
III.5.3

dei calori specifici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Teoria classica dei calori specifici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Teorie di Einstein e Debye . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
I calori specifici dei gas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

48
48
50
52

III.6

Lipotesi di de Broglie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
III.6.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
III.6.2 Ipotesi di de Broglie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53

III.7

Esperimenti di interferenza con un singolo fotone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55

III.8

Il principio di indeterminazione di Heisenberg . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56


III.8.1 Esperimenti concettuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
III.8.2 Il principio di indeterminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57

I postulati della meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59


IV.1

Il principio di sovrapposizione e le sue conseguenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


IV.1.1 Osservabili a spettro discreto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
IV.1.2 Operatori associati alle osservabili a spettro discreto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
IV.1.3 Osservabili a spettro continuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
IV.1.4 Operatori associati alle osservabili a spettro continuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

59
60
64
65
68

Sommario

IV.1.5
IV.2

IV.3

IV.4

IV.5

IV.6

IV.7

IV.9

Osservabili a spettro misto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69

Osservabili compatibili e incompatibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71


IV.2.1

Commutatore e compatibilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71

IV.2.2

Relazione di indeterminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73

Rappresentazione di Schrdinger e degli impulsi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74


IV.3.1

Stati a impulsi definiti: onda di de Broglie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74

IV.3.2

Rappresentazione degli operatori associati a p e a q . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75

IV.3.3

Il principio di indeterminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76

IV.3.4

Il caso a pi dimensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76

Postulato di quantizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
IV.4.1

Algebre di Lie e postulato di quantizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77

IV.4.2

Alcuni esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80

IV.4.3

Rappresentazione di Schrdinger e degli impulsi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82

IV.4.4

Relazione tra la rappresentazione delle coordinate e quella degli impulsi . . . . . . . . 83

Trasformazioni unitarie e unicit delle rappresentazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85


IV.5.1

Trasformazioni unitarie e rappresentazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85

IV.5.2

Sistema di Weyl e teorema di von Neumann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87

Evoluzione temporale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
IV.6.1

Loperatore di evoluzione temporale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90

IV.6.2

Sistemi fisici indipendenti dal tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91

IV.6.3

Schema di Heisenberg . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95

Sistemi composti: prodotto tensoriale di spazi di Hilbert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97


IV.7.1

IV.8

Prodotto tensoriale di spazi di Hilbert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97

Stati puri e miscele statistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98


IV.8.1

Manifestazioni del carattere statistico della meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . . 98

IV.8.2

Stati puri, miscele statistiche, operatore statistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99

IV.8.3

Sistemi composti e miscele statistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103

IV.8.4

Distinzione di stati puri e miscele statistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104

Misura in meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105


IV.9.1

Misure non ripetibili e misure ripetibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105

IV.9.2

Misure fortemente ripetibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106

IV.9.3

Misure su miscele statistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107

Sommario

IV.9.4
IV.10

Commutazione temporale e algebrica di osservabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107

La notazione di Dirac . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109


IV.10.1 Bra, ket e prodotto scalare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
IV.10.2 Operatori lineari in notazione di Dirac . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
IV.10.3 Il problema dellaggiunzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110

Lequazione di Schrdinger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113


V.1

V.2

V.3

V.4

V.5

Particella libera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113


V.1.1

Determinazione degli stati stazionari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113

V.1.2

Stati stazionari in rappresentazione di Schrdinger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114

Operatore di inversione spaziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114


V.2.1

Il teorema di degenerazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114

V.2.2

Loperatore di inversione spaziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115

Caratteristiche delle soluzioni dellequazione di Schrdinger . . . . . . . . . . . . . . . . . 117


V.3.1

Caratteristiche generali delle autofunzioni donda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117

V.3.2

Autovalori discreti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119

V.3.3

Autovalori continui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122

V.3.4

Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123

V.3.5

Altre considerazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124

Buche discontinue di potenziale: un esercizio notevole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125


V.4.1

Buche discontinue di potenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125

V.4.2

Buca rettangolare: stati legati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125

V.4.3

Importanza delle condizioni al contorno: un altro problema . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128

V.4.4

Buca rettangolare: autostati impropri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130

Eetto tunnel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131


V.5.1

V.6

Barriera di potenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131

Lequazione tridimensionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136


V.6.1

Corrente di probabilit ed equazione di continuit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136

V.6.2

Potenziali centrali esplodenti nellorigine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136

V.6.3

Potenziali centrali a grandi distanze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139

Sommario

VI

Loscillatore armonico unidimensionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141


VI.1

VI.2

VII

Caratteristiche dello spettro dellenergia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141


VI.1.1

Positivit degli autovalori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141

VI.1.2

Energia dello stato fondamentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142

Livelli energetici delloscillatore armonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143


VI.2.1

Operatori di discesa e di salita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143

VI.2.2

Loscillatore armonico in rappresentazione di Heisenberg . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144

VI.2.3

Autostati delloscillatore armonico in rappresentazione di Schrdinger . . . . . . . . . 145

Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . 147


VII.1

Il momento angolare e la sua diagonalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147


VII.1.1 Definizione del momento angolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
VII.1.2 Diagonalizzazione del momento angolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
VII.1.3 Base standard e rappresentazione del momento angolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150

VII.2

Il momento angolare orbitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153


VII.2.1 Il momento angolare in rappresentazione di Schrdinger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
VII.2.2 Sferiche armoniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155

VII.3

Le simmetrie in meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157


VII.3.1 Considerazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
VII.3.2 Alcuni esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
VII.3.3 Il gruppo di simmetria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160

VII.4

Il teorema di Wigner . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160


VII.4.1 Enunciato del teorema di Wigner . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
VII.4.2 Dimostrazione del teorema di Wigner . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
VII.4.3 Operatori antilineari e antiunitari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
VII.4.4 Caso unitario e caso antiunitario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
VII.4.5 Il teorema di Bargmann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166

VII.5

Il gruppo delle rotazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167


VII.5.1 Caratteristiche principali del gruppo SO (3) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
VII.5.2 Rappresentazione unitaria di SO (3) e momento angolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
VII.5.3 Osservabili scalari e vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
11
22

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175

VII.6

Spin

VII.7

Composizione dei momenti angolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182

Sommario

VII.7.1 Il problema della composizione dei momenti angolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183


VII.7.2 Coecienti di Clebsch e Gordan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
VII.8

VIII

Operatori tensoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
VII.8.1 Ancora su rotazioni e momento angolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
VII.8.2 Tensori cartesiani, tensori irriducibili e tensori sferici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
VII.8.3 Prodotto di tensori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
VII.8.4 Il teorema di Wigner-Eckart . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
VII.8.5 Operatori vettoriali e teorema di proiezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

187
187
190
192
193
195

Moto in campo centrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197


VIII.1 Particella in campo centrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
VIII.1.1 Hamiltoniana per una particella in campo centrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
VIII.1.2 Diagonalizzazione della hamiltoniana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198

IX

VIII.2 Campo
VIII.2.1
VIII.2.2
VIII.2.3

coulombiano: atomo di idrogeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Il vettore di Runge-Lenz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Autovalori discreti dellenergia dellatomo di idrogeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Risoluzione del problema in rappresentazione di Schrdinger . . . . . . . . . . . . . . . . .

201
201
204
209

VIII.3 Sistemi
VIII.3.1
VIII.3.2
VIII.3.3

di due particelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Separazione delle variabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Hamiltoniana a variabili separate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Autovalori e autovettori dellhamiltoniana nel problema dei due corpi . . . . . . . . .

211
211
213
214

Metodi di approssimazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217


IX.1

Teoria
IX.1.1
IX.1.2
IX.1.3

delle perturbazioni ai livelli energetici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Caso non degenere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Caso degenere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Eetto Stark . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

217
217
219
220

IX.2

Teoria
IX.2.1
IX.2.2
IX.2.3
IX.2.4

delle perturbazioni per levoluzione temporale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


Sviluppo delloperatore di evoluzione temporale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Metodo della variazione delle costanti arbitrarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Probabilit di transizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Regola doro di Fermi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

221
221
223
224
228

IX.3

Teoria semiclassica della radiazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231


IX.3.1 Atomo in campo di radiazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231

Sommario

IX.3.2

Teoria del corpo nero di Einstein . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233

IX.4

Metodo variazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
IX.4.1 Una propriet dello stato fondamentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
IX.4.2 Il teorema di Ritz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
IX.4.3 Teorema del viriale e livello fondamentale dellelio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

235
236
236
237

IX.5

Approssimazione semiclassica (WKB) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


IX.5.1 Limite classico della meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
IX.5.2 La funzione donda nellapprossimazione semiclassica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
IX.5.3 Condizioni al contorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
IX.5.4 Regola di quantizzazione di Bohr-Sommerfeld . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
IX.5.5 Scattering . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

240
240
244
246
248
250

Prefazione

Scrivere un testo rigoroso di meccanica quantistica il sogno che coltivo da quando ho iniziato la stesura di questi
appunti del corso di Istituzioni di Fisica Teorica, tenuto dal professor Pietro Menotti agli studenti del terzo anno
del Corso di Laurea in Fisica dellUniversit di Pisa. Questo la dice lunga sia sulla qualit matematica di queste
note, sia sulla mia pignoleria e sulla mia personale aspirazione alla matematizzazione sistematica della fisica.
Si soliti leggere nelle introduzioni dei testi di Landau e Lifsits che la fisica teorica prevalentemente costruita
su risultati non matematicamente rigorosi, per cui credo che a nessuno dispiacer lutilizzo sconsiderato di
convergenze, scambi di limiti, integrali e serie che qui si fa.
Tuttavia, nel corso dei miei brevi studi ho maturato la convinzione che un sistema di risultati basati su speculazioni
fisiche non corroborate da dimostrazioni corrette in tutti i dettagli, una pericolante costruzione sulla sabbia.
Uno studente del terzo anno , infatti, mathematically oriented, proviene dai corsi di Geometria e Analisi, ma
soprattutto dal corso di Meccanica Analitica, perci abituato a trarre la sicurezza di quanto sa da rigorose
(spesso tediose) e ineccepibili dimostrazioni, destinate a sparire nel corso del suo terzo anno di studi.
Daltra parte un corso di meccanica quantistica in cui le pecche matematiche siano trascurabili, richiede una
preparazione impensabile al terzo anno, occorrerebbe almeno la conoscenza della teoria degli operatori negli
spazi di Hilbert (compreso il teorema spettrale), senza contare che una qualche familiarit con rappresentazioni
e gruppi consentirebbe di allargare non poco il respiro della trattazione.
Allora, limpostazione di questi appunti , nella scia del corso di Menotti, la soluzione a questo problema, o,
quanto meno, un buon compromesso. Il rigore matematico non raggiunto, tuttavia il lettore sempre messo in
guardia ogniqualvolta si eettua un passaggio scorretto. La materia , cio, presentata in modo critico, cosicch
lo studente certo di non essere raggirato. Il lettore curioso deve essere rassicurato dal fatto che esiste una
teoria superiore (esposta nel corso di Meccanica Quantistica, i cui appunti raccoglier nel quaderno Trattazione
matematica della meccanica quantistica) in grado di evitare tutti i problemi che si incontrano a questo livello.
Quello che mi piacerebbe aver comunicato con questi appunti la dicolt e - allo stesso tempo - il fascino dello
studio della meccanica quantistica. Ci che ritengo sia laspetto pi ammaliante della meccanica quantistica
il suo tendere a creare una struttura matematicamente profonda tramite la quale arrivare alla comprensione del
vero legame tra la realt e la fisica (intesa come rappresentazione della realt stessa). Basta pensare a come
vengono sviluppati in ambito quantistico i concetti (che nelle teorie precedenti erano quasi metafisici) di misura
e simmetria.
Due parole su queste pagine: anzitutto non si tratta di una ricopiatura degli appunti presi a lezione, ma di una
loro rielaborazione, basata sui miei gusti e le mie esigenze e su un certo numero di testi cui ho fatto riferimento
e che sono riportati nella bibliografia. Tuttavia, in questa sede, mi piace ricodarne uno, Lezioni di Meccanica
Quantistica, di Luigi E. Picasso. Studiando sui testi del professor Picasso ho attraversato (indenne!) i corsi di
Fisica I e II e spero di poter fare altrettanto con questo. Quello che posso dire che i modi di questo autore
sono assolutamente in linea con la mia idea di fisica (sarebbe forse meglio dire che questa mia idea deriva dalla
assidua frequentazione dei suoi libri): mai un imbroglio e rigore per quanto possibile.
Il materiale qui presentato quello del corso del professor Menotti (pi o meno) e molti sono gli appunti che
provengono dalle esercitazioni tenute dal dottor Emilio dEmilio.

Prefazione

Il primo capitolo un ricettacolo di concetti ereditati dal corso di Fisica II, con qualche sviluppo, in vista della
trattazione ala Planck del corpo nero, che viene svolta nel secondo capitolo, sulla linea del testo di Becker.
Il terzo capitolo presenta una breve rassegna dei principali sviluppi della Old Quantum Mechanics e si colloca in
parallelo al secondo capitolo.
Nel quarto capitolo viene sviluppato lintero formalismo della meccanica quantistica: spazio di Hilbert come spazio
degli stati, osservabili come operatori autoaggiunti, regole canoniche di commutazione, evoluzione temporale,
spazi prodotto, sistemi statistici e, infine, un accenno ai problemi di teoria della misura nella fisica quantistica.
Nel quinto capitolo ci si occupa in dettaglio (ma, ancora, in modo per lo pi qualitativo e assai poco matematico)
dellequazione di Schrdinger unidimensionale.
Dopo loscillatore armonico, la volta del momento angolare. Qui si prende lo spunto per introdurre il concetto
di simmetria ed invarianza in meccanica quantistica.
In seguito sono trattati i campi centrali. Latomo didrogeno studiato tramite il vettore di Lenz: qui, come
sempre quando possibile, tutti i calcoli sono debitamente sviluppati ( un bel guazzabuglio di commutatori).
Successivamente si trattano i metodi di approssimazione, essenziali per introdurre linterazione tra materia e
radiazione e la fisica atomica. Infine, ci si occupa di particelle identiche, principio di Pauli, bosoni e fermioni.
Posso concludere dicendo che, di sicuro, studiare questa materia una gran fatica e forse senza le canzoni di
Frank Sinatra impossibile non farsi prendere dallo sconforto. Daltra parte, per andare avanti c bisogno di
buoni compagni di studio e amici: a questo proposito mi va di ringraziare Giacomo, Antonio, Giacomo, Boris,
Leonardo, Walter, Matteo e il sig. Ivan.
Un doveroso grazie va anche a Giuseppe ed Elia coi quali ho discusso tanti argomenti controversi qui riportati.

Guasticce, Primavera 2001


Alberto Maggi.

Capitolo I

Onde elettromagnetiche

In avvio della trattazione del corso riteniamo utile riportare il seguente capitolo allo scopo di fornire
un breve sommario sulle onde elettromagnetiche. Molte delle considerazioni che faremo in questa
sede saranno riutilizzate nella trattazione semiclassica (ala Planck) del corpo nero.

I.1 Le equazioni di Maxwell e lenergia del campo elettromagnetico


I.1.1 Le equazioni di Maxwell
Le equazioni di Maxwell rappresentano la base dellintero edificio dellelettromagnetismo. Esse
possono essere ottenute dallanalisi sperimentale oppure dedotte dal principio di relativit di
Einstein (si veda Luigi E. Picasso, Lezioni di Fisica Generale II, ETS). Nel sistema di unit
di misura di Gau hanno la forma seguente

div E = 4

curl E + 1 B = 0
c t
(M)
div B = 0

1 E
4

J+
curl B =
c
c t

I.1.2 Energia del campo elettromagnetico

Terzo principio
ed energia
del campo

Il terzo principio della dinamica newtoniana non pu valere in generale: se due corpi A e
B interagiscono di modo che B senta le variazioni di A istantaneamente e viceversa, si deve
supporre lesistenza di un segnale che si propaghi a velocit infinita. Siccome questo non
possibile, lo scambio di quantit di moto ed energia in termini newtoniani ha luogo solo nel caso
di interazioni di contatto. Ci da corpo alla nozione di campo. Ogni particella agisce per
contatto con il campo, trasferondogli energia e quantit di moto, che viene poi - in parte
o del tutto - ceduta (dopo un tempo finito) allaltra particella. Il terzo principio, rivisitato
in termini relativistici, sancisce allora la conservazione dellenergia di un sistema isolato, nel
quale, oltre alle particelle, dovranno essere per inclusi i campi.

Definizione
di energia
elettromagnetica

Si viene ora a creare la necessit di definire in modo consistente lenergia che deve essere
associata al campo elettromagnetico (E, B). Per far questo, supporremo intanto di essere nel
vuoto.
Il sistema che dovremo considerare sar costituito allora da cariche elettriche e correnti, dai
supporti meccanici (fili conduttori, reticoli, . . .) e dal campo elettromagnetico.
Definiamo U energia del campo elettromagnetico, corrispondentemente a una certa
configurazione, il lavoro che si deve fare sulle sorgenti dei campi (le cariche e le correnti)
per ottenere quella prefissata configurazione, cio il lavoro sul sistema sorgenti pi supporti
meccanici diminuito dellaumento dellenergia (cinetica o interna, eetto Joule) dei supporti
meccanici stessi. In altre parole, abbiamo
U = Lext E int ,

I Onde elettromagnetiche

dove Lext il lavoro fatto dallesterno sulle sorgenti (pi i loro supporti), mentre E int
laumento dellenergia interna di supporti meccanici e sorgenti registrato nelloperazione
(ad esempio laumento di energia cinetica degli elettroni per stabilire una certa corrente).
Daltra parte, sul sistema sorgenti pi supporti agiscono le forze esterne (che stanno creando
la configurazione finale) e le forze elettromagnetiche che, in senso newtoniano, sarebbero forze
interne. Se indichiamo con Lem il lavoro di queste ultime abbiamo, dal teorema delle forze
vive generalizzato,
E int = Lext + Lem
la qual cosa implica
U = Lem
cio lenergia del campo definita come lopposto del lavoro fatto sul sistema meccanico dalle
forze elettromagnetiche.
Ora, il lavoro fatto dal campo sulle cariche nellunit di tempo
Z
Z
em
W (t) = E u dV = E J dV
da cui

Z
dU
= E J dV
dt
Se consideriamo ora un sistema cariche pi supporti isolato, abbiamo, ancora dal teorema
delle forze vive, che
dU
dE int
= W em =
dt
dt
da cui

d int
E +U =0
dt
Lequazione scritta ci dice che il sistema sorgenti pi supporti pi campo ha energia costante
se isolato. Questo implica che la definizione adottata di U soddisfa le propriet richieste nel
primo paragrafo.
Notiamo che se invece il sistema cariche pi supporti soggetto a forze esterne a potenza non
nulla W ext , ricaviamo
dE int
= W em + W ext
dt

d int
= W ext
E +U
dt

U come funzione
di stato

Anch U abbia tutte le caratteristiche di unenergia potenziale, dobbiamo verificare che


una funzione di stato. A tale scopo moltiplichiamo la quarta e la seconda delle (M) per E e
B, rispettivamente, e sottraiamole:

4
1
E
B
E curl B B curl E =
EJ+
E
+ B
c
c
t
t
dallidentit vettoriale

E curl B B curl E = div (E B)


concludiamo poi che

1 2
c
E + B2 +
div (E B)
8 t
4
Dal teorema di Green, supponendo che i campi si annullino allinfinito, e perci abbiano flusso
nullo, otteniamo che
Z

2
1
E + B2 dV.
U=
8
E J =

I.1 Le equazioni di Maxwell e lenergia del campo elettromagnetico

I.1.3 Il teorema di Poynting


Bilancio locale
dellenergia
o teorema
di Poynting

Interpretazione
del teorema
di Poynting

Definiamo densit di energia del campo la quantit

1 2
u (x, t) +
E + B2
8
e vettore di Poynting
c
S+
(E B)
4
allora troviamo
u
+ div S
E J =
t
che rappresenta il bilancio locale dellenergia o teorema di Poynting.
Per capire la portata del teorema di Poynting, immaginiamo di dividere lo spazio in due
zone di volume V1 e V2 , ordinatamente. Il sistema complessivo isolato e perci, in esso, si
conserva lenergia, abbiamo dunque

d
d
U1 + E1int =
U2 + E2int
dt
dt
Vogliamo caraterizzare i due membri in termini del vettore di Poynting. Integriamo nel volume
Vi , i J2 , i due membri del teorema di Poynting:
Z
dUi

EJ=
+ Vi (S)
dt
Vi

dove si usato il teorema di Green e Vi indica il flusso uscente dalla superficie che delimita
Vi . Ora,
Z
E J = Wiem
Vi

perci, se con

da cui

Wiext

indichiamo la potenza esterna sul sistema cariche pi campi in Vi , abbiamo


Z
dE int
E J + Wiext =
dt
Vi

Ne deriva che

d
Ui + Eiint = Vi (S) Wiext
dt

d
Ui + Eiint = Wiext Vi (S) ,
dt
dunque, preso un sistema compreso nel volume Vi , laumento di energia totale (di cariche pi
supporti pi campo) per unit di tempo uguale alla somma della potenza esercitata dalle
forze esterne sul sistema e del flusso entrante in Vi del vettore di Poynting.
Lequazione si riduce alla

d
U + E int = W ext
dt
trovata sopra per V che va a comprendere tutto lo spazio fisico.
Infine, sia W ext = 0, allora si ha

d
d

U1 + E1int = V1 (S) = V2 (S) =


U2 + E2int
dt
dt
cio, per un sistema V1 V2 sul quale non agiscano forze esterne, la diminuzione nellunita
di tempo dellenergia totale contenuta in V1 data dal flusso uscente dal volume V1 stesso
del vettore di Poynting; questo flusso coincide con quello entrante nel restante volume V2 ed
eguaglia lincremento dellenergia totale in tale volume V2 .
S come densit
di corrente
di energia

Si noti come il teorema di Poynting in assenza di sorgenti


u
0=
+ div S
t

I Onde elettromagnetiche

stabilisca un parallelo tra (, J) e (u, S). S dunque una densit di corrente di energia.

I.1.4 La quantit di moto del campo elettromagnetico


Durante la costruzione di una determinata configurazione, bisogna fornire al sistema una certa
quantit di moto. Questa, sottratta alla quantit di moto che viene trasformata in momento
del sistema meccanico (sorgenti pi supporti), si definisce quantit di moto del campo
elettromagnetico.
Ancora, la quantit di moto del sistema cariche pi supporti la somma dellimpulso
ceduto dalle forze esterne e dellimpulso dovuto alle forze elettromagnetiche (newtonianamente
interne). Come per lenergia, lultimo dovrebbe essere nullo se valesse il terzo principio nella
forma classica. Abbiamo perci, con ovvia notazione,
Pmec = J ext + J em
P = J ext Pmec
dalle quali si ricava
P = J

em

Z
1
=
dt
E + J B dV
c

sostituendo a e J le espressioni che si ricavano dalle equazioni di Maxwell, si ottiene (con un


conto decisamente laborioso)
Z
Z
1
1
P=
E B dV = 2 S dV
4c
c
La definizione data ben posta, infatti, se sul sistema cariche pi supporti pi campo non
agiscono forze esterne si ha

Z
1
dPmec
dP
E + J B dV =
= Fem =
dt
c
dt

da cui

d
(Pmec + P) = 0.
dt

I.2 Lequazione delle onde


Equazioni
di Maxwell
nel vuoto

In questa sezione ci occuperemo del problema della propagazione del campo elettromagnetico
(e della sua energia) nel vuoto. In una zona in cui non siano presenti sorgenti le equazioni di
Maxwell, (M), divengono

div E = 0

curl E + 1 B = 0
c t
(M )
div B = 0

1 E

curl B
= 0
c t
e perci rappresentano un sistema lineare omogeneo di equazioni dierenziali alle derivate
parziali. Il problema principale connesso alle equazioni scritte quello di risalire alla soluzione
legata alle condizioni imposte dalla presenza di certe sorgenti nella zona circostante a quella
in cui valgono le (M ).
Noi ci limiteremo ad ottenere la soluzione generale in alcuni semplici casi e a specificare il
modo per ottenere la soluzione poste le condizioni al contorno.

I.2.1 Potenziali elettrodinamici


Potenziali
elettrodinamici

Un modo compatto per risolvere le (M) introdurre i potenziali elettrodinamici per


disaccopiare le equazioni. Siccome il campo B solenoidale (cio a divergenza nulla) si potr
scrivere
B = curl A

I.2 Lequazione delle onde

essendo div curl = 0. Sostituiamo nella seconda equazione di Maxwell, troviamo


1
A
curl E + curl
=0
c
t
da cui il vettore
1 A
E+
c t
irrotazionale e perci pu essere scritto, istante per istante, come gradiente di una funzione
scalare, (x, t), cio
grad = E+

1 A
.
c t

Introdotti i potenziali (, A) i campi divengono


(
1 A
E = grad
c t
B = curl A
che, automaticamente, risolveranno la seconda e la terza delle (M). Per ottenere la
determinazione completa di (, A) dovremo perci ricorrere alle equazioni di Maxwell che
contengono le sorgenti. Dunque, ricordando che
curl curl G (x, t) = G (x, t) + grad div G
nel vuoto otteniamo

div A = 4
t

1
4
1 2A

A 2 2 grad div A +
= J
c t
c t
c
+

Abbiamo cos ridotto le equazioni di Maxwell a un sistema di quattro equazioni indipendenti,


ma ancora accopiate.
Trasformazioni
di gauge

Daltra parte, siccome il rotore del gradiente nullo A definito a meno di aggiunta del
gradiente di una funzione scalare, cio B invariante rispetto alla trasformazione
A 7 A0 = A + grad
e, se vogliamo che E sia ancora definito come sopra dobbiamo porre
1
7 0 =
c t
Linsieme delle due ultime equazioni scritte si dice trasformazione di gauge.

Gauge di
Lorentz

Larbitrariet di suggerisce di scegliere una gauge, se esiste, in grado di disacoppiare le


equazioni per i potenziali, cio tale che
1
div A +
=0
c t
Anch i potenziali (, A) soddisfino la condizione di cui sopra, dobbiamo scegliere tale che
A = A0 + grad
1
= 0
c t
0 = div A0 + +
da cui

1 0
1 2
2 2
c t
c t

1 2
1 0
0
=

div
A
+
c2 t2
c t

che, come vedremo, essendo noto il secondo membro, ammette sempre soluzione. La
trasformazione trovata in questo modo si dice gauge di Lorentz. In definitiva, sotto gauge

di Lorentz, div A +

Gauge di
Coulomb

I Onde elettromagnetiche

1
= 0, le equazioni di Maxwell divengono
c t

1 2

2 2 = 4

c t

A 1 A = 4 J
c t2
c

La gauge che ci interessa nella soluzione delle (M ) per quella di Coulomb che impone
div A = 0
Essa si ottiene ponendo
A = A0 + grad
0 = div A0 +
che ha sempre soluzione (si tratta dellequazione di Laplace) nota la div A0 . Sotto questa
gauge le equazioni di Maxwell divengono


= 4
1 2A
1
4
= J
A 2 2 grad
c t
c t
c
lequazione per quella dellelettrostatica, perci
Z
(x0 , t) 3 0
(x, t) =
d x
kx x0 k

da cui in assenza di cariche, = 0 e J = 0, si ha, equivalentemente alle (M ) ,

= 0
, div A = 0
1 2A
A 2 2 = 0
c t
cio A soddisfa allequazione delle onde.
La discussione delle onde nel vuoto dunque ridotta alla risoluzione del sistema disaccoppaiato

A = 0
B = curl A

E = 1 A
c t
dove abbiamo introdotto loperatore lineare
=

1 2
c2 t2

che si dice dalembertiano.


Gauge ristretta

Nelle gauge esaminate sommavamo ad A la funzione scalare di modo che, nella gauge di
Lorentz, fosse

1 0
= div A0 +
,
c t

mentre, nella gauge di Coulomb,

= div A0

Siccome ambedue le equazioni per sono lineari, resta definito a meno dellaggiunta di 0
soluzione dellequazione omogenea associata, = 0, nella gauge di Lorentz, e = 0, nella
gauge coulombiana. Laggiunuta di 0 prende il nome di gauge ristretta.

I.2.2 Lequazione di DAlembert


Lequazione per A trovata del tipo
G = 0

(DA)

ed lequazione delle onde di DAlembert. Occupiamoci della soluzione di tale equazione

I.2 Lequazione delle onde


Onde piane

Il caso pi semplice di propagazione ondosa quello piano. In questo caso, ciascuna


componente del campo G dipende da una sola variabile spaziale. Se indichiamo con g (x, t)
la componente del campo che andiamo a considerare, troviamo che su ogni piano x = const il
campo costante, ci giustifica il nome di onda piana che si d a g (x, t).
Risolveremo lequazione di DAlembert in due modi. Abbiamo
1 2g
2g
2 2 =0
2
x
c t
ed eettuiamo il seguente cambio di variabile

+ x ct
+ x + ct

allora, con abuso di notazione


g
g g
(, ) =
+
,
x

da cui ricaviamo
2g
2g
2g
2g
(, ) = 2 + 2
+ 2,
2
x

1 g
g g
(, ) =
+
c t

1 2g
2g
2g
2g
(, ) = 2 2
+ 2
2
2
c t

sicch (DA) diventa


2g
=0

perci f / non dipende da e f / non dipende da , ne deriva che la soluzione generale

g (x, t) = g+ () + g () = g+ (x ct) + g (x + ct)


dove g+ e g sono funzioni arbitrarie di una variabile.
Si ha perci che, nel caso unidimensionale, la soluzione dellequazione delle onde la
sovrapposizione di due funzioni g+ e g . La prima ha valore costante nei punti in xct = const
perci trasla con velocit c lungo il verso positivo delle x. Viceversa la g trasla con velocit
c nel senso negativo dellasse x.
Dati iniziali su R

Siano ora fissati i dati iniziali

da cui otteniamo

(
h

g (x, 0) = a (x)
g
(x, 0) = b (x)
t
g+ (x) + g (x)i = a (x)
0

0
(x) + g (x) = b (x)
c g+

integrando la seconda troviamo


(
g+ (x) + g (x) = a (x)
1 Rx
b () d
g (x) g+ (x) =
c x0
allora

Z
1
1 x

(x)
=
b () d
a
(x)

2
2c x0

g (x) =

1
1
a (x) +
2
2c

b () db (x)

x0

da cui la soluzione generale dellequazione unidimensionale delle onde vale

Z x+ct
1
1
g (x, t) = [a (x ct) + a (x + ct)] +
b () d
2
2c xct
Soluzione
mediante
trasformata
di Fourier

Purtroppo la tecnica sviluppata nel caso unidmensionale non pu essere trasferita nel caso

I Onde elettromagnetiche

tridimensionale. Perci, vediamo un altro modo di procedere. Cerchiamo una soluzione a


variabili separate
g (x, t) = X (x) T (t)
allora
2g
= X 00 (x) T (t)
x2
2g
= X (x) T (t)
t2
da cui lequazione dierenziale si riduce
1
X 00 (x) T (t) 2 X (x) T (t) = 0.
c
Ne ricaviamo che
1 T
X 00
(x) = 2 (t)
X
c T
e perci i due membri sono separatamente costanti (essendo funzioni di variabili diverse),
dunque, ricaviamo
00
X = k2 X
T = 2 T
q
2
dove k R indicizza le soluzioni e +
(ck) (la restrinzione imposta, la costante di
separazione reale negativa, garantisce la limitatezza delle soluzioni). Troviamo X = eikx ,
T = eit . Al variare di k R produciamo le soluzioni
gk (x, t) = A (k) eikx eit + B (k) eikx eit

e ritroviamo, grazie alla fattorizzazione degli integrali, soluzioni funzioni xct. La pi generale
soluzione , infine,
Z h
i dk
g (x, t) =
A (k) ei(kx+t) + B (k) ei(kxt)
2
R

Imponiamo i dati iniziali

dk
= a (x)
2
ZR
dk
g
c |k| [A (k) B (k)] eikx
(x, 0) =
= b (x)
t
2
R
g (x, 0) =

le due equazioni scritte sono del tipo


Z

[A (k) + B (k)] eikx

c (k) eikx

dk
= f (x)
2

moltiplichiamo scalarmente (nel prodotto scalare di L2 ) ambo i membri per eilx


Z
Z
Z
ilx
ikx dk
dx e
c (k) e
dx eilx f (x)
=
2
R
R
R
scambiando lordine delle integrazioni a primo membro abbiamo
Z
Z
Z
dk
dk
i(kl)x
dx =
c (k) e
c (k) 2 0 (k l) = c (l)
2
2
R
R
R
sicch, si conclude,

c (k) =

dx eikx f (x)

Si ottiene, infine, il sistema

A (k) + B (k) =

dx eikx a (x)

I.2 Lequazione delle onde

c |k| [A (k) B (k)] =


da cui si perviene alla soluzione.
Soluzione
nel caso
tridimensionale

dx eikx b (x)

Sia ora g (x, t) una componente del vattore donda G. Separiamo nuovamente le variabili
g (x, t) = X (x) Y (y) Z (z) T (t)
troviamo

X 00
Y 00
Z 00
1 T 00
XY ZT
+
+
2
=0
X
Y
Z
c T

da cui, procedendo come prima,

T 00
X 00
Y 00
Z 00

2 T
k12 X
k22 Y
k32 Z

=
=
=
=

q
(c kkk)2 . La soluzione allora del tipo

dove k = (k1 , k2 , k3 ) R3 e =

gk (x, t) = A (k) ei(kxt) + B (k) ei(kx+t)

la cui pi generale sovrapposizione


Z h
i d3 k
g (x, t) =
A (k) ei(kxt) + B (k) ei(kx+t)
3
(2)
R3

Ora, imponiamo le condizioni al contorno


(
g (x, 0) = a (x)
g
(x, 0) = b (x)
t
e procediamo come prima
Z
d3 k
[A (k) + B (k)] eikx
= a (x)
g (x, 0) =
(2)3
R3
Z
g
d3 k
c kkk [A (k) B (k)] eikx
(x, 0) =
3 = b (x)
t
(2)
R3
Le equazioni scritte sono del tipo
Z

c (k) eikx

R3

d3 k
(2)

= f (x)

moltiplicando scalarmente (nel senso L2 )


Z
Z
Z
d3 k
d3 x eilx
c (k) eikx
=
eilx f (x) d3 x
3
(2)
R3
R3
R3
invertendo le integrazioni

d3 k

R3

(2)

c (k)

ei(kl)x d3 x

R3

consideriamo lultimo integrale


3 Z
3
Y
Y
(3)
ei(ki li )xi dxi = (2)3
0 (ki li ) = (2)3 0 (k l)
i=1

i=1

perci

c (l) =

eilx f (x) d3 x,

R3

infine,

A (k) + B (k) =

R3

eikx a (x) d3 x

I Onde elettromagnetiche

c kkk [A (k) B (k)] =

eikx b (x) d3 x

R3

I.2.3 Onde elettromagnetiche piane


Consideriamo unonda elettromagnetica piana diretta lungo lasse delle x, allora
A (x, t) = (0, Ay (x, t) , Az (x, t))
per la linearit dellequazione di DAlembert, possiamo considerare separatamente le soluzioni
(0, Ay (x, t) , 0) ,

(0, 0, Az (x, t))

che si dicono polarizzate linearmente. Consideriamo ad esempio la prima. Abbiamo, per


londa progressiva,
A (x, t) = (0, Ay (x ct) , Az (x ct))
da cui

E (x, t) = 0, A0y (x ct) , A0z (x ct)

la direzione di E, il vettore j, individua la polarizzazione dellonda. Passiamo a considerare il


campo magnetico. Abbiamo

B (x, t) = curl A = 0, A0z (x ct) , A0y (x ct)

perci la terna (E, B, i) ortogonale e destrorsa, si noti che i la direzione (con verso)
della propagazione dellonda. Si noti, ancora, come i moduli di E e B coincidano. Se ne ricava
che il vettore di Poynting ha il verso della propagazione delle onde,
c
S = E2 i = uc
4
inoltre la quantit di moto dellonda vale
Z
c
1
P = 2 S dV = 2 U
c
c
e, per i moduli, si ha U = cP .

I.3 Onde in una cavit cubica


I.3.1 Campo elettromagnetico in una cavit
Forma del
potenziale
vettore in
una cavit

Consideriamo una cavit cubica, di spigolo, a, le cui pareti siano perfettamente riflettenti.
Fissiamo gli assi xyz paralleli agli spigoli e sia lorigine coincidente con un vertice del cubo. Il
campo A soddisfa allequazione di DAlembert. Procediamo per separazione di variabili
A (t, x) = a (x) T (t)
allora
A (t, x) = T (t) 4a (x)

1
T (t) a (x) = 0
c2

da cui, se a (x) + (a1 , a2 , a3 ) (x),


T (t) 4ai (x)

1
4ai
1 T
(x) = 2 (t)
T (t) ai (x) = 0
2
c
ai
c T

abbiamo allora, posto k R,


1 T
= k2 T = 2 T ; 4a (x) + k2 a (x) = 0
c2 T
q
dove + (ck)2 . Il vettore a risolve perci lequazione di Helmholtz. Ne consegue che
ciascuna componente di a sovrapposizione (come serie o integrale di Fourier) di onde piane
del tipo eikx , con |k|2 = k2 .
Campo
elettromagnetico

I campi E e B saranno dati dalla sovrapposizione delle onde piane aventi potenziale

I.3 Onde in una cavit cubica

T (t) eikx
e. Abbiamo
1
1 A
= T eikx
e
c t
c
per calcolare B, teniamo conto del fatto che
E=

curl (f (x) v) = grad (f (x)) v


essendo

ikx

grad eikx = ke
c

troviamo

Condizioni
al contorno

B = curl A = T (t) eikx k


e
c

Sulle soluzioni trovate dobbiamo imporre le condizioni al contorno. Considerando che le


pareti sono perfettamente conduttrici, ricaviamo che la componente di E tangente alle pareti
(sulle pareti stesse) nulla. Imponendo la condizione sulle pareti x = 0, y = 0 e z = 0 alla
funzione f (x) = eikx otteniamo
fx (x) = cos k1 x sin k2 y sin k3 z;
fy (x) = sin k1 x cos k2 y sin k3 z;
fz (x) = sin k1 x sin k2 y cos k3 z;
con
3
X
i=1

ki2 = |k|

Imponiamo ora le condizioni al contorno sulle pareti x = L, y = L, z = L, otteniamo, per


ogni terna n + (n1 , n2 , n3 ) di numeri interi positivi,

ki = ni
a
perci,
n 2 n 2 n 2 2
1
2
3
+
+
= 2
2a
2a
2a
c
Ne deriva allora che la parte spaziale del campo B la funzione g (x) data da
gx (x) = sin k1 x cos k2 y cos k3 z;
gy (x) = cos k1 x sin k2 y cos k3 z;
gz (x) = cos k1 x cos k2 y sin k3 z.
Infine, abbiamo
E=

nN3+

X n
1
Tn (t) fn (x) , B =
Tn (t) gn (x)
c
c
3
nN+

Ad ogni terna n + (n1 , n2 , n3 ) corrispondono due modi normali di vibrazione a frequenza ,


questo perch, fissato k i vettori campo elettrico indipendenti possibili sono due, nelle due
direzioni (indipendenti) ortogonali a k.

I.3.2 Equivalenza del campo elettromagnetico con un sistema di oscillatori lineari


Lagrangiana
del campo
elettromagnetico

La lagrangiana del campo elettromagnetico allinterno della cavit


Z
Z
2

1
L=
L d3 x =
E B2 d3 x
8 V
V

I set {fn } e {gn } sono ortogonali (in L2 !). Come noto si ha


Z a
n1 x
n0 x
sin
cos 1 dx = 0
a
a
0

I Onde elettromagnetiche

Perci

n1 x
n0 x
cos
cos 1 dx =
a
a
Z

sin

n1 x
n0 x
1
sin 1 dx = a n1 ,n01
a
a
2

n1 x
n0 x
n2 y
n0 y
n3 z
n0 z
cos 1 sin
sin 2 sin
sin 3 d3 x + . . . =
a
a
a
a
a
a
V
Z a
Z a
ZVa
n1 x
n2 y
n3 z
n01 x
n02 y
n03 z
cos
sin
sin
cos
dx
sin
dy
sin
dz + . . . =
=
a
a
a
a
a
a
0
0
0
3
1
V
3
a n1 n01 n2 n02 n3 n03 + . . . = n,n0 + . . . = V n,n0
=
2
8
8
fn fn0 d3 x =

cos

Si ha quindi

E d x=

e, analogamente,

X X Tn (t) Tn0 (t) Z


n

n0

c2

B2 d3 x =

fn fn0 d3 x =

3 V X 2
T (t)
8 c2 n n

3V X 2 2
T (t)
8 c2 n n n

La lagrangiana del campo elettromagnetico allora

3 V X 1 2
2 2
L=
T (t) n Tn (t)
32 c2 n 2 n

A questo punto basta un semplice cambio di scala, Tn qn , per avere

X 1
1 2 2
2
L=
q (t) n qn
2 n
2
n

Ne deriva il seguente

Teorema I.1

Il campo elettromagnetico in una cavit perfettamente riflettente dato dalla sovrapposizione


di uninfinit numerabile di modi normali, ciascuno dei quali equivalente a un oscillatore
armonico lineare di massa unitaria che oscilla alla frequenza del modo normale detto. Il
campo elettromagnetico perci equivalente a un sistema di oscillatori armonici.

I.3.3 Cavit termalizzata e legge di Rayleigh-Jeans


Corpo nero

Visto che un corpo nero dato da una cavit termalizzata alla temperatura T , abbiamo
che la densit volumica di energia media u (, T ) contenuta nella cavit e dovuta ai modi
normali con frequenze tra e + d, pari allenergia media di un numero N () di oscillatori
armonici lineari allequilibrio termico a temperatura T , divisa per il volume, dove N () il
numero di modi normali del campo elettromagnetico tra e + d.
Infatti, u (, T ) tale che

1 2
u (T ) =
= u (, T ) d
E + B2
8
ma

X 1 2
1
1 2
E + B2 =
qn (t) + 2n qn2
8
2
2
n

dunque

1 2 2
1 X 1 2
u=
q (t) + n qn
V n 2 n
2

1 X 1 2
1 2 2
u (T ) = hui =
q (t) + n qn
V n 2 n
2

e
u (, T ) =

Calcolo del
numero di
modi normali
tra e + dv

1
V

n(+d)

n()

1
1 2
q (t) + 2n qn2
2 n
2

N ()
kT
V

visto che lenergia media di un oscillatore armonico (dalla legge di equipartizione) pari a kT .
Calcoliamo N (). Ogni terna (n1 , n2 , n3 ) fornisce due oscillazioni stazionarie nella cavit a
frequenza tale che
n 2 n 2 n 2 2
1
2
3
+
+
= 2.
2a
2a
2a
c
Se rappresentiamo tali terne come punti di un reticolo in tre dimensioni, si ha che tutte le
terne per cui 0 sono quelle contenute nellottante positivo e in una sfera di raggio
2a 0
r=
c
Siccome la densit dei punti reticolari 1, i punti considerati sono in numero pari a
4a3 30
1 4 8a3 30
=
8 3 c3
3c3
Ne consegue che il numero dei punti del reticolo corrispondente alle oscillazioni di frequenza
compresa tra e + d dato da
12a3 20
3c3
Il numero di oscillazioni proprie contenute nellintervallo , + d pertanto
N () =

Legge di
Rayleigh-Jeans

8a3 2
c3

In definitiva, dunque
u (, T ) =

8V 2 kT
8 2
= 3 kT
3
c
V
c

che la legge di Rayleigh-Jeans.


Nel prossimo capitolo ci dedicheremo esclusivamente al corpo nero e ricaveremo nuovamente,
tra laltro, lequivalenza di modi normali ed oscillatori e la legge di Rayleigh-Jeans. Seguiremo
unaltra via (pi vicina a quella che fu di Planck) in modo da evitare di far uso della lagrangiana
del campo elettromagnetico.

Capitolo II

Teoria alla Planck della radiazione nera

II.1 Termodinamica della radiazione nera


II.1.1 Densit spettrale di energia
Corpo nero

Consideriamo una cavit completamente vuota le cui pareti siano portate e mantenute a
una temperatura uniforme T . Si genera, allora, allinterno della cavit, della radiazione
elettromagnetica: allequilibrio le pareti assorbono - nellunit di tempo - una quantit di
energia raggiante pari a quella che emettono.
Lo stato della radiazione descritto dalla densit di energia u che pari a

1 2
u=
E + B2
8
Daltra parte possibile definire la densit spettrale dellenergia u tale che u d la
frazione della densit di energia del campo elettromagnetico la cui frequenza compresa tra
+ d. Ne consegue che, ovviamente,
Z +
u=
u d
0

Legge di
Kirchho

Teorema II.1
(legge di
Kirchho )

La distribuzione di energia spettrale una funzione fondamentale della fisica, perch, come
aerma la legge di Kirchho, universale. Si trova, infatti, basandosi sul solo Secondo
Principio della Termodinamica, che u dipende unicamente dalla temperatura e non dalla
conformazione della cavit o dalla natura delle pareti.
La densit spettrale della radiazione nera, a una determinata frequenza, funzione della sola
temperatura.

Supponiamo di avere due cavit racchiuse da sostanze diverse e aventi forma diversa,
entrambe a temperatura T . Per assurdo, in una qualsiasi regione dello spettro le u risultino
diverse. Allora poniamo in contatto le due scatole tramite un filtro agente nelle vicinanze
della frequenza nellintorno della quale le densit sono diverse. In questo modo, senza che
si compia lavoro dallesterno, si ha che una delle cavit perde lenergia che viene acquistata
dallaltra. Cos, mentre una si raredda, laltra si riscalda. Si realizza cio uno scambio di
calore spontaneo tra due corpi alla stessa temperatura, il che contraddice il Secondo Principio
(c.v.d.) della Termodinamica.

Dimostrazione

Abbiamo perci che u dipende, oltre che da , solo dalla temperatura T , sicch ben definita
la funzione
u = u (, T )
Ovvio allora che parimenti universale lintegrale di u , u che sar funzione di T :
u = u (T ) .

II Teoria alla Planck della radiazione nera

Si pone il problema di determinare u e u.

II.1.2 Pressione di radiazione


Intensit
specifica

Ammettiamo che la distribuzione della radiazione allinterno della cavit sia isotropa.
Cominciamo col calcolare lenergia radiante che esce in secondi da una finestra di area
dA entro langolo solido d orientato secondo langolo rispetto alla normale a dA. Si tratta
di calcolare il contributo de di energia radiante emessa da tutti gli elementi di volume contenuti
nel cono di apertura d (con lasse orientato lungo ) e di altezza c (dal momento che lenergia
viene trasportata dalle onde elettromagnetiche alla velocit c). Ciascun elemento di volume
dV allinterno del cono emette lenergia u sullangolo solido 4, la frazione che giunge sulla
finestra dA perci data da
dA
udV : de = 4 : 2
r
da cui
dA cos
dA
dV = u
dV
de = u
4r2
4r2
Daltra parte dV = r 2 drd perci lenergia radiante che esce in secondi dalla finestra dA
(sotto langolo entro langolo solido ) vale
Z c
dA cos 2
c
u
r dr d = u dA cos d
2
4r
4
0
Si definisce intensit specifica il fattore

c
4
Lenergia S irradiata nellunit di tempo, in un semispazio, dallunit di superficie vale allora
Z /2
Z /2
Z 2
1
c
d
d cos sin = K
d sin 2 = K (cos 2)|/2
= K = u
S=K
0
2
4
0
0
0
K+u

Pressione di
radiazione

In condizioni di isotropia, per pareti perfettamente riflettenti, dalle equazioni dellelettromagnetismo, si deduce che la pressione della radiazione vale
u
p=
3
La cosa ha una immediata interpretazione quantistica.
Pensiamo la radiazione
elettromagnetica come un gas di fotoni il cui impulso dato dallenergia divisa per la velocit
della luce c. I fotoni si riflettono sulle pareti in modo elastico, talch limpulso ricevuto dalla
parete nellurto con un fotone avente angolo dincidenza dato da due volte limpulso del
fotone moltiplicato per il coseno dellangolo . Nellunit di tempo sullunit di superficie
limpulso ricevuto dalla parete perci
Z /2
Z /2
Z
Z 2
1
c
u
p =
d
d cos2 sin = u
d cos2 sin =
u
cos d 2 cos =
c
4
2 0
0
0
/2 u
u
=
cos3 0 =
3
3
Lequazione p = u/3 valida se la radiazione isotropa e non richiede il fatto che essa si trovi
allequilibrio termico. In questultima condizione, u dipende solo da T e perci p dipender
solo da T . In altre parole se u la u di Kirchho p = p (T ). Mentre se u uniforme, ma non
necessariamente di Kirchho, si ha che p = u/3.

II.1.3 La legge di Stefan-Boltzmann


Ciclo di Carnot
per il corpo nero

Consideriamo ora una cavit nera una cui parete sia dotata di uno stantuo libero di muoversi
senza attrito. Portiamo la cavit a contatto con un termostato posto alla temperatura T .
Estraiamo lentamente lo stantuo procurando un aumento V del volume. In questo processo

II.1 Termodinamica della radiazione nera

la radiazione ha fornito il lavoro pV . Al bagno termico viene sottratto il calore


4
Q = (u + p) V = uV
3
Adesso operiamo una espansione adiabatica di V del volume. La temperatura si abbassa cos
di T , la pressione di p, il lavoro fornito pV . Stabilito contatto termico con un bagno a
temperatura T T operiamo una compressione isoterma e infine una compressione adiabatica
per tornare allo stato iniziale.
I tratti adiabatici presentano una dicolt. Anch garantito che la radiazione nera resti nera
(cio allequilibrio termico con le pareti) durante le espansioni adiabatiche, possiamo pensare
di disperdere nella cavit una quantit molto piccola di polvere di carbone, questa, al contrario
delle pareti che sono perfettamente riflettenti, in grado di interagire con la radiazione
assorbendo o emettendo energia in modo da ristabilire lequilibrio termico. Siccome la polvere
avr capacit termica trascurabile rispetto a quella della radiazione, lenergia del sistema
rimarr invariata, V u, durante il processo di annerimento. In questo modo la distribuzione
spettrale sar in ogni stato quella di Kirchho, o - il che lo stesso - ogni stato sar di equilibrio
come richiesto in un ciclo reversibile.
Legge di StefanBoltzmann

La macchina compie un ciclo di Carnot reversibile il suo rendimento perci il massimo, cio
T /T , daltra parte il rendimento dato dal lavoro totale fornito diviso per il calore assorbito
dal termostato a temperatura maggiore:
T
3 pV
3 p
1 p
=
=
=
=
T
4 uV
4 3p
4 p
da cui si ottiene che
log T 4 = log p
da cui u e p sono direttamente proporzionali alla potenza quarta della temperatura, cio, si
stabilisce la legge di Stefan-Boltzmann
u = aT 4
Ora, la misurazione della legge determinata cos come labbiamo scritta non attuabile, poich
si dovrebbe compiere una misurazione allinterno del corpo nero. Tuttavia possibile praticare
nel corpo nero un piccolo foro e misurare lenergia radiante uscente dal foro (per unit di
superficie e per unit di tempo), per quanto calcolato sopra essa sar
c
c
S = u = a T 4 = T 4
4
4
con

a=4
c

II.1.4 Caratterizzazione delle adiabatiche


Dicolt nella
descrizione delle
adiabatiche

Nel derivare la legge di Stefan-Boltzmann abbiamo incontrato alcune dicolt nel trattare
le trasformazioni adiabatiche del corpo nero. Questo perch non sembra, a priori, garantito
lequilibrio termico, visto che la radiazione non pu essere emanata o assorbita dalle pareti
che sono perfettamente riflettenti. Avevamo allora supposto di immettere nel corpo una
quantit molto piccola di carbone nella cavit, in modo che la materia potesse annerire la
radiazione mantenendo la distribuzione spettrale di Kirchho alle diverse temperature. In
realt dimostreremo (legge di Wien) che la radiazione nera resta nera per trasformazione
adiabatica, anche senza immissione di carbone nella cavit.

Legge delle
adiabatiche

Consideriamo, in primo luogo, unespansione adiabatica della radiazione nera in cui


lequilibrio garantito dalla presenza di una piccola quantit di carbone, talch la sua presenza
sia ininfluente ai fini del calcolo dellenergia. Dal Primo Principio della Termodinamica
d (uV ) + pdV = 0

II Teoria alla Planck della radiazione nera

dalla legge di Stefan-Boltzmann


aT 4

aT 4
dV = 4aT 3 V dT + aT 4 dV +
dV
0 = d aT 4 V +
3
3
1
0 = V dT + T dV V T 3 = const
3
da cui, incidentalmente, si trova che V 4/3 p = const.
Entropia della
radiazione nera

Veniamo a calcolare lentropia della radiazione nera


dU + pdV
dS =
T
dove
dU
pdV
da cui

S
T
S
V

= 4aT 3 V dT + aT 4 dV
= aT 4 dV

4
= 4aV T 2
S (V, T ) = aT 3 V + const
= 43 aT 3
3

e dal Prinicipio di Nernst,


S (V, T ) =

Compressione
adiabatica di
una radiazione
isotropa

4 3
aT V
3

Togliamo adesso la polvere e comprimiamo adiabaticamente la radiazione. La lentezza


delloperazione garantisce lisotropia della distribuzione u (e dunque pure della u ). Questo
implica che risulta sempre definita la pressione p = u/3. Ci che regola landamento della u
leetto Dppler, siccome la parete si muove lentamente con velocit uniforme v c si ha
che la radiazione incidente 1 emerge, dopo la riflessione, con frequenza data da

2v
= 1 1 +
cos
c

essendo langolo dincidenza.

Ora, consideriamo un intervallo di ampiezza d dello spettro. Valutiamo che accade allenergia
della radiazione di frequenza nellintervallo prescelto nel tempo dt, in cui, lo ricordiamo, lo
stantuo si sposta verso linterno di vdt. Sia d | 1 | cos lenergia totale V u d,
contenuta in d, diminuisce di una quantit eguale a quella della radiazione che nel tempo dt
raggiunge lo stantuo. Come gi calcolato la diminuzione vale
AK ddt.
Daltra parte si ha anche aumento dellenergia per eetto della radiazione che giunge sullo
stantuo con frequenza contenuta in un intervallo tale che, dopo la riflessione, esso viene a
coincidere col nostro d. In accordo con la formula per leetto Dppler, la frequenza incidente
dovr essere contenuta nellintervallo compreso tra 1 e 1 + d 1 . Lenergia incidente varr
AK 1 cos dd 1 dt,
0

se E lenergia incidente e E lenergia riflessa, E 0 E il lavoro compiuto dalla parete sulla


radiazione,
Z
Z
E = F dx = v F dt

lultimo termine limpulso esercitato sulla parete, cio


Ev
2P cos = 2
cos
c

2v
0
cos
E = E 1+
c

II.1 Termodinamica della radiazione nera

Ne consegue che laumento di energia nellintervallo d nel tempo dt vale

Z /2
2v
K 1 sin cos 1 +
cos d 1 d
2A dt
c
0
2

In ogni caso, a meno di termini in (v/c)

2v
1 = 1
cos
c

perci
d 1
K 1

2v
1
cos d
c
K
K 2v
= K +
( 1 ) = K
cos

c
=

Sostituendo nellintegrale (ignorando i termini in (v/c)2 ) si ha

Z /2
K 2v
2A dtd
K
cos sin cos d =
c
0
Z
K 2v /2
sin cos2 d =
AK dtd 2A dtd
c 0
K 2v
AK dtd 2A
dtd
3c
Laumento di energia complessivo per le frequenze nellintervallo d, nel tempo dt vale
4 Avdt K
d

3
c

si conclude perci che, essendo dV = Avdt e K = cu /4,


4 Avdt K
4 dV K
u
=
=
dV
3
c

3 c
3
Analizziamo lespressione ottenuta. Cominciamo col notare che

u dV
du = u +
3
V
d (V u ) =

(1)

calcoliamo allora lincremento della pressione

Z
Z
Z
u
dV
dV
4p
u
u
p =
u d
u +
d =
d =

d =
dV
3
3V
3

3V
3
3
V
0
0
0
0
da cui si ottiene che in una espansione adiabatica per cui la u sia isotropa, e non
necessariamente di Kirchho, il prodotto
pV 4/3
resta costante (come accadeva nelle adiabatiche passanti per punti di equilibrio del sistema).
Abbiamo cio dimostrato il seguente
Lemma II.1

In una trasformazione adiabatica in cui la densit di energia elettromagnetica resti isotropa,


il prodotto pV 4/3 costante.
Questo ci consente di dimostrare che le adiabatiche passano tutte per stati di equilibrio, cio
che la radiazione nera resta nera senza bisogno di presenza di materia allinterno della cavit.

Invarianza
adiabatica di u

Il risultato preannunciato fa leva sui principi della Termodinamica, oltre che sulle considerazioni di elettromagnetismo gi esposte. Consideriamo una cavit nera allequilibrio termico.
Essa sia caratterizzata dalla temperatura T0 dallenergia u (T0 ) e dal volume V0 . Resta allora
definita p0 = u (T0 ) /3. Ora eseguiamo una espansione adiabatica infinitamente lenta sicch
la radiazione rimanga isotropa. Spaziamo allora la curva
pV 4/3 = p0 V0
fino al volume V1 . Adesso immettiamo una piccola quantit di carbone nella cavit di modo

II Teoria alla Planck della radiazione nera

da annerire la radiazione. Lenergia della radiazione rimarr invariata, cos dunque p1 , mentre
u diverr ora di equilibrio e risulter definita una temperatura T2 . In altre parole, il carbone
cambia u mantenendone il valore integrato u e apportando un aumento finito dellentropia.
Ora sempre in presenza di carbone riportiamo lo stantuo nella posizione iniziale, allora in
virt dellequazione delle adiabatiche, riavremo p0 e di conseguenza T0 e u (T0 ). Abbiamo
dunque compiuto un ciclo irreversibile. Daltra parte il lavoro compiuto dallesterno nullo
poich la forma pdV calcolata sulla curva pV 4/3 = p0 V0 una volta in un senso e una volta
nellaltro (come attesta il lemma precedente). Siamo giunti cos al
Teorema II.2
(di Wien)

La radiazione nera resta nera per trasformazioni adiabatiche.

II.1.5 La legge dello spostamento e la legge di Wien


Legge di Wien

Lequazione (1) ci fornisce lultima informazione sulla distribuzione spettrale che possiamo
ricavare a partire dalla termodinamica. Nondimeno il teorema che dimostreremo sar
veramente importante nel seguito della nostra trattazione.
Avevamo ottenuto che, durante una adiabatica
u
d (V u ) =
dV
3
da cui ricaviamo lequazione dierenziale
u
u
+ u =
V
V
3
Eettuiamo allora il seguente cambiamento di coordinate
x + V, y + 3 V
allora
u
V
u

u
u
+ 3
x
y
u
= 3V 2
y

da cui
x

u
u
u
+y
+ u = y
x
y
y
u
x
+ u = 0
x

(xu ) = 0
x

infine, V u dipende solo da y:


u =
cio

1 3
V
V

3V 3
u =
= 3 3V
3V
ma, siccome la trasformazione adiabatica, V T 3 = const, e perci

u (, T ) = 3 f
T

Teorema II.3
(Legge di Wien)

La distribuzione spettrale di Kirchho una funzione del tipo



u (, T ) = 3 f
T

II.2 Determinazione della distribuzione spettrale


Legge dello
spostamento

Fissiamo per un attimo la temperatura T , vogliamo determinare la posizione di un massimo


(che sperimentalmente esiste ed unico) della u . A tale scopo imponiamo
3
d
0=
u = 3 2 f
+ f0
d
T
T
T
posto + /T si ricava che il massimo corrisponde a una radice dellequazione
0 = 3f () + f 0 ()
che fissata una volta per tutte. Al variare della temperatura il massimo si sposta linearmente,
cio
max = T

Teorema II.4
(Legge dello
spostamento)

I punti stazionari (il massimo) della distribuzione spettrale di Kirchho si spostano


linearmente con la temperatura.
Per quello che riguarda le due leggi in termini della lunghezza donda, troviamo che
u (, T ) d = u (, T ) d
2

ora, |d| = c/ |d|, perci


u (, T ) = u
e la legge di Wien diventa

,T

c
2

1
g (T )
5
ancora, possiamo ritrovare la legge dello spostamento,
T
5
0 = 6 g (T ) + 5 g0 (T )

e posto + T abbiamo che


u (, T ) =

5g () = g 0 ()
Presa la radice dellequazione, abbiamo
max T = .

II.2 Determinazione della distribuzione spettrale


II.2.1 Oscillatori armonici e radiazione nera
Idea guida
di Planck

Vogliamo adesso determinare la distribuzione spettrale u , di cui abbiamo studiato tutte


le propriet termodinamiche nella sezione precedente. Con Planck, immaginiamo di porre
nella cavit un oscillatore armonico lineare, vincolato a muoversi lungo lasse x, avente carica
elettrica elementare e e massa m. Visto che possiamo scegliere ad arbitrio le pareti (e la
forma) della nostra cavit poniamo che esse siano perfettamente riflettenti. Allequilibrio
(T ) (classicamente questa vale kT
termico lenergia delloscillatore assuma il valor medio E
dal Principio di Equipartizione).
Daltra parte, allequilibrio termico, lenergia assorbita dalloscillatore sar pari a quella da
esso irradiata. Con lausilio delle leggi dellelettromagnetismo stimeremo queste due quantit
in modo che, nota E,
si possa ricavare u .
di energia in funzione di u ed E,

Determinazione
della relazione
e u
tra E

Il moto delloscillatore smorazato a causa dellirraggiamento e forzato dalla componente


x del campo elettrico che supporremo uniforme nella zona occupata dalloscillatore.
Dallelettromagnetismo classico abbiamo che, se 0 la pulsazione propria delloscillatore

2 e2 000
m x
+ 20 x
x = eEx .
3 c3
Scelto un intervallo di tempo molto grande il campo Ex potr essere espresso in serie di

II Teoria alla Planck della radiazione nera

Fourier, se a + 2/,
+
1 X
an einat
Ex =
2 n=

da cui an lampiezza delle oscillazioni parziali di pulsazione n = na. Siccome Ex R, si ha


che
an = an
Siccome gli an sono funzioni rapidamente variabili, associamo loro una media che ci consentir
di valutare il valor medio del campo (rapidamente variabile) Ex . Se s piccolo in confronto a
n, nellintorno della frequenza n lampiezza media del campo vale
s
X
1
2
2
|an | =
|an+j |
2s + 1 j=s
che rappresenta una misura dellintensit di Ex per frequenze vicine a n .
Ora, vale
3 2
u=
E
4 x
daltra parte, dallidentit di Parseval varr (esendo la norma L2 la media del quadrato)
Ex2
perci
u=

+
1X
=
|an |2
2 n=0
+
3 X
|an |2
8 n=

per calcolare u d lenergia nellintervallo tra e + d, perci dobbiamo valutare quante


oscillazioni parziali cadono nellintervallo d, portando ognuna di esse lenergia 3/8|an |2 .
Siccome
2
2
d
a

= na
= dn

perci
u =

3
3
2
|an |2
|an |2 .
=
8
a
4a

Adesso sviluppiamo in serie di Fourier anche x e andiamo a risolvere lequazione dierenziale


per serie. Se poniamo
x=
da cui
x =

+
1 X
ina n einat
2 n=

x
=
x000

+
1 X
einat
2 n= n

+
1 X
(na)2 n einat
2 n=

+
1 X
i (na)3 n einat
2 n=

sostituendo nellequazione dierenziale, fatte le dovute semplificazioni,


2

m (na) n + m 20 n +

2 e2
3
i (na) = an
3 c3

II.2 Determinazione della distribuzione spettrale

sicch si ricava
n =
perci

ean
m 20 m (na)2 + 23 i ec3 (na)3
2

e2
m2

|an |2
| n | =
2 2
2
2
(na)3
(na) 20 + 23 e mc
3
2

Lenergia media delloscillatore pari al doppio dellenergia cinetica media, perci


= mx 2 ,
E
dallidentit di Parseval,
+
+
mX
mX
2
2

(na) | n | =
(na)2
E=
2 n=0
2 n=0

e2
m2

|an |2
2 2
2
2
(na)3
(na) 20 + 23 e mc
3

Allo scopo di valutare la serie, sostituiamola con un integrale rispetto a = na, nellintervallo
d cadono dn = d/a oscillazioni parziali, perci
Z
m e2
2
|an |2

E=
d

2
2 m2 0 (2 2 )2 + 2 e2 33
a
0
3 mc

Come sappiamo la funzione integranda ha un massimo molto acuto per 0 perci possiamo
eettuare le seguenti approssimazioni:
(i) sostituiamo (tranne che nella dierenza 2 20 ) 0 a ;

2
2
2
(ii) poniamo 2 20 (20 ( 0 )) = 420 ( 0 ) ;
2

(iii) sostituiamo a |an | la quantit |an | calcolata nelle vicinanze di 0 ;


(iv) estendiamo a il primo estremo dintegrazione.
Posto allora + ( 0 ) troviamo
Z
2
2 Z
m e2 |an |
m e2
20
|an |
1

d
d =
E=
2 3 2
2
2 + 2
2 m2 2 2
a
2
m
a
4

40 + 23 mc30
2 2
e
dove + 23 mc30 ,
2
2
= m e |an | 1
E
2 m2 a 2

con la sostituzione z +

=
=

1
d
2 2
+1

abbiamo
Z
m e2 |an |2 1
e2 |an |2 1
e2 4 3 mc3
1
=
dz
=
=
u
2 m2 a 2 2 z 2 + 1
4m a
4 m 3 2 e2 20
c3
u c3
=
u
2
20
8 2

Si ricava cio la seguente


Proposizione II.1

Un oscillatore armonico carico, di frequenza propria 0 , allequilibrio termico a temperatura


T0 in una cavit nera di densit spettrale u (, T ) ha unenergia media pari a
=
E

Onde stazionarie
ed oscillatori
armonici

c3
u ( 0 , T0 )
8 20

Per quanto visto nellultima sezione del capitolo precedente, il numero di oscillazioni proprie

II Teoria alla Planck della radiazione nera

contenute nellintervallo , + d
8a3 2
d
c3
Se a ogni oscillazione propria compete lenergia media U , lenergia totale contenuta nella
cavit per frequenze in , + d vale
U

8a3 2
d
c3

che corrisponde a una densit spettrale


8a3 2
1
U
d = u

a3
c3
cio
U =

c3

u = E
8 2

In altre parole,
Teorema II.5

Lenergia media delloscillatore armonico termalizzato a temperatura T eguale allenergia


di una singola oscillazione propria della cavit avente frequenza vicina a quella di risonanza.
Dopo avere mostrato lintima connessione tra la densit di energia della cavit nera e
loscillatore armonico procediamo a calcolare u . Perverremo alle leggi di Rayleigh-Jeans
e Planck.

II.2.2 La formula di Rayleigh-Jeans


Inadeguatezza
della u classica

Nella fisica classica, dal principio di equipartizione, si ottiene, per loscillatore lineare,
= kT sicch, dalla relazione tra E
e u abbiamo
lenergia media E
8 2
kT
c3
Tale formula in contrasto coi dati sperimentali, ma, anche teoricamente, appare del tutto
inadeguata, infatti lintegrale di u in , u (T ), diverge.
Questo completo fallimento della fisica classica per lirraggiamento di una cavit isoterma
rappresenta il punto di partenza di tutta la fisica moderna ed questo il motivo per
cui ha meritato tanta attenzione da parte nostra.
Si noti comunque come valga egualmente la legge di Wien:
u (, T ) =

u (, T ) =

8 3 T
k
c3

II.2.3 La legge dellirraggiamento di Planck


Le due formule sulle quali si basa la derivazione della legge di Rayleigh-Jeans sono
8 2
E (, T )
c3
(, T ) = kT
E

u (, T ) =

La prima discende dalle leggi dellelettromagnetismo, la seconda dalla fisica statistica classica.
Almeno una delle due certamente inesatta, essendo la loro combinazione palesemente assurda.
Planck decise di mettere mano alla seconda, tenendo ferma la prima.
Lidea di Planck
per loscillatore
armonico

Vediamo quali considerazioni guidarono Planck alla celebre modificazione della seconda delle
equazioni di cui sopra. Per un oscillatore armonico lineare la hamiltoniana vale
p2
m
+ (2)2 q 2
2m
2
Nella fisica classica il valor medio di E dato da
= log Z
E

H (p, q) =

II.2 Determinazione della distribuzione spettrale

Figura 1. Densit spettrale di Planck

dove Z la funzione di partizione di Boltzmann, cio, se = 1/kT


Z
Z + eH dpdq.

Ora, ci che fece Planck fu di cambiare lespressione per la funzione di partizione. La sua
scelta fu, in un certo senso, naturale. Sostitu, infatti, lintegrale con una serie, discretizzando
i valori ammissibili per lenergia. Scrisse cio
X
Z+
eEn
n

Si tratta ora di fare unipotesi sui valori En , cio sui livelli energetici. La cosa pi semplice
da fare , ovviamente, richiedere eguale spaziatura tra i livelli, cio imporre
En + n0 ,
con 0 da determinare.
Abbiamo
Ricaviamo, infine, E.
Z=
da cui

1
1 e0

0
= log 1 e0 = e
= 0
E

1e
e
1

Legge di Planck

Dunque, con Planck, troviamo


8
8 2
0
= 3 3
u (, T ) = 3 /kT
0
c e
c
1

dalla legge di Wien, dobbiamo avere che

0 /
=
f
T
e0 /kT 1

0 /

0
e /kT 1

perci, analizzando il denominatore, dobbiamo necessariamente porre


0 = h
e quindi ottenere la legge dellirraggiamento di Planck
u (, T ) =

8 3
h
3
h/kT
c e
1

Questa legge, basata sullipotesi che un oscillatore armonico possa assumere solo energie pari
a un multiplo intero della quantit h, descrive correttamente il fenomeno ed in ottimo
accordo coi dati sperimentali.

II Teoria alla Planck della radiazione nera

II.2.4 Considerazioni sulla legge di Planck


Verifichiamo che la u di Planck verifica tutte le leggi rinvenute nella prima sezione. Gi
sappiamo che la legge di Wien verificata (in realt labbiamo usata per ricavare la legge di
Planck stessa).
Legge di StefanBoltzmann

Cominciamo col calcolare u (T ), stavolta lintegrale esiste e vale


Z
3
8h +
u (T ) = 3
d
c
eh/kT 1
0

posto x + h/kT abbiamo = kT x/h e perci

4 Z +
8h kT
8 4 (kT )4
x3
u (T ) = 3
dx
=
c
h
ex 1
c3 15 h3
0

da cui ritroviamo la legge u (T ) = aT 4 . Come detto, possibile misurare a (a partire


dalla misura dellenergia uscente dalla cavit) da cui potremmo risalire ad h, ma la misura
presenterebbe una grave incertezza a causa dela presenza dellesponente 4 nella temperatura.
Inoltre bisognerebbe conoscere accuratamente k il cui valore legato a quello del numero di
Avogadro che ai tempi di Planck non era noto con una buona precisione. Torneremo pi tardi
su questi aspetti.
Legge dello
spostamento
di Wien.
Valore di h

Calcoliamo la posizione del massimo (evidenziato in Figura I.1), a partire dallespressione per
u :
c c
8c
h
u (, T ) = u
,T
2 =
5 hc/kT

e
deriviamo in
8ch hc 2 ehc/kT
u
40c
h
+ 5 kT
0 =
= 6 hc/kT
2

1
e

ehc/kT 1

hc hc/kT
= 5 ehc/kT 1 +
e
kT
posto x + hc/kT troviamo che = max per x pari alla radice dellequazione seguente

5 (ex 1) = xex 5 1 ex = x

da cui, indicata con x


la radice suddetta, ritroviamo la legge dello spostamento
hc
= T max
k
x
che importante perch ci consente di ottenere una misura per h
k
h=x
T max
c
Intanto, notiamo che x
4.965114212...Sperimentalmente si ha poi che T max = 0.27 cm K.
Ora, come accennato non ben noto il valore di k, perci usiamo il dato relativo alla legge di
Stefan-Boltzmann, per cui

8 4 k4
= 3
c
c 15 h3
nota la misura di ricaviamo dalle due espressioni, unite al fatto che R = 8.31J mol1 K1 ,

h = 6.62 1037 erg s


k = 1.38 1016 erg K1

N = 6.02 1023
a=4

Legge di
Rayleigh-Jeans

Sia

h
1
kT
(approssimazione delle alte temperature, o delle basse frequenze) e calcoliamo quanto

Figura 2. Confronto alle basse frequenze delle distribuzioni di Rayleigh-Jeans (rossa) e Planck (blu).

vale la u :
u (, T )

8 3 h
8 2
kT
=
c3 h/kT
c3

che proprio la legge di Rayleigh-Jeans.


Proposizione II.2

La legge di Rayleigh-Jeans lapprossimazione alle alte temperature della legge di Planck.

Commento sulla
legge di Planck

La determinazione che abbiamo eettuato della legge di Planck non certo soddisfacente,
perch si usano insieme metodi classici e rudimenti quantistici. Tuttavia essa, non solo
funziona correttamente come evidenziato in questa sottosezione, ma corretta pure nella
migliore versione quantistica.

Capitolo III

Old Quantum Mechanics

Nel capitolo precedente abbiamo visto come per spiegare lo spettro del corpo.nero si sia dovuto
ricorrere alla quantizzazione dei livelli energetici delloscillatore armonico. In questa sede vedremo
gli sviluppi che ebbe lidea di Planck nellinterpretazione di Einstein e Bohr. Introdotto poi il
concetto di onda di de Broglie, concluderemo la descrizione della Old Quantum Mechanics e
ne utilizzeremo i concetti fisici pi rilevanti per introdurre alla moderna teoria quantistica, i cui
postulati saranno esposti nel corso del prossimo capitolo.

III.1 Modelli atomici di Thomson e Rutherford


Uno dei problemi centrali che si presentarono agli inizi del ventesimo secolo era la formulazione
di un modello consistente per gli atomi. Si trattava di chiarire il comportamento degli atomi in
determinate condizioni e di formulare un modello che fosse consistente con lesperienza e con
la teoria dellelettrodinamica classica. Esamineremo in questa sezione le dicolt connesse
con questo programma.
Caratteristiche
principali
degli atomi

Lesistenza degli atomi era gi stata accettata per spiegare le leggi fondamentali della
stechiometria, perci si era capito che a ogni elemento corrispondeva un certo tipo di atomo.
Lelettrolisi, leetto fotoellettrico, leetto termoionico, la conduzione elettrica, avevano
suggerito lesistenza, nellatomo, di particelle cariche negative. Per la neutralit della materia
si era stati costretti ad amettere la presenza di una carica positiva nellatomo. Era inoltre noto
che le particelle cariche negativamente (elettroni) erano eguali per tutti gli atomi, ne erano
infatti note massa e carica:
me = 0.9 1027 g 1027 g
e = 1.6 1019 C = 4.8 1010 ues
Dalla definizione di grammo-atomo si ha che la massa di un atomo di idrogeno vale
1g
= 1.7 1024 g, mH = 1836me
mH =
NA
Per quanto riguarda le dimensioni di un atomo, consideriamo loro, esso ha peso atomico
A = 197, perci in 197g di oro ci sono NA atomi. Siccome la densit delloro 19 g cm3 , un
grammo-atomo occupa circa 10cm3 , dunque, ogni atomo ha a disposizione un volume di circa
1.66cm3 , cio ha un raggio pari a circa 108 cm. Tale grandezza viene definita ngstrom:
1 + 108 cm

III.1.1 Il modello di Thomson


Descrizione
e successi
del modello

Secondo Thomson (il modello il primo presentato nel ventesimo secolo e sar il pi
accreditato almeno fino al 1910) latomo era costituito da una sfera di raggio pari a 1
in cui la carica positiva fosse distribuita uniformemente. Allora, dal teorema di Gau si
ha subito che una carica negativa allinterno risente di una forza attrattiva (diretta verso il
centro) proporzionale alla distanza dal centro della sfera. Questo spiegherebbe lemissione di
radiazione per atomi eccitati (ciascun elettrone sarebbe responsabile di una riga dello spettro).

III Old Quantum Mechanics

Inoltre, spiegherebbe la regola dellottetto, infatti si pu dimostrare che anch gli elettroni
occupino posizioni di equilibrio stabile (come necessariamente deve essere) sono costretti a
disporsi su poligoni concentrici con al pi otto vertici.
Dimensioni
atomiche

Un altro successo del modello di Thomson laccordo tra energia di ionizzazione e raggio
atomico. Il potenziale della carica positiva
3 e 1 er2
,ra

2 a 2 a3
e la posizione di equilibrio stabile dellelettrone in r = 0. Allora lenergia di ionizzazione
deve essere
3 e2
EI = e ( () (0)) =
2 a
ma, sperimentalmente, EI 13.6 eV, perci a 1.6 .
(r) =

III.1.2 Gli esperimenti di Geiger e Mardsen


Geiger e Mardsen, nel 1909, misero a punto il seguente esperimento: su una sottile lamina doro
(spessore 4 1015 cm) veniva fatto incidere un fascio ben collimato di particelle (aventi
carica positiva 2e) e si osservava la distribuzione delle particelle deflesse. Teniamo conto del
fatto che per loro Z = 79, A = 197, mentre per le particelle , Z = 2 e A = 4. Ora, secondo
il modello di Thomson linterazione tra elettrone e particella incidente del tutto trascurabile
nel moto della particella stessa, questa invece deve risentire del campo elettrostatico delle
distribuzioni di carica positive. Il campo di tali distribuzioni ha un intensit massima per r a
e decrece poi come r2 , perci lecito aspettarsi che le particelle siano praticamente tutte in
grado di passare oltre la lamina. Tuttavia, Mardsen e Geiger notarono che una particella su
diceimila veniva deviata di un angolo superiore a 90 , cosa del tutto inspiegabile mediante il
modello di Thomson. I risultati dellesperimento furono cos interpretati da Rutherford sulla
base del suo nuovo modello (1911).

III.1.3 Il modello di Rutherford


Descrizione
del modello

Secondo Rutherford, la carica positiva era concentrata in un a zona (nucleo) molto ristretta
rispetto alle dimensioni atomiche. Il nucleo, dunque, avrebbe carica positiva, opposta alla
somma di quella degli elettroni e massa praticamente eguale a quella dellatomo intero.Gli
elettroni orbiterebbero (su orbite evidentemente ellittiche a causa del potenziale che adesso
coulombiano) attorno al nucleo a una distanza di 1 . Il modello di paragone dellatomo
diventa il sistema solare, con una dierenza significativa: le forze tra pianeti sono attrattive
e di intensit molto minore di quella esercitata sugli stessi dal Sole, mentre le forze tra gli
elettroni sono repulsive e paragonabili a quelle esercitate dal nucleo.

Raggio atomico

Nel modello di Rutherford per lidrogeno in cui si supponga che lelettrone gira su una
traiettoria circolare, lenergia di ionizzazione vale
1 e2
a 0.53
2 a
perci gli ordini di grandezza per a sono gli stessi per Thomson e Rutherford, tuttavia i valori
di a sono diversi.
EI = E =

Interpretazione
dellesperimento
di Geiger
e Mardsen

In ogni caso, il pregio del modello di Rutherford sta nella corretta esplicazione
dellesperimento di Geiger e Mardsen. Infatti, adesso il campo elettrico della carica positiva
pu raggiungere valori molto alti, essendo il raggio nucleare molto minore di quello atomico.
Anzi, si pu arrivare a giustificare una deviazione di un angolo piatto. Per Rutherford,
al diminuire del parametro durto diminuisce langolo di deflessione, per Thomson accade
il contrario. Il dato sperimentale d ragione a Rutherford. Inoltre, se calcolassimo la
distribuzione (b) ( deviazione e b parametro durto) per lo scattering di particelle da
un nucleo carico Ze, potremmo verificare se, come ci si aspetta dal modello planetario,
essa in accordo con i dati sperimentali solo per b & r0 con r0 stima del raggio nucleare
(r0 1013 cm 1fm). In conclusione riportiamo il risultato della sezione durto per

III.1 Modelli atomici di Thomson e Rutherford

lesperimento di Geiger e Mardsen


d
=
d

Ze
2
mv

sin4

III.1.4 Il problema della stabilit dellatomo


Il problema dellirraggiamento

Se il modello di Rutherford spiega eccellentemente lesperimento di Geiger e Mardsen (che


daltra parte esclude il modello di Thomson), esso entra in grave difetto se si accettano
le equazioni dellelettrodinamica classica. Infatti, secondo Rutherford, nellatomo si ha la
presenza di cariche elettriche in moto attorno al nucleo, siccome il moto accelerato le cariche
irraggiano onde elettromagnetiche, per questo motivo perdono energia e infine, collassano sul
nucleo.

