Sei sulla pagina 1di 27

10

Verso uno scambio comunicativo

49

Periodico telematico bimestrale a carattere scientifico dellIstituto di Ortofonologia srl con sede in Roma via Salaria 30 anno III n. 10 giugno 2011
Direttore responsabile: Federico Bianchi di Castelbianco Iscrizione al Tribunale civile di Roma n. 63/2009 del 25/02/2009 ISSN 2035-7850

numero monografico

Il Libro Rosso di C.G. Jung


N

el Libro Rosso ho tentato unelaborazione estetica


delle mie fantasie ma non lho mai portata a termine: mi resi conto di non aver ancora trovato il linguaggio adatto e di dover ancora tradurlo in qualcosa daltro.
Perci smisi in tempo debito questa tendenza estetizzante
per interessarmi piuttosto di una rigorosa comprensione
dovevo trarre conclusioni concrete dalle intuizioni che
linconscio mi aveva comunicato. Lelaborazione estetica
tentata nel Libro Rosso fu comunque un passo necessario,
anche se presto non ebbi pi la pazienza di proseguire; grazie ad essa giunsi a capire la responsabilit morale che
avevo verso le immagini che mi avevano influenzato cos
decisamente. Mi resi conto che il linguaggio, non importa
quanto accurato, non pu sostituire la vita. Se cerca di
sostituirla non solo la vita perde vigore ma si impoverisce
esso stesso.
Mi sembra che il commento dello stesso Jung al proprio
lavoro sia il modo migliore per accostarsi al Libro Rosso
senza rischiare fraintendimenti e idealizzazioni ma anche
senza sminuirne la portata scientifica che necessita ancora
di tutto il nostro impegno per collocare responsabilmente
la dimensione immaginale nel posto che le compete.
Il viaggio nello spirito delle profondit, che Jung ci
racconta grazie alle personificazioni del suo inconscio, ci
pone in una dimensione altra rispetto allo spirito del
tempo e consente di porre accanto alla cultura della mente
e alla sua ragionevolezza una cultura dellanima che deve
saper rinunciare al significato pietrificato per avventurarsi
in una nuova forma di saggezza. Dice Jung: Lo spirito di
questo tempo mi ha permesso di credere nella ragione ma
quello delle profondit mi ha insegnato che sono il servitore di un bambino.
Nessuna cultura della mente, infatti, pu trasformare,
secondo Jung, il deserto dellanima in un giardino ed
necessario accettare che il significato solo un momento
di transizione da unassurdit allaltra, cos come lassurdit un momento di transizione da un significato allaltro, per arrivare a comprendere che il non-senso il fratel-

lo inseparabile del significato supremo. Non si tratta, dunque, di contrapporre i due tipi di cultura ma di comprendere che si rivolgono a dimensioni differenti, tra loro irriducibili e imprescindibili, che rimandano al rapporto con la
vita e con le sue trasformazioni. La vita, infatti, sottolinea
Jung, trasformazione e non esclusione ed quindi necessario avventurarsi nello spirito delle profondit accettando
che la saggezza contempla anche lignoto e la paura di se
stessi.
Rocci ha pi volte sottolineato che la contraddittoriet
non nel pensiero di Jung ma nella natura stessa della psiche che non tollera lunivocit della definizione e lincontro con le personificazioni dellinconscio, che Jung ha tentato nel Libro Rosso, mi sembra che ci ponga ineluttabilmente di fronte alle tante sfaccettature con cui la psiche
manifesta se stessa nelle zone di confine. La consapevolezza della irraggiungibilit di una conoscenza suprema ha
salvato Jung da posizioni estremiste o mistiche e limpegno assunto nei confronti delle immagini ha permesso
laccesso a una dimensione che oggi possiamo considerare, secondo lo spirito del tempo, moderna. Se, infatti, come
egli stesso ha dichiarato, si fosse fermato di fronte alle
emozioni prodotte dallincontro con linconscio, avrebbe
rischiato di esserne sopraffatto mentre avendole tradotte in
immagini riuscito a porre quella distanza fondamentale
per poterle visualizzare e, quindi, pensare.
I vari articoli sul Libro Rosso, cui abbiamo voluto dedicare un numero della rivista, mettono in luce proprio la centralit di questa zona di confine dove coscienza e inconscio
si incontrano per dare vita a nuove immagini individuali e
collettive e per fondare una nuova modalit conoscitiva.
Mettendo in guardia da pregiudizi e da possibili facili
detrazioni da una parte e da atteggiamenti marcatamente
voyeuristici dallaltra, i vari autori affrontano alcuni dei
temi pi importanti per consentire un giusto approccio alla
lettura di un testo che molto pu ancora dirci sul suo autore e sul senso della sua ricerca.
MAGDA DI RENZO

C.G. JUNG
IL LIBRO ROSSO - LIBER NOVUS
A CURA E CON INTRODUZIONE DI

SONU SHAMDASANI

IN QUESTO NUMERO

Periodico telematico bimestrale


a carattere scientifico
dellIstituto di Ortofonologia srl
via Salaria, 30 - 00198 Roma
Anno III n. 10 giugno 2011

SAPER STARE SULLA SOGLIA


ovvero della mutua permeabilit
tra conscio e inconscio

C.G. JUNG, IL LIBRO ROSSO


Benvenuti a Temenos
Laura Briozzo

Federico de Luca Comandini

11

DIRETTORE RESPONSABILE
Federico Bianchi di Castelbianco
RESPONSABILI SCIENTIFICI
Federico Bianchi di Castelbianco
Magda Di Renzo
Iscrizione al Tribunale civile
di Roma n. 63/2009 del 25/02/2009
ISSN 2035-7850
PER INFORMAZIONI SULLA PUBBLICIT
06/99.703.813
Fax 06/99.703.819
promozione@babelenews.net
www.babelenews.net
I numeri cartacei arretrati possono
essere richiesti alla redazione
(le richieste sono subordinate
alla disponibilit dei singoli numeri.
previsto un contributo per le spese
postali)

CHI VOLESSE SOTTOPORRE


ARTICOLI ALLA RIVISTA PER
EVENTUALI PUBBLICAZIONI PU
INVIARE TESTI ALLA REDAZIONE
redazione@magiedizioni.com
Il materiale inviato non viene
comunque restituito
e la pubblicazione degli articoli
non prevede nessuna forma
di retribuzione

MISTERO DAMORE
ovvero bere lamaro calice
della nostra funzione ultima

LIBER NOVUS
Introduzione alla Tavola Rotonda
ma forse bella la verit
ed vera la bellezza?
Alfredo Lopez

Giulia Valerio

LA VIA DI CI CHE
STA PER ARRIVARE
ovvero larchetipo della conoscenza
nel Liber Novus di C.G. Jung

NEL BEL MEZZO


DI UNA SPIAGGIA
ovvero sullapertura alle istanze
dellinconscio
Robert Mercurio

15

Claudio Widmann

19

C.G. Jung
Il Libro Rosso
Benvenuti a Temenos
LAURA BRIOZZO
Presidente del Centro Culturale Junghiano Temenos

l Centro Culturale Junghiano Temenos nato un paio di


anni fa a Bologna per iniziativa di un gruppo di appassionati della psicologia del profondo desiderosi di diffondere e studiare il pensiero di Carl Gustav Jung e soprattutto
di ampliare la propria consapevolezza. Jung sosteneva infatti: luomo che non sviluppi la propria coscienza non individuato, perch la coscienza il suo fiore, la sua vita; il
dover diventare consci appartiene al nostro processo dindividuazione (Visioni, Edizioni Magi, 2004, p. 822).
Ognuno di noi proviene da una storia diversa, da un percorso diverso, da un viaggio diverso, ma a un certo punto le nostre
strade si sono incontrate e abbiamo scoperto di condividere uno
stesso interesse, la psicologia del profondo e il vasto mondo che
in qualche modo ruota attorno a questo tema. Quello del Centro Culturale Junghiano Temenos un percorso di ricerca per
tutti coloro che sono interessati alle tematiche del profondo, un
viaggio per chi sul cammino della propria evoluzione personale. Un viaggio fatto di tanti viaggi. Per far questo ci avvaliamo della collaborazione di noti ed esperti professionisti della
materia che ci accompagnano in questo nostro percorso.
Il tema della tavola rotonda dell11 dicembre scorso a
Bologna, il Libro Rosso di Carl Gustav Jung, un prezioso

volume che stato definito da molti il diario segreto del


grande analista svizzero. Sebbene pensiamo sia quasi impossibile penetrare nellanimo del grande maestro svizzero,
come del resto sempre difficile penetrare veramente nellanimo dellindividuo, per noi era importante promuovere
questo incontro al fine di condividere le rispettive riflessioni che la lettura del libro ha fatto emergere in ognuno di noi.
Uno degli obiettivi del Centro Culturale Junghiano
Temenos proprio questo: promuovere occasioni di scambio
e condivisione.
Gli ospiti invitati alla tavola rotonda Federico De Luca
Comandini, Robert Mercurio, Giulia Valerio e Claudio Widmann non hanno bisogno di particolari presentazioni perch tutti ampiamente riconosciuti nellambito della comunit psicoanalitica; noi del CCJ Temenos siamo stati onorati
dei loro preziosi contributi.
Ringraziamo la rivista Babele per aver voluto dedicare un numero monografico agli atti della tavola rotonda, un
dono prezioso per tutti coloro che non hanno potuto partecipare allevento e per tutti coloro che, pur avendo partecipato, hanno cos lopportunit di ripercorrere le narrazioni dei
relatori intervenuti. u

TEMENOS CENTRO CULTURALE JUNGHIANO


Non ho un giudizio definitivo su me stesso e la mia vita. Non vi nulla di cui mi senta veramente sicuro. Non ho convinzioni definitive, proprio di
nulla. So solo che sono venuto al mondo e che esisto, e mi sembra di esservi stato trasportato. Esisto sul fondamento di qualche cosa che non conosco.
Ma nonostante tutte le incertezze, sento una solidit alla base dellesistenza e una continuit nel mio modo di essere.
Carl Gustav Jung

Chi siamo

A chi ci rivolgiamo

Siamo un gruppo di appassionati e studiosi junghiani animati dal desiderio di diffondere e approfondire gli orientamenti della psicologia
analitica. Promuoviamo occasioni di contatto e confronto, avvalendoci della collaborazione di esperti e noti professionisti del settore. Quello del centro culturale junghiano Temenos un percorso di ricerca per
tutti coloro che sono interessati alle tematiche del profondo, un viaggio
per chi sul cammino della propria evoluzione personale.

Le attivit del centro culturale junghiano Temenos, seminari, incontri,


corsi ed altro, sono aperte a tutti coloro che sono interessati alle tematiche esistenziali e del profondo.
Siamo particolarmente lieti di accogliere nuovi partecipanti: professionisti del settore, studenti, educatori, persone interessate ad approfondire la
psicologia del profondo o semplicemente desiderose di arricchire il proprio percorso esistenziale.

Sede: Temenos Centro Culturale Junghiano - Via Venturi, 20 40053 Bazzano BO


e-mail: info@temenosjunghiano.com - Telefono: 051 830840 346 0867283 - www.temenosjunghiano.com

Liber Novus
ma forse bella la verit ed vera la bellezza?
ALFREDO LOPEZ
Co-fondatore e vice-presidente del Centro Culturale Junghiano Temenos

el curare questa mia breve introduzione ai lavori non


entrer nel merito dei contenuti dellOpus (trattandosi di un vero e proprio esercizio di immaginazione attiva risulterebbe per me cosa assai ardua, se non fuorviante); mentre non vorrei negarmi la possibilit di condividere con voi qualcosa con riferimento allorigine di quello che stato il pi importante esperimento di Jung (come
esso stesso ebbe a dire del Liber Novus) e allapproccio che
ho personalmente adottato nel com-prenderlo (utilizzo il
termine con gran cautela, nel senso di prendere insieme,
contenere, abbracciare). Lo far parafrasando ampiamente il pensiero dellautore e conscio del fatto che si tratta
certamente di aspetti ancora assai dibattuti e controversi,
connotanti modi diversi di accostarsi a questa affascinante
manifestazione della vita dentro una vita, che il Liber
Novus.
Quando abbiamo deciso di promuovere questa tavola
rotonda non avevo ancora potuto prendere visione dellopera. Ho fatto allora quanto di pi scontato si fa in questi casi:
mi sono chiesto cosa pensasse del suo contenuto chi lo aveva
gi visitato; e cos mi sono accorto non solo della grande
risonanza che levento ha sortito a livello internazionale (si
vedano in particolare le tante iniziative che ne hanno accompagnato luscita negli USA), ma anche e soprattutto delle
disparate sintesi coniate a commento del testo; per citarne
alcune, tra le pi colorite: si parlato di pellegrinaggio
alla ricerca dellanima, discesa negli inferi, scrittura
profetica, diario confessione, sacro Graal, evangelario; lelenco potrebbe proseguire e, probabilmente, ciascuna di queste accattivanti definizioni vorrebbe farsi (e
forse si fa) portatrice di una parte di verit. Ma quando
infine ho avuto il libro tra le mani e ho potuto leggerne qualche riga (senza mirarne da subito ahim le immagini) ho
provato un certo disappunto nei confronti di me stesso (un
disappunto che forse sfiorer anche qualcuno di voi, ove si
apprestasse alla sola lettura del testo). Il disappunto nasce
dal fatto che limpressione ricavata da quanto letto era, come
dire, gi stata messa in conto dal suo autore, che allepoca, parlando della possibile diffusione al pubblico della
sua opera, ebbe a dire:
credo che se viene approcciato in maniera superficiale, si penser che una follia, una pura follia

Disse questo, e, davvero, credo non sia cos immediato esentarsi dalla possibilit di rinviare lo scritto ai prodromi di una follia o allesito (seppur felice) di un mero esercizio estetico. Il testo, di primo acchito, destabilizza e, questo certo, non si fa conoscere; anche volendo trascurarne
lintrinseca e fondante natura (immaginale), si dovr comunque fare i conti con il vasto apparato di rimandi cui lautore
ci ha da sempre abituato (Bergson, Schopenhauer, Nietzsche, Meister Eckhart, Fitche, Vangeli Apocrifi, Gnostici,
ecc.). Ma, ove non bastasse il cuore a superare limpasse
di questo difficile incontro ai margini dellinconscio, pu
venirci in aiuto la considerazione dellindubitabile e immenso contributo cui Jung diede corpo nelle fasi successive della
sua esistenza; tutte le sue opere, tutta la sua attivit infatti
sorta da quelle iniziali fantasie; come ebbe a dire lo
stesso:
tutto ci che in seguito ho fatto nella mia vita vi era
contenuto, anche se dapprima solo in forma di emozioni e immagini.

