Sei sulla pagina 1di 72

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

'POEBUPSF&VHFOJP4DBMGBSJ

%JSFUUPSF&[JP.BVSP

XXXSFQVCCMJDBJU

"//0   / 

*/ *5"-*"   DPO i%w i% #&"65:w

4"#"50  /07&.#3& 

3-"$6-563"

3$-6#-"$01&35*/"

3(-*41&55"$0-*

6OGPUPHSBGPEJOPNF+BDL-POEPO
MBMUSBGBDDJBEFMHSBOEFOBSSBUPSF

-FEVDB[JPOFEJ5JMEB4XJOUPO -VMUJNBTGJEBEJ3PO)PXBSE
i6OBTDVPMBTFO[BMJCSJFWPUJw i3JTDSJWPMBTUPSJBEJ.PCZ%JDLw

.*$)&-&."3*

"3*"//"'*/04&(6*"40/$*/*

4*-7*"#*;*0

.BMJ MBTUSBHFEFHMJTUSBOJFSJ
 -BTTBMUPBMMIPUFM3BEJTTPO
EFMDPNNBOEPKJIBEJTUB
#MJU[QFSHMJPTUBHHJ NPSUJ

 .PMUJJGSBODFTJOFMMBMCFSHP
*NJMJ[JBOJTBMWBWBOPTPMP
DIJTBQFWBSFDJUBSFJM$PSBOP

 "ODIFM*TEMBDBDDJBB4BMBI
4JDVSF[[B HJSPEJWJUFJO*UBMJB
NFUBMEFUFDUPSBM$PMPTTFP

%"-/04530*/7*"50

41&$*"-&

1*&530%&-3&

-&*%&&

BAMAKO. Il grido Allah Akbar,

unauto lanciata sullasfalto misto a terra rossa. Poi gli spari.

*MOVPWPUFSSPSJTNP
TQJFHBUPBJCBNCJOJ

"1"(*/"

*-'"/5"4."
$0-0/*"-&

5")"3#&/+&--06/

"

prattutto non sottovalutare la loro capacit di comprendere anche le cose


pi orrende. La loro sensibilit pu essere
messa alla prova senza conseguenze disastrose sullo sviluppo.

#&3/"3%07"--*

I bambini bisogna dire la verit. E so-

PARIGI
L terrorismo, nellodierna ver-

"--&1"(*/&&

sione jihadista, balzato dalle


rive della Senna a quelle del Niger. E durante gran parte della
giornata di ieri lattenzione si
quindi trasferita dal cuore dellEuropa allAfrica occidentale, nel
Mali. Dando limpressione che la
tragedia parigina continuasse a
migliaia di chilometri di distanza
con loccupazione di un grand hotel di Bamako, la capitale.

*-3"$$0/50

%JBSJPEBM#BUBDMBO
MBNJBOPUUFBMMJOGFSOP
-06*4&

concerti arrabbiati, quella che poga


con me come quando avevamo quattordici anni, quella che perdo nella folla dopo la prima canzone e ritrovo alla fine con un
stato troppo bello, no? S, fichissimooo!.

4&(6&"1"(*/"

*-3&1035"(&

"1"(*/"$0/"35*$0-*%*"//"-0.#"3%*

7JBHHJPOFMWFOFSE
EFMMFNPTDIFF
'3"/$&4$0.&3-0

RA un versetto del Corano

e un Subhana Rabbiya
al-Adhim, gloria al mio Signore lImmenso mi indicano
con il dito il tunisino, e poi
lalbanese, ma pure il pita
che in arabo sarebbe il pagnotta. Mi mostrano gli estremisti,
insomma.
"--&1"(*/&&

ENERD ho raggiunto la mia amica dei

-&*/5&37*45&
 #0/"//* #0/*/* %"-#&3(0 %&."3$)*4 '"7"-& '04$)*/* (*/03* ."4530(*"$0.0 .03&55* 1655*&50/"$$*%"1"(*/""1"(*/"

Parigi a Bamako, la
Francia sotto attacco
della jihad globale. Se
nella capitale transalpina a
condurre gli attacchi sono stati gli uomini dellIs, in quella
maliana sarebbero quelli di Al
Murabitun e dellAqmi, formazioni legate a Al Qaeda.

-04$&/"3*0

-B(VFSSB4BOUB
EFHMJBMUSJ$BMJGGJ

"1"(*/"

3&/;0(60-0

-"10-&.*$"

*M8IBUT"QQ
EFMMBQBVSB

che usa Whatsapp per creare panico


assomiglia a quelli che
da una cabina del telefono
chiamavano la scuola dicendo che cera una bomba
nelledificio, per farla evacuare ed evitare una interrogazione.

%"7*%(3044."/

i6OJUJQFSDPNCBUUFSF%BFTIw

L CRETINO

"1"(*/"

3*$$"3%0-6/"

4*.0/4$)"."

i-&VSPQBSJUSPWJMBGPS[BNPSBMFw
"5*23")*.*

i0SBQBHIFSBOOPJNJHSBOUJw
$"%"-"/6 $"'&33*&4$)8"35;#30%"1"(

7&30/" ."9*3"1*/""$"45&-7&$$)*041"3*5*."/5&(/" 36#&/4&5*/503&550

*MNVTFPEFJDBQPMBWPSJSVCBUJ
50."40.0/5"/"3*
A prima cosa da dire
che questi quadri vanno
recuperati subito: un ministro dellInterno si gioca la
faccia su Mantegna, Pisanello
o Rubens come davvero su poco altro. E non si dica che ci sono cose pi importanti: come
rispose Churchill a chi gli chiedeva di tagliare i fondi per la
cultura con Londra bombardata: E allora per che cosa
stiamo combattendo?.

"--&1"(*/&&
$0/6/"35*$0-0%*#&3*;;*

RITORNA IL CAPITANO COLAPRICO

CARLO LUCARELLI
IL TEMPO DELLE IENE

*-$"40

*CPTTJODBSDFSF
EJDFWBOP
"MGBOPEFWFGBSF
MBGJOFEJ,FOOFEZ
.JOBDDFNBGJPTF
QFSJMCJT

EINAUDI
BIG

#0-;0/* 1"-";;0-0
&7*7*"/0"--&1"(*/&&

4&%&  30." 7*" $3*450'030 $0-0.#0   5&-  '"9  41&% "## 1045 "35  -&((&  %&-  '&##3"*0   30." $0/$&44*0/"3*" %* 16##-*$*5 " ."/;0/*  $ .*-"/0  7*" /&37&4"   5&-  13&;;* %* 7&/%*5" "6453*" #&-(*0 '3"/$*"
(&3."/*" *3-"/%" -644&.#63(0 .0/"$0 1 0-"/%" 10350("--0 4-07&/*" 41"(/"   ."-5"   (3&$*"   $30";*" ,/  3&(/0 6/*50 -45   3&16##-*$" $&$" $;,  4-07"$$)*" 4,,    47*;;&3" '3   6/()&3*" '5  64"   

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

-"55"$$0*/."-*

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

*MSFQPSUBHF
#BNBLP%FJPTUBHHJTBMWP
DIJTBQFWBSFDJUBSFJM$PSBOP
'PS[FTQFDJBMJ6TBFGSBODFTJJOB[JPOF

i"MMBI"LCBSw QPJMBTUSBHF
"UUBDDPBVOIPUFMJO.BMJ
DBDDJBBHMJJOGFEFMJNPSUJ
JMCMJU[EPQPPSFEBTTFEJP
%"-/04530*/7*"50
1*&530%&-3&

BAMAKO
L GRIDO Allah Akbar, unau-

to lanciata sullasfalto misto


a terra rossa. Poi gli spari contro la vigilanza e lassalto allhotel, la casa della comunit internazionale. I jihadisti hanno
nuovamente attaccato di venerd. Una settimana dopo gli attentati di Parigi, ieri mattina un
commando islamista ha preso
dassalto un albergo nel cuore di
Bamako, capitale del Mali. Cerano 170 persone nellHotel Radisson Blu, diventate subito altrettanti ostaggi. Lepilogo di questa ennesima giornata di orrore
avviene alle 17.30, dopo il terzo
blitz delle forze di sicurezza maliane. A terra sono rimaste ventisette persone. Uccisi anche tre
membri del commando. Come
alluniversit keniana di Garissa, dove la scorsa Pasqua gli shabab massacrarono 150 studenti,
anche stavolta dei loro prigionieri gli islamisti rilasciavano soltanto chi sapeva recitare il Corano. Una caccia allo straniero piano per piano, fino al settimo
dellhotel dove alla fine si erano
asserragliati.
Lattacco cominciato intorno alle 7 del mattino. Gli islamisti sono arrivati a bordo di unauto immatricolata con targa diplomatica, e ai primi controlli allingresso dellhotel hanno cominciato a sparare. Ledificio stato
immediatamente transennato
dalla polizia a cui si sono aggiunti soldati e forze speciali maliane, oltre che agenti delle forze di
peacekeeping Onu, consiglieri

*MNJOJTUSPEFMMB%JGFTB-F
%SJBOMBSFTQPOTBCJMJU
EJ#FMNPLIUBSEFM
.PSBCJUVO FY"M2BFEB
militari americani, e anche truppe francesi che stazionavano nella vicina ambasciata. Nel frattempo, da Parigi decollava alla
volta di Bamako un velivolo con
una quarantina di uomini del Gign, le teste di cuoio della gendarmeria. Ma prima del loro atterraggio a Bamako, era tutto finito. Infatti, dopo ore di assedio, le
forze speciali africane hanno

*--&"%&3
.PLIUBS
#FMNPLIUBS 
UFSSPSJTUB
BMHFSJOPJM
MFBEFSEFMMB
GPSNB[JPOF
KJIBEJTUB
"M.VSBCJUVODIF
IBSJWFOEJDBUPHMJ
BUUBDDIJEJJFSJBM
3BEJTTPO#MV

Lassalto
500 m

ore

7.00

locali

Alcuni uomini
armati a bordo
di un veicolo con targa
diplomatica superano
un posto di blocco
ferendo 2 guardie
di sicurezza

Penetrano
nel Radisson
al grido
di Allah akbar

e
Avenu

Cheik

Zayed

Radisson
Blue Hotel
60

e3

Ru
Piscina

U.S. Embassy

8.52
Fonti maliane
riferiscono
di una sparatoria
dentro al Radisson,
dove il commando
ha preso
degli ostaggi

B A M A K O
Atrio

Ostaggi

Edificio
principale

10.11

10.45

Vengono liberati
alcuni ostaggi:
solo coloro
che sono in grado
di recitare versetti
del Corano

sferrato prima un blitz, poi un secondo attacco, liberando inizialmente una trentina di ostaggi.
Solo al terzo intervento i poliziotti hanno avuto la meglio sui terroristi. Salvi i 5 uomini della Turkish Airlines e i 12 dellAir France che pernottavano nellhotel,
assieme a clienti di diverse nazionalit: francesi, americani, indiani, cinesi, turchi e guineiani. Si-

I soldati maliani
fanno irruzione
nellhotel,
nuove
sparatorie

tuato nella zona residenziale della citt, il Radisson Blu molto


frequentato da diplomatici e da
uomini daffari stranieri. anche considerato il pi sicuro della citt, ed per questo quello dove alloggiano gli equipaggi delle
compagnie di bandiera che fanno scalo a Bamako.
Resta da capire chi siano i responsabili dellattacco. Secondo

il ministro della Difesa di Parigi,


Jean-Yves Le Drien, il mandante
dellazione sarebbe Mokhtar Belmokhtar, ex alleato di Al Qaeda
nel Maghreb. In Mali sono attivi
essenzialmente cinque gruppi
islamisti, con alleanze e affiliazioni in costante movimento tra
i due poli dello Stato islamico e di
Al Qaeda. C anzitutto Ansar
Eddine, guidato dallex ribelle

12.00
Vengono
liberati
80 ostaggi

tuareg Iyad Ag Ghaly, il cui


obiettivo imporre la sharia in
Mali. C poi lAqmi, Al Qaeda
nel Maghreb islamico, nata nei
primi anni novanta in Algeria durante la guerra civile. E ci sono infine il Movimento per lunit
(Murabitun) e la jihad in Africa
occidentale, il Battaglione del
sangue e il Movimento islamico
per Azawad. Un sopravvissuto

12.24
Parigi invia
50 uomini delle
forze speciali
a Bamako

allattacco di ieri, Sekouba Bambino Diabate, popolare cantante


della Guinea, ha raccontato di
aver sentito i terroristi parlare
tra di loro in inglese. C perci
chi ha ventilato lipotesi che possa trattarsi di un commando di
Boko Haram giunto dalla Nigeria. Secondo "M+B[FFSB sono invece uomini di Ansar Dine, mentre il sito web di +FVOF"GSJRVF ri-

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

1&34"1&3/&%*1*
XXXQSJNBUVSFHPWNM
XXXDJBHPW

-*/5&37*45"-"$"/5"/5&30,*"53"03

i1PWFSBUFSSBNJB
DIFOPOSJFTDF
BSJBM[BSTJNBJw
$"3-0.03&55*

I precedenti in Mali
Sevare
7 agosto
17 uccisi in
un attacco
a un hotel

MAURITANIA

100 miles
100 km

ALGERIA

Timbuktu
3 agosto
11 soldati
Tessalit
uccisi in un raid
a una base
dellesercito
Gao

Kayes
Mopti
Bamako
Sikasso

Le vittime

Gli ospiti
dellhotel

170 ostaggi
30 impiegati
140 clienti
tra cui

20 cittadini indiani
7 cinesi
7 turchi
7 algerini
4 belgi
2 marocchini
2 russi
2 tedeschi
6 statunitensi
1 guineano

27

12.42

13.42

Un ostaggio
sente
gli assalitori
parlare
in inglese

Si uniscono
al blitz
consiglieri
militari
statunitensi

porta quanto appreso da un alto


responsabile
delloperazione
Onu in Mali: una delegazione di
sei algerini (tutti ratti in salvo)
era tra gli ostaggi allhotel Radisson Blu. Questa delegazione era
appena giunta a Bamako per
prendere parte a una riunione
della commissione che si occupa
di preparare laccordo di pace
nel nord del Paese.

15.48
Liberati
tutti
gli ostaggi:

ratisti e islamisti: tre anni fa, il


Mali settentrionale fu occupato
dai jihadisti un tempo alleati dei
ribelli Tuareg del Movimento
dellAzawad. Bamako chiese allora aiuto a Parigi, che decise immediatamente di venire in aiuto
allex colonia. A gennaio 2013, il
presidente Franois Hollande
lanci loperazione Serval per allontanare gli insorti dalle citt di
Timbuctu, Kidal e Gao. Una volta raggiunto lobiettivo, il primo
luglio 2013 part la missione di
stabilizzazione dellOnu (Minusma), che ha contribuito alla sicurezza del voto di due anni fa.
Le parole pronunciate gioved
allincontro a Parigi con i sindaci
da Franois Hollande suonano
ora come un triste presagio. Dopo aver ricordato che nel 2013 la
Francia ha aiutato il Mali, ottenendo una vittoria, Hollande
ha sottolineato che per questo i
terroristi ci considerano nemici. Due giorni prima i media africani avevano parlato di un video
del leader del gruppo terrorista

17.08
Al Qaeda
nel Maghreb
(Aqim) e
Al-Murabitun
rivendicano
lattacco

La crisi interna in Mali scoppiata nel gennaio del 2012 con la


ribellione dei Tuareg nel nord
del Paese, e con la destituzione
da parte dei militari del presidente Amadou Toumani Tour. Due
eventi che in quello che un tempo era considerato un modello di
democrazia in Africa hanno
aperto la strada alla conquista
del nord da parte di ribelli sepa-

"MMJOUFSOPUVSDIJ DJOFTJ 
TUBUVOJUFOTJFEFVSPQFJ
*UFSSPSJTUJTPOPTBMJUJGJOP
BMTFUUJNPQJBOP
Ansar Eddine, in cui veniva lanciato un appello a combattere
contro la Francia criticando un
primo accordo di pace firmato a
giugno ad Algeri. A Bamako, intanto, le autorit francesi hanno
chiesto ai loro connazionali in citt di non uscire dalle case e hanno chiuso tanto la scuola che il liceo francese della capitale.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*40$$034*
4PQSB VOPTUBHHJPQPSUBUPJO
TBMWPEBMMFGPS[FNBMJBOF"
TJOJTUSB MFWBDVB[JPOFEFHMJ
VGGJDJOFHMJFEJGJDJJOUPSOPBM
3BEJTTPO#MV

ROMA. Il telefono nella casa di Bamako suona tre volte a vuoto. Rokia Traor risponde
mentre lattacco al Radisson ancora in corso. Mi trovo pi o meno a un quarto dora
di macchina dallhotel, ma quella una zona che conosco bene perch l che ci sono
gli uffici pubblici, le sedi governative, le ambasciate, dice la
musicista maliana ed ex giurata allultimo Festival di Cannes.
Tutta la citt sembra paralizzata dalla paura, c molta tristezza e gli spostamenti ora sono
pi difficili perch la polizia ha
chiuso i due ponti sul fiume Niger, Bamako spaccata in due.
Sono addolorata per questo nuovo spargimento di sangue.
Cosa pensa di questi attacchi
terroristici?
Non credo abbiano a che fare con la religione, sono la folle
reazione contro la diversit del
mondo, contro la sua ricchezza,
-BSFMJHJPOF
la variet culturale. Il loro obietOPODFOUSB 
tivo identitario, pretendono
GPMMFSFB[JPOF
di cambiare il nostro stile di vita
DPOUSPMB
spingendoci in una condizione
di paura continua. Ma a questo
EJWFSTJU
punto non c pi motivo per
EFMNPOEP
aver paura perch pu succedeFMBWBSJFU
re ovunque e in qualsiasi moDVMUVSBMF
mento, dobbiamo solo reagire
pensando che la vita deve continuare.
Lei musulmana?
S, per origini e per educazione, anche
se qui pratichiamo la religione islamica in
un modo particolare, tipicamente maliano.
Nel nostro paese sono quasi tutti musulmani, perci eventi come quello di oggi suscitano sempre anche una reazione di sorpresa.
Le radici del terrorismo sono nella povert,
in Mali la difficile situazione economica rende pi facile la diffusione dellestremismo.
Evidentemente questi leader islamici danno pi risposte di quante non riescano a darne i politici. Nelle banlieue europee invece i
giovani subiscono la frustrazione della mancata integrazione, c un evidente problema con le seconde generazioni, non bastano passaporto e cittadinanza.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

-"55"$$0*/."-*

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

1&34"1&3/&%*1*
XXXVOPSHUFSSPSJTN
XXXDOODPN

*MDPOGMJUUP

-PTDFOBSJP*MHSVQQPEJ#FMNPLIUBSWJDJOPBE"M
2BFEBFRVFMMJBMMFBUJBMM*TVOJUJDPOUSPJMOFNJDPDPNVOF
MB'SBODJBBUUJWBTVMDBNQPDPOTPMEBUJFEJQMPNB[JB
La galassia jihadista

Al Qaeda

12

SIRIA 12
IRAQ

Tunisia

Ansar Eddine
Anche loro hanno rivendicato
lattacco
Capo: Iyad ag Ghali

9
ALGERIA

Al Qaeda del Maghreb


islamico
1
Capo: lemiro
Abdelmalek
Droukdel.
MAURITANIA

10

MALI

4
4

NIGER

del Turkestan
Orientale
Capo Abdullah
Mansour

INDIA

17

THAILANDIA

18

FILIPPINE

2
8

CAMERUN

15 Movimento
islamico

CIAD

Il Movimento per l'Unit


e il Jihad in Africa Occidentale
(MUJAO)
Capo: il mauritano Hamada Ould
Mohamed Kheirou

Qaeda
14 Al
Capo: Al Zawahiri

16

8
5

Capo: Mullah
Mansour

14
13

LIBIA

6
2 3

BURKINA
FASO

EGITTO

13 Talebani

CINA

PAKISTAN

14

Capo: Abu Bakr


al-Baghdadi

di jihadisti

AFGHANISTAN

11

12 Is, Stato Islamico

alleati
di Al Qaeda

15

NIGERIA

al-Maqdis
Capo: Waleed
Waked Legato
allo Stato Islamico

alleati dellIS

Al-Mourabitun (la sentinella)


Ha rivendicato lattacco di ieri.
Capo: Mokhtar Belmokhtar
legati ad Al Qaeda
ma una frangia sarebbe vicina allIs

Front de libration
du Macina
Capo: Amadou Koufa

11 Ansar Bait

Stato islamico

E U R O P A

per la giustizia islamica


Capo: Abd al-Salam Tarmoun

di Al Qaeda

LEGENDA

UGANDA 7
KENYA
7

18
18
SINGAPORE

16 Al Qaeda

nel subcontinente
indiano
Capo: Asim Umar
Abu Sayyaf

MALESIA

occidentale proibita)
Capo: Abubakar Shekau.
Nel 2015 si alleata con lo Stato Islamico

SOMALIA

Al Shabab (i giovani)
Capo: Ahmed Omar Abu Ubeyda
la cellula somala di Al Qaeda.
Nel 2012 hanno giurato fedelt a
Al Zawahiri

Boko Haram

18

Capo: Gouri Abdelmalek


Nato nel 2014, ha rotto lalleanza
con Al Qaeda per allearsi allo Stato Islamico
Consiglio della Shura

10 per la giovent islamica


Capo: Abu Nabil al Anbari.
Ha giurato fedelt allo Stato Islamico

17 Capo: Isnilon
Totoni Hapilon
Fedeli allo
Stato Islamico
dal 2014

18 Jemaah Islamiah

(Congregazione
Islamica)
Capo: Abu Bakar
Baasyir. Fedeli allo
Stato Islamico

%B#BNBLPB1BSJHJ JMGSPOUFJOGJOJUP
MBTGJEBBMM0DDJEFOUFEFMMBKJIBEHMPCBMF
3&/;0(60-0
A Parigi a Bamako, la Francia sotto
attacco del jihad globale. Se nella capitale transalpina a condurre gli attacchi sono gli uomini dellIs, in quella maliana sono quelli di Al Murabitun e dellAqmi, come parrebbe dalle prime rivendicazioni, formazioni legate a Al Qaeda. Anche se
la battaglia, sia pure a diversa latitudine,
la medesima. Come del resto conferma linvio in Mali, per mettere fine al sequestro
dellHotel Radisson, dei Gign, i gruppi speciali della Gendarmeria nazionale. Il fronte
ovunque. Sopratutto laddove la Francia
coinvolta direttamente sul campo.
In Mali, crocevia strategico tra il Maghreb e il Sahel, operano diversi gruppi jihadisti. La loro presenza il frutto della saldatura tra militanti del Gruppo salafita per la
predicazione e il combattimento, una delle
costole del dissolto Gia protagonista della
guerra civile algerina negli anni Novanta,
con combattenti stranieri e settori della popolazione locale, in particolare quella tuareg. ll gruppo Murabitun il prodotto della
fusione della fazione guidata da Mokhtar
Belmokhtar, la Brigata dei Molathamun,
creata dal jihadista algerino dopo il suo allontanamento da al-Qaeda nel Maghreb
Islamico (Aqmi) pi per ragioni personali
che ideologiche, con elementi del Movimento per il monoteismo e il jihad in Africa occidentale (Mujao). Il Battaglione del sangue era formato in larga parte da combattenti stranieri ideologicamente legati a una
concezione del jihad globale. Tra le sue azioni pi eclatanti, lattacco nel 2013 allimpianto di estrazione e raffinazione del gas
in Algeria, a In Amenas.
Ma anche il gruppo di Belmokhtar, legato comunque sin qui Al Qaeda storica in nome delle comuni esperienze afgane, ha subito una scissione. Esito classico nel frastagliato movimento islamista radicale, dove i

-"4$*44*0/&

-BTTBMUPEFJ
LJMMFSEJ
.VSBCJUVO
MBSJTQPTUB
BMMBDSFTDJUB
EFM$BMJGGBUP
*--&"%&3

"SNJ ESPHB
FTJHBSFUUF
FDDPDPNF
TJGJOBO[JBOP
JDMBO
JOUFHSBMJTUJ

comandanti militari tendono a autonomizzarsi, ma che in Africa assume dimensioni


parossistiche. Cos il gruppo guidato da Adnan Abou Walid Al Sahraouin, che opera
nella regione di Menaka, nel nord del Mali,
si affiliato allo Stato islamico(Is). Lassalto al Radisson sembra, dunque, il prodotto
della volont qaedista di marcare un punto
in un panorama jihadista ormai sbilanciato
a favore dellIs.
Belmokhtar un signore della guerra
che ha saputo abilmente collocarsi al centro
dei grandi traffici che alimentano la lucrosa
economia parallela nel Sahara: armi, droga, sigarette, uomini.
In questa terra di nessuno segnata da
grandi spazi e vuoti incontrollabili, il gruppo del Guercio, uno dei sopranomi affibbiati allalgerino, si fatto conoscere pi per ca-

&--&,"11"

pacit logistiche che operative. Chiunque


necessiti di armi, mezzi di trasporto, o materiali provenienti da traffici illeciti, si rivolge
a lui. A parte i sequestri di persona e gli assalti ai luoghi in cui si possono trovare occidentali, il gruppo si distinto sul piano militare quasi esclusivamente per aver minato
le strade in cui transitano i convogli della

-"#"/%*&3"
.JMJUBSJ
EFMMFTFSDJUPEFM
.BMJNPTUSBOPMB
CBOEJFSB
KJIBEJTUB
BQQBSUFOVUBBJ
UFSSPSJTUJDIF
IBOOPBTTBMUBUP
MIPUFM3BEJTTPO
B#BNBLP

missione Onu in Mali. Per potersi meglio


muovere sul terreno, Belmokhtar ha compiuto la tipica scelta dei mujahidin in Afghanistan, paese nel quale narra di essersi recato in giovanissima et: il matrimonio con
membri della popolazione locale. Si sposato con donne tuareg. Un legame, quella con
gli uomini blu che si battono per lindipendenza, che ha lo scopo di garantire la protezione tribale e clanica indispensabile per
muoversi in sicurezza in un mare di sabbia
che pullula di nemici .
I tuareg costituiscono anche la base di
Ansar Eddine, protagonista della campagna offensiva sfociata nella conquista del
nord del paese alla quale la Francia ha risposto con linvio di un contingente che ha respinto i ribelli. Il suo leader Liyad ag-Ghaly
che in passato ha avuto buoni rapporti con
lAqmi, sembra oggi pi vicino allo Stato
Islamico. In un audio realizzato prima degli
ultimi attentati di Parigi, egli ha esortato a
combattere la Francia, ritenuta responsabile non solo di aver consentito che $IBSMJF
)FCEP denigrasse il Profeta, ma anche di
aver imposto laccordo di pace firmato a Algeri dai Movimenti dellAzawad, sigla che
raggruppa le fazioni tuareg che hanno abbandonato lalleanza tattica con i jihadisti,
e dai filogovernativi della Piattaforma.
Nel sud del Mali si muove, invece, il Fronte di Liberazione di Macina, guidato da
Amadou Koufa, predicatore che punta a fare di Mopti la capitale locale del califfato e
ha stretti legami con Ghaly. Tanto che il
gruppo ha una stretta collaborazione operativa con la katiba Khalid Ibn Walid, la branca di Ansar Eddine nella zona. Una galassia,
quella islamista radicale nella regione maliana, unita solo da principi e nemici: il jihad
e la volont di battere lodiata Francia crociata.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

-"453"(&%*1"3*(*

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

-JODIJFTUB
(MJTWJMVQQJ*MLJMMFS
TDBQQBUPDPOMBDJOUVSB
FTQMPTJWB-B1SPDVSB
EJ3PNBDPOGFSNBFSBQBTTBUPEBMM*UBMJB
5SPWBUPVOUFS[PDBEBWFSFB4BJOU%FOJT

-*TEMBDBDDJBB4BMBI
i)BUSBEJUPEPWFWBNPSJSF
NBIBQSFGFSJUPGVHHJSFw
*MLBNJLB[FOPOFSBEPOOB
%"*/0453**/7*"5*
$"3-0#0/*/*
(*6-*"/0'04$)*/*
'"#*050/"$$*
PARIGI. Manca ormai solo lui per

-*%&/5*,*5
%JGGVTPEBHMJ
JOWFTUJHBUPSJVOOVPWP
JEFOUJLJUEJ"CEFTMBN
4BMBI SJDFSDBUPQFS
HMJBUUFOUBUJEJ1BSJHJ
4BMBITBSFCCFQBTTBUP
EVFWPMUFEB#BSJ
MFTUBUFTDPSTBEJ
QBTTBHHJPEBMMB(SFDJB

45"5*6/*5*

-*#&3"5010--"3%
%PQPBOOJEJDBSDFSF TUBUP
MJCFSBUPOFHMJ6TB+POBUIBO
1PMMBSE FYBOBMJTUBEFMMBNBSJOB
BNFSJDBOBDPOEBOOBUPQFS
TQJPOBHHJPBGBWPSFE*TSBFMF-B
WJDFOEBEBUFNQPVOBTQJOBOFM
GJBODPOFJSBQQPSUJEFJEVFTUSFUUJ
BMMFBUJ NBQFSJMNPNFOUP1PMMBSE
EPWSSJTJFEFSFQFSDJORVFBOOJ
OFHMJ4UBUJ6OJUJi*MQPQPMPEJ
*TSBFMFTBMVUBJMSJMBTDJPEJ+POBUIBO
1PMMBSEw IBEJDIJBSBUPJMQSFNJFS
JTSBFMJBOP#FOZBNJO/FUBOZBIV

chiudere, se non il conto, almeno il cerchio del Venerd 13. Salah Abdeslam. E non un caso
che continuino a cercarlo e a vederlo ovunque. In Francia. Come in Belgio, dove, gioved notte, lultimo avvistamento lo voleva dove non era: ad Anderlecht,
sobborgo di Bruxelles. E da dove, fonti di intelligence lo vorrebbero genericamente diretto verso il nord del Paese, al confine
con lOlanda. Ma la novit accreditata nelle ultime ore dagli
investigatori francesi che alla caccia condotta dalle polizie e i
Servizi di tutta Europa si siano
uniti anche gli uomini dellIs. E
non per facilitare lapprodo del
fuggiasco in Siria, ma per giustiziarlo. Perch Salah ha tradito.
Doveva morire e non ne ha avuto il coraggio.

i-*4760-&6$$*%&3-0
La Gendarmeria, sulla base
degli elementi oggettivi sin qui
emersi nellinchiesta e degli
ascolti sui telefoni di militanti
nellarea dellislamismo radicale, infatti convinta che Salah
abbia violato le regole di ingaggio stabilite dal Califfato nellordinare e pianificare le stragi.
Non fosse altro perch il canovaccio dellorrore come dimostra
la rivendicazione diffusa dopo le
stragi in cui lIs parlava del martirio di 8 fratelli - contemplava
un solo sopravvissuto: Abdelhamid Abaaoud, il capo della cellula. E non due. Alla fine di questa
storia ragiona dunque con 3F
QVCCMJDBuna qualificata fonte investigativa francese la diserzione di Salah e la sua maldestra fuga da Parigi coster allIs un
prezzo molto alto in termini di vite e di arresti. Almeno una ventina di militanti. E soprattutto costata allIs la perdita di Abaaoud
che, per quanto ci riguarda, consideriamo luomo dietro tutti gli
ultimi piani stragisti del Califfa-

*1305"(0/*45*

 
-".&/5&
/FMCMJU[EJ
4BJOU%FOJTTUBUP
VDDJTP"CEFMIBNJE
"CBBPMVE SJUFOVUP
MBNFOUFEFM
DPNNBOEPDIF
WFOFSETDPSTPIB
QSPWPDBUPNPSUJ
JOTFJEJWFSTJBUUBDDIJ
TJNVMUBOFJB1BSJHJ

to contro la Francia, colui che sovraintendeva in Europa alla campagna di terrore pianificata in Siria da Fabien Clain, lo jihadista
di Tolosa riparato a Raqqa, luomo la cui voce era per altro nella
rivendicazione delle stragi. Insomma, lIs ha ottime ragioni
per voler uccidere Salah.

*-i3*'*650w%*4"-")
Del resto, che la notte di venerd 13 Salah abbia deciso di
sottrarsi al proprio destino di
morte lo dimostrano non solo la
circostanza maldestra della sua
fuga verso Bruxelles (per quale

ragione chiamare due amici e


non appoggiarsi a strutture logistiche pi sicure?), e lappello accorato del fratello (Consegnati), consapevole evidentemente che tra il tribunale di Francia
e quello di Al Baghdadi sia preferibile il primo. Ma lo testimonia
anche un cruciale dettaglio
dellinchiesta svelato ieri sera
dal /PVWFMMF0CTFSWBUFVS. Alla
Procura belga che li arresta, Mohamed Amri e Hamza Attou, i
due uomini partiti dal Belgio per
recuperare Salah, riferiscono infatti che quando lo incontrano a
Parigi nel diciottesimo arrondis-

sement, lo trovano sconvolto.


Indossava una cintura esplosiva, dicono. Aveva insomma deciso di non morire e per questo
aveva abbandonato la Clio che
guidava e che lo avrebbe dovuto
portare sullultimo obiettivo. Verosimilmente lungo una direttrice documentata da un appunto
poi trovato sullauto: Roissy-Saint-Martin-Rpublique.

*-5&3;060.0%*4"*/5%&/*4
Il tradimento di Salah spiega
anche la ragione della sua assenza nellappartamento di Saint
-Denis, oggetto del blitz di mer-

-"$6(*/"
)BTOB"JU
#PVMBIDFOOPO
MBLBNJLB[F 
IBEFUUPMB
QPMJ[JB
coled scorso. Se infatti era previsto che Salah fosse dovuto sopravvivere alle stragi, logica
avrebbe voluto che si sarebbe dovuto riunire nei giorni successivi
con il capo della cellula,
Abaaoud, nellappartamento di
rue de Corbillon. Cosa che non
avvenuta. In quella casa, infatti,
ci che rimasto del terzo cadavere recuperato dalla polizia (la
porzione di un cranio) e la cui
identit resta un mistero, certamente come riferisce la Procura di Parigi - non appartiene a Salah. un uomo. quello che si
fatto saltare in aria al momento

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

1&34"1&3/&%*1*
IUUQXXXMFTPJSCF
IUUQXXXMFGJHBSPGS

#369&--&4"$$03%040-046-3"''03;".&/50%&*$0/530--*"--&'30/5*&3&&45&3/&%&--"6&

/PBMM"HFO[JBVOJDBQFSMJOUFMMJHFODF
"/%3&"#0/"//*
BRUXELLES. I ministri europei degli Interni

e della Giustizia hanno deciso, come annunciato, di raffozare i controlli approfonditi


e sistematici anche sui citadini comunitari alle frontiere esterne dello spazio Schengen. Tuttavia non sono riusciti a mettersi
daccordo sulla creazione di una Agenzia
europea di intelligence, che era stata proposta dalla Commissione europea. Il coordinamento dei servizi di informazione nazionali resta uno dei talloni dAchille dello
spazio di sicurezza europeo, anche se i governi, per lennesima volta, hanno promesso di migliorare lo scambio di informazioni
in materia di terrorismo.
Dora in poi i cittadini ue che lasceranno
o entreranno nello spazio di libera circolazione verranno sottoposti a controlli anche biometrici per verificare la loro identit e confrontare i loro dati con quelli in possesso degli schedari di polizia europei.
un rafforzamento dei controlli molto pesante e molto grave, ma si reso necessario
perch in questo momento c bisogno pro-

3*$&3$"50
4PQSB MPSEJOFEJ
DBUUVSBEJ4BMBI
"CEFTMBN B
TJOJTUSBMFEJGJDJP
EJ4BJOU%FOJT

4&/;"/0.&
/POTUBUPBODPSB
JEFOUJGJDBUPJMUFS[P
DPSQPSJUSPWBUP
OFMMBQQBSUBNFOUP
EJ4BJOU%FOJT
4BSFCCFTUBUP
QSPQSJPMVJBGBSTJ
FTQMPEFSFRVBOEP
MBQPMJ[JBIBGBUUP
JSSV[JPOF

dellirruzione della polizia (uccidendo nellesplosione Hasna Aitboulachen, cugina di Abaaoud,


indicata fino a ieri come la donna kamikaze). Potrebbe essere il
terzo uomo che viaggiava sulla
Seat nera con Abaaoud e Ibrahim Abdeslam e ritrovata a Montreuil. Ma, appunto, non il traditore in fuga. Dunque?

*/*5"-*" 6/#&-("$0/4"-")
Dunque si rovista nella cerchia
stretta dei contatti di Salah per
individuare luomo che, in questo momento, potrebbe essergli
accanto nella fuga. E, in questo

senso, una suggestione arriva


dallItalia. Controllando un passaggio marittimo che Salah risultava aver fatto da Bari a Patrasso (Grecia) l1 agosto di questanno, con ritorno il 5 di quello
stesso mese lungo la stessa tratta, la nostra Polizia ha scoperto
infatti che, in quella occasione
Salah non viaggi da solo. Spulciando le matrici di acquisto dei
biglietti si verificato che il biglietto di Salah era stato infatti
acquistato insieme a un altro biglietto, con la numerazione consecutiva allaltro, a nome D.A.,
cittadino belga con nome e cognome arabo. Che con lui ha
viaggiato sia allandata che al ritorno. Per giunta su una macchina con targa belga a cui il biglietto di Salah era collegata e sulla
quale c un ulteriore riscontro:
una annotazione di polizia del 6
agosto. Quella macchina belga
venne infatti registrata in viaggio dalla Puglia verso nord per
uninfrazione contestata a Conegliano veneto, provincia di Treviso. E in serata il Procuratore aggiunto di Roma Giancarlo Capaldo dice: Abbiamo un riscontro
del passaggio in Italia di soggetti legati alla strage.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*MNJOJTUSPEFMM*OUFSOPGSBODFTF$B[FOFVWFDPM
NJOJTUSPEFMMB(JVTUJ[JB5BVCJSBB#SVYFMMFT
prio di questo, ha spiegato il ministro Alfano.Verifiche e controlli verranno fatti anche sui voli intra-europei. Inoltre, entro la fine dellanno, dovr essere varato il registro dei passeggeri (Pnr), che traccer tutti i voli, intra ed extra europei presi da ogni
cittadino nel corso di un anno. Ieri i ministri non hanno discusso della possibilit di
reintrodurre check-point permanenti alle

frontiere interne, ma il francese Cazeneuve ha annunciato che Parigi manterr i controlli ai propri confini fino a che rester la
minaccia terrorista.
Se il giro di vite sulla sorveglianza dei cittadini passato senza difficolt, i ministri
non sono invece riusciti a trovare un accordo sulla proposta della Commissione di
creare una Agenzia europea di intelligence. Dopo gli attentati a Charlie Hebdo avevo proposto di creare un centro antiterrorismo in seno ad Europol, ed stato fatto
aveva spiegato il commissario Avramopoulos Credo che sia arrivato il momento di
fare un passo ulteriore e di creare le basi
per una Agenzia europea di informazioni.
Ma la proposta, per ora, non passata. E
tra i meno entusiasti, paradossalmente, si
sono schierati proprio i francesi. Secondo
Cazeneuve, questo progetto infatti richiederebbe troppo tempo, mentre la lotta al
terrorismo esige azioni immediate. La presidenza di turno lussemburghese ha annunciato che la questione torner sul tavolo dei ministri a dicembre.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

-"453"(&%*1"3*(*

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

1&34"1&3/&%*1*
XXXMFNPOEFGS
XXXEFGFOTFHPVWGS

-BTJDVSF[[B

*MSFQPSUBHF"DIJMPNFUSJEB1BSJHJ
JMQJDDPMPDFOUSPJMQSJNPBTQFSJNFOUBSF
MFOVPWFOPSNFJNQPTUFEBMMBDBDDJBBJKJIBEJTUJ

4BTTJ ESPHBFUFSSPSF
OFMMBUSJODFBEJ4FOT
DJUUEFMDPQSJGVPDP
%"-/04530*/7*"50
%"/*&-&."4530(*"$0.0
SENS.

*16/5*

(-**/$&/%*
/FMRVBSUJFSFEJ
$IBNQT1MBJTBOUTB
4FOTDBTTPOFUUJF
BVUPWFOHPOP
CSVDJBUJTQFTTP
EJWFSTJWPQFSDPQSJSFJ
USBGGJDJEJESPHBFBSNJ
*-13077&%*.&/50
"4FOTJFSJTUBUP
EFDJTPJMDPQSJGVPDP
EBMMFEJJFSJGJOP
BMMFEJMVOFEEPQP
MBTDPQFSUBOFMMB[POB
EJVOEFQPTJUPEJBSNJ
FEPDVNFOUJGBMTJ
10-*;*055*"3."5*
%VFDFOUPQPMJ[JPUUJ
TPOPTUBUJBVUPSJ[[BUJ
BHJSBSFBSNBUJ
BODIFGVPSJTFSWJ[JP
%PWSBOOPJOEPTTBSF
JMHJVCCPUUP
BOUJQSPJFUUJMF

La citt che fu dei Galli e


delle falangi di Cesare, la sede
dei Papi e dei Re, lantico centro
conteso da ebrei e da cristiani e
poi terra dei contadini della Borgogna e degli immigrati del Maghreb, diventa il simbolo del nuovo ordine nella guerra a Daesh.
Qui, 100 chilometri a sud di Parigi, tra filari di vite e piccole fabbriche, da ieri sera scattato il
primo coprifuoco dopo la strage.
Troppe armi, troppi documenti
falsi, troppi tipi segnalati, pedinati, intercettati. E arrestati.
La Francia ferita nei suoi ideali e nel suo animo pi profondo
applica per la prima volta una
legge rimasta nei cassetti dal
1955. una scelta difficile e per
molti versi clamorosa. Ma lo fa
dopo aver perquisito, fino alle 4
della notte tra gioved e ieri, oltre 200 appartamenti nei palazzoni che punteggiano il quartiere Champs-Plaisants. Nel blitz,
nato dopo i segnali preoccupanti
che arrivavano dalle intercettazioni attivate dal venerd delle
stragi a Parigi, sono state arrestate quattro persone, sequestrate un centinaio di pistole e altrettanti passaporti, carte didentit e patenti false. Armi e documenti: un connubio che porta
subito al terrorismo di matrice
islamica. E che fa temere lattivit di nuove cellule e nuove reti legate alla galassia jihadista, rimaste finora dormienti e ora pronte
a colpire di nuovo.
Raggiungiamo Sens nel tardo
pomeriggio. La citt, 28 mila abitanti, cresciuta a dismisura per
larrivo di molti parigini alla ricerca di alloggi pi economici,
gi avvolta dal buio. Ci facciamo
guidare da un tassista, Romain,
piccolo imprenditore di una compagnia di trasporti. Abbiamo fortuna: ha vissuto a lungo a
Champs-Plaisants e qui vive ancora sua madre. Non ha nessuna
voglia di accompagnarci. Da
tempo ha rinunciato a varcare
larteria che segna il confine della banlieue. Lo convinciamo. Sar un breve ma intenso viaggio
nella paura. Vedr, assicura
questo uomo di 37 anni, moglie
e due figli, saremo bersagliati
dai sassi. Se ci va bene. Altrimenti ci sparano addosso.
Qui vivono 6 mila persone. Famiglie di immigrati. Gente del
Maghreb. Sono giunti tra il 90 e
il 2000, spiega. Quando venne
costruito agli inizi degli anni 70
del secolo scorso era stato destinato come Zup, Zone urbaine
prioritaire. Gli immigrati arrivavano e il Comune li sistemava
qui. Cerano spagnoli, portoghesi, greci, anche qualche italiano.
Lavoravano nelle fabbriche e nei
campi. Non si stava male. Ti muo-

453"%&7605&
%VFHJPWBOJOFM
RVBSUJFSF$IBNQT
1MBJTBOUTEJ4FOT
GVPSJOPOPTUBOUF
JMDPQSJGVPDP

FRANCIA
PARIGI

Sens Yonne

50 km

vevi soprattutto a piedi, non cerano negozi.


Ora ci sono solo telecamere di
sorveglianza in cima ai palazzi.
La polizia evita di entrare in questo quadrilatero poco illuminato
e spoglio che da ieri fino a luned,
dalle 22 alle 6, sar sottoposto
ad un coprifuoco. Nessuno potr

circolare a piedi o in macchina.


Solo i servizi pubblici essenziali,
come pompieri, ambulanze e naturalmente la polizia, potranno
solcare vie e piazzette. Chi verr
sorpreso per strada sar arrestato. Leggi imposte dallo stato di
emergenza che durer almeno
tre mesi.

Sfiliamo su un viale che costeggia la piazza centrale. Case a


dieci piani, moderne, tutte uguali, in vetro e cemento, formano
un muro che isola il cuore della
periferia. Gruppi di ragazzi sostano davanti ad un bar. Vicino c
una pizzeria, poi la rosticceria di
kebab, una farmacia, la sala giochi, un paio di negozi di vestiti e
elettronica. Insegne in arabo.
Un dedalo di botteghe dove si
vende di tutto. Il gruppetto nota
il taxi, lo segue con gli occhi. Urla, insulti, un sasso centra la vettura. Lo vede?, dice allarmato
il tassista, scrutando lo specchietto retrovisore. La tensione
forte. Si sente nellaria. Oggi
sono calmi, riprende dopo un
lungo silenzio. Ma sono pronti a
rivoltarsi da un momento allaltro. Bruciano un paio dauto, arrivano i pompieri, scortati dalla polizia, partono delle sassaiole,
qualche colpo di pistola. Poi torna tutto tranquillo.
Secondo la nostra guida, ma
anche per gli agenti del commissariato che si trova ad un chilometro, si tratta di una strategia.
Quei giovani, met disoccupati,
campa vendendo droga e armi.
Un traffico che rende. Molto pi
florido di quello che si pu immaginare. I poliziotti dellantiterrorismo (Gign) hanno setacciato
anche Villeneuve-la-Guyard e
Saint-Valrien, altre due banlieue a quattro chilometri di distanza. Qui sono stati arrestati
due uomini, mentre a Sens una
coppia. stato un lavoro coordinato e meticoloso, ci racconta il
sindaco Marie Louise Fort. I servizi e il prefetto mi hanno sollecitato a far rispettare lordine.
Dobbiamo farlo per garantire la
sicurezza della gente. Ho chiesto
a tutti di restare in casa. Sono
molto preoccupata. Non mi stato detto il motivo ma temo che ci
sia dellaltro. Duecento poliziotti sono stati autorizzati a girare
armati anche fuori servizio. Dovranno indossare il giubbotto antiproiettile. Il tassista scuote la
testa: Non hanno finito il lavoro. Devono continuarlo. Hanno
informazioni precise: con il coprifuoco, senza gente per strada,
potranno rivoltare il quartiere.
Ci lascia con aria mesta. Un sorriso ironico e una battuta prima di
lasciarci: Almeno voi divertitevi a Parigi. Stasera escono tutti.
Per dimostrare che non abbiamo paura e per difendere la nostra libert.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c



-"453"(&%*1"3*(*

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

*MSBDDPOUP
-BDJUU"VOBTFUUJNBOBEBMMBTUSBHFJSBHB[[J
UPSOBOPOFJDBGG JM#FBVKPMBJTTDPSSF"QQFMMP
EFHMJBSUJTUJi'BUFSVNPSFw&TDBUUBOPJHJSPUPOEJ

(FOFSB[JPOF#BUBDMBO
MBSJWJODJUBOFJCJTUSPU
i&QFSJNPSUJGVOFSBMJSPDLw

-*/7*50

*3PMMJOH4UPOFT
FSBOPJMHSVQQP
QSFGFSJUPEJNJP
GSBUFMMP$ESJD
-JIPJOWJUBUJBM
GVOFSBMF

%"-/04530$033*410/%&/5&
"/"*4(*/03*
PARIGI. Al Caf des Anges si festeggia larrivo del
Beaujolais nouveau. Lappuntamento una tradizione, nessuno ha pensato di rinunciare. Happy
hour nonostante tutto, lannata 2015 avr un gusto
particolare. Essere qui un segno di rispetto per
gli amici che non ci sono pi, racconta Gabriel seduto fuori. Chiamatela resistenza: uscire, bere, scherzare e rifare il mondo chiacchierando al tavolo di un
bistrot. Nulla pi parigino che la conversazione davanti al tipico banco in acciaio zincato, quintessenza del dibattito permanente che anima da sempre
la Ville Lumire.
Il Caf des Anges, nellundicesimo arrondissement, celebra a modo suo il lutto. Venerd 13, una
delle cameriere, Houda Saadi, stava festeggiando il
suo trentacinquesimo compleanno alla Belle Equipe, laltro bar dello stesso proprietario, a poche centinaia di metri. Dieci delle diciannove vittime
dellattacco in rue de Charonne lavoravano o erano
clienti del Caf des Anges. Virgile, il gestore, adesso
si muove tra i tavoli servendo mojito. Tre giorni dopo lattacco, il caf ha riaperto, incollando sulla porta le foto di chi non c pi. I clienti che ci conoscono da anni sono venuti subito per abbracciarci, chiederci notizie delle altre persone ferite. Siamo una
grande famiglia.
Alle 21.20, lora in cui una settimana fa comin-

ciato lattacco nel quartiere, si ascolta Hook degli


Zero, una band di rock alternativo indiano. Sulla lavagna scritto il men del giorno: involtini nem di
pollo, burratina, tagliere iberico. Men cosmopolita, cos come il personale. Houda, la festeggiata del
venerd 13, aveva genitori tunisini. Jaimez, 27 anni
era arrivata dal Messico tre anni fa e qualche giorno
prima dellattentato aveva presentato agli amici il
nuovo fidanzato italiano, Filippo, gestore di un caf
non lontano, in rue Amelot. Tra i camerieri uccisi
del Caf des Anges cerano anche il rumeno Ciprian
Calciu, Hyacinthe Koma venuta dal Burkina Faso, il

*-#"$*0%"7"/5*"--60(0%&--"453"(&
%PQPBWFSMBTDJBUPVONB[[PEJGJPSJQFSMF
WJUUJNFVOBDPQQJBEJHJPWBOJTJCBDJBEBWBOUJBM
UFBUSP#BUBDMBOEPWFTPOPNPSUFQFSTPOF

congolese Ludovic Boumbas.