Tempo di
collassamento

La cosa non rappresenterebbe una dicolt insormontabile se il tempo del collassamento


fosse sucientemente lungo. Perci diamone una stima: sappiamo che la potenza emessa da
ciascun elettrone (individuato dal vettore posizione x) vale
2
W = 2 e2 |
x|2
3c
Trattiamo il collassamento come adiabatico, su ogni giro, lenergia media della particella vale
E=

e2
2r

W =

dE
dt

se poniamo

troviamo
2 2 2 e2 d
e |
x| =
3c3
2 dt
ma m |
x| = e2 /r2 perci otteniamo
4
3c3

e2
mr 2

d
dt


1
r

1
r

posto x + 1/r, ricaviamo la seguente equazione dierenziale


2 2
4
e
x = 3
x4
3c
m

da cui

2 2
e
1 1
4
3
= 3

3 x 1/a 3c
m

sicch il tempo che occore allelettrone per cadere sul nucleo vale
3
(ca) m 2
=
4
e2
Introdotto il raggio classico dellelettrone (una lunghezza costruita con le costanti della fisica
classica)
rC +

e2
2.3 1013 cm
mc2

abbiamo
=

c
ca 1
=
4 rC
4

a
rC

a 1010 s,

dunque, secondo il modello di Rutherford la materia collasserebbe in un decimo di nanosecondo


il che del tutto assurdo. Tra laltro, in questo tempo brevissimo, un atomo dovrebbe
irraggiare unenergia e2 /a 1MeV.


Necessit
classica del
modello di
Rutherford

III Old Quantum Mechanics

Daltra parte, se consideriamo le varie cariche dellatomo puntiformi (come suggeriscono


gli esperimenti descritti e in disaccordo con Thomson), siamo necessariamente portati a dire
che le cariche devono essere in moto e perci lunico modello plausibile classicamente quello
di Rutherford. Infatti, consideriamo N cariche ferme, cio nella loro posizione di equilibrio
stabile. La N + 1-esima si trova nel campo delle altre N , in un punto il cui potenziale V
(dovuto alle prime N ) risolve lequazione di Laplace V = 0. Ma se tale punto corrisponde a
una posizione di equilibrio stabile per la particella considerata, si deve avere V = 0 e
2V
> 0,
x2i

i J3

perci V > 0, il che assurdo.

III.1.5 Spettri atomici


Uno dei problemi fondamentali che i modelli di Thomson e Rutherford sembravano incapaci
di risolvere era quello delle caratteristiche dellemissione della luce da parte degli atomi.
Spettri atomici
e righe spettrali

Eccitando gli atomi di gas o vapori (mediante urti, per esempio) si trov che essi emettevano
radiazione secondo certe frequenze precise e discrete. Tali radiazioni, che erano caratteristiche
di ciascun elemento o composto - e perci legate alle caratteristiche dei rispettivi atomi
e molecole, essendo monocromatiche, osservate allo spettroscopio a prisma, avevano forma
di sottili striscie (immegini del collimatore), perci vennero denominate righe spettrali.
Linsieme delle righe emesse dagli atomi di determinati elementi era chiamato spettro. Lo
spettro caratterizzava in modo approfondito i vari elementi, tanto che dallesame dello spettro
della corona solare fu scoperto lelio (1868, Jannsen).

Inadeguatezza
dei modelli
di Thomson
e Rutherford

Daltra parte, secondo lelettromagnetismo classico, lemissione di onde di data frequenza


richiede che il momento dipolare della sostanza che le emette vari secondo una legge armonica.
Un atomo ha un numero finito di gradi di libert, perci un numero finito di modi normali,
ai ciascuno dei quali associato moto armonico a frequenze date. Visto che negli atomi
come quelli dellidrogeno i gradi di libert sono dellordine dellunit, ci si dovrebbe aspettare
uno spettro formato da qualche riga, invece si riscontra sperimentalmente che lo spettro
dellidrogeno molto ricco.
Nellinterpretazione di questo fenomeno i modelli di Thomson e Rutherford falliscono
contemporaneamente, daltra parte, come detto, sembra che la fisica classica non sia
intrinsecamente in grado di spiegare gli spettri (come daltra parte non era capace di rendere
conto della distribuzione del corpo nero).

III.2 Eetto fotoelettrico


Le leggi
delleetto
fotoelettrico

Leetto fotoelettrico un altro fenomeno assoluatamente incomprensibile dal punto di vista


classico. Esso si verifica quando si fa incidere una radiazione di breve lunghezza donda su
una superficie. In questa situazione si osserva lemersione dalla superficie di elettroni secondo
le leggi sperimentali seguenti:
(i) per ogni sostanza esiste una frequenza minima 0 (soglia fotoelettrica) tale che leffetto si osserva solo per radiazioni > 0 ;
(ii) lenergia cinetica minima degli elettroni estratti indipendente dallintensit della radiazione incidente, ma dipende linearmente dalla frequenza :
K max = h ( 0 ) ,

h > 0;

(iii) fissata la frequenza , il numero di elettroni emessi nellunit di tempo proporzionale


allintensit della radiazione incidente.
Inadeguatezza
delle teorie
classiche

La superficie sia metallica. Come sappiamo, in un metallo vi sono elettroni liberi e ioni
positivi legati in un reticolo cristallino.Gli elettroni liberi (elettroni di conduzione) possono
essere estratti dalla superficie del metallo se viene fornita loro lenergia di estrazione W che
dellordine di qualche eV. Ora, nelleetto fotoelettrico, lenergia di estrazione fornita

III.3 Eetto Compton

dalla radiazione incidente. Classicamente, ci dobbiamo aspettare che lenergia assorbita dagli
elettroni sia, fissata la frequenza, proporzionale allintensit, sicch ad ogni frequenza, pur
di prendere lintensit sucientemente elevata, dovremmo osservare emissione di elettroni.
Inoltre, lenergia cinetica degli elettroni dovrebbe essere proporzionale allintensit diminuita
dellenergia di estrazione. Prima e seconda legge sono dunque classicamente sbagliate.
C di pi: supponiamo di usare una lampadina da 2W posta a 1m dalla superficie;
ammettiamo che tutta la luce incidente sulla superficie sia assorbita dagli elettroni (ipotesi
in eetti grossolana); siccome c, solitamente, un elettrone di conduzione per atomo e ogni
atomo ha un volume di 1024 cm3 , ogni elettrone assorbir, al pi, lenergia che arriva su un
area di 1016 cm2 . Si ha perci che in un secondo lenergia assorbita da un elettrone dovrebbe
essere
1016 cm2
E = 2 107
erg s1 102 erg s1
4 104 cm2
cio si dovrebbe aspettare un centinaio di secondi per vedere eetto fotoelettrico, laddove il
tempo di attesa sperimentale dellordine di qualche nanosecondo.
Linterpretazione di
Einstein
delleetto
fotoelettrico

Per spiegare le leggi delleetto fotoelettrico, nel 1905, Einstein formul unipotesi del tutto
in contrasto con le idee della fisica classica e in un certo senso in linea con la supposizione di
Planck nella sua teoria del corpo nero. Per Einstein, unonda elettromagnetica di frequenza
trasporta energia in pacchetti di energia proporzionale alla frequenza
E = h,
perci lenergia di unonda elettromagnetica quantizzata. I pacchetti di energia vengono
denominati fotoni e supposti indivisibili. La costante h ovviamente la costante di Planck,
di cui al capitolo II.

Per la radiazione visibile, 4000 , 7000 , perci lenergia di un fotone a 4000 (viola)
vale
c
eV
6.6 1027 3 1010
E = h = h
3eV.
5

4 10
1.6 1012
che ha lordine di grandezza eguale a quello dei potenziali di estrazione per i metalli.
Facciamo lipotesi quantistica che nellinterazione luce-materia ogni elettrone possa assorbire
lenergia di un fotone oppure energia nulla. Sotto questipotesi, siamo in grado di spiegare
il meccanismo delleetto fotoelettrico. Trascuriamo per il momento la possibilit che un
elettrone assorba due fotoni. Allora, esso abbandoner il metallo solo se h maggiore
dellenergia di estrazione W . Lestrazione comincia alla frequenza
W
0 =
h
Se ora > 0 , gli elettroni escono con unenergia cinetica massima (pu essere anche minore
a causa, ad esempio di urti ) pari a
K max = h W = h ( 0 ) .

Possiamo inoltre prevedere che il numero di elettroni estratti sia proporzionale al numero di
fotoni incidenti, perci il numero di elettroni estratti deve essere proporzionale allenergia e in ultima analisi - allintensit della luce usata. Cosa che ha riscontro sperimentale.
Esaminiamo, infine, il problema del tempo di attesa. Riprendendo le considerazioni fatte al
paragrafo precedentemente, supponendo di usare fotoni aventi energia di 1eV, abbiamo che
in ogni secondo ciasun elettrone assorbe un centesimo di fotone o, pi correttamente, in ogni
secondo si ha un fotone incidente per ogni cento atomi. In ogni secondo, solo un elettrone
su cento in grado di sfuggire al metallo. Ora, mentre nella fisica classica lenergia incidente
veniva ripartita in modo uniforme tra tutti gli elettroni, adesso lenergia viene assorbita - tutta
- da un elettrone solo per volta. Cos si spiega che il tempo di attesa, nellinterpretazione
quantistica, sia molto basso, come detto, qualche nanosecondo. La probabilit che in un
nanosecondo lelettrone che ha assorbito un fotone ne assorba anche un altro allora del tutto
trascurabile (in un tempo cos breve si ha un fotone a disposizione ogni 1011 atomi).

III Old Quantum Mechanics

III.3 Eetto Compton


Evidenza
sperimentale

Abbiamo visto, nel capitolo I, come unonda piana trasporti impulso p pari a E/c.
naturale chiedersi se ai fotoni associata la quantit di moto p = h/c. La questione si
risolve dallanalisi delleetto Compton: se facciamo incidere un fascio di raggi X di lunghezza
donda 0 < 1 su una sostanza, osserviamo che i raggi X emergenti dalla sostanza a un
angolo rispetto alla direzione di incidenza hanno lunghezza donda () > 0 . Si ottiene
sperimentalmente la seguente legge
() 0 = 0.024 (1 cos )

Interpretazione
delleetto
Compton

Seguendo la linea tracciata nella spiegazione delleetto fotoelettrico, consideriamo


linterazione luce-materia come lurto tra due particelle relativistiche: il fotone che ha energia
h e impulso h/c, e lelettrone libero allinterno della sostanza considerata. Se teniamo conto
del fatto che lenergia del fotone di 105 eV mentre lenergia di legame cinetica dellelettrone
libero di qualche ordine inferiore, possiamo suppore lelettrone inizialmente fermo.
Indichiamo con k0 la quantit di moto del fotone incidente e con k, p gli impulsi finali di
fotone ed elettrone. Poniamo di osservare il fotone emergente a un angolo (tra i vettori k e
k0 ). Abbiamo
p

ck0 + me c2 = ck + m2e c4 + c2 p2
k0 k = p
dalla seconda otteniamo

p2 = k02 + k2 2k0 k cos


da cui
(k0 k + me c)2 =
me c (k0 k) =
1
1
=

k k0
se sostituiamo a k = h/c e a k0 = h 0 /c
0 =

m2e c2 + k02 + k2 2k0 k cos


k0 k (1 cos )
1
(1 cos )
me c
abbiamo

h
(1 cos ) = C (1 cos )
me c

dove C = h/me c la lunghezza donda Compton per lelettrone e vale circa 0.024 .

III.4 I postulati di Bohr


III.4.1 Spettri atomici e ipotesi di Bohr
Ancora
sugli spettri

Come abbiamo detto nella prima sezione, ogni sostanza pu assorbire od emettere soltanto
radiazioni elettromagnetichedi ben detrmintate frequenze. Linsieme delle frequenze che la
sostanza pu assorbire costituiscono lo spettro di assorbimento, analogamente, linsieme
delle frequenze emesse si dice spettro di emissione.

Caratteristiche
sperimentali
degli spettri

Lo spettro di assorbimento si ottiene scomponendo tramite un prisma la luce emergente da


una cella contenente gas o vapore illuminata da luce bianca. Raccolta su una lastra fotografica
la luce uscente dal prisma, si otterr una illuminazione uniforme (radiazione trasmessa dal gas)
intervallata da righe scure corrispondenti alla radiazione assorbita. Lo spettro di emissione
si osserva scomponendo, ancora con un prisma, la luce prodotta dal gas cui sia stata fornita
energia (ad esempio per riscaldamento oppure per illuminazione). Lo spettro di emissione
risulta costituito da righe di luce (frequenze emesse) sullo sfondo scuro della lastra.
Sperimentalmente si trova che lo spettro di emissione contiene quello di assorbimento ma
pi ricco. Se poi andiamo a vedere lo spettro di emissione di un gas illuminato con luce
di frequenza maggiore di un carto valore , troviamo nello spettro righe a frequenza anche
inferiore a .

Le ipotesi
di Bohr

Il problema degli spettri, come quello delle dimensioni atomiche e della stabilit della materia

III.4 I postulati di Bohr

erano inspiegabili mediante le leggi della fisica classica, fu, cos, che nel 1913 Bohr formul
alcune ipotesi in grado di interpretare i risultati sperimentali:
(i) un atomo (nello stato legato, cio non ionizzato) pu avere solo un insieme discreto di
energie a partire da unenergia minima (cui corrisponde lo stato fondamentale);
(ii) quando il sistema occupa uno dei livelli energetici ammessi non irraggia, lemissione o
lassorbimento della radiazione elettromagnetica si ha solo nel passaggio di un atomo
dallenergia En alla Em , in tale caso la frequenza in gioco vale
|En Em |
h
se nella transizione si passa a uno stato a energia minore si ha emissione, altrimenti
assorbimento.
nm =

(iii) le orbite ammesse sono quelle per cui il momento angolare un multiplo intero di
~ = h/2.
Interpretazione
degli spettri
secondo Bohr

La seconda legge chiarisce in modo lampante il fatto che gli spettri sono costituita da righe.
La prima aerma poi che ogni sostanza deve avere spettri continui corrispondentemente agli
stati non legati.
Le ipotesi di Bohr sembrano pesantemente ispirate alla legge di Einstein secondo cui lenergia
di un fotone h.
Se ammettiamo che a temperatura ambiente quasi tutti gli atomi si trovino nello stato
fondamentale (cosa che giustificheremo nel corso della sezione seguente) abbiamo che in
assorbimento si trovano solo le frequenze (En E0 ) /h. In emissione invece i salti sono multipli
sicch lo spettro di emissione risulta molto pi ricco.

Principio di
combinazione
di Ritz

Dalla seconda legge si ha poi

En E0 Em E0
= nm

| 0n 0m | =

h
h

che il principio di combinazione di Ritz e che era gi noto a Bohr (risale al 1908).
Stabilit atomica

Chiaramente la teoria di Bohr, che in totale contrasto con la fisica classica, supera il
problema del collassamento della materia, infatti, gli elettroni girano senza irraggiare su
orbite a energia fissata maggiore o eguale di E0 . Le dimensioni dellatomo corrisponderanno,
a temperatura ambiente, con il raggio dellorbita nello stato fondamentale.
tempo di usare la terza ipotesi di Bohr per calcolare le energie En e stimare il raggio atomico.

III.4.2 Livelli energetici dellatomo di idrogeno


Ipotesi di BohrSommerfeld

La terza ipotesi di Bohr pu essere generalizzata (ipotesi di Bohr-Sommerfeld) nel modo che
segue
I
p dq = n~, n = 1, 2, . . .
orbita

Raggio di Bohr

Considerando latomo di idrogeno, per le orbite circolari, se la massa ridotta dellelettrone


nel campo del nucleo, abbiamo
vr = n~.
Ora, lenergia del sistema vale
E = K =

1
1 e2
V =
2
2 r

da cui
1 2 1 e2
n2 ~2
v =
rn =
2
2 r
e2

III Old Quantum Mechanics

siccome poi ragionevolmente me si trova il raggio atomico, raggio di Bohr:

~2
0.53
me e2
Inoltre si ha che lenergia di ionizzazione vale
a = rB +

1 e2
2 rB
che in ottimo accordo col dato sperimentale (da cui segue che il raggio stimato col modello
di Rutherford coicide con quello di Bohr).
EI =

III.4.3 Quantizzazione delloscillatore armonico


Usando lipotesi di Bohr Sommerfeld per loscillatore armonico unidimensionale abbiamo che la
circuitazione pari allarea
racchiusa nello
p spazio delle fasi dalla traiettoria canonica. Questa
unellisse di semiassi a = 2mE e b = E/2m/2, perci
r
h
1
E
2mE
n
=
E = nh
2
2
2m
che lipotesi di Planck.

III.5 Teoria dei calori specifici


Immediatamente allacciata alla quantizzazione dei livelli energetici delloscillatore armonico sta
la questione del calcolo dei calori specifici dei gas e dei solidi, per questi ultimi, in particolare,
si pose il problema del limite per temperature prossime allo zero assoluto.

III.5.1 Teoria classica dei calori specifici


Calore specifico
e distribuzione
di Boltzmann

Sia dato un sistema statistico formato da N particelle. Se denotiamo con u la sua energia
interna totale per mole, definiamo calore specifico a volume costante la quantit

u
CV =
T V
Consideriamo, in primo luogo, un gas perfetto, cio un insieme di N particelle non interagenti
tra loro. Denotiamo con D il numero dei gradi di libert di ciasuna molecola, e con (p, q) le
coordinate nello spazio delle fasi 2D-dimensionale di singola molecola (-raum). Il sistema
regolato, allequilibrio termico, dalla statistica classica di Boltzmann, per cui il numero n (p, q)
di particelle contenute nellelemento di volume di , dpdq, pari a
dn (p, q) = B exp [H (p, q)] dpdq
dove H lhamiltoniana del sistema e + 1/kB T , con kB = 1.38 1016 erg K1 costante di
Boltzmann. B si trova imponendo
Z
Z
N=
dn (p, q) = B exp [H (p, q)] dpdq

Lenergia media vale allora


R
Z
H (p, q) exp [H (p, q)] dpdq

R
H (p, q) dn (p, q) = N
u=
exp [H (p, q)] dpdq

definita la funzione di partizione

Z () +

exp [H (p, q)] dpdq

si ha
u = N
Daltra parte, vale il seguente
Teorema III.1
(dellequipartizione
dellenergia)

log Z ()

III.5 Teoria dei calori specifici

Se H della forma
H = H0 + H1
con H0 quadratica definita positiva e dipendente da coordinate canoniche dalle quali H1
indipendente, allora H0 medio allequilibrio termico pari a volte 1/2kB T .
Dimostrazione

Calcoliamo Z ()
1
H0 =
Z ()

H0 exp [ (H0 + H1 )] dpdq

diagonalizziamo H0 con una rotazione agente sulle variabili da cui questa dipende e che
lascia invariate le altre. Il determinante di tale operatore banalmente 1. Sia H0 = 2i 2i
e H1 = H1 (), allora

R
R

d exp [H1 ]
d 2i 2i exp 2i 2i
R

R
H0 =
2 2
d exp i i
d exp [H1 ]

R
2 2
0
e definita Z () = d exp i i si ha
H0 =

log Z 0 ()

1/2

Ora, per calcolare Z 0 () possiamo cambiare variabile e porre 0i = () i che fa sparire la


/2
fuori dallintegrale
dipendenza da nellintegrale e porta un fattore ()
Z 0 () ()/2
e infine
H0 =

(c.v.d.)

kB T
2

CV per
hamiltoniane
quadratiche

Se allora il nostro sistema ha hamiltoniana quadratica definita positiva

u = N kB T
2
1
23
con N = NA = 6.022 10 mol (numero di Avogadro). In definitiva

u = RT
2
da cui

CV = R
2
che indipendente dalla temperatura.

Gas
monoatomico

Se ne ricava che per il gas perfetto monoatomico CV = 3/2R se schematizziamo ciascun atomo
come un punto (e non si capisce bene perch dovremmo trascurare il moto degli elettroni, ad
esempio).

Gas biatomico

Se il gas biatomico e supponiamo che i due atomi siano a distanza fissata (la molecola
perci una sorta di manubrio) abbiamo che i gradi di libert divengono 5 e lhamiltoniana
quadratica
!

p2
p21 + p22 + p23
1
2
H=
+
p +
2m
2I
sin2
allora
CV =

Solidi, modello
di Einstein,
legge di
Dulong e Petit

5
R
2

Se consideriamo i solidi abbiamo che essi consistono di piccoli cristalli in cui gli ioni oscillano
attorno a posizioni di equilibrio fisso e perci possiamo assumere che le oscillazioni siano
armoniche. Ogni ione allora un oscillatore armonico tridimensionale indipendente dagli altri
(gas perfetto di oscillatori). In questo modello, che dovuto ad Einstein, per ogni atomo

III Old Quantum Mechanics

abbiamo

p21 + p22 + p23 1 2


+
k1 q1 + k2 q22 + k3 q32
2m
2
Se n il numero di atomi per molecola (ciascun atomo ionizzato e oscilla in una posizione
di equilibrio, si pensi a NaCl) i gradi di libert sono 3n e = 6n, perci
H=

CV = 3nR
Per i metalli n = 1 e CV = 3R (legge di Dulong e Petit).
Incongruenze
teoriche e
sperimentali

Ma vediamo quali sono i valori sperimentali e quali le incongruenze di carattere addirittura


teorico che sollevano i valori calcolati classicamente:
(i) nelle condizioni in cui un gas monoatomico possa essere considerato perfetto, la legge
CV = 3/2R in buon accordo coi dati sperimentali;
(ii) per i gas biatomici laccordo buono nellintervallo di temperatura tra 10 K e 500K.
Per basse temperature CV tende a 3/2R, ad alte temperature CV cresce;
(iii) per i metalli, solo in pochi casi CV = 3R e ci avviene comunque a temperatura ambiente. Per tutti i metalli CV 0 per T 0.
(iv) dal terzo principio di Nernst dovrebbe accadere quello che accade per i metalli, cio CV
dovrebbe andare a 0.
Ora, la dipendenza di CV dalla temperatura (eccetto che per i gas monoatomici) sembra
dovuta al congelamento di alcuni gradi di libert che non vengono pi a contribuire nel calcolo
dellenergia media. Nel caso del gas biatomico sembra che al diminuire della temperatura si
perda la caratterizzazione di sistema rigido cos da perdere la rotazionalit.
Inoltre, sembra pi realistico che, nel gas biatomico, la congiungente dei due atomi sia meglio
schematizzabile con una molla, piuttosto che con unasta. Questo comporterebbe laggiunta
di un termine quadratico in r e di uno in pr della hamiltoniana, conseguentemente si avrebbe
7
CV = R
2
che abbiamo detto essere in disaccordo col dato sperimentale. La meccanica classica sembra
tra laltro incapace di distinguere la durezza della molla (e pertanto di tenere conto di un
eventuale congelamento di questo grado di libert).
Infine, come accennato prima, non chiaro quali gradi di di libert vadano inclusi nel conteggio,
pare cio che i contributi di elettroni, nucleoni o quarks sia stabilmente congelato.

III.5.2 Teorie di Einstein e Debye


Modello di
Einstein e
quantizzazione
alla Planck

Torniamo a considerare il modello di Einstein per i solidi. Anzich procedere in modo


classico come fatto sopra, teniamo conto dellipotesi di Planck di quantizzazione delloscillatore
armonico, per cui lo spettro di E dato dai multipli interi di h, con frequenza propria
delloscillatore.
Allora, come detto nel capitolo precedente, la statistica di Boltzmann diventa
ei
ni = N P i
je

dove ni indica il numero di particelle aventi energia pari a i (per loscillatore abbiamo visto
che i = ih).
Popolamento
dei livelli

Calore specifico
secondo Einstein

Lequazione scritta ci dice che, a temperatura fissata T ,


Ber
nr
=
= e
ns
Bes
cio i livelli sono sempre meno popolati al crescere dellenergia. Vedremo, per latomo di
idrogeno, che a temperatura ambiente praticamente solo il primo livello ad essere popolato.
Torniamo a calcolare lenergia media di ciascun oscillatore, come detto al capitolo II, essa

III.5 Teoria dei calori specifici

vale, per oscillatori lineari


H =
da cui

h
log Z () = h

e
1
u = 3NB H

cio
u
CV =
= 3NA kB
T

h
kB T

exp (h/kB T )
[exp (h/kB T ) 1]2

da cui facile vedere che, come ci si poteva aspettare,

CV 3R, T
e, in accordo a principio di Nernst e dato sperimentale,
CV 0, T 0.
Inadeguatezza
del modello
di Einstein

Il modello di Einstein unito alla quantizzazione di Planck sembrerebbe adeguato alla


descrizione dei calori specifici. In realt, come si pu immaginare, esso troppo grossolano
perch non assegna alcuna correlazione tra i vari ioni, ci ha, in eetti, un riscontro
sperimentale, CV va a 0 molto pi rapidamente di quanto si osserva. La decrescenza infatti
esponenziale, mentre si trova che dovrebbe essere come T 3 .
Il fatto che i vari ioni debbano in qualche modo interagire confermato dalla propagazione
del suono attraverso una sbarra metallica (onde elastiche).

Modello
di Debye

Fu Debye a fornire completa spiegazione dei fatti rilevati. Egli suppose i vari oscillatori legati
elasticamente, cio consider le piccole oscillazioni degli ioni dalle posizioni di equilibrio del
reticolo nel quale erano fissati dalle mutue interazioni (oscillatori accoppiati).
Se V (x1 , . . . , xN ) il potenziale del sistema degli N ioni, nellapprossimazione delle piccole
oscillazioni
N

1 X 2V
xi x0i xj x0j
V (x1 , . . . , xN ) =
2 i,j=1 xi xj

Come sappiamo il secondo membro una funzione quadratica e perci, tramite una rotazione,
si pu ricondurre il sistema alla sovrapposizione di 3N oscillatori unidimensionali indipendenti
di frequenze i .
Lenergia media delloscillatore i-esimo vale
h i
H i = h i
e
1
e lenergia totale vale
u=

3N
X

H i.

i=1

Congelamento
degli oscillatori

Fissata una temperatura T , poniamo T + kB T /h, allora, supposto min < T < max ,
gli oscillatori a frequenza < T contribuiscono per unenergia Hi kB T (largomento
dellesponenziale sta vicino allo 0, al primordine si ha exp (h/kB T ) 1 + h/kB T ). Al
contrario, gli oscillatori a frequenza maggiore di T contribuiscono per molto poco allenergia.
Gli oscillatori a < T si dicono, di conseguenza, scongelati, gli oscillatori per cui > T
sono invece congelati. La temperatura per cui tutti gli oscillatori sono scongelati si dice
temperatura di Debye:
h max
+
T
per T > il calore specifico si avvicina a quello previsto dalla legge di Dulong e Petit.
Chiaramente nel modello di Einstein tutti gli oscillatori si congelavano e scongeleavano
contemporaneamente, questo comportava una rapida decrecsenza a zero del CV . Si pu
dimostrare (vedi Appunti di Struttura della Materia) che il modello di Debye prevede il corretto

III Old Quantum Mechanics

andamento a 0 di CV (legge del T 3 ).

III.5.3 I calori specifici dei gas


Vediamo adesso come lipotesi di quantizzazione dei livelli energetici (che esportiamo
dalloscillatore unidimensionale ai gas) dia una spiegazione dellevidenza sperimentale riguardo
ai calori specifici dei gas.
Gas
monoatomici

Per i gas monoatomici non avevamo riscontrato palesi discrepanze tra modello classico ed
esperienza. In eetti, essi sono formati da particelle libere alle quali, perci, non si applicano
le condizioni di quantizzazione di Bohr. In realt le particelle sono vincolate a muoversi
allinterno della scatola che racchiude il gas, perci non sono libere. Possiamo discutere questo
aspetto nel modello semplificato di gas unidimensionale. Dunque, le particelle siano costrette
a muoversi entro un segmento di lato a. Allora
I
p dq = nh
da cui

perci

p
2a 2mEn = nh

h2
= n2 E1
8ma2
preso a = 1cm, m = 1024 g si ha E1 1018 eV. Ora, per n 1 En+1 En 2nE1 . I livelli
sucientemente popolati sono quelli per cui En . kB T (energia di agitazione termica), cio
sono quelli per cui
r
kB T
n.
E1
perci le distante tra i livelli che ci interessano sono dellordine
p
E . E1 kB T .
En = n2

Questo implica che le condizioni E kB T o E kB T si traducono nelle seguenti


p
p
p
p
E1 kB T o E1 kB T ,

se consideriamo che per T = 1K, kB T = (1/12000) eV abbiamo che


r
kB T
1
E1
da cui vale la prima condizione
p
p
E1 kB T

per cui il gas non si accorge della quantizzazione a nessuna temperatura, e questo
coerente con il fatto che il calore specifico rimanga costantemente pari a 3/2R.

Gas biatomici

In un primo momento avevamo schemtaizzato ciascuna molecola come un manubrio rigido,


allora lhamiltoniana pu essere separata come segue
H = Htra + Hrot
Lhamiltoniana di traslazione analoga a quella di cui sopra, essa non si accorge della
quantizzazione e porta a ogni temperatura il contributo 3/2R al CV .
Veniamo alla quantizzazione di Hrot , questa lenergia nel sistema di centro di massa. Se
supponiamo (per semplicit) eguali i due atomi abbiamo
1
1
Hrot = mv12 + mv22 = mv 2
2
2
essendo, nel sistema di centro di massa v1 = v2 . Si ha perci
2

Hrot =

(mvd)
L2
=
2
md
2I

III.6 Lipotesi di de Broglie

Ma dalla condizione di quantizzazione di Bohr,


L = n~
troviamo
n2 ~2
2I
Come prima, per verificare gli eetti della quantizzazione, dobbiamo confrontare kB T con
c
~2 /2I. Per ogni gas biatomico, definiamo allora una temperatura caratteristica Trot
+
2
c
~ / (2kB I). Dunque, per T Trot , la quantizzazione viene persa, e ci si deve aspettare
di ritrovare il valore classico per il contributo a CV da Hrot , cio R.
Hrot =

Invece, per temperature molto minori di quella critica definita, ci aspettiamo che CV trovi
un contributo tendente a 0 per T 0. Questo perch, a basse temperature, per calcolare
u, possiamo riferirci a due soli livelli (se il terzo abbastanza lontano). Posto allora
E = E2 E1 , abbiamo
u = NA

EeE
E1 eE1 + E2 eE2
=
N
E
+
N
A
1
E
E
1 + e
2
e
1 + eE

da cui
CVrot = R

E
kB T

eE/kB T , per T

E
kB T

Non occorre addentrarci nei calcoli dei congelamenti o meno degli altri grdi di libert (rotazione
attorno alla congiungente, moto degli elettroni, manubio sostituito da molla), il meccanismo
chiaro: si conteggiano i gradi di libert i cui livelli energetici siano confrontabili con lenergia
di agitazione termica.
La vecchia meccanica quantistica chiarisce perci le incongruenze sui gradi di libert che
comparivano nella teoria classica.

III.6 Lipotesi di de Broglie


III.6.1 Introduzione
Nelle sezioni precedenti, come del resto al capitolo II, abbiamo assistito alla crisi della fisica
classica e al conseguente sviluppo di teorie ed ipotesi atte a spiegare i fatti sperimentali, ma
totalmente in contrasto con i fondamenti della fisica classica stessa. Daltra parte, sia nella
teoria della radiazione nera che nello studio dellatomo di idrogeno secondo i postulati di
Bohr, si continuato a fare uso pesante di alcuni concetti della meccanica classica. Ci si
chiede allora in che rapporto stanno la nascente meccanica quantistica e quella newtoniana
o al massimo relativistica (vedi eetto Compton). La risposta a tale questione sar possibile
solo tra qualche tempo.
In eetti, il quadro della Old Quantum Mechanics non ancora completo. Di questo si
accorse de Broglie nel 1923. Nella teoria delleetto fotoelettrico, come nella teoria degli spettri
di Bohr, si ammesso che la luce potesse presentare, accanto allinnegabile comportamento
ondulatorio, aspetti di tipo prettamente corpuscolare. Il legame tra i due tipi di manifestazione
fisica della luce dato dalla costante di Planck, h. Daltronde, h interviene nellipotesi di BohrSommerfeld, dove si ha a che fare con particelle. Inoltre nelle varie ipotesi di quantizzazione
compaiono i numeri interi che nella fisica classica testimoniavano comportamenti ondulatori:
onde in una corda tesa tra estremi fissi, interferenza o dirazione. Risulta adesso naturale
ipotizzare con de Broglie il percorso inverso a quello operato sulla luce: ci si chiede, dunque,
se non sia possibile associare anche alle particelle un comportamento ondulatorio, cos come
alle onde si dovuto legare aspetti di natura corpuscolare.

III.6.2 Ipotesi di de Broglie


Campi scalari
relativistici

Sia (x) un campo scalare relativistico, dove x = (ct, r), allora, se indica la trasformazione

III Old Quantum Mechanics

di Lorentz, troviamo
0 (x0 ) = (x) ,

x0 = x

Consideriamo unonda piana (complessa),


(x) = ei(k,x)
dove
(y, x) = c2 ty tx ry rx .
Siccome (a, b) = (a, b) , allora
0

(x) = ei(k,x) = ei(k,x) = ei(k,x )


dal fatto che scalare
0

0 (x0 ) = ei(k ,x ) = (x) = ei(k,x )


perci k0 = k e k il quadrivettore numero donda.
Quadrivettori
numero
donda ed
energia-impulso

Ma a una particella associato il quadrivettore energia-impulso E + (E/c, p). Seguendo


lidea che a una particella sia associabile unonda, possiamo ipotizzare il seguente legame tra
quadrivettori
k =E
Allora
(x) = exp [i (Et p x)]

Lunghezza
donda di
de Broglie

Se ora usiamo formalmente lipotesi di Einstein, troviamo


E
+ ,
~
infine, siccome la pulsazione dellonda E, concludiamo
1
=
~
e londa da associare a una particella diventa

i
exp
(p xEt)
~

Se dallipotesi di Bohr-Einstein trovavamo la frequenza dellonda associabile a una particella,


adesso abbiamo unipotesi sulla lunghezza donda
2~
h
=
=
|p|
p

Ipotesi di
de Broglie

Si arriva alla formulazione della seguente ipotesi: ad ogni particella associata unonda avente
lunghezza donda pari a /p. Inoltre, de Broglie pens che dato linsieme di tutte le orbite
classiche della particella in un campo, quelle eettivamente percorribili avessero lunghezza
pari a un numero intero di lunghezze donda, anch la particella non andasse a interferire
con se stessa. Questultima idea rende conto dellipotesi di Bohr per le orbite circolari, ad
esempio. Infatti,
h
2r = n
p
da cui
pr = L = n~
Fin qui lipotesi ondulatoria prettamente matematica, per verificarla ci occorrebbe un
esperimento in cui si potesse osservare linterferenza di particelle.
Cominciamo col considerare una particella libera, la sua lunghezza donda risulterebbe
h
=
2mE

III.7 Esperimenti di interferenza con un singolo fotone

per un elettrone

12.4
=p
E [eV]

Esperimento
di Davisson
e Germer

da cui per energia dellordine di 100 eV gli elettroni hanno lunghezza donda dellordine di
quella dei raggi X.
Consideriamo la riflessione dei raggi X da parte di un cristallo (riflessione alla Bragg). In
un cristallo si hanno famiglie di piani paralleli sui quali sono sistemati in maniera regolare gli
atomi.
Sia d la distanza tra i piani, il suo valore tipico di 1 . Sperimentalmente si trova che
osservando raggi X monocromatici riflessi specularmente (a un angolo pari a quello di incidenza
) dal cristallo, si nota che la radiazione riflessa solo per partciolari valori di = 1 , 2 , . . .
La figura che si raccoglie cio una figura di interferenza il che comporta che i raggi X sono
onde. Infatti, se consideriamo i raggi paralleli riflessi da due piani consecutivi, la dierenza di
cammino ottico vale 2d sin : perci si avr un massimo per
2d sin = n
e un minimo per
2n + 1
.
2
La stessa esperienza fu eettuata nel 1927 da Davisson e Germer sostituendo i raggi X con
un fascio di elettroni monoenergetico. Quello che si ottenne fu una figura di interferenza dalla
quale si pot ricavare il valore di per lelettrone, verificando la legge prevista da de Broglie.
Si ha perci che lipotesi di de Broglie va oltre la speculazione matematica, ma riflette una
realt fisica eettiva. Il lavoro di de Broglie costituisce il distacco pi netto dalla fisica classica
e apre lorizzonte alla moderna meccanica quantistica.
Si tratta ora di capire come conciliare il dualismo onda-particella in uno schema teorico che
sicuramente deve andare oltre la giustapposizione di teorie classiche e ipotesi innovative che
hanno caratterizzato la Old Quantum Mechanics, cos come labbiamo attraversata noi: dal
1905 e al 1925.
2d sin =

III.7 Esperimenti di interferenza con un singolo fotone


Esperimento
di Young

Interpretazione
corpuscolare

Esperimenti con
un singolo fotone

Consideriamo un fascio di luce monocromatica che incida su uno schermo perpendicolare


alla direzione di propagazione della luce. Nello schermo siano praticate due fenditure A e B
sottili e molto vicine. Da ciascuno foro si ha dirazione, nella zona in cui si ha illuminazione
da ambedue i fori si ha ovviamente interferenza. Raccogliamo la figura dinterferenza su una
lastra fotografica parallela allo schermo, a grande distanza da esso. Lesperimento fatto prova
la natura ondulatoria della luce (esperimento di Young).
Daltra parte la luce costituita da fotoni, sicch deve essere possibile capire che accade in
termini di fotoni. La cosa pi naturale da dire che nelle regioni in cui si hanno massimi di
interferenza giungono un grande numero di fotoni, mentre nelle zone di minimo arrivano fotoni
in numero molto minore, addirittura nullo. Se ne potrebbe ricavare lidea che linterferenza
sia dovuta allinterazione dei diversi fotoni.
Vediamo allora di diminuire lintensit del fascio incidente (che proporzionale al numero
di fotoni) finch non si abbia in media un solo fotone nel percorso. Adesso dobbiamo
aumentare il tempo di esposizione della lastra per capire cosa succede: infatti, dopo un
breve tempo avremmo solo un insieme di puntini (punti in cui il fotone arrivato e ha
impressionato la lastra) disposti praticamente a caso. Dopo un tempo pi lungo, invece,
si riscontra sperimentalmente una figura analoga a quella di prima. Anche se un solo fotone
per volta si trova nel tratto tra schermo e lastra, si ottiene interferenza. La cosa appare
sconcertante.Infatti, secondo il modello corpuscolare, ogni fotone passa da A o da B e non
esistono alternative. Se allora passa da A, per il tempo in cui esso in volo, il foro B come
se fosse tappato. Lo stesso avviene per A, quando il fotone passa da B. In media, siccome il
tempo di esposizione lungo, il fotone passer per lo stesso numero di volte da A o da B. La
fotografia disegner la storia intera del processo (non distingue listante in cui ciascun fotone

III Old Quantum Mechanics

arrivato), e dovr essere equivalente alla sovrapposizione di due figure di dirazione centrate
sulle proiezioni di A e B. Ma come abbiamo visto questa interpretazione in disaccordo con
lesperienza. Si parla allora di interferenza da un singolo fotone.
Stato di
un sistema

Prima di proseguire conviene introdurre il concetto di stato di un sistema. In fisica classica,


per esempio, lo stato di una particella a un certo istante dato da posizione e velocit. Nella
fisica quantistica, invece, siccome non sappiamo neppure distinguere il percorso che ha seguito
un fotone come qualsiasi altra particella, la definizione dello stato appare molto pi dicile.
Si conviene allora di considerare come stato del sistema tutte le le informazioni che occorrono
per riprodurlo. Lo stato sar dato da un insieme di parametri controllabili, in un certo
senso, classicamente, nellesperimento di Young, natura della sorgente, forma dei fori, loro
distanza
Detto questo, nellesperienza con un singolo fotone, si hanno due stati: A con il foro B tappato
e B con il foro A tappato. Nello stato A si ha dirazione centrata su A, nello stato B si ha
dirazione centrata su B, ma lo stato C in cui entrambi i fori sono aperti, non coincide
semplicemente con un po A e un po B, qualcosa di pi complesso che deve avere a che
fare con A e B dato che la figura di interferenza modulata da quella di dirazione.

Misura e
perturbazione
dello stato

La cosa interessante che sperimentalmente possibile, nellesperimento di Young, eettuare


una misura che di volta in volta evidenzi il foro da cui passato il fotone. Vedremo che questo
avr per pesanti implicazioni. Supponiamo di collocare due specchi mobili davanti ad A e
B di modo che il rinculo dello specchio mostri da quale foro passato il fotone. Ebbene,
una volta fatto questo, posti in grado di sapere il percorso della luce ogni volta, perdiamo
la figura di interferenza, per ottenere la sovrapposizione di due figure di dirazione. La
presenza dellapparato di misura modifica lo stato: A e B aperti non pi C. Capire perch
la misura ha perturbato il sistema semplice. Gli specchi che rinculano oscillano e come tali
non costituiscono pi sorgenti coerenti.
Abbiamo dunque introdotto un aspetto molto importante: le misure perturbano lo stato del
sistema, modificandolo.

III.8 Il principio di indeterminazione di Heisenberg


III.8.1 Esperimenti concettuali
Nella descrizione dellesperimento di Young a un singolo fotone, abbiamo detto che era possibile
misurare il passaggio del fotone da un foro o dallaltro (il risultato essendo semplicemente 0 o
1), ma che allora non era possibile osservare la figura dinterferenza. Viceversa, losservazione
della figura dinterferenza precludeva lopportunit di decidere circa il percorso del fotone.
Sembra allora che esistano quantit che non siano misurabili contemporaneamente. Tali
quantit si dicono incompatibili. Nella fisica classica tutte le grandezze sono compatibili,
essendo possibile perturbare tanto poco quanto si vuole un sistema (vedremo che ci non
possibile nella nuova teoria a causa della quantizzazione, per esempio lassorbimento di luce
causer sempre un aumento finito dellenergia, almeno di h).
Esperimento
con la fenditura

Lesempio principe di grandezze incompatibili dato da posizione e impulso coniugato, x


e px . Supponiamo per esempio di avere un dispositivo che produce particelle con impulso
py = p, px = pz = 0. Dato questo stato del sistema, in un determinato istante (ci
interessano misure simultanee), vogliamo conoscere la posizione lungo x della particella. Un
metodo semplice quello di introdurre uno schermo nel piano xz a una y fissata, con un foro
ad altezza x di ampiezza a. Le particelle che attraversano il foro avranno ascissa tra x e x + a.
Dire che limpulso px ancora nullo per sbagliato. Infatti, nellattraversare la fenditura
la particella ha subito dirazione e perci stata deviata di un angolo rispetto a y. Se
trascuriamo la presenza dei massimi di ordine diverso da 0 nella dirazione, possiamo solo
dire che la particella stata deflessa entro un angolo tale che a sin max = (essendo max
langolo a cui si ha il primo minimo), perci, per piccole deflessioni
max =

px

h
= =
p
a
pa

da cui si ottiene, essendo a = x


x px h.
Esperimento con
il microscopio
di Heisenberg

Un altro gedankenexperimente che possiamo immaginare quello di illuminare la


particella in moto, a px = p fissato, raccogliere limmagine tramite un microscopio e risalire in
questo modo alla posizione x. Sia l1 la distanza dellasse x dal microscopio, il cui asse ottico sia
parallelo a y. Sia l2 la distanza della lente dalla lastra fotografica su cui raccogliamo il fotone
emesso dalla particella illuminata. Come noto, a causa della dirazione, ogni strumento
ottico ha un potere risolutivo limitato, sicch ciascun oggetto puntiforme d unimmagine
che in realt una centrica di dirazione di ampiezza l2 /d, essendo d il diametro della
lente. Questultimo aspetto, a livello corpuscolare, si interpreta come segue: un singolo fotone
impressiona la lastra in un determinato punto, la posizione del fotone sulla lastra pu essere
assunta come asse della centrica di dirazione, essa avr ampiezza l2 /d che comporter una
corrispondente incertezza sulla posizione delloggetto che ha emesso il fotone in questione:
x = l1 /d. Ora limpulso del fotone ha unincertezza nella direzione x poich non nota la
sua traiettoria eettiva
px
px
d
=
=
px
h
l1
da cui
d
h
l1
dalla conservazione dellimpulso, per la propagazione dellerrore,
d l1
= h.
x px h
l1 d
px

III.8.2 Il principio di indeterminazione

Realt e misure

In entrambi i casi si ottiene che il prodotto degli errori sulle misure simultanee di x e del suo
momento coniugato vale circa h. Si ha perci che impossibile misurare con precisione elevata
quanto si vuole le due grandezze e che meglio si conosce una quantit peggio si conosce laltra,
al limite che se una delle due del tutto nota laltra indeterminata (nellesperimento di
Young sappiamo che i fotoni hanno una certa direzione e ne consociamo la lunghezza donda,
segue che ne conosciamo completamente limpulso, di conseguenza non ne conosciamo aatto
la posizione: passano da entrambe le fenditure!?).
Nei due esperimenti concettuali descritti, si ricava il principio di indeterminazione di
Heisenberg, secondo il quale, appunto, x px & h. Ricaveremo in seguito rigorosamente,
posti alcuni assiomi, questo risultato.
In meccanica quantistica linesistenza della traiettoria qualcosa che va al di l del semplice
fatto che noi non siamo in grado di rilevarla. Infatti, se la traiettoria esistesse in realt,
ma ci fosse solo un problema nel misurarla, nellesperimento di Young a intensit minima, i
fotoni, seguendo un ben preciso percorso, dovrebbero passare da questa o dallaltra fenditura
e perci non si dovrebbe avere interferenza, ma giustapposizione di figure di dirazione. Il
problema non relegato solo alla nostra impossibilit di eettuare una misura con determinata
precisione, ma che realmente non definita una traiettoria (non solo noi non sappiamo dove
sta un elettrone nellesperimento di Davisson e Germer - o un fotone nellesperimento di Young,
ma nemmeno lui lo sa).

Capitolo IV

I postulati della meccanica quantistica

In questo lungo capitolo viene sviluppato il formalismo della meccanica quantistica attraverso
lesposizione di tutti i suoi postulati. La formulazione matematica a livello di un corso del
terzo anno, si richiede soltanto la conoscenza elementare degli spazi di Hilbert e degli operatori
in tali spazi. Giocoforza, questo limita il rigore matematico dellesposizione (ad esempio nelle
autoaggiunzioni e nel domain problem), nondimeno approfondiremo le questioni matematiche
tralasciate (e non sono poche) nel corso di Meccanica Quantistica (il cui quaderno in lavorazione).

IV.1 Il principio di sovrapposizione e le sue conseguenze


In questo capitolo introdurremo il formalismo della meccanica quantistica, guidati dai concetti
appresi nello studio, per lo pi fenomenologico, della vecchia teoria.
Il concetto di
sovrapposizione

Come per i fotoni, ci necessario introdurre - per la descrizione degli stati - uno spazio
vettoriale complesso. Se lambiente della meccanica classica era lo spazio delle fasi, nella
meccanica quantistica, imposto il concetto di linearit, o, ed lo stesso, di sovrapposizione,
si forzati ad ambientare la nuova fisica in uno spazio vettoriale. Cos, ad ogni stato del
sistema si postula che corrisponda un raggio dello spazio vettoriale, cio un insieme di vettori
proporzionali (secondo una costante complessa).
Nello spazio considerato introduciamo un prodotto scalare hermitiano. Adesso, andiamo a
completare lo spazio indotto nella topologia indotta dal prodotto scalare: in questo modo lo
spazio che occorre alla descrizione degli stati uno spazio di Hilbert, H, nel quale linsieme
dei raggi rappresentanti stati fisicamente realizzabili denso. Assumeremo, inoltre, che H sia
separabile.
In seguito a quanto discusso a proposito del principio di indeterminazione di Heisenberg,
rinunciamo subito ad avere a priori - per tutte le quantit misurabili - valori precisi.
Identificheremo allora gli stati tramite le rispettive statistiche. Due apparati preparano lo
stesso stato se le statistiche su tutte le possibili misure sono le stesse.
La portata pi grande del principio di sovrapposizione, sta nel fatto che due stati diversi
possono interferire tra loro. Perci, nellesperimento di Young per singolo fotone, lo stato
in cui sono aperte entrambe le fenditure (che avevamo chiamato stato C) rappresentato
dalla somma in H dei vettori A e B rappresentanti, ordinatamente, A e B. Cio lo stato
C ha come vettore rappresentativo C = A + B . Nel dire questo abbiamo ammesso che
almeno tutte le combinazioni lineari finite di vettori appartenenti a raggi che rappresentano
stati possibili del sistema siano, esse stesse, stati possibili del sistema.

Osservabili

Chiamiamo osservabili le grandezze che possono essere misurate su un sistema: saranno


esempi di osservabili la posizione, limpulso, lenergia, il momento angolare e in generale tutte
le funzioni f (p, q). Col termine osservabile indicheremo in seguito anche lo strumento che
serve ad operare la misura. Conveniamo (senza per eccessiva rigidit) di usare la seguente
notazione, gi parzialmente introdotta: con lettere corsive maiuscole indichiamo le osservabili,
con lettere maiuscole e in grassetto gli stati del sistema e con lettere greche i vettori dello
spazio H. Allora, fissato lo stato A del sistema esso sar rappresentato dal vettore A o,
pi sinteticamente, se non si d luogo ad equivoci, . Se adesso consideriamo losservabile
B possiamo misurare quanto vale B per il sistema nello stato A: diremo impropriamente che

IV I postulati della meccanica quantistica

misuriamo B su (labuso che la corrispondenza stati vettori non univoca).


Spettro

Data una osservabile, chiamiamo spettro di quellosservabile, linsieme dei valori che pu
assumere su tutte le possibili misure eettuabili (su tutti gli stati del sistema). Gli elementi
dello spettro si chiamano autovalori e verrano indicati con lettere corsive. Per esempio, lo
spettro dellenergia E di un oscillatore armonico costituito da tutti i valori nh, lo spettro
della coordinata q invece compreso in un intervallo reale
Come gi accennato, il risultato della misura di una osservabile A su uno stato qualsiasi di
un sistema non in generale noto a priori, ma regolato semmai da una certa distribuzione
(continua o discreta a seconda dello spettro) di probabilit: perci nellesperimento di Young
con singolo fotone non a priori detto che nello stato con due fenditure aperte si ottenga il
movimento di uno specchietto o dellaltro, ma si trova che i due esiti hanno probabilit 1/2 di
verificarsi.

Autostati e
autovettori

Chiamiamo invece autostati di A quegli stati sui quali il risultato della misura determinato
a priori. I vettori rappresentativi di un autostato si dicono autovettori. Un autostato di
A corrispondente allautovalore ai (per il momento ci limitiamo al caso di spettro discreto
rinviando a dopo ogni discussione in merito a quando questo si verifica, abbiamo comunque
esempi in cui accade) uno stato del sistema per il quale la misura di A sul sistema in quello
stato d come risultato il valore ai . Scriveremo, se rappresentativo di un autostato relativo
ad ai ,
PAi () = 1
cio la probabilit di trovare il risultato i-esimo, cio ai , misurando A su uno stato
rappresentato dal vettore 1.
Autostati a un certo autovalore, cui corrispondano autovettori indipendenti si dicono degeneri;
viceversa, autostati cui corrispondano autovettori il cui spazio generato (autospazio) abbia
dimensione 1 sono detti non degeneri.
Assumeremo che ogni osservabile A ammetta un insieme di autovettori che sia un set completo
in H.

IV.1.1 Osservabili a spettro discreto


Nel corso di questa sezione esamineremo in dettaglio il caso discreto. Rimandiamo a pi tardi
la trattazione di spettri continui che reca ad alcune dicolt.
Probabilit
dei risultati
di una misura

In generale per ogni stato, se il suo vettore rappresentativo, si ha che


X
PAi () = 1
i

Torniamo un attimo alla Old Quantum Mechanics, Born propose come significato della
funzione donda di de Broglie (x, t) il fatto che il suo modulo quadrato indicasse la probabilit
di trovare la particella al tempo t nellintervallo tra x e x + dx (fatto che sottintenedeva che
lintegrale su R di fosse 1). Cio, presa losservabile Q, posizione, la probabilit di misurare
Q tra x e x + dx vale
PQx () =
che una forma hermitiana.
Usiamo allora il prodotto scalare introdotto in H per porre il seguente assioma

i
PAi () = , KA

i
dove KA
una trasformazione lineare di H. Conveniamo di operare con vettori di norma
unitaria, altrimenti dovremmo porre

, KA
i
PA () =
(, )

Vettore
nullo. Fase

Si deve notare che il vettore nullo non rappresenta alcuno stato fisico del sistema,
poich per ogni osservabile A per ogni suo valore dello spettro
PAi = 0

IV.1 Il principio di sovrapposizione e le sue conseguenze

Inoltre, si presti attenzione al fatto che anche lavorando con vettori di norma 1 a ogni stato
sono associati infiniti vettori, basta infatti moltiplicare per una fase exp (i) qualunque.
Interpretazione
probabilistica
della
sovrapposizione

Consideriamo combinazioni lineari finite (almeno per ora) di autovettori 1 , . . . , n relativi


agli autovalori a1 , . . . , an di A. Preso allora il vettore normalizzato opportunamente
= c1 1 + . . . + c n n
postuliamo che i possibili risultati (secondo una certa probabilit) della misura di A sullo stato
sono o a1 , o a2 , o an .

Indipendenza
lineare degli
autovettori
di autovalori
distinti

Prendiamo allora un autostato degenere di A allautovalore ak . Presa una qualunque


combinazione lineare di vettori nellautospazio relativo ad ak , per lassioma enunciato, la
misura di A su deve dare come risultato ak , perci anche autovettore di ak e perci
(come ovvio geometricamente) appartiene allautospazio considerato. Se ne conclude che
autospazi relativi ad autovalori degeneri sono algebricamente chiusi.
Siano ora 1 , . . . , n autovettori relativi ad autovalori distinti dellosservabile A. Ci chiediamo
se essi sono linearmente indipendenti, imponiamo
c1 1 + . . . + cn n = 0
e sia almeno ck 6= 0, rinumerando, poniamo c1 6= 0, abbiamo
c2 2 + . . . + cn n
1 =
c1
ambo i membri debbono essere diversi da 0, ma per il postulato di prima, avremmo che A
misurato su 1 d come risultato uno tra {a2 , . . . , an } il che assurdo. Ne consegue che
autovettori relativi ad autovalori diversi sono linearmente indipendenti.

Calcolo della
probabilit
i ()
PA

Prendiamo ora unosservabile e un set completo {k } di suoi autovettori normalizzati,


(k , k ) = 1 (la cui esistenza stata assunta come postulato). Andiamo a calcolare PAi (),
con normalizzato.
Supponiamo che lautovalore i-esimo sia non degenere. Ortogonalizzato il set completo,
scriveremo allora, supponendo KA continuo (perci tale dovr essere PAi )
X
X
cm (m , KA l ) cl =
cm Aiml cl
PAi () =
m,l

m,l

dove per ogni coppia m, l si definito

Aiml = (m , KA l )
che una matrice a uninfinit numerabile di entrate. Vogliamo calcolare Aiml . Cominciamo
con lo scegliere m = l + i, abbiamo
1 = PAi (i ) = Aiii .
Molto semplice anche il caso m = l 6= i, perch si ha

0 = PAi (m ) = Aimm .

Prendiamo ora = bi i + bm m con m 6= i. La norma di sia N , perci poniamo + /N


e calcoliamo
2

0 PAi () =

|bi |
bm Ami bi
bi Aim bm
+
+
N2
N2
N2

da cui
0 |bi |2 + bm Aimi bi + bi Aiim bm
per ogni bi e bm complessi. Sia, allora bi = R, ne ricaviamo

0 2 + bm Aimi + bm Aiim

anch il polinomio in sia sempre maggiore di 0 dobbiamo imporre


bm Aimi + bm Aiim = 0

IV I postulati della meccanica quantistica

per ogni bm . Scegliendo perci bm = i (unit immaginaria) e bm = 1 troviamo


i
Aim + Aimi = 0
Aiim Aimi = 0

da cui Aiim = Aimi = 0.


Per completare la matrice non ci resta che considerare m, l 6= i. Prendiamo ancora =
bl l + bm m ; normalizziamo, troviamo + /N e calcoliamo
0 = PAi () = bl Ailm bm + bm Aiml bl ,

scegliamo bl = R0 e troviamo

Ailm bm + bm Aiml = 0

di nuovo, preso successivamente bm = i, bm = 0, concludiamo che Aiml = Ailm = 0.


Lintera matrice di KA nulla tranne nel posto (i, i) dove vale 1. Simbolicamente
Aiml = im ml
Si ha perci che
2

PAi () = |ci |
dove ci = (i , ), infine

PAi () = |( i , )|2 .
Adesso calcoliamo
2

0 = PAi (k ) = |(i , k )|

da cui autovettori relativi ad autovalori distinti sono ortogonali (ne avevamo gi dimostrato
lindipendenza).
Ci chiediamo che cosa accade se lautovalore i-esimo degenere. In questo caso, esister
un certo numero, finito o infinito di vettori ij , numerati da j, appartenenti allautospazio
dellautovalore i-esimo. Restano allora i fatti seguenti: Aiml = 0 se m, l 6= i, Aij i j i . Ma che
accade per gli elementi j i 6= ki ?

b Aij i ki c + c Aiki j i b
1 2
2

1 = PAi () = 2 |b| + |c| + b Aij i ki c + c Aiki j i b = 1 +


N
N2
0 = b Aij i ki c + c Aiki j i b
Se ne deduce, come prima, Aij i ki = Aiki j i , cio su ogni autospazio Ai d la matrice identica.

Corrispondenza
di H con
2

Preso il set ortonormale completo di H, {k } consideriamo ancora i vettori appartenenti a


un autospazio degenere,
sia esso li-esimo. I vettori del set che appartengono allautospazio

considerato, ij ne formano ovviamente una base ortonormale. Infatti, se esistesse un


vettore dellautospazio i ortogonale a tutti i vettori ij , esso sarebbe anche ortogonale a tutti
i vettori del set non appartenenti allautospazio e perci sarebbe ortogonale a tutto il set, il
che assurdo.
n
o
(i)
Possiamo esprimere ogni vettore dello spazio H in serie degli j , sviluppo standard
di :
X (i)
=
cj j
i,j

di modo che, se normalizzato,

PAi () =

X (i) 2
cj
j

e che
1=

X
i

PAi () =

X (i) 2
cj
i,j

da cui le componenti nello sviluppo standard di sono una sequenza appartenente a D2 , si ha

IV.1 Il principio di sovrapposizione e le sue conseguenze

cio che
H 3 7 {ck } D2
dove abbiamo abbandonato lesplicitazione degli autovalori degeneri. Chiamiamo A la
corrispondenza indotta dallosservabile A (nella base {k } indotta, appunto, da A) tra H
e D2 . Ci proponiamo di studiare A .
Linearit e
invertibilit
di A

Cominciamo col notare che si tratta di unapplicazione lineare, poich, per ogni k
ck = (k , )
2

inoltre, limmagine di A tutto D . Infatti, presa una qualunque sequenza {ck } il vettore
X
=
ck k
k

appartiene a H per la completezza del set. Veniamo a calcolare il kernel dellapplicazione, sia
ker A allora
k

(k , ) = 0

ma {k } denso in H perci = 0. Ne deriva che A un isomorfismo tra H e D2 . Vediamo


che si tratta di una isometria: per la continuit del prodotto scalare

X
X
X
X
X

(, ) =
ck k ,
cj j =
ck k ,
cj j =
ck cj k , j =
j

ck cj

k,j

= (A , A )#2

k,j

Continuit e
unitariet di A

Vediamo che A limitato, sia H di norma N


X
kA k#2 = N 2
|ck |2 = N 2

da cui A ha norma unitaria. Si pu perci considerare senza problemi laggiunta di A :

(, ) = (A , A )#2 = , +
A A

ne segue che per ogni H

sicch si ricava la fondamentale

, +
A A = 0
+
A A = I

siccome A invertibile, possiamo moltiplicare ambo i membri a destra per 1


A e a sinistra
per A in modo che
A +
A =I
e, infine,
+
A +
A = A A = I

da cui, e concludiamo, A unitario.


Cambiamenti
di base

Infine, date due basi, ci si pu chiedere come cambia la rappresentazione di passando


dalluna allaltra. Date due osservabili A e B, dotate dei s.o.n.c. { k }, {k } rispettivamente,
si ha

!
X
X
X
ck = (k , ) = k ,
(n , ) n =
(k , n ) (n , ) =
(k , n ) bn
n

da cui la rappresentazione ck nella base di A di si ottiene dalla moltiplicazione righe per


colonne della matrice (infinita numerabile) (k , n ) col vettore (infinito numerabile) bn .
Relazione di
completezza

Prima di chiudere definiamo il seguente operatore di H, presi , H, per ogni H


( ) = (, ) .

IV I postulati della meccanica quantistica

Loperatore certamente limitato,


k( ) k |(, )| kk (kk kk) kk
e grazie ad esso possiamo scrivere, dato un s.o.n.c. { k }
X
X
=
( k , ) k =
(k k )
k

cio vale la relazione di completezza,


X
k

k k = I.

IV.1.2 Operatori associati alle osservabili a spettro discreto


Abbiamo detto che fisicamente le osservabili sono caratterizzate dallesistenza di un insieme
completo di stati sui quali la misura dellosservabile determinata a priori. Vogliamo vedere
il ruolo che rivestono le osservabili a spettro discreto nel formalismo che abbiamo delineato
nella sezione precedente.

Definizione di A

Sia A unosservabile, associamo ad A loperatore A di H che definiamo sul set ortonormale


di autostati di A {k } nel modo (naturale) seguente
k + ak k
A
dove ak lautovalore dello spettro di A relativo allautospazio cui appartiene k . Notiamo
che la definizione posta non dipende dal set di autovettori scelto, infatti su ogni autospazio
loperatore coincide con ak I. Per linearit definiamo A sulle combinazioni lineari finite del
set considerato, di modo che il dominio delloperatore, che indichiamo con DA , esteso a un
denso in H. Vediamo quando possibile estendere il dominio ad H: la norma di A sullinsieme
delle combinazioni finite deve essere limitata, cio
P
2
n

Pn
Pn
2
2
2
A k=1 ck k
k k=1 ck ak k k
k=1 ak |ck |
=
=
P
P
P
|ck |2
|ck |2
|ck |2
che limitata se |ak | M per ogni k. un fatto che la limitatezza dello spettro sia in generale
falsa, basti pensare allo spettro dellenergia di un oscillatore armonico unidimensionale, perci
a
di solito si avr DA 6= H e ci si dovr accontentare del fatto che, comunque, (DA ) = H.

Dal punto di vista fisico si dovrebbe anzi osservare che questi aspetti patologici derivano solo
dalla trattazione matematica che , evidentemente, non del tutto adeguata: gli strumenti di
misura (che abbiamo detto coincidono con le osservabili) hanno sempre scala limitata e non
ha alcun senso parlare di grandezze infinite.

Hermiticit di A

Nel dominio di definizione calcoliamo


Ma veniamo alle caratteristiche di A.

!
!

X
X
X

, A
=
,
ak (k , ) k =
ak (k , ) (k , ) =
ak (k , ) k , =
k


=
A,

da cui A = A+ , cio A hermitiano o, se A limitato, autoaggiunto.


Autovalori e

autovettori di A

Sappiamo che tutti gli autovalori dellosservabile A, cio i valori del suo spettro fisico
autovalori di A agli autovettori k che rappresentano i
{ak } sono, per definizione di A,
corrispondenti autostati. La terminologia usata nelle definizioni di cui alla prima sottosezione
erano giustificate da questo.
Andiamo a calcolare eventuali altri autovalori di A
= b,
A
prendiamo DA e sviluppiamolo in serie
X
X
X
A
bk k =
ck bk k =
ck b k
k

IV.1 Il principio di sovrapposizione e le sue conseguenze

lultima eguaglianza, dallortonormalit del set, implica


ck bk = ck b bk = b

cio gli autovalori di A sono tutti e soli gli autovalori di A.


Operatori
autoaggiunti
come osservabili

Daltra parte ogni operatore hermitiano F ha autovalori reali, infatti sia b autovalore di F e
6= 0 autovettore relativo a b, allora
(b, ) = (F , ) = (, F ) = (, b)
cio
b (, ) = b (, )
da cui, essendo non nullo, b = b.
Sappiamo che se F ha spettro puramente discreto i suoi autovettori sono un set completo di
H. Perci lecito postulare che ogni operatore autoaggiunto a spettro puramente discreto
associata una osservabile. Comunque, vedremo in seguito che sar lecito elevare al rango di
osservabili anche tutti gli altri operatori autoaggiunti...

Valor medio
e di A
di A

Infine, interpretiamo fisicamente loperatore osservabile. In apertura abbiamo detto che


esso riproduce matematicamente il concetto fisico di osservabile, dimostriamolo. Calcoliamo
il valor medio (matematico) di A

X
X
X

, A
=
ck k ,
aj cj j =
ck aj cj k , j =
ck aj cj kj =
j

X
k

ak |ck | =

j,k

ak PAk

j,k

() = A

cio il valor medio - matematico - di A pari al valor medio - fisico - di A sullo stato .
Abbiamo quindi mostrato lequivalenza di A e A, di conseguenza, spesso e volentieri, tireremo
via il cappuccio dalla A e indicheremo con A anche loperatore autoaggiunto associato (e
abbiamo discusso la profondit di una tale corrispondenza).

IV.1.3 Osservabili a spettro continuo


Veniamo adesso a considerare osservabili aventi spettro continuo. Verremo incontro a dicolt
maggiori rispetto a quelle finora arontate e dovremo ricorrere ad alcuni artifici (non del tutto
ortodossi ed evitabili con una matematica pi ricca di quella che non si richiede a questo
livello) per riottenere - questo il nostro scopo - un sistema analogo a quello strutturato per
le osservabili a spettro discreto.
Dicolt dello
spettro continuo

Consideriamo unosservabile Q (come la coordinata) avente spettro continuo. Per quanto


detto sopra, ci aspettiamo che a Q sia possibile associare un operatore hermitiano i cui
autovalori costituiscano lo spettro di Q. Notiamo in primo luogo che non esiste un operatore
hermitiano avente autovalori con la potenza del continuo, sicch non esistono autovettori di Q.
In altri termini, sembra che non esistano vettori di H in grado di rappresentare gli autostati
di Q che certo esistono.

Postulati per
il caso di
spettro continuo

Allora poniamo alcuni postulati. In un ambiente esterno a H (in cui ancora definito il
prodotto scalare) esistano elementi q numerati da q nello spettro di Q, tali che per ogni
H
Z
= dq c (q) q

dove, rispetto al caso discreto, q sostituisce k, lintegrale sostituisce la sommatoria e c (q)


sostituisce ck .
2
La funzione dallo spettro sullasse reale positivo |c (q)| sia la densit di probabilit p (q) di
ottenere dalla misura di Q i valori compresi tra q e q + dq per il sistema nello stato q . Allora
Z
2
1 = dq |c (q)| ,

IV I postulati della meccanica quantistica

da cui c (q) L2 . Postuliamo infine che per ogni c (q) L2 esista H tale che
Z
= dq c (q) q .
Determinazione
di c (q) .
Relazione di
ortonormalit

Dai postulati ammessi abbiamo che, preso H di norma N , troviamo c (q) tale che
Z

=
= dq c (q) q
N
daltra parte vale in modo ovvio che
Z
Z
1
1
1 = 2 (, ) = dq |c (q)|2 + 2 dq |b (q)|2
N
N
ma
Z
Z
Z

N 2 = (, ) =
dq b (q) q , dq 0 b (q 0 ) q0 = b (q) q , q0 b (q 0 ) dqdq 0
da cui

Si ha perci

dq b (q)

dq 0 b (q 0 ) (q q 0 ) =

dq b (q)

dq 0 b (q 0 ) q , q0

(, A) = (, B)

(IV.1)

per ogni + b L (q), essendo A e B gli operatori lineari


Z
(Ab) (q) =
dq 0 b (q 0 ) (q q 0 )
Z

(Bb) (q) =
dq 0 b (q 0 ) q , q0
2

In uno spazio complesso la (IV.1) implica A = B, infatti


(, A) = 0 =

(z + y, A (z + y)) = 0 = (z, Ay) + (y, Az) = 0


(z + iy, A (z + iy)) = 0 = i (z, Ay) i (y, Az) = 0

da cui (z, Ay) = 0 per ogni z, sicch Ay = 0 per ogni y.


Ne viene che, essendo A = I, B = I, cio
Z

b (q) = dq 0 b (q 0 ) q , q0

da cui si conclude

q , q0 = (q q 0 )

che la relazione di ortonormalit nel caso di spettro continuo. Da tale relazione si ha la


conferma che gli q non appartengono a H.
Adesso calcoliamo

q , =

q ,

dq 0 c (q 0 ) q0

per la continuit del prodotto scalare, troviamo


Z
Z

q , = dq 0 c (q 0 ) q , q0 = dq 0 c (q 0 ) (q 0 q) = c (q)

da cui, infine,

Corrispondenza
tra H e L2 : q

2
2
p (q) = |c (q)| = q , .

Torniamo a considerare lequazione

q , = c (q)

essa definisce una corrispondenza, che chiameremo q , tra H e L2 (L2 sullo spettro
dellosservabile). Studiamo q .

IV.1 Il principio di sovrapposizione e le sue conseguenze

Troviamo anzitutto che q lineare

q ( + b) = q , + b = q , + b q , = q () + bq ()
R
Come postulato per ogni c (q) L2 il vettore = dq 0 q0 c (q 0 ) H, ma

Z
Z

q = q , dq 0 q0 c (q 0 ) = dq 0 q , q0 c (q 0 ) = c (q) .
Calcoliamo il kernel dellapplicazione. Sia ker q , cio
Z

q 0 = q , = dq 0 q , q0 c (q 0 ) = c (q)

da cui

p (q) = 0

il che possibile se e solo se = 0.


Dunque, q un isomorfismo tra lo spazio H e L2 . Vediamo che si tratta di una isometria:
Z
Z

Z
Z
dq 0 q0 c (q 0 ) , q =
(, ) =
dq 0 q0 c (q 0 ) , dq q b (q) = dq b (q)
Z
Z
Z Z

=
dqdq 0 b (q) q0 , q c (q 0 ) = dq b (q) dq 0 c (q 0 ) q0 , q =
Z
=
dq b (q) c (q) = (q , q )L2
Unitariet di q

Veniamo ora alla limitatezza di q ; abbia norma N , allora


Z
2
2
kq kL2 = N
dq |c (q)|2 = kk2 .

Detto questo, si ha lesistenza dellaggiunto di q che possiamo agevolemente calcolare

(q , q )L2 = +
q q , = (, )

da cui, valendo per ogni coppia in H, abbiamo

+
q q = I

adesso moltiplichiamo ambo i membri per 1


q , a destra, e per q , a sinistra, troviamo
q +
q =I
da cui q unitario.
Cambiamenti
di base

Sia ora P unaltra


osservabile a spettro continuo, essa indurr allora un nuovo sistema

completo p , vogliamo vedere come si eettua il cambiamento di base avendo gi il set



q . Sia dato il vettore e siano c (q) = q e b (p) = p . Abbiamo

Z
Z

b (p) = p , = p , dq c (q) q = dq p , q c (q)

Possiamo leggere il cambiamento di coordinate

come il prodotto righe per colonne di una


matrice con righe e colonne continue, p , q , righe numerate da p e colonne da q, per un
vettore a una colonna e continuo (componenti numerate da q), c (q). Il risultato, b (q), ancora
un vettore a una colonna e continuo nelle componenti, numerate da p.
Relazione di
completezza

Per ogni H abbiamo detto che vale


Z
Z

= dq q , q = dq q q

da cui, abbiamo

dq q q = I

IV I postulati della meccanica quantistica

IV.1.4 Operatori associati alle osservabili a spettro continuo


In analogia con quanto fatto nel caso discreto, vogliamo associare alle osservabili a spettro
continuo un operatore tale che i suoi autovalori matematici siano gli autovalori fisici
dellosservabile. Vedremo che, ancora una volta, ci saranno delle complicazioni.
che agisce nel seguente modo

Definizione di Q
Associamo allosservabile Q loperatore Q
q = qq
Q
sulla base di H indotta da Q. Abbiamo allora che, supponendo di poter commutare integrale
in un insieme abbastanza ampio,
eQ
Z
Z

Q = Q dq c (q) q = dq qc (q) q
e, come vediamo, deve almeno essere qc (q) L2 .
molto semplice:
Nelle coordinate, la rappresentazione di Q
Z
Z

q Q
= q , dq 0 q 0 c (q 0 ) q0 = dq 0 q 0 c (q 0 ) q , q0 = qc (q)
= q , Q

cio

Hermiticit di Q

= qc (q) .
qc (q) = q Q

calcoliamo
Nel dominio di definizione di Q
Z
Z

, Q
=
, dq q q , q = dq q q , q , =
dq q q , q ,


=
Q,

=Q
+ , cio Q
hermitiano.
da cui Q
Autovalori e

autovettori di Q

dobbiamo risolvere la seguente equazione


Veniamo a calcolare gli autovalori di Q,
= b
Q
Sicome q un isomorfismo vale evidentemente

= b q Q
= q (b) qc (q) = bc (q)
Q

Allora consideriamo lequazione agli autovalori per q

qc (q) = bc (q)
cio, per ogni q nello spettro,
(q b) c (q) = 0
cio
c (q) = 0
e il suo spettro (matematico) vuoto.
e dunque = 0. Ossia non esistono autovalori di Q
Dato un operatore lineare T avente dominio DT e immagine Im T in H (spazio vettoriale
qualsiasi), per ogni complesso definiamo loperatore T = IT . Se 0 C tale che T0 ha
inversa, diciamo che 0 appartiene al risolvente di T . Il complementare in C del risolvente si
dice spettro. Ovviamente, se T ammette un autovalore esso appartiene allo spettro, poich
vale identicamente I T = T = 0 che non invertibile. La definizione data di spettro
eettivamente unestensione di quella di insieme di autovalori.
perci calcoliamo
Spettro
Siccome q un isomorfismo lo spettro di q coincide con quello di Q,
delloperatore q il primo. Sia I R lo spettro di Q. Allora vogliamo trovare linversa di q nellinsieme

f (q) f (q) , qf (q) L2 (I) . C appartiene al risolvente di q se per ogni b (q) esiste
c (q) L2 (I) tale che ( q) c (q) = b (q). Questo implicherebbe
Estensione
del concetto
di spettro
matematico

c (q) =

b (q)
,
q

IV.1 Il principio di sovrapposizione e le sue conseguenze

funzione che non appartiene nemmeno ad L2 (I) se I. Ne abbiamo perci che lo spettro
coincide con I.
di Q
Con lampliamento della definizione di spettro siamo riusciti a concludere che spettro di Q e
sono lo eguali.
spettro di Q
Valor medio
e di Q
di Q

Come nel caso discreto, interpretiamo fisicamente loperatore osservabile. Calcoliamo il valor

medio (matematico) di Q
Z
Z
Z
Z

, Q
=
dq c (q) q , dq 0 q 0 c (q 0 ) q0 = dq c (q) dq 0 q 0 c (q 0 ) q , q0 =
Z
Z
2

=
dq q |c (q)| = dq qp (q) = Q

pari al valor medio - fisico - di Q sullo stato .


cio il valor medio - matematico - di Q

IV.1.5 Osservabili a spettro misto


Dai postulati di Bohr riportati nel capitolo sulla Old Quantum Mechanics, discende che
esistono osservabili il cui spettro in parte discreto e in parte continuo (per Bohr, lenergia
dellatomo di idrogeno).
Postulati per
il caso di
spettro misto

Fissiamo, come nel caso di spettro continuo, tre postulati mutuati dal caso di spettro
di spettro discreto che abbiamo arontato sfruttando le considerazione fisiche derivanti
dallintepretazione di Born...
Sia Q unosservabile a spettro misto: lo spettro continuo sia numerato dalletichetta reale

q, quello discreto, dalletichetta intera k. Allora postuliamo lesistenza di due set q


e { k } H, con i primi vettori non appartengono a H, di modo che per ogni vettore
normalizzato H si abbia
Z
X
= c (q) q dq +
ck k
k

Misurando Q su , assumiamo che la probabilit di trovare un valore dello spettro di Q tra q


e q + dq sia
p (Q) = |c (q)|

mentre la probabilit di ottenere il k-esimo autovalore dello spettro sia


PQk = |ck |2 .

Come ultimo postulato, assumiamo che per ogni c (q) L2 e ck D2 , esista H per cui
Z
X
= c (q) q dq +
ck k .
k

Conseguenze
dei postulati

In primo luogo, per ogni vettore H normalizzato, dal primo e dal secondo postulato,
abbiamo
Z
X
2
2
1 = |c (q)| dq +
|ck |
k

da cui c (q) L e ck D .
Se un vettore di norma N , esistono c (q) e ck tali che
Z
X
= N c (q) q dq +
N ck k
k

di modo che il primo postulato diventa: a ogni vettore H si associano b (q) L2 e bk D2


sicch
Z
X
bk k .
= b (q) q dq +
k

Denotiamo adesso con H1 lo spazio generato dai vettori k . H1 un sottospazio chiuso, perci
ammette in H complemento ortogonale H2 = H1 . Chiamiamo adesso H0 linsieme dei vettori

IV I postulati della meccanica quantistica

per i quali b (q) = 0. Allora H0 H1 . Sia, viceversa, H1 , allora


X
=
bk k
k

con bk = (k , ) essendo k un set ortonormale completo in H1 . Allora, dallidentit di


Parseval
X
N2 =
|bk |2
k

sicch

|b (q)|2 dq = 0

cio b (q) = 0 (in senso L2 ). Dunque, H1 H0 e con ci H1 = H0 . Come corollario, abbiamo


che se H2 , allora b (q) 6= 0 e, inoltre, per definizione di H2 , bk = 0. Dunque, H si
decompone in somma diretta di uno spazio di vettori che hanno b (q) = 0, e uno spazio di
vettori per cui bk = 0.
Ragionando separatamente allinterno di H1 e H2 si ottiene, come per i casi discreto e continuo,

b (q) = q ,
bk = (k , )

Relazione di
completezza

di modo che, visto che la b (q) associata a k nulla,

k , q = 0.

Per quanto riguarda la relazione di completezza, valendo


Z
X

= dq q , q +
(k , ) k ,
k

si ha

Rappresentazione in
coordinate

X
dq q q +
( k k ) = I
k

Tramite |H1 e |H2 stabiliamo una isometria tra H1 H2 e D2 L2 . La rappresentazione


in questultimo spazio di un vettore si ottiene allora nel modo che segue
(
(k)

|H1 = (k , )

() = ( k , ) q ,
(q)
|H2 = q ,
Loperatore hermitiano associato allosservabile Q (separatamente negli spazi H1 e H2 )
rappresentato nella base fissata come

q () = Q
= ak ck qc (q)

Rappresentazione di
un operatore

Preso un operatore T vediamo come viene rappresentata la sua proiezione in L2

Z
X

q ,
( k , ) T k + q , dq 0 q0 , T q0 =
q , T =
k

Z
X

=
q , T q0 dq 0 q0 , =
q , T k (k , ) +
k

Z
X

=
q , T k ck +
q , T q0 dq 0 c (q 0 )
k

e come si vede si ha il prodotto righe per colonne di una matrice, composta da righe continue
(numerate da q) e con colonne in parte numerabili (numerate da k) e in parte continue
(numerate da q 0 ), e di un vettore a componenti in parte discrete (numerate da k) e in parte
continue (numerate da q 0 ).

IV.2 Osservabili compatibili e incompatibili

Per quanto riguarda la proiezione in D2 si ha

Z
X

j , T =
j ,
(k , ) T k + j , dq 0 q 0 , T q0 =
k

Z
X

=
j , T q0 dq 0 q0 , =
j , T k (k , ) +
k

Z
X

=
j , T q0 dq 0 c (q 0 )
j , T k ck +
k

dove stavolta abbiamo il prodotto righe per colonne di una matrice, avente righe discrete
numerate da j e colonne in parte discrete (numerate da k) e in parte continue (numerate
da q 0 ), e di un vettore a componenti in parte discrete (numerate da k) e in parte continue
(numerate da q 0 ).

IV.2 Osservabili compatibili e incompatibili


IV.2.1 Commutatore e compatibilit
Definizione
di osservabili
compatibili

A suo tempo, abbiamo notato che non tutte le osservabili possono essere note con precisione
arbitraria contemporanea (si veda, per esempio, il principio di Heisenberg). Peraltro, sappiamo
che solo su certi stati del sistema si ha la possibilit di avere un valore preciso per una
osservabile. Ne consegue che, date due osservabili, A e B, e dato autostato di A, B non
ha - in generale - un valore su . Se per accade che sia A che B abbiano un valore preciso
sullo stato del sistema, allora autostato simultaneamente di A e B. In tale autostato le
due osservabili possono essere note con precisione qualsivoglia contemporaneamente. Se ora
gli autostati simultanei costituiscono un set completo di H, allora A e B si dicono osservabili
compatibili.