Ho accennato al tema della follia non tanto e non solo


per dar conto delle difficolt di approccio, che sono convinto il Liber Novus ponga anche al pi attento cultore di
Psicologia Analitica, quanto perch molti dei commenti sul
libro fanno risalire lorigine dello stesso a una crisi individuale (quella successiva alla rottura con Freud) che, a parer
di molti, rischi di portarlo alla psicosi.
Vera la crisi (dopo la rottura con Freud subentr un
periodo di incertezza interiore, anzi di disorientamento);
ma se facciamo nostra la tesi che vede nellorigine di quella
crisi lorigine del Liber Novus, rischiamo di approcciare il
pi importante esperimento di immaginazione attiva di
Jung pensando che esso promani esclusivamente da unesperienza individuale, ovvero da una crisi esistenziale. In
realt Jung ha sempre cercato di contestualizzare la sua
esperienza in un ambito pi vasto, quello che riguarda la
societ in cui viveva. Il suo pi importante esperimento ha
di fatto origine in unintuizione che promana dallInconscio
Collettivo e che riguarda la crisi della societ del tempo.
Alcuni antefatti a queste considerazioni si possono scorgere gi nellepilogo del suo primo evento allucinatorio, cui
fu soggetto nel 1913, mentre stava percorrendo un tragitto in treno: vide lEuropa invasa da una spaventosa inondazione e questa allucinazione si ripet per altre due volte,

6
sempre sullo stesso tragitto. Ma quel che pi colpisce che
al termine di questi fenomeni allucinatori sent una voce che
gli diceva: guarda bene, tutto vero, sar proprio cos.
Ebbe la sensazione di aver rischiato una schizofrenia,
sino a quando apprese, nellagosto del 1914, che era scoppiata la guerra. Cap a quel punto che lallucinazione che
aveva avuto lanno prima (e quelle che ad essa sarebbero
seguite) non aveva a che fare con i prodromi di una psicosi;
si trattava bens di un evento premonitore: ci sono individui che in virt delle loro spiccate capacit intuitive sono in
grado di vedere o comunque di presagire aspetti che arrivano dallInconscio Collettivo e che riguardano la societ nel
suo complesso; un evento che diede avvio alla trascrizione
delle sue immagini e rispetto al quale Jung si pose il problema di capire quanto la psicologia dellindividuo, attraverso quelle immagini, potesse trovar coincidenza con
quella dellumanit in genere.
C dunque nel Liber Novus qualcosa di pi di unesperienza esclusivamente individuale e, forse, anche qualcosa
al di l di unesperienza individuativa; c la riprova del
fatto che il dialogo con linconscio si possa (si debba?) concretizzare in un contesto che necessit del Collettivo, sino in
fondo; la riprova del fatto che doti particolari dellindividuo
(lintuizione, nella fattispecie) possano essere messe a frutto
per compensare lunilateralit (culturale) del presente, e
operare dei cambiamenti, talora di vasta portata.
Intravvedere lorigine del Liber Novus in una dimensione nella quale individuale e collettivo si compenetrano consente non solo di accostare pi coerentemente lopera alle
successive teorizzazioni del suo autore, ma anche, e soprattutto, di esser pi fedeli al suo vissuto:
quelle immagini concernevano non solo me, ma anche molti altri. Quello fu il principio e da allora cessai
di appartenere solo a me stesso

andr sistematizzando nei suoi pi noti scritti: quelli che


riguardano la tipologia caratteriale, lunificazione degli
opposti, lalchimia, la scienza e la religione, la morte di Dio
e lImitatio Christi.
Ma quel che pi conta, e che va sottolineato, che Jung
non si limit a trascrivere e figurare le sue immagini; n
si limit a cercare di comprenderne il significato; si trattava
di altro ancora: convertire un processo conoscitivo, orientandolo a un obiettivo morale e di senso:
un grande errore ritenere che sia sufficiente raggiungere una certa comprensione delle immagini
chi non ritiene che la conoscenza debba convertirsi in
un obbligo morale diviene preda del principio di potenza, e ci produce effetti dannosi, rovinosi per gli altri e per se stessi.

Jung non si approcciava mai alle tematiche dellinconscio con uno spirito oggettivante, cercava sempre di recuperare il senso delle cose. Amava molto il Faust di Goethe (lo
cita spesso nelle sue opere) e un giorno scrisse:
comprendere il Faust (il Liber Novus nel nostro caso)
comprenderlo oggettivamente e in modo causale
equivale a comprendere una cattedrale gotica sotto laspetto storico, tecnico e per ultimo anche dal punto di
vista della sua mineralogia, ma dov il senso di quellopera meravigliosa?

La tavola rotonda che abbiamo voluto organizzare sul


Liber Novus stata voluta anche in questo spirito: quello di
recuperare un po del senso etico che promana da una vicenda tutta umana, pur sapendo che:
quello che ho visto lho descritto in parole come meglio potevo. Misere sono le parole e a loro non data
bellezza: ma forse bella la verit ed vera la bellezza?

cos che Jung inizi a ri-portare la sua dolorosa e intima esperienza sui fogli di un libro, quasi a simbolizzare un
lascito collettivo, sui temi pi caratterizzanti il pensiero che

N.B. Tutte le citazioni sono tratte da: C.G. Jung, Ricordi,


sogni, riflessioni, Milano, Rizzoli, 1984 e C.G. Jung, Il Libro Rosso. Liber Novus, Torino, Bollati Boringhieri, 2010.

I relatori della Tavola Rotonda: da sin. Robert Mercurio, Giulia Valerio, Alfredo Lopez, Federico de Luca Comandini, Claudio Widmann,
Laura Briozzo

Il pubblico che ha assistito alla Tavola Rotonda, svoltasi 11 dicembre


2010 nella Cappella Farnese, una delle sale del Comune di Bologna

Nel bel mezzo di una spiaggia


ovvero sullapertura alle istanze dellinconscio
ROBERT MERCURIO
Psicologo, psicoterapeuta, analista junghiano

roviamo insieme a fare un grande sforzo di immaginazione. Proviamo a immaginare una spiaggia, una
spiaggia lunga con la vegetazione fitta da una parte e,
dallaltra parte, il mare con tutta la sua ricchezza e tutti i
suoi pericoli. Proviamo a immaginare i profumi e il rumore
delle onde che si infrangono sulla battigia.
La spiaggia un posto molto speciale; un microclima
che riveste grande importanza dal punto di vista naturalistico, ma un posto ancora pi degno di attenzione dal punto
di vista psicologico. Qui su questa nostra spiaggia immaginale, possiamo scorgere, da una parte, la terra ferma, la solidit con tutto ci che metaforicamente questa implica: la
razionalit, la logica, la coerenza, la quotidianit dellIo, la
concretezza e tutte quelle categorie che noi usiamo e di cui
abbiamo bisogno per leggere e percepire la realt che ci circonda. Dallaltra parte troviamo il mare: la fluidit, la liquidit totale, la fantasia, lirrazionale, la necessit di abbandonare il solito atteggiamento dellIo e di lasciarsi andare.
Assieme al piacere di una tale esperienza, c naturalmente
anche il rischio di rimanere in balia delle correnti e di essere portati via dalle onde.
La spiaggia che si trova in mezzo tra la solidit e la fluidit partecipa alla vita di queste due sponde, quella solida e
quella liquida, senza essere n luna n laltra. ovviamente un posto solido come solida la sabbia. Ma si tratta di un
solido che spesso si comporta come un liquido. I piedi
affondano nella sabbia se proviamo a camminarci sopra con
lo stesso piglio, la stessa determinazione che usiamo quando camminiamo sullasfalto, per esempio. E quante chiavi e
quante monete e quanti oggetti abbiamo perso sulla spiaggia, nella sabbia che inghiottisce come il mare. una solidit non proprio solida, una solidit sui generis. propria
quella solidit speciale e psicologica che nasce e cresce
nella coscienza quando questa a contatto in modo consapevole e fiducioso con linconscio.
Dove finisce esattamente la spiaggia e dove comincia il
mare? Basterebbe che arrivasse unonda anomala per spostare la linea di demarcazione, come basterebbe una semplice raffica di vento per alzare un po di sabbia e spostare
allindietro quel punto di passaggio dalla spiaggia alla terra
ferma.
La spiaggia un vero regno di mezzo, paragonabile a
un atteggiamento psicologico fluido, ma che non abbandona totalmente il legame con la concretezza. il regno di

mezzo perch il liquido e il solido si incontrano qui e si


compenetrano; la logica da una parte e la fantasia dallaltra
trovano insieme un modus vivendi nellimmaginazione
creativa e nella vita simbolica che da essa emerge.
La spiaggia pu essere langolazione migliore per riflettere su ci che Carl Gustav Jung fece nel suo grande Libro
Rosso perch la spiaggia un posto squisitamente simbolico. Quando Jung cominci, nel 1913, a lavorare sul materiale che era destinato a diventare il contenuto del Libro
Rosso, si trovava davanti a un mare magnum che per molti
versi gli faceva paura: le sue visioni, i suoi sogni insistenti,
alcune emozioni incandescenti, e delle grandi delusioni.
Allo stesso tempo non poteva non tenere in considerazione
la solidit di una persona professionale e lapproccio scientifico alla sofferenza psichica. Dovette scoprire, trovare,
creare, elaborare per se stesso lequivalente di una spiaggia,
un modo per incontrare i demoni e gli angeli che emergevano da quel mare. Un modo per fare un passo verso queste
presenze e poter interagire con loro.
Jung sa di non potersi arroccare sulla terra ferma, limitandosi a interpretare questi elementi emergenti con il
distacco o con larroganza di chi pensa di sapere tutto perch ha la scienza dalla sua parte.
Questi elementi, quelle presenze nel suo inconscio, esigevano di pi, e lo stesso Jung sentiva che questi elementi,
questi fantasmi, queste immagini dellinconscio meritavano
molto di pi. Meritavano unaccoglienza attenta e prudente,
ma unaccoglienza che andava al di l del solito atteggiamento della coscienza che si limita a interpretare assegnando significati alle forze inconsce sulle quali poggia la nostra
stessa capacit di interpretare. Jung si avvicinato al mare,
ha affrontato le onde e ha corso i suoi rischi; facendo questo egli ha trovato una nuova base, un nuovo asse portante
della sua personalit. E allo stesso tempo ha aperto per tutti
noi una nuova prospettiva psicologica.
Questa prospettiva psicologica una vera rivoluzione
copernicana nel modo di intendere la psiche e nel modo di
relazionarsi con ci che vive e che si fa sentire dentro di noi.
Jung ci ha portati sulla spiaggia, nello spazio simbolico dellimmaginazione creativa. Non dobbiamo dimenticare che
per Jung limmaginazione creativa lunico fenomeno primordiale al quale noi abbiamo accesso1. ci che ci permette di forare la rete della proiezione e dellillusione, trasportandoci oltre la barriera della Maia. Questa possibilit

8
di vedere oltre la barriera epistemologica delle nostre proiezioni allo stesso tempo un modo per partecipare a tutto ci
che succede in quel al di l psichico di cui Jung parla ripetutamente nel Libro Rosso. Limmaginazione creativa e la
vita simbolica che nasce da essa diventeranno, da Jung in
poi, la base, il fulcro, il perno della terapia e della cura
della psiche.
A questo punto sento quasi di dovervi chiedere scusa
perch il Libro Rosso gi pieno zeppo di immagini, un
vero trionfo dellimmaginazione creativa. Ci sono castelli e
torri, ci sono montagne e pianure, streghe e guerrieri, ci
sono serpenti parlanti e io mi sono permesso di proporvi
unaltra immagine ancora, quella della spiaggia. Si tratta di
unimmagine alquanto attinente ed estremamente utile alla
nostra riflessione. Credo che questa licenza che mi sono
concesso sia molto in armonia con lo spirito di Jung perch
la nostra stessa immaginazione creativa che noi dobbiamo
valorizzare. Se noi ci limitassimo soltanto ad ammirare o a
ripetere insistentemente le immagini gi usate da Jung,
rischieremmo di uccidere limmaginazione creativa e di
distruggere ancora unaltra spiaggia.
Erano anni molto difficili quelli in cui questi scritti e
queste esperienze di Jung presero forma. Nel 1912 Jung
pubblic il suo libro I simboli della trasformazione2 ed
quel libro, o meglio la seconda parte di quel libro, che segna
la vera rottura con Freud.
Lo scambio epistolare tra Jung e Freud si interromper
bruscamente nel 1913, lo stesso anno in cui Jung, parlando
a Londra, user per la prima volta il termine psicologia analitica invece della dicitura movimento psicoanalitico. Al
congresso dellAssociazione Internazionale Psicoanalitica,
dove Freud per la seconda volta sviene davanti a Jung, lo
stesso Jung viene riconfermato come Presidente dellassociazione, ma al momento della votazione il gruppo viennese decide di astenersi. Jung quindi viene riconfermato come
presidente, ma si tratta di una vittoria a met, e di una ferita per lui. Giravano voci secondo le quali Freud dubitava
persino della buona fede del suo ex-discepolo e Jung, ferito
dalla scarsa fiducia mostratagli dal suo ormai ex-mentore,
lasciava la direzione della rivista dellassociazione psicoanalitica, un posto che era stato suo sin dalla fondazione della
rivista stessa. di questo periodo il resoconto, che troviamo
nei suoi Libri Neri, delle prime esperienze forti e destabilizzanti vissute.
Nel 1914 Jung rassegna le dimissioni dalla presidenza
dellassociazione e poco dopo lascer anche il suo posto
allUniversit di Zurigo. A questo punto si totalmente
spogliato. Ha fatto un enorme sacrificio, il sacrificio della
persona, della sua maschera istituzionale, e ha messo seriamente in gioco la sua posizione professionale, la sua visione della psiche e lequilibrio della sua stessa personalit.
Uno dei suoi interlocutori che interagiscono con la
coscienza di Jung nel Libro Rosso una presenza solitaria. Questa figura prende diverse forme nel libro, ma
sempre caratterizzata dalla sua completa solitudine; credo
che nessunaltra figura avrebbe potuto meglio rappresentare la posizione di Jung in quel periodo.
Jung sa di dover sacrificare quello che lui chiama il
conforto della comprensione. Sa di dover affrontare le

