Sei sulla pagina 1di 387

GUIDE OPERATIVE

2020
REGIME
FORFETARIO, MINIMI
E SEMPLIFICATA
PER CASSA

Regime forfetario,
limiti e cause di esclusione

Regime dei minimi

Contabilità semplificata per cassa

Ingresso ed uscita dai regimi agevolati:


riflessi IVA e reddituali

Accedi gratuitamente
ATTIVA L’E-BOOKalla versione e-Book online
GRATUITO Modello REDDITI per minimi/forfetari e
ovunque tu sia utilizzando il tuo account shop Seac imprese in semplificata
e scarica la Normativa
Segui le Libreri Seac
istruzioni nella
i tuoi libri
prima pagina
ovunque Passaggi di regime

a cura del Centro Studi Fiscale

Prezzo (IVA esclusa): € 27,80


Editore:
SEAC S.p.A C. F. 00865310221 - P. IVA 01530760220
38121 TRENTO - Via Solteri, 74 Capitale sociale: Euro 43.600.000 i. v.
Tel. 0461/805111 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it

Responsabile Editoria Fiscale Tullio Zanin

Centro Studi Fiscale Tullio Zanin, Jgor Merighi, Enrico Roat, Serena Torboli, Luana Iovine, Alberto Girinelli,
Francesca Rosa, Elisabetta Casari, Martina Tolotti, Claudia Romano, Cristina Santoni

Area Servizi Fiscali Paolo Chizzola, Paolo Bidoli, Mattia Guadagnini, Ivan Malench, Stefano Mattevi,
Paolo Monticelli, Laura Novello, Francesca Pasquali

Grafica e Impaginazione Luisa Agostini, Elio Nicolussi, Mauro Robol, Antonio Santostasi, Matteo Tabarelli

Stampa Litografia SEAC - Febbraio 2020

Area Marketing e Commerciale Alejandro Rodriguez - editoria@seac.it

L’elaborazione dei testi, ancorché curata con scrupolosa attenzione, esprime l’opinione della Seac e non impegna alcuna responsabilità
Indice

INDICE

Sezione Prima - IL REGIME FORFETARIO

‰
Premessa.................................................................................................................................................................. pag. 12

‰
Requisiti per accedere al regime agevolato..................................................................................................... pag. 13
„ Limite dei ricavi/compensi............................................................................................................................... » 13
„ Spese per l’impiego di lavoratori..................................................................................................................... » 18
„ Limite redditi lavoro dipendente..................................................................................................................... » 18
„ Cessioni all’esportazione................................................................................................................................... » 19
„ Verifica dei requisiti di accesso al regime forfetario: decorrenza............................................................... » 19

‰
Fattispecie di esclusione...................................................................................................................................... pag. 20
„ Contribuenti che si avvalgono di regimi speciali IVA................................................................................. » 20
„ Soggetti non residenti........................................................................................................................................ » 22
„ Cessione di fabbricati o porzioni di fabbricati e di autovetture.................................................................. » 23
„ Partecipazioni in società di persone/associazioni anche in partecipazione/imprese familiari............ » 23
„ Precedente attività di lavoro dipendente....................................................................................................... » 30
„ Limite reddito lavoro dipendente.................................................................................................................... » 32
„ Sintesi delle principali risposte ad interpello................................................................................................ » 34

‰
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA..................................................................................................... pag. 42
„ Semplificazioni degli adempimenti IVA......................................................................................................... » 43
„ Detrazione dell’IVA sugli acquisti................................................................................................................... » 51
„ Operazioni con l’estero...................................................................................................................................... » 51
„ Comportamento da tenere in caso di adozione del regime forfetario....................................................... » 55
„ Esonero da ulteriori adempimenti................................................................................................................... » 57

‰
Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette...................................................................... pag. 58
„ Imposte sui redditi............................................................................................................................................. » 58
„ IRAP..................................................................................................................................................................... » 63
„ ISA, studi di settore e parametri...................................................................................................................... » 63
„ Versamenti e dichiarazioni telematiche......................................................................................................... » 64
„ Comunicazioni relative alla dichiarazione precompilata............................................................................ » 65

‰
Determinazione del reddito................................................................................................................................ pag. 66
„ La determinazione del reddito........................................................................................................................ » 66
„ Perdite fiscali...................................................................................................................................................... » 72
„ Riflessi ai fini IRPEF.......................................................................................................................................... » 73

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 3


Indice

‰
Imposta sostitutiva................................................................................................................................................ pag. 77
„ Effetti sulla tassazione del reddito.................................................................................................................. » 77
„ Modalità di versamento.................................................................................................................................... » 79

‰
Contribuenti forfetari start up........................................................................................................................... pag. 82
„ L’agevolazione per le c.d. start up.................................................................................................................... »
82
„ Le condizioni per essere considerati start up................................................................................................ » 83
„ Contribuenti forfetari “start up” nel 2015....................................................................................................... » 88

‰
La determinazione dei contributi previdenziali e il regime agevolato contributivo............................. pag. 90
„ La determinazione dei contributi previdenziali........................................................................................... » 90
„ Il regime agevolato contributivo...................................................................................................................... » 91

‰
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi.................................................................................................... pag. 98

‰
Accertamento, sanzioni e compliance............................................................................................................... pag. 108
„ Decadenza dal regime a seguito di accertamento........................................................................................ » 109
„ Comunicazioni per l’adempimento spontaneo in presenza di presunte anomalie................................. » 110

‰
Contribuenti forfetari e passaggi di regime................................................................................................... pag. 111
„ Le regole per i passaggi di regime.................................................................................................................. » 111
„ La riforma dei regimi fiscali agevolati............................................................................................................ » 111
„ La scelta del regime fiscale dal 2020 per i contribuenti forfetari nel 2019................................................. » 112
„ Riepilogo............................................................................................................................................................. » 115
„ Il professionista ed il transito da semplificata e regime forfetario............................................................. » 116

‰
Comunicazioni per l’applicazione del regime forfetario all’inizio dell’attività...................................... pag. 117
„ Contribuenti che iniziano l’attività................................................................................................................. » 117

‰
L’ingresso nel regime fiscale agevolato............................................................................................................ pag. 123
„ Rettifica detrazione IVA.................................................................................................................................... »
124
„ Operazioni ad esigibilità differita nell’anno precedente all’ingresso........................................................ » 128
„ Credito IVA dell’ultima dichiarazione............................................................................................................ » 128
„ Eliminazione dei fenomeni di salti o duplicazione di imposizione........................................................... » 129
„ Componenti rinviati da precedenti periodi d’imposta................................................................................ » 131

‰
Versamento dell’acconto, anche in caso di passaggi di regime................................................................... pag. 132
„ Versamento degli acconti ................................................................................................................................. »
133
„ Acconti 2020 per soggetti forfetari provenienti da altri regimi.................................................................. » 134
„ Acconti in caso di fuoriuscita dal regime forfetario..................................................................................... » 135

‰
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali................................................................................ pag. 136
„ Emissione delle fatture a seguito di uscita dal regime forfetario............................................................... » 137
„ Rettifica della detrazione IVA (a favore)......................................................................................................... » 140
„ Eliminazione dei fenomeni di salti o duplicazioni d’imposta.................................................................... » 144
„ Beni strumentali acquistati prima della fuoriuscita dal regime forfetario............................................... » 145
„ Cessione di beni strumentali dopo l’uscita dal regime forfetario.............................................................. » 146
„ Massimizzazione dei benefici prima di uscire dal regime.......................................................................... » 147
„ Uscita dal regime forfetario e Modelli ISA.................................................................................................... » 148

4 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Indice

‰
Il regime dei contribuenti minimi e forfetario a confronto......................................................................... pag. 149

‰
La dichiarazione dei redditi per i contribuenti forfetari.............................................................................. pag. 150
„ La compilazione del quadro LM per i contribuenti forfetari...................................................................... » 150
SEZIONE II - Regime forfetario - Determinazione del reddito....................................................................... » 151
SEZIONE III - Determinazione dell’imposta dovuta........................................................................................ » 159
SEZIONE IV - Perdite non compensate............................................................................................................... » 164
„ Obblighi informativi per forfetari e la compilazione del quadro RS......................................................... » 164

‰
Valutazione di convenienza regime forfetario - ordinario.......................................................................... pag. 167
„ Esclusione da IVA.............................................................................................................................................. » 167
„ Imposte sui redditi............................................................................................................................................. » 168
„ Contributi previdenziali................................................................................................................................... » 168
„ Altre variabili..................................................................................................................................................... » 168
„ Tempistica per la scelta..................................................................................................................................... » 169
„ Esempi di valutazione....................................................................................................................................... » 169

Sezione Seconda - IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

‰
Premessa.................................................................................................................................................................. pag. 176

‰
Soggetti interessati............................................................................................................................................... pag. 177

‰
I requisiti di novità per l’accesso al regime agevolato................................................................................... pag. 179
„ I requisiti “di novità” dell’attività esercitata (art. 27, comma 2, D.L. n. 98/2011) ...................................... » 179

‰
I requisiti ex Legge n. 244/2007.......................................................................................................................... pag. 184
„ I requisiti di permanenza (comma 96, Legge n. 244/2007).......................................................................... » 184
„ Le fattispecie di esclusione (comma 99, Legge n. 244/2007)........................................................................ » 192

‰
Durata del regime................................................................................................................................................. pag. 197
„ Limite “ordinario” - 5 anni............................................................................................................................... »
197
„ Limite maggiorato per i giovani - compimento dei 35 anni........................................................................ » 198

‰
Imposta sostitutiva................................................................................................................................................ pag. 199
„ Effetti sulla tassazione del reddito.................................................................................................................. »
199
„ Modalità e termini di versamento................................................................................................................... » 200

‰
Decadenza dal regime.......................................................................................................................................... pag. 202
„ Decadenza dal regime per mancanza dei requisiti...................................................................................... » 202

‰
L’uscita dal regime dei minimi: riflessi IVA e reddituali............................................................................. pag. 207
„ Emissione delle fatture a seguito di uscita dal regime dei minimi............................................................ » 208
„ Rettifica della detrazione IVA (a favore)......................................................................................................... » 210
„ Passaggi da regimi di contabilità per cassa a regimi per competenza ..................................................... » 214
„ Beni strumentali acquistati prima della fuoriuscita dal regime dei minimi............................................ » 215
„ Massimizzazione dei benefici prima di uscire dal regime.......................................................................... » 216

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 5


Indice

„ Uscita dal regime dei minimi e Modelli ISA................................................................................................. »


216
„ Utilizzo perdite dopo l’uscita dal regime dei minimi e Mod. REDDITI.................................................... » 217

‰
Versamento dell’acconto in caso di passaggio di regime e fuoriuscita..................................................... pag. 219
„ Acconti in caso di fuoriuscita dal regime dei minimi.................................................................................. » 219
„ Schema riassuntivo............................................................................................................................................ » 220

‰
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA..................................................................................................... pag. 221
„ Semplificazioni degli adempimenti IVA......................................................................................................... » 221
„ Detrazione dell’IVA sugli acquisti................................................................................................................... » 228
„ Acquisti intracomunitari di beni e prestazioni di servizi ricevute............................................................ » 229
„ Cessioni intracomunitarie di beni e prestazioni di servizi rese................................................................. » 230
„ Reverse charge ................................................................................................................................................... » 232
„ Esonero da ulteriori adempimenti................................................................................................................... » 234

‰
Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette...................................................................... pag. 235
„ Imposte sui redditi............................................................................................................................................. » 235
„ IRAP..................................................................................................................................................................... » 237
„ Applicazione degli ISA...................................................................................................................................... » 237
„ Versamenti e dichiarazioni telematiche......................................................................................................... » 237

‰
Determinazione del reddito e dei contributi previdenziali........................................................................ pag. 238
„ Applicazione del principio di cassa................................................................................................................ » 238
„ Componenti positivi e negativi di reddito..................................................................................................... » 239
„ Regole di deducibilità delle spese ................................................................................................................... » 245
„ Perdite fiscali...................................................................................................................................................... » 247
„ Contributi previdenziali................................................................................................................................... » 248
„ Riflessi ai fini IRPEF.......................................................................................................................................... » 249

‰
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi.................................................................................................... pag. 250

‰
Accertamento, sanzioni e compliance............................................................................................................... pag. 259
„ Decadenza dal regime a seguito di accertamento........................................................................................ » 259
„ Comunicazioni per l’adempimento spontaneo in presenza di presunte anomalie................................. » 261

‰
Contribuenti minimi e passaggi di regime..................................................................................................... pag. 262
„ Le regole per i passaggi di regime.................................................................................................................. » 262
„ La riforma dei regimi fiscali agevolati............................................................................................................ » 262
„ La scelta del regime fiscale dal 2020 per i contribuenti minimi nel 2019.................................................. » 263
„ Riepilogo............................................................................................................................................................. » 265

‰
La dichiarazione dei redditi per i contribuenti minimi................................................................................ pag. 266
„ La compilazione del quadro LM per i contribuenti minimi....................................................................... » 267
Sezione I - Determinazione del reddito............................................................................................................... » 267
Sezione III - Determinazione dell’imposta dovuta............................................................................................ » 271
Sezione IV - Perdite non compensate................................................................................................................... » 275

6 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Indice

Sezione Terza - IL REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA

‰
Premessa.................................................................................................................................................................. pag. 280

‰
Soggetti ammessi.................................................................................................................................................. pag. 281
„ Limiti per l’accesso alla contabilità semplificata........................................................................................... » 282
„ Verifica limiti ricavi .......................................................................................................................................... » 282
„ Opzione per il regime ordinario...................................................................................................................... » 284

‰
Determinazione del reddito d’impresa e riporto delle perdite................................................................... pag. 286
„ Componenti tassabili/deducibili per cassa.................................................................................................... » 290
„ Componenti tassabili/deducibili per competenza........................................................................................ » 292
„ Componenti non deducibili ............................................................................................................................. » 295
„ Irrilevanza delle rimanenze............................................................................................................................. » 295
„ Passaggio di regime (da competenza a cassa)............................................................................................... » 296
„ Regime delle perdite.......................................................................................................................................... » 296

‰
Obblighi contabili................................................................................................................................................. pag. 300
„ 1. Tenuta di due registri distinti (incassi/pagamenti).................................................................................. » 301
„ 2. Tenuta dei soli registri IVA e indicazione mancati incassi/pagamenti................................................. » 302
„ 3. Tenuta dei soli registri IVA e presunzione di incasso/pagamento......................................................... » 304
„ Commercio al minuto e attività assimilate (scontrini e ricevute fiscali)................................................... » 305
„ Soggetti che applicano regimi speciali IVA................................................................................................... » 307
„ Dichiarazione IVA precompilata e tenuta dei registri.................................................................................. » 309

‰
Regole di passaggio da competenza a cassa (o viceversa)............................................................................. pag. 311
„ Gestione delle rimanenze nel primo periodo del regime “per cassa”....................................................... »
311
„ Irrilevanza di componenti già computati “per competenza” (e viceversa)............................................... » 317

‰
IRAP......................................................................................................................................................................... pag. 321
„ Disciplina IRAP.................................................................................................................................................. » 321
„ Componenti positivi IRAP............................................................................................................................... » 325
„ Componenti negativi......................................................................................................................................... » 325
„ Componenti non deducibili.............................................................................................................................. » 326
„ Tavola di sintesi.................................................................................................................................................. » 326

‰
Contabilità semplificata e passaggi di regime................................................................................................ pag. 329
„ Le regole per i passaggi di regime.................................................................................................................. »
329
„ La scelta del regime fiscale dal 2020 per i contribuenti in contabilità semplificata nel 2019.................. » 330
„ La scelta del regime fiscale dal 2020 per i contribuenti in contabilità ordinaria nel 2019...................... » 331
„ Opzione per il c.d. “metodo di registrazione”............................................................................................... » 332

‰
Quadro RG - Impresa in contabilità semplificata........................................................................................... pag. 333
Codice attività e applicazione ISA........................................................................................................................ » 334
„ Codice attività (colonna 1)................................................................................................................................ » 334
„ Isa: cause di esclusione (Colonna 2)................................................................................................................ » 334

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 7


Indice

Determinazione del reddito.................................................................................................................................. » 337


„ Autoconsumo, finalità estranee, rivalutazioni.............................................................................................. » 339
„ Trasferimento d’azienda a titolo gratuito....................................................................................................... » 340
„ Rateizzazione...................................................................................................................................................... » 340
„ Modalità di compilazione................................................................................................................................. » 340
„ Cessione dei contratti di leasing...................................................................................................................... » 342
„ Contributi in conto capitale.............................................................................................................................. » 342
„ Componenti negativi......................................................................................................................................... » 347
„ Prestazioni di lavoro autonomo....................................................................................................................... » 349
„ Spese di vitto e alloggio per trasferte dei lavoratori dipendenti e assimilati........................................... » 349
„ Imprese autorizzate all’autotrasporto di merci............................................................................................. » 350
„ Rimborsi chilometrici........................................................................................................................................ » 350
„ Fabbricati concessi in uso a dipendenti trasferiti.......................................................................................... » 350
„ Adempimenti...................................................................................................................................................... » 351
„ Ammortamento immobilizzazioni materiali (articolo 102, TUIR)............................................................. » 351
„ Ammortamento immobilizzazioni immateriali (articolo 103 TUIR)......................................................... » 356
„ Maxi ammortamento per beni strumentali mobili in leasing..................................................................... » 357
„ Canoni di locazione (Finanziaria e non) e noleggio (cod. 3)....................................................................... » 365
„ Spese relative a più esercizi (cod. 7)................................................................................................................ » 365
„ Spese di rappresentanza (cod. 8)..................................................................................................................... » 366
„ Prestazioni alberghiere e di ristorazione (cod. 9) ......................................................................................... » 368
„ Rappresentanti di commercio e ristoratori (cod. 10)..................................................................................... » 368
„ Erogazioni liberali (cod. 12).............................................................................................................................. » 369
„ Spese di manutenzione e riparazione (cod. 13)............................................................................................. » 370
„ Partecipazione in società di persone o in GEIE (colonna 1)......................................................................... » 373
„ Partecipazione in società di capitali trasparenti (colonna 2)....................................................................... » 373
„ Partecipazione in società di comodo (colonna 3).......................................................................................... » 373
„ Totale (ultima colonna)...................................................................................................................................... » 374
„ Partecipazione in società di comodo (rigo RG26, colonna 3 compilata).................................................... » 374

Altri dati................................................................................................................................................................... » 378

‰
Quadro VO - Comunicazione delle opzioni e revoche.................................................................................. pag. 381
„ Comportamento concludente........................................................................................................................... » 381
„ Modalità e termini di comunicazione............................................................................................................. » 381
„ Vincolo dell’opzione........................................................................................................................................... » 382
„ Sanzioni............................................................................................................................................................... » 382
„ La compilazione del quadro VO nel caso di passaggio di regime............................................................. » 382
„ Prospetto riassuntivo - Opzioni ai fini delle imposte sui redditi............................................................... » 385
„ Regimi fiscali agevolati..................................................................................................................................... » 385

8 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Indice

NORMATIVA

‰
Contribuenti forfetari
„ Legge 23 dicembre 2014, n. 190 - Estratto
„ Circolare dell’Agenzia delle Entrate 10 aprile 2019, n. 9
„ Circolare dell’Agenzia delle Entrate 4 aprile 2016, n. 10
„ Circolare dell’Agenzia delle Entrate 19 febbraio 2015, n. 6 - Estratto
„ Risoluzione 14 settembre 2018, n. 64

‰
Contribuenti minimi
„ D.L. 6 luglio 2011, n. 98 - Estratto
„ Provvedimento 22 dicembre 2011 - Nuovi minimi
„ Estratto Finanziaria 2008
„ Decreto 2 gennaio 2008
„ Circolare n. 73/E/2007
„ Circolare n. 7/E/2008
„ Circolare n. 12/E/2008
„ Circolare n. 13/E/2008
„ Circolare n. 45/E/2008
„ Circolare n. 17/E/2012
„ Risoluzione n. 75/2015
„ Risoluzione n. 67/2015
„ Risoluzione n. 241/2008
„ Risoluzione n. 275/2008
„ Risoluzione n. 311/2008
„ Risoluzione n. 108/2009
„ Risoluzione n. 132/2009
„ Risoluzione n. 143/2009
„ Risoluzione n. 146/2009
„ Risoluzione n. 239/2009
„ Risoluzione n. 123/2010
„ Risoluzione n. 27/2011
„ Risoluzione n. 52/2012

‰
Contabilità semplificata per cassa
„ Legge 11 dicembre 2016, n. 232 - Estratto
„ Circolare 13 aprile 2017, n. 11

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 9


Sezione Prima

Sezione Prima -
IL REGIME FORFETARIO
Sezione prima - Il regime forfetario
Premessa

PREMESSA
REGIME FORFETARIO

La Legge n. 190/2014 ha introdotto il regime fiscale c.d. “forfetario”.


Come noto, la Legge n. 145/2018, Legge di Bilancio 2019, ha previsto un’importante revisione, ampliando la platea
dei soggetti interessati.
Le disposizioni inerenti la Legge di Bilancio 2019 sono state applicate a decorrere dal 2019; pertanto, per valutare
l’accesso al regime forfetario già nel 2019, è stato necessario utilizzare i limiti e le cause di esclusione nella versio-
ne modificata dalla Legge di Bilancio 2019.
L’Agenzia delle Entrate, con Circolare 10 aprile 2019, n. 9, ha fornito chiarimenti in merito alle cause ostative
all’applicazione del regime forfetario, soprattutto a seguito dell’introduzione delle lettere d) e d-bis), all’art. 1, com-
ma 57, Legge n. 190/2014, da parte della Legge n. 145/2018.

Il regime agevolato è riservato alle persone fisiche che realizzano ricavi o compensi inferiori ad € 65.000, e prevede
la determinazione del reddito con l’applicazione ai ricavi/compensi di un coefficiente di redditività.

 rio, reintroducendo:
Come vedremo, la Legge di Bilancio 2020 ha apportato modifiche rilevanti al regime forfeta-
N O V I TÀ :

„ la causa di esclusione dal regime, già in vigore fino al 2018, per i soggetti che nell’anno precedente
hanno percepito redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente ecce-
denti l’importo di € 30.000;
„ la condizione per l’accesso al regime forfetario relativa al limite delle spese sostenute per il personale
e per il lavoro accessorio, fissando un importo massimo pari ad € 20.000.
Inoltre ha previsto un sistema di premialità per incentivare l’utilizzo della fatturazione elettronica.

Per quanto riguarda le modifiche apportate dalla Legge di Bilancio 2020 al regime forfetario, con Risoluzione 11
febbraio 2020, n. 7, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che questo tipo di modifiche va valutato con riferimento al
2019 e decorrono già dal 2020: pertanto un contribuente per valutare l’accesso o per la permanenza nel regime for-
fetario nell’anno 2020 dovrà fare già riferimento ai nuovi requisiti e alle nuove cause ostative, introdotte dalla
Legge di Bilancio 2020.

Il reddito è assoggettato ad un’imposta sostitutiva pari al 15%.


Inoltre:
O per i contribuenti che intraprendono una nuova attività, per i primi cinque anni è prevista l’applicazione di
un’imposta sostitutiva pari al 5%;
O a favore delle imprese che applicano il regime forfetario, è previsto un regime agevolato ai fini contributivi, al
quale è possibile accedere su opzione, nel quale i contributi previdenziali sono ridotti del 35%.

Si ricorda inoltre che, dopo il 31 dicembre 2015 è sfumata la possibilità di accedere al regime dei contribuenti mini-
mi: è possibile permanervi fino a naturale scadenza di tale regime, mentre non è più possibile accedervi.
Il regime forfetario è dunque l’unico regime fiscale agevolato al quale è possibile aderire.
Nel corso della Sezione si metteranno in luce le caratteristiche del regime forfetario, gli aspetti comuni e le differen-
ze rispetto al regime fiscale di vantaggio ex art. 27, commi 1 e 2, D.L. n. 98/2011, riportando anche i chiarimenti for-
niti in passato dall’Amministrazione finanziaria con riferimento a precedenti regimi fiscali agevolati, nel caso in cui
possano essere estesi ai contribuenti forfetari.
Infine, in merito alle nuove cause ostative introdotte sono state riportate le più importanti Risposte ad interpello for-
nite dall’Agenzia delle Entrate nel corso del 2019.

12 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Requisiti per accedere al regime agevolato

REQUISITI PER ACCEDERE AL REGIME

REGIME FORFETARIO
AGEVOLATO

Il regime forfetario è stato istituito dall’articolo 1, nei commi da 54 ad 89, Legge n. 190/2014.
I limiti ed i requisiti di accesso sono stati rivisti più di una volta: inizialmente dalla Legge n. 208/2015 (Legge di sta-
bilità 2016), successivamente dalla Legge di Bilancio 2019 ed infine con la Legge di Bilancio 2020.
Ai sensi del comma 54, art. 1, Legge n. 190/2014 nella versione antecedente le modifiche apportate nel corso degli
anni, potevano accedere al regime i soggetti che nell’anno precedente rispettavano alcune condizioni relative a:
O ricavi e compensi;
O spese per l’impiego di lavoratori;
O costo complessivo dei beni strumentali.

 me forfetario,Come
N O V I TÀ : vedremo in seguito, la Legge di Bilancio 2020 ha apportato modifiche rilevanti al regi-
reintroducendo:
„ la causa di esclusione dal regime, già in vigore fino al 2018, per i soggetti che nell’anno precedente
abbiano percepito redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente
eccedenti l’importo di € 30.000;
„ la condizione per l’accesso al regime forfetario relativo al limite delle spese sostenute per il personale
e per il lavoro accessorio, fissando un importo massimo pari ad € 20.000; si tratta di una soglia più alta
e meno stringente di quella inizialmente disposta (tale requisito, infatti, inizialmente fissato al limite di
€ 5.000 era stato soppresso dalla Legge di Bilancio 2019).
Inoltre ha previsto un sistema di premialità per incentivare l’utilizzo della fatturazione elettronica.

Limite ricavi/compensi pari ad € 65.000


per ogni tipo di attività

Spese per impiego lavoratori


≤ € 20.000
Regime forfetario Reintrodotti
Requisiti di accesso (Legge di Bilancio 2020)
Limite reddito da lavoro
dipendente /assimilato ≤ € 30.000

Costo beni strumentali al 31/12 Abrogato


≤ € 20.000 (Legge di Bilancio 2019)

LIMITE DEI RICAVI/COMPENSI


La possibilità di accedere nel regime forfetario (o di permanervi, se si è già nel regime) è riservata alle persone fisiche
esercenti attività di impresa, arte o professione che, nell’anno solare precedente, hanno conseguito ricavi o percepi-
to compensi, ragguagliati ad anno, non superiori a € 65.000 (limite previsto dall’art. 1, comma 54, Legge n. 190/2014.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 13


Sezione prima - Il regime forfetario
Requisiti per accedere al regime agevolato

8 AT T E N Z I O N E : La Legge di Bilancio 2020, che come detto in precedenza ha apportato modifiche rilevan-
ti al regime forfetario, ha riproposto il limite ricavi e compensi pari ad € 65.000 per aderire/rimanere nel
REGIME FORFETARIO

regime forfetario.

Tale limite rimane suddiviso per tipologia di attività, dato che a ciascun settore è associato un coefficiente di
redditività.

Tabella limiti ricavi/compensi e coefficienti di redditività

Limite Coefficiente
Prog. Gruppo di settore Codice attività ATECO 2007
ricavi/compensi redditività

1 Industrie alimentari e delle bevande (10 – 11) 40%


45 – (da 46.2 a 46.9) – (da 47.1 a 47.7)
2 Commercio all’ingrosso e al dettaglio 40%
– 47.9
Commercio ambulante e di prodotti alimentari e
3 47.81 40%
bevande
4 Commercio ambulante di altri prodotti 47.82 – 47.89 54%
5 Costruzioni e attività immobiliari (41 – 42 – 43) – (68) 86%
6 Intermediari del commercio 46.1 62%
7 Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione (55 – 56) 65.000 40%
Attività professionali, scientifiche, tecniche, sani-
(64 – 65 – 66) – (69 – 70 – 71 – 72 – 73 –
8 tarie, di istruzione, servizi finanziari ed assicura- 78%
74 – 75) – (85) – (86 – 87 – 88)
tivi
(01 – 02 – 03) – (05 – 06 – 07 – 08 – 09)
– (12 – 13 – 14 – 15 – 16 – 17 – 18 – 19
– 20 – 21 – 22 – 23 – 24 – 25 – 26 – 27 –
28 – 29 – 30 – 31 –32 – 33) – (35) – (36 –
9 Altre attività economiche 67%
37 – 38 – 39) – (49 – 50 – 51 – 52 – 53) –
(58 – 59 – 60 – 61 – 62 – 63) – (77 – 78 –
79 – 80 – 81 – 82) – (84) – (90 – 91 – 92
– 93) – (94 – 95 – 96) – (97 – 98) – (99)

I ricavi e compensi rilevanti ai fini della determinazione del limite sono:


O per gli imprenditori individuali, quelli individuati negli articoli 57 e 85, TUIR;
O per gli esercenti arti e professioni, quelli individuati nell’articolo 54, TUIR.

8 AT T E N Z I O N E : Per i soggetti già in attività, le condizioni di accesso vanno verificate con riferimento
all’anno precedente.
Così, ad esempio, un architetto per accedere al regime forfetario dal 2020 dovrà verificare il valore dei com-
pensi 2019.

ΠESEMPIO

Un commerciante al dettaglio di frutta e verdura ha come codice attività il Codice ATECO 47.21.01 e nel 2019 ha re-
alizzato ricavi per € 55.000.
Considerato che il limite previsto è pari ad € 65.000, il contribuente, se già in regime forfetario nel 2019, può conti-
nuare ad adottare tale regime anche nel 2020.
Qualora, nel 2019 il commerciante fosse stato in regime ordinario, il mancato superamento di € 65.000 di ricavi gli
permette di aderire, dal 2020, al regime agevolato in argomento.

14 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Requisiti per accedere al regime agevolato

8 AT T E N Z I O N E : Secondo quanto affermato dalla relazione illustrativa alla Legge n. 190/2014, e conferma-
to nella Circolare 4 aprile 2016, n. 10, i ricavi che concorrono al raggiungimento della soglia comprendono

REGIME FORFETARIO
anche il valore normale dei beni destinati al consumo personale o familiare dell’imprenditore da attri-
buire in conformità alle disposizioni contenute nell’articolo 9, comma 3, TUIR.
La stessa relazione illustrativa precisa che l’autoconsumo risulta irrilevante dopo che il contribuente è entrato nel re-
gime, in quanto hanno rilevanza solo i ricavi che hanno avuto manifestazione numeraria.

8 AT T E N Z I O N E : Con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, riprendendo quanto già esposto con Circolare n. 6/2015,
è stato chiarito che alla determinazione dell’ammontare conseguito concorrono anche i ricavi relativi alle
cessioni poste in essere con la Città del Vaticano e con San Marino.

RICAVI/COMPENSI PER MIGLIORAMENTO ISA


Ai sensi della versione originaria dell’articolo 1, comma 55, lettera a), Legge di Stabilità 2015, ai fini del computo
dell’ammontare dei ricavi/compensi non assumono rilevanza quelli connessi all’eventuale adeguamento agli stu-
di di settore o ai parametri.
Rileva, pertanto, solamente l’ammontare dei ricavi/compensi risultanti dalle scritture contabili.

8 AT T E N Z I O N E : Il citato comma 55 è stato modificato al fine di tener conto dell’introduzione degli “Indici
sintetici di affidabilità fiscale” (ISA). Infatti, secondo il nuovo dettato normativo non rilevano ai fini della
verifica della sussistenza del requisito per l’accesso al regime gli ulteriori componenti positivi (“adegua-
mento”), indicati in dichiarazione, per “migliorare” il proprio profilo di affidabilità e per accedere al regi-
me premiale, nonché ai fini IRAP/IVA, ex art. 9-bis, comma 9, D.L. n. 50/2017.
Contemporaneamente, è stato soppresso il primo periodo del comma 73 della Legge di Stabilità 2015 che dispone-
va la non applicabilità degli studi di settore e dei parametri ai contribuenti che si avvalgono del regime forfetario.
A tale proposito si ricorda che ai sensi del Decreto MEF 23 marzo 2018, gli ISA non si applicano nei confronti dei
contribuenti che si avvalgono del regime forfetario agevolato o del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria
giovanile e lavoratori in mobilità.

8 AT T E N Z I O N E : Il problema non riguarda naturalmente i contribuenti che nell’anno precedente applica-


vano il regime dei minimi o quello forfetario. In tal caso, infatti, per tali soggetti gli studi di settore/para-
metri non trovano applicazione.

INDIVIDUAZIONE DEI RICAVI/COMPENSI: CASSA O COMPETENZA


Con Circolare 4 aprile 2016, n. 6 è stato chiarito che per la verifica dell’eventuale superamento del limite, si deve te-
ner conto del regime contabile applicato nell’anno di riferimento.
In altre parole, coloro che hanno operato in contabilità ordinaria devono calcolare l’ammontare dei ricavi conseguiti
applicando il criterio di competenza, mentre chi, ad esempio, ha applicato il regime fiscale di vantaggio, o la conta-
bilità semplificata, deve utilizzare il criterio di cassa.

Infatti, la Circolare 19 febbraio 2015, n. 6, quesito 9.6 fornisce il seguente chiarimento:

“D- Uno dei requisiti di accesso al nuovo regime forfetizzato previsto dalla legge di Stabilità 2015 è l’ammontare dei ri-
cavi, ragguagliato ad anno, conseguito nell’anno precedente. Come precisato nella relazione di accompagnamento, i ri-
cavi vanno assunti in base al criterio di competenza. Come fare se un artigiano o un commerciante nel 2014 ha appli-
cato il regime dei minimi (articolo 27 del DL 98/2011) con criterio di cassa e intende aderire al nuovo regime?
R- Ai sensi dell’articolo 1 della Legge di stabilità 2015 non possono applicare il regime forfetario coloro che nell’an-
no precedente hanno conseguito ricavi o percepito compensi superiori alle soglie fissate, per ciascuna attività,
nell’allegato 4. Il legislatore, nell’individuare questo parametro di verifica, ha inteso far riferimento alle dimensio-
ni dell’attività svolta dal contribuente, per consentire l’accesso al regime forfetario solo a realtà economiche di pic-
cole dimensioni.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 15


Sezione prima - Il regime forfetario
Requisiti per accedere al regime agevolato

Si ritiene, quindi, che l’ammontare dei ricavi conseguiti nell’anno precedente a quello in cui si intende ap-
plicare il regime forfetario, debba essere individuato con riferimento al regime utilizzato in quel perio-
REGIME FORFETARIO

do di imposta. Pertanto, coloro che nell’anno precedente hanno applicato il regime ordinario di determinazione del
reddito di impresa, ovvero il regime delle imprese minori, effettueranno la verifica richiesta dalla Legge di stabilità con
riferimento ai ricavi imputati secondo il criterio della competenza. Diversamente, coloro che nell’anno precedente
hanno applicato il regime fiscale di vantaggio che prevede l’imputazione dei ricavi con il criterio di cas-
sa, effettueranno la verifica con riferimento a questa modalità di imputazione”.

ΠESEMPIO

Un agente di commercio che nel 2019 era:


O in regime ordinario (contabilità ordinaria), deve considerare le provvigioni maturate nel 2019, ancorché fattura-
te nel 2020;
O nel regime dei minimi o in contabilità semplificata, dovrà considerare tutte le fatture incassate nel 2019.
Per i lavoratori autonomi non si pone alcun problema, in quanto sia per il periodo precedente l’ingresso al regi-
me forfetario, sia per i periodi successivi, assumono rilevanza i compensi percepiti valutati secondo il princi-
pio di cassa.
Inoltre, la Relazione illustrativa alla Legge di Stabilità 2015 ha precisato che i ricavi di competenza dell’anno prece-
dente a quello di accesso al regime rilevano anche se relativi ad un’attività cessata diversa da quella iniziata nel
corso dell’anno successivo e per la quale si intende usufruire del regime forfetario:

“In sostanza, i ricavi conseguiti nell’anno solare precedente prescindono, totalmente, dall’attività a cui gli stes-
si si riferiscono, pertanto la posizione del contribuente va considerata nel suo insieme e non in relazione alla speci-
fica attività svolta.”

RAGGUAGLIO DEI RICAVI/COMPENSI


In caso di esercizio dell’attività per periodi inferiori all’anno, i ricavi conseguiti e/o i compensi percepiti vanno
ragguagliati ad anno e confrontati con le soglie previste dall’Allegato 4 alla Legge n. 190/2014.
Tale situazione interessa principalmente i contribuenti che hanno iniziato l’attività in corso d’anno ed intendono
adottare nel periodo d’imposta successivo il regime agevolato.

ΠESEMPIO N. 1

Un venditore ambulante di prodotti alimentari (codice attività 47.81.XX) ha iniziato l’attività in data 1° aprile 2019,
adottando la contabilità semplificata, ed ha percepito ricavi per un importo pari a € 24.000,00.
I ricavi percepiti, ragguagliati ad anno, risultano pari a € 31.855,00 (€ 24.000,00 x 365/275).
Per verificare le condizioni d’accesso per il 2020, tale importo va confrontato con la soglia di € 65.000: la soglia non
è stata superata ed è quindi possibile accedere al regime.

ΠESEMPIO N. 2

Un consulente in materia di sicurezza (codice attività 74.90.29) ha iniziato la sua attività in data 15 ottobre 2019 ed ha
percepito compensi per un importo pari a € 15.000,00.
Considerato che tali compensi, ragguagliati ad anno, sono pari a € 71.103,90 (€ 15.000,00 x 365/77), nel 2020 il contri-
buente non può applicare il regime forfetario, poiché ha superato la soglia di € 65.000.

16 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Requisiti per accedere al regime agevolato

ESERCIZIO DI PIÙ ATTIVITÀ

REGIME FORFETARIO
In caso di esercizio contemporaneo di attività contraddistinte da differenti codici Ateco, si assume la somma dei
ricavi/compensi relativi alle diverse attività, in luogo del limite più elevato dei ricavi/compensi relativi alle diver-
se attività esercitate.

ΠESEMPIO N. 1

Agente di commercio Codice Ateco 46.18.2X


Commercio all’ingrosso Codice Ateco 46.52.0X
Ricavi nell’anno precedente:
O da provvigioni € 35.000
O da attività di commercio € 25.000
ricavi totali € 60.000

La soglia di riferimento è pari ad € 65.000; il contribuente può accedere al regime forfetario perché la somma dei
ricavi (€ 60.000) è inferiore a tale soglia.

ΠE S E M P I O N . 2 - Superamento della soglia

Ricavi nell’anno precedente:


O da provvigioni € 35.000;
O da attività di commercio € 43.000
ricavi totali € 78.000

I ricavi totali (€ 78.000) superano la soglia di riferimento (€ 65.000); pertanto il contribuente non può accedere al re-
gime forfetario.

DIRITTI D’AUTORE
L’Agenzia delle Entrate, con Circolare 10 aprile 2019, n. 9, ha precisato che i proventi conseguiti a titolo di diritti
d’autore devono includersi nel calcolo della soglia di € 65.000.
In proposito, l’Agenzia richiama l’articolo 53, comma 2, lettera b), TUIR, il quale considera redditi di lavoro autono-
mo “i redditi derivanti dalla utilizzazione economica, da parte dell’autore o inventore, di opere dell’ingegno, di brevetti industriali
e di processi, formule o informazioni relativi ad esperienze acquisite in campo industriale, commerciale o scientifico, se non sono
conseguiti nell’esercizio di imprese commerciali”.
Considerata la peculiare natura dei predetti redditi, l’Agenzia nella citata Circolare ha precisato che i proventi con-
seguiti a titolo di diritti d’autore concorrono alla verifica del limite di € 65.000 solamente se correlati con l’attività
di lavoro autonomo svolta. Tale circostanza si ritiene sussistente qualora, sulla base di un esame degli specifici fatti
e circostanze, tali proventi non verrebbero conseguiti in assenza dello svolgimento dell’attività di lavoro autonomo.

INDENNITÀ DI MATERNITÀ
Nel corso di un incontro con la stampa specializzata ad inizio 2020, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che l’inden-
nità di maternità non va considerata al fine della verifica del limite di ricavi per l’accesso o la permanenza nel
regime.
Tale importo, infatti, non costituisce ricavo o compenso.
Peraltro si tratta della riproposizione di un chiarimento già fornito, con la Circolare 30 maggio 2012, n. 17, in relazio-
ne ai contribuenti minimi.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 17


Sezione prima - Il regime forfetario
Requisiti per accedere al regime agevolato

SPESE PER L’IMPIEGO DI LAVORATORI


REGIME FORFETARIO

La seconda condizione per poter aderire e permanere nel regime, è individuata nell’art. 1, comma 54, lett. b), Leg-
ge n. 190/2014, introdotta dalla Legge di Bilancio 2020.

 so al regimeLaforfetario,
Legge di Bilancio 2020 ha introdotto all’art. 1, comma 54, la lett. b), che prevede, per l’acces-
N O V I TÀ :
un limite alle spese sostenute per il personale e per il lavoro accessorio (da par-
te dell’imprenditore o lavoratore autonomo) fissato ad un importo pari a € 20.000 lordi annui.

Si precisa che tale limite, inizialmente fissato in € 5.000, era stato soppresso dalla Legge di Bilancio 2019.

Limite spese
Versione originaria: Legge di Bilancio 2019 Legge di Bilancio 2020
per personale e
€ 5.000 nessun limite € 20.000
lavoro accessorio

Pertanto, per l’accesso al regime forfetario, deve essere verificato che nell’anno precedente sia rispettato il limite di
€ 20.000 relativamente a spese per:
O lavoratori dipendenti;
O lavoro accessorio di cui all’articolo 70, D.Lgs. n. 276/2003 (voucher); considerato che tale disposizione è abrogata
è da ritenere che di fatto tale previsione non trovi applicazione;
O collaboratori coordinati e continuativi o collaboratori a progetto, ossia soggetti titolari di redditi di cui all’art.
50, comma 1, lett. c) e c)-bis, TUIR;
O spese per prestazioni di lavoro effettuate dall’imprenditore medesimo o dai suoi familiari, di cui all’art. 60,
TUIR, ossia prestazioni non ammesse in deduzione ai fini reddituali;
O compensi corrisposti ad associati in partecipazione con apporto di esclusivo lavoro, titolari di redditi di cui
all’art. 53, comma 2, lett. c), TUIR.

8 AT T E N Z I O N E : Nel computo del limite di € 20.000 vanno inclusi sia il costo per la retribuzione, sia quel-
lo per gli oneri sociali e i contributi assistenziali (INPS e INAIL).
Si ritiene che non concorrano alla formazione del limite di € 20.000 i compensi erogati per lavoro autono-
mo occasionale compresi quelli per lavoro occasionale disciplinato dall’art. 54-bis, D.L. n. 50/2017 (nuovi
voucher).

LIMITE REDDITI LAVORO DIPENDENTE

 Legge n. 190/2014
La lettera d) dell’art. 1, comma 692, Legge di Bilancio 2020 reintroduce al comma 57, art. 1,
N O V I TÀ :
la causa ostativa secondo la quale non è consentito l’accesso al regime forfetario per i
soggetti che nell’anno precedente abbiano percepito redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a
quelli di lavoro dipendente eccedenti l’importo di € 30.000 (non è previsto un ragguaglio in base ai mesi
lavorati).

Tuttavia non scatta la causa di esclusione se il rapporto di lavoro è cessato.

¯ Si veda il paragrafo “Limite del reddito da lavoro dipendente/pensione” all’interno del capitolo “Fattispecie di esclusione”.

18 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Requisiti per accedere al regime agevolato

CESSIONI ALL’ESPORTAZIONE

REGIME FORFETARIO
A differenza di quanto accade per il regime dei minimi, non è di ostacolo all’adozione del regime agevolato l’aver
effettuato cessioni all’esportazione (lett. a), comma 96, Legge n. 244/2007).
Secondo la Circolare 4 aprile 2016, n. 10, infatti, tali operazioni (in particolare, esportazioni ed operazioni assimi-
late), non sono state considerate di per sé indice di un’attività di maggiori dimensioni, incompatibile con il regime
forfetario.

8 AT T E N Z I O N E : L’articolo 7-sexies, D.L. n. 193/2016, ha disposto che le cessioni all’esportazione ex artt.


8, 8-bis, 9, 71 e 72, D.P.R. n. 633/1972, siano ammesse nei limiti e secondo le modalità stabilite dal Mini-
stero dell’Economia e delle Finanze con un apposito Decreto, che tuttavia a tutt’oggi non è ancora stato
emanato.

VERIFICA DEI REQUISITI DI ACCESSO AL REGIME FORFETARIO: DECORRENZA


Requisiti di accesso e cause ostative vanno verificate avendo riguardo all’anno precedente quello di riferimento.
Come è accaduto in occasione delle modifiche apportate al regime negli anni precedenti, questo tipo di modifiche
va valutato con riferimento al 2019: quindi, un contribuente per valutare l’accesso o per la permanenza nel regime
forfetario nell’anno 2020 dovrà fare già riferimento ai nuovi requisiti e alle nuove cause ostative.

 portate dallaConLegge
Risoluzione 11 febbraio 2020, n. 7, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che le modifiche ap-
N O V I TÀ :
di Bilancio 2020 al regime forfetario, di cui ai commi 54-89, Legge n. 190/2014, decor-
rono già dal 2020.

Pertanto, non possono accedere al regime forfetario nel 2020 i contribuenti che:
O nel 2019 hanno superato i limiti previsti nel comma 54, compreso il nuovo limite di spese per personale e la-
voro accessorio non superiore ad € 20.000;
O integrano le cause di esclusione di cui al comma 57, compresa la nuova lettera d-ter), che preclude il regime per
i soggetti che nel 2019 conseguono redditi di lavoro dipendente e/o assimilati in misura superiore a € 30.000.

Secondo l’Amministrazione finanziaria non vi è, infatti, contrasto con le disposizioni dello Statuto del contribuente.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 19


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

FATTISPECIE DI ESCLUSIONE
REGIME FORFETARIO

Nell’art. 1, comma 57, Legge n. 190/2014 sono individuate le fattispecie di esclusione (cause ostative) dall’applica-
zione del regime forfetario.
Si tratta di ipotesi di incompatibilità tra regime forfetario e particolari situazioni di seguito descritte, che riprendono
in parte quelle previste per il regime dei minimi elencate all’articolo 1, comma 99, Legge n. 244/2007.
In particolare, non possono applicare il regime forfetario i contribuenti che:
a) si avvalgono di regimi speciali IVA;
b) risultano non residenti;
c) effettuano in via esclusiva o prevalente cessioni di immobili ex art. 10, n. 8, D.P.R. n. 633/1972 e di mezzi di
trasporto nuovi ex art. 53, comma 1, D.L. n. 331/1993;
d) partecipano, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone, ad associazioni o a imprese
familiari, ex art. 5 TUIR; ovvero controllano direttamente o indirettamente SRL o associazioni in partecipa-
zione, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte da-
gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni;
d-bis) svolgano attività prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di
lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta; sono eslcusi i sogget-
ti che iniziano una nuova attività dopo il periodo di praticantato obbligatorio ai fini dell’esercizio di arti o
professioni;
d-ter) nell’anno precedente hanno percepito redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro
dipendente, ex artt. 49 e 50, TUIR, eccedenti l’importo di € 30.000. La verifica di tale soglia è irrilevante se il
rapporto di lavoro è cessato.

 ta” dall’art.La1, comma


causa ostativa di cui all’art. 1, comma 57, lettera d-ter), Legge n. 190/2014 è stata “reintrodot-
N O V I TÀ :
692, lettera d), Legge di Bilancio 2020.

CONTRIBUENTI CHE SI AVVALGONO DI REGIMI SPECIALI IVA


Ai sensi dell’art. 1, comma 57, lettera a), Legge n. 190/2014, non possono avvalersi del regime forfetario:

“le persone fisiche che si avvalgono di regimi speciali ai fini dell’imposta sul valore aggiunto o di regimi forfetari di de-
terminazione del reddito”.

Si tratta della preclusione per i soggetti che si avvalgono di:


O regimi speciali ai fini IVA, come già era previsto per il regime dei contribuenti minimi.
La Relazione illustrativa elenca le attività cui si fa riferimento, che riprendono quelle indicate nel Decreto mini-
steriale 2 gennaio 2008 per i minimi: il regime agevolato è incompatibile con l’esercizio delle seguenti attività:
e) agricoltura e attività connesse e pesca (artt. 34 e 34-bis, D.P.R. n. 633/1972);
f) vendita di sali e tabacchi (art. 74, comma 1, D.P.R. n. 633/1972);
g) commercio dei fiammiferi (art. 74, comma 1, D.P.R. n. 633/1972);
h) editoria (art. 74, comma 1, D.P.R. n. 633/1972);
i) gestione di servizi di telefonia pubblica (art. 74, comma 1, D.P.R. n. 633/1972);
j) rivendita di documenti di trasporto pubblico e di sosta (art. 74, comma 1, D.P.R. n. 633/1972);

20 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

k) intrattenimenti, giochi e altre attività di cui alla tariffa allegata al D.P.R. n. 640/1972 (art. 74, comma 6, D.P.R.
n. 633/1972);

REGIME FORFETARIO
l) agenzie di viaggi e turismo (art. 74-ter, D.P.R. n. 633/1972);
m) agriturismo (art. 5, comma 2, Legge n. 413/1991);
n) vendite a domicilio (art. 25-bis, comma 6, D.P.R. n. 600/1973);
o) rivendita di beni usati, di oggetti d’arte, d’antiquariato o da collezione (articolo 36, D.L. n. 41/1995);
p) agenzie di vendite all’asta di oggetti d’arte, antiquariato o da collezione (articolo 40-bis, D.L. n. 41/1995);
O regimi forfetari di determinazione del reddito (ad es. allevamento di animali o produzione di vegetali ecceden-
ti il limite di cui all’art. 32, comma 2, lett. b), TUIR).

8 AT T E N Z I O N E : L’esercizio di tali attività è incompatibile con il regime agevolato soltanto in vigenza del
regime stesso: in sostanza, l’aver esercitato una delle predette attività nell’anno precedente all’ingresso del
regime, consente invece l’adozione del regime forfetario.

§ Regimi speciali IVA


NO regime forfetario
§ Regimi forfetari redditi

Si segnala l’esclusione dal regime in esame dei c.d. “venditori porta a porta”, motivata più dalle caratteristiche del
regime ai fini delle imposte sui redditi che non ai fini IVA.

8 AT T E N Z I O N E : Secondo la Circolare 4 aprile 2016, n. 10, l’esercizio di un’attività esclusa dal regime for-
fetario in quanto soggetta ad un regime speciale IVA, ed espressiva ai fini dell’imposta sul reddito delle
persone fisiche di un reddito d’impresa o di lavoro autonomo, preclude l’accesso al regime per le altre at-
tività esercitate non in regime speciale.
Infatti, l’esercizio di un’attività soggetta ad un regime speciale IVA impedisce di avvalersi del regime
agevolato sia per le attività c.d. “speciali”, sia per le ulteriori attività d’impresa o lavoro autonomo svolte dal
contribuente, in quanto si tratta di un’esclusione di tipo soggettivo.

PRODUTTORI AGRICOLI CHE SVOLGONO ULTERIORI ATTIVITÀ D’IMPRESA O DI LAVORO AUTONOMO


Con riferimento al regime dei contribuenti minimi era prevista un’eccezione per i produttori agricoli che svolgono
ulteriori attività d’impresa o di lavoro autonomo, che si ritiene possa essere estesa anche al regime forfetario.
Come era ivi previsto, anche per il regime forfetario, in deroga a quanto sopra precisato, i produttori agricoli che
svolgono una delle attività di cui agli artt. 34 e 34-bis, D.P.R. n. 633/1972, entro i limiti previsti dall’articolo 32, TUIR
e pertanto produttiva di reddito fondiario, non esercitando attività d’impresa, possono utilizzare il regime agevo-
lato con riguardo alle altre attività d’impresa o arti e professioni svolte.
La motivazione di tale deroga risiede nella ratio del regime stesso, che intende agevolare i contribuenti di tipo marginale.
In particolare, se per tali contribuenti l’attività agricola determina esclusivamente un reddito agrario, è possibile l’a-
dozione del regime dei minimi/forfetario per l’ulteriore attività d’impresa o di lavoro autonomo esercitata.

8 AT T E N Z I O N E : In ogni caso, l’attività agricola in regime speciale non può rientrare nel regime agevo-
lato, a meno che la stessa non sia produttiva di reddito d’impresa ed il soggetto in questione opti per l’ap-
plicazione dell’IVA nei modi ordinari (Circolare 19 febbraio 2008, n. 12, quesito 4.1).

AGRITURISMO
Secondo il comma 57, lettera a), non possono avvalersi del regime forfetario soggetti che si avvalgono di regimi for-
fetari di determinazione del reddito.
Di conseguenza, l’attività di agriturismo si dovrebbe ritenere esclusa dal regime agevolato in commento in quanto
esercitata da soggetti che fruiscono già di un regime forfetario ai fini reddituali.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 21


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

Si segnala che con riferimento al regime dei minimi, la Circolare n. 12/2008, al quesito 4.1 aveva precisato che l’atti-
vità di agriturismo ex art. 5, comma 2, Legge n. 413/1991 può essere attratta al regime dei minimi qualora il contri-
REGIME FORFETARIO

buente opti per l’applicazione dell’IVA nei modi ordinari.


Va però sottolineato che con riferimento alle cause ostative dei contribuenti minimi indicate nell’art. 1, comma 99,
Legge n. 244/2007 non era richiamato l’utilizzo di “regimi forfetari di determinazione del reddito”.

PATENT BOX
Secondo la Circolare 4 aprile 2016, n. 10, il regime forfetario è incompatibile anche con il regime opzionale di tas-
sazione agevolata (c.d. “Patent Box”) derivante dall’utilizzazione di alcune tipologie di beni immateriali, ovvero
marchi, brevetti e know-how, introdotto dall’art. 1, commi da 37 a 45, Legge n. 190/2014, con lo scopo di incentiva-
re gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo.
Infatti, tale disciplina prevede, per tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa, la parziale detassazione dei proven-
ti derivanti dallo sfruttamento dei citati beni immateriali, sul modello di altri Stati europei e in coerenza con stan-
dard internazionali condivisi.

SOGGETTI NON RESIDENTI


L’art. 1, comma 57, lettera b), Legge n. 190/2014, prevede che non possono avvalersi del regime forfetario:

“b) i soggetti non residenti, ad eccezione di quelli che sono residenti in uno degli Stati Membri dell’Unione Eu-
ropea o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio Economico Europeo che assicuri un adeguato scambio di in-
formazioni e che producono nel territorio dello Stato italiano redditi che costituiscono almeno il 75 per
cento del reddito complessivamente prodotto;”
Rispetto a quanto previsto relativamente ai contribuenti minimi, il concetto di soggetto non residente al quale è
precluso l’accesso al regime è più circoscritto. Infatti:
£ per i contribuenti minimi la non residenza comportava automaticamente l’esclusione dal regime agevolato;
£ per i contribuenti forfetari sono esclusi i non residenti, con un’eccezione, qualora tali soggetti:

¾ siano residenti in uno Stato membro UE o aderente all’Accordo sullo Spazio Economico Europeo (Norve-
gia, Islanda, Liechtenstein) che assicuri un adeguato scambio di informazioni;
¾ e producano nel territorio dello Stato italiano redditi che costituiscono almeno il 75% del reddito comples-
sivamente prodotto.
In presenza di queste due caratteristiche, i non residenti possono accedere al regime forfetario.
Secondo la Relazione illustrativa alla Legge, tale definizione è derivata da sopravvenuti orientamenti comunitari e,
secondo la Circolare 4 aprile 2016, n. 10 ha il fine di favorire un più ampio accesso al regime di favore.

8 AT T E N Z I O N E : Il requisito di residenza del soggetto va verificato con riferimento alla nozione stessa di
residenza, di cui all’articolo 2, comma 2, TUIR, ai sensi del quale:

“Ai fini delle imposte sui redditi si considerano residenti le persone che per la maggior parte del perio-
do d’imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello
Stato il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile”.

Iscritto all’anagrafe
per la maggior parte
Soggetto residente dell’anno
(almeno 183 gg.)

Domicilio/residenza nel territorio dello Stato

22 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

CESSIONE DI FABBRICATI O PORZIONI DI FABBRICATI E DI AUTOVETTURE

REGIME FORFETARIO
Non possono avvalersi del regime forfetario:

“c) i soggetti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di ter-
reni edificabili di cui all’articolo 10, primo comma, numero 8), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre
1972, n. 633, o di mezzi di trasporto nuovi di cui all’articolo 53, comma 1, del decreto legge del 30 agosto 1993 n.
331, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427”.

Sono quindi esclusi dal regime forfetario i soggetti che in via esclusiva o prevalente effettuano operazioni di ces-
sione di:
O fabbricati o porzioni di fabbricato e terreni edificabili, di cui all’articolo 10, comma 1, n. 8, D.P.R. n. 633/1972;
O di mezzi di trasporto nuovi, di cui all’articolo 53, comma 1, D.L. n. 331/1993.

PARTECIPAZIONI IN SOCIETÀ DI PERSONE/ASSOCIAZIONI ANCHE IN PARTECIPAZIONE/


IMPRESE FAMILIARI
L’art. 1, comma 57, lettera d, Legge n. 190/2014 (modificato dalla Legge di Bilancio 2019) dispone che non possono
avvalersi del regime forfetario:

d) gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano, contemporaneamente all’esercizio
dell’attività, a società di persone, ad associazioni o a imprese familiari di cui all’articolo 5 del testo unico di cui al
decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, ovvero che controllano direttamente o indiret-
tamente società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, le quali esercitano attivi-
tà economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’im-
presa, arti o professioni”.

Di conseguenza, il regime forfetario in esame non può essere adottato dai soggetti che contemporaneamente all’e-
sercizio dell’attività:
O partecipano a:
¾ società di persone;
¾ associazioni anche in partecipazione,
¾ imprese familiari;
O controllano direttamente o indirettamente SRL o associazioni in partecipazione, che esercitano attività eco-
nomiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o
professioni.

8 AT T E N Z I O N E : Si noti che è prevista l’esclusione dal regime forfetario in caso di partecipazione a:


„ imprese familiari;
„ SRL (anche non trasparenti ex art. 116, TUIR), nonché in caso di partecipazione ad associazioni in
partecipazione.

Ai fini della verifica della causa ostativa riferita alla partecipazione in società di persone, associazioni professiona-
li o S.r.l è irrilevante se la partecipazione sia detenuta nell’ambito dell’impresa individuale oppure in qualità di per-
sona fisica.
Continuano ad essere escluse dalla formulazione letterale le participazioni in SPA, nelle SAPA e in società residen-
ti all’estero.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 23


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

PARTECIPAZIONE A SOCIETÀ DI PERSONE, ASSOCIAZIONI O IMPRESE FAMILIARI


REGIME FORFETARIO

Come anticipato, l’adesione al regime forfetario non è compatibile con la partecipazione a:


O società di persone;
O associazioni;
O imprese familiari.