Osservabile
prodotto.
Commutatore

Consideriamo due osservabili A e B e i loro rispettivi operatori hermitiani. Sappiamo che


AB unosservabile se e solo se hermitiano, ma ci in generale non vero
+

(AB) = B + A+ = BA 6= AB
cio, AB hermitiano se e solo se A e B commutano, cio se e solo se
[A, B] + AB BA = 0.
La condizione di commutatore nullo implica non solo che AB unosservabile, ma anche che
A e B sono compatibili:
Teorema IV.1

Dimostrazione

Condizione necessaria e suciente anch A e B siano osservabili compatibili che


[A, B] = 0.
() Siano A e B compatibili. Facciamo la dimostrazione nel caso discreto. Per ogni n
An = an n ,
Allora (in un opportuno dominio)
AB = AB

B n = bn n

cn n =

cn n =

daltra parte
BA = BA

an bn cn n

bn an cn n

da cui [A, B] = (AB BA) = 0 per ogni H, infine, [A, B] = 0.


() Valga [A, B] = 0. Sia n un set completo di autovettori di A. Allora, per ogni n
0 = (A an I) n
Sviluppiamo ciascun n in serie di autovettori m per B di modo che ciascun m sia un

IV I postulati della meccanica quantistica

vettore relativo al solo autovalore bm di B (dunque m appartiene allm-esimo autospazio di


(n)
B e come tale dipende da n perci lo denotiamo con m )
X
(n)
n =
c(n)
m m
m

con

(n)
cm

6= 0 per qualche m. Allora

X
X
(n)
(n)
(n)
0 = (A an I)
c(n)

=
c
I)

(A

a
n
m
m
m
m
m

Calcoliamo ora

B (A an I) (n)
= (A an I) B(n)
= bm (A an I) (n)
m
m
m

cio sono date le seguenti due possibilit


(n)

(i) (A an I) m = 0 per ogni m;


(n)

(ii) (A an I) m autovettore allautovalore bm di B.


Se valesse la seconda alternativa, avremmo sviluppato lo 0 in serie non nulla di vettori
(n)
(n)
(n)
ortogonali, perci deve essere, per ogni m, (A an I) m = 0, cio Am = an m . Il set dei
(n)
m (numerato in N N da n, m) completo perch deriva dal set n ed inoltre sistema di
autovettori simultaneamente per A e B.
(c.v.d.)
Il caso di spettro continuo del tutto analogo.

Osservazione IV.1

Consideriamo il caso in cui A abbia autospazi tutti non degeneri. Sia n set completo di
autovettori di A e valga [A, B] = 0. Allora
An = an n
da cui
BAn
BAn

= Ban n = an Bn
= ABn

perci A (Bn ) = an (Bn ), cio se Bn 6= 0, esso autovettore di A allautovalore an , ma


lautospazio n-esimo ha dimensione 1 perci
Bn = n n
Se invece Bn = 0 allora Bn = 0n , da cui n simultaneamente sistema completodi
autovettori per A e B.
Si conclude che se A commuta con B e A ha tutti gli autovalori non degeneri, ogni set di
autostati di A un set di autostati per B.
Compatibilit di
tre osservabili

Possiamo immaginare di avere tre osservabili i cui commutatori siano tutti nulli:
[A, B] = [B, C] = [C, A] = 0. Allora esiste un sistema completo di autostati di A, B, C
(n)
contemporaneamente. Presi A, B abbiamo dal teorema di sopra, lesistenza di m sistema di
autovettori simultaneamente per A e B. Procedendo esattamente come sopra, sviluppiamo in
(n)
serie degli r(n,m) (ogni r(n,m) autovettore allautovalore cr di C) ciascun m , troviamo
X
(n)
h(n,m)
r(n,m)
m =
r
r

da cui

0 = (A an I)

h(n,m)
r(n,m) =
r

X
r

(A an I) r(n,m)
h(n,m)
r

Calcoliamo ora

(n,m)
C (A an I) r(n,m) = (A an I) C (n,m)
I)

=
c
(A

a
r
n
r
r
sono date le seguenti due possibilit

IV.2 Osservabili compatibili e incompatibili

(i) (A an I) (n,m)
= 0 per ogni m;
r
autovettore allautovalore cr di C.
(ii) (A an I) (n,m)
r
Se valesse la seconda alternativa, avremmo sviluppato lo 0 in serie non nulla di vettori
= an (n,m)
.
ortogonali, perci deve essere, per ogni r, (A an I) r(n,m) = 0, cio A (n,m)
r
r
(n)
(n,m)
Il set degli r
(numerato in N N N da n, m, r) completo perch deriva dal set m
ed inoltre sistema di autovettori simultaneamente per A e C. Ripetendo il ragionamento
(n)
tale e quale, partendo da 0 = (B bm I) m si giunge a concludere che r(n,m) sistema di
autovettori anche per B. Dunque, concludiamo che A, B, C sono compatibili se e solo se i loro
commutatori sono tutti nulli.

IV.2.2 Relazione di indeterminazione


Nel capitolo III abbiamo introdotto il principio di indeterminazione di Heisenberg attraverso
lanalisi di alcuni esperimenti concettuali. Il senso profondamente fisico del principio non sar
certamente sfuggito, si tratta adesso di inquadrarlo nella teoria (meglio, nel formalismo) che
abbiamo fin qui edificato.
Hermitianit
di i [A, B]

Consideriamo, allora, del tutto in generale, due osservabili A e B e consideriamone il


commutatore
[A, B] = AB BA
passiamo a calcolarne laggiunto
+

[A, B] = B + A+ A+ B + = BA AB = [A, B]
da cui, se passiamo a considerare loperatore i [A, B] abbiamo
(i [A, B])+ = [A, B] (iI) = i [A, B]
cio i [A, B] un operatore hermitiano, o, equivalentemente, esiste un operatore hermitiano C
talch
[A, B] = iC
Usiamo questo risultato come lemma per mostrare il seguente teorema che generalizza il
principio di Heisenberg:
Teorema IV.2
(Relazione di indeterminazione)

Siano A e B due osservabili, e A e B gli scarti quadratici medi sullo stato di A e B,


rispettivamente. Posto C = i [A, B], allora
(A) (B)

Dimostrazione

|(, C)|
2

Sia R, vale certamente, per ogni coppia di operatori A, B hermitiani aventi come
commutatore iC,
0 ((A iB) , (A iB) ) = (, (A + iB) (A iB) )
sviluppiamo il secondo fattore del prodotto scalare
(A iB) (A + iB) = A2 + 2 B 2 iBA + iAB = A2 + 2 B 2 + i [A, B]
perci

0 2 , B 2 + (, C) + , A2

Anch la relazione valga per ogni R il discriminante deve risultare minore o eguale di 0:

2
4 , B 2 , A2 |(, C)|
Ora se A e B sono due osservabili, sostituiamo nella diseguaglianza di sopra

A 7 A AI,
B 7 B BI

IV I postulati della meccanica quantistica

daltra parte siccome ogni operatore commuta con qualsiasi multiplo dellidentit,

B BI
= [A, B]
iC = A AI,

da cui
cio




, A2 AI
|(, C)|2
4 , B 2 BI
2

(A)2 (B)2

|(, C)|
4

(A) (B)

|(, C)|
2

e, infine,
(c.v.d.)

Vedremo che, calcolato il commutatore di coordinata ed impulso, ritroveremo


~
(q) (p) .
2

IV.3 Rappresentazione di Schrdinger e degli impulsi


IV.3.1 Stati a impulsi definiti: onda di de Broglie

Rappresentazione delle
coordinate e
degli impulsi

Cambiamento di
rappresentazione

Consideriamo le osservabili coordinata, q, e impulso p. Esse hanno spettro continuo perci


inducono separatamente un isomorfismo con L2 .

Lisomorfismo q : 7 q , + (q) L2 associa a ogni stato la funzione a quadrato


sommabile (q) (quella che precedentemente avevamo denotato - supponendo di essere in un
caso generale - con c (q) o b (q)) che si dice anche funzione donda dello stato considerato.
La rappresentazione di H tramite L2 mediante q prende il nome di rappresentazione di
Scrhdinger (o delle coordinate).

Lisomorfismo p : 7 q , + (p) L2 associa a ogni stato la funzione (p) L2 che


si dice rappresentazione degli impulsi dello stato H.
Come sappiamo possibile passare da una rappresentazione allaltra: dello stato sia nota
la rappresentazione (p), allora

Z
Z

(q) = q , = q , dp (p) p =
q , p dp (p)

Denotiamo con pq : L2p L2q la trasformazione che associa alla funzione (p) la corrispondente
(q). Allora
(q) = pq (p) = q 1
p
da cui
pq = q 1
p ,
perci pq un isomorfismo tra L2p e L2q .

Aggiunto di pq

R
Cominciamo con lannotare le propriet pi rilevanti della pq =
q , p dp . Anzitutto
calcoliamone laggiunto
p +
+ 1 + + + + +
q = q 1
= p
q = p
q = p 1
p
q
perci

p +
p + p
1
p
,
q q = q 1
p p q = I = q q

dunque pq un operatore unitario.

Daltra parte se denotiamo con f (q, p) la matrice continua q , p abbiamo


Z
p
(q) = q (p) = f (q, p) dp (p)

IV.3 Rappresentazione di Schrdinger e degli impulsi

perci, per calcolare laggiunto di pq si procede come segue


Z
Z
Z
Z

p
(q) , q (p) =
dq (q) f (q, p) dp (p) = dp (p) f (q, p) dq (q) =
Z
=
dp (p) h (p)

dove

h (p) =
sicch

f (q, p) dq (q)

(q) , pq (p) = (h (q) , (p)) =

perci laggiunto di pq risulta

p +
q =

Funzione
donda per
stato a impulso
definito: onda
di de Broglie

f (q, p) dq (q) , (p)

f (q, p) dq

= qp essendo f (q, p) = p , q .
che appunto pq

Riflettiamo un attimo su cosa rappresenta f (q, p) = q , p . Si tratta della funzione donda


associata ad uno stato (p ) in cui limpulso completamente definito. Ne deriva allora che
f (q, p) la funzione donda piana di de Broglie, cio vale
f (p, q) = ceiqp/~
dove ci stiamo riferendo, per il momento, al caso unidimensionale.
La quantit di fisica immessa nellimpianto formale fin qui costruito molto pesante e
dobbiamo cautelarci sul fatto che limpatto non sia troppo devastante! Dobbiamo cio
verificare che con la f scelta loperatore pq resta unitario.
Imponiamo allora che
Z
Z
+
(q 0 ) = pq pq (q) = dp f (q 0 , p) dq f (q, p) (q) =
Z
Z
=
dq (q) dp f (q 0 , p) f (q, p)
da cui si ricava la condizione

dp f (q 0 , p) f (q, p) = (q q 0 )

ma il primo mebro, nellipotesi di de Broglie, vale


Z
dp i(q0 q)p/~
2
= 2~c2 (q q 0 )
~c
e
~
da cui
1
c2 =
2~
e dunque
qp
1
f (q, p) =
exp i
.
2~
~

IV.3.2 Rappresentazione degli operatori associati a p e a q


Rappresentazione
e P
di Q

Consideriamo ancora le osservabili impulso e coordinata. Vogliamo determinare la


sugli spazi L2q e L2p . Come gi
rappresentazione degli operatori p e q (pi precisamente, P , Q)
2
sappiamo, in Lq la rappresentazione di q data da
(q) Dq L2q 7 q (q)
e, analogamente,
(p) Dp L2p 7 p (p)

IV I postulati della meccanica quantistica

Vogliamo vedere adesso come si rappresenta nelle coordinate loperatore p:

Z
Z
Z

q , P
=
q , dp p , p p =
q , p dp p p , =
q , p dp pp , =
Z
Z

1
=
dp peiqp/~ p , = i~
q , p dp p , = i~ (q)
2~
q
q

Dunque, in L2q abbiamo, negli opportuni domini,

q (q) = q (q)

p (q) = i~ (q)
q

Analogamente a quanto fatto sopra, vogliamo calcolare q nella rappresentazione degli impulsi:

Z
Z
Z

=
p , dq q , q q =
p , q dq q q , =
p , Q
dq qeiqp/~ q , =
2~
Z

= i~
p , q dq q , = i~ (p)
p
p
cio, in L2p

p (p) = p (p)

q (p) = i~ (p)
p

IV.3.3 Il principio di indeterminazione


Rappresentazione del
commutatore,
h
i
P = [
Q,
q, p]

Siamo ora in grado di ricavare il principio di indeterminazione per le q e le p, cos come era
nella enunciazione di Heisenberg. Abbiamo
q p

|(, C)|
|(q , q C)|
=
2
2

si tratta di calcolare q C,
h
i

P = i q , Q
P + i q , P Q

= i (
pq qp) (q) = i [
q , p]
q , i Q,
Perci procediamo al calcolo del commutatore di q e p:

[
q , p] (q) = qp (q) pq (q) .
Abbiamo

qp (q) = q i~
= i~q
q
q

pq (q) = i~ (q (q)) = i~ i~q


q
q

ne segue che
[
q , p] (q) = i~ (q)
da cui
[
q , p] = i~I
Relazione di indeterminazione
per p e q

Veniamo alla relazione di indeterminazione


|( (q) , ~ (q))|
~
q p
= .
2
2

IV.3.4 Il caso a pi dimensioni


Onda di
de Broglie

Finora abbiamo ragionato nel caso unidimensionale, tuttavia si pu ripetere il ragionamento


nel caso in cui i gradi di libert siano D. Dobbiamo ammettere per che linsieme delle {qi }iJ
sia un insieme completo di osservabili compatibili: ora, se la compatibilit garantita dalle
regole di commutazione, la completezza non in generale verificata (per esempio nellelettrone

IV.4 Postulato di quantizzazione

dovremo introdurre lo spin).


Tuttavia, se ammettiamo ancora con de Broglie che

f (q, p) = q , p + ceipq/~

i ragionamenti di sopra, fino allintroduzione dellipotesi di de Broglie, restano validi. Perci


giungiamo alla conclusione seguente
Z
dp f (q0 , p) f (q, p) = (#) (q0 q)

da cui, otteniamo
Z
0
c2 dp eip(q q)/~

= ~# c2

# Z
#
Y
Y
dpk ipk (qk0 qk )/~
= (2~)# c2
(qk0 qk ) =
e
~

k=1
# 2 (#)

= (2~) c

k=1

(q q)

da cui dobbiamo imporre


c=

Rappresentazione degli
k
operatori Pk e Q

1
(2~)#/2

Passiamo a calcolare la rappresentazione in L2p degli operatori Pk . Abbiamo


Z

q , Pk = q , dp p , Pk p =
q , p dp pk p , =
pk (q) =
Z
Z

1
ipq/~
p
,

=
i~
dp
e
q , p dp p , =
=

k
p
#/2
qk
(2~)
= i~

(q) .
qk

Ne ricaviamo

e, in modo del tutto analogo,

q (q) = qk (q)

pk (q) = i~ (q)
qk

p (p) = pk (p)

Commutatori
e analogia con
la meccanica
analitica

qk (p) = i~ (p)
pk

Infine, otteniamo le seguenti relazioni sui commutatori

qk , pl ] = i~
[
[
qk , ql ] = 0

[
pk , pl ] = 0

che ricordano le relazioni canoniche sulle parentesi di Poisson della meccanica analitica classica.
Principio di indeterminazione

Come si vede, il principio di indeterminazione interviene (come detto nella trattazione della
Old Quantum Mechanics) solo sulle variabili canoniche coniugate.

IV.4 Postulato di quantizzazione


IV.4.1 Algebre di Lie e postulato di quantizzazione
Nella precedenti sezioni abbiamo introdotto, sulla base dellipotesi di de Broglie, il concetto di

1
funzione donda per autostato dellimpulso, q , p =
eipq/~ . Questa assunzione ci
(2~)#

IV I postulati della meccanica quantistica

ha portato alle seguenti relazioni


[
qk , pl ] = i~ k,l
ed abbiamo pure notato che il commutatore presentava forti analogie con le parentesi di Poisson
(Poisson brackets, PB), tanto che
[
qk , pl ] = i~ [qk , pl ]PB .
Osservabili
funzioni di p e q
e loro operatori

Molte delle osservabili che possiamo decidere di misurare derivano dalla fisica classica:
energia, momento angolare, Sicch un gran numero di osservabili in realt una funzione
delle p e delle q, f (p, q). Il fatto che il commutatore degli operatori associati a q e p
proporzionale alle relative parentesi di Poisson, suggerisce di postulare che loperatore
associato a ogni osservabile della forma f (p, q) sia
f = f (
p, q) .
Ora, lordine di p e q irrilevante in f (p, q) ma non in f (p, q), questo problema si supera
ponendo
1
qp = (qp + pq)
2
1
sicch loperatore associato valga qp
b = qp = (
q p + pq) e, dunque, sia hermitiano.
2

Tutto quello che abbiamo detto deriva dallassunzione di una forma precisa per q , p il
che non corrisponde alla massima generalit che si pu richiedere alla nostra teoria. Perci,
adottando un puno di vista pi ampio, procederemo allintroduzione di un nuovo postulato,
il postulato di quantizzazione, che ci consentir di tornare - tra laltro - allipotesi di
de Broglie.
Facciamo - diventata unabitudine - un passo indietro: abbiamo postulato che allosservabile
f (p, q) corrisponda loperatore (autoaggiunto? dovrebbe esserlo ) f (
p, q). Abbiamo dunque
creato un ponte con la meccanica analitica classica che abbiamo ora intenzione di percorrere
interamente.

Parentesi di
Poisson e
algebre di Lie

In meccanica analitica classica le parentesi di Poisson (che saranno la struttura su cui


consolideremo il nostro ponte) costituiscono unalgebra di Lie, dato che valgono le propriet
(i) [A, B]PB = [B, A]PB (antisimmetria);
(ii) [A, B + C]PB = [A, B]PB + [A, C]PB (linearit);
(iii) [AB, C]PB = A [B, C]PB + [A, C]PB B (derivazione);
(iv) [[A, B]PB , C]PB + [[B, C]PB , A] + [[C, A]PB , B]PB = 0 (identit di Jacobi).

Analogo
quantistico
delle parentesi
di Poisson

Adesso cerchiamo unanaloga struttura intrinseca alla meccanica quantistica, postuliamo


cio che esista nello spazio degli operatori associati alle osservabili unoperazione inducente
unalgebra di Lie. Indichiamo loperazione binaria che stiamo cercando con (, ), e imponiamo
che soddisfi le propriet di cui sopra. Con le parentesi quadre continuiamo ad indicare il
commutatore, mentre con la sottosegnata PB indichiamo le parentesi di Poisson.
Prima di procedere, riflettiamo sulla propriet (iii):
(C, AB) = (AB, C) = A (B, C) (A, C) B = A (C, B) + (C, A) B
Prese quattro osservabili, usando la propriet di derivazione, abbiamo
(A1 A2 , B1 B2 ) = A1 (A2 , B1 B2 ) + (A1 , B1 B2 ) A2 =
= A1 B1 (A2 , B2 ) + A1 (A2 , B1 ) B2 + B1 (A1 , B2 ) A2 + (A1 , B1 ) B2 A2
daltra parte vale anche
(A1 A2 , B1 B2 ) = B1 (A1 A2 , B2 ) + (A1 A2 , B1 ) B2 =
= B1 A1 (A2 , B2 ) + B1 (A2 , B2 ) A2 + A1 (A2 , B1 ) B2 + (A1 , B1 ) A2 B2

IV.4 Postulato di quantizzazione

e, sottraendo membro a membro, otteniamo


0 = [A1 , B1 ] (A2 , B2 ) (A1 , B1 ) [A2 , B2 ]
cio
[A1 , B1 ] (A2 , B2 ) = (A1 , B1 ) [A2 , B2 ]
Una soluzione dellequazione scritta porre (, ) = [, ], ma, ovviamente, non la sola possibile,
si pu ad esempio moltiplicare entrambe per un numero reale. Daltra parte se fosse lunica
soluzione avremmo che in meccanica classica lunica algebra di Lie data dal commutatore
che invece classicamente nullo.
Riscriviamo in generale lequazione trovata sopra
[Ai , Bi ] (Aj , Bj ) = (Ai , Bi ) [Aj , Bj ]
Consideriamo due combinazioni lineari a coecienti equali dei due membri:
X
X
i [Ai , Bi ] (Aj , Bj ) =
i (Ai , Bi ) [Aj , Bj ]
i

poniamo

[L] +

i [Ai , Bi ] ,

e troviamo

(L) +

i (Ai , Bi )

[L] (Aj , Bj ) = (L) [Aj , Bj ]


prendiamo le stesse combinazioni lineari su questultima equazione e sulla prima
X
X
[L]
j (Aj , Bj ) = (L)
j [Aj , Bj ]
j

[Ai , Bi ] (L) = (Ai , Bi ) [L]

infine, abbiamo le seguenti tre relazioni


[L] (L) = (L) [L]
[L] (Aj , Bj ) = (L) [Aj , Bj ]
[Ai , Bi ] (L) = (Ai , Bi ) [L]
Esistenza della
combinazione
invertibile e
irriducibilit

Ora, postuliamo che esista una combinazione lineare di osservabili Ai , Bi (sullinsieme di


tutte le osservabili del sistema) invertibile, cio si trovi - per certi valori di i - [L] talch
1
esista [L] . Allora
L + (L) [L]1 = [L]1 (L)
e, inoltre,
(Ai , Bi ) = L [Ai , Bi ]
(Ai , Bi ) = [Ai , Bi ] L
per ogni coppia di osservabili. Se lalgebra dei commutatori delle osservabili irriducibile
(e noi la postuleremo tale) allora, siccome L commuta con tutti gli elementi dellalgebra
L = I, con complesso fissato una volta per tutte (valendo tale relazione per ogni coppia di
osservabili). Siccome le parentesi di Poisson forniscono un risultato reale, chiediamo che (, )
sia hermitiano, siccome il commutatore antihermitiano dobbiamo scegliere immaginario,
1
e perci poniamo =
(si noti che il segno ininfluente perch la trasformazione i 7 i
i~
conserva le propriet dellunit immaginaria i2 = 1 e i = 1/i).

~ e postulato di
quantizzazione

Infine,
1
[A, B] .
i~
Il valore ~ qui introdotto viene determinato dallesperienza (ad esempio, diusione degli
elettroni su un cristallo).
(A, B) +

IV I postulati della meccanica quantistica

Data la corrispondenza tra le due algebre di Lie, classica e quantistica, poniamo

B
= [A, B]
A,
PB
ossia

Commutatori
di p e q

i
B
= i~ [A, B]
A,
PB

che costituisce il postulato di quantizzazione.


Possiamo ora vedere quali sono le dimensioni di ~. Le dimensioni del primo membro sono il
prodotto delle dimensioni di A e B, le dimensioni del secondo membro sono quelle di ~ per
quelle di A e B divise per le dimensioni di unazione. Ne consegue che ~ ha le dimensioni di
unazione, come deve essere.
Accettato il principio di corrispondenza delle algebre di Lie (coi postulati di esistenza di L
e dellirriducibilit) o accettato direttamente il postulato di quantizzazione si ha che
[
qk , pl ] = i~ [qk , pl ]PB = i~ k,l .
[
qk , ql ] = 0
[
pk , pl ] = 0
che costituiscono le regole canoniche di commutazione (CCR).

IV.4.2 Alcuni esempi

Lo spazio L2q

Nella sottosezione precedente abbiamo ammesso che il commutante dellalgebra dei


commutatori fosse ridotto a {I} e che esistesse un combinazione lineare di commutatori
invertibile. Vogliamo giustificare questi due passaggi in L2 e in H2 , dove H2 uno spazio di
Hilbert bidimensionale.
Cominciamo dallo spazio L2q nel quale si ambienta la rappresentazione di Schrdinger.
Consideriamo gli operatori di moltiplicazione e derivazione (che chiameremo solo per brevit
dk )
qk (q) = qk (q)

(q)
dk (q) = i
qk
detto questo abbiamo

h
i
qk , dk = iI

da cui ricaviamo subito lesistenza di una combinazione di commutatori (in realt uno solo)
invertibile. Andiamo adesso a calcolare (mediante la regola di derivazione)
h
i
qk2 , dk
= 2i
qk
h
i
qk , d2
= 2idk
k

Lemma IV.1

Dimostrazione

Ne consegue che sia qk che dk appartengono allalgebra dei commutatori. Sia ora C nel
commutante di tale algebra. Allora C dovr commutare anche con qk e con dk , si pu per
dimostrare il seguente
h
i
Q
k = 0 allora C = f (q) I.
Se C,
Abbiamo
C qk = qk C
calcoliamo lelemento di matrice di ciascun membro

q0
q , C qk q0 = q , qk C

sfruttando il fatto che

qk q0 = qk0 q0

IV.4 Postulato di quantizzazione

abbiamo

da cui

k q0 = q , C
q0 qk0
q , C qk q0
=
q , Cq

q0 = qk q , C
q0 = qk q , C
q0
q0
q , qk C
=
qk q , C

per ogni k J# , da cui

q0 (qk0 qk ) = 0
q , C

q0 = f (q) (#) (q0 q)


q , C

Allora C un operatore di moltiplicazione, infatti

C
= C (q) = q , C = q ,
q0 , dq C q0 =
Z
Z

q0 dq 0 q0 , =
q0 dq 0 (q 0 ) =
=
q , C
q , C
Z
=
f (q) (#) (q q0 ) dq0 (q0 ) = f (q) (q)
(c.v.d.)

Ora, C = f (q) I e perci C = + C = f (q) I.

k e, in definitiva, C = f (q) I. Daltra parte


Ora, C commuta con qk , perci C commuta con Q

C commuta anche con dk e perci


i
h

(f (q) (q)) + if (q)


(q) =
0 = dk , f (q) I (q) = i
qk
qk
f (q)
= i
(q)
qk
cio
f (q)
=0
i
qk
da cui f costante e perci C = cI.
Lo spazio H2

Lo spazio H2 uno C-spazio vettoriale di dimensione (su C) pari a 2. Abbiamo allora subito
che i seguenti operatori sono hermitiani

0 1
1 +
1 0

0 i
2 +
i 0

1 0
3 +
0 1

Calcoliamo


i 0
i
[ 1 , 2 ] =

0 i
0


0 i
0
[ 2 , 3 ] =

i 0
i


0 1
0
[ 3 , 1 ] =

1 0
1

0
i
i
0
1
0

= 2i 3
= 2i 1
= 2i 2

(da cui si vede che {~ i /2} rispetta le regole di commutazione del momento angolare).
Dalle regole di commutazione scritte abbiamo che allalgebra dei commutatori appartengono
1 , 2 , 3 . Siccome sono invertibili la prima parte ottenuta.
Vediamo ora che il commutante dellalgebra ridotto a un multiplo dellidentit. Se C
commuta con tutti gli elementi dellalgebra, deve commutare con 1 , 2 , 3 , vediamo che

IV I postulati della meccanica quantistica

questo implica C = I.
Se C commuta con 1 e 3 , allora


a b
0 =
,
c d


a b
0 =
,
b a

da cui C = aI.

0 1
1 0

b= c

a= d

1 0
b=0
0 1

IV.4.3 Rappresentazione di Schrdinger e degli impulsi


Vogliamo ricavare quanto appreso sulla rappresentazione di Schrdinger imponendo lipotesi
di de Broglie, a partire dalle regole di commutazione.
Cominciamo con lammettere che linsieme delle qk sia un insieme completo di osservabili
compatibili (dove la compatibilit non unipotesi ma discende dalle CCR).

Come sappiamo ogni stato rappresentato in L2q dalla funzione (q) = q , ,


rappresentazione di Schrdinger. Ci chiediamo quanto vale, in tale rappresentazione,
Pk , loperatore impulso, il cui rappresentativo si denota con pk . Per ogni operatore, perci
per pk , sempre possibile scrivere

pk = i~
+ Fk
qk
dalla regola di commutazione con q# abbiamo
h
i
i~ k# = [
q# , pk ] = i~ k# + q# , Fk
da cui

h
i
q# , Fk = 0

da cui troviamo subito che Fk commuta con ogni q# e per il lemma della precedente sottosezione
si ha
Fk = fk (q) I.
Imponiamo ora la CCR per gli impulsi, abbiamo
h
i h
i h
i h
i h
i
0 = [
pk , p# ] = dk + Fk , d# + F# = dk , d# + dk , F# + Fk , d# + Fk , F#
h
i h
i
ma dk , d# = Fk , F# = 0 da cui

fk (q)
fk (q)
f# (q)
f# (q)
+i

=
qk
q#
q#
qk
e siccome lo spazio reale semplicemente connesso, esiste F tale che
F
.
fk =
qk
In definitiva abbiamo

F
+
pk = i~
qk
qk
cio abbiamo trovato tutta una famiglia di rappresentazioni nella base indotta da q
delloperatore impulso.
0 = i

Tutte le rappresentazioni date determinano la stessa fisica, visto che sono equivalenti per
trasformazioni unitarie. Infatti, dato che i commutatori sono invarianti per trasformazioni
unitarie, possiamo cambiare base q , tramite una trasformazione unitaria, e ottenere pk = dk .
Per dimostrare quanto detto, consideriamo il seguente operatore

q 7 q + exp F (q) q
~

IV.4 Postulato di quantizzazione

ovviamente, si tratta di un operatore unitario, infatti


Z
Z
Z

, dq

=
q , dq q =
eiF (q)/~ q , dq eiF (q)/~ q =

q
q
cio

Visto poi che


=
si ha

=I

dq
q
q

Z
Z

eiF (q)/~ q , dq eiF (q)/~ q = eiF (q)/~ (q) dq


q
(q) 7 (q) = eiF (q)/~ (q)

Allora vediamo come si rappresenta Pk nelle nuove coordinate

F (q)
F (q)
F

, Pk

=
exp
i
,
P

=
exp
i
+
(q) =

i~

k
q
q
~
~
qk
qk

F (q)
F
F (q)

= exp i
+
exp i
i~
(q) =
~
qk
qk
~
#

"

F
(q)
F (q)
F
F (q)
+
(q) i~
(q) exp i

=
= exp i
~
qk
qk
qk
~
(q)

(q)
= pk
qk
cio, a meno di una trasformazione unitaria, la rappresentazione dellimpulso in coordinate

.
pk = i~
qk
= i~

Scambiando i con i, si possono ripetere in modo del tutto analogo i ragionamenti per qk
nella rappresentazione degli impulsi.

IV.4.4 Relazione tra la rappresentazione delle coordinate e quella degli impulsi

Determinazione

di q , p

A suo tempo abbiamo introdotto la matrice di trasformazione tra la rappresentazione delle


coordinate e quella degli impulsi tramite lipotesi di de Broglie. ovvio, adesso, che tale
matrice deve poter essere derivata a partire dal postulato di quantizzazione.

Come sappiamo, la funzione (elemento di matrice) che dobbiamo determinare, q 7 q , p ,


anche la rappresentazione di Schrdinger dellautovettore (che uno stato improprio)
dellimpulso agli autovalori simultanei p = (p1 , . . . , p# ) delle componenti dellimpulso pk .
Abbiamo allora
pk p = pk p ,

k J#

moltiplichiamo scalarmente, a sinistra, entrambi i membri per lautovettore improprio q ,


troviamo

q , pk p = pk q , p
Tuttavia, nella sottosezione precedente abbiamo dimostrato che il primo membro vale


q , pk p = i~
q , p
qk
perci


i
, = pk q , p , k J#
qk q p
~
La prima delle equazioni scritte reca

i
q , p = f1 (q2 , . . . , q# ) exp
p1 q1
~

IV I postulati della meccanica quantistica

allora, la seconda equazione diviene

i
f1 (q2 , . . . , q# ) = p2 f1 (q2 , . . . , q# )
q2
~
sicch

i
f1 (q2 , . . . , q# ) = f1 (q2 , . . . , q# ) exp
p2 q2
~
iterando si ottiene, infine,

q , p = c exp

i
pq
~

che lipotesi di de Broglie. Imponendo la normalizzazione,

Z
Z

(p p0 ) = p , p0 =
q0 , p0 dq0 q0 =
q , p dq q ,

Z
Z
Z
Z

=
q , p dq q ,
q0 , p0 dq0 q0 =
q , q0 dq0 q0 , p0
q , p dq
0

Z
Z

p p
=
q , p dq q , p0 = |c|2 exp i
dq = |c|2 (2~)# (p p0 )
~
da cui

|c| =

1
(2~)#/2

e c determinato a meno di un fattore di fase (come ci si doveva aspettare essendo


indeterminati a meno di un fattore di fase gli autostai q e p ). Se scegliamo arbitrariamente
c reale ritroviamo la formula che avevamo gi ottenuto a partire dallipotesi di de Broglie.
Significato
dellonda di
de Broglie

Trasformata
di Fourier

Resta cos chiarito che londa di de Broglie associata a una particella in realt la sua funzione
donda, cio la sua rappresentazione delle coordinate.
Come abbiamo gi notato in precedenza e come deve essere anch la fisica sia la stessa nelle
due rappresentazioni, la trasformazione tra la rappresentazione delle coordinate e quella degli
impulsi unitaria.
(p) la trasformata di Fourier di (q) allora la funzione
Notiamo che se indichiamo con
corrispondente allo stesso stato in rappresentazione degli impulsi vale
(p/~) ,
(p) = ~#/2
infatti (ripetiamo il calcolo per esercizio)

Z
Z

(p) = p , = p , (q) dq q = (q) dq p , q =


Z
p q

dq
#/2
#/2 p

(q)
exp
i

= ~
=
~
~
~
~# (2)#/2

con il simbolo k + p/~ indicheremo, dora in poi, il vettore donda dellonda di de Broglie.

Relazione di
Heisenberg e
trasformate
di Fourier

Per funzioni di una variabile


(k)
(p) = ~1/2
da cui, se la distribuzione di probabilit associata a (q) ha una larghezza q data da
R

dq q 2 q2 | (q)|2
q =
R
dq | (q)|2

allora, la larghezza spettrale della sua trasformata, k, tale che (si veda A. Maggi, Metodi
Matematici della Fisica)
1
qk ,
2
ma
p = ~k p = ~k

IV.5 Trasformazioni unitarie e unicit delle rappresentazioni

e ritroviamo la relazione di Heisenberg


1
~.
2
Notiamo, in conclusione, che gli autostati dellimpulso in rappresentazione delle coordinate
(o viceversa) realizzano p = 0 e perci sono giustamente rappresentati da funzioni
trigonometriche, q .
qp

IV.5 Trasformazioni unitarie e unicit delle rappresentazioni


IV.5.1 Trasformazioni unitarie e rappresentazioni
Introduzione

Abbiamo visto come sia possibile dare diverse rappresentazioni dellalgebra delle regole
canoniche di commutazione. Tutto lapparato generale edificato finora perde del tutto di
significato se non garantiamo che ogni possibile rappresentazione delle CCR dia luogo alla
stessa fisica. Chiediamo cio che tutte le possibili rappresentazioni portino agli stessi risultati,
cos come in meccanica analitica classica ogni sistema di coordinate lagrangiane o canoniche
equivalente (come si ottiene dai corrispondenti teorema di covarianza).

Teorema di
von Neumann

Nella presente sottosezione dimostreremo che se due rappresentazioni sono legate da una
trasformazione unitaria (cos come lo sono impulso e coordinate) allora portano ai medesimi
risultati. Nella prossima sottosezione enunceremo il teorema di unicit di von Neumann,
secondo il quale, sotto deboli ipotesi, tutte le rappresentazioni sono unitariamente equivalenti.

Trasformazioni
unitarie

Allo scopo di precisare bene i concetti qui presentati, passiamo brevemente in rassegna le
propriet principali delle trsformazioni unitarie.
Siano date le basi ortonormali {en } e {e0n } di due spazi di Hilbert H e H0 . Sia U loperatore
tale che
e0n = U en
Loperatore definito sulle combinazioni finite dei vettore di base di H per linearit
U

N
X

an en =

i=1

su tale dominio denso F si ha

N
X

an U en =

i=1

N
X

an e0n

i=1

2
N
N

X
X

2
an en =
|an |
U

i=1

i=1

da cui, su F kU k = 1. Si estende allora U per continuit su tutto H ottenendo un operatore


limitato e di norma unitaria. Calcoliamone laggiunto
X
X

X
X
(, U )H0 =
bn e0n ,
an U en =
an e0n
bn U en ,
da cui si ottiene che U + definito come

U + e0n = en
ha norma 1 ed ha dominio su tutto H0 . Per ogni vettore di H si ha
X

(U , U )H0 = , U + U H = ,
an U + e0n
= (, )H
H

dunque U (e analogamente U + ) una isometria. Si ha poi U + U = U U + = I, cio U un


isomorfismo isometrico e vale U 1 = U + . Si dice allora che U un operatore unitario Sia
dato ora un operatore unitario: allora esso manda basi in basi: vediamo che il set trasformato
ortonormale
e0n + U en (e0n , e0m ) = (en , em ) = nm ,
inoltre se esiste talch
0 = (, e0n ) = (U , en )

IV I postulati della meccanica quantistica

allora U = 0 ma il kernel di U ridotto al solo 0 e = 0, da cui si ha pure la completezza


di e0n .
Un operatore allora unitario se e solo se manda sonc in sonc.
Trasformazione
unitaria di
operatori

Come sappiamo se dato un operatore A in H, allora la sua azione in H0 tradotta


dalloperatore
A0 = U AU 1 = U AU +
Sia ora autovettore di A allautovalore , allora U autovettore di A al medesimo
autovalore:
A =
U AU + U = U

Conservazione
delle regole di
commutazione

U A = U
A0 U = U

Stando a quanto visto sopra se tra le due rappresentazioni H e H0 esiste una trasformazione
unitaria U , losservabile posizione ha in H0 loperatore associato
q0 = U qU +

e analogamente questo vale per limpulso.


Vediamo, allora, leetto delle trasformazioni unitarie sui commutatori:

[
q , p] = U qU 1 , U pU 1 = U qU 1 U pU 1 U pU 1 U qU 1 = U [q, p] U 1
da cui, per le regole canoniche abbiamo, se qk = U qk U 1 , pj = U pj U 1

[
qk , pj ] = U [qk , pj ] U 1 = i~ kj
[
qk , qj ] = U [qk , qj ] U 1 = [
pk , pj ] = U [pk , pj ] U 1 = 0
Dunque, come in meccanica classica le trasformazioni canoniche lasciano invariate le parentesi
di Poisson, cos in meccanica quantistica i commutatori sono invarianti per trasformazioni
unitarie.
Trasformazioni
unitarie e
osservabili

Il risultato ottenuto nel caso dei commutatori la manifestazione di un fatto molto pi


generale. Abbiamo postulato che ogni osservabile F si esprime come funzione di q e p, f (q, p),
e che loperatore hermitiano associato a F f (
q , p). Ad esempio nella rappresentazione
H + L2q , q e p sono rispettivamente operatori di moltiplicazione e di derivazione e, presa
losservabile energia nel caso delloscillatore armonico H (q, p) = p2 /2m + 1/2m 2 q 2 , vale
H (
q , p) (q) =

~2 2
1
(q) + m 2 q 2 (q)
2m q 2
2

Consideriamo una seconda rappresentazione, ad esempio quella degli impulsi, H0 = L2p , in


cui le variabili siano q 0 e p0 , che sia collegata alla prima tramite una trasformazione unitaria
U . Preso losservabile F , la prima rappresentazione porta alloperatore f (
q , p), la seconda
alloperatore f (
q 0 , p0 ) (visto che esiste una trasposizione degli operatori impulso e posizione in
termini di U : p0 = U pU + , q0 = U qU + ), mentre la trasformazione unitaria traduce f (
q , p) in
U f (
q , p) U + . Ci aspettiamo allora che risulti

f (
q 0 , p0 ) = f U qU + , U pU + = U f (
q , p) U +

Tale risultato facile da dimostrare nel caso di relazioni algebriche (e, se non si bada troppo
per il sottile, per funzioni sviluppabili in serie di potenze) e nel caso di funzioni di una sola
variabile dinamica.
Per quanto riguarda le relazioni algebriche, cominciamo dai polinomi (un esempio quello
dellhamiltoniana delloscillatore armonico):
X
X
f (q, p) =
anm q n pm f (q 0 , p0 ) =
anm q 0n p0m
abbiamo

f (
q 0 , p0 ) =
ora

anm q0n p0m =

n
m
anm U qU +
U pU +

a
U AU + = U A U + U A U + U . . . U + U AU + = U Aa U +

IV.5 Trasformazioni unitarie e unicit delle rappresentazioni

perci
f (
q 0 , p0 ) = U

anm qn pm U + = U f (
q , p) U +

Non ci resta che mostrare che vale lo stesso se g (q, p) = 1/f (q, p) con f polinomiale, in questo
caso

1 + 1
1
g (
q 0 , p0 ) = [f (
q 0 , p0 )] = U f (
q , p) U +
= U
[f (
q , p)]1 U 1 = U g (
q , p) U +

Vediamo infine la dimostrazione se f = f (q) ( lo stesso se al posto di q abbiamo p): per


definizione,
f (
q ) q = f (q) q

con q , dunque, autovettore di f (


q ). Come abbiamo visto, vale q0 + U qU + e q0 U q =
q0 q0 = qq0 . Ne deriva che lautovalore relativo a q0 q 0 = q autovalore di q , da cui
f (
q 0 ) q0 = f (q 0 ) q0 = f (q) q0

daltronde
si conclude

U f (
q ) U + q0 = U f (
q ) U + U q = U f (
q ) q = f (q) U q = f (q) 0q

U f (
q ) U + = f (
q 0 ) = f U qU +

Abbiamo visto come si modificano tramite trasformazioni unitarie osservabili e regole di


commutazione, inoltre abbiamo visto come gli spettri risultino immutati e cos i prodotti
scalari che misurano le probabilit di trasizione degli stati. Ne deriva che la tutta la fisica
invariante per trasformazioni unitarie.
Date due rappresentazioni H e H0 , se esiste una trasformazione unitaria che implementa luna
nellaltra, allora le regole di commutazione, ma, come abbiamo detto, in generale tutta la
fisica, risultano invariate.

IV.5.2 Sistema di Weyl e teorema di von Neumann


Premettiamo che per la dimostrazione del teorema di von Neumann (inarontabile con gli
strumenti matematici poco ranati che abbiamo usato finora) si rimanda al quaderno di
Alberto Maggi, Trattazione matematica della Meccanica Quantistica, Tortuga Publisher
(attualmente in lavorazione).
Per semplicit lavoreremo nel caso unidimensionale
Teorema di von
Neumann e sue
conseguenze

Il teorema di von Neumann, sostanzialmente, inverte il risultato della precedente sottosezione.


In altri termini, se in due rappresentazioni H e H0 valgono le regole canoniche di commutazione,
allora, sotto deboli ipotesi che considereremo sempre soddisfatte, esiste una trasformazione
unitaria che implementa una rappresentazione nellaltra. Ne consegue che la validit delle
regole di commutazione condizione necessaria e suciente anch una certa rappresentazione
dia risultati fisicamente corretti.
Si comprende subito la portata di questo teorema che rende le regole di commutazione delle
variabili canoniche il fulcro dellintera teoria. La buona riuscita di una rappresentazione risiede
ora soltanto nella sua ricostruzione delle regole di commutazione.

Introduzione
degli operatori
esponenziali

Per poter formulare il teorema di von Neumann conviene riferirsi a operatori limitati. Questo
perch la relazione di commutazione vale su un insieme molto ristretto di vettori di H: per
poter applicare il commutatore a un vettore questo deve appartenere al dominio di p e q, di
modo che la sua immagine rispetto ai due operatori appartenga ancora al dominio di p e q.
Per ovviare a questo problema si introducono gli operatori esponenziali

a
p
exp i
, exp (ib
q)
~

che sono unitari e perci limitati. Lunitariet si mostra come segue: consideriamo il set
completo q e la sua immagine
+ exp (ib

q ) q = eiqb q ,
q

IV I postulati della meccanica quantistica

a meno di un fattore di fase:


si ha che
q
q

0 = ei(q0 q)b (q 0 q)
,

il secondo membro vale per (q q), infatti


Z
0
dq f (q) ei(q q)b (q 0 q) = f (q) .

ortonormale. Resta da vedere la completezza e la dimostrazione analoga quella


Il set
q
fatta nella sezione precedente per determinare la forma delloperatore p; in ogni caso, la
rivediamo
Z
Z
Z

iqb
iqb
,

= dq q , q = dq e q , e q = dq
q
q
per ogni , la tesi.

Gruppi a un
parametro di
operatori unitari

Definite le famiglie a un parametro di operatori unitari

a
p

A (a) = exp i
~
(b) = exp (ib
B
q)
abbiamo che esse formano un gruppo (ancora lo vediamo per q, ma ovviamente i ragionamenti
sono gli stessi per p): dobbiamo mostrare che
(b1 ) B
(b2 ) = B
(b1 + b2 ) .
B

Sistema di Weyl

Sugli autovettori di q che formano un s.o.n.c. si ha

(b2 ) q = exp (i
(b1 + b2 ) q
(b1 ) B
q b1 ) eiqb2 q = eiqb2 eiqb1 q = eiq(b1 +b2 ) q = B
B

da cui la tesi essendo q completo.
Veniamo ora a calcolare

a
p
a
p
exp i
exp (ib
q ) exp i
~
~

che si pu scrivere anche come

ma

A (a) f (
q ) A+ (a) = f A (a) qA+ (a)
A (a) qA+ (a) = q + aI

sicch

a
p
a
p
exp i
exp (ib
q ) exp i
= exp [ib (
q + aI)]
~
~

Dimostriamo il passaggio intermedio

a
p
a
p
exp i
q exp i
= q + aI
~
~
h
i
Calcoliamo il commutatore A (a) , q , esso del tipo [f (
p) , q], ma dal postulato di
quantizzazione si ha
f
[f (
p) , q] = i~ [f (p) , q]PB = i~
p
perci
h
i
a

q, A (a) = i~ eipa/~ = ~ eipa/~ = aA (a)


p
~
da cui
A (a) q = qA (a) + aA (a) = (
q + aI) A

IV.5 Trasformazioni unitarie e unicit delle rappresentazioni

moltiplichiamo ambo i membri a destra per A+ (a), troviamo, infine


A (a) qA+ = (
q + aI) AA+ = q + aI,
la tesi.
Dalle CCR al
sistema di Weyl

Ora, siccome lesponenziale eipa/~ si esprime come serie di potenze di una funzione di p si
ha che il passaggio


a
p
eiap/~
exp i
, q = i~
~
p

dovuto alle sole CCR: senza badare troppo al rigore matematico


"
n #
n
n

X 1 a
X
X

p
1 ia
1 ia
n
, q =
[
q , p ] =
ni~
pn1 =
i
n!
~
n! ~
n! ~
n=0
n=0
n=0

n1
X
1
eiap/~
i
pn1 = aeiap/~ = i~
= a
(n 1)! ~
p
n=1
Ne consegue che le regole di commutazione implicano

a
p
a
p
exp i
exp (ib
q ) exp i
= exp [ib (
q + aI)]
~
~

Risulta allora pi facile assumere come postulato, anzich le CCR, questultima espressione
che genera la cosiddetta algebra di Weyl.
Dal sistema di
Weyl alle CCR

Vediamo che lassunzione dellespressione di sopra implica le regole canoniche di


commutazione. A questo scopo consideriamo la famiglia a un parametro

a
p
a
p
T (a) = exp i
q exp i
~
~

vogliamo mostrare, stavolta in forza dellespressione di Weyl, che, come avevamo visto prima
T (a) = q + aI
Cominciamo col notare che
(b)
B
b

(b) q q
q = iqeibq q = ieibq qq = iB

da cui
(b)
B
(b) q
= iB
b
e perci

(b) B (b) ,
q = iB
b
analogamente
A (a)
p = i~A (a)
a
Dunque

"

#
(
)
(b)
(b)

B
(b)
(b) A (a) A (a)
T (a) = A (a) iB
A (a) = i A (a) B
A (a) =
b
b
(
)
(b)

B
(b) A (a) A (a)
= i A (a) B
A (a) =
b

= i exp (ib (
q + aI))
exp (ib (
q + aI))
b
ma

q + aI) exp (ib (


q + aI)) q
exp (ib (
q + aI)) q = i (q + a) exp (ib (q + a)) q = i (
b

IV I postulati della meccanica quantistica

da cui
T (a) = i {exp (ib (
q + aI)) i (
q + aI) exp (ib (
q + aI))}
ma siccome [f (
q ) , q] = 0 (infatti , si ha [f (
q ) , q] q
(qf (q) qf (q)) q = 0)

= f (
q ) q q qf (q) q

T (a) = q + aI
Questo implica facilmente che T /a = aI, daltra parte
o A (a)
T
n
A (a)
=
A (a) qA (a) =
qA (a) + A (a) q
=
a
a
a
a
h
i
ia
ia
A (a) pqA (a) A (a) qpA (a) = A (a) [
q , p] A (a)
=
~
~
ne consegue che
i~I = A (a) [
q , p] A (a)
da cui
[
q , p] = i~
Teorema di von
Neumann e
algebra di Weyl

Nota:
loperatore
di traslazione

Il teorema di von Neumann asserisce che tutte le rappresentazioni (con certe deboli
ipotesi) su uno spazio di Hilbert dellalgebra di Weyl sono unitariamente equivalenti. Ci
comporta che tutte le rappresentazioni che preservano le regole canoniche di commutazione
sono unitariamente equivalenti.
Si noti ancora come questo risultato sia la giustificazione fondamentale dellintero formalismo
che abbiamo sviluppato in questo capitolo.
Abbiamo visto come T (a) = A (a) qA (a) = q + aI, vogliamo investigare un attimo sulla
natura di questo operatore. A (a) unitario e come funzione di p commuta con p stesso, perci
A (a) pA (a) = p. Se ne ricava che A (a) implementa la trasformazione canonica che conserva
le CCR

q 7 q + a
p 7 p

Tale trasformazione rappresenta una traslazione di a degli strumenti di misura associati alle
osservabili, se q rappresenta un microscopio di Heisenberg q 0 rappresenta lo stesso strumento
di a. Siccome p0 = p, questo significa che se esistesse uno strumento in grado di misurare
p esso dovrebbe essere invariante per traslazioni, perci dovrebbe avere unestensione infinita.
Ecco che p unosservabile atipico, a questo proposito osserviamo che non lo si pu neppure
considerare tale se si lavora in un laboratorio finito, cio se |q| L. In tal caso infatti gli
autostati dellimpulso se esistessero dovrebbero essere onde piane infinitamente lunghe, il che
assurdo essendo q limitato.

IV.6 Evoluzione temporale


Il quadro dei postulati della meccanica quantistica non pu esaurirsi a quanto detto finora.
Infatti, non abbiamo ancora arontato il problema della determinazione dellandamento
temporale del sistema. Ci siamo cio limitati a descrivere la meccanica a un istante fissato.
Lasciamo ora scorrere il tempo, ci aspettiamo che gli stati evolvano nel tempo, cos i rispettivi
rappresentativi nello spazio H.

IV.6.1 Loperatore di evoluzione temporale


I postulato:
esistenza di
un operatore
di evoluzione
U lineare

In analogia con la meccanica classica ammetteremo lesistenza di un operatore di evoluzione


temporale che faccia corrispondere allo stato iniziale (istante t0 ) t0 lo stato t allistante
t. Se non operiamo misure tra gli istanti t0 e t (esse alterano lo stato del sistema in modo
statistico) postuliamo che lo stato allistante t0 sia individuato da
t = U (t, t0 ) t0 ,

t t0

con U (t, t0 ) operatore lineare. Si noti come il postulato di esistenza delloperatore U (che

IV.6 Evoluzione temporale

fa dipendere lo stato al tempo t0 solo dallo stato iniziale) conferisce alla meccanica quantistica
carattere deterministico, a patto che non si eseguano misure sul sistema.
La linearit di U implica la conservazione nel tempo delle relazioni di sovrapposizione:
t0 = at0 + b t0
allora

II postulato:
Im U = H
III postulato:
U isometrico

t = U at0 + b t0 = at + b t

Il secondo postulato che poniamo che il range di U sia lintero spazio H: Im U = H.


Dunque U suriettivo. Questo comporta che ogni stato del sistema levoluto temporale
di un altro stato, cio ogni presente ha un passato.
Il terzo postulato che U sia isometrico

t0 , t0 = U t0 , U t0 = (t , t )

il che comporta che i prodotti scalari, e quindi le probabilit di transizione, restino invariati
nel tempo.
In particolare la norma di t0 invariata nel tempo.
Limposizione del terzo postulato fa s che loperatore di evoluzione temporale U abbia la
stessa natura delloperatore di traslazione spaziale A (a). In eetti, loperatore di evoluzione
temporale unoperatore di traslazione nel tempo (U (t, t0 ) trasla il tempo di t t0 ).
Unitariet di U

Calcoliamo ora il kernel di U (t, t0 )


0 = U (t, t0 ) 0 = (U (t, t0 ) , U (t, t0 ) ) = (, ) = 0
da cui ker U (t, t0 ) = {0} e dunque U iniettivo, ma siccome per il secondo postulato
suriettivo, esso invertibile e perci unitario.
Poniamo (per definizione)
U 1 (t, t0 ) + U (t0 , t)
allora U definito su tutto R2 e, ovviamente, U (t0 , t0 ) = I.

Composizione
degli operatori
di evoluzione

Una ovvia conseguenza del determinismo la seguente


t3 = U (t3 , t1 ) t1 = U (t3 , t2 ) t2
ma t2 = U (t2 , t1 ) t1 , da cui
t3 = U (t3 , t1 ) t1 = U (t3 , t2 ) U (t2 , t1 ) t1
in definitiva,
U (t3 , t1 ) = U (t3 , t2 ) U (t2 , t1 )

IV.6.2 Sistemi fisici indipendenti dal tempo


Sistemi
indipendenti
dal tempo

Consideriamo ora un sistema che sia invariante per traslazione temporale, i.e., indipendente
dal tempo. Per esso
U (t2 , t1 ) = U (t2 + t0 , t1 + t0 )
cio levoluzione del sistema avviene allo stesso modo sia che lo stato iniziale sia posto adesso
che in un qualsiasi altro momento (domani, per esempio!).

U come gruppo a
un parametro di
trasformazioni
unitarie

Preso t0 = t1 si ha, con abuso di notazione,

U (t2 , t1 ) = U (t2 t1 , 0) + U (t2 t1 )

cio lo stato finale dipende solo dalla dierenza tra listante finale e quello iniziale. Si ha,
in termini matematici, che lapplicazione t 7 U (t) definisce una famiglia a un parametro di
operatori unitari.
La legge deterministica diventa allora
U (t3 t1 ) = U (t3 t2 ) U (t2 t1 )

IV I postulati della meccanica quantistica

cio, essendo t3 t1 = (t3 t2 ) + (t2 t1 )


U (t2 + t1 ) = U (t2 ) U (t1 )
da cui vale la propriet commutativa: [U (t2 ) , U (t1 )] = 0. In definitiva, levoluzione temporale
definisce un gruppo a un parametro di operatori unitari.
Teorema
di Stone
Teorema IV.3
(di Stone)

Nel citato Trattazione matematica della Meccanica Quantistica dimostreremo il teorema di


Stone:

Dato un gruppo a un parametro debolmente continuo di operatori unitari U (t), esiste un


operatore autoaggiunto K tale che
U (t) = exp (itK)
Inoltre
d
U (t + ) U (t)
U (t) = lim
= iK exp (itK)
0
dt

Ricordiamo che il gruppo si dice debolmente continuo se per ogni , H la funzione


t 7 (, U (t) ) continua. Assumeremo che questa ipotesi sia sempre soddisfatta nel caso
fisico.

Digressione
sugli operatori
autoaggiunti

Equazione di
Schrdinger
dipendente
dal tempo

Abbiamo detto che K un operatore autoaggiunto. Ci significa che K simmetrico (o


hermitiano), cio definito su un dominio D (K) denso in H, se D (K) e (, K) = (, )
allora D (K + ) e = K + , se D (K + ) D (K) allora su D (K) K = K + . Inoltre il fatto
che K sia autoaggiunto impone che D (K) = D (K + ). Si noti infine come non si possa dire
che K simmetrico autoaggiunto restringendo D (K + )a D (K) perch il dominio di K + ben
definito nella definizione stessa di operatore aggiunto.
Dal teorema di Stone abbiamo
d
(U (t) ) = iK (U (t) )
dt
cio
i

d
= Kt
dt t

Sia U che K dipendono dalle specifico problema fisico (dalle forze, o meglio, dalle interazioni
in gioco), in particolare K unosservabile che riassume in s lintera dinamica del sistema.
K sembra essere analoga allhamiltoniana nel caso classico. In meccanica classica il momento
p il generatore delle traslazioni spaziali e in meccanica quantistica abbiamo visto che questo
ruolo assolto dalloperatore exp (ipa/~). Visto che il generatore delle traslazioni temporali
adesso exp (itK), mentre, nel caso classico, lhamiltoniana, si pu pensare che risulti
K=
da cui ricaviamo

H
~

H
U = exp it
~

Lequazione di Schrdinger dipendente dal tempo diventa


d
t
i~ t = H
dt
come si vede, si perviene a unequazione dierenziale del primo ordine: lo stato al tempo
t univocamente determinato dallo stato al tempo 0, cosa evidentemente coerente con la
definizione delloperatore U .
Equazione di
Schrdinger in
rappresentazione
delle coordinate

In rappresentazione di Schrdinger, lequazione dipendente dal tempo diventa

i~ (q, t) = H q,
(q, t)
t
q

IV.6 Evoluzione temporale

dove, ovviamente,

Stati stazionari

(q, t) = q , t

Cerchiamo adesso eventuali stati che siano indipendenti dal tempo, stati stazionari. Uno
stato stazionario se per ogni t risulta
t = U (t) 0 = 0 ,

poich se t = 0 allora t e 0 , appartenendo allo stesso raggio, sono rappresentativi del


medesimo stato. Siccome pu dipendere dal tempo abbiamo la seguente equazione agli
autovalori
U (t) 0 = (t) 0
Sostituiamo quanto trovato nellequazione dipendente dal tempo
( ) = (t) H

i~ (t) = H

(t)
= i~

(t) 0

0
H

Esaminiamo la seconda equazione. Siccome il primo membro non dipende dal tempo, il
secondo membro deve essere costante, questo comporta che 0 autovettore dellhamiltoniana
allautovalore
(t)
i~
=E
(t)
Da questultima, si ricava pure che

E
(t) = (0) exp it
~

daltra parte (0) = 1, sicch

E
(t) = exp it
~
e, dunque

E
t = exp it
0
~

Giustamente, t 0 a meno di una fase: questo conferma che 0 rappresenta uno stato
allautovalore
stazionario, ma pure in accordo con il fatto che, siccome 0 autovettore di H
E, per definizione

0 = f (E) 0
f H
dunque

H
E
t = exp it
0 = exp it
0
~
~

Questultima osservazione mostra come valga anche il viceversa di quanto detto sopra: se 0
autovettore allistante 0 dellhamiltoniana allautovalore E, rimane tale (a parte un fattore
di fase ininfluente) nel tempo e perci il rappresentativo di uno stato stazionario.
Proposizione IV.1
Evoluzione di
stati qualunque

Gli stati stazionari sono tutti e soli gli autostati dellhamiltoniana.


Consideriamo ora uno stato qualunque 0 . Sviluppiamo tale stato in serie degli autovettori
dellhamiltoniana, nel caso di spettro discreto dellenergia, risulta
X

0 =
an En , an = En , 0
n

allora

H
t = exp it
~

X
n

an En

IV I postulati della meccanica quantistica

ma loperatore limitato, dunque


t =

X
n

H
an exp it
~

En =

an eitEn /~ En

Quanto scritto mostra come sia fondamentale il ruolo dellosservabile energia in meccanica
quantistica. Determinati i suoi autovalori e i suoi autovettori risulta fissata levoluzione
temporale di ogni stato arbitrario. Questo enfatizza limportanza della risoluzione del
e mostra anche come in meccanica quantistica lo studio degli
problema agli autovalori per H
stati stazionari sia di gran lunga pi rilevante dellanalisi dellevoluzione temporale che tanta
importanza aveva in ambito classico.
Per completezza ripetiamo il calcolo di sopra nel caso di spettro continuo

!
Z
Z
H
t = exp it
dE (E) E = dE eitE/~ (E) E
~
ovvia la generalizzazione al caso misto.
Per concludere, lo sviluppo di uno stato in autostati dellenergia prende il nome di
rappresentazione di Heisenberg.
Evoluzione
degli elementi
di matrice e
dei valori medi

Pu avere un interesse notevole studiare levoluzione nel tempo dei valori medi delle osservabili
o, pi in generale, dei loro elementi di matrice. Dati due stati al tempo t lelemento di matrice
dellosservabile A vale

(t , At ) = (U (t) 0 , AU (t) 0 ) = 0 , U + (t) AU (t) 0


e per i valori medi si ha

Costanti
del moto

a
(t) = (t , At ) = 0 , U + (t) AU (t) 0

Se poi 0 = E autostato dellenergia nessun valor medio pu cambiare nel tempo, essendo
E stazionario. La cosa ha il seguente riscontro algebrico

(t , At ) = (U (t) E , AU (t) E ) = eitE/~ E , eitE/~ AE = (E , AE )

Abbiamo visto come se 0 autostato dellenergia, allora su di esso i valori medi di tutte
le osservabili sono costanti. Ci chiediamo adesso se esistono osservabili A per cui su tutti gli
stati i valori medi sono indipendenti dal tempo. Evidentemente deve essere, per ogni 0

(0 , A0 ) = (t , At ) = 0 , U + (t) AU (t) 0

da cui, per ogni t

A = U + (t) AU (t) [A, U (t)] = 0

Deriviamo rispetto al tempo, ricordiamo che U + = exp itH/~


e che la sua derivata nel
+
tempo i/~U H
0=
ponendo t = 0

i
i +

(t)
(t) U + (t) AHU
U (t) HAU
~
~
h

i
A =0
H,

ed A commutano, allora A e U (t) commutano (lo abbiamo gi dimostrato


Viceversa, se H
usando lo sviluppo in serie di potenze dellesponenziale, e vale in modo ovvio se si utilizza la
definzione tipo sistema dinamico, vedi per esempio Analisi II per Fisici ), dunque, gli elementi
di matrice (o i valori medi) di A restano immutati.
equivalentemente che ha elementi di matrice costanti,
Unosservabile A che commuta con H,
si dice costante del moto.
La conoscenza delle costanti del moto , ora come in meccanica classica, utile per la soluzione
del problema dellevoluzione temporale:
Proposizione IV.2

Se A una costante del moto e se 0 autovettore di A allautovalore a, tale anche t .

IV.6 Evoluzione temporale

Dimostrazione

e dunque con U , perci se 0 autovalore di A


Come abbiamo detto A commuta con H
(c.v.d.) allautovalore a, tale anche U 0 = t .

IV.6.3 Schema di Heisenberg


Equazione
dierenziale
per U

Consideriamo ora sistemi dipendenti dal tempo, tali che, cio, lhamiltoniana sia funzione
esplicitadel tempo (per esempi,o una particella in campo oscillante). Sia U (t, t0 ) loperatore
di evoluzione temporale e supponiamo che ne esista la derivata rispetto a t. Siccome unitario
sempre possibile scrivere la derivata come
d
U (t, t0 ) = iK (t, t0 ) U (t, t0 )
dt
daltra parte
U (t, t0 ) = U (t, t) U (t, t0 )
derivando in t
iK (t, t0 ) U (t, t0 ) = iK (t, t) U (t, t) U (t, t0 ) = iK (t, t) U (t, t0 )
siccome U (t, t0 ) invertibile
K (t, t0 ) = K (t, t)
da cui K non dipende dal secondo argomento e si trova
d
U (t, t0 ) = iK (t) U (t, t0 )
dt
+

Abbiamo poi che d/dtU + = (d/dtU )

d +
dU
dU +
U U + = I 0 =
U+
U U =
U = iK + U + U iKU U + = i K + K
dt
dt
dt

da cui K hermitiano. Assumiamo, come prima per il caso indipendente dal tempo, che
K = H/~, allora si trova che U soddisfa lequazione dierenziale

d
H (t)

U (t, t0 ) = i
U (t, t0 )
dt
~

U (t0 , t0 ) = I

Sotto certe ipotesi su H, che noi assumiamo senzaltro soddisfatte nel caso fisico, abbiamo per
U la formula di Trotter

Z
i t 0 0
U (t, t0 ) = T exp
dt H t
~ t0
dove T sta a indicare il prodotto T-ordinato (tempo-ordinato), cio
T (a (t1 ) . . . a (tn )) = a (ti1 ) . . . a (tin )
dove ti1 . . . tin da cui, serie di Dyson,

n Z t
Z tn1
Z t1
Z

X
i t 0 0
i
T exp
dt H t
dt1
dt2 . . .
dtn H (t1 ) . . . H (tn )

=I+
~ t0
~
t0
t0
t0
n=1
(le ipotesi su H garantiscono la convergenza della serie).

Si noti che se H (t) commuta con H (t0 ) per ogni t, t0 , allora

Z
Z
i t 0 0
i t 0 0
U (t, t0 ) = T exp
dt H t
dt H t
= exp
.
~ t0
~ t0
Valori medi
ed elementi
di matrice

Possiamo rifare nel caso generale il discorso su valori medi ed elementi di matrice delle varie
osservabili (in generale, dipendenti esse stesse dal tempo): presa una osservabile A (t) si ha

a
(t) = t , A (t) t = U (t, t0 ) 0 , A (t) U (t, t0 ) 0 = 0 , U + (t, t0 ) A (t) U (t, t0 ) 0

IV I postulati della meccanica quantistica

si noti come questo signfica che preparato N volte lo stesso stato 0 , aspettato ogni volta
listante t ed eettuata allora la misura di A (ai con i numero della ripetizione dellesperimento)
si ha che
P
ai
a
(t) .
N
Schema di
Heisenberg
e schema di
Schrdinger

Quanto detto finora a proposito dellevoluzione temporale segue lo schema di Schrdinger


(Schrdingers picture). Visto che ogni stato del sistema determinato da un solo raggio,
ne studiamo levoluzione temporale e siamo in grado di conoscere tutto quello che ci occorre
(elementi di matrice o valori medi) una volta assegnata levoluzione dello stato allistante t = 0.
Daltra parte possibile assumere un punto di vista leggermente diverso. Siccome ci
interessano, non tanto gli stati in se stessi, quanto i valori medi delle osservabili su tutti gli
stati, ogni modo alternativo allo schema di Schrdinger che ci consenta di avere levoluzione
dei valori medi legittimo (e anzi equivalente).
Torniamo allora a scrivere lequazione per a
(t)

a
(t) = t , A (t) t = 0 , U + (t, t0 ) A (t) U (t, t0 ) 0

come si vede nellultima espressione gli stati sono quelli al tempo t = 0, mentre loperatore
associato allosservabile A si evolve nel tempo sia a causa della sua dipendenza esplicita da
t, sia per la coniugazione tramite U (t, t0 ). Veniamo cio a ridefinire loperatore associato
allosservabile A come
AH (t) + U + (t, t0 ) A (t) U (t, t0 )

dove il pedice H sta per Heisenberg. Infatti, il punto di vista secondo cui a variare sono gli
operatori associati alle osservabili (e non gli stati) si dice schema di Heisenberg (Heisenbergs
picture). Si noti come questo schema sia conforme a quello naturale della meccanica classica,
nella quale eettivamente si fanno variare le osservabili f (p, q) essendo (p, q) = (p (t) , q (t)).
Ci aspettiamo di trovare in questo schema nuove analogie con la meccanica classica
Derivazione
H
di A

Equazioni di
Heisenberg

Schema di
Heisenberg
nel caso
indipendente
dal tempo

Passiamo a derivare gli operatori AH , abbiamo


dAH
A (t)
= iU + (t, t0 ) K (t) A (t) U (t, t0 ) + U + (t, t0 )
U (t, t0 ) iU + (t, t0 ) A (t) K (t) U (t, t0 ) =
dt
t

AH
1 +
(t) U (t, t0 ) U + (t, t0 ) H
(t) A (t) U (t, t0 ) =
=
+
U (t, t0 ) A (t) H
t
i~
A

AH
1 +
1
H
H AH =
U + HU
U + AU

=
=
+
U AU U + HU
+
AH HH H
t
i~
t
i~
i
h

AH
1
=
+
AH , HH
t
i~

dove si posto AH /t = U + (t, t0 ) A (t) /t U (t, t0 ).


Abbiamo perci ottenuto le equazioni di Heisenberg per levoluzione temporale nello schema
di Heisenberg
dAH
AH
1 h i
=
+
AH , HH
dt
t
i~
che sono formalmente identiche alle equazioni di Hamilton. Ci implica, nella filosofia con
la quale abbiamo enunciato il postulato di quantizzazione, che si debba prendere per HH
lhamiltoniana classica.
Nel caso in cui lhamiltoniana sia indipendente dal tempo
H (t) = U + (t) HU
(t) = H

H
commuta con U e U + .
poich, in questo caso, H
Sempre nel caso H indipendente dal tempo, abbiamo che se A una costante del moto, allora
h
i
=0
AH , H

IV.7 Sistemi composti: prodotto tensoriale di spazi di Hilbert

daltra parte, assunto A indipendente esplicitamente dal tempo, si ha


dAH
=0
dt
cio AH indipendente dal tempo. Allora

t = 0 , AH 0
t , A
indipendente dal tempo, come doveva essere.

Cenni su
simmetrie e leggi
di conservazione

Consideriamo di nuovo il caso di una osservabile G indipendente dal tempo. Possiamo porre
+ G,
allora il sistema evolve tramite loperatore unitario
H

G
UG (a) = exp i a
~
sia eettivamente lhamiltoniana proprio
dove a un parametro reale (che nel caso in cui G
il tempo). Ne consegue che ogni osservabile F , nello schema di Heisenberg, viene mandata in
FH (a) = U + (a) F UG (a)
G

Ora, definiamo la trasformazione infinitesima indotta da G come il termine lineare della serie
esponenziale
ia
G (a)
UG (a) I G
+U
~
Andiamo a vedere come evolve F secondo la U (a)

h
i
+ (a) F U
(a) = I+ ia G
F I ia G
F + ia G
F ia F G
= F + a F , G
+ FH
FH U
G
~
~
~
~
i~
cio, per trasformazioni infinitesime

G (a) = I ia G
U
~
una osservabile F evolve in

a h i
F,G
FH = F +
i~
Ne consegue che F commuta con G se e solo se F invariante per la trasformazione infinitesima
G (a) indotta da G.
U
Vale allora il seguente
Teorema IV.4
(di Poisson)

Una osservabile G indipendente dal tempo una costante del moto se e solo se la hamiltoniana

del sistema invariante per trasformazioni infinitesime indotte da G.

IV.7 Sistemi composti: prodotto tensoriale di spazi di Hilbert


Ci poniamo ora un problema che riguarda formalismo (piuttostoche i fondamenti teorici)
della meccanica quantistica: vogliamo caratterizzare sistemi composti. Per agevolare la
comprensione di quanto diremo si pu supporre che il sistema sia formato da due sottosistemi
semplici: il nucleo e lelettrone di un atomo di idrogeno.

IV.7.1 Prodotto tensoriale di spazi di Hilbert


Formuliamo in termini matematici il problema: il sottosistema 1 sia caratterizzato dallo spazio
di Hilbert H1 , il sottosistema 2 da H2 mentre lintero sistema da H. Vogliamo determinare la
relazione che corre tra H1 , H2 e H.

Sistemi
composti in RS

Passiamo momentaneamente in rappresentazione di Schrdinger. Allora H1 eH2 sono gli


spazi delle funzioni (q1 ) e (q2 ) a quadrato sommabile. Ora, in meccanica classica, il
sistema composto ha coordinate (q1 , q2 ) e perci H, in rappresentazione di Schrdinger, lo
spazio delle funzioni (q1 , q2 ) a quadrato sommabile. Inoltre, se n (q1 ) e m (q2 ) sono basi

IV I postulati della meccanica quantistica

ortonormali in H1 e H2 , come si dimostra nel corso di Metodi Matematici, vale


X
(q1 , q2 ) =
cnm n (q1 ) m (q2 )
n,m

Prodotto
tensoriale di
spazi di Hilbert

Da questultima equazione si ricava che H il prodotto tensoriale di H1 e di H2 :


H = H1 H2
Se adesso torniamo al caso generale, abbandonando la rappresentazione di Schrdinger,
abbiamo ancora che lo spazio di Hilbert H il prodotto tensoriale degli spazi di Hilbert
dei sottosistemi. La definizione di H viene data come completamento del prodotto tensoriale
algebrico di H1 e H2 rispetto al prodotto scalare definito per i vettori fattorizzabili H 3
(con H1 e H2 )
(1 1 , 2 2 ) = (1 , 2 ) (1 , 2 )
esteso a tutto lo spazio per sesquilinearit.
I vettori di H che non sono fattorizzabili, ad esempio le funzioni L2q1 ,q2 a variabili non separabili,
si dicono rappresentativi di stati entangled (termine intraducibile in italiano e che sta per
confusi, intrecciati ).

Osservabili per
lintero sistema

Un problema che si pu porre quello di definire le osservabili di 1 e 2 sullintero sistema. A


questo scopo si procede ancora a definire loperatore sugli stati fattorizzabili per poi estendere
per linearit. Siano A una osservabile del sottosistema 1 e B una osservabile del sottosistema
2: poniamo in modo naturale
A () = (A)
B () = (B)
Ne ricaviamo subito che A e B commutano (almeno sugli stati fattorizzabili)
[A, B] () = A ( (B)) B ((A) ) = AB AB = 0

Hamiltoniana
di sistemi non
interagenti

Notiamo che se i sottosistemi non interagiscono, gli unici stati possibili dellintero sistema sono
quelli fattorizzabili e in questo caso la hamiltoniana del sistema composto data dalla somma
delle hamiltoniane. Mostriamo quanto detto andando a scrivere lequazione di Schrdinger
dipendente dal tempo
d
()
i~ () = H
dt
daltra parte

d
d
t + t
t+ t+ t t =
t + t t t + o () =
dt
dt
d t
dt
=
+ t
+ o ()
dt t
dt
sicch

1
d
d
d
1
1
H () =
() =
+
=
H1 + H
2 =
i~
dt
dt
dt
i~
i~

1
1
1
2 ()
=
H1 () + H
H1 + H
2 () =
i~
i~
i~
2 su tutti gli stati realizzabili dal sistema (cio quelli fattorizzabili).
=H
1 + H
da cui H
Si noti come in questultimo caso le due hamiltoniane siano costanti del moto per lintero
sistema.

IV.8 Stati puri e miscele statistiche


IV.8.1 Manifestazioni del carattere statistico della meccanica quantistica
Misura e
probabilit

Abbiamo gi notato (fin dalla prima sezione di questo capitolo) che la formulazione della
meccanica quantistica statistica. Abbiamo visto come il carattere statistico si esemplifica

IV.8 Stati puri e miscele statistiche

quando si voglia misurare una certa osservabile A su un certo stato del sistema: i risultati
della misura sono regolati da una distribuzione di probabilit, infatti, se per scriviamo lo
sviluppo standard in autostati
X (n) (n)
=
ci i ,
i,n

abbiamo che la probabilit di ottenere il valore ak per A


X (n) 2
PkA () =
ck .
n

Esempio di
miscela statistica

Daltra parte, questo aspetto statistico della meccanica quantistica si pu vedere


sperimentalmente quando si sappia riprodurre N 1 volte esattamente lo stato scelto.
Alla base delle considerazioni di prima sta cio lipotesi che esista un apparato preparatore in
grado di produrre sempre lo stesso stato , il che non detto a priori.

Supponiamo allora di ripetere lesperimento di prima N volte avendo uno strumento che ci
prepara il sistema negli stati 1 e 2 , rispettivamente, N1 e N2 volte, con N = N1 + N2 . Ora,
per lo stato j , j J2 , la teoria prevede che, eettuando la misura di A, si trover lautovalore
ak con una probabilit

PkA j

Dunque, nelle N ripetizioni dellesperimento, troveremo il valore ak per N1 PkA ( 1 ) +


N2 PkA (2 ) volte, di modo che la probabilit di trovare ak

N1 A
N2 A
Pk (1 ) +
P (2 )
N
N k
Il valor medio delle misure sullinsieme statistico {( 1 , N1 /N ) , (2 , N2 /N )} di stati risulta

X
N1 X
N2 X
N1
1 + N2 2 , A
2 =
hAi =
ak PkA =
ak PkA (1 ) +
ak PkA (2 ) =
1 , A
N
N
N
N
PkA =

=
Eetti classici ed
eetti quantistici

N1
N2
A ( 1 ) +
A (2 )
N
N

Possiamo allora dire che hAi un valor medio classico mentre A un valor medio quantistico.
chiaro, adesso, che si ha a che fare con due eetti statistici distinti, quello quantistico
ineliminabile e quello classico che deriva dalla nostra inabilit a conoscere esattamente lo
stato su cui andiamo ad eettuare la misura di unosservabile (vedremo che in certi casi anche
questo secondo aspetto si presenter a priori).

IV.8.2 Stati puri, miscele statistiche, operatore statistico


Stati puri
e miscele
statistiche

Vogliamo, in primo luogo, dare una definizione generale dei concetti intorodotti prima. Il
nostro apparato preparatore produca gli stati (non necessariamente ortogonali!) 1 , . . . , n
con una distribuzione di probabilit 1 , . . . , n . Diremo allora che il nostro strumento prepara
una miscela statistica {(1 , 1 ) , . . . , (n , n )} anzich uno stato puro. Detto questo, la
probabilit che dalla misura di una osservabile A sulla miscela statistica data si ottenga il
valore ak
n
X

PkA (miscela) =
j PkA j
j=1

da cui

hAi =

Operatore
statistico


perci hAi la media delle medie A j .

n
X
j=1

j
j j , A

Data una miscela statistica che, notiamo, potrebbe essere composta da infiniti stati, definiamo

IV I postulati della meccanica quantistica

operatore statistico della data miscela


W +

X
j

j j j

Vediamo alcune delle propriet salienti di W . In primo luogo stimiamone la norma


P

X
kk j j j
j
j j
kW k
j = 1
=

=
kk
kk
kk
j

dunque W limitato e perci continuo. Andiamo a calcolarne laggiunto

X
X
X

j j , j =
j j , , j =
j j , j , =
(, W ) = ,
j

=
j j , j , = (W , )
j

da cui W = W + , e loperatore statistico autoaggiunto. Infine, abbiamo

X
X

2
X
(, W ) = ,
j j , j =
j j , , j =
j j , 0
j

da cui W un operatore non negativo.

Per concludere notiamo che cambiando i j per una fase loperatore W resta invariato
X
X
X

j eij j , eij j =
j j , eij eij j =
j j , j = W
j

Traccia di
un operatore

Vogliamo mettere in relazione W con hAi. A questo scopo intorduciamo la nozione di traccia
di un operatore, dato un sistema ortonormale completo {k } si pone
X
Tr B +
(k , B k )
k

ora, per dimostrare che si tratta di una buona definizione dovremmo verificare che per ogni
s.o.n.c. il risultato del secondo
sempre lo stesso. Ora, questo non in generale vero.
membro

Si dovrebbe infatti avere, se j un s.o.n.c.,


X
XX
XX
X
(k , B k ) =
(k , B n ) ( n , k ) =
( n , k ) (k , B n ) =
( n , B n )
k

da cui la validit della definizione dipende dalla possibilit di scambiare le serie. Ora, facile
vedere che le due serie (quella prima in k e poi n e quella prima in n e poi in k) sono il
riordinamento luna dellaltra: anch abbiano la stessa somma, dal teorema di Dirichlet,
suciente che una delle due abbia convergente la parte positiva o la parte negativa (ad esempio,
basta che una sia a termini positivi). Avvertiamo che nel seguito di questa trattazione, come
di consueto, non approfondiremo il discorso matematico sulla traccia che in realt molto
complicato.
Per quanto ci occore, vogliamo vedere linvarianza per cambiamento di s.o.n.c. per loperatore
AW , per A hermitiano limitato. Cominciamo col calcolare AW :
X
X
X

AW = A
j j j =
j j , Aj =
j Aj j
j

calcoliamone la traccia

Tr (AW ) =

XX
k

un suo riordinamento
XX
j

j j , k k , Aj

j j , k k , Aj =
j j , Aj
j

IV.8 Stati puri e miscele statistiche

ma
0<

X
X

j j , Aj kAk
j = kAk
j

che finito se A limitato. Sicch

Tr (AW ) = hAi
e si tratta di una quantit banalmente invariante per cambiamento di base. Cos come per
A = I, caso che vediamo esplicitamente:
X X
2 X X

X
X
Tr W =
j k , j =
j j , k k , j =
j j , j =
j = 1
k

2
dove le serie si scambiano perch j k , j 0.
Ricapitoliamo le propriet degli operatori statistici

Proposizione IV.3
Propriet ciclica
della traccia

Un operatore statistico continuo, autoaggiunto, non negativo e ha traccia pari a uno.