Il nostro bistrot uno specchio del mondo, cos
come il nostro quartiere, continua il gestore Virgile. Il proprietario ebreo, Gregory Reinberberg, era
sposato con una musulmana, Djamila Houd, morta
nellattentato. Ha lanciato un commovente appello:
vero, abbiamo le cicatrici, ma non dobbiamo
smettere di sorridere. Davanti al bistrot di rue de
la Roquette c una chiesa, poco pi avanti una sinagoga. Nonostante la gentrificazione, i locali di tendenza e le botteghe di artigiani trasformate in loft,
questo spicchio dellundicesimo arrondissement
rimasto popolare, multietnico. un villaggio. Frequentiamo gli stessi caf, le stesse brasserie. Ci conosciamo tutti, spiega Bruno, che abita da ventanni nella strada. I terroristi hanno colpito il quartiere
pi festaiolo della citt, frequentato da una giovent tollerante, aperta al mondo. Generazione Bataclan, come Jean-Baptiste, figlio di immigrati tunisini che ha aperto una societ di produzione televisiva. Siamo gente che ce lha fatta, integrata: eravamo noi il loro obiettivo.
Una settimana dopo, la vita ricomincia lentamente, sar perch questo venerd piove, fa freddo, sembra gi inverno. Davanti al Petit Cambodge e al Carillon, aperto solo il ristorante Maria Luisa. Pasta e
pizza sono il comfort food di questa serata di commemorazione, davanti a una distesa di candele e fiori. Una macchina rallenta, Sophie osserva il guidatore. Sappiamo che pu succedere ancora. Qualsiasi

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 



1&34"1&3/&%*1*
XXXMJCFSBUJPOGS
XXXMFNPOEFGS

*-16/50

.*463&%*4*$63&;;"
"TJOJTUSB JMNFSDBUP
EFMQBFTJOPEJ$PMNBS
EPWFTPOPTUBUF
SJOGPS[BUFMFNJTVSFEJ
TJDVSF[[B"EFTUSBVO
NVSBMFTDIF
SJQSPEVDFJMCBDJPEJ
3PCFSU%PJTOFBV
WJDJOPBM#BUBDMBO

-JOUFSWJTUB
-BOHPTDJBEJ+VMJFUUF(SDP MBSFHJOBEFMMFOPUUJ
EJ4BJOU(FSNBJOiQFHHJPEFMMBHVFSSB 
RVJOPODPOPTDJJMOFNJDPw

i)BOOPDPMQJUP
JOPTUSJHJPWBOJ
FMBWPHMJBEJWJWFSFw
gi erano le sirene. Anche adesso lurlo di una sirena d i brividi. Qual la
differenza con gli allarmi delle guerPARIGI. Il ruggito di una vecchia leonesre che ha vissuto? La Seconda? Quelsa, dallaltro capo del telefono. Non sola dAlgeria?
no a Parigi dice Juliette Grco, in queSi era uniti, sapevamo chi fosse il
sti giorni non ce la potrei fare. Momenti difficili per una combattente. Mo- nemico. Gli attentati a Parigi durante
menti di impotenza: nessuna arma le la guerra dAlgeria furono meno dibasterebbe. Per quella che negli anni struttivi.
E lattentato a Charlie Hebdo?
40, 50, 60 fu la regina delle notti di
Molto diverso. Nel mirino l cera
Saint-Germain, la musa degli esistenzialisti, la ragazza che cambi i modi e una cosa precisa: la libert di espressione.
le mode, sono giorni
Luned scorso ha
neri come la sua divicantato a Berlino.
sa. Oltre ai fatti del 13
stato un concernovembre c anche
to difficile?
il definitivo commiaMolto. Avevo adto dal pubblico: una
dosso una stancheztourne internaziona- -"45"/$)&;;"
za disperata. Ma canle che nel 2016, a quatare la mia vita, la
si 90 anni, concludemia maniera di esprir per sempre la sua
mermi. Bisogna vivecarriera dal vivo. Ogre. La vita l, la giogi, come tutti i francevinezza deve contisi - veri o di adozione nuare a esistere. Non
Grco pattina tra un
ho cambiato la scaletsentimento di orrore
ta delle canzoni, lunee la vita che continua.
d sera. Ho continuaSi sente in guerra,
to a parlare delle cose
signora?
pi belle del mondo:
Perch tutti contilamore, la libert, la
nuano a usare questa
follia della giovinezparola? La guerra
za attraverso le parounaltra cosa. E chiale di Brassens, Ferr,
ra. C un nemico, diBrel,
Gainsbourg,
chiarato,
visibile,
Prevert, Boris Vian e
lhai di fronte, sai chi
Raymond Queneau.
. Questa situazione
E canto sempre Mer peggio di una guerci, unica canzone
ra. pi furba, ha il coinedita nel nuovo dilore della notte. Quesco (antologico, uscista non una guerra:
to luned scorso
sono omicidi. Centondr.). Miossec lha
trenta omicidi.
scritta per me.
Sappiamo, per,
In Merci c una
chi il nemico.
frase che dice: graLo sappiamo? Cozie per i giorni di
nosciamo davvero il
collera, per le sere
nostro nemico? Mi
dinverno.
sembra di no. Pu esHo vissuto e vivo
sere il tuo vicino di cagiorni di collera, mai
sa, quello che ti sta sedi rabbia. Va bene coduto accanto nel mes.
tr, allo stadio, in una -"$"/5"/5&
Lo
scrittore
sala da concerto. Non +VMJFUUF(SDP MB.VTBEFHMJ
Jean-Claude Carlo vedi armato. ve- FTJTUFO[JBMJTUJ VOBEFMMFBSUJTUF
rire, autore di alstito come te. Questo QJGBNPTFEFMMB'SBODJB
cune sue canzoni,
dubbio, il sospetto,
dice che Grco non indietreggia daterribile.
vanti a niente, se non davanti a ci
Riesce a capire perch tanto orrore?
che non ama. In una vita lunga 87
Venerd scorso ero come annientaanni, 70 dei quali trascorsi in prima
ta. Disperata. Ho avuto una reazione
linea; in una vita libera e intensa coviolenta a quello che vedevo e che ascolme la sua, non arriva a un certo puntavo. Poi, per, tutto stato chiaro: nel
to un po di distanza dalle cose?
mirino cera la giovinezza. La gioia di viMai. Ho vissuto sempre tutto sulla
vere. Linsolenza, la libert, le infinite
possibilit della giovinezza. Avrebbero pelle. Certo, le cose che mi interessavapotuto attaccare il teatro dellOpera, no. Sono stata fragile, come un questo
un ristorante di lusso. Luoghi meno fre- momento, ma con una grande resistenquentati da giovani. Perch hanno scel- za mentale al dolore. Allorrore non mi
to di non farlo? Se la sono presa con il abituo. Mai stata una che si rassegna.
Perch, allora, rassegnarsi al tempo
calcio, con bistrot a buon mercato, con
che passa, dire merci al pubblico e
un concerto rock. Non ho dubbi, erano i
uscire di scena per sempre?
giovani le loro prede.
Per orgoglio. Per cortesia. Per pudoGiovani le vittime, giovani i carnefire. Per una forma di eleganza. Per non
ci.
Non li considero mostri. Credo che aspettare di essere compatita. Non ho
nella loro testa qualcosa si sia rotto. Il voglia di vedere sguardi di piet dalla
sorriso di Abdelhamid Abaaoud non platea. Quando il tour finir avr quasi
corrisponde ai suoi atti. Sono persone 90 anni. E spaventoso. Voglio uscire di
scena in piedi, non seduta.
danneggiate.
In quel venerd notte il suono di Pari3*130%6;*0/&3*4&37"5"

-"63"1655*

.JTFOUPBEEPTTP
VOBTUBODIF[[B
EJTQFSBUB.BMVOFE
IPDBOUBUPMPTUFTTP
MBNPSFFMBMJCFSU
#JTPHOBDPOUJOVBSF

"-#*45305
%VFEPOOFBMUBWPMPEFM
FS#JTUPU1IJMP BQPDIJ
NFUSJEBMMVPHPEFHMJ
BTTBMUJEJWFOFSEOPUUF
UPSOBSFBQPQPMBSF
JDBGGEJWFOUBUPVOBUUP
EJPSHPHMJPOB[JPOBMF*O
CBTTP %BWJEF.BSUFMMP JM
QJBOJTUBDIFIBTVPOBUP
i*NBHJOFwEBWBOUJBM
#BUBDMBO4PQSB PNBHHJP
BMMFWJUUJNFJO1MBDFEFMB
3FQVCMJRVF

rumore o movimento strano fa risalire langoscia,


racconta la ragazza che conosceva uno dei camerieri del Carillon falciato dai terroristi. Sullavenue Parmentier c lo Chateaubriand, simbolo della bistronomie, i bistrot gourmet. Lo chef Inaki Aizpitarte
un po a corto di idee per il men degustazione, qui
non si ordina mai. I primi giorni, eravamo tutti sotto choc, ma lavorare fa bene.
In place de la Rbublique la gente si tiene per mano, forma una catena umana intorno allaltare laico, sotto alla statua della Marianne. La vita pi
forte del terrorismo, scritto su uno striscione.
Molti sono venuti con una candela, alcuni depositano Paris est une fte, Festa mobile, il romanzo di
Ernst Hemingway usato come risposta ai terroristi.
Dei ragazzi accendono gli amplificatori portatili. Si
balla. Fate rumore e luce, lappello di artisti, intellettuali, per ricordare la strage di venerd 13. Davanti al Bataclan hanno portato un pianoforte. Le
paradis cest Paris canta una donna. Il gestore del
teatro, Dominique Vernet, vorrebbe riaprire al pi
presto. Show must go on, anche se le vendite dei
biglietti per i concerti a Parigi sono crollate dell80
per cento. Il fratello di Cdric Mauduit, ucciso nel Bataclan, ha invitato i Rolling Stones alle esequie. Erano il gruppo preferito di Cdric. Gli Stones hanno risposto commossi per non riusciranno a venire.
Non fa niente, una cosa certa: sar un funerale
rock.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

-"453"(&%*1"3*(*



la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

*MSFQPSUBHF

*-$035&0

i/05*/.:/".&w
-BDPNVOJU
NVTVMNBOBE*UBMJB
TDFOEFJOQJB[[B
-BQQVOUBNFOUP
QFSPHHJ BMMFB
1JB[[B4BOUJ"QPTUPMJ 
EPWFTJUFSSVOB
NBOJGFTUB[JPOF
DPOUSPJMUFSSPSJTNPF
MBTUSBHFEJ1BSJHJ 
JOUJUPMBUBi/PUJONZ
OBNFwFOBUBEBM
DPPSEJOBNFOUP
QSPNPTTP
EBMM6OJPOFEFMMF
DPNVOJUJTMBNJDIF
JUBMJBOF 6DPJJ

%JWFSTFMFBEFTJPOJ
EFMNPOEPEFMMB
DVMUVSBFEFMMB
QPMJUJDB/VNFSPTBMB
EFMFHB[JPOF1E5SB
RVFTUJ,IBMJE
$IBPVLJ -VJHJ
.BODPOJ 1JFUSP
*DIJOP -JB
2VBSUBQFMMF 
'SBODFTDP7FSEVDDJ
$JTBSBOOPBODIFJ
QBSMBNFOUBSJEJ
4JOJTUSBJUBMJBOBFJM
QSFTJEFOUFEFMMB
$PNNJTTJPOF&TUFSJ
1JFSGFSEJOBOEP$BTJOJ

i"SSBCCJBUJ OPOUFSSPSJTUJw
MFNJMMFWPDJEFMMFNPTDIFF
OFMWFOFSEEFMMJTMBNEJ3PNB
'3"/$&4$0.&3-0
ROMA

un versetto del Corano e un


Subhana Rabbiya al-Adhim,
gloria al mio Signore lImmenso
mi indicano con il dito il tunisino, e poi lalbanese, ma pure
il pita che in arabo sarebbe il pagnotta. Mi mostrano gli estremisti, insomma, che qui a Roma qualche volta hanno
la barba ma sempre hanno un soprannome. E non detto che lironia li renda meno pericolosi o solo meno minacciosi mi
dice un autorevole poliziotto che conosce
bene la Roma musulmana. E dunque Al,
che sta inginocchiato al mio fianco e fa il
commesso al supermercato arabo di Centocelle, mi assicura che quello lo chiamano il binloden, perch un intransigente che dinverno indossa un cappottaccio
verde.
A caccia di demoni prego dunque con i
musulmani nel sottosuolo di Roma, accovacciato su vecchi tappeti stinti in piazza
Vittorio, in angusti locali senza finestre,
tetti bassi e odori forti di povert speziata
che i ventilatori aggravano: sudore, piedi
nudi e jalabbie colorate. E mi sono inginocchiato a Centocelle, alla Magliana e a Torpignattara sempre davanti a un muro nudo, ma con la testa rivolta verso la citt
santa perch la Mecca una parete sbrecciata in queste brutte banlieue che sono
sempre pi arabe, africane, asiatiche e indiane, pur rimanendo romane. Qualche
volta in queste moschee di quartiere c
la nicchia triangolare che non ha per funzione di altare ma di segnaletica stradale,
e c sempre almeno un orologio mondiale che indica, in tutti i fusi del pianeta, lora esatta dellappuntamento con Allah.
Come ti sei sentito dopo preghiera?
mi chiede un sudanese, enorme, scuro e
sorridente. Gli vorrei chiedere dei dervisci, ma lascio perdere perch mi sembrerebbe di far parte di quella nuova sapienzialit orientalista italiana che, dopo avere letto due libri e fatto tre viaggi (due virtuali sul web) esibisce un insaccato misto
di esotismo. E nei talk show e sui fogli
estremisti, tra islamofobi e islamofili,
tutto un darsi dellignorante, tutto un
RA

bue che dice cornuto allasino, straparlando e qualche volta stracantando di Sufi e
Wahabiti e Yazidi e appunto dervisci.
Ieri era venerd, il giorno della festa comandata, e da mezzogiorno alluna la preghiera verso lorizzonte del muro nudo
diventata una parata antiterrorista soprattutto nella Grande Moschea, la pi
grande dEuropa, che la perfida intelligenza di Andreotti volle al confine del quartiere Parioli in perfetta sintonia con larguta
ambiguit della politica filoaraba di quel
tempo democristiano e socialista: la fecero con i soldi stranieri, soprattutto dellArabia Saudita, ma non visibile dal Vaticano e soprattutto difficilmente raggiungibile. Disegnata dallarchitetto del postmoderno, quel Paolo Portoghesi che disse il
post moderno in Italia Craxi, la Moschea una specie di astronave che vuole
sintetizzare nientemeno il barocco romano e le curve dellOriente, Borromini e
Maometto. Dunque brutta e spesso an-

che vuota: per i musulmani di Roma


pi lontana della Mecca mi dice Omar
che mi spiega perch, a parte il venerd,
la Grande Moschea poco frequentata:
Noi musulmani preghiamo cinque volte
al giorno. Ebbene, un immigrato che abita in periferia, dovrebbe prendere almeno tre autobus o il treno per venire a pregare ai Parioli. Il segretario di questa
Grande Moschea, il marocchino Abdellah
Redouane, ammette che anche per questo nascono le moschee di quartiere. Negli ultimi quattro anni sono salite da 18 a
50. Chi le controlla? Ciascuno per s.
Provi ad andare a Tor Pignattara, dove ci
sono 4 moschee. Sembra di essere a Kandahar. L la comunit islamica soprattutto del Bangladesh. Ebbene, chi capisce cosa dicono nel sermone del venerd che
pronunziato in bengalese?.
Il venerd della Grande Moschea si consuma con una condanna del terrorismo
pronunziata in arabo da un professore del-

la scuola saudita di Roma che fa funzione


di Imam in attesa che luniversit del Cairo nomini il titolare. Almeno quindici moschee hanno concordato lo stesso sermone: il tema della misericordia come omaggio al Giubileo, e la condanna del terrorismo appunto, breve ma netta. La sala si
riempie lentamente. Le donne, poche,
stanno nelle navate laterali. C qualche
bambino, ma sempre con il padre e mai
con la madre. Tante Mercedes nere con i
vetri scuri scaricano gli ambasciatori e i
funzionari dei tanti Corpi Diplomatici.
Nella Grande Moschea come a piazza Vittorio e a Centocelle gli occhi scuri rivelano
la famosa infelicit araba sulla quale hanno scritto in tanti, da Bernard Lewis a Samir Kassir, la nostalgia come bisogno di
riappropriarsi di un destino.
Prima di pregare, i fedeli si lavano il viso, le braccia e i piedi. Sul tappeto c un tipo con la jalabbia bianca che si lava i denti
con uno spazzolino elettrico. Gli chiedo

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 



1&34"1&3/&%*1*
XXXVDPJJPSH
XXXSFQVCCMJDBJU

-"13&()*&3"
3*56"-&
Varie fasi della
preghiera rituale
nella Grande
Moschea di Monte
Antenne a Roma,
che ha anche un
centro culturale
annesso ed
frequentata da
molti addetti delle
ambasciate della
capitale. Gli altri
due luoghi di culto
islamico con
minareto in Italia
si trovano a
Segrate, nel
milanese, e a
Catania
-"(3"/%&
.04$)&"
Il minareto e la
mezzaluna della
Grande Moschea
di Roma.
Progettata
dallarchitetto
Paolo Portoghesi e
inaugurata nel
1995, il pi
grande edificio
islamico in Italia:
pu ospitare fino a
40mila fedeli.
Laltezza del
minareto fu
studiata per non
superare quella di
San Pietro. Non ha
altoparlanti per il
richiamo alla
preghiera

%BJ1BSJPMJB5PSQJHOBUUBSB
PHOVOPIBMBTVBEFGJOJ[JPOF
EJNVTVMNBOP2VJBODIFHMJ
FTUSFNJTUJIBOOPJMTPQSBOOPNF
JM5VOJTJOP JM1JUB #JOMPEFO
.BVOQPMJ[JPUUPDIFMJDPOPTDF
CFOFBWWFSUFi/POEFUUP
DIFMJSPOJBMJSFOEBNFOP
NJOBDDJPTJPQFSJDPMPTJw

perch. Per purificarmi mi risponde


guardandomi male. Nella Grande Moschea le pareti sono fitte di mosaici marocchini, ornamenti ad intarsio di pieni e di
vuoti, le grandi colonne barocche sono a
capitello rotondo, i lampadari sono grandi cerchi di ferro e i tappeti di Damasco. In
italiano la condanna del terrorismo viene
letta da Mustaf, un pediatria egiziano.
Per noi che guardiamo non c ostilit ma
neppure calore. Quando invece arrivo a
Tor Pignattara, che ai tempi di Pasolini i
romani chiamavano Topigna e ora chiamano Banglatown, mi accolgono con pi
diffidenza e mi invitano a cercare i mitra
sotto i tappeti. Poi racconto di conoscere
alcune insegnanti della Carlo Pisacane, la
scuola rovesciata dove lItalia laltro
mondo, tanto che diversi genitori italiani
ritirarono i propri figli per mandarli nelle
scuole dei quartieri vicini. Alla fine beviamo un the di pace. In tre giorni me ne hanno proposto almeno trenta tipi, diversissi-

*/6.&3*

 NMO
*'&%&-*
4FDPOEPMFTUJNFJ
NVTVMNBOJJO*UBMJB
TPOPMB
TFDPOEBSFMJHJPOF

NJMB
(-**5"-*"/*
$JSDBNJMB
NVTVMNBOJIBOOPMB
DJUUBEJOBO[BJUBMJBOB
NJMBJDPOWFSUJUJ

NJMB
*."30$$)*/*
4POPMBDPNVOJUQJ
OVNFSPTBTFHVPOP
UVOJTJOJ FHJ[JBOJF
TFOFHBMFTJ


*-60()*%*$6-50
-FNPTDIFFFJDFOUSJ
JTMBNJDJQSFTFOUJ
TVMUFSSJUPSJP
TPOPDJSDB


(-**.".
5SBFTTJTPOP
MFHBUJBMMFNPTDIFFF
WFSFFQSPQSJFF
BMMFTBMFEJDVMUP

mi sapori che ogni volta e per trenta volte


sono il vero the, un numero comunque
minore delle autentiche interpretazioni
dellIslam che, anchesso, ogni volta, il
vero Islam, uno solo, come il the.
Ne ho la prova mettendo a confronto
Omar Camiletti, che della Grande Moschea una specie di portavoce laico, con
Ben Mohamed Mohamed che il presidente della Moschea di Centocelle, un tunisino del partito islamista Ennahdha, la
Rinascita: esegesi che spaccano in quattro i quattro capelli di ogni versetto, la vita del Profeta, le metafore celesti E le
donne? Ho la conferma che Omar non picchierebbe mai sua moglie. Anche il tunisino non picchia, ma capisce, distingue:
pu mai essere giusto picchiare la propria
moglie? Ben Mohamed ha un grande seguito e da tutti viene trattato da sapiente:
Io non avrei esitazione a denunziare alla
polizia un eventuale estremista che venisse qui a fare propaganda per quelli dello
Stato islamico. Ma la rabbia dei musulmani ha delle buone ragioni e voi giornalisti
siete bravissimi a fabbricare mostri da esibire in tv. Quanti mostri potrei fabbricare nella sua Moschea? Molti. Parlano
malissimo litaliano, basta isolare unidea
aggressiva, una rabbia .
Rabbia musulmana? Sono stato due
volte nella stessa moschea e ogni volta cera un bel ragazzo bruno evidentemente
drogato che durante la preghiera vacillava senza mai cadere n da un lato n
dellaltro. Questo ragazzo mi dice: Che
sei venuto a fare? Vuoi condannare qualcuno? Devi perdonare. Anche quelli che
ammazzano? S, soprattutto loro. Gli altri mi dicono: Guarda che quello italiano. Le moschee di quartiere sono rifugi,
templi per credenti ma anche alberghi
per sbandati. C un vecchio del Bangladesh con la barba che gli arriva in fondo la
collo. Non parla italiano, e neppure inglese o francese. La moschea la sua patria,
il luogo dItalia pi vicino a casa sua, pi
dellaeroporto.
Mi aveva detto il poliziotto: Forse dopo le moschee potresti fare un giro nei
bar, che a volte sono scuole coraniche improvvisate, come gli ospedali da campo.
E infatti in un bar di Centocelle ritrovo il
pita, il pagnotta, che fatica un po a lasciarsi andare. tunisino di madre ed egiziano di padre e dice di odiare lOccidente
che si spaccia per libero e democratico
ma prima ha armato e poi ammazzato i
peggiori dittatori del mondo arabo, Gheddafi, Saddam Hussein, Assad e quel mafioso di Ben Ali. questa la rabbia di
cui parlava Ben Mohamed Mohamed?
questa mi dice Omar, che mi porta al fast food musulmano a mangiare la carbonara con il tacchino al posto del guanciale. Poi, sazio, si slaccia la cintura e, in arabo, dice al padrone: Sto scoppiando,
scappate. E quando gli chiedo perch i
musulmani vanno a tagliarsi i capelli solo
dai barbieri musulmani, al punto che a
Centocelle c un salone pure dentro la
moschea, mi si avvicina allorecchio e mi
dice in gran segreto: Noi li tagliamo senza anestesia.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c



-"453"(&%*1"3*(*

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

-*UBMJB
-BTJDVSF[[B
2VBUUSPNJMBVPNJOJJOQJB
3PNBQFSDPOUSPMMBSF
QPUFO[JBMJPCJFUUJWJUSBDIJFTFFNPWJEB

4DBUUBJMQJBOPQFSJM(JVCJMFP
NFUBMEFUFDUPSBM$PMPTTFP
BHFOUJTVJCVTFBMMBSNFTUBEJ
*MTPQSJOUFOEFOUFi'BSFNP
EFJHBCCJPUUJFBWSFNPMB
TUFTTBQSPUF[JPOFEFMM&YQPw
"4BO1JFUSPFBMM0MJNQJDP
JOTUBMMBUJJi3BQJTDBOw3BEBS
FBFSFJDPOUSPJESPOJ

."630'"7"-&
ROMA. Lelenco, soltanto a Roma, ha raggiunto quota 1.440.
Tanti sono i potenziali obiettivi
sensibili censiti dalla questura a
due giorni dallentrata in vigore
dellordinanza speciale rivolta
ai 2.000 agenti delle forze
dellordine che verranno impiegati nella capitale in vista del
Giubileo. A partire da luned, in
collaborazione con 2.000 militari delle forze armate, avranno il
compito di sorvegliare amba-

sciate, ministeri, sedi di partiti e


di compagnie aeree, chiese, la sinagoga, il ghetto ebraico, monumenti, ma anche i mezzi pubblici (dove saliranno agenti di pattuglia) e, dopo le stragi del Venerd 13 a Parigi, lo stadio e i locali e le piazze maggiormente
frequentate di notte dai pi giovani. Senza escludere ha detto il questore Nicol DAngelo
la possibilit di perquisizioni
nelle zone della movida.

*-$0-044&0&4"/1*&530

Unattenzione speciale sar


rivolta allAnfiteatro Flavio, il
monumento pi visitato dItalia, dove nei prossimi giorni verranno installati metal detector.
Faremo dei gabbiotti coperti,
probabilmente di vetro, ci stiamo lavorando con degli architetti per realizzare un oggetto gradevole alla vista che permetta di
provvedere allesterno del Colosseo ad un efficace controllo, ha
annunciato il soprintendente
speciale Francesco Prosperetti.
Un modo anche per provare a re-

cuperare le disdette arrivate in


questi giorni soprattutto da parte dei tour operator americani.
la risposta allallarme dellFbi,
girato allambasciata Usa. Un allarme che riguardava in modo
specifico San Pietro (Sebbene
confessa il prefetto di Roma
Franco Gabrielli nel documento che ci stato girato il riferimento su Roma era una inesistente cattedrale di San Pietroburgo). E proprio davanti alla
basilica, per laccesso alla piazza, anche qui verranno installati

30 metal detector. Lallerta e il


rafforzamento dei controlli
(Nonostante non ci siano allarmi specifici, aggiungono in questura) scatter gi domani in occasione dellAngelus di Papa
Francesco.

(-*45"%*
Lo stadio ovviamente un
potenziale pericolo, ha detto il
questore di Roma. Lattacco a
Saint Denis, la partita annullata
ad Hannover aprono un capitolo
importante che riguarda gli

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 



1&34"1&3/&%*1*
XXXSFQVCCMJDBJU
XXXDPNVOFSPNBJU

*-$"406/0%*-030"7&7"$)*&450"4*-0*/"6453*"

$JBNQJOP BSSFTUBUJTJSJBOJ
BWFWBOPQBTTBQPSUJGBMTJ
-03&/;0%"-#&3(0
ROMA. Cercavano di raggiungere Malta su un

volo Ryanair in partenza dallaeroporto romano di Ciampino con due passaporti falsi.
Proprio come i due connazionali che mercoled sono stati fermati a Bergamo, nello scalo di
Orio al Serio, e sui cellulari avevano foto di uomini con la divisa del Califfato dellIs. Il piano
dei due giovani siriani finiti in manette nella
capitale sfumato al primo controllo della polizia di frontiera. I due, A.A. di 18 anni e M.A.
di 19, sono stati bloccati e arrestati prima ancora di fare il check-in.
Il primo aveva un documento francese ed
era un richiedente asilo in Austria. Nella prima settimana di dicembre sarebbe stato
ascoltato per far partire liter per il riconoscimento della sua richiesta. Oltre al finto passaporto transalpino, ma con scritte in tedesco,
il giovane siriano aveva anche una serie di documenti rilasciati dagli uffici della pubblica

-&.*463&

*/"&3010350
'JVNJDJOPF
$JBNQJOPTPSWFHMJBUJ
TQFDJBMJ-FWJFEJ
USBOTJUPTPOPVO
PCJFUUJWPTFOTJCJMF
FETUBUBBVNFOUBUB
MBTPSWFHMJBO[B

eventi sportivi. Anche allOlimpico, nella capitale, verranno utilizzati metal detector per ispezionare borse e tifosi. Gi i controlli attuali non sono agevoli
aggiunge DAngelo in questi
momenti saranno molto pi rigidi. Una misura che comporter
un allungamento dei tempi per
accedere alla struttura. Nel resto dItalia, invece, la circolare
del capo della polizia Alessandro Pansa di qualche giorno fa,
consente a questori e prefetti di
decidere volta per volta, di elevare lallerta, sfruttando, per i controlli, anche sistemi elettronici.
Misure che per, al momento,
non hanno scoraggiato i tifosi:
previsto record dincasso per Bologna-Roma di oggi. A Firenze,
saranno in 26.000 per la partita
di domani, mentre 20.000 ne sono attesi a Genova. Tutto esaurito per il posticipo Juve-Milan.

1"556(-*&46*#64&1&3453"%"
Una delle novit del piano
messo in campo per garantire la
sicurezza del Giubileo e che entrer in vigore da luned la presenza di agenti in divisa sugli autobus del trasporto pubblico.
Pi pattuglie, invece, verranno
impiegate su strada. Non solo in
centro, dove i percorsi dei pellegrini verranno sorvegliati con
grande attenzione con un aumento anche delle telecamere,
ma anche, hanno assicurato questore e prefetto, in periferia.

/0'-:;0/&
.&530&45";*0/*
4BSBOOPMFGPS[F
BSNBUF QSFTFOUJB
3PNBDPO
NJMJUBSJBTPSWFHMJBSF
MFTUB[JPOJEFMMB
NFUSPQPMJUBOBFMF
TUB[JPOJ

Non ci sono pericoli tali da richiedere sistemi di contraerea,


ha sottolineato ieri Gabrielli.
Per limitare il rischio che pu arrivare dai cieli, su Roma verr dichiarata una no fly zone. Per
quanto riguarda, invece, i droni
verranno utilizzati un radar a
terra per intercettarli e un dispositivo aereo in volo che, se necessario, potr anche abbattere
lapparecchio.

"--"3.*&14*$04*

.&5"-%&5&$503
6OBUSFOUJOBEJ
NFUBMEFUFDUPS
WFSSBOOPJOTUBMMBUJ
QFSBDDFEFSFB
QJB[[B4BO1JFUSP
"MUSJBODIFQFS
$PMPTTFPFTUBEJP

Soltanto a Roma, ieri, di falsi


allarmi ne sono stati denunciati
almeno 4, tutti per pacchi o buste lasciate sotto la metropolitana (servizio interrotto due volte) e nei pressi della stazione
Ostiense. In tutti i casi, dopo le
verifiche degli artificieri, lallarta rientrato. Nessuno si nasconde dietro a un dito e nega
che il Paese un possibile obiettivo sottolinea Gabrielli mi
aspetto un proliferare di allarmi. Questo , ci dovremo fare i
conti. Poi, rivolto ai giornalisti
ha avanzato una richiesta: Una
verifica in pi e uno scoop in meno.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

amministrazione austriaca. Il 19enne, invece, aveva un falso documento norvegese. Entrambi si spacciavano per europei di seconda
generazione. Sono stati fotosegnalati e poi
processati per direttissima: prima dellarresto di mercoled sera non avevano commesso
alcun reato.
Sul tentativo di fuga verso Malta, che gli investigatori definiscono una meta anomala,
ora indaga la Digos della questura di Roma:
dopo gli attentati di Parigi, nulla lasciato al
caso. Partendo dai falsi passaporti e confrontandoli con quelli degli altri due siriani diretti
verso Malta, la polizia sta cercando di arrivare allorganizzazione che ha venduto ai quattro i falsi passaporti e che coprirebbe gli spostamenti di stranieri in Italia con documenti
falsi e biglietti aerei. Lasciapassare che permettono di muoversi liberamente allinterno
dellarea Schengen. Unarea in cui i controlli
si sono fatti pi serrati.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

-"453"(&%*1"3*(*

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 



1&34"1&3/&%*1*
XXXHPWFSOPJU
XJLJQFEJBPSHXJLJ"OPOZNPVT

*MDBTP
4VJTPDJBM1BMB[[P$IJHJGSFOBMB
QTJDPTJ5FMFGPOBUBDPO0CBNBM*UBMJB
DPOGFSNBMJNQFHOPSBGGPS[BUPDPOUSPM*T

-BQBVSBTV8IBUTBQQ3FO[JCVGBMB
7JSBMFMBVEJPEJVOBNBNNBDIFQBSMBBMMBGJHMJBEJiSJTDIJUSBHJDJwJONFUSPFOFJMVPHIJEFMMBNPWJEB
*MQSFNJFSBJSBHB[[JOPOMBTDJBUFWJDIJVEFSFJODBTB*QPUFTJQSPDVSBUPBMMBSNF MFEVFEPOOFJODPNNJTTBSJBUP
(0''3&%0%&."3$)*4

i#&"45"*-0/5"/"w
%BHJPWFEHJSBTV
8IBUTBQQVOBVEJP
JODVJVOBNBESF
EJDFBMMBGJHMJB#FB
EJFWJUBSFJQPTUJ
BGGPMMBUJEJHJPWBOJ
3FO[JIBSJTQPTUP
DPOVOBMUSPBVEJP

*13&$&%&/5*

'"$&#00,
%VSBOUFMBUUBDDPEJ
1BSJHJ 'BDFCPPLIB
BUUJWBUPMBGVO[JPOF
iTBGFUZDIFDLwQFS
SBTTJDVSBSFQBSFOUJF
BNJDJTVMMBMPSPTPSUF

1-":45"5*0/
*NJMJUBOUJEFMM*T
VTBOP4LZQFQFS
DPNVOJDBSF&GPSTF
MPGBOOPBODIFDPO
MFDIBUEFMMB
1MBZTUBUJPO4POZ

5&-&(3".
*MTFSWJ[JPEJ
NFTTBHHJTUJDBOPO
HSBEJTDFMVTPEB
QBSUFEFMM*TPTDVSBUJ
DBOBMJWJDJOJBHMJ
JTMBNJDJ

ROMA. Un messaggio audio su Whatsapp diventa il simbolo della psicosi post-Parigi. La procura apre unindagine. E ieri sera si sono presentate alla polizia, a Roma,
madre e figlia protagoniste del caso. Un caso che aveva
spinto lo stesso premier Matteo Renzi a rispondere con
lo stesso canale di comunicazione usato dalla mamma
che avvertiva la figlia sul pericolo terrorismo: Le istituzioni non ci dicono la verit, la minaccia molto pi
grande di quello che raccontano. La donna ha ammesso di essersi inventata di aver avuto informazioni riservate dal ministero dellInterno per dare credibilit al
suo racconto e convincere la figlia a restare a casa. Ora
la deposizione sar valutata dallautorit giudiziaria.
Il premier, consapevole che migliaia di ragazzi usano Whatsapp, sceglie lo stesso strumento per arginare
la paura. Dobbiamo far rimbalzare anche noi la nostra versione. Renzi registra un suo audio. Siamo di

fronte a un falso, procurato allarme. Qualcuno pensa


di essere simpatico ma non si rende conto che suscita
un clima di paura e anche di panico. Vorrei invitare tutti a non cascarci, non fatevi fregare. Il terrorismo una
minaccia molto seria ma listeria non domini le nostre
vite. Non finiremo nella trappola di chi vorrebbe chiuderci a chiave in casa.
Il premier rilancia il suo file audio poche ore dopo
aver parlato al telefono con Obama. Il colloquio con il
presidente americano serve a fare il punto sulla situazione, sulle alleanze, sulla via duscita in Siria e per darsi appuntamento al vertice per il clima di Parigi a fine
mese. Ma Obama non chiede allItalia un potenziamento del suo sforzo, un maggiore impegno delle nostre forze armate gi previsto nel decreto sulle missioni allestero. Dunque, spiegano a Palazzo Chigi, non c nessun collegamento tra la telefonata con la Casa Bianca e
le parole di Renzi su Whatsapp: LItalia far la sua parte insieme agli alleati per sconfiggere il terrorismo.

Non sar facile ma sono certo che ci riusciremo.


Linaugurazione del nuovo Pronto soccorso dellospedale Santo Spirito, a pochi metri da San Pietro, vuole, nelle intenzioni di Renzi, mandare un messaggio
rassicurante, dimostrare che la preparazione del Giubileo procede senza inciampi e che la vita quotidiana prevarr sulla paura. Del resto il messaggio che Renzi e
Paolo Gentiloni si sforzano di far passare dal venerd
13. Un messaggio raccolto anche da tutte le forze politiche, a cominciare dal Pd che non si divide. A un seminario organizzato da Gianni Cuperlo, il ministro degli
Esteri spiega: Stiamo seguendo una linea di sinistra:
non confondiamo lIslam con lestremismo, non associamo i rifugiati ai terroristi e non parliamo di guerra.
Solo i 5Stelle hanno rotto il coro di unit nazionale contro il terrore. Ma secondo sondaggi riservati di Palazzo
Chigi i grillini pagano un prezzo: perdono un punto e
mezzo in una settimana (dal 26,4 al 25,1).
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

.BMB3FUF
QVEJWFOUBSF
VOBMMFBUP
DPOUSPJMUFSSPSF
3*$$"3%0-6/"

l cretino che usa Whatsapp


per creare panico, assomiglia a quelli che da una cabina del telefono chiamavano la
scuola dicendo che cera una
bomba a scuola per farla evacuare ed evitare una interrogazione. Solo che se usi Whatsapp, il
tuo messaggio pu raggiungere in un baleno 900 milioni di
persone. La viralit di Whatsapp leggendaria: ogni giorno ci passano 30 miliardi di messaggi e molti sono rilanci istantanei. Per questo rispondere al
cretino digitale usando le sue
stesse armi, come ha fatto il presidente del Consiglio, molto
sensato. Lo stesso dovremmo fare quando in questi giorni si parla, sempre pi spesso, delle mirabolanti tecnologie usate
dallIs, e di conseguenza del perch sarebbe opportuno, anzi necessario limitare la libert di Internet per avere pi sicurezza.
In questi casi la mente corre a
Camp Bucca. Pochi sanno di cosa si tratta, ma invece utile ricordarlo. Camp Bucca stata
una delle prigioni americane in
Iraq. Ed stato per questo motivo uno degli incubatori dellIs.
In un reportage del (VBSEJBO
sei mesi fa, uno dei leader
dellIs spiega bene perch quella detenzione fu determinante
nella nascita del terrorismo dello Stato Islamico: Eravamo tutti nello stesso posto e avevamo
un sacco di tempo per organizzarci. Effettivamente ha molto
senso. La cosa pi rilevante pe-

"/0/:.064
*MHSVQQPEJ
IBDLFSIB
SJWFOEJDBUPMB
DIJVTVSBEJPMUSF
TFJNJMBBDDPVOU
5XJUUFSWJDJOJ
BMM*TJT

r, oggi, la tecnologia che i futuri terroristi hanno usato in


quel frangente. Lelastico della
mutande. S, avete letto bene.
Lelastico delle mutande veniva
usato come agenda telefonica:
ci si appuntavano nomi, telefoni e indirizzi da attivare una volta tornati liberi. Ecco perch la
prima cosa che facevano gli ex
detenuti una volta a casa era
spogliarsi e tagliare dalle mutande quellelastico divenuto cos prezioso.
C un secondo episodio di
questo racconto dellIs dallinterno che torna utile oggi per capire come comportarsi rispetto
a Internet e al digitale in tempi
di terrorismo: in occasione di
uno dei tanti raid per catturare
o uccidere il capo dellIs di quel
momento, le forze alleate scoprono che si nascondeva in un
posto dove non solo non cera Internet, ma non cera nemmeno
il telefono. %JHJUBMEJWJEF assoluto. Insomma, quel giorno si cap
che i capi comunicavano a voce,
o con i pizzini, degli appunti

scritti, come i latitanti mafiosi


di casa nostra. Difficile bloccare
i pizzini e gli elastici nelle mutande usati come taccuini, con
una legge ammazza-rete. Tutto
ci ovviamente non punta a dimostrare che i terroristi non
usano Internet: lo usano come
tutti. E si chiamano su Skype facendo il linguaggio dei gesti per
non farsi capire, magari. E ricor-

(MJBUUFOUBUJEJ1BSJHJOPO
TPOPBWWFOVUJQFSDPMQB
EFM8FCNBQFS
MJODBQBDJUEFJ4FSWJ[J
rono a quelle app con le quali i
messaggi si autodistruggono,
possibile. Non si esclude neppure che usino la chat della Playstation della Sony. Ma questo cosa vuol dire? Vuol dire che dovremmo vietare o limitare Internet a tutti per impedire loro di
usarlo? Sarebbe miope. Gli attentati di Parigi non sono avve-

nuti per colpa della rete, ma


ormai chiaro per lincapacit delle intelligence di interpretare efficacemente i tantissimi
segnali che cerano di un attacco imminente e di comunicare
fra di loro tempestivamente. La
rete semmai un aiuto anche
per chi deve garantire la nostra
sicurezza. Perch mai come in
questa epoca tutti noi lasciamo
ogni giorno infinite tracce digitali: la vita digitale oggi assomiglia, quasi sempre senza la consapevolezza di noi utenti, alla
fiaba di Pollicino che nel bosco
lascia sassolini o briciole di pane per ritrovare la strada di casa. Anche noi, tutti, ogni volta
che usiamo la rete lasciamo delle tracce. Solo che non servono a
noi per tornare a casa, ma agli
altri per sapere cosa stiamo facendo. Chi sono gli altri? Le
agenzie pubblicitarie, e quindi
anche Google, Apple, Facebook
che coon i nostri dati costruiscono i nostri profili e le inserzioni
che vediamo. E i servizi segreti.
Il caso di Edward Snowden, lex

contrattista della Cia che ha svelato i brutali programmi di sorveglianza di massa delle intelligence americane e britanniche,
ha dimostrato gli abusi che ci sono stati in questo senso. Ora, anche ammesso che in questo momento non siano in corso programmi simili, le tracce digitali
di ciascuno di noi sono comunque una risorsa importante per
sapere cosa sta per accadere. A
patto di saperle interpretare. Di
investire in cyber security. Va
in questa direzione la decisione
del governo britannico subito dopo i tragici fatti di Parigi
di destinare una somma rilevantissima (230 milioni) per le startup che sviluppino nuovi strumenti per garantire la sicurezza in rete. Insomma, ancora
una volta, la soluzione non alzare dei muri o limitare delle libert che sono lessenza del nostro vivere civile: ma investire
in innovazione. Battere i terroristi e i cretini digitali in rete, diventando pi bravi di loro.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

-"453"(&%*1"3*(*



la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

-FTUPSJF

*MSBDDPOUP
-BUFTUJNPOJBO[BEJ-PVJTF BOOJ TPQSBWWJTTVUBBM
NBTTBDSPi5VUUJEFWPOPTBQFSFDPTBTVDDFTTPMEFOUSPw

-"$".&3*&3"

+BTNJOF MFSPJOBNVTVMNBOB
DIFIBTBMWBUPVOBDMJFOUF

ASMINE El Yousfi ha 20 anni

e una montagna di capelli


ricci: leroina del video
che ha ormai fatto il giro della
rete, quello con le immagini riprese dalla telecamera interna
del ristorante Casa nostra dove
si vede uno dei terroristi fare
fuoco allinterno e poi puntare
contro una donna che per non
+BTNJOF&M:PVTGJ  uccide perch larma si inceppa. Jasmine la cameriera che
BOOJ MBDBNFSJFSB
nelle prime immagini si butta
EFMWJEFPNPTUSBUP
sotto il bancone: salvo poi accoOFJHJPSOJTDPSTJ
gliere e consolare una donna
EBM%BJMZ.BJM
che entra terrorizzata e ferita.
Jasmine la porta dietro il bancone, la accudisce e poi
la prima temeraria a fare capolino dal riparo, quando
luomo armato sembra essersi dileguato. Corre al piano di sotto, per sincerarsi che la donna che con lei sia
al sicuro. E poi si precipita in strada, per dare una mano
alle altre persone colpite. Avrei dato la vita pur di non
lasciarli soli a morire, ha detto al %BJMZ.BJM. Non volevo che le persone a cui avevano sparato pensassero di
essere state abbandonate. Questa temeraria cameriera di 20 anni figlia di un marocchino e di un algerino.
Musulmana, in quei tragici momenti si ricordata semplicemente di essere una parigina. BM

-"5&45*.0/&

.VSJFMIBTGJEBUPMBQBVSB
EBMFJSJGVHJPQFSUSFOUBQFSTPOF

URIEL Gaudry una don-

na che vive a pochi metri dal Bataclan. Venerd sera ha sentito i colpi, si affacciata alle finestre, ha visto la
gente in fuga. Fra queste ha notato decine di persone zoppicanti, che faticavano a correre
perch feriti durante la sparatoria. Senza esitare scesa in strada, ha aperto il portone, invita.VSJFM(BVESZ MB
EPOOBDIFIBBQFSUP to numerose persone a entrare.
A trovare rifugio nella sua casa
MFQPSUFEFMMBTVB
sono almeno 30 persone, quasi
DBTBTBMWBOEP
tutte ferite. E infatti tracce di
BMNFOPQFSTPOF
sangue sono ancora visibili sul
divano. Cera un uomo colpito da un proiettile alla
spalla, unaltra signora che era stata ferita al petto e
una giovane donna a cui avevano sparato due volte alla
schiena e non poteva assolutamente muoversi. BM

&DDPMBNJBMFUUFSB
EBMMJOGFSOPEFM#BUBDMBO
i5SBJUFMFGPOJOJJNQB[[JUJ
DFSDPJMUBUVBHHJPEJ5JQIPOw
-06*4&
ENERD ho raggiunto la
mia amica dei concerti arrabbiati, quella che poga
con me come quando avevamo
quattordici anni, quella che perdo nella folla dopo la prima canzone e ritrovo alla fine con un
stato troppo bello, no? S, fichissimooo!. Prima abbiamo
bevuto qualche birra al bar. Il
barista non aveva pi Picon e
questo genere di particolari
importante. A un certo punto
gli abbiamo detto che non volevamo attardarci. Era un sacco
di tempo che non dicevo a cos
tanta gente dove andavo e cosa
andavo a fare. Ero contenta come al mio primo concerto. Entriamo nella sala, prendiamo
delle birre allungate con lacqua. E poi ci facciamo degli amici da concerto. Tantissimi. Come al solito. Fotografiamo dei tizi con il loro telefono. Prendiamo un po in giro quelli che fanno finta di avere un amico davanti per fregare due file. Siamo in mezzo alla sala quando il
concerto comincia. Con il movimento della folla, perdo la mia
amica, come al solito, e mi ritrovo davanti al bassista, a destra
della scena, in seconda o terza
fila. Il concerto comincia, la folla, la felicit. Fra un brano e lal-

tro, dico a una tizia quanto sexy il cantante. Scherziamo. Il


gruppo suona Save a Prayer dei
Duran Duran. Allora cantiamo
a squarciagola con le braccia incrociate sul cuore.

j*/$30$*06/04(6"3%0x

%PQPJQSJNJTQBSJ
IPQFSTPEJWJTUB
MBNJBBNJDB
"ODIFMFJTJ
TBMWBUB%B
WFOFSEIPJM
UPSDJDPMMPFIP
QBVSBEFMMFQPSUF
DIFTCBUUPOP.B
IPWPHMJBEJ
BOEBSFBWFEFSF
EFJDPODFSUJ

E poi si sentono degli scoppi.


Come una cassa che salta, o come succede a volte, un tizio in
fondo alla sala che fa una scenetta con il gruppo. Ci sono delle urla, ma non capiamo subito.
Il gruppo ha gi abbandonato il
palco. Mi volto: c della gente
che si butta per terra. E l, lodore del sangue. Sangue caldo. Incrocio lo sguardo di un tizio.
Non batte pi le palpebre e cade gi. Per un effetto domino,
tutti si sdraiano, uno sopra laltro, pi o meno. Accanto alla
transenna che ci separa dalla
scena, abbiamo solo lo spazio
per accovacciarci. Non capisco
niente di quello che sta succedendo, ma cerco di farmi piccola piccola. Si sentono rimbombare degli spari. Mi immagino
che siano degli spari in aria, perch non sono seguiti da urla. Mi
metto lo zaino davanti alla faccia per proteggermi dagli sparatori. Ne vedo uno sulla balconata di fronte a me, e sono sicura

che ce n uno allentrata alla


mia sinistra. Mi raggomitolo.
La gente cerca di scavalcare la
transenna per raggiungere i camerini. Mi lascio trascinare un
po e perdo le scarpe da ginnastica. pazzesco come sono importanti i dettagli fisici e
dellabbigliamento, perch in
realt sono le cose che ti tengono aggrappata alla vita. La vita
reale. Perch quello un gioco.
Non possibile che sia altrimenti.
Guardo un po, non vedo la
mia amica. Gli spari riprendono, tutti si buttano di nuovo a
terra. E a quel punto, silenzio
nella folla. Abbassandomi completamente, apro gli occhi per
la prima volta dopo qualche minuto. Guardo i miei piedi. E nei
nostri corpi mescolati incrocio
uno sguardo. Vuoto. Ai miei piedi. Una ragazza allungata sulle mie gambe. Non piange davvero, non respira davvero.

3"''*$"%*1"--0550-&
Sento un sibilo dentro lorecchio destro, un grosso acufene.
Mi accorgo che sto sanguinando. Allora mi reggo la testa per
evitare di sporcare tutta la sala
( veramente questo che mi sono detta). La ragazza accanto a

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 



1&34"1&3/&%*1*
XXXMJCFSBUJPOGS
XXXFMZTFFGS

me devessere stata colpita al


braccio dalla stessa pallottola,
o dalla stessa raffica. Sanguina
molto e ha tanta paura. Ci chiediamo mormorando come stiamo. Io, colpita alla testa, so che
morir come nei film. Allora faccio come nei film: mormoro pi
volte il mio nome e dico di dire
ai miei cari che gli voglio bene.
E il silenzio ricomincia. Non sappiamo dove sono. Dove sono i
cattivi. Non ci muoviamo. I
cellulari cominciano a suonare.
Ma noi non vogliamo che suonino. Perch ogni squillo pu ricordare ai cattivi che siamo l e
che ci vogliono ammazzare.
Cerco la mia amica nella folla
di gente sdraiata, cerco i suoi tatuaggi sui cadaveri pieni di sangue. Non la vedo. Spero che sia
andata via. Il mio zaino comincia a vibrare. Non posso raggiungere il telefono, ma non ci
avrei provato comunque. Conto le vibrazioni. Undici. una
chiamata. Poi altre. Ho sempre
meno la percezione che sto per
morire.

*40$$034*
Dopo minuti che sembrano
ore, i soccorsi arrivano. Entrano dal basso e non osano avvicinarsi. Noi continuiamo a non
muoverci. Sentiamo un tizio
che urla di dolore. I soccorsi,
non sappiamo se sono dal lato
chiaro della forza oppure no. Sono tizi armati vestiti di nero,
che ne sappiamo. Ma nel dubbio comincio a muovere i piedi,
nellottica di riuscire a correre
senza essere intorpidita. I buoni ci chiedono dove sono i cattivi. Devono prima di tutto fare
in modo che nessuno ci spari addosso durante levacuazione.
In quel momento un ragazzo arriva e dice che i terroristi hanno
degli ostaggi nei camerini, che
vogliono parlare con qualcuno
della polizia, che bisogna chiamare un certo numero. Lagente delle forze speciali non si memorizza direttamente il numero, mentre noi ce lo siamo impresso nella memoria in un secondo. Siamo sempre lungo il
bordo della transenna, vicinissimi ai terroristi nei camerini.
Proprio nel mezzo di una potenziale sparatoria. E stranamente, ci motiva.
Ci chiedono di alzarci piano
ma rapidamente per raggiungere luscita. Alzandomi, il mio
campo visivo si allarga e mi ren-

e calmo chiedo se sto per morire, se la pallottola allinterno,


se orribile, se tutti sono usciti,
se c un bagno. Mi rispondono
che parlo troppo, troppo in fretta e troppo distintamente perch possa essere molto grave.
Mi mettono un braccialetto da
festival con un codice a barre
che mi scansioneranno ogni volta che mi cambieranno di posto, e un foglio che mi metto intorno al collo, col mio nome
Bel nome, Louise e le mie allergie. Trovo tutto superorganizzatissimo, e mi piacciono
molto le cose bene organizzate.

i4"/(6*/0%*#36550w

53"(*$04$&/"3*0
I corpi delle vittime nella platea del Bataclan subito
dopo la strage. Sopra, lesterno dello stesso teatro
e lomaggio dei parigini alle vittime, fiori e candele
che hanno invaso la strada davanti al teatro
do conto dellorrore. Pozzanghere di sangue e braccia tatuate senza vita. Mi dicono di passare attraverso la porta a vetri
rotta. Sono a piedi nudi. Ci dicono di camminare rasente ai muri, di fare in fretta. Ci fanno en-

trare nel cortile di un edificio.


Ci sono quelli del pronto soccorso. Ci sono feriti allineati uno accanto allaltro. Siamo due palazzi pi in l del Bataclan, sentiamo degli spari. Guardano la
mia testa. In modo molto sobrio

Chiamo la mia Tiphon, non risponde, ma mi ha chiamato diciassette volte, quindi presumo
che sia viva. Chiamo i miei parenti, gli do poche informazioni, concisa ma chiara perch sono una professionista delle situazioni di crisi, a quanto sembra
Tiphon viva, sta in un appartamento e sta bene. Mi fanno una bendatura. Tanti morti
mi passano davanti. Sanguino
di brutto, in effetti. Uscendo,
becchiamo Hollande.

j%*3&*1*%6&.*--*.&53*x
Allospedale, mi osservano
la testa, la ferita non bella, ma
pulita e non ci sono frammenti di pallottola, quindi va meglio. stato un tiro diretto. Ho
avuto 5 millimetri di fortuna,
quindi?. Direi pi due millimetri. Mi fanno dei punti di sutura e sto abbastanza bene.
I miei genitori sono arrivati.
Vado allunit di assistenza psicologica. La donna mi dice: Mi
vuoi raccontare che cosa successo?. Ma certo che ti vomito
addosso tutta la mia versione,
non capirai mica, bella mia. Alla fine mi d un consiglio pi appropriato: Ha il diritto di non
raccontare tutto a tutti. E cerchi di non ripeterlo troppo spesso.
per questo che scrivo queste cose. Perch tutti quelli che
vogliono sapere possano sapere. Da venerd ho un torcicollo a
causa della mia posizione nella
sala e ho paura delle porte che
sbattono. Ma ho voglia di andare a vedere dei concerti.
 5FTUJNPOJBO[BSBDDPMUB
EB-JCSBUJPO5SBEV[JPOFEJ
'BCJP(BMJNCFSUJ

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*-$0..*44"3*0

*MTBOHVFGSFEEPEJ"SOBVE
DIFOPOQPUSQJDBNNJOBSF

OMMISSARIO di polizia, re-

sponsabile
dellarea
Val-de-ReuilLouviers anche Arnaud Beldon, 38 anni,
era al concerto del Bataclan venerd sera. In compagnia della
fidanzata, stato centrato dalla prima pioggia di colpi di kalashinikov sparati dai terroristi
allinterno del teatro. Una serie
di pallottole lo hanno colpito al"SOBVE#FMEPO 
BOOJ FSBBMDPODFSUP la schiena. Nonostante le feriEFM#BUBDMBOWFOFSE te, ha cominciato a urlare alla
folla che il teatro era sotto attacTFSBJODPNQBHOJB
co e che bisognava ad ogni coEFMMBGJEBO[BUB
sto trovare una via duscita: incitando la gente intorno a lui a fuggire indicando le
uscite di sicurezza da imboccare dove lui stesso si era
trascinato. Ha continuato ad urlare le indicazioni giuste permettendo a decine di persone di trovare la via di
fuga. Mantenendo il sangue freddo nonostante le ferite e mentre intorno a lui si scatenava il panico. Infine
crollato a terra senza riuscire ad abbandonare la sala. I
suoi colleghi lo hanno trovato cos: in una pozza di sangue, semi incosciente, mentre ancora balbettava quelle stesse indicazioni che hanno salvato la vita a tanti.
Le sue ferite alla schiena sono molto gravi. Forse, non
sar pi in grado di camminare. BM

*'*%"/;"5*

i&SBWBNPBUFSSBF%BWJEGFSJUP
NJIBQSPUFUUPDPOJMTVPDPSQPw
Nolan, irlandese,
era al concerto del Bataclan con la sua fidanzata.
Quando i terroristi sono entrati
e hanno cominciato a sparare
lui le ha fatto scudo col suo corpo due volte. La prima, coprendola col suo corpo mentre tentavano la fuga. La seconda, dopo
essere caduti a terra. La fa stendere sotto di se: coprendole in%BWJE/PMBOFMBTVB
teramente la testa e il torace.
GJEBO[BUB,BUJF
Lui ferito ad una gamba, ma
)FBMZ TBMWJQFS
NJSBDPMPOFMMBTTBMUP non molla la presa. Intanto, si
fingono morti entrambe. MenBM#BUBDMBO
tre lui tuttora in ospedale,
dov stato operato, Katie ha raccontato il gesto eroico
e protettivo del suo fidanzato, prima postandolo sui social media e poi narrando i fatti alla stampa del suo paese. Lo considero il mio eroe personale. BM

AVID

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c



-"453"(&%*1"3*(*

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

-FJEFF
#FO+FMMPVO*QJQJDDPMJTPOP
QFSGFUUBNFOUFJOHSBEPEJDPNQSFOEFSF
RVBOUPTUBBDDBEFOEPJORVFTUJHJPSOJ
EPQPHMJBUUBDDIJKJIBEJTUJ1FSDIDPOPTDPOPMFDBUFHPSJF
EJCFOFFNBMFFIBOOPCJTPHOP DPNFHMJBEVMUJ EJDBQJSF

-BWJUBBJUFNQJ
EFMUFSSPSJTNP
TQJFHBUB
BJCBNCJOJ
5")"3#&/+&--06/

"

%*"-0(0
$PTVO
UFSSPSJTUB 
3JTQPTUB
RVBMDVOPDIF
WVPMTFNJOBSF
QBVSB OPOVO
QB[[PNBVOP
BDVJIBOOP
EFUUPCVHJF

i bambini bisogna dire la verit. E soprattutto non sottovalutare la loro capacit di comprendere anche le cose pi orrende e inquietanti. Non che
siano pi forti degli adulti, ma la loro sensibilit pu essere messa alla prova senza
conseguenze disastrose sul loro sviluppo.
Mentre la menzogna e la negazione rischiano di lasciare sequele e complessi.
Cercare di presentare al bambino un mondo roseo, mentire sulla gravit dei fatti avvolgendoli nellovatta o in confezione regalo vuol dire rischiare di isolarlo dalla vita, che fatta di bellezza ma anche di violenza.
Le fiabe di Charles Perrault traboccano
di crudelt. Per non parlare di quelle delle
Mille e una notte, ancora pi terribili. Ma
se piacciono tanto, indubbiamente per
questo motivo, che alla base della loro
universalit e modernit. Sono illustrazioni della lotta del Bene contro il Male. Queste cose, i bambini le comprendono bene,
e forse riescono anche a coglierne la complessit.
Oggi, quali che siano le precauzioni prese dai genitori, i piccoli non sono mai del
tutto al riparo dalla violenza, dallestrema brutalit veicolata dai giochi elettronici, dai video-clip musicali e cos via. A tutto questo contribuisce anche il cinema,
dove i morti ammazzati con la motosega
sono ormai moneta corrente. Per non parlare della pornografia, alla portata di un
clic, appena i genitori voltano le spalle.
I traumi vissuti dalle famiglie diretta-

-FGJBCFEJ1FSSBVMU
Pi-FNJMMFFVOBOPUUFw
TPOPDSVEFMJ&QQVSFTPOP
BNBUFBODIFJOUFOFSBFU
mente colpite dagli attentati del 13 novembre sono devastanti per gli adulti come per i bimbi, che hanno bisogno di spiegazioni e di consolazione. Il lutto qualcosa di crudele, anche se il tempo un alleato. Ma la perdita di una persona cara scava nellesistenza un vuoto tremendo, indipendentemente dallet. Il bambino ha
evidentemente bisogno di comprendere,
attraverso parole precise e scelte con attenzione.
Che cos un terrorista?
un individuo che ha sete del male.
Il suo obiettivo seminare il terrore, la
grande paura tra la popolazione.
Perch?
A volte non si comprendono le ragioni che spingono alcuni individui a distrug-

*-%0$6.&/50

*MNJOJTUFSPEFMM*TUSV[JPOFGSBODFTFIBJOWJBUPVO
EPDVNFOUPQJFOPEJTVHHFSJNFOUJQFSHMJFEVDBUPSJ
TVDPNFEJTDVUFSFHMJFWFOUJEFMOPWFNCSF
DPOJMPSPTUVEFOUJ

gere persone che non conoscono, e che a


loro non hanno fatto niente di male.
Sono pazzi?
No. Un pazzo uno che ha perso del
tutto la ragione, e non riflette pi. Non
responsabile di quello che fa. Mentre i terroristi sono individui preparati appositamente da certi specialisti per andare a uccidere, e a farsi uccidere. Sanno perfettamente quello che devono fare. Al limite si
potrebbe dire che sono programmati.
Non hanno paura?
No, ed questa la loro forza. Normalmente, in una guerra gli avversari si trovano faccia a faccia, e i soldati dei due

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 



1&34"1&3/&%*1*
XXXSFQVCCMJDBJU
UXJUUFSDPN5BIBS@#@+FMMPVO

schieramenti combattono per non perdere la vita. Ma oggi i metodi della guerra sono cambiati. Spesso i soldati non sono persone che combattono per difendere dei valori, un bene, un territorio. Non difendono neppure la loro vita, e questo li rende
invincibili.
Perch accettano di morire ammazzando gli altri?
Tutti gli esseri hanno un istinto che
si chiama istinto di vita: una volont naturale di salvarsi la pelle e di vivere. Mentre
questi terroristi che si fanno esplodere in
mezzo alla folla hanno accettato di separarsi dallistinto di vita, di sostituirlo con

listinto di morte.
Ma come?
Esistono specialisti che raccontano loro certe storie, basate non sulla ragione
ma su promesse mirabolanti. Lo fanno servendosi di tecniche che rendono il cervello
malleabile, manipolabile.
Puoi darmi qualche esempio?
Usano parole che corrispondono alle
loro aspettative, come jihad, martirio, paradiso, ricompensa suprema Siamo su
un terreno religioso. Quando si crede a
questo si passa dallaltro lato della vita. O
in altri termini, si accetta di credere che
chi fa la jihad la guerra contro i miscre-

6OBNBESF
EFMMFTJNP
BSSPOEJTTFNFOU
EJ1BSJHJ 
,BPSV8BUBOBCF
IBJOWJUBUP
UVUUJJCBNCJOJ
EFMRVBSUJFSF
BEJTFHOBSF
MFQSPQSJFFNP[JPOJ
FQBVSF

denti, quelli che non credono nel loro Dio


e offre la propria vita in sacrificio, andr direttamente in Paradiso, per essere
accolto da giovani vergini e fare una vita
mille volte pi bella di quella che conosciamo quaggi.
Uauuu!
Hai ragione. Un martire uno che
muore per unidea, per una causa, e perci merita una ricompensa scelta da Dio.
Ma tutto questo non vero?
Che importa? Il fatto che questi individui credono in quelle storie, come se
dormissero in piedi. Il loro cervello non
funziona pi normalmente. Lo hanno scollegato dalla realt che conosciamo. Sono
persone che non appartengono pi al nostro mondo. E proprio per questo sono pericolosi. Non solo non hanno paura di morire, ma una volta compiuta la loro missione desiderano la morte con tutte le loro
forze.
Cosa dobbiamo fare per evitare di incontrarli?
In genere ai bambini si dice di stare
attenti. Ma in questo caso, le persone che
stavano al Bataclan per ascoltare un concerto rock non potevano immaginare nep-

#0.#&&'*03*

-BTDVPMBEFWFJOTFSJSF

*%*4&(/*

*QJDDPMJ USBJJ
BOOJ TPOPTUBUJ
JOWJUBUJBMBWPSBSF
EBTPMJPJOHSVQQJ
*MPSPEJTFHOJ DIF
BMUFSOBOPDVPSJ 
MBQJEJ CPNCF GJPSJ
FQBSPMFTPOPTUBUJ
QVCCMJDBUJ
EBMM)VGGJOHUPO
1PTUGSBODFTF

*-3*$03%0

*CBNCJOJQBSJHJOJ
DPOJMPSPHFOJUPSJ
BDDFOEPOPDBOEFMF
FQPSUBOPGJPSJOFJMVPHIJ
EFHMJBUUFOUBUJ
FBMNFNPSJBMF
EFMMFWJUUJNFJO1MBDF
EFMB3QVCMJRVF

OFJTVPJQSPHSBNNJ
MBMPUUBBMSB[[JTNP
RVFTUBMVOJDBTPMV[JPOF
pure per un secondo che proprio l avrebbero perso la vita. La sorpresa una forza.
La sicurezza garantita al cento per cento
non esiste. Ma c il lavoro immediato della polizia, che necessario e importantissimo; e a lungo termine c leducazione.
La scuola deve integrare nei suoi programmi la lotta contro il razzismo, spesso
alla base dellintolleranza e del fanatismo. Che si traducono poi nella realt attraverso lesercizio del male assoluto: dare la morte, gratuitamente, a persone innocenti, e diffondere la paura e il terrore.
Sei ingenuo!
Pu darsi, ma al di fuori della guerra,
non vedo altre soluzioni.