R PARTECIPAZIONE A SOCIETÀ DI PERSONE

La partecipazione ad una società di persone fa riferimento alla “contemporaneità” tra l’esercizio di un’impresa ov-
vero di arti o professioni e detenzione di partecipazioni.
Come specificato nella Relazione illustrativa alla Legge n. 190/2014, il riferimento alla contemporaneità impli-
ca che:

“È possibile accedere al regime nelle ipotesi in cui la partecipazione in una società di persone o in una S.r.l.
trasparente venga ceduta prima dell’inizio di una nuova attività che dà diritto all’accesso al regime forfetario.
Conseguentemente, nel caso di inizio attività, è possibile accedere al regime anche nelle ipotesi in cui la parte-
cipazione in una società di persone o in un S.r.l. trasparente venga ceduta nel corso dello stesso periodo
di imposta, ma prima dell’accesso al regime forfetario. Analogamente, non è preclusa l’applicazione del regime
forfetario nelle ipotesi in cui la partecipazione sia acquisita nel corso dello stesso periodo di imposta, suc-
cessivamente alla cessazione dell’attività per la quale il regime è stato applicato”.

 cause ostative
Con Circolare 10 aprile 2019, n. 9, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle
N O V I TÀ :
all’applicazione del regime forfetario, soprattutto a seguito dell’introduzione delle lettere d)
e d-bis), all’art. 1, comma 57, Legge n. 190/2014, da parte della Legge di Bilancio 2019. L’Agenzia, infatti, sot-
tolinea che tali modifiche rispondono alla “duplice ratio di evitare artificiosi frazionamenti delle attività d’impresa
o di lavoro autonomo svolte o artificiose trasformazioni di attività di lavoro dipendente in attività di lavoro autonomo”.

Secondo il documento di prassi è quindi necessario valutare le cause ostative di cui alle lettere d) e d-bis) alla luce
della sopraggiunta ratio legis, per individuarne il relativo ambito di applicazione e di stabilire il momento in cui
le stesse operano, se con riferimento all’anno o agli anni precedenti oppure a quello di applicazione del regime
forfetario.
Le predette cause ostative hanno natura di circostanze inibenti l’ingresso o la permanenza nel regime forfetario e
sono finalizzate a evitare l’insorgere di potenziali condotte evasive.

8 AT T E N Z I O N E : In particolare la Circolare n. 9/2019 ha chiarito che la causa di esclusione dal regime for-
fetario non opera a condizione che il soggetto, entro il termine dell’anno precedente a quello di appli-
cazione del regime forfetario, provveda a rimuoverla.

Pertanto, qualora il soggetto nel 2019 sia stato socio di una Snc, laddove entro la fine dell’anno abbia provveduto a
cedere la quota posseduta, dal 2020 può applicare il regime forfetario, a prescindere dal fatto che lo stesso abbia ini-
ziato una nuova attività ovvero abbia proseguito con un’attività già in essere.
Inoltre, come chiarito con Circolare n. 10/2016, la causa di esclusione non opera nei casi in cui:
O in corso di applicazione del regime forfetario, il contribuente erediti una partecipazione societaria che viene
ceduta entro la fine dell’esercizio, poiché, anche in tal caso non ricorre l’assoggettamento a due diversi regimi di
tassazione di redditi appartenenti alla stessa categoria;
O partecipazione sia acquisita nel corso dello stesso periodo d’imposta, successivamente alla cessazione dell’at-
tività per la quale il regime è stato applicato.

24 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

ΠESEMPIO N. 1

REGIME FORFETARIO
Possesso di quote in una società in nome collettivo nel 2019: il regime forfetario può essere applicato nel 2020 qualo-
ra le quote siano state cedute entro la fine dell’anno 2019.

8 AT T E N Z I O N E : In considerazione della pubblicazione della Legge di Bilancio 2019 in Gazzetta Ufficiale a


fine anno e in ossequio a quanto previsto dallo Statuto dei diritti del contribuente, è stata prevista una de-
roga per l’anno 2019.
In particolare, nel caso in cui al 31 dicembre 2018 il contribuente si fosse trovato in una condizione tale da
far scattare l’applicazione della causa ostativa in esame già a partire dal 2019, lo stesso ha potuto comunque
applicare nel 2019 il regime forfetario ma con l’obbligo di rimuovere la causa ostativa entro il 31 dicembre
2019 a pena di fuoriuscita dal regime forfetario dal 2020.

Verifica nell’anno Se non rimossa,


Causa ostativa
precedente fuoriuscita

Deroga per il 2019

Presenza di causa Se non rimossa,


Permanenza nel 2019
ostativa per il 2019 fuoriuscita dal 2020

Es. possesso quota


SNC al 31.12.2018

ΠESEMPIO N. 2

Possesso nel 2020 di quota di SNC.


Inizio di attività di lavoro autonomo nel 2020.
Il professionista in questo caso non può applicare il regime forfetario, data la contemporaneità tra esercizio dell’atti-
vità e partecipazione alla società di persone.

R COLLABORATORI DELL’IMPRESA FAMILIARE

Secondo la lettera d), art. 1, comma 57, Legge n. 190/2014, la partecipazione ad imprese familiari di cui all’artico-
lo 5, TUIR, costituisce causa di esclusione (si fa presente che prima delle modifiche apportate dalla Legge di Bilan-
cio 2019 i collaboratori dell’impresa familiare potevano svolgere un’attività in proprio adottando il regime agevola-
to in esame).

R SOCIETÀ DI FATTO E SOCIETÀ SEMPLICI

Come sottolineato nella Circolare n. 9/2019, costituisce causa ostativa:


O l’esercizio di società di fatto che svolgono un’attività commerciale in quanto equiparate alle Snc;
O il possesso di partecipazioni a titolo di nuda proprietà.
Al contrario, invece, la Circolare ha precisato che non costituisce causa ostativa la partecipazione in una società
semplice, salvo il caso in cui la stessa produca reddito di lavoro autonomo/d’impresa.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 25


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

CONTROLLO DIRETTO/INDIRETTO DI SRL CON ATTIVITÀ RICONDUCIBILE


REGIME FORFETARIO

Il secondo periodo della lett. d), art. 1, comma 57, Legge n. 190/2014, prevede che non possono accedere al regime
forfetario i soggetti che controllano direttamente o indirettamente società a responsabilità limitata se la società
esercita un’attività economica direttamente o indirettamente riconducibile a quella svolte dagli esercenti atti-
vità d’impresa, arti o professioni.
La Circolare n. 9/2019 precisa che per la definizione di “controllo”, diretto e indiretto, occorre fare riferimento
all’art. 2359, primo e secondo comma.
Ai sensi del comma 1, si considerano società controllate:
1. le società in cui un’altra società dispone della maggioranza dei voti esercitabili nell’assemblea ordinaria;
2. le società in cui un’altra società dispone di voti sufficienti per esercitare un’influenza dominante nell’assemblea
ordinaria;
3. le società che sono sotto influenza dominante di un’altra società in virtù di particolari vincoli contrattuali con
essa.

ΠESEMPIO N. 1

Si supponga che un soggetto forfetario possieda una partecipazione al 50% in una SRL con 3 soci che esercita un’at-
tività economica riconducibile a quella svolta dallo stesso. In tal caso il contribuente non può applicare il regime for-
fetario in quanto risulta soddisfatta la condizione di cui al n. 2) del comma 1, art. 2359, C.c. (punto 2 sopra esposto).

Il controllo indiretto (così come precisato nella Circolare n. 9/2019) è specificato all’articolo 2359, comma 2, C.c., in
base al quale: “Ai fini dell’applicazione dei numeri 1) e 2) del primo comma si computano anche i voti spettanti a società control-
late, a società fiduciarie e a persona interposta; non si computano i voti spettanti per conto di terzi”.
Nell’ambito delle persone interposte vanno ricompresi i familiari di cui all’articolo 5, comma 5, TUIR, (coniuge, pa-
renti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado).

ΠESEMPIO N. 2

Prendiamo il caso in cui la moglie di un soggetto forfetario detiene una partecipazione pari al 50% in una SRL che
esercita attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dallo stesso.
In tal caso scatta la causa ostativa poiché risulta soddisfatta la condizione di cui al n. 2, comma 1 ed al comma 2, art.
2359 C.c..

Così come si evince dalla lettura della lett. d), non ha importanza l’adesione o la mancata adesione alla trasparenza,
ma, con riferimento alla SRL o all’associazione in partecipazione, affinché operi tale causa ostativa è necessario che
vi siano congiuntamente questi due requisiti:
O il controllo, diretto o indiretto, da parte del soggetto;
O l’esercizio di attività economiche, direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti at-
tività d’impresa, arti o professioni.
Pertanto, in assenza di una delle predette condizioni, la causa ostativa non opera ed il soggetto può adottare, ovve-
ro continuare ad applicare il regime forfetario.

8 AT T E N Z I O N E : In merito al momento in cui la causa ostativa relativa al possesso di partecipazioni in


SRL opera, l’Agenzia precisa che assume rilevanza l’anno di applicazione del regime e non l’anno pre-
cedente, poiché solo nell’anno di applicazione del regime è possibile verificare “la riconducibilità diret-
ta o indiretta delle attività economiche svolte dalla SRL alle attività economiche svolte dal contribuente in regime for-
fetario”.

26 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

R RICONDUCIBILITÀ DELL’ATTIVITÀ SVOLTA

Durante il Question time in commissione finanze alla Camera n. 5-01274/2019, è stato chiarito che il professionista

REGIME FORFETARIO
in regime forfetario che deteneva una partecipazione di controllo in una SRL (con codice Ateco diverso) poteva
continuare ad applicare nel 2019 il regime forfetario solo qualora l’attività svolta in regime agevolato non fosse
collegata a quella effettivamente svolta dalla società.
Ciò che conta infatti non è tanto la diversità del codice Ateco ma l’attività effettivamente svolta. Pur in presenza di
codici Ateco diversi, va dunque verificata

“l’effettiva correlazione tra le due attività esercitate, ciò comportando un esame delle fattispecie volto a verificare se l’at-
tività svolta individualmente è correlabile a quella prodotta in forma associata.“.

Infatti, secondo quanto chiarito:

“la ratio legis sottesa alla predetta causa ostativa è quella di evitare artificiose frammentazioni delle attivi-
tà d’impresa o di lavoro autonomo svolte al solo scopo di beneficiare di una tassazione più favorevole.
Perché tale requisito venga rispettato, onde evitare abusi, deve essere presa come riferimento l’attività effettivamente
svolta. Pur in presenza di due codici attività formalmente distinti in base alla classificazione ATECO, qualora il con-
tribuente eserciti, di fatto, un’attività collegata a quella effettivamente svolta, ad esempio, da una società a responsabi-
lità limitata, ciò inibisce, secondo l’impostazione normativa, la permanenza nel regime forfetario”.

8 AT T E N Z I O N E : Tale concetto è stato precisato anche nella Circolare n. 9/2019, dove l’Agenzia ha chiarito
che per individuare la riconducibilità o meno all’attività svolta dalla SRL o associazione in partecipa-
zione con quella svolta dal soggetto forfetario, occorre avere riguardo all’attività effettivamente svolta
(indipendentemente dal codice Ateco dichiarato).
Inoltre viene ulteriormente specificato che, in presenza di due codici attività appartenenti alla medesima Sezione
Ateco, la riconducibilità diretta/indiretta delle due attività sussiste nel caso in cui il soggetto forfetario effettua ces-
sioni di beni/prestazioni di servizi (assoggettati ad imposta sostitutiva) alla srl direttamente/indirettamente con-
trollata, la quale deduce i relativi componenti negativi di reddito.
Di conseguenza, non sono ritenute “attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili” tutte le at-
tività autonomamente esercitate dalla SRL. Tale condizione è ritenuta soddisfatta:
O in assenza di acquisti di beni/servizi dal soggetto forfetario;
O nel caso in cui i costi dei predetti beni/servizi non siano deducibili fiscalmente.
Non sono ritenute “attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili” le attività esercitate dalla SRL utiliz-
zando anche beni/servizi dal soggetto forfetario classificabili in una Sezione Ateco differente da quella in cui sono
classificabili le attività esercitate dal soggetto forfetario.

ΠESEMPIO N. 1

Un soggetto forfetario esercente un’attività ricompresa nella Sezione M (attività professionali, scientifiche e tecni-
che) effettua cessioni di beni/prestazioni di servizi ad una SRL controllata dallo stesso che svolge un’attività rica-
dente nella Sezione J (servizi di informazione e comunicazione).
In tal caso non scatta la causa ostativa.

ΠESEMPIO N. 2

Un soggetto forfetario effettua cessioni di beni/prestazioni di servizi ad una SRL controllata che svolge un’attivi-
tà ricadente nella medesima Sezione in cui ricade l’attività svolta dal soggetto forfetario.
In tal caso scatta la causa ostativa ed il contribuente fuoriesce dal regime forfetario dall’anno successivo.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 27


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

Con la Risposta 16.4.2019, n. 108, l’Agenzia ha affrontato la possibilità di applicare o meno il regime forfetario da
parte di un soggetto esercente l’attività di Dottore commercialista (codice Ateco 69.20.11) che nel 2018 possedeva una
REGIME FORFETARIO

quota del 50% di una SRL esercente l’attività di revisione/certificazione di bilanci (codice Ateco 69.20.20), di cui risul-
ta anche rappresentante legale.
L’Agenzia, ribadendo quanto affermato nella Circolare n. 9/2019, ha precisato che nel caso di specie risultava inte-
grata la causa ostativa di cui alla citata lett. d), poiché si erano verificate entrambe le condizioni necessarie, ossia:
O la prima condizione, costituita dal controllo diretto di cui al n. 2, comma 1, art. 2359, C.c. (partecipazione al 50%
nella SRL);
O la seconda condizione, rappresentata dall’esercizio da parte della SRL di attività economiche direttamente/indi-
rettamente riconducibili a quelle svolte dal professionista, posto che i codici Ateco delle attività svolte dal pro-
fessionista e dalla SRL controllata appartengono alla stessa Sezione Ateco (Sezione M).
In particolare, l’Agenzia ha precisato che la causa ostativa risultava integrata poiché il soggetto forfetario percepiva
compensi di amministratore (tassabili con imposta sostitutiva) dalla SRL controllata che ne deduce il costo.
Alla luce di quanto sopra, l’Agenzia ha precisato che nel caso di specie il soggetto:
O poteva applicare il regime forfetario nel 2019; infatti, come sopra accennato con riferimento alla partecipazione in
SRL, il momento in cui la causa ostativa opera coincide con l’anno di applicazione del regime e non con l’an-
no precedente come avviene per le società di persone, poiché solo nell’anno di applicazione del regime è possi-
bile verificare la riconducibilità diretta/indiretta delle attività economiche svolte dalla SRL all’attività eser-
citata dal soggetto forfetario;
O è fuoriuscito dal regime forfetario nel 2020, ai sensi del comma 71, in base al quale il regime cessa di avere appli-
cazione dall’anno successivo a quello in cui si verifica una causa ostativa.
Per evitare di decadere dal regime forfetario nel 2020, il soggetto deve aver cessato la carica di amministratore
della SRL entro il 31 dicembre 2019.

R LA CONTEMPORANEITÀ DELLE PARTECIPAZIONI DI CONTROLLO


Si noti che con riferimento al regime forfetario, il criterio adottato fa riferimento alla “contemporaneità” tra l’eserci-
zio di arte o professione e detenzione di partecipazioni.
Come già visto, secondo quanto indicato dalla Relazione illustrativa alla Legge n. 190/2014, e ribadito poi con Cir-
colare n. 10/2016, il riferimento alla contemporaneità implica che sia possibile accedere al regime nelle ipotesi
in cui la partecipazione venga ceduta prima dell’inizio di una nuova attività che dà diritto all’accesso al regime
forfetario.
Conseguentemente, nel caso di inizio attività, è possibile accedere al regime anche nelle ipotesi in cui la partecipa-
zione in una società di persone o in un SRL venga ceduta nel corso dello stesso periodo di imposta, ma prima dell’ac-
cesso al regime forfetario. Analogamente, non è preclusa l’applicazione del regime forfetario nelle ipotesi in cui la
partecipazione sia “acquisita nel corso dello stesso periodo di imposta, successivamente alla cessazione dell’attività per la qua-
le il regime è stato applicato”.
Seguendo i precedenti criteri indicati, si può affermare che:
O qualora in corso di applicazione del regime forfetario, il contribuente erediti una partecipazione societaria che
viene ceduta entro la fine dell’esercizio, non fuoriesce dal regime agevolato;
O la partecipazione acquisita nel corso dello stesso periodo d’imposta, successivamente alla cessazione dell’at-
tività per la quale il regime è stato applicato, non comporti causa di esclusione.

ΠESEMPIO N. 1

Contribuente in regime forfetario nel 2019, al 31 dicembre 2019 possedeva una partecipazione maggioritaria in una
SRL non trasparente con attività riconducibile alla propria.
Il contribuente nel 2020 non può adottare il regime forfetario. Diversamente, se l’imprenditore avesse ceduto la par-
tecipazione entro il 31 dicembre 2019, nel 2020 avrebbe potuto adottare il regime forfetario.

28 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

ΠESEMPIO N. 2

REGIME FORFETARIO
Contribuente in regime forfetario chiude l’attività ad aprile 2020. A settembre acquisisce una partecipazione maggio-
ritaria in una SRL con attività riconducibile.
Non sussistono cause di esclusione perché manca contemporaneità.

ΠESEMPIO N. 3

Contribuente in possesso di una partecipazione maggioritaria in una SRL, che dismette il 31 gennaio 2020. Il contri-
buente il 1° febbraio 2020 avvia un’attività d’impresa riconducibile a quella della SRL.
Avendo già dismesso la partecipazione, il contribuente dovrebbe poter adottare il regime forfetario.

ΠESEMPIO N. 4

Imprenditore in contabilità semplificata nel 2019 con partecipazione al 50% in SRL che svolge attività riconducibile a
quella dell’imprenditore. Il restante 50% della partecipazione è posseduto da un altro soggetto.
L’imprenditore può accedere dal 2020 al regime forfetario in quanto non detiene il controllo della SRL.
Si noti che nello stesso caso, se il restante 50% della partecipazione nella SRL fosse posseduto da un familiare dell’im-
prenditore, sarebbe considerato controllo indiretto che impedirebbe all’imprenditore di aderire al regime forfeta-
rio dal 2020.
Si ricorda, infatti, che come precisato nella Circolare n. 9/2019, nel controllo indiretto delle persone interposte van-
no ricompresi i familiari di cui all’articolo 5, comma 5, TUIR (coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il se-
condo grado).

ΠESEMPIO N. 5

Imprenditore forfetario nel 2019 con partecipazione al 51% in SRL che svolge attività non riconducibile a quella
dell’imprenditore.
L’imprenditore può mantenere nel 2020 il regime forfetario in quanto la SRL svolge un’attività non riconducibile a
quella del forfetario.

ΠESEMPIO N. 6

Imprenditore in contabilità semplificata nel 2019 con partecipazione al 51% in SRL la quale controlla un’altra SRL che
svolge un’attività riconducibile a quella dell’imprenditore.
E’ da ritenere che in questo caso l’imprenditore non possa accedere dal 2020 al regime forfetario, in quanto di fat-
to attraverso il controllo della prima SRL si partecipa ad un’altra SRL che svolge un’attività riconducibile a quella
dell’imprenditore.

ΠESEMPIO N. 7

Imprenditore forfetario nel 2019 con partecipazione in una cooperativa che svolge un’attività riconducibile a quella
dell’imprenditore.
L’imprenditore può mantenere il regime forfetario nel 2020, in quanto non si tratta di una partecipazione in
una SRL.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 29


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

SOCIO DI UNA SOCIETÀ AGRICOLA


REGIME FORFETARIO

Con Risoluzione 7 marzo 2011, n. 27, l’Agenzia delle Entrate aveva riconosciuto la possibilità, per il socio di una società
semplice agricola, di adottare il regime dei minimi per l’attività che lo stesso intende avviare come libero professionista.
Nello specifico è stato chiarito che, se il socio partecipa ad una società che, svolgendo esclusivamente attività agri-
cola e attività connesse nei limiti dell’articolo 32, TUIR, consegue reddito agrario, tale partecipazione non preclu-
de a detto soggetto la possibilità di adottare il regime dei minimi per l’ulteriore attività professionale che lo stesso
intende svolgere.
Da quanto sopra è quindi possibile affermare che, in linea generale, il possesso di una delle partecipazioni citate
non preclude l’accesso al regime agevolato se dalla stessa non deriva un reddito qualificabile come reddito d’im-
presa o di lavoro autonomo.
Si può dunque estendere il ragionamento anche con riferimento al regime forfetario.

PRECEDENTE ATTIVITÀ DI LAVORO DIPENDENTE


A seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2019 e da ultimo dal D.L. n. 135/2018, la lettera d-bis,
art. 1, comma 57, Legge n. 190/2014 prevede che non possano avvalersi del regime forfetario:

“d-bis) le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i
quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi
d’imposta, ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili ai suddetti datori di
lavoro, ad esclusione dei soggetti che iniziano una nuova attività dopo aver svolto il periodo di pratica obbligatoria ai
fini dell’esercizio di arti o professioni”.

8 AT T E N Z I O N E : In pratica, il regime forfetario in esame non può essere adottato dal soggetto che eserci-
ta l’attività prevalentemente nei confronti:
„ di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei
due anni precedenti; ovvero,
„ di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili a detti datori di lavoro.

Come precisato nella relazione illustrativa al Disegno di Legge di Bilancio, la norma mira ad evitare la trasformazio-
ne di rapporti di lavoro dipendente in altre forme contrattuali che godono dell’agevolazione in commento.
Nello stesso senso si esprime anche la Circolare n. 9/2019: la formulazione della lett. d-bis) è finalizzata ad evita-
re “artificiose trasformazioni di attività di lavoro dipendente in attività di lavoro autonomo, prevedendo a tal fine un periodo di
sorveglianza”.
Tale disposizione è molto importante per individuare la platea dei soggetti che possono accedere al regime forfeta-
rio: la causa di esclusione fa riferimento ai soggetti che esercitano l’attività prevalentemente nei confronti di da-
tori di lavoro o nei confronti di soggetti direttamente/indirettamente riconducibili ai predetti datori di lavoro con
i quali:
O sono in corso rapporti di lavoro;
O o erano intercorsi rapporti nei due anni precedenti.
In merito alla causa ostativa in esame, l’Agenzia nella Circolare n. 9/2019, precisa che:
£ i parametri cui fare riferimento per determinare la prevalenza sono i ricavi conseguiti/compensi percepiti. Il
requisito della prevalenza va inteso in senso assoluto. Di conseguenza la causa ostativa scatta se più del 50% dei
ricavi/compensi percepiti nell’anno derivino da fatture verso datori di lavoro/soggetti a essi riconducibili con i
quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi di imposta;
£ la verifica della prevalenza va effettuata al termine del periodo d’imposta.

30 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

ΠESEMPIO N. 1

REGIME FORFETARIO
Un dipendente ha cessato il rapporto di lavoro nel 2018. Tale soggetto nel 2019 ha applicato il regime forfetario, ma
se al 31 dicembre 2019 più del 50% dei compensi derivano da fatture verso il suo ex datore di lavoro, dal 2020 fuori-
esce dal regime.

8 AT T E N Z I O N E : La causa ostativa non si applica qualora la cessazione del rapporto di lavoro sia intervenu-
ta anteriormente ai 2 periodi d’imposta precedenti a quello di applicazione del regime forfetario.

ΠESEMPIO N. 2

Un soggetto forfetario nel 2019 ha esercitato prevalentemente/esclusivamente la sua attività nei confronti dell’ex da-
tore di lavoro con il quale il rapporto di lavoro è cessato anteriormente all’1.1.2017.
Il soggetto può continuare ad applicare il regime forfetario poiché è trascorso il periodo di sorveglianza biennale.

Dopo aver evidenziato che la citata lett. d-bis), art. 1, comma 57, Legge n. 190/2014, ricomprende nel suo ambito ap-
plicativo i soggetti che producono redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente ex
artt. 49 e 50, TUIR, l’Agenzia nella Circolare n. 9/2019 in esame precisa che la causa ostativa non riguarda i pensio-
nati, qualora il pensionamento sia obbligatorio ai termini di legge.

8 AT T E N Z I O N E : La causa ostativa scatta in caso di interruzione del rapporto di lavoro (ad esempio, licen-
ziamento, dimissioni) e di prosecuzione con l’ex datore di lavoro/soggetti direttamente o indirettamente
allo stesso riconducibili dell’esercizio prevalente dell’attività d’impresa lavoro autonomo, applicando il re-
gime forfetario.

REDDITI ASSIMILATI A LAVORO DIPENDENTE


In merito ai percettori dei predetti redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, l’Agenzia precisa che:
O non rientrano in ogni caso nell’ambito di applicazione della causa ostativa, i percettori dei redditi, ex art. 50, com-
ma 1, lett. c), d), f), g), h), h-bis), i) ed l), TUIR;
O rientrano i percettori di redditi ex art. 50, comma 1, lett. a), b) ed e), TUIR. Trattasi, in particolare, delle seguen-
ti fattispecie:
¾ compensi percepiti, entro i limiti dei salari correnti maggiorati del 20%, dai lavoratori soci delle cooperative
di produzione e lavoro, delle cooperative di servizi, delle cooperative agricole e di prima trasformazione dei
prodotti agricoli e delle cooperative della piccola pesca;
¾ indennità e compensi percepiti a carico di terzi dai prestatori di lavoro dipendente per incarichi svolti in re-
lazione a tale qualità, ad esclusione di quelli che per clausola contrattuale devono essere riversati al datore di
lavoro e di quelli che per legge debbono essere riversati allo Stato;
¾ compensi per l’attività libero professionale intramuraria del personale dipendente del SSN, del personale di
cui all’art. 102, DPR n. 382/1980 e del personale di cui all’art. 6, comma 5, D.Lgs. n. 502/1992, nei limiti ed alle
condizioni di cui all’art. 1, comma 7, Legge n. 662/1996.
Nell’ambito dei percettori di redditi di cui alla lett. d-bis), l’Agenzia precisa che solo i Revisori e i Sindaci di socie-
tà non rientrano nell’ambito di applicazione della causa ostativa, data l’intrinseca natura dell’attività svolta (le al-
tre categorie di percettori di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente ivi previste vi rientrano, così ad esempio,
amministratori, collaboratori, ecc.).
L’Agenzia nella Circolare n. 9/2019, precisa inoltre che nel caso in cui, prima dell’1 gennaio 2019, il contribuente
conseguiva:
O sia redditi di lavoro autonomo (o d’impresa);
O sia redditi di lavoro dipendente (o assimilati);

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 31


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

nei confronti dello stesso datore di lavoro, la causa ostativa non scatta se i due rapporti di lavoro “persistono senza
modifiche sostanziali per l’intero periodo di sorveglianza. In tal caso, non può verificarsi alcuna trasformazione di atti-
REGIME FORFETARIO

vità di lavoro dipendente in attività di lavoro autonomo che la causa ostativa intende evitare, permanendo immutato l’assetto ne-
goziale antecedente la modifica normativa”.

ΠESEMPIO

Un soggetto svolge le seguenti attività:


O “continuità assistenziale” (ex guardia medica), da cui consegue reddito di lavoro dipendente;
O medicina generale, fornendo assistenza ai propri mutuati nell’ambito del distretto dell’ASL di competenza, da cui
consegue reddito di lavoro autonomo.
La causa ostativa non scatta, qualora il duplice rapporto di lavoro (autonomo e dipendente) permanga senza subire
una modifica sostanziale.

SOGGETTI RICONDUCIBILI AI “DATORI DI LAVORO”


Con riguardo ai soggetti direttamente/indirettamente riconducibili ai datori di lavoro, l’Agenzia nella Circolare n.
9/2019 precisa che va fatto riferimento ai soggetti controllanti, controllati e collegati ex art. 2359, C.c..
Nell’ambito delle persone interposte di cui al comma 2 del citato art. 2359 C.c., vanno ricompresi i familiari ex art. 5,
comma 5, TUIR (coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado).

EX PRATICANTI: NON OPERA LA CAUSA DI ESCLUSIONE


La citata lett. d-bis), prevede che la causa di esclusione non operi nei confronti dei soggetti che iniziano una nuo-
va attività dopo lo svolgimento del praticantato obbligatorio ai fini dell’esercizio dell’attività professionale (in-
dipendentemente dalla percezione di compensi o meno come praticante).

LIMITE REDDITO LAVORO DIPENDENTE

 comma 57, Laart.lettera


N O V I TÀ : d), art. 1, comma 692, Legge di Bilancio 2020, aggiungendo la nuova lettera d-ter) al
1, Legge n. 190/2014, ha reintrodotto la causa ostativa secondo la quale non è consentito
l’accesso al regime forfetario per i soggetti che nell’anno precedente abbiano percepito redditi di lavo-
ro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente eccedenti l’importo di € 30.000. La veri-
fica di tale soglia è irrilevante se il rapporto di lavoro è cessato.

Tale disposizione, infatti, era presente nella versione originaria della norma e, successivamente, era stata soppressa
dalla Legge di Bilancio 2019.

Limite reddito Versione originaria: Legge di Bilancio 2019 Legge di Bilancio 2020
lavoro dipendente € 30.000 nessun limite € 30.000

ΠESEMPIO N. 1

Redditi anno 2019:


£ € 26.000 reddito lavoro dipendente;
£ € 9.000 reddito lavoro autonomo.

Il soggetto nel 2020 può rimanere nel regime forfetario perché il reddito di lavoro dipendente è inferiore ad € 30.000.

32 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

ΠESEMPIO N. 2

REGIME FORFETARIO
Contribuente dipendente con seconda attività come professionista.
Redditi anno precedente:
£ € 36.000 reddito lavoro dipendente;
£ € 7.000 reddito di lavoro autonomo.

Il soggetto non può applicare il regime forfetario poiché il reddito di lavoro dipendente è superiore ad € 30.000.

In tutti i casi in cui il lavoro dipendente inizi nel corso dell’anno di riferimento, non si pone alcun problema di
esclusione, dato che la verifica del requisito dev’essere fatta con riferimento all’anno precedente.
Tuttavia il problema si ripresenterà per l’anno successivo, allorquando dovrà essere ovviamente rispettato il non su-
peramento dell’art. 1, comma 57, lettera d-ter).

ΠESEMPIO N. 3

Un contribuente nel 2020 avvia l’attività di geometra applicando il regime forfetario, ed inoltre a partire dal 1° apri-
le 2020 è assunto anche come lavoratore dipendente.
Lo stesso può accedere al regime senza alcuna verifica di superamento di € 30.000, dato che tale requisito deve esse-
re verificato con riferimento al 2019. Tuttavia, ai fini della permanenza nel 2021, dovrà effettuare la verifica del limi-
te del reddito di lavoro dipendente di € 30.000 relativamente al 2020.

CESSAZIONE DEL PRECEDENTE RAPPORTO DI LAVORO


La norma prevede che la condizione non vada verificata in caso di cessazione dal rapporto di lavoro.

Secondo la Circolare 4 aprile 2016, n. 10:

“Tale limite (...) non opera se il rapporto di lavoro dipendente è cessato nel corso dell’anno precedente,
sempre che nel medesimo anno non sia stato percepito un reddito di pensione che, in quanto assimilato al reddito di
lavoro dipendente, assume rilievo, anche autonomo, ai fini del raggiungimento della citata soglia. Rileva, invece, il ci-
tato limite nell’ipotesi in cui, nello stesso anno, il contribuente abbia cessato il rapporto di lavoro dipendente ma ne ab-
bia intrapreso uno nuovo, ancora in essere al 31 dicembre.“

Sulla base della precisazione fornita, la verifica dei 30.000 euro:


O può non essere effettuata solo nel caso in cui la cessazione del rapporto di lavoro sia avvenuta nell’anno
precedente;
O va effettuata nell’ipotesi in cui, nello stesso anno, il contribuente abbia cessato il rapporto di lavoro dipendente
ma ne abbia intrapreso uno nuovo, ancora in essere al 31 dicembre.
Si vedano a riguardo i seguenti esempi.

ΠESEMPIO N. 1

Un contribuente nel 2019 ha in essere un contratto di lavoro dipendente, ma cessa tale rapporto nel novembre 2019.
Tale soggetto nel 2020 può avviare un’attività in regime forfetario, senza verificare se siano stati superati i 30.000
euro nel 2019, a causa dell’intervenuta cessazione del rapporto di lavoro.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 33


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

ΠESEMPIO N. 2
REGIME FORFETARIO

Un contribuente nel 2019 ha in essere un contratto di lavoro dipendente. Nel gennaio 2020 cessa tale rapporto.
Il soggetto può avviare un’attività in regime forfetario, solo nel caso in cui nel 2019 non abbia superato € 30.000 di
reddito da lavoro dipendente, a nulla rilevando il fatto che sia intervenuto un licenziamento nel 2020.

ΠESEMPIO N. 3

Un contribuente nel 2019 ha in essere un contratto di lavoro dipendente. Il 30 settembre 2020 cessa tale rapporto.
Il soggetto:
O nel 2019 ha percepito € 28.000 di reddito da lavoro dipendente;
O nel 2020 ha percepito € 32.000 di reddito da lavoro dipendente.
Il contribuente:
O il 1° ottobre 2020 può avviare un’attività in regime forfetario, dato che nel 2019 non ha superato € 30.000 di red-
dito da lavoro dipendente;
O nel 2021 può permanere in regime forfetario (ovviamente se rispetta gli altri requisiti e in assenza di altre cause
di esclusione), dato che nel 2020 è intervenuto il licenziamento, e quindi non deve verificare il superamento del-
la soglia di € 30.000.

SINTESI DELLE PRINCIPALI RISPOSTE AD INTERPELLO


Nel corso del 2019, l’Agenzia delle Entrate ha risposto a numerosi interpelli aventi ad oggetto proprio le fattispecie
di esclusione. Di seguito si propone una sintesi.

CAUSE OSTATIVE ART. 1, COMMA 57, LEGGE N. 190/2014 - LETT. D)


Risposta n. 108

Dottore commercialista (codice Ateco 69.20.11) che nel 2018:


X ha percepito un reddito inferiore a € 65.000;
X possiede una quota del 50% di una Srl esercente l’attività di revisione/certificazione di bilanci (codice Ateco 69.20.20), di
cui risulta anche rappresentante legale.
Risulta integrata la causa ostativa di cui alla lett. d), poiché sono verificate entrambe le condizioni necessarie affinché ne
scatti l’operatività, ossia:
X controllo diretto di cui al n. 2 del comma 1 dell’art. 2359, C.c. (partecipazione al 50% nella srl);
X esercizio da parte della srl di attività economiche direttamente/indirettamente riconducibili a quelle svolte dal profes-
sionista, posto che i codici Ateco delle attività svolte dal professionista e dalla srl controllata appartengono alla stessa
Sezione Ateco (Sezione M).
La causa ostativa risulta integrata poiché il contribuente percepisce compensi di amministratore (tassabili con imposta so-
stitutiva) dalla srl controllata che ne deduce il costo.
Di conseguenza, il soggetto ha potuto applicare il regime forfetario nel 2019 ma è decaduto nel 2020 se non ha dismesso la
carica di Amministratore della Srl entro il 31 dicembre 2019.

Risposta n. 114

Psicologa, tra il 2016 e il 2018, ha operato in contabilità semplificata e partecipa a una società semplice, con attività non com-
merciale di locazione di beni propri.
La partecipazione in società semplici non preclude l’applicazione del regime forfetario, tranne nei casi in cui le stesse produ-
cano redditi di lavoro autonomo o d’impresa.
Nel 2019, venute meno le cause di esclusione, ha potuto applicare il regime forfetario, senza necessità di opzione.
Il reddito derivante dalla partecipazione alla società immobiliare va dichiarato nel quadro RH (oppure nel quadro B per chi
compila il Mod. 730, indicando in colonna 2 “utilizzo” il codice “16”, che identifica il reddito dei fabbricati attribuito da so-
cietà semplice imponibile ai fini IRPEF).

34 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

Risposta n. 117

REGIME FORFETARIO
Libero professionista (Servizi forniti da ragionieri e periti commerciali - codice Ateco 692012) e possesso di una quota del
20% del capitale sociale di una Srl tra professionisti, svolgente la stessa attività e di cui è presidente del consiglio di ammi-
nistrazione, composto da altri tre membri, due dei quali sono i genitori dell’istante, che controllano il 60% delle quote del-
la società.
È integrata la causa ostativa di cui alla lettera d).

Risposta n. 118

Attività di “Servizi offerti da dottori commercialisti” (codice Ateco 692011): a fine 2017 il contribuente ha aperto con un colle-
ga una Srl tra professionisti (stesso codice), titolari entrambi al 50% delle quote della società e per la stessa percentuale par-
tecipano agli utili/perdite; i due sono anche amministratori, percependo un compenso per l’incarico.
Le due attività sono autonome, con clienti diversi.
È integrata la causa ostativa di cui alla lettera d).

Risposta n. 119

Ingegnere con codice ATECO 711210 con quota all’1% in una Srl che si occupa di installazione di apparecchiature di misu-
razione su imbarcazioni (codice ATECO 331500), è preposto alla gestione tecnica di tale società e possiede i requisiti per la
certificazione degli impianti installati.
Non è integrata la causa ostativa di cui alla lettera d).

Risposta n. 120

Avvocato, in regime dei minimi fino al 2018, anno in cui ha superato il tetto di € 30.000 di compensi, non quello di € 65.000
fissato per il forfetario. Quota di partecipazione minoritaria, quale socio accomandante, nella Sas del padre, svolgente attivi-
tà di commercio all’ingrosso di altri materiali da costruzione.
Per la partecipazione in società di persone è integrata la causa ostativa di cui alla lettera d). Ha potuto permanere nel regi-
me forfetario nel 2019 ma è decaduto dal 2020 se entro il 31 dicembre 2019 non ha dismesso la partecipazione.

Risposta n. 121

Titolare di una ditta individuale, liquidatore di due Srl, di cui detiene, rispettivamente, il 10% ed il 60% delle quote e per le
quali, nei primi mesi del 2019, è stata richiesta la cancellazione, senza che le stesse abbiano realizzato alcuna attività econo-
mica nell’anno. La ditta individuale e le due società, pur avendo da sempre operato in ambiti commerciali differenti, sono re-
gistrate con lo stesso codice Ateco 702209 (“Altre attività di consulenza imprenditoriale”).
È integrata la causa ostativa per la partecipazione in Srl; per il 2019 il contribuente ha potuto aderire al regime forfetario,
ma, se non rimossa entro il 31 dicembre 2019, ha comportato la decadenza nel 2020. Per quanto riguarda il requisito del con-
trollo, lo stesso risulta verificato per una delle due società (60% delle quote): il contribuente è decaduto dal forfetario nel 2020
se, nella fase di liquidazione, effettua cessioni di beni o prestazioni di servizi alla Srl controllata.

Risposta n. 122

Dottore commercialista con partecipazione al 50% in una Srl, che svolge “Altre attività di consulenza imprenditoriale e altra
consulenza amministrativo-gestionale e pianificazione aziendale”.
Fornisce prestazioni professionali diverse da quelle rese dalla società.
Il requisito del controllo risulta integrato in presenza di una partecipazione al 50%; a prescindere dalla riconducibilità delle
attività effettivamente svolte ai codici Ateco dichiarati, se il contribuente non effettua cessioni o prestazioni alla Srl control-
lata, non scatta la causa ostativa.

Risposta n. 123

Il contribuente, titolare di una ditta individuale, al 31 dicembre 2018 era titolare, quale socio accomandatario, di una parteci-
pazione minoritaria in una società di persone, che esercita attività economiche riconducibili alle proprie; la partecipazione è
stata dismessa nella prima metà del 2019.
La partecipazione in società di persone integra la causa ostativa di cui alla lettera d). Tuttavia, nel 2019, il contribuente ha
potuto ugualmente applicare il regime forfetario ma è decaduto dallo stesso nel 2020 se entro il 31 dicembre 2019 non ha
provveduto a rimuovere la causa ostativa.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 35


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

Risposta n. 124

Medico (codice Ateco 86.22.01) socio di una Sas (codice Ateco 32.50.20 - “fabbricazione di protesi dentarie”), inattiva dal 2004,
REGIME FORFETARIO

che i soci avevano intenzione di trasformare in cooperativa a responsabilità limitata nel 2019.
La partecipazione in società di persone integra la causa ostativa di cui alla lettera d). Tuttavia, nel 2019, il contribuente ha
potuto ugualmente applicare il regime forfetario, ma è decaduto dallo stesso nel 2020 se entro il 31 dicembre 2019 non ha ri-
mosso la causa ostativa.
Se invece nel 2019 si è perfezionata la trasformazione societaria, si sono applicate le disposizioni riguardanti la causa ostati-
va prevista per la detenzione di partecipazioni in Srl: se le attività effettivamente svolte dall’istante e dalla cooperativa cor-
rispondono a quelle dei codici Ateco dichiarati, nel 2020 ha potuto permanere nel forfetario.
In presenza di cessioni o prestazioni del contribuente nei confronti della cooperativa, andranno verificate la reale natura
dell’attività della cooperativa, il controllo della stessa e la riconducibilità delle effettive attività svolte ai codici Ateco dichia-
rati, per verificare in concreto la sussistenza o meno dei due requisiti che configurano la causa ostativa.

Risposta n. 125

Dottore commercialista detiene come socio accomandante una partecipazione del 15% in una Sas, che svolge attività di com-
mercio di materiale da costruzione; nel 2019 intendeva donarne l’usufrutto al nipote, rimanendo titolare della sola nuda pro-
prietà.
La partecipazione in società di persone integra la causa ostativa di cui alla lettera d). Nel 2019 ha potuto ugualmente ap-
plicare il regime forfetario e non decadere dallo stesso nel 2020 se entro il 2019 ha provveduto a dismettere la partecipazio-
ne: tuttavia, a tal fine non è sufficiente donarne l’usufrutto, poiché anche il possesso a titolo di nuda proprietà costitui-
sce causa ostativa.

Risposta n. 126

Commercialista in regime di contabilità semplificata detiene il 49% delle quote di partecipazione in una Srl tra professionisti,
operante con lo stesso codice Ateco 69.20.11. È co-amministratore della società, con poteri di ordinaria e straordinaria ammi-
nistrazione, e il suo volume d’affari è sviluppato esclusivamente nei confronti della Srl.
La partecipazione in Srl integra la causa ostativa di cui alla lettera d): il possesso di una partecipazione al 49% determina una
forma di controllo di cui all’articolo 2359, primo comma, n. 2, C.c., e sussiste anche la riconducibilità delle attività economi-
che, dal momento che i relativi codici appartengono alla medesima sezione e il contribuente percepisce compensi, tassabili
con imposta sostitutiva, dalla Srl controllata, la quale, a sua volta, deduce i componenti negativi di reddito. Di conseguenza,
nel 2020 sarebbe dovuto decadere dal regime forfetario.
Tuttavia, visto i chiarimenti sopraggiunti con la Circolare 9 del 10 aprile 2019, al fine di salvaguardare i comportamenti tenuti
prima della sua pubblicazione, qualora non sia effettuata alcuna cessione di beni o prestazione di servizi da parte dell’istan-
te alla S.r.l. controllata a decorrere dalla predetta data di pubblicazione del menzionato documento di prassi, lo stesso non è
decaduto dal regime forfetario nel periodo d’imposta 2020.

Risposta n. 127

Il contribuente è cittadino italiano residente all’estero, titolare della nuda proprietà di una partecipazione, come socio acco-
mandante, di una società di persone. Intende rientrare in Italia nel 2020, per intraprendere un’attività d’impresa, alla quale
vorrebbe applicare il regime forfetario.
Il contribuente, per applicare nel 2020 il regime forfetario, ha dovuto dismettere la partecipazione entro il 2019, in quanto an-
che il possesso a titolo di nuda proprietà costituisce causa ostativa.

Risposta n. 133

Mediatore immobiliare (codice Ateco 68.31.00) titolare di una quota di partecipazione nella misura del 72% al capitale socia-
le di una Srl (operante con lo stesso codice), di cui è anche amministratore. Nel 2018, ha superato il limite di ricavi per poter
usufruire del regime dei minimi, ma non quello previsto dal regime forfetario.
La citata partecipazione integra la causa ostativa di cui alla lettera d), e per applicare nel 2020 il regime forfetario, deve aver
dismesso la partecipazione entro il 2019.

Risposta n. 137

Controllo indiretto di S.r.l. (possesso di una quota dell’80% da parte della moglie) che esercita attività con codice ATECO dif-
ferente da quello del contribuente.
Non è integrata la causa ostativa ex lettera d), comma 57, Legge n. 190/2014. Di conseguenza, è possibile adottare il regime
forfetario.

36 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

Risposta n. 146

REGIME FORFETARIO
Contribuente ingegnere che fino al 2018 ha adottato il regime forfetario che detiene il 50% delle quote di partecipazione in
una S.r.l., che svolge l’attività di consulenza e sviluppo progetti per la produzione di energia elettrica tradizionale e da fon-
ti rinnovabili; il restante 50% appartiene ad un’altra persona fisica non collegata in alcun modo al contribuente se non in ra-
gione del rapporto societario. Le deliberazioni sociali l’assemblea è regolarmente costituita con tanti soci che rappresentino
almeno il 51% del capitale sociale e delibera a maggioranza assoluta del capitale presente.
Anche in questo caso il contribuente per il 2019 ha potuto aderire al forfetario, tuttavia la citata partecipazione integra la cau-
sa ostativa di cui alla lettera d), per l’anno 2020, pertanto per continuare ad applicare nel 2020 il regime forfetario, deve ave-
re dismesso la partecipazione entro il 2019.

Risposta n. 151

Socio al 50% in una S.r.l., con codice attività “altre attività di consulenza amministrativa”, il restante 50% del capitale sociale
è posseduto da un’altra persona fisica, non legata al socio da vincoli di parentela.
Lo stesso socio possiede una partita IVA con lo stesso codice attività della S.r.l. e svolge la professione in regime forfetario.
Il contribuente può aver aderito per il 2019 al regime forfetario in quanto la presenza della causa ostativa va valutata in det-
to anno e, ove ne sia accertata l’esistenza, ha comportato la decadenza dal regime nel 2020.
Qualora non sia effettuata alcuna cessione di beni o prestazione di servizi a qualsiasi titolo, ivi compreso per l’attività di am-
ministratore, da parte del socio della S.r.l. controllata a decorrere dal 10 aprile 2019, data di pubblicazione della Circolare n.
9 e qualora l’istante abbia cessato dalla carica di amministratore della S.r.l. controllata, lo stesso non è decaduto dal regime
forfetario nel periodo d’imposta 2020.

Risposta n. 162

Socio al 50% in una S.r.l., e amministratore. La società produce e vende capi di abbigliamento; tuttavia, a febbraio 2019 il co-
dice Ateco relativo al commercio di capi di abbigliamento è stato di chiuso e, ad oggi, la Alfa s.r.l. si occupa esclusivamente
di produzione di capi di abbigliamento (sezione C del codice Ateco).
Il socio intende avviare una ditta individuale per il commercio di capi di abbigliamento (sezione G del codice Ateco) avva-
lendosi del regime forfetario.
Come chiarito dalla Circolare n. 9/2019, affinché operi la causa ostativa di cui alla lettera d), comma 57, è necessaria la com-
presenza:
1) del controllo diretto o indiretto di società a responsabilità limitata o di associazioni in partecipazione e
2) dell’esercizio da parte delle stesse di attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli
esercenti attività d’impresa, arti o professioni.
Riguardo alla decorrenza della causa ostativa, la stessa Circolare precisa che ai fini della verifica delle stessa assume rilevan-
za l’anno di applicazione del regime e non l’anno precedente, dal momento che solo nell’anno di applicazione del regime può
essere verificata la riconducibilità diretta o indiretta delle attività economiche svolte dalla S.r.l. a quelle esercitate dal contri-
buente in regime forfetario.
Nel caso di specie si rileva il ricorrere della prima condizione; tuttavia con riferimento alla seconda condizione il contribuen-
te ha dichiarato che svolgerebbe un’attività rientrante in una sezione ATECO differente rispetto a quella in cui ricade l’atti-
vità svolta dalla s.r.l. controllata.
Laddove le attività effettivamente esercitate dalla persona fisica e dalla società controllata dovessero ricondursi a due sezio-
ni ATECO differenti non risulterebbe integrata la causa ostativa di cui alla lettera d), comma 57, art. 1, Legge n. 190/2014;
circostanza che non comporterebbe la decadenza dell’istante dal regime forfetario nel periodo di imposta 2020.

Risposta n. 169

Architetto che nel 2018 ha percepito compensi inferiori ad € 65.000, intendeva aderire al forfetario dal 2019. Tuttavia egli de-
tiene, già dal 2018, due quote di partecipazione di minoranza in due Srl, entrambe esercenti attività di gestione immobiliare,
consistente nella locazione degli immobili posseduti.
Alfa posseduta al 16,596%, come il fratello e la sorella ed il restante 50,212% è posseduto dal padre;
Beta posseduta al 16,61%, come il fratello e la sorella ed il restante 50,17% è posseduto dal padre.
L’architetto è anche amministratore unico delle citate società ed i compensi percepiti per tale carica rappresentano il reddito
prevalente da lui fatturato tramite la propria partita IVA.
Anche in tale caso è necessaria la compresenza:
1) del controllo diretto o indiretto di società a responsabilità limitata o di associazioni in partecipazione e
2) dell’esercizio da parte delle stesse di attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli
esercenti attività d’impresa, arti o professioni.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 37


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

Risposta n. 169

Nel caso di specie ricorre sia la prima condizione, costituita dal controllo indiretto, visto e considerato che gli altri soci sono
REGIME FORFETARIO

il fratello, la sorella ed il padre, nonchè la secondo condizione, avendo affermato di essere amministratore unico delle S.r.l.
dallo stesso indirettamente controllate, dalle quali proviene la prevalenza dei suoi compensi.
Il Contribuente può aver aderito per il 2019 al regime forfetario in quanto la presenza della causa ostativa va valutata in det-
to anno ma entrambe le cause di esclusione devono essere state rimosse entro il 2019, pena la fuoriuscita dal 2020.

Risposta n. 171

Rappresentante legale e socio di maggioranza di una S.r.l.s., iscritta nel registro imprese sezione “Start up innovative la qua-
le svolge “Altre attività di servizi connessi a tecnologie informatiche”.
Nel corso del 2019 ha chiuso la società e successivamente ha fatto richiesta di partita IVA in qualità di lavoratore autonomo
applicando il regime forfetario, con futura attività svolta in qualità riconducibile allo stesso ambito dell’attività economica
esercitata dalla società.
Con riferimento al controllo diretto, il contribuente può aver aderito per il 2019 al regime forfetario in quanto la presenza del-
la causa ostativa va valutata in tale anno.
Inoltre non opera la causa ostativa qualora il contribuente abbia iniziato la propria attività di lavoro autonomo in regime for-
fetario, nel corso del 2019, solo dopo aver provveduto alla liquidazione della società controllata.

Risposta n. 181

Contribuente dichiara di aver ceduto il 29 gennaio 2019 la propria quota di partecipazione in una S.n.c.. La contribuente in-
tende aprire una partita IVA, come ditta individuale, svolgendo la medesima attività della società aderendo al regime for-
fetario.
Nel caso in cui si possiedano delle quote in una Snc, se le quote possedute vengono cedute entro la fine dell’anno preceden-
te è possibile applicare il regime forfetario a decorrere dall’anno successivo e ciò a prescindere che il contribuente inizi una
nuova attività o prosegua un’attività già svolta. Stesso ragionamento vale per la partecipazione in altre società di persone
Tuttavia, qualora alla predetta data il contribuente si trovasse, come nel caso in esame, in una delle condizioni tali da far scat-
tare l’applicazione della causa ostativa in esame già a partire dal 2019, lo stesso ha potuto comunque applicare nell’anno 2019
il regime forfetario e non decadere dallo stesso nel periodo d’imposta 2020, solo a condizione che abbia provveduto a rimuo-
vere la causa ostativa entro la fine del 2019.

Risposta n. 334

Socio di capitale, nella misura di 1/3, in una società che svolge, tra l’altro, attività di consulenza in campo assicurativo in me-
rito alla liquidazione dei danni da infortunio con esclusione delle attività peritali. La compagine sociale si compone di tre
soci aventi la medesima quota di partecipazione di 1/3 del capitale sociale e tra i quali non sussiste alcun legame di parentela.
L’interpellante è intenzionato ad avviare l’attività di procacciatore d’affari e prevede di svolgere anche a favore della predet-
ta società. Detta attività risulterebbe propedeutica e complementare all’attività svolta dalla società di cui lo stesso è socio.
Considerata la ratio legis sottesa alla causa ostativa, occorre avere in ogni caso riguardo alle attività effettivamente svolte in
concreto dal contribuente e dalla Srl controllata, indipendentemente dai codici ATECO 2007 dichiarati, per valutarne la cor-
relazione. In linea generale il contribuente può aver aderito per il 2019 al regime forfetario in quanto la presenza della cau-
sa ostativa va valutata in tale anno e, laddove sia ancora accertata l’esistenza al 31 dicembre 2019, lo stesso è decaduto dal re-
gime nel 2020.

Risposta n. 392

Ingegnere che emettere fatture prevalentemente nei confronti di tre società di ingegneria a responsabilità limitata, delle qua-
li è altresì socio. In particolare, si tratta delle società:
1) Alfa S.r.l., partecipata al 50%;
2) Beta S.r.l., partecipata al 30%;
3) Gamma S.r.l., partecipata al 30%;
È integrata la causa ostativa, tuttavia nel 2019 ha potuto aderire al regime forfetario.
Qualora abbia cessato dalla carica di amministratore per la società Alfa, e non sia stata effettuata alcuna cessione di beni o
prestazione di servizi da parte dell’istante alla S.r.l. controllata a decorrere dal 10 aprile 2019, data di pubblicazione della Cir-
colare n. 9/2019, lo stesso è decaduto dal regime forfetario nel periodo d’imposta 2020.

Risposta n. 397

Attività di ingegnere (codice ATECO 711210, “attività degli studi di ingegneria”) che emette fatture prevalentemente nei con-
fronti di tre società di ingegneria a responsabilità limitata, delle quali è altresì socio.
L’istante è decaduto dal regime forfetario nel periodo d’imposta 2020 ai sensi del successivo comma 71 del citato articolo 1,
ferma restando comunque l’applicabilità del regime forfetario nel periodo d’imposta 2019.

38 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

Risposta n. 398

REGIME FORFETARIO
Attività di ingegnere, codice Ateco 71.12.10 - Attività degli studi di ingegneria, (in regime forfetario sin dal 2016) e detiene il
40% delle quote di partecipazione in una società di ingegneria, di cui l’altro 60% è detenuto da altro ingegnere non collegato
in alcun modo all’istante se non in virtù del rapporto societario.
La società partecipata opera esclusivamente con codice Ateco 71.12.10 (Attività degli studi di ingegneria) e l’istante è co-am-
ministratore della stessa, con poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, ma non percepisce compensi specifici per
detta attività.
Poiché i codici ATECO delle due attività rispettivamente svolte dall’istante e dalla società a responsabilità limitata control-
lata appartengono alla medesima sezione ATECO (la sezione M), la riconducibilità delle due attività economiche esercitate è
da ritenersi sussistente, considerato che la persona fisica che usufruisce del regime forfetario percepisce compensi, tassabi-
li con imposta sostitutiva, dalla società a responsabilità limitata controllata, la quale, a sua volta, deduce dalla propria base
imponibile i correlativi componenti negativi di reddito.
Pertanto, è integrata la causa ostativa di cui alla lettera d) e l’istante è decaduto dal regime forfetario nel periodo d’imposta
2020 ai sensi del successivo comma 71 del citato articolo 1, ferma restando comunque l’applicabilità del regime forfetario nel
periodo d’imposta 2019.

Risposta n. 504

Quattro professionisti detengono ciascuno il 25% delle quote e intenderebbero aprire partita IVA ciascuno, con l’intenzione
di fatturare alla società in regime forfetario.
L’Amministrazione finanziaria non fornisce una risposta netta, sostenendo che il 25% di quote esclude che vi sia controllo
diretto, ma non può essere esclusa l’esistenza di un controllo “di fatto”. Inoltre, è da verificare che non vi sia un indebito van-
taggio nel caso in cui la società non sia un mero soggetto interposto nella prestazione di servizi.

CAUSE OSTATIVE ART. 1, COMMA 57, LEGGE N. 190/2014 - LETT. D-BIS)


Risposta n. 115

Praticantato obbligatorio nel 2017 e il 2018 per la professione di dottore commercialista ed esperto contabile, con compenso
erogato sotto forma di borsa di studio: non vi è causa ostativa nel caso di successiva attività svolta prevalentemente nei con-
fronti del proprio dominus.

Risposta n. 116

Un soggetto svolge le seguenti attività:


X “continuità assistenziale” (ex guardia medica), da cui consegue reddito di lavoro dipendente;
X “medicina generale”, fornendo assistenza ai propri mutuati nell’ambito del distretto dell’ASL di competenza, da cui con-
segue reddito di lavoro autonomo.
La causa ostativa non scatta, qualora il duplice rapporto di lavoro (autonomo e dipendente) permanga senza subire una mo-
difica sostanziale.

Risposta n. 134

Dipendente presso una società , nel febbraio 2018 ha deciso di avviare un’attività di lavoro autonomo come agente di com-
mercio e ha aderito al regime di tassazione forfetario.
Nel corso del 2018, la contribuente ha maturato provvigioni prevalentemente nei confronti del suo ex datore di lavoro; con ri-
guardo al 2019, i ricavi nei confronti del medesimo soggetto sono stati inferiori al 50% del fatturato complessivo.
La verifica del requisito della prevalenza va effettuata solo al termine del periodo d’imposta. Pertanto, la contribuente ha può
aderire per il 2019 al regime forfetario in quanto la presenza della causa ostativa va valutata in detto anno e, ove ne sia accer-
tata l’esistenza, ha comportato la decadenza dal regime nel 2020.