Notiamo che vale anche Tr (AW ) = Tr (W A), propriet vera in dimensione finita, infatti,
X
X
X
X

W A =
j j j A =
j j , A j =
j Aj , j =
j j Aj ,
j

inoltre

hAi =
=

X
j

Stati puri
e miscele
statistiche in
termini di W

Proposizione IV.4

X
XX

j j , Aj =
j Aj , j =
j Aj , k k , j =
j

XX
k

k ,
j Aj , k j = Tr (W A) .
Aj , k k , j =
k

Siamo ora in grado di caratterizzare stati puri e miscele statistiche in termini di W .


Consideriamo due operatori statistici W1 e W2 , presa una loro combinazione lineare convessa
W + 1 W1 + 2 W2 con 1 , 2 > 0 e 1 + 2 = 1, abbiamo che W un operatore statistico
(la verifica ovvia).
Lo spazio degli operatori statistici convesso.
Adesso, uno stato puro se il suo operatore statistico associato W = non scrivibile
come combinazione convessa (non banale) di altri operatori statistici, cio se estremale
nellinsieme (che abbiamo dimostrato essere convesso) degli operatori statistici. Infatti, valga
W = 1 W1 + 2 W2
con
W1 =

X
j

j j j ,

W2 =

X
j

j j j

calcoliamo il valor medio di W e di 1 W1 + 2 W2 sullo stato , abbiamo


1 = 1 (, W1 ) + 2 (, W2 ) ,
ora, siccome 0 (, W1,2 ) kW1,2 k = 1 e 1 = 1 + 2 con 1 , 2 6= 0, si ha
(, W1,2 ) = 1
da cui
1=

X
j

2 X
2
j j , =
j j ,
j

da cui, essendo le somme dei j e dei j rispettivamente pari a 1, j , , j , 1, si


deduce che, per ogni j

2
2
1 = j , = j ,
il che vero se e solo se tutti i j e i j sono pari a a meno di una fase, da cui W1 = W2 = W .


Teorema IV.5

IV I postulati della meccanica quantistica

Gli stati puri sono estremali nellinsieme degli operatori statistici.


Ora, consideriamo di nuovo linsieme degli operatori statistici e sia W uno stato puro, allora
W = W + , Tr W = 1 e, in pi, W 2 = W , cosa immediata da verificare
W 2 = ( ) (, ) = (, ) (, ) = (, ) = W .

Vale pure il viceversa, sia cio dato un operatore statistico con W 2 = W , siccome W = W + ,
allora W un proiettore ortogonale. Notiamo che se fosse W u = 0 per ogni u Tr W = 0, sicch
esiste un sottospazio non banale sul quale proietta W , ne consegue che esiste u0 normalizzato
per cui
W u0 = u0 ,
completato u0 a una base ortonormale un si ha
1 = Tr W = (u0 , W u0 ) + (u1 , W u1 ) + . . . = 1 + (u1 , W u1 ) + . . .
essendo (un , W un ) 0 si conclude che per n 6= 0

0 = (un , W un ) = un , W 2 un = (W un , W un ) = kW un k W un = 0

quindi W un proiettore sullo spazio generato da u0 e, dunque, rappresenta lo stato puro u0 .

Teorema IV.6

Analogia con
la meccanica
classica

Un operatore statistico rappresenta uno stato puro se e solo se idempotente.


In meccanica classica si definisce la funzione normalizzata (p, q) di modo che il valor medio
di una osservabile f (p, q) vale
Z
hf i = dp dq (p, q) f (p, q)
analoga alla

D E

f = Tr W f

Inoltre, in meccanica classica, grazie alle equazioni di Hamilton, si ha lequazione di continuit,


se v il flusso hamiltoniano
Z
Z
d
dV = v n dS
dt V

da cui, dal teorema di Gau,

div (v) +

= 0,
t

daltra parte
div (v) = (v) = () v + v = () v
sicch
0=

+
= [, H]PB +
,
q p
p q
t
t

infine

= [, H]PB
t
Ci aspettiamo, naturalemente, di trovare unequazione analoga nel caso quantistico.
Evoluzione
temporale
delloperatore
statistico

Abbiamo
W (t) =

X
j

da cui
W

X
j

j j (t) j (t)

d
j
j
j (t) , j (t) =
dt
j

!
X

H
H
j j (t) ,
j (t) , j (t) +
(t) =
i~
i~ j
j

IV.8 Stati puri e miscele statistiche

per cui

X H

H
j
j (t) +
j (t) , j (t) =
i~
i~
j
j
"
#
X



H
H
=
j
(t) j (t) j (t) j (t)

i~ j
i~
j
=

j (t) ,

i
X
1 h
H
W

j j (t) j (t) =
= ,
W (t) , H
t
i~ j
i~

laddove, come avevamo visto, in meccanica classica abbiamo

= [, H]PB .
t

Infine, andiamo a vedere cosa succede per levoluzione dei valori medi sulle miscele: operiamo
nello schema di Heisenberg

Tr (AW (t)) = Tr AU (t, 0) W (0) U + (t, 0) = Tr U + (t, 0) AU (t, 0) W (0) =


= Tr (AH (t) W (0))

IV.8.3 Sistemi composti e miscele statistiche


Stati puri in H e
miscele in HA,B

Consideriamo ora un sistema composto da due sottosistemi descritti dagli spazi di Hilbert
HA e HB . Il sistema complessivo sar rappresentato su H = HA HB , cos ogni vettore H
si scriver come

!
X
X X
X
=
cij
i j =
cij
i j =
0j j
i,j

poniamo j +

0j / 0j


e j + 0j j troviamo
X
=
j j
j

da cui ogni vettore si sviluppa come sopra con i j HA di norma 1 e con gli j HB
ortogonali:

i , j = 1,
i , j = i ij
Prendiamo ora H di norma 1

X
X
X
X

X
1=
i i ,
j j =
i ij =
i
i , j i , j =
i

Valor medio di
osservabili F di
un sottosistema

i,j

i,j

Sia ora F una osservabile di HA . Andiamo a calcolarne il valor medio sullo stato puro del
sistema intero

X
X
X

(, F ) =
i i , F
j j =
i i , F j = Tr (F W )
i , F j i , j =
i

i,j

con

W =

X
i

HA

i (i i )

dunque stati puri di H sono miscele statistiche di HA o HB per quanto concerne unosservabile
del primo o del secondo sottosistema.
Evoluzione
temporale del
valor medio di F

Consideriamo un sistema composto da due sottosistemi tali da non interagire per tempi
maggiori di 0. Allora, levoluzione a t > 0 sar data dalla somma delle hamiltoniane HA e

IV I postulati della meccanica quantistica

HB . Presa F osservabile su HA , abbiamo

!
! !
A + H
A + H
B
B
H
H
(t , F t ) = exp it
0 , F exp it
0
~
~
A e F commutano con H
B . Notiamo che prese le osservabili A, B che commutano si ha
ora, H
[A, B] = 0 exp (A + B) = exp (A) exp (B)
la dimostrazione immediata: prendiamo linsieme completo i degli autostati simultanei di
A e B, su di essi
exp (A + B) i
exp (A) exp (B) i
Allora

= eai +bi i = eai ebi i


= ebi exp (A) i = eai ebi i

! !
A
B
B
A
H
H
H
H
(t , F t ) =
0 , exp it
exp it
F exp it
exp it
0 =
~
~
~
~

! !
A
B
B
A
H
H
H
H
=
0 , exp it
F exp it
exp it
exp it
0 =
~
~
~
~

! !
A
A
H
H
=
0 , exp it
F exp it
0 = (0 , FH (t) 0 ) = Tr (FH (t) W (0))
HA
~
~

IV.8.4 Distinzione di stati puri e miscele statistiche


Impostazione
del problema

Soluzione con
argomento fisico

Abbiamo gi evidenziato come il carattere statistico della teoria che stiamo studiando
ha due origini: quella quantistica, secondo cui ogni misura regolata da un distribuzione
di probabilit, e quella che abbiamo detto classica (perch era presenta pure in meccanica
classica), data dal fatto che non sempre siamo in grado di specificare esattamente lo stato in
cui il sistema prima di eseguire una data misura.
Ci chiediamo ora se i due aspetti statistici possono essere distinti fisicamente (i.e., in termini
pratici, almeno in linea di principio).
Consideriamo due stati ortonormali 1 e 2 . Il sistema si trovi nello stato puro
= c1 1 + c2 2 ,

|c1 |2 + |c2 |2 = 1

che pure un insieme statistico Wp , oppure il sistema sia descritto da una miscela data
dallinsieme statistico seguente
n

o
2
2
Wm +
1 , |c1 | ; 2 , |c2 |

La domanda che ci facciamo se possibile distinguere nella pratica gli insiemi detti, visto che,
2
per entrambi, c una probabilit |ci | di trovare il sistema nello stato i . Sia A una osservabile
qualsiasi e procediamo a misurarla sul sistema nelle due configurazioni date. Sullinsieme Wm
il valor medio di A vale
2

hAi = |c1 | (1 , A1 ) + |c2 | (2 , A2 )


sullinsieme Wp invece
A = (c1 1 + c2 2 , c1 A1 + c2 A2 ) =
2

= |c1 | (1 , A1 ) + |c2 | (2 , A2 ) + c1 c2 (2 , A1 ) + c1 c2 (1 , A2 ) =
= hAi + 2 Re [c1 c2 (2 , A1 )]
e la dierenza nelle due medie indica il fatto che nellinsieme Wp gli stati i possono interferire.
Wp una sovrapposizione coerente degli stati di partenza, al contrario di Wm . In un conto
sono rilevanti le fasi dei numeri complessi c1 e c2 , nellaltro compaiono solo i moduli.
Soluzione
rigorosa

Detto questo vediamo come si procede ad eseguire la distinzione (che abbiamo dimostrato
essere possibile) usando un argomento teoricamente rigoroso.
Come detto a suo tempo, i proiettori, essendo autoaggiunti, sono osservabili: in particolare per

IV.9 Misura in meccanica quantistica

ogni H, si ha che A = un proiettore, quindi unosservabile. Se andiamo a calcolare


il valor medio di A su una miscela W troviamo perci hAi = Tr (AW ) = Tr (( ) W ), se
W = {(i , i )}, vale

!
X
X
X
hAi =
i (i , (, i ) ) =
i (i , ) (, i ) = ,
i (i , ) i = (, W )
i

In linea di principio questo consente di ricavare sperimentalmente, per ogni H, il valore


di (, W ) che determina completamente W (se esistessero due operatori tali che su ogni
(, A) = (, B), allora per ogni vettore varrebbe (, (A B) ) = 0 che implica, in uno
spazio complesso, A B = 0).
Una volta ricostruito W per vedere se si tratta di uno stato puro, basta farne il quadrato e
verificare se eguale o meno a W .

IV.9 Misura in meccanica quantistica


Quello della misura il capitolo pi controverso (a tuttoggi) della meccanica quantistica. Noi
lo lambiremo appena, esponendo solo i risultati pi standard.

IV.9.1 Misure non ripetibili e misure ripetibili


Distribuzione
di probabilit
per una misura

Sia data una osservabile F con spettro discreto Sp F = {fk }. Dato uno stato sappiamo
(n)
(n)
che possibile svilupparlo in autostati standard di F k dove per ogni n k autovettore
di F relativo allautovalore fk . Allora, se eseguiamo la misura di F sul sistema nello stato
abbiamo la probabilit
X (n) 2
PFk () =
ck
n

di trovare il valore fk per F . Se definiamo il proiettore ortogonale Pk sullautospazio E (fk , F ),


abbiamo

X (n) (n) X (n) (n) X (n)


(n)
Pk =
ck k =
k , k =
k k
n

da cui

X (n) 2
X (n0 ) (n0 ) X (n) (n)
(, Pk ) =
ck 0 k 0 ,
ck k =
ck = PFk () .

k0 ,n0

Evoluzione
del sistema
in seguito a
una misura

Il problema che ci poniamo adesso di determinare lo stato del sistema subito dopo aver
eettuato la misura. Dobbiamo subito porre una distinzione tra misure ripetibile e
misure non ripetibili. Le misure ripetibili sono tali che se eseguita la misura si trovato
per F il valore fk , ripetendo subito la medesima misura si ottiene di nuovo, stavolta con
sicurezza, F = fk . Abbiamo insistito sul fatto che la seconda misura deve esser eseguita
subito dopo anch il sistema non abbia unevoluzione temporale tra le due misure.

Misura
ripetibile:
esperimento di
Stern e Gerlach

Un esempio di misura ripetibile dato dallesperimento di Stern e Gerlach: un fascio ben


collimato di elettroni entra in un certo strumento e viene diviso in due fasci: uno che stato
deflesso verso lalto, laltro che stato deviato verso il basso. Lo strumento adoperato pu
essere considerato un apparato di misura di una quantit ignota sz cui assegnamo lo spettro
{1/2} Per gli elettroni deflessi verso lalto diremo che sz = 1/2, per quelli deflessi in basso
diremo sz = 1/2. Lesperimento di Stern e Gerlach si rivela allora una misura ripetibile,
perch se ripetiamo la misura su uno dei due fasci uscenti otteniamo un solo nuovo fascio che
deviato allo stesso modo di quello incidente. Perci lapparato di Stern-Gerlach compie misure
ripetibili: se per un elettrone vale sz = +1/2 subito dopo la misura ritroviamo con certezza
sullo stesso elettrone sz = +1/2.

Misura non
ripetibile:
camera
di Wilson

Un esempio di misura non ripetibile la misura dellenergia in una camera di Wilson: si


misura lenergia a partire dalla traccia lasciata dalla particella, dopo la misura per la particella
stata fermata sicch E 0 e la misura non ripetibile.


Misure ripetibili
su autovalori
non degeneri

IV I postulati della meccanica quantistica

Dora in poi ci occuperemo di misure ripetibili (in alcuni testi solo le misure ripetibili sono
designate come misure).
Eseguiamo allora una misura ripetibile di F sullo stato , trovato il valore fk per F , il nostro
problema quello di determinare lo stato + che assume il sistema subito dopo la misura.
Quello che postuliamo che + dipenda linearmente da (non vogliamo in alcun modo
rinunciare alla linearit). Sia fk non degenere. Siccome se eseguiamo di nuovo la misura
dobbiamo riottenere il valore fk con certezza, + deve appartenere allo spazio generato da k
cio deve essere proporzionale a k . Ci significa che
+ = c () k
con c () funzionale lineare, dunque della forma c () = (, ). Daltra parte se prendiamo
ortognale a k la misura di F non pu avere dato il risultato fk di conseguenza + pu essere
posto eguale a 0. Ne deriva che pu essere preso eguale a k . Concludiamo che loperatore
Ak che allo stato associa lo stato + corrispondente allevoluzione dello stato sul quale sia
stata eettuata la misura di F che abbia fornito il valore fk
k k
se k non degenere. Dunque Ak = Pk .

IV.9.2 Misure fortemente ripetibili


Definzione
di misura
fortemente
ripetibile

Il caso in cui fk sia degenere non cos immediato. Infatti, non esistenpi un
o vettore
(n)
privilegiato in E (fk , F ) che ha come base ortonormale il set numerato da n k . Si deve
allora introdurre il concetto di misura fortemente ripetibile: se lo stato iniziale tale che
eettuata la misura di F si ottiene con sicurezza fk allora dopo la misura di F lo stato resta
immutato.

Verifica
sperimentale
della forte
ripetibilit

Vediamo come possibile stabilire, almeno in linea di principio, se un apparato esegue


misure fortemente ripetibili di F . Sia tale che ottengo con sicurezza fk misuando F su
. Caratterizziamo lo stato andando a calcolare su i valori medi di tutte le osservabili
del tipo , come detto nella sezione precedente, questo consente di ottenere dal quale
risaliamo a e quindi a (a meno di una fase che sappiamo essere del tutto ininfluente).
Adesso andiamo a misurare F su ottenendo con sicurezza fk . Il sistema adesso si trover
nello stato + , procedendo come prima posso sperimentalmente ricostruire + e verificare se
+ = . Se questo avviene lapparato esegue misure fortemente ripetibili.

Evoluzione
per misure
fortemente
ripetibili

Restringiamoci a considerare misure fortemente ripetibili. Come prima sia lo stato iniziale
su cui eettuiamo la misura di F . Ammettiamo di ottenere il valore fk , cerchiamo + stato
evoluto nelle ipotesi dette. Imponiamo
+ = Ak
con Ak lineare. Adesso andiamo a cercare Ak . Comiciamo con lo scegliere autostato per
F allautovalore fk . Per ipotesi + deve rappresentare lo stesso stato di , perci deve
appartenere al raggio per . Ne deriva che
+ = ()
siano ora 1 e 2 vettori indipendenti nellautospazio relativo a fk , per quanto detto sopra,
1+ = (1 ) 1 ,

2+ = (2 ) 2

da cui, preso = c1 1 + c2 2
+ = c1 (c1 1 + c2 2 ) 1 + c2 (c1 1 + c2 2 ) 2
ma, daltra parte,
+ = Ak (c1 1 + c2 2 ) = c1 (1 ) 1 + c2 (2 ) 2
dallindipendenza di 1 e 2 si ottiene
(1 ) = (c1 1 + c2 2 ) = (2 )
da cui () non dipende da E (fk , F ). Scegliamo adesso ortogonale allautospazio

IV.9 Misura in meccanica quantistica

E (fk , F ), allora non essendo possibile ottenere fk dalla misura di F su , levoluto di dovr
essere posto eguale a + = 0, altrimenti cadremmo in una contraddizione ( passa il test di
selezione relativo allautovalore fk , dunque possibile misurare fk su ). Ne abbiamo che
loperatore Ak , a meno di un fattore , il proiettore Pk sullautospazio relativo a fk .
Misura di
minimo disturbo

Ecco che la misura fortemente ripetibile quella che arreca il minimo disturbo al sistema (il
proiettato di un vettore essendo lelemento appartenente allo spazio di proiezione pi vicino
al vettore di partenza). Le misure fortemente ripetibili si dicono anche di minimo disturbo.

IV.9.3 Misure su miscele statistiche


Evoluzione per
insiemi statistici

Anzich eettuare la misura su uno stato puro, pu essere interessante andare ad eseguire la
misura su un insieme statistico W = {(i , i )}. Ciascuno stato della miscela viene mandato
in +i = Pk i di conseguenza loperatore statistico viene mandato in
X
i (Pk i Pk )
W+ =
i

Dunque, data la linearit e la hermiticit di Pk


W+ =

i (Pk i , ) Pk = Pk

"
X

i (i , Pk ) = Pk W Pk

Si noti che per W+ non pi normalizzato, dato che, in generale, Tr (Pk W Pk ) = Tr Pk2 W =
Tr (Pk W ) < 1. Dimenticandoci delloperazione di misura eettuata, loperatore statistico che
descrive la miscela di stati selezionata da fk perci
Pk W Pk
W0 +
.
Tr (Pk W )
Si noti che la probabilit di trovare fk misurando F su W
X
X
PkF (W ) =
i PkF (i ) =
i (i , Pk i ) = Tr (Pk W )
i

da cui

W0 +

Pk W Pk
PkF (W )

IV.9.4 Commutazione temporale e algebrica di osservabili


Commutazione
temporale

Consideriamo, infine, due osservabili F e G. Vogliamo calcolare le quantit P (fi , gj ),


probabilit di ottenere prima fi e subito dopo gj misurando in sequenza F e G.su un dato
stato W , e P (gj , fi ), probabilit di ottenere prima gj e poi fi misurando sullo stesso stato G
e F . Diremo che F e G commutano temporalmente se le due probabilit risultano eguali
per ogni coppia di valori in Sp F e Sp G.
Cominciamo col calcolare

1
P (fi , gj ) = Tr (W Pi ) Tr (W 0 Qj ) = Tr (W Pi )
Tr (Pi W Pi Qj ) = Tr (W Pi Qj Pi )
Tr (Pi W )
dove Pi il proiettore su E (fi , F ) e Qj il proiettore su E (gj , G).
Analogamente
P (gj , fi ) = Tr (W Qj Pi Qj ) ,
in generale accade allora che le due probabilit risultano diverse, contrariamente a quanto
accade nel caso classico. Se invece vale
Pi Qj Pi = Qj Pi Qj
allora le due probabilit risultano eguali. Cominciamo col vedere che questo accade se Pi e
Qj commutano. Infatti, usando ancora lidempotenza dei proiettori
Pi Qj Pi
Qj Pi Qj

= Pi (Pi Qj ) = (Pi Pi ) Qj = Pi Qj
= Qj (Qj Pi ) = Qj Pi = Pi Qj

IV I postulati della meccanica quantistica

Abbiamo dunque che le due probabilit si eguagliano su qualunque stato W se Pi e Qj


commutano. Se poi Qj e Pi commutano su ogni fi e gj si ha che le misure fortemente ripetibili
di F e G commutano temporalmente. Daltra parte sussiste il seguente
Teorema IV.7

F e G commutano se e solo se commutano i proiettori di ogni autospazio di F e G, cio

F =
fi Pi

i
, [F, G] = 0 [Pi , Qj ] = 0 i, j
X

G=
gj Pj

Dimostrazione

Se commutano tutti i proiettori commutano

X
X
X
[F, G] =
fi Pi ,
gj Pj =
fi gj [Pi , Qj ] = 0
i

i,j

Vediamo il viceversa, siccome F e G commutano, hanno una base comune di autovettori che
chiameremo ijn . Allora
F ijn
Gijn
allora
F

i,j,n

G =

i,j,n

perci

Pi =

= fi ijn
= gj ijn

X X
X
fi ijn ijn =
fi
fi Pi
ijn ijn =
i

j,n

i,n

X X
X
gi ijn ijn =
gj
gj Qj
ijn ijn =
X

ij 0 n ij 0 n ,

Qj =

j 0 ,n

sicch
Pi Qj

i0 jm i0 jm

i0 ,m

X
X
X
X
ij 0 n ,
=
ij 0 n ij 0 n
i0 jm i0 jm =
i0 jm i0 jm ij 0 n =
j 0 ,n

i0 ,m

ij 0 n , i0 jm i0 jm , ij 0 n =

i0 ,j 0 ,n,m

X
X

ijn , ijn =
ijn ijn
=
n

j 0 ,n

i0 ,j 0 ,n,m

i0 ,m

ii0 jj 0 nm i0 jm , ij 0 n =

daltra parte, in modo analogo

Qj Pi =

ijn ijn = Pi Qj
n

(c.v.d.)

Questo comporta che se F e G commutano algebricamente, allora commutano temporalmente.


Vale anche il viceversa.
Se per ogni W, i, j si ha Tr (W Pi Qj Pi ) = Tr (W Qj Pi Qj ), scegliendo per ogni H, W = ,
siccome
Tr ( A) = (, A)
vale
(, Qj Pi Qj ) = (, Pi Qj Pi ) H
da cui per ogni i, j Pi e Qj commutano e per il teorema precedente commutano anche F e G:
Teorema IV.8

Due osservabili commutano temporalmente se e solo se commutano algebricamente.

IV.10 La notazione di Dirac

IV.10 La notazione di Dirac


IV.10.1 Bra, ket e prodotto scalare
Notazione
di Dirac

Fino ad ora abbiamo adottato notazioni comuni ai testi di analisi funzionale, evitando di
traumatizzare il lettore con la notazione di Dirac. Si tratta di una notazione semplificata molto
apprezzata dai fisici e molto poco digerita dai matematici. In eetti, le sue virt matematiche
si riducono a compattezza ed estetica, mentre dal punto di vista teorico limpostazione della
notazione alla Dirac comporta qualche dicolt. Ad ogni modo necessario che un fisico
sappia padroneggiare ambedue gli apparati. Non si pu perci fare a meno di dedicare una
sezione alla notazione di Dirac. Avvertiamo che, in questa sede, avremo modo di chiarire o
approfondire alcuni argomenti gi visti in precedenza.

Ket

Consideriamo il nostro spazio di Hilbert H, chiameremo ciascun elemento di H ket o vettoreket, e lo indicheremo con il simbolo |i, allinterno del quale porremo un segno distintivo. Ad
esempio se un vettore di H nella notazione usuale, potremmo indicarlo in notazione di
Dirac anche come |i.

Bra

Consideriamo ora il duale algebrico di Ha , ogni elemento Ha si dice bra o vettore-bra,


e si indica con il simbolo h|. Dunque il bra h| corrisponde allelemento Ha e si scrive
(|i) = h |i

Teorema
di Riesz e
prodotto scalare

noto per (teorema di rappresentazione di Riesz, vedi MMF) che ogni spazio di Hilbert
autoduale, cio isometricamente isomorfo al suo duale topologico H . In altre parole esiste
un isomorfismo isometrico, che indicheremo con T , dallo spazio H allo spazio H che il
sottoinsieme del duale algebrico, costituito dai funzionali continui. Ne deriva che a ogni ket
|i, corrisponde uno e un solo bra continuo h| = T |i tale che
h |i = (|i , |i)H , H
In notazione di Dirac il prodotto scalare tra i ket |i e |i si scrive allora h |i.

Osservazione IV.2

Notiamo anzitutto, si veda MMF, che H , duale topologico di H uno spazio di Hilbert,
mentre il duale algebrico semplicemente uno spazio vettoriale (di dimensione infinita).
Inoltre, notiamo che
( |i , |i)H = (|i , |i)H = h |i = h |i
poich per definizione
h| = h|

Allora al ket |i + |i corrisponde il bra h| = h|.


Esempio di
bra che non
ammette
Riesz-ket

Il teorema di Riesz garantisce che a ogni ket corrisponde un bra e che a ogni bra continuo
corrisponde un ket. Daltra parte, per come abbiamo definito un bra, evidente che non
a ogni bra corrisponder un ket. Baster considerare un bra h| non continuo: se a esso
corrispondesse un ket |i, tale che per ogni ket in H
h |i = (|i , |i)
allora h| sarebbe continuo, il che assurdo. Un esempio molto semplice dato dalla delta di
Dirac in L2 , essa definita sul denso delle funzioni continue in un punto f , sulle quali si ha
h x0 |f (x)i + f (x0 )
ma su tale denso h x0 | non limitata, perci non pu essere estesa per continuit. Se ci
limitiamo a L2 (1, 1) e consideriamo x0 = 0, ci basta valutare la sulla successione di
funzioni fn a scalino normalizzate a 1 alte n > 0:
|h x0 |fn i| = n .
Nondimeno possibile, uscendo da H, introdurre dei ket generalizzati che corrispondano ai
bra discontinui. quello che abbiamo fatto quando abbiamo incontrato osservabili con spettro
continuo: gli autovettori di tali osservabili non sono vettori di H, ma il loro prodotto scalare

IV I postulati della meccanica quantistica

con gli elementi di H ben definito. In questo senso chiameremo | x0 i il vettore che non
appartiene a H ma tale che
h |i = (|i , |i)

Nellesempio della delta di Dirac, sappiamo che nessun vettore di L2 Riesz-corrispondente


alla , tuttavia possiamo costruire una successione di ket, cio di funzioni L2 , tali che al limite
convergono alla . Un esempio di una tale successione approssimante dato dalla successione
fn definita sopra: se g (x) una funzione continua nellorigine calcoliamo
Z 1
fn (x) g (x) dx = g (0)
lim
n

Infatti,

Z 1
Z 1/n
Z 1/n
n Z 1/n

n
n

f
(x)
g
(x)
dx

g
(0)
=
g
(x)
dx

g
(0)
dx
|g (x) g (0)| dx

2
2 1/n
2
1
1/n
1/n

fissato esiste N tale che |g (x) g (0)| < se x [1/n, 1/n] con n > , allora, per
n>
Z 1

n 2

<
f
(x)
g
(x)
dx

g
(0)
n

2 n =
1

IV.10.2 Operatori lineari in notazione di Dirac


Un operatore lineare, ovviamente, associa a ogni |i un altro 0 di modo che
0
= A |i

Se |i e |i sono due ket chiamiamo elemento di matrice di A tra |i e |i il numero


h| A |i = h| (A |i)

Lelemento di matrice dipende linearmente da |i e antilinearmente da |i.


Loperatore
|i h| come

Abbiamo visto prima che semplicemente giustapponendo un bra e un ket si ottiene il prodotto
scalare tra il ket corrispondente al bra e laltro ket. Vogliamo allora dare un significato alla
scrittura
|i h|
siccome un bra agisce linearmente sullo spazio H dando luogo a un numero complesso, |i h|
agir linearmente su H a dare un complesso moltiplicato per |i, cio
|i h| :

H
H
|i 7 (h |i) |i

cio

|i h| (|i) = |i h |i = (h |i) |i
In altre parole |i h| un operatore lineare e precisamente
|i h| =
Ne deriviamo che lordine nel quale vengono scritti ket e bra assolutamente rilevante: solo i
numeri possono essere spostati a piacimento allinterno di unespressione.

IV.10.3 Il problema dellaggiunzione


Azione di
un operatore
lineare su un bra

Consideriamo un bra fissato h| e unapplicazione lineare A. A ogni |i si pu associare


lelemento di matrice di A su e . Daltra parte siccome la corrispondenza lineare in |i,
lassociazione
|i 7 h| (A |i)
un funzionale lineare, cio un elemento del duale algebrico di H. Denotiamo con h| A questo

IV.10 La notazione di Dirac

nuovo bra ottenuto a partire dal bra h| e da A, abbiamo, per definizione


(h| A) |i = h| (A |i)

In questo modo, abbiamo costruito, tramite A, una applicazione di Ha in s:


h|
7 h| A
lapplicazione istituita lineare
[(h1 | + h2 |) A] |i = (h1 | + h2 |) (A |i) = h1 | (A |i) + h2 | (A |i) =
= (h1 | A) |i + (h2 | A) |i = (h1 | A) |i + ( h2 | A) |i
per arbitrariet di |i si ha
(h1 | + h2 |) A = h1 | A + h2 | A
Aggiunzione

Dora in poi, visto che (h| A) |i = h| (A |i) scriveremo direttamente h| A |i.


0
= A |i di nuovo un ket. Al ket |i
Ora, sia |i un ket e sia
A
lineare,
allora

corrisponde il h| e a = A |i corrisponde il bra 0 . Denoteremo il bra 0 come


h| A+ .
Vediamo che lapplicazione h|
7 h| A+ lineare. Consideriamo il bra h1 | + h2 |, ad esso

corrisponde il ket |1 i + |2 i, a questultimo A fa corrispondere il ket A |1 i + A |2 i, il


cui bra associato
h1 | A+ + h2 | A+
H allargato a contenere i ket generalizzati generati
Abbiamo cio il seguente diagramma (H
dal duale algebrico)
0
A

= A |i
H
l
l
+

A
0
Ha = h| A+
A+ un operatore lineare definito dalla seguente propriet
0

= A |i 0 = h| A+
Sia ora |i un altro ket, abbiamo

h| A+ |i = 0 |i = h 0 = h| A |i

Osserviamo che se poniamo |Ai + A |i, dobbiamo ammettere che


hA| = h| A+

A+ come
aggiunto

Loperatore A+ agisce sul duale di H, daltra parte, siccome esso isomorfo a H, si pu dare
un senso alla scrittura
A+ |i
allo stesso modo in cui abbiamo dato un significato a

Propriet
dellaggiunto

Laggiunzione
in notazione
di Dirac

basta invertire i ruoli di H e di

Ha .

h| A

facile vedere che


+ +
A
= A; (A)+ = A+ ; (A + B)+ = A+ + B + ; (AB)+ = B + A+

Abbiamo visto come loperazione di aggiunzione cambi lordine degli elementi in una
espressione, A |i diventa h| A+ , (AB)+ = B + A+ . Infine
(|ui hv|)+ = |vi hu|

cio |ui sostituito da hu|, hv| da |ui e lordine cambiato, infatti

[h| (|ui hv|) |i] = [h |ui hv |i] = h |vi hu |i = [h| (|vi hu|) |i]

Risulta allora naturale definire hermitiano coniugato

V Lequazione di Schrdinger

(i) di un numero , il suo complesso coniugato ;


(ii) di un ket |i, il suo bra h|;
(iii) di un operatore, il suo aggiunto
Ne otteniamo che per ottenere lhermitiana coniugata di una qualunque espressione si
devono mandare tutte le quantit nei rispettivi coniugati e invertire lordine.
Facciamo un esempio: calcoliamo laggiunto del seguente operatore
B = hu| A |vi |wi h|
allora
B + = |i hw| hv| A+ |ui = hv| A+ |ui |i hw|

Proiettori

e questo dimostra la comodit della notazione di Dirac.


Nonostante questo non sar sfuggito il fatto che la notazione di Dirac tende a nascondere
dicolt matematiche pesanti quali i problemi di dominio degli operatori. Per questo, in
una trattazione matematicamente rigorosa. la notazione di Dirac andrebbe usata solo per
operatori e funzionali limitati.
Sia dato un ket normalizzato a 1, h |i = 1. Consideriamo allora loperatore
P + |i h|

Esso associa a ogni ket un vettore proporzionale a |i con costante di proporzionalit data dal
prodotto scalare con |i. Vogliamo vedere che si tratta di un proiettore ortogonale sullo
spazio generato da |i. Infatti
P2 = P

poich
P+

(|i h|) |i h |i = |i h |i h |i = (|i h|) |i

e
= P .
Data una base ortonormale {|n i} si ha
=

n=1

cio

hn |i |i =

I=

n=1

che la relazione di completezza.

n=1

|n i h n |i

| n i hn |

Capitolo V

Lequazione di Schrdinger

Abbiamo imparato che uno dei problemi pi importanti della meccanica quantistica quello di
determinare autovettori e autovalori degli operatori che rappresentano le osservabili. Un punto
fondamentale che ci interessano anche gli autovettori impropri che sappiamo non appartenere a
H. Si tratta allora di capire dove ha senso cercare questi autovettori: la questione molto pi
complicata di quello che possa sembrare e noi non riusciremo a risolverla completamente, tuttavia
nello studio dellequazione di Schrdinger unidimensionale, troveremo alcune importanti risposte.
Segnaliamo il debito che tutto questo capitolo ha con il capitolo 7 delle Lezioni di L. E. Picasso
(si veda la bibliografia).
Le prime cinque sezioni trattano il caso unidimensionale. Nellultima sezione ci si occupa del caso
tridimensionale in alcuni casi semplici (funzione donda a simmetria sferica).

V.1 Particella libera


V.1.1 Determinazione degli stati stazionari
Hamiltoniana
della particella
libera
unidimensionale

In questo capitolo ci occuperemo del moto unidimensionale, per cui la particella libera sar
considerata vincolata su una retta. In questo modo lhamiltoniana del sistema si riduce a
p2
2m
Ne deriva subito che H e p commutano. Esse hanno perci un insieme completo di autovettori
(impropri) simultanei. Losservabile p non degenere, perch fissato p = p0 esiste, a meno di
una fase, un solo autovettore improprio relativo a p0 , il vettore |p0 i. Questo significa che ogni
autovettore di p anche autovettore di H. Quanto detto il risultato dellapplicazione del gi
enunciato, usato e dimostrato (ridimostrarlo non guasta!)
H=

Lemma V.1

Se [A, B] = 0 e se A = a allora B ancora autovettore allautovalore a di A, cio


E (a, A) B E (a, A)
Se poi a un autovalore non degenere, allora esiste b
B = b E (b, B)

Dimostrazione

Abbiamo
A (B) = B (A) = B (a) = a (B)
da cui B E (a, A). Se poi a non degenere allora E (a, A) = Span hi da cui
B = b

(c.v.d.)

e autovettore anche di B.
Ne consegue che gli autovettori p costituiscono una base di autovettori di H. Adesso facile

V Lequazione di Schrdinger

calcolarne gli autovalori E


E |p0 i = H |p0 i =

p2 0
p02 0
|p i =
|p i
2m
2m

da cui
p02
2m
e lo spettro di H Sp (H) = {E R |E 0 }.. Da questo si deriva che H ha solo autovalori
impropri.
E=

Degenerazione
dellhamiltoniana e
autovettori

Vogliamo calcolare adesso la degenerazione dellautovalore E. Questo equivale a contare gli


autovettori indipendenti
che hanno come autovalore E. Banalmente la degenerazione 2 se
E 6= 0, perch se p0 = 2mE gli autovettori corrispondenti allautovalore E sono |p0 i e |p0 i.
Ne segue che tutti e soli gli autovettori di H sono del tipo
|p0 i + |p0 i ,

, C

Il significato fisico della degenerazione del tutto evidente in senso classico: lo stato |p0 i
corrisponde al moto da sinistra a destra, lo stato |p0 i, al moto nel verso opposto. Ci che
classicamente non ha del tutto senso - ovviamente - la sovrapposizione dei due stati di cui
sopra. In termini ondulatori lo stato sovrapposto invece facilmente comprensibile.
Il problema degli stati stazionari definitivamente risolto. Si noti come non si fatto uso di
alcuna rappresentazione particolare.

V.1.2 Stati stazionari in rappresentazione di Schrdinger


Lequazione di Schrdinger per la particella libera

~2 d2
(x) = E (x)
2m dx2

da cui
2mE
(x)
~2
e la soluzione pi generale di questa equazione , se E C

!

!
2mE
2mE
(x) = exp i
x + exp i
x ,
~
~
00 (x) =

, C

Cos, a dierenza di quanto ottenuto nella sottosezione precedente, qui otteniamo una soluzione
(impropria) per ogni valore di E, anche complesso. Come abbiamo scritto nellintroduzione di
questo capitolo, ci dovuto al fatto che non abbiamo chiarito bene dove cercare la soluzione
impropria dellequazione dierenziale. Ora, siccome in rappresentazione delle coordinate si
deve riottenere quanto sopra, dobbiamo eliminare i valori negativi e immaginari dellenergia. In
eetti la dierenza tra gli E 0 e gli altri valori di E, sta nel fatto che se accettiamo E negativi
o E con componente immaginaria abbiamo soluzioni che scoppiano allinfinito. Sembra allora
che la ricerca delle soluzioni vada eseguita tra le funzioni donda che si mantengono limitate
per x . In altri termini
Se vogliamo determinare autovalori e autovettori impropri di una osservabile, dobbiamo
accettare solo quelle autofunzioni che, in rappresentazione delle coordinate, si mantengono
limitate allinfinito.
Come deve essere, scelto E 0, ritroviamo la degenerazione doppia dellhamiltoniana. Si noti
infine che lautofunzione scritta la funzione donda relativa a |p0 i + |p0 i.

V.2 Operatore di inversione spaziale


V.2.1 Il teorema di degenerazione
Per determinare informazioni importanti sulla degenerazione di osservabili di cui, per esempio,
non siamo in grado di individuare esplicitamente gli autovettori, utile il seguente

V.2 Operatore di inversione spaziale


Teorema V.1 (di
degenerazione)

Se due osservabili B e C commutano entrambe con una osservabile A, ma non commutano


tra di loro, allora A degenere.

Dimostrazione

Infatti, se A fosse non degenere, ogni suo autovettore sarebbe autovettore simultaneamente
di B e C come deriva dal lemma della sezione precedente. Da questo si ricava che B e C
avrebbero un set completo di autovettori simultanei (quelli di A). Ne deriverebbe [B, C] = 0,
(c.v.d.) contro lipotesi.

Esempio: la
particella libera
unidimensionale

Prima abbiamo visto che lhamiltoniana della particella libera degenere. Possiamo
inferire questo risultato dal teorema di degenerazione se troviamo un operatore autoaggiunto
diagonalizzabile tale da commutare con H, ma non con p. Un tale operatore linversione
spaziale, I. Torneremo su questo esempio dopo aver studiato I.

V.2.2 Loperatore di inversione spaziale


La definizione di operatore di inversione spaziale si d solitamente in rappresentazione delle
coordinate: I associa a (x) la funzione (x) (facendo lipotesi di lavorare o su tutta la
retta, oppure su un dominio simmetrico nellorigine).
Analizziamo di seguito le propriet di I:
Idempotenza:
I2 = I
Autoaggiunzione: I = I +

Si ha I 2 (x) = I (x) = (x) per ogni (x) L2 , da cui I 2 = I. Chiaramente I ha


norma 1 e perci continuo.
Dati due stati A e B calcoliamo
Z
Z
hA| I |Bi = A (x) B (x) dx = A (y) B (y) dy = hB| I |Ai

da cui

I = I+
si noti come lipotesi per cui lintervallo di integrazione I-invariante sia essenziale ai fini della
hermiticit di I. Dato poi che I e I + sono definiti su tutto L2 , si ha che I autoaggiunto.
Ne consegue che I ha autovalori reali
I |Ai = |Ai
Unitariet di I

hA| I |Ai = |Ai


= R

hA| I |Ai = |Ai

Siccome I autoaggiunto e idempotente, si conclude che unitario, I 2 = II + = I + I = I.


Ma un operatore unitario ha autovalori (se esistono) di modulo 1:
I |Ai = |Ai k|Aik = kI |Aik = || k|Aik || = 1
Daltro canto se I ha autovalori, questi sono reali, perci lo spettro di I ridotto al pi a
{1}. Il fatto che esistono autovettori di I agli autovalori specificati immediato. Le funzioni
pari sono autovettori relativi a 1, le funzioni dispari sono autovettori relativi a 1.

Set completo di
autofunzioni di I

Inoltre, le autofunzioni di I costituiscono un set completo, infatti ogni f (x) L2 si pu


scrivere come combinazione lineare di una funzione pari e di una funzione dispari
f (x) =

Azione di
I su p e q

f (x) + f (x) f (x) f (x)


+
.
2
2

Siccome I unitario esso induce un cambiamento di rappresentazione sulle osservabili del


sistema. Perci, interessante vedere come agisce sulle p e sulle q. Facciamo il calcolo in
rappresentazione di Schrdinger:
IqI (x) = Iq (x) = I x (x) = x (x) = q (x)
da cui
IqI = q,

V Lequazione di Schrdinger

(x) + (x) = I (x)


per quanto riguarda limpulso si ottiene, posto

(x) = I d (x) = d (x)


IpI (x) = Ip
dx
dx
daltra parte

da cui

d
(g (x))
dx
x=a

dx

d
d

(y)
g (x)
dy
y=g(a) dx
x=a

d
d

(x) =

dx
dx x
x

=
=

d
d
(x) =
(x) = p
dx
dx
da cui I anticommuta con le p e le q:
IpI (x) =

IpI = p,

IqI = q

Siccome I cambia segno alla coordinata e allimpulso, prende proprio il nome di inversione
spaziale.
Quanto detto vale - parola per parola (a patto di aggiungere un pedice i a p e q) - pure nel
caso a pi dimensioni.
Loperatore di inversione spaziale spesso molto utile nella ricerca degli stati stazionari di una
hamiltoniana. Vale per esempio la seguente
Proposizione V.1

Se H ha autovalore E non degenere, e H commuta con loperatore di inversione spaziale I,


allora gli autostati di H allautovalore E sono a parit definita (i.e. in RS sono funzioni pari
o dispari).

Dimostrazione

Discende dal lemma V.I dimostrato sopra. Se autovettore di H a E, allora anche I


autovettore di H a E. Ma tale autospazio unidimensionale perci
I = b

(c.v.d.)

ma b = 1, sicch pari o dispari.


Nel seguente esempio si vede invece un caso - in certo modo - opposto: si usa I per mostrare
che lhamiltoniana degenere.

Esempio:
particella libera
unidimensionale

Come promesso, torniamo al problema della particella libera unidimensionale. Avevamo


detto che H commuta con p e che avremmo trovato I che commutasse con H, ma tale da non
commutare con p. Allora, loperatore di inversione spaziale fa al caso nostro: come detto non
commuta con p, inoltre
Ip2 I = IpI IpI = p (p) = p2
da cui [H, I] = 0. Dal teorema di degenerazione si ricava subito che H degenere (come
avevamo gi visto in altri due modi).
Gli autovettori di H sono gli autostati dellimpulso |p0 i che in RS si scrivono come onde di
0
de Broglie, eip x/~ da cui, operando una inversione spaziale, si ha
0

Ieip x/~ = eip x/~


perci
I |p0 i = |p0 i

Ma, siccome H e I commutano, si ha che pure |p0 i autostato dellenergia allo stesso
autovalore di |p0 i. Come autostati dellimpulso ad autovalori diversi, |p0 i e |p0 i sono per
ortogonali, da cui si ottiene che lenergia (se diversa da 0) ha degenerazione almeno due.
Pu interessare trovare le autofunzioni simultanee di H e I. Siccome le autofunzioni di H
sono tutte e sole le onde di de Broglie, decomponendole in funzioni pari e dispari si ottiene che

V.3 Caratteristiche delle soluzioni dellequazione di Schrdinger

gli autostati dellenergia pari sono

mentre quelli dispari sono

0
0
p+ 7 cos i p x
~
0
0
p 7 sin i p x
~

V.3 Caratteristiche delle soluzioni dellequazione di Schrdinger


V.3.1 Caratteristiche generali delle autofunzioni donda
Dopo aver arontato questioni introduttive come il caso della particella libera, ci
occupiamo adesso di descrivere le caratteristiche pi generali dellequazione di Schrdinger
unidimensionale.
In rappresentazione delle coordinate essa si scrive
~2 2
2m
+ V (x) (x) = E (x) 00 (x) = 2 (V (x) E) (x)
2
2m x
~
si tratta di una equazione dierenziale ordinaria lineare e omogenea del secondo ordine: come
tale, per ogni E C, ammette due soluzioni indipendenti. Come annuciato nellintroduzione
e come abbiamo visto nella prima sezione di questo capitolo, a noi interessano le soluzioni
dellequazione che soddisfino una delle due seguenti propriet

(i) appartengano a L2 (R), si tratta allora di autovettori propri, che rappresentano stati
propri del sistema;
(ii) se non sono L2 si mantangano limitate per x , si tratta delle autofunzioni improprie, come vedremo corrispondono a spettri continui dellenergia.
Un aspetto molto interessante dellinsieme delle soluzioni che ci interessano che ci si pu
limitare a considerare quelle a valori reali: infatti, se (x) soluzione tale pure (x) perci
sono pure soluzioni le loro combinazioni Re (x) e Im (x) (che tra laltro sono indipendenti
se non reale o reale moltiplicata per una fase).
Dato il potenziale V (x) conveniamo di dividere lasse delle x in regioni in cui
(i) se V (x) E < 0 (cio E > V ), regioni di tipo I;
(ii) se V (x) E > 0 (cio E < V ), regioni di tipo II.
Classicamente, le regioni di tipo I sono quelle in cui il moto possibile (visto che E V =
K 0), mentre quelle di tipo II sono inaccessibili al sistema. I punti in cui E = V (x) si
chiamano punti di inversione (in meccanica classica sono infatti i punti in cui la particella
invertiva la direzione di moto ).
Quello che ci interessa che nelle regioni di tipo I, risulta
00
<0

perci se la funzione sta sopra lasse delle x la concavit rivolta verso basso, viceversa, verso
lalto.
Nelle regioni di tipo II risulta invece
00
>0

sicch le funzioni donda sono a concavit rivolta verso lalto solo se positiva. Nei punti
di inversione e nelle intersezioni della funzione donda con lasse delle x si ha 00 = 0, perci
la funzione presenta un flesso.
In conclusione, nelle regioni di tipo I la funzione donda ha un comportamento oscillante

V Lequazione di Schrdinger

intorno a = 0. Nelle regioni di tipo II la funzione si mantiene sempre sopra o sotto la


tangente finch ha segno costante, perci se attraversa lorigine lo fa una volta sola.
Caratteristiche
asintotiche di

Uno dei punti fondamentali dellequazione di Schrdinger la linearit. Dalla teoria delle
equazioni dierenziali lineari (si veda Analisi II per Fisici) sappiamo che su ogni intervallo
chiuso in cui V continuo la funzione donda definita, limitata e di classe C 2 . Se V continuo
la pu scoppiare solo allinfinito.
Sia ora x0 un punto di discontinuit per V (discuteremo in seguito, quando ci occuperemo
di buche di potenziale, il significato fisico di questa discontinuit visto che i potenziali sono
continui per costruzione) in cui V ammetta finiti i limiti destro e sinistro. Da una parte e
dallaltra di x0 sono definite due equazioni dierenziali lineari a coecienti continui. Per il
teorema di esistenza e unicit globale, dovranno esistere le soluzioni C 2 a destra e a sinistra
di x0 , su intervalli, cio, chiusi in x0 . Questo comporta che non pu scoppiare neppure in
x0 . Se ne conclude che se scoppia allora lo fa nei punti in cui V scoppia
Adesso facile vedere che nei punti di discontinuit di cui sopra la funzione C 1 , ma
evidentemente non C 2 . Infatti, consideriamo un intervallo di ampiezza a cavallo di x0 e
integriamo lequazione su tale intervallo
Z
2m x0 +
0
0
(x0 + ) (x0 ) = 2
(V (x) E) (x) dx
~ x0
siccome lintegranda limitata per quanto detto sopra, si ha che il limite per 0 del
secondo membro nullo, perci la funzione donda C 1 ( noto che se esiste il limite in x0
della derivata, allora la funzione derivabile - e quindi continua - in x0 e ivi la derivata pari
al limite detto: in x0 la funzione C 1 ).

Continuit
della funzione
donda e delle
sue derivate

In tutto quanto visto sopra non abbiamo utilizzato il fatto che L2 sulla retta, perci in
particolare L2 e L1 su qualsiasi compatto. Preso allora un punto qualsiasi x0 R abbiamo
Z
2m x0 +
0 (x0 + ) 0 (x0 ) = 2
(V (x) E) (x) dx
~ x0
e sullinsieme D + [x0 , x0 + ] (x) L1 . Se nellintorno di x0 , V una funzione limitata,
lintegranda L1 in D. Per passare al limite nel secondo membro si pu procedere come segue
Z x0 +
Z
lim
(V (x) E) (x) dx = lim
(V (x) E) (x) D dx
0

x0

D0

dove D0 corrisponde a [x0 , x0 + 0 ] intervallo su cui V sia limitato. Ovviamente


(V (x) E) (x) D (V (x) E) (x) D0 L1 (E0 )
visto che al limite per 0 lintegranda va a zero, possiamo applicare il teorema di Lebesgue
per cui
Z
lim
(V (x) E) (x) D dx = 0
0

D0

dunque si ha che dove V limitato C 1 e, in particolare, non pu scoppiare. Ricapitolando

Teorema V.2

Le autofunzioni donda sono di classe C 1 nei punti in cui il potenziale limitato, sono di
classe C 2 nei punti in cui il potenziale continuo.

Corollario V.1

Se unautofunzione donda scoppia in un punto, allora anche il potenziale dellhamiltoniana


corrispondente diverge nel punto detto.

Potenziali
limitati
inferiormente

Consideriamo un potenziale che sia limitato inferiormente dalla costante M . Vogliamo


dimostrare che non esistono autofunzioni proprie corrispondenti ad autovalori E < M (nota
bene che questo non succede in generale, ma solo per determinate condizioni al bordo dettate
sullequazione di Schrdinger).
Infatti, se andiamo a calcolare il valor medio dellenergia su un autostato a |Ei troviamo
1
E = hE| H |Ei =
hE| p2 |Ei + hE| V |Ei
2m

V.3 Caratteristiche delle soluzioni dellequazione di Schrdinger

~2
2m

00 dx +

V dx

~2
2m

0 2
dx + M M

da cui E M . Come anticipato questo vale perch nellintegrazione per parti si possono
trascurare i termini di bordo (stiamo lavorando sulla retta) della che essendo L2 va a zero
per x

V.3.2 Autovalori discreti


In questa e nella prossima sottosezione passeremo in rassegna una serie di potenziali di diverso
tipo. Salvo avviso contrario consideremo potenziali continui (che hanno un senso fisico ben
fondato), riservandoci di discutere in seguito il caso di buche con potenziale discontinuo (in
parte gi considerato nella sottosezione precedente)
Il primo caso che andiamo a considerare quello di potenziale che diverge a + per x .
Se il potenziale continuo, allora esiste un valore minimo per V che denoteremo con Vmin
Caso E < Vmin

Se E < Vmin allora tutto lasse reale di tipo II. Come discusso sopra, in questo caso, se
positivo sta sempre sopra la tangente, viceversa, sta sempre sotto. Sicuramente esiste un
punto x0 in cui (x0 ) 6= 0 e supponiamo (x0 ) > 0 (altrimenti ci basta moltiplicare per
1 il che lecito poich lequazione di Schrdinger omogenea). Se ora 0 (x0 ) > 0 allora
a destra di x0 (x0 ) sta sopra la tangente che diverge, perci (x) diverge a +; se invece
0 (x0 ) < 0, allora a sinistra di x0 (x0 ) sta sopra la tangente che diverge, perci (x) scoppia
per x .
In nessun caso, dunque, (x) accettabile.

Caso E > Vmin

In questo caso esistono sicuramente due regioni allinfinito, ], x1 [, ]x2 , +[, in cui
V > E (tipo II). Fra queste due regioni ne esiste almeno una di tipo I. Nei due intorni
di di tipo II la soluzione o tende a un limite finito o diverge, perci non pu pi oscillare.
Analizziamo il caso di limite finito. , concava, tenda a D 6= 0, allora 0 e 00 tendono 0, ma
dallequazione dierenziale si ha che 00 tende allinfinito. Se ne ricava che i comportamenti
possibili allinfinito sono la convergenza a 0 oppure la divergenza. La soluzione accettabile
solo nel caso in cui si abbia la convergenza.
Stabiliamo adesso il seguente

Teorema V.3

Sia E tale che gli intorni di sono regioni di tipo II (cio V > E) allora gli autostati
dellhamiltoniana allautovalore E sono propri, i.e. |Ei H.

Dimostrazione

Analizziamo il comportamento, per esempio, a +. Come sappiamo sempre possibile,


preso x0 nellintorno B di che di tipo II, scegliere (x0 ) > 0. Allora in B la funzione
donda convessa. Dunque, o diverge, e allora non accettabile, o ammette limite finito.
Ma allora 00 e 0 tendono a zero.
Per landamento del potenziale si presentano tre casi
(i) il potenziale diverge;
(ii) il potenziale non ammette limite, ma si mantiene limitato;
(iii) il potenziale converge;
Vediamo prima (i). Per fissare le idee il potenziale diverga a +. Confrontiamo con x.
Per il teorema dellHpital, il limite
lim x (x)

eguale al limite, se esiste,


lim

1
d/dx (1/)

visto che
lim (x) = 0

V Lequazione di Schrdinger

(come abbiamo visto prima, altrimenti 00 (x) ). Calcoliamo allora il secondo limite,
abbiamo
1
2
lim
= lim 0
x d/dx (1/)
x
riapplicando il teorema dellHpital,
1
20
= lim
x d/dx (1/)
x 00
lim

ma, siccome V

e, essendo 0 0, abbiamo

0
00
20
0
00

In definitiva
lim x (x) = 0

perci, da un certo punto in poi


| (x)|

da cui

.
x2
Nella regione B c , la funzione donda continua perci L2 , in definitiva L2 .
Il caso (ii) analogo. In B, si ha che
2m
0 < < 2 [V (x) E] < M
~
dunque, in B,


00
= 00 > < 1
00
| (x)|

perci, essendo 0 0, si ha ancora

20
0
00

e la conclusione quella del caso (i).


Resta da esaminare il caso (iii). Stavolta suciente notare che in B lequazione si riduce a
2m
00 (x) = 2 (V0 E) (x)
~
dove V0 > E pari al limite di V per x . La soluzione, asintoticamente, la
sovrapposizione degli esponenziali
r
2m
kx
e
,k+
(V0 E)
~2

scartato lesponenziale divergente, ci rimane una soluzione L2 .


(c.v.d.)
In ogni caso L2 e perci |Ei H.

In particolare, si ha che in questo caso tutti gli autostati possibili sono propri. Ne consegue
che si ha che fare con uno spettro discreto.
Discretizzazione
dello spettro
di E

Vediamo qualitativamente come avviene la discretizzazione dellenergia. Ridefiniamo


lenergia, il che sempre possibile anch Vmin 0. Nel caso in esame possiamo accettare
solo soluzioni L2 (R). Fissiamo un valore E per lenergia. Prendiamo x0 nella regione II di
sinistra e fissiamo (x0 ) > 0 (sempre possibile per lomogeneit dellequazione dierenziale).

V.3 Caratteristiche delle soluzioni dellequazione di Schrdinger

Figura 1. Comportamenti asintotici dato (x0 ) al variare di 0 (x0 )

La soluzione adesso univocamente determinata una volta fissato 0 (x0 ). Il comportamento


di (x) per x dipende dal valore di 0 (x0 ). Se 0 (x0 ) negativo allora per grande
e negativo x, la diverge a + e perci non accettabile. Se 0 (x0 ) positiva possono
verificarsi tre casi, sempre per il comportamento a x < x0 : se il valore della derivata troppo
grande la funzione pu intersecare lorigine e andare a ; se la 0 (x0 ) troppo piccola
la funzione pu andare a + restando sopra lasse delle x; esister un valore intermedio di
0 (x0 ) per cui (x) va a zero per x (per una esemplificazione si veda la figura V.1).
Non possiamo che scegliere questultimo valore. Adesso vediamo cosa accade per x +.
Per semplicit supponiamo che esista una sola regione di tipo I tra x1 e x2 . In questintervallo
la funzione donda ha un comportamento oscillante. Se prendiamo un valore di E vicino a
Vmin lequazione dierenziale si approssima come segue
2m
00 = 2 (E Vmin )
~
perci praticamente armonica con lunghezza donda tanto pi grande quanto pi piccola
la dierenza tra E e Vmin . Allora possiamo pensare che, scelto E sucientemente prossimo
a Vmin , la soluzione si mantiene sempre positiva e perci convessa. In x2 , in cui ha un
flesso ed - per costruzione - positiva, si ripresenta una situazione simile a quella discussa
in x0 . Ci sono valori di 0 (x2 ) per cui la soluzione nella regione di tipo II va allinfinito
rimanendo positiva, e valori per cui attraversa lasse x e conseguentemente scoppia a (per
x ). Per passare dalla prima alla seconda situazione si deve aumentare il modulo di
0 (x2 ), perci esister un valore intermedio (sicuramente negativo) per cui la funzione
va

a zero allinfinito. Dallequazione di Schrdinger si vede che laumento di 0 (x2 ) si ottiene


aumentando la curvatura (rendendola pi negativa), perci aumentando lenergia.
Dallintera discussione svolta si comprende come lautofunzione al pi basso valore dellenergia
non abbia zeri, o nodi. Daltra parte siccome gli autovettori di H devono essere ortogonali si
capisce come il numero dei nodi deve crescere allaumentare dellautovalore discreto E.
Tutto quanto discusso sopra in termini qualitativi e per il caso di autovalori discreti generati
da un potenziale con una struttura particolare trova sistemazione precisa nel seguente teorema
sul quale torneremo in seguito
Teorema V.4 (di
Sturm-Liouville)

Per un sistema unidimensionale siano E0 , E1 , . . . , En , . . . gli autovalori discreti


dellhamiltoniana ordinati in senso crescente, e siano 0 , . . . , n , . . . le corrispondenti
autofunzioni. Allora 0 (x) non ha nodi (non si annulla mai allinterno del suo dominio di
definzione), 1 (x) ha un nodo, , n (x) ha n nodi.
Non ci resta che occuparci della degenerazione degli autovettori trovati, per fortuna sussiste
un risultato del tutto generale che ci giunge in aiuto

Teorema
V.5 (di non
degenerazione)

Per ogni sistema unidimensionale gli autovalori discreti dellhamiltoniana sono non degeneri.


Dimostrazione

V Lequazione di Schrdinger

Siano 1 e 2 due autofunzioni relative allo stesso autovalore discreto E dellenergia.


Moltiplichiamo le due equazioni dierenziali per 2 e 1 rispettivamente e sottraiamo membro
a membro

2m
00

2 1 (x) = ~2 (V (x) E) 2 (x) 1 (x)


001 2 002 1 = 0

00 (x) = 2m (V (x) E) (x) (x)


1 2
1
2
~2
da cui

d 0
1 02 = 0 01 2 1 02 = C
dx 1 2
ora, siccome allinfinito il primo membro si annulla si ha C = 0, da cui
0
d
01
= 2
(log 1 log 2 ) = 0 1 (x) = C 2 (x)
1
2
dx

(c.v.d.)

perci 1 e 2 non sono indipendenti ed E non degenere.

Osservazione V.1

Si noti come lipotesi fondamentale nel teorema non tanto il fatto che lautovalore E sia
discreto, quanto che a + o a le autofunzioni di E si annullino. Avremo modo di usare
pi tardi questo fatto.

Potenziale pari

In conclusione consideriamo un caso notevole. Il potenziale sia pari. Allora la hamiltoniana


commuta con loperatore di inversione spaziale. Come avevamo dimostrato sopra (in
conseguenza del lemma V.1) questo comporta che se (x) unautofunzione anche (x)
unautofunzione. Siccome poi gli autovettori sono non degeneri (poich gli stati considerati
sono ad autovalori discreti), I (x) = (x) proporzionale a (x) per cui (x) = (x)
e tutte le autofunzioni trovate hanno parit definita.
Torniamo a lavorare nel caso generale di autovalori discreti e potenziale qualsiasi ma pari e
limitato al finito. Allora sia unautofunzione. Se essa ha uno zeri (contato con la propria
molteplicit) in x 6= 0 allora ne ha un altro in x. Se dispari ha un numero dispari di
zeri perch x = 0 necessariamente uno zero. Se invece pari essa ha un numero pari di
nodi, perch se si annulla in x = 0 lo fa con molteplicit pari. Daltra parte se ha uno zero
con molteplicit maggiore di 1 allora ha nello zero derivata nulla e per il teorema di Cauchy
0 il che assurdo. Ne consegue che non pu averi zeri di molteplicit maggiore di 1.
Perci le funzioni pari non hanno zeri nellorigine.
Se ora usiamo il teorema di oscillazione di Sturm-Liouville, abbiamo che, ordinati in modo
crescente gli autovalori discreti dellhamiltoniana, i rispettivi autovettori di ordine pari sono
funzioni pari e quelli di ordine dispari sono dispari. Ne deriva, tra laltro, che lo stato a energia
pi basso, cio lo stato fondamentale pari.

Parit e teorema
di oscillazione

V.3.3 Autovalori continui


Riprendiamo la discussione a partire da un potenziale che diverga per x e che asintotizzi
a un valore finito che possiamo sempre prendere uguale a 0 per x . Sia poi Vmin < 0. Un
esempio fornito in figura V.2.
Caso E < Vmin
Ancora, se E < Vmin tutto lasse x una regione di tipo II perci tutte le soluzioni divergono
allinfinito (da una parte o dallaltra). Perci non ci sono autostati a energia inferiore a Vmin .
Caso
Posto Vmin < E < 0 si ha che esistono due regioni di tipo II intorno a , mentre la regione
Vmin < E < 0 centrale, x < x < x , di tipo I. Siamo allora nelle condizioni studiate nella sottosezione
1
2
precedente: esistono solo autovalori discreti dellenergia cui corrispondono autovettori non
degeneri.
Siccome V infinitesimo per x +, quando V E la soluzione generale dellequazione di
Schrdinger vale

e 2m|E|x/~ + e 2m|E|x/~ , , C, x +
Si noti che solo quando = 0 la soluzione accettabile.

V.3 Caratteristiche delle soluzioni dellequazione di Schrdinger

Figura 2. Primo potenziale per il caso di autovalori continui


Caso E > 0

Se E > 0 la retta reale divisa in due semirette di origine x1 , quella corrispondente alle x
grandi e negative (x < x1 ) di tipo II Come discusso nella precedente sottosezione (figura V.1)
sempre possibile scegliendo opportunamente 0 (x0 ), con x0 < x1 , ottenere una autosoluzione
che vada a zero per x . Siccome il resto della retta reale di tipo I sappiamo che la
soluzione si manterr comunque limitata per x +, perci sar accettabile. Daltra parte si
ha subito che la soluzione allinfinito sar oscillante, poich assume la seguente forma asintotica

ei 2m|E|x/~ + ei 2mEx/~ , , C, x +
Da quanto detto si ricava che per ogni fissata E > 0, esiste una soluzione dellequazione
di Schrdinger che accettabile e che allinfinito non tende a 0, ma presenta andamento
oscillante. Perci lo spettro dellhamiltoniana contiene tutta la semiretta E > 0 e a ogni
valore di E corrisponde almeno un autovettore improprio. Si noti che siccome le autofunzioni
considerate vanno a zero per x , per il teorema di non degenerazione (e per losservazione
successiva), gli autovalori E > 0 sono non degeneri.

Potenziale tipo
buca continua

Analizziamo ora un potenziale che abbia un andamento tipo buca: il potenziale asintotizzi a
V2 per x e a V1 per x +. Si abbia pure un minimo Vmin < V2 < V1 .

Caso E < Vmin

Banalmente, se E < Vmin non si hanno autofunzioni accettabili e perci E < Vmin non
autovalore.

Caso
Vmin < E < V2

Gli intorni di sono di tipo II, in mezzo c almeno una regione di tipo I (in figura V.3
ce ne solo una). Sono allora possibili autovalori discreti e perci degeneri.

Caso V2 < E < V1

Per x grandi e positivi si ha una regione di tipo II, per x grandi e negativi, lasse x
invece di tipo I. Tutti gli E sono autovalori dellhamiltoniana che presenta un intervallo di
spettro continuo cui corrispondono autovettori impropri non degeneri (si veda la discussione
precedente).

Caso E > V1

Certamente, per |x| grande si hanno regioni di tipo I. In mezzo dipende dalla forma specifica
del potenziale. Se consideriamo un potenziale tipo buca, come quello disegnato in figura V.3,
tutto lasse delle x di tipo I. In ogni caso allinfinito la soluzione si mantiene limitata perch
di tipo I (quindi oscillante intorno a 0). La cosa emerge anche andando a calcolare la forma
asintotica delle autosoluzioni: siccome E V costante allinfinito, lequazione lineare a
coecenti costanti con radici negative del polinomio caratteristico. Per si hanno perci
combinazioni di esponenziali immaginari che certo sono limitati.
Ogni E appartiene allo spettro di H, ancora a spettro continuo corrispondono autovettori
impropri. Ancora dallesame delle forme asintotiche delle autosoluzioni si rinviene la
degenerazione doppia degli autovalori a E > V1 .

V.3.4 Conclusioni
Abbiamo visto che dato un certo potenziale e un intervallo di energie possibili, il
compartamento delle autosoluzioni dovuto fondamentalmente ai tipi di regione in cui si

V Lequazione di Schrdinger

Figura 3. Potenziale tipo buca continua

va a suddividere lasse delle x. Dallintera discussiano deduciamo i seguenti punti


(i) tutto lasse x di tipo II: nessun autovalore;
(ii) regioni attorno allinfinito entrambe di tipo II: autovalori discreti non degeneri;
(iii) regioni attorno allinfinito rispettivamente di tipo I e II (o viceversa): autovalori continui non degeneri;
(iv) regioni attorno allinfinito entrambe di tipo I: autovalori continui doppiamente degeneri;
Linterpretazione classica della degenerazione quantistica la seguente (con riferimento
allelenco di sopra)
(i) il moto non consentito;
(ii) il moto oscillante attorno a due punti di inversione: c un solo modo possibile per il
moto;
(iii) la particella arriva dallinfinito e viene rilanciata allinfinito dalla barriera di potenziale:
un solo modo possibile di moto;
(iv) la particella pu ora muoversi in due modi possibili: da destra a sinistra e viceversa.

V.3.5 Altre considerazioni


In questa sottosezione esamineremo di nuovo una buca continua, in modo da mettere in
luce alcuni aspetti fondamentali dellanalisi dellequazione unidimensionale di Schrdinger.
In particolare vedremo una nuova giustificazione del perch si devono escludere le soluzioni
esplodenti dallinsieme delle autofunzioni.
Scelta di un
potenziale
particolare

Sia il nostro potenziale costantemente eguale a V0 per x < xm < 0 e nullo per x > 0 (il
comportamento detto potrebbe pure essere asintotico, ma non questo che ci preme ora).
Inoltre, il potenziale decresca fino a Vmin < 0 per poi crescere monotonamente fino a x = 0.

Caso 0 < E < V0

Se Vmin < E < 0 ritroviamo stati propri e non degeneri. Consideriamo allora il caso
0 < E < V0 . In modo esatto, allora la soluzione per x < xm sar data da
ex/~ + ex/~ , , C, x < xm
p
con +
2m (V0 E)/~. Adesso si tratta di scegliere , . Finora abbiamo deciso di
escludere comportamenti asintotici divergenti e perci abbiamo posto = 0. Vogliamo vedere
cosa implica, dal punto di vista matematico, porre = 0 e cosa implicherebbe fare una scelta
diversa.

Comportamento
a +, non
degenerazione

Posto = 0 la soluzione dellequazione di Schrdinger univocamente decisa (si tratta ora

V.4 Buche discontinue di potenziale: un esercizio notevole

di un problema di Cauchy) e cos o a + la soluzione si mantiene limitata oppure dobbiamo


escluderla. Ma per x > 0, la soluzione di tipo
aeikx/~ + beikx/~ , a, b C, x > 0

con k + 2mE/~. Ovviamente la soluzione accettabile per ogni valore di a, b e questo


implica che la soluzione decisa dal solo parametro , cosa consistente con il teorema di non
degenerazione (la si annulla a , il wronskiano di due soluzioni a E nullo).
Forma della
soluzione
per x > 0

Se la soluzione non degenere allora , che ancora soluzione, multipla di , cio


una funzione reale moltiplicata per un numero complesso
= c f + = (1 c)
con f = 2 Im R, perci = f . Ora, questo comporta che per x > 0 devono esistere due
costanti complesse A = a/ e B = b/ tali che
Aeikx/~ + Beikx/~ R
da cui

Aeikx/~ + Beikx/~ = Aeikx/~ + Beikx/~ = A eikx/~ + B eikx/~

siccome eikx/~ e il suo coniugato sono indipendenti, si conclude B = A e la funzione donda


per x > 0 diventa
(x > 0) = aeikx/~ + a eikx/~ = A sin (kx + (k))
Relazione di
ortogonalit

Quello che ci proponiamo di vedere che, nel caso in cui siamo, nel quale cio abbiamo
escluso la soluzione esplodente, e solo in questo, gli autostati impropri sono ortogonali cio
possibile scegliere A di modo che
Z +
dx k1 k2 = (k2 k1 )

V.4 Buche discontinue di potenziale: un esercizio notevole


In questa sezione risolveremo un esercizio in grado di chiarirci un po le idee su quello che
abbiamo fin qui visto.

V.4.1 Buche discontinue di potenziale


Schematizzazione e buche
di potenziale

Come abbiamo pi volte sottolineato il potenziale una funzione continua, tanto pi che in
fisica non ha senso parlare di quantit discontinue dal momento che non si mai in grado di
eettuare limiti per dimensioni che vanno a zero (i nostri strumenti hanno tutti una risoluzione
finita per quanto piccola). Daltra parte pu accadere che il potenziale subisca brusche
variazioni, cio vari in un intervallo di lunghezza da V1 a V2 . il caso dellinterazione
di un elettrone vicino alla superficie del metallo con gli ioni positivi del metallo stesso: in
pochi ngstrom il potenziale aumenta di una quantit pari allenergia di estrazione. In queste
situazioni, sia per semplicit che per ignoranza del modo, continuo, in cui questa variazione
occorre, si schematizza il potenziale con una funzione discontinua, magari a gradino. In altri
casi pu accadere che V2 V1 sicch la schematizzazione pu diventare V2 + .
Daltronde abbiamo avuto modo di vedere che, in ogni caso, nel punto di discontinuit
la funzione donda deve essere C 1 il che colma la lacuna di informazione portata dalla
discontinuit del potenziale. Tra laltro, il fatto che le funzioni donda dovessero restare C 1 , si
sarebbe potuto dedurre imponendo lautoaggiunzione delloperatore hamiltoniano H.

V.4.2 Buca rettangolare: stati legati


Buca
rettangolare

Cominciamo il nostro esercizio dallo studio di una buca rettangolare di potenziale. A meno
di innalzare tutti i livelli di una costante sempre possibile porre Vmin = 0 (cosa che abbiamo

V Lequazione di Schrdinger

ampiamente gi visto). Allora, il potenziale abbia la seguente forma

V0 , |x| a
V (x) +
0, |x| < a

con V0 > 0. Questo comporta che lequazione di Schrdinger assume la seguente forma

2m (V0 E)

00

(x) , se |x| a

(x) =
~2

2mE

00 (x) = 2 (x) , se |x| < a


~
Come sappiamo se E < 0 non esistono autosoluzioni accettabili del problema. Se invece
0 < E < V0 allora esistono solo livelli discreti di energia E che corrispondono ad autosoluzioni
proprie e non degeneri. Infine, se E > V0 lo spettro continuo, gli autovettori sono impropri
e doppiamente degeneri.
Stati legati

Cominciamo col determinare gli autostati legati. A questo proposito notiamo subito che
V (x) pari e perci lhamiltoniana commuta con loperatore di inversione spaziale. Siccome
tutti gli autovalori in questa regione dello spettro sono non degeneri, allora sono a parit
definita.
Teniamo conto di quanto detto e calcoliamo la soluzione generale dellequazione,per |x| < a
vale (si rammenti che E 0)
= A cos (kx) + A0 sin (kx)

con

2mE
k=
,
~

siccome E V0 , abbiamo

(x) = B exp (x) + B 0 exp (x) , se x > a


(x) = C exp (x) + C 0 exp (x) , se x < a

dove

p
2m (V0 E)
.
~
Ora, sappiamo che la soluzione deve mantenersi limitata per x perci dobbiamo
imporre B 0 = 0 e C 0 = 0.
=

Stati pari

Adesso studiamo gli autovettori pari: questo comporta immediatamente A0 = 0 e B = C,


ne consegue che le autosoluzioni legate a parit positiva sono

se x < a
B exp (x) ,
A cos (kx) ,
se |x| < a
+ (x) =

B exp (x) , se x > a


non ci resta che imporre le condizioni di continuit per la + e la sua derivata, ovviamente
baster imporre la continuit in a essendo per parit automaticamente verificata in a

Bea = A cos (ka)


A
cos (ka)
ea
=0

B
Bea = kA sin (ka)
k sin (ka) ea

si tratta di un sistema lineare omogeneo nelle incognite A, B. Esso ha come soluzione


A = B = 0 se il determinante diverso da 0. In questo caso (x) 0 e la soluzione
non accettabile. Dunque, anch la soluzione descriva uno stato del sistema dobbiamo
imporre che il determinante del sistema sia nullo
cos (ka) + k sin (ka) = 0 k tan (ka) =
Perci saranno autofunzioni accettabili solo le soluzioni per le quali E ( e k sono funzioni di
E) soddisfa lequazione di sopra.

V.4 Buche discontinue di potenziale: un esercizio notevole

Figura 4. In blu la tan (stati pari, +), in rosso la / tan (stati dispari, )
Stati dispari

Vediamo che accade per gli stati legati dispari. Si ricava A = 0 e B = C perci

B exp (x) , se x < a


A sin (kx) ,
se |x| < a
(x) =

B exp (x) , se x > a

e le condizioni di parit diventano

Bea = A sin (ka)


A
sin (ka) ea
=0

B
Bea = kA cos (ka)
k cos (ka) ea

e imponendo ancora che il determinante sia nullo troviamo

sin (ka) + k cos (ka) = 0 k/ tan (ka) =


Ovviamente, per risolvere le equazioni trovate dobbiamo usare un metodo grafico. definiamo
allora le variabili adimensionali
+ ka + a
perci dobbiamo risolvere
= tan

=
tan
Ma a che non sono indipendenti, infatti si ha

2ma2 E
~2
2ma2 (V0 E)
~2

perci
2ma2
V0 = r 2
~2
cio definitavemente fissata a r 2 la quantit 2 + 2 . Si tratta allora di trovare lintersezione
delle curve di sopra con la circonferenza di raggio fissato r2 nel primo quadrante (, k > 0
perci , > 0).
2 + 2 =

Dalle intersezioni della circonferenza con i rami positivi delle curve di sopra si ricavano i
possibili valori di k e perci di E per gli stati legati. Dalla figura V.4 si vede poi che il

V Lequazione di Schrdinger

numero di stati legati sempre finito per qualsiasi energia. Un altro punto importante
che esiste sempre uno stato legato (il primo pari, come deve essere). Si noti che r deve
essere maggiore di /2 anch esista pi di uno stato legato, cio deve essere
2
2ma2
V

.
0
~2
4
Limite per
V0

Interessante vedere che cosa accade per V0 . Numerando lo stato fondamentale con
n = 0, lascissa dellintersezione dello stato n-esimo tende a (n + 1) /2 cio si ha

(n + 1)
(n + 1)
2mE
~2 2
2
ka =

a=
En = (n + 1)
2.
2
~
2
2m (2a)
Adesso vediamo come si modificano le funzioni donda al limite per V0 : siccome
ka (n + 1) /2 le condizioni in x = a sono

2m + 1
cos
= 0, sin (m) = 0
2
da cui la funzione donda dello stato 2m

1 x

2m (x) = cos m +
, |x| a
2 a

|x| > a
2m (x) = 0,

per lo stato 2m + 1

2m+1 (x) = sin (m + 1)


2m+1 (x) = 0,

x
, |x| a
a
|x| > a

Daltra parte linsieme delle n (x) completo perci ogni funzione donda nulla per |x| > a,
al contrario di quello che accadeva per V0 finito. In questo caso si dice che la particella
vincolata a muoversi sul segmento lungo 2a. Ne ricaviamo che se la particella
vincolata ci possiamo disinteressare di quello che accade fuori dallintervallo [a, a] e risolvere
lequazione di Schrdinger con le condizioni al contorno di annullamento al bordo (buca di
Dirchlet). Questo un fatto generale: qualsiasi sia il potenziale, per la particella vincolata
vale lequazione di Schrdinger con la condizione di annullamento al bordo (questo perch,
per esempio, le condizioni al bordo garantiscono lautoaggiunzione di H).

V.4.3 Importanza delle condizioni al contorno: un altro problema


Condizioni
al contorno

Come ben noto, risolvendo il problema di una particella in una scatola (unidimensionale
di lunghezza 2a) si riottengono, con le condizioni di Dirichlet dette, le autofunzioni di sopra.
Una scatola allora schematizzabile come una buca infinita di potenziale.
Abbiamo visto qual limportanza delle condizioni al contorno in una equazione dierenziale
come quella di Schrdinger. In particolare tutta lanalisi fatta nelle sezioni predenti era valida
perch si richiedeva che le autofunzioni fossero L2 oppure fossero limitate allinfinito. Dunque,
anche nel lavoro di prima avevano una importanza determinante le condizioni di bordo. Come
vedremo ancora tra un po e come dovrebbe essere noto dal corso di Metodi, le condizioni al
bordo sono anche legate al dominio di definizioni di H e come tali non possono essere scelte a
caso ma devono garantire lautoaggiunzione.

Un nuovo
problema

Per puntualizzare meglio quanto detto, modifichiamo la buca di Dirichlet, passando a


considerare le condizioni alla Robin. Il problema che ci poniamo il seguente

~2 00


(x) = E (x)
2m

0 (a) = t (a)

che sembra rappresentare, seppure con strane condizioni al contorno, la particella libera
vincolata su un segmento ancora lungo 2a. Vediamo che si pu dire se t C. In primo
luogo, richiediamo che H sia autoaggiunto, altrimenti il problema non fisico. Per questo,
come al solito, ci accontentiamo di imporre lhermiticit: ci basta che a essere hermitiana sia

V.4 Buche discontinue di potenziale: un esercizio notevole

la derivata seconda

Z a
Z a
Z a
d2
a
a
a
f, 2 g =
f g 00 = f g0 |a
f 0 g0 = f g0 |a f 0 g|a +
f 00 g
dx
a
a
a
da cui la condizione per lhermiticit
a

f g0 |a = f 0 g|a f g0 (a) f g0 (a) = f 0 g (a) f 0 g (a)


tenendo conto delle condizione al contorno
t+ gf (a) t gf (a) = t+ f g (a) t f g (a)

t+ t+ f g (a) = t t f g (a)

Condizioni
al contorno
alla Robin

per soddisfare la quale ci basta t+ , t R.