5SBEV[JPOFEJ&MJTBCFUUB)PSWBU

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c



-"453"(&%*1"3*(*

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

-FJEFF
4JNPO4DIBNB4FDPOEP
MPTUPSJDPiMBGFSPDJBTFO[B
QSFDFEFOUJwEFHMJKJIBEJTUJTJFTUJSQB
iDPOVOBCBUUBHMJBDVMUVSBMFSFTUJUVFOEP
BJHJPWBOJRVBMDPTBJODVJQPTTBOPDSFEFSFw

i-&VSPQBVOJUB
QVCBUUFSF
MFUFSOPSJUPSOP
EFMGBOBUJTNPw
(*".1"0-0$"%"-"/6

a ferocia degli attacchi di


Parigi senza precedenti
storici, ma lEuropa pu
reagire, ribadendo i suoi
principi e rispondendo con
le idee, non con le bombe. Per Simon
Schama, storico londinese di origini lituane e docente alla Columbia University, questa fase della nostra contemporaneit segnata dal ritorno alla follia religiosa, che lattenzione ai fatti
economici aveva fatto sottovalutare.
Ne una prova la scelta degli obiettivi, simbolo dei piaceri laici dellOccidente.
Professor Schama, che cosa ha pensato dopo i fatti di Parigi?
La mia prima impressione stata
di angoscia e incredulit. molto difficile capire che cosa passa nella testa di
qualcuno, a prescindere da quanto gli
sia stato lavato il cervello o sia preso
da una ideologia tirannica, nel momento in cui scende da unauto e comincia a sparare sulla gente che beve
un bicchiere di vino sulla terrazza di
un caff. La psicologia dellomicidio,
dellassassinio di massa di civili, rende sgomenti. Sconvolge ogni regola
della tradizione umana.
Dopo lorrore del primo momento,
quali sono state le sue riflessioni?
Non dobbiamo mai dare il nostro
modo di vivere per scontato. Come dice lorribile Daesh, gli obiettivi sono
scelti con attenzione. Rappresentano i
piaceri del venerd sera: il calcio, la musica, il cibo e le bevande, i flirt, la passeggiata. Conosco bene quellarea di
Parigi, sempre piena di giovani. E
giovani erano anche gli assassini. La
missione affidata a ragazzi, di massacrare indiscriminatamente altri ragazzi, al di l di qualsiasi cosa abbia mai
visto.
Nei suoi studi ha mai incontrato episodi di spietatezza paragonabili?
No, non ce n. Una ferocia come
questa del tutto senza precedenti.
Non mi viene in mente nulla di simile
nel passato, da nessuna parte.
Da dove viene questodio?
Non credo che possa avere a che fare con motivazioni politiche o sociali.
quello che in passato stata anche lideologia comunista: giovani che hanno bisogno di una causa in cui convogliare le loro passioni. Perch si sentono estranei dalla societ in cui sono inseriti. La gente vuole una causa che
dia significato alla sua vita. La rivoluzione aveva questa idea. Ma nessuno
voleva morire e causare tanto dolore
allo stesso tempo, questo qualcosa di
unico.
C qualcosa che lOccidente pu fare per evitare altri orrori?
I paesi del G-20 devono smettere
di discutere sulla leadership negli affari e hanno bisogno di una nuova dichiarazione di principi. Qualcosa in cui i
giovani possano credere. LEuropa deve trovare la sua coerenza morale.
Dobbiamo rispondere con le idee, non

*-'65630
*MGBTDJTNPFJM
DPNVOJTNP
MPIBOOP
EJNPTUSBUP
OFMMBTUPSJB
OVMMBQFS
TFNQSF BODIF
RVFTUBGPMMJB
VOHJPSOPGJOJS

4*.0/4$)"."

4UPSJDPMPOEJOFTF
EJPSJHJOJMJUVBOF 
JOTFHOBBMMB
$PMVNCJB
6OJWFSTJUZ5SBJ
TVPJTBHHJ -B
TUPSJBEFHMJFCSFJ
.POEBEPSJ

con le bombe. Dobbiamo recidere i legami con i paesi che allevano fanatici,
come lArabia Saudita. Serve una battaglia ideologica.
E le nazioni musulmane? Che dovrebbero fare?
Dovrebbero chiudere le madrasse
dove si predica lodio e lideologia dello sterminio.
Questi attacchi di Parigi sono un
punto di non ritorno nella Storia?
No. Non credo nemmeno che esistano i punti di non ritorno.
In altre parole, lei crede che potremo riavere la nostra vita comera
prima?
Certamente s. Il fascismo doveva
essere eterno, e non c pi. Il comunismo sovietico doveva durare per sempre, e si dissolto.
Nella prospettiva di uno storico,
che significato hanno il fanatismo,
il pregiudizio razziale, religioso, etnico? Copre come sempre altri interessi?
Ho sempre pensato che fosse cos.
Sono cresciuto in una cultura di sinistra, parlavo di classi, di poteri economici, ci che muove il mondo. Pensavo
che la pazzia nazionalista, la follia religiosa, fossero qualcosa che veniva dopo. Ora si vede che la demenza religiosa ha una forza immensa. Follia ebraica, follia islamica, follia cristiana: ha
un potere enorme. E le pazzie pi antiche vengono galvanizzate dalla tecnologia moderna. esattamente quello
che fa internet: crea comunit, il cui
contenuto appartiene al Medioevo.
Intende dire che Internet procura
nuovo spazio per il pregiudizio?
Assolutamente s. Molte pi persone hanno letto i 1SPUPDPMMJEFJTBWJBO
[JBOJEJ4JPO sul web, di quante lhanno fatto ai tempi del Terzo Reich. C
persino chi ricicla i miti degli ebrei che
bevono il sangue.
Ma come si radica il pregiudizio?
Mi capitato di partecipare a un
convegno a Dover con un esponente
del partito euro-scettico Ukip. Sentivo
i suoi argomenti sulla necessit di fermare larrivo di alieni, di mantenere
la cultura europea. Ho detto: sono gli
stessi argomenti che venivano usati
contro gli ebrei. Non intendevo gli anni Trenta, ma i Novanta. Mi hanno accusato di aprire la strada a culture pericolose.
Possibile che questi pregiudizi resistano nel Terzo Millennio?
Quando studiavo a Oxford Isaiah
Berlin, che consideravo come un vecchio zio, mi diceva: Simon, sarebbe
molto bello se fossimo tutti come Diderot e Montesquieu. Ma basta guardare il campo di football per capire quanto tribali possiamo essere. Sarebbe
bello se fossimo tutti capaci dal punto
di vista intellettuale di abbracciare lidentit dellaltro. Ma di fatto nella
psicologia sociale delluomo, sentirsi
parte di unidentit tribale.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

"UJR3BIJNJ-BVUPSF
BGHBOPTUBUPWJODJUPSF
EFMQSFNJP(PODPVSU
i6OBDSJTJDPNFRVFTUBDBNCJBUVUUP
.BOPOVOBHVFSSBEJSFMJHJPOFw

i0SBJNJHSBOUJ
QBHIFSBOOP
QFSDPMQF
DIFOPOIBOOP
DPNNFTTPw
'3"/$&4$"$"'&33*

el 2008 quando vinse il


premio Goncourt con il romanzo 1JFUSBEJQB[JFO
[B(uscito in Italia da Einaudi), Atiq Rahimi sembr incarnare una nuova idea di Francia:
quella in grado di aprire il suo premio letterario pi prestigioso a uno
scrittore che non ha il francese come lingua madre, che viene da una
cultura musulmana e da un Paese,
lAfghanistan, noto alle cronache
pi per i suoi lunghi conflitti che
per la sua produzione culturale. Da
allora, tutti i lavori di Rahimi che
nel frattempo diventato anche un
pluripremiato regista sono stati
volti a gettare un ponte fra i due
mondi in cui la sua vita si sviluppata. Mondi che oggi, dopo gli attacchi di Parigi, la citt dove Rahimi vive, sembrano pi distanti che mai.
Signor Rahimi, cosa ha pensato
quando ha sentito degli attacchi? In molti, gi dalle prime ore,
hanno iniziato a parlare di un
noi contro loro, Francia contro
Islam. Questo lha impressionata?
Allinizio ero sconvolto, come
tutti. Lo sono ancora. Ma fatico anche solo a pensare a una contrapposizione simile. Io oggi sono un francese, i miei figli sono francesi, i
Bleu sono la nostra nazionale di calcio. La ferita che stata inferta non
stata solo contro la Francia, ma
contro lumanesimo, contro la civilt, contro le speranze e i sogni di
tante singole persone. Che sia accaduto a Parigi o a Kabul per me non
fa differenza, mi sarei sentito in
ogni modo ferito come essere umano. La contrapposizione che lei ha
menzionato per me non esiste.
Per lei sa che questo avr conseguenze su chi, come lei ai suoi

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 



1&34"1&3/&%*1*
XXXDPMVNCJBFEV
UXJUUFSDPNEBWJEHSPTTNBO

%BWJE(SPTTNBO%B1BSJHJ
MPTDSJUUPSFJTSBFMJBOPBOBMJ[[B
JMEPQPTUSBHJi-*TWJVDDJEFQFS
RVFMMPDIFTJFUF OPOQFSDJDIFGBUF&TFOFMNJP
1BFTFOPODJTBSMBQBDFEJMBHIFSBODIFMw

i'FSNJBNP
TVCJUP%BFTI
PMBQBVSB
DJEJTUSVHHFSw
"-&9"/%3"4$)8"35;#30%

o scrittore israeliano David Grossman il weekend


scorso era a Parigi per presenziare a un congresso di
psicanalisti, alla fine annullato a causa degli attentati. Mi ha
ricevuta nel suo albergo nel centro di
Parigi ed stato lui a fare la prima domanda: lontana da qui place de la
Rpublique? Quanto ci vuole a piedi?
Mi piacerebbe unirmi alla folla.
Lei che vive in un Paese lacerato
dagli attacchi terroristici, come
spiega gli attentati di venerd 13?
Perch la Francia presa di mira?
difficile mettersi nella testa di
persone fanatiche. Non solo loro non
riescono a capire gli occidentali, anche gli occidentali non riescono a capirli. La politica estera della Francia
probabilmente spiega almeno in parte questi attacchi dello Stato islamico. Ma anche il modo di vivere dei
francesi e quel motto repubblicano
Libert, galit, fraternit. Anche
se non sempre viene rispettato, per i
fanatici resta una provocazione, qualcosa da distruggere. Quello che la
Francia per deve capire bene che
questi atti terroristici non sono appelli disperati al dialogo, sono una volont ermetica di diffondere il terrore.
Non si pu negoziare nulla con questa gente, sono venuti per uccidere.
Non pu esserci nessun dialogo possibile con persone che vogliono ammazzarvi non per quello che fate, ma per
quello che siete.
C dunque un parallelo con la situazione in Israele?
Intendiamoci: un omicidio un
omicidio, qualsiasi atto terroristico
devessere condannato col massimo
vigore. Ma ritengo che ci sia una grande differenza fra quello che vive oggi
la Francia e quello che viviamo noi. In
Israele, se riusciremo a trovare una
soluzione con i palestinesi, sono sicuro che le azioni terroristiche cominceranno a diminuire. Il buon senso finir per imporsi. Sono profondamente
convinto che rimane uno spazio di negoziazione con i palestinesi.
Dopo questi attentati cosa cambier nella societ francese?
Vivere nella paura distruttivo.
Si acquisisce il riflesso istintivo di vedere dei pericoli dappertutto. Non si
riesce a evitare di guardare laltro, se
diverso da te, come un pericolo.
questa la forza del terrore. Ci riporta
a un volgare stadio animale. E soprattutto ci mostra con quanta rapidit si
possono dimenticare i nostri valori di
libert e di democrazia. Ci vorr tempo per uscire da tutto questo. Ma ci sono momenti, nella vita, in cui bisogna
scegliere fra due cose sgradevoli. La
Francia deve assolutamente unirsi
con i Paesi che combattono lo Stato
islamico, e in particolare la Russia. E
soprattutto deve andare a combattere sul terreno. Lo Stato islamico ha un
impatto enorme, ma unorganizza-

tempi, lascia certi paesi per sfuggire alla guerra o alle dittature e
viene in Europa in cerca di un futuro diverso
Io so che in nessun attacco terroristico, che sia avvenuto in Libano,
in Francia o in Nigeria, sono coinvolti afgani. Gli afgani non sono terroristi e questo la gente lo sa. Per
quanto riguarda chi arriva da altri
paesi, chiaro che la situazione oggi molto diversa rispetto a quando sono arrivato io. Tutti qui in
Francia sono spaventati da questa
ondata di migranti ed comprensibile: il paradosso oggi che sempre
pi persone si fingono afgane per ricevere i benefici legati al fatto di venire da un Paese in guerra, ma fatto da gente pacifica.
Se allarghiamo il discorso ai musulmani che stanno arrivando in
Europa il quadro cambia?
Allora devo dire che il problema
c. vero, legato ai musulmani.
Ma non a loro in quanto persone,
piuttosto alla guerra geopolitica da
cui stanno fuggendo: una guerra
fra sunniti e sciiti, fra sauditi e iraniani, che sta presentando il conto
alla gente comune. I nemici dellEuropa oggi, i terroristi, sono quelli
che allinizio la stessa Europa e i
suoi alleati del Golfo hanno appoggiato in chiave anti-Bashar al Assad. Come gi accadde in Afghanistan. Ci tengo a sottolineare che la
questione geopolitica, non religiosa: il conflitto vero non fra ebrei,
musulmani o cristiani. fra paesi
contrapposti.
Che aria respira oggi a Parigi?
Ho tanti amici che come me
hanno origini diverse da quelle puramente francesi: tutti come me oggi si sentono, anzi sono, francesi.
Ma sappiamo che nulla da ora in

avanti sar pi semplice come era


prima.
Il successo di Houllebecq e di chi
si riconosce nelle sue idee la spaventa?
il prezzo della democrazia. In
democrazia tutti sono responsabili
degli errori commessi, i politici per
primi. Ha pagato Sarkozy, sta pagando Hollande: chiaro che di
fronte a questo cresce Marine Le
Pen. La gente cerca di prendere le
distanze dalle situazioni di crisi
chiudendosi in se stessa, cercando i
colpevoli nel mondo politico e cercando nuovi protagonisti. Hitler
arrivato al potere cos, ma pensate
anche alla classe politica che stanno esprimendo i paesi dellex blocco socialista, su cui negli anni Novanta erano state riposte tante speranze. In Europa ora i migranti sono diventati quelli da colpevolizzare: Le Pen senza dubbio raccoglier
i frutti di questo.
Il suo premio Goncourt sembr
aprire unepoca nuova nella cultura francese: i premi successivi
hanno confermato questa tendenza a riconoscere la ricchezza
delle tante culture che sono confluite in quella francese negli ultimi decenni. Crede che anche la
cultura finir con il pagare il
prezzo della mentalit di chiusura che sta avanzando?
Le posso solo dire che sono preoccupato, perch il cambiamento
di mentalit fra tanti francesi lo vedo tutti i giorni davanti ai miei occhi. Le crisi cambiano la visione, la
mentalit, la filosofia di un Paese.
Questa una lezione che la Storia ci
ha insegnato molto bene. Non sarei
sorpreso se ci accadesse anche qui
adesso.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*-%6##*0
)PUBOUJBNJDJ
DIFDPNFNF
TJTFOUPOP
GSBODFTJQVS
BWFOEPBMUSF
PSJHJOJ1FS
BEFTTPWJWFSF
JOTJFNFTBS
QJEJGGJDJMF

"5*23")*.*

4DSJUUPSFFSFHJTUB
BGHBOP PSB
DJUUBEJOPGSBODFTF 
IBWJOUPJMQSFNJP
(PODPVSUOFM
*TVPJMJCSJTPOP
QVCCMJDBUJJO*UBMJB
EB&JOBVEJ

zione piccolissima. In compenso, non


bisogna assolutamente confondere
lo Stato islamico con lislam. esattamente quello che vuole Daesh: dividere la societ francese, aizzare i non
musulmani contro i musulmani.
Amos Oz ha dichiarato che non parteciper pi alle manifestazioni ufficiali israeliane per protesta contro la politica di Netanyahu. Lei
sulla stessa linea?
Rispetto la posizione di Amos Oz,
ma considero importante che le ambasciate israeliane nel mondo rappresentino anche le mie opinioni critiche, anche quando faticano a mandarle gi.
Non ha paura che Daesh finisca
per insediarsi a Gaza o in Cisgiordania?
S, naturalmente. E il solo modo
per evitarlo negoziare con i palestinesi. Se non offriamo loro un modo
per esprimere la loro identit nazionale, c il rischio che cedano alla tentazione del radicalismo. E bisogna fare in fretta, non abbiamo abbastanza
tempo: il terrorismo dei coltelli
gi influenzato dallo Stato islamico.
Netanyahu in grado di farlo?
Difficile a dirsi. Io penso che faccia un errore di fondo: la sua pi grande aspirazione non risolvere il conflitto, ma gestirlo, contenerlo. La destra israeliana ritiene che esista una
sorta di status quo con i palestinesi,
che comprende fasi di violenza. Ma
hanno torto. Quando un popolo oppresso, non pu esserci nessuno status quo. La rabbia dei palestinesi
sempre pi trattenuta, finir per
esplodere, e questa volta sul modello
dello Stato islamico.
Bisogna dialogare anche con Hamas?
C una differenza fra Hamas e lo
Stato islamico. Hamas affonda le sue
radici nella popolazione, per molto
tempo ha rappresentato una causa
che alla popolazione appariva difendibile. Daesh un esercito che cerca di
fabbricarsi una popolazione. Non gode di un ampio consenso fra la gente
come Hamas. NellOlp ci sono ancora
dei leader con cui si pu discutere, in
Hamas no. Se si trova un compromesso con i palestinesi, allora bisogna riuscire a stipulare un cessate il fuoco
con Hamas. Ridurre lintensit del
fuoco che cova sotto la cenere di questo conflitto sarebbe gi un grande
successo. Se i palestinesi riusciranno
a ritrovare un po di normalit e di dignit, invece di umiliazioni quotidiane e check-point, allora saranno sempre meno quelli decisi a combatterci.
Bisogna fare in modo che i nostri due
popoli straziati arrivino a trovare un
compromesso, anche doloroso, nonostante manchino drammaticamente
del vocabolario della pace.

-JCSBUJPO
5SBEV[JPOFEJ'BCJP(BMJNCFSUJ
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*.07&/5*
-BQPMJUJDBEJ
)PMMBOEFJO
4JSJBJOQBSUF
DFOUSB QFSJM
WFSPTDPQP
DPMQJSFJUSF
HSBOEJWBMPSJ
GJHMJEFMMB
3JWPMV[JPOF

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c



-"-055""--"."'*"

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

-JODIJFTUB

i.PSJSDPNF,FOOFEZw
$FSB"MGBOPOFMNJSJOP
EFJCPTTEJ$PSMFPOF
i-BCCJBNPFMFUUP TJEJNFOUJDBUPEJOPJw4FJBSSFTUJ
*MNJOJTUSPi3JJOBNFMIBHJVSBUBQFSJMDBSDFSFEVSPw
4"-701"-";;0-0
PALERMO. In una masseria sperduta in campagna a

-&5"11&

-*/%"(*/&
*DBSBCJOJFSJIBOOP
UFOVUPQFSNFTJ
TPUUPDPOUSPMMPTFJ
QBTUPSJEJ$PSMFPOF
5SBMPSP GPUPTPUUP

3PTBSJP-P#VF 
HJDPOEBOOBUPQFS
JMGBWPSFHHJBNFOUP
EJ1SPWFO[BOP

-&*/5&3$&55";*0/*
*TFJQBSMBWBOPDPNF
3JJOB DBQPEJ$PTB
OPTUSBSJODIJVTP
BMCJT EJHFTUJ
WJPMFOUJFEFDMBUBOUJ
$BQPNBGJBEJ$IJVTB
4DMBGBOJWJFOF
OPNJOBUP7JODFO[P
1JMMJUUFSJ GPUPTPUUP

Corleone meditavano il ritorno alla strategia del


terrore, nel nome di Tot Riina, capo di Cosa nostra
rinchiuso al carcere duro da 22 anni. Te lo ricordi
quando gli TUJEEBSJ squagliarono il giudice
Livatino? sono cresciuti non sai quanto. I nuovi
padrini avevano gi scelto lobiettivo da colpire: il
ministro dellInterno Angelino Alfano, che
ritenevano responsabile di avere aggravato il 41
bis. Tutte queste lamentele che escono dalla
galera, diceva Pietro Masaracchia, uno dei pi
nostalgici del verbo Riina. E si sfogava contro il
politico agrigentino: Un porco con le persone chi
minchia glielo ha portato allora qua con i voti di
tutti degli amici andato a finire l insieme a
Berlusconi e ora si sono dimenticati di tutti e
dalla galera dicono cose tinte su di lui.
Era il 6 settembre dellanno scorso, i carabinieri del
nucleo Investigativo di Monreale e i colleghi di
Corleone seguivano in diretta. Se siamo, se c
laccordo insisteva Masaracchia lo fottiamo a
questo gli DBGVEEJBNP una botta in testa ci
vuole un po dimpegno, gli DBGVEEJBNP una botta
in testa non perdiamo la faccia, noialtri siciliani.
Qualche mese prima, anche Riina, intercettato in
carcere a Opera, aveva urlato contro Alfano:
Sempre che parla del 41, disgraziato. E i 6 nuovi
padrini del clan di Corleone, fermati gioved notte
dai militari del comando provinciale diretto dal
colonnello Giuseppe De Riggi, lo osannavano:
Tot ha capito tutte cose, se avevamo lui qua, ma
nessuno fa pi niente per lui, nessuno gli d pi
conto. A questo punto, un altro sfogo, sui mafiosi
traditi dalla politica. Masaracchia arriva a
paragonare Alfano a John Fitzgelard Kennedy per
accusarlo di un presunto voltafaccia: Perch a

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*MSBODPSFEJRVFJNBGJPTJTFQPMUJWJWJ
*-3"$$0/50
"55*-*0#0-;0/*
E solo ne avessero la forza, li
farebbero a pezzi. Tutti.
Quelli della vecchia guardia
e quegli altri pi giovani che hanno preso il potere. A torto o a ragione si sentono traditi. Per, come si dice in Sicilia, il fatto uno
ma il discorso un altro.
Cominciamo dallinizio che

-&"3.*
/FMDPSTPEFMCMJU[
TPOPTUBUJSJOWFOVUJ 
BMMJOUFSOP
EJVOPWJMF VOGVDJMF
FVOBQJTUPMB.BPSB
TJDFSDBOPBMUSFBSNJ
EJDVJJTFJQBSMBWBOP
OFMMFDPOWFSTB[JPOJ
JOUFSDFUUBUF

Kennedy chi se lo masticato spiega a Vincenzo


Pellitteri, capo di unaltra famiglia noialtri l in
America. Pausa e commento: Ha fatto le stesse
cose che ha fatto Alfano, prima salito con i voti di
Cosa nostra americana e poi gli ha voltato le
spalle eh dunque se non ci difendiamo....
Per lindagine dei sostituti Sergio Demontis e
Caterina Malagoli, del procuratore aggiunto Leo
Agueci, i mafiosi avevano ipotizzato scenari precisi
per entrare in azione. A Roma c gente che ha
una casa e la mette a disposizione, Masaracchia.
Noi lo dobbiamo TNJODIJBSF quando se ne va a
dormire. Poi, avevano optato per lipotesi Sicilia:
Quando viene ad Agrigento e ci
I mafiosi non
-" sono le elezioni.
fretta: Lo aspettiamo
(*03 avevano
tra due anni alle elezioni.
/" qua,
Solidariet bipartisan per il
5" ministro dellInterno. Anche il
leader della Lega Salvini
ribadisce: Solidariet assoluta e doverosa. Dal
coro di dichiarazioni mancano per Renzi e
Berlusconi. Alfano guarda avanti: La liberazione
della mia terra da questi maledetti vale pi della
mia vita. Riina e i suoi seguaci me lhanno giurata,
per il carcere duro e le leggi sui sequestri. Ma il
deputato di Sinistra Italiana-Sel Erasmo Palazzotto
lo critica: Solidali per le minacce, ma spieghi
quella frase sui voti ottenuti dagli amici. Non il
solo mistero rilanciato dai nuovi padrini di
Corleone. Quel giorno, i boss si chiedevano del
pizzo pagato da Berlusconi negli anni Settanta e
Ottanta come Riina in unaltra intercettazione in
carcere. Berlusconi esce 500mila euro lanno
dicevano ma questi soldi dove vanno a finire? Ci
sarebbe da andare a vedere quello l, a chi li dava
DellUtri. Ora lui dentro. A chi li portavano?.

"UPSUPPBSBHJPOFTJ
TFOUPOPUSBEJUJEBDIJ
OPOBWSFCCFNBOUFOVUP
QSFTVOUFQSPNFTTF
poi anche la fine. Questa notizia che viene da Corleone, capitale di una Cosa Nostra ormai abbattuta con i suoi boss storici rinchiusi nelle segrete del 41 bis, descrive attraverso uno sfogo intercettato come cambiato irrimediabilmente il rapporto fra mafia
e politica. Scomodando perfino il
mitico presidente Kennedy
proprio domani cade il 52esimo
anniversario dellattentato a Dallas e paragonandolo con dilata-

zione allagrigentino Angelino


Alfano, una mezza dozzina di allevatori malavitosi cresciuti sotto la Rocca Busambra ci raccontano come ribolle il loro sangue e cosa passa per le loro teste malate.
sempre la stessa musica: il
voltafaccia degli uomini politici,
quelli che li hanno abbandonati
nelle carceri speciali dopo che loro che li avevano sostenuti in
campagne elettorali, dopo che li
avevano votati e fatti votare, dopo che li avevano portati in al-

to e sempre pi in alto. I nomi contano e non contano. Oggi se la sono presa con il ministro dellInterno, siciliano che lelettorato ce
lha sparso fra la sua isola e la Calabria. Ma poco importa un nome
o un personaggio per quella Cosa
Nostra che al macero, tutta
una classe politica sottaccusa
perche ha voltato alle spalle, perch non ha mantenuto le promesse e in qualche caso come Salvo Lima per esempio non ha
garantito il buon esito di un pro-

cesso come quello (il maxi) istruito da Giovanni Falcone.


Abbiamo citato Lima e diciamo subito che lui, referente
dellaristocrazia mafiosa palermitana per tre decenni almeno,
niente a che fare con Alfano che
arrivato allAssemblea regionale
siciliana tre anni dopo che il proconsole di Andreotti in Sicilia era
gi morto, ucciso dai sicari di Tot Riina nei vialetti di Mondello.
La data di quellomicidio 12
marzo 1992 per importan-

te perch segna il cambiamento


totale del vincolo tra il potere mafioso e il potere politico.
quel giorno che un sistema
che resisteva dal dopoguerra si
rompe. E per sempre. Un patto
non scritto con il partito Democrazia cristiana che aveva governato lItalia dallo sbarco degli
Alleati e che sembrava indistruttibile. Il 1992 lanno decisivo.
Dopo Lima ci sono le minacce ad
altri uomini della politica italiana come Calogero Mannino, lex

."3$&--0%&--653*
&YTFOBUPSF1EM BOOJ 
TUBUPDPOEBOOBUPQFS
DPODPSTPFTUFSOPJO
BTTPDJB[JPOFNBGJPTB

4"-70-*."
6DDJTPB1BMFSNPOFM
 QBSMBNFOUBSF%D 
FYTJOEBDPEJ1BMFSNP 
FSBMFHBUPB$PTBOPTUSB

*1&340/"((*

+0)/'*5;(&3"-%,&//&%:
-PNCSBEFMMBNBGJB
TVMMBTVBVDDJTJPOF JM
OPWFNCSFB%BMMBT
1SFTJEFOUF6TBEBM

4*-7*0#&3-64$0/*
*OQPMJUJDBEBM USF
WPMUFQSFNJFS BOOJ 
BDDVTBUPQJWPMUFEJ
SBQQPSUJDPOMBNBGJB

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 



1&34"1&3/&%*1*
QBMFSNPSFQVCCMJDBJU
XXXSFQVCCMJDBJU

-*/5&37*45"-070* 130$63"503&%*1"-&3.0

i$PTB/PTUSBBODPSB
UFNJCJMFFTBOHVJOBSJB
NBQBUJTDFJMCJTw
'3"/$&4$07*7*"/0

$&-0'055*".0

",FOOFEZDFMP
TJBNPNBTUJDBUJ
OPJBMUSJFIBGBUUP
MFTUFTTFDPTF
EJ"MGBOPDIFPSB
DFMPGPUUJBNP

$0/*/0453*705*

BSSJWBUPMDPO
JWPUJOPTUSJ JWPUJ
EFHMJBNJDJ
$PNF#FSMVTDPOJ
&QPJMPSPTJTPOP
EJNFOUJDBUJEJUVUUJ

13&4*%&/5&/$%
"OHFMJOP"MGBOP BOOJ EBMNJOJTUSP
EFMM*OUFSOP(JBMMB(JVTUJ[JB 

OFMHPWFSOP#FSMVTDPOJ EBTFHSFUBSJP1EM

IBQSPNPTTPMBTDJTTJPOFGPOEBOEP
JM/VPWP$FOUSP%FTUSBEJDVJQSFTJEFOUF
4PQSBMFJOUFSDFUUB[JPOJEFJCPTTB$PSMFPOF

WFSTPJQPMJUJDJ
ministro che appena un paio di
settimane fa considerato
dallaccusa lispiratore della trattativa Stato-mafia stato assolto a Palermo in quel processo.
Poi, poi arrivato Silvio Berlusconi. *EEVQFOTBTPMPB*EEV,
lui pensa solo a se stesso, era il
tam tam che circolava nelle carceri quasi dieci anni dopo che il
Cavaliere oltre alla Presidenza
del Consiglio aveva conquistato tutto quello che poteva conquistare. Altre promesse non mante-

i*EEVQFOTBTPMPBJEEVw
JMUBNUBNEFMMFQSJHJPOJ
EPQPDIFJM$BWBMJFSF
BWFWBDPORVJTUBUPUVUUP
nute, altri patti non rispettati
per i boss della Cupola. Tanto che
la nostra JOUFMMJHFODFe il Servizio
Centrale Operativo della Polizia,
nel settembre del 2002 avvertiva che la mafia siciliana pronta a lanciare unoperazione di forte impatto con ricadute destabilizzanti sul piano politico e idonea, comunque, a far capire allo
Stato che i capi di Cosa Nostra
non intendono accettare lo status quo.

Sempre il 41 bis. I capi della fazione pi violenta di Corleone


chiedevano conto e ragione a Berlusconi della loro permanenza in
carcere. Due suoi fedelissimi,
Marcello DellUtri e Cesare Previti, venivano indicati come bersagli di azioni eclatanti. Minacciati dai boss che volevano vendicarsi. Uniti contro il 41 bis, Berlusconi dimentica la Sicilia, era
scritto nello striscione lungo sette metri che qualcuno srotol dalla curva degli ultras alla Favorita
di Palermo, 22 dicembre 2002.
Era la penultima giornata del girone dandata del campionato di
serie B, Palermo contro Ascoli, la
partita fin 2 a 2.
Lultima parlata dei mafiosi
di Corleone il riassunto dei risentimenti che si sono trascinati
per tanto tempo dentro Cosa Nostra. Sentite cosa diceva qualche
anno fa il capo mandamento di
Brancaccio Giuseppe Guttadauro mentre ricordava i delitti eccellenti di Palermo al suo amico Salvatore Aragona: Soltanto
i politici si possono infilare sotto
quellombrello, tu vedrai che nei
vari processi quelli che non
avranno problemi saranno solo i
politici. il rancore dei mafiosi
sepolti vivi.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

PALERMO. La mafia continua a fa-

re la mafia e sempre con le stesse


regole, le stesse attenzioni alla distribuzione delle cariche e con interessi nelleconomia, pubblica
amministrazione, nel settore delle estorsioni, non disdegnando
azioni violente da commettere
nei confronti di altri soggetti.
Per il Procuratore di Palermo,
Francesco Lo Voi loperazione
nei confronti della cosca capeggiata dagli eredi di Riina, dimostra che ancora temibile e si
agito anche per evitare lomicidio di un mafioso non ancora
identificato.

Ma il progetto di uccidere il ministro Alfano?


Dallinchiesta emerso che i
mafiosi intercettati e arrestati discutevano di una punizione da
dover dare al ministro Alfano collegandola alla sua attivit in materia di 41bis. Ma progettazione un termine troppo avanzato perch era una discussione avvenuta nel 2014 tra mafiosi e in
questo discussione cera chi proponeva di agire a Roma e chi di fare lattentato in Sicilia nel momento in cui avrebbero tolto la
protezione al Ministro. Il che non prevedibile n imminente. In
ogni caso questa discussione conferma che per Cosa Nostra, an-


*MQSPHFUUPEJiGBSHMJFMB
QBHBSFwFSBJOVOBGBTF
FNCSJPOBMF OPO
BWFWBOPEFDJTPTF
DPMQJSFB3PNBPRVJ

AA

'3"/$&4$0-070*
130$63"503&%*1"-&3.0

che per i soggetti non detenuti, il


41bis resta una delle priorit,
per cos dire politica e che questi personaggi condividono le lamentele di chi, per esempio, co-

me Tot Riina, sottoposto a


quel regime carcerario.
A proposito di Riina dallindagine emerge che i nuovi boss
in libert sostenevano con
denaro i familiari del capo di
Cosa nostra e che la stessa moglie di Riina, Antonietta Bagarella, avrebbe fatto da paciere
in alcune controversie tra le
cosche corleonesi.
C almeno un versamento di
denaro ma questo non deve sorprendere perch fa parte delle regole provvedere al mantenimento delle famiglie dei detenuti, a
maggior ragione quando si tratta di un personaggio come Riina
che era stato il capo assoluto di
Cosa Nostra. Per quanto riguarda la signora Riina il suo intervento potrebbe derivare da conoscenze personali che le hanno
consentito di esprimere una valutazione, un giudizio, ma non sono emersi elementi per cui la moglie di Riina svolga un ruolo nella
famiglia mafiosa e potrebbe benissimo interpretarsi come un intervento, magari sollecitato, derivante dalle sue conoscenze personali in paese.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

10-*5*$"&(*645*;*"



la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

*MQSPDFTTP

1&34"1&3/&%*1*
XXXGPS[BJUBMJBJU
XXXCFQQFHSJMMPJU

%FM5VSDPDPOEBOOBUPJOBQQFMMP
5BOHFOUJ4BOJU BOOJFNFTJBMMFYHPWFSOBUPSFEFMM"CSV[[P-BEJGFTBTFOUFO[BJODPNQSFOTJCJMF
1FSJHJVEJDJDPMQFWPMFEJTFJFQJTPEJDPSSVUUJWJ-BQFOBTUBUBEJNF[[BUBSJTQFUUPBMQSJNPHSBEP
-*"/".*-&--"
&913&4*%&/5&
0UUBWJBOP%FM
5VSDP BOOJ 
TUPSJDP
FTQPOFOUFEFMMB
$HJM TUBUP
HPWFSOBUPSF
EFMM"CSV[[PEBM
BM

Non lhanno assolto, come pure Ottaviano Del Turco


avrebbe sperato, visto che si
sempre proclamato innocente,
paragonandosi perfino a Enzo
Tortora. Per la Corte dappello
dellAquila gli ha pi che dimezzato la pena, i 9 anni e mezzo del
22 luglio 2013 sono diventati 4
anni e 2 mesi. Certo non gli potr fare piacere che il suo grande accusatore, lex patron della
clinica privata Villa Pini di Chieti Vincenzo Maria Angelini, che
fece esplodere nel 2008 la Sanitopoli abruzzese, sia stato assolto e dovr pure incassare 2 milioni di euro a titolo di risarcimento. Era un testimone affidabile commenta lavvocato Gianluca Ducci.
Bisogner aspettare il verdetto finale della Cassazione per veROMA.

-&5"11&

-"33&450
0UUBWJBOP%FM5VSDP
WJFOFBSSFTUBUP
OFMMVHMJPEFM
QFSMB4BOJUPQPMJ
BCSV[[FTF(MJ
DPOUFTUBOP
FQJTPEJDPSSVUUJWJ4J
EJNFUUFEBMMBDBSJDB
EJHPWFSOBUPSF
*/53*#6/"-&
/FMMVHMJPEFM
%FM5VSDP DIF
IBTFNQSFSFTQJOUP
UVUUFMFBDDVTF 
WJFOFDPOEBOOBUPB
BOOJFNFTJEJ
SFDMVTJPOF
EBMUSJCVOBMF
EJ1FTDBSB
*/"11&--0
-B$PSUFEBQQFMMP
JFSJIBDPOGFSNBUP
MBDPOEBOOB 
EJNF[[BOEPMBQFOB 
SJUFOFOEPDSFEJCJMF
JMHSBOEFBDDVTBUPSF 
7JODFO[P"OHFMJOJ 
FYQBUSPOEFMMF
DMJOJDIFQSJWBUF

*MHSBOEFBDDVTBUPSF
"OHFMJOJSJUFOVUP
DSFEJCJMF PUUFSSBODIF
VOSJTBSDJNFOUPEBOOJ
dere come andr a finire il processo che 8 anni fa sconvolse la
vita politica abruzzese con pesanti riflessi a Roma. Ma il
round di ieri 7 ore di camera di
consiglio per il presidente Luigi
Catelli e i giudici a latere Luigi Cirillo e Armanda Servino, 15 minuti per leggere le pene assegna un parziale vantaggio a Del
Turco. Convinto, come disse a
3FQVCCMJDB il 23 luglio 2013 dopo la condanna in primo grado
che Angelini aveva fatto le sue rivelazioni solo perch le azien-

4FUUFBOOJEPQPMP
TDBOEBMPBSSJWBJM
WFSEFUUPEBQQFMMP
PSBMB$BTTB[JPOF
de gli stavano fallendo.
Lex presidente della commissione Antimafia, dove rest dal
1996 al 2000, lex ministro delle
Finanze nel governo Amato del
2001, lultimo segretario del Psi
tra 93 e 94, noto per il suo passato di sindacalista, non riesce a
togliersi di dosso la macchia della corruzione negli anni in cui
stato governatore dellAbruzzo
con una giunta di centrosinistra.
Il suo arresto, il 14 luglio
2008, fu un terremoto per il Pd.

La procura di Pescara lallora


capo Nicola Trifuoggi, i pm Giuseppe Belleli e Giampiero Di Florio gli contest reati pesanti come corruzione, concussione,
truffa, associazione a delinquere. Trifuoggi disse che contro
Del Turco cera una montagna
di prove. Rest per 28 giorni
nel carcere di Sulmona, poi ancora due mesi ai domiciliari. Quando fu condannato, dichiar che
era malato di tumore, sotto chemio, ma intenzionato a vivere
altri 5 anni per vedere lassolu-

zione. Per ora vede la pena sensibilmente ridotta. Del resto anche il pg Ettore Picardi ha chiesto 6 anni e mezzo, sostenendo
che i riscontri per le accuse ci
sono, ma non sono state trovate
le tracce patrimoniali dei reati.
Le 24 dazioni di denaro si riducono a sei, e si riducono anche i 6
milioni di euro sui 15 complessivi che Angelini gli avrebbe pagato. Ma a Del Turco resta addosso
un reato pesante come linduzione indebita a dare o promettere
utilit, figlia minore della con-

cussione derubricata dallex


Guardasigilli Severino. Angelini, in 7 interrogatori, raccont
che gli aveva versato mazzette,
port una foto, ma Del Turco ribatt che in quella busta cerano noci e mele e non denaro. Angelini replic che prima cerano
i soldi e poi le mele ce le mise lui.
Il suo avvocato Marco Caiazza
aspetta le motivazioni per comprendere perch ci sono imputati assolti dall80% dei reati e condannati per il 20%.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

$&/530%&453"*/4*$*-*".*$$*$)$0..*44"3*0%*'03;"*5"-*"

45&--&6-5*.0$"464#&--*6/%*#"55*50$0/(03*%&-1%

.JMBOP 4BMWJOJCFOFEJDF4BMMVTUJ
i.JQJBDF TJQVDIJVEFSFw

1J[[BSPUUJ HFMPUPUBMFEBM.4
FMVJPSBQFOTBBVOBMJTUBDJWJDB

50.."40$*3*"$0
ROMA. E adesso arriva anche lincoronazione della Lega: Alessandro Sallusti uno dei possibili
candidati a Milano sostiene
Matteo Salvini A me piace come persona e professionista. Se
lui, noi ci siamo. Il futuro del direttore del (JPSOBMF, insomma,
in politica. E visto che linvestitura a un passo, blindata da un
patto con Silvio Berlusconi, gi si
ragiona della successione alla
guida del giornale di famiglia: ieri il senatore Augusto Minzolini,
fresco di condanna per peculato
e destinato alla decadenza da Palazzo Madama, firmava un editoriale in prima pagina. Un dettaglio che profuma dindizio, anche se lalternativa di peso:
Maurizio Belpietro.
La nuova avventura stuzzica
Sallusti. Per questo il direttore,
in vacanza a Londra con Daniela
Santanch, non si sbilancia: Sto
ragionando con la coalizione per
vedere se ci sono le condizioni. La
decisione andr presa in poche
settimane. Entro una decina di
giorni arriver lannuncio. Santanch, intanto, ostenta uninsolita cautela: Faccio il tifo per lui,
ma quello che decide sono affari
suoi, io non centro. Tutta pre-

tattica, in realt, perch per il via


libera ufficiale Berlusconi attende solo lesito di alcuni sondaggi
commissionati su Sallusti. Arriveranno assieme ai rilevamenti demoscopici ordinati per sondare il
gradimento di Giorgia Meloni a
Roma. A Napoli, nel frattempo,
anche il Pd si attrezza fissando le
primarie per il 7 febbraio.
Non tutti, a dire il vero, la pensano come Berlusconi. Colombe
come Paolo Romani e Giovanni
Toti si oppongono al falco Sallusti. Incurante dei dubbi, il capo di
FI fa il tagliando al partito e impone una serie di commissariamenti: Elisabetta Gardini in Trentino, Nunzia De Girolamo in Molise, Giuseppe Moles in Basilicata
e, soprattutto, Gianfranco Miccich in Sicilia. Assieme al restyling, Berlusconi lancia una nuova
escalation contro la magistratura. La colpa? Aver richiesto il rinvio a giudizio nellambito del Ruby ter: il sessantaseiesimo attacco in ventunanni. Se mi dovessero togliere di mezzo, Forza
Italia scenderebbe sotto il 10%.
Ma io resto in campo. E proprio
per rosicchiare consensi, lex Cavaliere mette nel mirino i grillini:
Una banda di balordi, taglia
corto.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*-130$&440

/"10-*5"/0/0/4"35&45*.0/&"-i#034&--*/026"5&3w
-FYQSFTJEFOUFEFMMB3FQVCCMJDB(JPSHJP/BQPMJUBOPOPOWFSS
TFOUJUPDPNFUFTUFEFMi#PSTFMMJOPRVBUFSw-PIBEFDJTPMB$PSUF
EBTTJTFEJ$BMUBOJTTFUUBSJUFOFOEPMBTVBEFQPTJ[JPOFTVQFSGMVBBMMB
MVDFEFMMFUFTUJNPOJBO[FHJBDRVJTJUF DPTDPNFSJDIJFTUPEBMMFY
$BQPEFMMP4UBUP-BEFDJTJPOFEFJHJVEJDJWJFOFDSJUJDBUBEB4BMWBUPSF
#PSTFMMJOP JMDVJMFHBMFBWFWBSJDIJFTUPDIF/BQPMJUBOPWFOJTTF
BTDPMUBUPJOBVMB

"//"-*4"$6;;0$3&"
ROMA. Sono fuori di s, i giovani
leader del direttorio a 5 stelle. E a
farli infuriare ancora una volta
il sindaco di Parma Federico Pizzarotti. Colpevole, ai loro occhi,
di aver accettato linvito a un confronto con Giorgio Gori organizzato dai giovani democratici della Lombardia. A difenderlo, non
c pi neanche Luigi Di Maio. Il
vicepresidente della Camera si
era speso per lui quando Grillo e
Casaleggio erano pronti a cacciarlo. Non per simpatia personale, i due non si sono mai presi, ma
perch il responsabile degli enti
locali sa che i 5 stelle a Parma
hanno fatto molto meglio che in
altre citt. Non hanno i problemi
di tenuta e di bilancio di Filippo
Nogarin a Livorno. Hanno raggiunto risultati il premio Legambiente come miglior comune nella raccolta differenziata,
quello per il miglior piano energetico che il blog ha sempre preferito non mettere in luce, concentrandosi sulla mancata chiusura
dellinceneritore. Ma che un
peccato rinnegare, soprattutto
mentre ci si prepara alle amministrative di Roma, Milano e Napoli. E per, adesso, la misura considerata colma. Non solo per lin-

contro previsto a Milano il 28 novembre. N per le troppe uscite


autonome del passato, compresa
la Leopolda dello scorso 7 dicembre a Parma. Ma perch la
settimana scorsa il sindaco ha tenuto a Roma una conferenza
stampa sullimportanza del festival Verdi insieme alla senatrice
fuoriuscita Maria Mussini, che
ha presentato un emendamento
alla manovra per far ottenere al
teatro Regio i soldi dovuti a un
evento internazionale. I 5 stelle
si erano rifiutati, il sindaco ha accettato laiuto degli ex. Di qui, la
furia di Di Maio, che ha azzerato
tutti i contatti, anche telefonici.
Sullincontro del 28, Pizzarotti
spiega: Confrontarsi con chi la
pensa diversamente arricchisce
noi e chi ci ascolta. Non bisogna
avere paura del confronto quando leale, nel merito e punta a risultati utili per i cittadini. I suoi
fanno notare che Mattia Fantinati andato al meeting di Rimini,
Barbara Lezzi a Cernobbio. Ma
non fanno breccia. In molti lo considerano gi fuori. E lui potrebbe
decidere di fare a meno del Movimento, per ricandidarsi nel 2017
alla guida di una lista civica. Che
il Pd regionale, a corto di candidati, sta pensando di appoggiare.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

$30/"$"

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 



1&34"1&3/&%*1*
XXXJOHWJU
XXXQSPUF[JPOFDJWJMFHPWJU

-BTFOUFO[B

5FSSFNPUPBMM"RVJMB TDJFO[JBUJBTTPMUJ
i(SBOEJ3JTDIJw MBEFDJTJPOFEFMMB$BTTB[JPOF&SBOPBDDVTBUJEJPNJDJEJPDPMQPTPQFSOPOBWFSEBUPMBMMBSNF
$POEBOOBUP%F#FSOBSEJOJT FYWJDFDBQPEFMMB1SPUF[JPOFDJWJMF*GBNJMJBSJEFMMFWJUUJNFOPOGBUUBHJVTUJ[JB
'3"/$&4$04"-7"503&
-&."$&3*&
6OJNNBHJOF
EFMM"RVJMBEPQP
JMUFSSFNPUP
EFMBQSJMF
*MCJMBODJPEFGJOJUJWP
EFMTJTNBGV
EJNPSUJ
FDJSDBNJMBTGPMMBUJ

ROMA. Ci sono volute dieci ore di

-&5"11&

*-13*.0(3"%0
/FMJNFNCSJ
EFMMBDPNNJTTJPOF
(SBOEJSJTDIJWFOHP
OPDPOEBOOBUJQFS
PNJDJEJPDPMQPTP
BWSFCCFSPTPUUPWB
MVUBUPJMSJTDIJPFJO
EPUUPMBQPQPMB[JPOF
BSFTUBSFBMM"RVJMB
*-%*&530'30/5
"OPWFNCSF
MB$PSUFE"QQFMMP
SJCBMUBBTTPMUJHMJ
FTQFSUJ DPOEBOOBUP
BEVFBOOJTPMP
MFYWJDFDBQPEFMMB
1SPUF[JPOFDJWJMF
QFSMFEJDIJBSB[JPOJ
BJHJPSOBMJTUJ
-6-5*.0"550
*FSJMB$PSUFEJ$BTTB
[JPOFIBBDDPMUPMB
SJDIJFTUBEFMQSPDV
SBUPSFHFOFSBMF
DPOGFSNBOEP
MBTTPMV[JPOFEFJTFJ
FTQFSUJUSBMFQSPUFTUF
EFJGBNJMJBSJEFMMF
WJUUJNFEFM

camera di consiglio. Poi la corte


di Cassazione ha confermato: dei
7 componenti della commissione
Grandi Rischi, imputati di omicidio colposo nei confronti di 29
persone, e lesioni plurime verso
altre 8 per il terremoto dellAquila dellaprile 2009, sei i componenti scientifici vengono assolti. Confermata la condanna a
due anni solo per Bernardo De
Bernardinisi, lex vice capo della
Protezione civile. In altre parole:
la responsabilit di aver rassicurato indebitamente i cittadini
dellAquila sul rischio sismico della citt, prima e dopo la riunione
lampo del 31 marzo 2009, solo
dellallora vice di Guido Bertola-

4MJUUBBJOJ[JPNBS[PDPO
JMSJTDIJPQSFTDSJ[JPOF
JMQSPDFTTPQBSBMMFMPDIF
WFEFJNQVUBUP#FSUPMBTP
so.
Per tutti gli altri, ieri, la Cassazione ha messo la parola fine alle
accuse. Franco Barberi, allepoca
presidente vicario della commissione ed ex capo della Protezione
civile, Enzo Boschi, presidente
dellIstituto nazionale di geofisica, Giulio Selvaggi, capo del Centro nazionale terremoti, Gian Michele Calvi, direttore di Eucentre, Claudio Eva, docente di fisica
allUniversit di Genova, e Matteo Dolce, direttore dellUfficio rischio sismico della Protezione civile, sono stati giudicati definitivamente innocenti.

