Sei sulla pagina 1di 60

Loris Francesco

Capovilla
Da Wikipedia,
l'enciclopedia libera.
Loris Francesco
Capovilla
cardinale di Santa
Romana Chiesa
Capovilla.cardinal201
4.jpg

Coat of arms of Loris


Francesco
Capovilla.svg
Oboedientia et pax
Titolo Cardinale
presbitero di Santa
Maria in Trastevere
Incarichi attuali
Prelato emerito di
Loreto

Incarichi ricoperti
Segretario
particolare del
Sommo Pontefice
Arcivescovo
metropolita di Chieti
ed amministratore
perpetuo di Vasto
Arcivescovo-prelato di
Loreto

Nato 14 ottobre 1915


(100 anni) a
Pontelongo
Ordinato presbitero
23 maggio 1940 dal
cardinale Adeodato
Giovanni Piazza,
O.C.D.
Nominato arcivescovo
26 giugno 1967 da

papa Paolo VI (poi


beato)
Consacrato
arcivescovo 16 luglio
1967 da papa Paolo
VI (poi beato)
Creato cardinale 22
febbraio 2014 da
papa Francesco

Loris Francesco
Capovilla con papa
Giovanni XXIII
Loris Francesco
Capovilla
(Pontelongo, 14
ottobre 1915) un
cardinale e
arcivescovo cattolico
italiano.

Dal 15 aprile 2015 il


pi anziano vescovo
d'Italia ed il quarto
nel mondo[1].
Sempre tra i vescovi,
con riferimento agli
anni trascorsi
dall'ordinazione
presbiterale - ben 75

dal 23 maggio 2015 primo tra gli italiani,


e quarto a livello
mondiale[2]. stato
creato cardinale da
papa Francesco il 22
febbraio 2014 a 98
anni, ricevendo il
titolo presbiterale di
Santa Maria in

Trastevere e
divenendo in tal modo
il membro pi anziano
del collegio
cardinalizio.
Indice

[nascondi]

1 Biografia
1.1 Formazione e
ministero sacerdotale

1.2 Ministero
episcopale e
cardinalato
2 Genealogia
episcopale
3 Onorificenze e
riconoscimenti
4 Opere
5 Rappresentazioni
televisive

6 Note
7 Altri progetti
8 Collegamenti esterni
Biografia[modifica |
modifica wikitesto]
Nasce a Pontelongo,
in provincia e diocesi
di Padova, il 14
ottobre 1915 da
Rodolfo e Letizia

Callegaro. Viene
battezzato nella
chiesa parrocchiale
dedicata a
Sant'Andrea Apostolo.
Il padre, funzionario
della Societ Belga
Zuccherifici, muore
trentasettenne nel
1922. L'evento causa

alla vedova e ai due


figli Loris e Lia un
lungo periodo di
precariet e di
peregrinazioni, sino
all'approdo definitivo
a Mestre nel 1929.
Formazione e
ministero

sacerdotale[modifica |
modifica wikitesto]
Alunno del seminario
patriarcale di Venezia,
ordinato presbitero
il 23 maggio 1940 dal
cardinale patriarca
Adeodato Giovanni
Piazza. Assolve
diversi incarichi nella

parrocchia di san
Zaccaria e nella curia
patriarcale,
cerimoniere capitolare
nella basilica di San
Marco; catechista alle
scuole medie,
cappellano
dell'Onarmo a Porto
Marghera, cappellano

del carcere minorile e


all'Ospedale degli
infettivi.
Durante la seconda
guerra mondiale
presta servizio
militare in aviazione.
L'armistizio del 1943
lo coglie all'aeroporto

di Parma, allora
intitolato a Natale
Palli. Si ricorda
tuttora la sua opera
umanitaria intesa a
sottrarre quanti pi
avieri possibili
all'internamento in
Germania. A
sessant'anni dalla fine

del conflitto, la
Gazzetta di Parma, il
7 febbraio 2005, lo
ricorda con un
articolo di Giorgio
Torelli: "Cos don
Loris sfid i tedeschi".
Nel 1945, il cardinale
Adeodato Giovanni

Piazza lo designa
predicatore
domenicale a Radio
Venezia, ministero
protratto sino al
1953. Nel 1949 il
patriarca Carlo
Agostini lo nomina
direttore del
settimanale diocesano