aspre critiche del mondo professionale e del mondo della


religione istituzionale. Questo il prezzo che egli paga per
entrare in sintonia, per esempio, con la figura del mago Filemone che appare pi volte nel libro. Sar questa figura a
insegnare alla coscienza di Jung come andare oltre la ragione e la scienza che sono in grado di cogliere soltanto una
parte della vita della psiche e dellAnima. A un certo punto
Filemone offre alla coscienza di Jung, in una di queste esperienze immaginative, una specie di bacchetta magica. In
realt, nel testo del libro Jung si trova con questa bacchetta
magica in mano. St tratta di uno strumento simbolico, una
specie di ramo doro che permette di rendere come spiega
lo stesso Filemone lincomprensibile, in qualche modo
avvicinabile grazie allimmaginazione simbolica. Un eccellente esempio di unistanza inspiegabile, lamore, verr trattato approfonditamente nelle riflessioni della collega, Giulia
Valerio.
Ci sono state varie reazioni alla pubblicazione di questo
libro. Alfredo Lopez, nella sua introduzione a queste riflessioni intorno al Liber Novus, ha gi parlato del grande successo che il libro sta riscuotendo negli Stati Uniti. Oltre
allimportante mostra sul libro allestita presso la Rubin
Museum a Chelsea, New York, ci sono stati dibattiti e
incontri fra artisti e persino stelle del cinema. La Biblioteca
del Congresso di Washington ha riservato un posto donore
a questo testo junghiano, un riconoscimento concesso davvero a pochi.
Ma alcune persone molto vicine a Jung, come MarieLouise von Franz e il nipote psicoanalista Dieter Baumann,
hanno assunto negli ultimi anni una posizione nettamente
contraria alla pubblicazione di questo libro, insistendo che
meritava grande rispetto e discrezione. Il Libro Rosso ,
dopo tutto, il diario segreto e intimo dellanima di Jung. Per
permetterci di capire la sua psicologia, Jung ci ha lasciato
materiale a sufficienza: tutti i volumi delle sue Opere, i testi
dei suoi seminari, numerose interviste, e ben tre volumi di
lettere. Ora, il Libro Rosso stato pubblicato ed a disposizione del grande pubblico di studiosi e di curiosi, ma le critiche della dottoressa von Franz e del dottor Baumann possano continuare a funzionare per noi come una specie di
chiave di lettura perch si tratta di un testo intimo, molto
privato, di una rara intensit che merita grandissimo rispetto, discrezione e probabilmente molto silenzio. Come sappiamo dagli insegnamenti di Jung e dei suoi seguaci, quella
pratica cos delicata e importante nominata da lui lImmaginazione Attiva che consiste in un dialogo tra la coscienza e
le istanze della psiche inconscia non devessere interpretato
nel modo tradizionale da persone estranee al dialogo. Il
senso dellesperienza risiede nellesperienza stessa che per
le sue caratteristiche di interazione tra mondo conscio e linconscio, di natura squisitamente simbolica. Il testo del
Libro Rosso va letto, e rispettato, nello spirito di questa consapevolezza.
Altre persone sono state contrarie alla pubblicazione del
testo, non tanto per una questione di rispetto, ma perch credevano che in qualche modo Jung e la figura di Jung avessero bisogno di essere protette. Giravano voci, girano tuttora voci di un grave episodio schizofrenico, di un periodo di
pazzia che avrebbe dato vita a questo libro.

9
Gi Winnicott nella sua recensione di Ricordi, sogni,
riflessioni credeva di poter intravedere i segni di una psicosi infantile nel suo autore. Pochi mesi fa un giornale qui in
Italia ha pubblicato un articolo autorevole che contiene una
grossa imprecisione. Larticolo racconta che Jung avrebbe
dichiarato in unintervista rilasciata al grande storico delle
religioni comparate, Mircea Eliade, di aver effettivamente
vissuto un episodio schizofrenico. Basterebbe leggere il
testo originale di questa intervista, per rendersi conto che
Jung stava descrivendo le paure che aveva provato allepoca delle sue esperienze e sogni e della stesura del libro, e
che tra le cose che aveva preso in considerazione, esisteva
per lui anche la possibilit di un episodio psicotico3. Le cose
alla fine non sono andate affatto cos e Jung stesso si rende
conto di questo fatto, con grande sollievo, quando gli arrivano le notizie dello scoppio della guerra.
In unesperienza immaginativa particolarmente interessante raccontata nel Libro Rosso, Jung si trova a un certo
punto ricoverato in una clinica e la voce della sua coscienza interagisce con un buffo psichiatra, piccolo, grasso, rotondetto, che chiede a Jung, con tono molto clinico, se
sentiva qualche voce. Jung risponde che sente diverse voci,
che va in giro alla ricerca delle voci, che vuole sentire le
voci. A questo punto, lo strano psichiatra ordina al suo assistente di scrivere nella cartella clinica la diagnosi: mania
religiosa. E va via.
Jung ha lottato seriamente con i suoi dubbi e con i rischi
che prendevano forma in queste immagini. sempre lo stesso Jung per a portare avanti il dialogo, a reggere lintensit
dello scambio, sempre con la consapevolezza di ci che
stava vivendo. Non per questo la sua partecipazione fu
meno piena e coinvolgente.
Per tornare alla metafora proposta allinizio di queste
riflessioni, possiamo affermare che nel portare avanti questi
dialoghi immaginativi, Jung si trova nel bel mezzo di una
spiaggia; non si tuffa imprudentemente in alto mare ma non
rimane ancorato alle sicurezze della terra ferma. Si mette
profondamente in discussione, aprendosi alle istanze dellinconscio e riconoscendo in esse una realt che esige la stessa
considerazione che noi abitualmente riserviamo alle cose
concrete intorno a noi. Non a caso Jung, nel suo ultimo, grande lavoro, Mysterium coniunctionis, definir il suo metodo di
immaginazione attiva, una psicosi anticipata o pilotata4.
Jung, come abbiamo avuto modo di osservare, non si
tuffa imprudentemente in alto mare. Piuttosto c un mare
che viene verso di lui e che lui accoglie dando forma ai suoi
contenuti. Non si pu non rimanere colpiti dalla bellezza
delle immagini e dei dipinti che troviamo nel Libro Rosso.
Sono indice della dedizione che Jung sentiva nei confronti
di queste immagini e la necessit di elaborare queste immagini per se stesso.
Il testo junghiano di riferimento fondamentale in questo
contesto il saggio sulla Funzione Trascendente5, che risale
nella sua prima stesura al 1916. Mi limiter a unosservazione rapida dal momento che Federico de Luca Comandini
approfondir questo argomento molto meglio di quanto non
lo possa fare io. importante notare in ogni caso come Jung
ci mette in guardia nei confronti di due grandi rischi insiti
nelle nostre interazioni con le immagini che emergono dal-

linconscio. Lintellettualismo, il primo rischio, non ci permette di aprirci allinconscio con la necessaria freschezza e
umilt. Attaccata alle sue capacit di ragionare e di spiegare,
la coscienza rischia di perdere lopportunit di ascoltare linconscio con la necessaria apertura. Allo stesso tempo in
agguato il rischio di una forma di estetismo. Capita di rimanere cos rapiti dalla bellezza di certe immagini, che la
coscienza scambia la realizzazione delle immagini allo scopo
di favorire il dialogo, con unimpresa artistica. Jung us grandissima cura nellelaborazione delle sue immagini senza
cadere nella trappola dellestetismo, ma mostrando grande
dedizione e amore per la vita della psiche.
Infine ci sono persone di un altro gruppo ancora, anche
loro contrarie alla pubblicazione del Libro Rosso; molte di
queste persone continuano a snobbarlo. Basterebbe per un
attimo osservare quello che succede in alcune nelle nostre
associazioni analitiche dove levento di questa pubblicazione non ha ricevuto nessuna attenzione. In questo caso la
motivazione sembra essere molto poco nobile, oserei definirla una motivazione codarda; nasce da un profondo imbarazzo davanti a una funzione immaginativa cos forte e cos
intensa. Si tratta di imbarazzo davanti a unopera cos lontana dallapproccio serio e scientifico delle universit, che
non utilizza il linguaggio preciso della psicologia accademica e che si teme possa mettere a rischio la credibilit della
persona, della maschera professionale mostrata con tanto
orgoglio davanti ai colleghi di altre scuole.
Nel Libro Rosso Jung sperimenta una fortissima tensione fra ci che viene chiamato lo spirito dei tempi con tutti
i vari canoni scientifici e culturali che ne fanno parte, e lo
spirito della profondit che disposto a sacrificare tutto
lapparato accademico universitario pur di cogliere pi di
ci che la scienza e la ragione riescano a cogliere.
A un certo punto, verso la fine del Libro Rosso, in una
delle sue immaginazioni, un gruppo di cabiri comincia a
costruire una fortezza, seguita da una torre. La coscienza di
Jung che partecipa allesperienza immaginativa sa che questa immagine, questa realt, insieme alla bacchetta magica,
sar per lui una garanzia. Gli dar la forza di resistere alle
critiche che arriveranno dal mondo accademico e dal mondo
religioso. Diventer per lui una specie di pietra filosofale, la
garanzie di fedelt e di lealt nei confronti di questa sua
intensa esperienza.
ben consapevole Jung che incontrer lopposizione
dellestablishment in tutte le sue forme, ma per lui la posta
in gioco terribilmente alta: la sua stessa autenticit e
genuinit e la vita della psiche che di queste due qualit:
autenticit e genuinit, ha disperatamente bisogno.
Note
1.
C.G. Jung, Lettere (a cura di A. Jaff e G. Adler), in 3 voll., Roma,
Edizioni Magi, 2006, vol. 1, p. 90.
2.
C.G. Jung (1912/1952), I simboli della trasformazione, in Opere,
vol. 5, Torino, Boringhieri, 1970.
3.
M. Eliade, Intervista di Eliade per Combat, in Jung parla (a cura
di W. McGuire e R.F.C. Hull), Milano, Adelphi, 1995, p. 299.
4.
C.G. Jung (1955/56), Mysterium coniunctionis, in Opere, vol. 14,
Torino, Bollati Boringhieri, 1989-1990.
5.
C.G. Jung (1916/1957), La funzione trascendente, in Opere, vol.
18, Torino, Bollati Boringhieri, 1993.

FORMATO: 16,5X24 cm PAGG. 1538 IN 2 VOLUMI PREZZO: G 120,00 40 immagini a colori

11

Saper stare sulla soglia


ovvero della mutua permeabilit tra conscio e inconscio
FEDERICO DE LUCA COMANDINI
Psicologo analista, psicoterapeuta

ersonalmente appartengo al novero delle persone che


sono piuttosto riluttanti a commentare il Liber Novus
di Jung. Contraddizione in termini, visto che sono qui
per questo. Cercher allora di argomentare in che senso la
lettura del testo, implicando una dimensione personale assai
privata, richieda a mio parere doveroso rispetto e molte cautele. Non avendo avuto allepoca in cui si svilupp il dibattito intorno allopportunit della pubblicazione alcuna voce in
capitolo, come tutti, mi trovo anchio di fronte a un dato di
fatto con cui ormai si deve fare i conti. Accade spesso per
eventi che abbiano speciale impatto storico e culturale: filtrano nel tempo e diventano propriet di tutti. Ci sta nelle cose.
Tuttavia, riguardo ai rischi che la pubblicazione del Red Book
comporta, come hanno evidenziato persone a Jung assai vicine, quali M.-L. von Franz, D. Baumann e altri, opportuno
che unattenta riflessione sia condotta e ben tenuta presente.
Ora che il libro consegnato alla memoria collettiva,
come di ogni cosa, se ne pu fare buono o cattivo uso. In specie, trattandosi di uno scritto assai prezioso che dischiude
alcune pagine determinanti della vita interiore di un grande
uomo di spirito, luso buono o cattivo che se ne pu fare
assume ancora maggiore importanza.
Un uso scorretto sarebbe, a mio parere, prendersi la
licenza di sottoporre il testo a interpretazione. Levento psichico di Jung, da lui personalmente composto per scrittura e
immagini, non fu concepito per essere interpretato da altri.
Fu diretta ed esclusiva espressione di quel che avveniva nel
suo laboratorio privato: un diario intimo immaginale. Perci,
pur contemplando la liceit di una lettura critica, valida per
ogni testimonianza che passi nella memoria storica, va
comunque detto con chiarezza che sarebbe solo voyeurismo
morboso permettersi delle psicologizzazioni indebite; analogamente a quanto accadde in merito alla relazione tra Jung e
Sabine Spielrein nella vicenda editoriale del loro epistolario.
Sarebbe voyeuristico (e di per ci stesso falsificatorio) indulgere nel guardare da fuori qualcosa di personale e intimo che
ha un suo esclusivo senso intrinseco.
Dunque, il rispetto, come giustamente afferma Robert
Mercurio, pi che mai in questa occasione significativo.
Rispetto che si deve alla dimensione personale e riservata di
un uomo: non ficcare il naso nel sogno di un altro, non abusare di una sua visione. Sia si tratti di una grande individuo,
quale Jung certamente fu, sia di un piccolo qualsiasi uomo.
Portare rispetto significa non adulterare, non leggere con

accanimento estrinseco, eventi e formulazioni che hanno


senso proprio solo nella dimensione interiore.
Per questo ritengo sia assolutamente da evitare ogni lettura del Liber Novus che pretenda di sottoporlo a psicologizzazione. Gi in molti si prodigano in suggestioni, del tipo:
Ma, insomma, Jung aveva non pochi spunti psicotici, no?.
E fin qui si sarebbe solo nel sensazionalismo daccatto. Ma,
pur poggiando su presupposti pi dignitosi, lo stesso si deve
tenere a bada il rischio di farne cattivo uso. Come per Shamdasani, curatore delledizione: storico della psicologia molto
serio e accurato, autore di un ottimo apparato critico, il cui
lavoro oggettivo va senzaltro apprezzato. Tuttavia, solo a
spingersi un po pi in l sul crinale critico adottato da Shamdasani, si rischia la tentazione di rileggere la psicologia di
Jung in base al suo diario intimo. E ci sarebbe del tutto
fuorviante: quel che Jung aveva da dire ad altri non ha certo
mancato di esprimerlo in forme appropriate. Speculando
intorno a uno Jung segreto si finisce solo a deformarne il
messaggio.
Viene da immaginare che la cosa avrebbe potuto esser
diversa, forse, se fossero trascorsi altri cinquantanni Al
giorno doggi siamo ancora molto prossimi alla vita di Jung
e ci di sicuro incentiva il fatto che vadano in giro curiosit
per aspetti intimi, talvolta congiunte a questioni meramente
personali, che innescano accanimenti che, col passare degli
anni, avranno meno presa. Ma restano congetture fantastiche: la pubblicazione del diario immaginale di Jung ormai
un dato di fatto. Pensiamo allora a farne buon uso. Come?
Evitare di farne uso deteriore mancando di rispetto alla
dimensione personale di Jung, si diceva, gi compito etico
rilevante. Ma non sono poche le insidie che si parano di fronte. Si tratter anche, infatti, per altro verso, di non proiettare
in modo massiccio su Jung limmagine del Grande Uomo,
mitizzandone le forme espressive per nascondersi dietro di
lui. Di certo, non era necessaria questa pubblicazione per
accorgersi di simili rischi. Ma, pur tuttavia, laccesso che ora
dato al laboratorio intimo dello psicologo svizzero un
evento che, pi della stessa opera completa, pu suscitare
tentazioni imitative in chi, come von Franz direbbe, tenda a
restare vittima della propria pigrizia. In buona sostanza,
quindi, si tenga fermo il punto che non ci richiesto n di
assurgerci, a mo di analisti di Jung, a critici della sua dimensione interiore, n di mettere in atto, per converso, uggiose
forme di imitatio magistri.