Non vogliamo rinunciare neppure alla commutativit con I (in fin dei conti si tratta ancora di
una particella libera), ma questo implica che t+ = t + t R. Infatti, per poter verificare
che H e I commutano necessario che I (x) appartenga al dominio di H, ma questo
possibile solo se t+ = t .
Le condizioni al contorno sono diventate quelle di Robin:

~2 00


(x) = E (x)
2m

0 (a) = t (a) , t R

Ora, vediamo che gli autovalori di H sono non degeneri: ripercorrendo la dimostrazione del
teorema di non degenerazione ci basta vedere che
01 2 1 02 = 0
in un punto: ci basta prendere x = a e abbiamo
01 2 1 02 = t 1 2 t 1 2 = 0
da cui abbiamo che gli autostati di H sono ancora a parit definita.
La soluzione generale dellequazione dierenziale

2mE
2mE
(x) = A exp
x + B exp
x
~
~
Caso E < 0

Sia ora E < 0 allora la soluzione la sovrapposizione di due esponenziali reali. Cominciamo
con il selezionare quella pari:
p
2m |E|
k+
+ (x) = A cosh (kx)
~
imponiamo le condizioni al contorno
0+ (a) = tA cosh (ka) = kA sinh (ka)
da cui si ottiene la condizione
t cosh (ka) = k sinh (ka) t = k tanh (ka)
Veniamo agli stati dispari a E < 0
(x) = A sinh (ka)
le condizioni al contorno diventano
0 (a) = tA sinh (ka) = kA cosh (ka) t =

k
tanh (ka)

Adesso dobbiamo vedere se per qualche t le condizioni determinate possono essere soddisfatte
la qual cosa implicherebbe lesistena di stati a energia negativa (da cui lhamiltoniano non
potrebbe essere considerato autoaggiunto). Usiamo ancora un metodo grafico: in ordinata
riportiamo + ta e in ascissa + ka e intersechiamo le funzioni di con la retta fissata di
ordinata ta. Poich ka > 0 e le funzioni in questione sono positive possiamo limitarci al primo
quadrante. Siccome troviamo delle intersezioni se t > 0, si veda figura V.5, esiste almeno uno
stato (pari) a E < 0. Dal grafico si deduce che se 0 < ta < 1 allora si ha solo lo stato pari, se

V Lequazione di Schrdinger

Figura 5. In blu lo stato pari ( tanh ) in rosso lo stato dispari (/ tanh ).

ta > 1 esistono due stati, uno pari e uno dispari a energie sempre pi vicine man mano che t
aumenta. Siccome k < k+ si ha che |E | < |E+ | da cui, essendo E , E+ < 0, E+ < E e
ancora lo stato fondamentale quello pari.
Caso E > 0
Passiamo a considerare le energie positive. Le soluzioni sono ora trigonometriche
(x) = A cos (kx) + B sin (kx)
quella pari di tipo coseno, quella dispari di tipo seno. Andiamo, come al solito, a imporre le
condizioni di bordo:
0+ (a) = t + (a) kA sin (ka) = tA cos (ka) k tan (ka) = t
k
0 (a) = t (a) kA cos (ka) = tA sin (ka)
=t
tan (ka)

Buca di von
Neumann

Usiamo ancora il metodo grafico (figura V.6). Stavolta dobbiamo incluedere valori negativi
dellordinata. Dal grafico otteniamo che per ogni valore di t troviamo stavolta infiniti stati
legati.
Se adesso mandiamo t 7 t e ribaltiamo tutti i grafici ottenuti abbiamo per il caso E > 0
le funzioni che avevamo trovato trattando la buca rettangolare, stavolta intersecate con una
retta anzich con una circonferenza. utile ricapitolare quanto ottenuto, graficando tutte le
funzioni in esame in ununica figura (V.7), ancora, a dierernza che per la buca rettangolare,
dobbiamo includere ordinate negative
Come si vede, la parte positiva del grafico rappresenta la figura che avevamo ottenuto per
gli stati legati della buca rettangolare. Ancora, notiamo che se t ritroviamo la buca di
Dirichlet, ka (n + 1) /2 e le soluzioni sono trigonometriche.
Per t 0 troviamo invece la buca di von Neumann, che prevede condizioni al bordo di
annullamento per la derivata, dato che
n
ka
,nN
2
e le soluzioni sono ancora trigonometriche. I livelli energetici per la buca di von Neumann
sono
2 ~2
.
En = n2
2m (2a)2

V.4.4 Buca rettangolare: autostati impropri


Stati a E > V0
per la buca
rettangolare

La lunga digressione sulle condizioni al bordo ha interrotto lesercizio della buca rettangolare:
vogliamo adesso detrminare gli stati a energia maggiore di V0 . Come sappiamo dallanalisi
qualitativa, lo spettro a E > V0 continuo e gli autovettori corrispondenti sono impropri e
doppiamente degeneri. La soluzione generale adesso
= A exp (ikx) + A0 exp (ikx) ,

|x| < a

V.5 Eetto tunnel

Figura 6.

con

2mE
k=
,
~

inoltre
(x) = B exp (ix) + B 0 exp (ix) , se x > a
(x) = C exp (ix) + C 0 exp (ix) , se x < a
dove

p
2m (E V0 )
=
.
~
Stavolta non possiamo eliminare le soluzioni per parit (gli stati sono degeneri) n per
andamento allinfinito: le soluzioni si mantengono tutte limitate. Non ci resta che applicare
le condizioni di raccordo per continuit. Questultime costituiscono un sistema di 4 relazioni,
mentre noi abbiamo 6 incognite: ci conferma che tutti gli autovalori sono doppiamente
degeneri. Per determinare una soluzione a E fissata, possiamo porre

B+ 0
C+ 1
oppure

B+ 1
C+ 0

e determinare di conseguenza gli altri quattro parametri, imponendo le condizioni di continuit.


Si noti che la prima soluzione corrisponde a unonda che arriva da sinistra, giunge sulla buca,
in parte torna indietro e in parte si trasmette. Laltra soluzione esattamente la stessa ma
invertita spazialmente: siccome H e I commutano le due soluzioni corrispondono allo stesso
valore di E, cio appartengono allo stesso autospazio. Daltra parte sono indipendenti, ma
essendo due, formano una base per lautospazio allenergia E maggiore di V0 .
Si noti, infine, che non comunque possibile che B e B 0 (o C e C 0 ) siano contemporaneamente
eguali a 0: altrimenti la soluzione si annullerebbe su un intervallo assieme alla sua derivata:
il che comporterebbe soluzione nulla su tutta la retta: il che assurdo.
Torneremo su questo caso nella prossima sezione.

V.5 Eetto tunnel


V.5.1 Barriera di potenziale
Barriere di
potenziale

Consideriamo il seguente profilo di potenziale unidimensionale: V (x) abbia supporto tra 0


e a e sia compreso tra 0 e V0 > 0 (si veda la figura V.8)

V Lequazione di Schrdinger

Figura 7. Grafico complessivo: stati pari in blu, dispari in rosso


Analogo classico.
Comportamento
quantistico

Nellanalogo problema classico, la particella che giunga (da sinistra o da destra) in prossimit
della barriera di potenziale viene riflessa se la sua energia totale minore di V0 , mentre riesce
sicuramente ad attraversare la barriera se la sua energia pi grande di V0 . Dal punto di vista
quantistico, gli stati consentiti sono, come nel caso classico, quelli a energia positiva, tuttavia,
una particella che abbia unenergia minore di V0 ha probabilit non nulla di attraversare
la barriera di potenziale: altrimenti la funzione donda della particella sarebbe nulla su una
semiretta e, per il teorema di Cauchy-Lipschitz, sarebbe nulla su tutta la retta: il che assurdo.
Questo fatto, tipicamente quantistico, prende il nome di eetto tunnel e sar loggetto della
presente sezione.

Problema agli
autovalori

Studiamo gli autostati dellhamiltoniana. Siccome le regioni asintotiche presentano energia


maggiore del potenziale, lo spettro dellenergia continuo (E > 0) e corrisponde ad
autovettori impropri e doppiamente degeneri. In particolare, tutto quanto diremo
valido anche se rimpiazziamo la barriera con una buca a supporto in [0, a] pur di prendere
E > Vmax .
Nelle regioni al di fuori del supporto di V le soluzioni sono
0
A exp (ikx) + A exp (ikx) , x 0
E (x) =
C exp (ikx) + C 0 exp (ikx) , x a
con

2mE
k+
~
Come avevamo trovato per la buca di potenziale, solo due dei quattro coecienti sono
indipendenti e coecienti nella stessa regione non possono essere contemporaneamente nulli
(lo abbiamo pi volte notato). Dunque, sar possibile scegliere due soluzioni indipendenti
ponendo prima A0 = 1 e C 0 = 0 e poi C 0 = 1 e A0 = 0.

Coecienti di
trasmissione e
di riflessione
parziale

Consideriamo il primo caso abbiamo

exp (ikx) + A exp (ikx) , x 0


E (x) =
C exp (ikx) ,
xa

che si dice funzione


donda di scattering. La E scritta
come

sopra rappresenta unonda

incidente eikx proveniente da sinistra, in parte riflessa Aeikx e in parte trasmessa Ceikx :
allora definiamo |A|2 coeciente di riflessione e |C|2 coeciente di trasmissione.

Ora, i valori di A e C dipendono dalla barriera di potenziale, ma, per ogni profilo e ogni
energia, vale
|A|2 + |C|2 = 1

se inviamo molte particelle sulla barriera, il numero di particelle inviate (proporzionale a |A0 | )
eguaglia il numero di particelle riflesse pi quelle trasmesse: si tratta dunque di una legge di
conservazione.

V.5 Eetto tunnel

Figura 8. Barriera di potenziale


Corrente di
probabilit nel
caso stazionario

Per dimostrare lultimo asserto consideriamo il caso tridimensionale n = 3:


~2

4E + V E = EE
2m
moltiplichiamo per e la sua complessa coniugata per , poi sottraiamo
E 4E E 4 E = 0 div (E E E E ) = 0
per cui, posto
j+

i~
( ) =
2m

troviamo

p
p

2m
2m

div j (x) = 0
che una equazione di continuit (sulla quale torneremo per vedere il caso dipendente dal
tempo).
Caso
unidimensionale

Nel caso unidimensionale, si ottiene

d 0
E 0
E =0
dx E E
integriamola tra x1 e x2 e otteniamo
x2
x2

E 0E x1 E 0
= 0
E x1

(x2 ) = E 0E (x1 ) E 0
(x1 )
E 0E (x2 ) E 0
0E

0
E
Im E E (x2 ) = Im E E (x1 )

Poniamo ora x1 < 0 e x2 > 0, troviamo

Im [(exp (ikx2 ) + A exp (ikx2 )) ik (exp (ikx2 ) A exp (ikx2 ))] =


h

Im ik 1 |A|2 + 2i Im (A exp (2ikx2 )) = k 1 |A|2

mentre

Im [C exp (ikx1 ) ikC exp (ikx1 )] = k |C|


da cui
1 = |A|2 + |C|2
Invarianza dei
coecienti per
cambiamento del
verso dellonda
incidente

In
conclusione,
vogliamo
compiere
unaltra
annotazione imporantissima: indipendentemente dal profilo di potenziale a supporto in
[0, a], i coecienti di trasmissione e riflessione sono gli stessi sia che la particella incida da
destra a sinistra che da sinistra a destra.
Notiamo che la cosa del tutto ovvia se scegliamo una barriera simmetrica, perch, traslando

V Lequazione di Schrdinger

gli assi, V diventa pari e allora se a una certa fissata E la soluzione

exp (ikx) + A exp (ikx) , x a/2

E (x) =
C exp (ikx) ,
x a/2
allora alla stessa E unaltra soluzione

C exp (ikx) ,
x a/2

(x)
=
E
exp (ikx) + A exp (ikx) , x a/2

Ora, abbiamo che


E (x) e E (x) sono due soluzioni indipendenti - alla stessa energia - ma
propagantisi in versi opposti. Per queste due soluzioni i coecienti di trasmissione e riflessione
sono eguali (sono gli stessi proprio A e C, come numeri complessi!).

Dimostrazione
nel caso generale

Vediamo come si fa la dimostrazione nel caso generale. Se

exp (ikx) + A exp (ikx) , x 0


E (x) =
C exp (ikx) ,
xa

autovettore di E anche

(x) =

exp (ikx) + A exp (ikx) , x 0


C exp (ikx) ,
xa

soluzione, poich lequazione dierenziale reale. Inoltre, siccome la E non reale, neppure
a meno di una fase (si veda landamento per x a), si ha che E e la sua complessa coniugata
E sono indipendenti e formano una base dellautospazio relativo a E. Perci la soluzione

E (x) si esprime come combinazione lineare delle due trovate cio

( + A ) exp (ikx) + (A + ) exp (ikx) , x 0

(x)
=
E
C exp (ikx) + C exp (ikx) ,
xa
con e complessi tali che

C = 1,

+ A = 0

da cui = A /C e = 1/C .

Il coeciente di trasmissione T = |A + |2 , ma A + = |A|2 + 1 = |C|2 da cui


T = ||2 |C|4 =
2

il coeciente di riflessione R = |C| ma


2

R = |C| =
Barriera
rettangolare

|C|2

|A|2

|C|

|C|4 = |C|2 = T ,

|C| = |A| = R .

Detto questo interessante andiamo, per esercizio, a calcolare i coecienti in un caso


particolare, come quello della barriera rettangolare: posto

0, 0 < x e x > a
V (x) =
V0 , 0 x a
nel caso in cui 0 < E V0 la soluzione generale

exp (ikx) + A exp (ikx) , x < 0


B exp (x) + B 0 exp (x) , 0 < x < a
E (x) =

C exp (i (x a)) , x > a

dove abbiamo mandato C in eia C il che non comporta variazioni per T = |C|2 . Ovviamente
p

2m (V0 E)
2mE
k=
, =
~
~
1
imponendo le condizioni di continuit E C in 0 e a si ottengono le equazioni

a
0 a
1 + A = B + B0

C = Be + B e
,

i k (1 A) = B B 0
C = i (Bea B 0 ea )
k

V.6 Lequazione tridimensionale

Figura 9. Coeciente di trasmissione |C|2 in funzione di E/V0 per 2mV0 a2 /~2 = 3

Considerando il secondo sistema abbiamo

0
0

C = (B + B ) cosh a + (B B ) sinh a

C = i [(B + B 0 ) sinh (a) + (B B 0 ) cosh a]


k
da cui, sostituendo le quantit ottenute dal primo sistema,

ik

(1 A) sinh a
C = (1 + A) cosh a +

ik

C = i (1 + A) sinh (a) +
(1 A) cosh a
k

sicch

da cui si ricava

ik

C = (1 + A) cosh a + (1 A) sinh a

(1 + A) sinh (a)
C = (1 A) cosh a
k

ik

C = (1 + A) cosh a + (1 A) sinh a

(1 + A) sinh (a)
C = (1 A) cosh a
k
da questultimo sistema si ottengono i valori cercati:

4E (V0 E)

|C|2 =

4E (V0 E) + V02 sinh2 a

2m (V0 E)
, =
,

~
2
2

V
sinh
a

2
0

|A| =
4E (V0 E) + V02 sinh2 a

Analogamente, nel caso in cui sia E V0 ,

4E (E V0 )
2

|C| =

4E (E V0 ) + V02 sin2 a

|A| =

V02 sin2 a
4E (E V0 ) + V02 sin2 a

p
2m (E V0 )
=
,
~

E V0

E V0

Come si vede dal grafico tracciato in figura V.9, |C| sempre diverso da 0 (per energie non
nulle), inoltre esiste un valore di E/V0 per cui la riflessione parziale si azzera e londa viene
completamente trasmessa.

V Lequazione di Schrdinger

V.6 Lequazione tridimensionale


V.6.1 Corrente di probabilit ed equazione di continuit
Corrente di
probabilit nel
caso dipendente
dal tempo

Consideriamo lequazione di Schrdinger dipendente dal tempo, abbiamo


2

+ V (q) |i
i~ |i = H |i =
t
2m

In rappresentazione di Schrdinger, essa diviene

~2
(q, t)
=
+ V (q) (q, t)
i~
t
2m

Prendiamo il complesso coniugato di ambo i membri

~2
(q, t)
=
+ V (q) (q, t)
i~
t
2m

moltiplichiamo le due equazioni ricavate per e per , rispettivamente, poi sottraiamo


~2
i~
+
=
( )
t
t
2m
da cui ricaviamo

i~

~2
( ) =
( )
t
2m
i~

( ) =
( )
t
2m

quindi

1
( ) +
div ( (i~) (i~) ) = 0
t
2m

p
= 0
( ) + div

t
2m
2m

se definiamo (q, t) + (q, t), densit di probabilit, e

i~
p
p
j (q, t) +

=
( )
2m
2m
2m

corrente di probabilit troviamo la seguente equazione di continuit

+ div j = 0
t
che si riduce allequazione trovata alla sezione precedente, div j = 0, per gli stati stazionari.
Lequazione scritta esprime la conservazione della probabilit.

V.6.2 Potenziali centrali esplodenti nellorigine


Potenziali
centrali e
funzioni
donda sferiche

Ammettiamo di avere (non ci interessa adesso come) una funzione donda tridimensionale che
dipenda solo dalla distanza da un centro di forza. = (r) debba cio risolvere lequazione
~2
+ V (r) (r) = E
2m
ma, come sappiamo (per esempio dal corso di Fisica Generale II),

=
Potenziali
esplodenti
nellorigine

1 0

1 d 0
2
1 d2
(r (r)) =
r + =
+ r00 + 0 = 00 + 0
2
r dr
r dr
r
r

Vogliamo analizzare il comportamento delle autosoluzioni nel caso di potenziali esplodenti


(poniamo nellorigine) come
e2
rs
che, ad esempio per s = 1, il potenziale di interazione del protone e dellelettrone nellatomo
V (r)

V.6 Lequazione tridimensionale

di idrogeno.
Ragionamento
alla Landau

Cominciamo con un ragionamento qualitativo: confiniamo la particella in una sferetta di


raggio r0 attorno allorigine. Dal principio di indeterminazione abbiamo che limpulso deve
essere dellordine ~/r0 perci lenergia deve essere circa
E

~2
e2

2mr02
r0s

da cui, se s > 2 lenergia non inferiormente limitata, perci il sistema non stabile.
Troviamo allora, per una via non rigorosa, la stabilit dellatomo di idrogeno.
Dimostrazione
rigorosa

Adesso vogliamo formalizzare il risultato (giustissimo!) ottenuto alla Landau. Consideriamo


la seguente funzione donda normalizzata di prova, dipendente dal parametro r0 (che svolge il
ruolo dellr0 di sopra)

1 r0
r
(r) + 3/2 f
r
r0
r
0

con f reale a supporto compatto e C0 . Dalla normalizzazione di



Z
Z
Z
r2
r
r
dr
1
f
= 4
f (x) dx.
= 4
1 = (, ) = 3 d (r, , ) r2 sin 02 f 2
r0
r
r0
r0 r0
0
0
Adesso andiamo a calcolare il valor medio dellenergia cinetica su , (, T ). Cominciamo col
calcolare T , troviamo


r
~2 1 1 00 r
~2 1 1 d2
~2
f
=
=
f
T =
2m
2m r 1/2 r dr2
r0
2m r 5/2 r
r0
0

perci


Z
Z
~2 1 + dr
r
r
4~2 +
00
(, T ) = 4
dr r T = 4
f
dx f (x) f 00 (x) =
f
=

2m r02 0
r0
r0
r0
2mr02 0
0
Z
Z
4~2 +
4~2 +
c2
2
00
=
dx
f
(x)
f
(x)
=
dx [f 0 (x)] = 12 , c1 R
2
2
2mr0 0
2mr0 0
r0
Z

Passiamo al valor medio del potenziale che moltiplicativo




Z +
Z +
Z
4e2 + dr r0s 2 r
dr 1 2 r
2
2
2
(, V ) = 4
dr r V || = 4e
f
f
= s
=
r0 r s
r0
r0 0
r0 r s
r0
0
0
Z
4e2 +
1
c2
= s
dx s f 2 (x) = 2s , c2 R
r0 0
x
r0
perci sugli stati costruiti tramite la f a supporto compatto risulta
(, H) =

c2
c21
2s
2
r0
r0

da cui se s > 2 il valor medio dellenergia pu diventare arbitrariamente negativo.


Proposizione V.2

Dato un potenziale attrattivo centrale esplodente nellorigine come

e2
rs

esso d luogo a sistemi instabili se s > 2.

Abbiamo eseguito la dimostrazione (la parte rigorosa!) solo nel caso in cui fosse funzione di
r. Quando avremo completato la teoria del momento angolare e aronteremo i campi centrali,
vederemo che quanto dimostrato in questo caso vero (dalla meccanica analitica sappiamo
infatti che in quei casi il termine cinetico dipendente da viene inglobato nel potenziale
eettivo tramite il momento angolare con un termine che diverge allorigine come L2 /r2 , ma
(c.v.d.) se s > 2 la divergenza dominata da 1/r s ).

Dimostrazione


Medie e spettro

V Lequazione di Schrdinger

Il fatto che esistano medie arbitrariamente negative di H implica che lo spettro dellenergia
non limitato inferiormente. Infatti, per ogni M < 0 esiste normalizzato talch (, H) <
M . Ora, dato un s.o.n.c.
di autovettori di H {i }, per ogni N < 0 esiste una successione in
P
D2 , {ai } talch = ai i con
X
X
X
X
|ai |2 Ei < M
|ai |2 Ei < M
|ai |2
|ai |2 (Ei M ) < 0
i

da cui esiste almeno un j per cui Ej < M per ogni M < 0. Dunque lo stato fondamentale
di un sistema per cui il potenziale diverge come e2 /rs con s > 2 ha energia infinitamente
negativa: la particella cio cade sul centro di forza, di qui linstabilit.
Comportamento
per s < 2

Nella proposizione non si chiarisce che cosa accade per 0 < s 2. Cominciamo col considerare
il caso 0 < s < 2 per funzioni donda sferiche.
Data la funzione donda definiamo funzione donda ridotta la = r. Se uno stato
legato la si annulla allinfinito e nellorigine
Z +
Z +
~2
d2
~2
2
(, T ) =
4dr 2 =
(0 ) 4dr
2m 0
dr
2m 0

da cui T positivo ( nulla per r , la assumiamo nulla allorigine).


Daltra parte sar positivo anche loperatore K che si ottiene rimpiazzando nellultimo
integrale d/dr con
d

+
dr
r

Calcoliamo K, tralasciando le costanti


Z
Z
d
d

0<
+

+
dr = K dr
dr
r
dr
r

per trovare K sviluppiamo lintegranda e integriamo per parti nel membro intermedio
Z
Z
Z
Z
Z
d d
d
2

d
K dr =
+
dr +
dr + 2 dr =
dr dr
r dr
r dr
r
Z
Z
Z
Z

2
d
d
d
2
= 2 +
dr
dr + 2 dr =
dr
r dr
dr r
r
Z
Z
Z
Z
Z
2
d
d
d
2

= 2 +
dr
dr + 2 dr + 2 dr =
dr
r dr
r dr
r
r

Z
Z
Z
2
2
2
2
d

= 2 + +

dr = 2 +
dr
r2
dr
r2
da cui

d2
2 +
K= 2+
dr
r2

un operatore positivo per ogni R. In particolare positivo per il minimo di 2 + che


coincide con = 1/2, da cui un operatore positivo

d2
1
K= 2 2
dr
4r
Allora preso un potenziale del tipo e2 /rs con s < 2 abbiamo,

Z +
e2
~2 d2
(, H) =
4dr

2m dr 2
rs
0

ora, loperatore che agisce sulle

~2 d2 e2
~2
~2 d2 e2
~2
~2
s =
s 2
+ 2
=
2
2
2m dr r
2m dr r 4r (2m) 4r (2m)
2m

1
~2
d
e2

dr 2 4r2
4r 2 (2m) r s

il primo addendo positivo per quanto detto sopra, il secondo addendo un operatore di
moltiplicazione che, nel caso in cui s < 2 sempre limitato inferiormente. Ne consegue che
tutti i valori medi sono limitati, in particolare lo spettro di E limitato.

V.6 Lequazione tridimensionale


Proposizione V.3

Dato un potenziale attrattivo centrale esplodente nellorigine come

e2
rs

esso d luogo a sistemi stabili se s < 2.

Il caso s = 2, lo rimandiamo alla trattazione non rigorosa (figuriamoci) che si trova nel 35
del testo di Landau.

V.6.3 Potenziali centrali a grandi distanze


Potenziali
asintotici a
2
e /rs , s < 2

Consideriamo ancora unandamento allinfinito del tipo e2 /rs con s < 2. Torniamo a
considerare la funzione donda

1 r0
r
(r) + 3/2 f
r
r
0
r
0

f abbia supporto tra 1 e 2. Prendiamo r0 + r0 il primo valore della retta reale tale che
(, H) =

c2
c21
2s < 0
2
r0
r0

Allora 1 avr supporto tra r0 e 2r0 . Ora prendiamo una nuova 2 ponendo r0 + 2
r0 ,
otteniamo una funzione a supporto tra 2r0 e 4r0 e continuiamo cos. Costruiamo cos un
sistema ortonormale di infinite funzioni sulle quali H ha valor medio negativo
n + (n , Hn ) < 0
H
Siccome poi H locale Hn mantiene il suo supporto di modo che
(m , Hn ) = 0.
Se s < 2 (come nel caso dellidrogeno) vogliamo dimostrare che esistono infiniti stati legati.
Siccome da un certo punto in poi il potenziale va come e2 /rs , gli stati legati sono quelli a
energia inferiore di 0.
Procediamo per assurdo e supponiamo esista un numero finito di autostati a energia negativa.
Il set di autovettori dellhamiltoniana sia dato dalle n e n tali che

Hn = En n , En > 0
H m = Em m , Em < 0, m JN

siccome si tratta di un s.o.n.c. sviluppiamo le i per i = 1, . . . N + 1. Abbiamo


i = (i) + (i)

dove (i) e (i) sono sovrapposizioni delle n e m rispettivamente. Visto che abbiamo N + 1
sovrapposizioni degli m esse saranno dipendenti, cio esister lN + 1-upla j tale che
X
i (i) = 0
i

Consideriamo allora la seguente funzione donda


X
=
i i
i

per essa abbiamo

i i =

i (i)

ma su una sovrapposizione dei n il valor medio dellenergia maggiore di zero, perci

X
X
X
i < 0
0<
i i ,
j Hj =
|i |2 H
i

il che assurdo:


Proposizione V.4

VI Loscillatore armonico unidimensionale

Per un potenziale che a grandi distanze si comporta come

esistono infiniti stati legati.

e2
,
rs

s<2

Capitolo VI

Loscillatore armonico unidimensionale

Limportanza delloscillatore armonico nella fisica ben nota. Ogni sistema meccanico nellintorno
di un punto di equilibrio si comporta come unoscillatore armonico, nellapprossimazione delle
piccole oscillazioni; il campo elettromagnetico allinterno di una cavit equivalente a un sistema
di oscillatori lineari;

VI.1 Caratteristiche dello spettro dellenergia


VI.1.1 Positivit degli autovalori
Propriet
dello spettro

Cominciamo con lesaminare le caratteristiche salienti dello spettro dellenergia di un


oscillatore armonico. In primo luogo lhamiltoniana del sistema la seguente
p2
1
+ m 2 q 2
2m 2
perci il potenziale V (q) ha la forma di una parabola rivolta verso lalto, con vertice
nellorigine. Ne deriva che
H (p, q) =

(i) Vmin (q) = 0, perci gli autovalori dellenergia sono tutti non negativi: E 0;
(ii) il potenziale illimitato superiormente, ogni retta parallela allasse delle ascisse corrispondente allenergia E incontra il grafico del potenziale in due punti, perci le regioni
allinfinito sono a E < V ; questo implica
(a) lo spettro dellenergia formato solo da autovalori discreti, En ;
(b) ciascun autovalore non degenere.
Vogliamo adesso vedere se possibile avere un autostato a energia nulla: se cos fosse avremmo
un autostato per cui
hE| H |Ei = 0
Abbiamo
hE| H |Ei =

1
1
hE| p2 |Ei + m 2 hE| q 2 |Ei ,
2m
2

Ma, abbiamo p = p+ e |i + p |Ei

hE| p2 |Ei = hE| p+ p |Ei = h |i 0

e leguaglianza vale se e solo se p |Ei = 0, dunque

hE| H |Ei = 0 hE| p2 |Ei = hE| q 2 |Ei = 0 p |Ei = 0 e q |Ei = 0

la qualcosa assurda, altrimenti avremmo trovato un autovettore (allautovalore nullo)


simultaneo di p e q.

VI Loscillatore armonico unidimensionale

Questo comporta che tutti gli autovalori dellenergia sono strettamente positivi.
Parit

Siccome il potenziale pari, gli autostati sono a parit definita, ordinandoli in ordine di
energia, lo stato fondamentale pari, lo stato a energia E1 dispari, e cos via

VI.1.2 Energia dello stato fondamentale


Cominciamo con un risultato generale.

Proposizione VI.1

Se un sistema ha hamiltoniana
p2
+ V (q)
2m
allora i valori medi di p e q sugli autostati dellhamiltoniana sono nulli.
H (p, q) =

Dimostrazione

Andiamo a calcolare il commutatore dellhamiltoniana con gli operatori p e q. Abbiamo,


essendo [V (q) , q] = 0,
1 2
1
1
i~
[H, q] =
p ,q =
(p [p, q] + [p, q] p) =
(2i~p) = p
2m
2m
2m
m
perci
i~
hEn | [H, q] |En i = hEn | Hq |En i hEn | qH |En i = hEn | p |En i
m
ma, ricordando che il bra lhermitiano coniugato del ket
H |En i = En |En i hEn | H = En hEn |
allora
hEn | [H, q] |En i = En hEn | q |En i En hEn | q |En i = 0
perci
hEn | p |En i = 0.

(c.v.d.)
Valore minimo
dellenergia

Analogamente si procede per il caso riguardante q.


Il risultato trovato ci consente di determinare un limite inferiore per lenergia dello stato
fondamentale delloscillatore lineare. Sia infatti E0 un autovalore dellenergia, corrispondente
allautostato |E0 i normalizzato, hE0 |E0 i = 1. Vale allora

1
1 2
p + m2 2 q 2
E0 = hE0 | H |E0 i =
hE0 | p2 |E0 i + m2 2 hE0 | q 2 |E0 i =
2m
2m
essendo p = q = 0, per la proposizione precedente, abbiamo

1
(p)2 + m2 2 (q)2
E0 =
2m
2
2
grazie alla diseguaglianza a + b 2ab, abbiamo
1
~
E0
2m (p) (q) = (p) (q)
2m
2
Notiamo che leguaglianza vale solo se
(i) |E0 i uno stato di minima indeterminazione

(ii) a2 + b2 = 2ab a = b, cio se p = mq.

Vedremo che lo stato fondamentale ha proprio autovalore ~/2, perci per esso, in virt di
(ii),
2

1
(p)
1
2
m 2 (q) =
= E0
2
2m
2

VI.2 Livelli energetici delloscillatore armonico

cio
1
p2
m 2 q 2 =
=
2
2m
che la versione quantistica del teorema del viriale.
intendersi non sul tempo, ma sulle misure.

1
E0
2
Si noti per come qui la media sia da

VI.2 Livelli energetici delloscillatore armonico


VI.2.1 Operatori di discesa e di salita
Per determinare gli autovalori dellhamiltoniana conviene introdurre i seguenti operatori
1
(p imq)
(VI.1a)
+
2m~
1
+ +
(p + imq)
(VI.1b)
2m~
in termini dei quali troviamo
r
r

~ +
m~ +
(VI.2)
q = i
, p=
+ .
2m
2
Si ha poi

1 2
1 2
+ =
p + im (qp pq) + m2 2 q 2 =
p + im [q, p] + m2 2 q 2 =
2m~
2m~
2

1
~
1 2
p
1
H
1
=
p + m2 2 q 2 m~ =
+ m 2 q 2
=

2m~
~ 2m 2
2
~ 2
e, analogamente

+ =

H
1
+
~ 2

e quindi [, + ] = 1.
Calcoliamo ancora

Operatore
di discesa

[H, ] = ~ + , = ~ + , = ~

H, + = H+ + H = (H H)+ = [, H]+ = ~+

Sia ora |Ei un autovettore dellhamiltoniana allautovalore E. Consideriamo allora il vettore


|Ei, se |Ei 6= 0, esso ancora un autovettore dellhamiltoniana. Infatti,
H |Ei = H |Ei ~ |Ei = (E ~) |Ei
cio se |Ei autovettore a E dellhamiltoniana, |Ei ancora autovettore allautovalore
E ~. Per questo motivo viene detto operatore di discesa.

Energia
dello stato
fondamentale

Prendiamo allora lautovettore ad autovalore E e applichiamogli ripetutamente . Siccome


otteniamo valori dello spettro sempre pi bassi finch |En i 6= 0, e siccome lo spettro limitato
inferiormente, dovr esistere un autovettore dellhamiltoniana, tale che
|E0 i = 0
allora
0 = hE0 | + |E0 i = hE0 |

H
1
E0
1
|E0 i hE0 | |E0 i =

~
2
~ 2

da cui
~
2
cio lautovalore minimo dellenergia proprio pari a ~/2 (come abbiamo visto, si tratta di
uno stato di minima indeterminazione).
E0 =


Operatore
di salita

VI Loscillatore armonico unidimensionale

Vediamo invece qual lazione di + su gli autovettori dellenergia:

H+ |Ei = + H |Ei + H, + |Ei = E + |Ei + ~ + |Ei = (E + ~) + |Ei

cio se |Ei autovettore dellhamiltoniana, + |Ei autovettore dellhamiltoniana


allautovalore E + ~.
Partendo allora dallautostato fondamentale, |E0 i a energia ~/2, costruiamo, tramite + gli
autovettori agli autovalori En = n~ + ~/2 = (n + 1/2) ~. Gli autovalori cos trovati,
esauriscono lo spettro dellenergia delloscillatore: se ne esistessero altri, la catena discendente
a partire da uno di essi, non passerebbe per E0 e perci finirebbe col determinare autovalori
negativi, il che assurdo.
Spettro
delloscillatore

Normalizzazione
degli autovettori

In conclusione lo spettro delloscillatore armonico dato da

1
En = n +
~, n N
2
Per concludere, semplificata la notazione, poniamo |En i + |ni, notiamo che gli autovettori
n
ottenuti da |0i per applicazione di ( + ) , non sono normalizzati.
Procediamo alla normalizzazione. Dobbiamo calcolare
n
hn |ni = h0| n + |0i
Cominciamo con il dimostrare che

+ n
n1
,
= n +

Procediamo per induzione. Il passo n = 1 lo abbiamo gi visto. Ora sia


h
i
n2
n1
, +
= (n 1) +
dunque

Allora

i
h
+ n
n1 +
n1
,
+ + +
= , +
, =
+ n1 + n1
n1
= (n 1)
+
= n +

n
n
n
h0| n + |0i = h0| n1 + |0i = h0| n1 , +
|0i

visto che |0i = 0. Infine,

n
n1
h0| n + |0i = n h0| n1 +
|0i

reiterando, per induzione, troviamo

Autovettori
delloscillatore

n
h0| n + |0i = n! h0 |0i

Perci gli autovettori delloscillatore armonico, sono


1 + n

|0i
|ni =
n!
per cui se |0i normalizzato, risulta normalizzato anche |ni.

(VI.3)

VI.2.2 Loscillatore armonico in rappresentazione di Heisenberg


Una rappresentazione in cui lhamiltoniana sia diagonale, si dice di Heisenberg. Nel caso
delloscillatore, siccome lhamiltoniana non degenere essa viene diagonalizzata subito dai
suoi autovettori |ni, definiti dalla (VI.3). Vediamo, in tale rappresentazione, la forma degli
operatori , + , q e p.
Si ha
p

+ m+1
+
(m + 1)!
1
+

hn |m + 1i = m + 1 n,m+1
|0i =
nm = hn| |mi = hn|
m!
m!

VI.2 Livelli energetici delloscillatore armonico

allora

0 0
0
1 0
0
2 0
0
3
0 0
..
..
..
.
.
.

ma semplicemente la trasposta coniugata

0 1
0 0

0 0

0 0

.. ..
. .
per le (VI.2) abbiamo

r
1
~
0
q i
2m
0

..
.

0
0
0
0
..
.

...
...
...
...
..
.

di , abbiamo

0 ...
0
2 0 . . .

3 ...
0

..

.
0
0

..
..
..
.
.
.

1
0
0
...

0
...
r

0 2
2
0
3 ...
, p m~

..
2
.
3
0
0

..
..
..
..
.
.
.
.

0 1 0
0 ...
1 0
2 0 . . .

2 0
3 ...
0

..

.
3 0
0 0

..
..
..
..
..
.
.
.
.
.

Infine, volendo rendere q formata da elementi reali, basta cambiare fase agli autovettori
dellhamiltoniana:
(i)n + n

|0i
(VI.4)
|ni =
n!

VI.2.3 Autostati delloscillatore armonico in rappresentazione di Schrdinger

Autofunzione
allautovalore
~/2

Vogliamo ottenere le autofunzioni dellhamiltoniana in rappresentazione di Schrdinger, a


questo scopo ci serviamo dellequazione (VI.4), abbiamo
n
(i)n
hx| + |0i ,
n (x) =
n!

daltra parte + vale

(p + imq)
2m~
perci la sua rappresentazione delle coordinate

i~
+ imx
x
2m~
da cui

2n

1
(i)
n (x) =
n! (2m~)n/2

n
n
1

1
0 (x) .
~
~
+ mx 0 (x) =
+
mx
x
x
n! (2m~)n/2

Ne consegue che ci basta determinare lautostato fondamentale.


Questultimo soddisfa allequazione
|E0 i = 0
cio
i

2m~

~
+ mx 0 (x) = 0 ~
+ mx 0 (x) = 0
x
x

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

ne ricaviamo
d 0
dx

m
x0
~
1 m 2
=
x
2 ~
=

log 0 + C
e, infine,

0 (x) = Ce(m/2~)x ,
imponendo la normalizzazione
C2
siccome

si ha che

e(m/~)x dx = 1

ex dx =

C=
da cui
0 (x) =

m 1/4
~

m 1/4
~

mx2
exp
2~

Ne consegue che 0 rappresentato da una gaussiana.


Autofunzioni
In definitiva

agli autovalori
m 1/4
1
mx2
d
1
n > 0
n (x) =
~
+ mx exp
.
dx
2~
n! (2m~)n/2 ~
introduciamo la variabile adimensionata

+
abbiamo

m
x
~

m 1/4

1
1
d
mx2

~m
~m
exp

+
=
d
2~
n! (2m~)n/2 ~

n
2
d
1 m 1/4
+ e /2
=
n
~
d
2 n!
Come si noter il termine

n
2
d
+ e /2
d
n (x) =

dato dal prodotto di un polinomio di grado n per e /2 , allora, definito tale polinomio
Hn (),

n
2
d
2 /2
Hn () = e
+ e /2
d
concludiamo che

Polinomi
di Hermite

p
2
1 m 1/4
Hn
m/~x emx /2~ .
n (x) =
2n n! ~

(VI.5)

I polinomi introdotti si dicono polinomi di Hermite. Se la teoria consistente, la (VI.5)


dovrebbe dare un insieme ortonormale completo sullo spazio L2 (R).
Si ha
H0 () = 1; H1 () = 2; H2 () = 4 2 2 . . .

Capitolo VII

Momento angolare e simmetrie in


meccanica quantistica

Data limportanza che il momento angolare riveste nella fisica classica lecito aspettarsi che esso
rappresenti una quantit fondamentale anche nella sua versione quantistica. Lo studio del momento
angolare ci consentir di ampliare il nostro orizzonte per cominciare a introdurre alcune nozioni
circa le simmetrie di un sistema fisico.

VII.1 Il momento angolare e la sua diagonalizzazione


VII.1.1 Definizione del momento angolare
Introduzione

Introdurremo il momento angolare in due modi diversi: il primo sar quello naturale che
abbiamo utilizzato finora per studiare osservabili gi note dalla fisica classica; il secondo sar
una generalizzazione del primo e avr conseguenze pesantissime, tanto che ci consentir di
introdurre una osservabile che non ha analogo classico, lo spin.

Il momento
angolare orbitale

Il primo metodo, che quello che andiamo ad applicare, consente di introdurre il momento
angolare orbitale, cio la traduzione quantistica della quantit classica
X
M=
q p
(VII.1)

dove lindice numera le varie particelle che costiruiscono il nostro sistema fisico.
Regole di
commutazione

Definito classicamente il momento angolare orbitale, (VII.1), ricaviamo le tre osservabili


X
k =
M
kij qi p
j

k sono ovviamente
dove i, j, k J3 e ijk il ben noto tensore di Ricci. Gli operatori M
autoaggiunti.
Come si ricorder dalla meccanica analitica, valgono le seguenti relazioni
[Mi , Mj ]PB = ijk Mk
per cui, dal postulato di quantizzazione, troviamo
h
i
i, M
j = i~ijk M
k
M

(VII.2)

che costituiscono le regole di commutazione del momento angolare. Per rendere pi


snella la notazione introduciamo il momento angolare in unit di ~, L, come segue
~L = M
da cui troviamo le seguenti regole di commutazione
h
i
i, L
j = iijk L
k
L

(VII.3)

Per il seguito di questa sezione, dimentichiamo la definizione di momento angolare orbitale, e

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

trattiamo la diagonalizzazione di L, solo sulla base delle sue regole di commutazione. In futuro
daremo una nuova definizione di momento angolare, pi generale, invero, ma che conserver
le (VII.3) di modo che tutto quanto diremo varr definitivamente.
Commutazione
di Li con L2

Da quanto detto si ha che le componenti del momento angolare non possono essere
diagonalizzate simultaneamente. Tuttavia possibile determinare una quantit che venga
2
a commutare con tutte le tre componenti di L. Tale quantit L2 = |L| , infatti
2
2
2

0 = L , Lz = Lx , Lz + Ly , Lz = Lx [Lx , Lz ] + [Lx , Lz ] Lx + Ly [Ly , Lz ] + [Ly , Lz ] Ly =


= iLx Ly iLy Lx + iLy Lx + iLx Ly = 0
Si deve notare che L2 = L2x + L2y + L2z autoaggiunto come somma di operatori autoaggiunti
(perci unosservabile)

VII.1.2 Diagonalizzazione del momento angolare


Diagonalizzazione
simultanea

Come sappiamo dal capitolo IV, due osservabili che commutino ammettono un insieme
completo di autostati simultanei, perci procediamo a diagonalizzare (simultaneamente) una
componente del momento angolare e L2 + |L|2 . Per tradizione sceglieremo come componente
di L da diagonalizzare la terza, cio Lz .
In generale, il sistema L2 , Lz non sar un insieme completo di osservabili compatibili, sicch
gli autostati simultanei non potranno essere univocamente individuati dagli autovalori k e m
di L2 e Lz . Se chiamiamo R il set di osservabili che completa quello formato da L2 e da
Lz , abbiamo che gli autostati che stiamo cercando saranno determinati dalla terna k, m, r.
Poniamo perci
L2 k,m,r = kk,m,r ; Lz k,m,r = mk,m,r
Naturalmente L2 un operatore positivo, infatti

, L2 = , L2x + , L2y + , L2z = (Lx , Lx ) + (Ly , Ly ) + (Lz , Lz ) =


= kLx k2 + kLy k2 + kLz k2 0

ne consegue che k 0.
Operatori di
salita e discesa

Come per loscillatore armonico, introduciamo i seguenti operatori di salita e discesa


L+
L

= Lx + iLy
= Lx iLy

(VII.4)
(VII.5)

e, in modo ovvio,
+
+
L+
+ = Lx + i Ly = Lx iLy = L

Calcoliamo i commutatori degli operatori L+ ed L con le quantit che ci interessano


[Lz , L+ ] = [Lz , Lx ] + i [Lz , Ly ] = iLy i2 Lx = L+
[Lz , L ] = [Lz , Lx ] i [Lz , Ly ] = iLy + i2 Lx = L

siccome L2 commuta con tutte le componenti di L si conclude che


2

L , L = 0

Andiamo a vedere leetto di L sugli autostati k,m,r , abbiamo

Lz L+ k,m,r = [Lz , L+ ] k,m,r +L+ Lz k,m,r = L+ k,m,r + mL+ k,m,r = (m + 1) L+ k,m,r

cio L+ k,m,r autovettore di Lz allautovalore m + 1. A buon diritto avevamo perci


denominato L+ operatore di salita.
Come c da aspettarsi vale

Lz L k,m,r = [Lz , L ] k,m,r +L Lz k,m,r = L k,m,r +mL k,m,r = (m 1) L k,m,r


e perci L detto operatore di discesa.
Siccome, poi, L2 e L commutano, L k,m,r ancora autovettore di L2 allautovalore m

L2 L k,m,r = m L k,m,r

VII.1 Il momento angolare e la sua diagonalizzazione

ne consegue che L+ e L operano sullautovalore relativo m alla terza componente del momento
angolare.
Mostriamo adesso che i processi di discesa e di salita non possono proseguire allinfinito.
Siccome L non agisce su L2 , sar questultima a limitare i possibili valori di m. Infatti,
essendo positivi i valori di medi di L2i troviamo

k k,m,r , k,m,r
= k,m,r , L2 k,m,r k,m,r , L2z k,m,r =

= Lz k,m,r , Lz k,m,r = m2 k,m,r , k,m,r


cio

0 m2 k
In eetti, il processo prosegue fintantoch L k,m,r diverso da 0, ora,

L k,m,r 2 = L k,m,r , L k,m,r = k,m,r , L L k,m,r

calcoliamo
L L+

= (Lx iLy ) (Lx + iLy ) = L2x + i (Lx Ly Ly Lx ) + L2y = L2x + i [Lx , Ly ] + L2y =

= L2x Lz + L2y = L2 L2z Lz

e
L+ L
da cui

L k,m,r 2

= L L+ + [L+ , L ] = L2 L2z Lz 2i [Lx , Ly ]


= L2 L2z Lz + 2Lz = L2 L2z + Lz

L k,m,r , L k,m,r = k,m,r , L2 L2z Lz k,m,r =

= k m2 m k,m,r , k,m,r
=

Come abbiamo visto sopra il processo deve arrestarsi, perci devono esistere due valori di m,
superiore, m, e inferiore, m, tali che, rispettivamente
k m2 m = 0
k m2 + m = 0
perci
k
k

= m (m + 1)
= m (m 1)

da cui otteniamo lequazione


m (m + 1) = m (m 1)
la quale ha due soluzioni, m = m + 1 e m = m, di cui solo la seconda accetabile in quanto
m m.
Concludiamo che, fissato il valore di k, esistono solo 2m valori possibili per il momento lungo
lasse z ed essi sono
m, m + 1, . . . , m 1, m
Siccome con un numero intero di salti unitari si passa da m a m si ha che 2m N, infatti
m = m + 1 + 1 + . . . + 1 = m + N 2m = N
Conclusioni

Se ne deduce che i possibili autovalori k di L2 sono del tipo


1
3
k = D (D + 1) , D = 0, , 1, , . . .
2
2
Gli autovalori di Lz sono invece del tipo m intero o semintero, a seconda che D sia intero o
semidispari. Infine, fissato D, e quindi k, e fissato r, m pu assumere solo valori compresi tra
D e D. Ne deriva che esistono 2D + 1 autostati indipendenti (individuati dagli autovettori di
Lz ) in corrispondenza a ogni coppia di autovalori di L2 e R.
Bisogna notare che i valori di D di cui sopra sono solo possibili e non necessariamente

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

realizzati da tutti i momenti angolari. I valori di m, distanziati di una unit e compresi tra
D e D, sono invece realizzati non appena uno di essi sia realizzato.
Si noti che queste conclusioni discendono dalle sole regole di commutazione (VII.3), perci
sono valide per ogni definizione di momento angolare che rispetti le (VII.3).
Dora in poi denoteremo k,m,r con #,m,r essendo k univocamente determinato da D.

VII.1.3 Base standard e rappresentazione del momento angolare


Sviluppo
standard

Ribadiamo che L2 e Lz commutano, perci, essendo osservabili, ammettono un set comune


di autovettori ortonormali. Dal momento che, come abbiamo gi sottolineato, in generale, L2
e Lz non formano un sistema completo di osservabili compatibili, gli autospazi simultanei di
L2 e Lz presentano degenerazione. Perci lo sviluppo dei vettori di H in termini del s.o.n.c.
di autovettori di L2 e Lz lo sviluppo standard.
In altre parole, se denotiamo con E (D, m) il sottospazio dei vettori di H che sono autovettori
di L2 allautovalore D (D + 1) e di Lz allautovalore m, abbiamo
g (D, m) + dim E (D, m) 1

Ovviamente, al variare di D, m nellinsieme Sp L2 Sp Lz = S R2 abbiamo


M
H=
E (D, m)
(#,m)S

Costruzione
della base
standard

Scegliamo allora una base in E (D, m) data dai vettori #,m,r con r Jg(#,m) . Se m non pari
a D, allora deve esistere (non vuoto) un altro sottospazio E (D, m + 1) in H. Similmente, se
m 6= D allora esiste (non vuoto) E (D, m 1). Come sappiamo, la base degli eventuali spazi
E (D, m + 1) e E (D, m 1) possono essere costruite (tramite gli operatori L+ e L ) a partire
dalla base scelta in E (D, m).
Prima di tutto mostriamo che se r1 6= r2 , allora L #,m,r1 e L #,m,r2 sono, rispettivamente,
ortogonali, infatti

L #,m,r1 , L #,m,r2
= #,m,r1 , L L #,m,r2 =

= #,m,r1 , L2 L2z Lz #,m,r2 = #,m,r1 , L2 L2z Lz #,m,r2

= #,m,r1 , D (D + 1) m2 m #,m,r2 =


= D (D + 1) m2 m #,m,r1 , #,m,r2 = D (D + 1) m2 m r1 ,r2

visto che la base di E (D, m) ortonormale. Consideriamo allora il set di g (D, m) vettori dati
da
1
L+ #,m,r , r Jg(#,m)
#,m+1,r = p
D (D + 1) m2 m

per quanto detto, il set ortonormale. Mostriamo che si tratta di una base di E (D, m + 1).
Ammettiamo che esista un vettore, #,m+1, ortogonale a tutti i vettori del set considerato,
allora

#,m+1, , #,m+1,r = 0 r Jg(#,m)


da cui, per ogni r Jg(#,m) ,

0 = #,m+1, , #,m+1,r = #,m+1, , L+ #,m,r = L #,m+1, , #,m,r


cio

L #,m+1, = 0
e dunque m + 1 = D, il che assurdo, perch m 6= D 1. Analogamente, si ha che una base
di E (D, m 1) data da
1
L #,m,r , r Jg(#,m)
#,m1,r = p
D (D + 1) m2 + m

Ne consegue che la dimensione (hilbertiana) dei sottospazi E (D, m) non dipende da m.


Procedimento
per la
determinazione
di una base

Si procede allora come segue: per ogni valore di D eettivamente trovato nel problema

VII.1 Il momento angolare e la sua diagonalizzazione

in questione, scegliamo un sottospazio E (D, m), per esempio quello con


in
D, e,
m =
tale sottospazio, andiamo a costruire una qualsiasi base ortonormale #,m,r r Jg(#) .
Poi, usando gli operatori di salita e di discesa e le normalizzazioni di sopra, costruiamo
iterativamente le basi per gli altri sottospazi E (D, m). I vettori della base di E (D) sono,
infine, (2D + 1) g (D).
Operando il procedimento descritto si viene a determinare la base standard indotta su H dal
momento angolare:

#,m,r , #0 ,m0 ,r0


= #,#0 m,m0 r,r0
g(#)
#
X X
X

#,m,r #,m,r
= I
#

Set completo
di osservabili
compatibili

m=# r=1

Come abbiamo gi osservato pi volte in precedenza, interessante (e spesso utile) costruire


una base di H partendo da un sistema completo di osservabili compatibili. Si scelgono cio
delle osservabili A, B, . . . compatibili con L2 e Lz di moto che il sistema L2 , Lz , A, B, . . . formi
un set completo. Solitamente si scelgono le osservabili A, B, . . . in modo che commutino con
L, di modo che automaticamente vengano a commutare con L2 . Vedremo pi tardi che siatte
osservabili si dicono scalari. Per semplicit ammettiamo ora che occorra una sola osservabile
A a completare linsieme L2 , Lz . Come noto, sotto queste ipotesi, linsieme E (D, m) Ainvariante, per esercizio lo mostriamo di nuovo (per lennesima volta!): sia #,m E (D, m),
vogliamo vedere che anche A#,m E (D, m), il che vero essendo

Lz A#,m = ALz #,m = m A#,m ;

L2 A#,m = AL2 #,m = D (D + 1) A#,m .


Siccome E (D, D) A-invariante, possiamo diagonalizzare A allinterno diE (D, D). Denotiamo
con a#,r gli autovalori di A determinati in questo modo. Visto che abbiamo ammesso che
A, L2 , Lz sia un set completo, un solo vettore di E (D, D), #,#,r , autovettore di A allautovalore

a#,r . Linsieme #,#,r |r g (D) costituisce una base ortonormale di E (D, D). Usando tale
base e lalgoritmo prodotto sopra, siamo in grado di determinare una base in ogni altro spazio
E (D, m) con D m D. Applicando
la

stessa procedura al variare di D andiamo a costruire


nuovamente una base standard #,m,r H di autovettori simultanei di L2 , Lz e - stavolta
- di A. Infatti, se A uno scalare, A commuta con L e dunque
A#,#1,r = cAL #,#,r = cL A#,#,r = a#,r cL #,#,r = a#,r #,#1,r
e per induzione si ha la tesi. In altri termini, se A uno scalare, allora #,m,r autovettore
di A allautovalore a#,r , o, equivalentemente, lo spettro di A il medesimo in ogni E (D, m) a
D fissato. Si capisce allora lutilit di cercare il completamento di L2 , Lz fra le osservabili che
commutano direttamente con L.

Base standard
A, L2

Nei paragrafi precedenti abbiamo introdotto una base standard di H, basata sulla
decomposizione di H in somma diretta di autospazi E (D, m). Ciononostante, luso di una tale
decomposizione presenta certi svantaggi, primo tra tutti la determinazione della degenerazione
g (D) di ciascun E (D, m) (degenerazione che come abbiamo sottolineato non dipende da m autovalore di Lz , ma solo da L2 ). Inoltre, gli autospazi E (D, m) non sono invarianti sotto
lazione di L.
Conviene perci introdurre unaltra decomposizione di H in sottospazi E (D, r) che siano i
generati dagli autovettori #,m,r a D, r fissati. In questo modo, veniamo a conoscere la
degenerazione di ciascun E (D, r) essendo essa pari a 2D + 1. Unaltra propriet degli spazi
E (D, r) che essi sono L-invarianti, cio se E (D, r) allora anche Lu appartiene ancora
a E (D, r). Questo perch ogni componente Lu pu essere espressa come combinazione lineare
di Lz , L+ ed L i quali mandano E (D, r) in s (agiscono solo sullindice m).

Rappresentazioni matriciali
del momento
angolare

Vogliamo rappresentare il momento angolare sulla base standard indotta dalla decomposizione
di H in somma diretta dei sottospazi E (D, r). La matrice che si associa al momento angolare
(o a una sua funzione) a blocchi finito-dimensionali (di dimensione 2D + 1) dislocati sulla
diagonale principale. Infatti, la rappresentazione di Lz diagonale e quelle di L sono a

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

blocchi diagonali:

#0 ,m0 ,r0 , Lz #,m,r


= m m0 m ( #0 # r0 r )
p

D (D + 1) m (m 1) m0 m1 ( #0 # r0 r )
=
#0 ,m0 ,r0 , L #,m,r

(VII.6)

Ne deriva che Lu a blocchi essendo combinazione lineare di Lz e L .


Visto che valgono le (VII.6), le rappresentazioni matriciali di Lz e L non dipendono da r n
dal particolare sistema fisico che stiamo studiando: infatti, i blocchi fuori diagonali sono nulli,
e nei blocchi diagonali r compare sono come una di Kronecker che vale identicamente 1.
Allora, per conoscere le matrici associate alla componente Lu , nella base standard, scriviamo
(#)
- una volta per tutte - la matrice universale Lu che rappresenta Lu nel sottospazio E (D, r);
poi, nel problema particolare che verremo a porci, determineremo i valori di D eettivamente
assunti nel problema, oltre al numero di sottospazi E (D, r) che sono associati a ciascun D
trovato (i.e., g (D)). Siccome Lu a blocchi, costruiremo la matrice (associata al problema che
stiamo studiando) scrivendo, per ogni D trovato, g (D) blocchi universali uguali.
Vediamo qualche esempio delle matrici universali associate a Lu :
Esempio VII.1

Cominciamo da D = 0, allora la dimensione dei vari blocchi diagonali E (D = 0, r) 1 e m


pu assumere solo il valore 0. Ne consegue che i blocchi si riducono al numero 0, in accordo
alle (VII.6).

Esempio VII.2

Vediamo D = 1/2. In questo caso i blocchi E (D = 1/2, r) hanno dimensione 2. I possibili


valori di m sono perci 1/2 e 1/2. Ne segue che, se prendiamo la base nellordine
m = 1/2, m = 1/2 otteniamo

1
1/2
0
1 0
L(1/2)
=
=
z
0 1/2
0 1
2

e inoltre,

(1/2)

L+
perci

Esempio VII.3

L(1/2)
x

L(1/2)
x

0 1
0 0

(1/2)

; L

0 0
1 0

1 0 1
1 (1/2)
(1/2)
=
L+ + L
1 0
2
2

1
1
0 i
(1/2)
(1/2)
=
L+ L
i 0
2i
2

Vediamo il caso D = 1. Il blocco ha dimensione 3 stavolta. I


(nellordine in cui rappresenteremo la base) m = 1, 0, 1, perci

1 0 0
0 0 0
L(1)
z =
0 0 1
e

0
0
2 0
0
(1)
(1)
L+ = 0 0
2 , L = 2 0
0 0
0
2
0
da cui

L(1)
x

L(1)
y

0 1 0
1 0 1
0 1 0

0 i 0
i 0 i
0 i
0

possibili valori di m sono

0
0
0

VII.2 Il momento angolare orbitale


Esempio VII.4

Vediamo il caso generale, D arbitrario. Abbiamo dalle (VII.6)


p

p
1
D (D + 1) m (m + 1) m0 m+1 + D (D + 1) m (m 1) m0 m1
Lx(#) =
#0 # r0 r
2
p

p
i
(#)
=
D (D + 1) m (m 1) m0 m1 D (D + 1) m (m + 1) m0 m+1
Ly
#0 # r0 r
2
(#)

(#)

ne segue che i blocchi Lx e Ly sono non nulli solo sulle diagonali sopra e sotto quella
(#)
(#)
principale. Inoltre, Lx reale e simmetrica, mentre Ly immaginaria e antisimmetrica. Lz
e L2 sono invece diagonali e reali.
Osservazione VII.1

Lasse z che abbiamo scelto come asse di quantizzazione arbitrario. Perci gli autovalori
di Lx e Ly sono gli stessi di Lz . Ci potrebbe essere dedotto anche calcolando direttamente
gli autovalori di Lx e Ly nella rappresentazione matriciale data nellesempio precedente.

Osservazione VII.2

Come abbiamo detto, gli spazi E (k, D) sono invarianti per lazione di Lz ed L , perci sono
invarianti per ogni funzione (sviluppabile in serie) di L. In particolare, consideriamo f (L)
(#)
e ne vogliamo determinare la matrice su E (k, D). Siano Li le matrici dellecomponenti
del

(#)
momento angolare. Vogliamo dimostrare che la matrice di f (L) proprio f Li . Come al
solito suciente vederlo per le relazioni algebriche e perci per
f (L) = Lq1 Lp2 Lr3
abbiamo
(#m0 , f (L) #m ) = (#m0 , Lq1 Lp2 Lr3 #m ) =
=

m1 ,m2 ,m3

m1 ,m2 ,m3

=
come volevamo dimostrare.

( #m0 , Lq1 Lp2 Lr3 #m ) =

m1 ,m2 ,m3

#m0 , Lq1 #m1 #m1 , Lp2 #m2 #m2 , Lr3 #m =


h

(#)q

L1

m0 m1

i
h
(#)q (#)p (#)r
L1 L2 L3

h
i
(#)p
L2

m1 m2

(#)r

L3

m2 m

m0 m

VII.2 Il momento angolare orbitale


VII.2.1 Il momento angolare in rappresentazione di Schrdinger
Torniamo allintroduzione del momento angolare come traduzione quantistica della quantit
classica. Consideriamo, cio, il momento angolare orbitale associato al moto di una singola
particella. Come abbiamo imparato molto importante passare dalle considerazioni generali
nello spazio degli stati H, a una qualche sua rappresentazione concreta. Risulta conveniente
2
passare
a studiare lazione di L e L nello spazio delle coordinate, cio nella rappresentazione su
L2 R3 di H istituita dalle tre osservabili q. La rappresentazione di Schrdinger del momento
angolare
Li = iijk xj k
Coordinate
sferiche

Passiamo a coordinate sferiche e otteniamo cos

Lx = i sin
+ cos cot

Ly = i cos
+ sin cot

Lz = i

(VII.7)

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

da cui,
2

1 2
=
+
cot

+
sin2 2
2

i
= e

+ i cot

(VII.8)

Autofunzioni
di L2 e L

Nella rappresentazione delle coordinate, le autofunzioni associate agli autovalori D (D + 1) di


L2 e m di Lz , risolvono le equazioni alle derivate parziali

1 2

+
cot

(r, , ) = D (D + 1) (r, , )
(VII.9)
+

sin2 2
2

i (r, , ) = m (r, , )
(VII.10)

e gi conosciamo la natura di D e m visto che i risultati determinati nella prima sezione


si applicano anche al momento angolare. Nelle due equazioni dierenziali di sopra, la r
non compare in alcun operatore dierenziale, perci possibile cercare soluzioni a variabili
separate. Denoteremo con f (r) Y#m (, ) le autofunzioni comuni di L2 e Lz che corrispondono
agli autovalori, rispettivamente D (D + 1) e m. La dipendenza da r non regolata dalle equazioni
dierenziali.
il set L2 , Lz non un set completo
3 Questo fatto mostra inequivocabilmente come
2
m
in L R . Il fatto che non si aggiunto un indice a Y# (per tener conto di una ulteriore
degenerazione) verr giustificato dopo.

Normalizzazione

Si conviene solitamente di normalizzare separatamente dipendenza angolare e dipendenza da


r, ponendo
Z 2
Z
2
d
d sin |Y#m (, )| = 1
(VII.11)
0

Z r
dr r2 |f (r)|2 = 1
(VII.12)
0

Valori di
e m

Usando la terza espressione in (VII.7) otteniamo


1 m
Y (, ) = mY#m (, )
i #
da cui
Y#m (, ) = F#m () eim
siccome langolo azimutale definito modulo 2 deve essere
eim = eim(+2)
altrimenti, in = 0 avremmo una discontinuit a salto che comporterebbe la comparsa di una
a primo membro nellequazione dierenziale di sopra, che invece non sarebbe presente a
secondo membro. Se ne conclude che m deve essere intero e perci tale dovr essere D. Il
momento angolare orbitale ammette solo valori interi di D e m.
Vediamo adesso di stabilire quali valori di D N siano eettivamente ottenibili. Prendiamo
un D N qualsiasi; sappiamo che deve sussistere
L+ Y## (, ) = 0

cio
0

+ i cot

F## () ei#

=e

#
#
F () D cot F# () ei#
#

#
F () D cot F## () = 0
#
integriamo lequazione
Z
Z
d (sin )
cos d
#
=D
= D log sin
log F# () = D
sin
sin

VII.2 Il momento angolare orbitale

e, in definitiva,
F## () = c# sin#
Conseguentemente, per ogni valore intero di D esiste una funzione Y## (, ), unica a meno di
un fattore costante, che risolve lequazione agli autovalori di L2 e Lz allautovalore D (D + 1) e
D. Questo implica che per ogni valore di D N e di D m D si trova almeno un autovettore
(in realt c da considerare la degenerazione infinita portata dalla variabile r) del momento
angolare orbitale. Le autofunzioni Y#m (, ) si dicono armoniche sferiche.

VII.2.2 Sferiche armoniche

Normalizzazione

In questa sottosezione ci occupiamo delle propriet matematiche principali delle sferiche


armoniche. Come abbiamo visto prima, vale
Y## (, ) = c# sin# ei#
Calcoliamo, tanto per cominciare, c# , abbiamo
Z 2
Z
|c# |2
d ei2#
sin d sin2# =
1 = |c# |2
I#
2
0
0
dove

I#

1 cos2 d cos =

= I#1

1
1

#
1 u2 du =

#1
u2 1 u2
du = I#1 +

1
1

#1
du =
1 u2 1 u2

#
u d
1 u2 du =
2D du

Z
hu
i1
#
1 1
1
2 #
= I#1 +

1 u2 du = I#1 I#
1u
2D
2D 1
2D
1

da cui si ricava

I# =

2D
I#1
2D + 1

con I0 = 2. Ne segue
I# =

(2D)!!
22#+1 (D!)2
I0 =
(2D + 1)!!
(2D + 1)!

perci dobbiamo porre

r
1
(2D + 1)!
|c# | = #
,
2 D!
4
Solitamente si sceglie la fase di c# (che del tutto arbitraria) come segue
r
#
(1)
(2D + 1)!
c# = #
2 D!
4

Determinazione
delle funzioni
armoniche

Otterremo le altre armoniche sferiche applicando successivamente loperatore L a Y## (, ).


A questo scopo andiamo aindagare lazione delloperatore (L )p sulle funzioni della forma
ein F (). Abbiamo
d
d
d
1 d
=
=
d (cos )
d (cos ) d
sin d
perci
1n

(sin )

i
h
d
n
1n 1
n1
n dF
cos F () + (sin )
(sin ) F () = (sin )
n (sin )
=
d (cos )
sin
d

dF
= n cot F () +
d

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

daltronde

in
L ein F () = ei
+ i cot
e F () = n cot
ei(n1) F () =

i
h
d
d
= ei(n1)
n cot F () = ei(n1) (sin )1n
(sin )n F ()
d
d (cos )

Ora, per induzione, vogliamo dimostrare che

Lp ein F () = (1)p ei(np) (sin )pn

i
h
dp
n
F
()
(sin
)
p
d (cos )

abbiamo gi visto il caso p = 1. Veniamo al passo induttivo, sia cio


i
h

in
dp1
n
Lp1
F ()
e F () = (1)p1 ei(np1) (sin )p1n

p1 (sin )
d (cos )

applichiamo ora L a entrambi i membri usando il caso p = 1,


!

i
h
p1

d
p1
p1n
n
p in
L ei(np1) (sin )
F ()
=
L e F () = (1)
p1 (sin )
d (cos )
n+p

= (1) ei(np) (sin )

i
h
d
dp1
np+1
p1n
n

(sin )
(sin ) F ()
(sin )
d (cos )
d (cos )p1
i
h
dp
p
n+p
n
F ()
= (1) ei(np) (sin )
p (sin )
d (cos )

Siamo ora in grado di calcolare le armoniche sferiche,


s
(D + m)!
m
Y# (, ) =
L#m Y## (, )
(2D)! (D m)!
cio
(1)#
Y#m (, ) = #
2 D!
Funzioni
armoniche
per
= 0, 1, 2

Funzioni
armoniche
come s.o.n.c.

2D + 1 (D + m)! im
d#m
m
2#
(sin )
(sin )
e
#m
4 (D m)!
d (cos )

Andiamo a calcolare le armoniche sferiche per i primi valori di D


1
Y00 =
4

r
3

Y11 =
sin ei
8
r

Y10 =
cos
4

r
15

Y
(,
)
=
sin2 e2i

32

15
1
Y2 (, ) =
sin cos ei

Y20 (, ) =
3 cos2 1
16

(VII.13)

(VII.14)

(VII.15)

Visto che L unosservabile, allora Y#m (, ) costituisce un s.o.n.c., sicch ogni funzione
dellazimuth e della colatitudine si esprime come serie delle funzioni armoniche:
X
f (, ) =
c#,m Y#m (, )
#,m

c#,m

d
0

sin d Y#m (, ) f (, ) .

VII.3 Le simmetrie in meccanica quantistica

VII.3 Le simmetrie in meccanica quantistica


VII.3.1 Considerazioni generali
Simmetrie

Nello spazio di Hilbert H che riproduce il nostro spazio delle fasi, consideriamo la variet
biunivocamente associati a tutti i possibili stati
lineare densa S che contiene tutti i raggi
del sistema.
Consideriamo ora un osservatore O che utilizza il sistema di riferimento (t, q) e consideriamo
la trasformazione dello spazio fisico quadridimensionale (t0 , q0 ) = (t, q) tale che il sistema di
riferimento (t0 , q0 ) sia utilizzato dallosservatore O0 . si dice trasformazione di simmetria
se gli osservatori O e O0 sono equivalenti (cio danno descrizioni equivalenti della stessa realt
fisica e ottengono risultati identici eettuando misure su esperimenti soggettivamente identici).

Atteggiamento
passivo e
atteggiamento
attivo

La definizione che abbiamo dato caratterizza le simmetrie da un punto di vista passivo:


il sistema fisico resta immutato, mentre losservatore, coi suoi strumenti di misura, si sposta
nello spaziotempo. Daltra parte si pu assumere facilmente un atteggiamento attivo riguardo
alla trasformazione: il sistema fisico viene cambiato eettivamente, mentre losservatore (con
le sue strumentazioni) resta lo stesso.
Esaminiamo il senso fisico dei due possibili atteggiamenti: in quello attivo la trasformazione
agisce sugli stati e restano fissi gli strumenti di misura; in quello passivo, gli stati fisici non
vengono toccati e la trasformazione va ad agire sugli strumenti di misura.
Se decidiamo che tutti gli osservatori usino la medesima corrispondenza tra linsieme degli
stati fisici realmente ottenibili e lo spazio S H, allora, operando una trasformazione dello
spaziotempo, abbiamo,
(i) nellatteggiamento passivo, la conservazione dei raggi nello spazio di Hilbert e il mutamento delle osservabili intese come operatori, dato che si lasciano invariati gli stati
fisici, ma si spostano gli strumenti di misura - nello spaziotempo - secondo 1 ;
(ii) nellatteggiamento attivo, la conservazione degli operatori associati alle osservabili e la
mutazione dei raggi in corrispondenza alla modificazione eettiva degli stati fisici del
sistema che avviene tramite lo spostamento - nello spaziotempo - secondo - degli
apparati preparatori dei vari stati.
A questo punto si tratta di capire come si realizzano le variazioni di raggi e operatori per eetto
della trasformazione che varia stati e strumenti di misura, a seconda dellatteggiamento che
si viene a prendere.

Osservabili e
stati trasformati

Dimostreremo nella prossima sezione (teorema di Wigner) che una trasformazione di


simmetria si rappresenta sullo spazio H come un operatore unitario oppure antiunitario, perci
associamo alla trasformazione loperatore V che allo stato associa lo stato trasformato
attivamente V .
Applichiamo in senso passivo: dal riferimento (t, q) passiamo al riferimento (t0 , q0 ) = (t, q),
dallosservatore O, allosservatore O0 . Adesso, O misuri losservabile A sullo stato , otterr
come valor medio (, A). Se A0 loperatore che rappresenta per O0 la medesima osservabile
uno stato che per O0
(strumento di misura trasformato) che A rappresenta per O, e se
soggettivamente identico a per O, allora

A0

(, A) = ,
in funzione di . In
dove abbiamo usato la definizione di simmetria. Siamo ridotti a trovare

termini fisici, dobbiamo fare in modo che lapparato preparatore di e lapparato di misura
A0 si trovino nelle stesse mutue condizioni dellapparato che prepara e lo strumento che
misura A. Siccome lo strumento A0 il trasformato attivo di A secondo 1 , anche lapparato
deve essere il trasformato attivo dellapparato preparatore di A secondo 1 .
che prepara
perci
Ne segue che limmagine secondo V di ,
= V 1 = V +

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

Dato che questo valido per ogni H abbiamo

(, A) = V+ , A0 V+ A0 = V+ AV

Perci se V rappresenta loperazione di simmetria applicata attivamente, allora


0 = V
dove 0 lo stato che si ottiene trasformando attivamente, secondo , lo strumento preparatore
di . Inoltre, se A0 loperatore che si ottiene per trasformazione passiva del riferimento
(e perci degli strumenti di misura) dalloperatore A che rappresenta una certa osservabile,
allora
A0 = V+ AV
Simmetria
e operatore
di posizione

La portata di questultima cosa si comprende forse meglio pensando alloperatore posizione.


Escludiamo per un attimo il tempo dalla trasformazione . Allora, per definizione, q
0
losservabile i cui valori si ottengono usando un riferimento trasformato secondo rispetto al
riferimento di partenza. Ne segue che
h
q0 i = (h
qi)
la qual cosa equivale a scrivere
q
0 = (
q)
e, in definitiva,
(
q) = V+ q
V

VII.3.2 Alcuni esempi


Sistemi isolati:
isotropia
dello spazio
e omogeneit
del tempo

Le simmetri di un sistema fisico dipendono dalle sue caratteristiche: come sappiamo, in un


sistema isolato valgono i postulati di isotropia dello spazio e omogeneit del tempo secondo
cui gli esiti dei vari esperimenti non dipendono dallorientazione degli assi n dalle scelte
dellorigine del tempo e della posizione. Ne segue che trasformazioni quali avanzamento nel
tempo, traslazioni e trasformazioni rigide dello spazio sono simmetrie per il sistema fisico
isolato.

Sistemi
non isolati:
campi esterni

Cosa accade se consideriamo sistemi che non siano isolati? Tipicamente, la non isolatezza
implica la presenza di un qualche campo esterno che, proprio perch esterno, non si modifica
trasformando lo spazio in s. Un esempio banale quello del campo magnetico terrestre. Esso
non uniforme, perci influisce in maniera diversa rispetto a stati ruotati luno rispetto allaltro
(atteggiamento attivo). Dal punto di vista passivo un campo esterno rompe lequivalenza
tra osservatori ruotati. Consideriamo ad esempio un campo elettrico E uniforme ed esterno
al nostro sistema. Prendiamo un riferimento O con asse z parallelo ed equiverso ad E.
Losservatore O produca un elettrone nel piano xy e ne osservi il moto successivo: vedr
lelettrone accelerare spostandosi a z sempre pi negative. Losservatore O0 voglia ripetere
lesperimento soggetivamente equivalente: prodotto un elettrone sul piano x0 y 0 xy vedr
lelettrone accelerare e spostarsi a z 0 sempre pi positive. Ne segue che i due osservatori non
danno descrizioni equivalenti di fenomeni soggettivamente equivalenti, perci in presenza di
campi esterni il gruppo euclideo non appartiene pi al gruppo di simmetria. Per contro per
linserimento di un campo esterno in un sistema isolato distrugge solo in parte le simmetrie del
sistema: nellesempio del campo elettrico, continuano ad appartenere al gruppo le rotazione
attorno ad assi paralleli a z e le riflessioni rispetto a piani paralleli a z. Si noti che inserendo
il campo esterno (e perci le sue sorgenti) nel sistema, torniamo ad avere un sistema isolato e
il gruppo euclideo torna ad essere contenuto nel gruppo di simmetria.

Gruppo di
Galileo e gruppo
di Lorentz

In fisica si postula poi linvarianza dei sistemi inerziali: osservatori in moto rettilineo uniforme
dovranno ottenere stessi risultati da sistemi soggettivamente identici. Ne consegue che
dovranno appartenere al gruppo di simmetria il gruppo di Galileo, in ambito non relativistico,
e il gruppo di Lorentz, in ambito relativistico.
In un sistema isolato le trasazioni temporali e quelle spaziali, sono simmetrie del sistema

VII.3 Le simmetrie in meccanica quantistica

fisico. Siccome le abbiamo gi incontrate, le torniamo a considerare dal punto di vista delle
simmetrie.
Traslazioni
temporali

Sia la trasformazione

t0 = t +
q0 = q

data dalla traslazione di nel tempo. In primo luogo urge capire quale ne sia il significato.
Per la definizione di trasformazione attiva che abbiamo dato, 0 immagine secondo la
rappresentazione di di , lo stato che si ottiene trasformando attivamente secondo
lo strumento preparatore di . Fissiamo allora listante t in cui andiamo ad osservare lo stato
. Vogliamo determinare lo stato 0 allistante t. Se levoluto di 0 prodotto allistante
t = 0, allora 0 levoluto dello stato 0 prodotto allistante , ne segue che

= eitH 0
= ei(t )H 0 = ei H eitH 0 = ei H

da cui la trasformazione V unitaria e vale ei H (dove abbiamo espresso lhamiltoniana in


unit di ~). Si noti come nel calcolo fondamentale lipotesi dellomogeneit del tempo grazie
alla quale H non dipende dal tempo: levoluzione di 0 non dipende dallistente iniziale ma
solo dalla durata dellevoluzione stessa. Inoltre, si osservi la stretta analogia col caso classico:
se H non dipende dal tempo le equazioni del moto sono autonome e da ogni punto dello spazio
delle fasi (p0 , q0 ) passa una e una sola orbita.
Evoluzione
temporale

Poniamo ora di voler calcolare, anzich lo stato che allistante t uguale a quello che era lo
stato allistante t , lo stato 0 che allistante t (al quale andiamo a vedere !) quello
che sar allistante t + . Per far questo dobbiamo anticipare di la produzione dello stato
0 che allistante t . Si tratta quindi di operare la seguente trasformazione attiva
0
t = t
:
q0 = q
Abbiamo allora

= eitH 0
= ei(t+ )H 0 = ei H eitH 0 = ei H

perci la trasformazione attiva che rappresenta levoluzione temporale , come ci


aspettavamo,
U ( ) = ei H
Ora, lapplicazione della trasformazione (che chiameremo dora in poi evoluzione temporale)
in senso passivo, corrisponde a lavorare nello schema di Heseinberg: gli stati restano invariati,
ma le osservabili cambiano secondo la legge
A0 = V+ AV = ei H Aei H = U + ( ) AU ( ) = AH
Traslazioni
spaziali

A suo tempo abbiamo anche appreso che le traslazioni spaziali attive di vettore a ( : q0 =
q + a) sono implementate dalloperatore unitario
V = eipa
dove, ancora, p in unit di ~. Perci, traslando in avanti di a lapparato che prepara
otteniamo lo stato 0 dato da
0 = V = eipa
Viceversa, arretrando gli strumenti di misura relativi allosservabile A di a, otteniamo una
osservabile A0 il cui operatore associato vale
A0 = eipa Aeipa
Che il risultato sia giusto dimostrato dallazione di V sulloperatore q
, abbiamo
q
0 = eipa q
eipa = q
+ aI = (
q)

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

infatti

q0
= ieipa pk q
eipa ieipa q
pk eipa = ieipa [
pk , qk ] eipa = I
ak
q
0 (a = 0) = q

Trasformazioni
puntuali e
rappresentazione
di Schrdinger

Vogliamo adesso vedere come agisce la simmetria in rappresentazione di Schrdinger se essa


interviene solo sulla parte spaziale q0 = (q) (in questo caso si parla di simmetria puntuale
e, come vedremo, V risulta unitario). Per far questo, dobbiamo prima di tutto vedere come
agisce sugli autostati della posizione q la trasformazione .Prima abbiamo dimostrato che
losservabile posizione a seguito dellapplicazione di , q0 = (q), vale q0 = V+ qV dove V
rappresenta la come trasformazione attiva sugli stati. Perci
q (V x ) = V q0 x = V (q) x = (x) V x
cio
V x = (x)
Consideriamo ora uno stato qualsiasi S e sia 0 = V . Vogliamo calcolare 0 (q) =
q 0 = q V la qual cosa ci consentir di avere la rappresentazione di sullo spazio L2q .
Abbiamo

Z
Z

0
0
(q) = q = q V = q ,
q , V q d
q =
q , V d
q q , q =
Z
Z

+
q q , q =
q q , q = 1 (q)
1 (q) , d
=
V q , d
Ne deduciamo che sotto traslazione spaziale q0 = q + a,
0 (q) = (q a)

VII.3.3 Il gruppo di simmetria


Linsieme delle operazioni di simmetria che caratterizzano un sistema fisico costituisce un
gruppo rispetto alla composizione (la verifica di quanto detto del tutto banale). Tale gruppo
viene definito gruppo di simmetria. Sono esempi di gruppi di simmetria il gruppo di Galileo
(che comprende il gruppo euclideo) per i sistemi isolati classici, e il gruppo di Lorentz per i
sistemi relativistici.
Nella prossima sezione dimostereremo il teorema di Wigner e vedremo in quali termini si pu
dare una rappresentazione del gruppo di simmetria usando gli operatori su H.

VII.4 Il teorema di Wigner


In questa sezione passiamo alla dimostrazione del teorema fondamentale sulle simmetrie: il
teorema di Wigner. Limportanza di questo teorema chiara gi dallo studio della sezione
precedente, nella quale se ne fatto un uso pesante.