La Voce di San Marco


e redattore della
pagina veneziana
dell'Avvenire d'Italia.
iscritto all'albo dei
giornalisti dal 1950.
L'11 dicembre 1955
diviene cameriere

segreto
soprannumerario.
Per oltre un decennio,
dal 15 marzo 1953 al
3 giugno 1963, il
segretario particolare
di Angelo Giuseppe
Roncalli, prima
quando questi,

appena creato
cardinale, viene
nominato nuovo
patriarca di Venezia,
poi, dopo aver
partecipato come suo
conclavista al
conclave del 1958
indetto per l'elezione
del successore di

papa Pio XII, viene


confermato, la sera
del 28 ottobre 1958,
dal neoeletto papa
Giovanni XXIII, quale
suo segretario
particolare, incarico
che terr fino al
momento della morte
del pontefice.

Il 12 dicembre 1958
diventa prelato
domestico, e
successivamente, il
22 marzo 1960,
cameriere segreto
partecipante e in
quello stesso anno
entra a far parte,

come canonico, del


capitolo della basilica
di san Pietro in
Vaticano.
Il nuovo pontefice,
Paolo VI, gli affida
l'incarico di prelato di
anticamera e perito
conciliare.

Ministero episcopale e
cardinalato[modifica |
modifica wikitesto]
Papa Paolo VI lo
nomina, il 26 giugno
1967, arcivescovo
metropolita di Chieti
ed amministratore
perpetuo della diocesi

di Vasto (oggi
arcidiocesi di
Chieti-Vasto). Riceve
la consacrazione
episcopale, il
successivo 16 luglio,
nella basilica di san
Pietro in Vaticano,
dallo stesso pontefice,
coconsacranti

Augusto
Gianfranceschi,
vescovo di Cesena
(gi ausiliare del
cardinale Roncalli
quando questi era
patriarca di Venezia)
e Jacques-Paul
Martin, vescovo
titolare di Neapoli di

Palestina, canonico
vaticano ed officiale
della segreteria di
stato.
Appena quattro anni
dopo, il 25 settembre
1971, viene nominato
prelato nullius di
Loreto, delegato

pontificio per il
santuario lauretano
ed arcivescovo
titolare di Mesembria,
sede che era stata
titolo arcivescovile di
Angelo Giuseppe
Roncalli dal 1934 al
1953.

Il 10 dicembre 1988
si dimette dagli
incarichi pastorali, pur
conservando il titolo
di arcivescovo titolare
di Mesembria. Va ad
abitare a Sotto il
Monte Giovanni XXIII,
in provincia di
Bergamo, paese

natale di papa
Roncalli, dove
continua a ricevere
visite di pellegrini e di
fedeli. In occasione
della nomina
cardinalizia il vescovo
Francesco Beschi lo
considera un uomo di
grandissima

rettitudine e di
profonda cultura, vero
e proprio testimone e
"padre saggio", in
particolare della
diocesi di
Bergamo[3].
Il 12 gennaio 2014
papa Francesco

annuncia la sua
elevazione a cardinale
in relazione al suo
servizio di una vita
intera per il bene
della Chiesa. Avendo
oltrepassato la soglia
degli ottant'anni, non
entra nel novero dei
cardinali elettori. Le

sue condizioni di
salute non gli
permettono di essere
presente durante la
cerimonia del
concistoro ed il papa
manda quindi un
legato pontificio, nella
persona del cardinale
Angelo Sodano,

decano del Sacro


Collegio, ad imporgli
la berretta
cardinalizia il 1
marzo 2014 a Sotto il
Monte[4][5].
Il 14 ottobre 2015
compie 100 anni e
sceglie di festeggiare

insieme ai profughi
ospitati a Sotto il
Monte[6].
Genealogia
episcopale[modifica |
modifica wikitesto]
Cardinale Scipione
Rebiba

Cardinale Giulio
Antonio Santori
Cardinale Girolamo
Bernerio, O.P.
Arcivescovo Galeazzo
Sanvitale
Cardinale Ludovico
Ludovisi
Cardinale Luigi
Caetani

Cardinale Ulderico
Carpegna
Cardinale Paluzzo
Paluzzi Altieri degli
Albertoni
Papa Benedetto XIII,
O.P.
Papa Benedetto XIV
Papa Clemente XIII

Cardinale Marcantonio
Colonna
Cardinale Giacinto
Sigismondo Gerdil, B.
Cardinale Giulio Maria
della Somaglia
Cardinale Carlo
Odescalchi, S.J.
Cardinale Costantino
Patrizi Naro