12
Un buon uso della lettura del Red Book sarebbe, invece,
trarne incoraggiamento per valorizzare il modello che Jung
ha inteso trasmettere attraverso i propri scritti ufficiali e il
suo stile di lavoro, mediante la sue concezioni del processo
psicologico e della relazione terapeutica.Tutto ci ha gi un
proprio senso compiuto, cui la pubblicazione del Liber
Novus aggiunge un prezioso equivalente simbolico personale che, in quanto tale, per va accostato con il rispetto che si
deve al mistero individuale di ogni esistenza.
Dal punto di vista teorico e nella prassi, il modello su cui
siamo indotti a riflettere ruota intorno al metodo dellimmaginazione attiva. questa la questione principale su cui lattenzione va focalizzata, indirizzandovi la ricerca e il confronto di idee, pi di quanto fino a oggi sia accaduto. Il Red
Book apre gli occhi anche ai ciechi sul ruolo che limmaginazione riveste quale nucleo originale della psicologia junghiana, elevandosi al di sopra del basamento analitico che
pur rivendica in concordanza con altre ipotesi psicanalitiche.
Il termine analitico rende il senso dellattivit di interpretazione dellinconscio al fine di integrarne i contenuti e di
ridurne gli effetti disturbanti. A tal scopo, lanalisi,
quale procedimento mentale, si avvale di distacco e considerazione oggettiva. La preminenza di tali fattori caratterizza il
primo gradino del procedimento psicologico. Jung ha sempre sostenuto che, considerata dal punto di vista analitico, la
propria visione del processo psicologico non rileva alcunch
di speciale rispetto ad altre, allepoca notoriamente quelle di
Freud e Adler. Riteneva piuttosto che il proprio contributo
originale risiedesse nellaver enucleato, sul fondamento analitico e a sviluppo di esso, una concezione sintetica e costruttiva della relazione con linconscio. Non limitandosi allobiettivo di interpretare linconscio e di ricondurlo a miglior
ragione mediante lapproccio analiticoriduttivo, Jung si
prefiggeva un ulteriore compito, dordine superiore: creare
le basi per un dialogo permanente tra lio e linconscio che,
in condizione di mutua influenza, incrementasse latteggiamento simbolico della coscienza a sostegno dellindividuazione. Tale fase avanzata del processo psicologico necessita
per Jung di modalit di relazione con linconscio profondamente diverse dal consueto approccio analitico.
La dotazione acquisita mediante il metodo dellanalisi:
consapevolezza di s e della propria vicenda personale, ricognizione dei propri complessi e un certo grado dintegrazione complessiva della personalit, tutto ci, dal punto di vista
di Jung, va considerato come un prezioso risultato, in termini di maggiore e pi duttile coscienza, ma di per s non rappresenta un fine cui sia possibile attenersi, ma piuttosto un
semplice mezzo, per quanto basilare sia, per intraprendere la
vera opera. La coscienza psicologica, come disposizione a
integrare linconscio in una visione pi ampia, non fine a
se stessa, ma mezzo per adoperarsi al compito di creare una
propria individuale sinergia con linconscio.
Lo spirito dei nostri tempi ha recepito lidea di analisi
dellinconscio a beneficio del massimo potenziamento possibile della coscienza. Finche questa sar lunica prospettiva
(ammesso che sia conseguibile un livello ottimale di autonomia del fenomeno cosciente) rester tuttavia inevasa lulteriore determinante questione: che ne della nostra natura
propriamente inconscia? Che ne facciamo della radice che

allinconscio psichico ci tiene collegati, connaturati, non per


difetto ma per autentica costituzione? Come Sisifo, ci si sforzer allinfinito dintegrarla? Ma, nella misura in cui ci si
renda conto che ci non possibile, che se ne fa? La si lascia
da parte come un che di marginale? Oppure, questo dono
prezioso, la coscienza psicologica focalizzata in analisi, vale
la pena di disporla con diversa attitudine allinterazione con
le tendenze emergenti dallinconscio?
Il lavoro di Jung e la sua esperienza immaginativa, sono
volti allo sviluppo di questa seconda fase del processo psicologico: non limitarsi a lavorare sullinconscio, ma lavorare con linconscio. Dimettere la pretesa espressa dallo slogan
freudiano di conquista del territorio dellinconscio a beneficio del campo della coscienza dellio: l dove era lEs, dovr
essere lio. A contrario, la nuova prospettiva incoraggiata da
Jung si rappresenta con il Mysterium Coniunctionis, ovvero:
la congiunzione simbolica e la tendenziale reciproca integrazione tra le opposte polarit psichiche.
Vale qui riprendere il riferimento fatto da Robert Mercurio alla funzione trascendente, sapientemente espresso nella
metafora della spiaggia. Limmagine da lui evocata la
metafora che pi si adatta al modo in cui Jung amava parlarne. Il saggio che lo psicologo svizzero dedica alla Funzione
trascendente, del 1916, ma rivisto e pubblicato solo negli
ultimi anni di vita, da considerarsi quale spiritus rector di
tutta la sua produzione. Vi messo in risalto il vero compito
della psicologia: prendersi cura della soglia di mutua permeabilit tra conscio e inconscio. Non, dunque, ostinarsi nel
tentativo di esaurire loscuro potenziale dellinconscio per
travasarne i contenuti in un lucido contenitore di coscienza.
Il che varrebbe andare incontro a frustrazione e inflazione
psichica, poich mai il pi grande potr entrare nel pi piccolo. Pi umilmente, quello che alla nostra portata, avverte Jung, ricollocare il fenomeno della consapevolezza sulla
soglia di permeabilit tra conscio e inconscio. Come sulla
spiaggia, appunto, tra fluidit psichica e punti fermi di
coscienza. Sviluppando unattitudine riflessiva, si apprender in tal modo a cogliere intuitivamente le suggestioni che
promanano dalla realt interiore e a dialogare con esse.
Restituiremo cos alle figure, mediante cui linconscio si personifica, lofferta delle nostre riflessioni, la nostra disponibilit. Al centro della questione non un nuovo ideale di
coscienza dellio targato psicoanalisi, ma la dinamica di
reciproca influenza tra gli opposti livelli psichici. Il che comporta il delinearsi di un atteggiamento non pi identificato
con le ipotesi formulate dallio, n incline a divinizzare le
esperienze dellinconscio; ma, piuttosto, un saper stare sulla
soglia dinterscambio maturando consapevolezza dellinsieme: un ondeggiare e un fluire tra liquido e solido, appunto,
come la battigia della spiaggia, immagine della funzione trascendente.
Idea che prese corpo in Jung rievocando giochi dacqua
infantili, recuperati a fonte di orientamento proprio negli
anni critici di gestazione delle sue originali concezioni. Egli
riprese a giocare sulla battigia del lago di Zurigo. Non era
mare, ma un lago molto denso di esperienze interiori e vi
trov sostanza per il metodo cui poi dar sviluppo come
immaginazione attiva. Di qui, in seguito, Dora Kalff prender spunto per il suo gioco della sabbia.

13
dunque sorprendente che il tema dellimmaginazione
attiva, fondamento della psicologia analitica, non sia stato
fino a oggi posto al centro della riflessione e della ricerca in
ambito junghiano e nel confronto con altre scuole. parso ai
pi quasi un motivo misticheggiante, esoterico, che al pari
dellalchimia o daltre forme di ricerca simbolica poco si
confanno allo spirito dei tempi.
Io sono didatta e svolgo docenza in una delle associazioni di psicologia analitica che fanno scuola; ebbene, solo dallanno scorso vi stato istituito un corso specifico sullimmaginazione attiva. Ed gi qualcosa poich fino a poco
tempo fa sembrava argomento tanto strano da evitarsi; anche
in quanto, chiss, sul piano clinico avrebbe potuto avere esiti
pericolosi Sul piano teorico, poi, ci avrebbe magari comportato complicanze nel dibattito con freudiani e neo freudiani. Sarebbe andato, forse, a discapito della convergenza
tra differenti scuole? Insomma, di fatto, la questione rimasta oscurata.
Un buon portato della pubblicazione del Red Book, al di
l di tutto quel che si finora detto, che gli junghiani di
scuola, gli affiliati alle associazioni che ufficialmente si
richiamano a Jung, adesso non potranno pi scantonare del
tutto dalla questione posta dallimmaginazione attiva e in
qualche modo dovranno farci i conti. Certo, per chi si sia formato secondo coordinate ad essa del tutto estranee e a sua
volta abbia trasmesso ai propri allievi una formazione che ne
rimuove il senso e il valore, la resistenza nei confronti del
metodo immaginativo junghiano continuer a lungo ad andare in giro. Ma, almeno, oggi non si potr pi negare in modo
altezzoso che limmaginazione attiva sia fondante nella prospettiva simbolica di Jung.
Il fatto che la concezione junghiana dellinconscio non
personalistica, n riducibile a vissuti infantili, pi o meno
legati a complicanze nella relazione con i genitori; non
sovrastima la pur innegabile incidenza di come sia andata
con mamma e pap, di come in alcune fasi evolutive possano esser intervenute distorsioni. Si tratta anche di questo, ma
non solo di ci. La concezione di Jung pi ampia; contempla, come noto, lidea di inconscio collettivo. Non si intenda per ci un che di meramente culturale; la nozione di
inconscio collettivo postula semplicemente lidea che lessere umano sia dotato non solo di un corredo istintuale, di tipo
concreto e materiale, quali listinto alla sopravvivenza, alla
riproduzione, alla sessualit, alla affermazione di s, ecc., ma
che al tempo stesso includa in modo altamente significativo
un particolarissimo istinto psichico capace di esprimersi in
forme creative di contenuto fantastico. LUomo, dotato al
pari di altri esser viventi di un corredo istintuale concreto e
comportamentale, al tempo stesso genialmente dotato di
istinto psichico: un animale immaginale.
Questa inoppugnabile constatazione anche lunica che
lascia (forse) tollerare la credenza che lessere umano sia da
ritenersi un caso a parte nel creato, un privilegiato che ha lanima, mentre gli animali (contraddizione in termini) non ne
avrebbero. La qual cosa nellintimo non pu trovarmi daccordo. Tuttavia, luniversalit di questa presunzione antropocentrica che allUomo rivendica uno status particolare
(con tutto quel che ne consegue in termini di efferatezza
etica), si basa sulla constatazione delleccezionalit del suo

apparato psichico, dellistinto a formulare immagini, ad articolare le immagini in segni, da cui il linguaggio, la cultura e
la civilizzazione.
Concependo linconscio nella sua dimensione collettiva,
quale voce dellistinto psichico (tutta la teoria degli archetipi altro non sarebbe che una toponomastica di ci), Jung ci
induce a comprendere che, al di l delle investigazioni sulle
cause prime, andando a vedere cosa ci sia capitato con
mamma e pap, al di l delle fantasie infantili di riparazione,
il vero grande compito che la psicologia analitica sta segnalando quello di riallacciare una relazione significativa,
intelligente e valida sotto il profilo dellimpegno etico, con
listinto psichico, con la nostra natura pi intima ed evolutiva cui vincolato il senso del nostro destino. Il che presuppone ma non riducibile al possesso di tecniche di sfruttamento ottimale della realt oggettiva, non equivale a quel
che fu il mito moderno del frigo e dellautomobile, n al contemporaneo della tecnologia computerizzata; non medicina
che allunghi la vita a dismisura, n chiss che altra articolazione del controllo materiale. Richiede relazione intelligente
e coinvolta con la natura psichica in noi, con la disposizione
ad avere idee, stati danima e danimo, che improntino la
nostra attitudine cosciente. Istinto psichico che nella mentalit corrente percepito ancora come un che di oscuro che si
debba ricondurre a ragione efficiente. Nessuno nega che le
espressioni dello sfondo psichico pongano interrogativi e
richiedano risposte ragionevoli, ma, al di l di qualsiasi interpretazione se ne possa utilmente trarre, esso eccede il senso
letterale delle nostre spiegazioni poich non solo oggetto di
conoscenza, ma ne fondamentalmente la fonte: vi si esprime la disposizione propria dellessere umano a divenire consapevole. Linconscio non termine antitetico alla coscienza, ci fa capire Jung, ma ne costituisce di fatto la matrice
archetipica; vi si rappresentano modalit e dinamiche
mediante cui listinto psichico collettivo compone la trama
interiore della coscienza.
Nel Red Book, Jung d testimonianza diretta di quel che
professa negli scritti e ha trasmesso ad allievi e pazienti: la
vera impresa cui lumanit contemporanea richiamata coincide col compito di ampliare lidea che comunemente abbiamo di coscienza, al di l della visone dicotomica che oppone il Dr. Jekyll e Mr. Hyde, lo scienziato positivista e lirsuto suo contrapposto. A ci devoluta lopera di Jung che, nel
confronto immaginale con irsute immagini di diavoli e streghe, fa i conti con le ombre costellate dal conscio collettivo
in spirito di interazione dialogante. Questa valenza , a mio
parere, la pi spiritualmente pregnante nel movimento psicoanalitico ed anche quella per cui personalmente provo
maggior interesse. Non certo in quanto non provi autentico
coinvolgimento nellaiutare le persone a disincagliare la propria barca da ogni tipo dinsabbiamento. Anzi, sono convinto che la microtrama delle nostre relazioni personali sia lo
specchio pi verace dei grandi significati che partecipiamo
su pi larga e generale scala. Non avrebbe senso ricercare il
significato ultimo delle cose se non nella trama dei nostri personali minuti vissuti; ma, ci non di meno, il senso portante
della psicologia risiede nelleffettiva capacit di dare vita ad
una consapevolezza radicata nella natura psichica dellessere
umano e ad un impegno etico rivolto al mondo intorno che a