VII.4.1 Enunciato del teorema di Wigner


Consideriamo una trasformazione di simmetria . Essa induce sullinsieme dei raggi contenuti
S associando loro i raggi
0 = R

in S una applicazione invertibile R che agisce sui raggi


ottenuti applicando attivamente agli apparati preparatori degli stati rappresentati dal raggio
di partenza.
Conservazione
delle probabilit
di transizione

Vogliamo investigare la natura di R . Consideriamo una osservabile A per losservatore O,


e losservabile corrispondente A0 per losservatore O0 . Come abbiamo dimostrato la misura di
del tutto equivalente alla misura di A0 sullo stato
0 = R1 .
Ne segue che
A sul raggio

la probabilit di ottenere il valore a dalla misura di A e da quella su A0 la medesima e che,


se
autostato per a di A, allora
0 = R1
autostato di a per A0 . Dunque, se
,

0
0
0
0
sono normalizzati, deve risultare

,
,

2
1

|(, )|2 = R1
, R

VII.4 Il teorema di Wigner

o, equivalentemente,
|(R , R )|2 = |(, )|2

(VII.16)

che, evidentemente, non dipende dalla scelta della fase dei vettori appartenenti ai vari raggi.
Abbiamo cio che una trasformazione di simmetria induce unapplicazione R sui raggi
tale da soddisfare lequazione (VII.16). Siamo ora in grado di enunciare il teorema della
rappresentazione delle simmetrie, noto anche come teorema di Wigner.
Teorema VII.1
(di Wigner)

Una applicazione biunivoca dellinsieme dei raggi in s che conservi le probabilit di


transizione, i.e., soddisfi lequazione (VII.16), ammette una rappresentazione sullo spazio H
unitaria oppure antiunitaria.
Il teorema reso possibile dallarbitrariet nella fase con cui definita lapplicazione R
quando va agire sui vettori anzich sui raggi. In altre parole, il teorema aerma che esiste una
scelta della fase che rende lapplicazione lineare o antilineare. Il significato di quanto detto si
chiarir meglio nel corso della dimostrazione del teorema.

VII.4.2 Dimostrazione del teorema di Wigner


Definizione di
V su un s.o.n.c.

Seguiamo la linea di dimostrazione fornita da Weinberg nel testo Quantum theory of fields.
Consideriamo un sistema ortonormale completo {k }kN0 ove ciascun k appartiene al raggio
. Se 0
0 = R
abbiamo

k
k
k
k
0 0
k , l = |(k , l )| = kl
0 0
siccome k , k reale e positiva, allora si ha
0 0
k , l = kl
0
A questo punto facile vedere che k kN0 ancora un sistema completo: sia 0 un vettore
tale che, per ogni k N0
0
k , = 0

0 il suo raggio, siccome R invertibile esiste


se 0 6= 0 allora possibile normalizzarlo. Sia

0 = R
00 , allora 00 = 1 e
00 perci, se 00
00 tale che

0 = 0k , 0 = k , 00

Daltra parte, lultima equazione, vista la completezza di {k }kN0 , implica che 00 = 0, il che
manifestatamente assurdo.
Dobbiamo adesso fissare una norma per ciascun 0k in modo da ridurre alla forma pi semplice
possibile la rappresentazione su H di R .
Consideriamo adesso i vettori
1
k + (1 + k )
2
0
k pu essere scritto in serie
k per k 6= 1. Ogni appartenente a R
appartenenti ai raggi
k
degli 0k sicch
0k

ckl 0l

l=1

Tuttavia
da cui, se l 6= k e l 6= 1

0 0
l , k = |(l , k )|
ckl = |ckl | = 0

mentre
1
|ck1 | = |ckk | =
2

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

scegliamo ora le fasi di 0k e di 0k in modo che risulti


1
ck1 = ckk =
2

Condizioni
su un vettore
normalizzato
qualunque

In questo modo abbiamo fissato le fasi di 0k e di 0k definitivamente, e perci li denoteremo


come V k e V k , rispettivamente. Dunque

1
1
V k = V (1 + k ) = (V 1 + V 2 )
2
2
Rimane da definire ora V per un qualsiasi vettore normalizzato.
qualsiasi, espandiamolo in serie rispetto agli , abbiamo
Sia
k

Ck k .

k=1

pu essere analogamente espanso in serie dei V


Ogni vettore 0 R
k
0 =

Ck0 V k

k=1

ora, per ogni k N0

Deve pure valere leguaglianza


da cui, se k 6= 1

|(k , )| = V k , 0
|Ck | = |Ck0 |

|(k , )| = V k , 0
|C1 + Ck | = |C10 + Ck0 |

(VII.17)

(VII.18)

Dal quadrato della (VII.18) otteniamo


2

|C1 | + |Ck | + C1 Ck + Ck C1 = |C10 | + |Ck0 | + C10 Ck0 + Ck0 C10


perci, tenendo conto della (VII.17), e dividendo i membri per il quadrato della (VII.17)
riferita a k = 1
C1 Ck + Ck C1
C1 Ck + Ck C1
=

C1 C1
C1 C1
C
Ck0
C 0
Ck
+ k =
+ k0
0
C1
C1
C1
C
0 1

Ck
Ck
= Re
Re
C1
C10
e, ancora combinando la (VII.17) con lultimo risultato ottenuto, abbiamo

0
Ck
Ck
Im
= Im
C1
C10
da cui si ottengono le alternative

Ck /C1
Ck /C1
Indipendenza
della scelta
dallindice k

= Ck0 /C10

= (Ck0 /C10 )

(VII.19)
(VII.20)

Prima di proseguire dimostriamo che se una delle due scelte vale per un certo k, allora vale
per ogni intero k (passo che Wigner non compie nella sua dimostrazione, come nota Weinberg).
Supponiamo che per un certo k si abbia Ck /C1 = Ck0 /C10 , mentre per un certo l 6= k si abbia

Cl /C1 = (Cl /C1 ) . Supponiamo inoltre che entrambi i rapporti siano complessi, sicch per l
e k i casi siano veramente dierenti (la qualcosa richiede subito k 6= 1 e l 6= 1). Mostriamo
che si cade in un assurdo. A questo scopo, definiamo il vettore normalizzato
1
= (1 + k + l )
3

VII.4 Il teorema di Wigner

siccome i coecienti di sono tutti reali, dovremo ottenere

0 = (V 1 + V 2 + V 3 )
3
dove || = 1. Imponiamo leguaglianza delle probabilit di transizione da a , abbiamo

|(, )| = 0 , 0 |C1 + Ck + Cl | = |C10 + Ck0 + Cl0 |

ossia

0
0


1 + Ck + Cl = 1 + Ck + Cl

C1
C1
C10
C10

da cui


1 + Ck + Cl = 1 + Ck + Cl

C1
C1
C1
C1

Abbiamo perci la seguente eguaglianza

|a + b| = |a + b | |a| + |b| + ab + a b = |a| + |b| + ab + a b


Re (ab ) = Re (ab) Im a Im b = Im a Im b Im b = 0
perci
Im
la qual cosa nega le nostre assunzioni.
Definizione
generale di V

Cl
C1

=0

Detto
P questo, abbiamo che per ogni simmetria R e per ogni vettore normalizzato
=
k Ck k sussiste una delle alternative (VII.19) o (VII.20) indipendentemente da k.
Limmagine di secondo R definita a meno di un fattore di fase che scegliamo in modo
che o C1 = C10 o C1 = C10 . Allora, nei due casi poniamo ordinatamente
V
V

=
=

k=1

Ck V k
Ck V k

k=1

Unicit
della scelta

Mostriamo che una volta stabilita quale alternativa sussiste per un vettore, per tutti gli
altri
si deve procedere alla stessa scelta. A questo proposito, consideriamo due vettori
P vettori P
A

e
k
k
k
k Bk k per i quali valgano, rispettivamente, primo e secondo caso. Escludiamo
la possibilit che ogni Ak e, separatamente, ogni Bk abbiano le stesse fasi, altrimenti scegliamo
C10 in modo da eliminare tale fase nellimmagine.
Applichiamo linvarianza delle probabilit di transizione e otteniamo

!
!
X

X
X
X

Ak k ,
Bk k =
Ak V k ,
Bk V k

da cui

Im (Ak Al ) Im (Bk Bl ) = 0

k,l

Siccome gli Ak e i Bk non hanno tutti la medesima fase esisteranno coppie di indici k, l e m, n

tali che Ak Al e Bm
Bn sono complessi. Scegliamo allora una terza successione D2 , {Ck } di
modo che i suoi termini siano tutti nulli e che risulti
X
Im (Ak Al ) Im (Ck Cl ) 6= 0
k,l

X
k,l

Im (Bk Bl ) Im (Ck Cl ) 6= 0

La cosa facilmente realizzabile: se ambedue Ak Al e Bk Bl sono complessi, basta prendere


tutti i Cj nulli tranne per j = k e j = l con fasi diverse per Ck e Cl . Se invece Bk Bl reale,

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

ma Bm
Bn complesso con Am An reale, scegliamo Cj tutti nulli, tranne per gli indici k, l, m, n
in cui prendiamo complessi con fasi diverse.

Ora, abbiamo dimostrato prima che se per due successioni di {Ak } , {Bl } D2 si fanno scelte
opposte per lazione di V si ottiene
X
Im (Ak Al ) Im (Bk Bl ) = 0
k,l

perci se questa equazione non sussiste, per {Ak } e {Bl } D2 si fanno scelte eguali. Ne segue
che la scelta per {Ak } eguale a quella per {Ck } che la stessa per {Bk }, il che assurdo.

Resta da vedere che nella prima eventualit V lineare e che nella seconda V antilineare,
visto che manda s.o.n.c. in s.o.n.c. sar poi unitario o antiunitario. Ma questultima verifica
un semplice conto

X
X
X
X
V ( + ) = V
Ak k +
Bk k = V
(Ak + Bk ) k =
(Ak + Bk ) V k =
k=1

Ak k +

k=1

k=1

k=1

k=1

Bk V k = V + V

k=1

analogamente, nel secondo caso,

X
X
X
X
V ( + ) = V
Ak k +
Bk k = V
(Ak + Bk ) k =
(Ak + Bk ) V k =
k=1

k=1

k=1

k=1

k=1

Ak k +
Bk V k = V + V
k=1

VII.4.3 Operatori antilineari e antiunitari


Operatori
antilineari

Vista la scarsa abitudine a maneggiare operatori antilineari e antiunitari ne passiamo in


rassegna le caratteristiche principali in questa sottosezione.
Se A antilineare, allora
A ( + ) = A + A

Aggiunto di
un operatore
antilineare

Veniamo allintroduzione di aggiunto nel caso antilineare (limitato).


seguente funzionale

Consideriamo il

() = (, A)
esso lineare

() = (, A) = (, A) = ()
perci esiste tale che

(, A) = () = (, )
allora si definisce = A+ , sicch

Operatori
antiunitari

(A, ) = A+ ,

Sia A un operatore antilineare che conserva la norma, allora


( + , + ) = ( A + A, A + A)
da cui
||2 (, ) + (, ) + (, ) + ||2 (, ) =
2

|| (A, A) + (A, A) + (A, A) + || (A, A)


che implica
(, ) + (, ) = (A, A) + (A, A)

VII.4 Il teorema di Wigner

scegliamo successivamente = = 1 e = 1, = i abbiamo

(, ) + (, ) = (A, A) + (A, A)
(, ) (, ) = (A, A) + (A, A)
e, sommando membro a membro, troviamo

(, ) = (A, A)
Abbiamo dimostrato che se A antilineare conserva le norme, allora
(, ) = (A, A)
da cui

(, ) = (A, A) = A+ A,

e, infine, A+ A = I, se poi A invertibile, allora AA+ = I e A si dice antiunitario.

VII.4.4 Caso unitario e caso antiunitario


Realizzazione
del caso unitario

Abbiamo dimostrato che ogni operazione di simmetria rappresentata tramite un operatore


unitario o antiunitario sullo spazio degli stati H. Si tratta adesso di capire in quali casi si
realizza lunitariet o lantiunitariet. Vediamo cosa possiamo dire sul gruppo galileiano. Siano
O e O0 due osservatori in moto rettilineo uniforme luno rispetto allaltro, i cui riferimenti siano
eventualmente ruotati. La trasformazione che lega i due osservatori sia rappresentata da V
su H. Allora lequivalenza dei due osservatori e il fatto che nei due riferimenti il tempo lo
stesso (scorre nello stesso senso) implicano che se t levoluzione temporale dello stato 0
per O, allora V t levoluzione temporale di V 0 per O0 , ne segue che

d
d
V t = HV t i t = V 1 HV t H = V 1 HV V H = HV
dt
dt
dove vale il segno + nel caso unitario, e il segno nel caso antiunitario. Ne segue che, se V
antiunitario
i

(V , HV ) = (V , V H) = (H, ) = (, H)
Ora, in tutti i sistemi fisici reali lhamiltoniana inferiormente limitata e superiormente
illimitata, perci leguaglianza di primo e ultimo membro palesemente assurda.
Ne segue che il gruppo galileiano (e in particolare quello euclideo) ammette rappresentazione
unitaria. Si noti che loperatore V indotto dalle trasformazioni del gruppo commuta con
lhamiltoniana e rappresenta perci un integrale primo del moto.
In generale, ammesso di avere una hamiltoniana tratta dalla realt fisica, ogni trasformazione
che lascia invariata levoluzione temporale unitaria.
Dimostrazione
di Wigner

La dimostrazione di Wigner leggermente diversa, ma si basa ancora sulla commutativit


proiettiva dellevoluzione temporale con loperazione di simmetria (commutativit che implica
che la simmetria manda autostati dellhamiltoniana in autostati dellhamiltoniana con eguali
autovalori). Consideriamo due autostati dellenergia 1 , 2 relativi agli autovalori E1 , E2 e
ammettiamo per assurdo che la trasformazione sia antiunitaria. Lo stato che al tempo t = 0
vale 1 1 + 2 2 si evolve al tempo t nello stato
1 eitE1 1 + 2 eitE2 2

(VII.21)

Invece lo stato trasformato allistante t = 0,


1 V 1 + 2 V 2
si evolve al tempo t nello stato
1 eitE1 V 1 + 2 eitE2 V 2

(VII.22)

Daltra parte se trasformiamo secondo V lo stato (VII.21) dobbiamo trovare (VII.22), perci

c (t) 1 eitE1 V 1 + 2 eitE2 V 2 = 1 eitE1 V 1 + 2 eitE2 V 2

c0 (t) 1 V 1 + 2 eit(E2 E1 ) V 2
= 1 V 1 + 2 eit(E2 E1 ) V 2

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

con |c0 (t)| = 1. Siccome i vettori V 1 e V 2 sono indipendenti deve essere


c0 (t) = 1
eit(E2 E1 ) = eit(E2 E1 )

da cui segue E1 = E2 il che assurdo.


Realizzazione
del caso
antiunitario

Se ora i due osservatori equivalenti hanno riferimenti temporali con versi opposti, la loro
equivalenza implica che V t una soluzione dellequazione dipendente dal tempo, se t lo
, ne deriva
d
d
i V t = HV t i 0 t0 = V 1 HV t H = V 1 HO V H = HV
dt
dt
dove vale il segno nel caso unitario, e il segno + nel caso antiunitario. Ne segue che, se V
unitario
(V , HV ) = (V , V H) = (H, ) = (, H)
il che assurdo.
Trasformazioni che commutino con lhamiltoniana e che siano antiunitarie si dicono inversioni
temporali (time reversal).

Topologia e
unitariet

Se il gruppo di simmetria ha una topologia si pu mostrare la continuit della


rappresentazione V () in , in questo caso, grazie proprio alla continuit, la componente
connessa del gruppo contenente lidentit formata da elementi unitari, ed eventuali elementi
antiunitari possono trovarsi solo lontani dallidentit. In questo senso si ha subito che
SO (3) (ma questo ragionamento non si estende a tutto O (3) se non si considera la natura
delloperatore di parit) - che connesso e contiene lidentit - ammette una rappresentazione
unitaria su H.
Su questi concetti permarremo su un piano intuitivo (e rigorosamente scorretto) rimandando
a corsi superiori per una loro sensata formalizzazione.

Ancora su
unitariet e
antiunitariet

Il fatto che la simmetria debba poter commutare proiettivamente con levoluzione temporale
(se in entrambi i riferimenti il tempo scorre nel verso giusto) una richiesta che discende dalla
fondamentale ipotesi che i due osservatori siano equivalenti. Questo aspetto mostra che non
suciente richiedere la conservazione delle probabilit di transizione per considerare una
trasformazione come una simmetria. La (VII.16) resta soltanto una condizione necessaria.
Infine, notiamo che il fatto che il gruppo galileiano sia una simmetria dei sistemi isolati discende
dal principio di isotropia e omogeneit solo se si ammette che il tempo sia assoluto. Nel seguito
considereremo come un postulato il fatto che il gruppo galileiano sia contenuto nel gruppo di
simmetria.
Un altro modo che avremmo potuto utilizzare per dirimere la questione quello di usare
lo schema di Heseinberg e conseguentemente il teorema di von Neumann. Pensiamo al
gruppo euclideo: esso agisce sulle osservabili (p, q) trasmormandole in (p0 , q0 ) in modo
canonico, ne deriva che esiste un operatore unitario che implementa tale trasformazione e
il caso antiunitario escluso. In particolare resta dimostrato che linversione spaziale I
rappresentata da un operatore unitario (e per continuit anche tutta la componente connessa
di O (3) cui I appartiene).

VII.4.5 Il teorema di Bargmann


Rappresentazioni
proiettive di
un gruppo

Consideriamo un gruppo G di operatori di simmetria che ammettano una rappresentazione


unitaria (escludiamo cio il caso antiunitario nel teorema di Wigner). Siano 1 , 2 G e
siano V ( 1 ) e V ( 2 ) i rappresentativi unitari. Ora, alla trasformazione 2 1 corrisponder
loperatore V ( 2 1 ). Siccome la successione delle trasformazioni 1 e 2 fisicamente
equivalente alla trasformazione 2 1 si deve avere
V ( 2 1 ) = ( 2 , 1 , ) V ( 2 ) V ( 1 )
dove un fattore di fase. Mostriamo che, in realt, non dipende da . Consideriamo due
operatori unitari U e W tali che per ogni sussista
U = () W

VII.5 Il gruppo delle rotazioni

Definiamo K + W + U e prendiamo i vettori 1 , 2 H linearmente indipendenti. Allora


abbiamo
K1 = (1 ) 1
K2 = (2 ) 2
K (a1 1 + a2 2 ) = (a1 1 + a2 2 ) (a1 1 + a2 2 )
cio, con ovvie notazioni,
K1
K2
K (a1 1 + a2 2 )
K (a1 1 + a2 2 )

=
=
=
=

1 1
2 2
a1 3 1 + a2 3 2
a1 1 1 + a2 2 2

e per lindipendenza di 1 , 2 si ottiene (1 ) = (2 ) = 3 .


Se ne ricava che per ogni 1 , 2 G si ha
V ( 2 1 ) = ( 2 , 1 ) V ( 2 ) V ( 1 )
Una rappresentazione unitaria a meno di una fase come quella trovata si dice
rappresentazione proiettiva (a meno di una fase) del gruppo.
Nella teoria delle rappresentazioni si dimostra il seguente
Teorema VII.2
(di Bargmann)

Una rappresentazione proiettiva unitaria di un gruppo compatto, che sia continua in un


intorno dellidentit, pu essere ridotta a una rappresentazione genuina del gruppo che
ancora continua in un intorno dellidentit.
Si dimostra, inoltre, che la tesi del teorema di Bargmann si estende in grande se il gruppo
semplicemente connesso.

VII.5 Il gruppo delle rotazioni


VII.5.1 Caratteristiche principali del gruppo SO (3)
Definizione del
gruppo SO (3)

Come abbiamo dimostrato il gruppo delle rotazioni SO (3) appartiene al gruppo di simmetria
dei sistemi isolati. Vogliamo passare in rassegna le caratteristiche principali di questo gruppo.
SO (3) si identifica con la sua rappresentazione sullalgebra delle matrici 3 3. Come ben
noto R M (3, 3; R) se e solo se
RRt = I
det R = 1

Autovalori e
asse di rotazione

Siccome Rt = R1 si ha che tutti e soli gli autovalori di Rt sono del tipo 1/, con autovalore
di R. Ma Rt e R sono matrici simili (ammettono la stessa forma di Jordan), perci hanno
gli stessi autovalori. Ne viene che se autovalore di R, allora 1/ autovalore di R. Se
indichiamo con 1 , 2 , 3 gli autovalori di R, abbiamo
1 = 1 2 3
e, certamente, 1 = 1/2 (la scelta degli indici 1 e 2 puramente arbitraria), sicch
3 = 1
cio una rotazione ammette sempre lautovalore 1.

Proposizione VII.1

Il teorema
delle rotazioni
infinitesimali
per SO (n)

Una rotazione ammette sempre una retta invariante. Tale retta si dice asse di rotazione.
Il gruppo SO (n) formato da tutte e sole le matrici del tipo
e , A (n)

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

dove A (n) linsieme delle matrici n n antisimmetriche, i.e., = t . Infatti, se A (3)


allora
t

(e )t = e = e e e = I

Si ha cos che e O (n). Veniamo a calcolarne il determinante. A questo scopo premettiamo


il seguente
Lemma VII.1

Dimostrazione

Data M (n, n; C) si ha

det e = eTr

Il determinante di e dato dal prodotto degli n autovalori i di e . Mostriamo che tutti e


soli gli autovalori di e sono ei dove i autovalore di .
Infatti, se i autovalore di , allore esiste v Cn tale che
v = i v
ne segue che
e v =

X
k v

k=0

k!

X
k v
i

k=0

k!

= ei v

Siccome gli autovalori di e cos trovati sono n (per monotonia dellesponenziale), questi sono
tutti gli autovalori di e . Allora
det e = e1 e2 . . . en = exp (1 + . . . + n ) = eTr

(c.v.d.)

Se antisimmetrica, allora ha traccia nulla, perci det e = e0 = 1. Vediamo, adesso,


linverso. Cio mostriamo che ogni matrice di rotazione lesponenziale di una matrice
antisimmetrica. A questo scopo ci occorre un risultato di teoria spettrale (si veda il corso
Geometria per Fisici ) che riassumiamo nel seguente
Teorema
VII.3 (forma
normale delle
isometrie reali)

Sia A O (n) una matrice ortogonale. Allora esiste un cambiamento di base ortogonale P
(P GL (n, R), P t = P 1 ) per cui

Ik1

Ik2

t
R
1
P AP =

.
..

Rk

dove

Ri =

cos i
sin i

sin i
cos i

Dal teorema segue subito che


det A = det P t AP = (1)k2
Perci se A SO (n) allora k2 deve essere pari. Ma allora

..
Ik2 =

.
R
Cio, la forma normale di una matrice A SO (n)

Ik1

R1

A=
..

Rm

VII.5 Il gruppo delle rotazioni

Definiamo ora la matrice S A (n)

S+

1
0
..

.
0
m

m
0

siccome lesponenziale di una matrice a blocchi la matrice i cui blocchi sono lesponenziale
di ciascun blocco di partenza (come evidente scrivendo la serie di potenze), e siccome

0 i
exp
= Ri
i
0

abbiamo

P t AP = eS A = P eS P t = eP SP

Posto + P SP t abbiamo che antisimmetrica e che


A = e
Abbiamo cos dimostrato il seguente
Teorema VII.4
(delle rotazioni
infinitesime)

Dimostrazione
diretta del
caso n = 3

Ogni matrice ortogonale speciale A SO (n) si scrive come esponenziale di una matrice
antisimmetrica A (n).
Abbiamo voluto condurre la dimostrazione in tutta generalit lavorando sui gruppi ndimensionali. In realt avremmo potuto ottenere il teorema nel caso n = 3, molto pi
rapidamente.
Abbiamo dimostrato prima che una rotazione (in 3 dimensioni) ammette sempre uno spazio
invariante di dimensione almeno 1. Scegliamo allora una terna ortonormale (x0 , y 0 , z 0 ) avente
z 0 lungo lasse di rotazione trovato. Siccome la terna scelta ortonormale esiste P ortogonale
e invertibile tale che P t AP la matrice della rotazione rispetto a (x0 , y 0 , z 0 ), cio

0 0
1

A0 = P t AP = 0
R
0
Siccome A0 A0t = I e det A0 = 1 allora R SO (2), cio

cos sin
0
R=
= exp
sin cos
0

sicch, come prima,

0 0 0
A0 = exp 0 0
0 0

e ancora A lesponenziale di una matrice antisimmetrica.


Rotazioni
e matrici
antisimmetriche

Torniamo a considerare esclusivamente il gruppo che ci interessa, cio SO (3). Cominciamo


col vedere alcune semplici propriet delle matrici antisimmetriche. Tanto per cominciare
fissiamo una base di A (3), {L1 , L2 , L3 }
(Li )jk = ikj
cio

0 0 0
0 0 1
0 1 0
L1 = 0 0 1 , L2 = 0 0 0 , L3 = 1 0 0
0 1 0
1 0 0
0 0 0

Sia S A (3), allora

S = ni Li = u L

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

e, per ogni x R3 , si ha
(Sx)j = (ui Li )jk xk = jik ui xk = (u x)j
cio S = u , dove, essendo L una base per A (3), u univocamente determinato da S.
Se ora R = eS con S A (3) e u tale che Sx = u x, allora u autovettore allautovalore
0 per S e e0 = 1 per R. Cio u individua lasse di rotazione. Se adesso definiamo n come il
versore lungo u e chiamiamo + |u|, allora ogni R SO (3) si scrive come
R = enL

dove n lasse della rotazione e langolo di rotazione. Infatti fissiamo una base
B = {x0 , y 0 , z 0 } con z 0 lungo n. Scriviamo la matrice di R rispetto alla base B, abbiamo
R = M t R0 M

con M matrice di cambiamento di base da {x, y, z} in {x0 , y 0 , z 0 }. Denotiamo con a, b, c le


colonne di M . R0 la matrice della rotazione attorno a z 0 di angolo . Allora

R = exp M t L3 M
calcoliamo

M t L3 M

daltronde

a
a

= b L3 a L3 b L3 c = b z a z b z c =
c
c

0
a (z b) a (z c)
0
b (z c)
= a (z b)
a (z c) b (z b)
0
a (z b) = z (b a) = c3
a (z c) = z (c a) = b3
b (z c) = z (c b) = a3

Ora, lultima colonna di M t formata dalle coordinate di n nella base canonica. Cio n
lultima riga di M :
n = (a3 , b3 , c3 )
e dunque

In definitiva

0
M t L3 M = n3
n2

n3
0
n1

n2
n1 = n L
0

R = exp (n L) = exp (n L)
cio = e langolo di rotazione di R.
Per concludere
Teorema VII.5

R SO (3) se e solo se esiste un versore n, asse di rotazione, e un reale tra 0 e 2, angolo


di rotazione, tali che
R = exp (n L) .

VII.5.2 Rappresentazione unitaria di SO (3) e momento angolare


Teorema di
Bargmann
e SO (3)

Dal teorema di Bargmann abbiamo che possiamo rappresentare il gruppo SO (3) tramite
operatori unitari sullo spazio H, cio se 1 , 2 SO (3) risulta
U ( 2 1 ) = U ( 2 ) U ( 1 )

Rotazioni
attorno a
un asse

Restringiamoci per un momento al sottogruppo delle rotazioni attorno a un asse. Scegliamo


lasse associato alla matrice antisimmetrica A (3). Il sottogruppo delle rotazioni attorno

VII.5 Il gruppo delle rotazioni

allasse lungo il kernel di , appartiene al gruppo di simmetria e ammette rappresentazione


proiettiva unitaria. facile vedere che si tratta di un gruppo compatto abeliano a un
parametro, dove il parametro langolo di rotazione:
R (1 + 2 ) = R (1 ) R (2 )
U (e1 e2 ) = U (e1 ) U (e2 )
Vale allora il teorema di Stone, perci
U () = eir()/~
dove r () un operatore autoaggiunto definito su H (e come tale unosservabile del sistema).
Calcolo delle
regole di
commutazione

Consideriamo adesso due rotazioni caratterizzate dalle matrici antisimmetriche e . Nella


teoria delle rappresentazioni si dimostra la formula di Baker-Campbell-Hausdor

[A, B]
exp (A) exp (B) = exp A + B +
+ O3
2

ne segue che

e e e e = e+

[,]/2+O(3 ) ++2 [,]/2+O(3 )

= e

[,]+O(3 )

Conseguentemente,



2
3
U e U e U e U (e ) = e [ir()/~,ir()/~]+O( )
Questultimo deve allora essere eguale a
2

3
2
3
U e [,]+O( ) = ei r([,])/~+O( )

visto che [, ] ancora una matrice antisimmetrica e che


2

2
3
2
U e [,]+O( ) = U e ([,]+O()) = ei r([,]+O())/~

supponendo r continua,

ei

r([,]+O())/~

= ei

r([,])/~+O(3 )

Ne segue che, sviluppando per 0




I i2 r ([, ]) /~ + O 3 = I 2 [ir () /~, ir () /~] + O 3

cio


r ([, ])
+ 2 [ir () /~, ir () /~] + O 3
~
dividendo per 2 e passando al limite per 0, si ottiene
1
ir ([, ]) = [r () , r ()] ,
~
da cui
i2

[r () , r ()] = i~r ([, ])

(VII.23)

cio r conserva le regole di commutazione delle , .


Calcolo di [Li , Lj ]

Calcoliamo allora le regole di commutazione per le matrici antisimmetriche che inducono le


rotazioni attorno agli assi principali:
[Li , Lj ]mk

= (Li )mn (Lj )nk (Lj )mn (Li )nk = inm jkn jnm ikn
= nmi njk nmj nik = ik mj ij mk jk mi + ij mk
= ik mj jk mi = lij lkm = ijl (Ll )mk

cio troviamo
[Li , Lj ] = ijk Lk
Regole di
commutazione
e definizione
di momento
angolare

A questo punto, dallequazione (VII.23) troviamo


[r (Li ) , r (Lj )] = ijk r (Lk )

(VII.24)

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

che sono le stesse regole di commutazione del momento angolare, equazione (VII.2).
Definiamo allora momento angolare
M + r (L)
il che lecito essendo r (Li ) operatori autoaggiunti. Questo ci consente di ritrovare la (VII.2),
senza specificare la natura di M in termini di q, p che ci aveva costretti a rigettare i valori
seminteri di D.
Momento
angolare orbitale

Daltra parte se uno stato ammette le q, p come insieme completo di osservabili compatibili,
allora si pu passare alla rappresentazione di Schrdinger e porre H L2q (in questo caso lo
stato di una particella completamente assegnato una volta fornita la funzione donda (q),
vedremo che questo non sempre verificato: esiste lo spin!). Come abbiamo visto possiamo
rappresentare le rotazioni nel modo seguente

U () : (q) 7 0 (q) = 1 q

facile vedere che la rappresentazione U () unitaria e che

1 1

1
U ( 2 ) U ( 1 ) (q) = U ( 2 ) 0 (q) = 0 1
q = U ( 2 1 ) q
2 q = 1 2 q = ( 2 1 )

cio U la rappresentazione di SO (3) su L2q che cercavamo.


Andiamo a calcolare il generatore delle rotazioni attono allasse 3, consideriamo un angolo di
rotazione pari a e passiamo al limite per 0 nella

U () (q) = eL3 q

2
iM3
I
(q) = q L3 q + O 2
+O
~

iM3
(q)
(q) + O 2 = (q)
(z q) + O 2 ,
~
q
infine,

M3 =
q2
= q1 p2 q2 p1
q1
i
q2
q1
cos ritroviamo lespressione con la quale avevamo aperto il capitolo.

VII.5.3 Osservabili scalari e vettoriali


Scalari e vettori

In generale, definiamo vettore ogni tripletta y che, sotto trasformazione ortogonale del
sistema di riferimento, cambi secondo la legge
y0 (x0 ) + y (Rx) = Ry (x)
se RRt = I. Si chiamano pseudovettori le triplette per cui
y0 = (det R) Ry
Si chiamano scalari le quantit per cui
y (Rx) = y (x)
e pseudoscalari le quantit tali che
y (Rx) = (det R) y (x)

Osservabili
classiche scalari
e vettoriali

In meccanica classica, dunque, si chiamano osservabili scalari quelle funzioni f (p, q) tali che
f (Rp, Rq) = f (p, q)
si chiamano osservabili vettoriali le triplette f (p, q) tali che
f (Rp, Rq) = Rf (p, q)
In generale, riferendosi a R SO (3) si confondono pseudoscalari e pseudovettori con scalari
e vettori e si dice, allora, che si considerano scalari e vettori per rotazione.
Ne viene in modo banale che p e q sono osservabili (classiche) vettoriali.

Osservabili
quantistiche
scalari e
vettoriali

In meccanica quantistica, definiamo A osservabile scalare, se questa invariante per

VII.5 Il gruppo delle rotazioni

trasformazione ortogonale = R O (3)

A0 = V+ AV = A

cio se
[A, V ] = 0
Analogamente, definiamo osservabile vettoriale una tripletta di osservabili A = (A1 , A2 , A3 ),
tali che, sotto trasformazione ortogonale del riferimento, R O (3), cambiano secondo
lequazione seguente
A0i = V+ Ai V = Rij Aj
Regole di
commutazione

Limitiamoci adesso a trasformazioni R SO (3). Sia A scalare, allora

i
i
A = einM/~ AeinM/~ = I + n MA + O () A I n MA + O ()
~
~
i
A = A + nj [Mj , A] + O ()
~
passando al limite per 0 troviamo
[Mj , A] = 0
Sia invece A unosservabile vettoriale. Allora
h
i
A0j = e(nL)

jk

Dunque,

Ak

h
i
einM/~ Aj einM/~ = e(nL) A

il secondo membro vale


h
i
e(nL) A = [A + n A + O ()]j = Aj + jik ni Ak + O ()
j

il primo membro, invece,

i
Aj + ni [Mi , Aj ] + O ()
~
eguagliando e mandando 0, troviamo
i
[Mi , Aj ] = jik Ak
~
cio
[Mi , Aj ] = i~ijk Ak

(VII.25)

Scrivendo lesponenziale in serie di potenze troviamo linverso: se A commuta con il momento


angolare, allora A commuta con V se SO (3), e se A soddisfa le regole di commutazione
(VII.25), allora A si trasforma come unosservabile vettoriale per SO (3).
Prodotto scalare
e invarianza

Il prodotto scalare di osservabili vettoriali unosservabile scalare (come somma di prodotti


di osservabile unosservabile). Sia A = v w, allora
A0

Osservabili
classiche e
osservabili
quantistiche

= V + AV = V + vi ij wj V = ij V + vi V V + wj V = ij Rik vk Rjl wl =
= Rik Ril vk wl = vk kl wl = vk wk = A.

Abbiamo visto che condizione necessaria e suciente anch unosservabile quantistica


(i) sia scalare che commuti con il momento angolare;
(ii) sia vettoriale che soddisfi le regole di commutazione
[Mi , Aj ] = i~ijk Ak ;
Abbiamo poi visto che unosservabile classica

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

(i) scalare se invariante per rotazione;


(ii) vettoriale se trasforma secondo la legge A (Rp, Rq) = RA (p, q) ;
Ora vogliamo dimostrare che unosservabile quantistica (avente analoga classica) scalare (o
vettoriale) se e solo se lanaloga classica scalare (o vettoriale).
Come noto dalla meccanica analatica ogni R SO (3) induce una trasformazione
canonica nello spazio delle fasi. Se fissiamo un asse n, il gruppo a un parametro, in ,
delle rotazioni Rn, attorno allasse n, un gruppo a un parametro di trasformazioni
completamente canoniche, perci (vedi corso di Meccanica Analitica) il flusso (dove il
tempo proprio ) di una hamiltoniana. Si dimostra poi che tale hamiltoniana M n:
Proposizione VII.2

Il flusso della hamiltoniana


H =Mn
tale che

q (t) = exp (tL n) q (0)


p (t) = exp (tL n) p (0)

dove L = (L1 , L2 , L3 ) con Li M (3, 3; R) e [Li ]jk = ikj .


Dimostrazione

Abbiamo
H = M n = nk kij qi pj
dunque,
H
pm
H
qm

= nk kij qi mj = nk kim qi = mki nk qi = (n q)m


= nk kij mi pj = nk kmj pj = mkj nk pj = (n p)m

sicch

da cui

infatti, derivando

q = n q
p = n p

q (t) = exp (tL n) q (0)


p (t) = exp (tL n) p (0)

x (t) = (L n) exp (tL n) x (0) = (L n) x (t) = ni Li x (t) =


= ni ikj xk = jik ni xk = n x (t)
(c.v.d.)
Caso scalare

come volevamo.
Sia A unosservabile classica scalare. Dunque, fissato n + ej (versore del j-esimo asse
cartesiano) abbiamo
A (Rp, Rq) = A (p, q)
ma il primo membro vale, posto t +

A H
A H
A (p + tp + o (t) ; q + tq + o (t)) = A (p, q) + t
+
p q
q p
= A (p, q) + t [A, H]PB + o (t)
dunque
A (p, q) + t [A, H]PB + o (t) = A (p, q)
da cui
[A, H]PB = 0

+ o (t) =

VII.6 Spin

11
22

e dal postulato di quantizzazione


[A, H] = 0
cio, avendo preso H = Mj
[A, Mj ] = 0
Caso vettoriale

Sia A unosservabile vettoriale, sicch


Ai (Rp, Rq) = Rik Ak (p, q)
Ora, il primo membro, per t 0 vale
Ai (p, q) + t [Ai , Mj ]PB + o (t)
mentre il secondo membro
Rik Ak (p, q) = [RA (p, q)]i = [exp (tLj ) A (p, q)]i
dove Lj la matrice
[Lj ]km = kjm
definita in precedenza. Dunque,
Rik Ak (p, q) = [RA (p, q)]i = [A (p, q) + tLj A (p, q) + o (t)]i
daltra parte
[Lj A (p, q)]i = (Lj )ik Ak (p, q) = ijk Ak (p, q)
In definitiva
[Ai , Mj ]PB = ijk Ak [Mj , Ai ]PB = jik Ak [Mj , Ai ] = i~jik Ak
Abbiamo cos dimostrato il seguente

Teorema VII.6

Se f (p, q) unosservabile classica scalare (nel senso delle rotazioni) allora la sua analoga
quantistica scalare. Se f (p, q) unosservabile classica vettoriale (nel senso delle rotazioni)
allora la sua analoga quantistica vettoriale.
Dunque, p e q sono osservabili vettoriali sia in senso classico che in senso quantistico. Ne segue
2
2
che osservabili che dipendano da |q| , |p| , q p sono osservabili scalari e perci commutano
con il momento angolare. In particolare, lhamiltoniana di un sistema isolato ha la forma
|p|2
+ V (|q|)
2m
perci uno scalare e dunque commuta con il momento angolare (cosa che avevamo gi
dimostrato in precedenza).
H=

Inversione
spaziale

Come detto in apertura, ci siamo limitati a scalari e vettori sotto rotazione. Unaltra
operazione di simmetria molto importante linversione spaziale q q. Poniamoci pure
nel contesto quantistico. Anch si mantangano le relazioni di commutazione canoniche, deve
essere p p, sicch L L (L unosservabile pseudovettoriale).

VII.6 Spin

11
22

Abbiamo visto che lintroduzione del momento angolare a partire dalla traduzione operatoriale
della quantit classica esclude la possibilit di realizzare momenti angolari semidispari, cosa,
invece, prevista dalle regole di commutazione del momento angolare.
Esistenza
sperimentale di
spin semidispari

Ora, sperimentalmente (vedremo pi avanti in che termini) si trova la necessit di associare


ad alcune particelle, come lelettrone (che pure puntiforme!), un momento angolare
intrinseco o spin avente due soli autovalori distinti.
Le regole di commutazione dello spin sono quelle del momento angolare, cio, se indichiamo
con s lo spin in unit di ~, troviamo
[si , sj ] = iijk sk

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

Se, come si rinviene sperimentalmente, le componenti di s hanno solo due autovalori distinti,
questi devono essere necessariamente 1/2 e 1/2. Ne segue che lo spin cosa del tutto diversa
dal momento angolare orbitale, cio s non si esprime come M in funzione delle q e delle p.
Assumeremo allora che s non sia funzione delle variabili canoniche e perci
[si ,qj ] = [si ,pj ] = 0
dunque, se definiamo orbitali le osservabili f (p, q) che abbiamo finora studiato, dobbiamo
ammettere che lo spin commuti con le osservabili orbitali.
Ci significa che ogni autospazio di una osservabile orbitale A debba avere almeno
degenerazione 2. Infatti, si ha
[A, s1 ] = 0; [A, s2 ] = 0; [s1 , s2 ] 6= 0
perci, per il teorema di degenerazione (dimostrato in V.2.1) A degenere (ricordiamo
brevemente la dimostrazione: se A non fosse degenere, allora ogni suo autovettore sarebbe
simultaneamente autovettore di s1 e s2 , da cui s1 e s2 avrebbero un s.o.n.c. di autovettori
simultanei, cio commuterebbero).
Caratteristiche
dello spin

In altri termini, lo spin una nuova osservabile (diversa da zero solo per alcune particelle)
avente le seguenti propriet (che possiamo assumere come postulati)
(i) le tre componenti dello spin s = (s1 , s2 , s3 ) sono osservabili;
(ii) regole di commutazione delle tre componenti dello spin:
[si , sj ] = iijk sk ;
(iii) s commuta con le variabili canoniche:
[si ,qj ] = [si ,pj ] = 0;
(iv) ciascuna delle componenti dello spin ammette due soli autovalori, 1/2 e 1/2.

Spazio di
Hilbert per
la descrizione
dellelettrone

Vogliamo adesso caratterizzare lo spazio degli stati per la particella dotata di spin che stiamo
considerando. Non possiamo pi ammettere che q = (q1 , q2 , q3 ) formi un sistema completo
di osservabili compatibili e perci dobbiamo aggiungere almeno una componente dello spin.
Poniamo allora che {q, s3 } sia un insieme
completo. Consideriamo un set completo di autostati

simultanei per {q, s3 }, sia tale set q,s3 . Dato un qualunque vettore nel nostro spazio di
Hilbert H possiamo rappresentarlo in L2q,s3 come

(q, s3 ) = q,s3 ,

daltra parte, ogni funzione di L2q,s3 si espande in serie come segue


X
ci,l,m,n di (q1 ) fi (q2 ) gi (q3 ) hi (s3 )
(q, s3 ) =
cio

L2q,s3 = L2q1 L2q2 L2q3 L2s3

e dato che L2q,s3 isomorfo unitariamente a H troviamo che

H = H1 H2 H3 Hspin + Horb Hspin

dimodoch
si 7 IHorb si
f (qi , pj ) 7 f (qi , pj ) IHspin
Daltra parte ciascuna si ammette due soli autovalori e forma un sistema completo di
osservabili compatibili in Hspin , perci tali autovalori non sono degeneri, e dim Hspin = 2.
Allora Hspin non isomorfo a L2s3 , ma a C2 , perci la rappresentazione di Schrdinger
dellelettrone si eettua su
L2q C2

VII.6 Spin

cio le funzioni donda divengono del tipo


f (q) (1, 0) + g (q) (0, 1) =
Studio dello
spin in Hspin

11
22

f (q)
g (q)

Ci siamo ora ridotti a studiare lazione di tre operatori hermitiani si con le regole di
commutazione di cui sopra su uno spazio bidimensionale. Dalle regole di commutazione
abbiamo che
2
s , si = 0

perci s2 e si ammettono una base di autovettori simultanei. Daltra parte s2 ha come unico
autovalore 1/2 (1/2 + 1), perci sui due autovettori s2 vale 3/4 e con ci
3
s2 = I 2 .
4
Determinazione
delle matrici
di Pauli

Introduciamo per comodit


= 2s
da cui
[ i , j ] = 4 [si , sj ] = 4iijk sk = 2iijk k

Denotiamo con + e gli autovettori di 3 , allora + , = 0 e


3 + = + ; 3 =

Ovviamente,
+ + + ( 1 + i 2 ) + = 0
adesso scegliamo la fase di ponendo
+ = ( 1 i 2 ) + = 2
Ne segue che, per 3

per +

per

+ , 3 + = 1;

, 3 + = 0;

+ , 3 = 0

, 3 = 1

+ , + + = 0;

, + + = 0;

= 0; + , = 0

, + = 2; , = 0
+ , +

+ , + = 2

, + = 0

infine, troviamo (ancora una volta) le matrici di Pauli

0 1
0 i
1 0
1 =
; 2 =
; 3 =
1 0
i 0
0 1
Anticommutatore e algebra
di Cliord

Si noti che, come doveva essere, 2i = I2 . Da questo si trova che


i j i j
j i j i

= 2iijk k i
= 2iijk i k

cio
i k + k i = 2 ki
Se denotiamo con {, } lanticommutatore, abbiamo che
{ i , k } = 2 ki
sicch le i obbediscono allalgebra di Cliord.
Trasformazione
degli spinori per
rotazioni dello
spazio fisico

Vogliamo andare a vedere come agiscono le rotazioni in rappresentazione. Preso lo stato

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

le sue componento rispetto a + e ne costituiscono il rappresentativo in C2 , si ha cio

b
dove (a, b) viene definito anche spinore.
A causa di una rotazione lungo n di angolo , lo stato viene mandato nello stato
0 = ei(n )/2
cio

a0
b0

=e

i(n )/2

a
b

dove qui, con leggero abuso di notazione,

intendiamo per exp (i (n ) /2) la matrice


2
associata
in
C
rispetto
alla
base

+
. Per calcolare tale matrice scriviamo le i nella

base + , e valutiamo la serie


X 1 k
k
exp (i (n ) /2) =
(in )
k! 2
k

calcoliamo

(n )2
3

(n )

= ni i nj j =

n2i 2i =

= (n )

n2i I2 = I2

sicch le potenze pari danno lidentit e quelle dispari danno (n ).


Si ha perci
(in )

= I2

(in )

(in )

= in

(in )

(in )

= I2

= i (n )
= I2

cio (in ) una unit immaginaria nello spazio delle matrici 2 2 complesse. Quindi
2k
2k+1

X
X
(1)k
(1)k

exp (i (n ) /2) =
I2 in
=
(2k)! 2
(2k + 1)! 2
k=0

k=0

= I2 cos in sin .
2
2

Dunque, per una rotazione del sistema di angolo attorno allasse n, si ha


0

a
a
= I2 cos in sin
b0
b
2
2

Ruotando di = 2

a0
b0

a
b

cio lo stato sempre lo stesso, ma il vettore cambia per una fase ().
Parametrizzazione
di SU (2)

Vogliamo ora caratterizzare la matrice

in sin
2
2
Mostriamo che unitaria: la sua inversa vale infatti

ei(n )/2 = cos + in sin


2
2
cos

VII.6 Spin

laddove

11
22

= cos (inj j )+ sin = cos + in sin


cos in sin
2
2
2
2
2
2

Inoltre,

det ei(n )/2 = ei/2 Tr(n ) = 1


essendo
Tr ( j ) = 0.
i(n )/2

perci e
SU (2)
Daltra parte vale anche il viceversa
Teorema VII.7

Le matrici del tipo

in sin , [0, 2[
2
2
con i matrici di Pauli, sono tutte e sole le matrici di SU (2).
cos

Dimostrazione

Introduciamo per comodit la matrice 0 = I2 . Allora la pi generale M M (2, 2; C)


della forma
M = a 0 + b
siano 1 e 2 gli autovalori di M allora

2 det M = (1 + 2 )2 21 + 22 = (Tr M )2 Tr M 2

ora,

M 2 = a2 + b2 0

sicch

2 det M
det M

= 4a2 2a2 2b2


= a2 b2 = 1

Imponiamo lunitariet,
M 1 = a 0 b
infatti

(a 0 + bj j ) (a 0 bi i ) = a2 0 abi i + abj j bi bj i j = a2 b2 0 = 0 .

Dunque,

a 0 b =a 0 + b

cio a R e bj = bj . Ne segue che i bj sono numeri immaginari puri, cio esiste c R3 per
cui
b = ic
infine,
a2 + c2 = 1
dunque, |a| < 1, cio a = cos con [0, ], o, equivalentemente,

a = cos , [0, 2[
2

c2 = sin , [0, 2[
2
e allora c = cn, cio, se M SU (2), allora

(c.v.d.)

M = cos

in sin .
2
2

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

Abbiamo dunque trovato una corrispondenza tra il gruppo SO (3) e il gruppo SU (2). Per
vedere che si tratta di una rappresentazione proiettiva (almeno) necessario mostrare che, se
1 , 2 SO (3), allora
U ( 2 1 ) = ( 2 , 1 ) U ( 2 ) U ( 1 ) ,
dove | ( 2 , 1 )| = 1.
Cominciamo con il dimostrare la seguente
Proposizione VII.3

Se U () la rappresentazione in Hspin C2 della rotazione SO (3), allora risulta


U + () U () =

Dimostrazione

Consideriamo un vettore v nello spazio R3 e sottoponiamolo alla rotazione di angolo


rispetto allasse avente per versore n. Fissiamo lasse z lungo n e il piano xz lungo il piano
per n e v. Lasse x sar parallelo al vettore v (v n) n, lasse y sar invece parallelo a n v.
Se la colatitudine di v abbiamo
|n v|
sin =
|v|
nv
cos =
|v|
perci

v (v n) n
v (v n) n
=
|v| sin
|n v|
nv
y
=
|n v|

z = n
x
=

siccome il vettore v ha coordinate

esso verr trasformato nel vettore

e dunque
v
v

x = sin |v|
y= 0

z = cos |v|

0
x = (cos ) x
y 0 = (sin ) x
0
z = z

|n v|
v (v n) n
|n v|
nv
|v|
sin
|v|
+ (n v) n =
|v|
|n v|
|v|
|n v|
= cos (v (v n) n) sin (n v) + (n v) n

= cos

Mostrato questo passiamo al calcolo diretto (basato su regole di commutazione e algebra di


Cliord) della quantit
U + () i U () =
=
=
=

(cos (/2) + i sin (/2) n ) (cos (/2) i sin (/2) n ) =


(cos (/2) + i sin (/2) nj j ) i (cos (/2) i sin (/2) nk k ) =
(cos (/2) i + i sin (/2) nj j i ) (cos (/2) i sin (/2) nk k ) =
cos2 (/2) i i cos (/2) sin (/2) nk i k + i cos (/2) sin (/2) nj i j +
+ sin2 (/2) nj nk j i k

notiamo che
j i = 2 ij i j
perci
U + () i U () = cos2 (/2) i + i cos (/2) sin (/2) nj [i , j ] +
+ sin2 (/2) nj nk 2 ij k sin2 (/2) nj nk i k k

VII.6 Spin

11
22

= cos2 (/2) i + i cos (/2) sin (/2) nj [i , j ] + 2 sin2 (/2) ni nk k


sin2 (/2) i
= cos () i 2ijk nj k cos (/2) sin (/2) + 2 sin2 (/2) ni nk k =
= cos () i sin () (n )i + 2 sin2 (/2) ni (n ) =
daltra parte
1 2 sin2 (/2) = cos ()
sicch
U + () i U () = cos () ( i ni (n )) sin () (n )i + ni (n )
cio
U + () U () = cos () ( n (n )) sin () (n ) + n (n ) =

(c.v.d.)
Rappresentazione
proiettiva di
SO (3) su SU (2)

Siano 1 , 2 SO (3) e consideriamo il loro prodotto 2 1 . Abbiamo

U + ( 1 ) U + ( 2 ) U ( 2 ) U ( 1 ) = U + ( 1 ) 2 U ( 1 ) = U + ( 1 ) ij
2 j U ( 1 ) =
+
= ij
2 U ( 1 ) j U ( 1 ) = 2 1

cio
U + ( 1 ) U + ( 2 ) U ( 2 ) U ( 1 ) = U + ( 2 1 ) U ( 2 1 )
dunque,
= U ( 2 ) U ( 1 ) U + ( 2 1 ) U ( 2 1 ) U + ( 1 ) U + ( 2 )
Definiamo V + U ( 2 1 ) U + ( 1 ) U + ( 2 ), allora abbiamo V SU (2) tale che = V + V .
Scriviamo V = a 0 + b , allora
0 = [ k , V ] = bi [ k , i ] = kij bi j
dallindipendenza dei j si ottiene b = 0. Ne segue che V = a 0 , ma dovendo essere det V = 1,
si ha
V = I2
da cui
U ( 2 1 ) U + ( 1 ) U + ( 2 ) = I2
ossia
U ( 2 1 ) = U ( 2 ) U ( 1 )
Possiamo perci aermare di aver trovato una rappresentazione proiettiva di SO (3) sullo
spazio C2 tramite il gruppo SU (2).
La corrispondenza tra SO (3) e SU (2) definita a meno del segno, infatti

i sin (n )
2

cos + i sin (n )
2

7 cos
+ 2
Corrispondenza
da SU (2)
in SO (3)

Viceversa, dato un elemento U SU (2), possiamo scrivere


X
U + j U = a 0 +
jl l
l=1

dato che la traccia del primo membro 0, a = 0 e perci


X
U +j U =
jl l
l=1

Calcoliamo laggiunto di ambedue i membri,


U ++
j U

X
l=1

jl +
l

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

jl l

l=1

jl l

l=1

perci jl = jl e una matrice reale. Calcoliamo la traccia di ambo i membri della seguente
equazione
X
X
U +j U U +k U =
jm m
kl l
m

abbiamo, per il primo membro

Tr (j k ) =

1
Tr ( j k + k j ) = 2 jk ,
2

per il secondo membro,


Tr (jm m kl l ) = 2 ml jm kl = 2jm km
cio
t = I3
O (3). Inoltre, calcoliamo la traccia dei due membri della seguente equazione,
X
X
X
U + 1U U +2 U U + 3U =
1m m
2l l
2j j
m

abbiamo

i j j i
i j k j i k

= 2iijk k
= 2iijk

ma
j i + i j
j i

= 2 ij
= 2 ij i j

cerco
2 i j k + 2 ij k = 2iijk
perci
Tr (i j k ) = 2iijk
Ne segue che
Tr (1m m 2l l 2j j ) = 2imlj 1m 2l 2j
da cui
1 = mlj 1m 2l 2j = det
sicch a ogni U SU (2) si associa una rotazione. Daltra parte U e U generano la stessa ,
perci la corrispondenza tra SU (2) e SO (3) e 2 a 1.
Rivestimento
universale

In definitiva, a ogni elemento di SU (2) corrisponde un elemento di SO (3), mentre a ogni


elemento di SO (3) corrispondono due elementi di SU (2).
SU (2) si dice rivestimento universale di SO (3).

Propriet
topologiche di
SU (2) e SO (3)

SU (2) semplicemente connesso: infatti esso - come visto sopra - topologicamente


equivalente alla sfera unitaria quadridimensionale, S3 . Daltronde SO (3) parametrizzato
dalla coppia (n, ) e, siccome
(n, ) = (n, 2) = (n, + 2) .
possiamo dire che SO (3) topologicamente equivalente alla sfera tridimensionale piena di
raggio (una rotazione essendo individuata dal vettore n R3 di modulo [0, ]) in cui
i punti della superficie diametralmente opposti sono identificati. Ne segue che SO (3) non
semplicemente connesso.

VII.7 Composizione dei momenti angolari

VII.7 Composizione dei momenti angolari

VII.7.1 Il problema della composizione dei momenti angolari


Composizione
classica dei
momenti
angolari
Rilevanza
del problema
quantistico

In meccanica classica sappiamo bene come si opera la composizione di due momenti angolari
indipendenti M1 e M2 . Infatti, se Mi + |Mi | abbiamo che il modulo del momento angolare
totale, M = M1 + M2 , ha modulo M compreso tra |M1 M2 | e M1 + M2 .

Ora, in meccanica quantistica si pone un problema del tutto analogo che, evidentemente,
risulta molto importante. Consideriamo ad esempio lelettrone nellatomo di idrogeno: esso ha
un momento angolare orbitale M dovuto al moto attorno al nucleo e un momento di intrinseco
(lo spin) s. In questo caso, naturale chiedersi quali siano gli autovalori del momento angolare
totale
J=M+s

e del suo quadrato J 2 + |J| .


2

Scelta delle
diagonalizzazioni
simulatanee

Definizione del
blocco V1 V2

Consideriamo due momenti angolari indipendenti L1 e L2 (in unit di ~). Se L1 definito


su H1 e L2 definito su H2 , allora il momento angolare composto L = L1 + L2 agisce su
H1 H2 (se si tratta di due momenti orbitali attengono a variabili dinamiche diverse, se
invece uno orbitale e laltro di spin, uno agisce su Horb e laltro su Hspin ).
Notiamo subito che ogni componente di L commuta con ogni componente di L1 ed L2 . Allora
le componenti di L commutano con L2i , perci vale

L, L2i = 0 L2 , L2i = 0

daltra parte falso (a causa dei termini di interferenza) che le componenti di L1 ed L2


commutino con L2 . In ogni caso possibile diagonalizzare simultaneamente L2 , Lz , L21 , L22 .
A questoscopodecomponiamo
nel modo che segue ciascun autospazio simultaneo di L21 e L22 ,

2
2
E D1 , L1 E D2 , L2 .

In Hi isoliamo lautospazio relativo allautovalore Di di L2i , E Di , L2i , e in esso blocchiamo


2
tutti gli autovalori
delle osservabili che completano Li , Li , di modo da considerare la variet
2
Vi E Di , Li di dimensione 2Di + 1. Naturalmente, essendo le osservabili autoaggiunte e
perci chiuse, Vi un sottospazio completo.
Andiamo allora a diagonalizzare L e L2 su V1 V2 che ha dimensione (2D1 + 1) (2D2 + 2).
Una base di tale spazio - in modo ovvio - data dal prodotto tensore delle due basi:
|D1 m1 ; D2 m2 i = |D1 m1 i |D2 m2 i

Nello spazio V1 V2 dovremo trovare gli autovettori simultanei di L21 , L22 , L2 , Lz ,


|D1 D2 D mi
Si noti che lautovalore m relativo a Lz va da D a D. Infatti, V1 V2 invariante per L e
perci invariante per L+ e L , sicch trovato un |D1 D2 D mi si trovano - in V1 V2 - tutti gli
altri tramite gli operatori di salita e discesa.
Ora, il problema della diagonalizzazione del momento angolare composto si dirama in due
questioni fondamentali:
(i) determinazione dei valori di D in funzione di quelli di D1 e D2 ;
(ii) decomposizione dei vettori |D1 D2 D mi sulla base formata dai vettori |D1 m1 ; D2 m2 i (coecienti
di Clebsch-Gordan).
Autospazi di Lz

Occupiamoci di (i). In primo luogo vediamo che i vettori |D1 m1 ; D2 m2 i sono autovettori di
Lz allautovalore m + m1 + m2 , infatti
Lz |D1 m1 ; D2 m2 i = (Lz1 I + I Lz2 ) |D1 m1 i |D2 m2 i =
= m1 |D1 m1 i |D2 m2 i + m2 |D1 m1 i |D2 m2 i =
= (m1 + m2 ) |D1 m1 ; D2 m2 i = m |D1 m1 ; D2 m2 i
Fissato m, la dimensione di E (m, Lz ) (intersecato con V1 V2 !) data dal numero di coppie
ordinate (m1 , m2 ) i cui elementi hanno somma m. Infatti, tutti i vettori del tipo |D1 m1 ; D2 m2 i,
con m1 + m2 = m, appartengono a E (m, Lz ) e sono indipendenti. Viceversa se v V1 V2

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

appartiene a E (m, Lz ) allora, scritto


X
v=
am1 m2 |D1 m1 ; D2 m2 i
m1 ,m2

si ha

Lz

m1 ,m2

m1 ,m2

am1 m2 |D1 m1 ; D2 m2 i = m

mam1 m2 |D1 m1 ; D2 m2 i =

m1 ,m2

m1 ,m2

am1 m2 |D1 m1 ; D2 m2 i

(m1 + m2 ) am1 m2 |D1 m1 ; D2 m2 i

e gli unici valori di am1 m2 che non sono nulli sono quelli per cui m1 + m2 = m.
Caso
=
1 +
2

Il massimo valore di m che possiamo costruire si ha per mi = Di , cio m = D1 +D2 . Lautospazio


di Lz a tale autovalore ha allora dimensione unitaria e questo implica che |D1 D1 ; D2 D2 i
autovettore di L2 (per il solito teorema su commutazione e non degenerazione...). Ora, m D,
sicch D1 + D2 D, daltra parte, m = m1 + m2 D1 + D2 , perci
D = max m D1 + D2

e infine |D1 D1 ; D2 D2 i autovalore di L2 allautovalore dato dallintero D = D1 + D2 , cio


L2 |D1 D1 ; D2 D2 i = (D1 + D2 ) (D1 + D2 + 1) |D1 D1 ; D2 D2 i
Lz |D1 D1 ; D2 D2 i = (D1 + D2 ) |D1 D1 ; D2 D2 i

Caso
=
1 +
2 1

Poniamo ora m = D1 + D2 1. Una base per E (m, Lz ) data da


|D1 D1 ; D2 D2 1i |D1 D1 1; D2 D2 i
perci dobbiamo trovare una combinazione lineare di questi due vettori che fornisce
un autovettore di L2 allautovalore costruito tramite D = D1 + D2 , cio 1 +
|D1 D2 D = D1 + D2 m = D1 + D2 1i = L |D1 D1 ; D2 D2 i. Sia 2 laltro - unico - autovettore
ortogonale a 1 che ancora appartiene a E (m, Lz ). Si ha che L2 2 E (m, Lz ), pertanto
L2 2 = 1 + 2

moltiplicando scalarmente ambo i membri per 1 si ha

= 1 , L2 2 = L2 1 , 2 = 0

perci 2 = |D1 D2 D = D1 + D2 1 m = D1 + D2 1i.


Iterazione
dellalgoritmo

Andiamo ancora avanti e poniamo m = D1 + D2 2. Stavolta la base di E (m, Lz ) data da


|D1 D1 ; D2 D2 2i |D1 D1 1; D2 D2 1i |D1 D1 2; D2 D2 i
Con questi tre vettori deve essere possibile costruire tre combinazioni che forniscano gli stati
a D = D1 + D2 , D = D1 + D2 1 e D = D1 + D2 2. Il primo e il secondo si ottengono applicando L
agli autovettori trovati precedentemente. Il terzo semplicemente lortogonale ai due prodotti
tramite L (che a loro volta sono ortogonali, come autovettori ad autovalori diversi della stessa
osservabile). La dimostrazione che tale ortogonale proprio il vettore cercato si compie come
per il caso di sopra.

Conclusione
dellalgoritmo

Il procedimento prosegue fino a che m = (D1 + D2 ), tuttavia per |D2 D1 | m |D2 D1 |


la degenerazione degli autospazi E (m, Lz ) resta costante:
dim E (m, Lz ) = 2 min {m1 , m2 } + 1
Dimostriamolo. Sia D1 D2 e sia D1 D2 m D2 D1 . Vediamo in quanti modi diversi si
pu ottenere un tale m. Prendiamo
m1 = D1 , D1 + 1, . . . , D1 1, D1
e corrispondentemente m2 = m m1 , cio
m2 = m + D1 , m + D1 1, . . . , m D1 + 1, m D1
che sono tutti valori permessi per m2 essendo
m2

m + D1 D2

VII.7 Composizione dei momenti angolari

m2
Considerazioni
riassuntive

m D1 D2

I modi possibili sono allora 2D1 + 1 e quanto avevamo preannunciato dimostrato.


Riassumiamo:
si parte dallo stato |D1 D1 ; D2 D2 i che autovettore di Lz a m = D1 + D2 e di L2 a D = D1 + D2 ;

si applica L al vettore di sopra, andando ad ottenere m = D1 + D2 1 e D = D1 + D2 ;

si calcola lortogonale del vettore di cui al punto precedente, andando a ottenere m =


D1 + D2 1 e D = D1 + D2 1;

si calcola ancora lortogonale andando a costruire D = D1 + D2 2;

si prosegue finch mmax = |D1 D2 |, cio D = |D1 D2 |: qui si conclude perch non possibile determinare un vettore ortogonale a tutti quelli gi trovati con m = |D1 D2 |, perci
non esistono autovettori di L2 a |D1 D2 | 1, altrimenti la dimensione di E (|D1 D2 | , Lz )
sarebbe maggiore di 2 min {Di } + 1.
Per chiarire meglio lintero procedimento forse meglio esaminare la seguente tabella
D
m
D1 + D2

D1 + D2

D1 + D2 1

D1 + D2 2

...

|D1 D2 |

...

2 (1 )
L
4
..
.

5 (3 , 4 )
..
.

...
...
...
..
.

D1 + D2 1
..
.

|D1 D1 ; D2 D2 i
L
1
L
3
..
.

|D1 D2 |
..
.

..
.

..
.

..
.

..
.

|D1 D2 |
..
.

..
.

..
.

..
.

...
..
.
...
..
.

(D1 + D2 )

...

D1 + D2 1

..
.

..
.

In definitiva D pu assumere tutti i valori da D1 + D2 a |D1 D2 | (risultato che ricalca in qualche


modo quello classico), per cui gli autovettori simultanei di Lz e L2 a D1 e D2 fissati sono del
tipo
|D1 D2 D mi , D m D, |D1 D2 | D D1 + D2
Prima di concludere, verifichiamo che la base scritta sopra ha la giusta cardinalit, cio
(2D1 + 1) (2D2 + 1). Abbiamo, fissato D1 D2
#X
1 +#2

(2D + 1) = (2D1 + 1) (2D2 + 1) .

#=#2 #1

Il procedimento che abbiamo seguito il seguente: in Hi abbiamo fissato un set completo di


osservabili compatibili Ai , L2i , Li ; si trattava di diagonalizzare L2 ed Lz , ma questi venivano
a commutare con Ai e L2i , perci, potevano essere diagonalizzati sugli autospazi simultanei
agli autovalori di Ai e L2i , cio i sottospazi Vi di cui sopra. Su ogni V1 V2 di dimensione
(2D1 + 1) (2D2 + 1) abbiamo determinato la base
|D1 D2 D mi
formata proprio da (2D1 + 1) (2D2 + 1) al variare di D, m. Ne segue che su V1 V2 , fissati
D, m si determina univocamente il vettore corrispondente. Perci, partiti dal sistema completo
A1 , A2 , L21 , L22 , L1z , L2z , abbiamo prodotto il sistema completo A1 , A2 , L21 , L22 , L2 , Lz .

VII.7.2 Coecienti di Clebsch e Gordan


Impostazione
del problema

Il secondo problema relativo alla composizione dei momenti angolari, che avevamo
evidenziato nella sottosezione precedente, riguarda il passaggio dalla base |D1 m1 ; D2 m2 i (data

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

dagli autovettori simultanei di L21 , L1z , L22 , L2z ), alla base |D1 D2 D mi (data dagli autovettori
simultanei di L21 , L22 , L2 , Lz ).
Usando il fatto che |D1 m1 ; D2 m2 i un sistema completo, abbiamo
X
|D1 D2 D mi =
|D1 m1 ; D2 m2 i hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D mi
m1 ,m2

perci, i coecienti che dobbiamo determinare sono i seguenti


hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D mi

Tali coecienti, come anticipato, vengono detti di Clebsch-Gordan.


Nella sottosezione precedente, abbiamo visto che |D1 D2 D mi si otteneva dalla composizione
lineare di vettori |D1 m1 ; D2 m2 i tali che
|D1 D2 | D D1 + D2
m = m1 + m2
perci gli unici coecienti di Clebsch-Gordan non nulli sono quelli che soddisfano alle due
condizioni qui sopra.
I coecienti di Clebsch-Gordan formano una matrice unitaria, essi sono inoltre definiti a
meno di una fase: per convenzione si pone che essi siano reali. Dunque, i coecienti della
trasformazione di base inversa sono eguali a quelli di Clebsch-Gordan, cio
hD1 D2 D m |D1 m1 ; D2 m2 i = hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D mi
La realit e lunitariet comportano lortogonalit:
XX
hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D mi hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D0 m0 i = ##0 mm0
m1 m2

Relazioni di
ricorsione

Fissato D, D1 , D2 i coecienti che dieriscono in m1 e m2 sono legati da relazioni di


ricorsione. Abbiamo
X
L |D1 D2 D mi = (L1 + L2 )
|D1 m1 ; D2 m2 i hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D mi
m1 ,m2

m0i

da cui, sostituendo mi con


p
D (D + 1) m2 m |D1 D2 D m 1i =
=

X q
0
0
0
D1 (D1 + 1) m02
1 m1 |D1 m1 1; D2 m2 i +

m1 ,m2

q
0
0
02
0
+ D2 (D2 + 1) m2 m2 |D1 m1 ; D2 m2 1i

hD1 m01 ; D2 m02 |D1 D2 D mi

Adesso moltiplichiamo a sinistra per hD1 m1 ; D2 m2 | e usiamo la ortonormalit, ne segue che i


contributi non nulli a secondo membro sono possibili solo per
m1 = m01 1 m2 = m02
per il primo addendo e
m1 = m01 m2 = m02 1
per il secondo addendo.
Ne abbiamo
p
D (D + 1) m2 m hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D m 1i =
q
2
=
D1 (D1 + 1) (m1 1) m1 + 1 hD1 m1 1; D2 m2 |D1 D2 D mi +
q
2
+ D2 (D2 + 1) (m2 1) m2 + 1 hD1 m1 ; D2 m2 1 |D1 D2 D mi

cio otteniamo la relazione di ricorsione seguente


p
D (D + 1) m2 m hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D m 1i =

VII.8 Operatori tensoriali

p
(D1 m1 + 1) (D1 m1 ) hD1 m1 1; D2 m2 |D1 D2 D mi +
p
+ (D2 m2 + 1) (D2 m2 ) hD1 m1 ; D2 m2 1 |D1 D2 D mi

e la condizione di non annullamento diviene adesso

m1 + m2 = m 1
Rappresentazione nel
piano m1 m2

Si soliti rappresentare le relazioni trovate in un piano m1 m2 . La relazione di ricorsione


prodotta da J+ (segno in alto) ci dice che il coeciente (m1 , m2 ) collegato ai coecienti
(m1 1, m2 ) e (m1 , m2 1), laddove la relazione dovuta a J collega (m1 , m2 ) a (m1 + 1, m2 )
e (m1 , m2 + 1).
Fissiamo D1 , D2 e D. Allora
|m1 | D1 , |m2 | D2 , |m1 + m2 | D
Nel piano m1 m2 troviamo un contorno dato da un rettangolo tagliato ai due vertici in alto a
destra e in basso a sinistra da due segmenti a 45o .
Se ci mettiamo nel vertice A possiamo applicare la relazione di ricorsione J e determinare
il coeciente di Clebsch-Gordan in B (in funzione di quello in A), dal momento che il terzo
vertice nullo (cade nella zona proibita). In questo modo, usando le relazioni di ricorsione si
pu procedere a ricoprire il reticolo e a determinare i coecienti richiesti.

VII.8 Operatori tensoriali


VII.8.1 Ancora su rotazioni e momento angolare
A suo tempo abbiamo decomposto lo spazio degli stati in somma diretta di autospazi simultanei
E (k, D) al variare di k e Dche numerano gli autovalori di L2 e di un sistema di osservabili che
completano il set L2 , Lz . Ciascun autospazio E (k, D) ha dimensione 2D + 1 ed ha come base
|D mi (dove D fissato, |m| D e non riportiamo letichetta k che ininfluente ai fini dellanalisi
del momento angolare).
Funzioni
di Wigner

Consideriamo loperatore U (R) che rappresenta la rotazione R SO (3) + (n, ) su H.


Vogliamo rappresentarne la matrice sulla base di cui sopra. Sappiamo che
U (R) = exp (iL n)

perci U una funzione di L1 , L2 , L3 : questi commutano con L2 , perci U commuta con L2


e dunque E (k, D) U -invariante. Ne segue che dobbiamo solo calcolare i seguenti elementi di
matrice
(#)

Dm0 m (R) = hD m0 | exp (iL n) |D mi


questi ultimi sono anche chiamati funzioni di Wigner.
Rappresentazioni
irriducibili
del gruppo
delle rotazioni

(#)

I blocchi (2D + 1) (2D + 1) dati da Dm0 m sono anche chiamati rappresentazioni


irriducibili di U (R). Ci sta a significare che U (R) pu essere ridotta al pi nei blocchi
diagonali dati dalle funzioni di Wigner su H (cio ciascun blocco di Wigner non pu essere
decomposto ulteriormente a blocchi).
Le matrici di rotazione caratterizzate da un fissato D formano un gruppo. Infatti, linsieme
considerato contiene lidentit ( = 0), ciascun elemento ammette inverso ( a n
fissato), infine
(#)

(#)

(#)

Dm00 m0 (R1 ) Dm0 m (R2 ) = Dm00 m (R1 R2 )


essendo

X
m0

X
m0

hD m00 | exp (i1 L n1 ) |D m0 i hD m0 | exp (i2 L n2 ) |D mi =


hD m00 | U (R1 ) U (R2 ) |D mi =

X
m0

hD m00 | U (R1 R2 ) |D mi

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica


(#)

Notiamo pure che ciascun blocco Dm0 m (R) unitario, dunque


h
i1 h
it
(#)
(#)
Dm0 m (R)
= Dm0 m (R)
cio

(#)
(#)
Dm0 m R1 = Dmm0 (R)

Per losservazione VII.2 abbiamo che

D(#) (R) = exp in L(#)

dove

(#)
L(#) = Li

#J3

(#)
Li

la rappresentazione matriciale di Li sullo spazio E (k, D).

Si noti in particolare che per D = 1 ritroviamo

D(1) = exp in L(1)


(1)

Ora, troviamo S GL (3, C) tale che S 1 iLi S = Li M (3, 3; R) dove [Li ]jk = ikj . Infatti,
(#)

basta riscrivere gli operatori Li


i

(che abbiamo ricavato nella base 11 , 10 , 11 ) nella base

11 11 11 + 11

;
; i0
2
2

i calcoli sono i seguenti

i/ 2 1/ 2 0
0 i
1

0
0 i i 0
2
0 i
i/ 2 1/ 2 0

i/ 2 1/ 2 0
0
1
1

0
0 i 1 0
2
0 1
i/ 2 1/ 2 0

i 0
i/ 2 1/ 2 0

0
0 i 0 0
0 0
i/ 2 1/ 2 0
Dunque,

0
i
0

0
1
0

0
0
i

i/ 2
0
i/ 2

i/ 2
0
i/ 2

i/ 2
0
i/ 2

0 0 0
1/ 2 0
0 i = 0 0 1
0 1 0
1/ 2 0

0 0 1
1/ 2 0
0 i = 0 0 0
1 0 0
1/ 2 0

0 1 0
1/ 2 0
0 i = 1 0 0
0 0 0
1/ 2 0

D (R) = exp in L(1) = exp nSLS 1 = S exp (n L) S 1 = SRS 1

Perci la rappresentazione sul sottospazio a D = 1 delle rotazioni riporta lusuale


rappresentazione di SO (3) su R3 .
Esempio

Una rotazione del sistema di riferimento R porta lo stato |D mi nello stato U (R) |D mi:
vogliamo calcolare la probabilit di transizione di |D mi nel suo ruotato secondo R. Abbiamo
X
X
(#)
U (R) |D mi =
|D m0 i hD m0 | U (R) |D mi =
|D m0 i Dm0 m (R)
m0

m0

visto che U ha elementi di matrice non nulli solo su stati con eguale D. Perci

2
(#)

2
|hD m| U (R) |D mi| = Dmm
(R)
(#)

Si trova pure che Dm0 m (R) lampiezza della probabilit di transizione dal ruotato secondo
R di |D mi in |D m0 i.
Angoli di Eulero

Dallo studio del corpo rigido in meccanica classica, conosciamo la rappresentazione delle
rotazioni tramite gli angoli di Eulero, di modo che, se (, , ) sono gli angoli di Eulero (vedi
corso di Meccanica Analitica) associati a R, allora
U (R) + U (, , ) = exp (iLz ) exp (iLy ) exp (iLz )

VII.8 Operatori tensoriali

dunque
(#)

Dm0 m (, , ) = hD m0 | exp (iLz ) exp (iLy ) exp (iLz ) |D mi =


0
= ei(m +m) hD m0 | exp (iL ) |D mi
y

Si conclude allora che lunica parte non banale della rotazione quella centrale e si passa a
definire la matrice
(#)

dm0 m = hD m0 | exp (iLy ) |D mi .


Armoniche
sferiche e
matrici di
rotazione

Consideriamo lautovettore della posizione |ni. Vogliamo trovare R tale che


|ni = U (R) |zi
Se n = (, ), allora
U (R) = U ( = , = , = 0)
Usando la relazione di completezza
|ni =

X
#,m

U (R) |D mi hD m |zi

A questo punto, moltiplichiamo a destra per il bra hD0 m0 |, otteniamo


X
X
hD0 m0 |ni =
hD0 m0 | U (R) |D mi hD m |zi =
hD0 m0 | U (R) |D0 mi hD0 m |zi =
m

#,m

X (#0 )
Dm0 m ( = , = , = 0) hD0 m |zi
=
m

Per semplicit di notazione, risriviamo senza indice su D


X (#)
hD m0 |ni =
Dm0 m ( = , = , = 0) hz |D mi
m

ma

hz |D mi = # m (q1 = 0, q2 = 0, q3 = 1) = Y#m (, )|=0


Notiamo, inoltre, che x |zi = y |zi = 0, da cui Lz |zi = 0, perci |zi autovettore di Lz con
m = 0.
r
r
2D + 1
2D + 1
m
hz |D mi = Y# (, )|=0 m0 =
P# (cos )|cos =0 m0 =
m0
4
4
Infine,
r
X (#)
2D + 1
m0
Dm0 m ( = , = , = 0)
Y# (, ) =
m0 =
4
m
r
2D + 1 (#)
=
Dm0 0 ( = , = , = 0)
4
In definitiva,
r
4
(#)
Dm0 (, , = 0) =
Y m (, )
2D + 1 #
Coecienti di
Clebsch-Gordan
e matrici di
rotazione

Proposizione
VII.4 (serie
di ClebschGordan)

La composizione del momento angolare pu essere, anchessa, discussa dal punto di vista delle
matrici di rotazione. La composizione D1 D2 era decomponibile come (D1 + D2 )(D1 + D2 1)
. . . |D1 D2 |. Ne segue che D(#1 ) D(#2 ) si decompone nei blocchi D(#1 +#2 ) . . . D|#1 #2 | .
Inoltre, vale la seguente
Vale la seguente formula
(# )

(# )

Dm11 m0 (R) Dm22 m0 (R) =


1

#X
1 +#2

#=|#1 #2 | |m|,|m0 |#

hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D mi
(#)

hD1 m01 ; D2 m02 |D1 D2 D m0 i Dmm0 (R)


Dimostrazione

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

Cominciamo con lesaminare il primo membro


hD1 m1 ; D2 m2 | U (R) |D1 m01 ; D2 m02 i = hD1 m1 | U (R) |D2 m2 i hD1 m01 | U (R) |D2 m02 i =
(# )

(# )

= Dm11 m0 (R) Dm22 m0 (R)


1

Lo stesso elemento di matrice si pu calcolare usando la completezza del sistema |D mi,


abbiamo, ricordando le propriet degli elementi di matrice di U (R) e dei coecienti di ClebschGordan
hD1 m1 ; D2 m2 | U (R) |D1 m01 ; D2 m02 i =
X
=
hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D mi hD1 D2 D m| U (R) |D1 D2 D0 m0 i hD1 D2 D0 m0 |D1 m01 ; D2 m02 i =
#,#0 ,m,m0

#X
1 +#2

hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D mi hD1 D2 D m| U (R) |D1 D2 D m0 i hD1 D2 D m0 |D1 m01 ; D2 m02 i =

#=|#1 #2 |

hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D mi Dmm0 (R) hD1 D2 D m0 |D1 m01 ; D2 m02 i

#=|#1 #2 | |m|,|m0 |#

=
(c.v.d.)

Integrale di
tre armoniche
sferiche

#X
1 +#2

|m|,|m0 |#

(#)

Infine, unapplicazione. Ricordando la connessione tra matrici di rotazione e armoniche


sferiche ricavata sopra, abbiamo, posto m01 = m02 = 0, si ha m0 = m01 + m02 = 0
XX
4
1
2
p
Y#m
(, ) Y#m
(, ) =
hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D mi
1
2
(2D1 + 1) (2D2 + 1)
m
#
r
4
hD1 0; D2 0 |D1 D2 D 0i
Y m (, ) =
2D + 1 #
0

e integrando sullangolo solido,


da cui, moltiplicando ambo i membri per Y#m
0
s
Z
0
(2D1 + 1) (2D2 + 1)

1
2
d Y#m
(, ) Y#m
(, ) Y#m
(, ) =
hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D0 m0 i hD1 D2 D0 0 |D1 0; D2 0i
0
1
2
4 (2D + 1)

che ritroveremo come caso particolare del teorema di Wigner-Eckart.

VII.8.2 Tensori cartesiani, tensori irriducibili e tensori sferici


Introduzione

In precedenza ci siamo occupati degli operatori scalari e degli operatori vettoriali mettendo
in evidenza che i primi commutano con le componenti del momento angolare, mentre i secondi
rispettano le regole di commutazione
[Li , Vj ] = iijk Vk
Abbiamo anche messo in evidenza come il comportamento di V sotto rotazione sia
univocamente determinato dalle regole di commutazione scritte.
In questa sezione estenderemo il concetto di osservabile scalare o vettoriale a quello di
osservabile tensoriale.