Cardinale Lucido
Maria Parocchi
Papa Pio X
Papa Benedetto XV
Papa Pio XII
Cardinale Eugne
Tisserant
Papa Paolo VI

Cardinale Loris
Francesco Capovilla
Onorificenze e
riconoscimenti[modifi
ca | modifica
wikitesto]
Cavaliere di Gran
Croce dell'Ordine
Equestre del Santo
Sepolcro di

Gerusalemme nastrino per uniforme


ordinaria Cavaliere di
Gran Croce
dell'Ordine Equestre
del Santo Sepolcro di
Gerusalemme
Laurea Honoris causa
in Scienze storiche nastrino per uniforme

ordinaria Laurea
Honoris causa in
Scienze storiche
Istituto Europeo
dell'Accademia Russa
delle Scienze[7]
Medaglia speciale
della Fondazione
Internazionale Raoul
Wallenberg per la vita

dedicata a
promuovere,
tramandare e
divulgare la memoria
di Papa Giovanni
XXIII, ricevuta a
Sotto Il Monte il 25
giugno 2013
(Fondazione

Internazionale Raoul
Wallenberg)
cittadino onorario di
varie citt italiane, tra
cui Bergamo[8],
Lipari[9] e Chieti[10],
sua prima
designazione
vescovile, talmente
cara da indurlo a

conchiudere ogni suo


scritto agli abruzzesi
con la formula: "Loris
Francesco Capovilla,
olim pater semper
amicus, un tempo
padre, adesso amico".
Opere[modifica |
modifica wikitesto]

Capovilla ha curato la
pubblicazione di
numerosi scritti su e
di Papa Roncalli tra
cui:
Il Giornale dell'anima;
Lettere ai familiari;
Lettere 1958-1963;

Giovanni e Paolo, due


Papi;
per Grafica e Arte
Bergamo;
Volto d'Angelo;
Papa Giovanni un
secolo;
L'Ite Missa est di Papa
Giovanni;

la trilogia di cui
autore lo stesso
pontefice: Questo il
mistero della mia
vita;
Loris Francesco
Capovilla, Papa
Giovanni segno dei
tempi, Ed. Paoline,
Roma 1967;

Giovanni XXIII nel


ricordo del segretario
Loris Francesco
Capovilla, intervista di
Marco Roncalli, Ed.
San Paolo, Cinisello
Balsamo (MI) anno
1994;

Pio IX nel pensiero e


nel cuore di Giovanni
XXIII[11].
Ricordo dal Concilio Siamo appena
all'aurora a cura di
Ernesto Preziosi
Ha pubblicato sullo
stesso tema centinaia
di opuscoli e di articoli

in quotidiani,
settimanali e riviste.
Rappresentazioni
televisive[modifica |
modifica wikitesto]
Loris Francesco
Capovilla
interpretato, nelle
seguenti

rappresentazioni
televisive da:
Paolo Gasparini nella
miniserie TV del
2002, intitolata Papa
Giovanni - Ioannes
XXIII, che narra la
vita di Papa Giovanni
dall'infanzia fino alla

morte. Regia di
Giorgio Capitani.
Roberto Citran nella
miniserie TV del 2003
in due puntate,
intitolata Il Papa
buono, che racconta
la vita di papa
Giovanni XXIII. Regia
di Ricky Tognazzi.

Note[modifica |
modifica wikitesto]
^ (EN) Oldest Bishops
^ Seniority by Priestly
Ordination - Most
Senior
[Catholic-Hierarchy]
^ Il vescovo mons.
Francesco Beschi

Capovilla testimone
e padre saggio
^ Concistoro
ordinario pubblico per
la creazione di 19
nuovi cardinali
^ Sodano a Sotto il
Monte per Capovilla
cardinale

^ I 100 anni d'amore


di Loris Capovilla, in
nuovavenezia.gelocal.
it, 15 ottobre 2015.
URL consultato il 15
ottobre 2015.
^ Capovilla riceve la
laurea "honoris
causa" da un ente di
Mosca

^ Monsignor Loris
Francesco Capovilla
cittadino onorario di
Bergamo
^ Capovilla cardinale:
gli auguri del sindaco
^ Monsignor Loris
Francesco Capovilla
cittadino onorario di
Chieti

^ Loris Francesco
Capovilla: Pio IX nel
pensiero e nel cuore
di Giovanni XXIII