14
questa corrisponda. Il modello di coscienza che si plasmato lungo la storia delloccidente ha accentuato a dismisura un
criterio di presa di distanza e separazione in rapporto alle
radici istintuali e spirituali dellinconscio psichico. Tale
atteggiamento unilaterale diventa sempre meno significativo
e sempre pi appare opera sterile il cercare di formulare su
questa base una linea di condotta eticamente attendibile. Una
risposta reale a ci non pu trovare adeguata accoglienza nel
solo ambito del conscio, n unicamente basarsi sulla versione dei fatti espressa dal complesso dellio, per quanto rieducato analiticamente e ben intenzionato sia.
Jung stesso si cal nel tessuto immaginale della sua
microstoria (tale, come per ogni individuo, per quanto speciale egli giustamente ci appaia), corrispondente ai grandi
motivi, non meno che al minuto dellesistenza, e ha lasciato
testimonianza che le soluzioni che prov a dare alla propria
vita (come quelle che incoraggi nelle vite degli altri) furono sempre frutto di un dialogo e di uninterazione tra gli
opposti livelli psichici. Allo scopo, Jung focalizz la propria
visione psicologica sulla soglia di mutua e reciproca permeabilit tra i punti di vista di volta in volta emergenti dal
conscio e dallinconscio.
Questo insegnamento, oltre a prospettare un ancoraggio
solido per la prassi della psicoterapia, incoraggia uno stile
di vita. La psicologia del profondo non richiede lazione di
un demiurgo, n di un tecnico atto a capire le esistenze
altrui. Sarebbe ingenuo ritenerlo. Richiede, piuttosto, stili
di vita autenticamente fondati nella relazione con le proprie

Carl Gustav Jung


PSICOLOGIA ANALITICA

Appunti del Seminario tenuto nel 1925


FORMATO: 15,5X21

PAGG. 258 G 20,00

esperienze dello sfondo psichico e, in accordo con questo,


orientamenti coerenti nellaccompagnare i percorsi terapeutici.
Per ci, siamo invitati a situarci nel mezzo, senza pi
identificarci con il conscio, nel termini ordinari dellio, n
restare affascinati dallinconscio, con tutti i sottintesi della
nostra consueta mentalit. Fare immaginazione attiva si colloca in questo interludio, significa proseguire il sogno arricchendolo di responsabilit desta. Lesperienza che abbiamo
acquisito con limpegno di analisi ci ha reso evidente che
siamo molto di pi che non il nostro io con i suoi problemi
da risolvere, siamo espressione di tanti complessi psichici,
siamo personalit complesse. Quel che pi conta, di per
nostro e nelle terapie che conduciamo, in ultima analisi la
fluidificazione del dialogo tra le varie sfaccettature. Non,
dunque, un limitarsi alla pretesa di risolvere i problemi (per
quanto sia unaspirazione irrinunciabile e in qualche modo
da onorare), ma suonare (ed ascoltare) il concerto delle
nostre complessit.
Concludo con una frase di Jung, riportata da Aniela Jaff,
sua assistente negli ultimi anni e curatrice della sua autobiografia, Ricordi sogni, riflessioni. La Jaff riferisce di un
incontro tra Jung e dei giovani psichiatri che gli ponevano
domande sulla psicologia analitica; in ultimo, prima di licenziarli, Jung rest un po assorto in silenzio; poi, rivolgendosi a loro, cos si espresse: Ora che abbiamo creato le basi
per una coscienza psicologica, il vero problema sar imparare ad essere pi decentemente inconsci. u

Carl Gustav Jung


LE CONFERENZE ALLA ZOFINGIA
FORMATO: 15,5X21

PAGG. 180 G 15,00

15

Mistero damore
ovvero bere lamaro calice della nostra funzione ultima
GIULIA VALERIO
Psicologa, psicoterapeuta, analista junghiana

ung termina il volume di Ricordi, sogni, riflessioni,


scritto verso la fine della sua vita, con queste parole, da
cui le mie considerazioni prendono volentieri avvio
anche perch sono quelle con cui stato inaugurato il circolo Temenos che ci ospita. Come medico e come uomo,
scrive Jung di essersi spesso trovato di fronte al mistero dellamore, e di non essere mai stato capace di spiegare cosa
esso sia. Arduo definire gli incalcolabili paradossi dellamore: padre e madre di ogni coscienza, povert e ricchezza, luce e tenebra, ci rende sue vittime e a un tempo suoi
strumenti. Possiamo anche ribellarci, o sottometterci, non
ne conosciamo la fine n il fine, ne dipendiamo e ne siamo
sostenuti. limpulso profondo che spinge lIo a rompere i
propri confini e a spogliarsi di certezze e onnipotenze,
limpulso del S a realizzarsi.
E se siamo un po saggi, chiamiamo questo mistero
parla di mistero dellamore con un nome ancora pi sconosciuto, quello di Dio. Dio infatti amore, in quanto, sottolinea, unione degli opposti1.
Il racconto della sua vita si chiude con una apertura e
uno squarcio, una sospensione, una indicazione. Alla luce
della pubblicazione del Libro Rosso, questo sigillo dellopera assume uno spessore e una significativit nuovi.
Il testo straordinario, sorprendente, e commuove. La
prima volta che lho avuto tra le mani (a Ravenna, in tedesco, prestatomi per una notte da Claudio Widmann) sono
stata male, tale la forza dellimpatto. Pubblicato in italiano
da solo un mese, mi ha consentito una prima lettura, e credo
che per comprenderlo ci vorranno anni di lavoro, di studio,
di approfondimento e di esperienza di vita. Offro quindi un
piccolo sentiero di riflessioni, necessariamente parziale,
appena accennato.
Jung dice di non essere mai stato capace di spiegare cosa
sia lamore, e in questo si comporta come un vero iniziato
ai Misteri: sa che non si possono raccontare, n descrivere.
Il Libro Rosso dedicato, direi consacrato per intero a questa iniziazione, che coglie Jung nella met della vita, a 35
anni; in quellanno tra laltro leggeva la Divina Commedia,
altra storia di un uomo giunto nel mezzo del cammino. Per
fortuna oggi la met della vita si forse un po spostata, cos
sempre forse possiamo avere un po di tempo in pi.
Nel 1913 Jung pi volte ha raccontato di aver avuto
sogni e visioni terrifici che riguardavano esondazioni, fiumi
di sangue, glaciazioni, segni per noi chiari di un esordio di

follia, di una tracimazione dei contenuti dellinconscio che


si preparano a travolgere lIo, i suoi equilibri, le sue mura
fortificate2. Preoccupato, li annota con attenzione. Scopre
nel tempo che non a lui si riferiscono, ma a quanto accade
nellambiente accanto a lui, negli eventi che segnano lEuropa che lo circonda. Come possibile, si chiede stranito?
Sappiamo che cos inizia la scoperta e lesplorazione
dellinconscio collettivo, ma assistiamo anche a qualcosa di
radicale e sconvolgente. Jung incrocia il suo opposto, il contrario che vive allinterno di se stesso; nella breccia che la
crisi della Grande Guerra apre in ogni uomo, gli si presenta
lAltro, la sua funzione infera. Scopriamo qui senza possibili equivoci che Jung un tipo di pensiero, che a met della
vita incrocia il sentimento. Possiamo immaginare cosa
possa significare per un uomo di scienza, per un ricercatore
rigoroso, scoprire di possedere dentro di s una sorta di
mago ricco di fosche e ridondanti premonizioni, che lo collega allempatia verso i suoi simili e alle profondit della
storia? Al pre-pensiero, che nominer pi avanti, si oppone
il pre-sentimento, un albore affettivo oscuro e infero che lo
trascina nelle tenebre del non senso.
Lunilateralit ricca di conferme del suo Io, dedito agli
studi, alla carriera, a uno straordinario successo internazionale si incrina, ed egli viene afferrato dallo spirito del
profondo, che lo distoglie da ci che utile e intenzionato,
dalle richieste dello spirito del suo tempo.
Alla nostra coscienza, che prosegue progressivamente
scartando tutto ci che non serve e non utile a costruire
specializzazioni, competenze, superiorit (e dallaltro lato
ghetti in cui rinchiudere fuori dalla nostra vista, fuori dalle
nostre mura tutto ci che vinto e ultimo) si oppone una
potenza pi grande, sottesa da sempre alla storia, che lo
costringe con tenaglie roventi (sono parole sue) ad accogliere in s quanto c di pi ripugnante, piccolo, sviante,
meschino. Non per punizione o per un progetto di redenzione, non per farne qualcosa, ma come farmaco di immortalit3. Sappiamo tutti cosa vuol dire bere lamaro calice
della nostra funzione ultima, che abbiamo sempre riversato
nelle nostre idiosincrasie; quando ci accorgiamo che il pi
vile dei nostri nemici siede in noi, ne restiamo sconvolti.
Jung non si accontenta di capire, di essere ospitale verso
questo incrocio fatale. Ci va dentro, con un coraggio da sperimentatore e da uomo serio che commuove. Scende le pareti di un vulcano e decide di aprire quelloscura porta che lo

16
metter in contatto con tutto ci che sta sotto di noi, quel
flusso impetuoso che, nelloscurit dellanima, scorre
verso leternit, come lo descrive nel Mysterium coniunctionis4, locculto, colpevole Dio-fiume del sangue di cui
parla Rilke nelle Elegie Duinesi5.
E non solo: quando ordina il grande libro in pergamena
con copertina rossa di cuoio a Emil Stiers, contemporaneamente si dimette dalla carica di primo presidente dellAssociazione internazionale di psicoanalisi e dalla Facolt di
medicina dellUniversit di Zurigo di cui era docente.
Siamo nel 1914. Gli avvenimenti della vita seguono il destino che viene tracciato dal profondo; tutti noi sappiamo che
cos deve essere e che non pu che essere cos, che presto o
tardi, consenzienti o nolenti, felicemente o tragicamente, l
siamo ricondotti. Vocatus atque non vocatus, ci richiamer.
Ma il coraggio di aderirvi prontamente e di sconfiggere le
pretese e i successi dellIo (in questo caso riconoscimenti e
cariche di eccezione) conosciamo bene quanto costa e di
che prova, di che tentazione si tratti.
Jung capisce, accoglie, ospita, perch capire un ponte,
una possibilit di tornare in carreggiata mentre spiegare
un arbitrio, a volte un assassino. Le cose pi forti di noi, le
cose divine si patiscono; tra i dotti hai contato quanti assassini ci sono? Migliorare e dare leggi un errore e un male,
la via del profondo ci porta allamore vicendevole, alla
comunione6. Ma lamore non quel sentimento che lascia
ogni cristiano esterrefatto davanti al male del mondo,
lamentandosi costantemente che Dio non sia perfezione e
non abbia creato un mondo pi facile e con leggi solo giuste. Dio appunto amore, e lamore tremendo, devastante: tiene insieme gli opposti in noi e non ci permette pi
di scaricarli sul nemico, lamico, il fratello.
Lamore siede nella parte sinistra, quella del cuore7,
come scrive analizzando la prima figura del Rosarium Philosophorum ne La psicologia del transfert (come si
approfondisce tutta lopera che Jung ha scelto di pubblicare, come si amplia lo spettro delle sue parole!), quando Re
e Regina per conoscersi si danno la mano sinistra, scegliendo di mettere in gioco tutta la parte ambigua, sconosciuta,
piena di pensieri sinistri, eticamente turbata, affettiva e
infettiva di noi stessi che emerge in ogni incontro.
Lamore ci costringe e ci vince e ci convince a ripercorrere il cammino di Cristo, a lasciare i nostri di gloriosi e
robusti delle foreste per questo pallido asiatico che finisce
inchiodato a un legno come una martora, martoriato. Nessuno pu evitare questo cammino, anche se siamo portati
costantemente a delegare a potenti, redentori e salvatori il
fatto di risparmiarcelo: luomo si rifiutato di fare del Golgota la propria esperienza esistenziale, e cos facendo ha trasformato lEuropa di quegli anni in un immenso Calvario8
intuizione folgorante.
Quando ho parlato al dott. Lopez del tema su cui mi concentravo, mi ha suggerito di ricordare che il Mistero cela il
sacrificio. Nel seguire il cammino di Jung, pellegrino degli
inferi, scopriamo che lo presuppone. Scrive Lvinas: Solamente un essere arrivato a incrinare la sua solitudine attraverso la sofferenza e la relazione con la morte si pone su un
terreno dove la relazione con lAltro diventa possibile9.
Atroce come una notte senza sonno intuire lAltro, lop-