Tensori
cartesiani

In fisica classica usuale porre la definizione di tensore Ti1 ...ir in analogia con la definizione
di vettore. Ti1 ...ir si dice tensore cartesiano se, ruotando il sistema di rifererimento tramite
R SO (3), Ti1 ...ir trasforma come segue
X X
Ti1 ...ir
...
Ri1 i01 . . . Rir i0r Ti01 ...i0r
i01

i0r

Il numero r di indici si dice rango del tensore.


Esempio:
tensore diadico
di rango 2

Il pi semplice tensore di rango 2 il tensore diadico, formato tramite le componenti di due


vettori A e B, si ha
Tij + Ai Bj
Tanto per familiarizzare, vediamo che si tratta eettivamente di un tensore. Trasformando lo

VII.8 Operatori tensoriali

spazio per rotazione R, si ha


A RA Ai Rii0 Ai0
B RB Bj Rjj 0 Bj 0
perci
Tij Rii0 Ai0 Rjj 0 Bj 0 = Rii0 Rjj 0 Ai0 Bj 0
dove si ripresa la convenzione di Einstein sugli indici ripetuti.
Tensori riducibili

Il problema che si ha utilizzando i tensori cartesiani che essi sono riducibili, cio, possono
essere decomposti in altri oggetti che trasformano dierentemente sotto rotazione. Vediamo
lesempio del tensore diadico, esso pu essere riscritto come

AB
Ai Bj Aj Bi
Ai Bj + Aj Bi
AB
Ai Bj =
ij +
+

ij
3
2
2
3
sicch si decompone nella somma di tre addendi. Il primo uno scalare. Il secondo un tensore
antisimmetrico, che pu essere anche visto come ijk (A B)k e che, perci, costituito da
tre componenti indipendenti. Il terzo addendo un tensore simmetrico stracciato (a traccia
nulla), esso ha 5 = 6 1 componenti indipendenti. In questo modo abbiamo che
33=1+3+5
dove gli ultimi tre numeri sono le molteplicit di oggetti con momento angolare D = 0, 1, 2,
laddove a primo membro leggiamo la combinazione di due D = 1, cosicch ritroviamo (per ora
piuttosto misteriosamente) la legge di composizione dei momenti angolari.
Lultima annotazione suggerisce che il tensore diadico sia decomponibile in tensori che
trasformano come le sferiche armoniche con D = 0, 1, 2.

Un esempio
per motivare
la definizione

Siamo giunti al momento di chiarirci le idee andando a introdurre i tensori sferici.


Esaminiamo un esempio, allo scopo di motivare la definizione che daremo tra poco.
Supponiamo di prendere larmonica sferica Y#m (, ), che possiamo scrivere come Y#m (n)
se n il versore individuato da (, ). Adesso sostituiamo n con un vettore V. Il risultato
che abbiamo ottenuto un tensore sferico di rango k (pedice che usiamo al posto di D), con
numero quantico magnetico q (indice che usiamo al posto di m):
m=q
Tq(k) = Y#=k
(V)

Nel caso in cui k = 1 abbiamo


r

r
r
3
3 z
3
(1)
=
cos =
T0 =
Vz
4
4 r
4
avendo sostituito z/r = nz con Vz . Analogamente
r
r
3 x iy
3 Vx iVy
(1)
1

Y1 =
T1 =
4
4
2r
2
Y10

(k)

I tensori Tq sono irriducibili, allo stesso modo in cui lo erano le armoniche sferiche Y#m .
Vediamo come trasformano i tensori sferici cos introdotti. Come sappiamo lautoket |ni
trasforma come
|ni U (R) |ni + |n0 i

Vogliamo esaminare come si esprime Y#m (n0 ) = hn0 |D mi in termini di Y#m (n). Abbiamo
X

(#)
|D m0 i Dm0 m R1
U R1 |D mi =
m0

moltiplicando per il bra hn|, troviamo

Y#m (n0 ) = hn0 |D mi =

X
m0

0
(#)
Y#m (n) Dm0 m R1

Allora, se esiste un operatore che agisce come Y#m (V) ragionevole che trasformi come
X
0
(#)
Y#m (V) Dmm0 (R)
U + (R) Y#m (V) U (R) =
m0


Definizione di
tensore sferico
Definizione VII.1

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica

Siamo adesso in grado di porre la seguente fondamentale


Un tensore sferico di rango k con (2k + 1) componenti un oggetto che trasforma secondo
la legge
U

(R) Tq(k) U

(R) =

k
X

Dqq0 (R) Tq0

k
X

Dq0 q (R) Tq0

q 0 =k

o, equivalentemente,
U (R) Tq(k) U + (R) =

q 0 =k

(k)

(k)

(k)

(k)

Come si vede Y#m (V) un tensore sferico, ma non tutti i tensori sferici sono di questo tipo.
Commutatori e
tensori sferici

Come per le osservabili scalari e vettoriali, la definizione pu essere equivalentemente riscritta


in termini del commutatore con il momento angolare. A questo scopo, scriviamo al primo
ordine ambo i membri della legge di trasformazione,

k
X
i
i
i
(k)
(k)
1 + M n Tq
hk q 0 | 1 + M n |k qi Tq0
1 Mn
=
~
~
~
0
q =k

M n, Tq(k)

k
X

q 0 =k

(k)

hk q 0 | M n |k qi Tq0

Specificando i commutatori per Mz , M ,


i
h
= ~qTq(k)
Mz , Tq(k)
h
i
p
(k)
M , Tq(k)
= ~ (k q) (k q + 1)Tq1

Operatori scalari

Gli operatori scalari commutano con le tre componenti del momento angolare, quindi sono
operatori tensoriali sferici di rango k = 0.

Operatori
vettoriali

Gli operatori vettoriali sono tensori sferici di rango k = 1, una volta che se ne riscrivano le
componenti nelle combinazioni lineari dettate dalle armoniche Y1m :
Vq=0
Vq=1
Vq=1

= Vz
Vx + iVy
=
2
Vx iVy

=
2

VII.8.3 Prodotto di tensori


Un modo sistematico per costruire prodotti di tensori dato dal seguente
Teorema VII.8

(k )

(k )

Siano Xq1 1 e Zq2 2 tensori sferici irriducibili di rango k1 e k2 , rispettivamente. Allora


XX
Tq(k) =
hk1 q1 ; k2 q2 |k1 k2 k qi Xq(k1 1 ) Zq(k2 2 )
q1

q2

un tensore sferico (irriducibile) di rango k.


Dimostrazione

(k)

Ci basta mostrare che Tq


precedente.

trasforma secondo la legge specificata nella sottosezione

U + (R) Tq(k) U (R) =

XX
q1

q2

hk1 q1 ; k2 q2 |k1 k2 k qi

U + (R) Xq(k1 1 ) U (R) U + (R) Zq(k2 2 ) U (R)

VII.8 Operatori tensoriali

XX

q1

X
q10

q2

hk1 q1 ; k2 q2 |k1 k2 k qi

(k ) X (k2 ) 1 (k2 )
(k )
Dq0 q11 R1 Xq0 1
Dq0 q2 R
Zq0
1

q20

usiamo allora la serie di Clebsch-Gordan ricavata prima


XXX
(k00 )
(k ) (k )
Dq0 q11 Dq0 q22 =
hk1 q10 ; k2 q20 |k1 k2 k00 q 0 i hk1 q1 ; k2 q2 |k1 k2 k00 q 00 i Dq0 q00
1

k00

q0

q 00

perci

XXXXXXX

U + (R) Tq(k) U (R) =

q1

q2

q10

q20

k00

q0

q 00

hk1 q1 ; k2 q2 |k1 k2 k qi

hk1 q10 ; k2 q20 |k1 k2 k00 q 0 i hk1 q1 ; k2 q2 |k1 k2 k00 q 00 i


(k ) (k )
(k00 )
Dq0 q00 R1 Xq0 1 Zq0 2
1

che diventa

XXXXXXX

U + (R) Tq(k) U (R) =

q1

q2

q10

q20

k00

q0

q 00

hk1 q1 ; k2 q2 |k1 k2 k qi

hk1 q10 ; k2 q20 |k1 k2 k00 q 0 i hk1 q1 ; k2 q2 |k1 k2 k00 q 00 i


(k ) (k )
(k00 )
Dq0 q00 R1 Xq0 1 Zq0 2
1

per lortogonalit dei coecienti di Clebsch-Gordan


XX
hk1 q1 ; k2 q2 |k1 k2 k qi hk1 q1 ; k2 q2 |k1 k2 k00 q 00 i = kk00 qq00
q1

q2

da cui

U + (R) Tq(k) U (R) =

XXXXX
q10

q20

q0

k00

q 00

kk00 qq00 hk1 q10 ; k2 q20 |k1 k2 k00 q 0 i

(k ) (k )
(k )
Dq0 q 00 R1 Xq0 1 Zq0 2
1
2

X XX

(k ) (k )
(k)

=
hk1 q10 ; k2 q20 |k1 k2 k q 0 i Xq0 1 Zq0 2 Dq0 q R1 =
00

q0

X
q0

(c.v.d.)

q10

q20

X (k)
(k) (k)
(k)
Tq0 Dq0 q R1 =
Dqq0 (R) Tq0
q0

Ne viene che possiamo costruire tensori di pi alto o basso ordine moltiplicando due altri
tensori. Inoltre, il modo in cui si costruisce il prodotto di tensori del tutto analogo a quello
in cui si compongono due momenti angolari, visto che compaiono anche gli stessi coecienti
di Clebsch-Gordan.

VII.8.4 Il teorema di Wigner-Eckart


Siamo adesso in grado di dimostrare un risultato fondamentale nella teoria del momento
angolare, come nellintero impianto della meccanica quantistica: il teorema di Wigner-Eckart.
Questo teorema molto utile quando si vadano a calcolare elementi di matrice di operatori
tensoriali tra autovettori del momento angolare. Alcuni di questi elementi di matrice sono nulli
per ragioni intricseche (simmetrie...), chiameremo regole di selezione condizioni necessarie
anch taluni elementi di matrice detti risultino non nulli. Ritroveremo le regole di selezione
pi avanti (per esempio nella teoria delle perturbazioni ai livelli energetici).
Teorema
VII.9 (m
selection rule)

Se m0 6= q + m, allora

h0 D0 m0 | Tq(k) | D mi = 0


Dimostrazione

VII Momento angolare e simmetrie in meccanica quantistica


(k)

Usiamo le regole di commutazione tra Mz e Tq . Abbiamo


h
i
Mz , Tq(k) = ~qTq(k)

da cui

h
i
h0 D0 m0 | Mz , Tq(k) | D mi = ~q h0 D0 m0 | Tq(k) | D mi

Valutando il primo membro,

~ (m0 m) h0 D0 m0 | Tq(k) | D mi = ~q h0 D0 m0 | Tq(k) | D mi


perci
sicch, se m0 6= m + q si ha
(c.v.d.)

(m0 m q) h0 D0 m0 | Tq(k) | D mi = 0
h0 D0 m0 | Tq(k) | D mi = 0

Ma veniamo al pi importante risultato di questo capitolo


Teorema
VII.10 (di
Wigner-Eckart)

Lelemento di matrice di un operatore tensoriale rispetto ad autostati del momento angolare


soddisfa lequazione
h0 D0 m0 | Tq(k) | D mi = hD m; k q |D k D0 m0 i

h0 D0 || T (k) || Di

2D + 1

dove lelemento di matrice ridotto h0 D0 || T (k) || Di non dipende n da m n da m0 .


Osservazioni
sullenunciato

Prima di procedere alla dimsotrazione, alcune osservazioni. Lelemento di matrice dato dal
prodotto di due termini: il primo il coeciente di Clebsch-Gordan per comporre i momenti
angolari D e k, ottenendo D0 . Esso dunque dipende solo dalla geometria, i.e., dallorientazione
dellasse z; il secondo fattore dipende dalla dinamica, dal momento che vi compare letichetta
(tipicamente lenergia, lo vedremo in seguito), inoltre, completamente indipendente dai
numeri quantici magnetici. Ne segue anche che, per valutare
h0 D0 m0 | Tq(k) | D mi

al variare di m, m0 , q 0 basta conoscerne uno per avere il valore dellelemento di matrice ridotto
(gli altri sono tutti proporzionali, con un fattore di proporzionalit geometrico).
Veniamo alla
Dimostrazione

Abbiamo

h
i
p
(k)
h0 D0 m0 | M , Tq(k) | D mi = ~ (k q) (k q + 1) h0 D0 m0 | Tq1 | D mi

Daltronde, valutando direttamente il primo membro


q
(D0 m0 ) (D0 m0 + 1) h0 D0 m0 1| Tq(k) | D mi =
p
(D m) (D m + 1) h0 D0 m0 | Tq(k) | D m 1i +
=
p
(k)
+ (k q) (k q + 1) h0 D0 m0 | Tq1 | D mi

Ricordiamo le regole di ricorsione per i coecienti di Clebsch-Gordan


p
(D m + 1) (D m) hD1 m1 ; D2 m2 |D1 D2 D m 1i =
p
=
(D1 m1 + 1) (D1 m1 ) hD1 m1 1; D2 m2 |D1 D2 D mi +
p
+ (D2 m2 + 1) (D2 m2 ) hD1 m1 ; D2 m2 1 |D1 D2 D mi

(VII.26)

In queste operiamo i seguenti cambiamenti di notazione, D D0 , m m0 , D1 D, m1 m,


D2 k e m2 q abbiamo
p
(D0 m0 + 1) (D0 m0 ) hD m; k q |D k D0 m0 1i =
p
=
(D m + 1) (D m) hD m 1; k q |D k D0 m0 i +
(VII.27)

VII.8 Operatori tensoriali

p
+ (k q + 1) (k q) hD m; k q 1 |D k D0 m0 i

Confrontiamo (VII.26) con (VII.27).Sono entrambe del tipo


X
aij xj = 0
j

con gli stessi coecienti aij . Abbiamo


X
X
aij xj = 0
aij yj = 0
j

Abbiamo esaminato il sistema che porta ai coecenti di clebsch-Gordan e abbiamo visto che
fissatone uno tutti gli altri risultano determinati (date opportune scelte di fase). Dunque,
siccome i due sistemi sono lineari ed omogenei, ammettono soluzioni proporzionali
xj = cyj
dove il coeciente c dipende dai soli dati iniziali della ricorsione e perci indipendente
da m, m0 , q (c non dipende dallindice j, perci calcolatolo in uno qualsiasi dei valori della
tripletta m, m0 q resta fissato per tutte le altre). In definitiva, data la corrispondenza tra
(k)
h0 D0 m0 | Tq1 | D mi e hD m; k q 1 |D k D0 m0 i (elementi con lo stesso aj ) abbiamo
(k)

h0 D0 m0 | Tq1 | D mi = c hD m; k q 1 |D k D0 m0 i
(c.v.d.)

Corollario
VII.1 (m,

selection rules)

che corrisponde alla tesi.

Se
h0 D0 m0 | Tq(k) | D mi 6= 0
allora
|D k| D0 D + k
m0 = m + q

Dimostrazione

(k)

Il coeciente di Clebsch-Gordan proporzionale a h0 D0 m0 | Tq | D mi , dal teorema di


Wigner-Eckart, quello corrispondente alla addizione di D e k a dare D0 , perci, se lelemento di
matrice non nullo, allora il coeciente non nullo e si ha che
|D k| D0 D + k.

(c.v.d.)

VII.8.5 Operatori vettoriali e teorema di proiezione


Consideriamo un opeatore vettoriale Vq , esso un tensore sferico di rango 1. Le regole di
selezione sono
h0 D0 m0 | Tq(k) | D mi 6= 0 m0 m = q; |D 1| D0 D + 1

Nel caso in cui D0 = D il teorema di Wigner-Eckart assume una forma particolarmente semplice:
Teorema VII.11
(di proiezione)

Se Vq un operatore vettoriale (tensoriale sferico di rango 1), allora


h0 D m0 | Vq | D mi =

h0 D m| M V | D mi
hD m0 | Mq |D mi
~2 D (D + 1)

dove, per A + M, V si pone


1
1
Aq=1 = (Ax iAy ) = A , Aq=0 = Az
2
2
Dimostrazione

Notiamo anzitutto che


M V = M0 V0 M+1 V1 M1 V1

VIII Moto in campo centrale

perci
h0 D m| M V | D mi = h0 D m| M0 V0 M+1 V1 M1 V1 | D mi =

= h0 D m| Mz V0 + 1/ 2M+ V1 1/ 2M V1 | D mi =
= m0 ~ h0 D m| V0 | D mi +
~ p
+
(D + m) (D m + 1) h0 D m 1| V1 | D mi +
2
~ p

(D m) (D + m + 1) h0 D m + 1| V1 | D mi
2
= c#m h0 D|| V || Di

dove c#m non dipende da 0 , e dove si usato il teorema di Wigner-Eckart. Inoltre, i c#m
sono indipendenti da m, visto che M V un operatore scalare. Dunque, c#m + c# . Ora,
siccome i c# non dipendono n da V n da 0 possiamo porre V = M e 0 = per calcolarli:
h D m| M 2 | D mi = c# h D|| M || Di
Dividendo membro a membro le due equazioni trovate
h0 D m| M V | D mi
h0 D|| V || Di
=
2
h D m| M | D mi
h D|| M || Di

Ancora dal teorema di Wigner-Eckart,

sicch

perci
(c.v.d.)
Regole di
selezione per
gli operatori
vettoriali

h0 D m0 | Vq | D mi
h0 D|| V || Di
=
0
h D m | Mq | D mi
h D|| M || Di
h0 D m0 | Vq | D mi
h0 D m| M V | D mi
=
h D m0 | Mq | D mi
h D m| M 2 | D mi
h0 D m0 | Vq | D mi =

h0 D m| M V | D mi
hD m0 | Mq |D mi
~2 D (D + 1)

Come applicazione del teorema di Wigner-Eckart discuteremo brevemente le regole di


selezione sugli elementi di matrice di operatori vettoriali.
Si tratta di calcolare
h0 D0 m0 | V | D mi
Siccome V e Vz sono componenti di un tensore sferico di rango k = 1, cominciamo da loro.
Anzitutto, se lelemento di matrice non nullo, allora, per Vz , m0 = m, per V+ , m0 = m + 1,
per V , m0 = m 1. Per quanto riguarda D, invece, per Vz e V , se lelemento non nullo,
allora deve essere |D 1| D0 D + 1, cio D = D0 D = 1, 0 se D + D0 6= 0.
La regola di selezione su D vale banalmente anche per Vx e Vy , mentre per quanto riguarda m,
si ha
h0 D0 m0 | Vx,y | D mi 6= 0 m = 1

Capitolo VIII

Moto in campo centrale

Un altro argomento fondamentale lo studio del moto in campo centrale. Dobbiamo, infatti,
mostrare che lintera teoria costruita in grado di rendere conto delle particolarit dello spettro
dellatomo di idrogeno che abbiamo incontrato nel corso dellesposizione della Old Quantum
Mechanics.

VIII.1 Particella in campo centrale


VIII.1.1 Hamiltoniana per una particella in campo centrale
Particella
senza spin in
campo centrale
Invarianza
per rotazione
del sistema

In questa sezione esamineremo il caso di una particella priva di spin immersa in un potenziale
centrale, i.e., dipendente solo dalla distanza della particella da un centro fisso che assumiamo
come origine del nostro sistema di coordinate.
Abbiamo dunque a che fare con una hamiltoniana del tipo
|p|2
+ V (|q|)
(VIII.1)
2m
che invariante sotto lazione del gruppo O (3) e perci unosservabile scalare. Si ha allora
la conservazione del momento angolare, ossia
H (p, q) =

[H, M] = 0.

M 2 in funzione
delle (p, q)

Siamo dunque nella situazione prospettata nel capitolo VII quando si doveva procedere
a diagonalizzare il momento angolare. Possiamo diagonalizzare simultaneamente H, Mz e
M 2 + |M|2 .
Cominciamo con lo scrivere M 2 in termini delle variabili canoniche p, q. Abbiamo
M2

= ijk qj pk ilm ql om = ijk ilm qj pk ql pm = ( jl km jm kl ) qj pk ql pm


= qj pk qj pk qj pk qk pj

elaboriamo lultimo membro facendo uso del postulato di quantizzazione:


qj pk qj pk qj pk qk pj

= qj (qj pk i~ jk ) pk qj pk (pj qk + i~ jk ) =

= |q|2 |p|2 i~q p qj pj pk qk i~q p =


2

= |q| |p| 2i~q p (q p) (p q)

daltra parte
2i~q p + (q p) (p q) = (q p) [2i~ + pi qi ] = (q p) [3i~ + pi qi i~] =
= (q p) [qi pi pi qi + pi qi i~] = (q p) (q p i~)
Tuttavia
1

(q p i~) = |q|

(q p) |q|

infatti, lequazione di sopra equivale alla


[|q| , q p] = i~ |q|

VIII Moto in campo centrale

che discende dal postulato di quantizzazione:


[|q| , q p] = i~ [|q| , q p]PB = i~
Impulso radiale

q
|q| (q p)

= i~
q = i~ |q|
q
p
|q|

In definitiva
M 2 + |M| = |q| p2 (q p) |q|
2

Il calcolo classico reca invece


M

= |q p| = |q| |p| 1 cos2 = |q|2 |p|2


2

= |q| |p| |q| (


q p) = |q| |p| |q| p2r

(q p) |q|

(q p)

|q|2 |p|2

= |q|2 |p|2 (q p)2 =

dove pr limpulso radiale.


Definiamo allora loperatore di impulso radiale
pr + |q|1 (q p)
e troviamo
2

M 2 = |q| p2 |q| p2r |q|

(VIII.2)

Notiamo che limpulso radiale non un operatore autoaggiunto, cio non unosservabile,
essendo
1
p+
6= pr .
r = (p q) |q|

Rappresentazione di
Schrdinger di pr

In ogni caso, la rappresentazione delle coordinate di pr particolarmente semplice, essendo


xi
xi

= i~
= i~
pr = i~
r xi
r xi
r
Torniamo allequazione (VIII.2), moltiplichiamo ambo i membri, da sinistra, per |q|2 ,
otteniamo
2

|q|

M 2 = p2 |q|

p2r |q| ,

visto che |q|2 uno scalare esso, come il suo inverso, |q|2 , commuta con M, perci con M 2
e dunque lecito scrivere
M2
|q|
Hamiltoniana
e potenziale
ecace

= p2 |q|1 p2r |q|

Ne segue che lhamiltoniana assume la forma


H (p, q) =

1 p2r
M2
|q| +
2 + V (|q|)
|q| 2m
2m |q|

(VIII.3)

e la quantit M 2 /2m |q|2 prende il nome di potenziale centrifugo. Se, come in meccanica
classica, definiamo il potenziale ecace
Ve (|q|) +
troviamo
H (p, q) =

M2
2

2m |q|

+ V (|q|)

1 p2r
|q| + Ve (|q|)
|q| 2m

(VIII.4)

VIII.1.2 Diagonalizzazione della hamiltoniana


Diagonalizzazione del
sistema E, L2 , Lz

Come abbiamo preannunciato si pu procedere a diagonalizzare simultaneamente


lhamiltoniana, M 2 e Mz , visto che si tratta di tre osservabili compatibili (che - a priori
- non realizzano per un set completo di osservabili compatibili). Cerchiamo allora i vettori
|E D m ki (lindice k tiene conto del fatto che H, Mz , M 2 non formano a priori un set completo)

VIII.1 Particella in campo centrale

tali che
H |E D m ki = E |E D m ki
M 2 |E D m ki = ~2 D (D + 1) |E D m ki
Mz = ~m |E D m ki
siccome il set |E D m ki completo (per definizione di osservabili) troviamo tutti e soli gli
autovalori E dellhamiltoniana. Consideriamo lequazione agli autovalori per H scritta sopra,
dalla (VIII.3) abbiamo

!
1 p2r
M2
E |E D m ki = H |E D m ki =
|q| +
2 + V (|q|) |E D m ki =
|q| 2m
2m |q|
=

~2 D (D + 1)
1 p2r
|E D m ki + V (|q|) |E D m ki
|q| |E D m ki +
|q| 2m
2m |q|2

cio, si tratta di risolvere lequazione


#
"
1 p2r
~2 D (D + 1)
+ V (|q|) |E D m ki = E |E D m ki
|q| +
|q| 2m
2m |q|2

(VIII.5)

Se la rappresentazione di Schrdinger di |E D m ki E,#,m,k abbiamo, in rappresentazione,

~ D (D + 1)
~2 1 2
+
V
(r)
E,#,m,k = E E,#,m,k
r
+

E,#,m,k
2m r r2
2mr 2

Come abbiamo detto E,#,m,k autovettore simultaneo di M 2 e Mz , perci, come abbiamo


dimostrato nel capitolo precedente, deve essere necessariamente
E,#,m,k = R (r) Y#m (, )
sicch lequazione agli autovalori diventa unequazione ordinaria per R (r):
2

~2 1 d2
~ D (D + 1)

(rR (r)) +
+ V (r) R (r) = ER (r)
2m r dr 2
2mr 2
Andamento
a r 0

doveroso notare che non tutte le soluzioni dellequazione scritta sono autofunzioni
dellhamiltoniana scritta in coordinate cartesiane. Questo perch il passaggio a coordinate
sferiche che abbiamo operato singolare nellorigine, r = 0. Daltronde, tornando alla
hamiltoniana in coordinate cartesiane, le
debbono
appartenere al dominio di p2 ,

2autofunzioni
3
2

cio in rappresentazione degli impulsi, p (p) L R . Dalla teoria delle trasformate di


Fourier, ne ricaviamo che la funzione in rappresentazione delle coordinate deve essere derivabile
due volte anche nellorigine.
Possiamo introdurre una ulteriore semplificazione nellequazione di sopra, con la posizione
1
u (r) + rR (r) R (r) = u (r)
r
che porta
2

~ D (D + 1)
~2 d2
(rR (r)) +
+ V (r) rR (r) = ErR (r)

2m dr 2
2mr 2

~2 d2
~2 D (D + 1)

u (r) +
+ V (r) u (r) = Eu (r)
(VIII.6)
2m dr2
2mr 2
perci abbiamo unequazione per u (r) formalmente analoga a quella unidimensionale (dove a
V si sostituisce Ve ), ma con la sostanziale dierenza che r [0, +).
Nellorigine R derivabile due volte, perci R ivi limitato e dunque
lim u (r) = 0

r0

cio si deve imporre la condizione al bordo u (r) = 0. Veniamo alla normalizzazione di u.


Abbiamo
Z
Z
Z +
Z +

2
2
2 2
2 2
m

+ >
E,#,m,k dq = |R (r)| |Y# (, )| r dr d cos =
|R (r)| r dr =
|R (r)|2 r2 dr
0

VIII Moto in campo centrale

cio u L2 (0, +). Lequazione per u allora veramente unequazione unidimensionale,


scelto il potenziale seguente

Ve (r) r > 0
+
r<0

con u L2 (R).

Un modo pi fisico per dirimere la questione del comportamento per r 0 della funzione
radiale R (r), consiste nel suppore che il potenziale V nellorigine sia finito oppure scali al pi
come 1/r2 con > 0, e nellassumere che
u (r) Cr , r 0
allora il comportamento dominante nellorigine il seguente

~2
~2

( 1) r2 +
D (D + 1) r2 + r2+ + O r 1+ = Er + O r+1
2m
2m
2
I termini in r
devono certamente annullarsi, perci
( 1) = D (D + 1) = D (D 1)

da cui ricaviamo = D + 1 oppure = D. Landamento di u deve essere perci almeno r#+1 o


r # . Il caso in cui D 6= 0 si risolve imponendo la normalizzabilit in piccolo
Z
dr r2# < 2D > 1 D < 1/2
0

il che assurdo, perci = D + 1. Sia invece D = 0, anche in questo caso vogliamo escludere
= D, cio = 0. Se u C, allora R C/r, perci nellequazione di Schrdinger troviamo
un laplaciano di 1/r a primo membro. Ne segue che troviamo una di Dirac solo a primo
membro, il che assurdo. Se ne conclude che landamento allorigine di u del tipo r #+1 e
quindi u 0 per r 0.

Diagonalizzazione
dellhamiltoniana

Veniamo a considerare il problema della diagonalizzazione dellhamiltoniana. Il procedimento


che abbiamo preparato molto semplice: fissiamo D e m, di modo da trovare una e una
sola armonica sferica Y#m (, ) che risolve la parte angolare della nostro problema. Adesso,
determiniamo la parte radiale. Per far questo dobbiamo risolvere lequazione (VIII.6) al
valore di D fissato. Si tratta cio di diagonalizzare lhamiltoniana allinterno dello spazio
E (D, m) (autospazio di M 2 a D (D + 1) ~ e di Mz a m~). Sia E un autovalore dellenergia al
valore di D detto e sia RE,#,k una delle soluzioni di (VIII.6) corrispondente a tali E e D: le
funzioni RE,#,k Y#m , D m D, sono tutte autofunzioni dellenergia allautovalore E, perci
la degenerazione di E almeno 2D + 1.

H, L2 e Lz come
set completo

Mostriamo adesso che fissati E, D, m abbiamo troviamo una sola autofunzione corrispondente,
cio H, M 2 e Mz formano un set completo di osservabili compatibili, e perci lindice k
superfluo. Come detto, stabilire m e D significa determinare univocamente la parte angolare
della autofunzione. Fissare E ed D vuol dire avere una espressione univoca per lequazione
dierenziale (VIII.6). Questultima ammette due soluzioni indipendenti possibili. Daltra
parte, la condizione al bordo, u (0) = 0, elimina la degenerazione e determina univocamente
la R (r). Infatti, siano u1 e u2 due soluzioni dellequazione dierenziale (VIII.6), se andiamo
a calcolarne il wronskiano in r = 0, abbiamo

0
0
u01 (0) u02 (0)
che ha determinante 0.

Numeri quantici

Abbiamo cos dimostrato che fissati gli autovalori, cio la terna E, D, m, esiste uno e un
solo autovettore di H a E, di M 2 a D (D + 1) ~, di Mz a m~, dunque hamiltoniana, momento
angolare lungo z e modulo quadro del momento angolare formano un set completo di osservabili
compatibili. Per questo E, D, m sono detti anche numeri quantici del sistema. Come forse
noto dai corsi di chimica, D si dice numero quantico azimuthale e m magnetico.

VIII.2 Campo coulombiano: atomo di idrogeno


Degenerazione
essenziale e
degenerazione
accidentale

Un ultima osservazione: abbiamo detto che la degenerazione di ogni autovalore dellenergia


almeno 2D + 1 ed abbiamo visto che questa deriva dalla simmetria rotazionale del sistema.
Fissato D lautovalore E si trova eettivamente solo 2D + 1 volte, ma questo non impedisce di
ritrovare E come autovalore a un D0 diverso da D, la qual cosa comporterebbe una degenerazione
2D + 1 + 2D0 + 1 per E.
Una tale ulteriore degenerazione non imputabile allinvarianza per rotazione, ma deve
attenere ad un altra simmetria e perci a una diversa costante del moto (che non sia il momento
angolare).
La degenerazione per rotazione si dice essenziale perch tipica di tutti i sistemi isolati. La
eventuale degenerazione ulteriore si dice accidentale, non perch casuale, ma perch non
dovuta allinvarianza per SO (3).
Vedremo pesanti degenerazioni accidentali nel caso delloscillatore armonico e nel caso del
campo coulombiano (atomo didrogeno). Per questultimo, la ovvia ulteriore costante del
moto data dal ben noto vettore di Runge-Lenz.

VIII.2 Campo coulombiano: atomo di idrogeno


Sostituiamo ora a V il potenziale coulombiano e sia la nostra particella un elettrone. Se
ammettiamo che il centro di forza abbia carica +e, possiamo riguardare il moto dellelettrone
come lapprossimazione del moto dellelettrone nellatomo di idrogeno. Si tratta solo di
unapprossimazione perch si considera fisso il centro di forza (ossia il nucleo, che comunque
ha una massa 2000 volte superiore a quella dellelettrone) e perch si trascura lo spin. In ogni
caso, il risultato che troveremo sar buono, perch ricalcher la serie di Balmer che avevamo
gi determinato usando i postulati di Bohr (capitolo III, Old Quantum Mechanics).

VIII.2.1 Il vettore di Runge-Lenz


Il vettore di
Runge-Lenz
in meccanica
classica

Lhamiltoniana di una particella sottoposta a campo coulombiano la seguente


H=

|p|2
e2

2m
|q|

Come noto dalla meccanica analitica classica un tale sistema ammette come costante del
moto, oltre ad energia e momento angolare, il vettore di Runge-Lenz,
N=pM
= 0, si ha
siccome M

me2
q
|q|

d
q
e2
= p M me2 d q
N
M me2
= 2q
dt
dt
|q|

introdotto un sistema polare (r, , )avente


z parallelo a M e
r=q
, si ha
M = mr2
z
d
q
=

dt
da cui
2

= e mr2
me2
= 0.
N
r2
Traduzione
quantistica
del vettore di
Runge-Lenz

Per tradurre quantisticamente il vettore di Runge-Lenz dobbiamo simmetrizzare il prodotto


in modo che N sia un operatore autoaggiunto: abbiamo
N=

1
me2
(p M M p)
q
2
|q|

Grazie al postulato di quantizzazione il vettore di N commuta con lhamiltoniana H e


perci una costante del moto.
Relazioni di
commutazione
con H e M

Andiamo a vedere le relazioni di commutazione che coinvolgono le componenti di N e quelle

VIII Moto in campo centrale

di M. Siccome N un vettore (sotto rotazione) si ha


[Mi , Nj ] = i~ijk Nk
Relazioni di
commutazione
tra le
componenti di N

Pi complicato il conto delle regole di commutazione tra le componenti del vettore di


Runge-Lenz. Vale la formula
[Nk , Nj ] = 2i~mHkjm Mm
che dimostreremo attraverso passi successivi. In primo luogo, procediamo a riscrivere N come
segue:
2

N = |p| q (p q) p

me2
q
|q|

A questo scopo, abbiamo

me2
= ijk pj klm ql pm ijk jlm ql pm pk = kij klm pj ql pm jki jlm ql pm pk =
qi
2 Ni +
|q|
= ( il jm im jl ) pj ql pm ( kl im km il ) ql pm pk =

= pj qi pj pj qj pi qj pi pj + qi pj pj = pj qi pj (p q) pi qj pi pj + qi |p|2 =
2

= pj qi pj (p q) pi qj pi pj + qi |p|

usando le regole di commutazione canonica si ha

me2
= pj pj qi + i~pi (p q) pi qj pj pi + qi |p|2 =
qi
2 Ni +
|q|
2

= |p| qi + qi |p| (p q) pi (q p) pi + i~pi =

= |p|2 qi + qi |p|2 2 (p q) pi 2i~pi =


2

= 2 |p| qi + 2i~pi 2 (p q) pi 2i~pi

cio
2

Ni = |p| qi (p q) pi
come volevamo.
Calcolo
di [Nk , Nj ]

me2
qi
|q|

A questo punto, per valutare [Nk , Nj ], si adoperano le seguenti formule


[ab, cd] = ac [b, d] + a [b, c] d + c [a, d] b + [a, c] db
h
i
2
q, |p|
= 2i~p
h
i
2
2
p q, |p|
= 2i~ |p|
3

[p, 1/ |q|] = i~q/ |q|

1
q
q
2
|p| ,
= i~ 3 p+i~p 3
|q|
|q|
|q|

che possono essere facilmente dedotte dal postulato di quantizzazione.


Siamo finalmente in grado di scrivere

me2
me2
2
2
[Nk , Nj ] =
|p| qj (p q) pj
qj , |p| qk (p q) pk
qk =
|q|
|q|

i h
i
h
me2
qk +
= |p|2 qj , |p|2 qk + |p|2 qj , (p q) pk + |p|2 qj ,
|q|

h
i
me2
2
+ (p q) pj , |p| qk + [ (p q) pj , (p q) pk ] + (p q) pj ,
qk +
|q|

2
2
2
2
me
me
me
me
+
qj , |p|2 qk +
qj , (p q) pk +
qj ,
qk
|q|
|q|
|q|
|q|

e come si vede il calcolo risulta molto intricato. Consideriamo le ultime tre righe. Ciascuna
contiene tre addendi, alcuni sono legati, luno allaltro. Precisamente gli elementi simmetrici

VIII.2 Campo coulombiano: atomo di idrogeno

rispetto alla diagonale sono eguali, a parte un segno e lo scambio degli indici j e k. Non ci resta
che calcolare i sei commutatori indipendenti. Cominciamo dai termini diagonali: vediamo il
primo,
h
i
h
i
h
i
|p|2 qj , |p|2 qk
= |p|2 qj , |p|2 qk + |p|2 |p|2 , qk qj =
2

= |p| 2i~pj qk |p| 2i~pk qj = 2i~ |p| (pj qk pk qj )

passiamo al secondo,
[(p q) pj , (p q) pk ] = (p q) [pj , p q] pk + (p q) [p q, pk ] pj
calcoliamo
[pj , p q] = [pj , lm pl qm ] = lm pl [pj , qm ] = lm pl jm i~ = i~ jm pm = i~pj
sicch
[(p q) pj , (p q) pk ] = (p q) i~pj pk + (p q) i~pk pj = i~ (p q) {pk pj pj pk } = 0
veniamo allultimo termine diagonale

me2
me2
qj ,
qk = 0
|q|
|q|

Passiamo ai termini fuori diagonale. Primo rigo, secondo addendo


h
h
i
i
2
2
2
2
|p| qj , (p q) pk = |p| (p q) i~ jk |p| [qj , (p q)] pk |p| , (p q) pk qj
calcoliamo

[qj , (p q)] = [qj , lm pl qm ] = lm [qj , pm ] qm = lm jm i~qm = i~qj


e

h
i

|p|2 , (p q) = p2i , pj qj = pj p2i , qj = pj pi [pi , qj ] + pj [pi , qj ] pi =


= 2i~ ij pj pi = 2i~ |p|2

da cui

|p| qj , (p q) pk

= |p| (p q) i~ jk |p| i~qj pk + 2i~ |p| pk qj =


= i~ |p|2 {2pk qj qj pk jk (p q)}

Primo rigo, terzo addendo

i
me2
me2
me2 h 2
=
|p|2 qj ,
qk
|p| , qk qj + |p|2 ,
qk q j =
|q|
|q|
|q|

!
2i~me2
q
q
2
=
q k qj
pk qj i~me
3 p + p
3
|q|
|q|
|q|
Infine, il secondo rigo, terzo addendo

me2
qk
= me2 (p q) pj ,
qk
=
(p q) pj ,
|q|
|q|

1
1
= me2 (p q) qk pj ,
i~ jk (p q)
+
|q|
|q|

1
1
+qk (p q) ,
pj + [(p q) , qk ]
pj
|q|
|q|
(
1
qk qj
= me2 i~ (p q)
3 i~ jk (p q) |q| +
|q|

1
qk
+qk (p q) ,
pj i~ pj
|q|
|q|

VIII Moto in campo centrale

veniamo a calcolare

2
1
1
ql
i~ |q|
i~
1
=
(p q) ,
= pl ,
ql = i~
ql = i~ 3 ql =
3
|q|
|q|
ql |q|
|q|
|q|
|q|
da cui

(
)

me2
1
qk q j
2
(p q) pj ,
qk = i~me (p q)
3 jk (p q) |q|
|q|
|q|

Andiamo a ricomporre i pezzi


2

[Nk , Nj ] = 2i~ |p| (pj qk pk qj ) + i~ |p| {2pk qj qj pk jk (p q)}

!
)
(
q
q
2i~me2
2
p + p 3 qk qj +
pk qj i~me
+
|q|
|q|3
|q|
(
2

i~ |p| {2pj qk qk pj jk (p q)} + 0 + i~me


(

!
2i~me2
q
q
2

p + p 3 qj qk
pj qk i~me
|q|
|q|3
|q|
(
)
1
q k qj
i~me2 (p q)
+0
3 jk (p q) |q|
|q|

cio,

1
(p q)
3 jk (p q) |q|
|q|
)
qk q j

= 2i~ |p|2 (pj qk pk qj ) + i~ |p|2 {2pk qj qj pk } i~ |p|2 {2pj qk qk pj } +


2i~me2
2i~me2
+
pk q j
pj q k
|q|
|q|
[Nk , Nj ] = 2i~ |p|2 (pj qk pk qj ) + i~ |p|2 {2pk qj qj pk } i~ |p|2 {2pj qk qk pj }
2i~me2
2i~me2
+
pk q j
pj qk
|q|
|q|
2i~me2
2i~me2
2
2
= i~ |p| qj pk + i~ |p| qk pj +
pk qj
pj q k
|q|
|q|

se j = k allora il commutatore nullo, perci possiamo scambiare impunemente p e q negli


ultimi due addendi:
2i~me2
[Nk , Nj ] = i~ |p|2 (qk pj qj pk ) +
(qj pk qk pj )
|q|
notando che

(qk pj qj pk ) = ( kl jn kn jl ) qn pl = mkj mlj qn pl = mkj Mm


possiamo concludere quanto preannunciato

!
|p|2
e2
[Nk , Nj ] = 2mi~

kjm Mm = 2mi~Hkjm Mm
2m
|q|
(si noti come questo calcolo spesso e volentieri omesso in letteratura).

VIII.2.2 Autovalori discreti dellenergia dellatomo di idrogeno


Considerazioni
generali
sullo spettro
dellenergia

Consideriamo lequazione agli autovalori per lenergia in rappresentazione di Schrdinger.


Abbiamo dimostrato che si tratta di risolvere lequazione unidimensionale seguente
2

~ D (D + 1) e2
~2 00

u (r) +
u (r) = Eu (r)
2m
2mr 2
r
con la condizione al contorno u (0) = 0. Andiamo a vedere landamento del potenziale ecace
al variare di D N. Come si vede, per ogni valore di D, il potenziale va a zero allinfinito,
perci ci si aspetta di determinare valori negativi dellenergia corrispondenti ad autovalori

VIII.2 Campo coulombiano: atomo di idrogeno

Figura 1. Profili di Ve : in rosso  = 0, in blu  = 1 e in nero  = 2.

VIII Moto in campo centrale

discreti. Si avr, inoltre, un continuo di valori positivi dellenergia (come gi previsto dalla
teoria di Bohr, capitolo III).
Regole di
commutazione
per N, M sugli
autospazi
dellenergia

Ora, abbandoniamo lanalisi qualitativa e cerchiamo di usare quanto appreso nella precedente
sottosezione per derivare i valori negativi dello spettro dellhamiltoniana. A tale scopo,
notiamo che sia N che M commutano con lhamiltoniana, perci possibile diagonalizzare
simultaneamente N, M,H.
Poniamoci allora in un autospazio V dellenergia corrispondente ad un valore discreto
dellenergia stessa. Posto tale valore E, con E < 0, andiamo a vedere come si scrivono in
V le regole di commutazione per le componenti del momento angolare e del vettore di RungeLenz:
[Nk , Nj ] =
=
[Mk , Nj ] =
[Mk , Mj ] =

2mi~Hkjm Mm = 2mi~kjm Mm H = 2mi~kjm Mm E =


2mEi~kjm Mm
i~kjm Nm
i~kjm Mm

Andiamo adesso a definire il seguente vettore


N
N0 =
2mE
di modo che le relazioni di commutazione in V diventano
0

Nk , Nj0 = i~kjm Mm

0
Mk , Nj0 = i~kjm Nm
[Mk , Mj ] = i~kjm Mm
I vettori N0 ed M danno luogo adesso a unalgebra chiusa che si identifica con lalgebra dei
generatori di O (4) (perci si dice che lhamiltoniana dellatomo di idrogeno invariante per
azione del gruppo O (4), che responsabile della degenerazione accidentale).
I vettori A e B

Introduciamo due nuove quantit


M + N0
2
M N0
B =
2
esse soddisfano le seguenti regole di commutazione
1
1
0
[Ak , Aj ] =
) = i~kjm Am
Mk + Nk0 , Mj + Nj0 = i~kjm 2 (Mm + Nm
4
4
1
1
0
[Bk , Bj ] =
) = i~kjm Bm
Mk Nk0 , Mj Nj0 = i~kjm 2 (Mm Nm
4
4

1
[Ak , Bj ] =
Mk + Nk0 , Mj Nj0 = 0
4
perci A e B rispettano, separatamente, le regole di commutazione di un momento angolare,
inoltre commutano, ma hanno lo stesso modulo

1
2
2
2
2
|A| =
|M| + |N0 | = |B|
4
essendo, evidentemente,
A =

M N0 = N0 M = 0
Calcolo di |N|2

Passiamo allora a calcolare |N| . A questo scopo, scriviamo il vettore di Lenz, notando che
(p M + M p)i

= ijk pj Mk + ilm Ml pm = ijk pj Mk + ilm pm Ml + i~ilm lmr pr =


= ijk pj Mk iml pm Ml + i~ilm lmr pr = i~lmi lmr pr = 2i~pi

sicch
N=

1
me2
me2
(2 (p M) 2i~p)
q = (p M) i~p
q
2
|q|
|q|

VIII.2 Campo coulombiano: atomo di idrogeno


2

Perci il calcolo di |N| diventa

me2
me2
2
|N| = (p M) i~p
q (p M) i~p
q
|q|
|q|
Eseguiamo i vari calcoli separatamente,
|p M|2

= ijk pj Mk ilm pl Mm = ijk ilm pj Mk pl Mm = ( jl km jm kl ) pj Mk pl Mm =


= pj Mk pj Mk pj Mk pk Mj = pj Mk pj Mk pj (M p) Mj

siccome gli scalari commutano con M, abbiamo


2

|p M| = pj Mk pj Mk (p M) (M p)
ora,
Mk pj = pj Mk + i~kjr pr
sicch
|p M|2

= pj pj Mk Mk + i~kjr pj pr Mk (p M) Mj pj =

= |p|2 |M|2 (p M) pj Mj = |p|2 |M|2 (p M)2

daltra parte
p M = ijk pi qj pk = ijk pi pk qj = 0
perci
|p M|2 = |p|2 |M|2 .
Poi, abbiamo
p (p M) = ilm pi pl Mm = 0

(p M) p = ( (M p) + 2i~p) p = 2i~ |p|2 ijk Mj pk pi = 2i~ |p|2


ancora,
(p M) q = ( (M p) + 2i~p) q = ijk Mj pk qi + 2i~p q =
= Mj jik qi pk + 2i~p q = |M|2 + 2i~p q

e
2

q (p M) = ijk qi pj Mk = (q p) M = |M|

Da cui, sfruttando la commutazione di 1/ |q| con q,

me2
me2
2
|N| =
(p M) i~p
q (p M) i~p
q =
|q|
|q|
1

me2
~2 |p|2 + i~ (p q)
+
= |p|2 |M|2 + 2~2 |p|2 me2 |M|2 + 2i~p q
|q|
|q|
me2
me4 2
me2
2
|M| + i~
(q p) +

2 |q|
|q|
|q|
|q|
ora,
[q, p q]i = [qi , pj qj ] = i~ ij qj = i~qi [q, p q] = i~q
inoltre,

perci

1
1
1
p q,
=
pi qi ,
= pi ,
qi
|q|
|q|
|q|

1
1
qi
pi ,
= i~
= i~ 3
|q|
qi |q|
|q|

1
1
p q,
= i~
|q|
|q|

VIII Moto in campo centrale

|N|

Calcolo di
|A|2 = |B|2

Autovalori
dellenergia:
serie di Balmer

me2
2
2
2
2
2
= |p| |M| + 2~2 |p| me2 |M| + 2i~p q
~2 |p| + i~ (p q)
+
|q|
|q|
me2
me2
me2
|M|2 + i~
(p q) 3~2
+ m2 e4 =

|q|
|q|
|q|
1

me2
2
2
2
2
2
~2 |p| + i~ (p q)
+
|p| |M| + 2~2 |p| me2 |M| + 2i~p q
|q|
|q|
me2
1
1
me2
2

|M| + i~me2 (p q)
+ ~2 me2
3~2
+ m2 e4
|q|
|q|
|q|
|q|
1
me2
= |p|2 |M|2 + ~2 |p|2 2me2 |M|2
2~2
+ m2 e4 =
|q|
|q|

!
!

|p|2
e2
e2
|p|2
2
2 2

|M| + 2me ~

+ m2 e4 =
= 2m
2m
|q|
2m
|q|

= 2m |M|2 + ~2 H + m2 e4

Siamo adesso in grado di scrivere il modulo quadro di A e B nello spazio V

2
2
2 4

+
~
e
+
m
2mE
|M|
1
1
2
=
|A|2 = |B|2 =
|M|2 + |N0 | = |M|2 +
4
4
2mE

me4
me4
1
1
2
2
2
2
|M| |M| ~
=
~ +
=
4
2E
4
2E
Ora, A e B soddisfano le regole di commutazione del momento angolare, e in V risultano
diagonali. Ne segue che

1
me4
( + 1) ~2 =
~2 +
4
2E

con intero o semidispari. Lequazione trovata d la condizione anch E sia lautovalore


che diagonalizza H in V :

1
me4
2
~2 =
++
4
8E

2
me4
1
~2 =
+
2
8E
me4
(2 + 1)2 ~2 =
2E
da cui, finalmente (!) troviamo gli autovalori discreti dellatomo di idrogeno
E=

me4
2 (2 + 1)2 ~2

se rinominiamo n + 2 + 1, troviamo la serie di Balmer


En =

me4
, n N0
2n2 ~2

essendo, il raggio di Bohr,


rB +

~2
me2

si ha
En =
Degenerazione
di ciascun
autovalore

me4
e2
=

, n N0 .
2n2 ~2
2n2 rB

Veniamo alla degenerazione di ciasun autospazio V + Vn . Sugli autostati n,l,m Vn il

VIII.2 Campo coulombiano: atomo di idrogeno

modulo quadrato del vettore di Runge-Lenz diventa

2
2
|N| n,l,m =
2m |M| + ~2 H + m2 e4 n,l,m =

me4
=
2m [D (D + 1) + 1] ~2 2 2 + m2 e4 n,l,m =
2n ~

2
D +D+1
n,l,m
= m2 e4 1
n2
siccome lautovalore deve restare positivo, si ha

n2 D2 D 1 0
D2 + D + 1 n2 0
da cui
1
D +
2
cio, dovendo D essere intero,

n2

3
1
n
4
2

Dn1
Ne segue che fissato n 6= 0, restano disponibili i seguenti stati indipendenti (ortogonali)
n1
X

#
X

1=

#=0 m=#

n1
X

(2D + 1) =

#=0

n1
X

(2D + 1) = n2

#=0

perci la degenerazione di ciascun autospazio Vn n . Si noti che si pesantemente sfruttato


il fatto che H, M 2 , Mz formano un set completo di osservabili compatibili.

VIII.2.3 Risoluzione del problema in rappresentazione di Schrdinger


Nelle sottosezioni precedenti abbiamo ultimato la derivazione degli autovalori
dellhamiltoniana di una particella in campo coulombiano utilizzando il vettore di RungeLenz. Come nel caso delloscillatore armonico unidmensionale, si cio risolto il problema
facendo uso soltanto delle regole di commutazione, senza specificare la rappresentazione delle
osservabili stesse.
Daltra parte, grazie al teorema di von Neumann, sappiamo che andando a risolvere il problema
in rappresentazione delle coordinate, dobbiamo ottenere i medesimi risultati.
Equazione di
Schrdinger per
la parte radiale

Si tratta di risolvere la seguente equazione dierenziale per la parte radiale della funzione
donda:

~2 1 d
e2
~2 D (D + 1)
2 dR

R (r) R (r) = ER (r)


r
(r) +
2
2
2m r dr
dr
2mr
r
Operiamo la seguente posizione

+2
perci,

2mE
r
~2

r
d
2mE d
d d
=
=2 2
dr
dr d
~ d

e, dunque, lequazione diventa


r

4E d
2mE e2
D (D + 1)
2 dR
R

4E
R
2 d
d
2
~2
r

2m e2
4
D (D + 1)
0
2 00
R+2 2
2R + R 4
R
2
2

~ E
r
8R0
D (D + 1)
2m e2
R
+
2

+ 4R00 4
R

2
~2 E

= ER
= R
= R

VIII Moto in campo centrale

r
2 0 D (D + 1)
m e2
R + R
R
+

2
2~2 E
definiamo la variabile adimensionale
r
m
2
n+e 2
2~ E
grazie alla quale troviamo lequazione
00

1
R
4

2
D (D + 1)
n
1
R+ R R=0
R00 + R0

4
Il nostro problema sar determinare i valori di n per cui la R risulta normalizzabile.
Riduzione a
unequazione
nota

A questo punto, poniamo


R () + # w () e/2
il che sempre possibile. Sostituendo nellequazione di sopra, troviamo
1
R0 () = D#1 w () e/2 + # w0 () e/2 # w () e/2
2
1
R00 () = D (D 1) #2 w () e/2 + D#1 w0 () e/2 D#1 w () e/2 +
2
1
+D#1 w0 () e/2 + # w00 () e/2 # w0 () e/2 +
2
1
1
1
D#1 w () e/2 # w0 () e/2 + # w () e/2
2
2
4
cio

1
e/2 R0 () = #1 Dw () + w0 () w ()
2

1
e/2 R00 () = #2 D (D 1) w () + (2Dw0 () Dw ()) + 2 w00 () w0 () + w ()
4
e lequazione dierenziale per R () diventa

1
#2
0
2
00
0

D (D 1) w () + (2Dw () Dw ()) + w () w () + w () +
4

1
1
2#2 Dw () + w0 () w () D (D + 1) #2 w () + n#1 w () # w () = 0
2
4
sicch

1
D (D 1) w () + (2Dw0 () Dw ()) + 2 w00 () w0 () + w () +
4
1
2Dw () + 2w0 () w () D (D + 1) w () + nw () 2 w () = 0
4
da cui, infine,
w00 + w0 (2D + 2 ) + w (n D 1) = 0.
Funzione
ipergeometrica
confluente

Lequazione trovata del tipo


xu00 (x) + (b x) u0 (x) au (x) = 0
dove

a= D+1n
b = 2D + 2

la cui soluzione regolare allorigine data dalla funzione ipergeometrica confluente:


1 F1

a
a (a + 1) x2 a (a + 1) (a + 2) x3
(a, b, x) = 1 + x +
+
+ ...
b
b (b + 1) 2!
b (b + 1) (b + 2) 3!

che una serie con raggio di convergenza +.


Normalizzabilit: serie
di Balmer e
degenerazione

Notiamo che se a = n0 N0 la funzione ipergeometrica si riduce a un polinomio, nel qual

VIII.3 Sistemi di due particelle

caso R = P () e/2 con P polinomio, normalizzabile. Per ogni n0 N si pu dunque


scegliere
n = D + 1 + n0
cio n N0 , con
D + 1 n 0 D n 1
sicch ritroviamo le condizioni gi ottenute nellanalisi di cui alla sottosezione precedente.
Si tratta ora di dimostrare che non esistono altri valori di a per cui la R risulti normalizzabile.
Infatti, sia a
/ N0 , e sia sn laddendo n-esimo nella funzione ipergeometrica, allora

sm+1

1
b (b + 1) . . . (b + m 1)
m+1

= a (a + 1) . . . (a + m)
sm
b (b + 1) . . . (b + m) (m + 1)! a (a + 1) . . . (a + m 1) m! m =

a + m

=
b + m m + 1
e, siccome (a + m) / (b + m) 1, definitivamente (in m), risulta |(a + m) / (b + m)| > 1/

sm+1

sm m

da cui

|1 F1 | P () + e/

cio R + per .
Ne segue che ritroviamo la serie di Balmer,
En =

me4
, n N0
2n2 ~2

e la regola
Dn1

che reca alla degenerazione n di ciascun livello En .


Notiamo che
r
2mE
me2
2 r
+2 2 r=2 2r=
~
n~
n rB
Autofunzioni
dellenergia

Lavorando in rappresentazione delle coordinate abbiamo anche determinato le autofunzioni


dellenergia (e simultaneamente di L2 e Lz ):
n,#,m (r, , ) = Rn,# (r) Y#m (, ) =

= r# a0 + a1 r + . . . + an#1 rn#1 er/nrB Y#m (, )

perci il livello fondamentale, n = 1 (e perci D = 0), ha come (unica) autofunzione


1,0,0 (r, , ) = cer/rB .
2
Nelle figure si hanno R1,0 , R2,0 e R2,1 e le rispettive probabilit radiali, r2 Rn,#
.

Autofunzioni
e teorema di
oscillazione

Un ultimo aspetto circa le autofunzioni dellhamiltoniana. Consideriamo le funzioni ridotte


un,l = Rn,l /r. Per ogni n e per ogni D esse sono normalizzabili, perci, fissato D, possiamo
applicare loro il teorema di oscillazione. In altre parole, fissato D, andiamo ad ordinare le
soluzioni in energia: la u corrispondente alla E (che, si rammenti, negativa) minore sar
quella con n pi piccolo possibile, cio, essendo n D + 1, u#+1,# . Dunque, la soluzione u#+1,#
non ha nodi, la u#+2,# ha un nodo, . . ., la soluzione un,# ha n D 1 nodi.

VIII.3 Sistemi di due particelle


VIII.3.1 Separazione delle variabili
Introduzione

Finora abbiamo considerato il caso di una particella (priva di spin) immersa in un campo
esterno centrale. Vogliamo adesso occuparci del problema del moto di due particelle isolate, le

VIII Moto in campo centrale

Figura 2. Rn, (r): in rosso n = 1, in blu n = 2 (tratteggiata  = 0).

Figura 3. Probababilit radiali: in rosso n = 1, in blu n = 2 (tratteggiata  = 0).

VIII.3 Sistemi di due particelle

Separazione
delle variabili

quali interagiscano tramite un potenziale che dipende solo dalla distanza. Ancora, supponiamo
che le particelle non abbiano spin.
La hamiltoniana del sistema, se le variabili canoniche sono, rispettivamente, (pk , qk ), k J2 ,
vale
p2
p2
H (p1 , p2 , q1 , q2 ) = 1 + 2 + V (|q1 q2 |) .
2m1 2m2
Come in meccanica classica, il procedimento pi comune per trattare questo tipo di problema
quello di introdurre due nuove coppie di variabili canoniche coniugate, (p, q) e (P, Q) collegate
alle prime dalla seguente trasformazione canonica (che risulta lineare):

m1 q1 + m2 q2
q = q1 q2

Q=
m1 + m2
,
,
p

m
p
m
2
1
1
2

p=

P = p1 + p2
m1 + m2

La canonicit deriva dalla conservazione delle parentesi di Poisson o, che lo stesso, delle
regole canoniche di commutazione, cio
[Qi , Pj ] = i~ ij = [qi , pj ]
[Qi , Qj ] = [Pi , Pj ] = [qi , qj ] = [pi , pj ] = 0
In termini delle nuove variabili, lhamiltoniana (che unitariamente collegata alla precedente,
in forza del teorema di von Neumann) diviene (come arcinoto dai corsi di Meccanica Analitica
o Fisica Generale I)

P2
p2
+
+ V (|q|)
2M
2
dove M la massa totale, e la massa ridotta:
H (p, P, q, Q) =

+ m1 + m2
m1 m2
+
m1 + m2
Lhamiltoniana con cui abbiamo adesso a che fare a variabili separate, cio
M

H = H1 (p, q) + H2 (P, Q)
da cui, banalmente,
[H1 , H2 ] = 0, [H1 , H] = 0.

VIII.3.2 Hamiltoniana a variabili separate


In questa sottosezione ci occupiamo in generale del problema delle hamiltoniane separate,
emerso nel corso dello studio dei sistemi a due corpi. Abbiamo allora
H = H1 (p, q) + H2 (P, Q)
cio H = H1 + H2 con
[H1 , H2 ] = 0
da cui
[H, Hi ] = 0
Procediamo allora a diagonalizzare simultaneamente H, H1 e H2 . Siccome H, H1 e H2 sono
tre osservabili, esiste un set completo di vettori del tipo per cui
H1 = E1
H2 = E2
H = (E1 + E2 ) .
Rappresentazione delle
coordinate e
prodotto tensore

Consideriamo ora la rappresentazione delle coordinate (q, Q), indotta dagli autovettori q,Q
simultanei di q e Q. In questa rappresentazione ogni stato individuato dalle funzioni delle
variabili (q, Q). Gli operatori q e Q si comportano come operatori di moltiplicazione, mentre

VIII Moto in campo centrale

gli operatori p e P sono rappresentati, rispettivamente, da i~q e i~Q .

Lo spazio degli stati H del sistema allora dato dal prodotto tensore degli spazi Hq e HQ
i cui elementi sono, ordinatamente e in rappresentazione di Schrdinger, le funzioni di q e le
funzioni di Q.
Risulta allora possibile determinare la base comune a H, H1 e H2 tra i vettori fattorizzati (che
in rappresentazione sono le funzioni prodotto). Indichiamo con le lettere minuscole i vettori
di Hq e con quelle maiuscole i vettori di HQ . Abbiamo
H : Hq HQ Hq HQ
H1 : Hq Hq
H2 : HQ HQ
n
n
o
o
(k)
dunque, esistono (k)
Hq e n
HQ tali che
n

X
(k)
H1 =
E1n (k)
n n
n,k

H2

X
m,j

ed essendo

(j)
E2m m
(j)
m

H = H1 Iq + IQ H2
si ha, come dimostrato nel capitolo IV,

X
(k) (j)
H=
(E1n + E2m ) n(k) (j)

n
m
m
n,m,k,j

E1n

vale g1 (n) e quella di E2m vale g2 (m), allora la degenerazione di


e, se la degenerazione di
n
m
En,m = E1 + E2 , risulta, ovviamente,
g (n, m) = g1 (n) g2 (m) .

VIII.3.3 Autovalori e autovettori dellhamiltoniana nel problema dei due corpi


Abbiamo appreso che gli autovalori di H sono dati dalle somme degli autovalori di H1 e H2 ,
mentre i corrispondenti autovettori sono dati dal prodotto tensore dei rispettivi autovettori,
cio
H1 = E1 , H2 = E2
allora
H () = (E1 + E2 ) ()
e, come detto, cos otteniamo tutti gli autovettori essendo () un set completo.
Risoluzione in
rappresentazione
delle coordinate

In rappresentazione di Schrdinger, siamo cos ridotti a risolvere le due equazioni separate


~2
(q) + V (|q|) = E1 (q)
2
~2

(Q) = E2 (Q)
2M
La prima equazione del tutto analoga allequazione di Schrdinger per una particella
(spinless) di massa immersa in un campo centrale V avente centro in q = 0. La seconda
invece lequazione per una particella libera di massa M e perci risolta dallonda di de Broglie,
per ogni E2 > 0

(Q) = eiPQ/~
Si tratta, in definitiva di risolvere la prima equazione, per la quale abbiamo dato ampia
trattazione nella prima parte di questo capitolo.
In conclusione, vogliamo notare come da un semplice calcolo (si veda il corso di Fisica Generale

I) risulta che
M = M1 + M2 = Q P + q p.

Capitolo IX

Metodi di approssimazione

Tutto lapparato costruito nel corso di questo testo sarebbe inutile se non fosse possibile calcolare
autofunzioni e autovalori della hamiltoniana in modo approssimato. Sono infatti pochissimi i
problemi in cui si riesce a risolvere in maniera esatta lequazione agli autovalori. In questo capitolo
passeremo in rassegna una serie di metodi di approssimazione, senza pretesa di completezza n nostro malgrado - di rigore. Sempre in questa sede ci occuperemo di una applicazione fondamentale
di tali metodi: lo studio dellinterazione tra la radiazione e la materia.

IX.1 Teoria delle perturbazioni ai livelli energetici


Il metodo di approssimazione pi utilizzato quello della teoria delle pertubazioni che andiamo
a delineare nel corso di questa sezione. Avvertiamo che, come ormai diventata abitudine,
non potremo dimostrare tutti i risultati che andremo ad utilizzare, dato lalto contenuto
matematico del problema.
Impostazione
del problema

Consideriamo una hamiltoniana della forma


H = H0 + V
dove H0 una hamiltoniana del tutto risolubile (di cui cio si conoscano autovalori ed
autovettori in modo esatto) e V sia una piccola perturbazione rispetto a H0 . La presenza
del termine moltiplicativo reale ci servir per comprendere gli ordini dellapprossimazione
sugli autovalori: diremo che una correzione proporzionale a al primo ordine in V , etc... Al
termine della trattazione formale tireremo via il fattore . Diciamo subito che rinunceremo a
dare una definizione precisa del concetto di piccolezza riferito agli operatori (per una teoria
degna di questo nome, rimandiamo al solito, al corso di Meccanica Quantistica).

IX.1.1 Caso non degenere


Consideriamo lequazione agli autovalori per H,
H = E
e supponiamo che sia possibile sviluppare in serie di sia che E, cio
= 0 + 1 + 2 2 + . . .
= E0 + E1 + 2 E2 + . . .

siano inoltre dati gli autovalori ed autovettori di H0 , cio


H0 (n) = E (n) (n)
Detto questo torniamo a scrivere lequazione agli autovalori per H, si ha

(H0 + V ) 0 + 1 + 2 2 + . . . = E0 + E1 + 2 E2 + . . . 0 + 1 + 2 2 + . . .

Moltiplicando per le opportune potenze di e passando al limite per 0, si ottiene


leguaglianza dei termini alla stessa potenza di .
Equazioni per i
primi due ordini

Questo comporta, ai primi ordini,


H0 0

= E0 0

(IX.1a)

IX Metodi di approssimazione

H0 1 + V 0
H0 2 + V 1

= E0 1 + E1 0
= E0 2 + E1 1 + E2 0

(IX.1b)
(IX.1c)

La prima equazione implica che E0 = E (n) per qualche n. Supponiamo per il momento che
E (n) sia non degenere, allora 0 = (n) . Moltiplichiamo scalarmente la seconda equazione per
0 , otteniamo
(0 , H0 1 ) + (0 , V 0 ) = ( 0 , E0 1 ) + (0 , E1 0 )
(H0 0 , 1 ) + (0 , V 0 ) = E0 (0 , 1 ) + E1 (0 , 0 )
(0 , V 0 ) = E1
cio abbiamo
E1 = ( 0 , V 0 )
Adesso, sia m 6= n e facciamo lo stesso, usando (m) anzich 0 = (n) , abbiamo

(m) , H0 1 + (m) , V 0
=
(m) , E0 1 + (m) , E1 0

E (m) (m) , 1 + (m) , V 0


= E (n) (m) , 1 + (m) , 0 (0 , V 0 )

essendo (m) e 0 ortogonali, si ottiene

E (m) (m) , 1 + (m) , V 0 = E (n) (m) , 1


da cui

(m) , 1 =

(m) , V 0

, m 6= n.
(IX.2)
E (m) E (n)
Come si vede, resta arbitrario il coeciente di Fourier per m = n. Per sceglierlo si fa in modo
che 0 + 1 sia normalizzato, al primo ordine. Posto

X (m)
1 =
, 1 (m)
m6=n

si ha

k0 + 1 k = 1 + 2 k1 k

perci il vettore 0 + 1 risulta normalizzato al primo ordine.


Validit
dellapprossimazione

Finora abbiamo prodotto una formula per E0 ed E1 , di modo che sappiamo che il nuovo
autovalore dellenergia deve essere
E E0 + E1
e quando poniamo = 1
E E0 + E1
Il risultato sar fisicamente significativo solo nel caso in cui
|E1 | |E2 |
perci interessante andare a calcolare E2 . A questo scopo, moltiplichiamo scalarmente ambo
i membri della (IX.1c) per 0 , otteniamo
E0 (0 , 2 ) + (0 , V 1 ) = E0 (0 , 2 ) + E1 (0 , 1 ) + E2
(0 , V 1 ) = (0 , V 0 ) (0 , 1 ) + E2
cio
E2

= ( 0 , V 1 ) (0 , V 0 ) (0 , 1 ) =

X
=
0 , V (m) (m) , 1 (n) , V (n) (n) , 1 =
m

m6=n

0 , V (m)

(m) , 1

IX.1 Teoria delle perturbazioni ai livelli energetici

usando la (IX.2) troviamo


E2 =

m6=n

0 , V (m) (m) , V 0
E (m) E (n)

(IX.3)

Perci la condizione anch lapprossimazione al primo ordine sia buona che

X , V (m) (m) , V

0
0

|(0 , V 0 )|

(m)
(n)
E
E
m6=n

Siccome nella somma a sinistra contribuiscono maggiormente i termini vicini a E (n) , abbiamo,

se E (m)
vicina E (n) ,

0 , V (m)

|(0 , V 0 )| = E1
E (n)
E (m)
Se ammettiamo che

troviamo la condizione

0 , V (m)
|(0 , V 0 )| = E1

(m)

E E (n) E1

cio la prima correzione al livello imperturbato n-esimo deve essere molto minore della
separazione di tale livello con quelli imperturbati adiacenti.
Teoria
matematica delle
perturbazioni

Tutto quanto dimostrato si basa sullipotesi che e E siano analitici in : si dimostra che
questo vero, nellipotesi che E sia un autovalore isolato e non degenere della hamiltoniana
imperturbata H0 .

Stato
fondamentale
e correzione al
secondo ordine

Prima di concludere notiamo che se E0 lenergia dello stato fondamentale, la correzione al


secondo ordine sempre negativa, come mostra la formula (IX.3). Questo particolarmente
interessante in quei casi in cui il termine al primo ordine non presente.

IX.1.2 Caso degenere


Procedimento
nel caso
degenere

Veniamo adesso a trattare il caso in cui E0 sia un autovalore degenere dellhamiltoniana


H0 . Allora dalla (IX.1a), abbiamo che E0 = E (n) , ma non siamo in grado di determinare
univocamente (a parte la solita fase che cera anche nel caso non degenere) il vettore 0 che in
generale sar una combinazione lineare di autovettori allautovalore E (n) di H0 . Poniamo che
gli autovettori relativi ad E (n) siano (n,k) al variare di k. Andiamo a moltiplicare scalarmente
la (IX.1b) per (n,k) , troviamo

E0 (n,k) , 1 + (n,k) , V 0
= E0 (n,k) , 1 + E1 (n,k) , 0

(n,k) , V 0
= E1 (n,k) , 0
da cui troviamo

X
(n,k) , V (n,j) (n,j) , 0 = E1 (n,k) , 0

(IX.4)

per ogni k Jg0 (n) dove g0 (n) la degenerazione dellautospazio di H0 relativo a E (n) = E0 .
Osserviamo lequazione (IX.4), nel caso in cui g0 (n) sia finito essa unequazione agli
autovalori in dimensione finita. Poniamo

(M )kj +
(n,k) , V (n,j) , M Herm (g (n) , C)

(v)j +
(n,j) , 0 , v Cg(n)
e la (IX.4) diventa

M v = E1 v

IX Metodi di approssimazione

che ammette g (n) autovalori E1 e autovettori essendo M una matrice hermitiana.


Leetto della perturbazione quello di rimuovere la degenerazione g (n), dal momento che in
generale M ammette autovalori distinti.
Serie analitiche

In generale, non possibile mostrare la convergenza della serie in per E. Spesso la serie
asintotica, cio tale che

|E () (E0 + E1 + . . . + n En )| < cn+1 n+1

che una informazione utile quando sia possibile agire su (per esempio un parametro
esterno e perci controllabile dallo sperimentatore) e ridurlo sucientemente.

Perturbazione
al primo ordine:
algoritmo

Per riassumere, vediamo come si procede quando si ha a che fare con una hamiltoniana
perturbata
H = H0 + V
si diagonalizza H0 e se ne determinano autovalori E (n) e autovettori (n,k) ;

si scrive la matrice di V nella base (n,k) , trascurando gli elementi di matrice

0 0
(n,k) , V (n ,k )
con n 6= n0 , cio appartenenti a blocchi di H0 relativi ad autovalori diversi;

(n)

su ciascun blocco,
di H0 , si diagonalizza la matrice
cio autospazio allautovalore E
0
(n,j)
(n,k)
n,k )
(

,V
determinandone gli autovalori E1 ;

gli autovalori (approssimati al primo ordine in V ) della H sono allora


(n,j)

E (n) + E1

IX.1.3 Eetto Stark


Considerazioni
generali

Hamiltoniana
del sistema

Allo scopo di rendere pi familiari i concetti esposti nelle sottosezioni precedenti, occupiamoci
di un esempio concreto, che risulta comunque molto interessante.
Consideriamo un atomo di idrogeno immerso in un campo elettrico uniforme esterno che
P In queste condizioni, il sistema non pi invariante per rotazioni attorno
indicheremo con E.
a tutte le direzioni, visto che il campo elettrico individua una direzione privilegiata (che
prendiamo come asse z), e perci ci si deve aspettare che la grande degenerazione sullenergia,
n2 , sia rimossa.
Andiamo a scrivere la hamiltoniana del sistema,
H = H0 + eEz

Condizione di
perturbabilit

con H0 hamiltoniana dellatomo di idrogeno.


Andiamo ad applicare la teoria delle
perturbazioni alla H. In primo luogo, dobbiamo determinare una base che diagonalizzi la
H0 : scegliamo la base |n D mi di autovettori simultanei di H0 , M 2 , Mz .
Andiamo a valutare gli elementi relativi ai blocchi non diagonali della matrice eEz. Quello
che dobbiamo accertare che
|(eEz)nn0 | = eE hn D m| z |n0 D0 m0 i |En En0 |

Regola di
selezione
sulla parit

Cominciamo col notare che elementi di matrice aventi D ed D0 con la medesima parit sono
nulli senza approssimazione. Infatti, se 1 e 2 sono tali che
I1 = 1 , I 2 = 2
allora
(1 , z 2 ) = (1 , IzI 2 ) = (I1 , zI 2 ) = ( 1 , z 2 ) = (1 , z 2 )
Quella che abbiamo trovato si dice regola di selezione sulla parit: essa asserisce che gli
elementi matrice degli operatori x, y, z sono nulli tra stati con la stessa parit, cio con lo
stesso D mod 2.

IX.2 Teoria delle perturbazioni per levoluzione temporale

Vediamo il resto degli elementi fuori dai blocchi lungo la diagonale,


2

2
|hn| z |n0 i| hn| z + z |ni = hn| z 2 |ni < hn| r 2 |ni n4 rB

perci si deve avere


eEn2 rB |En En0 |
Chiaramente lapprossimazione buona per i primi livelli, poi, al crescere di n i livelli si
infittiscono e |En En0 | diviene estremamente piccola. In ogni caso noi ci limiteremo ai livelli
n = 1 e n = 2, anche perch i blocchi hanno dimensione n2 e lequazione secolare diviene
rapidamente complicata al crescere di n.
Regola di
selezione sul
momento
angolare

Se partiamo da n = 1 troviamo un solo elemento di matrice per V = eEz e questo nullo


per la regola di selezione sulla parit trovata sopra. Un altra regola di selezione che porta allo
stesso risultato la regola di selezione sul momento angolare: gli elementi di matrice
di x, y, z sono nulli tra stati s (i.e., D = 0). Per tali stati infatti, la funzione donda ha
esclusivamente dipendenza radiale, sicch i = fi (r). Invece, la qk i (r) con k = 1, 2, 3 e
i = 1, 2 ha D = 1, perci 1 e qk 2 risultano ortogonali. Da quanto detto emerge che lo stato
fondamentale risulta inavariato, almeno al primo ordine.
Passiamo a considerare il livello a n = 2. Esso formato dagli stati con D = 0 e D = 1 ed
degenere quattro volte. Si tratta allora di calcolare gli elementi di matrice
eE h2 D m| z |2 D mi
gi sappiamo che
eE h2 0 0| z |2 0 0i = eE h2 1 m0 | z |2 1 mi = 0

Regola di
selezione su Mz

Sussiste, per, unaltra regola di selezione, questa volta agente su Mz : gli elementi di
matirce di z tra autostati di Mz corrispondenti ad autovalori diversi, sono nulli. Infatti, sia
1 autovettore di Mz allautovalore m1 e 2 allautovalore m2 . Allora 1 e 2 presentano
dipendenza dallazimuth solo nel termine eimk , k = 1, 2, come, del resto, zk = r cos k .
Perci z2 ancora autovettore di Mz allautovalore m2 e perci risulta ortogonale a 1 . Ne
ricaviamo che
eE h2 0 0| z |2 1 1i = 0

Diagonalizzazione del
blocco a n = 2:
rimozione della
degenerazione

Non resta che calcolare lelemento h2 1 0| z |2 0 0i. Se si fa il conto si ottiene 3rB , per cui
la nostra matrice da diagonalizzare , nella base v1 = |2 0 0i , v2 = |2 1 0i , v3 = |2 1 1i , v4 =
|2 1 1i,

0
3eErB 0 0
3eErB
0
0 0

0
0
0 0
0
0
0 0

siccome si tratta di una matrice a blocchi, suciente diagonalizzare il blocco superiore. A


tale scopo si devono trovare le radici del polinomio
2
2 9e2 E 2 rB
= 0 = 3eErB

perci la degenerazione dellenergia del primo eccitato viene parzialmente rimossa, si ottengono
infatti 3 stati, quello a energia E2 due volte degenere, e quelli a E2 3eErB non degeneri.
Si vede subito che gli autovettori della matrice scritta sono v1 + v2 per 3eErB e v1 v2 per
3eErB . Perci ad E2 corrispondono |2 1 1i e |2 1 1i, a E2 +3eErB corrisponde |2 0 0i+|2 1 0i
e a E2 3eErB , |2 0 0i |2 1 0i.

IX.2 Teoria delle perturbazioni per levoluzione temporale


IX.2.1 Sviluppo delloperatore di evoluzione temporale
Evoluzione
temporale

Consideriamo ancora una hamiltoniana perturbata H = H0 + V con H0 risolubile e V


piccolo e, in generale, dipendente dal tempo. Invece di andare a considerare gli eetti di V

IX Metodi di approssimazione

sui livelli dellenergia, cio sugli autovalori e dunque sullequazione stazionaria, occupiamoci
dellinfluenza del termine perturbativo sullevoluzione temporale del sistema. Scriviamo allora
lequazione per loperatore di evoluzione temporale U (t, t0 ):
U
(t, t0 ) = HU (t, t0 )
t
per comprendere gli eetti ai vari ordini, torniamo a moltiplicare V per R, troviamo
U
= (H0 + V ) U
i~
t
i~

tale che
Definiamo adesso loperatore U
(t, t0 )
U (t, t0 ) + eitH0 /~ U
il che sempre possibile, essendo eitH0 /~ (evoluzione temporale per H0 ) unitario. Lequazione
diventa

itH0 /~
(t, t0 )
= (H0 + V ) eitH0 /~ U
U (t, t0 )
i~
e
t
!

U
+ eitH0 /~
+ V eitH0 /~ U

= H0 eitH0 /~ U
i~ H0 eitH0 /~ U
~
t

+ i~ U
H0 U
t

U
i~
t

+ eitH0 /~ V eitH0 /~ U

= eitH0 /~ H0 eitH0 /~ U

= V U

dove si posto
V + eitH0 /~ V eitH0 /~
Sviluppo in serie

delloperatore U

, abbiamo
Come al solito, supponiamo di poter sviluppare in loperatore U
=U
0 + U
1 + 2 U
2 + . . .
U
sicch,



2
0 + 2 V U
1 + 3 V U
2 + . . .
U0 + i~ U
U2 + . . . = V U
1 + i~
t
t
t
e si perviene al seguente sistema dinamico

i~ t U0 (t) = 0

i~ U
n (t) = V (t) Un1 (t)
t
n .
dove abbiamo sottinteso la dipendenza da t0 degli U
i~

Ordine zero

0 costante. Daltonde U deve essere pari allidentit


Dalla prima equazione troviamo che U
al tempo t = 0, quindi
0 + U
1 (0) + 2 U
2 (0) + . . .
I = U (0) = U
per ogni , perci
0 (t) = I
U

Primo ordine

(IX.5)

Ne viene che
i~


U1 (t) = V (t)
t

e perci
1 (t) = 1
U
i~

V (t1 ) dt1 + const

IX.2 Teoria delle perturbazioni per levoluzione temporale

ma, a t = 0 si ha


I = I + const +O 2

da cui

0 = const +O () const = 0
In definitiva,
1 (t) = 1
U
i~
Secondo ordine

V (t1 ) dt1

Per n = 2, si ha
1

V (t)
i~ U
2 (t) =
t
i~
perci
2 (t) =
U

1
(i~)2

dt1 V (t1 )

V (t1 ) dt1
0

t1

V (t2 ) dt2 + const

e, come prima, si trova che const = 0.