Risposta n. 161

Il contribuente ha cessato il rapporto di lavoro per raggiunti requisiti pensionistici al termine del 2017 dal 2018 titolare di una
pensione di vecchiaia, ha aperto successivamente, in qualità di ingegnere, una partita IVA per lo svolgimento di un’attività di
lavoro autonomo professionale che è stata esercitata, in via prevalente, nei confronti dell’ex datore di lavoro.
Con specifico riferimento ai pensionati che percepiscono redditi di lavoro dipendente ai sensi dell’articolo 49, comma 2, del TUIR,
gli stessi non incorrono nella causa ostativa in esame ogniqualvolta il pensionamento sia obbligatorio ai termini di legge e l’istante
non è decaduto dal regime forfetario nel periodo d’imposta 2020.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 39


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

Risposta n. 163
REGIME FORFETARIO

Domanda di partecipazione a un concorso pubblico bandito dalla Azienda Sanitaria ..., per il conferimento di un incarico li-
bero professionale in qualità di dirigente biologo di durata pari a tre mesi.
A tal fine, precisa inoltre l’istante, nel modello di domanda di partecipazione al concorso è previsto che il candidato deb-
ba dichiarare “di essere titolare di partita IVA n. ..., ovvero di impegnarsi ad aprirla nel caso di affidamento dell’incarico”.
In proposito, l’istante riferisce di non essere mai stato titolare di partita IVA e che, pertanto, dovrà farne richiesta ai compe-
tenti uffici nel caso risultasse vincitore del concorso in parola.
La circostanza che il rapporto di lavoro autonomo tra il professionista e l’ente pubblico (con il quale è intercorso un rappor-
to di lavoro dipendente durante il periodo di sorveglianza) si potrà eventualmente instaurare solo se il primo risulterà vin-
citore all’esito di un concorso pubblico bandito dal secondo, escluderebbe la sussistenza di un’artificiosa trasformazione del
rapporto di lavoro da dipendente a autonomo.
Pertanto, non opererà la causa ostativa.

Risposta n. 170

Contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato presso l’Istituto ALFA S.p.A. con la qualifica di “Medico Aiuto c/o
UO Cardiologia”.
Nella medesima data, sottoscritto un accordo per svolgere all’interno dello stesso Istituto l’attività professionale di “Medi-
co Professionista Cardiologo per prestazioni professionali extra SSN”, senza alcun vincolo di subordinazione. Tale attività è
formalmente e sostanzialmente diversa e distinta dall’attività resa in virtù del rapporto di lavoro subordinato in essere con
la medesima società. L’interpellante ha come principale committente, in forza dell’accordo suddetto, l’Istituto ALFA S.p.A.;
tale condizione si protrae sin dall’inizio del periodo d’imposta 2018.
L’istante precisa che i contratti di lavoro subordinato e autonomo sono stati stipulati simultaneamente a inizio 2018 e cesse-
ranno, altrettanto simultaneamente, in caso di risoluzione del contratto di lavoro subordinato.
Lo stesso interpellante ha tuttora in essere entrambi i contratti di lavoro, riferiti ad attività distinte e non intende recedere
dal contratto di lavoro subordinato. Inoltre, l’eventuale tassazione di maggior favore agevolerebbe soltanto il reddito di lavo-
ro autonomo senza alcuna modifica al reddito di lavoro subordinato.
Con Circolare 9/2019, è stato precisato che nella particolare ipotesi in cui, prima dell’entrata in vigore della richiamata lette-
ra d-bis), il contribuente conseguiva sia redditi di lavoro autonomo (o d’impresa) sia redditi di lavoro dipendente (o assimi-
lati) nei confronti del medesimo datore di lavoro, la causa ostativa in esame non potrà trovare applicazione se i due rapporti
di lavoro persistono senza modifiche sostanziali per l’intero periodo di sorveglianza.
Pertanto, qualora per l’intero periodo di sorveglianza il duplice rapporto di lavoro (autonomo e dipendente) permanga sen-
za subire alcuna modifica sostanziale, non potrà operare la causa ostativa in esame.
Viceversa, qualora il duplice rapporto di lavoro (autonomo e dipendente) dovesse subire, durante il periodo di sorveglianza,
modifiche sostanziali volte a traslare una quota di redditi percepiti dalla tipologia di redditi di lavoro dipendente a quella di
redditi di lavoro autonomo per poter usufruire sulla maggiore quota di redditi di lavoro autonomo del regime forfetario, si
applicherà la causa ostativa in esame che comporterà la fuoriuscita dal regime forfetario nel periodo d’imposta successivo a
quello in cui si verifica il predetto mutamento sostanziale.

Risposta n. 173

Contribuente che presti la sua attività professionale principalmente nei confronti del suo ultimo datore di lavoro estero può
applicare il regime forfetario: secondo l’Agenzia infatti, il fatto che l’ultimo datore di lavoro sia un soggetto estero esclude-
rebbe il rischio di un’artificiosa trasformazione del rapporto di lavoro dipendente in lavoro autonomo.

Risposta n. 179

Contribuente che da ottobre a dicembre 2018, è stato assunto dall’agenzia interinale ALFA affinché prestasse la propria at-
tività lavorativa per la Fondazione BETA; da dicembre 2018, è stato assunto a tempo indeterminato presso la Fondazione
GAMMA ed ha cessato di lavorare per la Fondazione BETA; da dicembre 2018, ha sottoscritto un accordo di collaborazione
con la Fondazione BETA, dopo aver rassegnato le dimissioni da ALFA. Considerato quanto disposto dalla lettera d-bis), il
contribuente ha potuto aderire per il 2019 al regime forfetario in quanto la presenza della causa ostativa va valutata nel 2019.
Con riferimento al caso di specie l’Agenzia evidenzia che nel 2018 il rapporto di lavoro tra il contribuente e la Fondazione
BETA è avvenuto tramite un contratto di somministrazione di lavoro a tempo determinato che è stato risolto a seguito di di-
missioni. Sotto il profilo sostanziale la Fondazione BETA può essere considerata datore di lavoro del contribuente. Di conse-
guenza, qualora alla fine del periodo d’imposta 2019, lo stesso effettuasse prevalentemente prestazioni a favore della Fonda-
zione BETA, è decaduto dal regime forfetario nel 2020.
Qualora il contribuente avesse svolto a favore della Fondazione BETA un’attività effettivamente riconducibile, ai fini fiscali,
a un rapporto di lavoro da cui ritrarre reddito di lavoro dipendente o assimilato a quello di lavoro dipendente, lo stesso non
avrebbe potuto in ogni caso applicare il regime forfetario già nel 2019.

40 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Fattispecie di esclusione

Risposta n. 184

REGIME FORFETARIO
Borsa di studio erogata durante il periodo del dottorato di ricerca, svolto (dal 2 gennaio 2015 al 31 gennaio 2019).
Il contribuente interpellante intende avviare un’attività di lavoro autonomo che verrà svolta prevalentemente nei confronti
dello stesso istituto presso il quale ha conseguito il dottorato di ricerca.
I redditi, quindi, rientrerebbero tra i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente disciplinati dall’articolo 50 comma 1, let-
tera c), del TUIR.
Avendo l’istante percepito redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente di cui all’articolo 50, comma 1, lettera c), TUIR e
non redditi di lavoro dipendente non è integrata la causa ostativa di cui alla lettera d-bis) del comma 57 dell’articolo 1 della
legge n. 190/2014.

Risposta n. 382

Contribuente che ha conseguito sia redditi di lavoro autonomo sia redditi di lavoro dipendente nei confronti del medesimo
datore di lavoro, già prima dell’entrata in vigore della lettera d-bis), comma 57, Legge n. 190/2014.
Di conseguenza, la causa ostativa non trova applicazione perché i due rapporti di lavoro persistono senza modifiche sostan-
ziali per l’intero periodo di sorveglianza.
Non si verifica infatti alcuna trasformazione di attività di lavoro dipendente in attività di lavoro autonomo che la causa osta-
tiva intende evitare.

Risposta n. 399

Collaborazione con la società ALFA s.r.l., il cui totale rappresenta, per il 2018, il 22% dei propri compensi di tale periodo d’im-
posta.
Nel 2019 superano il 50% del totale annuo e, dal 1° luglio 2019, è stato assunto con un contratto di lavoro subordinato dalla
stessa società, e la partita IVA verrà chiusa entro la fine del corrente anno.
Il contribuente ha potuto applicare il regime forfetario nel 2019, con conseguente decadenza nel 2020, avendo integrato il re-
quisito della prevalenza; nello specifico caso in esame, la decadenza verrà in ogni caso assorbita dalla cessazione dell’attivi-
tà di lavoro autonomo entro la fine dell’anno, con chiusura della relativa partita IVA.

Risposta n. 484

Consulenti finanziari che svolgono attività di lavoro autonomo con un “contratto misto” (lavoro subordinato part-time e con-
testualmente lavoro autonomo), in forza di un accordo sindacale stipulato prima delle modifiche normative al regime forfe-
tario: secondo l’Amministrazione finanziaria, non vi è rischio di artificiosa trasformazione del contratto di lavoro dipenden-
te in lavoro autonomo, e pertanto non vi è causa di esclusione dal regime forfetario.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 41


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

SEMPLIFICAZIONI E ADEMPIMENTI
REGIME FORFETARIO

AI FINI IVA

I commi da 58 a 63 dell’art. 1, Legge n. 190/2014 individuano la disciplina del regime ai fini IVA.
Il regime dei contribuenti forfetari in materia di IVA e redditi riprende sostanzialmente le medesime agevolazioni
previste per il regime dei minimi, risultando decisamente vantaggioso con riferimento alle numerose semplifica-
zioni degli adempimenti ai fini IVA, imposte sui redditi ed IRAP.
È confermata anche l’esclusione dall’accertamento tramite studi di settore/parametri e dall’applicazione degli
ISA, nonché l’esonero dall’obbligo di inviare la comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA.
Con la Circolare 17 giugno 2019, n. 14, l’Agenzia ha confermato che i forfetari sono altresì esclusi dall’invio dell’este-
rometro, considerato che il comma 3-bis, art. 1, D.Lgs. n. 127/2015 prevede l’obbligo solo per i soggetti di cui al com-
ma 3, art. 1, D.Lgs. n. 127/2015, ovvero coloro che sono obbligati all’emissione della fattura elettronica.

8 AT T E N Z I O N E : Con riferimento alle semplificazioni e adempimenti ai fini IVA, per i contribuenti che ade-
riscono al regime in esame è previsto l’esonero dalla tenuta delle scritture contabili ai fini IVA e imposte
dirette, nonché di liquidazione e versamento periodico e annuale dell’IVA e degli adempimenti dichia-
rativi IVA.

¯ Le semplificazioni e adempimenti previsti ai fini delle imposte dirette, sono trattate nello specifico capitolo, al quale si rinvia.

L’art. 1, comma 58, lettera a), Legge n. 190/2014, dispone che i contribuenti forfetari:
O non addebitano l’IVA a titolo di rivalsa;
O non hanno diritto alla detrazione dell’imposta assolta sugli acquisti.

8 AT T E N Z I O N E : È prevista un’unica ipotesi di versamento dell’IVA per tali soggetti.


Infatti, come confermato con Circolare n. 14/2015, punto 7, il comma 60, per le operazioni per le quali ri-
sultano debitori d’imposta (si pensi ad esempio agli acquisti intracomunitari, al meccanismo del reverse
charge, etc.), devono integrare la fattura con l’indicazione dell’aliquota e dell’imposta, provvedendo poi al
versamento dell’imposta entro il giorno 16 del mese successivo.

Nessun addebito IVA a titolo rivalsa


Agevolazioni
ai fini IVA
IVA indetraibile sugli acquisti

esonero

Registrazione fatture emesse,


Tenuta e conservazione registri Dichiarazione IVA
corrispettivi e fatture acquisto

42 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

SEMPLIFICAZIONI DEGLI ADEMPIMENTI IVA

REGIME FORFETARIO
I contribuenti che adottano il regime forfetario sono esonerati:
£ dall’obbligo di registrazione delle fatture emesse, corrispettivi e di acquisto;
£ dal versamento dell’imposta periodica e annuale;
£ dalla presentazione della dichiarazione IVA annuale;
£ dagli obblighi di tenuta dei registri IVA (fatture emesse, corrispettivi, acquisti, ecc.);
£ dalla trasmissione della comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA.

La Relazione illustrativa precisa che i contribuenti forfetari sono esonerati anche “dalla comunicazione delle dichiarazio-
ni di intento ricevute”. Tuttavia, alla luce delle modifiche operate a tale disciplina, più che essere esonerati dall’adem-
pimento, non sono interessati a tale disciplina.
I contribuenti forfetari sono comunque tenuti alla conservazione e numerazione delle fatture ricevute, così come
all’obbligo di certificazione dei corrispettivi, ossia al rilascio dello scontrino o della ricevuta fiscale ovvero dal 1°
gennaio 2020 del documento commerciale (salvo applicazione moratoria fino al 30 giugno 2020).

8 AT T E N Z I O N E : Si ricorda tuttavia che l’obbligo di numerazione delle fatture ricevute è stato soppresso
per la generalità dei contribuenti e pertanto si ritiene che anche i soggetti in regime dei minimi/forfetari
ne siano esonerati.

In particolare, il comma 59 dell’art. 1, Legge n. 190/2014 elenca gli obblighi che i contribuenti forfetari devono os-
servare ai fini IVA. Si tratta dei seguenti adempimenti:
O numerare e conservare le fatture di acquisto e le bollette doganali e relativi documenti;
O certificare i corrispettivi. Se è emessa fattura, ai sensi dell’art. 21, D.P.R. n. 633/1972, in luogo dell’ammontare
dell’imposta dev’essere indicato che l’operazione è effettuata da soggetti che applicano agli effetti IVA il re-
gime agevolato;
¯ Si veda in merito apposito paragrafo “Certificazione dei corrispettivi)
O per gli acquisti con reverse charge (inclusi gli acquisti intracomunitari e di servizi all’estero), i contribuenti sono
tenuti ad integrare la fattura con l’indicazione dell’aliquota e della relativa imposta e di versare tale imposta entro
il giorno 16 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni anzidette.

8 AT T E N Z I O N E : Si ricorda che ai contribuenti forfetari si applica l’art. 38, comma 5, D.L. n. 331/1993;
pertanto qualora i contribuenti forfetari effettuino acquisti di beni presso un soggetto passivo comu-
nitario per un importo non superiore ad € 10.000 tali acquisti non sono considerati operazioni intra-
comunitarie e scontano l’imposta nel paese d’origine.
Le cessioni di beni a soggetti passivi comunitari sono invece considerate sempre cessioni interne ai
sensi dell’art. 41, comma 2-bis, D.L. n. 331/1993;
O effettuare la rettifica della detrazione dell’imposta ai sensi dell’articolo 19-bis2, D.P.R. n. 633/1972 nella di-
chiarazione annuale IVA relativa all’anno precedente a quello dal quale trova applicazione il regime forfetario;
O manifestare preventivamente la volontà di effettuare acquisti intracomunitari (archivio VIES).

8 AT T E N Z I O N E : Dall’esame delle semplificazioni ai fini IVA risulta che i contribuenti forfetari, sebbene
sotto molti aspetti operino come consumatori finali, sono comunque obbligati ad avere la partita IVA, in
quanto soggetti passivi d’imposta.
Le fatture, le ricevute e gli altri documenti giustificativi delle spese, vanno conservati:
£ per la determinazione del reddito d’impresa o di lavoro autonomo in ciascun periodo d’imposta (perlomeno
per quanto riguarda i documenti relativi alle operazioni attive);
£ per esigenze più generali di controllo e verifica.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 43


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

8 AT T E N Z I O N E : I predetti documenti non devono comunque essere registrati, nemmeno nell’ipotesi in


cui il soggetto sia tenuto al versamento dell’IVA (reverse charge).
REGIME FORFETARIO

Non è infatti obbligatoria la tenuta di alcun registro previsto dal D.P.R. n. 633/1972.
Come precisato dalla Circolare 28 gennaio 2008, n. 7, l’eventuale tenuta e annotazione sui registri dei documenti
costituisce una facoltà del contribuente qualora questi la ritenga utile dal punto di vista amministrativo.
È il caso ad esempio del registro dei corrispettivi tenuto dai commercianti al dettaglio, i quali in caso contrario do-
vrebbero determinare a fine anno l’ammontare dei ricavi o compensi incassati sulla base delle ricevute fiscali o degli
scontrini emessi. La tenuta dei registri non è considerata un comportamento concludente che possa far presumere
la volontà di optare per il regime ordinario.
È altresì possibile, secondo la citata Circolare, l’annotazione sui documenti della data di pagamento o di incasso, utile
ai fini della successiva determinazione del reddito del contribuente, che avviene con il principio di cassa.

8 AT T E N Z I O N E : L’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 9/2019 precisa che i contribuenti che, nelle more
dell’emanazione della Circolare stessa, non hanno applicato il regime forfetario pur avendone i requisiti e
di conseguenza hanno emesso fatture con IVA, possono emettere una nota di variazione per “correggere”
le fatture (da conservare ma senza obbligo di registrazione ai fini IVA).

ESCLUSIONE DALL’OBBLIGO DI FATTURAZIONE ELETTRONICA

8 AT T E N Z I O N E : Secondo il comma 3, dell’art. 1, D.Lgs. n. 127/2015, come noto, le cessioni di beni e le pre-
stazioni di servizi tra soggetti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, e le relative note di variazione, a
partire dal 1° gennaio 2019 sono documentate esclusivamente tramite fatture elettroniche con l’utilizzo
del Sistema di Interscambio (SdI). Tuttavia, i contribuenti forfetari sono esclusi da tale adempimento.

Sono infatti espressamente esonerati dall’obbligo della fatturazione elettronica i soggetti passivi che applicano
particolari regimi contabili, ovvero:
O il regime dei c.d “contribuenti minimi”
O il regime dei c.d. “contribuenti forfetari”.

Contribuenti minimi
soggetti Art. 1, comma 3,
esclusi D.Lgs. n. 127/2015
Contribuenti forfetari

8 AT T E N Z I O N E : Il D.Lgs. n. 127/2015 nulla dispone in merito alle fatture ricevute (acquisti) da parte del
contribuente minimo/forfetario.
Sul punto, tuttavia, è intervenuto il Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate 30 aprile 2018, il quale pre-
cisa che nel caso di cessionario/committente minimo/forfetario, il cedente/prestatore dovrà comunque
emettere fattura elettronica e recapitarla allo SdI.
Lo SdI, a sua volta, depositerà il documento elettronico nell’area riservata del contribuente minimo/forfetario.
Sarà compito del cedente/prestatore informare l’acquirente (anche mediante consegna di una copia informatica
o analogica della fattura elettronica) che il documento originale è a sua disposizione nel sito web dell’Agenzia.
Diversamente, se il fornitore del contribuente minimo o forfetario è un altro soggetto in regime agevolato, la fattura
ricevuta potrà essere ancora in formato analogico (in linea generale cartacea).

8 AT T E N Z I O N E : Va infine precisato che tali soggetti, pur non essendo obbligati ad emettere fattura elet-
tronica verso altre imprese/professionisti (B2B) o nei confronti dei consumatori finali (B2C), hanno comun-
que l’obbligo di predisporre la fattura elettronica per le Pubbliche Amministrazioni.

44 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

Rimane l’obbligo per le fatture


emesse nei confronti della P.A.

REGIME FORFETARIO
mentre facoltà per B2B e B2C
Esclusione va tuttavia
Contribuenti precisato che
minimi/forfetari
Risultano coinvolti nelle novità
per quanto riguarda la ricezione
delle fatture

L’esclusione dall’obbligo di emissione della fattura elettronica da parte di tali soggetti non è vincolante, pertanto il
soggetto in regime agevolato può comunque optare per l’emissione della fattura in formato elettronico.

R REGIME PREMIALE FATTURAZIONE ELETTRONICA

 vo periodo Ladallettera
N O V I TÀ : f), art. 1, comma 692, Legge di Bilancio 2020, ha introdotto un regime premiale (nuo-
comma 74) volto ad incentivare l’utilizzo della fattura elettronica.
Infatti, per i contribuenti che sia avvalgono del regime forfetario e che hanno un fatturato annuo costi-
tuito esclusivamente da fatture elettroniche, il termine di decadenza per la notificazione degli avvisi
di accertamento è ridotto di un anno, ossia a quattro anni (rispetto ai vigenti cinque).

È quindi necessario, per beneficiare della riduzione del termine di decadenza dell’attività di accertamento, emettere
tutte le fatture in formato elettronico via SdI.

R CONSERVAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

In merito alla conservazione delle fatture emesse dal contribuente forfetario, va fatto riferimento alla concreta mo-
dalità utilizzata. Se tale soggetto:
O ha optato per l’emissione di fatture elettroniche dovrà conservare digitalmente tali documenti;
O altrimenti, le fatture potranno essere conservate anche in formato cartaceo.
Le fatture elettroniche emesse nei confronti della PA dovranno essere conservate obbligatoriamente in modo digitale.

8 AT T E N Z I O N E : Per quanto riguarda le fatture ricevute dai contribuenti forfetari l’Agenzia delle entrate
nella Circolare n. 9/2019 ha precisato che in caso di ricezione di fatture elettroniche non sussiste l’obbli-
go di conservazione digitale delle stesse, anche qualora il contribuente abbia volontariamente comunica-
to ai cedenti/prestatori il proprio indirizzo telematico o provveduto a registrare la PEC/Codice destinata-
rio, abbinandoli alla propria partita IVA tramite l’apposito servizio di registrazione dell’Agenzia delle En-
trate. In tale evenienza rimane l’obbligo di conservare il documento cartaceo;

Si ricorda, tuttavia, che anche l’operatore forfettario può sottoscrivere il servizio gratuito di conservazione con l’A-
genzia delle Entrate, indipendentemente dalla modalità di ricezione delle fatture: in tal modo sarà sicuro che le sue
fatture elettroniche passive saranno conservate.
Nelle ipotesi in cui la conservazione in formato digitale non è obbligatoria o comunque non venga utilizzata, il contri-
buente minimo/forfetario dovrà provvedere alla stampa delle fatture ricevute, e alla loro conservazione ai fini civi-
listici per almeno 10 anni e fiscali per almeno 5 anni.

CERTIFICAZIONE DEI CORRISPETTIVI


I contribuenti forfetari sono soggetti all’obbligo di certificazione dei corrispettivi, fino al 31 dicembre 2019 me-
diante rilascio dello scontrino fiscale o della ricevuta fiscale.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 45


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

8 AT T E N Z I O N E : Dal 1° gennaio 2020 (salvo il periodo transitorio di 6 mesi) vige l’obbligo anche per i con-
tribuenti forfetari di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri;
REGIME FORFETARIO

pertanto laddove venga utilizzato il Registratore Telematico non si parla più di scontrino/ricevuta fiscale,
bensì di documento commerciale di vendita o prestazione.

¯ Si veda il paragrafo successivo “La certificazione telematica dei corrispettivi”.


L’Agenzia delle Entrate con Circolare 10 aprile 2019, n. 9, (confermando quanto contenuto nella Circolare 4 aprile
2016, n. 10) in merito a quanto già disposto con riferimento ai minimi, ha precisato che fanno eccezione all’obbligo
di certificazione dei corrispettivi quelle attività esonerate ai sensi dell’articolo 2, D.P.R. 21 dicembre 1996, n. 696,
(ad esempio cessioni di tabacchi, di giornali quotidiani, periodici e libri) purché, in ogni caso, ottemperino all’ob-
bligo di certificazione dei corrispettivi mediante l’annotazione in un apposito registro cronologico, effettuata con le
modalità previste dall’art. 24, D.P.R. n. 633/1972).
In tal caso risulta obbligatoria l’annotazione degli incassi nel registro dei corrispettivi, attraverso cui l’Ammini-
strazione finanziaria potrà controllare il rispetto del limite di ricavi, requisito necessario per permanere nel regi-
me agevolato.
Per la certificazione dei corrispettivi, è possibile utilizzare gli strumenti già in possesso del contribuente prima
dell’ingresso nel regime agevolato. Secondo la Circolare 28 gennaio 2008, n. 7, infatti:

“l’utilizzo di misuratori fiscali che consentono l’indicazione sullo scontrino della sola aliquota, riferita ai singoli beni e
servizi, non va considerata come volontà di applicare l’imposta sul valore aggiunto, il cui ammontare, comunque, non
è riportato sullo scontrino stesso”.
Pertanto, in tal caso, non risulta la volontà di addebitare l’IVA al cliente, ossia un comportamento concludente dal
quale si evince la volontà di applicare il regime ordinario, in luogo del regime agevolato.

R LA CERTIFICAZIONE TELEMATICA DEI CORRISPETTIVI

Dal 1° gennaio 2020 l’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri è
scattato per la generalità dei soggetti.
Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con Decreto MEF 10 maggio 2019, aveva individuato le ipotesi di eso-
nero dall’obbligo di memorizzazione elettronica e di trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri, in
ragione della tipologia di attività esercitata.
Successivamente, il D.L. 24 dicembre 2019 ha integrato il citato D.M. 10 maggio 2019, individuando ulteriori ipotesi di
esonero (indipendentemente dal regime contabile applicato) relativamente a:
O prestazioni di gestione del servizio delle lampade votive nei cimiteri;
O attività marginali collegate e connesse a quelle esonerate o a quelle soggette a fatturazione;
O attività marginali realizzate da distributori di carburante diverse dalle cessioni di benzina e gasolio.

8 AT T E N Z I O N E : Non è prevista, quindi, un’esenzione generalizzata dall’obbligo di memorizzazione e


trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi per i contribuenti che applicano il regime forfetario o
quello dei minimi.
Pertanto, l’obbligo di invio telematico dei corrispettivi dal 1° gennaio 2020 vede coinvolti tutti gli esercenti,
compresi coloro che applicano uno dei regimi agevolati.

L’utilizzo del Registratore Telematico


La memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi avviene mediante l’utilizzo di Registra-
tori Telematici, i quali sono costituiti da elementi hardware e software, in grado di:
O registrare;
O memorizzare;
O elaborare;

46 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

O sigillare elettronicamente;
O trasmettere telematicamente

REGIME FORFETARIO
i dati fiscali introdotti attraverso dispositivi di input.

Anche i forfetari, quindi, interessati dall’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi gior-
nalieri possono adempiere a tale obbligo:
O acquistando un nuovo Registratore Telematico;
O adeguando il vecchio registratore di cassa.
L’esercente che acquista o adatta il Registratore Telematico può beneficiare di un credito d’imposta da utilizzare in
compensazione con Modello F24.
Tale credito, così come disposto dall’art. 2, comma 6-quinquies, D.Lgs. n. 127/2015, è “utilizzabile a decorrere dalla prima
liquidazione IVA periodica successiva al mese in cui è stata registrata la fattura relativa all’acquisto o all’adattamento e il relativo
corrispettivo è stato pagato mediante mezzi tracciabili”.

8 AT T E N Z I O N E : Considerato che i contribuenti forfetari non liquidano l’IVA, così come anticipato dall’A-
genzia delle Entrate nel corso di un convegno tenutosi il 23 ottobre 2019, si è in attesa di un preciso chiari-
mento circa il termine a decorrere dal quale i forfetari possono utilizzare in compensazione detto credito.

La trasmissione telematica ed il periodo transitorio


In base alle specifiche tecniche allegate al Provvedimento 28 ottobre 2016, la trasmissione telematica dei corrispetti-
vi avviene con una frequenza variabile (in funzione del momento di chiusura giornaliera dell’attività) entro 12 gior-
ni dalla data di memorizzazione dei corrispettivi.

8 AT T E N Z I O N E : Il D.L. n. 34/2019, c.d. “Decreto crescita”, viste le difficoltà riscontrate dagli esercenti
nell’installazione dei nuovi Registratori Telematici, ha previsto una moratoria sulle sanzioni, pertanto nel
primo semestre di vigenza dell’obbligo le sanzioni non si applicano se la trasmissione telematica dei cor-
rispettivi avviene entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, fermi restando i ter-
mini di liquidazione dell’IVA.

Sono esclusi dall’applicazione delle sanzioni anche i contribuenti forfetari che, pur avendo messo tempestivamen-
te in servizio il Registratore Telematico, effettuano la trasmissione dei dati dei corrispettivi successivamente al do-
dicesimo giorno ma entro il mese successivo al quello di effettuazione dell’operazione.
Al fine di consentire ai forfetari che non hanno ancora la disponibilità di un Registratore Telematico di adempiere
all’obbligo di trasmissione dei corrispettivi entro i più ampi termini previsti dal D.L. n. 34/2019 (mese successivo
a quello di effettuazione dell’operazione) l’Agenzia delle Entrate ha individuato tre nuove modalità di trasmissione
dei corrispettivi, utilizzabili nel periodo transitorio: Servizio di upload, Servizio web, invio tramite Web service.
Fino al momento di messa in servizio del nuovo Registratore Telematico e comunque non oltre la scadenza del
primo semestre di vigenza dell’obbligo, anche i forfetari continueranno a rilasciare lo scontrino fiscale utilizzando
i vecchi registratori di cassa, oppure dovranno emettere ricevuta fiscale; inoltre, per tale periodo, saranno obbligati
alla tenuta del Registro dei Corrispettivi.
Pertanto, anche i contribuenti forfetari (obbligati dal 1° gennaio 2020), che non hanno la disponibilità del Registra-
tore Telematico, potranno, fino al 30 giugno 2020, continuare a rilasciare lo scontrino, mediante l’utilizzo del vec-
chio registratore di cassa, oppure emettere ricevuta fiscale. Questi contribuenti adempiranno all’obbligo di trasmis-
sione dei corrispettivi mediante una delle 3 modalità sopra descritte.
I forfetari, in possesso di un Registratore Telematico, obbligati alla memorizzazione e trasmissione telematica dei
corrispettivi giornalieri:
O dal 1° gennaio 2020:
¾ fino al 30 giugno 2020 possono utilizzare il dispositivo RT come Misuratore fiscale (stato RT “censito/attivato”);
¾ dal 1° luglio 2020 devono utilizzare il dispositivo RT come Registratore Telematico (stato “messo in servizio“).

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 47


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

8 AT T E N Z I O N E : L’Agenzia delle Entrate (con Risposta n. 149/2019) ha precisato che in linea generale l’ob-
bligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi, viene meno
REGIME FORFETARIO

laddove il contribuente decida di continuare a certificare i corrispettivi mediante fattura (dal 2019
emessa per la generalità dei soggetti in formato elettronico e trasmessa tramite SdI).
Tuttavia, l’Agenzia delle Entrate in occasione di Telefisco 2020 ha precisato che i contribuenti forfetari es-
sendo esonerati dall’obbligo di emettere fattura elettronica, possono assolvere all’obbligo di memorizza-
zione e trasmissione telematica dei corrispettivi emettendo, per ogni operazione, fattura, ancora in for-
mato cartaceo.

EMISSIONE DELLE FATTURE


Nelle fatture emesse dai contribuenti forfetari non è addebitata l’IVA in via di rivalsa.
Coloro che transitano dal regime dei minimi a quello forfetario continuano ad emettere fatture senza addebito
dell’IVA. Va tuttavia modificato il riferimento al nuovo regime introdotto dall’art. 1, comma 58, Legge n. 190/2014.
Pertanto la citata dicitura può essere così formulata:

“Operazione senza applicazione dell’IVA ai sensi dell’articolo 1, comma 58, Legge n. 190/2014, regime forfetario.”

ΠESEMPIO

Il sig. Bianchi, titolare della ditta individuale “Il ferro artistico”, dal 2019 applica il regime forfetario.
Nel mese di gennaio 2020, a seguito della fornitura con posa in opera di un suo lavoro, emette la seguente fattura:

"Il Ferro Artistico"


di Bianchi Stefano

Via Roma n. 15 FATTURA N. 1


39012 - Merano (BZ) DATA 15/01/2020
P.IVA 03456780239
R.I. e C.F. BNCSFN80P19H612C

Spett.le
Neri Luigi
Via Roma n. 18
39040 - Varna (BZ)
P.IVA …

DESCRIZIONE IMPORTO
Realizzazione e posa in opera di recinzione con lavorazione in ferro battuto € 4.000,00

TOTALE DA CORRISPONDERE € 4.000,00

Operazione senza applicazione dell'IVA ai sensi dell'art. 1, comma 58, Legge n.


190/2014. Regime forfetario.

48 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

La Circolare 4 aprile 2016, n. 10, riprendendo quanto già indicato con Circolare n. 17/2012 con riferimento ai minimi, ha
precisato che, nell’ipotesi in cui un soggetto che applica il regime forfetario emetta una fattura senza IVA, ed il corrispet-

REGIME FORFETARIO
tivo sia incassato nell’anno successivo, nel quale è adottato il regime ordinario, la fattura non andrà integrata con l’IVA.
Infatti, ai sensi dell’articolo 6, comma 4, D.P.R. n. 633/1972, l’operazione si intende comunque effettuata al momen-
to di emissione della fattura.
La precisazione può essere estesa al regime forfetario, nel caso in cui vi sia una fuoriuscita - per scelta o per obbli-
go - dal regime agevolato.

8 AT T E N Z I O N E : Compensi e ricavi dei contribuenti forfetari non sono assoggettati a ritenuta alla fonte;
inoltre, tali soggetti non effettuano la ritenuta alla fonte sui compensi erogati, tranne il caso di somme cor-
risposte a dipendenti e assimilati.

¯ Per maggiori approfondimenti in materia si rimanda al capitolo “Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette”.

R IMPOSTA DI BOLLO
Qualora la fattura sia emessa per un importo superiore a € 77,47, è necessario apporre una marca da bollo da € 2,00
analogamente alle altre ipotesi in cui non c’è addebito dell’IVA (fatture per prestazioni esenti, cessioni ed esportato-
ri abituali, importi fuori campo IVA, ecc.).

8 AT T E N Z I O N E : Sono comunque esenti da bollo le fatture relative agli acquisti intracomunitari e agli
acquisti rientranti nel “reverse charge”, per i quali il contribuente forfetario funge da debitore d’imposta.

Importo non superiore a € 77,47


Fatture esenti
da bollo § Acquisti di servizi da non residenti
§ Acquisti intracomunitari
§ Reverse charge

In tal senso si è espressa la Circolare 28 gennaio 2008, n. 7, che con riferimento al regime dei minimi al quesito 6.4 af-
ferma quanto segue:

“L’esenzione [...] si applica a condizione che i documenti riguardino il pagamento di importi relativi a cessioni di
beni o a prestazioni di servizi assoggettati ad Iva e che sui documenti stessi sia riportata l’Iva concernente
le operazioni alle quali i documenti si riferiscono. Per i documenti sui quali non risulta evidenziata l’imposta
sul valore aggiunto, l’esenzione è applicabile a condizione che gli stessi contengano l’indicazione che trattasi di
documenti emessi in relazione al pagamento di corrispettivi di operazioni assoggettate ad imposta sul
valore aggiunto (cfr circolare n. 1 del 2 gennaio 1984, risoluzione n. 98 del 3 luglio 2001). In altre parole, per “ope-
razioni assoggettate ad imposta sul valore aggiunto” si intendono quelle che scontano l’Iva ossia quelle operazioni per
le quali sia effettivamente dovuto il tributo. Pertanto, atteso che le fatture rilasciate dai contribuenti minimi documen-
tano operazioni per le quali, ai sensi del comma 100, non viene esercitato il diritto di rivalsa, e quindi non scontano il
tributo, le stesse, se di importo superiore a 77,47 euro, devono essere assoggettate all’imposta di bollo. Sono,
invece, esenti da bollo le fatture riguardanti gli acquisti intracomunitari e le operazioni per le quali il contribuen-
te minimo assume la veste di debitore di imposta (ad esempio acquisti soggetti al reverse charge).”

ΠESEMPIO

Un professionista, contribuente forfetario, emette fattura per un importo pari a € 103,00.


Il professionista all’atto del rilascio della fattura non addebita l’IVA.
Importo fattura € 103,00
Marca da bollo € 2,00
Totale da pagare € 105,00

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 49


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

Inoltre, dovrà riportare sul documento la dicitura “Operazione senza applicazione dell’IVA ai sensi dell’articolo 1, comma
58, Legge n. 190/2014, regime forfetario.”
REGIME FORFETARIO

La medesima indicazione deve essere inserita sulla fattura emessa qualora il contribuente, prima dell’ingresso nel
regime forfetario, effettuasse operazioni esenti da IVA; in tal caso non va più inserita l’indicazione “Esente IVA ai
sensi dell’art. 10, n. xx, D.P.R. n. 633/1972”, ma va indicato che il soggetto applica il regime forfetario.
In tal caso, sulla fattura continua inoltre ad essere applicata la marca da bollo da € 2,00 per importi superiori a
€ 77,47.

R IMPOSTA DI BOLLO SULLE FATTURE ELETTRONICHE

L’emissione della fattura elettronica non permette la possibilità di apporre la marca da bollo sul documento, pertan-
to nel processo di fatturazione elettronica, a fronte di una vera e propria “dematerializzazione” del documento car-
taceo, l’imposta di bollo dovuta sulle fatture elettroniche può essere assolta esclusivamente in modo virtuale, fa-
cendo riferimento all’art. 6, D.M. 17 giugno 2014.
L’art. 6, comma 2, del Decreto prevede che il pagamento venga effettuato, in riferimento a ciascun trimestre solare,
entro il giorno 20 del primo mese successivo.
In particolare la stessa Agenzia delle Entrate, al termine di ogni trimestre, sulla base dei dati delle fatture transitate
attraverso SdI, rende noto l’ammontare dell’imposta dovuta relativa alle fatture elettroniche emesse in ciascun tri-
mestre solare.
In particolare, secondo l’art. 12-novies, D.L. n. 34/2019, (c.d. “Decreto crescita”) l’Agenzia delle Entrate già in fase
di ricezione delle fatture elettroniche verifica, con procedure automatizzate, la corretta annotazione dell’assolvi-
mento dell’imposta di bollo.
Laddove rilevi che non sia stata apposta tale annotazione, può integrare le fatture stesse con procedure automatiz-
zate, già in fase di ricezione sul Sistema di Interscambio.
L’Agenzia rende poi noto a ciascun soggetto passivo IVA (all’interno dell’area riservata):
O l’imposta dovuta in base a quanto correttamente dichiarato nella fattura;
O il maggior tributo calcolato sulle fatture nelle quali non è stato correttamente indicato l’assolvimento dell’imposta.

 dell’impostaL’art. 17, comma 1-bis, D.L. n. 124/2019, ha previsto delle diverse scadenze di pagamento
N O V I TÀ :
di bollo relativa alle fatture elettroniche, qualora gli importi dovuti non superino la soglia
annua di € 1.000.
È disposto, infatti, nel caso in cui gli importi dovuti non superino la soglia annua di € 1.000, l’obbligo
di versamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche possa essere assolto con due versamenti,
con cadenza semestrale:
„ il primo da effettuarsi entro il 16 giugno;
„ il secondo entro il 16 dicembre di ciascun anno.

Le scadenze per il pagamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche possono essere così schematizzate:

Periodo di riferimento Scadenza

I° trimestre anno X 20/04/anno X


II° trimestre anno X 20/07/anno X
III° trimestre anno X 20/10/anno X
IV° trimestre anno X 20/01/anno X + 1

50 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

In alternativa, per scelta del contribuente, se gli importi dovuti sono ≤ € 1.000 annui:

REGIME FORFETARIO
Periodo di riferimento Scadenza

da dicembre anno X a maggio anno X + 1 16/06/anno X + 1


da giugno anno X + 1 a novembre anno X + 1 16/12/anno X + 1

Per quanto riguarda le modalità di versamento, il comma 2, art. 6, D.M. 17 giugno 2014 dispone che il pagamento
dell’imposta di bollo può essere effettuato, alternativamente:
O mediante uno specifico servizio presente nell’area riservata del contribuente, messo a disposizione da parte
dell’Amministrazione finanziaria, con addebito diretto su conto corrente bancario o postale,
oppure
O utilizzando il modello F24 predisposto dall’Agenzia delle Entrate.

DETRAZIONE DELL’IVA SUGLI ACQUISTI


Ai sensi dell’articolo 1, comma 58, secondo periodo, Legge n. 190/2014, i contribuenti forfetari non hanno diritto
alla detrazione dell’IVA assolta sugli acquisti.
Non è inoltre detraibile l’IVA assolta sugli acquisti intracomunitari, sulle importazioni e sulle altre operazioni
per le quali il contribuente risulta debitore d’imposta (si pensi ad esempio alle operazioni soggette al regime del
“reverse-charge”).

Contribuente Non detrae l’IVA sugli


forfetario acquisti di beni/servizi

compresa quella

assolta su prestazioni, assolta sugli acquisti assolta sulle assolta applicando


servizi, ricevute ex art. 7 Intra-UE (> €10.000) importazioni il reverse charge

OPERAZIONI CON L’ESTERO


L’art. 1, comma 58 della Legge n. 190/2014, individua in modo puntuale le disposizioni da applicare in caso di effet-
tuazione di operazioni attive e passive con operatori non residenti. In particolare, i contribuenti che applicano il re-
gime forfetario sono tenuti ad assolvere i seguenti adempimenti. In caso di:
O acquisti intracomunitari di beni o prestazioni di servizi generiche ricevute, è necessario integrare la fattura
con indicazione dell’aliquota e dell’imposta, versare l’imposta entro il 16 del mese successivo all’effettuazione
dell’operazione. Sarà inoltre necessario compilare ed inviare il Mod. Intrastat nel caso di superamento delle so-
glie previste (caso astratto visto che dovrebbe superare € 200.000).
Si evidenzia tuttavia, che non sono considerati acquisti comunitari di beni, quelli di importo non superiore ad
€ 10.000 in quanto ai contribuenti forfetari si applica l’art. 38, comma 5, lettera c), D.L. n. 331/1993 (salva la possi-
bilità di optare per l’applicazione dell’imposta in Italia anche prima del raggiungimento della soglia);
O cessioni di beni effettuate nei confronti dei soggetti passivi comunitari: tali operazioni non sono considerate
cessioni intracomunitarie, stante il richiamo all’articolo 41, comma 2-bis, D.L. n. 331/1993;
O prestazioni di servizi rese: sono valide le regole di territorialità ex art. 7-ter e seguenti, D.P.R. n. 633/1972 per la
territorialità dei servizi e pertanto non soggette ad IVA se rese a committente extraUE (codice fattura N2) o sog-
gette ad inversione contabile se rese a committenti UE (codice fattura N6);

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 51


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

O importazioni od esportazioni: è necessario applicare le disposizioni di cui al D.P.R. n. 633/1972, ferma restan-
do l’impossibilità di avvalersi della facoltà di acquistare senza applicazione dell’imposta (articolo 8, comma 1,
REGIME FORFETARIO

lettera c) e comma 2, D.P.R. n. 633/1972.

8 AT T E N Z I O N E : Si ricorda che le cessioni all’esportazione non costituiscono causa di esclusione dal regi-
me agevolato. Tuttavia, nell’art. 7-sexies, D.L. n. 193/2016 è stata prevista la possibilità, con apposito Decre-
to del MEF ad oggi non emanato, di introdurre un limite a tali cessioni.

ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI


L’Agenzia delle Entrate, con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, ha specificato che gli acquisti di beni intracomunitari sono
ora, per espressa previsione di legge, soggetti alle disposizioni contenute nell’articolo 38, comma 5, lettera c), D.L. n.
331/1993, secondo cui:

“non costituiscono acquisti intracomunitari…(omissis)… c) gli acquisti di beni, diversi dai mezzi di trasporto nuovi e
da quelli soggetti ad accisa, effettuati dai soggetti indicati nel comma 3, lettera c), dai soggetti passivi per i quali l’im-
posta è totalmente indetraibile a norma dell’articolo 19, secondo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26
ottobre 1972, n. 633, e dai produttori agricoli di cui all’articolo 34 dello stesso decreto che non abbiano optato per l’ap-
plicazione dell’imposta nei modi ordinari se l’ammontare complessivo degli acquisti intracomunitari e degli acquisti di
cui all’articolo 40, comma 3, del presente decreto, effettuati nell’anno solare precedente, non ha superato 10.000 euro e
fino a quando, nell’anno in corso, tale limite non è superato. L’ammontare complessivo degli acquisti è assunto al netto
dell’imposta sul valore aggiunto e al netto degli acquisti di mezzi di trasporto nuovi di cui al comma 4 del presente ar-
ticolo e degli acquisti di prodotti soggetti ad accisa;”.

Pertanto, nel caso in cui gli acquisti di beni da soggetti IVA comunitari siano di ammontare inferiore ai 10.000 euro,
l’IVA è assolta dal cedente nel paese di origine e, conseguentemente, il cessionario che applica il regime forfetario
non ha l’obbligo di iscriversi al VIES, né di compilare gli elenchi riepilogativi Intrastat, salva la possibilità per lo
stesso di optare per l’applicazione dell’imposta in Italia anche prima del raggiungimento della soglia.
Qualora gli acquisti intracomunitari superino il limite dei 10.000 euro, l’acquisto assume rilevanza in Italia, secon-
do le regole ordinarie degli acquisti Ue, e pertanto il cessionario che applica il regime forfetario dovrà adempiere ai
seguenti obblighi:
O iscrizione al VIES;
O integrazione della fattura rilasciata dal fornitore intracomunitario con indicazione dell’aliquota e dell’imposta
dovuta;
O versamento dell’imposta entro il 16 del mese successivo all’effettuazione dell’operazione, senza diritto alla de-
trazione dell’IVA relativa;
O compilazione del modello Intra 2-bis relativo agli acquisti intracomunitari di beni.
Tuttavia, a seguito delle semplificazioni intervenute in materia dal 1° gennaio 2018 (obbligo di presentazione del
Mod. Intra 2-bis solo per acquisti per un totale trimestrale ≥ 200.000 euro), di fatto i contribuenti forfetari non
sono più tenuti.

PRESTAZIONI DI SERVIZI RICEVUTE DA SOGGETTI NON RESIDENTI IN ITALIA


Secondo l’art. 1, comma 58, lett. d, Legge n. 190/2014, per quanto riguarda le prestazioni di servizi ricevute (o rese) si
applicano le ordinarie regole sulla territorialità IVA, ai sensi degli articoli 7-ter e seguenti, D.P.R. n. 633/1972.
Come ha precisato la Risoluzione 28 agosto 2015, n. 75, le prestazioni di servizi ricevute:

“... da soggetti aderenti al regime forfetario, rimangono soggette alle ordinarie regole di territorialità di cui
alle disposizioni recate dagli articoli 7-ter e seguenti del decreto del Presidente della Repubblica n. 633 del
1972, fermo restando che, per gli stessi, è escluso il diritto alla detrazione dell’imposta sul valore aggiunto assolta, do-
vuta o addebitata sugli acquisti ai sensi degli articoli 19 e seguenti del decreto del Presidente della Repubblica 26 otto-
bre 1972, n. 633.“

52 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

Tale tesi è stata confermata con la citata Circolare 4 aprile 2016, n. 10. Pertanto, per le prestazioni di servizi generi-
che ricevute, il contribuente forfetario è tenuto a:

REGIME FORFETARIO
£ integrare la fattura con l’aliquota e l’imposta;
£ versare l’IVA entro il 16 del mese successivo all’effettuazione dell’operazione;
£ non esercitare il diritto alla detrazione.

La disciplina in esame riguarda sia le prestazioni ricevute da un soggetto comunitario (integrazione della fattura),
sia quelle ricevute da un soggetto extraUE (autofattura). Nel caso di operazioni con soggetti comunitari va presenta-
to il Mod. Intra 2-quater per acquisti pari o superiori ad € 100.000.

PRESTAZIONI DI SERVIZI RESE A SOGGETTI NON RESIDENTI IN ITALIA


Per le prestazioni di servizi da soggetti in regime forfetario, se rese:
O a soggetti passivi d’imposta (B2B), valgono le regole di territorialità ex art. 7-ter e seguenti, D.P.R. n. 633/1972. Di
conseguenza, per le prestazioni c.d. generiche l’IVA è assolta dal committente nel proprio paese e il contribuente
forfetario emette la fattura con le seguenti indicazioni:
¾ “INVERSIONE CONTABILE” ai sensi dell’art. 21, comma 6-bis, lettera a), nei confronti del committente UE;
¾ “OPERAZIONE NON SOGGETTA” ai sensi dell’art. 21, comma 6-bis, lettera b), nei confronti del commit-
tente extraUE;
essendo l’operazione non territorialmente rilevante IVA in Italia.
Nel caso di operazioni con soggetti comunitari va altresì presentato il Mod. Intrastat;
O a soggetti privati (B2C), sono territorialmente rilevanti in Italia e pertanto sono fatturate dal contribuente for-
fetario secondo le regole ordinarie (ossia senza applicazione dell’IVA ai sensi dell’articolo 1, comma 58, Legge n.
190/2014, regime forfetario).

8 AT T E N Z I O N E : Con Risoluzione 28 agosto 2015, n. 75, l’Agenzia delle Entrate ha riepilogato la disciplina
IVA relativa ai servizi resi e ricevuti all’interno dell’Unione Europea, con riferimento ai soggetti in regi-
me fiscale agevolato (contribuenti minimi e forfetari).

Il documento di prassi si è soffermato in particolare sui servizi di telecomunicazione, di teleradiodiffusione ed


elettronici, i quali, se resi a privati consumatori comunitari sono soggetti ad IVA nel luogo in cui il committente
è stabilito oppure ha il domicilio o la residenza.
Come accennato, la disciplina per i contribuenti forfetari segue le ordinarie regole di territorialità previste dagli artt.
7-ter e seguenti. Di conseguenza:
O nei rapporti B2B, l’IVA deve essere assolta dal committente nel proprio Paese, poiché l’operazione è fuori cam-
po Iva in Italia;
O nei rapporti B2C, il prestatore può:
¾ identificarsi in ciascuno Stato membro in cui presta tali servizi nei confronti di committenti non soggetti pas-
sivi di imposta, al fine di assolvere l’IVA ivi dovuta;
¾ o, in alternativa, avvalersi del regime Mini One Stop Shop (cd. MOSS), come previsto dall’articolo 74-sexies,
D.P.R. n. 633/1972.
Secondo il regime del MOSS, l’operatore nazionale si registra in Italia utilizzando la procedura on-line, tra-
smette telematicamente le dichiarazioni IVA trimestrali - contenenti le informazioni dettagliate sui servizi
elettronici prestati a persone che non sono soggetti passivi in altri Stati membri - e provvede al versamento
dell’IVA dovuta. Lo Stato membro di identificazione (in tal caso, l’Italia), a sua volta, ripartisce l’IVA tra i
singoli Stati membri di consumo sulla base dei dati indicati nelle dichiarazioni trimestrali.

CESSIONI INTRACOMUNITARIE DI BENI


Le cessioni di beni effettuate nei confronti di soggetti appartenenti ad altro Stato membro dell’Unione Europea, con-
tinuano, come era previsto nel regime fiscale di vantaggio, a non essere considerate cessioni intracomunitarie, es-

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 53


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

sendo assimilate alle operazioni interne. Il cedente deve indicare nella fattura emessa nei confronti dell’operatore
comunitario che l’operazione, soggetta al regime in esame “non costituisce cessione intracomunitaria ai sensi dell’articolo
REGIME FORFETARIO

41, comma 2-bis, del D.L. n. 331/1993”. Non essendo considerate cessioni intracomunitarie, il cedente non è tenuto ad
iscriversi nella banca dati VIES, né a compilare il modello Intra 1-bis relativo alle cessioni intracomunitarie di beni.

IMPORTAZIONI, ESPORTAZIONI ED OPERAZIONI AD ESSE ASSIMILATE

8 AT T E N Z I O N E : Come anticipato, al contrario di quanto accade per il regime dei minimi, le cessioni all’e-
sportazione non costituiscono causa di esclusione dal regime forfetario.
Secondo l’articolo 1, comma 58, lettera e), Legge n. 190/2014, i contribuenti forfetari possono effettuare:
O cessioni all’esportazione ed operazioni ad esse assimilate;
O importazioni
seguendo la disciplina del D.P.R. n. 633/1972, ferma restando l’impossibilità di avvalersi della facoltà di acquistare
senza applicazione dell’imposta ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lettera c) e comma 2, D.P.R. n. 633/1972.

8 AT T E N Z I O N E : L’articolo 7-sexies, D.L. n. 193/2016, ha disposto che le cessioni all’esportazione ex artt.


8, 8-bis, 9, 71 e 72, D.P.R. n. 633/72, siano ammesse nei limiti e secondo le modalità stabilite dal Ministero
dell’Economia e delle Finanze con un apposito Decreto, che tuttavia non è ancora stato emanato.

R DICHIARAZIONI D’INTENTO

Gli operatori nazionali che intendono usufruire della facoltà di acquistare o importare beni e/o servizi senza ap-
plicazione dell’IVA, in quanto esportatori abituali (che effettuano abitualmente operazioni con l’estero non impo-
nibili), sono tenuti all’esecuzione di determinati adempimenti.
In particolare, ogni operatore deve comunicare ai propri fornitori, anteriormente all’effettuazione delle operazio-
ni, la volontà di acquistare beni e/o prestazioni di servizi in sospensione d’imposta compilando e consegnando all’A-
genzia delle Entrate la cd. “dichiarazione di intento”. La dichiarazione ha validità per l’anno solare di riferimento.

8 AT T E N Z I O N E : Si rammenta che a norma del la lett. c) dell’art. 1, comma 1, D.L. n. 746/1983 come modifi-
cata dall’art. 20, comma 1, lett. a) e b), D.Lgs. n. 175/2014, l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entra-
te i dati delle dichiarazioni d’intento, non è più un onere a carico del fornitore, ma dell’esportatore abi-
tuale; il fornitore deve accertarsi che l’esportatore abbia presentato all’Agenzia delle Entrate la dichiarazio-
ne d’intento.
Nel caso in cui il soggetto in regime forfetario:
O sia fornitore di esportatore abituale, effettua in ogni caso operazioni senza IVA, e quindi l’esportatore non è in-
teressato ad acquistare in sospensione d’imposta;
O ai sensi della modifica apportata dal D.L. n. 193/2016 alla disciplina, il contribuente forfetario possa effettuare acqui-
sti in sospensione d’imposta, allora, si evidenzia che secondo la Relazione illustrativa i contribuenti forfetari sono
esonerati anche “dalla comunicazione delle dichiarazioni di intento ricevute”. Tuttavia si attendono chiarimenti in merito.

TABELLA
In relazione all’ipotesi di operazioni effettuate con soggetti comunitari, da un contribuente italiano in regime forfe-
tario si propone la seguente tabella esemplificativa:

Forfetario italiano che effettua Identificazione operazione Adempimenti operatore italiano

Acquisti nella UE di beni di NO Acquisto intracomunitario


(salvo opzione)
importo inferiore a € 10.000,00 (art. 38, c. 5) D.L. n. 331/1993)
X Integrazione fattura con aliquota e IVA
Acquisti nella UE di beni di Acquisto intracomunitario
Versamento IVA entro il 16 del mese successivo
importo superiore a € 10.000,00 (art. 38 D.L. n. 331/1993)
X

X No detrazione IVA

54 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

Forfetario italiano che effettua Identificazione operazione Adempimenti operatore italiano

Cessione “intracomunitaria” Operazione interna senza

REGIME FORFETARIO
I contribuenti forfetari non addebitano IVA
di beni diritto di rivalsa (senza IVA)
X

Acquisto X Integrazione fattura con aliquota e IVA


Acquisti intracomunitari
ai sensi art. 7-ter, No detrazione IVA
di servizi
X

D.P.R. n. 633/1972 X Versamento IVA entro il 16 del mese successivo


Prestazioni di servizio
ad un soggetto passivo UE Operazione non soggetta X I contribuenti forfetari non addebitano IVA
ai sensi art. 7- ter X Prestazione soggetta ad imposta nel paese del
Prestazioni di servizio D.P.R. n. 633/1972 committente
ad un soggetto extra-UE

COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI ADOZIONE DEL REGIME FORFETARIO


Dopo aver adottato il regime forfetario è necessario porre attenzione al fatto che il regime decorre dal 1° gen-
naio dell’anno di ingresso (ad esempio 1° gennaio 2020) e pertanto da tale data vanno adottati i comportamenti
conseguenti.

In particolare:
£ in sede di inizio attività, secondo il comma 56, articolo 1, Legge n. 190/2014, le persone fisiche che intraprenda-
no l’esercizio di imprese, arti o professioni avvalendosi del regime forfetario, sono tenuti a comunicare, nella di-
chiarazione di inizio di attività di cui all’articolo 35, D.P.R. n. 633/1972 (Mod. AA9/12), di presumere la sussi-
stenza dei requisiti di legge;
£ per i soggetti già in attività, non è prevista alcuna comunicazione dato che in caso di sussistenza dei requisiti si
tratta di un regime naturale.
Pertanto chi decide di operare come contribuente in regime forfetario deve adottare come sopra illustrato, tra l’altro,
i seguenti comportamenti:
O conservare le fatture di acquisto o le bollette doganali (come anticipato, si ritiene non sia più obbligatoria la nu-
merazione delle fatture ricevute);
O rilasciare lo scontrino o la ricevuta fiscale ovvero documento commerciale (se obbligato);
O non addebitare in fattura l’IVA al cliente, indicando che si tratta di “Operazione senza applicazione dell’IVA ai sen-
si dell’articolo 1, comma 58, Legge n. 190/2014, regime forfetario.”

8 AT T E N Z I O N E : Secondo quanto affermato dall’Agenzia delle Entrate, infatti, costituisce comportamen-


to concludente finalizzato ad adottare il regime ordinario l’addebito dell’IVA al cliente, la detrazione
dell’IVA a credito o l’adozione degli adempimenti contabili ed extracontabili previsti in via ordinaria.

Si ritiene pertanto che i contribuenti debbano porre particolare attenzione a non emettere fatture con addebito
dell’IVA in quanto ciò potrebbe individuare la volontà di adottare il regime ordinario.

8 AT T E N Z I O N E : Al riguardo la Circolare 28 gennaio 2008, n. 7, ha chiarito, con riferimento al regime dei mi-
nimi, che nel caso di emissione per errore di una fattura con IVA, i contribuenti che intendono applicare il re-
gime agevolato potranno effettuare le opportune rettifiche dei documenti emessi con addebito dell’imposta.
Più in particolare, il cedente o prestatore può emettere nota di variazione (da conservare ma senza obbli-
go di registrazione ai fini IVA) per correggere gli errori commessi nella fattura, mentre il cessionario o
committente che abbia registrato la fattura, è tenuto a registrare la nota di variazione, salvo il suo diritto
alla restituzione dell’importo pagato al cedente o prestatore a titolo di rivalsa.
Per converso, soltanto se contestualmente all’emissione della fattura con addebito dell’imposta il contribuente
abbia anche esercitato il diritto alla detrazione e proceduto alle liquidazioni periodiche del tributo, il com-
portamento potrà essere considerato inequivocabilmente espressivo dell’opzione per il regime ordinario.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 55


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

I contribuenti forfetari sono esonerati anche dalla tenuta del registro dei corrispettivi. Si ritiene tuttavia che la tenu-
ta, ai soli fini amministrativi, di tale registro non possa essere considerato espressione della volontà di adottare il re-
REGIME FORFETARIO

gime ordinario.
Appare anzi necessario, quantomeno con la finalità di verificare in corso d’anno l’eventuale superamento dei limiti
(ricavi/compensi) tenere memoria di alcuni dati in forma riepilogativa.

RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA: PASSAGGIO DAL REGIME ORDINARIO AL REGIME FORFETARIO
I soggetti in regime ordinario che, a partire dal 2020, intendono accedere al regime forfetario e in precedenza erano
in regime IVA ordinario, sono tenuti ad effettuare la rettifica della detrazione IVA, ex art. 19-bis2, D.P.R. n. 633/1972.

8 AT T E N Z I O N E : Le rettifiche devono essere effettuate in unica soluzione e riguardano tutti i beni e servi-
zi esistenti nell’impresa, non ancora utilizzati alla data di ingresso nel regime.

Pertanto, è opportuno valutare con attenzione la convenienza del passaggio dal regime ordinario a quello forfe-
tario; infatti, se si sono effettuati acquisti di beni strumentali o immobili per i quali si è fruito della detrazione IVA
e si è ancora nel periodo di monitoraggio, si corre il rischio di avere un onere rilevante in termini di IVA dovuta a
seguito della rettifica.

8 AT T E N Z I O N E : Per la rettifica della detrazione IVA relativa all’ingresso nel regime forfetario, la Circola-
re 4 aprile 2016, n. 10 ha precisato che:
„ non è prevista la possibilità di rateizzare il versamento (così come era invece previsto per i contribuenti
minimi);
„ non è necessario attendere il materiale impiego degli stessi, fatta eccezione per
£ i beni ammortizzabili, compresi i beni immateriali, la cui rettifica va eseguita soltanto se non siano
ancora trascorsi quattro anni da quello della loro entrata in funzione;
£ o dieci anni dalla data di acquisto o di ultimazione se trattasi di fabbricati o loro porzioni.

In base a quanto chiarito dalla Circolare 28 gennaio 2008, n. 7, con riferimento all’ingresso nel regime dei minimi, la
rettifica deve essere effettuata anche per i beni ammortizzabili:
O di costo unitario non superiore ad € 516,46;
O con coefficiente di ammortamento superiore al 25%,
qualora gli stessi non siano stati ancora utilizzati o ceduti.

8 AT T E N Z I O N E : Secondo il comma 62, art. 1, Legge n. 190/2014, nell’ultima liquidazione relativa all’anno
in cui l’imposta è applicata nei modi ordinari, deve tenersi conto anche dell’imposta relativa alle opera-
zioni per le quali l’esigibilità non si è ancora verificata.
Si tratta delle operazioni con esigibilità differita:
„ effettuate nei confronti dello Stato e degli enti pubblici;
„ secondo il regime di IVA per cassa.

In altre parole, come precisato con la relazione illustrativa al Disegno di Legge n. 190/2014 ed anche con Circolare 4
aprile 2016, n. 10, l’accesso al regime comporta, per il cedente o prestatore che se ne avvalga, la rinuncia al differi-
mento dell’esigibilità.
Al contrario, nella stessa liquidazione può essere esercitato, purché spettante, il diritto alla detrazione dell’imposta
relativa alle operazioni di acquisto soggette agli stessi regimi di IVA per cassa ed i cui corrispettivi non sono stati
ancora pagati.
Per quanto riguarda la necessità di rettificare l’imposta detratta relativa a canoni di locazione finanziaria antici-
pati o al maxicanone iniziale, la Circolare 26 febbraio 2008, n. 13, ha chiarito che ai fini della rettifica i contribuen-

56 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini IVA

ti minimi devono verificare l’imposta complessivamente detratta e versare la quota d’imposta corrispondente al pe-
riodo di residua durata del contratto o della rata.

REGIME FORFETARIO
8 AT T E N Z I O N E : Le rettifiche della detrazione vanno effettuate nell’ultima dichiarazione annuale IVA re-
lativa al regime ordinario.
Ad esempio, un soggetto in regime ordinario che passa al regime forfetario in data 1° gennaio 2020, deve
evidenziare le rettifiche della detrazione nella dichiarazione annuale IVA relativa al 2019, da presentare
nel 2020.

Con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, ai fini della rettifica occorre predisporre un’apposita documentazione nella qua-
le indicare, per categorie omogenee, la quantità e i valori dei beni facenti parte del patrimonio aziendale (secondo le
modalità illustrate nella Circolare 24 dicembre 1997, n. 328/E).
Ai sensi dell’articolo 1, comma 63, Legge n. 190/2014, per i contribuenti che transitano dal regime ordinario a quel-
lo forfetario, l’eccedenza detraibile che emerge dalla dichiarazione relativa all’ultimo anno in cui l’IVA è applica-
ta nei modi ordinari, può essere:
£ chiesta a rimborso;
oppure
£ utilizzata in compensazione ai sensi dell’articolo 17, D.Lgs. n. 241/1997.

8 AT T E N Z I O N E : Con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, è stato precisato che:


„ poiché la disposizione non fa riferimento ai presupposti per il rimborso ex commi 2 e 3, articolo 30,
D.P.R. n. 633/1972, il diritto al rimborso dell’eccedenza maturata nell’ultima dichiarazione presentata
prima dell’entrata nel regime forfetario non è subordinato alle ordinarie condizioni, ma derivi dalla
previsione di un ulteriore presupposto di rimborso introdotto dalla normativa sul regime forfetario;
„ per il resto, trattandosi di rimborsi IVA è comunque applicabile la disciplina contenuta nell’articolo 38-
bis, D.P.R. n. 633/1972.

¯ Per un maggiore approfondimento in merito alla rettifica “a sfavore” della detrazione IVA, si rinvia al capitolo “L’ingres-
so nel regime fiscale agevolato”.

ESONERO DA ULTERIORI ADEMPIMENTI


Come noto, per la generalità dei soggetti IVA è previsto l’obbligo di invio:
£ dei dati delle fatture emesse/acquisti/bollette doganali/note di variazione (cd. “spesometro”). Tale obbligo è
soppresso a seguito dell’introduzione della fatturazione elettronica;
£ delle liquidazioni IVA periodiche con cadenza trimestrale;
£ del c.d. esterometro, ovvero della comunicazione dei dati relativi alle operazioni effettuate e ricevute verso e da
soggetti non stabiliti in Italia.
Con riferimento a tali adempimenti, si precisa che:
O per lo spesometro, i contribuenti minimi e forfetari sono esonerati dall’obbligo di invio, come confermato con
Circolare 7 febbraio 2017, n. 1 e ribadito anche nella FAQ n. 24 del 27 novembre 2018;
O con riferimento invece all’invio trimestrale delle liquidazioni IVA periodiche, sono invece espressamente eso-
nerati dalla norma i contribuenti “non tenuti all’effettuazione delle liquidazioni IVA periodiche”, tra i quali evidente-
mente sono compresi i contribuenti forfetari;
O per quanto riguarda l’esterometro è da ritenere applicabile l’esonero visto che l’obbligo di presentazione appare
limitato ai soggetti tenuti alla fatturazione elettronica.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 57


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette

SEMPLIFICAZIONI E ADEMPIMENTI AI FINI


REGIME FORFETARIO

DELLE IMPOSTE DIRETTE

Il regime forfetario risulta vantaggioso rispetto a quello ordinario non soltanto alla luce delle numerose semplifica-
zioni degli adempimenti ai fini IVA, già analizzate nel capitolo precedente, ma anche a fronte delle consistenti sem-
plificazioni previste:
£ ai fini delle imposte dirette (imposte sui redditi e IRAP);
£ in merito ad ulteriori adempimenti, come l’esclusione dall’applicazione degli ISA, oltre che dall’esonero da diver-
si adempimenti dichiarativi, di cui si è già detto.

8 AT T E N Z I O N E : Da notare che nel corso del 2019 è stato introdotto l’obbligo di effettuazione delle ritenute
in capo a dipendenti e collaboratori.

IMPOSTE SUI REDDITI


Ai fini delle imposte sui redditi, i contribuenti forfetari:
O hanno l’obbligo di conservare i documenti ricevuti ed emessi;
O sono esonerati dagli obblighi di registrazione e tenuta delle scritture contabili.
Inoltre, non sono soggetti passivi IRAP e, pertanto, non sono tenuti né alla presentazione della dichiarazione, né al
versamento dell’imposta.
Sono inoltre esclusi dall’applicazione degli ISA (indici sintetici di affidabilità) come avveniva per gli studi di set-
tore ed i parametri contabili, anche se sono tenuti a fornire alcune indicazioni in dichiarazione dei redditi.

Esonero/esclusione

Registrazione e tenuta scritture


ISA IRAP
contabili ai fini reddituali

Come anticipato, in base al comma 69, articolo 1, Legge n. 190/2014, ai fini delle imposte sui redditi, i contribuen-
ti forfetari:
O sono tenuti a conservare i documenti ricevuti ed emessi, secondo quanto stabilito dall’art. 22, D.P.R. n. 600/1973;
O sono esonerati dalla registrazione e tenuta delle scritture contabili.

8 AT T E N Z I O N E : I contribuenti devono presentare la dichiarazione dei redditi entro gli ordinari termini
stabiliti dal D.P.R. n. 322/1998, ossia entro il 30 novembre di ogni anno.

Nella dichiarazione dei redditi viene determinato il reddito d’impresa o di lavoro autonomo secondo le particolari
regole previste e viene liquidata l’imposta sostitutiva nella misura del 15% (del 5% per i contribuenti c.d. “start-up”).
Nella dichiarazione vanno altresì dichiarati gli altri redditi eventualmente posseduti dal contribuente.

¯ Per le regole di determinazione del reddito e di versamento dell’imposta sostitutiva si rimanda al capitolo “Determinazio-
ne del reddito”.

58 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette

RITENUTE ALLA FONTE

REGIME FORFETARIO
La norma istitutiva del regime forfetario prevede che:
O i ricavi/compensi percepiti dal soggetto forfetario non sono assoggettati a ritenuta d’acconto da parte del so-
stituto di imposta; a tal fine il soggetto forfetario rilascia apposita dichiarazione al sostituto dalla quale, deve ri-
sultare che il reddito di cui alle somme percepite afferiscono è soggetto all’imposta sostitutiva in esame (comma
67, art. 1, Legge n. 190/2014);
O il soggetto forfetario non è tenuto ad operare la ritenuta alla fonte sui compensi erogati (comma 69, art. 1, Legge
n. 190/2014). Sussiste comunque l’obbligo di indicare in dichiarazione dei redditi il codice fiscale e il reddito del
percettore delle somme che non sono state assoggettate a ritenuta (vedi quadro RS, righi RS371-RS373 del Mod.
REDDITI 2020 PF)

 190/2014, prevedendo
L’art. 6, D.L. n. 34/2019, c.d. “Decreto Crescita” ha modificato il comma 69, art. 1, Legge n.
N O V I TÀ :
che i contribuenti forfetari sono tenuti ad operare le ritenute alla fonte sui redditi
da lavoro dipendente ed assimilati.
¯ Si veda il paragrafo “Ritenute operate sui compensi a dipendenti e assimilati”.

NO ritenuta d’acconto
sui ricavi/compensi
percepiti
Regime
forfetario
NO ritenuta Eccezione:
sulle somme SI ritenuta sui redditi di lavoro
pagate dipendente e assimilati

R NON ASSOGGETTAMENTO A RITENUTA DI RICAVI E COMPENSI

Secondo l’art. 1, comma 67, Legge n. 190/2014:

“I ricavi e i compensi relativi al reddito oggetto del regime forfetario non sono assoggettati a ritenuta d’acconto
da parte del sostituto d’imposta. A tal fine, i contribuenti rilasciano un’apposita dichiarazione dalla quale risulti
che il reddito cui le somme afferiscono è soggetto ad imposta sostitutiva”.

Come precisato anche con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, la disposizione trova la sua ragione “nell’esiguità della misura
dell’imposta sostitutiva”: se il contribuente in regime forfetario assoggettasse ricavi o compensi a ritenuta, si trovereb-
be in una posizione creditoria “strutturale” verso l’Erario per effetto delle ritenute d’acconto.
Si pensi ad esempio ad un professionista forfetario che sui compensi percepiti subisse ritenute in misura pari al
20%, a fronte di un’imposta sostitutiva pari al 15%, applicata al reddito: l’imposta sostitutiva risulterebbe sistema-
ticamente di importo inferiore rispetto alle ritenute subite.

Il citato comma 67 dispone inoltre che al fine di non subire ritenute d’acconto da parte dei sostituti d’imposta, i con-
tribuenti forfetari sono tenuti a rilasciare un’apposita dichiarazione, dalla quale risulti che il reddito cui le som-
me afferiscono è soggetto ad imposta sostitutiva.

8 AT T E N Z I O N E : Per la dichiarazione di non assoggettamento a ritenuta non sono previste particolari for-
malità, e può essere riportata direttamente in fattura; pertanto sulle fatture emesse dai forfetari, va ag-
giunta la dicitura, per coloro i quali effettuano prestazioni soggette a ritenuta:

“Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto come previsto dall’art. 1, comma
67, Legge n. 190/2014”.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 59


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette

8 AT T E N Z I O N E : Così facendo, il sostituto d’imposta, in possesso della dichiarazione o delle fatture in


cui è attestata l’adozione del regime forfetario, per i pagamenti effettuati non opera la ritenuta d’acconto.
REGIME FORFETARIO

Quanto sopra vale in relazione a tutti i tipi di ritenuta che il sostituto d’imposta deve operare (lavoro auto-
nomo, provvigioni, prestazioni nei confronti del condominio, ecc.).
Nell’ipotesi di passaggio dal regime dei minimi a quello forfetario non si pone tale questione in quanto anche ai sog-
getti minimi non era applicata la ritenuta.
Di seguito si riporta un fac-simile di tale dichiarazione:

Il sottoscritto _________________, nato a ________________, il ______________, residente

a ________________ in Via/Piazza ________________, C.F. _____________, P.I. ________,


usufruendo
del regime fiscale forfetario di cui all'articolo 1, commi 54 - 89, Legge n. 190/2014
richiede
la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto così come previsto
dall'art. 1, comma 67, Legge n. 190/2014.

___________, lì _________ ________________________


(firma)

ΠESEMPIO

L’ing. Giorgi ha iniziato l’attività in regime ordinario.


In possesso di tutti i requisiti richiesti, dal 2020 adotta il regime forfetario. Nel mese di marzo, a seguito della conse-
gna di un progetto per la ristrutturazione di un ufficio, emette la seguente fattura:

Ing. Giorgi Giorgio

Calle dei Ponti n. 6 FATTURA N. 1


30100 - Venezia (VE) DATA 14/01/2020
P.IVA 02521753274
C.F. GRGGRG70P19L736Z

Spett.le
Fratelli Rossi Snc
Via Arena n. 23
37100 - Verona (VR)
P.IVA / C.F. 00865310221

DESCRIZIONE IMPORTO
Progettazione lavori ristrutturazione ufficio € 2.200,00

Contributo previdenziale integrativo 4% € 88,00

TOTALE DA CORRISPONDERE € 2.288,00

Operazione senza applicazione dell'IVA ai sensi dell'art. 1, comma 58, Legge n.


190/2014, regime forfetario, senza applicazione della ritenuta alla fonte a titolo
d'acconto come previsto dall'art. 1, comma 67, Legge n. 190/2014.

60 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette

R RITENUTE PER LE AGEVOLAZIONI RELATIVE AL RISPARMIO ENERGETICO E DI RECUPERO EDILIZIO

Una problematica particolare si pone con riferimento alle ritenute che la banca o la posta deve effettuare in rela-

REGIME FORFETARIO
zione ai bonifici disposti per le agevolazioni relative al risparmio energetico e di recupero edilizio.
Come previsto con Risoluzione n. 47/2013 con riferimento al regime dei minimi, l’Agenzia delle entrate con la Circo-
lare 10 aprile 2019, n. 9, (confermando quanto contenuto nella Circolare 4 aprile 2016, n. 10) ha chiarito che qualora
il forfetario che abbia subito la ritenuta, può recuperarla tramite:
O la presentazione di un’istanza di rimborso ex art. 38, DPR n. 602/1973;
O lo scomputo nel mod. REDDITI;
a condizione che la stessa sia certificata dal sostituto d’imposta.

8 AT T E N Z I O N E : L’importo totale delle ritenute complessivamente subite sui ricavi e compensi afferenti
al regime forfetario, andrà indicato in dichiarazione dei redditi, e in particolare, per il periodo di imposta
2019, nel rigo RS40 del Modello REDDITI 2020 “Ritenute regime di vantaggio e regime forfetario casi particolari”,
e riportato, ai fini dello scomputo, nel rigo RN33, colonna 4 e/o nel rigo LM41 “Ritenute consorzio”.

R RITENUTE OPERATE SUI COMPENSI A DIPENDENTI E ASSIMILATI

Le modifiche al regime forfetario, apportate dalla Legge di Bilancio 2019, che hanno previsto, tra le altre cose, l’eli-
minazione della soglia massima di spese per il personale, hanno comportato una presenza di lavoratori alle dipen-
denze di contribuenti in regime forfetario decisamente più frequente.
Fino al 2018 i dipendenti/collaboratori dei contribuenti forfetari percepivano le somme spettanti senza applicazione
delle trattenute fiscali, in particolare di:
£ IRPEF;
£ addizionali IRPEF,
e di conseguenza, erano costretti ad adempiere in dichiarazione dei redditi alla liquidazione, e successivo versamen-
to, delle imposte non trattenute in busta paga.

 che i contribuenti
L’art. 6, Decreto Crescita ha modificato il comma 69 dell’art. 1, Legge n. 190/2014, prevedendo
N O V I TÀ :
forfetari che si avvalgono di dipendenti e collaboratori debbano operare le ritenute alla
fonte ex artt. 23 e 24, D.P.R. n. 600/1973.

Il secondo periodo del comma 69, art. 1, Legge n. 190/2014, ora dispone che:

“I contribuenti di cui al comma 54 del presente articolo non sono tenuti a operare le ritenute alla fonte di cui
al titolo III del citato decreto del Presidente della Repubblica n. 600 del 1973, e successive modificazioni, ad
eccezione delle ritenute di cui agli articoli 23 e 24 del medesimo decreto; tuttavia, nella dichiarazione dei red-
diti, i medesimi contribuenti indicano il codice fiscale del percettore dei redditi per i quali all’atto del pagamento degli
stessi non è stata operata la ritenuta e l’ammontare dei redditi stessi.”

La previsione in esame, in deroga all’art. 3, Legge n. 212/2000 (Statuto del contribuente), ha avuto effetto retroatti-
vo, con applicazione a partire dal 1° gennaio 2019.
Pertanto, i “nuovi” sostituti d’imposta hanno dovuto trattenere, in 3 rate di pari importo, l’ammontare delle ritenu-
te sulle retribuzioni corrisposte prima del 30 aprile 2019, a partire dal mese di agosto 2019 (terzo mese successivo a
quello di entrata in vigore del Decreto, vale a dire 1° maggio 2019) e versarlo entro i termini di cui all’art. 8, D.P.R. n.
602/1973 (16 del mese successivo a quello in cui è stata operata la ritenuta).
Pertanto un contribuente forfetario che ha impiegato personale dipendente già per il mese gennaio ha dovuto rego-
larizzare le mancate ritenute operate, effettuare i versamenti entro i seguenti termini:

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 61


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette

Mese di corresponsione
Retribuzioni del mese di Applicazione ritenute Termine versamento F24
della retribuzione
REGIME FORFETARIO

le ritenute sui compensi relati-


X gennaio X febbraio vi ai primi 3 mesi sono tratte- X 16/9 (1/3)
X febbraio X marzo nute sui compensi corrisposti X 16/10 (1/3)
X marzo X aprile in agosto (1/3), settembre (1/3) X 18/11 (1/3)
e ottobre (1/3)

I mesi successivi, invece, le ritenute sono state versate secondo le ordinarie scadenze, ovvero:
Mese di corresponsione
Retribuzioni del mese di Applicazione ritenute Termine versamento F24
della retribuzione
aprile maggio maggio 17/6
maggio giugno giugno 16/7
giugno luglio luglio 20/8
luglio agosto agosto 16/9
agosto settembre settembre 16/10
settembre ottobre ottobre 18/11
ecc..

8 AT T E N Z I O N E : I contribuenti forfetari non sono tenuti a operare le ritenute alla fonte, di cui al Titolo
III, D.P.R. n. 600/1973, rimane però l’obbligo di indicare in dichiarazione dei redditi (quadro RS, righi da
RS371 a RS373):
£ il codice fiscale del percettore delle somme che non sono state assoggettate a ritenuta;
£ l’ammontare dei redditi stessi.

ΠESEMPIO

Supponiamo che l’avvocato Rossi, in regime ordinario, in data 31 gennaio 2020 emetta una fattura, per una domici-
liazione, al collega Bianchi, soggetto in regime forfetario.
Posto che l’avvocato Rossi emette fatture (laddove previsto) esponendo la ritenuta d’acconto, in questo caso l’avvoca-
to Bianchi non deve operare la ritenuta alla fonte, ma dovrà indicare nel suo modello Redditi 2021 (quadro RS, ri-
ghi da RS371 a RS373):
O il codice fiscale dell’avvocato Rossi;
O l’ammontare dei compensi lordi corrisposti.

MOD. 770 E C.U.


Il contribuente forfetario che non effettua alcuna ritenuta non presenta il Mod. 770.
Inoltre non sussiste nemmeno l’obbligo di invio della CU, con riferimento ai redditi di lavoro autonomo, lavoro au-
tonomo occasionale, prestazioni commerciali occasionali, considerato che il contribuente ha l’obbligo di compilare i
dati nel quadro RS del Mod. REDDITI.
Ciò costituisce una semplificazione rispetto al regime dei minimi, il quale, invece, deve operare e versare le ritenu-
te qualora avesse corrisposto somme in qualità di sostituto d’imposta, inviare le C.U. all’Agenzia delle Entrate, con-
segnarle al sostituito, ed anche, successivamente, presentare il Mod. 770.

 tra i soggettiA seguito


N O V I TÀ : delle modifiche apportate dal Decreto Crescita, al comma 69, art. 1, Legge n. 190/2014,
obbligati a presentare il Mod. 770 e la CU rientrano anche i contribuenti forfetari che, in
presenza di dipendenti/collaboratori, hanno operato ritenute ai sensi degli artt. 23 e 24, D.P.R. n. 600/1973.

62 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette

Le stesse istruzioni di compilazione del Mod. 770/2020, infatti, precisano che

Sono tenuti a presentare la dichiarazione Mod. 770/2020 le persone fisiche che operano le ritenute alla fonte di

REGIME FORFETARIO
cui agli articoli 23 e 24 del D.P.R. n. 600 ed aderiscono al regime forfetario di cui alla legge 23 dicembre 2014,
n. 190, così come modificata dall’articolo 1, commi da 9 a 11, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 (Legge di bilancio
2019).

8

AT T E N Z I O N E : Si segnala, inoltre, che le istruzioni al Mod. C.U. precisano che:

“Sono tenuti all’invio del flusso telematico entro il 7 marzo 2020 coloro che nel 2019 hanno corrisposto
somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte, ai sensi degli artt. 23, 24, 25, 25-bis, 25-ter, 25-quater e 29 del
D.P.R. n. 600 del 1973 , dell’art. 33, comma 4, del D.P.R. n. 42 del 1988, dell’art. 21, comma 15, della L.27 dicembre
1997, n. 449 e dell’art. 11, della L.30 dicembre 1991, n. 413. Sono altresì tenuti ad inviare il flusso coloro che nel 2019
hanno corrisposto contributi previdenziali e assistenziali e/o premi assicurativi dovuti all’Inail. La CU 2020 deve es-
sere inoltre presentata dai soggetti che hanno corrisposto somme e valori per i quali non è prevista l’applicazione delle
ritenute alla fonte ma che sono assoggettati alla contribuzione dovuta all’INPS”.

Pertanto i contribuenti in regime forfetario sono tenuti all’invio della C.U. con riferimento alle somme corrisposte
per i propri dipendenti/collaboratori nei confronti dei quali hanno trattenuto importi sia ai fini contributivi che ai
fini previdenziali.

IRAP
Ai sensi del comma 64, articolo 1, Legge di Stabilità 2015, l’imposta del 5-15% applicata dai contribuenti forfetari
è sostitutiva:

“... dell’imposta sui redditi, delle addizionali regionali e comunali e dell’imposta regionale sulle attività produt-
tive di cui al decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446”.

In base alla citata disposizione i contribuenti minimi non sono tenuti:


O né al versamento dell’IRAP;
O né alla presentazione della dichiarazione IRAP.

Non sono tenuti:


Contribuenti in regime
Esenti IRAP § al versamento
forfetario
§ alla dichiarazione

8 AT T E N Z I O N E : L’agevolazione decorre dal primo anno in cui si applica il regime e pertanto, per i sogget-
ti che avviano un’attività dal 2020, l’esonero dall’imposta opera a partire dal medesimo periodo d’imposta.

ISA, STUDI DI SETTORE E PARAMETRI


Ai sensi del primo periodo, comma 73, art. 1, Legge n. 190/2014, così prevedeva:

“I contribuenti che applicano il regime forfetario sono esclusi dall’applicazione degli studi di settore di cui
all’articolo 62-bis del decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993,
n. 427 e dei parametri di cui alla legge 28 dicembre 1995, n. 549.”.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 63


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette

Il citato periodo del comma 73 della Legge di Stabilità 2015 è stato soppresso, per tener conto dell’introduzione degli
ISA e della soppressione degli studi di settore.
REGIME FORFETARIO

A tale proposito si ricorda che ai sensi del Decreto MEF 23 marzo 2018, gli ISA non si applicano nei confronti dei
contribuenti che si avvalgono del regime forfetario agevolato o del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria
giovanile e lavoratori in mobilità.
La citata disposizione stabilisce dunque che nei confronti delle imprese e dei lavoratori autonomi forfetari non
possono essere effettuati, con riferimento ai periodi d’imposta di applicazione di tale regime, accertamenti fonda-
ti sugli ISA.
Si tratta di un importante vantaggio connesso all’adozione del regime agevolato.
Naturalmente, a meno di ipotesi di esclusione/inapplicabilità, gli ISA si rendono applicabili fino all’anno prece-
dente a quello di ingresso nel regime forfetario.
Così, ad esempio, un contribuente che svolge l’attività in regime ordinario nel 2019, e decide di applicare il regime
forfetario dal 2020 poiché in possesso i requisiti, applica gli ISA in relazione al 2019.
Ai sensi del secondo periodo, comma 73, art. 1, Legge n. 190/2014:

“Con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate recante approvazione dei modelli da utilizzare per la di-
chiarazione dei redditi sono individuati, per i contribuenti che applicano il regime forfetario, specifici obblighi in-
formativi relativamente all’attività svolta.”.

8 AT T E N Z I O N E : Nel nel quadro RS, Mod. REDDITI PF è infatti previsto il riquadro “Regime forfetario
per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni - Obblighi informativi” nel quale indicare, cumu-
lativamente, le informazioni afferenti le attività esercitate.

¯ Per la descrizione di tali campi e la relativa compilazione, si rinvia al capitolo “La dichiarazione dei redditi per i contri-
buenti forfetari”.

Non compilano modelli ISA (non


compilavano né modelli studi né
modelli parametri)
Contribuenti forfetari

Compilazione dati quadro RS


righi RS371 - RS381

VERSAMENTI E DICHIARAZIONI TELEMATICHE


Non è previsto alcun specifico esonero dall’obbligo di utilizzo di modalità telematiche.
I contribuenti in regime forfetario dovranno pertanto, in quanto titolari di partita IVA, procedere al versamento
delle imposte e dei contributi attraverso modalità telematiche.
Va evidenziato che i contribuenti forfetari sono obbligati ad effettuare i seguenti versamenti:
O imposta sostitutiva del 15%;
O IVA connessa ad acquisti intracomunitari, prestazioni di servizi ricevute dall’estero e con il “reverse charge”;
O IRPEF sugli altri redditi;
O contributi previdenziali e assistenziali (INAIL).

8 AT T E N Z I O N E : La dichiarazione dei redditi va ovviamente presentata esclusivamente in via telemati-


ca, direttamente o tramite un intermediario abilitato.

64 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA DICHIARAZIONE PRECOMPILATA

REGIME FORFETARIO
Come noto, nella dichiarazione precompilata sono presenti i dati relativi agli oneri sostenuti dal contribuente o dai
familiari fiscalmente a carico. A tal fine, tali spese devono essere comunicate dagli operatori all’Agenzia delle Entra-
te, anche nel caso in cui tali soggetti siano in regime forfetario.

Sono tenuti a tale tipo di comunicazioni:


O i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema TS. Si tratta dei seguenti soggetti:
¾ farmacie pubbliche e private;
¾ strutture sanitarie pubbliche e private accreditate per l’erogazione dei servizi sanitari del SSN e dei SASN;
¾ medici iscritti all’ordine dei chirurghi e degli odontoiatri;
¾ psicologi, infermieri, ostetrici, tecnici sanitari di radiologia medica;
¾ veterinari;
¾ ottici;
¾ parafarmacie;

¾  ti dal D.M. 13.3.2018


biologi ed iscritti agli albi professionali delle professioni sanitarie come risultan-
N O V I TÀ :
(tecnico di laboratorio biomedico, audiometrista, audioprotesista, ortopedico,
dietista, tecnico di neurofisiopatologia, tecnico di fisiopatolgia cardiocircolatoria e perfusione car-
diovascolare, igienista dentale, fisioterapista, logopedista, podologo, ortottista e assistente di oftal-
mologia, terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, tecnico della riabilitazione psi-
chiatrica, terapista occupazionale, educatore professionale, tecnico della prevenzione nell’ambiente
e nei luoghi di lavoro, assistente sanitario).

Pertanto, ad esempio, anche il medico o il fisioterapista in regime forfetario sono tenuti ad assolvere tale
adempimento.
O inoltre è previsto l’invio dei dati relativi:
¾ all’ammontare delle spese funebri nonché i dati relativi al soggetto deceduto e dei soggetti intestatari della
fattura, da parte dei soggetti che emettono fatture relative a spese funebri;
¾ a spese di recupero edilizio su parti comuni di edifici residenziali da parte di amministratori di condomini.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 65


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

DETERMINAZIONE DEL REDDITO


REGIME FORFETARIO

In base all’articolo 1, comma 64, Legge n. 190/2014, i contribuenti forfetari:

“determinano il reddito imponibile applicando all’ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti il coefficiente
di redditività nella misura indicata nell’allegato n. 4 annesso alla presente legge, diversificata a seconda del codi-
ce ATECO che contraddistingue l’attività esercitata. Sul reddito imponibile si applica un’imposta sostituti-
va dell’imposta sui redditi, delle addizionali regionali e comunali e dell’imposta regionale sulle attività produttive
(…), pari al 15 per cento”.

LA DETERMINAZIONE DEL REDDITO


L’aspetto più interessante del regime forfetario attiene alla modalità di determinazione del reddito e dell’imposta.
Infatti, per tali contribuenti, il reddito:
O non è calcolato attraverso la contrapposizione di componenti positivi e negativi;
O ma deriva semplicemente dall’applicazione ai ricavi/compensi di un coefficiente di redditività, differenziato a
seconda del settore di attività, predeterminato del Legislatore.
Il citato comma 64 stabilisce inoltre che:

“I contributi previdenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge, compresi quelli corrisposti per con-
to dei collaboratori dell’impresa familiare fiscalmente a carico, ai sensi dell’articolo 12 … [TUIR], ovvero, se non
fiscalmente a carico, qualora il titolare non abbia esercitato il diritto di rivalsa sui collaboratori stessi, si deducono dal
reddito determinato ai sensi del presente comma. L’eventuale eccedenza è deducibile dal reddito complessivo …”.

8 AT T E N Z I O N E : Come nel regime dei contribuenti minimi, concorrono alla formazione del reddito d’im-
presa o di lavoro autonomo, con il principio di cassa, i contributi previdenziali obbligatori, inclusi quel-
li versati per conto dei collaboratori dell’impresa familiare. Si tratta peraltro dell’unico componente di
reddito deducibile su base analitica.
In pratica, i contributi previdenziali sono deducibili direttamente dal reddito d’impresa/lavoro autono-
mo al fine di evitare che siano “persi” per incapienza del reddito complessivo.

In assenza di altri redditi infatti, i contribuenti perderebbero la possibilità di computare i contributi tra gli oneri de-
ducibili, considerato che il reddito derivante dal regime forfetario non concorre alla formazione del reddito com-
plessivo in quanto viene assoggettato ad imposta sostitutiva.

Contributi
Reddito = Ricavi / compensi X % forfait –
previdenziali

8 AT T E N Z I O N E : Benché la norma non si sia espressa sulla rilevanza delle plusvalenze, minusvalenze e so-
pravvenienze, con Circolare 4 aprile 2016, n. 10 è stato precisato che:
„ le plusvalenze e minusvalenze dei beni relativi all’impresa o all’esercizio dell’arte o professione
realizzate in corso di regime;
„ le sopravvenienze attive e passive,
non siano rilevanti ai fini della determinazione del reddito.

66 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

Il reddito, così determinato, non concorre alla formazione del reddito complessivo del contribuente e sullo stesso
si applica un’imposta sostitutiva del 15%.

REGIME FORFETARIO
¯ Per un’analisi approfondita dell’imposta sostitutiva si rinvia al capitolo “Imposta sostitutiva”, appositamente dedicato.

8 AT T E N Z I O N E : Come sarà meglio illustrato nel capitolo relativo ai contribuenti forfetari start-up, per i
primi cinque anni di attività, l’aliquota d’imposta sostitutiva è stabilita nella misura del 5%.

In caso di impresa familiare, l’imposta sostitutiva, calcolata sul reddito al lordo della quota imputata ai familiari, è
dovuta dal titolare.
Come si può notare, dunque, la modalità di determinazione del reddito nel regime forfetario differisce profon-
damente da quella nel regime dei contribuenti minimi, che, come noto, è calcolato come differenza tra l’ammonta-
re dei ricavi e/o compensi percepiti e le spese sostenute nel medesimo periodo d’imposta.

QUANTIFICAZIONE DEI RICAVI/COMPENSI


Considerando le disposizioni stabilite per i contribuenti forfetari ai fini IVA, si evidenzia che, ai fini della quan-
tificazione dei ricavi o dei compensi:
O per le operazioni per le quali è emessa la fattura (nella quale non è addebitata l’IVA), è rilevante quanto indicato
in tale documento, con riferimento all’ammontare incassato nel corso dell’anno.
L’ammontare rilevante è quello al lordo della ritenuta fiscale (qualora sia erroneamente subita) al netto dell’e-
ventuale contributo integrativo addebitato dai professionisti con Cassa di previdenza e al lordo della rivalsa
del 4% addebitata dai soggetti iscritti alla Gestione Separata INPS;
O per i soggetti che documentano le operazioni effettuate con lo scontrino o la ricevuta fiscale, l’ammontare dei
ricavi è quello che risulta dallo scontrino/ricevuta fiscale, ossia senza procedere allo scorporo dell’IVA. Vanno
esclusi i “corrispettivi a credito” non incassati nel periodo.

Rilevanza dei componenti reddituali

Compensi Ricavi

Ammontare risultante dalla parcella/fattura: Ammontare risultante Ammontare risultante dagli


§ al netto del contributo integrativo dalla fattura: scontrini / ricevute fiscali NO
(professionisti con cassa) § al lordo delle ritenute (o dal registro corrispettivi scorporo
§ al lordo della rivalsa 4% (professionisti previdenziali se tenuto) IVA
iscritti alla gestione separata INPS)

Importo riscosso nel periodo d’imposta

Si evidenzia che l’ammontare dei ricavi/compensi costituisce, oltre ai contributi previdenziali, la principale variabi-
le nella determinazione del reddito, considerato che i costi sostenuti non sono riconosciuti.
Tra i costi irrilevanti sono compresi quelli relativi all’acquisto di beni strumentali.
La percentuale di forfetizzazione per determinare il reddito, differenziata per tipologia di attività come per le soglie
dei ricavi/compensi, è individuata nell’Allegato 4 della Legge di Stabilità 2015 di seguito riportata.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 67


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

Tabella limiti ricavi/compensi e coefficienti di redditività


REGIME FORFETARIO

Limite Coefficiente
Prog. Gruppo di settore Codice attività ATECO 2007
ricavi/compensi redditività

1 Industrie alimentari e delle bevande (10 – 11) 40%

45 – (da 46.2 a 46.9) – (da 47.1 a


2 Commercio all’ingrosso e al dettaglio 40%
47.7) – 47.9

Commercio ambulante e di prodotti alimentari e


3 47.81 40%
bevande

4 Commercio ambulante di altri prodotti 47.82 – 47.89 54%

5 Costruzioni e attività immobiliari (41 – 42 – 43) – (68) 86%

6 Intermediari del commercio 46.1 62%


65.000
7 Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione (55 – 56) 40%

Attività professionali, scientifiche, tecniche, sani-


(64 – 65 – 66) – (69 – 70 – 71 – 72 –
8 tarie, di istruzione, servizi finanziari ed assicura- 78%
73 – 74 – 75) – (85) – (86 – 87 – 88)
tivi

(01 – 02 – 03) – (05 – 06 – 07 – 08 –


09) – (12 – 13 – 14 – 15 – 16 – 17 – 18
– 19 – 20 – 21 – 22 – 23 – 24 – 25 –
26 – 27 – 28 – 29 – 30 – 31 –32 – 33)
9 Altre attività economiche – (35) – (36 – 37 – 38 – 39) – (49 – 50 67%
– 51 – 52 – 53) – (58 – 59 – 60 – 61 –
62 – 63) – (77 – 78 – 79 – 80 – 81 –
82) – (84) – (90 – 91 – 92 – 93) – (94
– 95 – 96) – (97 – 98) – (99)

Un primo elemento per valutare la convenienza del regime forfetario rispetto a quello ordinario riguarda la percen-
tuale individuata dal Legislatore che in relazione alla struttura dei costi effettivi dell’impresa/professionista potreb-
be rendere conveniente/non conveniente la scelta del regime.
Tuttavia, la valutazione di convenienza coinvolge anche altre variabili.

8 AT T E N Z I O N E : Come precisato dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 9/2019, “le spese sostenute nello
svolgimento dell’attività di impresa, arte o professione rilevano in base alla percentuale di redditività attribuita, in via
presuntiva, all’attività effettivamente esercitata.

CONTRIBUTI PREVIDENZIALI
Come evidenziato in precedenza, i contributi previdenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge costi-
tuiscono un componente negativo del reddito d’impresa o di lavoro autonomo, deducibile secondo il principio di
cassa.

8 AT T E N Z I O N E : Con riferimento al caso dell’impresa familiare è previsto che tra i contributi deducibili si-
ano compresi anche quelli versati per conto dei collaboratori familiari.

68 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

Sul punto, il comma 64, art. 1, Legge n. 190/2014 effettua la distinzione tra i contributi versati per i collaboratori
d’impresa familiare:

REGIME FORFETARIO
O fiscalmente a carico, ai sensi dell’art. 12, TUIR, che risultano comunque deducibili;
O non fiscalmente a carico che sono deducibili solo se il titolare non abbia esercitato la rivalsa.

Collaboratore fiscalmente a carico

Titolare in regime Deduce contributi


forfetario
Collaboratore non fiscalmente a carico se
il titolare non ha esercitato la rivalsa

Si rammenta che al collaboratore dell’impresa familiare forfetaria non è attribuito alcun reddito da parte del titola-
re, in quanto l’imposta sostitutiva è dovuta dal titolare sulla base del reddito calcolato al lordo delle quote di utile
“civilistico” spettante ai collaboratori.

8 AT T E N Z I O N E : Qualora il contribuente forfetario sia titolare anche di redditi di altra natura, è tenuto a
dedurre i contributi prioritariamente dal reddito d’impresa/lavoro autonomo.

Come già previsto per i contribuenti minimi, il citato comma 64 precisa che nel caso in cui i contributi non trovino
capienza nel citato reddito, è comunque possibile dedurli dal reddito complessivo ai sensi dell’articolo 10, TUIR, nel
quadro RP del Mod. REDDITI PF.

Contributi previdenziali e assistenziali Compresi quelli versati per conto del collaboratore

Deducibili prioritariamente dal reddito d’impresa/lavoro


autonomo

L’eccedenza è deducibile dal reddito nel quadro RP

8 AT T E N Z I O N E : La Circolare 4 aprile 2016, n. 10 precisa inoltre che l’eventuale eccedenza dei contributi
previdenziali ed assistenziali versati da un contribuente che applica il regime forfetario e che sia fiscal-
mente a carico, può essere dedotta, ai sensi del citato articolo 10, comma 2, TUIR, dai familiari indicati
nell’articolo 433 del Codice civile.

R DEDUCIBILITÀ DEI CONTRIBUTI DEI COLLABORATORI FAMILIARI E DEI COADIUTORI

L’impresa familiare si compone, oltre al titolare della stessa, anche di altri soggetti denominati collaboratori.
Secondo quanto disposto dall’art. 230-bis, comma 3, Codice civile, e dall’art. 5, commi 4 e 5, TUIR, che disciplina
l’impresa familiare dal punto di vista fiscale, la qualifica di collaboratore dell’impresa familiare spetta ai seguen-
ti soggetti:

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 69


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

O coniuge/unito civilmente/convivente;
O figli legittimi, legittimati, adottivi ed affiliati;
REGIME FORFETARIO

O figli nati fuori dal matrimonio legalmente e giudizialmente riconosciuti;


O figli nati da precedente matrimonio del coniuge;
O minori regolarmente affidati;
O nipoti in linea diretta e in linea collaterale (figli di fratelli e sorelle);
O fratelli e le sorelle;
O ascendenti (genitori, nonni, bisnonni) e gli equiparati ai genitori (adottanti, affilianti, genitori naturali di figli le-
galmente riconosciuti ecc.);
O parenti entro il terzo grado;
O affini entro il secondo grado.

8 AT T E N Z I O N E : L’impresa familiare conserva, tuttavia, la natura di ditta individuale in capo ad un uni-


co titolare.

Il titolare dell’impresa indica nel quadro RS della propria dichiarazione dei redditi, le quote di partecipazione dei
collaboratori familiari, attestando che esse sono proporzionate alla qualità e quantità del lavoro prestato.
È esclusa l’imputazione del reddito al collaboratore che presta la propria opera solo nella famiglia e non nell’impre-
sa. La collaborazione familiare, quindi, non può essere né saltuaria, né occasionale.

Impresa familiare

in regime ordinario in regime forfetario

X le imposte sul reddito sono dovute dal titolare e dai suoi X l’imposta sostitutiva sul reddito è dovuta dal solo titolare
collaboratori, ciascuno sul proprio reddito; e su tutto il reddito;

X i contributi previdenziali sono versati dal titolare e sono X i contributi previdenziali sono versati dal titolare e sono
determinati per il titolare e per il collaboratore, ciascuno determinati per il titolare e per il collaboratore, ciascuno
sulla quota di reddito. Il titolare espone nel quadro RS il sulla quota di reddito. Per la determinazione dell’impor-
reddito spettante al collaboratore che ha rilevanza sia ai to dovuto ai fini previdenziali, il titolare indica la quota di
fini fiscali che previdenziali; reddito di competenza del collaboratore a rigo RS6;

X per la deducibilità dei contributi, il titolare può portare in X per la deducibilità dei contributi è necessario che il tito-
deduzione la propria quota. Per la quota del collaboratore: lare non eserciti la rivalsa, e qualora il collaboratore sia:
 qualora il titolare eserciti la rivalsa, i contributi del  fiscalmente a carico, l’importo può essere portato in
collaboratore possono essere portati in deduzione dal deduzione dal titolare;
solo collaboratore (ovviamente, solo qualora il sogget-  non fiscalmente a carico, l’importo può essere portato
to sia in possesso di altri redditi); in deduzione dal titolare.
 qualora il titolare non eserciti la rivalsa, se il collabora-
tore, a sua volta, è:
– fiscalmente a carico, l’importo può essere portato in
deduzione dal titolare;
– non fiscalmente a carico, l’importo non può essere
portato in deduzione da alcuno dei soggetti.

Il coadiutore può essere uno dei soggetti già elencati nell’ambito dell’impresa familiare di cui all’art. 230-bis, C.c.
(coniuge/unito civilmente, figli, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado) ed anche un affine oltre
il secondo grado (ma entro il terzo).

70 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

Il coadiutore familiare per essere classificato tale, quindi, deve collaborare in modo non occasionale all’attività dell’im-
presa in mancanza di una qualsiasi formale preposizione e senza conseguire alcun reddito dal titolare, né sotto forma

REGIME FORFETARIO
di reddito da lavoro dipendente né di partecipazione al reddito d’impresa.
Infatti, il lavoro prestato dal coadiutore non si inserisce a pieno titolo nell’attività dell’impresa in senso stretto,
ma piuttosto va considerato come una mera attività di supporto/aiuto (anche se concorre alla produzione degli uti-
li dell’impresa).

8 AT T E N Z I O N E : Il coadiutore familiare, quindi, non consegue reddito ai fini fiscali e ciò si ripercuote an-
che sul piano previdenziale, non essendo possibile calcolare i contributi da versare in assenza di reddito
prodotto.
Il titolare dell’impresa deve pertanto corrispondere i contributi calcolati sul minimale di reddito an-
che per i coadiutori.

Impresa individuale con coadiutore

in regime ordinario in regime forfetario

X le imposte sul reddito sono dovute dal titolare sul pro- X l’imposta sostitutiva sul reddito è dovuta dal solo titolare
prio reddito; e su tutto il reddito;

X i contributi previdenziali sono versati dal titolare, il qua- X i contributi previdenziali sono versati dal titolare, il qua-
le deve comprendere anche quelli relativi al coadiutore le deve comprendere anche quelli relativi al coadiutore
calcolati sul minimale di reddito; calcolati sul minimale di reddito;

X per la deducibilità dei contributi, il titolare può portare in X per la deducibilità dei contributi è necessario che il tito-
deduzione la propria quota. Per la quota del coadiutore: lare non eserciti la rivalsa, e qualora il collaboratore sia:
 qualora il titolare eserciti la rivalsa, anche il coadiu-  fiscalmente a carico, l’importo può essere portato in
tore può portare in deduzione la propria quota (ovvia- deduzione dal titolare;
mente, solo qualora il soggetto sia in possesso di altri  non fiscalmente a carico, l’importo può essere portato
redditi); in deduzione dal titolare.
 qualora il titolare non eserciti la rivalsa, se il collabora-
tore, a sua volta, è:
– fiscalmente a carico, l’importo può essere portato in
deduzione dal titolare;
– non fiscalmente a carico, l’importo non può essere
portato in deduzione da alcuno dei soggetti.

Si ritiene che nell’ipotesi di esercizio del diritto di rivalsa da parte del titolare in regime forfetario in presenza di col-
laboratore non fiscalmente a carico, i contributi non possono essere dedotti né dal titolare (in riduzione del reddito
forfetario) né dal collaboratore (in riduzione di eventuali altri redditi).

ALTRI COMPONENTI NEGATIVI


Al di fuori dei contributi previdenziali obbligatori non è deducibile dal reddito alcun tipo di costo o spesa, in-
cluse quelle per l’acquisto di beni strumentali.

DETERMINAZIONE DEL REDDITO IN PRESENZA DI PIÙ ATTIVITÀ


La Circolare 10 aprile 2019, n. 9, evidenzia che in caso di esercizio di più attività contraddistinte da diversi codici
Ateco, il reddito va determinato applicando ai ricavi/compensi, imputabili a ciascuna attività, il relativo coeffi-
ciente di redditività.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 71


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

Le istruzioni alla compilazione del quadro LM, Mod. REDDITI PF 2020 precisano che:

“Nel caso di svolgimento di più attività contraddistinte da diversi codici ATECO:


REGIME FORFETARIO

- se le attività rientrano nel medesimo gruppo, tra quelli individuati, in base ai settori merceologici nella tabella so-
pra riportata, il contribuente compila il rigo LM22, indicando, in colonna 1 il codice ATECO relativo all’attività pre-
valente, in colonna 2 il relativo coefficiente di redditività, in colonna 5 il volume totale dei compensi e corri-
spettivi, e in colonna 4 il relativo reddito determinato forfetariamente;
- se invece le attività rientrano in differenti gruppi, come individuati in base alla predetta tabella, il contribuente
deve compilare un distinto rigo, da LM22 ad LM27 per le attività le attività rientranti in uno stesso gruppo, indican-
do, in colonna 1 il codice ATECO dell’attività prevalente nell’ambito dello stesso, in colonna 3 l’ ammonta-
re dei compensi e corrispettivi riguardanti tutte le attività ricomprese nello stesso gruppo, e in colonna 5 il prodotto
di quest’ultimo importo per il corrispondente coefficiente di redditività, indicato in colonna 2”.

8 AT T E N Z I O N E : La Circolare n. 9/2019 precisa che in presenza di proventi a titolo di diritti d’autore ex art.
53, comma 2, lett. b, TUIR, anche se correlati all’attività di lavoro autonomo svolta, la modalità di tassazio-
ne degli stessi risulta quella ai sensi dell’art. 54, comma 8);

A tal proposito le istruzioni relative alla compilazione del modello REDDITI PF 2020, rigo LM22, colonna 4, preci-
sano che:
“I compensi percepiti dagli esercenti arti e professioni a seguito di cessione dei diritti d’autore o utilizzo opere d’inge-
gno correlate allo svolgimento dell’attività sono assoggettati ad imposizione in base ai criteri previsti dall’art. 54, com-
ma 8 del TUIR (Circolare 10 aprile 2019, n. 9/E, risposta ad interpello n. 517 del 12 dicembre 2019). Detti compensi,
da indicare in colonna 4, concorreranno al reddito da assoggettare ad imposta sostitutiva previamente abbattuti in mi-
sura del 25%, ovvero abbattuti in misura del 40%, nel caso in cui il dichiarante abbia età inferiore ai 35 anni”.

PERDITE FISCALI
L’art. 1, comma 68, Legge n. 190/2014 illustra le modalità di compensazione delle perdite.
I contribuenti forfetari non possono conseguire perdite in quanto il reddito risulta dalla percentuale dei ricavi/
compensi, eventualmente ridotto dei contributi previdenziali versati, fino al massimo ad azzerarlo.
È tuttavia possibile che il contribuente disponga di perdite dei periodi precedenti, che potranno essere utilizzate
secondo le disposizioni del TUIR.
Pertanto sarà possibile scomputare dal reddito forfetario le perdite prodotte, sia che il contribuente sia stato in re-
gime dei minimi, sia quelle derivanti da imprese o da partecipazioni in società in contabilità ordinaria.

PERDITE PRODOTTE IN REGIME ORDINARIO


Qualora tali perdite si siano generate in un regime di contabilità ordinaria, possono essere compensate con il reddito
determinato dall’applicazione del regime fiscale agevolato secondo le regole previste per tali soggetti.
La Legge di Bilancio 2019 ha apportato una sostanziale modifica all’art. 8, TUIR, con riferimento al riporto del-
le perdite.
In particolare, come anche precisato nelle Circolare n. 9/2019, è stato equiparato il trattamento fiscale delle perdite
d’impresa in contabilità semplificata a quelle in contabilità ordinaria, pertanto tali perdite possono essere:
O compensabili solamente con altri redditi d’impresa;
O riportate in avanti a tempo illimitato, ma nel limite dell’80% del reddito per ogni periodo di imposta.
Tali disposizioni, in linea generale, sono applicate già dal periodo di imposta 2018.

8 AT T E N Z I O N E : Per i soggetti in contabilità semplificata è stata applicata una disciplina transitoria per
le perdite maturate nel biennio 2018-2019, nonché per le perdite maturate nel periodo di imposta 2017.

72 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

In particolare:
O perdite maturate nel 2018: sono risultate compensabili nel 2019, in misura non superiore al 40% del reddito di

REGIME FORFETARIO
impresa, e potranno essere compensate nel 2020, in misura non superiore al 60% del reddito di impresa;
O perdite maturate nel 2019: sono compensabili con redditi d’impresa nel 2020 nel limite del 60% del reddito.

Il riporto di eventuali eccedenze (relativamente alle perdite sia del 2018 che del 2019) potrà essere compensato, nel
limite dell’80% del reddito, a partire dall’anno di imposta 2021.
Stesso principio si applica ad eventuali perdite maturate dal 2020.
Per le perdite 2017 (qualora i soggetti siano entrati in tale anno in regime di cassa), la parte che non ha trovato
capienza:
O è stata compensata nel 2018 e nel 2019, in misura non superiore al 40% del reddito di impresa;
O è compensabile nel 2020, in misura non superiore al 60% del reddito di impresa.

¯ Per approfondimenti si rimanda al capitolo “Determinazione del reddito d’impresa e riporto delle perdite” nella sezione
su “Il regime di contabilità semplificata per cassa”.

8 AT T E N Z I O N E : Come precisato nella Circolare n. 9/2019, le perdite realizzate da lavoratori autonomi, non
potendo essere portate a nuovo negli esercizi successivi, non influenzano il reddito d’impresa realizzato
nel periodo di applicazione del regime forfetario.

PERDITE DURANTE L’APPLICAZIONE DEL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI


La disciplina del riporto delle perdite prodotte in regime dei minimi trova il riferimento normativo nel comma 108,
art. 1, Legge n. 244/2007 e non è stato interessato dalle modifiche approvate per i soggetti IRPEF dalla Legge di Bi-
lancio 2019.
Pertanto, qualora le perdite precedenti siano state generate durante l’applicazione del regime dei contribuenti
minimi, sono computate in diminuzione del reddito dei periodi d’imposta successivi, ma non oltre il quinto, per
l’intero importo che trova capienza in essi.
Se le perdite sono state realizzate nei primi tre periodi d’imposta dalla data di costituzione possono essere compu-
tate in diminuzione del reddito dei periodi d’imposta successivi senza alcun limite di tempo.

ΠESEMPIO

Un lavoratore autonomo in regime dei minimi nell’anno 2019 ha conseguito una perdita di € 10.000.
Nel 2020, transitato nei forfetari presenta la seguente situazione:
Reddito imponibile forfettizzato conseguito nel 2020 € 8.000
Perdita 2019 utilizzata € 8.000
Perdita 2019 residua da riportare € 2.000
Reddito imponibile 2020 € 0

Si ipotizzi che nel 2021 conseguirà un reddito di € 13.000. La perdita del 2019 utilizzabile sarà pari a € 2.000, deter-
minando un reddito imponibile di € 11.000.

RIFLESSI AI FINI IRPEF


Il reddito assoggettato ad imposta sostitutiva non concorre alla formazione del reddito complessivo del contribuente.
Ciò può comportare:
£ l’impossibilità di fruire degli oneri deducibili (diversi dai contributi previdenziali dovuti sul reddito d’impre-
sa o di lavoro autonomo da minimo);

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 73


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

£ un’incapienza per gli oneri che fruiscono della detrazione.


La disciplina corretta al fine di regolare il riconoscimento di detrazioni, deduzioni o benefici fiscali è contenuta
REGIME FORFETARIO

nell’art. 1, comma 75, Legge n. 190/2014.

 190/2014, stabilendo
L’art. 1, lettera g), comma 692, Legge di Bilancio 2020, ha modificato il comma 75, art. 1, Legge n.
N O V I TÀ :
che ai fini del riconoscimento della spettanza o per la determinazione di deduzioni,
detrazioni o benefici di qualsiasi titolo, anche di natura non tributaria, al possesso di requisiti reddi-
tuali, si tiene comunque conto anche del reddito assoggettato al regime forfetario.

Sono previste, pertanto, due discipline distinte, una valevole fino al 2019, ed una nuova disciplina entrata in vigore
dal 1° gennaio 2020.

DEDUZIONI, DETRAZIONI E BENEFICI FISCALI FINO AL 2019


L’articolo 1, comma 75, prima delle modifiche apportate dalla Legge di Bilancio 2020, disponeva quanto segue:

“75. Ai fini del riconoscimento delle detrazioni per carichi di famiglia ai sensi dell’articolo 12, comma 2, del TUIR ri-
leva altresì il reddito determinato ai sensi del comma 64 del presente articolo. Tale reddito non rileva ai fini dell’appli-
cazione dell’articolo 13 del citato testo unico.”.

In pratica, con l’articolo 1, comma 75, Legge n. 190/2014, il Legislatore era intervenuto espressamente al fine di rego-
lare il riconoscimento delle detrazioni previste per carichi di famiglia (articolo 12, TUIR) e per spese di produzio-
ne del reddito (articolo 13, TUIR).

8 AT T E N Z I O N E : Secondo la versione precedente alle modifiche dell’art. 1, comma 75, Legge n. 190/2014:
„ il reddito dell’attività soggetta al regime forfetario rileva, in aggiunta al reddito complessivo, ai fini
del riconoscimento delle detrazioni per carichi di famiglia ai sensi dell’art. 12, comma 2, TUIR.
Pertanto, a titolo esemplificativo, il soggetto che opta per il regime forfetario, con reddito netto di € 8.000,00
derivanti da tale attività, non potrà essere considerato fiscalmente a carico di altri soggetti (limite € 2.840,51)
anche se formalmente il suo reddito complessivo ai fini IRPEF è pari a zero;
„ diversamente, tale reddito non deve essere considerato nel determinare il reddito utile per il riconosci-
mento delle detrazioni per spese di produzione di cui all’art. 13, TUIR.
Di conseguenza, il lavoratore dipendente, anche contribuente forfetario, poteva godere di detrazioni per la-
voro dipendente più favorevoli in quanto, dato che il reddito d’impresa forfetario non concorre alla forma-
zione del reddito complessivo, le stesse risulteranno più elevate.

Come precisato con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, per effetto di tale irrilevanza, il contribuente che ha percepito red-
diti di lavoro dipendente o assimilati ha diritto a determinare la detrazione fino al 31 dicembre 2019 prevista senza
tener conto del reddito soggetto al regime forfetario.

Rileva ai fini dei carichi di famiglia


Reddito regime
Versione previgente 2019
forfetario
Non rileva ai fini delle detrazioni
per spese di produzione

74 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

DEDUZIONI, DETRAZIONI E BENEFICI FISCALI DAL 2020

REGIME FORFETARIO
La nuova versione dell’art. 1, comma 75, Legge n. 190/2014, prevede che ai fini del riconoscimento della spettanza o
per la determinazione di deduzioni, detrazioni o benefici di qualsiasi titolo, anche di natura non tributaria, al pos-
sesso di requisiti reddituali, si tiene conto anche del reddito assoggettato al regime forfetario.

 fetario rileviNella
N O V I TÀ : versione modificata del citato comma 75, è previsto che il reddito prodotto in regime for-
in qualunque caso:
“Quando le vigenti disposizioni fanno riferimento, per il riconoscimento della spettanza o per la determinazione
di deduzioni, detrazioni o benefici di qualsiasi titolo, anche di natura non tributaria, al possesso di requisiti red-
dituali, si tiene comunque conto anche del reddito assoggettato al regime forfetario.”