posto presente in me, presenza dellaldil dellaldiqua10,


annota Jung. Lopposto, la quarta funzione, lalterit si insinuano come un morbo, una febbre, un veleno che ci nauseano, hanno odore maleodorante e sanno di immondizia,
sono masticati da tutti; ti portano diritto sulla via del tuo
inferno personale, con i detriti che arrivano alle ginocchia.
Sembra spassoso quello degli altri (come ci divertiamo,
quando studiamo la tipologia, a parlare di quella altrui!), ma
il proprio costituito da tutto quanto hai gettato via a calci
e bestemmie. Ci entrerai non da castigatore o soffrendo, ma
da citrullo ottuso e curioso, spoglio e stupito11. Lautoconoscenza non un passatempo intellettuale ma un viaggio
attraverso i quattro continenti dove si esposti a tutti i pericoli sia del mare che della terra, sia dellaria che del fuoco.
Un atto di conoscenza totale abbraccia i 4 360! aspetti
dellEssere, ricorda Jung nel Mysterium12.
Muore cos dentro di noi per sempre la parte eroica, che
ci aveva ammantato di vittoriosa impenetrabilit, muoiono
potenza e volont, e nelle macerie della miseria e dellumilt, tra paura e precariet, sulla paglia di una stalla, nasce
Dio come Bambino divino che in s contiene le pi spaventose delle contraddizioni, tutte. Solo quando leroe muore e
tutto vile e tende a salvarsi, Dio dalle crepe della torre
crollata si insinua nel cuore delluomo, generato dalla sua
anima vergine, fazzoletto incontaminato di terra, bambina
che tiene in mano i misteri pi grandi.
Atto damore accogliere in noi la nostra parte pi ferita e fragile, accorgersi che dobbiamo amare lultimo degli
uomini perch arriva terribile il momento in cui ci accorgiamo che lultimo degli uomini siamo noi13, perch solo nella
legge dellamore nulla perso e scarto non deve esistere.
Cos si recupera anche tutto ci che passato, che umile e
a volte irredento, come grida lo sciame dei morti che ci precedono e ci perseguitano se non sono stati onorati, come lo
stuolo di pellegrini morti che suonano invisibili al suo campanello nel 1916 risvegliando i Septem sermones ad mortuos. Atto damore come Maria farci pietosi verso la nostra
parte che stata torturata dallo spirito del tempo, messa in
croce, martirizzata. Perch cos facendo non curiamo solo
noi stessi, ma ci prendiamo cura del Dio ferito. Nei tempi
straziati della storia e della nostra vita noi bestemmiamo Dio
perch non ci salva, come bambini che vogliono rimanere
figli di un genitore giusto e potente, e non pensiamo che Dio
nei tempi eccezionali insieme a noi nellabisso del non
senso e della paralisi, e non sentiamo che tempo di prendere in mano anche lui, insieme alla nostra vita stessa.
Jung viandante si orienta verso est, alla ricerca dellorigine della luce, e a met strada incontra il gigante divino, Gilgamesh-Itzubar assetato di tramonto (ed il primo disegno,
fatto la notte di Natale del 1915). Le sue domande inquisitive, la sua scienza paralizzano il Dio, che giace a terra avvelenato, pronto a lasciarsi morire. Labbiamo ucciso con la smania di comprenderlo e con i nostri occhi di basilisco, dice
Jung14, che sente anche con certezza che la sua vita sarebbe
rimasta spezzata se non fosse riuscito a guarire il suo Dio.
Rimasto accanto a lui nella gelida notte di stelle, si interroga
su come riuscire a trasportare questo peso immane, questo
essere che da bambino gravava sulle spalle del gigante Cristoforo fino a farlo quasi affogare. Ridotto a fantasia, a imma-

17
gine, diviene cos leggero e sop-portabile che luomo lo pu
caricare sulle spalle, rischiando di essere trasportato in aria da
tanta levit, e sa che deve proteggerlo tanto quando malato,
portarlo nella casa ospitale degli uomini. Dopo averlo nascosto in un uovo, come negli antichi Misteri quando si chiudevano i pezzi del dio sacrificato nel lychnon, utero e sacco di
cuoio, vengono pronunciate delle incantazioni, che si rivelano essere (ed un colpo al cuore) le preghiere del Natale: il
Natale si fa festa misterica calcata su schemi antichi, diviene
il momento dello smembramento e del rimembrare; loccasione per generare, nel nostro cuore e nelle nostre intime stanze, il Dio che viene.
Ed quanto hanno fatto dopo di lui anche altri uomini e
donne straordinari, che ce ne hanno lasciato testimonianza.
Penso a Hans Jonas15, che davanti al massacro dellolocausto in cui perse la madre e la famiglia riusc a ripensare Dio,
accorgendosi che durante gli anni in cui si scaten
Auschwitz Egli era rimasto muto. I miracoli furono opera di
uomini: Dio tacque e non intervenne perch non era in condizione di farlo. Auschwitz diviene per lui un evento sacro,
perch ci costringe a ripensare Dio come un Dio che si rivela impotente: che schianto per luomo, fatto a sua immagine e somiglianza, sentirsi figlio di un Padre che non pu e
non garantisce nessuna onnipotenza, ma che insieme a noi
vive la sconfitta della volont e della forza, annientando
ogni divina garanzia! E ricordo Etty Hillesum, quando scrive che lunica cosa che possiamo salvare di questi tempi, e
anche lunica che veramente conti, salvare un piccolo
pezzo di te in noi stessi, mio Dio. E forse possiamo anche
contribuire a disseppellirti dai cuori devastati di altri uomini tu non puoi aiutarci, ma tocca a noi aiutare te, difendere la tua casa in noi16.
Si tratta qui della seconda Guerra mondiale; Jung presente gi questa urgenza venticinque anni prima, di fronte al
disordine feroce della prima Guerra mondiale. Vi sono parole di Heidegger particolarmente calzanti per il cammino che
Jung sta compiendo in questi anni; partendo dai versi di
Hlderlin (IV 190): Ma l dov il pericolo, cresce/anche
ci che salva il filosofo annota: La salvezza deve venire
l dove i mortali svoltano nella loro essenza. Ci sono mortali che giungono pi presto nellabisso dellindigente e
nella sua indigenza? Costoro, i pi mortali fra i mortali,
sarebbero i pi arrischiati17.
Il rischio che Jung corre grandissimo: offre se stesso
come esperimento vivente per segnare un passaggio, capace
di cambiare la concezione delluomo e dellesistenza, di cui
si guarda bene di diventare il profeta o lannunciatore. Il suo
dono la sua esperienza, che cercher di tradurre in termini
comprensibili, ricercandone le tracce in altri saperi e altri
cammini, sia quello alchemico o delle varie forme di autorappresentazione, sia nelle vie percorse dai suoi pazienti,
come per esempio nel materiale visionario di Christiana
Morgan da lui approfondito nelle Visioni. Lessere umano
non viene pi definito dal suo Io ma relativizzato da diverse funzioni, che dislocano il suo Io e aprono la via al S,
centro trascendente dellesistenza. A ben pensarci una
rivoluzione copernicana, una teoria della relativit pari a
quella che Einstein formulava non a caso proprio in quegli
anni, tra il 1905 e il 1913.

Lessere umano ha parti non visibili e non specializzate,


che lo approfondiscono e che cambiano i parametri di sanit
e malattia, di mortalit e immortalit dellanima, che segnalano lo spessore di ogni parola che pronunciamo e di ogni
gesto che compiamo. Affondato per tre quarti nel magma
incandescente dellinconscio, tessuto e generato dalla tenebra, a met tra ordine e caos, luomo ha il compito di sposare le sue parti inferiori per non agire sempre il conflitto al
di fuori di s. Ma mettere un seme in quel concime vuole
anche dire avere radici profondissime e salde. La propria
parte infera e morta va resuscitata, e la cura passa attraverso un atto ambiguo che ci sporca le mani, un sapersi contaminare con il sacro, fatto di volutt e di angoscia. Di questo
parla in una delle sue pi belle pagine dedicate allessenza
della cura nel Mysterium Coniunctionis, quando descrive la
capacit necessaria al medico di conoscere e maneggiare
quella serie di fantasie che stanno alla base, da un lato,
delle formazioni deliranti che compaiono in forme di schizofrenia paranoide, e dallaltro dei processi di guarigione
che sono allopera nelle nevrosi psicogene di cui egli ben
deve conoscere le oscurit terrene e ultraterrene18.
In questo luogo di contaminazione e con-fusione in cui
primigenia sta ogni possibilit di germinazione e di smarrimento, di perdita di senso e di ricreazione del mondo in
nuove cosmogonie, stanno le radici dove si intrecciano i
semi di quanti ci hanno preceduto e di quanti verranno: il
luogo misterico delleros, dove si annoda il segreto della
vita. Cos descrive Kernyi lessenza e il fulcro dei Misteri
eleusini19. La nostra parte pi vile qui affonda, immersa in
un sonno simile alla morte, che necessita di un calore vitale
capace di tenere indistinti bene e male. parte della via,
malattia e inizio di guarigione. madre di ogni infamia e di
ogni simbolo salvifico. la forma primordiale della creazione, primissimo oscuro impulso che fluisce segreto e
rende fertile la terra, scaturendo dalle fessure impreviste.
lessere pi profondo che gridava, non desiderava offerte
ma la disponibilit della nostra carne. Emerso alla luce,
porta con s inquietudine e discordia, dubbio e pienezza
della vita. Tutto compiuto, teteleszai era il grido delliniziato nel momento del compimento e diviene il grido di Cristo in croce: questo il Venerd santo, annota Jung, quando
il Signore mor, scese allinferno e port a compimento il
Mistero.
Non solo Dio rinasce intero e tutto nuovo: il viandante
comprende che il nuovo Dio sta in ci che relativo, ma che
anche luomo ha una vita del tutto nuova, che inizia dalle
sue ferite. Io sono rinato, e senza nome, mi sono diviso in
due accettando me stesso e sono la mia parte minore, pi
povero e pi piccolo20.
Cosa pensi di fare ora che hai capito, a Jung chieder
qualche anno dopo lAnima, proprio quando pensava di
essere arrivato alla fine di un tratto di strada, dopo la pubblicazione dei Tipi psicologici. Sai quello che c da sapere,
gli dice, ma non vivi tutto quello che c da vivere, che si
esprime soltanto nella trasformazione delle relazioni
umane, le quali non possono essere sostituite nemmeno
dalle pi profonde conoscenze21.
Si emerge dalliniziazione battuti e spogli, e semplicemente umani. Il compito il proprio giardino, la propria

18
incarnazione, il ciclo della nostra esistenza. Perch la via e
la verit sono la vita, questa vita stessa: non c altra via,
ogni altra strada sbagliata22. Lo spirito del profondo ci
conduce sorprendentemente allamore per ci che piccolo,
quotidiano, semplice. Nelle altezze sta il divenire, il ghiaccio degli spazi siderali della mente, la freddezza assassina, la
consapevolezza della vita ma non il tuo vivere. Il vero
Paradiso/ per luomo/ lamore/ per la vita, canta Alda
Merini.
Lincontro con il proprio nucleo divino ci convince che
Dio vuole la nostra vita, vuole passare e vivere attraverso noi
stessi, e ci forza a trovare la via del S pi personale, la vita
fondata su noi stessi. Sembra una banalit, appare facile, ma
per noi la cosa pi assurda e difficile, un autentico mistero
che necessita uniniziazione.
Perch i Misteri non possono essere spiegati, come Jung
scrive alla fine della sua autobiografia, ma soltanto semplicemente vissuti.
Note
C.G. Jung, Ricordi, sogni, riflessioni, Milano, Rizzoli, 1984, pp. 413-14.
C.G. Jung, Ricordi, cit., p. 217; Jung parla. Interviste e incontri, a
cura di W. McGuire e R.F.C. Hull, Adelphi, Milano 1999, pp. 299-300
e altrove.
1.

2.

3.
C.G. Jung, Il Libro Rosso. Liber Novus, Torino, Bollati Boringhieri,
2010, p. 230.
4.
C.G. Jung, Mysterium coniunctionis, in Opere, vol. XIV, tomo I,
Torino, Bollati Boringhieri, 1989, p. 103.
5.
R.M. Rilke, Elegie Duinesi, III, v. 2.
6.
C.G. Jung, Il Libro Rosso, cit., p. 231.
7.
C.G. Jung, La psicologia del transfert, Milano, Il Saggiatore, 1961, p.
60.
8.
C.G. Jung, Il Libro Rosso, cit., p. 255.
9.
Seul un tre arriv la crispation de sa solitude par la souffrance et
la relation avec la mort, se place sur un terrain o la relation avec
lautre devient possible. Emmanuel Lvinas, Le temps et lautre,
Paris, Presse Universitaire de France, 1979, pp. 63-64.
10.
C.G. Jung, Il Libro Rosso, cit, p. 264.
11.
Ibidem.
12.
C.G. Jung, Mysterium coniunctionis, cit., p. 204.
13.
C.G. Jung, Visioni, vol. 1, Roma, Edizioni Magi, 2004, p. 69.
14.
C.G. Jung, Il Libro Rosso, op. cit., p. 281.
15.
H. Jonas, Il concetto di Dio dopo Auschwitz, Genova, Il Melangolo,
2005.
16.
E. Hillesum, Diario. 1941-1943, Milano, Adelphi, 1985.
17.
M. Heidegger, A che poeti?, in Holzwege. Sentieri erranti nella
selva, Milano, Bompiani, 2002, pp. 348-349.
18.
C.G. Jung, Mysterium coniunctionis, op. cit., p. 103.
19.
C. Kernyi, Miti e misteri, Torino, Boringhieri, 1979, pp. 159 sgg.
20.
C.G. Jung, Il Libro Rosso, cit., p. 304.
21.
Si tratta di una citazione dai Libri Neri, riportata in S. Shamdasani,
Introduzione, in C.G. Jung, Il Libro Rosso, cit., p. 212.
22.
C.G. Jung, Il Libro Rosso, cit., pp. 232 e 298.