Mariagrazia Piccinini, madre


di una delle vittime, ha gli occhi
lucidi. Insieme ad altri familiari,
ha aspettato per ore, fuori dal Palazzaccio, la sentenza degli Ermellini che ha confermato quella
della corte dAppello dellAquila:
Se va su Google maps pu ancora vedere quel palazzo in via
Campo di Fossa. Mia figlia Ilaria
viveva l. Era stato tirato su negli
anni Sessanta. Chiss di cosa era
fatto. Quando morta aveva 25
anni. una vittoria nei confronti della Protezione civile. E dello
Stato, che ha ci rassicurato quando non doveva farlo, aggiunge

Vincenzo Vittorini, che nel terremoto ha perso moglie e figlia. Lui


ha aspettato per tutte e dieci le
ore il verdetto degli Ermellini.
Gli altri parenti delle vittime
nellarco della giornata sono tornati a casa, alla spicciolata. Provo rabbia invece per il fatto che
siano stati assolti i cosiddetti
scienziati aggiunge Qualcuno mi dovr spiegare che senso ha avere la commissione Grandi Rischi se non c assunzione di
responsabilit per quello che dicono.
Per noi si chiude una vicenda
lunga, complessa e dolorosa il

commento alla sentenza del sismologo Selvaggi Rimane un


grande rammarico: questo processo non ha contribuito minimamente a ridurre il rischio sismico
nel nostro Paese, rimasto inalterato dai giorni del terremoto.
Ancora in corso allAquila il
processo parallelo che vede imputato lex numero uno della Protezione civile Guido Bertolaso: la
prossima udienza fissata a marzo e si avvicinano i termini per la
prescrizione. A trascinarlo sul
banco degli imputati stata una
telefonata intercettata con lallora assessore regionale alla Prote-

zione civile Daniela Stasi, divenuta poi di dominio pubblico. Bertolaso aveva preannunciato alla
donna la riunione del 31 marzo
2009, definendola unoperazione mediatica per rassicurare la
popolazione, durante la quale anticipare la tesi dellassenza di pericolo grazie al positivo scarico
di energia. La popolazione aquilana, infatti, nei giorni prima del
terremoto era in ansia da tempo
e in questo clima lex numero
uno della Protezione civile convoc la commissione e gli organi di
stampa per evitare allarmismi.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

-*/5&37*45"*-4*4.0-0(0#04$)* &913&4*%&/5&%&--*/(7i/0*6/$"130&41*"503*0"6$$*%&3&40/0(-*&%*'*$*'"55*."-&w

i*WFSJDPMQFWPMJ $FSDBUFMJUSBJDPTUSVUUPSJw
&-&/"%64*

40--&7"50
&O[P#PTDIJ FYQSFTJEFOUF
EFMM*OHW EPQPMBTTPMV[JPOFi/PO
NJTFNCSBWFSPDIFTJBGJOJUB TPOP
QBTTBUPEBMMBUUJWJUTDJFOUJGJDB
BVOBWJUBEJBOTJBFBWWPDBUJw

ROMA. Emozionato, frastornato, felice e amareggiato insieme. Enzo Boschi, uno dei pi importanti sismologi italiani, ex presidente dellIstituto nazionale di geofisica e vulcanologia e membro della Commissione
Grandi Rischi ai tempi del sisma
aquilano, si dice sollevato. Poi si contraddice: Questa vicenda resta molto triste. Ma non sono i sismologi a
fare le vittime. A uccidere sono gli
edifici costruiti male. Noi siamo stati usati come capro espiatorio.
La madre di una vittima dice che
la sentenza non fa giustizia.
Perch non si va mai a vedere
chi responsabile di controlli e collaudi degli edifici? LItalia un paese a rischio sismico e lAbruzzo
una delle zone pi pericolose dEuropa. Questo noi sismologi lo diciamo
da sempre. Eppure si permesso di
costruire in maniera insicura. l
che la giustizia andrebbe cercata.
Anche oggi, dopo i morti dellAquila, si continua a costruire in
modo insicuro?
Io lo so ma non posso provarlo.
Quel che certo che in Italia manca la cultura della prevenzione, di
fronte ai terremoti che di fronte al rischio idro-geologico. Pensiamo sempre ai soliti Giappone e California,
ma oggi perfino Nuova Zelanda,
Turchia e tanti altri paesi meno famosi hanno imparato che nelle zone
sismiche bisogna costruire bene, al-

trimenti le case vengono gi. Se noi


siamo ancora indietro la colpa non
dei sismologi.
Nella vicenda dellAquila lopinione pubblica fu colpita dal rapporto piuttosto stretto fra scienza e politica.
Dissero che eravamo plagiati da
Bertolaso, lallora capo della Protezione Civile. Ma unaccusa priva di
senso. Quandanche avessi avuto intenzioni disoneste, come avrei potuto nascondere un terremoto? E come mai, se non su nostra indicazione, il sindaco dellAquila avrebbe dichiarato lo stato demergenza?.
La sismologia stata messa sotto

accusa anche come scienza. Sono


emersi i suoi limiti nel dare indicazioni utili alla popolazione.
La sismologia una scienza come le altre. Ma poich viviamo in un
paese sismico, con le nostre conoscenze possiamo contribuire al lavoro della Protezione Civile e di chi si
occupa di sicurezza. Nel 2003 lIstituto nazionale di geofisica e vulcanologia elabor la mappa della pericolosit sismica in Italia, che tre anni
pi tardi divent documento ufficiale dello Stato, pubblicato in Gazzetta Ufficiale. L indicato chiaramente che lAbruzzo una zona pericolosa. Cosaltro dovevamo fare?.

6/"44"44*/0

4POPTUBUP
BDDVTBUP
EJFTTFSF
VOBTTBTTJOP
NBMBNJB
DPTDJFO[B
BQPTUP

-"10-&.*$"
13&7&/;*0/&

1PTUPNPGPCPTVJTPDJBM
CVGFSBTV.FMFHBUUJ
46'"$&#00,
-JNNBHJOFQVCCMJ
DBUB FQPJSJNPTTB

TVMQSPGJMP.FMFHBUUJ

VERONA. Ama il tuo prossimo come te stesso...


basta che sia figo e dellaltro sesso!. lo slogan
omofobo apparso ieri sul profilo Facebook di
Melegatti che ha suscitato sui social un diluvio
di proteste e sfott. Lazienda veneta del
celebre Pandoro si affrettata a rimuoverlo e
rimpiazzarlo con una nota, in cui si scusa con
chiunque si sia sentito offeso. Lagenzia di
comunicazione, spiega poi lazienda, che ha
pubblicato il post senza autorizzazione stata
sollevata dallincarico a tempo di record,
perch da 121 anni Melegatti per tutti.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

"ODIFEPQP
RVFJNPSUJ
OPOTJGB
QSFWFO[JPOF
*PMPTP NB
OPOQPTTP
QSPWBSMP

Nel caso dei terremoti in Emilia


Romagna la mappa sottovalut
invece il rischio.
Non vero, tant che nessuno
ne parla pi. Non nego che le mappe
possano essere aggiornate, ma i miglioramenti riguarderebbero solo
dettagli. Non possiamo certo trasformare lAbruzzo in una zona sicura
cambiando quelle carte.
Cosa far da domani?
Ancora non mi sembra vero che
questa vicenda sia finita. Sono passato dallattivit scientifica a una vita di ansia e avvocati. Ho dovuto convivere con laccusa di essere un assassino, ma so di avere la coscienza
a posto. Quandanche noi sismologi
fossimo tutti idioti, non saremmo
noi i responsabili delle vittime. A uccidere, lo ripeto, sono gli edifici costruiti male con lunico scopo di arricchire i costruttori.
Torner alla scienza?
Tengo un corso di sismologia come professore a contratto, ma gratuitamente, alluniversit di Bologna. E mi dedico a twitter. Raccontare un concetto scientifico chiaro e
corretto in 140 caratteri una sfida
che mi piace. Molte persone, quando c un sisma anche piccolo, mi
scrivono per chiedere consiglio.
Lei non le tranquillizza pi, alla
luce di quanto le capitato?
Questa una domanda a trabocchetto. Io non tranquillizzavo nessuno neanche prima.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c



$30/"$"

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

*MDBTP

%B.BOUFHOBB3VCFOT
JMHJBMMPEFJDBQPMBWPSJ
SVCBUJBMNVTFPEJ7FSPOB

."%0//"
-B.BEPOOBEFMMB
RVBHMJBVOB
UFNQFSBTV
UBWPMBTUBUB
EJQJOUBEB
"OUPOJP1JTBOP 
EFUUP1JTBOFMMP 
JOUPSOPBM
VOFTFNQJP
EJQJUUVSB
UBSEPHPUJDB

"$BTUFMWFDDIJPVONBYJGVSUPEBNJMJPOJ
#MJU[EJVODPNNBOEPGPSTFTVDPNNJTTJPOF
%"-/04530*/7*"50
1"0-0#&3*;;*
Quando si ruba arte
milionaria ci sono furti che sono pi furti di altri. E le indagini, quasi sempre, si complicano. A muri ancora caldi tutti esibiscono la sicurezza del consumato detective: un furto su
commissione. Ma vai a sapere. Il primo a esternare stato
il sindaco Flavio Tosi, al momento del colpo grosso era al ristorante a una cena di gala con
la direttrice del museo. Il giorno dopo guardi le pareti vuote
delle sale del Museo di Castelvecchio, le telecamere puntate
inutilmente verso il basso e l
sotto, orfane delle tele pi preziose, le targhe in plexiglass
coi titoli delle opere di Tintoretto, Rubens, Mantegna, Bellini,
Pisanello. La bellezza di diciassette quadri, valore complessivo intorno ai 20 milioni. Spariti. Li hanno portati via gioved
sera prima dellorario di chiusura del museo civico tre uomini
armati e incappucciati: ed anche per questo che appare suggestiva lipotesi affacciata da
Vittorio Sgarbi: Non escluderei un atto dimostrativo jihadista. Perch questa rapina una
vera e propria mutilazione di
un museo. Al posto di Palmira
c Verona coi suoi gioielli e i
suoi obiettivi sensibili (voglio pi controlli in citt, aveva chiesto Tosi tra i massacri di
Parigi e lattentato in Mali).
Non la furia iconoclasta dei
mazzieri dellIs. Piuttosto, al
servizio forse di qualche spietato mercante o collezionista ingordo il calcolo e la scaltrezza
di una banda di professionisti.
La fortezza di Castelvecchio,
dunque. Costruita nel 1354 per
volere del condottiero scaligero Cangrande della Scala, diventa uno scrigno di capolavori
darte nel 1974. Un luogo simbolo, anche sicuro, in teoria.
Con vigilantes armati a rotazio-

VERONA.

(-*"35*45*

36#&/4
5SBJNBHHJPSJQJUUPSJ
GJBNNJOHIJWJTTVUJ
USBAF-F
TVFPQFSFQPTTPOP
TVQFSBSFJNMO

5*/503&550
5SBJHSBOEJBSUJTUJEFM
3JOBTDJNFOUP
WFOF[JBOPVOBTVB
PQFSBWBMFGJOPB
EVFNJMJPOJEJEPMMBSJ

."/5&(/"
1JUUPSF
SJOBTDJNFOUBMFMB
TVBi%JTDFTBBM
MJNCPwWFOEVUBQFS
NMOOFM

%"."
1FUFS1BVM
3VCFOT VOPEFJ
QJHSBOEJQJUUPSJ
GJBNNJOHIJ 
BUUJWPBE
"OWFSTB 7FOF[JB 
.BOUPWBF3PNB
EJQJOTFRVFTUP
SJUSBUUPEFMMB
i%BNBEFMMF
MJDOJEJwOFM

-&5"11&
-03"3*0
*MBESJTPOPFOUSBUJOFM
NVTFPHJPWFETFSB 
QSJNBEFMMPSBSJPEJ
DIJVTVSB BSNBUJFDPOJM
WPMUPJODBQQVDDJBUP
1PDPEPQPMFF
JDBODFMMJEFMNVTFPTPOP
DIJVTJBMQVCCMJDPFJ
TJTUFNJEJBMMBSNFTPOP
EJTBUUJWBUJ NBBODPSB
OPOTPOPBSSJWBUJJ
WJHJMBOUJQSJWBUJDIFGBOOP
MBHVBSEJBMBOPUUF

)BOOPBHJUPOFMMBGBTFEJ
QSFDIJVTVSBRVBOEPBODPSB
OPOTPOPBUUJWBUJHMJBMMBSNJ UVUUP
TFNCSBQJBOJGJDBUPOFMEFUUBHMJP
ne, sistemi di allarme e 48 telecamere a sorvegliare le 29 sale
dove sono esposti dipinti (tele
e pale) realizzati dal Trecento
al Settecento. Ma se entra in
azione un commando organizzato, chirurgico nellazione ma
anche istruito sulla prima falla, imbarazzante, del museo,
allora tutto diventa possibile.
Cos stato. Qual la falla? La
spiega bene il sindaco di Verona. I ladri sono entrati nel momento di pre-chiusura (i cancelli chiudono alle 19.30), che
lunico momento critico dove

-&.*/"$$&
*USFMBESJEVFEFJRVBMJ
BSNBUJCMPDDBOPMF
VMUJNFEVFQFSTPOF
SJNBTUFOFMNVTFPMB
HVBSEJBHJVSBUBFMB
DBTTJFSB-BEPOOBWJFOF
JODFSPUUBUBTVMMBCPDDB
-BHVBSEJB NJOBDDJBUB
DPOVOBQJTUPMB EFWF
BDDPNQBHOBSFJMBESJ
OFMMFTBMFDIF
DVTUPEJTDPOPJRVBESJ
QJQSF[JPTJ TPQSB

nel museo non c nessuno,


quando ancora non chiuso
verso lesterno e quando la
guardia giurata si prepara a
chiudere. la fase del passaggio di consegne tra il personale
di vigilanza del museo e gli addetti della vigilanza privata. Attenzione: durante la pre-chiusura certifica il primocittadino non cerano ancora allarmi, perch il museo ancora
aperto, e non ancora chiuso.
Eccolo, il buco. I ladri entrano,
immobilizzano la guardia giurata e la cassiera: gli ultimi rimasti nel museo. Uno cura la
donna, la bocca incerottata; gli
altri due costringono il vigilantes ad accompagnarli nelle sale
dove sono custoditi i quadri pi
preziosi. Come fosse una guida.
Pu darsi che sapessero con
esattezza dove andare e cosa
portare via, ma non escluso
che abbiano agito sul momento, ragiona un carabiniere del
Nucleo tutela patrimonio artistico, il reparto dellArma a cui
sono affidate le indagini. A disposizione i carabinieri hanno

-"'6("
*MBESJGVHHPOPQSJNB
VTBOEPMBNBDDIJOBEFMMB
HVBSEJBHJVSBUB1PJ
USBTGFSJTDPOPMBSFGVSUJWB
TVVODBNJPODJOP
QBSDIFHHJBUPBRVBMDIF
DIJMPNFUSPEJEJTUBO[B-F
UFMFDBNFSFEJTJDVSF[[B
SJQSFOEPOPUVUUP NB
TFO[BDBUUVSBSFMJEFOUJU
EFJNBMWJWFOUJWFTUJUJEJ
OFSP-JOUFSBPQFSB[JPOF
EVSBUBQJEJVOPSB

poco: nelle immagini catturate


dalle telecamere di sicurezza si
vedono i rapinatori che mettono a segno il colpo quasi in surplace. Tutto sembra pianificato nei minimi dettagli: compresa la fuga. Prima a bordo
dellauto della guardia giurata.
Poi con una macchina civetta,
forse un van parcheggiato a
qualche chilometro. Razziato il
bottino tra i capolavori ci sono sei dipinti del Tintoretto
(Madonna allattante, Ri-

tratto di Marco Pasqualigo,


Trasporto dellarca dellalleanza, Banchetto di Baltassar, Sansone e Giudizio di
Salomone), Dama delle licnidi di Peter Paul Rubens, Sacra famiglia con una santa di
Andrea Mantegna, Madonna
della quaglia del Pisanello,
San Girolamo penitente di Jacopo Bellini, Ritratto di giovane con disegno infantile e Ritratto di giovane benedettino
di Giovanni Francesco Caroto,

Porto di mare e Paesaggio


di Hans de Jode e Ritratto di
Girolamo Pompei di Giovanni
Benini i rapinatori hanno fatto perdere le loro tracce. Facendo anche danni: una tavola di
un autore minore, Giulio Licinio, Conversione di Saul,
rimasta danneggiata nellangolo di una sala. Ora la domanda: possibile riuscire a rubare
17 opere da un museo cos? I
sistemi di allarme ci sono si
stringe nelle spalle Paola Marini, la direttrice del museo di Castelvecchio. Quando i ladri sono entrati in azione Marini stava ricevendo un premio, i 12
Apostoli, nella cena di gala
allomonimo ristorante, presente anche Tosi. Dice: un
danno immenso, spero che le
indagini portino al recupero
delle opere. I carabinieri lavorano a tutto campo. Perch se
difficile ipotizzare unazione
improvvisata, anomalo o comunque non proprio lineare appare anche lo scenario del furto
su commissione.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 



1&34"1&3/&%*1*
NVTFPEJDBTUFMWFDDIJPDPNVOFWF
SPOBJU

7&3(*/&
-B.BEPOOB
BMMBUUBOUFGV
EJQJOUBEB+BDPQP
3PCVTUJEFUUP
5JOUPSFUUPOFM
PTVCJUP
EPQPVOPMJPTV
UFMBEJDJSDBVO
NFUSPEJ
MBSHIF[[BFEJ
MVOHIF[[B

-"'0--*"%*16/*3-*
$0.&*-"%3*%*#*$*$-&55&
50."40.0/5"/"3*
A prima cosa da dire che questi
quadri vanno recuperati prima di
subito: un ministro dellInterno italiano si gioca la faccia su Mantegna, Pisanello o Rubens come davvero su poco altro. E non si dica che ora ci sono cose pi
importanti a cui pensare: come rispose
Winston Churchill a chi gli chiedeva di
tagliare gli ultimi fondi per la cultura
mentre Londra era sotto i bombardamenti nazisti: e allora, per che cosa stiamo combattendo?.
Il secondo punto impedire che accada di nuovo. Nessuno poteva prevedere

4FSWPOPOPSNFQJTFWFSFQFSUVUFMBSF
JMOPTUSPFOPSNFQBUSJNPOJPBSUJTUJDP
OFMDPEJDFQFOBMFJUBMJBOPCJTPHOB
JOUSPEVSSFJMSFBUPEJEJTBTUSPDVMUVSBMF

4"$3"
'".*(-*"
-B4BDSBGBNJHMJB
DPOVOBTBOUB
VOBUFNQFSB
TVUFMBEJ"OESFB
.BOUFHOB DIF
TJSJUJFOFEJQJOUB
BDBWBMMPEFMA
-BTBOUBDPO
UVUUBQSPCBCJMJU
.BSJB.BEEBMFOB

-*/5&37*45"*-$0-0//&--0"-#&350%&3&(*#64

i.BPSBTBSEJGGJDJMFQJB[[BSMJw
%"-/04530*/7*"50

*MDPMPOOFMMP
"MCFSUP%FSFHJCVT

/POIBOOP
NFSDBUP
QFSDIJOPHOJ
QVOUPWFOEJUB
EFMNPOEPVO
FTQFSUPTB
SJDPOPTDFSF
MBVUPSF

VERONA. un furto anomalo, che in


Italia, almeno nei musei civici, non ha
precedenti. Il Colonnello Alberto Deregibus vicecomandante del Nucleo
tutela patrimonio artistico dei carabinieri.
Perch anomalo?
Riuscire a rubare 17 opere, molte
di grande valore, da un museo civico,
raro. Ci sono stati solo 4 furti di questo tipo nel 2014. C sempre una guardia armata, ci sono telecamere.
Banda di professionisti?
Gente preparata.
Si pensa a un furto su commissione.
Non escludiamo nessuna ipotesi.
Ma se una commissione irrituale.
Diciassette quadri.
Troppi?
Un furto su commissione pi mirato. Pu anche essere stata una banda di balordi che ha fatto questo ragio-

namento: intanto rubiamoli, poi vediamo.


Se e come riuscire a venderli
Esatto. Ma queste opere ora non
hanno mercato, perch in ogni punto
vendita del mondo, un esperto sa riconoscere un Mantegna o un Tintoretto.
E in futuro?
Passato un po di tempo potrebbero essere piazzate magari allestero. I
momenti di debolezza della filiera sono i passaggi delle opere. l che cerchiamo di arrivare.
Quante possibilit ci sono di recuperare i dipinti?
Dipende. I ladri hanno due problemi: il primo piazzarli .Se pensiamo
allestero, non facile esportarli. Bisogna distinguere furto e ricettazione. Il
valore artistico ed economico dei dipinti rende la vita pi difficile ai ricet QC

tatori. 
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

che la rapina in villa sarebbe diventata,


e proprio nel Nordest, la rapina in museo. Ma non possibile che Castelvecchio fosse difeso da una singola guardia
giurata, come lultimo dei supermercati. Il famoso patrimonio culturale diffuso
(quello che non nei venti supermusei
di Franceschini, per intenderci: e cio la
sua parte incommensurabilmente pi
ampia) completamente indifeso, reso
vulnerabile da decenni di tagli selvaggi
ai bilanci della cultura e degli enti locali.
Il terzo punto riguarda la tutela penale del nostro patrimonio culturale. In un

recente convengo a Napoli, Gianni Melillo (il capo di gabinetto del ministero della Giustizia) ha ben spiegato come da
questo punto di vista siamo allanno zero. Il Codice dei Beni culturali non prevede pene adeguate, n soprattutto d i
mezzi per fare le indagini necessarie.
Quando si trov di fronte allo scempio
della Biblioteca dei Girolamini a Napoli
(spogliata dal suo stesso direttore, allora braccio destro di Marcello DellUtri),
lo stesso Melillo (allora sostituto procuratore a Napoli) dovette contestare reati ideati per combattere le rivolte agrarie, come la devastazione e il saccheggio. E, partendo dallo stesso caso, Paolo
Maddalena ha ben spiegato che bisognerebbe creare il reato di disastro culturale, sul modello del disastro ambientale.
Oggi come oggi, se rubo un Mantegna
come se rubassi una bicicletta: e i ladri di
Castelvecchio rischiano per le modalit
del reato (rapina a mano armata), ma
non per loggetto straordinario di quel
reato. dunque urgentissimo creare le
premesse codicistiche per una vera tutela penale del nostro povero patrimonio
culturale: per esempio, prevedendo il
reato di detenzione illegale di bene culturale, che oggi non esiste.
Mai come in questi giorni abbiamo bisogno di chiamare allappello tutte le ragioni per cui siamo ancora esseri umani:
diciassette di quelle ragioni (alcune
straordinariamente importanti) sono
sparite. Devono tornare a Verona.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

La Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

$0/5"55*
4&(3&5&3*"@&$0/0.*"!3&16##-*$"*5
8883&16##-*$"*5



'54&.*#  %08+0/&4   &630%0--"30  1&530-*0#3&/5 "-#"3*-& 5"44**5"-*"/*""//* 

*-16/50
"/%3&"(3&$0

3JGPSNB#DD
JMHPWFSOPBWWJTB
i-BQB[JFO[B
OPOJOGJOJUBw
"/BUBMFMBTWPMUB
.POJUPEJ#BSFUUB#SVYFMMFT
QSFNF EFDJTJPOFBODIF
TFO[BJOUFTBDPO'FEFSDBTTF
MILANO. Le banche popolari, un

potere che da mezzo secolo dava


i tempi - non solo quelli - al
Parlamento, sono capitolate per
lazione riformatrice del governo
Renzi senza quasi sparare colpi.
Le Fondazioni, anche per il
carisma sapiente del loro capo
Giuseppe Guzzetti, si sono
autoriformate in tempo per
ricevere il plauso e il bollino dal
Tesoro che le controlla. Le
banche di credito cooperativo,
invece, rimestano il pentolone
dellautoriforma da nove mesi:
ma il parto non pare alle viste.
Una scadenza vera non c: ma la
capacit del governo di
aspettare, davanti alla
Commissione che ha chiesto di
rinforzare e consolidare la platea
delle Bcc italiane, agli sgoccioli.
So bene che ci sono complessit
e problemi di governance: ma
lattesa non pu essere infinita.
LUe ci invita a concludere
rapidamente, ha detto il
sottosegretario del Tesoro
Pierpaolo Baretta, indicando che
il decreto governativo potrebbe
essere varato entro Natale. Il
messaggio, neanche velato,
andava ad Alessandro Azzi,
leader di Federcasse capace di
ottenere lennesima riconferma
allassemblea delle Bcc riunite

*--&"%&3
"MFTTBOESP"[[J 
QSFTJEFOUFEJ
'FEFSDBTTFDIF
SBHHSVQQBMFCBODIF
EJDSFEJUPDPPQFSBUJWP

$BTB DPOUBOUFFUBHMJ
TEFM4FOBUPBNBOPWSB
SJOWJBUJ4VEFQFOTJPOJ
1SJNPHJSPEJCPBDPOWPUPEJGJEVDJB"MMB$BNFSB
JOPEJQJTQJOPTJ&DDPMFDPSSF[JPOJQBSMBNFOUBSJ
30#&3501&53*/*

I numeri della manovra 2016 (Valori in milioni di euro)

ROMA. La legge di stabilit com-

RISORSE

pie il primo giro di boa al Senato,


incassa una fiducia scontata
(164 s, 116 no, 2 astenuti), e
viaggia verso la Camera dove
lattende un clima pi teso di
quello di Palazzo Madama: flessibilit delle pensioni, interventi
per il Sud, la sicurezza, il nodo
del contante e il contagocce degli umori di Bruxelles, segneranno il cammino delle prossime settimane.
La Commissione Bilancio del
Senato ha tuttavia imposto alcune correzioni: soprattutto con
un cospicuo pacchetto-casa, per
il blocco dellaumento del contante dei money transfer a
1.000 euro, e la discussa rateizzazione del canone Rai in bolletta
elettrica (che gi attesa a Montecitorio per essere modificata).
La legge di Stabilit ha anche incorporato il decreto legge Salva-Regioni (varato dal governo
il 6 novembre per evitare il buco

3JTPMUJJQSPCMFNJEJDIJ
EFWFBCCBOEPOBSFMB
QSJNBDBTBDPOUJOVFS
BEFTTFSFFTFOUFEB5BTJ

*/0%*

1&/4*0/*&'-&44*#*-*5"
4JBGGSPOFUSBMMB$BNFSBJMOPEP
EFMMBGMFTTJCJMJU PWWFSPEFMMB
QPTTJCJMJUEJBOEBSFQSJNBJO
QFOTJPOFDPOQFOBMJU
#369&--&4&70-6/5"3:
'POEBNFOUBMJQFSMFOVPWF
SJTPSTFMBOEBNFOUPEFMSJFOUSP
EFJDBQJUBMJFMFJOEJDB[JPOJEJ
#SVYFMMFTTVMMBGMFTTJCJMJU
41*/5""-46%
3FTUBEBSJTPMWFSF EPQPJ
UFOUBUJWJEFM4FOBUP JMQBDDIFUUP
EJJOUFSWFOUJBM4VEJOWFTUJNFOUJ
FEFDPOUSJCV[JPOFBTTVO[JPOJ
-*.*5&"-$0/5"/5*
*M4FOBUPIBMJNJUBUPBFVSP
JMDPOUBOUFQFSJNPOFZUSBOTGFS 
NBMBQBSUJUBSFTUBBQFSUBBDBVTB
EFMMFDSJUJDIFNPTTFBMMBNJTVSB

TAGLI DI SPESE
Regioni e
enti locali

Ministeri
e societ
pubbliche

28.667

IMPIEGHI

3.734,5

MAGGIORI SPESE
Rinnovi
contrattuali

2.857,2

Acquisti
centralizzati

163,3

Riduzione
fondi spese

1.220

Altro

28.667

Pacchetto
1.663
welfare
(rivalut. pensioni, esodati...)
Piano
povert
e disagio sociale
Pacchetto
enti locali

412

AUMENTI DI ENTRATE
Voluntary
2.000
disclosure
(rientro capitali)
Aumento
prelievo
giochi

1.107,5

Altre
entrate

2.590,5

AUMENTO DEL DEFICIT

14.582

935

1.200
822

Altro
300
MINORI ENTRATE
(tagli di tasse presenti o future)
Cancellazione 16.814
aumento Iva e accise
(clausole di salvaguardia)
Eliminazione
Tasi 1 casa
Sgravi contributivi
su assunzioni

3.575
831

Eliminazione Imu
530
imbullonati e agricola
Detassazioni
premi produttivit
Superammortamenti

433,8
170

Bonus ristrutturaz. 31,6


e mobili
Altro
1.361,6

FONTE ELABORAZIONE CER SU DATI MINISTERO DELLECONOMIA

che iniziata ieri. Ma non capace


di far convergere tutte le
Federazioni regionali (Lazio e
Trentino le pi indomite) sulla
bozza di autoriforma che
dallestate giace sui tavoli ma
non decolla. Secondo Azzi, che
lha scritta per Federcasse, nel
credito cooperativo dovr
nascere un polo bancario unico:
Anche solo la divisione in pochi
gruppi non solo indebolirebbe
tutto il sistema ma porterebbe a
una nefasta concorrenza
interna, ha detto ieri. Tuttavia
la sua autoriforma resta per ora
di maggioranza. E uno dei
motivi, si aggiunge dietro le
quinte, che non ha affrontato i
tre nodi operativi, gi descritti
dal capo della vigilanza Carmelo
Barbagallo: caratteristiche e
capitale della spa capogruppo; le
alternative per le Bcc che non
aderissero al modello; le forme
di adesione delle Bcc pi deboli
agli eventuali poli nascenti. Il
rischio, concreto, che solo i
tecnici di Bankitalia possano
suggerire al governo, dopo il
Panettone ma prima della
Colomba, le paroline per fare di
una bozza alata un corpus iuris.
E che a quel punto il governo ci
metta i puntini sulle i.
Lautoriforma riformata.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

contabile dopo la sentenza della


Consulta). Molte micromisure:
dal Gran Premio di Monza agli
ex Lsu di Palermo alle curevtermali. In tutto gli interventi del
Senato sono costati 600 milioni.
I 52 articoli diventano 556 commi.

$"4" (-*6-5*.**/53"110-"5*
Dopo labolizione della Tasi prima casa, il Senato risolve per
molte categorie il problema di
dover pagare la Tasi seconda casa sulla propria unica abitazione che per qualche motivo viene
abbandonata per andare a vivere altrove. E il caso dellanziano
che va in una struttura di riposo
(e d in comodato la propria unica abitazione al figlio); del militare che abbandona la propria casa e va a vivere perch trsferito
in foresteria; del separato che va
in affitto e lascia, per decisione
del giudice, la casa di propiet alla moglie. Questi tre soggetti,
non vivendo e non avendo la residenza nella loro unica casa di propriet, dovevano tuttavia pagare la Tasi seconda casa. Molti
Comuni avevao la possibilit di
risolvere la questione, ma la norma introdotta dal Senato dice
una parola definitiva: la Tasi seconda casa viene abolita per chi
ha una unica propriet.

1307*/$& $"/0/&3"*&.*/*5"4*
.PEJGJDIFJOWJTUBQFSMFSBUF
EFMDBOPOF3BJ QFSDIJBSJSFMB
NJOJ5BTJFQFSJUBHMJBMMF
1SPWJODFFBMMBTBOJU

"''*55*453&55"&4$0/5*
Arriva uno sconto del 25 per cento sullImu per chi affitta a canone concordato, quindi a un prezzo inferiore a quello di mercato.
Stretta invece sugli affitti in nero e sui contratti: devono essere

registrati entro 30 giorni ed


nullo ogni accordo in base al
quale il canone superiore a
quello registrato. Gli affittuari,
entro sei mesi dalla riconsegna
dellimmobile, possono chiedere
la restituzione di quanto corrisposto oltre il canone. Raddoppia anche il bonus mobili per le
giovani coppie: la detrazione si
calcola su un massimo di 16 mila
euro, contro i precedenti 8 mila.

5&550".0/&:53"/4'&3
La soglia, che era stata alzata
con la manovra a 3mila euro, torna a 1.000.

3"* 3"5&%"&630
Si pagheranno con la fattura bimestrale della bolletta elettrica,
questanno a partire da luglio.
Lextragettito atteso (500 milioni) va ad aumentare la platea di
over 75 esenti, alzando a 8mila
euro il reddito.

*-3*4$)*0.*/*5"4*
Sono salve le delibere comunali
tra fine luglio e fine settembre.
Resta il nodo del saldo del 16 dicembre per Imu e Tasi, quando
in presenza della delibera si potra scegliere di non pagare a proprio rischio.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*-$"40

6OJDSFEJUJODBMP
#BSDMBZTTFSWPOP
NJMJBSEJGSFTDIJ
MILANO. Unicredit scende

ancora. In Borsa lazione ha


perso il 2,08%, contro un
indice Euro Stoxx banche a
-1,33%. Dal piano strategico,
in otto sedute Unicredit ha
perso l11%, contro il 3,3% del
settore. Ieri una ricerca di
Barclays tornata a criticare
il capitale, per molti operatori
non sufficiente. Tagliamo il
giudizio e il prezzo da 6,3 a 5
euro a Unicredit perch
lobiettivo 11,5% di Cet1
troppo basso e lascia il gruppo
in posizione debole. Dopo gli
aggiustamenti regolamentari
il capitale tornerebbe al 9,4%,
e ci vorrebbero altri 7 miliardi
per tornare all11%, livello
pi adatto specie data la
rilevante esposizione in Est
Europa. Unicredit ha
smentito pi volte ogni
ipotesi di aumento.

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

La Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 


*1&((*03*


*&3*

'54&.*#   


'54&*5"--  
'54&*545"3   
'54&*5.*% 
$0.*5  
'6563&
5*50-*%*45"50

 

 

 

 

 

 

3&/%*.&/50

'54&

7"3

.0-&4,*/&  
-7&/563&(3061  
&/&37*5  
1*&33&-  
%*(*5"-#304  

#51 "//*
 
413&"%46-#6/% 
*.*(-*03*

'54&
7"3

%."*-(3061  
/0&."-*'&  
"-#"13*7"5&&2  
#0/'&33"3&4*  
#$"$"3*(&3  
.0/%057  

13*/$*1"-*5*50-*%&-.&3$"50";*0/"3*0
5*50-0
133*'
""  
"/*.")0-%*/(  
"/4"-%0454  
"5-"/5*"  
"650(3*--  
";*.65  
#"/$"(&/&3"-*  
#"/$01010-"3&  
#$"101.*-"/0  
#6;;*6/*$&.  
$".1"3*  
$/)*/%6453*"-  
&/&-  
&/&-(3&&/18  
&/*  
&903  
'$"'*"5$)3:4-&3"65  
'&33"(".0  
'*/.&$$"/*$"  
(&/&3"-* 

 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

#034&&6301&&
5*50-0

133*'

*/5&4"4"/1"0-0  


-69055*$"  
.&%*"4&5 
.&%*0#"/$"  
.&%*0-"/6.  
.0/$-&3  
.0/5&1"4$)*4*  
101&.*-*"30."(/" 
13:4.*"/  
3$4.&%*"(3061 
4"*1&.  
4/".  
45.*$30&-&$53  
5&-&$0.*5 
5&/"3*4 
5&3/"  
50%4  
6#*#"/$"  
6/*$3&%*5  
6/*10-4"*  
:009  

 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

7"-65&

1"&4&*/%*$&

".45&3%". "&9
 
#369&--&4#&-  
'3"/$0'035& 9&5%"9
 
'54&&63053"$,  
-0/%3" '54&
 
."%3*%*#&9 
04-0501  
1"3*(* $"$
 
7*&//" "59
 
;63*(0 4.*
 

7"3
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

#034&*/5&3/";*0/"-*
1"&4&*/%*$&

%+45099&630  
)0/(,0/()4  
+0)"//&4#63(  
/&8:03, 41
 
/&8:03, %+*/%
 
/"4%"2$0.1  
4*/("103&45  
4:%/&: "--03%4
 
50,*0 /*,,&*
 

7"3
 
 
 
 
 
 
 
 
 

$030/"%, 
$030/"/  
$030/"4  
%0--"30"64  
%0--"30$%/ 
%0--"3064"  
'3"/$0$) 
45&3-*/"6, 
:&/+  

 
 
 
 
 
 
 
 
 

030&.0/&5&"63&&&
/07&.#3&
."55*/0
4&3"
030.*-"/0 &630(3
 
 
030-0/%3" 64%0/$*"
   
"3(&/50.*-"/0 &630,(

 
1-"5*/0.*-"/0 &630(3

 
1"--"%*0.*-"/0 &630(3

 
/07&.#3&
%&/"30 -&55&3"
45&3-*/" 7$
 
 
45&3-*/" /$
 
 
45&3-*/" 1045
 
 
,36(&33"/%    
."3&/(0*5"-*"/0  
 

4VCJUPEFDSFUPTBMWBCBODIF
DIFFWJUJMBJVUPEJ4UBUP
%PNBOJTJJOUFSWJFOFQFSJJTUJUVUJDPNNJTTBSJBUJ#BOLJUBMJBBUUJWFSJM
NFDDBOJTNPDPJTPMEJEFMTJTUFNBDSFEJUJ[JP JMHPWFSOPWFMPDJ[[FSJMUVUUP
7*5503*"16-&%%"
MILANO. Il governo rompe gli indugi e doma-

ni interverr in prima persona per uscire


dallJNQBTTF che vedeva contrapposti il sistema bancario e la Commissione europea
sul salvataggio di quattro banche: CariFe,
Banca Marche, Popolare dellEtruria e CariChieti. Infatti nonostante le banche fossero
pronte a mettere mano al portafoglio (il Fondo interbancario di garanzia ha a sua disposizione una dotazione di circa 2 miliardi per
far fronte agli interventi) finora tutto rimasto bloccato per la contrariet di Bruxelles, propensa a considerarlo comunque un
aiuto di Stato.
A questo punto il consiglio dei ministri ha
deciso di scendere in campo, per consentire
di superare i veti della Ue e nello stesso tempo consentire il salvataggio di queste ban-

/BTDFSBOOPRVBUUSPiHPPECBOLw
DPOHMJBUUJWJEFHMJJTUJUVUJ
JOUFSFTTBUJFRVBUUSPiCBECBOLw
DPOUVUUPJMSFTUP
*-%0$6.&/50
-BSBDDPMUBEJ
FNFOEBNFOUJ
BMMBMFHHFEJ
4UBCJMJU

che, con fondi messi a disposizione dal sistema creditizio ma con un meccanismo attivato e gestito da Bankitalia.
Il percorso tecnico piuttosto complesso
e finora il governo ha tenuto ben nascoste le
sue carte, ma tutto dovrebbe reggersi sulla
disciplina delle Risoluzioni delle crisi bancarie, appena pubblicata in Gazzetta ufficiale.
Questa disciplina, che prevede il CBJMJO (ma
solo dal primo gennario), contiene anche altre forme di intervento nei casi di banche in
forte difficolt, tutte attivate e gestite dalla
Banca dItalia. Ed quello che dovrebbe succedere ora: un salvataggio gestito da via Nazionale, con la creazione di quattro good
bank con gli attivi sani e quattro bad
bank con il resto (quindi due per ogni banca) attraverso lintervento - pare - del Fondo
nazionale di risoluzione, uno strumento previsto dalla stessa direttiva europea appena

recepita in Italia e finanziato pro-quota sempre dalle stesse banche private.


Sempre stando alle indiscrezioni lintervento del consiglio dei ministri servir quindi a fornire la cornice normativa che integri
le disposizioni gi presenti nella legge sulle
risoluzioni delle crisi bancarie e, forse sopratutto, velocizzi lintero meccanismo. Lobiettivo infatti fare in fretta, evitando di arrivare al primo gennaio con le quattro banche
ancora in amministrazione controllata e
con il rischio di incorrere nella procedura
pi grave, quella appunto del CBJMJO, che
prevede un forte coinvolgimento non solo
degli azionisti, ma anche degli obbligazionisti e dei sottoscrittori di depositi, sopra i centomila euro.
A questo punto dunque sembra escluso
lintervento del Fondo interbancario di tutela dei depositi (che sarebbe entrato nel capi-

*16/5*

tale azionario delle banche, oltre a fornire i


mezzi per il risanamento) e il salvataggio far capo alla Banca dItalia. E probabile tuttavia che il Fondo stesso sia chiamato a fare la
sua parte, finanziando con un prestito ponte il costituendo Fondo di risoluzione. Tra
laltro il Fondo intebancario varer gioved
prossimo una riforma del prorio statuto, per
prevedere anche forme volontarie di contribuzione e intervento delle banche nei casi di
forte difficolt di altri istituti di credito.
Salvataggi a parte, tutto il sistema bancario italiano non se la passa troppo bene secondo la Lex Column del 'JOBODJBM5JNFT di
ieri. Il quotidiano sostiene infatti che lindice di redditivit Roe (Return on equity) delle banche italiane patetico: a parte Intesa Sanpaolo, sottolinea il 'JOBODJBMUJNFT,
al di sotto del 6 per cento.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

-&403%*0

*-'*5%
*M'POEP
JOUFSCBODBSJPEJ
UVUFMBEFJEFQPTJUJ
HBSBOUJTDF
JDDTPUUPJ
NJMBFVSP

5JUPMP"CO"NSP
JOSJBM[PEFM 
BMSJFOUSPJO#PSTB
Era stata nazionalizzata nel
2008, in piena crisi
finanziaria, con un esborso
di 25 miliardi di euro. Ieri la
banca olandese Abn Amro
tornata in Borsa a
Amsterdam. Il governo ne
ha privatizzato una prima
quota, pari al 20%
dellistituto, valutato oggi
16,7 miliardi di euro,
molto meno del costo
pagato sette anni fa dalle
casse pubbliche. Il titolo
ha chiuso il primo giorno
di contrattazioni con un
deciso rialzo del 3,38%

#369&--&4
-B$PNNJTTJPOF
FVSPQFBIB
BEPNCSBUP
MJOGSB[JPOFEFMMB
EJTDJQMJOBTVHMJ
BJVUJEJ4UBUP
-&#"/$)&
*MTJTUFNB
CBODBSJPTJ
EFUUPEJTQPOJCJMF
BEJOUFSWFOJSFOFM
DBQJUBMFEFMMF
RVBUUSPCBODIF

01&3";*0/&-*26*%*5*-13&4*%&/5&i'"3&.0*-1044*#*-&1&33*"-;"3&-*/'-";*0/&w-"3&1-*$"i-"10-*5*$"6-53""$$0.0%"/5&$0/530130%6$&/5&w

%SBHIJi#DFQSPOUBBEBHJSFw TDPOUSPDPO8FJENBOO
%"-/04530$033*410/%&/5&
"/%3&"5"326*/*
BERLINO. Mezzogiorno di fuo-

co tra Mario Draghi e Jens


Weidmann alla conferenza
delle banche europee di Francoforte, sullo sfondo della
guerra in corso tra il mondo
civile e la sfida di morte del
Daesh che minaccia anche leconomia globale. Se decidiamo che la traiettoria attuale
della nostra politica monetaria non sufficiente, perch i
rischi per leurozona permangono elevati, faremo quello
che dobbiamo fare per innalzare linflazione il pi presto
possibile, ha annunciato il
presidente della Banca centrale europea. Confermando
che la decisione sullampliamento e il possibile prolungamento del Qe (Quantitative
easing, acquisto di titoli sovrani sui mercati secondari),
affiancato da tassi sui deposi-

ti bancari negativi, probabile a dicembre. Ma il presidente della Bundesbank non ci


sta, e apre il duello: La politica monetaria ultra-accomodante della Bce ha sempre
meno effetto, ha accusato
nel suo discorso.
Il consiglio di dicembre
dellistituto si annuncia dunque come uno scontro allultimo sangue: un compromesso
tra la linea interventista e
pro-ripresa di Draghi e il rigorismo di Weidmann, dopo i discorsi di ieri a Francoforte, appare meno probabile che
mai. Non dovremmo dimenticare che le misure di politica monetaria gi intraprese
hanno bisogno di tempo per
farsi sentire sulleconomia, e
la politica ultra-accomodante
della Bce diventer sempre
meno efficace, quanto pi a
lungo rester in vigore, ha affermato Jens Weidmann.
E il suo attacco a Draghi,

-BSJQSFTB
EFMMFVSP[POBQJ
GPSUFNBQFSNBOHPOP
SJTDIJ JWFOUJDPOUSBSJ
TPOPBVNFOUBUJ

*SJTDIJBVNFOUBOPDPO
VOBQPMJUJDBUSPQQP
HFOFSPTB JMRVBESP
DPOHJVOUVSBMFOPO
DPTQFTTJNJTUJDP

AA

AA

."3*0%3"()*
13&4*%&/5&%&--"#$&

+&/48&*%."//
13&4*%&/5&#6/%&4#"/,

quasi una sfiducia, non finito l. Con una politica cos generosa aumentano i rischi,
egli ha affermato paragonando leurozona soccorsa dal Qe
imposto da Draghi a una Ferrari che non pu sviluppare
tutte le sue prestazioni perch, con questa politica marcia, ha solo parte dei dodici cilindri in funzione. Proseguendo: Il calo dei prezzi del
petrolio, tra laltro, rappresenta un fattore a sostegno
della congiuntura dellarea
delleuro, piuttosto che un segnale di prossima deflazione. Per cui non ci sono motivi per dipingere un quadro
della congiuntura pi pessimistico del dovuto.
Posizione opposta in modo inconciliabile a quella di
Draghi. Secondo cui la ripresa oggi ha un passo pi forte,
ma permangono rischi. Venti contrari arrivano dalleconomia mondilae, cos che il

traguardo dellinflazione in ripresa al 2 per cento ancora


lontano, ha ammonito. Sottolineando poi che in particolare notevolmente peggiorata la domanda globale, specie
quella sui mercati emergenti, mentre sono aumentate le
incertezze sui mercati finanziari e la crescita globale questanno sar la pi bassa dal
2009. La politica della Bce
sta aiutando, rendendo pi
attraente per le banche finanziarie leconomia reale, tuttavia resta necessario chiedersi
come calibrare gli strumenti
a disposizione per far fronte
ai rischi al ribasso. Se leconomia non in grado di raggiungere una crescita autosostenibile serviranno altri nostri stimoli. Il consiglio di dicembre sar dunque anche uno
scontro politico, tra due visioni diverse delleurozona e della Ue intera.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

&$0/0.*"

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

1&34"1&3/&%*1*
XXXUFMFDPNJUBMJBJU
XXXWPMLTXBHFODPN

-FJNQSFTF

5FMFDPN TDPOUSP
7JWFOEJGPOEJ
TVMMBHPWFSOBODF
SJOWJBUPJMDEB

quinto dei consiglieri, cio 3,4


consiglieri che si arrotondano a
4 nel caso il numero totale fosse
esteso a 17. A questo punto si
tratterebbe di convincere Vivendi a inserire solo tre consiglieri lasciando la scelta del
quarto ad Assogestioni. Oppure si dovrebbe convincere uno
degli attuali consiglieri a farsi
da parte per sostituirlo con uno
indicato dai fondi aggiungendo
i quattro nomi di provenienza
Vivendi. Ma una trattativa
che dovrebbe riguardare direttamente i soci, se mai si far.
In attesa di capire gli sviluppi lad Marco Patuano ha terminato il suo road show presso gli
investitori istituzionali volto a
spiegare loperazione di conversione. Al suo ritorno ha incassato il giudizio di Fitch che ha alza-

#PMMPSGJEVDJBBMNBOBHFNFOU
NBWPDJEJVOTPOEBHHJPTV(SFDP
approfittare
dellassemblea
straordinaria per la conversione delle azioni di risparmio Telecom, per allargare il cda a 17
membri e inserire quattro consiglieri di sua diretta emenazione, si sta rivelando sempre pi
complessa. E soprattutto sta alimentando le voci e i sospetti
che dietro questa discesa in forze nelorgano di gestione dellazienda vi sia la volont di cambiare anche il management. Cos ieri il portavoce di Vivendi ha
dovuto smentire ufficialmente
questa eventualit, confermando la fiducia allattuale management formato dal presidente
Giuseppe Recchi e dallad Marco Patuano, dopo che si erano
diffuse indiscrezioni su un sondaggio fatto da Vincent Bollor
in persona sulla disponibiit di

"-7&35*$&
.BSDP1BUVBOP 
BNNJOJTUSBUPFSF
EFMFHBUP
EJ5FMFDPN*UBMJB

Mario Greco, attuale group ceo


di Generali, a cambiare casacca. Fatto che probabilmente
avvenuto ma che forse va annoverato nellambito dei pour parler che un finanziere affabile e
navigato come Bollor spesso e
volentieri intavola con diversi
interlocutori.
Dunque niente di concreto,
per il momento, sul cambio di
guida in Telecom anche se resta da risolvere il contrasto con
gli investitori istituzionali, che
gioved scorso hanno scritto
una lettera al cda della societ
telefonica chiedendogli di pren-

%*&4&-&("5&*-/60701*"/0%010-04$"/%"-0

7XBMMBDVSBEFJUBHMJ
HMJJOWFTUJNFOUJ
DBMBOPEJVONJMJBSEP
1"0-0(3*4&3*
TORINO.

Taglio di un miliardo
allanno negli investimenti e rispamio su tutto ci che non essenziale. Quanto ai dipendenti,
cercheremo di fare tutto il possibile per tenerli a bordo. Al termine della riunione del Consiglio di
sorveglianza, massimo organo
del gruppo, il nuovo ceo, Matthias Mueller, illustra in conferenza stampa i termini del piano
Volksawagen per risalire la china dopo lo scandalo del dieselgate. Scandalo che non ha ancora
confini definiti: ieri lUe ha concesso alla casa tedesca una proroga per indicare come intende risolvere il problema del software
truccato non solo per quel che riguarda le emissioni di ossido di
azoto ma anche per la co2. Secondo quanto trapelato ieri dalla
Germania, Volkswagen potrebbe risparmiare sensibilmente
sui previsti costi di richiamo delle auto se si rivelasse sufficente
inserire un piccolo filtro in grado
di abbattere le emissioni di ossido di azoto. Il costo sarebbe di soli 10 euro a vettura. Ma sullargomento in corso una trattativa
tra la casa di Wolfsburg e il governo tedesco.
In ogni caso il board di Mueller
ha varato un piano di tagli e drastiche riduzioni di investimenti.
Del miliardo risparmiato, circa il
50 per cento riguarda gli insediamenti tedeschi. Nel progetto
compresa anche la cancellazione
di investimenti per cento milioni
nel settore del desgin. Pare che il
taglio si riferisca ai costi per la
realizzazione a Wolfsburg di un

"-7&35*$&
*MDFP.BUUIJBT.VFMMFS

.VFMMFSi'BSFNPEJUVUUP
QFSUFOFSFBCPSEP
JEJQFOEFOUJw/FHMJ6TB
TJJOEBHBBODIFTV#PTDI
nuovo centro del design che invece non sar realizzato. Paradossalmente questo annuncio potrebbe avere effetti tranquillizzanti in Italia dove Volkswagen
ha di recente rilevato il polo di
Italdesign creato a suo tempo da
Giorgetto Giugiaro.
Mueller ha garantito che nonostante i tagli negli investimenti
non risparmieremo sul nostro
futuro e che dunque la societ
aumenter gli investimenti
sullelettrico e le propulsioni alternative. In Usa intanto le autorit hanno precisato che lindagine sulla Bosch, la societ che ha
fornito le centraline ai motori
truccati, solo una indagine conoscitiva senza accuse definite.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

ne in punta di diritto. La richiesta di integrazione di un ordine


del giorno di unassemblea
straordinaria un unicum che
non si era ancora visto prima. E
in quanto tale si presta a diverse interpretazioni. Il nuovo statuto votato e approvato allassemblea di aprile 2014 prevede
per le minoranze un terzo dei
consiglieri, ma a partire dal
prossimo rinnovo. In questo caso, invece, si sta parlando di
unintegrazione del vecchio
cda e dunque dovrebbero valere le regole precedenti che assegnavano alle minoranze un

"%F"HPTUJOJ
MBRVPUB&YPS
EFMMBTPDJFUUW
#BOJKBZ
TORINO. Exor cede la sua quota di

to a stabile da negativo loutlook di Telecom e ha confermato il rating BBB- grazie alle performancese nelle attivit domestiche. I gestori internazionali
sono inoltre interessati agli sviluppi di Tim Brasil, la societ
che oggetto di una proposta
di fusione da parte del concorrente Oi. Proposta supportata
dalla liquidit del magnate russo Mikhail Fridman, azionista
anche dellitaliana Wind. Unoperazione complessa, che richiede un contributo fattivo da
parte del governo brasiliano.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

(MJJTUJUV[JPOBMJDIJFEPOP
MVNJTV5JN#SBTJM0J
'JUDIBM[BMPVUMPPLEFM
HSVQQPJUBMJBOP
dere posizione rispetto al cambio di governance richiesto da
Vivendi. E il cda, preso alla
sprovvista, ha guadagnato tempo annullando la riunione prevista per ieri e rinviandola alla
settimana prossima.
In teoria il cda non vorrebbe
esprimersi su una questione
che riguarda il suo principale
azionista ma allo stesso tempo
non accogliere la richiesta degli
investitori istituzionali, che rappresentano la maggioranza del
capitale della societ, suonerebbe ancor pi sgradito. Quindi si
cercher un punto di mediazio-

-01&3";*0/&

Banijay, la societ di produzione


televisiva guidata da Stephan
Courbit che la finanziaira degli
Agnelli aveva contribuito a
fondare nel 2008. Il pacchetto di
Exor, pari al 17,1 per cento del
capitale, vale 60,1 milioni di
euro. La somma verr versata da
Zodiac, la societ televisiva del
gruppo DeAgostini che ha
rilevato Banijay. La fusione
dovrebbe dare vita a uno dei
principali gruppi mondiali per la
produzione televisiva con un
fatturato di un miliardo di euro.
Courbit e il suo team hanno
creato una societ di altissimo
livello che si appresta a vivere
una fase nuova, ha
commentato John Elkann. Con
loperazione Exor ha ottenuto
una plusvalenza di 24,8 milioni.
Quella di Banijay non lunica
novit finanziaria del Lingotto.
Ieri Fca ha annunciato di voler
rimborsare il 21 dicembre le
secured senior notes con
scadenza al 2021 emesse a suo
tempo da Fiat Us. Il costo
delloperazione per la cassa Fca
di 3 miliardi di dollari. Restituito
in anticipo anche un credito
revolving da 1,3 miliardi. Cos,
dice il Lingotto, si compie un
altro passo verso una base
finanziaria unica per il gruppo.