Post modifiche Reddito regime Rileva per la spettanza o la determinazione di


Legge di Bilancio 2020 forfetario detrazioni, deduzioni o benefici di qualsiasi titolo

Si tratta, pertanto, di un’ulteriore restrizione prevista a partire dal 2020, e la dicitura normativa ricalca quanto di-
sposto con riferimento al regime di imposta sostitutiva previsto per la cedolare secca.
Pertanto, a partire dal periodo d’imposta 2020 (REDDITI 2021), anche se non concorre alla formazione del reddito
complessivo, il reddito assoggettato ad imposta sostitutiva del regime forfetario deve essere computato nel red-
dito complessivo per:
£ calcolare le detrazioni per carichi di famiglia;
£ determinare la condizione di familiare fiscalmente a carico;
£ calcolare le altre detrazioni d’imposta previste dall’articolo 13, TUIR, nonché le detrazioni per canoni di loca-
zioni di cui all’articolo 16, TUIR;
£ stabilire la spettanza o la misura di benefici (fiscali e non) collegati al possesso di requisiti reddituali quali, in
particolare, l’I.S.E.E;
£ calcolare il reddito di riferimento ai fini della spettanza del c.d. “Bonus IRPEF”.

8 AT T E N Z I O N E : Come evidenziato dall’Agenzia delle Entrate con Circolare 1 giugno 2011, n. 26, con rife-
rimento alla cedolare secca, si tiene conto del reddito assoggettato a cedolare secca anche al fine di stabi-
lire la spettanza di altre detrazioni, quale, ad esempio, quella ex art. 15, comma 1, lett. i), TUIR, per ero-
gazioni liberali in favore di associazioni senza scopo di lucro, riconosciute nel limite del 2% del reddi-
to complessivo.

A titolo esemplificativo, la suddetta previsione normativa si riflette in modo particolare sulle seguenti tipologie di
detrazione, commisurate al reddito complessivo dei contribuenti:
O detrazioni per carichi di famiglia ex art. 12, TUIR;
O detrazioni per:
¾ lavoro dipendente/pensione ex art. 13, TUIR;
¾ alcuni redditi diversi ex art. 67, TUIR;
¾ eventuali detrazioni per canoni di locazione ex art. 16, TUIR.

8 AT T E N Z I O N E : Infatti, i redditi prodotti in regime forfetario, dal 2020 rilevano ai fini delle suddette de-
trazioni.
Di conseguenza, i contribuenti vedranno ridursi l’ammontare delle detrazioni stesse.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 75


Sezione prima - Il regime forfetario
Determinazione del reddito

ΠESEMPIO
REGIME FORFETARIO

Redditi 2019 Redditi 2020


X € 20.000 lavoro dipendente X € 20.000 lavoro dipendente
X € 10.000 reddito da lavoro autonomo (in regime forfeta- X € 10.000 reddito da lavoro autonomo (in regime forfeta-
rio) rio)
La detrazione ex art. 13, TUIR è calcolata su € 20.000: La detrazione ex art. 13, TUIR è calcolata su € 30.000:
€ 978 + [902 x (28.000 - 20.000): 20.000] = € 1.339 € 978 x [55.000 - 30.000) : 27.000] = € 906

REDDITI DERIVANTI DAL POSSESSO DI IMMOBILI


Con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che, poiché la ratio della norma prevede la non
rilevanza degli immobili, a qualsiasi titolo posseduti, ai fini del regime forfetario:

“il reddito prodotto dagli immobili strumentali o patrimoniali eventualmente posseduti va imputato, quale reddito di
fabbricati, alla persona fisica titolare dell’impresa o dell’attività di lavoro autonomo.”

76 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Imposta sostitutiva

IMPOSTA SOSTITUTIVA

REGIME FORFETARIO
L’articolo 1, comma 64, Legge n. 190/2014 prevede che il reddito di lavoro autonomo/impresa dei contribuenti in re-
gime forfetario sia assoggettato ad un’imposta sostitutiva di:
O IRPEF;
O addizionali regionali e comunali;
O IRAP
in misura pari al 15%.

I contribuenti forfetari determinano pertanto il carico fiscale applicando un’aliquota proporzionale del 15% in luo-
go dell’IRPEF e delle relative addizionali.

Tali soggetti sono inoltre esenti dall’applicazione dell’IRAP.

8 AT T E N Z I O N E : Si ricorda tuttavia che al fine di favorire l’avvio di nuove attività, per il periodo d’imposta
in cui l’attività è iniziata e per i quattro successivi, l’aliquota di cui al comma 64 è stabilita nella misura
del 5%, se sono rispettati i c.d. “requisiti di novità”.

¯ Si rinvia per la specifica trattazione al capitolo “Contribuenti forfetari start-up”.

Tassazione
No IRAP
contribuenti forfetari

Imposta del 15%

sostitutiva di

§ IRPEF
§ Addizionale Regionale IRPEF
§ Addizionale Comunale IRPEF

8 AT T E N Z I O N E : In presenza di impresa familiare di cui all’art. 5, TUIR, l’imposta sostitutiva è dovuta


dal titolare dell’impresa stessa, calcolata sempre sul reddito conseguito, assunto al lordo delle quote asse-
gnate (dal punto di vista civilistico) ai collaboratori dell’impresa familiare.
Di conseguenza quest’ultimi, non sono tenuti a dichiarare il reddito attribuito dal titolare.

EFFETTI SULLA TASSAZIONE DEL REDDITO


La tassazione sulla base di un’imposta sostitutiva comporta le seguenti conseguenze:
£ il reddito d’impresa/lavoro autonomo è tassato proporzionalmente e non sulla base degli scaglioni IRPEF;
tuttavia, va evidenziato che il reddito per il contribuente nel regime agevolato non può comunque superare il li-
mite di ricavi pari ad € 65.000, moltiplicato per la percentuale di forfetizzazione stabilita per quell’attività;
£ il reddito d’impresa/lavoro autonomo non concorre alla formazione del reddito complessivo dei contribuen-
ti in regime forfetario.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 77


Sezione prima - Il regime forfetario
Imposta sostitutiva

Reddito tassato prorporzionalmente


(no scaglioni)
REGIME FORFETARIO

Imposta
sostitutiva
Reddito non concorre alla formazione
del reddito complessivo

La mancata concorrenza alla formazione del reddito complessivo comporta la conseguenza negativa che il contri-
buente forfetario che non possiede altri redditi non liquida l’IRPEF e quindi “perde” gli eventuali oneri deducibili
o le detrazioni d’imposta fruibili dalla generalità dei contribuenti.
Il contribuente può infatti scomputare le detrazioni d’imposta complessivamente spettanti dall’imposta lorda emer-
gente dal quadro RN, solo nel caso in cui percepisca altre categorie di reddito.

8 AT T E N Z I O N E : Peraltro, i contribuenti in regime forfetario hanno un ulteriore svantaggio rispetto al re-


gime dei minimi, ossia oltre all’impossibilità di usufruire delle citate deduzioni/detrazioni si aggiunge
all’impossibilità di dedurre “analiticamente” i costi sostenuti nel periodo d’imposta (dato che la base
imponibile viene determinata in via forfetaria), penalizzando così soggetti che abbiano sostenuto ingen-
ti spese.

L’effetto negativo della perdita di oneri e detrazioni è parzialmente temperato dalla previsione di deducibilità dei
contributi previdenziali dal reddito d’impresa/lavoro autonomo.

L’effetto negativo non si verifica invece con riferimento ai contribuenti titolari di altri redditi i quali, essendo assog-
gettati anche a tassazione ordinaria, consentiranno al contribuente di conservare vantaggi in termini di oneri de-
ducibili e detraibili (es. detrazione recupero edilizio, detrazione interessi su mutuo, ecc.).

8 AT T E N Z I O N E : Eventuali altri redditi posseduti dal contribuente concorrono alla formazione del red-
dito complessivo con applicazione dell’IRPEF a scaglioni e relative addizionali secondo le aliquote de-
liberate dalla Regione o dal Comune di residenza.

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA E SPESE DI PRODUZIONE


Fino al 31 dicembre 2019 l’art. 1, comma 75, Legge n. 190/2014, stabiliva che il reddito dell’attività soggetta al regi-
me forfetario rileva, in aggiunta al reddito complessivo, ai fini del riconoscimento delle detrazioni per carichi di
famiglia ai sensi dell’art. 12, comma 2, TUIR.
Pertanto, a titolo esemplificativo, il soggetto che opta per il regime forfetario, con reddito netto di € 8.000,00 derivanti
da tale attività, non potrà essere considerato fiscalmente a carico di altri soggetti (limite € 2.840,51) anche se formal-
mente il suo reddito complessivo ai fini IRPEF è pari a zero.
Diversamente, tale reddito non deve essere considerato nel determinare il reddito utile per il riconoscimento delle
detrazioni per spese di produzione di cui all’art. 13, TUIR.
Di conseguenza, il lavoratore dipendente, anche contribuente forfetario, potrà godere di detrazioni per lavoro di-
pendente più favorevoli in quanto, dato che il reddito d’impresa forfetario non concorre alla formazione del reddito
complessivo, le stesse risulteranno più elevate.

 no riferimento,Dalper1 gennaio
N O V I TÀ : 2020, l’art. 1, comma 75, Legge n. 190/2014 recita: “Quando le vigenti disposizioni fan-
il riconoscimento della spettanza o per la determinazione di deduzioni, detrazioni o benefìci di qual-
siasi titolo, anche di natura non tributaria, al possesso di requisiti reddituali, si tiene comunque conto anche del reddi-
to assoggettato al regime forfetario”.
¯ Al riguardo si veda quanto riportato nel capitolo “Determinazione del reddito” al paragrafo “Deduzioni, detra-
zioni e benefici fiscali dal 2020”.

78 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Imposta sostitutiva

CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI NEL MEZZOGIORNO

REGIME FORFETARIO
Con Circolare 4 aprile 2016, n. 10 ha precisato che i contribuenti in regime forfetario possono maturare il credito
d’imposta di cui ai commi 98 e 99 dell’articolo 1, Legge n. 208/2015 (come modificato dal D.L. n. 243/2016), previsto
nelle misure pari a:
O 20% per le piccole imprese;
O 15% per le medie imprese;
O 10% per le grandi imprese
a favore di chi acquista beni strumentali nuovi per le strutture produttive impiantate o già esistenti nel Mezzo-
giorno, anche per mezzo di contratti di locazione finanziaria.

L’articolo 1, comma 100, Legge di Stabilità 2016 stabilisce che l’agevolazione non si applica ai soggetti che operano
nei settori dell’industria:
O siderurgica;
O carbonifera;
O della costruzione navale;
O delle fibre sintetiche;
O dei trasporti e delle relative infrastrutture;
O della produzione e della distribuzione di energia;
O delle infrastrutture energetiche.

8 AT T E N Z I O N E : L’agevolazione, inoltre, non si applica alle imprese in difficoltà come definite dalla co-
municazione della Commissione europea 2014/C249/01, del 31 luglio 2014, nonché ai settori creditizio, fi-
nanziario e assicurativo.

Per le imprese agricole attive nella produzione primaria, della pesca e dell’acquacoltura, della trasformazione e
commercializzazione di prodotti agricoli e della pesca e dell’acquacoltura, le agevolazioni in oggetto sono concesse
nei limiti e alle condizioni previste dalla normativa europea in tema di aiuti di stato del relativo settore.

8 AT T E N Z I O N E : Pertanto, come precisato con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, al di fuori dei casi sopra indica-
ti, nel rispetto delle condizioni prescritte è possibile alle imprese minori di fruire del credito d’imposta in
argomento, che potrà poi essere utilizzato esclusivamente in compensazione orizzontale.

Si ricorda infine che il D.L. n. 243/2016 ha modificato la disciplina del credito d’imposta, prevedendo tra l’altro:
£ l’estensione dell’agevolazione all’intero territorio della regione Sardegna;
£ l’innalzamento delle aliquote del credito d’imposta che sono stabilite nella misura massima consentita dalla Car-
ta degli aiuti a finalità regionale 2014-2020;
£ l’aumento dell’ammontare massimo agevolabile per ciascun progetto di investimento;
£ la cumulabilità del credito d’imposta con altri aiuti di Stato e con gli aiuti de minimis, nei limiti dell’intensità o
dell’importo di aiuti più elevati consentiti dalla normativa europea.

MODALITÀ DI VERSAMENTO
Per i soggetti in regime forfetario l’imposta sostitutiva viene liquidata (anche in acconto) con le stesse modalità e
termini previsti per i soggetti IRPEF.
Di conseguenza, si deve anche in tal caso far riferimento al comma 3, art. 17, D.P.R. n. 435/2001.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 79


Sezione prima - Il regime forfetario
Imposta sostitutiva

L’eventuale acconto si determina nel seguente modo:


O acconto non dovuto: qualora l’imposta dovuta (rigo Differenza) sia pari o inferiore ad € 51,65;
REGIME FORFETARIO

O acconto in unica soluzione (100% entro il 30 novembre), qualora l’imposta dovuta (rigo Differenza) sia superio-
re ad € 51,65 ma non a € 257,52;
O acconto in due rate, qualora l’imposta dovuta (rigo Differenza) sia superiore a € 257,52:
¾ 50% entro il 30/6 (nei 30 giorni successivi con maggiorazione dello 0,40%);
¾ 50% entro il 30 novembre.

 di IRPEF/IRES
L’art. 58, comma 1, D.L. n. 124/2019 ha rideterminato le modalità di versamento degli acconti
N O V I TÀ :
e IRAP a favore dei soggetti di cui all’art. 12-quinquies, commi 3 e 4, D.L. n. 34/2019, pre-
vedendo 2 rate di pari importo, ossia del 50% ciascuna, in luogo del 40% e 60%.

In considerazione del fatto che il citato art. 58 richiama i soggetti di cui all’art. 12-quinquies, commi 3 e 4, D.L. n.
34/2019, l’Agenzia delle Entrate con Risoluzione 12 novembre 2019, n. 93 ha specificato che:

“la modifica normativa si applica a coloro per i quali era stata disposta la proroga dei versamenti al 30 set-
tembre 2019 sui quali sono stati forniti chiarimenti con le risoluzioni n. 64/E del 28 giugno 2019 e n. 71/E del 1°
agosto 2019”.

Pertanto, la nuova modalità di determinazione dell’acconto interessa sia i contribuenti che esercitano un’attivi-
tà per la quale è stato approvato il relativo ISA, con ricavi/compensi non superiori ad € 5.164.569, nonché i con-
tribuenti che applicano il regime dei minimi/forfetari.
Come anticipato, inoltre, qualora sia un’impresa familiare ad aderire al nuovo regime, l’acconto deve essere ver-
sato per intero dal titolare, anche per la quota d’imposta dei collaboratori riferibile al reddito d’impresa imputato
agli stessi.

R VERSAMENTO DELL’ACCONTO 2020

I soggetti che nel 2020 adottano il regime forfetario e provengono da altri regimi devono verificare l’obbligo di ver-
samento acconto dell’imposta relativa al regime previgente e a quello di destinazione.

In particolare, i forfetari che nel 2019 hanno applicato il regime:


O ordinario, in ossequio alla disciplina generale in materia di versamento degli acconti, si ritiene che non siano
tenuti al versamento dell’acconto dell’imposta sostitutiva 2020 in mancanza della base di riferimento. Per l’ac-
conto IRPEF è possibile adottare il metodo previsionale in considerazione del fatto che nel 2020 il reddito deri-
vante dall’attività del “nuovo” regime non sarà assoggettato ad IRPEF, ma ad imposta sostitutiva;
O dei minimi, si ritiene che, analogamente al caso precedente, non siano tenuti al versamento dell’acconto dell’im-
posta sostitutiva dei forfetari in mancanza della base di riferimento, né a quello IRPEF con riferimento al red-
dito in regime forfetario utilizzando quindi il metodo di determinazione previsionale per altri redditi posseduti.

IMPOSTA SOSTITUTIVA E RITENUTE D’ACCONTO


Secondo l’articolo 1, comma 67, Legge n. 190/2014, i ricavi e i compensi relativi al reddito oggetto del regime forfe-
tario, non sono assoggettati a ritenuta d’acconto da parte del sostituto di imposta.
Infatti, vista l’aliquota relativa all’imposta sostitutiva (15%), con tutta probabilità il soggetto forfetario si sarebbe tro-
vato in una posizione creditoria “strutturale” verso l’Erario per effetto delle ritenute d’acconto.
Diversamente, infatti, il contribuente dovrebbe subire ritenute sui ricavi/compensi percepiti in misura pari al 20%
a fronte di un’imposta sostitutiva del 15% calcolata sul reddito: l’imposta sostitutiva sarebbe quindi costantemente
inferiore rispetto alle ritenute subite.

80 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Imposta sostitutiva

8 AT T E N Z I O N E : Si noti che, in base al citato comma 67, per non subire ritenute d’acconto da parte dei so-
stituti d’imposta, i contribuenti sono tenuti a rilasciare un’apposita dichiarazione, dalla quale risulti che

REGIME FORFETARIO
il reddito cui le somme afferiscono è soggetto ad imposta sostitutiva.

¯ Per un maggiore approfondimento, si rinvia al capitolo “Semplificazioni e adempimenti ai fini delle imposte dirette”.

VERSAMENTO DELL’IMPOSTA SOSTITUTIVA


L’imposta sostitutiva del 15% deve essere versata tramite Mod. F24 (anche mediante compensazione) nei termini
previsti per il saldo IRPEF e con le medesime modalità.

Pertanto il termine di versamento dell’imposta sostitutiva è stabilito:


O al 30 giugno;
O il differimento di 30 giorni previo versamento della maggiorazione dello 0,40% cade il 30 luglio 2020.
È pertanto obbligatorio, in relazione all’importo dovuto, il versamento dell’acconto dell’imposta sostitutiva.
Sia il versamento delle imposte sia quello dei contributi vanno effettuati con modalità telematiche.
Con Risoluzione 11 giugno 2015, n. 59, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il versamento, trami-
te il Mod. F24, dell’imposta sostitutiva del regime forfetario di cui all’art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014.

In particolare, il codici tributo in oggetto sono i seguenti:

X 1790 Acconto prima rata


X 1791 Acconto seconda rata o in unica soluzione
X 1792 Saldo

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 81


Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari start up

CONTRIBUENTI FORFETARI START UP


REGIME FORFETARIO

In base all’art. 1, comma 65, Legge n. 190/2014, per i soggetti che intraprendono una nuova attività, è prevista per i
primi 5 anni, l’applicazione dell’aliquota dell’imposta sostitutiva nella misura del 5% in luogo dell’aliquota ordina-
ria del 15%:

“65. Al fine di favorire l’avvio di nuove attività, per il periodo d’imposta in cui l’attività è iniziata e per i
quattro successivi, l’aliquota di cui al comma 64 è stabilita nella misura del 5 per cento, a condizione che:
a) il contribuente non abbia esercitato, nei tre anni precedenti l’inizio dell’attività di cui al comma 54, attività artisti-
ca, professionale ovvero d’impresa, anche in forma associata o familiare;
b) l’attività da esercitare non costituisca, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta
sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, escluso il caso in cui l’attività precedentemente svolta consista nel perio-
do di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio di arti o professioni;
c) qualora venga proseguita un’attività svolta in precedenza da altro soggetto, l’ammontare dei relativi ricavi e com-
pensi, realizzati nel periodo d’imposta precedente quello di riconoscimento del predetto beneficio, non sia superiore al
limite di cui al comma 54.”

Contribuenti Imposta sostitutiva al 5%


start up per i primi 5 anni

Inoltre, l’art. 1, comma 111, Legge n. 208/2015 ha disposto che:

“Le disposizioni di cui alla lettera c) del comma 1 si applicano, per gli anni 2016, 2017, 2018 e 2019, anche ai soggetti
che nel 2015 hanno iniziato una nuova attività, avvalendosi delle disposizioni di cui all’articolo 1, comma 65, della ci-
tata legge n. 190 del 2014, vigente anteriormente alle modifiche operate dalla lettera c) del comma 1.”

Si ricorda infatti che nella formulazione originaria della norma l’agevolazione per le start-up era diversa, e prevede-
va una riduzione del reddito determinato forfetariamente di 1/3 per i soli primi tre anni. La disposizione qui citata
consente dunque ai contribuenti che nel 2015 hanno avviato una nuova attività, e che in tale anno hanno goduto del-
la riduzione di un terzo, di godere dell’aliquota al 5% per il resto del quinquennio.

L’AGEVOLAZIONE PER LE C.D. START UP


Come anticipato, l’art. 1, comma 65 della Legge n. 190/2014 prevede nella formulazione attualmente vigente:
O la riduzione dell’aliquota d’imposta sostitutiva nella misura del 5% in luogo dell’aliquota ordinaria del 15%;
O per un periodo agevolativo di cinque anni.

ΠESEMPIO

Un elettricista avvia l’attività con il regime forfetario ed è in possesso dei requisiti per la determinazione del reddi-
to da “start-up”.
Si illustra la modalità di determinazione del reddito e dell’imposta.

82 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari start up

Contribuenti forfetari start up

REGIME FORFETARIO
ricavi € 12.000,00
% forfait 86%
contributi previdenziali € 2.425,00
aliquota 5%

reddito: [(12.000 x 86%) - 2.425] = € 7.895,00

imposta: € 7.895 x 5% = € 394,75


(imposta sostitutiva)

LE CONDIZIONI PER ESSERE CONSIDERATI START UP


Per i contribuenti che rispettano i requisiti per il regime forfetario di cui al comma 54 (requisiti di accesso) e al com-
ma 57 (fattispecie di esclusione) e che intraprendono un’attività “nuova”, il reddito determinato con le regole previste
per il regime forfetario è assoggettato ad un’aliquota del 5% per l’anno di inizio attività e per i quattro successivi.

Le condizioni previste affinché un’attività possa essere considerata “nuova” prevedono che:
O il contribuente non abbia esercitato, nei tre anni precedenti, attività artistica, professionale o d’impresa, anche
in forma associata o familiare;
O l’attività da esercitare non costituisca, in alcun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svol-
ta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, escluso il caso in cui tale attività costituisca un periodo di pra-
tica obbligatoria ai fini dell’esercizio dell’arte/professione;
O qualora l’attività sia il proseguimento di un’attività esercitata da un altro soggetto, l’ammontare dei ricavi/compensi
del periodo d’imposta precedente non sia superiore al limite di ricavi/compensi previsti per il regime forfetario.

8 AT T E N Z I O N E : La Legge di Bilancio 2019 ha modificato tale limite, uniformandolo per tutti i settori
di attività ad una sola soglia pari ad € 65.000.
Pertanto, nel 2020 un’attività può essere considerata “nuova”, qualora sia il proseguimento di un’attività esercita-
ta da un altro soggetto, se l’ammontare dei ricavi/compensi del 2019 non è risultata superiore ad € 65.000;

8 AT T E N Z I O N E : Si tratta delle stesse condizioni che permettevano l’accesso al regime fiscale dei con-
tribuenti minimi, ex art. 27, D.L. n. 98/2011, ed ancor prima al regime fiscale delle nuove iniziative pro-
duttive, ex art. 13, Legge n. 388/2000.
Si possono pertanto ritenere validi i chiarimenti forniti dall’Amministrazione finanziaria con riferimento
a tali regimi, circa la rispondenza alle caratteristiche che consentono l’adozione dell’aliquota d’imposta so-
stitutiva ridotta.

Non aver esercitato nei 3 anni precedenti attività d’impresa


o di lavoro autonomo

Requisiti per Non deve trattarsi di mera prosecuzione di attività


l’applicazione precedentemente svolta
dell’aliquota al 5%

In caso di proseguimento di attività svolta da altro


soggetto ammontare ricavi anno precedente non
superiore a € 65.000

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 83


Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari start up

A) MANCATO ESERCIZIO DI ATTIVITÀ NEI 3 ANNI PRECEDENTI


REGIME FORFETARIO

L’art. 1, comma 65, lettera a), Legge n. 190/2014 richiede che il contribuente non abbia esercitato, nei tre anni pre-
cedenti l’inizio dell’attività, alcuna attività d’impresa/lavoro autonomo neppure in forma associata o in qualità di
collaboratore familiare.

8 AT T E N Z I O N E : Come chiarito dalla Circolare 30 maggio 2012, n. 17, in merito al suddetto limite trien-
nale “...si ritiene che occorra far riferimento non al periodo di imposta ma alla data a partire dalla qua-
le si vuole accedere al nuovo regime, verificando che eventuali precedenti attività siano cessate anteriormen-
te all’inizio del triennio (calcolato secondo il calendario comune) che precede l’inizio della nuova attività.”.

In sostanza, detto periodo temporale va individuato con riguardo alla data, e non al periodo d’imposta, a partire dal-
la quale si intende avviare l’attività.
Cosi è precisato dall’Agenzia delle Entrate con Circolare 4 aprile 2016, n. 10:

“...laddove la norma richiama il precedente triennio quale limite di riferimento per l’avvio di una precedente iniziativa
economica, intende riferirsi al triennio calcolato secondo il calendario gregoriano, e non al periodo d’impo-
sta né all’anno solare; pertanto, un contribuente che intenda avviare una nuova attività ad aprile 2016 potrà bene-
ficare delle agevolazioni in parola qualora abbia concluso la precedente attività entro marzo del 2013.“.

ΠESEMPIO

Il sig. Rossi ha cessato un’attività imprenditoriale in data 31 maggio 2017.


Qualora il soggetto intraprenda una nuova attività dal 1° giugno 2020, a tale data sono decorsi tre anni, determina-
ti in base al giorno di cessazione dell’attività precedente.
Il contribuente può adottare l’aliquota d’imposta al 5%.

R ESERCIZIO EFFETTIVO DELL’ATTIVITÀ: IL SOCIO/ASSOCIATO IN PARTECIPAZIONE


Il regime in esame non può essere applicato neanche da coloro che nei tre anni precedenti abbiano svolto un’attività
in qualità di socio di società di persone ovvero di collaboratore dell’impresa familiare.
Tuttavia, facendo riferimento al regime delle nuove iniziative produttive di cui alla Legge n. 388/2000, la Circolare
18 giugno 2001, n. 59/E, ha chiarito che la qualità di socio in società di persone o di capitali non è di per sé cau-
sa ostativa per l’adozione del regime agevolato: occorre infatti fare riferimento all’effettivo esercizio dell’attività
d’impresa o di lavoro autonomo svolta in concreto dal socio.
Pertanto, se il soggetto è stato, ad esempio, socio accomandante di S.a.s. o socio di s.r.l., può ugualmente frui-
re dell’aliquota agevolata purché non abbia svolto, nei tre anni precedenti, attività di gestione all’interno della
società.
La Circolare 30 maggio 2012, n. 17, con riguardo al regime dei minimi, ha chiarito che può comunque applicare il
regime:
O il socio accomandante che intende intraprendere un’attività, se lo stesso, nei tre anni precedenti, non ha svolto
alcuna attività di gestione all’interno della società, ossia ha conferito soltanto capitale, nonché il socio che par-
tecipi in una società inattiva, considerata l’assenza di un’attività di gestione;
O l’associato in partecipazione di solo lavoro, posto che il relativo reddito non è qualificabile attività artistica o
professionale (aspetto confermato anche dalla Circolare n. 10/2016).

ΠESEMPIO

Negli anni 2017 e 2018 il sig. Rossi era socio accomandante di una S.a.s., con attività di gestione. Al 31 dicembre
2019 dismette le quote, e nel 2020 il contribuente decide di iniziare per conto proprio un’attività, aderendo al regi-
me forfetario.

84 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari start up

Considerata la vendita delle quote al 31 dicembre 2019, non si è verificata la causa ostativa ex comma 57, e pertanto è
possibile adottare il regime forfetario in relazione alla nuova attività.

REGIME FORFETARIO
Il fatto di essere stato socio accomandante di S.a.s. nel triennio precedente, con attività di gestione, non consente la
possibilità di beneficiare dell’aliquota agevolata del 5%.

8 AT T E N Z I O N E : Nell’ipotesi in cui il socio accomodante non abbia svolto attività di gestione nella S.a.s., in
base alla citata Circolare n. 17/2012 si ritiene possibile applicare l’aliquota agevolata.

R ESERCIZIO DI ATTIVITÀ NEL TRIENNIO E LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE

L’Agenzia delle Entrate con Risoluzione 26 agosto 2009 n. 239, con riferimento alle condizioni necessarie per accede-
re al regime delle nuove iniziative produttive ex Legge n. 388/2000, aveva chiarito che, in linea generale, un sogget-
to che apriva per la prima volta la partita IVA, poteva avvalersi del citato regime fiscale agevolato, anche nel caso
in cui avesse precedentemente svolto attività di lavoro autonomo a livello occasionale.

8 AT T E N Z I O N E : Al riguardo, la Circolare 30 maggio 2012, n. 17 ha chiarito che, ai fini della verifica del
requisito in commento, nonché del requisito della mera prosecuzione di attività precedente (di seguito
commentato), la circostanza di aver svolto nell’anno precedente prestazioni occasionali, non impedisce
l’accesso al regime in quanto le stesse costituiscono redditi diversi ai sensi dell’art. 67, TUIR, e non sono
quindi produttive di reddito di lavoro autonomo o di impresa.

B) MERA PROSECUZIONE DI ATTIVITÀ PRECEDENTE


Il contribuente in regime forfetario può usufruire dell’aliquota agevolata del 5% qualora l’attività esercitata non co-
stituisca, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipen-
dente o autonomo.
Come precisato con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, la disposizione persegue una finalità antielusiva, poiché mira ad
evitare che il beneficio possa essere fruito da soggetti che si limitino a modificare la sola veste giuridica dell’attività
esercitata in precedenza o dispongano, scientemente, la mera variazione del codice ATECO sfruttando il cambio di
denominazione previsto per il “rinnovo” dell’attività.
È fatto salvo il caso in cui l’attività precedentemente esercitata consista nel periodo di pratica obbligatoria per l’e-
sercizio di arti e professioni, che pertanto non preclude l’accesso al regime.
Il requisito della “mera prosecuzione” è stato chiarito dalle Circolari n. 1, n. 8 e n. 59 del 2001, con le quali è stato
precisato che in relazione alle neo-attività, può ritenersi mera prosecuzione l’attività che presenti il carattere di no-
vità unicamente sotto il profilo formale, anche se viene svolta in sostanziale continuità, utilizzando gli stessi beni
dell’attività precedente, nello stesso luogo e verso gli stessi clienti.

8 AT T E N Z I O N E : La Circolare 4 aprile 2016, n. 10 precisa che il criterio della prosecuzione vada verificato
anche nel caso in cui la cessazione del rapporto di lavoro avvenga per cause indipendenti dalla volontà
del dipendente, tenuto conto che la norma in esame non fa riferimento a specifiche agevolazioni per i la-
voratori in mobilità (a differenza di quanto era previsto per il regime dei minimi).

Se la “nuova” attività non si differenzia per mezzi


Mera prosecuzione attività
utilizzati e clientela (C.M. n. 1/2001)

8 AT T E N Z I O N E : In merito al concetto di mera prosecuzione di attività esercitata precedentemente, la Cir-


colare 30 maggio 2012, n. 17, ha fornito una serie di importanti chiarimenti, di seguito analizzati.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 85


Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari start up

R NOVITÀ DELL’ATTIVITÀ ESERCITATA

Con la Circolare 30 maggio 2012, n. 17, con riferimento ai minimi, e con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, l’Agenzia del-
REGIME FORFETARIO

le Entrate ha ribadito sostanzialmente che la prosecuzione dell’attività “deve essere valutata sotto il profilo sostanziale e
non formale”, e va effettuata caso per caso.

8 AT T E N Z I O N E : In particolare, il requisito della “mera prosecuzione” sussiste quando la “nuova” attivi-


tà si differenzia soltanto dal punto di vista formale ma, di fatto, viene svolta in sostanziale continuità ri-
spetto alla precedente e pertanto nello stesso luogo, con utilizzo dei medesimi beni e nei confronti del-
la stessa clientela.

Ad esempio, nel caso di un soggetto dipendente di un’impresa di autotrasporti che intraprende la medesima attivi-
tà, utilizzando lo stesso mezzo e continuando a servire la stessa clientela, l’identico contenuto economico della nuo-
va attività nonché l’utilizzo degli stessi mezzi configurano una situazione di “mera prosecuzione”.
Diversamente, un dipendente di un’impresa edile in qualità di manovale, che intende avviare l’attività di costruzio-
ne edile con propri clienti ed una propria organizzazione (diversa da quella dell’ex datore di lavoro), potrà essere
considerato una nuova attività e beneficiare dell’aliquota agevolata del 5%.

R CO.CO.CO E CONTRATTI DI LAVORO DIPENDENTE

Secondo quanto ulteriormente specificato nella citata Circolare n. 17/2012 la verifica della mera prosecuzione va
sempre effettuata in presenza di contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato.

8 AT T E N Z I O N E : Diversamente, in presenza di un contratto di collaborazione coordinata e continuativa


(co.co.co.) o di lavoro dipendente a tempo determinato, la verifica della mera prosecuzione va effettuata
solamente se il contratto si protrae per un periodo di tempo superiore alla metà del triennio antecedente
l’inizio della nuova attività.
Viceversa, se l’attività di co.co.co. o di lavoro dipendente a tempo determinato è stata svolta per un perio-
do complessivamente non superiore alla metà del predetto triennio, considerato che trattasi di “forme di
lavoro precario”, non sussiste alcuna preclusione all’accesso al regime agevolato (ed ora all’adozione dell’a-
liquota agevolata).

Ad ogni modo, l’Agenzia precisa che anche in presenza di un rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato
o di rapporti di lavoro a tempo determinato o co.co.co. che si siano protratti per più di metà del triennio precedente,
va verificato che la nuova attività non sia svolta in sostanziale continuità con la precedente.
Al riguardo, la Circolare evidenzia che se la precedente attività e la nuova attività sono svolte in ambiti che richiedo-
no competenze non omogenee, non è mai ravvisabile la “mera prosecuzione”.

8 AT T E N Z I O N E : Si noti comunque che, a seguito delle modifiche apportate dalla Legge di Bilancio 2019,
l’attività svolta in prevalenza nei confronti di datori di lavoro con i quali sono/erano in corso rapporti di
lavoro nei due anni precedenti (o di soggetti ad essi direttamente o indirettamente riconducibili) costitui-
sce causa ostativa ex art. 1, comma 57, Legge n. 190/2014.

ΠESEMPIO N. 1

Il signor Bianchi svolgeva nel 2019 l’attività di segretario part time in qualità di lavoratore dipendente. Lo stesso in-
tende intraprendere l’attività di musicista.
In tal caso non si ravvisa la “mera prosecuzione”.
Diversamente, se la precedente attività e la nuova attività sono svolte nello stesso ambito professionale e con riguar-
do al medesimo mercato di riferimento, l’adozione dell’aliquota agevolata non è ammessa.

86 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari start up

ΠESEMPIO N. 2

REGIME FORFETARIO
La signora Rossi svolgeva nel 2019 l’attività di assistente alla poltrona come dipendente di uno studio dentistico. La
stessa avvia un’attività come igienista dentale nel 2020.
Si noti che se l’utenza è analoga a quella relativa all’attività svolta come lavoratore dipendente ed i clienti sono i me-
desimi pazienti in precedenza assistiti nell’ambito dell’attività di lavoro dipendente:
O si ravvisa la mera prosecuzione. Non è quindi possibile beneficiare dell’aliquota agevolata al 5%;
O se nel corso del 2020 la signora Rossi emette fatture prevalentemente allo studio del proprio ex datore di lavoro,
incorre nella causa ostativa ex comma 57, e dovrà pertanto fuoriuscire dal regime agevolato dal 2021.

R CASISTICHE PER LE QUALI NON È RICHIESTA LA VERIFICA DELLA MERA PROSECUZIONE

In presenza di particolari fattispecie, ai fini dell’accesso al regime in esame, non è richiesta la verifica del requisi-
to della mancanza di mera prosecuzione di una precedente attività.

Ad esempio, non è richiesta la verifica di tale requisito se:


O l’attività svolta in precedenza consiste nel periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio di un’attività
professionale.
Secondo quanto specificato nella Circolare n. 17/2012:
¾ tale principio opera anche in relazione alle attività che devono essere obbligatoriamente svolte per poter
operare in uno specifico settore (si pensi alla pratica obbligatoria in alcuni settori dell’artigianato);
¾ con riferimento al praticante avvocato che svolge tale attività “con partita IVA”, anziché in qualità di co.co.
co., è possibile usufruire del regime forfetario con aliquota al 5% già al momento dell’apertura della partita
IVA e non dopo il superamento dell’esame di abilitazione;
O le attività svolte in precedenza costituivano prestazioni occasionali.

8 AT T E N Z I O N E : Si può ritenere che anche in presenza di attività retribuite con voucher non sia necessario ve-
rificare la mera prosecuzione, in quanto si tratta di prestazioni con innegabile carattere di occasionalità.

R COLLABORATORE DI IMPRESA FAMILIARE

La Circolare n. 17/2012 ha fornito un ulteriore chiarimento in relazione alla specifica ipotesi di un’impresa familia-
re costituita nell’anno d’imposta il cui collaboratore ha esercitato, fino all’anno precedente un’attività d’impresa
o di lavoro autonomo.
In tal caso, non ricorre l’ipotesi di “mera prosecuzione” considerato che “il collaboratore … è soggetto diverso dal ti-
tolare dell’impresa stessa, unico obbligato al versamento dell’imposta sostitutiva”.

8 AT T E N Z I O N E : Va fatto presente che in base al comma 57, lett. d), art. 1, Legge n. 190/2014, il regime for-
fetario è incompatibile con la contemporanea attività di collaboratore familiare.

ΠESEMPIO

Collaboratore familiare nel 2017-2018-2019 che a gennaio 2020 esce dall’impresa familiare.
A febbraio 2020 inizia un’attività imprenditoriale.
Stante il chiarimento contenuto nella Circolare n. 10/2016 (punto 2.3) il soggetto può applicare il regime forfetario
dal 2020.
Inoltre, considerato il chiarimento fornito con la citata Circolare n. 17/2012, il neo imprenditore potrà beneficiare
dell’aliquota agevolata del 5%.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 87


Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari start up

C) PROSECUZIONE DELL’ATTIVITÀ SVOLTA DA ALTRI E LIMITE DEI RICAVI


REGIME FORFETARIO

Qualora l’attività costituisca il proseguimento di un’impresa esercitata da un altro soggetto, l’ammontare dei ri-
cavi del periodo d’imposta precedente non deve essere superiore a quelli stabiliti dall’art. 1, comma 54, lette-
ra a).

8 AT E N Z I O N E : A seguito delle modifiche apportate dalla Legge di Bilancio 2019, l’ammontare dei ricavi
non deve essere superiore ad € 65.000.

A tale proposito l’Agenzia delle Entrate nella Circolare 30 maggio 2012, n. 17 ha precisato che:
O l’acquirente/erede può applicare il nuovo regime se il cedente/de cuius nell’anno precedente ha conseguito ri-
cavi pari o inferiori al limite;
O i ricavi riferiti al cedente/de cuius devono essere considerati cumulativamente a quelli dell’acquirente/erede.
Con Circolare 4 aprile 2016, n. 10, è stato infine precisato che qualora il trasferimento dell’attività avvenga in cor-
so d’anno, i ricavi riferibili al dante causa e quelli riferibili all’avente causa, relativi all’anno di cessione dell’attivi-
tà, devono essere considerati cumulativamente per la verifica del superamento del richiamato limite; qualora
il superamento si sia verificato, il contribuente sarà obbligato ad uscire dal regime di favore a decorrere dall’an-
no successivo.

CONTRIBUENTI FORFETARI “START UP” NEL 2015


La norma riservata alle start-up, nella versione originaria applicabile per l’anno di imposta 2015, prevedeva che i con-
tribuenti in regime forfetario beneficiassero della riduzione di 1/3 dell’imponibile determinato con le modalità fissa-
te al comma 64, al lordo delle deduzioni, e che l’agevolazione potesse essere concessa per i primi tre anni.

Agevolazioni start up

Formulazione originaria

[(ricavi/compensi x % forfait) x 2/3] - contributi previdenziali x 15% Per tre anni

Legge di Stabilità 2016

[(ricavi/compensi x % forfait) - contributi previdenziali] x 5% Per cinque anni

Con una disposizione transitoria ex art. 1, comma 113, Legge n. 208/2015, l’applicazione dell’imposta sostitutiva con
aliquota ridotta del 5% è riconosciuta per il 2016 – 2019 anche ai soggetti che hanno iniziato l’attività nel 2015 adot-
tando il regime forfetario.

2016
Soggetti forfetari 2017 Nuovi forfetari
“start up” nel 2015 2018 “start up”
2019

88 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari start up

ΠESEMPIO

REGIME FORFETARIO
Contribuente che ha iniziato l’attività nel 2015 in regime forfetario c.d. “start-up”.

2015 à “vecchio” regime forfetario “start-up” determinazione forfetaria x 2/3, aliquota 15%

2016 à regime forfetario “start-up” determinazione forfetaria, aliquota 5%


quinquennio
2017 à regime forfetario “start-up” determinazione forfetaria, aliquota 5%
agevolato
2018 à regime forfetario “start-up” determinazione forfetaria, aliquota 5%

2019 à regime forfetario “start-up” determinazione forfetaria, aliquota 5%

2020 à regime forfetario determinazione forfetaria, aliquota 15%

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 89


Sezione prima - Il regime forfetario
La determinazione dei contributi previdenziali e il regime agevolato contributivo

LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI


REGIME FORFETARIO

PREVIDENZIALI E IL REGIME AGEVOLATO


CONTRIBUTIVO

Come anticipato, i contribuenti forfetari possono includere, quali componenti negativi di reddito, i contributi pre-
videnziali obbligatori versati.
A questa possibilità, prevista anche nel regime dei contribuenti minimi, si aggiunge un’ulteriore misura agevolativa
grazie alla quale i soli contribuenti esercenti attività d’impresa in regime forfetario, possono usufruire di un re-
gime agevolato contributivo nel quale il reddito forfetario costituisce base imponibile ai fini previdenziali e su
tale reddito va applicata la contribuzione ridotta del 35%.
La riduzione contributiva si riflette sull’accredito dei contributi.

8 AT T E N Z I O N E : L’utilizzo del regime agevolato contributivo non è automatico ma è subordinato ad un’ap-


posita comunicazione telematica effettuata all’INPS in sede di iscrizione o, per coloro che sono già in at-
tività, entro il 28 febbraio dell’anno di decorrenza dell’agevolazione contributiva.

LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI


Al di fuori della misura agevolativa, che sarà meglio descritta nel corso del capitolo, ciascun contribuente osserva le
disposizioni previste dalla legge in via ordinaria e pertanto è tenuto a versare i contributi:
£ alla gestione INPS dei commercianti o degli artigiani, in relazione alla categoria di appartenenza;
£ alla gestione separata INPS, se si tratta di un lavoratore autonomo privo di altra copertura previdenziale;
£ alla cassa di previdenza di categoria, secondo le specifiche disposizioni individuate da ciascuna cassa di previ-
denza (Cassa dei dottori commercialisti, Cassa Geometri, Cassa Ingegneri e architetti, ecc.).

BASE IMPONIBILE PREVIDENZIALE


La modalità di determinazione della base imponibile previdenziale dei contribuenti forfetari si può individuare per
analogia con il disposto dell’articolo 5, D.M. 2 gennaio 2008, che ha individuato i contributi previdenziali ed assisten-
ziali in relazione ai contribuenti minimi.
Il reddito da considerare ai fini della determinazione della base imponibile contributiva deve essere assunto al
lordo dei contributi dedotti.
Tale “regola” si evince dal fatto che, come previsto dal comma 1 del citato art. 5:

“Il reddito determinato ai sensi dell’articolo 1, comma 104, secondo periodo, della legge rileva per la deter-
minazione della base imponibile per il calcolo dei contributi di previdenza ed assistenza sociale versati dai contribuenti
minimi in ottemperanza a disposizioni di legge.

Il comma 104, secondo periodo, art. 1, Legge n. 244/2007, infatti, individuava il reddito relativo ai contribuenti mini-
mi come differenza tra i ricavi/compensi percepiti e le spese sostenute, senza menzionare i contributi previdenzia-
li citati nel terzo periodo del medesimo comma 104.
Per tale motivo la base imponibile contributiva va assunta al lordo dei contributi versati nel periodo d’imposta.

8 AT T E N Z I O N E : Tale aspetto è stato confermato dalla Circolare INPS 5 giugno 2009, n. 79, nella quale è
stato specificato che per i contribuenti minimi, il reddito da assoggettare ad imposizione contributiva previ-
denziale deve essere considerato al netto delle perdite pregresse ma al lordo dei contributi previdenziali.

90 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
La determinazione dei contributi previdenziali e il regime agevolato contributivo

Base imponibile forfetari

REGIME FORFETARIO
Fiscale Contributiva

Reddito
= Reddito
Ricavi / Compensi =
Ricavi / Compensi
% forfait
– % forfait
Contributi previdenziali

ΠESEMPIO

Un programmatore (professionista senza cassa) nel 2019 è in regime forfetario.


Compensi 25.000,00
Coefficiente di redditività 78%
Reddito lordo 19.500,00

Nel 2019 ha pagato a titolo di saldo 2018 e in acconto 2019 un totale di € 3.200 per contributi INPS.

Reddito fiscale 19.500,00 - 3.200,00 = 16.300,00


I contributi previdenziali 2019 sono così determinati
€ 19.500,00 x 25,72% = 5.015,40
L’imposta sostitutiva del 15% è così calcolata:
€ 16.300,00 x 15% = 2.445,00

IL REGIME AGEVOLATO CONTRIBUTIVO


I commi da 76 a 84, art. 1, Legge n. 190/2014, disciplinano le misure agevolative in ambito previdenziale applicabili ai
contribuenti “forfetari” obbligati al versamento dei contributi presso le gestioni speciali artigiani e commercianti.
Il regime in esame ha subito importanti modifiche ad opera della Legge di Stabilità 2016, che trovano applicazione
a partire dal 2016.

8 AT T E N Z I O N E : In particolare, è stato riscritto il comma 77, Legge n. 190/2014, contenente la disciplina


previdenziale del regime agevolato, disponendo che il reddito forfetario costituisce base imponibile ai
fini previdenziali e che su tale reddito va applicata la contribuzione ridotta del 35%.

Per tali soggetti, la contribuzione dovuta, quindi, tiene conto del livello minimo imponibile previsto dall’articolo
1, comma 3, Legge n. 233/1990.
Anche se il reddito è al di sotto del minimale, i contributi andranno calcolati tenendo conto di tale soglia (c.d. con-
tributi IVS “fissi”) con la riduzione del 35%. Resta dovuto in ogni caso il contributo di maternità.

Regime agevolato contributivo


Reddito forfetario - 35%
per artigiani / commercianti
(minimale)
(comma 77)

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 91


Sezione prima - Il regime forfetario
La determinazione dei contributi previdenziali e il regime agevolato contributivo

ΠESEMPIO
REGIME FORFETARIO

Un artigiano consegue nel 2019 un reddito d’impresa pari a € 10.000.


Si consideri che:
O l’aliquota contributiva per il 2019 è pari al 24%;
O il reddito minimale per il 2019 è pari ad € 15.878.
Di conseguenza, il contribuente, qualora:
£ non aderisca al regime agevolato contributivo sarà tenuto a versare per il 2019 i contributi sul reddito minima-
le pari ad € 3.810,72:
15.878 x 24% = 3.810,72
£ aderisca al regime contributivo agevolato versa i contributi sul reddito minimale con una riduzione del 35%:
(15.878 x 24%) - 35% = € 2.476,97

CHIARIMENTI DELL’INPS
A norma del comma 76, possono applicare il regime agevolato contributivo i soggetti in possesso dei requisiti per
l’accesso al regime forfetario (di cui al comma 54), esercenti attività d’impresa.
L’INPS, con le Circolari 19 febbraio 2016, n. 35 e 10 febbraio 2015, n. 29, ha chiarito che:
O la contribuzione si calcola ordinariamente con le modalità previste dall’articolo 3-bis, D.L. n. 384/1992;
O trattandosi di regime speciale, per i soggetti che decidono di avvalersene vengono meno le agevolazioni previste
dalle norme di carattere generale e di conseguenza non sono riconosciute le riduzioni previste ordinariamente;
O viene invece utilizzato, indipendentemente dall’anzianità contributiva posseduta, il sistema di calcolo contribu-
tivo di cui alla Legge n. 335/1995.
La riduzione contributiva si riflette sull’accredito dei contributi.
Resta confermato che l’utilizzo di tale regime non è automatico ma subordinato ad un’apposita comunicazione te-
lematica effettuata all’INPS: tale aspetto verrà analizzato nel prosieguo della trattazione.
Il regime applicabile ad eventuali collaboratori familiari sarà coerente con quello scelto dal titolare d’impresa.

8 AT T E N Z I O N E : Per l’accredito della contribuzione, l’INPS rinvia all’art. 2, comma 29, Legge n. 335/1995,
relativo alla Gestione Separata per cui il versamento di un importo:
„ pari al contributo calcolato sul minimale di reddito, attribuisce il diritto all’accreditamento di tutti i
contributi mensili relativi a ciascun anno solare cui si riferisce il versamento;
„ inferiore a quello corrispondente al predetto minimale, comporta che i mesi accreditati saranno propor-
zionalmente ridotti.
In caso di un soggetto già in attività, i contributi sono attribuiti temporalmente dall’inizio dell’anno solare, mentre
nell’ipotesi di inizio dell’attività la decorrenza coinciderà con il mese di inizio di imposizione contributiva.

COLLABORATORI FAMILIARI
Il comma 78 prevede la possibilità, a favore del titolare dell’impresa che ha adottato il regime forfetario, di indicare
in presenza di collaboratori familiari la quota di reddito di spettanza degli stessi fino ad un massimo, complessiva-
mente, del 49%.
Nella Circolare n. 35/2016 l’INPS, con riguardo alla posizione dei suddetti soggetti, anch’essi compresi nel regime
previdenziale agevolato cui abbia deciso di aderire il titolare d’impresa, ribadisce che trova applicazione l’art. 3-bis,
D.L. n. 384/1992, per cui la base imponibile su cui il titolare dovrà calcolare la contribuzione dovuta è data:
O dalla quota di reddito determinato forfetariamente ed attribuito al collaboratore fino ad un massimo del 49%;
O da tutti gli altri redditi d’impresa che il collaboratore percepisce nel periodo d’imposta.

92 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
La determinazione dei contributi previdenziali e il regime agevolato contributivo

ESCLUSIONE DAI BENEFICI PER PARTICOLARI CATEGORIE


Come espressamente disposto dai commi 80 e 81, Legge n. 190/2014, e ribadito dall’INPS nella Circolare n. 35/2016,

REGIME FORFETARIO
l’opzione per la contribuzione agevolata determina l’esclusione da alcuni benefici contributivi sia per coloro che
decidono di aderire al regime previdenziale agevolato sia per i relativi collaboratori familiari e in particolare:
£ i soggetti titolari di trattamento pensionistico presso le Gestioni INPS con più di 65 anni che si avvalgono del re-
gime agevolato, non potranno contestualmente beneficiare della riduzione contributiva del 50% ex art. 59, com-
ma 15, Legge n. 449/1997.
Tale beneficio potrà essere nuovamente accordato nel caso in cui il soggetto esca dal regime agevolato e con de-
correnza dalla data di ripristino del regime ordinario, previa presentazione di specifica richiesta;
£ i collaboratori familiari di età inferiore a 21 anni, che prestano attività nell’ambito di un’impresa che aderisce
al regime agevolato, non potranno usufruire della riduzione contributiva di 3 punti percentuali ex art. 1, com-
ma 2, Legge n. 233/90.

TERMINI DI VERSAMENTO
L’INPS specifica che i versamenti vanno effettuati in acconto e a saldo alle scadenze previste per le somme dovute
in base alla dichiarazione dei redditi. Inoltre, alle scadenze previste per il pagamento degli acconti, i soggetti ob-
bligati sono tenuti a versare la contribuzione di maternità (€ 7,44 annui) in due rate uguali.

8 AT T E N Z I O N E : Diversamente da quanto ordinariamente previsto per la gestione IVS, non è dovuta la


contribuzione fissa (suddivisa in 4 rate) calcolata sul reddito minimale.

USCITA DAL REGIME AGEVOLATO E RELATIVA DECORRENZA


Come previsto dal comma 82, come modificato dalla Legge n. 160/2019, il regime contributivo agevolato cessa di
avere applicazione a partire dall’anno successivo a quello in cui viene meno taluna delle condizioni per l’accesso
al regime forfetario (comma 54) oppure si verifichi taluna delle fattispecie di esclusione dallo stesso (comma 57).
Così, ad esempio, se un soggetto forfetario non soddisfa il prescritto requisito nel 2020, il regime contributivo agevo-
lato viene meno, così come il regime fiscale, dal 2021.

8 AT T E N Z I O N E : Si ritiene, tuttavia, che nell’ipotesi di fuoriuscite dal regime forfetario “in corso d’anno”
(ad esempio per possesso di quote di partecipazione in società di persone), anche il regime agevolato con-
tributivo cessa dallo stesso anno.

R CAUSE DI DECADENZA DAL REGIME


Come evidenziato dall’INPS, l’uscita dal regime agevolato in esame si può verificare nelle seguenti tre ipotesi:
O venir meno dei requisiti che hanno consentito l’applicazione del beneficio;
O scelta del contribuente “a prescindere da qualsivoglia motivazione, di abbandonare il regime agevolato”;
O comunicazione all’INPS da parte dell’Agenzia delle Entrate del fatto che il soggetto non ha mai aderito al regi-
me forfetario ovvero non ha mai avuto i requisiti per aderire.

R CONSEGUENZE DELLA CESSAZIONE


La decadenza dal regime in esame comporta:
O l’applicazione del regime ordinario di determinazione/versamento dei contributi dovuti a decorrere:
¾ dall’1.1 dell’anno successivo alla presentazione della dichiarazione di perdita del requisito o della domanda
di uscita;
¾ ab origine, nell’ipotesi in cui emerga che i predetti requisiti d’accesso, pur essendo stati dichiarati, non sono
mai esistiti in capo al dichiarante. In tal caso, il regime ordinario è “imposto retroattivamente, con la stessa
decorrenza che era stata fissata per il regime agevolato” con ripristino dell’imposizione contributiva ordina-
ria sin dall’anno nel quale era stata inizialmente registrata l’adesione al regime agevolato;

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 93


Sezione prima - Il regime forfetario
La determinazione dei contributi previdenziali e il regime agevolato contributivo

O l’impossibilità, in ogni caso, di usufruire nuovamente del regime agevolato. Infatti la revoca ha “carattere de-
finitivo” e preclude “ogni ulteriore possibilità di accesso al beneficio”.
REGIME FORFETARIO

R ATTIVITÀ DI CONTROLLO
Nella Circolare n. 29/2015, l’INPS, posto che:

“...l’applicazione del regime previdenziale agevolato, in quanto subordinata alla sussistenza dei requisiti stabiliti dalla
legge ai fini fiscali, implica la necessità di una costante trasmissione all’Istituto, da parte dell’Agenzia delle
Entrate, dei dati fiscali relativi ai soggetti che hanno dichiarato di volerne beneficiare, in modo da poterne control-
lare la veridicità e dar luogo alla conferma, ovvero alla negazione del beneficio.”

sottolinea che, tramite intese appositamente stipulate, procederà ad effettuare il controllo di tali dati “a livello cen-
tralizzato, con conseguente gestione sulle posizioni dei soggetti interessati”.

COMUNICAZIONE ALL’INPS
L’art. 1, comma 83, Legge di Stabilità 2015, così come modificato dalla Legge n. 160/2019, dispone quanto segue:

“Al fine di fruire del regime contributivo agevolato, i soggetti di cui al comma 54 che intraprendono l’esercizio di
un’attività d’impresa presentano, mediante comunicazione telematica, apposita dichiarazione messa a disposizione
dall’INPS; i soggetti già esercenti attività d’impresa presentano, entro e non oltre il termine di decadenza del 28 feb-
braio di ciascun anno, la medesima dichiarazione. Ove la dichiarazione venga presentata oltre il termine stabilito, nel-
le modalità indicate, l’accesso può avvenire a decorrere dall’anno successivo, presentando nuovamente la dichiarazione
entro il termine stabilito, ferma restando la permanenza delle condizioni di cui al comma 54”.

L’utilizzo del regime agevolato contributivo, come precisato anche dall’INPS nelle Circolari n. 35/2016 e n. 29/2015,
nonché, da ultimo, n. 22/2017, non è automatico ma ha natura facoltativa ed è subordinato ad un’apposita comuni-
cazione telematica.

8 AT T E N Z I O N E : L’INPS, con Messaggio n. 15/2019, ha chiarito che tale comunicazione è necessaria an-
che in caso di rinuncia del contribuente forfetario al regime in commento o nel caso di perdita del requisi-
ti e dev’essere inviata entro il 28 febbraio dell’anno nel quale si richiede il ripristino del regime ordinario.

Nella Circolare n. 25/2019 l’INPS, ribadisce che l’interessato deve inviare un’apposita domanda telematica, dispo-
nibile nel “Cassetto previdenziale”, entro il 28.2 dell’anno entro il quale intende usufruire del regime agevolato.

R SOGGETTI GIÀ BENEFICIARI DEL REGIME IN ESAME


I soggetti già beneficiari del regime agevolato nel 2019 possono proseguire con tale regime, qualora:
O non abbiano rinunciato espressamente allo stesso;
O risultino rispettati i nuovi requisiti d’accesso al regime forfetario e non si sia verificata alcuna causa ostativa;
O non vi sia stata alcuna comunicazione all’INPS da parte dell’Agenzia delle Entrate del fatto che il soggetto non
ha mai aderito al regime forfetario ovvero non ha mai avuto i requisiti per aderire.
Va sottolineato che ai predetti soggetti non è richiesto di (ri)presentare per il 2020 (entro il 28.2) la comunicazione
telematica di adesione al regime contributivo agevolato.

Soggetti esercenti un’attività d’impresa già beneficiari del regime agevolato nel 2019

Il regime agevolato è applicabile anche nel 2020


(NO presentazione della domanda telematica entro il 28.2.2020)

94 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
La determinazione dei contributi previdenziali e il regime agevolato contributivo

R SOGGETTI CHE HANNO INIZIATO L’ATTIVITÀ NEL 2019


Al fine di usufruire del regime contributivo in esame nel 2020, i soggetti che hanno iniziato nel 2019 un’attività

REGIME FORFETARIO
d’impresa, entro il 28 febbraio 2020, devono compilare il modello telematico disponibile nel Cassetto Previdenziale.
Il suddetto termine è perentorio e pertanto in caso di mancato rispetto:
O l’accesso al regime agevolato è precluso per l’anno in corso;
O dovrà essere (ri)compilato il predetto modello telematico entro il 28.2 dell’anno successivo (2021) qualora in-
tenda usufruire del regime in esame. In tal caso l’agevolazione decorre dall’1.1 del relativo anno, purché l’inte-
ressato permanga in possesso dei requisiti di legge.
Qualora il soggetto, pur esercitando un’attività d’impresa, non risulti ancora titolare di una posizione attiva pres-
so le Gestioni IVS, va compilato e consegnato all’Istituto l’apposito modello cartaceo con specificazione dell’attività
esercitata tramite l’indicazione del codice REA (Allegato 3 alla Circolare n. 35/2016 di seguito riportato).