Carl Gustav Jung


SUI SENTIMENTI E SULLOMBRA

Carl Gustav Jung


SU SOGNI E TRASFORMAZIONI

A domanda risponde

Colloquio di Zurigo

FORMATO: 16,5X24

PAGG. 72 + 3 CD G 38,00

FORMATO: 16,5X24

PAGG. 72 + 3 CD G 34,00

19

La via di ci che
sta per arrivare
ovvero larchetipo della conoscenza nel Liber Novus di C.G. Jung
CLAUDIO WIDMANN
Psicologo, psicoterapeuta, analista junghiano

SCOPOFILIA ED EPISTEMOFILIA
Il piacere di guardare nel libro privato, quasi segreto di
Jung merita qualche considerazione preliminare, perch i
termini di questa esperienza (lo sguardo, il piacere e il segreto) sono gli stessi che costituiscono gli ingredienti del
voyeurismo.
Jung non si occup espressamente del voyeurismo; lo
fece Freud, con osservazioni che interessante riprendere.
Muovendo dal suo assunto fondamentale e generale, che
pone lesperienza sessuale a fondamento della vita psichica,
Freud ritiene che limpressione ottica sia la via attraverso
la quale pi spesso si risveglia leccitamento libidico. Questaffermazione conserva la sua validit anche nella prospettiva junghiana, dove la vita psichica non discende da quella
sessuale, ma al contrario la vita sessuale discende da
quella psichica. In questa diversa prospettiva cambia radicalmente il concetto di libido, ma si pu egualmente affermare che il piacere del guardare una manifestazione
spontanea della libido (Freud, 1970, pp. 469 e 501).
Per la verit, se seguiamo il ragionamento di Freud, il
piacere di vedere gi una sostituzione del piacere primario
di toccare: la vista ha gi sostituito il tatto (Freud, 1972,
pp. 87-88) sospinta da una pulsione che non riguarda solo la
sessualit, ma attiene ai processi di conoscenza. La pulsione di sapere o della ricerca lavora con lenergia del piacere
di guardare, precisa Freud (1972b, pp. 502 sgg.); come
dire: la scopofilia (il piacere del guardare) un equivalente
e una declinazione dellepistemofilia (il piacere di conoscere). Liconologia umanistica aveva gi anticipato questa
convergenza in un emblema delliconologo Alciati: loculata manus (fig. 1) unimmagine che compendia la funzione
del vedere e del toccare e che precisa entrambe come funzioni conoscitive (1648, p. 82).
Ancora unannotazione di Freud sulla fenomenologia
del voyeurismo: nel Piccolo Hans il piacere del guardare si
lega al bisogno di stabilire un confronto, che nella fattispecie il confronto fra il proprio fapip e il grande fapip
del pap. Lo sguardo indiscreto che il piccolo Hans getta
sulle cose intime dei grandi bisogno di confronto e
meccanismo attraverso cui egli struttura la percezione di s.

fig. 1

Abbandonata la prospettiva freudiana e assunta quella pi


propriamente junghiana (dove lesperienza sessuale non
primaria, ma rimane fortemente paradigmatica della vita psichica), le osservazioni di Freud consentono considerazioni
preliminari strettamente pertinenti al nostro tema: il piacere
di toccare e di guardare sono caratteri essenziali della libido,
alimentano la pulsione a conoscere, sollecitano lIo al confronto e segnatamente a confrontarsi con il pi grande di s.
Si potrebbe dire che, dal suo nascere fino a oggi, nel
Libro Rosso si sia costellata la pulsione conoscitiva e il confronto con il pi grande. Questo confronto con il pi grande
che avanza annunciato fin dalle prime parole del testo: der
Weg des Kommenden (fig. 2), la via di ci che sta per arriva-

20

fig. 2

re. La pulsione conoscitiva si impone figurativamente gi in


uno dei primi capolettera miniati, in cui Jung disegna locchio
della conoscenza: gli occhi, scrive in un suo saggio,
esprimono la coscienza contemplativa (Jung, 1980, p. 369).
Queste annotazioni inducono a considerare che il piacere
di sfogliare e di guardare il Libro Rosso gravita attorno
allarchetipo della conoscenza. Pu alimentare lintimorito
confronto di ogni piccolo Hans, che misuri il proprio minuscolo fapip con il grande fapip del Grande Padre, mosso dal
vento del Creator Spiritus; oppure pu costellare la pulsione
conoscitiva a confrontarsi con il grande che avanza. Fra concretismo e simbolismo corre sempre una differenza sottile e
sostanziale; quella differenza attraversa lIo, che non soltanto misura del mondo, ma ago della bilancia, punto di
snodo e di divaricazione fra scopofilia ed epistemofilia. Ci
significa che, nellaccostarsi al Libro Rosso, dipender dallatteggiamento dellIo il tuffarsi nel volume con il piacere
un po estatico di contemplare la via gloriosa di un altro, correndo il rischio segnalato da M.-L. von Franz di proiettare
lesperienza individuativa su un Grande anzich viverla in
prima persona, e ci sarebbe scopofilia. Oppure con il desiderio di rintracciare nel percorso di un Grande la via alla
conoscenza di s e questo epistemofilia nel senso pi proprio. Nessuna disciplina afferma con maggiore convinzione
dellanalisi che lautentica conoscenza implica sempre la
conoscenza di s, che lempiria della conoscenza appartiene
allarchetipo della coscienza.

In questo testo le immagini archetipiche spesso si orchestrano in sequenza, simili a una sinfonia di Beethoven: inizialmente un certo motivo appena accennato, poi ritorna in
forma pi distinta, ricompare pi e pi volte e ogni volta si
arricchisce in un crescendo attraverso il quale matura fino a
trovare la sua manifestazione pi compiuta nelle figure finali.
Allinterno delle immagini archetipiche che punteggiano
il Libro Rosso desidero riservare qualche considerazione alle
immagini mandaliche, assumendole a pretesto per ricapitolare indicazioni preziose, che Jung ha lasciato in merito a questo genere di raffigurazioni e ai processi psichici che vi corrispondono. Non tutte le immagini del Libro Rosso sono
mandaliche, ma quelle che lo sono si prestano a illustrare in
maniera incisiva la specifica concezione che egli aveva dellimmagine e dellimmaginazione.
Il mandala unimmagine circolare a simmetria quadrata con evidenziazione del centro. La sua importanza rimanda
a un archetipo ordinatore e fortemente dinamico presente in
tutta la realt; larchetipo che ispira il Demiurgo di ogni
mitologia a trarre il kosmos (ordine) dal chaos (disordine) e
che orienta ogni persona che si trova concretamente nel caos
dellesistenza. Lordine severo imposto da unimmagine
circolare come quella del mandala, scrive Jung, compensa
il disordine e la confusione dello stato psichico, attraverso il
costituirsi di un punto centrale (Jung, 1980b, p. 381). Con
questaffermazione egli sposta linteresse dallatemporalit
della cosmogonia al tempo presente, dalle regioni dellOriente (dove vengono praticate precise tecniche di edificazione spirituale rette sul mandala) alle regioni dellindividuo: ovunque ci sia disordine individuale o collettivo lo stato
psichico invoca immagini mandaliche. Se si dovesse accogliere lipotesi che luomo contemporaneo vive singolarmente e collettivamente in un disordine evidente, si dovrebbe anche supporre che lanima contemporanea necessita di
esperienze mandaliche.
Limmagine mandalica si sostanzia di alcuni elementi
costitutivi (fig. 3), tra cui si possono individuare:
la circonferenza,

IMMAGINI MANDALICHE
Il Libro Rosso un autentico manuale di immaginazione
attiva, forse il migliore che potessero desiderare quanti di noi
ne hanno lamentato la mancanza nella bibliografia junghiana. la trascrizione dei capitoli forse pi importanti di quella storia di unautorealizzazione dellinconscio che, nella
sua stessa definizione, costituisce la vita di Jung (Jung,
1980b, p. 381). una trascrizione che procede sul doppio
registro dellimmagine e della parola, dove limmagine non
commento o illustrazione, ma autopoiesi della psiche. Non
chiosa e non commenta accadimenti psichici, ma psiche in
divenire.

fig. 3

21
21

fig. 4

fig. 6

il centro,
la struttura quadrangolare che perimetra linsieme.
La circonferenza delimita, abbraccia, circoscrive; il centro accentra, irradia, unifica; limpianto quadrangolare
orienta, stabilizza, consolida. Questi termini si applicano
contemporaneamente alle propriet geometriche dei costituenti mandalici e alle qualit psichiche dellesperienza
costellata dai mandala. Il mandala si presenta, dunque,
come unimmagine sovra-stratificata, che addensa in s propriet figurative, fisiche e psichiche, ma nel contempo una
realt simbolica che colloca lindividuo in un mondo unitario, in un unus mundus dove immagine ed esperienza, vissuto psichico e concretezza empirica, psiche e materia sono
distinzioni arbitrarie, imposte dalla finitezza della coscienza.
Lattenzione dellOccidente si posata sulla produzione
dei mandala orientali anche grazie allinteressamento di
Jung, giungendo talvolta a identificare il mandala con un
genere iconografico orientale. Il termine mandala, per,
significa cerchio e ci basta a dire che esso un motivo
simbolico universale, non esclusivamente e nemmeno tipicamente orientale.
La prima sollecitazione che ci viene dalle considerazioni junghiane sul mandala quella di cogliere luniversalit
di questa figura; noi tutti viviamo in un mondo di immagini

mandaliche e vale la pena riscoprire la molteplicit di mandala tipicamente occidentali che costellano la nostra vita psichica; ne sono esempi i rosoni, gli orologi, le monete classiche e quelle pi recenti, figure antiche tracciate sulle carte
da gioco e fenomeni recenti che si imprimono nei campi di
grano (crop circles) (figg. 4, 5, 6, 7).
Queste immagini compensano il disordine e la confusione dello stato psichico individuale e collettivo anzitutto
attraverso lazione delimitante della circonferenza.

fig. 5

La circonferenza
La natura stessa del chaos costella esigenze di delimitazione.
Archetipicamente il chaos sterminato: ampiezza
estrema, molteplicit senza fine, moltiplicazione ad libitum.
Nel piccolo caos di una borsetta e in quello immane che
regna su una scrivania c sempre tutto, ma tutto sfugge alla
ricerca, allocchio della coscienza contemplativa; irreperibili e non relazionati, gli oggetti perdono la loro stessa funzionalit. La prima lettera istoriata del Libro Rosso non ancora una circonferenza, ma di certo una delimitazione, una
linea che chiude e circoscrive.
Si potrebbe dire che la circonferenza significa chiusura,
che rappresenta il bisogno di circoscrivere, che immagine

fig. 7

22

fig. 8

di delimitazione; ma ritengo pi rispondente allo spirito di


Jung dire che, producendo immagini di circonferenze, la psiche si adopera per circoscrivere e delimitare il chaos. Anche
nellempiria della vita quotidiana, per ordinare il caos del
traffico, geometriche menti di burocrati vanno moltiplicando a dismisura rotonde e coppe rotatorie (fig. 8); se seguiamo con coerenza le suggestioni di Jung, siamo legittimati a
guardare anche a questi fenomeni minuscoli della vita psichica e a mettere in dubbio che sia il burocrate lautore di
quellinvenzione; possiamo invece immaginare che strutture
archetipiche di forma rotonda affiorino a marginare il caos
del traffico per tramite del burocrate.
Il Libro Rosso documenta la tesi centrale e pi originale
di Jung: sempre la psiche che produce immagini e attraverso le immagini non solo mostra se stessa, ma anche d
forma a se stessa e realizza se stessa.
Nelleconomia della funzione mandalica, il rotondum

assolve funzioni differenziate a seconda dello stato evolutivo


e dellassetto globale della psiche. Nella psicologia dellalba
e in tutte le situazioni di inizio archetipico promuove lesigenza di circoscrivere e confinare: nelle fasi iniziali della
coscienza il rotondum un cerchio che delimita. Allalba
della vita, le immagini del S sono le immagini dellIo; il cerchio appartiene indistintamente a entrambi, ma costella funzioni primarie dellIo: circoscrivere lattenzione su un oggetto, delimitare una sfera di interessi, specializzare un raggio
dazione, consolidare una cerchia di conoscenze. In questa
fase dellesistenza circoscrivere significa soprattutto escludere e la circonferenza mandalica diventa cinta di protezione,
confine per eccellenza. Il cerchio magico (temenos) cerchio esemplare che argina e protegge. La circonferenza attiene anche alla specifica natura della coscienza egoica, che procede archetipicamente per distinzioni; lIo stesso si instaura
come principio di una strutturale esclusione, come elemento
psichico che dividit et imperat. Garantisce allindividuo spazi
di libert, ma al prezzo di escludere tutto ci che destabilizzante e inquietante e in quanto immagine dellIo, il cerchio
mandalico estromette ed esclude.
Nella psicologia delloccaso, invece, la circonferenza
attiene alla sterminata estensione del S: cattura la visione
dellIo e dilata la coscienza. In questa prospettiva, circoscrivere non significa escludere, ma abbracciare (fig. 9) e la circonferenza non pi linea cerchia che delimita, ma sfera che
ingloba. Il cerchio diventa immagine cos ampia da essere
una delle pi frequentate metafore dellinfinito dalla cosmogonia di Platone fino allastrofisica contemporanea. Si consuma qui un trapasso non tanto concettuale quanto esperienziale: il baricentro si sposta dallIo al S, attraverso un passaggio che mediato dallimmagine.
La nozione junghiana di S assolutamente specifica e
troppo faticosamente si tenterebbe di coartarla entro la psicoanalisi del s. Con le categorie psichiche che Winnicott,
Bion, Klein, Kohut e altri chiamano s, condivide lo stesso nome, ma conserva propriet diverse. la categoria forse
pi complessa della psicologia junghiana e la pi centrale
della psiche individuale. A causa di questa complessit ha
avuto molte definizioni, nessuna delle quali, tuttavia, pu
mettere n in ombra n in discussione una caratteristica
essenziale, la totalit. Il S larchetipo della totalit individuale e il mandala ne unimmagine caratteristica nel Libro
Rosso come nei testi alchemici, nelle raffigurazioni orientali come in quelle occidentali.
Il S come archetipo della totalit individuale definizione aulica, ma sul piano pratico solleva questioni concettuali ed esperienziali enormi. Implica anzitutto che il S
luogo di antinomie e che, di conseguenza, lindividuo
conflittuale, contraddittorio, incongruente, paradossale. E
tuttavia unitario, di ununit che trova rappresentazione
nel centro del cerchio e che in esso trova la struttura che promuove unit.