(*07"//*10/4
MILANO. La mossa di Vivendi di



Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

*.13&4&.&3$"5*
5*50-0

"
"430."
""
"$&"
"$05&-(3061
"$4."(".
"&%&4
"&''&
"&3010350%*#0-0(/"
"-#"13*7"5&&2
"-&3*0/
".#*&/5)&4*4
".1-*'0/
"/*.")0-%*/(
"/4"-%0454
"3&/"
"4$01*"7&
"45"-%*
"45.
"5-"/5*"
"650(3*-"650453"%&.&3
";*.65
#
#$41&",&34
#"/$"(&/&3"-*
#"/$"*'*4
#"/$"4*45&."
#"/;"*
#"4*$/&5
#"450(*
###*05&$)
#$"$"3*(&
#$"$"3*(&3
#$"'*//"5
#$"*/5&3.0#*-*"3&
#$"1&5363*"&-";*0
#$"1.*-"/0
#$"1410-&50
#$"130'*-0
#$0%&4*0#3*"/;"
#$0%&4*0#3*"/;"3/$
#$01010-"3&
#$04"/5"/%&3
#$04"3%&(/"3/$
#&
#&()&--*
#&/*45"#*-*
#&456/*0/$0
#*"-&55**/%6453*&
#*"/$"."/0
#*&44&
#*0&3"
#0&30#"35
#0-;0/*
#0/'&33"3&4*
#03(04&4*"
#03(04&4*"3/$
#3&.#0
#3*04$)*
#36/&--0$6$*/&--*
#6;;*6/*$&.
#6;;*6/*$&.3/$
$
$"%*5
$"*30$0..
$"-&''*
$"-5"(*30/&
$"-5"(*30/&&%
$".1"3*
$"33"30
$"550-*$""4
$&.#3&
$&.&/5*3)0-%
$&/5-"55&503*/0
$&3".3*$$)&55*
$&37&%
$)$*"
$*$$0-&--"
$*3
$-"44&%*503*
$/)*/%6453*"-

7"3
*OJ[JP
*FSJ
BOOP

$IJV
*FSJ


NJO

NBY

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

DBQ
JONJM
EJ

XXXGJOBO[BSFQVCCMJDBJU

$IJV
*FSJ

NJO


NBY

DBQ
JONJM
EJ

 *-16/50
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

  
  
 

 

 

 

 

 

 

 

  
  
  
 

 

 

  
  
  
 

  

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
 
 
 

 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 









































 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 

 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 





















*ODBMP&OJF4BJQFN TBMFBODPSB'JONFDDBOJDB
Milano. .Milano chiude la settimana in leggero
calo (-0,23%). Listino appesentito dai titoli bancari, con Unicredit (-2,08%), Bper (-1,73%),
Bpm (-1,35%). Nellenergia, A2A accusa un
-1,45%. In rialzo Enel (pi 0,24%), mentre Eni

5*50-0

$0'*%&
$0/"'*13&45*50
$3&%"35*(*"/0
$3&%&.*-*"/0
$3&%7"-5&--*/&4&
$41
$5*#*01)"3."
%
%".*$0
%"%"
%".*"/*
%"/*&-*
%"/*&-*3/$
%"5"-0(*$
%&-0/()*
%&"$"1*5"%&-$-*."
%*"403*/
%*(*5"-#304
%."*-(3061
&
&%*40/3
&&.4
&*508&34
&-&/
&-*$"
&.",
&/&&/&-(3&&/18
&/&37*5
&/(*/&&3*/(
&/*
&3(
&3(:$"1*5"&413*/&5
&6,&%04
&6305&$)
&903
&913*7*"
'
'"-$,3&/&8"#-&4
'$"'*"5$)3:4-&3"65
'&33"(".0
'*%*"
'*&3".*-"/0
'*-"
'*/$"/5*&3*
'*/&$0#"/,
'*/.&$$"/*$"
'/.
'6--4*9
(
("#&55*13040-
("41-64
(&'3"/
(&/&3"-*
(&09
(38"45&*5"-*"
(36110&%-&413&440
)
)&3"
*

$IJV
*FSJ

*FSJ

7"3
*OJ[JP
BOOP

NJO

NBY

DBQ
JONJM
EJ

 
 

 
 
 
 

 
 

 
 
 
 

 
 

 
 
 
 

 
 

 
 
 
 

 
 

 
 
 
 









 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 














 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

  
 

 

 

  
  
 

 

  
  
 

 

 

 

  
 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

  
  
 

 

 

 

  
  
 

 


 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

  
  
 

 


 

 



 

 



'0/%*$0.6/*"1&35*4*$"7*5"-*"/*&-644&.#63()&4*%&-/07&.#3&
5*50-*

5*50-0


7"3
*OJ[JP
*FSJ
BOOP

7"- 7"- %JGG


PHHJ *FSJ NFTJ

5&-
"$0.&"".&3*$""  
"$0.&"".&3*$""  
"$0.&"".&3*$"2 
"$0.&""4*"1"$"  
"$0.&""4*"1"$2  
"$0.&""4*"1"$*'*$0"  
"$0.&"#3&7&5&3."  
"$0.&"#3&7&5&3."  
"$0.&"#3&7&5&3.2  
"$0.&"&5'"55*70"  
"$0.&"&5'"55*70"  
"$0.&"&5'"55*702 
"$0.&"&630##"  
"$0.&"&630##"  
"$0.&"&630##2  
"$0.&"&6301""  
"$0.&"&6301""  
"$0.&"&6301"2  
"$0.&"(-0#"-&" 
"$0.&"(-0#"-&" 
"$0.&"(-0#"-&2  
"$0.&"*5"-*""  
"$0.&"*5"-*""  
"$0.&"*5"-*"2  
"$0.&"-*26*%*5""  
"$0.&"-*26*%*5""  
"$0.&"-*26*%*5"2  
"$0.&"1"&4*&." 
"$0.&"1"&4*&." 
"$0.&"1"&4*&.2  
"$0.&"1"53"((3"  
"$0.&"1"53"((3"  
"$0.&"1"53%*/"."  
"$0.&"1"53%*/"."  
"$0.&"1"53136%"  
"$0.&"1"53136%"  
"$0.&"1"53"((32  
"$0.&"1"53%*/".2  
"$0.&"1"53136%2  
"$0.&"1&3'03."  
"$0.&"1&3'03."  
"$0.&"1&3'03.2  

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 

 

 
 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 
 
 
 



 
 


5&-
"44&5"--0$"5*0/#   
'*/"/$*"-$3&%*5*   
'*/"/$*"-$3&%*53   
'*/"/$*"-&26*5:#    
'*/"/$*"-*/$0.&*   
'*/"/$*"-*/$0.&3   


 
 

 
 


7"-03*"-
5&-
"$5*7&%*4$07&3:'-&9  
"$5*7&(-0#"-'-&9  
"$5*7&*/$0.&'-&9  
"$5*7&011035'-&9  
"/*."$&%"1  
"/*."$&%"1**  
"/*."$&%"1***  
"/*."$&%"1* 
"/*."&70-6;*0/&*  
"/*."&70-6;*0/&**
 
"/*."&70-6;*0/&**  
"/*."&70-6;*0/&***  
"/*."&70-6;*0/&*7 
"/*."&70-6;*0/&*  
"/*."&70-6;*0/&**  
"/*."&70-6;*0/&***  
"/*."&70-6;*0/&*7 
"/*."'*9&.&3(&/5*"  
"/*."'*9&.&3(&/5*:  
"/*."'*9&630"  
"/*."'*9&630:  
"/*."'*9)*():&-%:  
"/*."'*9)*():*&-%" 
"/*."'*9*.13&4&"  
"/*."'*9*.13&4&: 
"/*."'*9.0/&5"3*0*  
"/*."'*90##-#5  
"/*."'*90##-#5:  
"/*."'*90##-(-0#  
"/*."'*90##-(-0#:  
"/*."'*90##-.-5  
"/*."'*90##-.-5:  
"/*."'03;""  
"/*."'03;"#  
"/*."'03;"#0/%:  
"/*."'03;""  
"/*."'03;"#  
"/*."'03;":  
"/*."'03;"#  
"/*."'03;"$-"  

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 




 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

5*50-*

7"- 7"- %JGG


PHHJ *FSJ NFTJ

"/*."'03;"$-:  


"/*."'03;"#  
"/*."'03;"$-"  
"/*."'03;"$-:  
"/*."'03;"#  
"/*."'03;"$-"  
"/*."'03;"$-:  
"/*."(&0".&3*$""  
"/*."(&0".&3*$":  
"/*."(&0"4*""  
"/*."(&0"4*":  
"/*."(&0&6301.*"  
"/*."(&0&6301.*:  
"/*."(&0&6301""  
"/*."(&0&6301":  
"/*."(&0(-0#"-&"  
"/*."(&0(-0#"-&:  
"/*."(&0*5"-*""  
"/*."(&0*5"-*":  
"/*."(&01"&4*&."  
"/*."(&01"&4*&.: 
"/*."(-."$30%*7&34:%  
"/*."*/*;*"5*7"*5"1.*  
"/*."0##-$03103"5&"%  
"/*."0##-&.&3(&/5&"%  
"/*."0#*&55*70$&%  
"/*."13%*/".*$0  
"/*."13%*/".*$0**  
"/*."13%*/".*$0***  
"/*."13%*/".*$0.6"4  
"/*."130(&63$&%  
"/*."130((-0#$&%  
"/*."3&/%"44.0%&3"50"  
"/*."3&/%"44.0%&3"50:  
"/*."3*4&37"%0--"30"  
"/*."3*4&37"%0--"30'  
"/*."3*4&37"%0--"30*  
"/*."3*41"3.*0"  
"/*."3644&--.6-5*"44&5 
"/*."4&-%*/".**  
"/*."4&-%*/".***  
"/*."4&-%*/".*7  
"/*."4&-%*/".*$"  
"/*."4&-&$5*0/  
"/*."4'03;&4$0"%  
"/*."45"3*5"-50105:%  
"/*."453"5&63"-50105"  
"/*."453"5&63"-50105:  
"/*."453"5*5""-50105"  
"/*."453"5*5""-50105:  
"/*."5"3(&5$&%0-"  
"/*."53*5"-105**  
"/*."53&6"-105**  
"/*."53&6"-105***  
"/*."53*5"-105***  
"/*."53$3&4045**  
"/*."53$3&44045  
"/*."53"("-50105  
"/*."53"(&6"-105  
"/*."53"(*5""-105  
"/*."53"(1-64**  
"/*."53"('-&9  
"/*."53"('-&9**  
"/*."53"((-0#"-&  
"/*."53"((-0#"-&**  
"/*."53"(.6-5*"44 
"/*."53"((-0#"-&  
"/*."53"($&%".&3*$"  
"/*."53"($&%&6301" 
"/*."53"($3&*5"-*"  
"/*."53"(%*/".*$0  
"/*."53"(&70-6;* 
"/*."53"(1-64  
"/*."7*4$0/5&0"% 
"/."$5*7&$633&/$:'-&9  
"/."/*.""-50105(-0#'  
"/."/*.""-50105&/;*"-&(-0#"-&$-"  
"/."/*."".&3*$"$-"  
"/."/*."".&3*$"'  
"/."/*."$"11*'  
"/."/*."$"11*/  
"/."/*."$"11*'  
"/."/*."$"11*/  
"/."/*."$"1*51*/  
"/."/*."$"1*51*'  
"/."/*."$"1*5"-&1*$-"  
"/."/*."$"1*5"-&1*$-"  
"/."/*."$"1*5"-&1*$-"  
"/."/*."$"1*5"-&1*0##$-" 
"/."/*."&.&3(&/5*$-"  
"/."/*."&.&3(&/5*'  
"/."/*."&6301"$-"  
"/."/*."&6301"'  
"/."/*."'0/%053"%*/($-"  
"/."/*."'0/%053"%*/('  
"/."/*."*/*;*"5*7"&6'  
"/."/*."*/*;*"5*7"&6301"$-"  
"/."/*."*5"-*"$-"  
"/."/*."*5"-*"'  
"/."/*."-*2&630$-"  
"/."/*."-*2&630'  
"/."/*."-*26*%*5&630$-*  
"/."/*."0#)*():*&-%"%  
"/."/*."0#)*():*&-%' 
"/."/*."0##$03103'  
"/."/*."0##&.&3('  
"/."/*."0##-&630$-" 
"/."/*."0##-&630'  
"/."/*."0##-*(";):$-"  
"/."/*."0##-*(";*0/"3*0$03103"5&$-"  
"/."/*."0##-*(";*0/"3*0&.&3(&/5&$-"  
"/."/*."1"$*'*$0$-"  
"/."/*."1"$*'*$0'  

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 
 







 
 
 
 
 
 
 




 

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

5*50-*

7"- 7"- %JGG


PHHJ *FSJ NFTJ

"/."/*."1*"/&5"$-"  


"/."/*."1*"/&5"' 
"/."/*."3*4&37"&.&3$-"  
"/."/*."3*4&37"&.&3'  
"/."/*."3*4&37"(-0#$-"  
"/."/*."3*4&37"(-0#' 
"/."/*."3*41"3.*0$-"  
"/."/*."3*41"3.*0'  
"/."/*."4"-7"%"/"*0$-"  
"/."/*."4"-7"%"/"*0'  
"/."/*."4'03;&4$0$-" 
"/."/*."4'03;&4$0'  
"/."/*."53.$&%**  
"/."/*."53"($&%  
"/."/*."53"($&%  
"/."/*."53"($&%  
"/."/*."53"($&%**  
"/."/*."53"(.$&%  
"/."/*."53"($&%  
"/."/*."53"(5$&%  
"/."/*."53"(**  
"/."/*."53"(6"3%0  
"/."/*."53"(6"3%0  
"/."/*."53*$0-03&$-"  
"/."/*."53*$0-03&'  
"/."/*."7"-03&(-0#'  
"/."/*."7"-03&(-0#"-&$-"  
"/."/*."7*4$0/5&0$-"  
"/."/*."7*4$0/5&0'  
"/.$"1*5"-&1*0##-'  
"/.$"1*5"-&1*0##-/  

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

5&-
";*.65%*/".*$0  
";*.653&%%*5064" 
";*.654$6%0  
";*.6540-*%*5: 
";*.6545353&/%  
";*.6553&/%  
";*.6553&/%".&3*$"  
";*.6553&/%&6301" 
";*.6553&/%*5"-*"  
";*.6553&/%1"$*'*$0  
";*.6553&/%5"44*  
'03.6-""#40-65&  
'03.6-"5"3(&5  

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

5&-
1*0/&63(07#5 &9.0/
$-"  
1*0/&63(07#5#  
1*0/&&3";$3&4$*5"$-" 
1*0/&&3";"3&"1"$*'*$0$-"  
1*0/&&3";7"-03&&63%*4$-"  
1*0/&&3";".#  
1*0/&&3";".$-"  
1*0/&&3";"3&"1"$*'#  
1*0/&&3";$3&4$*5"#  
1*0/&&3";&6301"#  
1*0/&&3";&6301"$-"  
1*0/&&3";1"&4*&.#  
1*0/&&3";1"&4*&.$-" 
1*0/&&3";7"-&6301"%*4#  
1*0/&&3$*.&630'*9*/$0.&  
1*0/&&3$*.(-0#"-&26*5:  
1*0/&&3&6(07.5%*4"  
1*0/&&3&6(07.5%*4#  
1*0/&&3*//07";"55#  
1*0/&&3-*26*%*5"&630  
1*0/&&30&630$&5%*4#  
1*0/&&30&630$&5%*4$-"  
1*0/&&30#$0".%*4"  
1*0/&&30#$0".%*4#  
1*0/&&30#1*6"%*453*## 
1*0/&&30#4*45*5"-*"$-"  
1*0/&&30#4*45*5"%*4#  
1*0/&&30##(-0):%*4"  
1*0/&&30##(-0):%*4# 
1*0/&&30##&630%*4$-"  
1*0/&&30##1"&4*&%*4# 
1*0/&&30##1"&4*&%*4$-"  
1*0/&&30##1*%*4$-"  
1*0/&&30##&630%*453#  
1*0/&&35"3(&5$0/530--0#  
1*0/&&35"3(&5$0/530--0$-"  
6/*$3&%*5&$03&"-&"  
6/*$3&%*5&$03&"-&#  
6/*$3&%*53&%%*50" 
6/*$3&%*53&%%*50#  
6/*$3&%*540-1"&."  
6/*$3&%*540-1"&.#  
6/*$3&%*540-6;*0/&"  
6/*$3&%*540-6;*0/&# 
6/*$3&%*540-6;*0/&"  
6/*$3&%*540-6;*0/&# 
6/*$3&%*540-6;*0/&"  
6/*$3&%*540-6;*0/&# 
6/*$3&%*540-6;*0/&#5"  
6/*$3&%*540-6;*0/&#5# 
6/*$3&%*553&/%"  
6/*$3&%*553&/%#  

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

scende dello 0,74% e Saipem dell1,85%. Bene


lindustria, con spunto di Fiat Chrysler
(+2,34%) mentre prosegue rialzo di Finmeccanica (+2,49%). Nel lusso, Geox in crescita del
3,42% mentre Moleskine scende del 7,32%

5*50-0

*(3"/%*7*"((*
*(%
*-40-&03&
*."
*..4*
*/%6453*"&*//
*/5&,(3061
*/5&,(30613/$
*/5&316.1
*/5&4"4"/1"0-0
*/5&4"4"/1"0-03/$
*/7&45&47*-6110
*/8*5
*3$&
*3&/
*4"(30
*4"(30";*0/*47*-6110
*58":
*5"-$&.&/5*
*5"-.0#*-*"3&
*5"-.0#*-*"3&3/$
*74(3061
+
+67&/564'$
,
,3&/&3(:
-"%03*"
-"/%*3&/;0
-";*0
-69055*$"
-7&/563&(3061
.
.$
."*3&5&$/*.0/5
."33
."44*.0;"/&55*#&7&3"(&
.&%*"$0/5&$)
.&%*"4&5
.&%*0#"/$"
.&%*0-"/6.
.&3*%*&
.*%*/%6453:$"1
.*55&.0-&4,*/&
.0-.&%
.0/$-&3
.0/%"%03*
.0/%057
.0/3*'
.0/5&1"4$)*4*
.07*&."9
.656*0/-*/&
/
/*$&
/0&."-*'&
/07"3&
0
0-*%"5"
074
1

$IJV
*FSJ

*FSJ

7"3
*OJ[JP
BOOP

NJO



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 

 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 



 

 

 

 

 



 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 

 

 

  
 


 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
 

 
 
 
 



 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 






















 
 
 

 
 
 

 
 
 

 
 
 

 
 
 





 
 

 
 

 
 

 
 

 
 




NBY

DBQ
JONJM
EJ

 

 

 

  
 

 

 

 

  
  
  
 

  
 

  
 

 

 

  
 

 

 


1"/"3*"(3061
1"3."-"5
1*"((*0
1*&33&1*/*/'"3*/"
1*26"%30
1*3&--*$3/$
10-*(34'"645*/0
10-*(3"'*$*&%*503*"-&
101&.*-*"30."(/"
10140/%3*0
1045&*5"-*"/&
13&-*04
13&.6%"
13*."*/%6453*&
13:4.*"/
3
3%&.&%*$*
3"*8":
3"55*
3$4.&%*"(3061
3&$03%"5*
3&1-:
3&5&-*5
3*4"/".&/50
30444
4
4"#"'41"
4"&4
4"&43/$
4"'*-0(3061
4"*1&.
4"*1&.3*41
4"-*/**.13&(*-0
4"-*/**.13&(*-03/$
4"3"4
4"7&
4&"51(
4&"51(3
4&37*;**5"-*"
4&4"
4*"4
4*/5&4*
4/"*
4/".
40(&'*
4041"$&
45&'"/&45&'"/&-3*41
45.*$30&-&$53
5
5".#63*
5"4
5&-&$0.*5
5&-&$0.*53/$
5&/"3*4
5&3/"
5&3/*&/&3(*"
5&4.&$
5*4$"-*
50%4
504$"/""&301035*
53&7*'*/*/%
595&40-65*0/
6
6#*#"/$"
6/*$3&%*5
6/*$3&%*53*41
6/*106/*10-4"*
7
7"-40*"
7*"/*/**/%6453*"
7*"/*/*-"703*
7*5503*""44
:
:009
;
;*(/"(07&530
;6$$)*
;6$$)*3/$

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 


 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


















 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 


 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 











 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 

 
 


 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

  
 

  
 

  
 

 

 

 

 

  
 

 

  
 

 

 

 

 

 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

  
  
 

  
 

 

 

  
 

 

 


 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

  
  
 

  
  

 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 

 
 
 
 






 

 

 

 

 



 
 
 

 
 


 
 
 

 
 
 

 
 
 





Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c



la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

-FUUFSF
$PNNFOUJ
*EFF

-"(6&33""--*4
&*%&55".*%*,"/5

*SBHB[[JEJ1BSJHJFMJEFOUJUFVSPQFB

ON sappiamo quanto lunga sar la convivenza


con il terrorismo. I timori per la vita non sono
amici diretti della libert; eppure sono condizioni essenziali per creare la sicurezza, grazie
alla quale soltanto la libert pu crescere. Su questo
paradossale legame di paura, sicurezza, libert il
paradosso del Leviatano si incastonano le nostre
istituzioni e i nostri diritti.
Non si d diritto e quindi libert senza una cornice
di sicurezza e di sovranit statale le cui funzioni siano
costituzionalizzate e il potere limitato e temperato dalla legge. Su questo abc si basa lOccidente, quel grappolo di libert, civili, politiche, morali che contraddistingue la nostra vita quotidiana. Se la guerra una
condizione tragica (e a volte necessaria) che ci accomuna tutti alla specie umana, la pratica della legge e
dei diritti quella straordinaria costruzione che qualifica la nostra tradizione dallantichit, permeando tutte le sfere di vita, religiosa e secolare, privata e pubblica. Questo lOccidente.
E lo soprattutto quando la violenza terroristica,
cieca e imprevedibile, costringe a pensare in fretta e
con determinazione quali misure prendere. Che cosa
fare. Il governo francese ha messo in atto immediatamente dopo lattentato, quasi reagendo allemozione
dellindeterminato, una strategia di guerra e di polizia. Franois Hollande ha proposto modifiche durgenza alla Costituzione francese, per estendere nel tempo
e nelle prerogative lo stato demergenza, e per dettare criteri di revoca della cittadinanza francese nel caso
di terroristi che ne abbiano due. Le misure di guerra in
Siria e quelle di stato demergenza interno prefigurano condizioni di eccezionalit che possono destare preoccupazione.
Lesperienza americana dopo l11 settembre 2001
dovrebbe assisterci nelle nostre valutazioni. A partire
da quella tragedia, George W. Bush prese due decisioni che si rivelarono onerosissime per gli Stati Uniti e il
mondo, entrambe improntate alla logica della guerra:
contro i nemici esterni e contro i nemici interni (cittadini americani e non). Tutte le forme di intervento
vennero rubricate e gestite come operazioni di guerra. Si ebbe prima linvasione dellAfghanistan e poi
dellIraq (dove largomento era distruggere i siti di
produzione di armi nucleari e cacciare il dittatore Saddam Hussein) e, nel frattempo, la creazione di un campo di reclusione per prigionieri-nemici totali situato
fuori della giurisdizione americana, a Guantnamo,
Cuba (poich la Costituzione, che non venne comunque mai cambiata, avrebbero vietato una detenzione
arbitraria dentro i confini statali).
Come riconoscono ormai tutti gli esperti, queste misure si sono rivelate onerose e fallaci da tutti i punti di
vista: giuridico, economico, militare e politico. Con lalleanza della Gran Bretagna di Tony Blair (il quale recentemente ha chiesto scusa per gli errori commessi
con linvasione dellIraq) gli Stati Uniti hanno creato
oggettivamente le condizioni di instabilit radicale
nelle quali fiorisce oggi il terrorismo dellIs: la demolizione dello Stato di Hussein in Iraq ha consegnato parte di quel territorio vasto e ricco di petrolio a forze militari terroristiche o a loro sodali. Una condizione che si
recentemente ripetuta con la Libia.
Ha spiegato Romano Prodi, in alcune interviste rilasciate in questi giorni, che la strategia da anteporre a
quella militare, e da integrare con quella di polizia, dovrebbe essere lintervento sulle libert economiche
di cui godono i terroristi: libert di vendere petrolio alle compagnie multinazionali occidentali a costi probabilmente competitivi o a mercato nero. Lintroito miliardario di quel libero commercio consente ai terroristi di acquistare armi. Intervenire sul mercato delle armi e del petrolio possibile solo se tutti gli stati si uniscono per limitare una condizione di quasi totale anarchia, a causa della quale le nostre libert rischiano di
morire.
LOccidente ha dunque larma della legge, che fortissima se usata con lobiettivo giusto in mente, quello
di combattere le forze terroristiche prima di tutto con
lintelligence e le forze dellordine, e intanto togliere
loro risorse materiali e sostegno sulla scena globale.
Una sinergia di azioni coordinate tra tutti gli stati che
si riconoscono nella famiglia dellOnu pu essere vincente, seguendo i dettami della pace perpetua di
Kant: primo fra tutto, quello per cui la libert si difende con armi proprie, che sono il diritto e la legge.

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

$033"%0"6(*"4
DBVHJBT!SFQVCCMJDBJU

$BSNFMP%JOJ DBSNFEJOJ!HNBJMDPN

5
-FUUFSF
7JB$SJTUPGPSP
$PMPNCP 
3PNB
'BY

*OUFSOFU
SVCSJDBMFUUFSF
!SFQVCCMJDBJU

UTTI quei poveri ragazzi morti sono laspetto pi

toccante della tragedia. Nello stesso tempo mi


accaduto di pensare forse solo per una forma
consolatoria che il senso di una possibile identit collettiva nasce anche dalle grandi tragedie patite insieme. Quei ragazzi sterminati erano di tante nazioni per
lo pi europee, potrebbero contribuire a ravvivare un
po il languente sentimento dappartenenza a questo
continente, soprattutto alla sua cultura, alle conquiste
fatte anchesse sanguinosamente. Anche le nostre
societ, e la religione, ignoravano secoli fa la tolleranza e la protezione del dissenso, la parit dei diritti, il rispetto delle libert individuali. Anche da noi chi non obbediva alla legge del re e di dio veniva ucciso e gli eccidi
sono stati in tante occasioni di massa. La nostra attuale cultura non certo esente da errori e da orrori ma
nessuno pu negare che resti la forma di convivenza
non dico migliore ma di sicuro meno peggiore che sia

6OBQBTTFHHJBUB
TQFDJBMF
.BSUJOB.BSHBVY$P[[J
1BSJHJ
Ho 28 anni, vivo a Parigi da 3 e
ho vissuto con orrore gli eventi
di questo triste e indimenticabile Venerd 13. Domenica mattina ho finalmente trovato il coraggio di uscire di casa per la
prima volta dopo la notte degli
attentati. Ho trovato gente, tanta gente, seduta al sole consolandosi con un brunch. Sorridevano, condividevano lacrime e
risate con unironia francese
che non sospettavo esistesse.
Un gruppo di ragazzi suonava.
E poi cerano i bambini che giocavano. stata una botta di
energia. Unimmagine semplice in grado di trasmettere una
forza incredibile. Perch non
far vedere anche queste immagini? Pongo queste domande
forse con ingenuit. Non facile uscire di casa, camminare
per le strade, prendere la metro, fare la spesa. Ci stiamo rieducando ai rumori della citt,
una portiera sbattuta mi fa gelare il sangue nelle vene. Ho
paura e non lo nego. Ma sentire
tante persone che insieme affrontano il dolore e lincertezza
mi fa pensare che questa sia
una delle nostre armi pi forti.
Stasera (ieri, OES) sar fuori,
insieme a tanti, per le strade,
nei locali.

tra. C da prendere atto che


nessun posto pu essere ritenuto sicuro e che i nostri figli vanno a scuola, prendono il treno,
vanno al cinema, in pizzeria e ai
concerti come quei poveri ragazzi della strage di Parigi che,
usciti per divertirsi, non sono
pi tornati a casa. Non bastano
le parole per rassicurarci. Siamo in emergenza sicurezza e
abbiamo paura. Si bombarda in
Siria ma i terroristi sono gi nei
nostri territori. Si sapeva da
tempo che giovani europei erano partiti per addestrarsi. Ora
necessario potenziare le forze

-BNBDB

1FSMBTJDVSF[[B
QBHIFSFJQJUBTTF
$IJBSB'PMMFHPU
(PEFHB 5SFWJTP

Non vorrei che come risposta


agli atti terroristici alla fine rimanessero solo parole e retorica. Non mi va di aggiungermi al
coro dei non dobbiamo avere
paura, ripetuto come un man-

stata elaborata sul pianeta. Di alcuni di questi orrori Parigi stata di volta in volta vittima o protagonista ma
non si pu dimenticare che qui, non troppo lontano dalla Place des Vosges che tanto piaciuta al signor Dini,
nel 1789 venne firmata per la prima volta nella storia
una %DMBSBUJPOEFTESPJUTEFMIPNNFFUEVDJUPZFO
che apre con solenni parole: I rappresentanti del popolo francese, costituiti in Assembla Nazionale, considerando che lignoranza, loblio o il disprezzo dei diritti
dellUomo sono le sole cause dellinfelicit pubblica e
della corruzione dei governi.... Segue lelenco dei diritti inalienabili di ognuno. Si dir che sono velleit, inapplicabili utopie; in parte vero. Averle messe per scritto in un modo cos solenne, che oggi probabilmente
nessuno avrebbe il coraggio dimitare, fu per linizio
di un modo nuovo di concepire una condizione civile alla quale una parte dellumanit non ancora arrivata.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

di polizia, i controlli. Non ci sono i soldi? Fateci pagare la Tasi.

-JOUFHSB[JPOF
DPNJODJBTVJCBODIJ
-VDJP7JMFWJDI
5SJFTUF
Gi nel 2008 il libro e il film -B
DMBTTF(&OUSFMFTNVSFT) di Laurent Cantet, Palma doro a Cannes, dimostrava che nelle scuole di CBOMJFVFle classi erano costituite da una ventina dimmigrati e da qualche francese po-

.*$)&-&4&33"

ICCOME siamo in guerra ci servirebbero le parole

giuste. Per esempio, gente che se sai a memoria un


versetto del Corano ti lascia vivere, se no ti ammazza
(come ieri mattina nel Mali, come molte volte negli ultimi
anni), sufficiente, calzante chiamarla nazista? Il nazismo era genocida su basi razziali. Il jihadismo genocida su
basi confessionali. Il criterio sterminatore ugualmente paranoico, ma molto difforme nel suo pretesto. Razzismo religioso non si usa dire (anche perch religio termine che
etimologicamente accorpa e lega, non che divide). Come definire, allora, chi classifica impuro, e dunque indegno di vivere, non laltra razza, ma laltra fede o cultura? A loro basta
dire jihadismo, che dellIslam la lettura arcaica e lapplicazione violenta (come se ebrei e cristiani volessero prendere alla lettera e mettere in atto i tanti passi sterminatori del
testo biblico). Ma a noi? Se lessere umano in quanto tale
ad avere valore e diritti, come definire chi considera non uomini i non correligionari? Fanatico? Ce ne sono tanti. Criminale? Ce ne sono tanti. Stragista? Ce ne sono tanti.
C qualcosa di tribale, di pre-civile, da cattivo selvaggio,
in questa trasformazione di una fede in un tab intoccabile.
Nella modernit, noi ci siamo disabituati (per la nostra fortuna) a far coincidere il Libro con la Verit. Cos queste sortite sanguinarie ci sbalordiscono, come venissero da un evo
precedente. Come un attacco di zombie, dei quali chiedersi
con terrore: ma come, non erano morti e sepolti?

veraccio, tutti assistiti dai servizi sociali. In Italia non va meglio: ci si iscrive dove si riesce,
magari cercando le scuole con
pi informatica, sicch anche
qui ci sono le scuole ricche e
quelle simili alla descrizione
del libro, dove con difficolt gli
insegnanti cercano di realizzare la cultura italiana in classi
col 90% di cinesi e altri. Qui poi
prevale linsegnamento frontale io parlo, tu ascolti che
isola i singoli alunni, a differenza del lavoro per gruppi con ricerche ed esperimenti che favorisce la collaborazione e la conoscenza reciproca: ma dove abbiamo i laboratori per fare cos?
Difficile lamentarsi delle conseguenze dopo anni di disattenzione.

/PODBNCJP
MFNJFBCJUVEJOJ
"OUPOJP1BO[JDB
QBO[FMMP!HNBJMDPN
Tra pochi giorni si terr a Firenze il Congresso nazionale di medicina generale. Da due mesi io
e altri colleghi ci siamo iscritti e
non vediamo lora di partecipare. Avr luogo a pochi passi da l
un vertice del Gruppo speciale
della Nato. Dopo Beirut, Parigi,
ieri Bamako, in alcuni dei miei
colleghi e nelle nostre famiglie
la paura si fa largo. Io partir.
Non perch sono sprezzante
del pericolo. Ma perch voglio
rimanere coerente con me stesso. Ho 28 anni. Potevo trovarmi
al Bataclan, io che vado matto
per concerti e spettacoli da
quando sono nato. E se sono diventato la persona che sono oggi lo devo proprio a tutte le esperienze vissute finora. Ai viaggi
che ho fatto. Ai concerti, agli
spettacoli. Non si sta sicuri da
nessuna parte. Quindi o si smette di vivere del tutto. O si vive e
basta.

3*130%6;*0/&3*4&37"5"
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

(SFHPSJP#PUUB %BSJP$SFTUP%JOB
"OHFMP3JOBMEJ "35%*3&$503

%JSFUUPSJDFOUSBMJ
1JFSBOHFMP$BMFHBSJ 130%6;*0/&&4*45&.**/'03."5*$*

4UFGBOP.JHOBOFHP 3&-";*0/*&45&3/&

3PCFSUP.PSP 3*4034&6."/&

$FSUJGJDBUP"%4O
EFM

7*$&%*3&5503*"OHFMP"RVBSP 'BCJP#PHP 

$0/4*(-*0%*"..*/*453";*0/&
13&4*%&/5&$BSMP%F#FOFEFUUJ
"..*/*453"503&%&-&("50.POJDB.POEBSEJOJ
$0/4*(-*&3*.BTTJNP#FMDSFEJ "HBS#SVHJBWJOJ 

%JWJTJPOF4UBNQB/B[JPOBMF

3&410/4"#*-&%&-53"55".&/50%"5* %-(4/

&;*0."6303&(*453";*0/&53*#6/"-&%*30."/%&-

-BUJSBUVSBEFiMB3FQVCCMJDBwEJWFOFSE
OPWFNCSFTUBUBEJDPQJF

%JSF[JPOF
&[JP.BVSP%*3&5503&3&410/4"#*-&
'0/%"503&&6(&/*04$"-'"3*

ARO Augias quei poveri ragazzi uccisi mi danno grande pena. Per penso che i terroristi abbiano commesso
non solo un crimine ma un errore, segnando forse linizio della loro fine. Sono a Parigi e mi sembra che la
citt reagisca bene. Ho trovato molta pace nella splendida Place des Vosges, dove ho passeggiato con la
famiglia. Non possiamo starcene chiusi in albergo. Stasera andremo anche al ristorante. Splendida citt
profanata. Durante la mia visita precedente ebbi una colica biliare, con ricovero al Pronto Soccorso
dellOspedale Cochin e intervento chirurgico. Era la prima volta a Parigi. Nella sfortuna mi sentii fortunato, ben
conoscendo le attese nei Pronto Soccorso degli ospedali di Roma. Al Cochin per me fu come essere accolto in una
confortevole clinica. Sono gentili i parigini. Un ragazzo mi ha sfiorato con la bicicletta e si sentito in dovere di
dire QBSEPO. Un giovane, la volta scorsa, mi urt appena il braccio scendendo dalla motocicletta e non si limit al
QBSEPO, aggiunse: FYDVTF[NPJ, e non contento: KFTVJTETPM. La tristezza e la preoccupazione rendono ancora
pi graditi questi piccoli gesti di cortesia.

/"%*"63#*/"5*

$"103&%"5503&$&/53"-&.BTTJNP7JODFO[J
$"103&%"5503&7*$"3*07BMFOUJOB%FTBMWP
$"103&%"5503&*/5&3/&5(JVTFQQF4NPSUP

(SVQQP&EJUPSJBMF-&TQSFTTP4QB

"MCFSUP$M 3PEPMGP%F#FOFEFUUJ
'SBODFTDP%JOJ 4JMWJB.FSMP &MJTBCFUUB0MJWFSJ 
-VDB1BSBWJDJOJ$SFTQJ .JDIBFM;BPVJ

7*"$3*450'030$0-0.#0 30."
%*3&5503&(&/&3"-&$PSSBEP$PSSBEJ
7*$&%*3&5503&(JPSHJP.BSUFMMJ

3&%";*0/&$&/53"-&30." 7*"$3*450'030$0-0.#0 5&- 3&%";*0/&.*-"/07*"/&37&4" 5&-3&%";*0/&503*/07*"#36/0#60;;* 5&-3&%";*0/&#0-0(/"7*"-&4*-7"/* 5&-3&%";*0/&'*3&/;&7*""-'0/40-"."3.03" UFM3&%";*0/&/"10-*3*7*&3"%*$)*"*" 


5&-3&%";*0/&(&/07"7*"30$$"5"(-*"5"$&$$"3%* */55&-3&%";*0/&1"-&3.07*"13*/$*1&%*#&-.0/5& $5&-3&%";*0/&#"3*$03407*5503*0&."/6&-&** 5&-16##-*$*5"."/;0/*$7*"/&37&4" .*-"/05*10(3"'*"3050$0-0341"30." 7*"$3*450'030$0-0.#0 
45".1"&%*;*0/*5&-&53"4.&44&#"3*%&%"-0-*5045".1"43-7*"4"7&3*0.*-&--"  $"5"/*"&5*441";0/"*/%6453*"-&7***453"%"-*703/0'*/=&(*-&%*503*"-&7*"%&--"35*(*"/"50."/507"'*/&(*-&%*503*"-&13&440$*5&.40$$001"3-7*"('-6$$)*/*1"%&3/0%6(/"/0 .*
3050$0-0341"7*"/";"3*04"630 1"%07"'*/&(*-&%*503*"-&7*"-&%&--"
/"7*(";*0/&*/5&3/" 30."3050$0-0341"7*"%&-$"4"-$"7"--"3* 4"44"3*i-"/607"4"3%&(/"w41";0/"*/%6453*"-&13&%%"/*&%%"/03%453"%"/4/$(044&-*&4 #&-(*0
&63013*/5&34""7&/6&+&"/.&3.0;/03800% /&8+&34&:
64"i(36110&%*503*"-&0((**/$w 8"-/65453&&5."-5".*--&3/&8413*/5-*.*5&%.*--&3
)064& "*310358":5"39*&/30"%-62"-2"(3&$*".*-,30%*(*5"-)&--"4-5%)&1)"&4506453&&5,0301*(3&&$&"##0/".&/5**5"-*" $$1/30."
"//0 $0/4%&$&/1045"
&630  4&55&/6.&3*
&630  4&*/6.&3*
&630  $*/26&/6.&3*
5&- %"5&-&'0/*16##-*$*0$&--6-"3*
&."*-
"##0/".&/5*!3&16##-*$"*5"33&53"5*&4&37*;*0$-*&/5*8884&37*;*0$-*&/5*3&16##-*$"*5 &."*-4&37*;*0$-*&/5*!3&16##-*$"*5 5&- %"5&-&'0/*16##-*$*0$&--6-"3*
(-*03"3*40/0%"--6/&%"-7&/&3% *-$0450."44*.0%&--"5&-&'0/"5"%"3&5&'*44"%* $&/5"-.*/650  $&/5%*&630"--"3*41045" *7"*/$-64"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

-FUUFSF
$PNNFOUJ
*EFF



1&34"1&3/&%*1*
XXXFMZTFFGS
XXXFVSPQBFV

*-'"/5"4."
$0-0/*"-&
<SEGUE DALLA PRIMA PAGINA

#&3/"3%07"--*
CON la presa dei clienti come ostaggi. Ai centotrenta morti di Parigi si
aggiungevano gli almeno ventisette morti di Bamako. Sembrava un
drammatico tuffo nella mondializzazione
del terrore. Alla televisione nei suoi discorsi Franois Hollande alternava le notizie
francesi a quelle maliane. Dando limpressione che la guerra da lui annunciata si
stesse estendendo ad altri paralleli, oltre
allEuropa e al Medio Oriente. Limpegno
del presidente socialista era tale che in poche ore ha deciso di mandare a Bamako
una squadra di quaranta uomini addestrati per sventare la presa di ostaggi, per irrobustire le unit speciali gi sul posto. Se il
rinforzo partito sul serio, allarrivo ha trovato che tutto si era ormai concluso.
Ai francesi che cercavano di vivere normalmente, suiCPVMFWBSE e nei caff, per
sfidare la paura, il primo venerd dopo
quello insanguinato del 13 novembre, le
immagini africane non sembravano tanto
lontane. Potevano apparire, a molti, come
il seguito di quelle vissute. E in realt lo
erano perch il Mali e i Paesi vicini sono
fortemente legati alla Francia. Non si pu
quindi escludere che i terroristi di Bamako abbiano deciso di agire spontaneamente in seguito agli avvenimenti di Parigi.
Forse non per un preciso ordine ma di propria iniziativa, per imitare limpresa dei jihadisti sulle sponde della Senna. La recente creazione di province dello Stato Islamico nella non tanto lontana Libia lascia
tuttavia aperto qualche dubbio. Nel Mali
c da tre anni una forte presenza militare
francese che ha contribuito in modo determinante a ristabilire un certo ordine, riducendo la minaccia islamista e separatista.
E oggi quella presenza una garanzia per
il governo. La tesi secondo la quale anche i
terroristi di Bamako volessero punire Parigi, che bombarda le basi dello Stato Islamico in Siria, non poi tanto campata in aria. Se non c una strategia unica, i legami tra terroristi sono stretti. Non mancano
gli strumenti per renderli operativi. E poi c il fanatismo comune.
Capita spesso a chi racconta
il presente di ricordare che la
storia non si ripete, che avvenimenti e situazioni al massimo
si assomigliano, e che tuttavia
la storia ci insegue nella memoria, anche se ne siamo inconsapevoli. Il passato coloniale ha
lasciato, nei popoli che lhanno
subito, anche nelle generazioni ormai lontane da quellepoca, un vago rancore che riemerge incontenibile e soffoca a
tratti il pi forte desiderio di
raggiungere lo stile di vita,
non solo economico, di quelli
che erano i dominatori. Tra
questultimi e i dominati, o i loro discendenti, rimasto qualcosa di familiare. Il possibile odio si perde
spesso in quellintimit inconscia che unisce i coetanei, reduci delle stesse peripezie, vissute negli stessi luoghi anche senza
frequentarsi. Magari detestandosi. Questi sentimenti, meno irreali di quel che appaiono, si annidano nelle storie di terrorismo che stiamo vivendo. E venivano alla
mente, ieri, seguendo da Parigi la vicenda
di Bamako.
Nonostante le irresistibili tentazioni
neocoloniali, e le sopraffazioni reali, concrete della stessa natura, la Francia e i Paesi del defunto impero hanno imparato a vivere in un reciproco rispetto. Il Mali merita una particolare attenzione. una delle
pi affascinanti terre del continente. Per
la musica. Per i paesaggi. Per la gente. E
nel passato stato anche un esempio, per
alcune stagioni, se non proprio di democrazia, di tolleranza politica, senz altro rara tra le nazioni africane. Il vento islamista lha cambiato. Lha stravolto. Il defunto regime libico di Gheddafi, che spadroneggiava in quei Paesi, si lasciato alle
spalle un enorme arsenale di armi, di cui si
sono serviti i movimenti islamici e separatisti. Per arginarli, in seguito a una richiesta delle autorit di Bamako, e con il via libera dellOnu (sovente rappresentato da

&

Romano Prodi, incaricato di missioni speciali), la Francia ha mandato i suoi soldati


nellex colonia. Era il 2013, di gennaio, e ci
sono ancora. Le unit speciali dellArme
sono intervenute per liberare gli ostaggi
dellHotel Radisson Blu, ieri, insieme a reparti americani. Sono arrivate da Ouagadougou, capitale del Burkina Faso. Nel Mali e nei quattro Paesi vicini, Mauritania, Ni-

ger, Ciad e Burkina Faso, ci sono tremilacinquecento soldati francesi. Millecinquecento sono acquartierati nel Mali.
Il presidente socialista ha impegnato la
Francia in pi operazioni militari di tutti i
suoi predecessori alla testa della Quinta repubblica. Ad eccezione di de Gaulle che
lha fondata nel 1958, durante la guerra
dAlgeria, alla quale ha messo per fine

#6$$)*

nel 1962. La missione africana di Hollande ha come compito di vegliare alla stabilit dei cinque Paesi in cui sono distribuiti i
tremilacinquecento soldati, con il pieno
accordo delle autorit nazionali. Le quali
si sentono minacciate dai movimenti separatisti e islamisti sempre pi forti nella regione. Questo d un senso allazione dei sequestratori di Bamako. Leco delloperazione dovrebbe risvegliare i jihadisti che,
riaccendendo la guerriglia, mai del tutto
spenta nella regione, costringerebbero i
francesi a intervenire di nuovo. Mettendo
in evidenza che la sopravvivenza dei vari
regimi dipende da un esercito straniero infedele, che bombarda i musulmani in Siria.
La psicologia post coloniale presente
negli attacchi subiti dalla Francia in patria o altrove. I terroristi che hanno colpito
Parigi sono cittadini francesi o (belgi) di
origine magrebina. Sono cittadini musulmani di una repubblica laica che insegna
loro una storia diversa da quella che hanno imparato in famiglia. vero che la Francia una delle patrie della libert, ma nei
loro Paesi dorigine stata una potenza dominatrice. Da un lato gli assassini di Parigi
volevano forse integrarsi alla nuova patria, ma la difficolt, e forse pi ancora la
memoria ereditata, li ha spinti a propendere per lodio. La storia appunto ci insegue, in Europa come in Africa. Per esorcizzarla bisogna imparare e insegnare a convivere, nel rispetto dei nostri doveri e diritti. Pensavamo con la fine della guerra fredda che il mondo fosse ormai senza steccati. Era unillusione.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

UNIVERSIT DEL SALENTO

A.S.L. NAPOLI 1 CENTRO

"JGSBODFTJ JMQSJNP
WFOFSEEPQPRVFMMP
EFMOPWFNCSF 
MFJNNBHJOJBGSJDBOF
OPOTFNCSBWBOP
MPOUBOF1PUFWBOP
BQQBSJSFJMTFHVJUP
EJRVFMMFWJTTVUF

REPARTO T.L.A. TOSCANA


GUARDIA DI FINANZA
Via Valfonda, 17 Firenze

AVVISO DI GARA ESPERITA


CIG 6176367349
In data 02/10/2015 stata aggiudicata la gara
aperta per lappalto del servizio di pulizia locali
presso i Comandi della Guardia di Finanza dislocati sul territorio della regione Toscana.
Criterio: prezzo pi basso; Categoria dei servizi: N. 14, oggetto principale 90910000, codice
NUTS ITE1; Numero di offerte ricevute: 42;
Nome e indirizzo dellaggiudicatario: Lacerenza Multiservice Srl, con sede in via del Gallitello 90, 85100 Potenza Codice fiscale e partita
iva 01877530764. Valore dellappalto: Euro
1.213.010,40 (IVA esclusa); Valore dellofferta
dellaggiudicatario: Euro 570.491,42 al netto
dellIva e costi per la sicurezza; Durata del servizio: 24 mesi; Data di pubblicazione del bando
di gara: 16.03.2015 GUCE 23.03.2015 GURI;
Organo competente procedure ricorso: T.A.R.
Toscana, via Ricasoli n. 50 50122, Firenze.
IL CAPO UFFICIO AMMINISTRAZIONE
(Ten. Col. Adolfo Rufa)

CENTRALE UNICA DI COMMITTENZA


COSTITUITA TRA IL COMUNE
DI BASSANO DEL GRAPPA
ED IL COMUNE DI CASSOLA
Comune di Bassano del Grappa
C.A.P. 36061 - Via Matteotti, 39
AVVISO PER ESTRATTO DEL BANDO
E DISCIPLINARE DI GARA
E indetta una gara per laffidamento della concessione in gestione del servizio di accertamento e riscossione dellimposta comunale di pubblicit, dei
diritti sulle pubbliche affissioni con svolgimento del
relativo servizio: periodo 01.01.2016-31.12.2018
c.i.g. 647223621C mediante procedura aperta ai
sensi dellarticolo 54, comma 2, D.Lgs. n. 163/2006.
La gara aggiudicata secondo il criterio dellofferta
economicamente pi vantaggiosa. Limporto presunto totale della concessione ammonta ad euro
1.500.000,00. Termine di presentazione delle offerte: entro le ore 12.00 del giorno 09.12.2015. Il
testo integrale della documentazione di gara pu
essere consultato e prelevato su:
www.bassanodelgrappa@gov.it
Bassano del Grappa, li 17 novembre 2015
IL SEGRETARIO GENERALE
Dott. Antonello Accadia f.to

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

1JBDFSJ
/FJDJSDPMJ
EFJHFOUMFNFO
VOBWFOUBUB
EJBSJBGSFTDB
-"3&16##-*$"
4"#"50  /07&.#3&  /6.&30 

)JUFDI-BOVPWBSJWPMV[JPOF
5FOEFO[F'JPSJFHFPNFUSJF 

EFMMBUWQBSUFEBMTVQFSEFDPEFS
MBNPEBTJJTQJSBBMMBUBQQF[[FSJB

7*5"13*7"5"
5JMEB4XJOUPODPOJMTVPDPNQBHOP 
JMQJUUPSFUFEFTDP4BOESP,PQQ
*EVFTPOPJOTJFNFEBQJEJBOOJ

5JMEB
4XJOUPO
IBDSFBUP
VOJTUJUVUP
EPWF
OPODJTPOP
OMJCSJ
OWPUJ
"3*"//"'*/04

)&//:("3'6/,&-3&%69$0/53"450

lalgida diva, silhouette elegante stagliata sul lungomare, sorride


dolcissima. S, c qualcosa
che mi rende felice e mi coinvolge in modo totale da due
anni a questa parte. leducazione. Ho co-fondato una scuola nel Nord della Scozia, in cui vanno i miei figli. Siamo tutti appassionati. E tutti impariamo. Tilda Swinton ricorda: Non ho avuto
un buon rapporto con listruzione codificata.
Non ho mai sopportato gli esami continui e
quellidea di passivit legata allinsegnamento tradizionale. Quando sono nati i miei figli
ho iniziato una riflessione: ora sono cos liberi, poi per dovranno crescere e andare a
scuola. Dove trover uneducazione che sia in
grado di coinvolgere il loro spirito? Ho trovato una splendida scuola steineriana, ce ne sono molte nel mondo, anche da voi in Italia.
Poi, arrivati alladolescenza, sembrava non
esserci pi scelta. Non trovavo il luogo giusto
e cos ho deciso di fondarne una. stata una
delle decisioni migliori della mia vita, per
quello che loro apprendono e per quello che
imparo anchio. Di loro, con loro. Tilda Swinton appartiene a una famiglia dalla lunga tradizione militare, il padre generale delle Guardie Scozzesi, il prozio tra gli inventori del carro armato. Da ragazzina frequenta la West
Heath Girls School nel Kent, compagna di
classe e amica di Diana Spencer, la futura
principessa triste. Non posso dire che la mia
educazione sia stata particolarmente tossica.
Ma non mi ha mai davvero coinvolto.
MPROVVISAMENTE

i7FOJUF
BTDVPMBDPONFu
4&(6&"1"(*/"

-BUUSJDFCSJUBOOJDBJODMBTTFTJOTFHOBOPNVTJDB EBO[B DVDJOBFBSUJHJBOBUP

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica

3$-6#

4"#"50  /07&.#3& 



-BDPQFSUJOB
*OVNFSJ
Su oltre 13mila scuole paritarie in tutta Italia,
parliamo di un milione di studenti circa, oltre la
met (63%) sono cattoliche. La maggior parte,
quasi 10mila, sono asili che rappresentano il 71%
delle scuole private parificate a quelle pubbliche.
In totale sono 13.625, l11% della quali sono
primarie, il 5% secondarie di primo grado,
il 12,3% secondarie di secondo grado


EFMMFQSJWBUF
QBSJGJDBUFJUBMJBOF
TPOPBTJMJ
&MBNFUDJSDB
TPOPDBUUPMJDIF

*O*UBMJBHMJJTUJUVUJ
MFHBUJBMNPWJNFOUP
4UFJOFS8BMEPSG
TPOPDJSDBDFOUP

5JMEB
4XJOUPO
i/FMMBNJBTDVPMB
TJOTFHOBMBWJUB
EJUVUUJJHJPSOJu

4&(6&%"1"(*/"

"3*"//"'*/04

-*/
5&3
7*
45"

&

Ho trascorso gli ultimi anni


studiando, approfondendo il senso e i metodi delleducazione.
Ho iniziato a capire
sempre di pi quando la scuola diventata per me qualcosa di alieno. Tilda Swinton, attrice finissima e intellettuale anticonformista, cresciuta in un ambiente tradizionale, anche dal punto di vista scolastico.
Sospira. Ero oppressa. Come succede a tanta, troppa gente. Stressata dagli esami continui. A un certo punto mi sono semplicemente sconnessa dal percorso educativo. E ha
deciso di fare di testa sua. S. Ho imparato
molto da sola. Ho formato da sola il mio pensiero. In un lungo percorso di studi, ricordo
due soli momenti di luce. Quando ho finito il
college sono andata volontaria in Africa, per
due anni. Davvero pensavo allora che non saCONTINUA:

rei mai andata alluniversit. Poi invece alla


fine mi sono iscritta a Cambridge, sostenendo un esame. Mi sono ritrovata in una scuola
piena di maschi. Ricordo il primo giorno, studiavamo letteratura, linsegnante mi ha
chiesto la mia opinione. Ricordo che in quel
momento sono quasi caduta dalla sedia per
la sorpresa. Avevo diciotto anni e in tutta
una vita scolastica nessuno aveva mai chiesto la mia opinione su nulla. Quella stata la
prima esperienza illuminante.
Laltro ricordo forte legato a una figura
femminile, la mia tutor alluniversit, una
grande donna. Avevo preparato uno spettacolo teatrale e lei mi chiese di scriverne. Del
testo? Chiesi io. E lei No, raccontami lesperienza che hai vissuto interpretandolo, quel
che ti rimasto dentro. Quello stato il pi
bel tipo di insegnamento che ho avuto, ed
quello che hanno i miei figli oggi. Docenti
che chiedono loro di guardare a se stessi e alle loro esperienze. Rispetto al mondo che li
circonda. Trarre le proprie conclusioni, seguire le proprie ispirazioni. Listinto. Essere
in profonda connessione con se stessi.
Lambiente formale e opprimente in cui

cresciuta Tilda Swinton non ha impedito lo


sviluppo di una straordinaria personalit,
non solo artistica. Ribelle e anticonformista,
nei primi anni Ottanta, Tilda simpatizzava
per il Partito Comunista della Gran Bretagna. Sul fronte artistico inizia presto la collaborazione con il regista, scenografo e pittore inglese Derek Jarman, di cui diviene amica e musa: debutta nel 1986 nel $BSBWBHHJP.
LOscar lo vincer nel 2007 con .JDIBFM$MBZ
UPO. In mezzo una teoria di premi, dai Bafta
alla Coppa Volpi. Ho sempre sviluppato un
pensiero autonomo. Mi considero unautodidatta. Con una personalit forte e il carisma che capace di renderla credibile in
qualunque ruolo, anche in quello della rockstar Marianne Lane per il film "#JHHFSTQMB
TI di Luca Guadagnino, unamicizia iniziata 21 anni fa, subito dopo la morte di Derek
Jarman, nel 94. Luca era giovane ma aveva
gi grandi piani. Abbiamo iniziato subito a
parlare, ci siamo intesi. Il suo punto di vista
sulle cose per me fonte di ispirazione, Le
nostre chiacchierate sul cinema sono infinite, la sua preparazione vasta e spazia dal cinema classico a quello pi radicale. Siamo

*-'*-.
*Oi"CJHHFSTQMBTIuEJ-VDB
(VBEBHOJOP 5JMEB4XJOUPO
JOUFSQSFUBVOBMFHHFOEBEFM
SPDLJOWBDBO[BB1BOUFMMFSJB
DPOJMDPNQBHOP*OUFSSPNQF
JMSJQPTPEFMMBDPQQJBMFYEJMFJ
/FMMFTBMFJMOPWFNCSF
QFS-VDLZ3FE OFMGJMN
MB4XJOUPOWFTUF%JPS

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica
4"#"50  /07&.#3& 

*TBHHJ

*MDBTP

Da Educazione e sviluppo della mente.


Intelligenze multiple e apprendimento
(Erickson) di Howard Gardner a Raccontare
dalla cattedra e dal banco (Mimesis) di
Cosimo Laneve e Chiara Gemma. Fino a
LAzione didattica (Armando) di Elio
Damiano. Sono solo alcuni dei saggi che
trattano una materia cos importante

Reed Hastings, il fondatore di Netflix,


impegnato in prima persona nella
promozione delle charter schools. Sono
scuole paritarie sia elementari che medie,
sovvenzionate con fondi anche pubblici, che
applicano una forma alternativa e pi libera
di insegnamento. Lidea di fornire agli
studenti strumenti di gran lunga migliori

-6*-&*

-"
$"3
3*&
3"

sempre alla ricerca di nuove soluzioni e questa ricerca comune fa di noi una squadra.
Ma anche sul personaggio lattrice ha imposto la sua visione: Allinizio Marianne non
era una rockstar ma unattrice. Io ho scelto
la musicista, anche perch avevo deciso che
il mio personaggio non dovesse parlare. Venivo da un periodo difficile, avevo perso mia
madre e avevo poca voglia di comunicare.
Ha affrontato senza battere ciglio il pubblico dello stadio di San Siro, al concerto di Jovanotti. Sono stati meravigliosi, ci hanno
sostenuto, hanno iniziato a urlare il nome di
una cantante inesistente.
Tilda Swinton ha saputo costruirsi una
carriera solida e capace di spaziare
tra Hollywood, autore e avanguardia. Ma anche costruirsi una splendida famiglia. La nascita dei suoi
due gemelli stata
una svolta importante. Sono cresciuti in una scuola, quella steineriana, dal nido
alladolescenza. Innamorati
della lettura,
della cultura.
Volevo
che
mantenessero
questo tipo di
entusiasmo e
una libert di approccio. Cos con il
mio amico Krzysztof Zajaczkowski ho
fondato la Drumduan
school. Niente esami, niente test, nessuna gerarchia, e
quando possibile niente lezioni
seduti al banco. La nostra scuola superiore fondata sul modello steineriano ma
lapproccio pi radicale, lo chiamiamo body based learning. Due anni fa avevamo 14
studenti, sette maschi e sette femmine, oggi sono trentadue e arrivano da tutto il mondo: Filippine, Hong Kong, Russia, Nuova Zelanda. Imparano la scienza facendo cose pratiche: costruiscono barche, mobili, coltelli.
Studiano a blocchi, tre settimane a materiale. Professori e studenti sono coinvolti, entusiasti, innamorati. Io sono fiera di aver studiato, di essermi formata da sola, ma sinceramente questa la scuola che avrei voluto.
Io ho una personalit forte, ma tutti i bambini la possono sviluppare ed spesso il sistema scolastico che, specie da piccoli, ne rompe la volont, forzandoli nelle convenzioni.
Questo succede fin da piccoli, quando dovrebbero imparare ad arrampicarsi sugli alberi, relazionarsi al gruppo, giocare. Quando hanno sette anni poi labc possono impararlo in poche settimane.
La vita parallela dellicona Tilda Swinton,
la pi elegante, intellettuale, talentuosa,
versatile, anticonformista delle attrici, stata quella di madre impegnata a osservare,
vivere, imparare insieme ai propri figli. Tornare a scuola con loro. Vederli crescere
stata fonte continua di meraviglia. Ogni momento con loro stata una sorpresa, ora hanno raggiunto il meglio. Mi emoziono quando
li vedo ballare, fare scherzi originali, farmi ridere con unironia che non appartiene n a
me n al padre ma esclusivamente propria. Mi sembra che, qualunque cosa succeda, sono salvi. Perch hanno se stessi. Mi pare di aver portato sulla terra due magnifici
esseri umani. E, mi creda, un gran bel sentimento.