Soggetti che hanno iniziato l’attività d’impresa nel 2019

Con posizione previdenziale aperta presso l’INPS Senza posizione previdenziale aperta presso l’INPS

presentazione domanda telematica presentazione domanda cartacea

Entro il 28.2.2020, a pena di decadenza

ALLEGATO 3

All’INPS di …………………………………

Oggetto: Domanda di accesso alle agevolazioni previdenziali previste dall'art. 1 commi 77-84 della L.
23 dicembre 2014, n. 190, come modificata dalla legge 28 dicembre 2015, n. 208, art. 1, comma 111 ss.

__L__ sottoscritt__ ___________________________________________________________________,


nat__ a _____________________________ il __________, cod. fis. ____________________________,
titolare dell’impresa iscritta al N° REA ______________ avente data di inizio attività ___________________

chiede

di avvalersi delle agevolazioni previdenziali previste dall’art. 1, commi 77-84, della L. 23 dicembre
2014, n. 190, come modificata dalla legge 28 dicembre 2015, n. 208, art. 1, comma 111 ss..

A tal fine dichiara di essere in possesso dei requisiti previsti dall’art. 1, comma 54 ss. della citata
Legge n. 190/14 come modificata dalla legge 28 dicembre 2015, n. 208, art. 1, comma 111 ss..

__l__ sottoscritt__ dichiara di essere consapevole:

 che l’agevolazione avrà effetto dalla data d’inizio attività, qualora trattasi di nuova iscrizione;
 che l’agevolazione avrà effetto dal mese di gennaio dell’anno di presentazione della presente
domanda, qualora trattasi di soggetto titolare di azienda già attiva, purché la presente richiesta
venga presentata, a pena di decadenza, entro il 28 febbraio dello stesso anno;
 che, qualora la domanda sia presentata oltre il predetto termine, l’agevolazione per l’anno in corso
non sarà riconosciuta;
 che, ai sensi dell’art. 1 comma 80 e 81 legge n.190/2014, a coloro che scelgono di usufruire
dell’agevolazione non si applicano le disposizioni di cui all’art. 59, comma 15 della legge 27
dicembre 1997, n. 449, né si applica la riduzione contributiva di tre punti percentuali, prevista
dall’art. 1, comma 2 della legge 2 agosto 1990, n. 233;
 che, qualora venissero meno i requisiti previsti per usufruire dell’agevolazione, dovrà dare
immediata comunicazione a codesto Istituto attraverso l’apposito modello;

_L__ sottoscritt__ _______________________________________________________________________,


consapevole delle responsabilità penali e degli effetti amministrativi derivanti dalla falsità in atti e dalle
dichiarazioni mendaci (così come previsto dagli artt. 75 e 76 del D.P.R. n. 445 del 28.12.2000), ai sensi e per
gli effetti di cui agli artt. 46 e 47 del medesimo D.P.R. n. 445 del 28.12.2000

dichiara

che i dati e le informazioni riportate nella presente richiesta rispondono a verità.

Lì, _____________________ FIRMA

_______________________

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 95


Sezione prima - Il regime forfetario
La determinazione dei contributi previdenziali e il regime agevolato contributivo

R SOGGETTI CHE AVVIANO UNA NUOVA IMPRESA NEL CORSO DEL 2020

I soggetti che:
REGIME FORFETARIO

O intraprendono una nuova attività d’impresa dall’1/1/2020 e


O presumono di essere in possesso del requisito richiesto dal regime forfetario,
ai fini dell’accesso al regime contributivo in esame, devono presentare telematicamente l’apposita dichiarazione di
adesione, “...con la massima tempestività rispetto alla ricezione del Provvedimento d’iscrizione in modo da consentire all’Isti-
tuto la corretta e tempestiva predisposizione della tariffazione annuale”.

Con riguardo al momento di presentazione della dichiarazione di adesione, l’INPS nella Circolare n. 29/2015 evi-
denzia che se la stessa perviene all’Istituto:
O entro la data di avvio della prima elaborazione utile, ai fini della richiesta di versamento, al richiedente sarà
applicata immediatamente la tariffazione agevolata e nel Cassetto Previdenziale saranno disponibili i modd. F24
precompilati con i codici INPS e le scadenze relative al regime adottato;
O in una data in cui la posizione del richiedente è stata già oggetto di imposizione contributiva, la dichiarazione
medesima è “trasferita”, per l’istruttoria, alla competente sede.

Soggetti che iniziano una nuova impresa dall’1.1.2020

Presentazione domanda in via telematica tramite


l’apposito modello

Con la massima tempestività rispetto alla data di ricezione della delibera


di avvenuta iscrizione alla Gestione previdenziale

R SOGGETTI CHE ESCONO DAL REGIME CONTRIBUTIVO AGEVOLATO

Come sopra anticipato, l’INPS, con Messaggio n. 15/2019, ha chiarito che nel caso in cui il contribuente scelga di ab-
bandonare il regime agevolato contributivo o si verifichi il venir meno dei requisiti, l’uscita dal regime non è auto-
matica ma è subordinata ad un’apposita comunicazione telematica da inviare all’Istituto di previdenza.
In particolare, la dichiarazione di perdita dei requisiti o la domanda di uscita per rinuncia (a prescindere da qualsi-
voglia motivazione) dev’essere inviata entro il 28 febbraio dell’anno per il quale si richiede il ripristino del regime
contributivo ordinario. Quest’ultimo sarà ripristinato con decorrenza dal 1° gennaio del medesimo anno.

8 AT T E N Z I O N E : L’INPS ha altresì chiarito che le comunicazioni che perverranno dal 1° marzo di ogni
anno determineranno, invece, il ripristino del regime contributivo ordinario con decorrenza dal 1° gen-
naio dell’anno successivo.

Pertanto, se il soggetto già beneficiario del regime agevolato nel 2019, perde il requisito o intende rinunciare al regi-
me in oggetto:
O se invia la relativa comunicazione entro il 28 febbraio 2020, il regime contributivo ordinario verrà ripristinato
dal 1° gennaio 2020;
O se la comunicazione viene inviata dopo il 1° marzo 2020, il regime ordinario contributivo verrà ripristinato a de-
correre dal 1° gennaio 2021.

96 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
La determinazione dei contributi previdenziali e il regime agevolato contributivo

Soggetto già beneficiario nel 2019 del regime agevolato

REGIME FORFETARIO
Dichiarazione di perdita dei requisiti o domanda di uscita per rinuncia

Se presentata entro il 28.02.2020 Se presentata dal 29.02.2020

Regime ordinario contributivo ripristinato Regime ordinario contributivo ripristinato


dal 1° gennaio 2020 dal 1° gennaio 2021

INDENNITÀ DI MATERNITÀ PER LAVORATRICI AUTONOME

8 AT T E N Z I O N E : Con Messaggio 10 maggio 2017, n. 1947, l’INPS ha fornito chiarimenti sulla sussistenza dei
requisiti necessari per il diritto alla prestazione di maternità delle lavoratrici autonome che abbiano bene-
ficiato del regime contributivo agevolato.
Nel documento, si riporta che è stato chiesto all’Istituto se il requisito del diritto alla maternità, da verificare nel pe-
riodo di riferimento, sussista quando vi sia la sola regolarità contributiva, posto che nel regime contributivo agevo-
lato il versamento di contributi in misura ridotta, rispetto all’importo ordinario della contribuzione dovuta sul mi-
nimale di reddito, determina una proporzionale riduzione del numero di mesi accreditati, i quali vengono attribuiti
progressivamente a partire dall’inizio dell’anno solare.
L’Istituto ha risposto che, anche in presenza del regime previdenziale agevolato, le lavoratrici sono tenute al ver-
samento dell’intero contributo di maternità, pari ad € 7,44 annui, da corrispondere alle scadenze previste per la con-
tribuzione in misura fissa.
Di conseguenza, poiché il requisito da rispettare per la tutela della maternità delle lavoratrici autonome in regime
contributivo agevolato, è la piena regolarità contributiva, che sussiste quando risultino versati tutti i contributi pre-
visti dalla legge per il regime agevolato e nel rispetto delle relative disposizioni, compreso il contributo di materni-
tà, che rimane invariato rispetto al regime ordinario, la prestazione della maternità deve essere riconosciuta anche
nell’ipotesi in cui il versamento contributivo IVS sia insufficiente a coprire tutte le mensilità.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 97


Sezione prima - Il regime forfetario
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi

ESEMPI DI FATTURAZIONE DEI


REGIME FORFETARIO

RICAVI/COMPENSI

Nel presente capitolo si propongono alcuni esempi di fatture emesse dai contribuenti forfetari; nel caso di applica-
zione del “reverse charge” si delineano anche i risvolti per il destinatario della fattura.
Come si può notare, i documenti emessi dai contribuenti forfetari non hanno l’obbligo di emissione/trasmissione in
modalità elettronica.

ΠE S E M P I O N . 1 - Professionista iscritto alla gestione separata INPS

Stefano Bianchi
Consulente informatico

Via dei Carraresi n. 33 FATTURA N. 7


31100 - Treviso (TV) DATA 05/05/2020
P.IVA 01936710269
C.F. BNCSFN70A01L378U

Spett.le
GAMMA SRL
Via Venezia n. 118
31100 - Treviso (TV)
P.IVA 018212710267

DESCRIZIONE IMPORTO
Compenso professionale per …………….. € 1.000,00

Rivalsa previdenziale INPS ex art. 1, L. n. 662/1996, 4% € 40,00

TOTALE € 1.040,00

Imposta di bollo € 2,00

TOTALE DA CORRISPONDERE € 1.042,00

Operazione senza applicazione dell'IVA ai sensi dell'art. 1, comma 58, Legge n.


190/2014, regime forfetario, senza applicazione della ritenuta alla fonte a titolo
d'acconto.

Come si può notare dall’esempio sopra esposto il compenso professionale non viene assoggettato ad IVA, inoltre,
viene richiesto di non applicare la ritenuta d’acconto sul compenso, come previsto dall’articolo 1, comma 67, Legge
n. 190/2014.

98 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa


Sezione prima - Il regime forfetario
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi

ΠE S E M P I O N . 2 - Professionista con cassa (commercialista)

REGIME FORFETARIO
Stefano Bianchi
Dottore Commercialista

Via dei Carraresi n. 33 FATTURA N. 1


31100 - Treviso (TV) DATA 03/04/2020
P.IVA 01936710269
C.F. BNCSFN70A01L378U

Spett.le
GAMMA SRL
Via Venezia n. 118
31100 - Treviso (TV)
P.IVA 018212710267

DESCRIZIONE IMPORTO
Tenuta contabilità I trimestre 2020 € 500,00

Contributo integrativo 4% CNPADC € 20,00

TOTALE € 520,00

Imposta di bollo € 2,00

TOTALE DA CORRISPONDERE € 522,00

Operazione senza applicazione dell'IVA ai sensi dell'art. 1, comma 58, Legge n.


190/2014, regime forfetario, senza applicazione della ritenuta alla fonte a titolo
d'acconto.

Con riferimento all’esempio sopra esposto, si evidenzia che il contributo integrativo viene addebitato al cliente an-
che da parte dei contribuenti forfetari.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 99


Sezione prima - Il regime forfetario
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi

ΠE S E M P I O N . 3 - Imprenditore
REGIME FORFETARIO

Stefano Bianchi
Pittore e decoratore

Via dei Carraresi n. 33 FATTURA N. 2


31100 - Treviso (TV) DATA 01/06/2020
Registro Imprese TV e
C.F. BNCSFN70A01L378U
P.IVA 01936710269

Spett.le
BETA SRL
Via Piave n. 118
37100 - Verona (VR)
P.IVA 018212710267

DESCRIZIONE IMPORTO
Tinteggiatura Vostro ufficio sito in ………. € 1.000,00

TOTALE € 1.000,00

Imposta di bollo € 2,00

TOTALE DA CORRISPONDERE € 1.002,00

Operazione senza applicazione dell'IVA ai sensi dell'art. 1, comma 58, Legge n.


190/2014, regime forfetario.

Nel caso dell’imprenditore, in linea generale non viene effettuata la ritenuta.


Pertanto, non è riportata l’apposita dicitura “Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto come
previsto dall’art. 1, comma 67, Legge n. 190/2014”.

100 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi

ΠE S E M P I O N . 4 - Imprenditore edile

REGIME FORFETARIO
L’imprenditore forfetario che opera nel settore edile ed effettua una prestazione nell’ambito di un subappalto emet-
terà una fattura nel seguente modo:

Stefano Bianchi
Intonaci premiscelati

Via dei Carraresi n. 33 FATTURA N. 2


31100 - Treviso (TV) DATA 01/03/2020
Registro Imprese TV e
C.F. BNCSFN70A01L378U
P.IVA 01936710269

Spett.le
MK Costruzioni SRL
Via Venezia n. 118
31100 - Treviso (TV)
P.IVA 018212710267

DESCRIZIONE IMPORTO
Rifacimento intonaco presso Vostro cantiere di ………. € 1.500,00

TOTALE € 1.500,00

Imposta di bollo € 2,00

TOTALE DA CORRISPONDERE € 1.502,00

Operazione senza applicazione dell'IVA ai sensi dell'art. 1, comma 58, Legge n.


190/2014, regime forfetario.

Come si può notare dalla fattura, l’imprenditore individuale che ha aderito al regime fiscale agevolato emette una
fattura senza applicazione dell’IVA in base alle disposizioni del regime forfetario.
Non trova applicazione il meccanismo del reverse charge, sistema che ordinariamente troverebbe applicazione in
considerazione dell’attività svolta; nel caso specifico, la MK costruzioni registrerà la fattura, senza provvedere ad al-
cuna integrazione della stessa.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 101
Sezione prima - Il regime forfetario
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi

ΠE S E M P I O N . 5 - Imprenditore edile (reverse charge)


REGIME FORFETARIO

Mittente Destinatario

Identificativo fiscale ai fini IVA: IT00123456789 Identificativo fiscale ai fini IVA: IT00987654321
Codice fiscale: RSSMRA80A01B963J Codice fiscale: BNCSFN70A01L378U
Denominazione: MARIO ROSSI (non forfetario) Denominazione: BIANCHI STEFANO (forfetario)
Regime fiscale: RF01 (ordinario) Indirizzo: VIA Barberini, 38
Indirizzo: VIA Rossini Comune: Roma Provincia: RM
Comune: CASERTA Provincia: CE Cap: 00187 Nazione: IT
Cap: 81100 Nazione: IT
Telefono: 0441111111
Email: abc.xyz@alfa.it

Tipologia documento Causale Art. 73 N. Fattura Data Codice destinatario

TD1 (fattura) 10 09/06/2020 0000000

Codice articolo Descrizione Imponibile U.M. Sc.Mag %IVA IVA

Rifacimento intonaco prosso Vostro cantiere 800 N6


di ....
A seguito di lavori di ristrutturazione edili-
zia di cui all’art. 31, lett. c), Legge n. 457/1978

Dati riepilogo % IVA Spese accessorie Totale imposta Totale imponibile

Prestazione servizi sogget- N6 800


ta a reverse charge ex art. 17,
co. 6, D.P.R. n. 633/1972

Descrizione Esigibilità Valuta Totale fattura

EUR 800

Modalità di pagamento Iban Istituto Data scadenza Importo

MP03Bonifico IT55H020081011003231321323 800

102 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi

Mittente Destinatario

REGIME FORFETARIO
Identificativo fiscale ai fini IVA: IT00123456789 Identificativo fiscale ai fini IVA: IT00987654321
Codice fiscale: RSSMRA80A01B963J Codice fiscale: BNCSFN70A01L378U
Denominazione: MARIO ROSSI (non forfetario) Denominazione: BIANCHI STEFANO (forfetario)
Regime fiscale: RF01 (ordinario) Indirizzo: VIA Barberini, 38
Indirizzo: VIA Rossini Comune: Roma Provincia: RM
Comune: CASERTA Provincia: CE Cap: 00187 Nazione: IT
Cap: 81100 Nazione: IT
Telefono: 0441111111
Email: abc.xyz@alfa.it

Tipologia documento Causale Art. 73 N. Fattura Data Codice destinatario

TD1 (fattura) 10 09/06/2020 0000000

Codice articolo Descrizione Imponibile U.M. Sc.Mag %IVA IVA

01 Rifacimento intonaco prosso Vostro cantiere 800 N6


di ....
A seguito di lavori di ristrutturazione edilizia
di cui all’art. 31, lett. c), Legge n. 457/1978

Dati riepilogo % IVA Spese accessorie Totale imposta Totale imponibile

Prestazione servizi soggetta N6 800


a reverse charge ex art. 17, co.
6, D.P.R. n. 633/1972

Descrizione Esigibilità Valuta Totale fattura

EUR 800

Modalità di pagamento Iban Istituto Data scadenza Importo

MP03Bonifico IT55H020081011003231321323 800

Imponibile € 800 +
IVA 10% € 80 =
Totale € 880

Nell’esempio proposto, l’imprenditore individuale Mario Rossi in regime ordinario emette una fattura senza IVA in
quanto trova applicazione il meccanismo dell’inversione contabile (reverse charge).
Il destinatario della fattura, imprenditore Stefano Bianchi, pur essendo un contribuente forfetario, deve provvedere
all’integrazione della fattura ricevuta, nonché al versamento dell’IVA entro il giorno 16 luglio 2020.
L’importo dovuto a titolo di IVA (€ 80,00), così come evidenziato dalla fattura opportunamente integrata da parte del
contribuente forfetario, dovrà essere versato con il Mod. F24 (codice tributo 6006) in via telematica entro il 16 luglio
2020; l’IVA, per il contribuente forfetario, anche in tal caso, non è detraibile.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 103
Sezione prima - Il regime forfetario
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi

ΠE S E M P I O N . 6 - Acquisto di beni in territorio UE


REGIME FORFETARIO

GESTRA GmbH

Romestrasse 3 RECHNUNGSNUMMER 10
München DATUM 11/06/2020
DEUTSCHLAND

Stefano Bianchi
Via dei Carraresi n. 33
31100 - Treviso (TV)
IVA IT 01936710269

Colonna1 Menge Einzelpreis MwSt. Gesamtpreis


Artikel 1516F Hut 100 10,80 2,05 € 1.285,00

Warenwert Gesamt in 10,80 2,05 € 1.285,00

Nell’esempio proposto, l’imprenditore individuale Stefano Bianchi, che ha aderito al regime forfetario, ha effettua-
to un acquisto di beni in Germania.
Non superando l’importo di € 10.000 in acquisti intracomunitari, tali operazioni per il contribuente non costi-
tuiscono operazioni intracomunitarie. La fattura non deve essere integrata e non va presentato in modello
INTRASTAT.
Si ricorda che qualora gli acquisti superassero € 10.000, dal 1° gennaio 2021 il contribuente dovrà essere preventi-
vamente iscritto al VIES.

104 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi

ΠE S E M P I O N . 7 - Cessione a soggetto comunitario

REGIME FORFETARIO
Stefano Bianchi
Produzione souvenirs italiani

Via dei Carraresi n. 33 FATTURA N. 1


31100 - Treviso (TV) DATA 01/06/2020
Registro Imprese TV e
C.F. BNCSFN70A01L378U
P.IVA 01936710269

Spett.le
RUMBERG GROSSHANDEL GmbH
Alexanderplatz 1
Berlino
Germania

Art. Descrizione Quantità Prezzo Importo


15 Scarpine di legno decorate 100 € 6,00 € 600,00

TOTALE € 600,00

Imposta di bollo € 2,00

TOTALE DA CORRISPONDERE € 602,00

L'operazione non costituisce cessione intracomunitaria ai sensi dell'art. 41,


comma 2-bis, Decreto Legge 30 agosto 1993, n. 331.
Operazione senza applicazione dell'IVA ai sensi dell'art. 1, comma 58, Legge n.
190/2014, regime forfetario.

Come si può notare dalla fattura, l’imprenditore individuale emette una fattura senza applicazione dell’IVA in virtù
del fatto di appartenere al regime fiscale agevolato; l’operazione non costituisce cessione intracomunitaria e quin-
di non dovrà essere presentato il modello INTRASTAT.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 105
Sezione prima - Il regime forfetario
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi

ΠE S E M P I O N . 8 - Agente di commercio
REGIME FORFETARIO

Stefano Bianchi
Agente di commercio

Via dei Carraresi n. 33 FATTURA N. 1


31100 - Treviso (TV) DATA 10/04/2020
Registro Imprese TV e
C.F. BNCSFN70A01L378U
P.IVA 01936710269

Spett.le
GAMMA SRL
Via Venezia n. 118
31100 - Treviso (TV)
P.IVA 018212710267

DESCRIZIONE IMPORTO
Provvigioni I trimestre 2020 come da Vostro riepilogo € 1.000,00

TOTALE € 1.000,00

Quota previdenziale ENASARCO (8,50% su € 1.000,00) -€ 85,00

Imposta di bollo € 2,00

TOTALE DA CORRISPONDERE € 917,00

Operazione senza applicazione dell'IVA ai sensi dell'art. 1, comma 58, Legge n.


190/2014, regime forfetario, senza applicazione della ritenuta alla fonte a titolo
d'acconto.

Si noti che le provvigioni non vengono assoggettate ad IVA; inoltre viene richiesto di non assoggettarle a ritenuta
d’acconto (per gli agenti, pari al 23% sul 50% delle stesse).
In fattura è esposta la quota previdenziale ENASARCO a carico dell’agente.

106 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Esempi di fatturazione dei ricavi/compensi

ΠE S E M P I O N . 9 - Cessione di beni strumentali

REGIME FORFETARIO
L’imprenditore Stefano Bianchi, che ha iniziato l’attività adottando il regime dei contribuenti minimi, “passa” dal
2020 al regime forfetario.
A marzo 2020 viene emessa una fattura per cessione di beni strumentali: il tavolo da lavoro è stato acquistato nel
2014, mentre il tornio è stato acquistato a gennaio 2020.

Stefano Bianchi
Produzione souvenirs italiani

Via dei Carraresi n. 33 FATTURA N. 4


31100 - Treviso (TV) DATA 10/03/2020
Registro Imprese TV e
C.F. BNCSFN70A01L378U
P.IVA 01936710269

Spett.le
MARI SRL
Via Roma n. 1
37100 - Verona
P.IVA / C.F. ………………

Art. Descrizione Quantità Prezzo Importo


00 Tavolo da lavoro 1 € 500,00 € 500,00

00 Tornio semplice 1 € 800,00 € 800,00

TOTALE € 1.300,00

Imposta di bollo € 2,00

TOTALE DA CORRISPONDERE € 1.302,00

Operazione senza applicazione dell'IVA ai sensi dell'art. 1, comma 58, Legge n.


190/2014, regime forfetario.

Come precisato dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare 4 aprile 2016, n. 10 la plusvalenza o minusvalenza derivan-
te dalla cessione dei beni strumentali non è rilevante nella determinazione del reddito.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 107
Sezione prima - Il regime forfetario
Accertamento, sanzioni e compliance

ACCERTAMENTO, SANZIONI E COMPLIANCE


REGIME FORFETARIO

Ai contribuenti forfetari risultano applicabili ai fini dell’accertamento, della riscossione, dell’applicazione delle san-
zioni e del contenzioso le ordinarie disposizioni in materia di imposte sui redditi, IVA e IRAP.
Il comma 74, primo periodo, Legge n. 190/2014, stabilisce, infatti, che:

“Per l’accertamento, la riscossione, le sanzioni e il contenzioso si applicano, in quanto compatibili, le di-


sposizioni vigenti in materia di imposte dirette, di imposta sul valore aggiunto e di imposta regionale sulle attività
produttive.”.

 fattura elettronica;
La Legge di Bilancio 2020 ha introdotto un regime premiale volto ad incentivare l’utilizzo della
N O V I TÀ :
infatti per i contribuenti che si avvalgono del regime forfetario e che hanno un fat-
turato annuo costituito esclusivamente da fatture elettroniche, il termine di decadenza per la notifica-
zione degli avvisi di accertamento è ridotto di un anno, ossia è pari a quattro anni (rispetto ai vigenti cin-
que).

L’art. 1, comma 692, lettera f), Legge di Bilancio 2020, ha introdotto un nuovo periodo all’art. 1, comma 74, Legge n.
190/2014, che così recita:

“Per i contribuenti che hanno un fatturato annuo costituito esclusivamente da fatture elettroniche, il termine di deca-
denza di cui all’articolo 43, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, è ridot-
to di un anno”.

È quindi necessario, per beneficiare della riduzione del termine di decadenza dell’attività di accertamento, emette-
re tutte le fatture in formato elettronico e trasmetterle via SdI.
Il secondo periodo del citato comma 74, invece, prevede un aggravio delle sanzioni in caso di infedeltà di dati che
attestano:
O i requisiti per l’accesso di cui all’art. 1, comma 54, Legge n. 190/2014;
O le cause ostative di cui all’art. 1, comma 57, Legge n. 190/2014;
O i requisiti di novità per i forfetari start-up.

8 AT T E N Z I O N E : Infatti, in questi casi, come già previsto per i contribuenti minimi, le sanzioni di cui al
D.Lgs. n. 471/1997 sono aumentate del 10%, qualora il maggior reddito accertato sia superiore del 10%
rispetto a quello dichiarato.

Si evidenzia infine che nel quadro LM, rigo 21 del Mod. REDDITI 2020, sono presenti specifiche caselle per attestare
i requisiti indicati nei citati commi 54 (colonna 1) e 57 (colonna 2).

Accertamento, riscossione, sanzioni, contenzioso


In caso di infedele attestazione
di dati che incidono sui requisiti
Disposizioni
Si applicano
specifiche
In caso di accertamento definitivo che
faccia venir meno i requisiti per i forfetari
Le ordinarie disposizioni in materia di imposte
sui redditi, IVA e IRAP

108 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Accertamento, sanzioni e compliance

ΠESEMPIO

REGIME FORFETARIO
Un professionista dichiara un reddito di € 12.000,00, attestando l’assenza di cause ostative di cui al comma 57, pur
essendo socio di una società di persone.
A seguito di accertamento, il reddito, determinato con le regole ordinarie del TUIR, quale differenza tra compensi
e spese, comporta una rettifica pari ad € 2.000,00; il maggior reddito accertato supera del 10% il reddito dichiarato.
La sanzione per infedele dichiarazione del reddito d’impresa, stabilita in misura compresa dal 90% al 180% della
maggiore imposta (art. 1, comma 2, D.Lgs n. 471/1997), sarà aumentata del 10%.
Pertanto, se l’Ufficio nell’ambito della propria discrezionalità, stabilisce la sanzione base pari al 90%, la sanzione con-
cretamente irrogata sarà pari al 99% della maggiore imposta liquidata [90% + (90% x 10%)].
Considerato che il contribuente, a seguito dell’accertamento perde i requisiti per il regime forfetario, risultano appli-
cabili anche le sanzioni per IVA e IRAP.

DECADENZA DAL REGIME A SEGUITO DI ACCERTAMENTO


Conseguenze sanzionatorie ben più gravi si verificano ai sensi del terzo periodo dell’art. 1, comma 74, Legge n.
190/2014, il quale stabilisce che:

“Il regime forfetario cessa di avere applicazione dall’anno successivo a quello in cui, a seguito di accertamento di-
venuto definitivo, viene meno taluna delle condizioni di cui al comma 54 ovvero si verifica taluna delle fatti-
specie indicate al comma 57”.

Il periodo sopra citato, (art. 1, comma 74, Legge n. 190/2014) era stato precedentemente modificato dalla Legge di Bi-
lancio 2019, per tener conto della modifiche apportate ai requisiti di accesso, in quanto erano stati soppressi i requi-
siti relativi a limite dei beni strumentali e al costo del personale dipendente ed era rimasta, come unica condizione,
il limite reddituale di € 65.000.

 Legge di Bilancio
Tale periodo è stato nuovamente modificato per tenere conto delle modifiche apportate dalla
N O V I TÀ :
2020, che ha visto l’introduzione, come causa ostativa all’applicazione del regime forfe-
tario, l’avere sostenuto spese per lavoratori dipendenti/collaboratori superiori ad € 20.000 lordi.

Pertanto, il contribuente forfetario perde l’applicazione dal regime agevolato dall’anno successivo, qualora a segui-
to di accertamento:
O vengano meno talune delle condizioni di cui al comma 54, ovvero:
¾ il superamento del limite di € 65.000 di ricavi/compensi;

¾  superiore adun€ sostenimento


N O V I TÀ :
20.000 lordi.
delle spese per lavoratori/dipendenti per un ammontare complessivo

O si verifichi una fattispecie di cui al comma 57:


¾ soggetti che di avvalgono di regimi speciali IVA;
¾ soggetti non residenti;
¾ soggetti che effettuano in via esclusiva la compravendita di immobili e auto;
¾ persone fisiche la cui attività è esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in
corso o sono intercorsi rapporti di lavoro nei due anni precedenti;

¾  lati superiorisoggetti
N O V I TÀ : che nell’anno precedente hanno percepito redditi di lavoro dipendente/assimi-
a € 30.000 (non rileva se il rapporto di lavoro è cessato).

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 109
Sezione prima - Il regime forfetario
Accertamento, sanzioni e compliance

8 AT T E N Z I O N E : Si ricorda che per il regime forfetario non è prevista la cessazione dall’anno stesso in caso
di superamento di oltre il 50% del limite dei ricavi, come accade invece per i contribuenti minimi.
REGIME FORFETARIO

Allo stesso modo, anche per la cessazione a seguito di accertamento definitivo di oltre il 50% dei ricavi, la
cessazione del regime avviene comunque dall’anno successivo.

Uscita dal regime forfetario

Sempre
Anche se ricavi o compensi
dell’anno
> del 50 % dei limiti
successivo
Uscita dal regime forfetario
a seguito di accertamento
definitivo

ACCERTAMENTO E DETERMINAZIONE DEL REDDITO


Un’ulteriore conseguenza della fuoriuscita dal regime forfetario a seguito di un accertamento si verifica anche con
riferimento alle regole di determinazione del reddito per gli anni in cui il contribuente ha applicato il regime
agevolato.
Il ritorno al regime ordinario e dunque alla specifica categoria reddituale, comporta che dovranno essere diversa-
mente trattati i componenti negativi, in quanto si ritorna ad applicare le specifiche disposizioni del TUIR.

COMUNICAZIONI PER L’ADEMPIMENTO SPONTANEO IN PRESENZA DI PRESUNTE ANOMALIE


Come noto, l’Agenzia delle Entrate ha la possibilità di incrociare i dati presenti in Anagrafe tributaria ed inviare co-
municazioni di anomalie ai contribuenti per promuoverne l’adempimento spontaneo, oppure consentire loro di for-
nire elementi, fatti e circostanze non conosciuti in grado di giustificare le presunte anomalie.

8 AT T E N Z I O N E : Con Provvedimento 15 febbraio 2019, l’Agenzia delle Entrate ha comunicato l’invio ai


contribuenti di comunicazioni per la promozione dell’adempimento spontaneo riferite a più categorie
reddituali.
I dati contenuti nelle comunicazioni riguardano i dati presenti in Anagrafe tributaria riferibili:
O ai contratti di locazione registrati;
O ai redditi corrisposti per le diverse categorie reddituali, compresi in particolare redditi di lavoro autonomo sog-
getti a tassazione ordinaria o ai regimi di tassazione quali quelli ex art. 27, commi 1 e 2, D.L. n. 98/2011 (contri-
buenti minimi) o ex commi da 54 ad 89, art. 1, Legge n. 190/2014 (contribuenti forfetari);
O ai dati delle operazioni rilevanti ai fini IVA comunicati (spesometro);
nonché:
£ l’identificativo della comunicazione;
£ gli estremi del modello di dichiarazione presentato, nel quale non risultano dichiarati in tutto o in parte i
redditi percepiti;
£ l’importo del reddito parzialmente o totalmente omesso.
In altre parole, l’Agenzia può verificare dai dati in proprio possesso, ad esempio, dagli acquisti comunicati tramite
spesometro dal cliente del contribuente minimo/forfetario destinatario della comunicazione, la presenza di com-
pensi non indicati in sede di dichiarazione dei redditi dal professionista minimo/forfetario.

8 AT T E N Z I O N E : I contribuenti possono regolarizzare gli errori o le omissioni eventualmente commessi


tramite il ravvedimento operoso, presentando una dichiarazione integrativa, versando le maggiori im-
poste dovute, i relativi interessi e le sanzioni per infedele dichiarazione, beneficiando della riduzione del-
le sanzioni in ragione del tempo trascorso dalla commissione delle violazioni stesse.

110 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari e passaggi di regime

CONTRIBUENTI FORFETARI E PASSAGGI

REGIME FORFETARIO
DI REGIME

Nel corso della propria attività un contribuente può modificare il proprio regime contabile/fiscale di appartenenza:
ciò può accadere per obbligo, come ad esempio nei casi in cui abbia effettuato operazioni che precludono la perma-
nenza in un regime agevolato, oppure per opzione, qualora cioè egli ritenga più conveniente cambiare il regime di
appartenenza.
Entrambi i casi sono regolamentati da norme e documenti di prassi.

LE REGOLE PER I PASSAGGI DI REGIME


La regola di base che disciplina i passaggi di regime è dettata dal D.P.R. n. 442/1997, secondo cui l’opzione e la revo-
ca di regimi di determinazione dell’imposta:
O vincola il contribuente per almeno un triennio, trascorso il quale si rinnova tacitamente per ciascun anno suc-
cessivo, finché permane la concreta applicazione del regime scelto;
O si desume da comportamenti concludenti del contribuente o dalle modalità di tenuta delle scritture contabili;
O viene effettuata dal contribuente che è tenuto a comunicare l’opzione nella prima dichiarazione annuale IVA
da presentare successivamente alla scelta operata (quadro VO).
Tuttavia, il criterio del vincolo triennale è stato di fatto “superato”, secondo l’Agenzia delle Entrate, dal fatto che per
le imprese, regime forfetario e regime semplificato sarebbero entrambi regimi naturali, in presenza dei requisiti.
Infatti, come ha precisato con Circolare n. 9/2019, richiamando la precedente Risoluzione n. 64/2018, il contribuen-
te che, pur possedendo i requisiti previsti per l’applicazione del regime forfetario, abbia optato per i regimi di con-
tabilità semplificata di cui all’articolo 18, D.P.R. n. 600/1973, può passare al regime forfetario senza attendere il de-
corso di un triennio.

8 AT T E N Z I O N E : Secondo il documento di prassi, i contribuenti possono sempre transitare dal regime


semplificato al forfetario se in possesso dei requisiti per l’applicazione. In tal caso, infatti, il contribuen-
te passa da un regime naturale a un altro regime naturale.

In merito l’Agenzia delle Entrate, con Risoluzione n. 64/2018, aveva stabilito che il contribuente che, pur posseden-
do i requisiti previsti per l’applicazione del regime forfetario abbia optato per i regimi di contabilità semplifica-
ta di cui all’articolo 18, D.P.R. n. 600/1973, può passare al regime forfetario senza attendere il decorso di un trien-
nio, anche qualora abbia scelto la particolare modalità di registrazione di cui al comma 5 del predetto articolo 18.

Secondo la Circolare n. 9/2019, qualora poi un contribuente nell’anno precedente sia stato in regime semplificato per-
ché non presentava i requisiti ai fini dell’applicazione del regime forfetario, lo stesso contribuente può applicare il
regime forfetario a partire dall’anno successivo, qualora siano venute meno le cause di esclusione: a tal fine, come
già detto, non occorre alcuna comunicazione preventiva o successiva e non è necessario esercitare una specifica
opzione.

LA RIFORMA DEI REGIMI FISCALI AGEVOLATI


A seguito della revisione dei regimi agevolati effettuata dalla Legge n. 190/2014, dal 2015 è in vigore solo il regime
forfetario. Tuttavia, il comma 88 della Legge n. 190/2014 prevede che coloro che applicavano il regime dei minimi
possano continuare ad applicarlo fino al momento della cessazione “naturale”, ossia:

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 111
Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari e passaggi di regime

O alla fine del quinquennio


O o al compimento del 35° anno di età.
REGIME FORFETARIO

8 AT T E N Z I O N E : I contribuenti minimi ex art. 27, commi 1 e 2, D.L. n. 98/2011 possono permanervi fino a
cessazione naturale, per i soggetti che abbiano avviato un’attività entro il 31 dicembre 2015, mentre non è
più possibile aderirvi.
Di conseguenza, nel 2019 si è concluso il quinquennio agevolato (2015-2019) per la generalità dei contribuenti che
avevano avviato l’attività entro il 31 dicembre 2015.
Dal 2020 il regime dei minimi rimane in vigore solo per i contribuenti già in attività che non abbiano ancora com-
piuto i 35 anni.

LA SCELTA DEL REGIME FISCALE DAL 2020 PER I CONTRIBUENTI FORFETARI NEL 2019
Un contribuente forfetario nel 2019 può, nel 2020:
O permanere nel regime forfetario, eventualmente nella sua versione agevolata per le start-up;
O adottare la contabilità semplificata (che sarà quindi in regime di cassa);
O adottare la contabilità ordinaria.
Non è invece più possibile accedere al regime dei minimi.

 eventuali vincoli
Con Circolare n. 9/2019 l’Agenzia delle Entrate ha confermato la possibilità di derogare ad
N O V I TÀ :
triennali qualora il contribuente abbia optato per la contabilità semplificata, anche nel
caso di opzione per l’art. 18, comma 5, D.P.R. n. 600/1973 (modalità di registrazione).

Data la grande varietà di situazioni che possono verificarsi nei passaggi di regime, si analizzerà la disciplina nel seguente modo:
X nella presente sezione sono analizzati i possibili passaggi di regime da parte dei soggetti che nell’anno precedente
erano in regime forfetario;
X nella sezione “Il regime dei contribuenti minimi” sono analizzati i possibili passaggi di regime da parte dei soggetti che
nell’anno precedente erano in regime dei minimi;
X nella sezione “Il regime di contabilità semplificata per cassa” sono analizzati i possibili passaggi di regime da parte dei sog-
getti che nell’anno precedente erano in regime ordinario (contabilità ordinaria o semplificata).

PERMANENZA NEL 2020 NEL REGIME FORFETARIO


I soggetti che nel 2019 hanno applicato il regime forfetario proseguono con tale regime nel caso in cui:
O abbiano percepito ricavi/compensi non superiori ad € 65.000;
O abbiano rispettato i limiti previsti dal comma 54 e non abbiano integrato le cause di esclusione ex comma 57.

 di Bilancio Con Risoluzione 11 febbraio 2020, n. 7 è stato precisato che le modifiche apportate dalla Legge
N O V I TÀ :
2020 decorrono già dal 2020.

ΠESEMPIO 1

Barbiere in attività come forfetario per tutto il 2019.


Ricavi 2019 € 55.000
Spese per il personale € 15.000
Il soggetto può rimanere nel regime forfetario anche nel 2020.

112 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari e passaggi di regime

ΠESEMPIO 2

REGIME FORFETARIO
Barbiere in attività come forfetario per tutto il 2019.
Ricavi 2019 € 30.000
Compensi lordi in qualità di lavoratore dipendente € 32.000
Il soggetto non può rimanere nel regime forfetario nel 2020.

ADOZIONE NEL 2020 DEL REGIME ORDINARIO IN CONTABILITÀ SEMPLIFICATA


I soggetti che nel 2019 hanno applicato il regime forfetario, possono applicare nel 2020 il regime ordinario (con-
tabilità semplificata):
O per opzione, se in possesso dei requisiti per la prosecuzione nel regime forfetario.

 nella Risoluzione
Con Circolare 10 aprile 2019, n. 9, l’Agenzia delle Entrate, confermando quanto indicato
N O V I TÀ :
n. 64/2018, ha chiarito che il contribuente in possesso dei requisiti previsti per
il regime forfetario che abbia optato per il regime di contabilità semplificata di cui all’articolo 18,
D.P.R. n. 600/1973, può tornare al regime forfetario senza attendere il decorso di un triennio, an-
che qualora abbia scelto la particolare modalità di registrazione di cui al comma 5 del predetto
articolo 18.
Tale passaggio, infatti, è possibile dato che si tratta “di due regimi naturali dei contribuenti minori”.

O per obbligo, in mancanza dei requisiti. Anche in tal caso non vi è alcun vincolo triennale, e pertanto tali sogget-
ti dall’anno successivo, possono aderire nuovamente al regime forfetario.
La norma infatti prevede che in caso di perdita dei requisiti la fuoriuscita avvenga a partire dall’anno successivo.

ΠESEMPIO N. 1

Contribuente in regime forfetario fino al 2019, nel 2020 opta per la contabilità semplificata. Essendo entrambi regimi
naturali, non vi è vincolo triennale.
2018 à regime forfetario
2019 à regime forfetario
2020 à regime ordinario per opzione (semplificata) NO
2021 à regime forfetario vincolo
2022 à regime forfetario triennale

ΠESEMPIO N. 2

Contribuente in regime forfetario, nel 2019 ha superato il limite di ricavi e pertanto nel 2020 fuoriesce per la perdita
dei requisiti. Può rientrare nel 2021, purché sia nuovamente in possesso dei requisiti.
2019 à regime forfetario
2020 à regime ordinario per perdita requisiti NO
2021 à regime forfetario vincolo
triennale

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 113
Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari e passaggi di regime

R COMPORTAMENTO CONCLUDENTE

Come anticipato, l’opzione per il regime ordinario può avvenire tramite comportamento concludente.
REGIME FORFETARIO

8 AT T E N Z I O N E : Ciò significa che, sostanzialmente, i contribuenti che optano per il “regime ordinario”
devono provvedere a:
„ addebitare l’IVA ai propri cessionari o committenti;
„ porre in essere tutti gli adempimenti contabili ed extracontabili dai quali sarebbero diversamente
esonerati;
Possono inoltre esercitare il diritto alla detrazione dell’IVA.

Addebito IVA

Comportamento
Detrazione IVA
concludente

Adempimenti contabili ed extracontabili

Al riguardo occorre evidenziare che l’utilizzo dei misuratori fiscali, i quali consentono di indicare sul documento
commerciale l’aliquota IVA, non è considerata volontà di applicare l’imposta e quindi il regime ordinario.
Allo stesso modo non costituisce comportamento concludente l’emissione della ricevuta fiscale, che non contiene l’in-
dicazione dell’IVA.

Utilizzo misuratori fiscali


Non è
comportamento
concludente Emissione ricevuta fiscale

8 AT T E N Z I O N E : Per quanto riguarda la tenuta dei registri IVA (corrispettivi, fatture emesse, etc.), tale
adempimento non è considerato comportamento concludente in quanto, nonostante non sia obbligatorio,
può essere considerato utile al fine di tenere sotto controllo il volume di ricavi/compensi.

ADOZIONE NEL 2020 DEL REGIME ORDINARIO IN CONTABILITÀ ORDINARIA


Il regime “naturale” del contribuente forfetario nel 2019 che fuoriesca nel 2020 sarà quello di contabilità:
O semplificata, qualora i ricavi del 2019 siano inferiori ad € 400.000/700.000, oppure
O ordinaria nel caso (invero assai remoto) in cui nel 2019 il contribuente forfetario abbia realizzato ricavi/compen-
si superiori a tale soglia.
L’adozione della contabilità ordinaria è comunque sempre possibile su opzione, che vincola a tale scelta per un
triennio.

SOGGETTI CHE HANNO ESERCITATO UN’OPZIONE


Come richiamato, è consentito derogare al vincolo triennale per il passaggio da semplificato a forfetario.
Tuttavia, è comunque necessario valutare il caso in cui il contribuente forfetario nel 2019 che deroghi al proprio re-
gime naturale per il 2020, esercitando un’opzione. In particolare il forfetario che, pur in possesso dei requisiti per
permanervi, nel 2020:

114 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari e passaggi di regime

O acceda al regime ordinario in contabilità semplificata, passa da un regime naturale ad un altro anch’esso natu-
rale per le imprese minori. Non sarà pertanto soggetto al vincolo triennale; pertanto nel 2021, avendone i requi-

REGIME FORFETARIO
siti, potrà adottare il regime forfetario;
O acceda al regime ordinario in contabilità ordinaria, passa da un regime naturale ad uno opzionale. Tale opzio-
ne lo vincolerà a permanervi fino al 2022.

RIEPILOGO

2019 2020

Permanenza nel regime forfetario (eventualmente nei primi cinque anni con riduzione per start up)

Contabilità semplificata X per opzione o per obbligo, senza vincolo triennale


Contribuente
forfetario
X per opzione (con requisiti per forfetari), con vincolo triennale
Contabilità ordinaria X per obbligo (superamento soglia € 400.000/700.000 nel 2019),
senza vincolo triennale

Nei casi di applicazione del regime ordinario per opzione (sia contabilità semplificata per opzione che contabilità
ordinaria per opzione) sarà necessario effettuare la comunicazione all’Agenzia delle Entrate con la prima dichiara-
zione annuale IVA presentata successivamente alla scelta, tramite compilazione del quadro VO.
Ad esempio, il contribuente forfetario 2019 che opta per la contabilità semplificata per cassa dal 2020, comunicherà
l’opzione, per la determinazione dell’IVA e del reddito nei modi ordinari, nel Mod. IVA 2021.

Comportamento
concludente
Contribuenti Opzione per il
forfetari “regime ordinario”
Conferma nel quadro
VO - Dichiarazione IVA

Regime Vincolante
naturale per triennio (*)

(*) Il vincolo triennale non si applica nel caso di passaggio da forfetario a contabilità semplificata e viceversa in quanto trattasi di regimi naturali.

8 AT T E N Z I O N E : A differenza di quanto previsto per il regime dei contribuenti minimi, i soggetti che ces-
sano di applicare il regime agevolato (per opzione o per mancato rispetto dei requisiti), qualora tornino
in possesso dei suddetti requisiti possono tornare ad avvalersene in un momento successivo.

Opzione per il regime Esclusione non definitiva


ordinario dal regime forfetario

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 115
Sezione prima - Il regime forfetario
Contribuenti forfetari e passaggi di regime

IL PROFESSIONISTA ED IL TRANSITO DA SEMPLIFICATA E REGIME FORFETARIO


REGIME FORFETARIO

 sionista che:Con Risposta 11 aprile 2019, n. 107, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti ad un profes-
N O V I TÀ :

„ ha adottato nel 2016 il regime contabile semplificato per gli esercenti arti e professioni;
„ nel 2017, pur avendo i requisiti per accedere al regime naturale forfetario, ha manifestato, con la presen-
tazione della dichiarazione IVA, l’opzione di rinnovo tacito per il regime contabile semplificato;
„ chiedeva se, tenuto conto dei chiarimenti resi con la Risoluzione n. 64/2018, fosse possibile applicare il
regime naturale forfetario a partire dal 1° gennaio 2019.

In altre parole, ha chiesto se potesse essere applicato anche al proprio caso il criterio secondo il quale regime di cas-
sa e regime forfetario sono entrambi regimi naturali.
L’Agenzia delle Entrate ha precisato però che i chiarimenti forniti con la citata Risoluzione n. 64/2018 sono riferiti
ad un soggetto esercente attività d’impresa, lasciando quindi intendere che non possono essere estesi ai soggetti
esercenti attività di lavoro autonomo.
Secondo l’Amministrazione finanziaria, al caso di specie trova invece applicazione quanto chiarito nella Circolare
4 aprile 2016, n. 10, ossia che, ai sensi dall’art. 1, D.P.R. n. 442/1997, in deroga al vincolo triennale disposto dall’art. 3,
D.P.R. n. 442/1997 nel caso di opzione per regimi di determinazione dell’imposta, è possibile “la variazione dell’opzio-
ne e della revoca nel caso di modifica del relativo sistema in conseguenza di nuove disposizioni normative”.
Di conseguenza il soggetto, in possesso dei requisiti per accedere al regime forfetario, ha potuto transitare dal re-
gime di tassazione ordinario a quello forfetario già dal 2019 a seguito delle variazioni intervenute nelle disposizio-
ni normative.

116 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Comunicazioni per l’applicazione del regime forfetario all’inizio dell’attività

COMUNICAZIONI PER L’APPLICAZIONE

REGIME FORFETARIO
DEL REGIME FORFETARIO ALL’INIZIO
DELL’ATTIVITÀ

Il regime forfetario è un regime naturale qualora l’impresa/lavoratore autonomo rispetti i requisiti richiesti.
I soggetti che iniziano l’attività e presumono di rispettare tutti i requisiti previsti dalla normativa per poter aderi-
re al regime forfetario, devono darne comunicazione nella dichiarazione di inizio attività, tramite il Mod. AA9/12.

8 AT T E N Z I O N E : In linea generale, il contribuente deve effettuare una scelta tra l’applicazione del regime
agevolato e, pur in possesso dei requisiti, l’applicazione/prosecuzione con il regime ordinario, in quanto
operare come contribuente forfetario implica l’adozione di determinati comportamenti (ad esempio, non
addebitare l’IVA nelle fatture emesse o non esercitare il diritto alla detrazione su quelle di acquisto).
La scelta è pertanto “obbligatoria”, sia nel senso dell’applicazione che della non applicazione del regime in
esame e dipende essenzialmente dall’analisi comparata dei vantaggi che si acquisiscono con il regime e da-
gli svantaggi che esso comporta.

È considerato forfetario Salvo opzione


Il contribuente possiede
i requisiti per accedere al
regime forfetario Deve osservare
determinati comportamenti

Prescindendo in tale capitolo dalle valutazioni circa la convenienza o meno ad aderire al regime agevolato, si ana-
lizzano gli adempimenti da porre in essere nel “passaggio” al regime per il contribuente in possesso dei requisiti
per l’accesso, distinguendo tra:
O soggetti che iniziano l’attività;
O soggetti che sono già in attività.

CONTRIBUENTI CHE INIZIANO L’ATTIVITÀ


I contribuenti che iniziano l’attività, nel rispetto dei requisiti richiesti dalla disciplina possono scegliere di appli-
care, in alternativa al regime ordinario, il regime forfetario.

Art. 1, comma 54, Legge n. 190/2014


(requisiti d’accesso)
Persone fisiche verifica
che iniziano attività requisiti
Art. 1, comma 57, Legge 190/2014
(cause ostative)

L’adozione del regime agevolato al momento dell’inizio dell’attività comporta che nel Modello AA9/12 venga comu-
nicata la presunzione della sussistenza dei requisiti per l’accesso.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 117
Attività esercitata
e luogo di esercizio CODICE ATTIVITÀ DESCRIZIONE ATTIVITÀ
in caso di più attività
indicare l’attività
prevalente VOLUME D’AFFARI PRESUNTO ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI DI CUI ALL’ART. 60-BIS

Sezione prima - Il regime forfetario


INDIRIZZO COMPLETO (VIA O PIAZZA, NUMERO CIVICO, SCALA, INTERNO, PALAZZINA, ECC.) SCRITTURE
CONTABILI

Comunicazioni per l’applicazione del regime forfetario all’inizio dell’attività


C.A.P. COMUNE (senza abbreviazione) PROVINCIA

Regimi fiscali agevolati


REGIME FORFETARIO

Regime fiscale agevolato (vedere istruzioni)


Attività di commercio INDIRIZZO DEL SITO WEB PROPRIO OSPITANTE

elettronico

Il modello AA9/12, INTERNET


nellaSERVICE
parte dedicata ai “Regimi fiscali agevolati” contenuta nel Quadro B, prevede che sia indicato
PROVIDER CESSAZIONE

uno dei seguenti codici: C

QUADRO C
TITOLARE CODICE FISCALE COGNOME NOME

Codice Descrizione
Dati identificativi
DATA DI NASCITA COMUNE (o Stato Estero di nascita) PROVINCIA
Adesione, al sussistere dei requisiti, al regime dei minimi ex art. 27, commi 1 e 2, DL n. 98/2011.
1
Residenza anagrafica o,
Tuttavia, si rammenta
INDIRIZZO COMPLETO cheCIVICO,
(VIA O PIAZZA, NUMERO l’adesione alPALAZZINA,
SCALA, INTERNO, regime ECC.)dei minimi non è più possibile. SCRITTURE
CONTABILI
se diverso,
2
Domicilio Fiscale Adesione,
C.A.P.
al sussistere dei requisiti, al regime forfetario ex art. 1, comma 54, Legge n. 190/2014
COMUNE (senza abbreviazione) PROVINCIA

CODICE FISCALE
Si rammenta che i contribuenti che aderiscono ad un regime fiscale agevolato non devono indicare il volume d’af-
fari presunto nel campo relativo all’attività esercitata poiché tale dato costituisce uno dei presupposti per l’applica-
Pagina n.
zione del regime.
QUADRO G Barrare la casella “A” in caso di comunicazione di nuova attività
Barrare la casella “C” in caso di comunicazione di cessazione di attività
INFORMAZIONI INERENTI
MODALITÀ DI COMUNICAZIONE DELLA SCELTADESCRIZIONE ATTIVITÀ
LE ATTIVITÀ ESERCITATE TIPO
COMUNICAZIONE
CODICE
ATTIVITÀ
VOLUME D’AFFARI
PRESUNTO
CONTABILITÀ
SEPARATA

Le modalità
SEZIONE 1 di comunicazione
A C della nuova attività sono differenti a seconda che si tratti di attività di impresa o
di lavoro
ALTRE autonomo.
ATTIVITÀ
ESERCITATE
A C

8 AT T E N Z I O N E : In caso di attività di impresa, infatti, per comunicare l’iscrizione, la cancellazione o la


A C
semplice variazione dei dati, è necessario utilizzare il modello ComUnica, approvato con Decreto 19 no-
vembre 2009.A C
SEZIONE 2 Barrare la casella “A” in caso di comunicazione di nuova sede
Diversamente,
ALTRI LUOGHI IN CUI in caso
VENGONO ESERCITATE
di attività di lavoro autonomo, è necessario utilizzare le consuete modalità di comunicazio-
Barrare la casella “C” in caso di comunicazione di chiusura sede
SCRITTURE
ne, ovvero la presentazione del Modello
LE ATTIVITÀ AA9/12 all’Agenzia delle Entrate.
INDIRIZZO COMPLETO (VIA O PIAZZA, NUMERO CIVICO, SCALA, INTERNO, PALAZZINA, ECC.)
CONTABILI
E/O CONSERVATE TIPO TIPO

Gli
LE SCRITTURE CONTABILI
esercenti arti e professioni
COMUNICAZIONE
(nonché tutti
SEDE
C.A.P. i soggetti
COMUNEiscrivibili nel solo REA) sono infatti esclusi dalla procedu-
PROVINCIA

ra ComUnica. A C
INDIRIZZO COMPLETO (VIA O PIAZZA, NUMERO CIVICO, SCALA, INTERNO, PALAZZINA, ECC.) SCRITTURE
CONTABILI
Tuttavia si evidenzia che,
TIPO
in allegato
TIPO
alla Comunicazione Unica, la compilazione del Mod. AA9 è uguale per impre-
se e lavoratori autonomi.
COMUNICAZIONE SEDE
C.A.P. COMUNE PROVINCIA

A C
INDIRIZZO COMPLETO (VIA O PIAZZA, NUMERO CIVICO, SCALA, INTERNO, PALAZZINA, ECC.) SCRITTURE
CONTABILI

COMUNICAZIONE DELLA VOLONTÀ DI EFFETTUARE ACQUISTI INTRACOMUNITARI


TIPO
COMUNICAZIONE
TIPO
SEDE
C.A.P. COMUNE PROVINCIA

Analogamente alla generalità dei contribuenti, i forfetari sono obbligati a manifestare preventivamente la volontà di
A C

effettuare
QUADRO H acquisti intracomunitari, all’atto della presentazione della dichiarazione di inizio attività (Modello AA9)
Presunzione di cessione
o– successivamente,
rapporto al fine di essere inclusi nell’archivio VIES.
Partita IVA o codice fiscale del rappresentante
di rappresentanza
Aart.1,
tal comma
fine, i4,contribuenti che presumono di effettuare nell’esercizio della loro attività le predette operazioni, devo-
D.P.R.
no n. 441/1997
compilare il campo “OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE” presente nel quadro I del citato Mod. AA9/12.
INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA TELEFONO FAX
QUADRO I prefisso numero prefisso numero

ALTRE INFORMAZIONI
IN SEDE SITO WEB
DI INIZIO ATTIVITÀ

Dati relativi all’immobile TITOLARITÀ DELL’IMMOBILE TIPO DI CATASTO SEZIONE FOGLIO PARTICELLA SUBALTERNO
destinato all’esercizio
dell’attività
DATA DI REGISTRAZIONE UFFICIO NUMERO SOTTO NUMERO SERIE
ESTREMI REGISTRAZIONE CONTRATTO
DI LOCAZIONE O DI COMODATO (v. istruzioni)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE
VOLUME ACQUISTI PRESUNTO VOLUME CESSIONI PRESUNTO

Dati relativi all’attività TIPOLOGIA DELLA CLIENTELA LUOGO DI ESERCIZIO APERTO AL PUBBLICO euro euro euro oltre euro
esercitata 0 – 5.000 5.001 – 50.000 50.001 – 200.000 200.000
INVESTIMENTI INIZIALI

ALLEGATI

118 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Comunicazioni per l’applicazione del regime forfetario all’inizio dell’attività

8 AT T E N Z I O N E : Si ricorda che ai sensi dell’art. 35, D.P.R. n. 633/1972, l’inserimento nella banca dati VIES
avviene contestualmente all’attribuzione della partita IVA, qualora il contribuente ne faccia richiesta in

REGIME FORFETARIO
tale sede.

ESEMPIO INIZIO ATTIVITÀ


Il sig. Alberto Verdi nato a Milano, il 19/09/1986, codice fiscale VRDLRT86P19F205L, residente a Milano, in via Roma
9, decide di aprire la partita IVA, per poter svolgere la propria professione di ingegnere.
Il codice attività che dovrà indicare sarà il 71.12.10 “Attività degli studi di ingegneria”; per lo svolgimento dell’attività il
contribuente un immobile in affitto, sito in via Genova 45, a Milano, il cui contratto sarà stipulato successivamente
al rilascio della partita IVA (telefono 02/22232425 -02/22232426 - sito internet www.studioverdi.it - e-mail info@stu-
dioverdi.it).
Il contribuente inizia l’attività il 4 maggio 2020 e per la presentazione della dichiarazione si avvale del
commercialista.