Il Centro
Narra Platone che, per formare lAnima Mundi (fig. 10),
lArtefice mescol dapprima lIndivisibile con il Divisibile
e poi lIdentico con il Diverso. Prese il composto cos ottenuto e lo insuffl nel Corpo del kosmos, cos che leterea

23
Anima Mundi si diffuse per tutto il Corpo del Mondo e frammenti di essa penetrano ancora nel corpo di ogni uomo. In
questo modo ciascuno di noi portatore della magia di essere sempre diverso e tuttavia identico a se stesso: molteplice
e unico al tempo stesso.
Il centro del mandala raffigurazione della centrale
unit-unicit dellindividuo. difficile dire come il cerchio
mandalico, nella sua archetipica ampiezza, sia passibile di
essere dilatato a estensioni cosmiche fino a sconfinare nel
concetto di infinito e contemporaneamente di essere compresso nel Punto centrale, fino a essere privo di dimensione
e consistenza. Punto, difatti, per definizione un luogo geometrico privo di superficie e come tale non visibile, ma solo
rappresentabile.
difficile dire come il mandala possa esprimere contemporaneamente limmenso cerchio cosmico che sfuma
nellidea di infinito e il punto centrale del macro- come del
micro-cosmo privo di dimensioni e di superficie, tanto da
sfumare nellirrappresentabile. Si dovrebbe concludere che
limmagine mandalica rappresentazione dellinfinitamente
grande e contemporaneamente dellinfinitamente piccolo.
Attorno a unincongruenza tanto patente, la mente delluomo svilupp speculazioni fumose e artifizi verbali insostenibili sul piano logico, potenti sul piano simbolico. Laforisma
consegnatoci dal teologo Agostino certamente tra i pi
efficaci: Deus est circulus cuius centrum est ubique,
peripheria vere nusquam [Dio un cerchio il cui centro
fig.10

ovunque e la cui circonferenza non in nessun luogo]. Come il Dio di Agostino, anche il S totalit psichica che
sfugge a qualunque delimitazione e centro gravitazionale
che si precisa in ogni manifestazione contingente. Combinando il diverso con lidentico e il molteplice con lunico,
esso costituisce la matrice archetipica dellindividualit e in
questo senso il centro intimo e immutabile che alimenta le
percezioni di continuit, stabilit e permanenza che sono
alla base di ogni percezione di s. Con espressione enfatica
e biblica dellessenza individuativa si pu solo dire: Eheie,
lessere colui che . I paradossi della speculazione intellettuale incrociano i limiti della mente razionale, ma empirica-

fig. 9

fig.11

24

fig. 12

fig. 13

mente chiarissimo che essere individuo significa essere


quello.
In quanto cerchio, il mandala implica sempre il gravitare attorno a un centro; nelle parole stesse di Jung il cerchio
una struttura che sempre riconduce al centro. Il mandala
non solo unimmagine, ma un impulso alla con-centrazione: per effetto dellarchetipo che sottende, il mandala evidenzia che ogni esperienza gravita attorno a un centro, ogni
componente ruota attorno a un fulcro. Limmagine della
ruota (figg. 11 e 12) manifestazione mandalica forse una
delle pi diffuse; nella psiche collettiva del nostro tempo
una realt operante tra le pi attive. Nellimmagine della
ruota mozzo e cerchio, centro e circonferenza declinano il
rapporto solidale fra invarianza e mutevolezza, fra unit e
molteplicit: uno e invariate il punto del centro, infiniti e
cangianti sono i punti della circonferenza.
Nel centro si rispecchia lunico e lidentico di ogni individuo, la specificit individuativa depositata nel S. Unacuta formulazione taoista afferma che il vuoto (sic!) del
mozzo che fa girare la ruota. Questa affermazione si presta a
facili trasposizioni nei termini della filosofia classica, per
esempio aderisce alla concezione secondo cui il Motore

Immobile la Prima Causa (fig. 13) da cui emana lUniverso. Trasposta nei termini della psicologia analitica, si presta a
raffigurare il S come la categoria psichica profonda e impalpabile, che dal centro muove tutta la vicenda personale.
Nellessenza simbolica della ruota, la forza centrifuga
dei raggi spinge in ogni direzione e minaccia la dispersione;
per contro il contenimento centripeto del cerchio riporta
sempre al centro e alimenta unit. Dipende da una strutturata organizzazione dellIo la possibilit di fare esperienze
molteplici senza disperdersi in tutte le direzioni, di attraversare la volubilit dei vissuti senza disunirsi, di accogliere la
variet delle sollecitazioni senza alienarsi, di coltivare la
pluralit delle inclinazioni interiori senza perdere di identit:
di con-centrarsi su di s in un processo centripeto o di sfuggire a se stessi in unesplosione centrifuga.
In quanto vuoto del mozzo e fulcro di tutto il movimento psicologico, il S immaginabile come il seme prezioso che custodito al centro e molte figure del Libro Rosso
enfatizzano ci che giace al centro. Attiene a queste caratteristiche liconografia della mandorla (fig. 14), una delle
versioni pi diffuse nella produzione mandalica sia orientale
sia occidentale, dove il cerchio mantiene la sua funzione di

25
rienze, riconduce a unit di senso la molteplicit degli stimoli. Riflette nellempiria del quotidiano larchetipo del S
quale archetipo del senso. Nellellisse mandalica dellindividuo il focus dellIo quello che fornisce unauto-percezione
unitaria di permanenza, continuit e identit personale, ma la
matrice archetipica dellunit e dellunicit individuali data
dal S; lIo percepisce, il S loggetto della percezione. Il
focus del S quello che costituisce il centro profondo dellindividualit, larchetipo che consente di rimanere se stessi
nella variabilit delle manifestazioni personali, che presiede
alle funzioni che unificano il molteplice della psiche nellunicum dellindividuo. il centro che attrae e aggrega, che
accentra il molteplice e unifica il discorde; punto di contatto di ci che diverge e luogo gravitazionale su cui converge
ci che diametralmente opposto.

Il quadrangolo
Al rotondum pertiene il moto circolare, che fa del cerchio, e ancor pi della sfera, immagini altamente mobili
e dinamiche.
La sfera un corpo facilmente instabile, oppone il minimo di resistenza agli impulsi dinamici, risponde prontamente alle sollecitazioni meccaniche pi deboli. Non insensata
lidea del Demiurgo di plasmare la sfera del Mondo senza
gambe, dato che la forma sferica lo rende per natura accline
al moto (Platone). In quanto rotondum, il mandala archetipo di dynamis; lespressione: circolare! una comune
esortazione a muoversi e a procedere. In tempi antichi e
moderni, limmagine mandalica di una sfera costella movimento, azione, velocit, prontezza, dinamismo, ma anche
attenzione, precisione, esattezza. Attraverso le propriet del
rotondum, il mandala dice che energia vitale ed energetica
psichica (libido) sono propriet del S; innumerevoli e universali giochi con una sfera (la palla) costellano esperienze
fig. 14

delimitazione e di protezione (temenos), ma contemporaneamente si fa guscio duro come quello della mandorla a proteggere il germe del futuro sviluppo e il core dellintero individuo. Si segnalano per la loro specificit quei mandala a mandorla in cui la perfezione del cerchio si deforma in figure
oblunghe, ovali o ellittiche. Se il cerchio ha un solo centro e
un unico focus, lellisse ha geometricamente due fuochi e
costituisce unulteriore, significativa rappresentazione della
psiche individuale, che non ha mai la pienezza del rotondum,
ma una realt bifocale, dove il focus del S e il focus dellIo
appartengono egualmente alla totalit mandalica.
C convergenza e perfino sovrapposizione fra i simboli
del S e i simboli dellIo. Entrambi rispondono allessenza
delle immagini mandaliche, che consiste nel fungere da
antidoto allo stato mentale caotico (Jung, 1980, p. 9);
lungo tutto il corso dellesistenza entrambi partecipano a una
stessa esigenza ordinativa, concentrativa e unificante.
LIo il punto minuscolo in cui si rispecchia il rotondo
immane del S; assurdamente piccolo, ma d concretezza
allimmensamente grande. strumento di con-centrazione
non solo in accezione mentale: convoglia interessi, investimenti e libido su un centro; riporta a s la pluralit delle espe-

fig. 15

26
archetipiche di dynamis e confrontano individui di ogni et e
genere con le difficolt, le abilit e la necessit di mettere in
gioco le proprie dotazioni energetiche.
Fin dai tempi degli egizi la circumambulatio dei templi fu
un girare in tondo che simbolizzava il procedere. Ma girare
in tondo significa anche girare a vuoto, avvitarsi in circoli
viziosi; se da un lato lintrinseca dynamis del S converge
con il concetto stesso di vita e alimenta ogni dinamismo psichico, dallaltro anche allorigine di esperienze motorie
inquietanti: roteare, prillare, turbinare sono aspetti della
dynamis che danno il capogiro, sono esperienze di virtigo, e
procurano tipicamente disorientamento.
La propensione al moto della ruota e lintrinseca instabilit del cerchio, nelle immagini mandaliche, sono compensate e stabilizzate da una struttura quadrangolare. La bussola,
dove il cerchio del quadrante marcato dai quattro punti cardinali, costituisce un esempio mandalico di antidoto al disorientamento; chiarisce come il mandala sia unimmagine che
costella le capacit di orientare e di re-orientarsi. Il Libro
Rosso propone con insistenza e con trasparenza immagini
circolari che si bilanciano e stabilizzano in strutture quadrangolari (fig. 15). Attinge a quelle esperienze immaginative lintuizione di Jung che la quadratio circuli costituisca
una delle caratteristiche del S.
La lezione junghiana sui quaterni archetipici costituisce
una delle pagine pi interessanti dal punto di vista culturale
e pi fondanti dal punto di vista clinico. Jung fa rilevare
come la raffigurazione dei quattro evangelisti (fig. 14) costituisca un mandala ricorrente nelliconografia cristiana, ma
immediatamente rimbalza questimmagine indietro nel
tempo, la connette con i quattro animali dellApocalisse, con
i quattro figli di Horus e con altri innumerevoli quaterni che
popolano la mitologia. Egli insiste molto nellargomentare
che la quaternit una categoria strutturante della vita psichica e che il quattro entra nella simbolica del mandala in
virt delle sue potenzialit di organizzare e di ordinare la
totalit: la geografia organizza lo spazio secondo quattro
punti cardinali; la filosofia classica deriva tutta la realt dai
quattro elementi (terra, acqua, aria e fuoco); la medicina tradizionale fonda salute e malattia sulla dinamica di quattro
umori (flegma, sangue, bile, atrabile); i pitagorici distinguono in quattro parti lanno, la vita (fanciullezza, giovinezza,
maturit e vecchiaia) e lo stesso corpo umano (testa, tronco,
gambe, braccia); la psicologia junghiana fonda molta parte
della dinamica psichica sul gioco delle quattro funzioni (pensiero, sentimento, sensazione, intuizione).
Ma Jung insiste soprattutto nellargomentare che la struttura quaternaria tende a produrre linterclusione del quarto elemento: uno di essi, cio, tende a essere sopraffatto dagli altri e
a rimanere in ombra. Per effetto di questo fenomeno, nellorganizzazione psichica, una delle quattro funzioni rimane pi
nascosta, pi lenta e inconscia, meno specializzata delle altre e
diventa funzione inferiore. Il Libro Rosso un elogio della
quarta funzione; il documento storico di un giovane psichiatra che edifica la conoscenza della psiche non sullo studio di
testi scientifici, ma su produzioni mentali apparentemente
insensate, che affida il proprio equilibrio psichico non alla
scienza e alla coscienza ma alle trame ermetiche dellinconscio.
Nel Libro Rosso documentato come larchetipo quater-

nario prospetti il disegno utopico di procedere dallesclusione


allinclusione del quattro. Riecheggia lantico aforisma di
Maria Prophetissa: luno origina il due, il due diventa tre e
dal tre nasce luno sotto forma del quattro. Nella vita psichica, come nella numerologia, tutto procede dalluno e tutto
ritorna alluno. Quando la totalit dei componenti si compone
nella sinfonia dellunit, le immagini mandaliche costituiscono una rappresentazione di grande armonia, compostezza e
completezza.
Ma lo stesso Jung che definisce il progetto di ricomposizione di questa compiutezza un disegno utopico, perch la
totalit psichica (il S) inaccessibile per definizione alla
coscienza: allo stesso modo in cui il lapis non fu mai prodotto nella realt, la totalit psichica non viene mai raggiunta
empiricamente, perch la coscienza troppo angusta e unilaterale (Jung, 1990, p. 533). Cos, nellincessante processo di
autopoiesi della psiche, nellopus circulationis del processo
individuativo nessuna immagine finale e definitiva. Con un
certo sconcerto, ma con grande significato, il Libro Rosso un
libro incompiuto. Lultima immagine non un mandala, lultima frase interrotta a met, lultima pagina non scritta, lultima espressione dubitativa e lultima parola possibilit.
Questo potrebbe essere lultimo messaggio del Libro
Rosso: nel processo di individuazione, la parola fine si scrive: POSSIBILIT.

BIBLIOGRAFIA
Alciatus A., Emblemata V, C. Andreae Alciati Mediolanensis Iureconsulti,
Antverpiae, ex Officina Palatiniana, 1648.
Freud S., Tre saggi sulla teoria sessuale, in Opere, vol. IV, Torino, Boringhieri, 1970.
Freud S., Il motto di spirito e la sua relazione con linconscio, in Opere,
vol. V, Torino, Boringhieri, 1972a.
Freud S., Lanalisi della fobia di un bambino di cinque anni (caso clinico
del piccolo Hans), in Opere, vol. V, Torino, Boringhieri, 1972b.
Jung C.G., Simbolismo del mandala, in Opere, vol. IX/I, Torino, Boringhieri, 1980a.
Jung C.G., Che cosa sono i mandala, in Opere, vol. IX/I, Torino, Boringhieri, 1980b.
Jung C.G., Mysterium coniunctionis, in Opere, vol. IX/I, Torino, Bollati
Boringhieri, 1990.
Jung C.G., Ricordi, sogni, riflessioni, Milano, Rizzoli, 1978.
Platone, Fedro, in Tutti gli Scritti, Milano, Rusconi, 1991.

FORMATO: 16,5X24 cm PAGG. 1350

IN

VOLUMI

PREZZO:

160,00

C.G. Jung, Lettere


1906-1961
Edizioni Magi via G. Marchi, 4 00161 Roma
redazione@magiedizioni.com 06.99.703.800

www.magiedizioni.com