AA

7PHMJPFWJUBSFDIF
JNJFJGJHMJBCCJBOP
HMJTUFTTJQSPCMFNJ
DIFIPBWVUPJP
VOFEVDB[JPOF
DIFNJIBGBUUP
TFOUJSFPQQSFTTB

'-03*"/(4&&'3*&%(&55:



3*130%6;*0/&3*4&37"5"

-FNBNNF
JUBMJBOF
BMMBHVFSSB
EFJDPNQJUJ

-&03*(*/*
/BTDFB-POESB
OFMEBVOB
GBNJHMJBDPO
VOBMVOHBSJDDB
USBEJ[JPOF
NJMJUBSF"TDVPMB
DPNQBHOB
EJDMBTTF
EJ%JBOB4QFODFS

*-$*/&."
&TPSEJTDFDPO
i$BSBWBHHJPuEFM
EJ%FSFL
+BSNBO DIFMB
DIJBNFSQFSJTVPJ
MBWPSJTVDDFTTJWJ
$PNQSFTP
i&EPBSEP**u
QSFNJBUPB7FOF[JB

*-5&"530
4JMBVSFBOFM 
TJJTDSJWFBMQBSUJUP
DPNVOJTUBFJOJ[JB
BSFDJUBSFQFS
MB3PZBM
4IBLFTQFBSF
$PNQBOZ*MTVP
QSJNPTQFUUBDPMP
EFM

)0--:800%
/FM
DPO-FPOBSEP
%J$BQSJPJOi5IF
#FBDIuEJ%BOOZ
#PZMF1PJBGGJBODB
5PN$SVJTFF
1FOMPQF$SV[
JOi7BOJMMB4LZu
&ETPMPMJOJ[JP

*-'65630
4BSJOi"WF 
$FTBSFuJMQSPTTJNP
GJMNEJSFUUPEB+PFM
F&UIBO$PFO
"TTJFNFB+PTI
#SPMJO (FPSHF
$MPPOFZ $IBOOJOH
5BUVNF3BMQI
'JFOOFT
-04$"3
"SSJWBQFS
i.JDIBFM$MBZUPOu
EFMEJSFUUPEB
5POZ(JMSPZ4FUUF
DBOEJEBUVSFF
0TDBSWJOUPEBMMB
4XJOUPODPNF
NJHMJPSFBUUSJDF
OPOQSPUBHPOJTUB

(6*"40/$*/*

NA volta era tutto pi

semplice. Ci si dividevano i ruoli: il genitore normativo lo faceva uno, in


genere il padre, e la madre faceva la chioccia.
Non al punto da andare a insultare le maestre se osavano
dare un brutto voto ai piccini,
quello no: gli esseri umani piccoli avevano sempre e comunque torto, e se venivano sgridati cera di certo un buon motivo.
Erano gli anni in cui sono
cresciuti quelli cui tocca essere adulti adesso; i quali, come
piccole Rossella O Hara delle
scuole elementari, devono
aver allora giurato
che non sarebbe
stato cos mai pi:
sarebbero diventati genitori, e avrebbero creato un
mondo in cui gli esseri umani piccoli
venissero trattati
come cristalleria.
Ogni tanto da casa passa
unamica zitella, e prova a
obiettare a quei pomeriggi
passati a fare addizioni. Viene
guardata come quello che :
una zitella.
Una che non sa che non
pi come ai nostri tempi: i
compiti di adesso sono difficilissimi (difficilissimi!), i poveri piccini proprio non possono
affrontarli da soli, sarebbe un
sopruso.
Ci si divide, il pomeriggio,
oggi ti aiuta mamma e domani pap, ma non resterai mai
solo, se non per il tempo necessario ad andare su Facebook a scrivere che uno schifo, come si permettono queste maestre prepotenti di dare dei compiti ai nostri bambini, come osano pretendere
che sappiano le capitali, vogliono forse traumatizzarceli?
Una volta era tutto pi semplice, e il rancore per certi ex
particolarmente cattivi passava per le corna, o per questioni di soldi, di suocere, di carriere mancate e soprusi percepiti.
Adesso di un solo ex si parla
davvero male, mentre le amiche annuiscono comprensive
stigmatizzando il bruto:
quello che si rifiutava di aiutarli a fare i compiti, sostenendo daver ai suoi tempi imparato da solo a fare le addizioni
a due cifre.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica

3$-6#

4"#"50  /07&.#3& 



-IJUFDI
*-.0/%0
%&--&"11

-"45
)03*;0/
QFSJ1BEFJ1IPOF 
 FVSP

"UUFSSBHHJFEFDPMMJ
EBQJBOFUJMPOUBOJ
JOVOVOJWFSTP
NJOJNBMFFE
FUFSFP#FMMP 
EJWFSTP FNPMUP
SJMBTTBOUF

JAIME
DALESSANDRO

36/5"45*$
3&46-5
QFS"OESPJE J1BE
FJ1IPOF HSBUVJUB

1SPNFUUFHSBOEJ
USBTGPSNB[JPOJ
JOTFUUJNBOF
BGPS[BEJ
BMMFOBNFOUJ#FO
GBUUBNBHSBUVJUB
TPMPBMMJOJ[JP

-BSJTQPTUB
EJ4LZ
OPOTPMP
B/FUGMJY
6OP
TUSVNFOUP
VOJWFSTBMF
GSBTBUFMMJUF
8FC
TUSFBNJOH
FVMUSBIE

*/#0976%6
QFSJ1BEFJ1IPOF 
HSBUVJUB

"OBMJ[[BMFNBJMJO
FOUSBUBFJOVTDJUB
FEPQPRVBMDIF
UFNQPJOJ[JBB
TFHOBMBSFRVFMMF
EBWWFSP
JNQPSUBOUJ*EFB
JOUFSFTTBOUF

)01*,0
QFS"OESPJE 
J1BEFJ1IPOF 
 FVSP

4JSJNCBM[BEB
VOQJBOPBMMBMUSP
JOBNCJFOUJ
CJEJNFOTJPOBMJEB
TBMBHJPDIJEVO
UFNQP%JWFSUFOUF 
NBVOQPDBSP

4,:2
"TJOJTUSB JMEFTJHO
EFMMJOUFSGBDDJBEFM
OVPWPFDPTJTUFNB
EJ4LZ DPOVO
NPUPSFEJSJDFSDB
DIFBQQSFOEFEBMMF
OPTUSFTDFMUF 
DPOTJHMJB
DPOUFOVUJ PGGSF
JOGPSNB[JPOJ
DIFJOVOTFDPOEP
NPNFOUPWFSSBOOP
QSFTFBODIF
EBM8FC

*MTVQFS
EFDPEFS
EFMGVUVSP
+"*.&%"-&44"/%30

-"
/0
7*
5

4$&-5*
%"
ERNESTO
ASSANTE

IQUIDA, come un file in mp3


che dallo smartphone finisce
ad un impianto hi-fi. Meglio:
fluida, perch le parole sono
importanti e per alcuni lo diventano ancor pi quando possono metterci
il copyright sopra. Come ha fatto Sky con la
sua nuova idea detta fluid viewing, che
possiamo tradurre con visione fluida, alla
base di una famiglia di decoder chiamati Q.
Rivoluzione inevitabile, in un mondo dove i
titoli di giornale sono appannaggio di Netflix o Amazon, che guardata da vicino sorprende. Per la sua semplicit e ancor pi per
essere lunico ecosistema al mondo che riuscir ad occupare tutte le caselle di quel
puzzle che sta diventando il mondo televisivo fra palinsesto tradizionale, on demand,
streaming, 4K, trasmissioni satellitari o via
Web.
Arriver a febbraio del 2016, cominciando da Inghilterra e Irlanda. Linizio di un
viaggio molto lungo, stando a Jeremy Darroch, a capo della compagnia fondata da Rupert Murdoch, che ha presentato Q in una
conferenza stampa allombra del Big Bang
questa settimana. Il centro un decoder con
un hard disk che offre la possibilit di regi-

strare quattro programmi ad un tempo solo.


La periferia invece sono dei mini decoder e
unapp che portano il segnale in altre stanze
e funzionano da accesso al wi-fi. Si potranno
vedere cinque cose diverse in contemporanea su tre tv e due tablet, e si potr riprendere la visione sui primi o sui secondi dove era
stata lasciata altrove. Il cuore lorganizzazione dei contenuti semplice e lineare, con
un motore di ricerca in grado di intuire quel
che vogliamo dalle prime lettere digitate,
che consiglia contenuti simili e offre informazioni e che, grazie al telecomando, pu recepire istruzioni vocali. Non sono idee nuove, non del tutto. Amazon ad esempio, con i
libri digitali, stata fra le prime ad usare il
cloud in questa maniera consentendo ai lettori di poggiare il Kindle e proseguire la lettura sul tablet e sul pc alla stessa pagina. Poi
arrivata Netflix, che ha riposto quella formula per i suoi film e serie tv, e Apple che da
qualche settimane offre la medesima cosa
con le app fra iPad e Apple Tv. Senza dimenticare il telecomando con superficie tattile e
la ricerca vocale, divenuto relativamente comune. Non a caso Q frutto degli investimenti fatti da Sky in Silicon Valley. Nuova
per la nascita di una piattaforma cos com-

03&(0/
4$*&/5*'*$
130+*
6OPSPMPHJP
EJHJUBMFDIF
QSPJFUUBTVMTPGGJUUP
PTVMMFQBSFUJ
MPSBSJP DPOSPUB[JPOF
B$BMFOEBSJP 
TWFHMJBFUFSNPNFUSP
QFSMBUFNQFSBUVSB
JOUFSOB1JDDPMPF
DPNPEPFVSP

4-*/(#09
7JEFPSFHJTUSBUPSFFWPMVUPDIFQFSNFUUF
EJSFHJTUSBSFQSPHSBNNJUFMFWJTJWJFEJ
HVBSEBSMJ PMUSFDIFTVMUFMFWJTPSF 
BODIFTVTNBSUQIPOFFUBCMFU

%*3&$557
4PQSB JMEFDPEFS(FOJF EFMMBQJBUUBGPSNB
UFMFWJTJWBBNFSJDBOB%JSFDU5W0GGSF
BMDVOFGVO[JPOJTJNJMJBMMFDPTJTUFNB
4LZ2 GSBLFTJODSPOJ[[B[JPOFDPOMBQQ
48"5$)506$)
;&300/&
VOP4XBUDI
NBIBMPTDIFSNP
UPVDI 4XBUDI5PVDI
;FSP0OF MPSPMPHJP
EFJCFBDIFS 
DIFJOUFSBHJTDFDPO
J1IPOFFUFMFGPOJ
"OESPJE
/POTPMPQFSJMWPMMFZ
-PUSPWBUF
BFVSP

pleta, se escludiamo lamericana DirectTv.


Q un ecosistema e come tale evolver
aggiungendo nuovi servizi, aggiunge Stephen Van Rooyen, digital officer di Sky. Come lultra hd, il cosiddetto 4K. Che per noi significher non solo cinema e serie tv, ma anche calcio e intrattenimento. In Italia una
magia che offrono una manciata fra film, documentari e telefilm su Netflix, Chili Tv e a
breve Infinity. Nicchia piccola piccola. Eppure per Reed Hastings, fondatore di Netflix,
grazie al 4K che lo sport prima poi abbandoner le vecchie piattaforme televisive.
Sempre che queste ultime non si rinnovino
radicalmente.
Lecosistema Q ha la semplicit seducente dei prodotti Apple, conferma Andrea
Lamperti, responsabile dellOsservatorio
New Media & New Internet del Politecnico
di Milano. Ricordiamoci per che il mercato italiano della pay tv si muove soprattutto
attorno al calcio. E quello che fa la differenza. Il resto, da noi, una cornice. Ma, almeno per Sky, una cornice che sta diventando
sempre pi importante e strategica. Ora si
tratta solo di capire a quale prezzo la proporr e quando di preciso la vedremo qui da noi.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

-0(*5&$)
$6#&
6ONPVTF EBMMB
GPSNBPSJHJOBMF 
DIFQFSTJ
USBTGPSNBJO
iQSFTFOUFSu VO
DPNBOEP
XJSFMFTTQFSMF
QSFTFOUB[JPOJ
FVSP

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica
4"#"50  /07&.#3& 

61-*,&
QFS"OESPJE 
J1BEFJ1IPOF 
HSBUVJUB

6OBTPSUBEJDIBU
WJTVBMFEPWF
TJDPNVOJDB
BUUSBWFSTP
MBQBTTJPOF
QFSMFGPUPFWJEFP
DPOEJWJTJ

)6/(3:
4)"3,
&70-65*0/
QFS"OESPJE 
J1BEFJ1IPOF 
HSBUVJUP

i-PTRVBMPuJO
WFSTJPOFBQQ NB
EBMMBQBSUFEFM
QSFEBUPSF6O
CVPOQBTTBUFNQP

-*/*;*"5*7"

/BTDFMBQQ
QFSMPTIPQQJOH
QJFUJDP
%&#03")".&3*

I TRASPARENTE e pi

etico. Il mondo della


moda deve essere
cos per Alisha Miranda,
cofondatrice dellapplicazione
/PUNZTUZMF, che ha appena
lanciato la sua raccolta fondi su

-&
'6/
;*0
/*

-"3&5&
4PQSB MP4LZ2DPOJMTVP
UFMFDPNBOEPVOPEFJUBTTFMMJ
DPOJM2.JOJFJM2)VCQFS
DSFBSFVOBSFUFEPNFTUJDB
EFEJDBUBBMMJOUSBUUFOJNFOUP
-"3&(*453";*0/&
4JQPUSBOOPSFHJTUSBSFJO
DPOUFNQPSBOFBGJOPBRVBUUSP
EJWFSTFUSBTNJTTJPOJ*M2
BSSJWBBEBWFSFVOIBSEEJTLEB
UFSB QFSPMUSFPSFJOIE
*-24:/$
1PTTJCJMJUEJWFEFSFDPOUFOVUJ
JODPOUFNQPSBOFBTVUSFUWF
EVFUBCMFU&EJSJQSFOEFSFMB
WJTJPOFTVMMVOPPTVMMBMUSP
EPWFMBWFWBNPMBTDJBUB
-6-53")%
/FMDPSTPEFMWFSSBOOP
MBODJBUJBMDVOJDBOBMJJOL
/POTPMPGJMN EPDVNFOUBSJ
FTFSJFUW NBBODIF
TQPSUFDBMDJP

Kickstarter, il sito di
crowdfunding.
La missione della app, che
uscir per Android e iPhone,
semplice: fornire a chi fa
shopping tutte le informazioni
riguardanti la manodopera che
i grandi e piccoli marchi
impiegano per produrre i loro
capi. I lavoratori sono trattati
in modo giusto? Sono pagati
secondo la legge? Vengono
sfruttati? Lapplicazione mira
a rispondere a queste e ad altre
domande per compilare una
sorta di pagella. Tutti i brand
presenti, dalle catene low cost
come H&M ai marchi del lusso,

%"4)-"/&
QFS"OESPJE J1BE
FJ1IPOF HSBUVJUB

6OTPMPMVPHP
EPWFUFOFSFPHOJ
QBTTXPSE EBUJEJ
DBSUBEJDSFEJUPF
QFSQBHBNFOUJ
POMJOF'SBMF
NJHMJPSJOFMTVP
HFOFSF

avranno accanto un colore:


il verde significa che i capi
scelti vengono realizzati in
modo etico, larancio indica
che invece ci sono delle zone
dombra ed meglio pensarci
prima di fare acquisti, il rosso
impone lo stop perch il
processo di produzione
comporta di certo lo
sfruttamento della mano
dopera. Una mappa gps
individuer automaticamente
i negozi nelle vicinanze
segnalando il colore
corrispondente. Lapp
dovrebbe uscire nel 2016.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"



'-*$,$0-03
QFSJ1IPOFFJ1BE 
HSBUVJUB

(JPDPQFSCBNCJOJ
CBTBUPTVMMBTDFMUB
EFJDPMPSJ
(SBGJDBNJOJNBMF 
NFDDBOJDB
TFNQMJDF TDFOBSJ
FNVTJDIF
HSBEFWPMJ

5&.1*.0%&3/*

-*UBMJB
DIFSJQBSUF
EBNBLFST
FGBCMBC
3*$$"3%0-6/"
/05.:45:-&
-BQQDIFJOGPSNFSDIJFJO
RVBMJDPOEJ[JPOJDPOGF[JPOB
HMJBCJUJEFJWBSJCSBOE

DATI sui tanti ritardi

italiani sullinnovazione
sono noti e consolidati.
Ma i nostri recenti primati no.
Eppure denotano una vera
riscossa digitale in corso, una
rete di movimenti dal basso
che dimostrano ogni giorno
che lItalia s desta e si
rimessa in moto. Lo dico a
prescindere dal governo. Parlo
di cose concrete e belle che
accadono nella societ civile.
Fenomeni per i quali siamo fra i
primi non solo in Europa ma
nel mondo. Prendete i fablab, i
laboratori di fabbricazione
digitale, che in pratica sono dei
locali tipo garage dove dei
ragazzi - i makers prototipano le loro invenzioni
usando stampanti
3D, macchine a
controllo numerico
ed elettronica low
cost come Arduino.
Ebbene, il primo
italiano apr a Torino
nel 2011, ed eravamo uno degli
ultimi paesi del mondo ad
averne uno: ora ce ne sono un
centinaio e solo gli Stati Uniti
ne hanno di pi. Ci sono poi le
startup, ovvero le nuove
imprese, spesso digitali, con le
quali si vuole mettere sul
mercato un prodotto o un
servizio innovativo. Ebbene nel
registro ufficiale del ministero
dello Sviluppo Economico ce ne
sono quasi cinquemila. Sono
tantissime. Non saranno tutti
fenomeni, molte falliranno, ma
molte questanno sono
cresciute, si vedono round di
finanziamenti a due cifre,
insomma la direzione giusta,
i ragazzi ci credono alla
possibilit di crearsi un lavoro.
Infine ci sono i coderdojo,
ovvero questi laboratori dove i
bambini imparano informatica
e robotica giocando. Gratis,
perch lo fanno le insegnanti
fuori orario, per passione.
Bene, nessun paese nel mondo
ne ha tanti. Un fenomeno che
va accanto al successo della
piattaforma Programmare il
Futuro con la quale gli
insegnanti imparano ad
insegnare il digitale. Insomma
tanta roba, che fa sperare in un
futuro migliore. Non fuffa
digitale.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica

3$-6#

4"#"50  /07&.#3& 



-FUFOEFO[F
*-$0--&;*0/*45"

&JMTJOEBDP
IBMBGBTDJB
EBNJTT
26*3*/0$0/5*

ONOSTANTE qualche tentativo


di commissionare alla Moda un
aggiornamento delle nostre divise
militari con Armani, ad esempio mai
si raggiunse da noi quel fervore ideale che a
Parigi, nel 1794, port il Comitato di Salute
Pubblica a chiedere al sommo David un
nuovo guardaroba per i pubblici uffici
ispirato alle trionfanti, rivoluzionarie idee
repubblicane. Il pittore fece del proprio
meglio, ricavandone anche una bella cifra.

Gli abiti da lui disegnati, secondo il gusto


del tempo, erano allantica e di eroica
sobriet. Con una caratteristica comune:
per cintura, una fascia ravvolta in vita e
ricadente in brevi lembi frangiati. Quella
stessa fascia che, meno ricca ma della
medesima cifra stilistica, come segno
distintivo di autorevolezza fu in uso nel
nostro paese per quasi due secoli. Nel 1981,
a Roma, ancora indosso al sindaco Petroselli.
Poi, chiss per ordine di chi, su quel bel

prototipo prevalsero Salsomaggiore e Miss


Italia. E da un giorno allaltro i nostri Primi
Cittadini si fregiarono di una fascia
trasversale esattamente come Il pi bello
dItalia o un imbambolato Sirenetto. Ma
con unaria pi intristita e meno gloriosa,
con quella bandoliera tricolore a tracolla.
Forse perch intonata solo alla frivolissima
aspirazione di ciascuno: piacere. Graziosi
e inoffensivi. Come peluche.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

6OBNPTUSBBMMB5SJFOOBMFEJ.JMBOPBOBMJ[[BJMWPDBCPMBSJPEFMMPTUJMF&QPOFMBDDFOUPTVOVPWJ
GFOPNFOJ EBMTVQFSBNFOUPEFJHFOFSJBMMFUFDOPMPHJFDIFQFSNFUUPOPEJSFJOUFSQSFUBSFJMQBTTBUP

-&
7&/
50

i vuole un vocabolario tutto nuovo per


raccontare come cambiata la moda negli ultimi 20 anni in Italia. Digitale, crisi
ed ecologia hanno infatti influenzato anche il modo di vestire. Ne sono convinti
alla Triennale di Milano dove, il 24 novembre, debutta
(sino al 6 marzo) la mostra *MOVPWPWPDBCPMBSJPEFMMB
NPEBJUBMJBOB. Un vocabolario minimo di otto parole,
Archetipo, Costruzione, Dettaglio, Laboratorio, Materia, Ornamento, Superficie e Uniforme, che saranno illustrati da testi e foto. Cosa si potr vedere? Dal
prt--porter allo streetwear, dalle calzature agli occhiali, dal bijoux ai cappelli. Ma soprattutto tanti nuovi
protagonisti: 300 realt aziendali, 100 designer e
400 oggetti.
Racconta la curatrice Paola Bertola: I cambiamenti sono trasversali a tutti i settori della moda perch la moda italiana ad essere
eclettica. Da un ventennio assistiamo a
un processo di rigenerazione talmente
ricco che ha coinvolto pi generazioni.
La data dinizio della mostra il 1998:
Labbiamo usata come spartiacque
perch da quel momento si pu parlare di nativi digitali, con lavvento di
(PPHMF anche la moda diventata a
disposizione di tutti. Lesposizione
racconta il baratro del 2008: Esattamente a met del nostro percorso
c il crash Lehman Brother fondamentale perch ha rinnovato il sistema. In quegli anni bui si sono aperti
degli spazi inaspettati. Chi ha iniziato la propria attivit dopo il crollo, riuscito a trovare degli spazi inaspettati:
Se prima cera un sistema fatto di grandi ordini e di grandi numeri con la crisi si
ampliato lo spazio per le realt di nicchia.
E per quanto riguarda abiti e accessori?
Guardando le foto sembra che molti capi siano ri-

*3&/&."3*"4$"-*4&

masti uguali a se stessi. Ma linterpretazione tecnica


unaltra. Abbiamo osservato come i capi del guardaroba vengono mantenuti ma riletti in una vestibilit contemporanea e pi asciutta modificando le lunghezze
spiega la curatrice alcuni rivedono i classici puntando alla perfezione sartoriale, altri scorporano il tutto rimontando i grandi classici. Unaltra parola che entra a far parte del nuovo vocabolario ibridare. Tradotto per i visitatori vuol dire mixare la tradizione con
ci che arriva dalle nuove tecnologie.
Vittorio Linfante, che laltro curatore, spiega come
tra le novit ci sia a sorpresa lo sdoganamento del transgender: Se prima cera la gonna per la donna, o la cravatta e la scarpa stringata riservata al maschio, ora
il genere un qualcosa che si pu trattare senza
pregiudizi. Capi maschili e femminili sono simili ma adattati a corpi e stili diversi. E cresce,
sino ad essere maniacale, lattenzione verso i dettagli. La moda diventa laboratorio:
Chi entrato nel mercato stato capace di recuperare le vecchie lavorazioni
rimodellandole con strumenti hi tech.
Particolari come una zeppa del sandalo, la suola della sneaker o il tacco 12
sono diventati portabili e leggerissimi. Nel ventennio non si pu dimenticare il green. Un tema che spesso
nella moda ha provocato malumori
tra quelli che vorrebbero un mondo
a misura di materiali ecologici. Molti lavorano la pelle che fa parte della
tradizione spiega Linfante in
questo caso il green da ricercare nel
processo che porta al prodotto finale.
Infine la rivoluzione dei materiali. Se un
tempo lana e cotone erano i preferiti
adesso, a sorpresa, vincono i tessuti sintetici: lavabili, economici, freschi e duraturi.
Sono i tessuti di un futuro che gi presente.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

-&*.."(*/*
2VJTPUUP 
JMTBOEBMP4QJLF

DPO
DSJTUBMMJ4XBSPWTLZ
EJ.BY,JCBSEJO
FMBCPSTB
EJ(JBODBSMP
1FUSJHMJBJTQJSBUB
B1FHHZ
(VHHFOIFJN
"MDFOUSP
i7FTUJSTJEB
VPNPu 4PQSBOB
*OCBTTP EB
TJOJTUSB VOBGPUP
EJ3PTJEJ4UFGBOP
DIFSJUSBF3BOJB
.PSEJBOPWB
FVOBEJ1BPMPEJ
-VDFOUFFi8BJUJOH
UIF8JOHTuEJ
.BVSJ[JP#BWVUUJ

.PEB
MFQBSPMF
QFSEJSMP

-"/07*5

%BMUBDDP
BMMBCBMMFSJOB
NBEFJO*UBMZ

iovane e determinato Giuseppe della Badia, trentatrenne napoletano trapiantato a Roma, debutta nel mondo delle
scarpe e lo fa sempre con il tipico stile
luccicante delle collezioni Gedebe.
Per la mia prima collezione di calzature ho mantenuto la lavorazione che tipica delle borse con pietre colorate incastonate con fantasia. I modelli? C il
tacco 12 ma anche la ballerina flat, tutte disegnate da me e poi fatte a mano

dai migliori artigiani e calzaturieri. Sar questo suo gusto, che strizza un occhio al lusso, che ha reso Della Badia la
risposta made in Italy a nomi come
Christian Louboutin. Lui ci scherza sopra: Sono semplicemente un gran lavoratore, cerco di fare del mio meglio e
questi paragoni mi rendono orgoglioso. A chi si rivolge Della Badia: Cerco
di fare un prodotto trasversale che piace al mercato italiano, a quello arabo
ma anche quello cinese che ha richie-

-"4$"31"
-BEDPMMFUDPOQJFUSF
EJ(JVTFQQF%FMMB#BEJB

ste decisamente pi eccentriche. Le


mie borse e scarpe sono pensate per
abiti da sera ma anche per un paio di
jeans e una giacca di pelle. Non esistono monomarca Della Badia, e non un
caso: Ho fatto una precisa scelta, preferisco vendere in negozi top e moltimarca da Roma a New York ad Hong
Kong. Oltre a borse e scarpe si pu brillare anche grazie a polsiere, collane e
cinture. 
JNT

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

3$-6#

la Repubblica
4"#"50  /07&.#3& 



-FUFOEFO[F
64*$0456.*

$PNFSB
DPTUPTP
JMDPMPSFWJPMB
("#3*&--"1&4$6$$*

ESTIE, minerali, fiori, piante e

fauna marina, tutto intorno a noi


ha ispirato i nomi dei colori come
ardesia, aragosta, sangue di piccione, fior di
granturco, fango e via cos seguendo il filo
della fantasia. Il colore, nelle varie epoche e
culture ha assunto significati e simbologie
diverse: nellAlto Medioevo il nero suggeriva
raffinatezza e dignit. Marrone, grigio,
erano indossati dalle classi inferiori, perch
queste erano le tinture che costavano di

meno. Il blu indaco significava castit. In


pittura era molto usato per ritrarre la cappa
della madonna, ed stato scelto dai reali di
Francia per i mantelli ricamati con i gigli
doro, simbolo reale. Il giallo era abbinato ai
traditori musulmani ed ebrei, e a Venezia le
prostitute erano obbligate ad usare questo
colore per essere identificate pi facilmente.
Durante il Rinascimento si diffusero in tutta
Europa tessuti sontuosi declinati in una
grande variet di colori. La famiglia Medici a

Firenze adott il viola, molto costoso, perch


la lumaca usata per confezionare questa
tintura, era quasi in estinzione. Francesco di
Marco Datini, mercante di Prato del XV
secolo, impiant manifatture di stoffe a
Genova e in Spagna. Nelle sue numerose
lettere si raccomandava di battere bene il
panno ricavato dalla lana delle pecore che
acquistava, e di tingerlo di rosso. Era il
simbolo del potere e il colore pi richiesto.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

.PTUSF BSSFEJ TGJMBUFQBSUJUPJMSFWJWBMEFJUFTTVUJ


DPOGJPSBNJTUJMJ[[BUJFHSBOEJGBOUBTJFHFPNFUSJDIF

)6#-05

/POTPMPQBSFUJ
MBUBQQF[[FSJB
WBTVHMJBCJUJ

40'*"(/0-*
,"04

("6%

58*/4&5

-"//*7&34"3*0

6OTFDPMP
EJDSJTUBMMJ
MVDDJDBOUJ

ONO PASSATI 120 anni

da quando Daniel
Swarovski realizz in
Boemia, il suo sogno: creare un
diamante per tutti, bello e dai
prezzi accessibili. Era il 1895 e
grazie a una macchina rivoluzionaria, inventata da lui, per
tagliare e lucidare i cristalli, ha
preso il via una storia imprenditoriale tra le pi brillanti.
Lazienda che mantiene ancora un carattere famigliare
( gestita dalla quinta generazione) per celebrare il 120esimo compleanno ha deciso di
realizzare una limited edition

N TEMPO a fare
tappezzeria erano quelle ragazze
che invitate a
una festa rimanevano in disparte. Oggi moda.
Un po come era accaduto negli
anni 70 quando carte da parati e
abiti tappezzeria erano imprescindibili addosso e in casa. Pi
tardi a rinverdire il genere arrivata Miuccia Prada. Oltre a fare
delle fantasie XBMMQBQFS il filo
rosso del suo stile, adesso si
spinta oltre. E, a far da cornice alla sfilata autunno-inverno della
sua linea MiuMiu, ha scelto una
carta da parati nei toni del rosa
decorata con fiori stilizzati. Sempre fiori, ma in versione divano
anni 50, disseminano gli abiti di
F.R.S., Marras e Marni. Di segno
diverso la scelta di Dolce & Gabbana che hanno cosparso i loro
abiti di rose lussureggianti a met strada tra le fantasie english
flower garden amate dalla regina Vittoria e i quadri di Georgia
OKeeffe, la pittrice americana
che dei fiori dipinti con precisione botanica ha fatto la propria cifra, salvo poi lamentarsene. Al
punto da dichiarare: Odio i fio-

con un orologio femminile, proposto in due versioni. Il 30 per


cento del ricavato dalle vendite sar devoluto a Waterschool, un programma sociale
di Swarovski che da 15 anni si
impegna a garantire laccesso
allacqua potabile ai bambini
che vivono nei paesi in via di
sviluppo.
Swarovski ha un legame speciale con lacqua. Daniel, il fondatore, riusc a far decollare la
sua impresa proprio grazie alle
ricche risorse idriche della sua
terra utilizzate per azionare i
macchinari. E la famiglia, me-

-0
45*
-&

-*6+0

more di questa storia, ora fa


progetti per dare lacqua ai bimbi del Terzo mondo. I 120 anni
di Swarovski sono costellati da
grandi successi nel mondo della moda. I pi famosi stilisti hanno creato abiti capolavoro usando i celebri cristalli, scintillanti
come gioielli.
Gli stessi che, ora, in versione micro e in gran quantit (sono pi di 1700) riempiono i quadranti, in oro o acciaio, dellorologio Crystalline oval, prodotto in 120 pezzi, uno per ogni anno di vita della maison.
Questa limited edition sta-

ri, li dipingo solo perch sono


meno cari delle modelle e perch non si muovono.
Questa sorta di viaggio nella
memoria continua con Anna
Wintour. Lo scorso maggio, in
occasione del Gala del Metropolitan Museum (per linaugurazione di $IJOB  5ISPVHI  5IF 
-PPLJOH(MBTT, grande mostra annuale
dedicata alla moda)
la direttrice delledizione americana di 
7PHVF, ha vestito
il salone del ricevimento con le famose
chinoiserie firmate
de Gournay.
Storia, motivi e
tecniche della tappezzeria sono anche
in mostra. Al Fashion and Textile
Museum di Londra
fino al 28 febbraio
c -JCFSUZ  JO  'B
TIJPO unesposizione che celebra il 140 anniversario di Liberty, il negozio aperto
a Regent Street nel 1875 da Arthur Lasenby Liberty che, con
le sue stoffe fiorate, avrebbe poi

*-.0%&--0
-PSPMPHJP$SZTUBMMJOF 
UFNQFTUBUPEJ4XBSPWTLJ

dato il nome a un genere. A Parigi il prossimo 21 gennaio verr


inaugurata'BJSFMFNVSFRVB
USFT  TJDMFT  EF  QBQJFST  QFJOUT 
(Paris, Muse des arts decoratifs, fino al 5 maggio), che esplorer quattro secoli di carta da
parati.
Sembra proprio che lo stile
tappezzeria sia destinato ad avere fortuna se Alessandro Michele per Gucci ha rivestito la passerella della sua collezione primaverile con una carta da parati di
gusto orientale disseminata di
fiori e serpenti. Insomma un ritorno globale che sancisce il revival di una tendenza inaugurata
nel Cinquecento da Eleonora di
Toledo. Per farsi immortalare
dal Bronzino, lelegantissima
moglie spagnola di Cosimo I de
Medici indoss una veste impreziosita da motivi tappezzeria di
pigne e arabeschi.
Un esempio che fa ripensare
alla sfilata invernale di Gucci
che citava il filosofo Giorgio
Agamben per cui la contemporaneit quella relazione col
tempo che aderisce a esso attraverso una sfasatura.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

ta presentata laltra sera a Milano durante uno spettacolo di


musica, prosa e danza su tempo, acqua e luce con Ornella Muti, Malika Ayane e Rossella Brescia. Levento ha avuto come
scenario una cornice luminosa
di cristalli, compresi quelli in
versioni cangiante, creati nel
1956 per Dior e rieditati per riproporre il celebre topolino
Swarovski, inventato, per caso,
da un artigiano mentre stava
assemblando i pezzi di un maestoso lampadario chandelier.
MB

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c



la Repubblica
4"#"50  /07&.#3& 

#"$,45"(&

%BNPEFMMP
GFNNJOJMF
BCPTTDSVEFMF
4&3&/"5*#"-%*

OPHIA Amoruso incarna il sogno

americano. La trentunenne di
San Diego il prototipo della
self-made woman, una che nella vita ce
lha fatta da sola: da una bancarella di abiti
usati arrivata in pochi anni a creare
Nasty Gal, e-store di moda diventato
il punto di riferimento per le millennial;
la sua carriera stata fulminea e la sua
autobiografia, (JSM#PTT, stata salutata
come il nuovo manifesto femminista. Un

simbolo per le donne, ma di sicuro non per


quelle che lavorano per lei. Nei mesi scorsi
unex-impiegata ha fatto causa al sito
e a Sophia (che nel frattempo ha venduto
tutto rimanendo come presidente) per
frode, licenziamento ingiusto, danni
morali e discriminazione: notevole. Farah
Saberi ha spiegato che, una volta tornata
al lavoro dopo un trapianto di cuore, si
vista retrocedere, tagliare lo stipendio e
infine, dopo mesi di mobbing, licenziare. E

non basta: per lo stress le venuto un


infarto e, visto che non le sono stati
corrisposti i contributi, la sua posizione
nella lista dattesa per il trapianto di reni e
fegato stata sospesa. Allinizio, la notizia
passata sotto silenzio perch i media
erano gi concentrati sul licenziamento in
tronco di altre tre dipendenti di Nasty Gal.
La loro colpa? Essere rimaste incinte. Non
esistono pi le femministe duna volta.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

4&7&/5:

-BDSFBUJWJU
VOHJPDP
EJTRVBESB
-"63""4/"()*
"/50/*0
."33"4

."3/*

."3:,"53"/;06

%0-$&
("##"/"

&530

&.103*0
"3."/*

#-6(*3-

%426"3&%

."-*1"3.*

j*

L LAVORO di squadra fondamentale. Da


soli non si arriva da nessuna parte. Francesca Tegon, quarantenne, innamorata
della moda, a capo dellufficio stile e comunicazione dellazienda di famiglia che produce il marchio
Seventy. Donna vulcanica, ama andare controcorrente: Lufficio? No grazie, non mi piace isolarmi
nelle stanze presidenziali. E cos quando arriva in
fabbrica a Scorz, in provincia di Venezia, appoggia piumino e borsa su una sedia e poi sta tutto il
giorno con il suo team creativo. Se vuoi centrare
lobiettivo spiega devi lavorare in gruppo, soprattutto in tempi difficili come questi. Seventy
un marchio che veste lui e lei. Ma per le donne che
amano coccolarsi con abiti che le fanno sentire a
proprio agio ha un occhio speciale.
Le taglie spaziano dalla 38 alla 50 e le collezioni,
disegnate da Ruggero Fabris, sono pensate per i vari momenti della vita di una donna: quando va in ufficio o a un cocktail, quando in vacanza o ha bisogno di una NJTFspecial per una cerimonia. In sintesi: Chic di giorno e glamour la sera, dice Francesca Tegon, una laurea in architettura in tasca pi
quella che si conquistata sul campo a fianco del padre Sergio, un uomo con un fiuto speciale per la moda. lui che negli anni Settanta (da qui nasce il nome dellazienda), dopo aver lavorato da Coin, si
mette a produrre pantaloni a zampa o skinny. Il successo immediato. Ne vende due mila pezzi al giorno e da l inizia la scalata di Seventy nel mondo della moda, unendo intuito e professionalit. Una filosofia che Francesca Tegon ha fatto propria: Oggi
occorre avere una creativit scientifica spiega
devi cogliere i trend e saperli tradurre in abiti facili
da indossare che facciano belle le donne. Se vanno i
capi over bisogna avere la malizia di giocare sulle
proporzioni e fare in modo che la donna si senta aggraziata e non un omino Michelin. Perch un conto
sono le sfilate, altro la realt.
Per fare il pieno di idee, Francesca Tegon frequenta New York. La percorre in lungo e in largo,
va ai musei, visita i negozi nuovi ma soprattutto
osservo la gente nelle strade, come se fosse un
film.
Nata sotto il segno dellAcquario, Francesca Tegon ha una vitalit incredibile, madre di due ragazzi (uno di 15 e uno di 13 anni), quando in fabbrica non sta a guardare lorologio e per ricaricarsi
fa running. La sua teoria del gioco di squadra la applica anche nella gestione dellazienda (con un giro
daffari di 50 milioni) che condivide con il fratello
Pierpaolo, amministratore delegato e la sorella Giovanna, responsabile del servizio clienti. E pap Sergio? Lui vigila su tutti e quando occorre d consigli.

-*/
$0/
530

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

-"/07*5

-BNFNCSBOB
WFSBBSNB
BOUJQJPHHJB

merito di una
membrana. La nuova
tecnologia waterproof
di Lumberjack si basa su una
doppia particolarit: le cuciture
termosaldate piatte comoda
barriera antipioggia e una
UTTO

membrana, appunto, che grazie a pori pi piccoli di una goccia dacqua ma abbastanza
grandi da far passare il vapore
acqueo, protegge i piedi dallacqua e permette una massima
traspirabilit.
Questi criteri progettuali si
applicano ai vari modelli di punta della collezione, dai River
Boot con la combinazione di pelle e tessuto cerato, alla versione hummer che propone una
nuova calzata di gusto urbano
con suola in gomma bicolore e
TM

passa lacci da ciclista. 
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*-/&(0;*0

2VFMMPTTFTTJPOF
VOQPGFUJDJTUB
QFSMFTDBSQF
-04$"310/$*/0
1FMMFFUFTTVUJIJUFDI
QFSMBSJWJTJUB[JPOF
XBUFSQSPPG
EJ-VNCFSKBDL

j/

anni cresciuta lattenzione del


mercato mondiale verso Roma. Ecco perch dopo Milano,
Firenze e Rimini, Cesare Casadei ha
appena aperto nella capitale (piazza San Lorenzo in Lucina) il nuovo
EGLI ULTIMI

flagship store che porta il suo cognome. Direttore creativo del marchio, Cesare Casadei confessa una
leggera ossessione feticista per
la scarpa. In particolare la Blade,
con lo stiletto alto e sottilissimo in
acciaio temprato che ha richiesto
sette mesi di ricerca o la Cappa che
la preferita da Victoria Beckham.
La nuova boutique stata giocata
sulle geometrie dallarchitetto Marco Costanzi (lo stesso del palazzo
Fendi allEur), che ha utilizzato radica di ciliegio, marmo fior di pesco
e fughe sui soffitti che ampliano la
prospettiva. 
TM

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*-3*53"550
2VJBGJBODP 
'SBODFTDB
5FHPO
DBQPVGGJDJP
TUJMF
EJ4FWFOUZ
2VJTPUUP
MBCPVUJRVF
4FWFOUZ
B.JMBOP
*OCBTTP
JOCJBODPFOFSP
VODBQPQFS
MBTUBHJPOFGSFEEB 
BGJBODP JMUBJMMFVS
QJHJBNB
QFSMBTUBHJPOF
DBMEB

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica

3$-6#

4"#"50  /07&.#3& 



*MCFOFTTFSF
*.1&3'&;*0/*

-BBQQ
QFSOPOGBMMJSF
JOBNPSF
-"63"-"63&/;*

%BMMBCJSSB
BJQFUBMJ
EJSPTB
DMBSJDFUUB
HJVTUB
QFSWJODFSF
PHOJTUSFTT
RVPUJEJBOP

*
$0/
4*
(-*

LA APP per pagare il parcheggio,

c la app per auto-ipnotizzarvi,


c la app che fa emettere al vostro smart phone ultrasuoni che uccidono
le zanzare, adesso c la app per scoprire se
si a rischio di disfunzione erettile, pi prosaicamente se si soffre di impotenza. Chiss quanti uomini ammetteranno di averla
scaricata. Chi io? Ma stai scherzando. Pochissimi. Mosche bianche, se vero che a
soffrire di questo disturbo sono oltre tre mi-

lioni di italiani, ma a farsi curare ergo ad


ammettere di avere un problema sono s
e no settemila, come sostengono gli esperti. Gli altri, quelli che evidentemente si vergognano, in attesa di trovare il coraggio di
rivolgersi al medico possono utilizzare la
app, comoda e oltretutto gratuita. Ma in
che cosa consiste? un serbatoio di info
scientifiche ma anche di consigli pratici e
di indirizzi: si va dalle cause e dai primi sintomi della disfunzione erettile fino allelen-

co dei farmaci pi validi a contrastarla e alla lista dei recapiti telefonici dei centri di cura urologici sparsi sul territorio, solo strutture certificate, si intende. Ma il cuore
dellapp un test di autovalutazione
quanto sono a rischio? in sei domande.
Per ogni risposta si ottiene un punteggio e
alla fine un semaforo verde, giallo o rosso
indicher il livello di rischio flop. E, come
noto, non si pu passare col rosso.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

.*$)&-"%*$"3-0

"

CQUA, sale e una


bacinella. Ecco il
pi semplice e
tradizionale degli scacciapensieri: il pediluvio. A fine giornata, tra i rituali preferiti non solo per dare sollievo a piedi stanchi e dolenti ma anche per mettere a mollo stress e tensioni.
Perch il benessere parte dai
piedi, punto nevralgico del nostro corpo. Gi nel Medioevo, la
Scuola Medica Salernitana indicava contro il mal di testa pediluvio con decotto di papavero,
giusquiamo e sempreviva. Coccola serale o trattamento base
delle migliori Foot Spa, il pediluvio rimane un rimedio classico
che, specie se arricchito con oli
essenziali, ritempra mente e

-BSUFEFMSFMBY
DPNJODJB
EBMQFEJMVWJP
corpo in pochi minuti. Ad ognuno il suo. Piedi stanchi e gonfi?
Pediluvio a base di menta. Ha
un effetto drenante e rinfrescante. Oppure gli oli essenziali di eucalipto, fiori darancio e pino. Foglie di salvia e petali di rosa, invece, per tonificare piedi un po
trascurati. E poi lavanda o rosmarino, che hanno propriet
calmanti e rinfrescanti, dopo
una giornata un po faticosa.
Frate Ezio, dellAntica Farmacia Erboristica dei frati carmelitani scalzi di SantAnna, tra le
botteghe pi antiche di Genova,
suggerisce un decotto di corteccia di salice bianco o di artemisia per piedi doloranti e gonfi, o
un infuso di gemme di pino, fo-

-"'3"(3"/;"

2VFMMBSPNB
GSVUUBUPFGJPSBUP
JOUFSQSFUBJMQPJT
3"*.0/%"#03*"/*

glie di noce e di eucalipto per eliminare anche i cattivi odori. E


per vincere il freddo, la farina di
senape da mettere in ammollo
nel catino in un sacchetto di tela.
Un pediluvio originale? Acqua tiepida e mezzo bicchiere di
birra per un effetto defatigante
e tonificante. Per mantenere i
piedi morbidi baster passare la
pietra pomice insaponata sui calcagni e sulle callosit e massaggiare tutto il piede con una crema idratante. Necessario per
seguire alcune avvertenze. Il pediluvio andrebbe praticato a cute integra e, per evitare macerazioni, non pi a lungo di 10-15
minuti.

La temperatura dellacqua far poi la differenza. Il pediluvio


caldo, con temperature massime di 36-38C, ammorbidisce
calli e duroni, efficace in caso di
crampi, congestioni, ritardi mestruali, ma andrebbe evitato
per chi ha problemi venosi. Per
una sferzata di energia, lideale
il pediluvio freddo (12-18C):
tonificante e toccasana per la circolazione. Per liberarsi da mal di
testa, sinusiti e gonfiori alle
gambe, ecco il pediluvio alterna-

OPO GLI ABITI, i foulard, gli accessori dal mood disinvolto, Manila Grace, marchio italiano famoso per le
inedite fantasie e texture artigianali, esordisce con una fragranza femminile. Nel nome
del marchio inscritta la sua identit fashion:
manilla, una delle fibre naturali pi resistenti, e grace, come armonia e grazia. Alessia
Santi, stilista della maison, affida allazienda
di profumeria Mavive spa, il progetto di un
jus che sia simbolo di mente curiosa e cuore
aperto al divertimento, firmato dal naso
Cline Ripert. Un EJWFSUJTTFNFOU  olfattivo
che ha una fragranza fiorita e fruttata, orientale e gourmand. Qui le OVBODFT di limone e

to che si esegue con due bacinelle. Gi buona pratica del percorso Kneipp, limmersione dei
piedi e parte dei polpacci deve
durare massimo cinque minuti
nellacqua calda e poi per due o
tre minuti nellacqua fredda,
meglio se gelata. Il trattamento
va ripetuto tre volte . Per ritemprare corpo e spirito, lideale sarebbe un pediluvio in acqua termale, ricca di sali minerali. Lo
sanno bene i giapponesi con i loro ashi no yu (bagni per i piedi)

geranio, le sfumature di mughetto e pesca


bianca e un frizzante twist di cocco si fondono
con gli accordi esclusivi di ribes, cardamomo,
pan di zenzero, vaniglia Neo Jungle Essence.
Nellinedita tecnologia di estrazione
FDPGSJFOEMZ, le molecole odorose sono estratte a basse temperature per assicurare un aroma puro e fedele al sentore della materia prima da cui traggono origine. E mentre la fragranza interpreta il pois, uno degli elementi
iconici della maison, il flacone sinuoso ed elegante, ispirato alle antiche snuff bottle, bottiglie da fiuto di origine orientale, riprende
charme e comfort delle linee e forme dei capi.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

o le migliaia di stazioni termali


(onsen) che conta il Paese grazie al suo suolo vulcanico. Pediluvi anche sullo Shinkansen, il treno rapido della JR East. Nel tragitto Fukushima-Shinj c un
vagone per manager sempre di
corsa. Speciali piscine allaperto
per piediluvi rigeneranti pure in
Thailandia e in Cina. Una volta a
casa, zenzero e citronella sciolti
in acqua calda o tinozze di t verde contro ansie e stress.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*-'-"$0/&
*MQSPGVNPEJ
.BOJMB(SBDF
SBDDIJVTPJOVO
BTUVDDJPDPOVOB
TUBNQBGMPDDBUB
DIFIBVOFGGFUUP
UBUUJMF
QFSSJDIJBNBSF
MBTQFSJNFOUB[JPOF
EFJNBUFSJBMJ
EFMNBSDIJP

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica

3$-6#

4"#"50  /07&.#3& 



*MCFOFTTFSF
4&4504&/40

4FJMUFOOJT
MPTQPSU
EFMMBNJDJ[JB
-6$"#*"/$)*/*

-FVMUJNF
UFOEFO[F
EFMMB
DPTNFUJDB
QSFTFOUBUF
EVSBOUFJM
$PTNPQSPG
EJ)POH
,POH
-&
7&/
50
*-4"-0/&
"MDFOUSP 
FBEFTUSB
BMDVOFJNNBHJOJ
EFM$PTNPQSPG
"TJBEFEJDBUP
BJNFSDBUJ
E0SJFOUF

OI ITALIANI tendiamo a innamorarci


degli sport soprattutto quando
abbiamo campioni da imitare: ai
tempi di Alberto Tomba, lo ricordo ancora,
eravamo tutti sciatori. Nel tennis gli ultimi
clamorosi successi delle nostre ragazze,
Schiavone e Pennetta in primis, hanno
riportato luce su uno sport non sempre preso
in considerazione per via di alcuni
pregiudizi, a partire dai costi. Invece ci sono
campi comunali accessibili a tutti, e per

cominciare non c bisogno della racchetta di


Federer. Secondo uno studio pubblicato da
5IF1IZTJDJBOBOE4QPSUNFEJDJOF, il tennis
uno degli sport pi adatti per sviluppare la
capacit di socializzare e di gestire i propri
rischi. Benefici che condizionano in meglio la
nostra vita anche una volta lasciata la terra
battuta, sebbene non siamo riusciti a
mettere a segno nemmeno una vole. Dal
punto di vista fisico, invece, il tennis uno
degli sport pi completi perch permette di

fare un allenamento aerobico-anaerobico


alternato, dovendo cambiare
continuamente ritmo e strategia.
Ovviamente conviene avvicinarsi a questo
sport con un po di allenamento, ma secondo
la medicina dello sport ideale per bruciare i
grassi, tenere il cuore in allenamento e
lontano il diabete. Certo forse tardi per
diventare Agassi o Steffi Graf, ma i vostri
figli possono sempre tentare.

per cento dei bambini fra i sei e i dodici anni


usa una crema viso in media ogni due giorni.
E lindustria si adegua.
Comincia sempre pi presto la cosiddetta
adultizzazione precoce, e limmagine tangibile qui a Hong Kong, fra gli stand luminescenti di Cosmoprof Asia che con questa edizione festeggia il suo ventennale. Un format
importato con successo dallItalia, da Bologna Fiere, e adattato alle strategie di marketing del Far East. Piattaforma privilegiata,
la pi estesa, per fare business nel continente asiatico, con un potenziale di nuovi mercati dalle proporzioni imponenti, Cina in testa.

Corrono gli imprenditori a firmare contratti; le aziende che espongono questanno sono 2502 provenienti da 45 paesi del mondo,
106 solo dallItalia, 90 dagli Stati Uniti. Quella dei cosmetici per le under 14 solo una
non necessariamente la principale delle
tendenze emerse da questa megafiera del
benessere e dellapparire. Ci che pi di
ogni altro cosmetico le donne asiatiche chiedono ai paesi industrializzati europei legato a creme hi-tech, sieri, trattamenti schiarenti, quando non esplicitamente sbiancanti, e a prodotti che garantiscano una protezione totale dalla minaccia dei raggi solari.

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

-BCFMMF[[B
DIFWJFOF
EBMM"TJB
-"63"-"63&/;*

ALLA COREA del

Sud: il rossetto volumizzante indelebile per 24 ore, la crema alle cellule staminali, la maschera agli estratti della
frutta che sa di gomma americana, gli idrocerotti rassodanti alla placenta per sgonfiare le occhiaie, il fondotinta per i ritocchi prima di scattare il selfie.
Dalla Thailandia: la maschera al carbone
vulcanico per estirpare i punti neri, la lozione schiarente corpo al collagene, la crema
mani che profuma di biscotto al cioccolato.
Dal Giappone: il rimmel stroboscopico, lo

scrub per levigare le ascelle, gli ombretti effetto prisma. A colpire let delle ragazzine cui sono destinati questi e altri cosmetici
pensati, confezionati e presentati come fossero giocattoli, copertine di videogiochi, scatole di caramelle. Young girls, tutte fra i 12 e
i 15 anni, a cui si rivolgono gli imprenditori
del settore. In realt anche pi giovani: let
prepuberale stinge nellinfanzia, le creme
di bellezza, i cosmetici, i trucchi, sempre definiti magic, si sovrappongono ai prodotti
per bambini. Dalla Francia un noto marchio
dermatologico certificato organico fa sapere i risultati di uno studio di mercato: il 42

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica
4"#"50  /07&.#3& 

*--*#30

3JUSPWBSF
MFRVJMJCSJP
QFSEVUP
.*$)&-"%*$"3-0

INTONIZZARSI sulle proprie


frequenze. Ascoltarsi e ritrovare
la consapevolezza del proprio
essere come unit per sentirsi a casa
dentro la propria pelle. A tornare sulla
indissolubilit tra corpo e mente, Barbara
Pozzo, terapista della riabilitazione
specializzata in medicina manuale, con il
libro Sei a casa. 24 meditazioni sul corpo
(Bur Rizzoli). Nessun esercizio da seguire
ma tanti spunti per aiutarci ritrovare

I cosmetici in Asia e la ricerca ossessiva


dellidratazione non a caso il titolo di uno
dei convegni che hanno accompagnato queste giornate dedicate al business della bellezza. Alla presenza di esperti, addetti ai lavori, manager, compratori e blogger, altri focus si sono accesi sullanti-aging, sugli sviluppi del settore organico-naturale che interessa soprattutto Australia e Nuova Zelanda, sul ruolo delle-commerce, sulle abitudini nellutilizzo dei profumi nei paesi asiatici,

lequilibrio perduto. Nel corpo risiede una


saggezza istintiva e profonda spiega
lautrice . Se sapremo ascoltarlo, avremo
la possibilit di avere accesso alle risorse
che ci servono. Perch a differenza della
mente, non ci confonde. Ci fornisce
indicazioni, ci avverte se qualcosa non va,
ci fa da guida nel nostro Universo interiore
e col suo essere ci fa luce nel rapportarci col
mondo. E tanto pi ne saremo
consapevoli, tanto pi sar facile far fuire la

sulle potenzialit della cosmetica maschile. Le nostre imprese


sono sempre pi attente a questi processi di internazionalizzazione, prova ne lincremento
delle nostre esportazioni che nel
2014 sono aumentate del 4,9
per cento, e sui mercati asiatici del 6 per cento, con la punta pi alta proprio ad Hong
Kong, osserva Fabio Rossello, alla guida di
Cosmetica Italia. E Duccio Campagnoli, presidente di Bologna Fiere, annuncia a sorpresa: Dopo esserci estesi a Hong Kong e a Las
Vegas, stiamo pianificando di esportare il
nostro format sia a Istanbul che a Teheran:
due mercati, la Turchia e lIran, dalle grandi
potenzialit.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*-130'6.0

'SBHSBO[F
QSF[JPTF
DPNFHJPJFMMJ



nostra componente emozionale e


spirituale. Insomma, il corpo come cartina
di tornasole di come stiamo veramente,
quali sentimenti proviamo, a prescindere
da ci che sta capitando intorno e fuori di
noi. Ma come ritrovare le chiavi di casa?
Cominciando a rallentare, ritagliando
momenti personali, per recuperare una
condizione di interezza e dunque di
profondo benessere psicofisico.

sono un
traguardo importante.
La
maison
Lancme li festeggia lanciando
unedizione speciale del profumo La vie est belle LExtrait.
Per renderlo ancora pi prezioso, gli 80 flaconi numerati sono
ornati con un gioiello realizzato
dalla maison Mellerio, detta
Meller. Fondata nel 1613 e considerata la pi antica gioielleria
del mondo, dopo aver creato i
diademi per le regine di Francia e dEuropa ha prodotto un
pezzo unico che reinterpreta le
ali della libert, il nodo dorganza che diventato il simbolo delTTANTANNI

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

la fragranza. La composizione
di Dominique Ropion et Anne
Flipo una sinfonia fiorata che
ruota attorno alliris associato a
differenti aromi: rosa, gelsomino, fiori darancia nel
cuore; bergamotto, pera e essenza di polygonum in testa e nel fondo patchouli, fava tonka, cistus e franchincenso. Per sottolinearne la ricchezza, il tappo fatto a mano servir
per aspergersi delicatamente con lestratto.