Serie di Dyson

Reiterando il procedimento per gli n successivi, abbiamo


Z t1
Z tn1
Z t
1

Un (t) =
dt1 V (t1 )
dt2 V (t2 ) . . .
dtn V (tn )
n
(i~) 0
0
0

dato dalla serie di Dyson la cui


si noti come t1 < t2 < . . . < tn . Sicch, eliminato , U
somma si indica, come noto, nel modo seguente
Z t

(t) = T exp 1
U
V (t0 ) dt0 .
i~ 0

IX.2.2 Metodo della variazione delle costanti arbitrarie


Metodo della
variazione
delle costanti
arbitrarie

Un modo del tutto equivalente per discutere la perturbazione dipendente dal tempo quello
di usare il familiare metodo della variazione delle costanti arbitrarie (lequivalenza dei due
approcci nota dalla teoria elementare delle equazioni dierenziali, vedi Analisi II per fisici ).
Esso consiste nel fissare la base di autovettori n della hamiltoniana H0 , che costituisce
linsieme completo delle autosoluzioni dellequazione di Schrdinger dipendente dal tempo,
nella quale non sia stato inserito il termine perturbativo, ed espandere la generica soluzione
dellequazione per H0 + V su tale base.
Fissato lo stato al tempo t0 , (t0 ), al tempo t lo stato diviene
X
(t) =
cn (t) n
n

dove

cn (t) = (n , (t))
Dallequazione dipendente dal tempo si ottiene

d
1

1
d
cn (t) = n , (t) =
( n , (H0 + V ) (t)) =
(n , H0 (t)) +
( , V (t))
dt
dt
i~
i~
i~ n
quindi

d
i~ cn (t) =
dt
i~

n , H0

ck (t) k

+ n , V

X
d
ck (t) (n , V k )
cn (t) = En cn (t) +
dt

X
k

ck (t) k

Denotiamo con Vnk gli elementi di matrice (che sono dipendenti dal tempo) (n , V k ) e

IX Metodi di approssimazione

facciamo la seguente posizione


ck (t) + eitEk /~ bk (t)
Troviamo
i~eitEn /~

X
d
En
bn (t) + i~eitEn /~
bn (t) = En eitEn /~ bn (t) +
eitEk /~ bk (t) Vnk
dt
i~
k
X
d
i~eitEn /~ bn (t) =
eitEk /~ bk (t) Vnk
dt
k

itEn /~

moltiplichiamo ambo i membri per e


,
X
d
eink bk (t) Vnk (t)
i~ bn (t) =
dt

(IX.6)

che una infinit numerabile di equazioni dierenziali lineari del primo ordine accoppiate.
Lo sviluppo di U in equivale allo sviluppo in di ciascun bn (t), perci scriviamo
(1)
2 (2)
bn (t) = b(0)
n (t) + bn (t) + bn (t) + . . .

Approssimazione al
primo ordine

Si ricava facilmente il seguente sistema dinamico

d (0)

i~ bn (t) = 0

dt

P ink (r1)
d

i~ b(r)
bk
(t) Vnk (t)
n (t) =
ke
dt

Ammettiamo che per t < 0 il sistema si trovi nello stato i , sicch tutti i bn (t) sono eguali
a zero tranne bi (t) (che, peraltro, sempre a tempi negativi, costante). Al tempo t = 0
la hamiltoniana ha un cambiamento anche discontinuo, a causa della comparsa del termine
aggiuntivo V (0). Daltra parte se supponiamo che V (t) rimanga finito, abbiamo che (t)
continuo in t = 0 e perci
bn (0) = ni
Ne segue che
b(0)
n
(r6=0)
bn

(t = 0) = ni
(t = 0) = 0

(0)

Si ha immediatamente che bn (t) = ni , mentre


X
d
eink t Vnk (t) ki = eini t Vni (t)
i~ b(1)
n (t) =
dt

(IX.7)

che integrata d, tenuto conto delle condizioni iniziali,


Z
1 t ini t0
(1)
bn (t) =
e
Vni (t0 ) dt0
i~ 0

Validit
dellapprossimazione: tempi
piccoli

Lequazione al primo ordine, (IX.7), si ottiene da quella esatta, (IX.6), sostituendo a ciascun
(1)
bk (t) il suo valore al tempo t = 0, cio ki . Ne segue che bn (t) bn (t) solo per tempi
sucientemente piccoli, talch si possa confondere bk (t) con bk (0).

IX.2.3 Probabilit di transizione


Un esempio di
perturbazione

Probabilit
di transizione


Consideriamo un atomo che si trovi in uno stato stazionario dellenergia Ei0 . Allistante
t = t0 inviamo sullatomo della radiazione elettromagnetica,
accendendo un campo esterno.

Il campo interagisce con latomo di modo che Ei0 cessa di essere uno stato stazionario,
dal momento che lhamiltoniana viene cambiata. Se lecito supporre che il cambiamento
dellhamiltoniana sia schematizzabile come una perturbazione, possiamo applicare al sistema
la trattazione della sottosezione precedente.
Una quantit di particolare interesse , dunque, la probabilit di trovare latomo in uno stato

IX.2 Teoria delle perturbazioni per levoluzione temporale

Probabilit di
transizione al
primo ordine


stazionario Ef0 a un tempo fissato t > t0 . Tale quantit prende il nome di probabilit di
transizione e, se gli stati iniziale e finale sono normalizzati, vale

2
2
P (i f) = Ef0 Ei0 , t = Ef0 U (t, t0 ) Ei0 =

2

(t, t0 ) Ei0
= Ef0 eitH0 /~ U

Eettuiamo il calcolo della probabilit di transizione (per


qualsiasi) al

una perturbazione
primo ordine nella perturbazione stessa, poniamo i + Ei0 e f + Ef0 e abbandoniamo la
notazione di Dirac (per semplicit di scrittura poniamo pure t0 = 0)

2
Z

1 t
P (i f) = f , eitH0 /~ I +
V (t1 ) dt1 i
i~ 0

2
Z t

1
itH0 /~

f , e
V (t1 ) dt1 i =
=

2
~
0
Z t
2

=
,
V (t1 ) dt1 i
~2 f 0
Poniamo

A (t) =
cio

V (t1 ) dt1
0

A (t) = V (t) , A (0) = 0


uniformemente o fortemente, nel senso che il limite del rapporto incrementale,
A (t) A ( )
= V ( )
t
uniforme o forte. Tuttavia, in ambedue i casi, il limite anche debole, perci preso f si ha

A (t) A ( )
lim f ,
i = f , V ( ) i
t
t
lim

sicch

e, infine,

d
(f , A (t) i ) = f , V ( ) i
dt
Z t
Z t

V (t1 ) dt1 i =
f ,
f , V (t1 ) i dt1
0

Ne deriva che abbiamo


Z
2
Z
2

1 t
1 t
it1 H0 /~
it1 H0 /~

P (i f) =
V (t1 ) e
i dt1 =
f , V (t1 ) i dt1 = 2
f , e

2
~
~
0
0
Z t
2

1
it1 Ef0 /~
it1 Ei /~
=
f , V (t1 ) e
i dt1 =
e
~2 0
Z
2

1 t it1 (Ef0 Ei0 )/~

=
e
(
,
V
(t
)

)
dt
1
1
f
i

~2 0
Dunque, al primo ordine

P (i f) =
Probabilit di
transizione al
primo ordine:
V indipendente
da t

Z
2

1 t it1 (Ef0 Ei0 )/~

e
(
,
V
(t
)

)
dt
1
1
f
i

2
~
0

Ipotizziamo adesso che V (t) sia costante sullintervallo [0, t], in questo caso
Z t
2

1
2
it1 (Ef0 Ei0 )/~
P (i f) = 2 |(f , V i ) |
e
dt1
~
0

(IX.8)

IX Metodi di approssimazione

poniamo

t1 Ef0 Ei0
+
~

sicch
~
Ef0 Ei0

Z (Ef0 Ei0 )t/~

e d

=
di modo che

0
0
~
~
1 i (Ef0 Ei0 )t/~
ei(Ef Ei )t/~ 1
= 0
e 0
=
Ef0 Ei0 i
Ef Ei0
i
0
0
i(Ef0 Ei0 )t/2~
2~
ei(Ef Ei )t/2~
i(Ef0 Ei0 )t/2~ e
e
Ef0 Ei0
2i

P (i f; t) = |(f , V i )|

(Ef0 Ei0 )

sin

Ef0 Ei0
t
2~

(IX.9)

cio P al secondo ordine nei valori medi di V . Per tempi molto piccoli si ha
0
2
4
1
Ef Ei0
2
2
P (i f) = |(f , V i ) |
t = 2 |(f , V i ) | t2
2
0
0
2~
~
(E Ei )
f

Secondo ordine:
perturbazione
costante, di
durata finita

Sopra abbiamo scritto che

(t) i
P (i f) = f , eitH0 /~ U

il suo sviluppo al primo ordine. Adesso


dopodich abbiamo proseguito sostituendo ad U
aggiungiamo termine al secondo ordine, perci

! !2

Z t
Z t1
Z

1
1 t

itH0 /~

P (i f) = f , e
dt1 V (t1 ) +
dt
dt
)
V
(t
)

I+
V
(t
1
2
1
2
i

i~ t0
(i~)2 t0
t0

si tratta cio di calcolare il modulo quadro di


!


Z t
Z t1
Z
1 t
1

f ,
dt1 V (t1 ) i + f ,
dt1
dt2 V (t1 ) V (t2 ) i
i~ t0
(i~)2 t0
t0

Del primo addendo ci siamo occupati prima, ora concentriamoci sul secondo, che denoteremo
con p2 . A questo scopo dobbiamo fare alcune ipotesi sulla dipendenza da t della perturbazione.
Se supponiamo che essa sia una radiazione elettromagnetica appare del tutto comprensibile
richiedere che abbia una durata finita. Perci V (t) avr supporto in [T, T ] e perci lecito
sostituire a t0 , .
Sviluppo
dei calcoli

Sia n un s.o.n.c. di autovettori di H0 , abbiamo


Z t

Z t1
1

p2 =
dt1 V (t1 )
dt2 V (t2 ) i =
f ,
(i~)2

Z t1
Z t
1

dt1 f , V (t1 )
dt2 V (t2 ) i =
=
2
(i~)

Z t1
Z t

X
1

+ (t1 ) f , n
dt
,
dt
)

V
(t
V

=
1
2
2
n
i
(i~)2

Tuttavia,

d
D (t)
dt
d
D (t)
dt

d X
(n , D (t) n ) n
dt n

X d
X
d
n , D (t) n n =
=
( , D (t) n ) n
dt
dt n
n
n
=

perci (nelle ipotesi in cui la derivata sia intesa in senso forte e sia chiusa assieme a D, si ha

IX.2 Teoria delle perturbazioni per levoluzione temporale

che la derivata commuta con il segno di serie, perci


Z

X
X
d t
dt1
V + (t1 ) f , n (n , W (t1 ) i ) =
V + (t1 ) f , n (n , W (t1 ) i )
dt t0
n
n
Z

X d Z t
d X t
dt1 V + (t1 ) f , n (n , W (t1 ) i ) =
dt1 V + (t1 ) f , n (n , W (t1 ) i ) =
dt n t0
dt t0
n

X
=
V + (t1 ) f , n (n , W (t1 ) i )
n

ne segue che anche la serie e lintegrale della formula di sopra si scambiano,


Z

Z t1

0
0
1 X t
it1 Ef /~
it1 En
/~
it2 En
/~
it2 Ei /~
dt

,
V
(t
)
e

dt

,
V
(t
)
e

e
e
1
1
2
2
f
n
n
i
(i~)2 n

Z t1
Z t
X
0
0
1
dt1 eit1 (Ef En )/~ (f , V (t1 ) n )
dt2 eit2 (En Ei )/~ (n , V (t2 ) i )
2
(i~) n

Definiamo adesso le frequenze di Bohr-Einstein,


E0 E
0 =
~
che corrispondono alle pulsazioni del quanto emesso dal sistema nella transizione dal livello
al livello 0 . Ne ricaviamo
Z t1
Z
1 X t
it1 fn
p2 =
dt1 e
( f , V (t1 ) n )
dt2 eit2 ni (n , V (t2 ) i )
(i~)2 n

Un artificio...

A questo punto, riscriviamo lequazione facendo uso di un artificio


Z t1
Z
1 X t
it1 fn
dt
e
(
,
V
(t
)

)
dt2 lim+ eit2 ni +t2 (n , V (t2 ) i )
p2 =
1
1
f
n
0
(i~)2 n

Siccome lintervallo in cui varia t2 finito, la convergenza

lim eit2 ni +t2 = eit2 ni

0+

uniforme,

sup eit2 ni +t2 eit2 ni = sup et2 1 = eT 1

[T,T ]

[T,T ]

che converge a 0. Ne segue che il limite si scambia con il primo integrale. Consideriamo ora
Z t1
dt2 eit2 ni +t2 (n , V (t2 ) i )
f (t1 ) + lim+
0

e mostriamo che essa converge uniformemente a


Z t1
f (t1 ) +
dt2 eit2 ni ( n , V (t2 ) i )

di modo da scambiare il limite con il secondo integrale. Abbiamo


Z t1

sup
dt2 eit2 ni +t2 eit2 ni (n , V (t2 ) i )
[T,T ]

T
Z t1
e 1 Z T
t

sup
dt2 e 1 |(n , V (t2 ) i )|
dt2 et2 1 |(n , V (t2 ) i )| 0
2T
t1 [T,T ] T
T

Dunque, troviamo
Z t1
Z t
1 X
it1 fn
p2 =
lim
dt1 e
(f , V (t1 ) n )
dt2 eit2 ni +t2 (n , V (t2 ) i )
(i~)2 n 0+

IX Metodi di approssimazione

daltra parte i termini della successione convergono uniformemente, essendo


Z t

Z t1

t2
it1 fn
it2 ni

sup
dt1 e
(f , V (t1 ) n )
dt2 e
e 1 (n , V (t2 ) i )
n

Z T
Z T

T
e 1 sup
dt1 |(f , V (t1 ) n )|
dt2 |(n , V (t2 ) i )| 0
n

infine,

p2 = lim+
0

... e la
trasformata
di Fourier

1
(i~)

XZ
n

dt1 e

it1 fn

(f , V (t1 ) n )

dt2 eit2 ni +t2 (n , V (t2 ) i )

(t), abbiamo
dt
V (t) eit
2
d v () eit

Z
Z

it
(, V (t) ) = , d v () e
= d , v () eit

sicch
p2 = lim+
0

t1

Introduciamo la trasformata di Fourier di V


Z
v () =
Z
V (t) =

perci

1
(i~)

XZ
n

dt1 e

it1 fn

(f , V (t1 ) n )

t1

it2 ( ni )+t2

dt2 e

d (n , v () i )

Andiamo a calcolare
t1
Z t1
eit2 (ni )+t2
eit1 (ni )+t1
it2 (ni )+t2
dt2 e
=
=
i ( ni ) + i ( ni ) +

grazie alla presenza di > 0. Sostituiamo nellespressione per p2 ,


Z
Z
(n , v () i )
1 X t
it1 ( fn + ni )
t1
dt1 e
( f , V (t1 ) n ) e
d
=
p2 = lim+
2
i
(ni ) +
0 (i~)

n
Z
Z
1 X t
(n , v () i )
it1 ( fn + ni )
lim
dt1 e
( f , V (t1 ) n ) d
2
i
(ni ) +
0+ (i~)

n
ora,
fn + ni =
Prendendo t > T
p2

=
=

lim+

lim+

1
(i~)

XZ
n

dt1 eit1 (fi ) (f , V (t1 ) n )

Z
2 X

(i~)2

Ef0 En0 + En0 Ei0


= fi
~

(n , v () i )
=
i (ni ) +

( f , v (fi ) n ) ( n , v () i )
i (ni ) +

IX.2.4 Regola doro di Fermi


Considerazioni
fisiche

Nella sottosezione precedente abbiamo calcolato le probabilit di transizione tra due autostati
di H0 . Dal punto di vista operativo (in laboratorio) le formule trovate, in linea di principio,
non danno problemi se si considerano autovalori discreti di H0 . Le cose cambiano quando
si passa a considerare Ef0 con Ef0 appartenente alla regione continua dello spettro di H0 .
Infatti, non possibile isolare fisicamente il sistema in un autostato ad autovalore continuo e
perci misurare eettivamente la probabilit di transizione. In generale, non si potr parlare
di uno stato finale ad energia Ef , ma di un certo insieme di stati finali ad energia vicine ad Ef
che siano individuati dagli strumenti che si impiegano per rilevare tali stati (e perci da altre
osservabili).

IX.2 Teoria delle perturbazioni per levoluzione temporale


Un esempio
concreto

Per comprendere meglio quanto detto, consideriamo un esempio concreto. Supponiamo di


avere una particella di massa m (priva di spin) che venga a incidere in una zona dove presente
un potenziale V (x). Consideriamo la diusione della particella da parte di tale potenziale.
Lo stato (t) al tempo t della particella pu essere espanso in serie di autostati dellimpulso p e
2
dellenergia E = |p| /2m. La distribuzione di probabilit associata a una misura dellimpulso

2
sullo stato (t) vale p , (t) dove p + |pi. Lo studio del fenomeno svolto misurando
limpulso finale pf della particella con un rivelatore che entrer in funzione se |f | < f
e |Ef E| < E. Se indichiamo con Df linsieme degli impulsi rivelati dal nostro strumento,
abbiamo che la probabilit di ottenere il segnale dal ricevitore
Z

2
P (pf , t) =
d3 p p , (t)
Df

Ora,

d3 p = p2 dp d
se esprimiamo p2 dp in funzione dellenergia abbiamo
r

m
2
dE = m 2mE dE
(E) dE + p dp = 2mE
2E
dove la quantit (E) viene definita densit degli stati finali, e dipende, come emerge
dallesempio, dalle quantit che si riescono fisicamente a misurare per caratterizzare lo stato
finale che si trova a autovalori continui di E. Nel caso del nostro esempio si trova allora
Z

2
P (pf , t) =
d dE (E) p , (t)
Df0

Caso generale

Vediamo come si traduce lesempio esposto in termini generali. Supponiamo che, in un certo
problema, certi autostati di H0 appartengono allo spettro continuo e perci siano etichettati
da una variabile continua per cui
h |0 i = ( 0 )
Al tempo t il sistema sia descritto dal ket normalizzato | (t)i. Vogliamo calcolare la
probabilit P (f , t) di trovare il sistema, dopo una misura, in un dato gruppo di stati finali,
caratterizzato dal dominio Df dei valori centrato attorno a f . Si ha allora
Z
P (f , t) =
d |h | (t)i|2
Df

A questo punto, come nellesempio, cambiamo variabile, passando dalletichetta agli


autovalori E dellenergia, introducendo la densist degli stati finali (E). Siccome in generale
H0 non forma un set completo, oltre ad E dobbiamo usare parametri che corrispondono alle
misure di osservabili che completano H0 . Abbiamo allora
d = (, E) d dE
da cui
P (f , t) =

Df0

d dE (, E) |h, E | (t)i|

(IX.10)

dove h, E| = h|, poich h| un autobra dellenergia, dal momento che una buona
etichettatura per gli autostati dellenergia. Nellesempio di sopra, p, .
Derivazione
della regola
doro di Fermi

Consideriamo un sistema che si trova inizialmente nello stato normalizzato a 1 i = (0) che
sia autovettore di H0 e sia (t) il suo evoluto (normalizzato a 1 e perci fisicamente ottenibile)
al tempo t. Per sottolineare la dipendenza della P da i , modifichiamo la (IX.10) ponendo
P (i , f , t). Se assumiamo che la perturbazione tra 0 e t sia costante, possiamo scrivere

2
E Ei
4
2
|h, E | (t)i|2 = P (i , E) = ,E , V i
sin
t
2~
(E Ei )2

IX Metodi di approssimazione

Otteniamo allora
P (i , f , t) =

Df0

2
d dE (, E) ,E , V i

4
(E Ei )2

sin2

E Ei
t
2~

Supponiamo che il dominio per sia molto piccolo ( f ) sicch sia la dipendenza da di
(, E) (che tra laltro non detto sussista), sia lintegrazione su siano del tutto trascurabili,
allora troviamo

2
E Ei
4

2
P (i , f , t) = dE (E) f ,E , V i
sin
t
=
2
2~
(E Ei )

2
E Ei
4~2

2
sin
dE (E) f ,E , V i
t
=
~2
2~
(E Ei )2
Notiamo che

perci

sin2 x
dx =
x2

sin2 xt
t = (x)
t x2 t2
(vedi MMF). Se dunque possiamo pensare che la perturbazione si estenda su tempi
sucientemente lunghi (discuteremo la cosa fra poco), abbiamo
lim

sin2 xt
t (x)
x2

(IX.11)

da cui

E Ei

dE (E) f ,E , V i t
P (i , f , t) =
=
~2
2~
Z

2
2
2
2~

dE

(E)

,
V

t
(E

E
)
=
,
V

,E
i

,E
i
i
f
f
~2
~
se Ei appartiene al dominio attorno a Ef .

Validit delle
approssimazioni

Regola doro
di Fermi:
caso continuo

Chiaramente la sostituzione (IX.11) una approssimazione ulteriore. Infatti, (come abbiamo


visto in precedenza) la teoria delle perturbazioni valida per tempi piccoli. In eetti, se la
perturbazione piccola la probabilit che il sistema abbandoni un autostato dellenergia deve
essere piccola, cio
2
2

f ,Ei , V i t 1
~
(questa diseguaglianza valga come ordine di grandezza: per ricavarla rigorosamente, dovremmo
confrontare i termini del primo ordine con quelli degli ordini superiori, cosa che non faremo).

Quello che andiamo a calcolare lintegrale di (E) f ,E , V i pesato dalla funzione

E 0 Ei
sin2 xt
,
x
=
x2
2~
che ha la forma riportata in figura 1. Dunque, lapprossimazione sensata se lelemento di

matrice f ,E , V i pressoch costante entro i primi due zeri, localizzati in x = /t.


Si deve cio avere

f ,Ei , V i
2~
1 per |E Ei | + E .

2
t

f ,E , V i
Nelle condizioni discusse, vale allora la regola doro di Fermi
2
2

w ( i , f ) =
f ,Ei , V i ( f , Ei )
~

(IX.12)

IX.3 Teoria semiclassica della radiazione

Figura 1. sin2 (xt) /x2

dove
P (i , f , t)
dt
la probabilit di transizione per unit di tempo e per unit di intervallo della variabile .
Si noti che la regola di Fermi pu essere utilizzata anche in situazioni diverse da quelle
prospettate. In altre parole, pu succedere di fissare univocamente e di cercare la probabilit
di transizione su tutte le possibile energie (ad autovalori continui) a uno stato che abbia il
dato . In tal caso lintegrazione su non viene eseguita e la densit degli stati costante.
Si osservi, daltra parte, che nel caso in cui si parta dalla variabile , la probabilit per
unit di tempo e possa essere nulla, se Ei non appartiene al dominio Df , visto che si ha
una (E Ei ) e in pratica stato finale e stato iniziale hanno la stessa energia (tipico delle
perturbazioni costanti).
w (i , f ) +

Regola di Fermi:
caso discreto

Pu verificarsi il caso in cui gli stati finali siano quantizzati, ma molto densi Consideriamo
nuovamente lesempio di unonda che piana che incida su una regione nella quale presente il
potenziale V , in questo caso la direzione dellonda uscente. Se confiniamo il volume in un
volume limitato, troviamo le condizioni al contorno seguenti
2~
2~
Lx = nx x = nx
px =
nx
px
Lx
da cui si ha quantizzazione. Tuttavia, per Lx sucientemente grande, possiamo supporre che
i livelli dellenergia siano distribuiti in modo praticamente continuo, sicch si pu definire una
densit (E) dei livelli energetici,
(E) dE = dn
dove dn il numero di livelli presenti tra E e E + dE. In queste condizioni, si ha, supposto
fissato univocamente,
Z
X
P (i ; t) =
P (i |En , i ; t) = (E) dE P (i |E, i ; t)
n

perci, nelle ipotesi discusse sopra si ha

2
P (i ; t)
2
=
(Ei ) ,Ei , V i
t
~
Le equazioni (IX.12), (IX.13) vanno sotto il nome di regola doro di Fermi.

(IX.13)

IX.3 Teoria semiclassica della radiazione


IX.3.1 Atomo in campo di radiazione
Lo studio dellinterazione tra la radiazione e la materia un argomento estremamente

IX Metodi di approssimazione

complesso, perch, se arontato correttamente, richiederebbe la quantizzazione del campo


elettromagnetico. Noi ci limiteremo a una breve esposizione della teoria semiclassica, nella
quale la meccanica quantistica viene applicata agli atomi, mentre il campo elettromagnetico
trattato in modo classico.
Atomo in campo
di radiazione

Consideriamo un atomo immerso in un campo di radiazione. Utilizziamo la gauge di Coulomb,


per cui (nel caso di campo di radiazione)
= 0
A = 0, div A = 0
Dalla meccanica analitica, noto che la hamiltoniana dellatomo immerso in campo esterno
si ottiene dalla H0 , hamiltoniana dellatomo, sostituendo agli impulsi p le quantit
e
p + A (q , t)
c
con e carica elettrica (positiva) dellelettrone.

Hamiltoniana
dellatomo
in campo di
radiazione

Se ne ricava che la nuova hamiltoniana


Z
2
X
1
e
H=
p + A (q , t) + V (q1 , . . . , qZ )
2m
c
=1

sicch

H=

Z
Z
Z
2
X
e2 X
e X
|p |
(p A (q , t) + A (q , t) p ) +
|A (q , t)|2 + V
+
2
2m
2mc
2mc
=1
=1
=1

Per compattare lequazione scritta, andiamo a calcolare il commutatore tra impulso e


potenziale vettore
pAAp=
sicch
H = H0 +

3
X
j=1

[pj , Aj ] =

3
X
j=1

i~

Aj
= i~ div A = 0
qj

Z
Z
e X
e2 X
p A (q , t) +
|A (q , t)|2
mc =1
2mc2 =1

Ovviamente riguarderemo W (t) come termine perturbativo.


Siccome ci limiteremo
allapprossimazione al primo ordine, dobbiamo trascurare lultimo addendo in H poich
di ordine e2 , dunque confrontabile con lapprossimato al secondo ordine del primo addendo
perturbativo.
Approssimazione
di dipolo

Adesso andiamo a calcolare la probabilit di transizione (al primo ordine) tra due diversi
autostati di H0 , i = |Ei i e f = |Ef i. Abbiamo, grazie alla (IX.8)

2
Z Z

1 e X T /2 it(Ef Ei )/~

e
(f , p A (q , t) i ) dt
P (i f) = 2

~ mc =1 T /2

Introduciamo una ulteriore approssimazione, ponendo A (q , t) A (0, t) + A (t),


discuteremo pi tardi la validit di una tale assunzione. In ogni caso, si ha

2
Z Z

1 e X T /2 it(Ef Ei )/~

e
(f , p i ) A (t) dt =
P (i f) =

~ mc =1 T /2

2
Z Z

1 e X T /2 it(Ef Ei )/~
m

=
e
,
,
H
]

A
(t)
dt
[q

0
f
i

~2 mc =1 T /2
i~

2
Z Z

1 e 1 X T /2 it(Ef Ei )/~

=
e
((
,
q
H

(
,
H
q

))

A
(t)
dt

0
0

f
i
f
i
2

~ c i~ =1 T /2

IX.3 Teoria semiclassica della radiazione

1
~2

Z Z
2

e X T /2

1
Ef Ei

it(Ef Ei )/~
e
i
(f , q i ) A (t) dt = 2

~
~
=1 T /2

X 2

=1

Richiediamo ora che la radiazione sia diversa da 0 solo nellintervallo lungo T di integrazione,
in tale ipotesi, integrando per parti, lintegrale diventa
Z
Z
e T /2 deit(Ef Ei )/~
e T /2 it(Ef Ei )/~
A
e
(f , q i )
I =
(f , q i ) A (t) dt =
dt
c T /2
dt
c T /2
t
sicch, se con E indichiamo il campo di radiazione sullatomo

Z T /2
Z T /2
1 A
eit(Ef Ei )/~ (f , eq i )
eit(Ef Ei )/~ (f , eq i ) E (0, t) dt
dt =
I =
c
t
T /2
T /2
che prende il nome di approssimazione di dipolo, visto che loperatore eq = D
loperatore di dipolo.
In definitiva,
1
P (i f) = 2
~
Validit
dellapprossimazione di dipolo

Z
2
Z T /2
X

itfi /~
( f , eq i )
e
E (0, t) dt

T /2
=1

Come si vede, nellintegrale compare solo la componente alla frequenza di Fourier fi del
campo elettromagnetico. Siccome E obbedisce allequazione di dAlembert, vale lequazione
di dispersione
2
2~
=
c=
c
fi
Ef Ei

daltronde Ef Ei dellordine di e2 /rB , perci

~c
2~
rB c = 2rB 2 (137 2) rB = rB
2
e
e
dunque, ragionevole porre, E (q , t) E (0, t). Si usato la nota costante di struttura
fine,

e2
1
=
~c
137.035 999 76 (50)

IX.3.2 Teoria del corpo nero di Einstein


Definiamo le componenti di Fourier del campo elettrico come segue
Z T /2
j () = 1
eit Ej (t) dt
E
T 1/2 T /2
Allora troviamo
T
P (i f) = 2
~
Corpo nero

Z 3
2
X X

k (fi )
(f , eqk i ) E

=1 k=1

Se adesso consideriamo un grande insieme di atomi immersi in una radiazione E di corpo


nero (isotropa e incoerente, grazie allisotropia non si deve pi specificare lorigine per il campo
E), troviamo
Z 3
2

T X X
) E
k (fi ) =
P (i f) =
(
,
eq

f
i
k

~2
=1 k=1

Z
3


T X X
(fi )
k ( fi ) f , eq i E
(f , eqk i ) E
j
j
2
~ =1
k,j=1

IX Metodi di approssimazione

ma, per lisotropia i termini diagonali si annullano (sono scorrelati)


P (i f) =
=
cio

Z X
Z
3
3

2
2 X
T XX
)|2 E
k ( fi ) = T E
1 (fi )
|(
,
eq
|( f , eqk i )|2 =

f
i
k
~2 =1
~2
=1
k=1

k=1

Z
2 X
2
T
T

2
2
E
(
)
|(f , D i )| = 2 E
1 fi
1 ( fi ) |( f , D i )|
2
~
~
=1

2
1
P (i f)

2
(
)
= 2 E
1
fi |( f , D i )|
T
~

Ora, si ha

u ( fi ) =
dunque

2
3

E1 (2 fi )
2

2
P (i f)
= 2 u ( fi ) |( f , Di )|2 = Bfi u ( fi )
T
3~
ossia la probabilit per unit di tempo che un atomo passi dallo stato |Ei i allo stato |Ef i
per eetto dellinterazione con una radiazione isotropa e incoerente proporzionale, secondo
Bfi , alla densit spettrale della radiazione alla frequenza di Bohr-Einstein corrispondente alla
transizione.
Utilizzeremo questo risultato nel ripercorrere la trattazione ala Einstein del corpo nero.
Teniamo ferme tutte le conoscenze sulla termodinamica della radiazione nera (a parte la legge
di Planck) che abbiamo imparato nel corso del capitolo II.
Ipotesi di
Einstein per
la trattazione
del corpo nero

Poniamo, con Einstein, le seguenti ipotesi


esistono livelli energetici per gli atomi e per le molecole: caratteristica della transizioni tra
i livelli m e n la frequenza emessa (se m > n) o assorbita (se m < n), mn ;
la probabilit (nellunit di tempo) di transizione tra i livelli m e n per latomo immerso
in un campo di radiazione nera proporzionale alla densit spettrale calcolata in mn ,
m
secondo i coecienti B m
n (emissione) o B n (assorbimento);

esiste una probabilit Amn (nellunit di tempo) non nulla che avvenga un decadimento
spontaneo (cio in assenza di stimolazione esterna) dal livello m al livello n < m per
emissione di radiazione;

vale la distribuzione classica di Boltzmann.


Equilibrio
termodinamico

Allequilibrio termodinamico deve sussistere leguaglianza tra il numero di atomi che cadono
da m a n e il numero di atomi che salgono da n a m
En /kB T
N eEm /kB T (Amn + B m
B m
n u ( mn )) = N e
n u ( mn )

da cui si ricava
Amn

u ( mn , T ) =

m
e(Em En )/kB T B m
B

n
n u ( mn )
Amn
m
e(Em En )/kB T B m
n B n

se adesso ammettiamo che, come si ricava sperimentalmente, per T +, u +, si deve


ammettere che
m
m
B m
n = B n + Bn

perci
u ( mn , T ) =

Amn /Bnm
e(Em En )/kB T 1

IX.4 Metodo variazionale


Imposizione
delle leggi
di Wien e
Rayleigh-Jeans

Imponiamo, quindi, la legge di Wien, per cui


u (, T ) = 3 f
sicch abbiamo
Em En
Amn
Bnm

= h
= C 3

e perci ricaviamo la legge di Bohr in modo autonomo (ecco perch si parla di frequenze di
Bohr-Einstein). In definitiva,
u (, T ) =

C 3
eh/kB T

1
a piccole frequenze (approssimazione delle alte temperature) deve valere la legge di RayleighJeans,
8
u (, T ) = 3 2 kB T
c
sicch
C 2
8h
8
kB T
= 3 2 kB T C = 3
h
c
c
Ritroviamo con il ragionamento di Einstein la legge di Planck
u (, T ) =
Vita media degli
stati eccitati

8 3
h
c3 eh/kB T 1

Abbiamo cos trovato le leggi di Planck e Bohr, ma in pi abbiamo introdotto il concetto di


emissione spontanea e dimostrato che
Amn
8h 3
8h 3 m
=

A
=
Bn
mn
Bnm
c3
c3
adesso torniamo a imporre quanto sappiamo dalla teoria moderna della meccanica quantistica,
Bnm + Bmn
Amn
Bnm

8h 3 m
Bn
c3
2
2
+ Bmn = 2 |(m , Dn )|
3~
=

perci
83 3 ~ 1
4 3
2
2
|(
,
D
)|
=
|(m , Dn )|
m
n
c3 3~2
3~ c3
Possiamo valutare la vita media degli stati eccitati :
2 3
1
e
4 3 2 2
4
4 3
2
2
|(
,
D
)|

e
r

e2 rB
=
=
m
n
B
3
3
4
3

3~ c
3~ c
3~ c
rB

4 3 1010 1
4c e8 1
=
= 1010 109 s
=
4
4
4
8
3 ~ c rB
3 10
(137)
Amn = 4

Emissione
spontanea ed
elettrodinamica
quantistica

Concludiamo notando che lemissione spontanea non pu essere spiegata senza quantizzare
il campo elettromagnetico e passare a scrivere lhamiltoniana del sistema composto atomocampo. Se latomo fosse isolato non ci sarebbe ragione per cui spontaneamente dovrebbe
decadere, fatto sta che latomo indissolubilmente legato al campo e si trova solitamente
in stati entangled nel prodotto tensore Hatomo Hem . Lo studio di questi apetti si compie
nellambito dellelettrodinamica quantistica.

IX.4 Metodo variazionale


Il metodo variazionale consente di determinare un limite superiore allenergia dello stato

IX Metodi di approssimazione

fondamentale, perci trova largo impiego nelle applicazioni (ne vederemo una, quando
considereremo latomo di elio).

IX.4.1 Una propriet dello stato fondamentale


E0 come limite
minimo di hHi

Se E0 lautovalore minimo della hamiltoniana H, allora


hHi =

(, H)
E0
(, )

e leguaglianza viene a sussistere se e solo se E (E0 , H) cio H = E0 .


Dimostrazione

Proviamo lasserto. Sia n(k) un s.o.n.c. di autovettori di H. Sviluppiamo su tale base.


Abbiamo
X
(k)
=
c(k)
n n
n,k

da cui

(, H)
=
(, )

P (k) 2
(k) 2
E0 n,k cn
cn En
P (k) 2 P (k) 2 = E0 .
n,k cn
n,k cn

n,k

Si vede subito che se H = E0 , vale leguaglianza. Vediamo linverso, cio sia


P (k) 2
n,k cn En
(, H)
= P
E0 =

(, )
(k) 2
c

n
n,k

X
2
0 =
cn(k) (En E0 )
n,k

Siccome tutti gli addendi sono non negativi, deve essere, per ogni n, k,

(k) 2
cn (En E0 ) = 0
(k)

Ora, se n 6= 0, certamente En E0 > 0, perci cn = 0. Ne segue che


X (k) (k)
=
c0 0
k

di modo che H = E0 .

Applicazione
del risultato

Nota questa propriet del valor medio dellhamiltoniana, si procede ad approssimare


E0 , scegliendo una famiglia di vettori () H (normalizzati) dipendenti dallinsieme di
parametri e procedendo a minimizzare il funzionale
hHi () = ( () , H ())
Quello che si trova certamente un limite superiore per .

IX.4.2 Il teorema di Ritz


In questa sottosezione generalizzeremo il risultato ottenuto sopra. Mostriamo cio il seguente
Teorema IX.1
(di Ritz)

Dimostrazione

Il valor medio dellhamiltoniana H stazionario in un intorno di ciascun autovalore discreto.


Consideriamo un vettore e calcoliamo il valor medio di H su tale stato
hHi =

(, H)
(, )

(IX.14)

e riguardiamolo come funzionale sullo spazio dei vettori . Consideriamo ora una variazione
infinitesima di , descritta da . Scritta la (IX.14) nella forma
hHi (, ) = (, H)

IX.4 Metodo variazionale

andiamo a dierenziarla su ambo i membri


hHi (, ) + hHi (, ) = (, H)
Ora, per eetto di una variazione e il prodotto scalare (, ) diventa
( + , + ) = (, ) + (, ) + (, ) + (, )
perci, al primo ordine,
(, ) = (, ) + (, )
Sostituendo nellequazione di sopra,
hHi (, ) + hHi [(, ) + (, )] = (, H) + (, H)
ma
H = H ( + ) H = H,
infine,
hHi (, ) + hHi [(, ) + (, )] = (, H) + (, H)
Siccome hHi un numero reale, possiamo scrivere
hHi (, ) = (, hHi ) (, hHi ) + (, H) + (, H)
hHi (, ) = (, [H hHi] ) + (, [H hHi] )

(IX.15)

Il valor medio di H sar stazionario se hHi = 0, cio


(, [H hHi] ) + (, [H hHi] ) = 0
Poniamo
+ [H hHi]
allora
(, ) + (, ) = 0
La relazione scritta deve sussistere per ogni vettore infinitesimo , in particolare per
= () ,
dove un numero reale arbitrario e molto piccolo. In tal caso, per ogni ,
2 (, ) = 0
sicch
(, ) = 0
ossia
H = hHi
Perci, se hHi stazionario, il vettore cui hHi corrisponde, autovettore dellhamiltoniana
allautovalore hHi.
(c.v.d.)

Il viceversa deriva in modo ovvio dalla (IX.15).


Il metodo variazionale proposto nella prima sottosezione, pu allora essere esteso: se i
vettori prova sono () essi inducono il funzionale hHi (): ciascun valore stazionario di
tale funzionale approssima un autovalore dellhamiltoniana.

IX.4.3 Teorema del viriale e livello fondamentale dellelio


Hamiltoniana
per un
potenziale
omogeneo

Consideriamo un sistema ad n gradi di libert, avente hamiltoniana


n
X
p2j
H=
+ V (q1 , . . . , qn ) + T + V
2mj
j=1

IX Metodi di approssimazione

Sia V una funzione omogenea di grado k, cio sia


V (tq) = tk V (q)
e dal teorema di Eulero si trova
n
X

qj

j=1

Dimostrazione
del teorema
del viriale

V
= kV.
qj

Dal postulato di quantizzazione, si ottiene

n
n
n
X
X
X
H
H
[pj qj , H] =
(pj [qj , H] + [pj , H] qj ) = i~

qj =
pj
pj
qj
j=1
j=1
j=1

!
n
X
p2j
V
= i~
qj
= i~ (2T kV )
mj
qj
j=1
Allora se autovettore di H allautovalore discreto E, si ha
n
X
(, [pj qj , H] ) = i~ (, (2T kV ) ) = 2i~ (, T ) i~k (, V )
j=1

Siccome
n
n
n
X
X
X
(, [pj qj , H] ) =
((, pj qj H) (, Hpj qj )) =
(E (, pj qj ) (H, pj qj )) =
j=1

j=1

n
X
j=1

si ha

j=1

(E (, pj qj ) E (, pj qj )) = 0

2i~ (, T ) i~k (, V ) = 0 2 hT i = k hV i
Daltra parte, siccome
hT i + hV i = E
si ottiene
k
2
E; hV i =
E
k+2
k+2
che la versione quantistica del teorema del viriale.
hT i =

Campo
coulombiano
e oscillatore

Notiamo che il potenziale coulombiano omogeneo di grado 1, perci


hV i = 2E
mentre loscillatore armonico omogeneo di grado 2, perci hT i = hV i = 1/2En per ogni n.

Elio:
hamiltoniana

Applichiamo ora metodo variazionale e teorema del viriale al calcolo (approssimato)


dellenergia dello stato fondamentale dellatomo dellelio. Lhamiltoniana quella di due
elettroni, nel campo di una carica positiva Ze:
2

H=
con

|p1 |
Ze2
|p2 |
Ze2
e2

+
= H0 + H 0
2m
|q1 |
2m
|q2 | |q1 q2 |
H0 =

e2
|q1 q2 |

Siccome H0 separabile in due hamiltoniane risolubili, H0 risolubile. Perci, riguardando


H 0 come una perturbazione, potremmo andare a fare il calcolo dei livelli usando la teoria delle
perturbazioni, troverremo, ed un fatto tipico, un risultato peggiore di quello che si ricava
usando il calcolo variazionale.
Scelta delle
funzioni di prova

Per usare il metodo variazionale, occorre in primo luogo scegliere le funzioni donda di prova.
A questo scopo siamo guidati da considerazioni fisiche: i due elettroni praticamente risentono
di un campo ecace che dato da una carica Z 0 < Z, a causa dello schermaggio operato

IX.4 Metodo variazionale

dallaltro elettrone sul nucleo. Possiamo allora fissare Z 0 come parametro e prendere per
(q1 , q2 , Z 0 ) il prodotto delle funzioni donda del livello fondamentale per due idrogenoidi
con carica Z 0 :
3
0
0
1 Z0
0
(q1 , q2 , Z ) = 100 (q1 ) 100 (q2 ) =
4eZ r1 /rB eZ r2 /rB
4 rB
Calcoliamo

hHi (Z 0 ) = ( (q1 , q2 , Z 0 ) , H0 (q1 , q2 , Z 0 )) + ( (q1 , q2 , Z 0 ) , H 0 (q1 , q2 , Z 0 ))


Caratterizzazione
elettrostatica
di hH 0 i

Abbiamo
0

( (q1 , q2 , Z ) , H (q1 , q2 , Z )) =

Z Z

d3 q1 d3 q2 |100 (q2 )|2 |100 (q1 )|2

e2
|q1 q2 |

Lintegrale di sopra ha uninteressante caratterizzazione.


Consideriamo la seguente
distrubuzione elettrostatica di carica
0
eZ 03
e3 r
2
(q) + e |100 (q)| = 3 e2Z |q|/rB =
e
rB
8
Se il potenziale generato da tale distribuzione, lenergia elettrostatica dovura alla presenza
di tale distribuzione, di una seconda distribuzione 0 (q) dato dal seguente integrale
Z
U = 0 (q) (q) d3 q

ma

(q) =
perci se poniamo 0 = , abbiamo
U=
perci

Z Z

(q1 ) 3
d q1
|q1 q|

(q2 ) (q1 ) 3
d q1 d3 q2
|q1 q2 |

( (q1 , q2 , Z 0 ) , H 0 (q1 , q2 , Z 0 )) = U
Calcoliamo allora facendo uso del teorema di Gau. La cosa di semplice attuazione, dal
momento che 100 a simmetria sferica, perci
Z
4 r e3 r 2

r dr
e
E
r = E (r) = 2
r 0
8

Lintegrazione si fa subito usando la formula


Z
n Z
n d
rn er dr = (1)
ekr dr
dn
e si ottiene
r

Z
4 r e3 r 2
1 r 2 r
e
E (r) = 2

r dr = e
+ e
+ e
e
r 0
8
r2
r
2
integrando ancora si ha il potenziale,

(r) = e
e, infine,
U = 4

Valor medio
di H0

er 1 r
+ e
r
2

(r) (r) r 2 dr =

5 Z 0 e2
.
8 rB

Veniamo a calcolare il secondo valor medio


( (q1 , q2 , Z 0 ) , H0 (q1 , q2 , Z 0 ))

IX Metodi di approssimazione

Per fare questo riscriviamo H0 :

2
2
|p1 |
Z 0 e2 |p2 |
Z 0 e2
(Z Z 0 ) e2 (Z Z 0 ) e2
H0 =

+
+
2m
|q1 |
2m
|q2 |
|q1 |
|q2 |
Il primo addendo porta come valor medio
+
*
2
2
Z 02 e2
Z 0 e2 |p2 |
Z 0 e2
Z 02 e2
|p1 |
=

=2
2m
|q1 |
2m
|q2 |
2rB
rB
poich la funzione scelta ne autovettore. Veniamo al secondo addendo. Dal teorema del
viriale abbiamo

e2
Z 02 e2
e2
Z 0 e2
Z 0 e2 Z 0 e2

=2

= 2

|q1 |
|q2 |
rB
|q1 | |q2 |
rB
sicch

Infine,

(Z Z 0 ) e2 (Z Z 0 ) e2
+
|q1 |
|q2 |

hH0 i =
Valor medio
di H e sua
minimizzazione

Si ha dunque

= 2Z 0 (Z Z 0 )

e2
rB

e2
Z 02 e2
e2
2Z 0 (Z Z 0 )
= Z 02 2Z 0 Z
rB
rB
rB
hHi =

che minimo per

1
Z =
2
0

sicch

5
Z 2Z Z + Z 0
8
02

e2
rB

5
5
2Z +
=Z
8
16

2 2
5
e2
e
E0 Z
2.85
16
rB
rB

contro il valore sperimentale che

E0exp 2.90

e2
.
rB

IX.5 Approssimazione semiclassica (WKB)


OQM e QM

Abbiamo avuto modo di studiare le condizioni di quantizzazione dei pionieri della meccanica
quantistica nel capitolo III. In particolare, abbiamo studiato i postulati di Bohr e abbiamo visto
come essi conducono a risultati corretti per latomo di idrogeno. Abbiamo anche sottolineato
come quelle di Bohr o de Broglie non potessero essere considerate come vere e proprie nuove
teorie, perch incomplete e incongruenti. Tuttavia, ci si pu chiedere come mai quelle teorie
conducessero a risultati corretti in alcuni ambiti. giunto il momento di confrontarle con la
teoria moderna che abbiamo sviluppato a partire dal capitolo IV.

Approssimazione WKB

Per far questo opereremo nella terra di nessuno (almeno per ora, nella nostra trattazione!)
tra meccanica classica e meccanica quantistica, andando a sviluppare lapprossimazione
semiclassica o WKB, dai nomi di coloro che la proposero, Wentzel, Kramers e Brillouin.

IX.5.1 Limite classico della meccanica quantistica


La costante
di Planck

Abbiamo introdotto la costante h con Planck per quantizzare loscillatore armonico secondo
(ad esempio) le regole di Bohr. Da allora abbiamo cominciato a sviluppare la meccanica
quantistica e a perdere la meccanica classica. Sia la quantizzazione di Bohr che il postulato di
quantizzazione dipendono da h, anzi da ~ = h/2, perci ci si aspetta che per ~ 0 si ritrovi
la meccanica classica. Per esempio, se fosse ~ = 0, le osservabili tornerebbero a commutare!

IX.5 Approssimazione semiclassica (WKB)

Lapprossimazione semiclassica consiste proprio in uno sviluppo in ~, talch lordine zero


corrisponde alla fisica classica.
Fisica classica e
fisica quantistica

Equazioni
del moto

Vogliamo procedere a confrontare i risultati della fisica classica con quelli della meccanica
quantistica. Nella fisica classica, lo stato di una particella completamente determinato una
volta assegnati (a un dato istante) i valori di q e di p, mentre in meccanica quantistica lo
stato dato quando, a un dato istante, sia assegnata la funzione donda (q).
Chiaramente la fisica classica approssimer tanto meglio quella quantistica, quanto pi le
fluttuazione q e p sono piccole, sicch si potr porre pcl = hpi e qcl = hqi. Questo sar vero
per gli stati di minima indeterminazione, e, in generale, per quegli stati tali che (q) e la sua
trasformata di Fourier sono sostanzialmente diverse da 0 solo in prossimit dei valori medi.
Certamente, anche se la condizione trovata vera a un certo istante, si pone il problema che
sia verificata ad ogni instante, cosa generalmente falsa, dal momento che il vuoto un mezzo
dispersivo per le onde di de Broglie.
Dato che dobbiamo confrontare (pcl , qcl ) con (hpi , hqi), consideriamo le seguenti equazioni

d
1
d +
d hqi
=
,
U qU = , qH (t) = , [qH (t) , HH (t)]
dt
dt
dt
i~

d
1
d
d hpi
=
,
U + pU = , pH (t) = , [pH (t) , HH (t)]
dt
dt
dt
i~

Siccome U ed H commutano, HH = H dunque

i~
i~
H
[qH (t) , HH ] = U + qU, H = U + [q, H] U = i~U +
U = U + pU = pH (t)
p
m
m
+

+
V
V
[pH (t) , HH ] = U pU, H = U + [p, H] U = i~U +
(q) U = i~
U qU =
q
q
V
= i~
(qH (t))
q
e, in definitiva, posto q (t) + qH (t) e p (t) + pH (t) si ha
q (t) =
Tornando ai valori medi
d hqi
dt
d hpi
dt

p (t)
V
; p (t) =
(q (t))
m
q

p (t)
hpi (t)
=
m
m

V
V
=
,
(q (t)) =
(q) (t)
q
q
=

(IX.16a)
(IX.16b)

laddove le equazioni classiche sono

dqcl
dt
dpcl
dt

pcl (t)
m
V
=
(qcl (t))
q
=

La traduzione quantistica (che si pu fare, lo ripetiamo, solo quando p e q sono


sucientemente piccoli) della prima rende lequazione quantistica corretta (IX.16a), mentre
la seconda non fa altrettanto con la (IX.16b), essendo
d hqi
dt
d hpi
dt
Leguaglianza

hpi (t)
m

V
V
=
(hqi (t)) 6=
(q) (t)
q
q
=

V
(hqi (t)) =
q

(q) (t)
q

sussiste per in un caso particolare: quando V /q lineare, perci in tre casi specifici

IX Metodi di approssimazione

(i) particella libera;


(ii) campo costante;
(iii) forza armonica.
Riscrittura
dellequazione
di Schrdinger

Per ricondurci alla meccanica classica, useremo un metodo pi generale. Operiamo la seguente
sostituzione, dopo essere passati in rappresentazione delle coordinate,
= aeis/~
dove a, s sono una funzioni a valori in R. Andiamo a sostituire nellequazione di Schrdinger

~2
+ V = i~
2m
t

la posizione di sopra.
Abbiamo
~2 is/~
aeis/~
+ V aeis/~ = i~
ae
2m
t
Procediamo a calcolare ciascun termine separatamente: per il laplaciano abbiamo

i
aeis/~
j a + a j s eis/~ =
= j j aeis/~ = j
~

i
i
i
i
=
j2 a + j a j s + a j2 s eis/~ + j a + a j s
j s eis/~ =
~
~
~
~

i
i
i
1
=
j2 a + j a j s + a j2 s + j sj a a 2 (j s)2 eis/~ =
~
~
~
~

2i
i
1
=
a + a s + as 2 a |s|2 eis/~
~
~
~

mentre per la derivata nel tempo,

i s is/~
a is/~
aeis/~
+a
=
e
e
t
t
~ t
Da cui

~2
a
2i
i
1
s
2

a + a s + as 2 a |s| + V a = i~
a
2m
~
~
~
t
t
2
~
a
i~
i~
1
s
2

a a s
as +
a |s| + V a = i~
a
2m
m
2m
2m
t
t
Sicch lequazione di Schrdinger equivalente alle seguenti due equazioni
s
~2
1

a +
|s|2 + V = 0
t
2ma
2m
1
a
a
+ a s +
s = 0
t
m
2m

(IX.17a)
(IX.17b)

Moltiplichiamo la seconda equazione per 2a, cos otteniamo


2a2
a 2a
+ a s +
s = 0
t
m
2m
a2
a2 2a
+ a s + s = 0
t
m
m
2
a2
1
(IX.18)
+ a s = 0
t
m
Lequazione (IX.18) esprime semplicemente la conservazione della densit di probabilit, infatti
2a

a2 = ||2
mentre
j =

i~
( ) =
2m

IX.5 Approssimazione semiclassica (WKB)

i~
i
i
is/~
is/~
is/~
is/~
is/~
is/~
=
+ a (s) e
a (s) e
(a) e
ae
(a) e
=
ae
2m
~
~

i~
i
i~ 2i 2
1
i
=
aa + a2 s aa + a2 (s) =
a s = a2 s
2m
~
~
2m ~
m
Riconduzione
allequazione di
Hamilton-Jacobi

Consideriamo allora la (IX.17a). Trascuriamo il termine proporzionale a ~2 , sicch ricaviamo


(ripristinando dipendenze e pedici)
s
1
(q, t) +
|q s (q, t)|2 + V (q) = 0
t
2m
cio
s
(q, t) + H (q s (q, t) ; q) = 0
t
che proprio lequazione di Hamilton-Jacobi equivalente allequazione classica del moto.

Limite classico

Ma in che senso, nel limite per ~ 0, ritroviamo la meccanica classica? Dovremmo far vedere
che il valor medio quantistico del gradiente del potenziale eguaglia il gradiente del potenziale
calcolato nel valor medio della posizione, come detto in apertura della sottosezione. La cosa
discende dalle due equazioni trovate. Abbiamo infatti che

a2
1
+ a2 s = 0
t
m
mentre i valori medi delle osservabili dipendenti dalla sola posizione (osservabili che si
comportano come operatori di moltiplicazione) su (q, t) sono dati da
Z
hf (q)i = dq a2 f (q)
perci, a2 + una distribuzione di probabilit nello spazio delle coordinate. In tale spazio,
del resto la obbedisce alla legge

+ q
=0
t
m

Ora, siccome s soddisfa lequazione di Hamilton-Jacobi, che equivalente alle equazioni di


Hamilton, si ha, s = p e perci

=0
+ q (q)
t
Ne segue che nello spazio delle q, definita una distribuzione di probabilit analoga a quella di
un fluido incomprimibile o di una carica elettrica. I punti di tale fluido, una volta specificata
la velocit iniziale (e la posizione iniziale, cosa possibile nel limite ~ 0) si muovono secondo
le equazioni classiche di Hamilton, come abbiamo detto. Perci, levoluzione temporale di una
descritta da una di Dirac ancora una di Dirac: proprio questo garantisce leguaglianza

V
V

(hqi (t)) =
(q) (t)
q
q
Note di
folklore...

Lintero discorso fatto ben lungi dallessere rigoroso e ha, anzi, il carattere folkloristico
comune a tutte le trattazioni dellargomento che si trovano sui testi undergraduate ( come
questo). Quello che deve essere compreso che una con a come ampiezza e s come fase,
rispondenti alle equazioni trovate, unapprossimazione della eettiva funzione donda; esiste
(vedi la bibliografia per i riferimenti) una teoria (o forse pi di una...) che rendono conto del
fatto che passando al limite (in un certo senso) per ~ 0 i commutatori tendono alle parantesi
di Poisson e la fisica quantistica alla fisica classica.

Validit
dellapprossimazione

Vediamo, come oramai usuale, in quali condizioni si pu eettivamente trascurare il termine


in ~2 . Deve essere

1
~2 a

|s|2

2m a
2m

2
a

s
a
~

IX Metodi di approssimazione

Il secondo membro pu essere interpretato come lunghezza donda locale di de Broglie.


Infatti, possiamo scrivere

s (q0 , t) + q s
(q0 + q, t) = a exp i
~

c
che ritorna in s per q + loc s
2~
i
h
loc |s| = 2i loc =
=
~
|s|
|p|
Lunghezza
donda ridotta

Se definiamo la lunghezza donda locale ridotta


+ loc /2, troviamo

a
1

a
2

Le dimensioni del primo membro sono quelle dellinverso di una lunghezza al quadrato. Posto

a
1

+
L2 a

si pu dire che L sia una misura della lunghezza di variazione caratteristica dellampiezza della
funzione donda, visto che quando a varia rapidamente L piccolo e viceversa. Si ricava allora
che tale lungezza caratteristica L deve risultare tale che

Cio la lunghezza donda di de Broglie deve essere trascurabile rispetto alle lunghezze
caratteristiche del sistema in studio (come avviene al passaggio tra ottica fisica e ottica
geometrica).

IX.5.2 La funzione donda nellapprossimazione semiclassica


Posizione
= ei/~

Ci limiteremo ad operare nel caso dellequazione di Schrdinger indipendente dal tempo


unidmensionale. Per lomogeneit di tale equazione, possiamo sempre porre
= ei/~
con funzione da R a valori in C. Determiniamo lequazione per :
0

~2 i 0 i/~
+ (V E) ei/~ = 0
e

2m ~
2

Idea del metodo


semiclassico

i~ 00 ( 0 )
+
+V E
2m
2m

= 0

Il metodo di WKB consiste nello sviluppare in serie di ~ nel modo seguente


2
~
~
= 0 + 1 +
2 + . . .
i
i

sicch troviamo


2
i~
~
~
1

+V E = 0
000 + 001 + O ~2 +
00 + 01 + O ~2
2m
i
2m
i

1
i~ 00 i~ 0 0
2

0 0 1 +
( 00 ) + V E + O ~2 = 0
2m
m
2m
da cui, per lordine 0 e per lordine 1, abbiamo
( 00 )2
+V E = 0
(IX.19)
2m
00
0
(IX.20)
+ 00 01 = 0
2
Sar tramite queste due equazioni che determineremo la funzione donda approssimata con il
metodo semiclassico.

IX.5 Approssimazione semiclassica (WKB)


Ordine zero

La (IX.19) reca
0 (x) =

p
2m (E V (x0 )) dx0 + const

Si noti come lintegranda abbia un aspetto familiare: si tratta, infatti, dellimpulso classico
(espresso in funzione della x) associato a una particella soggetta al profilo di potenziale V (x).
Se definiamo
p
p (x) + 2m (E V (x))
troviamo

0 =

p (x0 ) dx0 + const

Allordine zero, la nostra funzione donda data dalla sovrapposizione delle onde
Z x

i
0
0
1 = exp
p (x ) dx
~

Z x
i
0
0
2 = exp
p (x ) dx
~

che la generalizzazione dellequazione di de Broglie.


Si noti come nella regione classicamente consentita si abbia la sovrapposizione di esponenziali
ad esponenti immaginari, mentre nella regione classicamente proibita si abbiano due
esponenziali reali.
Validit
dellapprossimazione

Lapprossimazione allordine zero coincide con lequazione di Schrdinger, nella quale sia
stato trascurato il termine in 00 , perci essa lecita quando
2

( 0 ) ~ | 00 | ~
cio

| 00 |

( 0 )2

d ~ d ~ d

~
2 = dx 0 dx p (x) = dx (x) 1
0
( )
| 00 |

Sicch lapprossimazione allordine zero, sar corretta quando la lunghezza donda di de Broglie
varier poco su distanze del suo stesso ordine. Infatti, consideriamo due lunghezze donda
successive e approssimiamo la derivata con il rapporto incrementale, abbiamo

d
1 2

=
(x)

dx

Un altro modo per scrivere la condizione di quasi-classicit il seguente

~ dp (x) ~ dp (x) 1
| 00 |

~
2
=
p (x) dx p2 (x) dt v (x)
(0 )2

m~F (x)

p3 (x) 1

condizione che evidentemente non potr essere soddisfatta nei punti di inversione classici
(quando E = V (x)), poich in quei casi p (x) = 0 e, in genere, F (x) R.
Le condizioni ricavate (come nota Landau, al cui testo ci riferiamo per lintera trattazione
del WKB) non sono sucienti per lapplicabilit del metodo semiclassico. Infatti, nelle stime
di sopra abbiamo sostituito p (x) 0 . Ora, se contiene un termine quasi lineare, questo
non comparir nella derivata seconda e le condizioni di sopra saranno soddisfatte, ma ci non
toglie che a grandi distanze il suo contributo sia trascurabile...
Primo ordine

Veniamo alla prima correzione, data dallequazione (IX.20):


01 =

000
1 d
=
log 00
200
2 dx

perci
1
1
1 = const log | 00 | = const log |p (x)|
2
2

IX Metodi di approssimazione

Ne abbiamo
exp

Z
i
~
i x
1
p (x0 ) dx0 exp
= exp
0 + 1
log |p (x)| =
~
i
~
2

Z
i x
1
exp
p (x0 ) dx0
= p
~
|p (x)|

Cio la funzione donda approssimata dalla sovrapposizione delle funzioni donda seguenti
Z x

i
c1
0
0
exp
1 (x) = p
p (x ) dx
~
|p (x)|

Z
i x
c2
exp
p (x0 ) dx0
2 (x) = p
~
|p (x)|
Volendo specificare meglio le formule abbiamo
nella zona classicamente permessa, posto
p (x) =

p
E V (x)

la funzione donda data dalla sovrapposizione di


Z x

i
c1
1 (x) = p
exp
p (x0 ) dx0
~
p (x)

Z
i x
c2
0
0
exp
p (x ) dx
2 (x) = p
~
p (x)

nella zona classicamente proibita, posto

p (x) =

(IX.21a)
(IX.21b)

p
V (x) E

la funzione donda data dalla sovrapposizione di

Z
1 x
c3
0
0
3 (x) = p
exp
p (x ) dx
~
p (x)
Z x

1
c4
exp
p (x0 ) dx0
4 (x) = p
~
p (x)

(IX.22)
(IX.23)

IX.5.3 Condizioni al contorno


Determinazione
della funzione
donda
semiclassica

Sia x = b un punto di inversione classico, allora E = V (b). Sia inoltre V (x) > E
per x > b, di modo che la ragione a destra di b sia classicamente inaccessibile. Quando
x > b, sucientemente lontano dal punto di inversione, di modo che valga lapprossimazione
semiclassica, la funzione donda data dalla sovrapposizione delle (IX.22) e (IX.23). Abbiamo
che 4 diverge per x +, perci inaccettabile e la funzione donda a x > b (e dora in poi
con x > b, intenderemo la regione a destra di b dove si in regime semiclassico; analogamente
per x < b) diventa

Z
c
1 x
0
0
p
=
exp
p (x ) dx
~ b
|p|

Avendo imposto che 0 per x + (si tratta, del resto, di un bound-state), non possiamo
fare altro che richiedere che sia reale (a meno di una fase inessenziale), perci, nella zona
classicamente consentita, la sar data da una combinazione reale delle (IX.21a) e (IX.21b):
Z x

Z
i
i x
c1
c2
exp
exp
= p
p (x0 ) dx0 + p
p (x0 ) dx0 =
~ b
~ b
p (x)
p (x)
Z x

0
1
c
sin
p (x0 ) dx0 +
= p
~ b
p (x)

Abbiamo cos determinato lontano dal punto di inversione b (e dagli altri eventuali punti
di inversione), ottenendo due funzioni diverse che adesso devono essere opportunamente
raccordate con la scelta dei coecienti liberi.

IX.5 Approssimazione semiclassica (WKB)


Condizioni
di raccordo:
sviluppo lineare

Per x b possiamo approssimare V linearmente, sicch

V
E V (x) F0 (x b) , F0 =
x x=b

Nelle condizioni in cui siamo (per x > b la regione proibita) F0 < 0. Lequazione di
Schrdinger in questa approssimazione lequazione per un campo costante e trova soluzione
esatta mediante le funzioni di Airy (si veda il paragrafo 24 del libro di Landau). Ora, lo
sviluppo lineare di V (x) valido per
|x b| L

(IX.24)

con L lunghezza caratteristica di variazione di V , mentre lapprossimazione semiclassica


valida per

m~F (x)

p3 (x) 1
cio

m~F0
1
q

2m3 F 3 (x b)3
0
~
m |F0 |

(x b)

3/2

(IX.25)

Le condizioni (IX.24) e (IX.25) sono compatibili se


~
p
L3/2
m |F0 |

Se ammettiamo (come possibile, data la compatibilit delle condizioni) che esistano |x b|


tanto piccoli di modo che valga lo sviluppo lineare, ma al tempo stesso tanto grandi,
sicch valga lapprossimazione semiclassica, abbiamo che esiste una regione in cui valgono
contemporaneamente le formule per date dal WKB e le formule asintotiche che risolvono
lequazione di campo costante. Se andiamo ad eguagliare la con lespressione asintotica delle
funzioni di Airy, determiniamo le costanti c, c0 e . Dal confronto con le formule di Airy, che
si ottiene notando che
Z
1 x
2p
p dx =
2mF0 (x b)3/2
~ b
3~
si perviene alle seguenti formule

(x < b) =
(x > b) =
Secondo punto
dinversione:
buca

Z
!
1 b

p (x0 ) dx0 +
~ x
4
Z
!
c
1 b
p
exp
p (x0 ) dx0
~ x
2 p (x)
c
p
sin
p (x)

Esista ora un secondo punto di inversione x = a, tale che V (x) > E per x < a e V (x) < E
per x > a, allora, diventa
Z x

c0
1

(x > a) = p
sin
p (x0 ) dx0 +
~ a
4
p (x)
Z x

0
1
c
p
exp
p (x0 ) dx0
(x < a) =
~ a
2 p (x)

Dunque se V (x) una buca con regione classicamente permessa tra a e b (con a < b) e se
esiste una regione tra a e b per cui valga lapprossimazione per x > a e x < b (a e b dovranno
essere sucientemente lontani) dobbiamo imporre che, in tale zona, (x > a) = (x < b) e
questo determiner la quantizzazione dellenergia.
Limite di
buca infinita

Infine, notiamo che se per x = a si ha una barriera infinita di potenziale, lapprossimazione


semiclassica applicabile fino a x = a, infatti (molto euristicamente, se V (0) finito e si pone

IX Metodi di approssimazione

V (0 ) = , allora V e F = V /x sono dello stesso ordine e si ha


F

3/2 0)
p3

perci

(x a) = 0
p

(x a) =

c
sin
p (x)

Z x

1
p (x0 ) dx0
~ a

IX.5.4 Regola di quantizzazione di Bohr-Sommerfeld


Stati a numero
quantico
n grande

Buca finita

Gli stati relativi allo spettro discreto sono semiclassici per grandi numeri quantici n (n
numera gli autovalori dellenergia in ordine crescente), in tal caso, infatti, la funzione donda
ha un alto numero (pari proprio a n) di nodi. Se le regioni allinfinito sono classicamente
proibite (tipico caso di bound-state), allora, in tale regioni la funzione va concavamente a 0,
perci gli zeri della funzione donda sono confinati in una regione finita. Dunque, quando n
diventa grande, la distanza tra i nodi diviene molto piccola e, siccome essa dellordine della
lunghezza donda, si ha che essa diviene molto piccola nei rispetti della lunghezza su cui si
svolge il moto, perci vale lapprossimazione semiclassica (se non, addirittura, classica).
Tra poco torneremo sullargomento.
Consideriamo una buca di potenziale con regioni allinfinito classicamente proibite e regione
classicamente permessa ridotta a un intervallo (a, b). Abbiamo visto nella sezione precedente
come si determina la quantizzazione dellenergia in questo caso. Si deve imporre che le
due soluzioni semiclassiche comprese tra a e b e rispettivamente lontana da a (a destra di
a) e lontana da b (a destra di b) siano eguali. Vedremo che imponendo questa condizione
ritroveremo la regola di quantizzazione di Bohr e Sommerfeld.
Riscriviamo la soluzione per x < b,
Z
Z
!
!
Z
c

1 a

c
1 b
1 b
0
0
0
0
0
0
p
sin
sin
p (x ) dx +
p (x ) dx +
p (x ) dx +
= p
=
~ x
4
~ a
~ x
4
p (x)
p (x)
Z
!
Z
1 x
1 b

c
0
0
0
0
sin
p (x ) dx
p (x ) dx
= p
~ a
~ a
4
p (x)
mentre per x > a si ha

sicch simpone, posto

c0
p
sin
p (x)
(x) +

Z x

p (x0 ) dx0 +
~ a
4
1
~

p (x0 ) dx0 ,

1
~

b
a

p (x0 ) dx0

la condizione
c0
c
sin ( (x) + ) = p
sin ( (x) + )
p
p (x)
p (x)
c sin ( (x) + ) = c0 sin ( (x) + )
derivando
c cos ( (x) + ) = c0 cos ( (x) + )
quadrando e sommando
c2 = c02

IX.5 Approssimazione semiclassica (WKB)

cio
sin ( (x) + ) = sin ( (x) + )
da cui
= m, m Z
Dunque
1
~

Quantizzazione
alla BohrSommerfeld

p (x0 ) dx0 +

1
~

p (x0 ) dx0
a

= m

1
=
m

siccome il primo membro della seconda equazione positivo, si ha che m 1, sicch preso
n + m 1 si ottiene la seguente regola di quantizzazione

Z
1
1 b
0
0
p (x ) dx = n +
, n N
~ a
2
p
Ora, p (x) = 2m (E V (x)), x (a, b) una funzione reale nulla agli estremi. Lorbita
classica del punto di massa m nel piano delle fasi

o
n p
p (x), x : x (a, b)

sicch la condizione di quantizzazione diviene

Z a
Z b
1
0
0
0
0
p (x ) dx +
p (x ) dx = 2~ n +
,nN
2
a
b

I
1
p dx = h n +
,nN
2

che, a parte laggiunta di 1/2h, proprio la relazione di quantizzazione di BohrSommerfeld.


La quantizzazione semiclassica dellenergia avviene perci scegliendo come stato fondamentale
quello a energia tale che lorbita (p, x) racchiuda unarea h/2 e i successivi tali che le corone
tra orbite successive racchiudano area h. In ogni caso, come abbiamo detto in apertura, questa
regola tanto meglio verificata quanto pi alto il numero quantico n.
Teorema di
oscillazione

La funzione donda

Z x

1
c0

0
0
sin
(x) = p
p (x ) dx +
~ a
4
p (x)

Z b
1
1
p (x0 ) dx0 = n +
~ a
2

Sia n = 0, spostandoci da a a b, largomento del seno (che monotono in x essendo p > 0)


passa da /4 a /2 + /4 perci non si annulla mai; se n = 1 si passa da /4 a /4 + 3/2
e il seno si annulla una volta; successivamente si aggiunge sempre un angolo piatto e perci si
aumenta di 1 il numero degli zeri: in questo modo si ottiene il teorema di oscillazione.
Separazione
dei livelli
per n grande

Torniamo a considerare il caso in cui n grande e, per quanto detto, lapprossimazione


semiclassica diviene molto buona. Vogliamo stimare la separazione (in energia!) dei livelli in
questa situazione. Ciascun livello caratterizzato dallequazione

Z b(En )
1
p (x, En ) dx = n +
~
2
a(En )
Abbiamo
~ =

b(En+1 )
a(En+1 )

p (x, En+1 ) dx

b(En )

p (x, En ) dx

a(En )

siccome sappiamo che per n grande i livelli vanno infittendosi (la separazione in area tra le
orbite costante ma le dimensioni delle orbite aumentano) approssimiamo il secondo membro

IX Metodi di approssimazione

come segue

~ = En
E

b(E)
a(E)

p (x, E) dx

Come sappiamo dal corso di meccanica analitica, vale

Z b(E)

p (x, E) dx

E a(E)

E=En

E=En

T
2

dove T il periodo classico dellorbita a energia En , sicch


2~
= En
T
da cui
En = h = ~
e ritroviamo lequazione di Bohr-Einstein. Dunque, la meccanica quantistica torna a
prevedere che un oscillatore in moto con frequenza emetta radiazione di frequenza .

IX.5.5 Scattering
Impostazione
del problema

Consideriamo il moto di una particella soggetta a una barriera di potenziale. Abbiamo gi


discusso qualitativamente il problema nel capitolo sullequazione di Schrdinger. Il profilo
di potenziale V (x) caratterizzato dal fatto che le regioni allinfinito sono classicamente
accessibili, al contrario di una regione al finito, che, per semplicit, considereremo costituita
da un singolo intervallo (b, a).
La particella incida sulla barriera giungendo da , ne segue che a sinistra di b sono presenti
due onde, quella incidente (progressiva) e quella riflessa (regressiva), mentre a destra di a vi
soltanto londa trasmessa (progressiva).
Consideriamo il punto a: a destra di a la regione classicamente accessibile, il contrario, invece,
per x a sinistra di a. Siamo dunque nelle condizioni discusse nelle sottosezioni precedenti,
perci, avendo supposto che per x > a sia presente solo londa trasmessa, troviamo
Z x

1
i
(x > a) = p
exp
p (x0 ) dx0
~ a
p (x)
Nella zona intermedia, cio compresa tra b ed a (supponiamo che a e b siano distanziati a
sucienza di modo che lapprossimazione semiclassica per x < a sia valida anche per punti a
x > b), abbiamo

Z a

Z
1 a
1

0
0
0
0
exp
exp
(x < a) = p
p (x ) dx + p
p (x ) dx
~ x
~ x
p (x)
p (x)
Ora, abbiamo visto prima che se la soluzione per x > a era della forma
Z x

1
1

0
0
sin
V (x > a) = p
p (x ) dx +
~ a
4
p (x)
allora per x < a si aveva

Calcolo di
tramite il
wronskiano

1
exp
V (x < a) = p
2 p (x)

Z x

1
p (x0 ) dx0
~ a

e V sono entrambi soluzioni della medesima equazione dierenziale lineare,


2m
00 = 2 (V (x) E)
~
Se ne andiamo a considerare il wronskiano w, abbiamo, dal teorema di Liouville (A. Maggi,
Analisi II per Fisici, IV.6.2, teorema IV.23)
d
w (x) = a (x) w (x)
dx

IX.5 Approssimazione semiclassica (WKB)

dove a (x) il coeciente che moltiplica il termine in 0 . Essendo a = 0, abbiamo


w (x) = const
Imponiamo perci
w (x < a) = w (x > a)
dove, nel nostro caso,
w = 0 V 0V

Cominciamo con il calcolare le derivate, iniziamo dalla 0 (x < a)

Z a

Z
1 a
1
p0 (x)
p0 (x)
0 (x < a) = 3/2
exp
exp
p (x0 ) dx0 3/2
p (x0 ) dx0 +
~ x
~
2
p (x)
2
p (x)

Z xa

Z
1/2
1 a
1

+ p (x) exp
p (x0 ) dx0 p1/2 (x) exp
p (x0 ) dx0
~
~ x
~
~ x
passiamo alla 0 (x > a)

p0 (x)
(x > a) = 3/2
exp
2p (x)
0

veniamo alla 0V (x < a)


0V (x < a) =

1 p0 (x)
exp
4 p3/2 (x)

e, infine, alla 0V (x > a)

Z x
Z x

i
i
i 1/2
0
0
0
0
p (x ) dx + p (x) exp
p (x ) dx
~ a
~
~ a
Z x
Z x

1
1
1
p (x0 ) dx0 + p1/2 (x) exp
p (x0 ) dx0
~ a
2~
~ a

Z x
Z x

1
p0 (x)

1 1/2
0
0
0
0
sin
p
(x
)
dx
+
(x)
cos
p
(x
)
dx
+
+
p
=
~ a
4
~
~ a
4
2p3/2 (x)

Z x

Z
i
i
i
i p0 (x)
i x
0
0
0
0
exp
p
(x
)
dx
+
p
(x
)
dx

exp

+
4 p3/2 (x)
~ a
4
~ a
4

Z x

Z
i
i
i
1
i x
p (x0 ) dx0 +
p (x0 ) dx0
+ p1/2 (x) exp
+ exp
2~
~ a
4
~ a
4

Z x

i/4
0
i
1 1/2
i p (x)
e
p (x0 ) dx0 +
exp
=
p (x) +
2
~
2 p3/2 (x)
~ a

Z
i p0 (x)
i x
ei/4 1 1/2
0
0
p (x ) dx
exp
+
p (x)
2
~
2 p3/2 (x)
~ a

0V (x > a) =

Dunque,

Z
1 1/2
p0 (x)
1 a

p (x0 ) dx0 +
exp
p (x) 3/2
~
~
2
p (x)

Z xa

0
1 1/2
1
p (x)

exp
p (x0 ) dx0
V
p (x) + 3/2
~
~ x
2
p (x)

Z
1 a
p1/2 (x)
0
0
p (x ) dx
exp
2
~ x

Z
1
1
p0 (x)
2 a
p0 (x)
0
0
=
p (x ) dx
2
exp
+ 2
2 ~ 2
p (x)
~ x
2 ~ 2
p (x)

0 (x < a) V (x < a) =

mentre

Z
Z
1 a
1 p0 (x)
1 a
1
exp
3/2
p (x0 ) dx0 + p1/2 (x) exp
p (x0 ) dx0

4 p (x)
~ x
2~
~ x
"

Z a

#
Z
1 a
1

0
0
0
0
exp
exp
p
p (x ) dx + p
p (x ) dx
~ x
~ x
p (x)
p (x)

Z
1 1 p0 (x)
1
2 a
p0 (x)
0
0
=
p (x ) dx +

exp
2
2 ~ 2 p2 (x)
~ x
2 ~ 2
p (x)

(x < a) 0V (x < a) =

IX Metodi di approssimazione

infine
w (x < a) =

Calcoliamo il wronskiano per x > a. Come prima, svolgiamo separatamente i vari calcoli

Z x

i 1/2
p0 (x)
i
p (x) 3/2
0 (x > a) V (x > a) =
p (x0 ) dx0
exp
~
~ a
2p (x)

i/4
Rx
Rx
0
0
exp (i/~) a p (x ) dx ei/4 exp (i/~) a p (x0 ) dx0
e
p

2i p (x)

Z x

i/4
0
ei/4 1
e
1
i p (x)
2i
i p0 (x)
0
0
p
(x
)
dx

=
+
exp
+
2
~ 2 p2 (x)
~ a
2
~ 2 p3/2 (x)
laltro addendo
(x >

sicch

a) 0V

Z x
i
0
0
exp
(x > a) =
p (x ) dx
~ a
p1/2 (x)
i/4

Z x

e
i
1 1/2
i p0 (x)
0
0
p
(x
)
dx
exp
+
p (x) +
2
~
2 p3/2 (x)
~ a

Z
i x
i p0 (x)
ei/4 1 1/2
0
0
exp

p
(x
)
dx
p (x)
2
~
2 p3/2 (x)
~ a

Z x

i/4
0
ei/4 1
e
1
i p (x)
2i
i p0 (x)
0
0
p (x ) dx +
=
+
exp

2
~ 2 p2 (x)
~ a
2
~ 2 p2 (x)
1

ei/4
w (x) =
2

1
i p0 (x)
+
~ 2 p3/2 (x)

ei/4

1
i p0 (x)

~ 2 p2 (x)

ei/4
~

In conclusione,
ei/4

= = ei/4
~
~
Consideriamo il termine a x < a, nellipotesi in cui la distanza tra a e b sia grande, il termine
in un esponenziale decrescente e perci diventa del tutto trascurabile, ne viene che
Z x

i
1
(x > a) = p
exp
p (x0 ) dx0
~ a
p (x)
Z a

i/4
e
1
(x < a) = p
exp
p (x0 ) dx0
~ x
p (x)

Raccordo
per x < b

Riscriviamo la (x < a) come segue


ei/4
exp
(x < a) = p
p (x)

!
Z
Z a

1 b
1
0
0
0
0
p (x ) dx exp
p (x ) dx
~ b
~ x

essa deve coincidere con (x > b). Di conseguenza, per x < b si ha


Z
!
c
1 b

0
0
(x < b) = p
sin
p (x ) dx +
~ x
4
p (x)
con

i/4

c = 2e

Z a

1
0
0
exp
p (x ) dx
~ b

(si noti come laver trascurato il termine in comporti la presenza di una reale, a meno di
una fase, per x < b; la cosa non realistica, perch comporta j = 0 in questa zona).
Coeciente di
trasmissione

Infine, passiamo al calcolo del coeciente di trasmissione, esso dato dal rapporto tra la

IX.5 Approssimazione semiclassica (WKB)

corrente entrante e la corrente uscente. Londa nella regione x < b pu essere scritta come
"
Z
!

!#
Z
c
i b
i
i
i b
0
0
0
0
(x < b) = p
exp
p (x ) dx +
p (x ) dx
exp
~ x
4
~ x
4
2i p (x)
dunque londa incidente (eliminata una fase inessenziale in c e nel denominatore)
Z x

i
c
i
0
0
p
exp
=
p (x ) dx
~ b
4
2 p (x)

la cui corrente (sfruttando il fatto che = aeis/~ )


jin =
La corrente uscente invece 1/m, perci

a2 s
c2
=
m x
4m

Z
4
2 a
0
0
T = 2 = exp
p (x ) dx
c
~ b