R QUADRI INTERESSATI

Il contribuente dovrà presentare il Modello AA9/12 e dovrà compilare i seguenti quadri:


O quadro A: dove andrà barrata la casella 1 e indicata la data di inizio attività;
O quadro B: dove dovranno essere riportati i dati:
¾ identificativi del soggetto: (Verdi Alberto);
¾ relativi all’attività esercitata (codice attività, descrizione indirizzo ecc...).
Dovrà essere anche barrata la casella “Scritture contabili”, in quanto il contribuente conserva le scritture contabili
nel luogo in cui svolge la propria attività;
¾ nella sezione “Regimi fiscali agevolati ” nel riquadro “Regime fiscale agevolato (vedere istruzioni)” si indica il codice
2 per aderire al regime forfetario ex art. 1, comma 54, Legge n. 190/2014;
O quadro C: si indicano i propri dati (codice fiscale, cognome, nome, indirizzo ecc...);
O quadro I: si riportano alcuni dati, quali indirizzo di posta elettronica, sito web e telefono/fax. Non vengono in-
dicati i dati dell’immobile in locazione (estremi catastali e di registrazione del contratto), in quanto il rapporto di
locazione non è ancora in essere al momento della richiesta della partita IVA.
Il signor Verdi Alberto, infine, dovrà compilare il riquadro “Quadri compilati e firma della dichiarazione” dove:
O andranno barrate le caselle relative ai riquadri della dichiarazione compilati (quadro A, quadro B, quadro C e
quadro I);
O saranno indicate le pagine di cui si compone il modello (04);
O sarà riportata la data della dichiarazione.
Il contribuente, infine, dovrà sottoscrivere la dichiarazione.

8 AT T E N Z I O N E : Poiché per l’invio della dichiarazione il signor Verdi Alberto si avvale di un intermediario
abilitato, dovrà essere compilato anche il riquadro “Impegno alla trasmissione telematica”, sottoscritto dall’in-
termediario; inoltre dove deve essere indicato se l’impegno alla trasmissione di riferisce ad una dichiara-
zione predisposta dal contribuente o dal soggetto che la trasmette.

Si tralascia l’esposizione delle pagine che non presentano riquadri compilati.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 119
Sezione prima - Il regime forfetario
Comunicazioni per l’applicazione del regime forfetario all’inizio dell’attività

AA9/12
REGIME FORFETARIO

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ,


VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA
(IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI)

CODICE FISCALE

V R D L R T 69 6 P 1 9 F 2 0 5 L Pagina n. 0 1

QUADRO A
DATA INIZIO
TIPO DI DICHIARAZIONE
X1 INIZIO ATTIVITÀ
0 8
4 0 65 2 0 1
2 60
PARTITA IVA DATA VARIAZIONE
2 VARIAZIONE DATI L

PARTITA IVA DATA CESSAZIONE


3 CESSAZIONE ATTIVITÀ

PARTITA IVA
4 RICHIESTA DUPLICATO DEL CERTIFICATO DI PARTITA IVA

QUADRO B
SOGGETTO D’IMPOSTA DITTA OVVERO COGNOME E NOME

VERDI ALBERTO
Dati identificativi
RISERVATO A SOGGETTO NON RESIDENTE
INDIRIZZO COMPLETO (CITTÀ, VIA O PIAZZA, NUMERO CIVICO)

STATO ESTERO NUMERO IDENTIFICAZIONE IVA STATO ESTERO

Attività esercitata
e luogo di esercizio CODICE ATTIVITÀ DESCRIZIONE ATTIVITÀ
in caso di più attività
indicare l’attività 7 1 1 2 1 0 ATTIVITA' DEGLI STUDI DI INGEGNERIA
prevalente VOLUME D’AFFARI PRESUNTO ACQUISTI INTRACOMUNITARI DI BENI DI CUI ALL’ART. 60-BIS

INDIRIZZO COMPLETO (VIA O PIAZZA, NUMERO CIVICO, SCALA, INTERNO, PALAZZINA, ECC.) SCRITTURE
CONTABILI

VIA GENOVA 45 X
C.A.P. COMUNE (senza abbreviazione) PROVINCIA

2 0 1 0 0 MILANO M I
Regimi fiscali agevolati

Regime fiscale agevolato (vedere istruzioni)


2
Attività di commercio INDIRIZZO DEL SITO WEB PROPRIO OSPITANTE

elettronico

INTERNET SERVICE PROVIDER CESSAZIONE

QUADRO C
TITOLARE CODICE FISCALE COGNOME NOME

Dati identificativi
4 6 P 1 9 F 2 0 5 L VERDI
V R D L R T 6 ALBERTO
DATA DI NASCITA COMUNE (o Stato Estero di nascita) PROVINCIA

4 6 MILANO
1 9 0 9 1 9 6 M I
INDIRIZZO COMPLETO (VIA O PIAZZA, NUMERO CIVICO, SCALA, INTERNO, PALAZZINA, ECC.) SCRITTURE
Residenza anagrafica o, CONTABILI
se diverso,
Domicilio Fiscale
VIA ROMA 9
C.A.P. COMUNE (senza abbreviazione) PROVINCIA

2 0 1 0 0 MILANO M I

120 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Comunicazioni per l’applicazione del regime forfetario all’inizio dell’attività

CODICE FISCALE

REGIME FORFETARIO
V R D L R T 69 6 P 1 9 F 2 0 5 L Pagina n.
0 3

QUADRO G Barrare la casella “A” in caso di comunicazione di nuova attività


Barrare la casella “C” in caso di comunicazione di cessazione di attività
INFORMAZIONI INERENTI
LE ATTIVITÀ ESERCITATE TIPO CODICE
DESCRIZIONE ATTIVITÀ
VOLUME D’AFFARI CONTABILITÀ
COMUNICAZIONE ATTIVITÀ PRESUNTO SEPARATA

SEZIONE 1 A C
ALTRE ATTIVITÀ
ESERCITATE
A C

A C

A C
SEZIONE 2 Barrare la casella “A” in caso di comunicazione di nuova sede
ALTRI LUOGHI IN CUI Barrare la casella “C” in caso di comunicazione di chiusura sede
VENGONO ESERCITATE INDIRIZZO COMPLETO (VIA O PIAZZA, NUMERO CIVICO, SCALA, INTERNO, PALAZZINA, ECC.) SCRITTURE
LE ATTIVITÀ CONTABILI
E/O CONSERVATE TIPO TIPO
LE SCRITTURE CONTABILI COMUNICAZIONE SEDE
C.A.P. COMUNE PROVINCIA

A C
INDIRIZZO COMPLETO (VIA O PIAZZA, NUMERO CIVICO, SCALA, INTERNO, PALAZZINA, ECC.) SCRITTURE
CONTABILI
TIPO TIPO
COMUNICAZIONE SEDE
C.A.P. COMUNE PROVINCIA

A C
INDIRIZZO COMPLETO (VIA O PIAZZA, NUMERO CIVICO, SCALA, INTERNO, PALAZZINA, ECC.) SCRITTURE
CONTABILI
TIPO TIPO
COMUNICAZIONE SEDE
C.A.P. COMUNE PROVINCIA

A C

QUADRO H
Presunzione di cessione
– rapporto Partita IVA o codice fiscale del rappresentante
di rappresentanza
art.1, comma 4,
D.P.R. n. 441/1997

INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA TELEFONO FAX


QUADRO I prefisso numero prefisso numero

ALTRE INFORMAZIONI INFO@STUDIOVERDI.IT 02 22232425 02 22232426


IN SEDE SITO WEB
DI INIZIO ATTIVITÀ
WWW.STUDIOVERDI.IT
Dati relativi all’immobile TITOLARITÀ DELL’IMMOBILE TIPO DI CATASTO SEZIONE FOGLIO PARTICELLA SUBALTERNO
destinato all’esercizio
dell’attività
DATA DI REGISTRAZIONE UFFICIO NUMERO SOTTO NUMERO SERIE
ESTREMI REGISTRAZIONE CONTRATTO
DI LOCAZIONE O DI COMODATO (v. istruzioni)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE
VOLUME ACQUISTI PRESUNTO VOLUME CESSIONI PRESUNTO

Dati relativi all’attività TIPOLOGIA DELLA CLIENTELA LUOGO DI ESERCIZIO APERTO AL PUBBLICO euro euro euro oltre euro
esercitata 0 – 5.000 5.001 – 50.000 50.001 – 200.000 200.000
INVESTIMENTI INIZIALI

ALLEGATI

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 121
Sezione prima - Il regime forfetario
Comunicazioni per l’applicazione del regime forfetario all’inizio dell’attività

CODICE FISCALE

V R D L R T 69 6 P 1 9 F 2 0 5 L 0 4
REGIME FORFETARIO

Pagina n.

QUADRI COMPILATI Totale


E FIRMA DELLA Il sottoscritto dichiara di aver compilato i seguenti quadri XA XB XC D E F G H XI (barrare) Pagine 0 4
DICHIARAZIONE

DATA 10/06/2016
5 20 CODICE FISCALE V R D L R T 64 6 P 1 9 F 2 0 5 L

FIRMA DEL DICHIARANTE

DELEGA

Il sottoscritto delega il Sig.

nato a il a presentare in sua vece il presente modello

DATA FIRMA DEL DICHIARANTE


IMPEGNO ALLA Codice fiscale dell’intermediario
PRESENTAZIONE N R E M R A 6 6 R 2 1 F 2 0 5 Q N. iscrizione all’albo dei CAF
TELEMATICA

RISERVATO Impegno a presentare per via telematica la dichiarazione predisposta dal contribuente X
ALL’INTERMEDIARIO

Impegno a presentare per via telematica la dichiarazione del contribuente predisposta dal soggetto che la trasmette

Mario Neri
giorno mese anno

Data dell’impegno 5 2 0 1
1 0 0 6 2 6
0 FIRMA DELL’INTERMEDIARIO

122 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
L’ingresso nel regime fiscale agevolato

L’INGRESSO NEL REGIME FISCALE

REGIME FORFETARIO
AGEVOLATO

Le differenze previste in termini di semplificazione degli adempimenti e di determinazione del reddito rendono
complesso il passaggio al regime forfetario quando i contribuenti nel 2019 hanno applicato il regime ordinario IVA.
Diversamente, le problematiche evidenziate non sussistono con riferimento ai contribuenti:
O che iniziano l’attività adottando il regime forfetario;
O provenienti dal regime dei minimi che passano dal 2020 al regime forfetario.
In particolare, con riferimento all’IVA, le problematiche maggiori si riscontrano a causa del passaggio da un regime in
cui è consentita la detrazione dell’IVA a credito ad un regime in cui vige l’indetraibilità dell’IVA assolta sugli acquisti.
Si rende pertanto necessaria la “restituzione” dell’IVA detratta durante l’applicazione del regime ordinario al momento
del passaggio al nuovo regime, con il meccanismo della rettifica della detrazione di cui all’art. 19-bis2, D.P.R. n. 633/1972.
Ciò si sostanzia nella determinazione di un importo dell’IVA da evidenziare nell’ultima dichiarazione IVA da
presentare con riferimento all’ultimo “periodo ordinario”.
L’IVA dovuta a seguito della rettifica confluisce all’interno della dichiarazione IVA e concorre alla determinazione
dell’importo a debito/credito risultante dalla dichiarazione annuale.

8 AT T E N Z I O N E : Con riferimento alle imposte sui redditi, i problemi per i soggetti titolari di reddito d’im-
presa riguardano soprattutto il caso di passaggio da un regime di determinazione dei componenti reddituali:
„ secondo il principio di competenza, e con la determinazione analitica dei costi, se il regime precedente
è quello di contabilità ordinaria;
„ all’applicazione del principio di cassa, con la determinazione forfettizzata dei costi, previsto per i con-
tribuenti forfetari.
Diverso è il caso in cui, sia prima che dopo l’adozione del regime in esame risulta comunque sempre appli-
cabile ai fini reddituali il principio di cassa, come nei casi di ingresso nel regime forfetario:
„ da lavoratori autonomi;
„ da imprese provenienti dalla contabilità semplificata, che prevede anch’essa il principio di cassa (sep-
pure non di cassa “pura”).

Ai fini delle imposte sui redditi le criticità riguardano essenzialmente:


£ fenomeni di salti o duplicazione d’imposizione dei componenti reddituali;
£ la tassazione/deduzione di componenti riferiti a periodi che precedono l’applicazione del regime forfetario.

Passaggio di regime

Ai fini IVA Ai fini imposte sui redditi

Rettifica Tassazione componenti Eliminazione salti o


detrazione rinviati da anni precedenti duplicazione imposizione

Di seguito vengono analizzati i riflessi ai fini IVA e reddituali del passaggio dal regime ordinario al regime forfetario.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 123
Sezione prima - Il regime forfetario
L’ingresso nel regime fiscale agevolato

RETTIFICA DETRAZIONE IVA


REGIME FORFETARIO

Un aspetto rilevante connesso con il passaggio al regime agevolato riguarda l’obbligo di effettuare la rettifica del-
la detrazione dell’IVA a credito operata con riferimento ai beni non ancora ceduti e servizi non ancora utilizzati,
esistenti al 31 dicembre dell’ultimo anno di applicazione del regime ordinario.
Con riferimento all’ipotesi di applicazione del regime forfetario dal 2020 l’adempimento è di seguito schematizzato.

Beni non ancora ceduti e servizi Obbligo di rettifica


non ancora utilizzati detrazione IVA

Esistenti al 31/12/2019 Nel Mod. IVA 2020, rigo VF70

L’obbligo di rettifica della detrazione IVA si pone per tutti i contribuenti che hanno deciso di applicare dal 2020 il re-
gime forfetario, quando nel 2019 e precedenti hanno applicato il regime ordinario IVA.
La rettifica della detrazione dell’IVA va eseguita nella prima dichiarazione annuale IVA presentata dopo l’ingres-
so nel regime, ossia in quella relativa all’anno precedente al passaggio nel regime in commento.

8 AT T E N Z I O N E : Nel Mod. IVA 2020 relativo al 2019 a rigo:


„ VA14 va indicato che si tratta dell’ultima dichiarazione prima dell’accesso al regime;
„ VF70 va indicato l’importo della rettifica con segno negativo, in quanto a sfavore del contribuente.

L’IVA dovuta a seguito della rettifica confluisce dunque all’interno della dichiarazione IVA e concorre alla determi-
nazione dell’importo a debito/credito risultante dalla dichiarazione annuale.

8 AT T E N Z I O N E : Relativamente all’IVA dovuta a seguito di rettifica della detrazione a sfavore, l’imposta


dovuta non deve essere versata autonomamente: l’importo indicato a rigo VF70 confluisce infatti nel rigo
VL all’interno dell’imposta complessiva a debito o a credito che emerge dalla dichiarazione IVA.

OBBLIGO DI RETTIFICA DELLA DETRAZIONE


Per i beni ammortizzabili, compresi i beni immateriali, la rettifica va eseguita soltanto se non sono trascorsi i quat-
tro anni successivi a quello dalla loro entrata in funzione oppure 10 dalla data di acquisto in caso di immobili.
Va evidenziato che, secondo quanto precisato dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 7/2008, con riferimen-
to all’ingresso nel regime dei minimi, la rettifica dell’IVA deve essere eseguita anche con riferimento ai beni stru-
mentali di importo non superiore ad € 516,46 e ai beni con coefficiente di ammortamento ai fini reddituali supe-
riore al 25%:

“non ancora entrati in funzione al momento del passaggio al regime dei contribuenti minimi, ossia per i quali non
sono state ancora eseguite le deduzioni integrali o delle relative quote di ammortamento”.

Tale ultima indicazione delimita di fatto la portata della precisazione dell’Agenzia delle Entrate, escludendo dalla
rettifica i predetti beni già ammortizzati o entrati in funzione prima dell’ingresso nel regime.

8 AT T E N Z I O N E : Pertanto, ipotizzando l’ingresso nel regime forfetario dal 2020:


„ per i beni di importo non superiore ad € 516,46 acquistati nel periodo 2016 - 2019 e già ammortizzati, la
rettifica non va eseguita;
„ soltanto nell’ipotesi, invero marginale, in cui i beni non siano entrati in funzione alla data del 31 dicem-
bre 2019 sarà necessario effettuare la rettifica.

124 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
L’ingresso nel regime fiscale agevolato

L’obbligo di rettifica della detrazione, trova fondamento, ai sensi dell’art. 19-bis2, comma 3, D.P.R. n. 633/1972, nel
mutato regime di detrazione dell’IVA a credito che si verifica nel passaggio dal regime ordinario di determina-

REGIME FORFETARIO
zione dell’IVA al regime forfetario.

Al riguardo, la Circolare Ministeriale 24 dicembre 1997, n. 328/E ha affermato che:

“lo scopo delle rettifiche è, sostanzialmente, … di adeguare la detrazione dell’imposta all’effettiva e mutata
destinazione dei beni e dei servizi”.

Inoltre, come ribadito dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare 21 dicembre 2007, n. 73:

“l’IVA relativa a beni e servizi non ancora ceduti o non ancora utilizzati deve essere rettificata in un’unica soluzio-
ne, senza attendere il materiale impiego degli stessi”.

Da quanto sopra, si evince innanzitutto che la rettifica interessa in particolare:


O le rimanenze di magazzino risultanti al 31 dicembre 2019;
O i servizi non utilizzati al 31 dicembre 2019, quali ad esempio i canoni di leasing fatturati nel 2019 riferiti al 2020;
O i beni ammortizzabili (ad esempio, attrezzature, personal computer, mobili e arredi, autovetture, ecc.);
O gli immobili (ad esempio, capannone, ufficio, ecc.).

§ Rimanenze magazzino al 31/12/2019


Rettifica interessa
§ Servizi non utilizzati al 31/12/2019
IVA
§ Beni ammortizzabili acquistati dal 2016 in poi

MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE DELLA RETTIFICA


Per il calcolo dell’ammontare dell’IVA da “restituire” all’Erario, va considerato che:
O con riferimento alle rimanenze e ai servizi non ancora utilizzati, deve essere rettificato l’intero ammontare
dell’IVA a credito detratta all’atto dell’acquisto;
O relativamente ai beni strumentali (diversi dagli immobili), la rettifica deve essere effettuata con riferimento
a tanti quinti dell’imposta quanti sono gli anni mancanti al compimento del quinquennio di tutela fiscale.

Anno di acquisto 2016 2017 2018 2019

Ammontare della rettifica (quinti) 1/5 2/5 3/5 4/5

O relativamente agli immobili, la rettifica deve essere effettuata con riferimento a tanti decimi dell’imposta quan-
ti sono gli anni mancanti al compimento del decennio di tutela fiscale.

Anno di
2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019
acquisto/ultimazione

Ammontare della rettifica (decimi) 1/10 2/10 3/10 4/10 5/10 6/10 7/10 8/10 9/10

Come affermato nella citata Circolare Ministeriale n. 328/E, per effettuare la rettifica e consentirne il controllo da
parte dell’Amministrazione finanziaria, è necessario predisporre un’apposita documentazione nella quale indi-
care distintamente, per categorie omogenee, la quantità e i valori dei beni facenti parte del patrimonio aziendale.
L’IVA relativa a tali beni va determinata sulla base delle fatture d’acquisto più recenti.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 125
CODICE FISCALE

Sezione prima - Il regime


SEZ. 3 - Determinazione VF30 forfetario
METODO UTILIZZATO PER LA DETERMINAZIONE DELL’IVA AMMESSA IN DETRAZIONE
dell’IVA ammessa in • agenzie di viaggio 1 • spettacoli viaggianti e contribuenti minori 6
L’ingresso
detrazione nel regime fiscale agevolato
• beni usati 2 • attività agricole connesse 7

• operazioni esenti 3 • imprese agricole 8

R CANONI DI LEASING • agriturismo 4 • enoturismo 9

• associazioni operanti in agricoltura 5

Un’importante precisazione è stata data dalla Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 13/2008, con riferimento
Imponibile Imposta alla
REGIME FORFETARIO

SEZ. 3-A 1 2
VF31 Acquisti destinati alle operazioni imponibili occasionali
necessità di operare
Operazioni esenti le rettifiche dell’imposta detratta relativa al canone corrisposto anticipatamente ,00 ed al maxica-
,00
VF32 Se per l’anno 2019 sono state effettuate esclusivamente operazioni esenti barrare la casella 1
none iniziale. VF33 Se per l’anno 2019 ha avuto effetto l’opzione di cui all’art. 36-bis barrare la casella 1

8
Dati per il calcolo della percentuale di detrazione
: Nelloesenti
AT T E N Z I O N EOperazioni specifico
relative all’oroè statoOperazioni
chiarito esenti che,
di cui ai considerato
nn. da 1 a 9 che la rettifica della detrazione interessa i
da investimento effettuate dai soggetti dell’art. 10 non rientranti nell’attività propria Operazioni esenti di cui all’art. 10, Beni ammortizzabili e passaggi
servizi non ancora 19, co. 3, lett.è
utilizzati,
di cui all’art. d) necessario
dell’impresa o rettificare anche
accessorie ad operazioni l’IVA detratta
imponibili n. 27-quinquiesrelativamente al canoneinterni esenti di lea-
1 2 3 4

sing corrisposto anticipatamente ed al c.d. maxicanone,00


,00 iniziale. ,00 ,00

A tal fineVF34
si dovràOperazioni
versare all’Erario la frazione
non soggette dico.imposta
Operazioni non soggette
di cui all’art 74, 1 corrispondente
Operazioni esenti al periodo
art. 19, co. 3, lett. a-bis)
di residua durata
Operazioni artt. da 7 a 7-septies
MODELLO
senza diritto allaIVA 2020
detrazione
Periodo d’imposta 2019
del contratto o della rata.
5
,00
6

CODICE FISCALE ,00


7
,00 ,00
8

MODELLO IVA 2020


Percentuale di detrazione
(arrotondata all’unità
Periodo d’imposta 2019
più prossima)
CODICE FISCALE 9

R ESEMPI DI COMPILAZIONE %
VF35 IVA non assolta sugli acquisti e importazioni indicati al rigo VF15
QUADRO VF ,00

Œ
IVA detraibile per gli acquisti relativi all’oro effettuati
OPERAZIONI PASSIVE dai soggetti diversi dai produttori
VF36 e trasformatori ai sensi dell’art. 19, comma 5 bis Mod. N. ,00
ESEMPIO N. 1 QUADRI
E IVA AMMESSAVA - VB IN DETRAZIONE
VF37 IVA ammessa in detrazione ,00
INFORMAZIONI SULL’ATTIVITÀ IMPONIBILE % IMPOSTA
SEZ. 3-B
QUADRO VF 11 IMPONIBILE % 22 IMPOSTA
IlImprese
sig. Andrea Rossi
agricole (art.34) passa
VF1 al regime ESTREMIdal
forfetario IDENTIFICATIVI DEI RAPPORTI
2020 e presenta FINANZIARI
la seguente situazione
Mod. N. al 31 dicembre 2019.
VF38 Riservato alle imprese agricole miste - Totale operazioni imponibili diverse ,00 2 ,00
,00
OPERAZIONI PASSIVE VF2
E IVA AMMESSA VF39 ,00 42 ,00
,00
QUADRO VA Da compilare a cura del soggetto risultante da operazioni straordinarie
IN DETRAZIONE
Beni VF3
VF40 Anno
INFORMAZIONI E DATI
di fusioni, scissioni, ecc. indicare la partita IVADescrizione ,00 54 Rettifica ,00
,00
1
In caso del soggetto fuso, scisso, ecc.
RELATIVI ALL’ATTIVITÀ VF4
VF41 Barrare la casella se il soggetto trasformato continua a svolgere l’attività agli effetti dell’IVA 2 ,00 66 ,00
,00
Sez. Dati analitici VF5
SEZ. 11 -- Ammontare VF42 Attrezzatura tecnica per € 5.000 + IVA 22% (€ 1.100) ,00 Credito
7,3 No rettifica ,00
,00
7,3 dichiarazione IVA/2019 ceduto
VA1
degli acquisti effettuati VF6 Da compilare a cura delimponibili
soggetto dante
(esclusicausa
quelli nelle
di cuiipotesi di operazioni straordinarie
generali VF43 2014e importazioni
Acquisti
,00 7,5 ,00
nel territorio dello Barrare
righilaVF19,
casella se ilecontribuente ha partecipato ad1 operazioni straordinarie
4 7,5 ,00
Stato, degli acquisti VF7
VF44
ai
Operazioni VF20
imponibili Beni di costo non superiore a € 516,46
VF21) distinti
agricole di per
cui aliquota
alle d’imposta
sezioni e 2 del 3
,00 7,65
No rettifica ,00
,00
quadro
o per VE distinte
percentuale di per percentuale
compensazione, di compensazione,
tenendo conto al netto delle 7,65
Riservato al soggetto non residente nelle ipotesi di passaggio da rappresentante fiscale a identificazione diretta e viceversa ,00
intracomunitari VF8 variazioni in diminuzione,
di cui all’art.per
26, la determinazione
imposta dell’IVA
e delle importazioni VF45 delle
Indicare
variazioni
la partita IVA
detraibile forfettariamente Autovettura
relativa
e relativa
all’istituto in per €
precedenza20.000 +
adottato IVA 22% (€ 4.400), 5 ,00 7,95
7,95 € 352 ,00
,00
VF9
VF46 2016 ,00 8,3 ,00
,00
VA2 detratta
svolta in misura pari al 40%CODICE (€ 1.760) 8,3
(€ 1.760 x 1/5)
1
Indicare il codice dell’attività ATTIVITÀ
Strumentali VF10
VF47 Riservato ai curatori fallimentari e ai commissari liquidatori (da compilare soltanto per l’anno di inizio della,00
,00 8,5
8,5
procedura) ,00
,00
VA3
VF11
VF48 Barrare la casella se il modulo è relativo all’attività della prima frazione d’anno ,00
,00 8,8
8,8 € 176 1 ,00
,00
VF12
VF49 2017 PC per € 2.000 + IVA 22% (€ 440) ,00 ,00
Riservato alle società di gestione del risparmio (art. 8, d.l. 351/2001) ,00 10
10 (€ 440 x 2/5) ,00
VF13
VF50 1 ,00
,00 12,3
12,3 2 ,00
,00
VA4 Denominazione del fondo Numero Banca d’Italia
VF14
VF51 Variazioni e arrotondamenti d’imposta (indicare con il segno +/–) 3 ,00 22 € 440 ,00
,00
Partita IVA della società di gestione del risparmio sostituita
VF15
VF52
2019 importazioni
Acquisti
TOTALI e Somma
Attrezzatura
senza deipagamento
tecnica
d’imposta, per € 2.500 + IVA 22% (€ 550)
a VF51con utilizzo del plafond
algebrica righi da VF39
Terminali per il servizio radiomobile di telecomunicazione con detrazione superiore al 50%
1
,00
,00 (€ 550 x 4/5) ,00
VF53 Altri
VF16
IVAacquisti
detraibilenon imponibili,
imputata alle non operazioni
soggetti ad imposta
di cui al e relativi ad alcuni regimi speciali
rigo VF38
Totale imponibile
,00
Totale imposta ,00
VA5 Acquisti esenti (art. 10)
Importoapparecchiature
detraibile e importazioni
per le cessioni, anche nonintracomunitarie,
soggette all’imposta dei prodotti agricoli
1
2
di cui all’art.34, primo comma, ,00 2
Acquisti
VF54 Acquisti ,00 ,00
VF17 effettuatedaaisoggetti che siarticoli
sensi degli sono avvalsi
8, primo di comma,
regimi agevolativi
38 quater e 72 3
1
,00 4
,00
Servizi di gestione ,00 ,00
commi da 54 a 89, legge n.IVA
art. 1,(VF52+VF53+VF54) 190/2014da restituire € 968
VF55 TOTALE IVA ammessa in detrazione ,00
Sez. 2 - Dati Riservato ai soggetti che hanno usufruito 2 di agevolazioni per eventi eccezionali
SEZ. 3-C
riepilogativi relativi VA10 Occasionale effettuazione di operazioni esenti ovvero di operazioni ,00 imponibili
Indicare il codice desunto dalla “Tabella eventi eccezionali” delle istruzioni 1
aCasi
tutte le attività
particolari VF18 Acquisti e importazioni non soggetti all’imposta effettuati dai terremotati ,00
VA11 Gruppo
Ipotizzando che l’IVA detraibile per il 2019 sia pari a € 1.540 e l’IVA a debito sia pari a € 1.980, il Mod. IVA 2020 è così
IVA art. 70-bis
Se le operazioni esenti effettuate sono occasionali ovvero riguardano esclusivamente operazioni di cui ai nn. da 1 a 9
1
VF19 Acquisti e importazioni per i quali la detrazione è esclusa o ridotta (art. 19-bis1)
dell’art.10, non rientranti nell’attività propria dell’impresa o accessorie ad operazioni imponibili barrare la casella ,00
1
VF60 Riservato all’indicazione di eccedenze di credito di società ex controllanti da garantire
compilato: VA12
VF20 Acquisti e importazioni per i quali non è ammessa
Eccedenza di credito di gruppo relativa all’anno
1 la detrazione
Importo compensato nell’anno 2019
,00 2
Se le operazioni imponibilima effettuate sono occasionali barrare la casella ,00
VF21 Acquisti registrati nell’anno con detrazione dell’imposta differita ad anni successivi 1 ,00 2
VA13 Operazioni effettuate nei confronti di condomìni ,00
art. 32-bis, decreto-legge n. 83/2012
Se sono
VF61 Regime
state effettuate
forfetario cessioni occasionali
per le persone di beni
fisiche2 esercenti usatid’impresa,
attività arti e professioni (art. 1, commi da 54 a 89, leggeMODELLO
con l’applicazione n. 190/2014) IVA 2020
VA14 del regime del margine (d.l. n. 41/1995) barrare la casella ,00 1
Periodo d’imposta
Barrare la casella se si tratta dell’ultima dichiarazione in regime ordinario IVA 1 2019
X
VF22 (meno ) Acquisti CODICE FISCALE
Riservato
VA15 Società alle registrati
di comodo
negli anni precedenti
imprese agricole ma con imposta esigibile nel 2019 ,00 1
SEZ. 2 - Totale acquisti VF23 TOTALE ACQUISTI
Operazioni
Codice fiscale E IMPORTAZIONI
occasionali rientranti nel regime previsto Codice di identificazione ,00
Imponibilefiscale estero 1.540 ,00
Imposta
QUADRO
e importazioni,VB totale VF24VF62 1
Variazioni e arrotondamenti
dall’art. 34-bis per le attivitàd’imposta (indicare con il segno +/–)
agricole connesse
2 1 2
D ATI RELATIVI AGLI ESTREMI ,00 ,00
,00
imposta, acquisti
SEZ. 4
IDENTIFICATIVI
intracomunitari,DEI VB1
VF25 Denominazione
TOTALE IMPOSTA SUGLI
operatore QUADRO
ACQUISTI
finanziario VL
E IMPORTAZIONI IMPONIBILI
Risultante 2 + VF24) prospetto
dal predetto
(VF23 colonna Tipo di rapporto ,00
RAPPORTI FINANZIARI
importazioni e acquisti 3 4
IVA ammessa LIQUIDAZIONE
VF70 TOTALE rettifiche (indicare con il segno +/–)DELL’IMPOSTA ANNUALE
Imponibile Imposta
- 968 ,00
da San Marino
in detrazione 1 2
VF71 Acquisti
IVA ammessa in detrazioneQUADRI COMPILATI
intracomunitari ,00 572 ,00
,00
Mod. N.
1
Imponibile
2
1.540 - 968 Imposta
VF26 3 4
VB2 Importazioni ,00 ,00
QUADRO VL 3 DEBITI 4 CREDITI
LIQUIDAZIONE DELL’IMPOSTA con pagamento IVA senza pagamento IVA
ANNUALE
VL1 IVA a debito (somma dei righi VE26 e VJ19) 5 1.980 ,006
Acquisti da San Marino ,00 ,00
VL2 1 IVA
detraibile (da rigo VF71) 2 572 ,00
Sez. 1 - Determinazione Ripartizione totale acquisti e importazioni (rigo VF23):
dell’IVA dovuta o a VL3 IMPOSTA DOVUTA (VL1 – VL2) Beni destinati alla rivendita1.408
ovvero ,00
VB3
VF27 1 Beni ammortizzabili Beni strumentali non ammortizzabili alla produzione di beni e servizi Altri acquisti e importazioni
credito per il periodo 3 ovvero
2 3 4
4
d’imposta ,00 ,00 ,00 ,00
VL4 IMPOSTA A CREDITO (VL2 – VL1) ,00
Sez. 2 - Credito 1 Credito risultante dalla dichiarazione per il 2018 o credito annuale non trasferibile 2 (*)
1
,00
anno precedente VL8
di cui credito richiesto a rimborso in anni precedenti computabile in detrazione a seguito di diniego dell’ufficio (*) 2 ,00
VB4
Dopo aver compilato VL9 i3 restanti righinel(credito
Credito compensato modello F24 IVA 2018, interessi liquidazioni trimestrali, versamenti ,00 4 periodici, ecc.)
si determina il saldo
VL10IVA 2019.
Eccedenza di credito non trasferibile (*)
1
,00
1 2 ,00
VL11 Crediti art. 8, comma 6-quater, D.P.R. n. 322/98 2
Gruppo IVA (*) ,00
VB5 1
3 4 ,00
126 VL12 Versamenti periodici omessi Regime forfetario, regime dei minimiGruppo
e contabilità
IVA (*) 2 semplificata per cassa
,00
Sez. 3 - Determinazione 1 2 DEBITI CREDITI
dell’IVA a debito
o a credito relativa VL20 Rimborsi infrannuali richiesti (art. 38-bis, comma 2) ,00
VB6
a tutte le attività VL21 3 Ammontare dei crediti trasferiti (*) ,00 4
detrazione
• beni usati 2 • spettacoli viaggianti e contribuenti minori 6

• operazioni esenti 3 • attività agricole connesse 7

• agriturismo 4 • imprese agricole 8

Imponibile Imposta
1 2
SEZ. 3-A VF31 Acquisti destinati alle operazioni imponibili occasionali Sezione
,00prima - Il regime forfetario
,00
Operazioni esenti VF32 Se per l’anno 2018 sono state effettuate esclusivamente operazioni esenti barrare la casella 1

VF33 Se per l’anno 2018 ha avuto effetto l’opzione di cui all’art. 36-bis barrare la casella L’ingresso nel
1
regime fiscale agevolato
Dati per il calcolo della percentuale di detrazione
Operazioni esenti relative all’oro Operazioni esenti di cui ai nn. da 1 a 9

Œ
da investimento effettuate dai soggetti dell’art. 10 non rientranti nell’attività propria Operazioni esenti di cui all’art. 10, Beni ammortizzabili e passaggi
di cui all’art. 19, co. 3, lett. d) dell’impresa o accessorie ad operazioni imponibili n. 27-quinquies interni esenti
ESEMPIO N. 2 1
,00
2
,00
3

,00
4
,00

REGIME FORFETARIO
Il sig. Marco VF34 esercente
Bianchi, l’attività di bar, passa al regime forfetario dal 2020 eesenti
Operazioni non soggette
Operazioni presenta laMODELLO
seguente IVA
situazione Operazioni artt. da 7 a 7-septies
Operazioni non soggette di cui all’art 74, co. 1
art. 19, co. 3, lett. a-bis) MODELLO IVA 2019
2019 senza diritto alla detrazione
al 31 dicembre 2019. 5
,00
6

CODICE FISCALE ,00


7
,00
8
Periodo d’imposta 2018
,00
Percentuale di detrazione
(arrotondata all’unità
Beni Anno Descrizione Rettifica
9
più prossima)

%
VF35 IVA2014 Arredamento
QUADRI
non assolta sugli acquisti VAper
e importazioni € 6.000
- VB
indicati al rigo+VF14
IVA 20% (€ 1.200) No rettifica
QUADRO VF ,00
INFORMAZIONI
IVA detraibile per gli acquisti SULL’ATTIVITÀ
relativi all’oro effettuati
OPERAZIONI PASSIVE
dai soggetti diversi dai produttori
VF36 e trasformatori ai sensi dell’art. € 66
2016 PC EESTREMI
perIVA€ AMMESSA
19,1.500 +5 bis
IVAIN
IDENTIFICATIVI
comma 22% (€ RAPPORTI
DEI 330)
DETRAZIONE FINANZIARI Mod. N. ,00
VF37 IVA ammessa in detrazione (€ 330 x 1/5) ,00
QUADRO
SEZ. 3-B
QUADRO VA
VF Da compilare a cura del soggetto risultante da operazioni straordinarie 1
1 IMPONIBILE
IMPONIBILE % 2
2 IMPOSTA
IMPOSTA
Imprese agricole
INFORMAZIONI (art.34) VF38 Riservato alle imprese agricole miste - Totale operazioni imponibili diverse
E DATI € 176
2017 Arredamento per €IVA2.000 + IVAfuso,
22% (€ 440)
1
VF1 In caso di fusioni, scissioni, ecc. indicare la partita del soggetto scisso, ecc. ,00 2
,00 ,00
,00
RELATIVI ALL’ATTIVITÀ
OPERAZIONI PASSIVE VF2
VF39 Barrare la casella se il soggetto trasformato continua a svolgere l’attività agli effetti dell’IVA 2 ,00 42
,00
(€ 440 x 2/5) ,00
,00
E IVA AMMESSA
Strumentali
Sez. 1 - Dati
IN DETRAZIONE analitici VF40
VF3
VA1 Da compilare a cura del soggetto dante causa nelle ipotesi di operazioni straordinarie ,00 Credito
,00 dichiarazione IVA/2018 ceduto
,00
,00
generali Beni di costo non superiore a € 516,46 54
No rettifica
VF41
VF4 Barrare
Acquistilae casella se il contribuente
importazioni ha partecipato
imponibili (esclusi ad operazioni straordinarie
quelli di cui
3 ,00 7,3
,00 7,3
4
,00
,00
SEZ. 1 - Ammontare VF42
VF5 2018VF19,
ai righi
Riservato VF20 enon
al soggetto Attrezzatura
VF21) distinti per
residente (banco
nellealiquota
ipotesi frigo edalavastoviglie)
d’imposta
di passaggio pera identificazione diretta
rappresentante fiscale ,00e 7,5
,00 viceversa
7,5 € 528 ,00
,00
degli acquisti effettuati VF6
VF43 o per percentuale
Operazioni di compensazione,
imponibili agricole di cuitenendo
alle conto 1 eadottato
sezioni 2 del 5
Indicare la partita IVA relativa
€ 4.000all’istituto
+ IVA in precedenza
22% (€ 880) ,00 7,65 (€ 880 x 3/5)
,00 7,65 ,00
,00
nel territorio dello delle variazioni
quadro di cui
VE distinte perall’art. 26, e relativa
percentuale imposta
di compensazione, al netto delle
Stato, degli acquisti VF7
VF44
VA2 Indicare il codice
variazioni dell’attivitàper
in diminuzione, svolta
la determinazione dell’IVA CODICE ATTIVITÀ
1
,00 7,95
,00 7,95 ,00
,00
intracomunitari
e delle importazioni VA3
VF8
VF45 Autovettura
detraibileaiforfettariamente
Riservato curatori fallimentari per €liquidatori
e ai commissari 8.000 +(da IVA 22% (€
compilare 1.760),
soltanto per l’anno di inizio della,00
procedura)
,00 8,3
8,3 € 563 ,00
,00
2019
VF9 detratta
VF46 Barrare la casella se il modulo in misura
è relativo pariprima
all’attività della al 40% (€d’anno
frazione 704) 1,00
,00 8,5
8,5 (€ 704 x 4/5) ,00
,00
VF10
VF47 Riservato alle società di gestione del risparmio (art. 8, d.l. 351/2001) ,00
,00 8,8
8,8 ,00
,00
VF11
VF48
VA4 Denominazione del fondo Fatture
1
di acquisto: Numero Banca
,00 10d’Italia
,00 10
2
,00
,00
VF12
VF49 Partita IVA della societàXdi € 2.500del+risparmio
gestione IVA 4% (€ 100)
sostituita
3
,00
,00 12,3
12,3 € 552 ,00
,00
Rimanenze 2019
VF13
VF50 Variazioni
Terminali pere ilarrotondamenti€ 2.320 di+
d’imposta
servizioXradiomobile
IVA 10%
(indicare con (€ 232)
il segno
telecomunicazione +/–)
con detrazione superiore al 50% ,00(€22100 + € 232 + € 220),00
,00
VF14
VF51 Acquisti
TOTALI eSomma
importazioni senza
algebrica deipagamento d’imposta,
righi da VF39 a VF50con utilizzo del plafond
€ 1.000 + IVA 22% (€ 220) Totale imponibile ,00
,00 Totale imposta ,00
VA5 X
1
VF15
VF52 Altri
IVAacquisti non imponibili,
detraibile
Acquisti imputatanon
apparecchiature allesoggetti ad imposta
operazioni di cuie relativi
al rigoadVF38
alcuni regimi speciali ,00 ,00
2
,00
VF16 Acquisti
Servizi
Importodiesenti (art. 10)
gestione
detraibile e importazioni
per le cessioni, anche nonintracomunitarie,
soggette all’imposta 3
,00 ,00
dei prodotti agricoli di cui all’art.34, primo comma,
4
,00
VF53 effettuate aisoggetti
sensi degli articoli 8, primo comma, 38 quater e 72
Sez. 2 - Dati VF17 Acquisti da che si sono avvalsi di regimi agevolativi
Riservato ai soggetti che hanno usufruito di agevolazioni per eventi eccezionali
1
,00 ,00
n. IVA da restituire € 1.885
riepilogativi relativi VA10
VF54 TOTALEilIVA
Indicare ammessa
codice desuntoin dalla art. 1,(VF51+VF52+VF53)
detrazione
“Tabella commi
eventidaeccezionali”
54 a 89, legge
delle190/2014
istruzioni 1 ,00
a tutte le attività 2 1 2
SEZ. 3-C Occasionale
Maggiori effettuazione
corrispettivi per effettodidell’adeguamento
operazioni esentiaiovvero per il,00
di operazioni
parametri 2017 imponibili
VA11
Casi particolari VF18 Acquisti
(imponibilee importazioni
e imposta) non soggetti all’imposta effettuati dai terremotati ,00,00 ,00
Ipotizzando che l’IVA detraibile
Riservato per ilnell’attività
importazioni
all’indicazione 2019
di qualisia
ieccedenze
la pari
detrazione aè€diesclusa
di credito
propria dell’impresa
2.440
società e controllanti
l’IVA
o ridotta
ex
o accessorie ad(art.
a debito
19-bis1) sia pari a € 3.220, 1il Mod.
Se le operazioni esenti effettuate sono occasionali ovvero riguardano esclusivamente operazioni di cui ai nn. da 1 a 9
VF19 Acquisti
dell’art.10, non rientrantiper
e da garantire
operazioni imponibili barrare la casella ,00
IVA 2020 è così
VF60
VA12
compilato: VF20 Acquisti
Eccedenza e importazioni per i quali
di credito di gruppo nonall’anno
relativa
1
è ammessa la detrazione Importo compensato nell’anno,00 2018
2
,00
Se le operazioni imponibili effettuate sono occasionali barrare la casella 2
VF21 Acquisti registrati nell’anno ma con detrazione
VA13 Operazioni effettuate nei confronti di condomìni dell’imposta differita ad anni successivi 1
,00 ,00
Regime
Se sonoforfetario per le cessioni
state effettuate art. esercenti
persone occasionali
fisiche 32-bis, decreto-legge
attività
di beni con n. 83/2012
usati d’impresa, arti e professioni (art. 1, commi da 54 a 89, legge n. 190/2014)
l’applicazione
VF61
VA14 del regime del margine (d.l. n. 41/1995) 2 barrare la casella 1
MODELLO IVA 2019
Barrare la casella se si tratta dell’ultima dichiarazione in regime ,00
ordinario IVA Periodo d’imposta
1 X
2018
VF22 meno CODICE FISCALE
VA15 (Società) Acquisti
alle registrati
di comodo
Riservato negli anni precedenti
imprese agricole ma con imposta esigibile nel 2018 ,00 1

SEZ. 2 - Totale acquisti VF23 VA16 TOTALE


Gruppo ACQUISTI
IVA art.
Operazioni E IMPORTAZIONI
70-bis
occasionali rientranti nel regime previsto Imponibile ,00 2.440
Imposta 1 ,00
VF62
e importazioni, totale VF24 Variazioni Codice di identificazione fiscale estero 2
1
dall’art.
Codice 34-bis
fiscale per le attivitàd’imposta
e arrotondamenti agricole connesse
(indicare con il segno +/–)
QUADRO
imposta, acquistiVB 1 2 ,00 ,00
,00
DEZ
S RELATIVI AGLI ESTREMI VF25 TOTALE IMPOSTA SUGLI ACQUISTI
ATI. 4
intracomunitari, QUADRO VL IMPONIBILI
E IMPORTAZIONI Risultante dal predetto
(VF23 colonna 2 + VF24) prospetto ,00
IDENTIFICATIVI DEI
importazioni VB1
ammessa e acquisti VF70 Denominazione
IVA
RAPPORTI FINANZIARI LIQUIDAZIONE
operatore finanziario
3TOTALE rettifiche (indicare con il segno +/–) DELL’IMPOSTA ANNUALE Imponibile Tipo di rapporto
4
Imposta
- 1.885 ,00
da
in San Marino
detrazione 1 2
VF71 IVA ammessa in detrazione QUADRI COMPILATI
Acquisti intracomunitari ,00 555 ,00
VF26 1 Imponibile 2.440 - 1.885
Mod. N.
Imposta
2
3 4
Importazioni ,00 ,00
QUADRO VL VB2 DEBITI CREDITI
LIQUIDAZIONE DELL’IMPOSTA con pagamento IVA senza pagamento IVA
ANNUALE
VL1 3
IVA a debito (somma dei righi VE26 e VJ19) 5 3.220 ,00
6
4
Acquisti da San Marino ,00 ,00
VL2
IVA detraibile (da rigo VF71) 555 ,00
Sez. 1 - Determinazione Ripartizione totale acquisti e importazioni (rigo VF23):
dell’IVA dovuta o a VL3 1 IMPOSTA DOVUTA (VL1 – VL2) 2
Beni destinati alla rivendita 2.665
ovvero ,00
VF27 Beni ammortizzabili Beni strumentali non ammortizzabili alla produzione di beni e servizi Altri acquisti e importazioni
credito per il periodo VB3 1 ovvero 2 3 4

d’imposta ,00 ,00 ,00 ,00


VL4 3 IMPOSTA A CREDITO (VL2 – VL1) 4
,00
Sez. 2 - Credito Credito risultante dalla dichiarazione per il 2017 o credito annuale non trasferibile (*) 1
,00
anno precedente VL8 1
di cui credito richiesto a rimborso in anni precedenti computabile in detrazione 2a seguito di diniego dell’ufficio (*) 2
,00
Dopo aver compilatoVL9 i restanti
VB4 righinel(credito
Credito compensato modello F24 IVA 2018, interessi liquidazioni trimestrali, versamenti
,00 periodici, ecc.)
si determina il saldo
VL10IVA
3
2019.di credito non trasferibile (*)
Eccedenza 4
,00
1
,00
VL11 1 Crediti art. 8, comma 6-quater, D.P.R. n. 322/98 2 2
Gruppo IVA (*) ,00
TERMINI
RSez. DI VERSAMENTO
3 - Determinazione VB5 DEBITI CREDITI
dell’IVA a debito
o a credito relativa VL20 3 Rimborsi infrannuali richiesti (art. 38-bis, comma 2) ,00 4

Aa differenza
tutte le attività di
quanto era previsto
VL21 Ammontare dei creditiper l’adozione
trasferiti (*) del regime dei minimi, l’importo della,00rettifica non assume au-
esercitate
(come
tonoma rilevanzaVL22 1
invece)
Credito quanto
IVA risultante indicato
dai primi 3 trimestri nel suddetto
del 2018 rigo
compensato VF70
nel mod. F24 concorre
2
a determinare
,00 il saldo IVA 2019.
VL23 Interessi dovuti per le liquidazioni trimestrali
VB6 ,00
Il versamento va eseguito entroanno
VL24 3 Trasferimenti il 16precedente
marzorestituiti (codice
2020dalla tributo “6099”) in unica soluzione o in forma
controllante 4 rateale (mas-
,00
simo 9 rate), tenendo
VL25presente
Eccedenza che:
credito anno precedente ,00
VL26 1 Credito richiesto a rimborso in anni precedenti computabile in detrazione a seguito 2
di diniego dell’ufficio ,00
VL27 Crediti d’imposta utilizzati nelle liquidazioni periodiche e per l’acconto
VB7 ,00
Regime forfetario, regime
VL28 dei
3
minimi
Crediti ricevutiedacontabilità semplificata
società di gestione per cassa
del risparmio utilizzati nelle liquidazioni periodiche e per l’acconto 4
127
,00
VL29 Versamenti auto UE relativi a cessioni effettuate nell’anno ,00
VL30 Ammontare IVA periodica 1

,00
Sezione prima - Il regime forfetario
L’ingresso nel regime fiscale agevolato

£ l’importo dovuto va suddiviso in rate di pari importo e alle rate successive alla prima vanno applicati gli inte-
ressi dello 0,33% mensile; la seconda rata va quindi maggiorata dello 0,33%, la terza dello 0,66%, la quarta del-
REGIME FORFETARIO

lo 0,99% e così via;


£ le rate devono essere versate entro il giorno 16 di ogni mese di scadenza, a partire dal 16 marzo 2020, data en-
tro la quale va versata la prima rata.
oppure, in alternativa
£ entro il termine previsto per il versamento delle imposte risultanti dalla dichiarazione dei redditi (30 giugno
2020 – 30 luglio 2020 con la maggiorazione dello 0,40%). In tal caso il saldo IVA 2019 può essere versato:
¾ in unica soluzione maggiorando quanto dovuto dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese tra il 16 mar-
zo 2020 e il 30 giugno 2020 (o 30 luglio 2020). Così, se il saldo è versato entro il 30 giugno 2020 la maggiorazio-
ne sarà pari all’1,6% (0,40% x 3);
¾ in forma rateale maggiorando quanto dovuto dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese tra il 16 marzo
2020 e il 30 giugno 2020 (o 30 luglio 2020, con l’ulteriore maggiorazione dello 0,40%) e suddividendo l’importo
così determinato nel numero di rate scelte, per un massimo di 6 rate (5 se si inizia il 30 luglio 2020) in quan-
to la rateizzazione deve comunque concludersi entro il mese di novembre 2020.
Ad ogni rata successiva alla prima vanno applicati gli interessi dello 0,33% mensile.

OPERAZIONI AD ESIGIBILITÀ DIFFERITA NELL’ANNO PRECEDENTE ALL’INGRESSO


I soggetti che a partire dall’anno d’imposta 2020 si avvalgono del regime forfetario, per le operazioni con esigibi-
lità differita effettuate nel 2019 o in anni precedenti:
O nei confronti dello Stato e degli altri soggetti indicati nell’articolo 6, comma 5, D.P.R. n. 633/1972;
O ai sensi dell’articolo 32-bis, D.L. n. 83/2012 (IVA per cassa),
devono tenere conto, nell’ultima liquidazione 2019 della relativa imposta anche se non si è ancora verificata l’esi-
gibilità (art. 1, comma 62, Legge n. 190/2014).

Di conseguenza, tali operazioni devono essere indicate nella dichiarazione IVA 2020 nei righi corrispondenti alle
aliquote applicate (VE20, VE21, VE22, VE23) e solo nel caso in cui abbiano concorso a determinare il volume d’af-
fari di anni precedenti, il relativo imponibile deve essere compreso nel rigo VE39.

Fattura ad esigibilità differita emessa Incasso nel Mod. IVA 2020


nel 2019 2019 o 2020 X VE20, VE21, VE22, VE23 (imponibile ed imposta)
X VE20, VE21, VE22, VE23 (imponibile ed imposta)
nel 2018 2019 o 2020
X e VE39 (imponibile)

CREDITO IVA DELL’ULTIMA DICHIARAZIONE


L’art. 1, comma 63, Legge n. 190/2014 indica che l’eccedenza detraibile relativa all’ultimo periodo di applicazione
dell’imposta nei modi ordinari può essere richiesta a rimborso o utilizzata in compensazione:

“63. L’eccedenza detraibile emergente dalla dichiarazione presentata dai contribuenti che applicano il regime forfetario,
relativa all’ultimo anno in cui l’imposta sul valore aggiunto è applicata nei modi ordinari, può essere chiesta a rimbor-
so ovvero può essere utilizzata in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e
successive modificazioni.“.

Con riferimento all’ultima dichiarazione annuale IVA relativa al periodo di applicazione dell’imposta nei modi or-
dinari, qualora emerga una eccedenza di credito IVA, la stessa potrà essere:
O chiesta a rimborso,
oppure
O utilizzata in compensazione con altre imposte e contributi nel Mod. F24.

128 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
L’ingresso nel regime fiscale agevolato

ELIMINAZIONE DEI FENOMENI DI SALTI O DUPLICAZIONE DI IMPOSIZIONE

REGIME FORFETARIO
Come anticipato, in regime forfetario si applica il principio di cassa; qualora il soggetto:
O sia un esercente arti e professioni, e/o
O provenga dal regime semplificato
il soggetto mantiene inalterato il principio generale di cassa.

Quando invece il soggetto con reddito d’impresa applicava, in precedenza, il regime ordinario, in contabilità or-
dinaria, proviene da un regime in cui vige il principio di competenza, e di conseguenza si pone il problema di evi-
tare nel passaggio di regime i fenomeni di salti o duplicazioni d’imposta: in particolare, si tratta di evitare che lo
stesso componente reddituale:
£ se positivo, possa essere assoggettato a doppia imposizione;
£ se negativo, sia assoggettato a deduzione analitica nel primo anno, o non sia deducibile (in quanto la deduzione
dei costi avviene in via forfetaria) nel secondo anno.

I soggetti che passano dal 2020 al regime agevolato, possono trovarsi di fronte a tale problematica. Si pensi, ad
esempio:
O al costo relativo alle merci consegnate nel mese di dicembre 2019, le cui fatture, pervenute nel 2019 o nel 2020,
sono pagate in tutto o in parte nel 2020;
O alle provvigioni degli agenti di commercio di competenza del 2019 ma che vengono fatturate nel 2020.

Il comma 72, al riguardo dispone che:

“72. Nel caso di passaggio da un periodo d’imposta soggetto al regime forfetario a un periodo d’imposta soggetto a
regime ordinario, al fine di evitare salti o duplicazioni di imposizione, i ricavi e i compensi che, in base alle re-
gole del regime forfetario, hanno già concorso a formare il reddito non assumono rilevanza nella de-
terminazione del reddito degli anni successivi ancorché di competenza di tali periodi; viceversa i rica-
vi e i compensi che, ancorché di competenza del periodo in cui il reddito è stato determinato in base alle regole del
regime forfetario, non hanno concorso a formare il reddito imponibile del periodo assumono rilevanza nei periodi di
imposta successivi nel corso dei quali si verificano i presupposti previsti dal regime forfetario. Corrispondenti cri-
teri si applicano per l’ipotesi inversa di passaggio dal regime ordinario a quello forfetario. Nel caso di passaggio da
un periodo di imposta soggetto al regime forfetario a un periodo di imposta soggetto a un diverso regime, le spese
sostenute nel periodo di applicazione del regime forfetario non assumono rilevanza nella determinazione del reddi-
to degli anni successivi... ”.

Viene posta pertanto la regola in base alla quale nel passaggio dal regime ordinario (competenza) al regime forfe-
tario (cassa) si applica la regola di imputazione prevista per il regime precedente, ossia il principio di competenza.
Se il ricavo conseguito o la spesa sostenuta concorrono a formare il reddito dell’ultimo “periodo ordinario”, il com-
ponente così imputato in tale ultimo periodo non assumerà più rilevanza alla formazione del reddito dei perio-
di successivi.

L’applicazione di tale principio comporta che:


£ le fatture attive relative a cessioni di beni la cui consegna è avvenuta nell’ultimo periodo di applicazione del re-
gime ordinario (es. 2019), o le prestazioni di servizi ultimate nel medesimo periodo (es. 2019), sono di competen-
za di tale periodo.
L’incasso degli importi relativi alle predette componenti in un periodo di applicazione del regime forfetario
(es. 2020) non sarà rilevante ai fini reddituali in tale periodo in quanto il componente ha già concorso a for-
mare il reddito nel periodo precedente;
£ le fatture passive relative ad acquisti di beni la cui consegna è avvenuta nell’ultimo periodo di applicazione del
regime ordinario (ad esempio, 2019) o le prestazioni di servizi ultimate nel medesimo periodo (ad esempio, 2019),
sono di competenza di tale periodo.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 129
Sezione prima - Il regime forfetario
L’ingresso nel regime fiscale agevolato

Il pagamento degli importi relativi alle predette componenti in un periodo di applicazione del regime forfetario
(ad esempio 2020) non sara “attribuibile” a tale periodo in quanto il componente ha già concorso a formare il red-
REGIME FORFETARIO

dito nel periodo precedente.

8 AT T E N Z I O N E : Naturalmente, a seguito delle modifiche apportate dalla Legge n. 232/2016 al regime di


contabilità semplificata, i casi di passaggio da competenza a cassa riguarda la sola ipotesi in cui il contri-
buente sia stato nel 2019 in regime ordinario con contabilità ordinaria e passi nel 2020 al regime forfeta-
rio. Nel caso in cui sia stato in contabilità semplificata, non vi saranno passaggi da competenza a cassa.
Tuttavia se nel 2019 il contribuente semplificato ha optato per il criterio c.d. di registrazione, è necessario
gestire l’eventuale differente criterio temporale d’imputazione.

Ricavi / Compensi Costi / Spese

Già computati nel reddito di un periodo precedente all’ingresso nel regime forfetario

Non concorrono alla formazione del reddito dei periodi successivi

ΠESEMPIO N. 1

Un commerciante applica il regime forfetario dal 2020. Nel 2019 ha applicato il regime semplificato con competenza
di registrazione (opzione art. 18, comma 5, D.P.R. n. 600/1973).
Acquista della merce che gli viene consegnata in data 5 dicembre 2019. La fattura è stata emessa in data 31 dicembre
2019, ed è pervenuta e registrata il 10 gennaio 2020. Il commerciante ha provveduto al regolare pagamento della stes-
sa in data 31 gennaio 2020 a mezzo bancario.
La fattura di acquisto dà luogo ad un costo per acquisto merci relativo al 2020.

ΠESEMPIO N. 2

Un agente di commercio in contabilità semplificata decide di applicare il regime forfetario dal 2020.
Il contribuente emette la fattura nel 2020 per le provvigioni maturate nel 4° trimestre 2019, senza applicazione
dell’IVA in quanto già nel regime forfetario. Tale fattura, incassata nel 2020, concorre alla formazione del reddito di
tale periodo, in quanto non ha concorso al reddito 2019.

I BENI STRUMENTALI
Per i beni strumentali già posseduti al momento d’ingresso nel regime forfetario:
£ non risultano più deducibili le quote di ammortamento;
£ sono irrilevanti le plus/minusvalenze derivanti dalla cessione in vigenza del regime;
£ il costo non ammortizzato dei beni al 31 dicembre dell’ultimo “anno ordinario” è quello rilevante ai fini della
determinazione della plusvalenza di cessione, qualora avvenga successivamente all’uscita dal regime forfetario.
Con riferimento alla particolare ipotesi nella quale l’acquisto del bene strumentale sia avvenuto alla fine dell’ul-
timo “periodo ordinario” si ritiene che i beni consegnati entro il 31 dicembre, ancorché non entrati in funzio-
ne a tale data, si considerano acquistati prima dell’ingresso nel regime forfetario. Per tali beni non sarà possi-
bile effettuare la deduzione dell’ammortamento nell’ultimo anno ordinario, in quanto il bene non è entrato in
funzione.