TM

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica

3$-6#

4"#"50  /07&.#3& 



*QJBDFSJ
".*$*.*&*

-JOHSBUP
DPNQJUP
EFJGVDIJ
&-&/"45"/$"/&--*

-"
/0
7*
5

I detto molto del fuco, lo so. Il suo


nome volgare pecchione, ed
il maschio dellape. A differenza
dellape femmina, il fuco nasce per
partenogenesi, da uova non fecondate.
Come tutti sanno, la sua esistenza ha un
unico scopo: laccoppiamento con lape
regina. Questultima lunica ape femmina
a possedere un cantuccio nel suo corpo dove
conservare lo sperma col quale fecondare
le uova. Alla spermateca, il fuco accede

attraverso un endofallo. Terminato


lamplesso il fallo, esausto, si spezza. Una
parte, la punta, rimane infilata dentro la
femmina. Cos mutilato e inutile, il fuco
muore. E nello stesso modo gli altri circa
quattordici fuchi che avevano partecipato
in sciame al volo nuziale, detto anche
cometa di fuchi, e che si introdurranno, uno
dopo laltro, nellape regina. Qualora invece
dovesse sopravvivere, provvederanno le api
operaie a farlo crepare di fame, smettendo

di imboccarlo. Il fuco infatti, non ha


neanche una lingua abbastanza lunga da
lapparsi il miele da solo. fin troppo facile
fare dellironia sul fuco e il suo ruolo.
Domandiamoci piuttosto perch, ben
sapendo cosa lo aspetta, il fuco non si
sottragga al suo compito. Sapr forse,
il fuco, qualcosa che noi non sappiamo? Per
esempio che non c niente, dopo, di meglio
di quello che gi stato?
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

&/3*$0'3"/$&4$)*/*

$

ERA una volta a due passi da

Piccadilly un esclusivo club


per gentiluomini. Poich
era adiacente a Soho, il
quartiere a luci rosse della
citt, la polizia si insospett vedendo entrare anziani uomini che ne uscivano soltanto a tarda
notte, cos una sera i bobbies effettuarono un
raid. Un poliziotto spalanc la porta di una sala
ma trov soltanto quattro signori seduti in poltrona attorno a un tavolino basso, che fumavano il sigaro immersi nelloscurit. Lei chi ?, intim lagente al primo. Il governatore della Banca dInghilterra, rispose linterrogato. E lei?,
chiese il piedipiatti al secondo. Io sono il cancelliere dello Scacchiere (ovvero il ministro delle
Finanze). E lei?, domand lagente sempre pi
accigliato al terzo uomo. Io sono larcivescovo
di Westminster. Immagino dunque che lei,
comment spazientito il poliziotto rivolto al
quarto uomo, sia il primo ministro. Precisamente, gli rispose Arthur Balfour, premier britannico dal 1902 al 1905,
dopodich prese cappello,
cappotto, bastone e se ne ritorn a casa. A piedi, come
usava nella Londra di quei
tempi.
Come gli autobus rossi a
due piani, i panciuti taxi neri e le cabine del telefono, i
club per gentiluomini fanno parte delliconografia
dellInghilterra. Gli autobus, pur sempre rossi, adesso vanno a elettricit, i taxi
rischiano di essere messi
fuori servizio da Uber e le
cabine del telefono, nellera degli smartphone, servono ormai soltanto a escort
e call-gilrs che ci appiccano
allinterno i propri assai
espliciti biglietti da visita
(completi di numero di telefonino). Inevitabilmente, sono cambiati anche i
gentlemens club. Per cominciare, hanno finalmente ammesso (quasi tutti)
le donne fra i soci (prima potevano entrare solo
per andare al ristorante, se accompagnate da
un iscritto). Secondariamente, non ci sono pi
soltanto quelli un po ammuffiti in cui si leggono
i giornali attaccati a una sbarra di legno, si sorseggia uno sherry, si mangia (generalmente
male) in polverosi ristoranti, per poi sedersi
nelloscurit su poltrone di pelle, senza peraltro
fumare pi il sigaro (nei luoghi pubblici vietato fumare), come facevano oltre un secolo fa sir
Arthur Balfour e colleghi, stando oltretutto bene attenti a non sedersi sulle poltrone un tempo
riservato a Darwin o Dickens, come allAthenaum o al Reform, diventate oggetti da museo.

-BOVPWBWJUBEFJDJSDPMJQSJWBUJJOHMFTJOPOQJMVPHIJQPMWFSPTJ
SJTFSWBUJTPMPBMMBSJTUPDSB[JB NBMPDBMJDPPMFEJEFTJHO

"SJBGSFTDB
OFMDMVC
JMHFOUMFNBO
TJSJOOPWB

*-60()*
4PQSB VOJNNBHJOFEFM
.BSLT$MVC4PUUP JM5IF"SUT
$MVC TFNQSFB-POESB

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica
4"#"50  /07&.#3& 

5&33";;*'*03*5*

1SFQBSJBNP
JMHJBSEJOP
BMMJOWFSOP
1"0-01&+30/&

NUTILE illudersi, le giornate calde


ed assolate stanno ormai per finire
ed meglio darsi da fare: passato
San Martino, il giardino deve essere
pronto ad affrontare linverno. Rimandare
ancora potrebbe rivelarsi fatale:
la ben nota cicala docet.
A brevissimo finiranno le vacanze
per le piante in vaso, almeno per quelle pi
delicate, ed perci necessario preparare
le serre, i cassoni o comunque ingegnarsi

per trovare un posto riparato e protetto.


Una stanza luminosa va benissimo ma,
a meno di optare per la coltivazione di
piante tropicali, necessario che non
sia eccessivamente riscaldata.
Meglio sarebbe se proprio non lo fosse,
lasciando, almeno in queste giornate
ancora miti, porte e finestre aperte
durante le ore pi calde. Con il tempo, qui
al Bramafam, sono sempre di meno le
piante protette durante linverno: anno

-"$-"44*'*$"



dopo anno mi piace provare a toglierle dal


vaso e piantarle in piena terra, nei posti
pi riparati, come successo per alcune
variet pi rustiche di agapanti o per una
vecchia grande pianta di Solanum
rantonnetii. Ma nellincertezza sempre
meglio non azzardare. Che siano serre vere
e proprie, androni, bow window o mere
protezioni improvvisate le piante
sapranno ringraziare con generosit.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

"650%&55"(-*

VO#SVOFMMP &MBNBDDIJOB
JMRVBSUPNJHMJPS PSBMBDPNQSP
WJOPEFMNPOEP DPOVODMJD

ITALIA del vino in gran

Una nuova generazione di club privati fa concorrenza a quei luoghi storici e carichi di fascino. Disegnati da architetti di fama, arredati con
lusso e stravaganza, generalmente riservati a
vip, ricchi e alta societ, ma in qualche caso a
una nicchia bohemienne per artisti, scrittori e
giornalisti, rappresentano la Londra che i turisti raramente possono vedere, a meno di essere
invitati da un socio a farci una visitina. Non tuttavia necessario essere residenti nella metropoli per iscriversi a uno dei suoi club: limportante
avere i soldi per farlo o possedere le credenziali giuste. Volevo qualcosa che ricordasse la Dolce Vita, dice Brian Clivaz, creatore del Devonshire, un club completo di ristorante, bar, pista
da ballo, camere per trascorrervi la notte e sale
di lettura o per riunioni, la cui apertura prevista per la primavera prossima. E poi spiega: Vogliamo il glamour sofisticato degli anni 50 o 60.
Abbiamo immaginato un cliente, una giovane
donna elegante, che indossa abiti vintage di
Chanel e fa le vacanze su uno yacht, e poi ci siamo chiesti in che tipo di poltrona le piacerebbe
sedersi, che genere di bagno e camera da letto
vorrebbe, e cos via. Liscrizione al Devonshire
va da 2000 a 20mila sterline annue e gli altri
nuovi club privati di Londra per llite non sono
meno cari, dal Marks al Loulou, dallArts Club
allHome House. Poi ci sono i club come Annabels, teatro delle notti bollenti di top model,
principesse e divi del cinema, che sta traslocando e facendo un completo restauro. Ma per i mortali un po pi comuni non mancano club come
Blacks e il Groucho (dal nome di uno dei fratelli
Marx i comici, non il padre del comunismo),
la cui clientela composta da romanzieri, cantanti, pittori, intellettuali e reporter (la quota di
iscrizione un po pi bassa). Quanto al Garrick, fondato nel 1831, esiste ancora. Ma la vicina Soho non pi un quartiere a luci rosse, per
cui non c pericolo di irruzioni della polizia.

spolvero nellannuale
graduatoria stilata dalla rivista statunitense Wine
Spectator. A cominciare dal
quarto posto ottenuto dal Brunello di Montalcino 2010 di Tenuta Il Poggione. Della top ten
fa parte anche lAmarone Alighieri delle Cantine Masi.
evidente il nostro orgoglio per questo riconoscimento
commenta Fabrizio Bindocci,
presidente del Consorzio del
Brunello di Montalcino e direttore generale della Tenuta Il
Poggione che riporta il Brunello al vertice delle classifiche
mondiali. unulteriore segnale che la denominazione sta vivendo un periodo di grande successo.
Una classifica, quella delle
100 bottiglie migliori del 2015,
sicuramente parziale e naturalmente orientata dalla provenienza della pubblicazione
(non a caso i primi tre vini sul
podio sono tutti made in Usa).
Ma al tempo stesso una lista
prestigiosa, in grado di influenzare il mercato e di fare le fortune commerciali delle aziende
che ottengono buoni piazzamenti.
Complessivamente sono 20
le aziende italiane in lista, tra
le quali spicca la pattuglia dei
vini toscani. Oltre al Poggione
altri quattro Brunelli (La Serena, Altesino, Livio Sassetti, Collosorbo), poi il Sapaio di Bolgheri, il Chianti di Castello dAlbola, il Brancaia, lArcanum e
Guado al Tasso di Antinori. Fuori dalla lista invece alcuni vini
mito dellenologia italiana, come il Sassicaia, il Solaia o il Barolo e i Barbaresco di Angelo
Gaja.
Al primo posto generale si
piazza il Cabernet sauvignon
2012 di Peter Michael, seguito
da un altro Cabernet sauvignon, di Quilceda Creek. La California completa il podio con il
pinot nero del produttore La
Source.
Meno bene che agli italiani
andata ai cugini-rivali francesi: appena nove le etichette in classifica. La
prima il Clos
Fourtet, un Saint
Emilion, al nono
posto, subito prima del Klein Constantia, la prima volta di
un vino della
Nuova Zelanda tra i preferiti della rivista americana. Per trovare il secondo
francese occorre scendere al 47mo posto con lo
Chablis
di
Jean Marc
Brocard.

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

7"-&3*0#&3365*

ER comprarla baster
un clic sulla tastiera.
Una piccola grande rivoluzione per unautomobile
che per la prima volta in Europa
sbarca su una piattaforma
e-commerce. Accade con Toyota. Fino al 31 dicembre, infatti,
possibile prenotare sul sito italiano di Amazon la nuova Aygo
Amazon edition, 50 esemplari
unici con un allestimento sviluppato in collaborazione con lazienda di Jeff Bezos che comprende tra laltro gli interni in
pelle, tetto carbon look, cerchi in
lega da 15 black, tinta Cool White con i retrovisori esterni e le
cornici delle bocchette dareazione nel tipico colore Orange Amazon. Oltre al sistema multimediale x-touch da 7, telecamera posteriore e climatizzatore automatico. Linnovazione tecnologica di Toyota arriva anche nel
mondo delle-commerce, si legge in una nota congiunta dei due
gruppi. Mentre gli uomini della
casa giapponese dichiarano di
perseguire obiettivi straordinari, ridisegnando il futuro del mercato dellauto e non solo. Cosa
bisogner fare per acquistarla?
Pi o meno come si fa per un libro. O quasi. Baster collegarsi

al sito amazon.it, prenotare lAygo versando 100 euro come acconto. Il call center Toyota entrer poi in contatto con il cliente
per perfezionare lacquisto il cui
prezzo finale di listino sar di 12
mila euro (finanziabile anche a
rate con il sistema Pay per drive). Lauto sar poi consegnata
entro 15 giorni lavorativi dal
completamento del processo di
acquisto con Toyota, presso la
concessionaria scelta dal cliente.
Pi innovativo e comodo di cos.
E a proposito di comodit, a
giocare le sue carte c anche Maserati che ha appena firmato con
Courmayeur un inverno alto di
gamma. Si comincia con una festa sabato 5 dicembre con la casa
del Tridente che inaugurer la
sua Winter lounge: elegante salotto nel cuore della via dello
shopping che fino a marzo 2016
promuover nuove esperienze,
oltre ai test drive delle ammiraglie Ghibli e Quattroporte. Si va
dalla Gourmet experience, con
cene stellate in rifugi ad alta quota, alla Music Experience con
concerti pop, musica da camera
e di tradizione locale, allo Sport
and Wellness Experience, tra
sci, ciaspolate e passeggiate.

0/-*/&
-B5PZPUB"ZHP
JOFEJ[JPOF
MJNJUBUBNFTTB
JOWFOEJUBTVMTJUP
EJ"NB[POPOMJOF
TJQBHBVOBDDPOUP
EJFVSP FQPJ
TJJOEJWJEVBJM
DPODFTTJPOBSJP
QJWJDJOPEPWF
QFSGF[JPOBSF
MBDRVJTUP

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

7*450"/&8:03,

/FM7JMMBHF
JMDBGGTJCFWF
DPOJHBUUJ
"/%3&"7*4$0/5*

OME lasciare stupefatti i newyorkesi? Basta


dire loro che da meno
di un mese a New York ha aperto il primo caff per gatti. Notizia sorprendente perch il Dipartimento della Sanit severissimo. Non se ne parla affatto
di locali pubblici dove ci siano
contemporaneamente animali
domestici e cose da mangiare e
bere. Solo da questautunno per
esempio il sindaco ha autorizzato i cani nei bar con tavolini allaperto.
Per aprire Koneko Cafe,
nellEast Village, Ben Kalb ha
avuto bisogno di un ispettore
del Health Department paziente e comprensivo. Lo ha aiutato
a trovare il modo per aggirare
gli ostacoli sanitari. Il fronte del
locale un normale bar con tavolini che offre, oltre a panini, insalate e pasticcini, anche bevande
alcoliche, compreso sake in onore dei giapponesi che per primi
hanno inventato i cat cafe.
Una grande vetrate separa il
bar dalla zona gatti a cui si accede a pagamento - attraverso
due porte di vetro: una sorta di
anticamera per togliersi le scarpe e infilare comode ciabatte di

cotone. Ma qui il punto nevralgico fra gattini e consumazione


al bar. Una grande finestra dove ordinare cibi e bevande che,
su disposizione del Department
of Health, possono essere servite solamente in contenitori da
asporto. In altre parole cartone
e plastica stile usa-e-getta per
evitare contaminazioni.
Un sistema macchinoso con
risultato splendido: comoda sala con panchette e cuscinoni per
giocare con quindici gattini, tutti in adozione. E quando il tempo mite, come lo stato per
tutto il mese di novembre, c
pure un giardino dove andare a
rilassarsi con i micetti.
Il locale al 26 di Clinton
Street, aperto dalla mattina alla sera con pause pomeridiane
per la zona gatti. Perch anche
loro si stancano di avere troppa
compagnia. E due volte al giorno vengono lasciati tranquilli
mentre gli inservienti mettono
a posto prima dellarrivo di altri
newyorchesi che hanno voglia
di un miao.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*--0$"-&
4PQSB 
VOJNNBHJOF
EFM,POFLP$BGF
OFMM&BTU7JMMBHF 
EPWF JOVOPTQB[JP
TFQBSBUP 
DJTPOPRVJOEJDJ
HBUUJJOBEP[JPOF
DPOJRVBMJTJQV
HJPDBSF1FSBQSJSMP 
JMQSPQSJFUBSJPIB
EPWVUPTVQFSBSF
VOBMVOHBUSBGJMB
CVSPDSBUJDB

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica

3$-6#

4"#"50  /07&.#3& 



*MEFTJHO
*/16/5"%*-"1*4

4FMB[JFOEB
TPTUJUVJTDF
JMNFDFOBUF
4*-7"/""//*$$)*"3*$0

I sarebbero stati Botticelli e


Michelangelo senza Lorenzo il
Magnifico? Senza un mecenate
capace di creare le condizioni materiali
necessarie su cui innestare lo sviluppo delle
arti nella Firenze del XV secolo? La risposta
quasi ovvia: gli artisti hanno bisogno di
qualcuno che creda in loro, che investa su di
loro, che garantisca loro le condizioni
necessarie per vivere e lavorare. Ci vale per
i secoli passati ma a maggior ragione

anche per il nostro tempo. Vale per larte


come per il design. Prendiamo una grande
azienda come Zanotta: che ruolo ha avuto
nella decisione di investire su progetti che
poi hanno generato oggetti-culto del nostro
design come lo sgabello Mezzadro, la
poltrona Sacco o la chaise longue
Maggiolina? Sono stati progettati da
designer diversi, eppure tutti sono di
Zanotta. Portano il medesimo marchio di
fabbrica. Sono riconducibili allo stesso

brand. Ce lo ricorda, con appassionata


precisione, il bel libro Design: 101 storie
Zanotta, edito da Silvana Editoriale e curato
da Beppe Finessi: un viaggio coinvolgente e
rigoroso dentro 60 anni di produzione
dellazienda fondata nel 1954 da Aurelio
Zanotta. Uno dei tanti capitani coraggiosi
che accanto e forse anche prima dei
designer hanno fatto la storia e la
grandezza del design italiano.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

'050A4"7&3*0-0.#"3%*7"--"63*

-BSDIJUFUUP$SJTUJBOB7BOOJOJIBUSPWBUPJMGJMSPVHFOFJHVBSEBSPCBFOFJDPSSJEPJ
5VUUPDJDIFTJOBTDPOEFJORVFTUPBQQBSUBNFOUPEJ.JMBOPBMDFOUSPEFMMBUUFO[JPOF

4QB[JPMJCFSP
TFO[BQBVSB
EFJDPMPSJ
$"
4&
45*
-*

-"33&%0
4PQSB MBMBNQBEB
BTPTQFOTJPOF
JOQPMJDBSCPOBUP
-F4PMFJMEJ7JDFOUF
(BSDJB+JNFOF[
QFS'PTDBSJOJ
4PUUP JMEJWBOP
-VDSF[JB##

-"63"53"-%*

(-*".#*&/5*
-FWBSJFTUBO[F MVNJOPTFFDPMPSBUJTTJNF EFMMBQQBSUBNFOUP
EJ.JMBOP%VFSJTUSVUUVSBUPFQSPHFUUBUPEBMMBSDIJUFUUP
$SJTUJBOB7BOOJOJ

U SEMBRARE strano ma quel-

lo che si imprime nella mente di chi entra in questo appartamento di Milano Due
non la sua grande zona giorno, luminosissima e affacciata su una terrazza che d su un parco. N ladiacente cucina,
cos pulita e contemporanea, con la sua cappa incassata a soffitto e lisola a centro stanza. Quello che colpisce in questi 130 metri
quadrati ristrutturati dallarchitetto
Cristiana Vannini invece ci che
spesso si nasconde: il sistema di
guardaroba, di ambienti attrezzati
e di corridoi. Che in questo caso costituiscono una specie di filo rosso
per tutto il progetto di interior design. Prima del nostro intervento, gli spazi erano organizzati diversamente, con la sola cucina e una piccola stanza affacciate verso lesterno. Una volta spostato il living verso il balcone, mi sono trovata allimprovviso
a dover gestire uno spazio ampio e quasi cieco al centro dellappartamento. Da qui lidea
di sfruttarlo appieno, con armadi che diventano muri contenitori e creano due corridoi
di passaggio. Avendo un ruolo chiave, questi arredi strutturali sono stati esteticamen-

te qualificati in modo forte. Ho giocato con


colori e forme, lavorando sulle ante, dice
Vannini. Allinterno, la struttura tradizionale, ma dallesterno ogni mobile ha battenti diversi: piccoli, grandi, larghi, stretti, orizzontali, verticali. A dividerli, una sezione colorata. Ed essendo queste armadiature distribuite ovunque nella casa, le cromie sono diverse in ogni ambiente: si va dal verde acido
del soggiorno al bordeaux della cucina allarancio della camera da letto.
Il risultato una casa pratica, un involucro funzionale dentro cui intervenire con
creativit. I mobili contenitori rappresentano uno spazio cablato, dice Vannini, che
fa parte della casa stessa e ospita tutto quello che serve: la lavanderia (nascosta in uno
dei corridoi), la cucina (ben in vista nel living ma compatta), i guardaroba, persino
un piccolo studio ricavato in una nicchia nei

$".&3"%"-&550$6$*/"
4PQSB MBQPSUBBTDPNQBSTB
&TTFOUJBMEJ4DSJHOP
"TJOJTUSB MBDBQQBJOBDDJBJPJOPY
EBJODBTTPBTPGGJUUP)FBWFOEJ'BCFS

-"$0/40--&
6OBDPOTPMMF
WJOUBHFMB
DPMPSBUJTTJNB
#SBTJMEJ1FUFS
4IJSFQFS
.FNQIJT 

corridoi. Tutto il resto gli arredi e i decori


sono la variante che porta allegria e divertimento allappartamento.
Il colore pop viene ripreso anche nellarredamento. La padrona di casa ama le cromie
piene, coraggiose, pure, la palette da pennarello. Ha quindi voluto osare ovunque: dal salotto, dove ha scelto un divano viola, al bagno, con la vasca in mini-mosaico rosso con
mobili bordeaux.
Unaltra caratteristica del progetto il
suo proporre un paesaggio totalmente fluido. La casa quasi uno spazio unico, ha pochissime porte, tutte da pavimento a soffitto
a scomparsa. E vengono tenute aperte. Malgrado ci siano luoghi progettati per rispondere a specifiche esigenze e svolgere funzioni
preposte, tutto pensato per creare una continuit voluta e ricercata. Trovo importante
che in una casa esistano ambienti deputati,
quindi attrezzati, ma la fluidit fondamentale per dilatare gli spazi: senza filtri lo spazio viene percepito come pi grande e arioso.
Allinterno di questo involucro iper-contemporaneo, Vannini ha anche
posizionato qualche elemento
anomalo. Come il mobile vintage in sala da pranzo, le nicchie colorate (in uno dei corridoi, o di fianco alla
porta di ingresso) o la cappa a soffitto dipinta di viola. un modo per recuperare lattenzione. Troppa perfezione progettuale, dopotutto, porta alla noia. E una casa dovrebbe stimolare chi la abita.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

$0/5"55*
4&(3&5&3*"@$6-563"!3&16##-*$"*5
8883&16##-*$"*5



*MQFSTPOBHHJP
*CBTTJGPOEJEJ-POESB*MUFSSFNPUP
EJ4BO'SBODJTDP-FJTPMF4BNPB
3BDDPMUJJOWPMVNFJEJBSJFMFGPUP
SFBMJ[[BUJEBMMPTDSJUUPSFBNFSJDBOP

+BDL

-POEPO
-VNBOJUEFSFMJUUBFNBHJDB
OFHMJTDBUUJEJVOSFQPSUFS
.*$)&-&."3*

ochi mesi dopo essere tornato in California dal Klondike, Jack


London scrisse a un amico: Non ho ancora smesso di prendermi a calci per non aver portato con me una macchina fotografica. Non osiamo pensare a come sarebbe la corsa alloro fotografata dallautore del Richiamo della foresta, e il nostro rimpianto aumenta di fronte alla bellezza e allintensit delle fotografie scattate da
London nel corso dei suoi reportage. Fotografie (ne ha lasciate pi di 12.000)
che spesso sembrano uscire direttamente dai suoi libri, tanto sono
organiche al carattere e allo stile
di uno scrittore che come pochi
al mondo ha coniugato il senso
della realt (della pi cruda e impoetica realt) con il mito e con il
sogno.
Una piccolissima ma eloquente porzione di questo tesoro riprodotta in un libro curato da
Alessia Tagliaventi e introdotto
da un londoniano militante come Davide Sapienza (-FTUSBEF
EFMMVPNP, Contrasto). In ciascuna delle quattro sezioni che lo
compongono (le condizioni di vita nellEast End londinese, 1902;
il fronte coreano della guerra russo-giapponese, 1904; il terremoto di San Francisco, 1906; un
viaggio di due anni nel Pacifico,

1907-1909) le immagini sono accompagnate dai testi che London scrisse come reporter, e che
in due casi divennero poi un libro
(*MQPQPMPEFMMBCJTTP, 1903, e -B
DSPDJFSBEFMMP4OBSL, 1911). Non
nascondo la mia predilezione per
le due sezioni metropolitane: bru-

tanti di quella voragine infernale che ha nome East End gli appaiono come una razza nuova e
diversa, la stessa che sette anni
prima, nella .BDDIJOBEFMUFN
QP, Wells aveva collocato sottoterra dandole il nome di Morlocks. Solo i bambini sembrano

*NNBHJOJDIFTFNCSBOPVTDJUFEJSFUUBNFOUF
EBJTVPJMJCSJ QFSDIPSHBOJDIFBMTVPTUJMF
licante di derelitti quella londinese, spettralmente disabitata
quella su San Francisco. Per la prima London si travest da disoccupato, per non suscitare diffidenza e incontrare la gente da uguale: cenciosi ed emaciati, gli abi-

ancora umani, anzi talmente


umani che descrivendoli London
sembra parlare di se stesso: Sono pieni di immaginazione. Hanno una capacit fuori del comune
di proiettarsi nel regno del romanzesco e del fantastico. La vi-

ta scorre nelle loro vene piena di


una gioia tumultuosa. Una foto
in particolare mi ha colpito: ritrae una ragazza che sta sfregando un pavimento (una serva
dellEast End, recita la didascalia), e che guarda nellobbiettivo
con un sorriso da innamorata:
per quanto mimetizzato, mi piace pensare che London le sia apparso come una specie di angelo.
Allalba del 18 aprile 1906 San
Francisco fu abbattuta dal terremoto: nei quattro giorni successivi divamp un immenso incendio che complet la distruzione,
e che London osserv da alcune
miglia di distanza. Invitato da

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

i%*(*50&3(046.w *--"5*/0"-."99*
-VOFEEBMMFBMMFBMNVTFP.BYYJEJ3PNB i%JHJUPFSHPTVNw 
PSHBOJ[[BUPEBMi$PSUJMFEFJ(FOUJMJw MB'POEB[JPOFDIFQSPNVPWFJM
EJBMPHPUSBDSFEFOUJFOPODSFEFOUJ FEBMMBi1POUJGJDJB"DBEFNJB
-BUJOJUBUJTwVOJODPOUSPQFSDBQJSFTFMBMJOHVBMBUJOB EFQPTJUBSJBEFM
OPTUSPQBUSJNPOJPTUPSJDPDVMUVSBMF DPOTFSWBMBTVBWBMJEJUDPNF

TUSVNFOUPEJGPSNB[JPOFFEJDPNVOJDB[JPOFBODIFOFMMBTPDJFU
DPOUFNQPSBOFB DPTQFSNFBUBEBMMFUFDOPMPHJFEJHJUBMJ*OUFSWFOHPOPJM
DBSEJOBMF(JBOGSBODP3BWBTJ *WBOP%JPOJHJF(JVMJP(JPSFMMPi/POTJ
JNQBSBJMMBUJOPFJMHSFDPQFSQBSMBSMJ NBQFSDPOPTDFSFEJSFUUBNFOUFMB
DJWJMUEFJEVFQPQPMJ DJPQFSFTTFSFTFTUFTTJFDPOPTDFSFTFTUFTTJ
DPOTBQFWPMNFOUFw IBEFUUP3BWBTJ



.BUB)BSJ QSJODJQFTTBFTQJB
.BTPQSBUUVUUPVOJOWFO[JPOF
*--*#30

+BDL-POEPO -FTUSBEF
EFMMVPNP'PUPHSBGJF EJBSJ 
SFQPSUBHF $POUSBTUP QBHH
 FVSP 
BDVSB
EJ"MFTTJB5BHMJBWFOUJ DPO
JOUSPEV[JPOFEJ%BWJEF
4QFSBO[B*MMJCSPTBS
QSFTFOUBUPJMOPWFNCSFB
'PSNB.FSBWJHMJ .JMBOP

FB3PNBJMEJDFNCSF
BMM"VEJUPSJVN&YQP
-&'050

%BTJOJTUSB +BDL-POEPOOFJ
QBOOJEJVOBCJUBOUFEFMM&BTU
&OE-POESB -JCSBSZ
PG$POHSFTT"QQBSUBNFOUJ
DSPMMBUJ4BO'SBODJTDP 
$PVSUFTZPG$BMJGPSOJB4UBUF
1BSLT "CJUBOUJEJ
/VLV)JWB *TPMF.BSDIFTJ 
)FOSZ&)VOUJOHUPO
-JCSBSZ#BNCJOJDPSFBOJ
SJNBTUJTFO[BDBTBEVSBOUFMB
HVFSSB$PSFB )FOSZ
&)VOUJOHUPO-JCSBSZ

pi giornali a scriverne si rifiut,


affermando che nessuna combinazione di parole avrebbe mai
eguagliato quella tragedia: accett invece quando il $PMMJFST.B
HB[JOF gli chiese un servizio fotografico. London arriv in citt
mentre ancora infuriava lincendio e avanz a misura che le fiamme arretravano: eppure le sue fotografie non recano alcuna traccia di agitazione o precariet; al
contrario ci consegnano una San
Francisco gi classica, una moderna Pompei fissata da uno
sguardo leopardiano: ma basta
distrarsi un attimo e da Pompei
ci ritroviamo a Berlino o a Dresda

nel 1945, con unanticipazione


che sul piano tecnico ha del miracoloso.
Il momento fatale di -PSE+JN
fu labbandono della nave; quello
di London, a prendere alla lettera le sue parole, fu il salvataggio
di una nave, allorch un capitano
sgomento gli affid il timone durante una tempesta: Il successo
di cui vado pi fiero, il momento
supremo di tutta la mia vita, lho
vissuto a diciassette anni, scrive nella $SPDJFSBEFMMP4OBSL per
motivare la scelta di investire i
suoi risparmi nella costruzione
di unimbarcazione su misura
per fare il giro del mondo, tempo

stimato sette anni.


A causa di una malattia tropicale che colp London alle Isole
Salomone, il viaggio dur invece
due anni, durante i quali il marinaio non si dimentic mai di essere scrittore e fotografo. Lo vediamo studiare una carta nautica insieme alla sua compagna Charmian e con le gambe penzoloni
dalla fiancata dello Snark, ma soprattutto vediamo gli abitanti
delle Samoa oppure lo straordinario Ernest Darling, luomo natura che scelse di vivere nelle foreste di Tahiti, e che in una splendida fotografia, stagliato su un fondale degno di Henri Rousseau, ci
appare come il Ben Gunn dell*TP
MBEFMUFTPSP. Ma forse limmagine in cui lo spirito dellautore
pi evidente quella che ritrae
una banda musicale di quattordici elementi in divisa da parata: sono i lebbrosi dellisola di Molokai,
oggetto di spaventose leggende cui London non vuole credere, tanto pi dopo aver scoperto
che nessun cronista ha mai messo piede sullisola. Cos adesso
davanti a loro, che lo guardano
impugnando uno strumento,
pronti a suonare a un suo cenno.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

/FMMJCSPEJ(JVTFQQF4DBSBGGJBHMJVMUJNJHJPSOJEFMMBDFMFCSF
TFEVUUSJDF TJNCPMPFDBQSPFTQJBUPSJPEFMMB#FMMF&QPRVF
&-&/"45"/$"/&--*

argaretha Geertruida Zelle era nata nel 1876 in Olanda. Oppure in India, da una famiglia della casta
sacra dei bramini. Era figlia di
una bajadera morta a quattordici anni nel partorirla, o anche
bisnipote del reggente di Madura. Principessa, sacerdotessa, puttana... Qualunque cosa
fosse stata in vita, quando mor, fucilata allalba del 15 ottobre 1917 a Parigi, era ormai
per tutti Mata Hari. Occhio
dellalba, sole, nella lingua
che aveva imparato a Giava.
Mata Hari aveva capelli neri
e lunghi, occhi grandi e il seno
piccolo. Danzava in modo seducente e si esibiva nei salotti. Dove poteva eludere il giudizio degli esperti e creare quella intimit, quella prossimit nella
quale sapeva esprimersi alla
perfezione. 'FNNFGBUBMF, ballerina di scarso talento, e infine
spia. Un po per soldi un po per
avventura, Mata Hari inizi a
fare il doppio gioco tra i servizi
segreti francesi e quelli tedeschi. Probabilmente. Ma se la
sua condanna fu opinabile, di
certo la sua morte volle essere
esemplare. Il suo processo divent il palcoscenico su cui il
nuovo secolo giudicava e giustiziava la Belle poque, scrive
Giuseppe Scaraffia, scrittore e


*--*#30

(MJVMUJNJHJPSOJEJ.BUB)BSJ
EJ(JVTFQQF4DBSBGGJB 6UFU 
QBHH FVSP 

francesista, ne (MJVMUJNJHJPS
OJEJ.BUB)BSJ (Utet). Colto
e divertente, il libro costruito
intorno a unintuizione: Mata
Hari un impostore, un sogno,
una bugia e non sarebbe mai
esistita senza il pubblico specialissimo che la invent. Intorno
a lei, nella Parigi di inizio secolo, pascolano e si pasciono infatti intellettuali e visionari, stupefacenti mentitori e vendidori di leggende. Che importa se
Ernest Hemingway arriv a Parigi solo due anni pi tardi la fuciliazione di Mata Hari? Una
notte me la sono scopata ben
due volte, anche se francamente trovavo che avesse la vita larga e aveva pi voglia di farsi fare delle cose che di dare quel
che si pu dare a un uomo. Anzi meglio: tanti particolari si

sanno solo di qualcuno che non


si mai conosciuto.
E Gabriele DAnnunzio e Filippo Tommaso Marinetti la incontrarono davvero? O semplicemente avrebbero potuto, cosa che renderebbe perfetto il loro incontro. E tutte quelle magnifiche donne, Colette, Virginia Wolf, la marchesa Luisa Casati, Misia Sert, Natalie Clifford Barney, Isadora Duncan.
Ognuna di loro, come i colleghi
maschi, al guinzaglio del proprio talento e dei propri desideri. I pi specializzati, e anche
un po disgustosi, sono senzaltro quelli di Marcel Proust, che
frequentava un bordello gay e
si eccitava guardando due...
Non ve lo dico. Leggetelo.
Biografie e bibliografie precise e fascinose, brevi racconti
con uomini straordinari rincorsi dal rancore della Storia. D.H.
Lawrence e sua moglie Frieda
in fuga dalla Cornovaglia, Lawrence dArabia e quel suo strano incidente in motocicletta...
Mata Hari ebbe moltissimi uomini, qualche donna e un solo
amore. E con quanta meravigliosa crudelt il raffinato Scaraffia, nelle note finali, spiega
che quello, il capitano Klingham, luomo che non laveva
tradita neanche al processo,
lunico personaggio inventato.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

"VHVSJB.POUFTQFSFMMJQFSJTVPJBOOJ
ROMA. Rolando Montesperelli compie 90 anni. Il
suo nome non dir molto ai lettori pi giovani:
non firmava articoli, ma stato tra i principali artefici del successo di 3FQVCCMJDB. Capo della segreteria, sceglieva gli impiegati, filtrava le telefonate, la posta, gli incontri, era lassistente di Eugenio Scalfari, luomo con cui il direttore condivideva ogni segreto e che andava personalmente a
prelevare le rivendicazioni dei terroristi, l dove
le telefonate anonime dicevano che erano state
abbandonate. Lartefice dellimpossibile, che forniva agli inviati un doppio passaporto, che scovava voli improbabili. Ai giornalisti diceva: Voi pensate a scrivere, al resto ci penso io. E cos il suo ta-

lento e la sua professionalit sono stati fino al


1995, anno del pensionamento, il segreto di 3F
QVCCMJDB. In realt che Montesperelli fosse bravo,
eccezionalmente bravo, nei giornali lo sapevano
tutti. Per anni era stato un giornalista, prima ancora il trombettiere che inviava le notizie raccolte in sala stampa. E ancora prima marinaio, comunista in lotta con il Pci per i fatti di Ungheria e antifascista costretto alla macchia. Le sue altre vite, i
tanti talenti, nel 1961 confluirono nel mestiere di
segretario di redazione, alla 4UBNQB fino al giorno in cui Scalfari lo chiam: Vuoi venire a divertirti con noi? Montesperelli disse di s e 3FQVCCMJ
DB, ancora oggi, lo ringrazia.

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

$0/5"55*
4&(3&5&3*"@41&55"$0-*!3&16##-*$"*5
8883&16##-*$"*5



"CCJBNPJODPOUSBUP3PO)PXBSEB/FX:PSLEPWFJMSFHJTUBQSFNJP0TDBS
IBQSFTFOUBUPi*OUIFIFBSUPGUIFTFBwTVMMBWFSBTUPSJBEFJNBSJOBJDIF
JTQJSBSPOPJMSPNBO[PEJ.FMWJMMF*MGJMNTBSOFMMFTBMFJUBMJBOFEBMEJDFNCSF
-"116/5".&/50

.VUJBE"TTJTJ
i6ODPODFSUP
QFSMBQBDFw
Questa sera ad Assisi, nella
Basilica di San Francesco, il
maestro Riccardo Muti
diriger lOrchestra
Cherubini nell*ODPNQJVUB di
Schubert e nella 2VJOUB di
Beethoven. Loccasione
il festival Assisi nel
mondo - Omaggio
allUmbria. Sar un
concerto per la pace JOQJMMPMF dice il direttore artistico
del festival, Laura Musella perch in questo momento
giusto dare a un evento di tale
livello il senso del linguaggio
universale della musica.

/FXT

.PCZ
%JDL

0$&"/0

2VFTUBVOBTUPSJB
DMBTTJDBFNPEFSOB 
MPDFBOPNJBGGBTDJOB
NBNJGBQBVSB

i%JNFOUJDBUF-PTRVBMP
FQFOTBUFB,JOH,POHw

UIF8IBMFTIJQ&TTFY pubblicato nel 2000. Nel film Hemsworth il primo ufficiale del vascelNEW YORK
ON HOWARD, il regilo in costante scontro con il casta Oscar per "  pitano George Pollard interpreCFBVUJGVM  NJOE, tato da Benjamin Walker.
affronta
.PCZ  Quando Chris mi ha portato il
%JDL, il romanzo copione lho letto senza sapere
del 1851 di Melville, un classi- che fosse basato su una storia
co della letteratura americana, vera, racconta Ron Howard a
nel film *OUIFIFBSUPGUIFTFB New York per il lancio del film,
-FPSJHJOJEJ.PCZ%JDL (nelle La storia delle origini di Moby
sale italiane dal 3 dicembre). Dick mitica e cinematografiDopo il film di John Huston con ca.
Gregory Peck del 1956, e nuQuando ha letto Moby
merose versioni televisive sulla leggendaria balena bianca,
Howard esplora le origini di
quel romanzo a partire dallincontro a Nantucket fra Melville
e uno fra i pochi sopravvissuti
(interpretato da Brendan Gleason) della vera Essex, la baleniera distrutta dal cetaceo, e la
successiva tragica avventura
dei pochi dispersi in mare per
90 giorni. stato lo stesso
Chris Hemsworth (5IPS, "WFO
HFST) a dare a Howard, con cui
ha gi lavorato in 3VTI, il copio$)3*4)&.48035)
ne del film, basato sul libro di
-BUUPSF0XFO$IBTF QSJNPVGGJDJBMFTPQSBWWJTTVUP
Nathaniel Philbrick *O  UIF 
BMMBGGPOEBNFOUPEFMMB&TTFYBTJOJTUSB3PO)PXBSE
IFBSUPGUIFTFBUIFUSBHFEZPG

4*-7*"#*;*0

3
.0/%*

(JSPGJMNEJWFSTJ
JMQVCCMJDPEFWF
TFOUJSTJUSBTQPSUBUPJO
NPOEJEJGGFSFOUJ

Dick?
Al liceo, come la maggior
parte di quelli della mia generazione. Fu una fatica ma la storia mi travolse. Sono affascinato dai film ambientati nelloceano - anche se lo considero
un posto drammatico e pauroso - ho anche provato a fare un
paio di film del genere senza
riuscirci. Questa una storia
classica ma anche moderna.
una grossa avventura visuale
facile da seguire, ma allo stesso
tempo credo che il pubblico ne
apprezzer la complessit.
Non una storia di buoni e cattivi, eccitante, viscerale. Melville ha creato i suoi personaggi, ma lesperienza di quelli veri ha influenzato il suo lavoro.
Ha veramente paura del mare?
Non sono molto coraggioso, e confesso che ero molto spaventato dalla sfida del film, ero
anche convinto che avrei sofferto moltissimo il mal di mare. Come quando ho girato "QPMMP
in condizioni di assenza di gravit. Ma un regista deve rimanere concentrato, non pu permettersi la nausea.
Quando ha visto una balena
per la prima volta?
Durante un viaggio scolastico dei miei figli nel New England. Abbiamo avuto un incontro ravvicinato con una balena grigia e il suo cucciolo. So-

no venuti talmente vicini al barcone che hanno dovuto spegnere i motori. Siamo stati fermi
due ore con lei che rotolava su
se stessa e ci guardava. Le scene finali del film sono basate su
quel ricordo.
Qual limpostazione del
film?
Volevo fosse meno -P4RVB
MP e pi ,JOH,POH, la forza che
viene risvegliata. I membri della ciurma hanno scritto nei loro
diari che forse questa era la mano di Dio, la balena che cerca
vendetta. Loro facevano quel
lavoro per dare da mangiare alle famiglie ma erano consapevoli di usare metodi brutali.
la storia dei nostri tempi: lolio
di balena era la loro fonte di
energia allepoca, Nantucket
era lArabia Saudita di oggi.
Non cacciavano per il cibo ma
per lolio, per i soldi. La terra e il
nostro eco sistema sono oggi
sotto lo stesso tipo di assalto
per lo stesso motivo. Lo sa che
nelle missioni Apollo usavano
ancora lolio di balena per lubrificare gli ingranaggi pi fini,
perch non si congela nelle bassissime temperature dello spazio. Tranquilli, non si usa pi
da decenni.
Qual stato il suo primo film
speciale?
*MMBVSFBUP. Quando uscito
nel 67 facevo lattore in una serie televisiva e vedendo il film
di Mike Nichols ho modificato
il mio punto di vista sul cinema. Per questo giro film tanto
diversi fra loro: voglio che il
pubblico si senta trasportato in
mondi differenti. Un film ti fa riflettere sullesistenza pur intrattenendoti.
In Italia ha girato Inferno
tratto da Dan Brown. Com
stato?
A Roma avevo gi fatto "O
HFMJFEFNPOJ e sono sempre felice di tornarci. Questa volta abbiamo portato il set anche a Firenze e Venezia. Che paese meraviglioso il vostro.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

$"3500/

-B+PIBOTTPO
IBVOBWPDF
EBQJUPOF
Scarlett Johannsson a
dare la voce al pitone Kaa,
che seduce e ipnotizza il
piccolo Mowgli, nel cartoon
*MMJCSPEFMMBHJVOHMB che
uscir al cinema in 3D in
aprile. Ispirato al classico
Disney del 1967, ha un cast
di doppiatori deccezione
fra cui Bill Murray, Lupita
Nyongo, Christopher
Walken, Idris Elba, Ben
Kingsley.

-"3"44&(/"

"MCBOFTF 4JBOJ
F7FSEPOF
B4PSSFOUP
Carlo Verdone, Antonio
Albanese,
Alessandro Siani, Fabio De
Luigi sono alcuni degli artisti
che parteciperanno a
Sorrento alla Giornate
Professionali di Cinema,
appuntamento dellindustria
cinematografica che si terr
dal 30 novembre al 3
dicembre. Tra le anteprime
anche 7FMPDFDPNFJMWFOUP di
Matteo Rovere con Stefano
Accorsi.

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

i(6&33&45&--"3**-3*47&(-*0%&--"'03;"w
/0/"/$03"64$*50 &(**/$"44".-/%*%0--"3*
.BODBBODPSBVONFTFBMMVTDJUB NB(VFSSFTUFMMBSJJMSJTWFHMJPEFMMBGPS[B
GPUP
TUBHJCBUUFOEPJSFDPSE*MGJMN TFDPOEPJM8BMM4USFFU+PVSOBM 
OFHMJ6TBIBHJJODBTTBUPNJMJPOJEJEPMMBSJDPOJTPMJCJHMJFUUJJO
QSFWFOEJUBTJUSBUUBEFMMJODBTTPNBHHJPSFEJUVUUJJUFNQJ*O*UBMJB
BSSJWFSOFMMFTBMFJMEJDFNCSFFJO"NFSJDBEVFHJPSOJEPQP

i)&"%'6--0'%3&".4w
*5"-*""44&/5&/&-5063&6301&0%&*$0-%1-":
*$PMEQMBZIBOOPBOOVODJBUPMFQSJNFEBUFEFMUPVSNPOEJBMFDPODVJ 
OFM QSFTFOUFSBOOPJMMPSPOVPWPBMCVN"IFBEGVMMPGESFBNT
$ISJT.BSUJOFTPDJUFSSBOOPDPODFSUJOFHMJTUBEJJOQBFTJEJWFSTJB
QBSUJSFEBMM"NFSJDB-BUJOB*MQSJNPBQQVOUBNFOUPDPOJMQVCCMJDP
FVSPQFPTBSB/J[[BJMNBHHJP/POTPOPQSFWJTUJTIPXJO*UBMJB



$BTUFMMJUUPFA*OUSFBUNFOU
i-BQBSPMBVOFGGFUUPTQFDJBMFw
/VPWJQFSTPOBHHJOFMMBTFSJF
EJSFUUBEB4BWFSJP$PTUBO[P
EBMVOFETV4LZ"UMBOUJD)%
4*-7*"'6."30-"
ROMA

o psicanalista Giovanni Mari si separato.


Nel salotto-studio della nuova casa fa i conti con la sua vita e con
le vite degli altri. Il padre di un paziente, Dario (Guido Caprino),
convinto che il figlio si sia suicidato perch lanalista non ha saputo aiutarlo, lha denunciato. Sar
Irene (Maya Sansa), avvocato e
sua ex paziente, a difenderlo. La
seconda stagione di *O  USFBU
NFOU di Saverio Costanzo da luned su Sky Atlantic HD (19.40 e
alle 23.10) emozionante. Abbiamo lavorato quasi in presa diretta, racconta Costanzo con
lunghi ciak per non spezzare la
tensione. Nel cast Licia Maglietta (mentore di Mari), la coppia
in crisi Adriano Giannini-Barbora Bobulova porta in terapia il figlio considerato debole che si
consola col cibo. Isabella Ferrari
un ex amore dello psicanalista.
Tra i nuovi pazienti lingegnere
Michele Placido: tiene tutto sotto
controllo - anche il cappotto di cachemire sul divano, nel timore
che glielo rubino - ha un rapporto
conflittuale con la figlia Alba
Rohrwacher e soffre di attacchi

-BUUPSFMPQTJDBOBMJTUB
.BSJi3FDJUBOEPDJ
NFUUJBNPBOVEPF
TWFMJBNPRVBMDPTBw
di panico; la studentessa Greta
Scarano non vuole sottoporsi alla
chemioterapia che potrebbe salvarla, durante la seduta non ce la
fa a pronunciare la parola cancro, la scrive su un foglietto.
Castellitto, si prova quasi imbarazzo ad ascoltare.
cos. Ci siamo noi, la macchina da presa e dietro milioni di
spettatori: *OUSFBUNFOUha osato
linosabile.
Com cambiato Mari?
pi fragile , pi aggressivo,
e pi solo: deve aiutare gli altri e
fa i conti con la sua vita.
Si chiesto il perch del successo della serie?
Siamo riusciti a riconsegnare
alla parola un primato eccezionale: lunico effetto speciale. Mi
sembra che abbia un valore profondo, soprattutto oggi.
In che senso?
Andare sempre di fretta anche un modo di anestetizzare il
dolore. Invece dopo gli attentati
di Parigi siamo tornati a rallentare i tempi e a riconsegnare alla
parola la giusta importanza. Abbiamo ascoltato.
Per uno psicanalista parla poco.
Il silenzio fa pi rumore delle
parole, la risposta il piano dascolto. Quando la paziente consegna il bigliettino su cui scrive la
parola che la fa soffrire, chiede
aiuto: c il dicibile e lindicibile.
*OUSFBUNFOU svela lo spettacolo
dentro le parole. Con tutto il ri-

spetto pi innovativo del5SPOP


EJTQBEF che un meraviglioso
kolossal delle immagini. Il colpo
di scena la psiche umana, quanto di pi prezioso e spettacolare
esista.
In questo senso impudico.
Quasi scandaloso, direi: la ricerca della verit o meglio la ricerca del percorso per arrivarci.
Il personaggio di Placido pensa
di avere il controllo su tutto, si
spegne la luce ed una formica.
Gli attori si mettono a nudo.
C unadesione sentimentale e psicologica, uno straordina-

rio lusso anche per noi confessare, recitando, frammenti della


propria esperienza.
Ha mai avuto la sensazione
che sia successo?
Di sicuro successo. Io, ad
esempio, ho riflettuto sulla paternit, su mio padre e sullessere orfano, condizione definitiva... Lo
ripeto, il cinema una forma di
psicanalisi. Agli attori scappano
le parole o non riescono a dire
una battuta, si chiama inconscio.
Forse quelle parole hanno qualcosa a che fare con la propria vita.

1305"(0/*45*
4FSHJP$BTUFMMJUUP
DPOJMDBTU"MCB
3PISXBDIFS 
.JDIFMF1MBDJEP 
*TBCFMMB'FSSBSJ 
(SFUB4DBSBOP 
.BZB4BOTB 
#BSCPSB
#PCVMPWB 
'SBODFTDP%F
.JSBOEB 
"ESJBOP(JBOOJOJ
F-JDJB.BHMJFUUB

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

-"11&--0".*,)"-,07

i$BSP/JLJUB
TBMWBJMSFHJTUB
0MFH4FOUTPWw

*MSFHJTUBSVTTP/JLJUB.JLIBMLPW
ROMA. A quattro giorni dallap-

pello contro la sentenza della


Corte Suprema Russa che condanna il regista Oleg Sentsov a
20 anni di carcere, i membri
pi attivi dellEuropean Film
Academy (il presidente dellEfa Wim Wenders, la presidente
del consiglio direttivo, Agnieszka Holland con Volker
Schlndorff, Andrzej Wajda e
Krzysztof Zanussi) si rivolgono
al regista russo Nikita Mikhalkov, presidente dellassociazione dei registi russi, affinch si
unisca alla protesta internazionale a favore del filmmaker
ucraino: Per favore alza anche
tu la tua voce e aiutaci a sostenere Oleg Sentsov.
Nel maggio 2014 il regista
ucraino, che si opponeva allannessione della Crimea da parte
della Russia, stato arrestato e
deportato a Mosca. Nonostante
il principale testimone dellaccusa abbia ritrattato la testimonianza il processo basato
sullaccusa di avere commesso
crimini di natura terroristica
continuato. Simpatizzanti di
tutta Europa hanno raccolto migliaia di firme a sostegno
dellappello rivolto dallEfa al
Presidente della Russia e alle
autorit che chiedeva limmediato rilascio di Sentsov. Ma al
termine di quello che Amnesty
International descrive come
un ingiusto processo da corte
militare Sentsov stato condannato a 20 anni di prigione.
La Corte Suprema russa esaminer lappello contro la sentenza gioved. Questo verdetto
scritto nellappello la chiara
espressione di quello che tutti
noi dovremmo impedire: la violazione del diritto di parola.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

$0/5"55*
4&(3&5&3*"@41035!3&16##-*$"*5
8883&16##-*$"*5


C

-BOUJDJQP
"MMP4UBEJVN 
VONBUDIDIFTB
EJVMUJNBDIBODF$MVCFUJGPTJJORVJFUJ

+VWF.JMBO MFGSBHJMJHSBOEJ
"MMFHSJF.JIBKMPWJD
BMCJWJPEFMMBTUBHJPOF
&."/6&-&(".#"
45&'"/04$"$$)*

.BTTJNJMJBOP"MMFHSJ

0$$"4*0/&

MPDDBTJPOF
CVPOBQFS
TVQFSBSMJ
"CCJBNP
DBNCJBUP
UBOUP NB
QVOUJTPOP
BODPSB
QPDIJ

4JOJTB.JIBKMPWJD

/0/7*5"-&

/FMMFVMUJNF
BCCJBNPMB
NFEJBEJ
QVOUJ DPTTJ
WBJO
$IBNQJPOT
1BSUJUB
JNQPSUBOUF 
OPOWJUBMF

L primo

TORINO

tifoso del Milan, Silvio Berlusconi, ha labitudine


di bussare alla porta dello
spogliatoio degli ospiti, ignorando quello dei suoi: Bravi, avete
giocato come giocava il mio Milan. Molti tifosi della Juventus
(ma non il primo, per il momento) busserebbero volentieri alla
porta di Antonio Conte, malati
di nostalgia. E allora Sinisa Mihajlovic e Massimiliano Allegri devono - oltre a decidere formazioni, tattiche, strategie - tappare
gli spifferi, smontare gli scettici,
ribaltare le critiche. Ognuno reagisce a modo suo: il serbo sottilmente nervoso e saltuariamente rabbioso, il livornese sottile e
basta, e talora acuto da risultare
pungente. Ride, sardonico:
Quando c Allegri, il diktat :
con lui i giocatori lavorano male
e ci sono sempre tanti infortunati. I numeri per raccontano altro: siamo nella media. come
quando si diceva che non facevo
giocare Dybala, che invece
sempre stato lattaccante che
ho usato di pi. Cosa devo fare,
portarlo anche alle partitelle di
calcetto con i miei amici?.
chiaro che Juventus-Milan
incrocia, e per certi versi dirime,
anche il destino dei due allenatori, che si affrettano ad assicurare che questa partita non eliminer chi la perder e tuttavia
non ne trascurano la valenza. Allegri ragiona per gradi: Lobiettivo di scavalcare i rossoneri e
prendere lo slancio per qualificarci in Champions. Mihajlovic
deve fare giri pi larghi: Intorno al Milan c unatmosfera
strana: quando vince poteva vincere meglio, quando perde o pareggia sembra che la partita successiva sia decisiva. Sinisa tradisce una certa insofferenza verso lesterno, ma convinto che
la squadra abbia imboccato la
strada giusta: Nelle ultime cinque giornate abbiamo viaggiato
a oltre due punti di media a partita. Hanno fatto meglio solo Napoli e Roma. Un anno fa questo
rendimento ha permesso di andare in Champions League. Vogliamo essere tra i primi a giugno. Il Milan vuole giocarsela alla pari allo Stadium: una partita importante con una Juventus
in ripresa, ma non una questione di vita o morte. Abbiamo le
qualit fisiche e mentali per cercare di vincere. Intenzione simboleggiata dalla decisione di sostituire linfortunato Bertolacci
arretrando Bonaventura a centrocampo per lasciare spazio al
tridente formato da Cerci, Bacca e Niang. Queste scelte, che ri-

1BVMP%ZCBMB HPMJODBNQJPOBUP

+67&/564
.*-"/
#6''0/
-*$)545&*/&3
#0/6$$*
$)*&--*/*
"-&94"/%30
,)&%*3"
."3$)*4*0
10(#"
)&3/"/&4
%:#"-"
.03"5"













 %0//"36.."