130 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
L’ingresso nel regime fiscale agevolato

Per i beni strumentali dei lavoratori autonomi acquistati prima dell’applicazione del regime forfetario si applica
quanto previsto per le imprese, ossia indeducibilità dell’ammortamento in costanza del regime e rilevanza del co-

REGIME FORFETARIO
sto fiscalmente riconosciuto al 31 dicembre dell’ultimo anno di applicazione del regime ordinario ai fini della de-
terminazione della plusvalenza/minusvalenza, qualora avvenga successivamente all’uscita dal regime forfetario.

COMPONENTI RINVIATI DA PRECEDENTI PERIODI D’IMPOSTA


Un’ulteriore problematica connessa con il passaggio di regime attiene le componenti di reddito originatesi negli
anni antecedenti all’applicazione del regime forfetario e rinviate in virtù delle disposizioni stabilite dal TUIR.
Per le imprese si tratta, ad esempio, di:
O spese di manutenzione e riparazioni eccedenti il 5% del costo dei beni ammortizzabili, di cui all’art. 102, com-
ma 6, TUIR;
O plusvalenze e sopravvenienze attive per le quali è stata scelta la tassazione rateizzata in più esercizi;
O spese che risultano deducibili nell’esercizio in cui avviene il pagamento.
L’art. 1, comma 66, Legge n. 190/2014 prevede che:

“I componenti positivi e negativi di reddito riferiti ad anni precedenti a quello da cui ha effetto il regime forfeta-
rio, la cui tassazione o deduzione è stata rinviata in conformità alle disposizioni del testo unico di cui al decre-
to del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, che dispongono o consentono il rinvio, partecipano per le
quote residue alla formazione del reddito dell’esercizio precedente a quello di efficacia del predetto regime.

In tal modo, il periodo d’imposta soggetto a tassazione forfetaria non viene “inquinato” da componenti redditua-
li relativi alle annualità precedenti.
I componenti positivi e negativi riferiti ad esercizi precedenti e rinviati in osservanza delle disposizioni del TUIR,
concorrono a formare il reddito, per le quote residue, dell’ultimo esercizio di applicazione del regime ordinario.
In dichiarazione dei redditi, Mod. REDDITI PF 2020, andranno indicati a rigo:
£ RF31, codice 9, tra le altre variazioni in aumento, o a rigo RG10, codice 17 (quote residue dei componenti positivi);
£ RF55, codice 10, tra le altre variazioni in diminuzione, o a rigo RG22, codice 31 (quote residue dei componenti
negativi).
Per il regime forfetario non è prevista la disposizione esistente nel regime dei minimi in base alla quale il valore del-
le rimanenze fiscali dell’ultimo anno di applicazione del regime ordinario, riduce l’ammontare dei ricavi durante il re-
gime agevolato.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 131
Sezione prima - Il regime forfetario
Versamento dell’acconto, anche in caso di passaggi di regime

VERSAMENTO DELL’ACCONTO, ANCHE IN


REGIME FORFETARIO

CASO DI PASSAGGI DI REGIME

Ai sensi dell’articolo 1, comma 64, Legge n. 190/2014, il reddito di lavoro autonomo/impresa è assoggettato ad un’im-
posta sostitutiva dell’IRPEF e delle relative addizionali in misura pari al 15% (5% per i forfetari start-up).
Per i soggetti in regime forfetario l’imposta sostitutiva viene liquidata (anche in acconto) con le stesse modalità e
termini previsti per i soggetti IRPEF.
Pertanto l’eventuale obbligo di versamento dell’acconto si determina nel seguente modo:
O acconto non dovuto: qualora l’imposta dovuta (rigo Differenza) sia pari o inferiore ad € 51,65;
O acconto in unica soluzione, qualora l’imposta dovuta (rigo Differenza) sia superiore ad € 51,65 ma non ad € 257,51.
In tal caso l’acconto è dovuto nella misura del 100%, da versare entro il 30 novembre;
O acconto in due rate, qualora l’imposta dovuta (rigo Differenza) sia superiore a € 257,51.
In questo caso è necessario fare una distinzione, in quanto le percentuali per il primo e secondo acconto possono
essere diversificate. Infatti, così come precisato anche nelle specifiche tecniche relative al MODELLO REDDITI PF
2020, se il codice di attività (o uno dei codici attività) indicato nei righi da LM22 a LM27, colonna 1, è presente nell’e-
lenco degli ISA approvati per il periodo di imposta 2019 (fermo restando che i forfetari sono esclusi dall’applica-
zione degli ISA) l’acconto in due rate sarà pari al:
¾ 50% entro il 30 giugno (30 luglio con maggiorazione dello 0,40%);
¾ 50% entro il 30 novembre.

 determinatoTalele percentuale,
N O V I TÀ : infatti, è stata modificata dal D.L. n. 124/2019, art. 58, comma 1, il quale ha ri-
modalità di versamento degli acconti di IRPEF/IRES e IRAP a favore dei soggetti di cui
all’art. 12-quinquies, commi 3 e 4, D.L. n. 34/2019, prevedendo 2 rate di pari importo, ossia del 50% cia-
scuna (in luogo del 40% e 60% previsti in precedenza).

Al contrario, qualora il codice di attività (o uno dei codici attività) non sia presente nell’elenco degli ISA approvati
per il periodo di imposta 2019, l’acconto in due rate sarà pari al:
¾ 40% entro il 30 giugno (30 luglio con maggiorazione dello 0,40%);
¾ 60% entro il 30 novembre.

La nuova modalità di determinazione dell’acconto riguarda i contribuenti che esercitano un’attività per la quale è
stato approvato il relativo ISA, con ricavi/compensi non superiori ad € 5.164.569.
Rientrano tra i soggetti in esame anche i contribuenti che:
O applicano il regime dei minimi/forfetario;
O determinano il reddito con altre tipologie di criteri forfetari;
O ricadono in altre cause di esclusione dall’applicazione degli ISA.
Il pagamento degli acconti dell’imposta sostitutiva per i contribuenti forfetari va effettuato con gli specifici codi-
ci tributo istituiti con Risoluzione 11 giugno 2015, n. 59.
Il saldo ed il primo acconto sono, analogamente alle altre imposte, rateizzabili.
Quanto fin qui analizzato si verifica a regime.

132 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Versamento dell’acconto, anche in caso di passaggi di regime

Si analizzano inoltre le casistiche di versamento dell’acconto:


O in costanza di regime;

REGIME FORFETARIO
O da parte di soggetti che nel 2020 sono in regime forfetario ma che provengono dal regime ordinario, oppure
da quello dei minimi;
O da parte di soggetti che nel 2020 sono approdati al regime ordinario in quanto fuoriusciti dal regime forfetario.

VERSAMENTO DEGLI ACCONTI


Si ripercorrono in breve le modalità di versamento dell’acconto per i vari regimi ed i relativi i codici tributo.
La misura dell’acconto IRPEF e delle imposte sostitutive in esame è complessivamente pari al 100%.

ACCONTO IRPEF
Come noto il calcolo dell’IRPEF lorda avviene applicando al reddito imponibile le aliquote progressive disposte
per i diversi scaglioni di reddito.
Gli acconti IRPEF sono dovuti nelle modalità sopra descritte con i seguenti codici tributo:
O “4033” per la prima rata di acconto;
O “4034” per la seconda o unica rata di acconto;
O “4001” per il saldo.

ACCONTO CONTRIBUENTI MINIMI


L’imposta sostitutiva per i contribuenti minimi è pari al 5%.

I codici tributo per il versamento dell’imposta sostitutiva dei contribuenti minimi, sono quelli istituiti con Risolu-
zione 25 maggio 2012, n. 52:
O “1793” per la prima rata di acconto;
O “1794” per la seconda o unica rata di acconto;
O “1795” per il saldo.

ACCONTO CONTRIBUENTI FORFETARI


Per i soggetti in regime forfetario l’imposta sostitutiva (15% o 5%) viene liquidata, anche in acconto, con le stesse
modalità e termini previsti per i soggetti IRPEF.

Il pagamento degli acconti dell’imposta sostitutiva per i contribuenti forfetari va effettuato con i seguenti codici
tributo, istituiti con Risoluzione 11 giugno 2015, n. 59:
O “1790” per la prima rata di acconto;
O “1791” per la seconda o unica rata di acconto;
O “1792” per il saldo.

MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL’ACCONTO


Come avviene ordinariamente, il contribuente può determinare l’acconto:
1. in base all’imposta dovuta per i redditi 2019 (c.d. calcolo con metodo storico);
2. in base all’imposta stimata che il contribuente ipotizza di dover versare in relazione al reddito previsto per
l’anno 2020 (c.d. metodo previsionale).

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 133
Sezione prima - Il regime forfetario
Versamento dell’acconto, anche in caso di passaggi di regime

R METODO STORICO

In tutti i casi di passaggio da un regime all’altro, cambia anche l’imposta cui il contribuente è soggetto.
REGIME FORFETARIO

In particolare, i soggetti che nel 2020 aderiscono ad un regime diverso da quello in cui erano nel 2019, si trovano nella
condizione in cui l’imposta cui erano soggetti nel 2019 non trova base imponibile nel 2020, dato che nel 2019 era-
no soggetti ad un’imposta diversa.
Di conseguenza, seguendo il metodo storico i contribuenti dovrebbero versare l’acconto relativo ad un’imposta
che non applicano più.
Ad esempio, un soggetto che nel 2019 era in regime ordinario e nel 2020 accede a quello forfetario, osservando la
disciplina generale degli acconti, nel 2020 il contribuente si trova soggetto all’imposta sostitutiva relativa al regime
forfetario, e quindi dovrebbe versare l’acconto per tale imposta, ma non trova nel 2020 base imponibile per l’indivi-
duazione dell’acconto.
L’alternativa sarebbe quella di versare l’acconto d’imposta relativo all’IRPEF, e scomputare successivamente tale
importo dall’imposta sostitutiva dovuta o comunque nel quadro RN del Mod. REDDITI (anche in assenza di
IRPEF).
La presenza di righi nel Mod. REDDITI nei quali i soggetti fuoriusciti da un regime possono riportare e scomputa-
re le imposte sostitutive dall’IRPEF e viceversa, fa ritenere che tutti i soggetti che transitano da un regime all’altro,
possano versare l’acconto dell’imposta relativa al regime precedente, che sarà scomputato dall’imposta relativa
al nuovo regime.

R METODO PREVISIONALE

In caso di determinazione dell’acconto con metodo previsionale, se il calcolo risultasse errato, anche per motivi indi-
pendenti dalla volontà del contribuente, si applicheranno le sanzioni per insufficiente versamento d’acconto (30%
della somma non versata, fatta salva la possibilità del ricorso all’istituto del ravvedimento operoso.

Con riferimento agli acconti occorre inoltre evidenziare quanto segue:


O il regime forfetario non prevede l’assoggettamento ad IRAP e quindi i soggetti in esame non sono tenuti al ver-
samento del relativo acconto;
O per i contribuenti soggetti ad imposta sostitutiva va sempre verificata la necessità di versare l’acconto IRPEF
2020 qualora dal Mod. REDDITI 2020 risulti, oltre all’imposta sostitutiva, anche un’IRPEF dovuta (derivante dal
possesso di altri redditi di natura diversa rispetto a quelli conseguiti in regime forfetario, ordinariamente assog-
gettati a tassazione).

ACCONTI 2020 PER SOGGETTI FORFETARI PROVENIENTI DA ALTRI REGIMI


Come anticipato, i contribuenti che nel 2020 accedono al regime forfetario possono provenire dal regime:
O ordinario;
O dei minimi (art. 27, comma 1 e 2, DL n. 98/2011).

FORFETARI PROVENIENTI DAL REGIME ORDINARIO


Il contribuente che proviene dal regime ordinario, transitando ad un regime con imposta sostitutiva, può valutare
l’ipotesi di una determinazione dell’acconto IRPEF in via previsionale, non considerando il reddito d’impresa/la-
voro autonomo.

8 AT T E N Z I O N E : Tuttavia si deve prestare attenzione anche al fatto che gli altri redditi posseduti dal con-
tribuente potrebbero aumentare da un anno all’altro.

Non è obbligatorio versare gli acconti dell’imposta sostitutiva del 15%.

134 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Versamento dell’acconto, anche in caso di passaggi di regime

FORFETARI PROVENIENTI DAL REGIME DEI MINIMI

REGIME FORFETARIO
I soggetti che provengono dal regime dei minimi, nel 2019 erano soggetti ad imposta sostitutiva del 5%.
Il passaggio di regime comporta un aumento dell’imposta, quindi, dal 5 al 15%; tuttavia si tratta di imposte sostitu-
tive differenti.
Il contribuente che versa l’acconto dell’imposta relativa ai contribuenti minimi, con i rispettivi codici tributo, in RED-
DITI 2020 potrà scomputare l’importo dalla nuova imposta sostitutiva.

Se nel 2019 Acconto IRPEF


regime ordinario (eventuale calcolo previsionale)
Forfetari
nel 2020
Se nel 2019 Acconto imposta sostitutiva minimi e
regime dei minimi successivo scomputo

ACCONTI IN CASO DI FUORIUSCITA DAL REGIME FORFETARIO


I contribuenti che nel 2019 adottano il regime forfetario possono fuoriuscire nel 2020, per opzione o per perdita dei
requisiti e delle condizioni di mantenimento del regime, transitando in regime ordinario.

In tal caso:
O il reddito 2019 va determinato in via forfetaria è assoggettato ad imposta sostitutiva;
O il reddito 2020 va determinato nei modi ordinari ed assoggettato ad IRPEF.
Nel 2020 il contribuente si trova soggetto all’IRPEF, e quindi dovrebbe versare l’acconto per tale imposta, ma non tro-
va nel 2019 base imponibile per l’individuazione dell’acconto.
Tuttavia, come è possibile il riporto degli acconti d’imposta per i soggetti provenienti dai minimi, anche coloro che
fuoriescono dal regime forfetario possano versare l’acconto dell’imposta sostitutiva (ancorché per lo stesso perio-
do siano soggetti all’IRPEF) che successivamente verrà fatta “confluire” nell’IRPEF, riportando l’importo versato
nel rigo RN38, col. 4, Mod. REDDITI 2019.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 135
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

L’USCITA DAL REGIME FORFETARIO:


REGIME FORFETARIO

RIFLESSI IVA E REDDITUALI

I soggetti in regime forfetario nel 2019 possono fuoriuscirne nel 2020 nelle seguenti ipotesi:
O nel 2019 non hanno rispettato i requisiti previsti dal comma 54, ovvero:
¾ superamento del limite previsto per ricavi/compensi;

 N O V I TÀ : spese per il personale e per il lavoro accessorio per un importo complessivo superiore
ad € 20.000 lordi annui;

O nel 2019 si è verificata la “nuova” causa di esclusione introdotta dalla Legge di Bilancio 2020:

 N O V I TÀ : reddito di lavoro dipendente e reddito assimilato eccedente l’importo di € 30.000;

O nel 2020 si verifichi una delle fattispecie di esclusione:


¾ adozione di regimi speciali IVA;
¾ non residenza;
¾ attività in via esclusiva o prevalente cessioni di immobili e di mezzi di trasporto nuovi;
¾ partecipazione a società di persone, associazioni o a imprese familiari di cui all’articolo 5, TUIR, o che control-
lano direttamente o indirettamente srl o associazioni in partecipazione, con attività economiche direttamente
o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni;
¾ attività esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavo-
ro attualmente o nei due anni precedenti, o nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente ricondu-
cibili ad essi;
O per opzione.

8 AT T E N Z I O N E : Tutti i soggetti che fuoriescono dal regime, sono tenuti a:


„ applicare l’IVA nei modi ordinari;
„ determinare il reddito con le regole previste dall’articolo 66, TUIR, se impresa o dall’articolo 54, TUIR,
se lavoratore autonomo.
Ai fini contabili, i soggetti in esame potranno tenere la contabilità semplificata o anche la contabilità ordinaria per
opzione.
La gestione del passaggio dal regime forfetario al regime ordinario comporta le seguenti problematiche:
O con riferimento all’emissione delle fatture si verifica infatti il passaggio da un regime di esclusione dall’IVA
ad un regime IVA ordinario (IVA a debito meno IVA a credito);
O ai fini IVA, in maniera simmetrica rispetto all’ingresso nel regime agevolato, va effettuata la rettifica della de-
trazione IVA connessa al mutamento del regime di detrazione (da IVA indetraibile a IVA detraibile);
O ai fini reddituali:
¾
8 AT T E N Z I O N E : È necessario tener conto del fatto che le imprese in contabilità semplificata de-
terminano il reddito in base al principio di cassa in luogo di quello per competenza.
Di conseguenza, non è in genere necessario gestire gli eventuali salti o duplicazioni d’imposta connessi al
passaggio dell’imprenditore da un regime di determinazione del reddito con il criterio di cassa a un regime
in cui si utilizza il criterio di competenza.

136 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

La problematica va invece considerata nel caso di passaggio dell’imprenditore dal regime forfetario a quel-
lo di contabilità ordinaria (ipotesi piuttosto rara), e coinvolge anche il magazzino esistente al 31 dicembre

REGIME FORFETARIO
dell’anno d’imposta precedente alla fuoriuscita (ad esempio, 31 dicembre 2019 per la fuoriuscita a partire dal
1° gennaio 2020);
¾ va analizzato il trattamento dei beni strumentali acquistati durante il regime forfetario o anteriormente
all’ingresso nello stesso.
Quanto sopra è disciplinato nell’ambito delle vigenti disposizioni del regime forfetario dall’art. 1, comma 72, Leg-
ge n. 190/2014.

L’uscita dal regime dei minimi è stata oggetto di una serie di chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate, che in
parte possono essere estesi al caso della fuoriuscita dal regime forfetario. Di seguito si analizza la disciplina.

Rettifica
(art. 19-bis 2, D.P.R. n. 633/72)
detrazione IVA

Passaggio dal
Ricavi da criterio di cassa a
regime forfetario (art. 1, comma 72, L. 190/2014)
criterio di competenza(*)
al regime ordinario

Deduzione costo beni


strumentali

(*) Tale aspetto riguarda i soggetti esercenti attività d’impresa

8 AT T E N Z I O N E : Non essendo i contribuenti forfetari soggetti a ritenuta, la fuoriuscita comporterà che i


proventi soggetti a ritenuta incassati dal 1° gennaio 2020 saranno assoggettati a ritenuta di acconto, com-
presi quelli fatturati prima di tale data.

Non è in nessun caso possibile il passaggio da regime forfetario a regime dei minimi.

EMISSIONE DELLE FATTURE A SEGUITO DI USCITA DAL REGIME FORFETARIO


I soggetti che escono dal regime forfetario, adottano il regime ordinario di determinazione dell’IVA e del reddito
(contabilità semplificata/ordinaria): si verifica il passaggio da un regime di esclusione dall’IVA (regime forfetario) ad
un regime IVA ordinario (IVA a debito-IVA a credito).

8 AT T E N Z I O N E : Tali soggetti hanno pertanto l’obbligo di emettere la fattura con le ordinarie regole; in
particolare, ad esempio, sono tenuti:
„ per le operazioni con IVA “normale”, ad addebitare in fattura l’IVA secondo l’aliquota propria dei
beni o dei servizi prestati;
„ per le operazioni in regime di reverse-charge, pur non addebitando l’IVA, ad indicare in fattura che
l’IVA è dovuta dall’acquirente/committente - “inversione contabile”;
„ per le cessioni a soggetti passivi UE indicare che si tratta di operazioni non imponibili ex art. 41, DL
n. 331/1993 - “operazione non imponibile”.
Inoltre, come noto, i contribuenti fuoriusciti sono soggetti ad obbligo di emissione e trasmissione in moda-
lità elettronica delle citate fatture.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 137
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

ΠE S E M P I O - Imprenditore individuale
REGIME FORFETARIO

Il sig. Verdi, titolare della ditta individuale “Pitture e decori”, ha adottato nel 2019 il regime forfetario.
Dal 2020, non avendo più i requisiti per rimanere nel regime forfetario, adotta il regime di contabilità semplificata.
Nel mese di gennaio 2020 emette la seguente fattura (obbligatoriamente in formato elettronico):

Mittente Destinatario

Identificativo fiscale ai fini IVA: IT00123456789 Identificativo fiscale ai fini IVA IT00987654321
Codice fiscale: VRDMRC65R31C794U Codice fiscale: RSSMRA66H10L483X
Denominazione: PITTURE E DECORI DI VERDI MARCO Denominazione: ROSSI MARIO
Regime fiscale: RF01 (ordinario) Indirizzo: VIA Barberini, 38
Indirizzo: VIA Rossini 15/1 Comune: Roma Provincia: RM
Comune: VENEZIA Provincia: VE Cap: 00100 Nazione: IT
Cap: 38121 Nazione: IT
Telefono: 0421281171
Email: abc.xyz@alfa.it

Tipologia documento Causale Art. 73 N. Fattura Data Codice destinatario

TD1 (fattura) 1 15/01/2020 BFECU56

Codice articolo Descrizione Imponibile U.M. Sc.Mag %IVA IVA

Tinteggiatura locali 1500 22% 330

Dati riepilogo % IVA Spese accessorie Totale imposta Totale imponibile

22 330 1500

Descrizione Esigibilità Valuta Totale fattura

EUR 1830

Modalità di pagamento Iban Istituto Data scadenza Importo

MP05 Bonifico IT55H02008101103231321323 1830

138 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

ΠE S E M P I O - Lavoratore autonomo

REGIME FORFETARIO
Il geometra Bianchi nel 2019 ha adottato il regime forfetario. Dal 2020 fuoriesce non avendo più i requisiti per rima-
nere nel regime agevolato, e adotta, quindi, la contabilità semplificata.
Nel mese di gennaio 2020, emette la seguente fattura (obbligatoriamente in formato elettronico):

Mittente Destinatario

Identificativo fiscale ai fini IVA: IT00123456789 Identificativo fiscale ai fini IVA IT00987654321
Codice fiscale: BNCPLA70P19L736X Codice fiscale: RSSMRA66H10L483X
Denominazione: BIANCHI PAOLO Denominazione: ROSSI MARIO
Regime fiscale: RF01 (ordinario) Indirizzo: VIA Barberini, 38
Indirizzo: VIA Pini 6 Comune: Roma Provincia: RM
Comune: PESCARA Provincia: PE Cap: 00100 Nazione: IT
Cap: 38121 Nazione: IT
Telefono: 085154811
Email: abc.xyz@alfa.it

Tipologia documento Causale Art. 73 N. Fattura Data Codice destinatario

TD1 (fattura) 1 15/01/2020 BFECU56

Codice articolo Descrizione Imponibile U.M. Sc.Mag %IVA IVA

Perizia valutazione magazzino 2000 22% 440

Contributo previdenziale integrativo 5% 100 22% 22

Dati riepilogo % IVA Spese accessorie Totale imposta Totale imponibile

22 462 2100

Totale

2562

Ritenuta d’acconto 400

Descrizione Esigibilità Valuta Totale fattura

EUR 2162

Modalità di pagamento Iban Istituto Data scadenza Importo

MP05 Bonifico IT55H02008101103231321323 2162

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 139
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

FATTURE EMESSE NELL’ULTIMO ANNO DI APPLICAZIONE DEL REGIME E NON INCASSATE


REGIME FORFETARIO

I contribuenti forfetari che fuoriescono dal regime dal 1° gennaio 2020 e che entro il 31 dicembre 2019 non hanno
incassato le fatture emesse senza applicazione dell’IVA non devono porre in essere alcun adempimento e pertan-
to non devono integrare le fatture già emesse che saranno incassate nel 2020.
Con riferimento al regime dei minimi, infatti, la Circolare 30 maggio 2012, n. 17, ha confermato tale orientamento,
indicando che le fatture emesse senza applicazione dell’IVA da parte di un minimo e incassate nell’anno di fuoriu-
scita dal regime (per scelta o per obbligo) non devono essere integrate con l’IVA. Ciò in considerazione del fatto che
l’art. 6, comma 4, D.P.R. n. 633/1972, in deroga all’art. 3, dispone che l’operazione si considera comunque effettuata
al momento dell’emissione della fattura.
I committenti devono operare l’eventuale ritenuta d’acconto, per le fatture pagate nel 2020, ancorché emesse nel 2019.
Sul punto si evidenzia che il contribuente non più forfetario dovrà comunicare al proprio committente la necessità
di applicare la ritenuta rettificando quindi la dicitura contenuta nella fattura emessa nel 2019.

RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA (A FAVORE)


I soggetti che fuoriescono dal regime forfetario a decorrere dal 2020, adottando il regime ordinario, possono, ai sen-
si dell’articolo 19-bis2, comma 3, D.P.R. n. 633/1972 (in considerazione del mutato regime di detrazione dell’IVA a cre-
dito) effettuare la rettifica della detrazione con riferimento a tutti i beni e servizi non ancora ceduti o non ancora
utilizzati, esistenti al 31 dicembre dell’ultimo anno di imposta di permanenza nel regime.
Infatti, l’IVA non detratta durante il regime agevolato, a seguito del passaggio al regime IVA ordinario, diviene ora
detraibile.

8 AT T E N Z I O N E : Pertanto, il comma 61, art. 1, Legge n. 190/2014, dispone che così come nel momento
dell’ingresso nel regime agevolato è richiesto il versamento della rettifica della detrazione, la fuoriuscita
dal regime agevolato comporta la rettifica a credito dell’IVA non detratta in relazione ai beni non anco-
ra ceduti o utilizzati al 31 dicembre 2019.

L’Agenzia delle Entrate, infatti, nella Circolare 21 dicembre 2007, n. 73, con riferimento alla rettifica della detrazio-
ne IVA relativa all’ingresso/uscita dal regime dei minimi, dopo aver specificato che:
O l’applicazione del regime agevolato comporta la rettifica dell’IVA detratta negli anni in cui si è applicato il regi-
me ordinario;
O l’IVA relativa a beni e servizi non ancora ceduti o non ancora utilizzati deve essere rettificata in un’unica soluzio-
ne, senza attendere il materiale impiego degli stessi,
ha ulteriormente precisato che:

“Analoga rettifica va effettuata quando il contribuente transita, per legge o opzione, nel regime ordinario dell’Iva.“

Alla rettifica a favore risultano applicabili le medesime disposizioni previste al momento dell’ingresso nel regi-
me forfetario. Pertanto, per i beni ammortizzabili, compresi i beni immateriali, la rettifica:
£ va eseguita se non sono trascorsi i 4 anni successivi a quello della loro entrata in funzione ovvero 10 anni dal-
la data di acquisto o ultimazione relativamente agli immobili;
£ non si effettua per i beni di costo unitario non superiore a € 516,46 o per i beni il cui coefficiente d’ammorta-
mento è superiore al 25%.

Se beni entrati in funzione da meno di 5 anni



(10 per gli immobili)

Rettifica a favore
§ beni di costo < € 516,46
NO
§ beni con coefficiente ammortamento > 25%

140 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

Di conseguenza, la rettifica interessa in particolare:


O le rimanenze di magazzino risultanti al 31 dicembre dell’ultimo anno di permanenza nel regime;

REGIME FORFETARIO
O i servizi non utilizzati al 31 dicembre, quali ad esempio i canoni di leasing fatturati nel 2019 riferiti al 2020;
O i beni mobili (ad esempio, attrezzature, personal computer, mobili e arredi, autovetture, ecc.) per i quali al 31 di-
cembre non è ancora scaduto il c.d. “periodo di tutela fiscale” (quinquennio).
Si tratta quindi, per la rettifica che interessa i soggetti in regime ordinario dal 2020, dei beni acquistati dal 2016
in poi; infatti, per i beni acquistati fino al 2015 è già trascorso il quinquennio;

Anno di acquisto bene mobile

Fino al 2015 2016 2017 2018 2019

NO rettifica SÌ rettifica

O gli immobili (ad esempio, capannone, ufficio, ecc.) per i quali al 31 dicembre non è ancora scaduto il citato “pe-
riodo di tutela fiscale” (decennio).
Si tratta quindi degli immobili acquistati o ultimati dal 2011 in poi; infatti per i beni acquistati fino al 2010 è
già trascorso il decennio.

Anno di acquisto/ultimazione immobile

Fino al 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019

NO rettifica SÌ rettifica

8 AT T E N Z I O N E : Va evidenziato che l’anno di acquisto del bene va valutato a prescindere dal fatto che
per i beni acquistati prima dell’ingresso nel regime forfetario sia stata effettuata la rettifica della de-
trazione a favore dell’Erario.
È pertanto possibile, con riferimento ad un bene ammortizzabile acquistato prima dell’ingresso nel re-
gime forfetario, che sia stata già effettuata la rettifica a sfavore del contribuente e che ora venga operata la
rettifica (pari a 1/5) dell’IVA a credito nel passaggio al regime ordinario dal 2020.

Come desumibile dalla C.M. 24 dicembre 1997, n. 328/E, e come richiamato dalla Circolare Agenzia delle Entrate 30
maggio 2012, n. 17, per consentire il controllo da parte dell’Amministrazione finanziaria, è necessario predisporre
un’apposita documentazione nella quale indicare distintamente, per categorie omogenee, la quantità e i valori
dei beni facenti parte del patrimonio aziendale.

8 AT T E N Z I O N E : Si ricorda che la rettifica della detrazione a causa della fuoriuscita dal regime forfetario ri-
guarda anche beni acquistati prima del 2015, primo anno di esistenza del regime forfetario, posto che pri-
ma del 2015 il contribuente poteva aver applicato il regime dei minimi.

MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE DELLA RETTIFICA


Per il calcolo dell’ammontare dell’IVA da “recuperare” va considerato che relativamente:
O alle rimanenze e ai servizi non ancora utilizzati, va rettificato l’intero ammontare dell’IVA a credito non de-
tratta all’atto dell’acquisto;
O ai beni mobili strumentali acquistati dal 2016 in poi, la rettifica va effettuata con riferimento a tanti quinti
dell’imposta quanti sono gli anni mancanti al compimento del quinquennio.

Anno di acquisto 2016 2017 2018 2019

Ammontare della rettifica (quinti) 1/5 2/5 3/5 4/5

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 141
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

8 AT T E N Z I O N E : In presenza di autovetture l’ammontare detraibile in sede di rettifica riguarderà solo


la quota astrattamente detraibile applicando il regime ordinario e quindi per la quantificazione dell’I-
REGIME FORFETARIO

VA da “recuperare” va generalmente assunto il 40% dell’IVA a credito;

O agli immobili acquistati o ultimati dal 2011, la rettifica va effettuata con riferimento a tanti decimi dell’impo-
sta quanti sono gli anni mancanti al compimento del decennio.

Anno di acquisto/ultimazione 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019

Ammontare della rettifica (decimi) 1/10 2/10 3/10 4/10 5/10 6/10 7/10 8/10 9/10

MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA RETTIFICA


Il momento in cui effettuare il recupero dell’IVA a credito a seguito della rettifica è stabilito dall’articolo 1, comma
61, Legge n. 190/2014, ai sensi del quale:

“61. Il passaggio dalle regole ordinarie di applicazione dell’imposta sul valore aggiunto al regime forfetario comporta la
rettifica della detrazione di cui all’articolo 19-bis2 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633,
da operarsi nella dichiarazione dell’ultimo anno di applicazione delle regole ordinarie. In caso di passaggio, anche per
opzione, dal regime forfetario alle regole ordinarie è operata un’analoga rettifica della detrazione nella dichiarazione del
primo anno di applicazione delle regole ordinarie.”.

Pertanto il recupero dell’IVA a credito avviene in corrispondenza del versamento del saldo annuale IVA relativo al
2020 (primo anno di applicazione del regime ordinario).

8 AT T E N Z I O N E : Con Circolare 30 maggio 2012, n. 17, l’Agenzia delle Entrate ha confermato che il contri-
buente può recuperare l’eventuale IVA a credito, emergente dalla rettifica, senza attendere la presentazio-
ne della dichiarazione annuale IVA, nell’ambito della prima liquidazione IVA periodica effettuata nel pri-
mo anno di applicazione del regime ordinario.

Passaggio da regime forfetario Recupero IVA a credito in sede


a ordinario di saldo annuale IVA

ΠESEMPIO

Il sig. Anselmo Rossi è fuoriuscito dal regime forfetario dal 2020.

Si ipotizza che:
£ la rettifica a favore connessa alla fuoriuscita dal 2020 dal regime (IVA a credito) sia pari a € 1.600;
£ che l’IVA a debito sulle vendite del I trimestre 2020 sia pari a € 1.500;
£ che l’IVA a credito sugli acquisti del I trimestre 2020 sia pari a € 1.000.

La liquidazione IVA del I trimestre 2020 è così calcolata:


IVA A DEBITO € 1.500
IVA A CREDITO € 1.000
RETTIFICA DETRAZ. - € 1.600
TOT. IVA A CREDITO € 1.100

L’ammontare della rettifica “netta” (€ 1.600) confluirà nel Mod. IVA relativo al 2020 nella sezione “IVA ammessa in
detrazione”.

142 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

Per quanto riguarda la compilazione del quadro VP della comunicazione liquidazioni periodiche, si ritiene che
l’ammontare della rettifica vada indicato (in mancanza di un rigo specifico) a rigo VP5 “IVA detratta” unitamente

REGIME FORFETARIO
all’IVA detraibile del periodo.

CODICE FISCALE

QUADRO VP
Liquidazioni periodiche IVA
COMUNICAZIONE LIQUIDAZIONI Mod. N.
PERIODICHE IVA

PERIODO DI RIFERIMENTO
1 2 3 4 5

VP1 Mese Trimestre (*) 1 Subforniture Eventi eccezionali Operazioni straordinarie

LIQUIDAZIONE
DELL’IMPOSTA VP2 Totale operazioni attive (al netto dell’IVA) 6.818 , 2 0

VP3 Totale operazioni passive (al netto dell’IVA) 5.000 , 0 0


DEBITI CREDITI
VP4 IVA esigibile 1.500 , 0 0

VP5 IVA detratta 1.000 + 1.600 2.600 , 0 0

VP6 IVA dovuta 1


, o a credito
2
1.100 , 0 0

VP7 Debito periodo precedente non superiore 25,82 euro ,

VP8 Credito periodo precedente ,

VP9 Credito anno precedente ,

VP10 Versamenti auto UE ,

VP11 Crediti d’imposta ,

VP12 Interessi dovuti per liquidazioni trimestrali ,

1 2
VP13 Acconto dovuto Metodo ,

1 2
VP14 IVA da versare , o a credito 1.100 , 0 0

(*) ATTENZIONE: I contribuenti che hanno optato per la liquidazione trimestrale ai sensi dell’art. 7 del D.P.R. n. 542/99 devono indicare “5” per il quarto trimestre

RIFLESSI AI FINI REDDITUALI


In caso di passaggio dal regime dei minimi al regime ordinario, la rettifica dell’IVA a credito in favore del contri-
buente determinava una sopravvenienza rilevante ai fini delle imposte dirette, così come specificato dall’Agenzia
delle Entrate nella Circolare 26 febbraio 2008, n. 13. Lo stesso può valere per il passaggio da regime forfetario a re-
gime ordinario.

Passaggio da regime Sopravvenienza rilevante


forfetario a ordinario ai fini imposte dirette

Rettifica IVA
“a favore”

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 143
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

ΠESEMPIO
REGIME FORFETARIO

Il sig. Ruggero Bianchi, esercente l’attività di commercio al minuto, in regime dei minimi dal 2013, è transitato dal
2018 al regime forfetario.
Dal 2020 esce dal regime a causa del venir meno dei requisiti per rimanere nel forfetario ed accede al regime ordinario.
Al 31 dicembre 2019 presenta la seguente situazione:

Bene Data acquisto Rettifica

Fatture di acquisto:
Rimanenze X n. 22/2019  € 2.000 + IVA 22% (€ 440) non detratta € 660 (€ 440 + € 220)
X n. 24/2019  € 1.000 + IVA 22% (€ 220) non detratta
Arredamento acquistato nel 2014 per € 5.000 + IVA 22% (€ 1.100) NO rettifica (già decorsi 5 anni)
Beni PC acquistato nel 2016 per € 1.500 + IVA 22% (€ 330) non detratta € 66 (€ 330 x 1/5)
strumentali
Autovettura acquistata nel 2019 per € 20.000 + IVA 22% (€ 4.400)
€ 1.408 (€ 4.400 x 40% x 4/5)
non detratta


IVA da recuperare € 2.134 (€ 660 + € 66 + € 1.408)

L’ammontare pari a € 2.134 è computato in detrazione nel Mod. IVA 2021 relativo al 2020. Tale importo si ritiene rile-
vante nella determinazione del reddito 2020.

ELIMINAZIONE DEI FENOMENI DI SALTI O DUPLICAZIONI D’IMPOSTA


In considerazione del diverso criterio di imputazione dei costi e dei ricavi si pone il problema di evitare, nel pas-
saggio di regime, i c.d. “fenomeni di salti o duplicazioni d’imposta”.
Si noti infatti che in caso di passaggio di regime il rischio è quello di sottoporre il medesimo componente redditua-
le a doppia imposizione; inoltre, si passa da un anno in cui i costi sono forfettizzati ad un altro in cui il singolo com-
ponente reddituale viene dedotto analiticamente dal reddito.

L’art. 1, comma 72, Legge n. 190/2014, al riguardo dispone che:

“Nel caso di passaggio da un periodo di imposta soggetto al regime forfetario a un periodo di imposta
soggetto a regime ordinario, al fine di evitare salti o duplicazioni di imposizione, i ricavi e i compensi che, in
base alle regole del regime forfetario, hanno già concorso a formare il reddito non assumono rilevanza nella
determinazione del reddito degli anni successivi ancorché di competenza di tali periodi; viceversa i ricavi
e i compensi che, ancorché di competenza del periodo in cui il reddito è stato determinato in base alle regole del regime
forfetario, non hanno concorso a formare il reddito imponibile del periodo, assumono rilevanza nei periodi di imposta
successivi nel corso dei quali si verificano i presupposti previsti dal regime forfetario…”.

RICAVI/COMPENSI
Poiché ora le imprese in contabilità semplificata determinano il reddito in base al principio di cassa, la problema-
tica connessa al passaggio da un regime per cassa ad uno per competenza riguarda solo il caso in cui il contribuen-
te fuoriuscito abbia adottato la contabilità ordinaria.
In tal caso, la regola prevede che nel passaggio dal regime forfetario ad un regime per competenza si applica la
regola di imputazione prevista per il regime precedente, ossia il principio di cassa.
Se il ricavo o il compenso percepito concorrono a formare il reddito del 2019, il componente così imputato nell’ultimo pe-
riodo non concorrerà più alla formazione del reddito dei periodi successivi, ancorché di competenza di tali periodi.

144 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

SPESE
Il comma 72, terzo periodo, così dispone:

REGIME FORFETARIO
“Nel caso di passaggio da un periodo di imposta soggetto al regime forfetario a un periodo di imposta soggetto ad un
diverso regime, le spese sostenute nel periodo di applicazione del regime forfetario non assumono rilevan-
za nella determinazione del reddito degli anni successivi”.

8 AT T E N Z I O N E : In caso di passaggio dal regime agevolato a quello ordinario, si passa da un regime di de-
terminazione forfetaria dei costi ad uno in cui i costi/spese sono conteggiati in via analitica.

Di conseguenza, per evitare salti o duplicazioni, i costi/le spese sostenuti nel periodo di applicazione del regime for-
fetario non assumono rilevanza nemmeno nella determinazione del reddito degli anni successivi.

ΠESEMPIO

Il sig. Sigfrido Bianchi esercente un’attività d’impresa in forma individuale fuoriesce dal regime forfetario dal 2020
ed adotta la contabilità semplificata.
In data 1° luglio 2019 ha pagato il premio di € 1.000 a titolo di assicurazione contro furto e incendio per il periodo
1.7.2019 – 30.6.2020.
La spesa sostenuta si considera relativa all’anno di applicazione del regime forfetario, benché non sia stata dedotta,
data la forfetizzazione delle spese sostenute.
La quota relativa al periodo 1.1.2020 – 30.6.2020 non concorre alla determinazione del reddito 2020 ancorché di com-
petenza di tale periodo, mentre vi concorrerà il premio relativo al periodo 1.7.2020 – 30.6.2021 in quanto pagato il 1°
luglio 2020 (regime di cassa).

BENI STRUMENTALI ACQUISTATI PRIMA DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME FORFETARIO


In relazione ai beni strumentali posseduti al momento dell’uscita dal regime forfetario va distinto che si tratti di
beni acquistati:
O prima dell’ingresso nel forfetario;
O durante il regime forfetario.

BENI ACQUISTATI PRIMA DELL’INGRESSO NEL REGIME FORFETARIO


Con riferimento ai beni strumentali già posseduti al momento dell’ingresso nel regime forfetario è stata applica-
ta la regola secondo la quale a partire dal momento di adozione del regime non risultano più deducibili le quote
di ammortamento.

8 AT T E N Z I O N E : Qualora tali beni siano presenti al momento dell’uscita dal regime si ritiene che non sarà
possibile “riprendere” il processo d’ammortamento.

Il comma 72 afferma infatti che:

“Nel caso di cessione successivamente all’uscita dal regime forfetario di beni strumentali acquisiti in
esercizi precedenti a quello da cui decorre il regime forfetario, ai fini del calcolo dell’eventuale plusvalenza o
minusvalenza determinata, rispettivamente, ai sensi degli articoli 86 e 101 del TUIR si assume come costo non ammor-
tizzato quello risultante alla fine dell’esercizio precedente a quello dal quale decorre il regime.”

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 145
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

Beni strumentali acquistati


Quote di ammortamento non più deducibili
prima di accedere
REGIME FORFETARIO

dopo accesso al regime agevolato


al regime forfetario

Nemmeno dopo l’uscita dal regime agevolato

Ciò conferma indirettamente che non sono deducibili ulteriori quote d’ammortamento dopo l’uscita dal regime
forfetario.

ΠESEMPIO

Un’impresa individuale in contabilità semplificata ha aderito al regime forfetario nel 2017, da cui fuoriesce a parti-
re dal 2020.
Nel momento dell’ingresso in regime forfetario, l’impresa presentava la seguente situazione:
O bene strumentale acquistato nel 2015 € 2.000 (+ IVA)
O coefficiente di ammortamento 20%
O fondo ammortamento al 31.12.2016 € 600 (€ 200 +€ 400)
Dal 2017, in relazione a tale bene non è stato possibile più dedurre le relative quote di ammortamento.
Uscendo dal regime agevolato dal 2020, l’impresa a partire da tale anno non potrà “riprendere” la deduzione delle
“residue” quote di ammortamento.

BENI ACQUISTATI DURANTE IL REGIME FORFETARIO


Per i beni acquistati in vigenza del regime forfetario, il costo di tali beni non è stato dedotto, data la determinazio-
ne forfetaria dei costi in tale regime.

8 AT T E N Z I O N E : Dall’anno di fuoriuscita dal regime agevolato (come nell’esempio sopra riportato, uscito
dal 2020 dopo essere stato in regime forfetario fino al 31 dicembre 2019) non sarà comunque possibile de-
durre alcuna somma a titolo di ammortamento.

Questo si deduce dalla formulazione del comma 72 in base al quale “le spese sostenute nel periodo di applicazione del re-
gime forfetario non assumono rilevanza nella determinazione del reddito degli anni successivi” comprese quindi
quelle relative al costo dei beni strumentali.

CESSIONE DI BENI STRUMENTALI DOPO L’USCITA DAL REGIME FORFETARIO


Secondo il quarto periodo, comma 72, Legge n. 190/2014:

“Nel caso di cessione successivamente all’uscita dal regime forfetario di beni strumentali acquisiti in
esercizi precedenti a quello da cui decorre il regime forfetario, ai fini del calcolo dell’eventuale plusvalenza o
minusvalenza determinata, rispettivamente, ai sensi degli articoli 86 e 101 del TUIR si assume come costo non am-
mortizzato quello risultante alla fine dell’esercizio precedente a quello dal quale decorre il regime. Se la cessione con-
cerne beni strumentali acquisiti nel corso del regime forfetario si assume come costo non ammortizzabile il prez-
zo d’acquisto.”

In relazione ai beni strumentali posseduti al momento dell’uscita dal regime forfetario vanno distinte le seguenti ipotesi:
O beni acquistati prima dell’ingresso nel regime forfetario;
O beni acquistati durante il regime forfetario.

146 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

BENI ACQUISTATI PRIMA DELL’INGRESSO NEL REGIME FORFETARIO


Con riferimento ai beni strumentali già posseduti al momento dell’ingresso nel regime forfetario, nel caso di ces-

REGIME FORFETARIO
sione successivamente all’uscita dal regime forfetario, ai fini del calcolo dell’eventuale plusvalenza o minusva-
lenza, si assume come costo non ammortizzato quello risultante alla fine dell’esercizio precedente a quello dal qua-
le decorre il regime.

ΠESEMPIO

Al 31 dicembre 2016 un bene presenta la seguente situazione:


Prezzo di acquisto del bene € 10.000
F.do amm.to € 3.000
Valore fiscale € 7.000

Nel 2017 il contribuente adotta il regime forfetario e ne fuoriesce dal 2020.


Nel 2020 non deduce alcuna quota d’ammortamento.
Nel 2021 vende lo stesso bene:
Prezzo di vendita del bene € 6.000
Minusvalenza € 1.000

BENI ACQUISTATI DURANTE IL REGIME FORFETARIO


Per i beni acquistati in vigenza del regime forfetario, la cessione successiva alla fuoriuscita dal regime va effettuata
assumendo come costo non ammortizzabile il prezzo d’acquisto.
Infatti, il costo di tali beni non è stato dedotto a causa del regime che prevede la forfettizzazione dei costi.

ΠESEMPIO

Un contribuente ha iniziato l’attività nel 2018 in regime forfetario e ne fuoriesce a partire dal 2020.
Nel 2019 (nel periodo quindi in cui era in regime forfetario), acquista un bene strumentale, e lo rivende nel 2020,
dopo la fuoriuscita.
Determinazione della plus/minusvalenza:
Prezzo di acquisto del bene € 10.000
Prezzo di vendita € 6.000
Minusvalenza € 4.000

MASSIMIZZAZIONE DEI BENEFICI PRIMA DI USCIRE DAL REGIME


Poiché la decadenza dal regime agevolato avviene con decorrenza dall’anno successivo, qualora non siano rispettati
i requisiti previsti dal comma 54, il fatto di sapere di essere nell’ultimo anno di applicazione del regime permette al
contribuente di massimizzare, per quanto possibile, i benefici ottenibili dall’applicazione del regime stesso.

8 AT T E N Z I O N E : In pratica, se un soggetto è consapevole di essere nell’ultimo periodo d’imposta di ap-


plicazione del regime, può cercare di ottimizzare la tassazione agevolata e le regole di determinazione
del reddito, anche andando oltre la soglia prevista per l’uscita dal regime a partire dall’anno successivo.
Si ricorda infatti che, rispetto al regime dei contribuenti minimi, non è prevista la fuoriuscita dal regime
immediata in caso di superamento del 50% della soglia di ricavi.

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 147
Sezione prima - Il regime forfetario
L’uscita dal regime forfetario: riflessi IVA e reddituali

In tale situazione i contribuenti sono quindi portati, ad esempio, ad incrementare gli incassi (anche sotto forma di
acconti, in quanto vale il principio di cassa) al fine di tassare il maggior reddito possibile con l’imposta sostitutiva.
REGIME FORFETARIO

Invece, per quanto riguarda le spese, la situazione va valutata diversamente: infatti, l’impossibilità di dedurre i costi
nel regime forfetario potrebbe rendere più conveniente sostenere le spese successivamente alla fuoriuscita, laddove
possibile, in modo da poterne dedurre il costo.
Inoltre, per quanto riguarda i beni strumentali, nel regime agevolato non solo non è possibile dedurre il costo so-
stenuto, ma una volta fuoriusciti non è più possibile nemmeno dedurre ulteriori quote di ammortamento, dato che
all’interno del regime agevolato la deduzione dei costi viene stimata in via forfetaria, e quindi comunque si consi-
dera “già avvenuta”.
Al contrario, nel regime “ordinario” , come noto, è possibile procedere all’ammortamento in base ai coefficienti mi-
nisteriali, con relativa deduzione del costo sostenuto “spalmata” su più anni.

8 AT T E N Z I O N E : Pertanto, si ritiene non conveniente l’acquisto di un bene strumentale nell’ultimo anno


“da forfetario” in quanto non consente la deduzione di quote d’ammortamento negli anni successivi in
cui il reddito sarà assoggettato a tassazione ordinaria.

Massimizzazione dei ricavi/compensi,


anche per mezzo di acconti
Ultimo anno di permanenza nel
regime agevolato

No convenienza acquisto beni strumentali

8 AT T E N Z I O N E : Dal punto di vista dell’IVA, invece, l’acquisto di beni strumentali nell’ultimo anno di per-
manenza nel regime forfetario comporta minori svantaggi.
Infatti l’eventuale IVA assolta sull’acquisto non detratta verrà recuperata quasi totalmente come rettifica
della detrazione a proprio favore.

USCITA DAL REGIME FORFETARIO E MODELLI ISA


Il comma 73, Legge n. 190/2014, prima delle modifiche apportate dalla Legge di Bilancio 2019, stabiliva che nei con-
fronti delle imprese e dei lavoratori autonomi in regime forfetario non potessero essere effettuati, con riferimento ai
periodi d’imposta di applicazione di tale regime, accertamenti fondati su studi di settore e con i parametri contabili.

8 AT T E N Z I O N E : A seguito dell’introduzione degli “Indici sintetici di affidabilità fiscale” (ISA), è stato sop-
presso il primo periodo del comma 73 della Legge di Stabilità 2015 che disponeva la non applicabilità degli
studi di settore e dei parametri ai contribuenti che si avvalgono del regime forfetario.
A tale proposito si ricorda che ai sensi del Decreto MEF 23 marzo 2018, gli ISA non si applicano nei confronti dei
contribuenti che si avvalgono del regime forfetario agevolato o del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria
giovanile e lavoratori in mobilità.

8 AT T E N Z I O N E : Va evidenziato che non sono interessati dalla compilazione del modello ISA i sogget-
ti fuoriusciti dal regime agevolato nel 2020. Tali soggetti, infatti, dovranno compilare gli ISA solamente a
partire dal 2021, mentre nel Mod. REDDITI 2020 compilano il quadro LM.
Pertanto, nel 2020, sono interessati alla compilazione del modello ISA i soggetti usciti dal regime forfe-
tario nel 2019 o precedenti, ed hanno applicato il regime ordinario.

148 Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa
Sezione prima - Il regime forfetario
Il regime dei contribuenti minimi e forfetario a confronto

IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI E

REGIME FORFETARIO
FORFETARIO A CONFRONTO

In linea generale, il regime forfetario risulta meno conveniente rispetto al regime dei contribuenti minimi. Tutta-
via, il confronto non è così scontato, soprattutto per i soggetti c.d. “start-up”. Gli elementi da verificare sono diversi:
O da un lato, l’imposta sostitutiva per i forfetari prevede un’aliquota pari al 15%, ma al 5% per i forfetari start-
up come per i minimi;
O dall’altro, il regime forfetario non ha durata limitata come era previsto per i minimi;
O un elemento rilevante di distinzione riguarda la deduzione analitica dei costi e delle spese, possibile per i mini-
mi, che non è presente per i forfetari;
O è molto interessante la possibilità di aderire al regime agevolato contributivo, riservato in via opzionale ai sog-
getti esercenti attività d’impresa.

8 AT T E N Z I O N E : Naturalmente, si ricorda che il confronto risulta utile solo per i contribuenti minimi che
vogliono rinunciare a tale regime e passare al regime forfetario. L’ipotesi contraria non è possibile.

Riepiloghiamo le caratteristiche del regime forfetario rispetto a quello dei contribuenti minimi.
Tabella di confronto
Requisiti/adempimenti Regime forfetario Regime dei minimi
Limite ricavi/compensi € 65.000 € 30.000
€ 15.000 di acquisti
Limite beni strumentali Nessuno
in un triennio
Limite costo del lavoro SÌ (≤ € 20.000) 0
Limite reddito la lavoro dipendente SÌ (≤ € 30.000) Non previsto
Possibilità di effettuare esportazioni SÌ NO
Incompatibilità regime con:
X regimi speciali IVA
X soggetti non residenti SÌ SÌ
X cessione fabbricati e terreni o mezzi di trasporto nuovi
X partecipazioni di vario tipo
Applicazione IVA NO NO
Detrazione IVA NO NO
Ritenute subite NO NO
Ritenute effettuate NO SÌ
Determinazione reddito Forfetaria Analitica
Agevolazioni contributive SÌ (-35% ) per imprese NO
Prioritariamente dal reddito Prioritariamente dal reddito
Deducibilità contributi
d’impresa/lavoro autonomo d’impresa/lavoro autonomo
Deducibilità costo beni strumentali NO SÌ
Imposta sostitutiva 15% (5% per start-up) 5%
Applicazione ISA NO NO
Spesometro/comunicazione delle liquidazioni periodiche NO NO
Obbligo fattura elettronica NO NO
Rilevanza del reddito da lavoro dipendente per detrazio-
SÌ NO
ni/deduzioni/benefici fiscali

Regime forfetario, regime dei minimi e contabilità semplificata per cassa 149
Sezione prima - Il regime forfetario
La dichiarazione dei redditi per i contribuenti forfetari

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI PER I


REGIME FORFETARIO

CONTRIBUENTI FORFETARI

I contribuenti in regime forfetario dichiarano il proprio reddito d’impresa/lavoro autonomo compilando il quadro LM,
Sezione III del Mod. REDDITI PF. Inoltre, i forfetari sono tenuti a fornire alcuni dati nell’apposita sezione del quadro RS.
Nel presente capitolo si ripercorrono le modalità di determinazione del reddito valide per il periodo d’imposta 2018,
e s’illustra la compilazione del Mod. REDDITI 2019, con riferimento particolare al quadro LM ed al quadro RS.

LA COMPILAZIONE DEL QUADRO LM PER I CONTRIBUENTI FORFETARI


Il quadro LM va utilizzato per dichiarare il reddito derivante dall’esercizio di attività commerciali o dall’esercizio
di arti e professioni, determinato ai sensi dell’art. 27, commi 1 e 2, D.L. 6 luglio 2011, n. 98, dai contribuenti minimi,
o ai sensi dei commi da 54 ad 89, Legge n. 190/2014, dai contribuenti forfetari.
PERIODO D’IMPOSTA 2019
Nel presente capitolo si affronta la modalità di compilazione
CODICE FISCALE per il regime forfetario.

8 AT T E N Z I O N E : Si ricorda che, a differenza di quanto accadeva in passato, è possibile compilare il qua-


PERSONE
dro LM e anche unFISICHE
altro quadro di determinazione del reddito (RF, RG, RE e RD).
2020 REDDITI
genzia QUADRO LM
ntrate
L’incompatibilità tra quadro LM e uno degli altri quadri di determinazione del reddito non sussiste, ad esempio, con
Mod. N.

riferimento ad un contribuente che cessaReddito dei soggetti


l’attività nel che aderiscono
corso dell’anno al regime
con di regime
il vantaggio dei
per l’imprenditoria giovanile e succes-
minimi/forfetario,
e lavoratori in mobilità (Art. 27, commi 1 e 2, D.L. 6 luglio 2011, n. 98)
sivamente ne intraprende un’altra in regime ordinario.
Reddito dei contribuenti che fruiscono del regime forfetario (art. 1, commi 54 - 89,
della legge 23 dicembre 2014, n. 190)

SEZIONE I LM1 Codice attività


Regime di vantaggio LM2 Totale componenti positivi
,00
Determinazione
LM3 Rimanenze finali ,00
del reddito
LM4 Differenza (LM2 – LM3) ,00
Impresa
Totale Commi 91 e 92 Art. 1, comma 8 Art. 1, comma 9 Art. 1, comma 10
LM5 componenti L. 208/2015 L. 232/2016 L. 232/2016 L. 232/2016
negativi 1 2 3 4 5
Autonomo (di cui ,00 ,00 ,00 ,00 ) ,00
LM6 Reddito lordo o perdita (LM4 – LM5 col.5) ,00
1
Impresa familiare LM7 Contributi previdenziali e assistenziali ,00
2
,00
LM8 Reddito netto ,00
Misura limitata 80% Misura Piena 3
LM9 Perdite pregresse
(di cui 1 ,00
2
,00 ) ,00
LM10 Reddito al netto delle perdite soggetto ad imposta sostitutiva ,00
LM11 Imposta sostitutiva 5% ,00
Sussistenza requisiti accesso 1 Assenza cause ostative applicazione 2 Nuova attività 3
SEZIONE II LM21 regime (art.1, comma 54) regime (art.1, comma 57) (art.1, comma 65)
Regime forfetario Codice attività Coefficente redditività Componenti positivi Diritto Autore Correlati Reddito per attività
Determinazione LM22 1 2 4 5
% 3
del reddito ,00 ,00 ,00
LM23 1 2 % 3
,00
4
,00
5
,00
Impresa LM24 1 2 % 3
,00
4
,00
5
,00
LM25 1 2 % 3
,00
4
,00
5
,00
Autonomo LM26 1 2 % 3
,00
4
,00
5
,00
LM27 1 2 % 3
,00
4
,00
5
,00
Gestione separata autonomi
Impresa familiare Artigiani e commercianti (art. 2 c. 26 L. 335/95)
3

LM34 Reddito lordo 1


,00
2
,00 ,00
LM35 Contributi previdenziali e assistenziali 1
,00
2
,00
LM36 Reddito netto ,00
Gestione separata autonomi
Artigiani e commercianti (art. 2 c. 26 L. 335/95)
Perdite 1
,00
2
,00
LM37 Misura limitata 40% Misura limitata 80% Misura Piena
pregresse 6

3 4 5
(di cui ,00 ,00 ,00 ) ,00
LM38 Reddito al netto delle perdite soggetto ad imposta sostitutiva ,00
LM39 Imposta sostitutiva ,00
150
SEZIONE III Riacquisto prima casa RedditiRegime forfetario,Fondi
prodotti all’estero regime
comunidei minimi e contabilità
Sisma Abruzzo altri immobili semplificata per cassa
1 2 3 4
Determinazione ,00 ,00 ,00 ,00
dell’imposta dovuta Sisma Abruzzo Reintegro anticipazioni
abitazione principale fondi pensione Mediazioni Negoziazioni e arbitrato
LM40 Crediti di imposta 5 6 7 8
,00 ,00 ,00 ,00
LM23 2 % 3
,00
4
,00
5
,00
Impresa LM24 1 2 % 3
,00