"#"5&

"-&9

30."(/0-*

"/50/&--*

,6$,"

.0/50-*70
 #0/"7&/563"

$&3$*

#"$$"

/*"/(

"3#*530.";;0-&/*
4,:41035 $"-$*0 
13&.*6.41035

chiederanno grande sforzo organizzativo in fase di copertura, dimostrano la volont di non cedere campo ai bianconeri e magari
di guadagnarsi le lodi di Berlusconi: il pi titolato a fare i
complimenti a una squadra che
ha giocato meglio perch il decano dei presidenti di Serie A. A
me sinceramente non d fastidio. Il mio obiettivo giocare bene e farlo venire anche da noi.
Anche perch chiss cosa gli risponderebbe, Allegri, che a Milano se la pass pi o meno alla
maniera del collega: Ma adesso
abito a Torino, non so dei loro
problemi. I nostri erano prevedibili e forse li avremmo avuti anche se non avessimo cambiato.
Lo juventino deve sciogliere
due dubbi: Hernanes o Cuadrado (4-3-1-2 o 4-3-3), Alex Sandro
o Evra, che con Khedira e Pogba
ha vissuto dal di dentro la terribile notte di Saint-Denis. Ma li ho
visti sereni. Torino passer un
sabato molto teso: oltre a Juve-Milan, ci sono la visita di Renzi e il concerto di Madonna, ogni
agente sar al lavoro. Facciamo in modo che sia una bella
giornata, invita Allegri. Io ho
vissuto un altro tipo di guerra,
riecheggia Mihajlovic, questa
pi strana perch almeno in Jugoslavia sapevi chi ti attaccava.
Ma ora come allora fondamentale non farsi travolgere dal terrore. A Belgrado continuavamo
a uscire, a riempire i ristoranti:
magari avevamo paura, ma non
volevamo dare soddisfazione
agli altri.

*-%*'&##3"*0
"MWBSP.PSBUB RVJDPO"MFY 
BVUPSFEJVOPEFJHPMOFM
EFMGFCCSBJPTDPSTP MVMUJNP
+VWFOUVT.JMBO

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

-*/5&37*45"*-."5$)7*450%"3*7&3"i/&*.*&*"//*&3"-"(3"/%&$-"44*$"03""*30440/&3*4&37&5&.10w

i"BOOJTFHOBJJMHPMEFMBMMB+VWF
'3"/$&4$04"7&3*0*/503$*"

IANNI Rivera, cosa signi-

fica per lei Juventus-Milan?


Il mio primo gol in rossonero,
nel novembre del 60, alla Juve
campione in carica di Parola, con
Boniperti, Charles, Sivori, Vavassori in porta. Avevo 17 anni, appena arrivato al Milan, stavo facendo fatica. Segnai il quarto gol,
dal limite, una liberazione. Vincemmo 4-3, un risultato nel mio
destino. Al ritorno un altro gol, di
testa, una rarit. Nei miei anni,
questa era la grande classica, insieme al derby.
Questa sfida famosa anche
per un suo attacco agli arbitri
o per il fallo di Tardelli su di lei
dopo 3 secondi.

26"4*#*"/$0/&30

"WSFJQPUVUPGJOJSFB
5PSJOP NBOPO
TDFMTJJP4DVEFUUP 
3JNPOUBJNQPTTJCJMF
PSB QFSJMUJUPMPTJ
EFDJEFJOQSJNBWFSB

(JBOOJ3JWFSB BOOJ

Eravamo convinti che ci fosse un piano contro di noi, bisognava smuovere la situazione,
parlai io e presi due mesi di squalifica. Il fallo di Tardelli non fu cattivo, ma la Juve voleva intimidirci subito: vinse quella partita, ma
lo scudetto and a noi.
Adesso il primato lontano.
Ci sono almeno quattro squadre davanti che dovrebbero praticamente fermarsi e ora non
pensabile una rimonta. Ma il
campionato si decide in primavera. La Juve ha rinunciato a giocatori fondamentali e ricostruito il
centrocampo, ma io punto lattenzione sulla difesa, che la
stessa ma comincia a scricchiolare. Il Milan viene da anni difficili,
ha iniziato a ricostruire, ha bisogno di tempo per darci soddisfa-

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

4&3*&#
"/5*$*10 1&4$"3"7*/$&&%26"350
/FMMBOUJDJQPEFMMBHJPSOBUB 1FTDBSB"WFMMJOP0HHJ BMMF

$SPUPOF5FSOBOB -BUJOB4BMFSOJUBOB /PWBSB4QF[JB 1FSVHJB#SFTDJB 
1SP7FSDFMMJ$PNP 5SBQBOJ.PEFOB 7JDFO[B$FTFOB 7JSUVT
&OUFMMB-BODJBOP%PNBOJ#BSJ-JWPSOP-VOFE$BHMJBSJ"TDPMJ

#"4,&5
&630-&("53*45&4"44"3* 4&450,0*/4&*1"35*5&
*UBMJBGBOBMJOPEJDPEBE&VSPQB%PQPJMLPEJ.JMBOP TDPOGJUUPHJPWFEEBJ
CBTDIJEFMMB-BCPSBM JFSJFOOFTJNBCBUUVUBEJBSSFTUPBODIFQFS4BTTBSJ JO
DBTBDPOUSPJUVSDIJEFM%BSVTTBGBLB*UBMJBOFVMUJNFFGVPSJEBJ
HJPDIJ1SPTTJNBTFUUJNBOBUVSOP.JMBOP&GFTF$TLB.PTDB4BTTBSJ



(BSDJBWVPMFMB3PNBWFSB
i#PMPHOBJODSFTDJUB BUUFOUJw
*MUFDOJDPTDPTTPEBMMBOPUUFEJ4U%FOJTi0SSPSF NBBOEJBNPBWBOUJw
4JHJPDBBMMF.BSTJHMJFTFFUSJDPMPSFGSBODFTFQSJNBEJUVUUFMFQBSUJUF
&/3*$04*45*
SCIRE di casa, vedersi con i
compagni e regalar loro
qualche sorriso sbilenco,
un paio di battute e di spintoni
da spogliatoio giusto per ricordarsi che la vita va avanti, poi in
pullman con le cuffiette in testa,
verso lo stadio, quindi tutti insieme, mezzi infreddoliti, a saggiare il terreno, che forse sar bagnato fradicio, e infine entrare
negli spogliatoi, cambiarsi, indossare quegli strani indumenti
che ti fanno sembrare uguale ad
altri dieci (a parte il numero sulle spalle e sulla coscia) e in fondo
sempre un po ragazzino, aspettare larbitro, imboccare il tunnel, iniziare a giocare con le note
della Marsigliese che stanno l
per farti sentire pi forte ma anche per non farti dimenticare di
quanto siamo deboli, tutti: Eppure non una mascherata, il calcio nel tempo del dolore universale della cieca follia degli assassini, tiene a precisare con umana
compostezza, ma anche con civile coraggio, Rudi Garcia. Se attaccano la nostra gioia e soprattutto le fonti del nostro piacere
abbiamo un solo modo per reagire: continuare ad essere noi stessi. Bologna-Roma, oggi pomeriggio al DallAra, inizio ore 18, sar
la prima partita del campionato
italiano del dopo 13 novembre.
Garcia era a St. Denis quando
Francia-Germania stava per esse-

re sconvolta da un kamikaze: Sono vicino alle vittime di Parigi,


ma credo che la battaglia contro
questi nuovi o vecchi criminali si
possa vincere. A St. Denis i sistemi di contrasto hanno funzionato e anche se sar un lavoro difficile io ho fiducia in chi deve garantire pi sicurezza a questo nostro mondo, che fatto anche di
leggerezza e di spettacolo, come
quello che produce chi gioca a calcio. Non possiamo certo estirpare lorrore dai nostri cuori, ma abbiamo il dovere di combattere la
paura calandoci nella realt del
nostro lavoro.
Lavoro significa, per la Roma,
trovarsi di fronte una squadra un
tempo alla deriva che il cambio
in panchina, che le semplici ricette del pacatissimo e saggio Donadoni, hanno riportato vicino alla
#0-0(/"
30."
.*3"/5&
3044&55*/*
("45"-%&--0
."*&55"
."4*/"
%0/4")
%*"8"3"
#3*&/;"
.06/*&3
%&4530
(*"$$)&3*/*

























4;$;&4/:
."*$0/
."/0-"4
3%*(&3
%*(/&
1+"/*$
,&*5"
/"*/((0-"/
'-03&/;*
%;&,0
*563#&

"3#*53030$$)*
03&4,:$"-$*0 13&.*6.41035

(0-*/(*"--030440
.BUUJB%FTUSP EVFTUBHJPOJF
NF[[BFSFUJJOHJBMMPSPTTP
6OHPMGJOPSBDPM#PMPHOB

riva, rilanciandone le ambizioni,


riforndendola di nuove qualit e
soprattutto mettendola in condizione di vincere due partite consecutive: Lerrore pi madornale sarebbe sottostimare un gruppo emotivamente in risalita.
Mentre Donadoni tributa alla Roma onori legittimi ( una delle
poche, vere favorite per lo scudetto, una delle squadre pi forti del
campionato, ma certo non per
questo non avr vita difficile),
Garcia ringrazia dotando il Bologna ritrovato di una speciale e
istintiva aggressivit (Destro,
Giaccherini, Mounier, Brienza
non sono da prendere alla leggera), frutto di unalchimia che
Donadoni ha saputo recuperare
spulciando gli appunti confusi di
Rossi. La Roma menomata. La
Lazio si portata via Salah e la sosta per le nazionali Gervinho:
Ma abbiamo dimostrato di saper costruire gioco anche senza
le nostre frecce. Per accorciarsi e ripartire potrebbe essere meno agevole, a meno che Iturbe, in
lizza per un posto da titolare (pi
a Bologna, meno a Barcellona in
Champions marted sera) non
torni lIturbe che la Roma acquist accettando una valutazione
principesca e che molto poco
principescamente, prima che un
pianto (almeno cos recita la
storia ufficiale) ne bloccasse il
passaggio, stava per essere sbolognato al Genoa. Per fallimento.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

FSBJMNJPEFTUJOPw
zioni.
Avrebbe giocato nella Juve?
Certo, potevo andarci. Allora
non dipendeva mica da noi: se lAlessandria avesse deciso diversamente, sarei finito alla Juve. Da
piccolo ero juventino. Naturale, a
casa mia a Valle San Bartolomeo
arrivavano i primi echi delle vittorie bianconere. Poi c stata lAlessandria: e Pedroni, lallenatore-giocatore, era un ex rossonero, ci teneva in modo speciale a
mandarmi l. Mi port a un provino a Linate quando non mi conosceva nessuno. Viani mi mise subito fra i titolari. La mia vita cambi quel giorno.
A 72 anni ha aperto un sito
web e un canale Youtube, e
scritto unautobiografia che si
compra solo on-line.

Ma in rete vado poco, confesso. Mio padre, che amava il calcio


ma ha fatto il contadino, il fabbro, il ferroviere, sin da quandero piccolo cominci a mettere da
parte fotografie e articoli di giornale su di me. Mia moglie Laura
ha pazientemente messo in ordine tutto questo materiale, io ho
scritto il testo. Nel titolo, Gianni
Rivera ieri e oggi, non ho avuto
grande fantasia. Nessun editore
lha pubblicato, sarebbe costato
troppo: un volume enorme, 528
pagine, ricche di aneddoti. In particolare su Nereo Rocco e le sue
battute. Ai giornalisti che gli chiedevano del modulo, disse: Domani ho una sorpresa: giochiamo con Cudicini in porta e gli altri dieci fuori.

%B"NCVSHPB/J[[BJMDBMDJPSJQBSUJUP USBGJMFFEFNP[JPOF

L calcio non ha paura. O forse s, ma gioca lo stesso e ricorda.

Lamore (del pallone) resiste, anzi si mette in fila: partita rimandata di un quarto dora ieri allImtech Arena di Amburgo per il match dellanticipo della Bundesliga col Borussia
Dortmund, i controlli di sicurezza raddoppiati hanno rallentato lingresso degli spettatori sugli spalti. Che lentamente si sono riempiti: anche di bambini. Tricolore con su una fascetta a
lutto, minuto di raccoglimento e applausi forti per non dimenticare i 130 morti della guerra di venerd scorso a Parigi. La
Germania ha cancellato cos anche la serataccia di marted ad
Hannover, quando lamichevole con lOlanda stata annullata allultimo momento per una minaccia concreta di attentati. Concreta vuole essere adesso la voglia di ripartire.
Marsigliese in tutta Europa questo fine settimana, dopo la
straziante overture in Gran Bretagna per lamichevole a Wem-

bley con la Francia, con linno dei parigini che suona da oggi
anche in Premier League (il Chelsea con tricolore al braccio).
Anche la Serie A italiana canta Allons enfants de la Patrie, tutto esaurito a Torino per Juventus-Milan ma anche in altri stadi
(Bologna, Firenze) sono attesi tutti gli spettatori.
La Francia stessa, piano, ricomincia. Ieri con lanticipo Nizza-Lione pochi tifosi ma vestiti di nero. Il Psg oggi a a Lorient
con la maglia a lutto e il logo della Tour Eiffel con su scritto Je
suis Paris. A Caen bandierine, a Montpellier sulle maglie il
messaggio siamo uniti. Unica eccezione, in Corsica: niente
Marsigliese prima del derby fra Bastia e Ajaccio di oggi, ma il
canto sacro per i defunti Diu Vi Salvi Regina. In Spagna c il
Clasico Real-Barcellona, triplicati i controlli al Bernabeu, Mar BS

sigliese e minuto di silenzio. Un calcio allangoscia. 


3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

3 41035

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

$BMDJP



3&"-#"3""--&
-BEJSFUUBEFM$MBTJDP
BMMFTV'PY4QPSUT

#FOJUF[TGJEBUVUUJ
.FTTJ 3POBMEP 1FSF[
FMPNCSBEJ;JEBOF

-&0 $3*45*"/0
-FP.FTTJJMHJPDBUPSFBEBWFS
TFHOBUPQJHPMOFMMBTUPSJB
EFM$MBTJDP$SJTUJBOP
3POBMEPBRVPUB DPO3BVM
FEJFUSP%J4UFGBOP 

0HHJJM$MBTJDPJMUFDOJDPEFM3FBMOPOQVQFSEFSF
PMUSFBMMFTUBSEFM#BSB IBUBOUJBWWFSTBSJBODIFJODBTB
"/%3&"4033&/5*/0
ON questo qui non vinceremo mai. E assolutamente escluso che
Cristiano Ronaldo abbia nel suo
bagaglio culturale la celebre invettiva di Nanni Moretti a piazza
Navona contro i dirigenti dellUlivo, ormai parecchi anni fa (era il
2002): il popolare CR7 allepoca
aveva 16 anni, portoghese,
un calciatore, non gliene frega
niente della politica in assoluto e
figurarsi di quella italiana. Quindi il suo consiglio-suggerimento
a Florentino Perez, che secondo
le malelingue risalirebbe a un paio di settimane orsono, conferma
semmai la teoria della ciclicit
della storia e soprattutto che Rafa Benitez, loggetto dellinvettiva, ha gi esaurito il suo credito
presso lo spogliatoio del Real. Per
questo, e anche per altri motivi,
Benitez il vaso di coccio del Clasico di Spagna, oggi al Bernabeu

j$

(18.15, diretta Fox Sports). Per


molti, una sconfitta contro il Barcellona potrebbe segnare gi la fine dellavventura di Rafa a Madrid. Anche se solo la dodicesima giornata, anche se il Real secondo nella Liga a -3 dal Bara,
anche se ha perso una sola partita (a Siviglia, prima della sosta),
anche se fino a quella sconfitta il
suo Real aveva la miglior difesa
dEuropa (solo 4 reti incassate,
ora sono 7) cui in Champions nessuno ha segnato in 4 partite. Eppure Rafa rischia, e per sostituirlo sarebbe pronto Zinedine Zidane, che da anni studia da futuro
allenatore dei Blancos.
Il presidente Florentino Perez
si sarebbe pentito della scelta di
ingaggiare Benitez perch tutte
le relazioni che ha avuto dalla
squadra in questi mesi convergono su un punto: Rafa non ha mai
avuto sintonia con lo spogliatoio,
che rigetta i suoi metodi, e nel
frattempo riuscito solo a siste-

%01*/(%010(-*6/%*$*$"4*%*104*5*7*5

3JP JQSJNJFTDMVTJ
TPOPJQFTJTUJCVMHBSJ
#BDIBQSFBMMB3VTTJB
odici ori, sedici argenti, otto bronzi. Il medagliere olimpico
della Bulgaria nel sollevamento pesi rester fermo a questi
numeri per un bel pezzo. A causa dei troppi casi di doping,
la Federazione internazionale ha annunciato lesclusione dellintera squadra di sollevamento dai Giochi di Rio. A marzo undici pesisti bulgari, otto uomini e tre donne, erano risultati positivi allo
stanozololo, un anabolizzante. Gi nel 2009 la Federazione di Sofia era stata sospesa per luso diffuso di sostanze proibite. Un anno prima la stessa Federazione
decise di ritirare la nazionale
dai Giochi di Pechino dopo altre undici positivit. Il valore
della defezione bulgara immenso alla luce dello sconfinato passato dei suoi pesisti. Ed
un segnale dei movimenti che
dopo lesplosione dello scandalo russo stanno avvenendo nelle stanze dei bottoni dello sport
in materia doping. Proprio ieri,
partecipando ad una riunione
dei comitati olimpici europei, a
Praga, il presidente del Cio Thomas Bach ha annunciato novi&9$".1*0/&&6301&0
t: Dobbiamo costituire delle
%FNJS%FNJSFW
unit che si occupino della gestione dei controlli e dei risulta.BJMNJOJTUSP.VULP
ti, interni alla Wada ma al contempo indipendenti e finanziaGBVOBHBGGFi4JBNP
sia dalle Federazioni che dai
TPTQFTJ $JQSFQBSFSFNP ti
governi. Per le sanzioni la palNFHMJPQFSJ(JPDIJw
la passerebbe direttamente al
Tas. Allinterno del tribunale
di Losanna verrebbe anche istituita una commissione dappello per gli eventuali ricorsi. Al termine di un colloquio con il presidente del comitato olimpico russo
Zhukov, Bach ha poi parlato di significativi passi in avanti gi fatti, cio volti nuovi, nuove inchieste e un profondo rinnovamento.
Sottotraccia si svolge anche laltra partita, quella della Federatletica russa, sospesa dalla Iaaf e a rischio Rio. Ieri Viktor Mutko, il
ministro dello sport, uno degli uomini al centro dello scandalo, ha
commentato cos, forse improvvidamente, la mancanza della
squadra russa ai Mondiali indoor di atletica, dal 17 al 20 marzo a
Portland, in Oregon: Saltandoli ci prepareremo meglio alle Olimpiadi, non una tragedia.

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

;JOFEJOF;JEBOF
mare il reparto difensivo senza
restituire al Real il gioco brillante che la fissazione dei tifosi madridisti. Quello della scarsa empatia di Benitez con i leader del
gruppo una vecchia storia, gi
emersa nellInter e nel Napoli, e
come ai tempi dellInter qui si aggiunge un altro grave problema:
finora sono 17 gli infortuni muscolari del Real, unenormit.
Con Cristiano Ronaldo, che adorava Ancelotti, Rafa entrato in
urto gi nel precampionato, con
Sergio Ramos (laltro leader del-

lo spogliatoio e un altro devoto a


Carletto) poco tempo dopo, e anche i rapporti con Kroos e James
Rodriguez sarebbero azzerati.
RadioMarca, vicina a Florentino,
ha riferito di una riunione tecnica, piuttosto tesa, dei leader col
tecnico: Contro il Bara cambiamo gioco, per favore, ma ieri Benitez ha smentito duramente:
E una falsit. Ho un gruppo di
professionisti motivatissimi. Giocheremo allattacco. Ma Cristiano nella sua peggiore stagione
al Real: solo 8 gol, ed rimasto a

secco in 7 gare su 11, mentre


lemblema del Real difensivo di
Rafa Casemiro, che con Ancelotti non vedeva mai il campo che
questanno ha tolto il posto a James Rodriguez, figurarsi. E oggi
arriva al Bernabeu un Bara lanciatissimo, che ritrova Messi dopo due mesi di assenza: ma senza
la Pulce, i catalani hanno rimontato 4 punti al Real, con Suarez e
Neymar incontenibili. Ecco perch in caso di sconfitta, o peggio,
di figuraccia, Florentino medita
la mossa di Zidane. Rischiosissi-

ma peraltro, visto che Zizou sarebbe un esordiente, ma Florentino pensa a lui come al nuovo
Guardiola e guai a contraddirlo.
Perez cos, fa e disfa, e nella sua
vita ha divorato tanti grandi allenatori: non uno tra Del Bosque,
Queiroz, Camacho, Luxemburgo, Pellegrini, Mourinho e Ancelotti ha concluso la sua avventura al Real alla scadenza del contratto. Florentino li ha esonerati
tutti, e tanto peggio per Benitez,
se sar il prossimo.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

3 41035



."45&34 %*3&55"57464,:41035
*M.BTUFSTUSBTNFTTPEB4LZ
EJSFUUFEBMMFEJPHHJ

(MJBMUSJTQPSU

/BEBMSJOBUP
DPNF-B[[BSP
NBPHHJSJUSPWB
JMNVSP%KPLPWJD

41035
*/#3&7&

4$)&-0550

7""--041035*/(
$-"640-"3&$03%

&[FRVJFM4DIFMPUUP FY
*OUFSF1BSNB VO
OVPWPHJPDBUPSF
EFMMP4QPSUJOH
-JTCPOB'JTTBUBVOB
DMBVTPMBSFTDJTTPSJBEJ
CFONJMJPOJEJ
FVSP

.BTUFST MPTQBHOPMPSFTUBJNCBUUVUP
PSBMBTFNJGJOBMFDPOJMOVNFSPTFSCP

36(#:

(*"//*$-&3*$*

LONDRA
ULTIMO dei primi ha battuto il

primo degli ultimi.


Per chi non fosse addentro
ai misteri del tennis, mi permetter di chiarire la frase pronunciata
da un collega che se ne intende.
Lultimo dei primi ora il gemello
meno esplosivo del Nadal che fu,
mentre il primo degli ultimi un
ammirevole maratoneta munito di
racchetta, a nome David Ferrer. Prima del match serale, dominato da
un Wawrinka ingiocabile, ho assistito al match pomeridiano circondato da colleghi spagnoli, mentre
gli altri attendevano lunico match
del giorno che avesse una qualche
influenza sulla classifica di questo
similtorneo di tennis: Murray contro Wawrinka, che avrebbe deciso
chi fosse il secondo del girone chia-

mato Nastase, dietro appunto a Nadal. Un match nel quale le previsioni dei giornalisti britannici, e le speranze degli appassionati locali, son
state presto sommerse da un Wawrinka stile Australian Open.
Ricordo, nonostante ci mi riesca faticoso per mancanza di adattamento culturale alla formula del
Master, che se Nadal fosse stato
battuto, altri scenari non si sarebbero profilati nel suo girone grazie
alle precedenti due vittorie contro
sia Wawrinka, sia Murray. Va dunque ringraziato, Rafa, per aver testardamente voluto un successo
che portasse i suoi precedenti a 24
a 6 contro il conterraneo valenziano. Un successo che valeva s qualche migliaio di dollari in pi , spiccioli per un campione, ma che non
avrebbe mutato gli scenari delle semifinali di domani: Nadal contro
Djokovic, Federer contro il suo con-

3JTVMUBUJ
"--&'&%&3&38"83*/,"
3JTVMUBUJEJJFSJ HSVQQP
*MJF/BTUBTF/BEBMC'FSSFS
 
 8BXSJOLB
C.VSSBZ 

0((*
*MQSPHSBNNBEJPHHJ
QSFWFEFMFTFNJGJOBMJ 
EJTJOHPMBSFFEPQQJP
"MMFPSF/BEBM%KPLPWJD
0SF'FEFSFS8BXSJOLB

nazionale Wawrinka. Il match di oggi mi parso dapprima accessibile


allabituale vittima di Rafa, che pareva, dun tratto, aver trovato le
vie della rete, e i colpi vincenti: caratteristiche, queste ultime, che
erano abituali a Nadal, soprattutto
nello schema di sua invenzione, il
diritto mancino dal centro destra
verso sinistra. Simile insolito Ferrer attaccante riusciva addirittura
in una pioggia iniziale di dodici punti a tre, qualcosa che faceva presagire un risultato sorprendente. Linattesa vicenda del regolarista trasformato continuava , per la sorpresa dei miei stessi vicini iberici, in
un tiebreak concluso con un nettissimo 7 a 2 per Ferrer. E per difficile combattere con armi che non siano le proprie e, via via che Nadal ritrovava un poco dellabituale regolarit, e soprattutto allungava di
un paio di metri le sue traiettorie,

ecco David ritornare il perdente di


sempre, contro i primi. Il secondo
set lavrebbe visto soccombere con
una agghiacciante serie di un solo
punticino a dodici in tre games, e il
finale del terzo non sarebbe certo
migliorato, con una nuova lacerazione di tre punti a dodici.
Da qui, a immaginare che il Nadal di oggi possa imporsi in questo
Master, ce ne corre. Rafa gioca pi
corto di sempre, e soprattutto non
possiede oggi lesplosivo diritto
che non finiva di stupirci e suscitare incredula ammirazione. Credo
abbia poche chances di qualificarsi
contro un Djokovic peraltro meno
imbattibile di quello ammirato nel
corso dellanno.
E, comunque, la sua, per chi non
la credeva possibile, una piccola rinascita, sebbene meno completa
di quella di Lazzaro.
3*130%6;*0/&3*4&37"5"

*/()*-5&33" *-$5
6/"6453"-*"/0

1FSMBQSJNBWPMUB
VOPTUSBOJFSP
BMMFOFSM*OHIJMUFSSB
EJSVHCZTJUSBUUBEJ
&EEJF+POFT FYDUEJ
"VTUSBMJBF
(JBQQPOF)B
GJSNBUPQFSBOOJ
1"55*/"((*0

$"11&--*/*
&-"/055&4&$0/%*

"OOB$BQQFMMJOJF
-VDB-BOPUUFTPOP
TFDPOEJB.PTDBBM
UFSNJOFEFMDPSUP
EFMMBRVJOUBUBQQBEFM
(SBOE1SJYBWBOUJJ
DBOBEFTJ
8FBWFS1PKF

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c



3 130(3"..*

la Repubblica 4"#"50  /07&.#3& 

"/50/*0%*10--*/"

 $"/"-(3"/%&

i5IF-BTU1BOUIFSTw VOBTUPSJBDIFJORVJFUB

%"/0/
1&3%&3&

-

-"53*-0(*"
%&--"
7*--&((*"563"
5POJ4FSWJMMPNFUUFJO
TDFOBUVUUFFUSFMFQBSUJ
EFMMB5SJMPHJB 4NBOJF 
"WWFOUVSF 3JUPSOP
EJ
(PMEPOJ4FSWJMMPSFHJTUB
FJOUFSQSFUF
3BJ

10.30
11.05
12.00
13.30
14.00
15.00
16.25
17.00
17.10
20.00
20.35
21.10
0.35
0.45
0.50
1.50
3.40

DIGITALE TERRESTRE

4.20
5.15

3*130%6;*0/&3*4&37"5"

CANALE 5

10.15 Il nostro amico Charly - Tf


11.00 Mezzogiorno in famiglia
- conducono Amadeus,
Alessia Ventura, Sergio
Friscia
13.00 Tg 2 Giorno
13.25 Dribbling
14.00 Il pi grande pasticcere 2
16.25 Squadra Speciale Stoccarda - Tf-Friederike Gndig,
Benjamin Strecker
17.10 Sereno Variabile
18.05 Viaggi da record
18.35 Rai Player
18.40 Tg 2 Flash L.I.S.
18.44 Meteo 2
18.45 90 Minuto Serie B
19.35 Squadra Speciale Cobra
11 - Tf
20.30 Tg 2 20.30
21.05 Castle - Tf
21.50 Blue Bloods - Tf
22.40 Tg 2
22.55 Sabato sprint
23.45 TG2 Dossier
1.30 Tg 2 Storie. I racconti della
settimana
1.45 Tg 2 S, Viaggiare
1.55 TG2 Eat Parade
2.10 Tg 2 Mizar
2.35 Tg 2 - Cinematine
2.40 Tg 2 Achab Libri
2.45 Meteo 2
2.50 Appuntamento al cinema
2.55 Hawaii Five-0 - Tf, con Jack
Lord, James MacArthur,
Kam Fong
3.00 Film: Parigi - di Cdric
Klapisch, con Juliette Binoche, Romain Duris, Fabrice
Luchini, Albert Dupontel
5.35 Videocomic
5.40 Lena - Tf

6.00 Fuori Orario. Cose (mai)


viste
7.05 Zorro - Tf
7.55 Film: Vivere in pace - di
Luigi Zampa
9.20 Film: Ragazze doggi - di
Luigi Zampa
11.00 TGR Bellitalia
11.30 TGR Expo Un Mondo di
regioni
12.00 Tg 3
12.25 TGR Il Settimanale
12.55 TGR Ambiente Italia
13.25 TGR Regioni e Regioni del
Giubileo
14.00 TG Regione
14.20 Tg 3
14.45 Tg 3 Pixel
14.50 TG3 L.I.S.
14.55 Tv Talk
16.30 Report
18.05 Rai Player
18.10 I misteri di Murdoch - Serie
Tv
18.55 Meteo 3
19.00 Tg 3
19.30 Tg Regione
20.00 Blob
20.10 Che fuori tempo che fa conducono Fabio Fazio,
Massimo Gramellini
21.45 Ulisse: il piacere della
scoperta
23.55 Tg 3
0.10 TG Regione
0.15 Un giorno in pretura
0.30 Meteo 3
1.25 Tg 3
1.35 TG3 Agenda del mondo
1.50 Tg3 Chi di scena
2.05 Appuntamento al cinema
2.10 Fuori Orario. Cose (mai)
viste

"5503&
5BIBS
3BIJNJO
VOBTDFOB
EFMMBTFSJF

ITALIA 1

6.00 Tg 5 Prima pagina. Allinterno: 7.55 Traffico; Meteo.it


8.00 Tg 5 Mattina
8.45 In forma con Starbene
10.30 Supercinema
11.00 Forum - conduce Barbara
Palombelli
13.00 Tg 5. Allinterno: Meteo.it
13.40 Beautiful - con Katherine
Kelly Lang, John Mccook,
Hunter Tylo, Winsor Harmon
14.10 Amici - conduce Maria De
Filippi
16.00 Il segreto - con Megan
Montaner, Alex Gadea,
Maria Bouzas
16.30 Verissimo - conduce Silvia
Toffanin
18.45 Avanti un altro! - conduce
Paolo Bonolis
19.55 Tg 5 Prima pagina
20.00 Tg 5. Allinterno: Meteo.it
20.40 Striscia la notizia - La voce
dellinvadenza
21.10 Tu si que vales - conducono
Belen Rodriguez, Francesco Sole
1.00 Tg 5 Notte. Allinterno:
Meteo.it
1.25 Striscia la notizia - La voce
dellinvadenza
1.45 Il sangue e la rosa - con
Gabriel Garko, Isabella
Orsini, Mirco Petrini
5.00 Mediashopping
5.15 Tg 5 Notte. Allinterno:
Meteo.it
5.45 Mediashopping

11.50
12.25
13.00
13.05
13.45
14.05

16.05

17.50
18.20
18.30
19.00

21.10

23.40

1.40
2.15
2.40
2.55
3.55
4.10
5.55

RETE 4

Live a casa tua


Studio Aperto
Meteo.it
Sport Mediaset
Grande fratello
Film: Librarian: alla
ricerca della lancia
perduta - di Peter Winther. Allinterno: 15.00
Tgcom; Meteo.it
Film: Moondance Alexander - di Michael
Damian. Allinterno: 17.00
Tgcom; Meteo.it
Red Bull Airlines 2015
Camera Caf
Studio Aperto. Allinterno:
Meteo.it
Film: La famiglia del
professore matto - di
Peter Segal. Allinterno:
19.55 Tgcom; Meteo.it
Film: Mamma, ho riperso laereo: mi sono
smarrito a New York
- di Chris Columbus.
Allinterno: 22.05 Tgcom;
Meteo.it
Film: Factor 8 - Pericolo
ad alta quota - di Rainer
Matsutani. Allinterno:
0.35 Tgcom; Meteo.it
X-Style Motori
Premium Sport
Studio Aperto - La giornata
Community - Tf, con Joel
Mchale, Gillian Jacobs,
Danny Pudi
Mediashopping
Community - Tf, con Joel
Mchale, Gillian Jacobs,
Danny Pudi
Mediashopping

6.50
7.10
8.00
8.35

10.45
11.30
12.00
13.00
14.00
15.30
15.55
16.50

18.55
19.35
21.30

23.35

2.30
4.05
4.20
5.35
5.40

LA SETTE

Tg 4 Night News
Mediashopping
Due per tre - Tf
Film: Straziami, ma di
baci saziami - di Dino Risi. Allinterno: 9.10 Tgcom;
Meteo.it
Ricette allitaliana
Tg 4 - Telegiornale. Allinterno: Meteo.it
Detective in corsia - Tf
La signora in giallo - Tf
Lo sportello di Forum
Ieri e oggi in Tv
Monk - Tf-Stanford
Film: Poirot non sbaglia - di Ross DevenishLane. Allinterno: 17.35
Tgcom; Meteo.it
Tg 4 - Telegiornale. Allinterno: Meteo.it
The Mentalist - Tf
Film: Infiltrato speciale - di Don Michael Paul,
con Steven Seagal, Ja
Rule, Morris Chestnut, Nia
Peeples. Allinterno: 22.10
Tgcom; Meteo.it
Film: Il mucchio selvaggio - di Sam Peckinpah, con William Holden,
Ernest Borgnine, Ben
Johnson, Jamie Sanchez.
Allinterno: 1.45 Tg 4 Night
News; Meteo.it
Domenica con Five
1981/82 - Best 2
Mediashopping
Magnum P.I. - Tf, con Tom
Selleck, John Hillerman
Help
Punto sette una vita 1987:
Mondaini & Vianello

6.00
6.10
6.30
7.30
7.50
7.55
9.45
11.30
12.00
12.45
13.30
14.00
14.20
15.30
17.55
20.00
20.35
21.10

0.45
0.55
1.30

3.10
4.25
5.25

Meteo - Traffico
Oroscopo
Omnibus News
Tg La7
Meteo
Omnibus dibattito - con
Alessandra Sardoni
Coffee Break - conduce
Andrea Pancani
Laria che tira - sabato conduce Myrta Merlino
Il Pollice verde sono io conduce Luca Sardella
Magazine Sette
Tg La7
Tg La7 Cronache
Tagad - conduce Tiziana
Panella
Jack Frost - Tf, con David
Jason, Bruce Alexander,
John Lyons
Lispettore Barnaby - Tf,
con John Nettles, Jane
Wymark, Barry Jackson
Tg La7
Otto e mezzo sabato - conduce Lilli Gruber
Josphine Ange Gardien
- Serie Tv, con Mimie
Mathy, Karin Swenson,
Guy Amram
Tg La7
Otto e mezzo sabato (r)
4 donne e un funerale - Tf,
con Adele Neuhauser, Brigitte Kren, Martina poel,
Gaby Dohm
Coffee Break (r)
Laria che tira - sabato (r)
Omnibus (r)

DEEJAY TV
14.05
15.45
16.35
17.30
18.25
20.20
21.15

23.05
0.35
1.15
1.55
2.35

Undercover Boss
Undercover Boss
Airport Security
Airport Security
Te lavevo detto
Il peggio show
Film: Double Team Gioco di squadra - di
Tsui Hark, con Jean-Claude Van Damme, Dennis
Rodman, Paul Freeman,
Mickey Rourke
La Grande Notte della Boxe
Nudi e crudi
Chi diavolo ho sposato?
Appuntamenti da incubo
Lisola di Adamo ed Eva 2

LA EFFE
16.05 Film: Pollock - di Ed Harris, con Ed Harris, Marcia
Gay Harden, Amy Madigan, Jennifer Connelly
18.25 RED - Il re dello Street Food
19.00 RED - Bourdain: Cucine
segrete
19.55 Nuovi esploratori - Regni
perduti
22.10 I guardiani di Israele
0.10 Film: Elles - di Malgorzata
Szumowska (as Malgoska
Szumowska), con Juliette
Binoche, Anas Demoustier, Joanna Kulig
2.00 Film: Lamante di Lady
Chatterley - di Just
Jaeckin, con Sylvia Kristel, Nicholas Clay, Shane
Briant, Ann Mitchell

RAI
QRAI 4
10.20
11.00
11.50
12.40
12.45
14.10
15.40
16.50
17.55
18.00
18.45
19.30
19.40
20.25
21.10
22.55
23.10
0.30
0.35
0.40
1.55
3.35
4.20
5.20

QPREMIUM

Heroes
Continuum
The Collector
Rai Player
Film: Sniper - di Luis Llosa.T. Walsh, Aden
Young, Ken Radley
Film: The Order - di Sheldon Lettich-Claude
Van Damme, Charlton Heston, Sofia Milos,
Brian Thompson
Delitti in paradiso
Delitti in paradiso
Rai News - Giorno
Missing
Missing
Rai Player
Marvel Agents of Shield
Marvel Agents of Shield
Film: Shaft - di John Singleton. Jackson,
Vanessa Williams, Christian Bale, Jeffrey
Wright
Once upon a time - Wonderland
Film: Shoot em up - Spara o muori! - di
Michael Davis
Anica appuntamento al cinema
Rai News - Notte
Film: Zombeavers - di Jordan Rubin
Film: Robocop 3 - di Fred Dekker, con
Robert Burke, Nancy Allen, Rip Torn, John
Castle, Jill Hennessy
Continuum
Delitti in paradiso
Delitti in paradiso

14.20
14.45
14.50
16.45
18.55
19.00
19.20
19.30
21.20
23.10
1.00
1.05
2.00
2.45
3.30

Cultfiction
Anica Appuntamento Al Cinema
Arrivata La Felicit
Il Pi Grande Pasticcere
Rai News - Giorno
Il Pi Grande Pasticcere
Rai Player
Sposami
Film: Il destino ha quattro zampe - di
Tiziana Aristarco
Amanti E Segreti
Rai News - Notte
Mister Premium
La Signora In Rosa
La Signora In Rosa
La Signora In Rosa

QMOVIE
13.50 Rai player
14.00 Film: Bel Ami - Storia di un seduttore di Declan Donnellan, Nick Ormerod
15.50 Film: In & Out - di Frank Oz
17.25 Rai news - Giorno
17.30 Rai player
17.40 Film: Sapore di mare - di Carlo Vanzina,
con Jerry Cal, Marina Suma, Christian De
Sica, Isabella Ferrari
19.25 Film: Questione di cuore - di Francesca
Archibugi, con Antonio Albanese, Paolo
Villaggio, Micaela Ramazzotti, Kim Rossi

MEDIASET PREMIUM

16.00
16.25
17.15
17.45
18.40
19.30
20.25
21.15
22.05
23.00
23.50
0.40
1.30

Inside Mercedes
Marchio di fabbrica
Marchio di fabbrica
Come fatto
Alieni: nuove rivelazioni
Alieni: incontri ravvicinati
Alieni: nuove rivelazioni
Origins: invenzioni nella
storia
A caccia di miti
Curiosity: il disastro
dellHindenburg
Codici e segreti
A caccia di miti
Scontro fra titani

16.00
18.35
18.40
19.10
19.40
20.35
20.45
21.15
22.50
23.35
23.40
0.35
0.40
2.25
2.30

Li Nipute De Lu Sinneco
Rai News - Giorno
Ubiq
Ubiq
Memo LAgenda Culturale
Rai Player
Ogni Quadro Racconta Una Storia
La Trilogia Della Villeggiatura
CE Musica E Musica
Ghiaccio Bollente Sommario
Ghiaccio Bollente Magazine
Intro Finestre Rotte
Francesco De Gregori
Rai News - Notte
Intro Eagles Story

GIALLO

8.37 Muzungu - di Massimo Martelli


Premium Cinema Emotion
12.00 Lo sperone nudo - di Anthony Mann
Studio Universal
12.32 The Time Machine - di Simon Wells
Premium Cinema
12.40 The Words - di Brian Klugman, Lee
Sternthal Premium Cinema Emotion
15.26 Big Fish - Le storie di una vita incredibile di Tim Burton Studio Universal
15.55 And Soon the Darkness - di Marcos Efron
Premium Cinema
16.07 Piovuto dal cielo - di Jeff Balsmeyer
Premium Cinema Emotion
19.11 Quel treno per Yuma - di James Mangold
Premium Cinema Energy
19.31 Un segreto tra di noi - di Dennis Lee
Premium Cinema Emotion
19.33 Studio Illegale - di Umberto Carteni
Premium Cinema
21.15 I Give It a Year - di Dan Mazer Premium
Cinema

QRAI 5

QCINEMA

FOCUS

Stuart
21.15 Film: Attacco a Leningrado - di Aleksandr
Buravskiy, con Mira Sorvino, Armin MuellerStahl, Olga Sutulova
23.10 Torino daily
23.25 Film: A viso aperto - di George Seaton, con
Rock Hudson, Dean Martin, Susan Clark
1.05 Rai news - Notte
1.10 Film: Darkness - di Jaume Balaguer, con
Lena Olin, Anna Paquin, Iain Glen, Giancarlo
Giannini
2.50 Film: Happy Days Motel - di Francesca
Staasch

21.15 Midnight in Paris - di Woody Allen


Premium Cinema Emotion
21.15 The Bourne Ultimatum - Il ritorno dello
sciacallo - di Paul Greengrass Premium
Cinema Energy
21.15 Scappo dalla citt - La vita, lamore e
le vacche - di Ron Underwood Studio
Universal
22.54 La leggenda di Bagger Vance - di Robert
Redford Premium Cinema Emotion
23.01 Come un uragano - di George C. Wolfe
Premium Cinema
23.10 Red - di Robert Schwentke Premium
Cinema Energy
23.15 Cube - Il cubo - di Vincenzo Natali Studio
Universal
0.49 Two Weeks Notice - Due settimane
per innamorarsi - di Marc Lawrence
Premium Cinema
1.03 Formula per un delitto - di Barbet
Schroeder Premium Cinema Energy
1.05 Kick-Ass - di Matthew Vaughn Studio
Universal

CIELO
15.00
15.05
16.15
17.30
18.15
19.15
20.15
21.10
23.45
0.45
1.30
2.30
3.45
4.30

Sky Tg24 Giorno


MasterChef Italia 4
Masterpasticciere di Francia
Cucine da incubo 2
Cucine da incubo
Affari in grande
Affari di famiglia
Io sono mia
Peep Show
Hypersex: malati di sesso
Show
La vera vita di Bettie Page
Sex Therapy
Most Dangerous - Pericolo
reale

9.45
10.35
11.30
12.20
13.10
14.05
14.45
15.35
16.40
17.35
18.25
19.20
20.10
21.05
22.00
22.50
23.40
0.30
1.25
2.20
3.15
4.10
5.05

TV2000
15.00 Salmi
15.05 La Coroncina Della Divina
Misericordia
15.20 Il Mondo Insieme
18.00 Rosario Da Lourdes
18.30 Tg 2000
19.00 Sport 2000
19.30 Sulla Strada
20.00 Rosario Da Lourdes
20.30 Soul
21.05 Miss Marple
23.30 Rosario Da Pompei
0.10 Sulla Strada
0.35 Sansone e Dalila

Matlock
Matlock
Torbidi delitti
Torbidi delitti
Fairly Legal
Fairly Legal
Law & Order - I due volti della giustizia
Law & Order - I due volti della giustizia
Law & Order - I due volti della giustizia
Bones
Bones
Law & Order - I due volti della giustizia
Law & Order - I due volti della giustizia
Womens Murder Club
Womens Murder Club
Law & Order - I due volti della giustizia
Law & Order - I due volti della giustizia
Torbidi delitti
Torbidi delitti
New Tricks
New Tricks
Matlock
Matlock

REAL TIME
11.25
13.20
14.20
15.15
16.15
17.15
18.10
19.10
20.10
21.10
22.10
23.05
0.05
1.05

Crimini del cuore


Il nostro piccolo grande amore
Il nostro piccolo grande amore
Il nostro piccolo grande amore
Il boss delle torte
Bake Off Italia: dolci in forno
Il boss delle cerimonie
Beauty Queen Murders: belle
da morire
Chi diavolo ho sposato?
Appuntamenti da incubo
Appuntamenti da incubo
Ucciderei per te
Ossessione criminale
Body Bizarre

SATELLITE

8.25

Cinematografo
Rai Player
Tg 1
Rai Parlamento
Tg 1. Allinterno: 8.20 Tg1
Dialogo
Unomattina in famiglia conducono Tiberio Tiberi,
Ingrid Muccitelli. Allinterno: 9.00 Tg 1; 9.30 Tg 1
L.I.S.
Buongiorno benessere .
Allinterno: Che tempo fa
Linea Verde Orizzonti
- conducono Chiara Giallonardo, Ivan Bacchi
La prova del cuoco. Sabato
in festa
Telegiornale
Linea Blu
Sabato in - conducono
Tiberio Timperi, Ingrid
Muccitelli
A Sua immagine . Allinterno: Che tempo fa
Tg 1
58mo Zecchino doro
- conducono Flavio Montrucchio e Cristel Carrisi
Telegiornale
La meraviglia di essere
simili
Ti lascio una canzone .
Allinterno: Tg 1 60 secondi
TG1 Notte
Che tempo fa
Cinematografo
Film: Un bacio appassionato - di Ken Loach
La casa del guardaboschi Tf
Da Da Da
RAInews24

su Sky Atlantic il venerd sera, in contemporanea con mezza Europa trucida vicenda intrecciata di sanguinose rapine
colossali e poi gangster e banchieri, segugi dellassicurazione che sembrano usciti da 007 e una luce spettrale da sfiorare
sempre il bianco e nero. Girata in tempo
di pace, diciamo, la visione oggi agita e inquieta: serve tranquillit per immergersi nelle immagini e decidere che il problema sono le grandi rapine e i Balcani.

RAI 3

RAI 2

RAI 1
6.00
6.55
7.00
7.05
8.00

APERTURA con la #MBDLTUBS di David Bowie (si spera definitiva per


queste nuove serie, che ormai citano tutte la sigla del primo 5SVF%FUFDUJ
WF). Poi si spara, si ruba, si uccide come
se piovesse. Si sfidano le ire degli animalisti usando i cani per trasportare diamanti (sorvoliamo sul come). E si va in una livida Europa, partendo da Marsiglia e
sfondando nei Balcani dove gli ultimi eredi di Arkan sono merce preziosa per il crimine di alto bordo. 5IF-BTU1BOUIFST -

SKY

[servizio a pagamento]

QCINEMA MATTINA
7.05 Come lacqua per il cioccolato - di
Alfonso Arau Sky Cinema Hits HD
7.50 Amore, cucina e curry - di Lasse
Hallstrm Sky Cinema 1 HD
9.10 Un respiro di sollievo - di Stephen Tolkin
Sky Cinema Passion HD
10.15 Grande, grosso e... Verdone - di Carlo
Verdone Sky Cinema Comedy HD
11.10 The Good Doctor - di Lance Daly Sky
Cinema Hits HD
12.35 Dio li crea... Io li ammazzo! - di Paolo
Bianchini Sky Cinema Classics
13.00 Monkey Kingdom - di Mark Linfield,
Alastair Fothergill Sky Cinema
Family
13.30 La spia - di Anton Corbijn Sky Cinema
1 HD

QCINEMA POMERIGGIO

QCINEMA SERA

QCINEMA NOTTE

14.25 Detective a 2 ruote - di Marcos Siega


Sky Cinema Family
14.50 Cera un cinese in coma - di Carlo
Verdone Sky Cinema Comedy HD
16.00 I tre caballeros - di Norman Ferguson
Sky Cinema Family
17.10 Un sogno una vittoria - di John Lee
Hancock Sky Cinema Family
18.55 Il quinto potere - di Bill Condon Sky
Cinema Hits HD
19.10 Crime Shades - di Kasi Lemmons Sky
Cinema Max HD
19.10 Il club delle prime mogli - di Hugh
Wilson Sky Cinema Passion HD
19.15 Shaggy Dog - Pap che abbaia... non
morde - di Brian Robbins Sky Cinema
Family

21.00 Il medico e lo stregone - di Mario


Monicelli Sky Cinema Classics
21.00 Il mio miglior nemico - di Carlo Verdone
Sky Cinema Comedy HD
21.00 Winx Club: Il mistero degli abissi - di
Iginio Straffi Sky Cinema Family
21.00 Killing Season - di Mark Steven Johnson
Sky Cinema Max HD
21.00 About Adam - di Gerard Stembridge
Sky Cinema Passion HD
21.10 Il Signore degli Anelli - Il ritorno del
Re - di Peter Jackson Sky Cinema 1 HD
21.10 Salt - di Phillip Noyce Sky C. Hits HD
22.40 Sesso e volentieri - di Dino Risi Sky
Cinema Max HD
22.45 Sierra Charriba - di Sam Peckinpah Sky
Cinema Classics

22.55 Colpi di fortuna - di N. Parenti Sky


Cinema Hits HD
0.25 Chill Factor - Pericolo imminente - di
Hugh Johnson Sky Cinema Max HD
0.50 Anello di sangue - di Gilbert Cates Sky
Cinema Classics
1.00 Birth - Io sono Sean - di Jonathan Glazer
Sky Cinema Passion HD
1.35 I segreti della lettera - di Simone van
Dusseldorp Sky Cinema Family
2.10 Headhunters - di Morten Tyldum Sky
Cinema Max HD
2.30 Anda muchacho, spara! - di Aldo Florio
Sky Cinema Classics
2.40 Philomena - di Stephen Frears Sky
Cinema Hits HD

13.30 Pattinaggio di figura: Rostelecom Cup:


Uomini Programma Libero ISU Grand
Prix Series Eurosport
14.50 Calcio: 14a giornata Diretta Gol Serie B
Sky Supercalcio HD
16.00 Salto con gli sci: HS 140 Prova a squadre
Coppa del Mondo M Eurosport
18.00 Automobilismo: dal Bahrain Mondiale
Endurance Eurosport
18.45 Calcio: Juventus - Milan 07/02/15 Serie
A 2014/15 Sky Sport 1 HD
18.45 Tennis: Sky Studio Sky Sport 2 HD
19.00 Tennis: Doppio. 2a semifinale ATP
Finals 2015 Sky Sport 2 HD

19.15 Pattinaggio di figura: Rostelecom Cup:


Coppie Programma Libero ISU Grand
Prix Series Eurosport
20.00 Pattinaggio di figura: Rostelecom Cup:
Donne Programma Libero ISU Grand
Prix Series Eurosport
20.00 Motocross: Notte dei Salti Freestyle
Motocross Eurosport 2
20.15 Golf: I Signori del Golf - Darren Clarke
Sky Sport 3 HD
20.35 Calcio: Juventus - Milan Serie A Sky
Sport 1 HD
20.35 Calcio: Juventus - Milan Serie A Sky
Supercalcio HD

20.45 Rugby: Bath Rugby - Leinster Rugby


European Champions Cup Sky Sport 3
HD
21.00 Salto con gli sci: HS 140 Prova a squadre
Coppa del Mondo M Eurosport
21.00 Pattinaggio di figura: Rostelecom Cup:
Donne Programma Libero ISU Grand
Prix Series Eurosport 2
21.00 Tennis: Singolare. 2a semifinale ATP
Finals 2015 Sky Sport 2 HD
22.00 Sollevamento pesi: 56 kg Uomini
Mondiale Eurosport
22.00 Salto con gli sci: HS 140 Prova a squadre
Coppa del Mondo M Eurosport 2
23.00 Tennis: Sky Studio Sky Sport 2 HD

15.10 Muoviti o muori National


Geographic
16.00 I Simpson Fox HD
16.20 Greys Anatomy Fox Life
16.25 I Simpson Fox HD
17.35 Autostrada per linferno. Missione
Europa National Geographic
18.40 La vita secondo Jim Fox HD
19.00 Disastri al quadrato National
Geographic
20.05 I Simpson Fox HD
20.10 Bones Fox Crime HD
20.30 I Simpson Fox HD
20.55 Gli indistruttibili National
Geographic
21.00 NCIS Fox Crime HD

21.00
21.25
21.55
21.55
21.55

QSPORT
7.30 Golf: I Signori del Golf - Darren Clarke
Sky Sport 2 HD
8.00 Tennis: Sky Studio Sky Sport 2 HD
9.00 Golf: PGA European Tour DP World Tour
Championship Sky Sport 3 HD
10.00 Basket: Alba Berlino - Ludwigsburg
Eurocup Eurosport 2
11.00 Basket: Gran Canaria - Le Mans Eurocup
Eurosport 2
12.00 Pattinaggio di figura: Rostelecom Cup:
Danza Programma Libero ISU Grand
Prix Series Eurosport
12.15 Tennis: Sky Studio Sky Sport 2 HD
12.15 Calcio: Pescara - Avellino Serie B Sky
Supercalcio HD

FOX
7.30 Law & Order: Unit Speciale Fox Crime
HD
9.10 Law & Order: Unit Speciale Fox Crime
HD
10.05 I Simpson Fox HD
10.30 I Simpson Fox HD
11.00 Megafabbriche - Coca-Cola National
Geographic
11.25 I Simpson Fox HD
11.50 Criminal Minds Fox Crime HD
11.50 2 Broke Girls Fox HD
12.55 Man v viral National Geographic
13.15 Mom Fox HD
13.35 Criminal Minds Fox Crime HD
13.35 Greys Anatomy Fox Life
13.45 Quantico Fox HD

22.25
22.50
22.55
23.45
23.50
23.55
0.40
0.45

2 Broke Girls Fox HD


2 Broke Girls Fox HD
NCIS Fox Crime HD
Mom Fox HD
Cervello: nuove frontiere della chirurgia
National Geographic
Mom Fox HD
Profiling Fox Crime HD
Castle Fox HD
Vite ai confini del mondo National
Geographic
Castle Fox HD
Graceland Fox Crime HD
Megafabbriche - AgustaWestland
National Geographic
The Walking Dead Fox HD

0.50 Graceland Fox Crime HD


1.40 Da Vincis Demons Fox HD
1.45 Megastrutture giganti National
Geographic
1.50 NCIS Fox Crime HD
2.35 NCIS Fox Crime HD
2.45 Castle Fox HD
2.45 I maghi del garage National
Geographic
2.50 Ghost Whisperer Fox Life
3.25 NCIS Fox Crime HD
3.35 Esperimenti esplosivi National
Geographic
3.40 Castle Fox HD
3.40 Ghost Whisperer Fox
Life

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c

AE0C3A2F1C44E67EB89794F0DFD2370C

Copia di ae0c3a2f1c44e67eb89794f0dfd2370c